...

TERZO SPIGOLO DI ROZES m 2650

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

TERZO SPIGOLO DI ROZES m 2650
ROCCIA D’AUTORE l QUARTO GRADO
TERZO SPIGOLO DI ROZES m 2650
Parete Sud — Via Alverà-Pompanin
PRIMI SALITORI:
Albino Alverà, Ugo Pompanin,
11 agosto 1946
DISLIVELLO: 600 m
SVILUPPO: 780 m
DIFFICOLTÀ: TD-
max 5°
TEMPO PREVISTO: 7–9 ore
ROCCIA: generalmente
buona o molto buona;
qualche tratto con detriti
MATERIALE: cordini, dadi
(soste attrezzate; vari chiodi
di passaggio); qualche
chiodo per ogni evenienza è
consigliabile
PUNTI D’APPOGGIO:
Rifugio Dibona,
Rifugio Giussani
CARTINE:
Tabacco foglio 03 (Cortina
d’Ampezzo), scala 1:25.000
033
150
QUATTRO l TOFANE
Grande via d’ambiente sulla grande parete della Tofana di Rozes. Una delle classiche del posto sempre
ben frequentata. La via è molto varia, con camini,
diedri, traversate e tratti facili e richiede un po’ di
orientamento. La roccia è sempre buona, a tratti levigata e a tratti ben lavorata. Insomma c’è di
tutto per una salita di una giornata intensa.
Abbastanza comoda la discesa.
ACCESSO
ALBINO ALVERÀ
(1855–1936)
Cortinese, fondatorie nel 1939,
con il fratello Silvio e altri sette,
dello storico gruppo di alpinisti
degli “Scoiattoli”.
Albino fu un profondo
conoscitore della
sua valle e dei
suoi monti, sia
in veste di guida
alpina, sia in
veste di grande
sciatore con
partecipazione alle
olimpiadi del 1948
e del 1952, ai mondiali
del 1950 e come vincitore
dei campionati italiani del 1951.
Come alpinista fu uno
dei più attivi scoiattoli nel
periodo subito dopo la guerra
mondiale. La sua attività si
svolse principalmente sui
monti della conca ampezzana,
dove aprì vie ancora oggi
classiche di 4° e 5°. Spesso
compagno di Ugo Pompanin,
aprì con lui le vie sul Primo
e Terzo spigolo della Tofana
di Rozes (1946), delle quali
la prima è inserita in questa
raccolta assieme all’altrettanto
classica e comoda via alla
parete sud-ovest dell’Averau,
oggi conosciuta più come “via
Illing” dal nome della cliente
che accompagnò quel giorno.
033
Dal Rifugio Dibona si segue la comoda carrareccia che
sale al Rifugio Giussani fino alla partenza della teleferica
(5 min.). Qui si imbocca a sx il sentiero 442 (indicazioni per
ferrata Lipella, Grotta della Tofana ecc.) che sale ripido fino a
incrociare il sentiero 404 che passa alla base delle pareti e che proviene dal Rifugio Giussani. All’incrocio (40 min.) si attraversa il sentiero
e si sale (bella traccia, tabella per Grotta della Tofana “ferrata”) per
ghiaie tendendo leggermente a sx fino all’imbocco del grande canalone subito a sx dello sperone del Terzo Spigolo. Si sale il canalone per
ca. 50 m, si lascia a sx la cengia con il cavo di ferro per la Grotta della
Tofana e si prende invece a dx la comoda cengia che fascia la base del
Terzo Spigolo. La si segue per ca. 30 m, aggirando uno spigoletto e
portandosi sotto un evidente diedro levigato. Poco prima ci sono dei
vecchi rotoli di cavo di ferro. Alla base del diedro, nascosto a dx, 1C. 1
ora dal Rifugio Dibona.
SALITA
1) Si scala direttamente il diedro chiuso in alto da un piccolo strapiombo faticoso (p. 4°+, 1C). Subito sopra si esce su un terrazzino (1C), dal
quale si prosegue su terreno più facile, prima per una fessura-canalino
che tende a sx e poi per gradoni fino ad un comodo spiazzo dove si attrezza una sosta su clessidre o spuntoni. 55 m; 4°, p. 4°, poi 2°, 3°; 2C.
2) Si continua facilmente in diagonale a sx fin sotto un netto diedro
(2C alla base, possibile sosta), chiuso in alto da un grande tetto. Lo si
scala completamente con bella arrampicata (1C), portandosi sotto il
tetto (possibile tratto bagnato). Si attraversa a sx usando la fessura
alla base del tetto (p. 4°+, 1C e 1CL), entrando in un bel camino stretto
che si sale su roccia ottima (1C, 1CL), fino ad un comodo terrazzino. 50
m; 4°, p. 4°+; 3C, 2CL, 3CF.
3) Direttamente per un canalino finché si può traversare a dx per placca appoggiata entrando in una fessura (1CL alla base, possibile sosta).
151
ROCCIA D’AUTORE l QUARTO GRADO
Per questa o poco a sx (1CL), fino a uno slargo poco a sx della fessura.
45 m; 3°+, 4°-; 2CL, 1CLF.
4) Per il soprastante caminetto ad uno spiazzo con 1CL. Sopra si supera una parte nerastra e a volte umida del caminetto proseguendo poi
con bella arrampicata lungo un camino-diedro fino a rocce appoggiate. 35 m; 4°- e 4°; 1CL, 1CLF.
5) Si sale per gradoni a una cengia sotto il seguente settore di parete dove si incontra 1CL (possibile sosta) sotto
una bella fessura scura che incide direttamente il muro
soprastante. Si scala tutta la fessura (varie CL) fino a
una comoda cengia sotto l’evidente fascia di strapiombi
gialli. 50 m; 4; 3CL, 1CLF.
6) Si traversa a dx su terreno facile (ometto), aggirando
un profilo poco accennato e fermandosi sotto uno stretto
camino, poco distante dallo spigolo che corre alla nostra dx. 1CL
sotto il camino e una, più sicura per eventuali cadute sassi, subito a
dx. 50 m; 1°; 2CLF.
7) Si evita l’inizio ostico del camino stando a dx, entrandovi poi e scalandolo con bella arrampicata fino a una nicchia con 1CL. Si continua
ancora per il camino un po’ più largo fino a una comoda sosta. 45 m;
4°; 1CL, 2CF.
8) Un bel diedrino permette di portarsi ad un’altra zona detritica. Si
sosta all’uscita del diedro. 25 m; 3°+; 1CLF.
9) Conviene salire di conserva per la zona di gradoni detritici, tendendo un po’ a sx e rimanendo poco lontani dallo spigolo. Si sale il più possibile fino a una piccola nicchia gialla alla base del pilastro arrotondato
che costituisce la seconda parte del Terzo Spigolo. Si vede a dx, oltre il
profondo canalone, lo spigolo del Pilastro di Rozes. 80 m; 1°, 2°; 1CLF.
10) Sulla parete lavorata sopra la nicchia senza particolari riferimenti:
fare attenzione a rinvenire la sosta successiva che è praticamente sulla verticale della nicchia, poco a sx. Si inizia a scalare a sx della nostra
nicchia di sosta e si sale per parete lavorata tendendo verso l’alto a
piacere, incontrando dopo ca. 30 m 1CL, poco sopra la quale c’è un
terrazzino (1C, possibile e consigliabile sosta). Dal terrazzino si sale
una breve fessura di forza (p. 4°+) che porta ad una piccola nicchia
giallastra sotto dei brevi strapiombi, dove si sosta scomodamente. 40
m; 4°, p. 4°+; 1CL, 1C, 2CF.
11) Si sale in diagonale a sx per qualche metro fino ad un’altra nicchietta (1C) e poi ancora nella stessa direzione rinvenendo 1C (p. 5°-), dal
quale si traversa a sx con un breve passo delicato fino allo spigoletto
(p. 5°, 1CL subito dietro lo spigoletto). Poco oltre si prende a salire con
leggera direzione a sx per una bella fessura (1C all’inizio) che termina
033
152
Roberto Geromet sul tiro n. 11
QUATTRO l TOFANE
su una cengia. La si segue salendo a sx fino a una comoda sosta poco
prima di un camino nerastro. 30 m; 4°, 4°+, p. 5°; 3C, 3CF.
12) Si scala il camino a sx della sosta su terreno quasi strapiombante
ma con ottime prese (p. 4°+, 1C). fino ad un comodo spiazzo in cima
al quale si può sostare a una grossa CL. Si continua per un altro bel
camino, più ripido fino a un buono spiazzo. 55 m; 4°, p. 4°+, poi
3° e 4°; 1C, 1CL, 1CLF.
13) Proseguendo per il camino (1CL), si esce infine in
cima al grande pilastro centrale, sotto una zona di rocce
molto abbattute. 30 m; 3°+; 1CL.
14) Si asseconda di conserva la zona di rocce con detriti
quasi sul filo del Terzo Spigolo, puntando al margine dx
dell’enorme caverna (caratteristica e visibile anche dal
Rifugio Dibona o dalla statale del Falzarego) che si apre
80 m sotto l’uscita della parete. La si raggiunge con facile arrampicata. Nell’enorme e comodo interno, muretti da bivacco. Sosta a
piacere nel centro della caverna. 100 m; 2°, p. 3° alla fine.
15) Ci si porta, preferibilmente in sicurezza (tratto esposto), nel comodo antro al margine sx della grotta, dove si attrezza una sosta su degli
enormi massi. 15 m; 1°.
16) Qui inizia il tiro chiave. Si esce dalla grotta in traverso a sx in enorme esposizione (p. 5°, 2C con cordoni). Dal secondo C con cordoni, si
traversa ancora 1-2 m a sx e si inizia a salire su ripida placca (p. 5°-, 1C
poco affidabile all’inizio). Si continua per ripida placca appigli nascosti (2C) su terreno che via via si appoggia un po’, fino a sostare su un
comodo terrazzino. 25 m; 5°, poi 4°+; 5C, 1CLF.
17) Per lo stretto camino scuro soprastrante (a metà un grosso sasso
incastrato) fino a una rampa detritica appoggiata che conduce alla fine
della via. Conviene continuare a salire per le facili roccette al margine
dx della rampa, per evitare di far cadere detriti, seguendole fino alla
fine dove si attrezza una sosta presso un grosso spuntone addossato
alla parete. 55 m; 4°, poi 1° e 2°.
033
DISCESA
Dall’uscita della via iniziano delle comode tracce che dopo 15 m portano sulla cresta della Tofana (ometto). Qui ci sono varie possibilità di
discesa:
a) continuare a seguire la traccia verso N in leggera discesa per ghiaie
e qualche saltino di rocce, fino al canalone detritico prima del grande
dente roccioso della Punta Marietta. Da qui scendere direttamente per
ghiaie nel canalone o, in caso di neve, stando per saltini di rocce poco a
dx (max. 2°), fino ad incrociare prima la traccia che esce dal Pilastro di
153
Nella grande grotta d’uscita
ROCCIA D’AUTORE l QUARTO GRADO
Rozes e poi, 80 m sotto, quella che esce dal Primo Spigolo (Itin. 034).
La si asseconda in leggera discesa, aggirando un profondo canalone e
proseguendo oltre per comoda cengia con sentiero, con qualche passo
esposto. Dopo 10 min. la cengia si trasforma in pendio detritico che
si continua a seguire in leggera discesa verso N (sentierino e ometti)
fino al Rifugio Giussani. 50 min. dall’uscita della via. Da qui in
altri 45 min. sulla comoda stradina fino al Rifugio Dibona.
Soluzione più comoda.
b) In caso di molta neve forse è preferibile scendere,
dall’uscita della via, direttamente a dx verso il basso per
gradoni di rocce (p. 2°) e detriti fino a raggiungere circa
80 m sotto l’uscita delle vie del Pilastro di Rozes. Seguire la traccia di sentiero che, verso N (100 m), porta sulla
schiena detritica e quindi le tracce scendono per ghiaie fino
al sentierino che esce dal Primo Spigolo. Poi come prima; stesso
tempo.
c) Dall’uscita, seguita verso N la comoda traccia, invece di scendere
per il canalone, si può continuare a traversare, salendo un po’ alla larga
forcella a monte della Punta Marietta. Oltre si scende per ripide ghiaie
(dopo poco si vede il Rifugio Giussani) fino al sentierino della normale
alla Tofana di Rozes e per questo al vicino Rifugio Giussani. 40 min.
Soluzione più rapida, comoda nel caso non ci sia neve.
033
154
Fly UP