...

La sicurezza e le sue “dimensioni” costituzionali

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

La sicurezza e le sue “dimensioni” costituzionali
La sicurezza e le sue “dimensioni” costituzionali
di Tommaso F. Giupponi
(in corso di pubblicazione in Diritti umani. Teorie, analisi, applicazioni, a cura di S. Vida, Bologna, 2008)
Sommario: 1. Premessa. La parabola della sicurezza: sovranità, diritti, Costituzione. 2. La
sicurezza nella Costituzione repubblicana del 1948. 3. La sicurezza come garanzia dei (e come
limite ai) diritti fondamentali. 4. Le esigenze della sicurezza e l’assetto dei poteri, tra forma di stato
e forma di governo. 5. Un caso emblematico: le vicende costituzionali dell’ordine pubblico. 6.
Sicurezza e valori dell’ordinamento: il ruolo della Corte costituzionale.
1. Premessa. La parabola della sicurezza: sovranità, diritti, Costituzione
Il concetto giuridico di sicurezza, come noto, è in grado di indicare cose assai
diverse tra loro, a seconda non solo dell’ambito di riferimento prescelto e del punto di vista
ritenuto rilevante, ma anche del momento storico di evoluzione di un determinato
ordinamento, e della sue caratteristiche principali.
In via di prima approssimazione,1 le diverse prospettive che caratterizzano la
sicurezza, e la sua rilevanza giuridica, possono essere riassunte seconde le seguenti
direttrici:
a) sicurezza esterna – sicurezza interna, con particolare riferimento ai differenti
problemi connessi alla tutela dalle aggressioni e dai pericoli esterni al gruppo sociale,
oppure in relazione ai fattori di rischio endogeni ad un determinata collettività organizzata
(differenti, in questo senso, appaiono non solo i problemi, ma anche le soluzioni e gli
strumenti tradizionalmente individuati);
b) sicurezza individuale (o sicurezza da) – sicurezza collettiva (o sicurezza di),
attraverso la valorizzazione non solo della dimensione di tutela dei diritti fondamentali
garantiti da un determinato ordinamento giuridico, ma anche dei profili connessi
all’individuazione di limitazioni all’agere dei singoli individui, in connessione con la tutela di
altre situazioni giuridiche soggettive o in relazione all’adempimento di specifiche
prestazioni (pubbliche, ma non solo) a favore della collettività di riferimento;
c) sicurezza materiale – sicurezza ideale, in relazione alla tradizionale questione
attinente la categoria dell’ordine pubblico, e alla duplice accezione che può esservi
ricondotta: tutela da forme violente di aggressione ai beni giuridici, oppure garanzia
dell’insieme dei principi e dei valori fondanti caratteristici di un determinato ordinamento
giuridico.
Dal punto di vista del diritto pubblico, e del diritto costituzionale in particolare, la
rilevanza della sicurezza appare in qualche modo evidente sotto tutti i profili appena
accennati, spesso a loro volta intersecati o parzialmente sovrapposti. E’, infatti, rilevante
sia da un punto di vista della tradizionale protezione della collettività organizzata da
pericoli di aggressione, provengano essi dall’esterno o dall’interno; sia dal punto di vista
della tutela dei diritti dei singoli individui e dalle concrete dimensioni della sua operatività,
non di rado delimitate dalla previsione di specifiche limitazioni; nonché, da ultimo (e anche
1
Sul punto, più ampiamente, sia consentito rinviare a T.F. Giupponi, Le dimensioni costituzionali della
sicurezza, Bologna, 2008.
se più problematicamente), sulla base della ricostruzione di un valore non solo materiale,
connesso alla protezione del gruppo sociale e dei diritti dei singoli individui che ne fanno
parte, ma anche ideale della stessa, in relazione ai principi e ai valori di riferimento di un
determinato ordinamento.
Ciò nonostante, la concreta dimensione costituzionale della sicurezza varia da
ordinamento a ordinamento, con particolare riferimento alla forma di Stato prescelta e alla
conseguente organizzazione dei pubblici poteri. In questo senso, infatti, è possibile
riscontrare ordinamenti che hanno valorizzato (a seconda dei periodi storici e delle
connesse tradizioni costituzionali) la dimensione esterna e materiale, rispetto ad altri che,
invece, appaiono più sensibili a quella interna e ideale.
Dal punto di vista cronologico, la prima impostazione sembra caratteristica del
periodo storico di affermazione dello Stato moderno, attraverso il consolidamento delle
monarchie nazionali europee nel corso del XVI e XVII secolo. In quel contesto, infatti,
l’affermazione di un potere sovrano accentrato nelle mani del Monarca vive della costante
lotta per l’accrescimento della propria potenza nei confronti degli altri Stati, spesso
attraverso lo strumento della guerra. Evidente, allora, in questo senso la dimensione
essenzialmente esterna e materiale della sicurezza, operante sul piano prettamente
militare.
L’affermazione del costituzionalismo liberale, in contrapposizione ai precedenti
assetti assolutistici, pone invece per la prima volta l’accento sulla tutela dei diritti inviolabili
dei singoli individui, che il pubblico potere deve garantire e di fronte ai quali la macchina
dello Stato sembra doversi arrestare. Separazione dei poteri, centralità della legge
parlamentare, Stato di diritto e principio di eguaglianza, inevitabilmente, connotano in
modo diverso il concetto di sicurezza quale sicurezza da, in relazione ai diritti della nuova
classe borghese. In questo contesto di forte omogeneità sociale, e di ridotta
partecipazione politica, appaiono maggiormente evidenti i profili interni della sicurezza,
mentre sembrano recessivi i problemi connessi alla sua dimensione ideale (come pare
dimostrare l’analisi delle leggi di pubblica sicurezza dell’Italia liberale).
La rivoluzione industriale e l’inizio dell’evoluzione in chiave più nettamente
democratica degli ordinamenti costituzionali occidentali, come noto, incrinerà il mito
liberale dell’omogeneità sociale, immettendo fattori di forte disomogeneità e tensione
all’interno delle collettività organizzate, soprattutto alla luce della richiesta di nuove tutele e
spazi di intervento da parte della classe operaia, organizzata nei partiti politici di massa. Di
conseguenza, verrà a mutare anche il significato attribuito alla sicurezza e alla sua
dimensione più prettamente costituzionale. La necessità di fronteggiare le tensioni sociali
interne, fortemente intrise di idealità politico-rivoluzionarie, porterà, infatti, ad un’ulteriore
accentuazione della dimensione interna della sicurezza, oltre che ad un consolidamento di
una sua valenza sul piano più propriamente ideale, a difesa dei principi ispiratori dello
Stato liberale borghese.
In tale contesto, anche sul piano dei diritti dei singoli individui il significato della
sicurezza sembra mutare, essendo sempre più collegato alla dimensione della sicurezza
di (parallelamente all’affermazione dei nuovi diritti sociali), oltre che alla tradizionale
dimensione della sicurezza da (caratteristica, invece, delle libertà c.d. negative).
L’avvento dei totalitarismi interromperà bruscamente tale percorso evolutivo,
attraverso un utilizzo ampio e pervasivo della sicurezza e dell’ordine pubblico in ogni sua
dimensione: esterna, interna, materiale e (in modo particolare) ideale. Parlare di diritti
tutelati, in questo contesto, è del tutto privo di significato, laddove l’individuo e le sue
pretese vengono connessi ad una concezione totale dello Stato, senza il quale non c’è
individuo e non c’è garanzia delle sue pretese (sulla base, si potrebbe dire, di una
sostanziale funzionalizzazione dei diritti alle finalità dello Stato, una sorta di
ipostatizzazione della sicurezza di).
Le Costituzioni del secondo dopoguerra, ispirate chiaramente ai principi del
costituzionalismo liberaldemocratico, anche alla luce dei tragici eventi appena vissuti,
vedono un arretramento complessivo della visione totalizzante della sicurezza (si pensi
solo al sospetto con cui si guardava alla nozione di ordine pubblico nell’ambito dei lavori
della nostra Assemblea costituente). Dunque, il concetto di sicurezza che viene evocato è,
in primis, quello più propriamente materiale, attento alla complessiva salvaguardia dei
diritti dei cittadini da possibili lesioni. Eppure, anche alla luce della codificazione a livello
costituzionale dei principi e dei valori connessi alla democrazia politica, alcuni ordinamenti
accentueranno la dimensione ideale della sicurezza, intesa (tra l’altro) come sicurezza di,
al fine di tutelare i fragili ordinamenti democratici di cui si andavano gettando le basi (si
pensi, in questo senso, solo alla Legge Fondamentale tedesca del 1949).
Nasce proprio in quest’ottica il problema delle c.d. democrazie aperte o protette,
che sembrano aver accettato in modo diverso la scommessa connessa all’affermazione
dei principi del costituzionalismo liberaldemocratico e al c.d. paradosso della tolleranza.
Tali diversità, a ben vedere, sembrano riemergere oggi, alla luce degli eventi dell’11
settembre 2001, che pure hanno portato ad una complessiva rilettura del concetto di
sicurezza (in particolare nella sua dimensione collettiva) e del suo fondamento
costituzionale. In ogni caso, l’ottica che qui si intende proporre, mira ad una ricostruzione
delle dimensioni costituzionali (per così dire) “ordinarie” della sicurezza, quale requisito
imprescindibile di ogni ordinamento giuridico, al di fuori di contesti di particolare stress
politico-costituzionale.
2. La sicurezza nella Costituzione repubblicana del 1948
Da un punto di vista strettamente letterale, la sicurezza è richiamata in Costituzione
complessivamente dieci volte: cinque all’interno della Parte I (Diritti e doveri dei cittadini); 2
cinque all’interno della Parte II (Ordinamento della Repubblica).3 A queste devono essere
2
Si vedano, in particolare, l’art. 13, terzo comma, Cost.: “In casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati
tassativamente dalla legge, l’autorità di pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori, che
devono essere comunicati entro quarantotto ore all’autorità giudiziaria e, se questa non li convalida nelle
successive quarantotto ore, si intendono revocati e restano privi di ogni effetto”; l’art. 14, secondo comma,
Cost., che nell’ambito delle limitazioni alla libertà di domicilio stabilisce che esse possono essere previste
solo “non nei casi e modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte per la tutela della libertà
personale”; l’art. 16, primo comma, Cost.: “Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi
parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o
di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche”; l’art. 17, terzo comma, Cost.:
“Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per
comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica”; l’art. 41, secondo comma, Cost.: L’iniziativa
economica privata “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla
sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”.
3
Si vedano, in tal senso, gli artt. 117, secondo comma, lett. d), Cost., il quale prevede tra le materie di
competenza legislativa esclusiva dello Stato: “difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi, munizioni
ed esplosivi”; l’art. 117, secondo comma, lett. h), Cost., il quale indica tra le competenze esclusive dello
Stato: “ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della polizia amministrativa locale”; l’art. 117, terzo
comma, Cost., che prevede tra le materie di legislazione concorrente Stato-Regioni: “tutela e sicurezza del
lavoro”; l’art. 120, secondo comma, Cost.: “Il Governo può sostituirsi a organi delle Regioni, delle Città
metropolitane, delle Province e dei Comuni nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o
della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per l’incolumità e la sicurezza pubblica, ovvero quando
lo richiedono la tutela dell’unità giuridica o dell’unità economica e in particolare la tutela dei livelli essenziali
delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, prescindendo dai confini territoriali dei governi locali. La
legge definisce le procedure atte a garantire che i poteri sostitutivi siano esercitati nel rispetto del principio di
sussidiarietà e del principio di leale collaborazione”; l’art. 126, secondo comma, Cost.: “Con decreto motivato
del Presidente della Repubblica sono disposti lo scioglimento del Consiglio regionale e la rimozione del
Presidente della Giunta che abbiano compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge. Lo
aggiunte anche le disposizioni che si riferiscono a concetti analoghi, quali l’incolumità
pubblica o l’ordine pubblico (quest’ultimo, a partire dal 2001), non a caso a volte richiamati
congiuntamente.4 Dalla lettura di tali disposizioni si possono trarre alcune prime
conclusioni: a) la sicurezza è un bene di rilievo costituzionale; b) la sicurezza è un limite di
alcuni diritti fondamentali; c) la sicurezza è uno specifico compito degli apparati dello
Stato.
Dal primo punto di vista, la lettura complessiva delle citate disposizioni fa emergere
subito una precisa dimensione della sicurezza quale bene costituzionalmente tutelato.
Solo un interesse ritenuto degno di tutela da parte della collettività organizzata, infatti, può
trovare tali molteplici riferimenti costituzionali, tanto da far ritenere che, complessivamente,
non solo rappresenti una delle esigenze tenute presenti dal nostro Costituente, ma abbia
una sua concreta ed autonoma fisionomia rispetto agli ambiti in cui è operativamente
richiamata.
Dal secondo punto di vista, vengono in rilievo in particolare gli artt. 14, 16, 17 e 41
Cost., all’interno dei quali la sicurezza (e/o l’incolumità pubblica) sono richiamate quali
limiti all’esercizio di specifiche libertà (di domicilio, di circolazione, di riunione e di iniziativa
economica). Come appare evidente, si tratta in ogni caso di libertà che, in qualche modo,
potenzialmente incidono su (o coinvolgono) una collettività di soggetti indeterminati, o a
causa del loro godimento obbligatoriamente plurisoggettivo (riunione), o a causa delle
concrete modalità di esercizio (circolazione e iniziativa economica), oppure alla luce del
generale contesto materiale di riferimento (domicilio).5 Il dato, qui solo accennato, ci
aiuterà successivamente a cogliere uno degli aspetti fondamentali per cogliere l’esatta
dimensione costituzionale della sicurezza.
Dal terzo punto di vista, si tratta delle disposizioni che specificamente fanno
riferimento all’autorità di pubblica sicurezza (art. 13 Cost.) o, nell’ambito della
individuazione delle materie di competenza statale (e quindi dei relativi compiti), alla
sicurezza dello Stato o all’ordine pubblico e alla sicurezza (art. 117, secondo comma, lett.
d e h, Cost.). A queste, infine, si aggiungono le disposizioni che riguardano (nei rapporti
Stato-Autonomie) l’esercizio dei poteri sostitutivi da parte del Governo per motivi di
incolumità e sicurezza pubblica (art. 120, secondo comma, Cost.), nonché lo scioglimento
da parte del Capo dello Stato dei Consigli regionali per motivi di sicurezza nazionale (art.
126 Cost.).
A metà strada, per così dire, troviamo l’art. 117, terzo comma, Cost., sulla
competenza legislativa concorrente in materia di sicurezza del lavoro. In questo caso,
infatti, sembra che la disposizione contenga allo stesso tempo l’indicazione di una precisa
finalità di azione dei pubblici poteri, in uno con la tutela di una specifica fattispecie di diritto
costituzionalmente rilevante: il diritto al lavoro.6
Dunque, se volessimo iniziare ad ipotizzare un percorso di ricostruzione del
contenuto della sicurezza nella sua dimensione costituzionale, potremmo sicuramente
affermare come essa si manifesti, in primis, come sicurezza esterna/interna,
scioglimento e la rimozione possono altresì essere disposti per ragioni di sicurezza nazionale. Il decreto è
adottato sentita una Commissione di deputati e senatori costituita, per le questioni regionali, nei modi stabiliti
con legge della Repubblica”.
4
Così, in particolare, negli artt. 14, secondo e terzo comma, 17, terzo comma, 117, secondo comma, lett. h)
e 120, secondo comma, Cost.
5
Cfr. G. Corso, Ordine pubblico nel diritto amministrativo, in Digesto delle discipline pubblicistiche, X, Torino,
1995, pag. 439. Sul punto, vedi anche le considerazioni di A. Pace, Art. 17, in G. Branca (a cura di),
Commentario della Costituzione, Bologna-Roma, 1977, pag. 186 ss., secondo il quale “ogni riunione, per la
mera vicinanza fisica dei compresenti, reca infatti in sé la possibilità di disordine”.
6
Sul punto, si vedano le osservazioni di P. Bonetti, Ordine pubblico, sicurezza, polizia locale e immigrazione
nel nuovo art. 117 della Costituzione, in le Regioni, 2002, incentrate sulla problematica distinzione tra
sicurezza del lavoro (in relazione all’attuazione dell’art. 4 Cost.) e sicurezza sul lavoro (alla luce del
collegamento con l’art. 38 Cost.).
individuale/collettiva e materiale. Ciò sembra confermato, a ben vedere, anche dalla
lettura sistematica del nostro dettato costituzionale, che vede una conferma, accanto
all’amministrazione di pubblica sicurezza con compiti di natura essenzialmente interna,7
dell’amministrazione della difesa, con riferimento alla sicurezza esterna di natura militare.
In questo senso, tra l’altro, l’esplicito riferimento al dovere di difendere la patria,
coessenziale al concetto stesso di cittadinanza, nell’ambito di un ordinamento delle Forze
armate ispirato allo “spirito democratico della Repubblica” (art. 52 Cost.).
La prospettiva individuale, d’altro canto, appare ben sottolineata alla previsione di
una serie di libertà tradizionalmente connesse alla tutela di una sfera intangibile della
persona (sicurezza da), nei confronti non solo delle possibili incisioni da parte di terzi, ma
anche dell’arbitrio dei pubblici poteri. A tale dimensione, però, si affianca anche quella
collettiva, con particolare riferimento alla sicurezza quale esplicita limitazione all’esercizio
di determinate fattispecie di libertà. In questo caso, infatti, alla prospettiva meramente
individuale di tutela, si aggiunge un concetto di sicurezza che travalica i confini della
persona, per estendersi fino a ricomprendere esigenze collettive.8
Infine, la conferma di una valenza essenzialmente materiale della dimensione
costituzionale della sicurezza sembra confermata non solo dal dibattito in Assemblea
costituente,9 e dalle note vicende dell’ordine pubblico (su cui vedi infra), ma anche
dall’analisi delle singole disposizioni che alla stessa sicurezza si riferiscono, spesso in
connessione con altri beni costituzionalmente tutelati quali la sanità e l’incolumità pubblica,
aventi tutti una più evidente natura oggettiva, e non meramente ideale.10
Ciò, in definitiva, alla luce della scelta del Costituente per una democrazia aperta, e
non protetta, e in cui i valori democratici, più che intimamente condivisi, devono essere
oggettivamente rispettati dal punto di vista dei comportamenti esterni e del concreto
modus operandi.11
Significativo, in questo senso, il dettato dell’art. 49 Cost., laddove sembra imporre il
“metodo democratico” ad un livello essenzialmente esterno agli stessi partiti, e
sostanzialmente in relazione al rifiuto della violenza come strumento di lotta politica. In
senso analogo può essere richiamato anche l’art. 21 Cost., che limita all’ambito della
legge penale le possibilità di sequestro della stampa (ma vedi anche quanto stabilito
7
Sulla quale, tra gli altri, si rimanda a G. Corso, L’ordine pubblico, Bologna, 1979; G. Landi, Pubblica
sicurezza, in Enciclopedia del diritto, XXXVII, Milano, 1988, pag. 923 ss.; a S. Foà, Sicurezza pubblica, in
Digesto delle discipline pubblicistiche, XIV, Torino, 1999, pag. 127 ss.; nonché a G. Caia, L’ordine e la
sicurezza pubblica, in S. Cassese (a cura di), Trattato di diritto amministrativo, Diritto amministrativo
speciale, I, Milano, 2003, pag. 281 ss.
8
Non a caso, le specifiche limitazioni costituzionalmente previste, e che si sono prima ricordate, qualificano
spesso il sostantivo sicurezza (o incolumità) con l’aggettivo pubblica; circostanza che fa chiaramente
intendere l’ambito di incidenza dell’interesse protetto. Il tutto, come già detto, in conformità con l’evoluzione
dello Stato di diritto liberale in Stato costituzionale liberaldemocratico.
9
Si ricorda, in particolare, la diffidenza nei confronti dell’utilizzo del concetto in questione nell’ambito della
nuova Carta costituzionale, motivata dall’utilizzo in chiave di svuotamento delle libertà fondamentali che ne
era stato fatto durante il periodo fascista. Particolarmente significativa, in questo senso, l’espunzione del
riferimento all’ordine pubblico originariamente previsto come limite alla libertà religiosa, ex art. 19 Cost. Per
una ricostruzione del dibattito in Assemblea costituente, si veda V. Falzone, F. Palermo, F. Cosentino, La
Costituzione della Repubblica italiana illustrata con i lavori preparatori, Milano, 1976, pagg. 78-79; A. Cerri,
Ordine pubblico. II) Diritto costituzionale, in Enciclopedia giuridica, XXII, Roma, 1990, pag. 2; G. Corso,
Ordine pubblico nel diritto amministrativo, cit., pag. 438.
10
La stessa problematica ricostruzione del concetto di buon costume, d’altronde, sembra dimostrare la
consapevolezza (presente, come noto, anche nella giurisprudenza della Corte costituzionale) della necessità
di ancorare a dati quanto più possibile oggettivi le limitazioni alle libertà fondamentali della persona.
11
Sul punto, per una recente analisi di diritto comparato, si rimanda a S. Ceccanti, Le democrazie protette e
semi-protette da eccezione a regola, Torino, 2004.
dall’art. 18 Cost. in relazione alla libertà di associazione e dall’art. 54 Cost. in merito
all’obbligo di fedeltà alla Repubblica gravante su tutti i cittadini).12
Dunque, e non a caso, le principali manifestazioni di partecipazione politica (sia in
relazione al loro esercizio individuale, sia in forma collettiva) confermano una lettura
essenzialmente materiale dei limiti alla loro libera espressione in qualche modo connessi
alla sicurezza, e con un particolare riferimento all’ambito dell’incriminazione penale.13
Nessuna generale suggestione normativa o ideale, quindi; ma l’accettazione del
bene costituzionale della sicurezza in senso essenzialmente materiale; il quale però, come
abbiamo già detto, dovrà essere letto e ricostruito nell’ambito delle opzioni di fondo della
Carta costituzionale e delle sue impostazioni valoriali.
3. La sicurezza come garanzia dei (e come limite ai) diritti fondamentali
Come in parte già anticipato, rispetto alla tradizione liberale l’affermazione del
costituzionalismo liberaldemocratico parte da una diversa e più articolata concezione dei
diritti, cui seguono una trasformazione non solo del concetto di sicurezza, ma anche delle
stesse finalità del potere statale.14 La nascita e il consolidamento dei diritti sociali, le c.d.
libertà positive, affermano infatti l’insufficienza di un mero non agere dello Stato,15
imponendo determinati interventi attivi dei pubblici poteri non tanto (e non solo) in chiave
di garanzia dei singoli diritti individuali, ma in chiave di vera e propria promozione dei diritti
della persona e della su dignità.
In quest’ottica, dunque, compito dei pubblici poteri non è solo quello di intervenire
ex post, in chiave essenzialmente repressiva, nei confronti di comportamenti che abbiano
intaccato la sfera “naturale” di intangibilità dei diritti individuali; ma anche quello di
promuovere l’effettiva garanzia dei diritti della persona nell’ambito del contesto sociale di
riferimento, pur attraverso interventi che, ex ante, creino le condizioni per una piena
espressione della persona e della sua dignità.
L’evoluzione di tale impostazione, tipica dello Stato costituzionale
liberaldemocratico, deve oggi confrontarsi con i complessi processi di trasformazione delle
società moderne, alla luce dell’evoluzione tecnologica, delle dinamiche globali di
produzione e delle sfide del multiculturalismo. Si affermano dunque tutte le caratteristiche
di quello che è stato individuato come lo Stato di prevenzione,16 il cui compito non è tanto
(o meglio, non è solo) garantire un preteso diritto alla sicurezza personale dei singoli
individui, quanto la complessiva sicurezza dei diritti dei cittadini e dei beni giuridici loro
sottesi, in un contesto sociale complesso e ricco di contraddizioni.
12
Cfr. G. Corso, Ordine pubblico. B) Diritto pubblico, in Enciclopedia del diritto, XXX, Milano, 1980, pag.
1060 ss.
13
Coerente, in questo senso e più in generale, appare quindi il rifiuto di ogni forma di costituzionalizzazione
della problematica figura dell’abuso del diritto. Come noto, diversa è stata la strada percorsa da altre
esperienze costituzionali, quali per esempio la Germania, la cui Carta fondamentale del 1949 prevede sia un
controllo sui partiti “antisistema” da parte del Tribunale costituzionale (cfr. l’art. 21), sia una complessa
disciplina dell’abuso dei diritti fondamentali (cfr. l’art. 18).
14
Sul punto, da ultimo, con particolare riferimento all’evoluzione del problematico rapporto tra libertà e
sicurezza, si veda P. Ridola, Libertà e diritti nello sviluppo storico del costituzionalismo, in R. Nania, P.
Ridola (a cura di), I diritti costituzionali, I, Torino, 2006, pag. 138 ss.
15
Come, invece, era tipico delle concezioni liberali, ben rappresentate (in questo senso) dall’art. 4 della
Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789: “La libertà consiste nel poter fare tutto ciò che non
nuoce ad altri; così l’esistenza dei diritti naturali di ciascun uomo non ha altri limiti che quelli che assicurano
agli altri membri della società il godimento di questi diritti. Questi limiti non possono essere determinati che
dalla legge”.
16
Così, in particolare. E. Denninger, Stato di prevenzione e diritti dell’uomo, in Nomos, 1996, n. 2, pp. 47ss.
Sul punto, in generale, si veda anche P. Bonetti, Terrorismo, emergenza e costituzioni democratiche,
Bologna, 2006, in particolare pp. 47ss.
La nostra Costituzione, in questo senso, rappresenta una sintesi efficace delle due
dimensioni della sicurezza. Se, infatti, l’art. 2 Cost. afferma il riconoscimento e la garanzia
dei diritti inviolabili dell’uomo, in un’ottica non priva di suggestioni giusnaturalistiche,
richiede allo stesso tempo anche l’adempimento degli inderogabili doveri di solidarietà
politica, economica e sociale, configurando la presenza di interessi collettivi posti a
fondamento di determinate prestazioni individuali. Se, al primo comma, il successivo art. 3
Cost. riconosce l’eguaglianza formale tra tutti i cittadini, al secondo comma prevede la
promozione dell’eguale libertà nei diritti attraverso l’eliminazione degli ostacoli di ordine
economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini,
impediscono il pieno sviluppo della persona umana. Dunque, una visione che mette al
centro non tanto l’individuo inteso come essere a sé stante, isolato dal contesto sociale di
riferimento, ma la persona umana nelle sue relazioni sociali, centro di imputazione di diritti
e di doveri; e una garanzia non solo della “sicurezza da” potenziali intrusioni nell’ambito di
sfere individuali di libertà, ma anche della “sicurezza di” poter esprimere in pieno la propria
personalità, attraverso il patrimonio costituzionale dei diritti e nell’ambito del (e non
prescindendo dal) contesto sociale di riferimento.
In questo senso, una serie di specifiche disposizioni costituzionali tutela fattispecie
di libertà storicamente ricondotte alla sicurezza personale. Si tratta, in primis, delle già
citate libertà negative, le prime storicamente affermatesi nell’evoluzione del
costituzionalismo liberale, e miranti a tutelare la sfera personale da indebite limitazioni
delle pubbliche autorità, oltre che da intrusioni private (cfr., ad esempio, gli artt. 13, 14 e
15 Cost.). In quest’ottica, la sicurezza rappresenta innanzitutto un importante strumento di
tutela dei diritti: come abbiamo visto, infatti, nella concezione liberale classica compito
dello Stato è proprio quello di garantire il pieno godimento dei diritti dei singoli individui, al
riparo da possibili interferenze esterne.
Allo stesso tempo, nell’ambito dell’affermazione dei principi del costituzionalismo
liberaldemocratico, la Carta del 1948 riconosce ampie sfere di intervento dei pubblici poteri
a tutela di esigenze collettive connesse alle c.d. libertà positive, con particolare riferimento
ai diritti sociali (cfr., ad esempio, gli artt. 32, 33, 34 e 38 Cost.), garantendo il giusto
equilibrio tra esigenze individuali e collettive di tutela nell’ambito della garanzia dei diritti
fondamentali della persona. Coerentemente con tale tendenza, la stessa Costituzione
stabilisce che la sicurezza può rappresentare anche uno strumento legittimo di limitazione
dei diritti individuali (a partire anche dalle libertà più consolidate, come la libertà di
circolazione, di cui all’art. 16 Cost., la libertà di riunione, di cui all’art. 17 Cost., o la libertà
di iniziativa economica, di cui art. 41 Cost., nell’ambito delle quali viene espressamente
richiamata la sicurezza quale limite).
In ogni caso, come (anche se ambiguamente) affermato dalla Corte costituzionale
fin dalla sua prima, storica, decisione, insito nel concetto stesso di libertà vi è anche il
concetto del suo limite, rinvenibile non solo (in chiave individualistica) nell’esercizio delle
altrui libertà, ma anche (in chiave solidaristica) nell’ambito della tutela di esigenze
collettive.17 In questo senso, e alla luce di una lettura sistematica del dettato costituzionale,
vengono in considerazione: a) le disposizioni costituzionali che si riferiscono
espressamente all’adempimento di specifici doveri;18 b) le disposizioni che prevedono la
possibilità di limitazioni a determinati diritti della persona in vista del soddisfacimento di
17
Cfr. la sent. n. 1/1956: “E’ da rilevare, in via generale, che la norma la quale attribuisce un diritto non
escluda il regolamento dell’esercizio di esso. Una disciplina delle modalità di esercizio di un diritto, in modo
che l’attività di un individuo rivolta al perseguimento dei propri fini si concili con il perseguimento dei fini degli
altri, non sarebbe perciò da considerare di per sé violazione o negazione del diritto. E se pure si pensasse
che dalla disciplina dell’esercizio può anche derivare indirettamente un certo limite al diritto stesso,
bisognerebbe ricordare che il concetto di limite é insito nel concetto di diritto e che nell’ambito
dell’ordinamento le varie sfere giuridiche devono di necessità limitarsi reciprocamente, perché possano
coesistere nell'ordinata convivenza civile”.
specifiche esigenze collettive19, nonché (più in generale) tutte le citate previsioni di
legittime limitazioni, da parte dei pubblici poteri, a libertà pur proclamate espressamente
come inviolabili.20
Attualmente, tale ambivalenza si riflette anche sul piano del diritto internazionale e
di quello comunitario (pur nelle loro specifiche caratteristiche e peculiarità).21 In tutti questi
casi, infatti, alla proclamazione della tutela di determinate situazioni di libertà,22 si affianca
l’individuazione di tutta una serie di limitazioni attinenti non solo al rispetto delle libertà
altrui, ma anche all’ordine pubblico, alla sicurezza nazionale, alla morale, alla salute, alla
prevenzione dei reati, al benessere economico, a finalità di interesse generale o alla
democrazia,23 anche se, da ultimo, con l’indicazione della necessità di salvaguardare il
contenuto essenziale dei diritti e il criterio di proporzionalità.24
Ovviamente, le dinamiche di composizione tra i diversi interessi in gioco e
l’apprezzamento del limite tollerabile di solidarietà richiesta al singolo nei confronti del
gruppo sociale non sono lasciate dalla nostra Costituzione solamente alla sola (e
occasionale) autodeterminazione della comunità, ma risultano orientate alla luce dei
principi che stanno alla base del patto costituente (in primis quelli personalista e
pluralista). Inevitabile, in questo senso, la già citata necessità di un bilanciamento
costituzionalmente orientato tra gli stessi, all’interno del quale giocano un ruolo
determinante il legislatore, i giudici nonché, in ultima analisi, giurisdizione costituzionale.
Sul piano del diritto positivo, come noto, sono previste nel nostro testo
costituzionale diverse legittime ipotesi di limitazione della sfera della sicurezza personale
dei singoli individui da parte delle pubbliche autorità. E’ altrettanto vero, però, che esse
sono circondate da una serie di garanzie particolarmente significative, con specifico
riguardo all’ambito penale. Si tratta, a ben vedere, di garanzie non solo (per così dire)
procedurali, ma anche di natura più sostanziale: in particolare, riserva di legge (assoluta) e
riserva di giurisdizione.25
Senza affrontare in maniera approfondita le caratteristiche dei due istituti, basti
ricordare come essi siano una delle eredità più evidenti del costituzionalismo liberale e
dell’affermazione dei principi dello Stato di diritto. Ogni ipotesi di limitazione della sfera
personale dei singoli, infatti, dovrà trovare fondamento in esplicite previsioni legislative, e
dovrà avvenire sotto lo stretto controllo dell’autorità giudiziaria. La legge, espressione
dell’organo rappresentativo della sovranità popolare, garantirà che le ipotesi di limitazione
siano collegate ad esigenze di carattere generale (e costituzionalmente fondate);26
18
Come, ad esempio, gli artt. 52, 53 e 54 Cost. Sul rilievo costituzionale dei doveri, per tutti, si veda G.
Lombardi, Contributo allo studio dei doveri costituzionali, Milano, 1967.
19
Particolarmente evidenti, in questo senso, le disposizioni della c.d. Costituzione economica (cfr., in
particolare, gli artt. 41, 42 e 43 Cost.), in relazione a clausole generali come “utilità sociale”, “fini sociali”,
“funzione sociale” e “interesse generale”.
20
Cfr. ad esempio i già citati artt. 13, 14 e 15 Cost.
21
In questo senso, ad esempio, appaiono significativi gli artt. 3 e 29 della Dichiarazione universale dei diritti
del 1948; gli artt. 5, 8, 9, 10, 11, 15, 17 e 18 della Convenzione europea dei diritti del 1950; gli artt. 4, 9, 18,
19, 21 e 22 del Patto internazionale sui diritti civili e politici del 1966; ma anche gli artt. 6, 52 e 54 della Carta
europea dei diritti del 2000.
22
Come, ad esempio, nel caso dell’art. 3 della Dichiarazione del 1948 (Diritto alla vita, alla libertà e alla
sicurezza della propria persona); nel caso dell’art. 5 della Convenzione del 1950 (Diritto alla libertà e alla
sicurezza); nel caso dell’art. 9 del Patto del 1966 (Diritto alla libertà e alla sicurezza della propria persona);
nel caso dell’art. 6 della Carta del 2000 (Diritto alla libertà e alla sicurezza).
23
Cfr., ad esempio, gli artt. 29 della Dichiarazione del 1948; 8, 9, 10 e 11 della Convenzione del 1950; 18,
19, 21 e 22 del Patto del 1966.
24
Così, in particolare, l’art. 52 della Carta del 2000.
25
Cfr., in particolare, gli artt. 13, 14, 15 e 21 Cost.
26
Sul significato della riserva di legge, tra gli altri, si vedano i contributi di S. Fois, La riserva di legge.
Lineamenti storici e problemi attuali, Milano, 1963; A. Di Giovine, Introduzione allo studio della riserva di
legge nell’ordinamento costituzionale italiano, Torino, 1969; R. Balduzzi, F. Sorrentino, Riserva di legge, in
l’intervento dell’autorità giudiziaria rappresenterà una garanzia tecnica (e indipendente) di
rispetto delle ipotesi e delle procedure previste dal legislatore.27
Il tutto, al fine di evitare possibili arbitrii dei pubblici poteri, in un sistema di controlli
reciproci in cui acquista rilievo particolare anche il ruolo della giurisdizione costituzionale,
volta a garantire il rispetto delle norme e dei principi costituzionali da parte dello stesso
legislatore rappresentativo. Dunque, non solo garanzie procedurali, ma anche di natura
più sostanziale. Se, infatti, riserva di legge e riserva di giurisdizione rappresentano il
margine ultimo di legittimità procedurale delle possibili limitazioni della sfera personale dei
singoli, delimitazioni sostanziali (o cronologiche) quanto ai contenuti e ai possibili effetti
delle singole misure di limitazione riducono ulteriormente a livello costituzionale il campo di
intervento dei pubblici poteri.
Si pensi, in questo senso, ai termini di convalida giudiziaria, rigorosamente previsti
a pena di decadenza degli eccezionali interventi d’urgenza ad opera dell’autorità di
pubblica sicurezza.28 Ma, più in generale, si veda anche la serie di articolati limiti
sostanziali alla penalizzazione, che rappresenta il contesto classico di limitazione delle
libertà della persona (ad es. i principi di legalità, offensività, tassatività e determinatezza,
colpevolezza, nonché la finalità rieducativa della pena, di cui in particolare agli artt. 25 e
27 Cost.).29
In questo senso, la sicurezza personale (nel senso tradizionale di “sicurezza da”) è
garantita a livello costituzionale attraverso una serie di limitazioni alle possibilità di
intervento dei pubblici poteri. Ciò, in particolare, riguarda l’ambito penale e la connessa
funzione repressiva dello Stato, circondata da tutta un serie di garanzie procedurali e
sostanziali, a partire dalla riserva di legge e dalla riserva di giurisdizione, non a caso
espressamente previste nell’ambito delle classiche fattispecie di liberà negative, miranti a
garantire la sicurezza dei singoli individui rispetto ad un non agere della sfera pubblica.
Il tutto, a ben vedere, non solo a garanzia del rispetto formale di determinate
procedure costituzionalmente previste, ma anche a tutela di determinati contenuti (e limiti)
dei citati diritti fondamentali e dell’agire dei pubblici poteri. Così, ad esempio, la riserva
(assoluta) di legge non rappresenterà solo una garanzia di intervento collegata ala
particolare natura del’atto legislativo, espressione dell’organo rappresentativo delle volontà
popolare, rispetto alla formazione secondaria dell’esecutivo; ma manifesterà anche un
preciso limite per lo stesso legislatore, nel senso di imporre un determinato contenuto
dell’atto legislativo, escludendone un altro (e limitando, quindi, le scelte discrezionali delle
autorità chiamate ad eseguire o ad applicare le norme). 30 A sua volta, l’intervento
giurisdizionale dovrà esser motivato per evidenziare le motivazioni addotte e la loro
coerenza con le previsioni (costituzionali e) legislative.31
Enciclopedia del diritto, XL, Milano, 1989, pag. 1207 ss.
27
Sul punto, per tutti, si rinvia a V. Angiolini, Riserva di giurisdizione e libertà costituzionali, Padova, 1992.
28
Previsti, in particolare dall’art. 13, terzo comma, Cost. (e, alla luce dell’esplicito rinvio, dall’art. 14, secondo
comma, Cost.): “In casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge, l’autorità di
pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori, che devono essere comunicati entro quarantotto
ore all’autorità giudiziaria e, se questa non li convalida nelle successive quarantotto ore, si intendono
revocati e restano privi di ogni effetto”; ma anche dall’art. 21, quarto comma, Cost.: “[…] quando vi sia
assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della
stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non
mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro
ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto”.
29
Su tali aspetti, in particolare, vedi A. Barbera, F. Cocozza, G. Corso, Le libertà dei singoli e delle
formazioni sociali, in G. Amato, A. Barbera (a cura di), Manuale di diritto pubblico, I) Diritto pubblico
generale, Bologna, 1997, pag. 246 ss.
30
Così, in particolare, F. Sorrentino, Le fonti del diritto amministrativo, in G. Santaniello (a cura di), Trattato
di diritto amministrativo, XXXV, Padova, 2004, pag. 32 ss.
31
Si sofferma in particolare sui rapporti tra obbligo di motivazione dell’atto limitativo, ex artt. 13, 14, 15 e 21
Cost., e generale obbligo di motivazione dei provvedimenti giurisdizionali, ex art. 111, sesto comma, Cost. V.
Dunque, se volessimo cercare di delineare i principi costituzionali comuni alle
legittime restrizioni della sfera personale, potremmo rilevare: a) la tendenziale
connessione ad ipotesi di reato; b) la garanzia di una riserva di legge assoluta, quanto ai
casi e ai modi; c) la generale previsione di una riserva giurisdizionale; d) l’eccezionale
previsione di limitati interventi di polizia, salvo convalida successiva da parte del giudice.
Eppure la stessa Costituzione fa emergere un’altra sfera attinente alla sicurezza,
quella collegata alla tutela di esigenze collettive di tutela, derivante dalla promozione del
sistema delle libertà costituzionali in via positiva (ex artt. 2 e 3, secondo comma, Cost.),
più che dalla garanzia delle tradizionali libertà negative, potenzialmente svincolata
dall’ambito penale e dalla funzione repressiva dello Stato, e nel cui ambito le citate
garanzie procedurali e sostanziali vanno quindi lette sistematicamente con i principi
costituzionali di riferimento.
La consapevolezza del Costituente sul punto non sembra possa essere messa in
discussione. Si pensi, ad esempio, al riferimento al sistema delle “misure di sicurezza”,
distinto dal sistema delle pene;32 alla specialità delle garanzie del domicilio nei casi di
limitazioni “per motivi di sanità e di incolumità pubblica”, o per fini economici e fiscali; 33 ma
anche alla previsione di limiti massimi alla carcerazione preventiva.34
Più in generale, tali esigenze appaiono più evidenti nell’ambito dei c.d. dritti della
socialità, e cioè di quelle fattispecie di libertà che appaiono strettamente connesse
all’inserimento della persona all’interno della comunità di riferimento, e che non possono
prescindere concettualmente dalle relazioni reciproche: libertà di riunione e di
associazione, ma anche di circolazione, di libera manifestazione del pensiero e di iniziativa
economica (cfr. gli artt. 16, 17, 18, 21 e 41 Cost.).
Ebbene, proprio nel momento in cui la persona viene proiettata nell’ambito delle sue
relazioni sociali, le preoccupazioni del Costituente appaiono più complesse, e appare una
diversa sfera di operatività della sicurezza (la già citata “sicurezza di”), volta anche alla
tutela di esigenze di natura collettiva. Non a caso, molti dei già citati riferimenti alla
sicurezza si trovano in questo ambito; dall’esplicito richiamo alle esigenze di sicurezza o
incolumità pubblica,35 fino all’espressa indicazione di interventi di natura preventiva, oltre a
quelli tradizionali di tipo repressivo.36
Conseguentemente, anche le tradizionali garanzie subiscono un riadattamento,
essendo tale sfera di intervento sicuramente vincolata da previe disposizioni di legge (in
ossequio ai canoni dello Stato di diritto), ma non vincolata all’istituto della riserva di
giurisdizione e potenzialmente (oltre che tradizionalmente) affidata alla sfera
dell’amministrazione.37
Angiolini, op. cit., pag. 127 ss.
32
Cfr. l’art. 25, terzo comma, Cost.: “Nessuno può essere sottoposto a misure di sicurezza se non nei casi
previsti dalla legge”.
33
Art. 14, terzo comma, Cost.: “Gli accertamenti e le ispezioni per motivi di sanità e di incolumità pubblica o
a fini economici e fiscali sono regolati da leggi speciali”.
34
Così l’art. 13, quinto comma, Cost.: “La legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione preventiva”.
35
Come nel caso dei già citati artt. 16, primo comma, e 17, terzo comma, Cost.
36
Così, ad esempio, gli artt. 13, quinto comma, e 17, terzo comma, Cost. Ma anche l’art. 21, sesto comma,
in relazione alla tutela del buon costume: “Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre
manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a
reprimere le violazioni”.
37
Sul punto, si veda anche quanto stabilito dall’art. 23 Cost., in base al quale “Nessuna prestazione
personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge”. A prescindere dall’ambito
patrimoniale, infatti (più strettamente collegato al dovere ex art. 53 Cost.), il riferimento all’ambito personale
sembra configurare l’art. 23 Cost. come “garanzia di chiusura, imponendo il rispetto della riserva di legge per
ogni intervento che incida su fattispecie di libertà e che non ricada nella sfera di operatività di altre specifiche
disposizioni costituzionali” (così G. Filippetta, La libertà personale e le libertà di domicilio, di circolazione e
individuale, in R. Nania, P. Ridola (a cura di), op. cit., II, pag. 594). Sul punto, per una ricostruzione delle
In ogni caso, anche tale categoria di interventi dovrà svolgersi nel rispetto delle
norme e dei principi costituzionali, dovendo le esigenze che ne stanno alla base essere
ricondotte non certo ad un presunto ed indefinito ordine pubblico ideale, ma a concrete
esigenze valutabili in vista della promozione del sistema costituzionale delle libertà.
Dunque, a differenza di quanto accadeva durante il fascismo, un sistema volto non tanto a
controllare e a limitare i diritti dei singoli individui, in vista di una loro funzionalizzazione
agli ideali di regime, nell’ambito di un determinato ordine sociale; ma volto a rileggerli in
chiave personalista, e a contemperarli con le esigenze collettive di promozione sociale che
sono affidate espressamente dalla Costituzione alla Repubblica, considerata nel suo
insieme.
Nel complesso, l’intero dibattito in Assemblea costituente sembra riflettere queste
preoccupazioni.38 Da un lato, infatti, la memoria dell’utilizzo in chiave repressiva delle
misure di polizia sotto il precedente regime totalitario ha spinto ad una chiara delimitazione
dei poteri dell’amministrazione in materia di libertà fondamentali, attraverso la previsione
del necessario intervento (quale regola generale) dell’autorità giudiziaria.
Dall’altro, la consapevolezza della necessità di tutelare anche esigenze più generali
di sicurezza collettiva ha comunque portato al mantenimento di un’area di intervento
diretto dell’autorità di pubblica sicurezza, in ogni caso riconducibile, però, o a casi
eccezionali di necessità e urgenza (salva convalida successiva dell’autorità giudiziaria), o
a ipotesi di tutela di interessi concreti (quali, appunto, la sanità, la sicurezza o l’incolumità
pubblica). In ogni caso, nessuna ipotesi di restrizione amministrativa delle libertà della
persona potrà avvenire per motivi politici.39
Alla luce di tali considerazioni, non sembra potersi condividere l’opinione di chi
ritiene configurabile (con particolare riferimento all’ordinamento italiano) l’esistenza di un
vero e proprio diritto alla sicurezza, quale situazione giuridica soggettiva in capo ai singoli
individui.40 Infatti, anche in base alla lettura dei dati storici e normativi sopra riportati, le
diverse dimensioni costituzionali della sicurezza che si sono indicate rappresentano tutte
un complesso bene di rilievo costituzionale, che mira alla tutela della persona nelle sue
relazioni sociali, e quindi anche delle specifiche fattispecie di libertà espressamente
codificate dalla nostra Carta fondamentale. Che, poi, rispetto a tale complessa dimensione
costituzionale della sicurezza si manifesti, dal punto di vista soggettivo, un’aspettativa o
un’aspirazione di sicurezza da parte di singoli individui, in nulla incide nella definizione
dello statuto costituzionale della sicurezza.
4. Le esigenze della sicurezza e l’assetto dei poteri, tra forma di stato e forma di governo
diverse opinioni in merito, si veda anche G. Salerno, Art. 23, in V. Crisafulli, L. Paladin (a cura di),
Commentario breve della Costituzione, Padova, 1990, in particolare pag. 169 ss.
38
Si veda, in particolare, il dibattito in Assemblea svoltosi nei giorni 26 marzo – 11 aprile 1947, ora in La
Costituzione della Repubblica nei lavori preparatori della Assemblea Costituente, I, Roma, 1970, pag. 665
ss.
39
Cfr., in questo senso, l’art. 16, primo comma, Cost., con regola che può, però, intendersi espressione di un
principio più generale, come sembra dimostrato anche dall’art. 22 Cost.: “Nessuno può essere privato, per
motivi politici, della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome”.
40
Cfr. P. Torretta, “Diritto alla sicurezza” e altri diritti e libertà della persona: un complesso bilanciamento
costituzionale, in A. D’Aloia (a cura di), Diritti e Costituzione. Profili evolutivi e dimensioni inedite, Milano,
2003, pag. 451 ss; T.E. Frosini, Il diritto costituzionale alla sicurezza, in forumcostituzionale.it; G. Cerrina
Feroni, G. Morbidelli, La sicurezza: un valore superprimario, in Percorsi costituzionali, n. 1/2008, in
particolare pagg. 34-35; nonché, criticamente, P. Bonetti, op. cit., pagg. 55-56. Sul punto, più in generale e in
relazione alla lettura dell’art. 2 Cost. quale fattispecie aperta, si vedano le riflessioni critiche di A. Barbera,
Nuovi diritti: attenzione ai confini, in L. Califano (a cura di), Corte costituzionale e diritti fondamentali, Torino,
2004, in particolare pag. 23 ss.
Dunque, l’individuazione del bene costituzionale sicurezza, nelle sue diverse
dimensioni, si colloca al crocevia tra la c.d. costituzione dei diritti e la c.d. costituzione dei
poteri. Se, infatti, dal primo punto di vista vengono in considerazione le questioni relative
alla “sicurezza da” e alla “sicurezza di”, appare subito evidente come esse siano
strettamente collegate con una determinata concezione del potere statale, della sua
legittimazione e delle sue finalità.
Proprio per questo, il tentativo di ricostruire lo statuto costituzionale della sicurezza
non può prescindere dall’analisi delle istituzioni e degli apparati appositamente previsti per
la sua garanzia e la sua tutela, in tutte le dimensioni accennate. Tale legame, in ogni caso,
è particolarmente evidente nel passaggio tra Stato assoluto e Stato liberale. Se, infatti, nel
primo caso le finalità di garanzia della vita e della sicurezza dei consociati sono il
fondamento stesso della costruzione del pactum subiectionis e dell’individuazione del
potere sovrano, illimitato e totale dello Stato-Leviatano; con l’affermazione dei principi
dello stato di diritto, della separazione dei poteri e della tutela delle libertà della classe
borghese, in connessione con (pur assai esigue) forme di rappresentanza politica, la
sicurezza diviene specifico oggetto di disciplina giuridica.
In ogni caso, leggendo in filigrana gli elementi di continuità tra i due momenti di
evoluzione del costituzionalismo moderno, il compito di garantire la sicurezza appartiene
all’apparato amministrativo del pubblico potere, che in questo senso si specializza sempre
più nell’ambito di quella che adesso viene comunemente individuata come
l’amministrazione di pubblica sicurezza.41
Dunque, in questo senso, la sicurezza è fin dalle origini fatto di amministrazione e,
di conseguenza, fatto di organizzazione amministrativa; dapprima nell’ambito di un assetto
accentrato in cui unico interprete delle esigenze della collettività è il sovrano assoluto (che
manifesta in questo caso il potere di dettare specifiche norme, di curarne l’attuazione
tramite i suoi funzionari e di poter giudicare in ultima istanza sulla loro corretta
applicazione); successivamente nell’ambito delle finalità e dei limiti stabiliti dalla legge
dell’organo rappresentativo per eccellenza: il Parlamento.42
E’ in questo momento, infatti, che si manifesta con particolare evidenza il mito della
legge quale espressione della volontà generale e della sovranità delle assemblee
parlamentari, sulla scia delle suggestioni della Rivoluzione francese. Dunque, in questo
senso, il problema della complessiva legittimità del sistema dei pubblici poteri sembra
sovrapporsi e limitarsi a quello connesso alla legalità formale delle concrete modalità del
suo esercizio.
In ogni caso, da un punto di vista più generale, emerge la tendenza a circoscrivere
le questioni concernenti la sicurezza nell’ambito dell’amministrazione interna di polizia,
riconoscendo autonomia, da un lato, sia all’apparato militare di difesa esterna (costituito e
organizzato secondo principi e norme del tutto peculiari, vero e proprio ordinamento
speciale), sia, dall’altro, alla diversa funzione di repressione degli illeciti penali spettante
all’autorità giudiziaria.43
41
Sulla quale, tra gli altri, si vedano i contributi di M. Di Raimondo, Il sistema dell’amministrazione della
pubblica sicurezza, Padova, 1984; A. Chiappetti, Polizia (diritto pubblico), in Enciclopedia del diritto, XXXIV,
Milano, 1985, pag. 20 ss.; C. Mosca, Pubblica sicurezza (ordinamento della amministrazione della), in
Novissimo Digesto italiano, Appendice VI, Torino, 1986, pag. 133 ss.; G. Corso, Polizia di sicurezza, in
Digesto delle discipline pubblicistiche, XI, Torino, 1996, pag. 319 ss.; nonché di G. Caia, op. cit., in
particolare pag. 290 ss.
42
Per una ricostruzione della citata evoluzione, in particolare, si rimanda a A. Chiappetti, L’attività di polizia.
Aspetti storici e dogmatici, Padova, 1973, passim.
43
Si veda, sul punto, quanto affermato da A. Chiappetti, op. ult. cit., in particolare pag. 64 ss., secondo il
quale, tra il XVII e il XVIII secolo, negli ordinamenti europei continentali (e in particolare in Francia e in
Germania, patria del Polizeistaat) “il termine police o polizei viene utilizzato […] per indicare il più ristretto
significato di attività amministrativa esercitata dagli organi dell’apparato di governo ad esclusione della
giurisdizione e perfino alcuni significati più limitati, riguardanti una sola parte dell’attività amministrativa
Non è un caso, allora, che proprio sulla scia di tale evoluzione vengano sottolineate,
pur con diversi accenni, le differenziazioni tra ambito di intervento della polizia
amministrativa, della polizia di sicurezza e di quella giudiziaria. La prima, come noto,
strettamente collegata all’esercizio di specifiche funzioni amministrative, quale
manifestazione di poteri di vigilanza e controllo;44 la seconda, in particolare, con compiti di
prevenzione rispetto al compimento di atti penalmente rilevanti o comunque socialmente
pericolosi;45 l’ultima, invece, connessa al compito di reprimere le violazioni della legge
panale, nell’ambito più specifico dell’esercizio della giurisdizione e a supporto di questa. 46
Tale assetto sembra, ancora oggi, confermato nell’ambito degli assetti costituzionali
liberaldemocratici, pur con alcune rilevanti novità. Da un lato, infatti, la progressiva
estensione dei compiti di intervento attivo dei pubblici poteri, e in particolare della pubblica
amministrazione, comporta come conseguenza la parallela estensione dei connessi
compiti di polizia amministrativa in senso lato. Dall’altro, con l’introduzione a livello
costituzionale delle c.d. libertà positive e dei diritti sociali, la dimensione collettiva della
sicurezza appare assumere un rilevanza maggiore, e un fondamento costituzionale diretto.
Il tutto, in ogni caso, nell’ambito di una visione dei rapporti tra Stato e cittadino non
meramente conservativa, ma anche promozionale in vista della garanzia della persona e
dei suoi diritti che sembra essere uno dei cardini del costituzionalismo liberaldemocratico.
A ciò si aggiunga la forte valorizzazione del principio del pluralismo, sia sociale sia
territoriale, che articola ulteriormente i piani di intervento a tutela della sicurezza e delle
sue complessive esigenze (si pensi, in questo senso, solo al ruolo degli organi di governo
regionali e locali).47
Un assetto, quindi, che vede comunque confermato il tradizionale ruolo centrale
dell’amministrazione dello Stato (con forme di collaborazione con l’amministrazione locale
e regionale), che trova nella legge parlamentare la sua regolamentazione operativa, ma
che trova in Costituzione i principi e le norme di fondamento, nell’ambito di specifiche
opzioni assiologiche.
stessa, escludendo, cioè, l’attività fiscale, l’esercito e così via”.
44
Sul punto, ora, vedi il dettato dell’art. 159, primo comma, del d.lgs. n. 112/1998, secondo il quale “le
funzioni e i compiti amministrativi relativi alla polizia amministrativa […] concernono le misure dirette ad
evitare danni o pregiudizi che possono essere arrecati ai soggetti giuridici ed alle cose nello svolgimento di
attività […] senza che ne risultino lesi o messi in pericolo i beni e gli interessi tutelati in funzione dell’ordine
pubblico”. Sulla polizia amministrativa, cfr. A. Nova, Polizia amministrativa, in Digesto delle discipline
pubblicistiche, XI, Torino, 1996, pag. 314 ss.
45
Per la quale, ora, si veda l’art. 159, secondo comma, del d.lgs. n. 112/1998, secondo cui “le funzioni e i
compiti amministrativi relativi all’ordine pubblico e sicurezza pubblica […] concernono le misure preventive e
repressive dirette al mantenimento dell’ordine pubblico, inteso come il complesso dei beni giuridici
fondamentali e degli interessi pubblici primari sui quali si regge l’ordinata e civile convivenza nella comunità
nazionale, nonché alla sicurezza delle istituzioni, dei cittadini e dei loro beni”. Tali compiti, sulla base del
successivo art. 160, secondo comma, sono affidate all’amministrazione della pubblica sicurezza così come
disciplinata dalla legge n. 121/1981 “che individua, ai fini della tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, le
forze di polizia”. Sulla polizia di sicurezza, tra gi altri, si veda M. Colacito, Sicurezza (polizia di), in
Enciclopedia giuridica, XXVIII, Roma, 1990; G. Corso, Polizia di sicurezza, in Digesto delle discipline
pubblicistiche, XI, Torino, 1996, pag. 319 ss.
46
Cfr., in questo senso, il dettato dell’art. 109 Cost., in base al quale “l’autorità giudiziaria dispone
direttamente della polizia giudiziaria”. Sul punto, ora, vedi anche l’art. 55 c.p.p., secondo cui la polizia
giudiziaria “deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia ei reati, impedire che vengano portati a
conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e
raccogliere quant’altro possa servire per l’applicazione della legge penale”. Sulla polizia giudiziaria, tra gli
altri, vedi A. Cerri, Polizia giudiziaria. I) Diritto pubblico, in Enciclopedia giuridica, XXIII, Roma, 1990; nonché
D. Manzione, Polizia giudiziaria, in Enciclopedia del diritto, Aggiornamento VI, Milano, 2002, pag. 860 ss.
47
Si ricordano, in proposito, le già citate disposizioni di cui agli artt. 117 e 118 Cost., le quali delineano un
complesso di competenze (a livello legislativo e amministrativo) che, in materia di sicurezza, vedono
coinvolti, in primis, lo Stato, ma anche Regioni ed enti locali.
Coerentemente con tali presupposti, la Carta costituzionale declina le esigenze
organizzative connesse alle diverse dimensioni della sicurezza nell’ambito di una forma di
governo ispirata ai canoni della democrazia parlamentare. Dunque, un ruolo centrale, in
questo senso, sembra essere rimesso agli organi protagonisti del rapporto fiduciario, vera
e propria cinghia di trasmissione della sovranità popolare: Parlamento, da un lato, e
Governo, dall’altro. Più nello specifico, potere legislativo e amministrazione. Se, infatti, alla
legge spetta intervenire a regolare l’esercizio dei diritti costituzionali nell’ambito degli
interessi e dei limiti costituzionalmente previsti, all’amministrazione tocca dare esecuzione
e continua tutela a tali pubblici interessi.
Il compito del potere giudiziario, in questo senso, sarà invece quello di tutelare le
posizioni giuridiche soggettive chiamate in causa nell’ambio dell’esercizio dei poteri
amministrativi concernenti la sicurezza, in virtù dei principi dello Stato di diritto. Ovvio, in
questo senso, il riferimento all’ambito di intervento di quelle che, come abbiamo visto,
tradizionalmente si indicano come polizia amministrativa e polizia di sicurezza (e
giocando, invece, la magistratura un ruolo del tutto peculiare rispetto alle attività della
polizia giudiziaria, funzionalmente collegata all’esercizio della giurisdizione penale). Un
compito, quindi, essenzialmente successivo (a parte alcuni, rilevanti, casi), volto a valutare
la legalità dell’azione amministrativa e le eventuali responsabilità dei pubblici funzionari. Di
fronte ad alcune tradizionali libertà civili,48 invece, la riserva di giurisdizione espressamente
prevista coinvolge direttamente la magistratura nella decisione relativa alle esigenze di
limitazione della sfera personale dei singoli individui.
In questi casi, dunque, il giudice non si limiterà, ex post, ad un eventuale
valutazione dell’operato dell’amministrazione di pubblica sicurezza, ma valuterà ex ante le
esigenze connesse alla richiesta limitazione della sfera di libertà del singolo. In caso di
urgenza, però, si afferma nuovamente un titolo autonomo di intervento delle forze di
polizia, salvo la prescritta convalida giudiziaria. I concreti rapporti, in questo senso, tra
amministrazione di pubblica sicurezza e autorità giudiziaria sembrano poter essere
ricostruiti attraverso un esame sistematico delle diverse norme contenute negli artt. 13, 14,
15 e 21 Cost.
Come in parte già sottolineato, non sembra un caso che il Costituente abbia
utilizzato la nozione di “autorità di pubblica sicurezza” nell’ambito dell’art. 13 Cost., mentre
l’art. 21 parla di “polizia giudiziaria”. Nel secondo caso, infatti, il richiamo alla polizia
giudiziaria in materia di sequestro della stampa appare coerente con la specifica riserva di
legge rinforzata prevista, che parla espressamente di “delitti” in un contesto in cui appare
proibita ogni forma di intervento preventivo (“la stampa non può essere soggetta ad
autorizzazioni o censure”). Dunque se di fattispecie penali si tratta, appare coerente il
coinvolgimento, pur in via eccezionale, della polizia giudiziaria, funzionalmente istituita per
il perseguimento dei reati.
Diverso, invece, il caso dell’art. 13 Cost. A prescindere dall’annoso dibattito sul c.d.
vuoto dei fini che contraddistinguerebbe tale disposizione, 49 non sembra potersi accogliere
quella interpretazione che, di fatto, riconduce le forme legittime di limitazione della libertà
personale all’esercizio della sola giurisdizione penale, interpretando quindi “autorità di
pubblica sicurezza” quasi come un sinonimo di “polizia giudiziaria”. La riserva di
giurisdizione prevista nell’ambito dell’art. 13 Cost., infatti, più che delimitare l’intervento
della magistratura alle classiche forme di esercizio dell’attività processuale, vuole
estendere le garanzie giurisdizionali di fronte ad ogni caso di limitazione della libertà
48
Le più volte citate libertà personale (art. 13 Cost.), libertà di domicilio (art. 14 Cost.), libertà di
comunicazione privata (art. 15 Cost.) e libertà di manifestazione del pensiero (art. 21 Cost.).
49
Cfr., A. Barbera, I principi costituzionali della libertà personale, Milano, 1967; A Pace, Problematica delle
libertà costituzionali, Padova, 1992; nonché, nel tentativo di ancorare la limitazioni possibili esclusivamente
agli artt. 25, 30 e 32 Cost., L. Elia, Libertà personale e misure di prevenzione, Milano, 1962; P. Barile, Diritti
dell’uomo e libertà fondamentali, Bologna, 1984.
personale. E’, infatti, l’eredità moderna dell’antica garanzia dell’habeas corpus, finalizzata
a valutare tempestivamente (e di regola preventivamente) la fondatezza degli interventi
limitativi posti in essere dalle pubbliche autorità.50
Dunque, in assenza di ogni espressa previsione di poteri esclusivamente connessi
alla previa commissione di fattispecie penali, l’art. 13 Cost. parla coerentemente di autorità
di pubblica sicurezza, volendo ricomprendere tutte le forme di possibile limitazione della
libertà personale, anche al di fuori del processo penale in senso stretto. Che, d’altronde,
non fossero le garanzie tipiche del processo, ma quelle più in generale riconducibili ad
un’autorità giudiziaria autonoma e indipendente dal governo e dalla sua amministrazione,
è evidente solo se si pensi alla pacifica accettazione anche del pubblico ministero quale
organo rappresentate dell’autorità giudiziaria indicata.51
A sua volta, per le sue peculiarità, mantiene una sua precisa autonomia non solo
funzionale, ma anche istituzionale, il sistema della difesa nazionale, connesso al già citato
ordinamento delle Forze armate.52 Esso, infatti, mantiene le caratteristiche di apparto
autonomo e separato rispetto all’amministrazione della pubblica sicurezza, finalizzato
essenzialmente alla difesa esterna dello Stato e, proprio per tali peculiarità, ispirato a
specifici principi di organizzazione e responsablità (vero e proprio “ordinamento
speciale”).53
5. Un caso emblematico: le vicende costituzionali dell’ordine pubblico
Il percorso appena citato può essere colto nell’ambito delle tormentate vicende che
hanno caratterizzato il concetto di ordine pubblico nel nostro ordinamento. Come noto,
diverse possono essere (e sono) le definizioni date dell’ordine pubblico dal punto di vista
giuridico; esse, in particolare, cambiano a seconda del settore normativo di riferimento. 54
Si succedono, così: una definizione di ordine pubblico nell’ambito del diritto privato (come
limite all’autonomia privata dei singoli individui); una definizione rilevante sul piano del
diritto internazionale privato (come limite al riconoscimento di efficacia interna di atti
giuridici prodotti da altri ordinamenti); una definizione specifica nell’ambito del diritto
internazionale pubblico (in relazione al rispetto di quelle norme che regolano i rapporti tra
Stati riconosciuti come vero e proprio ius cogens); una definizione rilevante nell’ambito del
diritto pubblico, e costituzionale (in particolare, quale garanzia di ordinata e pacifica
convivenza, a tutela della sicurezza dei singoli e della collettività).
In realtà, con riferimento al ruolo dell’ordine pubblico nell’ambito del diritto
costituzionale, le interpretazioni sono state assai differenti (anche alla luce di una
50
In questo, come noto, in perfetta coerenza con quanto previsto dall’art. 111, settimo comma, sulla garanzia
del ricorso in Cassazione nei confronti dei provvedimenti de libertate.
51
Evidente, in questo senso, il dibattito in Assemblea costituente,da cui emerge la preoccupazione di
sottrarre alla sfera della discrezionalità dell’amministrazione le limitazioni alla libertà personale, per riportarle
sotto il peculiare controllo di legalità tipico di un’autorità giudiziaria autonoma e indipendente dal potere
politico, così come si stava delineando all’interno della Costituzione.
52
Sul punto, per tutti, si vedano i contributi di G. de Vergottini, Indirizzo politico della difesa e sistema
costituzionale, Milano, 1971; P. Bonetti, Ordinamento della difesa nazionale e Costituzione italiana, Milano,
2000; A Baldanza, La difesa, in S. Cassese (a cura di), Trattato di diritto amministrativo, Diritto
amministrativo speciale, I, Milano, 2003, pag. 307 ss.
53
Cfr., da ultimo, L. Viola, L’immunità nascosta: alla ricerca della responsabilità dell’amministrazione militare,
in Quaderni costituzionali, 2005, pag. 345 ss.
54
Per una ricostruzione delle origini della nozione di “ordine pubblico” si vedano, tra gli altri, i contributi di A.
Pace, Il concetto di ordine pubblico nella Costituzione italiana, in Archivio giuridico, 1963, pag. 111 ss.; L.
Paladin, Ordine pubblico, in Novissimo Digesto italiano, XII, Torino, 1965, pag. 30 ss.; G. Corso, L’ordine
pubblico, cit., pag. 133 ss.; A. Cerri, Ordine pubblico (Diritto costituzionale), in Enciclopedia giuridica, XII,
Roma, 1990; nonché, da ultimo, di F. Angelini, Ordine pubblico e integrazione costituzionale europea,
Padova, 2007, pag. 25 ss.
giurisprudenza costituzionale oscillante). Secondo alcuni, infatti, l’unica accezione
costituzionalmente compatibile di ordine pubblico sarebbe quella limitata alla sua essenza
materiale, connessa alla garanzia della sicurezza e dell’incolumità dei cittadini (anche alla
luce del dibattito emerso in sede di Assemblea costituente e sulla base delle disposizioni
costituzionali più volte citate).55 Altri, invece (pur problematicamente), ritengono possa
essere identificato, in via generale, anche un suo contenuto ideale o normativo,
consistente nel rispetto e nella garanzia dei principi fondamentali dell’ordine costituzionale,
con particolare riferimento al c.d. ordine democratico.56
Gli stessi autori che vanno alla ricerca di un suo eventuale fondamento
costituzionale, però, giungono alla conclusione di una impossibilità logica di pensare
l’ordine pubblico ideale (a livello costituzionale) come un limite a specifiche libertà, dal
momento che proprio la tutela delle libertà rappresenta uno dei principi e valori fondanti
l’ordinamento stesso.57 Come in parte già anticipato, però, a questo punto sembra che la
questione si apra fine a toccare, da un lato, la concezione e lo stesso contenuto dei più
volte evocati principi supremi dell’ordinamento,58 nonché, dall’altro, gli elementi di
protezione democratica eventualmente rintracciabili nella nostra Carta fondamentale (con
particolare riferimento agli artt. 8, 18, 21, 49 e 54 Cost.).
Evidenti, in questo senso, le differenti conseguenze in materia di libertà
fondamentali. Se, infatti, si accetta un nozione di ordina pubblico in senso meramente
materiale, allora le uniche limitazioni possibili saranno quelle espressamente previste dal
testo costituzionale o comunque collegate alla funzione di prevenzione e repressione dei
reati. All’opposto, nell’ambito di un’interpretazione dell’ordine pubblico come ordine ideale,
alla luce dei principi fondamentali della Costituzione, esso potrebbe rappresentare un
limite generale (in quanto immanente) a tutte le libertà costituzionali.
Dal canto suo, la giurisprudenza costituzionale ha assunto una posizione ambigua e
oscillante, spesso sovrapponendo le due concezioni di ordine pubblico. Alla luce della già
citata impostazione contenuta nella sua prima, storica, decisione (fondata, come noto,
sulla distinzione tra limiti connessi alla garanzia delle libertà e limiti connessi all’esercizio
delle stesse), la Corte ha infatti dapprima espressamente escluso, in relazione all’art. 16
Cost., che “la sicurezza riguardi solo l’incolumità fisica”, sostenendo invece che “sembra
razionale e conforme allo spirito della Costituzione dare alla parola sicurezza il significato
di situazione nella quale sia assicurato ai cittadini, per quanto è possibile, il pacifico
55
Così, tra gli altri, G. Corso, Ordine pubblico. B) Diritto costituzionale, cit.
Cfr, ad es., L. Paladin, Ordine pubblico, cit., pag. 130 che parla di “ordine pubblico normativo, spettante
allo Stato-ordinamento, quale sistema coerente ed unitario di valori e di principi”; C. Lavagna, Il concetto di
ordine pubblico alla luce delle norme costituzionali, in Democrazia e diritto, 1967, pag. 367 ss. Ma si veda
anche la definizione di V. Crisafulli, La scuola nella Costituzione, in AA.VV., Studi in onore di G.M. De
Francesco, Milano, 1957, pag. 276 ss., che parla di “sistema di valori e di principi inderogabili, che informano
storicamente l’ordinamento generale della comunità statale”.
57
Evidente dimostrazione delle difficoltà della dottrina sul punto appare la posizione di C. Esposito, in un
primo tempo problematicamente attento al problema dell’illegittimità costituzionale di un eventuale utilizzo
delle libertà fondamentali volto a minare le stesse garanzie, direttive o strutture implicitamente poste dalla
Costituzione al riparo dallo stesso procedimento di revisione (cfr. Eguaglianza e giustizia nell’art. 3 della
Costituzione, in C. Esposito, La Costituzione italiana. Saggi, Padova, 1954, pag. 50 ss.). Sottolinea il
mutamento di prospettiva, in particolare, L. Paladin, op. cit., pag. 132, la cui ricostruzione (in ogni caso) non
sembra del tutto priva di ambiguità. Successivamente, invece, contrario alla possibilità di ricavare un
contenuto ideale di ordine pubblico costituzionale, quale limite all’esercizio delle libertà fondamentali, dal
generale obbligo di fedeltà alla Repubblica previsto dall’art. 54 Cost. (cfr. La libertà di manifestazione del
pensiero nell’ordinamento italiano, Milano, 1958, pag. 52). Parzialmente differente, sul punto, la posizione di
A. Pace, op. ult. cit., pag. 119, il quale invece ritiene possibile far valere una nozione ideale di ordine
pubblico costituzionale esclusivamente in relazione alle libertà economiche, alla luce del peculiare ordine
economico disegnato dal Costituente.
58
Sui quali, in particolare, si vedano le sentt. nn. 30/1972, 31/1972, 32/1972, 18/1982, 1146/1988.
Analogamente, in relazione ai “principi fondamentali dell’ordinamento”, si vedano le sentt. nn. 183/1973,
48/1979, 170/1984.
56
esercizio di quei diritti di libertà che la Costituzione garantisce con tanta forza. Sicurezza si
ha quando il cittadino può svolgere la propria lecita attività senza essere minacciato da
offese alla propria personalità fisica e morale; è l’ordinato vivere civile , che è
indubbiamente la meta di uno Stato di diritto, libero e democratico”.59
Successivamente, in relazione alla libertà di manifestazione del pensiero, ha
affermato la natura implicita e (in qualche modo) generalizzata del limite dell’ordine
pubblico, inteso quale “bene collettivo, che non è dammeno della libertà di manifestazione
del pensiero”. Secondo la Corte, infatti, “l’esigenza dell’ordine pubblico, per quanto
altrimenti ispirata rispetto agli ordinamenti autoritari, non è affatto estranea agli
ordinamenti democratici e legalitari, né è incompatibile con essi. In particolare, al regime
democratico e legalitario, consacrato nella Costituzione vigente […], è connaturale un
sistema giuridico, in cui gli obbiettivi consentiti ai consociati e alle formazioni sociali non
possono esser realizzati se non con gli strumenti e attraverso i procedimenti previsti dalle
leggi, e non è dato per contro pretendere di introdurvi modificazioni o deroghe attraverso
forme di coazione o addirittura di violenza. Tale sistema rappresenta l’ordine istituzionale
del regime vigente; e appunto in esso va identificato l’ordine pubblico del regime stesso.
Non potendo dubitarsi che, così inteso, l’ordine pubblico è un bene inerente al vigente
sistema costituzionale, non può del pari dubitarsi che il mantenimento di esso - nel senso
di preservazione delle strutture giuridiche della convivenza sociale, instaurate mediante le
leggi, da ogni attentato a modificarle o a renderle inoperanti mediante l’uso o la minaccia
illegale della forza - sia finalità immanente del sistema costituzionale”.60
Chiara la valenza sostanzialmente ambigua di una tale concezione di ordine
pubblico, da un lato riferita ad un determinato assetto normativo di principi costituzionali,
dall’altro connessa a forme coattive o violente di attentato all’ordine istituzionale del
regime vigente. In ogni caso, chiara la sua natura di interesse costituzionale che può
giustificare limitazioni ad altri beni costituzionalmente garantiti (e, in particolare, alle
libertà).61
Ulteriore conferma delle ambiguità della Corte in materia sembra essere anche la
successiva decisione con cui, sempre in relazione all’art. 21 Cost., 62 si afferma che “la
garanzia dei diritti inviolabili dell’uomo diventerebbe illusoria per tutti, se ciascuno potesse
esercitarli fuori dell’ambito delle leggi, della civile regolamentazione, del ragionevole
costume. Anche diritti primari e fondamentali […] debbono venir contemperati con le
esigenze di una tollerabile convivenza”. In questo senso, l’ordine pubblico deve essere
inteso quale “ordine pubblico costituzionale […] che deve essere assicurato appunto per
consentire a tutti il godimento effettivo dei diritti inviolabili dell’uomo”.63
59
Così, in particolare, la sent. n. 2/1956, in relazione alla disciplina allora vigente del rimpatrio con foglio di
via obbligatorio e del rimpatrio per traduzione (art. 157 del TULPS del 1931).
60
Cfr., in questo senso, la sent. n. 19/1962, in relazione all’art. 656 c.p. concernente la pubblicazione o
diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico. Su tale decisione si
vedano le osservazioni di C. Esposito, La libertà di manifestazione del pensiero e l'ordine pubblico, in
Giurisprudenza costituzionale, 1962, pag. 191 ss.; e di P. Barile, La libertà di espressione del pensiero e le
notizie false, esagerate e tendenziose, in Foro italiano, 1962, I, pag. 855 ss.
61
Secondo la Corte, infatti, “la tutela costituzionale dei diritti ha sempre un limite insuperabile nella esigenza
che attraverso l’esercizio di essi non vengano sacrificati beni, ugualmente garantiti dalla Costituzione. Il che
tanto più vale, quando si tratti di beni che - come l’ordine pubblico - sono patrimonio dell’intera collettività”
(cfr. ancora la sent. n. 19/1962). In senso conforme, vedi anche le successive sentt. nn. 199/1972 e
210/1976).
62
Per una ricostruzione della non scarsa giurisprudenza in materia, si veda A. Cerri, op. cit., in particolare
pagg. 8-9.
63
Cfr. la sentenza n. 168/1971, sull’art. 650 c.p. in merito al reato di inosservanza dei provvedimenti
dell’autorità per ragione d’ordine pubblico. Su tale decisione, si rimanda a A. Pace, Ordine pubblico
materiale, ordine pubblico costituzionale, ordine pubblico secondo la Corte costituzionale, in Giurisprudenza
costituzionale, 1971, pag. 1777 ss.
Da ultimo, però, sembra in qualche modo aver accettato una nozione più
strettamente materiale dello stesso, in concomitanza con la già citata riforma del Titolo V
del 2001 che ha per la prima volte inserito espressamente il concetto di ordine pubblico in
Costituzione. Significative, in questo senso, le affermazioni in base alle quali esso
indicherebbe il “settore riservato allo Stato relativo alle misure inerenti alla prevenzione dei
reati o al mantenimento dell’ordine pubblico”, riguardante “le funzioni primariamente dirette
a tutelare beni fondamentali, quali l’integrità fisica o psichica delle persone, la sicurezza
dei possessi ed ogni altro bene che assume primaria importanza per l’esistenza stessa
dell’ordinamento”, sostanzialmente escludendo però al contempo che tale nozione possa
assumere “una portata estensiva, in quanto distinta dall’ordine pubblico, o collegata con la
tutela della salute, dell’ambiente, del lavoro e così via”. Dunque, “non qualsiasi interesse
pubblico alla cui cura siano preposte le pubbliche amministrazioni, ma soltanto quegli
interessi essenziali al mantenimento di una ordinata convivenza civile”.64
Dunque, se appare vero che ad un regime democratico e legalitario, quale quello
consacrato nella Costituzione italiana del 1948, “è connaturale un sistema giuridico in cui
gli obiettivi consentiti ai consociati e alle formazioni sociali non possono essere realizzati
se non con gli strumenti e attraverso i procedimenti previsti dalle leggi, e non è dato per
contro pretendere di introdurvi modificazioni o deroghe attraverso forme di coazione o
addirittura di violenza”, è altrettanto vero che questo sembra essere un limite generale
connesso all’ambito della prevenzione e repressione dei reati, senza alcuna suggestione
di tipo puramente ideale o immanente in merito alla ricostruzione del sistema delle libertà
costituzionali del cittadino.
Tale tendenza, a ben vedere, ben si coniuga con quel filone giurisprudenziale volto
a ritenere che “il concetto di limite è insito nel concetto di diritto e che nell’ambito
dell’ordinamento le varie sfere giuridiche devono di necessità limitarsi reciprocamente,
perché possano coesistere nell’ordinata convivenza civile”, motivo per cui è da escludere
che, prevedendo una specifica libertà, “la Costituzione abbia consentite attività le quali
turbino la tranquillità pubblica, ovvero abbia sottratta alla polizia di sicurezza la funzione di
prevenzione dei reati” (così, significativamente, la sent. n. 1/1956 in relazione all’art. 21
Cost.).
In realtà, a ben vedere (anche se non senza difficoltà), il concetto di limite dovrebbe
(a rigore) essere inteso quale specifica ed espressa delimitazione ab externo di una
determinata fattispecie di libertà, laddove le esigenze di tutela di altre sfere di libertà, o di
ulteriori interessi costituzionalmente rilevanti, pongono il diverso problema di un reciproco
bilanciamento, che è operazione logicamente e materialmente successiva
all’individuazione degli esatti confini delle diverse fattispecie.65 Che, poi, accanto a tali
(eventuali) limitazioni ab externo sia individuabile una sorta di limitazione ab interno,
connessa alla stessa interpretazione della libertà di cui si tratta e del suo reale significato
normativo, è discorso diverso, e che formalmente sembra dover prescindere dalla
questione dell’interpretazione di limitazioni espresse.
Una cosa, infatti, è l’attribuzione di significato all’oggetto di tutela di una determinata
fattispecie di libertà; altra l’interpretazione delle eventuali delimitazioni espressamente
previste; altra ancora, e successiva, l’eventuale bilanciamento con altri interessi
costituzionali potenzialmente in conflitto. Da questo punto di vista, come già in parte
anticipato, sembra che le esigenze costituzionali connesse alla sicurezza (e all’ordine
pubblico), nel nostro ordinamento costituzionale, giochino un ruolo particolare soprattutto
64
Così, ad esempio, le sentt. nn. 290/2001, 407/2002, 162/2004, 237/2006.
Sul punto, in particolare, si vedano le osservazioni di C. Esposito, op. ult. cit., pagg. 193-194, il quale, pur
riconoscendo la dimensione costituzionale di alcuni valori che, in relazione alla libera manifestazione del
pensiero, richiedono un’opera di bilanciamento, ricostruisce in maniera puntuale il limite dell’ordine pubblico
attraverso l’indicazione delle specifiche norme costituzionali che sembrano indirettamente richiamarlo (artt.
13, 14, 16, 17, e 18 Cost.).
65
dal secondo e terzo punto di vista, in relazione all’individuazione di specifiche limitazioni
ab externo e nell’ambito del bilanciamento tra diversi interessi costituzionali.
Non sembra, invece, possibile individuarne un ruolo quale limite immanente alla
ricostruzione di una specifica libertà, la ricostruzione del cui oggetto di tutela prescinde
logicamente non solo dalla presenza di eventuali delimitazioni esterne, ma anche dalle
successive operazioni di bilanciamento eventualmente azionabili. Non fosse altro perché,
come noto, mentre l’individuazione dell’oggetto di tutela di una libertà è operazione
generale e astratta, l’operatività delle specifiche delimitazioni eventualmente previste e,
ancora di più, l’eventuale bilanciamento con altri interessi costituzionali appaiono
operazioni da attuare concretamente e caso per caso.
6. Sicurezza e valori dell’ordinamento: il ruolo della Corte costituzionale
Colta nella sua dimensione più propriamente costituzionale, la sicurezza entra
dunque a far parte del tessuto normativo della Carta fondamentale, aprendo un’ulteriore,
discussa prospettiva di indagine: quella connessa alla dimensione non solo materiale della
sicurezza, ma aperta alla sua (pur problematica) dimensione ideale-normativa. Con le
precisazioni che seguiranno, dal punto di vista del diritto costituzionale, tale dimensione
della sicurezza sembra poter essere colta limitatamente a due profili, strettamente
connessi tra loro: a) sicurezza della Costituzione; b) sicurezza nella Costituzione.
Dal primo punto di vista, in relazione alla sua natura di fonte suprema
dell’ordinamento giuridico, sicurezza normativa vuol dire anche tutela della forza e della
piena attuazione della Carta costituzionale, dei suoi contenuti normativi, dei suoi principi e
dei suoi valori. Dal secondo punto di vista, invece, vuol dire garanzia della sicurezza in
relazione ai diversi valori accolti dalla Costituzione,66 nel reciproco, indispensabile
bilanciamento,67 (sia in senso statico, in relazione alle opzioni in materia già effettuate dal
Costituente; sia in senso dinamico, in relazione all’indispensabile opera di aggiornamento
in chiave evolutiva degli equilibri posti nell’ambito del dettato costituzionale).
In entrambe le prospettive, appare essenziale il già citato ruolo della Corte
costituzionale, quale garante non solo della forza formale della Carta fondamentale e della
sua supremazia gerarchica, ma anche del suo specifico contenuto e della sua concreta
attuazione. In quest’ultimo caso, in particolare, verranno in gioco non solo puntuali regole
costituzionali, ma anche i principi e i valori che, essendo a fondamento dell’ordinamento,
ne sono l’indispensabile presupposto.
Calata all’interno del tessuto costituzionale (e di un particolare tessuto
costituzionale), la sicurezza dovrà quindi essere declinata non quale impalpabile a priori
logico, del tutto indecifrabile agli occhi della scienza giuridica; né come semplice oggetto di
disciplina da parte dell’ordinamento generale, in quanto da esso richiamata o presupposta
(in una prospettiva semplicemente formalistica e avalutativa); bensì come specifico valore
costituzionale, sintesi di una pluralità di diversi interessi, nell’ambito di un ventaglio ben
preciso di opzioni fondamentali codificate nella Carta fondamentale.
Ancora più evidente appare tale prospettiva nell’ambito di una moderna società
ispirata ai principi dello stato sociale e della democrazia pluralista, in cui la Carta
costituzionale cerca di rappresentare la sintesi dei valori fondanti una determinata
66
Anche se, formalmente, è stato osservato che “il bilanciamento è propriamente una tecnica di
composizione di interessi costituzionali […] e non dei relativi valori”, è pur vero che essi, in quanto tali,
“entrano nel giudizio di costituzionalità in via riflessa o mediata” (così A. Morrone, Il custode della
ragionevolezza, Milano, 2001, pag. 279).
67
Sul bilanciamento, da ultimo, si rimanda alla ricostruzione di A. Morrone, Bilanciamento (giustizia
costituzionale), in Enciclopedia del diritto, Annali, II, 2008.
collettività organizzata, colta in tutte le sue sfumature e peculiarità, e in via di costante
evoluzione.
A differenza dello Stato liberale classico, infatti, in cui la Costituzione aveva il fine di
fissare le reciproche prerogative di Re e Parlamento, codificando rapporti di forza ormai
consolidati in via di fatto all’interno di una società fortemente omogenea (c.d. costituzione
bilancio, o statica), nello Stato liberaldemocratico il fine della Carta costituzionale è quello
di indicare un complesso progetto di attuazione di alcuni principi oggetto di specifiche
opzioni del Costituente, in relazione ad una società in costante movimento ed evoluzione,
ricca di contraddizioni che proprio nel testo costituzionale vedono un’istanza unitaria
intorno ad determinate scelte fondamentali (c.d. costituzione progetto o dinamica).68
In quest’ottica, infatti, garantire la peculiare forza normativa del testo costituzionale
(sicurezza della Costituzione) vuol dire anche garantirne al massimo le possibilità di
attuazione ed implementazione, secondo le direttrici di sviluppo espressamente previste,
tra le quali emerge anche la sicurezza, pur nelle sue diverse caratteristiche. Così, solo per
fare un esempio, alla dimensione individuale della sicurezza tipica dello Stato liberale si
affiancherà anche una dimensione collettiva, alla luce della valorizzazione del concetto di
persona e di quel pluralismo sociale la cui tutela e garanzia appare una delle direttrici
costituzionali di fondo della nostra Carta fondamentale (cfr. art. 2 Cost.).69
Ciò nonostante, mai la seconda dimensione potrà annichilire l’indispensabile sfera
di tutela della persona in quanto tale: interessi individuali e collettivi dovranno quindi
trovare una loro composizione anche in relazione alla sicurezza. Ed ecco la necessaria
opera di bilanciamento della giurisdizione costituzionale.
Ciò non vuol dire, sia chiaro, individuare nel solo Giudice delle leggi l’autorità in
grado di garantire il complesso valore della sicurezza all’interno di un determinato
ordinamento giuridico: vuol dire, però, metterne in evidenza il ruolo peculiare, connesso
alle specificità della dimensione costituzionale del bene sicurezza.
Certo, da un punto di vista materiale, le concrete applicazioni operative connesse a
tale garanzia sono naturalmente rimesse alle decisioni politiche prese nell’ambito del
rapporto fiduciario che lega Parlamento e Governo, in attuazione dei canoni democratici.
L’amministrazione, a sua volta, garantirà l’esecuzione delle scelte operative di cui sopra,
mentre al potere giudiziario spetterà, come noto, il compito di verificare la legalità
dell’azione amministrativa, oltre che il rispetto delle posizioni giuridiche soggettive
coinvolte.
Eppure, dal punto di vista costituzionale, queste non sono altro che conseguenze
connesse alla specifica dimensione della sicurezza, che chiama in causa, oltre che le
opzioni di valore già ricordate, anche i conseguenti assetti organizzativi e l’ambito di tutela
dei diritti fondamentali (entrambi classica materia costituzionale).
Nel complesso, se volessimo cercare di individuare il proprium della sicurezza
all’interno della Stato costituzionale liberaldemocratico, nell’ambito della costruzione di
quella che si è individuata come sicurezza legittima, potremmo rilevare: a) la
compresenza, accanto alla tradizionale garanzia della sicurezza esterna, di sempre
68
Significative, in questo senso, le riflessioni di G. Zagrebelsky, op. cit., pag. 20 ss., il quale sottolinea il
passaggio da una concezione, tipica dello stato di diritto liberale, dell’ordinamento giuridico come dato (alla
luce della già citata omogeneità sociale e legislativa), ad una più complessa valutazione dell’ordinamento
giuridico come problema, caratteristica dello Stato costituzionale liberaldemocratico (e della sua eterogeneità
sociale e normativa).
69
Cfr. A Barbera, Art. 2, in G. Branca (a cura di), Commentario della Costituzione, Bologna-Roma, 1975, in
particolare pag. 101 ss., il quale sottolinea l’importanza del riferimento alla persona “non come valore
astratto, ma come persona fisica nel suo concreto essere” e nelle sue relazioni sociali. Strettamente
connessa a tale impostazione è la ricostruzione delle libertà fondamentali quali “istituzioni” che, oltre lo
schema del diritto pubblico soggettivo, richiedono “modi e forme di organizzazione della pubblica
amministrazione e del potere giudiziario, […] forme di partecipazione […] collettiva […], prudenti ma incisive
forme di sostegno pubblico” (pagg. 75-76).
maggiori ambiti di intervento statale volti a garantire e promuovere la sicurezza dal punto
di vista interno (in connessione con il forte pluralismo sociale che caratterizza gli stati
contemporanei); b) l’emersione di una dimensione propriamente collettiva della sicurezza,
una volta oltrepassati i confini della sicurezza come interesse meramente individuale
(tipica eredità dello stato di diritto liberale); c) la conferma di una dimensione
essenzialmente materiale della sicurezza (come sicurezza legittima da un punto di vista
costituzionale), proprio alla luce di una valorizzazione sistematica del contesto normativo e
valoriale di riferimento, incentrato sulla persona e sulla garanzia dei suoi diritti.
Ciò nonostante, proprio l’ultima delle dimensioni citate è frutto di una “collocazione”
del bene sicurezza all’interno del tessuto costituzionale repubblicano, motivo per cui
(seppur in via indiretta) appare all’orizzonte una sua problematica dimensione idealenormativa, anche se utilizzata esclusivamente per ricavare, in via negativa, ciò che
sicurezza non è (e non, in positivo, ciò che essa invece rappresenta).
Questa problematica consapevolezza emerge anche dalla giurisprudenza della
Corte costituzionale la quale, pur nell’ambito della difficile costruzione in via
sostanzialmente pretoria di una gerarchia di valori all’interno della Carta fondamentale, in
relazione alla sicurezza parte da specifiche disposizioni costituzionali. In particolare, gli
artt. 14, 16, 17 e 41 Cost., disciplinando le specifiche situazioni di libertà previste,
sembrano in qualche modo ordinare gli interessi in gioco (in questo caso, interessi
individuali e bene collettivo della sicurezza o incolumità pubblica). In questi casi, infatti, è
la stessa Costituzione che delimita l’ambito di tutela di certi interessi individuali riferendosi
a concetti che esprimono, in via generale, altrettanti interessi di natura collettiva.70
In ogni caso, appare indispensabile ricordare come in quest’opera di delineazione,
caso per caso, del bilanciamento tra i diversi interessi via via in potenziale conflitto tra loro,
la Corte abbia riconosciuto solo ad alcuni di essi il rango di principi supremi
dell’ordinamento, limite implicito alla revisione costituzionale e, proprio per questo,
destinati a prevalere sugli altri interessi costituzionali eventualmente in conflitto. Altri
interessi, invece, sono stati dalla Corte configurati come primari, senza però assurgere al
rango di supremi.
Ebbene, non è forse un caso che la Corte abbia indicato, tra i principi supremi, la
dignità della persona,71 il principio pluralista,72 il principio di laicità,73 il principio di
eguaglianza, il principio di sovranità popolare, la tutela giurisdizionale dei diritti
fondamentali.74 Tutti interessi che mirano a garantire, alla base, l’essenza di uno Stato
costituzionale democratico e pluralista. Diversamente, come noto, tra gli interessi primari
essa ha individuato non solo i diritti fondamentali della persona, ma anche beni di natura
collettiva che appaiono strumentalmente collegati al libero esercizio dei diritti della
persona, in quanto ne rappresentano precondizioni oggettive: in particolare l’interesse
della giustizia e la sicurezza dello Stato (inteso come Stato comunità).75
70
Sul punto, ancora una volta, si veda A. Morrone, Il custode della ragionevolezza, cit., pagg. 287-288: “Il
giudizio della Corte, in simili evenienze, appare più semplice rispetto alla generalità dei casi in cui non è
possibile trarre dal testo costituzionale una indicazione puntuale circa il modo di comporre il conflitto. Qui,
infatti, il giudice costituzionale deve soprattutto risolvere la questione relativa alla perimetrazione degli
interessi in conflitto”, e non alla loro concreta individuazione.
71
Così, ad esempio, le sentt. nn. 479/1987 e 37/1992, secondo cui la dignità umana è da intendersi come
“autostima […] e coscienza del proprio valore nell’ambito dei rapporti con gli altri uomini”.
72
Cfr., in modo esplicito, la sent. n. 62/1992.
73
In tale senso, come noto, la sent. n. 203/1989, che lo identifica non come “indifferenza dello Stato per il
fenomeno religioso, bensì garanzia dello Stato della salvaguardia della libertà di religione, in regime di
pluralismo confessionale e culturale”.
74
Come stabilito, tra l’altro, dalla sent. n. 17/1982.
75
Cfr., in particolare, la sent. n. 82/1976 che lo definisce come “interesse dello Stato comunità alla propria
integrità territoriale, indipendenza e – al limite – alla stessa sua sopravvivenza”.
Dunque, anche se in via approssimativa, sembra in qualche modo profilarsi una
possibile ricostruzione generale, in base alla quale le esigenze primarie della sicurezza
potranno rappresentare un limite all’esercizio di specifiche libertà (laddove espressamente
richiamate in Costituzione), nonché alla luce di un bilanciamento effettuato caso per caso
dal Giudice delle leggi in caso di contrasto con altri interessi primari. In ogni caso, mai tali
esigenze potranno incidere sulla dignità della persona (anche in relazione al nucleo
essenziale dei suoi diritti), o sulla complessiva tutela giurisdizionale dei suoi diritti, veri e
propri principi supremi dell’ordinamento.
In realtà, a ben vedere, la pretesa subordinazione degli aspetti (per così dire)
organizzativi collegati alla tutela di un bene di natura collettiva (la giustizia, la sicurezza),
rispetto ai principi supremi connessi alla dignità della persona e alla tutela giurisdizionale
dei suoi diritti, sembra in parte contrastare con la stessa configurazione dei primi quali
vere e proprie precondizioni per assicurare l’esercizio dei diritti fondamentali della
persona, analogamente a quanto si afferma per i principi supremi in relazione all’essenza
della democrazia pluralista. In ogni caso, la sicurezza gioca un ruolo importante
nell’ambito delle tecniche di bilanciamento, non solo in riferimento alle già citate norme
che espressamente la richiamano all’interno della disciplina di specifiche libertà, ma anche
alla luce della sua configurazione quale interesse primario di natura collettiva, collegata
alle diverse dimensioni costituzionali fin qui indicate.
Fly UP