...

Carriera in Francia e all`estero

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Carriera in Francia e all`estero
Lavoratori subordinati | agosto 2011 |
Carriera in Francia
e all’estero
I regolamenti
comunitari
Gli accordi di
sicurezza sociale
Gli iter
amministrativi
Carriera in Francia
e all’estero
I regolamenti comunitari coordinano i regimi di sicurezza sociale e prevedono, in
particolare, il cumulo dei periodi per l’acquisizione, il mantenimento e il calcolo dei
diritti pensionistici:
B nei 27 paesi dell’Unione Europea;
B nello Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda, Liechtenstein);
B e in Svizzera.
Inoltre la Francia ha sottoscritto, con 33 paesi, accordi internazionali di sicurezza
sociale che garantiscono il mantenimento dei diritti pensionistici.
Questa guida spiega i diritti del cittadino a seconda del suo statuto all’estero, il
calcolo della pensione in applicazione dei regolamenti comunitari o degli accordi
internazionali di sicurezza sociale nonché gli iter da seguire.
Per maggiori informazioni, contattarci al 39 60 o consultare il sito www.lassuranceretraite.fr.
2
Sommario
BBLa carriera assicurativa
del lavoratore dipendente / pagina 4
BBI regolamenti comunitari / pagina 7
BBGli accordi internazionali di sicurezza
sociale / pagina 14
BBAltre situazioni / pagina 16
BBGli iter amministrativi / pagina 17
BBMaggiori informazioni sulla pensione / pagina 19
BBAllegati / pagina 20
3
B La carriera assicurativa
del lavoratore
dipendente
Chi svolge un’attività subordinata all’estero può essere distaccato
o espatriato. A seconda della situazione, i diritti pensionistici nel
regime generale della Sécurité sociale francese sono differenti.
Al momento della prima assunzione in Francia o dell’adesione
all’assicurazione volontaria per la pensione, al lavoratore
subordinato è stato aperto un conto individuale. Tutte queste
informazioni sono disponibili nella forma di un “estratto conto
assicurativo” che ripercorre le tappe del percorso professionale
del lavoratore.
Distaccato o espatriato?
Il distacco
Distaccato all’estero per un periodo limitato dalla propria azienda: il datore di lavoro
continua a versare contributi al regime generale della Sécurité Sociale francese.
Ogni anno è alimentato l’estratto conto assicurativo e i trimestri vengono convalidati
a seconda dei contributi versati.
BUONO
a SAPERSI
La durata massima del distacco varia a seconda dei Paesi e degli accordi di sicurezza
sociale applicati.
L’espatrio
Il lavoratore espatriato non appartiene più al regime generale della Sécurité sociale
francese ma al regime pensionistico del Paese di residenza.
Può, a determinate condizioni, aderire all’assicurazione volontaria tramite “la Caisse
des Français de l’étranger” (CFE). Può anche, a determinate condizioni, riscattare
contributi.
4
La carriera assicurativa
del lavoratore dipendente
L’estratto conto assicurativo
Esso è l’elemento essenziale per calcolare la pensione del regime generale della
Sécurité Sociale francese dato che comporta, fra l’altro:
B le retribuzioni che costituiscono l’imponibile previdenziale annuo ai fini della
Sécurité Sociale francese, eventualmente con un tetto massimo;
B le retribuzioni determinate sulla base dei contributi riscattati, in caso di riscatto
contributivo prima del 1° gennaio 20111, o dei contributi versati all’assicurazione
vecchiaia in caso di contribuzione volontaria;
B i trimestri che risultano da tali retribuzioni;
BUONO
a SAPERSI
Il numero di trimestri convalidati non corrisponde al periodo lavorativo. Esso è
determinato in funzione dell’importo della retribuzione annua lorda che costituisce
l’imponibile previdenziale, entro il limite di quattro trimestri all’anno. Per esempio, per
il 2011: Euro 1.800 convalidano un trimestre, Euro 3.600 convalidano due
trimestri, ecc.
B i trimestri derivanti dal versamento per la pensione;
B i periodi convalidati da altri regimi pensionistici francesi di base (regime agricolo,
statali, artigiani, industriali e commercianti, liberi professionisti, SNCF, EDF, ecc.).
A questi trimestri possono aggiungersi alcuni periodi d’interruzione del lavoro in
Francia (servizio militare, disoccupazione, malattia, invalidità, ecc.) che permettono
di ottenere la convalida di trimestri assimilati.
Novità riforma
Attualmente, i periodi di disoccupazione non indennizzata possono dare luogo alla
convalida di periodi assimilati, a determinate condizioni e entro certi limiti per il primo
periodo di disoccupazione non indennizzata.
Un decreto dovrebbe permettere, ai giovani senza lavoro che incontrano difficoltà di
inserimento professionale, di beneficiare, a determinate condizioni, della convalida gratuita
di sei trimestri a titolo del primo periodo di disoccupazione non indennizzata.
I riscatti di contributi eseguiti per “affiliazione tardiva, per attività fuori della Francia, per i detenuti che hanno eseguito
un lavoro penale prima del 1° gennaio 1977, non sono più computati nel calcolo del SAM. Questo provvedimento
riguarda le domande di riscatto consegnate dal 1° gennaio 2011.
1
5
A determinate condizioni, si possono ottenere trimestri supplementari (per esempio
maggiorazioni della durata assicurativa sulla base dei figli, o, per chi ha superato
l’età di ottenzione del tasso pieno alla decorrenza della pensione), i quali vengono
acquisiti in sede di liquidazione della pensione; prima,quindi,non figurano sull’estratto conto assicurativo.
Perché chiedere l’estratto conto assicurativo?
È importante verificare che esso rispecchi realmente
la carriera lavorativa. Lo si può visualizzare e stampare
a qualsiasi età sul sito www.lassuranceretraite.fr. È un
servizio gratuito. Per riceverlo per posta, compilare il
modulo risposta che si trova alla fine di questa guida
e spedirlo: preferibilmente alla cassa pensionistica dell’ultima regione di versamento contributivo, se si ha lavorato
in Francia (cfr. p. 24-25) o alla CNAV se si ha versato
contributi solo all’assicurazione volontaria per la pensione
di vecchiaia.
Una volta ricevuto l’estratto conto assicurativo, se in esso
non figurano alcuni anni, occorre spedire a questo ente
pensionistico i documenti giustificativi grazie ai quali essi
saranno, eventualmente, convalidati.
BUONO
a SAPERSI
Dai 54 anni in poi, scrivendo a questo ente pensionistico è possibile ottenere una
stima della propria pensione nel regime generale. L’importo della propria pensione
può essere calcolato anche on line.
Parole chiave
•L’età di ottenzione del tasso pieno è l’età a partire dalla quale è calcolata al tasso pieno la pensione qualunque
sia la durata assicurativa.
• La liquidazione è il calcolo dei diritti alla pensione alla decorrenza scelta dall’assicurato. Essa è preliminare
all’erogazione della pensione.
ImportantE !
La richiesta di estratto conto assicurativo non ha valore di richiesta di pensione.
6
I regolamenti comunitari
B I regolamenti
comunitari
Per chi è stato iscritto nel regime generale della Sécurité sociale
francese (Sicurezza sociale) e in uno o più regimi di Stati membri
dell’area d’applicazione dei regolamenti comunitari1, la pensione è
calcolata in applicazione dei regolamenti comunitari1.
1
Il principio
Secondo i regolamenti comunitari viene effettuato un
doppio calcolo della pensione1, il quale consiste nel mettere a confronto:
B la pensione calcolata in funzione della sola legislazione francese, ciò è una “pensione nazionale”;
B e la quota a carico della Francia della “pensione
comunitaria” che include tutte le attività lavorative del
dipendente negli Stati membri dell’area d’applicazione
dei regolamenti comunitari 1 (principio del cumulo dei
periodi di lavoro subordinato, di lavoro autonomo, d’assicurazione, di residenza).
Viene erogato l’importo più elevato. Se i due importi sono identici, è quello della
“pensione comunitaria” che è erogato.
Il calcolo della “pensione nazionale”
Per ottenere una pensione nel regime generale della Sécurité sociale francese,
occorre aver compiuto almeno l’età legale di pensionamento.
La retribuzione media annua, il tasso e la durata assicurativa sono i tre elementi
del calcolo dell’importo annuo della “pensione nazionale”.
Parole chiave
•L’area d’applicazione dei regolamenti comunitari raggruppa i 27 paesi dell’Unione europea,
la Norvegia, l’Islanda, il Liechtenstein e la Svizzera.
•L’età legale di pensionamento è l’età minima a partire dalla quale un assicurato può ottenere la sua
pensione. La riforma delle pensioni modifica in modo progressivo questa età, cosi passa dai 60 ai 62 anni a seconda
dell‘anno di nascita (cfr. p. 20). Ma tuttavia i pensionamenti prima di questa età sono possibili, a determinate condizioni.
Chi è stato assoggettato alla legislazione di uno dei 27 Stati dell’Unione Europea, ed anche della Svizzera, dell’
Islanda, del Liechtenstein e/o della Norvegia, deve informarsi per conoscere le particolarità legate a tale situazione.
1
7
formulaLO
di CALCO
Retribuzione media annua x Tasso x
1
2
Durata assicurativa nel regime
pensionistico generale francese
Durata assicurativa massima
3
1
Retribuzione media annua (SAM: salario annuo medio)
È la media delle migliori retribuzioni annue della carriera lavorativa che compongono
l’imponibile previdenziale, rivalutate in base a coefficienti fissati ogni anno. Il numero
di anni civili computati nel SAM1 varia tra i 10 e i 25 anni a seconda dell’anno di
nascita. Sono esclusi dal computo del SAM: l’anno civile di pensionamento, gli anni
per i quali la retribuzione non è sufficiente a convalidare un trimestre, gli anni che
comportano un versamento per la pensione, gli anni per i quali è stato eseguito un
riscatto di contributi2, gli anni convalidati unicamente con periodi assimilati o con
periodi convalidati per presunzione.
BUONO
a SAPERSI
Per chi abbia versato contributi a vari regimi pensionistici francesi (regime generale
dei lavoratori subordinati, regime dei dipendenti agricoli, regime sociale degli
autonomi), il numero di anni civili ritenuti per il computo del SAM tiene conto della
durata assicurativa in ognuno dei regimi pensionistici.
Parole chiave
• Un periodo assimilato è un periodo di interruzione del lavoro (malattia, maternità, disoccupazione, infortunio
sul lavoro, servizio militare, ecc.), assimilato ad un periodo assicurativo per il calcolo della pensione.
• Un periodo convalidato per presunzione è un periodo convalidato (periodo lavorativo, di malattia o
disoccupazione), a determinate condizioni, in assenza di trascrizione dei contributi nel conto assicurativo individuale
o di indennizzo.
I salari percepiti dal 1° gennaio 2005, superiori al tetto massimo della Sécurité Sociale sono limitati a tale importo per
il calcolo della retribuzione media annua (SAM).
Domande di riscatti di contributi (riscatti per « affliazione tardiva », per attività fuori della Francia, per i detenuti che
hanno eseguito un lavoro penale prima del 1° gennaio 1977) consegnate dal 1° gennaio 2011.
1
2
8
I regolamenti comunitari
Novità riforma
Attualmente, le assicurate beneficiano di un periodo assimilato al titolo del loro parto ma
nessun somma è trasferita sul conto.
Le indennità diarie maternità saranno assimilate a salari e potranno essere computate nel
calcolo della retribuzione media annua. Questo dispositivo è applicato ai congedi maternità
che inizieranno a partire dal 1° gennaio 2012.
2
Tasso
Il tasso è la percentuale applicata al
SAM per il calcolo della pensione. Il
tasso pieno è del 50%.
Si può ottenere questo tasso:
B quando è maturato il numero di triAlcuni periodi possono essere
mestri richiesto a seconda dell’anno
equiparati a periodi assicurativi e
di nascita, tra i 160 e i 166 trimestri
inclusi nella durata assicurativa per
nell’insieme dei vari regimi pensionistici
il calcolo del tasso. Per esempio, i
francesi di base1 (cfr. p. 20);
periodi di attività subordinata svolta
B quando si è stati riconosciuti inabili
all’estero prima del 1° aprile 1983,
al lavoro o titolari di una pensione di
che possono o avrebbero potuto
invalidità, oppure, a determinate condiconsentire il riscatto di contributi,
zioni, se si è ex-combattenti o operaie
verranno equiparati.
madri di tre figli;
B se sono raggiunti i requisiti per l’assegnazione della pensione anticipata per gli
assicurati disabili;
B se sono raggiunti i requisiti per l’assegnazione di una pensione in seguito ad
attività lavorativa faticosa2;
B a partire dall’età del conseguimento del tasso pieno che passa progressivamente
dai 65 ai 67 anni (cfr. p. 20).
Se non sono raggiunti i requisiti indicati sopra, la pensione è calcolata con un tasso
minorato. Ma attenzione, se l’assicurato sceglie la sua pensione a tasso minorato,
questa scelta è definitiva.
BUONO
a SAPERSI
1
Dal 1° gennaio 2010, a determinate condizioni, possono essere computati i periodi di affiliazione ad un regime
pensionistico obbligatorio di un ente europeo o di una organizzazione internazionale alla quale appartiene la Francia.
2
Pensioni decorrenti al più presto dal 1° luglio 2011.
9
Il tasso pieno a 65 anni: è ancora possibile?
Si, alcune persone possono ancora ottenere il tasso pieno a 65 anni e ciò, anche se
non soddisfano la condizione di durata assicurativa richiesta. Si tratta:
B delle persone, nate tra il 1° luglio 1951 e il 31 dicembre 1955, che hanno avuto o
allevato almeno tre figli, hanno ridotto o cessato la loro attività per allevare uno di
questi figli durante un termine determinato e hanno convalidato un numero minimo di
trimestri prima di questa interruzione;
B degli assicurati che hanno interrotto la loro attività lavorativa a causa della loro
qualità di aiutante familiare;
B degli assicurati che hanno convalidato almeno un trimestre al titolo della
maggiorazione di durata assicurativa per figlio disabile;
B degli assicurati che hanno portato un aiuto concreto, durante almeno 30 mesi, al
loro figlio beneficiario della prestazione di compensazione del handicap;
B degli assicurati disabili.
3
Durata assicurativa
La durata assicurativa corrisponde all’insieme dei trimestri maturati da un assicurato
nel nostro regime pensionistico. Per il calcolo della pensione viene fissato, a seconda
dell’anno di nascita, un numero massimo di
Prendiamo in considerazione, al
trimestri, tra i 150 e i 166 trimestri (cfr. p. 21).
massimo, quattro trimestri per anno
Il lavoratore che abbia maturato la durata
civile.
assicurativa massima nel nostro regime pensionistico, ha diritto alla pensione intera; altrimenti essa è proporzionale al numero di trimestri.
A determinate condizioni, maggiorazioni di durata assicurativa possono essere concesse.
BUONO
a SAPERSI
Il calcolo della “pensione comunitaria”
Come per la “pensione nazionale”, vengono presi in considerazione tre elementi.
1
Retribuzione media annua (SAM)
La retribuzione media annua è determinata sulla base delle retribuzioni sulle
quali sono stati versati i contributi nel regime pensionistico generale francese
(cfr. p. 8). Il numero di anni computati per il calcolo del SAM è ridotto secondo la proporzione tra la durata assicurativa sotto il regime pensionistico generale francese
e la durata totale nei regimi francesi e nei regimi degli altri Stati dell’area d’applicazione dei regolamenti comunitari1, purché, nel calcolo della pensione, essi
includano: retribuzioni, redditi o contributi su di una durata assicurativa di almeno 15 anni.
Chi è stato assoggettato alla legislazione di uno dei 27 Stati dell’Unione Europea, ed anche della Svizzera, dell’Islanda,
del Liechtenstein e/o della Norvegia, deve informarsi per conoscere le particolarità legate a tale situazione.
1
10
I regolamenti comunitari
2
Tasso
La durata assicurativa per fissare il tasso è determinata cumulando i trimestri convalidati in Francia1 e i periodi comunicati dagli altri Stati dell’area d’applicazione dei
regolamenti comunitari2, i periodi di assicurazione volontaria e di riscatto contributivo (senza sovrapposizione ed entro il limite di 4 trimestri per ogni anno civile) e a
determinate condizioni i periodi equiparati.
3
Durata assicurativa
È la durata assicurativa totale convalidata in Francia1 ma anche l’insieme dei periodi
assicurativi e di residenza compiuti negli altri Stati dell’area d’applicazione dei regolamenti comunitari2, senza sovrapposizione ed entro il limite della durata massima
fissata a seconda dell’anno di nascita nel regime pensionistico generale francese
(cfr. p. 21).
Il calcolo si articola in due tappe (cfr. Esempio p. 22):
B 1a tappa: i periodi assicurativi e/o di residenza in tutti gli Stati dell’area d’applicazione dei regolamenti comunitari2 sono cumulati per calcolare una “pensione teorica”
cui si avrebbe avuto diritto se l’intera carriera si fosse svolta nel regime generale in
Francia.
BUONO
a SAPERSI
Sono esclusi i periodi convalidati dal regime dei parlamentari, il regime degli statali
del Senato, i periodi compiuti nei regimi delle istituzioni europee o delle organizzazioni
internazionali, i periodi compiuti nelle collettività di Oltre-Mare, in un regime straniero.
B 2a tappa: l’importo di questa “ pensione teorica” è diminuito in proporzione ai soli
periodi assicurativi nel regime pensionistico generale francese, riferiti alla durata
assicurativa totale (entro il limite della durata assicurativa massima in vigore nel
regime pensionistico generale francese). È la parte francese della “pensione comunitaria”.
Questa parte sarà confrontata all’importo della “pensione nazionale”. Verrà
erogato l’importo più elevato. Se i due importi sono identici, è l’importo della
“pensione comunitaria” che è assegnato.
Sono i trimestri convalidati dall’insieme dei regimi pensionistici francesi di base.
Chi è stato assoggettato alla legislazione di uno dei 27 Stati dell’Unione Europea, ed anche della Svizzera, dell’Islanda,
del Liechtenstein e/o della Norvegia, deve informarsi per conoscere le particolarità legate a tale situazione.
1
2
11
BUONO
a SAPERSI
Una maggiorazione corrispondente ai periodi di assicurazione volontaria che si
sovrappongono a periodi di assicurazione obbligatoria in un altro Stato è calcolata e
aggiunta all’importo della “pensione comunitaria”.
Le altre pensioni dell’area d’applicazione dei regolamenti
comunitari1 sono calcolate contemporaneamente alla pensione
francese?
Il calcolo delle pensioni presso i regimi degli Stati interessati verrà effettuato contemporaneamente, tranne nel caso in cui:
B venga richiesto il calcolo della pensione solo in uno di questi Stati;
B non siano maturati, contemporaneamente, i requisiti necessari per ottenere una
pensione negli altri Stati.
BUONO
a SAPERSI
Quando verrà richiesta la pensione e maturato il diritto alla pensione nell’altro Stato
(o negli altri Stati) l’ente francese esaminerà nuovamente i diritti esistenti, in relazione
alla singola situazione e alla normativa vigente a tale data. L’importo della pensione
erogata dalla Francia potrà risultare cambiato. Se i periodi maturati nell’altro Paese
(o negli altri Paesi) sono già stati computati, la “pensione comunitaria” non viene
ricalcolata.
Le condizioni d’applicazione dei regolamenti comunitari
Occorre essere stati soggetti alla legislazione di uno o più paesi dell’area d’applicazione dei regolamenti comunitari1 ma anche:
B essere cittadini di uno Stato dell’Unione Europea2 o dell’Islanda, del Liechtenstein
o della Norvegia;
o
B essere apolidi o rifugiati residenti in uno Stato dell’area di applicazione dei regolamenti comunitari1;
12
I regolamenti comunitari
o
B essere cittadini dell’Unione Europea2 o della Svizzera soggetti alla legislazione
svizzera e/o a quella di uno Stato dell’Unione Europea;
o
B essere cittadini di un Paese terzo residente legalmente in uno Stato dell’Unione
Europea (tranne il Danimarca e il Regno-Unito dal 1° gennaio 2011) e soggetti alla
legislazione di almeno due Stati membri dell’Unione Europea3.
BUONO
a SAPERSI
Dal 1° maggio 2010 sono in vigore nuovi regolamenti comunitari di coordinamento
delle normative di sicurezza sociale (regolamenti 883/2004 e 987/2009)4. Sono
applicabili ai cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea. Le pensioni attribuite
prima del 1° maggio 2010 possono essere oggetto di revisione se la richiesta di
revisione è fatta entro il 1° maggio 2012. Scaduto tale termine, la revisione avrà
decorrenza dal primo giorno del mese successivo alla consegna della richesta.
Novità
Dal 1° gennaio 2011, i nuovi regolamenti sono applicabili ai cittadini dei Paesi terzi residenti
legalmente in uno Stato dell’Unione Europea3 e soggetti alla legislazione di almeno due Stati
membri dell’Unione Europea3.
Chi è stato assoggettato alla legislazione di uno dei 27 Stati dell’Unione Europea, ed anche della Svizzera, dell’Islanda,
del Liechtenstein e/o della Norvegia, deve informarsi per conoscere le particolarità legate a tale situazione.
Germania, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Spagna, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Irlanda,
Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi-Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Regno
Unito, Slovacchia, Slovenia, e Svezia.
3
Tranne Danimarca e Regno Unito. I vecchi regolamenti rimangono applicabili al Regno Unito.
4
I vecchi regolamenti rimangono applicabili ai cittadini degli Stati dello Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda,
Liechtenstein) e della Svizzera.
1
2
13
B Gli accordi
internazionali
di sicurezza sociale
Chi sia stato assoggettato alla legislazione di uno (o di più) Paese
legato con un accordo di sicurezza sociale con la Francia, può
godere di una pensione attribuita in applicazione dell’accordo
firmato.
Il principio
Gli accordi internazionali di sicurezza sociale prevedono il coordinamento dei
regimi di sicurezza sociale tra la Francia e i Paesi firmatari e un calcolo differente a
seconda dell’accordo. Ogni paese eroga la quota di pensione che gli spetta, ovvero
che corrisponde ai periodi maturati esclusivamente sotto la sua legislazione.
Il calcolo della pensione in applicazione degli accordi o convenzioni di sicurezza
sociale è funzione del tipo di accordo previsto: accordo in calcolo con diritto di
opzione, accordo con priorità al calcolo separato o accordo con confronto tra
un calcolo con cumulo e ripartizione prorata e un calcolo separato.
Accordo n.1: diritto di opzione (cfr. Esempio p. 23)
Esso consente di scegliere tra:
B calcolo con cumulo e ripartizione prorata: gli enti pensionistici di ogni paese
cumulano (secondo le disposizioni dell’accordo) i periodi maturati in Francia e
nell’altro Stato e calcolano la pensione come se l’insieme della carriera lavorativa
si fosse svolto interamente soltanto nel loro paese; poi l’importo della pensione di
ogni Stato viene ridotto proporzionalmente alle durate
rispettive compiute in ogni paese, riferite alla durata
assicurativa totale (limitata, secondo gli accordi, alla
durata assicurativa massima vigente);
e
B calcolo separato delle pensioni: ogni paese calcola la pensione alla quale il lavoratore ha diritto in relazione alla sua carriera esclusivamente in quel paese.
Per determinare il tasso della pensione nel regime
pensionistico generale francese, si può ricorrere (a
seconda dell’accordo) ai periodi assicurativi compiuti
14
Gli accordi internazionali
di sicurezza sociale
nell’altro paese, se essi non si sovrappongono a periodi assicurativi maturati nei
regimi francesi di base, incluso il regime pensionistico generale.
Accordo n.2: calcolo separato delle pensioni
Esso prevede il calcolo separato delle pensioni (cfr. p. 14).
Accordo n.3: confronto tra calcolo in base a cumulo e ripartizione prorata e calcolo separato delle pensioni (cfr. Accordo n.1)
È attribuita direttamente la pensione più favorevole.
Le condizioni di applicazione degli accordi internazionali di
sicurezza sociale
Occorre esser stati assoggettati alla legislazione di uno o di più Paesi legati con un
accordo di sicurezza sociale ma anche:
B essere cittadini di un paese firmatario;
oppure
B essere apolidi o rifugiati se l’accordo lo prevede o se il Paese ha firmato la
convenzione di New-York e/o di Ginevra.
Tipi di accordo dei Paesi firmatari
33 paesi hanno stipulato un accordo internazionale di sicurezza sociale con la
Francia.
Accordo n.1
Bosnia Erzegovina
Croazia
Isole anglo-Normanne
Israele
Macedonia
Mali
Mauritania
Montenegro
Niger
San Marino
Serbia
Togo
Accordo n.2
Algeria
Benin
Camerun
Canada
Capo Verde
Congo
Costa d’Avorio
Stati Uniti
Monaco
Filippine
Senegal
Turchia
15
Accordo n.3
Andorra
Cile
Corea
Gabon
Giappone
India
Marocco
Quebec
Tunisia
B Altre situazioni
Iscrizione nel regime generale della Sécurité Sociale Francese,
in un regime di un altro Stato dell’area d’applicazione dei
regolamenti comunitari1 e in un altro Stato firmatario di un
accordo di sicurezza sociale
Si calcola:
B la pensione nell’ambito dei regolamenti comunitari1 (cfr. p. 10-13);
B la pensione nell’ambito dell’accordo internazionale di sicurezza sociale
(cfr. p. 14-15).
Dopo il confronto, viene erogato l’importo più elevato.
BUONO
a SAPERSI
Questa disposizione è soggetta a requisiti di nazionalità, informarsi presso la cassa
pensionistica della regione per sapere chi può usufruire di questo modo di calcolo.
Iscrizione nel regime generale della Sécurité Sociale Francese,
e in un regime di uno Stato non firmatario di un accordo di
sicurezza sociale
Il calcolo della pensione tiene conto soltanto della legislazione in Francia. Per
conoscere il calcolo nei dettagli, riferirsi alla rubrica pensione nazionale (cfr. p. 7-10).
Non c’è coordinamento tra il regime francese e il regime estero al quale l’assicurato
ha eventualmente appartenuto: la richiesta di pensione francese non comporta
l’esame dei diritti a pensionamento nell’altro Stato. Si consiglia di informarsi sui
propri diritti a pensionamento nell’altro Stato.
Chi è stato assoggettato alla legislazione di uno dei 27 Stati dell’Unione Europea, ed anche della Svizzera, dell’Islanda,
del Liechtenstein e/o della Norvegia, deve informarsi per conoscere le particolarità legate a tale situazione.
1
16
Gli iter amministrativi
B Gli iter amministrativi
La richiesta di pensione
Nessuna pensione è concessa automaticamente.
B Chi risiede in un Paese dell’area d’applicazione dei nuovi regolamenti comunitari
deve presentare la richiesta:
•o presso la cassa pensionistica del proprio paese di residenza,
•oppure presso la cassa pensionistica dove sono stati versati i contributi per
l’ultima volta.
L’Istituzione incaricata della trattazione della domanda in applicazione dei nuovi
regolamenti comunitari è chiamata “institution de contact” [istituzione di contatto].
B Chi risiede in un Paese dell’area di applicazione dei vecchi regolamenti comunitari, dovrà consegnare la sua domanda presso la cassa pensionistica del proprio
Paese di residenza.
BUONO
a SAPERSI
Per chi risiede in un Paese dell’area di applicazione dei regolamenti comunitari,
diverso dalla Francia,mandiamo una copia dei moduli di collegamento alla cassa
complementaria dei residenti fuori della Francia, dell’Agirc e dell’Arrco.
B Chi risiede in un Paese firmatario di un accordo di sicurezza sociale con la
Francia, deve presentare la propria richiesta presso la cassa pensionistica del suo
Paese di residenza.
B Chi risiede in un Paese che non ha sottoscritto accordi di sicurezza sociale con la
Francia, deve compilare lo stampato “Demande de retraite personnelle” e spedirlo
alla cassa francese dove sono stati versati i contributi per l’ultima volta.
B Chi torni definitivamente in Francia, deve compilare lo stampato “Demande de
retraite personnelle” e spedirlo alla cassa pensionistica del luogo di residenza.
Parole chiave
L’istituzione di contatto è incaricata di trattare le domande in applicazione dei nuovi regolamenti comunitari
(trasmissione delle domande corredate dei documenti giustificativi disponibili ad ogni ente), di favorire gli scambi.
17
Ci si può procurare lo stampato “Demande de retraite personnelle” sul sito
www.lassuranceretraite.fr, rubrica “Documentation, Formulaires à télécharger” scrivendo a questo ente pensionistico o recandosi di persona nelle nostre sedi. Si consiglia di presentare la domanda di pensione francese con parecchi mesi di anticipo.
Per ottenere le coordinate della cassa pensionistica di uno dei Paesi dell’area d’applicazione dei regolamenti comunitari o di un paese firmatario di un accordo internazionale di sicurezza sociale con la Francia, contattare questo ente.
BUONO
a SAPERSI
La cassa pensionistica che riceve la richiesta stabilisce il collegamento con gli istituti
pensionistici degli altri Stati.
A chi risiede all’estero, verrà richiesto - una volta l’anno, od ogni semestre, oppure
ogni trimestre, a seconda del Paese - un documento attestante l’esistenza in vita per
continuare ad erogare la pensione. In caso di mancata ricezione del documento
attestante l’esistenza in vita, l’erogazione della pensione viene sospesa.
Parole chiave
Il documento
commissariato).
attestante l’esistenza in vita deve essere compilato dalle autorità locali (comune,
18
Maggiori informazioni
sulla pensione
B Maggiori informazioni
sulla pensione
Consultare il nostro sito www.lassuranceretraite.fr o contattare
questo ente per ottenere delle risposte alle eventuali domande sulla
pensione.
Tramite il sito www.lassuranceretraite.fr si può accedere all’apposita rubrica “Vos
droits au cas par cas. Activités en France et à l’étranger” riservata agli assicurati
che hanno lavorato in Francia e all’estero.
Essa fornisce informazioni su: statuti del lavoratore dipendente all’estero, diritti e
iter amministrativi, estratto conto assicurativo, calcolo della pensione.
A disposizione del lavoratore c’è, inoltre, un insieme di servizi gratuiti on line, che
sono funzionali,facili di accesso, e personalizzati. Si può, per esempio:
B visualizzare l’estratto conto assicurativo e chiederne la regolarizzazione, se
necessario;
B calcolare l’età legale di pensionamento e la durata assicurativa per ottenere il tasso pieno e l’età del tasso pieno
per qualunque sia la durata assicurativa;
B simulare l’importo delle pensioni grazie a [email protected];
Il sito fornisce, inoltre, un elenco di utili
B quantificare un versamento per la
link e la possibilità di scaricare tutte
pensione;
le nostre guide informative sulla penB chiedere una stima dell’importo della
sione di base del regime generale della
pensione di base.
Sécurité sociale francese.
Si può anche telefonare alla cassa
pensionistica regionale del proprio regime generale d’appartenenza o recarsi
in una delle nostre sedi per incontrare un consigliere. Per conoscere il luogo e
gli orari dell’ufficio aperto al pubblico più vicino, consultare il nostro sito internet
www.lassuranceretraite.fr, rubrica “Votre caisse de retraite” o contattare la cassa
pensionistica della regione al 39 601.
Chi risiede all’estero può ugualmente scrivere alla cassa pensionistica regionale del
luogo dell’ultima attività svolta in Francia (cfr. p. 24-25).
BUONO
a SAPERSI
Costo chiamata locale da un posto fisso. Chi telefona dall’estero, da una box o da un cellulare componga il
00 33 9 71 10 39 60.
1
19
B Allegati
I Importante
-
Età legale, età del tasso pieno, durata assicurativa: tabella riassuntiva
I recenti annunci del governo dovrebbero condurre a modificare l’età legale di
partenza in pensione e l’età di ottenimentoDurata
del tasso
pieno per gli assicurati nati
assicurativa
dal 1952 fino alla generazione 1955 inclusa. per
Attualmente,
in attesa dei testi
ottenere unasiamo
Condizione
di durata
legislativi e regolamentari che ci permetteranno
di
aggiornare
questa
tabella.
pensione a tasso
Anno di nascita
Età legale di
pensionamento
pieno
assicurativa non
adempita,Il tasso
pieno è acquisito a
(in trimestri, nell’insieme
dei regimi pensionistici
di base)
Nel 1948 (e prima)
60 anni
160
65 anni
Nel 1949
60 anni
161
65 anni
Nel 1950
60 anni
162
65 anni
Tra il 1°gennaio
e il 30 giugno 1951
60 anni
163
65 anni
Tra il 1°luglio e il
31 dicembre 1951
60 anni e 4 mesi
163
65 anni e 4 mesi
Nel 1952
60 anni e 8 mesi
164
65 anni e 8 mesi
Nel 1953
61 anni
165
66 anni
Nel 1954
61 anni e 4 mesi
165
66 anni e 4 mesi
Nel 1955
61 anni e 8 mesi
166
66 anni e 8 mesi
62 anni
Fissata con
decreto prima
del 31 dicembre
dell’anno del 56°
compleanno
67 anni
A partire dal 1956
20
Allegati
Elementi cardine per il calcolo della pensione del regime generale
Anno
di nascita
Numero di anni
computati nel
calcolo della
retribuzione
annua media
(SAM)
Durata assicurativa per ottenere
la pensione a
tasso pieno
(in trimestri, nell’insieme dei regimi
pensionistici di base)
Minorazione
del tasso per
ogni trimestre
mancante
Durata assicurativa massima
computata nel
calcolo della
pensione nel
regime generale
-1,25
150
-1,1875
152
-1,125
154
(in punti)
Prima del
1944
tra 10 e 20
a seconda
dell’anno
di nascita
Nel 1944
21
Nel 1945
22
Nel 1946
23
-1,0625
156
Nel 1947
24
-1
158
-0,9375
160
160
Nel 1948
Nel 1949
161
-0,875
161
Nel 1950
162
-0,8125
162
Nel 1951
163
-0,750
163
Nel 1952
164
-0,6875
164
Nel 1953
25
165
165
Nel 1955
166
166
A partire
dal 1956
Fissata con
decreto prima
del 31 dicembre
dell’anno del
56° compleanno
Nel 1954
21
-0,625
Fissata con
decreto prima
del 31 dicembre
dell’anno del
56° compleanno
esempio
Calcolo di una pensione in applicazione dei regolamenti comunitari
Jérôme, nato nel giugno 1951, chiede la pensione per il 1° octobre 2011*.
Al 30 settembre 2011** ha maturato:
- 104 trimestri in Francia;
- 46 trimestri nei Paesi Bassi;
Jérôme non ha maturato i 163 trimestri richiesti*** per percepire la pensione al tasso
pieno di 50%, la sua pensione è quindi calcolata ad un tasso ridotto. Retribuzione
media annua (SAM): Euro 20.000 lordi.
All’età legale*
•Pensione nazionale
Tasso: 35,75% (mancano 19 trimestri in relazione all’età di ottenzione del tasso
pieno qualunque sia la durata assicurativa)
35,75104
x
= Euro 4.561,96 lordi all’anno
20.000 x
100163
•Pensione comunitaria
1a tappa: calcolo della “pensione theorica”
Tasso: 40,25% (104 + 46 = 150 trimestri. Mancano dunque 13 trimestri riguardo ai
163 richiesti*** per ottenere la pensione al tasso pieno di 50%, la sua pensione è
quindi calcolata ad un tasso ridotto)
40,25150
x
= Euro 7.407,97 lordi all’anno
20.000 x
100163
2a tappa: calcolo della parte a carico della Francia della pensione comunitaria
104
7.407,97 x
=Euro 5.136,19 lordi all’anno
150
La parte francese della pensione comunitaria è maggiore della pensione nazionale. L’ente pensionistico francese eroga a Jérôme la sua parte della pensione comunitaria. Quando Jérôme chiederà la pensione e che i suoi diritti saranno maturati nei
Paesi Bassi, la nuova pensione francese sarà calcolata in riferimento alla legislazione
vigente a tale data e tenuto conto dei nuovi elementi della carriera assicurativa nei
Paesi Bassi.
* Il regresso dell’età legale di pensionamento non concerne gli assicurati nati prima del 1° luglio 1951.
** La durata assicurativa è chiusa l’ultimo giorno del trimestre civile che precede la decorrenza della pensione.
***Numero di trimestri richiesti per gli assicurati nati nel 1951.
22
Allegati
esempio
Calcolo della pensione secondo l’Accordo n.1
Sophia, nata nell’agosto 1951, chiede la pensione per il 1° gennaio 2012*.
Al 31 dicembre 2011**, ha maturato:
- in Francia: 120 trimestri nel regime generale dei lavoratori dipendenti;
- in Israele: 50 trimestri;
ovvero una carriera assicurativa totale di: 170 trimestri.
Sophia perfeziona 170 trimestri, col cumulo di tutti i regimi pensionistici di base, la
sua pensione è dunque calcolata al tasso pieno di 50% (cfr. p. 21).
La sua retribuzione media annua (SAM) si ammonta a : Euro 22.000 lordi.
a) Calcolo della pensione francese al 1° gennaio 2012 con cumulo e ripartizione
prorata:
1a tappa: il cumulo
50163
x
= Euro 11.000 lordi all’anno
22.000 x
100163
2a tappa: la ripartizione prorata
120
= Euro 7.764,70 lordi all’anno
11.000 x
170
b) Calcolo separato al 1° gennaio 2012:
50120
22.000 x
x
= Euro 8.098,16 lordi all’anno
100163
La scelta di Sophia sarà eseguita a seconda del calcolo con cumulo e ripartizione
prorata delle due proprie pensioni (regime generale dei dipendenti e Israele) e del
calcolo separato delle due proprie pensioni (regime generale dipendenti e Israele).
Se Sophia sceglierà di andare in pensione, in applicazione dell’accordo firmato tra
Israele e la Francia (cumulo/ripartizione prorata) riceverà dal regime generale dei
dipendenti Euro 7.764,70 lordi all’anno. Se sceglierà il calcolo separato (computo
dei soli trimestri convalidati nel regime pensionistico generale francese), percepirà
dal regime generale dei dipendenti Euro 8.098,16 lordi all’anno. Riceverà, peraltro,
una pensione da Israele, calcolata a seconda dell’accordo e della legislazione israeliana. L’importo sarà erogato a seconda della scelta operata da Sophia.
* Il regresso dell’età legale di pensionamento concerne gli assicurati nati a partire dal 1° luglio 1951.
**La durata assicurativa è chiusa l’ultimo giorno del trimestre civile che precede la decorrenza della pensione.
23
Indirizzi utili
CRAV ALSACE-MOSELLE
36 rue du Doubs
67011 Strasbourg Cedex 1 - Francia
Carsat centrE
30 boulevard Jean Jaurès
45033 Orléans Cedex 1 - Francia
Moselle (57), Bas-Rhin (67), Haut-Rhin (68)
Cher (18), Eure-et-Loir (28), Indre (36), Indreet-Loire (37), Loiret (45), Loir-et-Cher (41)
Carsat Aquitaine
80 avenue de la Jallère
33053 Bordeaux Cedex - Francia
Carsat centre-ouest
37 avenue du Président René Coty
87048 Limoges Cedex - Francia
Dordogne (24), Gironde (33), Landes (40), Lotet-Garonne (47), Pyrénées-Atlantiques (64)
Charente (16), Charente- Maritime (17),
Corrèze (19), Creuse (23), Deux-Sèvres (79),
Vienne (86), Haute-Vienne (87)
Carsat Auvergne
Cité administrative - rue Pélissier
63036 Clermont-Ferrand Cedex 9
Francia
Cgss guadeloupe
Quartier de l’Hôtel de Ville
B.P. 486
97159 Pointe-à-Pitre Cedex - Francia
Allier (03), Cantal (15), Haute-Loire (43), Puyde-Dôme (63)
Carsat
bourgogne-franche-comté
38 rue de Cracovie - ZAE Capnord
21044 Dijon Cedex - Francia
Cgss guyane
Espace Turenne Radamonthe
Route de Raban - B.P. 7015
97307 Cayenne Cedex - Francia
Côte d’Or (21), Doubs (25), Jura (39),
Nièvre (58), Haute-Saône (70), Saône-etLoire (71), Yonne (89), Territoire de Belfort
(90)
Carsat Bretagne
236 rue Châteaugiron
35030 Rennes Cedex 9 - Francia
Cnav Île-de-france
Si vous résidez en Île-de-France
ou en Algérie, adressez-vous à :
Cnav - 75951 Paris Cedex 19 - Francia
Si vous résidez dans un autre pays,
adressez-vous à :
Cnav - 37078 Tours Cedex 2 - Francia
Côtes d’Armor (22), Finistère (29), Ille-etVilaine (35), Morbihan (56)
Paris (75), Seine-et-Marne (77)Yvelines (78),
Essonne (91), Hauts-de-Seine (92), Seine-SaintDenis (93), Val-de-Marne (94), Val-d’Oise (95)
24
Allegati
Carsat
Languedoc-roussillon
29 cours Gambetta - CS 49001
34068 Montpellier Cedex 2 - Francia
Carsat normandiE
Avenue du Grand Cours
76028 Rouen Cedex 1 - Francia
Aude (11), Gard (30), Hérault (34), Lozère (48),
Pyrénées-Orientales (66)
Cgss martinique
Place d’Armes
97210 Le Lamentin Cedex 2 - Francia
Calvados (14), Eure (27), Manche (50), Orne
(61), Seine-Maritime (76)
Carsat pays de la loire
2 place de Bretagne
44932 Nantes Cedex 9 - Francia
Loire-Atlantique (44), Maine-et-Loire (49),
Mayenne (53), Sarthe (72), Vendée (85)
Carsat midi-pyrénées
2 rue Georges Vivent
31065 Toulouse Cedex - Francia
Ariège (09), Aveyron (12), Haute-Garonne (31),
Gers (32), Lot (46), Hautes-Pyrénées (65), Tarn
(81), Tarn-et-Garonne (82)
Cgss réunion
4 boulevard Doret
97704 Saint-Denis Messag Cedex 9
Francia
Carsat Nord-est
81 à 85 rue de Metz
54073 Nancy Cedex - Francia
Carsat rhône-alpes
35 rue Maurice Flandin
69436 Lyon Cedex - Francia
Ardennes (08), Aube (10), Marne (51), HauteMarne (52), Meurthe-et- Moselle (54), Meuse
(55), Vosges (88)
Ain (01), Ardèche (07), Drôme (26), Isère (38),
Loire (42), Rhône (69), Savoie (73), HauteSavoie (74)
Carsat nord-picardie
11 allée Vauban
59662 Villeneuve-d’Ascq Cedex
Francia
Carsat sud-est
35 rue George
13386 Marseille Cedex 20 - Francia
Alpes de Haute-Provence (04), Hautes-Alpes
(05), Alpes-Maritimes (06), Bouches-du-Rhône
(13), Corse-du-Sud (2a), Haute-Corse (2b),
Var (83), Vaucluse (84)
Aisne (02), Nord (59), Oise (60), Pas-de-Calais
(62), Somme (80)
25
Régime social des indépendants
(RSI)
Gie agirc-Arrco service
des résidents hors de France
260-264 avenue du Président Wilson
93457 La Plaine-Saint-Denis Cedex
Francia
Tél. : + 33 (0)1 77 93 00 00
Internet : www.le-rsi.fr
16/18 rue Jules César
75592 Paris Cedex 12 - Francia
Tél. : + 33 (0)1 71 72 13 00
Fax : + 33 (0)1 71 72 16 12
Caisse des Français
de l’étranger (CFE)
Association générale
des institutions de retraites
des cadres (Agirc)
B.P. 100
77950 Rubelles Cedex - Francia
Tél. : + 33 (0)1 64 71 70 00
Fax : + 33 (0)1 60 68 95 74
Internet : www.cfe.fr
16/18 rue Jules César
75592 Paris Cedex 12 - Francia
Tél. : + 33 (0)1 71 72 12 00
Fax : + 33 (0)1 71 72 13 17
Internet : www.agirc.fr
Mutualité sociale agricole
(MSA)
Caisse de retraite pour
la France et l’extérieur (Cre)
et Institution de retraite
des cadres et assimilés
de France et de l’extérieur
(Ircafex)
Caisse centrale - Les Mercuriales
40 rue Jean Jaurès
93547 Bagnolet Cedex - Francia
Tél. : + 33 (0)1 41 63 77 77
Fax : + 33 (0)1 41 63 72 66
Internet : www.msa.fr
I dipendenti non quadri devono
rivolgersi alla Cre, e i quadri all’Ircafex.
4 rue du Colonel Driant
75040 Paris Cedex 01 - Francia
Tél. : + 33 (0)1 44 89 43 41
Internet : www.novalistaitbout.com
Association pour le régime
de retraite complémentaire
(Arrco)
Centre des liaisons européennes
et internationales de sécurité
sociale (Cleiss)
In Francia, i Cicas (centri di informazione,
consigli e accoglienze dei dipendenti)
sono al servizio degli assicurati.
Contattare il proprio comune per ottenere le coordinate del Cicas più vicino.
Internet : www.arrco.fr
11 rue de la Tour des Dames
75436 Paris Cedex 09 - Francia
Tél. : + 33 (0)1 45 26 33 41
Fax : + 33 (0)1 49 95 06 50
Internet : www.cleiss.fr
26
Richiesta di estratto conto assicurativo
Cognome di nascita: ...........................................................................................................
Nomi: ..................................................................................................................................
Sesso: ................................................................................................................................
Cognome acquisito: ............................................................................................................
é
Altro cognome usuale (facoltativo): ....................................................................................
Data di nascita
Luogo di nascita (per Parigi, Lione e Marsiglia, si precisi l’arrondissement): .....................
............................................................................................................................................
0
Dipartimento o Stato di nascita:..........................................................................................
Numero di immatricolazione alla Sécurité Sociale francese:
Indirizzo:..............................................................................................................................
e
é
............................................................................................................................................
CAP
Città: ...................................
Firma:
"
Data
27
Stato: ....................
per accedere a informazioni e servizi on line sulla propria
pensione e sulla propria pratica
Il numero unico dell’Assurance Retraite
39 60
dal lunedi al venerdi dalle
ore 8 alle ore 17. Costo di
una chiamata locale da
telefono fisso
Per telefonare dall’estero, da una box o da
un cellulare, comporre il 09 71 10 39 60
V. Ital. 11/2011 – Conception : Citizen Press – Réalisation : Cnav – Crédit photos : Thinkstock. Il presente documento non ha valore contrattuale.
www.lassuranceretraite.fr
Fly UP