...

Sei sicuro in ufficio?

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Sei sicuro in ufficio?
Sei sicuro in ufficio?
Vademecum della sicurezza in ufficio
Sei sicuro in ufficio?
1
Indice
Premesse
pag. 2
1 Armonia e benessere sul posto di lavoro
pag. 3
2 Cos’è il decreto legislativo n. 81
3 Per lavorare in un ambiente evoluto
pag. 4
4 Le norme UNI e CEI: un punto di riferimento per tutti
pag. 4
5 Piani di lavoro
pag. 5
pag. 4
6 Bordi arrotondati ed altri requisiti generali di progettazione pag. 9
2
Sei sicuro in ufficio?
7 Sedute da lavoro per videoterminale
pag. 9
8 Pareti
pag. 12
9 Ambiente
pag. 16
10 La dichiarazione di conformità: una necessaria garanzia pag. 16
11 Riferimenti normativi
pag. 18
12 Riferimenti legislativi
pag. 19
Sei sicuro in ufficio?
3
Premesse
Assufficio ha pubblicato nel mese di aprile 2002, con il titolo “Sei
… duesei?”, un primo vademecum della sicurezza in ufficio. I riferimenti su cui si basava il vademecum “Sei…duesei” sono stati
successivamente aggiornati e modificati con la legge n° 123 del
3 agosto 200, in materia di tutela della salute e della sicurezza
nei luoghi di lavoro, e con il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile
2008, testo di attuazione dell’articolo 1 della legge 123.
Con l’entrata in vigore del D. Lgs. 81/2008 sono state abrogate
varie disposizioni legislative preesistenti, tra cui il D.Lgs. 626 e il
D. Lgs. 494 (per un elenco completo delle abrogazioni contenute
nel D.L. 81, vedere nota a pag. 33). Va peraltro chiarito che non
è stato invece abrogato il D. M. 2 ottobre 2000 (G.U. n. 244 -18
ottobre 2000) i cui contenuti (Linee guida d’uso dei videoterminali) restano quindi in vigore.
Il titolo VII del D. Lgs. 81/2008 (che sostituisce il Titolo VI del
D.Lgs. 626/94), riguarda le “Attrezzature munite di videoterminali” e l’allegato XXXIV (che sostituisce l’allegato VII del D.Lgs.
626/94) riguarda obblighi e requisiti minimi idonei a raggiungere
gli obiettivi del titolo VII.
È’ parso indispensabile, quindi, provvedere ad una revisione integrale del vademecum “Sei…duesei?”, per aggiornarlo non solo alla
luce delle nuove disposizioni di legge, ma anche del corpus normativo, in parte variato rispetto alla situazione del 2002.
È importante in primo luogo ricordare che, per raggiungere gli
scopi prefissati, il D.Lgs. 81/08 prevede non solo obblighi, ma
anche sanzioni per le eventuali inadempienze. Gli obblighi (e le relative sanzioni) riguardano non solo Datori di lavoro, Dirigenti e
Preposti,, ma anche Progettisti, Produttori, Distributori e Installatori.
Vi è una diffusa sensazione che il pubblico consideri quanto indicato nel titolo VII e nell’allegato XXXIV del Decreto 81 esaustivo in
merito a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori che operano
nell’ambiente ufficio. Questo non è del tutto esatto: infatti essi si
riferiscono esclusivamente ai lavoratori che usano i videoterminali
e si preoccupano solo delle problematiche ergonomiche di tali operatori. Non entrano nel merito degli aspetti relativi alla sicurezza
generica del posto di lavoro in ufficio, per quanto riguarda le caratteristiche di pareti, porte e di altri elementi, che sono invece
definite nel Titolo II del D.Lgs. 81/08.
4
Sei sicuro in ufficio?
Il D.Lgs. 81/08, già nel titolo I, parla di “aggiornamento delle misure di prevenzione (…) in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione”. Si tratta di un
aspetto molto importante in quanto Leggi e Decreti non possono
evolvere con la stessa rapidità della tecnica e delle normative.
Questo spiega perché l’allegato XXXIV e le Linee Guida esprimono,
in alcune parti, indicazioni qualitative e possibilistiche (ad esempio,
nell’allegato XXXIV “Il piano di lavoro deve avere una superficie a
basso indice di riflessione…” e nelle Linee Guida: “il piano di lavoro
deve avere il colore della superficie chiaro, possibilmente diverso
dal bianco, e in ogni caso non riflettente”, mentre gli indispensabili
dati quantitativi, per i requisiti colorimetrici, di riflessione e riflettanza sono già disponibili in norme UNI.
Analogamente, sia l’allegato XXXIV che le Linee Guida, forniscono
indicazioni molto generiche sulle sedute, mentre le norme UNI EN
1335-1 “Mobili per ufficio. Sedia da lavoro per ufficio. Dimensioni.
Determinazione delle dimensioni”, UNI EN 1335-2 “Requisiti di
sicurezza” e UNI EN 1335-3:2000 “Metodi di prova per la sicurezza” definiscono con assoluta precisione le caratteristiche ergonomiche e dimensionali, i requisiti di sicurezza e i relativi metodi
di prova.
Tutto ciò premesso, risulta abbastanza faticoso tener conto di
una problematica di per sé piuttosto complessa e che ha subito
modifiche e trasformazioni nel tempo.
AssUfficio è da sempre:
• molto sensibile ai requisiti ergonomici e di sicurezza che nei
Paesi europei più evoluti rappresentano la conditio sine qua non
per fornire mobili per ufficio, non solo alla grande, ma anche alla
piccola utenza;
• presente, attraverso vari componenti della propria Commissione
Tecnica, ai lavori dinormazione sui mobili per ufficio, in ambito sia
Nazionale che Internazionale;
• molto interessata a realizzare strumenti di lavoro (Capitolati,
Quaderni, e altri documenti) che possano aiutare a eliminare le
molteplici contraddizioni e soprattutto incomprensioni tra le
diverse parti.
Con questo documento, pertanto, AssUfficio si pone l’obiettivo di:
• elencare in forma esaustiva tutti i dettagli dell’intero corpus
legislativo sulla sicurezza dei lavoratori (evidentemente limitati
al “pianeta ufficio”);
• evidenziare i termini quantitativi, che possano permettere di
Sei sicuro in ufficio?
5
•
•
integrare quelli puramente qualitativi dei Decreti Legislativi;
riportare, per ogni problematica, i riferimenti normativi;
evidenziare le responsabilità, separando quelle che riguardano
il Datore di lavoro da quelleche riguardano i Progettisti e i
Fabbricanti.
AssUfficio si impegna ad aggiornare periodicamente questo documento, per tenere conto dell’evoluzione delle normative e del grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione.
L’aggiornamento del documento sarà reperibile sul sito Internet:
www.federlegno.it
1. Armonia e benessere sul posto di lavoro
Vi immaginate il posto di lavoro dei primi decenni del ‘900? Stanze buie, scrivanie altissime, sedute scomode, macchine da ufficio
nere. Poi la luce, il colore, l’ergonomia e la sicurezza si sono fatte
strada. Ecco il nuovo posto di lavoro. Luminoso, colorato, comodo, sicuro, ogni cosa al posto giusto. Al suo centro, l’uomo vive e
produce in totale armonia con l’ambiente e con le nuove tecnologie. Questo non è il futuro. È il presente. Il Decreto Legislativo n.
81 stabilisce nuove regole per il posto di lavoro. Scopriamo quanto è semplice metterle in pratica, insieme ad assUfficio.
2. Cos’è il Decreto Legislativo n. 81
L’informatica sul lavoro ha ormai raggiunto in tutto il mondo industrializzato livelli di diffusione capillare, coinvolgendo decine di
milioni di lavoratori negli uffici, nei settori produttivi e nelle case,
attraverso i nuovi “lavori telematici”.
Questo processo ha portato a una progressiva — e non sempre
organica — riorganizzazione dei metodi operativi, che talvolta si è
rivelata lacunosa sul fronte della sicurezza e della salubrità degli
ambienti lavorativi. Oggi questo divario si può considerare in buona
parte colmato grazie ai Decreti Legislativi.
I Decreti impongono a tutte le imprese pubbliche e private una
serie di adempimenti che determinano rilevanti mutamenti organizzativi e gestionali. Tra questi, le “prescrizioni minime” per i luoghi
di lavoro destinati ai videoterminalisti, regolamentate dall’ Allegato
XXXIV del D. Lgs. 81 e dalle Linee Guida del Decreto 2 ottobre
2000.
3. Per lavorare in un ambiente evoluto
Obiettivo del titolo VII del Decreto è tutelare la salute e la sicurezza sul lavoro per gli operatori che utilizzano un’attrezzatura
munita di videoterminali in modo sistematico o abituale, per 20
ore settimanali, dedotte le interruzioni.
Visto che l’impiego dell’informatica nelle moderne imprese raggiunge ormai i dirigenti, oltre che i quadri intermedi e gli impiegati,
molte autorevoli pubblicazioni hanno inteso estendere queste norme a un ambito più ampio, e cioè a tutto l’ambiente lavorativo. È
certamente vero che la tutela del posto di lavoro, qualunque esso
sia, è un atteggiamento corretto, responsabile, proiettato verso
il futuro. È altrettanto vero però che, ad oggi, non esiste una
normativa obbligatoria, al di fuori delle prescrizioni per l’operatore
6
Sei sicuro in ufficio?
Sei sicuro in ufficio?
7
videoterminalista. Richiedere l’estensione delle stesse regole in
tutti gli ambiti è quindi una “tutela facoltativa”, che rispecchia un
atteggiamento evoluto dell’operatore economico, nei confronti dei
beni e degli arredi che desidera acquistare, per sé e per i propri
collaboratori: prodotti e sistemi in grado di garantire benessere
e comfort.
4. Le norme UNI e CEI: un punto di riferimento per tutti
Il Decreto Legislativo n. 81, per le finalità descritte in alcuni dei
suoi articoli, ed il Decreto 2 ottobre 2000 “Linee guida d’uso dei
videoterminali” indicano esplicitamente come riferimento le norme
tecniche pubblicate dagli organismi internazionali, europei o nazionali di normazione. In generale, gli standard fissati dagli enti di
normazione (in Italia, l’UNI ed il CEI) costituiscono da tempo i più
autorevoli punti di riferimento in materia di sicurezza.
Nel caso dei mobili per ufficio, si può affermare che la conformità
alle norme UNI e CEI applicabili costituisca la via preferenziale per
dimostrare che i prodotti soddisfano gli obblighi fissati dalla legislazione.
Per quanto riguarda le postazioni per i videoterminalisti, e più in generale l’ambiente ufficio, i principali aspetti da verificare per valutare la rispondenza ai requisiti minimi fissati sono riportati di seguito.
5. Piani di lavoro
Superficie
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, all.
XXXIV, punto 1, lettera d)
Il piano di lavoro deve avere
una superficie a basso
indice di riflessione (...)
Linee guida, art. 2.c)
Il piano di lavoro deve
(...) avere il colore
della superficie chiaro,
possibilmente diverso dal
bianco ed in ogni caso non
riflettente.
Definire destinazione
d’uso dei tavoli.
Definire colore e opacità.
Verificare requisiti
richiesti dal
Committente/Progettista
rispetto alle norme
richiamate dalla Legge.
Se non conformi,
segnalazione scritta
al Committente/
Progettista per definire
responsabilità.
Queste caratteristiche sono identificate e misurate dalle norme:
• UNI EN 13722 “Mobili. Valutazione della riflessione speculare
della superficie” ed UNI EN 13721 “Mobili. Valutazione della
riflettanza della superficie”, che forniscono un metodo di misura
unificato, e
• UNI 11191 “Mobili per ufficio - Tavoli e scrivanie per videotermi nali - Requisito di riflessione speculare” e UNI 11190 ”Mobili
per ufficio. Tavoli e scrivanie per videoterminali - Requisito di
riflettenza”, che indicano, come valori ammessi, rispettivamente:
< 45 unità (Gloss) e 15 ≤Y-σ e Y+σ ≤ 75.
AssUfficio raccomanda il rispetto di questi valori.
8
Sei sicuro in ufficio?
Sei sicuro in ufficio?
9
Superficie
Prescrizioni di legge
10
D.Lgs. n. 81/08, all. XXXIV
punto 1, lettera b e d) La profondità del piano di lavoro deve
essere tale da assicurare una
adeguata distanza visiva dallo
schermo.
Lo schermo deve essere posizionato di fronte all’operatore in
maniera che, anche agendo su
eventuali meccanismi di regolazione, lo spigolo superiore dello
schermo sia posto un po’ più in
basso dell’orizzontale che passa
per gli occhi dell’operatore ad
una distanza degli occhi pari a
circa 50-70 cm, per i posti di lavoro in cui va assunta preferenzialmente la posizione seduta.
Linee guida, art. 2.b) Il piano di
lavoro deve (...) avere una profondità tale da assicurare una
corretta distanza visiva dallo
schermo, tenendo presente che
schermi di grandi dimensioni
richiedono tavoli di maggiore
profondità.
Linee guida, art. 4.b) posizionare lo schermo del video di
fronte in maniera che, anche
agendo su eventuali meccanismi di regolazione, lo spigolo
superiore dello schermo sia
posto un po’ più in basso
dell’orizzontale che passa per
gli occhi dell’operatore e ad
una distanza dagli occhi pari a
circa 50-70cm
Linee guida, art. 5.c)
assumere la postura corretta
di fronte al video in modo tale
che la distanza occhi-schermo
Sei sicuro in ufficio?
sia pari a circa 50-70cm.
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
Definire destinazione d’uso dei
tavoli.
Verificare le dimensioni delle
attrezzature messe a disposizione dell’operatore in relazione allo spazio dei piani di
lavoro scelti.
Verificare che la superficie del
piano richiesta dal Committente/Progettista rispetti i
requisiti minimi di norma.
Se non conformi, segnalazione
scritta al Committente/Progettista per definire responsabilità.
_ 60°
>
50÷70
cm
Sei sicuro in ufficio?
11
Altezza del tavolo
Corrette dimensioni del tavolo
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, all. XXXIV,
punto 1, lettere c) e d) La
tastiera deve essere separata
dallo schermo e facilmente regolabile. Lo spazio di lavoro deve
consentire un appoggio degli
avambracci davanti alla tastiera
nel corso della digitazione, tenendo conto delle caratteristiche antropometriche dell’operatore. Il mouse o qualsiasi
dispositivo di puntamento in dotazione alla postazione di lavoro
deve essere posto sulle stesso
piano della tastiera. Il piano di
lavoro deve avere una superficie a basso indice di riflessione,
essere stabile, di dimensioni sufficienti a permettere una disposizione flessibile dello schermo,
della tastiera, dei documenti e
del materiale accessorio. Il supporto per i documenti deve essere stabile e regolabile e deve
essere collocato in modo tale
da ridurre al minimo i movimenti
della testa e degli occhi.
Linee guida, art. 2.a) Il piano
di lavoro deve (...) avere una
superficie
sufficientemente
ampia per disporre i materiali necessari e le attrezzature
(video, tastiera, ecc.), nonché
consentire un appoggio per
gli avambracci dell’operatore
davanti alla tastiera, nel corso
della digitazione.
Definire destinazione d’uso dei
tavoli.
Verificare le dimensioni delle
attrezzature messe a disposizione dell’operatore in relazione allo spazio dei piani di
lavoro scelti
Verificare che la superficie del
piano richiesta dal Committente/Progettista rispetti i
requisiti minimi di norma.
Se non conformi, segnalazione
scritta al Committente/Progettista per definire responsabilità.
D.Lgs. n. 81/08, all. XXXIV,
punto 1, lettera d) L’altezza del
Definire l’altezza dei tavoli e
l’eventuale regolazione in relazione all’altezza dei lavoratori
che li utilizzeranno ed alla tipologia di lavoro che svolgeranno
alla postazione assegnata.
Verificare requisiti di stabilità
dei tavoli rispetto alle norme
richiamate dalla Legge. Se non
conformi, segnalazione scritta
al Committente/Progettista
per definire responsabilità.
piano di lavoro fissa o regolabile deve essere indicativamente
compresa fra 70 e 80 cm. Lo
spazio a disposizione deve permettere l’alloggiamento ed il
movimento degli arti inferiori,
nonché l’ingresso del sedile e
dei braccioli se presenti.
Linee guida, art. 2.d) Il piano di lavoro deve (...) essere
stabile e di altezza, fissa o regolabile, indicativamente fra
70 e 80 cm.
Questi requisiti trovano riscontro nella norma UNI EN 527-1 “Mobili per ufficio. Tavoli da lavoro e scrivanie. Dimensioni”.
Questi requisiti trovano riscontro nella norma UNI EN 527-1
“Mobili per ufficio. Tavoli da lavoro e scrivanie. Dimensioni”, che
fissa le dimensioni del piano.
12
Sei sicuro in ufficio?
Sei sicuro in ufficio?
13
6. Bordi arrotondati ed altri requisiti generali di progettazione
Spazio
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, all. XXXIV
punto 2, lettera a) Il posto
di lavoro deve essere ben dimensionato e allestito in modo
che vi sia spazio sufficiente per
permettere cambiamenti di posizione e movimenti operativi.
Linee guida, art. 2.e) Il piano
di lavoro deve (...) avere uno
spazio idoneo per il comodo
alloggiamento e la movimentazione degli arti inferiori e
per infilarvi il sedile.
Definire lo spazio idoneo in relazione alle caratteristiche antropometriche dell’operatore
e alle dimensioni della seduta.
Verificare che i requisiti di
spazio sotto il piano rispettino le norme richiamate dalla
Legge.
Se non conformi, segnalazione
scritta al Committente/Progettista per definire responsabilità.
Questi requisiti trovano riscontro nella norma UNI EN 527-1 “Mobili per ufficio. Tavoli da lavoro e scrivanie. Dimensioni”, che fissa lo
spazio libero a disposizione delle gambe e nella norma UNI 10915
“Posto di lavoro in ufficio. Mobili per ufficio. Superfici per la disposizione e l’utilizzo dei mobili”, che fornisce una guida alla disposizione e all’utilizzo dei mobili per ufficio.
Per salvaguardare la sicurezza dell’operatore, assUfficio raccomanda che tutte le parti del tavolo con le quali l’utente viene a
contatto durante l’utilizzo previsto siano progettate in modo da
minimizzare la lesione fisica o il danneggiamento materiale Questi
requisiti trovano riscontro nella norma UNI EN 527-2 “Mobili per
Ufficio. Tavoli da lavoro e scrivanie. Requisiti meccanici di sicurezza”. Tra gli altri requisiti, questa norma stabilisce che i bordi e gli
angoli della scrivanie debbano essere privi di bave e arrotondati o
smussati e che, per evitare punti di pressione elevata sotto gli
avambracci durante il contatto prolungato con i piani di lavoro, i
bordi e gli angoli delle superfici superiori debbano essere arrotondati con un raggio non minore di 2 mm.
7. Sedute da lavoro per videoterminale
Stabilità
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, all. XXXIV
punto 1, lettera e) Il sedile
Definire destinazione d’uso
della seduta.
Verificare i requisiti richiesti
dal Committente/Progettista
rispetto alle norme richiamate
dalla Legge. Se non conformi,
segnalazione scritta al Committente/Progettista per definire responsabilità.
di lavoro deve essere stabile
e permettere all’utilizzatore
libertà nei movimenti, nonché
una posizione comoda. Il sedile
deve essere dotato di un meccanismo girevole per facilitare i
cambi di posizione e deve poter
essere spostato agevolmente
secondo le necessità dell’utilizzatore.
Linee guida, art. 2.f) Il sedile
deve essere di tipo girevole,
saldo contro slittamento e
rovesciamento, dotato di basamento stabile o a cinque punti
di appoggio.
Questi requisiti trovano riscontro nella norma UNI EN 1335-2 “Mobili per ufficio. Sedia da lavoro per ufficio. Requisiti di sicurezza”.
14
Sei sicuro in ufficio?
Sei sicuro in ufficio?
15
Dimensioni e regolazioni
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, all. XXXIV
punto 1, lettera e) Il sedile
Definire destinazione d’uso
della seduta.
Verificare i requisiti richiesti
dal Committente/Progettista
rispetto alle norme richiamate
dalla Legge. Se non conformi,
segnalazione scritta al Committente/Progettista per definire responsabilità.
deve avere altezza regolabile
in maniera indipendente dallo
schienale e dimensioni della
seduta adeguate alle caratteristiche
antropometriche
dell’utilizzatore. Lo schienale
deve fornire un adeguato
supporto alla regione dorsolombare dell’utente. Pertanto
deve essere adeguato alle
caratteristiche antropometriche dell’utilizzatore e deve
avere altezza e inclinazione
regolabile. Nell’ambito di tali
regolazioni l’utilizzatore dovrà
poter fissare lo schienale nella
posizione selezionata. Lo schienale e la seduta devono avere
bordi smussati. I materiali
devono presentare un livello
di permeabilità tali da non poter compromettere il comfort
dell’utente e pulibili.
Linee guida, art. 2.g) Il sedile
deve (...) disporre del piano e
dello schienale regolabili in maniera indipendente così da assicurare un buon appoggio dei
piedi ed il sostegno della zona
lombare.
di tipo A, purché con sedile regolabile in altezza, o di tipo B purché
con supporto lombare regolabile (come definito nella Norma UNI
EN 1335-1:2000) e schienale regolabile in altezza.
Sicurezza
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
Linee guida, art. 2.h) Il sedile
deve (...) avere i bordi del piano smussati, in materiale non
troppo cedevole, permeabile al
vapore acqueo e pulibile.
Definire la destinazione d’uso
della seduta.
Verificare i requisiti richiesti
dal Committente/Progettista
rispetto alle norme richiamate
dalla Legge. Se non conformi,
segnalazione scritta al Committente/Progettista per definire responsabilità.
Linee guida, art. 2.i) Il sedile
deve (...) essere facilmente
spostabile anche in rapporto al
tipo di pavimento.
Definire la destinazione d’uso
della seduta e richiedere al
produttore il tipo di ruote
adeguate al pavimento.
Mettere a disposizione del
Committente/Progettista una
gamma di ruote adeguata.
Questi requisiti trovano riscontro nella norma UNI EN 1335-2 “Mobili per ufficio. Sedia da lavoro per ufficio. Requisiti di sicurezza”.
Questi requisiti trovano riscontro nelle norme UNI EN 1335-1
“Mobili per ufficio. Sedia da lavoro per ufficio. Dimensioni. Determinazione delle dimensioni” e UNI EN 1335-2 “Mobili per ufficio.
Sedia da lavoro per ufficio. Requisiti di sicurezza”, che specificano
le dimensioni e le caratteristiche ergonomiche delle sedute.
AssUfficio precisa che le sedute per videoterminalisti sono quelle
16
Sei sicuro in ufficio?
Sei sicuro in ufficio?
17
8. Pareti
Poggiapiedi
18
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, all. XXXIV
punto 1, lettera e) Un poggiapiedi sarà messo a disposizione di coloro che lo desiderino per far assumere una
postura adeguata agli arti inferiori. Il poggiapiedi non deve
spostarsi involontariamente
durante il suo uso.
Linee guida, art. 2.l) Il sedile
deve (...) qualora fosse necessario, essere dotato di un poggiapiedi separato, per far assumere una postura adeguata
agli arti inferiori dell’operatore.
Determinare la necessità di un
poggiapiedi.
Salvo specifico accordo, tale
attività non riguarda abitualmente il Fornitore della seduta.
Sei sicuro in ufficio?
Pareti interne mobili
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, art. 22.
I progettisti dei luoghi o posti lavoro e degli impianti
rispettano i principi generali
di prevenzione in materia di
sicurezza e di salute (...).
Realizzare ambienti di lavoro
conformi.
Salvo specifico accordo, tale
attività non riguarda abitualmente il Fornitore della seduta.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.2. Le vie e le uscite di
sicurezza devono rimanere
sgombre (...).
Mantenere sgombre le aree
interessate.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.3. In caso di pericolo tutti
i posti di lavoro devono poter
essere evacuati rapidamente
e in piena sicurezza da parte
dei lavoratori.
Mantenere efficienti le aree
interessate.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.4. Il numero, la distribuzione e le dimensioni delle vie
e delle uscite di emergenza,
devono essere adeguate alle
dimensioni dei luoghi di lavoro, alla loro ubicazione, alla
loro destinazione d’uso (...)
nonché al numero massimo di
persone che possono essere
presenti in detti luoghi.
Definire le esatte dimensioni
e ubicazioni conformemente
alle caratteristiche dei luoghi
di lavoro.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.5. Le vie e le uscite di
emergenza devono avere altezza minima di m 2,0 e larghezza minima conforme alla
normativa vigente in materia
di antincendio.
Realizzare vani edilizi dimensionalmente adeguati.
Produrre porte di altezza minima 2,0 m; la larghezza sarà
invece decisa dal Committente/Progettista.
Nel caso di porte su muratura,
il Produttore si adeguerà alle dimensioni del foro muro. Se non
conformi, segnalazione scritta
al Committente/Progettista per
definire responsabilità.
Sei sicuro in ufficio?
19
Pareti interne mobili
20
Porte di dimensioni corrette nelle pareti interne mobili divisorie ed attrezzate
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
Prescrizioni di legge
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.6. Qualora le uscite di
emergenza siano dotate di
porte, queste devono essere
apribili nel verso dell’esodo
(...).
Definire i sensi di apertura
delle porte.
Installare le porte (se l’installazione è a sua cura) nel verso
indicato dal Progettista.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.7. Le porte delle uscite di
emergenza non devono essere chiuse a chiave, se non in
casi specificamente autorizzati dall’autorità competente.
Mantenere le serrature delle
porte aperte.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV art.
1.6.5. Alle porte per le quali
è prevista una larghezza minima di m 1,20 è applicabile
una tolleranza in meno del
5% (cinque per cento), alle
porte per le quali è prevista
una larghezza minima di m
0,80 è applicabile una tolleranza in meno del 2% (due
per cento).
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.8. Nei locali di lavoro e
in quelli destinati a deposito
è vietato adibire, quali porte
delle uscite di emergenza, le
saracinesche a rullo, le porte
scorrevoli verticalmente e
quelle girevoli su asse centrale.
Definire la destinazione d’uso
dei locali e conseguentemente
predisporre porte conformi.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.9. Le vie e le uscite di
emergenza, nonché le vie di
circolazione e le porte che vi
danno accesso non devono essere ostruite da oggetti (...).
Mantenere sgombre le aree
interessate.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.10. Le vie e le uscite di
emergenza devono essere
evidenziate da apposita segnaletica(...).
Prevedere adeguata segnaletica.
Sei sicuro in ufficio?
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
Installare le porte (se l’installazione è a sua cura) nel verso
indicato dal Progettista.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.1.4. Larghezza di una
porta o luce netta di una porta: larghezza di passaggio al
netto dell’ingombro dell’anta
mobile in posizione di massima apertura se scorrevole, in
posizione di apertura a 90° se
incernierata (larghezza utile
di passaggio).
Salvo specifico accordo, tale
attività non riguarda abitualmente il Fornitore di pareti
divisorie.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.5.7. Nei locali di lavoro (...)
non sono ammesse le porte
scorrevoli, le saracinesche a
rullo, le porte girevoli su asse
centrale, quando non esistano altre porte apribili verso
l’esterno del locale.
Definire la destinazione d’uso
dei locali e conseguentemente
predisporre porte conformi.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.6.9. Le porte ed i portoni
apribili nei due versi devono
essere trasparenti o essere
muniti di pannelli trasparenti.
Prevedere porte dotate di
parti trasparenti.
Realizzare porte dotate di parti
trasparenti come indicato dal
Committente/Progettista.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.6.10. Sulle porte trasparenti deve essere apposto
un segno indicativo all’altezza
degli occhi.
Prevedere adeguata segnaletica.
Salvo specifico accordo, tale
attività non riguarda abitualmente il Fornitore.
Sei sicuro in ufficio?
21
Porte di dimensioni corrette nelle pareti interne mobili divisorie ed attrezzate
22
Vetri nelle pareti interne mobili
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.6.12. Le porte scorrevoli
devono disporre di un sistema di sicurezza che impedisca
loro di uscire dalle guide o di
cadere.
Prevedere porte conformi e
mantenerle in efficienza.
Realizzare porte dotate di sistemi di sicurezza conformi.
Prevedere adeguata segnaletica.
Utilizzare vetri temperati o vetri stratificati-accoppiati. Salvo
specifico accordo la segnalazione delle pareti vetrate è responsabilità del Committente/
Progettista.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.6.13. Le porte ed i portoni
che si aprono verso l’alto devono disporre di un sistema di
sicurezza che impedisca loro
di ricadere.
Prevedere porte conformi e
mantenerle in efficienza.
Realizzare porte dotate di sistemi di sicurezza conformi.
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.6.14. Le porte e i portoni ad
azionamento meccanico devono funzionare senza rischi di
infortuni per i lavoratori. Essi
devono essere muniti di dispositivi di arresto di emergenza
facilmente identificabili ed accessibili e poter essere aperti
anche manualmente, salvo che
la loro apertura possa avvenire automaticamente in caso di
mancanza di energia elettrica.
Prevedere porte conformi e
mantenerle in efficienza.
Realizzare porte dotate di sistemi di sicurezza conformi
(nel caso di porte con apertura
automatica la responsabilità
coinvolgerà anche il fornitore
del meccanismo di apertura
elettrica).
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.3.6. Le pareti trasparenti
o traslucide, in particolare le
pareti completamente vetrate, nei locali o nelle vicinanze
dei posti di lavoro e delle vie
di circolazione, devono essere chiaramente segnalate
e costituite da materiali di
sicurezza fino all’altezza di
1m ovvero essere separate
dai posti di lavoro e dalle vie
di circolazione succitati, in
modo tale che i lavoratori non
possono andare in contatto
con le pareti, né rimanere
feriti qualora esse vadano
in frantumi. Nel caso in cui
vengano utilizzati materiali di
sicurezza fino all’altezza di 1m
dal pavimento, tale altezza è
elevata quando ciò è necessario in relazione al rischio
che i lavoratori rimangono
feriti qualora esse vadano in
frantumi
D.Lgs. n. 81/08, All. IV, art.
1.6.16. Quando i luoghi di
lavoro sono occupati le porte
devono poter essere aperte.
Mantenere sgombre le aree
interessate
Sei sicuro in ufficio?
Questo requisito trova riscontro nella norma UNI 7697 “Criteri di
sicurezza nelle applicazioni vetrarie”.
AssUfficio raccomanda ovunque l’uso di vetri di sicurezza, non
solo nelle pareti completamente vetrate e non solo fino a 1m di
altezza dal piano di calpestio.
Sei sicuro in ufficio?
23
9. Ambiente
11. Riferimenti normativi
Spazio di lavoro
Di seguito è riportato un elenco delle principali norme tecniche sui
mobili per ufficio. L’elenco non è esaustivo. Per approfondimenti,
consultare le altre pubblicazioni Assufficio o il catalogo dell’UNI.
Prescrizioni di legge
Responsabilità
Committente/Progettista
Responsabilità
Fornitore
D.Lgs. n. 81/08, All. XXXIV punto 2, lettera a) Il
posto di lavoro deve essere
ben dimensionato ed allestito in modo che vi sia spazio
sufficiente per permettere
cambiamenti di posizione e di
movimenti operativi.
Definire adeguata disposizione
planimetrica.
Mettere a disposizione del
Committente/Progettista gli
ingombri dei propri prodotti.
Questo requisito trova riscontro nella norma UNI 10915:2001
“Posto di lavoro in ufficio. Mobili per ufficio. Superfici per la disposizione e l’utilizzo di mobili”.
10. La dichiarazione di conformità: una necessaria garanzia
I Produttori di arredi per ufficio devono progettare e mettere in
produzione arredi che corrispondano alle esigenze di mercato, ma
che soddisfino anche i requisiti di funzionalità, di ergonomia, di
salute e di sicurezza del posto di lavoro.
A questo proposito i Produttori di arredi per ufficio possono emettere dichiarazioni di conformità dei propri prodotti ai requisiti di
Legge ed alle norme tecniche di settore.
Tale dichiarazione di conformità, emessa sotto la propria responsabilità, costringe il Produttore a confrontare i prodotti offerti
con le vigenti normative e norme di buona costruzione.
Richiedere al Produttore questa dichiarazione è un’ulteriore garanzia di sicurezza per il Committente.
24
Sei sicuro in ufficio?
Norma
Titolo
Tavoli e scrivanie
UNI EN 527-1
Mobili per ufficio - Tavoli da lavoro e scrivanie – Dimensioni.
UNI EN 527-3
Mobili per ufficio - Tavoli da lavoro e scrivanie - Metodi di prova per la
determinazione della stabilità a della resistenza meccanica della struttura.
UNI EN 527-2
Mobili per ufficio - Tavoli da lavoro e scrivanie - Requisiti meccanici di
sicurezza.
UNI EN 15372
Mobili - Resistenza, durata e sicurezza - Requisiti per tavoli non domestici
UNI EN 13721
Mobili - Valutazione della riflettanza della superficie.
UNI EN 13722
Mobili. Valutazione della riflessione speculare della superficie.
UNI 11190
Mobili per ufficio - Tavoli e scrivanie per videoterminali - Requisito di riflettanza.
UNI 11191
Mobili per ufficio - Tavoli e scrivanie per videoterminali - Requisito di riflessione speculare.
Sedute
UNI EN 1335-1
Mobili per ufficio - Sedia da lavoro per ufficio - Dimensioni - Determinazione
delle dimensioni
UNI EN 1335-2
Mobili per ufficio - Sedia da lavoro per ufficio - Requisiti di sicurezza
UNI EN 1335-3
Mobili per ufficio - Sedia da lavoro per ufficio - Metodi di prova per la
sicurezza
UNI EN 13761
Mobili per ufficio - Sedie per visitatori
UNI EN 15353
Mobili - Resistenza, durata e sicurezza - Requisiti per sedute non domestiche
Schermi
UNI EN 1023-1
Mobili per ufficio - Schermi divisori - Dimensioni
UNI EN 1023-2
Mobili per ufficio - Schermi divisori - Parte 2: Requisiti di sicurezza meccanica
UNI EN 1023-3
Mobili per ufficio - Schermi divisori - Parte 3: Metodi di prova
Sei sicuro in ufficio?
25
Norma
Titolo
Pareti interne mobili
UNI 10700
Partizioni interne - Pareti interne mobili - Terminologia e classificazione
UNI 10815
Pareti interne mobili - Attrezzabilità per impianti tecnici - Criteri generali
UNI 10816
Pareti interne mobili - Attrezzabilità con equipaggiamenti di servizio - Criteri generali
UNI 10817
Pareti interne mobili - Collegamenti di messa a terra - Requisiti e verifica
UNI 10820
Partizioni interne - Pareti interne mobili - Analisi dei requisiti
UNI 10879
Pareti interne mobili - Prova di resistenza ai carichi sospesi ed orizzontali
UNI 10880
Pareti interne mobili - Requisiti e metodi di prova di resistenza agli urti
UNI 11004
Partizioni interne - Pareti interne mobili - Tipologie significative per la determinazione del potere fono-isolante.
Mobili contenitori
UNI EN 14073-2
Mobili per ufficio - Mobili contenitori - Parte 2: Requisiti di sicurezza.
UNI EN 14073-3
Mobili per ufficio - Mobili contenitori - Parte 3: Metodi di prova per la
determinazione della stabilità e della resistenza della struttura.
UNI EN 14074
Mobili per ufficio - Tavoli, scrivanie e mobili contenitori - Metodi di prova
per la determinazione della resistenza e della durabilità delle parti mobili
Altro
UNI 7697
Criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie
UNI 10915
Posto di lavoro in ufficio - Mobili per ufficio - Superfici per la disposizione
e l’utilizzo dei mobili
7. Riferimenti legislativi
• Decreto 2 ottobre 2000 “Linee guida d’uso dei videoterminali”,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 244 del 18.10.2000.
• Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia di tutela
della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro”, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 101 del 30 aprile 2008 - Supplemento Ordinario n. 108.
Con l’entrata in vigore del D.Lgs. 81/2008 sono state abrogate varie disposizioni di legge, tra cui il decreto legislativo
19 settembre 1994, n. 626 (per i dettagli vedere l’art. 304
“abrogazioni” del Titolo XIII (norme transitorie e finali) del D.
Lgs. 9 aprile 2008 n. 81).
26
Sei sicuro in ufficio?
Sei sicuro in ufficio?
27
Foro Buonaparte, 65
20121 Milano • Italy
Tel +39.02.80604.1
Fax +39.02.80604.392
[email protected]
federlegnoarredo.it
Pubblicato nel [Mese] [Anno]
28
Sei sicuro in ufficio?
Fly UP