...

SPADA 200 EC

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

SPADA 200 EC
SPADA 200 EC
Scheda di sicurezza
(Dir. CEE 2001/58/CE recepita con D. 07.09.2002)
1- Identificazione del prodotto e della società
1.1- Denominazione commerciale: SPADA 200 EC
1.2- Descrizione: emulsione concentrata
1.3- Utilizzo: prodotto agrofarmaco - insetticida
1.4 Fornitore:
Gowan Italia S.p.A.
Via Morgagni, 68
48018 Faenza (RA)
Tel.0546-629911 - Fax.0546-623943
e-mail: [email protected]
1.5 Tecnico competente della scheda dati di sicurezza: dott.ssa Ghetti Gloria e-mail: [email protected]
2- Identificazione dei pericoli
2.1- Classificazione di pericolosità: N (Pericoloso per l’ambiente)
2.2- Indicazioni di pericolosità specifiche per l’uomo: prodotto può essere nocivo per ingestione, inalazione e
assorbimento attraverso la pelle.
2.3- Indicazioni di pericolosità specifiche per l’ambiente: il prodotto è altamente tossico per gli organismi
acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi per l’ambiente acquatico.
2.4- Sistema di classificazione: la classificazione corrisponde alle attuali liste della CEE, è tuttavia integrata da
dati raccolti da bibliografia specifica e da dati forniti dall’impresa.
3- Composizione/informazioni sugli ingredienti
3.1- Descrizione: miscela dei seguenti principi attivi
N. CAS
N. CE
Denominazione
Nome chimico IUPAC
Formula Bruta
Classificazione
Frasi di
rischio
Percentuali
%
732-11-6
211-987-4
Phosmet (ISO)
puro
Ditiofosfato di O,Odimetile e
ftalimmidametile
C11H12NO4PS2
Xn
N
21/22
50-53
17,7
---
---
Mix di tensioattivi
anionici e non
ionici
---
Xi
36
---
Coformulanti q.b. a 100
4- Misure di pronto soccorso
4.1- Inalazione: allontanare la persona dalla zona inquinata tenendola a riposo in ambiente aerato. In caso di
difficoltà respiratorie consultare un medico.
4.2- Contatto cutaneo: togliere gli indumenti contaminati e lavare abbondantemente, la parte, con acqua e
sapone neutro. Se l’irritazione persiste chiamare un medico.
4.3- Contatto con gli occhi: lavare immediatamente e abbondantemente con acqua corrente per alcuni minuti,
tenendo le palpebre aperte (rimuovere eventuali lenti a contatto). Se i sintomi persistono consultare un
medico.
4.4- Ingestione: lavare completamente la bocca senza deglutire, non provocare il vomito. Se i sintomi persistono
consultare un medico.
Data di compilazione 01/05/2005
Aggiornamento 10/02/2009
Pag. 1/5
SPADA 200 EC
4.5- Informazioni per il medico:
Sintomi: colpisce il SNC e le terminazioni parasimpatiche, le sinapsi pregangliari, le placche
neuromuscolari. Sintomi muscarinici (di prima comparsa): nausea, vomito, crampi addominali, diarrea.
Broncospasmo, ipersecrezione bronchiale, edema polmonare. Visione offuscata, miosi. Salivazione e
sudorazione. Bradicardia (incostante). Sintomi nicotinici (di seconda comparsa): astenia e paralisi muscolari.
Tachicardia, ipertensione arteriosa, fibrillazione. Sintomi centrali: confusione, atassia, convulsioni, coma.
Cause di morte: generalmente insufficienza respiratoria. A distanza di 7-15 giorni dall’episodio acuto può
provocare un effetto neurotossico ritardato (paralisi flaccida, in seguito spastica, delle estremità).
Terapia: atropina ad alte dosi fino a comparsa dei primi segni di atropinizzazione. Somministrare subito la
pralidossima. Avvertenza: consultare un Centro Antiveleni
5- Misure antincendio
5.1- Mezzi d’estinzione idonei: Estintori a Polvere chimica A/B/C, anidride carbonica, schiuma.
Acqua nebulizzata.
5.2- Azioni da intraprendere: in caso di incendio si possono liberare fumi tossici: ossidi di azoto, monossido di
carbonio, anidride solforosa, ossidi di fosforo. Allontanare le persone non addette, raffreddare i contenitori
esposti al fuoco con getti d’acqua nebulizzata e proteggerli con sabbia o polvere chimica. Impedire che
l’acqua di spegnimento dell’incendio penetri nella rete fognaria.
5.3- Mezzi Protettivi specifici: proteggere lle vie respiratorie con maschera fonica a facciale completo con filtro
universale. In caso di incendi di grandi proporzioni usare un adatto autorespiratore a sovrapressione e
indumenti adeguati per lo spegnimento.
6- Misure in caso di fuoriuscita accidentale
6.1 Precauzioni individuali: indossare adeguato equipaggiamento protettivo
6.2- Misure di protezione ambientale: circoscrivere la zona. Bloccare rapidamente le fuoriuscite. Allontanare le
persone estranee. Non fumare. Evitare di respirare le polveri. I vapori invisibili e più pesanti dell’aria si
propagano radenti al suolo e possono entrare nelle fogne e negli scantinati.
6.3- Metodi di pulizia: mescolare la massa dispersa con bentonite o farina fossile o sabbia o altro materiale
inerte. Raccogliere il materiale, con attrezzatura idonea evitando che raggiunga gli scarichi fognari o penetri
nel terreno, chiudere il tutto in un recipiente a chiusura ermetica per la successiva eliminazione in un
impianto idoneo autorizzato. Nel caso d’infiltrazione nei corsi d’acqua o nelle fognature avvertire le Autorità
Competenti.
7- Manipolazione e stoccaggio
7.1- Manipolazione: evitare il contatto diretto o indiretto con il prodotto; non mangiare, bere o fumare durante il
lavoro. Evitare il contatto con la pelle e gli occhi, indossare indumenti protettivi e guanti adatti.
7.2- Stoccaggio: conservare il contenitore ermeticamente chiuso. Immagazzinare il prodotto in locali freschi,
ventilati, lontano da fonti di calore, dall’esposizione solare, dall’umidità.
7.3- Stoccaggio Misto: non conservare a contatto con alimenti, mangimi e acque potabili.
8- Controllo dell’esposizione/protezione individuale
8.1- Componenti con valori limite da tenere sotto controllo: il prodotto non contiene quantità rilevanti di
sostanze i cui valori limite devono essere tenuti sotto controllo negli ambienti di lavoro.
8.2- Dispositivi di protezione individuale:
durante la normale manipolazione del prodotto indossare sempre indumenti con le maniche lunghe e guanti
impermeabili alle aggressioni chimiche (EN 374);
protezione respiratoria: in casi normali non necessaria, in caso di superamento dei valori massimi di
concentrazione nell’ambiente di lavoro o in caso di polverizzazioni e/o sversamenti: maschera emifacciale a
filtro contro polveri, gas e vapori (tipo A2P2 EN 141); in caso di esposizione prolungata maschera a facciale
completo;
in caso di polverizzazioni e sversamenti indossare anche indumento esterno protettivo contro le aggressioni
chimiche, stivali impermeabili contro le aggressioni chimiche (EN 344), occhiali di protezione contro gli
schizzi (EN 166).
Controllare sempre l’integrità dei dispositivi di protezione prima di iniziare le attività lavorative.
8.3- Misure igieniche: lavarsi accuratamente le mani dopo avere maneggiato il prodotto e sempre prima di
mangiare, bere o fumare.
Data di compilazione 01/05/2005
Aggiornamento 10/02/2009
Pag. 2/5
SPADA 200 EC
8.4- Misure ambientali: i locali di immagazzinamento dei prodotti devono essere ben ventilati e provvisti di
ventilazione naturale e/o artificiale e nei pressi delle postazioni di lavoro devono essere disponibili docce,
lava occhi di emergenza e cassetta di pronto soccorso
9- Proprietà fisiche e chimiche
Stato fisico: emulsione concentrata
Colore: biancastro
Odore: uova marce
Massa molecolare (phosmet): 317,3
Densità relativa (phosmet): 1,03 g/cm3
Solubilità in acqua (phosmet), g/100 ml a 30° C: 0,003
Pressione di vapore (phosmet)Pa a 50° C: 0,13
Phosmet decompone sotto il punto di ebollizione > 100° C
Punto di fusione (phosmet): 72°C
pH (5%) a 20°C: 5
pH (1% in acqua distillata) a 20°C: 3-5
Contenuto solido: 17%
10- Stabilità e reattività
10.1-Decomposizione termica/condizioni da evitare: il prodotto non si decompone se usato conformemente alle
norme. La decomposizione termica genera composti tossici
10.2-Reazioni pericolose: si decompone al fuoco e/o nella combustione producendo gas molto tossici (ossidi di
zolfo, di azoto, di fosforo). Il riscaldamento del contenitore provoca aumento di pressione con rischio di
scoppio e conseguente esplosione.
10.3- Materiali da evitare: il prodotto reagisce violentemente con forti ossidanti, con acidi e basi forti. Il
prodotto si decompone se esposto al calore.
11- Informazioni tossicologiche
11.1-Tossicità acuta
Componenti
Tipo
Valore
Specie
Orale
LD 50: 230mg/Kg
Ratto
Phosmet
Cutanea
LD
50
>
5000
mg/Kg
Coniglio
“
Inalatoria
2,2 mg/l (4 h)
Coniglio
“
11.2- ADI (acceptable daily intake): 0,01 mg/Kg bw (uomo)
11.3- NOEL (no observable effect level): 40 mg/Kg (2 y) (cane); 40 mg/Kg (2 y) (ratto)
11.4- Irritazione cutanea: non irritante
11.5- Irritazione oculare: leggermente irritante
11.6- Sensibilizzazione: non sono noti effetti sensibilizzanti
12- Informazioni ecologiche
12.1-Ecotossicità
Principio attivo
Specie
Phosmet
Pesci: pesce persico
Trota
Daphnia
Api
Uccelli: anatra
“
“
“
Quaglia
Tipo
LC50 (96 ore)
“
EC50 (48 ore)
DL50
DL50 (5 d)
“
Valore
0,07 mg/l
0,23 mg/l
0,008 mg/l
1 µ/ape
> 5000 mg/Kg
507 mg/Kg
12.2-Stabilità nel suolo e nell’acqua (fosmet): rapidamente degradato nel suolo e nell’acqua
12.3-Bioaccumulo (fosmet): Kow log P 2,95 (ripartizione n-ottanolo/acqua)
12.4-Altre indicazioni: non immettere nelle falde freatiche e nei corsi d’acqua. Tossico per i pesci e per il
plancton. Molto tossico per gli organismi acquatici.
13- Considerazioni sullo smaltimento
13.1-Sicurezza/Manipolazione dei residui: il prodotto deve essere sottoposto a trattamento speciale in
osservanza alle disposizioni vigenti. (Riferimento al DPR 915/1982, D.L. 22/1997 e successive modifiche)
Data di compilazione 01/05/2005
Aggiornamento 10/02/2009
Pag. 3/5
SPADA 200 EC
13.2-Metodi di smaltimento residui: rispettando la normativa locale, deve essere sottoposto ad un trattamento
speciale.
13.3-Imballaggi non ripuliti: il contenitore completamente svuotato non deve essere disperso nell’ambiente, ma
avviato a discarica o termodistruzione in impianti autorizzati
14- Informazioni sul trasporto
14.1-Codice di restrizione in galleria (E)
14.2-Trasporto stradale/ferroviario ADR/RID
Classe ADR/RID: 9
Gruppo d’imballaggio: III
No. ONU: 3082
Numero di identificazione del pericolo: 90
Etichetta: 9
Descrizione della merce: materia pericolosa per l’ambiente liquida N.A.S. (phosmet)
LQ (quantità limitata): LQ 27
IMBALLAGGIO INTERNO/PESO MASSIMO DEL COLLO (imballaggi combinati): 6/30 lt.
IMBALLAGGI INTERNI (sistemati in vaschette con pellicola termoretraibile o estensibile): 6/20 lt.
14.3-Trasporto marittimo IMDG
Classe IMDG: 9
No. ONU: 3082
Gruppo d’imballaggio: III
No. EMS: F-A; S-F
Subsidiary risck: Marine Pollutant (••)
Proper shipping name IMDG: ENVIRONMENTALLY HAZARDOUS SUBSTANCE, LIQUID, N.O.S.
(phosmet)
14.4-Trasporto aereo ICAO – TI e IATA – DRG
Classe ICO/IATA: 9
No. ONU: 3082
Gruppo d’imballaggio: III
Proper shipping name ICAO: ENVIRONMENTALLY HAZARDOUS SUBSTANCE, LIQUID, N.O.S.
(phosmet)
Aereo Passeggeri: 914 – no limit
Aereo Cargo: 914 – no limit
Hazadr label: miscellaneous
15- Informazioni sulla regolamentazione
La classificazione e l’etichettatura sono state effettuate in conformità con le direttive UE 67/548/EEC compresi
emendamenti per l’uso designato
15.1-Registrazione: 11814 del 18.05.2005
15.2-Impiego/Azione: prodotto agrofarmaco - insetticida acaricida - emulsione concentrata
15.3-Sigla di pericolosità del prodotto: N (Pericoloso per l’ambiente)
15.4-Frasi di rischio (frasi R):
R 50/53 Altamente tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi per
l’ambiente acquatico
15.5-Consigli di prudenza (frasi S):
S 2 conservare fuori dalla portata dei bambini
S 13 conservare lontano da alimenti o mangimi e da bevande
S 24/25 evitare il contatto con gli occhi e con la pelle
S 45 in caso di incidente o di malessere consultare immediatamente il medico (se possibile, mostrargli
l’etichetta
S 57 usare contenitori adeguati per evitare l’inquinamento ambientale
Non contaminare l’acqua con il prodotto o il suo contenitore. (Non pulire il materiale dell’applicazione in
prossimità delle acque di superficie. Evitare la contaminazione attraverso i sistemi di scolo delle acque dalle
aziende agricole e dalle strade)
16- Altre informazioni
La presente scheda dati di sicurezza annulla e sostituisce tutte le precedenti
16.1-Riferimenti normativi
Direttiva 67/548/CEE e succ. agg. e mod. (Classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose)
Data di compilazione 01/05/2005
Aggiornamento 10/02/2009
Pag. 4/5
SPADA 200 EC
D. Lgs 52/97 e succ. agg. e mod.
Direttiva 2001/58/CE e succ. agg. e mod. (Schede informative in materia di sicurezza)
D.M. 7/9/2002 (Recepimento della Direttiva 2001/58/CE)
D. Lgs 22/97 e succ. agg. e mod. (Gestione dei rifiuti)
Direttiva 9/4/2002 relativa al nuovo elenco dei rifiuti
D. Lgs 152/99: tutela delle acque dall'inquinamento
D. Lgs 626/94 e succ. agg. e mod.: miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il
lavoro
D. Lgs 25/02: Protezione dei lavoratori contro i rischi da agenti chimici contro il lavoro
Direttiva della Commissione CE 2004/73/CE del 29 aprile 2004 - recante ventinovesimo adeguamento al
progresso tecnico della direttiva 67/548/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni
legislative, regolamentari ed amministrative relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura
delle sostanze pericolose. G.U.U.E. del 30/4/2004 n. L 152
Reach: regolamento CE del 18.12.2006 n. 1907/2006
16.2-Informazioni generali
L’utilizzatore è tenuto ad assicurarsi della idoneità e completezza delle informazioni qui contenute in
relazione all’utilizzo specifico.
L’utilizzatore è altresì tenuto a rispettare a pieno le norme di sicurezza descritte e a richiedere un adeguato
addestramento prima della manipolazione.
I dati e le informazioni si basano sulla letteratura disponibile e su nostre specifiche conoscenze alla data di
compilazione; queste sono riferite unicamente al prodotto indicato.
16.3-Centri Antiveleni in Italia:
Città
ANCONA
BOLOGNA
CATANIA
CESENA
CHIETI
FIRENZE
GENOVA
GENOVA
LA SPEZIA
LECCE
MESSINA
MILANO
NAPOLI
PADOVA
PAVIA
PORDENONE
REGGIO CALABRIA
ROMA
ROMA
TORINO
TRIESTE
Ospedale
ISTITUTO MEDICINA SPERIMENTALE
OSPEDALE MAGGIORE
OSPEDALE GARIBALDI CENTRO RIANIMAZIONE
OSPEDALE MAURIZIO BUFFALINI
OSPEDALE SANT.MA ANNUNZIATA
USL 10/UNIVERSITA'DEGLI STUDI
IST. SCIENTIFICO G.GASLINI
OSPEDALE SAN MARTINO
OSPEDALE CIVILE S. ANDREA
OSPEDALE VITO FAZZI
UNITA' DEGLI STUDI DI MESSINA
OSPEDALE NIGUARDA
OSPEDALI RIUNITI CARDARELLI
DIP. FARMACOLOGIA E ANESTESIOLOGIA
FOND. S. MAUGERI
OSPEDALE CIVILE
OSPEDALI RIUNITI
IST. DI ANESTESIOLOGIA E RIANIMAZIONE
POLICLINICO UMBERTO I°
UNIVERSITA' DI TORINO
OSPEDALE INFANTILE
Per ulteriori chiarimenti contattare:
Data di compilazione 01/05/2005
TEL
071/2204636
051/333333
095/7594120
0547/352612
0871/345362
055/4277238
010/3760603
010/352808
0187/533296
0832/665374
090/2212451
02/66101029
081/7472870
049/8275078
0382/24444
0434/399698
0965/811624
06/3054343
06/490663
011/6637637
040/3785373
Gowan Italia S.p.A.
Via Morgagni, 68
48018 Faenza (RA)
Tel.0546-629911 - Fax.0546-623943
[email protected]
Aggiornamento 10/02/2009
Pag. 5/5
Fly UP