...

La nave - generalità

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

La nave - generalità
La nave - generalità
• Definizione della nave e sue qualità nautiche
Le definizioni di "nave" sono molteplici, più genericamente si possono tutte riassumere nella
seguente: "La nave è un galleggiante parzialmente immerso nell'acqua, atto a muoversi con mezzi
propulsivi diversi, per trasportare merci e/o persone".
Tutte le navi devono possedere oltre alle qualità essenziali che ne assicurano la galleggiabilità e
sono intimamente connesse alle loro caratteristiche di progetto e di esecuzione, alcune qualità,
dette "nautiche" che ne garantiscono l'esercizio anche in condizioni particolarmente difficili. Queste
qualità prendono le denominazioni di:
• Galleggiabilità
Proprietà di galleggiare con carico completo ed in pieno assetto di navigazione;
• Navigabilità
Possibilità di spostarsi agevolmente ed in sicurezza sull'acqua tra i punti di approdo;
• Solidità
Resistenza delle strutture alle sollecitazioni degli organi di propulsione ed alle pressioni
del mare e del carico;
• Stabilità
Attitudine della nave a resistere alle forze che tendono ad inclinarla (moto ondoso,
carico) e la capacità di raddrizzarsi spontaneamente quando ne cessa la causa.
Per quanto attiene alla stabilità connessa alla manovrabilità, velocità e comportamento ai
movimenti di rollio e beccheggio, si può affermare che trattasi di elementi essenziali che risulteranno
più o meno soddisfacenti, in dipendenza del peso del carico imbarcato e della sua distribuzione a
bordo. Questi elementi possono variare con le posizioni del piano di galleggiamento e del centro di
gravità della nave e provocare situazioni pericolose.
La velocità di una nave è misurata in nodi (Knots) pari al numero di miglia marine (1852 metri)
all'ora e nelle caratteristiche di una nave di solito è riportata quella massima che può essere
raggiunta a pieno carico ed in zavorra.
1 Struttura della nave
Nella tabella sottostante (fig.1) sono riportate le caratteristiche della struttura della nave.
SCAFO
Lo scafo può essere
conside-rato
come
un
solido cassone con due
pareti
laterali
dette
"fianchi",
una
parte
inferiore detta "fondo", ed
una parte superiore detta
"ponte
princi-pale"
o
"ponte di coperta". Il
collegamento dei fianchi
con il fondo avviene a
mezzo
di
una
parte
arrotondata
detta
"ginocchio". La "ruota di
pro-ra" ed il "dritto di
poppa" so-no gli elementi
di unione dei due fianchi.
Prora
Masconi
Poppa
Giardinetti
Murate o fiancate
Sezione maestra
Piano di
galleggiamento
Bagnasciuga
Parte anteriore della nave
Parti di dritta e sinistra della prora
Parte estrema posteriore della nave comprensiva della parte
alta denominata "coronamento", quella sottostante in cui è
scritto il nome ed il compartimento marittimo della nave detta
"specchio di poppa", ed infine la zona situata sotto lo specchio
denominata "volta".
Parti tondeggianti a dritta e sinistra della poppa.
Paratie laterali di dritta e sinistra dello scafo.
Divide la nave trasversalmente in parte prodiera e poppiera ed
è definita da un piano passante per il punto di massima
larghezza della nave.
Suddivide lo scafo in "opera viva" (carena), costituita dalla
parte immersa, ed in "opera morta" (murata), che è la parte
che resta fuori dall'acqua.
Parte dello scafo che alternativamente si immerge ed emerge
a seconda delle condizioni di carico.
SOVRASTRUTTURE
Complete
Quando si intendono per tutta la lunghezza della nave.
Le
infrastrutture
sono
costru-zioni situate al di
sopra del ponte di coperta
Incomplete
Ponte principale o
ponte di coperta
Ponti sottocoperta
Bassa stiva
STRUTTURA
INTERNA
Internamente lo scafo è
frazionato a mezzo di
"para-tie", al fine di
realizzare
una
compartimentazione
stagna;
tali
paratie
possono essere trasversali
o longitudinali
Paratie verticali
stagne
Boccaporte o
boccaporti
Incomplete in lunghezza e complete nella sola larghezza:
"casseri"
Incomplete in lunghezza e larghezza: "tughe"
Il ponte di coperta continua da prora a poppa e chiude
superiormente lo scafo
I ponti sottocoperta costituiscono i "corridoi" e si distinguono
in 1°,2° corridoio ecc.
La bassa stiva è lo spazio compreso fra il corridoio più basso
ed il piano sovrastante i doppi fondi della nave detto
"pagliolo".
Le paratie verticali stagne contribuiscono alla robustezza dello
scafo, limitano gli allagamenti a seguito di collisione, incaglio
ecc. e delimitano le "stive". La prima paratia stagna di prora è
detta "paratia di collisione"; l'ultima a poppa è detta "paratia
del pressatrecce". Lo spazio compreso fra la prima paratia di
collisione e l'estrema prora è detto "gavone di prora",
generalmente adibito a deposito liquidi (acqua o zavorra)
I boccaporti sono le aperture praticate sui vari ponti
longitudinali e servono nel passaggio del carico nelle fasi di
imbarco/sbarco, nonché al passaggio del personale. Sono a
chiusura stagna per mezzo dei "portelloni" (a scorrimento,
ripiegamento, ribaltamento e a rullo).
2 Caratteristiche della nave (dimensioni)
Delle navi sono di particolare interesse le seguenti dimensioni:
• Lunghezza fuori tutto: distanza tra il punto più sporgente di prora a quello più sporgente
di poppa
• Lunghezza tra le perpendicolari: distanza fra la perpendicolare di prora e la
perpendicolare di poppa.
• Lunghezza di registro: distanza tra la fascia prodiera della ruota di prora e quella poppiera
del dritto, misurata sul galleggiamento di massimo carico.
• Larghezza massima: massima distanza orizzontale tra i due rami dell'ordinata maestra.
Può essere misurata fuori ossatura, o fuori fasciame.
• Larghezza massima al galleggiamento: lunghezza del segmento che rappresenta
l'intersezione della sezione maestra col galleggiamento di massimo
carico. Anche essa può essere misurata fuori ossatura o fuori
fasciame.
• Altezza di costruzione: distanza verticale tra la linea di costruzione e la linea retta del
bagio del ponte principale a metà della distanza tra le
perpendicolari.
I "Dati nave" sono la stazza, il dislocamento, la portata ed il pescaggio.
• Stazza lorda: volume interno della nave misurato in "tonn. di stazza" pari a metri cubi 2,832
per unità (questa misurazione viene effettuata secondo regole particolari che
variano leggermente fra stato e stato). Per le navi adibite a traffici internazionali
esistono la stazza del Canale di Suez, quella del Canale di Panama, quella del
Danubio, ecc.
• Stazza netta: volume interno della nave che si ottiene detraendo dalla stazza lorda
determinati spazi previsti dal regolamento di stazza, che corrispondono a spazi
che non danno nolo all'armatore, tipo: alloggi equipaggio e servizi, apparato
motore, cale e depositi di servizio (cambuse alimenti, ecc.).
• Dislocamento: il peso in tonnellate del volume di acqua spostato dalla parte immersa della
nave "armata" (completa di tutte le sue parti, senza provviste, senza merci e/o
passeggeri a bordo), moltiplicato la densità dell'acqua, nella quale la nave è
immersa.
• Dislocamento a pieno carico: il peso in tonnellate del volume d'acqua spostato dalla nave
immersa "armata" ed a pieno carico.
• Portata lorda: corrisponde alla differenza tra il dislocamento a nave scarica e quello a pieno
carico.
• Portata netta: è il massimo peso delle merci e/o passeggeri escluse le provviste di bordo di
qualsiasi genere;
• Pescaggio o immersione: è espresso in metri oppure in piedi e pollici (1 piede = cm 30,48;
1 pollice = cm 2, 54), ed è la distanza tra il punto più basso della chiglia e la
linea di massimo carico al momento del rilievo.
• Notizie e certificazioni sui vari tipi di navi
1 Classificazione
La classificazione delle navi è in continua variazione, dipendendo dalle innovazioni
tecnologiche, attualmente essa dipende da vari criteri riassunti nella tabella sottostante (figura 2).
Carico da trasportare o
funzione
Lift on - lift off (tradizionale)
Navi cisterna
Gassiere
Porta rinfuse secche
Frigorifere
Portacontenitori
Traghetti
Roll-on roll-off
Portachiatte
Multipurpose
Da guerra
Piroscafi
Apparato motore
Tipo di navigazione
Per la quale sono
autorizzate
Tipo di trasporto
Turbo navi
Motonavi
Navi nucleari
Navi minori
Navi maggiori
Navi libere o volandiere
(tramps)
Navi di linea (liners)
Utilizzano il vapore prodotto dalle caldaie
(ormai rare)
Utilizzano il vapore per far ruotare la turbina
Utilizzano motori a combu-stione interna
La fissione nucleare controllata è la propulsione
per l'asse portaelica
Per navigazione entro le 20 miglia marine dalle
coste dello stato
Per la navigazione in mare aperto
Per trasporti di carichi completi alla rinfusa o
con imballaggi omogenei
Adibite al trasporto di merci varie in colli od
unità di carico in servizio di linea regolare
NB: qualsiasi sia la classificazione, l'attività di tutte le navi è regolamentata da leggi, regolamenti, convenzioni
internazionali e circolari ministeriali.
2 Certificati
I principali certificati prescritti per le navi della Marina Mercantile (oltre a quelli riguardanti le
strutture fisse e mobili della nave e le sue condizioni ambientali) sono:
• Certificato di classe
• Certificato di stazza
• Certificato internazionale di bordo libero
• Marche del bordo libero
• Quadri per il calcolo del bordo libero
• Certificato di sicurezza
• Certificato di sicurezza per le dotazioni di armamento
• Certificato di sicurezza radiotelefonica
• Certificato di sicurezza radiotelegrafica
• Certificato di esenzione
• Certificato di idoneità al trasporto di carichi pericolosi
• Certificato di stazza per il transito del Canale di Panama
• Certificato di stazza per il transito del Canale di Suez
Complessivamente, a seconda del tipo di nave, la certificazione può raggiungere circa 40
documenti. In seguito verrà fatta una più dettagliata descrizione di alcuni di essi, riportandone in
allegato una copia conforme.
Fly UP