...

L`istituto della messa alla prova

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

L`istituto della messa alla prova
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per il giudice
e provvedimenti adottabili1
di Valeria Bove
giudice del Tribunale di Napoli
5
6
7
SOMMARIO
Introduzione: un vademecum rivolto ai giudici del Tribunale di Napoli
L’avvio del procedimento: la proposizione della richiesta
I provvedimenti adottabili dal giudice a seguito della richiesta
3.1 L’ordinanza d’inammissibilità per carenza dei requisiti sostanziali
3.2 L’ordinanza d’inammissibilità per carenza dei requisiti formali
La decisione
4.1 L’ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova
4.2 Il verbale di messa alla prova
4.3 L’ordinanza di rigetto
L’esito positivo della prova: la sentenza
Il contenuto dell’ordinanza in caso di esito negativo della prova
La revoca dell’ordinanza di sospensione del procedimento
1
3
4
5
5
6
6
10
11
11
12
12
8
9
10
11
12
13
14
15
Allegati
Allegato A
Allegato B
Allegato C
Allegato D
Allegato E
Allegato F
Allegato G
13
14
15
18
20
21
22
23
1
2
3
4
(ordinanza d’inammissibilità)
(ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova)
(verbale di messa alla prova)
(ordinanza di rigetto)
(dispositivo di sentenza)
(ordinanza dichiarativa dell’esito negativo della prova)
(revoca dell’ordinanza di sospensione del procedimento)
1 Introduzione: un vademecum rivolto ai giudici del Tribunale di Napoli
La legge 28.04.2014 nr. 67, pubblicata su G.U. Serie Generale 2.05.2014, nr. 100, ha
introdotto “per gli adulti”2 l’istituto della messa alla prova e le norme che lo disciplinano –
1
Ampi stralci del presente vademecum, compresi i prototipi in allegato, sono tratti da V. Bove, I provvedimenti
del giudice del dibattimento nella messa alla prova “per gli adulti”, in www.scuolamagistratura.it documentazione del corso Settimane di tirocinio mirato giudicante penale per i mot del D.M. 2 maggio 2013,
Cod M14033, 7-11 luglio 2014.
2
L’istituto in esame ricalca, adeguandolo ai destinatari che sono adulti, la messa alla prova per i minorenni, già
prevista dall’art. 28 d.P.R. 22.09.1988 nr. 448 nell’ambito delle disposizioni sul processo penale minorile ed
ampiamente sperimentata in quella sede, ma fonde in sé anche alcune caratteristiche proprie dell’affidamento in
prova al servizio sociale e del lavoro di pubblica utilità.
Via Serbelloni, 1 | 20122 MILANO (MI) | [email protected]
Editore Luca Santa Maria | Direttore Responsabile Francesco Viganò | 2010-2014 Diritto Penale Contemporaneo
contemplate al capo II (artt. 3-8), disposizioni in materia di sospensione del procedimento con
messa alla prova - sono in vigore dal 17.05.20143.
Sulla natura e sulle caratteristiche della cd “probation” – che costituisce al tempo stesso una
(nuova) causa di estinzione del reato ed un (nuovo) procedimento speciale – va operato un
integrale rinvio ai vari lavori e commenti (alcuni dei quali indicati sub nota 3), che sono stati
pubblicati e diffusi all’indomani dell’entrata in vigore della l.67/2014: in questa sede vengono
fornite indicazioni pratiche ed operative sul nuovo istituto, senza con ciò minare o
condizionare in alcun modo il potere di interpretazione delle norme da parte dei singoli
giudici e la valutazione dei presupposti per l’applicazione dell’istituto, che compete, in via
esclusiva ed autonoma, ad ognuno di essi.
Le indicazioni, di taglio pratico ed operativo, che di seguito si riportano hanno quindi il fine
di agevolare la diffusione dell’istituto e di fornire ai giudici, cui venga avanzata istanza di
messa alla prova, uniformi modalità applicative: si è quindi ritenuto opportuno schematizzare
l’iter procedimentale giudiziario che porta alla concessione (o al diniego) del
beneficio/sanzione, individuando per ogni singola fase i provvedimenti adottabili dal giudice,
ed ognuno di essi è stato predisposto in allegato come “modello”, anche in formato “word”,
così da poter essere agevolmente modificato ed adattato alle esigenze del caso.
Il presente vademecum è dunque rivolto ai giudici; nelle more, si proseguirà negli incontri con
la Dirigente ed in funzionari dell’ufficio esecuzione penale esterna (di seguito u.e.p.e.) di
Napoli e si attiveranno incontri con gli avvocati dell’ordine e della camera penale, con
l’auspicio di arrivare alla predisposizione di linee guida condivise tra tutte le parti, come già
accaduto in altri Uffici giudiziari4.
In ogni caso, come già emerso negli incontri tenutisi con la Dirigente dell’u.e.p.e. di Napoli,
non può non tenersi conto della centralità del ruolo di tale ufficio5 e, nell’applicazione
dell’istituto, delle difficoltà in cui esso opera (e del pari tutti gli u.e.p.e. ubicati nel territorio
nazionale), composto da personale in numero ridotto e non sufficiente a fronteggiare i
numerosi ambiti di propria competenza, cui in ultimo si è aggiunta la messa alla prova per gli
adulti, alla cui esecuzione è chiamato a sovrintendere solo ed esclusivamente l’u.e.p.e. (unico
organo tenuto a predisporre e seguire il programma di trattamento e quindi a relazionare degli
esiti la A.G.)6.
3
Sul tema, R. Piccirillo, Relazione nr. III/07/2014, Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione, 5.5.2014;
F. Viganò, Sulla proposta legislativa in tema di sospensione del procedimento con messa alla prova, in Riv. It.
Dir. Proc. Pen, 2013, 1300; R. De Vito, La scommessa della messa alla prova dell’adulto in Questione Giustizia,
n. 6/2013; V. Bove, Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 in
www.scuolamagistratura.it - documentazione Corso P14037 La dialettica dibattimentale: confronto a più voci,
9-11 giugno 2014 – ed in Diritto Penale Contemporaneo, www.penalecontemporaneo.it, 25.06.2014.
4
Il riferimento è al Tribunale di Milano, che ha diffuso in alcune mailing list giudiziarie le linee guida adottate
nel luglio 2014.
5
Il ruolo dell’u.e.p.e. è infatti fondamentale e tale ufficio costituisce il punto nodale della riforma: se infatti
l’u.e.p.e. non sarà in grado di assolvere ai compiti che il legislatore gli ha attribuito (e che ha attribuito solo ad
esso, non anche ad altri eventuali uffici pubblici, né a servizi sociali dislocati sul territorio), la riforma sarà
inevitabilmente destinata a fallire.
6
Proprio la centralità del ruolo che ha (ed avrà) l’u.e.p.e. ha fondato l’adozione della lettera circolare prot
GDAP/0174874-2014 del 16.05.2014 da parte dell’Ufficio del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione
Penitenziaria del Ministero della Giustizia, Giovanni Tamburino e diffusa ai Presidenti dei Tribunali della
Repubblica, con la quale sono state fornite istruzioni operative, da un lato, sullo svolgimento delle attività
preliminari di accertamento ad opera dell’u.e.p.e. e sulla predisposizione del programma di trattamento;
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
2
L’avvio del procedimento: la proposizione della richiesta
2
Il procedimento di messa alla prova ha inizio con la proposizione della relativa richiesta, che,
da un lato, deve soddisfare i requisiti formali (art. 464 bis c.p.p.) e sostanziali (i limiti
oggettivi e soggettivi di cui all’art. 168 bis c.p.) previsti dal legislatore e, dall’altro, va
avanzata entro i termini di decadenza di cui agli artt. 464 bis c.p.p. (variabili a seconda che la
richiesta venga formulata al g.i.p., al g.u.p., al giudice del dibattimento o del giudizio
direttissimo) e, nel caso di richiesta proposta al g.i.p. nel corso delle indagini preliminari, nel
rispetto dei termini e delle modalità stabilite dall’art. 464 ter c.p.p.7
L’art. 464 bis c.p.p. (ma il discorso non muta qualora la richiesta sia presentata al giudice per
le indagini preliminari ai sensi dell’art. 464 ter c.p.p.) prevede che alla richiesta di
sospensione del procedimento venga allegato un programma di trattamento elaborato
dall’u.e.p.e. ovvero, nel caso in cui non sia stata possibile l’elaborazione del programma, una
richiesta di trattamento concordato.
Anche alla luce della circolare indicata sub nota 6, si ricava che, quando l’imputato richieda al
giudice la sospensione del procedimento con messa alla prova, se non è in grado di produrre
già in quella sede il programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e., dovrà per lo meno
allegare alla richiesta e quindi presentare all’A.G. l’attestato di presentazione della
richiesta di trattamento all’u.e.p.e.8 a riprova del fatto di aver formulato domanda di
elaborazione del programma di trattamento: il giudice, se non sussistono ragioni di
inammissibilità dell’istanza, darà un (breve) rinvio per permettere all’u.e.p.e. di elaborare (per
allora) il programma di trattamento e di tale rinvio dovrà essere data comunicazione
all’u.e.p.e., che in tal modo potrà organizzare il proprio lavoro. In questo lasso di tempo (nel
corso del quale non opera la sospensione ex lege della prescrizione) può ritenersi che la
prescrizione sia sospesa ai sensi dell’art. 159 co. 1 nr. 3 c.p.
dall’altro, sono stati fissati i criteri per le modalità di intervento nella fase dell’esecuzione, sempre da parte
dell’u.e.p.e., il tutto non senza auspicare un raccordo sinergico tra i singoli Tribunali e le articolazioni territoriali,
facenti capo ai Provveditori Regionali e quindi ai Direttori degli uffici locali di esecuzione penale esterna, e tra
questi ultimi e gli enti pubblici e le associazioni del privato sociale presso cui è destinata ad essere svolta
l’attività della messa alla prova.
7
Del tutto peculiare è la disciplina nel caso di richiesta di sospensione del procedimento con messa alla prova
presentata innanzi al giudice per le indagini preliminari anche nel corso delle indagini preliminari.
A norma dell’art. 464 ter c.p.p., infatti, il giudice per le indagini preliminari, una volta ricevuta la richiesta,
trasmette gli atti al pubblico ministero, che nel termine di cinque giorni deve esprimere per iscritto il consenso
(sinteticamente motivato), formulando contestualmente l’imputazione, o il dissenso, enunciando in questo caso
le ragioni poste a fondamento.
Se il pubblico ministero presta il consenso, il giudice per le indagini preliminari decide ai sensi dell’art. 464
quater c.p.p., evidentemente previa fissazione dell’udienza camerale; in caso di rigetto della richiesta, l’imputato
può rinnovarla prima dell’apertura del dibattimento, e se il giudice la ritiene fondata, provvederà a norma
dell’art. 464 quater c.p.p.
8
Dall’analisi della circolare indicata sub nota 5 – che sviluppa, precisandoli ulteriormente, i compiti e le funzioni
attribuiti all’u.e.p.e. dall’art. 141 ter disp att c.p.p. - si ricava che l’imputato è tenuto a depositare presso l’u.e.p.e.
la domanda di programma di trattamento, unitamente agli atti rilevanti del procedimento penale, alle proprie
osservazioni e proposte, anche eventualmente in ordine alla struttura nella quale intenda svolgere il lavoro di
pubblica utilità: una volta depositata la domanda, l’u.e.p.e. l’acquisisce, assumendola a protocollo e rilasciando
al richiedente l’attestato di presentazione della domanda, che questi potrà (rectius: dovrà) presentare alla A.G.
per dimostrare di aver formulato domanda di elaborazione del programma di trattamento
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
3
Questa soluzione, sicuramente corretta nei casi “ordinari”, non sembra tuttavia praticabile
quando si proceda con giudizio direttissimo: i tempi stringenti di tale rito escludono che la
parte possa già avere, e quindi produrre al giudice, non solo il programma di trattamento, ma
anche, verosimilmente, l’attestato di presentazione della richiesta all’u.e.p.e..
La soluzione che appare preferibile in questo caso specifico e che non sembra essere in
contrasto con la normativa, è quella di ritenere che il giudice possa concedere un breve rinvio
– eventualmente previa richiesta di termine a difesa – per consentire alla parte interessata di
formulare la domanda di trattamento all’u.e.p.e. e di produrre quindi al giudice l’attestato di
presentazione (e va da sé che se il giudice riterrà che sussistano i presupposti per concedere la
sospensione, darà un rinvio – breve - per permettere all’u.e.p.e. di elaborare il programma,
valutando anche in quella stessa sede se sia o no il caso, qualora la parte sia detenuta per
questa causa, di revocare la misura cautelare, non essendo la messa alla prova compatibile
con la detenzione).
3 I provvedimenti adottabili dal giudice a seguito della richiesta
In questa prima fase, ossia nella fase iniziale, immediatamente successiva alla presentazione
della richiesta di sospensione del procedimento con messa alla prova, i provvedimenti che il
giudice può adottare non possono che investire la sussistenza (o meno) dei requisiti formali e
sostanziali della domanda e la mancanza di preclusioni: egli adotterà dunque ordinanza di
inammissibilità o riterrà, implicitamente, ammissibile la richiesta (ed è questo il caso
della fissazione della udienza di rinvio per la elaborazione del programma).
Se infatti sussistono tutti i requisiti formali e sostanziali della domanda, se il giudice è ben
individuato ed il termine di decadenza rispettato, l’autorità giudiziaria passerà a vagliare “il
merito” della domanda; diversamente, non potrà che dichiarare inammissibile la richiesta
formulata, pronunciando ordinanza e se in alcune ipotesi la pronuncia d’inammissibilità non
preclude alla parte la possibilità di riproporre la domanda (salvo che decorra o scatti
comunque la preclusione di fase), in altri casi la richiesta dichiarata inammissibile
difficilmente potrebbe essere in seguito accolta.
L’ordinanza di inammissibilità va emessa in udienza: o nella stessa udienza in cui la richiesta
viene formulata, o in apposita udienza in camera di consiglio, della cui fissazione è dato
contestuale avviso alle parti ed alla persona offesa e rispetto alla quale si applicano le
disposizioni di cui all’art. 127 c.p.p. (in questo senso, l’art. 464 quater c.p.p.).
Pur se il legislatore nulla dice in proposito, è opportuno, anche in questo caso, che l’ordinanza
di inammissibilità, soprattutto quando essa investa, come si vedrà, i requisiti sostanziali ed i
termini di preclusione di fase, venga tempestivamente comunicata all’u.e.p.e. e ciò al fine
evidente di evitare inutili dispendi di energie o “ingolfamenti” nei carichi di lavoro: salvo
infatti il caso in cui l’inammissibilità dipenda da motivi formali (che potranno in seguito
essere soddisfatti e portare anche ad decisione di segno opposto) o dalla mancata proposizione
della preventiva domanda di trattamento all’u.e.p.e. (che pertanto non ha preso in carico
l’indagato/imputato), negli altri casi è possibile che la parte abbia già proposto la domanda di
trattamento all’u.e.p.e., che avrà dunque già preso in carico la parte privata.
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
4
3.1 L’ordinanza d’inammissibilità per carenza dei requisiti sostanziali9
Una prima ipotesi di ordinanza di inammissibilità è, dunque, quella che viene pronunciata per
carenza dei requisiti sostanziali (e che si potrebbe definire “assoluta” perché difficilmente la
parte potrebbe superare o integrare le carenze rilevate dal giudice).
E’ questo il caso della declaratoria che abbia ad oggetto la sussistenza dei requisiti sostanziali
della richiesta: ove infatti la richiesta venga presentata per reati puniti, per esempio, con pena
detentiva superiore a quattro anni, che non rientrino nei delitti di cui all’art. 550 co. 2 c.p.p., o
sia formulata da un imputato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza, o,
ancora, sia presentata da un imputato che abbia già goduto del beneficio in esame, in altri
termini in tutte le ipotesi in cui essa sia proposta fuori dai casi previsti dall’art. 168 bis c.p.,
il giudice non potrà fare altro che pronunciare ordinanza d’inammissibilità, non sussistendo i
presupposti legali per l’ammissione al beneficio.
Non diversamente, quando la richiesta sia presentata oltre i termini decadenza stabiliti
dall’art. 464 bis c.p.p.: anche in questo caso il giudice pronuncerà ordinanza di
inammissibilità e, salva l’ipotesi in cui si determini legittimamente una regressione di fase,
difficilmente tale ordinanza potrebbe essere superata.
Alle medesime conclusioni si arriva in altre ipotesi: se nel giudizio, infatti, la richiesta di
sospensione del procedimento con messa alla prova sia stata già rigettata, e quindi sia
superato il limite fissato dall’art. 464 quater co. 9 c.p.p., egualmente il giudice dovrà
pronunciare ordinanza di inammissibilità.
3.2 L’ordinanza d’inammissibilità per carenza dei requisiti formali10
Differenti sono invece le conclusioni cui si arriva qualora difettino i requisiti formali della
richiesta, ossia quando la richiesta non venga proposta dalla parte personalmente ma dal
difensore non munito di procura speciale o venga proposta dall’imputato per iscritto ma con
sottoscrizione non autenticata nelle forme previste dall’articolo 583 co. 3 c.p.p..
In questo caso infatti – e sempre che il giudice non dichiari aperto il dibattimento, facendo
così scattare il termine di preclusione per la proposizione dell’istanza, che da quel momento in
poi diverrebbe inammissibile – non vi sono problemi a che la parte riproponga nuovamente
l’istanza, questa volta osservando i requisiti formali richiesti dal legislatore.
L’ordinanza di inammissibilità per carenza dei requisiti formali va pronunciata anche quando
l’imputato richieda al giudice la sospensione del procedimento con messa alla prova ma non
sia in grado di produrre già in quella sede l’attestato di presentazione della richiesta
all’u.e.p.e., a riprova del fatto di aver formulato domanda di elaborazione del programma di
trattamento.
In definitiva, ove l’imputato si limiti a presentare richiesta di sospensione del procedimento
con messa alla prova senza neanche produrre l’attestato di presentazione della richiesta
all’u.e.p.e. (e non si proceda con giudizio direttissimo, che, come visto, importa una soluzione
di tipo differente), il giudice dovrà dichiarare inammissibile l’istanza (e se scatta anche la
In calce un modello di “ordinanza d’inammissibilità” – Allegato A - nel quale sono elencate le varie ipotesi
che danno luogo a tale declaratoria, da barrare a seconda del caso specifico.
10
In calce un modello di “ordinanza di inammissibilità” – Allegato A - nel quale sono elencate le varie ipotesi
che danno luogo a tale declaratoria, da barrare a seconda del caso specifico.
9
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
5
preclusione di fase, quella inammissibilità sarà difficilmente superabile; diversamente,
qualora tale preclusione non si realizzi, l’istanza potrà essere riproposta, corredata però
dell’attestato in questione).
4 La decisione
Sia nel caso in cui il programma di trattamento venga allegato direttamente alla richiesta di
sospensione del procedimento, sia quando l’imputato chieda che il programma venga
elaborato, limitandosi in questo caso a produrre al giudice l’attestato di presentazione
all’u.e.p.e. della richiesta di elaborazione del programma di trattamento, il giudice, per
determinare gli obblighi e le prescrizioni, ma anche e più in generale per decidere sulla
concessione del beneficio può acquisire, a norma dell’art. 464 bis co 5 c.p.p., dalla polizia
giudiziaria, dai servizi sociali e dagli altri enti pubblici le informazioni necessarie, che devono
in ogni caso essere portate a conoscenza delle parti (e ciò impone al giudice di fissare apposita
udienza ai sensi dell’art. 127 c.p.p.), e se poi intende verificare la volontarietà della richiesta,
può, ai sensi dell’art. 464 quater co. 2 c.p.p., disporre la comparizione dell’imputato.
La fase della decisione è disciplinata dall’art. 464 quater c.p.p. ma il giudice, prima ancora di
decidere, potrà anche integrare o modificare il programma di trattamento elaborato di intesa
con l’u.e.p.e., con l’unico limite di acquisire sull’integrazione e/o modifica il consenso
dell’imputato.
Il giudice arriverà ad assumere una decisione sulla richiesta sempre che non debba
pronunciare sentenza ex art. 129 c.p.p. e dovrà farlo con ordinanza pronunciata in udienza
(anche appositamente fissata ai sensi dell’art. 127 c.p.p.), sentite le parti, nonché la persona
offesa.
La decisione che il giudice del dibattimento adotterà (ma il discorso non muta per il g.i.p.)
potrà essere di accoglimento o di rigetto: nel primo caso emetterà un’ordinanza di sospensione
del procedimento con messa alla prova; nel secondo, un’ordinanza di rigetto.
4.1 L’ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova 11
In base ai parametri di cui all’art. 133 c.p. se il giudice reputa idoneo il programma di
trattamento presentato e ritiene che l’imputato si asterrà dal commettere ulteriori reati,
valutata anche la circostanza che il domicilio dell’imputato, indicato nel programma, sia tale
da assicurare le esigenze di tutela della persona offesa, concede il beneficio, disponendo, con
ordinanza, la sospensione del procedimento con messa alla prova.
La decisione, dunque, è adottata con ordinanza e la lettura sistematica degli artt. 168 bis c.p. e
464 quater c.p.p. porta ad affermare che la concessione del beneficio, nella sussistenza dei
presupposti fissati nell’art. 168 bis c.p., non sia automatica come da una prima lettura si
potrebbe ricavare.
Ciò si desume dal riferimento, contenuto all’art. 464 quater co. 3 c.p.p., ai parametri di cui
all’articolo 133 del codice penale: d’altronde la sospensione del procedimento con messa alla
In calce un modello di “ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova” – Allegato Bnel quale sono elencati i presupposti ed i requisiti che danno luogo a tale declaratoria.
11
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
6
prova non è solo un nuovo rito speciale, costituendo essa un beneficio, la cui concessione è
dunque frutto di valutazione da parte del giudice.
Perché si possa arrivare a sospendere il procedimento ed a concedere il beneficio della messa
alla prova è dunque necessario che ricorrano una serie di presupposti e requisiti e che il
giudice dia contezza della valutazione (positiva) da lui operata.
In primo luogo deve pronunciarsi sulla sussistenza dei requisiti formali e sostanziali richiesti
dal legislatore e sopra analizzati.
In secondo luogo, il giudice dovrà escludere che nel caso in esame ricorrano i presupposti per
pronunciare sentenza di proscioglimento a norma dell’art. 129 c.p.p. (in questo senso la
disposizione di cui all’art. 464 quater co. 1 c.p.p.).
Inoltre sarà necessario che dia contezza di aver valutato il programma di trattamento elaborato
dall’u.e.p.e., evidenziandone le caratteristiche, la rispondenza di esse al dettato normativo e
l’idoneità del programma al caso specifico.
Sotto questo profilo, infatti, il programma di trattamento – che va elaborato dall’u.e.p.e.
d’intesa con l’imputato e che, come visto, è disciplinato dall’art. 464 bis c.p.p. – deve
contemplare una serie di attività, prescrizioni e condotte, che rispondono alle caratteristiche
proprie della messa alla prova, e che si sostanziano in:
a) Modalità di reinserimento sociale, che coinvolgono l’imputato e la sua famiglia,
sempre che ciò sia necessario e sia di fatto possibile;
b) Prescrizioni comportamentali (anche inerenti la dimora, la libertà di movimento, il
divieto di frequentare determinati locali) e gli altri impegni specifici (tra cui le
condotte riparatorie, restitutorie o risarcitorie, il volontariato), nonché prescrizioni
attinenti il lavoro di pubblica utilità;
c) Condotte di mediazione con la persona offesa (se ed ove possibile)..
In altri termini, il programma di trattamento ingloba in sé tutte le prescrizioni (comprese
anche quelle relative al lavoro di pubblica utilità, oltre che alla mediazione, alle condotte
riparatorie e risarcitorie) di cui si compone la messa alla prova e di ciò il giudice, nel
provvedimento di sospensione del procedimento, dovrà dare, sia pur sinteticamente, conto12.
Ma il giudice deve anche valutare che il lavoro di pubblica utilità sia rispondente alle
caratteristiche imposte dal legislatore.
Sotto questo profilo, infatti, se la prestazione di condotte riparatorie e risarcitorie sono
eventuali e se esse, come anche l’affidamento dell’imputato al servizio sociale per lo
svolgimento del programma, non si discostano di molto dall’omologo istituto del processo
minorile, la prestazione di lavoro di pubblica utilità ha delle peculiarità che la differenziano
dalle altre forme di lavoro di pubblica utilità conosciute dal legislatore e merita un’attenzione
L’istituto della messa alla prova per gli adulti è tratteggiato, nelle sue componenti generali, all’art. 168 bis c.p.
ed è poi disciplinato, negli aspetti particolari, agli articoli 464 bis c.p.p. e 141 ter disp. att c.p.p.
Esso, dunque, si sostanzia in:
 Prestazioni di condotte riparatorie (volte cioè alla eliminazione delle conseguenze dannose o
pericolose derivanti dal reato) e, ove possibile, risarcitorie;
 Affidamento dell’imputato al servizio sociale per lo svolgimento del programma e tale programma
può implicare, tra l’altro, attività di volontariato di rilievo sociale, ovvero l’osservanza di prescrizioni
relative ai rapporti con il servizio sociale o con una struttura sanitaria, alla dimora, alla libertà di
movimento, al divieto di frequentare determinati locali;
 Prestazione di lavoro di pubblica utilità.
12
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
7
specifica, non tanto perché non è prevista nella messa alla prova per i minorenni, quanto
perché essa è una componente essenziale della messa alla prova “per gli adulti”.
Sul punto, se l’oggetto della sanzione - essendo il lavoro di pubblica utilità una sanzione vera
e propria - si sostanzia in una prestazione non retribuita in favore della collettività, che deve
tener conto delle specifiche professionalità ed attitudini lavorative dell’imputato e le cui
modalità di svolgimento non devono pregiudicare le esigenze di lavoro, studio, famiglia e
salute (in ciò senza differenziarsi dalle altre forme di lavoro di pubblica utilità conosciute dal
legislatore), la durata di esso nella messa alla prova “per gli adulti” è invece fissata nel
minimo (dieci giorni) ma non anche nel massimo (a differenza della sanzione irrogabile dal
giudice di pace, che va da un minimo di dieci giorni ad un massimo di sei mesi), mentre è
fissato il medesimo tetto massimo giornaliero di otto ore.
Diverso è anche il luogo di svolgimento della prestazione che può essere presso lo Stato,
regione, province, comuni, aziende sanitarie, ma anche presso enti, eventualmente
internazionali di assistenza sociale, sanitaria, di volontariato13.
Di tali caratteristiche e, soprattutto della loro osservanza nel programma di trattamento
elaborato dall’u.e.p.e., dovrà dare conto il giudice quando decide di sospendere il
procedimento ed ammettere l’imputato alla prova, da un lato allegando alla ordinanza il
programma di trattamento, rispetto al quale si opererà un rinvio recettizio, da un altro,
motivando, sia pur sinteticamente, sul rispetto delle prescrizioni imposte dal legislatore in
tema.
Nella parte dispositiva del provvedimento sarà poi necessario che il giudice indichi la durata
della sospensione del procedimento, scelta questa che, nell’ambito dei limiti di uno e due anni
fissati dal legislatore in ragione della differente natura della pena, è rimessa alla valutazione
discrezionale del giudice che si orienterà individuando una durata adeguata al singolo caso,
tenendo conto sia della pena base fissata per ogni reato, sia del concreto disvalore sociale
della condotta.
Quanto alla durata della messa alla prova (e quindi della sospensione della prescrizione) nelle
linee guida elaborate dal Tribunale di Milano è stato espressamente stabilito che “Al fine di
uniformare il più possibile le indicazioni relative alla durata della messa alla prova e fornire
a tutti gli operatori un quadro di riferimento dei limiti temporali, si sono suddivisi i reati per
fasce facendo riferimento alla pena edittale massima prevista per i reati per i quali l’istituto è
applicabile. Il massimo è stato individuato in 18 mesi a fronte di una previsione di legge di 24
per mantenere la possibilità di proroga da parte del Giudice ove necessario, così come
previsto”14. E’ una indicazione operativa, questa, che appare condivisibile, avendo il pregio di
13
Quanto alla possibilità che gli enti possano anche non essere necessariamente convenzionati cfr R. Piccirillo,
Relazione nr. III/07/2014, Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione, 5.5.2014, p. 8.
14
Nelle linee guida elaborate dal Tribunale di Milano sono state previste sei fasce di reati e per ognuna di esse
un differente periodo di prova: nella fascia A) sono state inserite le contravvenzioni punite con la sola ammenda,
per le quali il periodo di messa alla prova è stato fissato in un arco temporale che va da 15 giorni ad 1 mese;
nella fascia B) le contravvenzioni punite con pena alternativa o congiunta o i delitti puniti con la sola multa, in
relazione ai quali il periodo di messa alla prova è stato fissato in un arco temporale da 1 a 4 mesi; nella fascia C)
i delitti puniti con la reclusione non superiore a 2 anni, con un periodo di messa alla prova da 4 a 6 mesi; nella
fascia D) i delitti puniti con la reclusione da 2 a 3 anni con un periodo di messa alla prova da 6 a 8 mesi; nella
fascia E) i delitti puniti con la reclusione da 3 a 4 anni con un periodo di messa alla prova da 8 a 12 mesi; nella
fascia F) i delitti punti con la reclusione superiore a 4 anni con un periodo di messa alla prova da 12 a 18 mesi.
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
8
rendere uniforme, a parità di situazioni, la durata della messa alla prova, che non a caso tiene
conto della natura del reato e lascia al tempo stesso al giudice quei margini di discrezionalità
che gli permettono di adeguare il beneficio/sanzione al caso specifico.
Al giudice, ai sensi dell’art. 464 quinquies c.p.p., è inoltre attribuita dal legislatore
l’indicazione del termine (prorogabile, su istanza dell’imputato, non più di una volta e solo
per gravi motivi) entro il quale vanno adempiuti dall’imputato le eventuali prescrizioni ed i
relativi obblighi inerenti le condotte riparatorie o risarcitorie imposte nel programma di
trattamento elaborato dall’u.e.p.e., di cui può essere autorizzata, previo consenso della
persona offesa e sempre su richiesta dell’imputato, il pagamento rateale.
Nella assenza di una disposizione sul punto, è opportuno che, quando il giudice fissa il
termine per l’adempimento delle prescrizioni e degli obblighi relativi alle condotte riparatorie
o risarcitorie, esso venga fatto decorrere dalla sottoscrizione del verbale di messa alla prova,
atteso che, ai sensi dell’art. 464 quater co. 6 c.p.p., dalla data del verbale di messa alla prova
decorre già il termine di sospensione del procedimento.
L’ordinanza di sospensione del procedimento va quindi trasmessa all’u.e.p.e., in uno al
verbale di messa alla prova (qualora si ritenga che il verbale di messa alla prova debba essere
redatto innanzi al giudice e non direttamente dall’u.e.p.e.), per la presa in carico dell’imputato
ed a quel punto il giudice, richiamando il disposto di cui all’art. 141 ter disp att c.p.p.,
preciserà che l’u.e.p.e. provveda ad informare l’A.G. - con relazioni periodiche da redigere e
trasmettere al massimo ogni tre mesi - sull’andamento del trattamento e ad inviare, alla
scadenza del periodo di prova, la relazione conclusiva sul decorso e sull’esito della prova
medesima, relazione che deve essere trasmessa alla cancelleria del giudice almeno dieci giorni
prima dell’udienza fissata per la sua valutazione, con facoltà per le parti di prenderne visione
ed estrarne copia.
E’ infatti opportuno - per evitare aggravi per le cancellerie (che, a contrario, sarebbero onerate
della trasmissione degli avvisi di fissazione delle udienze) e più in generale per monitorare e
scadenzare i singoli processi sospesi - che il giudice, nello stesso provvedimento con il quale
sospende il procedimento concedendo la messa alla prova, indichi anche la data di udienza per
la valutazione della relazione conclusiva che sarà trasmessa dall’u.e.p.e. (udienza che dovrà
essere successiva rispetto alla scadenza del periodo di prova e quindi alla decorrenza del
periodo di sospensione fissato dal giudice), riservando eventualmente l’indicazione di altra
udienza, alla prima antecedente, qualora si dovesse rendere necessaria la sua celebrazione (e
ciò per le più disparate ragioni: o perché il giudice intenda modificare, integrare il
programma; o perché l’u.e.p.e. segnala qualcosa in ordine alla esecuzione della prova; o
perché vengono a determinarsi situazioni che impongono di revocare la messa alla prova).
Alle stesse esigenze (di evitare inutili aggravi per le cancellerie) risponde anche la lettura in
udienza dell’ordinanza di sospensione, in tal modo rendendo edotti i presenti.
Infine, l’ordinanza di sospensione va trasmessa all’ufficio competente perché proceda ad
iscriverla per estratto nel casellario giudiziale, ai sensi dell’art. 3 co. 1 lett i – bis del D.P.R.
14.11.2001 nr. 313, come modificato dall’art. 6 della legge 67/2014.
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
9
4.2 Il verbale di messa alla prova15
Il legislatore prevede al comma 6 dell’art. 464 quater c.p.p. che i termini di sospensione del
procedimento previsti al comma 5 decorrano “dalla sottoscrizione del verbale di messa alla
prova dell’imputato”.
E’ questa l’unica disposizione prevista nella normativa in esame in cui si fa riferimento al
verbale di messa alla prova e la questione (di non facile, né scontata soluzione) che si pone è
se tale verbale debba essere redatto dinanzi al giudice, o dinanzi all’u.e.p.e.
A favore della prima opzione milita una fondamentale esigenza di certezza: considerando
infatti che l’atto in questione costituisce il dies a quo dal quale decorre il termine di
sospensione del procedimento, lasciare che esso venga individuato da altro ufficio (che
potrebbe redigerlo anche mesi dopo rispetto alla pronuncia di sospensione del procedimento)
potrebbe creare incertezze e disfunzioni, non ultima quella di correre il rischio di fissare, nel
corpo dell’ordinanza di sospensione del procedimento, una data di udienza per la valutazione
della relazione conclusiva che potrebbe rivelarsi antecedente rispetto alla scadenza del
periodo di prova e quindi far sorgere la necessità di un’ulteriore fissazione di udienza, con
conseguente aggravio per la cancelleria ed eventuale sforamento dei termini di durata della
sospensione, se le notifiche non dovessero andare a buon fine.
Per altro, la sottoscrizione innanzi al giudice del verbale di prova da parte dell’imputato
impegna quest’ultimo all’osservanza delle prescrizioni e degli obblighi impostigli, da un lato,
con il programma di trattamento e, dall’altro, dal giudice medesimo con l’ordinanza di
sospensione del procedimento, la quale, inoltre, si limita a decidere sull’istanza ed a
sospendere il procedimento nei confronti del (solo) richiedente, senza individuare, appunto, il
dies a quo da cui far decorrere il periodo di sospensione (ed il termine per adempiere gli
obblighi risarcitori e riparatori) e senza che in essa si dia contezza della effettiva messa alla
prova dell’imputato.
A favore della necessità di sottoscrivere il verbale innanzi all’u.e.p.e. perora per converso la
natura meramente “esecutiva” che tale verbale dovrebbe avere e la possibilità offerta
all’ufficio che prende materialmente in carico l’imputato di organizzare, secondo le proprie
esigenze e quelle dell’ente di affidamento, l’esecuzione della messa alla prova.
Tra le due opzioni sembra tuttavia preferibile la prima e comunque, nell’attesa che gli
auspicati accordi programmatici tra gli uffici giudiziari e i vari u.e.p.e. prendano corpo e che
si chiarisca meglio, anche alla luce delle eventuali linee guida adottabili, se il verbale in
questione vada redatto o no dalla A.G., si allega alla presente un possibile modello di verbale
di messa alla prova innanzi alla A.G., da redigere dopo che il procedimento penale sia stato
sospeso in virtù dell’ordinanza pronunciata ai sensi dell’art. 464 quater c.p.p. e da trasmettere
all’u.e. p.e. unitamente all’ordinanza di sospensione del procedimento (a cui va allegato, in
quanto richiamato, il programma di trattamento redatto dall’u.e.p.e. rispetto al quale opera il
rinvio recettizio contenuto in tale ultimo provvedimento).
15
In calce un modello di “verbale di messa alla prova” – Allegato C-.
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
10
4.3 L’ordinanza di rigetto16
Il giudice, superati i profili di ammissibilità della istanza, può però determinarsi per il rigetto
della richiesta di sospensione del procedimento con messa alla prova.
Anche in questo caso pronuncerà ordinanza, di cui verrà data lettura in udienza.
In mancanza di indicazioni legislative specifiche sul punto, deve ritenersi che il giudice
adotterà un’ordinanza di questo tipo quando la richiesta è ammissibile e fuori dai casi in cui
sia possibile arrivare a concedere all’imputato di essere ammesso alla prova.
In altri termini, il giudice rigetterà la richiesta di sospensione del procedimento quando
difetteranno i presupposti e le condizioni che avrebbero potuto portare al suo accoglimento.
Oltre quindi all’ipotesi in cui sussistano i presupposti per pronunciare sentenza di
proscioglimento ex art. 129 c.p.p., i casi che possono determinare il rigetto sono dati dalla
inidoneità, in base ai parametri di cui all’articolo 133 c.p., del programma di trattamento
elaborato o dal giudizio prognostico negativo in ordine alla commissione da parte
dell’imputato di ulteriori reati; o ancora, dal fatto che non siano assicurate le esigenze di tutela
della persona offesa o dal mancato consenso da parte dell’imputato all’integrazione o
modifica del programma di trattamento decisa dalla A.G. procedente.
Una volta che la richiesta sia stata rigettata, essa potrà poi essere riproposta nel giudizio
un’altra volta ancora, ma sempre prima della dichiarazione di apertura del dibattimento (in tal
senso il disposto di cui all’art. 464 quater co. 9 c.p.p.)
5 L’esito positivo della prova: la sentenza17
Il legislatore individua – all’articolo 168 ter c.p., in generale, ed all’articolo 464 septies c.p.p.,
in particolare – i due possibili esiti che la sospensione del procedimento con messa alla prova
può avere, lasciando poi agli articoli 168 quater c.p. e 464 octies c.p.p. la disciplina in caso di
revoca del beneficio.
Decorso il periodo di sospensione del procedimento fissato dal giudice, questi, ricevuta la
relazione conclusiva redatta dall’u.e.p.e. (cha va depositata in cancelleria almeno dieci giorni
prima dell’udienza, con facoltà per le parti di prenderne visione ed estrarne copia) fissa
l’udienza per la sua valutazione, dandone avviso alle parti ed alla persona offesa.
Al fine di evitare aggravi per la cancelleria e comunque inutili dilazioni, pur se il legislatore
prevede che il giudice, decorso il periodo, acquisisca la relazione e fissi quindi udienza,
appare decisamente più opportuno, come già evidenziato in precedenza, che il giudice, nel
disporre la sospensione del procedimento, indichi già, in quella sede, l’udienza per la
valutazione dell’esito della prova, fissandola ad una data di poco successiva alla scadenza
della prova e quindi alla decorrenza del periodo di sospensione, non senza rispettare in ogni
caso il termine dei dieci giorni, previsto dal legislatore perché l’u.e.p.e. trasmetta la relazione
conclusiva e per altro riconosciuto alle parti, onde consentire loro di prendere visione ed
estrarre copia della stessa.
In calce un modello di “ordinanza di rigetto” – Allegato D - nel quale sono elencati gli elementi in base ai
quali si arriva a tale declaratoria.
17
In calce un modello di “dispositivo di sentenza” – Allegato E -.
16
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
11
Valutata la relazione nel contraddittorio tre le parti, l’esito è positivo quando il giudice,
tenuto conto del comportamento dell’imputato e del rispetto delle prescrizioni stabilite, ritiene
che la prova abbia avuto un esito positivo.
In questo caso, pronuncia sentenza con la quale dichiara l’estinzione del reato. Tale pronuncia
non pregiudica tuttavia l’applicazione delle sanzioni amministrative accessorie (art. 168 ter
c.p.)18.
6 Il contenuto dell’ordinanza in caso di esito negativo della prova19
Qualora l’esito della prova sia negativo, il giudice, ai sensi dell’art. 464 co. 2 septies c.p.p.
dispone con ordinanza che il processo riprenda il suo corso.
Il fondamento in base al quale si arriva a pronunciare ordinanza che dichiara l’esito negativo
della prova è dato dalla relazione conclusiva redatta dall’u.e.p.e. che aveva preso in carico
l’imputato: il giudice, tenuto quindi conto del comportamento dell’imputato e del mancato
rispetto da parte di questi delle prescrizioni impostegli, così come emergenti dalla relazione
conclusiva, dovrà emettere ordinanza in conformità.
In caso di esito negativo l’istanza non potrà più essere riproposta, ma il pubblico ministero, in
sede di esecuzione della pena, dovrà detrarre un periodo corrispondente a quello della prova
eseguita (ed ai fini della detrazione, a norma dell’art. 657 bis c.p.p. introdotto ex novo con la
riforma, “tre giorni di prova sono equiparati a un giorno di reclusione o di arresto, ovvero a
250 euro di multa o di ammenda”).
7 La revoca dell’ordinanza di sospensione del procedimento20
Chiude il discorso sui provvedimenti adottabili dal giudice, quello relativo alla revoca
dell’ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova.
Le norme che disciplinano la revoca sono l’art. 168 quater c.p. e l’art. 464 octies c.p.p.
Il giudice con ordinanza, ricorribile autonomamente per cassazione, dichiara, anche d’ufficio,
la revoca nei casi indicati all’art. 168 quater c.p. ossia per:
1. Grave o reiterata trasgressione al programma di trattamento o alle prescrizioni
imposte, ovvero rifiuto alla prestazione del lavoro di pubblica utilità;
2. Commissione, durante il periodo di prova, di un nuovo delitto non colposo ovvero di
un reato della stessa indole rispetto a quello per cui si procede.
Anche tale ordinanza va pronunciata previa udienza, da fissare ai sensi dell’art. 127 c.p.p. e di
cui va dato avviso alle parti ed alla persona offesa almeno dieci giorni prima.
E’ opportuno, inoltre, che nell’ordinanza di revoca la parte venga avvisata che l’istanza non
potrà più essere riproposta.
Il processo riprenderà il suo corso (e con esso, riprende a decorrere la prescrizione) solo
quando l’ordinanza di revoca sia divenuta definitiva: è in quel momento che, a norma dell’art.
18
In ordine al contenuto della sentenza, si rinvia ai commenti ed alle relazioni indicati sub nota 3)
In calce un modello di “ordinanza per esito negativo” – Allegato F - nel quale sono elencati gli elementi in
base ai quali si arriva a tale declaratoria.
20
In calce un modello di “ordinanza di revoca” – Allegato G - nel quale sono elencati gli elementi in base ai
quali si arriva a tale declaratoria.
19
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
12
464 octies co. 4 c.p.p., cessa, da un lato, l’esecuzione delle prescrizioni e degli obblighi
imposti e, da un altro, scatta per il pubblico ministero obbligo, in sede di determinazione della
pena da eseguire, di detrarre, a norma dell’art. 657 bis c.p.p., un giorno di reclusione o di
arresto, ovvero 250 euro di multa o di ammenda, ogni tre giorni di prova eseguita.
8 Allegati
Si allegano di seguito i prototipi dei provvedimenti adottabili dal giudice, cui si è fatto
riferimento nelle note sub 9), 10), 11), 15), 17), 19, 20) ed in separati file i medesimi
prototipi, ma in formato word, così da poter essere agevolmente utilizzati e modificati, nonchè
il materiale utilizzato per la redazione del presente vademecum, e nello specifico:
 Il testo normativo;
 La relazione dell’Ufficio del Massimario;
 Le due relazioni redatte in occasione degli incontri di studio organizzati dalla Scuola
Superiore della Magistratura;
 La lettera circolare dell’Ufficio del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione
Penitenziaria del Ministero della Giustizia;
 Le linee guida elaborate dal Tribunale di Milano.
Napoli, settembre 2014
Valeria Bove
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
13
9
nr- _______________ Reg. gen
Allegato A 21 (ordinanza d’inammissibilità)
(da allegare al verbale di udienza)
TRIBUNALE DI NAPOLI
Il ________in relazione alla richiesta di sospensione del procedimento con messa alla prova
avanzata alla presente udienza nell’interesse di _____________________________________
imputato nel procedimento in epigrafe indicato;
rilevato che:
 difettano i requisiti formali previsti dall’art. 464 bis c.p.p. in quanto
[ ] la richiesta non è stata proposta dalla parte personalmente ma dal difensore
non munito di procura speciale;
[ ] la richiesta è stata proposta dall’imputato per iscritto ma con sottoscrizione
non autenticata nelle forme previste dall’articolo 583 co. 3 c.p.p.;
 si versa fuori dai casi previsti dall’art. 168 bis c.p. in quanto
[ ] il reato in relazione al quale si chiede la sospensione del procedimento non
rientra tra quelli individuati al co. 1 dell’art. 168 bis c.p.;
[ ] la sospensione del procedimento con messa alla prova è stata già concessa
una volta;
[ ] l’imputato è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per
tendenza, ai sensi rispettivamente degli articoli 102, 103, 104, 105 e 108 c.p.p.
 la richiesta è stata proposta oltre i termini di decadenza stabiliti dall’art. 464 bis c.p.p.,
essendo già state formulate le conclusioni a norma degli artt. 421 e 422
c.p.p.22/essendo già stato dichiarato aperto il dibattimento23/ non essendo stati rispettati
i termini e le forme stabiliti dall’art. 458 co. 1 c.p.p.24/non essendo stata proposta con
atto di opposizione25;
 alla richiesta non è allegato il programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e.
/l’attestato rilasciato dall’u.e.p.e. di presentazione della domanda di elaborazione del
programma di trattamento;
 la richiesta presentata in giudizio è già stata rigettata due volte;
DICHIARA
Inammissibile la richiesta proposta e dispone procedersi oltre, mandando alla cancelleria per
la comunicazione a mezzo fax all’u.e.p.e..
IL PRESIDENTE/IL GIUDICE
Allegato a L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”: indicazioni operative per i giudici e
provvedimenti adottabili, Napoli, settembre 2014.
22
Termine di decadenza nei procedimenti per i quali è prevista la celebrazione dell’udienza preliminare.
23
Termine di decadenza nel procedimento di citazione diretta a giudizio e nel giudizio direttissimo.
24
Preclusione di fase nel giudizio immediato.
25
Termine di decadenza nel procedimento per decreto penale.
21
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
14
10 Allegato B26 (ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova)
nr- _______________ Reg. gen
(da allegare al verbale di udienza)
TRIBUNALE DI NAPOLI
Il Tribunale in relazione alla richiesta di sospensione del procedimento con messa alla prova
avanzata nell’interesse di ________________________________________ imputato nel
procedimento in epigrafe indicato e proposta dalla parte oralmente/per iscritto con
sottoscrizione autenticata nelle forme previste dall’articolo 583 co. 3 c.p.p./ dal difensore
munito di procura speciale;
sentite alla presente udienza le parti nonché la persona offesa;
letto il consenso espresso dal p.m. e la imputazione da questi formulata27;
rilevato che non sussistono profili di inammissibilità, essendo stati soddisfatti i requisiti
formali e sostanziali di cui agli artt. 168 bis c.p. e 464 bis c.p.p. e non essendovi preclusioni di
fase;
letta l’imputazione e rilevato in particolare che il reato di cui all’art. ____________________
contestato al capo _________________ consente, a norma dell’art. 168 bis c.p. l’applicazione
della messa alla prova;
avuta contezza della volontarietà della richiesta avanzata dall’imputato, di cui è stata disposta
la comparizione ai sensi dell’art. 464 quater co. 2 c.p.p.28;
ritenuto che nel caso in esame non ricorrono i presupposti per pronunciare sentenza di
proscioglimento a norma dell’art. 129 c.p.p.;
letto il programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e. e rilevato che lo stesso, in ossequio a
quanto disposto dall’art. 464 bis c.p.p. contempla una serie di attività, prescrizioni e condotte,
che rispondono alle caratteristiche proprie della messa alla prova e che si sostanziano in:
a) modalità di reinserimento sociale, che coinvolgono l’imputato e la sua famiglia,
apparendo ciò necessario ed essendo di fatto possibile;
b) prescrizioni comportamentali (anche inerenti la dimora, la libertà di movimento, il
divieto di frequentare determinati locali) e gli altri impegni specifici (tra cui le
condotte riparatorie, restitutorie o risarcitorie, il volontariato), nonché prescrizioni
attinenti il lavoro di pubblica utilità;
c) condotte di mediazione con la persona offesa, essendo esse possibili;
considerato che il programma di trattamento è stato elaborato dall’u.e.p.e. su consenso
dell’imputato e con l’adesione dell’ente o del soggetto incaricato, a suo tempo indicato
dall’imputato stesso o a questi da parte dell’u.e.p.e.;
Allegato a L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”: indicazioni operative per i giudici e
provvedimenti adottabili, Napoli, settembre 2014.
27
Questa ipotesi è prevista solo nel caso di richiesta formulata nel corso delle indagini preliminari.
28
La comparizione dell’imputato - non imposta dal legislatore come presupposto per la decisione sulla messa
alla prova - è stata disposta da questa A.G. in quanto ritenuta necessaria per verificare la volontarietà della
richiesta.
26
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
15
tenuto conto, quanto al lavoro di pubblica utilità, che la suddetta prestazione non retribuita in
favore della collettività da effettuarsi presso ___________________________________ tiene
conto delle specifiche professionalità ed attitudini lavorative dell’imputato e che le modalità
di svolgimento dello stesso, come contemplato nel programma di trattamento elaborato, non
pregiudicano le esigenze di lavoro, studio, famiglia e salute;
preso atto che la durata del l.p.u. è superiore al minimo (dieci giorni) previsto dalla legge
(che, per converso, non contempla un termine massimo) e che il termine indicato nel
programma di trattamento per il l.p.u. appare appropriato ed adeguato al caso in esame, non
essendo per altro superato il tetto massimo giornaliero di otto ore;
rilevato che nel caso di specie si è ritenuto necessario acquisire, a norma dell’art. 464 bis co 5
c.p.p., dalla polizia giudiziaria, dai servizi sociali e dagli altri enti pubblici le informazioni
necessarie in relazione alle condizioni di vita personale, familiare, sociale ed economica
dell’imputato, già portate a conoscenza delle parti29, e ritenuto di non dover integrare o
modificare il programma di trattamento/di dover integrare o modificare il programma di
trattamento, con il consenso dell’imputato, nei termini di seguito precisati:
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
Tanto premesso, alla luce dei parametri di cui all’art. 133 c.p.p., reputato idoneo il programma
di trattamento presentato e ritenuto che l’imputato si asterrà dal commettere ulteriori reati,
valutata inoltre la circostanza che il domicilio dell’imputato, indicato nel programma, è tale da
assicurare le esigenze di tutela della persona offesa
PQM
Letti gli artt. 168 bis e segg c.p., nonché 464 bis e segg c.p.p.,
 Dispone per la durata di _______________________30 la sospensione nei confronti
dell’imputato __________________________________ del presente procedimento
con messa alla prova, da eseguirsi secondo le modalità e con l’osservanza delle
prescrizioni stabilite nel programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e. con il
consenso dell’imputato, a cui in questa sede si rinvia e che si allega al presente
provvedimento per costituirne parte integrante.
 Precisa che durante il periodo di sospensione del procedimento con messa alla prova il
corso della prescrizione del reato è sospeso ex lege;
Le indicate acquisizioni – che costituiscono attività meramente eventuali, non previste dal legislatore come
presupposti per la decisione sulla messa alla prova - sono state disposte da questa A.G. in quanto, nel caso in
esame, ritenute necessarie.
30
A norma dell’art. 464 quater co. 5 c.p.p. il procedimento non può essere sospeso per un periodo superiore a
due anni quando si procede per reati per i quali è prevista una pena detentiva, sola, congiunta o alternativa alla
pena pecuniaria; superiore ad un anno quando si procede per reati per i quali è prevista la sola pena pecuniaria.
29
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
16
 Fissa il termine di ______________________ decorrente dalla data del verbale di
messa alla prova entro il quale devono essere adempiuti dall’imputato le prescrizioni e
gli obblighi relativi alle condotte riparatorie o risarcitorie imposte nel programma di
trattamento elaborato dall’u.e.p.e., precisandosi che, a norma dell’art. 464 quinquies
co. 1 c.p.p. tale termine può essere prorogato, su istanza dell’imputato, non più di una
volta e solo per gravi motivi.
 Preso atto del consenso della persona offesa e stante la richiesta avanzata
dall’imputato, si autorizza il pagamento delle somme dovute a titolo di risarcimento
del danno in numero di _________________ ratei mensili da euro ______________
ognuno.
 Dispone che la presente ordinanza, in uno al verbale di messa alla prova, venga
trasmessa all’u.e.p.e. che ha elaborato il programma di trattamento, per la presa in
carico dell’imputato, precisando che, ai sensi dell’art. 464 quater co. 6 c.p.p., dalla
data del verbale di messa alla prova decorre il suindicato termine di sospensione del
procedimento nonché quello per l’adempimento delle prescrizioni e degli obblighi
relativi alle condotte riparatorie o risarcitorie.
 Dispone che l’u.e.p.e., ai sensi dell’art. 141 ter disp att c.p.p., provveda ad informare
questa A.G. - con relazioni periodiche da redigere e trasmettere al massimo ogni tre
mesi - sull’andamento del trattamento e ad inviare, alla scadenza del periodo di prova,
la relazione conclusiva sul decorso e sull’esito della prova medesima, da trasmettere
alla cancelleria di questa A.G. almeno dieci giorni prima dell’udienza sottoindicata,
per la sua valutazione, con facoltà per le parti di prenderne visione ed estrarne copia.
 Fissa per la valutazione della relazione conclusiva che sarà trasmessa dell’u.e.p.e.
l’udienza del __________________31 riservando in questa sede l’indicazione di altra
udienza, alla prima antecedente, qualora se ne rendesse necessaria la celebrazione,
anche sulla base delle informazioni nelle more inviate dall’u.e.p.e.
Si dà atto che la presente ordinanza, allegata al verbale, è stata letta in udienza e che pertanto i
presenti ne sono stati resi edotti.
Manda alla cancelleria per l’avviso alle parti e alla persona offesa oggi assenti di fissazione
dell’udienza sopraindicata per la valutazione della relazione conclusiva, nonché per gli
adempimenti di propria competenza in ordine alla iscrizione per estratto della presente
ordinanza nel casellario giudiziale, ai sensi dell’art. 3 co. 1 lett i-bis del D.P.R. 14.11.2001 nr.
313, come modificato dall’art. 6 della legge 28.04.2014 nr. 67.
IL PRESIDENTE/IL GIUDICE
L’udienza va opportunamente fissata dopo la scadenza del periodo di prova e quindi decorso il periodo di
sospensione del procedimento
31
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
17
nr- _______________ Reg. gen
11 Allegato C 32 (verbale di messa alla prova)
(Verbale di messa alla prova)
TRIBUNALE DI NAPOLI
Oggi _____________________________ alle ore ________________ in Napoli N.P.G
davanti al Giudice/Coll___________________________________ con l’intervento del P.M.
Dr ________________________________________ e con l’assistenza del Cancelliere
_____________________________, alla presenza di:
IMPUTATO/I
assistito/i e difeso/i da
Della persona offesa___________________________________________________________
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
Assistita e difesa da___________________________________________________________
Nonché alla presenza delle seguenti altre parti:
___________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________
rilevato che il procedimento penale suindicato è stato sospeso per la durata di
__________________________________ giusta ordinanza pronunciata da questa A.G. ed
allegata al verbale di udienza del ______________________________ per essere stato
l’imputato ammesso alla prova ai sensi degli artt. 168 bis e segg c.p., 464 bis e segg c.p.p.;
letto il programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e. e rilevato che lo stesso, in ossequio a
quanto disposto dall’art. 464 bis c.p.p. contempla una serie di attività, prescrizioni e condotte,
che rispondono alle caratteristiche proprie della messa alla prova e che si sostanziano in:
a) Modalità di reinserimento sociale, che coinvolgono l’imputato e la sua famiglia,
apparendo ciò necessario ed essendo di fatto possibile;
b) Prescrizioni comportamentali (anche inerenti la dimora, la libertà di movimento, il
divieto di frequentare determinati locali) e gli altri impegni specifici (tra cui le
condotte riparatorie, restitutorie o risarcitorie, il volontariato), nonché prescrizioni
attinenti il lavoro di pubblica utilità;
c) Condotte di mediazione con la persona offesa, essendo esse possibili.
Allegato a L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”: indicazioni operative per i giudici e
provvedimenti adottabili, Napoli, settembre 2014.
32
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
18
Richiamata l’ordinanza con cui questa A.G. ha disposto la sospensione del procedimento nei
confronti dell’imputato nonché il programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e. – alla
stessa già allegato -, che costituiscono parte integrante del presente verbale;
letto l’art. 464 quater co. 6 c.p.p.,
 ammette l’imputato _____________________________________________
alla
prova, da eseguirsi secondo le modalità e con l’osservanza delle prescrizioni stabilite
nel programma di trattamento elaborato dell’u.e.p.e., cui in questa sede si rinvia e che
si allega al presente provvedimento per costituirne parte integrante;
 Rinvia all’ordinanza di sospensione del procedimento per l’individuazione del
termine, decorrente dalla data del presente verbale, entro il quale devono essere
adempiuti dall’imputato le prescrizioni e gli obblighi relativi alle condotte riparatorie o
risarcitorie imposte nel programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e., precisandosi
che, a norma dell’art. 464 quinquies co. 1 c.p.p. tale termine può essere prorogato, su
istanza dell’imputato, non più di una volta e solo per gravi motivi.
 Rinvia all’ordinanza di sospensione del procedimento per le modalità di pagamento
rateale delle somme eventualmente dovute a titolo di risarcimento del danno;
 Dispone che il presente verbale, unitamente all’ordinanza di sospensione del
procedimento con messa alla prova, venga trasmessa all’u.e.p.e. che ha elaborato il
programma di trattamento, per la presa in carico dell’imputato, precisando che, ai
sensi dell’art. 464 quater co. 6 c.p.p., dalla data del presente verbale di messa alla
prova decorre il termine di sospensione del procedimento indicato nell’ordinanza
emessa ai sensi dell’art. 464 quater c.p.p. nonché quello per l’adempimento delle
prescrizioni e degli obblighi relativi alle condotte riparatorie o risarcitorie.
Manda alla cancelleria per gli adempimenti di competenza e nello specifico per la
trasmissione all’u.e.p.e. del presente verbale, unitamente all’ordinanza di sospensione del
procedimento nei confronti dell’imputato.
Il presente verbale viene sottoscritto dalle parti presenti in data e luogo sopraindicati.
L’IMPUTATO
I/IL DIFENSORI/E
LA PERSONA OFFESA
I/IL DIFENSORI/E
LE ALTRE PARTI
Il CANCELLIERE
IL PRESIDENTE/IL GIUDICE
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
19
nr- _______________ Reg. gen
12 Allegato D 33 (ordinanza di rigetto)
(da allegare al verbale di udienza)
TRIBUNALE DI NAPOLI
Il Tribunale in relazione alla richiesta di sospensione del procedimento con messa alla prova
avanzata nell’interesse di ________________________________________ imputato nel
procedimento in epigrafe indicato e proposta dalla parte oralmente/per iscritto con
sottoscrizione autenticata nelle forme previste dall’articolo 583 co. 3 c.p.p./ dal difensore
munito di procura speciale;
sentite alla presente udienza le parti nonché la persona offesa;
rilevato che:
 Il P.M. ha espresso il proprio dissenso34;
 sussistono i presupposti per pronunciare sentenza di proscioglimento ex art. 129 c.p.p.;
 il programma di trattamento elaborato dall’u.e.p.e. con il consenso dell’imputato e
d’intesa con l’ente ___________________ non appare idoneo, in base ai parametri di
cui all’articolo 133 c.p., in quanto__________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
 in base ai parametri di cui all’art. 133 c.p., non si ritiene che l’imputato si asterrà dal
commettere ulteriori reati in quanto_________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
 non sono assicurate le esigenze di tutela della persona offesa, atteso che___________
____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
 l’imputato non ha prestato il consenso alla integrazione/modifica del programma di
trattamento decisa da questa A.G.
P.Q.M.
rigetta la richiesta proposta e dispone procedersi oltre.
IL PRESIDENTE/IL GIUDICE
Allegato a L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”: indicazioni operative per i giudici e
provvedimenti adottabili, Napoli, settembre 2014.
34
Ipotesi, questa, prevista solo nel caso di richiesta di sospensione avanzata nel corso delle indagini preliminari.
33
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
20
13 Allegato E 35 (dispositivo di sentenza)
nr- _______________ Reg. gen
TRIBUNALE DI NAPOLI
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
DISPOSITIVO DI SENTENZA
nel procedimento penale contro ______________________
il Giudice del Tribunale di ________________, in composizione ______________,
Visti gli artt. 531 c.p.p., 168 ter c.p. e 464 septies co. 1 c.p.p.,
dichiara non doversi procedere nei confronti di _____________________________________
in ordine al reato contestato per essersi lo stesso estinto per esito positivo della messa alla
prova.
Napoli, il _______________
IL PRESIDENTE/IL GIUDICE
Allegato a L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”: indicazioni operative per i giudici e
provvedimenti adottabili, Napoli, settembre 2014.
35
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
21
14 Allegato F 36 (ordinanza dichiarativa dell’esito negativo della prova)
nr- _______________ Reg. gen
(da allegare al verbale di udienza)
TRIBUNALE DI NAPOLI
Il
Tribunale
in
relazione
all’ordinanza
emessa
da
questa
A.G.
il
____________________________________ con cui è stata disposta la sospensione del
procedimento con messa alla prova nei confronti di __________________________________
imputato nel procedimento in epigrafe indicato;
letta la relazione conclusiva dell’u.e.p.e. che ha preso in carico l’imputato, redatta il ________
e pervenuta alla Cancelleria di questa A.G. il ______________________________________;
a scioglimento della riserva assunta alla presente udienza, già fissata per la valutazione della
relazione conclusiva e di cui le parti hanno ricevuto regolare avviso;
rilevato che nella relazione conclusiva si dà atto che:
 _____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
Tenuto quindi conto del comportamento dell’imputato e del mancato rispetto da parte sua
delle prescrizioni impostegli e ritenuto che quanto esposto nella relazione conclusiva redatta
dall’u.e.p.e. dà contezza dell’esito negativo della prova
P.Q.M.
Letto l’art. 464 septies e segg c.p.p.,
dichiara
l’esito
negativo
della
messa
alla
prova
concessa
all’imputato
_______________________________ e dispone che il procedimento sospeso con ordinanza
emessa da questa A.G. il _______________________ riprenda il suo corso.
Comunica all’imputato che l’istanza di sospensione del procedimento con messa alla prova
non potrà più essere riproposta.
Si dà atto che la presente ordinanza è stata letta alle parti presenti e che essa viene allegata al
verbale di udienza
Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di propria competenza.
IL PRESIDENTE/IL GIUDICE
Allegato a L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”: indicazioni operative per i giudici e
provvedimenti adottabili, Napoli, settembre 2014.
36
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
22
15 Allegato G 37 (revoca dell’ordinanza di sospensione del procedimento)
nr- _______________ Reg. gen
(da allegare al verbale di udienza)
TRIBUNALE DI NAPOLI
Il Tribunale in relazione all’ordinanza emessa da questa A.G. il _____________________
con cui è stata disposta la sospensione del procedimento con messa alla prova nei confronti di
___________________________________ imputato nel procedimento in epigrafe indicato;
a scioglimento della riserva assunta alla presente udienza, fissata ai sensi dell’art. 464 octies
c.p.p., previo avviso della stessa alle parti e alla persona offesa;
rilevato che:
 L’imputato ha gravemente o reiteratamente trasgredito al programma di trattamento o
alle prescrizioni imposte/si è rifiutato di prestare il lavoro di pubblica utilità, come
risulta
dalla
relazione
trasmessa
dall’u.e.p.e./da
__________________________________________/in cui emerge che l’imputato
_____________________________________________________________________
_____________________________________________________________________
 L’imputato ha commesso, durante il periodo di prova, un nuovo delitto non colposo
ovvero un reato della stessa indole rispetto a quello per cui procede, e nello specifico
_____________________________________________________________________
____________________________________ come risulta da ____________________
P.Q.M.
Letti gli artt. 168 quater c.p.p., 464 octies e 464 novies c.p.p.,
revoca l’ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova disposta
il___________________nei confronti dell’imputato_________________________________
Comunica che il procedimento penale sopraindicato riprenderà il suo corso dal momento in
cui era stato sospeso e che l’esecuzione delle prescrizioni e degli obblighi imposti cesseranno
quanto la presente ordinanza di revoca diverrà definitiva.
Comunica all’imputato che l’istanza di sospensione del procedimento con messa alla prova
non potrà più essere riproposta.
Si dà atto che la presente ordinanza è stata letta alle parti presenti e che essa viene allegata al
verbale di udienza fissata ai sensi dell’art. 127 c.p.p..
Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di propria competenza.
IL PRESIDENTE/IL GIUDICE
Allegato a L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”: indicazioni operative per i giudici e
provvedimenti adottabili, Napoli, settembre 2014.
37
L’istituto della messa alla prova “per gli adulti”:
indicazioni operative per i giudici e provvedimenti adottabili
23
Fly UP