...

Foglio informativo conto corrente Fineco

by user

on
Category: Documents
9

views

Report

Comments

Transcript

Foglio informativo conto corrente Fineco
Foglio informativo conto corrente Fineco
Informazioni sulla banca
FinecoBank S.p.A.
Sede legale: 20131 Milano Piazza Durante, 11 - Direzione Generale: 42123 Reggio Emilia via Rivoluzione d'Ottobre, 16
Numero verde: 800.92.92.92 (Info commerciali) | 800.52.52.52 (Assistenza Clienti)
Fax : 02.303482631
Sito internet www.fineco.it
Email: [email protected]
Società appartenente al Gruppo Bancario UniCredit iscritto all'Albo dei Gruppi bancari n° 02008.1
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia e al Fondo Interbancario di Tutela dei depositi
Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale 01392970404 – Partita Iva 12962340159 - R.E.A. n. 1598155 Cod. ABI 3015.5
Iscritta all'Albo delle Banche presso la Banca d'Italia n.5261.
Fineco The New Bank è un marchio concesso in uso a FinecoBank S.p.A.
Cos'è il conto corrente
Il conto corrente è un contratto con il quale la banca svolge un servizio di cassa per conto del cliente: custodisce i risparmi ed agevola la gestione del
denaro attraverso una serie di servizi (versamenti, prelievi, pagamenti nei limiti del saldo disponibile).
Al conto corrente sono di solito collegati altri servizi quali la carta di debito, la carta di credito, gli assegni, i bonifici, la domiciliazione delle bollette e il fido.
Il conto corrente è un prodotto sicuro. Il rischio principale è il rischio di controparte, cioè l’eventualità che la banca non sia in grado di rimborsare al
correntista, in tutto o in parte, il saldo disponibile; per questa ragione la banca aderisce al Fondo Interbancario di tutela dei depositi, che assicura a ciascun
correntista una copertura fino a 100.000 euro.
Altri rischi possono essere legati allo smarrimento o al furto di assegni, carta di debito, carta di credito e dei dati identificativi e codici di accesso al conto
attraverso la rete Internet e il call center, rischi che possono essere ridotti al minimo se il correntista osserva le comuni regole di prudenza e attenzione.
La Guida pratica al conto corrente, che orienta nella scelta del conto, è disponibile sul sito www.bancaditalia.it e sul sito della banca www.fineco.it e
presso i promotori finanziari della banca.
Cos'è il conto Fineco
Il conto Fineco è un conto corrente a canone zero e tasso creditore zero che offre molti servizi bancari e di investimento.
È possibile richiedere gratuitamente la carta monofunzione o multifunzione emessa a saldo e attivare in qualsiasi momento l’opzione revolving anche su
una singola spesa. Inoltre sempre gratuitamente può attivare il servizio Multicurrency per acquistare e vendere titoli direttamente in valuta estera (GBP –
CHF –USD).
Il conto Fineco è accessibile online, al telefono e via cellulare. Sono inoltre disponibili la rete di Personal Financial Adviser Fineco (professionisti a supporto
degli investimenti), i bancomat evoluti e le filiali UniCredit S.p.A per effettuare prelievi e versamenti.
L'uso del conto è protetto da codici a triplo livello, le pagine sensibili sono criptate con protocollo SSL e un team di specialisti assicura la sicurezza 24 ore
su 24. Per entrare nel sito si usano il codice utente e la password alfanumerica. Per confermare una transazione si usa il PIN dispositivo. E' disponibile su
richiesta l'SMS PIN, un ulteriore codice di sicurezza monouso per confermare le transazioni. Il conto Fineco è un prodotto sicuro.
L'adesione al conto è riservata a persone fisiche maggiorenni con residenza fiscale in Italia.
L'apertura del conto corrente prevede l'accensione automatica del conto dei deposito Cash Park.
Il Conto Deposito CashPark è il conto di deposito vincolato (in Euro) che consente al Cliente di depositare esclusivamente somme rivenienti dal conto
corrente Fineco, avente medesima intestazione (cd. Conto di Regolamento), vincolandole per un periodo predefinito tra quelli resi disponibili dalla Banca e
indicati nel Foglio Informativo in vigore al momento della costituzione del vincolo di seguito, “Vincolo”). Alla scadenza di ciascun Vincolo la Banca rimborsa,
sul Conto di Regolamento, le relative somme unitamente alle competenze maturate.
Il Deposito prevede due opzioni a seconda che sia prevista (di seguito, “CashPark Svincolabile”) o meno (di seguito, “CashPark Vincolato”) per il
depositante la facoltà di disporre delle somme oggetto del Vincolo in tutto, o in parte, in via anticipata rispetto alla scadenza originariamente indicata.
Tra i principali rischi, vanno tenuti presenti:
- rischio controparte, cioè l’eventualità che la Banca non sia in grado di rimborsare al Cliente, in tutto o in parte, le somme depositate
presso la Banca stessa; per questa ragione la Banca aderisce al Fondo Interbancario di tutela dei depositi;
- variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse ed altre commissioni e spese del servizio) ove
contrattualmente previsto.
Si segnala inoltre che le somme depositate sul Conto Deposito CashPark non sono considerate dalla Banca ai fini del calcolo del saldo del Conto di
Regolamento.
CashPark Investing
CashPark Investing è l'iniziativa – valida dal 01/02/2015 al 31/03/2015– che prevede la possibilità, per il Cliente, di costruire un piano di impiego della
liquidità che unisce l’investimento graduale in fondi al rendimento di CashPark (di seguito, il “Piano”).
In particolare, la somma che il cliente decide di dedicare al Piano, al netto della prima rata del piano di accumulo in Fondi CoreSeries (cfr. Legenda)
prescelto dal Cliente (cd. PAC) che viene versata contestualmente all’attivazione del Piano, viene impiegata per disporre Vincoli CashPark con Opzione
“CashPark Vincolato” che verranno remunerati al Tasso CashPark Investing.
Le somme rinvenienti dalla progressiva scadenza di tali Vincoli, saranno, in tutto o in parte, dedicate all’alimentazione del PAC.
Il numero, le scadenze e l’importo dei singoli Vincoli CashPark dipendono dalla somma che il Cliente decide di destinare al Piano (min. 10.000 euro), dalla
durata complessiva dello stesso (12 o 24 mesi) nonchè dall’importo (min. 400 euro) e periodicità (1 mese) delle rate del PAC in Fondi CoreSeries tra quelli
resi disponibili dalla Banca ai fini del Piano. Prima dell’adesione è necessario leggere il prospetto d'offerta dei Fondi disponibile sul sito www.fineco.it o
presso i promotori finanziari di Fineco, nonché sul sito internet dell'offerente le quote/azioni degli OICR.
Ad esempio:
Importo del Piano: 13.000 euro
Durata del Piano: 12 mesi
Rate PAC: 13
Importi e durate Vincoli CashPark:
Importo
CP
Durata
Tasso
lordo
Interesse
netto
1.000
1
1,00%
€ 0,62
1.000
2
1,00%
€ 1,23
1.000
3
1,00%
€ 1,85
1.000
4
1,00%
€ 2,47
1.000
5
1,00%
€ 3,08
1.000
6
1,00%
€ 3,70
1.000
7
1,00%
€ 4,32
1.000
8
1,00%
€ 4,93
1.000
9
1,00%
€ 5,55
1.000
10
1,00%
€ 6,17
1.000
11
1,00%
€ 6,78
1.000
12
1,00%
€ 7,40
€ 48,10
La mancata alimentazione del PAC, per qualunque causa (ad es. per volontà del Cliente, per insufficiente capienza del conto di Regolamento, ecc. ), per
almeno tre rate anche non consecutive comporta la decadenza dal diritto all’applicazione del Tasso CashPark Investing. I Vincoli non ancora scaduti
all’avveramento della citata condizione saranno, pertanto, remunerati al tasso “standard” previsto per Vincoli con Opzione CashPark Vincolato a 6 mesi,
come specificato nel Foglio Informativo vigente alla data di costituzione del Vincolo, laddove inferiore rispetto al Tasso CashPark Investing. In caso
contrario, continuerà ad essere applicato il Tasso CashPark Investing.
La medesima regola vale in caso di revoca dell’ordine riferito alla sottoscrizione del PAC.
Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.fineco.it.
L'apertura del conto corrente prevede anche l'accensione automatica del Deposito titoli.
Il deposito titoli è un contratto con il quale il Cliente autorizza la Banca a custodire e amministrare, per suo conto, gli strumenti finanziari e i titoli in generale
(azioni, obbligazioni, titoli di stato, quote di fondi di investimento, ecc) siano essi di natura cartacea o dematerializzati.
Attraverso il contratto di deposito titoli, la Banca si impegna a custodire e a mantenere la registrazione contabile degli strumenti, curare il rinnovo e
l’incasso delle cedole, degli interessi, dei dividendi, e a verificare i sorteggi per il rimborso dei capitali o per l’attribuzione dei premi. Su espresso incarico
del cliente, oltre a tutelare i diritti relativi ai titoli stessi, la Banca può procedere con operazioni specifiche come l’esercizio del diritto di opzione, la
conversione e il versamento di decimi.
Nel corso della durata del contratto, la Banca, su autorizzazione del Cliente, può sub-depositare i titoli e gli strumenti finanziari presso le società di
gestione accentrata e altri depositari autorizzati.
Il rischio principale è la variazione nel tempo in senso sfavorevole delle condizioni economiche (commissioni e spese del servizio) ove contrattualmente
previsto.
Cos'è la carta multifunzione
Il servizio consente al titolare della Carta, entro massimali di importo prestabiliti contrattualmente, di acquistare beni e servizi presso esercizi commerciarli
convenzionati nonché di ottenere anticipo di contante presso sportelli A.T.M. e bancari abilitati.
Al momento dell'utilizzo, il titolare appone una firma sull'apposito "ordine di pagamento", e ne riceve copia. In caso di anticipo di contante presso A.T.M., il
titolare deve digitare un codice segreto (c.d. P.I.N., "Personal Identification Number") preventivamente attribuitogli. Il rimborso delle somme dovute è
effettuato in data successiva a quella dell'utilizzo e può avvenire a saldo o in forma rateale, anche delle singole spese. Il Titolare potrà scegliere di variare
la modalità di rimborso delle spese effettuate tra quelle tempo per tempo consentite dalla Banca.
Nella carta multifunzione, insieme alla funzione credito, coesiste la funzione debito, con le seguenti caratteristiche:
Funzione Bancomat: servizio tramite il quale la banca (emittente), attraverso il rilascio di una Carta, consente al correntista (c.d. "titolare") di effettuare
prelievi di denaro contante - entro massimali di utilizzo stabiliti dal contratto - presso sportelli automatici (A.T.M.) contraddistinti dal marchio Bancomat,
digitando un codice segreto (c.d. P.I.N., "Personal Identification Number").
Funzione PagoBancomat: servizio tramite il quale il correntista, entro limiti di importo contrattualmente previsti, può compiere acquisti di beni e servizi
presso esercizi commerciali convenzionati che espongono il marchio "PagoBancomat", digitando il citato codice segreto. Gli importi dei prelievi e degli
acquisti effettuati sono addebitati sul conto corrente del correntista contestualmente all'utilizzo. E' quindi necessario effettuare tali operazioni in presenza di
fondi disponibili sul conto corrente.
L'attivazione della Carta è subordinata ad un asset complessivo detenuto in Fineco di almeno 3.000 euro.
Tra i principali rischi, vanno tenuti presenti:
- variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse ed altre commissioni e spese del servizio) ove
contrattualmente previsto;
- possibilità di variazione del tasso di cambio nel caso di utilizzi in valuta diversa dall'euro;
- utilizzo fraudolento da parte di terzi della Carta e del P.I.N., nel caso di smarrimento e sottrazione, con conseguente possibilità di
utilizzo da parte di soggetti non legittimati. Va osservata pertanto, la massima attenzione nella custodia della Carta e del P.I.N, nonché la massima
riservatezza nell'uso del medesimo P.I.N.. Nei casi di smarrimento e sottrazione il cliente è tenuto a richiedere immediatamente il blocco della Carta,
secondo le modalità contrattualmente previste;
- nel caso di irregolare utilizzo della carte da parte del titolare e di conseguente revoca, da parte dell'emittente, dell'autorizzazione
ad utilizzare la carta, i dati relativi alla stessa ed alle generalità del titolare sono comunicati, ai sensi della normativa vigente, alla
Centrale d'allarme interbancaria, istituita presso la Banca d'Italia.
Cos'è la carta monofunzione
Il servizio consente al titolare della Carta, entro massimali di importo prestabiliti contrattualmente, di acquistare beni e servizi presso esercizi commerciarli
convenzionati nonché di ottenere anticipo di contante presso sportelli A.T.M. e bancari abilitati.
Al momento dell'utilizzo, il titolare appone una firma sull'apposito "ordine di pagamento", e ne riceve copia. In caso di anticipo di contante presso A.T.M., il
titolare deve digitare un codice segreto (c.d. P.I.N., "Personal Identification Number") preventivamente attribuitogli. Il rimborso delle somme dovute è
effettuato in data successiva a quella dell'utilizzo e può avvenire a saldo o in forma rateale, anche delle singole spese. Il Titolare potrà scegliere di variare
la modalità di rimborso delle spese effettuate tra quelle tempo per tempo consentite dalla Banca.
L'attivazione della Carta è subordinata ad un asset complessivo detenuto in Fineco di almeno 3.000 euro.
Tra i principali rischi, vanno tenuti presenti:
- variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse ed altre commissioni e spese del servizio) ove contrattualmente previsto;
- possibilità di variazione del tasso di cambio nel caso di utilizzi in valuta diversa dall'euro;
- utilizzo fraudolento da parte di terzi della Carta e del P.I.N., nel caso di smarrimento e sottrazione, con conseguente possibilità di utilizzo da parte di
soggetti non legittimati. Va osservata pertanto, la massima attenzione nella custodia della Carta e del P.I.N, nonché la massima riservatezza nell'uso del
medesimo P.I.N.. Nei casi di smarrimento e sottrazione il cliente è tenuto a richiedere immediatamente il blocco della Carta, secondo le modalità
contrattualmente previste;
- nel caso di irregolare utilizzo della carte da parte del titolare e di conseguente revoca, da parte dell'emittente, dell'autorizzazione ad utilizzare la carta, i
dati relativi alla stessa ed alle generalità del titolare sono comunicati, ai sensi della normativa vigente, alla Centrale d'allarme interbancaria, istituita presso
la Banca d'Italia.
Cos'è il Bancomat VPay
Funzione Bancomat: è il servizio mediante il quale la banca (emittente), attraverso il rilascio di una Carta, consente al correntista (c.d. "Titolare") di
effettuare prelievi di denaro - entro massimali di utilizzo stabiliti dal contratto - presso sportelli automatici (A.T.M.) contraddistinti dal marchio Bancomat,
digitando un codice segreto (c.d. P.I.N., "Personal Identification Number").
Funzione PagoBancomat: è il servizio mediante il quale il correntista, entro limiti di importo contrattualmente previsti, può acquistare beni e servizi presso
esercizi commerciali convenzionati che espongono il marchio "PagoBancomat", digitando il codice
Insieme alle funzioni Bancomat e PagoBancomat (operatività domestica) è possibile l'utilizzo della carta di debito nel circuito internazionale VISA
Funzione Fastpay: servizio che permette di pagare in Italia i pedaggi autostradali con il circuito Fastpay.
Funzione V-PAY: è il servizio che permette, in Italia e nei Paesi europei espressamente indicati, di prelevare denaro contante presso ATM recanti il
marchio V-PAY e di effettuare pagamenti presso gli esercenti ed i soggetti convenzionati con il circuito V-PAY, mediante P.O.S. abilitati alla lettura del
microchip di cui è dotata la Carta.
Tra i principali rischi, vanno tenuti presenti:
- variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse ed altre commissioni e spese del servizio) ove contrattualmente previsto;
- utilizzo fraudolento da parte di terzi della Carta e del P.I.N., nel caso di smarrimento e sottrazione, con conseguente possibilità di utilizzo da parte di
soggetti non legittimati. Pertanto, va osservata la massima attenzione nella custodia della Carta e del P.I.N, nonché la massima riservatezza nell'uso del
medesimo P.I.N.. Nei casi di smarrimento e sottrazione il cliente è tenuto a richiedere immediatamente il blocco della Carta, secondo le modalità
contrattualmente previste;
- nel caso di irregolare utilizzo della Carta da parte del titolare e di conseguente revoca, da parte dell'emittente, dell'autorizzazione ad utilizzare la carta, i
dati relativi alla stessa ed alle generalità del Titolare sono comunicati, ai sensi della normativa vigente, alla Centrale d'allarme interbancaria, istituita presso
la Banca d'Italia.
Principali condizioni economiche
Quanto può costare il Conto Corrente
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
Profilo
Sportello
Online
Giovani (164 operazioni all'anno)
n.d.
13,24 euro
Famiglie con operatività bassa (201 operazioni all'anno)
n.d.
2,82 euro
Famiglie con operatività media (228 operazioni all'anno)
n.d.
4,66 euro
Famiglie con operatività elevata (253 operazioni all'anno)
n.d.
5,05 euro
Pensionati con operatività bassa (124 operazioni all'anno)
n.d.
2,43 euro
Pensionati con operatività media (189 operazioni all'anno)
n.d.
3,40 euro
Oltre a questi costi vanno considerati l’imposta di bollo, gli eventuali interessi attivi e /o passivi maturati sul conto e le spese per l’apertura del conto.
L'imposta di bollo obbligatoria per legge è pari a 34,20 euro.Se il cliente è persona fisica, l’imposta non è dovuta per gli estratti di conto corrente con
giacenza media inferiore a 5.000,00 euro. I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono a 6 profili di operatività, meramente indicativi –
stabiliti dalla Banca d’Italia – di conti correnti privi di fido.
Per saperne di più: www.bancaditalia.it .
Quanto può costare il fido
Per sapere quanto può costare il fido è necessario leggere i moduli Informazioni Pubblicitarie sul credito ai consumatori
Nel prospetto che segue sono state riportate le più frequenti voci di costo sostenute da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere importanti in relazione sia al
singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
A tale proposito, prima di scegliere e firmare il contratto, è necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni economiche”.
Voci di costo
Spese per l'apertura del conto
0,00 euro
0,00 euro
Canone annuo
Numero di operazioni incluse nel canone annuo
Illimitate
Spese annue per conteggio interessi e competenze
0,00 euro
Canone annuo carta di debito (Bancomat VPay)
0,00 euro
Canone annuo carta di credito (circuito MasterCard o Visa)
- prima carta richiesta sul c/c: 0,00 euro
- seconda carta richiesta sul c/c: 9.95 euro
Canone annuo per internet banking e phone banking
0,00 euro
Costo registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si aggiunge al
costo dell’operazione)
0,00 euro
Invio estratto conto trimestrale
• online
• a domicilio, solo su richiesta
0,00 euro
1,95 euro
Invio estratto conto mensile, semestrale, annuale o lista movimenti a
domicilio (solo su richiesta)
1,95 euro cad.
Prelievo sportello automatico presso banca del Gruppo In Italia
0,00 euro
Prelievo sportello automatico presso altra banca
0,00 euro
Bonifico verso Italia e UE con addebito in c/c
0,00 euro
Domiciliazione utenze
0,00 euro
0,00%
Tasso creditore annuo nominale
Per sapere quanto può costare il fido è necessario leggere i moduli Informazioni Pubblicitarie sul Credito ai Consumatori
Per sapere quanto può costare il fido è necessario leggere i moduli Informazioni Pubblicitarie sul Credito ai Consumatori
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Per il calcolo degli interessi si fa riferimento all’anno civile
8,95% (Euribor 1 mese 360* + 8,95%)
Tasso debitore annuo effettivo
(comprensivo degli effetti della capitalizzazione)
9,26% (Euribor 1 mese 360* + 8,95%)
Commissioni
0,00 euro
Altre spese
0,00 euro
(*) L'Euribor (European interbank offered rate) è un tasso interbancario, vale a dire il tasso di interesse al quale le banche
prestano denaro ad altre banche. Euribor 1 mese 360 è calcolato come media delle rilevazioni giornaliere dei tassi Euribor del
mese precedente a quello in corso e arrotondato allo 0,05% più vicino. Alla data di pubblicazione del presente documento è pari
al 0,00%. Il tasso creditore minimo applicabile è 0%.
Per sapere quanto può costare il fido è necessario leggere i moduli Informazioni Pubblicitarie sul Credito ai Consumatori
Periodicità
trimestrale
Tramite Personal Financial Adviser
Assegni circolari Fineco
0 gg (*)
Assegni bancari tratti su Fineco
0 gg (*)
Assegni bancari altra filiale
n.d.
Assegni circolari altri istituti/vaglia Banca d’Italia
4 gg (*)
Assegni bancari altri istituti
4 gg (*)
Vaglia e assegni postali
4 gg (*)
(*) Giorni lavorativi successivi a quello di negoziazione del titolo decorsi i quali le somme versate divengono disponibili
In filiale (*)
Versamento contanti
Stesso giorno di accredito
Assegni bancari tratti su Fineco e circolari emessi da Fineco
4 gg (**)
Assegni bancari altra filiale
n.d.
Assegni circolari Fineco/altri istituti/vaglia Banca d’Italia
4 gg (**)
Assegni bancari altri istituti
4 gg (**)
Vaglia e assegni postali
4 gg (**)
(*) Filiali UniCredit S.p.A. Trattasi di trasferimento fondi fra banche per cui è richiesto un tempo tecnico di accredito di min. 1 max. 3 giorni lavorativi.
(**) Giorni lavorativi successivi a quello di negoziazione del titolo decorsi i quali le somme versate divengono disponibili. Sui
versamenti assegni in filiale tramite ATM evoluti, il conteggio parte dal giorno successivo a quello di recupero dei titoli dall’ATM da
parte della filiale.
Spese produzione e invio certificati fiscali, altre attestazioni - ristampa
documenti
19,95 euro cadauno
Invio contabili bonifici e operazioni di pagamento
0,95 euro - Gratis online
Spese Invio comunicazioni di variazione delle condizioni economiche e/o
contrattuali dovute a modifiche normative
0,00 euro
Rigenerazione codici di accesso a internet
0,95 euro
Referenze bancarie lingua italiana e/o inglese
19,95 euro
Servizio di Info SMS (informazioni su richiesta)
Servizio di Alert SMS (alert automatici)
Attivazione gratuita. Il costo degli SMS inviati e
ricevuti è determinato dalle tariffe applicate
dall’operatore telefonico.(*)
(*) Il costo degli SMS viene addebitato direttamente sul credito/conto telefonico.
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM), relativo alle operazioni di scoperto senza affidamento, può essere consultato sul sito www.fineco.it (Art. 2
della legge sull'usura - l. n. 108/1996)
Altre condizioni economiche
Operatività corrente e gestione della liquidità
Spese tenuta conto
Commissioni bonifico per versamento contante / assegni allo sportello (*)
2,95 (**) euro - gratuite 12/anno per conto
0,00 euro per i clienti Apex
Commissioni versamento contante/ assegni tramite ATM abilitati (*)
0,00 euro
Commissioni versamento assegni allo sportello tramite PFA (*)
0,00 euro
2,95 euro (***)
Costo prelievo contante (fino a 12.500 euro) / ritiro assegno circolare (*)
0,00 euro per i clienti Apex
(*) Nelle filiali UniCredit S.p.A – Non sono possibili versamenti in divisa diversa dall’Euro
(**) In caso di versamento simultaneo sono conteggiate separatamente le operazioni di versamento di contanti, di assegni bancari e di assegni
circolari.
(***) Operazioni effettuabili presentando un assegno Fineco
Recupero dell’imposta di bollo, relativa agli estratti conto ed agli assegni bancari richiesti in forma libera, nella misura prevista dalla legge
Remunerazione delle giacenze
Tasso creditore annuo effettivo
(comprensivo degli effetti della capitalizzazione)
0,00%
Ritenuta fiscale sugli interessi creditori
26,00%
Altro
Spese di chiusura conto
0,00 euro
Servizi di pagamento - Servizi in ambito Direttiva sui sistemi di pagamento 2007/64/CE, DLGS N. 11 del 27 gennaio 2010
Carta di Credito Fineco (monofunzione e multifunzione)
Canone annuo carta (prima carta richiesta sul c/c)
0,00 euro
Canone annuo carta (seconda o terza carta richiesta sul c/c)
9,95 euro (incluse spese di spedizione)
Circuito
MasterCard/Visa
Spese di spedizione carta e P.I.N. (prima carta richiesta sul c/c)
1,90 euro
Invio estratto conto trimestrale
0,00 euro online – 1,95 euro a domicilio
su richiesta
Funzione credito (carta monofunzione e multifunzione)
Plafond di spesa standard
1.600 euro
Prelievi presso A.T.M. in Italia ed all’estero
max 500 euro/giorno
max 3 prelievi /giorno
Commissioni sui prelievi A.T.M.
fissa 2,90 euro
Commissione sui pagamenti e acquisti carburante
0,00 euro
Spese di ristampa P.I.N. e relativa spedizione
0,95 euro
Spese di sostituzione carta a scadenza (prima carta per conto corrente)
1,90 euro
Costo rigenerazione carta
7,95 euro
Modalità di rimborso disponibile
a saldo/a rate
Importo delle rate su plafond standard
10% speso o 100 euro mese
Cambio modalità di rimborso online e tramite call center
da modalità a saldo a modalità a rate
0,00 euro
da modalità a rate a modalità a saldo
0,00 euro
Importo rata minima
80 euro mese
Modalità addebito rata
doppia (una rata per acquisti, una per
prelievi)
TAN e TAEG rimborso a saldo
0,00%
TAN rimborso rateale (*)
13,90%
15,00%
Calcolato al tasso di interesse annuo
nominale del 13,90% su un capitale di
euro 1.600,00.
TAEG rimborso rateale (**)
ll rimborso avviene con rate di 100
euro.
Il valore del TAEG tiene conto anche
della spedizione di carta e P.I.N. di 1,90
euro
Commissione massima sul controvalore, al tasso di cambio applicato dal circuito
2%
internazionale, delle transazioni in divisa extra euro
(*) La carta sarà rilasciata con modalità di rimborso a saldo, ferma restando la facoltà del cliente di modificarla successivamente. La
modalità di rimborso prevede l'addebito delle spese esclusivamente sul conto corrente di riferimento.
(**) Validità del TAEG: fino a variazione del presente documento
Funzione Bancomat/Pago Bancomat/FastPay (carta multifunzione)
500 euro/giorno
1.500 euro/mese
per i clienti Apex:
Massimali per prelievo contante
1.250 euro/giorno presso sportelli del
Gruppo UniCredit
di cui max 500 euro/giorno presso
sportelli di banche extra Gruppo
UniCredit
6.500 euro/mese presso sportelli del
Gruppo UniCredit
di cui max 1.500 euro presso sportelli di
banche extra Gruppo UniCredit
Commissione per prelievo presso sportelli automatici del Gruppo UniCredit
0,00 euro
Commissione per prelievo presso sportelli automatici banche extra Gruppo UniCredit
0,00 euro
Massimali per acquisti PagoBancomat
1.500 euro/giorno
1.500 euro/mese
Commissioni FastPay
0,00 euro
Bancomat V Pay
Canone annuo
0,00 euro
Spese di spedizione carta e P.I.N. (all'emissione e a scadenza)
1,90 euro
Spese di ristampa P.I.N. e relativa spedizione
0,95 euro
Costo rigenerazione carta
7,95 euro
Funzione Bancomat/PagoBancomat/FastPay
500 euro/giorno
1.500 euro/mese
per i clienti Apex:
Massimali per prelievo contante
1.250 euro/giorno presso sportelli del
Gruppo UniCredit
di cui max 500 euro/giorno presso
sportelli di banche extra Gruppo
UniCredit
6.500 euro/mese presso sportelli del
Gruppo UniCredit
di cui max 1.500 euro presso sportelli di
banche extra Gruppo UniCredit
Massimali per acquisti PagoBancomat
750 euro/giorno
750 euro/mese
Commissione sui prelievi A.T.M. di banche del Gruppo ed Extra Gruppo Unicredit
nessuna
Commissione per acquisti PagoBancomat
nessuna
Commissione FastPay
nessuna
Funzione VPay
Massimali per prelievo contante
Massimali per pagamenti tramtie POS
250 euro/giorno
750 euro/mese
750 euro/giorno
750 euro/mese
Commissione sui prelievi A.T.M. di banche del Gruppo Unicredit in Italia e in Europa (*)
nessuna
Commissione sui prelievi A.T.M. di banche extra Gruppo Unicredit in Italia e in Europa
(*)
1,45 euro
Commissione per pagamenti tramite POS in Italia e in Europa (*)
nessuna
tasso di cambio applicato dal circuito
internazionale Visa
(*) Attualmente la funzione V-PAY può essere utilizzata nei seguenti Paesi europei: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca,
Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Norvegia, Polonia,
Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria. L’elenco aggiornato dei Paesi e
la diffusione del servizio V-PAY al loro interno è costantemente disponibile sul sito internet della Banca e sul sito www.vpay.com.
Tasso di cambio praticato alle operazioni in valuta diversa dall'Euro
Utenze e servizi banking
Mav e Rav
0,00 euro
Alimentazione automatica conto (singola e periodica)
0,00 euro
Costo di gestione insoluti per il servizio di alimentazione automatica del conto
1,55 euro
Addebito RI.BA.
0,00 euro
Addebito RID/utenze
0,00 euro
Accredito stipendio
0,00 euro
1,55 euro
(più il rimborso della commissione di
accettazione bollettini pro tempore
vigente)
Bollettino postale
per i clienti Apex:
0,00 euro (viene addebitata solo la
commissione di accettazione bollettini
pro tempore vigente)
1,55 euro
Canone RAI
per i clienti Apex:
0,00 euro
1,87 euro (cfr. D.P.C.M. del 12
novembre 2009 n. 186)
Bollo auto
per i clienti Apex:
1,10 euro
1,95 euro (più eventuali commissioni
applicate dall’azienda creditrice)
CBILL (Bollettini Enti convenzionati)
per i clienti Apex:
0,00 euro (vengono addebitate solo
eventuali commissioni applicate
dall’azienda creditrice)
SEPA Direct Debit (SDD)
Addebito SDD
0,00 euro
Spese per SDD revocati dal debitore prima della scadenza
0,00 euro
Spese per SDD revocati dal debitore dopo la scadenza
0,00 euro
Modifica del profilo del debitore: rifiuta tutti gli addebiti SEPA
0,00 euro
Modifica del profilo del debitore
1,95 euro per ogni modifica
Bonifici / Giroconti
Bonifici Italia
Bonifici Italia in uscita
0,00 euro
Bonifici per agevolazione fiscale
0,00 euro
Commissione per bonifici urgenti sull'Italia a mezzo rete interbancaria (solo tramite call
center)
0,1%-min. 18 euro max 51 euro
Accredito bonifici in ingresso
0,00 euro
Bonifici esteri
Bonifici soggetti al Regolamento CE 924/2009 (*)
0,00 euro
Bonifici denominati in una delle monete nazionali dei paesi UE/EEA, diverse dall’euro,
di qualunque importo (servizio disponibile solo tramite call center o Personal Financial
Adviser) (**)
9,95 euro
Contabile a domicilio per bonifici esteri (solo su richiesta)
0,95 euro
Spese accredito bonifici
0,00 euro
(*) I bonifici transfrontalieri sottoposti al Regolamento CE 924/2009 come modificato dal 260/2012, sono quelli espressi in euro o
corone svedesi, senza limite di importo, da o verso i Paesi dell’Unione Europea, compresi i territori francesi d’oltremare
(Guadeloupe, Martinique, Guyana Francese, Reunion), le isole Azzorre, Madera, le Isole Canarie, Ceuta, Melilla e Gibilterra, la
Norvegia, l’Islanda ed il Liechtenstein. In ottemperanza a quanto previsto dal D.lgs n. 11 del 27 gennaio 2010, sono accettate solo
disposizioni con indicazione spese “SHA” (ripartite tra ordinante e beneficiario).
(**) Bonifici non soggetti al Regolamento CE 924/2009. In ottemperanza a quanto previsto dal D.lgs n. 11 del 27 gennaio 2010,
sono accettate solo disposizioni con indicazione spese “SHA” (ripartite tra ordinante e beneficiario). Sono accettate solo
disposizioni di importo superiore a 20 euro.
Bonifici SEPA (Single Euro Payments Area)
Le disposizioni contenute nella presente sezione, si applicano ai bonifici denominati in euro, eseguiti tra banche o enti insediati in
Paesi dell’Unione Europea (compresa l’Italia), Liechtenstein, Norvegia, Islanda e Repubblica di San Marino eseguiti in conformità
alle modalità e norme contenute nel SEPA CREDIT TRANSFER SCHEME RULEBOOK approvato dall’European Payment Council
(EPC).
BONIFICI SEPA DOMESTICI
BONIFICI SEPA DA E PER L’ESTERO RIENTRANTI ANCHE NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO CE
924/2009
Bonifici verso estero
Le norme SEPA prevedono esclusivamente disposizioni di spese “SHA” (bonifici con condizioni ripartite fra ordinante e beneficiario,
per i quali l’ordinante si fa carico solo delle spese della propria Banca)
Spese accredito bonifici
0,00 euro
Bonifici SEPA soggetti al Regolamento CE 924/2009 in uscita
0,00 euro
Bonifici da estero
Spese accredito bonifici
0,00 euro
BONIFICI SEPA DA E PER L’ESTERO NON SOGGETTI AL REGOLAMENTO CE 924/2009
Bonifici da estero
Spese accredito bonifici
0,00 euro
Bonifici verso estero
Bonifici SEPA non soggetti al Regolamento CE 924/2009 in uscita
0,00 euro
SERVIZI DI PAGAMENTO - Servizi che non rientrano nell’ambito della Direttiva sui sistemi di pagamento 2007/64/CE,
DLGS N. 11 del 27 gennaio 2010
Bonifici esteri (*)
9,95 euro
Altri bonifici esteri in uscita (**) - UE ed extra UE - (servizio disponibile solo tramite call
center o Personal Financial Adviser)
Nota: il cliente ordinante, specificando nella disposizione di pagamento "modalità
spese OUR", può accollarsi le spese delle banche intermediarie e le spese di incasso
della banca beneficiaria. In tal caso il bonifico diventa franco di spese per il beneficiario.
Per qualsiasi tipo di servizio sono addebitate al cliente tutte le spese inerenti le
operazioni eventualmente reclamate dalla banca estera.
Cambio applicato per bonifici in valuta diversa dall'euro
cambio quotato al momento di
negoziazione della divisa (***)
Contabile a domicilio per bonifici esteri (solo su richiesta)
4,95 euro
Spese accredito bonifici
0,00 euro
(*) Sono accettate solo disposizioni di importo superiore a 20 euro.
(**)Trattasi di bonifici in euro/divise UE/EEA verso/da paesi non compresi tra quelli UE/EEA e bonifici in divise diverse da quelle
UE/EEA diretti verso/da qualsiasi paese;
(***) Solo se il bonifico non viene effettuato direttamente dal Servizio Multicurrency (in valuta GBP – CHF- USD)
Bonifici SEPA verso/dalla Svizzera, Principato di Monaco (solo in euro)
Bonifici SEPA in uscita
9,95 euro
Spese di accredito bonifici
0,00 euro
Contabile a domicilio per bonifici SEPA (solo su richiesta)
4,95 euro
Assegni
Spese invio libretto assegni (sono disponibili libretti da 10 assegni)
1,95 euro
Costo per singolo assegno bancario in forma libera
1,50 euro (imposta di bollo)
Costo per singolo assegno bancario non trasferibile
0,00 euro
Negoziazione assegni Italia
0,00 euro
Commissione di comunicazione a banca negoziatrice di esito impagato su assegni
emessi
Commissione di comunicazione a banca negoziatrice di esito pagato su assegni
emessi (precedentemente comunicati impagati)
Commissioni su assegni Italia/estero versati ritornati impagati/pagati tardivamente oltre
ad eventuali spese reclamate e/o di protesto
19,95 euro
19,95 euro
9,95 euro
Spese per assegno consegnato al protesto
19,95 euro
Spese per assegno richiamato
19,95 euro
Spese su assegni versati ritornati impagati/pagati tardivamente, oltre a eventuali spese
reclamate e/o di protesto (*)
9,95 euro
Emissione e invio a domicilio tramite corriere assegno circolare FinecoBank
7,95 euro
Spese per negoziazione assegni esteri (**)
9,95 euro
(*) Nelle Filiali UniCredit S.p.A.
(**) Il versamento di assegni esteri è possibile solo per clienti che hanno un Personal Financial Adviser di riferimento
Nota: per qualsiasi tipo di servizio sono addebitate al cliente tutte le spese inerenti le operazioni eventualmente reclamate dalla
banca estera.
Utenze e servizi banking
Addebito Delega F24
0,00 euro
Ricariche telefoniche online
0,00 euro
Valute - Servizi in ambito Direttiva sui sistemi di pagamento 2007/64/CE, DLGS N. 11 del 27 gennaio 2010
Addebiti
Pagamenti POS
Prelevamento a mezzo ATM
valuta in giornata
valuta in giornata
Servizi di pagamento
Carta di credito Fineco (monofunzione e multifunzione)
Funzione credito (carta monofunzione e multifunzione)
Valuta addebito spese e prelievi
10 mese successivo
Funzione Bancomat/PagoBancomat e FastPay (carta multifunzione)
Valuta prelievo contante
giorno prelievo
Valuta per acquisti PagoBancomat
giorno acquisto
Bancomat VPay
Funzione Bancomat/PagoBancomat/FastPay/Vpay
Valuta prelievo contante
giorno prelievo
Valuta per acquisti PagoBancomat/VPay
giorno acquisto
Utenze e servizi Banking
Mav e Rav
giorno operazione
Accredito stipendio
stesso giorno lavorativo di ricezione fondi
Addebito RI.BA.
giorno della scadenza
Servizio di alimentazione conto (singola/periodica):
› Valuta
› Disponibilità
giorno di accredito
10 giorni lavorativi
Addebito RID/utenze
giorno della scadenza
Bollettino postale
Canone RAI
Bollo auto
CBILL (Bollettini Enti convenzionati)
giorno operazione
Bonifici / Giroconti
Bonifici Italia
Valuta per bonifici ordinari in entrata - disponibilità (*) 0 gg.
stesso giorno lavorativo di ricezione dei
fondi
Valuta per bonifici ordinari in uscita
data di esecuzione
Valuta per bonifici interni
data di esecuzione
Valuta per giroconti
data di esecuzione
Valuta bonifici di importo rilevante (BIR) oltre euro 500.000
data di esecuzione
(*) Giorni lavorativi decorsi i quali le somme versate divengono disponibili
Bonifici soggetti al Regolamento CE 924/2009 (come modificato dal 260/2012)
Valuta di addebito all’ordinante
data di esecuzione
Valuta di accredito alla banca estera
data di esecuzione
Valuta di accredito e disponibilità beneficiario per bonifico in ingresso su conto in euro
stesso giorno lavorativo di ricezione dei
fondi
Bonifici denominati in una delle monete nazionali dei paesi UE/EEA diverse dall’euro, di qualunque importo (servizio disponibile solo
tramite call center o Personal Financial Adviser)
Valuta di addebito all’ordinante
data di esecuzione
Valuta di accredito alla banca estera
data di esecuzione
Valuta di accredito e disponibilità beneficiario per bonifico in ingresso su conto in stessa divisa
stesso giorno lavorativo di ricezione dei
fondi
Valuta di accredito e disponibilità beneficiario per bonifico in ingresso su conto in euro
3 gg lavorativi dalla data di ricezione dei
fondi
Bonifici SEPA (Single Euro Payments Area)
BONIFICI SEPA DOMESTICI (Bonifici tra residenti in Italia)
BONIFICI SEPA DA E PER L’ESTERO RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2007/64/CE
Bonifici da estero
Valuta di accredito e disponibilità beneficiario su conto in euro
Stesso giorno lavorativo di ricezione dei
fondi
Bonifici verso estero
Valuta di addebito all’ordinante
data di esecuzione
Valuta di accredito alla banca estera
1gg lavorativi da data esecuzione
Valute - Servizi che non rientrano nell’ambito della Direttiva sui sistemi di pagamento 2007/64/CE, DLGS N. 11 del 27 gennaio 2010
Addebiti
Valuta addebito prelievo contante e ritiro assegno circolare in filiale (*)
data operazione
(*) Filiali UniCredit S.p.A
Termini massimi di addebito su versamenti effettuati in filiale di assegni euro resi insoluti (termini di
non stornabilità – giorni lavorativi successivi a quello di versamento titoli)
Assegni bancari tratti su Fineco
Assegni bancari tratti su altre Banche
Assegni circolari Fineco
Assegni circolari altre Banche
7 gg.
7 gg.
7 gg.
7 gg.
Termini massimi di addebito su versamenti effettuati tramite PFA di assegni euro resi insoluti
(termini di non stornabilità – giorni lavorativi successivi a quello di versamento titoli)
Assegni bancari tratti su Fineco
Assegni bancari tratti su altre Banche
Assegni circolari Fineco
Assegni circolari altre Banche
0 gg.
6 gg.
0 gg.
6 gg.
Assegni
Valuta di addebito per assegno Italia reso insoluto
stessa valuta di accredito
Valuta di addebito assegni tratti su Fineco
giorno emissione
Versamenti
Valute massime sui versamenti assegni Italia / contante in filiale (*)
versamento contante
assegni bancari tratti su Fineco e circolari emessi da Fineco
assegni bancari
assegni circolari
altre tipologie di assegni
data operazione
data operazione
3 gg. lavorativi
1 gg. lavorativo
3 gg. lavorativi
(*) Filiali UniCredit S.p.A. Trattasi di trasferimento fondi fra banche per cui è richiesto un tempo tecnico di accredito di min. 1 - max 3 giorni lavorativi.
Valute massime sui versamenti assegni Italia tramite PFA (*)
assegni bancari e circolari tratti su /emessi da Fineco
data sottoscrizione distinta di versamento
assegni bancari e circolari di altre banche, vaglia cambiari
2 gg. lav. dalla data di sottoscrizione della
distinta di versamento
(*) Il versamento di assegni è possibile solo per clienti con un promotore finanziario di riferimento, che provvede all’invio degli assegni alla sede della
banca per la negoziazione. La valuta dei versamenti di assegni diversi da quelli tratti su /emessi da Fineco non potrà essere antecedente alla data di
negoziazione: in questi casi sarà attribuita valuta uguale alla data di negoziazione. Le valute sui versamenti di assegni circolari di altre banche non
potranno in ogni caso avere valuta di accredito superiore ad un giorno dalla negoziazione.
Valute massime sui versamenti assegni esteri (*)
assegni esteri accreditati al dopo incasso
2 gg.lav (calendario Forex) dalla data
ricezione accredito proveniente dalla banca
Assegni esteri accreditati salvo buon fine:
assegni/travelleres cheques denominati in USD emessi su banca Usa
assegni/travelleres cheques denominati in USD emessi su banche non Usa
assegni denominati in euro emessi su banche italiane
assegni denominati in divise diverse da quella del Paese della banca trassata (es. euro su Gran
12 gg. fissi
15 gg. fissi
4 gg. lavorativi
Bretagna, USD su Italia, euro su Svizzera)
15 gg. fissi
assegni emessi su Europa denominati nella stessa divisa del Paese della banca trassata (es. euro
su Francia, sterline inglesi su Gran Bretagna)
8 gg. fissi
assegni emessi fuori Europa e denominati nella stessa divisa della banca trassata (es. Yen su
Giappone, dollari canadesi su Canada)
15 gg. fissi
(*) Il versamento di assegni esteri è possibile solo per clienti con un promotore finanziario di riferimento,Gli assegni sono assunti dalla Banca al dopo
incasso, ovvero quando la banca di emissione ha provveduto all'effettivo pagamento del titolo. La Banca si riserva comunque la possibilità di
accreditare le somme salvo buon fine alle condizioni riportate.
Nota: per qualsiasi tipo di servizio sono addebitate al cliente tutte le spese inerenti le operazioni eventualmente reclamate dalla banca estera.
Bonifici esteri
Altri bonifici esteri - UE ed extra UE (*)
Valuta di addebito bonifici in uscita
3 gg lavorativi dalla data della disposizione
Valuta di accredito alla banca estera
stessa valuta di addebito
Valuta accredito bonifici ricevuti (EUR su EUR e GBP su GBP)
stessa valuta di accredito
Valuta accredito bonifici ricevuti (divisa su divisa ad eccezione di GBP)
1 gg lavorativo dalla valuta riconosciuta
dalla banca estera
Valuta accredito bonifici ricevuti (divisa su euro)
3 gg lavorativi dalla valuta riconosciuta dalla
banca estera
(*) Trattasi di bonifici in euro/divise UE/EEA verso/da paesi non compresi tra quelli UE/EEA e bonifici in divise diverse da quelle UE/EEA
diretti/verso/provenienti da qualsiasi Paese (servizio disponibile solo tramite call center o Personal Financial Adviser).
Bonfici SEPA verso/dalla Svizzera e Principato di Monaco (solo in euro)
Valuta di accredito alla banca estera
1gg lavorativo da data esecuzione
Utenze e servizi Banking
Addebito Delega F24
giorno della scadenza (se inserito almeno 2
giorni prima)
Ricariche telefoniche online
giorno operazione
Altro
Valuta di incasso cedole, dividendi, rimborso titoli scaduti ed estratti
1 giorno lavorativo (*)
Valuta operazioni online di conversione da euro a una delle divise del servizio Multicurrency (e
viceversa) e tra diverse divise del servizio Multicurrency
2 gg. lav. secondo calendario Forex
Referenze bancarie (lingua italiana e/o inglese)
19,95 euro
(*) Per i titoli di stato italiani la valuta di accredito delle cedole e dei titoli scaduti/rimborsati è lo stesso giorno di stacco della cedola e/o di
scadenza/rimborso del titolo
Conto deposito
Spese per l’apertura del conto di deposito CashPark
0,00 euro
Spese per versamenti da conto di regolamento
0,00 euro
Spese per svincolo anticipato
0,00 euro
Spese invio comunicazioni di variazione delle condizioni economiche e/o
contrattuali dovute a modifiche normative
0,00 euro
Invio estratto conto*
- online
0,00 euro
- a domicilio, solo su richiesta
1,95 euro
(*) compreso nell'invio estratto conto corrente
Spese produzione ed invio contabili o documenti - per ogni singolo documento:
- online
- a domicilio, solo su richiesta
0,00 euro
0,95 euro
Spese di chiusura del conto di deposito CashPark
0,00 euro
Opzione CashPark Vincolato
Tasso creditore annuo nominale e effettivo per vincoli di durate di 6 e 12 mesi ( Save)
0,35% e 0,35% - Vincoli di 6 mesi
0,50% e 0,50% - Vincoli di 12 mesi
Tasso creditore annuo nominale e effettivo per vincoli Cash Park Investing
1,00% e 1,00% - Piano di 12 mesi
1,00% e 1,00% - Piano di 24 mesi
Opzione CashPark Svincolabile
Tasso creditore annuo nominale e effettivo per vincoli di durata di 6 e 12 mesi ( Save)
Tasso creditore annuo nominale e effettivo in caso di svincolo anticipato
0,30% e 0,30% - Vincoli di 6 mesi
0,40% e 0,40% - Vincoli di 12 mesi
0,00% e 0,00% - per vincoli di durata di 6
e 12 mesi (Save)
I tassi di interesse sopra indicati sono al lordo delle imposte previste dalle disposizioni
legislative tempo per tempo vigenti
Liquidazione interessi
alla scadenza del vincolo/allo
svincolo anticipato*
Base di calcolo interessi
anno civile (base 365)
Imposta di bollo
come da normativa per tempo vigente
Ritenuta fiscale interessi creditori
26,00%
* sulle somme svincolate anticipatamente
Valuta accredito versamenti da Conto di Regolamento
data esecuzione
Valuta rimborso del vincolo sul Conto di Regolamento
giorno lavorativo successivo
alla data di scadenza del Vincolo
Valuta rimborso svincolo anticipato sul Conto di Regolamento
data esecuzione
Importo minimo vincolo
Importo minimo del Piano CashPark Investing (l'importo dei singoli Vincoli CashPark Investing
dipende dalla somma che il Cliente decide di destinare al Piano, dalla durata complessiva dello
stesso - 12 o 24 mesi - e dall'importo - minimo 400€ - e periodicità - 1 mese - delle rate del
PAC)
Importo minimo svincolo parziale
* fermo restando il rispetto dell’importo minimo del vincolo sul residuo
Importo massimo vincolo
5.000 euro per vincoli di durata di 6 e 12
mesi (Save)
10.000 euro
1.000 euro per vincoli di durata di 6 e 12
mesi (Save)*
non previsto
Commissione ingresso:
min.0% - max 3%
Commissioni uscita:
0%
Commissione gestione annua:
min 1,75% - max 2,40%
Costi PAC CoreSeries
Diritti fissi:
9 euro
Costi rata PAC:
0,95 euro
Altro
Deposito titoli
Diritti di custodia
0,00 euro
Imposta di bollo
come da normativa tempo per tempo vigente
Spese trasferimento titoli ad altro istituto per ogni strumento finanziario italiano e estero
0,00 euro
Spese emissione biglietti assembleari per titoli accentrati e non accentrati alla Monte Titoli
0,00 euro
Invio comunicazioni ritenute fiscali capital gain
1,95 euro a domicilio - gratis online
Spese produzione e invio conferme di operazioni (ex fissato bollati)
9,95 euro cadauna – gratis online
Spese produzione e invio e certificazioni dossier titoli
9,95 euro cadauna
Ricezione e trasmissione di ordini, esecuzione ordini per conto di clienti anche mediante negoziazione per conto proprio di strumenti
finanziari, marginazione, collocamento e distribuzione di servizi di investimento, strumenti finanziari e prodotti finanziari
Raccolta ordini online1 mercati azionari (Mta - Xetra - EquiductGermania - EquiductFrancia, Olanda e Portogallo 2 - Euronext2),
obbligazionari (MOT/EuroMOT - TLX/EuroTLX - Hi-MTF - Euronext), CW e Certificates (Sedex – Cert X)
Piano standard Azionario
0,19%(min. 2,95€; max 19€)
Piano Obbligazionario MOT/EuroMOT - TLX/EuroTLX - Hi-MTF
0,19% (min. 5,95€ o 2,95€3; max.19€)
Piano Obbligazionario Euronext
0,19% (min. 5,95€4)
Piano standard CW e Certificates su Sedex e Cert-X
0,19% (min. 2,95€; max 19€)
1
Per i titoli di emissione francese presenti nella lista indicata dal Ministero delle finanze francese e resa disponibile nell’area riservata ai clienti del
sito della Banca, oltre alla commissione di negoziazione, è previsto il pagamento di tasse fisse. L'aliquota pari allo 0,2% sarà applicata sulla
posizione netta di ogni giornata con esclusione, dunque, delle operazioni aperte e chiuse nello stesso giorno.
2
Per i titoli dei mercati EquiductFrancia, Olanda e Portogallo e Euronext è prevista l'applicazione di 9€ di diritti fissi per ogni ordine eseguito.
3
Su alcuni titoli obbligazionari Fineco prevede la diminuzione del minimo commissionale a 2,95€. Tali titoli sono individuati periodicamente da
Fineco in funzione dei minori costi di regolamento delle operazioni eventualmente sostenuti e sono riportati nell’elenco, costantemente aggiornato,
reso disponibile nell’area riservata ai clienti del sito della Banca. Su questi stessi titoli, Fineco prevede anche la diminuzione del massimo
commissionale riconosciuto nell’ambito dei Piani commissionali agevolati, nei casi e nella misura espressamente indicati nelle seguenti Tabelle 1 e
2.
4 Per i titoli obbligazionari del mercato Euronext non è prevista una commissione massima.
Piani commissionali agevolati:
Le commissioni massime (indicate nel Piano standard che precede) o nel caso del mercato USA, le commissioni fisse potranno essere ridotte in
funzione dell'operatività del cliente (Tabella 1) o di quanto detenuto dal cliente presso Fineco (Tabella 2).
Tabella 1
Monte
commissionale
Mta e Sedex e
Cert X Max
EquiductGermania - Xetra EquiductFrancia, Olanda e
USA (Nyse,
Amex,
Nasdaq)
5
Commissione
massima
Obbligazioni Commissione massima6
Portogallo - Euronext
Commissione massima
Commissione
fissa
Fino a 1.500€
19€
19€
19€
12,95$
Da 1.500€ a
3.000€
12,95€
12,95€
12,95€
12,95$
Da 3.000€ a
4.500€ Apex
9,95€
9,95€
9,95€
9,95$
Da 4.500€ a
6.000€ Apex
6,95€
6,95€
6,95€
9,95$
Da 6.000€ a
9.000€ Apex
3,95€
5,95€ o 3,95€7
5,95€
8,95$
Oltre 9.000€
Apex
2,95€
5,95€ o 2,95€7
4,95€
3,95$
5
Le commissioni generate nel trimestre sui mercati MTA, Equiduct, Xetra, Euronext (diritti fissi inclusi), Nyse, Amex, Nasdaq, nonchè sui mercati
obbligazionari, sui Covered Warrant e Certificates, si cumulano formando un monte commissionale unico. Ai fini del calcolo del Monta
commisisonale, le commissioni espresse in $ sono convertite in euro al cambio ufficiale esistente al momento dell'esecuzione della relativa
operazione.
6
Vedi precedente nota 4.
7
Vedi precedente nota 3.
Tabella 2 - Apex
Asset o
Risparmio
gestito
(Controvalore)
Commissione
massima Italia
(azioni, ETF, CW,
Certificates)
500.000€ di
Asset o
250.000€ di
Risparmio
gestito
9,95€
1.000.000€ di
Asset o
500.000€ di
Risparmio
gestito
6,95€
2.000.000€ di
Asset o
1.000.000€ di
Risparmio
gestito
3,95€
8
Vedi precedente nota 4.
9
Vedi precedente nota 3.
Commissiona massima
EquiductGermania - Xetra EquiductFrancia, Olanda e
Portogallo - Euronext
Commissione fissa
Usa Azioni
9,95€
9,95€
9,95$
6,95€
6,95€
9,95$
5,95€
8,95$
Commissione
massima
obbligazioni8
5,95€ o 3,95€
9
Formula Roll-On: è la formula, prevista nell'ambito dei Piani commissionali agevolati per i servizi di trading, che permette di mantenere la fascia
commissionale eventualmente raggiunta in un trimestre, per i due trimestri successivi.
Successivamente, la permanenza nella fascia agevolata è subordinata al raggiungimento, in uno dei due trimestri successivi al primo, del relativo
Monte commissionale o del relativo Controvalore (dell’Asset e/o del Risparmio gestito). In caso contrario verrà applicata la fascia commissionale
corrispondente al Monte commissionale o al Controvalore (dell’Asset e/o del Risparmio gestito) più alto degli ultimi due trimestri.
Note generali:
• nessun costo per ordini non eseguiti revocati;
• in caso di esecuzione in più tranche, i costi si applicano una volta sul totale (la commissione viene spalmata sulle varie tranche che compongono la
singola transazione);
• Le commissioni applicate sui mercati obbligazionari, sono sempre espresse in euro, anche per le obbligazioni in valuta diversa dall'euro;
•Per la negoziazione dei titoli esteri in euro le commissioni saranno addebitate convertendo la commissione prevista, applicando il cambio del
momento in cui si verifica l'eseguito.
Raccolta ordini azionario online - altri mercati europei*
%
Min.
Max.
Hex: Finlandia**
0,19%
2,95 Euro
19 Euro
Lse: Inghilterra
0,19%
14,95 GBP
-
Sibe: Spagna
0,19%
14,95 Euro
-
Virtx: Svizzera
0,19%
24 Chf
-
In alcuni mercati, oltre alla commissione di negoziazione, è previsto il pagamento di tasse fisse: Inghilterra (0,5% del controvalore negoziato per gli
ordini eseguiti in acquisto sui titoli quotati con domicilio inglese e 1,00% sui titoli quotati con domicilio irlandese).
(*)Per i titoli di emissione francese presenti nella lista indicata dal Ministero delle finanze francese cfr. nota 1 alla sezione Raccolta ordini online.
(**)Ad ogni eseguito vanno aggiunti 9 € di diritti fissi
Marginazione Long Multiday
Titoli Italia, Francia, Germania, Olanda, Portogallo: tasso interesse sul finanziamento
Euribor 1 m 360 * + 5,99%
Titoli Svizzera
CHFLibor 1 m ** + 5,99%
Titoli Gran Bretagna
GBPLibor 1 m ** + 5,99%
Titoli USA: tasso d'interesse sul finanziamento (***)
USDLibor 1 m** + 5,99%
(*) L'Euribor (European interbank offered rate) è un tasso interbancario, vale a dire il tasso di interesse al quale le banche prestano denaro ad altre
banche. Euribor 1 mese 360 è calcolato come media delle rilevazioni giornaliere dei tassi Euribor del mese precedente a quello in corso e
arrotondato allo 0,05% più vicino. Alla data di pubblicazione del presente documento è pari al 0,00%. Il tasso creditore minimo applicabile è 0%.
(**) Il Libor (London interest bank offered rate) corrisponde al costo del denaro, in una determinata valuta, per una banca di primario standing,
quando si finanzia sul mercato interbancario londinese. Esistono tassi Libor per le principali valute che vengono tutti rilevati sulla piazza londinese
dalla British bankers association. Libor 1 mese è calcolato come media delle rilevazioni giornaliere dei tassi Libor del mese precedente a quello in
corso e arrotondato allo 0,05% più vicino. Alla data di pubblicazione del presente documento USD Libor è pari a 0,15%, CHF Libor è pari a 0,00%,
GBP Libor è pari a 0,50% (***) Il finanziamento è applicato al controvalore dell'operazione
Marginazione Short Multiday
Costo del prestito Multiday sui titoli Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda,
Portogallo, Spagna, Svizzera, Usa*
4,95% annuale
* Il prestito è applicato al controvalore dell'operazione. Lo stesso costo del prestito è applicato anche alle posizioni Intraday che per motivi tecnici di
mercato non vengono chiuse in fase d’asta.
Raccolta ordini online - Derivati Euro
Commissione Futures su: FTSE MIB, DAX, Bund, Schatz, Bobl, Buxl e Euro-BTP (long,
medium e short term) e Euro-OAT
9,95 Euro a lotto
3,95 Euro a
lotto*
Commissione Futures su: Mini FTSE MIB, DJ Eurostoxx50 e DJ Stoxx 50
3,95 Euro a lotto
1,95 Euro a
lotto*
Commissione Futures su Azioni Italia
3,95 Euro a lotto
1,95 Euro a
lotto*
Commissioni Options FTSE MIB
6,95 Euro a lotto
3,95 Euro a
lotto*
Canone attivazione informativa Eurex
12 Euro al mese
0,00 euro*
* Importi commissionali validi al raggiungimento della soglia di 500€ di commissioni generate nel mese per il mercato IDEM e EUREX e 500$ per il
mercato CME. La fascia commissionale agevolata verrà mantenuta anche nel mese successivo
Raccolta ordini online - Derivati Dollari
Commissione e-mini S&P, e-mini Nasdaq, e-mini Dow Jones
5,95 Dollari a lotto
3,95 Dollari a
lotto *
Commissione Mini Eurodollaro, Euro FX, British Pound, Swiss Franc e Japanese Yen
5,95 Dollari a lotto
3,95 Dollari a
lotto *
Commissione Nikkei Index (dollar based)
10,95 Dollari a lotto
6,95 Dollari a
lotto *
Commissione dollaro Australiano e dollaro Canadese
5,95 Dollari a lotto
3,95 Dollari a
lotto *
Commissione Mini Crude Oil, Light Sweet Crude Oil, Heating Oil Future, RBOB Gasoline,
Mini Natural Gas, Natural Gas, Mini Gold, Gold, Silver, Copper, Palladium, Platinum, Corn,
Mini Corn, Wheat, Mini Wheat, Oat, Soybean, Soybean Meal, Soybean Oil, Rough Rice
10,95 Dollari a lotto
5,95 Dollari a
lotto *
* Importi commissionali validi al raggiungimento della soglia di 500€ di commissioni generate nel mese per il mercato IDEM e EUREX e 500$ per il
mercato CME. La fascia commissionale agevolata verrà mantenuta anche nel mese successivo
Raccolta ordini online - Aste BOT e Sottoscrizione Titoli di Stato a medio-lungo termine
Aste BOT
Commissione
BOT aventi vita residua pari o inferiore a 80 giorni
0,025%
BOT aventi vita residua compresa tra 81 e 170 giorni
0,050%
BOT aventi vita residua compresa tra 171 e 330 giorni
0,075%
BOT aventi vita residua pari o superiore a 331giorni
0,10%
Sottoscrizione Titoli di Stato a medio-lungo termine
BTP e BTPi
0,00 euro
CCT e CTZ
0,00 euro
Collocamento Fondi/Sicav
commissioni fisse
9 Euro - 9 USD
Le commissioni fisse di 9 euro/9 USD si applicano solo alle SICAV di diritto estero. Per i fondi di diritto italiano (Sgr) i diritti fissi sono applicati
direttamente dalla SGR sull’importo delle operazioni e sono interamente a loro favore. Per tutti gli altri costi o spese occorre fare riferimento alla
documentazione d’offerta del singolo prodotto.
Raccolta ordini Call Center - Titoli azionari non negoziabili online*
Commissione
Minimo
ASE: Grecia
0,50%
24,95 Euro
ATX: Austria
0,19%
24,95 Euro
KFX: Danimarca
0,19%
100 DKK
IOX: Irlanda
0,19%
14,95 Euro
OBX: Norvegia
0,19%
120 NOK
OMX: Svezia
0,19%
135 SEK
In alcuni mercati, oltre alla commissione di negoziazione, è previsto il pagamento di tasse fisse:
• Irlanda (1% del controvalore negoziato per gli ordini eseguiti in acquisto su titoli quotati in Euro);
• Grecia (0,06% del controvalore per gli ordini eseguiti in acquisto e 0,21% del controvalore per gli ordini eseguiti in vendita
(*)Per i titoli di emissione francese presenti nella lista indicata dal Ministero delle finanze francese cfr. nota 1 alla sezione Raccolta ordini online.
Raccolta ordini Call Center - Titoli non trattati online*
commissione titoli obbligazionari euro e esteri OTC
0,10% - min. 5 Euro
commissione massima per Certificates
Fino a 0,50% - min. 9 Euro
commissione massima per titoli azionari italiani non regolamentati
Fino a 0,70% - min. 10 Euro
commissione massima per titoli azionari italiani
Fino a 0,70% - min. 5 Euro
commissione massima per titoli azionari altri mercati esteri
Fino a 0,70% - min. 15 Euro
commissione massima per titoli azionari OTC USA
19 dollari fissi
(*)Per i titoli di emissione francese presenti nella lista indicata dal Ministero delle finanze francese cfr. nota 1 alla sezione Raccolta ordini online.
Raccolta ordini da Promotore Finanziario - Titoli Azionari, Obbligazionari, Etf e Certificates
Commissione aggiuntiva*
Fino al 0,50% del controvalore negoziato
Commissione massima
Azioni/Etf 250 €
Titoli di Stato/Obbligazioni 1000 €
* La commissione si aggiunge a quella prevista per la raccolta ordini on-line o, per titoli non negoziabili o non trattati on-line, alla commissione
prevista per la raccolta ordini tramite Call Center.
Servizio Multicurrency (USD – GBP – CHF)
Tasso creditore nominale ed effettivo annuo
servizio in dollari USD
0,15% e 0,15% (75% USDLIBOR 1m*)
servizio in franchi svizzeri CHF
0,00% e 0,00% (75% CHFLIBOR 1m*)
servizio in sterline GBP
0,40% e 0,40% (75% GBPLIBOR 1m*)
(*) Il Libor (London interest bank offered rate) corrisponde al costo del denaro, in una determinata valuta, per una banca di primario standing,
quando si finanzia sul mercato interbancario londinese. Esistono tassi Libor per le principali valute che vengono tutti rilevati sulla piazza londinese
dalla British bankers association. Il Libor 1 mese è calcolato come media delle rilevazioni giornaliere dei tassi Libor del mese precedente a quello in
corso. Il 75% è arrotondato allo 0,05% più vicino. Alla data di pubblicazione del presente documento USD Libor è pari a 0,17%, CHF Libor è pari a
0,00%, GBP Libor è pari a 0,50%
Tasso debitore annuo nominale ed effettivo per apertura credito
servizio in dollari USD
5,10% e 5,20% (USDLIBOR 1m * + 4,95%)
servizio in franchi svizzeri CHF
4,95% e 5,04% (CHFLIBOR 1m * + 4,95%)
servizio in sterline GBP
5,45% e 5,56% (GBPLIBOR 1m * + 4,95%)
Tasso debitore nominale ed effettivo per sconfinamento e mora
servizio in dollari USD
7,10% e 7,29% (USDLIBOR 1m * + 6,95%)
servizio in franchi svizzeri CHF
6,95% e 7,13% (CHFLIBOR 1m * + 6,95%)
servizio in sterline GBP
7,45% e 7,66% (GBPLIBOR 1m * + 6,95%)
Commissione di massimo scoperto
0,00 euro
Spese per operazione
0,00 euro
(*) Il Libor (London interest bank offered rate) corrisponde al costo del denaro, in una determinata valuta, per una banca di primario standing,
quando si finanzia sul mercato interbancario londinese. Esistono tassi Libor per le principali valute che vengono tutti rilevati sulla piazza londinese
dalla British bankers association. Libor 1 mese è calcolato come media delle rilevazioni giornaliere dei tassi Libor del mese precedente a quello in
corso e arrotondato allo 0,05% più vicino. Alla data di pubblicazione del presente documento USD Libor è pari a 0,15%, CHF Libor è pari a 0,00%,
GBP Libor è pari a 0,50%
Tempistiche di Regolamento*
Mercati azionari Italia
2 gg
Mercato azionario Euronext (Francia, Olanda, Portogallo)
2 gg
Mercato azionario Germania
2 gg
Mercati azionari esteri (Inghilterra, Finlandia, Spagna, svizzera)
2 gg
Mercato azionario Spagna
3 gg
Mercati azionari USA (Nyse, Amex, Nasdaq)
3 gg**
Mercati azionari non negoziabili on line (Austria, Danimarca, Grecia, Irlanda,
Norvegia, Svezia)
2 gg
Mercati obbligazionari Italia
2 gg***
Mercati obbligazionari esteri
2 gg***
Mercato azionario e obbligazionario OTC
2 gg
Strumenti Derivati Euro/Dollari
1 gg
Forex
2 gg (1 gg per USD/CAD e USD/TRY)
*Giorni di borsa aperta successivi a quello di esecuzione dell’operazione, decorsi i quali le operazioni vengono regolate contabilmente.
La tempistica indicata è a scopo meramente informativo e corrisponde a quella in corso alla data del presente documento. La Banca
applicherà in ogni caso quella tempo per tempo stabilita dai mercati. Per informazioni aggiornate e relative a casi particolari (ad es.
festività nazionali) è quindi necessario consultare i Regolamenti e i calendari dei rispettivi mercati di quotazione tempo per tempo
vigenti.
**Sui mercati americani, il Columbus Day ed il Veterans Day sono giorni di borsa aperta, ma non vengono considerati ai fini del calcolo
della data valuta di regolamento.
***Tutti i titoli obbligazionari negoziati su mercati italiani o esteri in valute diverse da Euro e in valute diverse da quelle adottate nei
seguenti Paesi: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania,
Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria, hanno valuta di regolamento a 3 giorni di Borsa aperta.
Recesso e reclami
Recesso dal contratto di conto corrente
Il Cliente e la Banca hanno diritto di recedere in qual-siasi momento, da ogni singolo rapporto, così come da tutti i rapporti, dandone comunicazione scritta
con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno e con preavviso di almeno 1 giorno.
Nel caso di rapporti cointestati a firme disgiunte il recesso può essere esercitato anche su richiesta di uno solo dei cointestatari, che dovrà avvertire
tempestivamente gli altri. Il recesso non comporta penalità o spese di chiusura a carico del Cliente. Se il Correntista riveste la qualifica di consumatore ai
sensi di legge, la Banca può recedere da ogni singolo rapporto, così come da tutti i rapporti in qualsiasi momento, con preavviso di 7 giorni ovvero in
presenza di giustificato motivo con preavviso di 1 giorno.
La Banca ha diritto di recedere, con il preavviso di 1 giorno, dandone comunicazione scritta al Cliente, da ogni singolo rapporto,così come da tutti i rapporti
di-sciplinati da queste Condizioni Generali, qualora:
a) il Cliente sia divenuto insolvente;
b) nei confronti del Cliente sia stata depositata istanza di fallimento o in generale sia stata attivata una procedurale concor-suale;
c) il Cliente persona giuridica sia stato posto in liquidazione o si sia verificata una causa di sciogli-mento dello stesso;
d) il Cliente abbia operato cessio-ni di beni ai creditori (art.1977 e seguenti Cod. Civ.) o abbia proposto ai creditori altre forme di sistemazio-ne, in tutto o in
larga parte, dei propri debiti;
e) siano stati levati protesti nei confronti del Cliente;
f ) qualora si siano verificati eventi tali da incidere sostanzial-mente, in senso pregiudizievole alla Banca, sulla si-tuazione patrimoniale e/o economica e/o
finanziaria del Cliente;
g) in caso di diminuzione della garanzia pa-trimoniale generica del Cliente o dei garanti e/o del va-lore delle garanzie reali;
h) in presenza di ulteriore giu-stificato motivo.
In caso di recesso, la Banca, se lo ritiene opportuno, po-trà sospendere l’esecuzione degli ordini, proce-dere alla liquidazione anticipata delle operazioni in
corso e adottare tutte le ulteriori misure opportune per adempiere alle obbligazioni derivanti da operazioni poste in essere per conto del Cliente, ovvero
necessarie per provvedere all’estinzione del rapporto, senza pre-giudizio di qualsiasi altro rimedio o del risarcimento degli eventuali danni.
Il recesso dal servizio di conto corrente determina automaticamente il recesso dei ser-vizi connessi allo stesso.
Il recesso dei servizi diversi dal conto corrente, salvo ove diversamente stabilito, non determina di per sé anche il recesso degli altri rapporti in essere con
la Banca.
Conto di deposito - Recesso ed estinzione
Fermo restando quanto sopra, qualora il Conto di Regolamento venga estinto per qualunque ragione prima della scadenza
del/i Vincolo/i, la Banca provvederà alla contestuale estinzione anticipata del Conto Deposito remunerando le somme in esso
depositate al tasso previsto nel Foglio Informativo vigente al momento di costituzione del/i rispettivo/i Vincolo/i per il caso
di Svincolo anticipato.
Ove il recesso dal Conto Deposito e/o dal Conto di Regolamento sia esercitato dalla Banca, al Depositante saranno riconosciuti
sulle somme oggetto del Vincolo gli interessi maturati sino alla data di efficacia del recesso, come specificati nel Foglio
Informativo vigente alla costituzione del Vincolo. E’ fatta salva l’ipotesi di recesso per giustificato motivo, nel qual caso
le somme presenti nel Conto Deposito saranno remunerate al tasso previsto nel Foglio Informativo vigente al momento di costituzione
del/i rispettivo/i Vincolo/i per il caso di Svincolo anticipato.
Carta di pagamento - Recesso della Banca - Recesso del Titolare
La Banca ha il diritto di recedere dal servizio in qualsiasi momento con preavviso di 2 mesi e senza alcun onere per il Titolare, dandone comunicazione
scritta al Titolare, con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, il quale è tenuto a restituire immediatamente la Carta e a non effettuare ulteriori utilizzi
della stessa, nonchè ogni altro materiale in precedenza consegnato.
La Banca ha il diritto di recedere senza preavviso, dandone immediata comunicazione al Titolare, nel caso in cui ricorra un giustificato motivo cui viene
convenzionalmente equiparato:
> l'uso della Carta da parte del Titolare per importi eccedenti il saldo disponibile del conto corrente di utilizzo o il limite d'importo (massimale) convenuto
> l'uso della Carta nel periodo in cui la Banca abbia eventualmente comunicato l'esistenza di un temporaneo divieto di utilizzazione della stessa
> l'iscrizione, in seguito a segnalazione da parte di altro emittente, del nominativo del Cliente presso l'Archivio informatizzato, a causa della revoca
dell'autorizzazione all'utilizzo di carte di pagamento in conseguenza del mancato pagamento o della mancata costituzione dei fondi relativi alle transazioni
effettuate, ovvero sia necessario tutelare l'efficienza e la sicurezza dei servizi.
In ogni caso il Titolare resta responsabile di ogni conseguenza dannosa che possa derivare dalla prosecuzione dell'uso dei servizi successivamente al
recesso da parte della Banca o nel periodo in cui la Banca medesima abbia eventualmente comunicato l'esistenza di un temporaneo divieto di utilizzazione
della Carta.
Resta fermo il diritto della Banca di procedere, anche successivamente all'efficacia del recesso, alle registrazioni contabili di addebito relative ad
operazioni di utilizzo di Carta compiute in precedenza.
Il Titolare ha diritto di recedere dal serziio in qualunque momento con preavviso di 3 giorni lavorativi bancari, dandone comunicazione scritta alla Banca e
restituendo alla medesima la Carta, debitamente tagliata a metà e resa inutilizzabile, nonchè ogni altro materiale in precedenza consegnato.
Il Titolare è tenuto a restituire alla Banca la Carta ed ogni altro materiale consegnatogli:
> alla scadenza dell'eventuale periodo di validità della Carta;
> in caso di sottituzione della stessa;
> in caso di richiesta da parte della Banca, entro il termine dalla medesima comunicato;
> contestualmente alla richiesta di estinzione del conto di riferimento o di recesso dal contratto da parte del Cliente;
> in caso di recesso dal contratto o dal servizio da parte della Banca entro il termine dalla stessa comunicato.
La Carta deve essere restituita dagli eredi in caso di decesso del Titolare e, in caso di sopravvenuta incapacità di agire del medesimo, dal legale
rappresentante. Indipendentemente dalla restituzione, la Banca potrà procedere al blocco della Carta fermo restando che le relative spese sono a carico
del Titolare, sei suoi eredi o del legale rappresentante.
L'uso della Carta che non è stata restituita ai sensi dei paragrafi che precedono ovvero che risulti effettuato in eccesso rispetto al saldo disponibile sul
conto corrente o al limite d'importo comunicato dalla Banca, ferme restando le obbligazioni che ne scaturiscono, è illecito. Il recesso non comporta in ogni
caso, anche su iniziativa della Banca, spese o penalità per il Titolare.
Tempi massimi di chiusura del rapporto contrattuale
Il Cliente per ottenere l'estinzione del rapporto di conto corrente di corrispondenza, deve inviare alla Banca i moduli di assegni non utilizzati, le carte di
debito, le carte di credito e le carte Viacard,nonché ogni altra do-cumentazione relativa ad ulteriori servizi accessori.
Dal momento in cui la banca riceve tutta la documentazione, su indicata, i tempi massimi di estinzione del rapporto sono pari a 7 giorni lavorativi.
Tali tempi devono essere aumentati di:
> 1 giorno in presenza di addebito utenze/RID domiciliati
> 4 giorni in presenza di carta Bancomat o carte di debito internazionali
> in presenza di Carta di Credito, POS: dei giorni lavorativi necessari per il ricevimento dell’ultimo rendiconto da parte dell’emittente
> in presenza di servizi Telepass e Viacard: dei giorni lavorativi necessari per il ricevimento del rendiconto successo alla chiusura dei servizi citati da parte
di Società Autostrade.
Per gli ulteriori servizi collegati al conto corrente (es. deposito titoli, affidamenti, ecc.) i tempi devono essere aumentati dei giorni necessari per l’estinzione
determinati da questi ulteriori servizi. I giorni massimi di chiusura si intendono validi salvo circostanze indipendenti dalla Banca.
L'estinzione del conto corrente può essere effettuata solo a seguito del pagamento da parte del Cliente di tutto quanto dovuto.
In particolare, per quanto riguarda il deposito titoli, il Cliente è tenuto a fornire alla Banca le necessarie istruzioni per il ritiro, il trasferimento o la vendita dei
titoli di sua pertinenza.
A tal proposito si riportano di seguito i tempi massimi, dal momento del ricevimento di dette istruzioni, previsti per la vendita, il trasferimento e la
successiva estinzione del rapporto.
Detti termini per la vendita saranno pari a:
> 30 giorni lavorativi in presenza di titoli cartacei sub-depositati presso la società sub-depositaria.
> dei giorni necessari per l’emissione dei rispettivi certificati materiali, nel rispetto di quanto previsto dai singoli regolamenti da parte delle S.G.R., in
presenza di quote di fondi comuni di investimento non trasferibili.
> dei giorni necessari per la vendita delle quote di fondi comuni di investimento, nel rispetto di quanto previsto dai singoli regolamenti da parte delle S.G.R..
> dei giorni necessari per la vendita delle azioni di Sicav, nel rispetto di quanto previsto dai relativi regolamenti.
Per il trasferimento occorreranno da un minimo di 10 ad un massimo di 40 giorni lavorativi a seconda della tipologia di strumenti finanziari presenti sul
deposito (titoli italiani, titoli esteri, derivati e oicr).
A tali termini dovranno aggiungersi 5 giorni lavorativi per la successiva estinzione del rapporto
Reclami - Definizione Stragiudiziale delle controversie
Nel caso in cui sorga una controversia tra il Cliente e la Banca relativa all’interpretazione ed applicazione del presente contratto con riferimento a
operazioni e servizi bancari e finanziari (diversi dai servizi di investimento), il Cliente può presentare un reclamo alla Banca, anche per lettera
raccomandata a.r. o per via telematica a FinecoBank S.p.A. – Direzione Generale –Ufficio Reclami, Piazza Durante 11, Milano – indirizzo mail
[email protected] La Banca deve rispondere entro 30 giorni dal ricevimento.
Se il Cliente non è soddisfatto della risposta o non ha ricevuto risposta entro il termine dei 30 giorni può rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF).
Per sapere come rivolgersi all’Arbitro e l’ambito della sua competenza si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it, chiedere presso le Filiali
della Banca d’Italia, oppure chiedere alla Banca. La decisione dell’Arbitro non pregiudica la possibilità per il Cliente di ricorrere all’autorità giudiziaria
ordinaria.
Ai fini del rispetto degli obblighi di mediazione obbligatoria previsti dal Decreto Legislativo n. 28/2010, prima di fare ricorso all’autorità giudiziaria il Cliente e
la Banca devono esperire il procedimento di mediazione, quale condizione di procedibilità, ricorrendo:
- all’Organismo di Conciliazione Bancaria costituito dal Conciliatore Bancario Finanziario - Associazione per la soluzione delle controversie bancarie,
finanziarie e societarie – ADR (www.conciliatorebancario.it , dove è consultabile anche il relativo Regolamento) oppure
- ad uno degli altri organismi di mediazione, specializzati in materia bancaria e finanziaria, iscritti nell’apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia.
La condizione di procedibilità di cui alla predetta normativa si intende assolta nel caso in cui il Cliente abbia esperito il sopra citato procedimento presso
l’ABF.
Nel caso in cui sorga una controversia tra il Cliente e la Banca relativa all’interpretazione ed applicazione del presente contratto, con riferimento alla
prestazione di servizi e di attività di investimento, prima di adire l’Autorità Giudiziaria, il Cliente ha la possibilità di utilizzare gli strumenti di risoluzione delle
controversie previsti nei successivi commi.
Il Cliente può presentare un reclamo alla Banca, anche per lettera raccomandata a.r. o per via telematica a FinecoBank S.p.A. – Direzione Generale
–Ufficio Reclami, Piazza Durante 11, Milano – indirizzo mail [email protected] La Banca deve rispondere entro 90 giorni dal ricevimento.
Se il Cliente non ha ricevuto risposta nei termini o non è soddisfatto del relativo esito può rivolgersi all’Ombudsman-Giurì Bancario, nei limiti e alle
condizioni previste dal relativo Regolamento, disponibile anche sul Sito della Banca.
Sempre al fine della definizione stragiudiziale di eventuali controversie, in relazione all’obbligo previsto dal Decreto Legislativo n. 28/2010 di esperire il
procedimento di mediazione, quale condizione di procedibilità, prima di fare ricorso all’Autorità Giudiziaria ed anche in assenza di preventivo reclamo, il
Cliente e la Banca possono ricorrere:
all’Organismo di conciliazione bancaria costituito dal “Conciliatore Bancario Finanziario”, - Associazione per la soluzione delle controversie
bancarie, finanziarie e societarie - ADR” (www.conciliatorebancario.it, dove è consultabile anche il relativo Regolamento) iscritto nell’apposito registro degli
Organismi tenuto dal Ministero della Giustizia, oppure
ad uno degli altri Organismi di mediazione, specializzati in materia bancaria e finanziaria, iscritti nell’apposto Registro degli organismi tenuto dal
Ministero della Giustizia.
Per la risoluzione di controversie insorte con la Banca relativamente agli obblighi di informazione, correttezza e trasparenza nei rapporti contrattuali, il
Cliente - esclusi i clienti professionali di cui all’art. 6, commi 2 quinquies e 2 sexies del D.Lgs. n. 58/98 - potrà anche attivare la procedura di conciliazione
avanti la Camera di Conciliazione ed Arbitrato istituita presso la Consob a condizione che:
la medesima controversia non sia già stata portata all’attenzione di un altro organismo di conciliazione;
il Cliente abbia già presentato reclamo alla Banca cui quest’ultima abbia fornito espressa risposta ovvero sia decorso il termine di 90 giorni.
Resta ferma per il Cliente la possibilità di ricorrere all’Autorità Giudiziaria ordinaria. Il ricorso a detto Organismo assolve alla condizione di condizione di
procedibilità di cui al Decreto Legislativo n. 28/2010.
Legenda
Voci comuni
Apex
Sono considerati clienti Apex coloro che, nel mese di riferimento, presentino o €500.000 di Asset o €250.000 di Risparmio
Gestito. A tali clienti vengono riservate alcune condizioni agevolate specificamente indicate nel Foglio Informativo.
L’applicazione di tali condizioni è automatica e subordinata al mantenimento, in capo al cliente, dei requisiti richiesti per
accedere ad Apex, salva la facoltà della Banca di prorogare la stessa. Al termine di ogni mese (alla chiusura dei mercati del
penultimo giorno feriale di ciascun mese), verranno effettuati i conteggi relativi al Controvalore (dell’Asset e/o del Risparmio
gestito) detenuto dal Cliente sul rapporto considerato (di seguito, Rapporto Rilevante), e, soltanto qualora si tratti di rapporto
monointestato, verrà sommato quanto detenuto dal medesimo Cliente su tutti gli altri rapporti eventualmente in essere con la
Banca, siano essi monointestati o cointestati, compresi quelli derivanti dall’attività di collocamento, i depositi collegati, Advice,
a garanzia, i conti scudati -purché intestati a persone fisiche- ecc.. In tal caso, le eventuali condizioni agevolate verranno
applicate soltanto al Rapporto Rilevante. Nel caso in cui il Rapporto Rilevante sia cointestato, ai fini del conteggio del
Controvalore, verrà considerato soltanto quanto presente su quel rapporto, ma le eventuali condizioni agevolate verranno
applicate anche ai rapporti monointestati esistenti presso la Banca a nome dei singoli cointestatari del Rapporto Rilevante. Ai
fini della presente definizione, per i clienti sottoscrittori del contratto di consulenza Advice, gli investimenti finalizzati alla
realizzazione del Piano Finanziario Personalizzato (cd. Portafoglio sotto Advice) vengono sempre considerati prodotti di
Risparmio gestito. Esempi: 1. Nel caso di un soggetto A che, oltre al rapporto a lui singolarmente intestato (RapportoA),
presenti anche rapporti cointestati con altri soggetti (ad esempio un Rapporto A+B ed uno A+C), nel calcolo del Controvalore
del Rapporto Rilevante, verrà considerato, oltre a quanto di pertinenza del RapportoA, anche quanto presente nei rapporti
cointestati (Rapporto A+B e Rapporto A+C). Le condizioni agevolate, se di spettanza, verranno applicate solamente al
Rapporto A.2. Nel caso in cui il Rapporto Rilevante sia cointestato (Rapporto D+E) nel calcolo del Controvalore verrà
considerato solo ed esclusivamente quanto detenuto sul medesimo Rapporto D+E. Le condizioni agevolate, se di spettanza,
verranno applicate al Rapporto D+E e, se esistenti, anche ai rapporti monointestati al soggetto D e/o al soggetto E.
Sono, altresì, considerati Apex quei clienti che, nel trimestre precedente, abbiano generato sul Rapporto Rilevante, almeno €
3.000 di commissioni di trading on line. Le condizioni agevolate verranno applicate: - qualora il Rapporto Rilevante sia
monointestato, esclusivamente a tale rapporto; - qualora il Rapporto Rilevante sia cointestato, anche ai rapporti monointestati
esistenti presso la Banca a nome dei singoli cointestatari del Rapporto Rilevante.
Asset
La liquidità e, in generale, gli investimenti detenuti dal cliente presso Fineco
Consumatore
La persona fisica che agisce al di fuori della propria attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta
Giorno
lavorativo
Per giorno lavorativo si intende
• per le operazioni in divisa estera , un giorno nel quale siano contemporaneamente aperte le piazze di Milano, di New York e
della piazza principale della divisa interessata;
• per le operazioni in euro, un giorno in cui sono aperte le Aziende di Credito in Italia ed i giorni in cui è attivo il sistema
interbancario di regolamento lordo (TARGET) dei paesi aderenti all’Unione Monetaria Europea
Non residenti
Secondo le disposizioni dell’art. 1, comma 2, del D.P.R. 31/3/1988 n. 148 sono:
• i cittadini italiani con dimora abituale all’estero;
• i cittadini italiani con dimora abituale in Italia, limitatamente alle attività di lavoro subordinato prestato all’estero, anche alle
dipendenze di persone giuridiche, di associazioni o di organizzazioni senza personalità giuridica residenti, ovvero alle attività
di lavoro autonomo o imprenditoriali svolte all’estero in modo non occasionale;
• le persone giuridiche, le associazioni e le organizzazioni senza personalità giuridica che hanno sede in Italia e sede
secondaria all’estero, limitatamente alle attività esercitate all’estero con stabile organizzazione;
• le persone fisiche di cittadinanza estera e dimora abituale all’estero, le persone giuridiche, le associazioni e le
organizzazioni senza personalità giuridica con sede all’estero, gli apolidi e comunque tutti coloro per i quali non ricorrono gli
estremi di residenza in Italia
Personal
Financial
Adviser (PFA)
Promotore Finanziario
Residenti
Secondo le disposizioni dell’art. 1, comma 1, del D.P.R. 31/3/1988 n. 148 sono:
• i cittadini italiani con dimora abituale in Italia e le persone giuridiche, le associazioni e le organizzazioni senza personalità
giuridica con sede effettiva in Italia;
• i cittadini italiani con dimora abituale all’estero, limitatamente alle attività di lavoro subordinato prestate in Italia ovvero di
lavoro autonomo o alle attività imprenditoriali svolte in Italia in modo non occasionale;
• le persone fisiche con dimora abituale in Italia che non hanno la cittadinanza italiana, limitatamente alle attività di lavoro
subordinato prestate in Italia ovvero di lavoro autonomo o alle attività imprenditoriali svolte in Italia in modo non occasionale;
• le persone giuridiche, le associazioni e le organizzazioni senza personalità giuridica che hanno sede all’estero e sede
secondaria in Italia, limitatamente alle attività esercitate in Italia con stabile organizzazione
Risparimio
gestito
I prodotti distribuiti da Fineco, sia online sia tramite la rete di Promotori finanziari, che rientrino nelle seguenti tipologie: Fondi
di investimento e Sicav, Polizze vita Unitlinked, Indexlinked e a gestione separata, Gestioni Patrimoniali in Fondi (GPF),
Gestioni Patrimoniali Mobiliari (GPM).
Spese per invio
estratto conto
Commissioni che la banca applica ogni volta che invia un estratto conto, secondo la periodicità e il canale di comunicazione
stabiliti nel contratto
Stati membri
dell'Unione
Europea (UE)
Italia, Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Austria, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Danimarca, Grecia, Svezia, Finlandia,
Gran Bretagna, Irlanda, Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Slovenia,
Ungheria, Bulgaria, Romania
Strumenti
finanziari
Ai sensi di legge ((D. Lgs. 24.2.98, n. 58) si intendono le azioni e gli altri titoli rappresentativi di capitale di rischio negoziabili
sul mercato dei capitali, le obbligazioni, i titoli di Stato e gli altri titoli di debito negoziabili sul mercato dei capitali, le quote di
fondi comuni d’investimento negoziabili sul mercato dei capitali, i titoli normalmente negoziati sul mercato monetario e
qualsiasi altro titolo normalmente negoziato che permetta di acquisire gli strumenti sopra indicati e i relativi indici. Si intendono
inoltre gli “strumenti finanziari derivati”, ossia quei contratti di borsa il cui valore dipende dai titoli o da attività sottostanti (titoli
in senso proprio, valute, tassi d’interesse, materie prime, etc...), elencati nell’articolo 1 del citato D. lgs. 58/98
Tasso creditore
annuo nominale
Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi sulle somme depositate (interessi creditori), che sono poi
accreditati sul conto, al netto delle ritenute fiscali
Tasso Effettivo
Globale Medio
(TEGM)
Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’economia e delle finanze come previsto dalla legge sull’usura.
Per verificare se un tasso di interesse è usurario e, quindi, vietato, bisogna individuare, tra tutti quelli pubblicati, il TEGM degli
affidamenti in conto corrente, aumentarlo della metà e accertare che quanto richiesto dalla banca non sia superiore
Voci relative al conto corrente
Beneficiario
Persona fisica o giuridica diversa da una banca a favore della quale è messo a disposizione l'importo di un bonifico.
BIC (Bank
Identifier Code)
Strumento per l’identificazione delle istituzioni finanziarie, a livello internazionale, avente lo scopo di agevolare l’elaborazione
automatizzata dei messaggi inviati in via telematica in ambienti finanziari
Bonifico
"estero"
Per bonifico estero si intende un bonifico la cui controparte è non residente o il cui importo è espresso in divisa estera
Bonifico urgente
Per bonifico urgente si intende un bonifico da eseguire nello stesso giorno di accettazione dell’ordine ovvero da accreditare
alla banca beneficiaria con valuta lo stesso giorno di esecuzione
Canone annuo
Spese fisse per la gestione del conto
Capitalizzazione
degli interessi
Una volta accreditati e addebitati sul conto, gli interessi sono contati nel saldo e producono a loro volta interessi
Disponibilità
somme versate
Numero di giorni successivi alla data dell’operazione dopo i quali il cliente può utilizzare le somme versate
Fido o
affidamento
Somma che la banca si impegna a mettere a disposizione del cliente oltre il saldo disponibile
Forex
Foreign Exchange market. E’ il mercato internazionale dei cambi
IBAN
Acronimo del termine International Bank Account Number che identifica le coordinate bancarie internazionali di un rapporto di
conto corrente
Ordinante
Persona fisica o giuridica diversa da una banca che impartisce un ordine di eseguire un bonifico
Saldo
disponibile
Somma disponibile sul conto, che il correntista può utilizzare
Sconfinamento
in assenza di
fido e
sconfinamento
extrafido
Somma che la banca ha accettato di pagare quando il cliente ha impartito un ordine di pagamento (assegno, domiciliazione
utenze) senza avere sul conto corrente la disponibilità.
Si ha sconfinamento anche quando la somma pagata eccede il fido utilizzabile
Servizio
Multicurrency
Servizio in valuta estera (USD – GBP – CHF) accessorio al conto corrente remunerato in euro, necessario per utilizzare i
servizi di trading online relativi a prodotti finanziari denominati in valute diverse dall'euro
Spesa singola
operazione non
compresa nel
canone
Spesa per la registrazione contabile di ogni operazione oltre quelle eventualmente comprese nel canone annuo
Spese annue per
conteggio
interessi e
competenze
Spese per il conteggio periodico degli interessi, creditori e debitori, e per il calcolo delle competenze
Spese per invio
estratto conto
Commissioni che la banca applica ogni volta che invia un estratto conto, secondo la periodicità e il canale di comunicazione
stabiliti nel contratto
Tasso debitore
annuo nominale
Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi a carico del cliente sulle somme utilizzate oltre le disponibilità
di conto. Gli interessi sono poi addebitati sul conto
Valute sui
prelievi
Numero dei giorni che intercorrono tra la data del prelievo e la data dalla quale iniziano ad essere addebitati gli interessi.
Quest’ultima potrebbe anche essere precedente alla data del prelievo
Valute sui
versamenti
Numero dei giorni che intercorrono tra la data del versamento e la data dalla quale iniziano ad essere accreditati gli interessi
Voci relative al CashPark
Save
Vincoli - con opzione Vincolato o Svincolabile - di durata di 6 e 12 mesi
Conto di
regolamento
Conto corrente Fineco collegato al Conto di deposito CashPark avente medesima intestazione.
Data esecuzione
(operazioni di
Vincolo/Svincolo
anticipato)
Giorno lavorativo in cui la Banca dà seguito all’operazione disposta dal Cliente
Data scadenza
Vincolo
Ultimo giorno di calcolo degli interessi sulle somme vincolate
Opzione
CashPark
Svincolabile
Opzione del deposito che prevede in capo al Depositante la facoltà di disporre, in tutto o in parte, delle somme
oggetto del singolo vincolo, in via anticipata rispetto alla scadenza originariamente indicata
Opzione
CashPark
Vincolato
Opzione del deposito che non prevede in capo al Depositante la facoltà di disporre, in tutto o in parte, delle somme
oggetto del singolo vincolo, in via anticipata rispetto alla scadenza originariamente indicata.
Svincolo
anticipato
Estinzione del vincolo prima della scadenza a qualsiasi causa dovuta.
Vincolo
Versamento di una somma determinata a valere sul conto deposito CashPark a mezzo giroconto dal Conto di Regolamento,
con indicazione dell’Opzione (CashPark Svincolabile o Vincolato) e del vincolo temporale prescelti.
Fondi Core
Series
CORE SERIES è il Fondo aperto di diritto Lussemburghese istituito da Pioneer Asset Management S.A. caratterizzato da una
struttura multicomparto e multiclasse, in distribuzione dal 24 marzo 2011 in esclusiva per i clienti Fineco. I comparti del Fondo
ai fini del Piano sono qeulli indicati sul sito della Banca, nella pagina riferita all'iniziativa Cashpark Investing. Il documento
"Informazioni chiave per gli investitori" e il modulo di sottoscrizione sono disponibili sul sito www.fineco.it o presso i promotori
finanziari Fineco, nonchè sul sito internet dell'offerente le quote degli OICR.
Voci relative ai Servizi di Investimento
Capital gain
Guadagno derivante da un'attività di compravendita di strumenti finanziari pari alla differenza positiva tra prezzo di vendita e
prezzo di acquisto, depurata di eventuali interessi maturati e degli oneri accessori
Chicago Merchantile Exchange. E’ la borsa merci e mercato dei futures Usa che, fondato nel 1919, rappresenta uno dei
Cme
mercati di futures più importanti al mondo
Derivati
Strumenti finanziari il cui valore è collegato al prezzo di uno strumento sottostante che può essere un'azione, un indice, una
Valuta, un Tasso di interesse o una generica merce
Dow Jones Euro
Stoxx 50
Indice di borsa che comprende i 50 maggiori titoli azionari dell’area euro
Esecuzione in
più tranche
Ordine inviato al mercato e la cui esecuzione avviene in più eseguiti di quantità parziale
Eurex
Mercato tedesco dei prodotti derivati in cui sono quotati futures e opzioni su prodotti finanziari e tassi d'interesse
Euromot
Segmento del mercato regolamentato MOT, gestito da Borsa Italiana S.p.A. in cui si negoziano Eurobbligazioni, Obbligazioni
di emittenti esteri e Asset Backed Securities
Euronext
Euronext è il mercato telematico che raccoglie le borse di Parigi, Amsterdam, Lisbona e Bruxelles. Mercato totalmente
telematico rappresenta una prima forma di unificazione dei mercati europei
EuroTLX
E’ principale mercato obbligazionario in Europa. Su EuroTLX sono negoziati strumenti rientranti nelle seguenti tipologie:
obbligazioni (bancarie, strutturate, corporate, mercati emergenti, sovereign e supranational), titoli di stato italiani, europei ed
americani
Fondi comuni di
investimento
Organismi che hanno lo scopo di raccogliere risparmio presso il pubblico da destinare esclusivamente all'acquisto di strumenti
finanziari (obbligazioni ed azioni). Sono caratterizzati dal fatto di avere un patrimonio variabile continuamente: ogni giorno,
infatti, il loro patrimonio può aumentare (per effetto di nuove sottoscrizioni) o diminuire (per effetto di rimborsi) da parte dei
risparmiatori. Ogni investitore detiene delle quote che incorporano solo diritti patrimoniali (partecipazione al risultato
dell’investimento) senza alcuna possibilità di poter interferire sull’attività dei gestori
Formula Roll On
Piano commissionale che prevede la riduzione della commissione massima per ordine eseguito in base alle commissioni
generate nel trimestre
FTSE Mib
Indice azionario della Borsa italiana. È il paniere che racchiude le azioni delle 40 maggiori società italiane ed estere quotate
sui mercati gestiti da Borsa Italiana
Gestione
patrimoniale
Servizio con cui il cliente affida la gestione di un patrimonio mobiliare alla banca. Le scelte relative alla gestione del
patrimonio vengono assunte da operatori professionisti che agiscono in base agli obiettivi e alla tipologia di investimento
indicati dal cliente
Idem
Italian Derivatives Market. L'IDEM è il mercato italiano in cui si negoziano contratti futures e contratti di opzione aventi come
attività sottostante strumenti finanziari, tassi di interesse, valute, merci e relativi indici
Marginazione
E’ la modalità di negoziazione che consente all'investitore di poter acquistare (Leva long o acquisto in leva) o vendere (Short
Selling o vendita in leva allo scoperto) investendo soltanto una parte della liquidità necessaria
Monte Titoli
Monte titoli S.p.A. Società per azioni che attua la gestione dei servizi di custodia e amministrazione accentrata di valori
mobiliari (titoli azionari e obbligazionari), costituita nel 1978 per iniziativa della Banca d'Italia
MOT
Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di stato. Il MOT è il mercato telematico per la negoziazione delle obbligazioni
diverse da quelle convertibili ed emesse da società private e dei titoli di stato quotati
MTA
Mercato Telematico Azionario. L'MTA è il comparto di Borsa in cui si negoziano, per qualunque quantitativo, azioni,
obbligazioni convertibili, warrant, diritti di opzione e quote o azioni di OICR
Ordini non
eseguiti revocati
Ordini non eseguiti dal mercato cancellati dall'utente
OTC
Over the counter. Vengono indicate tutte le operazioni di compravendita di titoli non quotati, oppure contrattazioni di titoli
quotati che avvengono al di fuori dei mercati regolamentati
Pip
Valore minimo (basis point) del quale può variare il prezzo di un cambio tra due valute
Polizze vita
Contratto di assicurazione che prevede la liquidazione da parte della compagnia di una certa somma condizionata ad un certo
evento legato alla vita del sottoscrittore
Posizione
Intraday
Identifica la durata dell’operazione che, in questo caso, deve essere aperta e chiusa entro la stessa seduta di negoziazione
Posizione
Multiday
Identifica la durata dell’operazione che, in questo caso, può essere aperta nella stessa seduta di negoziazione e chiusa nei
giorni seguenti
Sgr
Società autorizzate a promuovere, istituire, organizzare e gestire il patrimonio di un fondo comune (gestione collettiva del
risparmio), mantenendo separato il proprio patrimonio da quello del fondo. Una SGR può gestire anche fondi istituiti da altre
società di gestione
Sicav
Società specializzate nella gestione di capitali dei risparmiatori, che operano in maniera simile a quella dei fondi comuni. Il
capitale varia giorno per giorno, in quanto i soci (i risparmiatori-investitori) possono acquistare nuove azioni dalla società o
rivenderle alla società
Spread
La differenza di prezzo tra la quotazione di acquisto (Bid) e quella di vendita (Ask)
TLX
Sistema di contrattazioni impostato dal Gruppo Unicredit, parallelo a quello della Borsa, in cui sono negoziati anche titoli non
quotati sul mercato ufficiale, anche al di fuori degli orari previsti dalla Borsa
Transazione
Ordine eseguito su un mercato finanziario
Xetra
Mercato telematico della Borsa di Francoforte
Data: 1 febbraio 2015 - Versione: 2/2015
FinecoBank S.p.A. – Società appartenente al Gruppo Bancario UniCredit - Sede legale: 20131 Milano - P.zza Durante,11 Cap.Soc. versato 200.070.430,89 euro, così come risultante dall’ultimo bilancio - N. iscr. R.I. Milano 01392970404.
Fly UP