...

Il formato di atti e documenti

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Il formato di atti e documenti
Il formato di atti e documenti nel PCT
Dalla carta…
•0
…al bit!
•0
Avv. Francesco Minazzi
Blawg: francescominazzi.net
Twitter: @digitjus
Mail: [email protected]
Normativa
3
4
5
6
Il formato degli atti processuali e dei documenti nel Processo
Telematico è regolato dal Codice dell’Amministrazione Digitale
(D. Lgs. 82/2005), dal Decreto Ministeriale 44/2011 recante le
Regole Tecniche del PCT e dal Provvedimento DGSIA
16.04.2014 recante le Specifiche Tecniche del PCT, nonché, più
recentemente, dal DPCM 11 novembre 2014, recante le Regole
Tecniche sul Documento Informatico.
7
L’art. 1 del CAD reca le definizioni di base, descrivendo, alla
lett. p), il documento informatico come “la rappresentazione
informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti”, in
contrapposizione al documento analogico di cui alla lett. p-bis), ossia “la
rappresentazione NON informatica di atti, fatti o dati giuridicamente
rilevanti”.
Precisa, poi, l’art. 20, co. 1, CAD che “il documento informatico
da chiunque formato” è valido e rilevante agli effetti di legge, ai
sensi delle disposizioni del CAD stesso.
8
L’art. 21 del CAD statuisce che “Il documento informatico
sottoscritto con firma elettronica avanzata, qualificata o digitale,
formato nel rispetto delle regole tecniche di cui all’articolo 20, comma 3,
che
garantiscano
l’identificabilità
dell’autore,
l’integrità
e
l’immodificabilità del documento, ha l’efficacia prevista dall’articolo
2702 del codice civile. L’utilizzo del dispositivo di firma elettronica
qualificata o digitale si presume riconducibile al titolare, salvo che questi
dia prova contraria.”
9
Documenti nativamente informatici (artt. 1, 20 e 21 CAD).
Sono creati direttamente dall'avvocato in formato elettronico,
tramite i consueti programmi di videoscrittura (MS Office,
OpenOffice, LibreOffice).
Ai fini del successivo deposito telematico dell'atto, il documento
redatto (formato .doc o .odt) andrà convertito in un PDF privo di
elementi attivi (art. 12 Specifiche Tecniche PCT) mediante
esportazione o stampa virtuale.
L'atto in PDF va poi sottoscritto con la firma digitale ed acquisisce
validità legale.
10
(art. 22, comma 2, CAD)
“Le copie per immagine su supporto informatico di documenti
originali formati in origine su supporto analogico hanno la
stessa efficacia probatoria degli originali da cui sono estratte,
se la loro conformità è attestata da un notaio o da altro
pubblico ufficiale a ciò autorizzato, con dichiarazione allegata
al documento informatico e asseverata secondo le regole
tecniche stabilite ai sensi dell’articolo 71”
11
Trattasi,
pertanto,
delle
riproduzioni
elettroniche
di
atti
originariamente cartacei, tramite scansione.
Anche in questo caso è consigliabile ottenere un file PDF c.d.
immagine, acquisendo il documento con lo scanner o con le app
apposite per smartphone o tablet (es. DocScanner o Doc Scan).
I documenti da allegare alla busta telematica, diversi dall’atto
principale, tuttavia, sono ammessi anche in altri formati diversi dal
PDF.
In assenza di declaratoria di conformità del P.U., opera la
presunzione di conformità di cui all’art. 2712 c.c., fino a
disconoscimento.
12
Art. 19bis, comma 1 e 2, Specifiche Tecniche 16 aprile 2014
1)
Qualora l’atto da notificarsi sia un documento originale
informatico, esso deve essere in formato pdf e ottenuto dalla
trasformazione di un documento testuale, senza restrizione per le
operazioni di selezione e copia di parti; non è ammessa la
scansione di immagini.
2)
Nei casi diversi dal comma 1, i documenti informatici o copie
informatiche, anche per immagine, di documenti analogici, […]
sono privi di elementi attivi […] e sono consentiti in formato pdf.
13
Art. 11 D.M. 44/2011 - art. 12 Specifiche Tecniche
L’atto del processo deve necessariamente essere un file
PDF, ottenuto dalla conversione di un documento testuale
(.doc, .odt, etc). Non è ammessa la scansione del cartaceo.
L’atto così formato deve essere poi firmato digitalmente,
con struttura CADES-BES o PADES-BES.
14
La firma CADES-BES modifica l’estensione del
file, aggiungendo la dicitura .p7m all’estensione
originale (es. procura_alle_liti.pdf.p7m).
Essa è apponibile a tutti i tipi di file, che,
tuttavia, dopo la sottoscrizione possono essere
letti solo con apposito software (Dike,
Arubasign, Firmacerta, etc.).
15
La firma PADES-BES non modifica l’estensione del
file, ma aggiunge un segno grafico sul file con la
dicitura “firmato digitalmente da (Tizio)”.
Essa è apponibile esclusivamente a file PDF però,
dopo la sottoscrizione, possono essere letti senza
necessità di apposito software.
16
17
Art. 12 D.M. 44/2011 - art. 13 Specifiche Tecniche
Gli allegati vanno inseriti anch’essi come documenti
informatici.
Sono consentiti nei formati pdf, rtf, txt, jpg, gif, tiff, xml,
eml, msg, nonché nei formati compressi zip, rar e arj
(questi ultimi purché contenenti file del primo gruppo).
Possono, pertanto, essere documenti nativamente
informatici oppure documenti cartacei trasformati in
file digitali.
18
Regole Tecniche Documento Informatico
Artt. 4 e 6 disciplinano le modalità di espressione della
dichiarazione di conformità delle copie informatiche:
1.
Mediante inserimento della stessa all’interno del file scaricato
dal Polisweb (ad es. modificandolo con Acrobat Reader);
2.
Dichiarazione a latere in documento informatico separato
contenente un riferimento temporale e l’impronta estratta dal
file
(utilizzando
ad
apps.dirittopratico.it).
es.
l’applicazione
rinvenibile
su
19
20
«Il ricorso per decreto ingiuntivo depositato nell’ambito del
presente processo telematico è la scansione di un’immagine e
non consente operazioni di selezione e copia di parti, anziché
derivare, come prescritto, dalla trasformazione in documento
.pdf di un documento testuale.
P.T.M.
dichiara inammissibile il ricorso per decreto ingiuntivo»
21
«Il ricorso per decreto ingiuntivo depositato nell’ambito del
presente processo telematico è la scansione di un’immagine e
non consente operazioni di selezione e copia di parti, anziché
derivare, come prescritto, dalla trasformazione in documento
.pdf di un documento testuale.
P.T.M.
dichiara inammissibile il ricorso per decreto ingiuntivo»
22
«Il Giudice, rilevato che il ricorso è stato formato
scansionando il testo dell’atto cartaceo e non
corrisponde alle caratteristiche tecniche previste dal
predetto provvedimento (n.d.r. D.M. 44/2011)
DICHIARA INAMMISSIBILE
il ricorso per decreto ingiuntivo»
23
«Il ricorso introduttivo è un file formato .pdf; lo stesso
non è però un atto nativo digitale, ottenuto mediante la
trasformazione di un documento testuale, senza
restrizioni per le operazioni di selezione copia di parti,
ma è un file ottenuto mediante la scansione di immagini.
P.Q.M.
dichiara la nullità del ricorso per decreto ingiuntivo»
24
Giusto il disposto dell’art. 156 c.p.c., rilevato che le
Specifiche Tecniche DGSIA non comminano nullità alcuna,
essendo fonte subprimaria, ha dichiarato una mera
irregolarità il deposito del PDF immagine.
Il Giudice, tuttavia, potrebbe ordinare il rinnovo del deposito
ai sensi dell’art. 182 c.p.c., invitando l’avvocato a “mettere in
regola gli atti e documenti che riconosce difettosi”
25
Il Giudice, rilevato che il ricorso monitorio è stato depositato come
documento scansionato, non rispettando le regole tecniche, ha fatto
applicazione dell’art. 182 c.p.c. (pur senza richiamarlo), invitando il
ricorrente ad effettuare un nuovo deposito telematico nel formato
prescritto dalla normativa tecnica.
Già nel 2013, pertanto, si è ritenuta la violazione delle forme una
mera irregolarità, insuscettibile di incidere sull’ammissibilità
dell’atto.
26
Fly UP