...

Sicurezza dei prodotti alimentari

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Sicurezza dei prodotti alimentari
LE POLITICHE
D E L L’ U N I O N E
EUROPEA
Dai campi
alla tavola:
alimenti sicuri
e sani per tutti
Sicurezza
dei prodotti
alimentari
P r o t egger e l a s al ut e um an a
e gl i in t er es s i d ei c o n s um at o r i
INDICE
Perché abbiamo bisogno
di una politica europea
di sicurezza alimentare . . . . . . . . . . . 3
LE POLITICHE
DELL’UNIONE EUROPEA
Questa pubblicazione fa parte di una serie che illustra le
varie politiche europee, spiegando quali sono le competenze
dell’Unione europea e quali risultati ha ottenuto.
La strategia dell’UE . . . . . . . . . . . . . . 5
In cosa consiste la politica
europea di sicurezza alimentare . . . 6
Prospettive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Per saperne di più . . . . . . . . . . . . . . . 16
Le pubblicazioni sono disponibili online:
http://ec.europa.eu/pol/index_it.htm
http://europa.eu/!VF69Kf
Funzionamento dell’Unione europea
L’Europa in 12 lezioni
Europa 2020: la strategia europea per la crescita
I padri fondatori dell’Unione europea
Affari esteri e politica di sicurezza
Affari marittimi e pesca
Agenda digitale
Agricoltura
Aiuti umanitari e protezione civile
Allargamento
Ambiente
Azione per il clima
Banche e finanza
Bilancio
Commercio
Concorrenza
Consumatori
Cooperazione internazionale e sviluppo
Cultura e settore audiovisivo
Dogane
Energia
Fiscalità
Frontiere e sicurezza
Giustizia, diritti fondamentali e uguaglianza
Imprese
Istruzione, formazione, gioventù e sport
Lotta antifrode
Mercato interno
Migrazione e asilo
Occupazione e affari sociali
Politica regionale
Ricerca e innovazione
Salute
Sicurezza dei prodotti alimentari
Trasporti
Unione economica e monetaria ed euro
Le politiche dell’Unione europea
Sicurezza dei prodotti alimentari
Commissione europea
Direzione generale della Comunicazione
Informazioni per i cittadini
1049 Bruxelles
BELGIO
Ultimo aggiornamento: novembre 2014
Copertina e illustrazione a pag. 2:
© iStockphoto.com/Oliver Hoffmann
16 pagg. — 21×29,7 cm
ISBN 978-92-79-42447-2
doi:10.2775/78552
Lussemburgo, Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione
europea, 2014
© Unione europea, 2014
La riproduzione è autorizzata. Per l’uso o la riproduzione
di singole fotografie, occorre chiedere l’autorizzazione
direttamente al titolare del copyright.
S I C U R E Z Z A
3
A L I M E N T A R E
Perché abbiamo bisogno di una politica
europea di sicurezza alimentare
Proteggere la salute delle persone, degli animali e delle
piante in ogni singola fase del processo di produzione
alimentare è una priorità essenziale per la salute
pubblica e l’economia. La politica europea di sicurezza
alimentare punta a garantire che i cittadini dispongano
di alimenti sicuri e nutrienti ottenuti da piante e animali
sani e che l’industria alimentare – il più grande settore
in Europa in termini di produzione e occupazione – possa
operare nelle migliori condizioni possibili.
La politica dell Unione europea (UE) salvaguarda
la salute lungo tutta la catena «agroalimentare»
– vale a dire ogni fase del processo di produzione,
dall’agricoltore al consumatore – evitando la
contaminazione degli alimenti e promuovendo l’igiene
alimentare, l’informazione sui prodotti, la salute delle
piante e la salute e il benessere degli animali.
La politica europea di sicurezza alimentare persegue tre
obiettivi generali:
• garantire che i prodotti alimentari e il mangime degli
animali siano sicuri e nutrienti;
• assicurare un elevato livello di protezione delle piante
e della salute e del benessere degli animali;
• fornire informazioni adeguate e trasparenti sull’origine,
il contenuto/l’etichettatura e l’utilizzo dei prodotti
alimentari.
La politica di sicurezza alimentare presenta una
dimensione transfrontaliera, poiché la maggior parte
del cibo che mangiamo proviene da altri paesi. L’UE
è un mercato unico all’interno del quale i prodotti,
compresi quelli alimentari, possono essere venduti
liberamente. Ciò offre al consumatore una scelta molto
più ampia e a prezzi più bassi grazie all’aumento della
concorrenza, rispetto a una situazione in cui i prodotti
alimentari possono essere venduti solo all’interno dei
confini nazionali. Ma significa anche che la maggior
parte delle norme più importanti riguardanti la qualità
e la sicurezza devono essere fissate a livello europeo.
Non ci sarebbe libero scambio se ogni prodotto dovesse
essere controllato in ogni singolo paese in base a norme
diverse. La presenza di norme eterogenee permetterebbe
inoltre ai produttori di alcuni paesi di beneficiare di
un vantaggio concorrenziale sleale. Inoltre, poiché la
politica agricola nel suo insieme è di competenza dell’UE,
quest’ultima può influenzare la qualità e la sicurezza
dei nostri alimenti attraverso le norme e i finanziamenti
concordati per il settore agricolo.
Grazie alla normativa dell’UE, i cittadini europei godono
di uno dei più elevati standard di sicurezza alimentare
a livello mondiale. Lungo l’intera catena agroalimentare
vengono effettuati controlli obbligatori per garantire
che i prodotti vegetali e gli animali siano sani e che gli
alimenti e i mangimi siano sicuri, di elevata qualità,
adeguatamente etichettati e conformi alle rigorose
norme dell’UE.
Nell’era della globalizzazione è molto difficile
mantenere queste norme. Vediamone alcune:
• impedire alle malattie degli animali e delle piante di
entrare e diffondersi nell’UE;
© iStockphoto/morganl
Le norme dell’UE
garantiscono la sicurezza
degli alimenti.
4
• prevenire la trasmissione delle malattie dagli animali
all’uomo; attualmente ci sono oltre 200 malattie che
possono essere trasmesse dagli animali all’uomo
attraverso il cibo, ad esempio la salmonella;
• garantire norme comuni in tutta l’UE per proteggere
i consumatori ed evitare la concorrenza sleale;
• proteggere il benessere degli animali;
• garantire ai consumatori informazioni chiare
e trasparenti sui contenuti e l’origine dei prodotti
alimentari.
• contribuire alla sicurezza alimentare nel mondo
e offrire alle popolazioni un accesso sufficiente ad
alimenti sicuri e di qualità: si calcola che entro il
2030 il mondo dovrà sfamare 8 miliardi di persone,
abituate sempre di più a diete ricche di carne; la
produzione alimentare mondiale deve aumentare di
almeno il 40 % per soddisfare questo fabbisogno
e l’80 % di questo aumento dovrà venire da colture
più intensive.
L E
P O L I T I C H E
D E L L ’ U N I O N E
E U R O P E A
Cinque fatti della politica alimentare
dell’UE
—— L’industria agroalimentare è il secondo settore
economico dell’UE, con più di 48 milioni di
addetti e un fatturato annuo di circa 750
miliardi di euro.
—— I prodotti alimentari non possono recare
indicazioni sulla salute a meno che non siano
state dimostrate scientificamente e autorizzate
dalla Commissione europea.
—— La politica europea di eradicazione delle
malattie degli animali ha contribuito a ridurre il
numero annuale di casi di encefalopatia
spongiforme bovina da 2 124 a 18 nell’ultimo
decennio.
—— A seguito dell’introduzione di programmi di
controllo della salmonella negli allevamenti di
pollame, il numero di casi di S. Enteritidis
nell’uomo è sceso del 60 % tra il 2007 e il
2011.
—— L’Europa è leader mondiale della produzione di
sementi: il 60 % delle esportazioni mondiali di
sementi e di materiale riproduttivo vegetale
proviene dall’UE.
S I C U R E Z Z A
5
A L I M E N T A R E
La strategia dell’UE
I principi di base della politica europea di sicurezza
alimentare sono definiti nella legislazione alimentare
generale dell’UE, adottata nel 2002. L’obiettivo generale
è agevolare il libero scambio di prodotti alimentari in tutti
i paesi dell’Unione garantendo lo stesso livello elevato di
tutela dei consumatori in tutti i paesi membri.
I principi di base
La legislazione alimentare dell’UE si basa sui
seguenti principi comuni che vanno applicati in tutti
i paesi membri dell’Unione:
La legislazione dell’UE disciplina un’ampia gamma di
questioni riguardanti i prodotti alimentari in generale
e la sicurezza degli alimenti in particolare, comprese
le informazioni sui prodotti alimentari e il benessere
degli animali. Inoltre, essa regolamenta tutte le fasi
della catena alimentare (produzione dei mangimi per
animali e degli alimenti, trasformazione, magazzinaggio,
trasporto, importazione, esportazione e vendita al
dettaglio). Questo approccio integrato garantisce la
tracciabilità, dai campi alla tavola, di tutti gli alimenti e i
mangimi prodotti e venduti nell’UE e offre ai consumatori
informazioni esaurienti sul contenuto del loro cibo.
—— tutela della salute pubblica e della salute e del
benessere degli animali e dei vegetali;
La legislazione alimentare dell’UE stabilisce altresì
i principi per l’analisi dei rischi, indicando come, quando
e da parte di chi vengono effettuate le valutazioni
scientifiche e tecniche per garantire un’adeguata tutela
degli esseri umani, degli animali e dell’ambiente.
—— controlli rigorosi e verifiche periodiche;
Questo approccio comune assicura l’applicazione di
standard minimi in tutta l’UE. Inoltre, aiuta i paesi membri
a prevenire e controllare le malattie e a gestire i rischi
in materia di sicurezza degli alimenti e dei mangimi in
maniera coordinata, efficiente ed efficace sotto il profilo
dei costi.
—— analisi dei rischi e pareri scientifici indipendenti;
—— precauzione;
—— tracciabilità dell’origine di tutti i prodotti;
—— trasparenza e informazioni chiare e univoche
sui prodotti alimentari e i mangimi;
—— responsabilità chiaramente definite per tutti
i soggetti della catena agroalimentare; spetta
soprattutto a questi ultimi garantire la
sicurezza dei prodotti immessi sul mercato;
—— formazione e istruzione.
6
L E
P O L I T I C H E
D E L L ’ U N I O N E
E U R O P E A
In cosa consiste la politica europea
di sicurezza alimentare
I consumatori dovrebbero avere la certezza che
gli alimenti che acquistano in Europa sono sicuri.
Le prime norme comunitarie in materia d’igiene
alimentare risalgono al 1964. Da allora sono state
progressivamente trasformate in uno strumento
proattivo, globale e coerente per la tutela della salute
dell’uomo, degli animali, dei vegetali e dell’ambiente.
Queste norme contribuiscono altresì a garantire la
fluidità degli scambi di prodotti alimentari e mangimi.
medicinali veterinari, pesticidi e contaminanti come le
diossine.
Principio di precauzione e pareri
scientifici
Additivi e aromi
La politica alimentare dell’UE si basa su dati scientifici
concreti e su un’approfondita valutazione dei rischi.
Le istituzioni dell’UE sono guidate dai lavori dei
comitati scientifici e dai pareri scientifici indipendenti
di organismi come l’Autorità europea per la sicurezza
alimentare (EFSA).
L’EFSA è stato istituita nel 2002 e ha sede a Parma.
Effettua le valutazioni dei rischi prima che determinati
prodotti alimentari possano essere venduti nell’UE.
Inoltre, fornisce pareri scientifici alla Commissione
europea e ai paesi dell’UE per aiutarli a prendere
decisioni valide a tutela dei consumatori. L’EFSA
svolge anche un ruolo fondamentale nell’aiutare l’UE
a rispondere tempestivamente alle crisi in materia di
sicurezza alimentare.
Controlli
© iStockphoto/pushlama
La normativa europea prevede rigorosi controlli per
garantire che tutti i prodotti immessi nella catena
alimentare siano conformi agli standard. Si esamina
l’eventuale presenza di residui nocivi derivanti da
I regolamenti dell’UE per la tutela delle persone, degli animali
e dell’ambiente si basano su valutazioni scientifiche.
Le aziende agricole e le imprese alimentari sono
soggette anche alle visite degli ispettori dell’UE. Le
autorità nazionali eseguono controlli ai confini esterni
dell’Unione per garantire che i generi alimentari e gli
animali provenienti dai paesi extra-UE rispettino le norme
europee.
Gli additivi e gli aromi sono sostanze chimiche aggiunte
intenzionalmente agli alimenti per migliorarne il sapore,
la consistenza e l’aspetto o conservarli più a lungo.
Queste sostanze sono regolamentate per evitare che
mettano a rischio la salute umana.
Tutti gli additivi alimentari utilizzati nell’UE — compresi
i conservanti, i coloranti e gli edulcoranti — sono
controllati scientificamente prima che se ne autorizzi
l’uso per garantire che siano sicuri per i consumatori.
Questi controlli vengono effettuati caso per caso. Spesso
le sostanze autorizzate vengono utilizzate in dosi
prestabilite in determinati prodotti alimentari. Le norme
dell’UE prevedono altresì che gli additivi utilizzati figurino
chiaramente sulla confezione del prodotto.
Le sostanze aromatizzanti possono essere utilizzate negli
alimenti solo se è stato dimostrato scientificamente
che non comportano rischi per la salute. Finora l’UE ha
approvato oltre 2 100 sostanze aromatizzanti e altre 400
sono attualmente oggetto di analisi da parte dell’EFSA.
Limiti di sicurezza per i materiali
a contatto con gli alimenti
Il termine «materiali a contatto con gli alimenti»
comprende tutti gli oggetti che entrano in contatto
con i prodotti alimentari, per esempio gli imballaggi,
i macchinari per la trasformazione, le posate e le
stoviglie. Le norme dell’UE fissano i requisiti di base per
garantire che tali materiali siano sicuri. Ad esempio, tutte
le sostanze utilizzate per la produzione di imballaggi di
plastica devono essere sottoposte ad una valutazione
della sicurezza da parte dell’EFSA prima che se ne
autorizzi l’impiego. L’attuale normativa stabilisce che
i materiali a contatto con gli alimenti non devono indurre
reazioni chimiche che potrebbero modificare il gusto,
l’aspetto, la consistenza o l’odore del prodotto o alterarne
la composizione chimica.
7
A L I M E N T A R E
Limitare gli additivi per mangimi e i
residui di prodotti fitosanitari e veterinari
Le norme UE prevedono che gli additivi per mangimi,
i medicinali veterinari e i prodotti fitosanitari siano
sottoposti ad una valutazione scientifica completa
per dimostrare che sono sicuri per gli esseri umani, gli
animali e l’ambiente prima che se ne possa autorizzare
l’uso. In caso contrario, sono vietati. A volte l’UE fissa
una soglia massima per la presenza di residui nei
mangimi.
Batteri, virus e parassiti possono costituire un grave
rischio per la salute pubblica se non si applicano
rigorose procedure di igiene alimentare. I casi di
salmonella (pollame), listeria (prodotti lattiero-caseari,
carni e prodotti della pesca) ed encefalopatia
spongiforme bovina (carni bovine) sono tra i più noti.
© iStockphoto/SimplyCreativePhotography
Per proteggere i cittadini da questi rischi, la normativa
europea prevede un approccio globale e coordinato
in materia di igiene lungo tutta la catena alimentare
e in tutti i paesi dell’UE. La responsabilità principale
spetta naturalmente ai produttori e venditori di generi
alimentari, che sono tenuti ad applicare i programmi
obbligatori di autocontrollo. Nel 2003 l’UE ha introdotto
in tutti i paesi membri un programma di controllo
della salmonella negli allevamenti di pollame. Questi
programmi garantiscono che vengano adottate misure
adeguate ed efficaci per individuare e controllare la
presenza della salmonella e di altri batteri zoonotici
in tutte le fasi della catena di produzione. L’UE adotta
misure preventive, soprattutto a livello di produzione
primaria, in modo da ridurre la prevalenza di questi
batteri e i rischi che presentano per la salute pubblica.
Oltre a questi interventi sono previste altre misure di
controllo lungo la catena alimentare, ad esempio nelle
fasi di macellazione, trasformazione, distribuzione,
vendita al dettaglio e preparazione degli alimenti.
Le norme dell’UE promuovono un approccio globale
e coordinato all’igiene dei prodotti alimentari.
CASI E FOCOLAI DI SALMONELLA
REGISTRATI NELL’UE DAL 2007 AL 2011
25
500
casi di
S. Enteritidis/100 000
20
focolai di sottospecie
di salmonella causati
da uova e ovoprodotti
400
15
300
10
200
5
100
0
2007
2008
2009
2010
2011
Numero di focolai
Migliorare l’igiene alimentare
Grazie a questo sistema, tra il 2007 e il 2011 i casi
di salmonellosi nell’uomo sono diminuiti del 60,5 %
e i casi connessi alle uova e agli ovoprodotti del 42,3 %
(da 248 focolai si è scesi a 143).
Casi di S. Enteritidis/100 000 abitanti
S I C U R E Z Z A
0
Ridurre la contaminazione
dei prodotti alimentari
Le norme dell’UE sui contaminanti si basano sul
principio secondo il quale il livello di contaminanti
deve essere mantenuto il più basso possibile attuando
le buone prassi. Per alcuni contaminanti (ad esempio
diossine, metalli pesanti e nitrati) sono state fissate
delle soglie massime, basate su pareri scientifici, per
tutelare la salute pubblica.
Promuovere una migliore nutrizione
Nell’UE, cinque dei sette maggiori fattori di rischio
di morte precoce sono legati a ciò che mangiamo
e beviamo: ipertensione, colesterolo, indice di massa
corporea, basso consumo di frutta e verdura e abuso
di alcol. Spetta ai singoli paesi membri, non all’UE,
introdurre adeguate misure di salute pubblica per far
fronte a queste sfide. Tuttavia, alcune iniziative sono
coordinate a livello di UE, ad esempio nell’ambito della
«piattaforma d’azione europea su dieta, attività fisica
e salute» e del «gruppo ad alto livello sulla nutrizione
e l’attività fisica». Entrambi riuniscono rappresentanti di
tutta Europa per affrontare i problemi di salute legati
all’alimentazione, tra cui l’obesità e il diabete.
8
L E
P O L I T I C H E
D E L L ’ U N I O N E
E U R O P E A
Prodotti alimentari per gruppi specifici
© iStockphoto/Brosa
Alcuni alimenti destinati a gruppi specifici della
popolazione (neonati, bambini ecc.) sono soggetti
a norme più particolareggiate per garantire un’adeguata
composizione nutrizionale e informare il consumatore.
Una migliore nutrizione può aiutare ad evitare i rischi per la
salute.
Sostenere l’innovazione in campo
alimentare
I «nuovi» prodotti alimentari sono prodotti o ingredienti
che in passato non venivano utilizzati spesso per il
consumo umano. In base alla definizione giuridica
dell’UE, il loro primo impiego risale al 1997. Gli esempi
includono il sucromalt, una miscela di saccaridi
(edulcoranti) ricca di maltosio, e la gomma di guar, una
sostanza simile alla farina bianca ottenuta da semi
di guar. Per entrambi i prodotti l’UE ha autorizzato la
commercializzazione nel 2010.
Tutti i nuovi prodotti o ingredienti alimentari autorizzati
per la vendita nell’UE sono stati sottoposti a una
valutazione scientifica della sicurezza. Al momento
del rilascio dell’autorizzazione le autorità competenti
fissano le condizioni specifiche relative alle modalità di
consumo e di etichettatura di tali prodotti o ingredienti.
Etichette più chiare
Le norme dell’UE in materia di indicazioni nutrizionali
e sulla salute disciplinano i casi in cui i produttori
vogliono presentare un prodotto alimentare come
benefico per la salute, con frasi sull’etichetta o nella
pubblicità come ad esempio «contribuisce alla normale
funzione del vostro cuore» o «riduce il colesterolo». Ciò
è consentito solo se l’affermazione è scientificamente
comprovata e confermata da una valutazione da parte
dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare.
Oltre alle 31 indicazioni nutrizionali consentite, nel
maggio 2012 l’UE ha deciso di autorizzare altre
222 indicazioni sulla salute dopo aver esaminato più di
4 600 domande.
Promuovere i prodotti alimentari
tradizionali e di elevata qualità
Le norme sull’etichettatura rendono più semplice
individuare gli alimenti biologici, i prodotti di qualità
o gli alimenti prodotti con modalità particolari. Per
i prodotti legati a una determinata origine geografica
vengono utilizzati logo specifici dell’UE: denominazione
di origine protetta (DOP) e indicazione geografica
protetta (IGP). Per quelli preparati o fabbricati con
metodi tradizionali: specialità tradizionale garantita
(STG).
Il logo biologico dell’Unione europea può essere
applicato su tutti gli alimenti biologici preconfezionati
prodotti nell’UE. Garantisce che sono stati fabbricati in
conformità con le norme di produzione biologica dell’UE.
© iStockphoto/dlewis33
Grazie alle norme europee in materia di etichettatura
i consumatori ricevono informazioni precise
e complete sul contenuto e sulla composizione dei
prodotti alimentari, il che li aiuta a compiere scelte
informate su ciò che mangiano. Gli alimenti devono
essere muniti di un’etichetta ben visibile con le
principali informazioni sugli allergeni e sul valore
nutrizionale, tra cui le calorie e il contenuto di grassi,
grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale.
Le etichette alimentari devono inoltre contenere
informazioni sul produttore, il venditore, l’importatore,
le condizioni di conservazione e, in alcuni casi, le
modalità di preparazione. Le etichette devono essere
non rimovibili, ben visibili e facili da leggere e da
comprendere.
Precise indicazioni sulla salute
Nell’UE i prodotti alimentari devono recare informazioni chiare
sull’etichetta riguardo al valore nutrizionale, al contenuto e alla
produzione.
S I C U R E Z Z A
9
A L I M E N T A R E
Alla fine del 2012 vi erano 1 138 prodotti registrati
come DOP, IGP o STG, tra cui, ad esempio, lo
champagne (DOP), il prosciutto di Parma (IGP) e la birra
gueuze (STG).
CASI DI SALMONELLOSI NELL’UE
250 000
200 000
150 000
Promuovere la salute degli animali
e ridurre le malattie degli animali
La legislazione UE sulla salute degli animali si basa
sul principio «prevenire è meglio che curare». Quando
si sviluppano focolai di malattie animali, l’UE attua un
piano di emergenza per contenere la loro diffusione,
proteggere gli animali a rischio e limitare l’impatto della
crisi sugli agricoltori, l’economia e la società.
Ogni anno, l’UE fornisce un sostegno finanziario per
prevenire e monitorare le diverse epizoozie. Tra le misure
figurano i programmi di vaccinazione, la sperimentazione
animale, le cure e il risarcimento per l’abbattimento. Nel
complesso, questi programmi hanno contribuito a ridurre
l’incidenza di diverse malattie nell’UE, tra cui la rabbia, la
BSE e la salmonellosi.
Inoltre, nel 2012 l’UE ha avviato una serie di studi
sulla perdita di colonie di api e una ricerca sul virus
Schmallenberg, un nuova infezione virale che colpisce
i bovini, gli ovini e i caprini e che è stata identificata per
la prima volta nel 2011.
Al primo sospetto di focolaio di malattia scatta l’obbligo
di applicare le misure di controllo dell’UE: restrizioni sugli
spostamenti, vaccinazione e abbattimento obbligatorio
degli animali per evitare la diffusione dell’epizoozia. L’UE
dispone inoltre di stock di vaccini per talune malattie
animali che rischiano di trasformarsi in epidemie.
CASI DI BSE NELL’UE
2 500
2 000
1 500
50 000
0
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
Prevenire la trasmissione della malattia
dagli animali all’uomo
Le zoonosi sono malattie come la salmonellosi e la
tubercolosi che possono essere trasmesse dagli animali
all’uomo e viceversa e in quanto tali rappresentano un
grosso fattore di rischio per la salute pubblica. Le norme
dell’UE garantiscono che le malattie degli animali siano
controllate e che solo gli animali sani e i loro prodotti
entrino nella catena alimentare. L’UE finanzia anche la
ricerca sulle zoonosi.
La spesa dell’UE per la sicurezza
alimentare
Negli ultimi 10 anni l’UE ha speso
3,3 miliardi di euro per la politica di sicurezza
alimentare, di cui 2,2 miliardi per programmi di
eradicazione di determinate malattie animali.
Il progetto di bilancio dell’UE per queste attività nel
periodo 2014-2020 ammonta a 2,2 miliardi di euro,
suddivisi tra le seguenti priorità:
—— eradicazione delle epizoozie,
1 000
500
0
100 000
2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
—— fondo di emergenza per le patologie veterinarie,
compresi i laboratori di riferimento dell’UE,
i programmi di formazione e le banche di
vaccini.
© iStockphoto/lillisphotography
10
L E
P O L I T I C H E
D E L L ’ U N I O N E
E U R O P E A
Il benessere degli animali è considerato un elemento
essenziale della «buona pratica agricola». Ciò significa
che gli agricoltori devono rispettare le norme minime
per poter beneficiare di un sostegno nell’ambito
della politica agricola comune. Per alcuni animali da
allevamento si applicano ulteriori disposizioni. Ad
esempio, l’UE vieta le gabbie «non modificate» per
l’allevamento delle galline in batteria, poiché prive di
spazio per il nido e il posatoio.
Un efficace sistema di tracciabilità per
gli animali vivi e i prodotti alimentari
e mangimi di origine animale
Le condizioni di vita delle galline ovaiole sono disciplinate
dalla legislazione dell’UE sul benessere degli animali.
Garantire il benessere degli animali
La politica dell’UE in materia di benessere degli
animali si basa sul principio, definito nel trattato UE,
che riconosce gli animali come «esseri senzienti»
dotati di coscienza. L’articolo 13 del trattato sul
funzionamento dell’Unione europea stabilisce infatti
che «nella formulazione e nell’attuazione delle politiche
dell’Unione nei settori dell’agricoltura, della pesca, dei
trasporti, del mercato interno, della ricerca e sviluppo
tecnologico e dello spazio, l’Unione e gli Stati membri
tengono pienamente conto delle esigenze in materia
di benessere degli animali, rispettando nel contempo
le disposizioni legislative o amministrative e le
consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda,
in particolare, i riti religiosi, le tradizioni culturali e il
patrimonio regionale».
Le norme dell’UE riguardanti il benessere degli animali
sono tra le più rigorose al mondo e sanciscono una
serie di libertà fondamentali: libertà dal disagio, dalla
fame, dalla sete, dalla paura, dall’angoscia, dal dolore,
dalle lesioni e dalle malattie e libertà di comportarsi in
modo naturale. Da quando furono introdotte le prime
norme in materia di benessere degli animali nel 1974,
si è sviluppata una politica europea per disciplinare
diversi aspetti.
Il sistema informatico veterinario integrato Traces
garantisce la tracciabilità degli animali vivi e dei
prodotti alimentari e mangimi di origine animale che
entrano nell’UE e circolano sul suo territorio. Il sistema
collega le autorità veterinarie all’interno e all’esterno
dell’UE e consente ai servizi veterinari e alle imprese di
reagire tempestivamente in caso di rischi per la salute.
Se necessario, i prodotti sono ritirati rapidamente dal
commercio.
La normativa europea sulla tracciabilità impone l’obbligo
di marchiare i bovini, i suini, gli ovini e i caprini con un
numero di identificazione a vita. Ciò aiuta le autorità
e i servizi veterinari a registrare tutti i loro movimenti in
caso di insorgenza di una malattia.
Tutti gli animali vivi e tutti le grandi partite di prodotti di
origine animale che entrano nell’UE devono anche essere
accompagnati da un certificato sanitario (convalidato da
un veterinario ufficiale) che conferma che soddisfino
i requisiti di base dell’UE in materia di salute degli
animali.
© iStockphoto/BrianAJackson
Tra questi figurano il divieto di testare i prodotti
e gli ingredienti cosmetici sugli animali e le norme
specifiche per il trattamento degli animali al momento
della macellazione. Esistono inoltre norme rigorose
sul trasporto degli animali. I tragitti superiori a 8 ore,
ad esempio, possono essere effettuati soltanto con
veicoli ufficialmente autorizzati e dotati di sistemi di
abbeveraggio e di controllo della temperatura a bordo.
Ogni giorno nell’UE vengono importate e vendute
numerose partite di animali vivi e di prodotti di origine
animale. Per far sì che questi trasferimenti avvengano in
tutta sicurezza si applicano procedure rigorose.
Nell’UE il bestiame deve essere marchiato in modo da poter
risalire alle sue origini.
S I C U R E Z Z A
11
A L I M E N T A R E
© iStockphoto/AndreasReh
Facilitare i viaggi con animali domestici
Le norme europee contribuiscono a garantire che gatti,
cani e furetti da compagnia possano viaggiare in modo
sicuro da un paese dell’UE all’altro. Nel 2004 l’UE ha
introdotto il «passaporto per gli animali domestici», che
contiene tutte le informazioni necessarie sull’identità
dell’animale e il suo stato di salute, compresi i dati sulle
vaccinazioni, i test e/o i trattamenti antiparassitari. Ciò
contribuisce a prevenire la diffusione di malattie quali
la rabbia. Al sistema aderiscono anche Andorra, Monaco,
Norvegia e Svizzera.
Promuovere a livello internazionale
le norme sul benessere degli animali
L’UE lavora in stretta collaborazione con organismi
internazionali quali l’Organizzazione per l’alimentazione
e l’agricoltura (FAO) e l’Ufficio internazionale delle
epizoozie (UIE) per svolgere un’opera di sensibilizzazione
e introdurre norme sul benessere degli animali
riconosciute a livello internazionale. Inoltre, l’UE
promuove il benessere degli animali quando firma accordi
commerciali con gli altri paesi del mondo o negozia nuovi
accordi.
Fermare la diffusione dei parassiti
Con una produzione vegetale di 205 miliardi di euro
l’anno, investire nella salute delle piante è essenziale
per garantire la sostenibilità e la competitività
dell’agricoltura, dell’orticoltura e della silvicoltura nell’UE.
Senza la protezione offerta dalla normativa dell’UE in
campo fitosanitario, questi settori sarebbero esposti
a diverse minacce, con notevoli conseguenze a livello
economico. Ad esempio, la produzione europea di agrumi
(per un valore di 4 miliardi di euro) subirebbe gravi danni
se il cancro degli agrumi dovesse raggiungere l’Unione.
L’insetto è stato recentemente individuato negli Stati
Uniti, che hanno speso finora più di 800 milioni di euro in
risarcimenti e trattamenti. Le norme dell’UE ci proteggono
dai parassiti con rigorosi requisiti e condizioni per
l’importazione e la circolazione dei prodotti all’interno
dell’Unione. Vi sono anche ispezioni periodiche durante la
stagione di crescita e immediatamente dopo il raccolto.
Le norme dell’UE garantiscono inoltre che i prodotti
antiparassitari non costituiscano un rischio per la salute
umana o per l’ambiente.
Proteggere il materiale riproduttivo
vegetale
Il materiale riproduttivo vegetale (sementi e giovani
piante) è un elemento fondamentale per la produzione
La salute delle piante è essenziale per raggiungere l’obiettivo
generale della sicurezza alimentare nell’UE.
agricola, orticola e forestale. In quanto primo anello
della catena alimentare e dei mangimi, incide in
maniera significativa sulla diversità, la qualità e la
salute delle colture. Nel 2012, sono state registrate
per la commercializzazione nell’UE 19 580 varietà di
coltivazioni agricole e 18 450 varietà di ortaggi.
Nello stesso anno, il mercato di sementi commerciali
dell’UE è stato valutato a circa 6,8 miliardi di euro,
pari a oltre il 20 % del mercato mondiale. Il 60 % delle
esportazioni mondiali di sementi proviene dall’UE. Inoltre,
il settore del materiale riproduttivo vegetale è altamente
innovativo, con ingenti investimenti nella ricerca. L’UE
ha istituito un sistema che concede diritti di proprietà
intellettuale alle nuove varietà vegetali, denominato
«privativa comunitaria per ritrovati vegetali».
Il trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche
per l’alimentazione e l’agricoltura costituisce il quadro
generale di riferimento per l’accesso alle risorse genetiche
delle piante agricole. L’UE e tutti i paesi membri lo hanno
ratificato. L’accordo tipo sul trasferimento del materiale
(SMTA) è un elemento importante del trattato. Consiste
in un modello di contratto tra due parti private, in cui la
prima parte concede alla seconda il diritto di utilizzare
alcune risorse genetiche ed entrambe concordano
di condividere i benefici derivanti dall’eventuale
commercializzazione dei prodotti ottenuti con tali risorse.
Il trattato copre oltre 1,5 milioni di campioni e ogni anno
sono circa 444 000 i trasferimenti approvati mediante
l’accordo SMTA.
12
L E
P O L I T I C H E
D E L L ’ U N I O N E
E U R O P E A
Gli organismi geneticamente modificati (OGM) sono
organismi le cui caratteristiche genetiche vengono
alterate artificialmente per conferire loro nuove
caratteristiche. Si tratta ad esempio di piante o colture
resistenti alla siccità, agli erbicidi o a determinati insetti
o che hanno un maggiore valore nutritivo.
L’immissione sul mercato di OGM nell’UE è soggetta
a severi controlli. Questi organismi possono essere
utilizzati solo previa autorizzazione, che viene rilasciata
solo se sono considerati sicuri per gli esseri umani, gli
animali e l’ambiente. Una volta immessi sul mercato,
vanno sottoposti a controlli adeguati per rilevare
eventuali effetti imprevisti.
Gli OGM possono essere autorizzati sia per gli alimenti
che per i mangimi e/o la coltivazione. Le domande di
autorizzazione sono gestite a livello europeo secondo
la procedura stabilita dalla pertinente legislazione
dell’UE. La procedura comprende una valutazione della
domanda da parte dell’Autorità europea per la sicurezza
alimentare (EFSA) e delle autorità nazionali dei paesi
dell’UE. La Commissione può proporre l’autorizzazione
di un OGM solo a seguito di una valutazione favorevole
del rischio da parte dell’EFSA. Successivamente gli
Stati membri votano la proposta di autorizzazione
della Commissione nell’ambito di un comitato di
regolamentazione.
L’autorizzazione di un OGM a livello dell’UE non impedisce
tuttavia agli Stati membri di adottare clausole di
salvaguardia a livello nazionale se si rilevano gravi rischi
per la salute o per l’ambiente.
I prodotti contenenti, costituiti da o ottenuti a partire
da OGM autorizzati devo essere etichettati, tranne se
contengono una percentuale inevitabile e non intenzionale
di OGM inferiore a 0,9 %. Le norme sull’etichettatura
non si applicano ai prodotti derivati da animali nutriti
con mangimi contenenti OGM. La Commissione sta
conducendo uno studio esplorativo sui regimi di
etichettatura «senza OGM» per valutare l’eventuale
necessità di un’armonizzazione in questo campo.
Il sito http://ec.europa.eu/food/dyna/gm_register/
index_en.cfm contiene un elenco degli OGM autorizzati
nell’UE.
Garantire l’uso sicuro dei pesticidi
I prodotti fitosanitari, comunemente noti come pesticidi,
vengono utilizzati principalmente per difendere le
colture dai danni provocati da parassiti e malattie. Il loro
© iStockphoto/StoykoSabotanov
Un sistema rigoroso per l’autorizzazione
e la commercializzazione degli
organismi geneticamente modificati
L’UE fissa la soglia massima consentita di residui
di antiparassitari presenti negli alimenti e nei mangimi.
uso è regolamentato in maniera rigorosa nell’UE per
assicurare che le sostanze chimiche che contengono non
producano effetti secondari indesiderati sulle persone
o sull’ambiente. Nessun prodotto fitosanitario può essere
utilizzato o venduto nell’UE finché non ne è stata valutata
attentamente la sicurezza in base alle previste condizioni
di impiego.
Le sostanze attive utilizzate nei prodotti fitosanitari
sono sottoposte a un rigoroso processo di approvazione,
che richiede una valutazione approfondita da parte
dell’EFSA per quanto riguarda l’impatto sulla salute
dell’uomo e degli animali e sull’ambiente. Sulla base
di tale valutazione, la Commissione europea decide
se autorizzare o meno l’uso di una sostanza a livello
dell’UE. Data la grande diversità di esigenze agricole
e di condizioni climatiche e ambientali nell’UE, spetta
in ultima analisi ai singoli paesi membri autorizzare
e controllare l’immissione sul mercato dei prodotti
fitosanitari contenenti sostanze attive approvate.
In circostanze specifiche, la Commissione europea può
limitare in maniera significativa i possibili impieghi di
una sostanza attiva, se lo ritiene necessario per gestire
in maniera coordinata alcuni rischi che potrebbero
compromettere la salute dell’uomo, degli animali
e dell’ambiente.
Le norme dell’UE in materia di pesticidi prevedono anche
dei «livelli massimi di residui» di antiparassitari nei
prodotti alimentari e nei mangimi.
Efficaci sistemi di allarme rapido
Il sistema di allarme rapido dell’UE per gli alimenti
e i mangimi (RASFF) è stato introdotto nel 1979
e consente lo scambio rapido di informazioni sui prodotti
alimentari e i mangimi fra tutti i soggetti competenti
a livello nazionale ed europeo. Permette inoltre ai
governi di intervenire in maniera rapida e coordinata per
prevenire i rischi in materia di sicurezza alimentare, ad
esempio mediante il ritiro dei prodotti dal mercato. Nel
2012 sono state trasmesse tramite il sistema RASFF
ben 3 424 notifiche. In più della metà dei casi le autorità
hanno bloccato le importazioni alla frontiera esterna
S I C U R E Z Z A
13
A L I M E N T A R E
dell’Unione perché non conformi con le norme europee
sulla sicurezza alimentare.
tutte le prove o analisi necessarie per verificare il rispetto
delle norme.
Questo sistema ha consentito all’UE di reagire
tempestivamente per proteggere i consumatori, ad
esempio nel 2011, a seguito del focolaio di E. coli, e nel
2013, quando in diversi paesi dell’UE sono state rilevate
tracce di carne di cavallo nei prodotti spacciati per carne
bovina. I controlli di tracciabilità sono stati avviati il
giorno stesso e da allora l’UE ha proposto un nuovo piano
d’azione per combattere le «frodi alimentari», rivedere il
sistema di verifiche e introdurre sanzioni pecuniarie più
severe.
Gli ispettori dell’Ufficio alimentare e veterinario della
Commissione europea (UAV) svolgono audit presso le
autorità nazionali e controllano che le norme comunitarie
siano applicate in tutta l’UE. Sono inoltre attivi nei paesi
che si preparano ad aderire all’Unione e in quelli che
esportano animali, piante, prodotti alimentari e mangimi
verso l’UE.
Europhyt è un altro sistema di allarme rapido dell’UE.
Riguarda i prodotti vegetali che vengono importati e sono
oggetto di scambi all’interno dell’UE. Il sistema serve
a prevenire l’introduzione e la diffusione di malattie delle
piante e di parassiti.
I controlli alle frontiere dell’UE sulle importazioni
di piante, animali, prodotti alimentari e mangimi
sono essenziali per tutelare la salute pubblica, degli
animali e dei vegetali e garantire che tutti i prodotti
importati rispettino le norme europee e possano essere
commercializzati nell’UE in condizioni di sicurezza.
I controlli variano a seconda dei prodotti e dei potenziali
pericoli che presentano per la salute.
Rispetto delle norme: controlli regolari
all’interno dell’UE
Spetta innanzitutto agli operatori del settore assicurare
che i prodotti alimentari che immettono sul mercato
siano sicuri.
I rigorosi controlli eseguiti dalle autorità dei paesi membri
garantiscono il costante rispetto degli elevati standard
dell’UE per gli alimenti e i mangimi.
I controlli vengono effettuati regolarmente su tutti
gli operatori della catena agroalimentare da autorità
indipendenti, imparziali e competenti. Queste ultime
devono utilizzare tecniche e metodi d’avanguardia e si
avvalgono di una vasta rete di laboratori ufficiali per
L’UE effettua regolarmente dei controlli per assicurarsi che
i generi alimentari siano sicuri.
Controlli ufficiali alle frontiere dell’UE
Ad esempio, le partite di animali vivi o di piante possono
entrare nell’UE solo attraverso punti d’ingresso designati
dopo aver superato una serie di controlli specifici. Ad
alcuni alimenti, mangimi e prodotti di origine animale
(lana, pelli, embrioni, sottoprodotti di origine animale)
vengono inoltre applicati rigorosi controlli e norme di
consegna. La maggior parte di questi prodotti deve
essere accompagnata da garanzie specifiche per
quanto concerne il loro stato sanitario (ad esempio la
certificazione veterinaria o fitosanitaria).
Migliorare la formazione per rendere
più sicuri gli alimenti
La strategia dell’UE per la formazione punta a migliorare
le conoscenze e l’informazione sulle norme dell’Unione
in materia di alimenti, salute delle piante e degli animali
e benessere degli animali ed è rivolta ai responsabili dei
controlli ufficiali lungo la catena alimentare nei paesi UE
ed extra-UE.
Il programma, avviato nel 2006, ha formato oltre
30 000 addetti ai controlli ufficiali di 180 paesi in oltre
30 discipline diverse.
© iStockphoto/marcopasqualini
Ricerca
Dal 2002 l’UE ha potenziato la ricerca sulla sicurezza
alimentare e la salute degli animali e delle piante,
concentrandosi, in particolare, sulle malattie legate
alle allergie alimentari, gli effetti dei mangimi per
animali sulla salute dell’uomo e l’impatto ambientale di
determinati metodi di produzione.
14
Cooperazione a livello mondiale
L’UE collabora con i suoi principali partner commerciali
e con le organizzazioni internazionali per promuovere la
sua politica di sicurezza alimentare ed assicurarsi che
tutte le importazioni dai paesi terzi rispettino le stesse
norme.
Una di queste istituzioni è l’Organizzazione mondiale
della sanità (OMS), con la quale l’UE collabora
attraverso la rete internazionale delle autorità
preposte alla sicurezza alimentare (Infosan). La rete
è composta da sportelli nazionali in oltre 160 paesi,
che ricevono informazioni caso per caso dall’OMS
sulle questioni riguardanti la sicurezza alimentare e le
diffondono nei rispettivi paesi.
L E
P O L I T I C H E
D E L L ’ U N I O N E
E U R O P E A
Cosa accade nell’UE quando scoppia una
crisi della sicurezza alimentare? Il caso
dell’E. coli
Tra maggio e luglio 2011, un focolaio di una malattia
provocata da un ceppo virulento di E. coli ha provocato
nell’UE 55 morti, 850 casi di malattia grave e altri
3 000 casi di disturbi. L’E. coli è un batterio comune
presente nel sistema digerente dell’uomo e degli
animali.
L’intervento dell’UE:
—— poiché il focolaio si era sviluppato in Germania, le
autorità tedesche hanno immediatamente
informato la Commissione attraverso il sistema di
allarme rapido RASFF;
Sicurezza alimentare nel mondo,
sviluppo e aiuti umanitari
—— sono stati attivati i sistemi di allarme e le reti di
intervento a livello europeo;
L’UE fornisce inoltre un importante contributo alla
sicurezza alimentare a livello mondiale. In particolare,
lavora per garantire che le questioni riguardanti la
nutrizione siano integrate nelle politiche sanitarie,
di sviluppo e dell’istruzione. Collabora con i paesi in
via di sviluppo per creare efficaci sistemi di gestione
alimentare al fine di migliorare la sicurezza alimentare
delle popolazioni più povere e vulnerabili. I pareri
di veterinari esperti, i programmi di formazione
e i finanziamenti per programmi di controllo e di
eradicazione delle malattie sono altri esempi dell’azione
dell’UE nei settori dello sviluppo e degli aiuti umanitari.
—— gli scienziati hanno rapidamente identificato il
ceppo di E. coli responsabile del focolaio;
La Commissione gestisce inoltre un’iniziativa intitolata
«Migliorare la formazione per rendere più sicuri
gli alimenti», indirizzata anche ai paesi extra-UE.
Attualmente è in corso un progetto da 8 milioni di euro
(BTSF World) per aiutare i paesi in via di sviluppo
a comprendere meglio le misure sanitarie e fitosanitarie
e trarre maggior profitto dagli scambi regionali
e internazionali.
© iStockphoto/kulicki
Anche la sicurezza dei prodotti alimentari che acquistiamo dai
paesi extra-UE va sottoposta a rigorosi controlli.
—— una volta individuata la fonte del focolaio (semi
di fieno greco importati dall’Egitto e utilizzati per
la germinazione), l’UE ha ordinato la distruzione
di tutti i semi di fieno greco importati da un
determinato esportatore e imposto un divieto
temporaneo sulle importazioni di altri prodotti
pericolosi;
—— la Commissione europea ha tenuto riunioni
giornaliere con le autorità nazionali responsabili
dei servizi sanitari e della sicurezza alimentare
e ha pubblicato aggiornamenti quotidiani sul suo
sito Internet per informare i cittadini;
—— la Commissione ha iniziato a collaborare con le
autorità nazionali, l’Ufficio alimentare
e veterinario, l’Autorità europea per la sicurezza
alimentare, il Centro europeo per la prevenzione
e il controllo delle malattie e il laboratorio di
riferimento dell’UE per individuare i settori per
rafforzare la cooperazione, compiere ulteriori
progressi e trarre insegnamenti da questo grave
focolaio di tossinfezione alimentare (http://
ec.europa.eu/food/food/rapidalert/index_en.htm).
S I C U R E Z Z A
A L I M E N T A R E
15
Prospettive
La sicurezza dei nostri alimenti rimarrà al centro
dell’attenzione delle autorità europee. Oltre alle
proposte sul controllo della qualità, la Commissione
ha varato altre proposte specifiche volte a rafforzare,
modernizzare e semplificare l’attuale normativa dell’UE
sulla salute degli animali e delle piante e il materiale
riproduttivo vegetale.
Queste proposte, presentate dalla Commissione
europea nel maggio 2013, riguardano anche le norme
che disciplinano i controlli ufficiali per garantire
un’applicazione efficace della legislazione sulla
sicurezza alimentare. L’obiettivo è migliorare la capacità
di prevenzione e riduzione delle malattie degli animali
e delle piante e la capacità di risposta dell’Unione alle
minacce per la salute, applicare le nuove tecnologie
e garantire una migliore attuazione delle norme.
Ridurre i rifiuti alimentari
L’UE intende dimezzare il volume di rifiuti alimentari
commestibili entro il 2020 nel quadro della sua
strategia per l’efficienza delle risorse.
Una delle iniziative a breve termine consiste nel
sensibilizzare i consumatori al problema dei rifiuti
alimentari. Nel 2012 l’UE ha avviato a tal riguardo una
campagna di comunicazione (http://ec.europa.eu/food/
food/sustainability/index_en.htm). La campagna offre
suggerimenti su come ridurre gli sprechi di prodotti
alimentari e spiega il significato delle diciture «da
consumarsi preferibilmente entro» e «data di scadenza»
riportate sulle etichette.
Parallelamente, tutte le parti interessate stanno
lavorando per individuare azioni con un valore aggiunto
dell’UE al fine di ridurre al minimo i rifiuti alimentari,
senza compromettere la sicurezza dei prodotti
alimentari, e integrare le numerose iniziative realizzate
a livello nazionale e locale.
© iStockphoto/asiseeit
Ogni anno l’Europa spreca più di 100 milioni di
tonnellate di cibo — senza contare le perdite agricole
e i rigetti in mare del pesce. Gli sprechi si verificano
a tutti i livelli della catena alimentare: produzione
primaria, trasformazione, vendita al dettaglio/ingrosso,
servizi di ristorazione (catering) e consumo. Questo
fenomeno ha ripercussioni in campo ambientale,
economico e sociale.
La politica di sicurezza
alimentare dell’UE continuerà
ad evolversi per garantire
elevati livelli di protezione
della salute umana e degli
interessi dei consumatori.
L E
P O L I T I C H E
D E L L ’ U N I O N E
E U R O P E A
Per saperne di più
XX Sito della Commissione europea sulla sicurezza alimentare: http://ec.europa.eu/food/food/index_it.htm
XX Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA): http://www.efsa.europa.eu/
XX Domande sull’Unione europea? Europe Direct può aiutarti: 00 800 6 7 8 9 10 11
http://europedirect.europa.eu
ISBN 978-92-79-42447-2
doi:10.2775/78552
NA-01-14-998-IT-C
16
Fly UP