...

Strade nuove per praticare nuovi stili di vita

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Strade nuove per praticare nuovi stili di vita
moviduepuntozero app
Strade nuove
per praticare
nuovi stili
di vita
Spunti, idee, riflessioni dal mondo
del volontariato e della cittadinanza
1
Q
uali sono le strade nuove per vivere un volontariato di prossimità,
per imparare la cura dei beni comuni, per sperimentare l’impegno
per la democrazia, la scelta di nuovi stili di vita sostenibili, il sostegno
alle forme di economia solidale e di comunità?
I 5 quaderni del Movimento di Volontariato Italiano vogliono essere un’agile strumento di prima conoscenza e informazione su come sia possibile
oggi costruire un mondo più giusto e solidale, in cui le responsabilità
sociali e politiche di ogni cittadino non sono una delega in bianco, ma
veri e propri strumenti di cambiamento sociale.
Quaderno n. 4
Strade nuove
per praticare
nuovi stili di vita
a cura di Gianpaolo Bonfanti
moviduepuntozero app
Pubblicazione supplemento di:
moviduepuntozero
quando l’informazione diventa partecipazione
Rivista trimestrale – Anno II n. 5 – Ottobre 2014
Autorizzazione Tribunale di Salerno n. 15/2013 Registro Stampa
Direttore Responsabile: Maria Paola Tavazza
Proprietario ed editore: Mo.V.I. Movimento di Volontariato Italiano
Sede legale: Via del Casaletto, 400 – 00141 Roma
Sede operativa e redazione: Mo.V.I. Federazione Regionale Campania
Via V. Graziadei, 3 - Salerno - tel. 089 482439
Progetto grafico: Paolo Romano
2
NUOVI STILI DI VITA
Indice
Premessa
STRADE NUOVE: PERCHÉ
IMMAGINIAMO NUOVI PERCORSI
di Giovanni Serra
3
1. Prepariamoci al viaggio
SOSTENIBILITÀ E NUOVI STILI DI
VITA: QUALE CAMMINO DA FARE
INSIEME
5
di Gianpaolo Bonfanti
2. Una mappa per orientarci
2.1 NUOVO WELFARE E PARTECIPAZIONE CIVILE DEI CITTADINI
di Maurizio Ambrosini
2.2 UN NUOVO STILE DI VITA PER
PUNTARE CORRETTAMENTE ALLA
META
di Gianpaolo Bonfanti
9
3.1 SPREK.O
Prima manifestazione nazionale per
la lotta allo spreco
3.2 GRUPPO DI ACQUISTO
ECOLOGICO SOLIDALE - MONZA
L’esperienza pilota di un GAES
Aree di sosta
RES, Rete di Economia Solidale
3.3 BUON VICINATO E
SOCIAL STREET - BOLOGNA
La socialità recuperata grazie
ai ‘social’
3.7 LA BOTTEGA DEL TERZO SETTORE - ASCOLI PICENO
Un luogo per fare rete
38
39
Aree di sosta
Labsus, laboratorio per la
sussidiarietà
13
3. Luoghi da scoprire
INTRECCI DI STRADE DA PERCORRERE INSIEME
3.6 LE CITTÀ COME BENI COMUNI BOLOGNA
Un progetto di amministrazione condivisa
29
32
34
34
35
3.4 GEO MUNDIS - MILANO
Se ricicli ti premio!
36
3.5 NONSOLOPANE - VARESE
Condividere il bisogno, condividere il
senso della vita
37
39
3.8 NONNI SU INTERNET
Esperienze a confronto
40
3.9 BRICIOLE LUCENTI - BRESCIA
Conti “solidali”
42
3.10 RKm0
Ristrutturare? Sì, ma a chilometri
zero
42
3.11 BUSTO NEL CUORE BUSTO ARSIZIO
Spesa sospesa
PANE IN ATTESA - LECCE
Dare una mano a chi non osa
chiedere
3.12 TAVOLO DI SVILUPPO DI
COMUNITÀ - VARESE
Riflettere assieme per cambiare il
territorio
3.13 RI-MAFLOW - TREZZANO S.N.
Dalla perdita del lavoro nasce il recupero della fabbrica
43
43
44
45
1
Le rubriche presenti in questo quaderno:
Premessa
Illustra la strategia generale della
collana dei 5 quaderni.
Prepariamoci
al viaggio
E’ l’introduzione alla tematica e ci
spiega come utilizzare gli spunti,
le idee, le esperienze e i materiali
qui presentati.
Una mappa
per orientarci
L’apporto di un esperto ci orienta sugli
aspetti e risvolti sociali, economici e
politici della tematica.
Luoghi
da scoprire
Il racconto di esperienze praticabili
e riuscite per poter dire assieme “è
bello e possibile costruire una diversa
società”.
Aree di sosta
Raccolta ragionata di documenti e materiali operativi, utilizzati anche dalle
esperienze raccontate.
questo quaderno parla di ...
2
NUOVI STILI DI VITA
Premessa
STRADE NUOVE: PERCHÉ
IMMAGINIAMO NUOVI PERCORSI
di Giovanni Serra *
Siamo in un tempo preoccupante e bello.
La crisi fa paura, fa perdere posti di lavoro, riduce la ricchezza di molti, aumenta il divario fra
ricchi e poveri, genera incertezza sul futuro…
Eppure questa crisi porta dentro di sé anche una speranza. La speranza che si possa finalmente
cambiare vita e trovare un’altra strada per la felicità. Chi lo ha detto che prima della crisi eravamo tutti felici?
• Un mondo nel quale tutti devono correre e competere gli uni con gli altri è un mondo felice?
• Un mondo nel quale il 20% delle persone vive nell’abbondanza sfruttando l’80% delle risorse della Terra, mentre l’80% delle persone vive in povertà o quasi povertà è un mondo felice?
• Un mondo nel quale le grandi multinazionali, le grande banche d’affari e pochi politici governano il mondo imponendo scelte politiche e stili di vita è un mondo felice?
• Un mondo nel quale la pubblicità ci ha convinti tutti che “IO valgo” è un mondo felice?
• Un mondo nel quale ciascuno è spinto a comprare e consumare senza sosta e senza senso anche
quello che non serve è un mondo felice?
La crisi ha reso evidente a tutti che se il mondo è costruito sull’individualismo e sull’egoismo la
conseguenza è inevitabile: una grande insoddisfazione o una grande infelicità.
E allora dobbiamo cambiarlo questo mondo. E la crisi può essere la grande opportunità per provarci. Insieme.
Dobbiamo reimparare a non interessarci solo di noi stessi. Dobbiamo reimparare la solidarietà.
Che non è solo buonismo, è il senso di essere responsabili gli uni degli altri, perché senza la felicità dell’altro la mia felicità è impossibile.
Il mondo può essere migliore per tutti, se ciascuno si mette in gioco – gratuitamente – per gli
altri. O meglio, per se stesso e per gli altri, per la comunità nella quale vive e per il mondo intero
di cui è ospite.
Ma come si fa? Quali sono le strade nuove per imparare la solidarietà?
Nel Movimento di Volontariato Italiano ne abbiamo individuate 5. Il volontariato di prossimità, la
cura dei beni comuni, l’impegno per la democrazia, la scelta di nuovi stili di vita sostenibili, il
sostegno alle forme di economia solidale e di comunità. Questo quaderno presenta una di queste
strade, per aiutare chi vuole cominciare a camminare.
Non sono tutte quelle possibili, ma queste sono strade già battute e ci sono già persone che stanno camminando. Percorrendo queste strade nuove potremo imparare da chi ci precede e con chi
ci accompagna. Potremo imparare insieme cosa significa il bene comune.
Allora, proviamoci, mettiamoci in movimento. Non conta quanto ne sappiamo, conta la volontà
di dire basta ad un mondo vecchio e quella di cominciare una strada nuova. Mano a mano che la
nostra esperienza andrà avanti, la nostra sensibilità si svilupperà e saremo più capaci di trovare
modi efficaci per procedere e nuovi compagni di strada, che non sospettavamo neanche.
E quando saremo tutti in movimento, il mondo sarà già cambiato.
* vice Presidente Nazionale del Mo.V.I.
3
4
NUOVI STILI DI VITA
1. Prepariamoci
al viaggio
SOSTENIBILITÀ E NUOVI STILI DI VITA:
QUALE CAMMINO DA FARE INSIEME
di Gianpaolo Bonfanti *
In questo quaderno abbiamo pensato
di utilizzare la metafora dell’escursione: prepararsi a procedere con le
informazioni indispensabili su percorso e meta, assicurarsi che il terreno
sia sicuro, viaggiare con passo rapido
ma sostenibile, in buona compagnia,
in sicurezza e con il necessario equipaggiamento, con una guida esperta.
Nel nostro itinerario il traguardo è
difficile e il percorso articolato (anche accidentato), ma gratificante e
ambizioso, e deve portare a risultati
concreti. È fondamentale essere allenati, possedere le giuste attrezzature, conoscere bene il territorio e studiare il percorso, valutando i passaggi più ostici. Non bisogna trascurare
le difficoltà tecniche e psicologiche e
ovviamente è indispensabile essere in
squadra o, meglio ancora, in cordata:
da soli non si possono raggiungere gli
obiettivi che ci siamo prefissati per il
nostro percorso.
In questa ottica ricordiamo i primi passi di questo cammino, dal punto di partenza, in modo da
comprendere con più consapevolezza quale direzione vogliamo prendere, con quali obiettivi,
insieme a chi vogliamo/possiamo procedere e con il supporto di quali esperienze.
Il progetto “Strade nuove per…” nasce da un’iniziativa lanciata dal MoVI nel dicembre del 2011,
che ha preso forma durante un laboratorio al quale hanno partecipato giovani e adulti inquieti,
indignati o scandalizzati che hanno in comune la condivisione di una passione: il bene comune.
Nel corso dei lavori, che hanno avuto luogo tra l’1 ed il 3 giugno 2012 a Roma, sono stati delineati
* Responsabile Nazionale Area Comunicazione del Mo.V.I.
5
alcuni itinerari di impegno che, anche rifacendosi in molti casi ad esperienze già in campo e in
alcuni casi anche consolidate, si presentavano come strade nuove per il loro potenziale di crescita, diffusione ed innovazione.
Questi itinerari hanno soprattutto la finalità di influenzare i comportamenti fino alla elaborazione
di un modo nuovo di intendere la vita in società, contribuendo costruttivamente ad un cambiamento “contagioso”, che si autoalimenti.
In questo itinerario – che pur si intreccia, come vedremo, con gli altri per vari aspetti – si procede
alla ricerca della sostenibilità e alla trasformazione degli stili di vita, per esprimere solidarietà
tra persone, luoghi e generazioni, base fondamentale per la costruzione di una società equa e
sostenibile.
Questo partendo però da uno sguardo più ampio del panorama in cui ci troviamo, a una mappa più
grande rispetto alla nostra “locale” per meglio conoscere l’orizzonte. Perché l’impoverimento
dell’Italia è la crisi di tutto l’Occidente e più in generale dell’aumento delle diseguaglianze generalizzato, i nostri disastri ecologici sono parte di una cattiva “amministrazione del pianeta” da
parte dell’uomo, che la violenza e le guerre esprimono l’involuzione etica mondiale. Come, per
contro, espressioni di solidarietà, di attenzione alla terra e forme di convivenza civile, pacifica e
costruttiva pure esistono ovunque, sia pure a macchia di leopardo.
Da queste si possono prendere le mosse per individuare azioni concrete da compiere con responsabilità, coraggio e fantasia qui e subito. Anche perché, solo alzando lo sguardo al di là della
cronaca (che per i noti motivi sembra sempre più concentrata sul negativo) iniziative positive e
incoraggianti ce ne sono molte anche qui vicino: basta uscire dalla porta.
Quindi, come possiamo agire noi cittadine e noi cittadini? Per ridurre le disuguaglianze, per
esempio, dobbiamo concepire le tasse non più come una punizione ma come il mezzo per assicurare e incrementare i beni comuni a beneficio soprattutto delle fasce più deboli. Oltre che per
consegnarli non impoveriti alle generazioni successive. Di questo, in tempi di crisi, c’è ancora più
bisogno, anche per migliorare i servizi e contrastare la povertà, ponendo la massima attenzione
ad evitare sprechi e privilegi. E questo senza rinunciare a far sentire la nostra voce anche a livello
internazionale per sostenere politiche di ridistribuzione mondiale della ricchezza: la rifondazione
degli Organismi internazionali, l’impegno dei governi per gli “Obiettivi del millennio” e la lotta
alla fame, la “vera” Tobin tax sulle transazioni finanziarie e altri strumenti di controllo degli
eccessi del liberalismo.
6
NUOVI STILI DI VITA
In altre parole per essere coerenti e solidali dobbiamo un po’ tutti cambiare stili di vita, cominciando dai nostri ambiti, adottando alcune misure e degli accorgimenti nella nostra vita quotidiana: scegliere la sobrietà nei consumi, ridurre il nostro impatto ecologico, usare meno l’automobile e più i mezzi pubblici, risparmiare acqua ed energia, scegliere le banche che assicurano
l’impiego etico del nostro denaro, acquistare i prodotti del commercio equo e solidale, aderire
ai gruppi di acquisto solidale. Questo e altro, mobilitando le riserve di gratuità che non mancano
nella nostra società (anche se spesso disorganizzate), ma anche sollecitando le responsabilità
pubbliche e private in modo da unire le forze per un vero progresso, che non sia solo quello misurato con indicatori puramente economici, come ormai nelle consuetudini della comunicazione
e della politica.
Ma come scegliere l’itinerario?
In questo quaderno approfondiamo il tema dei beni comuni, della sostenibilità e degli stili di vita
attraverso un “pensiero guida” proposto da uno studioso che da anni segue anche sul campo la
evoluzione della nostra società integrato, nel seguito, da altre riflessioni che aiutano nella presa
di coscienza del problema e delle soluzioni emergenti. L’itinerario prosegue poi su due linee
parallele:
a. una riflessione sui cambiamenti che si propongono per condividere un nuovo “stile di vita”:
infatti se vogliamo veramente perseguire equità e solidarietà dobbiamo cominciare a lavorare su
di noi e cambiare verso un nuovo modo non solo di fare ma anche di “essere” nella società in cui
viviamo;
b. il racconto di esperienze concrete che possano servire come riferimento e dimostrazione di
percorribilità. In altri termini individuare strade che si possono intraprendere perché qualcuno lo
ha già fatto, con successo e quindi costituiscono esempi che possono essere disseminati e generalizzati, ma anche una base per ulteriori innovazioni.
Prepariamoci al viaggio
7
Certamente l’obiettivo è ambizioso, ma se non ci attiviamo per promuovere un fermento che incida sulla cultura allo scopo di connettere giustizia sociale e responsabilità ambientale1, a partire
dagli stili di vita delle persone, delle famiglie e delle piccole comunità, rischiamo di avvitarci su
processi di lamentazione e protesta che ben difficilmente influiranno sulla qualità della vita. E
non avremo neanche sufficiente credibilità e capacità propositiva per sollecitare da un lato chi
ha la responsabilità primaria di pensare ai beni comuni - cioè le Istituzioni - a fare la loro parte,
e dall’altro, le forze dell’economia a rivedere sostanzialmente il loro approccio nella produzione
e distribuzione della ricchezza.
L’itinerario di questa strada perciò non può essere che aperto e alla continua ricerca di un “oltre”, ma ragionando in concreto su ciò che si fa, proponendo soluzioni e miglioramenti partendo
dalle “riserve di gratuità” che non mancano nella nostra società, che si devono però coniugare
con le “riserve di creatività” che hanno aiutato il nostro Paese, non poche volte, a risollevarsi per
riprendere sollecitamente il suo posto nella storia.
1 Le due cose sono strettamente connesse se sentiamo, come dice Michel Serres, di “amare
l’umanità, nostra madre di sangue e la nostra madre per natura, la terra”.
8
NUOVI STILI DI VITA
2. Una mappa
per orientarci
2.1 NUOVO WELFARE
E PARTECIPAZIONE CIVILE
DEI CITTADINI
di Maurizio Ambrosini *
In una stagione in cui la recessione sembra indurire le menti e i cuori, separando individui e
gruppi sociali, chiudendo le porte all’umanità
che appare in esubero, è motivo di speranza
notare che sono al lavoro energie creative
e forze sociali che operano per costruire un
tessuto sociale più coeso e inclusivo. L’idea
moderna di giustizia e cittadinanza sociale,
imperniata sul ruolo riformista dello Stato e
dei suoi apparati, trova in questa mobilitazione un vettore di innovazione. L’iniziativa dal
basso per il riscatto degli esclusi non significa
un ritorno indietro dell’orologio della storia,
verso assetti in cui la carità privata tamponava precariamente le conseguenze delle sperequazioni strutturali.
Il nuovo welfare che si viene disegnando non
può fare a meno delle risorse della società civile e della partecipazione volontaria dei cittadini. Non solo perché allo Stato mancano i
mezzi, ma perché la gamma delle domande,
l’accavallamento dei nodi problematici, la
complessità dei fattori vulneranti, richiedono
interventi mirati, in cui l’integrazione delle
risposte necessita di un concorso diffuso di
attori e di risorse locali. Soprattutto quando
robuste componenti dell’opinione pubblica
chiedono alla politica misure di esclusione
nei confronti dei soggetti ai margini, trovando
sponde interessate a sfruttare elettoralmente
i sentimenti di insicurezza e ansia per il futuro, diventa cruciale la funzione di mediazione
sociale e di innovazione culturale degli attori
della società civile. La loro azione promuove
l’ampliamento delle concezioni della comuni-
tà da tutelare, allentando la contrapposizione tra insediati ed esclusi. Specialmente nei
quartieri più difficili, quando i soggetti della
solidarietà organizzata riescono a proporre un
lavoro di rete con i partner locali e a perseguire la partecipazione volontaria dei cittadini,
il riscatto degli esclusi diventa catalizzatore
della ricomposizione del tessuto sociale. La
solidarietà che scaturisce dal basso non si
contrappone quindi alle concezioni politiche
della giustizia, semmai le sprona ad allargare
i propri confini e a farsi carico con maggiore
impegno dell’inclusione dei più deboli. Nello
stesso tempo, le coadiuva nel lavoro di reintegrazione e, spesso, le anticipa, battendo
strade nuove e sollecitando il concorso dei
cittadini, compresi gli stessi beneficiari: non
soltanto destinatari, ma co-protagonisti della loro emancipazione dalla marginalità e dal
bisogno.
Di fatto, i risultati migliori si riscontrano, va
ribadito, quando politiche pubbliche, iniziative della società civile, mobilitazione degli
esclusi, camminano insieme e si integrano reciprocamente.
L’idea di rete degli interventi sociali, e quella connessa di individuazione delle risorse del
territorio, implicano una pari dignità e un riconoscimento reciproco tra le agenzie e i soggetti che della rete costituiscono i nodi.
Su questo terreno si misura, infatti, la capacità degli attori privato-sociali di assumere
responsabilità pubbliche, partecipando ai processi di organizzazione sociale a livello locale. Un vantaggio implicito, che scaturisce dal
* Professore ordinario di Sociologia dei processi economici, Università degli Studi di Milano
9
coinvolgimento di soggetti esterni all’ambito
pubblico nelle politiche sociali ed educative,
riguarda il contributo che questo modo di lavorare dà per accrescere il grado di accettazione sociale degli interventi, stemperando
le tensioni e coinvolgendo maggiormente le
società locali.
Partenariato o partnership è diventato così
un termine positivo, dal significato non sempre univoco, che allude a forme strutturate di
concertazione degli interventi, di progettualità condivisa e di gestione congiunta di attività, con la partecipazione attiva di istituzioni
pubbliche locali, di attori solidaristici, di rappresentanze ove possibile degli stessi beneficiari, e spesso delle parti sociali (ossia delle
organizzazioni imprenditoriali e sindacali).
L’ente pubblico può assumere in molti casi
un ruolo di coordinamento e magari anche
di regìa, ma non va considerata strumentale, secondaria e reversibile la collaborazione
instaurata con i soggetti privatosociali; questi, a loro volta, non possono reputare la rete
come un semplice espediente per acquisire
finanziamenti da utilizzare, poi, per alimentare le proprie strutture, senza coinvolgersi
effettivamente nello scambio interattivo con
i partner.
10
Rispetto alla frammentazione e alla debole
formalizzazione di molte esperienze in campo sociale, la costituzione di una partnership
locale tra soggetti collettivi e agenzie di varia
natura presenta l’opportunità di conseguire
diversi risultati apprezzabili:
- migliorare la comunicazione tra attori e servizi diversi;
- sviluppare l’attitudine ad analizzare congiuntamente i problemi e a progettare interventi condivisi;
- incoraggiare la definizione di aree di competenza specializzata;
- favorire l’integrazione delle iniziative;
- introdurre processi di valutazione delle attività svolte.
Il rimando al partenariato richiede, poi, una
nuova visione del ruolo della regolazione
pubblica. Per le istituzioni pubbliche, il passaggio ad una logica di rete e di partnership
territoriale significa assumere con maggiore
consapevolezza un ruolo di programmazione, di coordinamento, di facilitazione della
collaborazione tra i soggetti partecipanti, di
superamento delle barriere e dei conflitti di
competenze tra diversi livelli istituzionali o
tra settori e uffici delle stesse amministrazioni pubbliche: un ruolo di governance, anziché
NUOVI STILI DI VITA
di government, che concentra le competenze
delle amministrazioni pubbliche su funzioni
promozionali, di catalizzazione di aggregazioni tra gli attori interessati, di costruzione di
ambiti di concertazione. Nessun soggetto da
solo può risolvere oggi i problemi dell’integrazione sociale di una comunità locale.
La distinzione tra area dei servizi professionali, strutturati, formalizzati, per definizione
pubblici, e area dei servizi informali e debolmente strutturati, coincidente con il privatosociale, è, dunque, compromessa dallo sviluppo di organizzazioni solidaristiche efficienti e
qualificate. Appare sempre più evidente che
la demarcazione che si va oggi profilando è
quella che oppone le iniziative di aiuto che
restano semi-informali, istituzionalmente
marginali, basate su un volontariato diffuso,
rispetto ad iniziative strutturate, dotate
di una veste istituzionale solida, basate
prevalentemente su operatori professionali. In questo secondo insieme
si ritrovano servizi pubblici e organizzazioni privato-sociali
che si collegano tra loro
e promuovono tavoli di
consultazione, progetti di
partenariato e iniziative
congiunte,
fuoriuscendo
dalla dicotomia pubblico/
privato.
Una conseguenza della nuova polarizzazione investe la
tendenziale
selezione
o
quanto
meno la crescente
differenziazione
delle iniziative
solidaristiche:
alcune, più prossime allo spirito
della solidarietà
volontaria, si collocano verso il polo
dell’informalità,
privilegiano l’autonomia di
azione, continuano a erogare servizi di aiuto
diretto alle persone, ma rimangono a livelli
minimali di riconoscimento pubblico, e talvolta neppure lo domandano. Altre organizzazioni, invece, entrano in rapporti con le
istituzioni pubbliche, si dotano di competenze
e strutture adeguate alla gestione di specifici
servizi, diventano interlocutori privilegiati dei
sistemi locali delle politiche sociali, si attrezzano per ottenere finanzia-
Una mappa per orientarci
11
menti per i propri progetti e attività. Disponibilità di finanziamenti e rapporti privilegiati
tendono a generare reti sempre più strutturate, competenti e implicitamente escludenti
verso il mondo della solidarietà meno formalizzata e anche, eventualmente, verso nuovi
interlocutori.
È evidente, in ogni caso, che partnership non
significa automaticamente qualità degli interventi: anche la partnership è un metodo, non
un fine in sé. Essa, infatti, può essere attuata in modi diversi e orientata verso obiettivi
che vanno sempre monitorati e verificati dal
punto di vista della rispondenza alle effettive
esigenze delle comunità locali, e dei gruppi
sociali a cui gli interventi sono rivolti.
Il fenomeno positivo del rafforzamento di
reti e di forme di collaborazione strutturate
contiene, dunque, un rischio, quello dell’emarginazione dei soggetti meno organizzati,
basati su un volontariato diffuso (spesso neppure formalizzato, se pensiamo per esempio
al volume di attività educative promosse dagli
oratori), e su un significativo coinvolgimento
delle comunità locali, benché il loro intervento resti indispensabile per rispondere proprio
alle problematiche più pesanti, quelle delle
componenti sociali più deboli e sbandate. La
tendenza a sviluppare reti formali e partenariati ben costruiti non dovrebbe andare a discapito delle componenti volontarie e meno
12
formalizzate dell’arcipelago della solidarietà,
ma semmai funzionare da locomotiva in grado
di collegare tra loro e far progredire i diversi
attori locali, valorizzandone gli apporti specifici e le capacità di risposta ad aspetti differenti dei bisogni individuati.
Contro la scissione tra apparati professionali
dell’intervento sociale (pubblici e di terzo settore) ed energie sparse del mondo associativo,
pertanto, è oggi vitale che i progetti in partenariato accolgano e valorizzino gli apporti
che i vari attori nella loro diversità possono
arrecare, saldando i necessari interventi specialistici con la partecipazione della società
civile. In questo senso, un’attenta ricognizione delle risorse del territorio comporta il riconoscimento e il coinvolgimento di agenzie non
professionali, ma radicate nel contesto locale.
Queste a loro volta, vanno spesso aiutate ad
uscire da una concezione angusta della propria missione, viziata da autoreferenzialità e
particolarismo.
Un rapporto virtuoso tra partecipazione dei
cittadini, imprenditoria sociale e responsabilità pubblica richiede la costruzione di reti
più articolate, in cui trovino posto strutture
organizzate in forme quasi aziendali e i diversi ambiti in cui si esprime l’impegno sociale
volontario, si producano saperi taciti, si costruiscano rapporti di fiducia e legami tra le
persone.
NUOVI STILI DI VITA
2.2 UN NUOVO STILE DI VITA PER PUNTARE
CORRETTAMENTE ALLA META
di Gianpaolo Bonfanti
Riprendendo la nostra metafora “escursionistica” riflettere sullo “stile di vita” vuol dire far
mente locale alle fasi di studio, sui comportamenti, sull’uso della strumentazione, l’allenamento e l’alimentazione dell’escursionista.
Tutte queste cose (e altre) devono esprimersi
all’altezza dell’impegno dell’impresa.
Cambiare il nostro stile di vita è la direzione non tanto implicita in questa strada perché per molti versi è una condizione sine qua
non per percorrerla. Ciò significa sicuramente
andare controcorrente. Innegabilmente oggi
dominano il tornaconto individuale e la furbizia nelle relazioni sia personali che intercomunitarie per avvantaggiarsi anche a discapito di altre persone o gruppi. Sono evidenti la
propensione a sfruttare risorse e spazi senza
preoccuparsi che si possano depauperare. Domina la forte attenzione al breve termine che
compromette il futuro, l’abitudine all’improvvisazione e un atteggiamento reattivo piuttosto che proattivo (prevenzione e manutenzione sembrano due termini abbandonati). Come
sono diffusi l’approssimazione, la superficialità, l’individualismo che sacrificano il collettivo e che presto faranno vedere i loro disastrosi
effetti. Per non dire del pernicioso prevalere
della forma e dell’immagine sulla sostanza e,
ancor più grave, dell’insufficiente senso di cittadinanza e di responsabilità (che è tanto più
dannoso quanto più si colloca in alto…).
Che cosa significa, quindi, cambiare stile di
vita?
Prima di tutto significa rendersi conto da dove
si proviene, dove ci si trova e dove si vuole (ed
è bene) andare. Per poi decidere il “come”,
appunto lo stile 1.
Del passato bisogna prendere atto con obietti-
Una mappa per orientarci
13
- garantire un progress control delle azioni intraprese secondo la pianificazione fissata;
- apportare i correttivi dovuti durante il percorso, adattandosi alle circostanze ma senza
perdere di vista i fini;
vità, quanto al presente occorre avere occhi aperti e capacità di discernimento, ma per
il futuro occorre stabilire che
cosa si vuol fare, dove si deve
(e si può) andare. E questo non è certo facile
dal momento che nessuno dispone di una sfera
di cristallo.
Il futuro va accolto per quello che è, con le
possibilità ed i rischi che porta con sé: importante è non farsi cogliere dal fatalismo da un
lato, né dal fideismo dall’ltro. Quindi va affrontato in modo attivo e non passivo, che poi
vuol dire “progettare il futuro” e poi restare
fedeli al progetto.
Progettare vuol dire:
- comprendere la realtà, quindi monitorare
continuamente ed appassionatamente il terreno da cui ci muoviamo e le tendenze in atto;
- traguardare il futuro e specificare obiettivi possibili ma ambiziosi pensando però non
solo in termini individuali ma anche al “bene
comune”;
- valutare e assicurarsi i tempi e le risorse necessari per raggiungere gli scopi rappresentati
da questi obiettivi;
- unire e far intervenire le forze, ciascuna per
il ruolo che deve adempiere, secondo tempistiche chiare e condivise;
14
- valutare i risultati anche parziali e intermedi, rimettendo in discussione, ove occorre,
tutte le criticità che possono venire a galla,
con la forza di fare un passo indietro o di ricominciare tutto dall’inizio, nel caso in cui sia
necessario;
- dopo aver programmato il percorso, assumersi tutte le responsabilità per concretizzarlo.
Ecco i passi da realizzare per raggiungere la
meta che ci prefiggiamo.
Tornando al nostro tema vediamo su quali prospettive si qualifica lo “stile” necessario per
affrontare le “strade nuove” con un progetto
in grado di affrontare positivamente le sfide
che ci si propongono non solo nel contingente
(uscire dalla crisi) ma anche per assicurare un
futuro più positivo.
A. Stile di vita individuale (ma
non egoistico)
Ognuno di noi nella prospettiva di percorrere
nuovi sentieri nella propria vita, non può che partire da se stesso (prepararsi per l’escursione).
Gli psicologi hanno messo a fuoco gli stili di
vita individuali e alcune ricerche (DOXA, Federalimentare) riprese nei programmi educativi2 per la promozione della salute e dell’efficienza, lavorando su tre linee:
NUOVI STILI DI VITA
- Alimentazione
- Movimento
- Affettività
Elencando i fattori nocivi alla vita sana
(Adler)3, sono stati individuati i fattori che
incidono sulla durata e qualità della vita.
Questo ha portato a considerare il benessere
individuale il primo obiettivo da perseguire,
quasi una pre-condizione. Ciò implica scegliere una vita sobria ed essenziale oltre che sana.
Ma il benessere individuale non è solo un
problema di salute: la natura umana è più
complessa. Posso star male anche se sono
in condizioni di assecondare tutti i miei bisogni materiali usando nel modo migliore
le risorse di cui dispongo. Ma posso stare
veramente meglio se gli altri non riescono
a migliorare il loro benessere? Se non lo migliorano, anzi se lo peggiorano, questo non
finirà con l’influire anche sul mio benessere? E sul benessere dei miei discendenti?
Quindi dal benessere individuale dobbiamo
portare l’attenzione al benessere collettivo.
Superando la convinzione diffusa secondo cui
mors tua vita mea per passare a quella di “miglioramento”. Miglioramento più generalizzato possibile anche a costo di qualche rinuncia
individuale4.
Per dare una nuova direzione alla nostra vita,
quindi, bisogna (ri) cominciare a vivere nella
sobrietà.
“Il mondo siede su due bombe: la crisi am-
bientale e quella sociale. Per uscirne, occorre
imboccare la strada della sobrietà: uno stile di vita - personale e collettivo - più parsimonioso, più pulito, più lento, più inserito
nei cicli naturali”, sostiene Francesco Gesualdi del Centro Nuovo Modello di Sviluppo.
“La sobrietà è più un modo di essere che di
avere. È uno stile di vita che sa distinguere
tra i bisogni reali e quelli imposti. È la capacità di dare alle esigenze del corpo il giusto peso senza dimenticare quelle spirituali,
affettive, intellettuali, sociali. È un modo di
organizzare la società affinché sia garantita a
tutti la possibilità di soddisfare i bisogni fondamentali con il minor dispendio di risorse e
produzione di rifiuti. In ambito personale, la
sobrietà si può riassumere in dieci parole d’ordine: pensare, consumare critico, rallentare,
ridurre, condividere, recuperare, riparare, riciclare, consumare locale, consumare prodotti di stagione. Naturalmente non dobbiamo
limitarci a rivedere i nostri consumi privati,
ma anche quelli collettivi perché anche fra
questi ce ne sono di dannosi e di superflui.
Di sicuro dovremo eliminare gli armamenti,
ma dovremo anche sprecare meno energia per
l’illuminazione delle città, dovremo accontentarci di treni meno veloci e meno lussuosi, dovremo costruire meno strade. Perfino in
ambito sanitario dovremo diventare più sobri
affrontando la malattia non solo con la scienza, ma anche con una diversa concezione della
Una mappa per orientarci
15
vita e della morte, in modo da evitare l’accanimento terapeutico e l’eccessiva medicalizzazione di eventi naturali come la vecchiaia.
Rinunciare al superfluo, ma anche ragionare
più analiticamente su tutto ciò che compone
la nostra quotidianità, per la gente può sembrare uno sforzo straordinario. È molto difficile cambiare gli stili di vita e le abitudini ...
Dovremmo riflettere di più sui risvolti negativi del consumismo (...). Apparentemente la
sobrietà è solo una questione di stile di vita.
In realtà è una rivoluzione economica e sociale perché manda in frantumi il principio su
cui è costruito l’intero edificio capitalista. È
16
il principio della crescita, invocato non solo
dalle imprese, ma anche da chi si batte per
i diritti, in base al credo che senza crescita
non può esistere sicurezza sociale né piena
occupazione. Fino ad oggi nessuno ha osato
mettere in discussione questo dogma e stiamo affogando nella nostra opulenza iniqua
e violenta. Ma se riuscissimo ad avere un’altra concezione del lavoro, della ricchezza,
della natura, della solidarietà collettiva, ci
renderemmo conto che è possibile costruire
un’altra società capace di coniugare sobrietà,
piena occupazione e diritti fondamentali per
tutti”5.
NUOVI STILI DI VITA
Infatti il nemico che dobbiamo combattere è
il consumismo. Per uscire dalla crisi e vivere
meglio occorre accrescere la conoscenza del
consumo critico a partire dall’analisi della
propria situazione economica e della capacità
di organizzare il bilancio familiare. A questo
proposito occorrono iniziative sul piano culturale che stimolino una revisione dei comportamenti quotidiani da parte delle persone e delle famiglie6. Prima ancora che provvedimenti
incentivanti (o disincentivanti) che provengano dall’alto.
Un ampio ventaglio di scelte di vita si ispirano
a equità, sostenibilità, partecipazione e solidarietà.
Citiamo ad esempio l’impegno di “Terre di
Mezzo”7 su questo fronte citando l’ormai affermato programma “Fa’ la cosa giusta! che
ha recentemente realizzato in Sicilia una
“guida al consumo critico e agli stili di vita
sostenibili” con indirizzi di botteghe del commercio equo, gruppi d’acquisto solidali e
negozi che vendono prodotti biologici, biodiversi e a chilometro zero per una spesa più
giusta. Tante indicazioni per andare in vacanza con il turismo responsabile, scegliere
solo realtà “pizzo free”, affidare i risparmi
alla finanza etica, scaldare e illuminare casa
con energie alternative, vestirsi con abiti
naturali e scoprire come ridurre i consumi.
L’opuscolo indica anche associazioni e fonti di informazione alternativa che lavorano
sul territorio per “riappropriarsi” dell’isola.
E questa è solo l’inizio, infatti già un po’ di
anni fa, nel 2006, venne pubblicato “Fa’ la
cosa giusta! Manuale del consumo critico
quotidiano a Milano e in Lombardia” (Terre
di Mezzo Editore) scritto da Massimo Acanfora, Umberto Di Maria, Chiara Dino, Stefania
Divertito, Miriam Giovanzana, Carlo Gubitosa, Silvia Melloni. Uno snello prontuario che
contiene dieci brevi e autorevoli saggi che
introducono con semplicità a principi e prassi
dell’economia solidale.
Riferimenti:
http://www.falacosagiustasicilia.org/
B. Nei confronti degli altri e
del bene comune
Per una crescita etico-culturale, per far star
bene gli altri e star bene insieme agli altri
(non siamo alpinisti solitari ma siamo sempre
in cordata con qualcuno …), usando saggiamente i beni è necessario tenere a mente alcuni punti fondamentali:
Convivenza civile: relazionalità costrut-
tiva8, iniziativa e collaborazione, controllo
sociale e propositività, promozione e rispetto
delle leggi con particolare attenzione a quelle
fiscali e anti-corruzione.
Cittadinanza attiva: attenzione agli
aspetti collettivi e politici, partecipare per
difendere, salvaguardare e valorizzare i beni
comuni, controllare gli amministratori pubblici nello stabilire le priorità rispetto ai bisogni collettivi e nell’amministrare le risorse
in modo efficace efficiente e senza sprechi,
sostenere le attività che contribuiscono alla
redistribuzione dei beni e alla riduzione del
divario ricchi-poveri, rafforzare gli organismi
internazionali a difesa dei diritti e dei beni
comuni attivandosi perché le loro direttive
vengano recepite localmente.
Dalla cultura della competitività alla
solidarietà (Bergoglio): “Nella nostra socie-
tà vige completamente l’etica della competitività (che altro non è se non una strumentalizzazione della ragione per giustificare la
forza). Educare alla solidarietà presuppone
non soltanto insegnare a essere buoni e generosi … È necessario creare una nuova mentalità
che pensi in termini di comunità, di priorità della vita di tutti e di ognuno invece che
all’appropriazione dei beni da parte di pochi”.9 A proposito di solidarietà la sensibilità
degli italiani è così rilevata nelle 4 dimensioni
principali dalle indagini EVS (European Values
Studies), nell’ordine: l’interesse per le condizioni di vita degli altri … compresi gli immigrati; l’interesse per i connazionali in condizioni
di bisogno (bambini poveri, malati e disabili,
anziani, disoccupati); l’interesse per le condizioni di vita delle persone prossime (parenti
stretti, vicini di casa) …” ma al quarto posto
anche “l’egoismo sociale (pensare agli affari
propri).”10
Una mappa per orientarci
17
Ma per percorrere questa escursione occorre cambiare la “bussola”. Non basta più il
grossolano (e certo non disinteressato) strumento di navigazione del PIL (prodotto interno lordo)11. Infatti ormai è di dominio
generale, anche per i non addetti ai lavori, che questo misura solo la crescita della
produzione di ricchezza materiale, ma non
dove è destinata, che vantaggi produce, che
conseguenze negative provoca e per chi.
Piuttosto il progresso di una società si deve
valutare lungo le linee della ricerca di un benessere equo e sostenibile (BES), cioè di una
serie di indicatori (non uno solo!) che aiutano a capire (e a pilotare) i fattori che entrano in gioco per far stare bene la collettività,
per difendere e accrescere i “beni comuni”.
Secondo le recenti ricerche ISTAT/CNEL12 i
fattori su cui si misura il BES si possono così
elencare:
. Salute
. Istruzione e formazione
. Lavoro e conciliazione tempi di vita
. Benessere economico
. Relazioni sociali
. Politica e istituzioni
. Sicurezza
. Benessere soggettivo
. Paesaggio e patrimonio culturale
. Ambiente13
18
. Ricerca e innovazione
. Qualità dei servizi
Come si vede sono combinati fattori di benessere individuale e collettivo (beni comuni):
una nuova “bussola”14 su cui riflettere per
rimettere in discussione le grandi decisioni e
riorientare gli stili di vita.
C. Responsabilità
Da queste osservazioni si vede con chiarezza
che tutti devono collaborare perché, piaccia
o non piaccia, “siamo tutti in cordata”. E in
cordata le responsabilità sono di tutti perché
si progredisce o si rischia tutti insieme.
Responsabilità pubbliche15: progressività fiscale per redistribuire la ricchezza oggi
troppo concentrata in poche mani, leva fiscale
per incentivare e disincentivare la produzione
e i consumi; sostegno alle attività positive non
solo per il vantaggio individuale; dissuasione
delle attività nocive (gioco, consumi voluttuari); maggior consapevolezza dell’impatto dei
provvedimenti sulle condizioni delle fasce più
deboli, sull’ambiente e sui consumi energetici.
Un esempio: la Legge regionale dell’Emilia Romagna del 23.7.14 n. 19 per il riconoscimento
e la promozione e il sostegno dell’economia
NUOVI STILI DI VITA
solidale che sostiene le reti di economia solidale, i gruppi di acquisto solidale i distretti di
economia solidale e altre forme di collaborazione fra cittadini.
Un altro esempio sul piano educativo, la TV
di Stato che conduce un servizio regolare (sia
pure in un orario discutibile al martedì mattina alle 8,38) intitolato “Fa la cosa giusta” a
cura di Rai 1/mattina
Riferimenti: http://www.labsus.org/201 4/7/
emilia-romagna-regola-economia-solidale/
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-2191b4b3-ce68-4cf2-bdfebbc4316ab2f9-tg1.html#p=0
Responsabilità private: freno al marke-
ting consumistico; orientamento della evoluzione tecnologica per evitare che invada la
nostra quotidianità e provochi consumi inutili
o comportamenti e stili di vita nocivi; aumento della consapevolezza dell’impatto di certi
comportamenti sulle condizioni delle fasce
più deboli, sull’ambiente e sui consumi energetici… Fino ad assunzione di responsabilità
“dirette” da parte di gruppi di autogestione.16
Un esempio: “Salone della Csr e dell’innovazione sociale” che si è svolto il 7/8 ottobre
alla Università Bocconi, si è parlato, con molte esemplificazioni, della responsabilità socia-
le dell’impresa in funzione della “necessità di
collaborare per essere più competitivi” ma nel
contempo della “capacità di coniugare business e attenzione all’ambiente e al sociale”.
Responsabilità della società civile:
promuovere campagne per giustizia sociale,
responsabilità ambientale17, consumo critico a partire dagli stili di vita delle persone,
famiglie e comunità; orientare verso attività
positive le organizzazioni del privato sociale.
In definitiva, una cultura umanizzante in una
logica di aiuto reciproco18. Questo vuol dire
lavorare in rete.
Un esempio è quello presentato nella “Biennale della prossimità” promossa da Consorzio
Nazionale Idee In Rete, ISNet – Spesa Utile,
Fondazione Ebbene, Social Club Torino, Social
Club Genova, e Consorzio Emmanuel – Emporio
solidale Lecce, che così si definisce sul suo sito
“un network di organizzazioni che condividono
l’obiettivo di combinare interventi di prossimità con la promozione di una riflessione pubblica su questi temi” andando dal microcredito ai gruppi di acquisto, dal credito di spesa a
servizi socio-sanitari e di patronato ecc.
Un secondo esempio è costituito dalle “Cooperative di comunità”. “Un modello di sviluppo
lanciato dall’Alleanza delle cooperative italiane (la centrale dove sono riunite Legacoop, Confcooperative e Agci), con cui si punta
a favorire il protagonismo dei cittadini nella gestione dei servizi e nella valorizzazione
dei territori. Si tratta di coop polifunzionali
che provvedono ai bisogni degli anziani (con
la cura o la consegna a domicilio di spesa e
farmaci); al potenziamento del turismo lad-
dove la proloco ha chiuso (tracciando itinerari
paesaggistici o organizzando eventi per attirare visitatori); alla creazione di lavoro per
le nuove generazioni (soprattutto nell’ambito
del dissesto idrogeologico nelle molte aree
nazionali considerate a rischio)” come è am-
Una mappa per orientarci
19
piamente descritto in un articolo di Avvenire19.
Un altro esempio è “progetto di comunità contro la crisi: dallo spreco al recupero”: il bando
di idee lanciato dal CSV della Valle d’Aosta,
per accompagnare e sostenere le Organizzazioni di Volontariato valdostane alla progettazione sociale di rete e che potrà essere svilup-
Responsabilità condivise: a ben osservare molte delle responsabilità “primariamente” attribuite sopra a ciascuno dei 3 settori
tradizionali (pubblico, privato e terzo settore) possono essere compiutamente esercitate
solo se vengono assecondate, e soprattutto
non ostacolate, dagli altri. Di più, per molte
pato in 3 diversi ambiti di intervento: le nuove
povertà e il sostegno alimentare; le iniziative
di raccolta e recupero di alimenti e beni di
prima necessità; gli interventi a sostegno delle famiglie, attraverso progetti di re-distribuzione di alimenti e beni di prima necessità.
E ancora un altro esempio è la Casa di via
Zurigo di Milano, una sorta di condominio solidale, spazio che la Fondazione Sacra Famiglia condivide con l’associazione Caf Onlus, la
Comunità del Giambellino, la Fondazione don
Gnocchi e le Suore di Santa Giovanna Antida
per accogliere adolescenti e donne bisognosi
di protezione, tossicodipendenti, un centro
diurno, una casa di prima accoglienza e un
centro residenziale per disabili anziani.
non è ormai più pensabile che vengano esercitate gelosamente da un settore “in proprio”
senza la collaborazione attiva degli altri. In
realtà soprattutto per le azioni di fondo sia
in campo sociale che ambientale o culturale,
stiamo assistendo sempre più spesso e sistematicamente a iniziative che potremmo definire bilaterali se non addirittura trilaterali.
Alcuni esempi.
In termini di “responsabilità ambientale”,
(ma non solo) si pensi, ad esempio, al progetto “Italia ti voglio bene” promosso dal Centro
Studi e Comunicazione Ambientale Antartide.
L’iniziativa, presentata a livello nazionale il 9
settembre 2014, ha l’obiettivo di ridare voce
e valore all’Italia virtuosa. Lavora alla diffusione di una nuova visione della cittadinanza,
basata sulle pratiche di cittadinanza attiva,
sugli stili di vita sostenibili, sui rapporti di
cooperazione, reciprocità e collaborazione,
sulla responsabilità sociale e sul senso civico.
Con la certezza che “le smart Cities possono
essere costruite solo da smart communities
popolate da smart citizens”. Le attività di
“Italia Ti Voglio Bene” sono portate avanti da
Riferimenti: http://www.repubblica.it/solidarieta/volontariato/2014/10/06/news/
milano_la_casa_di_via_zurigo_un_condominio_solidale-97494032/
http://prossimita.net/chi-siamo/
http://csvnet.it/infobandi/infobandi-italia/
infobandi-csv/1216-dallo-spreco-al-recupero-csv-valle-d-aosta-lancia-bando-di-idee
20
NUOVI STILI DI VITA
gruppi di lavoro tematici che elaborano proposte operative nazionali. Il progetto organizza
anche l’istituzione di una “giornata nazionale
per il rilancio del capitale sociale” che, con
cadenza annuale, attragga l’attenzione e le
azioni su questi temi.
Rimanendo sul tema più generale delle “smart
cities” (che entrano anche più esplicitamente nella sfera sociale e culturale), un evento
su cui occorre soffermarsi è Smart City Exhibition, che si svolge ogni anno a Bologna. La
manifestazione è frutto della partnership tra
FORUM PA e Bologna Fiere, la terza edizione
dal 22 al 24 ottobre 2014. Un evento che, secondo la vision degli organizzatori (pubblici e
privati appunto) “Rappresenta il luogo italiano
ed europeo in cui confluiscono le più avanzate
realtà del vivere urbano e delle comunicazioni, proponendo un modello di partecipazione
fortemente interattivo centrato non solo su
attività di awareness, ma su momenti ristretti
di lavoro al fine di influenzare l’opinione pubblica e i titolari di decisioni strategiche a livello locale e centrale”.
Un’altra iniziativa rilevante è rappresentata
dal lancio di un network denominato dei “cantieri comuni” così descritto sul mensile Vita20
“Il nostro mondo è fatto da associazioni, cooperative, fondazioni, volontariato, un mondo che produce eventi convocando nelle numerose città persone, famiglie, politici, per
raccontare le esperienze che rendono ancora
questo paese un buon paese”, dichiara Edo
Patriarca presidente del Cnv. “Con I cantieri
del Bene Comune abbiamo scelto di unire le
forze per valorizzare e far emergere un calendario di eventi di un’Italia operosa e innovativa, un’Italia che non si arrende e continua
a costruire con tenacia un Paese migliore”. I
“Cantieri” sono stati creati dal Centro Nazionale per il Volontariato, dal Centro Servizi al
Volontariato di Napoli, dalla Rete Nazionale
per la Prossimità (tra cui Consorzio Nazionale
Idee In Rete, ISNet - Spesa Utile, Fondazione
Ebbene, Social Club Torino, Social Club Genova, e Consorzio Emmanuel - Emporio solidale
Lecce, dall’Anci Toscana, dall’Istituto Italiano
della Donazione e dalla Fondazione Casa del
Volontariato di Carpi.
E su questo fronte delle iniziative “in collaborazione” occorre anche dar conto di esperien-
ze più puntuali in termini di:
- collaborazione pubblico-privato con iniziative promosse di volta in volta dall’uno o
Una mappa per orientarci
21
dall’altro. Si possono citare ad esempio: esperienze di Bologna21, Ascoli22, Spoleto23, Bergamo e Mortara24, Brescia25, Km0 nelle ristrutturazioni26.
- collaborazioni promosse per lo più dal privato sociale ma che hanno avuto attenzione e
collaborazione dagli altri settori. Per esempio
attività di informazione-formazione per difendersi dal consumismo (controllarsi negli acquisti voluttuari, non lasciarsi trascinare dall’emulazione e dalle offerte), il richiamo alle 3
R27 , sensibilizzazione non solo a non evadere
le imposte ma anzi a considerare dovere civico aiutare lo Stato a contrastare l’evasione
(chi evade ruba allo Stato, cioè a noi onesti,
e in particolare ne soffrono i più svantaggiati
perché vedono ridurre i servizi e aumentare
i costi per ottenerli), e infine, ma non solo,
diffusione di “buone abitudini” che possano
esprimere in concreto una sana solidarietà
(pane sospeso, spesa sospesa28) .
Riferimenti: www.italiativogliobene.it
www.smartcityexhibition.it
D. Spunti e contributi
Il pensiero e l’esperienza stanno camminando
a grandi passi, ora occorre passare alla disseminazione di queste esperienze per farle
diventare la base di un nuovo modo di vivere.
Appunto uno stile. Oggi sembrano abbastanza
fertili quattro itinerari: consumo, salute, crescita e condivisione.
Consumo
L’odierna società dei consumi non si caratterizza tanto per il consumo smodato, quanto
per il fatto di delegare a quest’ultimo ogni
sorta di compito sociale e psicologico, per
esempio quello della “creazione di un’identità”. Quindi è un fenomeno profondo che
attiene alla sfera culturale. Di conseguenza
molto difficile da contrastare, anche se, volendo, esistono possibilità per fare in modo
che nella nostra società non ruoti tutto intorno al consumo smodato: come l’aumento della sensibilizzazione verso il consumo critico o
responsabile (cfr. infra), la lotta allo spreco29,
incentivi fiscali intesi a stimolare un comportamento più sostenibile, la regolamentazione
22
della pubblicità, in particolare quella diretta
ai minori; il sostegno delle piccole imprese
locali che perseguono obiettivi ecologici e sociali (la salute, l’istruzione, i servizi sociali, il
tempo libero, la ricreazione e il rinnovamento); la riprogettazione degli spazi pubblici,
creando e mantenendo a disposizione del pubblico biblioteche, parchi, musei e sale comunali; l’investimento in tecnologie verdi, ecc.
In questo quaderno, lo spazio a disposizione
NUOVI STILI DI VITA
contrastanti con le effettive possibilità che
inevitabilmente alimentano fenomeni patologici sotto forma di anomia (più frequente) e
di ribellione (più rara)” .30
Salute
Luciano Manicardi, vice priore della Comunità
di Bose, sostiene che l’uomo consegna una delega in bianco nelle mani di un sistema che si
dichiara e si vuole “postmortale”: la nostra è
una società “dove l’idea stessa di libertà viene
profondamente distorta e l’autodeterminazione e l’autonomia passano attraverso la consegna al totale controllo biomedico”31.
Oggi infatti non sono rari i casi di iper-medicalizzazione (o anche di eccessi di esami e
analisi diagnostiche), magari a fronte di intere
popolazioni o categorie sociali a cui sono negati i più elementari sussidi medici.
Crescita
non ci permette di offrirvi tutte le riflessioni
che vorremmo sul tema del consumo, anche se
la letteratura “consumeristica” è ormai assai
ricca e diffusa.
Basti pensare alla “generalità” del fenomeno
espressa dal prof. Rovati: “non si può ignorare
che la cultura del consumo appartenga anche
ai ceti relativamente deprivati sul piano lavorativo ed economico … quanto rimarcare la
compresenza di modelli culturali e stili di vita
Tim Jackson, autore del libro “Prosperità senza crescita. Economia per il pianeta reale”,
afferma che dobbiamo mettere in dubbio la
crescita. “Questo libro è incentrato su una
domanda molto semplice: che forma può avere la prosperità in un mondo finito, con risorse finite e una popolazione che, secondo
le previsioni, supererà i 9 miliardi di persone
entro qualche decennio. Abbiamo una visione
che sia degna di questo nome, per la prosperità in un mondo del genere? È una visione
plausibile di fronte ai limiti ecologici di cui
abbiamo le prove? E come possiamo trasformare quella visione in realtà? (…) La stabilità dell’economia moderna dipende a livello
strutturale dalla crescita economica. Quando
la crescita mostra segni di incertezza i politici si fanno prendere da panico. Le imprese
faticano a sopravvivere. La gente perde il lavoro e a volte la casa. La spirale della recessione incombe. Mettere in dubbio la crescita
è considerata una cosa da pazzi, idealisti e
rivoluzionari. Ma dobbiamo metterla in dubbio. L’idea di un’economia che non cresce
potrà essere un anatema per gli economisti.
Ma l’idea di un’economia in costante crescita
è un anatema per gli ecologisti. Nessun sottosistema di un sistema finito può crescere
all’infinito: è una legge fisica... In poche parole, non possiamo che mettere in dubbio la
Una mappa per orientarci
23
crescita. Il mito della crescita ci ha deluso”32.
E dal canto suo Achille Rossi33 osserva: “bisogna pensare a una decrescita conviviale, dove
immaginiamo delle società autonome ed econome che non sciupano, non sprecano34, non
producono per l’effimero.” Ciò significa: “sul
piano personale decrescere non significa condurre una vita depotenziata: significa invece
diminuire la quantità e aumentare la qualità.
Sul piano culturale … ricordare che non tutto
è in vendita: non lo sono gli organi, l’acqua, la
salute, la natura, l’educazione. È importante
scoprire la cultura del lavoro, come occasione per esprimersi e non solo per guadagnare. La vita non è solo competizione, è anche
collaborazione. … ripensare la produzione:
invece di produrre beni effimeri e deperibili, bisogna produrre beni durevoli e collettivi
… Rilocalizzare l’economia: produrre dove si
consuma. … Sul piano politico … lotta contro
il consumo del territorio, diversa visione della viabilità, della gestione dei rifiuti, dell’energia, dell’acqua, dell’educazione. Per fare
tutto ciò ci vorrebbe una “conversione”, quasi
come un nuovo francescanesimo …”35
Condivisione
Ormai è sempre più diffusa la consapevolezza
che sia indispensabile entrare di più nell’ottica di un’economia della condivisione: dobbiamo condividere piuttosto che possedere, passando dal possesso all’accesso, dalla proprietà
alla disponibilità, pagando solo ciò che consumiamo, in una logica di sharing economy, fino
anche a un ritorno del baratto. Un’aspirazione
ad avere “accesso” anziché proprietà (teorizzata tra gli altri da Jeremy Rifkin).
24
Nel 2013 questa economia della condivisione, legata a nuove forme di consumo frugale e sostenibile, ha raggiunto 3,5 miliardi
di dollari di fatturato solo negli Stati Uniti.
“Crowdfunding e credito peer-to-peer, car o
bike sharing, open source, social eating. La
parola d’ordine è ‘condividere’, che sia l’auto, la casa per le vacanze o la cena. Sono i
mille volti della cosiddetta ‘sharing economy’,
l’economia collaborativa o di condivisione,
nata come fenomeno di nicchia per svilupparsi rapidamente e diffondersi un po’ ovunque
e in tutti i settori, complici la crisi economica e una crescente sensibilità nei confronti dei temi ambientali e della sostenibilità.
“Secondo una ricerca dell’Università Cattolica
di Milano, le piattaforme collaborative attive
in Italia al 2013 sono 250. L’Italian Crowdfunding Network ha stimato in 23 milioni di euro
la raccolta fondi effettuata dalle 27 piattaforme di crowdfunding attive in Italia al 2013 (16
in fase di avvio), mentre secondo una ricerca
Doxa Duepuntozero il 13% degli italiani ha già
provato un servizio collaborativo e un altro
10% è interessato a farlo”.“A queste si aggiungono i sempre più numerosi spazi di coworking,
in cui giovani professionisti condividono spazi
per lavorare e progettare in sinergia; (…)”.
In un recente articolo Emanuela Mora, docente di Sociologia della Cultura nella facoltà di Scienze politiche e sociali all’Università
Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e Silvia
Mazzucotelli Salice, assegnista di ricerca nella
stessa facoltà rilevano che: “Complice la crisi economica, ad alcune frange di consumatori disoccupati non pare più così necessario
possedere quei beni di lusso che incarnano e
NUOVI STILI DI VITA
manifestano il prestigio sociale dei loro proprietari. È sufficiente godere del piacere che
deriva dal loro uso”36.
Sempre a Milano è stata presentata una ricerca per il “Salone della Csr e dell’innovazione
sociale” che si è svolto il 7/8 ottobre alla Università Bocconi, che viene così presentata sul
sito http://www.csreinnovazionesociale.it/
index.php/programma/7-ottobre/item/294il-futuro-e-adesso-nuovi-modi-di-vivere-econsumare “L’indagine, realizzata dall’stituto
CE&Co per il Salone, ha testato una decina
di concept di nuove forme di organizzazione
del consumo ispirate a valori di condivisione,
solidarietà e sostenibilità. E per la prima volta ha verificato la specifica intenzione, non
solo il generico orientamento, delle persone di aderire a precisi servizi: dai Gruppi di
Acquisto Solidale alla Banca del Tempo, dal
Co-working agli Orti Urbani agli Investimenti
Etici. I risultati evidenziano la grande potenzialità del mondo della sharing economy non
solo per le persone ma anche per le organizzazioni e le imprese sostenibili e responsabili”.
Cinque le tendenze principali dell’economia
collaborativa, identificate da OuiShare:
1. economia della condivisione o consumo
collaborativo (circolazione di beni e servizi
tra individui attraverso condivisione, baratto,
vendita, noleggio, prestito37, dono, promuovendo l’accesso invece del possesso, riducendo anche la produzione di rifiuti);
2. crowdfunding e credito peer-to-peer
(credito tra privati per finanziare progetti
creativi, sociali e di impresa);
3. open knowledge (riuso e diffusione di co-
noscenze, alla base di software libero, creative commons, open science); open design o
open manufacturing (processi democratici di
progettazione, produzione e distribuzione di
beni materiali);
4. open design o open manufacturing (processi democratici di progettazione, produzione e distribuzione di beni materiali);
5. open governance (piattaforme di cittadinanza attiva, bilanci partecipati e così via)”.
Uno dei tanti modi per fare sharing economy è il baratto, inteso sia come scambio di beni materiali sia come scambio di
ciò che abbiamo di più prezioso: il tempo.
Un evento, giunto nel 2014 alla sua Sesta edizione, è la “Settimana del Baratto”. Si svolge nel mese di novembre. Fra le varie forme
presentate, le centinaia di bed and breakfast
di tutta Italia che aderiscono all’iniziativa
barattando il soggiorno in cambio di beni o
servizi. Per una settimana l’ospite e il gestore sono svincolati dal pagamento in denaro e
privilegiano l’aspetto umano dell’ospitalità38.
Del baratto del tempo si occupano le Banche
del Tempo. Nate nei primi anni ’90, crescono ma il fenomeno si sviluppa soprattutto nel
centro e nel nord d’Italia; alla fine del 2002,
se ne contano circa 250. Nel 2007 nasce l’Associazione Nazionale e si avvia quel processo di rete che mette in relazione banche del
tempo, cittadini, associazioni, enti locali39.
Non è un baratto ma un vero servizio quello
delle “mamme di giorno” (tagesmutter secondo il termine coniato dove si è originato). Con
il caro asili-nido e la disponibilità di accoglienza e collaborazione diffusa stanno dando vita a
Una mappa per orientarci
25
iniziative di assistenza educativa per la prima
infanzia in varie forme: in casa o presso luoghi
dedicati40. Con iniziativa anche individuale41.
Nuove modalità di svolgere la propria professione sono possibili grazie ai coworking:
stile lavorativo che coinvolge la condivisione di un ambiente lavorativo mantenendo
un’attività indipendente. In Italia ne sono
nati molti, un esempio di una nuova struttura è L’Alveare, ha inaugurato a Roma a settembre 2014. Si tratta del secondo coworking
in Italia con spazio baby, dopo “Piano C” a
Milano; permette anche a neomamme e neopapà di lavorare affittando una postazione
di lavoro e nello stesso tempo usufruendo di
uno spazio dove poter lasciare i propri figli da
quattro a trentasei mesi, a costi agevolati42.
Oltre a condividere il proprio spazio professionale, stanno prendendo sempre più piede anche le tecniche di sharing housing. Le più innovative pratiche dell’housing partecipativo,
inclusivo e innovativo sono state presentate
a “Experimentdays. La casa nell’era dell’economia collaborativa”, la fiera che dopo dieci
anni da Berlino si è spostata a Milano, ha avuto
luogo l’11 e 12 ottobre 2014. Nell’era della
sharing economy, sarebbe importante che venissero costruite abitazioni predisposte alla
condivisione di spazi e tempi43 valorizzando
molte forme di collaborazione fra i residenti.
Tornando sul tema più generale della sharing
economy sono da raccomandare anche siti
specializzati come http://www.collaboriamo.
org/
Che sia un vero cambiamento di costume soprattutto fra i giovani è efficacemente dimostrato dall’articolo “Meglio usare che possedere: i trentenni cambiano i consumi” apparso
recentemente sul quotidiano “La stampa”
http://www.lastampa.it/2014/10/26/societa/meglio-usare-che-possedere-i-trentennicambiano-i-consumi-DWrXy0PVGJOFTTNJRlgI4I/pagina.html
Possiamo concludere questo capitolo con una
citazione di Roberta Carlini. Nel libro “L’economia del noi. L’Italia che condivide44” afferma: “È in questo quadro ‘di macerie ma anche
di una transizione potenzialmente fertile’ che
emergono sempre più nella società comportamenti che sostituiscono il «noi» all’«io», la
26
condivisione alla divisione, la cooperazione
alla frammentazione. Definiamo l’economia
del noi come un insieme di esperienze fondate sui legami sociali, nelle quali gruppi di persone entrano in relazione e cercano soluzioni
comunitarie a problemi economici, ispirate a
princìpi di reciprocità, solidarietà, socialità,
valori ideali, etici o religiosi. Fuori dalla logica esclusiva dell’homo oeconomicus, spesso
contro di essa, ma dentro il mercato. Fuori dalla scena politica istituzionale, ma con
l’ambizione di portare una propria visione politica nel fare quotidiano. Fuori dall’universo
chiuso della proprietà privata, nello spazio
aperto dei beni comuni”.
Note
1. Si possono ricordare, fra gli altri, recenti dibattiti e definizioni a cura della Diocesi
di Torino http://www.diocesi.torino.it/pls/
diocesitorino/v3_s2ew_consultazione.mostra_pagina?id_pagina=28678 e del Sermig
http://www.sermig.org/un-nuovo-stile-divita
2.http://archivio.pubblica.istruzione.it/essere_benessere/allegati/linee_guida.pdf
3. Gli anni di vita si riducono secondo la seguente scala:
* 12,2 Tabagismo
* 10,9 Ipertensione
* 9,2 Alcol
* 7,6 Ipercolesterolemia
* 7,4 Sovrappeso
* 3,9 Ridotto consumo di frutta e verdura
* 3,3 Sedentarietà
* 1,8 Sostanze illecite
NUOVI STILI DI VITA
4. Invertire la spirale bisogni soddisfatti,
soddisfazione di altri bisogni fino ai voluttuari anche col rischio di sconfinare in soddisfazioni nocive
5.www.decrescita.it/joomla/index.php/
component/content/article/40-sobrietadallo-spreco-di-pochi-ai-diritti-per-tutti
6. In appendice riportiamo un esempio significativo: nel 2013 è stato attivato un corso
sull’uso responsabile del denaro, organizzato a Catania dagli operatori del microcredito
della Caritas diocesana.
7. http://www.terre.it/
8. Qualcuno parla di “italiani a due velocità”
che “esprimono orientamenti positivi nei
confronti delle proprie cerchie di prossimità mentre esprimono orientamenti negativi
quando si rapportano con le organizzazioni
collettive e istituzioni pubbliche, verso cui
nutrono una diffusa sfiducia perché considerano lontane e inefficienti”. Cfr. “Uscire
dalle crisi: i valori degli italiani alla prova”
a cura di Giancarlo Rovati, ed. Vita e pensiero.
9. Papa Francesco – “SCEGLIERE LA VITA”
proposte per tempi difficili (Bompiani) pagg.
98-99.
10. da: “Uscire dalle crisi” op. cit.
11. Bussola peraltro recentemente secondo
qualcuno “criminalizzata” essendo stato deciso che “da ottobre alcuni paesi europei, tra
cui l’Italia, inseriranno nel calcolo del PIL alcune forme di economia “illegale” (contrabbando, prostituzione e droga)”(EUROSTAT).
12. Che si confrontano con analoghe ricerche in corso in molti Paesi
13. Per contribuire alla crisi ecologica ed
energetica, ecco quali sono, secondo l’UNICEF, le azioni da svolgere:
* Raccolta differenziata
* Diminuzione del traffico privato, aumento
pedoni e biciclette
* Risparmio energetico in casa, uffici e
esercizi commerciali e pubblici
* Promozione dell’acquisto di prodotti locali (filiera zero - riduzione costi ecologici dei
trasporti)
* Adozione di un monumento/parco/sentiero/fiume ecc.
* Risparmio del bene acqua
14. Comitato CNRL/ISTAT, La misurazione del benessere equo e sostenibile (BES),
Roma, giugno 2012
15. Carta di Ottawa 1986: adozione di politiche pubbliche coordinate e tese a favorire
e sviluppare beni e servizi più sani, ambienti
igienici e non pericolosi, cambiamenti legislativi coerenti, mutamenti nell’organizzazione sociale e ambientale.
16. Come a livello territoriale gruppi di acquisto di energia (luce e gas) http://www.
ilsole24ore.com/art/notizie/2013-07-01/
luce-troppo-cari-gruppi-110709.
shtml?uuid=AbrbF99H o a livello locale V. la
scheda Ri-Maflow di Trezzano sul Naviglio
17. Interessante l’esperienza della RIVE
Rete Italiana Villaggi Ecologici http://ecovillaggi.it/
18. In questo senso ha rilevanza la presenza di attività di automutuoaiuto che
oggi convergono in un Coordinamento nazionale
http://www.camap.org/index.
php?option=com_content&view=article
&id=261:coordinamento-nazionale-autoaiuto&catid=70:documenti-altro
19. http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/Cooperative-di-comunit-rinasce-lItaliadimenticata-.aspx
2 0 . h t t p : / / w w w. v i t a . i t / n o n - p r o f i t /
volontariato/i-cantieri-del-bene-comuneal-via-il-network.html
21. Il cittadino fa, il Comune si adegua (articolo e filmato) social street http://www.
nonsprecare.it/social-street-italia-bolognavia-fondazza-comunita-cittadini; inoltre il
regolamento Bologna beni comuni http://
www.labsus.org/scarica-regolamento/
e
su vita http://www.vita.it/politica/entilocali/a-bologna-la-cittadinanza-attiva-entra-in-comune.html
22 . V. scheda: Bottega del terzo settore
23 . V. scheda: SpreKO
24 . V. scheda: Buon vicinato e social street
25 . V. scheda: Briciole lucenti
26 . V. scheda: RKm0
27. Ricicla, Riduci, Riusa.
Una mappa per orientarci
27
28. V. scheda “spesa sospesa e pane in attesa”
29. Interessante il premio “Non sprecare”
organizzato in collaborazione con l’Università LUISS di Roma e altre forze pubbliche e
private: http://www.nonsprecare.it/premio
30. da “Uscire dalle crisi” op. cit.
31. “Memoria del limite. La condizione umana nella società postmortale” (Vita e Pensiero, 2011)
32. Tim Jackson, “Prosperità senza crescita.
Economia per il pianeta reale” (Edizioni Ambiente, 2011). Per approfondimenti: www.
earthscan.co.uk/tabid/92763/Default.aspx
33. V. anche http://www.altrapagina.it/index.php
34. Una recente ricerca di ActionAid rileva che il 51% degli italiani sostiene di aver
modificato i comportamenti alimentari per
ridurre gli sprechi. Se il 56% riconosce di
acquistare ancora molto di più del necessario, ha però aumentato l’attenzione alla
propria salute (73%), all’ambiente (14%),
alle ricadute del proprio consumo sul resto
del mondo (29%) riducendo gli alimenti che
finiscono in pattumiera (54%). E il 50% preferisce gli acquisti a km 0. I più attenti sono i
55/65enni. (Corriere della Sera)
28
35. Estratto da un intervento riportato su
“Ritessere legami” una pubblicazione di
Mo.V.I. Campania (2013)
36. “La lettura, Il Corriere della Sera”, 18
Maggio 2014
37. Interessante il fenomeno delle biblioteche di condominio. Ecco l’intervista al
fondatore della prima biblioteca condominiale di Milano http://www.youtube.com/
watch?v=U41rxfekrUo
38. www.settimanadelbaratto.it
39. www.associazionenazionalebdt.it
40.http://www.milanoperibambini.it/rubriche/succede-in-citta/1534-la-casa-tagesmutter ; oppure http://www.lacasatagesmutter.it/index.php?option=com_content&
view=article&id=19&Itemid=114
41. Il senso e il modo è ben spiegato da
un’esperienza concreta http://www.nostrofiglio.it/bambino/bambino-1-3-anni/nidononni-e-tata/divento-tagesmutter-e-aproun-nido-in-casa
42. www.lalveare.it
43. www.housinglab.it/exdays/
44. Roberta Carlini, “L’economia del noi. L’Italia che condivide” (Editori Laterza, 2011).
NUOVI STILI DI VITA
3. Luoghi da scoprire
INTRECCI DI STRADE
DA PERCORRERE INSIEME
In questo capitolo ci occupiamo dei luoghi da scoprire.
Riprendendo la metafora dell’escursione alpinistica, che ci accompagna lungo il nostro quaderno,
sulla “nostra strada” possiamo dire che esistono diverse esperienze da esplorare, ognuna con
proprie caratteristiche, così come esistono cime di varia altitudine nel mondo da poter visitare,
scalare e percorrere.
In altri termini raccontiamo alcune iniziative esistenti, per fare il punto della situazione attuale e offrire spunti su come ci si può muovere da qui in avanti, identificando anche
le trasversalità con le altre “strade nuove” che stiamo raccontando nei nostri quaderni.
Infatti il nostro cammino, che si occupa di beni comuni e della necessità di collaborazione tra
forze del sociale e stili di vita, si intreccia fortemente con le altre Strade.
Con la Strada 1 ci accomuna l’impellente necessità di alimentare un diffuso volontariato di prossimità, una forma di impegno per la quale l’unica competenza richiesta è quella dell’essere per-
29
sone, donne e uomini capaci di relazione: solo così, tutti insieme, possiamo sostenere un welfare
di cittadinanza.
Il cammino della Strada 2 è strettamente intersecato al nostro percorso, in quanto “riappropriarci dei beni comuni” è anche strettamente connesso al tema del quaderno che state leggendo,
incluso l’invito ad un forte impegno alla collaborazione tra forze del sociale (private e pubbliche)
e nuovi stili di vita, affinché ciò sia possibile.
La Strada 3 parte dal presupposto che diffondere la pratica del volontariato di prossimità è anche
un modo per sviluppare la propensione all’impegno civico, all’interessamento per i problemi della comunità. È, dunque, una strada per alimentare l’impegno politico e ridurre i rischi che oggi
corre la democrazia. “Sostenere forme di democrazia partecipativa, sperimentare l’amministrazione condivisa tra istituzioni e cittadini” è il suo titolo. Per costruire una società equa e solidale,
grazie ai nuovi stili di vita, è indispensabile il sostegno a forme di democrazia partecipativa e
l’amministrazione condivisa tra cittadini attivi ed Istituzioni.
Infine, la Strada 5, che si concentra sulle Economie solidali e di comunità. Esistono significative
esperienze di solidarietà in varie parti d’Italia che hanno compreso la necessità di costruire
iniziative economiche, a livello comunitario, in grado di garantire nuove modalità di risposta ai
bisogni delle persone.
Riallacciandoci al nostro Quaderno, che segue la Strada 4, si vede come tutto ciò comporta un
adeguamento ai nuovi stili di vita ed allo sviluppo della solidarietà tra persone.
Come guardare
Ma prima di farne un elenco e ragionarci sopra, cerchiamo di condividere un metodo di osservazione, un binocolo che ci aiuti non solo a “ingrandire” ma anche a caratterizzare queste iniziative
onde trarne il massimo profitto possibile.
Il metodo per leggere (e studiare) iniziative complesse come quelle che ci accingiamo a considerare, per poterne trarre veramente profitto, deve qualificare alcuni aspetti:
* Gli ambiti, ossia i campi in cui si esprimono: nella sfera sociale (famiglia, scuola, salute …),
ambientale, ecc..
* Gli obiettivi che si prefiggono: primari o accessori, di breve o lungo periodo, l’utilità, la realizzabilità, le condizioni.
* Le strategie, ovvero i percorsi, le modalità operative, le alleanze che attivano, come percepiscono e si regolano di fronte a opportunità e ostacoli.
* Il coordinamento fra le altre forze in campo (gioco delle parti, collaborazione …).
* La conduzione: dalla pianificazione (fasi, tempi, …) alla gestione (attivazione, animazione,
controllo …).
In allegato un formato che può aiutare a rilevare (ma anche, a monte, a progettare) gli aspetti
più significativi delle esperienze e iniziative in campo.
Ecco alcune cime (montagne e colline)
Già a commento del capitolo precedente sugli ‘stili di vita’ abbiamo fatto riferimento a orientamenti e iniziative che vanno nella direzione giusta per puntare a risultati di miglioramento
della qualità della vita individuale e collettiva - pur in un periodo storico rappresentato da una
recessione che continua a persistere.
Qui vogliamo raccogliere una serie di esempi che abbiamo raccolto e che vorremmo fossero via
via integrati dall’esperienza dei lettori, nell’intento di offrire esempi di fattibilità, suscettibili di
disseminazione e ulteriori miglioramenti.
Non li proponiamo con una particolare classificazione perché preferiamo piuttosto che il lettore
si interroghi se e quali di questi progetti o realizzazioni trovi più consoni alla situazione in cui si
trova, alle condizioni che incontra, alle sensibilità e progettualità sue proprie e della comunità
in cui opera.
30
NUOVI STILI DI VITA
Quanto alla forma abbiamo scelto di allegare semplicemente delle “schede” di cui diamo qui
i titoli:
1. SpreK.O: prima manifestazione nazionale per la lotta allo spreco
2. Gruppo di Acquisto Ecologico Solidale - Monza: l’esperienza pilota di un GAES
3. Buon vicinato e social street - Bologna: la socialità recuperata grazie ai ‘social’
4. Geo Mundis - Milano: se ricicli ti premio!
5. Nonsolopane - Varese: condividere il bisogno, condividere il senso della vita
6. Le città come beni comuni - Bologna: un progetto di amministrazione condivisa
7. La Bottega del Terzo Settore - Ascoli Piceno: un luogo per fare rete
8. Nonni su Internet: esperienze a confronto
9. Briciole lucenti - Brescia: conti “solidali”
10. RKm0: ristrutturare? Sì, ma a chilometri zero
11. Busto nel cuore - Busto Arsizio: “Spesa sospesa”, “Pane in attesa” - Lecce: dare una
mano a chi non osa chiedere
12. Tavolo di Sviluppo di Comunità - Varese: riflettere assieme per cambiare il territorio
13. Ri-Maflow - Trezzano S.N.: dalla perdita del lavoro nasce il recupero della fabbrica
Luoghi da scoprire
31
3.1 SPREK.O.
Prima manifestazione nazionale per
la lotta allo spreco
“Lo spreco è un tema attualmente all’attenzione del dibattito pubblico, spesso, però,
trattato in modo frammentario e con riferimento a singoli ambiti. Di recente, il dibattito sullo spreco si è focalizzato, in maniera
quasi esclusiva, sul tema dei costi della politica, attribuito dunque a una ‘casta’, altra
dai cittadini, che, a volte, fa uso abnorme
e patologico delle risorse pubbliche. Sicuramente, questo tipo di spreco vi è e va combattuto con forza”, afferma Anna Lisa Mandorino,
Vicesegretario generale Cittadinanzattiva, sul
sito www.cittadinanzattiva.it in riferimento a
“SpreK.O.”, la prima manifestazione nazionale per la lotta allo spreco di Cittadinanzattiva,
movimento di partecipazione civica operante
in Italia e in Europa a tutela dei diritti di cittadini e consumatori. Tre giorni di laboratori,
32
workshop ed eventi per
imparare a riconoscere i
comportamenti sbagliati e combatterli
insieme, che si sono svolti a maggio 2014 nello
splendido scenario della Rocca Albornoziana di
Spoleto. In quest’occasione Cittadinanzattiva
ha voluto suggerire un modo nuovo per affrontare il tema dello spreco, che è una questione
trasversale che riguarda il modo in cui vengono utilizzati i beni comuni. Quest’argomento
colpisce l’attenzione ogni volta che se ne fa
NUOVI STILI DI VITA
un uso egoistico: “quando, cioè, risorse economiche, ambientali, paesaggistiche, umane
vengono mal utilizzate, abbandonate, private
di valore e progettualità. Se così è, per combatterlo, va messo in campo l’impegno di tutti gli attori, istituzioni, imprese, ricercatori,
mezzi di comunicazione, organizzazioni della
cittadinanza attiva e singoli cittadini. E tutti
gli attori ha cercato di coinvolgere la festa di
Spoleto, in momenti di approfondimento e di
dibattito”, dice Mandorino.
“Alcuni dati possono aiutarci a cogliere la
portata del fenomeno dello spreco, nei tre
ambiti sui quali si è concentrato l’evento:
il cibo, l’ambiente e il consumo di territorio, la salute. Il 42% dello spreco alimentare
avviene a casa, visto che ogni italiano getta nella spazzatura 76 kg di cibo l’anno con
uno spreco di 7 euro a settimana. Negli ultimi tre anni è stata invasa dal cemento una
area di 720 km quadrati, pari alla superficie
di Milano, Bologna, Firenze, Napoli e Palermo, con un costo stimato per la immissione
in atmosfera di CO2 di 130 milioni di euro,
500 milioni spesi a causa della impermeabilizzazione del suolo (per manutenzione e pulizia dei canali e delle fognature), ulteriori
90 milioni per importare i cereali dall’estero che avremmo potuto invece coltivare sui
nostri terreni”, riferisce il Vicesegretario.
Ogni anno finiscono nell’immondizia 316
euro pro capite di cibo tra quello che viene gettato senza essere consumato e quello
che si perde lungo la filiera tra produzione
e distribuzione. Per quanto riguarda l’acqua? Lo spreco raggiunge 1,2 milioni di metri cubici, che è la quantità che viene consumata ogni anno da 19 milioni di italiani.
L’evento di Spoleto ha puntato l’attenzione
anche su quello che tutti noi cittadini, singoli o organizzati, possiamo fare per evitare
gli sprechi. Nei confronti del cibo, dobbiamo
cercare di programmare meglio la spesa, ridurre i consumi, fare attenzione alle scadenze, dare una seconda vita agli avanzi. Il
ruolo del cittadino è fondamentale anche
nei confronti della filiera alimentare, dalla
produzione fino al consumo finale, collettivo
o singolo che sia. Nella rilevazione e segnalazione degli sprechi, nella produzione e diffusione di informazioni, nella partecipazione
in tutti i luoghi di programmazione e verifica
già previsti (come le commissioni mensa delle
scuole), nella promozione di progetti comuni
che coinvolgono tutti gli attori nella filiera.
“Anche rispetto allo spreco del’ambiente, il
potere e la responsabilità del singolo sono
fondamentali. I piccoli gesti quotidiani da
adottare sono molti: adottare la raccolta
differenziata, usare consapevolmente e con
misura le risorse disponibili, acquistare prodotti alimentari locali e stagionali, acquistare
elettrodomestici a basso consumo energetico
e preoccuparsi del loro riciclo una volta non
più funzionanti, diminuire l’uso delle auto
private scegliendo mezzi di trasporto alternativi, prediligere prodotti privi di imballaggi
non rinnovabili o voluminosi”, continua Mandorino.
“E il cittadino è chiamato direttamente in
gioco anche nei confronti degli sprechi in ambito sanitario, da una lato agendo da sentinella per rintracciare e segnalare corruzione,
irregolarità e disservizi. Dall’altro nel contribuire egli stesso alla riduzione degli sprechi
in quest’ambito”, conclude il Vicesegretario.
Cittadinanzattiva propone una soluzione tra
prevenzione, riciclo e innovazione. Prevenzione: se non sprechiamo siamo più ricchi e
non dobbiamo spendere per recuperare gli
sprechi. Riciclo: prima di buttare pensiamo se
possiamo dare nuova vita ai nostri ‘rifiuti’. Innovazione: cambiare modo di pensare passando dalla logica dell’emergenza a quella della
prevenzione.
Riferimenti:
www.cittadinanzainfesta.it
www.cittadinanzattiva.it/editoriale/attivismo-civico/6183-mettiamo-k-o-lo-spreco.
html
Luoghi da scoprire
33
3.2 GRUPPO DI ACQUISTO ECOLOGICO SOLIDALE - MONZA
L’esperienza pilota di un GAES
La crescente propensione alla partecipazione ai GAS, Gruppi di Acquisto Solidali, nasce
da una presa di coscienza della necessità di
un cambiamento profondo del nostro stile
di vita. Come tutte le esperienze di consumo critico, anche questa vuole rispondere non solo a motivazioni economiche, ma
anche a un ‘bisogno di eticità’ nel mercato, per orientarlo verso un’economia che
Aree
di sosta
metta al centro le persone e le relazioni.
Attualmente in Italia sono attivi più di
1200 gruppi, cui aderiscono 100.000 famiglie che acquistano circa 5 milioni di
euro al mese in beni di vario genere.
Uno dei GAS storici del nostro Paese si trova
alle porte di Monza, a Francesca Marotta di Villasanta. Nato nel 1999, coinvolge 36 famiglie
ed è un GAES, dove la E sta per ‘eco’. Quella
di Villasanta rappresenta infatti un’esperienza
pilota. Dal 2006 il GAES è diventato associazione, usano google drive per gestire gli ordini. Si
comprano insieme frutta, verdura, detersivi,
pane, vestiti e molto altro. L’energia elettrica
è acquistata da un fornitore etico e solidale.
Infatti, spesso oggi i GAS non si occupano più solamente di acquistare la spesa,
il gruppo di Villasanta rappresenta una
best practice: hanno adottato un produttore di energia verde e controllano
dall’inizio alla fine una filiera produttiva.
È in corso un esperimento per la costruzione di una economia “altra”, a partire dalle mille esperienze di economia solidale attive in
Italia: Il progetto “RES”, Rete di Economia Solidale.
Sul sito www.retecosol.org si può leggere: “Questo progetto in costruzione,
come sta avvenendo in diversi altri luoghi in giro per il mondo, segue la ‘strategia delle reti’ come pista di lavoro. Intende cioè rafforzare e sviluppare le
realtà di economia solidale attraverso la creazione di circuiti economici, in
cui le diverse realtà si sostengono a vicenda creando insieme spazi di mercato
finalizzato al benessere di tutti”.
Quando vari GAS si uniscono nascono le Reti come, ad esempio, il Desbri,
Distretto di Economia Solidale della Brianza, di cui fanno parte gasisti, produttori, cooperative e associazioni.
I distretti compongono le RES, Reti di Economia Solidale, che si riuniscono ogni
anno all’inizio dell’estate.
A vent’anni dalla nascita dei Gruppi di Acquisto Solidale (GAS), a Collecchio
(PR) dal 20 al 22 giugno 2014, si è tenuto l’incontro annuale dell’Economia
Solidale, promosso appunto dalla Rete Economia Solidale (RES) con il supporto
del Coordinamento Regionale dell’Economia Solidale Emilia Romagna (CRESER).
Riferimenti: www.incontronazionale.economiasolidale.net
34
NUOVI STILI DI VITA
3.3 BUON VICINATO E SOCIAL STREET - BOLOGNA
La socialità recuperata grazie
ai “social”
“L’idea della ‘social street’ ha origine dall’esperienza del gruppo Facebook ‘Residenti in
Via Fondazza a Bologna’ iniziata nel settembre
2013. L’obiettivo della Social Street è quello di
socializzare con i vicini della propria strada di
residenza al fine di instaurare un legame, condividere necessità, scambiarsi professionalità,
conoscenze, portare avanti progetti collettivi
di interesse comune e trarre quindi tutti i benefici derivanti da una maggiore interazione
sociale. Per raggiungere questo obiettivo a costi zero, ovvero senza aprire nuovi siti, o piattaforme, Social Street utilizza la creazione dei
gruppi chiusi di Facebook. Così Social Street si
presenta nell’homepage del sito www.socialstreet.it, ideato da Federico Bastiani, ideatore della capofila di via Fondazza. Il portale
mappa tutte le esperienze, fornisce il logo
gratuitamente e dà consigli ai nuovi arrivati:
“L’obiettivo primario è quello di socializzare
con persone del vicinato per venire incontro
a singole necessità quotidiane, aiuto concreto, condivisione di attività, scambio di pareri,
opinioni… le possibilità sono infinite. Non devono esserci finalità di lucro ma solo finalità
sociali. Il social street non porta avanti nessuna visione politica, religiosa, ideologica di alcun tipo, raggruppa le persone con l’unico criterio della vicinanza fra residenti nell’area”.
Sul sito vengono anche dispensati consigli su
come iniziare. I quattro passi da realizzare
sono: la realizzazione di un gruppo chiuso
su Facebook, la pubblicizzazione del gruppo
nel quartiere (ad esempio con locandine), la
gestione del gruppo (va alimentato con contenuti ed idee) e il passaggio dal virtuale al
reale. La parte più interessante del Social
Street è che i primi contatti avvengono su
Internet, ma poi ci si conosce nella vita reale. Le prime sono sorte in Emilia Romagna e
si stanno diffondendo nelle piccole e medie
città della Lombardia. Dal settembre 2013
sono nati in tutta Italia oltre 330 gruppi, tutti
informali. Solo Milano ne conta più di sessanta, in Lombardia seguono Bergamo, Brescia,
Lodi, Mantova, Varese e i centri più piccoli
Clusane d’Iseo (Brescia), Mortara (Pavia), San
Giuliano (Milano). Bologna conta 52 vie social, con cinquemila iscritti al sito. Ma anche
Roma, Torino, Palermo e Firenze cominciano
ad annoverare un discreto elenco di vie social.
Strade social sono nate anche in Portogallo,
Brasile, Nuova Zelanda, Croazia, presto sorgeranno anche in Germania e a Barcellona.
I gruppi si aiutano a vicenda quando c’è bisogno, si scambiano consigli sulla cena, c’è
chi cerca una baby sitter e chi organizza gite,
ad esempio. Si barattano libri, cibo e merce
varia. Molti gruppi curano il verde e gli spazi
comuni della città e si organizzano in accordo con i Comuni per sistemare il quartiere.
La socialità nasce, si riscopre, si ravviva grazie
anche ai social network, che diventano mezzo aggregante per trovarsi nella vita virtuale
e poi passare alla conoscenza vera, genuina
nella vita reale.
Riferimenti:
www.socialstreet.it
Luoghi da scoprire
35
3.4 GEO MUNDIS - MILANO
Se ricicli
ti premio!
“La prima raccolta punti ecologica e innovativa. Vieni premiato per riciclare!”. Con questa frase si vieni accolti sul sito
www.geomundis.it. L’obiettivo
del progetto Geomundis è la
promozione del riciclo e lo
sviluppo dell’economia del
territorio. L’idea è venuta a
tre under 30, William Santoro,
Gianni Quitadamo e Roberto
Alfieri, che hanno vinto FabriQ,
bando del Comune di Milano che
premia la migliore idea di start up.
Come funziona la raccolta punti? Geomundis
acquista apparecchi, per raccogliere plastica,
pet e alluminio, dati in comodato d’uso agli
esercizi commerciali che partecipano al progetto. La società si occupa dell’installazione,
della manutenzione e dello svuotamento degli ecocompattatori. I clienti vanno a fare la
spesa al supermercato, caricano le macchine
di bottiglie, latte, lattine, tappi, flaconi e in
cambio ricevono buoni sconto da spendere in
negozi convenzionati, che fanno la loro pubblicità sui raccoglitori. Geomundis, infatti, vive
grazie agli introiti pubblicitari, provenienti da
aziende che credono nel progetto, hanno una
36
filosofia di smart city e una
sensibilità verso gli aspetti di sostenibilità.
La società ha calcolato che una famiglia di
quattro persone in una settimana produce almeno venti contenitori di alluminio, plastica,
pet. Se introdotti nell’ecocompattatore danno diritto a un buono sconto da un euro, in
un anno una famiglia di quattro componenti
può recuperare un terzo della tassa dei rifiuti
pagata.
Riferimenti: www.geomundis.it
NUOVI STILI DI VITA
3.5 NONSOLOPANE - VARESE
Condividere il bisogno, condividere
il senso della vita
“NONSOLOPANE” è un’associazione senza
scopo di lucro, iscritta al registro regionale
delle ONLUS. Raccoglie, organizza e distribuisce derrate alimentari non deperibili, a
persone indigenti che risiedono nella provincia di Varese. “Condividere il bisogno,
condividere il senso della vita” è il principio
ispiratore di tutte le loro attività, il motto
che li accompagna sin dall’inizio. “Pensiamo che condividere sia il primo vero passo
da compiere sulla strada dell’aiuto” affermano sul sito www.nonosolopane.org.
Nata nel 1998, per iniziativa di quattro amici, trae spunto dall’esperienza della Giornata
Nazionale della Colletta Alimentare, promossa
dalla Fondazione Banco Alimentare ONLUS.
L’anno successivo si costituisce in ONLUS e
trova sede a Varese. L’associazione assiste
famiglie e persone bisognose e le aiuta a recuperare una condizione umana e sociale soddisfacente grazie alla consegna di pacchi di generi alimentari a domicilio. La raccolta degli
alimenti avviene presso la sede, poi vengono
successivamente suddivisi, immagazzinati,
impacchettati e infine vengono distribuiti alle
persone assistite nella Provincia di Varese.
La cadenza delle consegne permette di incontrare le persone con una certa frequenza,
monitorare la loro situazione, diventa anche un’occasione per instaurare un rapporto
con i destinatari, che si trasforma spesso in
sincera amicizia. In questo modo, l’associazione viene aggiornata sui loro progressi,
nel percorso di recupero di una condizione
di vita dignitosa: l’aiuto deve costituire lo
stimolo a “farcela con le proprie gambe”.
“NONSOLOPANE” può contare su oltre
100 volontari coinvolti, che oltre a portare materialmente il cibo, educano al
dono, alla gratitudine ed alla condivisione.
Riferimenti:
www.bancanonsolopane.org
www.bancononsolopane.org/video.php
Luoghi da scoprire
37
3.6 LE CITTÀ COME BENI COMUNI - BOLOGNA
Un progetto
di amministrazione condivisa
Il Comune di Bologna, con il supporto di Labsus
e del Centro Antartide e con il sostegno della
Fondazione del Monte, ha avviato un nuovo
progetto “Le città come beni comuni” fondato sul modello dell’amministrazione condivisa.
Questa sperimentazione intende fare della
partecipazione attiva dei cittadini alla cura
dei beni comuni urbani un tratto distintivo
dell’amministrazione cittadina. Si cerca di
raggiungere quest’obiettivo lavorando su due
ambiti: da un lato un lavoro sul funzionamento dell’amministrazione comunale per rendere regolamenti, organigrammi e procedure
orientati alle possibilità dei cittadini di attivarsi per la cura dei beni comuni, dall’altro
la sperimentazione di forme di gestione civica
di spazi pubblici su tre aree della città, scelte
grazie al coinvolgimento dei quartieri.
Questa nuova modalità di cura dei beni comuni prevede l’elaborazione e attivazione di una
normativa, la formazione specifica del personale comunale coinvolto, la ricognizione delle
esperienze di cittadinanza attiva esistenti nel
territorio bolognese. Si continua con il coinvolgimento sperimentale dei gruppi di cittadini attivi sulle zone scelte, la realizzazione
di attività ed opere effettuate tramite la loro
38
azione e la posa
delle basi per
il proseguimento del rapporto
amministrazione
- cittadini. A tutte le attività saranno affiancati
momenti e strumenti di comunicazione, interna
ed esterna, e di
monitoraggio del
lavoro in corso.
Le attività del progetto sono ideate in modo
da fare di Bologna una best practice, che
possa rappresentare un progetto pilota da
raccontare ed esportare in altre città. Si
lavorerà in modo che il metodo utilizzato
e migliorato possa essere adottato dal Comune di Bologna al termine del progetto
nelle zone coinvolte e in altre nuove aree.
Sul sito www.cittabenicomuni.it/bologna è
scaricabile il “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura
e la rigenerazione dei beni comuni urbani”
a disposizione di “quanti vogliano leggerlo,
consultarlo e immaginare l’applicazione per
il proprio Comune”. “In cambio aspettiamo
le nuove versioni del regolamento che verranno poi approvate e applicate sui diversi
territori, nell’ottica di un wiki-regolamento,
uno strumento che si amplia, si migliora e
si perfeziona nel tempo, mantenendo anche quella diversificazione, tra i principi
fondanti del testo, che tiene conto anche
delle specificità locali dei diversi Comuni”.
Il progetto “Le città come beni comuni” è portato avanti grazie al supporto di Labsus e del Centro Antatride e al
sostegno della Fondazione Del Monte.
NUOVI STILI DI VITA
Labsus Laboratorio per la sussidiarietà è un’associazione animata da vo-
lontari e studiosi che, grazie alla propria rivista on-line, propone un nuovo modo
di concepire il rapporto fra istituzioni e cittadini. L’attività di Labsus si basa
sulla convinzione, sostenuta dai fatti, che i cittadini non sono solo portatori
di bisogni ma anche di capacità che possono essere messe a disposizione della comunità per dare vita all’“amministrazione condivisa”, un nuovo modello
di amministrazione, che si fonda sul rapporto di collaborazione tra cittadini e
pubblica amministrazione per la cura dei beni comuni materiali e immateriali.
Il Centro Antartide dal 1992 opera nel campo dell’educazione e della comunicazione ambientale e sociale. Interviene in particolare sui temi dello
sviluppo sostenibile e della resilienza, del risparmio idrico, della mobilità
sostenibile e della sicurezza stradale, dei rifiuti, dell’energia, della qualità
urbana e della promozione della salute, della cittadinanza attiva e della gestione partecipata dei beni comuni.
Il Comune di Bologna è partner del progetto.
La Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna contribuisce alla salvaguardia
ed allo sviluppo del patrimonio artistico e culturale, al sostegno della ricerca
scientifica ed allo sviluppo delle comunità locali.
Aree
di sosta
Riferimenti:
www.cittabenicomuni.it/bologna
www.labsus.org; www.centroantartide.it
3.7 LA BOTTEGA DEL TERZO SETTORE - ASCOLI PICENO
Un luogo per fare rete
Verrà inaugurata ad Ascoli all’inizio del 2016,
in un palazzo dei primi del ‘900 che ospitava
l’ex cinema Olimpia, il primo cinema ascolano
progettato dall’architetto Vincenzo Pilotti ed
inaugurato il 9 marzo del 1915 che era ormai
abbandonato . È stato scelto il nome Bottega
perché evoca il lavoro artigiano, fatto dalle
mani: l’obiettivo è quello di costruire il senso
della consapevolezza e dell’appartenenza. La
Fondazione Carisap ha acquistato l’edificio e
lo sta ristrutturando, nello stesso palazzo sorgerà anche la nuova sede della Fondazione.
Il recupero dell’edificio storico prevede il restauro di ciò che resta del palazzo del Pilotti,
con la conservazione delle facciate originali.
Il valore del progetto Bottega del Terzo Settore risiede nella novità del processo di collaborazione con gli attori del Terzo Settore
locale e non solo: la struttura sarà il luogo
fisico permanente di incontro e collaborazione. Il Presidente della Fondazione Carisap,
Vincenzo Marini Marini, ha annunciato che la
proprietà della struttura resterà della Fondazione (che provvederà anche a sostenere
i costi di funzionamento), mentre la gestione sarà affidata alle organizzazioni di Terzo
Settore. “La qualità della vita nella nostra
comunità spesso dipende dalla presenza,
dall’esistenza, dall’efficienza del Terzo Settore” ha affermato il Presidente Marini Marini.
Alcuni sponsor (Microsoft, Samsung, Easydom)
permetteranno alla Bottega di essere all’avanguardia in fatto di domotica e di accessibilità.
Riferimenti:
www.fondazionecarisap.it/verso-la-bottegadel-terzo-settore/
Luoghi da scoprire
39
3.8 NONNI SU INTERNET
Esperienze a confronto
L’esperienza di Varese
Uno dei soggetti promotori dell’iniziativa “Nonni su Internet” è l’Ufficio Scolastico di Varese ed il territorio di riferimento comprende Varese e Como.
“Sul territorio di Varese e provincia sono
già 11 le scuole che hanno attivato un corso di questo genere, coinvolgendo decine di
Aree
di sosta
giovani e anziani”, ha affermato Luca Piergiovanni, coordinatore dei corsi per l’Ufficio Scolastico Provinciale di Como e Varese.
In occasione del seminario “Insieme si può”,
organizzato dal Coordinamento Volontariato di Varese, il progetto “Nonni su Internet”
promosso dalla Fondazione Mondo Digitale e
presentato da Luca Piergiovanni, è stato definito come uno dei progetti più innovativi nel
campo del volontariato del territorio varesino.
“Gli studenti, chiamati anche ‘Volontari del
21° Secolo’, donano il loro tempo e le loro
conoscenze alle persone più anziane. Decostruiscono il loro sapere per trasmetterlo
con il giusto linguaggio, dedizione, pazienza
e responsabilità, ai nonni del paese che altrimenti sarebbero per sempre esclusi da
certi meccanismi della società odierna. La
possibilità infatti di leggere le riviste online, di organizzare un viaggio, di comunicare
velocemente con parenti e amici con i programmi dedicati (skype, ad esempio), di conoscere nuove persone grazie ai SocialMedia,
o anche soltanto di visitare il sito del proprio
Il progetto “Nonni su Internet” è attivo dal 2002 su tutto il territorio nazionale, è il piano di alfabetizzazione digitale per gli over sessanta. Nelle undici edizioni realizzate fino all’anno scolastico 2013/2014 si
sono diplomati 19.000 internauti senior (nonne e nonni), guidati da 15.500
studenti tutor e da 1.400 insegnanti coordinatori. Il modello di apprendimento intergenerazionale coinvolge 18 regioni italiane e 9 paesi della Comunità Europea: Belgio, Irlanda, Romania, Spagna, Regno Unito, Svizzera, Grecia, Repubblica Ceca, Regno Unito (in corso di valutazione).
Finora sono oltre 900 i computer dismessi dalle aziende e raccolti dalle scuole e più di 50 i partner delle azioni progettuali in Italia e all’estero coinvolti in ‘alleanze ibride’. Ogni edizione si arricchisce di un lavoro multimediale che tutor e nonni costruiscono insieme per fare
pratica con il pc: dalla redazione di un dizionario on line dei giochi di un tempo all’album fotografico digitale con le foto d’epoca.
Per altre informazioni:
Riferimenti: www.mondodigitale.org, www.nonnisuinternet.it
40
NUOVI STILI DI VITA
Comune o gestire il proprio conto postale o
bancario”, ha continuato Piergiovanni, “tutte queste possibilità diventano realtà grazie
all’azione di alunni delle scuole primarie,
medie e superiori che dedicano alcune ore
delle loro giornate ad istruire i nonni e aiutarli a diventare ‘cittadini digitali’. I nonni,
dal canto loro, trasmettono ai ragazzi la loro
voglia di apprendere, di scoprire nuove cose,
i loro valori che, se pur relativi ad una società che per molti versi non esiste più, rimangono e rimarranno i valori più importanti
della vita. Uno scambio intergenerazionale,
utile alla costruzione di una società inclusiva
della conoscenza”, ha concluso Piergiovanni.
Esperienze in Sardegna
I corsi del progetto “Nonni su Internet” si svolgono nelle aule informatiche delle scuole di
ogni ordine e grado. I partecipanti sono i cittadini del territorio over 60: possono essere
i nonni reali degli studenti oppure iscritti ai
Centri sociali anziani o ad altre associazioni. Per ogni scuola che aderisce all’iniziativa
vengono formate classi di 20/25 anziani. I
docenti sono i ragazzi delle scuole coordinati da un insegnante esperto nelle tecnologie
informatiche e telematiche. Il rapporto didattico ottimale è di un tutor ogni due anziani.
Il programma del corso, dedicato a veri principianti, è strutturato in modo da completare
con un ciclo di 15 lezioni da 2 ore ciascuna l’abc
del computer: dall’accensione alla navigazione in internet, dall’uso della posta elettronica
ai social network. La presentazione delle varie periferiche collegabili al pc (fotocamera,
scanner ecc.) è anche occasione per aiutare
gli anziani a familiarizzare con le nuove tecnologie della comunicazione (telefonia mobile,
televisione digitale terrestre, iPod, Iptv ecc.).
Luoghi da scoprire
41
3.9 BRICIOLE LUCENTI - BRESCIA
Conti “solidali”
Il progetto “Briciole Lucenti” della Caritas diocesana a Brescia ha raggiunto 1.001 “aperture”
di nuovi conti e permette di riversare sul territorio oltre 100mila euro “solidali”. Di cosa si
tratta? Fondo Briciole Lucenti è finalizzato a sostenere le famiglie in difficoltà a seguito delle
ripercussioni della crisi economico finanziaria:
per ogni Conto per Brescia del Credito Cooperativo di Brescia viene devoluta la somma di 100 euro alle famiglie in difficoltà.
I soggetti che possono accedere al Fondo sono
le Caritas che si sono attivate nell’accompagnare la risposta al bisogno e chiedono una
compartecipazione (fino al 50%) a copertura
delle erogazioni concesse per piccole spese
2011 il Fondo Briciole Lucenti ha contributo
a sostenere 265 famiglie, nel 2012 sono state
455 le famiglie beneficiarie, quasi raddoppiate nel 2013, anno in cui quest’iniziativa ha
permesso il supporto a 849 famiglie (3444 persone) con una compartecipazione alle Caritas
locali di più di 227mila euro.
Con quest’iniziativa è stato creato “un vero
e proprio ponte di solidarietà tra le famiglie che hanno di più e quelle che hanno meno, con un messaggio decisamente
positivo anche sotto il profilo pastorale”, ha affermato il Direttore della Caritas diocesana, il diacono Giorgio Cotelli.
Riferimenti:
http://www.brescia.caritas.it/Nuovo_sito/
Opere_Segno/Mano_fraterna/11107.html
3.10 RKm0
Ristrutturare? Sì,
ma a chilometri
zero
riguardanti la casa (canoni di affitto, spese
condominiali, utenze domestiche), l’istruzione (rette scuola, mensa, trasporto), la salute.
Si sta registrando un aumento notevole, di
anno in anno, delle famiglie beneficiarie. Nel
42
“Le nostre città sono luoghi di aggregazione
e con l’Italia di oggi serve soprattutto imboccare una strada per invertire la crisi in corso. È necessario che facciamo scelte chiare
e obiettive, per noi e la convivenza con gli
altri, ammettendo partecipazione ai processi di crescita e aiuto reciproco. Il paradigma del lavoro sta cambiando e noi con lui”.
Con queste parole la start up RKm0, ideata
dall’architetto Giulia La Face e on line da
aprile 2014, introduce il suo progetto: una
piattaforma che fa incontrare la domanda e
l’offerta nell’ambito della ristrutturazione
edilizia pubblica e privata, in chiave sostenibile, mettendo in comunicazione tutte le
figure professionali coinvolte nel processo.
Di cibo a chilometri zero ne sentiamo spesso
parlare, ma di ristrutturazioni è decisamente
più raro. La piattaforma si chiama “chilometro zero” perché incoraggia la promozione
NUOVI STILI DI VITA
e la valorizzazione dell’uso e riuso di materiali locali attraverso la geo-localizzazione
delle imprese, degli edifici da ristrutturare
(o ristrutturati) e degli studi professionali.
Quali sono gli attori coinvolti? I professionisti,
quindi tutti gli operatori del mercato nei settori
dell’architettura e dell’ingegneria, ma anche
designers, restauratori, paesaggisti, agronomi. Inoltre, le imprese, con la promozione della sostenibilità ambientale, dell’uso di energie
alternative e del riciclaggio di materiali. Ancora, i gestori pubblici (Stato, Province, Regioni, Comuni, ecc. in quanto gestori o utenti
di spazi); proprietari, affittuari o utilizzatori
privati degli spazi che necessitano di lavori di
ristrutturazione o rinnovo; gli acquirenti finali.
Avete un edificio da ristrutturare e avete bisogno di un’idea o di un architetto? Potete
caricare le informazioni sul sito, il servizio
è gratuito. Volete segnalare un edificio in
disuso? Potete cliccare sul sito per promuovere gratuitamente la sua ristrutturazione.
Inoltre, sul portale si può accedere alle vetrine e alla base dati georeferenziata delle imprese e dei professionisti che producono materiali e forniscono servizi vicino alla tua zona.
Riferimenti:
www.ristrutturazionechilometrizero.it
3.11 BUSTO NEL CUORE - BUSTO ARSIZIO E “PANE IN ATTESA” - LECCE
Dare una mano a chi non osa chiedere
L‘associazione socio-culturale Busto nel
Cuore di Busto Arsizio (Varese) ha dato vita
all’iniziativa “Spesa sospesa”.
Paola Magugliani, la fondatrice, racconta: “La nostra città è sempre stata ricca, ma negli
ultimi due anni le cose sono cambiate. L’idea della spesa sospesa ci è venuta per
dare una mano a chi non osava chiedere”.
A partire da aprile 2014 nei negozi aderenti è esposto un salvadanaio vicino alla cassa, dove i clienti possono mettere il resto o
qualche spicciolo. Alla fine della settimana
il commerciante apre il salvadanaio e utilizza il contenuto per offrire pane, pasta,
carne e altro alle persone più bisognose.
Questo meccanismo semplice e spontaneo si sta
diffondendo in tutta Italia. La “spesa sospesa”
richiama l’usanza del “caffè sospeso”, ovvero
il caffè pagato che i clienti possono lasciare al
bar a beneficio delle persone più indigenti, che
non hanno la possibilità di pagarlo. Allo stesso
modo, si sta diffondendo anche il “pane sospeso”.
A Lecce è in corso un’iniziativa, partita sempre ad aprile 2014, dal nome “Pane in attesa”. Nata dall’idea di Andrea Guido, Assessore alle Politiche Ambientali, si svolge con lo
stesso meccanismo: il negoziante raccoglie
le offerte dei clienti e acquista pane (ma
anche biscotti e pasta) quando si presentano delle persone povere che chiedono aiuto.
Stesso nome, stesso meccanismo ma altra città. A Padova un gruppo di 13 studenti della
triennale in Scienze Psicologiche della personalità di Padova ha deciso di collaborare insieme
all’interno del corso di Psicologia di Comunità
del prof. A. Vieno per promuovere il progetto,
attivo da fine giugno 2014. La partenza è stata
ottima, 17 panetterie hanno subito scelto di
aderire mostrando il logo “pane in attesa”: si
può lasciare una qualsiasi offerta, anche piccola, che serve per acquistare del pane da far
rimanere in attesa di un successivo cliente. Il
Luoghi da scoprire
43
fornaio provvede a segnalarne la presenza e
questo pane può essere messo a disposizione
di chiunque decida di accettare il “regalo”.
“Quello che ci ha mosso nel cercare di realizzare l’idea non è unicamente il tentativo
di aiutare chi è in difficoltà ma di creare un
legame silenzioso e invisibile tra chi conosce e
partecipa all’iniziativa, che ci possa ricordare di come ciascuno di noi faccia parte della
comunità in cui vive”, raccontano i promotori
dell’iniziativa sul sito.
Riferimenti:
www.bustonelcuore.it
www.paneinattesa.altervista.org
3.12 TAVOLO DI SVILUPPO DI COMUNITÀ - VARESE
Riflettere assieme per cambiare
il territorio
L’inizio ufficiale del “lavoro in rete” dell’Associazione Genitori di San Fermo risale al 2001,
quando per incontrare nel migliore dei modi gli adolescenti del quartiere gli educatori
di strada della Coop. Naturart decisero di convocare gli adulti del territorio per condividerne il progetto, trovare forme di collaborazione, leggere meglio il disagio adolescenziale.
La seconda fase del progetto è stata chiamata “Tavolo dell’orecchio” che “voleva rendere l’idea
della necessità di essere in ascolto del territorio”, ha affermato Nicoletta Ballerio, vicepresidente
dell’Associazione Genitori di San Fermo, durante il convegno “Insieme si può” di presentazione per
il tavolo dello sviluppo delle comunità di quartiere di S. Fermo a Varese, che si è svolto a maggio 2013.
Nella terza fase il Tavolo si è trasformato in un Tavolo vero e proprio di Sviluppo di Comunità grazie
al rilancio avviato con una serie di focus group a cui hanno partecipato diversi referenti del territorio ad ideare soluzioni a misura del quartiere. Da qui sono nate le proposte “per” il quartiere. “Il
lavoro che si svolge oggi al Tavolo di Sviluppo di Comunità tenta di essere più concreto possibile e
più vicino alle esigenze del territorio: non è un gruppo politico né un organo tecnico-specialistico,
ma un contesto in cui si scambiano opinioni su cosa stia succedendo sul territorio, su cosa serva
“qui e ora” e su cosa si possa fare concretamente per ottenerlo, cercando di attivare, dove possibile, le stesse persone che qui vivono ogni giorno”, ha affermato Ballerio durante il convegno.
San Fermo è stato il primo quartiere di Varese a sperimentare e a accettare così bene la metodologia di “lavoro di rete”. Dal 2012 grazie al progetto “Tangram infinite soluzioni per solidi legami di
comunità” finanziato da Fondazione Cariplo, altri tre rioni di Varese hanno intrapreso i loro Tavoli
di Sviluppo di Comunità, guardando al tavolo di San Fermo come un positivo modello da riproporre.
44
NUOVI STILI DI VITA
3.13 RI-MAFLOW - Trezzano sul Naviglio
Dalla perdita del lavoro
nasce il recupero della fabbrica
Un gruppo di lavoratrici e lavoratori, in grande maggioranza licenziati
dalla Maflow di Trezzano sul Naviglio, chiusa definitivamente nel dicembre 2012, ha recuperato la fabbrica, riconvertendola da automotive
verso il riuso e il riciclo di apparecchiature elettriche ed elettroniche
e sta dando vita a una vera e propria Cittadella dell’altraeconomia.
Luoghi da scoprire
Tutto ha avuto inizio
nell’estate del 2012,
quando dopo mesi di
lotte per il rilancio di
MAFLOW Boryszew e di
ricerche senza successo di un nuovo lavoro
si insinua fra i cassintegrati MAFLOW S.p.A.
l’idea di costituire una
Cooperativa, una Società di Mutuo Soccorso,
in cui il lavoro invece
che cercato all’esterno, dove non c’è, venga creato dall’interno,
e permetta a tutti di
sostenersi. Viene individuato il settore in cui
la Cooperativa debba lavorare, ecologico, quello del riciclo dei rifiuti,
soprattutto tecnologici,
ma non esclusivamente,
e viene individuata una
possibile
collocazione
presso il sito di Trezzano
(di proprietà di Unicredit) dove è ormai chiaro
che la “nuova” MAFLOW
Boryszew sta morendo
e dove non si prevede
l’arrivo di altre aziende.
Cuore dell’attività della
Ri-Maflow è il recupero
45
degli apparecchi elettronici e il loro smaltimento finale, ma la fabbrica occupata e autogestita dagli operai è diventata un centro in
cui si svolgono tante altre attività: il mercato
dell’usato, quello ortofrutticolo, concerti, rappresentazioni musicali e teatrali, mostre, un
bar, una biblioteca e anche un piccolo ostello
nel quale vivono cinque immigrati. Cercando di
prendere esempio dalle fabbriche argentine,
come la Zanon. Un reddito vero ancora non ce
l’hanno, “ma riusciamo a sopravvivere e a essere padroni del nostro destino”, dicono loro.
“Una serie di attività collaterali sono diventate funzionali a poter reggere il core business della nostra cooperativa”, racconta Luigi
Malabarba della Ri-Maflow. “Abbiamo un GAS
(Gruppo di Acquisto Solidale) che abbiamo
chiamato ‘Fuori mercato’ che ha una funzione molto importante: è diventato una piattaforma logistica per i produttori del parco
agricolo a sud di Milano. Questi produttori
sono stati salvati dalla concorrenza a più basso costo che fanno i grandi supermercati e la
grande distribuzione organizzata riconvertendosi al biologico e alla salvaguardia dell’ambiente e anche pagando il giusto prezzo della
manodopera. Si sono alleati con noi per fare
una distribuzione anche al circuito dei GAS di
Milano, quindi oltre ad avere il nostro GAS di
Trezzano offriamo anche un sostegno alla logistica per questi produttori, per poter fare
46
lo smaltimento finale dei prodotti elettrici ed
elettronici, che sappiamo che oggi per l’80%
vanno in discarica. Noi vogliamo recuperarli
perché, come si dice per i maiali che niente va perso, anche per i prodotti elettrici
ed elettronici si può recuperare ogni singolo
materiale e metterlo in circolazione. Per ora
noi ci limitiamo a fare delle riparazioni degli
elettrodomestici meno usurati e, con qualche
piccolo ritocco, li rimettiamo sul mercato e
li rivendiamo al nostro mercato dell’usato.
La gestione prevede che sia l’assemblea dei
lavoratori e delle lavoratrici, che si riunisce
settimanalmente, ad organizzare la pianificazione di tutte le attività; c’è, inoltre, un
coordinamento eletto dall’assemblea che si
riunisce sempre una volta a settimana e serve a tradurre operativamente le decisioni
dell’assemblea e, quindi, a istruire l’assemblea successiva. Non esiste nessuna gerarchia,
pensiamo che questo sia un modello molto
funzionale, che serve a responsabilizzare
ognuno rispetto alle scelte da fare, non c’è
qualcuno che impone delle cose ma tutte le
cose devono essere costruite con il consenso”, afferma Luigi Malabarba della Ri-Maflow.
Riferimenti:
www.rimaflow.it e anche: http://video.
repubblica.it/edizione/milano/trezzanoviaggio-nella-fabbrica-gestita-dagli-operai/163227/161717
NUOVI STILI DI VITA
D
alla nostra costituzione nel 1978 come Mo.V.I. – Movimento di Volontariato Italiano – abbiamo una ben precisa idea di volontariato. Un volontariato che crede nel proprio ruolo politico, inteso come azione collettiva
per migliorare il mondo a partire dal territorio dove siamo radicati. Crediamo in un impegno politico – non partitico – del volontariato, complementare e non sostitutivo dei servizi, di collaborazione con le istituzioni,
ma capace anche, quando serve, di critica e denuncia, senza confondere
ruoli e responsabilità.
Un volontariato inteso come impegno gratuito di cittadinanza attiva per
la tutela dei beni comuni e per la costruzione di una società fondata sulla
pace, la solidarietà, la difesa dei diritti delle persone e dei popoli e la
salvaguardia dell’ambiente.
Come organizzazioni e gruppi aderenti al Mo.V.I. siamo convinti dell’importanza di tenere viva l’originalità dell’apporto del volontariato alla vita
sociale del Paese, iniziando dalle comunità locali dove viviamo. Una rete
di volontariato, quindi, che opera per collegare e sostenere i volontari e
le loro organizzazioni, favorirne la crescita culturale, il coordinamento
dell’azione e l’efficacia operativa.
Ma in questi ultimi anni ci siamo accorti che questo non è sufficiente rispetto all’imperante crisi finanziaria, economica e culturale in cui siamo
inesorabilmente scivolati. Occorre interrogarsi sulle priorità e sul modello
di società che vogliamo costruire. Cosa vuol dire oggi fare solidarietà in
un’Italia in crisi di valori e in crisi sociale? Proviamo a dare alcune risposte
in questi quaderni, dove l’impegno del Mo.V.I. unisce in modo nuovo i temi
tradizionali del volontariato con i temi dell’impegno civile, cresciuto in
questi ultimi anni su diverse battaglie come acqua, nucleare, beni comuni
e ambiente.
MOVIMENTO DI VOLONTARIATO
ITALIANO
Via del Casaletto , 400
00151 - Roma
tel. 06-6538261
E-mail: [email protected]
www.movinazionale.it
Movimento di
Volontariato
Italiano
47
Grazie al progetto RETI PER IL CAMBIAMENTO sostenuto dalla
fondazione con il sud, il Mo.V.I. ha realizzato due strumenti di comunicazione:
moviduepuntozero
quando l’informazione diventa partecipazione
per promuovere la cultura del volontariato e della cittadinanza attiva tramite l’utilizzo delle applicazioni del web 2.0. Ci proponiamo
di stimolare la propositività dei cittadini e il loro dialogo con le Istituzioni, dando il nostro contributo al miglioramento della vita della
comunità. Le nostre redazioni territoriali sono aperte a tutti quelli
che intendono sperimentare forme di giornalismo civico-partecipativo. La versione cartacea ha cadenza trimestrale per consentire la
sua diffusione tra chi non accede con facilità al web.
moviduepuntozero app
strumento di approfondimento su temi che spaziano dalla solidarietà
alla partecipazione democratica, dai beni comuni ai nuovi stili di
vita, dal volontariato alla cittadinanza attiva, dall’economia sostenibile al welfare di comunità. Puoi consultare e scaricare la versione
pdf dei primi 5 quaderni dal sito www.moviduepuntozero.it .
48
NUOVI STILI DI VITA
moviduepuntozero app
I 5 quaderni del Movimento di Volontariato Italiano:
Quaderno n. 1
Strade nuove
per scoprire il piacere della
prossimità
a cura di Alfonso Gentile
Quaderno n. 2
Strade nuove
per imparare l’utilizzo dei
beni comuni
a cura di Gianluca Cantisani
Quaderno n. 3
Strade nuove
per sperimentare forme di
democrazia partecipativa
a cura di Ferdinando Siringo
Quaderno n. 4
Strade nuove
per praticare nuovi
stili di vita
a cura di Gianpaolo Bonfanti
Quaderno n. 5
Strade nuove
per conoscere e sostenere
economie solidali
a cura di Giovanni Serra
49
L
a comunicazione ha di fronte a sé nuovi compiti: individuare linguaggi capaci
di trasmettere il valore di un gesto e il senso di un impegno per rinnovare la
società in cui viviamo.
Il Mo.V.I. – grazie al progetto Reti per il Cambiamento, sostenuto dalla Fondazione
con il Sud – con la collana di quaderni moviduepuntozero APP vuole costruire un
ponte operativo tra il percorso culturale elaborato al suo interno e le esperienze
e testimonianze di solidarietà e cittadinanza presenti nel nostro Paese.
Questo quaderno affronta il tema dei nuovi stili di vita, invitandoci a cominciare
a lavorare su di noi se davvero vogliamo perseguire equità e solidarietà. Un
pensiero di certo controcorrente giacché oggi domina il tornaconto individuale,
la furbizia nelle relazioni a proprio e unico vantaggio, l’individualismo che
sacrifica il collettivo, la tendenza a sfruttare spazi e risorse senza preoccuparsi
del loro impoverimento, l’attenzione quasi esclusiva al breve che ignora fino a
compromettere il futuro.
Contrastare l’impoverimento dell’Italia e dell’Occidente riducendo le
disuguaglianze, senza ridurre l’impegno per la giustizia nel mondo, curando
nel contempo di non dilapidare le risorse del pianeta. Un compito non facile
ma possibile che richiede di agire con responsabilità, coraggio e fantasia. Le
esperienze qui illustrate ne sono un esempio perché hanno saputo coinvolgere
la cittadinanza nell’utilizzo e salvaguardia dei beni comuni, così da poterli
consegnare non impoveriti nelle mani dei nostri figli e nipoti.
Il Mo.V.I. si è impegnato a praticare nuovi stili di vita. E tu?
Il quaderno
“Strade nuove per praticare nuovi stili di vita”
è stato curato da Gianpaolo Bonfanti
Responsabile nazionale area comunicazione Mo.V.I.
PROGETTO
Movimento di
Volontariato
Italiano
50
CON IL SOSTEGNO DI
NUOVI STILI DI VITA
Fly UP