...

Alcuni cerchi - percorsi di arte

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Alcuni cerchi - percorsi di arte
SCHEDA 3
Vasilij Kandinskij, “Alcuni cerchi”, 1926, olio su tela, 140 x 140 cm, New York.
L’opera propone una suggestiva immagine con cerchi di diverse forme e colore, alcuni isolati, altri
sovrapposti, che sull’uniforme sfondo scuro creano un effetto di elegante e lirica mobilità.
I singoli elementi della composizione sono rigorosamente bidimensionali, l’effetto complessivo,
tuttavia, è tutt’altro che d immagine piana: sembra quasi che i cerchi affiorino progressivamente
alla superficie emergendo da profondità inaccessibili e in qualche modo arcane.
Osserviamo il curioso alone che circonda il cerchio maggiore, dal colore azzurro-viola, e numerosi
altri cerchi minori. Sappiamo che per Kandinskij l’alone è manifestazione di energie extracorporee:
esso colloca ciò che troviamo raffigurato nell’opera in una sfera sottratta al controllo dei sensi, sfera
che potremmo definire medianica (che riguarda i fenomeni medianici, durante i quali gli uomini
entrano in comunicazione con gli spiriti) e che è quella della veggenza, della visione interiore.
L’immagine non è convulsa, non ha concitazione né violenza: è anzi caratterizzata da una grande
calma, dalla lenta emersione dei cerchi dalle oscure lontananze da cui provengono.
È in questo senso che possiamo sviluppare il paragone già accennato tra musica e pittura.
L’immagine non è ferma, accoglie invece un movimento, ha una sua processualità e una sua durata
interne.
Si faccia attenzione al colore: ha una funzione determinante. L’impiego di più tonalità non è casuale
né mira semplicemente a distinguere questo da quel cerchio: stabilisce invece differenti livelli di
profondità e perfino diverse velocità di affioramento.
I cerchi dal colore più chiaro, gialli o rosa, balzano verso di noi; il cerchio nero al centro della
composizione sembra più lontano; i cerchi verdi o azzurri occupano invece livelli intermedi e
affiorano più lentamente.
Tra tutti i cerchi si stabilisce una connessione e l’immagine, né inerte né bloccata nell’istante come
il quadro di tradizione, appare come svolgersi nel tempo simile in questo a una composizione
musicale, a un pezzo per pianoforte, per esempio: i cerchi vengono emergendo fluidamente e con un
movimento costante, senza interruzione né strappi.
Fly UP