...

Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
Prems 07012
Diritti umani di rom, sinti
e popolazioni viaggianti in Europa
Estratti del rapporto completo
ITA
COMMISSIONER FOR HUMAN RIGHTS
COMMISSAIRE AUX DROITS DE L'HOMME
Diritti umani di rom, sinti
e popolazioni viaggianti in Europa
(Estratti del rapporto completo)
Le opinioni espresse in questo documento sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente la politica ufficiale del Consiglio d’Europa.
Le richieste riguardanti la riproduzione o traduzione di tutto il documento o di parte dello stesso devono
essere indirizzate alla Direzione della comunicazione (F-67075 Strasbourg Cedex o [email protected]
int). Ogni altra corrispondenza riguardante questa pubblicazione deve essere indirizzata all’Ufficio del
Commissario per i diritti umani.
Copertina e impaginazione: Ufficio produzione documenti e pubblicazioni del Consiglio d’Europa
Il rapporto completo (in inglese) può essere ordinato su: http://book.coe.int
È anche disponibile sul sito web seguente: www.commissioner.coe.int
Foto: attivisti a favore dei diritti dei rom si coprono il volto con copie ingrandite di impronte digitali
durante una manifestazione di fronte all’ambasciata francese a Bucarest, Romania. La protesta è contro
la decisione delle autorità francesi di espellere i rom di origine rumena e bulgara dalla Francia, rimpatriandoli nei paesi d’origine durante l’estate del 2010.
© AP Photo/Vadim Ghirda© Consiglio d’Europa, febbraio 2012
© Andrea Spila, per la traduzione in italiano
Stampato presso il Consiglio d’Europa
Prefazione
Solo poche migliaia di rom sopravvissero in Germania all’Olocausto e ai campi di concentramento nazisti. Quando tentarono di ricostruire la propria vita si trovarono di fronte a enormi
difficoltà, avendo perso molti dei propri familiari e parenti e subìto la distruzione o la confisca
dei propri averi. Molti soffrirono gravi problemi di salute. E negli anni successivi, le domande di
chi tentava di ottenere un indennizzo vennero rifiutate.
Nel periodo post-hitleriano i sopravvissuti non riuscirono a ottenere giustizia. È significativo
come lo sterminio della popolazione non venne dibattuto al processo di Norimberga. Il genocidio
dei rom non ha praticamente trovato spazio nel dibattito pubblico.
Lo stesso avvenne per i crimini commessi contro i rom in quel periodo dai regimi fascisti in altre
parti d’Europa. In Italia, una circolare del 1926 ordinava l’espulsione di tutti i rom stranieri per
“epurare il territorio nazionale della presenza di carovane di zingari, di cui è superfluo ricordare
il rischio nei riguardi della sicurezza e dell’igiene pubblica per le caratteristiche abituali di vita
zingara”.
L’ordinanza chiariva che l’obiettivo era quello di “colpire nel suo fulcro l’organismo zingaresco”.
Nell’Italia fascista la popolazione rom finì poi per essere vittima di discriminazioni e persecuzioni.
Molti rom vennero detenuti in campi speciali e altri furono inviati in Germania o in Austria e
successivamente sterminati.
Il regime rumeno della “Guardia di Ferro” avviò le deportazioni nel 1942. Come molti ebrei,
circa 30 000 rom vennero deportati oltre il fiume Dniester dove patirono fame, malattie e la
morte. Solo metà di essi sopravvissero all’estrema condizione di stenti prima che la politica di
deportazione venisse abbandonata.
La storia della repressione europea contro i rom inizia prima dell’era nazifascista. Risale a molte
centinaia di anni or sono, quando i rom migrarono dal subcontinente indiano. I rom erano tenuti
ai margini della società e venivano utilizzati come capri espiatori quando le cose andavano male e
gli abitanti locali non erano disposti ad assumersene la responsabilità. Tra i metodi di repressione
utilizzati nel corso del tempo contro questa etnia ci sono l’asservimento, l’assimilazione forzata,
l’espulsione, l’internamento e gli stermini di massa.
Sarebbe necessario istituire commissioni apposite in diversi paesi europei per stabilire la verità
sulle atrocità di massa compiute contro la popolazione rom. Idealmente si dovrebbe trattare di
un impegno comune europeo. Un pieno resoconto e riconoscimento di questi crimini potrebbe
contribuire a ristabilire tra i rom la fiducia nei confronti della società nel suo complesso.
Non sorprende che molti rom continuino a considerare le autorità come una minaccia. Quando
viene loro chiesto di registrarsi o vengono prese le impronte digitali temono il peggio, un atteggiamento che risulta anche più comprensibile quando spiegano di vedere una somiglianza tra
gran parte della retorica anti rom dei nostri giorni e il linguaggio utilizzato in passato in Europa
da nazisti, fascisti e altri estremisti.
Anche in tempi recenti i rom sono stati stigmatizzati collettivamente come criminali in dichiarazioni sorprendentemente generalizzanti. Un esempio è quello della Francia, dove il governo
decise nei mesi di luglio-agosto 2010 di deportare i migranti di etnia rom provenienti da altri
|
3
paesi dell’Unione Europea (UE), ricorrendo se necessario alla forza. La campagna governativa
fu accompagnata da un uso plateale della retorica anti rom. La comunità rom venne accusata nel
suo complesso di atteggiamenti criminali. La sua presenza venne descritta come una minaccia
contro la “pubblica sicurezza”, un termine legale utilizzato solitamente per situazioni straordinarie
in cui si ritiene che la pace e la sopravvivenza dello stato siano in pericolo.
Il presunto legame tra rom e criminalità è un motivo che ricorre frequentemente nei discorsi
che incitano all’odio. È possibile confutarlo e risolvere le incomprensioni solo se le menti sono
aperte a uno scambio razionale. Ovviamente alcuni rom hanno commesso crimini. Alcuni sono
anche stati sfruttati e utilizzati dai trafficanti. Per ovvie ragioni, nella maggior parte dei paesi le
persone marginalizzate dalla società e indigenti sono spesso sovrarappresentate nelle statistiche
della criminalità. È anche vero che tendono inoltre a essere svantaggiate nei sistemi giudiziari,
un fattore che a sua volta ha un impatto sulle statistiche.
Questi problemi non costituiscono tuttavia in alcun modo una scusa per la stigmatizzazione di
tutti i rom, la cui stragrande maggioranza non ha problemi con la legge. Un principio etico di
fondamentale importanza prevede che non si accusi un intero gruppo per ciò che alcuni dei suoi
membri potrebbero aver commesso.
Non dobbiamo banalizzare le conseguenze delle dichiarazioni xenofobe da parte di politici di
spicco. Alcune menti distorte possono interpretare tali dichiarazioni come autorizzazioni alla
vendetta e persino all’attacco fisico. La retorica incresciosa di alcuni candidati alle elezioni italiane del 2008 è stata seguita da ignobili episodi di violenza ai danni dei campi rom e di singoli
individui di tale etnia. L’assassinio a sangue freddo di sei rom, tra cui un bambino di cinque
anni, avvenuto in Ungheria nel periodo 2008-09, venne commesso in un’atmosfera fomentata
dall’incitazione all’odio.
L’antizingarismo è nuovamente sfruttato dai gruppi estremisti in diversi paesi europei. Sono ad
esempio stati riferiti episodi di violenza di gruppo contro individui di etnia rom in paesi come
la Repubblica ceca e l’Ungheria.
I rappresentanti dello stato che principalmente hanno rapporti con i rom sono i poliziotti. Durante
le mie missioni sono rimasto colpito dai segnali che indicavano l’esistenza di cattive relazioni
tra comunità rom e polizia in diversi paesi. Molti rom hanno raccontato casi concreti in cui la
polizia ha fallito nel proteggerli contro gli attacchi di estremisti. Ci sono casi anche peggiori in
cui sono stati gli stessi funzionari di polizia a dare inizio alle violenze.
L’antizingarismo continua a essere ampiamente diffuso in tutta Europa. In tempi di crisi economica, la tendenza a indirizzare le frustrazioni contro i capri espiatori aumenta e i rom sono
apparentemente tra i bersagli facili di tali sentimenti. Invece di rimestare nel torbido, i politici a
livello nazionale e locale dovrebbero difendere e diffondere i principi della non discriminazione
e del rispetto delle persone provenienti da gruppi con origini diverse. Come minimo i politici
dovrebbero evitare di utilizzare la retorica anti rom.
È possibile intraprendere una serie di misure concrete. Si dovrebbero inserire le atrocità compiute
nel passato contro i rom nei libri di storia usati nelle scuole. È necessario formare le categorie
professionali più importanti, come la polizia, sulla necessità di proteggere i rom dai reati generati
dall’odio e disciplinare tali figure in caso di comportamenti scorretti.
Ma l’aspetto più importante è la necessità che i politici eletti dimostrino una leadership morale:
devono incoraggiare e attuare personalmente l’impegno per il rispetto e la promozione dei diritti
umani per tutti.
4
| Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
Mi auguro che questa analisi delle attuali politiche nei confronti dei rom in Europa incoraggi
una discussione costruttiva sulle azioni che dovremo intraprendere in futuro per porre fine alla
discriminazione e alla marginalizzazione.
Thomas Hammarberg
|
5
Sintesi
Rom, sinti e popolazioni viaggianti1 costituiscono insieme l’insieme più numeroso di gruppi minoritari in Europa. Durante le sue visite nei paesi membri del Consiglio d’Europa, il Commissario
ha avuto occasione di osservare che la discriminazione e altri abusi dei diritti umani contro rom,
sinti e popolazioni viaggianti sono diventati fenomeni gravi e che nessun paese europeo può
vantare precedenti del tutto positivi nella tutela dei diritti umani dei membri di queste minoranze.
Da questa constatazione è nata l’esigenza di redigere un rapporto completo sulla situazione dei
diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa.
Antizingarismo
Il rapporto evidenzia come l’antizingarismo sia profondamente radicato in Europa. Molte persone
che non hanno mai avuto relazioni con rom, sinti e popolazioni viaggianti offrono spontaneamente descrizioni dettagliate e cariche di stereotipi che riguardano l’aspetto e il comportamento
di questi gruppi etnici. Importanti personaggi pubblici e organizzazioni che influenzano l’opinione pubblica – sia funzionari eletti sia altre figure – hanno apertamente diffamato rom, sinti e
popolazioni viaggianti facendo uso di una retorica razzista o stigmatizzante. In alcuni casi, queste
parole sono state interpretate come incitazione all’azione violenta contro i rom, come assalti violenti e persecuzioni. Il Commissario ritiene che i discorsi anti rom, compresi quelli pronunciati
durante le campagne elettorali, debbano essere condannati con decisione in tutti i casi e puniti
quando infrangono la legge contro l’incitazione all’odio. È auspicabile che i partiti politici adottino anch’essi misure di autoregolamentazione che escludano il ricorso a espressioni razziste.
In un numero sempre maggiore di paesi europei ci sono gruppi estremisti che attaccano esplicitamente rom, sinti e popolazioni viaggianti, contribuendo in alcuni casi a galvanizzare alcune
fasce dell’opinione pubblica contro queste persone. Tali gruppi estremisti sono sempre più attivi
su Internet, un mezzo di comunicazione che permette di raggiungere una migliore collaborazione transfrontaliera tra gruppi di tendenze estremiste con ideologie simili. Questi gruppi sono
attivi nel reclutamento di giovani tramite svariate tecniche, tra cui l’organizzazione di concerti
che incitano all’odio. Gruppi paramilitari e ronde di cittadini indossano spesso uniformi, fanno
uso di armi e hanno progressivamente stretto la rete intorno ai rom facendo ricorso a minacce
verbali e fisiche e organizzando proteste di grandi dimensioni. Si è scoperto che i membri di
questi gruppi estremisti sono responsabili di diversi reati generati dall’odio contro i rom. Il
Commissario ha raccomandato l’interruzione dei finanziamenti diretti alle organizzazioni che
promuovono il razzismo, compresi i partiti politici. È consigliabile che gli stati considerino lo
scioglimento dei partiti estremisti quando questi sono ritenuti incompatibili con le norme e i
valori di una società democratica.
Gli stereotipi dell’antizingarismo continuano anche a essere diffusi e perpetuati dai mezzi
d’informazione in tutta Europa. Diversi periodici e trasmissioni radiotelevisive parlano di rom,
sinti e popolazioni viaggianti solo nel contesto di problemi sociali e criminalità. Il Commissario
ha sottolineato la necessità dell’autoregolamentazione e di un giornalismo etico per porre fine alle
1. L’espressione ‘popolazioni viaggianti’ si riferisce a tutte le popolazioni itineranti europee che non si riconoscono negli etnonimi rom e sinti.
Sintesi |
7
rappresentazioni negative dei rom nei media. In linea di principio, ciò che è illegale fuori dalla
rete deve essere considerato illegale anche online quando si utilizza Internet per la diffusione
di comunicazioni che incitino all’odio contro i rom e per l’organizzazione di azioni violente.
È necessario che gli stati membri istituiscano i meccanismi necessari per il monitoraggio del
razzismo in rete, secondo quanto previsto dalla Raccomandazione di politica generale n. 6 della
Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza del Consiglio d’Europa (ECRI) per
contrastare la diffusione di materiali razzisti, xenofobi e antisemiti via Internet.
L’antizingarismo può anche implicare il mancato riconoscimento delle sofferenze vissute dai rom
nella loro storia, in particolare durante la Seconda guerra mondiale. Questa negazione passiva
viene spesso manifestata con il silenzio sulle vittime rom durante commemorazioni e cerimonie,
nei reportage dei mezzi d’informazione o nei libri di testo e di storia ufficiali. Il Commissario
sottolinea la necessità di non dimenticare lo sterminio dei rom durante la Seconda guerra mondiale. L’insegnamento della storia dei rom, la sensibilizzazione sul genocidio dei rom durante
la Seconda guerra mondiale e la costruzione e manutenzione di luoghi commemorativi sono il
meno che gli stati membri possano fare per onorare le vittime rom. È auspicabile che governi di
tutta Europa traducano nelle rispettive lingue nazionali le schede informative (Factsheets) del
Consiglio d’Europa sulla storia dei rom per usarle e diffonderle quanto più possibile nel loro paese,
compreso nelle scuole. È opportuno che vengano istituite commissioni incaricate di ristabilire la
verità – idealmente come impegno paneuropeo – affinché si stabiliscano i fatti storici riguardanti
le atrocità commesse contro la popolazione rom.
Violenza razzista contro rom, sinti e popolazioni viaggianti
La violenza contro rom, sinti e popolazioni viaggianti è stata prevalente nell’Europa post 1989 e
c’è stato un significativo aumento di casi gravi negli ultimi anni. In alcuni contesti, la violenza è
stata perpetrata da gruppi organizzati di fascisti o neonazisti e ha richiesto pianificazione e preparazione. Tuttavia, la violenza contro i rom non viene commessa solo da gruppi organizzati. In
alcuni casi, le comunità non rom hanno partecipato in modo più o meno spontaneo alla violenza
delle ronde contro rom, sinti e popolazioni viaggianti, mentre in altri casi la violenza è stata perpetrata da singoli individui senza una particolare ideologia politica, spinti semplicemente dall’odio
razzista. In alcuni paesi, la violenza contro i rom è stata commessa da gruppi misti di persone.
La crescita negli anni recenti di movimenti di ispirazione ideologica basati in tutto o in parte
sull’odio contro i rom è uno sviluppo molto preoccupante. Tali movimenti hanno lanciato attacchi
violenti e in molti casi mortali. Ad esempio, attacchi incendiari sono stati lanciati in alcuni casi
di notte, quando le persone dormivano. In alcune situazioni c’è stato un diretto coinvolgimento
di funzionari pubblici nell’istigare le azioni delle ronde contro rom, sinti e popolazioni viaggianti. Il Commissario ritiene che sia urgentemente necessario raddoppiare l’impegno in questo
campo, a tutti i livelli, al fine di inviare un messaggio chiaro ai potenziali autori e incoraggiare le
vittime a denunciare i comportamenti illeciti. Gli stati membri devono assicurare che la polizia
effettui investigazioni approfondite sui reati razzisti, prendendo in considerazione pienamente
la motivazione razzista delle azioni criminali, e devono stabilire meccanismi per il monitoraggio
sistematico degli incidenti a sfondo razzista.
Trattamento di rom, sinti e popolazioni viaggianti da parte delle forze dell’ordine
e dell’autorità giudiziaria
Le segnalazioni ricevute da ogni parte d’Europa dal Commissario indicano una tendenza alla
discriminazione e al maltrattamento di rom, sinti e popolazioni viaggianti da parte della polizia.
I rom sono stati soggetti alla violenza della polizia sia nelle strutture di detenzione sia negli
8
| Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
spazi pubblici, come gli insediamenti dei rom in occasione delle irruzioni della forza pubblica.
In diversi casi, quando sono state avviate indagini su tali episodi, si è proceduto in modo palesemente prevenuto o discriminatorio. Il Commissario ha notato che la giurisprudenza costante
della Corte europea dei diritti dell’uomo (la Corte di Strasburgo) indica chiaramente che gli
stati membri sono obbligati a condurre indagini efficaci sulle possibili motivazioni razziste
presenti in queste situazioni. Il Commissario invita gli stati membri a istituire meccanismi
indipendenti di reclamo contro le azioni della polizia al fine di migliorare la fiducia di rom,
sinti e popolazioni viaggianti nelle forze dell’ordine.
Ci sono diverse segnalazioni secondo le quali insediamenti isolati di rom sarebbero stati
soggetti ad attenzioni particolari da parte della polizia, che hanno preso spesso la forma di
vere e proprie incursioni. Le persone rom in automobili o altri veicoli sono state soggette a
operazioni di blocco e perquisizione in modo discriminatorio. Sono anche stati riferiti casi
di profilazione etnica nel contesto dei movimenti di rom attraverso i confini internazionali.
Il Commissario ha sottolineato che i rom non devono essere soggetti a forme di sorveglianza
diverse da quelle previste per il resto della popolazione. Le leggi devono esplicitamente proibire la profilazione razziale e stabilire uno standard di sospetto ragionevole nelle operazioni
di polizia. La polizia deve essere appositamente formata su queste tematiche, come previsto
dalla Raccomandazione di politica generale n. 11 dell’ECRI per contrastare il razzismo e la
discriminazione razziale nelle attività di polizia.
I rappresentanti dei rom hanno anche riferito di aver subito la confisca arbitraria di propri
averi o estorsioni da parte della polizia. Tali pratiche possono costituire violazioni dell’articolo
8 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo (che protegge il diritto al
rispetto della vita privata e familiare) e avere effetti sul godimento di altri diritti, come quelli
relativi all’alloggio e alla sicurezza, da parte dei rom.
I rom sono inoltre soggetti in modo sproporzionato a misure detentive arbitrarie. Il Commissario
ritiene che l’uso eccessivo del potere della polizia in questo campo debba essere portato a termine e che debbano essere prese misure concrete per garantire che i rom non siano soggetti
a detenzione arbitraria. Si devono anche prendere misure aggiuntive per ristabilire la fiducia
tra comunità di rom, sinti e popolazioni viaggianti e polizia, come il reclutamento di rom
nella polizia o il reclutamento e la formazione di mediatori rom per mantenere i rapporti con
la polizia.
In diversi paesi, risultano esserci discriminazioni nelle decisioni che riguardano le pene
detentive, nelle percentuali di procedimenti giudiziari e nelle sentenze di condanna. Alcuni
dei problemi che i rom incontrano nel campo della giustizia penale comprendono l’assenza di
rappresentanza adeguata in caso di accusa di reati, la mancanza di rispetto nei confronti di
testimoni rom o servizi di interpretariato inadeguati. Il principio della presunzione di innocenza non viene sempre rispettato quando vengono processati individui rom. È importante
intraprendere passi per la prevenzione della discriminazione razziale contro le persone rom
incriminate che vengono soggette a provvedimenti giudiziari, affinché tali persone ricevano
un processo equo.
Questi problemi sono aggravati dal fallimento dei sistemi giudiziari nel rispondere adeguatamente ai reclami di discriminazione razziale e/o di altri abusi denunciati dai rom. Tra gli
impegni per migliorare l’efficacia della risposta da parte del sistema giudiziario alla discriminazione si deve prevedere l’istituzione o il rafforzamento delle leggi contro la discriminazione,
così come organismi specializzati che garantiscano un meccanismo a bassa soglia per affrontare
i reclami e assistere nell’attuazione della legislazione.
Sintesi |
9
Il rispetto per la vita privata e familiare di rom, sinti e popolazioni viaggianti
Sterilizzazione forzata e coercitiva delle donne rom
A partire dai primi anni Settanta, sotto l’influenza del risorgere delle concezioni eugenetiche
negli ultimi anni dei regimi comunisti, nell’ambito delle politiche nazionali e regionali, gli
assistenti sociali promossero in misura sproporzionata presso i membri della minoranza rom la
sterilizzazione come metodo di controllo delle nascite. A seguito della caduta del comunismo,
i nuovi governi si impegnarono a porre fine a queste pratiche. Tuttavia, alcuni operatori sanitari sembrano avere continuato tali pratiche a lungo dopo la transizione sia nella Repubblica
ceca sia in Slovacchia, sterilizzando le donne rom che si recavano da loro per altri motivi di
carattere ostetrico/ginecologico senza aver ottenuto da loro un consenso pieno e informato.
Casi analoghi sono stati documentati in Ungheria.
Nel novembre 2009, l’ex ombudsman ceco Otakar Motejl, il cui rapporto del 2005 sull’argomento
è uno degli studi più importanti sull’eredità della sterilizzazione coercitiva in Cecoslovacchia
e negli stati successori, ha affermato che sul territorio dell’ex Cecoslovacchia sarebbero state
sterilizzate fino a 90 000 donne dagli inizi degli anni Ottanta. Tra i paesi che hanno continuato
questa pratica dopo il 1990, solo la Repubblica ceca ha ufficialmente espresso nel novembre
2009 il proprio rammarico “per casi in cui sono stati compiuti errori”. In nessuno di questi
paesi sembra che siano disponibili rimedi per offrire riparazione e indennizzi alla gran parte
delle vittime di queste pratiche. Il Commissario ritiene che tutti i paesi coinvolti debbano riconoscere pubblicamente che tali pratiche hanno avuto luogo, esprimere il proprio rammarico e
istituire meccanismi di rimedio efficaci per fornire assistenza alle vittime. I vincoli temporali
per ottenere gli indennizzi nei tribunali dovranno tenere conto degli ostacoli esistenti e partire
dal momento in cui la vittima è divenuta consapevole per la prima volta della sterilizzazione.
Al fine di prevenire il ripetersi di sterilizzazioni forzate e coercitive, è inoltre importante
adottare modifiche legislative che definiscano chiaramente la necessità di offrire un consenso
libero, preliminare e informato, in relazione alle sterilizzazioni, che comprenda un periodo
di riflessione per il paziente. Coloro che si sono resi responsabili di sterilizzare le donne
senza aver ottenuto un consenso pieno e informato saranno passibili di sanzioni giudiziarie
e amministrative.
Allontanamento dei bambini rom dai genitori biologici
I bambini rom sono spesso sovrarappresentati nelle statistiche dei bambini assegnati in istituto o affidamento familiare. I bambini rom vengono a volte allontanati dalla famiglia con la
sola motivazione che i loro alloggi non sono adeguati o stabili o che le condizioni economiche
e sociali sono insoddisfacenti. In alcuni paesi, gli elevati livelli di istituzionalizzazione dei
bambini rom sono l’eredità delle politiche dell’era comunista in cui lo stato era considerato
superiore ai genitori nel crescere dei bambini, soprattutto nei casi in cui i bambini provenivano da contesti di debolezza o deprivazione o quando avevano qualche genere di disabilità.
In conformità con la giurisprudenza della Corte di Strasburgo, gli stati membri devono garantire che nessun bambino sia affidato alle cure di un istituto solo a causa di condizioni abitative
inadeguate o della situazione economica della famiglia. L’istituzionalizzazione di un bambino
deve rimanere un’eccezione e deve avere come obiettivo principale l’interesse superiore del
fanciullo stesso. Inoltre l’adozione e l’affidamento familiare devono seguire procedure chiare
e conformi alle norme internazionali.
10
| Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
Matrimoni di fatto e tradizionali in alcuni gruppi rom
Alcuni gruppi rom mantengono pratiche di matrimonio di fatto e tradizionale. Tali unioni
informali hanno conseguenze sul godimento di diversi diritti umani. Innanzitutto, quando
sono coinvolti dei minori, tali pratiche possono infrangere i diritti del bambino e perpetuare di
fatto la posizione subordinata delle donne. Nel garantire la conformità con le norme sui diritti
umani, si deve assolutamente evitare generalizzazioni e la stigmatizzazione di intere comunità.
È auspicabile concentrare l’attenzione su attività di carattere educativo e di sensibilizzazione. In
secondo luogo, gli adulti che hanno contratto un matrimonio di fatto non riconosciuto possono
non aver accesso agli stessi diritti sociali ed economici delle coppie sposate ufficialmente. Come
sottolineato dalla Corte di Strasburgo, può essere necessario apportare dei cambiamenti per
evitare che i gruppi minoritari, tra cui i rom, diventino vittime di una discriminazione indiretta
nell’accesso a tali diritti.
I rom e il traffico di esseri umani
Il Commissario ha ricevuto relazioni che indicano che la tratta di persone in Europa colpisce in
modo sproporzionato i rom. I rom sono apparentemente vittime di tali traffici per diversi motivi,
tra i quali lo sfruttamento sessuale e del lavoro, l’asservimento domestico, l’adozione illegale e
l’accattonaggio. Donne e bambini rom sono spesso fortemente sovrarappresentati come vittime
di ogni forma di tratta. Le politiche nazionali che riguardano il traffico di esseri umani devono
tenere conto della vulnerabilità dei rom, evitando qualsiasi forma di stigmatizzazione. Le misure
di protezione devono prevedere la formazione di funzionari di polizia e campagne di sensibilizzazione indirizzate alle comunità rom, soprattutto quelle più segregate ed escluse dalla società.
Godimento dei diritti economici e sociali da parte di rom, sinti e popolazioni viaggianti
Diritto all’istruzione
Molte migliaia di rom in tutta Europa non hanno o non hanno avuto alcuna scolarizzazione
oppure hanno lasciato la scuola con scarsi risultati scolastici. In alcuni paesi, la mancanza di
documenti personali comporta per rom, sinti e popolazioni viaggianti difficoltà nell’iscrizione alle
scuole. La mancanza di trasporti pubblici o di fondi per il trasporto e il bullismo razzista, oltre
alla mancanza di materiali scolastici, rappresentano ulteriori ostacoli per i rom che intendono
frequentare una scuola. In alcuni paesi, i bambini rom sono sovrarappresentati nei sistemi alternativi come l’“istruzione domestica”. Molti bambini rom con disabilità di sviluppo, intellettuali
o fisiche non frequentano affatto la scuola in alcuni paesi europei. Ai bambini rom mancano
anche strutture educative prescolastiche.
Le politiche e le pratiche che separano i bambini rom dagli altri nei contesti educativi sono
attuate in diversi stati membri del Consiglio d’Europa. La segregazione delle strutture educative
è frequente nei casi in cui i rom vivono in comunità isolate, come baraccopoli rurali o ghetti
urbani. Il fatto che i genitori non rom portino via i propri figli dalle scuole frequentate dai rom
è un altro fattore che conduce a una segregazione di fatto di intere scuole. Anche nelle scuole
normali gli scolari rom sono spesso separati dalla maggioranza, occupando aree specifiche della
classe o frequentando classi del tutto separate. Ci sono segnalazioni di classi di recupero, separate
e di segregazione in molti paesi europei.
I bambini rom sono anche inseriti in misura sproporzionata nelle scuole speciali, in particolare
quelle per bambini con disabilità intellettuali. Nella Repubblica ceca, la segregazione continua
nonostante la sentenza della Corte di Strasburgo del 2007 nel caso D.H. e altri contro Repubblica
ceca, e l’emanazione di una nuova Legge sulla scuola nel 2004 che ha riformato le disposizioni
Sintesi |
11
relative all’istruzione speciale. Si stima che il 30% di bambini rom siano tuttora istruiti in scuole
indirizzate a scolari con forme leggere di disabilità mentale, rispetto al 2% dei bambini non rom.
Queste pratiche sono presenti in diversi altri paesi. Il Commissario ha espresso la propria contrarietà a qualsiasi forma di segregazione nell’istruzione e ha richiesto impegni chiari e progressi
misurabili nei campi della desegregazione e dell’istruzione inclusiva. La desegregazione deve
essere accompagnata dalle necessarie misure di sostegno per i bambini affinché possano integrarsi
nelle classi normali per poter riuscire e ottenere i migliori risultati nel loro percorso educativo.
In alcune comunità rom, è possibile che i genitori delle bambine desiderino che le proprie figlie
lascino la scuola anticipatamente per sposarsi e mettere su famiglia. Ci sono casi in cui i matrimoni di minori non permettono alle bambine di frequentare la scuola e in questo modo vengono
compromessi il loro diritto all’istruzione e le loro opportunità future di impiego. Le misure
positive volte alla sensibilizzazione sembrano rivelare dei progressi nelle iscrizioni scolastiche
delle bambine rom.
Anche se in alcuni paesi dell’Europa si sono sviluppate e attuate a partire dagli anni Sessanta
politiche per sostenere la scolarizzazione delle popolazioni viaggianti, ci sono ancora molte cose
da fare. E negli ultimi anni, in alcuni paesi, si è assistito all’erosione dei provvedimenti a favore
dell’istruzione delle popolazioni viaggianti. È importante che in questi paesi si dia speciale attenzione all’iscrizione scolastica dei bambini delle popolazioni viaggianti, soprattutto per i bambini
provenienti da famiglie che conducono una vita nomade.
Nei casi in cui le scuole prevedano lezioni di lingua, storia e cultura rom, spesso queste sono
indirizzate principalmente o soprattutto ai bambini rom, deprivando così i non rom del diritto
di conoscere i contributi forniti dai rom alla propria società e ad altre società europee. In genere
lo sviluppo di programmi scolastici in questo campo è agli esordi. Il miglioramento della qualità
dell’istruzione ricevuta da bambini rom, sinti e di popolazioni viaggianti implica necessariamente
includere la cultura e la storia di rom, sinti e popolazioni viaggianti nei programmi scolastici
generali.
Accesso ad alloggi adeguati
In diversi stati membri si segnalano episodi di discriminazione nell’accesso agli alloggi, che
spesso prendono la forma di negazione dell’accesso a condizioni pari agli altri ad alloggi pubblici
e privati in affitto o persino di rifiuto a vendere abitazioni ai rom.
Alcune autorità locali hanno seguito una politica di segregazione spaziale, che in alcuni casi è
stata rafforzata dalla costruzione di muri di separazione in vicinanza dei quartieri abitati dai
rom. Si deve porre fine a tali misure distruttive.
Molti rom continuano a vivere in condizioni inadeguate nella maggior parte dei paesi europei,
senza riscaldamento, acqua corrente o fognature. Sono state espresse preoccupazioni a livello
internazionale sulla situazione dei rom in diverse località a Mitrovicë/Mitrovica in Kosovo2 e
nelle sue vicinanze dove i rom, per più di dieci anni, sono stati costretti ad abitare in ambienti
molto tossici.
I rom che vivono in insediamenti informali o su terreni non di loro proprietà, così come i rom
che vivono in alloggi legalmente riconosciuti, non hanno garanzia di possesso in tutta Europa.
La mancanza di un adeguato riconoscimento del possesso conduce direttamente a minacce di
sfratto forzato. In alcuni paesi, il numero di sfratti forzati è aumentato negli ultimi anni e spesso
2. Ogni riferimento al Kosovo, sia al territorio, che alle istituzioni o alla popolazione, contenuto nel presente documento deve essere interpretato
come pienamente conforme alla Risoluzione 1244 (1999) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e senza pregiudizio alcuno nei confronti dello
status del Kosovo.
12
| Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
sono state colpite ripetutamente le stesse famiglie di rom migranti, compresi i bambini, nel corso
di brevi periodi di tempo. La ripetizione degli sfratti forzati, inclusa la distruzione di proprietà,
in alcuni paesi dell’Europa occidentale è stata descritta come una strategia volta a incoraggiare
i rom a fare ritorno nei propri paesi d’origine, in particolare Bulgaria e Romania. In alcuni casi,
sono stati distrutti interi quartieri rom presenti da secoli. Gli sfratti forzati devono essere eseguiti
solo in conformità con le procedure internazionali di salvaguardia sviluppate, tra gli altri, dal
Comitato delle Nazioni Unite sui diritti economici, sociali e culturali (Commento generale n. 7).
Il Commissario ha osservato che in alcuni luoghi prevale un circolo vizioso nel quale le autorità
si rifiutano di costruire infrastrutture perché i rom non detengono un diritto di possesso formale
e si rifiutano di riconoscere formalmente il possesso a causa del livello inadeguato delle infrastrutture. Il Commissario ha esortato le autorità a trovare modi per risolvere questi conflitti in
conformità con le norme internazionali ed europee sui diritti dell’uomo.
Le popolazioni viaggianti sono inoltre colpite in modo sproporzionato da pratiche discriminatorie
nei casi in cui acquistano terreni privati da adibire al parcheggio di roulotte, e a discriminazione nell’accesso a campeggi, alberghi e/o altri alloggi temporanei. Il Commissario ha espresso
chiaramente la propria posizione secondo la quale nei paesi in cui è presente una popolazione
viaggiante, ci deve essere un obbligo stabilito dalla legge per le autorità locali di garantire la
presenza di luoghi adibiti al parcheggio di roulotte per brevi e lunghi periodi che rispettino
standard di decenza minimi.
Il Commissario ha sottolineato la necessità di garantire il diritto dei rom a vivere in alloggi adeguati in conformità con il diritto internazionale. Gli insediamenti dei rom devono usufruire di
tutti i servizi pubblici, tra cui acqua, elettricità, raccolta dei rifiuti e manutenzione delle strade
di accesso. La Raccomandazione del Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa sul miglioramento delle condizioni abitative di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa richiedeva la
revisione della legislazione, delle politiche e delle pratiche sugli alloggi, con l’obiettivo di eliminare
tutte le disposizioni o pratiche amministrative che risultano in una discriminazione diretta o
indiretta dei rom.
Accesso all’impiego
Ci sono numerose difficoltà che condizionano l’inclusione dei rom nel mercato del lavoro e che
risultano nell’esclusione completa di rom, sinti e popolazioni viaggianti da impieghi decenti in
Europa. La discriminazione endemica unita a un livello di istruzione insufficiente annullano
apparentemente l’effetto di politiche emergenti sull’impiego rivolte a rom, sinti e popolazioni
viaggianti. Nonostante l’impegno positivo in alcuni paesi, i livelli di disoccupazione tra rom, sinti
e popolazioni viaggianti in Europa sono invariabilmente assai superiori a quelli della popolazione
non rom.
In diversi paesi, si negano le opportunità di impiego a rom, sinti e popolazioni viaggianti con
motivazioni discriminatorie legate alla loro etnia o alla percezione del loro legame con comunità
o gruppi di rom, sinti o popolazioni viaggianti. Le tendenze in Europa evidenziano inoltre come i
rom che hanno un impiego siano più facilmente soggetti a discriminazione sul posto di lavoro. La
discriminazione riguarda anche i rom istruiti che vengono ostacolati nei loro sforzi di progresso.
In tutta Europa la percezione della discriminazione è ampiamente diffusa, ma mancano dati, in
parte perché la discriminazione nel mercato del lavoro è frequentemente nascosta. La discriminazione razziale ed etnica nel mercato del lavoro è contraria alla Carta sociale europea, così come
alla Direttiva sull’uguaglianza razziale dell’UE. Le misure volte ad affrontare la disoccupazione di
rom, sinti e popolazioni viaggianti devono prevedere l’assistenza alle vittime di discriminazione
nel rivendicare i loro diritti.
Sintesi |
13
Sono sorti anche problemi relativi alla discriminazione di genere. I datori di lavoro europei hanno
discriminato le donne rom con motivazioni legate sia all’etnia che al genere. Un’attenzione speciale
deve essere rivolta alle donne rom che subiscono una doppia discriminazione, con un impegno
per migliorare la loro condizione socioeconomica e per garantire il loro accesso all’istruzione e
alla sanità come condizioni preliminari per l’impiego.
Il Commissario ha richiesto misure specifiche, tra cui l’assegnazione di fondi per lo sviluppo di
programmi che mirino ad aumentare l’occupazione e le imprese private nelle comunità rom, ad
esempio tramite programmi di formazione appositi.
Il diritto a raggiungere il livello più alto possibile di salute fisica e mentale
In tutta Europa, la durata media della vita di rom, sinti e popolazioni viaggianti è più breve di
quella di altre popolazioni. I tassi di mortalità infantile di rom, sinti e popolazioni viaggianti
sono più elevati. I fattori che impediscono l’accesso di rom, sinti e popolazioni viaggianti alle cure
sanitarie comprendono la mancanza di denaro per il pagamento di assicurazioni e trattamenti,
la mancanza di documenti d’identificazione e di mezzi di trasporto per arrivare da zone remote
alle strutture sanitarie.
Sono inoltre segnalate discriminazioni contro i rom da parte degli operatori sanitari, compreso
nella prestazione di servizi di emergenza. Alcuni ospedali segregano regolarmente i pazienti rom
da quelli non rom, soprattutto nei reparti maternità. Pochissimi rom lavorano nel settore sanitario
in Europa. In alcuni paesi, i rom sono stati esclusi dai programmi di assistenza sanitaria, non
potendo pagare i contributi dell’assicurazione sanitaria o per il fatto di non essere formalmente
impiegati o registrati presso le agenzie d’impiego.
È necessario applicare a rom, sinti e popolazioni viaggianti le disposizioni esistenti in materia
di diritto ai livelli più alti possibili di salute fisica e mentale, come raccomandato dal Comitato
dei ministri del Consiglio d’Europa nel 2006. Devono essere garantite a rom, sinti e popolazioni
viaggianti cure sanitarie economicamente e geograficamente accessibili, senza discriminazioni.
Gli stati membri devono impegnarsi nel campo delle cure preventive e delle campagne di sensibilizzazione rivolte a rom, sinti e popolazioni viaggianti, in modo particolare nell’area della salute
sessuale e riproduttiva delle donne rom.
Il diritto alla sicurezza sociale
Tra i fattori che hanno un impatto negativo sulla capacità di rom, sinti e popolazioni viaggianti di
accedere ai servizi sociali c’è apparentemente la discriminazione contro rom, sinti e popolazioni
viaggianti da parte degli operatori dei servizi sociali. Il Commissario ha ricevuto segnalazioni
di rifiuto completo dell’accesso ai servizi o di assistenza ridotta. Ci sono anche state segnalazioni
relative all’applicazione discriminatoria di programmi di assistenza sociale (come l’assistenza
sociale basata sui mezzi economici); all’uso di regolamenti e/o politiche che hanno l’effetto di
rendere rom, sinti e popolazioni viaggianti come non aventi diritto all’offerta di servizi sociali
regolari; alla segregazione territoriale con la conseguente difficoltà di accedere ai servizi sociali;
alle barriere comunicative tra uffici dei servizi sociali e singoli individui; alla mancanza di
informazioni su tali servizi nelle comunità di rom, sinti e popolazioni viaggianti; e altri generi
di ostacoli. I rom senza cittadinanza sono anche stati soggetti a trattamenti differenti con motivazioni arbitrarie. Alcune autorità hanno annunciato che non garantiranno i servizi sociali ai
“rom itineranti”. Devono essere prese misure per affrontare tali atteggiamenti discriminatori tra
i dipendenti dei servizi sociali, compresa una formazione specifica sulle esigenze di rom, sinti
e popolazioni viaggianti in termini di sicurezza sociale. Si devono rendere disponibili a rom,
sinti e popolazioni viaggianti informazioni sui servizi sociali esistenti. Gli stati membri devono
14
| Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
evitare la discriminazione indiretta quando valutano le norme legislative e le politiche nella
sfera della sicurezza sociale.
Accesso a beni, servizi e luoghi pubblici
Rom, sinti e popolazioni viaggianti in tutta Europa sono discriminati nell’accesso ai beni e ai
servizi disponibili al pubblico. Si segnalano discriminazioni nell’accesso ad alberghi, discoteche, ristoranti, bar, piscine pubbliche e altre strutture ricreative, oltre che nell’accesso a servizi
fondamentali per le attività delle piccole imprese, come i prestiti bancari. Anche se i programmi
governativi che mirano ad affrontare tali forme di discriminazione sono attualmente limitati,
ci sono esempi provenienti da diversi stati membri del Consiglio d’Europa che indicano che le
azioni in quest’area possono essere importanti per identificare e contrastare modalità e pratiche
di discriminazione razziale contro i rom. È necessario istituire organismi per la parità efficaci
e indipendenti che abbiano tra le proprie funzioni quella di condurre ricerche e indagini sulla
discriminazione nell’accesso a beni e servizi e di offrire orientamento e sostegno ai fornitori
di servizi sulle buone pratiche per promuovere l’uguaglianza, adeguandosi alle diversità e
combattendo le discriminazioni.
Apolidia e lacune nella documentazione dei rom
L’esclusione sociale di rom, sinti e popolazioni viaggianti può peggiorare quando non hanno
un’esistenza amministrativa formale. Come ha notato il Commissario nel suo Human Rights
Comment intitolato “Stateless Roma: no documents – no rights” (Rom apolidi: niente documenti, niente diritti): “...decine di migliaia di rom vivono in Europa senza nazionalità. Non
hanno certificati di nascita, carte di identità, passaporti e altri documenti e vengono pertanto
loro negati diritti fondamentali come l’istruzione, la sanità, l’assistenza sociale e il diritto di
voto.”
Molti sono i fattori che ostacolano l’accesso dei rom ai documenti e alla cittadinanza effettiva,
compresi conflitti armati e migrazione forzata, condizioni di estrema povertà e marginalizzazione e, soprattutto, la mancanza di un reale interesse da parte delle autorità ad affrontare e
risolvere i problemi. Queste difficoltà sono amplificate quando i rom si ritrovano in situazioni
di sfollamento forzato.
Inoltre, alcune conseguenze delle successioni di stati, come l’istituzione di leggi restrittive sulla
cittadinanza, hanno creato ulteriori ostacoli che condizionano i rom in modo sproporzionato.
Di conseguenza, molti rom in Europa sono apolidi: non vengono considerati cittadini di alcuno
stato e spesso vengono loro negati i diritti sociali fondamentali e la libertà di movimento. Il
problema esiste in molti paesi in Europa, ma viene avvertito in modo particolarmente grave
nei Balcani occidentali. La mancanza di esistenza amministrativa formale, che può prendere
la forma di apolidia o di assenza di documenti di identificazione personale, ha un impatto
devastante sulla capacità di qualsiasi persona di godere i propri diritti umani e le proprie
libertà fondamentali. Negli ultimi anni, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha gestito programmi nei Balcani occidentali per aiutare i rom ad accedere ai
documenti personali e l’UE ha avviato progetti simili. Tuttavia, senza impegni significativi a
livello statale, volti a migliorare le condizioni affinché le persone attualmente escluse possano
avere accesso ai documenti, ad esempio tramite “amnistie” per persone senza certificati di
nascita o misure simili, è difficile che questi progetti pilota (o altri progetti dello stesso genere)
possano avere un impatto importante.
Sintesi |
15
Godimento da parte di rom, sinti e popolazioni viaggianti della libertà di movimento
e della protezione internazionale all’interno e all’esterno del territorio statale
Pochissimi stati europei sono impegnati nel garantire che le popolazioni viaggianti possano esercitare la propria libertà di movimento, nonostante la giurisprudenza della Corte di Strasburgo
sull’argomento. In realtà, le politiche esistenti in quasi tutti i paesi hanno lo scopo di dissuadere le
popolazioni viaggianti dal mettere a punto percorsi migratori regolari. In pratica, le misure volte
alla delimitazione di aree o altre norme o regolamentazioni sono spesso usate per scoraggiare
popolazioni itineranti dai loro spostamenti. I quadri legislativi possono anche aggiungere ulteriori difficoltà o creare limitazione specifiche ai diritti delle popolazioni viaggianti. In Francia, ad
esempio, le popolazioni viaggianti di nazionalità francese sono soggette a una legislazione speciale
che non si applica ad altri cittadini francesi. Altrove, la negazione di permessi di costruzione
per gli alloggi delle popolazioni viaggianti limita le loro possibilità di utilizzare le proprie terre
per coltivare le proprie tradizioni. I paesi che hanno una popolazione nomade o semi-sedentaria
devono conformarsi con la raccomandazione del Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa
(2005) sul miglioramento delle condizioni abitative di rom, sinti e popolazioni viaggianti in
Europa per far sì che tutti gli individui rom, sinti e viaggianti possano vivere come desiderano.
Persino quando sono a rischio di gravi violazioni dei diritti umani, i rom vengono discriminati
nel loro accesso ai meccanismi di protezione a condizioni uguali a quelle del resto della popolazione, compreso l’accesso alla procedura di asilo. In alcuni paesi sono state offerte ai richiedenti
asilo di etnia rom forme di protezione temporanea che non conferiscono la residenza o qualsiasi
forma di acquisizione progressiva dei diritti. La concessione ripetuta di statuti di “tollerati” di
durata estremamente breve ha di fatto precluso la possibilità di integrazione nelle società di
accoglienza di decine di migliaia di rom cittadini di paesi terzi. Il diritto d’asilo è riconosciuto
dalla Convenzione delle Nazioni Unite relativa allo status dei rifugiati (1951) per tutti i rifugiati
senza discriminazione. I richiedenti asilo e le persone internamente dislocate (IDP) rom devono
essere trattati in modo uguale ai richiedenti d’asilo e agli IDP non rom.
Molti paesi europei hanno intrapreso la pratica di espellere i rom dal proprio territorio, anche verso
il Kosovo, nonostante il fatto che il Kosovo non sia attualmente in grado di garantire condizioni
adeguate alla reintegrazione sostenibile di questi rifugiati di ritorno, secondo quanto sostiene, tra
le altre fonti, la valutazione dell’UNHCR del novembre 2009. Il Commissario si è ripetutamente
opposto al ritorno forzato o involontario di rom, ashkali ed egiziani in Kosovo. Le Venti linee
guida sul ritorno forzato redatte dal Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa forniscono
standard per le salvaguardie procedurali che gli stati membri devono rispettare quando procedono al ritorno forzato. Le linee guida ricordano che l’espulsione collettiva di stranieri è proibita.
La libertà di movimento di merci, servizi, capitali e persone è uno degli obiettivi fondanti dell’UE.
Tuttavia, i rom sono stati a più riprese trattati in modo diverso dai non rom nell’esercizio di tale
libertà. È necessario porre fine alle azioni non in linea con la legislazione UE, volte all’espulsione
di cittadini dell’UE, così come ad altre misure discriminatorie mirate a ostacolare l’accesso al
territorio. Il Commissario ha suggerito che le risorse che vengono utilizzate dagli stati membri
dell’UE per rimpatriare i rom che sono cittadini dell’UE sarebbero spese in modo migliore per
facilitare la loro inclusione sociale.
Partecipazione di rom, sinti e popolazioni viaggianti alla vita pubblica
e ai processi decisionali
Molti individui rom, sinti e viaggianti non possono di fatto votare, spesso per ostacoli di natura
amministrativa o per mancanza di documenti personali o di residenza permanente. È auspicabile
16
| Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
che i governi abroghino eventuali leggi e regolamenti che discriminano le minoranze rom in
termini di rappresentanza politica. È necessario un maggior impegno di comunicazione per
garantire la registrazione degli elettori. E anche in questo caso è importante che tale comunicazione raggiunga le donne.
Con alcune eccezioni degne di nota, i rom sono nella maggior parte dei casi assenti dagli organi
eletti a livello locale, regionale, nazionale e sovranazionale. La partecipazione dei rom nei parlamenti europei è estremamente limitata. Solo in alcuni paesi dell’Europa centrale e sud-orientale
i rom sono rappresentati in parlamento, mentre nessun deputato rom siede nei parlamenti
dell’Europa occidentale. In alcuni paesi, sembra che il numero di rappresentanti locali, tra i
quali sindaci e consiglieri locali, sia aumentato nel corso dell’ultimo decennio. Tuttavia, persino
in questi paesi la proporzione di rom eletti a posizioni pubbliche a livello locale è estremamente
ridotta in paragone alla loro percentuale nella popolazione nel suo complesso.
Il Commissario ha notato che l’assegnazione di posti riservati ha comportato risultati positivi,
così come l’attenzione per la partecipazione dei rom a livello locale. È importante che rappresentanti eletti delle minoranze partecipino ai processi decisionali, anche in campi che non sono
strettamente legati alle minoranze nazionali, e che il loro ruolo non venga limitato al semplice
statuto di osservatori.
In alcuni paesi sono stati istituiti meccanismi che incoraggiano la comunicazione paritaria, diretta
e aperta con i rom. È necessario incoraggiare a tutti i livelli la consultazione organizzata, come
previsto dai principi di rappresentanza e trasparenza stipulati nel Commento del Comitato consultivo della Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali (2008) sull’effettiva
partecipazione delle persone che appartengono a minoranze nazionali alla vita culturale, sociale
ed economica e agli affari pubblici. La partecipazione di rom, sinti e popolazioni viaggianti nella
vita pubblica migliorerebbe considerevolmente se questi gruppi etnici fossero rappresentati in
modo visibile tra i dipendenti pubblici, compresi gli insegnanti e la polizia a livello locale, regionale e nazionale. Attualmente, tuttavia, l’inserimento nel pubblico impiego è modesto e, nella
maggior parte dei casi poco visibile. Lo sviluppo di programmi speciali di stage dedicati ai rom
all’interno del pubblico impiego deve essere incoraggiato, al fine di aumentare la rappresentanza
dei rom nelle amministrazioni statali e locali.
Il Commissario si augura che gli stati membri scelgano di dare una priorità elevata e seria all’inclusione di rom, sinti e popolazioni viaggianti. L’esclusione persistente di più di dieci milioni di
esseri umani può solo condurre a maggiori tensioni inter-etniche in Europa. Gli stati membri
devono intraprendere passi concreti per combattere l’antizingarismo e porre fine alla discriminazione e alla marginalizzazione. Sono richiesti sforzi urgenti per garantire i diritti umani di
rom, sinti e popolazioni viaggianti.
Sintesi |
17
Conclusioni
Negli anni 2010 e 2011 abbiamo assistito a importanti progressi nello sviluppo di impegni espliciti
presi dalle istituzioni europee per contrastare l’esclusione dei rom. La Dichiarazione di Strasburgo
sui rom del Consiglio d’Europa è una spinta politica per intraprendere misure concrete in questa
direzione. Il Quadro UE per le Strategie Nazionali di Integrazione dei rom fino al 2020 costituisce
anch’esso un passo avanti lungamente atteso dagli attivisti che si battono per i diritti dei rom in
ogni parte d’Europa.
D’altronde ci sono tendenze preoccupanti. Le istituzioni europee hanno risposto con cautela a
politiche evidentemente distruttive che colpiscono i diritti fondamentali dei rom in Italia e Francia.
In diversi momenti chiave, gli stati membri hanno svuotato di valore le richieste che a livello
europeo sono state espresse per contrastare l’esclusione di rom, sinti e popolazioni viaggianti,
deridendo apertamente tali preoccupazioni. Questo fatto ha, in qualche misura, indebolito gli
sforzi per sottolineare l’importanza dell’inclusione di rom, sinti e popolazioni viaggianti. Rom,
sinti e popolazioni viaggianti in tutta Europa seguono questi sviluppi da vicino e sono profondamente consapevoli del fatto che quando si arriva al dunque, la forza prevale attualmente sulle
preoccupazioni internazionali. Quando le istituzioni internazionali non riescono ad avere un
impatto reale sugli abusi commessi da stati e altre figure, si rafforza costantemente un profondo
scetticismo sulla possibilità stessa di un cambiamento positivo per rom, sinti e popolazioni viaggianti – un sentimento già molto diffuso tra i rom in tutto il continente.
Al contempo, si rafforzano nuove voci provenienti dall’estrema destra e sembra che cresce il
risentimento contro qualsiasi “discriminazione positiva” nei confronti di rom, sinti e popolazioni
viaggianti. In molti luoghi, tali punti di vista sono una sottile maschera che copre il sentimento
che rom, sinti e popolazioni viaggianti non potranno mai essere accettati quali cittadini europei in
senso pieno e paritario e verranno tollerati unicamente se rimarranno una popolazione docile – e
idealmente invisibile – di emarginati, o se rinunceranno a qualsiasi affiliazione con le comunità
di rom, sinti e popolazioni viaggianti e si mischieranno o si “assimileranno” a un concetto per
lo più immaginario di “maggioranza”.
Oggi il numero di giovani rom che frequentano l’università è più alto che mai. In alcuni paesi,
professionisti rom fanno parte del personale di ministeri o della polizia nelle amministrazioni
locali o regionali. Rom, sinti e popolazioni viaggianti contribuiscono inoltre in modo vivace
allo sviluppo del settore privato in alcuni campi. Questi sono sviluppi importanti rispetto a soli
dieci anni fa. E tali progressi testimoniano ciò che è possibile ottenere quando le collettività, gli
amministratori, le famiglie e i singoli affrontano insieme anche le forme più radicate di esclusione.
Tuttavia, senza un impegno persistente e rafforzato, questi avanzamenti sono fragili e reversibili.
I progressi ottenuti fino ad ora impallidiscono a confronto con l’ampiezza e la profondità dell’
esclusione che prevale oggi in alcuni settori delle comunità di rom, sinti e popolazioni viaggianti.
Le carenze nelle quattro “aree prioritarie” identificate nel Quadro UE per le Strategie Nazionali di
Integrazione dei rom fino al 2020 – istruzione, sanità, alloggi e impiego – devono essere affrontate
senza indugi. La formazione di mediatori rom nel campo dell’educazione, della sanità e dell’impiego, avviata dal Rappresentante Speciale del Segretario Generale del Consiglio d’Europea sulle
questioni rom sembra essere un passo importante in tale direzione. Gli stati membri devono
Conclusioni |
19
assicurarsi che le leggi e le pratiche in vigore a livello nazionale siano compatibili con la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e del Comitato europeo dei diritti sociali
in queste quattro aree. È particolarmente importante che i bambini rom siano trasferiti senza
indugi nei normali contesti educativi e che venga loro fornito ogni tipo di sostegno in classe e
altrove affinché possano riuscire ed eccellere nei propri studi.
Inoltre, il legame tra i diritti all’istruzione, alle cure sanitarie, all’alloggio e all’impiego e altri
diritti umani e libertà fondamentali è chiaramente dimostrato in questo rapporto. Le aree prioritarie del Quadro UE possono e devono essere considerate nel più ampio contesto di altre aree
di riforma, come quelle relative alle attività di polizia e giudiziarie. Per essere efficaci, le Strategie
Nazionali d’Integrazione dei rom devono essere basate sui diritti umani e riguardare tutte le
aree tematiche rilevanti per l’inclusione dei rom. La situazione dei diritti umani di rom, sinti
e popolazioni viaggianti deve essere affrontata nel suo complesso e si devono affrontare campi
diversi simultaneamente. Ove possibile, è auspicabile che vengano definiti obiettivi che vadano
oltre le quattro aree prioritarie UE per l’integrazione dei rom che riguardano istruzione, impiego,
sanità e alloggi.
Il fenomeno persistente della discriminazione razziale richiede un’attenzione immediata. L’adozione e l’attuazione di una legislazione antidiscriminazione completa è un passo necessario.
È opportuno che gli stati membri che non lo hanno ancora fatto adottino il Protocollo n. 12 della
Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo che richiede il divieto generale della
discriminazione. Le strutture nazionali che promuovono l’uguaglianza così come gli organismi
a bassa soglia di accesso che si occupano dei reclami hanno un ruolo importante nell’offrire
rimedi efficaci e accessibili per rom, sinti e popolazioni viaggianti vittime di discriminazione.
Oltre a rimuovere gli ostacoli che si frappongono al godimento dei diritti, è auspicabile che gli
stati membri prendano misure preventive affinché rom, sinti e popolazioni viaggianti abbiano
una reale opportunità di lasciarsi alle spalle una lunga storia di esclusione.
Si devono interrompere i cicli di espulsione forzata dei rom dai loro alloggi, località o paesi se si
intende raggiungere una reale inclusione sociale dei rom. Affinché si possa rispondere a questo
imperativo, gli stati europei devono collaborare in modo genuino con le organizzazioni dei rom
e la società civile per trovare soluzioni adeguate. Devono inoltre accettare lo stile di vita scelto
dalle popolazioni itineranti e semi-itineranti.
Il problema dell’apolidia e della mancanza di documenti personali che riguarda migliaia di rom in
Europa deve essere affrontato con determinazione, poiché a queste persone vengono spesso negati
diritti fondamentali come l’istruzione, le cure sanitarie, l’assistenza sociale e il diritto al voto.
È necessario che venga data speciale attenzione alle donne vittime di sterilizzazioni forzate e
coercitive e alle vittime del traffico di esseri umani.
È auspicabile che vengano attuate strategie finalizzate all’inclusione di rom, sinti e popolazioni
viaggianti con la partecipazione delle comunità stesse nello sviluppo, nell’attuazione e nella valutazione di tali politiche. Non ci saranno miglioramenti in queste aree senza la partecipazione di
rom, sinti e popolazioni viaggianti ai processi decisionali.
Ma le autorità in Europa devono soprattutto contrastare, una volta per tutte, i pregiudizi soggiacenti e gli stereotipi – l’antizingarismo – che è causa della discriminazione e della violenza
contro rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa. È ora di porre fine al ritratto negativo che
dei rom viene proposto nei mezzi d’informazione e in ambito politico. Il Commissario ritiene
che sia necessario intraprendere azioni comuni per indagare e sanzionare le forme individuali e
collettive di violenza contro i rom, in tutti i casi in cui si presentino. Se non sradicheremo l’antizingarismo, ogni impegno e programma che miri all’inclusione dei rom sarà inutile.
20
| Diritti umani di rom, sinti e popolazioni viaggianti in Europa
Il Commissario è convinto che questa sia realmente l’unica strada: i governi e le amministrazioni
dell’Europa devono raddoppiare i propri sforzi per coinvolgere tutti i segmenti del pubblico
verso l’obiettivo di una reale inclusione dei rom. L’Europa rischia altrimenti un’ulteriore polarizzazione etnica in cui le frustrazioni provocheranno la violenza di tutte le parti. L’impegno
per garantire nella pratica i diritti umani fondamentali dei rom può e deve essere il presente e il
futuro dell’Europa.
Il Commissario si appella ai governi dell’Europa affinché intensifichino e rafforzino i propri
sforzi per garantire che i rom possano finalmente godere di una dignità uguale a tutti gli altri in
società libere dalla discriminazione.
Conclusioni |
21
Prems 07012
Diritti umani di rom, sinti
e popolazioni viaggianti in Europa
Estratti del rapporto completo
ITA
COMMISSIONER FOR HUMAN RIGHTS
COMMISSAIRE AUX DROITS DE L'HOMME
Fly UP