...

Il Procedimento Disciplinare di Corpo

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Il Procedimento Disciplinare di Corpo
IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE DI CORPO
QUALI SONO LE FONTI NORMATIVE?
• Codice dell’Ordinamento Militare (Artt. da 1346 a 1356; da 1358 a 1362; da 1370 a 1374; da 1396 a
1401 del D.Lgs. 66/2010)
(https://portale.mdm.marina.difesa.it/smm/uagc/ap/Pagine/default.aspx?RootFolder=/smm/uagc/ap/D
ocuments/CODICE%20E%20T.U.%20DELL%27ORDINAMENTO%20MILITARE&FolderCTID=0x012000A9FF
AFF1936DFE4C97994DFB34DAA29E&View=%7b5D9ADCCA-BD47-4C1D-ACFF-8B28BDE72FFD%7d).
• Testo Unico delle disposizioni regolamentari in materia di ordinamento militare (Artt. da 712 a 751 del
DPR 90/2010)
(https://portale.mdm.marina.difesa.it/smm/uagc/ap/Pagine/default.aspx?RootFolder=/smm/uagc/ap/D
ocuments/CODICE%20E%20T.U.%20DELL%27ORDINAMENTO%20MILITARE&FolderCTID=0x012000A9FF
AFF1936DFE4C97994DFB34DAA29E&View=%7b5D9ADCCA-BD47-4C1D-ACFF-8B28BDE72FFD%7d).
• Pubblicazione SMM 13 Istruzioni sulle procedure disciplinari di corpo - Edizione 2010
(https://portale.mdm.marina.difesa.it/smm/repc4s/dipsicu/sic/uff13/pubblicazioninc/smm/Documents
/SMM%20%2013%20-%20ED.%202010%20-%20VARIANTE%201.pdf).
• Pubblicazione Guida Tecnica “Norme e procedure disciplinari” – Edizione 2011 di Persomil
(https://portale.mdm.marina.difesa.it/smm/uagc/gdi/Pagine/default.aspx?RootFolder=%2Fsmm%2Fuag
c%2Fgdi%2FDocuments%2FGUIDA%20TECNICA%20%2D%20Norme%20e%20procedure%20disciplinari&
FolderCTID=0x0120009F7D66C3C3BE214DB4CCB1E0F1666DEB&View={F61AFC2B-FC4F-4BE1-961BFB2098B80D6A}).
• Pubblicazione SMM 191 Autorità alle quali compete la potestà sanzionatoria – Edizione 2002 aggiornata
alla variante 17
(https://portale.mdm.marina.difesa.it/smm/repc4s/uruf/3seztipograf/pubblicazioninc/smm/Documents
/Forms/SMM19%20Model.aspx?RootFolder=%2Fsmm%2Frepc4s%2Furuf%2F3seztipograf%2Fpubblicazi
oninc%2Fsmm%2FDocuments%2FSMM%20191%2DUEU&FolderCTID=0x012000C50D9158CF45074FB1F
C43405BF6F513&View={DF8A0A53-D6B2-4B92-A78C-E9D1B9554DAB}).
Allo scopo di istruire correttamente il procedimento disciplinare di corpo, in stretta conformità alla
molteplice normativa vigente, si segnala che nelle sopra segnalate Pubblicazioni, SMM 13 Istruzioni sulle
procedure disciplinari di corpo - Edizione 2010 e Guida Tecnica “Norme e procedure disciplinari” – Edizione
2011 di Persomil, sono contenuti un congruo numero di fac simile dei vari atti procedimentali.
QUALI SONO LE AUTORITÀ MILITARI COMPETENTI?
Le autorità militari della Forza Armata competenti all’irrogazione delle sanzioni disciplinari di corpo sono
compiutamente definite dalla sopra citata Pubblicazione SMM 191 Autorità alle quali compete la potestà
sanzionatoria – Edizione 2002 aggiornata alla variante 17.
Ai sensi dell’art. 1396 del C.O.M., la consegna di rigore può essere inflitta esclusivamente dal comandante
del corpo o dell'ente presso il quale il militare che subisce la punizione presta servizio.
La consegna può essere inflitta dal comandante di corpo e dal comandante di reparto.
Il rimprovero può essere inflitto, oltre che dalle autorità militari di cui al comma 2, anche da:
a) l'ufficiale comandante di distaccamento;
b) il sottufficiale comandante di distaccamento, avente le attribuzioni di comandante di reparto.
I militari comandati o aggregati presso un reparto, corpo o ente dipendono disciplinarmente da tale
reparto, corpo o ente. Ogni decisione in materia disciplinare è devoluta all'autorità militare che ne ha la
competenza e dalla quale il militare dipende all'atto della decisione stessa.
QUAL’È LA PROCEDURA DA SEGUIRE NEL RILEVARE L’INFRAZIONE?
Ai sensi dell’art. 1397 del C.O.M., ogni superiore che rilevi l'infrazione disciplinare, per la quale non è egli
stesso competente a infliggere la sanzione, deve far constatare la mancanza al trasgressore, procedere alla
sua identificazione e fare rapporto senza ritardo allo scopo di consentire una tempestiva instaurazione del
procedimento disciplinare.
Il rapporto deve indicare con chiarezza e concisione ogni elemento di fatto obiettivo, utile a configurare
esattamente l'infrazione. Il rapporto non deve contenere proposte relative alla specie e alla entità della
sanzione.
Se il superiore che ha rilevato l'infrazione e il militare che l'ha commessa appartengono allo stesso corpo, il
rapporto è inviato:
a) direttamente al comandante di reparto, se comune a entrambi i militari;
b) per via gerarchica al comandante del corpo, se trattasi di militare di altro reparto.
Per il personale imbarcato il rapporto è inviato al comando della nave.
Negli altri casi il superiore, tramite il proprio comando di corpo o ente, invia il rapporto al comando di corpo
da cui il trasgressore dipende; se egli si trova fuori dalla propria sede il rapporto deve essere presentato,
per l'inoltro, al locale comando di presidio.
I generali, gli ammiragli, i colonnelli, i capitani di vascello e gli ufficiali di grado inferiore investiti delle
funzioni di comandante di corpo, anche se di Forza armata o di Corpo armato diversi, inviano il rapporto
direttamente al comandante del corpo da cui dipende il militare che ha commesso l'infrazione.
Se l'infrazione indicata nel suddetto rapporto è prevista tra i comportamenti punibili con la consegna di
rigore il comandante di corpo è obbligato a instaurare il procedimento disciplinare.
COME SI SVOLGE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE?
Ai sensi dell’art. 1398 del C.O.M., il procedimento disciplinare deve essere instaurato senza ritardo:
a) dalla conoscenza dell'infrazione;
b) ovvero dall'archiviazione del procedimento penale;
c) ovvero dal provvedimento irrevocabile che conclude il processo penale;
d) ovvero dal rinvio degli atti al comandante di corpo al termine di inchiesta formale.
Il procedimento disciplinare si svolge, anche oralmente, attraverso le seguenti fasi:
a) contestazione degli addebiti (ha valenza di comunicazione di avvio del procedimento);
b) acquisizione delle giustificazioni ed eventuali prove testimoniali;
c) esame e valutazione degli elementi contestati e di quelli addotti a giustificazione;
d) decisione;
e) comunicazione all'interessato.
L'autorità competente, se ritiene che sussistono gli estremi per infliggere la sanzione della consegna di
rigore, procede a norma dell'articolo 1399 del C.O.M..
La decisione dell'autorità competente è comunicata verbalmente senza ritardo all'interessato anche se
l'autorità stessa non ritiene di far luogo all'applicazione di alcuna sanzione.
Al trasgressore è comunicato per iscritto il provvedimento sanzionatorio contenente la motivazione, salvo
che sia stata inflitta la sanzione del richiamo.
La motivazione deve essere redatta in forma concisa e chiara e configurare esattamente l'infrazione
commessa indicando la disposizione violata o la negligenza commessa e le circostanze di tempo e di luogo
del fatto.
L'autorità procedente, se accerta la propria incompetenza in relazione all'irrogazione della sanzione
disciplinare, deve darne immediata comunicazione all'interessato e all'autorità competente rimettendole
gli atti corredati di una sintetica relazione.
Le decisioni adottate a seguito di rapporto sono rese note al compilatore del rapporto stesso.
QUAL’È LA PROCEDURA PER INFLIGGERE LA CONSEGNA DI RIGORE?
Ai sensi dell’art. 1399 del C.O.M., il comandante di corpo o di ente, tutte le volte che si trova a dover
giudicare una infrazione per la quale è prevista la sanzione della consegna di rigore, ha l'obbligo di sentire,
prima della sua decisione, il parere di apposita commissione disciplinare.
La commissione:
a) è composta da tre militari, di cui due di grado superiore e un pari grado del militare che ha commesso la
mancanza;
b) è nominata dal comandante di corpo;
c) è presieduta dal più elevato in grado o dal più anziano dei componenti a parità di grado.
Se presso il corpo o l'ente non esistono, in tutto o in parte, militari del grado prescritto per la costituzione
della commissione, il comandante di corpo o di ente richiede al comando o all'ente, immediatamente
superiore in via disciplinare, l'indicazione dei citati militari.
La commissione è edotta delle generalità dell'incolpato e degli addebiti a lui contestati.
Nel caso in cui più militari hanno commesso la stessa mancanza la commissione è unica.
Non possono far parte della commissione il superiore che ha rilevato la mancanza e il militare offeso o
danneggiato.
Il comandante di corpo o di ente convoca l'incolpato, il difensore e la commissione.
Il procedimento si svolge, quindi, come segue:
a) contestazione da parte del comandante di corpo o di ente degli addebiti;
b) esposizione da parte dell'incolpato delle giustificazioni in merito ai fatti addebitatigli;
c) eventuale audizione di testimoni ed esibizione di documenti;
d) intervento del militare difensore.
Il comandante, congedati gli eventuali testimoni, l'incolpato e il difensore, sentita la commissione, la invita
a ritirarsi per formulare il parere di competenza. Se non vi è accordo tra i componenti della commissione, il
parere è espresso a maggioranza.
I componenti la commissione sono tenuti al segreto sulle opinioni espresse nel proprio ambito.
Il parere è reso noto verbalmente al comandante di corpo o di ente entro il tempo massimo di due ore.
Il parere non è vincolante.
Il comandante di corpo o di ente deve rendere nota la propria decisione possibilmente entro lo stesso
giorno. La decisione è comunicata senza ritardo all'interessato anche quando non sono applicate sanzioni.
Quando previsto, la comunicazione è effettuata anche per iscritto.
Successivamente alla seduta, il comandante di corpo fa redigere e firma apposito verbale nel quale, oltre
alla motivazione della decisione e al parere della commissione, sono precisate le generalità dei componenti
della commissione e del militare difensore.
È importante segnalare che, ai sensi dell’art. 1370 comma 2 e ss. del C.O.M., per i procedimenti disciplinari
di corpo instaurati per l'applicazione di una sanzione di consegna di rigore (e solo per questi) il militare
inquisito è assistito da un difensore da lui scelto fra militari in servizio, anche non appartenenti al
medesimo ente o Forza armata nella quale egli presta servizio o, in mancanza, designato d'ufficio. Il
difensore designato d'ufficio non può rifiutarsi salvo sussista un legittimo impedimento. Un militare non
può esercitare l'ufficio di difensore più di sei volte in dodici mesi.
Il difensore:
a) non può essere di grado superiore a quello del presidente della commissione;
b) non deve trovarsi in alcuna delle condizioni di cui all'articolo 1380, comma 3 del C.O.M.;
c) è vincolato al segreto d'ufficio e non deve accettare alcun compenso per l'attività svolta;
d) non è dispensato dai suoi normali obblighi di servizio, salvo che per il tempo necessario all'espletamento
del mandato;
e) non può essere punito per fatti che rientrano nell'espletamento del mandato;
f) è ammesso a intervenire alle sedute della commissione di disciplina anche se l'incolpato non si presenta
alla seduta, ne' fa constare di essere legittimamente impedito.
Successivamente alla nomina del difensore le comunicazioni d'ufficio possono essere effettuate
indifferentemente all'inquisito o al suo difensore.
Il militare inquisito può chiedere il differimento dello svolgimento del procedimento disciplinare solo se
sussiste un effettivo legittimo impedimento. Se la richiesta di differimento è dovuta a ragioni di salute:
a) l'impedimento addotto deve consistere, sulla scorta di specifica certificazione sanitaria, in una infermità
tale da rendere impossibile la partecipazione al procedimento disciplinare;
b) l'autorità disciplinare può recarsi presso l'inquisito per svolgere il procedimento disciplinare, se tale
evenienza non è espressamente esclusa dalla commissione medica ospedaliera incaricata di tale
accertamento.
SECONDO QUALI CRITERI SONO IRROGATE LE SANZIONI DISCIPLINARI?
Ai sensi dell’art. 1355 del C.O.M., le sanzioni disciplinari sono commisurate al tipo di mancanza commessa e
alla gravità della stessa.
Nel determinare la specie ed eventualmente la durata della sanzione sono inoltre considerati i precedenti
di servizio disciplinari, il grado, l'età, e l'anzianità di servizio del militare che ha mancato.
Vanno punite con maggior rigore le infrazioni:
a) intenzionali;
b) commesse in presenza di altri militari;
c) commesse in concorso con altri militari;
d) ricorrenti con carattere di recidività.
Nel caso di concorso di più militari nella stessa infrazione disciplinare è inflitta una sanzione più severa al
più elevato in grado o, a parità di grado, al più anziano.
Se deve essere adottato un provvedimento disciplinare riguardante più trasgressioni commesse da un
militare, anche in tempi diversi, è inflitta un'unica punizione in relazione alla più grave delle trasgressioni e
al comportamento contrario alla disciplina rivelato complessivamente dalla condotta del militare stesso.
ENTRO QUALE TERMINE DEVE ESSERE CONCLUSO IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE DI CORPO?
Ai sensi dell’art. 1046 comma 5 lett. h) n° 6 del T.U.O.M. il procedimento per l’irrogazione di sanzioni
disciplinari di corpo deve concludersi nel termine di novanta (90) giorni dalla contestazione degli addebiti.
QUALI SONO LE ISTANZE ED I RICORSI AVVERSO LE SANZIONI DISCIPLINARI DI CORPO?
Avverso le sanzioni disciplinari di corpo sono esperibili i seguenti rimedi:
1) ISTANZA DI RIESAME (art. 1365 del C.O.M.)
Ogni militare può presentare, in qualunque tempo, istanza scritta tendente a ottenere il riesame della
sanzione disciplinare inflittagli, se sopravvengono nuove prove tali da far ritenere applicabile una sanzione
minore o dichiarare il proscioglimento dall'addebito.
L'istanza di riesame non sospende l'esecuzione della sanzione né i termini per la proposizione dei ricorsi
avverso il provvedimento disciplinare previsti dall'articolo 1366.
L'istanza deve essere diretta, in via gerarchica, alla stessa autorità che ha emesso il provvedimento.
Avverso la decisione sull'istanza di riesame emanata dall'autorità adita, il militare può proporre ricorso
gerarchico.
2) RICORSO GERARCHICO (art. 1366 del C.O.M.)
Deve essere proposto dall’interessato nel termine perentorio di trenta (30) giorni dalla notifica del
provvedimento sanzionatorio. Il superiore, per il cui tramite va proposto il ricorso gerarchico, deve
inoltrarlo sollecitamente senza pareri o commenti all'autorità gerarchica immediatamente superiore a
quella che ha inflitto la sanzione di corpo.
Ai sensi dell’art. 1363 comma 2 del C.O.M., non sono ammessi i successivi seguenti ricorsi (ricorso
giurisdizionale o ricorso straordinario al Presidente della Repubblica) se prima non è stato esperito ricorso
gerarchico o sono trascorsi novanta giorni dalla data di presentazione del ricorso.
3) RICORSO GIURISDIZIONALE AL T.A.R.
Deve essere proposto dall’interessato nel termine perentorio di sessanta (60) giorni dalla notifica
dell’eventuale rigetto del ricorso gerarchico, ovvero trascorsi novanta (90) giorni dalla data di
presentazione del ricorso.
4) RICORSO STRAORDINARIO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Deve essere proposto dall’interessato nel termine perentorio di centoventi (120) giorni dalla notifica
dell’eventuale rigetto del ricorso gerarchico, ovvero trascorsi novanta (90) giorni dalla data di
presentazione del ricorso.
Fly UP