...

Termarina Bianca - Agricoltura e pesca

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Termarina Bianca - Agricoltura e pesca
VITE
Famiglia: Vitaceae
Genere: Vitis
Nome comune: TERMARINA BIANCA-PASSERETTA
Specie: Vitis vinifera L.
Codice iscrizione Registro nazionale:
Sinonimi accertati: Passeretta
Sinonimie errate: Corinto
Denominazioni dialettali locali (indicare la località):
Rischio di erosione: ELEVATO
Data inserimento nel repertorio: 09/04/2014
Accessioni valutate
Ultimo aggiornamento scheda: 09/04/2014
Anno
N. piante
presenti
d’impianto
1) Azienda Casalini Angelo loc. Basilicagoiano - Montechiarugolo (PR)
1+1
1950 circa+2009
2) Azienda La Madonnina, Strada Pilastro - Torrechiara (PR)
200
2006
3)
Luoghi di conservazione ex situ: Collezione 2007 Tebano di Faenza – RA (Materiale prelevato da loc.
Basilicagoiano Montechiarugolo PR)
Apice del germoglio alla fioritura
Schema della foglia media
Foglia
Grappolo
CENNI STORICI, ORIGINE, DIFFUSIONE
Difficile stabilire l’origine delle Termarine, anche perché spesso vengono così denominare varietà apirene
differenti che hanno in comune il solo fatto di avere acini molto piccoli e privi di vinaccioli.
Nelle vecchie ampelografie è possibile trovare riferimenti a Termarina o Tremarina o Tramarina, talora con la
specifica del colore della bacca, ma spesso si viene rimandati a sinonimie con Passerina bianca o Passeretta o
Corinto. Vediamo, con un percorso a ritroso nel tempo, di ritrovare le tracce della coltivazione della Termarina
bianca in Emilia-Romagna.
Ubaldo Delsante, in un lavoro del 1996, riporta: “Nei secoli passati, nelle colline di Talignano e di Segalara
trovava diffusione l'uva tremarina, nelle due varietà rossa e bianca, chiamata anche toscanamente uva
passerina perché ricercata e beccata avidamente dai passeri….”
(Delsante, 1996).
Nella rivista “L’Italia agricola” del 1927 si legge che, in provincia di Parma, “Per quanto su estensioni limitate
si coltiva la tremarina che dà un vino ottimo e ricchissimo di alcool”. Non ci è dato sapere, però se l’Autore
dell’articolo si riferisse alla Tremarina bianca o nera o, genericamente, ad entrambe (Toni, 1927).
A inizio Novecento, nell’“Ampelografia” del Molon, si legge “Tramarina (Tanara) = Passerina bianca” e
andando al rimando si evince come anche allora il mondo delle Termarine/Passerine fosse piuttosto confuso e
articolato. Molon dà per acquisita la sinonimia con il Corinto: “Tre sono le varietà più diffuse di Corinthe, che
noi, con nome ormai in uso nel nostro paese, chiamiamo Passerina. La Passerina bianca, la Passerina nera e
Passerina rosa”. A seguire afferma che “con tutta probabilità, le nostre Passerine corrispondono alle Escarie”
citate da Plinio; inoltre tra le diverse corrispondenze con la Passerina ne cita alcune che riguardano l’EmiliaRomagna: Passeretto nel Bolognese, Uva romanina o Passerina a Forlì e forse anche la Trebbianina, e la
Trebbianella dell’Agazzotti.
Molon, poi, conclude la trattazione della Passerina bianca con la definizione dell’origine e la descrizione
ampelografica del Pulliat: “Uva proveniente dalla Grecia, ed ormai diffusa assai in tutte le contrade vitifere
d’Europa. Eccone, secondo Pulliat, i principali caratteri ampelografici: ‹Germoglio biancastro ben tomentoso.
Foglia di media grandezza, più lunga che larga, glabra superiormente, con tomento feltrato nella pagina
inferiore; seni superiori profondi; seno peziolare chiuso; dentatura corta ed ottusa. Grappolo di grandezza
superiore alla media, lungamente cilindro-conico, sovente ramoso ed allora poco serrato. Acino molto piccolo,
sferico, un po’ depresso al punto pistillifero; peduncoletti corti, filiformi; polpa succosa, un po’ molle, ben
zuccherina e rilevata, buccia fina di color giallo dorato alla maturità, che cade alla fine della prima epoca›”
(Molon, 1906). Tutto sommato, pur nella soggettività della descrizione, alcuni tratti accomunano la descrizione
del Pulliat alle immagini della Termarina bianca reperita presso l’azienda Casalini di Basilicagoiano (PR).
In un Bullettino ampelografico del 1879, tra le uve bianche importate nel Bolognese, viene annoverato anche
un “Passeretto o sultanina (queste due uve non sono identiche)”: si tratta sicuramente di un’uva bianca apirena,
ma non c’è alcuna descrizione, anche se probabilmente si trattava della Passeretta del conte Di Rovasenda
(Ministero d’Agricoltura, Industria e Commercio, 1879). Nel “Saggio di una ampelografia universale”, Di
Rovasenda cita una “Passeretta. Sin. di Tramarina” e, in particolare, alla voce Passeretta bianca si legge:
“Prima dell’invasione dell’oidio, quest’uva era oggetto di una grande coltivazione in Canelli e luoghi
circonvicini, e vi contribuiva alla leggerezza e grande riputazione dei vini bianchi d’Asti. In un convento di
Religiosi in Canale un pergolato di quest’uva giungeva a sorprendente estensione. Attualmente la coltivazione
è diminuita assai, perché, stante la piccolezza dell’acino, la crittogama ne altera prontamente la buccia
sottile” (Di Rovasenda, 1877).
Sempre nel 1879 esce il “Contributo all’ampelografia modenese” di Lodovico Malavasi, che apre l’elenco
delle uve bianche coltivate sul territorio con la descrizione della Termarina bianca, indicando subito i sinonimi:
“Tramarina, Passerina, Passeretta, Uva di Corinto”. Dalla descrizione emerge che si tratta di un’uva apirena,
ma con qualche acino fertile contenenti 1 vinacciolo grosso e globoso. Il grappolo è un po’ piramidale e
spargolo, quindi si può ipotizzare che si riferisca alla Termarina del Reggiano, che recentemente si è capito
essere una probabile mutazione di Trebbiano toscano. Infatti la Termarina-Passeretta del Parmense ha grappolo
cilindrico e compatto. Conclude la descrizione con il seguente commento: “Vitigno pochissimo coltivato e, può
dirsi, rarissimo, Matura sulla fine di settembre. È il Corinto bianco di Rozier (Cours complet d’Agriculture V.
Art. Vigne)” (Malavasi, 1879).
Nel 1867 esce il catalogo delle uve della collezione del cavalier Aggazzotti del Colombaro (Spilamberto, MO)
in cui viene descritta una Tramarina rossa (N. 53) e in un’aggiunta successiva (1883) annovera anche una
“Tramarina bianca (Passeretta bianca)”, con la seguente nota: “Possiede tutte le qualità e proprietà della sua
omonima accennata al N. 53 se non sé aroma più debole, e colorito bianco a vece del rosso dell’altra, e perciò
figura meglio nei soliti intingoli, nei famosi panettoni, e può sostituirsi alla così detta sultanina” (Fangarezzi,
2011). Questa citazione prospetta la sinonimia con la Passeretta e indica come quest’uva venisse impiegata più
per uso di cucina (da mensa e passa) che non per la produzione di vino.
Sul Vocabolario Parmigiano-Italiano del Malaspina (1859) troviamo la voce “Termarén’na” a cui l’autore
attribuisce il termine italiano di “Passeretta”, ma si legge anche il termine “Uvétta” a cui corrisponderebbe
l’Uva di Corinto. Questo indica che erano presenti sul territorio parmense due differenti tipologie di uva
apirena.
Vincenzo Bertozzi, in un manoscritto del 1840, parla di due varietà di Termarina, una a bacca bianca e una a
bacca nera, che erano coltivate negli orti e nelle vigne, raramente nei campi, in provincia di Reggio Emilia.
Recenti lavori di Schneider e collaboratori hanno accertato che accessioni di Termarina del Reggiano sono
riconducibili a mutazioni apirene del Trebbiano toscano (Schneider et al., 2003; Boccacci et al., 2005;
Meglioraldi et al., 2013).
Notizie in merito alla diffusione della coltivazione di Termarina in Emilia-Romagna, pur con nomi diversi,
nell’800, ci vengono dai diari dei viaggi del conte Gallesio (Baldini, 1995), il quale elencando le uve del
territorio faentino cita: “Romanina di due qualità (bianca e rossa): la prima è la Passeretta dei Piemontesi”.
Analizzando alcune viti a Nonantola, riporta: “La Tramarina è il Corinto rosso degli enologi, è la stessa
Romanina dei Romagnoli: fa grappoli piccioli, appuntati, racemati, ora fitti ora spargoli, ad acini minutissimi,
tondi e sensa vinaccioli, e in questi caratteri somiglia interamente al Corinto bianco o Passeretta dei
Piemontesi; ciò che la distingue da quella è il colore rosso degli acini e il fenomeno di mettere fuori in quasi
tutti i grappoli uno o più acini grossi come quelli della Barbarossa e che contengono dentro un vinacciolo”.
Anche nel Reggiano trova la Tramarina o Passolina dolce.
La Termarina bianca che incontra Gallesio, quindi, è pressoché priva di acini grossi, al contrario di quella
rossa, mentre una recente pubblicazione dell’Istituto Agrario “A. Zanelli” di Reggio Emilia, reperita sul web
(http://www.itazanelli.it/iniziat/guastalla2009/biodiversita.pdf), a proposito della Termarina bianca presente
nella propria collezione, così riporta: “Uva quasi del tutto apirena, anche se un 10-20% degli acini è grosso e
provvisto di semi. Molto dolce, adatta per produrre confetture”. Si può ipotizzare, già da questi elementi, che la
Termarina analizzata dal Gallesio fosse differente rispetto a quella della collezione dell’Istituto Zanelli, ma che
entrambe fossero presenti sul territorio e soprattutto che la denominazione Termarina venisse indistintamente
utilizzata per indicare le uve particolarmente acinellate.
Facendo riferimento alla sinonimia riportata dal Gallesio tra Termarina bianca e Corinto bianco o Passeretta dei
Piemontesi, viene spontaneo andare ad analizzare la descrizione che Giuseppe Acerbi pubblica nel suo volume
“Delle viti italiane” (Passeretta bianca, varietà coltivata nel territorio di Valenza in Piemonte): “Sarmenti
legnosi, rossicci, rigogliosi; viticci grossi, fibrosi, tenaci; foglie glabre, sbiadate sopra, lanuginose sotto; lobo
di mezzo profondamente inciso; i rudimenti di altri due lobi laterali; denti in sega, coi rudimenti di una spina
alla punta; pezioli sottili, e non molto lunghi. Grappoli grossi, composti, agglomerati-compatti; peduncolo
generale grosso e lungo; parziali, esili e corti; acini di 3 millimetri, sterili, e col punto fortemente marcato;
fiocine sottile, verdorato, semi-trasparente. Uva di eccellente sapore a mangiarsi, e dolcissima, che si usa però
principalmente per farne dei vini che riescono bianchissimi, generosi, ma alquanto aspri e secchi; mescolata
con altre uve, rende i vini migliori” (Acerbi, 1825). Oggi non è facile reperire piante di Passeretta piemontese,
ma nel passato questa varietà era molto diffusa nelle aree di coltivazione del Moscato e se ne otteneva, pare, un
vino meno profumato, ma più fine del Moscato stesso. Dal confronto tra questa descrizione e i parametri
morfologici analizzati su una accessione del Parmense (Termarina bianca Casalini), si riscontrano alcune
similitudini: le foglie con un lobo centrale piuttosto evidente, un certo tomento sulla pagina inferiore, i denti
con il mucrone bianco, il picciolo corto, gli acini piccolini e senza semi, il grappolo racemato, compatto e
l’eccellente sapore della polpa.
Nel 1810, il prof. Claudio della Fossa, così si esprimeva in merito alla coltivazione della vite nel Reggiano: “Le
viti di uve bianche sono da preferirsi nelle vigne de’ colli, e le Moscatelle, e le Malvasie, la Verdea, il Greco, i
Trebbiani, l’occhio di Pernice, di Gatto, la Spergolina, la Cenerina, il Corinto o Termarina bianca, daranno
migliori vini dei vitigni stranieri, i quali presso di noi costantemente deteriorano, sia per diversità di clima, o
differenza di suolo, o di esposizione” (Della Fossa, 1810).
Andando ancora più indietro nel tempo, a metà del 1600, il marchese Vincenzo Tanara, bolognese, nella sua
opera “L’economia del cittadino in villa”, cita la Tremarina che, come la Lugliatica, si presta ad essere potata a
Pergola: “In questo Contado io non so veder’altro modo di sostentamento delle viti, ò coltivazione, parlando
generalmente, solo la lugliatica, ò tremarina, si conduce sù pergole, o attorno li Casamenti, ove gode, e del
caldo, dell’altezza, e porge, oltre l’utile, dilettazione con l’ombrale verdura”.
Nella sezione dell’opera dedicata alla cucina, poi, illustra un servizio di credenza che prevede “Uva Tremarina
bianca, e negra, servita sopra tazze tra verdure, fiori, e ghiaccio” (Tanara, 1674).
Si può quindi concludere che in Emilia-Romagna, nei secoli passati, erano diffuse almeno due varietà apirene a
bacca bianca che venivano indistintamente indicate col nome di Termarina/Tramarina bianca. Già nel passato
gli ampelografi più accorti avevano indicato la sinonimia tra la Termarina ad acini completamente apireni e la
Passeretta del Piemonte, che recenti lavori di indagine molecolare hanno confermato. Nel Reggiano è presente
un biotipo con grappolo piramidale e alcuni acini fertili che è ascrivibile ad una forma apirena del Trebbiano
toscano (Meglioraldi et al., 2013).
ZONA TIPICA DI PRODUZIONE
Emilia-Romagna, con particolare riferimento al Parmense
BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO
Acerbi G. (1999) – Delle viti italiane. Ristampa anastatica dell’edizione del 1825. Giampiero Zazzera, Libraio
in Lodi.
Baldini E. (1995) – Giorgio Gallesio. I giornali dei viaggi. Trascrizione, note e commento di Enrico Baldini.
Firenze, Nuova stamperia Parenti.
Bertozzi V. (1840) – Viti della provincia di Reggio. Manoscritto.
Boccacci P., Torello Marinoni D., Gambino G., Botta R., Schneider A. (2005) - Genetic Characterization of
Endangered Grape Cultivars of Reggio Emilia Province. Am. J. of Enology and Viticulture, vol. 56, n. 4
Dalla Fossa C. (1810) – Opuscoli agrarii. Con i tipi della Società (Società Agraria del Dipartimento del
Crostolo), Reggio.
Delsante U. (1996) – La Villa Lalatta di Talignano: prelati, studenti, duchi e uomini d'affari sulla collina
parmense dal Cinquecento ad oggi. Ed. Cassa di risparmio di Parma & Piacenza.
Di Rovasenda G. (1877) – Saggio di una ampelografia universale. Tipografia Subalpina, Torino.
Fangarezzi R. (2011) – Francesco Aggazzotti primo sindaco di Formigine nell’Italia Unita, viticoltore,
imprenditore agricolo, politico. Terra e Identità, Modena.
Malaspina C. (1859) – Vocabolario parmigiano-italiano accresciuto di più che cinquanta mila voci. Tipografia
Carmignani, Parma.
Malavasi L. (1879) – Contributo all’ampelografia modenese. Tipografia di Cesare Olivari, Modena.
Meglioraldi S., Ruffa P., Raimondi S., Storchi M., Torello Marinoni D., Vingione M., Boccacci P., Schneider
A. (2013) – Conoscere il patrimonio viticolo per tutelarlo. L’informatore agrario n. 23: pp. 50-54.
Ministero d’Agricoltura, Industria e Commercio (1879) – Bullettino Ampelografico, fascicolo XII. Tipografia
Eredi Botta, Roma.
Molon G. (1906) – Ampelografia. Ulrico Hoepli, Editore Libraio della Real Casa, Milano.
Schneider A., Torello Marinoni D. (2003) - Analisi con marcatori molecolari microsatelliti di vitigni autoctoni
della provincia di Reggio Emilia. Convegno “Recupero e valorizzazione di vitigni autoctoni”. Correggio RE,
12 dicembre 2003.
Tanara V. (1674) – L’economia del cittadino in villa (prima edizione 1644). Stampa “appresso Steffano Curti”,
Venezia.
Toni G. (1927) – Viticoltura ed Enologia. L’Italia agricola. Giornale di agricoltura, n. 4. Numero speciale
dedicato all’agricoltura emiliana.
NOTE
Scheda a cura di Marisa Fontana
DESCRIZIONE MORFOLOGICA (Descrittori OIV edizione 2007)
*= descrittori minimi obbligatori per l’iscrizione a repertorio (Prioritari e GlBA); A= descrittori accessori, per una
maggiore completezza; i restanti descrittori senza indicazioni particolari sono complementari.
GERMOGLIO FINO ALLA FIORITURA. Osservazioni su almeno 10 germogli di lunghezza non inferiore a 30 cm e fino alla
fioritura, inseriti su tralci o speroni di un anno.
OIV 001 *
UPOV 2
Bioversity 6.1.1
GIOVANE GERMOGLIO: APERTURA
DELL’APICE
GIOVANE GERMOGLIO: INTENSITÀ
OIV 003 A
UPOV 5
Bioversity 6.1.2
1 – Chiuso (Vitis riparia)
 1 – Nulla o molto bassa (Garganega)
3 – Bassa (Riesling)
5 – Media (Muller Thurgau, Barbera)
7 – Elevata (Cabernet Sauvignon, Vernaccia di
3 – Semi-aperto (Kober 5BB, S.O.4)
5 – Completamente aperto (Vitis

San Gimignano)
vinifera, Vitis Berlandieri)
OIV 004 *
UPOV 7
Bioversity 6.1.3
GIOVANE GERMOGLIO: DENSITÀ DEI
PELI STRISCIANTI DELL’APICE
1 – Nulla o molto bassa (Rupestris du
UPOV 12
Bioversity 6.1.7
VENTRALE DEGLI INTERNODI
9 – Molto elevata (Vitis aestivalis)
GIOVANE GERMOGLIO: COLORE LATO
OIV 007
UPOV 11
Bioversity 6.1.6
– Verde e rosso (Moscato bianco, Primitivo,
 3 Montepulciano)
5 – Rosso (Riesling, Cabernet Sauvignon)
OIV 016 *
UPOV 16
GERMOGLIO: NUMERO DI VITICCI
Bioversity 6.1.14
 1 – Verde (Sauvignon, Grenache, Regina)
3 – Verde e rosso (Carignan, Riesling,
Montepulciano)
Bioversity 6.1.16
FOGLIA GIOVANE: COLORE PAGINA
a
SUPERIORE (4 foglia)
1 – Verde (Silvaner)
 2 – Giallo (Carignan)
3 – Bronzato (Pinot nero)
4 – Ramato-rosso (Chasselas)
OIV 151 *
UPOV 18
FIORE: ORGANI SESSUALI
Bioversity 6.2.1

1 – Stami completamente sviluppati
e assenza di gineceo (R. du Lot)
2 – Stami completamente sviluppati
e gineceo ridotto (3309 Couderc)
3 – Stami completamente sviluppati
e gineceo completamente
sviluppato (Chasselas dorato)
4 – Stami reflessi e gineceo
completamente sviluppato (Picolit,
Lambrusco di Sorbara, Ohañez,
Kober 5 BB)
CONSECUTIVI
1 – 2 o meno (Vitis vinifera)

2 – 3 o oltre (Vitis labrusca, Vitis Coignetiae)
5 – Rosso (Mourvedre)
OIV 051 *
UPOV 7
DORSALE DEGLI INTERNODI
 1 – Verde (Sauvignon, Grenache, Regina)
Lot)
 3 – Bassa (Granache, Moscato bianco)
 5 – Media
7 – Elevata
9 – Molto elevata
OIV 008
GIOVANE GERMOGLIO: COLORE LATO
PIGMENTAZIONE ANTOCIANICA DEI PELI
STRISCIANTI DELL’APICE
FOGLIA GIOVANE: DENSITÀ PELI
OIV 053 *
UPOV 8
Bioversity 6.1.17
STRISCIANTI TRA LE NERVATURE
a
PRINCIPALI PAGINA INFERIORE (4 foglia)
1 – Nulla o molto bassa (Rupestris du Lot,
Grenache, Regina)
3 – Bassa (Moscato bianco, Cinsaut)
 5 – Media (Merlot, Riesling)
 7 – Elevata (Furmint, Malvasia bianca lunga)
9 – Molto elevata (V. labrusca, Meunier)
FOGLIA ADULTA. Osservazioni tra le fasi di allegagione e invaiatura su almeno 10 foglie adulte localizzate sul terzo mediano del
germoglio inserito su tralcio o sperone di un anno.
OIV 065
UPOV 20
DIMENSIONE DEL LEMBO
Bioversity 6.1.22
OIV 067 *
UPOV 20
FORMA DEL LEMBO
Bioversity 6.1.22
1 – Molto piccolo (Vitis rupestris)
1 – Cordiforme (Petit verdot)
3 – Piccolo (Gamay, Traminer
aromatico)

 5 – Medio (Cabernet Sauvignon,
3 – Pentagonale (Cabernet franc, Barbera)
Barbera, Moscato bianco)
7 – Grande (Carignan, Merlot,
4 – Orbicolare (Cabernet Sauv., Riesling)
Trebbiano toscano)
9 – Molto grande (Vitis Coignetiae,
5 – Reniforme (Rupestris du lot)
Emperor)
OIV 068 *
UPOV 23
NUMERO DEI LOBI
Bioversity 6.1.23
DISTRIBUZIONE PIGMENTAZIONE
OIV 070 *
UPOV 31
Bioversity 6.1.24
1 – Uno (Foglia intera. Rupestris du
ANTOCIANICA SU NERVATURE
PRINCIPALI PAGINA SUPERIORE
– Assente (Regina, Grenache, Isabella,
 1Sauvignon,
Aglianico)
Lot, Famoso)
2 – Tre (Chenin, Aramon, Verdicchio,
2 – Al punto peziolare (Zibibbo)
Croatina)
3 – Cinque (Riesling, Barbera, Chasselas
3 – Fino a 1a biforcazione (Palomino fino,
dorato)
Primitivo, Riesling)

4 – Sette (Vermentino, Cabernet
4 – Fino a 2a biforcazione (Traminer
Sauvignon, Primitivo, Malvasia bianca
lunga)
OIV 072
UPOV Bioversity -
2 – Cuneiforme (Merlot)
aromatico)
5 – Oltre 7 (Hebron, Malvasia di
5 – Oltre la 2a biforcazione (Chenin,
Lipari, Ansonica)
Dolcetto)
DEPRESSIONI DEL LEMBO
OIV 073
UPOV Bioversity -
ONDULAZIONE DEL LEMBO TRA LE
NERVATURE PRINCIPALI O SECONDARIE
1 – Assenti o molto deboli
(Gamay, Grenache, Sangiovese)
3 – Deboli (Cabernet Sauvignon,
Barbera)
 5 – Medie (Trebbiano toscano,
Merlot, Aglianico, Müller Thurgau)
7 – Forti (Carignan)
9 – Molto forti (Villard Noir)

1 – Assente (Grenache)
9 – Presente (Malbech, Terrano, Lambrusca
di Alessandria, Riparia Gloire de Montpellier,
34 EM)
OIV 074
UPOV 21
PROFILO DEL LEMBO IN SEZIONE
Bioversity 6.1.25 TRASVERSALE
OIV 075
UPOV 22
BOLLOSITÀ PAGINA SUPERIORE DEL
Bioversity 6.1.26
1 – Piano (Cabernet Sauvignon,
1 – Nulla o molto debole (Rupestris du Lot)
Gamay)

OIV 076 *
UPOV 30
2 – A V (Pinots, Rupestris du Lot,
3 – Bassa (Chasselas dorato, Sangiovese,
Croatina)
Gamay)
3 – Involuto (Trebbiano toscano,
 5 – Media (Sémillon, Barbera, Sauvignon)
Sangiovese, Montepulciano, Kober
5BB)
4 – Revoluto (Alicante Bouschet,
Melon, 34 EM)
5 – Contorto (Grenache, Sauvignon,
Malvasia bianca lunga)
FORMA DEI DENTI
Bioversity
6.1.27
LEMBO
7 – Elevata (Riesling, Traminer aromatico,
Pinots)
9 – Molto elevata (V. amurensis)
OIV 078
UPOV 29
Bioversity 6.1.29
ALTEZZA DEI DENTI IN RAPPORTO ALLA
LORO BASE
1 – Entrambi i lati concavi (Vitis
1 – Molto corti
aestivalis)
(Vitis aestivalis, Kober 5 BB)
2 – Entrambi i lati rettilinei
3 – Corti (Marsanne, Sylvaner verde,
(Muller Thurgau, Nebbiolo, Chardonnay,
Moscato bianco)
Traminer aromatico).
3 – Entrambi i lati convessi
 5 – Medi (Chasselas dorato, Barbera, Merlot)
 (Sauvignon, Sylvaner verde, Barbera,
Cabernet Sauvignon)
4 – Uno concavo e uno convesso
(Garganega, Sangiovese, Croatina,
Piccolit)
5 –Misto tra livello 2 e 3 (Cabernet
franc)
GRADO
OIV 079 *
UPOV 26
APERTURA/SOVRAPPOSIZIONE DEI
Bioversity 6.1.30 BORDI DEL SENO PEZIOLARE
7 – Lunghi (Zibibbo, Moscato bianco,
Picolit, Sangiovese)
9 – Molto lunghi (Vitis solonis)
OIV 080 *
UPOV Bioversity -
FORMA DELLA BASE DEL SENO PEZIOLARE
1 – Molto aperti (Rupestris du Lot,
1 – A U (Grenache, Merlot, Ciliegiolo)
Grenache)
2 – A parentesi graffa (140 Ruggeri,
3 – Aperti (Sangiovese, Merlot)
Pinots, Uva rara, Dolcetto)
5 – Chiusi (Sauvignon, Barbera,
Cabernet franc, Moscato bianco)
3 – A V (Gamay, Moscato bianco, Vernaccia

di San Gimignano, Aramon)
7 – Sovrapposti (Cabernet Sauvignon,

Riesling, Aglianico, Traminer aromatico)
9 – Molto sovrapposti (Marsanne,
Malvasia bianca lunga)
OIV 081-1
UPOV -
DENTI NEL SENO PEZIOLARE
Bioversity 6.1.31
OIV 081-2 *
UPOV 27
BASE DEL SENO PEZIOLARE DELIMITATA
Bioversity 6.1.32
 1 – Assenti (Chasselas dorato)
9 – Presenti (Bombino bianco, Cabernet
franc, Trebbiano toscano)
DALLE NERVATURE
 1 – Non delimitata (Chasselas)
2 – Su di un lato (Cabernet Sauv., Muller Th.)
3 – Su entrambi i lati (Chardonnay)
OIV 082 A
UPOV 25
GRADO DI APERTURA/SOVRAPPO-
Bioversity 6.1.33 SIZIONE SENI LATERALI SUPERIORI

OIV 083-1 A
UPOV –
Bioversity –
FORMA DELLA BASE DEI SENI LATERALI
SUPERIORI
1 – Aperti (Folle blanche, Ancellotta,
1 – A U (Cabernet Sauvignon, Ancellotta,
Canaiolo nero, Dolcetto)
Nebbiolo)
2 – Chiusi (Chasselas dorato,
Sangiovese)
2 – A parentesi graffa (Chasselas dorato,
3 – Leggermente sovrapposti
(Merlot, Cabernet Sauvignon, Barbera,
Aglianico)
Cinsaut, Croatina)

4 – Molto sovrapposti (Clairette)
3 – A V (Vitis riparia, Franconia,
5 – Assenza del seno
Marzemino, Refosco dal peduncolo rosso,
Malvasia istriana)
(Vitis riparia, Melon)
OIV 083-2 *
UPOV
Bioversity
DENTI NEI SENI LATERALI
SUPERIORI
DENSITÀ DEI PELI STRISCIANTI TRA LE
OIV 084 *
UPOV 32
Bioversity 6.1.35
NERVATURE PRINCIPALI SULLA PAGINA
INFERIORE DEL LEMBO
1 – Nulla o molto bassa (Chassselas dorato,
 1 – Assenti (Chasselas dorato,
Grenache, Regina, Aleatico)
3 – Bassa (Pinots, Chardonnay, Moscato
Chardonnay)
bianco, Garganega)
5 – Media (Cabernet Sauvignon, Merlot,

Trebbiano toscano)
9 – Presenti (Cabernet franc,
7 – Elevata (Barbera, Tempranillo,
Nebbiolo, Aglianico)
Marzemino, Verdicchio)
9 – Molto elevata (Isabella, Concord)
OIV 087 *
UPOV 33
DENSITÀ DEI PELI ERETTI SULLE
NERVATURE PRINCIPALI DELLA
Bioversity 6.1.38 PAGINA INFERIORE DEL LEMBO
1 – Nulla o molto bassa (Chardonnay,
Grenache, Sultanina bianca)


Bioversity 6.1.34
Bioversity 6.1.40
LUNGHEZZA NERVATURA MEDIANA
 1 – Più corto (Primitivo, Grenache)
3 – Leggermente più corto (Garganega,
bianco, Montepulciano)
Montepulciano)
5 – Media (Clairette, Furmint)
5 – Uguale (Ancellotta)
7 – Elevata (Barbera, Primitivo)
7 – Leggermente più lungo (Verdicchio)
9 – Molto elevata (Vitis cinerea, Uva
9 – Più lungo (Nebbiolo)
PROFONDITÀ DEI SENI LATERALI
SUPERIORI
1 – Assente o molto poco
profondi (Rupestris du Lot)
3 – Poco profondi (Gamay)

LUNGHEZZA PICCIOLO IN RAPPORTO A
3 – Bassa (Gamay, Italia, Moscato
rara)
OIV 094
UPOV 24
OIV 093 A
UPOV 34
5 – Medi (Merlot, Barbera)
7 – Profondi (Primitivo)
9 – Molto profondi (Chasselat
cioutat)
GRAPPOLO. Osservazioni da realizzare a maturità. Il livello di espressione viene desunto dalla media dei grappoli
normo-conformati di almeno 10 germogli.
OIV 202
UPOV
LUNGHEZZA
Bioversity 7.1.5
OIV 204
UPOV 37
COMPATTEZZA
Bioversity 6.2.3
1 – Molto spargolo (Ancellotta, Uva
1 – Molto corto (≤ 80 mm: Kober 5BB)
rara, Malbo gentile, Lacrima nera, Picolit)
– Corto (circa 120 mm: Traminer
 3aromatico,
Meunier, Manzoni bianco)
3 – Spargolo (Prosecco, Malvasia
– Medio (circa 160 mm: Muller Thurgau,
 5Barbera)
5 – Medio (Chasselas dorato,
bianca di Candia, Vermentino)
Chardonnay)
7 – Lungo (circa 200 mm: Trebbiano toscano,
7 – Compatto (Barbera, Sauvignon,
Merlot, Malvasia bianca lunga)

9 – Molto compatto (Meunier,
9 – Molto lungo (≥ 240 mm: Albana)
OIV 206
UPOV 38
Bioversity 6.2.4
LUNGHEZZA DEL PEDUNCOLO DEL
GRAPPOLO PRINCIPALE
Pinots, Moscato bianco)
Sylvaner verde, Grignolino)
OIV 208 *
UPOV Bioversity -
FORMA (osservazione tra il 3/5 e
il 4/5 dell’asse del grappolo)
1 – Molto corto (≤ 30 mm: Grenache,
Sylvaner verde, Montepulciano)
 3 – Corto (circa 50 mm: Pinots,
Traminer aromatico, Sauvignon, Primitivo)
5 – Medio (circa 70 mm: Barbera,
Trebbiano toscano)
7 – Lungo (circa 90 mm: Aramon,
Nebbiolo)
1 – Cilindrico (Barbera)

2 – Conico (Schiava grossa, Merlot,
Grenache, Dolcetto)
3 – A imbuto (Trebbiano toscano,
9 – Molto lungo (≥ 110 mm: Freisa)
OIV 209 A
UPOV Bioversity -
NUMERO DI ALI DEL GRAPPOLO
PRINCIPALE
1 – Assenti (Kober 5 BB)
Malvasia bianca lunga)
OIV 502
UPOV
BIOVERSITY
7.1.14
PESO
1 – Molto basso (≤ 100 g: Albariño)
2
 3 – Basso (~ 300 g: Chardonnay)
2 – Una o due ali (Chardonnay,
Vermentino, Barbera)
5 – Medio (~ 500 g: Garnacha tinta)
7 – Elevato (~ 700 g: Trebbiano
toscano)
3 – Tre-quattro ali (Verdicchio, Merlot,

Nebbiolo)
4 – Cinque-sei ali (Trebbiano toscano,
Malvasia bianca lunga, Malvasia bianca di
Candia)
5 – Più di sei ali
9 – Molto elevato (≥ 900 g: Airèn)
ACINO. Osservazioni da realizzare a maturità. Il livello di espressione viene desunto dalla media di
30 acini non deformati e di normale dimensione, prelevati nella parte centrale di almeno 10 grappoli.
OIV 220
UPOV
IPGRI
LUNGHEZZA
OIV 221
UPOV
IPGRI
 1 – Molto corto (≤ 8 mm: Corinto nero)
LARGHEZZA
 1 – Molto stretto (≤ 8 mm: Corinto nero)
3 – Corto (~ 13 mm: Cabernet Sauv., Riesling)
5 – Medio (~ 18 mm: Schiava grossa)
3 – Stretto (circa 13 mm: Riesling)
5 – Medio (circa 18 mm)
7 – Largo (circa 23 mm: Moscato
7 – Lungo (~ 23 mm: Italia)
Alessandria)
9 – Molto lungo (≥ 28 mm: Cardinal)
OIV 223 *
UPOV 40
9 – Molto largo (≥ 28 mm: Cardinal)
FORMA
Bioversity 6.2.6

1 – Sferoidale schiacciato ai poli (Riesling)
6 – Troncovoidale (Sant’Anna di
2 – Sferoidale (Chasselas dorato,
7 – Ovoidale (Olivetta Vibonese)
Lipsia)
Trebbiano toscano)
3 – Ellissoidale largo (Barbera,
8 – Obovoidale (Zibibbo)
Montepulciano)
4 – Ellissoidale stretto (Ansonica)
9 – Corniforme (Pizzutello bianco)
5 – Cilindrico (Khalili belyi, Regina,
10 – Fusiforme
Victoria)
OIV 225 *
UPOV 41
Bioversity 6.2.8
COLORE DELLA BUCCIA
OIV 227 A
UPOV –
Bioversity –
QUANTITÀ DI PRUINA
 1 – Verde-giallo (Chasselas dorato,
1 – Nulla o molto scarsa
Trebbiano toscano)
2 – Rosa (Chasselas rosè)
3 – Rosso (Chasselas rouge)
4 – Grigio (Pinot grigio)
3 – Scarsa (Terrano)
 5 – Media (Chasselas dorato)
 7 – Elevata (Cabernet Sauvignon)
9 – Molto elevata
5 – Rosso scuro-violetto (Cardinal)
6 – Blu-nero (Pinot nero, Barbera,
Cabernet Sauvignon)
OIV 231 *
UPOV 44
INTENSITÀ DELLA PIGMENTAZIONE
Bioversity 6.2.9
ANTOCIANICA DELLA POLPA
OIV 235 A
UPOV 41
Bioversity -
 1 – Nulla o molto debole (Pinot nero,
CONSISTENZA DELLA POLPA
 1 – Molle (Pinot nero, Riesling)
Barbera, Sangiovese)
3 – Debole (Gamay de Bouze)
5 – Media (Gamay de Chaudenay)
7 – Forte (Alicante Bouschet, Gamay
Fréaux)
2 – Leggermente soda (Italia, Regina)
9 – Molto forte
OIV 236 *
UPOV 47
SAPORE PARTICOLARE
Bioversity 6.2.12
3 – Molto soda (Sultanina)
OIV 241 *
UPOV 48
SVILUPPO DEI VINACCIOLI
Bioversity 6.2.7
 1 – Nessuno (Trebbiano toscano)
2 – Aroma moscato (Zibibbo, Moscato b.)
3 – Aroma foxy (Isabella)
4 – Aroma erbaceo (Cabernet Sauvignon,
 1 – Nessuno (Corinto nero)
2 – Incompleto (Sultanina)
Carmenère)
5 – Aroma diverso da moscato,
foxy ed erbaceo (Riesling, Traminer
aromatico, Sauvignon)
3 – Completo (Riesling)
MARCATORI MOLECOLARI
OIV 801
OIV 802
VVS2
145 145
VVMD5
236 236
OIV 803
OIV 804
VVMD7
249 253
VVMD27
185 191
OIV 805
OIV
806
VrZAG62
199 199
VrZAG79
249 259
OSSERVAZIONI FENOLOGICHE. Elementi desunti da osservazioni dirette (O), da indicazioni di
agricoltori (A) e dalla letteratura (L)
Le osservazioni condotte nel triennio 2010-2012 hanno fatto rilevare il germogliamento a fine marzo, la
fioritura nell’ultima decade di maggio, l’invaiatura intorno al 20 luglio e la raccolta nella seconda metà di
agosto, confermando la precocità del vitigno (O).
OSSERVAZIONI E RISCONTRI AGRONOMICI. Elementi desunti da osservazioni dirette (O), da
indicazioni di agricoltori (A) e dalla letteratura (L)
Vitigno abbastanza vigoroso che si adatta bene alle condizioni pedoclimatiche della collina
parmense. Produzione media e costante e maturazione attorno alla prima metà di settembre in collina.
OSSERVAZIONI E RISCONTRI SULLA TOLLERANZA/SENSIBILITÀ ALLE PRINCIPALI PATOLOGIE.
Crittogame, acari, insetti, fisio-patologie. Elementi desunti da osservazioni dirette (O), da indicazioni
di agricoltori (A) e dalla letteratura (L)
Si dimostra mediamente tollerante alle principali crittogame, anche se sembra manifestare una certa
sensibilità alla botrite.
OSSERVAZIONI E RISCONTRI SULL’UTILIZZO. Elementi desunti da osservazioni dirette (O), da
indicazioni di agricoltori (A) e dalla letteratura (L)
Vitigno a duplice attitudine, caratterizzato da acini con concentrazione zuccherina molto elevata,
tanto che nonostante la piccolezza degli stessi, un tempo era considerato un vitigno prevalentemente
da mensa. Veniva usato anche dopo appassimento e per fare marmellate. Nella tradizione parmense,
il mosto di questo vitigno era fatto cuocere fino a diventare solido, poi era tagliato a cubetti e
conservato per mesi. Questa sorta di caramella era tenuta in bocca dalle donne che filavano la lana
per aumentare la salivazione, poiché i polpastrelli bagnati erano una condizione essenziale per
svolgere questo antico mestiere.
Il vino che se ne ottiene è ad elevata gradazione alcolica, dal colore non carico, ma profumato. Ideale
per il passito. Un tempo questo vitigno era coltivato alla testata delle “piantate parmigiane”, in modo
che aumentasse il grado alcolico del vino prodotto dall’intero filare.
DESCRIZIONE MORFOLOGICA IN BREVE
Foglia. Cuneiforme, pentalobata. Seno peziolare a V, con lobi sovrapposti. Seni laterali superiori ad
U, aperti. Pagina superiore mediamente bollosa, con nervature non pigmentate. Pagina inferiore con
nervature non pigmentate, ricoperte di rari peli coricati e peli dritti con densità media; tra le nervature
peli coricati con densità da media ad elevata e peli dritti quasi assenti. Denti a margini convessi e con
un mucrone chiaro. Picciolo molto più corto della nervatura mediana.
Grappolo. Medio-piccolo, cilindrico, allungato, alato, tendenzialmente compatto, con peduncolo
corto. Peso medio intorno ai 200-250 grammi. Acino arrotondato, molto piccolo, con buccia sottile,
pruinosa, di colore verde-giallo, senza vinaccioli. Polpa a sapore neutro, molle.
Fly UP