...

Lazio Creativo - Regione Lazio

by user

on
Category: Documents
135

views

Report

Comments

Transcript

Lazio Creativo - Regione Lazio
Edizione 2016
Una Regione per la Creatività
A Region For Creativity
Le grandi regioni del mondo, le città più moderne del pianeta, puntano sulla creatività. Le industrie creative sono, oramai, un settore
strategico dell’economia dei territori all’avanguardia. Se ne parla e
ci si investe. E questo avviene per ragioni semplici: le imprese della creatività pesano, e molto, in termini economici e occupazionali;
promuovono i territori nella competizione globale; contribuiscono
a formare un “ambiente” più innovativo e inclusivo. Sono convinto,
non da oggi, che il Lazio debba stare in questa partita. Semplicemente perché ne ha tutti i numeri.
Siamo già leader nazionali in settori importanti come l’audiovisivo
e il cinema. In altri abbiamo tutte le potenzialità per emergere:
penso, alla moda e al costume, al design e all’architettura, alle
tecnologie applicate ai beni culturali. Ambiti in cui possiamo contare su professionalità di rilievo nazionale e internazionale. Abbiamo, insomma, un grandissimo potenziale che vogliamo sfruttare a
pieno. È per questo che la Regione Lazio ha avviato il Programma
LazioCreativo. Per segnalare che costruire un sistema dell’industria
creativa è una delle sue sfide strategiche più importanti, direttamente connessa alla costruzione di un nuovo modello di sviluppo
e legata a filo doppio con la vitalità culturale del nostro territorio.
Per questo, in questi due anni e mezzo di lavoro, siamo intervenuti
con molte iniziative sul tema: dal sostegno a spettacoli e iniziative
culturali e creative al finanziamento di startup grazie al Fondo della
Creatività; dalla creazione di FabLab dedicati a cultura e creatività
a Viterbo, Bracciano, Roma e Latina, allo stanziamento di risorse
europee per questo settore nel periodo 2014-2020. E con molto
altro. Un pezzo essenziale della strategia di LazioCreativo è far conoscere le nostre intelligenze creative, farle emergere e portarle
all’attenzione del pubblico e nel mercato. È qui il presupposto per
creare connessioni tra loro, per avviare progetti e sviluppare sinergie, per far emergere la realtà creativa della nostra Regione.
Questa, dunque, la ragione di questo libro. Una ragione molto
pratica, direttamente legata alle ragioni dell’economia, oltre che
della cultura. Ne emerge un mondo capace di unire tradizione a
innovazione, fatto di imprenditori coraggiosi, di talenti spesso decisi a riportare qui le loro esperienze internazionali, di realtà che
continuano ad investire su questo territorio. Le storie contenute
in questo volume ci dicono anche che, come amministrazione,
dobbiamo continuare a investire sulla creatività del Lazio: per
farla conoscere, crescere, internazionalizzarsi e per contribuire al
processo di modernizzazione che abbiamo avviato. È una grande
risorsa per il nostro futuro. E il compito della politica è aiutarla a
dare tutti i suoi frutti.
Nicola Zingaretti
Presidente della Regione Lazio
President of the Lazio Region
The world’s most important regions and its most modern cities
are backing creativity. Forward-looking economies today see the
creative industries as a strategic sector - a talking point which is
also a good investment. The reasons for this are straightforward:
creative businesses carry a lot of weight in terms of employment
and the economy, promoting their native areas in global
competition and helping to create a more innovative and inclusive
local “environment”. I remain convinced, as I have been for some
time, that Lazio should be doing the same. For the simple reason
that it has what it takes.
We are already national leaders in major sectors such as cinema
and audiovisual products, and have the potential to play an
important role in others, like fashion, costume, design, architecture
and cultural heritage technologies. Sectors where we can count
upon national- and international-level local talent. In short, we’ve
got plenty of promise, and we want to use it to its full advantage. It
is for this reason that the Lazio Region launched the LazioCreativo
programme: to underline that realising a system of creative
industries is one of its most important strategic challenges,
directly related to the construction of a new development model
and closely linked to the cultural vitality of our region. That’s why
over the last two and a half years we have been working on a
wide range of initiatives, from supporting performance, culture and
creativity to financing startups through the Fondo della Creatività,
and from the creation of FabLabs in Viterbo, Bracciano, Rome
and Latina dedicated to culture and creativity to the allocation of
European resources to the sector for 2014-2020. And much more
besides. An essential element of our strategy for LazioCreativo is
that of promoting our creative know-how and bringing it to the
attention of the public and the market. A vital step towards forging
connections between them, initiating projects and developing
synergies which allow the creative talents of our region to emerge.
This, then, is the reason for this book. An extremely pragmatic
one which is directly linked to the region’s economy as well as
to its culture. What emerges is a picture of an area capable
of combining tradition with innovation and made up of daring
entrepreneurs, talented young people – many of whom have
decided to bring their international experience back home – and
realities which continue to invest locally. The stories in this volume
also show us as an administration that we must continue to invest
in Lazio’s creativity: to champion it, nurture it, internationalise it
and contribute to the process of modernisation we’ve begun. It
is a potent resource for the future of our region. And it is politics’
task to help bring it to full fruition.
100 piccoli grandi eroi
della voglia di fare, di dire, di inventare
100 Local Heroes of Enterprise, Communication and Invention
Di visibile c’è poco, o meglio: visibili sono sempre gli stessi. Attori, autori, cantanti, musicisti, artisti, architetti, designer. Nel loro
mondo dorato, benedetto dalla luce della celebrità, è duro entrare
per tutti, impossibile se sei nato in qualche periferia, da famiglie
normali, senza conoscenze, senza agganci. “Senza santi non si entra in Paradiso”. È questa l’opinione comune. Così comune e così
scoraggiante, che molti giovani, dotati di desiderio e di talento,
non cercano neanche più uno sbocco per le loro ambizioni, una
strada per concretizzare le loro idee, i loro sogni. Bene: noi vogliamo contestare l’opinione comune, aprire una breccia nel muro del
disincanto e dare un’occasione di essere visti ai molti che sognano
di esprimersi, artisticamente, creativamente.
Appena abbiamo qualche soldo lo mettiamo a bando per premiare
startup e progetti, per finanziare, sostenere, mostrare. Dare un
chance. Dare un premio, cioè: dare fiducia, poiché è questa la
funzione dei premi. Un premio è anche finire in questo libro, che
raccoglie rapidi ritratti di 100 piccoli grandi eroi della voglia di fare,
di dire, di inventare, di esprimersi, di condividere, di evocare.
C’è di tutto: dall’innovatore tecnologico che ha inventato una app
per ridurre il supplizio delle code, all’eco designer che produce
gonne di spighe di grano. Da chi proietta affreschi animati sulle
pareti delle chiese, a chi disegna borse feticcio che consolano o
borse con la cover di lavagna per tenere un diario. Da quelli che
si sono inventati gli occhiali per entrare nei quadri e passeggiare
dentro la visione di un artista, a quelli che inventano musica, serie
web, festival, film di dieci minuti, nuovi modi di utilizzare gli spazi
pubblici. È entusiasmante sfogliare questo libro, giri le pagine e
senti come un rullare di tamburi in lontananza, in avvicinamento. È
il ritmo della creatività diffusa, che avanza, e viene a salvarci dalla
noia, dalla frustrazione, dalla ripetizione. Abbiamo chiesto a 10
esperti di identificare 10 creativi per 10 settori. Abbiamo chiesto
a 10 scrittori di andare a conoscerli, a intervistarli, a raccontarli.
Abbiamo messo insieme così 100 storie a lieto fine. Abbiamo acceso 100 luci nella bottega di 100 giovani talenti. È un primo passo
verso quella mappa della creatività nel Lazio che proseguirà nei
prossimi anni. Questo volume si inserisce in un’azione avviata dalla Provincia di Roma con Gian Paolo Manzella, che vorrei ringraziare per aver condiviso con me quella esperienza e aver contribuito
a farne nascere una nuova.
Lidia Ravera
Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio
Minister for Culture and Youth Policies of the Lazio Region
It’s not a world you get to see much of – or rather, what you do
get to see of it is always the same. All those actors, writers, singers, musicians, artists, architects and designers basking in the
limelight of celebrity. It’s not an easy world to break into, and if
you were born in the outskirts of town and come from an ordinary
family with no connections it’s practically impossible. “No one gets
into heaven without some saint’s help”, as they say. It’s common
knowledge. So common, and so discouraging, that many talented
young people don’t even bother looking for an outlet for their ambitions or a way to realise their ideas and dreams. Well, we want
to challenge conventional wisdom, and open a breach in the wall
of disenchantment to give many of those who dream of expressing
themselves artistically and creatively an opportunity to be seen.
Whenever we have any money, we organise competitions to fund
startups and projects and to provide support and visibility. To give
a chance, and a reward – trust. Because that’s what our prizes
represent. Not to mention appearing in this book, which contains
brief portraits of some of these grand little heroes of enterprise,
communication, invention, expression and sharing.
They’re all in here: from the IT innovator who invented an app to
cut down queueing times to the eco designer who makes skirts
out of ears of corn. From the artists who project animated frescoes
onto the walls of churches to the bagmaker who designs reassuring fetish bags or handbags with a blackboard as a cover for writing your diary on. From those who have invented glasses that allow
you to walk inside a painting to those who have created music,
web series, festivals, ten-minute films and new ways to use public
spaces. Browsing this book is exciting – when you turn the pages
you can almost hear the drums in the distance growing louder. It’s
the rhythm of advancing creativity, and it’s coming to save us from
boredom, frustration and stagnation. We asked 10 experts to identify 10 creatives in 10 different fields, then we asked 10 writers to
go and interview them and write about them, and we put together
100 stories with happy endings. 100 lights lit in the workshops of
100 young talents. It’s a first step towards a map of Lazio’s creativity which will continue to grow over the coming years.This book
is part of an initiative begun by the Province of Rome with Gian
Paolo Manzella, who I would like to thank for sharing with me that
experience, and for contributing to the birth of another.
IO/
MODA
Lazio Creativo / Moda / 11
Latina-Roma-Latina
Latina-Rome-Latina
…amavo la moda, credevo nella moda, mi parlava la forza di comunicazione che c’era nel “vestirsi”. Camminare tra la folla era
come leggere infiniti libri quanto infinite erano le persone che incrociavo. Amavo passare dalla calma della mia città, dove i codici
vestimentari raccontavano la campagna e la provincia, ai più complessi codici romani dove capitava di incrociare estreme e variegate silhouette. Con gli anni sempre di più apprezzavo i linguaggi
della mia città, dove in una grande pentola si erano “fuse” culture
lontane, tradizioni diverse: il nord aveva trovato nel sud il pezzo
mancante e gli ingredienti, nel mescolarsi, avevano creato nuove
memorie, nuove bellezze...
... I loved fashion, I believed in fashion, and the power of communication that was present in “dressing” spoke to me. Walking through
a crowd was like reading as many books as there were people.
I loved going from the calm of my town, where the dress codes
spoke of the country and the provinces, to the more complex Roman dress codes, which took on extreme and varied forms. Over
the years I increasingly appreciated the languages of my city, where
distant cultures and diverse traditions had “merged” in a great pot:
the north had found its missing piece in the south, and in the mixture
the ingredients had created new memories and new beauties...
Con questa mia ricerca ho voluto mettere in luce quei creatori che
rimanendo, hanno deciso di investire sul nostro territorio. Difficile
è la scelta, difficile la ricerca. La moda “normale” viaggia su canali che il più delle volte favoriscono l’immagine e la visibilità ma
a volte, come in questo caso, i risultati sono il frutto di pensieri
autentici, personali, rispettosi delle nostre tradizioni e della nostra
cultura. Creatori locali e allo stesso tempo globali, la cui creatività
è un magnifico equilibrio tra le contraddizioni; poetica coesistenza,
perfetta armonia. Oggi la realtà ci permette di far vivere queste
contraddizioni che normalmente sono lontane/opposte. Non è
importante dove vivi è importante essere contemporaneamente
“collegato”: con te, le tue creazioni, il tuo territorio, il globo.
With this selection of mine I have attempted to highlight those
creators who, by remaining, have decided to invest in our local
area. A difficult choice, difficult to find. “Normal” fashion travels
through channels that generally favour image and visibility but
sometimes, as in this case, the results are the fruit of an authentic, personal vision that is respectful of our traditions and our culture. Creators who are both local and global at the same time, and
whose creativity is a wonderful balance between contradictions;
poetic coexistence and perfect harmony. Today, reality allows
us to bring to life these contradictions, normally so distant and
contrary. It doesn’t matter where you live, what matters is being
simultaneously “connected”: with yourself, your creations, where
you come from and the world.
Una coesistenza allo stesso tempo solida e fluida: piedi fermi con
profonde radici sul territorio e testa libera, nel cielo. Solo questo
permette di raccontare in tutta libertà le emozioni, le tradizioni, le
visioni e di assaporare il piacere del quotidiano evitando il trauma
della separazione, del dover andare lontano per dare vita e visibilità alla creatività. L’artigianato con la sua poesia e le sue tradizioni,
la tecnologia con la sua visione, hanno infine la forza di raccontare
i veri valori della nostra cultura.
It is a co-existence which is at the same time both solid and fluid:
standing firm, roots sunk deep into the local territory and a clear
head looking up to the skies. This alone allows the free expression
of emotions, traditions and vision, and the enjoyment of the pleasures of everyday life, avoiding the trauma of separation inherent in
moving far away to give life and visibility to creativity. Craftsmanship, with its poetry, its traditions, its technology and its vision,
has the strength to communicate the true values of our culture.
Maurizio Galante
Maurizio Galante ha studiato architettura prima di affrontare la
moda, all’Accademia di Costume e Moda a Roma, e oggi è uno
dei più stimati fashion designer di haute couture, al mondo. Nel
corso dei suoi 25 anni di carriera, questo couturier e designer italiano, che ha scelto di vivere a Parigi, ha ricevuto numerosi premi
e nel 2008 è stato insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre des
Arts et des Lettres, in considerazione del suo contributo all’industria della moda francese.
Maurizio Galante studied architecture before studying fashion at
the Academy of Costume and Fashion in Rome, and is now is one
of the world’s most respected haute couture fashion designers.
Over the course of a 25-year career, this Paris-based Italian couturier and designer has received numerous awards and in 2008
was appointed Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres in recognition of his contribution to the French fashion industry.
Lazio Creativo / Moda / 13
Benedetta Bruzziches
www.benedettabruzziches.com
Designer di borse, classe 1985.
I suoi prodotti sono in oltre settanta
boutiques sparse tra Asia, America ed Europa.
Born in 1985, this handbag designer’s
products are sold in more than seventy
boutiques in Asia, America and Europe.
Benedetta Bruzziches non è soltanto una disegnatrice di borse.
Benedetta Bruzziches è una borsa.
Benedetta Bruzziches is not simply a designer of handbags. Benedetta Bruzziches is a handbag.
Basta guardare il suo volto un po’ felliniano per capire che ha
la stessa versatilità di una minaudiere o di una pochette: ha gli
stessi colori, la stessa eccessività, lo stesso fascino esuberante che trasuda in ogni pagina del suo catalogo. Del resto fare la
bag designer, per lei, non significa semplicemente creare prodotti
destinati al mercato – e cioè, con una brutta frase: vendere delle
merci – ma trasformare storie e desideri in veri e propri gioielli
d’artigianato. Di più: in talismani, come lei stessa ama definirli.
È forse per questo che ogni sua collezione sembra un mosaico
di oggetti vagamente propiziatori, quasi dei feticci di tessuto che
possono intercettare gli stati d’animo di chi li indossa. Come la
Prenditi cura di te, la borsa consolatoria ideata per quando finisce
un amore, o la Borsa diario con la cover di lavagna, dove ciascuno,
con un gesso, può scrivere la frase che vuole.
All it takes is one look at her vaguely Fellini-esque face to see
that she is as versatile as a minaudiere or a clutch bag: just as
colourful, just as over-the-top, and exuding the same exuberant
charm that bursts out of every page of her catalog. And anyway,
as far as she’s concerned, being a bag designer doesn’t just mean
creating products for the market – selling things, to put it bluntly – but transforming stories and desires into genuine jewels of
craftsmanship. Talismans, as she likes to call them. Perhaps that
is why every collection looks like a mosaic of vaguely propitiatory
objects – fabric fetishes, almost, capable of capturing the mood of
their wearer. Like Prenditi cura di te, the comforting bag designed
for the end of a love affair, or the Borsa diario with its blackboard
cover where you can write whatever phrase you want in chalk.
Dietro tutto questo c’è la sua azienda, ovviamente; o meglio, la
sua filosofia aziendale: perché Benedetta Bruzziches, dopo aver
lavorato a Milano e in India, ha deciso di allestire il proprio laboratorio in un comune viterbese di 5.000 abitanti, Caprarola, il
suo paese; uno dei tanti comuni italiani ricchissimi di tradizione
manifatturiera. Caprarola è stata la scuola di Benedetta: lo è stata
la sua famiglia, il suo passato contadino, una certa idea del Made
in Italy fondata sulla qualità dei prodotti e la vita delle persone che
li realizzano. Sta qui il segreto delle sue borse: nell’umanità da cui
esse nascono, nell’insieme di odori e atmosfere che attraversa
ogni singolo momento della loro lavorazione. Non ci sono artifici,
insomma: ogni creazione di Benedetta parte da lei e dalla sua storia, e proietta quella storia oltre di lei, trasformando un semplice
articolo di tendenza in un sogno trasportabile. In un’illusione molto
concreta che ogni donna, se vuole, può portare con sé.
Giorgio Nisini
Behind all this is her company, of course. Or rather, her company’s
philosophy, because after working in Milan and in India, Benedetta
Bruzziches decided to set up her own workshop in a town with
5,000 inhabitants near Viterbo: Caprarola – her town. One of the
many Italian towns with a rich manufacturing tradition, Caprarola
was Benedetta’s school, as were her family, her rural ancestry and
a certain vision of what Made in Italy means based on the quality
of products and the life of the people who make them. That is
where the secret of her bags lies: in the humanity which produces them, and the smells and atmospheres that coexist in every
single moment of their production. No tricks: each of Benedetta’s
creations starts from her and her history, and projects that history
beyond her, turning a simple fashionable accessory into a portable
dream. Into a very real illusion that every woman, if she so wishes,
can carry with her.
Lazio Creativo / Moda / 15
Luca De Rubeis
www.artesulcuoio.it
Giovane artigiano appassionato di giochi
di ruolo che realizza lavori in cuoio ispirati
al mondo fantasy e medievale.
A young craftsman with a love of role-playing
games whose work is inspired by fantasy
and the medieval.
Da bambino Luca pensava di diventare grafico pubblicitario, seguire le orme dei suoi genitori. Ma capisce presto che passare tutte
quelle ore davanti al computer non è proprio la sua strada. Da
ragazzo si appassiona ai giochi di ruolo, stile medievale-fantasy.
La prima esperienza sarà nel cortile di una chiesetta di Fiumicino.
As a little boy, Luca considered following in his parents’ footsteps
and becoming a graphic designer, but realised that spending all
those hours in front of a computer wasn’t for him. When he was
a little older he discovered a passion for role playing and medieval-style fantasy. His first experience was in the courtyard of a
church in Fiumicino.
Al tempo – parliamo di quindici anni fa – non esisteva ancora
un’industria specializzata per i costumi. Ognuno si arrangiava
come poteva per crearsi un vestito adatto, con tanto di suppellettili improvvisate. Il primo personaggio interpretato da Luca era
quello dell’assassino, del ladro. Il suo costume se l’era fatto cucire
dalla nonna. Sarà proprio questa dimensione artigianale, del “fai
da te”, a indirizzarlo verso la sua vera vocazione. Luca si avvicina
all’arte della lavorazione del cuoio. Inizialmente, senza strumenti
adeguati: a malapena un pavimento e un martello a disposizione.
Eppure, nonostante la scarsezza dei mezzi, i risultati si vedono.
Anche la sua famiglia, prima scettica, diventa più comprensiva.
Grazie all’esperienza, a dei nuovi macchinari, allo studio e alla ricerca, riesce a trasformare la sua passione in un vero mestiere. E
il talento di sicuro non manca. Nel tempo si avvicina anche all’arte
delle incisioni, arrivando a realizzare costumi sempre più affascinanti e complessi. Ora ha un laboratorio tutto suo a Fiumicino.
At the time – about fifteen years ago – no specialist costume
industry existed. Everyone made do as well as they could and tried
to create a suitable outfit, complete with improvised accessories.
The first character Luca played was a murderer and thief, and he
got his grandmother to sew his costume for him. And it was this
homemade, DIY spirit that propelled him toward his true calling.
Luca began working leather, initially without the proper tools and
with barely a hammer to his name. Yet, despite his limited means,
the results were good and even his family, skeptical at first, began
to soften. And with more experience, and new equipment, and
study and experimentation, he managed to turn his passion into
a genuine profession. He certainly doesn’t lack talent. In time, he
even began using the art of tooling, which allowed him to create ever more fascinating and complex costumes. Now he has a
workshop of his own in Fiumicino.
Lavora fondamentalmente su commissione, con clienti molto esigenti disposti a spendere anche parecchi soldi per avere corpetti,
spallacci, gorgiere in stile medievale completamente fatti a mano.
Ogni pelle ha la sua concia particolare e Luca cura l’intero processo di lavorazione: taglio, cucitura, incisioni, colorazioni. Per i
modelli ha una cartella da venti giga piena di immagini tratte da
film, serie, fumetti, videogame. Oggi riesce a vivere del suo lavoro,
coronando così un sogno su cui non era così facile scommettere.
Nel futuro gli piacerebbe cominciare a lavorare anche per il cinema e il teatro.
Fundamentally, he works on commission, with highly demanding customers willing to spend large amounts to have bodices,
shoulder pads and medieval-style ruffs completely handmade.
Each hide has its own particular tanning and Luca handles the
entire production process: cutting, stitching, tooling, colouring. As
models, he has a folder full of twenty gigabytes of images from
movies, TV series, cartoons and video games. Today he is able
to make a living from his work, fulfilling a dream that was not a
foregone conclusion. In the future he would like to start working
for the cinema and theatre.
Christian e Veronica Raimo
Lazio Creativo / Moda / 17
Maya Di Lello
www.reinventer.it
Da Cassino agli scambi con la Cina.
È stilista indipendente per la linea
di abiti autoprodotta Réinventer.
From Cassino to China, the independent
fashion designer of the self-produced
label Réinventer.
È riuscita a fare della sua passione un lavoro. Fin dalle prime scelte
di vita è stata guidata dalle idee chiare sul suo futuro professionale. Si iscrive alla scuola professionale di Cassino, dov’è nata, e
prende confidenza con ago e filo. Ogni volta, anche quando nella
vita si dedicherà ad altre attività – compreso fare la commessa
in negozi di vestiti – tutto le tornerà un giorno utile per la sua
vocazione creativa. All’Istituto Europeo di Design a Roma è prima
studentessa e poi assistente. L’incontro con l’alta moda esige un
inevitabile trasferimento a Milano. Collabora con Nicola Del Verme
coordinando un primo progetto di moda.
She managed to turn her hobby into a business. Right from the
start, her lifestyle choices have always been guided by clear ideas
about her future career. She enrolled in the Trade School in her
hometown of Cassino, where she learned to handle needle and
thread, and all through her life, even when she has been busy with
other activities - including working as a shop assistant in a clothes
shops – it all came in useful for her creative calling. She was a student then assistant at the European Institute of Design in Rome,
until the world of high fashion summoned her inevitably to Milan,
where she worked on a fashion project with Nicola Del Verme.
A Milano la vita si trasforma in quella dei personaggi di Il diavolo
veste Prada: un mondo di modelle e sfilate che stravolge le sue
abitudini. Il richiamo delle origini si fa sentire. Prima, per un anno
e mezzo, apre uno studio con una collega, poi si trasferisce a Napoli: disegna la collezione Kids per il marchio Silvian Heach e per
lavoro va e viene dalla Cina. Da come si progetta a come si vende,
conosce ormai tutto l’iter dei capi d’abbigliamento e il desiderio
di tornare a casa aumenta: dopo Ferrara, Firenze, Roma, Milano
e Napoli torna a Cassino. Nonostante non manchi l’impatto con la
realtà della provincia, il territorio offre molto: ci sono tutte le realtà
artigiane del settore cerimonia.
Her life in Milan was like something out of The Devil Wears Prada: a world of models and fashion shows that turned her habits
upside down until the call of her origins started to make itself felt.
After opening an atelier with a colleague for a year and a half, she
moved to Naples, where she designed the Kids collection for Silvian Heach, which involved going back and forth to China. By this
point she knew the whole process, from design to marketing, but
her desire to return home kept growing until, after Ferrara, Florence, Rome, Milan and Naples, she finally moved back to Cassino.
The provinces present their own challenges, but the area has a lot
to offer, home as it is to all the craftsmanship of the wedding and
ceremonial clothes industry.
Nasce il suo marchio Réinventer: nella scelta del termine francese
l’idea di Parigi come simbolo dell’eleganza. Si tratta di capi non
riproducibili in serie, abiti unici, costruiti su misura oppure recuperati da capi usati. Si occupa anche di abiti da sposa: destruttura
e ricostruisce gli abiti, inseguendo il legame affettivo che si tramanda nei vestiti da sposa di madri e nonne; oppure li inventa.
Attualmente è consulente per due aziende del territorio e insegna
all’Accademia delle Belle Arti di Frosinone. La sua collezione viene
esposta in negozi, o in temporary store. In futuro potrebbe accendersi l’insegna di un negozio tutto per sé.
Francesco Longo
Thus, her label Réinventer was born, the choice of the French
word inspired by the idea of Paris as a symbol of elegance. She
produces one-off pieces, tailor-made or created from used garments, and even handles wedding dresses, deconstructing and
reconstructing them to maintain the emotional bond that has been
handed down in the gowns of mothers and grandmothers. Or else
she creates them from scratch. She is a consultant for two local
companies, teaches at the Academy of Fine Arts in Frosinone, and
her collection is on display in shops and temporary stores. And in
the future she might just open up a shop of her own.
Lazio Creativo / Moda / 19
Michela Fasanella
www.aroma30.it
Creatrice del marchio indipendente Aroma30,
che unisce eleganza contemporanea a passione
sartoriale e cura per i dettagli.
Creator of the independent brand Aroma30,
which combines contemporary elegance
with detail and sartorial passion.
Michela Fasanella ha le idee chiare da subito. Da bambina, persino
a tre anni, disegnava vestiti. Quindi alla domanda: “Cosa vuoi fare
da grande?” non era difficile rispondere. Ma per diventare stilista
non basta la passione. Finito il liceo, Michela frequenta l’Accademia di Costume e Moda di Roma. Già durante quegli anni vince un
concorso per Pitti Filati e viene scelta da Ferragamo per uno stage
di sei mesi a Firenze. Lì parte proprio da zero: prima caffè e fotocopie, poi passa alla scelta di pelli e pellicce. Non proprio il suo sogno
al tempo, considerato che era vegetariana. Ferragamo le propone
di rimanere, ma Michela sente il bisogno di altre esperienze.
Michela Fasanella knew what she wanted from the start. Even
as a three-year-old, she was drawing clothes. So the answer
to the question, “What do you want to be when you grow up?”
was easy. But it takes more than passion to become a fashion
designer. After high school, Michela attended the Accademia di
Costume e Moda in Rome and while there won a competition for
Pitti Filati and was chosen by Ferragamo for a six-month internship
in Florence. After arriving, she worked her way up from coffee and
photocopies to selecting the leathers and furs. Not exactly her
dream job at the time, considering she was vegetarian. Ferragamo
asked her to stay, but Michela wanted other experiences.
Con un azzardo rifiuta l’offerta. Non se n’è mai pentita. Torna a
Roma per scrivere la tesi e lavora per un pronto moda, quando
erano ancora una realtà forte, prima di venire spazzati via da Zara
o H&M. Sarà poi la volta di uno stage da Valentino, in cui impara tantissimo e che ancora oggi considera un maestro di stile.
Dopo lo stage decide di provare a disegnare una collezione da
sola. Cinque pezzi unici che lascia in conto-vendita in un negozio
di Trastevere. È letteralmente commossa quando scopre di aver
venduto tutti i pezzi.
Nel 2008 si trasferisce a Londra, dove nel 2010 apre il suo marchio
attuale: Aroma30. Oggi ha il suo studio a Roma, in un bellissimo
loft ristrutturato da suo padre nel quartiere Pigneto. Da quando è
tornata, ha l’impressione che la città sia molto cambiata. Esiste
una nuova scena vitale di stilisti emergenti. Rispetto a Milano, indiscussa capitale del prêt-à-porter, Roma è più attenta agli stilisti
che come lei hanno deciso di restare indipendenti. Michela lavora
in proprio e segue il processo creativo dalla A alla Z. Preferisce
avere un rapporto diretto con i clienti e il suo nome gira soprattutto tramite Internet e il passaparola “più potente di qualsiasi
strategia di marketing”. È molto fiduciosa sul futuro, ed è convinta
che il Made in Italy resterà per sempre un’eccellenza.
Christian e Veronica Raimo
photo:
sx Marta Bevacqua
dx Manuela Iodice
Turning down that offer was a gamble, but she’s never looked
back. She returned to Rome to write her thesis and work in readyto-wear fashion when the business was still strong, before it was
swept away by Zara and H&M. Next came an internship with
Valentino, whom she still considers a master of style, where she
learned a lot, and next she decided to design a collection herself. Five one-off pieces that she left on sale-or-return in a shop
in Trastevere. She was shocked when she realised that they had
all been sold.
In 2008, she moved to London, where in 2010 she started her
label, Aroma30. Today, her studio is in Rome, in a beautiful loft
her father has renovated in the fashionable Pigneto district. Since
coming back, she has the impression that the city is different,
thanks to a vital new scene of up-and-coming designers. Unlike
Milan, the undisputed capital of prêt-à-porter, Rome pays more
attention to stylists like her who have chosen to remain independent. Michela works for herself, following the entire creative
process from A to Z. She prefers having a direct relationship with
customers and her name circulates mainly through the internet
and word of mouth, “more powerful than any marketing strategy.”
She is confident about the future, and convinced that Made in Italy
excellence will be around forever.
Lazio Creativo / Moda / 21
Tiziano Guardini
www.tizianoguardini.com
Non solo stilista ma eco-designer.
Ha partecipato alla Vogue Fashion’s Night Out
e alla Fashion for Forest.
Not just a stylist but an eco-designer who has
taken part in Vogue Fashion’s Night Out
and Fashion for Forest.
E se ci fossero demiurghi un po’ bambini che hanno nostalgia della
loro infanzia a Villa Pamphilj? Che tolgono la corteccia agli alberi e
i petali alle pigne, il tutto poi per farne dei vestiti?
What if there were child-like demiurges, nostalgic for their childhoods in Villa Pamphili park? Who pulled the bark off the trees and
the petals from the pines to fashion into clothes?
Tiziano Guardini è uno stilista, un couturier di soli 35 anni, ma soprattutto un eco-designer. Già perché per lui il punto di partenza è
sempre l’armonia. Armonia come continuità tra la propria anima e
quello che si fa, ma soprattutto contatto vitale con la natura, in un
percorso nuovo e antichissimo al tempo stesso.
Tiziano Guardini is a 35-year-old fashion designer, couturier and,
above all, an eco-designer. Yes, because his starting point is always harmony. Harmony as a continuity between his soul and
what he does, but especially as vital contact with nature in an
approach which is both new and old at the same time.
“La natura deve tornare a far parte della nostra esistenza”. Così la
donna di Tiziano Guardini la indossa, ne porta il peso, la bellezza, la
forza. Non è una dea ma una creatura naturale, tutt’uno con quello
che la veste: le pellicce di aghi di pino, oppure di seta non-violenta
(la seta ahimsa) che si fila senza uccidere i bachi; la gonna di
spighe di grano, sinuosa e femminile; il vestito di rami di ulivo, creato per l’Expo: le foglie come lance d’argento, quasi una scultura,
un’opera d’arte che ci ricorda il legame con la nostra terra. Ma
non solo. C’è poi l’abito da sera in stile Morticia Addams creato
per la Royal Albert Hall e in seguito presentato alle Nazioni Unite
a Ginevra: fatto di radici di liquerizia, un materiale duttile e molto
resistente, è un abito che non ha nulla di frivolo, ma è un principio da indossare, qualcosa che radica a terra, alla vita, qualcosa
che appartiene profondamente all’essere donna (d’altronde non è
certo un caso che la radice di liquerizia si trovi anche nell’essenza
dello Chanel N°5). E infine, il vestito di corteccia di pino marittimo:
un’armatura leggera e sinuosa, che dà vita a una femminilità forte
e paziente. Sono così diverse e speciali le donne di Guardini. Di
una bellezza riflessiva, non esibita, colte nel flusso naturale della
vita. Nate come per magia da frammenti di Villa Pamphilj. Certo,
perché è lì, nei luoghi dell’infanzia, che Tiziano si rifornisce: il parco, da sempre la sua merceria di fiducia.
“Nature must become part of our existence again”. And Tiziano
Guardini’s woman wears nature and carries its weight, beauty and
strength. She is not a goddess but a natural creature, at one with
her garment: the fur of pine needles, or non-violent ahimsa silk
(made without killing the worm), the skirt of ears of corn, sinuous and feminine, the dress of olive branches created for the
Expo, with leaves like silver spears - almost a sculpture, a work of
art that reminds us of the bond with our land. But that’s not all.
There’s also the Morticia Addams-style evening gown created for
the Royal Albert Hall and subsequently shown at the United Nations in Geneva. Made of liquorice roots – a ductile, highly durable
material – and in no way frivolous, it is a principle you can wear,
something rooted in the earth and in life, something that connects
deeply to being a woman (and it’s no coincidence that licorice root
is also to be found in the essence of Chanel No. 5). And finally, a
dress made of maritime pine bark: a light, sinuous armour which
creates a powerful, patient femininity. Guardini’s women are so
diverse and so special. Beautiful in a reflective, unrehearsed way,
and captured in the natural flow of life. Born as though by magic
from fragments of Villa Pamphili. Yes, because it is there, in those
sites of childhood memory, that Tiziano stocks up on supplies: the
park, his most trusted haberdashery.
Gaia Manzini
Lazio Creativo / Moda / 23
Livia Lazzari
www.voodoojewels.com
Livia Lazzari è una designer di gioielli
e imprenditrice. Ha creato il marchio Voodoo
nel 2011 e vende in tutto il mondo.
Livia Lazzari is a jewellery designer and
businesswoman. In 2011 she created
the Voodoo brand, which sells worldwide.
Lapilli. All’inizio erano grosse collane berbere. Anelli pesanti intorno a dita dalla pelle scura. Orecchini agganciati a lobi elastici e
pendenti. I gioielli erano la parola muta della persona, una parola
che diceva: eccomi, questa collana è il mio racconto. Livia Lazzari
coglie questa parola ed è così che si è avvicinata ai gioielli: con
l’archeologia e l’antropologia, grazie a una curiosità profonda che
viene prima dalla pancia, poi dalla testa, e che diventa materia solida attraverso le dita. Livia all’inizio non li indossava, i suoi gioielli.
Poi ha cominciato a mettere gli anelli alle dita, le collane al collo.
Ha scoperto che anche i simboli hanno bisogno di una traduzione,
e allora ha forgiato la materia secondo un bisogno che agganciasse la gente ovunque.
Lapilli. At the beginning there were chunky Berber necklaces.
Heavy rings around dark-skinned fingers. Earrings swinging from
long, elastic lobes. The jewels were the mute words of their owners – words that said: here I am, this necklace is my story. And
it was the sound of these words that, through archeology and
anthropology and with an intense curiosity that comes first from
the gut then from the head before being shaped into solid matter
through the fingers, led Livia Lazzari towards jewellery. At first,
Livia didn’t wear her own jewels, and then she began to put the
rings on her fingers and the necklaces around her neck, and discovered that even symbols need a translation, so she forged them
in accordance with the need that they draw in people everywhere.
I suoi gioielli dovevano portare il messaggio di antiche, sotterranee viscere che appartengono all’uomo dall’alba dei tempi, ma
tradotto nei tempi moderni. Lapilli e zolfo, cenere e argento, il metallo delle ere antiche, in cui il bronzo, il ferro, il rame diventano la
nuova parola dell’uomo. Il metallo è la materia che preferisce: non
si ostina in una sola forma ottusa ma può cambiare infinitamente.
Ed è in questa infinità che Livia trova le sue forme: intricati arabeschi che si arrotondano al collo, piccoli vulcani intorno alle dita,
sottili ghirigori che formano una fronda ramata sul polso. È grazie
a questa strada di ciottoli antichi, storie sciamaniche, suggestioni
primitive, che Livia ha portato il suo marchio Voodoo a imporsi
come una pietra preziosa. I suoi clienti li ha trovati con fatica e
dedizione, in soli 4 anni con 6 collezioni.
She wanted her jewellery to carry the message of the ancient
subterranean depths which have belonged to man since the dawn
of time, but interpreted for the present day. Lapilli and sulphur,
ash and silver, the metals of the olden days when bronze, iron
and copper became the new word of man. Her favourite material
is metal: it doesn’t stubbornly insist on one form but can change
infinitely, and it is within this infinity that Livia finds her shapes:
intricate arabesques curving around the neck, small volcanoes
around the fingers, fine swirls which form a copper frond on the
wrist. It is thanks to this cobbled lane of ancient shamanic stories
and suggestions of the primitive that Livia established her brand
Voodoo like a precious stone. In just four years and six collections
she found her customers through hard work and dedication.
Adesso ha 28 anni, e Voodoo è presente in Libano, Kuwait, Francia, Germania, Paesi Bassi, oltre che in Italia. A Roma, vorrebbe
aprire il suo laboratorio e atelier, perché è anche in Italia che vuole
far crescere il suo marchio. Agli italiani vorrebbe dire: il pregio
dell’oggetto non sta nel luccichio imbonitore degli ori e delle pietre
sfavillanti, ma nella mano che lo crea.
She is now 28 years old, and Voodoo is present in Lebanon, Kuwait, France, Germany and the Netherlands as well as in Italy.
She would like to open her own workshop and studio in Rome,
because it is in Italy that she wants to develop her brand. She
would like to tell the Italians that the value of the object is not in
the alluring glint of gold or the sparkle of stones, but in the hand
that creates it.
Rossella Milone
photo:
Martina Scorcucchi
Lazio Creativo / Moda / 25
Mentelocale Creazioni Tessili
www.mentelocalecreazioni.it
Claudia Varrone progetta e realizza pezzi
unici decorati a mano, che nei loro dettagli
raccontano passioni e storie personali.
Claudia Varrone designs and manufactures
unique hand-decorated pieces whose details
reveal personal passions and stories.
Quando si parla di una storia da raccontare, molto spesso si usano
espressioni che riguardano il filo di quella storia, la tessitura della
trama, l’ordito, i nodi narrativi: parole utilizzate nel loro senso figurato, che provengono dal mondo in cui Claudia Varrone si muove.
La personalizzazione degli oggetti, il senso della loro vita accanto
alla nostra, la maniera in cui possiamo integrarci con una coppia
di tende o un copriletto, o cuscini che riescono a raccontare la
nostra storia.
When we talk about a story, we often use expressions which
concern how it unfolds, the weave and warp of its plot and the
ligatures of its narrative: words used in their figurative sense and
deriving from the world Claudia Varrone inhabits. A world of customised objects, where the meaning of their lives joins ours, the
way we can unite ourselves with a pair of curtains or a bedspread
or a cushion to tell our own story.
“Mia nonna Ersilia è rimasta vedova molto giovane: era costretta
a indossare il lutto, ma lo odiava. Piano piano, nel tempo, ha disegnato mazzi di fiori, ricercato pezzi di stoffa colorati e li ha cuciti
come piccole tasche sulla sua gonna nera, cercando di rendere
quella che è che la rappresentazione del dolore socialmente accettata una cosa più sua, più vicina alla concezione che aveva di
se stessa”. Mi ha detto Claudia che è così che ha iniziato ad amare
le stoffe, i colori, le applicazioni, è così che ha iniziato a dipingere
sui tessuti e a formarsi – con un diploma artistico, prima, e da
autodidatta, poi – fino a riempire un armadio con tutte le cose
che creava. È stato grazie a un amico architetto se ha svuotato
quell’armadio e iniziato a fare le prime esposizioni, cinque anni
fa, ed è stato grazie ai suoi viaggi per le fiere di tutta Europa se,
osservando, ha trovato il suo stile, la sua voce.
Adesso sono tre anni che ha aperto il suo negozio/laboratorio, a
Latina, uno spazio in cui cura le sue collezioni, utilizzando tecniche
miste (ricamo, stampa, intaglio, pittura, chiusure lampo e incisioni
che squarciano i drappi per creare continuità tra interno ed esterno), stoffe ricercate (dalle materie prime certificate fino ai tessuti
riciclati e ai fili fluorescenti che si illuminano al buio), dissonanze di
colori e soprattutto storie. Claudia intreccia fili, tesse trame, racconta e confeziona immagini, creando pezzi unici, oggetti figurati,
nuovi significati da dare alle cose che conosciamo.
Elisa Casseri
Claudia Varrone
“My grandmother Ersilia was widowed very young. She was
forced to wear mourning, but she hated it, so over time she
started designing bouquets – finding pieces of coloured cloth and
sewing them onto her black skirt like little pockets, trying to take
possession of that socially acceptable representation of pain, and
bring it closer to the conception she had of herself”. Claudia explains that this was how she first fell in love with material, colours
and patches and how she began painting on fabric and studying
– first with an arts diploma and then by herself – until she had a
cupboardfull of her creations. It was thanks to an architect friend
that, five years ago, she finally emptied that cupboard out and
started doing her first exhibitions, and thanks to what she saw as
she travelled markets and fairs all over Europe that she found her
own style and her own voice.
It has now been three years since she opened her own shop/
workshop in Latina, a place where she creates her collections
using mixed techniques (embroidery, printing, carving, painting,
zippers and slashes in the cloth that create continuity between
the inside and outside), hard-to-find fabrics (from certified raw
materials to recycled material and glow-in-the-dark threads),
chromatic dissonances and, above all, stories. Claudia intertwines
threads, weaving them together to recount and tailor images, creating unique, figurative objects and giving new meaning to the
things we know.
Lazio Creativo / Moda / 27
Fanny Raponi
www.fannycontrasto.com
Artista di Latina, discende dalla famiglia
De Vitis, orafi dal 1859. Nelle sue creazioni
cerca l’equilibrio dei contrasti.
This Latina artist, descendent of the De Vitis
family of goldsmiths, seeks in her creations
a balance of contrasts.
Quando ho parlato con Fanny Raponi, in arte Fannycontrasto, era
in Svizzera da quattro mesi: lavorare all’estero le permette di viaggiare, spulciare il mondo e trovare le sue storie. “La mia famiglia è
nel Lazio da 300 anni, ma rimaniamo dei gitani” mi ha detto e poi
mi ha raccontato del suo trisavolo, insignito nel 1859 della licenza
di lavoratore di oggetti preziosi, e di suo nonno, orologiaio e orafo,
del loro negozio storico nel centro di Latina. Solo dopo mi ha detto del Politecnico di Milano, della sua laurea in Industrial Design,
dello stage dal designer Fabio Cammarata e di come lui l’abbia
(ri)condotta all’arte di creare i gioielli, dei tanti luoghi che hanno
accolto le sue opere: dal Castello Visconteo di Trezzo sull’Adda ai
Musei Mazzucchelli di Brescia, passando per il MAD di Sermoneta
e il (Fuori)Salone del Mobile.
When I talked to Fanny Raponi, who goes by the name of Fannycontrasto, she had been in Switzerland for four months. Working
abroad allows her to travel and beachcomb the world in search
of its stories. “My family has been in Lazio for 300 years, but
we’re still Gitanes at heart”, she says, before telling me about
her great-grandfather, who was awarded a license for working
precious materials in 1859, and her grandfather, a watchmaker
and goldsmith, and their shop in the historic centre of Latina. Only
afterwards does she tell me about the Politecnico di Milano, her
degree in Industrial Design, her internship with the designer Fabio
Cammarata and how it was he who led her (back) to the art of
creating jewellery, and of the many places that have exhibited her
work: from the Castello Visconteo in Trezzo sull’Adda to the Musei
Mazzucchelli in Brescia, as well as the MAD in Sermoneta and the
(Fuori)Salone in Milan.
“L’oreficeria ha saltato una generazione, nella mia famiglia – mia
madre non la esercita e mio nonno non ha fatto in tempo a insegnarmela – ha dovuto percorrere una strada più lunga per arrivare
a me”. Fanny dipinge, fotografa, scrive, cerca di rappresentare il
mondo così come lo vede e, grazie ai gioielli, le pietre, i tagli, le
piegature, le contaminazioni, grazie alla sua prima collezione Chi
ha rubato l’argenteria? ha trovato il modo di esprimere la poetica
cardine di tutte le sue opere: la stratificazione delle storie, la riscrittura della vita sulla vita che è già stata. “Volevo sperimentare,
ma non avevo i materiali, allora mia madre mi ha dato sottobicchieri, ciotole, cose in argento che nessuno avrebbe più comprato
e io le ho trasformate, cercando di non cancellare la loro storia”.
Le opere di Fanny, anche nelle collezioni successive (Dal mare,
Rock Vittoriano, Petali e le altre), si basano tutte sul contrasto tra
la fuga e la tradizione: viaggiare per restare, cercare le storie per
poi portarle dentro a quello che già siamo, raccogliere i segni del
passato per raccontarlo o inventarlo, plasmare la materia per renderla preziosa.
Elisa Casseri
“Goldsmithing skipped a generation in my family – my mother
doesn’t do it and my grandfather didn’t have time to teach me.
It had to take the long way round to get to me”. Fanny tries to
depict the world as she sees it through her painting, photography
and writing, and thanks to her jewellery, gems, cuts, folds, fusions
and her first collection, Chi ha rubato l’argenteria? she has found
a way to express the poetic core of all her works: the layering of
stories and the rewriting of life upon a life which has already been.
“I wanted to experiment but I didn’t have any raw materials, so
my mother gave me some coasters, bowls and silverware that
no one would buy, and I transformed them while trying to retain
their history”.
Even in her more recent collections (including Dal mare, Rock Vittoriano and Petali), Fanny’s work remains based on the contrast
between escape and tradition: travelling to remain in the same
place, finding stories to then draw them inside what we already
are, and collecting the traces of the past in order to describe it to
others or to invent it – moulding matter to give it value.
Lazio Creativo / Moda / 29
Sensum Lab
www.sensumlab.com
Il progetto di tre giovani donne vincitore
nel 2015 come migliore idea innovatrice
nell’imprenditoria femminile.
The project of three young women which
in 2015 took the prize for most innovative
idea in female entrepreneurship.
Tutto nasce dall’armonia. E dal ritmo. Eppure Simona Berardi,
Carla Armillei e Alice Camandona non sono delle musiciste, ma
tre creative che si occupano di moda con l’intento di riportarla al
significato originario di proprio tempo, propria melodia. In fondo,
propria personalità.
Everything starts with harmony. And rhythm. Simona Berardi,
Carla Armillei and Alice Camandona are not musicians, but three
creatives working in fashion with the aim of returning it to the
original significance of its own rhythm, its own melody and its
own personality.
Sensum Lab non è solo una sartoria, ma anche un laboratorio di
serigrafia e fotografia. Soprattutto un luogo di discorsi condivisi:
sinfonie di competenze diverse orchestrate poi in un percorso comune. Sensum, infatti, è un punto d’incontro per creativi nei campi
di grafica e illustrazione, stampa e serigrafia, fotografia e video,
sartoria, che hanno bisogno di un focus per i loro progetti e vogliono trovare una sintesi tra pensiero e azione. Già perché l’anima del
laboratorio è l’artigianato, il fatto a mano. Chi viene qui con un’idea, la può realizzare. Chi viene qui, trova una miniera di empatia.
“Sensum accoglie gli altri per condividere nuove visioni… tutto è
interessante! È la legge della relatività” dice Simona che ha una
formazione scientifica.
Sensum Lab is not simply a dressmaker’s - it’s a screen printing
and photography workshop too. Above all, it’s a place of shared
discourse: symphonies of diverse skills orchestrated into a common direction. Sensum is, in fact, a meeting point for graphic
designers and illustrators and printing, screen printing, photography, video and dressmaking creatives who need a focus for their
projects and seek a synthesis of thought and action, because the
soul of the workshop is handicrafts and the handmade. Anyone
coming here with an idea can realise it. Anyone coming here finds
a fountain of empathy. “Sensum welcomes others to share new
visions... everything’s interesting! It’s the law of relativity,” says
Simona, who comes from a scientific background.
Ed è così, per esempio, che l’artista Gianluca Concialdi ha trovato
qui il modo per stampare e poi esporre alla Fondazione Cerere 270
metri quadrati di spugna Spandex. Ed è sempre sulla base della
connessione che Simona (coordinatrice), Carla (esperta di serigrafia) e Alice (fotografa) hanno dato vita a 77 denari, il loro progetto
più importante: una linea di collant serigrafati, “collant gioiello”,
che hanno sfilato in Campidoglio e nell’ultima collezione avevano
come tema le fasi lunari. L’empatia e la voracità. L’ispirazione che
arriva dalla musica, dalla fisica, dalla medicina cinese, dalla natura; ma anche da un bel piatto di pasta all’osteria Bonelli, il ristorante preferito di sempre. L’entusiasmo onnivoro si condisce però
di un continuo inno alla pazienza. La saggezza dei giovani talenti.
Come diceva un grande intellettuale: “il progresso non consiste
nel rafforzare le parentesi ma nel moltiplicare i tratti d’unione”. Ed
è quello che fa Sensum.
Artist Gianluca Concialdi, for example, found a way to print and
show 270 square meters of Spandex sponge at the Fondazione
Cerere. And it’s on the basis of these connections that Simona
(coordinator), Carla (expert in screen printing) and Alice (photographer) have created their biggest project, 77 Denari: a line of
silk-screened “jewellery tights”, which have appeared on the catwalk in the Campidoglio, the most recent collection being based
on the phases of the moon. Empathy and voracity. Inspiration from
music, from physics, from Chinese medicine and from nature, as
well as from a nice plate of pasta at the Osteria Bonelli, their
favourite restaurant. Their omnivorous enthusiasm is seasoned,
though, by a relentless patience. The wisdom of young talents. In
the words of a great man, “Progress does not consist so much in
emphasizing parentheses as in multiplying hyphens.” And that’s
what makes Sensum.
Gaia Manzini
photo:
Alice Camandona
Carla Armillei
Simona Berardi
Alice Camandona
Lazio Creativo / Moda / 31
White*
www.whitetshirt.it
Dalla t-shirt bianca al total look: è il percorso
di questo brand nato dall’incontro tra un
designer e una social e commercial manager.
From white t-shirt to total look: the story
of a brand born from the meeting of designer
and a social and business manager.
Lo studio di Gianmario Stuppello a Latina è un parallelepipedo, un
solido minimale all’interno del quale lui e Ylenia Solito gestiscono
l’intera filiera del marchio White*: dall’idea alla sua realizzazione,
dalle scelte di comunicazione alle logiche di commercio.
Gianmario Stuppello’s office in Latina is a parallelepiped with a
minimalist interior from which he and Ylenia Solito manage the
entire supply chain of the White* brand: from idea to realization,
and from communication approach to business.
Gianmario ha formato dei triangoli con le braccia sui fianchi, quando mi ha visto arrivare in mezzo al vento, e mi ha detto: “Oggi c’è
un tempo perfetto per il surf”; da quella frase, siamo andati avanti
geometricamente nei nostri discorsi sul mare, sulla moda e sul
senso di esprimersi e ne è venuto fuori un racconto – su tutto
quello che è stato, su come è nata e cresciuta la White* – che si
è propagato come un’onda perfetta.
Hands on hips, Gianmario’s arms form triangles as he watches
me struggling my way though the wind towards him. “Perfect
weather for surfing today,” he says, and from those words we
move ahead geometrically into a discussion of the sea, fashion
and the meaning of self-expression, out of which unfolds the story
of everything that has happened and about how White* came to
be that opens up like a perfect wave.
Gianmario faceva il fotografo e il grafico quando ha incontrato
Ylenia, nel 2009, ed aveva appena realizzato una serie di ritratti
di Barbie: la perturbazione che ha messo in moto il progetto è
stata l’idea di stampare quelle foto su delle T-Shirt bianche. “Una
maglietta semplice, con la classica forma a T, è come una tela
artistica sulla quale poter rappresentare la propria idea di mondo”
mi ha spiegato Gianmario. All’inizio, infatti, la White* – il nome
del marchio viene proprio da questa storia – si occupava solo di
T-Shirt, sulle quali venivano impresse stampe e illustrazioni elementari, di un pop minimale e geometrico, che delle volte venivano pescate da Gianmario nei cassetti dei suoi disegni di bambino;
oggi, invece, il marchio, presente in più di 200 negozi in tutta Italia,
con una produzione di 10.000 capi ogni 6 mesi e la vendita all’estero, garantisce il suo stile su un total look per uomo e per donna,
più accessori. Gianmario, che nel 2014 è stato premiato dalla sua
città come stilista emergente, e Ylenia, che garantisce una visibilità e un commercio davvero importanti del marchio, lavorano con
grande impegno su questo prodotto made in Italy che rielabora,
inventa e ricerca con originalità, creando un’immagine e un immaginario che caratterizzano chiunque lo indossi.
When he met Ylenia in 2009, Gianmario was a photographer and
graphic designer and had just completed a series of portraits of
Barbie: the idea which set the project in motion was that of printing the photos on white T-Shirts. “A simple T-shirt with the classic
shape, is like a canvas you can paint your idea of the world on”,
says Gianmario. Initially, in fact, White* – which took its name
from this story – only dealt in T-shirts printed with simple, minimal
pop and geometric prints, which Gianmario often found among
his drawerful of childhood drawings; Today, the brand – present
in over 200 stores throughout Italy, producing over 10,000 pieces
every 6 months and selling abroad – is a guarantee of a total look
for men and women, and offers accessories to boot. Gianmario,
who was honoured by his city in 2014 as an emerging designer,
and Ylenia, who ensures the brand vital visibility and busines, are
hard at work on this made in Italy product which develops, creates
and experiments with originality, realising an image and a style
that characterises whoever wears it.
Elisa Casseri
Gianmario Stuppello
IO/
ARCHITETTURA E DESIGN
Lazio Creativo / Architettura e design / 35
Status Pro
Status Pro
Attraversiamo un passaggio tra epoche, e la generazione rappresentata in questo lavoro ne testimonia alcuni aspetti caratteristici.
Ogni ambito creativo vede la ridefinizione continua dei propri confini operativi e teorici, dove la contaminazione è diventata prassi e
la capacità dei mezzi tecnologici a disposizione supera spesso la
loro effettiva usabilità. In questo contesto, così aperto all’indagine
e all’innovazione concettuale e operativa, l’architettura e il design
adottano nuove procedure per adattarsi, e in qualche caso anticipare, i nuovi indirizzi del mercato.
We are in a period of transition between eras, and the generation
represented herein displays several unique characteristics. Each
creative sphere sees the ongoing redefinition of its operational
and theoretical boundaries, where cross-fertilisation has become
the norm and the capabilities of the technology available often exceed their real practicability. In this context, so open to conceptual and operational experiment and investigation, architecture and
design adopt new procedures in order to adapt to, and in some
cases anticipate, the new trends of the market.
L’immagine del professionista chino sul suo tavolo da disegno, immerso in speculazioni solitarie, ha lasciato il campo a una forma
aperta di scambio creativo basato sui flussi della comunicazione
digitale. La torre d’avorio è stata ristrutturata in torre di Babele,
contenitore molteplice di linguaggi e conoscenza. In questo nuovo
paradigma, chiamato da Manuel Castells l’Età dell’Informazione, le
nuove generazioni uscite in tempo di crisi economica dalle Facoltà e
dagli Istituti di design, provano ad aprire nuove strade alla professione, sperimentando sul nostro territorio quanto spesso appreso da
esperienze estere o scambiato dai network culturali internazionali.
The image of a professional hunched over a drawing board and
immersed in solitary speculation has given way to a form of creative exchange based on the flows of digital communication. The
ivory tower has been rebuilt as a tower of Babel, containing a multiplicity of languages and skills. In this new paradigm, which Manuel Castells called the Information Age, the younger generation
who left the faculties and institutes of design in times of recession
attempt to open up new directions for the profession, experimenting in our local territory as often as they learn from experiences
abroad or exchanges with the networks of international culture.
Nell’indagare il territorio laziale, ho quindi cercato di rappresentare
una pluralità di vedute, di valorizzare quelle esperienze indirizzate
verso l’esplorazione e il superamento dei limiti posti dalla realtà
accademica, professionale e produttiva. Ma innanzi tutto divulgare un modus operandi che interpreti il fare e il pensare architettura
e design come un’esperienza costruita collettivamente, e costruttivamente destinata alla collettività. Perché, in un’epoca dalle
grandi potenzialità ma dagli altrettanto fragili equilibri, ogni azione,
ogni scelta, è necessariamente da ricondurre alle sue conseguenze planetarie, sociali e ambientali. Solo così, riscoprendo l’intrinseco carattere politico che il valore trasformativo della creatività
possiede, potremo, attraverso il “progetto”, di nuovo partecipare
alla realizzazione di una nuova idea di mondo.
In investigating the Lazio region, I have therefore attempted to
represent a plurality of perspectives and to promote those experiences directed towards experimentation and to overcoming the
limits imposed by academic, professional and productive reality.
But above all, I have attempted to promote a modus operandi
which views seeing and creating architecture and design as a collectively-constructed experience addressed constructively to the
community. Because in a time of great potential but of equally
fragile equilibrium, every action, every choice, must necessarily
be examined from the point of view of its planetary, social and
environmental consequences. Only in this way, by rediscovering
the inherently political character that the transformative value of
creativity possesses, can we once again participate, through the
“project”, in the realisation of a new idea of the world.
Davide Paterna
Architetto, si forma alla Sapienza di Roma dove consegue il dottorato di ricerca in Teorie dell’Architettura. Prima di fondare Piano
B Architetti Associati nel 2010, lavora come progettista a Roma,
Parigi e Madrid. È presidente dell’associazione Open City Roma e
direttore di Open House Roma. Dalla progettazione, alla ricerca, alla
divulgazione, il suo interesse si rivolge allo studio e al racconto della
città quale impronta e forma decisiva per lo sviluppo del pensiero.
An architect with a PhD from the Sapienza University who, before
founding Piano B Architetti Associati in 2010, worked in Rome,
Paris and Madrid. He is president of the association Open City
Roma and director of Open House Roma. From design to research
and promotion, his work looks to the study and narration of the
city as a decisive form and imprint in the development of thought.
Lazio Creativo / Architettura e design / 37
Antonio Di Vito
www.yodaastudio.com
Architetto, co-fondatore dello studio YO.DAA.
Dopo un’esperienza internazionale ha scelto
di tornare a Fondi.
After working abroad, architect Antonio
di Vito chose to return to Fondi and is
the co-founder of YO.DAA Studio.
Nello studio di Antonio Di Vito, sulla terrazza del plastico di un
edificio c’è il maestro Yoda, che brandisce la sua spada laser per
impedire agli architetti di passare al Lato Oscuro della Forza. Quando ho chiesto il perché del nome dello studio, Antonio non ha fatto
altro che prendere il plastico e mostrarmelo: YO.DAA rappresenta
un percorso, un’idea, la planimetria di un modo di essere.
On the terrace of a model building in Antonio Di Vito’s office is
Yoda, brandishing his lightsabre to prevent the architects being
tempted by the Dark Side of the Force. When I ask about the
name, Antonio simply picks up the model: YO.DAA is a path, a
concept, the plan of a way of being.
Antonio, infatti, per raccontarmi di sé, mi ha fatto attraversare
il tempo urbanizzato della sua vita, mostrandomi le strade, i panorami e gli edifici che l’hanno portato a comprendere che è il
territorio dove è nato quello che lui vuole trattare, che se esiste
un punto dal quale ogni persona deve iniziare a usare la forza, il
suo è Fondi. “Io me ne sono dovuto andare per capire che volevo
tornare”, mi ha detto, quando mi ha parlato dei suoi anni di studio
e lavoro in Spagna, tra Murcia e Valencia, master e progetti –
presso 3YYO/0.102 Arquitectos e Incotec Consultores – è tornato
a Roma nel 2009, ha terminato la Laurea Magistrale in Architettura e, dopo due settimane, è partito per la Cina e ha lavorato nella
sede di Xi’An dello studio italo-cinese DAMU, partecipando in
poco tempo a molti progetti, uno dei quali, il Chan-Ba International
Exchange Centre, progettato e realizzato in soli 4 mesi.
Ci è voluto il 2012 per tornare: dopo l’abilitazione all’esercizio della
professione, Antonio si è riavvicinato ai suoi luoghi, prima nello
Studio Stamegna a Itri e poi con la fondazione del gruppo YO.DAA
a Fondi, dove cerca, con Simone Simonelli e Gianmarco Parisi, di
modernizzare la figura dell’architetto, rendendola più vicina al suo
immaginario. Il motto del movimento moderno diceva che l’architetto si occupa di tutto “dal cucchiaio alla città” ed è questa l’idea
di creatività estesa che offre YO.DAA: architettura e comunicazione, creazione di un brand, loghi, innovazione, eventi, armonia
e funzionalità. Ma soprattutto: credere nella condivisione della
bellezza, lavorare insieme alla sua realizzazione.
Elisa Casseri
In fact, in order to tell me about himself, Antonio takes me for a
stroll through the urbanised history of his life, showing me the
streets, landscapes and buildings which made him understand
that he wanted to work with the place where he was born, and
that if each person has somewhere where he or she must begin to
use the force, his is Fondi. Of his years of study and work, Murcia,
Valencia, masters’ and projects at 3YYO/0.102 Arquitectos and
Incotec Consultores, he says, “I had to leave to understand that
I wanted to come back”. He returned to Rome in 2009, finished
his Laurea Magistrale in Architettura, and two weeks later left for
China to work in the Xi’An headquarters of Italian-Chinese practice DAMU, participating in a range of projects, one of which, the
Chan-Ba International Exchange Centre, was designed and built in
just four months.
It took him until 2012 to come home: after receiving his licence
to practice, Antonio was drawn back to his origins, first in the
Studio Stamegna in Itri and then founding YO.DAA in Fondi,
where, together with Simone and Gianmarco, he is attempting to
modernise the role of the architect and bring it closer to his own
idea of what it should be. The motto of the modern architecture
movement stated that the architect deals with everything, “from
the spoon to the town,” and it is this idea of extended creativity
that YO.DAA offers: architecture and communication, creating a
brand, logos, innovation, events, harmony and functionality. But
above all, a belief in sharing beauty and working together for its
realisation.
Lazio Creativo / Architettura e design / 39
Dario Donato
www.spatialconnections.eu
Ingegnere trentaquattrenne, fondatore della
azienda di progettazione Spatialconnection(s),
con sede a Viterbo e Jeddah.
A thirty-four-year-old engineer, founder
of design company Spatialconnection(s),
with offices in Viterbo and Jeddah.
L’architettura può essere tante cose: un’idea di spazio, una visione
del mondo, un punto d’equilibro tra funzionalità e bellezza. Può anche essere una forma di resistenza contro la forza della natura. O
un “miscuglio di nostalgia e di anticipazione estrema”, come diceva Jean Baudrillard. Per Dario Donato, ingegnere trentaquattrenne
che si è formato negli studi di Massimiliano Fuksas ed Erick van
Egeraat, titolare di un’azienda dislocata tra Viterbo e l’Arabia Saudita, è soprattutto un’arte. Anzi, la maggiore delle arti figurative.
Architecture can be many things: a way of looking at space, a
vision of the world or a point of equilibrium between functionality
and beauty. It can also be a form of resistance against the power
of nature, or, as Jean Baudrillard put it, a “mixture of nostalgia
and extreme anticipation”. For Dario Donato, a thirty-four-yearold engineer who trained with Massimiliano Fuksas and Erick van
Egeraat and is the owner of a company with offices in Viterbo and
Saudi Arabia, it is primarily an art. Indeed, the greatest of all the
visual arts.
Perché progettare, per lui, non significa soltanto disegnare edifici
allo scopo di costruirli. Progettare è far passare l’immaginazione
attraverso un insieme di vincoli e di calcoli matematici, farla cioè
sviluppare da un processo in cui le condizioni ambientali, le risorse
economiche, la fattibilità tecnologica, interferiscono e determinano la resa estetica di ciò che si vuole realizzare. È forse per questo
che l’arte più vicina all’architettura è secondo lui la fotografia di
moda, l’altra sua grande passione, e cioè quel tipo di fotografia
dove tutto è prestabilito e artefatto, e dove le emozioni non scaturiscono da un dettaglio di vita colto a caso, ma dal rigore geometrico di un set di posa.
Lo si vede chiaramente in alcuni suoi progetti: il masterplan della
Nova Cityvillage di Jeddah, ad esempio, o il Gourmet complex di
Molewa, o ancora il padiglione del Südtirol per Expo 2015. In tutti
è evidente come l’armonia delle forme sia imprescindibile dal contesto in cui sono modellate, anche quando quell’armonia, come
nel caso del Perfect Dream Hotel, sempre a Jeddah, nasce da un
contrasto tra bianco e nero, luce e ombra, trasparenza e opacità.
È questo il cuore della visione di Dario: la capacità di coniugare
bellezza ed emozioni con la freddezza matematica del calcolo – la
creatività matematica, come la chiama lui. L’estetica non è questione d’ispirazione, insomma, ma di esattezza, proprio come in
una fotografia di Helmut Newton o di Herb Ritts.
Giorgio Nisini
For him, this means designing buildings not just in order to build
them. Designing them means forcing your imagination through
a series of constraints and mathematical calculations, making it
develop via a process in which environmental conditions, financial
resources and technological feasibility affect and determine the final aesthetic of what you are trying to accomplish. It is perhaps for
this reason that he feels the closest art to architecture is his other great passion, fashion photography – the kind of photography
where everything is planned and assembled, and whose power
doesn’t derive from a detail of life caught by chance but from the
geometric rigour of a set of poses.
All this is clearly visible in his projects: the master plan for the
Nova Cityvillage in Jeddah, for example, or the Gourmet complex
in Molewa, or the Südtirol pavilion for the 2015 Expo. In all of
them it’s evident how the harmony of form is inseparable from the
context around them, even when that harmony comes from the
contrast between black and white, light and shadow, and transparency and opacity, as in the case of Perfect Dream Hotel, also
in Jeddah. This is the core of Dario’s vision: the ability to combine
beauty and emotion with the coldness of mathematical calculation – mathematical creativity, as he calls it. Aesthetics are not
a question of inspiration, you see, but of accuracy, just like in a
photograph by Helmut Newton or Herb Ritts.
Lazio Creativo / Architettura e design / 41
Saverio Massaro
www.saveriomassaro.wordpress.com
Giovane architetto, project manager per alcuni
progetti di Urban Experience, è ambasciatore
in Italia dell’European Youth Award.
A young architect who project-manages
initiatives for Urban Experience and is an
Italian European Youth Award ambassador.
Gli studi universitari, gli anni del dottorato in architettura dedicati
alla città contemporanea, l’interesse verso gli scarti urbani e il riutilizzo di spazi dismessi si sono trasformati col tempo in una vera
attività, grazie anche al desiderio di trasmettere le sue passioni ai
cittadini di Roma. Saverio Massaro, pugliese di Altamura, è arrivato nella capitale per frequentare la facoltà di Architettura a La
Sapienza. A parte la permanenza a Roma e l’Erasmus in Germania
nel 2010, i legami con la Puglia sono sempre rimasti profondi e
tutt’ora è diviso tra i due luoghi: un’idea può venire a Roma e concretizzarsi ad Altamura.
Over time, he has transformed his graduate studies, the years
spent getting his PhD in the architecture of the contemporary
city and his interest in urban waste and the reuse of abandoned
spaces into a genuine business, thanks in part to a desire to pass
on his passion to the citizens of Rome. Massaro Saverio, from
the Apulian town of Altamura, arrived in the capital to attend the
Architecture faculty of La Sapienza University, but despite his time
in Rome and the Erasmus in Germany in 2010, his ties with Puglia
have remained strong, and he is still split between the two places:
an idea can be born in the capital and take shape in Altamura.
Dal 2012 fa parte di Urban Experience: un’associazione di promozione sociale non profit. L’associazione è nata in campo teatrale
– il presidente Carlo Infante era critico teatrale oltre che esperto
di media – ma da subito ne hanno fatto parte anche architetti e
persone legate alle tecnologie digitali. Urban Experience mette in
campo in città alcune pratiche ludiche che coinvolgono i cittadini. Iniziative tipiche sono “passeggiate” e “happening”. Si tratta
di far partecipare gruppi di cittadini lungo itinerari per quartieri.
Grazie all’uso di radioline e del web, insieme a storici dell’arte o
architetti, l’esperienza urbana viene potenziata. Le passeggiate
che organizzano sono “il contrario delle visite guidate”. Rispetto al
tipico gregge si vive l’esperienza dello sciame. Ci si può distrarre,
scattare foto e twittare (i contenuti che aumentano l’esperienza
del camminare arrivano proprio dal web).
Since 2012, he has been part of Urban Experience, an association
promoting social issue-based nonprofit initiatives. The association
was founded in the theatre world – its president Carlo Infante was
in fact a theatre critic as well as an expert in media – but it now
also includes architects and people connected to digital technology. In some cities, Urban Experience puts on playful initiatives to
engage the citizens, typical examples being “walks” and “happenings”. These aim to involve groups of citizens along routes leading
through local neighbourhoods. With the help of radios and the web
and the assistance of art historians and architects, urban experience is intensified and the walks become “the opposite of guided
tours”, where, as opposed to behaving like a herd, participants are
a swarm, free to wander off, take pictures and tweet away (the
web providing the content which enhances the experience).
Saverio è il project manager di Urban Experience in progetti come
Teatri della memoria o Roma vista dai ciechi. Altre attività sono
giornate di brainstorming a cui partecipano cittadini, disegnatori e
facilitatori visuali, che trascrivono in mappe concettuali ciò di cui si
parla. Dell’esperienza universitaria resta viva l’attenzione verso gli
spazi non utilizzati nel centro storico. L’eterno vagare di Urban Experience riguarda anche le loro riunioni: “Niente sede, siamo nomadi”.
Saverio is the project manager of Urban Experience for projects
like Theatres of memory or Rome Seen by the Blind. Other initiatives include days of brainstorming involving locals, designers and
visual facilitators, who transcribe the results into concept maps.
His interest in the unused space in the historic centre persists
from his time at university. And even Urban Experience’s meetings
follow the logic of their eternal wanderings: “No office – we’re
nomads”.
Francesco Longo
Lazio Creativo / Architettura e design / 43
Arianna Nobile
www.benvenutiacorte.it
Giovane architetta particolarmente attenta
alla sostenibilità ambientale, al lavoro
di gruppo, all’interazione fra le arti.
A young architect who pays particular
attention to environmental sustainability,
teamwork and interaction between the arts.
Arianna Nobile, romana, nata nel 1980, si è laureata in Architettura e formata allo studio King Roselli. Il suo sguardo creativo sul
mondo le ha permesso di esplorare e sperimentare anche mondi
altri rispetto all’architettura e di portare avanti diversi progetti importanti. Importanti anche perché condivisi, condivise le idee e
le esperienze. Assieme ai compagni di facoltà Daniele Marcotulli,
Gabriel Nariño e a Giorgio Marchese, conosciuto in Erasmus, ha
fondato km0architetti: uno gruppo di lavoro particolarmente attento alla sostenibilità e all’ambiente, all’integrazione dei progetti nel
contesto in cui si inseriscono.
Arianna Nobile was born in Rome in 1980, and after graduating in
architecture worked at King Roselli architects. Her creative view
of the world has allowed her to explore and experiment in fields
other than architecture and to carry out important projects. Important because they involve shared ideas and experiences. Together
with fellow faculty members Daniele Marcotulli, Gabriel Nariño
and Giorgio Marchese, whom she met on an Erasmus, she founded km0architetti, a working group which pays particular attention
to sustainability, the environment and the integration of projects
in their surroundings.
Nel 2013 con gli stessi compagni ha creato Corte: uno spazio di
coworking, in cui non soltanto si condividono la stanza, i tavoli, gli
scaffali e i computer, ma si lavora assieme, assieme si crea e si
realizza. Assieme anche ad altre figure professionali: grafici e altri
architetti, antropologi ed esperti di comunicazione. I suoi componenti, o l’unità che creano, si muovono infatti tra i regni confinanti
dell’architettura, del design, della comunicazione, delle arti visive
e dei servizi culturali. Hanno dai 33 ai 40 anni, sono romani, siciliani, Gabriel è colombiano. La loro forza è la trasversalità, che è una
cosa faticosa, racconta Arianna, ma che dà grandi soddisfazioni.
Realizzano progetti integrati, che curano in ogni aspetto. Come
VERO Food: catena di ristoranti per la quale Corte ha seguito ogni
dettaglio: il marchio, la strategia, la comunicazione, l’architettura,
l’’rredamento.
In 2013, with the same companions, she created Corte, a co-working space where you share not only the room, tables, shelves and
computers, but also work and create together. Together with
other professionals too: graphic designers and other architects,
anthropologists and communication experts. Its members, or the
unit that they make up, move between the neighbouring realms
of architecture, design, communication, visual arts and cultural
services. They are all between 33 and 40 and are Roman, Sicilian
and, in Gabriel’s case, Colombian. Their strength is their transversal nature, which, Arianna says, can be hard work but extremely
satisfying, and they deal with all aspects of integrated projects.
Like VERO Food, the restaurant chain for which Corte has handled
every detail, from branding to strategy, communication, architecture and furniture.
In piazza Dante, dietro piazza Vittorio, Corte è uno spazio curato
e accogliente che spesso si apre al pubblico in occasione di mostre o altri eventi. Il progetto più bello che ha realizzato con Corte,
racconta Arianna, è stato vincere Yap Maxxi 2015: il programma
di promozione e sostegno alla giovane architettura, nato al Moma
di New York e poi arrivato al Constructo di Santiago del Cile, all’Istanbul Modern e al National Museum of modern and contemporary art di Seoul.
Situated in Piazza Dante, behind Piazza Vittorio, Corte is a welcoming space which, when hosting exhibitions or other events, is
often open to the public. Its biggest success so far, according to
Arianna, was winning the Yap Maxxi 2015, the program of promotion and support for young architecture created by the MoMA in
New York before arriving at the Constructo in Santiago del Chile,
the Istanbul Modern and the Seoul National Museum of Modern
and Contemporary Art.
Paola Soriga
photo:
Vincenzo Labbellarte
Lazio Creativo / Architettura e design / 45
Orizzontale
www.orizzontale.org
Un collettivo che studia soluzioni
per lo spazio pubblico. Tra i vari premi ha
vinto anche la quarta edizione di YAP MAXXI.
A collective which studies solutions for public
spaces and counts among its many prizes
the fourth edition of YAP MAXXI.
Il tempo di svolgere le prime iniziative, e intorno a due studenti
di architettura di Valle Giulia prende forma un gruppo. Il collettivo
Orizzontale è formato adesso da: Jacopo Ammendola, Juan Lopez
Cano, Giuseppe Grant, Margherita Manfra, Nasrin Mohiti Asli, Roberto Pantaleoni e Stefano Ragazzo. La loro sede è un uno studio
al quartiere Pigneto di Roma e lavorano sullo spazio pubblico.
No sooner had they finished their first projects than a group had
already formed around two students from the Valle Giulia architecture faculty. The Orizzontale collective is made up of Jacopo
Ammendola, Juan Lopez Cano, Giuseppe Grant, Margherita
Manfra, Nasrin Mohiti Asli, Roberto Pantaleoni and Stefano Ragazzo. Their home is an office in the Pigneto district and they work
with public space.
L’attività si concentra in azioni che modifichino per un breve periodo uno spazio pubblico urbano, di solito uno scarto. Nella fase di
sperimentazione gli esempi di gruppi simili erano pochi, quasi tutti
all’estero, e le loro azioni erano autofinanziate. Dopo le prime collaborazioni con associazioni di quartiere e centri sociali – legando
i progetti alle comunità delle zone – si allarga l’orizzonte. Il momento di svolta avviene con la partecipazione al Premio Federico
Maggia, con il loro Habitat del 2013, che prevede la riconversione
del Lanificio Maurizio Sella di Biella; l’anno dopo con il progetto
ZAC, la trasformazione a Cinisello Balsamo di Largo Milano, ex
parcheggio trasformato in un cantiere aperto; e poi tutto si compie con 8½, realizzato nel 2014 al MAXXI di Roma nel contesto
dello YAP – Young Architects Program 2014, un bando per giovani
architetti in collaborazione con il MOMA.
Il collettivo Orizzontale lavora sempre al confine tra attivismo, ricerca, e studio di architettura. Capita che siano colpiti in prima
persona dal disagio dei cittadini che vedendoli operare nel territorio li considerano parte delle istituzioni e quindi anche bersagli
di proteste. Più che fornire soluzioni architettoniche agli spazi che
trasformano, infatti, preferiscono creare le condizioni perché i cittadini si confrontino tra loro, mettendo in conto tutte le reazioni
possibili. Così, sono arrivati a lavorare contemporaneamente per
un museo di Roma e in un uno spazio abbandonato di un quartiere periferico, San Basilio. Nei workshop che organizzano sono già
pronti a trasmettere la loro eredità.
Francesco Longo
Jacopo Ammendola
Juan Lopez Cano
Giuseppe Grant
Margherita Manfra
Nasrin Mohiti Asli
Roberto Pantaleoni
Stefano Ragazzo
They focus on initiatives which, for a brief period, modify urban
public space, usually abandoned. While they were in the testing
phase, few examples of similar groups existed, and those that did
were mostly self-financing and in other countries. After the first
partnerships with neighbourhood associations and community
centres – creating links between the project and local communities – they started looking farther afield. The turning point was
their participation in the 2013 Federico Maggia Prize, with Habitat,
which involved the conversion of the Maurizio Sella Biella wool
mill. A year later there was the ZAC - the transformation of Largo
Milano in Cinisello Balsamo, a former car park turned into a building site. And in 2014, everything came to a head with 8½, built
in the MAXXI in Rome for the YAP - Young Architects Program, a
competition for young architects in collaboration with the MoMA.
Orizontale works on the borderline between activism, research
and the study of architecture. Sometimes they experience first
hand the irritation of citizens who, seeing them at work, take them
for representatives of the institutions and targets for protest. And
in fact, rather than providing solutions to transform architectural spaces, they prefer to create conditions that allow citizens to
communicate, taking all possible reactions into account. In this
way, they have ended up working both for a museum in Rome
and in an abandoned space in the suburban San Basilio district.
And in the workshops that they organise, they are ready to pass
on their legacy.
Lazio Creativo / Architettura e design / 47
NoolLab
www.noollab.it
Laboratorio di cui fanno parte quattro giovani
designer, offre progetti di comunicazione
visiva applicata a prodotti ed eventi.
A workshop which includes four young
designers and offers visual communication
projects for products and events.
NoolLab è un laboratorio creativo che nasce dall’incontro di quattro designer accomunati da una stessa idea di progetto, da uno
stesso approccio trasversale al proprio lavoro. NoolLab spazia da
progetti di comunicazione visiva a prodotti, da eventi a servizi, fino
ad arrivare a progetti di sistemi più complessi. Il filo conduttore è
quello di lavorare su qualcosa che coinvolga e stimoli il pensiero
di chi guarda o ascolta.
NoolLab is a creative workshop that was created by four designers
united by a common idea of what a project should be and by the
same transversal approach to their work. NoolLab does everything
from visual communication projects to products, events and services, even tackling more complex system planning. The underlying theme is that of developing something which involves and
stimulates the thinking of those who see or hear it.
Un approccio al design inteso come un sistema aperto, come una
ricerca e uno scambio continuo, che si apre anche al confronto
con laboratori di altre discipline fino ad una messa in rete costante
con la comunità di riferimento. Ne fanno parte Zoe Balmas, Anna
Lombardi, Giulia Del Bosco e Fabio Pulsinelli: sono tutti romani,
laureati all’Isia Roma Design, si sono specializzati, magari all’estero, come Fabio, che ha fatto un master alla Design Academy
di Eindhoven. Qualche anno fa, assieme anche a Paolo Buonaiuto,
hanno realizzato una sessione di Open House (www.openhouseroma.org; un evento annuale che durante un fine settimana permette l’apertura gratuita di centinaia di edifici di Roma, sia storici
che moderni o contemporanei).
A approach to design as an open system, with constant experimentation and dialogue which extends even to workshops in
other disciplines and ongoing networking with the community. It
is made up of Zoe Balmas, Anna Lombardi, Giulia Del Bosco and
Fabio Pulsinelli: all Romans, all graduates of ISIA Roma Design,
and all with post-graduate specialisations – sometimes (like Fabio,
who has a master’s degree from the Eindhoven Design Academy)
from abroad. A few years ago, together with Paolo Buonaiuto,
they managed a session of Open House (www.openhouseroma.
org, an annual weekend-long event where hundreds of buildings
in Rome, both historical and modern, are opened to the public).
Il loro progetto si chiama Felicemente in crisi: uno studio aperto al
pubblico, una proposta di design partecipato, un esperimento pubblico in cui si ripropone la città attraverso i sentimenti e le storie
delle persone. Il concetto è legato a quello del seggio elettorale,
spazio pubblico per eccellenza: le persone danno un voto ai luoghi
della città, voto espresso con i sentimenti e associato a un posto e
a una storia. I ragazzi di NoolLab hanno costruito così una specie di
archivio, con oltre 1500 schede raccolte, partendo dalla Garbatella
e diffondendosi poi in altre parti della città. Fabio racconta di un
grande entusiasmo da parte degli abitanti dei quartieri, che hanno
voglia di raccontare i loro luoghi, e che si sono trovati davanti a
una situazione inaspettata, all’improvvisa possibilità di esprimersi.
Paola Soriga
Zoe Balmas
Giulia Del Bosco
Paola Bonaiuto
Fabio Pulsinelli
Their project is called Felicemente in crisi and is a studio open to
the public – a proposal for participatory design, a public experiment in which the city is experienced anew through the feelings
and stories of its inhabitants. The concept is linked to that of the
polling booth, the public space par excellence: people vote for
parts of the city, expressing their preference through their emotions and with a place and a story. The gang at NoolLab have built
up a kind of archive of more than 1,500 files, starting from the
Garbatella area and spreading to the other parts of the city. Fabio
speaks of the enthusiasm of the inhabitants of the various districts
who want to speak about their area and have unexpectedly been
given the opportunity to express themselves..
Lazio Creativo / Architettura e design / 49
Aldo Sollazzo
www.noumena.io
Tra Frosinone e Barcellona, pioniere di
multidisciplinarietà e sperimentazione digitale
modella l’edilizia del futuro.
Frosinone – Barcelona-based multidisciplinary
digital pioneers modelling
the buildings of the future.
“Out of making almost anything: la possibilità di poter fare quasi
tutto. Oggi la mia generazione ha la più grande opportunità di abbattere i confini tra le professioni, di cancellare le barriere tra una
disciplina e l’altra”.
“Out of making almost anything. Today, my generation has the
greatest opportunity to break down the boundaries between the
professions and remove the barriers between one discipline and
another”.
Aldo Sollazzo, architetto, esperto di design computazionale e fabbricazione digitale, è convinto che il ruolo dell’architetto del domani sia quello di sviluppare una strategia progettuale individuando
e facendo interagire dati diversi, dove i numeri sono potenziali
sviluppatori di creatività. Nel 2011, dall’esperienza internazionale
travasata sul territorio, con Matteo Di Sora fonda Noumena. Il riferimento a Platone è inevitabile: il noumeno, l’idea, l’oggetto del
pensiero. Che informa tutti i settori dello Studio: progettazione, ricerca, formazione. Con l’obiettivo/sfida di portare nel territorio eccellenze di background internazionale. Poi il traguardo successivo:
la robotica. Nasce N-E-RO, Networking of Environmental Robotics,
con i prototipi di droni impiegati per la mappatura e la zonizzazione
del territorio di Frosinone, mai realizzata prima, grazie alla raccolta
di dati in tempo reale. Per implementare il progetto, una smart city
del futuro, ottengono contatti, interesse, un team multidisciplinare
e finanziamenti dal Barcelona Regional, ente pubblico di pianificazione urbanistica della capitale europea dell’innovazione.
Aldo Sollazzo, architect and expert in computational design and
digital fabrication, is convinced that the future role of the architect
is that of developing a design strategy by identifying and creating
interaction between data, with numbers as the potential driving
force for creativity. In 2011, along with Matteo Di Sora, he channelled his international experience into the local area and founded
Noumena. The reference to Plato was inevitable – the noumenon,
the idea, the object of thought which informs all areas of study:
design, research and training. The goal and challenge was that of
bringing international excellence to the area. And then the next
step: robotics. N-E-RO, the Networking of Environmental Robotics,
with prototypes of drones used for the previously unrealised mapping and zoning of the Frosinone area via the collection of data in
real time. To implement their project for a smart city of the future
they have collected contacts and built up interest, a multidisciplinary team and funding from the Barcelona Regional, the public
urban planning office of the European capital of innovation.
La loro filosofia? Essere una comunità dove tutto è interconnesso
e si relaziona, dove la collaborazione e la condivisione rappresentano un’enorme potenzialità di crescita. Lo strumento? I FabLab,
laboratori di fabbricazione digitale, che collegano il territorio a
una rete internazionale, diffondono temi di ricerca ed esperienze, traducendole in attività progettuali e nuove startup. Il sogno
si realizza con Reshape, piattaforma digitale che si fa community
e connette designer, maker e mercato. Tra Platone e Aristotele,
Noumena è un continuo divenire, un progressivo passaggio dalla
potenza all’atto. Oltre i confini.
Their philosophy? To be a community where everything is interconnected and relates to everything else, where collaboration
and sharing represent a huge potential for growth. Their tool?
The FabLabs, digital fabrication laboratories which link the territory to an international network, sharing research and experience
and translating them into new projects and startups. Their dream
comes to fruition with Reshape, a digital platform which creates a
community and connects designers, makers and market. Inspired
by Plato and Aristotle, Noumena continues to evolve in a gradual
transition from potential to action. Beyond borders.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
Lazio Creativo / Architettura e design / 51
Vanessa Todaro
www.cityvisionweb.com
Architetta, lavora tra la progettazione reale
e quella visionaria. Ha creato Cityvision,
rivista di architettura contemporanea.
An architect working in real and visionary
design. Creator of Cityvision, a magazine
of contemporary architecture.
Vanessa Todaro, architetta, è arrivata a Roma dalla Calabria per
fare l’Università. Si è laureata alla Sapienza e poi ha lavorato per
due anni allo studio di Massimiliano Fuksas. Qui ha conosciuto
Francesco Lipari, siciliano, nato nel 1980, laureato in Architettura
a Roma Tre. Dopo aver studiato e lavorato per qualche anno a
Edimburgo, Vanessa è tornata a Roma e ha incontrato, per caso,
Francesco, che nel mentre aveva vissuto a Shanghai. Assieme
hanno creato Ofl studio, che si occupa principalmente di architettura di interni. Hanno vinto alcuni bandi internazionali, come quello
per la realizzazione di una barriera del suono in un’autostrada di
Hong Kong. La chiave è stata la particolarità del sistema tecnologico che avevano progettato, che consiste in una serie di asticelle
che si muovono al passaggio delle macchine producendo energia
elettrica. Un sistema chiamato riccio, che si autosostiene, compresi i pannelli solari della barriera.
Vanessa Todaro arrived in Rome from Calabria to attend La Sapienza university. When she graduated, she worked for two years
in Massimiliano Fuksas’s architecture practice, where she met
Francesco Lipari, born in Sicily in 1980, who had graduated in
Architecture at Roma Tre university. After studying and working
for several years in Edinburgh, Vanessa returned to Rome and
bumped into Francesco again, who in the meantime had been
living in Shanghai for a while. Together they created Ofl studio,
which focuses on interior architecture. They managed to win
some international competitions, like the one for the construction
of a sound barrier for a Hong Kong motorway. The key was the
system which they had designed and which consists of a series of
rods which, thanks to the movement of the passing cars, produce
electricity. A system called riccio, or hedgehog, which is self-sustaining, including its solar panels.
Poco tempo dopo hanno dato vita a Cityvision: una piattaforma per
il lancio di concorsi internazionali di architettura. Hanno lanciato
loro stessi un bando, chiedendo agli architetti di immaginare come
sarà Roma nel 2099. Lavorano quindi sull’utopia, sulla speranza.
Alla fine di quest’esperienza hanno pubblicato il primo numero
di Cityvision mettendo le basi affinché potesse diventare una
vera e propria rivista di architettura contemporanea free press:
hanno iniziato a trovare degli sponsor, hanno allestito la mostra
dei progetti sul futuro della città alla Casa dell’Architettura. Con
il passare del tempo Vanessa e Francesco sono diventati quindi
anche editori, fanno i grafici, l’ufficio stampa, gli autori: la rivista
è cresciuta, ospitando scritti di architetti contemporanei di fama
internazionale.
Shortly afterwards, they gave birth to Cityvision: a platform for the
launch of international architecture competitions. They launched
one themselves, asking architects to imagine Rome would be like
in 2099. Their aims, as you can tell, are utopian. And the end of
this experience, they published the first issue of Cityvision, laying
the foundations for it to become a real free press magazine of
contemporary architecture: they started looking for sponsors and
organized the exhibition of the projects for the future of the city
in the Casa dell’Architettura. Over time, Vanessa and Francesco
have become publishers, graphic designers, a press office and
authors, and the magazine has grown, hosting articles by contemporary architects of international renown.
Sognano, racconta Vanessa, di potersi spostare dall’interior design alla realizzazione di un’architettura grande, e di far entrare
Cityvision nel mondo editoriale, con una distribuzione nazionale e
internazionale.
Paola Soriga
Their dream, says Vanessa, is to be able to move from interior design to the creation of large-scale architecture, and for Cityvision
to enter the world of national and international publishing.
Lazio Creativo / Architettura e design / 53
T SPOON
www.tspoon.org
Team di giovani architette vincitore del
concorso internazionale per la riqualificazione
del cavalcavia Bussa di Milano.
A team of young architects who won
the international competition for the
redevelopment of the Bussa overpass in Milan.
L’energia corre nei corridoi della facoltà di Architettura dell’Università di Roma Tre e accende un gruppo di studenti che lavora già
a progetti universitari. Presto il loro sguardo scavalca il perimetro
dell’accademia e da neolaureati sentono la necessità di dar vita a
uno studio di architettura.
The energy flowing through the corridors of the Faculty of Architecture of Roma Tre University galvanised a group of students
who were busy working on university projects, drawing their gaze
across the perimeter of the academy, and once they had graduated they soon felt the need to open an architectural practice.
Oggi T SPOON è composto da Nina Artioli, Alessandra Glorialanza
e Eliana Saracino. È attivo dal 2004, ma diventa un vero e proprio
studio di architettura nel 2011. Il primo riscontro importante del
loro lavoro arriva con l’ideazione di un social network per la riattivazione degli spazi pubblici abbandonati. Il social network si
chiama City Hound: mette in collegamento proprietari di spazi e
persone che cercano luoghi per realizzare nuovi progetti. Contiene
le loro linee di ricerca: lavorare su spazi residuali che non vengono
usati e far sì che la rigenerazione di spazi sottoutilizzati diventi la
norma. L’idea è premiata con un finanziamento.
Today T SPOON consists of Nina Artioli, Alessandra Glorialanza and
Eliana Saracino. It has been active since 2004, but only became an
actual architectural firm in 2011. The first important result of their
work came with the creation of a social network for the reactivation of abandoned public spaces. The social network is called City
Hound and it connects the owners of spaces with those seeking
sites for new projects, embodying their theme of working on unused residual spaces to ensure that the regeneration of underused
space becomes the norm. The idea was awarded funding.
La sede di T SPOON è al primo piano del quartiere Monti di Roma.
Nina, Alessandra ed Eliana hanno in media 35 anni e – a parte i
progetti più lunghi e articolati – si permettono il lusso di scegliere
i lavori di architettura che portano avanti. L’impresa più prestigiosa
è la vittoria del concorso internazionale per riattivare e restituire
ai cittadini lo spazio di un ex-cavalcavia di Milano. Con il loro progetto GUARDA-MI hanno puntato a “trasformare un cadavere”.
Chiunque abbia percorso la High Line di New York sa cosa vuol dire
trovare in città un cadavere urbano rimesso in vita (lì una ferrovia
in disuso). Il loro progetto riassegnerà un’identità nuova al cavalcavia, rendendolo un luogo per il tempo libero, la socialità, lo sport.
I lavori del cantiere potrebbero cominciare nel 2017. Tra i diversi
progetti legati alla riattivazione anche solo temporanea di spazi,
T SPOON è risultato tra i cinque finalisti di un bando sullo spazio
esterno del MAXXI di Roma dove, nell’anno dell’Expo, proponevano un mercato legato al cibo.
Francesco Longo
Nina Artioli
Alessandra Glorialanza
Eliana Saracino
The headquarters of T SPOON is a first-floor office in the Monti
district of Rome. Nina, Alessandra and Eliana have an average age
of 35 and – apart from the longer, more complex jobs they handle
– have the luxury of choosing the projects they work on, the most
prestigious being the winning entry in an international competition
to give the area of a former flyover in Milan back to the local citizens. With their GUARDA-MI project they have tried to “transform
a corpse,” and anyone who has walked along the High Line in New
York knows what it means to find an urban corpse (in the High
Line’s case a disused railway) brought back to life. Their project
will assign a new identity to the overpass, making it a place for
leisure, socializing and sport, and construction work may begin as
early as 2017. Among the various projects related to the reactivation of spaces, sometimes even on a temporary basis, T SPOON
was among the five finalists of a competition for the outer space
of the MAXXI art museum in Rome, where, during the Milan Expo,
they set up a food market.
Lazio Creativo / Architettura e design / 55
Upgrade Studio
www.upgradestudio.net
Architettura d’innovazione e riqualificazione.
Insieme vincono concorsi e ottengono
finanziamenti europei e regionali.
Architecture for innovation and regeneration,
winning public competitions and European
and regional funding.
Uno per tutti. Tutti per uno.“Mangiamo insieme, lavoriamo insieme, i guadagni si dividono in parti uguali” dichiara Fetà Asani. Daniele Bochicchio, Valentina Pontieri, Giuliana Briulotta, Giulio Vito
Ciccarese annuiscono convinti.
One for all. All for one. “We eat together, we work together, what
we earn is split into equal parts” says Fetà Asani. Daniele Bochicchio, Valentina Pontieri, Giuliana Briulotta and Giulio Vito Ciccarese
all nod in agreement.
La condivisione dello spazio simboleggia la condivisione di vita che
è al cuore della scelta di questi cinque under 35. Un amalgama di
sogni e concretezza, partito da una soffitta e approdato nello spazio di un vecchio mulino ristrutturato nel rispetto della costruzione
originaria, in un luogo – il Mandrione – carico di suggestioni: “il
nome produce una strana eco… Pasolini, il cinema, gli zingari…”
(E. Albinati).
The sharing of space symbolizes the sharing of life that lies behind the choice made by these five under-35-year-olds. A mix of
dreams and pragmatism which began in an attic and ended up
inside a redeveloped old mill, in an area – the Mandrione – dense
with history. “The name produces a strange echo... Pasolini, the
cinema, the gypsies...” (E. Albinati).
Studiano insieme architettura a Valle Giulia, poi ognuno si specializza in un settore – pianificazione e paesaggio; progettazione,
realizzazione e direzione lavori; modellazione e sviluppo; gestione immobiliare; design e ricerca – ma non si perdono di vista,
perché l’amicizia rimane il fil rouge del loro rapporto. Insieme
alla voglia di fare. Una fucina di idee, scambio e confronto, nella
convinzione che l’unione faccia la forza e la creatività. L’anima del
loro lavoro comune sta nella contaminazione e nell’integrazione
tra le discipline, dove innovazione e creatività sono orientate alla
riqualificazione del patrimonio immobiliare, urbano e storico. Dal
progetto di recupero della Torre Tintoretto a Brescia alla riqualificazione del centro storico di Melendugno; dall’Ecomuseo della
Falesia di Acaya e Roca in Puglia alla realizzazione di un’aula mobile multimediale; dalla partecipazione al progetto del recupero
della Snia Viscosa di Rieti all’ambizioso piano di sviluppo per la
riqualificazione di borghi rurali del territorio del Lazio. Cuore e testa
insieme in armonia, traguardi da realizzare anche grazie a lavori
più pragmatici e meno creativi per finanziare il sogno: in primis la
raccolta fondi, poi valutazioni immobiliari, certificazioni energetiche, piccole ristrutturazioni. La sintesi in quattro parole: “Siamo
una bella orchestra!”.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
Fetà Asani
Daniele Bochicchio
Giuliana Briulotta
Valentina Pontieri
Giulio Vito Ciccarese
After studying architecture together in Valle Giulia, each later
specialised in a specific area – planning and landscape, design,
realisation and construction management, modelling and development, property management or design and research – but
they never lost touch, because at the heart of their relationship
is friendship. Along with a desire to do things. A hotbed of ideas,
discussion and debate, founded in the belief that union creates
strength and creativity. At the heart of their shared project is the
overlapping and integration of disciplines, where innovation and
creativity are channeled for the redevelopment of urban and historical constructions. From the project for the renovation of the
Tintoretto Tower in Brescia to the redevelopment of the old town
of Melendugno, from the Ecomuseum della Falesia delle terre di
Acaya e Roca in Puglia to the realization of a mobile multimedia
classroom, and from participating in the regeneration project of the
SNIA Viscosa in Rieti to the ambitious plan for the redevelopment
of rural villages in the Lazio region. Heart and head working together in harmony with clear aims, a dream funded in part by projects
which are more pragmatic and less creative: above all fundraising,
real estate appraisal, energy certification and small renovation
jobs. To sum them up in four words, “We’re a beautiful orchestra!”
IO/
ARTE E FOTOGRAFIA
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 59
Farsi attraversare
da un’esperienza speciale
Let A Unique Experience Flow Through You
Certamente ogni epoca ha il proprio modo di confrontarsi con
la “contemporaneità”, tuttavia credo vi siano delle particolarità
che ci permettono di dire o intuire, che una data opera, progetto o esperienza rivesta per noi una particolare rilevanza. Penso,
nell’affermare questo, all’importanza che può avere, per la loro
realizzazione, la ricerca, la profondità, raggiungibile con lo studio
o con la risposta a una domanda interiore o collettiva o magari
semplicemente alla pregnanza che quel progetto ha per chi lo fa
e che “naturalmente” si trasmette a chi lo riceve, a chi vuole ricevere e si pone in una posizione di ascolto, di scambio reale. Ecco
che iniziative come questa diventano fondamentali per individuare
queste esperienze sul territorio e valorizzarne i risultati.
Obviously, every age clearly has its own way of dealing with the
“contemporary”, but I believe there are some characteristics
which allow us to say or to intuit that a given piece of work, project
or experience holds special importance for us. In saying this, I am
thinking about the importance of the role which research, profundity - whether achieved through study or through the answer to an
inner or shared question - or perhaps simply the significance that
the project holds for those who realise it and which it transmits
“naturally” to those who receive it, who want to understand and
who are disposed towards listening and real exchange, play in its
realisation. Initiatives like this one become fundamental in identifying these experiences locally and promoting what they produce.
Ho selezionato le realtà inserite in questa sezione per esperienze
dirette tramite la mia attività al museo, in altri casi avendo avuto
occasione di frequentarle come spettatrice, in altri ancora perché
quando ci sono delle buone occasioni queste fanno parlare presto
di sé. Su un territorio, esteso ed eterogeneo, come quello del Lazio c’è spazio per molte delle anime della contemporaneità.
I chose some of those included in this section through direct
experience during my work at the museum, others after having
seen them as an audience member, and others still because when
something good appears, it speaks for itself. In an area as vast and
diverse as that of Lazio there is room for many of the souls of the
contemporary.
Tante le presenze di luoghi di relazione e interrogazione sui temi
dell’arte, forte l’attenzione rivolta all’arte pubblica, al suo ruolo nel
territorio e alle sue possibilità legate al sociale e allo sviluppo di
una maggiore cura per ciò che ci sta intorno e rappresenta, elevata la presenza di creativi che ha scelto la provincia romana come
luogo per dare compimento alla propria linea di ricerca. Da questa
breve indagine arriva una conferma: la contemporaneità ha forme
diverse e vive non solo in chi crea l’opera e l’esperienza, ma anche
in chi la espone e soprattutto in chi la guarda, ci si relaziona e si
lascia attraversare, creando, in quest’attività, i contenuti del suo
tempo. Torna così alla mente una delle affermazioni di Ezio Raimondi in cui credo ci si possa riconoscere “L’arte non rappresenta
il contenuto di un’epoca ma dà contenuto ad un’epoca”.
So many places for relationship and inquiry into the themes of art
and a committed focus on public art, its role in the local area, its
possibilities as regards social issues and an increased awareness
of what is around us and represents us, as well as the presence
of large numbers of creative people who have chosen the Roman
province as a place to pursue their own lines of research. This
brief survey provides confirmation: the contemporary is multiform,
and lives not only in those who create the work or experience, but
also in those who show it, and even more so in those who see it,
relate to it and allow it to traverse them, creating in this activity
the content of its day. Which brings to mind the words of Ezio Raimondi to which I believe we can all relate: “Art is not the content
of an age, but rather gives an age content”.
Anna Mattirolo
Direttore del MAXXI arte dal 2005, è storica dell’arte nei ruoli del
MiBACT dal 1984. È stata curatore del settore contemporaneo
presso la GNAM di Roma dal 1995 al 2003 e Direttore del servizio
arte contemporanea presso la Direzione generale per l’architettura
e l’arte contemporanee dal 2003 al 2010. Tra le numerose mostre
curate si segnalano: Galleria Vezzoli; Ettore Spalletti. Un giorno così
bianco così bianco; Bellissima. L’Italia dell’alta moda 1945-1968.
Director of MAXXI arte since 2005, she has been an art historian for the MiBACT since 1984. She was curator of contemporary
art at the GNAM in Rome from 1995-2003 and director of the
contemporary art service at the General Direction for Architecture and contemporary Art from 2003 to 2010. Among the many
exhibitions she has curated are Galleria Vezzoli; Ettore Spalletti.
Un Giorno Così Bianco Così Bianco and Bellissima. L’Italia dell’alta
moda 1945-1968.
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 61
Daniela Bittolo
www.angelettiruzza.it
Designer e creativa. Diplomata allo IED
di Roma, lavora dal 2001 per lo studio reatino
Angeletti e Ruzza Design.
An IED graduate and designer who has been
working for the Angeletti e Ruzza Design
studio in Rieti since 2001.
Per Daniela Bittolo il lavoro del designer non è mai un lavoro d’invenzione, ma di “ri-creazione”. Alla base ci sono gli oggetti del
passato e le forme già note, un insieme di déjà vu che il bravo
progettista riesce a interpretare a suo modo, con uno stile che
trasforma il “già visto” in un “mai visto”, sebbene con qualcosa
di familiare. Gli oggetti per Daniela devono esserci, e cioè devono
avere la loro personalità, il loro stile, la loro funzionalità, ma devono anche entrare discretamente nella case, senza fare troppo rumore e senza imporre la propria presenza. Un equilibrio complesso
e anche suggestivo: ma del resto la filosofia di Daniela è tutta
orientata alla semplicità, come se avesse intuito che la semplicità
è la principale condizione della bellezza estetica – e non solo morale, come voleva Tolstoj.
For Daniela Bittolo, the designer’s job is never simply one of invention, but rather of “re-creation”. At the heart of it all are objects
from the past and familiar forms, a déjà vu that a good designer
interprets in their own unique way with a style that turns the “already seen” into the “never seen” while nevertheless evoking familiarity. For Daniela, objects should be, meaning that they should
have their own personality, style and functionality, while still being
able to enter discreetly into homes without imposing their presence by drawing too much attention to themselves. A complex,
even charming balance – but then, Daniela’s philosophy is wholly
based around simplicity, as though she senses that simplicity is
the principal condition of a beauty which is both aesthetic and, as
Tolstoy believed, moral.
È lei stessa a usarla come slogan: “pensare semplice”, un modo
d’intendere la progettazione che mira all’essenzialità e alla praticità senza cadere nella trappola del banale. Tutto ciò è evidente nei
modelli realizzati per la Angeletti Ruzza Design, lo studio reatino
per il quale lavora dal 2001: dallo sgabello Hippy prodotto da Daa,
un fiore colorato di metallo che unisce l’originalità della linea con
la versatilità e il comfort della seduta, alle lampade disegnate per
la Oluce, la più antica azienda italiana d’illuminazione decorativa.
D’altra parte a Daniela piace usare i materiali più diffusi, la plastica
soprattutto, su cui si fonda la ventennale collaborazione tra Angeletti Ruzza e Fratelli Guzzini; o la diverte l’idea di disegnare elettrodomestici e arrivare alla grande distribuzione, come le è accaduto
lavorando a una macchina da caffè per Hotpoint Ariston. Torna
di nuovo la necessità di concepire il design come un sistema di
comunicazione visiva che passa attraverso gli oggetti e i materiali
di cui sono fatti, ma senza tradire la loro finalità d’uso.
She herself uses it as a slogan: “think simple”, a way of understanding design which aims for essentiality and practicality without falling into the trap of the obvious. This is evident in the models she realises for Angeletti Ruzza Design, the Rieti firm for whom
she has worked since 2001: from the Hippy stool (a colourful metal flower produced by Daa which combines originality of form with
the versatility and comfort of a seat) to the lamps she designed for
Oluce, the oldest Italian decorative lighting company. On the other
hand, Daniela also enjoys using the most commonplace materials,
especially the plastics which are at the heart of the twenty-year
collaboration between Angeletti Ruzza and Fratelli Guzzini, and
she enjoys the idea of designing consumer appliances and breaking into the big chain stores, which is what happened with the
coffee machine she designed for Hotpoint Ariston. And we’re back
again at the idea of design as a system of visual communication
which traverses objects and the materials from which they are
made without betraying their intended use.
Per dirla con Escarpit: la ricerca dell’artista, in lei, si concilia con
l’intenzione funzionale dell’artigiano.
Giorgio Nisini
To quote Escarpit: in her, the the artist’s study is reconciled with
the functional intentions of the craftsman.
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 63
Camusac
www.camusac.com
Il Museo di Arte Contemporanea di Cassino
è luogo giovane per i giovani, con 200 opere
in mostra permanente.
The Cassino Museum of Contemporary Art,
a young museum for young people with 200
pieces on permanent display.
“Che bei disegni!” esclamò Mary Poppins, guardando ammirata la
frutta. “Servitevi!” le rispose con magnanimità l’Uomo dei Fiammiferi. Allora Mary Poppins, con grande meraviglia dei bambini, si
chinò, prese una prugna e l’addentò.
“What beautiful drawings!” exclaimed Mary Poppins, looking admiringly at the fruit. “Help yourself!” replied the Match Man magnanimously. And, to the children’s great surprise, Mary Poppins
bent down, picked up a plum and bit into it.
La pagina di P.L.Travers ci restituisce, con un’immagine, l’emozione dell’itinerario della meraviglia proposto dal Camusac: ambizioso
progetto museale che sembra studiato per permettere, in particolare a bambini e ragazzi, di entrare in contatto diretto con le opere,
di assaggiarle, gustarle, assorbirle. Un percorso che si snoda dal
grande giardino disseminato di sculture e installazioni ai vecchi
capannoni industriali – ristrutturati per volontà dei coniugi Longo
che hanno voluto farne un museo per la comunità – negli spazi
immacolati e rarefatti che ospitano una collezione permanente di
200 opere di arte moderna contemporanea. Oltre a varie esposizioni a rotazione di alto profilo internazionale.
P.L. Travers’ words, and the drawing that accompanies them, give
us an idea of the emotional itinerary of wonders that is Camusac:
an ambitious project which seems designed to allow visitors, particularly children and young people, to come into direct contact
with the pieces on display and to sample them, enjoy them and
absorb them. A path winds from the large garden dotted with
sculptures and installations to the old warehouses – restored by
the Longo family, who wished to create a museum for the community – and the immaculate, elegant spaces which host a permanent collection of 200 works of contemporary art, as well as
high-profile international visiting exhibitions.
Un’arte viva, che interroga, interpella, stimola la mente e i sensi.
Un museo dove la creatività nasce dalla contaminazione. E diventa
virale in un open space che permette ai ragazzi di dialogare e di
confrontarsi con le opere. Grazie anche all’impegno e alla passione
dei giovani curatori, convinti sostenitori di un approccio dinamico:
Tommaso Evangelista, 32 anni, storico e critico d’arte; Martina
Canale, 25 anni, storica dell’arte con un internship del progetto
europeo Garanzia Giovani; Valentina Di Raimo, 36 anni, archeologa; supportati dalla direzione artistica di Bruno Corà. L’obiettivo?
Incidere con un forte impatto formativo sul territorio, coadiuvati
dall’Università degli Studi di Cassino e dall’Accademia di Belle Arti
di Frosinone, che prevedono tirocini didattici. Le idee per sviluppare grammatica visiva e creatività personale sono tante. Workshop
fotografici, laboratori per l’infanzia, mostre di giovani talenti, vetrina dei lavori dei ragazzi. Una didattica della meraviglia e un motore
culturale trainante per il basso Lazio.
A living art, which questions, challenges and stimulates the mind
and senses. A museum where creativity arises from the contact
between disciplines and approaches and goes viral in an open
space which allows children to engage with the work on display,
thanks in part to the commitment and passion of its young curators,
committed supporters of this dynamic approach: Tommaso Evangelista, 32, historian and art critic, Martina Canale, 25, an art historian
with an internship in the European project Garanzia Giovani, and
Valentina Di Raimo, 36, archaeologist, together with the artistic direction of Bruno Corà. Their goal? To have a decisive educational impact on the area, with the support of the University of Cassino and
the Frosinone Academy of Fine Arts, which organise educational
placements. They have a wealth of ideas for encouraging creativity
and a visual grammar: photo workshops, workshops for children,
exhibitions of young talent, showcases of children’s work. A teaching of wonder and a cultural engine for Southern Lazio.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
photo:
Brunella Longo
Martina Canale
Marianna Meta
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 65
Benedetta di Loreto
www.qwatz.it
Nel 2007 fonda Qwatz, prima residenza per
artisti a Roma. Come Koki Tanaka che nel 2013
rappresenta il Giappone alla Biennale.
In 2007 she founded Qwatz, the first artist’s
residency in Rome. One guest, Koki Tanaka,
represented Japan at the 2013 Venice Biennial.
Qualche anno fa, a Montescaglioso, durante una residenza per
artisti provenienti da tutte le parti d’Europa, una donna ha inconsapevolmente fornito un inizio a Benedetta di Loreto. “Prima, quando
si parlava di arte contemporanea, non la concepivo, perché per
me l’arte era solo quella del passato. Oggi l’arte non può che essere contemporanea, perché parla di me”. Per Benedetta di Loreto,
direttrice di Qwatz, residenza romana per artisti, la frase suonò
sorprendente. Come le cose che si sanno, ma ancora non si sono
trovate le parole per dirle.
A few years ago at a residency for artists from all over Europe in
Montescaglioso, one woman unwittingly gave Benedetta di Loreto
an idea. “When I used to hear talk of contemporary art I wasn’t
interested, because as far as I was concerned, art was something
from the past. Today art can only be contemporary, because it
speaks about me.” For Benedetta di Loreto, director of Qwatz, a Roman residence for artists, the words had a surprising ring to them.
Like something you know, but haven’t found a way to express.
Benedetta è storica dell’arte e curatrice. La sua passione però è
la ricerca, il percorso che porta un artista dall’iniziale intuizione
alla produzione finale. Qualcosa di affascinante che apre visioni
inedite, suggerisce ogni volta un nuovo sguardo sul mondo. È
per questo che nel 2007 è nata Qwatz: una residenza, un laboratorio, un dialogo aperto. I progetti degli artisti vengono messi
a fuoco, la ricerca ampliata il più possibile, fino alla produzione e
poi alla presentazione alle istituzioni, alle gallerie, agli editori. Da
una ricerca condivisa sull’architettura fascista è nato il progetto di
Andrea Aversa, che sfocerà in un laboratorio nel quale i bambini
ridisegneranno i moduli marmorei della palestra del Duce, in un
percorso di rielaborazione e trasformazione della memoria storica. La residenza di Koki Tanaka è nata invece da una ricerca sulla
paura e la fiducia: le sue valige (richiamo agli attentati terroristici), sparse per Roma, l’invito – quasi mai colto – di riportarle al
Museo Canonica. E poi il grande progetto di Nikolaj Larsen: dalla
ricerca sulle tracce che la storia ha lasciato nel Mar Mediterraneo,
fino alla riflessione su come oggi le uniche tracce siano solo corpi
umani. End of Dreams sono 48 sculture immerse nel mare, un
monumento agli immigrati.
Residenza vuol dire accoglienza, fare dei propri passi quelli di un
altro, intrecciare la pazienza con l’imprevedibilità dei percorsi. Anche questa è arte.
Gaia Manzini
Benedetta is an art historian and curator. Her passion, however,
is study - the path that leads an artist from the initial inspiration
to the final production. Something fascinating that reveals new
visions, suggesting a new view of the world each time. Which
is why in 2007 Qwatz was born: a residence, a workshop and an
ongoing dialogue. Its focus is on artists’ projects and wide-ranging
study, right up to the actual production of the artwork and its presentation to institutions, galleries and publishers. A shared study of
Fascist architecture led to Andrea Aversa’s project, which will involve a workshop where children redesign the marble modules of
the Duce’s gym in a process of the redevelopment and and transformation of historical memory. Koki Tanaka’s residency, instead,
was born from an investigation of fear and trust: his luggage was
scattered throughout Rome (alluding to terrorist attacks) with an
invitation – almost never taken up – to return them to the Canonica Museum. And then, the great project of Nikolaj Larsen: from
a study of the traces which history has left in the Mediterranean
Sea to a reflection on how today the only traces are those of human bodies. End of Dreams is 48 sculptures immersed in the sea,
a monument to migrants.
Residence means being welcome, making your steps those of another and interweaving patience with the unpredictability of the
routes. This too is art.
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 67
Silvia Giambrone
www.silviagiambrone.com
Classe 1981 e carriera costellata di vittorie:
dalla Biennale di Kaunas, al Celeste Prize.
E quest’anno una residenza a New York.
Born in 1981, a career of successes including
the Kaunas Biennale and Celeste Prize.
And now a residency in New York.
Una forbice/un piatto, uno spago/una lama… gli oggetti domestici
si minacciano, silenziosi (Vertigo, 2015). Su una parete campeggiano allegri ricami all’uncinetto: la molecola dell’eroina (Eroina,
2012). Una donna cerca di applicarsi ciglia finte che sembrano
piccole corone di spine (Eredità, 2008). Quella stessa donna si fa
cucire sulla pelle un collare di macramè da un sarto che assomiglia
molto a un chirurgo (Teatro anatomico, 2012). A Silvia Giambrone,
giovane artista che prende ispirazione dalla propria vita e dai suoi
misteri, che non cerca risposte ma solo domande, che legge poesia e testi filosofici, interessa la violenza.
Scissors/a plate, a piece of string/a blade... household items
threaten one another in silence (Vertigo, 2015). On one wall are
cheerful pieces of embroidery: the heroin molecule (Eroina, 2012).
A woman tries to apply false eyelashes that look like little crowns
of thorns (Eredità, 2008). That same woman lets a macramé collar
be sewn into her flesh by a tailor who looks a lot like a surgeon
(Teatro anatomico, 2012). Silvia Giambrone, a young artist who
draws her inspiration from her own life and its mysteries. Who
doesn’t seek answers but questions. Who reads poetry and philosophy, and is interested in violence.
La violenza come rituale domestico. Qualcosa di così interno al
tessuto della vita da non essere più riconosciuta come violenza. Le
interessa l’impercettibile, i punti di frizione potenti – ma sotterranei – che tendono a sfuggire, a diventare insospettabili. Sì, perché
a questa ragazza gentile che sembra uscita da un quadro preraffaellita, interessa stare sul confine, luogo non di demarcazione ma
di ambiguità (così umana, così vera), dove una cosa diventa il suo
opposto e viceversa. Ed è difficile prendere posizione. Chi infligge
violenza? Chi la subisce? Esistono davvero ruoli precisi?
Violence as a domestic ritual. Something so deeply embedded in
the fabric of life as to no longer be recognised as violence. She is
interested in the imperceptible – those points of friction, potent
yet subterranean, that tend to escape notice, to be above suspicion. Yes, because this personable young woman who could have
walked right out of a pre-Raphaelite painting wants to be on the
border, a place not of demarcation but of ambiguity (so human, so
real), where things become their opposites. And it is hard to pick a
side. Who is inflicting the violence? Who is suffering it? Are there
really specific roles?
La sua è denuncia delle piccole cose. Anzi, autodenuncia di prendere parte a questa ambiguità. Il linguaggio però è poetico, seducente, elusivo. Assomiglia a un sussurro. Quel sussurro dell’arte
che forse dice di sentimenti universali, ma consente di parlare a
uno sconosciuto come se fosse la persona che ami, alla quale
dai tutto. E qui sta la dimensione politica per Silvia. Il personale
è politico; la poesia l’ultima forma di resistenza. Modo per stare
sul confine, in barricata. La poesia che scardina il conformismo,
seduce con lentezza, lascia delle sospensioni. Ti sconvolge e ti fa
guardare la realtà come se non l’avessi mai vista. Proprio come in
quei versi di Gozzano: “I fiori mi paiono strani; ci sono pur sempre
le rose, ci sono pur sempre i gerani…”
Gaia Manzini
Her critical eye falls on the little things. Even upon herself, for
playing a part in this ambiguity. But her language is poetic, seductive and elusive. Like a whisper. That whisper of art that perhaps
speaks of universal feelings but allows you to talk to a stranger
as though they were a lover, to whom you give everything. And
therein lies Silvia’s political dimension. The personal is political,
and poetry the ultimate form of resistance. Standing on the border, on the barricade. The poetry that undermines conformism,
seduces slowly, leaving things in suspension, disturbing you and
forcing you to look at reality as though for the first time. Just like in
those verses by Gozzano: “The flowers seem to me strange; there
are anyway roses, there are anyway geraniums…”
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 69
Pietro Masturzo
www.pietromasturzo.com
Fotoreporter nato nel 1980. Nel 2009,
con una serie scattata a Teheran ha vinto
il 53esimo World Press Photo.
Born in 1980, a photojournalist whose
shots of Tehran won the 53rd World Press
Photo competition in 2009.
Grida. Prima una tesi sui conflitti etnici del Caucaso. Dopo, i viaggi
in Ucraina, Giappone, Cina, dove si guadagnava il pane con lavoretti saltuari. La vita a Napoli. In seguito a Roma. Di giorno si
occupava di documentari e la notte di rassegne stampa. Ancora
lavoretti, ancora corsi serali. Tutto, per un’idea che è stata sempre
presente nella sua testa e che col tempo si è trasformata in una
certezza. Che la fotografia, e in particolare il fotogiornalismo, era
la strada che Pietro Masturzo doveva percorrere, con l’impegno,
la passione, la curiosità che avevano caratterizzato fino ad allora
i suoi viaggi. Così riparte per il Caucaso in cui compie il suo vero,
primo reportage fotografico. Le agenzie cominciano a commissionargli alcuni lavori.
First a thesis on ethnic conflicts in the Caucasus. Then, travel to
Ukraine, Japan and China, where he earned his living by doing odd
jobs. Life in Naples. Later, in Rome. Working on documentaries by
day and press releases by night. More jobs, more evening classes. All for an idea which had always been there in his head and
which, over time, had become a conviction: that photography, and
photojournalism in particular, was the road that Pietro Masturzo
was meant to travel, with the commitment, passion and curiosity
that had characterised his travels so far. So he set off again for the
Caucasus, where he shot his first true photographic reportage. The
agencies started to commission some work.
La svolta, è l’Iran. O, meglio, i tetti dei palazzi sventrati di Teheran
dopo 30 anni dalla Rivoluzione Islamica. Era il periodo appena successivo alle proteste per le elezioni presidenziali, quando migliaia
di persone gridavano per le strade il loro dissenso. Di giorno. Poi
cominciarono anche di notte. A gridare dai tetti, però. Dai balconi,
dalle finestre, da ciò che dall’alto sembrava più forte, più potente.
Pietro cattura con la lente uno di quei tetti; le finestre squadrate illuminate; la muffa sulle pareti; la città, intorno, mezza rotta; le donne
in hijab con le mani alla bocca, pronte a lanciare le loro grida. Una
di quelle fotografie con i tetti, vincerà il World Press Photo Contest,
e darà a Pietro il riconoscimento professionale che gli permette di
esaudire il suo desiderio: parlare con la fotografia come attraverso
una lingua. Cosa racconta questa sua specifica lingua?
Un presagio imminente. Qualcosa che deve ancora accadere; che
sta per scoccare dietro l’angolo della messa a fuoco. Un vapore
indefinito che non nasconde, ma svela. C’è un senso di vita che
scorre lento, nelle sue foto, che si appoggia all’occhio di chi osserva come un raggio non del tutto spuntato, eppure così forte da
schiarire le ombre.
Rossella Milone
The turning point was Iran. Or, rather, the roofs of Tehran’s gutted
buildings, 30 years after the Islamic Revolution. It was the period just after the protests during the presidential election, when
thousands of people thronged the streets, crying out their dissent.
In the daytime. And then at night too. Cries from the rooftops,
though. From the balconies, from the windows, from where it
sounded stronger, more powerful. Pietro captured one of these
rooftops with his lens; the illuminated, square windows, the mould
on the walls, the surrounding city, half broken, women in hijabs
with their hands to their mouth, ready to launch their cries. One
of those photographs of the rooftops would win the World Press
Photo Contest and give Pietro the professional recognition to allow
him to fulfil his desire: that of speaking with photography as though
with a language. What does this specific language tell us?
A foreboding. Something that has yet to happen, that is about to
appear around the corner of the viewfinder. A vague haze that,
instead of hiding, reveals. There is a sense of life passing slowly
in his photos, and it falls upon the eye the beholder like a ray of
light-narrow, yet powerful enough to brighten the shadows.
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 71
Gianni Politi
www.giannipoliti.com
Gianni Politi è un pittore romano del 1986. Sue
personali sono state esposte al Nomas, a New
York e in collettiva alla Biennale di Venezia.
Gianni Politi is a Roman painter who was born
in 1986. He has shown at Nomas, in New York
and in a group show at the Venice Biennale.
Residui. Esiste, nella carriera di un artista, un tuono, che quando
scoppia distrugge tutto quello che c’era prima, fertilizza la mente
e i campi di battaglia, crea smottamenti, fa venire a galla cose mai
pensate, forma un nuovo paesaggio di possibilità. Il tuono fa danni; dal danno sbuca un germoglio che, se si è attenti, può creare
una nuova forma di vita. Il tuono di Gianni Politi è stato il quadro
di Gaetano Gandolfi del 1770, Studio per uomo con la barba. Un
uomo calvo che si porta una mano al viso, la nasconde nella barba
con uno sguardo pacificato. Quella visione ne ha innescata immediatamente un’altra: dipingere suo padre, così simile nella posa
pacata all’uomo del quadro, così pronto per qualsiasi gesto sia
in procinto di fare. Esposto nella galleria CO2 di Roma nel 2013,
da quella personale Gianni Politi ha raccolto il germoglio del suo
privato smottamento. Provenendo da studi filosofici, e ispirandosi
ad Omero e ai classici greci, dipingere diventa non un gesto ma
una ricerca, l’atto che può aiutarlo a capire perché si dipinge, più
che portarlo alla creazione vera e propria.
Residues. In an artist’s career there is a thunder, which, when it
roars, destroys everything that went before it and fertilises the
mind and the battlefields. It sets off landslides, brings to the surface
unthought-of things and forms a new landscape of possibilities.
Thunder causes damage, and from the ruins pokes a bud which, if
you treat it carefully, can develop into a new form of life. For Gianni
Politi, the thunder was Gaetano Gandolfi’s 1770 painting, Study
for Man with Beard. A balding man with a calm expression raising
a hand to his chin. A vision which immediately triggered another
thought: that of painting his father, so similar to the calm man in
the picture, so ready for any gesture he is about to make. So after
a 2013 show at the CO2 gallery in Rome, Gianni Politi took up the
bud of his private landslide. Coming from the study of philosophy
and inspired by Homer and the Greek classics, painting becomes
not a gesture but a search, an act which, rather than bring it to
actual creation, can help you understand why you paint.
Da quella mostra si dedica all’astrattismo, ispirato dagli schizzi
d’olio che provengono dal suo studio. Residui, scarti, storpiature,
frammenti, avanzi; la creazione finale viene da lì, da tutto il processo che la compone, e, per questo, sempre incompiuta. Come
i caleidoscopi, i suoi quadri sono immagini che sta a chi li guarda
ricomporre. A 28 anni ha già esposto in numerose gallerie italiane
e internazionali, tra cui Parigi e una fiera a New York. Roma, per lui,
è una fucina in cui resistere – al pari degli eroi greci – da valorizzare e fortificare, in cui ogni lavoro può portare un potenziamento
per tutta la comunità.
Il suo studio è a San Lorenzo; minuscolo e pieno di macchie d’olio
colorate. Vischiose e grasse, la carne viva dei suoi quadri. È quella
la sua opera d’arte, incompleta e disordinata. Un luogo che lo costringe a chiedersi, ogni giorno: cosa m’inventerò oggi?
Rossella Milone
Since that exhibition, his work has been dedicated to abstraction,
inspired by the oil marks emerging from his studies. Residues,
waste, fragments, leftovers; the final creation comes from this,
from the entire process which produces it, and thus remains
eternally unfinished. Like kaleidoscopes, his paintings are images
the viewer must reassemble. At 28 he has already shown in numerous Italian and international galleries, with exhibitions in Paris
and one in New York. For him, Rome is a forge whence to resist,
promote and fortify like the Greek heroes, and where each work
can strengthen the entire community.
His San Lorenzo studio is tiny and full of colourful oil stains. Sticky
and greasy, the raw flesh of his paintings. That is his artwork - incomplete and disorganised. A place that forces him to ask himself
each day: What shall I invent today?
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 73
Seminaria Sogninterra
www.seminariasogninterra.it
È un “albero capovolto” il progetto di Marianna
Fazzi e Isabella Indolfi, che promuove l’arte
nella frazione di Maranola.
Marianna Fazzi and Isabella Indolfi’s project
is an “upside-down tree” which promotes art
in the town of Maranola.
Maranola è una frazione di Formia, che dai Monti Aurunci dà sul
Golfo di Gaeta, è un luogo vivo, ardente, che si nutre di un fitto
calendario di eventi principalmente legati alla tradizione, come
capita spesso nei borghi di provincia. Maranola, però, è anche un
progetto, un festival, un’idea che, grazie al lavoro di Marianna Fazzi
e Isabella Indolfi porta l’arte contemporanea a contatto con i vicoli,
con le persone, con le vecchie case in pietra.
Maranola is near Formia, and overlooks the Gulf of Gaeta from the
Aurunci Mountains - a lively, spirited place with a busy schedule
of events linked primarily to local tradition, as is often the case in
the local villages. Maranola, however, is also a project, a festival
and an idea which - thanks to the work of Marianna Fazzi and Isabella Indolfi - brings contemporary art into contact with the narrow
streets, local people and old stone houses.
“Il simbolo di Seminaria Sogninterra è un albero capovolto”: le due
curatrici mi hanno spiegato che il senso del ribaltamento di prospettiva è nel talento che affonda le radici nell’aria per poi espandere i suoi rami nella terra, il paese come musa e museo, la ricerca
di un’arte ambientale pubblica e relazionale. “Invitiamo gli artisti
per una residenza di qualche settimana, per conoscere il paese.
Li ospitiamo nelle case, gli permettiamo di imparare i luoghi e le
persone, di attraversarli e poi di lasciarsi attraversare. Alla fine, gli
forniamo i materiali e loro ci donano le opere”.
“The symbol of Seminaria Sogninterra is an upside-down tree,”
the two curators explain, the reasoning behind this reversal of perspective being that talent has its roots in the air and expands its
branches into the ground: the country as muse and museum, and
a search for an art which is environmental, public and relational.
“We invite the artists here for a residency of a few weeks to get
to know the town. We put them up in the local houses, let them
learn about the places and people so they can get a sense of each
other. And finally, we provide them with the materials and they
give us what they produce.”
Il Festival è nato nel 2011 ed è alla terza edizione (dal 2012 è biennale): ha ospitato già una quarantina di artisti e, nel tempo, sta
procedendo alla creazione di un museo diffuso che mira a rendere
Maranola centro d’arte, oltre che d’ispirazione. Tutti gli abitanti
sono parte attiva, protagonisti e fruitori, sostegno per gli artisti, ma
il coinvolgimento si allarga anche al Comune, alle altre associazioni
del territorio (Dimore al Borgo, Amanda, la rete Salamandrina), agli
sponsor, ad altri curatori (negli anni: Giulia Magliozzi, Fabrizio Pizzuto), per poter realizzare, oltre al festival: progetti educativi, concerti, spettacoli teatrali, corsi, forum, dibattiti, performance off. È così
che Maranola, oltre che luogo, diventa pecore in miniatura, centrini
sul “poggio”, luci nei vicoli, cuscini sui muri, inchiostro, impronte,
lucciole, gessetti, sbandieratori di scontri, rumori: un’esperienza
artistica di condivisione, creazione e conoscenza.
Elisa Casseri
Marianna Fazzi
Isabella Indolfi
The Festival, which was founded in 2011 and is now in its third
edition (it has been biennial since 2012), has already welcomed
about forty artists. It is gradually working towards the creation of
a museo diffuso housed in various sites around the town which
aims to make Maranola a centre for art as well as for inspiration. As well as the locals, who are both active participants and
beneficiaries, and who give their support to the artists, the local
council is also involved, as are local associations (Dimore al Borgo, Amanda, the Salamandrina network), sponsors and curators
(in previous years Giulia Magliozzi and Fabrizio Pizzuto), all with
the aim of realising educational projects, concerts, plays, courses,
forums, debates, and fringe theatre in addition to the festival itself. And so, as well as being a country town, Maranola becomes
miniature sheep, installations, lights, cushions, ink, fingerprints,
fireflies, chalk, flag-waving and noise: an artistic experience of
sharing, creation and knowledge.
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 75
Sguardo Contemporaneo
www.sguardocontemporaneo.it
10 tra curatori e storici dell’arte che dal 2007
animano con progetti espositivi i quartieri
storici della periferia romana.
Ten curators and art historians
who have been bringing exhibitions
to the historic outskirts of Rome since 2007.
Prima dell’arte, l’amicizia. Prima di una sede, un sito web che seguisse il filo dei discorsi fatti all’università e nei caffè. Prima di
tutto, una prospettiva sul mondo. Non a caso Claudia Cavalieri,
Chiara Ciucci Giuliani, Valentina Fiore, Nicoletta Guglielmucci,
Fabrizio Manzari, Simona Merra, Antonio Pizzolante, Francesco
Rao, Carmela Rinaldi, Saverio Verini hanno formato nel 2007 un
collettivo di storici dell’arte e curatori che si chiama Sguardo Contemporaneo. E prima ancora dei progetti Nuova Gestione (al Quadraro nel 2012, a Casal Bertone nel 2014), le lunghe passeggiate
condivise. La forza dei percorsi.
Before art, there was friendship. Before an office, a website that
detailed their conversations at university and in the cafes. Above
all, a perspective on the world. No coincidence then that in 2007
Claudia Cavalieri, Chiara Ciucci Giuliani, Valentina Fiore, Nicoletta
Guglielmucci, Fabrizio Manzari, Simona Merra, Antonio Pizzolante,
Francesco Rao, Carmela Rinaldi and Saverio Verini formed a group
of art historians and curators called Sguardo Contemporaneo. And
even before that, carried out their Nuova Gestione projects (in the
Quadraro area in 2012 and Casal Bertone in 2014) of long shared
walks. The power of the journey.
L’ispirazione arriva dalla crisi, dai numerosi cartelli di AFFITTASI.
È così che Sguardo Contemporaneo decide di portare l’arte negli
spazi sfitti delle zone meno battute. Quartieri con una storia di
eventi forti (il rastrellamento del Quadraro a opera dei tedeschi il
17 aprile del 1944; l’occupazione della polisportiva di Casal Bertone negli anni 80; il Palazzo dei Ferrovieri; gli eroi partigiani come
Giorgio Marincola…); quartieri dove far intervenire gli artisti con
opere in grado di dialogare con la comunità e la memoria del luogo. La chiamano “riattivazione delle aree in disuso”. Perché forse
l’arte non è che una pila che mette in moto percorsi dimenticati: e
così, già nelle fasi preparatorie, gli abitanti vengono coinvolti in visite guidate che consegnino loro un passato lontano, una prospettiva nuova da cui guardare le proprie vie. Una pila che crea confronto, ma soprattutto energia umana: quell’empatia che sembra
il primo ingrediente di Sguardo Contemporaneo. Prima, e poi con
l’intervento degli artisti, ritornano le passeggiate, le discussioni, le
riflessioni. Questa volta ancora più allargate. Lo sa bene la signora
Vanda del Quadraro, il cui padre fu deportato il 17 aprile, che ancora si commuove pensando ai ragazzi di Sguardo Contemporaneo.
Inspiration came with the recession and the many ‘FOR RENT’
signs. That was how Sguardo Contemporaneo decided to take
art to vacant spaces in out-of-the-way areas. Neighbourhoods
with a history (the German search of the Quadraro area on April
17, 1944, the occupation of the Casal Bertone sports centre in
the ‘80s, the Railwaymen’s building, partisan heroes like Giorgio
Marincola, etc.). Neighbourhoods to which to bring artists with
work capable of dialoguing with the local community and history. They call it “the reactivation of disused areas.” Because perhaps art is simply a motor which sets in motion forgotten paths,
meaning that even in the preparatory stages the inhabitants are
involved in guided tours which aim to restore to them a distant
past and a new perspective with which to view their streets. A
motor that creates dialogue and, above all, human energy: that
empathy which seems to be the first ingredient of the Sguardo
Contemporaneo. Then, with the participation of the artists, more
walks, discussions and reflection. This time even longer. Signora
Vanda from the Quadraro district, whose father was deported on
April the 17th, is still moved when she thinks about those young
people and their contemporary vision.
D’altronde questo deve fare l’arte oggi: avere un ruolo di mediazione. Nient’altro che accorciare le distanze.
Gaia Manzini
Claudia Cavalieri
Chiara Ciucci Giuliani
Valentina Fiore
Nicoletta Guglielmucci
Fabrizio Manzari
Simona Merra
Antonio Pizzolante
Francesco Rao
After all, that’s what art should do today: play a role of mediation.
Simply bring things closer together.
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 77
Marco Trulli
artecantieri.blogspot.it
Storico dell’arte di Viterbo, con il
progetto Cantieri d’Arte è impegnato
in una nuova narrazione del territorio.
A historian from Viterbo whose
Cantieri d’Arte project is finding new ways
to tell the story of the local area.
“La tentazione di andar via? Lo ammetto, c’è stata. Poi ho capito
che le mie esperienze fuori di qui potevo travasarle nel territorio
per rivitalizzarlo. Era questa la vera sfida da vincere.”
“Was I tempted to move away? I was, I can’t deny it. Then it
occurred to me that I could bring my experience back here to the
area to revitalize it. That was the real challenge.”
Marco Trulli, a suo modo, è anche lui un artista: tessitore di un
territorio nuovo di cui l’arte e il sociale sono la trama e l’ordito.
Sul telaio a cui lavora con impegno e passione da 10 anni si intrecciano l’urgenza di alfabetizzazione e la creatività dei giovani, la
promozione culturale e l’immaginario collettivo, la lettura del passato e la comprensione del presente. La condivisione definisce la
trama di questo tessuto, dove l’arte e la cultura sono il tramite che
permette anche di affrontare la sfida epocale dell’immigrazione
attraverso il coinvolgimento e l’inclusione. E dove i giovani sono la
chiave. La Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, le residenze d’artista, il festival d’illustrazione Librimmaginari
sono il ponte lanciato tra il mondo “fuori” e il territorio, che rimane
l’orizzonte primario. Dove grazie soprattutto ai Cantieri d’Arte –
progetto educativo, laboratorio, spazio partecipato e condiviso –
l’arte vive, narra, interpreta. E rende consapevoli. Dove il coinvolgimento crea comunità e la comunità diventa progetto e genera
una nuova comunità e un nuovo progetto. Dove l’innovazione non
significa tecnologia fine a se stessa ma anche dialogo col passato
e ritorno alle tecniche artigianali per creare, in una osmosi continua, nuove professionalità e competenze.
In his own way, Marco Trulli is an artist – a weaver of new territory whose warp and woof are art and social issues, and who
has been working his loom with commitment and passion for ten
years, intertwining the urgency of literacy, the creativity of the
young, the promotion of culture and the collective imagination,
the reading of the past and the understanding of the present. The
texture of the fabric, where art and culture are vital for facing the
momentous challenge of immigration through involvement and inclusion, is defined by sharing. And young people are the key. The
Biennial of Young Artists from Europe and the Mediterranean, the
artist residencies and the Librimmaginari illustration festival are
the bridge between the “outside” world and the local area, which
remains the initiative’s primary target. Where, thanks to Cantieri
d’Arte (Shipyards of Art) – an educational project, workshop and
shared space – art lives, speaks, interprets and raises awareness.
Where involvement creates community, and community becomes
a project, generating another community and a new project.
Where innovation doesn’t mean technology for its own sake but
a dialogue with the past and a return to traditional techniques to
create new skills and competences through continuous osmosis.
La posta in gioco? Marco e i suoi collaboratori, coetanei trentenni
con cui condivide background e feeling generazionale, non hanno
dubbi: una nuova concezione del territorio. Attivo, dinamico, vitale
e coinvolto anche nelle sue realtà più periferiche. E per vincere la
scommessa è necessario leggerlo e ascoltarlo, cercare elementi
che scatenino cortocircuiti dell’immaginario, scoprire metafore in
grado di raccontarlo, lavorare insieme, costruire, fare cultura per
tutti. Nessuno escluso.
The stakes? Marco and his co-workers, all in their thirties and with
a shared generational background and approach, are in no doubt:
a new vision of the local area. Active, dynamic and vital, and involving even the most outlying parts. And winning this gamble
means knowing how to read and listen to it, searching for things
that might create short circuits of the imagination, identifying
metaphors able to describe it, working together, building and creating culture for all. Without exception.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
Lazio Creativo / Arte e fotografia / 79
Visiva
www.visiva.info
Polo culturale che vanta vari gemellaggi con
gallerie estere, come la Red Gallery di Londra
e la MaxGallery di Bratislava.
A cultural centre partnered with galleries
abroad, including the Red Gallery in London
and the MaxGallery in Bratislava.
Miracolo. Era un deposito di legname. In seguito ha emanato odore di moka, quando fu uno stabilimento per la lavorazione di caffè.
Negli anni 80 si trasformò in una fabbrica di midollino. In quelli della globalizzazione era un supermercato. E dopo tante metamorfosi
fu costretto all’abbandono, come se queste mutazioni lo avessero
stancato. Rimase nella zona industriale del Tuscolano senza nessuno scopo, immerso nelle sue varie decadenze.
Miracle. First of all it was a lumberyard. Later, a coffee roasting
plant, smelling of mocha, then in the ‘80s it was turned into a
wicker furniture factory, and in the period of globalisation, it became a supermarket. And finally, after all these metamorphoses,
it was abandoned, as though all these mutations had tired it out.
And there it was, in the industrial area of the Tuscolano, without
any purpose, immersed in its own decay.
Nel 2012, però, arrivano i Visionari. Un gruppo di professionisti
del campo culturale – dalla fotografia all’arte museale, dal cinema
alla grafica – colpiti da questo gigante decaduto in una zona tanto
derelitta. Allora i Visionari cominciano a fantasticare. Mettono in
strada i loro sogni. Si confrontano con altre realtà per crescere.
Danno vita a Visiva: una realtà in cui il supermercato esiste ancora, ma al posto dei barattoli di sottaceti, tra i corridoi si può
andare a caccia di fotografie, quadri, film, mostre e seminari. Un
polo culturale che ha rivoluzionato quell’area del Tuscolano. Una
rivoluzione industriale in tutti i sensi, perché Visiva riesce nel difficile intento di fare della cultura un progetto non solo etico, in
grado di generare strumenti di interpretazione del reale. Ma anche in senso economico, perché crea un circuito virtuoso che fa
profitto. Il profitto, in questo caso, ha il suono di una parola gradevolissima: è il miglioramento sociale dei quartieri dismessi; è il
potenziamento di zone ad alto rischio alle quali fornire possibilità
di crescita e riscatto; crea lavoro; genera attività culturali attive in
grado di fare impresa.
In 2012, however, came the Visionaries. A group of professionals,
expert in aspects of culture ranging from photography and museums to from cinema and graphics. Struck by the forlorn sight of
this fallen giant in such a run-down area, the Visionaries begin to
dream, and they put their dreams onto the street, squared off to
reality and gave life to Visiva: a place where the supermarket still
exists, but instead of hunting for jars of pickles, you can now find
photographs, paintings, films, exhibitions and seminars. A cultural
centre which has revolutionized that part of the Tuscolano district.
An industrial revolution in every sense, because Visiva succeeds in
the difficult task of turning culture into a project which is not only
ethical, capable of generating instruments for the interpretation
of reality, but also in an economic sense, creating as it does a
profitable virtuous circle. And in this particular case, ‘profits’ has
a pleasant ring to it, implying as it does the social improvement
of neglected neighbourhoods, the regeneration of high-risk areas,
opportunities for growth and redevelopment, more jobs and the
generation of cultural activities capable of creating business.
Una specie di miracolo. E tutto, con le sole forze di una volontà
indipendente che non si è mai legata a realtà politicizzate. Roma a
volte è un intoppo, specie per quanto riguarda i meccanismi burocratici. Ma i Visionari non hanno intenzione di lasciarla: è una città
in cui il fermento culturale è una prova continua, e dalla immensa
terrazza della loro città visionaria progettano, creano desideri.
Practically a miracle, and all done through independent willpower
with no links to the world of politics. Rome can be an obstacle,
especially when it comes to bureaucracy, but the Visionaries have
no intention of leaving it: it is a city whose cultural ferment is a
continuous challenge, and from the huge terrace of their visionary
city they plan and create desires.
Rossella Milone
Massimo Ciampa
Auronda Scalera
IO/
PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE VISIVA
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 83
La comunicazione visiva: conseguenza
di un sistema economico evoluto
Visual communication: consequence of a developed economic system
La recente diffusione degli strumenti della comunicazione – social media, fotografia digitale, videomaking – consente un facile
accesso alle tecniche esecutive e virtualmente fa di ognuno di noi
un “comunicatore visivo”. Più di prima invece si rende necessaria
una solida formazione culturale per quanti scelgono un mestiere
che incide sull’immaginario collettivo, con la responsabilità etica
ed estetica che ne deriva: i professionisti del settore fanno riferimento a standard di qualità condivisi grazie al sistema di giurie e
premi internazionali e – attraverso associazioni nazionali come Art
Director’s Club Italiano e Aiap – aderiscono a codici deontologici
con lo scopo di evitare inquinamento cognitivo e contribuire all’evoluzione del clima culturale del contesto in cui operano.
The recent spread of communication tools – social media, digital
photography and video making – provides easy access to creative
techniques and makes virtually all of us a “visual communicator”.
More so than in the past, however, those choosing a profession
which involves the collective imagination, with all the ethical and
aesthetic responsibilities which that implies, need a solid cultural
background: the sector’s professionals adhere to quality standards which are shared thanks to the system of juries and international awards and - through national associations like the Italian
Art Director’s Club and Aiap – follow codes of conduct in order to
avoid cognitive pollution and to contribute to the evolution of the
cultural environment of the context in which they work.
L’eccellenza in questo settore si può creare quindi solo grazie alla
presenza di una committenza ampia e sfidante: l’ecosistema industriale laziale ha prodotto finora la nascita di molte piccole realtà
con un livello di output medio e poca specializzazione, così che la
regione non può tuttora contare su una performance di standard internazionale. Le realtà più interessanti si concentrano a Roma, dove
confluiscono talenti da tutto il centro e sud Italia, e dove si sono
concentrate le sedi delle aziende multinazionali e delle grandi partecipate statali: è la qualità e la quantità della committenza infatti
che genera la vivacità dell’industria creativa della comunicazione.
Excellence in this sector can therefore only be created through the
presence of a large and challenging clientele: the industrial ecosystem in Lazio has so far given birth to many small companies with
an average output and little specialisation, so the region cannot yet
count upon results of an international standard. The most interesting companies are concentrated in Rome, where talent from all of
central and southern Italy converges, and where the headquarters
of multinational companies and large government bodies are to
be found. It is, in fact, the quality and quantity of the clientele that
generates the vitality of the creative communication industry.
Oggi quel panorama si è impoverito, il nuovo scenario è frammentato e liquido, ma anche ricco di fermenti, tra le nuove generazioni
e su tutto il territorio regionale, grazie alla possibilità di connessione virtuale. Chiamata a segnalare realtà emergenti e interessanti
posso fare appello solo a un punto di osservazione personale: gli
studi e le persone che ho scelto hanno la mia ammirazione perché
condividono medesimi livelli di ambizione, imponendo a sé stessi
parametri di eccellenza definiti sia dalla grande tradizione visiva
del nostro paese che dall’attuale scenario internazionale.
Today, that panorama has been impoverished and the landscape
which has taken its place is fragmented and fluid, but, thanks to
the opportunities provided by virtual connection, the younger generation and the region as a whole are, however, full of creative
ferment. In response to the request to identify interesting emerging realities, I can only make a personal observation: I admire the
companies and individuals I have chosen because they share the
same level of ambition, imposing upon themselves parameters of
excellence defined both by the grand visual tradition of our country
and the current international panorama.
Paola Manfroni
Art director. Una laurea in farmacia, 18 anni in McCann Erickson,
10 dei quali come direttore creativo della sede romana. Nel 2007
lascia il ruolo di executive creative director McCann Italia, per fondare l’agenzia indipendente Marimo | brandlife designers. La nuova agenzia colleziona premi per il design e costruisce una solida
reputazione nella comunicazione del food e dei prodotti culturali.
Nel triennio 2011-2013 è stata vicepresidente dell’Art Directors
Club Italiano.
Art director. A Pharmacy degree and 18 years working in McCann
Erickson, of which ten as creative director of the Rome office. In
2007, she left her position as Executive Creative Director of McCann Italy and founded the independent agency Marimo | Brandlife designers. The new agency has won multiple design awards
and built a solid reputation in communication for food and cultural
products. From 2011 to 2013 she was vice president of the Italian
Art Directors Club.
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 85
Gianluca Abbate
www.gianlucaabbate.com
Videoartista. Creatore e produttore
di Panorama, cortometraggio sulla città
contemporanea, premiato a Torino.
A video artist who is the creator and
producer of Panorama, a short film about the
contemporary city which won a prize in Turin.
Videoartista multidisciplinare, Gianluca Abbate si divide tra gli impegni con il mondo della pubblicità e lo spazio per la ricerca artistica personale. Salernitano di nascita e oggi romano d’adozione,
Abbate ha frequentato il Dams di Bologna e si è poi diplomato al
Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma. Ha lavorato con la
rete televisiva Mtv – curando l’identità grafica del canale Koob – e
con le maggiori agenzie di comunicazione di Roma.
Multidisciplinary video artist Gianluca Abbate splits his time between his commitments in the world of advertising and his personal artistic experiments. Salerno born and Roman by adoption,
Abbate attended the DAMS in Bologna before graduating from the
Centro Sperimentale di Cinematografia in Rome. He has worked
with MTV on the development of a graphic identity for the Koob
channel and with the best-known advertising agencies in the city.
Per due anni ha lavorato alla produzione e realizzazione di Panorama (2014), un film al confine tra cinema sperimentale e videoarte
che deve molto come influenza al concetto di junk space coniato
dall’archistar Rem Koolhaas: un lungo piano sequenza – immaginato come dal finestrino di uno di quei tram che percorrevano
da una parte all’altra Roma – che mette insieme, rielabora e si
appropria di immagini estratte dal flusso metropolitano e che va
comporre un collage urbano realizzato con la computer grafica e
l’assemblaggio di video amatoriali presi dalla rete.
He worked for two years on the production and development
of Panorama (2014), a film which lies on the border between
experimental film and video art and which owes a debt to the
concept of junkspace coined by the archistar Rem Koolhaas: one
long sequence shot – imagined as though through the window of
one of the trams that crosses Rome – which collates, reworks
and appropriates images extracted from the metropolitan flow to
make up an urban collage using computer graphics and the cutting
together of amateur video taken from the web.
Panorama è un’opera di sette minuti completamente autoprodotta da Abbate, un progetto che parla della città contemporanea,
primo capitolo di una trilogia dedicata al concetto di Città che –
come racconta Abbate – si estende in uno spazio globale infinito,
“senza più luoghi disabitati e frontiere dove trovare riparo, prosecuzione del concetto di polis divenuto però contemporaneo. In
questo paesaggio non si scorge nessun percorso di riammissione
per chi ne sia stato escluso, risvegliando mondi immaginari alla
ricerca di un equilibrio”. Il primo progetto cinematografico di Abbate ha vinto il premio come miglior corto italiano al 32° Torino FIlm
Festival, ha ricevuto menzioni anche al Festival Internazionale del
Cortometraggio di Clermont-Ferrand, al roBOt Festival di Buenos
Aires, e al Visioni Urbane di Bologna. Abbate sta lavorando a un
progetto legato al cibo e alla relazione tra il junk food – il cibo
spazzatura – e la scarsa qualità della vita.
Entirely self-produced by Abbate, the seven-minute long Panorama is a project that speaks about the contemporary city and is
the first chapter in a trilogy about the concept of the City which –
Abbate explains - stretches across an infinite global space, “with
no more uninhabited places or borders offering shelter, extending
the concept of a polis which has become contemporary. In this
landscape there is no route for the readmission of those who have
been excluded, awakening imaginary worlds in search of a balance”. Abbate’s first film project won the award for Best Italian
Short at the 32nd Torino FIlm Festival and also received mentions
at the Clermont-Ferrand Short Film Festival, the roBOt Festival in
Buenos Aires, and Urban Visions of Bologna. Abbate is currently
working on a project dealing with food and the relationship between junk food and poor quality of life.
Stefano Ciavatta
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 87
Andrea Alati
www.fulminelab.com
Art director e creatore di Fulminelab, studio
di produzione digitale e brand identity, che
coniuga creatività e nuove tecnologie.
Art director and founder of digital production
and branding studio Fulminelab - creativity,
new technologies and web communication.
Andrea Alati è un appassionato di computer grafica fin da ragazzo.
Si descrive un po’ come un nerd, al tempo. Ama passare le ore al
computer. Non è solo un hobby, è bravo. Un amico di suo padre lo
fa lavorare per un’estate nel suo studio a Sora (FR), dove Andrea
vive. Resta lì anche dopo l’estate, comincia così la sua formazione.
Poi finito il liceo, si iscrive allo IED, a Roma. Si diploma a 21 anni
e la sua idea è quella di applicare alla piccola realtà di Sora tutto ciò che ha imparato. Inizia prima autonomamente, poi capisce
che ha bisogno di allargare le competenze. Insieme a due amici
programmatori e futuri soci – Luca Catallo e Claudio Corridore –
crea Fulminelab, un laboratorio che offre diversi servizi in ambito
di produzione digitale e brand identity.
Andrea Alati has been obsessed with computer graphics since he
was little. He describes himself as being a bit of a nerd back then,
spending hours on his computer. It wasn’t just a hobby - he was
good at it. A friend of his father’s gave him a summer job in his office in Sora (FR), the town where Andrea lives. When the summer
was over he stayed on, and his training began. After finishing high
school, he enrolled at the IED in Rome, graduating at 21 with the
idea of applying everything he’d learned to the small reality of his
hometown. He started off working by himself, then realised that
he needed to extend his competences, so together with two programmer friends and future partners – Luca Catallo and Claudio
Corridore – he created Fulminelab, a laboratory offering a range of
digital production and brand identity services.
Ma Andrea è il primo a sentirsi stretto in queste classificazioni: “Di
base sono uno che corre da un’altra parte all’altra” scherza. Può capitargli anche di essere chiamato per la ristrutturazione di un locale.
Fulminelab rivendica la stessa resistenza rispetto alle etichette:
“We can do many things with fucking passion” si legge sul sito.
Soltanto che la passione spesso si scontra con le leggi del mercato,
la scarsa movimentazione economica, il congelamento dell’imprenditoria, la paura di rischiare e l’appiattimento della comunicazione
entro logiche già predefinite a discapito di una sana creatività.
Andrea è rimasto deluso dalla sua esperienza con le grandi agenzie
pubblicitarie romane, tanto che è stata proprio quella delusione a
farlo ritornare a Sora e investire in Fulminelab. Il mondo delle startup, invece, dal suo punto di vista offre una vitalità più stimolante,
e oggi si trova a collaborare volentieri con Luiss Enlabs: un acceleratore di startup. Tra i progetti a cui Andrea è più legato, anche per
la visibilità e i riconoscimenti che ha avuto, c’è WeEats, un social
network che permetteva di creare o partecipare a eventi culinari
in case private, un “indovina chi viene a cena?” al tempo del web.
Christian e Veronica Raimo
Andrea finds all these classifications a bit suffocating: “I’m basically somebody who runs between one place and another,” he
jokes. On occasion, he’s even been called in to handle the refurbishment of a club. Fulminelab displays the same resistance towards labels: “We can do many things with fucking passion” says
their website. But passion often comes into conflict with the laws
of the market, a slow-moving economy, the sluggishness of local
entrepreneurship, a fear of taking risks and the shoehorning of
communication strategies into pre-defined logics at the expense
of healthy creativity.
Andrea was disappointed by his experience with the big Roman
advertising agencies – so much so that it convinced him to go
back to Sora and invest in Fulminelab. From his point of view, the
world of startup provides more stimulating vitality, and today he is
happily working with Luiss Enlabs, a startup accelerator. Among
the projects of which Andrea is fondest – in part because of the
visibility and recognition it has given him – is WeEats, a social
network that allows you to create or join culinary events in private
homes, a sort of Web 2.0 “Guess Who’s Coming to Dinner?”
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 89
Andrea Bennati
www.andreabennati.com
Graphic Designer. È fondatore e direttore
artistico dell’agenzia di comunicazione
BBB Studio, nata nel 2009 a Viterbo.
A graphic designer and founder and artistic
director of the BBB Studio communication
agency, founded in Viterbo in 2009.
Il sogno di Andrea Bennati è un loft immerso nel verde. Vorrebbe
realizzarci uno studio di grafica secondo un’idea molto aperta e flessibile del suo lavoro. Non lo immagina semplicemente come uno
spazio professionale, ma come un luogo dinamico in cui poterci fare
milioni di cose: suonare e ospitare i clienti, per esempio, organizzare mostre e coltivare la campagna. Una dimensione tra l’hippy e il
new age che Andrea stempera con un pragmatismo da imprenditore e con una creatività un po’ schizofrenica. Basta sfogliare il suo
curriculum per rendersene conto: graphic designer, artista, musicista, fotografo, video maker, curatore di eventi, perfino agricoltore.
La sua personalità si muove attorno a un universo sonoro e visivo
che non rinuncia a un profondo radicamento nel territorio: l’alto Lazio viterbese, dove nel 2009 ha fondato con due suoi amici la BBB
Studio, un’agenzia che si occupa di comunicazione web.
Andrea Bennati’s dream is a loft in the countryside. He would like
to create for himself a graphic design studio based on an open and
flexible vision of his profession. He doesn’t imagine it simply as a
professional office but as a dynamic space where a million things
would be possible: playing music and entertaining customers, for
example, or organising exhibitions, or cultivating the land. Something half hippy and half new age that Andrea would temper with
the entrepreneurial pragmatism and vaguely schizophrenic creativity a rapid glance at his resume reveals: graphic designer, artist, musician, photographer, video maker, event curator, and even
farmer. His personality revolves around an audio-visual universe
that retains deep local roots in the Northern Lazio area around
Viterbo, where in 2009 he and two friends founded BBB Studio,
an agency which handles web communication.
La sua storia è iniziata a Roma, dove si è “quasi” laureato in Disegno Industriale e ha mosso i primi passi lavorando per la Egolab e
Just Entertainment, un’etichetta discografica della quale è stato
direttore artistico. Da lì in poi un percorso in discesa, che lo ha portato a progettare grafica per i prodotti più vari: cover, magazine,
t-shirt, manifesti, flyer e tanto altro ancora. Un percorso in cui non
sono mancate collaborazioni importanti, come quella con Alessandro D’Alatri, per il quale ha curato la campagna pubblicitaria
dello spettacolo Tante belle cose, o con l’artista Davide Dormino.
Andrea si diverte a sorvolare questo universo di comunicazione
senza mai rinunciare a progetti più personali, come la rivista free
press The Trip Magazine, da lui ideata e diretta tra il 2009 al 2013,
o la partecipazione alle produzioni satiriche di Sbob Tv.
His story began in Rome, where he “almost” graduated in industrial design, and where he took his first steps working for Egolab
and Just Entertainment, a record label of which he was artistic
director. From there, his destiny led him to design graphics for
the most varied range of products: covers, magazines, t-shirts,
posters, flyers and much more. A career that has also included
collaborations like the one with Alessandro D’Alatri, for whom he
oversaw the advertising campaign of the show Tante belle cose,
or with the artist Davide Dormino. Andrea enjoys floating around
this universe of communication without ever giving up his more
personal projects, like the free press The Trip Magazine, which he
masterminded and directed from 2009 to 2013, or his participation in the satirical productions of Sbob TV.
Inutile chiedersi quale sia il centro di gravità di questo creativo:
più si cerca di capirlo più ci si accorge che Andrea non ha centri,
proprio come lo spazio sterminato di idee che vengono fuori dalla
sua immaginazione.
There’s no point asking where the centre of gravity of all this creativity lies: the harder you try to work it out, the more obvious it
becomes that Andrea has no centre, just like the endless stream
of ideas which pours forth from his imagination.
Giorgio Nisini
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 91
Salvatore Carlucci
www.ariannanet.it
Direttore creativo della startup Ariannanet
e creatore di Agesic, applicazione per
segnalazione di emergenza sul lavoro.
Creative director of the startup Ariannanet
and creator of Agesic, an app to communicate
workplace emergencies.
Ariannanet.it è una startup con testa e cuore a Rieti. Nasce nel
2012 per sviluppare applicazioni web. Dopo aver lavorato per anni
come referente web a Cepu e al Ced del comune di Rieti, l’ex programmatore Salvatore Carlucci si è reinventato direttore creativo
di una nuova impresa che oggi conta sette dipendenti e tre soci,
oltre a Salvatore anche Michele Carlucci e Riccardo Bianchi. Il Politecnico di Milano gli ha offerto una borsa di studio per un corso
di formazione per startup e di lì è nata Ariannanet, prima con dei
progetti sviluppati per la Camera di Commercio e per l’Università
di Rieti poi per le aziende private.
Ariannanet.it, which was founded in 2012 to develop web applications, is a startup with both its head and its heart in Rieti.
After handling web duties for Cepu and the CED of the Rieti town
council, former programmer Salvatore Carlucci reinvented himself
as the creative director of a new company which now has seven
employees and two partners in addition to Salvatore himself –
Michele Carlucci and Riccardo Bianchi. When the Politecnico di
Milano offered him a scholarship for a training course for startups, Ariannanet was born, initially from projects developed by the
Chamber of Commerce and the University of Rieti and later for
private companies.
Il fiore all’occhiello è Agesic, un’applicazione che tramite smarphone protegge il lavoratore in ogni istante segnalando tempestivamente all’azienda per cui lavora situazioni di difficoltà o di pericolo,
malori o incidenti. Le segnalazioni arrivano con la geolocalizzazione, un sensore reattivo agli sbalzi di temperatura e all’ossido di
carbonio. “L’idea di Agesic è nata – racconta Carlucci – su richiesta di un’azienda che aveva saputo in ritardo di un malore che
aveva colpito un suo dipendente in missione di lavoro”.
Il progetto Agesic ha vinto il premio Lamarck-Giovani Confindustria
a Smau come startup innovativa, ed è stato selezionato dal Tim
#Wcap Accelerator, il programma di open innovation di Telecom
Italia che seleziona, finanzia e accelera startup in ambito digitale.
Ci sono voluti tre mesi di lavoro per creare l’applicazione e adesso
Agesic è diventata una società a sé, già sul mercato e con clienti
che provengono dal portfolio Ariannanet. Poi ancora Cook Together
applicazione community e social sul mondo delle ricette. “Agesic
non sarebbe stata possibile senza un team di progettisti che crede
in te. C’è molta concorrenza per entrare nei mercati più grandi ed è
trasversale: ci sono startup di ragazzi e di gente esperta”.
Stefano Ciavatta
Its flagship product is Agesic, an app for phones which protects
workers at all times, promptly reporting any difficult or dangerous situations, sudden illnesses or accidents to his or her parent
company. The reports arrive through geolocation and sensors for
temperature and carbon monoxide. “The idea for Agesic came
about”, says Carlucci, “at the request of a company which had
found out too late about one of its employees falling ill on the job”.
The Agesic project won the Lamarck-Giovani Confindustria prize
at Smau as most innovative startup, and was selected by Tim
#Wcap Accelerator, Telecom Italia’s open innovation project
which selects, finances and accelerates startups in the digital environment. It took three months of work to create the application,
but now Agesic has became a separate company and is already on
the market, with customers coming from the Ariannanet portfolio.
In addition, there is the Cook Together app which takes a community and social approach to the world of recipes. “Agesic wouldn’t
have been possible without a team of designers that believed in
us. There’s a lot of competition to get into larger markets and it’s
across the board: some startups are kids, other are experts”.
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 93
Alessandro Costariol
www.costariol.com
Tra Roma, Milano e New York, tra brand image
e design. Ha vinto nel 2012 l’European Design
Award per la sezione packaging.
Brand image and design in Rome, Milan and
New York. Winner of the 2012 European Design
Awards Prize for packaging.
Sapere l’ABC di qualcosa vuol dire conoscerne le fondamenta.
“Mettere i puntini sulle i” vuol dire precisare, puntualizzare. Essere
“analfabeta”, metaforicamente, significa ignorare un certo campo
del sapere. Di solito, gli alfabeti si imparano, i type designer invece
li fanno vivere: soffiano uno spirito vitale nelle lettere per rendere i
caratteri unici, memorabili, mitici. Alessandro Costariol è un grafico che si è dedicato col tempo a quella costola del graphic design
che si occupa di disegnare i caratteri alfabetici: il type design.
Laureato alla Sapienza di Roma in Disegno industriale, dal 2001
al 2004 ha lavorato a Milano per alcune agenzie e ha partecipato
a progetti per Wallpaper e Boffi. Nel 2006 ha cominciato la libera
professione e ha lavorato come freelance per agenzie di brand
come Landor e Robilant Associati. Tra i suoi clienti, per i quali è
stato consulente, ci sono stati Fritz Hansen, Lea ceramiche e Arpa
Industriale. A New York, nel 2012, ha collaborato con l’agenzia
Giovanni Bianco per progetti con clienti come Versace, Ermenegildo Zegna, Madonna.
Knowing the ABC of something means knowing its foundations.
“Dotting your ‘i’s” means being accurate. Being “illiterate”, metaphorically speaking, means being ignorant of a certain field of
knowledge. Alphabets are usually something you learn, but type
designers bring them to life: they blow a vital spark into the letters to make the characters unique, memorable and legendary.
Alessandro Costariol is a graphic designer who over the years has
dedicated himself to that branch of graphic design which deals with
drawing alphabetic characters: type design. An Industrial Design
graduate of the Sapienza University of Rome, from 2001 to 2004 he
worked for several agencies in Milan and participated in projects for
Wallpaper and Boffi. In 2006 he started his own studio and worked
freelance for agencies and brands such as Landor and Robilant
Associates. Among the customers for whom he was a consultant
were Fritz Hansen, Lea Ceramica and Arpa Industriale. In New York,
in 2012, he worked with the Giovanni Bianco agency on projects for
clients such as Versace, Ermenegildo Zegna and Madonna.
Costariol si occupa di grafica nell’ambito del corporate, progetta marchi, lavora per la costruzione delle identità visive di grandi
aziende in diversi settori. La sua attività si concentra spesso sul
disegno di lettere e caratteri proprio perché questi sono uno degli
elementi portanti dell’identità visiva. Si può trattare del disegno di
singole parole o anche di un alfabeto intero. Si sa: “La grafica sono
le lettere, tutto il resto è decorazione”.
Costariol deals with corporate graphics, designs brands and works
for the construction of the visual identities of large companies in
various sectors. His work often focuses on the design of letters
and characters because they are one of the vital elements of
visual identity. This can mean the design of a single word or even
of an entire alphabet. As he says, “Graphic design is letters –
everything else is just decoration.”
Tra i lavori di altro profilo, non legati strettamente al graphic design, Alessandro Costariol ha partecipato con lo studio di architettura DWA al progetto Oltredove. L’idea era di produrre oggetti in
bilico tra arte e design che giocavano con l’ambiguità temporale,
in modo che forme, linee e strutture sembrassero reperti archeologici che, invece di essere riesumati da un passato remoto, provenissero da un futuro lontano, in cui la tecnologia non esiste più.
Among the other types of work he does – that not strictly related
to graphic design - Alessandro Costariol has also participated in
the architectural firm DWA’s project Oltredove. The idea was to
produce objects at the intersection of art and design which played
with the ambiguity of time, so that shapes, lines and structures
seemed archaeological finds which, rather than being exhumed
from a remote past, came from the distant future where technology no longer existed.
Francesco Longo
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 95
Nois3
www.nois3.it
Uno studio di comunicazione innovativo
e originale composto da otto giovani
di diversa età, provenienza, formazione.
An innovative, original communication
company made up of eight young people
of different ages, backgrounds and training.
Di Nois3 fanno parte Carlo Frinolli e Davide Pavone, romani, Ivan
Minutillo, di Formia, Claudia De Medio, di Chieti, Emanuele Macri,
di Taranto, Imke Bär, tedesca, e Natalia Molchanova, che è di origine russa. Hanno studiato ingegneria o design, lingue o belle arti.
Carlo Frinolli e Imke Bär si sono incontrati sul lavoro, molti anni
fa, poi mano a mano sono stati coinvolti gli altri, fino ad Andrea
Marchesini, che collabora dall’esterno, come anche Natalia Molchanova. Due anni fa hanno fondato una società e hanno aperto lo
studio, al Pigneto, in cui, in un’atmosfera amichevole e rilassata,
lavorano a molti progetti di comunicazione e organizzazione eventi.
Nois3 is made up of Carlo Frinolli and Davide Pavone from Rome,
Ivan Minutillo from Formia, Claudia De Medio from Chieti, Emanuele Macri from Taranto, Imke Bär from Germany and Natalia
Molchanova, who is of Russian origin. They are graduates of engineering, design, fine arts or languages. Carlo and Imke met at
work many years ago, and the others gradually were drawn in, the
most recent additions being Andrea Marchesini, who collaborates
externally, and Natalia Molchanova. They founded the company
two years ago, opening an office in Pigneto where, in a friendly
and relaxed atmosphere, they work on multiple communication
and event organization projects.
Fra le cose più belle che hanno fatto ricordano la scorsa edizione
di Word Usability Day (www.wudrome.it/), di cui hanno organizzato la tappa romana, ma anche i servizi per Wed in Florence,
un’agenzia di wedding planning. Hanno creato wmp2014 (Minorca
World Medicine Park): un’app cross-platform che mette in contatto medici e operatori sanitari di tutto il mondo. Sono stati premiati
dalla piattaforma Behance, che mette in contatto i creativi di tutto
il mondo, che li ha inseriti in alcune loro raccolte come Branding
Served (www.brandingserved.com) e App Served (www.appdesignserved.co).
Among their favourites is the latest edition of Word Usability Day
(www.wudrome.it/), for which they organised the Roman leg, as
well as services for Wed in Florence, a wedding planning agency. They created wmp2014 (Menorca World Medicine Park): a
cross-platform app that links doctors and health professionals
around the world, and the Behance platform, which connects creatives internationally, has included them in some of its collections,
like Branding Served (www.brandingserved.com) and App Served
(www.appdesignserved.co).
La loro forza è la passione che mettono nel lavoro che fanno, l’attenzione ai dettagli, la capacità di creare empatia con i progetti,
come fossero loro. Per questo la loro firma è Designed with love by
Nois3. Un metodo di lavoro che, racconta Carlo Frinolli, “è basato
sul buonsenso, ma che noi pomposamente chiamiamo visual thinking” che vuol dire lavorare assieme al cliente, coinvolgerlo, parlare il suo stesso linguaggio. Sognano di crescere, di poter essere
più tranquilli sul piano economico e di riuscire a farlo continuando
a seguire i progetti nello stesso modo, con la stessa cura, lo stesso amore. Senza snaturarsi, ricordandosi sempre che “se diciamo
briffare ci viene da ridere”.
Their strength lies in their passion, their attention to detail and
the way they take projects to heart as though they were their
own. In fact, they sign their jobs Designed with love by Nois3. An
approach, says Carlo, “based on common sense, but which we
pompously call visual thinking.” Which means working together
with the client and speaking the same language. Their dream is
to grow larger so they can worry less about finances and carry
on handling projects in just the same way, with the same care
and love. Without changing, and always remembering that “if any
of us said briffare (a media-world Italianisation of ‘briefing’) we’d
crack up laughing.”
Paola Soriga
Imke Bähr
Carlo Frinolli
Emauele Macri
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 97
Simone Rossini
www.behance.net/simonerossini
Art director, appassionato di grafica
e typography, cerca di coniugare la storia
dell’arte con una rivisitazione contemporanea.
An art director with a love of graphic design
and typography who combines art history
with a contemporary vision.
A 32 anni Simone Rossini sembra avere le idee chiare. Dopo anni
da art director in grandi agenzie pubblicitarie (TBWA, Gruppo Roncaglia) decide che vuole dedicarsi a qualcosa di più concreto, e
soprattutto duraturo. Secondo lui, almeno in Italia, la vita di una
campagna pubblicitaria, o di un’operazione web, è talmente effimera che si esaurisce nel giro di una giornata, e così lo sforzo di
settimane evapora in una velocità di fruizione estrema e molto
spesso distratta. Simone ha studiato all’Istituto d’arte e poi allo
IED; è appassionato di grafica, di design e di typography, ma è
molto critico con le derive contemporanee di questi ambiti. Dopo
l’avvento dei personal computer, e lo sdoganamento di programmi
come Photoshop, InDesign, tutti quanti hanno l’illusione di poter
fare i grafici, prescindendo completamente dall’arte e da una visione diacronica della storia.
At 32, Simone Rossini seems to have clear ideas about things.
After years working as an art director for major advertising agencies (TBWA, Gruppo Roncaglia) he decided he wanted to devote
himself to something more concrete – and, in particular, long-lasting. In his opinion, the life of an advertising or web campaign – in
Italy, at least – is so ephemeral that it’s over in about a day, and
weeks of hard work evaporate in a rush of hurried, often distracted
consumption. Simone studied at the Art Institute and then the IED,
and is fond of design, graphic design and typography, but is highly
critical of contemporary trends in these fields. After the advent of
personal computers and the arrival of programmes like Photoshop
and InDesign, everybody thinks that they can create graphics,
without a proper understanding of art or history.
“Se metti in mano un pennello a qualcuno, non diventa un pittore”
spiega Simone. Dal suo punto di vista si è perso il professionismo
delle vecchie scuole, una certa cura, uno studio mirato, che si
ritrova ancora nei vecchi locali, dove qualsiasi cosa – dalle insegne
all’arredamento interno – era affidato a delle persone competenti del settore e non “al figlio del proprietario perché sa usare il
computer”. Adesso il ritorno al vintage cerca in qualche modo di
sopperire a questa mancanza, ricreando in maniera fittizia, scenografica, un certo contesto, come se si sentisse la necessità di
“raccontare qualcosa”.
Anche Simone è un appassionato di vintage, ma per lui la creazione finzionale deve comunque avere una sua coerenza – sia in
termini culturali che concettuali – affinché risulti significativa. Visto che all’astrazione, ha sempre prediletto un rapporto materico
col suo lavoro, tra i progetti futuri c’è quello di aprire uno studio
a Sora (FR) – il suo paese di origine – di tatuaggi, interior design
e branding. Non a caso, i tatuaggi, al contrario della pubblicità,
hanno la vocazione a restare nel tempo.
Christian e Veronica Raimo
“If you give someone a brush, that doesn’t make them a painter”,
says Simone. From his point of view, the careful, studied, oldschool professionalism which can still be found in those old shops,
bars and nightclubs where everything – from the signs to the interiors – was handled by people who were competent in the field
and not “the son of the owner because he knows how to use a
computer”. Today’s return to a vintage look attempts to somehow
make up for this, recreating a certain context in an ersatz, scenographic way, as though from a need to “say something”.
Simone too is a fan of vintage style, but for him the fictional creation must still have its own coherency - both cultural and conceptual – to give it meaning. As he has always preferred a material
relationship with his work to abstraction, his plans include opening a studio in Sora (FR) – his hometown – where he will realise
tattoos, interior design and branding. Not coincidentally, tattoos,
unlike advertising, are destined to remain through time.
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 99
Romani - Todero
www.behance.net/alexandra_todero
Una coppia creativa da Leone.
Alessandra Romani e Alexandra Todero
sono le direttrici associate di Spark 44.
A winning creative duo.
Alessandra Romani and Alexandra Todero
are the associate directors of Spark 44.
A chi può capitare di vincere un Leone a Cannes? Una notizia
simile farebbe pensare a una dilettantistica confusione cinematografica. Il Leone spetta a Venezia, la Palma d’oro alla cittadina
francese. Ma qui non stiamo parlando di film, bensì di pubblicità e
Alessandra Romani e Alexandra Todero sono fra coloro che possono vantare un riconoscimento nell’ambito premio “misto”, così
come ai Clio Awards e alll’Adci.
Who on earth ever won a Lion in Cannes? It’s the type of thing
that sounds like a cinematographic amateur’s mix-up: the Lion is
awarded in Venice, and the prize given out in the French town is
the Palme d’Or. But we’re not talking about movies, we’re talking
about advertising, and Alessandra Romani and Alexandra Todero
are among those who can boast of winning a prize in the ‘mixed’
category, as they did at the Clio and ADCI Awards.
Le quasi omonime Romani-Todero, Alessandra e Alexandra, si incontrano nel 2010 in Publicis Roma, nel 2012 ne diventano direttrici creative associate. Da lì il passaggio in Saatchi&Saatchi, dove
lavorano su clienti come Renault, Enel, Poste Italiane, Alitalia,
AAMS, CEI e WWF, e poi nell’aprile 2015 la scelta di Superegg di
affidare loro la guida della direzione creativa. Superegg è un’agenzia di comunicazione con un portfolio clienti di altissima caratura
internazionale come Toyota, Peugeot, Mercedes, Fiat, Fox, Puma,
Sony, Philip Morris, Bulgari, solo per citarne alcuni. Ma non basta,
da poco è ufficiale il loro passaggio come direttrici creative associate in Spark 44, dove si dedicano a Land Rover e Jaguar.
The similarly-named duo of Alessandra and Alexandra met in 2010
in Publicis Roma, becoming associate creative directors in 2012.
From there, they moved to Saatchi & Saatchi, where they worked
with clients like Renault, Enel, the Italian Post Office, Alitalia,
AAMS, CEI and the WWF, until, in April 2015, Superegg chose
to entrust them with the role of creative directors. Superegg is a
communications agency that boasts among its clients brands like
Toyota, Peugeot, Mercedes, Fiat, Fox, Puma, Sony, Philip Morris
and Bulgari, to name but a few. But the story doesn’t end there,
because their appointment as creative associates at Spark 44,
where they will dedicate their time to Land Rover and Jaguar, has
just been made official.
Ecco, quando si sente parlare di creatività in Italia, non si capisce
mai bene cosa significhi. A volte i pubblicitari si nascondono dietro lo scudo della creatività purificandone l’aspetto prettamente
orwelliano con afflati artistici. Alessandra e Alexandra no, onestamente improntano il loro lavoro su una creatività che funzioni, che
rimanga impressa alle persone e che porti risultati anche ai loro
committenti. Per cui da un lato ci sono le idee, dall’altro la parte
strategica, mediatica. In una recente intervista hanno dichiarato
che alcuni le vedono “come due giapponesi che non sanno che
la guerra è finita”. Ma loro non sono d’accordo, perché la guerra
invece è ancora in corso, è quella che fanno contro una comunicazione superficiale, noiosa, offensiva dell’intelligenza delle persone.
Vins Gallico
When you hear talk of creativity in Italy, it’s never quite clear
what’s being discussed. Sometimes it simply means advertisers
hiding behind a smokescreen of ‘creativity’ and camouflaging their
Orwellian intentions behind artsy glitz. But not Alessandra and
Alexandra. Their work is characterised by creativity which is as
effective as it is honest – creativity which makes an impression on
the public and gives their clients results. So on the one hand are
the ideas, and on the other, strategy and media. In a recent interview, they stated that some see them as “two Japanese soldiers
who haven’t realised that the war is over.” They don’t agree - the
war actually isn’t over, and it’s the war they’re fighting against
shallow, boring advertising that is offensive to the intelligence of
its intended audience.
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 101
Alice Scornajenghi
cargocollective.com/alicescornajenghi
Copywriter di Saatchi & Saatchi che ha
firmato alcune fra le più interessanti
campagne realizzate negli ultimi anni.
A copywriter at Saatchi & Saatchi who
has devised some of the most eye-catching
campaigns of recent years.
Vendere l’anima. Ricordate la pubblicità della Toyota GT86? Parliamo di una macchina super sportiva, un’auto da figo single, per
cui si presume che se siete uomini e avete una relazione, la vostra
donna non prenderà bene la scelta di questo veicolo. Così nasce
Fattela perdonare, cioè la promozione che insieme all’acquisto
dell’auto inviava un mazzo di rose alla compagna del pilota marpione. Risultato: dodicimila matrimoni salvati. Oppure il giallo virale
sul Misfatto di casa Felice, un gioco in cui l’utente social doveva
risolvere il caso di un lancio di tacchino al forno contro la finestra
del malcapitato Felice.
Selling your soul. Remember the advert for the Toyota 86? We’re
talking about a sports car, the kind a swinging bachelor might
drive, so you can bet that if you’re a man and you’re in a relationship, your ladyfriend won’t take too kindly to your choice of
vehicle. Thus was born Fattela Perdonare which, along with the
purchase of the car sent a bouquet of roses to the companion of
the driver with the wandering eye. Result: twelve thousand saved
marriages. Then there was the viral detective story Misfatto di
casa Felice, a game where the user had to solve the case of the
roast turkey thrown against Mr. Felice’s window.
Alice Scornajenghi (il cognome impronunciabile di origine calabro-americana non lo scrivo più per evitarvi la ginnastica fonetica)
non ha solo questo lato ludico. Ci sono campagne commoventi,
intense, come quella (premiata, infatti) per il Telefono Azzurro o
quella del leone con problemi di carie (giuro, non sto scherzando:
è un video bellissimo di un leone bianco che viene anestetizzato e
portato dal dentista in piena savana, perché non poteva più mordere e incominciava a essere depresso).
But there is more to Alice Scornajenghi (and to save you some
phonetic gymnastics, I won’t write her unpronounceable Calabrian-American surname again) than this playful side. There are also
powerful, moving campaigns like the prizewinning one for the
Telefono Azzuro, or the one with a lion with tooth decay (I’m not
kidding: it’s a gorgeous video of a white lion being anaesthetized
and taken to the dentist in the middle of the savannah because he
could no longer bite and had started getting depressed).
Insomma Alice spazia su vari registri. D’altronde è quello che voleva fare, che le riesce meglio. Dopo la laurea in lettere, sognava
una carriera da scrittrice (da disoccupata, quindi) e invece la sua
vita sociale e il suo talento per la scrittura l’hanno salvata. A una
festa, tramite uno strano (ma onestissimo) incastro alla Sex and
the city si ritrova a vendere l’anima al diavolo (cioè alla pubblicità), ma come lei stessa rivela senza vergogna, in questi anni
ha imparato che il diavolo può essere un gran figo (anche senza
una Toyota GT86). Ma soprattutto in questi anni Alice ha imparato
un linguaggio che rimane impresso, creando immagini memorabili
in ogni fruitore di pubblicità. E io adesso voglio, desidero quella
Toyota GT86... subito!
So Alice works in various registers. And anyway, it is what she
always wanted to do and what she does best. After graduating
in literature she dreamed of a career as a writer (i.e. being unemployed), but instead her social life and her talent for writing saved
her. By a strange (but honest) Sex and the City-like coincidence at
a party, she found herself selling her soul to the devil (i.e. to advertising). But as she reveals without shame, these last few years
have taught her that the devil can actually be very cool (even if
he’s not driving a Toyota 86). But above all, they’ve taught her
a language that creates unforgettable images in the memory of
whoever sees her work. And now, give me that Toyota 86!
Vins Gallico
Lazio Creativo / Pubblicità e comunicazione visiva / 103
Zero
www.zerovideo.net
Un collettivo di giovani autori che racconta,
con video, film, documentari e romanzi,
la propria generazione.
A group of young authors who use videos,
films, documentaries and novels to speak
about their generation.
Si definiscono un mostro a tre teste: sono un collettivo di autori, film maker, scrittori. Niccolò Falsetti è toscano, ha 28 anni, è
laureato in Lettere; Stefano De Marco, è romano, ha 27 anni, è
laureato in Comunicazione visiva, Alessandro Grespan è veneto,
ha 31 anni, è laureato in Economia. Tutti e tre hanno studiato o lavorato all’estero e adesso sono tornati. Si chiamano ZERO perché
“quando sono cadute le maschere delle mille opportunità che doveva darci il terzo millennio, ci siamo ritrovati senza scelta. Spalle
al muro”. Hanno iniziato a raccontarlo, il terzo millennio, le vite loro
e dei loro coetanei.
This collective of authors, film makers and writers call themselves
a three-headed monster. Niccolò Falsetti is a 28-year-old Literature graduate from Tuscany, Stefano De Marco a 27-year-old
Roman with a degree in Visual Communications and Alessandro
Grespan is a 31-year-old Venetian Economics graduate. All three
studied or worked abroad before returning to Italy, and they call
themselves ZERO because “when the veil of the thousands of
opportunities the third millennium was supposed to offer us fell
away, we found ourselves with no choice. Backs to the wall.” So
they started telling the story of the third millennium and of the
lives of themselves and their peers.
Sono diventati famosi nel gennaio del 2014 con Coglione No, una
campagna di sensibilizzazione per il rispetto dei lavori creativi fatta
attraverso dei video che sono diventati in fretta virali, raggiungendo decine di migliaia di visualizzazioni. Sono riusciti a denunciare,
con ironia e leggerezza ma contemporaneamente con una grande
forza, la pratica diffusa in Italia di non pagare o sottopagare i lavori
creativi. Dopo Erasmus 24_7, documentario sulla vita degli studenti in Erasmus, girato in diverse città europee, è uscito anche il
loro romanzo: Forse cercavi (Mondadori, 2014).
Alla domanda la cosa più bella che avete fatto danno risposte
diverse: Alessandro dice “la prossima cosa che faremo”, Stefano e Niccolò parlano invece del libro. Infine si trovano d’accordo
nel raccontare l’esperienza del Lago Film Festival: da un’idea nata
assieme agli organizzatori, hanno deciso di lanciare una falsa notizia durante la conferenza stampa dell’edizione 2015 e costruirci
sopra un mokumentary, un finto documentario. Esperienza che li
ha messi alla prova e li ha fatti divertire, si sono ritrovati di nuovo
da soli, hanno ritrovato lo spirito piratesco che li contraddistingue,
sentendosi liberi. Stanno lavorando a molte cose, come il film tratto dal libro e una web serie che mette in scena il backstage di un
cinepanettone. Sognano di fare un film, di farlo bene, liberamente.
Paola Soriga
Stefano De Marco
Niccolò Falsetti
Stefano Grespan
They become famous in January of 2014 with the Coglione No
(something like “I’m not a total idiot”) campaign to encourage
respect for people working in the creative industries. It quickly
went viral, and its critique - potent despite its use of humour and
its lightness of touch - of the widespread Italian practice of underpaying or not paying for creative work gathered tens of thousands
of views. After Erasmus 24_7, a documentary on the lives of Erasmus students shot in various European cities, they also released a
novel: Forse Cercavi (Knopf, 2014).
As regards their favourite project, they give different answers:
Alessandro says “the next thing we do,” while Stefano and Niccolò mention the book. In the end, though, they agree it was their
experience at the 2015 Lago Film Festival where, together with
the organizers, they decided to communicate some fake news at
a press conference and then construct a mockumentary around
it. It was an experience that put them to the test but which they
enjoyed – it was them against the world again, and they rediscovered the spirit and feeling of freedom that distinguishes them. They
are currently working on several projects, such as the film of their
book and a web series about the backstage of a cinepanettoni (the
lowbrow comedies that fill cinemas in Italy every Christmas). Their
dream is to make a film, and to do it just the way they want.
IO/
EDITORIA, ILLUSTRAZIONE E FUMETTO
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 107
I possibili mondi della letteratura
The possible worlds of literature
Fare cultura, oggi più che mai, significa fare rete. Proprio perché i
tempi sono tenebrosi, i lettori calano, la semplificazione – di contro – aumenta, è importante trovarsi e lavorare insieme. Indicare
storie, persone, associazioni del Lazio che di cultura si occupano
significa, credo, avere ben presente la loro vocazione a un cammino comune: si perdono lettori e si smarrisce complessità proprio
per l’atteggiamento contrario, che porta a crederci e farci autoriferiti, ringhiosi, solitari.
Creating culture means, now more than ever, networking. And
precisely because times are gloomy and there are less readers
and – in contrast – growing oversimplification, it is important to
find one another and work together. Highlighting stories, people
and associations which work with culture in Lazio means, I believe, bearing in mind their calling towards a common direction:
it’s taking the other approach which makes us self-referential, defensive and solitary, and costs us readers and complexity.
Questa è dunque la chiave unificante delle scelte fatte: a cui appartengono realtà come Barravento di Latina, che porta i libri sulla
strada e li libera nella felicissima pratica del bookcrossing, ma
anche la libreria delle donne al Pigneto, quella Tuba che quest’anno ha cambiato forma e locali mantenendo la commistione tra
erotismo e lettura che esiste da ben prima delle astuzie da centro
commerciale di Cinquanta sfumature di grigio e ha organizzato un
festival di fumetti al femminile, per capire come si muovono le
disegnatrici, quali sono le tematiche scelte e il segno che eventualmente le contraddistingue.
This, therefore, is the unifying theme behind the selection of realities like Latina’s Barravento, which carries books along the roads
and sets them free in the happy practice of bookcrossing, but also
Tuba, the women’s bookshop in the Pigneto district which this
year changed shape and location, maintaining a blend of eroticism
and literature which existed well before the shopping-mall seductions of Fifty shades of Gray, and which has organized a festival of
comics by women to examine how the artists work, what topics
are chosen and what it is that distinguishes them.
Essere insieme, essere nel territorio: penso ad Altramente, che
non solo supplisce agli spazi vuoti – assai numerosi in tempi di
sottostima dell’insegnamento – che riguardano la scuola, ma diffonde saperi nella periferia. Penso, ancora, alle splendide iniziative
di Liber Liberanti di Cassino, che porta in carcere la riflessione
sulla violenza, in particolar modo sulla violenza contro le donne,
o alla commistione di arte e impegno sociale di Librimmaginari di
Viterbo. E anche i singoli artisti rappresentano altri possibili mondi,
quello dell’illustrazione e della scrittura, per esempio, dove la definizione “giovane” non si configura come semplice, reiterato abuso.
Insieme, insomma, si deve camminare.
Being together, being part of the local landscape: Altramente
comes to mind, which not only makes up for gaps in education
(so numerous in times when education is not afforded appropriate
respect), but also promotes knowledge in the outskirts of town. Or
the wonderful initiatives of Cassino’s Liber Liberanti, which takes a
reflection on violence – especially violence against women – into
prisons, or the mixture of art and social commitment of Viterbo’s
Librimmaginari. And even the individual artists who represent other possible worlds – those of drawing and writing, for example,
where the adjective “young” is not simply a repeated insult. We
must, then, walk together.
Loredana Lipperini
È nata a Roma nel 1956, è giornalista, scrittrice, conduttrice di
Fahrenheit su Radio3. Dal 2004 ha un blog, Lipperatura. Ha scritto,
fra l’altro, la trilogia delle donne per Feltrinelli (Ancora dalla parte
delle bambine, Non è un paese per vecchie, Di mamma ce n’è più
d’una). Il suo ultimo libro è Questo trenino a molla che si chiama
il cuore (Laterza).
Born in Rome in 1956, she is a journalist, writer and the presenter of
Fahrenheit on Radio 3. She has been running her blog, Lipperatura,
since 2004 and has published, among other things, the ‘trilogy of
women’ for Feltrinelli (Ancora dalla parte delle bambine, Non è un
paese per vecchie and Di mamma ce n’è più d’una). Her latest book
is Questo trenino a molla che si chiama il cuore (Laterza).
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 109
Altramente
www.altramente.org
Associazione che offre
programmi educativi per studenti
e operatori sociali.
An association providing
educational programs
for students and social workers.
Dono. A Ponte di Nona Vecchia, alcuni ragazzi di dodici anni non
avevano mai visto una biblioteca. Anzi, a vederle le avevano viste, ma soltanto nei film americani. Quelle enormi, con le scale a
chiocciola, la gente in silenzio piegata su una scrivania. Quando i
ragazzi di Altramente gli hanno detto: “Guardate, che le biblioteche così esistono pure a Roma”, quasi non ci credevano. Perché
non tutta la periferia è coperta da strutture in grado di arricchire
culturalmente il territorio. Così, a sostituirle, ci pensano associazioni come Altramente, che da sei anni lavora nel campo della
ri-educazione civica, soprattutto nei quartieri più disagiati. Una
manciata di giovani appassionati che propongono progetti mirati
– pensati con la cura degli artigiani – in grado di fornire strumenti
di alfabetizzazione, di sostentamento al lavoro, di riqualifica territoriale attraverso l’abbattimento delle disuguaglianze sociali.
Gift. There were some twelve-year-olds in Ponte di Nona Vecchia
who had never seen a library. Or rather, they’d seen them, but only
in American movies. Those huge ones, with spiral staircases and
people bent silently over desks. When the kids from Altramente
told them, “There are libraries in Rome too”, they could hardly
believe it, because not all of the local landscape is equipped with
facilities for cultural enrichment. To take their place, though, there
are associations like Altramente, which for the last six years has
been working in the field of civic re-education, especially in disadvantaged areas. A handful of young enthusiasts promoting specific projects – designed with craftsman-like care – able to provide
the tools of literacy, facilitate employment and requalify the local
area through the reduction of social inequality.
Altramente si propone come uno spazio in cui riappropriarsi del
piacere dell’apprendimento, inteso come occasione di inserimento sociale e crescita personale. Laboratori di lettura e di scrittura,
quelli dedicati al cucito e al riciclo, spazi didattici per studenti di
ogni età ma anche per operatori sociali.
Uno degli eventi a cui Altramente è più affezionato, è stato Pezzettini, una rassegna di momenti culturali di alto spessore che ha
coinvolto scrittori, editori, artisti di vario genere in un ambiente in
cui a stento si conosce l’esistenza di un libro. Alla base di tale progetto e tanti altri, oltre all’intento di fornire momenti e strumenti di
crescita personale, c’è la cultura del dono: sia da parte dei volontari che vi partecipano, sia degli ospiti chiamati a parteciparvi, sia
delle ragazze e dei ragazzi che ne raccolgono i frutti. È un continuo
ideare, offrire, prendere, ri-creare; un circolo virtuoso in cui ciò che
viene messo in risalto è l’essere umano, inteso come creatura da
formare e da lasciare libera di decorare il mondo.
Rossella Milone
Alessandra De Luca
Altramente is designed to be a place which reinstates the joy
of learning, understood as an opportunity for social and personal growth, and offers reading and writing workshops, as well as
workshops dedicated to sewing and recycling, and educational
spaces for students of all ages as well as social workers.
One of the events closest to Altramente’s heart is Pezzettini (Little Pieces), a series of intensely cultural events involving writers,
editors and artists of various kinds in an environment inhabited
by people who often scarcely know of the existence of books. In
addition to providing opportunities and tools for personal growth,
at the heart of this project there is gift culture – on the part of
the volunteers involved, the guests invited to participate, and the
young people who reap the benefits. It is a continuum of inventing,
offering, talking and recreating; a virtuous circle with the emphasis on the human being, seen as a creature to be shaped and then
let loose to decorate the world.
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 111
Barravento
www.barravento.eu
Diffonde nel territorio di Latina la
promozione dei libri, con un Bookcrossing
Tour, a bordo di “un’ambulanza della cultura”.
A cultural association from Latina
which promotes reading and books
with its Bookcrossing Tour of Lazio.
Una volta, a Roma, ho trovato un libro su una panchina, era La storia
di un matrimonio di Greer, un libro Adelphi con la copertina amaranto. Lo avevo già letto, ma d’istinto l’ho preso e portato in un altro
quartiere: è stata la prima forma di bookcrossing che ho incontrato
nella mia vita. I ragazzi dell’associazione Barravento hanno fatto di
quest’idea un progetto itinerante che si chiama Libri on the road. Fin
dalla sua fondazione, Barravento si è occupata di organizzare eventi
che valorizzassero la cultura nel territorio pontino. “Noi è qui che
vogliamo stare”, mi hanno detto ed è dal loro “qui” che lavorano per
coprire gli spazi vuoti, per riempirli di libri, film, foto, quadri, storie di
donne e di uomini che loro amano e che pensano possano rafforzare
il sentire comune della loro città, del loro mondo.
Once, I found a book on a bench in Rome. It was The Story of a
Marriage by Greer, a book with an amaranth-coloured cover published by Adelphi. Although I’d already read it, on instinct I picked
it up and took it with me to another part of the city: it was the first
form of bookcrossing that I had ever encountered. The members
of the Barravento association have turned this idea into a touring
project called Libri on the road. Since it was founded, Barravento
has been organising events aimed at promoting culture around the
Pontina area. “Here is where we want to stay”, they tell me, and
it is from their “here” that they work to fill the empty spaces with
books, films, photos, paintings and the stories of the women and
men they love and believe can promote a shared understanding of
their city, their world.
Io li ho incontrati a Roccagorga, Michael, Vera, Jamila, Federica,
Martina e Marco (un totale di 184 anni in 6), durante l’ultima
tappa del loro Bookcrossing tour che, tra festival, eventi, scuole e musei è stato in diversi angoli del Lazio. Pensando a quella
copertina amaranto che avevo personalmente traghettato verso
chissà quale libreria, mi sono fatta raccontare le storie dei loro
libri: di come hanno viaggiato dentro il furgoncino che qualcuno
chiama “l’ambulanza della cultura”, di come sono stati donati o
scambiati o salvati dalle cose da buttare. Mi hanno spiegato che
gli piacerebbe creare un bookcrossing digitale per un accesso
universale alla cultura, che vorrebbero essere come il barravento
dei brasiliani, la tempesta che non lascia scampo a chi si trova in
mare nel momento in cui scoppia, raccontata da Glauber Rocha
in un film del 1962.
Nel manifesto del Cinema Novo, quando parla del cambiamento
culturale necessario per la sua nazione, Rocha dice: “Noi comprendiamo questa fame”. Ecco: anche loro, anche i ragazzi di Barravento comprendono questa fame.
Elisa Casseri
Jamila Campagna
Michael Cardarelli
Marco Gubbioli
Martina Mugnai
Federica Velli
Vera Viselli
I met up with Michael, Vera, Jamila, Federica, Martina and Marco
(a total of 184 years between the six of them) in Roccagorga during the last leg of the Bookcrossing Tour which has visited festivals,
events, schools and museums all over the Lazio area. With that
purple cover that I’d ferried towards who-knows-which bookshop
in mind, I got them to tell me about their books: how they travel
in the van that someone has nicknamed “a culture ambulance”,
and how they have been donated, or traded, or saved from the
rubbish. They told me about their wish to create a kind of digital
book-sharing for universal access to culture, which would be like
the Brazilian Barravento, the storm that spares no sailor when it
breaks and which gave Glauber Rocha the title of his 1962 film.
In the manifesto of the Cinema Novo, Rocha said of the cultural
change his nation needed, “We understand this hunger”. That’s exactly it. And the kids from Barravento understand that hunger too.
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 113
Vanessa Farano
www.behance.net/vanessafarano
Illustratrice e designer che vive in una frazione
di Terracina. Classe 1990, collabora con riviste
nazionali e internazionali.
An illustrator and designer from Terracina
whose work has been featured in national
and international magazines.
Vanessa Farano ha 25 anni e ha già avuto, per il suo lavoro di
graphic designer e illustratrice, premi e riconoscimenti importanti,
come il Quad Award e Design and Design International Awards. È
nata a Terracina nel 1990 e disegna dalla prima che volta che ha
avuto in mano una matita. Racconta che sin da quando era bambina sognava di fare il liceo artistico, anche se non sapeva bene
cosa fosse. Poi il liceo artistico l’ha fatto davvero ed è proprio fra i
banchi di quella scuola che si è innamorata della grafica vettoriale,
che è ancora oggi la cosa che più la appassiona e la diverte.
Vanessa Farano is 25, and her work as a graphic designer and
illustrator has already won her respected international awards,
like those of the Quad and Design and Design International. She
was born in Terracina in 1990 and has been drawing since she
first got hold of a pencil. She says that ever since she was tiny
she dreamed of going to liceo artistico, even though she didn’t
quite know what it was. Eventually, she actually did go, and it was
there, among its desks, that she fell in love with vector graphics,
which are still the thing that she enjoys most.
Dopo il liceo artistico ha studiato alla scuola Goood Lab di Latina.
Ha frequentato per due anni il corso di Graphic Design & Multimedia all’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie a Roma, e ora è
tornata a vivere al suo paese, Borgo Hermada, una frazione del
comune di Terracina. Da lì disegna e colora, inventa e crea: forme
geometriche e figurative, immagini iconiche e evocative. Sogna di
partire, di andare in Svezia o in Nuova Zelanda, di unire il lavoro
e lo studio all’amore per la natura, “la mia parte stupida e quella
zen”. Nel frattempo collabora con riviste, siti internet, aziende.
Come Levi’s, Paperbanana, che realizza oggetti di carta, per la
quale ha disegnato una serie di biglietti d’auguri; Chicken Broccoli,
Fegato Magazine, per la quale ha disegnato una sirena che suona
l’ukulele, la rivista di illustrazione Fabrique du Cinéma.
After art school, she studied at Goood Lab in Latina, then for two
years attended the Graphic Design and Multimedia course at the
Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie in Rome, before returning to live in her village, Borgo Hermada, near the town of Terracina. There she draws, colours, invents and creates: figurative geometric shapes and iconic and evocative imagery. She dreams of
moving away – of going to Sweden or New Zealand, to combine
work and study with her love for nature, “my stupid part and my
Zen part”. In the meantime, she works with magazines, websites
and companies like Levi’s, Paperbanana (which creates paper objects and for whom she drew a series of greeting cards), Chicken
Broccoli, Fegato Magazine (for whom she drew a mermaid playing
a ukulele) and Fabrique du Cinéma.
La cosa più bella che ha fatto è stata la conoscenza con Chicken
Broccoli, una rivista on line che si occupa di recensioni cinematografiche, una di quelle cose che nella vita accadono un po’ per
caso e poi si rivelano importanti. Per loro ha realizzato il poster di
NymphOmaniac, per il Chicken Broccoli Awards 2014. Da quest’esperienza è nata una collaborazione che ancora dura. Vanessa
vuole continuare a lavorare, a studiare e a imparare, nel frattempo
fa yoga e parkour, legge e si prende cura del suo gatto.
The thing she has liked best has been her acquaintanceship with
online film review magazine Chicken Broccoli. It was one of those
things in life that happen by chance and later turn out to have
been important. She created a poster for NymphOmaniac for the
Chicken Broccoli Awards 2014, and the experience gave birth to
a working friendship that continues to this day. Vanessa wants to
continue to work, study and learn, does yoga and parkour, reads
and looks after her cat.
Paola Soriga
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 115
Giorgio Ghiotti
www.facebook.com/giorgio.ghiotti.9
Scrittore di racconti: Dio giocava a pallone
(Nottetempo). In arrivo per Giulio Perrone
Editore un volume di poesie.
Author of Dio Giocava a Pallone
(Nottetempo) and a forthcoming book
of poetry for Perrone Editore.
“Giorgio Ghiotti è solo un ragazzo di Monteverde che legge molto”
così lo descrive l’editor Chiara Valerio della casa editrice Nottetempo con cui il 21enne ha pubblicato la sua prima raccolta di
racconti Dio giocava a pallone. All’esordio Ghiotti non è arrivato
tramite scuole di scrittura creativa o racconti mandati in giro per
riviste e blog letterari. Caso più unico che raro oggi, ha spedito via
posta il manoscritto in lettura ed è stato preso in considerazione.
Lo scrittore premio Nobel José Saramago diceva che non tutti nascono nelle sagrestie. Ghiotti confessa di non credere alle scuole
di scrittura creativa. “La scrittura poetica insegna che è difficile
imparare a scrivere poesie. Casomai è utile esercitarsi nella struttura della storia ma prima di tutto bisogna avere una lingua, non
una storia. La storia ce l’hanno tutti”.
“Giorgio Ghiotti is just a kid from Monteverde who reads a lot”.
That’s how editor Chiara Valerio of the publishers Nottetempo,
who published the 21-year-old’s first collection of stories, Dio giocava a pallone, describes him. Ghiotti didn’t come up through the
schools of creative writing or by sending stories around magazines
and literary blogs, however. Uniquely in today’s world of publishing, he sent a manuscript in the post and was taken seriously. As
Nobel Prize winner Jose Saramago said, not everyone is born in
the sacristy. Ghiotti confesses that he doesn’t believe in creative
writing classes. “Writing poetry teaches you that it’s difficult to
learn to write poetry. Perhaps it’s useful to practice with the structure of the story, but first of all you have to have a language, not a
story. Everybody’s got stories”.
Unico dazio da pagare per l’autodidatta Ghiotti è stata l’attesa
di quasi un anno per poter firmare il contratto da maggiorenne.
I racconti di Dio giocava a pallone li ha scritti quando era ancora minorenne, oggi è uno studente di Lettere moderne. La nonna
maestra elementare lo ha spinto a scrivere storie fin da bambino.
Poi sono arrivate le finali regionali del Premio Campiello Giovani,
l’ultima quella vinta dell’edizione 2012. Ghiotti ha preso coraggio
e si è presentato alla fiera Più libri più Liberi, quella della piccola e
media editoria. Le letture di Milena Agus e della stessa Valerio lo
hanno convinto a prendere nota della casa editrice Nottetempo.
The only problem for the self-taught Ghiotti was having to wait
almost a year until he was an adult to sign his contract. He
wrote the stories in Dio giocava a pallone when he was still a
minor, and is now a student of modern literature. His elementary-school-teacher grandma encouraged him to write stories as a
child, and he participated in the regional finals of the Campiello
Giovani Prize, the last time being when he won in 2012. And finally, he summoned up his courage and presented himself at Più
Libri Più Liberi, the small and medium-sized publishers fair, where
readings by Milena Agus and by Chiara Valerio brought the publisher Nottetempo to his attention.
La fonte d’ispirazione dei racconti di Ghiotti è Natalia Ginzburg
e una certa musicalità stilistica che gli viene dagli studi di pianoforte. Per lo scrittore esordiente è centrale l’ossessione per la
struttura delle famiglie borghesi: “mi interessa scoprire le piccole
crepe che si nascondo dietro i rapporti quotidiani delle persone.
Ciò che si ripete e diventa ossessione e quindi vizio: qualcosa che
si detesta ma che si è costretti a fare. Sono storie che si rifanno
a padri e figli”.
Stefano Ciavatta
The inspiration for Ghiotti’s stories is Natalia Ginzburg and a certain musicality of style which derives from his piano studies. For
this up-and-coming writer’s central obsession is the structure
of middle-class families: “I’m interested in discovering the small
cracks that hide behind people’s daily relationships. The things
that are repeated and become an obsession and eventually a vice
– something you hate but are compelled to do. These are stories
about fathers and sons”.
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 117
Librimmaginari
librimmaginari.blogspot.it
Festival dedicato alla promozione del libro
illustrato di qualità. Ha sede a Viterbo.
Nel 2015 è giunto alla quinta edizione.
A festival dedicated to the promotion of
high-quality picture books. Based in Viterbo,
it held its fifth edition in 2015.
La storia letteraria insegna che esistono le cosiddette bibliografie
dell’assurdo. La più famosa è quella stilata da Rabelais nel Gargantua e Pantagruel, dove sono elencati più di 100 libri di fantasia appartenuti alla Biblioteca dell’Abbazia di San Vittore. Libri
immaginari, mai stampati da nessuno, che tuttavia rimandano a
una scrittura del possibile e agli infiniti universi che da un testo si
possono generare. La cosa non deve stupire: il confine tra possibilità e realtà in letteratura è molto labile. Lo sanno bene Marcella
Brancaforte e Marco Trulli, direttori artistici di Librimmaginari, il
festival organizzato dalla sezione Arci di Viterbo e dedicato alla
promozione del libro illustrato di qualità.
Literary history teaches of the existence of so-called bibliographies of the absurd, the most famous being that compiled by
Rabelais in Gargantua and Pantagruel, which lists more than 100
books belonging to the Library of the Abbey of St. Victor. Imaginary books, never printed by anyone, but which hint at the writing
of the possible and infinite universes a text can generate. That
shouldn’t surprise anybody: in literature, the line between possibility and reality is always ephemeral, as Marcella Brancaforte and
Marco Trulli, the artistic directors of Librimmaginari, the festival
organized by the Viterbo branch of Arci (the Italian Recreation and
Cultural Association) and dedicated to the promotion of high-quality picture books, know very well.
La particolarità di questo festival, ma direi anche il suo valore culturale, consiste nel creare i tempi e l’attenzione necessari a soffermarsi sui libri e sulle loro contaminazioni, sviluppando in parallelo
anche momenti laboratoriali e performativi con l’aiuto delle associazioni del territorio. È un festival verticale, che alla pura divulgazione e al generalismo mainstream preferisce l’approfondimento
a più angolazioni, come dimostra anche la scelta di proporre ogni
anno un percorso a tema. Quello dell’ultima edizione, la quinta, tenutasi tra marzo e maggio 2015, è stato Avventure dello sguardo;
un sottotitolo bellissimo che allude alla volontà di esplorare il viaggio e il paesaggio attraverso cartografie immaginarie realizzate da
artisti di varia età e provenienza, tra cui molte giovani promesse
dell’illustrazione.
Librimmaginari diventa così una manifestazione fatta di convergenze e sinergie; non solo “un festival per bambini, dai due ai
novant’anni”, come lo definisce Marcella, ma anche un contenitore di esperienze che tentano di raccontare mondi alternativi e
visionari con la sola forza dei disegni e delle parole. Perché un libro
esista è sufficiente che sia possibile, scriveva Borges; se poi lo
corrediamo d’immagini rischiamo anche di farlo diventare reale.
Giorgio Nisini
photo:
Sabine Meyer
Marcella Brancaforte
The peculiarity of this festival, and I would say its cultural value
too, lies in the dedication of the time and care necessary to focus upon books and their influence, as well as workshops and
performances organised with the help of local associations. It’s
a vertical festival, which, to the promotion of mainstream books
prefers to take a deeper, multi-perspective approach, as shown by
their decision to propose a different theme each year. In the fifth
and most recent edition, held between March and May 2015, it
was Avventure dello Sguardo, a wonderful title alluding to a desire
to understand the journey and the landscape through imaginary
maps created by artists of varying ages and backgrounds, including many promising young illustrators.
In this way, Librimmaginari is an event forged from convergences
and synergies; not simply “a festival for children, aged between
two and ninety”, as Marcella calls it, but also a container of experiences which attempt to recount alternative, visionary worlds
through the power of drawings and words. In order for a book to
exist it is sufficient that it be possible, wrote Borges; and if we
then accompany it with pictures, we might even run the risk of
making it real.
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 119
Martoz
alemartoz.blogspot.it
Disegnatore e fumettista, classe 1990, è
arrivato alla Glénat Galerie di Parigi. Per le
strade di Roma ha realizzato Top-onomastica.
A comic book artist and illustrator who
has shown at the Glénat Galerie and brought
Top-onomastica to the streets of Rome.
Martoz crede nell’importanza dell’avventura, del mettersi alla prova. Ama organizzare cose non organizzate, come quella volta in
cui, con un amico illustratore, ha navigato sul Tevere in canotto,
da Todi fino al Lazio, mangiando scatolette e dormendo in una
tenda fradicia. Crede nell’importanza di non sentirsi mai arrivati, di
studiare ma anche di trovare ispirazione dal mondo, e che serva
sempre nuovo coraggio. È nato ad Assisi, nel 1990, ma è cresciuto
a Roma, dove ha frequentato per sei anni la Scuola del Fumetto e
poi lo IED, dove si è laureato in illustrazione. Qui, soprattutto grazie
all’incontro con Riccardo Mannelli, ha trovato e elaborato un suo
modo di disegnare, uno stile, una voce.
Martoz believes in the importance of adventure and of proving
himself. He likes organising disorganised adventures, like the time
he and an illustrator friend sailed down the Tiber from Todi to Lazio
in a dinghy, eating out of tins and sleeping in a tent. He believes
in the importance of never feeling like you’ve arrived - of studying
but also of finding inspiration in the world - and that you always
need fresh courage. He was born in Assisi in 1990, but grew up in
Rome, attending the School of Comics for six years and then the
IED, where he graduated in illustration and where, above all thanks
to meeting Riccardo Mannelli, he found and developed his own
way of drawing, his style and his voice.
A novembre uscirà il suo primo fumetto lungo per MalEdizioni,
casa editrice bresciana. Collabora con una piccola realtà di produzioni indipendenti, a Torpignattara, con la quale sta curando una
raccolta con vari autori, tra cui Spataro e Zerocalcare. Ha partecipato al Festival di Lucca, con presentazioni e performance, fra
cui una sessione di live painting per Sky Atlantic, ha fatto una
mostra alla Glénat Galerie di Parigi. È qui che ha capito che il disegno, oltre a essere il modo migliore che ha per comunicare, era
diventato anche la sua professione. Una professione per la quale è
molto importante la sincerità, il coraggio di raccontare in maniera
limpida, onesta.
In November he will release his first long comic for the Brescia
publisher MalEdizioni. He works with a small company of independent productions in Torpignattara, with whom he is overseeing
a collection of cartoonists, including Spataro and Zerocalcare. He
has participated in the Festival di Lucca with presentations and
performances including a live painting session for Sky Atlantic,
and has shown at the Galerie Glénat in Paris, which was, in fact,
where he realised that drawing, besides being the best way to
communicate, had also become his profession. A profession in
which sincerity – the courage to tell a story clearly and honestly –
was extremely important.
Una delle cose più belle che ha fatto è Top-onomastica: un progetto di poster art. Assieme a un amico ha attaccato le facce dei
personaggi sui nomi delle vie, l’idea era quella di dare un volto
ai nomi che le persone vedono tutti i giorni, dai santi agli eroi ai
poeti. Sogna di poter continuare a fare quello che vuole, di trovare
spazi per esprimersi e di continuare a fare esperienze diverse, di
avere sempre la curiosità anche verso le cose che per istinto non
gli interesserebbero, che siano fonte di ispirazione. Crede nell’importanza di destrutturarsi per allargare le conoscenze, per scoprire
cose nuove.
One of his most ingenious initiatives has been Top-onomastica:
a poster art project where, with a friend, he attached pictures of
the historical characters who had given their names to streets
next to the street signs themselves: the idea was to give a face
to the names of the saints, heroes and poets people see every
day. His dream is to carry on doing what he wants, finding space
to express himself and collecting diverse experiences – to always
be curious, even about things that might not instinctively interest
him, and turn them into sources of inspiration. He believes in the
importance of de-constructing yourself to expand your knowledge
and discover new things.
Paola Soriga
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 121
Puntidivista
www.puntidivistapdv.it
Una casa editrice speciale.
Nel 2014, premio Donna Forza 8
nell’ambito dell’inclusione sociale.
A special publishing house.
In 2014, a Donna Forza 8 prizewinner
in the field of social inclusion.
Inclusione. Accoglienza. Otto donne (Sara Colletti, Simona Silveri,
Benedetta Bellucci, Nicoletta Granato, Roberta Simeoni, Germana Mastroiaco, Tiziana Cinardi, Erica Cappellano) e qualche personaggio indimenticabile come Zampacorta e Duca Puzzoloso.
Inclusione vuol dire lavorare sentendosi in famiglia. Vuol dire poter condividere le stesse storie ciascuno con le sue possibilità,
“perché tutti i bambini devono poter accedere alla cultura, a tutti
dev’essere data la stessa opportunità”.
Inclusion. Welcome. Eight women (Sara Colletti, Simona Silveri,
Benedetta Bellucci, Nicoletta Granato, Roberta Simeoni, Germana
Mastroiaco, Tiziana Cinardi and Erica Cappellano) and some unforgettable characters like Zampacorta and Duke Puzzoloso. Inclusion
means working somewhere you feel at home. It means everybody
being able to share the same stories in their own way, “because
all children should have access to culture, and all should be given
the same opportunities.”
Puntidivista è una casa editrice di testi accessibili a bambini con
disabilità sensoriali e cognitive. Le socie si sono rimesse in gioco
dopo un licenziamento, estendendo l’esperienza nell’adattamento
di testi scolastici per ipovedenti e non vedenti ad altre disabilità. E
allora inclusione vuol dire realizzare storie in più versioni, in modo
da renderle fruibili puntando all’integrazione. Le favole di Lampadino e Caramella nel MagiRegno degli Zampa, e di tutto il progetto
Favolosamente abili, sono pensate per ipovedenti (con attenzione
alla scelta del carattere e della dimensione), per non vedenti (in
braille), per autistici grazie alla “comunicazione aumentativa alternativa” (testi modificati associando ogni parola a un’immagine) e
per non udenti, grazie ad un dvd nel quale il testo viene tradotto
nella Lingua Italiana dei Segni (LIS).
Puntidivista is a publisher of books for children with sensory and
cognitive disabilities. Its members started it after being laid off
from their previous jobs, drawing on their experience of adapting
textbooks for the visually impaired and blind and extending it to
other disabilities. Inclusion means creating multiple versions of
stories which can be used to promote integration. Lampadino e
Caramella nel MagiRegno degli Zampa (Lampadino and Caramel
in the MagiKingdom of Zampa), and the entire Favolosamente Abili
(Fabulously Able) project are designed for the visually impaired
(with attention to the choice of the font and size), for blind people
(in Braille), for children on the autism scale through “augmentative
and alternative communication” (texts modified by associating
each word to an image) or the hearing-impaired, thanks to a DVD
containing the text in Italian Sign Language (LIS).
Inclusione è anche quel manichino con ago e filo che apre il catalogo: la possibilità di realizzare un libro su misura per ogni singolo
bambino, per ogni diverso grado di disabilità. Soprattutto lo è Cartoonable, il primo cartone animato che sarà fruibile contemporaneamente da tutti i bambini. Un progetto bellissimo. L’inclusione
sta nel fatto che le storie di Puntidivista sono davvero per chiunque: la comunicazione aumentativa alternativa per gli autistici è
adatta anche a bimbi normodotati in età prescolare, così come la
LIS è un gioco divertente come le ombre cinesi… Per i bambini,
d’altronde, la disabilità non esiste.
Gaia Manzini
Sara Colletti
Inclusion also means the mannequin with a needle and thread
which is at the beginning of their catalog: the possibility to create
a book tailored to each child and each different degree of disability. Most of all, it means the lovely Cartoonable, the first cartoon
all children will be able to enjoy at the same time. Inclusion is
also the idea that Puntidivista’s stories really are for everyone:
the alternative augmentative communication is also suitable for
non-disabled preschool children, just as LIS is a fun game like
Chinese shadows. And anyway, as far as children are concerned,
disabilities don’t exist.
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 123
Francesca Rotolo
www.mast.officinadellearti.com
Porta arte e cultura in carcere
tra Roma e Cassino.
Le fiabe a sostegno della genitorialità.
Taking art and culture
into prisons in Rome and Cassino.
Fairytales to help with parenting.
“C’era una volta, tanto tempo fa…” Inizia così un viaggio condiviso, una relazione empatica e affettiva, un percorso di crescita che
si nutre di emozioni universali. Il rapporto unico tra un genitore e
un figlio. Ma quando le identità sono cancellate dalla detenzione, a partire dalla paternità, è ancora possibile? Sono 100.000
i bambini che entrano nelle 213 carceri italiane per incontrare i
propri genitori reclusi. Come riallacciare i fili recisi, riprendere il
cammino interrotto?
“Once upon a time, long, long ago...” So begins a shared journey
– an empathic, emotional relationship and a voyage of growth
which feeds upon universal emotions. The unique relationship between a parent and a child. But when identities – and particularly
fatherhood – are erased by imprisonment, is this still possible?
100.000 children enter the 213 Italian prisons to visit their imprisoned parents. How to reconnect these severed wires and resume
this interrupted journey?
“Raccontando una fiaba”. Ne è convinta Francesca Rotolo, 30
anni, regista, direttore artistico dell’Associazione MAST Officina
delle Arti, responsabile del progetto Liber Liberanti. Sa cosa significa portare il teatro in carcere. Ha lavorato come aiuto regista di
Fabio Cavalli nel Giulio Cesare alla prova, è stata actor-coach sul
set del film Cesare deve morire dei Taviani. Conosce la magia del
teatro nella reclusione, l’ha sperimentata sulla sua pelle. “Volevo
avviare un percorso personale, creare qualcosa di mio”. Ha potuto
realizzare il suo progetto nel carcere femminile di Rebibbia. Un
laboratorio che propone una lettura scenica di fiabe e favole con
le detenute. Si comincia con la lettura, poi si passa all’improvvisazione, stimolando la memoria, le libere associazioni. Le donne
di Rebibbia si mettono in gioco: ironiche, disposte ad analizzarsi,
a entrare in contatto con le proprie emozioni rimosse. Con loro
nasce un percorso di riscrittura e di rivisitazione delle fiabe, per
realizzare letture drammatizzate e messa in scena di testi scritti
da loro stesse. Un analogo percorso viene avviato dalla collaboratrice Paola Iacobone con i detenuti del Carcere di Cassino, i padri.
Percorsi di senso in cui avvengono “cose straordinarie”.
“By telling a story,” is the conviction of 30-year-old Francesca
Rotolo, director and artistic director of the MAST Officina delle Arti
Association and head of the Liber Liberanti project. She knows
what it means to take theatre into a jail: she worked as assistant director to Fabio Cavalli in Giulio Cesare alla prova and was
actor-coach on the set of the Taviani brothers’ film Cesare Deve
Morire. She knows the magic of theatre in prison because she
has experienced it first hand. “I wanted to make a personal journey, create something of my own”, she says, and she managed
to carry out her project in the Rebibbia women’s prison. A workshop, staging readings of fairy tales and fables with the inmates.
First there is the reading, then they begin to improvise, stimulating
memories and making free association. The women of Rebibbia
throw themselves into it: ironic, and willing to look at themselves
and connect with their own repressed emotions. And from this
begins a process of the rewriting and retelling of fairy tales to create dramatised readings and the staging of texts they themselves
have written. A similar process is underway by collaborator Paola
Iacobone with the inmates of the prison of Cassino – the fathers.
A sensory journey, where “extraordinary things” happen.
Ma Francesca vuole di più. Per la prima volta le case editrici entrano negli edifici di pena: per raccontare i loro progetti editoriali e
aiutare i reclusi a scegliere i testi per i bambini. Il sogno: “Portare
le carcerate a fare i reading fuori da Rebibbia. In Italia questo non
è mai successo”.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
But Francesca wants more. For the first time, publishers have entering the prison buildings to speak about their projects and help
the inmates choose texts for their children. Her dream? “To take
the inmates outside Rebibbia. In Italy, this has never happened”.
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 125
Daniela Tieni
www.behance.net/danielatieni
Daniela Tieni, illustratrice di 30 anni,
ha lavorato per The New York Times e
partecipato a numerose mostre internazionali.
A 30-year-old illustrator whose work
has appeared in The New York Times
and numerous international exhibitions.
Voce. Con riservatezza e concentrazione. Isolata in una specie di
bolla chiara – invisibile – Daniela Tieni alza una mano e l’appoggia
alla tela. Cosa c’è intorno? Persone, il chiasso dei passi, delle parole, una porta che sbatte. Non importa. La sua mano sulla tela,
importa, e il disegno che se ne allontana. Con delicatezza, perché
il tratteggio ha bisogno di maturazione; con garbo, perché i personaggi devono avere il loro spazio di crescita; con dedizione, perché
ogni disegno è una storia che ha la sua voce intima, destinata a
staccarsi dal foglio.
Voice. With reserve and concentration, isolated in a kind of invisible bubble of light, Daniela Tieni raises a hand and leans it on the
canvas. What’s around her? People, the noise of footsteps, words,
a door slamming. It doesn’t matter. What matters is her hand on
the page, and the drawing which is emerging from it. Gently, because the lines need to mature; gracefully, because the characters must have room to grow; and with dedication, because each
drawing is a story which has its own intimate voice, destined to
detach itself from the paper.
La voce di Daniela Tieni è il suo marchio di fabbrica: ispirata dalle
atmosfere e dall’osservazione di Maira Kalman, Kiki Smith, Dino
Buzzati, il tratto della giovane illustratrice romana ha trovato un
segno tutto suo, riconoscibile agli occhi più inesperti, di preziosa
qualità per i suoi committenti. È una voce dalle atmosfere nostalgiche e vive, sempre in bilico tra una situazione fiabesca e
sonnambula, che pare sgorgare direttamente da una visione ad
occhi chiusi. Eppure i colori, i tratteggi, le rifiniture dei personaggi,
sono ancorati in un presente possente, a volte difficile, altre solo
appesantito da una complessa quotidianità. Questa sofisticata
interpretazione del mondo attraverso l’illustrazione è stata colta
da riviste come The New York Times e da case editrici, pure straniere, come Éditions du Rouergue, che hanno permesso a Daniela
di imporre la sua passione e farla diventare un lavoro, anche se
con mille difficoltà. Soprattutto in un paese come l’Italia in cui è
difficile rientrare in certe cerchie, farsi riconoscere come artista.
Daniela Tieni’s voice is her trademark: inspired by the atmospheres and observations of Maira Kalman, Kiki Smith and Dino
Buzzati, the style of the young Roman illustrator took on a life of
its own, visible even to the most inexpert eyes and of precious
quality for her clients. It’s a voice of nostalgic atmospheres and
lives, always poised between fairytale and somnambulance which
seems to flow directly from a vision. Yet the colours, the lines and
the finish of the characters are anchored in a powerful present
which is sometimes complicated and other times burdened only
by everyday complexities. This sophisticated way of interpreting
the world through illustration was noticed by magazines like The
New York Times and various publishing houses, including foreign
ones like Éditions du Rouergue, which allowed Daniela to realise
her passion and turn it into a job. Not without some difficulties,
obviously, especially in a place like Italy where entering certain
circles and being recognized as an artist is no easy thing.
Eppure, la voce dei suoi lavori è una goccia che fende la pietra,
con lentezza e devozione l’attraversa, la conquista, si fa assorbire.
Perché la parola che Daniela ripete più spesso è: costanza. E non
ha paura a ripeterla; non ha paura di viverla, di affrontarla, di farla
diventare parte del suo mestiere – come una linea sbilenca che
unisce i suoi sogni ai suoi giorni reali.
Yet the voice of her work is like a drip wearing its way into a stone,
and slowly, devotedly, carving its way through it, conquering and
absorbing it. Because the word Daniela repeats most often is constancy. She is not afraid to repeat it, not afraid to live it, to measure up to it, or to make it part of her profession – like a crooked line
which connects her dreams to her waking days.
Rossella Milone
Lazio Creativo / Editoria, illustrazione e fumetto / 127
Tuba - Bande de Femmes
www.cybertuba.org
Uno spazio e un festival tutto
al femminile: mostre e performance
nel cuore del Pigneto.
An all-female space and festival:
exhibitions and performances
in the heart of Pigneto.
Tuba è “uno spazio dedicato all’immaginario delle donne: alle loro
parole e ai loro desideri, ai loro corpi gioiosi, alla loro forza politica,
un bar, un bazar erotico, una libreria delle donne”. Negli scaffali
si possono trovare opere di narrativa, poesia, saggistica, illustrazione e fumetto scritte da donne, di tutto il mondo e di tutte le
epoche. Da otto anni, al Pigneto, a Roma, ora in una piazza rettangolare chiamata Isola Pedonale, fra la via Casilina e la via Prenestina, è uno spazio rivolto alle donne in cui sono benvenuti anche
gli uomini, in cui si beve e si legge, si parla e si riflette. I giocattoli
erotici sono dietro una piccola vetrina, l’idea che trasmettono è
quella di un sesso libero e giocoso, gioioso. Hanno iniziato in due:
Barbara Piccolo e Barbara Kenny, in un locale piccolino in cui ci
stavano giusto uno scaffale, il bancone e due tavolini. Oggi si sono
spostate di qualche metro, hanno una grande vetrata sull’Isola
Pedonale, i tavolini fuori. Si sono aggiunte anche Viola Lo Moro,
Cristina Petrucci, Sarah Di Nella.
Tuba is “a space dedicated to the female imagination: their words
and their desires, their joyful bodies, their political power, a bar,
an erotic shop, a woman’s library”. On the shelves you can find
works of fiction, poetry, essays, illustrations and comics written
by women from around the world and from all periods of history.
Open in the Pigneto district of Rome for eight years, and now on
the rectangular pedestrianised area between the Via Casilina and
the Via Prenestina, it’s a place aimed primarily at women where
men are also welcome, and where you can drink, read, chat and
reflect, and where the sex toys in a little glass case convey an
idea of free, playful, joyful lovemaking. Tuba was started by two
women - Barbara Piccolo and Barbara Kenny - in a tiny room with
just one set of shelves, a counter and two tables. Today they have
moved a few doors away and have a large window looking out
onto the pedestrianised area and tables outside. And they’ve
been joined by Viola Lo Moro, Cristina Petrucci and Sarah Di Nella.
Da due anni, all’inizio dell’estate, organizzano un festival di fumetti,
graphic novel e illustrazioni che anima il quartiere con incontri con
le autrici, live painting, mostre e dibattiti. Non semplici presentazioni di libri, ma un dialogo intorno al senso del produrre il fumetto.
Coinvolge gli altri locali, gli abitanti del Pigneto, le persone che frequentano Tuba durante tutto l’anno. Si chiama Bande de femmes:
gioco di parole tra banda di donne e le strisce illustrate dei fumetti,
che in francese si chiamano bande dessinée. Il tema dell’edizione 2015 era “vite vissute”: la vita quotidiana delle donne, il loro
corpo, l’immaginario LGBTQ, le riviste femministe, le donne nel
mondo dei supereroi e delle supereroine.
For the last two years, they have been organising an early-summer
festival of comic books, graphic novels and illustration that brings
the neighbourhood to life with talks by authors, live painting, exhibitions and debates. In addition to book presentations there is
also discussion of the meaning of producing comics. The festival
involves the locals, the residents of Pigneto and the people who
come to Tuba throughout the year, and is called Bande de femmes:
a pun on female gangs and the french name for comic strips, bande
dessinée. The theme for 2015 was “lives lived”: the daily lives of
women, their bodies, the LGBTQ imagination, feminist magazines
and women in the world of superheroes and superheroines.
Le donne di Tuba sognano che il festival diventi gigantesco, che
si allarghi sempre di più, che le sue radici vadano sempre più in
profondità. Che sia capace di generare nuove risorse e di creare
cose sempre più belle e più grandi.
The women at Tuba hope that the festival will get much larger,
growing more and more and sinking its roots deeper and deeper.
And that it will be able to generate new resources and create
bigger, more beautiful things.
Paola Soriga
sx illustrazione
di Luca Modesti
dx logo di Tuba
di Laura Scarpa
e Zerocalcare
Barbara Leda Kenny
IO/
TEATRO
Lazio Creativo / Teatro / 131
Irredenti ma mai omologati:
la scena teatrale di Roma e del Lazio
Rootless and Diverse. The Theatrical Scene in Rome and Lazio
Il Lazio è una regione “macrocefala” dal punto di vista del teatro, perché Roma per centralità e visibilità attrae la maggior parte
delle energie creative che nascono altrove. Eppure questa sua
centralità rende Roma scarsamente permeabile alle novità della
scena, che si muovono in circuiti paralleli all’ufficialità istituzionale,
e spesso trovano in provincia condizioni più adatte alla creazione
contemporanea.
From the point of view of theatre, Lazio might be called a “macrocephalic” region, because, thanks to Rome’s centrality and
visibility, it attracts many of the creative energies which arise
elsewhere. And yet, this centrality also makes Rome less permeable to innovations in the scene, which move in circuits parallel to
institutional officialdom and often find conditions more suited to
contemporary creation in the provinces.
Roma, d’altronde è la città delle “cantine” teatrali, e questo misto
di anarchia ed effervescenza è sempre stata una sua caratteristica. Gli artisti che calcano oggi le scene, consapevolmente o
meno, si muovono lungo dinamiche già tracciate dalla generazione
che li ha preceduti. Ad esempio per quanto riguarda l’esplosione
dei linguaggi: si va una comicità surreale e corrosiva (Malorni, Parisi, Doppio Senso Unico, Nano Egidio) a tematiche sociali (Interno
Enki) fino a versioni aggiornate e personalizzate del teatro d’attore
e di regia (Lafabbrica, Industria Indipendente). Lo stesso vale per
le dinamiche produttive. C’è chi trova sponde professionali fuori
dalla nostra regione (Le Vie del Fool) e chi sviluppa la propria attività in provincia, in territori meno ossessionati dal main stream e
dalla politica degli eventi di quanto non lo sia la città (Condizioni
Avverse, Errare Persona).
On the other hand, Rome is the city whose cellars have long been
home to underground fringe theatre, and this mixture of anarchy
and effervescence has always been one of its characteristics. The
artists who tread the stage today, consciously or not, continue the
dynamics already traced by the generation which preceded them
as regards, for example, the explosion of theatrical languages,
ranging from surreal, caustic comedy (Malorni, Parisi, Doppio Senso
Unico, Nano Egidio) through social issues (Interno Enki) to modernised, personalised versions of the theatre of the actor and director
(Lafabbrica, Industria Indipendente). The same applies to production dynamics. Some people find professional opportunities outside
our region (Le Vie del Fool), while others develop their work in the
provinces, in places less obsessed with the mainstream and the
politics of events than the city (Condizioni Avverse, Errare Persona).
Dieci anni fa Roma e il Lazio sono stati l’epicentro di una stagione
memorabile per numeri e qualità, che tuttavia non è stata capitalizzata dalle politiche culturali locali. La nuova scena si muove
oggi lungo un paesaggio ancora più dissestato e forse, proprio per
questo, misura se stessa quasi sempre con spettacoli agili, autoprodotti, indipendenti, in grado di migrare di luogo in luogo in cerca
d’occasione. La risposta degli artisti, anche questa volta, sembra
essere quella di una creatività irredenta ma mai omologabile. E
soprattutto di pluralità ed effervescenza, che esprime talenti di
caratura nazionale nonostante la precarietà produttiva. Un posto
tra questi ce l’ha sicuramente Matteo Latino, vincitore del Premio
Scenario nel 2011, assente da questa ricognizione perché prematuramente scomparso nel 2015.
Ten years ago, Rome and Lazio were at the epicentre of a time
which was memorable in terms of both quantity and quality, but
which local cultural policies did not capitalise upon. The new
scene now moves through a still more uneven landscape and, perhaps because of this, measures itself against productions which
are almost always agile, self-produced, independent and able to
migrate from place to place in search of opportunity. Once again,
the artists seem to have responded with a creativity which is both
rootless and diverse,and above all plural and effervescent. One
which produces talents of national calibre, despite the uncertainties which surround them. Matteo Latino, winner of the Premio
Scenario in 2011, definitely deserves a place among these artists,
but is absent from this survey due to his untimely death in 2015.
Graziano Graziani
Graziano Graziani è nato a Roma. Scrittore, critico teatrale e giornalista freelance, è tra i conduttori di Fahrenheit, a Rai Radio 3, e
collabora con Rai 5. Ha collaborato e collabora con diverse testate
e ha pubblicato saggi teatrali, romanzi e una raccolta di poesie
dialettali intitolata I sonetti der Corvaccio (ed. La camera verde). Il
suo ultimo libro è Atlante delle micronazioni (Quodlibet). Cura un
blog: grazianograziani.worpress.com.
Graziano Graziani was born in Rome. A writer, theatre critic and
freelance journalist, he is one of the presenter of Fahrenheit on Rai
Radio 3 and works with Rai 5. He has worked with various magazines and has published essays, plays, novels and a collection of
dialect poems entitled I Sonetti der Corvaccio (La Camera Verde
Publishers). His latest book is Atlante Delle Micronazioni (Quodlibet
Publishers). He has a blog, grazianograziani.worpress.com.
Lazio Creativo / Teatro / 133
Condizioni avverse
www.condizioniavverse.org
Opportunità per la provincia.
Provincia come opportunità.
A Rieti un progetto necessario.
Opportunities for the province
and the province as an opportunity.
A “necessary” project from Rieti.
“Teatro necessario”: una delle parole d’ordine coniate da Peter
Brooks. Sfidando le condizioni avverse di un territorio – la Sabina
– difficile per morfologia, meteorologia e sociologia, una piccola e
coraggiosa compagnia teatrale l’ha metabolizzata nel suo DNA,
trovando proprio in questo difficile habitat la sua ragion d’essere.
In che modo? Diventando rappresentazione di una comunità. Dei
suoi bisogni. Delle sue emergenze. E ridefinendo in modo radicale
il concetto di teatro nella ricerca incessante di cosa raccontare.
Storie “tirate fuori” dal territorio: dalla memoria orale dei partigiani, dal vissuto dei pazienti del centro diurno di salute mentale della
ASL di Rieti, dalla fantasia degli alunni delle scuole. Una maieutica
artigianale, che ricorda i parti in casa con la levatrice, ma efficace,
potente, attuata “con le unghie e con i denti, senza dormire, senza mangiare, anche indebitandoci” dichiara con passione Lidia Di
Girolamo. In nome di una necessità che sentono imprescindibile:
cosa dire e come dirlo a tutti.
One of the slogans coined by Peter Brook was “necessary theatre”. Defying the adverse conditions of the Sabina area, with its
challenging morphology, meteorology and sociology, one brave
little theatre company has metabolised the place into its DNA,
finding in this tough habitat its raison d’être. How? By becoming
the representation of a community, its needs and its problems,
and by radically redefining the concept of theatre in the relentless
pursuit of what to speak about. Stories “dug out” of the local area,
from the oral histories of the partisans, the experience of patients
in the Rieti mental health daycare centre and the imaginations of
local schoolchildren. A type of Socratic craftsmanship reminiscent
of home births carried out by a midwife – effective, powerful and
realised “with tooth and nail, without sleep, without eating, even
by getting into debt,” as Lidia Di Girolamo passionately declares.
All in the name of a necessity that they feel is essential: what to
say and how to say it to all.
“La fiducia della gente si conquista sul campo, soprattutto in provincia, nei paesi, dove ti chiedono chi sei e cosa fai” sottolinea
Andrea Maurizi. Andrea e Lidia, Elisa Maurizi, Valentina Piazza e
Jessica Leti ci sono riusciti con Officina Culturale della Bassa Sabina, un progetto di oltre 400 pagine che ha vinto il bando della
Regione per il quarto biennio consecutivo. Festival, laboratori e
spettacoli che coinvolgono 20 comuni. Uno stimolo permanente, come la loro formazione. E gli spettacoli teatrali che attirano
l’attenzione di Libera e lasciano la Sabina per sbarcare in Sicilia.
Mentre l’assistenza alle associazioni che lavorano sul territorio si
trasforma in rapporto di mutuo scambio.
“You win people’s trust on the ground, especially in the provinces,
in the towns, where everybody wants to know who you are and
what you do”, says Andrea Maurizi. Andrea and Lidia, Elisa Maurizi, Valentina Plaza and Jessica Leti succeeded with the Officina
Culturale della Bassa Sabina, a project more than 400 pages long
which won the regional competition for the fourth consecutive twoyear period. Festivals, workshops and performances involving 20
municipalities. An ongoing stimulus, just like they themselves, with
theatrical performances that have attracted the attention of the
anti-Mafia association Libera and taken them from the Sabina to
Sicily. And in the meantime, the assistance offered to associations
working locally has turned into a relationship of mutual exchange.
“Liberi e destrutturati”, ma legati da un inossidabile vincolo d’amicizia e dalla condivisione di un progetto, i ragazzi del teatro delle
Condizioni avverse volevano andar via, volevano andarsene lontano, come i protagonisti della canzone di Dalla. Invece sono rimasti.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
photo:
Daniele Vita
Lidia di Girolamo
Jessica Leti
Elisa Maurizi
Andrea Maurizi
Valentina Piazza
“Free and unstructured”, but linked by a solid bond of friendship
and by a shared plan, the members of Condizioni Avverse wanted
to leave, wanted to go far away, like the protagonists of the Lucio
Dalla song. And instead they stayed.
Lazio Creativo / Teatro / 135
DoppioSenso Unico
www.doppiosensouni.com
Una compagnia teatrale formata
da due giovani attori che stupisce
il pubblico tra comicità e poesia.
A theatre company formed by two
young actors who astound their
audience with comedy and poetry.
La compagnia teatrale DoppioSenso Unico è formata da una coppia di attori buffi e serissimi, profondi e divertenti, molto attenti al
linguaggio e al rapporto con il pubblico. Si chiamano Luca Ruocco
e Ivan Talarico, sono nati nel 1981 e si conoscono dagli anni del
liceo a Catanzaro, città dove, nel 1999 è nata la compagnia. Sono
arrivati a Roma per studiare teatro, ora lavorano alla Rampa Prenestina, sede di molte associazioni e gruppi di lavoro, e portano i
loro spettacoli per i teatri e per i locali romani e della penisola. Ne
hanno realizzati cinque: Viageatruà (2005), Le clamorose avventure di Mario Pappice e Pepé Papocchio (2008), La variante E.K.
(2013), gU.F.O. (2014) e Operamolla (2015).
The theatre company DoppioSenso Unico is made up of a pair of
actors who are at once both profound and funny, as well as highly
attentive to language and their relationship with the public. They
are Luca Ruocco and Ivan Talarico, were both born in 1981, and met
during their high school years in Catanzaro, the city where the company was born in 1999. They arrived in Rome to study theatre, are
now working at Rampa Prenestina, home to a plethora of associations and groups, and tour their shows around theatres and clubs in
Rome and Italy. They have five to their name: Viageatruà (2005), Le
clamorose avventure di Mario Pappice e Pepé Papocchio (2008), La
variante E.K (2013), gU.F.O (2014) and Operamolla (2015).
L’impianto scenico è essenziale, il ritmo è veloce, costruito su micro scene, l’umorismo scaturisce dai dialoghi, dai giochi di parole,
dalle espressioni degli attori, dall’interazione con il pubblico che
determina una continua imprevedibilità delle situazioni. La comicità
è spesso amara perché amari sono i temi affrontati: l’alienazione, la
solitudine, il suicidio, la malattia. Alienati sono per esempio i gufi,
rappresentati grazie a due grandi maschere (create da Tiziana Tassinari). Un uomo e una donna in crisi che si convincono di essere,
appunto, dei gufi, e vivono in quella che Talarico definisce “una casa
Vianello beckettiana”; una storia sulla solitudine e sulle relazioni.
Tra Samuel Beckett e Antonio Rezza, Talarico e Ruocco mettono
in scena degli spettacoli divertenti, coinvolgenti e spesso catartici.
The scenery is spartan and the pace fast and built around micro-scenes. The humour comes from the dialogues, wordplay and
expressions of the actors and their interaction with the public,
which continually create unpredictable situations. The humour is
often dark, because the issues they address are dark too: alienation, loneliness, suicide and illness. Like their owls (represented
by masks created by Tiziana Tassinari). A man and a woman who
are drifting apart convince themselves they are, in fact, owls, and
live in what Talarico calls “a Casa Vianello-Beckett house” (Casa
Vianello being a longrunning Italian sitcom about an ageing married couple): a story of loneliness and relationships. Talarico and
Ruocco’s performances lie somewhere between Samuel Beckett
and Antonio Rezza, and are fun, engaging and often cathartic.
Vivono le difficoltà di una piccola compagnia autoprodotta, consapevoli del fatto che il teatro è in via di estinzione, consapevoli del
paradosso di questa affermazione, visto che il teatro è uno spazio
che, per via del diretto legame con il pubblico, dovrebbe avere
invece un posto particolarmente importante fra le arti. Per questo, confessano rispondendo alla domanda “Che cosa sognate?”
“Periodicamente sogniamo di chiudere” anche se poi la passione
vince e vanno avanti. E meno male.
Paola Soriga
photo:
sx Fiammetta Mandich
dx Manuela Giusto
Luca Ruocco
Ivan Talarico
They struggle with the difficulties of any small, self-produced
company, aware that the theatre is struggling despite the paradox of its being a space whose direct link with the public should
grant it a special place among the arts. That’s why they answer
the question “What do you dream?” with the confession that on
occasion they dream of giving up, even though their passion keeps
them going. And thank goodness for that.
Lazio Creativo / Teatro / 137
Errare Persona
www.errarepersona.it
Compagnia che opera tra teatro, musica
e ricerca drammaturgica. In scena portano
storie e memorie della Ciociaria.
A company of artists working in theatre, music
and experimentation who bring the stories
and memories of Ciociaria to the stage.
Damiana Leone è un’attrice, regista e drammaturga di Frosinone,
è la direttrice artistica di Errare Persona, ma soprattutto è un’affastellatrice: riunisce idee, forma fascine di parole, crea sedimentazioni di concetti. L’ho capito quando mi ha spiegato del canto etnico, dell’amore per il greco, della lirica, della recitazione, del teatro
catalano, dell’impegno civile. “Mi interessa la ricerca dell’identità,
in base a questo ho scelto il nome per la compagnia: PERSONA
vuol dire identità, ma rappresenta anche chi siamo e chi possiamo
essere (dal latino personaggio, dal greco maschera teatrale e poi
dal film di Bergman); ERRARE dà il senso del girovagare, dello
spaziare tra le arti, dello sviare, del perdersi”.
Damiana Leone is an actress, director and playwright from Frosinone and the artistic director of Errare Persona, but above all, she is
an assembler, bringing together ideas, creating bundles of words,
and piling concepts upon concepts. I realise this as she tells me
about ethnic singing and her love of Greek, of opera, of acting, of
Catalan theatre and of civic commitment. “What interests me is
the search for identity, and I chose the name of the company on
that basis: PERSONA means identity, but it also represents who
we are and who we can be (from the Latin personaggio and from
the Greek theatre mask, as well as from Bergman film). ERRARE
gives a sense of roaming between the arts, of losing yourself.”
Dopo l’Accademia Silvio d’Amico, in un corso tenuto da Emma
Dante, Damiana ha incontrato Barbara Mangano (attrice e danzatrice) e con lei una nuova strada da percorrere. Mi ha raccontato
che la Dante le ha detto che non era mai stata in Ciociaria, che
lei ha risposto: “Non ti sei persa niente” e che, da quella frase
sbagliata, ha deciso di riappropriarsi della sua storia, di quella della
sua famiglia, delle vicende di una terra che nessuno racconta. E
allora il dialetto, le conche, il monumento Alla mamma ciociara di
Castro dei Volsci, i Goumier, Una serata a Colono della Morante e il
suo tempo da sfollata con Moravia, De Sica, la chiesa sconsacrata
di Vallecorsa, le testimonianze, lo studio e uno spettacolo fatto
dalle nipoti nella lingua delle nonne: Ninetta e le altre. Le marocchinate del ‘44, con le attrici Anna Mingarelli e Francesca Reina.
Hanno fatto più di 70 repliche, una anche a New York, con il racconto dello stupro delle persone e di un’intera terra. Errare Persona è un’officina culturale, che affastella spettacoli (Nòstos-Ritorno,
Santissima mia, Sangue e neve) e progetti: rassegne, laboratori
per le scuole, seminari, concerti, danza.
After attending the Accademia Silvio d’Amico, Damiana encountered actress and dancer Barbara Mangano at a course taught by
Emma Dante, and with her a new direction. She says that when
Emma Dante told her she’d never been to the Ciociaria area,
she’d replied, “You haven’t missed anything.” It was that unhappy
phrase which convinced her to try to reclaim her own history –
the history of her family, and of a land of which no one speaks. Its
dialect, its copper amphoras called conche, the Alla Mamma Ciociara monument in Castro dei Volsci, the Goumier, Elsa Morante’s
Una serata a Colono and her time as an evacuee with Moravia,
De Sica, the deconsecrated church in Vallecorsa, the testimonies,
the hard work, and a theatrical piece staged by grandchildren in
the language of their grandmothers: Ninetta e Le Altre – le Marocchinate del ‘44, starring Anna Mingarelli and Francesca Reina.
More than 70 performances, one of which in New York, telling of
the rape of a people and an entire area. Errare Persona is a cultural workshop which realises shows (Nòstos-Ritorno, Santissima
mia, Sangue e neve), projects, exhibitions, workshops for schools,
seminars, concerts and dance performances.
Parlando con Damiana si capisce quante cose può dire un territorio se trova la voce per dirle.
Elisa Casseri
Damiana Leone
Speaking to Damiana makes you realise how many things a place
can say if it can only find the voice to say them.
Lazio Creativo / Teatro / 139
Industria Indipendente
industriaindipendent.wix.com
Due ragazze di Civitavecchia e il teatro
come laboratorio. Hanno vinto nel 2014
il Premio Hystrio per le Scritture di Scena.
Two young women from Civitavecchia
and the theatre as a workshop. Winners
of the 2014 Hystrio Prize.
Civitavecchia torna sempre come immaginario segreto delle storie
che raccontano. Erika Z.Galli e Martina Ruggeri sono nate in una
città di mare e si sono conosciute anni dopo, a Roma. Studentesse del liceo di Civitavecchia – una dipingeva quadri, l’altra scriveva
– hanno frequentato La Sapienza di Roma. È stato l’incontro con
un attore e la scrittura di un primo testo a dare l’impulso a una professione che all’inizio era “puro divertimento”. Con l’individuazione
di alcuni maestri – tra cui Emma Dante – e una lunga formazione
da spettatrici di spettacoli, nel 2011 nasce il collettivo artistico
Industria Indipendente: arti visive, performance, istallazioni, teatro. Quell’anno Erika scrive il monologo Crepacuore. È un piccolo
successo. Il lavoro vince tre festival nazionali, tra cui il Martelive
nel 2011. Anni dopo, lo spettacolo è ancora richiesto e torna in
scena in diverse città.
Civitavecchia is always in there, the secret source of the imagery
behind the stories they tell. Erika Z.Galli and Martina Ruggeri were
born there in that seaside town, and were both students at its
high school. One painted pictures and the other wrote. They met
years later in Rome when they were both at university. It was an
encounter with an actor and the writing of their first text which
gave them the impetus to join a profession which, at the beginning, was “pure fun”. Once they had identified their maestros –
including Emma Dante – and trained at length as spectators, in
2011 they founded the art collective Industria Indipendente: visual
arts, performances, installations and theatre. That year Erika
wrote the monologue Crepacuore. It was a minor success, winning three national festivals, including the 2011 Martelive. Years
later, the show is still being performed in several cities.
Il loro lavoro è un laboratorio permanente. Insieme agli attori interessati ai loro progetti si concentrano inizialmente sui corpi e
sull’esercizio fisico. In seguito arrivano le improvvisazioni, lo studio
di testi e la scrittura. Le prove si svolgono nello spazio Fivizzano27
nel quartiere Pigneto di Roma.
Their work is an ongoing workshop. Together with the actors involved in their projects, they focus initially on bodies and physicality. Later come the improvisations, the study of the script and the
writing. Rehearsals take place in Fivizzano27, in the Pigneto district.
Tra i progetti, molto vari, ha ora grande respiro I ragazzi del cavalcavia. Si ispira alla storia di cronaca dei fratelli che lanciarono sassi dal cavalcavia nel 1996 e uccisero una ragazza. Dopo il
debutto, e il riscontro positivo anche della famiglia della vittima,
lavorano alla sceneggiatura del film. Confluiscono qui alcuni loro
temi ricorrenti: la vita in provincia, i legami familiari, le dinamiche
del branco, i rapporti tra fratelli. Già dai primi lavori, in cui si esibivano in performance alla discoteca Goa a Roma – interrompendo
le serate per il Macbeth – hanno il merito di aver portato a teatro
persone che non ci sarebbero mai andate. Lettrici di letteratura
contemporanea, Erika e Martina non hanno più diffidenza verso
Civitavecchia. E il mare continua a nutrire i loro progetti.
Francesco Longo
photo:
sx Valeria Tomasulo
dx Gaia Recchia
Erika Z. Galli
Martina Ruggeri
Among their highly diverse projects, I ragazzi del cavalcavia is currently making waves. Inspired by the true story of the brothers
who, in 1996, caused a girl’s death by throwing rocks at passing cars from an overpass, after it debuted they received positive feedback from the victim’s family, and began working on the
script of the film. Some of their recurring themes converge here:
life in the provinces, family ties, the dynamics of the herd and relationships between siblings, and even their early work, which they
performed at the Roman nightclub Goa – interrupting the evenings
with Macbeth – had the merit of bringing to the theatre people
who would never usually go anywhere near it. Readers of contemporary literature, Erika and Martina are no longer diffident towards
Civitavecchia. And the sea continues to feed their projects.
Lazio Creativo / Teatro / 141
InternoEnki
www.internoenki.com
Collettivo teatrale indipendente diretto
da Terry Paternoster, molto attento al sociale
e alla partecipazione attiva.
An independent theatre collective directed
by Terry Paternoster which is committed
to active social participation.
Collettivo InternoEnki prende il nome dal dio sumero che rappresenta la Sapienza, ma la lettura è duplice e ironica: Inter nos enki
(tra non c’è sapienza) o Inter no enki (tra noi nessuna sapienza). Il
collettivo nasce intorno alla carismatica figura di Terry Paternoster,
che già ai tempi dell’università s’interessa all’organizzazione di un
piccolo teatro di provincia, a Canale Monterano, sotto la guida del
maestro Vito Cipolla. Siamo nel 2000, il piccolo teatro riesce a
imporsi subito come una realtà vitale e molto amata dal pubblico;
ciononostante otto anni dopo verrà chiuso, e questo darà la spinta
a fondare il Collettivo InternoEnki.
Collettivo InternoEnki is named after the Sumerian god who represents wisdom, but it’s an ironic double-entendre: Inter nos
enki (between there is wisdom) or Inter no enki (between us no
wisdom). The collective formed around the charismatic figure of
Terry Paternoster, who, while still at university, had taken over the
running of a small provincial theatre in Canale Monterano, under
the guidance of maestro Vito Cipolla. It was the year 2000, and
this little theatre immediately managed to establish itself as a vital reality and endear itself to the public. Despite this, however,
eight years later it would close, providing the impetus to found
the Collettivo InternoEnki.
La sede nei primi anni è nel centro sociale di Roma: Zona Rischio.
Terry, a cui si affianca Donato Parternoster, lavora con gli attori
come in delle jam session. Il loro è un teatro “in-civile”, ovvero uno
strumento di controinformazione, fuori dalla “retorica dei buoni costumi”. La loro “prima opera incompiuta”, come amano definirla,
è La iatta mammona, spettacolo ispirato a una vicenda vera occultata dal Vaticano, selezionato al Napoli Fringe Festival del 2012,
mentre M.E.D.E.A. Big Oil, un’opera di denuncia contro il dissesto
provocato dall’estrazioni petrolifere in Basilicata, si aggiudicherà il
Premio Scenario per Ustica 2013.
Il collettivo rivendica una drammaturgia lontana dalle “regole conclamate”, in questo senso più che sperimentale: “anti-grammaticale”, dissacrante. La sua idea di politica, così come di teatro, è
ispirata alla partecipazione collettiva, che era propria della polis,
un’idea anche coraggiosamente “folle” per una compagnia indipendente, che però non ha paura di lavorare con molti attori. A
sottolineare questa dimensione corale, Terry Paternoster conduce
anche un laboratorio di “drammaturgia concertistica” con gli studenti dell’Università La Sapienza di Roma. L’ultima sfida di Terry è
una webserie Welcome to Italy, incentrata su Radio Baobab, una
radio indipendente gestita da cittadini di origine straniera.
Christian e Veronica Raimo
Terry Paternoster
Its headquarters in the early days was one of Rome’s squatted
social centres: Zona Rischio. Assisted by Donato Parternoster, Terry’s rehearsals are like jam sessions. Theirs is an “in-civil” theatre
– a counterinformation tool, outside the “rhetoric of good morals”.
Their “unfinished first work”, as they like to call it, was La iatta
mammona, a show inspired by a true story which was covered
up by the Vatican, which was selected for the 2012 Napoli Fringe
Festival, while M.E.D.E.A. Big Oil, a piece protesting the disruption
caused by oil drilling in Basilicata, won the 2013 Premio Scenario
per Ustica.
The collective practices a type of drama far from “overt rules” –
more irreverent and “anti-grammatical” than experimental. Their
idea of politics as theatre is inspired by the collective participation
which was typical of the polis, an idea which is also courageously
“crazy” for an company which is independent but unafraid to work
with large numbers of actors. To emphasize this choral aspect,
Terry Paternoster also conducts an “orchestral dramaturgy” workshop with the students of the La Sapienza University in Rome. Terry’s latest challenge is the web series Welcome to Italy, centred
around Radio Baobab, an independent radio station run by citizens
of foreign origin.
Lazio Creativo / Teatro / 143
Lafabbrica
www.lafabbrica.org
Cinque donne e l’amore per il teatro
dell’assurdo. Dal 2014 è compagnia residente
al teatro Vascello di Roma.
Five women and their love of the Theatre
of the Absurd. The resident company
at the Vascello Theatre in Rome since 2014.
I loro lavori teatrali nascono sempre da un paradosso, in scena
circola ancora l’influenza di Samuel Beckett e l’atmosfera ricorda
quella del teatro dell’assurdo. Le radici del gruppo sono nel Centro
Internazionale La Cometa di Roma. Qui si è formato il nucleo attorno al quale nasce nel 2008 la compagnia. Lafabbrica è composta
da cinque donne: Elisa Bongiovanni, Fabiana Iacozzilli (regista),
Marta Meneghetti, Ramona Nardò e Giada Parlanti. Ma collaborano con loro come attori o assistenti anche Simone Barraco e
Francesco Zecca. In passato ha collaborato anche Matteo Latino.
Their plays are always born from paradox, the influence of Samuel
Beckett can be felt, and the atmosphere harks back to the theatre
of the absurd. The group has its roots in the Centro Internazionale La Cometa in Rome, where a nucleus formed around which
the company was founded in 2008. Lafabbrica consists of five
women: Elisa Bongiovanni, Fabiana Iacozzilli (director), Marta Meneghetti, Ramona Nardò and Giada Parlanti. Working with them
as actors or assistants are Simone Barraco and Francesco Zecca,
and in the past they have also worked with Matteo Latino.
Tre spettacoli principali formano i tre capitoli della Trilogia dell’Attesa: Aspettando Nil, Quando saremo grandi e Hansel e Gretel. Il
giorno dopo. Questi lavori indagano aspetti diversi della dimensione dell’attesa, prendendo corpo intorno ad altri testi teatrali
su questo tema, favole, immagini e suggestioni diverse. La fase
di laboratorio e improvvisazioni porta il gruppo fino alla scrittura
finale dei testi. Aspettando Nil vince alcuni premi tra cui l’Underground Zero Festival di New York 2010 e il PlayFestival nel 2013;
Quando saremo grandi è finalista allo Scenario 2009; Hansel e
Gretel. Il giorno dopo con la drammaturgia di Francisco Espejo, ha
debuttato al Teatro Vascello di Roma. La critica ha rintracciato in
questi spettacoli sospesi e nei personaggi disorientati anche un
riferimento alla vita inceppata della loro generazione. Dopo essere
andate in scena al Piccolo di Milano, dal 2014 Lafabbrica è compagnia residente al teatro romano il Vascello.
Three main plays form the chapters of the Trilogia dell’attesa: Aspettando Nil, Quando saremo grandi and Hansel e Gretel: Il giorno
dopo. These pieces investigate various aspects of the concept of
waiting, taking shape around other plays which tackle the same
themes including, among other things, fairy stories. The workshop
and improvisation stage takes the group up to the writing of the
final script. Aspettando Nil won several awards, including New
York’s Underground Zero Festival in 2010 and the PlayFestival in
2013. Quando saremo grandi was a finalist at the 2009 Scenario;
Hansel e Gretel: Il giorno dopo, which featured Francisco Espejo’s
dramaturgy, debuted at the Teatro Vascello in Rome. Reviewers
found in these frozen shows and their disorientated characters a
reference to the “blocked” life of their own generation. After having appeared at the Piccolo Theatre in Milan, Lafabbrica has been
resident at the Vascello Theatre in Rome since 2014.
Il primo spettacolo che non parte da un loro testo collettivo, ma
da una drammaturgia preesistente, è Il Gabbiano di Anton Cechov
(i costumi sono di Gianmaria Esposito, lo scenografo è Matteo
Zenardi). Ora che hanno una casa e possono provare gli spettacoli
direttamente al Vascello, lavorano - con “lunghi tempi gestazionali” - al prossimo debutto. Avverrà proprio al teatro Vascello per
l’inizio della stagione 2016-2017.
The first show that does not spring from one of their collective
scripts but from a pre-existing drama is The Seagull by Chekhov
(with costumes by Gianmaria Esposito and production designer by
Matteo Zenardi). Now that they have a home and can rehearse
their work inside the Vascello, they are working - with “a long gestation” - on their upcoming debut. It will take place in the Vascello
at the start of the 2016-2017 season.
Francesco Longo
photo:
sx Emanuela Bongiovanni
dx Giulia Iacolutti
Elisa Bongiovanni
Fabiana Iacozzilli
Marta Meneghetti
Ramona Nardò
Giada Parlanti
Lazio Creativo / Teatro / 145
Valerio Malorni
www.facebook.com/valerio.malorni
Attore, danzatore, autore e regista di teatro.
Molto attivo sul territorio, coordina anche
laboratori teatrali.
An actor, dancer and theatre director who
is very active in the region, and who also
organises theatre workshops.
Per Valerio Malorni, fare teatro è soprattutto “fare rapporto”. Cercare una relazione tra le persone e tra le cose. Non solo dentro lo
spazio scenico. Immaginare ciò che esiste nel fuori scena, quando
un personaggio scompare. Se uno spettacolo riesce a smuoverti
davvero, accade così: crea un ponte verso qualcos’altro. Valerio
ha cominciato ad amare il teatro da subito, anche se da bambino
“faceva il bambino”, non pensava a ciò che sarebbe voluto essere,
a parte un uomo, nella maniera più completa. Non ha mai fatto
l’Accademia, ma ha studiato – tra gli altri – con Mario Scaccia e
Giorgio Barberio Corsetti. Ha una anche formazione da danzatore
che gli ha lasciato un legame fondamentale con il corpo “perché
bisogna cercare la pancia, non la testa” nel teatro come nella vita.
For Valerio Malorni, theatre means above all “creating a connection”. Looking for a relationship between people and between
things. Not just on the stage – imagining, too, what happens
offstage, when a character disappears. If a performance actually
moves you, that’s what happens: a bridge is built towards something else. Valerio fell in love with the theatre immediately, even
though as a little boy he “was very much a little boy”, never thinking in the slightest about what he might one day want to be, apart
from a man. He never went to the Academy, but studied with –
among others – Mario Scaccia and Giorgio Barberio Corsetti. He
also trained as a dancer, and this instilled in him a profound bond
with his body, because, in the theatre as in life “you have to find
your belly, not your head.”
Nel 2006 mette in scena la sua opera prima Con Chi – Assolo
con tendenze all’amicizia e si aggiudica il premio Staff a MArtelive. Ma come recita il sottotitolo dello spettacolo, la tendenza
all’amicizia – ossia alla relazione – lo porta al desiderio di lavorare
con gli altri. Scrive insieme a Simone Amendola L’uomo nel diluvio
– un affresco sulla condizione contemporanea tra ansia di fuga e
desiderio di restare – finalista al Premio Scenario 2013 e vincitore
del premio In-box 2014. Ha in progetto di continuare lo spettacolo
raccontandone appunto il fuori scena: la tournée in giro per l’Italia
– gli incontri estemporanei, le realtà di provincia – per rappresentare un Paese nella sua contraddittoria complessità.
Se uno spettacolo funziona “è giusto che cresca, altrimenti muore” dice Valerio. Lui rivendica sempre la ricerca di uno stupore, ciò
che di sicuro non manca ai bambini. Si dedica con passione al teatro per l’infanzia insieme alla compagnia Teatro delle Apparizioni,
con cui vince nel 2015 il Premio Eolo grazie a Il tenace soldatino
di piombo, nonché al teatro sociale. La sua forza è un’incessante
curiosità, perché: “le finestre servono a far arrivare la luce, ma
anche ad affacciarsi”.
Christian e Veronica Raimo
In 2006 he staged his debut piece, Con Chi – Assolo con tendenze
all’amicizia, which won the staff prize at MArteLive. But like the
show’s subtitle, his inclinations towards friendship – that is, relationships – led him to work with others. With Simone Amendola
he wrote L’uomo nel diluvio – a fresco of the contemporary condition where the anxiety to escape and a desire to remain coexist
– which was a finalist at Premio Scenario 2013 and winner of
In-box 2014. He plans to continue the show, speaking about what
happens behind the scenes: the tour of Italy with its impromptu
meetings, and provincial realities, showing a country in all its contradictory complexity.
If a show works, “it’s right that it grows, otherwise it dies”, says
Valerio. He claims to be always looking for amazement, something
which children certainly do not lack. He is passionately dedicated to theatre for children with the theatre company Teatro delle
Apparizioni, which in 2015 won the Premio Eolo with Il tenace
soldatino di piombo, as well as to theatre which tackles social
issues. His strength is his relentless curiosity, because, “windows
are there to let the light in, but also to look out of”.
Lazio Creativo / Teatro / 147
Nano Egidio
www.nanoegidio.it
Dal teatro per bambini alla web-novela.
La compagnia ha vinto, tra l’altro,
la rassegna Esplorare lo spazio.
From children’s theatre to web-novella,
winning, among other things, the Esplorare
lo Spazio competition along the way.
Simona Oppedisano, attrice di spettacoli per bambini, incontra
Marco Ceccotti alla master class per attori e drammaturghi del
Teatro Argot. Marco è laureato al DAMS, ha studiato teatro a Perugia e all’università incontra Francesco Picciotti, di Bari, che lo
avvicina al teatro dei burattini. La compagnia Nano Egidio nasce
nel 2011, ed è al completo nel 2013, quando si unisce anche Giacomo Cappucci.
Simona Oppedisano, an actress in shows for children, met Marco
Ceccotti at the Teatro Argot’s master class for actors and playwrights. Marco is a DAMS graduate who studied theatre in Perugia, and who met Francesco Picciotti from Bari, who introduced
him to puppet theatre, when he was at university. The Nano Egidio
company was started in 2011, and was completed in 2013 with
the addition of Giacomo Cappicci.
Nano Egidio mette in scena sia spettacoli per bambini che per
adulti, tutti con pupazzi, burattini e attori: senza scenografie e
sul palco ben in vista chi muove i pupazzi. È puro teatro comico,
assemblato con gag e sketch. La loro trilogia, ancora in fase di
completamento, è costruita intorno al protagonista: un nano da
giardino. Il primo spettacolo si intitola Nano Egidio. Una storia vera
(season one). L’idea è di strutturare uno spettacolo come fosse
una serie tv – con episodi e stagioni – e nel solco dei diversi generi
tipici delle serie televisive (il giallo, il medical drama, il poliziesco).
In più, i loro personaggi vengono dalla cultura pop – fiabe, fumetti
e cartoni – e risultano completamente decontestualizzati: Barbie
(una dottoressa nuda), Batman (un investigatore demotivato) o
Dotto (un dottore). Il secondo spettacolo si intitola Batman Blues
e prosegue nella direzione del primo: mescolare i generi mantenendo al centro il teatro di figura.
Nano Egidio stages shows for both children and adults, all done
with puppets, marionettes and actors, without sets and with the
puppeteers in full view of the audience. It’s pure comedy, made
up of gags and sketches, and their trilogy, which still remains to
be completed, revolves around a main character who is a garden
gnome, or nano. The first show is titled Nano Egidio. Una storia vera (season one). The idea is to structure a show as though
it were a television series with episodes and seasons, adopting
the style of typical TV genres (crime, medical drama, thriller). The
characters, which spring from pop culture – fairy tales, comics
and cartoons – are completely decontextualised: there’s Barbie
(a naked doctor), Batman (an apathetic detective) and Dotto (a
doctor). Their second show is titled Batman Blues and continues
in the direction of the first: mixing genres while keeping puppetry
in the spotlight.
Parallelamente portano avanti altri lavori. Il paradosso dell’attore
2000, spettacolo del 2012, mette in scena un attore senza talento che vuole vivere solo del suo lavoro di attore, così da potersi
pagare i corsi teatrali per diventare un attore bravo. Lo spettacolo
è stato portato in scena al Teatro dell’Orologio e al Teatro India
durante il progetto Perdutamente. Dal 2014 Nano Egidio è nel cast
della quarta serie del Social Comedy Club con lo sceneggiato teatrale Luisa uno sguardo Oltralpe. Il Social Comedy Club riunisce
realtà comiche romane. Il gruppo è pronto al grande salto: preparano la loro prima web-novela.
In parallel, they carry out other work. 2012’s Il paradosso dell’attore 2000 (2012) is about a talentless actor who wants to live
off his acting work so he can pay for the acting classes he needs
to become a good actor. The show was staged at the Teatro
dell’Orologio and Teatro India during Perdutamente. Since 2014,
Egidio Nano has been in the cast of the fourth series of the Social Comedy Club, which brings together Roman comics, with the
scripted show Luisa uno sguardo Oltralpe. The group is now ready
for its next big step: preparing their first web-novella.
Francesco Longo
photo:
sx Federica Ceccotti
dx Elena Consoli
Giacomo Cappucci
Marco Ceccotti
Simona Oppedisano
Francesco Picciotti
Lazio Creativo / Teatro / 149
Daniele Parisi
www.danieleparisi.org
Attore romano con una passione per il teatro
comico. Porta in giro spettacoli scritti, diretti
e interpretati da lui stesso.
A Roman actor with a passion for comic
theatre who tours with performances written,
directed and performed by himself.
“I comici sono benefattori dell’umanità” dice Daniele Parisi, attore
romano classe ‘82. Alla comicità tragica, come la definisce lui, ci
arriva per fasi.
“Comedians are benefactors of humanity” says Daniele Parisi, a
Roman actor who was born in 1982 and who came to tragic comedy, as he calls it, in stages.
Si forma come attore drammatico all’Accademia Silvio D’Amico,
dove entra a 23 anni. Si diploma nel 2008 e per quattro anni lavora
da attore scritturato. Riesce a vivere bene però c’è qualcosa che
gli manca. Non è solo la voglia di indipendenza, ma di mettersi in
gioco veramente. L’epifania che “gli salva la vita” arriva grazie a
uno stage con Paolo Rossi, in cui Daniele capisce che non c’è più
tempo da perdere. Così nasce Abbasso Daniele Parisi, uno spettacolo scritto, diretto e recitato da lui. Se lo spettacolo può ricordare
la stand up comedy, Daniele ci tiene a rimarcare la diversità del
teatro, la capacità di inventare un linguaggio, di creare personaggi
e soprattutto di lavorare sulla scena, sull’irripetibilità di un “qui e
ora”. L’interazione col pubblico l’ha imparata dai bambini. Un suo
amico ha trasformato un campo da bocce di un agriturismo in un
teatro: Daniele ci fa spettacoli per i più piccoli. È quella la sua palestra creativa, è lì che sperimenta “giochi scenici” che poi elabora
nei suoi lavori “per adulti”, perché “solo quando riesci a intrattenere un bambino, capisci che una cosa funziona”.
At 23, he enrolled at the Silvio D’Amico Academy to train as a dramatic actor. He graduated in 2008 and for four years worked as a
contracted actor. He made a good living, but there was something
missing. Not just independence, but really getting his hands dirty.
The epiphany that “saved his life” came thanks to a period working
with Paolo Rossi which showed Daniele that there was no time to
waste. Thus was born Abbasso Daniele Parisi, a play he wrote,
directs and performs. Though the show might resemble stand-up
comedy, Daniele is keen to point out the diversity of the theatre,
the ability to invent a language, to create characters and especially to work on the action, on its unrepeatable “here and now”
nature. He learned about interacting with the public from children.
One of his friends turned the bowling court of an agriturismo into a
theatre where Daniele puts on shows for children. It is the creative
gymnasium where he experiments with the “stage play” he later
develops in his work “for adults”, because “only when you can
entertain a child do you know that something works”.
Ripartire da se stesso si rivela un azzardo vincente. Abbasso Daniele Parisi è selezionato al Torino Fringe Festival. Il suo secondo
lavoro Ab hoc et hab hac vince il premio della critica a Off Art – Isla
de Margarita e a MArtelive. Il suo nome gira grazie al passaparola.
Nonostante la formazione accademica, Daniele non ha nessuno
snobismo verso la comicità. Persino verso il cabaret. Considera
i suoi spettacoli “da battaglia”. Si possono fare ovunque: locali,
circoli Arci. In tempo di crisi del teatro, questo è un bene. L’importante è che il far ridere non diventi il fine, ma il mezzo. I grandi
attori italiani: da Gassman, a Tognazzi, fino a Nuti o Verdone erano
anche dei comici e hanno inventato dei mondi.
Starting again from scratch proved to be a gamble that paid off.
Abbasso Daniele Parisi was selected for the Turin Fringe Festival.
His second show Ab hoc et hab hac won the critics’ award at
Off Art – Isla de Margarita and MArtelive. His reputation spread
via word of mouth. Despite his academic training, Daniele is no
snob toward comedy. Nor even towards cabaret. He considers
his shows “rough and ready”. He can put them on anywhere: in
clubs, or in the local offices of the Italian Recreation and Cultural
Association ARCI. In these hard times for the theatre, that’s good
news. The important thing is that the laughs don’t become the
end, but the means. The great Italian actors, from Gassman and
Tognazzi to Nuti and Verdone, were also comedians and invented
whole new worlds.
Christian e Veronica Raimo
Lazio Creativo / Teatro / 151
Simone Perinelli
www.leviedelfool.com
Attore e regista, classe 1981, si forma
all’Accademia Internazionale di Teatro.
È fondatore della compagnia Leviedelfool.
Born in 1981, this actor-director studied
at the International Academy of Theatre, and
is the founder of the company Leviedelfool.
Un palco poco illuminato, elementi scenici ridotti all’essenziale,
il monologo di un attore che sembra appena uscito di casa per
comprare le sigarette, vestito con un paio di short e la prima maglietta trovata nell’armadio. Non importa che ci sia un pubblico
seduto in platea: l’universo teatrale di Simone Perinelli è volutamente costruito all’insegna della sobrietà. È un teatro di sottrazioni, che soltanto togliendo e riducendo riesce a valorizzare le
espressioni del corpo e l’effetto drammatico della parola. È forse
per questo che il primo importante progetto dell’artista romano, la
Trilogia dell’Essere, da lui scritta, diretta e interpretata, nasce da
un fallimento: quello di mettere in scena Caligola di Albert Camus.
Dopo due anni di lavorazione, tra il 2010 e il 2012, Perinelli abbandona lo spettacolo e decide di rivisitare in chiave esistenzialista
tre personaggi classici della letteratura occidentale: il burattino di
Collodi (Requiem For Pinocchio), l’Ulisse di Omero (Macaron) e il
Don Chisciotte di Cervantes (Luna Park).
A dimly lit stage, scenery reduced to the barest essentials, the
monologue of an actor who looks as though he’s just left the
house to buy cigarettes, putting on a pair of shorts and the first
t-shirt he found in the cupboard. Never mind that there’s an audience watching: the theatrical world of Simone Perinelli is intentionally constructed with sobriety. It is a theatre of subtraction,
that, by removal and reduction, manages to exploit the language
of the body and the dramatic effects of the word. It is perhaps for
that reason that this Roman actor-director’s first major project,
the Trilogia dell’Essere, which he wrote, directed and starred in,
was born out of a failure: the failure to stage Camus’s Caligula.
After two years of working on it between 2010 and 2012, Perinelli
abandoned the show and decided to revisit three key existentialist
characters of classic Western literature: Collodi’s puppet (Requiem for Pinocchio), Homer’s Ulysses (Macaron) and Cervantes’
Don Quixote (Luna Park).
La forza di Perinelli sta tutta qui: lavorare sull’antico e riattualizzarlo in un teatro portato al suo grado zero, dove l’unica concessione ai costumi sono piccoli travestimenti che rendono ancora più
straniante il suo look da uomo qualunque: una gonna da ballerina,
una parrucca bionda, le maschere di un asino o di un maiale. Non
a caso il cuore dell’attività di Perinelli è il piccolo borgo di Calcata,
in provincia di Viterbo, dove ha sede la sua compagnia teatrale
Leviedelfool: un luogo in cui arcaico e contemporaneo convivono
in uno strano mix di arte, natura, suggestioni architettoniche, tagli
di luce che trasformano il paesaggio in un enorme e straniante set.
This is where Perinelli’s strength lies: working on the ancient
and making it modern in a theatre reduced to its absolute basics, where the only concessions to costume are minor disguises
that make his ordinary-man look seem even more alienating: a
dancer’s skirt, a blonde wig, masks of a donkey or a pig. It’s no
coincidence that Perinelli is based in the small village of Calcata, in the province of Viterbo, where he established his theatre
company Leviedelfool (The Ways of the Fool): a place where the
archaic and the contemporary coexist in a strange mixture of art,
nature, architecture and rays of light which turn the landscape into
a huge, alienating set.
“Io non esito” diceva Carmelo Bene: Perinelli ha intuito la tragicità
di questa affermazione e l’ha fatta sua. Anche lui, forse, non esiste, ma esistono il suo teatro, la sua voce, i suoi gesti, gli occhi
quasi da folle che rappresentano il vero centro di gravità di tutte
le sue performance.
Giorgio Nisini
“I do not hesitate” said Carmelo Bene: Perinelli has sensed the
tragedy inherent in this statement and made it his own. Perhaps
he too doesn’t exist, but his theatre, his voice, his gestures, and
the crazed eyes that represent the true centre of gravity of all his
performances, most certainly do.
IO/
MUSICA
Lazio Creativo / Musica / 155
La musica è un territorio resistente
Music Is a Resilient Landscape
“Se la musica ha ancora una possibilità di incidere sul reale, allora
non è morta”: sono parole che arrivano da lontano, da un altro
stato e da un altro continente, quelle di Bob Dylan. Un artista che
ha attraversato decenni in cui il rock ha preso il potere dell’immaginazione fra molti dei suoi coetanei, non solo negli Stati Uniti,
senza lasciarlo più, almeno fino ad oggi.
Per musica Dylan intende un miscuglio fatto di folk e di blues,
di parole e melodie lontane, che arrivano dalla vecchia Europa, e
danno vita a una storia senza confini e senza precedenti, legata
agli sviluppi tecnologici, culturali e industriali che nel ‘900 hanno
reso possibile riprodurre canzoni, mandarle in giro per il mondo
assieme ai loro autori e renderle, in molti casi, il ritratto di un periodo storico, o il suo controcanto. Chiamiamolo pop, se vogliamo:
i gruppi che qui rappresentano un territorio preciso (il Lazio) e una
sua inclinazione (la creatività), darebbero un po’ di conforto all’assunto dylaniano. Ognuno di questi giovani artisti mette in connessione felice l’ambito da cui proviene con qualcosa di imponderabile, di personale, che risuona con efficacia.
Oggi non possiamo davvero pretendere che un disco, un concerto
o i testi di un pezzo musicale possano cambiare il mondo, come
hanno creduto in tanti prima di noi. La frammentazione dei supporti, la fine di alcune esperienze di ascolto collettive – dall’album
in vinile al cd fino alla “liquefazione” della musica – sono segnali di un cambiamento che potrebbe anche spegnere molte delle
storie del passato. Eppure la musica – meglio, il miscuglio che
la rende popolare – continua ad essere tenace, se le si concede
una dimensione, una profondità che di questi tempi la frenesia del
mercato vorrebbe a tutti i costi negarle. Chi scrive è personalmente convinto che i soggetti artistici che sfilano su queste pagine, lo
dimostrino senza bisogno di ulteriori commenti o spiegazioni, ma
con la forza delle loro, chiamiamole così, canzoni.
Bob Dylan once said that as long as music manages to make the
world around it a different or better place, then it’s not dead yet.
These words arrive to us from far, far away – another state, and
another continent. The words of an artist who lived first-hand
through the decades when rock seized control of the imagination
of many of his peers, even those outside the United States, and
never let go. Or at least, hasn’t yet.
When he says music, Dylan means a mixture of folk and blues,
of distant words and melodies which arrive from old Europe and
breathe life into a story without borders and without precedents,
linked to the technological, cultural and industrial developments
which, over the course of the twentieth century, made it possible
to reproduce songs and send them off around the world together
with their writers, turning them, in many cases, into the portrait
– or critique – of an era. Let’s call it pop, if you like: the groups
included here, which represent a specific territory (Lazio) and its
penchant for creativity, provide a reassuring response to Dylan’s
statement. Each of these young artists creates a link between the
place they come from and something mysterious and personal
which resonates potently.
Today we can’t really expect a record, a concert or the lyrics of a
song to have the power to change the world, as many before us
once did. The fragmentation of formats and the disappearance
of many collective listening experiences – from the vinyl album
to the CD to the “liquefaction” of music – are signs of a change
that risks wiping away even many of the stories of the past. Yet
the music – or rather, that mixture which makes it popular – isn’t
loosening its grip, if you just allow it the space and depth which
today’s frenzied market tries to deny it at all costs. And personally speaking, I’m convinced that the artists who appear in these
pages prove this without further comment or explanation, simply
through the power of their songs – if that’s not too reductive a
word for them.
John Vignola
John Vignola si occupa professionalmente di musica da più di
vent’anni. Ha fondato e curato un’etichetta discografica, scrive e
cura testi e collane sulla storia del rock, firmando anche monografie. Ha curato la rubrica letteraria per Il Mucchio Selvaggio. Articoli
suoi appaiono su Vanity Fair e Rockerilla, le recensioni su Audioreview. Conduttore dal 1990 prima su Rai Radio 3 poi sugli altri
canali, fino al 2014 ha condotto su Rai Radio 2 Twilight e dall’aprile
dello scorso anno è in onda su Radio1 Music Club.
John Vignola has been professionally involved in music for over
twenty years. He has founded and run a record label and writes
on the history of rock, as well as editing the literary section of Il
Mucchio Selvaggio magazine. His articles have appeared in Vanity
Fair and Rockerilla and his reviews on Audioreview. Since 1990 he
has been presenting radio programmes on Rai Radio3 and other
channels. Until 2014 he presented Twilight on Rai Radio 2 and
since April he has been on the air with Radio 1 Music Club.
Lazio Creativo / Musica / 157
Mattia Caroli & i Fiori del Male
facebook.com/mattiacarolilesfleursdumal
In 24 ore 20.000 visualizzazioni su Youtube
del loro primo singolo, vincitori
al Paris Art & Movie Awards 2015.
20,000 views on Youtube within 24 hours
of their first single being released and winners
at the Paris Art & Movie Awards 2015
L’albatro di Baudelaire torna in esilio sulla terra, impacciato dalle
sue ali di gigante, nelle suggestioni di un gruppo di giovanissimi musicisti reatini (classe 1988/1992): Mattia Caroli, Alessio
Festuccia, Valerio Brucchietti, Pierluigi Foschi, Nicolò Francesco
Faraglia, Simone Fusiani, Niccolò Jacopo Cavoli. Studiano cinema,
musica jazz, fisioterapia, agraria, ma li unisce una grande passione, la musica, e un denominatore comune: la voglia di fare. Sonorità vintage con rimandi alla psichedelica anni ‘60. Testi ispirati
ai poètes maudits. Arti figurative. Voglia di emergere malgrado la
difficoltà, oggi, di fare arte. Queste le coordinate di una band che,
nel giro di un anno e mezzo, si è imposta sul web con due video
autoprodotti che hanno ottenuto più di 35.000 visualizzazioni.
Hampered by its giant wings, Baudelaire’s albatross returns to its
exile on the Earth in the sounds of a group of musicians all born
in Rieti between 1988 and 1992: Mattia Caroli, Alessio Festuccia, Valerio Brucchietti, Pierluigi Foschi, Nicolò Francesco Faraglia,
Simone Fusiani and Niccolò Jacopo Cavoli. A group of cinema,
jazz, physiotherapy and agriculture students united by one great
passion – music - and a shared spirit of enterprise. Vintage sounds
with hints of ‘60s psychedelia, lyrics inspired by the poètes maudits and the figurative arts and a desire to be heard, despite the
difficulties facing artists today are the distinguishing features of a
band which in a year and a half has used the web to make its way
into the public eye with two self-produced videos viewed more
than 35,000 times.
Per il loro ep di debutto – Every Giro Day – scelgono, non a caso,
un’espressione dello slang inglese che fa riferimento al giorno in
cui viene percepito l’assegno di disoccupazione. Il video del loro
singolo Saturday Morning, con le sue rarefatte atmosfere celtiche
e i paesaggi surreali del lago del Turano, buca. Spopola su Repubblica TV. Conquista migliaia di visualizzazioni su Youtube. Si aggiudica il primo posto fra i quattro finalisti mondiali nella categoria
Best Music Video al Paris Art & Movie Awards 2015. Le canzoni di
Every Giro Day sono in rotazione fissa sul palinsesto Rai Isoradio.
Radiorock, la radio romana di riferimento per gli amanti del rock,
gli dedica un ampio spazio. Non vogliono etichette. Si sentono
europei. Incidono con un giovane talento dell’hip hop austriaco,
N.I.K.O., il singolo Poet on the fly, dove rivivono luoghi della cultura
e dell’arte: la Biblioteca Nazionale di Vienna, la Casanatense di
Roma, il cimitero di Montparnasse a Parigi. Ma tornano sempre
alle radici, come raccontano, nel video, le immagini poetiche dello
zuccherificio dismesso di Rieti.
“Disoccupazione dell’arte e Arte della disoccupazione”: sembrava
uno slogan, è diventato una scommessa vinta.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
Valerio Brucchietti
Mattia Caroli
Nick Faraglia
Alessio Festuccia
Simone Fusiani
For their debut EP Every Giro Day they chose an English expression
referring to the day the unemployed collect their benefit payment
in the UK, and the video for their single Saturday Morning, with
its Celtic atmospheres and surreal images of Lake Turano, made
a real impact. It was on heavy rotation on Repubblica TV and garnered thousands of views on YouTube, winning first place in the
Best Music Video category at the Paris Art & Movie Awards 2015.
The songs on Every Giro Day are constantly among the setlists
of Rai Isoradio, and Radiorock, the Roman radio station which is
a touchstone for lovers of rock, devotes ample space to them.
They refuse to be labelled - they feel European. Together with the
talented young Austrian hip hop artist N.I.K.O. they recorded the
single Poet On The Fly, which evoked cultural and artistic touchpoints like the Vienna National Library, the Casanatense Library
in Rome and Montparnasse cemetery. But they always return to
their roots, as the poetic images of the ex-sugar factory of Rieti
in the video show.
“Artistic unemployment and the art of being unemployed” – it
sounded like a slogan, but it’s a gamble that’s paid off.
Lazio Creativo / Musica / 159
CoreAcore
www.coreacore.it
Band di folk romano,
che rivisita la tradizione popolare
con un gusto rock contemporaneo.
A Roman folk band
with a contemporary rock take
on popular tradition.
“Trovarsi al momento giusto al posto giusto”. La mette così Claudia Delli Ficorelli per raccontare la nascita di CoreAcore, band che
rivisita in chiave rock la tradizione folk romana. Tutto è cominciato
in una serata di commemorazione per Gabriella Ferri. Claudia e i
suoi musicisti decidono di partecipare a patto di poter “reinterpretare” a modo loro uno dei classici della Ferri: Barcarolo Romano.
“Being in the right place at the right time”.That’s how Claudia Delli
Ficorelli describes the birth of CoreAcore, a band that revisits traditional Roman folk through the filter of rock. It all started at an
evening commemorating Roman singer-songwriter Gabriella Ferri.
Claudia and her musicians decided to take part on condition that
they could “re-interpret” in their own way one of Ferri’s classics:
Barcarolo Romano.
È un successo. Inaspettato persino per la band che mai si era
cimentata col folk. Ma gli arrangiamenti originali e la voce roca e
profonda di Claudia, così emozionalmente vicina a quella della Ferri, incantano il pubblico. Da lì, nel 2008, parte l’idea del progetto
CoreAcore – più che una band, una grande famiglia con ospiti di
eccezione: da Franco Califano a Francesco di Giacomo del Banco
del Mutuo Soccorso (purtroppo entrambi da poco scomparsi) a
Vinicio Marchioni. Molti concerti per locali e nelle carceri; cover
di canzoni tradizionali, un lungo lavoro di ricerca sul folk romano
e poi la voglia di scrivere pezzi inediti, fino all’idea di registrare il
primo disco: Lotto ventisette, prodotto da Maurizio Masi del Banco. Il titolo prende il nome dai lotti di Garbatella, dove Claudia ha
vissuto tutta la vita. “Sono popolana, mio malgrado” ammette. Lei
era la prima a storcere il naso rispetto al folk (ha studiato canto
col maestro Rumbo, poi è passata dal rhythm and blues al rock)
ma da quando è nato CoreAcore le si è spalancato un universo
sconosciuto e meraviglioso.
A darle la spinta a continuare è stato anche il pubblico. Dopo una
serata al Contestaccio, locale storico di Roma, le si avvicina una
ragazzina per dirle: “Ho visto che c’era un concerto di canzoni popolari e volevo solo scappare! Poi sono rimasta e non sono nemmeno uscita a fumarmi una sigaretta!”. I riconoscimenti arrivano
anche dalla critica. Al festival Musicultura nel 2014, CoreAcore si
aggiudica il premio per la miglior interpretazione, arriva in finale ed
è la band più votata dalla giuria di qualità.
Christian e Veronica Raimo
Claudia Delli Ficorelli
It was a success. An unexpected one even for the band, who
had never previously ventured into folk territory. But the original
arrangements, and deep, husky voice of Claudia, so close emotionally to that of Ferri, enchanted the public. From there, in 2008,
began the idea of CoreAcore – less of a band, more a large family
with special guests: from Franco Califano and Francesco di Giacomo of Banco del Mutuo Soccorso (both of whom have since,
unfortunately, passed away) to Vinicio Marchioni. Dozens of concerts in clubs and prisons, covers of traditional songs, intense
study of Roman folk, followed by a desire to write new songs
and the idea of recording their first album, Lotto ventisette, produced by Maurizio Masi Banco. The title (Lot-twentyseven) takes
its name from the lots in the Garbatella district, where Claudia has
lived all her life. “I’m a woman of the people, despite myself”, she
admits. She was the first to turn up her nose at folk (she studied
singing with Maestro Rumbo, then moved on from rhythm’n’blues
to rock) but when CoreAcore was born, an unknown and wonderful universe opened up to her.
It was the audiences that convinced her to carry on. After an
evening at the historic Roman club Contestaccio, a young girl
came over and told her, “When I saw it was a folk concert I just
wanted to run away! But I stayed, and I haven’t even been out
for a smoke!” Recognition has come from the critics too – at the
2014 Musicultura festival, CoreAcore won the prize for the best
performance, reaching the finals and receiving the most votes
from the jury of quality.
Lazio Creativo / Musica / 161
Il Muro del Canto
www.ilmurodelcanto.com
Folk rock band romana con vocazione
cantautoriale e popolare. Due album
L’Ammazzasette e Ancora ridi, a breve il terzo.
A Roman folk-rock band with working class
roots and a knack for songwriting whose
third album is about to be released.
Il Muro del Canto è una formazione musicale di sei componenti – Daniele Coccia, Ludovico Lamarra, Alessandro Pieravanti,
Eric Caldironi, Giancarlo Barbati, Alessandro Marinelli –, attiva a
Roma da cinque anni. “Abbiamo tutti un altro lavoro che spesso
non c’entra nulla con la musica – racconta il bassista Lamarra –
ma forse proprio questo è l’elemento di forza del gruppo: chi fa il
metalmeccanico, chi l’impiegato, tutti però precari. Suonare per
noi è un investimento di tempo ed energie, a volte ci pagano una
birra a volte un rimborso minimo. Per questo quello che cantiamo
è un’immaginario che viviamo in prima persona”. L’idea di cantare
in romano viene dalla prima canzone Luce mia scritta dal cantante
Coccia. “Il romanesco non esiste più, ne rimane una calata oramai
accettata da tutti e quindi in questo ci facilita” dice Lamarra “ma
resta ovviamente il carattere irriverente e cinico, compreso l’anticlericalismo tipico del Belli e di Trilussa”.
Muro del Canto is a group with six members – Daniele Coccia,
Ludovico Lamarra, Alessandro Pieravanti, Eric Caldironi, Giancarlo
Barbati and Alessandro Marinelli – which has been playing in the
Rome area for five years. “We all have day jobs that generally have
nothing to do with the music,” says bassist Lamarra, “but perhaps
that’s our strongpoint: one of us is a metalworker, one’s a clerk,
though none of us has got a steady contract. For us, playing is
an investment of our time and energy. Sometimes we get paid in
beer, other times the absolute minimum. That’s why the things we
sing about are things that we live first hand”. The idea of singing in
Roman dialect came with Luce mia, the first song written by singer
Coccia. “The Romanesque dialect doesn’t exist any more, all that’s
left is the accent which everyone recognises, so that helps”, says
Lamarra, “but obviously, it’s still got its irreverent, cynical character, with echoes of the anti-clericalism of Belli and Trilussa”.
La band ha una forte connotazione cantautoriale, popolare e narrativa. Nel primo album L’Ammazzasette (2012) l’immaginario è
quello di Gabriella Ferri: canti popolari, storie d’amore e di coltello,
gelosia e amori faticosi, insomma la tradizione romana per l’amore meldetto. In Ancora ridi (2013) c’è un suono più ruvido e una
tematica più sociale. Si cantano e raccontano gli ultimi, i precari
e l’ostinazione ad andare avanti sempre e comunque. Importante per la band la dimensione live per il legame particolare con il
pubblico: “vogliamo abbattere il muro tra il palco e il pubblico, per
questo facciamo molte date anche se è difficile trovare spazi”.
The band takes a songwriterly, folky, narrative approach. The imagery on their first album, L’Ammazzasette (2012) harks back to
Gabriella Ferri: folk songs, stories of love and knives, jealousy and
difficult romances – in short, the Roman tradition of doomed love,
while on Ancora ridi (2013) the sound is rougher and the issues
more political. They sing about the poor, the disadvantaged, and
the stubborn desire to plough ahead anyway. Thanks to their special relationship with the public, playing live is important for the
band. “We want to tear down the wall between the stage and
the audience. That’s why we play so often, despite the difficulty
of finding places”.
Il Muro del Canto ha partecipato alla prima raccolta della canzone romana del nuovo millennio, Mamma Roma addio con Remo
Remotti e Ardecore. Con gli Assalti Frontali è nata la collaborazione per il singolo Il lago che combatte, iniziativa a sostegno dei
comitati di zona per il lago dell’ex Snia sulla Prenestina, nato da
un abuso edilizio. A breve il Muro del Canto entra in studio per
incidere il terzo album.
Stefano Ciavatta
Giancarlo Bonanni Barbati
Daniele Coccia
Eric Caldironi
Ludovico Lamarra
Alessandro Marinelli
Alessandro Pieravanti
Muro del Canto took part in the 21st century’s first compilation
of Roman song, Mamma Roma addio, which also featured Remo
Remotti and Ardecore, and together with Assalti Frontali, they
produced the collaboration Il lago che combatte, an initiative in
support of local committees for the lake in the grounds of the
former SNIA factory on the Via Prenestina which was created by a
violation of building law. Muro del Canto will soon be in the studio
to record their third album.
Lazio Creativo / Musica / 163
Massimo Moscatelli
www.youtube.com/user/GiardinOnirico
Batterista e arrangiatore, è uno
dei componenti della band di rock progressivo
Il Giardino Onirico.
A drummer and arranger who is one
of the members of the progressive rock band
Il Giardino Onirico.
“Attendi per un istante solamente (un solo istante e capirai). Attendi per scoprire l’ineffabile”: sono le ultime parole dell’incipit
di Perigeo, il primo album della band progressive rock Il Giardino
Onirico. Parole di sospensione, che annunciano l’ingresso in un
universo musicale e sensoriale che ricorda la migliore tradizione
del progressive italiano, a partire dagli Stati di immaginazione
dei PFM. Subito dopo irrompono le percussioni di Massimo Moscatelli, il batterista della band, il cui ritmo martellante e serrato
trasporta dentro un sound in cui il metal si fonde con atmosfere
psichedeliche e liricheggianti. È un rock che progredisce, appunto,
verso una musica più colta e raffinata; e Moscatelli riesce a darne
la cadenza senza esitazioni, accompagnato a intervalli dalla voce
di Marco Marini e dall’orchestrazione strumentale degli altri suoi
compagni: le chitarre di Stefano Avigliana, le tastiere di Emanuele
Telli, il basso di Ettore Mazzarini, gli effetti di Dariush Hakim.
“Wait just one instant (a single instant and you’ll understand).
Wait, and discover the ineffable”. These are the final words of the
intro to Perigeo, the first album by progressive rock band Il Giardino Onirico. Words that give pause, and announce entrance into a
musical and sensory universe reminiscent of the best tradition of
Italian prog, in particular PFM’s Stati di immaginazione, until the
state of suspension is broken immediately afterwards by Massimo Moscatelli’s drums, whose tight, pounding rhythms usher in a
sound which fuses metal with a more lyrical, psychedelic atmosphere. It’s rock that, obviously, progresses towards a more cultured and refined music, and Moscatelli manages to provide the
cadence without hesitation, accompanied by the voice of Marco Marini and the orchestral instrumentation of his companions
Stefano Avigliana on guitar, Emanuele Telli on keyboards, Ettore
Mazzarini and Dariush Hakim’s effects.
Del resto quella di Moscatelli non è semplicemente una passione,
ma una vocazione, cominciata suonando nella banda musicale di
Nepi, il suo paese natale, e ottenendo fin da ragazzo il ruolo di
capo tamburino della Contrada di San Biagio. Da lì è iniziato un
percorso di formazione accanto a Daniele Iacono, batterista di
Jovanotti e tanti altri, e un lungo viaggio di musica dal vivo con
varie band, che gli ha consentito di spaziare dal pop al rock al jazz.
For Moscatelli this is not simply a passion: it’s a vocation, which
began when he joined the town band in his hometown of Nepi,
and became chief drummer for the Contrada San Biagio quarter.
From there, he began studying with Daniele Iacono, drummer
for Jovanotti among many others, and undertook a long journey
through live music with various bands which allowed him to play
everything from pop and rock to jazz.
Oggi la ricerca di Moscatelli va di pari passo con quella del Giardino Onirico e sperimenta direzioni sonore che lasciano in uno stato
di continua attesa emozionale. L’impressione è quella di stare di
fronte a una musica multisensoriale, come si riscontra anche nel
secondo album, Complesso K MMXIII, prodotta da Lizard. Una
musica che non sollecita solamente l’udito, ma anche l’olfatto, il
tatto, la vista, pretendendo così di far sorridere, piangere, arrabbiare, ballare. In sola una parola: sognare, come qualsiasi musica
davvero visionaria.
Today, Moscatelli’s progression moves forward hand in hand with
that of Il Giardino Onirico, where he experiments with sonic approaches which leave the listener in a state of continuous emotional
expectation. The impression is that of multi-sensory music, like their
second album, Complesso K MMXIII, produced by Lizard. Music that
calls into play not only your ears but also your sense of smell, touch
and sight, forcing you to smile, cry, get angry and dance. In a single
word: dream, the way any truly visionary music does.
Giorgio Nisini
Lazio Creativo / Musica / 165
Orchestra Bottoni
www.orchestrabottoni.it
Attivo dal 1994 è considerato uno
dei gruppi più interessanti nel panorama
della world-music italiana.
Active since 1994 and considered one
of the most interesting groups
in the Italian world-music panorama.
L’Orchestra Bottoni è un arcipelago musicale che vive di continui
spostamenti e contaminazioni. Il loro primo album – autoprodotto
nel 2014 – si intitola semplicemente Live, con una tracklist che
raccoglie brani della tradizione popolare e della composizione
d’autore rivisitati attraverso un uso corale di otto organetti, tra cui
un organetto solista e un bassoon. A fare da sfondo una sezione
ritmica formata da basso, contrabbasso e batteria percussiva su
cui si inseriscono i passaggi vocali di Antonella Costanzo, fondatrice e frontwoman del gruppo. Chi ascolta la loro musica è costretto
a fare i conti con una forza melodica che viene da lontano, dove
le componenti popolari, etniche e folk convergono verso un paesaggio acustico di grande freschezza e modernità. Basti pensare a
due brani diversissimi come la Tarantella del Gargano o Nesci Maria, entrambi contenuti in Live, per rendersi conto della capacità di
questi musicisti di trasportare l’eco di un passato profondissimo
nelle pieghe più vitali o introspettive del presente.
The Orchestra Bottoni is a musical archipelago that thrives on constant movement and cross-fertilisation. Their first album – self-released in 2014 – is titled simply Live, with a tracklist which brings
together traditional folk songs and singer-songwriter material,
reinterpreted through the choral use of eight accordions, including
an accordion soloist and a bass accordion. In the background is
a rhythm section made up of bass, drums and percussion, over
which weave the vocals of Antonella Costanzo, the group’s founder and frontwoman. Listeners of their music are confronted with a
melodic power which comes from afar, and in which proletarian,
ethnic and folk elements converge towards a soundscape of great
freshness and modernity. One need only think of two songs as
diverse as the Tarantella del Gargano or Nesci Maria, both on Live,
to see the ability of these musicians to bring the echoes of a past
life into the deepest, most introspective folds of the present.
La loro data d’esordio non deve comunque ingannare: dietro l’Orchestra Bottoni c’è un gioco di trasformazione che ha portato l’originaria Piccola Orchestra La Viola, nata a metà degli anni ‘90 e
con diversi album all’attivo, a reinventarsi con un nuovo nome e
un nuovo progetto. Una metamorfosi che fa parte della dimensione itinerante di questo ensemble, che in passato ha lavorato con
artisti come Branduardi, Battiato, Barba, Di Buduo e che tuttora
continua a vivere di collaborazioni e interscambi, come si addice
alla migliore tradizione della world music italiana.
Un complesso che fa sentire il sapore di un universo in perenne
movimento, gli odori mediterranei e le atmosfere di festa di qualche torrida serata estiva, gli sguardi veloci tra uomini e donne di
paesi che non esistono più. Una musica dove tutto è possibile: la
convivenza, la gioia, la malinconia, il divertimento, lo splendore
della cultura del sud, la voglia incontrollabile di ballare.
Giorgio Nisini
photo:
Roberta Gioberti
Antonella Costanzo
Alessandro D’Alessandro
Elisa Di Bello
Giuseppe Di Bello
Silvia di Bello
Raffaele Di Fenza
Gianfranco Onairda
Matteo Mattoni
Mario Mazzenga
Giacomo Nardone
Francesca Villani
Don’t be fooled by the date of their debut release, though: behind the Orchestra Bottoni is a transformation that led the original
Piccola Orchestra La Viola, formed in the mid-nineties and with
several albums to its name, to reinvent itself with a new name and
a new goal. A metamorphosis which is part of the itinerant nature
of the ensemble, who have previously worked with artists such
as Branduardi, Battiato, Barba and Di Buduo, and who continue
to lend themselves to exchanges and collaborations, as befits the
best tradition of Italian world music.
A group that offers the listener the flavour of a universe in perpetual motion – Mediterranean aromas, the celebratory atmosphere of
some hot summer evening, the furtive glances of men and women
from countries which no longer exist. A music where everything
is possible: co-existence, joy, melancholy, pleasure, the splendour
of the culture of the south, and the uncontrollable urge to dance.
Lazio Creativo / Musica / 167
Daniele Scarsella
myspace.com/danielescarsella
Cantautore. Finalista al Premio Ciampi
del 1998. Nel 2016 uscirà Verde Assenzio
e la sua prima raccolta 1996-2015.
Songwriter and Premio Ciampi finalist who,
in 2016, will release Verde Assenzio
and his first compilation 1996-2015.
“Ci sono ombre sulla vita / da ridipingere di bianco…”, “perché
morire non è finire / ma è solamente approdare / in una riva ambrata / da dove ripartire”. Cose da perdonare è una preghiera jazz, un
po’ blues. L’augurio di riuscire a mettere una pietra sopra gli incontri sbagliati, le disavventure della vita. L’augurio di poter ricominciare. E così, a cinque anni da Con l’olio nell’acqua, Daniele Scarsella,
cantautore raffinato e poetico, si prepara a tornare con un nuovo
album. Lo racconta con voce sussurrata, malinconica e profonda
come in quei Fumi delle maghe dove “è l’amore che nell’amare non
so rubare”; come in Dolcemente rapito, dove l’animo ritorna sempre alle esperienze che non si sono chiuse, le rivive inafferrabili,
piene di mancanze, costretto a ripetersi ancora e ancora.
“There are shadows on life / to paint over with white...”, “because
death is not ending / it’s simply landing / on an amber shore / from
whence to start again”. Cose da Perdonare is a bluesy jazz prayer.
The hope of being able to turn the page on those unfortunate encounters, the misadventures of life. The hope of being able to start
again. And so, five years after Con l’Olio nell’Acqua, refined, poetic
singer-songwriter Daniele Scarsella is preparing to return to the
scene with a new album. He tells me this in a low voice, as melancholy and profound as that in Fumi delle Maghe where “it’s love
that, in loving, I don’t know how to steal”. And like in Dolcemente
rapito, where the soul always returns to those experiences that
haven’t been concluded, the elusive lives full of holes, forced to
repeat themselves again and again.
L’olio nell’acqua, un rituale scaramantico del sud, ben si accoppiava con l’autore in posa da spaventapasseri sulla copertina.
Un’alchimia studiata per difendere il proprio raccolto, la propria
idea di musica: la navigazione nei sentimenti, la prospettiva da
cui guardarli, i colori con i quali sembrano mostrarsi. “Mi affido
cordialmente all’eleganza gialla”, l’eleganza solare, diceva una
canzone nel 2004.
The southern superstition of putting oil in water for luck suited the
cover shot of the singer posing like a scarecrow. An alchemy designed to protect his own harvest and his own idea of music: navigating among feelings, the perspectives from which to observe
them, the colours they seem to show. “I cordially entrust myself
to yellow elegance,” as he sings in a track from 2004.
A cinque anni di distanza l’olio nell’acqua ha funzionato. Nel 2016
Scarsella tornerà con una raccolta di vent’anni di musica e un
nuovo album Verde Assenzio, dedicato all’istinto, la parte animale
che le persone non ascoltano più, quella che serve per amare, per
ritrovare lo slancio vitale. Sarà rock, un omaggio agli anni Settanta. Sarà un collage di visioni, di uomini che si sciupano (“l’amore
non è mai abbastanza se ci si muore dentro”), di albe dove si
ritorna malinconicamente in equilibrio col mondo. Soprattutto sarà
“musica per la musica”, pensata non come esibizione, ma come
necessità, ode e omaggio alla musica stessa. D’altronde così cantava già nel 2010: “Perché muoio per te/ che mi vieni a trovare di
notte/ … / nel bagliore dell’alba in silenzio/ tu mi doni l’inchiostro”.
Five years after l’olio nell’acqua did its job, Scarsella is about to
return in 2016 with a collection of twenty years of music and a
new album, Verde Assenzio, dedicated to instinct, the animal part
of ourselves to which we no longer listen, the part that you need if
you want to love, to regain vital momentum. It will be rock, in homage to the seventies. A collage of visions, of men who squander
themselves (“love is never enough if you’re dying inside”), of dawns
where one wistfully regains one’s balance with the world. Above
all it will be “music for music”, designed not as a show but as a
necessity, an ode and a homage to music itself. And in fact, in 2010
he was already singing, “Why do I die for you / who comes to find
me at night / ... / in the glow of dawn in silence / you give me ink”.
Gaia Manzini
Lazio Creativo / Musica / 169
Sonic Jesus
www.sonicjesus.com
Marco Baldassari e Tiziano Veronese sono
anime di una band nata a Doganella di Ninfa
e arrivata ai festival internazionali.
An internationally successful band formed
in Doganella di Ninfa in 2012
by Marco Baldassari and Tiziano Veronese.
Fattorizzando il rock psichedelico dei Sonic Jesus troviamo la voce
profonda di Tiziano che si incastona in mezzo alla musica che
compone, scivolando sui testi scritti da Marco, esplorazioni delle
loro esperienze di vita; abbiamo Cisterna, le magnolie decidue, i
vestiti neri e i pulcini in sala prove; abbiamo Marco che lavora in
fabbrica per 12 anni, fa il bagno nella diga dietro il giardino di Ninfa
e scrive poesie e racconti, mentre Tiziano suona per 13 anni la
batteria, prima di passare alla chitarra che ha dato il via a questo
progetto. “Noi è qui che viviamo, è questo il posto in cui riusciamo
a ricercare noi stessi nelle parole e nella musica. Pensiamo che
Cisterna abbia creato il vuoto che ci era necessario per diventare
quelli che siamo”.
Inside Sonic Jesus’s psychedelic rock is the deep voice of Tiziano,
swathed in the music he writes and winding its way around the
lyrics written by Marco which explore their experiences of life;
Cisterna, deciduous magnolias, black clothes and baby chickens in
the practice room, Marco working in a factory for 12 years, going
swimming in the reservoir behind the garden of Ninfa and writing
poems and stories, and Tiziano playing the drums for 13 years
before moving to the guitar that breathed life into this project.
“This is where we live, this is the place where we’re able to try
and find ourselves in words and music. We think Cisterna created
the vacuum we needed to become who we are”.
Prima del loro LP Neither Virtue Nor Anger uscito quest’anno e
presentato in tutta Europa durante un tour di 33 date in 38 giorni; prima della partecipazione ai due volumi della compilation The
Reverb Conspiracy e dello split-single con i texani Black Angels;
prima del loro EP d’esordio sold out in pochissimo tempo che gli
ha permesso di entrare nel roster dell’etichetta londinese Fuzz Records; prima della nascita dei Sonic Jesus – che Shinding Magazine ha definito “uno dei migliori segreti psichedelici” – Tiziano e
Marco erano soltanto due amici. Non è stata immediata la scelta
di unirsi, è successo per incastro, perché la vita, l’immaginario e il
loro background artistico confluivano nelle stesse acque espressive; e la dimostrazione di quanto fosse sensato questo incastro è
nel logo dei Sonic Jesus, che esisteva da decenni prima di loro, in
un quadro del padre di Tiziano, il pittore Patrizio Veronese.
La formazione che li vede in tour in tutto il mondo, a dividere i
palchi con grandi artisti e a presenziare in importanti festival, oltre
a Tiziano (cantante e polistrumentista) e Marco (anch’esso polistrumentista), include Simone Russo alla batteria, Milo Scaglioni
al basso e Corrado Maria De Santis alla chitarra.
Elisa Casseri
Marco Baldassari
Simone Russo
Tiziano Veronese
Before their Neither Virtue Nor Anger LP, which was released this
year and presented across Europe on a 33-dates-in-38-days tour,
before taking part in the two-volume compilation The Reverb
Conspiracy and the split-single with Texas’s Black Angels, before
their debut EP sold out overnight and got them onto the roster of
London’s Fuzz Records and before the birth of Sonic Jesus – who
Shindig Magazine have called “one of Psych’s best-kept secrets”
– Tiziano and Marco were just two friends. Their decision to form
a group didn’t happen overnight but, because life, imagination and
their artistic backgrounds flowed through the same expressive
waters, it occurred by chance, and the proof of how right the fit
between them was can be seen in Sonic Jesus’s logo, which had
existed for decades before the band itself in a painting by Tiziano’s
father, the painter Patrizio Veronese.
In addition to Tiziano (singer and multi-instrumentalist) and Marco (another multi-instrumentalist), the band which accompanies
them as they tour the world, sharing the stage with famous
names and appearing at well-known festivals, includes Simone
Russo on drums, Milo Scaglioni on bass and Corrado Maria De
Santis on guitar.
Lazio Creativo / Musica / 171
Squartet
www.squartet.it
Gruppo musicale strumentale, nato dalla
fusione di due band romane di noise-jazz
apprezzato a livello internazionale.
An instrumental group created from
the fusion of two Roman jazz-noise bands
with an international reputation.
C’è chi ascolta la radio sovrappensiero e chi si fa venire l’ispirazione per fondare un gruppo.
Some people are capable of finding the inspiration to start a band
as, lost in their thoughts, they half-listen to the radio.
È successo così per gli Squartet. Un giorno Fabiano Marcucci
(bassista) resta colpito da un pezzo alla radio. “Senti questo!”
dice subito a Marco Gasbarro (batterista) che suona con lui nei
Demodé. Si tratta di un pezzo dei Neo: Manlio Maresca alla chitarra. Marco e Fabiano, insieme a Manlio, danno vita agli Squartet, a cui si aggiunge Francesco Fazzi come tecnico del suono.
Dopo un mese riescono già a portare in giro un repertorio originale
di rock “strampalato”, tra Captain Beefheart, la scena No-wave
newyorkese e un’estetica da spaghetti western. Il nome del gruppo ha un’origine altrettanto eclettica: la passione per i suoni aspri
e secchi, un omaggio alla farmacia Squarti di fronte alla prima sala
prove, e ovviamente un’allusione all’idea di “squarcio”, uno reale
(la cicatrice di uno dei componenti) e uno più generazionale: la lacerazione giovanile. Si formano individualmente sia al conservatorio sia da autodidatti, ma soprattutto grazie ai musicisti incontrati
in tour “ai quali rubano tutto”.
That’s what happened to Squartet. One day Fabiano Marcucci
(bassist) was struck by a song on the radio. “Listen to this!” he
said to Marco Gasbarro (drummer), who played with him in Demodé. It was a track by Neo, with Manlio Maresca on guitar. With
the addition of Francesco Fazzi as sound engineer, Marco and Fabiano, along with Manlio, started Squartet. After a month, they’d
already put together a repertoire of original “weird” rock material,
somewhere between Captain Beefheart, the New York No-Wave
scene and a Spaghetti Western aesthetic. The group’s name has
an equally eclectic origin: a passion for dry, arid sounds, a tribute
to Squarti, the pharmacist’s which was opposite their first practice room, and, obviously, an allusion to the idea of a “squarcio”,
or gash, both real (the scar of one of the group’s members) and
generational: youthful laceration. They studied by themselves and
at the conservatory, but mainly learned from the musicians they
met on tour, from whom they “steal everything”.
Crescere professionalmente significa vedere da vicino come lavora un musicista bravo. Nei primi cinque anni di carriera, nonostante Manlio sia originario di Terracina, Fabiano romanissimo e Marco
a cavallo tra Casilina e Castelli Romani, suonano soprattutto all’estero e sono molto legati all’organizzazione londinese Match&Fuse, in grado di creare un buon networking tra festival musicali europei; mentre ora sono abbastanza stanziali a Roma. Hanno preso
parte anche ad altri progetti come Fingerprints (The Snakefinger
Tribute Orchestra) e Ardecore. Il loro primo album, Squartet (2005)
ottiene una nomination al premio Fuori dal Mucchio (patrocinato
dal MEI). Rispetto alla scena musicale italiana contemporanea
hanno qualche riserva: “è come se ci fossero meno cani sciolti,
e più ansia di appartenere a una comunità ben definita, dove la
propria musica sia sempre apprezzata”.
Developing professionally means seeing first-hand how a good
musician works. Although Manlio originates from Terracina and
Fabiano and Marco are profoundly Roman, coming from the Casilina and the Roman Castles, for the first five years of their career
they played mainly abroad, and were closely involved with the
London organisation Match&Fuse, managing to build up good
contacts with European music festivals. Now, however, they are
pretty much settled in Rome. They have also taken part in other
projects, like Fingerprints (The Snakefinger Tribute Orchestra) and
Ardecore. Their first album, Squartet (2005) was nominated for
the Fuori dal Mucchio prize (sponsored by the MEI). As regards
the Italian contemporary music scene, they have some reservations: “It’s as though there are fewer mavericks and more of a
need to belong to a well-defined community, where your music is
always appreciated”.
Christian e Veronica Raimo
Marco Di Gasbarro
Fabiano Marcucci
Manlio Maresca
Lazio Creativo / Musica / 173
Adriano Viterbini
www.adrianoviterbini.it
Virtuoso del rock blues. Voce e chitarra
dei Bud Spencer Blues Explosion.
In arrivo il disco solista Film O Sound.
Blues rock virtuoso. Singer and guitarist
of the Bud Spencer Blues Explosion,
with a forthcoming solo album, Film O Sound.
Adriano Viterbini è una delle personalità più talentuose della scena musicale italiana. La matrice del suo sound è il rock blues, la
chitarra è il suo strumento prediletto: “suoni le corde e ti danno
subito il risultato invece il pianoforte è più sofisticato, il suono non
è immediato ma filtrato da più passaggi”. Viterbini ha all’attivo
tre album e un disco live con i Bud Spencer Blues Explosion, duo
chitarra e batteria messo in piedi nel 2007 con Cesare Petulicchio,
gruppo che al blues ha mescolato spesso cavalcate elettriche:
“Con i Bud Spencer Blues Explosion volevo fare un gruppo solo
live, con un’attitudine grezza, vera, che è poi rimasta come marchio di fabbrica per il resto della mia produzione musicale. Mi piace
l’idea di dare alla gente un’ora e mezza di concerto a occhi chiusi.
Per questo con i Bud Spencer siamo sempre in tour dal 2007”. Viterbini ha pubblicato anche un disco solista Godfoil (2013) intimo
ed evocativo, e un altro è in arrivo, di nuovo strumentale, intitolato
Film O Sound e che uscirà anche in Europa e negli Usa.
Adriano Viterbini is one of the most talented characters on the
Italian music scene. His sound is based in rock blues, and his instrument of choice is the guitar. “You hit the strings and you hear
the result straightaway, whereas the piano is more sophisticated
- the sound isn’t immediate, it’s filtered through multiple steps”.
Viterbini has recorded three albums and a live LP with the Bud
Spencer Blues Explosion, the guitar and drum duo he started in
2007 with Cesare Petulicchio which has often mixed the blues
with electric rhythms. “With the Bud Spencer Blues Explosion I
wanted to have a group that just played live, with a real raw attitude, and that ended up being the trademark of all the other music
I did too. I like the idea of just being able to crank out an hour and
a half concert for the crowd. That’s why Bud Spencer has been on
tour all the time since 2007”. In 2013, Viterbini also released an
intimist, evocative solo album, Godfoil, and another, again instrumental, titled Film O Sound is on the way and will also be released
in Europe and the US.
Viterbini vive di musica da sempre. Da ragazzino le lezioni di pianoforte, poi la folgorazione con la chitarra di Cobain dei Nirvana e poi
la definitiva seduzione per Ry Cooder, la musica e le suggestioni
del Delta del Mississipi, il sound dei primordi del blues. Adriano
Viterbini deve molto alla scuola blues romana, il compianto Roberto Ciotti e Alex Britti in prima fila, oggi le sue preferenze vanno al
blues dei viandanti del deserto del Mali.
Viterbini ha lavorato molto come fonico poi come turnista con
Raf, Marina Rey e altri artisti pop italiani – le ultime collaborazioni
sono con il trio Fabi Gazzè Silvestri e il musicista tuareg Bombino.
Da musicista e cultore di sonorità e chitarre predilige l’esibizione
live, come dimostrano i tantissimi concerti con i Bud Spencer, le
date da solista e quelle con gli altri progetti paralleli come i Black
Friday, un omaggio ai classici senza tempo del blues realizzato
insieme a Luca Sapio.
Stefano Ciavatta
Music has been Viterbini’s world all his life. Piano lessons as a
kid, followed by the shock of hearing Kurt Cobain’s guitar and,
finally, the seduction of Ry Cooder, the music and the mood of the
Mississippi Delta, and the primordial sounds of the blues. He also
owes much to the Roman school of blues, Alex Britti and the late
Roberto Ciotti above all, and today his tastes run to the blues of
the nomads of the Mali desert.
Viterbini has often worked as a sound engineer as well as playing
as a session musician with Raf, Marina Rey and other Italian pop
artists, his most recent work being with the Fabi Gazzè Silvestri
trio and the Tuareg musician Bombino. But as a musician and lover
of sound and guitars, he prefers playing live, as evidenced by his
many concerts with the BSBE, his solo dates and those with other
side projects like Black Friday, a tribute to the timeless classics of
the blues with Luca Sapio.
Lazio Creativo / Musica / 175
WrongONyou
www.facebook.com/wrongonyou
Tre singoli per cambiare direzione musicale,
50 date in tour. Marco Zitelli e l’indie folk
che sogna il Wisconsin.
Three singles and 50 tour dates to change
musical direction: Marco Zitelli creates
indie folk that dreams of Wisconsin.
“Andrei volentieri a vivere in Wisconsin” racconta Marco Zitelli da
Grottaferrata. La fonte d’ispirazione del ventiquattrenne musicista
dei Castelli Romani non ha niente che vedere con la macchia mediterranea o l’agro romano, meglio il freddo nordamericano, boschi
e paesaggi. Un motivo c’è: dopo aver militato in una cover band
dei Red Hot Chili Peppers e in gruppi metal al liceo, Zitelli ha deciso
di cambiare decisamente registro e di investire su se stesso. Con
il progetto solista WrongONyou è approdato a sonorità indie folk e
ha iniziato a incidere: al momento ha all’attivo tre singoli, Friends,
Killer e Rodeo, il primo più elettronico, l’ultimo più vicino all’idea di
sonorità che ha in mente Zitelli.
“I’d happily go and live in Wisconsin”, says Marco Zitelli from Grottaferrata. The chosen source of inspiration for this twenty-four-yearold musician from the Roman Castles has nothing to do with the
Mediterranean or the local countryside – he prefers the landscapes
and forests of North America. There is a reason: after playing in a
Red Hot Chili Peppers cover band and metal groups in high school,
Zitelli decided to change style definitively and start investing in himself, and with the solo project WrongONyou, he moved into indie
folk territory and started recording. He currently has three singles
to his name, Friends, Killer and Rodeo, the first more electronic and
the latest closer to the sounds that Zitelli has in mind.
WrongONyou è nato spontaneamente confessa Zitelli: “Di punto
in bianco ho provato a incidere da solo in cameretta e un anno e
mezzo fa ho iniziato a cantarci. Ho cercato di trovare un suono
definito, che unisca l’ambient e il folk. Ho seguito delle sonorità
che non sono italiane ma che vengono dal panorama indie internazionale: Bon Iver, Fleet Foxes, ma anche Elliot Smith e Nick Drake”.
WrongONyou sprang into life spontaneously, confesses Zitelli. “I
just started recording in my bedroom, and then eighteen months
ago I started singing. I tried to find a specific sound which combined ambient and folk. The sounds I was aiming at don’t come
from Italy but from the international indie scene: Bon Iver and Fleet
Foxes, as well as Elliot Smith and Nick Drake”.
Oltre a essere la voce di WrongONyou Zitelli suona la chitarra, il
basso, la batteria, il pianoforte e il dulcimer, strumento a corde
dell’America country. Per questo suo progetto musicale ha lasciato l’università e ha iniziato a fare le serate in giro per l’Italia,
cinquanta soltanto nell’estate appena passata, e con le tante date
cerca di mantenersi. Ha fatto il turnista in Georgia e in Carolina
nel tour della formazione degli Space Bugs. Anche senza EP ha
già in mano una scaletta di 15 pezzi. “Chitarra e voce posso durare da solo anche un’ora e mezza”. Sul palco lo accompagnano
Francesco Aprili ed Emanuele Triglia. Ha suonato anche al festival
Roma Brucia. L’ambizione di Zitelli sono le colonne sonore, per
ora si esercita componendo sopra i film di Wes Anderson, e dei
progetti con Riccardo Sinigallia e Roberto Angelini, “artisti con cui
mi piacerebbe collaborare”.
In addition to being the voice of WrongONyou, Zitelli plays guitar,
bass, drums, piano and dulcimer, a stringed instrument beloved
of America country musicians. To dedicate himself to his project,
he dropped out of university and started playing shows all over
Italy – fifty last summer alone – with the aim of supporting himself
with the proceeds, and he has also toured as a session musician
in Georgia and Carolina with the Space Bugs. Even without his
Eps, he already has a setlist of 15 songs. “With just guitar and
voice I can play for up to an hour and a half”. On stage, he is accompanied by Francesco Aprili and Emanuele Triglia. He has also
played at the Roma Brucia festival. Zitelli’s ambition is to write
soundtracks (for which he practices by writing new ones for Wes
Anderson films) and to do something with Riccardo Sinigallia and
Roberto Angelini, “artists I’d like to work with”.
Stefano Ciavatta
Marco Zitelli
IO/
CINEMA E AUDIOVISIVO
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 179
Un’immagine giovane
A Youthful Image
Il Lazio, con Roma al centro, dovrebbe essere la regione del cinema e dell’audiovisivo per eccellenza. È davvero così? Gli sforzi in
questo senso, lo posso testimoniare, sono molti sia sul piano pubblico che quello privato, manca forse la coesione, difettano rete
e connessione e le centinaia di player operanti sul territorio non
sempre sanno parlare e dialogare tra loro. Per aiutare soprattutto
chi si affaccia a questo universo, noi qui cerchiamo di fornire una
mappa del fermento in atto.
With Rome at its centre, Lazio should be the preeminent region for
film and audiovisual excellence. But is that actually the case? I can
myself testify to the many public and private attempts to make it
so, but there is a persistent lack of cohesion and the various networks and professionals operating in the field do not always know
how to communicate with one another. In order to help those,
in particular, who are new to this world, we have tried herein to
provide a map of the region’s creative ferment.
Scegliere non è stato semplice, nelle pagine che seguono si comincia dai risultati di Progetto Zero, finanziato dalla Regione Lazio
e destinato alla produzione di serie tv, corti e webseries: undici lavori finalisti sono stati presentati quest’anno alla nona edizione del
FictionFest, noi qui vi parliamo di alcuni, già prodotti. La diversità
dei formati è in effetti l’unico fil rouge che unisce tutti i protagonisti e gli eventi di cui parliamo: dalla produzione di cortometraggi
sollecitata dal Dieciminuti Film Festival al lavoro di Elisa Amoruso,
regista e sceneggiatrice, che con il docufilm Fuoristrada, presentato al Festival di Roma 2013, scardina davvero le convenzioni
gender, fino al corto impegnato Gemma di Maggio che indaga
sullo strupro e la reticenza. Fra le tante rassegne abbiamo voluto segnalare Karawan, il Festival del cinema itinerante, sui temi
dell’integrazione e dell’immigrazione, di cui gli stessi organizzatori
scrivono: “siamo senza padroni, padrini, amici o compagni di merende. E quindi ci finanziamo attraverso il crowdfunding”. Quasi
uno slogan per la nostra mappa del mondo audiovisivo laziale, in
cui abbiamo incluso anche la Rete degli Spettatori, la distribuzione
alternativa, fatta porta a porta, del cinema che resta “invisibile”.
Making the choices was not easy, so for the following pages we
began by looking at the results of the Lazio Region-funded Progetto Zero for the production of TV series, short films and webseries.
Eleven finalists’ projects were submitted this year for the ninth
edition of FictionFest, and we also speak about some of these
which have already been produced. In fact, diversity of format is
the only common denominator uniting the people and events we
have selected: from the production of short films for the Dieciminuti Film Festival through the work of director and screenwriter
Elisa Amoruso, who, with the documentary Fuoristrada, which
premiered at the Rome Film Festival in 2013, deconstructs the
conventions of gender, up to the challenging short film Gemma
di Maggio which attempts to tackle the issues of rape and silence. Among the many festivals, we decided to highlight Karawan, the travelling cinema festival which deals with issues of
integration and immigration, whose organisers say, “we have no
bosses, godfathers, friends or fellow travellers. So we pay our
own way through crowdfunding.” Practically the slogan for our
map of audiovisual Lazio, in which we have also included the Rete
degli Spettatori, an alternative door-to-door distribution network
for films that remain “invisible”.
Non solo giovanissimi incursori, comunque, visto che abbiamo
dedicato il giusto spazio anche a una produzione più affermata, la
Ascent Film di Matteo Rovere che con le web series e la scoperta
di The Pills si conquista un posto tra gli innovatori.
There are not just young newcomers, though, as we have also
dedicated space to a more established production house, Matteo
Rovere’s Ascent Film, which, with the webseries revelation The
Pills, won a deserved place among these innovators.
Piera Detassis
Piera Detassis, trentina, laureata in Storia e critica del cinema. Si
è specializzata a Parigi, ha insegnato nelle università di Padova e
Verona. Nel 1988 è entrata a Ciak, di cui è direttore dal 1997. Ha
pubblicato saggi e volumi. Dirige il festival di Tavolara e partecipa
alla nascita della Festa del Cinema di Roma, evento che ha diretto
dal 2008 al 2011. Oggi è Presidente della Fondazione Cinema per
Roma e ha coordinato la nona edizione del Roma Fiction Fest.
Piera Detassis, was born in Trento. After graduating in film history
and criticism and post-graduate work in Paris, she taught at the
universities of Padua and Verona. In 1988 she joined Ciak magazine, and has been its editor since 1997. As well as publishing
essays and books, she directs the Tavolara festival and helped create the Rome Film Festival, of which she was director from 2008
to 2011. Today she is President of the Fondazione Cinema per
Roma and director of the ninth edition of the Roma Fiction Fest.
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 181
Elisa Amoruso
www.facebook.com/scrittriceelisaamoruso/?ref=hl
Elisa Amoruso ha vinto con il documentario
Fuoristrada la sezione Prospettive Doc Italia
del Festival del Cinema di Roma.
Elisa Amoruso won the Prospettive Doc
Italia section of the Rome Film Festival
with the documentary Fuoristrada.
Il passaggio dalla scrittura cinematografica alla regia passa sempre attraverso una folgorazione: l’uso delle immagini. Nel caso di
Elisa Amoruso, sceneggiatrice diventata regista, è stata la fotografia la tappa intermedia per arrivare dietro alla macchina da presa.
La sensibilità del suo sguardo è forse un’eredità paterna: vendeva
macchine fotografiche. Elisa ha studiato all’università la Sapienza a
Roma, dove poi ha frequentato il Centro Sperimentale di Cinematografia. Good Morning Aman di Claudio Noce, il primo film a cui
ha lavorato come sceneggiatrice, è stato selezionato al festival di
Venezia. Ha collaborato poi al soggetto del film Passione sinistra,
con regia di Marco Ponti, e ha scritto il soggetto e la sceneggiatura
di La foresta di ghiaccio. Il 2014 è l’anno di Cloro: opera prima di
Lamberto Sanfelice, di cui firma la sceneggiatura, in concorso al
Sundance Film Festival e selezionato al festival di Berlino.
The transition from screenwriting to directing always occurs
through a revelation: the use of images. In the case of Elisa Amoruso, a screenwriter who became a director, photography was the
the intermediate step to getting behind the camera. The sensibility of her gaze is perhaps a legacy of her father, who dealt in cameras. Elisa studied at the La Sapienza University in Rome, where
she then attended the Experimental Centre of Cinematography.
Claudio Noce’s Good Morning Aman, the first film she worked on
as a screenwriter, was selected for the Venice festival. Next, she
worked on the script of Passione Sinistra, directed by Marco Ponti,
and wrote the story and screenplay of La foresta di ghiaccio. In
2014 there was Cloro, Lamberto Sanfelice’s debut, for which she
wrote the screenplay, and which competed at the Sundance Film
Festival and was selected for the Berlin Festival.
Ma Elisa Amoruso è ormai, soprattutto, la regista di Fuoristrada.
Il suo documentario del 2013 racconta la storia di un meccanico
romano, pilota di rally, che a cinquant’anni comincia a vestirsi da
donna, a prendere gli ormoni, e a farsi chiamare Beatrice. Quando
incontra Marianna, se ne innamora e le due riusciranno a sposarsi
nel comune di Nemi. Al festival del cinema di Roma, Fuoristrada
conquista la menzione speciale nella sezione Prospettive Doc Italia. Abbandonata per un attimo la telecamera, Elisa e si è ritrovata
così sul red carpet. A produrre Fuoristrada sono stati la società
Meloproducodasolo (di Alberto Covelli), Roberto De Paolis e Carolina Levi. Dopo il premio, il film è stato venduto anche all’estero.
But Elisa Amoruso is now, above all, the director of Fuoristrada,
her 2013 documentary which tells the story of a Roman mechanic
and rally driver who at fifty begins dressing like a woman, taking
hormones and calling himself Beatrice. When he meets Marianne,
he falls in love and the two get married in the town of Nemi. At
the Rome Film Festival, Fuoristrada won a special mention in the
Prospettive Doc Italia section, and Elisa, abandoning the camera
for a moment, found herself on the red carpet. Fuoristrada was
produced by Alberto Covelli’s Meloproducodasolo, Roberto De
Paolis and Carolina Levi. After the award, the foreign rights to the
film were also sold.
Indagando ancora il tema della diversità, Elisa sta chiudendo il suo
nuovo progetto. Ha finito di girare un documentario con protagoniste cinque donne immigrate, ognuna di un paese diverso, tutte
capaci di dare vita in Italia ad attività di successo. Già finito di
girare, il documentario è in fase di montaggio e dovrebbe essere
pronto per il 2016.
Elisa is currently completing her next project, which continues
her investigation of the issue of diversity: a documentary about
five immigrant women, each from a different country, and each of
whom has managed to open a successful business in Italy. Filming is already completed and the documentary is currently being
edited and should be ready for release in 2016.
Francesco Longo
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 183
Dieciminuti Film Festival
www.indiegesta.com
Giovani. Agguerriti. Sono riusciti
a trasformare Ceccano nell’ombelico
del mondo con un festival di corti.
Young and combative, they have
managed to put Ceccano in the public eye
with a short film festival.
“Dopo l’Erasmus a Lisbona, Ceccano mi sembrò il nulla. Avevo
voglia di andar via, di fare altro. Ma nello stesso tempo ero legato
al territorio, andarmene significava tradirlo.”
“After doing my Erasmus in Lisbon, Ceccano looked like nowhere.
I wanted to go away, to do something else. But at the same time I
had ties to the area, and leaving it meant betraying it.”
Da anni si parla della fuga di cervelli all’estero. Ma c’è anche chi,
come Alessandro Ciotoli, presidente di Indie Gesta, inverte la tendenza. Trasforma un problema in un’opportunità. La scommessa
fatta con i ragazzi dell’associazione era far diventare Ceccano
“l’ombelico del mondo”. Sembrava un’impresa impossibile ma
questi giovani sono gente testarda. Gli ostacoli, linfa vitale. L’idea:
creare un festival di corti per portare il mondo nel loro paese. Non
lasciare il proprio territorio, ma rivivificarlo. Nasce così, nel 2005,
Dieciminuti Film festival.
For years we have been talking about the brain drain, but there are
those, like Alessandro Ciotoli, head of Indie Gesta, who reverse
the trend and turn a problem into an opportunity. The gauntlet that
the kids from the association took up was to make Ceccano “the
centre of the world”. It seemed an impossible task, but they’re a
stubborn lot, and challenges are their lifeblood. Their idea: creating a festival of short films which would bring the world to their
town. Not leaving the place they come from but revitalising it. And
thus, in 2005, the Dieciminuti Film festival was born.
A oggi, oltre 4000 cortometraggi arrivati da tutto il pianeta e 9000
spettatori coinvolti. Il tutto con un budget di 4000 euro, di cui il
50% investito in premi. Il segreto: la voglia di fare, di mettersi in
gioco. Quando i soldi non ci sono, la creatività diventa una risorsa.
Il web offre preziosi canali di scambio, sulle piattaforme internazionali dedicate si pubblica il bando di concorso e Dieciminuti Film
Festival diventa global. Si cercano gli sponsor. Gli alberghi offrono
le stanze, il cinema Antares la sala, il Comune gli spazi per gli
eventi. E il successo non tarda ad arrivare. Il piccolo paese della
provincia di Frosinone sale alla ribalta internazionale. Ma le priorità
di Indie Gesta restano il territorio e la formazione. Due sezioni sono
dedicate ai cortometraggi “Visti da vicino”, realizzati dai cineamatori della provincia di Frosinone. E nel 2009 nasce la Dieciminuti Academy, scuola di arti visive, poi una scuola di fotografia.
I giovani che le frequentano trovano nuovi sbocchi lavorativi. La
parola d’ordine è “cogliere le opportunità”: Indie Gesta aderisce
al programma Erasmus “+” portando in pochi anni 30 ragazzi in
Europa con workshop formativi. Il sogno è un progetto che faccia
di Ceccano la meta dei giovani europei.
To date, more than 4,000 short films from all over the world and
9,000 spectators have participated, and all for a budget of 4,000
euro, half of which spent on prizes. Their secret: a desire to get
their hands dirty. When money’s scarce, creativity becomes a resource, and the internet offers valuable channels of communication. After a call for entries was published on various international
platforms, the Dieciminuti Film Festival went global. They hunted
down sponsors, local hotels offered the use of their rooms, the
Antares cinema gave them its screen, the local council let them
use public spaces, and it wasn’t long before success struck and
this small town in the Frosinone province was in the international
spotlight. But Indie Gesta’s priorities remain education and the local area. Two sections are devoted to “Up close” short films made
by local amateur filmmakers, and in 2009 they founded the Dieciminuti Academy of visual arts and photography. The young people
who attend find new employment opportunities, and their motto
is “seize the opportunity.” Indie Gesta joined the “Erasmus+” programme, so far sending 30 young people to training workshops
around Europe. Their dream is a project which will bring young
Europeans flocking to Ceccano.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
Alessandro Ciotoli
Francesca Ciotoli
Eleonora Di Mario
Shana Di Spirito
Andrea Ferrigato
Giulia Grande
Nicole Liburdi
Angelo Macciocca
Isabella Malizia
Graziano Molinari
Chiara Egle Trento
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 185
Fabrique du Cinéma
www.fabriqueducinema.com
Nasce nel 2011 come evento organizzato
da giovani lavoratori del cinema e poi diventa
una rivista di settore.
A 2011 event organized
by young cinema workers
which grew into an industry journal.
La fabbrica del cinema. Nel 2011 Fabrique du Cinéma è un evento,
con una grande festa finale. Ci si incontra, si beve, si balla, fra
desideri riformisti e ambizioni rivoluzionarie rispetto a un’industria
spesso accusata di poca innovazione, di cinico realismo, di tirchieria pragmatica.
The film factory. In 2011 Fabrique du Cinema was an event with
a grand finale. You met, drank and danced, and the air was full of
a desire for change and revolutionary ambitions for an industry
often criticised for its lack of innovation, its cynical realism and its
pragmatic stinginess.
Non sono chiacchiere al vento: nel 2012 nasce la rivista cartacea
free press con un evidente richiamo ai Cahiers du Cinéma, la rivista dalla quale scaturì la Nouvelle Vague. Per i giovani fondatori è
una sorta di manifesto dei cineasti di ultima generazione e di organo di promozione delle nuove iniziative. Essendo un trimestrale,
a colori, 74 pagine, distribuito a Roma, Milano, Torino, Bologna,
Firenze e Pisa in 20.000 copie non è mica uno scherzo. Siamo nel
periodo più cupo di sempre dell’editoria cartacea.
It didn’t end there, though: in 2012, the free magazine Fabrique du
Cinema – a nod to Cahiers du Cinéma, the magazine which birthed
the Nouvelle Vague - appeared. For its youthful founders it is a kind
of manifesto of the latest generation of filmmakers as well as a
way to promote new initiatives. And, being a full-colour 74-page
quarterly of which 20,000 copies are distributed in Rome, Milan,
Turin, Bologna, Florence and Pisa, it’s serious business in these
dark days for print publishing.
Eppure il team di Fabrique du Cinéma non si ferma, l’ambizione
è quella di diventare la più grande community del cinema italiano. I macchinati oliati dal lavoro dell’ideatore e direttore artistico
Davide Manca e dalla caporedattrice Elena Mazzocchi vengono
calibrati per il web, affinché il portale e i social di FdC fungano da
collante fra vari addetti ai lavori sparsi in Italia. Nel giro di poco
tempo il portale raggiunge i 10.000 iscritti e nascono i primi gruppi
fuori Roma, che comunque rimane il punto centrale. È qui infatti
che la rivista ha oltre venti punti di distribuzione ed è qui che si
svolgono gli eventi LIVE (dal 2016 ce ne saranno anche a Milano).
D’altronde il cinema è sempre stato romanocentrico. Attira talenti,
li risucchia, come attira anche cani maledetti, attori scarsi, sceneggiatori geniali, montatori visionari, costumisti megalomani. E
tutti questi si possono incontrare agli aventi di FdC, magari mentre
Sorrentino premia Virzì e il nuovo Orson Wells se ne sta lì, a tenere
il tempo con una birra in mano...
The Fabrique du Cinéma team hasn’t stopped since, and its ambition is that of becoming the largest Italian cinema community. The
machine, oiled by the work of designer and artistic director Davide
Manca and editor-in-chief Elena Mazzocchi, has been designed for
the web, and the FdC portal and social network draw together the
numerous professionals spread across Italy. In a short time, the
portal has built up 10,000 subscribers and created its first groups
outside Rome – which, however, remains the headquarters. In
Rome the magazine is distributed in over twenty places and it is
in Rome that LIVE events take place (though from 2016 they will
also be held in Milan). Italian cinema has always been Romecentric – the city attracts talent and sucks it in, just as it does terrible actors, brilliant writers, visionary editors and megalomaniacal
costume designers. And you can meet them all at one of FdC’s
events, perhaps while Sorrentino is busy handing Virzì an award
and the next Orson Wells sits watching, beer in hand...
Vins Gallico
Tommaso Agnese
Luca Argentesi
Sara Batteli
Isaura Costa
Francesca Fago
Davide Manca
Simona Mariani
Elena Mazzocchi
Luca Papi
Federica Remotti
Sonia Serafini
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 187
Gabriele Galli
www.facebook.com/gabriele.galli.54
Regista, oltre che attore e sceneggiatore.
La sua serie Super Italian Family ha vinto
un bando della Regione Lazio.
Director, actor and screenwriter,
his TV series Super Italian Family
won a Regione Lazio competition.
Gabriele Galli ha 30 anni, un entusiasmo contagioso e le idee
chiarissime. È regista, ma anche attore, sceneggiatore, documentarista. Le sue stelle polari sono Monicelli e Scola, e Brutti,
sporchi e cattivi il film dei film; ma se deve pensare a Naomi, la
bimba co-protagonista di Super Italian Family (la serie tv con cui
ha vinto), si fa ispirare da Lisa Simpson e ne esce una ragazzina
animalista, grillina, arguta più di Demostene. Gabriele parlerebbe
per ore di Breaking Bad, ma quando pensa al prossimo spettacolo
teatrale vorrebbe portare in scena Lo scarafaggio, un racconto di
Buzzati. Ha studiato in Inghilterra, ma vuole lavorare a Roma; anzi,
la romanità è imprescindibile, tanto che le musiche della serie
sono state scritte sulle sonorità degli stornelli.
Director, actor, screenwriter and documentary filmmaker Gabriele
Galli is 30, and possessed of infectious enthusiasm and a clear
vision. His heroes are Mario Monicelli and Ettore Scola, and his favourite film is The Good, The Bad and The Ugly, but when he was
imagining Naomi, the little girl who is one of the stars of Super
Italian Family (the TV series which won), he looked to Lisa Simpson for inspiration, and out came a sharp-witted politicised little
animal rights activist. Gabriele would happily talk for hours about
Breaking Bad, but the next play he wants to stage is Lo Scarafaggio, based on a story by Dino Buzzati. He studied in England, but
wants to work in Rome, and Roman-ness is so important to him
that the music for the series was written to sound like stornelli,
old Roman folk songs.
Sì, questo è avere 30 anni: sapere di poter essere poliedrici. Avere
le idee chiare anche sul fatto di poterle cambiare. Scegliere la
fluidità come forza.
Super Italian Family è una serie tv (scritta con Daniele Esposito)
che ruota intorno a una famiglia italiana dove compare un ludopatico, una baby squillo, una nonna che sogna l’amante d’un tempo
e la volta che gioca al SuperEnalotto vince; anche se nessuno troverà più la ricevuta milionaria (il nucleo narrativo è proprio l’affannosa ricerca dello scontrino, l’ipotetica felicità che ha già iniziato
a sconvolgere il quotidiano). Gabriele ha puntato sul fatto che le
relazioni famigliari dicono la contemporaneità, riescono a parlare
a tutti, a emozionare col pungolo di una risata amara. Mentre racconta la freschezza di questo progetto, però, ricorda nello stesso
tempo l’impegno emotivo di quello precedente (La vita degli altri,
un documentario su un ex pallanuotista in stato vegetativo). E ora
che ha presentato Super Italian Family al Roma Fiction Fest, spera
segretamente di vincere al Lotto come nonna Vittoria. Così, per
poter investire la vincita in grandi e nuovi teatri di posa; e provare
l’ebbrezza di essere anche produttore.
Gaia Manzini
Yes, that’s what being 30 means: knowing how to be versatile.
Having clear ideas, even about being able to change them. Choosing fluidity as a strength.
Super Italian Family is a TV series (written with Daniele Esposito)
about the titular family, which includes an obsessive gambler and
an underage prostitute as well a grandmother who dreams of her
past lover and who wins the lottery the one time she decides
to play it – even though no one can find the winning ticket. The
narrative revolves around the frantic search for it and the hypothetical happiness which begins to disrupt their daily life. Gabriele
focuses on the fact that family relationships communicate modernity and speak to us all, provoking pained smirks of recognition.
As he speaks about the project, however, he also mentions the
emotional commitment of the previous one (La Vita Degli Altri, a
documentary about a former water polo player in a coma). And
now that Super Italian Family has been shown at the Roma Fiction
Fest, he secretly hopes to win the lottery just like grandma Vittoria
so that he can invest the winnings in modern soundstages and
experience the thrill of being a producer too.
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 189
Gemma di Maggio
www.lorenzogiovenga.it
Un cortometraggio realizzato da Lorenzo
Giovenga e Giuliano Giacomelli, che affronta
una pagina buia della storia del Lazio.
A short film realised by Lorenzo Giovenga
and Giuliano Giacomelli tackling a dark
moment in the history of Lazio.
Di base, Lorenzo Giovenga e Giuliano Giacomelli sono degli sceneggiatori. Simone di Fazio, un hair stylist di Lenola, li ha contattati
per affidargli una parte del progetto di memoria storica sulla Seconda Guerra Mondiale curato dell’Associazione Vasi e finanziato
da un bando della Regione Lazio, che comprende anche il documentario Solo silenzio (di Marco Marcantonio e Antonella Latilla) e
altre attività sul territorio. L’idea muove i passi da una storia vera,
la tragedia delle Marocchinate, un evento storico molto spesso dimenticato: i soldati marocchini Goumier dell’esercito francese, nel
‘44, perpetrarono un numero molto grande di stupri e violenze nel
basso Lazio, devastando i luoghi e uccidendo tantissime persone.
Lorenzo Giovenga and Giuliano Giacomelli are screenwriters. They
were contacted by Simone di Fazio, a hair stylist from Lenola, who
wanted to entrust to them part of a project regarding historical
memories of World War II organised by the Associazione Vasi
and funded by the Lazio Region competition, which included the
documentary Solo silenzio (by Marco Marcantonio and Antonella
Latilla) and others active locally. The idea took its inspiration from
a historical event which has often been overlooked: the tragedy of
the Marocchinate – the campaign of violence and mass rape carried out by the French army’s Moroccan Goumier soldiers, devastating landscapes and costing many lives in Lower Lazio in 1944.
“Dopo aver scritto la sceneggiatura, non c’era altra soluzione che
curassimo anche la regia”, mi hanno detto Lorenzo e Giuliano.
“Ci abbiamo portato dentro il nostro sguardo, il cinema che vorremmo fare”. In chimica, una soluzione è una miscela omogenea di sostanze, un composto intimo, oltre che il risultato di un
problema, e Gemma di Maggio è questo: un amalgama. I due
giovanissimi registi vengono dall’horror, da un lungometraggio a
basso budget, La progenie del diavolo, che si è distinto nei festival, e questo ha portato nel corto un gusto che va dal thriller
al rape&revenge, passando per il western. Inoltre, Giuliano è di
Isola del Liri, Lorenzo di Anguillara Sabazia e Simone di Lenola e
anche questa unione ha avuto un senso nel racconto, aprendolo
a una comprensione più vasta, da una provincia alle altre, fino a
estendersi oltre il territorio laziale. Grazie all’importanza del tema
e alla sceneggiatura, ha accettato di partecipare alle riprese anche l’attore internazionale Franco Nero.
“After writing the script, there was no other solution but for us
to direct it too”, Lorenzo and Giuliano tell me. “We brought our
own perspective to it, the cinema we want to make”. In chemistry,
a solution is a homogeneous mixture of substances, an intimate
compound, and also the result of a problem, which is precisely
what Gemma di Maggio is: an amalgam. The two young directors
come from a horror background – they realised a low-budget feature film, La progenie del diavolo, which made a name for itself at
festivals, and have brought to the film a genre feel which ranges
from thriller to rape & revenge, with nods to the western. Furthermore, as Giuliano is from Isola del Liri, Lorenzo from Anguillara and
Simone from Lenola, their union has given the story extra resonance by opening it up to a wider interpretation which touches on
the various provinces, extending beyond the confines of Lazio. And
thanks to the importance of the subject matter and the screenplay,
internationally-famous actor Franco Nero agreed to guest-star.
Il cortometraggio è stato girato a marzo del 2015, in quegli stessi
luoghi che vengono raccontati, e ha davanti a sé un percorso di
festival e rassegne: intanto, l’anteprima mondiale si svolgerà a
Monrovia, in California, dove il film è stato selezionato per l’Action
On Film Festival.
The film was shot in March, 2015 in the very places where the
events recounted took place, and is now preparing to appear at
a run of festivals: in the meantime, the world premiere will take
place in Monrovia, California, where the film has been selected for
the Action On Film Festival.
Elisa Casseri
Giuliano Giacomelli
Lorenzo Giovenga
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 191
InHouse
www.inhousepost.it
InHouse è un’azienda di post-produzione
cinematografica. Ha lavorato a La grande
bellezza di Sorrentino per gli effetti sonori.
InHouse is a post-production company
which worked on the sound effects
for Paolo Sorrentino’s The Great Beauty.
Dopo. Di solito la giornata di lavoro finisce guardando un film. Ci
si accomoda sulle poltroncine, si spengono le luci, ci si stropiccia
gli occhi per la stanchezza e parte il video. Le immagini scorrono,
le voci, i suoni, la musica riempiono il buio; no, non c’è tempo per
uno sbadiglio o un gelato. In fondo si sta ancora lavorando. Bisogna fare attenzione che le immagini non siano sgranate; che non
ci siano vuoti nell’audio; che il film, insomma, sia perfetto perché
è così che il cliente lo vuole.
Afterwards. The working day usually ends with watching a movie.
Seats are taken, the lights go down, tired eyes are rubbed and
the projector starts up. The images flow, and voices, sounds and
music fill the dark. No, there’s no time to yawn or eat a choc ice
because this is, in fact, still work. Care must be taken that the images are not grainy, that the sound doesn’t drop out and that the
film is, in short, perfect - because that’s what the client wants.
Andare al cinema quando si è al lavoro, anzi, quando il cinema
è il tuo lavoro, non è solo un divertimento. Solitamente non lo
è mai durante una lavorazione, magari dopo aver concluso una
commessa, sì. I ragazzi di InHouse lo sanno bene, da quando, nel
2013, hanno dato vita a un’azienda che si dedica a tutto ciò che
uno schermo nasconde, un lavoro complesso che richiede altissime competenze di cui lo spettatore medio nemmeno immagina.
Un film diventa un film solo dopo, nelle sale di post-produzione,
quando lo si monta, lo si remixa, lo si edita. InHouse si dedica a
questo: a costruire l’abito finale del film per una platea di clienti
sempre più ampia. La loro parola d’ordine è: fiducia.
In una città come Roma ricca di figure professionali e di maestranze, dove la tradizione cinematografica ha fatto scuola in tutto il
mondo, imporre il proprio marchio richiede competenze ma anche
agilità. Dalla loro parte hanno l’agilità della giovinezza; e da quando
il mondo digitale ha scaraventato via quello della pellicola tradizionale, si sono aperti scenari di opportunità che hanno saputo
cogliere. Costruendo, proprio come si fa con un film, passo dopo
passo, una solida rete di fiducia tra gli addetti ai lavori. Entrare in
una sala cinematografica con il regista che hai sempre amato da
piccolo, sentirlo commuoversi nel tuo studio, vederlo applaudire
al tuo lavoro finale, non è solo il sogno di ragazzini appassionati. È
un lavoro che si traduce in sogno ogni volta che compare la parola
fine sulle schermo.
Rossella Milone
Edoardo Gambarresi
Going to the movies when you’re on the job – when the movies
actually are your job, and not just a diversion. And during postproduction they almost never are – until perhaps the contract has
been concluded. The folks at InHouse have known this very well
since, in 2013, they opened a company dedicated to all the things
the silver screen hides. It’s a complex and vastly skilled job requiring work that the average viewer would never even imagine. A
film only becomes a film afterwards – in the post-production offices where it’s assembled, mixed and edited. That’s what InHouse
does: they create the final versions of films for a growing number
of clients. And their watchword is trust.
In a city as full of professionals and expertise as Rome, whose
cinematic tradition has set standards around the world, establishing your own brand requires agility as well as skill. They have the
dexterity of youth on their side, though, and since the digital world
has done away with traditional film, their field of choice is full of
opportunity, and they are constructing a network of trust between
experts just the way you construct a film – step by step. Walking
into a movie theatre with the director you loved as a child, watching how they react in your studio and seeing them applaud the
finished product is not simply some enthusiastic kids’ daydream
– it’s a profession, which turns into a dream come true every time
the words The End appear on the screen.
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 193
Karawan Fest
www.karawanfest.it
Rassegna multietnica itinerante e di quartiere
dove sono banditi i drammi e la disperazione
e vince il sorriso.
An itinerant multiethnic film festival
in a working class suburb, where drama
and despair are off-limits.
Carla Ottoni si è inventata Karawan, un festival cinematografico
sui generis che ospita in cartellone soltanto commedie d’autore.
Sono bandite invece le storie drammatiche. “Non abbiamo l’ambizione di denunciare ma di integrare – racconta la direttrice che
con Claudio Gnessi e Alessandro Zoppo ha dato vita nel 2012 nel
quartiere romano di Torpignattara alla rassegna – non vogliamo
spiegare ma divertire”.
Carla Ottini is the mastermind behind Karawan, a sui generis film
festival that hosts only comedies d’auteur and where dramas are
banned. “We don’t want to raise awareness about anything, we
want to integrate” explains the festival director who, together
with Claudio Gnessi and Alessandro Zoppo, created the event in
2012 in Rome’s Torpignattara district. “We don’t want to explain,
we want to have fun.”
Al Karawan si rovesciano gli stereotipi dei grandi festival dove regna soltanto il dramma e la disperazione. Nelle edizioni passate
del piccolo festival romano si sono alternate storie di formazione
e racconti di viaggio, documentari italiani e film sulla migrazione,
comune denominatore il tono leggero. Il lavoro di ricerca e di scelta
dei film viene fatto grazie al web riuscendo a ottimizzare i costi:
le opere arrivano da Cina, Romania, Brasile, Bangladesh, Svizzera, Azerbaijan, Ruanda. Il pubblico è trasversale, da quello locale
alla comunità rumena, araba e cinese per cui vengono organizzate
rassegne monotematiche. “Siamo trapezisti senza rete – spiega la
Ottoni che ha lavorato per anni al Med Film Festival e al Festival
dei Corti di Capalbio – avendo altri lavori Karawan è molto legato a
quello che riusciamo a fare. Allestito programmi di cinque giorni e
cose saltuarie. Ora stiamo lavorando a una rassegna su Bollywood”.
At Karawan the usual festival stereotypes of drama and despair
reign are turned on their heads and in past editions of this little
Roman festival, tales of human growth have alternated with stories of travel, Italian documentaries and films on migration, with
light-heartedness as the common denominator. The selection of
films is carried out online so as to optimise costs, and they come
from China, Romania, Brazil, Bangladesh, Switzerland, Azerbaijan,
Rwanda. The audience is diverse, ranging from locals to the Romanian, Arabic and Chinese communities, for whom Karawan offers
themed initiatives. “We’re like trapeze artists without a net,” explains Carla, who has worked for years at the Med Film Festival and
the Capalbio Festival of Short Films. “The fact that we have other
jobs means Karawan depends very much on what we manage to
do. Organising five-day programmes and occasional things. At the
moment we’re working on a season of Bollywood films”.
L’altro tema di Karawan è la riappropriazione di spazi pubblici: le
opere sono state proiettate su muri, ex aule, retro di locali, e altri
luoghi insoliti pur di colmare la lacuna di location a disposizione.
Anche per questo Karawan è itinerante: “Abbiamo inaugurato il
multisala di Torpignattara, allestendo uno schermo al Parco Sangalli per proiettare l’omaggio a Claudio Caligari con Amore Tossico”. A conferma che il progetto legato al quartiere di Torpignattara
ha un’anima e una vocazione internazionale spiccata, la prima
campagna di crowdfunding ha ottenuto donazioni dalla Russia, dal
Belgio, dall’Europa centrale e dagli Stati Uniti.
Stefano Ciavatta
photo:
Luisa Fabriziani
Claudio Gnessi
Carla Ottoni
The other theme of Karawan is the reappropriation of public spaces:
the films are projected onto walls, in ex-classrooms, the backrooms
of shops and other unusual sites in order to bridge the gap of available locations. That’s another reason why Karawan is itinerant:
“We’ve opened the Torpignattara Multiplex, with a screen in the
Sangalli park showing Amore Tossico as a tribute to Claudio Caligari”. As proof of the international appeal of the Torpignattara-based
project, the first crowdfunding campaign received donations from
Russia, Belgium, Central Europe and the United States.
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 195
Rete degli Spettatori
www.retedeglispettatori.it
Una rassegna che porta nelle sale delle
piccole città i film italiani di qualità scelti
direttamente dai registi.
A film season which brings quality films
chosen by directors to the screens
of small Italian towns.
I cinema dei centri storici delle città di provincia, come si sa, sono
ormai quasi tutti chiusi. Da questa considerazione, dalla volontà
di non arrendersi a questa situazione, nasce, nel 2011, a Roma,
l’Associazione Rete degli Spettatori, di cui fanno parte Maurizio
dell’Orso, Valerio Ialongo e Gianclaudio Lopez. La sua missione è
quella di portare o riportare nei cinema del centro i film italiani di
qualità che faticano a essere distribuiti, spesso accompagnando
le proiezioni da incontri con registi, attori, direttori della fotografia,
produttori o sceneggiatori.
It’s common knowledge that the old cinemas in the historic provincial town centres are now almost all closed. It was with this,
and with a refusal to accept the situation, in mind that the Rete
degli Spettatori association was born in Rome in 2011. Its members are Maurizio dell’Orso, Valerio Ialongo and Gianclaudio Lopez,
and its mission is to bring back to town-centre cinemas quality
Italian films which are struggling to find distribution, often accompanying the projections with talks by directors, actors, cinematographers, producers and writers.
Nel 2012 Rete degli Spettatori ha dato il via a Teniamoli d’occhio,
7 autori per 21 proiezioni: una rassegna, dapprima diffusa nella
provincia di Roma e poi in tutto il Lazio, la cui caratteristica è
quella di far scegliere, per una sera, la programmazione di una
sala a un regista italiano. Al pubblico vengono offerti tre film:
quello che il regista crede che tutti dovrebbero guardare, uno
che è stato particolarmente importante per la sua formazione
e uno suo. Viene offerta così la possibilità di avvicinarsi a chi il
cinema lo fa, di conoscerne il percorso, i gusti. Soprattutto viene
data la possibilità di vedere il cinema italiano, quello fatto con le
piccole produzioni che tanto spesso è vittima delle difficoltà della
distribuzione e che quindi difficilmente riesce ad arrivare al grande pubblico. Nel 2014 sono andati a Civitavecchia alla Sala Buonarroti, a Frascati al Multisala Politeama, a Roma, al Filmstudio,
a Rieti al Multisala Moderno, a Trevignano Romano al Cinema
Palma, a Viterbo al Cinema Trento.
In 2012 Rete degli Spettatori created Teniamoli d’occhio, 7 autori
per 21 proiezioni (Keep An Eye on Them: 7 Directors for 21 Showings): a season – initially spread around the province of Rome
and then across the whole Lazio region – whose characteristic is
that of getting one Italian director to choose the programme for
each cinema. The public are offered three films: one the director
believes everyone should see, one that was particularly important
for his or her development and one of his or her own. The public
has the opportunity to get closer to actual filmmakers and discover their tastes and history and, just as importantly, the audience
is given the opportunity to see Italian films – the small-scale ones
that so often are victims of distribution problems and which therefore find it difficult to reach the general public. In 2014 Rete degli
Spettatori screened films at the Sala Buonarroti in Civitavecchia,
the Multiplex Politeama in Frascati, at the Filmstudio in Rome, the
Multisala Moderno in Rieti, the Cinema Palma in Trevignano Romano and the Cinema Trento in Viterbo.
Dell’Orso ricorda soprattutto una proiezione avvenuta a Tolfa, nel
2012, particolarmente emozionante: fuori diluviava, c’erano poche
persone, si era creato uno di quei momenti irripetibili e magici che
accadono a volte nei bei festival. Dell’Orso si augura che la rassegna diventi una realtà stabile che possa davvero aiutare le sale dei
centri storici a sopravvivere e i film italiani a circolare.
Paola Soriga
Mariana Capocci
Claudio Storani
Dell’Orso has particularly fond memories of one especially exciting
screening in Tolfa in 2012 – even though it was pouring with rain
outside and there were not many people present, it was one of
those unique, magical moments that sometimes happen at the
most beautiful festivals. Dell’Orso hopes that the festival will become an ongoing event that can really help the cinemas in historical town centres to survive and Italian films to circulate.
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 197
Matteo Rovere
www.ascentfilm.com
Giovane regista romano e produttore
cinematografico per la Ascent Film,
attento al cinema indipendente di qualità.
A young Roman director and film producer
for Ascent Film with an eye to high-quality
independent cinema.
Matteo Rovere, classe ‘82, comincia la sua carriera di filmmaker
da giovanissimo. Già al liceo realizza i primi corti insieme agli amici, anche grazie al sostegno economico di Corto Lazio. Poi con
la spudoratezza dei suoi diciotto anni, e di chi è appassionato di
cinema ma alle prime armi, rinuncia al classico viaggio della maturità per seguire la vita su un set. Preferisce l’esperienza sul campo
rispetto al Centro Sperimentale. Parte proprio dalla gavetta, ma è
così che riesce ad avere fin da subito un’idea di cinema più veritiera, che è fatta di mestiere, visione d’insieme, rapporto con le
maestranze, piani finanziari, e non solo di velleità autoriali.
Born in 1982, Matteo Rovere began his career as a filmmaker
young. When he was still in high school, he made his first short
film together with a group of friends, thanks to the financial
support of Corto Lazio. Then, though still a novice, but with the
chutzpah of his eighteen years and his passion for film, he gave
up the classic ‘end-of-high-school’ holiday to work on a film set.
He prefers experience in the field to the Centro Sperimentale. He
worked his way up, but that’s how he was able to immediately
form an idea about the most honest type of film - the one created
by craftsmanship, vision, a relationship with the crew and funding
plans, not just auteur ambitions.
I primi riconoscimenti arrivano con il suo quarto cortometraggio
Homo Homini Lupus, interpretato da Filippo Timi, con cui si aggiudica il Nastro d’Argento nel 2007. Da lì sarà contattato dalla
Colorado per girare Un gioco da ragazze, presentato al Festival
Internazionale di Roma nel 2008, e in seguito dalla Fandango per
la trasposizione del romanzo di Sandro Veronesi, Gli sfiorati. Il suo
terzo lungometraggio, Italian Race, (in uscita a Marzo 2016) sul
mondo italiano del motorsport, è quello che in un certo senso considera il suo “primo vero film”: ne cura personalmente la sceneggiatura ed è ispirato a una storia vera che gli sta molto a cuore. Tra
i progetti futuri c’è anche quello di realizzare un documentario che
racconti quell’universo fatto di velocità, adrenalina ed esistenze
continuamente in bilico.
A latere della sua carriera da regista, Matteo nel 2005 ha fondato una casa di produzione insieme al suo socio Andrea Paris: la
Ascent Film. L’obiettivo è quello di privilegiare la generazione dei
trenta-quarantenni e di dar spazio a un cinema che sappia parlare in maniera intelligente a un pubblico smaliziato, anche quando
si tratta di far commedie. Hanno prodotto con successo Smetto
quando voglio dell’esordiente Sydney Sybilla, La foresta di ghiaccio di Claudio Noce, il film di The Pills e Zio Gianni per la TV.
Christian e Veronica Raimo
The first awards came with his fourth short film, Homo Homini
Lupus, starring Filippo Timi, which won the Nastro d’Argento in
2007. After that, he was contacted by Colorado to film Un gioco
da ragazze, which premiered at the International Festival of Rome
in 2008, and later by Fandango to film Sandro Veronesi’s novel
Gli sfiorati. His third feature, Italian Race (scheduled for release
in March 2016) about the world of Italian motorsports is what,
in a sense, he considers his “first real film” – he is taking care of
the screenplay himself, and it draws inspiration from a true story
which is close to his heart. Among his future projects there is also
a documentary about this world of speed, adrenaline and lives
hanging constantly in the balance.
Alongside his career as a director, in 2005 Matteo founded a production company with his partner Andrea Paris: Ascent Film. Their
goal is to prioritise the generation of thirty- and forty-year-olds and
make room for films that can speak intelligently to a jaded public,
even as regards comedies. So far they have successfully produced
Smetto quando voglio by first-time director Sydney Sybilla, La foresta di ghiaccio by Claudio Noce, and The Pills and Zio Gianni for TV.
Lazio Creativo / Cinema e audiovisivo / 199
Valentina Tocchi
twitter.com/valentinatocchi
Problem solver è un format per
un programma tv, vincitore
di un bando della Regione Lazio.
Problem solver, a TV show format
which was the winner of a Regione
Lazio public competition.
No problem. Se hai un problema personale, lavorativo, sentimentale, qualcosa che non quadra nella tua vita, chiama la redazione
di Problem solver, che metterà a tua disposizione un ben corredato trittico di esperti. Avrai una Peak Performer Coach, che ti
sistemerà casa e agenda e potenzierà al massimo le tue capacità;
avrai un rassicurante Professore di psicologia del Gemelli, dai modi
di fare caldi e accoglienti; e avrai, dulcis in fundo, una teutonica
esperta del lavoro, pronta a darti una risolutiva strigliata dal poco
dulcis accento germanico.
No problem. If you have a personal, professional or sentimental
problem or if there’s something not right in your life, call the Problem Solver production office and they’ll put a well-equipped trio of
experts at your disposal. You’ll get a Peak Performance Coach who
will sort out your house and appointments and make the most of
your capabilities, you’ll have a reassuring Professor of Psychology
from the Gemelli Hospital with a warm, relaxing bedside manner,
and – last but not least – a Teutonic Work Expert, ready to give
you a resolute talking to in a severe Germanic accent.
A comporre questa trinità laica e pratica è stata Valentina Tocchi,
trentacinquenne romana che viene dal mondo del giornalismo,
ideatrice di questo format che inizialmente doveva essere un reality e che adesso è diventato un’altra cosa con uno di quei nomi
assurdi che danno in televisione e che nessuno capisce, tipo un
infotainment. L’idea è semplice, e come tutte le idee semplici contiene una sua genuina e immediata genialità. La morale? Non serve a nulla lagnarsi dei problemi, vediamo come risolverli. E se non
siamo in grado, è bene che qualcuno ci aiuti. L’impostazione un
po’ calvinista, ma dal fine è nobile, rispecchia il physique du role di
Valentina, che dà l’impressione di essere una di quelle donne che
riescono a mappare le situazioni. La immagino con le sue amiche,
mentre spiega loro perché non sposeranno il tipo con cui stanno
uscendo, senza avere le pose da guru alla Tom Cruise in Magnolia. No, in Problem solver, non c’è nessuna rigidità (nonostante la
coach made in Germany), nessun anabolizzante cerebrale, nessun
coretto di incitamento, c’è invece un’elasticità un po’ partenopea,
una capacità di adattamento e un invito ad essere liquidi.
The person responsible for assembling this unholy trinity is Valentina Tocchi, a thirty-five-year-old Roman who comes from the world
of journalism and who originally came up with this format as a
reality show before turning it into some other thing that probably
has one of those weird names they use on television which no
one understands, like ‘infotainment’. The idea is simple, and like
all simple ideas has its own genuine and immediate brilliance. The
moral? There’s no point moaning about your problems, let’s try
and solve them. And if we can’t, thank heavens there’s someone
around to help us. The concept might sound a bit Calvinist but its
aim is noble – just like Valentina herself, who gives the impression
of being one of those women with a handle on things. I can imagine her explaining to her friends why they won’t be marrying the
guy they’re seeing, without ever coming across as some kind of
self-help guru à la Tom Cruise in Magnolia. No, on Problem Solver
there’s no rigidity (despite the Made In Germany coach), no brain
tonics, no motivational chorus – just a bit of Neapolitanesque
elasticity, adaptability and an invitation to be liquid.
Che in fondo la liquidità può essere la soluzione a quasi tutti i
problemi.
Because deep down, a bit of liquidity can solve practically any
problem.
Vins Gallico
IO/
NUOVE TECNOLOGIE
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 203
La regione che inventa il suo futuro
The Region Inventing Its Own Future
C’è Suburra, Mafia Capitale, il traffico, le buche, la monnezza e il degrado, che quando piove poi ti viene da dire davvero “governo ladro”.
Poi c’è l’innovazione, che non è una bacchetta magica, ma una
visione del mondo, che dice che se ci provi se ti impegni se ci
credi puoi davvero cambiare le cose, oggi come non mai prima, e
renderle migliori.
Anche a Roma c’è, l’innovazione, e c’è nel Lazio: potremmo chiamarla “Made in Rome”, una rete di innovatori da far invidia alla
grandezza dei Fori. “Made” perché sono persone che fanno cose,
realizzano progetti, migliorano il mondo che li circonda, giorno
dopo giorno. Fanno, senza tante parole. Senza cercare applausi. E
incuranti della disattenzione che impera. Ecco, per questi innovatori è venuto il momento di fare un passo avanti, adesso, e raccontare una storia nuova che inizia come le favole con “C’era una volta
Roma, capitale mondiale dell’innovazione…” perché era davvero
così, al tempo di Augusto per esempio. E tante altre volte ancora.
Come finisce? Il finale, il futuro, dipenderà solo da noi. Perché una
città può essere davvero “eterna” soltanto se ogni giorno ha il
coraggio di reinventare il suo futuro.
What with Suburra, the Mafia Capitale kickbacks scandal, traffic,
potholes, garbage and neglect, when it rains you almost feel like
blaming the government for that too.
Yet there is innovation here - not a magic bullet, but a way of
looking at the world which says that if you try, if you commit yourself, if you believe, you actually can change things and make them
better than before.
Innovation exists in Rome and Lazio: we might call this network
of innovators who would be the envy of the greats of the Roman forum “Made in Rome”. “Made” because these are people
who make things – who realise projects, and improve the world
around them, day after day. They make, without making a fuss and
without seeking applause. And regardless of the prevailing lack of
interest. So it’s time for these innovators to take a step forward
and tell a new story that begins like a fairytale, with “Once upon
a time in Rome, world capital of innovation...” because - back
in the day of Augustus, to give just one example – it once really
was. And how will it all end? The finale, the future, depends on
us alone. Because a city can only really be “eternal” if it has the
courage to reinvent its future every single day.
Riccardo Luna
Riccardo Luna, 50 anni, giornalista e innovatore, autore del best
seller Cambiamo tutto!. Dal settembre 2014 è Consigliere per l’economia digitale del Presidente del Consiglio. Direttore di Chefuturo! e StartupItalia!, è co-curatore della European Maker Faire di
Roma. Nel gruppo de La Repubblica conduce Next, la Repubblica
degli innovatori e The Innovation Game, è editorialista sul quotidiano dopo essere stato redattore capo. È presidente onorario di
Wikitalia che ha fondato e diretto per tre anni.
Riccardo Luna, 50, is a journalist, innovator and author of the bestseller Cambiamo tutto!. Since September 2014 he has been Advisor
to the Prime Minister on the digital economy. He is Chief Editor of
Chefuturo! and StartupItalia! as well as co-curator of the European
Maker Faire in Rome. For the La Repubblica group, he presents Next,
la Repubblica degli innovatori and The Innovation Game, and is now
a columnist for the daily La Repubblica newspaper after working as
its assignment editor. He is honorary president of Wikitalia.
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 205
Codemotion
it.codemotionworld.com
Codemotion nasce come evento della
community di Java nel 2007 ed è diventato
centro di divulgazione informatica.
Codemotion began as a Java community
event in 2007 and has now become
a major IT training centre.
L’invasione dei nerd. Per chi già ha difficoltà su cosa sia una community o il linguaggio Java, ci sono due possibilità: frequentare un
corso da Codemotion oppure è inutile leggere questo pezzo. Anzi
no, non serve essere super esperti di computer, hacker alla Mister
Robot, per capire bene cos’è Codemotion. Java è un linguaggio informatico e nel 2007 due ragazze, Chiara Russo e Mara Marzocchi
organizzano una grande convention per tutti coloro che lo usano.
Chiara e Mara, la bionda e la mora, il gatto e la volpe, una dal sorriso espansivo, la dizione sibilante ed emozionata, la faccia tonda;
l’altra più cinica, caustica, tagliente, dagli occhiali nero hipster con
la montatura pesante. Gli incontri vanno bene, trovano un seguito
importante, nel 2011 le due si rendono conto della necessità di
aprire a nuovi linguaggi e tecnologie. Così Codemotion si impone come conferenza tecnica di settore in Italia, poi in Spagna e
diventa una delle più importanti in Europa, raggiungendo Berlino
e volando in Israele.
The invasion of the Nerds. For people already struggling with what
a community is or how you speak Java, there are two options:
attend a course at Codemotion or stop reading this now. Actually,
don’t – you don’t need to be a computer expert or a hacker à la
Mister Robot to understand what Codemotion is. Java is a computer language, and in 2007 two girls, Chiara Russo and Mara
Marzocchi, organised a convention for people who use it. Chiara
and Mara, the blonde and the brunette, the cat and the fox, one
with a wide smile, a sibilant, excited way of talking and a round
face, the other a little more cynical, sarcastic, and spiky with
thick-framed black hipster glasses. The convention went well,
they built up a large following, and in 2011 the two of them realised they needed to open up to new languages and technologies.
Thus did Codemotion become the biggest technical conference in
the field in Italy, then in Spain and finally one of the most important
in Europe, going as far as Berlin and flying to Israel.
Ormai il programma attuale dura quattro giorni (due giorni di
workshop tecnici e due giorni di conferenza). Gli speaker sono più
di 300 e vengono da tutto il mondo, ci sono sette track contemporanee sui temi più interessanti per l’innovazione tecnologica: BigData, Cloud, Mobile, IoT. E se non bastasse, Mara e Chiara aprono
un ufficio vicino alla Stazione Termini che è meta di pellegrinaggi
per startupper e maker. Hanno avuto anche l’idea di creare un
settore kids, convinte che per i nativi digitale “programmare” sia
importante almeno quanto scrivere e leggere.
The current program lasts four days (two days of technical
workshops and a two-day conference), and there are more than
300 speakers from all over the world, with seven “tracks” covering the most interesting fields in technological innovation, like
BigData, Cloud, Mobile and IoT, running contemporaneously. And
as if that were not enough, Mara and Chiara have opened an office near Termini Station to which startuppers and makers flock,
and have also come up with the idea of creating a kids sector,
convinced that for digital natives, “programming” is as important
as reading and writing.
Perché, se non è chiaro, Chiara e Mara stanno progettando un
salto, e pensano di offrire a tutti noi una grande possibilità: quella
di aprire uno squarcio nel futuro che ci accoglierà e di dare un’occhiata. Senza Michael J. Fox su una macchina scassata e uno
scienziato matto dai capelli bianchi.
Vins Gallico
Mara Marzocchi
Chiara Russo
Because, if it’s not yet clear, Chiara and Mara are planning a journey
and want to offer all of us an incredible opportunity: to open a portal
into the future and take a look around... without any need for Michael J. Fox, a beat-up De Lorean or a crazy white-haired scientist.
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 207
Roberto Macina
www.qurami.com
Co-fondatore di Qurami, start-up
che nel 2013 ha vinto il UK-Italy Springboard
per l’Innovazione.
Co-founder of Qurami, the start-up
that won the 2013 UK-Italy Springboard
for Innovation.
La camicia con le macchine da corsa colorate, gli occhi con dentro
una vibrazione d’entusiasmo. Roberto Macina è Ceo e co-fondatore di Qurami. Ha 31 anni, ma ha iniziato che ne aveva 26. La
questione del tempo è centrale in questa storia. Per lui, ingegnere
informatico, il tempo è l’unità di misura della nostra vita; eppure
è un’unità plasmabile. E non solo. Il tempo è il più grande degli
innovatori: la questione sta nel batterlo.
Wearing a shirt covered in colourful race cars, eyes glowing with
enthusiasm, Roberto Macina is CEO and co-founder of Qurami.
He is 31, but started when he was 26, and the issue of time is
central to this story. For computer engineers like him, time is the
unit of measurement of our life, and one which is still malleable.
And that’s not all. Time is the greatest of innovators: the challenge is to beat it.
Tutto è cominciato nel 2010. Roberto deve consegnare le tasse
della tesi, ma è aperta una sola segreteria. “E se esistesse un’app
che risolve il problema delle file?”. La domanda ha un tono retorico
perché, iPhone alla mano, è convinto di trovarne a decine digitando “queue”. E invece no. Passano dei mesi, sufficienti a farlo
stufare del suo lavoro, ma l’intuizione è ancora lì. Lo seduce, lo
tormenta. Quando per gioco partecipa a Startup Weekend, la sua
idea arriva terza. Così inizia a nascere Qurami (sintesi di queue,
coda e cura). E il tempo parte a una nuova velocità.
It all began in 2010. Roberto had to pay his university fees, but
only one office was open. “What if there was an app that solved
the problem of queues?” he thought. It was a rhetorical question
– he was certain he’d find dozens just by googling “queue” on
his phone. But no. Months later he was getting fed up with his
job but the idea was still nagging away at him. On a whim, he
took part in Startup Weekend. His idea came third, and Qurami (a
portmanteau of queue and cura – Italian for care) was born. And
time started moving much faster.
Qurami è un’app che consente di vedere in quali uffici pubblici,
ambulatori, segreterie… c’è meno coda, di staccare il “numeretto” dallo smartphone e di seguire il flusso della fila in tempo reale
dedicandosi ad altro. Da lì tutto prende a correre: i finanziamenti, i
clienti in Italia (circa cento strutture) e poi all’estero. In Inghilterra
soprattutto. “L’obiettivo è quramizzare ogni cosa”. Che vuol dire
declinare l’idea in servizi simili, ma anche quramizzare il mondo.
Un po’ come a Risiko. È l’entusiasmo del conquistatore, ma anche
di chi fa un’app che risponde davvero a un bisogno. Ed è sul tempo
ritrovato che Roberto e i suoi si concentrano. Lo sguardo fisso su
una piccola cosa, il dovere etico di non potersi pensare fuori di
quella; ma gambe che vanno ovunque. Se poi il tempo con Qurami
è tutto diverso, non è neanche più denaro; il denaro sono le persone, quanti ti utilizzano. Quello è il tuo valore. La tua capacità di fare
il mondo più piccolo. E di cambiarlo.
Qurami is an app that allows you to see which public offices,
clinics, reception desks etc. etc. have the shortest queue, take
a number on your smartphone and follow the queue’s progress in
real time while you do something else. And from the moment of its
birth, everything took off: funding, and customers in Italy (about a
hundred locations) and abroad, especially in England. “The aim is to
Quramise everything.” Which means developing the idea for similar services and Quramising the whole world. A bit like the board
game Risk, except that instead of battles there’s the knowledge
of having created an app that responds to an actual need. And it’s
the need for time that Roberto and his team focus on, in order to
create something that takes care of one thing and allows you to
do others. With Qurami everything works differently – time stops
being money, and money becomes the number of people using
your app. An ability to make the world smaller. And to change it.
Gaia Manzini
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 209
Marco Massarutto
www.kunos-simulazioni.com
Firma insieme a Stefano Casillo uno dei giochi
di auto leader del settore. La loro software
house, Kunos, ha sede a Vallelunga.
Together with Stefano Casillo, the brain behind
a leading racing video game. Their software
house, Kunos, is based in Vallelunga.
Sarà che a volte il merito è di continuare a credere in qualcosa
anche davanti alle avversità, ma di sicuro la storia di Stefano Casillo, Marco Massarutto e della loro Kunos Simulazioni è quella di
un gruppo di persone di talento che ha interpretato gli errori come
trampolini da cui ripartire. La loro software house progetta e vende simulatori di guida (usati da piloti professionisti), e videogiochi
di auto. Ciò che all’inizio si presentava come un hobby, negli anni
è diventato una sfida, poi una professione e ora una squadra di
oltre venti persone che sta per confrontarsi con un pubblico planetario: nel 2016 il gioco Assetto Corsa sarà disponibile su console
come Playstation 4 e Xbox One. Le linee di ricerca che riguardano
la simulazione di guida e i videogiochi d’auto si sono sviluppate
insieme, alimentandosi a vicenda. Il desiderio del realismo, la possibilità di provare davanti allo schermo sensazioni di guida simili
a quelle di un’auto da Formula 1 è l’origine del lavoro del duo,
affiancato da una squadra di professionisti.
Perhaps real merit sometimes lies in continuing to believe in
something even in the face of adversity – the story of Marco Massarutto and Stefano Casillo and their Kunos Simulazioni is that of a
group of talented people who used their mistakes as springboards
from which to start again. Their software house designs and
sells driving simulators (used by professional drivers) and driving
games. What had initially seemed nothing more than a hobby became first a challenge, and then a profession, and now involves a
team of over twenty people who are about to launch themselves
onto a global market: in 2016, their driving game Assetto Corsa
will be available for consoles like the Playstation 4 and Xbox One.
The development of their driving simulations and driving games
took place in parallel, with one feeding into the another, and what
lies behind the work of their team of professionals is a desire for
realism and the opportunity to experience the sensations of driving cars like those in Formula 1 on the small screen.
Il passaggio tra il desiderio di realismo e la progettazione dei videogame avviene dopo l’incontro col programmatore Stefano Casillo, quando si comincia a parlare di simulazione. Nel 2006 esce il
loro primo gioco: NetKar Pro. Per realizzarlo dormono quattro ore
per notte. Quando esce mostra alcuni difetti e molte potenzialità,
che verranno sviluppate, tanto da portare 4 anni dopo alla produzione di un gioco ufficiale per la Ferrari, Ferrari Virtual Academy:
trampolino di lancio per la nascita di Assetto Corsa.
The transition from a desire for realism to actually designing
games took place thanks to a meeting with programmer Stefano
Casillo where the subject of simulations came up. In 2006 they
released their first game: NetKar Pro. While working on it, they
were sleeping four hours a night, and when the game came out
it showed so much promise, despite the odd defect, that 4 years
later they produced an official game for Ferrari – Ferrari Virtual
Academy, the jumping-off point for Assetto Corsa.
La sede di Kunos è negli uffici dell’autodromo di Vallelunga, a
Campagnano. Kunos riproduce i circuiti da corsa utilizzando la
tecnologia Laserscan che permette di ricostruire nel videogioco,
con fedeltà al centimetro, l’asfalto su cui si sfidano le auto dei giocatori. Ogni vettura riproduce fedelmente le performance di vere
Lamborghini, Ferrari, Lotus, ecc. Per la Kunos la corsa non è finita.
Nel 2016 si compete con i giganti del settore.
Kunos’s headquarters is in the offices of the Vallelunga racetrack
in Campagnano. Kunos reproduces the tracks using Laserscan
technology which allows them to reconstruct the tarmac upon
which the drivers race each other inside the game down to the
millimetre, with each car faithfully reproducing the performance
of real Lamborghinis, Ferraris, Lotuses, etc. And for Kunos, the
race is not over: in 2016 they are going to be taking on the giants
of the industry.
Francesco Longo
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 211
Lorenzo Micheli
www.progetto-rena.it
Da call internazionale multidisciplinare
a nuova strategia progettuale di
riappropriazione della città e del territorio.
From international multidisciplinary tenders
to new strategies for the regeneration
of the city and the local area.
Ricomincio da tre: connettere, trasformare, crescere.
Connettere: reatini globali, professionalità e competenze diverse.
Trasformare: un problema locale in progetto nazionale.
Crescere: nella consapevolezza e nella responsabilità.
Three fundamentals: connect, transform and grow.
Connect: inhabitants of Rieti and diverse skills and competences.
Transform: a local issue into a national project.
Grow: with awareness and responsibility.
Programma ambizioso quello di Lorenzo Micheli, classe 90, reatino di nascita ma internazionale per vocazione. “Essere globali
rende sempre più locali, all’estero percepisci il valore aggiunto del
tuo territorio, senti il bisogno di fare qualcosa per il tuo Paese”. E
allora si fa promotore, insieme a Rena – associazione nazionale di
cittadini mirata al coinvolgimento di tutta la comunità – del progetto che vede nell’area dell’ex Snia Viscosa di Rieti, 32 ettari nel
cuore della città, in dismissione dal 2007, il potenziale “luogo del
cambiamento”.
The plan that Lorenzo Micheli, a Rieti native born in 1990 with a
calling to become a world citizen, has come up with is an ambitious one. “Being global makes things increasingly local. When
you’re away, you realise the value of the place you come from and
you feel the need to do something for your hometown”. And so,
together with Rena – the national association of citizens which
aims to involve the entire community – he has become the promoter of the project which sees the Ex-Snia Viscosa factory in
Rieti (closed since 2007, leaving 32 hectares empty in the heart
of the city) as a potential “place of change”.
La Snia sta a Rieti come la Fiat a Torino. È parte integrante dell’immaginario collettivo della città, dell’identità dei reatini. Per riappropriarsi di sé, Rieti ha bisogno di un percorso interdisciplinare
di rigenerazione, funzionale allo sviluppo futuro dell’area. Tutti i
tentativi sino a oggi sono falliti a causa della grande complessità
delle problematiche da affrontare. L’alternativa è un cambio radicale di prospettiva: non cosa può fare chi, ma chi può fare cosa.
La squadra che si riunisce grazie alla chiamata alle armi di Lorenzo
vuole rendere Rieti un laboratorio di sperimentazione nazionale di
politiche di sviluppo locale. Si attiva una call internazionale multidisciplinare, diretta a soggetti regionali, nazionali e internazionali, impegnati sui temi della progettazione, dello sviluppo, delle
periferie urbane, dell’innovazione e del territorio. La mobilitazione
è immediata, il coinvolgimento straordinario. Emerge la strategia
NextRieti: un’officina di tante iniziative locali per valorizzare più
che riqualificare. La ricetta? La parcellizzazione del recupero l’ingrediente principale. L’amore per il territorio l’ingrediente segreto.
Per una nuova narrazione della comunità. Ricomincio da qui.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
For Rieti, the ex-Snia is like the Fiat factory in Turin: an integral
part of the town’s collective imagination and identity. To reclaim
itself, Rieti needs an interdisciplinary regeneration plan with the
aim of the future development of the area. All attempts to date
have failed because of the complexity of the issues involved, and
the alternative is a radical change of perspective: not what can be
done, but who can do what. The team assembled by Lorenzo’s call
to arms wanted to turn Rieti into a national experimental laboratory for local development policies, and launched a international
multidisciplinary call to the regional, national and international
bodies working in the fields of planning, development, urban development, innovation and territory. The response was immediate,
and the commitment extraordinary, and it produced the NextRieti
strategy: a workshop of multiple local initiatives to promote rather
than requalify. The recipe? A principal component is the parcelling
up of the regeneration project, and love for the local area is the
secret ingredient. For a new narrative of the community. Starting
again, from right here.
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 213
Cosimo Palmisano
www.decisyon.com
Da Latina alla Silicon Valley, l’azienda
internazionale di software ha totalizzato
investimenti per 44 milioni di dollari.
From Latina to Silicon Valley,
this international software company has
attracted investments totalling $44 million.
Quando ho incontrato Cosimo Palmisano mi ha chiesto se sapevo
cosa fosse l’Internet of Everything (IOE): stavamo parlando delle
città in cui aveva vissuto, da Taranto a San Francisco, fino a San
Felice Circeo, quando ha iniziato a spiegarmi come il mondo virtuale
può ricalcare quello reale, con la creatività tecnologica, le idee, le
informazioni e le cose. “L’Internet delle Cose, il monitoraggio dei social, l’importanza dei clienti: questi dati che vagano nel cloud, io ho
sempre voluto imbrigliarli, razionalizzarli, farli diventare qualcosa”: è
nata così Ecce Costumer, l’idea imprenditoriale di questo ingegnere
delle telecomunicazioni che si occupava di modelli statistici predittivi. Oltre ai riconoscimenti, Cosimo ha ottenuto un finanziamento
per andare nella Silicon Valley a cercare fondi e potenziali partner
per la sua idea, e ci ha trovato un altro ingegnere italiano, Franco Petrucci, che era lì per raccontare la sua Decisyon, fondata nel
2005. “Franco è un visionario: quando ho capito che la sua tecnologia era complementare alla mia idea, mi sono presentato”.
When I meet Cosimo Palmisano, he asks me if I know what the Internet of Everything (IOE) is: we are talking about the cities he has
lived in, from Taranto to San Francisco to San Felice Circeo, when
he starts to explain to me how the virtual world can reshape the
real one through technological creativity, ideas, information and
things. “The Internet of Things, the monitoring of social networks,
the importance of customers: I’ve always wanted to harness all
this data which is floating about in the cloud, rationalise it and turn
it into something”. Thus was born Ecce Costumer, the brainchild
of this telecommunications engineer who dealt with predictive
statistical models. In addition to awards, Cosimo obtained a loan
to seek funds and potential partners for his idea in Silicon Valley,
where he met another Italian engineer, Franco Petrucci, who was
there to seek funds for Decisyon, which he had founded in 2005.
“Franco is a visionary. When I realized that his technology was
complementary to my idea, I introduced myself”.
Quello è stato il momento in cui sono nate tutte le cose: le esperienze di Franco e Cosimo si sono unite, la loro immaginazione, la
capacità di implementare le idee e l’ambizione nella ricerca di fondi li hanno portati alla realtà di Decisyon oggi. “Abbiamo raccolto
44 milioni di dollari: uno dei più grandi investimenti che l’Italia del
software abbia mai ricevuto dagli Stati Uniti”. Decisyon ha creato una piattaforma software che accelera il processo decisionale
attraverso la gestione, la produzione, la transizione di informazioni
sia interne che esterne all’azienda con gli stessi meccanismi dei
social network.
That was the moment when things were created: Franco and
Cosimo’s experiences were united and their imagination, ability
to implement ideas and ambition in seeking funds have brought
them to the reality of today’s Decisyon. “We’ve collected $44 million, one of the largest investments ever made in Italian software
by the United States”. Decisyon has created a software platform
that accelerates the decision-making process through the management, production and transition of information both inside and
outside the company using the same mechanisms as a social
network.
Tra la sede di Latina e quelle degli Stati Uniti, quasi 100 persone
lavorano per gestire 200 clienti di 11 Paesi diversi, permettendo
l’integrazione del mondo virtuale con la concretezza dei dati reali
e delle cose e dimostrando che le eccellenze tecnologiche del nostro Paese hanno molto da dire.
Between the office in Latina and those in the United States, Decisyon employs 100 people to handle 200 customers in 11 countries, allowing the integration of the virtual world with real data
and things, and demonstrating that our country’s technological
excellence has plenty to say for itself.
Elisa Casseri
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 215
Rhome
www.rhomefordencity.it
Un ambizioso progetto di bioedilizia realizzato
da oltre cento studenti dell’Università Roma
Tre, coordinati da Chiara Tonelli.
An ambitious eco building realised by more
than one hundred students from Roma Tre
University, coordinated by Chiara Tonelli.
La casa del futuro. Non si tratta di quelle robe da archistar, costosissime, al limite dell’agibilità, della possibilità di costruzione e non
sempre di buon gusto. In questo caso l’ambizione è stata causa, ma
anche effetto, sia in termini di riconoscimento sia dal punto di vista
pratico: il team di Rhome ha vinto il Solar Decathlon Europe 2014
di Parigi grazie all’idea di una “casa passiva”. Non una casa passiva
teorica, bensì posizionata in un luogo ben preciso, cioè il problematico e recentemente noto alle cronache quartiere di Tor Sapienza.
The home of the future. This isn’t one of those high-end, archistar,
impractical, testing-the-limits, bordering-on-bad-taste things. In
this particular case, ambition was the cause but also the effect,
both in terms of recognition and from a practical point of view:
the Rhome team won the Paris Solar Decathlon Europe 2014 with
their idea for a “passive house.” Not a theoretical passive house,
but one built in a specific place - the working class Tor Sapienza
district, which recently made the papers in Italy.
Cos’è una casa passiva? È un edificio nel quale si combinano le tecnologie abbattendo costi, consumi e sprechi, per cui si calcolano
flussi energetici, condizioni climatiche, modalità degli impianti, la
tipologia dei materiali e alla fine si prova ad azzerare l’impatto ambientale. Volete un esempio? Nel prototipo di Rhome c’è una tenda
mobile fotovoltaica e i parapetti sono pannelli solari termici che
garantiscono il riscaldamento di trecento litri di acqua. Allora chissà quanto costerà la casa? Fra i 100 e i 1400 euro a metro quadro,
inclusa una dotazione di arredi fissi. Tempi di costruzione? 90 giorni
fondazioni comprese. L’aspetto energetico è davvero impressionante: Rhome produce 4500 kWh in un anno e ne consuma 1300.
What is a passive house? It’s a building where technologies combine to reduce costs, consumption and waste, and whose energy
flows, climatic conditions and systems and building materials are
all designed to reduce environmental impact to zero. You want
an example? In the prototype for Rhome there is a mobile solar
power tent and the parapets are photovoltaic panels capable of
heating 300 litres of water. But how much would a house like
that cost? Between 1,000 Euro and 1,400 Euro per square meter,
including furniture. Construction time? Ninety days, including the
foundations. And the most impressive thing about it is the energy consumption: Rhome produces 4,500 kWh a year, while only
consuming 1,300.
Perché in questo concept Rhome sono importanti sia Roma che
Home, ma soprattutto la erre. Erre come Relazioni fra le persone,
Rapidità di spostamento, Riduzione degli sprechi, Riuso dei materiali, Rigenerazione territoriale. Tutto nell’ottica della Smart City,
della vivibilità, dell’attenzione al contesto. E dovreste vederli i visi
dei ragazzi che lavorano al progetto, sono oltre duecento occhi
che puntano al futuro. Un futuro possibile, verde, non alienato,
un futuro bello a vedersi che non hanno voglia di farsi portar via.
Vins Gallico
Camilla Desideri
Paola Lenzoni Milli
Nicola Moscheni
Vincenzo Panasiti
Gabriele Roselli
Chiara Tonelli
The most important elements of Rhome are, yes, Rome and Home,
but above all the letter R. R as in Relations between people, Rapidity of movement, Reduction of waste, Reuse of materials and
Regeneration. All with an eye to the Smart City, with liveability
and attention to context. And you should see the faces of the
young people working on the project - more than two hundred
eyes looking towards the future. A future that is green, welcoming
and beautiful to look at. A future that they don’t want to see taken
away from them.
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 217
Mauro Rotelli
www.medioera.it
Cofondatore di Medioera, festival di cultura
digitale e innovazione. È formatore, consulente
e creativo in ambito multimediale.
Cofounder of Medioera, the festival
of innovation and digital culture, he is
a multimedia teacher, consultant and creative.
La rivoluzione digitale è anche e soprattutto una rivoluzione culturale. Lo ha capito molto bene Mauro Rotelli, che ha costruito
la sua figura di creativo sulle nuove tecnologie e sulle potenzialità
offerte delle piattaforme multimediali. Rotelli ha una personalità
ibrida e un eclettismo vorace: ha iniziato da ragazzo organizzando
feste, capodanni ed eventi universitari. Oggi la sua attività spazia a
trecentosessanta gradi attorno all’universo del digitale: formazione, consulenza, workshop, divulgazione e, soprattutto, narrazione.
The digital revolution is above all a cultural one, as Mauro Rotelli
– who has built his position as a creative guru on the basis of
new technologies and the potential benefits of multimedia platforms – knows very well. Rotelli has a hybrid personality and a
voracious eclecticism: he started off young, organising parties
and New Years’ and university events. Today, his work covers all
three hundred and sixty degrees of the universe of digital training,
counselling, workshops, dissemination and, above all, narration.
Sì perché tra le passioni di Mauro c’è anche la fotografia da smartphone, una modalità di documentazione del presente che passa
attraverso Instagram e i social network. I suoi scatti sono sempre
in bilico tra la volontà di cogliere il mondo da un punto di vista del
tutto nuovo e raccontare una storia che si svolge in quel mondo.
Sono scatti, come lui, ibridi, colorati, fatti di angolazioni e giochi
visivi in cui gli esseri umani sono raramente colti nelle loro espressioni: sembrano più testimoni secondari – spesso ripresi di spalle
– di un paesaggio ancora magicamente naturale, quasi l’ipotesi di
un’Italia come potrebbe essere e come in parte è. Un’Italia possibile e idealizzata, verrebbe da dire.
Yes, because Mauro’s passions also include smartphone photography, a way of documenting the present through Instagram
and social networks. His shots always lie just upon the junction
of a desire to capture the world from a whole new point of view
and the wish to tell a story that takes place in that world. They are
pictures which, like him, are colourful hybrids, made up of angles
and visual games where humans and their expressions rarely appear, seeming more like secondary witnesses – often seen from
behind – of a landscape which is still magically natural, almost
the hypothesis of an Italy as it could be and how it partly is. An
idealised, possible Italy, one might say.
Ma l’esperienza di Rotelli non può essere compresa fino in fondo se
non la si raccorda a Medioera, il festival di cultura digitale e innovazione che ha fondato nel 2010 insieme ad altri amici. Medioera
non è solo un festival di settore, uno tra i più importanti che ci sono
in Italia: è il tentativo di mediare l’antico e il moderno, la cultura
Medievale di Viterbo, dove ha sede la manifestazione, e la Nuova
era della comunicazione. È un punto d’incontro tra nuovi saperi in
cui si confrontano competenze ed esperienze diverse. Mauro e i
suoi amici lo hanno realizzato come veri pionieri, e da veri pionieri
hanno trasformato tutto questo nel loro modo di vivere.
But Rotelli’s experience cannot be completely understood unless
you link it with Medioera, the festival of digital culture and innovation that, together with friends, he founded in 2010. Medioera
is not just one of the sector’s most important events in Italy: it is
an attempt to mediate the ancient and the modern, the Medieval
culture of Viterbo – which hosts the event – and the new era of
communication. It is a meeting point for new knowledge, where
different skills and experiences meet. Mauro and his friends realised it like true pioneers, and like true pioneers they have turned
it into their life.
Giorgio Nisini
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 219
Sociallending
www.sociallendingitalia.net
Digital Champion di riferimento del Comune
di Sora, coniuga crowdfunding e microprestito
in una startup a vocazione sociale.
Go-to Digital Champion of the Sora municipality,
she brings together crowdfunding and
microcredit in a startup with a social calling.
Sociallending. Prestito sociale. Lo dice la parola stessa, come ribadiva Maurizio Ferrini in un celebre tormentone di arboriana memoria. Apparentemente una contraddizione in termini. Invece no,
se a vivificare un terreno considerato ostico e arido è la linfa della
solidarietà. E se la pioniera, Ida Meglio, è un’operatrice finanziaria che, nuotando controcorrente, ha scelto di investire le proprie
competenze in una startup di innovazione sociale, coinvolgendo
nell’impresa altre due under 35: Anna Colacicco, per la parte legale e Ilaria Affinati, per il digital marketing.
Sociallending. The name says it all, even though it almost sounds
like a contradiction in terms. Unless we’re talking about the lifeblood of solidarity reviving an area considered tough and arid
and the pioneer in questons is Ida Meglio, a financial operator
swimming against the tide who has chosen to invest her skills
in a startup promoting social innovation and employing two under-35s: Anna Colacicco for the legal side and Ilaria Affinati for
digital marketing.
Il cuore di Sociallending? Crowdfundig (la raccolta di fondi su
Internet attraverso social media e social network) applicato al
microprestito. Destinatari: i soggetti svantaggiati. Target pilota,
scelto dopo una verifica sul campo nella comunità radicata e integrata nel territorio, i giovani immigrati di seconda generazione
perché, afferma Ida Meglio “secondo i dati ISTAT, la loro imprenditoria potrebbe dare un impulso all’economia italiana dello 0,5%”.
Ma è solo l’inizio: l’intenzione è di applicare questo microcredito
d’impresa basato sull’innovazione digitale a un target più ampio a
esclusione sociale, che comprenda anche i giovani italiani.
Come sulle rotte dei pionieri, si procede a tappe, ma con in mente
una meta ben precisa: l’impresa sociale. Il modello di riferimento è
Kiva, una ong statunitense ispirata alla Gramen Bank del bengalese Nobel per la pace Muhammed Yunus, che grazie al crowdfunding sostiene il microcredito in Paesi disagiati. Né donazioni né
intermediazione finanziaria. C’è una terza via, quella della responsabilizzazione. Si procede fianco a fianco, dal rendere il progetto
appetibile agli investitori al dargli visibilità sulla piattaforma, dalla
ricerca di banche che eroghino il microcredito alle partnership per
le garanzie, al fundraising di sostegno. La pioniera fece l’impresa
e il titolo di digital champion, campione dell’innovazione digitale,
se lo merita tutto.
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
Ida Meglio
The heart of Sociallending? Crowdfunding – raising money on the
internet through social media and social networks – applied to microcredit. The recipients: the disadvantaged. Their pilot target, selected after a assessment on the ground of the community rooted
in the local area: young second-generation immigrants, because,
Ida Meglio says, “according to data from the Italian National Institute of Statistics, their entrepreneurship could give a 0.5% boost
to the Italian economy”. But this is just the beginning: their goal
is to apply this microcredit business based on digital innovation to
a wider target group suffering from social exclusion, which also
includes young Italians.
Just like the pioneers, they advance in stages but with a clear goal
in mind: social enterprise. Their model is Kiva, a US NGO inspired
by the Bengali Nobel Laureate Muhammed Yunus’s Gramen Bank,
which, thanks to crowdfunding, promotes microcredit in disadvantaged countries - no donations and no financial intermediation.
A third way exists, and it is that of responsabilisation. They move
forward side by side, making the project attractive to investors,
increasing the platform’s visibility, seeking out banks that disburse
microcredit, creating partnerships for guarantees and organising
fund-raising. The pioneers who started the business couldn’t be
more deserving of the title of Digital Champions.
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 221
Storm in a Teacup
www.stcware.com
Carlo Ivo Alimo Bianchi è Ceo e Creative
Director di Storm in a Teacup che nel 2014
ha presentato NERO alla Biennale di Venezia.
Carlo Ivo Alimo Bianchi is CEO & Creative
Director of Storm in a Teacup, which in 2014
presented NERO at the Venice Biennale.
Storm in a Teacup, come la canzone dei Red Hot Chili Peppers.
Storm in a Teacup come un piccolo grande evento rivoluzionario.
Un po’ perché in Italia i videogiochi non si producono, un po’ perché la visone di Carlo Ivo Alimo Bianchi (Ceo e Creative Director)
non è quello che ci si aspetterebbe. Carlo non pronuncia mai la
parola game, piuttosto parla di narrazione, di storia, di esperienza.
È così che è nato NERO, la prima creatura di Storm in a Teacup.
Un uomo e un bambino avvolti nelle loro mantelle si muovono in
una notte blu scintillante di piccole luci e rifrangenze. “Si gioca per
capire la storia. Con NERO m’interessava dare un significato alla
morte. E dunque alla vita.”
Storm in a Teacup, like the song by the Red Hot Chili Peppers. A
storm in a teacup, a tempest as potent as it is tiny. Partly because
video games just aren’t usually produced in Italy, and partly because Carlo Ivo Alimo Bianchi (Ceo and Creative Director) is not
quite what you would expect. Carlo never says the word ‘game’
but rather speaks of a narrative, of a story, of an experience. This
is how NERO, Storm in a Teacup’s first creation, came about. A
man and a child wrapped in cloaks move through a blue night
sparkling with lights and reflections. “You play in order to understand the story. With NERO I was interested in giving a meaning
to death. And therefore to life”.
Per Carlo i giochi sono il massimo dell’entertainment perché c’è
interazione, perché ci si sente parte di qualcosa. E allora è interessante offrire un’esperienza non solo ludica, ma densa di significati.
Di emozioni, di senso. Lo scopo è creare un prodotto che generi
domande, interrogativi. Come un libro, una narrazione articolata.
Ed è così che è nato anche ENKI. Un gioco sulla paura, dove però
i libri che parlano della generosità e della forza terrifica di ENKI
(il dio della mitologia sumera, di cui molte rappresentazioni sono
andate perdute per colpa dell’Isis), hanno un ruolo fondamentale.
Quello che leggi è approfondimento, ma anche possibilità di scegliere i tuoi percorsi che, come la vita vera, possono avere finali
diversi.
Carlo’s games are the ultimate in entertainment because of their
interactive nature and because you feel part of something. And
it is interesting to offer an experience which is not simply playful
but also rich with meaning and emotion. The aim is to create a
product that generates questions, like the involved narrative of a
novel. That is how ENKI came about – a game about fear, where
the books that speak of the incredible generosity and strength
of ENKI (the god of Sumerian mythology, of whom many images
have been destroyed by the Islamic State) play a key role. What
you read is an analysis, but you also can choose your paths, and,
just like in real life, they can lead to different endings.
Se invece deve pensare al futuro, Carlo ha in mente due progetti.
Una trilogia ispirata a Coleridge e a Platone, in parallelo a qualcosa
di più semplice: una storia d’amore narrata dal vento. Qualunque
sia l’idea, sa di voler seguire sempre la regola della semplicità:
tutto dev’essere funzionale all’esperienza che si vuole trasmettere, con l’intenzione di fare qualcosa di unico, di diverso. “La
competizione produce solo cloni”; quando invece nel mercato dei
videogiochi c’è spazio per tutti. Per tutti, la possibilità di narrare
qualcosa di veramente nuovo.
Gaia Manzini
Carlo Ivo Alimo Bianchi
If he has to think about the future, Carlo has in mind two projects:
a trilogy inspired by Coleridge and Plato and something simpler
– a love story narrated by the wind. Whatever the idea, though,
he knows that he always wants to follow the rule of simplicity:
everything must contribute to the experience that he wishes to
convey, with the aim of creating something unique and different.
And anyway, “competition only produces clones”, when in fact
there’s room in the video game market for everyone. And for
everyone, the opportunity to recount something really new.
Lazio Creativo / Nuove tecnologie / 223
Wanderio
www.wanderio.com
App per facilitare chi viaggia nata da tre
under 35. Un sistema che riesce a pianificare
70.000 viaggi in un anno.
An application to help under-35s travel.
A system capable of planning
70,000 trips a year
Vagabondo che son io. Vuoi andare da X a Y? È sufficiente digitare
punto di partenza e luogo di arrivo e Wanderio ti proporrà la varie
soluzioni in una combinazione acrobatica fra treni, aerei, autobus,
auto private, metropolitane. Insomma, stop a sfiancanti e noiosissimi confronti fra prezzi, orari, siti, piattaforme, sistemi di pagamento. Non sembra, ma ogni volta che ci mettiamo a prenotare
un viaggio visitiamo più di venti pagine web ed effettuiamo almeno una decina di sessioni di ricerca. Per fortuna tre giovani hanno
avuto l’idea per farci risparmiare tempo e nervi. Si tratta di Matteo
Colò, Luca Rossi e Disheng Qiu: tutti e tre sotto i trent’anni, si sono
conosciuti a InnovAction Lab e nel 2012 hanno fondato Wanderio.
I, Vagabond. Do you want to get from A to B? Simply type in the
point of departure and the point of arrival and Wanderio will offer
a range of solutions in an acrobatic combination of trains, planes,
buses, private cars and subways. In short, no more exhausting,
mind-numbing comparisons of prices, times, websites, platforms
and payment systems. Because it might not feel like it, but every
time we book a trip we visit more than twenty websites and carry
out at least ten search sessions. Fortunately, three young men have
had an idea that will save our time and our nerves. They are Matteo
Colò, Luca Rossi and Disheng Qiu: all three are under thirty, they
met in the InnovAction Lab, and in 2012 they founded Wanderio.
Non stiamo parlando di un semplice programma di incrocio, ma di
un sistema che riesce a pianificare oltre 70.000 viaggi in un anno e
che confronta 1.000 compagnie aeree, 3.000 provider di trasporto
ferroviario e più di 50.000 servizi di trasporto per strada. A vederli
sembrano tre attori usciti da una sit-com, come in fondo tutto lo
staff, diviso fra Roma e Milano. E invece... Luca e Disheng sono i
due CTO, cioè sono i responsabili della parte tecnico-informatica,
cioè sono i cervelloni smanettoni che coordinano altri cervelloni
smanettoni, mentre Matteo è il CEO, cioè il super mega capo, il
volto rotondo dei ventisette anni, l’accento romano coperto dall’esperienza bocconiana e dall’uso meticoloso di un english lexicon.
Ha il piglio dell’imprenditore, guarda in avanti e ha la buona attitudine di pensare “green” e filosofico.
Wanderio is not just some cross-referencing programme, but a sophisticated system capable of planning more than 70,000 trips a
year by comparing 1,000 airlines, 3,000 railways and over 50,000
road transport providers. To look at them, you’d think they’d just
walked off the set of a sitcom - just like the rest of the staff, who
are split between Rome and Milan – but Luca and Disheng are
actually the two CTOs responsible for the IT part (the brainy geeks
who coordinate the other brainy geeks) while, despite his round
27-year-old face, the Roman accent that peeks out from under
the smooth Bocconi University exterior and his meticulous use
of English words, Matteo is the CEO (i.e. the super top dog). He
has the air of an entrepreneur, with his eyes to the future and a
positive habit of thinking “green” and philosophical.
To wander in inglese vuol dire viaggiare, errare, peregrinare, ma
anche divagare, girovagare senza meta. Questi ragazzi invece
sembrano averla una meta, non sono sfattoni come il cinema e la
tv ci hanno fatto immaginare la Silicon Valley, si bevono ogni tanto
una birretta e si stanno preparando il terreno per andare molto
lontano. Magari guidati dalla loro app.
Wandering can mean travelling or it can mean roaming aimlessly,
but these guys seem to have a destination in mind. They’re not
the stoners that film and TV might make us think Silicon Valley is
full of – they drink the odd beer, and are preparing to go a very long
way. Perhaps directed by their app.
Vins Gallico
Luca Rossi
Disheng Qiu
IO/
STARTUP CREATIVE
Lazio Creativo / Startup creative / 227
L’economia del futuro è la creatività
Creativity is the economy of the future
Gli under 35, conosciuti come giurati del Fondo della Creatività,
attraverso le loro idee, sono donne e uomini che reagiscono alla
crisi: partendo dalle esigenze delle persone e contando su 3 alleati. Le tecnologie, che permettono di progettare e produrre ciò che
si immagina. Il mercato, che grazie a comunicazione e logistica è
globale. Il mondo è a disposizione.
The under-35s, known to the jury members of the Fondo della Creatività through their ideas, are women and men who are fighting
back against the recession on the basis of people’s needs and with
3 allies: technologies which allow the design and production of the
things they imagine, and a market which - thanks to communication and logistics - is global. The whole world is available.
A questi, se ne aggiunge un terzo, la curiosità. È questa, la molla
che muove le industrie creative. Proprio per questa contaminazione di antico e moderno, di centralità e periferia, di tecnologia
e artigianato, che il Lazio ha le carte per essere in una sfida che
è quella dei territori del mondo. È questa la lezione che ci viene
dall’entusiasmo con cui Oniride e Hubstrac affrontano l’innesto
della tecnologia per migliorare l’esperienza dei beni culturali, uno
dei terreni di sfida dei prossimi anni. O l’energia di Musicantica
che ricostruisce antichi strumenti con tecnologie d’avanguardia.
Dalle suggestioni del guanto multifunzionale di Scaleno che unisce
forma e funzione cambiando un oggetto di tutti i giorni. Pensiamo
alla customizzazione di Edopera, un esempio di come le tecnologie
vengono inserite nei processi produttivi: è questa la rivoluzione dei
makers. La forza di Rublic, che si occupa di riqualificazione e rigenerazione urbana, tramite temi come efficentamento energetico
e sostenibilità. Simile filosofia del progetto Tumahi, che realizza,
complementi d’arredo a basso impatto ambientale. Così come
Plato Design e le sue lampade Led eco-compatibili, coniuga stile
e rispetto dell’ambiente. Mentre i nuovi tessuti per costumi da
bagno femminili e innovativi di Adalù parlano di come, la tecnologia, unita al gusto, abbia enormi opportunità. Infine, Urban Design,
che opera nei servizi per la creatività alle imprese, alle pubbliche
amministrazioni, ai cittadini.
To these we must add the third: curiosity, the driving force of
creative industries. It is its strange blend of ancient and modern,
centrality and periphery and technology and craftsmanship which
makes Lazio capable of tackling the challenge of taking on the
wider world. This is the lesson of the enthusiasm with which Oniride and Hubstrac go about using technology to enhance the experience of cultural heritage, a field which will be hotly contended
in the coming years. And of the energy of Lanuvio’s Musicantica,
which reconstructs ancient instruments using cutting-edge technology. And of the possibilities of Scaleno’s multifunctional glove,
which unites form and function to profoundly change an everyday
object. Then there is Adopera’s customisation, an example of how
to incorporate technologies into manufacturing processes: this is
the real revolution of the Makers. Or the power of Rublic, tackling
urban regeneration and requalification with ideas like energy efficiency and sustainability. A similar philosophy to that of Tumhai,
who create furnishings with low environmental impact, the same
way Plato Design’s eco-friendly LED lamps combine beauty and
respect for the environment. Adalù’s new fabrics for innovative
women’s bathing suits show us the vast opportunities offered by
technology combined with taste. And last but not least, there is
Urban Design, which provides creative services for businesses,
public administration and citizens.
Tutte storie che dicono che per il Lazio la strada della creatività
è quella giusta. Ci piace pensare che questo libro sia l’inizio del
suo racconto
Stories which tell us that the road of creativity is the right one
for Lazio. We would like to think that this book is the beginning
of its story.
Alessio Gismondi e Alessandra Torella
Alessio Gismondi Faber, artigiano a 360° nell’azienda di famiglia che da tre generazioni si occupa di falegnameria. Partecipa
ai principali saloni di design nel mondo. Per il MUSE di Trento ha
realizzato il progetto CON_TATTO.
Alessandra Torella Scenografa di cinema e teatro ha collaborato con Danilo Donati e con registi quali De Simone, Olmi, Faenza.
Docente e curatore di mostre ha realizzato per il Museo Aldobrandini di Napoli il progetto Per un Museo della Moda in Italia.
Alessio Gismondi Faber, an all-round craftsman and carpenter
in the business which his family has run for three generations. He
has participated in the major international design exhibitions, and
realised the CON_TATTO project for the MUSE in Trento .
Alessandra Torella is a set designer for film and theatre who has
worked with Danilo Donati and with directors such as De Simone,
Olmi and Faenza. She is a lecturer and curator who created the
For A Fashion Museum in Italy for Naples’ Aldobrandini Museum.
Lazio Creativo / Startup creative / 229
Adalù
www.adalu.it
Innovativo brand tessile per costumi
e mute da surfisti, creato dalla
ventiseienne Valeria Donati.
An innovative textile brand for surfing
costumes and wetsuits created
by twenty-six-year-old Valeria Donati.
Sulle onde. Definire Adalù soltanto un brand tessile significa svilire
l’idea di Valeria. Perché dietro questo suono tronco, francofono e
contemporaneamente hawaiiano c’è la passione per uno sport,
la creatività del disegno e quell’attaccamento alla famiglia così
tipicamente italiano centromeridionale.
On the waves. To say that Adalù is simply a clothing brand would
be to not do Valeria’s idea justice. Because behind this short name
with a French-Hawaiian sound lies a passion for sport, the creativity of design and the attachment to family that is so typical of
central and southern Italy.
Valeria è una surfista, consultando il suo sito si vede un video
di una ragazza che si sveglia, si cuce un costume e se ne va in
spiaggia a cavalcare le onde. Ovviamente non è così al volo che si
realizza un capo d’abbigliamento. I bikini e le mute in lycra (mi rifiuterò di chiamare le mute mutini, non può esistere in italiano una
parola simile!) confezionate da Adalù sono pezzi unici, ognuno diverso dall’altro, realizzati con un’ispirazione vintage anni ‘50/’60. In
comune hanno la resistenza al sole, al vento e offrono protezione
contro le abrasioni causate dalla paraffina. Chi li ha provati, parla
di una seconda pelle. Sembrano comodi, oltre che coloratissimi.
Ultimamente la produzione si è spostata anche ai leggings (mi rifiuterò di chiamare dei pantaloni attillati Surging, non può esistere
in inglese una parola simile!). Insomma per tutte le donne che
vogliono fare surf Valeria ha trovato una soluzione. Per gli uomini
ancora no, ma c’è speranza.
Valeria is a surfer, and her website features a video of a girl who
wakes up, sews herself a costume and goes to the beach to ride
the waves. Their products aren’t actually made quite that quickly,
of course. The Lycra bikinis and wetsuits Adalù sells are one-off
pieces, each unique, with a vintage flavour inspired by the ‘50s
and ‘60s. They share a resistance to sun and wind and offer protection against the abrasion caused by paraffin. Those who have
tried them say they feel like a second skin, and they look comfortable as well as colourful. Recently, they have also started to
produce leggings. In short, Valeria has found a solution for women
who want to surf. The men will have to wait a bit longer, but
there’s hope for them too.
E c’è speranza anche per chi fra le ladies non ha mai praticato il
surf. L’onda più bella che Valeria abbia mai cavalcato è stata la prima, si è alzata e poi è caduta dopo pochi secondi. All’inizio avevo
parlato di attaccamento alla famiglia, ricordate? Considerate che
il nome del brand deriva dalle nonne di Valeria, Ada e Luciana, e
che una delle sue più strette collaboratrici è la madre. Ecco, la
capacità di rialzarsi, Valeria l’ha ereditata da nonna Luciana. La
spensieratezza invece da nonna Ada. Come a dire: se cadete, non
preoccupatevi, un altro pezzo di Ben Harper, e coraggio, su, verso
il mare, di corsa e... buena onda.
Vins Gallico
Valeria Donati
And there’s even hope for those girls who’ve never climbed onto
a surfboard. The most beautiful wave Valeria has ever ridden was
the first – she got up on it and then fell back down into the water
a few seconds later. Remember what I said earlier about devotion to family? Well, one of her closest assistants is her mother,
and the brand gets its name from Valeria’s grandmothers, Ada
and Luciana. She inherited her ability to get back up on her feet
from grandma Luciana, and her cheerfulness from grandma Ada.
In other words: if you fall off, don’t worry - just put on another
Ben Harper track, pluck up your courage, and off you go at a run
towards the sea. Enjoy the water!
Lazio Creativo / Startup creative / 231
Edopera
www.edopera.it
Due architetti e un progetto per la produzione
in carbonio di pezzi e accessori per l’industria
navale e dei motori.
Two architects and a project for the production
of carbon fibre parts and accessories
for engines and the marine industry.
Cassano Laerzio e Alessandro Inno lavorano a Ostia al progetto
Edopera, che ha vinto il Fondo per la Creatività. Edopera ha a che
fare con la velocità, il trasporto, ma anche il lusso e il design. In
linguaggio aziendale la sua mission è quella di sviluppare attività
creative di customizzazione nel settore navale, industriale, del trasporto e aereonautico facendo leva sulla produzione ingegneristica e artigianale. Uno yacht, una moto, un’automobile: tutti i pezzi
richiesti dal cliente – funzionali e di ricambio o accessori e optional – vengono trasformati in carbonio, più leggero ed elegante.
Edopera è un progetto innovativo perché il cliente può interagire
grazie al configuratore di oggetti presente sul sito web, ovvero
può dire la sua sul modello da scegliere e su cui lavorare e lo fa
smontando aggiungendo, colorando e spostando.
Cassano Laerzio and Alessandro Inno work in Ostia on the Edopera
project, winner of the Fondo per la Creatività competition. Edopera
deals with speed and transport as well as luxury and design. In the
language of business, its mission is to develop creative customization in the naval, industrial, transportation and aeronautics fields
through engineering and craftsmanship. A yacht, a motorcycle, a
car: all the parts a customer might require – both functional and accessories – are transformed into lighter and more elegant carbon.
Edopera is innovative because it allows the customer to interact
with the object on its website and have their say about the selected
model, working on it by removing, adding, colouring and altering.
Edopera nasce per iniziativa di due architetti navali: il primo, Laerzio ex tirocinante nello studio dell’altro, Inno, che oggi è il coordinatore per i progetti in cantiere: “Con la crisi del settore nautico
– racconta Laerzio – abbiamo puntato al mercato del lusso che
non conosce mai il problema, ragionando sul fatto che chi possiede una vettura o un o yacht preferisce migliorare quello che ha
piuttosto che comprare cose nuove”. Con il Fondo per la Creatività
arriveranno per Edopera le risorse per l’acquisto di computer per
le matematiche tridimensionali e i costosi macchinari per la lavorazione del carbonio.
L’obiettivo di Edopera è diventare un laboratorio indipendente, con
cui per esempio, costruire in carbonio una plancia di uno yacht di
63 piedi, oppure intervenire su un modello Porsche da collezionismo che richiede pezzi di ricambio finiti oramai fuori produzione,
senza doversi appoggiare ad aziende esterne. L’ambizione dei due
architetti è di arrivare a collaborare con i grandi marchi del lusso
per autovetture e nautica: Ferrari, Lamborghini, Azimut, Princess.
Il mercato che riguarda i progetti di Edopera al momento è focalizzato sul nord-Europa, Russia, Germania, Polonia.
Stefano Ciavatta
Alessandro Inno
Cassano Laerzio
Edopera was founded by two naval architects, the first, Laerzio
a former intern in the practice of the other, Inno, who is now the
coordinator for the projects in development. “Given the slump in
the shipbuilding industry”, says Laerzio, “we decided to aim at the
luxury market, which is never affected by the problem, reasoning
that anyone who owns a car or a yacht would rather improve what
he or she already has rather than buy something new”. The Fondo
per la Creatività provided Edopera with the resources to purchase
the computers for the three-dimensional maths and the expensive
machinery to work the carbon.
Edopera’s goal is to become an independent workshop which can
use carbon, for example, to build the bridge of a 63-foot yacht, or
provide spare parts for a Porsche which is no longer in production,
without the need to rely on external companies. The ambition of
the two architects is to work with the big luxury car and boat
brands, like Ferrari, Lamborghini, Azimut and Princess, and the
market for Edopera’s projects is currently focused on northern Europe, Russia, Germany and Poland.
Lazio Creativo / Startup creative / 233
Hubstract
www.hubstract.it
Cooperativa di Viterbo che realizza
performance e allestimenti multimediali
per la valorizzazione del patrimonio culturale.
A cooperative from Viterbo which realises
performances and multimedia installations
for the promotion of cultural heritage.
È possibile dare una voce ai luoghi? Vedere personaggi e oggetti
del passato animarsi e raccontare la propria storia? Per i cinque
ragazzi che hanno fondato la cooperativa Hubstract sì, e lo hanno
dimostrato con una serie di performance e di allestimenti multimediali grazie ai quali sono risultati tra i vincitori del Fondo per
la Creatività. Quando una mattina di ottobre incontro una di loro,
Pàmela Mattana (con la “a” accentata come la protagonista del
romanzo di Samuel Richardson) mi rendo conto che l’originalità di
tutto quello che fanno sta proprio nel modo un po’ singolare in cui
hanno rovesciato l’idea classica di narrazione. Basti pensare alla
leggenda della Bella Galiana, una splendida fanciulla che liberò gli
abitanti di Viterbo da un crudele rito sacrificale. Partendo da una
delle tante versioni di questa antichissima storia, riadattata per un
pubblico di bambini, Hubstract ha realizzato degli affreschi animati
e li ha proiettati sulla facciata della chiesa di San Pellegrino, nel
quartiere medievale della città. Ne è venuto fuori un lavoro sulle
emozioni, reso possibile grazie a un uso integrato di architetture
esistenti e nuove tecnologie visive, consentendo così alla vicenda
di Galiana di stare al centro di uno stranissimo esperimento di
rivitalizzazione del passato.
Can you give a place a voice? See characters and objects from the
past come to life and tell their stories? The five young people who
founded the Hubstract cooperative think that you can, as they’ve
shown in a series of performances and multimedia installations
which have led to them being among the winners of Fondo per la
Cratività. When, one October morning, I meet one of them, Pamela (who shares her name with the heroine of Samuel Richardson’s
novel) Mattana, I realise that the originality of what they do resides in the singular way that they overturn the classical idea of
narrative. Take for example the legend of Bella Galiana, the beautiful young woman who saved the inhabitants of Viterbo from a cruel sacrificial rite. Selecting from among the many versions of this
ancient story one which had been adapted for children, Hubstract
developed animated frescoes and projected them onto the facade
of the church of San Pellegrino in the medieval part of the city.
What emerged was a piece of work dealing with emotions which
was made possible by an integrated use of existing architecture
and innovative visual technologies, allowing the story of Galiana
to take centre stage in this unique attempt to revitalise the past.
D’altra parte Hubstract è un progetto che si fonda sulla combinazione di vari ambiti e sfere, dall’archeologia alla multimedialità,
tutte al servizio di una diversa fruizione del patrimonio culturale.
È lo stesso gruppo dei fondatori ad avere questo profilo disomogeneo, mettendo insieme professionisti che vengono dal mondo
della ricerca umanistica, della comunicazione, della televisione,
della produzione video e del teatro.
Un incrocio di competenze che spiega anche la ragione del nome,
un composto che rimanda all’arte astratta e all’incontro fugace tra
viaggiatori, esattamente come in un hub aeroportuale, dove le persone vanno e vengono portando con sé il proprio bagaglio di storie.
Giorgio Nisini
Silvia Belleggia
Benedetto Di Fazio
Stefano Fiori
Pamela Mattana
Luigi Vetrani
Hubstract is a project which is based on the combination of a
variety of fields and sectors, from archeology to multimedia, all at
the service of an alternative approach to the use of cultural heritage. The group itself displays a similarly diverse profile, bringing
together professionals from the worlds of humanities, communication, television, video production and theatre.
A cluster of skills which also explains their name, a portmanteau
which calls to mind abstract art and perhaps the type of fleeting encounter between travellers which occurs in a transport hub, where
people come and go, carrying their baggage of stories with them.
Lazio Creativo / Startup creative / 235
Musicantica
www.emanueledelverme.com
La startup di un liutaio: costruire e riparare
strumenti antichi con macchinari innovativi
mantenendo l’artigianalità.
A luthier startup: building and repairing
old instruments with a blend of innovative
machinery and traditional craftsmanship.
Musicantica è una startup coltissima e raffinata. Si tratta di costruzione e riparazione di strumenti musicali antichi, come le viole
da gamba, strumenti ad arco della musica barocca del ‘600. Il
creatore e direttore di Musicantica è Emanuele Del Verme, un
etnomusicologo che ha intrapreso il percorso di formazione da
liutaio già dopo la laurea. Un corso di perfezionamento a Cremona,
centro della liuteria italiana, tre anni a bottega in un laboratorio dei
Castelli e ora in proprio. Musicantica, progetto vincitore del Fondo
per la Creatività della Regione, unisce un mestiere di forte tradizione a una rivisitazione più attuale, utilizzando tecniche di costruzione innovative. Tenuto conto che nella liuteria tutto è fatto a mano,
l’innovazione di Musicantica sta proprio nell’utilizzo di macchinari.
Musicantica is a refined, cultural startup for the construction and
repair of musical instruments like viols, the seventeenth-century
stringed instruments used in Baroque music. The creator and director of Musicantica is Emanuele Del Verme, an ethnomusicologist
who began training as a luthier straight after graduation, with an
advanced course in Cremona, the centre of Italian lutherie, three
years in a workshop in the Roman Castles, and who is now working
for himself. Musicantica, one of the winners of Fondo per la Creatività Project, allies a strong craft tradition with the more contemporary spin of using innovative construction techniques. Although in
lutherie everything is usually done by hand, Musicantica’s innovation lies in the use of machinery.
Il progetto di Emanuele Del Verme è quello di abbandonare il
semilavorato e partire direttamente dal tronco. Questo significa
ottimizzare i costi e produrre oggetti il cui costo sul mercato è
automaticamente più competitivo. Inoltre si produce un valore autoriale del prodotto, dato che è difficile reperire pezzi originali con
cui lavorare per riparare o riprodurre strumenti antichi.
Emanuele Del Verme’s plan is to stop working from partially-finished products and to begin directly from the trunk of wood itself.
This means optimizing costs and producing items whose cost in
the market is automatically more competitive. It also confers to
the product an authorial value, given the difficulty of finding original pieces to repair or of reproducing antique instruments.
Le risorse del Fondo serviranno per l’acquisto di un tornio, ovvero di una macchia a controllo numerico per la creazione di forme
e fusi, e poi per l’acquisto di legni pregiati, attrezzature di post
produzione, programmi per la comunicazione e la fondamentale
partecipazione alle fiere di settore. Infatti costruire un prototipo
e portarlo in giro è il secondo passo del progetto Musicantica. Il
mercato travalica i confini italiani: gran parte degli strumenti prodotti dal liutaio dei Castelli Romani sono venduti in Svizzera, Olanda, Germania. “Io realizzo strumenti di lavoro per professionisti,
purtroppo però in Italia è difficile vivere di musica – racconta Del
Verme – adesso anche nei nostri conservatori si stanno aprendo
classi di musica antica. Speriamo che cambi qualcosa”.
The prize money will be used for the purchase of a lathe, a CNC
machine for the creation of forms and spindles and for funding the
acquisition of precious woods and post-production equipment and
for communication programs and, very importantly, participation
in trade fairs. In fact, the second step of the Musicantica project
is the construction of a prototype to show to potential customers,
as its market is not principally Italian: most of the instruments
produced by this luthier from the Roman Castles are sold in Switzerland, Holland and Germany. “I build working instruments for
professionals, but unfortunately it’s difficult to make a living out of
music in Italy,” says Del Verme. “Nowadays, even our conservatories are holding early music classes, though. Let’s hope there’s
going to be a change”.
Stefano Ciavatta
Emanuele Del Verme
Lazio Creativo / Startup creative / 237
Oniride
www.oniride.com
È una startup nata da tre ideatori
e programmatori e due finanziatori.
Sono risultati primi su oltre 600 startup.
A startup founded by three designers
and programmers and two backers
which won the Lazio Innova competition.
Oculus. Fare un sogno è entrare nei luoghi che non esistono. Oppure in luoghi che sono esistiti, o che sono trasfigurati dalla realtà
del sogno. È passeggiare verso il cipresso brumoso di Notte stellata di V. van Gogh, seguire le colline magmatiche verso il campanile
della cattedrale di Saint-Rémy, piegarsi sotto quel cielo vorticoso,
individuare le pennellate grumose, intravedere la tela tra un tremolio del pennello e l’altro. Vivere nel quadro, è il sogno. Eppure
gli occhi sono aperti, si è svegli, si è coscienti, e quello che si ha
sul viso non è il cuscino ma un oculus interattivo che proietta la
persona fisica in una realtà non fisica. Quella del quadro, appunto;
o quella del Colosseo dell’80 d.C.; o quella del Mausoleo di Elena
come doveva essere nel IV secolo d.C. E allora, qual è la realtà?
Quella che vediamo.
Oculus. Dream your way to places that don’t exist, or places
that once existed, or that have been transformed by the reality
of the dream. It means walking towards the misty cypresses of
Van Gogh’s Starry Night, following the magma-like hills towards
the bell tower of the Cathedral of Saint-Rémy, leaning back under
that swirling sky to identify the individual lumpy brushstrokes and
glimpsing the canvas between one stroke of the brush and the
next. Living inside the painting is the dream. Yet your eyes are
open, you are awake, you are aware, and covering your face is
no pillow but an interactive oculus which propels the individual
into a non-physical reality. That of the painting, in fact; or of the
Colosseum in 80 BC, or the Mausoleum of Helena as it was in the
fourth century AD. So what exactly is reality? It is what we see.
E il gruppo di Oniride, una manciata di ragazzi tra i 30 e i 35 anni,
ha progettato il modo di inventare tante realtà quanti sono gli occhi che la guardano. Un progetto pieno di ambizioni, che in Italia
sembra sbarcato da un futuro lontanissimo: eppure hanno già realizzato videomapping, immersioni in realtà virtuali, progetti che mirano alla valorizzazione del mondo culturale italiano. La tecnologia
al servizio della cultura, per creare non solo indotti economici ma
anche etici. Perché attraverso i loro strumenti l’esperienza culturale non viene sostituita ma ampliata, come se offrissero alle persone – e ai loro clienti – una strada in più su cui costruire la propria
immaginazione, dare forma a un nuovo campionario di percezioni.
The Oniride group, a handful of people aged between 30 and
35, has designed a way to invent as many realities as there are
eyes looking at them. An ambitious project which seems to have
appeared in Italy from some distant future, but which is already
realising videomapping, immersion in virtual realities and projects
with the aim of promoting the Italian cultural world. Technology at
the service of culture to create inducements which are ethical as
well as financial, because their tools allow cultural experience to
be expanded instead of being replaced, offering the public – and
their customers – another way to construct their imaginations,
giving shape to new perceptions.
La loro azienda operativa dal gennaio 2015, ha già assunto due
dipendenti. Vantano collaborazioni con il Cnr, il MiBACT, la Soprintendenza dei Beni Culturali di Roma, varie università. Sono stati ad
Expo 2015. Tra molte peripezie e difficoltà, è Roma la loro realtà
(reale) ed è qui che stanno facendo crescere la loro startup: un
paesaggio ancora spoglio e vergine, in cui far attecchire tutte le
magiche possibilità che offre il mondo virtuale.
Their company has been operating since January 2015 and already has two employees. They have worked with the National
Research Council, the MiBACT and the Rome Cultural Heritage
Superintendence as well as several universities, and were present at Expo 2015. Despite struggles and hardships, their (real)
reality is Rome, which is where they are building their startup: a
virgin landscape in which to cultivate all the magical possibilities
that the virtual world has to offer.
Rossella Milone
Mithcell Broner Squire
Andrea Giansanti
Lazio Creativo / Startup creative / 239
Plato Design
www.platodesign.it
Una startup di design che si occupa
di lampade al LED, in particolare di un unico
modello strutturale, un dodecaedro.
A design startup that produces LED lamps,
specialising in one particular structural
model – a dodecahedron.
Amore platonico. “Dal dodecaedro il nome Plato” spiega Alessandro, quando lo incontro. Ovvio, no? Per evitarvi lo sforzo di cercare
su Wikipedia, avendolo già fatto io, chiarisco il mistero. Il dodecaedro è un solido, sono dodici facce di pentagono (non sarebbe male
come offesa dire a qualcuno: “Zitto, faccia di pentagono!”). Oltre a
questo, il dodecaedro è anche uno dei cinque solidi platonici, che
non spiego cosa sono. Questo cercatevelo da soli su Wikipedia.
Platonic love. “Plato from the dodecahedron”, says Alessandro
when I meet him. Obvious, right? To save you the effort of looking
it up on Wikipedia – because I already have myself – let me
explain the mystery. The dodecahedron is a solid with twelve pentagonal faces (that actually wouldn’t be a bad insult: “Shut up,
pentagonal face!”), and is also one of the five Platonic solids. But
I’m not going to explain what those are – you can look them up on
Wikipedia for yourselves.
Insomma, immaginate questo poliedro che si collega alla corrente
elettrica con un cavo e diventa una lampada. Niente di eccezionale, penserete. Invece tramite un sistema di magneti, ne potete
attaccare un altro, e poi un altro, e un altro ancora, reggono grazie
alle calamite e si passano l’elettricità. Create una specie di simbolo chimico o di alveare in 3D. Inoltre la lampada non soltanto è
stilosissima, ma si presta a una facile personalizzazione, per cui
Alessandro e Caterina stanno raccogliendo l’adesione di alcuni
artisti per tirature limitate o per esemplari unici.
Veniamo però a loro, ai creatori di tutto ciò: Alessandro Mattei e
Caterina Naglieri sono una coppia di architetti, coppia nel senso
anche sentimentale. Si laureano a Roma e poi si separano (no, non
nel senso sentimentale, semplicemente lui va a vivere in Polonia
e lei no, anzi poi per un po’ lei lo raggiunge, ma dopo finisce a
vivere a Barcellona, e a Milano). Insomma mentre Alessandro è a
Varsavia e pensa a Caterina lontana e riflette sull’amore platonico
a causa della lontananza gli viene in mente questo dodecaedro.
A quel punto si mettono a ragionare in due, l’Italia è leader nel
settore della produzione delle lampade, ma le fa soprattutto di
vetro. Invece i due giovani architetti vedono in altri materiali delle
possibilità, nel legno, o nel cemento. E così Plato prende forma,
per creare ombre, non solo nella caverna.
Vins Gallico
Alessandro Mattei
Caterina Naglieri
Anyway, imagine a polyhedron which becomes a lamp when you
plug it in. Nothing special, you’re probably thinking. But hang on
– thanks to a system of magnets, you can attach one to another,
and then another, and another, and electricity is conducted from
one to the next. The end result is something like a 3D chemical
symbol or beehive which is also a very stylish lamp – and thanks
to the ease with which it lends itself to customization, Alessandro
and Caterina are busy involving artists in creating unique pieces.
But let’s get to them, to the creators of all this: Alessandro Mattei and Caterina Naglieri are a couple of architects – and a couple
in the romantic sense too. They graduated in Rome, and then
separated (no, not in the romantic sense – he just went to live
in Poland and she didn’t. Well, she did go over there for a bit,
but then she ended up living in Barcelona, and then Milan). In
short, while Alexander was in Warsaw thinking about Caterina so
far away and reflecting on Platonic love because of the distance
between them, this dodecahedron came into his mind. At that
point, they both started thinking about it: Italy is a world leader
in the production of lamps, but usually ones made of glass. The
two architects saw possibilities in other materials, however – in
wood, and concrete. And so it was that Plato took shape. To create shadows, and not just in a cave.
Lazio Creativo / Startup creative / 241
Rublic
www.rublic.it
Progetto di architettura integrata con energie
rinnovabili. Il futuro è una panchina wi-fi
ad energia fotovoltaica.
Architectural design integrated with renewable
energy. The future is a WiFi-equipped bench
powered by solar energy.
Lo dice il nome stesso, Rublic: Public come pubblico, R come
rinnovabile. Rublic è un progetto di integrazione architettonica
di energie rinnovabili – come il fotovoltaico o il microeolico – su
elementi di arredo urbano. L’idea alla base del progetto è quella di
creare energia fruibile dai cittadini in maniera gratuita e sostenibile, cioè rinnovabile. Nel futuro di Rublic – che ha vinto il Fondo
per la Creatività della Regione Lazio – si potrà andare in una piazza
e trovare una panchina con sistema fotovoltaico grazie al quale
agganciare i propri dispositivi portatili – tablet, pc, smartphone –
garantendo ricariche dei device, wi-fi e navigazione Internet. Ma
non solo: nel progetto Rublic c’è anche la possibilità di far trovare
sulla stessa panchina degli schermi da utilizzare. Il prototipo di
Rublic si chiama Hub, immaginato come postazione di ricarica,
produzione di energia e isola pubblica di contatto tra le persone.
It’s all there in the name: Rublic. Ublic as in public, R as in renewable. Rublic is a project which aims at an architectural use
of renewable energy sources – like the sun and the wind – in
street furniture. The idea behind the project is that of creating free,
sustainable, renewable power for public use. In the future, Rublic – which won the Lazio Region’s Fondo per la Creatività – will
allow you to go to your local town square and find a solar-powered
bench which will recharge your tablets, laptops and smartphones
and provide you with WiFi. But that’s not all: the Rublic project’s
benches will also be equipped with screens you can use. Rublic’s
prototype is called Hub, and has been designed to be a charging
station, power generator and “personal contact island”.
Rublic è destinato alle università, alle biblioteche ma anche ai pub
e ai locali. I progettisti di Rublic immaginano come primo obiettivo
la creazione di un prodotto di design integrato, cioè qualcosa di
visivo che sia incluso ma non nascosto e che non arrechi danni.
Ma Rublic contempla anche la progettazione ex novo di elementi
di arredo urbano integrati, che producano energia come a casa.
L’idea è venuta nel 2014 a tre compagni di università di Architettura, oggi liberi professionisti e progettisti di Rublic: Paolo Venturella,
Cosimo Scotucci e Roberto D’Alessandria. La difesa dell’idea di architettura come spazio pubblico e la specializzazione sulle energie
rinnovabili hanno portato alla creazione del progetto Rublic che ha
davanti a sé 24 mesi per produrre prototipi, comunicare il prodotto
ed entrare sul mercato. “In Italia ci sono progetti simili – racconta
Venturella – ma solo Rublic ha questa combinazione originale. Anche all’estero abbiamo visto diversi prototipi ma l’applicazione non
è stata sviluppata come nel nostro progetto”.
Stefano Ciavatta
Paolo Venturella
Roberto D’Alessandria
Cosimo Scotucci
Rublic is aimed at universities and libraries as well as at pubs and
clubs. Rublic’s designers’ first goal is that of creating an integrated
design – something which is visible without being an eyesore. But
Rublic also handles designing from scratch integrated pieces of
street furniture which produce energy just like the ones at home.
It was three architecture students, who are now freelancers and
the designers of Rublic, who came up with the idea: Paolo Venturella, Cosimo Scotucci and Roberto D’Alessandria. A belief in
the concept of architecture as public space and a specialisation in
renewable energy led to the creation of the Rublic project, which
now has 24 months to produce prototypes, promote its product
and enter the market. “There are similar projects in Italy” says
Venturella, “but only Rublic has this unique combination. We have
seen several prototypes abroad, but their application was developed differently to ours”.
Lazio Creativo / Startup creative / 243
Scaleno
www.scaleno.com
È il marchio dello studio progettistico
Santa Design. Tra i loro numerosi clienti
ci sono Valentino, Lucky Red, Expo, Algida.
The brand of the Santa Design workshop,
whose many customers include Valentino,
Lucky Red, Expo and Algida.
Eddy. È la sera prima della partenza. La destinazione è il Salone del
Mobile, il primo a cui Marco e Matteo partecipano con il prodotto
che hanno creato: una lampada. Marco rompe l’unico diffusore
luce di vetro della lampada da esporre. Dopo i primi momenti di
panico, riescono, con tantissime difficoltà, a ottenerne un’altra. Il
progetto è salvo, la partecipazione al Salone si rivela un successo.
Caparbietà e intelligenza, hanno portato Marco e Matteo a quel
Salone. Soprattutto, dopo aver fantasticato durante gli anni di università sull’idea di creare uno studio di progettazione tutto loro, nel
2011 li portano a crearne uno davvero.
Eddy. It is the evening before departure. The destination is the
Salone del Mobile in Milan, the first at which Marco and Matteo
have participated with the product they have created. And right
at that moment, Marco breaks the only diffuser of the lamp they
are taking to exhibit. After the initial moment of panic, they manage – with no small difficulty – to obtain another. The project is
saved, and their participation in the exhibition is a success. It was
tenacity and intelligence that led Marco and Matteo to the Salone,
as well as allowing them to create a real design workshop all of
their own in 2011 after having fantasised about it all through their
college years,.
Santa Design è il centro multidisciplinare che affronta ogni aspetto
della progettazione spaziando tra design del prodotto e comunicazione. Si pone come partner flessibile per le aziende, con l’obiettivo di trasformare un’idea in prodotto. Scaleno è il loro marchio
che, relazionandosi direttamente col cliente finale, riesce ad abbassare i costi di produzione, proponendo servizi di qualità con
prezzi compatibili. Prima di rendere affermato e prestigioso il loro
marchio, Marco e Matteo si sono spostati su e giù per l’Italia,
hanno dovuto giocare al gatto e alla volpe con parecchie persone,
si sono dovuti reinventare di volta in volta con clienti di ogni tipo.
Nonostante l’estero offrirebbe loro uno scenario più favorevole,
Roma è la loro casa ed è lì che rimangono a lavorare. Grazie a
questa intraprendenza, hanno trovato aziende e clienti che considerano i loro prodotti realtà in cui investire e credere. Il cono
gelato salva goccia; il ceppo portacoltelli magnetico; il porta frutta
elastico; e poi Eddy, il guanto da giardinaggio che ha portato molti
premi nello studio romano. L’obiettivo a cui tengono di più, ora, è
allargarsi. Coinvolgere più progettisti e artisti, così da ampliare le
loro prestazioni e fornire idee e creazioni sempre più innovative.
Rossella Milone
Marco Forbicioni
Matteo Memmi
Santa Design is a multidisciplinary centre which deals with every
aspect of design, from product design to communication. It offers
itself as a flexible partner for companies, with the aim of turning
an idea into a finished product. Their brand is called Scaleno, and
through direct liaison with the client they can lower production
costs by offering high-quality services with reasonable prices.
While trying to establish the prestige of their brand, Marco and
Matteo travelled up and down the country, playing cat and mouse
with their clients and reinventing themselves for each meeting.
Despite the more favourable climate that might await them
abroad, Rome is their home and that’s where they’ve decided
to stay. Thanks to their initiative they have found companies and
clients who see in their products something in which to invest
and believe, like their no-drip ice cream cone, magnetic knife rack
and elastic fruit bowl, without forgetting Eddy, the gardening glove
that has earned the Roman company a gamut of awards. The goal
they have most at heart, though, is to grow in size, involving more
and more designers and artists, increasing their potential and supplying increasingly innovative ideas and creations.
Lazio Creativo / Startup creative / 245
Tumahi
www.tumahi.com
In lingua Maori vuol dire “progetto” ed è
l’azzeccato nome di un brand di luci d’arredo,
giovane, colorato, alla portata di tutti.
In Maori, Tumahi means “project” - the perfect
name for a young, colourful, affordable brand
of interior furnishing.
Lontano. Nello specifico si tratta della realizzazione di oggetti unici, irripetibili, attraverso il lavoro manuale e lo sguardo sognante
rivolto all’emisfero sud, sulle rotte che solcava Corto Maltese.
Dietro questi oggetti c’è una storia. Una storia d’amore prima e
di viaggi e di sogni poi. Insomma Tumahi non nasce con un’iscrizione alla Camera di Commercio di Grottaferrata, ma è concepito
dall’incontro di Valerio Sibilia e Aurora Ruffini che si conoscono
all’università, mentre studiano disegno industriale alla Sapienza,
s’innamorano, si laureano e nel 2013 salgono su un aereo e volano
via, diciottomila chilometri, destinazione Polinesia.
Far away. The creation of unique objects through manual work
and a dreamy gaze turned towards the southern hemisphere and
the sea lanes sailed by Corto Maltese. There’s a story behind
these objects. A love story first of all, and then one of travel and
dreams. In a nutshell, Tumahi was not created at the Grottaferrata
Chamber of Commerce but was conceived through the meeting
of Valerio Sibilia and Aurora Ruffini when they were both students
of industrial design at La Sapienza University. They fell in love,
graduated, and in 2013 took a plane and flew eighteen thousand
kilometres away, destination Polynesia.
Dopo dieci mesi è come se avessero un nuovo modo di orientarsi.
Hanno visto i mari più verdi del mondo, i cieli più luminosi del mondo, eppure si ricordano del Mediterraneo con nostalgia. Necessitano delle loro radici proprio perché hanno provato a sradicarle.
Nel più lontano dei continenti cercano intorno a loro frammenti
d’Italia, nella cucina, nella moda, nell’arte. E decidono di tornare
a casa e dar vita a Tumahi, che oggi è una realtà aziendale con
quattro dipendenti. Provare a descrivere cosa fanno non è semplice. Prendete quelle orride palle Ikea, oppure la luna, ecco la
luna è perfetta, e riempite la sua superficie di sfumature, di fili, di
ghirigori, sporcatela e fatela esplodere come se fosse composta
di fiori giapponesi o dei filamenti bronzei di Rodin. Pensate a delle
sfere, a dei pianeti, blu, luminosi, fumosi, fosforescenti, tracciati
come se Pollock riuscisse a camminarci sopra.
After ten months, it was as though they’d found a new way of
navigating. They’d seen the world’s greenest seas and most luminous skies, yet still grew nostalgic at the thought of the Mediterranean. They craved their roots precisely because they’d worked
so hard to uproot them. In those distant lands they looked around
them for fragments of Italy in the cookery, in fashion, in art, before
eventually deciding to go home and create Tumahi, which today
is a company with four employees. Trying to describe what they
do isn’t easy. Think of one of those horrid balls that Ikea sells, or
maybe the moon – yes, the moon is perfect. Cover the surface
with shades, filaments and doodles, dirty it and let it explode as
though it was made of Japanese flowers or Rodin’s bronze filaments. Think of the spheres, the planets, blue, luminous, smoky,
phosphorescent, splashed with colour as though Jackson Pollock
had been at them.
Tumahi è un po’ questo, entrare dentro un ambiente (un sushibar?
una casa?) e essere proiettati in uno spazio più esterno dell’esterno da dove proveniamo e che contemporaneamente comprende
tanti interni, quelle palle, quelle monadi misteriose che chissà
cosa nascondono dietro le loro facciate velata.
Vins Gallico
Aurora Ruffini
Valerio Sibilia
That’s sort of what Tumahi is – walking into somewhere (a sushibar? a house?) and being propelled into a place even further
outside than the outside you’ve just come from, yet which at the
same time is host to a plethora of interiors. Those balls, those
mysterious monads which hide who-knows-what behind their
veiled facades.
Lazio Creativo / Startup creative / 247
Urban Factory
www.reversestudio.it
Agenzia di sette giovani ragazzi che coinvolge
artisti e designer di tutta Italia. Sono risultati
24esimi tra più di 600 imprese.
An agency of seven young artists and
designers from all over Italy. They came
24th out of more than 600 companies.
Saracinesche. Per strada, a volte, ci si ferma davanti a una serranda con un bel disegno: c’è una tazzina di caffè fumante; oppure un
dolce con la glassa morbida che sembra vera; o una Vespa, scarlatta e lucida, con gli orari di apertura e chiusura dell’officina. Delle
vere e proprie vetrine con bellissimi prodotti, anche se il negozio è
chiuso. Altre volte, quando il negozio è aperto, ci accolgono delicati
disegni alle pareti, le atmosfere calde di certi ambienti resi tanto
accoglienti dalle vetrofanie, dagli stickers murali, dagli adesivi. Se
ogni cosa pare messa proprio al posto giusto è perché, dietro al lavoro comunicativo di aziende e strutture commerciali, esiste chi di
questo particolare tipo di comunicazione ne ha fatto un mestiere.
Shutters. On the street, we sometimes find ourselves stopping in
front of a metal shutter painted with an eyecatching picture: a cup
of steaming coffee, or a realistic-looking dessert with soft frosting,
or a shiny scarlet Vespa with the mechanic’s opening times. Real
shop windows containing beautiful products, even if the store is
actually closed. And other times, when the store is open, we are
drawn in by the warm atmosphere and the delicate drawings on
the walls, the graphics on the windows, the transfers and the
stickers. If everything seems to have been put in just the right
place it’s because behind the communication of the companies
there are people who have made this particular type of communication their profession.
I tre ragazzi che hanno creato Urban Factory hanno inventato un
modo di fare impresa dando vita a una realtà imprenditoriale sorretta da due ingredienti fondamentali: l’innovazione e la creatività,
messi a disposizione dei brand dei clienti che trovano, nei loro servizi, tutto. Tutto ciò che a loro manca: idee innovative, tecnologie
all’avanguardia, strategie di marketing al passo con la new economy, campagne pubblicitarie coi fiocchi. Non solo saracinesche
e colori; Urban Factory è un modo di interpretare la comunicazione
creativa, in cui l’innovazione non è un obbiettivo ma la strategia
per raggiungere gli obbiettivi.
The three young men who created Urban Factory have invented
a way of doing business which has given birth to an enterprise
supported by two key ingredients: innovation and creativity, made
available to the brands of the customers that they supply with
everything they’re missing: innovative ideas, technologies, marketing strategies in step with the new economy, top-end advertising campaigns. Urban Factory is more than shutters and colours,
though: it’s a way of interpreting creative communication, where
innovation is not an aim but a strategy for achieving your goals.
I tre ragazzi sono diventati sette, e hanno aperto uno studio nel
centro di Roma che, ormai, dal 2013, si è imposta all’attenzione
sia delle piccole che delle grandi imprese. Il rammarico è solo uno:
quello di aver scoperto una strada ancora poco visibile alla maggior
parte della gente. Il loro cammino è così innovativo da scontrarsi, a
volte, con una realtà ancora ancorata a vecchie dinamiche imprenditoriali – patimento, questo, di tutta l’Italia. In questo senso Urban
Factory non è solo un’impresa affermata, ma anche un motore acceso, vivo, che può rendere possibile il cambiamento verso il futuro.
The three young people became seven, and opened a studio in the
centre of Rome which since 2013 has captured the attention of
both small and large companies. They only have one regret: that
of having taken a route which, to most people, remains invisible.
Their mission is so innovative that it sometimes collides with a
real world still anchored in old business dynamics – a problem
shared across the whole of Italy. In this sense Urban Factory is not
only an established business, but also a running engine which can
make it possible to change the future.
Rossella Milone
Giovanni Carfora
Stefano Cimini
Lorenzo Gambardella
AUTORI
Elisa Casseri
Elisa Casseri è nata a Latina nel 1984 ed è laureata in Ingegneria
Meccanica. Ha pubblicato alcuni racconti su riviste e nel 2012 è
stata selezionata per Scritture Giovani Cantiere dal Festivaletteratura di Mantova. Nonostante il suo blog umoristico Memorie di
una bevitrice di Estathè, ha pubblicato il suo romanzo d’esordio
Teoria idraulica delle famiglie per Elliot nel 2014. Ha vinto la 53ma
edizione del Premio Riccione per il Teatro 2015 con il testo L’orizzonte degli eventi.
Stefano Ciavatta
Elisa Casseri was born in Latina in 1984 and holds a degree in
mechanical engineering. She has published several short stories in
magazines and in 2012 was selected for Scritture Giovani Cantiere
at the Festivaletteratura in Mantova. In addition to her humorous
blog Memorie di Una Bevitrice di Estathè, she published her debut
novel Teoria idraulica delle famiglie for Elliot in 2014. She won the
53th edition of the Premio Riccione per il Teatro in 2015 with her
play L’orizzonte degli eventi.
Stefano Ciavatta. Giornalista, storyteller, scrive spesso di Roma.
Ex ghost writer aziendale, ex redattore del Riformista, ha scritto
per Il Fatto Quotidiano, Espresso.it, D. di Repubblica, RS, Linkiesta,
Italia Oggi, Il Foglio del lunedì, Rivista Studio, Europa, Pagina99,
Ultimo Uomo, il Giornale e da ultimo Vice e Internazionale. Inviato
per Sugo Rai4 di Paolini, autore per #Anni 90 (NatGeo) e Icone
(Rai5) per Stand by me. Redattore web del RomaFictionFest. Hascritto #Vola (Fandango).
I’m a journalist and storyteller specialising in Rome, and former
corporate ghostwriter and editor of the Riformista. I write for Il
Fatto Quotidiano, Espresso.it, D. di Repubblica, RS, Linkiesta, Italia
Oggi, Il Foglio del lunedì, Rivista Studio, Europa, Pagina99, Ultimo
Uomo and il Giornale as well as, more recently, Vice and Internazionale. I am a correspondent for Sugo Rai4, author for #Anni
90 (NatGeo) and Icone (Rai5) for Stand by me, web editor for the
RomaFictionFest and the author of #Vola (Fandango).
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
Vins Gallico
Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti: collaudata coppia
creativa, sono autrici di testi per radio, pubblicità, riviste, guide
Mondadori. Sceneggiatrici di fiction televisive e editor, tengono
corsi di scrittura. Pubblicano con Sperling & Kupfer (i diritti dei
loro romanzi sono stati acquistati da USA, Spagna, Germania,
Francia, Polonia e Israele). Ambasciatrici di We Women for EXPO,
sono fondatrici di EWWA, associazione di donne che operano nel
mondo della scrittura.
Vins Gallico (Melito Porto Salvo 1976), calabrese di nascita, sassone di crescita, romano di adozione, laureato in Storia economica e sociale del mondo antico, ha lavorato per l’università di
Goettingen e di Brema. Ha scritto Portami Rispetto (RIzzoli 2010,
premio Belgioioso, finalista Kihlgren) e Final Cut (Fandango 2015,
fra i dodici finalisti per premio Strega). Collabora con la Gazzetta
del Sud e Il Fatto Quotidiano. Fa parte del consiglio direttivo dei
Piccoli Maestri.
Elisabetta Flumeri and Gabriella Giacometti: this pair of proven
creatives are the authors of texts for radio, advertising, magazines
and Mondadori guides. Editors and screenwriters for television,
they hold writing courses and are published by Sperling & Kupfer
(the rights for their novels have been purchased in the US, Spain,
Germany, France, Poland and Israel). They are We Women for
EXPO ambassadors and the founders of EWWA, an association of
women working in the world of writing.
Vins Gallico (born in Melito Porto Salvo in Calabria in 1976) was
brought up as a Saxon, is Roman by adoption and is an Economic
and Social History of the Ancient World graduate. He has worked
for the Universities of Goettingen and Bremen, and has written
Portami Rispetto (Rizzoli, 2010 – Premio Belgioioso, Kihlgren finalist) and Final Cut (Fandango, 2015 - among the twelve Premio
Strega finalists). He contributes to the Gazzetta del Sud and Il Fatto Quotidiano and is on the board of governors of Piccoli Maestri.
Francesco Longo
Francesco Longo (Roma, 1978) è autore del libro Il mare di pietra.
Eolie o i 7 luoghi dello spirito (Laterza 2009) e di Vita di Isaia Carter,
avatar (Laterza 2008), scritto con Cristiano de Majo. Nel 2005, ha
pubblicato, con lo pseudonimo collettivo Babette Factory, il romanzo 2005 Dopo Cristo (Einaudi). Ha collaborato con Il Riformista e il
Corriere della Sera. Scrive su Rivista Studio. Nel 2015 ha curato il
libro di Bernard Malamud Per me non esiste altro (minimum fax).
Gaia Manzini
Francesco Longo (Rome, 1978) is the author of Il Mare di Pietra
- Eolie o I 7 luoghi dello spirito (Laterza, 2009) and, with Christian
de Majo, Vita di Isaia Carter, avatar (Laterza, 2008). In 2005, under
the collective pseudonym Babette Factory, he published the novel
2005 Dopo Cristo (Einaudi). He has written for Il Riformista and
Corriere della Sera, and writes for Rivista Studio. In 2015 he translated Bernard Malamud’s Per me non esiste altro (minimum fax).
Gaia Manzini è autrice di Nudo di famiglia (finalista Premio Chiara) e
La scomparsa di Lauren Armstrong (selezione Premio Strega, finalista Premio Rieti), entrambi editi da Fandango. Collabora, o ha collaborato, con Nuovi Argomenti, D di Repubblica, il portale Treccani, Io
Donna, l’Unità; suoi racconti sono comparsi su la Repubblica, IL Magazine del Sole 24 Ore, Flair, Nuovi Argomenti e in alcune raccolte.
Nel 2014 è uscito per Laterza Diario di una mamma in pappa. È tra
gli autori del soggetto di Mia madre, ultimo film di Nanni Moretti.
Author of Premio Chiara finalist Nudo di Famiglia and La Scomparsa
di Lauren Armstrong (selected for the Premio Strega, finalist in the
Premio Rieti), both published by Fandango, she has worked with
Nuovi Argomenti, D di Repubblica, the Treccani portal, Io Donna
and l’Unità, and her stories have appeared in Repubblica, IL Magazine del Sole 24 Ore, Flair and Nuovi Argomenti as well as several
collections. In 2014 she published Diario di Una Mamma in Pappa,
and was one of the scriptwriters of Nanni Moretti’s film My Mother.
Rossella Milone
Rossella Milone è nata nel 1979, vive a Roma. Ha pubblicato Il
silenzio del lottatore (Minimum Fax, 2015), Poche parole, moltissime cose (Einaudi, 2013), La memoria dei vivi (Einaudi 2008),
Nella pancia, sulla schiena, tra le mani (Laterza, 2010), Prendetevi cura delle bambine (Avagliano 2007) Collabora con diverse
testate giornalistiche e coordina l’osservatorio sul racconto www.
cattedrale.eu.
Giorgio Nisini
Rossella Milone was born in 1979 and lives in Rome. She has published Il silenzio del lottatore (Minimum Fax, 2015), Poche Parole,
Moltissime Cose (Einaudi, 2013), La memoria dei vivi (Einaudi,
2008), Nella pancia, sulla schiena, tra le mani ( Laterza, 2010) and
Prendetevi cura delle bambine (Avagliano; 2007). She contributes
to various newspapers and coordinates the short story observatory www.cattedrale.eu.
Giorgio Nisini (1974), scrittore e saggista. È autore dei romanzi La demolizione del Mammut (Perrone, 2008), premio Corrado
Alvaro Opera Prima e finalista premio Tondelli, La città di Adamo
(Fazi, 2011), finalista LXV edizione Premio Strega, e La lottatrice
di sumo (Fazi, 2015). È codirettore artistico di Caffeina Festival.
Come saggista si è occupato dell’opera di Pier Paolo Pasolini (L’unità impossibile, Carocci, 2008) e del neorealismo (Il neorealismo
italiano, Perrone, 2012).
Giorgio Nisini (1974) is a writer and essayist. He is the author of the
novels La demolizione del Mammut (Perrone, 2008), winner of the
Corrado Alvaro Opera Prima award and a Premio Tondelli finalist, La
Città di Adamo (Fazi, 2011), finalist in the 65th edition of the Premio
Strega, and La Lottatrice di Sumo (Fazi, 2015). He is the artistic
co-director of the Caffeine Festival. As an essayist, he has dealt
with the work of Pier Paolo Pasolini (L’unità impossibile, Carocci,
2008) and neorealism (Il neorealismo italiano, Perrone, 2012).
Christian e Veronica Raimo
Paola Soriga
Christian e Veronica Raimo, romani, sono fratelli. Christian ha
pubblicato per minimum fax: Dov’eri tu quando le stelle del
mattino gioivano in coro? e Le persone, soltanto le persone. Per
Einaudi Il peso della grazia e Tranquillo prof, la richiamo io. È redattore di Internazionale. Veronica ha pubblicato per minimum
fax Il dolore secondo Matteo; per Rizzoli Tutte le feste di domani.
Ha sceneggiato Bella addormentata di Marco Bellocchio, scrive
su Linus e Rolling Stone.
Paola Soriga è nata a Uta, in provincia di Cagliari, nel 1979. È tra
gli ideatori e organizzatori del festival letterario Sulla terra leggeri.
Dopo l’esordio di Dove finisce Roma (Einaudi Stile Libero 2012),
tradotto in diverse lingue, ha partecipato all’antologia benefica Sei
per la Sardegna (Einaudi 2014). Il suo ultimo romanzo è La stagione che verrà (Einaudi Stile Libero 2015). Scrive per Internazionale.
Christian and Veronica Raimo, are siblings from Rome. Christian
has published Dov’eri tu quando le stelle del mattino gioivano in
coro? and Le persone, soltanto le persone for Minimum Fax, and Il
peso della grazia and Tranquillo prof, la richiamo io for Einaudi. He
writes for Internazionale magazine. Veronica has published Il dolore secondo Matteo for minimum fax and Tutte Le feste di domani
for Rizzoli. She co-wrote the screenplay for Marco Bellocchio’s
Dormant Beauty and writes for Linus and Rolling Stone.
Paola Soriga was born in Uta, in the province of Cagliari, in 1979.
She is one of the creators and organisers of the Sulla Terra Leggeri literary festival. After publishing her debut, Dove finisce Roma
(Einaudi Stile Libero, 2012), translated into several languages, she
participated in the anthology Sei per la Sardegna (Einaudi 2014).
Her latest novel is La stagione che verrà (Einaudi Stile Libero, 2015).
She writes for Internazionale magazine.
LAZIOCREATIVO
100 Storie di creatività
100 Stories of Creativity
4 “Una regione per la creatività”
di Nicola Zingaretti
6 “100 grandi piccoli eroi della voglia di fare,
di dire, di inventare” di Lidia Ravera
9
11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 MODA
“Latina – Roma – Latina” di Maurizio Galante
Benedetta Bruzziches
Luca De Rubeis
Maya Di Lello
Michela Fasanella
Tiziano Guardini
Livia Lazzari
Mentelocale Creazioni Tessili
Fanny Raponi
Sensum Lab
White*
33 35 37 39 41 43 45 47 49 51 53 55 ARCHITETTURA E DESIGN
“Status Pro” di Davide Paterna
Antonio Di Vito
Dario Donato
Saverio Massaro
Arianna Nobile
Orizzontale
NoolLab
Aldo Sollazzo
Vanessa Todaro
T SPOON
Upgrade Studio
57 ARTE E FOTOGRAFIA
59 “Farsi attraversare da un’esperienza speciale”
di Anna Mattirolo
61 Daniela Bittolo
63 Camusac
65 Benedetta Di Loreto
67 Silvia Giambrone
69 Pietro Masturzo
71 Gianni Politi
73 Seminaria Sogninterra
75 Sguardo Contemporaneo
77 Marco Trulli
79 Visiva
81 PUBBLICITÀ
E COMUNICAZIONE VISIVA
83 “La comunicazione visiva: conseguenza
di un sistema economico evoluto”
di Paola Manfroni
85 Gianluca Abbate
87 Andrea Alati
89 Andrea Bennati
91 Salvatore Carlucci
93 Alessandro Costariol
95 Nois3
97 Simone Rossini
99 Romani – Todero
101 Alice Scornajenghi
103 Zero
105 EDITORIA, ILLUSTRAZIONE
E FUMETTO
107 “I possibili mondi della letteratura”
di Loredana Lipperini
109 Altramente
111 Barravento
113 Vanessa Farano
115 Giorgio Ghiotti
117 Librimmaginari
119 Martoz
121 Punti di Vista
123 Francesca Rotolo
125 Daniela Tieni
127 Tuba – Bande de Femmes
129 TEATRO
131 “Irredenti ma mani omologati:
la scena teatrale di Roma e del Lazio”
di Graziano Graziani
133 Condizioni Avverse
135 DoppioSenso Unico
137 Errare Persona
139 Industria Indipendente
141 InternoEnki
143 Lafabbrica
145 Valerio Malorni
147 Nano Egidio
149 Daniele Parisi
151 Simone Perinelli
153 MUSICA
155 “La musica è un territorio resistente”
di John Vignola
157 Mattia Caroli & i Fiori del Male
159 CoreAcore
161 Il Muro del Canto
163 Massimo Moscatelli
165 Orchestra Bottoni
167 Daniele Scarsella
169 Sonic Jesus 171 Squartet
173 Adriano Viterbini
175 WrongONyou
177 CINEMA E AUDIOVISIVO
179 “Un’immagine giovane” di Piera Detassis
181 Elisa Amoruso
183 Dieciminuti Film Festival
185 Fabrique du Cinèma
187 Gabriele Galli
189 Gemma di Maggio
191 InHouse
193 Karawan Fest
195 Rete degli Spettatori
197 Matteo Rovere
199 Valentina Tocchi
201 NUOVE TECNOLOGIE
203 “La regione che inventa il suo futuro”
di Riccardo Luna
205 Codemotion
207 Roberto Macina
209 Marco Massarutto
211 Lorenzo Micheli
213 Cosimo Palmisano
215 Rhome
217 Mauro Rotelli
219 Sociallending
221 Storm in a Teacup
223 Wanderio
225 STARTUP CREATIVE
227 “L’economia del futuro è la creatività”
di Alessio Gismondi e Alessandra Torella
229 Adalù
231 Edopera
232 Hubstract
235 Musicantica
237 Oniride
239 Plato Design
241 Rublic
243 Scaleno
245 Tumahi
247 Urban Factory
249 AUTORI
250 Elisa Casseri
251 Stefano Ciavatta
252 Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti
253 Vins Gallico
254 Francesco Longo
255 Gaia Manzini
256 Rossella Milone
257 Giorgio Nisini
258 Christian e Veronica Raimo
259 Paola Soriga
Volume LazioCreativo
100 Storie di creatività
Edizione 2016
Volume LazioCreativo
100 Stories of Creativity
2016 Edition
Lidia Ravera, Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili
Lidia Ravera, Regional Minister for Culture and Youth Policies
Miriam Cipriani, Direttore Regionale Cultura e Politiche Giovanili
Miriam Cipriani, Regional Director for Culture and Youth Policies
Area Politiche Giovanili e Creatività
Area Arti Figurative, Cinema, Audiovisivo e Multimedialità
Culture and Youth Policies Department
Figurative arts, Cinema, Visual arts and Multimedia Department
Andrea Ciampalini, Direttore Generale Lazio Innova
Alessandra Tomeo, Responsabile Comunicazione Lazio Innova
Andrea Ciampalini, Lazio Innova Director General
Alessandra Tomeo, Lazio Innova Director of Communications
Pierluigi Regoli
Maddalena Vianello
Francesca Mancini
Stefania Trinca
Segreteria Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili
Pierluigi Regoli
Maddalena Vianello
Francesca Mancini
Stefania Trinca
Office of the Regional Minister for Culture and Youth Policies
Staff editoriale:
Daniela Ubaldi, curatore
Tara Dashti, assistente alla produzione
Paolo Ricci, editor
Richard McKenna, traduttore
Editorial Staff:
Daniela Ubaldi, curator/chief editor
Tara Dashti, assistant editor
Paolo Ricci, editor
Richard McKenna, translator
Luigi Vernieri, art director
Roberto Terrinoni, graphic designer
Luigi Vernieri, art director
Roberto Terrinoni, graphic designer
Antonio Barrella, fotografo
Lucia de Grimani, styling
Simone Strano e Tiziano Mario Castelli, assistenti fotografo
Manuela Marotta e Alessandra Cuono, post produzione
Antonio Barrella, photography
Lucia de Grimani, styling
Simone Strano and Tiziano Mario Castelli, assistant photographers
Manuela Marotta and Alessandra Cuono, post-production
Le foto di backstage sono di:
Lucia de Grimani, Simone Strano, Tiziano Mario Castelli
Location/produzione Studio Orizzonte - Roma
The backstage photos are by:
Lucia de Grimani, Simone Strano and Tiziano Mario Castelli
Location/production Studio Orizzonte - Rome
Si ringrazia:
I curatori delle 10 sezioni: Maurizio Galante, Davide Paterna,
Anna Mattirolo, Paola Manfroni, Loredana Lipperini, Graziano
Graziani, John Vignola, Piera Detassis, Riccardo Luna, Alessio
Gismondi e Alessandra Torella.
Thanks to:
the curators of the 10 sections: Maurizio Galante, Davide
Paterna, Anna Mattirolo, Paola Manfroni, Loredana Lipperini,
Graziano Graziani, John Vignola, Piera Detassis, Riccardo Luna,
Alessio Gismondi and Alessandra Torella.
Inoltre, Cristina Bianchi, Loredana di Guida, Marco Mattiuzzo,
Paolo Orneli, Giovanni Pagliaro, Marco Petrucci.
Thanks also to Cristina Bianchi, Loredana di Guida,
Marco Mattiuzzo, Paolo Orneli, Giovanni Pagliaro, Marco Petrucci.
Finito di stampare nel mese di Dicembre 2015
Fly UP