...

rICorDo DI Un PanIno aLLa MortaDELLa

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

rICorDo DI Un PanIno aLLa MortaDELLa
Massimo Bottura
ricordo di un panino
alla mortadella
70
per 20 porzioni
Per la spuma di mortadella
Mortadella artigianale
Acqua oligominerale
g 600
g 150
Per il gnocco ingrassato croccante
Farina 00
Farina Manitoba
Strutto
Acqua Lievito madre
Pancetta
Ciccioli frolli
g 700
g 750
g 250
g 400
kg 1
g 300
g 300
Street Food all’italiana
Preparate la spuma di mortadella. Tagliate 300 g di mortadella a fettine molto sottili e lasciatele in infusione nell’acqua a 10 °C per una notte. Usando il Rotavapor (evaporatore rotante) distillate l’infuso di acqua e mortadella, sotto
vuoto, a 23 °C, fino a estrarre completamente l’acqua
dall’infusione. Utilizzate quest’ultima per frullare la restante mortadella nel Thermomix (robot da cucina) a 40 °C
per 15’. Passate il composto al setaccio e trasferitelo in un
sifone. Caricate il sifone con 2 cariche di azoto e lasciate
riposare 2 ore in frigorifero.
Preparate il gnocco ingrassato croccante. Frullate i ciccioli
e passateli al setaccio, ottenendo una polvere molto fine.
Tagliate la pancetta a fette sottili (1 mm) e ricavate dei
francobollini di 5 x 5 mm. Miscelate bene le farine con la
polvere di ciccioli e i francobollini di pancetta. Inserite il
composto in una impastatrice, aggiungendo il lievito madre e l’acqua: azionate per alcuni minuti, avendo cura che
l’impasto rimanga freddo. In ultimo, aggiungete lo strutto
e impastate ancora per altri 7’. Lasciate lievitare per 3 h a
temperatura ambiente.
«La merenda dei bambini emiliani è sempre stata il panino con la mortadella. Sono convinto che si debba guardare al passato in una chiave
critica, ma non nostalgica. In Italia quarant’anni fa c’era la fame, eppure
possiamo prendere il meglio del passato per guardare al futuro. Penso
al dopoguerra: dobbiamo ispirarci allo spirito di quegli anni per ritro-
Stendete l’impasto e disponetelo su 2-3 teglie a un’altezza
di circa 1,5 cm: coprite con dei canovacci e lasciate ancora lievitare fino a quando raggiungerà un’altezza di 4 cm.
Infornate le teglie a 200 °C per 25’. Sfornate e lasciate ben
raffreddare prima di tagliare.
vare la speranza di ripartire. Lo street food per un cuoco è un’ottima
Ricavate dei cubi di gnocco ingrassato di 5 cm circa di lato
e tostateli nel forno ventilato a 200 °C fino a quando risulteranno ben dorati e croccanti in superficie. Serviteli caldi
con un fiocco di spuma di mortadella dal sifone.
New York. E penso alle magnifiche piadinerie della Romagna: qual è il
fonte di ispirazione: in Italia è dovunque. Nel mondo, è sempre il primo
tipo di cibo che vado ad assaggiare per trovare l’anima di un Paese, nel
quartiere malfamato di Bangkok o dal miglior venditore di hot dog a
segreto? Stendere la piada più sottile possibile.»
I Grandi Chef e la strada: Massimo Bottura
71
Fly UP