...

Il problema enorme legato allo smaltimento del percolato pro

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Il problema enorme legato allo smaltimento del percolato pro
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
177
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
Il problema enorme legato allo smaltimento del percolato prodotto dalle discariche è stato poi affrontato nell’indagine cosiddetta
« Marea nera », un’indagine che ha consentito di verificare fino a quale
abisso di illiceità sia stato raggiunto.
Si riporta, testualmente, parte delle dichiarazioni rese dal dottor
Lepore e dal dottor Noviello nel corso dell’audizione effettuata innanzi
alla Commissione in data 16 novembre 2010.
Il procuratore della Repubblica di Napoli, Giandomenico Lepore
ha dichiarato che la situazione di emergenza a Napoli e provincia non
dipende dalla camorra, ma dalla « pubblica amministrazione che non
funziona e che non ha mai funzionato ». Molto spesso le persone che
si occupano della gestione dei rifiuti a Napoli sono persone incompetenti « oltretutto si tratta sempre di persone riciclate: a commissariamento concluso – non faccio nomi, si capisce – si passa a un ente
pubblico minore, la provincia, ma resta sempre lo stesso. Questo
accade dopo un certo tipo di gestione, l’apparenza di un’attività che
non sta né in cielo e né in terra ».
A seguito di domanda specifica in merito alle possibili infiltrazioni
della criminalità organizzata di stampo camorristico nel settore dei
rifiuti, il dottor Noviello, sostituto procuratore presso la procura di
Napoli, ha reso le seguenti dichiarazioni, di particolare rilievo per la
Commissione:
« (...) il dato evidenziato dal procuratore che a mio avviso va
rimarcato è quello di fare grande attenzione sulla lettura dei fatti e
sui collegamenti e le connessioni anche soggettive al fine di verificare
se davvero vi sia questa gestione della criminalità organizzata o
piuttosto vi sia una gestione criminale di livello diverso.
Mi riferisco, in generale, alla pubblica amministrazione: le indagini che abbiamo svolto ci portano a capire o comunque ad intuire
che molti degli spazi che eventualmente si possono creare alla
camorra, ove mai questi vengano occupati dalla camorra, ma non
sempre accade, non sono procurati dalla stessa, ma sono praticamente
consentiti da pubblici amministratori che, anche lontani da un
contatto o da una pressione camorristica, affidandosi ad una gestione
assolutamente lontana dalle regole per una serie di ragioni, che vanno
dall’interesse politico all’incompetenza, alla volontà anche di abbandonare il senso di responsabilità, fanno sì che poi si porti alla
commissione di reati di grandissima rilevanza, ma non necessariamente collegati alla gestione camorristica. È, infatti, una pratica molto
diffusa nella pubblica amministrazione, nella gestione dei rifiuti,
quella di delegare ad altri, sulla base di una presunta competenza che
magari può essere accademica, ma che poi sul piano operativo, se non
è accompagnata da una profonda conoscenza anche delle regole
giuridiche e di amministrazione, rischia profondamente di cadere. (...)
Di recente, e vi invito ad esaminare gli ultimi verbali di udienza del
procedimento contro Impregilo e altri, abbiamo assistito in alcuni casi
ad affermazioni di rappresentanti dello stato che dicono di non capire
nulla di rifiuti, come se fosse un vanto, eppure ricoprivano dei ruoli
importanti. (...) Sempre in questo processo, che per certi aspetti può
avere delle indicazioni emblematiche, abbiamo ancora ascoltato un
teste che ci ha raccontato di essere stato nominato in Commissione
e nel commissariato come tecnico, a cui addirittura fu affidato lo
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
178
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
studio dei progetti sul termovalorizzatore di Acerra, e candidamente
ha ammesso che lui non si era mai occupato di queste cose, era un
ingegnere chimico, aveva realizzato i carrelli sollevatori dei caseifici
ed era stato scelto all’interno del commissariato per l’amicizia con una
signora che conosceva il responsabile tecnico del settore.
Queste sono le logiche che favoriscono, da una parte, una
criminalità possiamo dire dei colletti bianchi, e dall’altra parte che
possono consentire un inserimento della criminalità organizzata.
Ripeto che, però, la storia delle indagini, a mio giudizio, non ci porta
a dire che in maniera sistematica vi sia la camorra e tanto meno che
la camorra produca certi effetti. Questo è un dato che mi sento di
evidenziare ».
2.1 Le dichiarazioni rese dai sostituti procuratori presso la procura
della Repubblica di Napoli, Paolo Sirleo e Giuseppe Noviello
Dichiarazioni rese con riferimento alle indagini cd « Rompiballe » e
« Marea Nera »
Il dottor Sirleo, nel corso dell’audizione del 17 febbraio 2011, ha
evidenziato come l’indagine « Marea Nera » rappresenti la prosecuzione della precedente indagine cosiddetta « Rompiballe », che copriva
il periodo di gestione del ciclo dei rifiuti solidi urbani dal gennaio
2006 al mese di maggio 2008.
L’indagine « Rompiballe » riguardava la fase successiva alla risoluzione ex lege, per effetto del decreto legge n. 245 del 2005, dei
contratti di appalto tra il Commissariato di Governo per l’emergenza
rifiuti e Fibe e Fibe Campania SpA, con la conseguente gestione
diretta da parte del Commissariato di Governo degli impianti Stir (ex
CDR) e delle discariche (mentre Fibe e Fibe Campania SpA continuavano ad operare come braccio esecutivo del commissariato).
In precedenza, in pendenza dei contratti di appalto, la gestione del
percolato prodotto dagli impianti di CDR e dalle discariche era a
carico, sia dal punto di vista economico che dal punto di vista
giuridico, della Fibe e della Fibe Campania SpA, che provvedevano
quindi a smaltirlo autonomamente presso determinati depuratori.
Nel momento in cui il commissariato di Governo ha dovuto gestire
direttamente gli impianti, si è posto il serio problema di come e dove
smaltire il percolato.
Lo smaltimento del percolato era oggetto di apposita fatturazione,
da parte degli impianti di destino finale, alla Fibe, che provvedeva a
rendicontare queste spese al commissariato di Governo, che dunque
si assumeva l’onere economico dello smaltimento.
Nel corso delle indagini si sono evidenziati due aspetti importanti:
da un lato, la produzione di percolato in quantità nettamente
superiore rispetto a quella che si sarebbe dovuta produrre in
condizioni normali, dall’altro, la qualità del percolato, incompatibile
con la tipologia dei rifiuti che le discariche erano autorizzate a
smaltire.
Ebbene, proprio con riferimento a questi aspetti vi sono elementi
di continuità tra l’indagine Rompiballe e l’indagine Marea Nera.
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
179
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
Nel primo procedimento, infatti, si è accertato che era del tutto
inesistente la lavorazione della frazione umida, e, proprio la mancata
lavorazione e stabilizzazione della frazione umida ha determinato nel
tempo la produzione abnorme di percolato, peraltro di pessima
qualità, essendo carico di parametri inquinanti che ne rendevano
molto difficoltoso lo smaltimento presso gli impianti di destinazione.
Era assolutamente prevedibile, dunque, che si aprisse un filone di
indagine relativo alle modalità di smaltimento del percolato prodotto
in maniera eccessiva, proprio perché proveniente da discariche ove
venivano conferiti rifiuti diversi da quelli autorizzati, privi di qualsiasi
trattamento.
L’indagine Marea Nera ha messo a fuoco proprio il profilo relativo
alla gestione ed alla destinazione del percolato e si è così approfondito
il tema attinente ai depuratori, in quanto venne escogitato quale
sistema di smaltimento quello di utilizzare i depuratori esistenti,
previo ottenimento dei provvedimenti autorizzatori da parte della
provincia.
La situazione dei depuratori era pessima; ed infatti, sin dal 2000,
erano stati emessi atti deliberativi e provvedimenti che esplicitavano
in maniera evidente come si trattasse di impianti del tutto inadeguati
alla depurazione.
Nel 2003 venne bandita una gara per l’appalto avente ad oggetto
la rifunzionalizzazione di una parte dei depuratori campani, appalto
vinto dalla società Termomeccanica, che ha poi costituito appositamente la società Hydrogest per la gestione.
L’appalto, partendo dal presupposto dell’incapacità depurativa
degli impianti, prevedeva un’attività di rifunzionalizzazione attraverso
la creazione di particolari impianti che garantissero il rispetto di
alcuni parametri come, ad esempio, il parametro relativo all’azoto.
Ha aggiunto il dottor Noviello:
« su questa situazione storica, impiantistica e fattuale, a partire
dal 2006, all’indomani della risoluzione del contratto con la società
Fibe, si innesta un accordo certificato attraverso lettere, riunioni e
verbali con i quali si infittisce l’interlocuzione tra il Commissariato,
la Fibe, gli uomini della regione Campania e i gestori dei depuratori,
e attraverso ciò si determina di fatto, sin dal gennaio 2006, questo
avvio del percolato direttamente negli impianti.
La normativa sugli impianti di depurazione prevede, in realtà, che
i rifiuti liquidi – tra cui il percolato – possano essere conferiti negli
impianti di depurazione a condizione che vi sia, accanto ad un’autorizzazione agli scarichi finali del depuratore, un’altra autorizzazione
al conferimento del rifiuto liquido, la quale presuppone, tra i vari
requisiti, la cosiddetta capacità residua del depuratore. Capacità
residua che, appunto, non esisteva.
Questa attività trova il suo acme in una riunione del luglio 2006
– di cui esiste verbale – organizzata da parte dell’assessore regionale
all’ambiente Luigi Nocera, nella quale emergono le obiezioni che, in
prima battuta, i gestori dei depuratori prospettano, evidenziando come
non vi fossero né i presupposti di legge, né i presupposti tecnici per
potere avviare il percolato. Ciò nonostante, dall’altra parte vi è una
chiara determinazione della parte pubblica a garantire di assicurarsi
il conferimento del percolato.
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
180
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
Sotto questo aspetto, tra l’altro, emergono dei momenti di
conflittualità e di imposizione direttamente da parte di soggetti
pubblici come, ad esempio, l’assessore Nocera, il quale prospetta
altrimenti ai gestori il ricorso a sequestri e ad altro pur di garantirsi
l’accettazione di questi conferimenti.
Sta di fatto che tutti, alla fine, per un motivo o per un altro, si
accordano per la ricezione del percolato.
Viene formalizzato un atto autorizzatorio che noi riteniamo
giuridicamente assolutamente irrilevante, sia perché mancante della
necessaria istruttoria per l’autorizzazione di un depuratore a ricevere
percolato, sia perché, in realtà, anche i limiti posti in questa
autorizzazione – ad esempio, determinati limiti massimi di COD del
percolato o il rispetto di determinati limiti quantitativi giornalieri –
seppur minimali poi vengono chiaramente superati.
Dal luglio 2006 questa attività continua: si susseguono ulteriori
riunioni, addirittura per aumentare l’arrivo di quantitativi di percolato. Tutta questa attività, che è certificata in documentazioni, lettere,
note, missive e analisi, si accompagna all’attività di intercettazione che
nel frattempo era stata avviata e che si arricchisce anche di
intercettazioni dell’indagine “Rompiballe”.
Il quadro che ne emerge è quello di una piena consapevolezza da
parte di tutti i personaggi di questa vicenda, nell’assicurare ad ogni
costo, costi quel che costi, l’arrivo e la gestione di questo percolato
nei depuratori, nella piena consapevolezza che, in sostanza, di fatto
il percolato entrava nei depuratori e ne usciva così com’era per andare
a mare, violando tutti i parametri di legge ».
Con riferimento alla questione, posta dai componenti della
Commissione, circa la presenza della criminalità organizzata di
stampo mafioso nell’illecito smaltimento del percolato, il dottor
Noviello si è espresso nei seguenti termini:
« posso dire che sicuramente emerge una commistione di rapporti
tra pubblica amministrazione e imprenditoria e anche con alcuni
soggetti, l’assessorato per non dire anche la presidenza regionale, che
hanno ruoli politici. Con riferimento, invece, all’intervento della
malavita organizzata posso dire che dalle indagini emerge come questi
reati siano compiuti assolutamente senza alcun intervento da parte
sua. Sono reati che vengono compiuti attraverso l’omissione totale di
doverose attività di controllo, in cui la malavita organizzata non si
insinua assolutamente.
Le scelte fatte in merito alla gestione del percolato, come il fatto
che esso vada in un luogo piuttosto che in un altro, non sono
assolutamente influenzate dalla malavita organizzata, e posso dire che
questo aspetto per certi versi ci conferma il filone emerso da queste
indagini in materia ambientale, ovvero che questi reati in Campania
non dipendono necessariamente dalla criminalità organizzata, anzi:
mi sentirei di dire che, un controllo attento e un rispetto delle regole
costiruirebbero uno sbarramento sicuramente più forte in quei gangli
in cui, chiaramente, la criminalità organizzata – o, mi sentirei di dire,
qualunque tipo di criminalità – riesce ad insinuarsi ».
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
181
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
Ognuno dei protagonisti, ha dichiarato il magistrato, ha tratto un
vantaggio personale dalla gestione illecita e scellerata dello smaltimento del percolato.
I gestori dei depuratori, oltre al risparmio di spesa (per non avere
effettuato alcuna attività di manutenzione ordinaria e straordinaria
sugli impianti) hanno guadagnato gli introiti derivanti dallo smaltimento di un rifiuto liquido che, a rigore, non avrebbero mai potuto
accettare.
I soggetti che operavano per la parte pubblica (per esempio
Generoso Schiavone, De Biasio) hanno ottenuto gratificazioni importanti in termini di carriera all’interno della pubblica amministrazione.
I soggetti politico-amministrativi hanno potuto mostrare all’esterno di avere risolto il problema dei rifiuti, conquistando un’apparente immagine di efficienza e di efficacia dell’azione della pubblica
amministrazione.
Il « fenomeno » che si è avuto modo di verificare è che anche
uomini esperti nel settore dei rifiuti, e che già avevano ricoperto posti
importanti nell’ambito della pubblica amministrazione, dopo pochi
mesi dall’avere assunto incarichi nello specifico settore in argomento,
si sono mostrati flessibili ad adeguarsi ai meccanismi illeciti sopra
esposti. Ha dichiarato il dottor Noviello:
« un indagato, il dottor Lionello Serva, appartenente all’apice della
pubblica amministrazione, è stato scelto come un esperto. Dalle
intercettazioni, ma anche dai documenti che testimoniano le scelte da
lui fatte, emerge che nel giro di quattro mesi entra in questo ambito
e si adatta subito a questa cultura, a questo modo di ragionare.
Colpisce come un rappresentante dello Stato entri in un certo ambito
e si adegui subito ad un indirizzo di azione totalmente diverso da
quello che, invece, è l’indirizzo fissato con provvedimenti che lo Stato,
la protezione civile e il governo avevano dato in maniera chiara, e che
non erano certo quelli di trovare scorciatoie alla soluzione del
problema dei rifiuti.
Richiamo – è un atto a disposizione – anche l’interrogatorio del
dottor Gianfranco Mascazzini, nel quale il Gip gli chiede perché mai
non abbia dato indicazioni diverse da quella di sostenere questo
andazzo nella gestione del percolato, e lui risponde che l’alternativa
sarebbe stata quella di mandarlo in Calabria, dove avrebbero aperto
i rubinetti e l’avrebbero riversato addirittura a terra. Una risposta che
proviene da un alto rappresentante del Ministero e che indica che lo
Stato italiano non è in grado di dare un’altra alternativa legale, lascia
perplessi e fa riflettere ».
Secondo quanto riferito dal magistrato, sono in corso di approfondimento le indagini in merito al valore dei conferimenti di
percolato per potere comprendere il volume complessivo, in termini
economici, dei conferimenti medesimi.
Con riferimento al ruolo della provincia di Napoli, si tratta di un
ente che, tramite l’ingegner Sarno, ha sempre evidenziato che quei
depuratori non erano adeguati e che, conseguentemente, il percolato
non avrebbe mai potuto esservi conferito.
Nel prosieguo verranno esaminati nel dettaglio i contenuti delle
indagine menzionate.
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
182
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
La carenza dei controlli e il problema della mancanza della
qualifica di ufficiali di polizia giudiziaria in capo ai funzionari
dell’Arpac.
Secondo quanto accertato nel corso delle indagini, il percolato
sarebbe stato smaltito illecitamente dal gennaio 2006 fino al 2008,
mentre i reati di truffa e falso, pure oggetto di contestazione nel
procedimento, sono proseguiti anche oltre, fino al mese di dicembre
2009.
La questione evidenziata dal presidente della Commissione è come
mai una situazione così grave protrattasi per anni non sia stata
accertata prima dagli organi di controllo, dall’ARPAC, dal NOE, dalla
polizia forestale, oltre che da tutti gli organi deputati a svolgere
attività di controllo in materia ambientale.
Il dottor Noviello ha evidenziato come, nonostante la situazione
di pressocchè perenne emergenza che si registra in Campania, le forze
di polizia specializzate siano irrisorie, sicuramente non sufficienti per
controllare un territorio così profondamente infiltrato da fenomini di
criminalità di ogni tipo.
Il NOE non ha personale a sufficienza, e il personale è deputato
ad eseguire le indagini con la procura della Repubblica, sicchè in molti
casi non vi è la possibilità di svolgere l’attività di controllo del
territorio prodromica all’acquisizione di notizie di reato.
Spesso, poi, le forze di polizia che operano sul territorio e che
potrebbero dare un contributo fondamentale, mancano della necessaria preparazione.
I magistrati, nel corso dell’audizione, si sono espressi nei seguenti
termini:
« il problema è che, in realtà, in questi anni la necessaria
collaborazione delle forze di polizia giudiziaria è sempre mancata per
un dato obiettivo: non per cattiva disponibilità ma perché le forze
specialistiche sono poche, e quelle che potrebbero imparare, in realtà,
spesso non hanno questa preparazione (parlo anche della polizia
municipale).
La polizia municipale di Napoli, in quanto a reati, si occupa al
più di urbanistica, ma non l’ho mai vista preparare un verbale di
sequestro in materia di rifiuti, eppure è la polizia che controlla il
territorio e che potrebbe dare un contributo. Ed ecco che allora
(ritornando alla domanda del presidente), un po’ perché c’è un
atteggiamento che un po’ si ricollega ad altre indagini – richiamo ad
esempio l’indagine sull’ARPAC, fatta sempre dalla procura di Napoli,
dove ci sono commistioni che rispondono a logiche illecite – un po’
perchè manca un’effettiva preparazione sotto più aspetti, quei controlli che ci aspettiamo debbano avvenire da parte degli enti istituzionali non pervengono, e alla fine tutto si riduce purtroppo ad
un’indagine penale, che certamente non può risolvere il problema ».
È stato poi affrontato il problema della mancanza, in capo ai
funzionari dell’ARPA Campania, della qualifica di ufficiali di polizia
giudiziaria.
Si tratta di un problema evidenziato da entrambi i sostituti
procuratori sentiti in audizione (e peraltro dichiarato, nell’ambito
delle altre inchieste svolte dalla Commissione, da magistrati di diversi
uffici giudiziari, sia del nord che del sud Italia).
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
183
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
L’ARPAC effettua accertamenti che rimangono al suo interno e
che non sempre vengono trasmessi alle sedi deputate, procura
compresa.
Ed ancora, i dati trasmessi alla procura spesso non sono
contestualizzati, non consentono di inquadrare la situazione oggetto
di accertamento in un contesto più ampio, in modo da poter avviare
un’indagine. Se l’ARPAC disponesse di poteri più incisivi e acquisisse
una « cultura » di polizia giudiziaria, gli accertamenti trasmessi in
procura potrebbero avere un respiro più ampio ed essere maggiormente intellegibili nel senso di ricondurre una determinata specifica
violazione, magari semplicemente di carattere amministrativo, in un
contesto più ampio connesso ad illiceità ben più gravi, di cui quella
semplice violazione oggetto di accertamento potrebbe rappresentare
una spia.
In sostanza, quindi, la carenza di controlli deve ricondursi ai
seguenti fattori:
insufficienza di personale, all’interno di organi specializzati in
materia ambientale, quali il NOE
mancanza di specializzazione in materia ambientale in capo ad
organi comunque deputati al controllo del territorio, quali la polizia
municipale;
mancato utilizzo di personale dell’ARPA che, potrebbe ricoprire
il ruolo di polizia giudiziaria, così operando a 360 gradi.
L’attribuzione della competenza alla direzione distrettuale antimafia del reato di cui all’articolo 260 del decreto legislativo n. 152 del
2006.
Con riferimento alla recente attribuzione alla direzione distrettuale antimafia della competenza in merito al reato di traffico illecito
di rifiuti ex articolo 260 del decreto legislativo n. 152 del 2006, il
dottor Noviello, richiesto di un suo parere qualificato, ha dichiarato
che si tratta di una decisione non risolutiva per un corretto approccio
alle problematiche connesse alle indagini in materia ambientale.
Il dottor Noviello ha precisato alcune possibili controindicazioni
rispetto alla scelta del legislatore.
A fronte della indubbia utilità di usufruire degli strumenti
investigativi più pregnanti (si pensi alla durata delle intercettazioni
telefoniche ed ai presupposti per richiederle) vi è però il rischio che,
presso la procura distrettuale, composta da magistrati che si sono
dedicati per anni a tutt’altro tipo di indagini, non vi sia l’esperienza
specifica necessaria, e si finisca quindi con il codelegare un magistrato
della sezione ambiente.
Ulteriore problema è quello relativo alla trattazione dei reati
contravvenzionali previsti dal testo unico ambientale. Trasferire solo
l’articolo 260 del decreto legislativo n. 152 del 2006 alla competenza
della direzione distrettuale antimafia fa sì che si rischi di trascurare
tutti i reati contravvenzionali, o comunque minori, previsti nel codice
ambientale.
Il magistrato ha aggiunto: « Diventa quasi naturale che ci si
concentri sui reati di competenza distrettuale, già competente per
tanti reati, mentre il reato secondario ambientale che, magari, sotto
il profilo della disciplina è trattato in maniera meno rilevante rispetto
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
184
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
all’articolo 260 mentre sotto il profilo ambientale assume un suo
rilievo (oltre a potere portare a sviluppi ulteriori, o non viene proprio
coltivato o, alla fine dell’indagine, si dichiara che non rientra nella
competenza della direzione distrettuale antimafia lo si rimanda alla
sezione ordinaria competente in materia ambientale ».
Molto più utile, ha dichiarato il dottor Noviello, sarebbe valorizzare il tema ambientale all’interno della magistratura e della polizia
giudiziaria e creare professionalità specializzate nella materia.
Molte perplessità sono state anche espresse con riferimento alla
temporanea attribuzione alla procura di Napoli di una competenza
generalizzata e centrale su tutti i reati ambientali commessi sul
territorio della regione Campania.
Si è trattato di un provvedimento normativo che non ha portato
alcun frutto a livello della efficacia dell’azione investigativa e repressiva.
I reati contravvenzionali, invero, possono essere fronteggiati in
maniera più immediata dalla procure territoriali per un dato oggettivo
e fattuale connesso all’evidente circostanza che il rapporto col
territorio da parte di chi opera in loco (pubblico ministero e polizia
giudiziaria) è certamente più immediato.
La Commissione deve evidenziare, alla luce delle indagini che ha
avuto modo di apprendere nel corso delle inchieste, le importanti
potenzialità investigative che sono derivate dall’attribuzione alle
direzioni distrettuali antimafia della competenza per le indagini
relative al reato di traffico illecito organizzato di rifiuti ex articolo 260
del decreto legislativo n. 152 del 2006.
Importanti strumenti sono offerti dalla norma di cui all’articolo
9, legge n. 146 del 2006 disciplinante le operazioni sotto copertura,
norma recentemente innovata per effetto della legge 13 agosto 2010
n. 136 Gazzetta Ufficiale n. 196 del 23 agosto 2010 il medesimo atto
normativo attributivo della competenza del delitto di cui all’articolo
260 TU alla DDA, ex articolo 51/3-bis c.p.p.
La legge esplicitamente inserisce il delitto di cui all’articolo 260
TUA come delitto presupposto per attivare le indagini sotto-copertura.
Un cenno va fatto anche con riferimento alle nuove possibilità di
apprensione dei patrimoni illeciti derivanti dal traffico illecito dei
rifiuti:
a) Le innovazioni della normativa in tema di misura di
prevenzione antimafia legge n. 575 del 1965: l’effetto combinato delle
leggi n. 125 del 2008, legge n. 94 del 2009 e legge n. 136 del 2010.
La previsione, ex articolo 10, comma 1, lett. A) della legge n. 125
del 2008, dell’azione di prevenzione patrimoniale nei confronti dei
soggetti indiziati « di uno dei reati di cui all’articolo 51 co 3-bis c.p.p. »
e la successiva inclusione della norma di cui all’articolo 260 TUA nel
catalogo dei delitti di competenza della DDA, comporta la diretta
applicazione della misura di prevenzione anche ai trafficanti di rifiuti;
b) La confisca ex articolo 12 sexies decreto legge n. 306 del
1992.
Non è stato introdotto il reato ex articolo 260 TUA tra quelli che
legittimano il procedimento per la confisca ex articolo 12-sexies
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
185
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
decreto legge n. 306 del 1992, ma si tratta di uno strumento di
contrasto patrimoniale che viene applicato nelle indagini concernenti
i traffici di rifiuti, spesso connessi a reati, quali quelli ex articolo 416bis, 648-bis e ter c.p., che consentono il ricorso a questo provvedimento ablatorio.
c) Il sequestro per equivalente o di valore.
Prima dell’inclusione dei reati ambientali quali reati-presupposto
per l’avvio della responsabilità amministrativa degli enti e delle
persone giuridiche (decreto legislativo n. 231 del 2001), era possibile
ricorrere alla confisca per equivalente nel caso in cui il traffico illecito
dei rifiuti fosse aggravato dal carattere transnazionale del crimine, ex
articolo 4 legge 146 del 2006. In caso di crimine transnazionale,
infatti, è prevista la confisca per equivalente dei proventi e dei profitti
illeciti, ai sensid egli articolo 10 e 11 legge 146 del 2001.
La previsione dei crimini ambientali nell’ambito del decreto
legislativo n. 231 del 2001 consente, oggi, di effettuare la confisca per
equivalente dei proventi del reato ai sensi dell’articolo 19 del citato
decreto legislativo.
Fatta questa breve digressione sul piano delle innovazioni normative in tema di strumenti investigativi, nei successivi paragrafi si
riportano le sintesi, unitamente al stralci, delle ordinanze applicative
di misure cautelari personali emesse nell’ambito dei procedimenti
sopra menzionati.
2.2 Indagine cosiddetta « Rompiballe »
Premessa
L’indagine riguarda le modalità di smaltimento dei rsu effettuate
in Campania negli anni 2006/2007.
La questione relativa allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani era
stata approfondita dalla procura della Repubblica di Napoli, nelle
indagini svolte nell’ambito del procedimento n. 15940/03, già citato.
Il ciclo di smaltimento dei rifiuti solidi urbani in Campania era
stato affidato, in forza di due contratti, stipulati rispettivamente nel
2000 e nel 2001, ad una’ATI composta dalle società Impregilo, Fisia
Impianti, Fibe e Fibe Campania.
Si trattava di un ciclo connotato dallo smaltimento recupero dei
rifiuti solidi urbani indifferenziati, da effettuarsi mediante l’attuazione
dei contratti d’appalto di servizi intervenuti tra il commissario
straordinario di Governo per l’emergenza rifiuti in Campania, da un
lato, e Fibe SpA – Fibe Campania SpA, dall’altro.
Il contratto prevedeva la produzione di CDR, il recupero del CDR
presso i termovalorizzatori, lo smaltimento in discarica degli scarti,
l’utilizzo del compost.
Nel corso delle indagini effettuate nell’ambito del procedimento
n. 15940/03 Mod. 21 si era già accertato che i contratti d’appalto non
venivano correttamente adempiuti, sia per la carente tecnologia
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
186
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
impiantistica adottata dalle società, sia per una serie di mancanze
gestionali.
Venne, quindi, emesso un provvedimento di sequestro preventivo
avente ad oggetto gli impianti di produzione del CDR, e fu emesso
l’avviso ex articolo 415 bis c.p.p. nei confronti di amministratori e
dipendenti delle suddette società, di funzionari del Commissariato,
nonchè nei confronti dello stesso commissario di Governo in carica
tra il 2000 e il 2004, i quali tutti avevano gestito il ciclo dei rifiuti in
palese contraddizione con le condizioni disciplinate nel contratto.
In particolare, mediante condotte attive ed omissive, venivano
celati i reali risultati della gestione del ciclo dei rifiuti, consistenti
nella creazione di balle di rifiuto secco prive dei parametri necessari
per essere definite CDR (cod. CER 19.12.10), nella produzione di una
frazione umida tritovagliata assolutamente lontana dalle caratteristiche sia del compost tout court che del compost fuori specifica, ed il
più delle volte neppure sottoposta ad un trattamento aerobico (almeno
tale da meritare il codice CER 19.05.01), nella produzione di
percentuali di flussi di rifiuto assolutamente lontane dai dati progettuali.
Il tutto con la complice condotta dei controllori, ossia dei
rappresentanti del commissariato straordinario di Governo e dei
relativi dipendenti.
Vennero, quindi, applicate le misure cautelari del sequestro
preventivo sugli impianti di produzione di CDR.
Ebbene, come evidenziato nella stessa richiesta di misura cautelare ed espresso chiaramente dai magistrati nel corso dell’audizione,
vi è una sorta di continuità tra i fatti accertati nel procedimento testè
menzionato e quelli approfonditi nel procedimento 40246/06 (« Rompiballe »).
A fronte dell’enormità delle violazioni evidenziate nel procedimento 15940/03, sarebbe stata naturale la scelta di seguire una
gestione del ciclo dei rifiuti lontana da quella precedente.
In realtà ciò non è accaduto.
Si riporta testualmente il passaggio della richiesta di misura
cautelare:
« Niente di più clamorosamente sbagliato. Le vicende che si
verranno ad illustrare dimostrano, da una parte, per quanto riguarda
i soggetti privati (persone fisiche e giuridiche), la persistenza di un
modello di gestione piegato esclusivamente ad interessi economici e
quindi incline, anzi aduso, a violare qualsiasi interesse collettivo,
persino quelli della salute e dell’ambiente; dall’altra, per quanto
riguarda i soggetti pubblici, l’assoluta lontananza dall’anelito, o
quantomeno, dal “mero” dovere di garantire il rispetto della legge e,
attraverso questa, la tutela degli interessi pubblici sottesi, in favore di
un’attività preordinata solo a garantire l’apparenza della propria
efficienza ed efficacia di funzionari addetti; tutto al prezzo di una
colossale opera di inquinamento del territorio posta in essere grazie
anche a connivenze presenti ai più alti livelli e perseguita anche
confidando nella possibilità di nascondere, proprio sotto le tonnellate
di rifiuti che si dovrebbero smaltire correttamente, la pessima gestione
degli stessi ».
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
187
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
2.2.1 La disciplina dei rapporti tra le società ex affidatarie e il
commissariato straordinario di Governo
Il punto da cui partire è rappresentato dal decreto legge n. 245
del 2005, recante misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza
nel settore dei rifiuti nella regione Campania, convertito dalla legge
27 gennaio 2006 n. 21, con la quale, all’articolo 1, si disponeva la
risoluzione dei contratti d’appalto (le ragioni di urgenza poste alla
base del decreto legge erano riconducibili proprio al decreto di
sequestro preventivo degli impianti di produzione di CDR ed ai
provvedimenti esecutivi dello stesso).
In sostanza è stato disposto:
la risoluzione dei contratti d’appalto;
l’obbligo per il commissariato di indire una nuova procedura ad
evidenza pubblica;
il mantenimento, secondo nuove condizioni, alle ex affidatarie
del servizio di smaltimento dei RSU;
la supervisione del servizio da parte del commissario di
Governo.
Il legislatore ha, quindi, disposto che, nelle more della stipula di
una nuova gara d’appalto, gli impianti venissero comunque utilizzati
dalle affidatarie per la gestione dell’ordinaria amministrazione, con la
supervisione della struttura commissariale.
Con il decreto legge n. 245 del 2005, all’articolo 7, è stata
introdotta la figura del soggetto attuatore, un nuovo organo concepito
come distinto dal commissario straordinario di Governo, seppure
operante nella relativa struttura e col medesimo raccordato e investito
del rilevante compito di coordinare e dirigere l’operato delle ex
affidatarie (funzione poi meglio specificata con l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3479 del 14 dicembre 2005).
Come primo Soggetto Attuatore è stato nominato il professore
Michele Greco, il quale con successiva ordinanza è stato anche
nominato coordinatore delle aree funzionali.
Sempre con l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri
n. 3479 del 14 dicembre 2005 è stata prevista la possibilità per il
commissario straordinario di Governo, di nominare un sub-commissario che svolgesse « funzioni vicarie, competenze con relativi poteri
di firma nelle singole aree funzionali con particolare riguardo alle
aree tecniche nonché poteri di firma ».
Per quanto riguarda le tipologia di prestazioni richieste alle ex
affidatarie e il contenuto del servizio da svolgersi (nelle more
dell’entrata a regime della nuova gara), il contenuto delle stesse è stato
precisato con la successiva ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3481 del 29 dicembre 2005.
Si è operata, in sostanza, una sorta di declassificazione degli
impianti, che non avrebbero quindi più dovuto produrre il CDR,
compost e sovvalli, ma avrebbero dovuto soltanto effettuare una mera
tritovagliatura dei RSU, al fine di produrre frazione secca di rifiuto
(codice CER 19.12.12), frazione umida comunque sottoposta a trat-
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
188
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
tamento aerobico sebbene non compostata (CER 19.05.01) e scarti
(19.12.12).
Gli impianti sono stati autorizzati, inoltre, a ricevere solo RSU
(codice CER 20.03.01).
In sostanza, all’epoca era a tutti noto lo stato degli impianti e si
decise di utilizzarli per ottenere quel minimo di prestazioni che
garantissero la riduzione dei volumi e un minor impatto dei rifiuti
sull’ambiente, attraverso la lavorazione aerobica della frazione umida
uscente dalla tritovagliatura.
Il GIP, sul punto, si è espresso nei seguenti termini:
« La scelta di continuare ad utilizzare gli impianti è apparsa
dettata dalla determinazione di ridurre comunque, per quanto possibile, l’impatto dei rifiuti sul territorio e sulla salute; diversamente
sarebbe stato sufficiente disporre, mediante poteri di deroga, la mera
raccolta dei RSU e il loro diretto invio in discarica. Ciò però avrebbe
dovuto imporre il superamento della operatività in Campania sia delle
ex affidatarie (Fibe SpA e Fibe Campania SpA) sia della stessa
struttura commissariale.
Di fatto, tuttavia, tra le due suindicate e contrapposte soluzioni
se ne è affermata una terza, che ha costituito la sintesi peggiore tra
le due: si è mantenuta l’operatività apparente delle ex affidatarie in
uno con la struttura commissariale e tutti i conseguenti costi, e
tuttavia si è proceduto nella sostanza al mero invio in discarica dei
RSU raccolti, separati in tre flussi apparentemente distinti ma
sostanzialmente uguali.
Tutto al prezzo – inconfessato – di un colossale inquinamento e
alterazione dell’ambiente e altrettanto grave pregiudizio per la salute
pubblica ».
I RSU, una volta confluiti presso gli ex impianti CDR, avrebbero
dovuto essere selezionati per produrre tre frazioni:
una frazione secca, codice CER 191212;
una frazione umida, codice CER 190501;
uno scarto, codice CER 191212.
Per l’attribuzione alla frazione umida del codice CER 190501
sarebbe stato comunque necessario sottoporre preventivamente il
rifiuto ad un trattamento di inertizzazione aerobica per la igienizzazione e l’abattimento degli odori molesti.
2.2.2 Gravi indizi di reato
La selezione mediante trito vaglio che i rifiuti solidi urbani
avrebbero dovuto subire è stata meramente apparente, in quanto i
rifiuti indifferenziati in ingresso sono stati esclusivamente « imballati »
e destinatì « tal quali » alle aree di stoccaggio, ovvero presso le
discariche.
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
189
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
Ed inoltre, l’attività di lavorazione aerobica della FORSU (frazione
organica da RSU) non è stata affatto realizzata e, purtuttavia, a tale
frazione è stato assegnato il codice 19.05.01.
Nel corso delle indagini è stata espletata una consulenza tecnica
che ha consentito di accertare che negli impianti erano in uso i soli
macchinari deputati alla selezione meccanica e, all’interno di essi,
erano in funzione:
le sezioni di vagliatura primaria;
le sezioni di vagliatura secondaria;
le sezioni di deferrizzazione, interposte a valle di entrambe le
linee di vagliatura.
Conclusivamente, è stato accertato che gli impianti hanno prodotto rifiuti difformi rispetto a quelli previsti nelle ordinanze di
autorizzazione ed hanno lavorato in dispregio del previsto processo di
selezione.
La frazione umida non ha mai subito alcun trattamento aerobico.
Le frazioni merceologiche di risulta, che sarebbero dovute convogliare
nel flusso degli scarti, in realtà sono confluite in buona parte nelle
altre due frazioni, o per lo meno nella frazione secca, senza effettuare
un’adeguata differenziazione tra balle di secco e di rifiuto con codice
19.12.12. « mix ».
Il tutto, si legge nei provvedimenti acquisiti dalla Commissione,
nella piena consapevolezza da parte dei rappresentanti di Fisia e Fibe
SpA.
2.2.3 Tracciabilità dei rifiuti
Presso ciascun impianto la Fibe Fisia, nella qualità di gestore,
doveva contabilizzare tutti i rifiuti in uscita per peso e qualità, in
modo da potere compilare il modulo annuale MUD.
Effettuata la predetta contabilizzazione, il rifiuto doveva essere
consegnato fisicamente a un soggetto autorizzato a trasportarlo, con
la contemporanea redazione di un formulario identificativo del rifiuto
(FIR), nel quale il detentore doveva indicare le caratteristiche del
rifiuto medesimo, oltre che il suo quantitativo, l’itinerario del trasporto, il nominativo del trasportatore e il nominativo del destinatario.
Accettato il rifiuto dal destinatario, seguiva un’ulteriore annotazione nel registro di carico tenuto dallo stesso soggetto.
Il rifiuto da conferire in operazioni di smaltimento doveva essere
accompagnato, oltre che dal FIR, anche da un certificato di analisi.
Nel caso specifico è stato erroneamente (e dolosamente) attribuito
alla frazione umida il codice CER 19.05.01, atteso che i rifiuti non
erano stati previamente sottoposti a trattamento aerobico.
Con riferimento alle frazioni secche ed ai sovvali, si trattava di
rifiuti che, sebbene avessero lo stesso codice CER, tuttavia avevano
destinazioni differenti, in quanto, per la frazione secca, il commissario
straordinario aveva disposto l’invio nei siti di stoccaggio, mentre, per
lo scarto era stato disposto l’invio in discarica.
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
190
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
Le società Fibe Fisia, nel corso della loro attività, si sono rivolte
a un laboratorio esterno, diretto dal dottor Mazzaglia Fabio, per
l’assolvimento dell’obbligo in questione.
Ebbene, nonostante l’accertato processo di lavorazione assolutamente inidoneo a produrre rifiuti speciali come previsti nelle ordinanze autorizzative, i rifiuti medesimi sono stati evacuati dagli
impianti con regolare certificato di analisi redatto dal Mazzaglia.
Nel corso delle indagini, sia attraverso prove documentali che
attraverso elementi di prova acquisiti nel corso dell’attività intercettiva, si è accertato che erano falsi sia i certificati di analisi sia i FIR.
Inoltre, secondo quanto si evince dalla richiesta di misura e dalle
intercettazioni telefoniche ivi riportate, le analisi effettuate presso il
laboratorio diretto dal Mazzaglia risultavano essere state addomesticate secondo le convenienze di Fibe Fisia.
2.2.4 Impianti: rifiuti in uscita e siti di destinazione dei rifiuti (discarica
di Villaricca- discarica di Fermo Asite Srl – discarica Lo Uttaro,
discarica di Parapoti, discarica di Ariano Irpino, discarica di
Macchia Soprana)
Si tratta degli impianti da cui sono usciti rifiuti con documenti
di accompagnamento contenenti dichiarazioni mendaci:
il rifiuto denominato « parte non compostata di rifiuto solido
urbano soggetto a trattamento aerobico » (codice CER 19.05.01) non
aveva subito affatto il citato trattamento aerobico;
il medesimo rifiuto, in alcuni mesi del 2006, è stato illecitamente
classificato come compost fuori specifica (codice CER 19.05.03);
il cosiddetto sovvallo è stato evacuato nonostante fosse stato
« artatamente » prodotto, mediante utilizzo di frazione secca trito
vagliata, estratta dal film di copertura e trattata mediante passaggio
di camion.
Discarica di Villaricca
La discarica di Villaricca era autorizzata alla ricezione di rifiuti
identificati con codice CER 190501, nonché con gli altri codici
19.12.12 e 19.12.02.
Le modalità di traffico illecito accertate presso la predetta
discarica sono consistite nel conferimento di enormi quantità di
frazione organica per nulla lavorata e non sottoposta a trattamento
aerobico ed il conferimento è stato, naturalmente, accompagnato dalla
redazione di autodichiarazioni false circa la corrispondenza del rifiuto
ai codici adottati.
A fronte dell’illecito conferimento, sono emersi anche grossi
problemi legati all’accumulo abnorme di percolato (di ciò, come
emerge dalle conversazioni telefoniche, erano a conoscenza la Protezione civile, Di Gennaro Marta e Michele Greco).
Vennero effettuate delle riunioni (per esempio quella del 4 giugno
2007) per la soluzione del problema percolato (alla presenza di
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
191
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
Michele Greco) e in quella occasione furono sottolineati gli elevatissimi valori di DOC (carbonio organico disciolto).
Assurdo è che una delle soluzioni prospettate in alcune conversazioni telefoniche, fosse quella di pompare il percolato e di ributtarlo
sul cumulo di rifiuti in modo da guadagnare un po’ di tempo.
È Sergio Asprone della Fibe a suggerire questa pseudo-soluzione
a Di Battista, direttore tecnico della discarica di Villaricca, al quale
dice di tirar su il percolato con una pompa per riportarlo in cima alla
discarica stessa (cfr. conv. n. 768 del giorno 5 maggio 2007 delle ore
19.13- utenza in uso a Sergio Asprone).
Il problema del flusso del percolato e la soluzione temporanea
individuata da Asprone venne poi prospettata anche a Michele Greco,
appartenente alla struttura commissariale.
In prossimità della data di chiusura della discarica di Villaricca
si è inoltre pensato a come far fronte alle difficoltà legate a tale
evento.
Il problema più grosso era inerente alla ricerca di un sito dove
abbancare i rifiuti provenienti dalla evacuazione dell’impianto di
Tufino, sequestrato dall’autorità giudiziaria di Nola, che aveva disposto la rimozione dei rifiuti medesimi.
Il piano operativo ideato dagli interlocutori (tra cui Michele
Greco) sarebbe stato quello di chiudere la discarica di Villaricca (in
attesa che si calmassero le acque) per poi, dopo tre o quattro giorni,
procedere con i conferimenti di quanto proveniente da Tufino,
utilizzandoli come terreno di copertura della discarica medesima.
In questo modo, da un lato, si sarebbe potuto sgombrare
l’impianto di Tufino e dall’altro si sarebbero potuti utilizzare i rifiuti
di Tufino quale terreno di ricopertura della discarica di Villaricca.
Questo proposito non è stato poi portato a compimento, ma è
indubbiamente sintomatico di una gestione criminale del servizio di
smaltimento dei RSU in Campania.
Le attività di intercettazione telefonica hanno evidenziato « non
solo il conferimento in discarica di rifiuti diversi da quelli consentiti,
ma anche una criminale gestione della stessa, con enormi potenzialità
inquinanti, che peraltro non si “limitano” al solo sito di discarica ed
alla zona circostante, anche sotterranea, ma vengono poi a riguardare
ben altre zone ed ambienti: si vuole fare riferimento agli effetti
gravemente inquinanti derivanti dall’invio di percolato peraltro risultante dal riciclaggio dello stesso e quindi ancora più pericoloso, ai
depuratori e quindi in mare senza alcuna effettiva trasformazione e
depurazione dello stesso “(quest’ultimo aspetto, relativo allo smaltimento del percolato, è stato poi approfondito dai magistrati nell’indagine” Marea Nera »).
Discarica di Fermo Asite S.R.L
Presso la discarica:
sono stati smaltiti rifiuti falsamente qualificati come frazione
organica avente codice CER 19.05.01, per un ammontare complessivo
di 6.000 tonnellate circa;
sono stati smaltiti i predetti rifiuti senza che la discarica fosse
munita della relativa autorizzazione a riceverli.
—
Camera dei Deputati
XVI LEGISLATURA
—
192
—
DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI
Senato della Repubblica
—
DOCUMENTI
La discarica, prima comunale e poi gestita dalla società Fermo
Asite Srl a totale capitale pubblico, era munita esclusivamente
dell’autorizzazione a ricevere rifiuti solidi urbani o rifiuti a questi
assimilati, mentre i rifiuti in uscita dagli ex impianti CDR della regione
Campania (impianti di selezione e trattamento) erano da qualificarsi
come rifiuti speciali e, dunque, da destinarsi a discariche espressamente autorizzate (tutte circostanze a conoscenza degli uomini delle
ex affidatarie e del Commissariato, come dimostrato dalle intercettazioni telefoniche sulle utenze in uso agli indagati).
A seguito del controllo da parte dei militari del NOE, sono stati
interrotti i conferimenti provenienti dall’impianto di Giugliano e la
stessa provincia di Ascoli Piceno ha diffidato la società Fermo Asite
Srl dal continuare a ricevere conferimenti di rifiuti della regione
Campania.
Va, comunque, ribadito che nel caso specifico, non solo si trattava
di rifiuti che non avrebbero potuto essere conferiti in quella discarica,
ma si trattava di rifiuti con codice errato, in quanto rifiuti non
sottoposti ad un processo di insufflazione aerobica e quindi non
classificabile con il codice CER 19.05.01.
Anche la circostanza della assenza di autorizzazione per i rifiuti
conferiti è risultata nota anche agli uomini delle ex affidatarie e del
Commissariato, come dimostrato dalle conversazioni telefoniche captate durante le attività di intercettazione.
La discarica Lo Uttaro (CASERTA)
Con ordinanza del commissario di Governo del 19 aprile 2007, la
discarica Lo Uttaro è stata autorizzata allo smaltimento di tutti i
rifiuti provenienti dagli impianti di trasformazione dei RSU.
Con successiva ordinanza del 23 aprile è stata autorizzata a
ricevere esclusivamente gli scarti provenienti dalla raccolta dei RSU
dei comuni della provincia di Caserta destinati all’impianto di
selezione ex CDR di Santa Maria Capua Vetere.
Il traffico illecito si è consumato attraverso l’invio di rifiuti diversi
dal sovvallo.
Quand’anche la discarica fosse stata autorizzata a ricevere, oltre
al sovvallo, anche la frazione 19.05.01, il traffico illecito si sarebbe
comunque integrato in quanto:
i rifiuti comunque non corrispondevano realmente al codice
19.05.01;
sono stati conferiti rifiuti pericolosi, come tali diversi da quelli
contemplati nella autorizzazione rilasciata per la discarica;
sono stati conferiti rifiuti non dichiarati formalmente (FORSU)
e miscelati con altri (sovvalli), come tali recanti codice CER non
corrispondente alla qualità effettiva degli stessi nascenti dalla miscelazione.
Con riferimento ai rifiuti pericolosi si è accertato nel corso
dell’indagine (anche attraverso i servizi di intercettazione telefonica)
che presso la discarica Lo Uttaro stavano conferendo dall’impianto di
Santa Maria Capua Vetere rifiuti contaminati da idrocarburi, e
Fly UP