...

“FINCHÉ C`É GUERRA C`É SPERANZA” Di Sigfrido - Report

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

“FINCHÉ C`É GUERRA C`É SPERANZA” Di Sigfrido - Report
“FINCHÉ C’É GUERRA C’É SPERANZA”
Di Sigfrido Ranucci
MILENA GABANELLI IN STUDIO
Intanto cominciamo a districarci in una storia ambientata nella più insospettabile
provincia italiana, fra personaggi che non verrebbe mai in mente di prendere sul serio
e poi si arriva al traffico internazionale di armi. E sullo sfondo il sospetto che finiscano
nelle mani del terrorismo. Buona parte delle persone, dei soggetti di cui adesso
narriamo sono stati coinvolti giovedì scorso nella maxi perquisizione del Gico della
Guardia Di Finanza di Venezia coordinati dalla DDA di Napoli, con il supporto delle
nostre agenzie di sicurezza. La storia comincia a Londra. Sigfrido Ranucci
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
L‟appuntamento a Londra è con George Smiley. Nome di copertura di un importante
trafficante di armi. George, è nato in Italia, ma vive tra Londra, Dubai e Malta. Ha
condotto trattative riservate in Africa e Medio Oriente. Per questo è in contatto con i
servizi segreti di vari paesi. Dopo una lunga trattativa ha accettato di incontrarci. Ci
racconta fatti talmente riservati che è complicato, per noi, verificarli. Almeno in parte.
Vale comunque la pena ascoltarlo. Smiley ci dà appuntamento nella City, lungo il
Tamigi, in prossimità del tristemente famoso ponte dei Frati Neri.
GEORGE SMILEY
Tutti i paesi occidentali fanno i conti con i rifugiati che scappano dalle guerre, ma
nessuno si preoccupa di bloccare il traffico di armi verso Africa e Medio Oriente. Senza
le armi, da quelle parti si tirerebbero i sassi.
SIGFRIDO RANUCCI
Mi spieghi come arrivano le armi laggiù?
GEORGE SMILEY
C‟è il mondo delle trattative per la vendita di aerei, navi, elicotteri, e avvengono tra
aziende e stati. Le posso garantire però che non c‟è vendita senza il pagamento di
tangenti. Poi c‟è il mondo sotterraneo. È il mercato che alimenta le guerriglie e
destabilizza i paesi: quello di kalashnikov, bombe e lanciarazzi. Chi traffica in armi fa
anche compravendita di petrolio. È con il petrolio che si pagano armi, tangenti,
commissioni. Poi ci sono tutte le armi dell‟esercito di Saddam da riciclare, i grandi
venditori di armi in questi posti sono Cina e Sud Africa.
Poi ci sono anche le nostre di armi. Guardi queste sono le foto satellitari
dell‟aeroporto Murtala a Lagos in Nigeria. Vede questi container? Sa cosa ci sono
dentro? Missili antinave costruiti in Italia. Sono là da decenni, abbandonati. Per
venderli sono volate tangenti che in parte sono anche finite in tasche italiane.
SIGFRIDO RANUCCI
Mi dice chi arma l‟Isis?
GEORGE SMILEY
Il Qatar arma l‟Isis. Conosciamo anche quali famiglie lo fanno. Poi molte armi sono
arrivate anche attraverso la Turchia. Nel nostro ambiente si sa perfettamente che
l‟Isis è una creatura dell‟occidente. Anch‟io ho incontrato esponenti dell‟Isis.
È stato armato in funzione anti Iran per alimentare il conflitto storico tra i musulmani.
Ma poi ci è scappato di mano. E ora per bilanciare abbiamo riabilitato l‟Iran.
SIGFRIDO RANUCCI
Armi all‟Isis arrivano anche dall‟Italia?
GEORGE SMILEY
Beh l‟Italia ha armato l‟Isis a sua insaputa, armando la Siria di Assad e addestrando le
sue milizie che poi sono passate all‟Isis. Lo scorso febbraio, poi i militari sotto la guida
dei nostri servizi hanno addestrato nello Yemen, un centinaio di combattenti arabi da
utilizzare contro l‟Isis.
SIGFRIDO RANUCCI
Però la trovo una cosa positiva questa, no?
GEORGE SMILEY
Sì. Peccato però che finito l‟addestramento, nel giro di 36 ore, i combattenti si sono
dileguati e si sono arruolati nelle milizie dell‟Isis.
SIGFRIDO RANUCCI
Questa storia pare un po‟ incredibile.
GEORGE SMILEY
La trova incredibile? In Italia c‟è una struttura clandestina composta anche da
trafficanti d‟armi che è stata incaricata da un somalo di addestrare delle milizie per
finalità sconosciute. Quello che sappiamo è che questo somalo, secondo le agenzie di
informazioni riservate avrebbe contatti con personaggi vicini alle cellule terroristiche.
Le pare incredibile, vero?
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
I personaggi coinvolti nell‟addestramento delle milizie somale di cui ci parla George
Smiley, sono un ex promoter della Mediolanum, un somalo, un camionista sospettato
di essere vicino alla mala del Brenta, un fruttivendolo con presunti legami alla camorra
e un colonnello dell‟aeronautica militare in congedo. Sullo sfondo l‟ipotesi di una
struttura terroristica vicino all‟Isis. La storia comincia da un paesino vicino ad Imperia.
A Seborga da oltre 20 anni, ad agosto si festeggia. Da quando cioè Giorgio Carbone,
coltivatore di fiori, convinse i 350 abitanti a proclamarlo principe. Li convinse che quel
paesino doveva essere indipendente dallo stato italiano. E nell‟attesa che la richiesta
d‟indipendenza venga accolta battono anche moneta: il Luigino.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma è possibile che uno ad un certo punto, si sveglia la mattina e dice: “Io divento
principe”, e voi lo acclamate.
UOMO CON IL CAPPELLO
Non è che ha detto così: era un seborghino che ci teneva a Seborga e voleva fare in
modo che Seborga fosse conosciuta nel mondo.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Al di là della trovata pubblicitaria, pare che formalmente Seborga non sia stata
annessa allo stato italiano. Anche perché quando i monaci, proprietari del paese,
vendettero ai Savoia, l‟atto di cessione non fu mai registrato.
UOMO
Non è stato mai registrato perché non è mai stato pagato.
SIGFRIDO RANUCCI
Voi di che ordine siete? A che ordine appartenete?
UOMO
Cavalieri Bianchi di Seborga.
UOMO
Anche se da molti anni sono in questo cavalierato a suo tempo consacrato dal Principe
Giorgio…
SIGRFIDO RANUCCI
Quindi lei è quasi un gran cavaliere, un grande…
UOMO
Un cavaliere anziano.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
I cavalieri vengono a Seborga per difendere la cristianità. Anche perché pare che qui
si nascondano le reliquie di San Bernardo, padre dell‟ordine dei Templari. E per
omaggiarlo arrivano da varie parti del mondo.
TEMPLARE
Orden di San Bernardo, in Francia.
SIGFRIDO RANUCCI
Voi siete dell‟Ordine…?
TEMLARE
Noi siamo del V.O.S., Venerabilis Ordo Santi Sepulcri, che è l‟ordine, diciamo, più
vecchio qui di Seborga. 1365. Noi siamo contro questa versione cruenta, crudele,
cattiva dell‟Islam.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Morto Giorgio Carbone, l‟eredità grava sulle spalle di Marcello Menegatto, campione di
motonautica, residente in Svizzera, console onorario di Panama presso il Principato di
Monaco. Fa avanti e indietro da Dubai, con la principessa Nina e, con la sua impresa,
costruisce residenze di lusso. Alcune anche a Seborga.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei ha detto che l‟Italia si è annessa in maniera abusiva a Seborga.
MARCELLO MENEGATTO
No, non ho mai detto. Questo sarà da verificare.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei crede comunque nell‟indipendenza di Seborga?
MARCELLO MENEGATTO
Certo.
SIGFRIDO RANUCCI
Si batterà ancora per questo?
MARCELLO MENEGATTO
Certo. Sì.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Sembrano fuori usciti da un libro di favole. E come in tutte le favole non potevano
mancare i maligni. Giorgio Carbone per la sua sicurezza e quella del Principato aveva
chiamato alla sua corte degli addestratori speciali.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma voi sapevate chi erano questi?
LUIGI ZANNI – COMANDANTE GUARDIE DI SEBORGA
Sì, sì, abbiamo saputo dopo chi erano.
SIGFRIDO RANUCCI
E come ci è rimasto?
LUIGI ZANNI – COMANDANTE GUARDIE DI SEBORGA
Io ci sono rimasto male. E difatti ci avevo già bisticciato.
SIGFRIDO RANUCCI
Ah, sì? Perché?
LUIGI ZANNI – COMANDANTE GUARDIE DI SEBORGA
Era un po‟ tipo fascismo, roba del genere. Erano un po‟ duri, via.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Quegli addestratori facevano parte di una struttura segreta paramilitare coinvolta in
un traffico d‟armi. Tra loro c‟era uno dei principali protagonisti di questa storia:
Giancarlo Carpi, di professione camionista e rappresentante di aspirapolveri.
SIGFRIDO RANUCCI
Cercavo il signor Giancarlo…?
FIGLIO GIANCARLO CARPI
Non c‟è.
SIGFRIDO RANUCCI
Sa dove lo posso trovare?
FIGLIO GIANCARLO CARPI
Non ne ho idea.
SIGFRIDO RANUCCI
Non sa se sta in Italia, se sta fuori? Non lo sa?
FIGLIO GIANCARLO CARPI
Al momento sinceramente non lo so. Anche perché lui quando va, va. Non dice dove
va, cosa fa.
SIGFRIDO RANUCCI
Lui di solito quanto manca?
FIGLIO GIANCARLO CARPI
Vuole che la stupisca?
SIGFRIDO RANUCCI
Eh.
FIGLIO GIANCARLO CARPI
A volte anche due anni. È fatto così. Io credo che questo sia il luogo più sbagliato dove
lo potete trovare e io sono la persona più sbagliata che potevate incontrare.
SIGFRIDO RANUCCI
Quindi siamo sfortunati…
FIGLIO GIANCARLO CARPI
Molto, molto sfortunati direi.
SIGFRIDO RANUCCI
Perdoni, però. Perché così… tanta difficoltà?
FIGLIO GIANCARLO CARPI
No, ma non c‟è difficoltà nel comunicare con lei. C‟è difficoltà nel dare le informazioni
che mi chiede. Primo perché non so chi è lei. Secondo perché conosco i giri di mio
padre. Terzo perché non ne voglio avere niente a che fare.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei non è d‟accordo coi giri di suo padre?
FIGLIO GIANCARLO CARPI
Io so benissimo di che giri si trattano. So le difficoltà. So i pericoli che si corrono. Non
credo sia il caso che voi ripassiate per di qua, in poche parole.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
I giri pericolosi di cui parla il figlio partono dalla provincia di Venezia, dove Carpi
aveva fondato con altri la struttura militare segreta, denominata “Legione Brenno”,
ispirata al condottiero dei Galli che assediò Roma.
La legione Brenno era nata nel ‟93, in coincidenza con lo scoppio della guerra tra serbi
e croati. Carpi aveva partecipato segretamente alla guerra, a fianco delle milizie
croate. Ma anche per portare a termine una missione rimasta fino a oggi segreta.
Come ci racconta lui stesso, che rintracciamo attraverso Skype.
GIANCARLO CARPI
Ci è stato chiesto un favore.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma un favore da chi? I servizi?
GIANCARLO CARPI
C‟erano anche loro di mezzo. I carabinieri che ci han chiesto un favore…
SIGFRIDO RANUCCI
I carabinieri? Ma i carabinieri a livello ufficiale o a livello…?
GIANCARLO CARPI
No, no. Tutto a livello ufficioso.
SIGFRIDO RANUCCI
E chiamano te...
GIANCARLO CARPI
Ascoltami. Cominci a fare domande che non avrai mai risposte.
SIGFRIDO RANUCCI
Di andare a prendere che cosa? Dei documenti?
GIANCARLO CARPI
Un pacco così. Eccolo qui: un pacco così!
SIGFRIDO RANUCCI
Ma documenti di che genere? Di politici italiani?
GIANCARLO CARPI
Di politici italiani.
GIANCARLO CARPI
Di quello che avevano fatto. Di come erano cambiate le cose dopo la guerra. In che
linee e rotte erano state prese. Come operavano… Tutte quelle cose lì.
SIGFRIDO RANUCCI
Quindi erano dei dossier che erano stati fatti dai servizi…?
GIANCARLO CARPI
Dai servizi, esattamente.
SIGFRIDO RANUCCI
Sui politici italiani?
GIANCARLO CARPI
Esatto!
SIGFRIDO RANUCCI
E c‟era roba scottante dentro?
GIANCARLO CARPI
Eh…, se con la scusa delle armi, mi hanno smontato la macchina, in realtà cercavano
quel dossier lì che in macchina non potevano trovarlo.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
L‟esistenza dei legionari di cui faceva parte Carpi viene scoperta a Mestre, mentre
sulla loro auto trasportavano kalashnikov e bazooka. Quando la polizia cerca di
fermarli i legionari sparano, feriscono un poliziotto che rimarrà a vita sulla sedia a
rotelle. Si scoprirà dopo che Carpi e i suoi avevano anche progetti golpisti, a
cominciare da un attentato al presidente della repubblica Oscar Luigi Scalfaro.
GIANCARLO CARPI
Tutte cazzate!
SIGFRIDO RANUCCI
Quale doveva essere la finalità di quella legione?
GIANCARLO CARPI
Mah, era un momento storico particolare. Quanti partiti c‟erano in Italia che non erano
armati? E la gente cosa ne sa del fatto se i partiti politici sono armati o meno?
SIGFRIDO RANUCCI
Perché vi dovevate armare voi?
GIANCARLO CARPI
Se volevi entrare, dovevi far parte del gioco.
SIGFRIDO RANUCCI
Volevi entrare dove?
GIANCARLO CARPI
A Palazzo Chigi. Non ti han detto che avevamo il partito? Che si chiamava Partito del
Diritto?
SIGFRIDO RANUCCI
E le armi a che cosa servivano?
GIANCARLO CARPI
Le armi dovevano rimanere là, nell‟eventualità di un qualcosa da difendere. Ma non ha
importanza, dai... Tempi passati.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Secondo una collaboratrice di giustizia, Giancarlo Carpi, sarebbe stato in grado di
reperire armi di qualsiasi tipo e sarebbe vicino agli uomini di Felice Maniero, boss della
mala del Brenta. Lui nega, ma ammette di aver avuto contatti con alcuni suoi uomini
nel carcere di Padova. E ci rivela un retroscena inedito su Maniero.
GIANCARLO CARPI
Gli hanno ammazzato la figlia a Pescara.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma so che si è suicidata.
GIANCARLO CARPI
Invece non si è suicidata. Ero in cella con i suoi e la sera prima che la uccidessero, al
rientro a mezzanotte han fatto una riunione lì, in cella…: “Ma avete visto che cosa
stanno facendo a Pescara?”. “Sì”. “E cosa ci possiamo fare?” “Io non sono d‟accordo”.
“Io non sono d‟accordo”. Cioè tra di loro hanno discusso e non erano d‟accordo su
quello che doveva succedere la sera dopo a Pescara.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Elena, la figlia prediletta di Felice Maniero era morta dopo esser caduta dalla
mansarda di questo condominio nel centro storico di Pescara, dove viveva sotto falso
nome. Nonostante i dubbi del padre, la vicenda è stata archiviata come un suicidio per
motivi sentimentali.
SIGFRIDO RANUCCI
Quindi l‟hanno buttata di sotto dalla finestra? Questo mi stai dicendo?
GIANCARLO CARPI
Sì, esatto.
GIANCARLO CARPI
Quello che ti ho detto è la verità.
SIGFRIDO RANUCCI
E perché l‟hanno fatto, secondo te?
GIANCARLO CARPI
Tu hai dato un‟opinione tua e penso che sia quella giusta.
GIANCARLO CARPI
Cioè perché lui aveva collaborato con la giustizia?
SIGFRIDO RANUCCI
Esatto.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Per la sua capacità di reperire armi e la dimestichezza con i contesti di guerra, Carpi
entra in contattato con un somalo, Omaar Jama, che gli avrebbe chiesto di
addestrare delle milizie.
GIANCARLO CARPI
Mi aveva chiesto di fare qualcosa anche alle Seychelles.
SIGFRIDO RANUCCI
Cioè addestrare un…
GIANCARLO CARPI
Addestrare, sì, gli anti-pirateria.
SIGFRIDO RANUCCI
Anti-pirateria. Ma qual era la finalità di quella roba lì?
GIANCARLO CARPI
Cioè praticamente tu dovevi addestrare alla rovescia delle persone, perché ti
portavano davanti gente che non è vero che non sapeva niente di armi o di guerre o
cose del genere.
Erano talmente animali che loro ammazzavano tutti, quindi non riuscivano a vedere se
una persona doveva essere ammazzata o meno.
SIGFRIDO RANUCCI
Tu sai lui a chi era collegato?
GIANCARLO CARPI
No, non l‟ho mai chiesto. E non mi interessava.
SIGFRIDO RANUCCI
Come non ti interessava? Cioè?
GIANCARLO CARPI
Vuoi un consiglio?
SIGFRIDO RANUCCI
Sì.
GIANCARLO CARPI
Se non fai parte dei servizi, che da come stai parlando fai parte dei servizi…
SIGFRIDO RANUCCI
Io faccio parte dei servizi?
GIANCARLO CARPI
Stanne alla larga.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
É a Firenze che Giancarlo Carpi incontra per la prima volta Omaar Jama Mohammed.
Ma chi è questo somalo che gli chiede di addestrare milizie? Jama, è il nipote dell‟ex
dittatore del Puntland, la regione della Somalia che si trova sul Corno d‟Africa,
accusato dai rivali di avere legami con organizzazioni vicine ad Al Qaeda. Omaar Jama
invece ha vissuto a lungo a Firenze, dove ha frequentato la facoltà di giurisprudenza.
Si è arrangiato come elettricista e si è occupato dell‟accoglienza agli immigrati. Quello
che è meno noto invece è che Jama ha trafficato in oro e diamanti. Il sospetto è che
con il ricavato volesse finanziare l‟addestramento delle milizie. E forse anche l‟acquisto
di armi. Sempre in viaggio tra Dubai, Ghana, Emirati Arabi, e Londra è difficile
trovarlo. Cambia continuamente residenze e utenze telefoniche. L‟ultima sua
abitazione nota è in questa strada nel centro storico di Firenze.
SIGFRIDO RANUCCI
Salve signora sono Ranucci della Rai e stavo cercando il signor Jama Omaar.
DONNA
É un amico del mio babbo, ma che ha abitato qui, ma…si parla di quattro anni fa.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma lei sapeva che cosa fa questo signore?
DONNA
No.
SIGFRIDO RANUCCI
Aveva chiesto anche di fare un campo di addestramento con delle milizie somale giù in
Somalia, lei questo non lo sa? Non sa niente?
DONNA
Mi sta un attimo spaventando, guardi…Mi ha sconvolta con questa cosa.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Omaar Jama risulta non aver percepito redditi. Tuttavia, nel 2007 intasca una
consulenza di circa 16 mila euro, dalla SPM consulting. Cioè dalla società riconducibile
a Stefano Perotti accusato di aver pagato benefit e consulenze all‟ex top manager del
ministero delle Infrastrutture Ercole Incalza, in cambio di appalti. Vicenda che ha
portato alle dimissioni del ministro Lupi. Ma cosa c‟entra una società coinvolta
nell‟inchiesta sulle grandi opere, con un somalo che vuole addestrare milizie? Da
alcuni anni Jama si è trasferito a Londra.
SIGFRIDO RANUCCI
Hello, I‟m looking for Mr. Jama. Do you know him?
DONNA
No, no, no.
SIGFRIDO RANUCCI
I know who lives here.
DONNA
Non conosco questa persona
SIGFRIDO RANUCCI
Does Mr. Jama live here?
UOMO
No, non l‟ho mai sentito, mi dispiace…
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Dopo averlo cercato invano presso quelle che ci risultavano essere alcune sue
residenze e aver lasciato il nostro recapito. Omaar Jama inaspettatamente ci chiama
da un‟utenza londinese …
SIGFRIDO RANUCCI
Signor Jama, io volevo sapere a che scopo lei voleva fare addestrare le milizie.
JAMA OMAAR
Io? Io non ho mai chiesto una cosa del genere perché non mi appartiene quel tipo di
mentalità.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei ha mai cercato armi?
JAMA OMAAR
Io non ho mai toccato nessun‟arma in vita mia.
SIGFRIDO RANUCCI
Le ho chiesto se ha cercato di comprare armi, non se le ha toccate.
JAMA OMAAR
Guarda allora diventa grave la cosa. Ma lei è pazzo, veramente pazzo. Perché non le
ho mai toccate e non voglio toccarle per il resto della mia vita. Perché mi considero
una persona più che pacifista!
SIGFRIDO RANUCCI
Posso chiederle che mestiere fa lei?
JAMA OMAAR
Io la mattina qui…mi alzo e vado a prendere un ragazzo handicappato e lo porto a
scuola, campo con questo.
SIGFRIDO RANUCCI
Mi risulta che lei ha trafficato in oro e diamanti…
JAMA OMAAR
Ci stava qualcuno che era interessato ai diamanti, qualcuno che era interessato
all‟oro.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma perché lo chiedono proprio a lei?
JAMA OMAAR
Perché io mi sono messo a fare assistenza alla società ONG o cose del genere per fare
dei progetti in giro per il mondo.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei ha percepito nel 2007 una consulenza dalla SPM Consulting, la società di Perotti
che è entrata poi nell‟inchiesta sulle grandi opere. Lei cosa c‟entra con questa società?
JAMA OMAAR
Ho lavorato come consulente qualche tempo fa, per promuovere loro per trovare
lavoro che non abbiamo mai trovato poi.
SIGFRIDO RANUCCI
Perché non ci incontriamo?
JAMA OMAAR
Ma io non ho voglia di incontrare una persona come lei.
GEORGE SMILEY
Quello che le posso dire è che Omaar Jama ha cercato di acquistare armi e le posso
anche dire che è in contatto con personaggi vicini alla cellula terroristiche Al Shabaab.
SIGFRIDO RANUCCI
E chi sarebbero queste persone?
GEORGE SMILEY
Sono personaggi insospettabili che vivono a Roma.
MILENA GABANELLI IN STUDIO
Allora. Jama è indagato per reclutamento clandestino di contractors e traffico d‟armi;
a noi dice di essere un pacifista e noi, fino a prova contraria, gli crediamo. E non è
detto che sappia che le persone con cui è in contatto sono legate all‟organizzazione
terroristica somala Al Shabaab. Di sicuro contrastare questa organizzazione è una
priorità per il presidente Obama, che qualche mese fa ha annunciato finanziamenti
all‟intelligence mirati proprio a questo. Che cos‟è Al Shabaab? É responsabile di una
lunghissima serie di attentati in Africa: 200 vittime all‟ambasciata americana, 67 in un
centro commerciale di Nairobi, 24 in un hotel di Mogadiscio, 148 vittime all‟università
del Kenya, molti erano studenti cristiani, fino all‟ultimo, un paio di settimane fa,
all‟hotel Sahafi di Mogadiscio, 15 vittime fra cui 3 colleghi nostri, 3 giornalisti. Allora.
Questa organizzazione legata ad Al Quaida, ultimamente si è avvicinata all‟Isis e fra
gli obiettivi c‟è la riconquista del Puntland, una regione del Corno d‟Africa strategica,
strategica anche perché è vicina al mare e quindi è facilitato l‟arrivo delle armi e dove
era presidente proprio lo zio di Jama. Andiamo in pubblicità e poi torneremo in Italia
per vedere dove ci porta questa organizzazione clandestina invece italiana che deve
addestrare uomini appunto, nel Corno d‟Africa.
PUBBLICITÀ
MILENA GABANELLI IN STUDIO
Li chiamano contractors, più comunemente detti mercenari. Fanno un lavoro sporco
che si serve di manovalanza, che difficilmente si presenta in giacca a cravatta: è più
facile in canottiera. Allora i contractors di cui parleremo adesso da giovedì sono tutti
indagati. C‟è il camionista Carpi che dice di essere stato incaricato dal somalo Jama di
addestrare miliziani antipirateria nel Corno d‟Africa. Il somalo Jama dice “ ma io mi
occupo di bambini handicappati, voi siete pazzi”. Poi c‟è anche un fruttivendolo di
Caserta, c‟è l‟ex promoter di Mediolanum, c‟è il colonnello d‟aeronautica in congedo;
poi lo scenario cambia e si arriva all‟aeroporto dell‟Urbe dentro la Società Italiana
Elicotteri che vende anche per conto di Finmeccanica. Bene. Ripartiamo da Roma con
una cittadina somala che di professione gestisce un negozio di parrucchiera e
ortofrutta e che sa bene come vanno le cose in Somalia
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Uno dei contatti romani di Jama Omaar risulterebbe essere una commerciante somala
che esercita le sue attività nei pressi della stazione Termini. É la leader della comunità
somala in Italia; è stata membro della consulta degli stranieri nel comune di Roma. E
nel 2007 è stata candidata alle primarie del Partito Democratico. Si tratta della signora
Osman Lul, figlia dell‟ex ministro delle finanze di Siad Barre. La signora Lul, nel 2011 è
stata monitorata perché sospettata di avere contatti con soggetti vicini ad Al Shabaab.
Sospetti però che non hanno trovato riscontri.
OSMAN LUL
Prego solo Dio di non incontrarli e di non avere contatti da parte loro. In Somalia
addirittura non si risponde a un numero che non si conosce perché potrebbe saltare
fuori…
SIGFRIDO RANUCCI
Un contatto?
OSMAN LUL
No delle minacce. Sa che l‟ultima cosa che hanno fatto in quell‟albergo lì io ho perso il
proprietario che era un mio carissimo amico.
SIGFRIDO RANUCCI
In questo attentato adesso di sabato?
OSMAN LUL
Sì, sì, il padrone dell‟albergo e anche cittadino italiano era.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
La signora Lul, nega anche di aver avuto conosciuto Omaar Jama.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei non l‟ha mai incontrata questa persona qua?
OSMAN LUL
No, no, mai visto, mai incontrato.
SIGFRIDO RANUCCI
A lei non ha mai chiesto un aiuto per addestrare delle milizie o a chi rivolgersi per
poter fare un‟operazione di questo genere?
OSMAN LUL
No, assolutamente, se un privato fa queste cose lo fa per secondi fini che per me per
nessunissima ragione non sono legali. Sono un militare, sono nello Stato se non sono
ufficiali per me tutto quello che non è ufficiale è illegale, con ciò si potrebbe
nascondere qualunque cosa.
SIGFRIDO RANUCCI
E poi in quel contesto là finisci in mano ai signori…
OSMAN LUL
Finisci in mano… io divento un altro Shabaab, o divento un altro signore della guerra.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Diciamo che addestratori a cui si era rivolto Jama non sono proprio militari autorizzati
dallo Stato. Giancarlo Carpi per l‟addestramento dei somali, aveva coinvolto anche un
fruttivendolo di Caserta, con precedenti penali: Francesco Chianese, detto “‟O
Santulillo”; con il figlio, sarebbe il riferimento sul territorio dell‟ex-latitante Michele
Zagaria, il più potente e feroce dei capi del clan dei casalesi.
SIGFRIDO RANUCCI
Buongiorno. Mi scusi, sto cercando il signor Chianese, Ciccio Chianese.
FRANCESCO CHIANESE
Che è successo?
SIGFRIDO RANUCCI
No, no, niente. Sa dov‟è?
FRANCESCO CHIANESE
Lei chi è, scusi? Sono io!
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Il sospetto è che parte dei soldi che Chianese e figlio avrebbero intascato per
addestrare i somali sarebbero poi finiti nelle casse della camorra.
FRANCESCO CHIANESE
A me mi è stato offerto un contratto per due anni. Dodicimila euro al mese. Spesato,
perché là le spese sono zero. E siccome che io non sono uno come loro che ho fatto
già… però… so.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma lei che esperienza di armi e di guerra ha?
FRANCESCO CHIANESE
Eh. C‟ho l‟esperienza privata, insieme a loro.
SIGFRIDO RANUCCI
Esperienza privata?
FRANCESCO CHIANESE
Insieme a loro.
SIGFRIDO RANUCCI
Cioè mi può raccontare meglio?
FRANCESCO CHIANESE
Senta loro stanno… Proprio questo fanno. Io insieme a loro finivo di acquisire un po‟ di
esperienza, che io ho acquisito insieme a loro stessi. In nero. In nero, come dire?
Ho fatto parte pure io in qualche modo, in qualche cosa.
SIGFRIDO RANUCCI
Qualche missione particolare?
FRANCESCO CHIANESE
Sì! Privata, però, eh.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma lei che cosa avrebbe dovuto fare materialmente?
FRANCESCO CHIANESE
Quello che fan loro.
SIGFRIDO RANUCCI
Cioè addestrare questi somali.
FRANCESCO CHIANESE
Quello che fan loro.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma addestrarli a fare…?
FRANCESCO CHIANESE
Tutto!
SIGFRIDO RANUCCI
A sparare, a…?
FRANCESCO CHIANESE
Tutto, tutto, sì!
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Chianese, tira in ballo Giuseppe Carvelli, un costruttore calabrese, con la passione
delle armi. Il comando degli addestratori delle milizie somale doveva essere affidato a
lui.
FRANCESCO CHIANESE
Lui è partito a 15, 16 anni per la Legione straniera. Poi è passato ai servizi segreti.
Stava sempre a cena e a pranzo con Saddam, con… Stava sempre in quei paesi là.
SIGFRIDO RANUCCI
Perché lui mi aveva detto che aveva delle armi letali. Carvelli.
FRANCESCO CHIANESE
Io non c‟ho neanche un ferro per stirare.
SIGFRIDO RANUCCI
No lei: Carvelli, aveva delle armi letali.
FRANCESCO CHIANESE
Ma lui ce le ha di tutti… Lui è esperto proprio, lui è patito. Lui le armi ce le ha qua.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma dove è stato lui in missione?
FRANCESCO CHIANESE
Lui è stato in tutti i posti. Saddam, Gheddafi… qua, Bosnia. Le ha fatte tutte, le ha
fatte. Stava scoppiando la guerra? Adesso… Adesso scoppia la guerra in Russia. Ah,
esce un po‟ di lavoro per noi. A facc‟ do cazz‟. Tu stai pensando… Quello proprio ce
l‟ha qua.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma lei ci andrebbe in guerra in Russia?
FRANCESCO CHIANESE
Io? Ma quando mai?
SIGFRIDO RANUCCI
Apposta dico…
FRANCESCO CHIANESE
Ma quando mai?
SIGFRIDO RANUCCI
Lei ha addirittura uno zio che stava nei servizi segreti. E come si chiama, posso
saperlo?
FRANCESCO CHIANESE
Lui non so come si fa chiamare.
SIGFRIDO RANUCCI
Va beh, c‟avrà un suo nome in codice, che cambierà nome immagino…
FRANCESCO CHIANESE
No, perché io sono stato a casa sua, parecchio tempo fa. C‟aveva così, di passaporti,
uno diverso dall‟altro.
SIGFRIDO RANUCCI
Suo zio?
FRANCESCO CHIANESE
Sì. Tutti legali. Tre anni fa stavamo in Spagna e ci hanno chiesto che dovevamo fare
un‟operazione un poco delicata. Un urto, un servizio, magari che ne so ammazzare
una persona. Bum. E sparisce, finisce. Capito quello che voglio dire?
SIGFRIDO RANUCCI
Però ora mi mette paura. Che doveva ammazzare una persona..., no.
FRANCESCO CHIANESE
Dovevamo un servizio per lui. Un servizio un po‟ delicato che non sapeva, oltre io e
lui, non lo sapeva più nessuno. Punto.
SIGFRIDO RANUCCI
Ed era?
FRANCESCO CHIANESE
Noi stavamo in Spagna. Noi approfittando che stavamo in Spagna, dice: “Ti faccio
guadagnare bei soldi”.
SIGFRIDO RANUCCI
E a Madrid che dovevate fare?
FRANCESCO CHIANESE
Foto, foto un poco…
SIGFRIDO RANUCCI
Compromettenti?
FRANCESCO CHIANESE
Compromettenti.
FRANCESCO CHIANESE
Era un nipote di un colonnello di Hitler.
FRANCESCO CHIANESE
Che c‟ha… Te lo dico adesso, poi non ti dico più niente. 340 miliardi di dollari. E 6mila
800 quintali di oro.
SIGFRIDO RANUCCI
No, ma che sta dicendo? Lei mi sta raccontando balle.
FRANCESCO CHIANESE
No, nascosti. Era tutta merce confiscata da Hitler all‟epoca della guerra. E lasciati al
colonnello. E il colonnello l‟ha lasciati al nipote.
SIGFRIDO RANUCCI
E dove stanno questi soldi?
FRANCESCO CHIANESE
Sono dentro delle banche tra la Francia e Germania. Questi qua, i grossi, delle banche
dicono: “Se questo si prende tutti questi soldi e li toglie dalle nostre casse, lo Stato
va, (fischia), a capa sotto!” Ecco perché le banche, si rivolgono ai servizi segreti loro,
tramite… Dice: “Meglio farlo fuori questo…”.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Anche il colonnello dell‟aeronautica Antonio Intorcia dice di appartenere ai servizi
segreti italiani e americani.
SIGFRIDO RANUCCI
E lei è sicuro che non possiamo dire che lei ha fatto parte dei servizi italiani,
americani?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
No, io ho lavorato per il Sismi per un periodo di tempo. Poi siccome che non piaceva
né tantomeno piace l‟atteggiamento di certi capi che stava all‟epoca, ho detto:
“Guardate, lasciatemi stare a me, perché non…”.
SIGFRIDO RANUCCI
Mi spieghi qual è il suo timore colonnello, però?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
No, io non c‟ho timore, però… Vede, per esempio, tanto per dire… Questo è un affare
americano.
SIGFRIDO RANUCCI
Questo qui è dei trasporti, però, non è dei servizi.
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Sì, è dei trasporti. È una divisione…
SIGFRIDO RANUCCI
Dei servizi. Cioè, lei ha fatto parte?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
No faccio parte.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei è vincolato al segreto? Mi faccia capire.
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Non va messo in evidenza il personaggio, secondo me. Va messo quello che dice il
personaggio.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
E cosa ci dice il colonnello Intorcia insignito nel ‟93 “Cavaliere della Repubblica” per
meriti militari. A lui, si sarebbe rivolto un ex carabiniere, Ivan Fracasso, su mandato di
Giancarlo Carpi, per organizzare i campi di addestramento delle milizie somale, e per il
trasporto di armi e personale.
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
No. No, questa è una menzogna, però.
SIGFRIDO RANUCCI
Non addestrerei mai dei guerriglieri, diciamo…
SIGFRIDO RANUCCI
In funzione anti…?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Dei guerriglieri, poi, specialmente se sono riuniti in organizzazioni segrete.
SIGFRIDO RANUCCI
Perché segrete?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Beh, sì, perché lì vengono addestrati - per esempio da quello che si legge anche oggi,
in Tunisia - vengono addestrati, diciamo, questi personaggi da…
SIGFRIDO RANUCCI
Da?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Dall‟Isis.
SIGFRIDO RANUCCI
Eh va beh, abbiamo detto tutto? voleva dire altre cose?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Mi spiace il fatto che lei sapeva che io…
SIGFRIDO RANUCCI
Che?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
No, no, che qualcuno ha detto che io stavo in contatto con… con i somali.
SIGFRIDO RANUCCI
Come mai un colonnello dell‟aeronautica del suo spessore viene coinvolto in questa
vicenda.
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Ma dove sta scritto questo?
SIGFRIDO RANUCCI
L‟ha scritta il capitan Fracasso, il carabiniere dopo aver parlato con lei. L‟ha scritto in
una mail e dice che per l‟addestramento di questi somali servono bombe a mano,
lanciarazzi, lanciamissili, artiglieria terrestre, mortai, antiaerei, blindati, cioè questa è
roba più che per antipirateria sembra che ci devi fare la guerra.
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Lì, nacque tutto, diciamo, da un amico suo che…
SIGFRIDO RANUCCI
Giancarlo Carpi.
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Mmh. Vabbè adesso non ricordo il nome.
SIGFRIDO RANUCCI
Trafficante di armi legato alla mala del Brenta. Dicevo, che cosa le ha chiesto capitan
Fracasso per questi somali?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
No, ma lui ipotizzò una serie, diciamo, di campi, di campi, chiamiamoli…
SIGFRIDO RANUCCI
Di addestramento…
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Sì, d‟addestramento. Ma finalizzati, diciamo… a mantenere una certa tranquillità
sociale. Ma non in combutta con i signori della guerra. Capito? A me l‟unica cosa che
lui mi chiese, mi chiese se era possibile, diciamo, organizzare, e basta, dei trasporti
aerei ...
SIGFRIDO RANUCCI
Finalizzati a cosa? A portare armi però.
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Eh, no.
SIGFRIDO RANUCCI
Scusi, ma perché si rivolge a un colonnello dell‟aeronautica militare se non deve
portare roba militare, però?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
No, no, no. Innanzitutto non si è rivolto a me per portare „sti materiali, perché non lo
poteva dire, né tanto meno si può fare.
SIGFRIDO RANUCCI
E come le portano le armi laggiù?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
A volte con triangolazioni varie. Con l‟Egitto, per esempio, con altri paesi, diciamo,
compiacenti, alla Somalia, all‟Eritrea.
SIGFRIDO RANUCCI
Beh arriveranno in maniera illegale?
ANTONIO INTORCIA – COLONNELLO IN CONGEDO AERONAUTICA MILITARE
Beh, le armi arrivavano in maniera illegale e continuano ad arrivare in maniera
illegale.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
La pedina più importante e misteriosa però sembra essere un ex promoter della Banca
Mediolanum. Il suo nome è Alessandro Ghidoni. È a lui che per primo si rivolge Omaar
Jama per organizzare l‟addestramento delle milizie. È dentro varie società immobiliari
o che trattano compravendita di petrolio. Eppure, almeno in Italia, sembrano inattive
perché da anni non presentano bilanci. Ghidoni ufficialmente risulta residente a
Ginevra, in via Giuseppe Motta 18.
ABITANTE
Abito qua da più di vent‟anni. Non l‟ho mai visto.
SIGFRIDO RANUCCI
Da 20 anni e non ha mai visto questa persona?
ABITANTE
No, mai.
ABITANTE
No, mai visto.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Dov‟è allora Alessandro Ghidoni? Si trova in questo anonimo villino di Cecina, vicino
Livorno e non è stato facile trovarlo, perché di lui non c‟è traccia su fonti aperte.
E quindi c‟è da chiedersi perché un somalo che vuole addestrare milizie si rivolge
proprio a lui? Soprattutto, che mestiere fa Alessandro Ghidoni?
RANUCCI SIGFRIDO
Sono un giornalista.
ALESSANDRO GHIDONI
Giornalista?
SIGFRIDO RANUCCI
Sì. Della Rai.
ALESSANDRO GHIDONI
Com‟è che sa che abito qui?
SIGFRIDO RANUCCI
Il motivo principale per cui sto qui è questo. Perché questo Jama dovrebbe addestrare
milizie giù in Somalia?
ALESSANDRO GHIDONI
Io non lo so questo.
SIGFRIDO RANUCCI
Però mi dicono che è stato lei a organizzare, diciamo così, il gruppo che avrebbe
dovuto addestrare questi somali…
ALESSANDRO GHIDONI
E che tanto io faccio il militare? Cazzo, io se va a guardare…
SIGFRIDO RANUCCI
Che fa lei? Lei che esperienza c‟ha di armi, di cose…?
ALESSANDRO GHIDONI
Io? Di niente non so nemmeno come si monta una pistola…
SIGFRIDO RANUCCI
Addirittura vi siete che voi tre vi siete incontrati a Firenze, lei, Giancarlo Carpi e Jama.
ALESSANDRO GHIDONI
Non mi ricordo nemmeno. Se l‟ho incontrato con…
SIGFRIDO RANUCCI
Però scusi, lei incontra Jama e Carpi e non se lo ricorda?
ALESSANDRO GHIDONI
Ma con Carpi tante volte ci siamo sentiti, eh? Questa è una cosa che mi sta dando
uggia allo stomaco in una maniera esagerata.
SIGFRIDO RANUCCI
E si metta anche nei miei panni. Non è facile venire a casa di una persona…
ALESSANDRO GHIDONI
No, no.
SIGFRIDO RANUCCI
E dirgli… scusi, mi hanno detto che lei.
ALESSANDRO GHIDONI
Traffica armi.
SIGFRIDO RANUCCI
Ha cercato di metter su un campo di addestramento.
UOMO
Un campo di Al Qaeda.
SIGFRIDO RANUCCI
Per somali.
UOMO
È talmente assurda questa cosa che mi fa ridere. Questa cosa…
SIGFRIDO RANUCCI
È vero?
UOMO
È una barzelletta.
ALESSANDRO GHIDONI
Non ho fatto nemmeno il militare
UOMO
Sei stato anche obiettore di coscienza.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Quello che sappiamo è che Ghidoni è anche socio di Aldo Pavan, proprietario a Mestre
della Veneto Petroli. Pavan è stato condannato negli anni „80, a 33 anni di carcere in
Thailandia perché coinvolto in un traffico di stupefacenti. Ma secondo la CIA dietro la
sua attività di import ed export, avrebbe nascosto un traffico di armi con il Vietnam
del nord. Accuse, però, mai provate. Nel „99 Pavan esce dalle prigioni thailandesi
graziato, dopo l‟intervento del ministro degli Esteri, Lamberto Dini. Tornando al
nostro Ghidoni è soprattutto il mediatore della “Italiana Elicotteri”, una società che
vende i prodotti di Agusta Westland. I suoi uffici sono all‟interno dell‟aeroporto
dell‟Urbe a Roma, in questa palazzina di Finmeccanica. Il proprietario è Andrea Pardi,
che ha affidato le relazioni istituzionali a Maria Grazia Cerone. La fidata collaboratrice
di Marcello Dell‟Utri.
GIORGIO MOTTOLA
Dottor Pardi? Dottor Pardi, mi scusi, è vero che lei ha intavolato trattative per vendere
aerei… la telecamera! Mi ha rotto la telecamera!
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
L‟aggressione continua all‟interno degli uffici dell‟Italiana Elicotteri, dove è ancora più
violenta. Pardi stringe il braccio attorno al collo del nostro collega Giorgio Mottola, per
immobilizzarlo. Con l‟altra mano tenta di fare a pezzi la telecamera per distruggere il
filmato. Nonostante siano presenti la segretaria e altri dipendenti, nessuno interviene.
MILENA GABANELLI IN STUDIO
Questo accadeva un mese fa. Ma come siamo arrivati al manager Pardi che vende gli
elicotteri e si presenta col biglietto da visita di Agusta Westland? Attraverso il suo
mediatore Ghidoni, ex promoter di Mediolanum, obbiettore di coscienza e
organizzatore con quella che sembra essere “un‟armata brancaleone” di un campo di
addestramento nel Corno d‟Africa su richiesta del somalo Jama. Bene. Ma Andrea
Pardi esattamente invece che cosa fa? E qui la storia passa ad un livello più alto e
decisamente più sofisticato. Dopo la reazione un po‟ violenta, tre giorni fa ci ha
ripensato, ha cambiato idea, anche modi e ha chiesto di incontrarci.
SIGFRIDO RANUCCI
Allora dottor Pardi, prima di tutto queste telecamere le riportiamo a casa questa volta.
ANDREA PARDI
Assolutamente sì. Mi auguro di potermi scusare con il dottor Mottola.
SIGFRIDO RANUCCI
Ha avuto il tempo per farlo, sono passati dei giorni.
ANDREA PARDI
Non ci sono state le condizioni come le ho spiegato per telefono per le ragioni
personali che lei sa.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei voleva acquistare degli aerei ex militari da Alenia.
ANDREA PARDI
Sì, verissimo.
SIGFRIDO RANUCCI
Per farne che, posso chiederlo?
ANDREA PARDI
Le volevamo affittare all‟Onu per il trasporto di materiale umanitario.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma è vero che lei ha confidato a una signora che invece quelli possono essere utilizzati
per sganciare caramelle al napalm? Era una battuta spero.
ANDREA PARDI
Ma io mi auguro che coloro che hanno detto tutte queste cose si assumano la
responsabilità. Noi abbiamo un plotone di avvocati mi creda.
SIGFRIDO RANUCCI
No, ma è una battuta immagino.
ANDREA PARDI
Questa è diffamazione, caramelle al napalm non è nel mio lessico.
SIGFRIDO RANUCCI
Senta, cosa sa di Andrea Pardi e della Società Italiana Elicotteri?
GEORGE SMILEY
Pardi ha cercato di vendere elicotteri che apparentemente sono ad uso civile, ma
hanno componenti militari oppure possono essere modificati per utilizzarli in guerra.
SIGFRIDO RANUCCI
Senta, ma è possibile che Agusta e Finmeccanica non sappiano nulla dell‟attività di
Pardi?
GEORGE SMILEY
Questo non lo so. Certo è singolare che dentro Finmeccanica non ci sia nessuno che si
chieda dove vanno a finire gli elicotteri di Pardi. Le società come quelle di Pardi
potrebbe servire a vendere in paesi, dove Agusta non può vendere ufficialmente.
Come l‟Iran. Il gioco, da quello che so, doveva essere questo. Pardi ha cercato di far
immatricolare 38 elicotteri dell‟Agusta Bell in Brasile. Li avrebbe poi venduti alla
Keystone Trade Oil and Gas, una società creata qui a Londra esclusivamente per
questa operazione. Poi, hanno usato come testa di legno una vecchia donna afghana
per firmare il contratto. Così gli elicotteri venivano rivenduti in Nigeria, grazie anche
all‟aiuto di un mediatore israeliano, ma c‟era un accordo perché fossero destinati in
Iran.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Per mettere in piedi le società che avrebbero mascherato la destinazione finale degli
elicotteri, Andrea Pardi si sarebbe fatto dare una mano dall‟ex promoter della
Mediolanum, Alessandro Ghidoni.
SIGFRIDO RANUCCI
Fa consulenza pure per la Società Italiana Elicotteri, giusto?
ALESSANDRO GHIDONI
Mi avevano chiesto un contratto… di fare vendite…
SIGFRIDO RANUCCI
Elicotteri?
ALESSANDRO GHIDONI
Sì che non sono mai andati a buon fine.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei avrebbe fatto la mediazione per creare una società con tale Vito Nicola, Mariano,
una società che aveva la Trade Oil&Gas Company
ALESSANDRO GHIDONI
Io non ho nessuna società…
SIGFRIDO RANUCCI
Per triangolare gli elicotteri in Nigeria che poi dovevano andare in Iran.
ALESSANDRO GHIDONI
Vito Mariano l‟ho conosciuto, m‟ha chiamato anche tempo fa.
SIGFRIDO RANUCCI
E questi elicotteri dovevano andare in Iran sostanzialmente. La destinazione finale
era…
ALESSANDRO GHIDONI
Per la verità non lo so dov‟è che dovevano andare.
SIGFRIDO RANUCCI
Da quello che mi risulta si è dotato di un rappresentante in Iran per vendere elicotteri.
ANDREA PARDI
Assolutamente sì perché in Iran prima o poi l‟embargo cadrà
SIGFRIDO RANUCCI
Quindi lei si è portato avanti col lavoro diciamo.
ANDREA PARDI
Ma guardi ci sono decine di imprese italiane a partire dall‟Eni che sono presenti in
Iran.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Uno che ha cercato di vendere elicotteri di Pardi in Iran, nonostante l‟embargo è
Siamak Ghalehsari, che si presenta con questo biglietto da visita: “rappresentante per
l‟Iran della Italiana Elicotteri e Agusta. Siamak dice di essere il proprietario occulto del
Green Park, che gestisce questo lago nei pressi di San Marino. È anche il proprietario
di una società di trasporti con la quale ha importato prodotti in Iran, aggirando
l‟embargo attraverso la triangolazione con Dubai. Uno dei soci è l‟ex funzionario
dell‟ambasciata italiana a Teheran, Giuseppe Pantano, siciliano appassionato di cucina
e candidato del movimento dei forconi. Insomma Siamak è l‟uomo giusto per chi vuole
fare affari con l‟Iran. Ci fingiamo imprenditori e lo incontriamo a Fiumicino.
SIAMAK GHALEHSARI
I ganci ci sono…
SIGFRIDO RANUCCI
Ma ad un livello militare o a livello governativo…?
SIAMAK GHALEHSARI
Governativo, il nostro governo. È proprio mio lavoro quello, per Italia e per l‟Iran, non
me ne frega un cazzo degli altri paesi.
SIGFRIDO RANUCCI
Ecco, insomma, mi diceva che tu eri la persona giusta anche per aggirare l‟embargo.
SIAMAK GHALEHSARI
Mentre c‟era l‟embargo il mio socio e io… Mio socio ha comprato 33 aerei per l‟Iran.
SIGFRIDO RANUCCI
Quanti?
SIAMAK GHALEHSARI
33.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma tu sei rappresentante proprio per l‟Agusta Westland laggiù?
SIAMAK GHALEHSARI
Io ho fatto contratto con Italiana Elicotteri che sono Joint venture, però il contratto ce
l‟ho con Italiana Elicotteri.
SIGFRIDO RANUCCI
E perché c‟è scritto Agusta Westland?
SIAMAK GHALEHSARI
Perché i biglietti di Italiana Elicotteri sono sempre con Agusta Westland.
ANDREA PARDI
Non è un nostro rappresentante, il signore è stato denunciato all‟autorità giudiziaria.
SIGFRIDO RANUCCI
Perché?
ANDREA PARDI
Perché si è fatto un biglietto da visita utilizzando impropriamente i nostri loghi, Agusta
Westland.
SIGFRIDO RANUCCI
Mi ha detto che ha un contratto però con voi.
ANDREA PARDI
È un mago del photoshop. Diciamo che fa gola poter abbinare il proprio nominativo a
un‟azienda tutto sommato spendibile.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Anche a lui fa gola visto che come il mediatore iraniano Siamak ha utilizzato
arbitrariamente sui suoi biglietti da visita il logo di Agusta.
ANDREA PARDI
Abbiamo indicato la palazzina, sì per comodità perché qui non c‟è…
SIGFRIDO RANUCCI
No, no io parlo proprio di logo, non di palazzina.
ANDREA PARDI
No, il logo in questo momento non è stato autorizzato nessuno a divulgarlo.
SIGFRIDO RANUCCI
Quindi lei nega che avete utilizzato dei biglietti da visita con Società Italiana Elicotteri
e Augusta Westland?
ANDREA PARDI
No, sono stati… allora… Agusta Westland… la nostra azienda…
SIGFRIDO RANUCCI
E Agusta Westland. È facile la risposta dottore, sì o no.
ANDREA PARDI
No guardi… La risposta è semplice, noi le abbiamo utilizzati nel momento in cui…
SIGFRIDO RANUCCI
Ah ecco…
ANDREA PARDI
Certo ma perché Agusta Westland… c‟è molta giurisprudenza di merito, l‟associazione
di un marchio di pubblico dominio. No se non è….
SIGFRIDO RANUCCI
Lei era autorizzato a utilizzare sto marchio? Non credo.
ANDREA PARDI
Io l‟ho ritenuto…
SIGFRIDO RANUCCI
E non credo neanche che a Augusta faccia piacere.
ANDREA PARDI
Ma a Augusta può non fare piacere, Agusta ha un contratto con noi per vendere e noi
gli abbiamo tra l‟altro predisposto una vendita molto importante e non ritengo che
questo sia lesivo degli interessi di Agusta Westland. Salvo che Agusta non dica il
vostro biglietto da visita c‟ha cagionato un danno.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Agusta ci scrive che avrebbe sospeso il suo rapporto con Pardi proprio perché ha
utilizzato senza autorizzazioni il suo logo e proprio i biglietti da visita di Pardi
sarebbero stati al centro di una discussione all‟interno degli uffici di Finmeccanica
come ci racconta Francesco Cardillo, ex ufficio di rappresentanza di Agusta che parla
di numerosi incontri tra il top manager di Agusta, Luigi Cereti e Pardi
FRANCESCO CARDILLO
Cereti uscì fuori più di una volta per farmi fotocopiare e scansionare il contratto che
era stato siglato e alcuni biglietti da visita. Commentò in una di queste uscite che
aveva modo di pensare che queste persone non fossero poi così affidabili. Che in ogni
caso prendevano gli elicotteri Augusta Westland, quelli magari che erano in disuso, o
comunque che erano vecchi, e li ripulivano e li rimettevano nel circuito di vendita. Io
ho bisogno di fare budget e quindi…
SIGFRIDO RANUCCI
E non si è chiesto dove finissero quegli elicotteri?
FRANCESCO CARDILLO
Lui no.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei sì?
FRANCESCO CARDILLO
Io in qualche modo sì. Esclamai “andiamo bene”!
SIGFRIDO RANUCCI
E Cereti alle sue obiezioni?
FRANCESCO CARDILLO
Si irrigidì. Mi chiese di scansionare dei biglietti da visita della Società Italiana
Elicotteri, però erano anomali, nel senso che Cereti mi invitò ad osservare che
avevano il logo di Agusta Westland, il logo di Agusta Westland su dei biglietti esterni
all‟azienda era appunto alquanto anomalo.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma a chi viene rilasciato in genere? A dei concessionari sostanzialmente?
FRANCESCO CARDILLO
Viene rilasciato soltanto ai dipendenti, al massimo ai consulenti. Cereti disse che lo
avrebbe mostrato all‟amministratore delegato di Agusta Westland.
SIGFRIDO RANUCCI
Al dottor Romiti?
FRANCESCO CARDILLO
Sì.
SIGFRIDO RANUCCI
Quindi anche il dottor Romiti sa che Pardi va in giro con i biglietti da visita come
rappresentate di Agusta Westland?
FRANCESCO CARDILLO
A quanto sostenne l‟ingegner Cereti, sì.
SIGFRIDO RANUCCI
E successivamente comunque i rapporti sono continuati tra Pardi e Agusta Westland.
FRANCESCO CARDILLO
A quanto ne so Cereti si recava spesso presso l‟aeroporto dell‟Urbe.
SIGFRIDO RANUCCI
Secondo lei Finmeccanica conosce i rapporti tra Pardi e i vertici di Agusta Westland?
FRANCESCO CARDILLO
A mio avviso, assolutamente no.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei successivamente è stato allontanato dal suo ufficio.
FRANCESCO CARDILLO
Sì, nei mesi…
SIGFRIDO RANUCCI
Diciamo che si è accesa la lente alla luce dell‟audit interno sulle sue spese. Sono state
trovate delle irregolarità diciamo, chiamiamole così, ed è stato allontanato da
quell‟ufficio.
FRANCESCO CARDILLO
Diciamo che da quel momento in poi, l‟ingegner Cereti ha cominciato a farmi una
guerra abbastanza violenta.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Pardi ha rapporti anche con Craig Russo Soroudi, il cittadino iraniano - diventato poi
socio di Massimiliano Colagrande, arrestato a Roma a febbraio in un‟inchiesta di
camorra. Emergerà dopo che Colagrande è vicino all‟ex Nar e boss di Mafia Capitale
Massimo Carminati.
GEORGE SMILEY
Pardi ha cercato di vendere elicotteri Agusta del tipo Medevak anche al Sud Sudan.
Servono a trasportare feriti. Ma nel nostro ambiente si sa che possono essere
trasformati in elicotteri da guerra, così come le ambulanze blindate.
A me, per esempio, è stato espressamente chiesto di modificare le ambulanze blindate
con armi. Pensi che erano della Croce Rossa e le aveva finanziate la Banca Mondiale.
Questo è uno dei modi con cui la comunità internazionale arma di nascosto i paesi.
SIGFRIDO RANUCCI
Come ha convinto il presidente Salva Kiir a acquistare questi elicotteri?
ANDREA PARDI
Chi?
SIGFRIDO RANUCCI
Il Presidente del Sud Sudan, non lo conosce?
ANDREA PARDI
No, non l‟ho convinto io, in realtà si è presentato l‟ambasciatore chiedendoci la
fornitura di 4 elicotteri civili.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
Per piazzare gli elicotteri al Sud Sudan del presidente Salva Kiir, Pardi conduce una
trattativa con l‟ambasciatore da pochi mesi arrivato a Roma.
SIGFRIDO RANUCCI
Mi risulta che questi elicotteri con opportune modifiche potevano essere utilizzati
militarmente.
AMBASCIATORE
Noi abbiamo chiesto elicotteri per uso civile. Se poi possono essere trasformati in
militare, questo non lo so.
SIGFRIDO RANUCCI
Cioè lei mi sta dicendo che non sa che cosa stavate comprando?
AMBASCIATORE
Noi sappiamo bene cosa compriamo. Se avessimo voluto elicotteri da guerra li
avremmo comprati da altri paesi. Perche mai avremmo dovuto comprarli da voi, da un
paese che ci ha imposto delle sanzioni?
SIGFRIDO RANUCCI
Lei per l‟acquisto di questi elicotteri ha avuto un contratto di consulenza per circa 2
milioni di euro, se sono giuste le mie informazioni, per poter comprare e favorire
l‟acquisto di questi elicotteri.
AMBASCIATORE
Non so niente di tutto questo. Niente!
SIGFRIDO RANUCCI
E lei per diciamo così agevolare questa trattativa non gli ha offerto un contratto di
consulenza?
ANDREA PARDI
All‟Ambasciatore?
SIGFRIDO RANUCCI
Eh.
ANDREA PARDI
Ma crede che io sia un imbecille che si permette di ipotizzare un reato di corruzione?
SIGFRIDO RANUCCI
Magari non a lui ai familiari.
ANDREA PARDI
Ma lei sta scherzando?
SIGFRIDO RANUCCI
O a una società di riferimento ai familiari.
ANDREA PARDI
La prego.
SIGFRIDO RANUCCI
Mi dica si o no.
ANDREA PARDI
Cerchi di non fare domande capziose. Io attendo che il governo tramite l‟Ambasciata
formuli la formula di pagamento degli aeromobili.
SIGFRIDO RANUCCI
Non è vero che lei si è rivolto al Banco Popolare di Verona per ritirare una consulenza
di 2 milioni di euro?
AMBASCIATORE
No, non è vero.
SIGFRIDO RANUCCI
In Italia una cosa del genere si chiama tangente o stecca, non so in Sudan come la
chiamate se questo fosse vero, lo dico con rispetto Ambasciatore, però...
AMBASCIATORE
Sono d‟accordo con lei, ma nessuno mi ha contattato per offrirmi dei soldi. Se la
banca le ha dato dei documenti su questo, la prego di renderli pubblici. Sarei felice di
vederli.
SIGFRIDO RANUCCI
Ma alla fine questi elicotteri li avete comprati?
AMBASCIATORE
No.
SIGFRIDO RANUCCI
Perché?
AMBASCIATORE
Non lo so.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
A bloccare l‟affare è proprio il Banco Popolare di Verona. Insospettito a suo dire dalla
richiesta dello stesso ambasciatore di versare 2 milioni di dollari su una società
riconducibile alla sua famiglia. Per una non meglio precisata attività di consulenza
scritta su carta intestata della società di Andrea Pardi.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei ha cercato di vendere elicotteri all‟Armenia?
ANDREA PARDI
Mai.
SIGFRIDO RANUCCI
Lei sa che non sta dicendo la verità in questo momento
ANDREA PARDI
Guardi io le dico questo dottor Ranucci…
SIGFRIDO RANUCCI
No, perché io ho testimonianze che invece c‟è stato…
ANDREA PARDI
Allora facciamo una cosa noi ci troviamo tutti davanti alla Procura della Repubblica e
vediamo chi è che dice io ho venduto…
SIGFRIDO RANUCCI
Non ho venduto, io ho detto se ha cercato di vendere…
ANDREA PARDI
Guardi non è un reato che qualcuno venga qui a chiedermi se posso fornirgli
aeromobili, io poi faccio…
SIGFRIDO RANUCCI
No siete stati voi ad offrirglieli gli elicotteri all‟Armenia.
ANDREA PARDI
Noi non offriamo nulla, noi non offriamo nulla, noi non offriamo nulla.
SIGFRIDO RANUCCI FUORI CAMPO
A favorire Pardi per la trattativa con l‟Armenia è l‟ex presidente dell‟OSCE,
l‟organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Riccardo Migliori, grazie
al suo ruolo, è in grado di fornire numerosi contatti diplomatici.
SIGFRIDO RANUCCI
Risulta che in particolare il suo ex-capo di gabinetto Vincenzo Picciolo lavori…
RICCARDO MIGLIORI
No, ha lavorato…
SIGFRIDO RANUCCI
Per la Società Italiana Elicotteri.
RICCARDO MIGLIORI
Ha lavorato per qualche mese sicuramente lì. E lui mi ha chiesto molte volte, secondo
te chi ha interesse a comprare…?
SIGFRIDO RANUCCI
Se io vendo degli elicotteri all‟Armenia è legale o no?
RICCARDO MIGLIORI
Vendere qualche cosa di militare all‟Armenia è impossibile perché l‟Armenia è, da un
punto di vista militare, un protettorato russo…
SIGFRIDO RANUCCI
Sicuramente il suo ex-capo di gabinetto ha partecipato a delle trattative in questo
senso qua. Per conto della Società Italiana Elicotteri, dove c‟era anche l‟ambasciatore,
l‟ex-ambasciatore Scapini.
RICCARDO MIGLIORI
Che le devo dire?
SIGFRIDO RANUCCI
Tra parentesi pare che Scapini l‟abbia messo in contatto lei con Picciolo.
RICCARDO MIGLIORI
Sì, Scapini lo conosco. Lo conosco bene, Scapini. Perché è stato ambasciatore in
Armenia...
SIGFRIDO RANUCCI
E pare che questa cosa sia avvenuta qui a Roma in un incontro dove hanno parlato
della possibilità di vendere degli elicotteri Agusta militari all‟Armenia?
RICCARDO MIGLIORI
Le ripeto, mi sembra una….
SIGFRIDO RANUCCI
La sorprende, questa cosa?
RICCARDO MIGLIORI
Poi se invece gli aerei militari sono aerei ai fini civili…
SIGFRIDO RANUCCI
Lì la cosa molto sottile perché pare che Scapini abbia dato delle indicazioni precise per
far vedere che erano elicotteri che potevano essere usati sia in versione civile che, con
opportune modifiche, anche versione militare.
RICCARDO MIGLIORI
Può essere, può essere.
SIGFRIDO RANUCCI
Si parlava in quell‟occasione degli elicotteri “Black Hawk”. Lei non sa nulla di questo,
ovviamente?
RICCARDO MIGLIORI
Ho fatto studi liberali, mi dice Black Hawk. (Ride).
ANDREA PARDI
Guardi se avessi fatto il trafficante d‟armi sicuramente vivevo a Cape d‟Antibes su un
80 metri e non probabilmente a Roma pagandomi il mutuo di casa.
MILENA GABANELLI IN STUDIO
Bene. Giovedì mattina durante la perquisizione dei suoi uffici la Guardia di Finanza ha
trovato appunti con codici di fucili, carri armati, elicotteri da guerra che gli inquirenti
ritengono di grande interesse e che sarebbero destinati al mercato del Nord Africa e
del Medio Oriente. L‟ipotesi della Procura è traffico internazionale di armamenti e dual
use. Nell‟indagine è coinvolto anche Migliori, l‟ex presidente dell‟assemblea
dell‟organizzazione per la Sicurezza e Cooperazione; un‟organizzazione di pace, pensa
un po‟. Invece per quel che riguarda il rapporto Pardi-Finmeccanica, Finmeccanica ci
scrive che “da quando abbiamo saputo che persiste nell‟usare il nostro logo sulla sua..
sui suoi biglietti da visita, abbiamo sospeso l‟intenzione di valutare un rapporto di
collaborazione”. Come dire: “stavamo valutando, ma finora non abbiamo concretizzato
nulla”; “anche perché”, scrivono “ la Società Italiana Elicotteri non ci ha rassicurato
sulla destinazione finale dei nostri prodotti”. Allora questo contratto di vendita fra
Agusta Westland e Italiana Elicotteri datato Dicembre 2014 e firmato da Agusta
Westland e dalla Società Italiana Elicotteri è un falso?
Inoltre: la Società Italiana Elicotteri risulta sconosciuta al Ministero dello Sviluppo
Economico, possibile che Finmeccanica non lo sapesse?
Fly UP