...

1 Isabella Merzagora Betsos* L`IMPUTABILITA` § 1 Si comincia

by user

on
Category: Documents
207

views

Report

Comments

Transcript

1 Isabella Merzagora Betsos* L`IMPUTABILITA` § 1 Si comincia
1
Isabella Merzagora Betsos
*
L'IMPUTABILITA'
"Qualunque volta ci si affaccia un'opera od un problema di medicina legale delle alienazioni
mentali, ci sentiamo involontariamente sorpresi da un senso di sconforto e di ribrezzo. Gli è
che ai termini misurati, precisi, a cui la medicina moderna ci ha abituati, noi vediamo sostituite
delle espressioni vaghe, indeterminate, mal comprese da quegli stessi che le hanno inventate, e
che non hanno nessuno di quei riscontri obiettivi a cui tutta la educazione medica ci ha
abituati, e per i quali soltanto il giudice intende interrogarci. E così accade che, o per
eccessiva precauzione, o per una non ingiusta reazione alla diffidenza dei giudici, gli uni non
vogliono trovare pazzo nessun criminale anche alienato, (...) e gli altri abbondano in senso
contrario così da convertire in manicomio tutte le prigioni" (Cesare Lombroso, La medicina
legale delle alienazioni mentali studiata col metodo sperimentale, Gazzetta medica italiana Provincie Venete, nn. 27-30, anno VIII, pgg. 5-41,1865).
§ 1 Si comincia sempre con la storia. Il principio secondo il quale chi sia
"folle", "alienato", "malato di mente", "affetto da disturbo" o "sofferente
psichico" -i termini e il loro valore semantico mutano nel tempo- in modo da
vedere compromesse le capacità di comprensione o di libera determinazione
debba essere considerato meno o per nulla responsabile dei propri atti è
principio di antica data e di quasi universale accettazione1.
Nel Diritto romano, in aderenza alla dottrina ippocratica, i "furiosi" e i "fatui"
che si fossero resi responsabili di reati andavano esenti da punizioni; la
"fatuitas" era pressocchè assimilabile al difetto di intelligenza; nel "furor" si
ricomprendevano tutte le forme di follia (Ferrini, in: Fornari 1987/b). Già allora
si conosceva la possibilità di un "lucido intervallo", talchè se il delitto era
commesso in tale periodo non vi era scriminante (Fornari 1987/a; Fornari
1989/b; Marchetti, 1990).
Nella legislazione giustinianea vediamo arricchirsi il vocabolario "nosografico"
con le categorie di "dementia", "insania", "fatuitas", "mania", "amentia": tutte
situazioni che comportano impunità per l'eventuale delitto. Anche qui fatto
salvo il caso di lucido intervallo. Pure gli intensi gradi delle passioni erano
considerati atti a escludere la responsabilità. L'ubriachezza "derubricava" il
reato da doloso a colposo.
Il successivo periodo, che vede in vigore il diritto penale germanico, è l'unico
che fa eccezione alla regola universale: tale diritto, infatti, avendo riguardo
esclusivo all'elemento oggettivo del danno, non si cura dell'elemento soggettivo
e considera responsabili anche i malati di mente.
L'attenzione all'elemento soggettivo del reato non verrà mai deposta invece
dalla Chiesa: il diritto penale canonico escludeva l'imputabilità per coloro a cui
facessero difetto il discernimento e la volontà libera -e già si adombrano gli
attuali concetti di capacità di intendere e di volere-, cioè i dementi e i furiosi,
comprendendosi anche le situazioni di furore improvviso e transitorio; ma si
assimilavano alle malattie mentali anche la febbre violenta, il sonno, il
sonnambulismo, l'ira subitanea, il dolore intenso, in quanto appunto suscettibili
di incidere sulla consapevolezza e sulla libertà dell'azione. Stesso dicasi per
*
Professore Associato di Criminologia – Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni
dell’Università di Milano.
1
Per le notizie storiche siamo largamente debitori a: Fornari (1987/a); Fornari (1989/b); Marchetti
(1990). A costoro si rinvia per più diffuse informazioni.
2
l'ubriachezza. Tutto ciò non riguardò quell'epoca oscura del potere
dell'Inquisizione, in cui -come diremmo con linguaggio attuale- considerazioni
di politica criminale prevalsero, e poco importò che i folli fossero o meno
responsabili perchè tanto la malattia mentale era considerata effetto di
stregoneria o di influenza diabolica, così: rogo per tutti.
Il principio dell'irresponsabilità del folle tornerà in auge nel diritto laico
successivamente all'anno Mille, ancora rifacendosi al vizio dell'intelletto o della
volontà (Calisse, in Fornari, 1987/b), né la situazione muterà nei secoli
successivi, sicchè più che ripetere una serie di statuizioni che sono sempre a un
dipresso uguali, gioverà citare le particolarità e novità: per esempio il fatto che
per i giuristi italiani del XVI e VII secolo anche le passioni incidessero
sull'imputabilità.
Intanto si erano cominciati a consultare i medici: Johann Weyer, nel VI secolo,
è considerato il primo psichiatra medico-legale (Marchetti, 1990); Paolo
Zacchia, medico pontificio, è reputato il fondatore della psicopatologia forense
italiana (allora "psicologia forense") con le sue Questiones medico-legales della
prima metà del XVII secolo. Costui, tra l'altro, descrive i malati con delirio
parziale, e distingue tra forme di origine organica, di origine psichica, di natura
reattiva (Fornari, 1987/b; Marchetti, 1990). In un documento russo del 1760 si
legge che un truffatore venne visitato da tre medici che ne riconobbero
l'infermità mentale ("è malinconico per natura, ed il suo caso rientra nella
malattia detta ipocondria"); al posto della pena fu inviato in un monastero
(Babayan, 1990). In realtà bisognerà poi aspettare a lungo prima che i medici
vengano accolti senza o con poco sospetto nei tribunali, come testimonierà la
storia dei rapporti fra psichiatria e giustizia, illustrata da Foucault per la Francia,
e da Fornari e Rosso (1986) anche per il nostro Paese.
Il Codice napoleonico del 1810 costuituisce un riferimento obbligato per
l'intera storia del diritto, posto che informerà tutta la codificazione europea del
XIX secolo, anche per le norme relative all'imputabilità. Il suo articolo 64
recitava: "Non esiste né crimine né delitto allorché l'imputato trovavasi in stato
di demenza al momento dell'azione, ovvero vi fu costretto da una forza alla
quale non poté resistere".
Si chiarisce nei lavori preparatori che l'azione è imputabile con il concorso
simultaneo di cognizione, volontà e libertà, e che: "E' demente colui che soffre
una privazione di ragione; che non conosce la verità; che ignora se ciò che fa sia
bene o male; e che non può affatto adempiere i doveri più ordinari della vita
civile. Un uomo posto in questo stato è un corpo che ha soltanto figura e ombra
di uomo; il suo reato è tutto fisico, poichè moralmente non esiste nulla" (citato
da: Fornari, 1989/a). Una concezione, come ognun vede, certamente ristretta e
severa. Si chiarisce altresì da parte della Dottrina francese dell'epoca che la
demenza comprende la follia furiosa, l'idiozia o l'imbecillità, la monomania o
l'allucinazione (citato da: Fornari, 1989/a): sono evidenti gli influssi della
psichiatria, sempre francese, dell'epoca, in particolare nel concetto di
monomania di Esquirol e Georget (Fornari, 1989/a; Léauté, 1990).
In Italia, sia nei codici emanati sotto l'influsso napoleonico che in quelli
successivi alla restaurazione (i codici pre-unitari), rimasero non solo il principio
generale, ma anche le espressioni usate dal codice napoleonico o dai lavori
preparatori, verosimilmente perchè essi rispecchiano lo "stato dell'arte" della
psichiatria dell'epoca: così troviamo esclusa la responsabilità quando "l'autore è
totalmente privo della ragione" (Regno Lombardo-Veneto); troviamo il
riferimento alla "forza irresistibile", peraltro talvolta aggettivata come "esterna"
(Regno Lombardo-Veneto, Regno delle Due Sicilie, Stati di Parma e Piacenza,
3
Stati di S.M. il Re di Sardegna, Stato estense); alla "demenza" (Regno delle Due
Sicilie); al "furore" (Regno delle Due Sicilie); al "morboso furore" (Stati di
Parma e Piacenza, Stati di S.M. il Re di Sardegna, Stato estense);
all'"imbecillità" (Stati di Parma e Piacenza, Stati di S.M. il Re di Sardegna,
Stato estense), alla "pazzia" (Stati di Parma e Piacenza, Stati di S.M. il Re di
Sardegna, Stato estense, Stato Pontificio, comprendendosi in quest'ultimo sia la
pazzia continua che quella saltuaria). Il Codice penale per gli Stati di Parma e
Piacenza contempla anche l'ipotesi che: "Allorchè la pazzia, l'imbecillità, il
furore o la forza non fossero giusta il retto e fondato giudizio dei Tribunali a
quel grado da rendere non imputabile affatto l'azione, potrà questa tuttavia
essere punita, secondo le circostanze de' casi, colla prigionia o colla custodia in
casa di correzione"; analogamente il Codice di Sardegna e quello estense
(Fornari, 1989/a): è in embrione il "vizio parziale".
Con l'Unità venne esteso all'Italia il Codice penale per gli Stati di S.M. il Re di
Sardegna del 1859 che, a proposito dell'imputabilità, così stabiliva: "Art. 94 Non vi è reato se l'imputato trovavasi in istato di assoluta imbecillità, di pazzia,
o di morboso furore quando commise l'azione, ovvero se vi fu tratto da una
forza alla quale non poté resistere"; "Art. 95 - Allorchè la pazzia, l'imbecillità, il
furore o la forza non si riconoscessero a tal grado da rendere non imputabile
affatto l'azione, i Giudici applicheranno all'imputato, secondo le circostanze dei
casi, la pena del carcere estensibile anche ad anni dieci, o quella della custodia,
estensibile anche ad anni venti (omissis)".
Ma questa normativa rimase in vigore in Italia solo trent'anni, dopo i quali, e
precisamente il 30 giugno 1889, fu approvato il Codice c.d. Zanardelli, dal
nome dell'allora Ministro di Grazia e Giustizia e dei Culti, in cui si stabiliva:
"Art. 46 - Non è punibile colui che, nel momento in cui ha commesso il fatto,
era in tale stato di infermità di mente da togliergli la coscienza o la libertà dei
propri atti (omissis)"; "Art. 47 - Quando lo stato di mente indicato nell'articolo
precedente era tale da scemare grandemente l'imputabilità senza escluderla, la
pena stabilita per il reato commesso è diminuita (omissis)"; "Art. 51 - Colui che
ha commesso il fatto nell'impeto d'ira o d'intenso dolore, determinato da intensa
provocazione, è punito con la reclusione non inferiore ai venti anni, se la pena
stabilita per il reato commesso sia l'ergastolo, e negli altri casi con la pena
stabilita per il reato commesso diminuita di un terzo. Se la provocazione sia
grave, all'ergastolo è sostituita la detenzione da dieci a venti anni, e le altre pene
sono diminuite dalla metà ai due terzi, sostituita alla reclusione la detenzione
(omissis)". Compare la dizione "stato di infermità di mente", mentre
scompaiono le specificazioni di "assoluta imbecillità, pazzia, morboso furore";
scompare del pari la "forza irresistibile". Scompare anche, per inciso, la
previsione dell'appartenenza al sesso femminile come causa minorante
l'imputabilità.
Anche il Codice Zanardelli, peraltro, ebbe vita breve, almeno relativamente
all'attuale, oramai meritevole di pensionamento non foss'altro perchè
ultrasessantacinquenne. Un primo progetto di nuovo Codice Penale, redatto da
una commissione di cui faceva parte tra gli altri il Ferri e ispirato ai principi
positivistici non ebbe buona sorte2; invece la fortuna arrise all'attuale -o almeno
odierno- Codice Penale che prende il nome dal Guardasigilli dell'epoca, Arturo
2
Notizie in merito al progetto Ferri e alla discussione che lo accompagnò si trovano in: Carrieri, Greco,
Catanesi (1995).
4
Rocco, esponente della Scuola Tecnico-Giuridica, i cui principi traspose nelle
nuove norme, pur con qualche concessione alla Scuola Positiva.
§ 2. L'attuale disciplina della non imputabilità per incapacità di intendere
e di volere. Attualmente l'istituto è regolato dagli artt. 85 e seguenti del Titolo
IV (Del reo e della persona offesa dal reato), capo I (Della imputabilità) del
codice penale. L'art. 85 stabilisce che: "Nessuno può essere punito per un fatto
preveduto dalla legge come reato, se, al momento in cui lo ha commesso, non
era imputabile", e specifica al comma successivo che: "E' imputabile chi ha la
capacità di intendere e di volere".
Si considera l'intendere come il discernere rettamente il significato, il valore, le
conseguenze fattuali, morali e giuridiche delle proprie azioni (Crespi, 1970;
Fornari, 1989/a; Introna, 1996; Mantovani, 1990; Ponti, 1990; Portigliatti
Barbos, Marini, 1964). Si tratta in sostanza del possesso delle facoltà cognitive,
di comprensione ed anche di previsione.
L'ignorare il significato antigiuridico di un'azione non è equiparato al difetto
della capacità di intendere, poichè per l'art. 5 c.p.: "Nessuno può invocare a
3
propria scusa l'ignoranza della legge penale" , ed in ogni caso "non sapere" non
significa incapacità di intendere (Crespi, 1970; Ponti, 1990).
Ancora, è da specificare che la capacità di intendere nulla ha a che vedere con
la capacità di apprezzamento morale, talchè colui il quale comprenda che un
fatto è illecito ma non sappia partecipare affettivamente e moralmente alla
proibizione -come potrebbe essere il caso di personalità "disaffettive" o
"amorali"- non perciò vedrà diminuita la propria imputabilità (Cazzaniga, 1955;
Mantovani, 1990).
Il volere si definisce come il libero autodeterminismo in vista di uno scopo,
come la possibilità di optare per una condotta e di resistere agli stimoli (Crespi,
1970; Fornari, 1989/a; Mantovani, 1990; Ponti, 1990).
Al volere partecipano un insieme di elementi concorrenti: le facoltà volitive e
le decisioni, infatti, si determinano nell'ambito di contenuti di coscienza, di
4
rappresentazioni, di giudizi, ed anche di sentimenti . In altri termini, nella
capacità di volere -ma discorso perfettamente sovrapponibile può farsi per
quella di intendere5- non vengono in gioco solo la facoltà cognitiva e quella
3
Sulla "correzione" di tale principio effettuata dalla Corte Costituzionale si veda la sentenza n. 364 del
23 marzo 1988.
4
"La prospettazione di un atto è il processo intellettivo implicante una valutazione dei dati posti
dall'osservazione della realtà; con tale osservazione si programma l'atto volitivo, di cui costituisce il suo
motore logico. Oltre che elementi intellettivi intervengono nell'agire anche componenti affettive (il
desiderio o rispettivamente il timore, la simpatia, l'interesse, l'ostilità, e via discorrendo) che ne sono il
motore timico. Ne consegue che la capacità di volere richiede tanto l'integrità dell'intelletto quanto
l'assenza di turbamenti morbosi dell'affettività" (Ponti, 1990).
Nello stesso senso: Cazzaniga (1955).
5
Scrive infatti Introna (1996): "Pertanto la capacità di intendere e quella di volere vanno intese come
capacità di usare i propri strumenti intellettivi e volitivi in modo adeguato al fine. Ne deriva che la
capacità di intendere è qualcosa di più e di diverso dalla intelligenza misurata in termini psicometrici in
sede di diagnosi clinica. Si deve dunque porre mente alla intelligenza delle situazioni di condotta, nella
quale confluiscono fattori emotivi, affettivi, istintivi, e di esperienza. Inoltre, i postulati della condotta
intelligente sono tanti che la capacità di intendere non si può desumere solo dal quoziente di
intelligenza, pur essendo questo un punto di partenza. Si devono infatti considerare: 1) la situazione
emotivo-affettiva; 2) i rapporti esistenti fra il soggetto e la realtà in cui è inserito; 3) la realtà nei cui
confronti il soggetto ha operato, opera, intende operare o presume che opererà; 4) le capacità ed energie
5
volitiva, poichè la distinzione fra funzioni psichiche ha precipui scopi didattici,
ma nella realtà del soggetto che ha agito risulta impossibile enucleare tali
6
facoltà dall'insieme psichico fatto sempre anche di cariche affettive ed emotive .
Le capacità di intendere e di volere possono essere messe a repentaglio da una
condizione di infermità. Il principio, contenuto negli artt. 88 e 89 del codice
penale, è in tal senso inequivocabile: "Art. 88. Vizio totale di mente. - Non è
imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, era per infermità, in
tale stato di mente da escludere la capacità di intendere e di volere"; "Art. 89.
Vizio parziale di mente. - Chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, era, per
infermità, in tale stato di mente da scemare grandemente, senza escluderla, la
capacità di intendere e di volere, risponde del reato commesso; ma la pena è
diminuita".
Altro è -e lo vedremo- se il concetto di infermità sia altrettanto inequivocabile.
In ogni modo, dai citati articoli si evince una presunzione di imputabilità per i
soggetti salvo che intervenga un fattore patologico ad interferire sulla capacità
di intendere o di volere.
Si deriva inoltre che basta che sia ridotta o abolita anche una sola delle capacità
citate: se infatti l'articolo 85, in positivo, dichiara imputabile chi ha la capacità
di intendere e di volere, gli artt. 88 e 89 usano la disgiuntiva: "capacità di
intendere o di volere".
Il dettato legislativo configura inoltre l'imputabilità "come una costruzione a
due piani, il cui primo livello è relativo al substrato patologico (infermità),
mentre il secondo livello è relativo alla eventuale conseguente incapacità di
intendere o di volere. La valutazione della imputabilità prende quindi in
considerazione, nel contempo, un aspetto psicologico e obiettivo (la descrizione
del substrato psicopatologico), ed un aspetto normativo (la valutazione della
7
capacità di intendere e di volere al momento del reato" (Bandini, 1989) ,
sistema, questo, definito psicopatologico-normativo8.
Dagli articoli si trae inoltre che il fattore patologico dev'essere presente nel
momento stesso in cui è stato commesso il reato.
Benchè il codice non lo specifichi, la prassi e la dottrina psichiatrico forensi
sono poi univoche nel rapportare l'esistenza dell'incapacità di intendere e di
volere non solo ad un criterio cronologico ("nel momento in cui ha commesso il
fatto"), ma anche ad un criterio di relazione col fatto specifico9, di
operative di cui egli dispone al momento o ritiene di poter disporre in futuro, relativamente al piano
ideativo della condotta che si prefigge; 5) le modificazioni che il suo operato ha indotto (o che egli
crede che può o potrà indurre nella realtà o in lui stesso; 6) i fini che il soggetto si propone di
perseguire; 7) le correlazioni fra tutti i numeri precedenti".
Nello stesso senso Canepa e Traverso (1985 e 1987), che scrivono: "come se tali capacità [di intendere
e di volere] fossero facilmente separabili ed analizzabili al di fuori di uno studio globale ed integrale
della personalità".
6
E giustamente è stato fatto notare anche che: "la dicotomia legislativa tra capacità di intendere e di
volere mal si concilia con l'unità sostanziale della psiche" (Mantovani, 1990), e che dunque di tratta di
"artificiosa separazione" (Bandini, Gatti, 1988). Nello stesso senso: Bandini e Gatti (1985); Canepa
(1974); Fiandaca, Musco (1989).
7
Si vedano anche: Bertolino (1990); Canepa (1989); Pulitanò (1988).
8
Per le differenze fra tale sistema e quelli rispettivamente "puramente psicopatologico" e "puramente
normativo", si veda infra nella parte che tratta del diritto comparato (§ 9.).
9
In tal senso: Bandini, Gatti (1990); Canepa (1989); De Fazio, Luberto (1995); De Vincentiis, Callieri,
Castellani (1972); Introna (1996); Mantovani (1990).
6
criminogenesi e criminodinamica: non basta, cioè, la presenza di una
qualsivoglia, ancorchè grave, infermità, ma l'infermità deve presentare
caratteristiche tali da aver partecipato alla genesi ed alla dinamica di quel
particolare reato. Un'autorevole dottrina giuridica (Crespi, 1970) argomenta a
contrario doversi considerare il solo criterio cronologico, e ciò basandosi tra
l'altro sulla lettera della legge: l'osservazione è degna di considerazione, peraltro
un tale procedere striderebbe in modo intollerabile con la realtà naturale e
quindi con le convinzioni dello psicopatologo forense -e vedremo come siano
già troppe le situazioni in cui dobbiamo accantonare le convinzioni scientifiche
in favore delle convenzioni giuridiche. Riteniamo inoltre che l'aver riguardo
anche al rapporto tra le caratteristiche dell'infermità e quelle del reato commesso
sia conseguenza logica del sistema psicopatologico-normativo: se, infatti, vi è
necessità di un duplice accertamento, dell'infermità e della sua incidenza sulla
capacità di intendere e di volere, è proprio perchè occorre un'indagine
criminogenetica e criminodinamica che correli la patologia alla capacità
10
relativamente ad uno specifico comportamento . Reputiamo infine che l'essersi
riferita la legge "al momento del fatto" e non anco al fatto medesimo, sia il
portato di quella trascorsa concezione psichiatrica che se da un lato già
riconosceva i "lucidi intervalli" (criterio cronologico), dall'altro faticava a
contemplare l'ipotesi di un sofferente psichico che non fosse globalmente
alienato.
Oltre alla necessità di rapportarsi al criterio cronologico ed a quello di
causalità, il giudizio sull'imputabilità deve giovarsi anche del riferimento ad un
criterio quantitativo, cioè a dire che:
- se l'infermità è tale da comportare l'abolizione della capacità di intendere o di
volere, si realizza il vizio totale di mente, e il soggetto non è imputabile (art. 88
c.p.);
- se l'infermità è di grado minore e la capacità di intendere o di volere è
grandemente scemata ma non abolita si realizza il vizio parziale di mente (art.
89 c.p.), e il soggetto è imputabile ma la pena è ridotta;
- se il grado di interferenza dell'infermità è ancor più trascurabile l'imputabilità
rimane piena, posto che la norma espressamente richiede che l'infermità sia tale
da "grandemente" scemare la capacità di intendere e di volere.
Deve essere chiaro, quindi, che la differenza fra vizio parziale e vizio totale
riguarda il "grado" dell'infermità, non la sua "estensione", e cioè che il vizio
parziale non è quell'infermità che riguarda un solo settore della mente o solo
una o alcune delle capacità o funzioni (Crespi, 1970).
§ 3. Gli stati emotivi e passionali. Come già s'è detto, e come anche il non
esperto sa per averlo esperito chissà quante volte, l'affettività e l'emotività
interferiscono sulle capacità di comprensione e su quelle di scelta,
cionondimeno il legislatore ha ritenuto che i "semplici" fattori affettivi non
10
Chiarisce Fornari (1989/a): "La patologia di mente di cui il soggetto è portatore (...) si manifesta, oltre
che nella sintomatologia psicopatologica (= valutazione clinica), anche nel suo particolare modo di
intendere e di volere quel dato comportamento delittuoso (= valutazione normativa); ed è in questi casi
che può mancare od essere gravemente carente ogni capacità di analisi, di critica, di possibilità di scelta,
essendo patologicamente compromesse le funzioni autonome dell'Io, in riferimento a quello specifico
fatto-reato (= valutazione forense)". Ed anche: "Ovviamente, qui si vuol far riferimento solo a quei casi
in cui il reato può, a buona ragione, essere inscritto nella patologia di mente di cui il malato è portatore e
del o dei relativi disturbi essere ritenuto sintomatico: in difetto o in assenza di detto rapporto di
causalità (unilineare o circolare che sia), anche il malato di mente può essere ritenuto imputabile per il
reato che gli viene addebitato o capace di dare un consenso valido" (Fornari, 1987/a).
7
siano idonei ad incidere sull'imputabilità, esplicitamente stabilendo: "Gli stati
emotivi e passionali non escludono né diminuiscono l'imputabilità" (art. 90
c.p.).
Si distinguono le emozioni, stati affettivi di breve durata ad insorgenza
11
improvvisa e legata ad avvenimenti precisi (id est: paura , ira, gioia, afflizione,
sorpresa, sensazione di essere minacciati, pulsione all'aggressione o alla fuga,
vergogna, piacere erotico) (Fornari, 1989/a; Mantovani, 1990; Ponti, 1990),
dalle passioni, che sono invece condizioni più durature e che non si configurano
12
come reazioni subitanee nei confronti di un evento (per esempio: la gelosia ,
l'amore, l'odio, la cupidigia, il fanatismo ideologico) (Fornari, 1989/a;
13
Mantovani, 1990; Ponti, 1990) .
In una prospettiva naturalistica -neurofisiologica e psicodinamica- emozioni e
passioni ben possono influenzare e non di rado travolgere sia le facoltà di
discernimento che quelle volitive, ma in ogni caso il legislatore ha reputato che
passioni ed emozioni facciano parte del patrimonio esperienziale di chiunque,
che si tratti cioè di "condizioni psicologiche e non già psicopatologiche
dell'essere umano" (Fornari, 1989/a),
e che chiunque possa e debba
controllarle: "L'art. 90 fu introdotto con una precisa e non trascurabile funzione
pedagogica: per stimolare cioè il dominio della volontà sulle proprie emozioni e
14
passioni" (Mantovani, 1990) .
Cosicché l'interferenza di queste condizioni emotive e passionali può al più, e
solo in taluni casi, giocare come circostanza attenuante -la provocazione, per
esempio, o l'aver agito per suggestione di una folla in tumulto, o una attenuante
generica-, "purchè non si tratti di emozioni o passioni moralmente e socialmente
spregevoli" (Mantovani, 1990).
Come s'è detto, possono però porsi contrasti o incertezze fra l'inibizione
dell'art. 90 c.p. e le situazioni in cui l'elemento affettivo interviene sulla capacità
di lucidamente comprendere e di operare scelte. Ciò ha comportato discussioni
15
in dottrina , in pratica comunque risolvendosi i casi di intervento dell'elemento
affettivo in tre ipotesi: a) i casi in cui il reato è stato commesso in presenza di
stati emotivi e passionali "normali", cioè a dire con "motivazioni affettive che,
pur agendo con differente forza e impellenza da soggetto a soggetto, si
mantengono sui binari di una media variabilità individuale" (Calvanese, 1982);
b) naturalmente diversi sono i casi in cui si ritrovi la matrice
dell'incontrollabilità di emozioni e passioni in una soggiacente condizione
11
"La paura non è incompatibile con la libera scelta e con l'integrità mentale del reo; essa, se non dilata
in una dimensione morbosa di infermità o seminfermità psichica, costituisce niente altro che un semplice
stato emotivo, che non menoma l'imputabilità dell'agente" (Cass., 22 marzo 1967).
12
"La gelosia, come stato passionale, non esclude né diminuisce l'imputabilità del soggetto" (Cass., 7
marzo 1967).
13
Per maggiori dettagli si veda il capitolo di Verde A.: "Le emozioni e le passioni", in questo stesso
Trattato.
14
Non estranea a tale scelta è stata sicuramente la preoccupazione di non mandare impunito ogni delitto
passionale, il che, soprattutto nel 1930, probabilmente significava la gran parte dei delitti più gravi
contro la persona; insomma la preoccupazione di trovarsi le carceri sguarnite di uxoricidi. Il legislatore
del 1930 voleva appunto reagire ad un uso eccessivamente disinvolto della dichiarazione di non
imputabilità reso possibile dal codice Zanardelli che adottava un criterio possibilista nei confronti delle
situazioni d'ira o di dolore (vedi supra).
15
Si veda : Calvanese (1982).
8
morbosa, o in cui l'incontinenza emotivo/passionale sia essa stessa sintomo di
una infermità, ed è quindi ipotizzabile il ricorrere del vizio di mente; c) i casi di
stato emotivo o passionale "puro", che peraltro assume "valore di malattia" per
le differenze quantitative e qualitative con le normali reazioni affettive. Sono
questi i casi di più difficile valutazione, ed in cui il pericolo è quello che
l'impiego di termini di "sapore" psichiatrico o comunque suggestivi -raptus,
reazione a corto circuito, discontrollo episodico, ecceteratraduca
surrentiziamente in patologiche situazioni che tali non sarebbero. Sono quindi i
casi in cui per addivenire ad un'effettiva conclusione di "infermità" ed
eventualmente di incidenza sulla capacità di intendere e di volere occorrerà
16
operare sulla scorta di precisi criteri diagnostici .
A questo punto, però, le argomentazioni fin qui esposte rischiano di ridursi
all'affermazione secondo cui "gli stati emotivi e passionali non incidono
sull'imputabilità a meno che non siano assimilabili ad infermità che abbia
efficacia tale da scemare grandemente od escludere la capacità di intendere o di
volere"17, il che ci porta a concordare con chi ha aggettivato l'art. 90 come
pleonastico, superfluo, ultroneo e ripetitivo (Calvanese, 1982; Ferrio, 1959;
Mantovani, 1979).
§ 4. Alcool e stupefacenti. Cosiccome per gli stati emotivi e passionali, anche
relativamente alla condizione di alterazione psichica procurata dall'uso o
dall'abuso di alcool o sostanze stupefacenti, le considerazioni di politica
criminale hanno avuto la meglio sulla aderenza alla realtà naturalistica.
Constatata la frequenza con cui tali condizioni hanno parte rilevante nella
18
criminogenesi e nella criminodinamica , ma secondo Mantovani (1990) anche
per ragioni attinenti al prestigio del regime dell'epoca19, il legislatore degli anni
Trenta ha escogitato un complesso, farraginoso e cosituzionalmente dubbio,
sistema di norme atte a scoraggiare l'uso di tali sostanze con l'espediente di non
considerare incidenti sull'imputabilità i ben noti effetti di offuscare il raziocinio,
compromettere la coscienza, alterare il giudizio, ridurre le capacità critiche,
indebolire i freni inibitori che pure l'assunzione di alcool o di stupefacenti può
procurare.
Per giustificare razionalmente -ma forse potremmo dire per "razionalizzare"tali disposizioni si fa abitualmente riferimento al concetto di actio libera in
causa ; il soggetto, cioè, se anche commettendo il reato era in condizioni di
incapacità di intendere e di volere perchè ebbro, era però libero, nel momento
antecedente l'assunzione, di scegliere se mettersi o meno in tali condizioni di
incapacità.
Solo per l'ubriachezza derivata da caso fortuito o forza maggiore (art. 91 c.p.),
se la capacità di intendere o di volere è grandemente scemata o eliminata,
potranno ricorrere rispettivamente il vizio parziale o quello totale. Gli esempi
16
Si veda infra, a proposito del "discontrollo" e delle situazioni affini.
17
E infatti per la Corte di Cassazione: "gli stati emotivi e passionali che, di regola, non escludono né
diminuiscono l'imputabilità, assumono tale efficacia ove determinino un vero e proprio sconcerto
psichico tale da cagionare infermità mentale" (Cass., 10 dicembre 1951).
18
In proposito si veda il capitolo di Carrieri F.: "L'alcoolista e il tossicodipendente come autori e come
vittime di reato", in questo stesso Trattato.
19
Il precedente codice Zanardelli stabiliva viceversa forti diminuzioni di pena per il delitto commesso in
stato di ubriachezza volontaria.
9
di questa ubriachezza accidentale o involontaria o incolpevole, com'è anche
definita, sono quelli di chi si intossichi lavorando in una distilleria o di chi
ingerisca dell'alcool credendolo bevanda non alcoolica (Crespi, 1970): casi che
ci immaginiamo piuttosto infrequenti. Ipotesi forse più attuale è quella di chi
inconsapevolmente assuma un farmaco che potenzi gli effetti dell'alcool
(Mantovani, 1990). Per espresso rinvio dell'art. 93, lo stesso regime si applica in
caso di intossicazione accidentale da stupefacenti.
L'intossicazione acuta da alcool o da sostanze stupefacenti che sia invece
20
volontaria o colposa non esclude né diminuisce l'imputabilità (artt. 92/1 e 93
c.p.). Per intossicazione acuta si intende la condizione in cui ci si trova per
l'effetto immediato dell'assunzione della sostanza, condizione caratterizzata da
sintomi diversi a seconda del tossico in questione, ma destinati ad esaurirsi in
un lasso di tempo contenuto, con successiva piena restitutio ad integrum. E'
questa appunto che è stata definita "finzione di imputabilità" (Bricola, in:
Crespi, 1970)21.
L'art. 95 prevede la cronica intossicazione da alcool o da sostanze stupefacenti,
stabilendo invece che in questo caso si applichino le disposizioni di cui agli artt.
88 e 89 c.p; ciò significa che, a differenza della intossicazione acuta, quella
cronica è assimilata ad un'infermità e perciò può -mai "deve"- diminuire o
escludere l'imputabilità. "Con suggestiva espressione si è detto che l'ubriaco è
folle perché beve, mentre l'intossicato cronico beve perché è folle" (Mantovani,
1990).
Per cronica intossicazione si intende una situazione in cui
indipendentemente dall'interruzione dell'assunzione della sostanza, ed anche a
distanza di mesi o di anni dall'interruzione stessa, il soggetto continua a
presentare segni somatici, neurologici e psicopatologici di intossicazione.
Secondo Fornari (1989/a), per potersi parlare di cronica intossicazione, è
necessario l'evidenziarsi del decadimento della personalità (deterioramento della
vita di relazione, disturbi che coinvolgono la sfera emotivo-affettiva,
compromissione di quelle intellettiva), altrimenti "non si potrà parlare di vizio
di mente, ma semplicemente di cronica intossicazione con alterazioni somatoviscerali e neurologiche".
Sul concetto di azioni liberae in causa o ad libertatem relatae poggia, ed in
senso più preciso, la ratio della disposizione che dà luogo ad un aumento di
pena quando l'ubriachezza o l'intossicazione da stupefacenti siano preordinate al
fine di commettere il reato o di preparasi una scusa (artt. 92/2 e 93), "poiché la
loro caratteristica sta appunto nell'essere compiute in stato di incapacità di
intendere o di volere e nell'essere imputate al soggetto con riferimento ad un
anteriore comportamento tenuto dallo stesso in stato di imputabilità" (Crespi,
1970).
Sempre in nome di esigenze di politica criminale, l'art. 94 prevede
un'aggravante di pena per il caso di ubriachezza o intossicazione da stupefacenti
abituali. Ipotesi rarissima a riscontrarsi nella pratica applicazione, come
22
dimostrato dalla ricerca empirica (Piani, Giusti, 1984 ), ed il cui accertamento,
20
Quella cioè di chi poteva prevedere che assumendo quella sostanza e in quella quantità si sarebbe
ubriacato, ed ha agito quindi per imprudenza o negligenza.
21
Per i problemi giuridici relativi al fatto che l'agente debba rispondere a titolo di dolo o di colpa si
vedano: Crespi (1990); Mantovani (1990); Portigliatti Barbos, Marini (1964).
22
Gli Autori esaminano le 7506 sentenze emesse dal Pretore, dal Tribunale, dal Giudice Istruttore e
dalla Corte d'Assise di Udine negli anni 1979-1982, trovandone 299 per reati legati all'uso di alcool.
10
anzi, secondo alcuni non è neppure di competenza dello psicopatologo bensì del
giudice (Bruno, Ferranti, 1990; Fornari, 1989/a). Dal punto di vista della scelta
sanzionatoria, si discute se sia il caso di mantenere questa aggravante di pena
23
intesa a punire un vizio, esempio di "colpevolezza per la condotta di vita" .
Si discute in quale ipotesi sia da ricomprendersi il caso dell'ubriachezza
patologica o intossicazione alcoolica idiosincrasica. E' fin superfluo ricordare
che dal punto di vista naturalistico siamo di fronte sicuramente ad una malattia,
ma s'è visto anche quante eccezioni il diritto faccia al dato naturalistico, ed
infatti la giurisprudenza ha mostrato, anche qui, ondeggiamenti. Resta fermo il
principio, più condivisibile nel suo risvolto di "rimproverabilità", che:
"L'ubriachezza patologica non può considerarsi fortuita, quando il soggetto sia
consapevole di esserne affetto" (Cass., 2 marzo1982).
Gli artt. 93 e 95 c.p. trattano alla stessa stregua l'intossicazione da alcool e
quella da stupefacenti. Questa normativa è stata concepita decenni fa, in
un'epoca in cui il problema delle sostanze stupefacenti era ben diverso da quello
odierno per fenomenologia, diffusione, rapporti con il crimine, riverberi
sanitari. E' una normativa modellata piuttosto sul problema dell'assunzione di
24
alcool, problema allora quasi esclusivo o comunque unico ad essere vero e
25
proprio fenomeno di allarme sociale . Le due situazioni sono però molto
diverse: in particolare, mentre negli alcoolizzati lo stato mentale è spesso
gravemente deteriorato, nei tossicomani non sempre e non necessariamente si
sono realizzate alterazioni psichiche persistenti tali da configurare una cronica
intossicazione26.
Al proposito si confrontano però posizioni diverse: secondo Fornari (1989/a)
non va confusa la situazione di tossicodipendenza con quella di cronica
intossicazione da stupefacenti, appunto perchè quest'ultima esige modificazioni
27
durature, benché non permanenti , che non è affatto detto si realizzino nel
tossicodipendente; il che comporta altresì che la presenza di una sindrome di
astinenza non sarà condizione sufficiente per valutare la ricorrenza del vizio di
mente. Solo in presenza di disturbi mentali organici o segni di destrutturazione
Nonostante l'ampia mole di dati, l'art. 94 c.p. non viene mai applicato, e solo una volta ipotizzato dal
perito.
23
Dal punto di vista clinico, invece, a parere di alcuni il concetto di alcool- o farmaco-dipendenza,
sconosciuto nel 1930, avrebbe dato una giustificazione scientifica a questa ipotesi, consentendo di
differenziare appunto la condizione di dipendenza (intossicazione abituale) da quella di intossicazione
cronica (Ponti, Calvanese, 1984). Secondo Introna (1996), invece, si tratterebbe di "una sorta di
invenzione del legislatore del 1930, non essendo prevista dalla clinica". A proposito della
tossicodipendenza, peraltro, è stato anche fatto notare che: "veramente sarebbe assurdo, in un sistema
che guarda verso il tossicodipendente con intenti (anche se non suffragati da grandi successi) di cura, di
riabilitazione, di reinserimento, di recupero, cominciare con l'aumentargli la pena" (Vassalli, 1990).
24
Naturalmente le sostanze stupefacenti erano conosciute già negli anni Trenta, ed anzi in quell'epoca si
erano già verificate più "epidemie" di sostanze stupefacenti diverse (oppio, etere, cocaina). Il fenomeno
non aveva però certo quella rilevanza sociale e criminale che ha assunto dagli anni Settanta del secolo.
25
Nello stesso senso: Fornari (1898/a); Gerunda Licata (1990); Vassalli (1990).
26
Per un approfondito dibattito sul tema si vedano: Canepa (1984); De Fazio (1984); Ponti, Calvanese
(1984).
27
La Corte di Cassazione ha ripetuto la necessità del requisito della permanenza, aggiungendo talvolta
quello dell'irreversibilità o dell'inguaribilità (in: Vassalli, 1990). Ma sulla possibilità della regressione,
in buona misura almeno, dei danni neuropsichici dovuti a "cronica intossicazione" alcoolica si vedano
Piani e Giusti (1984).
11
psicotica della personalità, per di più osservabili a distanza dalla fase si
intossicazione acuta e da quella di carenza, potrà invece farsi diagnosi di cronica
intossicazione da stupefacenti (Fornari, 1989/a).
Secondo altri (Ponti,
Calvanese, 1984; Ponti, Merzagora, 1988) la tossicodipendenza è certamente
una condizione morbosa, fors'anche parificabile alla cronica intossicazione, ma
non tale da essere di per sé causa di esclusione o diminuzione dell'imputabilità,
e, per Ponti (1990) i reati tipici degli eroinomani non sono tanto conseguenza
della compromissione della capacità di comprendere l'illiceità del
comportamento o di programmare la condotta, ma semmai sono compiuti sotto
la spinta del bisogno di procurarsi il denaro per acquistare la droga. Secondo
Giusti, Sica (1979) e secondo Gerunda Licata (1990), invece, la tenace
tossicodipendenza è assimilabile a cronica intossicazione, ed inoltre
l'incoercibile bisogno di droga è idoneo a viziare quantomeno il volere; e per
Vassalli (1990) dovrebbe essere ipotizzabile -"ovviamente con l'indispensabile
apporto delle valutazioni peritali"- l'applicazione al tossicodipendente dell'art.
89 c.p.
Vi è chi, infine, ha proposto di considerare la possibile incidenza
sull'imputabilità della condizione del tossicodipendente solo in relazione al
reato di detenzione di stupefacenti (Ponti, Calvanese, 1984; Nuvolone, 1985),
ipotesi a cui è stato eccepito che: "Un carattere di natura tutta soggettiva non
può correre lungo la linea di demarcazione tra tipi e tipi di reato" (Vassalli,
1990).
Nel senso della non coincidenza della tossicodipendenza con la cronica
intossicazione si è prevalentemente espressa anche la Cassazione, ancorchè con
qualche eccezione che è interessante citare: "L'eroina esercita una devastante
azione distruttrice sui sentimenti e sulla volontà di chi ne abusa, sì da
distogliere, deviare ed alterare i primi, subordinati all'esclusivo interesse di
comunque assicurarsi la droga, e da esaltare il dinamismo della volontà nella
prevalente direzione di quell'interesse da incondizionatamente soddisfare,
determinando, sotto il profilo giuridico, una condizione di inferiorità psichica. Il
precario, apparente ed innaturale equilibrio scandito dalle periodiche assunzioni
di droga -il ritmo delle quali è proporzionale al grado di assuefazione della
stessa- si labilizza col fatale esaurirsi degli effetti della dose di sostegno, sino a
risolversi nella cosiddetta crisi di astinenza, che è condizione propriamente
28
patologica, configurante un autentico vizio di mente " (Cass., 22
novembre1983, in: Vassalli, 1990).
Un problema è costituito dal fatto che se certamente la droga è diversa
dall'alcool -dal punto di vista sociale, criminologico, medico, psicopatologico-,
diverse, e di molto, sono anche le varie droghe fra loro, e ciò vale anche e
particolarmente per i fenomeni della dipendenza e degli eventuali danni duraturi
o permanenti sullo psichismo, sicchè forse non sarebbe neppure sufficiente
distinguere, agli effetti dell'imputabilità, tra alcool e stupefacenti. In ogni caso
stupisce che nelle pur tante norme succedutesi negli ultimi decenni in materia di
stupefacenti nulla si trova relativamente all'imputabilità.
§ 5. Sordomutismo. L'art. 96 C.P. stabilisce poi che "Non è imputabile il
sordomuto che, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva, per causa
della sua infermità, la capacità di intendere o di volere. Se la capacità
28
Il corsivo è nostro.
12
d'intendere o di volere era grandemente scemata, ma non esclusa, la pena è
diminuita".
Val la pena di chiarire che il precedente codice attribuiva automaticamente al
sordomutismo l'idoneità ad incidere sull'imputabilità, mentre il Codice Rocco la
subordina all'accertamento in concreto della capacità di intendere e di volere,
riconoscendo quindi che la condizione in oggetto possa influire sul pieno
sviluppo psichico, ma rifiutando ogni determinismo, e ciò in considerazione
delle maggiori possibilità terapeutiche e di inserimento sociale di questi
29
soggetti . In pratica, quindi, diversi saranno i casi dei sordomuti non educabili e
di quelli educabili, di quelli che abbiano ricevuto concretamente un trattamento
e di coloro che non lo abbiano ricevuto, ed anche del sordomutismo congenito,
che può costituire un reale ostacolo allo sviluppo psichico, e di quello
30
tardivamente acquisito (Fornari, 1989/a ; Mantovani, 1990).
E' stato fatto rilevare che la cecità, neanche congenita, non è invece mai stata
annoverata fra le cause che escludono o diminuiscono l'imputabilità, secondo
Mantovani (1990) poichè: "E' esperienza comune che questo difetto sensoriale
non ostacola né ritarda la maturità intellettiva e morale".
§ 6. I fondamenti penalistici del sistema. La quasi assoluta universalità
storica e -lo si vedrà- geografica del principio per il quale il malato di mente in
quanto incapace di comprendere e/o di autodeterminarsi debba essere
considerato irresponsabile viene giustificata attraverso diverse argomentazioni,
una delle quali è l'adesione di tale principio al sentire comune, alla coscienza
sociale31. E' da rilevare, però, la prontezza con cui il giurista depone tali
considerazioni in nome di esigenze di politica criminale, come s'è visto in
materia di stati emotivi e passionali e di intossicazione da alcool e da
stupefacenti.
A fondamento del sistema della non imputabilità per incapacità di intendere e
di volere sono poi poste la funzione retributiva della pena, cui fa precipuo
riferimento la riportata citazione dell'Antolisei, ma anche quella preventiva, per
la quale si faceva e si fa notare che: "La legge penale è norma coattiva di
condotta; e la sua funzione specifica, preveniente dei reati, è, cioè, la
29
Con riguardo agli ulteriori progressi intervenuti dal 1930 ad oggi, il Disegno di Legge di modifica del
Libro primo del codice penale ha addirittura abolito la previsione del sordomutismo fra le cause idonee
ad incidere sulla capacità di intendere o di volere. Si veda il capitolo "Nuove idee in tema di
imputabilità" in questo stesso Trattato.
30
"Per quanto si riferisce ai problemi psichiatrico-clinici e psichiatrico-forensi, si ricordi che tanto più
precoce è il difetto tanto più evidenti sono i tratti di diffidenza, incertezza, inferiorità, labilità emotiva,
impulsività e difficoltà di rapporto con il mondo: idee preconcette e atteggiamenti prevenuti possono
così rappresentare caratteristiche che connotano lo stile di vita del sordomuto, senza che peraltro si
debba necessariamente conferire a tutto ciò 'significato di malattia'" (Fornari, 1989/a).
31
"La comunità, allorché queste persone violano leggi penali, è portata a scusarle, perchè attribuisce il
fatto alle loro condizioni speciali. In conseguenza la reazione psico-sociale che nasce dai delitti
commessi dagli individui di cui trattasi è diversa da quella che si verifica nei casi ordinari" (Antolisei,
1980); "è una forma necessaria del pensiero giuridico quella che impone di distinguere fra soggetti
capaci di adeguarsi a un comando: ma è anche una forma necessaria del pensiero in genere" (Nuvolone,
1981); e, più di recente: "la coscienza sociale avvertirebbe, ancor oggi, come ingiusta la sottoposizione a
pena di chi non è compos sui " (Fiandaca, Musco, 1989).
Ma è stato anche puntualizzato che: "Un approccio critico al problema dell'imputabilità non può
dunque limitarsi a passivamente recepire le ambigue posizioni del senso comune o della coscienza
sociale, ma deve darsi carico di controllarle, alla stregua di criteri razionalmente fondati" (Pulitanò,
1988).
13
intimidazione. Ma questa funzione non potrebbe sussistere, se nella maggior
parte degli uomini non vi fosse la capacità, o la possibilità, di subire la coazione
psicologica della legge penale, per la capacità di intendere l'intimazione della
stessa e di associare all'idea del reato l'irrogazione del male minacciato, con la
facoltà fisica e morale di conformare ad essa la propria condotta" (Impallomeni,
1911, in: Fiandaca, 1987); e, più di recente, Bertolino (1990) richiama le
posizioni di chi fa risalire il fondamento dell'imputabilità nella "motivabilità
mediante norme", per la quale non tanto alla mancanza di libertà di chi non sia
capace di intendere e di volere va ascritta la ratio del sistema, quanto alla non
32
efficacia della pena nei suoi confronti . Analogamente, rispetto alla funzione
risocializzativa e specialpreventiva si è argomentato che in colui che fosse stato
giudicato incapace di comprendere il disvalore dell'atto o di opporvisi con libera
33
volontà non potrebbe trovarsi aggancio rieducativo , cioè a dire che per
rieducare occorre che all'autore del reato possa muoversi un rimprovero; inoltre:
"Nei confronti di un tale soggetto (...) la pena non potrebbe certo svolgere un
effetto risocializzante, trattandosi piuttosto di un individuo che a tale fine
necessita di assistenza e cure particolari" (Bertolino, 1990).
Sempre dal punto di vista giuridico, molto si è discusso sui rapporti fra
imputabilità e colpevolezza, sostenendo una parte della dottrina che la
colpevolezza prescinde dall'imputabilità (concezione psicologica della
colpevolezza), ed un'altra che l'imputabilità è presupposto necessario o
elemento essenziale della colpevolezza (concezione normativa).
La discussione è di stretta pertinenza giuridica, e agli scritti dei giuristi pertanto
si rimanda34, limitandoci qui a ricordare come la scelta fra l'una o l'altra
concezione abbia ricadute pratiche in materia di accertamento del dolo e della
colpa -che per i fautori della concezione psicologica sarebbero riscontrabili
35
anche nei non imputabili ma non così per coloro che sposano la concezione
32
Relativamente alla condizione dell'infermo di mente, però, qualche dubbio lo si esprime: "si può
obiettare che le scienze psicologiche sono ben lungi dal fornire la prova empirica della validità della tesi
che vuole gli incapaci insuscettivi di motivazione mediante minacce di pena. E' sostenibile che
l'immaturo o il pazzo non possano mai essere trattenuti dalla minaccia di sanzioni? In realtà non è da
escludere che lo possano" (Fiandaca, 1987). Questo il dubbio del giurista, lo psichiatra va ancora più in
là: se qualche prova empirica le scienze psicologiche possono fornire, essa è proprio nel senso che
l'incapace, o almeno che molti incapaci siano "condizionabili" dalla minaccia della pena: "E' arbitrario
ed apodittico ritenere che le persone affette da disturbi psichici non possano, per questo, risentire degli
effetti afflittivi della pena", e: "Ammesso che la pena abbia in concreto -o possa anche solo in teoria
avere- valore emendativo, è arbitrario ed apodittico ritenere che questo non valga in via di principio per
le persone con disturbi psichici" (Manacorda, 1986).
33
"La pena che si prefigge di non inasprire l'eventuale desocializzazione del reo e di attivare un
processo di reinserimento o di riappropriazione dei valori conculcati della condotta criminosa, non può
che rivolgersi alle motivazioni ed alle scelte, libere e consapevoli, della persona" (Alessandri, 1991).
34
E cioè, tra gli altri: Antolisei (1980); Bertolino (1990); Crespi (1970); Fiandaca, Musco (1989);
Mantovani (1990). Per gli scritti non solo di giuristi si veda anche: Portigliatti Barbos, Marini (1964).
Altri problemi giuridici sono per esempio quelli della compatibilità fra vizio di mente e premeditazione
e fra vizio di mente e circostanze; per questi pure si vedano Portigliatti Barbos, Marini (1964) e
Portigliatti (1995).
35
"Accertato -per ipotesi- che il fatto tipico non sussiste o non è stato commesso oppure che risulta
giustificato da una scriminante, il giudice deve darne subito atto, senza ricercare se ricorra o meno
l'imputabilità del soggetto, essendo un dato di comune esperienza che anche l'infermo di mente o
l'ubriaco può agire, fra l'altro, in condizioni di legittima difesa o in stato di necessità (...) Né il
ragionamento dovrebbe mutare avuto riguardo alla componente propriamente soggettiva del reato: una
14
normativa-, e quindi in materia di configurabilità del reato, di errore patologico
(cioè dovuto all'infermità) e dunque anche di sottoposizione alla misura di
sicurezza. L'esempio è quello del paranoico che uccide colui che è convinto sia
il suo persecutore (Mantovani, 1990): dando credito alla concezione psicologica
il fatto potrebbe non costituire reato per difetto di colpevolezza, appoggiando
invece la tesi normativa il soggetto sarebbe dichiarato colpevole ma non
imputabile. Ciò ha evidenti conseguenze anche in materia di misure di
36
sicurezza, che nel primo caso sarebbero impensabili . L'orientamento che
prevale in dottrina -ma non con altrettanta decisione nella giurisprudenza- è
comunque quello normativo, secondo cui l'imputabilità è componente essenziale
della colpevolezza
§ 7. Significato e limiti del concetto di infermità. Se critiche e discussioni il
sistema dell'imputabilità ne ha suscitate da più punti di vista, è il problema della
"infermità" -del contenuto e dei limiti da dare al termine usato dal legislatorequello che ha consentito a giuristi e psicopatologi forensi di versare fiumi di
inchiostro: su di esso si sono probabilmente edificate intere carriere
accademiche.
Per cominciare, la definizione di imputabilità come capacità di intendere e di
volere è stata considerata, fin dal suo apparire, "vaga" (Delitala, in: Crespi,
1970) e "poco felice" (Gemelli, in: Crespi, 1970).
Qualche punto fermo, comunque, c'è: per esempio nel fatto che per infermità
possa intendersi anche infermità fisica, ovviamente con riverberi sulle funzioni
psichiche dell'intendere e del volere, e ciò sia perchè lo suggeriscono la logica e
la conoscenza di malattie fisiche che incidono sulla psiche (fattori tossinfettivi,
squilibri metabolici, ipoglicemie, disturbi circolatori, etc.), sia perchè lo si
ricava dalla differenza con la dizione usata dal codice Zanardelli ("stato di
infermità di mente") (Crespi, 1970; Mantovani, 1990).
Ancora, c'è accordo sul fatto che il concetto di infermità sia diverso da quello di
malattia (Bandini, 1989; Canepa, Traverso, 1985 e 1987; Mantovani, 1990), che
37
sia talvolta più ampio e talvolta più circoscritto di questo.
D'altro canto le definizioni e le classificazioni delle malattie mentali sono state
elaborate per fini di cura e di conoscenza, cioè per scopi diversi da quelli
valutativi della responsabilità penale e della tripartizione -capace, seminfermo,
totalmente incapace- propri invece dell'ambito giuridico, il che ha obbligato la
psichiatria forense all'individuazione di regole e criteri di "traduzione" del
sapere psichiatrico per le esigenze del sistema dell'imputabilità. Da qui è
derivata la ricerca di concetti quali quello di "sofferenza dannosa" (Schneider,
1966), del "quid novi" (Gerin, 1970), della "norma responsiva" (Ferrio, 1959).
Uno di questi criteri, probabilmente quello che s'è dimostrato il più vitale, è
38
stato il "valore di malattia" , concetto appunto psicopatologico forense che
volta accertata l'insussistenza del dolo, della preterintenzione o della colpa, v'è quanto basta per
dichiarare che il fatto non costituisce reato" (Crespi, 1970).
36
Ma: "Anche nei confronti di quest'ultimo [il soggetto incapace] quindi, qualora si accerti la
sussistenza di un errore non derivato dallo stato di inimputabilità, andrebbe riconosciuta l'efficacia
scusante dell'errore incolpevole, con la conseguenza di escludere l'applicabilità di qualsiasi misura di
sicurezza oltre che della pena" (Bertolino, 1990).
37
Anche la Giurisprudenza ha più volte affermato esplicitamente la maggiore ampiezza del concetto di
infermità rispetto a quello di malattia mentale: Cass., 1 luglio 1959; Cass., 18 dicembre 1963; Cass., 6
giugno 1972; Cass., 30 aprile1974; Cass., 4 maggio 1976; Cass., 15 febbraio 1982.
15
designa quelle situazioni che, indipendentemente dalla qualifica clinica,
assumono "significato di malattia" -o, forse meglio, "significato di infermità"- e
sono pertanto idonee ad incidere sulla capacità di intendere e di volere. Ma, lo
si ripete per la sua importanza, non ogni malattia in senso clinico ha "valore di
malattia" in senso forense, e, viceversa, vi possono essere situazioni
clinicamente non rilevanti o non classificate che in ambito forense assumono
"valore di malattia".
Secondo Introna (1996), inoltre, non solo non vi è identità fra "malattia" e
"infermità", ma il legislatore avrebbe scelto appositamente il termine
"infermità" perchè "al giudice non può interessare una eventuale diatriba
nosografica tra esperti circa il nome da attribuire a questa o a quella malattia,
bensì interessa solo sapere se e quali conseguenze ne siano derivate a carico
39
della capacità di intendere e di volere al momento del fatto" .
Il che peraltro non esclude che l'attuale incertezza, o forse noncuranza, da parte
della scienza psichiatrica rispetto ad una precisa definizione/delimitazione del
concetto di malattia40 abbia avuto riverberi anche sulla definizione/delimitazione
del concetto di "infermità" ai fini dell'incidenza sull'imputabilità. In altri
termini: se anche la "infermità giuridica" non è la stessa cosa della malattia
psichiatrica, il poter avere una chiara definizione di quest'ultima costituiva pure
un parametro a cui far riferimento, parametro che adesso viene a mancare.
Su questo ci si soffermerà nel successivo capitolo, per ora occorre però
ricordare che in passato la dottrina prevalente (e -come vedremo- la
giurisprudenza) sosteneva che: "Tutti i veri psicotici non sono imputabili"
(Grhule, in: De Vincentiis, Callieri, Castellani, 1972); "tutte le malattie mentali
sono infermità. In linea generale le anomalie, soprattutto se caratterizzate da
deviazione della struttura intrinseca della personalità (per esempio 'l'indole
particolarmente malvagia' prevista dall'art. 109 c.p.), non sono infermità"
(Gerin, 1970), intendendosi con il termine "malattie mentali" le psicosi, i gravi
38
Siamo debitori del concetto a Müller-Suur (in: Bini, Bazzi, 1971; Fornari, 1989/b).
39
In modo parzialmente analogo argomenta parte della dottrina, secondo cui il legislatore avrebbe
"delegato alla scienza psichiatrica la definizione del concetto di infermità mentale penalmente rilevante,
nella consapevolezza che tale concetto avrebbe potuto, in futuro, essere ridefinito. Così operando, il
legislatore si sarebbe cautelato dal recepire un concetto che negli anni avrebbe finito con il modificarsi,
garantendo, nel contempo, un immediato adeguamento delle norme alle nuove acquisizioni della
scienza". Così in Balbi (1991), che si dichiara però in disaccordo con tale opinione.
40
Fornari (1989/a), dopo aver ricordato che: "Al momento, nessuno dei manuali più diffusi di
psichiatria, né le tre edizioni del Manuale Statistico e Diagnostico delle malattie mentali dell'American
Psychiatric Association (1952-1968-1980), danno una definizione standard concordata ed univoca di
malattia mentale" propone però una definizione di malattia mentale, seppur convenzionale comunque
utilizzabile a fini pratici ed operativi (in ambito forense), intendendo per tale : "-una sindrome che
comporta una compromissione psichica e somatica, a causalità multipla e circolare, di cui è proprio un
carattere dinamico-evolutivo e che richiede interventi socio-sanitari e socio-assistenziali; -i relativi
fenomeni d'arresto, di regressione, di destrutturazione o di disorganizzazione possiedono caratteristiche
oggettive (insieme di segni cui il clinico conferisce valore di malattia) e soggettive (insieme di sintomi
cui il paziente assegna significato di malattia); -essa è caratterizzata dalla successione acuta o cronica di
disturbi che modificano in maniera transeunte o persistente l'organizzazione strutturale e le modalità di
rapporto Io-Altri e inficiano consistentemente le preesistenti abilità sociali individuali; -i disturbi
patologici si configurano, nel loro divenire, in quadri di stato o in momenti di temporanea
compromissione delle funzioni dell'Io; -detti quadri, noti come infermità di mente, o costituiscono entità
patologiche autonome del tipo quadri psicotici acuti, o 'momenti' della malattia più o meno dilatati o
ristretti nel tempo; -in entrambi i casi, le funzioni dell'Io sono 'bloccate' o 'sovvertite' o 'spezzate' nella
loro 'autonoma' e 'libera' espressione" (Fornari, 1987/a; 1989/a).
16
difetti intellettivi, i disturbi ad eziologia organica. Più tardi queste certezze
vennero incrinandosi, talchè ad esse si sostituirono posizioni più aderenti ad un
criterio clinico secondo cui: "non possono mai valere indicazioni di carattere
generale, dovendosi caso per caso indagare, con criterio clinico, sulla natura
della persona e dei meccanismi psichici e psicopatologici messi in atto in ogni
fattispecie. Tuttavia, pur se a titolo indicativo, si può dire che comportano in
genere il vizio totale le psicosi più gravi, mentre le oligofrenie, a seconda del
grado, possono essere compatibili anche con l'imputabilità piena, ovvero
possono configurare le ipotesi del vizio parziale o anche totale. Le nevrosi
possono comportare anche una riduzione della capacità di intendere e di volere,
ma pressocché mai la perdita, e molto spesso sono compatibili con l'imputabilità
piena. Particolarmente difficile è la valutazione di certe deviazioni psicopatiche
(reazioni e personalità psicopatiche), alle quali non è sempre agevole
riconoscere il carattere di infermità, trattandosi più che di malattie di semplici
'varianti' dell'essere psichico, come tali penalmente irrilevanti. Solo nelle forme
più gravi può riconoscersi, al più, il vizio parziale" (Mantovani, 1990).
Ora, con maggiore aderenza al dato naturalistico benchè con minore criterio di
certezza, si afferma che non vi è la possibilità di tradurre immediatamente una
determinata diagnosi psichiatrica in una delle tre possibilità offerte dal codice,
che non vi è alcuna "possibilità di stabilire un parallelismo o una
corrispondenza tra determinate diagnosi psichiatriche e le categorie giuridiche
della cosiddetta piena imputabilità, del vizio parziale e del vizio totale"
41
(Bandini, Gatti, 1985) , che non è possibile cioè affermare che la psicosi
comporti sempre e soltanto assenza di capacità di intendere e di volere, o la
nevrosi semimputabilità, o il disturbo di personalità imputabilità piena, e via
discorrendo. Era questa la visione di una passata psichiatria e di una passata
psichiatria-forense che consideravano lo psicotico sempre e comunque alienato,
incapace, inaffidabile e pericoloso, e che più in generale disconoscevano il
continuum e la fluidità dei quadri patologici.
Oggigiorno, invece, da un lato si ammette che anche situazioni di più grave
malattia di mente, di vera e propria psicosi possano essere compatibili con la
piena imputabilità42
Dall'altro lato ci si domanda se anche quelle che un tempo erano definite "mere
anomalie", come tali ininfluenti sull'imputabilità, non possano invece talora
incidervi. Anche a voler adottare una concezione restrittiva che riconosca spazi
di libertà pure in presenza di psicosi, rimane cioè il problema reciproco, quello
di fare i conti con il dato naturalistico per il quale anche situazioni di
"anomalia", soprattutto intese come disturbi di personalità e nevrosi, possono
influenzare la capacità di intendere e di volere. Quello delle anomalie, ma per
identiche ragioni anche quello degli "stati emotivi e passionali" sono infatti i
punti sui quali si accentrano le maggiori critiche, perplessità e difformità di
vedute, come si vedrà anche a proposito delle pronunce giurisprudenziali, delle
soluzioni di diritto comparato e, nel prossimo capitolo, delle proposte di
riforma.
Quanto all'esclusione degli stati emotivi e passionali dal novero delle situazioni
atte ad incidere sulla imputabilità: "Potremmo dire che in questo caso, almeno
41
42
Nello stesso senso: Bandini, Gatti (1982); Canepa, Traverso (1985); Canepa, Traverso (1987).
Antesignani in tal senso De Vincentiis, Callieri, Castellani (1972): "non è da ritenersi sufficiente
nemmeno la diagnosi di psicosi al fine di escludere la capacità". Ma le argomentazioni più ampie sono
contenute in: Ponti, Gallina Fiorentini (1982), e riprese in: Ponti, Merzagora (1993).
17
talvolta, il giudizio di piena imputabilità venga formulato dal perito per
convenzione, non per convinzione, e comunque non sempre. E' infatti talora di
comune riscontro il non fermarsi -come periti- alla 'diagnosi' di stato emotivo e
passionale quando l'atto appaia veramente troppo sproporzionato, o
incomprensibile, o non rispecchi affatto lo stile di vita del soggetto: quando,
insomma, il perito percepisce esserci stato, al momento dell'atto delinquenziale,
un difetto di responsabilità nel soggetto. In questo caso, quindi, sul momento
della diagnosi psichiatrica si fa prevalente quello del giudizio sulla
responsabilità, talché se il perito, nella fattispecie, si forma il convincimento che
la responsabilità sia attenuata conferisce valore di malattia anche allo stato
emotivo e passionale" (Ponti, Merzagora, 1993).
Peraltro, in ambito forense vi è una necessità di certezza che rischia di essere
vanificata laddove, a discrezione del singolo perito, una stessa situazione venga
talvolta considerata idonea ad incidere sulla capacità di intendere e di volere e
talaltra no, e vi è una necessità di limitazione tale per cui, se assumessimo che
ogni deviazione dalla normalità psichica può far dichiarare il reo irresponsabile,
dovremmo forse "riciclare" tutte le carceri in ospedali psichiatrici giudiziari. Da
qui lo sforzo di elaborare criteriologie che aiutino nel compito di tradurre i
quadri osservati in una delle categorie dell'imputabilità.
La proposta più articolata in tal senso ci risulta essere quella di Fornari
(1989/a), il quale parte dall'assunto che comunque ci si debba rifare al più
43
generale concetto di "autonomia funzionale dell'Io" , e quindi della perdita di
tale autonomia per aversi riverberi sull'imputabilità; aggiunge poi l'Autore,
portavoce dell'approccio nosografico in psichiatria forense, che le alterazioni
patologiche delle funzioni dell'Io "sono tali solo quando inscrivibili nella
nosografia psichiatrica a tutti nota" (Fornari, 1987/a). Ciò posto, propone -ma,
aggiunge, non prescrive- di attribuire "significato di malattia" ai fini forensi a:
- le insufficienze mentali gravi e medie;
- le psicosi;
- gli sviluppi di personalità;
- le reazioni abnormi, qualora siano caratterizzate da frattura evidente rispetto al
peculiare 'stile di vita' del soggetto, netta, chiara e rilevante sproporzione tra
avvenimento causale da un lato, intensità, tipo e durata della risposta dall'altro,
possibile presenza di una condizione di compromissione dello stato di coscienza
(crepuscolo, stati confusionali, onirici, oniroidi) coperta e seguita da amnesia e
dismnesia, eventuale presenza di disturbi dispercettivi o di idee preconcette o
prevalenti o deliranti purchè non indotti da sostanze alcooliche o psicoattive,
alterazioni non recitate e non finalizzate a carico degli istinti fondamentali, ricca
partecipazione emotiva, durata relativamente breve della reazione in riferimento
al fatto delittuoso.
Sia chiaro, comunque, che tali situazioni possono, non debbono, avere
rilevanza ai fini dell'imputabilità, nel senso che: "Nell'ambito ristretto della
psichiatria forense, costituiscono vizio (parziale o totale) di mente, solo quei
disturbi che importano alterazioni patologiche delle funzioni dell'Io, a loro volta
esprimentisi sintomaticamente nell'atto criminale, che in tal modo assume
'significato e valore di malattia'. In assenza di ciò (...) anche un malato di mente
può essere ritenuto imputabile" (Fornari, 1987/a).
43
"L'Io è quella infrastruttura della personalità che si definisce per le sue funzioni" (Fornari, 1987/a,
1989/a), funzioni che l'Autore distingue in: cognitive, organizzative, previsionali, decisionali, esecutive
(Fornari, 1989/a, 1989/b).
18
Seguendo tale indirizzo, è evidente che le personalità abnormi -psicopatiche e
nevrotiche- non possono ambire al vizio di mente, né possono farlo i
comportamenti psicopatici -cleptomania, piromania, poriomania, etc.- a meno
che, ovviamente, non siano sintomatici di "vera e propria patologia di mente"
44
(Fornari, 1989/a) . E ancora vengono escluse dal novero delle condizioni atte
ad incidere sull'imputabilità le "personalità patologiche" -istrionica, ossessiva,
psicastenica, etc.- e le "nevrosi del carattere", equivalente delle psicopatie nella
dizione psicanalitica (Fornari, 1989/a). Ma, lo si ripete, rimane il problema che
dal punto di vista clinico pure chi ne è affetto può vedere diminuite, a causa
delle sue condizioni, la capacità di intendere o di volere: si pensi al furto
motivato da cleptomania, evento raro, certamente, ma non impossibile, in cui il
45
rapporto fra "irresistibile impulso" e reato è diretto ed immediato . Vi è in
questi casi una difficile e forse impossibile conciliabilità fra le esigenze di verità
della scienza e di certezza del diritto, inoltre, a differenza di quanto forse
accadeva negli anni di redazione del codice penale, è oggi quantomai arduo
definire cosa si intenda per "vera e propria patologia di mente", anche in base
alla considerazione che i fini classificatori e terapeutici della psichiatria hanno
fatto sì che nelle elencazioni nosografiche si trovasse -e giustamente- un po' di
tutto, fino alle varie ipotesi contemplate fra le "Altre condizioni che possono
essere oggetto di attenzione medica" del DSM-IV (1996), in cui ad esempio
troviamo i "Problemi Relazionali", i "Problemi Correlati a Maltrattamento o
46
Abbandono", e il famigerato "Comportamento Antisociale" .
Intervengono poi anche, qui come altrove, considerazioni di politica criminale
o addirittura di sapore morale: si pensi alla esclusione delle parafilie come
disturbi che possono incidere sull'imputabilità. Su tale esclusione nessuno
discute, eppure vi potrebbero essere reati sessuali in cui il rapporto
comportamento/disturbo è immediato almeno quanto quello del caso, prima
citato, della cleptomania.
Un altro problema particolare, e con aspetti analoghi, è costituito da quelle
"reazioni abnormi" di cui abbiamo fatto cenno, e che la letteratura variamente
ha denominato come "reazioni a corto circuito", "reazioni esplosive",
"discontrolli episodici", "disturbi esplosivi isolati" e persino -ma
impropriamente- "raptus"; in ogni caso intendendo quelle situazioni di
elevatissimo ed abnorme coinvolgimento emotivo, transitorie, che si verificano
in soggetti altrimenti sani e si esauriscono in un tempo circoscritto con completa
restitutio ad integrum. E' chiaro qui il problema della "diagnosi differenziale"
con gli stati emotivi e passionali.
44
Per la definizione che l'Autore dà di malattia mentale, si veda la nota 42.
45
Kraepelin assimilava la cleptomania alle forme di "psicosi impulsiva" e Ferrio (1959) la definiva
come "tendenza al furto contro il volere del soggetto, che non può resistere all'impulso ossessivo"
aggiungendo che "costituisce in ultima analisi un disturbo della volontà", talché l'Autore affermava che
la vera cleptomania (effettivamente rara) dovrebbe venir considerata come incidente sull'imputabilità.
46
Ma leggiamo nella "Raccomandazione cautelativa" a pg. 13 del Manuale: "E' chiaro che l'inclusione
in questa sede, a scopo clinico e di ricerca, di una categoria diagnostica quale il Gioco d'Azzardo
Patologico o la Pedofilia, non implica che tale condizione soddisfi i criteri giuridici, o comunque non
medici, di ciò che costituisce una malattia, un disturbo o una disabilità mentale. I concetti clinici e
scientifici implicati nella categorizzazione di queste condizioni come disturbi mentali possono essere del
tutto irrilevanti in sede giuridica, ove ad esempio si debba tenere conto di aspetti quali la responsabilità
individuale, la valutazione della disabilità e l'imputabilità" (DSM-IV, 1996).
19
Il termine "discontrollo episodico", proposto da Menninger e Mayman (1956) e
ripreso in seguito in Italia da Gulotta (1973), denota una modalità reattiva in cui
"l'impulso aggressivo sembra eludere ogni inibizione da parte dell'Io,
esprimendosi in modo diretto, sia per il fatto di essere in genere di carattere
episodico ed esplosivo, facendo seguito alla scarica di aggressività una ripresa
più o meno rapida del controllo, sia infine per il fatto che in tale dinamica, oltre
che l'Io, vengono infranti anche i controlli e le barriere della realtà" (Ponti,
Gallina Fiorentini, Calvanese, 1981). Occorre comunque puntualizzare che per
potersi parlare di discontrollo deve esservi il ricorso di più di una condizione:
l'individuo deve trovarsi di fronte a situazioni di stress psicotraumatizzanti,
inattese, molto intense; la risposta a queste situazioni è di tipo aggressivo; la
reazione dev'essere episodica e avere carattere di esplosività; essa comporta una
frattura nei confronti della realtà; al termine di tale reazione vi è un ripristino
dell'equilibrio del soggetto; spesso il soggetto non conserva memoria dell'azione
messa in atto, a dimostrazione senz'altro del coinvolgimento emotivo e -forsedello slivellamento della coscienza in cui è stato compiuto l'atto (Menninger e
Mayman, 1956).
Fornari (1989/a) propone criteri analoghi per conferire "valore di malattia" alle
reazioni abnormi: "-frattura evidente rispetto al peculiare 'stile di vita' del
soggetto; -netta, chiara e rilevante sproporzione tra avvenimento causale da un
lato, intensità, tipo e durata della risposta dall'altro; -possibile presenza di una
condizione di compromissione dello stato di coscienza (crepuscolo, stati
confusionali, onirici, oniroidi) coperta e seguita da amnesia o dismnesia; eventuale presenza di disturbi dispercettivi o di idee preconcette o prevalenti o
deliranti, purché non indotti da sostanze alcooliche e psicoattive (...); alterazioni non recitate e non finalizzate a carico degli istinti fondamentali; ricca partecipazione emotiva; -durata relativamente breve della reazione, in
riferimento al fatto delittuoso".
Gli indicatori non devono essere
necessariamente tutti presenti.
In sostanza, si tratta di proposte definitorie che si collocano nella prospettiva
delle reazioni psicogene abnormi e si affiancano a molte altre definizioni già
avanzate, prime fra tutte, probabilmente, l'"azione a corto circuito" e la
"reazione esplosiva" di Kretschmer (1950), ma in sostanza, ed al di là delle
questioni nominalistiche, occorrerà accertare con rigore la sussistenza dei criteri
indicati, ed allora potrà riconoscersi a tali situazioni "valore di malattia" (Ponti,
Gallina Fiorentini, Calvanese, 1981) e non iscriverli sempre e comunque nella
disciplina dell'art. 90. Questa interpretazione è ammessa oramai da anni anche
dalla Cassazione, che ha reputato tali disturbi mentali transitori come
"infermità" ai sensi degli att. 88 e 89 c.p. (Squassoni, 1974).
Un'altra situazione che causa ed ha causato qualche imbarazzo psichiatricoforense è quella delle "sindromi marginali", che condividono con le situazioni
sopradescritte anche la varietà terminologica con cui sono designate (la
schizofrenia ambulatoriale di Zilboorg, la schizofrenia latente di Rorschach, la
schizotipia di Meehl, la schizofrenia abortiva di Majer, la schizofrenia
subclinica di Peterson, la schizofrenia pseudopsicopatica di Ermentini, quella
pseudonevrotica di Hoch, le personalità "as if", eccetera (in: Ponti, Merzagora,
1988). Ancora abbastanza di recente, Liebowitz (1979) ritiene che le sindromi
marginali richiedano un ulteriore sforzo di differenziazione dai disturbi affettivi,
e Callieri (1982) sostiene che i dati a disposizione non consentono di concludere
pro o contro il borderline come entità indipendente. Secondo questo Autore,
inoltre, sono necessari studi in cui i borderline vengano classificati secondo
diversi sistemi diagnostici, per evitare il rischio -ora attuale- di includere nel
20
termine realtà eterogenee. Quelli della varietà terminologica e della ancor
discussa indipendenza dell'entità nosografica borderline non costituiscono
comunque ostacoli insuperabili, posto anche che una certa precisazione
semeiologica o comunque descrittiva è pur stata raggiunta. Ci riferiamo qui, per
esempio, ai nove criteri diagnostici indicati da Spitzer e coll. (1979), che hanno
costituito la traccia seguita poi dagli estensori dei DSM per definire dal punto di
vista nosografico il Disturbo Borderline di Personalità. Per quanto poi concerne
la recente e crescente fortuna anche in ambito forense della diagnosi di
borderline, vi è il pericolo che da chiave di lettura senz'altro utile in alcune e
ben precise situazioni, diventi "arnese atto allo scasso" per tutti i casi che non è
agevole risolvere o che non si riesce, senza forzature, a far rientrare in precisi
inquadramenti diagnostici. Mentre invece la situazione marginale può anch'essa
talora ben rendere conto dello sconfinamento transitorio nell'area della psicosi, e
fornir spiegazione in chiave patologica del discontrollo. Il rischio può e deve
essere evitato ancora una volta con il richiamo ad uno stretto rigore diagnostico.
In secondo luogo, lo stesso rigore dovrà utilizzarsi per ricercare la prova, nel
momento del fatto, dell'effettiva compromissione dell'autonomia dell'Io dovuta
allo slittamento nell'area della psicosi.
Nel caso di quella di Fornari (1989/a) sopra citata, si tratta, come ognun vede,
di una proposta che si inscrive in un sistema nosografico, il che conduce ad un
ulteriore problema. Infatti, pur riconoscendo la specificità del concetto
psichiatrico di malattia rispetto a quello forense di infermità, è ovvio che punti
di contatto e scambi ve ne siano, e che quindi si possa porre il problema di
decidere sull'utilizzo dell'uno o dell'altro sistema nosografico o almeno
terminologico (salvo poi operarne la "traduzione" ai fini forensi).
47
Fornari (1987/a) rifiuta e critica con decisione l'utilizzo del DSM in ambito
forense argomentando che tale manuale, in tutte le sue successive versioni,
ricomprende nel novero dei Disturbi Mentali tante e troppe situazioni, talchè la
sua adozione per i nostri specifici fini porterebbe ad un inaccettabile
ampliamento delle ipotesi di esclusione o riduzione della capacità di intendere e
di volere48. Canepa (1989) ritiene che l'utilizzo di metodologie diagnosticonosografiche, quali quelle dei DSM, abbia maggiore possibilità ed ampiezza
laddove il sistema dell'imputabilità è organizzato in modo che al perito spetti la
sola valutazione dell'esistenza di una malattia mentale (sistemi puramente
psicopatologici) e non anche dell'incidenza di questa sulla capacità di intendere
o di volere, ovvero che: "la perizia psichiatrica sull'autore di reato potrebbe in
futuro ricavare un più sostanziale apporto da metodologie diagnostiche, come il
DSM-III-R, qualora l'aspetto normativo non fosse eliminato ma si identificasse,
anziché in problemi giuridico-morali quali l'imputabilità o la responsabilità,
nella dichiarata finalità di approfondire la comprensione clinico-fenomenologica
dell'atto criminale" (Canepa, 1983 e 1989). Un deciso supporter del DSM è
invece Marasco (1996), il quale afferma che "In poche parole, la psichiatria
forense deve uniformarsi agli attuali criteri nosografici che universalmente la
47
Non "numeriamo" perchè si tratta di lavori scritti prima dell'uscita del DSM-IV (1996). I problemi e
le argomentazioni ci sembrano comunque le stesse per le varie edizioni del Manuale, e perciò abbiamo
talvolta usato il plurale: "i DSM".
48
La critica dell'Autore citato veramente investe anche più complessivamente il DSM-III-R, la sua
dispersività, il suo patologismo, il "furore classificartorio dei colleghi americani", "la separazione
artificiosa e non riuscita tra criteri descrittivi e criteri dinamici", "la pretesa, ma non rispettata
ateoreticità", ed altro per cui si rimanda a: Fornari, 1989/b.
21
psichiatria clinica oramai ha adottato", anche se poi pare lasciare la scelta fra
l'ICD e il DSM, purchè sia chiaro che "il parere medico-legale non può
prescindere da un'approfondita valutazione diagnostica basata su criteri di
classificazione adeguati al pensiero ufficiale della cultura psichiatrica corrente".
Al di là del condivisibile intento di meglio comunicare e di avvalersi dei più
attuali risultati dello studio psichiatrico, per il resto questi richiami alla
necessità di "uniformarsi", al "pensiero ufficiale", alla "cultura corrente"
suonano un po' "Minculpop" e ci mettono subito addosso un certo prurito di
trasgressione.
Lasciando infine la parola al DSM, è da dire che è lo stesso Manuale a
49
schermirsi, anche se forse con andamento alterno .
§ 8. L'imputabilità nella giurisprudenza. Abbiamo fatto cenno al progressivo
mutamento della dottrina, passata da una posizione estremamente (ed
artificiosamente) restrittiva dei quadri patologici idonei a comportare vizio di
mente, ad un'altra che, viceversa, concretamente (ma anche arbitrariamente50) è
49
Nell'edizione del 1986, infatti, si legge: "L'uso di questo manuale per scopi non clinici, come per
esempio la determinazione della responsabilità legale, la competenza o la condizione di malattia
psichica, o per giustificare pagamenti di tipo assicurativo, devono essere criticamente esaminati in
ciascun caso all'interno del contesto istituzionale appropriato" (DSM-III, 1986); in quella del 1988: "le
considerazioni cliniche e scientifiche alla base della classificazione e dei criteri diagnostici del DSM-IIIR possono non essere rilevanti per l'impiego del DSM-III-R al di fuori di ambienti clinici o di ricerca, ad
es. nelle valutazioni legali (...) I concetti clinici e scientifici implicati nella categorizzazione di queste
condizioni come disturbi mentali possono essere del tutto irrilevanti in sede giuridica, ove ad esempio si
debba tener conto di aspetti quali la responsabilità individuale, la valutazione della disabilità e
l'imputabilità" (DSM-III-R, 1988); l'ultima frase citata è puntualmente ribadita nell'edizione del 1996,
ove troviamo un paragrafo intitolato "Uso del DSM-IV in ambito forense" che moltiplica le
raccomandazioni: "Quando le categorie, i criteri e le descrizioni del DSM-IV vengono utilizzate a fini
forensi, sono molti i rischi che le informazioni diagnostiche vengano utilizzate o interpretate in modo
scorretto. Questo a causa dell'imperfetto accordo tra le questioni di interesse fondamentale per la legge
e le informazioni contenute in una diagnosi clinica. Nella maggior parte dei casi la diagnosi clinica di
un disturbo mentale del DSM-IV non è sufficiente a stabilire l'esistenza ai fini legali di un 'disturbo
mentale', una 'disabilità mentale' o un 'difetto mentale'. Nel determinare se un individuo soddisfa uno
specifico standard legale (es. capacità legale, responsabilità criminale o invalidità) sono di solito
necessarie più informazioni rispetto a quelle contenute in una diagnosi del DSM-IV. (...) Inoltre il fatto
che la sintomatologia di un individuo soddisfi i criteri per una diagnosi del DSM-IV non ha nessuna
implicazione per quanto riguarda il livello di controllo che egli può esercitare sui comportamenti che
possono essere associati al disturbo. Anche quando la riduzione del controllo sul proprio
comportamento rappresenta una caratteristica del disturbo, la diagnosi di per sé non dimostra che un
particolare individuo sia (o fosse) incapace di controllare il proprio comportamento in un dato
momento" (DSM-IV, 1996). Benchè l'ultima frase pecchi un po' quanto a logica formale, certo si è che
il messaggio complessivo è molto deciso, senonchè poche righe dopo troviamo una frase più
possibilista: "Quando utilizzate appropriatamente, la diagnosi e le informazioni diagnostiche potranno
essere di ausilio per la determinazione della decisione. Ad esempio, quando la presenza di un disturbo
mentale determina un conseguente provvedimento legale (es. un affidamento civile coattivo), l'uso di un
sistema diagnostico stabilito ne accresce il valore e l'attendibilità. Il DSM-IV può facilitare la
comprensione da parte dei giudici delle caratteristiche rilevanti di un disturbo mentale, fornendo un
compendio basato su una revisione della letteratura clinica e di ricerca pertinente" (DSM-IV, 1996). Se
ben comprendiamo, ciò significa non rigettare l'uso del Manuale, anche se l'utilità si indica più
nell'omogeneità di linguaggio e nella conformità di riferimenti che nella classificazione, e in ogni caso
senza che se ne debbano trarre conclusioni immediate e dirette nel giudizio forense. D'altro canto, che
lo si voglia o no, il DSM viene sempre più usato in ambito medico-legale, come fanno presente
Andreoli, Cassano e Rossi nella Presentazione della terza edizione italiana del manuale.
50
Pare contradditorio usare contemporaneamente gli avverbi "concretamente" ed "arbitrariamente", ma
se in ambito giuridico si inserisce il dato naturalistico, necessariamente "incerto" e discontinuo, le
esigenze di certezza ed uniformità non possono che risentirne. E così, come più diffusamente si dirà nel
22
disposta a riconoscere la diminuita o esclusa imputabilità a qualsiasi disturbo
51
che incida sulla capacità di intendere o di volere .
Questo progressivo mutamento, o questo "ondeggiamento", è particolarmente
evidente nella giurisprudenza, ed è anzi -sia consentito dirlo- particolarmente
grave nella giurisprudenza, poste quelle esigenze di certezza del diritto cui s'è
fatto già cenno.
52
Seguendo la scansione in periodi proposta da Fioravanti (1988) , si può dire
che sino alla fine degli anni Cinquanta la giurisprudenza è prevalentemente
informata ad un modello "medico", cioè a dire un modello univoco e
univocamente teso ad escludere dalle ipotesi di non imputabilità quelle
situazioni che non derivino da un disturbo inquadrabile entro un preciso schema
classificatorio della nosografia psichiatrica. Posto che il riferimento era poi ad
una nosografia che collocava le psicopatie e le nevrosi fra le anormalità
piuttosto che fra le malattie, e più in generale ad una psichiatria di stampo
organicista, ne seguiva che psicopatie, nevrosi, e quant'altro non rilevavano ai
fini dell'imputabilità. Nel modello "medico": "La identificazione concettuale
del termine giuridico di 'infermità' con quello psichiatrico di 'malattia' era
finalizzata ad offrire contenuti di certezza e, soprattutto, di rigore al giudizio
sull'imputabilità del reo" (Fioravanti, 1988). Ma già si affacciano, benchè
marginali, posizioni di maggiore apertura: sempre in quegli anni vi sono anche
decisioni che accolgono una nozione di infermità più ampia, valorizzando
l'accertamento clinico piuttosto che la "classificazione" astratta, così da
ricomprendere situazioni atipiche e anomalie accanto alle malattie mentali
classificate. Analogo effetto di apertura sortisce un indirizzo, detto "giuridico",
che viceversa rivendica come di esclusiva competenza del giudice la definizione
del concetto di "infermità", appunto indipendentemente dal fatto che una
situazione sia ricompresa nella nosografia psichiatrica. Tipica in tal senso
l'affermazione secondo la quale: "bisogna distinguere tra il concetto clinico e
quello giuridico dell'infermità stessa, e che quindi non si può né si deve
prescindere dal comportamento dell'imputato nei fatti delittuosi compiuti e da
tutte le relative circostanze di essi" (Cass., 10 gennaio 1952). Affermazione
senz'altro condivisibile, ma che poi in pratica ha condotto ad applicazioni
discutibili, quali la valutazione che dal contegno vigile e cinico dell'imputato va
dedotto "uno stato di pericolosa amoralità che può escludere di per sé l'esistenza
di un vizio parziale di mente" (Ass. Milano, 13 gennaio1933), o anche il
considerare sintomatiche di immoralità, ma giammai di infermità o
seminfermità, l'efferatezza con cui il delitto è stato compiuto, la sproporzione
prossimo capitolo: "il perito psichiatra, proprio per l'indeterminatezza del termine 'infermità', e per
l'arbitrarietà con la quale viene riconosciuto o negato significato di malattia alle situazioni che si
presentano nelle varie fattispeci concrete, diviene troppo spesso arbitro nel decidere se quel tal reo è da
ritenersi capace, o semi-imputabile, ovvero del tutto penalmente irresponsabile (...). Si è così iniziata,
con la dilatazione dei confini dell'infermità e con l'impossibilità di definirla, l'epoca della massima
discrezionalità dove qualsiasi disturbo può divenire vizio di mente rilevante per l'imputabilità; che è
anche il momento in cui non esiste più alcun paradigma nè parametro di valutazione, in cui -per quanto
riguarda la malattia mentale- ogni asserzione può trovar credito, non esiste più alcuna certezza, tutto è
possibile. Ma è anche ovviamente il momento in cui compaiono le più disturbanti ingiustizie" (Ponti,
Merzagora, 1993).
51
Con l'illustre eccezione di Fornari, comunque anch'egli "costretto" ad affermare che: "Esistono malati
di mente nei quali la capacità di intendere e di volere è conservata e, per contro, nevrotici in cui la
sindrome può costituire una infermità tale da inficiare sostanzialmente la loro capacità di intendere e di
volere" (Fornari, 1989/b).
52
Al cui testo siamo ampiamente debitori per tutto il discorso che seguirà.
23
fra il delitto e il movente (Cass., 14 luglio 1948), le "turpitudini e le nefandezze
dell'azione delittuosa" (Cass., 15 maggio 1963, tutte in: Fioravanti, 1988). Ma
nessuno dei periodi considerati si caratterizza per una linea assolutamente
univoca, al più per tendenze prevalenti, e proprio al proposito si ritrovano
contemporaneamente pronunce per le quali efferatezza del crimine e
sproporzione dei moventi vengono viceversa considerate "probabile indizio
53
della malattia mentale" (Cass., 28 marzo 1958) .
In ogni caso, e per tornare alle differenze o analogie fra "indirizzo medico" e
"indirizzo giuridico", nella giurisprudenza precedente agli anni Cinquanta le
psicopatie non ricavano un gran beneficio neppure dalla maggiore apertura
dell'indirizzo giuridico, poichè comunque si argomenta che: "delle tre facoltà
psichiche: sentimento, intelligenza e volontà, che caratterizzano l'azione nel suo
lato subiettivo, il nostro codice, ai fini dell'imputabilità, e quindi anche
dell'infermità, prende in considerazione solo le ultime due e non anche la prima"
(Cass., 7 giugno 1948). Sono piuttosto gli stati emotivi per i quali l'indirizzo
giuridico "ribalta i termini della questione, che viene risolta avendo innanzitutto
riguardo agli effetti che lo stato emotivo ha determinato sulla capacità di
intendere e di volere (...) In tal modo, uno stato emotivo, solo perchè ha
provocato uno 'sconcerto psichico', viene considerato come infermità, anche se
nel soggetto non si riscontri uno stato patologico clinicamente apprezzabile"
(Fioravanti, 1988).
Le "psicopatie", invece, vivranno il loro momento di gloria -se è gloria il
considerarle "infermità"- a partire dagli anni Sessanta, anni in cui si assiste
comunque ad un progressivo ampliamento delle ipotesi in cui viene riconosciuta
54
la incapacità di intendere e di volere . L'indirizzo medico -nosografico ed anche
organicista- non scompare, ne sono testimonianza sentenze anche recenti55, ma il
suo primato è eroso in favore di una progressiva dilatazione delle ipotesi di
esclusione della capacità di intendere e di volere.
Prima, timidamente, si affaccia un orientamento che riconosce rilevanza anche
alle psicopatie in funzione della loro gravità, ma nel prosieguo del tempo ogni
argine è rotto, talchè oggi in materia di situazioni atte ad incidere
53
E' una posizione, questa, contraria ma uguale nella stereotipia alla precedente, e sempre "in agguato":
"crediamo sia da affermarsi con chiarezza che un conto è dire che se c'è malattia mentale allora (forse,
probabilmente) vi sarà un comportamento incongruo, altro conto è affermare che se vi è comportamento
incongruo allora vi è stata malattia. (...) D'altro canto, se si assumesse il comportamento come criterio
esclusivo per formulare una diagnosi psichiatrica, ne deriverebbe che tutti i comportamenti eccentrici,
bizzarri, o magari atroci sarebbero da attribuirsi illico et immediate a malattia mentale. Ed ancor più
grave sarebbe se all'equivalenza fra comportamento e malattia seguisse quella tra malattia e incapacità.
Avremmo così il seguente automatismo:
crimine atroce -> malattia di mente -> irresponsabilità
che riecheggia l'altra, del pari rifiutata, equivalenza:
malattia mentale = incapacità di intendere e di volere
Il che, tra l'altro, comporterebbe la completa inutilità della fase diagnostica in psichiatria forense tutte le
volte che ci si trovasse di fronte ad un delitto razionalmente non motivato, ovvero a reazioni
sproporzionate allo stimolo, o ancora ad un crimine crudele e raccapricciante" (Merzagora, 1995).
54
Per i mutamenti e l'avvicendarsi di "paradigmi" da quegli anni in poi, si veda: Bertolino (1981).
55
"L'infermità mentale ex artt. 88 e 89 c.p. presuppone l'esistenza di un vero e proprio stato patologico
idoneo ad alterare i processi dell'intelligenza e della volontà con esclusione o notevole diminuzione
della capacità di intendere e di volere. Ne consegue che esulano da tale nozione sia le anomalie
caratteriali non conseguenti ad uno stato patologico, sia gli stati passionali, quali la gelosia, salvo che
questa derivi da uno squilibrio integrante gli estremi della malattia mentale, poichè in quest'ultimo caso
lo stato passionale ne costituisce solo la manifestazione" (Cass., 25 febbraio 1985).
24
sull'imputabilità troviamo veramente di tutto. Troviamo tautologie: "qualsiasi
situazione morbosa, anche se non ben definibile clinicamente, è idonea a
configurare il vizio di mente, purchè la sua intensità sia tale da escludere o da
diminuire grandemente le capacità intellettive o volitive del soggetto" (Cass., 29
settembre 1986); "a determinare il vizio di mente possono essere sufficienti
anche alterazioni psichiche atipiche, quante volte esse, per la loro imponenza, si
risolvano in fattori perturbativi, in accentuata misura, della capacità di intendere
e di volere" (Cass., 10 febbraio 1986); "qualunque condizione morbosa, anche
se difficilmente caratterizzabile sul piano clinico, può integrare il vizio di
mente, sempre che presenti connotazioni tali da escludere o diminuire le
normali capacità intellettive e volitive" (Cass., 13 gennaio 1986); troviamo
rinvii alla scienza psicopatologica incomprensibili allo psicopatologo: "le
anomalie del carattere al pari degli stati psicopatici e delle forme degenerative
del sentimento, non concretano, in via di principio, vere e proprie infermità,
dando luogo a mere deviazioni della personalità, tranne quando possa
dimostrarsi che trattasi di psicopatia scompensata da deviazioni
caratteriologiche" (Cass., 16 aprile 1961); troviamo spericolate scorribande
nella psicoanalisi: "E' possibile ravvisare nel delitto commesso da uno
psicopatico la risoluzione di un conflitto edipico non superato, e in tale ragione
occulta individuare il vero movente dell'azione criminosa con cui il reo mira a
placare il profondo senso di colpa da cui si sente afflitto" (Cass., 17
febbraio1978); troviamo incursioni nella psicologia dei gruppi: "quando, come
nel caso di specie, ci si trova di fronte ad un gruppo di correi, tutti portatori in
varia misura di disturbi psichici, è compito del giudice (come più volte detto)
non limitarsi alla mera disamina statica delle singole patologie, ma valutare le
dette disarmonie psichiche in modo correlato tra loro (così come correlate esse
sono state nell'azione congiunta), al fine di verificare se le sindromi individuali
abbiano trovato o meno amplificazione, esaltazione, oppure viraggio
qualitativo, nella sommatoria dei disturbi del gruppo stesso (...) Se il gruppo, in
sé e per sé considerato, non è 'disturbo', né 'infermità', né 'sindrome invalidante',
né 'malattia', esso però può fungere da 'collante' a patologie diverse,
mescolandole ed esaltandole con effetti sinergici e dirompenti (Ass. Appello
Venezia, 30 aprile 1993); troviamo, alla perfine, l'affermazione più esplicita di
quello che, lo vedremo nel prossimo capitolo, sarà l'orientamento del legislatore
riformista: "La nozione giuridica di infermità rilevante ai fini dell'imputabilità,
può in concreto essere integrata, oltre che da quelle alterazioni psichiche per le
quali la scienza medico-legale utilizza la definizione di malattia di mente (e che
la scienza psichiatrica definisce psicosi organiche od endogene ovvero ad esse
assimila), anche da altre anomalie che la scienza psichiatrica riconduce nella
categoria dell'abnormità psichica ed i cui soggetti sono per lo più designati con
le espressioni di nevrotici (se la sindrome è caratterizzata da un particolare tipo
di sofferenza, con senso di malattia, che si esplica con svariati sintomi e
meccanismi) e di psicopatici (se la sindrome è caratterizzata da quadri e
comportamenti dannosi non solo per il soggetto, ma anche per gli altri) - le quali
non integrano il concetto medico-legale specifico di malattia, ma costituendo
varianti anomale dell'essere psichico, sono ricondotte nella categoria medicolegale generica della infermità di mente" (Cass., 29 settembre 1986).
E le barriere sono divelte anche per il caso degli stati emotivi e passionali: "Gli
stati emotivi e passionali, che ai sensi dell'art. 90 c.p. non escludono né
diminuiscono l'imputabilità, possono eccezionalmente aver rilievo, ai fini della
eliminazione e della attenuazione della capacità di intendere e di volere, solo
quando, esorbitando dalla sfera puramente psicologica, degenerino in un vero e
25
proprio, anche se transeunte, squilibrio mentale, tale da obnubilare ed attenuare
la coscienza e da paralizzare in toto e notevolmente i freni inbitori e, con essi, la
volontà" (Cass., 6 giugno1972).
Per concludere, quindi, e per citare alcuni fra i pareri meno estremistici nei
concetti e più contenuti nella forma: "allo stato attuale, il giudice può contare su
una disorientante gamma di 'paradigmi alternativi' per apprezzare i disturbi
mentali rilevanti ai fini dell'imputabilità" (Fioravanti, 1988); ed ancora:
"Dall'incertezza circa l'individuazione dei presupposti di fatto necessari per
l'applicabilità degli artt. 88-89 c.p. è derivata una situazione grave: soggetti che
hanno agito in uno stato mentale analogo vengono ritenuti ora imputabili, ora
inimputabili. Il proscioglimento o la condanna dell'imputato sono dunque
dipesi, non di rado, dalla scuola seguita dal perito nominato dal giudice" (Balbi,
1991).
§ 9. Si finisce con la geografia. S'è anticipato che la quasi universalità
dell'esclusione dell'imputabilità per infermità mentale non è solo storica, ma
anche geografica. Peraltro, fermo il principio generale, le soluzioni adottate nei
diversi Paesi per addivenire al giudizio di non imputabilità differiscono, e
possono essere raggruppate secondo tre modelli.
a) Secondo il metodo puramente psicopatologico o biologico puro non sono
imputabili i soggetti affetti da determinate malattie mentali, senza che si abbia
riguardo a quanto la malattia incida sulla capacità di intendere e di volere.
Vengono indicate cioè dal codice, benchè con termini non coincidenti con quelli
psichiatrici,
le infermità che per la loro stessa presenza escludono
l'imputabilità. Si tratta solitamente di affezioni gravi: le psicosi perlopiù,
oppure "l'incoscienza" o la "deficienza mentale" per il codice norvegese
(Bertolino, 1990). Tale metodo è stato criticato per l'automatica assimilazione
fra malattia mentale ed incapacità di intendere e di volere.
b) Viceversa, per il metodo puramente normativo o puramente psicologico
interessa solo la eventuale incapacità di intendere e di volere,
indipendentemente dall'accertamento di una malattia di mente (Bertolino, 1990;
Canepa, 1989; Gatti, 1988; Schreiber, 1985). Risulta pochissimo diffuso poichè
si considera rischioso limitarsi ad un accertamento diremmo così "filosofico" o
"metafisico" della capacità di autodeterminarsi, indipendentemente da
qualsivoglia riscontro empirico e clinico, addirittura: "la natura soprattutto
filosofico-normativa di quest'ultimo metodo lo renderebbe per ciò stesso
estraneo alla competenza dell'esperto psichiatra" (Bertolino, 1990). In parte
assimilabili a questo modello sono quelli in cui le espressioni usate dai codici
per escludere l'imputabilità fanno sì riferimento al dato clinico, ma in modo
troppo generico, come per esempio per l'espressione "demenza" del codice
francese, immutato dal 1810 al 1994, per il quale la dottrina dell'epoca aveva
bensì cercato di specificare che vi rientravano "la follia furiosa, l'idiozia o
l'imbecillità, la monomania o l'allucinazione", ma che secondo la dottrina
psichiatrico-forense finiva per ricomprendere tutti i disturbi psichici. La riforma
del codice francese del 1994 ha però sostituito il termine demenza con "disturbi
psichici o neuro-psichici che abbiano abolito il discernimento o il controllo
delle azioni" (Art. 122-1), talchè ora il sistema francese rientra piuttosto nei
"istemi misti" (si veda infra). E' comunque da richiamare un'autorevole
opinione: "Come nella maggior parte dei paesi di diritto, i periti in Francia
concludono sempre più raramente per la non responsabilità penale dei soggetti
esaminati. I delinquenti malati mentali, anche psicotici, sono dichiarati
responsabili da un lato per restituire loro la responsabilità delle loro azioni, in
26
un gesto terapeutico di riconoscimento della loro persona" (Lamothe, Gravier,
1990).
c) Il metodo psicopatologico-normativo o biologico-psicologico o misto
consiste nel diagnosticare l'esistenza di un disturbo mentale e nel valutare
quindi l'incidenza di questo sulla capacità di intendere o di volere. E' quel
56
metodo "a due piani" che già abbiamo visto adottato in Italia e che è seguito
57
anche nella maggior parte dei Paesi Europei (Francia , Germania, Inghilterra,
58
59
Austria, Svizzera, Grecia , Spagna , Portogallo, Ungheria).
60
Non è qui luogo per una analitica disamina dei sistemi adottati altrove , ma vi
sono alcuni punti degni di menzione e analisi, anche in vista dell'auspicata
riforma del nostro codice penale.
Un rilevante problema concerne le espressioni che il diritto usa per designare
quelle situazioni atte ad incidere sull'imputabilità. Già ne abbiamo citate alcune
a proposito del sistema puramente psicopatologico, ma soprattutto vorremmo
richiamare l'attenzione sui codici spagnolo, portoghese e tedesco, recentemente
riformati. In Spagna la riforma del 1995 ha introdotto fra le situazioni idonee
ad escludere del tutto l'imputabilità anche "qualunque anomalia o alterazione
psichica"; in Portogallo la riforma del 1982 prevede la "anomalia psichica"; in
Germania la riforma del 1975 ha analogamente aggiunto le "altre gravi
anormalità psichiche" ai "disturbi psichici patologici", alle "debolezza mentale"
e ai "profondi disturbi della coscienza", che -il termine potrebbe ingannaresono assimilabili ai nostri "stati emotivi e passionali"61. In Germania
l'innovazione aveva fatto temere un grande ampliamento delle ipotesi di
proscioglimento totale per infermità, ma secondo Blau, Schreiber, Volbert (in:
Bertolino, 1990) e secondo Kaiser (1990) l'incremento non sarebbe stato
allarmante.
Piuttosto, sempre in Germania, l'introduzione delle "altre gravi anormalità",
ben lungi dal risolvere il problema relativo ai disturbi di personalità e alle
nevrosi, e comunque a quali disturbi siano da considerare ai fini dell'esclusione
56
Spiega Bertolino (1990): "un primo piano attinente al profilo psicopatologico relativo
all'accertamento del disturbo psichico, a cui segue un secondo piano di giudizio, che dovrebbe essere di
tipo normativo, in quanto attiene alla rilevanza giuridica da riconoscere a siffatto disturbo psichico in
base alla sua incidenza sui processi intellettivi e volitivi dell'individuo".
57
Dove la riforma è intervenuta nel 1994.
58
Il sistema greco, particolarmente complesso, è in parte informato ai principi del metodo puramente
psicopatologico ed in parte a quelli del metodo misto (Bandini, Lagazzi, 1994 e 1996).
59
Secondo la riforma del 1995.
60
Per trattazioni più organiche e per più diffuse notizie relative al diritto comparato si vedano: Bertolino
(1990); Bandini, Lagazzi (1994); Canepa (1995); Fornari (1989/a) pgg. 30-47; Gatti (1988).
61
"Il concetto di profondo disturbo della coscienza si riferisce agli stati di forte agitazione mentale non
causati da malattia. E' noto che gli psichiatri in particolare si sono opposti all'introduzione di questo
concetto. Essi hanno espresso preoccupazione circa la possibilità che, in futuro, tutti i criminali possano
sostenere di aver agito in stato di estrema agitazione, e quindi, specialmente nei casi di brutali reati di
violenza, sarebbe praticamente inevitabile la presunzione di riduzione della responsabilità penale.
Alcuni esperti psichiatri rifiutano di esprimere la propria opinione sugli effetti giuridici dei disturbi non
patologici della coscienza, causati da forte agitazione emotiva, sostenendo che la valutazione deve
essere compito esclusivo del giudice" (Rasch, 1990).
27
dell'imputabilità, pare aver moltiplicato le incertezze e i contrasti interpretativi
(Bertolino, 1990).
Anche il legislatore austriaco del 1975 ha introdotto fra le previsioni di totale
esclusione della imputabilità quella degli "altri gravi disturbi psichici",
combinandola però con il criterio del valore di malattia, posto che essi debbono
essere "equivalenti" alle ipotesi della "malattia mentale", della "debolezza
mentale", del "disturbo profondo della coscienza" (Bertolino, 1990).
Queste innovazioni comunque sono intese a "tagliare la testa al toro" rispetto
alle discussioni sulla incidenza o meno sull'imputabilità dei disturbi della serie
nevrotica o dei disturbi di personalità, che evidentemente rimane ovunque il
punctum dolens in materia di imputabilità (ricordiamo, comunque, che
trattandosi di paesi che adottano il sistema "misto", non basterà diagnosticare
l'anomalia, ma andrà poi valutata la sua incidenza sulla capacità di intendere e
di volere).
Il "che cosa costituisca infermità" è risolto dalle M'Naughten Rules inglesi del
1843 in senso particolarmente restrittivo, poichè non considerano né l'elemento
volitivo né quello affettivo come suscettibili di incidere sull'imputabilità, ma il
62
solo elemento cognitivo . E' curioso notare che le citate Regole aggiungono che
se l'imputato ha agito per effetto di convinzione delirante (delusion), ma non è
affetto da altro disturbo, dev'essere considerato responsabile come se i fatti
oggetto della condizione delirante fossero reali. E' una ipotesi, questa, emersa
anche nel nostro Paese in chiave abolizionista o almeno fortemente restrittiva
delle ipotesi in cui si può concludere per l'incapacità: per esempio, che un
soggetto sia geloso perchè ha effettuato un corretto esame di realtà ovvero
perchè è preda di delirio riguarda solo un momento precedente all'eventuale
reato, non farebbe differenza rispetto alla possibilità di scegliere, una volta
convinti dell'infedeltà del coniuge, fra una serie di condotte di risposta (che so:
la separazione, il perdono, il "rendere pan per focaccia", l'uxoricidio)
63
(Manacorda, 1995) .
In ogni caso, il risultato di un sistema così restrittivo è che la irresponsabilità
viene riconosciuta in quel Paese in meno di un migliaio di casi all'anno, il che
però comporta la presenza in carcere di soggetti infermi di mente anche gravi,
con ben immaginabili disagi (West, 1990 e 1995).
Le M'Naghten Rules sono tutt'ora utilizzate in parte degli Stati Uniti, dove
peraltro vi sono state numerose deviazioni. In Usa, poi, si sono levate molte
critiche e diverse proposte di riforma (Bromberg, 1990; Portigliatti Barbos,
1995), tra le quali quella secondo cui al perito verrà chiesto di descrivere lo
stato patologico del soggetto in relazione al fatto commesso, e spetterà poi alla
62
"to estabilish a defense on the ground of insanity, it must be clearly proved that, at the time of the
committing of the act, the party accused was labouring under such a defect of reason, from disease of the
mind, as not to know the nature and quality of the act he was doing, or if ha did know it, that did not
know he was doing what was wrong". Il "disease of mind" viene fatto coincidere con la psicosi
(Bandini, Lagazzi, 1994 e 1996; Bertolino, 1990).
63
Continua l'Autore per confutare la critica che viene spontanea: "Si potrebbe forse ipotizzare che il
delirio, oltre a comportare un'informazione prescindente dalla realtà fattuale, o con essa in conflitto,
comporti anche una minore libertà di scelta rispetto agli atti che in rapporto alla situazione delirante
vangano commessi. Questione molto dubbia da avanzare, e del tutto impossibile da dimostrare. Si
dovrebbe discutere allora sull'effettivo grado di libertà di cui godono le azioni umane; di quanto esse
siano soggettivamente scelte, o all'opposto necessitate in maniera deterministica. Ci si immetterebbe
così in una tipica querelle di stampo metafisico, ed in particolare in quella sul libero arbitrio-servo
arbitrio" (Manacorda, 1995).
28
giuria di valutare se a costui può muoversi alcun rimprovero, cioè se il fatto gli
è imputabile (Bertolino, 1990). Una riforma statunitense di "abolizionismo
relativo", che è stata introdotta sull'ondata emotiva del proscioglimento
dell'attentatore del presidente Reagan nel 1981, ha interessato oramai più Stati:
il soggetto è dichiarato "guilty but mentally ill", cioè a dire colpevole ma malato
64
mentale e pertanto sottoponibile a trattamento particolare .
Anche se de jure non tutti i paesi contemplano il "vizio parziale", e soprattutto
non nella nostra accezione usando casomai il termine di "responsabilità
attenuata" (Fornari, 1989), di fatto, quasi tutti prevedono un'attenuazione della
pena in caso di semiimputabilità (Bandini, Lagazzi, 1994 e 1996; Bertolino,
1990; Schreiber, 1985). Solitamente questa soluzione è adottata per le
psicopatie: così in Francia (Bertolino, 1990; Léauté, 1990); così in Danimarca,
per psicopatie e deficit intellettivi di grado lieve (Bandini, Lagazzi, 1994 e
1996); così in Svizzera, dove pure possono dar luogo ad una attenuazione della
pena la nevrosi e la psicopatia purchè "per tipo e per grado sia così grave da
rappresentare uno stato psichico deviante non solo dalla media dei cittadini ma
anche da quella dei delinquenti" (Bandini, Lagazzi, 1994 e 1996; Bertolino,
1990); così in Austria, dove non esiste una previsione di "vizio parziale", ma
dove di fatto il reo che presenti uno "stato psichico abnorme" che "si avvicini"
alle cause di non imputabilità senza integrarle o che in ogni caso abbia influito
sulla criminogenesi si vede irrogare una pena attenuata (Bandini, Lagazzi, 1994
e 1996). In Inghilterra la "diminished responsability" è prevista solo in caso di
omicidio volontario che viene così "derubricato" in preterintenzionale
(manslaughter): la genesi di tale soluzione è ovvia, serviva a sottrarre al
capestro gli accusati di tale reato affetti da qualche disturbo. Per la diminished
responsability i criteri sono meno rigorosi che per l'incapacità secondo le
M'Naghten Rules, e vi vengono ricompresi impulso irresistibile e psicopatia
(Bertolino, 1990; West, 1990).
Singolare il caso del Portogallo dove pure all'accertamento di una capacità
psichica anche solo diminuita segue la pronuncia di totale incapacità (fra questo
e la previsione della "anomalia psichica" come incidente sull'imputabilità, il
consiglio è quello di condurre il proprio nemico in Portogallo e regolare lì i
conti).
E' infine da citare l'esperienza abolizionistica svedese: con una riforma
intervenuta nei primi anni Sessanta in questo paese è stata abolita ogni
distinzione fra soggetti imputabili e non, e ciò in nome non -come prima facie
parrebbe- in una prospettiva neo-classica, bensì al contrario per poter superare
l'idea retributiva e per prestare maggiore attenzione al trattamento -sanzione
compresa- a cui sottoporre il soggetto (Bandini, Lagazzi, 1994 e 1996;
Bertolino, 1990; Canepa, 1995). Non ci si chiede più, insomma, "se" punire,
ma "come" punire. Senonchè, lo psichiatra uscito dalla porta della valutazione
sull'imputabilità, rientra, e più impropriamente, dalla finestra della valutazione
65
della sanzione da comminare, oltreatutto indeterminata quanto a durata .
Si vedrà nel prossimo capitolo quali fra le diverse soluzioni straniere abbiano
offerto suggerimenti, de jure condendo, anche nel nostro Paese.
64
65
Per il dibattito statunitense in materia si veda anche Mauri (1988).
La sanzione indeterminata è conseguenza inevitabile di siffatto sistema: "Se lo scopo
dell'internamento è quello di cura e riabilitazione, esso non può essere delimitato temporalmente; dovrà
finire solo quando quegli scopi verranno realizzati" (Bertolino, 1990).
29
BIBLIOGRAFIA
Alessandri A., Il 1° comma dell'art. 27, in: AAVV, Commentario alla Costituzione , Zanichelli,
Bologna, 1991.
Antolisei A., Manuale di Diritto Penale (Parte Generale), Milano, Giuffrè, 1980.
Babayan E.A., Aspetti legali della psichiatria nella legislazione sovietica, in: Ferracuti F. (a cura
di), Trattato di Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13:
Psichiatria forense generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 241.
Balbi G., Infermità di mente ed imputabilità, Rivista Italiana di Diritto e Procedura Penale, 3,
pg. 844, 1991.
Bandini T., Riflessioni critiche sulla nozione di infermità in psichiatria forense, in: Dell'Osso L.,
Lomi A. (a cura di), Diagnosi psichiatrica e DSM-III-R, Giuffrè, Milano, 1989, pg. 171.
Bandini T., Gatti U., Perizia psichiatrica e perizia criminologica: riflessioni sul ruolo del perito
nell'ambito del processo penale, Rivista Italiana di Medicina Legale, 2, pg. 321, 1982.
Bandini T., Gatti U., Psichiatria e giustizia. Riflessioni critiche sull'imputabilità del malato di
mente, Dei delitti e delle pene, 2, pg. 351, 1985.
Bandini T., Gatti U., Nuove tendenze in tema di valutazione clinica dell'imputabilità, in:
Ferracuti F. (a cura di), Trattato di Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria
Forense, Vol. 13: Psichiatria forense generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 151.
Bandini T., Lagazzi M., Le basi normative e le prospettive della perizia psichiatrica nella realtà
europea contemporanea: l'imputabilità del sofferente psichico autore di reato, in: Ceretti A.,
Merzagora I. (a cura di), Questioni sulla imputabilità, CEDAM, Padova, 1994, pg. 41.
Bandini T., Lagazzi M., La perizia psichiatrica nella realtà europea contemporanea, in:
Mastronardi V. (a cura di), Criminologia Psichiatria Forense e Psicologia Giudiziaria, Scritti
in memoria di Franco Ferracuti, Antonio Delfino Editore, Roma, 1996, pg. 39.
Bertolino M., La crisi del concetto di imputabilità, Rivista Italiana di Diritto e Procedura
Penale, XXIV, fascicolo 1, pg. 190, 1981
Bertolino M., L'imputabilità e il vizio di mente nel sistema penale, Giuffrè, Milano, 1990.
Bini L., Bazzi T., Psicologia medica, Vallardi, Milano, 1971.
Bromberg W., La difesa sulla base di infermità mentale negli Stati Uniti d'America, in: Ferracuti
F. (a cura di), Trattato di Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol.
13: Psichiatria forense generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 287.
Bruno F., Ferranti P., Alcoolismo e imputabilità, in: Ferracuti F. (a cura di), Trattato di
Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria forense
generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 81.
Callieri B., Problemi psicopatologici e nosografici del borderline, 35° Congresso Nazionale SIP,
Cagliari, 1982
Calvanese E., L'articolo 90 del Codice Penale: considerazioni da una casistica tratta da materiale
peritale, Rassegna di Criminologia, vol. XIII, Fascicolo 1, pg. 28, 1982.
Canepa G., Personalità e delinquenza, Giuffrè, Milano, 1974.
Canepa G., Perspectives d'innovation dans le domaine de l'expertise psychiatrique, Revue
Internationale de criminologie et de Police Technique, vol. 36, pg. 59, 1983.
30
Canepa G., L'imputabilità del tossicodipendente. Rilievi preliminari e prospettive di medicina
legale comparata, in: Atti del XXVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina
Legale e delle Assicurazioni, X Convegno Nazionale di Antropologia Criminale, Parma 3-7
ottobre 1983, vol.III: "Uso di stupefacenti ed imputabilità", ed. STEP Cooperativa, Parma,1984.
Canepa G., I problemi diagnostici in rapporto ai quesiti della perizia psichiatrica, in: Dell'Osso
L., Lomi A. (a cura di), Diagnosi psichiatrica e DSM-III-R, Giuffrè, Milano, 1989, pg. 181.
Canepa G., Traverso G.B., Considerazioni sulla perizia psichiatrica in riferimento al D.D.L.
177/83 del Senato della Repubblica, in: Traverso G.B. (a cura di), Criminologia e Psichiatria
Forense, Giuffrè, Milano, 1987, pg. 349.
Carrieri F., Greco O., Catanesi R., Malattia mentale, imputabilità e pericolosità sociale, in:
Canepa G., Marugo M.I. (a cura di), Imputabilità e trattamento del malato di mente autore di
reato, Cedam, Padova, 1995, pg. 67.
Cazzaniga A., Programma di medicina legale, La Sorgente, Milano, 1955.
Crespi A., voce "Imputabilità", Enciclopedia del Diritto, vol. XX, Giuffrè, Milano, 1970, pg.
763.
De Fazio F., L'imputabilità del tossicodipendente. Problematiche medico-legali e linee di
politica penale, Atti del XXVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Legale
e delle Assicurazioni, X Convegno Nazionale di Antropologia Criminale, Parma 3-7 ottobre
1983, vol.III: "Uso di stupefacenti ed imputabilità", ed. STEP Cooperativa, Parma,1984.
De Fazio F., Luberto S., La prassi della perizia psichiatrica, in: Canepa G., Marugo M.I. (a cura
di), Imputabilità e trattamento del malato di mente autore di reato, Cedam, Padova, 1995, pg.
107.
De Vincentiis G., Callieri B., Castellani A., Trattato di psicopatologia e psichiatria forense,
Vol. II, Il pensiero Scientifico, Roma, 1972.
DSM-III, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Masson, Milano,1986
DSM-III-R , Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Masson, Milano,1988
DSM-IV, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Masson, Milano,1996
Ferrio C., Psichiatria clinica e forense, Vol. II, UTET, Torino, 1959
Fiandaca G., Considerazioni su colpevolezza e prevenzione, Rivista Italiana di Diritto e
Procedura Penale, 1987, pg. 836.
Fiandaca G., Musco E., Diritto penale - Parte generale, Zanichelli, Bologna, 1989.
Fioravanti L., Le infermità psichiche nella giurisprudenza penale, CEDAM, Padova, 1988.
Fornari U., Nozione di malattia, valore di malattia, vizio di mente e problemi nel trattamento
dell'autore di reato, Rivista sperimentale di freniatria e medicina legale delle alienazioni
mentali, Vol. CXI, Fasc. V, pg. 1043, 1987/a.
Fornari U., Improvviso furore, coscienza e volontà dell'atto: storia di un concetto, Rivista
sperimentale di freniatria e medicina legale delle alienazioni mentali, Vol. CXI, Fasc. VI, pg.
1325, 1987/b.
Fornari U., Psicopatologia e Psichiatria Forense, Torino, UTET, 1989/a.
Fornari U., Il "valore di malattia" alla luce del DSM-III-R, in: Dell'Osso L., Lomi A. (a cura di),
Diagnosi psichiatrica e DSM-III-R, Giuffrè, Milano, 1989/b, pg. 9.
31
Fornari U., Rosso R., Libertà morale in criminologia fra libero arbitrio e determinismo.
Argomenti per una discussione., in: Ceretti A., Merzagora I. (a cura di), Criminologia e
Responsabilità Morale, CEDAM, Padova, 1986.
Gatti U., L'accertamento della imputabilità e della pericolosità sociale alla luce della situazione
esistente in alcuni paesi europei, in: O. De Leonardis, G. Gallio, D. Mauri, T. Pitch (a cura di),
Curare e punire, Unicopli, Milano, 1988, pg. 15.
Gerin C., Medicina legale e delle assicurazioni, Schirru, Roma, 1970.
Gerunda Licata M., L'incapacità di intendere e di volere determinata dall'azione di sostanze
stupefacenti, in: Ferracuti F. (a cura di), Trattato di Criminologia, Medicina Criminologica e
Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria forense generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg.
119.
Giusti G, Sica D., Gli stupefacenti e le tossicomanie, CEDAM, Padova, 1979.
Gulotta G., Psicoanalisi e responsabilità penale, Giuffrè, Milano, 1973.
Kaiser G., Situazione della psichiatria forense nella Repubblica Federale di Germania, in:
Ferracuti F. (a cura di), Trattato di Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria
Forense, Vol. 13: Psichiatria forense generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 185.
Kretschmer E., Medizinische Psychologie, 10° Aufl., Thiene, Stuttgard, 1950.
Introna F., I diritti del malato di mente, ovvero il malato di mente nel diritto, in: Mastronardi V.
(a cura di), Criminologia Psichiatria Forense e Psicologia Giudiziaria, Scritti in memoria di
Franco Ferracuti, Antonio Delfino Editore, Roma, 1996, pgg. 291-327.
Lamothe P., Gravier B., La psichiatria forense francese, in: Ferracuti F., Trattato di
Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria forense
generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pgg. 169 sgg.
Léauté J., La psichiatria forense francese, in: Ferracuti F. (a cura di), Trattato di Criminologia,
Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria forense generale e penale,
Giuffrè, Milano, 1990, pgg. 179 sgg.
Liebowitz M.R., Is bordeline a distinct entity?, Schizophr. Bull., 5, pg. 23, 1979.
Manacorda A., Imputabilità e pericolosità sociale, Criminologia, 13/16, pg. 51, 1986.
Manacorda A., Malattia mentale, imputabilità e pericolosità sociale: dalla rilettura dei contributi
alla proposta di rilettura dei problemi, in: Canepa G., Marugo M.I. (a cura di), Imputabilità e
trattamento del malato di mente autore di reato, Cedam, Padova, 1995, pg. 89.
Mantovani F., L'imputabilità sotto il profilo giuridico, in: Ferracuti F. (a cura di), Trattato di
Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria forense
generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 17.
Marasco M., Nosografia e perizia psichiatrica, in: Mastronardi V. (a cura di), Criminologia
Psichiatria Forense e Psicologia Giudiziaria, Scritti in memoria di Franco Ferracuti, Antonio
Delfino Editore, Roma, 1996, pg. 329.
Marchetti M., Cenni storici di psichiatria forense, in: Ferracuti F. (a cura di), Trattato di
Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria forense
generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 1.
Mauri D., I rapporti tra psichiatria e giustizia penale negli Stati Uniti, in: O. De Leonardis, G.
Gallio, D. Mauri, T. Pitch (a cura di), Curare e punire, Unicopli, Milano, 1988.
Menninger K., Mayman M., Episodic Discontrol: A third order of stress adaptation, Bulletin of
the Menninger Clinic, N°4, July, 1956.
32
Merzagora I., Il Folle, il Mostro, l'Esperto, Rassegna Italiana di Criminologia, Anno IV, N.
2,pg. 279, Aprile 1995.
Nuvolone P., Criminologia e diritto penale, in: Canepa G., Paradiso P. (a cura di), La
criminologia italiana. Insegnamento e ricerca, ISISC, Siracusa, 1981.
Nuvolone P., Il tossicodipendente nel quadro del diritto penale, Indice Penale, pg. 8, 1985.
Piani F., Giusti G.V., Aspetti criminologici e medico-legali dell'intossicazione alcoolica: risultati
di un'indagine sulle sentenze degli Uffici Giudiziari di Udine emesse negli anni 1979-1982, Riv.
It. Med. Leg., 6, pg. 1142, 1984.
Ponti G., Compendio di Criminologia, Cortina, Milano, 1990
Ponti G., Calvanese E., Imputabilità e tossicodipendenza. Problematiche interpretative alla luce
della legge penale vigente, Atti del XXVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di
Medicina Legale e delle Assicurazioni, X Convegno Nazionale di Antropologia Criminale,
Parma 3-7 ottobre 1983, vol.III:"Uso di stupefacenti ed imputabilità", ed. STEP Cooperativa,
Parma,1984.
Ponti G., Gallina Fiorentini P., Compatibilità fra psicosi e piena imputabilità, Rivista Italiana di
Medicina Legale, IV, pg. 1, 1982.
Ponti G., Gallina Fiorentini P., Calvanese E., Discontrollo omicida: considerazioni dalla
casistica, in: Andreani F., Cesa Bianchi M., (a cura di), Il discontrollo omicida, Franco Angeli,
Milano, 1981, pg. 75.
Ponti G., Merzagora I., Il "privilegio" di essere tossicodipendente, Criminologia, N°1, pg. 30,
1985.
Ponti G., Merzagora I., Discontrollo episodico e raptus omicidiario nelle sindromi marginali,
Rivista Sperimentale di Freniatria, Vol. CXII, Fasc.IV, pg. 802, 1988.
Ponti G., Merzagora I., Psichiatria e Giustizia, Cortina, Milano, 1993.
Portigliatti Barbos M., Marini G., La capacità di intendere e di volere nel sistema penale
italiano, Giuffrè, Milano, 1964.
Portigliatti Barbos M., Responsabilità penale e imputabilità, in: Canepa G., Marugo M.I. (a cura
di), Imputabilità e trattamento del malato di mente autore di reato, Cedam, Padova, 1995, pg.
15.
Pulitanò D., L'imputabilità come problema giuridico, in: O. De Leonardis, G. Gallio, D. Mauri,
T. Pitch (a cura di), Curare e punire, Unicopli, Milano, 1988
Rasch W., Problemi attuali della psichiatria forense nella Repubblica Federale di Germania, in:
Ferracuti F. (a cura di), Trattato di Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria
Forense, Vol. 13: Psichiatria forense generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 191.
Schneider K., Psicopatologia clinica, Sansoni, Firenze, 1966.
Schreiber H.L., Définition de la responsabilité pénale et des facteurs psychologiques et
pathologiques qui peuvent atténuer ou exclure cette responsabilité, Septieme Colloque
Criminologique: Etudes sur la responsabilité pénale et le traitement psychiatrique des
délinquants malades mentaux, Conseil de l'Europe, Strasbourg 2 octobre, 1985.
Spitzer R.L., Endicott J., Gibbon M., Crossing the border into borderline personality and
borderline schizofrenia. The development of criteria, Arch.Gen.Psychiat., 36, pg.17, 1979.
Squassoni C., L'imputabilità e i disturbi mentali transitori, Monitore dei Tribunali, pg. 410,
1974.
33
Vassalli G., L'imputabilità del tossicodipendente, in: Ferracuti F. (a cura di), Trattato di
Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria forense
generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 89.
West D.J., Malattie mentali, imputabilità e pericolosità sociale, in: Ferracuti F. (a cura di),
Trattato di Criminologia, Medicina Criminologica e Psichiatria Forense, Vol. 13: Psichiatria
forense generale e penale, Giuffrè, Milano, 1990, pg. 207.
West D.J., Il trattamento dei delinquenti malati di mente secondo la prassi vigente nel sistema
inglese, in: Canepa G., Marugo M.I. (a cura di), Imputabilità e trattamento del malato di mente
autore di reato, Cedam, Padova, 1995, pg. 211.
34
Isabella Merzagora - L'IMPUTABILITA'
Parole chiave: Imputabilità, Psicopatologia Forense, Perizia Psichiatrica
Riassunto
Il principio secondo il quale chi sia malato di mente in modo da vedere compromesse le
capacità di comprensione o di libera determinazione debba essere considerato meno o per nulla
responsabile dei propri atti è principio di antica data, già presente nel Diritto Romano, e di quasi
universale accettazione. La disamina storica, con cui si esordisce, mette in luce tale universalità,
pur nelle differenze terminologiche -i termini usati per designare la "follia" mutano riflettendo le
diverse concezioni della malattia mentale nelle differenti epoche-, e pur con variazioni, rispetto,
per esempio, al trattamento delle emozioni o dell'ubriachezza.
Attualmente, com'è noto, l'istituto è regolato dagli artt. 85 e seguenti del codice penale, che
vengono analiticamente discussi, cominciando dal significato da attribuire alle espressioni
"capacità di intendere" e "capacità di volere".
Si sottolinea come la compromissione di queste facoltà debba essere presente al momento del
fatto, e quindi con criterio cronologico, ma anche in relazione criminogenetica e
criminodinamica con il fatto medesimo.
Particolare attenzione merita poi l'esclusione dell'elemento affettivo, cioè a dire la norma
contenuta nell'art. 90 c.p. per la quale "Gli stati emotivi e passionali non escludono né
diminuiscono l'imputabilità". Si riportano le opinioni della Dottrina che sottolineano la
divergenza fra questa statuizione nomativa e il dato naturalistico, comunque fornendo
indicazioni per distinguere le ipotesi in cui uno stato emotivo o passionale può assumere valore
di malattia.
Del pari stridenti con il dato naturalistico sono alcune delle norme relative all'imputabilità in
caso di intossicazione da alcool o sostanze stupefacenti; l'intera costruzione in materia, anzi,
secondo la Dottrina sia giuridica che psicopatologico-forense è farraginosa e poco attuale, anche
nell'uniformare la situazione dell'alcoolista con quella del tossicomane, in un'epoca in cui la
tossicodipendenza ha assunto dimensione e fisionomia ben diverse da quelle del 1930. In ogni
caso, vengono illustrate le diverse situazioni contemplate dagli articoli di legge, e si riportano i
criteri indicati dalla Dottrina per addivenire ad una "diagnosi" di cronica intossicazione.
Largo spazio è dedicato però soprattutto al significato e ai limiti da dare al termine "infermità",
ed alla traduzione di questa espressione giuridica nella nosografia psichiatrica. E' punto oramai
acquisito che che non vi è alcuna possibilità di stabilire un parallelismo o una corrispondenza tra
determinate diagnosi psichiatriche e le categorie giuridiche della piena imputabilità, del vizio
parziale e del vizio totale. Si ritiene quindi, da un lato, che anche lo psicotico possa essere
responsabile dei propri atti, dall'altro che quelle che un tempo erano definite "mere anomalie",
come tali ininfluenti sull'imputabilità, non possano invece talora incidervi. Ma ciò, anche se
corrisponde all'attuale sapere psichiatrico, crea inconvenienti di non poco conto rispetto alle
esigenze di certezza che il diritto ha, e rischia di conferire al perito inaccettabili spazi di
arbitrarietà.
Al proposito vengono riportate le opinioni, non sempre coincidenti, della Dottrina, e le proposte
di criteriologie che aiutino nel tradurre i quadri osservati nelle categorie dell'imputabilità.
Si affrontano altresì i due specifici problemi della collocazione nelle categorie dell'imputabilità
delle reazioni abnormi e delle patologie marginali.
Altro punto considerato alla luce delle discussioni dottrinali è quello dell'adesione o meno alla
nosografia dei Manuali Statistici e Diagnostici dei Disturbi Mentali.
L'anzidetto pericolo di incertezza derivante dall'impossibilità di trasferire determinate diagnosi
psichiatriche nelle categorie giuridiche dell'imputabilità è di particolare evidenza nell'analisi
della giurisprudenza, dagli anni Cinquanta ad oggi, dove soprattutto si colgono sconcertanti
"ondeggiamenti" relativamente all'imputabilità in caso di disturbi di personalità e nevrosi, tanto
che vi è chi ha concluso che dall'incertezza circa l'individuazione dei presupposti di fatto
necessari per l'applicabilità degli artt. 88-89 c.p. è derivata una situazione grave: soggetti che
hanno agito in uno stato mentale analogo vengono ritenuti ora imputabili, ora inimputabili.
L'ultima parte del lavoro è dedicata alle soluzioni adottate in materia di imputabilità negli altri
Paesi.
Fly UP