...

FERNANDO Ciao a tutti, come va? Spero bene o per lo meno

by user

on
Category: Documents
13

views

Report

Comments

Transcript

FERNANDO Ciao a tutti, come va? Spero bene o per lo meno
DICEMBRE 14, 2014
FERNANDO
Ciao a tutti, come va?
Spero bene o per lo meno meglio di me….
Stamattina un mio caro amico (che mi è stato molto vicino in questo periodo difficile) mi ha
detto con molta delicatezza di aver visto al cinema la mia ex con il tipo.
In realtà il fatto in sè non mi sorprende, ma ora ho la certezza che stanno ancora
insieme…e quindi non si trattava di un traghettatore o altre cose simili…
In questo lasso di tempo infatti io non l’ho più vista e tutti quelli che mi dicevano di averla
incontrata mi dicevano fosse sola…e questo fosse ha alimentato le mie illusioni…
Sono sprofondato indietro di 3 mesi…questa è la dimostrazione di ciò che temevo…in
fondo in questo periodo stavo cullando dentro di me la possibilità di poter tornare con
lei…stavo addirittura pensando di farle gli auguri per Natale…
Il mio amico dice che questo deve aiutarmi…è la dimostrazione che lei non cercava nulla
di serio…è per questo che si è messo con uno più grande con tanto di figli…
Ma in realtà ciò non mi aiuta per niente…
Lui dice che avrei sofferto di più se si fosse messa con un mio coetaneo, mi sarebbe preso
lo spirito di competizione, così è come se mi avesse lasciato per una donna…non c’è
competizione…
È così sbagliato sentirsi ancora tanto legati ad una persona che oltre a non esserci più ci
ha anche lasciato in maniera poco carina?
È così perverso e cattivo l’amore?
Un abbraccio a tutti
•
DICEMBRE 10, 2014
BUDDY
Ciao Jin,
mi dispiace tu non sia fornito di smartphone che sia in grado di supportare whatsapp, se
però desideri lo stesso metterti in contatto con noi puoi comunque scrivere alla mail
indicata da Ivonne:
[email protected]
Se sei interessato questa domenica ci dovremmo vedere con alcuni amici del blog nella
zona di BERGAMO, ammesso e non concesso che per te sia fattibile raggiungerci,
ovviamente l’invito a contattarci è esteso a chiunque lo desideri, se può interessare
attualmente il gruppo è composto da 13 persone.
Spero con questo commento di non alimentare inutili polemiche che in passato hanno
leggermente acceso gli animi di alcuni utenti del blog …
•
DICEMBRE 8, 2014
FIORENZA.
Salve! Ho trovato questo sito per caso, ho letto gli articoli e i vostri commenti e devo dire
che mi hanno un pò rincuorata… In estate ho conosciuto un ragazzo in vacanza,erano due
anni che ero da sola e non mi interessava più nessuno,dopo il mio ex ero convinta che
non avrei mai più provato certe cose. Conosco questo ragazzo bellissimo,appena lo vedo
mi scatta qualcosa,iniziamo a parlare e mi chiede di aggiungerlo su fb. Da lì iniziamo a
sentirci,io ero molto titubante per via della differenza d’età,lui ha 10 anni in meno di me, mi
convince dicendomi che lui era molto più maturo della sua età,che l’età anagrafica non
conta e tutte queste belle cose. Allora decido di buttarmi e ci esco.. una serata da sogno..
provo emozioni fortissime,lui dolcissimo… Continua questa cosa e ci vediamo nei giorni
che sono lì in vacanza, mi dice che quello che ha provato per me non l’ha mai provato per
nessuna, che si sentiva solo e depresso perchè le sue storie gli duravano poco e le donne
lo trattavano male ma che con me si sentiva felice, con me era diverso,si sentiva capito,io
ero una vera donna,che con le sue coetanee non si trovava, che non voleva perdermi x
nessun motivo,mi saluta con le lacrime agli occhi promettendomi di volerci provare
seriamente nonostante la differenza d’età e la distanza, mi implora di non spezzargli il
cuore,mi dice che ormai mi sente sua e che sto entrando nella sua anima. Torno a casa e
mi continua a cercare anche se ci sn giorni in cui sparisce poi mi chiede mille volta scusa
,cercando scuse. Ad un certo punto sparisce nel nulla,senza nemmeno una spiegazione,
dopo che le ultime cose che mi aveva detto erano che ci teneva tantissimo a me. E da lì
settimane a cercarlo e implorarlo,a dirgli di darmi una spiegazione e che sto malissimo ma
mi ignora,silenzio totale . Sono passati 3mesi e mezzo ma non riesco a dimenticarlo…. mi
sento in un tunnel senza via d’uscita.. non faccio altro che piangere e pensarlo,lo sogno
anche la notte. Ho paura di non uscirne più. So che non è stata una storia di anni e in
teoria non dovrei starci così male.. ma non so perchè era entrato davvero nella mia anima
lui. Ci tenevo da morire e mi ci aveva fatto credere come pochi. Era di una bellezza
allucinante, e la sua dolcezza mi aveva conquistata. Mi sembrava davvero il principe
azzurro.Mi aveva fatto toccare il cielo con un dito e dopo mi ha catapultata all’inferno. Mi
ha distrutto cuore e autostima. Da che mi riempiva di complimenti e parole stupende a che
mi ha buttata via come una scarpa vecchia. Tutti mi dicono che non sono più io.. ho perso
il sorriso e la voglia di vivere. Ho paura di non uscirne e che non troverò più nessuno.Mi
sento così sola e persa. Sto andando pure dallo psicologo.. ho pure poche amicizie e
questo mi fa sentire ancora più sola… vorrei tanto tornare a essere serena……
o
DICEMBRE 9, 2014
JIN
pultroppo i lasciati si sentono sempre cosi, pure io , buttato come un vecchio straccio
poi passa fiorenza col tempo

DICEMBRE 10, 2014
FIORENZA.
Lo spero tanto….. sembra non passare mai… e ho paura di non uscirne più!!! 3
mesi e mezzo da incubo!!!!!!
•
DICEMBRE 3, 2014
AGA
ciao ragazzi
Innanzitutto complimenti davvero e …passo al punto. Ho 41 anni , lei 34
la mia storia è una di tante. 15 anni insieme, 14 di matrimonio ( sposati giovanissimi) , una
bambina adorabile che ora ha 2 anni e mezzo, .. tanti sacrifici fatti da soli io e lei la casa in
campagna fatta fisicamente insieme… un mutuo 2 cani …un lavoro. aver avuto la bimba
dopo 12 anni ( causa sacrifici e mancanza di soldi ) era il coronamento di una vita passata
sempre insieme nella piu perfetta sintonia ( intendo a livello di intesa, non di divisione dei
compiti …in cui io ci ho messo sempre piu ). sei mesi fa io perdo il lavoro causa crisi….
ma me ne frego, ho la mia casa , la mia famiglia.
lei ha un amico di penna ( come si suol dire) da 10 anni, io non sono geloso… lui sta negli
Usa, è un collega di lavoro ( lavora in una multinazionale) …ma..piano piano si sostituisce
a me come punto di riferimento…Lei chatta con lui a tutte le ore… …io penso la bambina
la stressa, la stresso io con i miei problemi di lavoro… e lascio che le cose scorrano.
premetto che pur non avendo mai avuto un grande istinto di maternità.. abbiamo sempre
pensato al secondo figlio…io ne avrei voluti anche di piu… da un anno lei dice che di altri
figli non se ne parla ( ancora non avevo perso il lavoro ) ..vuole realizzarsi sul lavoro,
godersi la vita…poi due mesi fa va in Usa per lavoro, da sola, vede realmente il suo amico
di penna… ricco, single, gentile.. è meglio che in chat… ma non succede niente ( forse era
meglio che qualcosa fosse successo, entrambi giurano che non cè assolutamente nulla e
nemmeno ci potrebbe essere ed io a questo punto ci credo), torna a in italia ed è nervosa,
parla degli Usa come della terra promessa, dopo una settimana mi dice che altri figli me li
devo scordare e se non mi va … di pensarci bene se voglio rimanere con lei, poi ancora
una settimana… e dice il fatidico ….io non sento piu niente.di la in poi potete immaginare
cosa succede a me…e cosa faccio, …fiori , lettere, pianti ed arrabbiature, silenzi e discordi
infiniti, prese di posizione e cedimenti…ho scritto al suo amico ..e. credetemi con tanto di
garbo…se anche avesse avuto un’idea di stare con lei …cosa che nega gliela ho
smontata.
il resto sarà seguire il calvario di tutti.ma ci sono dei ma…
secondo lei stiamo insieme per la bambina , lei vorrebbe lasciare il lavoro e l’italia per
realizzarsi personalmente ..andare negli Usa allo sbaraglio per aprire un’attività ( con i
soldi della casa frutto dei nostri sacrifici… fino a 2 mesi fa non vi avrebbe mai rinunciato ).
io che per amore di mia figlia….di 2 anni e mezzo e per fare in modo che abbia vicini
entrambi i genitori, dovrei seguirla, farle da socio ( con la mia metà dei soldi) e vivere nei
paraggi…evitando che la bimba oltre a scordarsi della lingua …si scordi anche di come è
fatto il padre.
premesso che siamo costretti a vivere insieme nella stessa casa ( e lei a rigore mi deve
anche mantenere visto che non lavoro da 6 mesi), abbiamo una sola macchina (lei ha la
patente ma ha paura di guidare)… e via dicendo
Sto vivendo l’iter delle 3 fasi…così…e sto ancora all’inizio.. è straziante. come tutti prima o
poi me ne farò una ragione. ma la bimba? qui non si tratta di fare i genitori part time nel
valzer di un affidamento congiunto, si tratta di rimanere sposati per convenienza
assecondare lei e farle da paggetto….seguirla nel suo delirio di andare negli Usa, al buio
,senza nessuna certezza e sicurezza di riuscita..di essere solo un socio finanziatore delle
sue scelte…vivere insieme ma solo per la bambina e solo finchè non potremmo
permetterci 2 case separate per poi a quel punto ricominciare a vivere
in alternativa ..far scoppiare la bomba…separarci e metterci in mano agli avvocati ed ai
giudici, iniziando una guerra di rancori e di ripicche…solo per reggere le rispettive
posizioni dove non solo non cè ritorno ( e credo che non ci sia comunque) ma chi ne fa le
spese è la bambina ( ed io questo anche razionalmente non lo posso accettare )
NB non voglio commenti sui comportamenti, solo consigli praticabili sul cosa fare, vi prego,
lo so che è difficile ma mi farebbe piacere
per amore di mia figlia sono disposto a sacrificarmi, almeno finchè non sarò sicuro che sia
diventata una signorina e riesca a capire e ricordare
•
NOVEMBRE 30, 2014
JIN
scusate una volta c era una chat che si poteva parlare direttamente con chi si collegava
sul sito; perche l avete tolta? almeno uno parlava con qualcuno dello stesso problema e
aveva qualche parola di conforto, per tirarsi su il morale, perche staff lo avete tolto?potete
rispondermi?
o
NOVEMBRE 30, 2014
IVONNE
Ciao jin, la chat esiste ed è ancora funzionante… Ma per evitare “polemiche” non
abbiamo più fatto “pubblicità” .. Se sei interassato, possiamo darti più informazioni …

DICEMBRE 1, 2014
JIN
ok io sono interessato mi puoi dare piu informazioni?

DICEMBRE 1, 2014
IVONNE
Ciao jin, Mesi fa abbiamo creato un gruppo su whatsapp, una “chat diretta” è
molto operativa, se vorresti essere inserito nel gruppo di whatsapp manda il
tuo numero di cellulare a questo indirizzo
email [email protected] , se vuoi ancora più informazioni
potresti scrivere a quel indirizzo, ti risponderemo il prima possibile …
Buona serata!

DICEMBRE 9, 2014
JIN
non ho il cellulare adatto :(

DICEMBRE 16, 2014
JIN
ciao ivonna ho preso lo smart phone come faccio ora ad aggiungervi? ho
mandato anche un messaggio al [email protected]

DICEMBRE 16, 2014
IVONNE
Ciao jin, aklora per essere aggiunto dovresti mandare il tuo numero di
cellulare alla email che ti abbiamo indicato, sarai aggiunto al più presto!!
o
DICEMBRE 1, 2014
ART
Ciao Jin
La chat è stata disattivata perchè utilizzata in maniera poco consona… purtroppo
alcuni balordi si divertivano a prendere in giro le persone che si collegavano…. segui
pure i consigli di Ivonne (credo si tratti del gruppo whatsapp….
Un abbraccio e in gamba
•
NOVEMBRE 29, 2014
JIN
SALVE A TUTTI, LEGGENDO TUTTI I COMMENTI NOTO CHE SIAMO QUASI TUTTI
SIMILI, IO DA IERI CHE NON MANGIO E NON DORMO, MI SENTO A PEZZI, CON LEI
ABBIAMO UNA DIFFERENZA D ETà DI 11 ANNI, ALL INIZIO NON IMPAZZIVO PER LEI
, MA PIANO PIANO MI SONO INNAMORATO, GLI E LO DICEVO POCO PERO NON L
AVREI MAI LASCIATA PER NESSUN MOTIVO, PER NESSUNA DIFFICOLTA E
SITUAZIONE, MENTRE LEI 3 GIORNI PRIMA CHE MI LASCIAVA M AVEVA DETTO
CHE MI AMAVA ,,,, MI CHIEDO IL PERCHE? DI STA BUGIA???
•
NOVEMBRE 5, 2014
FRANCO
Buongiorno a tutti
chiedo consulenza soprattutto femminile
io sopra i trenta anni lei quasi cinquanta
mi lascia a fine dopo 3 anni di tira e molla… per un altro
l’ho scoperto dopo 15 gg che mi aveva lasciato per un altro nonostante continuasse a dire
non “c’è nessuno”
naturalmente mi è caduto il mondo addosso e i primi gg sono stati devastanti con mio
zerbinismo totale
ho continuato poi per un paio di gg ad andare a prendere il ns cane che amo a casa sua,
la cosa però mi faceva troppo male, ed ho smesso
ora dopo 15 gg che non mi faccio più sentire e vedere mi ritrovo in sequenza:
2/11 messaggio con rumori di sottofondo nella segreteria del cell aziendale (una chiamata
partita dal suo cell accidentalmente sembrerebbe)
3/11 alle ore 23.15 complice un programma che interessa ad entrambi mi scrive “guarda
rete 4″ a cui non ho risposto
4/11 mi scrive un altro sms “mi riporti le chiavi per favore”
io le rispondo “si te le lascio nella posta” lei mi risponde “ok tanto il cane non lo stai
venendo a trovare o sbaglio?” non ho risposto ma chiaro che le porterò oggi o domani
non mi sto illudendo solo che in questo modo mina quel poco di equilibrio raggiunto con
molta fatica in questi giorni ed ovviamente non voglio mostrarle minimamente che la cosa
faccia ancora male
che ne pensate? come mi devo comportare?
un saluto
o
NOVEMBRE 5, 2014
FRANCO
fine settembre
•
OTTOBRE 29, 2014
GIOVANNI
tutto quanto finisce, inutile sentirsi in colpa e la natura umana. si crea per distruggere. non
sono mai stato fortunato con le donne, pero vi dico i soldi aiutano, ma io non voglio una
more cosi. le prime volte d innamorati e la cosa piu bella al mondo ma col tempo e non
avendo un lavoro e una fonte di guadagno esaurisce tutto. poi sentendo coppie che hanno
preso col mutuo case negozi e le loro donne di nascosto fanno sesso col primo che li
capita e una cosa penosa, certe volte mi dico ma in che mondo viviamo oppure cosa sta
succedendo ??
•
OTTOBRE 28, 2014
FABRIZIO
Ciao a tutti.
E’ la prima volta che scrivo su questo blog ma ammetto che è da più di un mese che leggo
e rileggo i 10 modi e tutti i vostri post.
Racconto brevemente la mia storia, il 20 agosto sono stato lasciato sentendomi dire la
frase “non è colpa tua semplicemente non ha funzionato, voglio stare da sola e ritrovare
me stessa”. Relazione di due anni, tutto perfetto, se c’erano discussioni si litigava e poi
con un bacio si risolveva. Io 30 lei 31, Lei era Donna per come si comportava e pensava,
non come le altre della ns. età, ed io la amavo anche per questo, bellissima, perfetta,
semplice, gentile e di buona famiglia. Progettavamo un futuro, tutto svanito. Da quel giorno
mi sono completamente annullato e non riesco a trovare più piacere in nulla. La penso
ogni minuto e questo non mi permette di andare avanti, Ammetto che in questo periodo
sono estremamente sensibile e spesso scoppio in lacrime e mi dico fra me e me “ma che
uomo sei dove sono le -biglie-!!!”. L’ho cercata per messaggi, telefonate ma mi ha detto
chiaro e tondo che non ha ripensamenti e che ora sta bene! Da questa situazione sono
usciti i veri amici che mi stanno accanto (pochissimi 1 o 2, altra grande delusione). Mi do
la colpa di tutto, per come è andata a finire, per gesti parole cose pensate ma non fatte,
non averla fatta sentire Unica, per non essere riuscito a riconquistarla quando ha preso la
Sua decisione. Ora ho deciso di farmi seguire da uno specialista perché non ne posso
veramente più. Non per elogiarmi, ma a detta di altre ragazze, mi ritengo un bel ragazzo,
alto, bel viso, castano, occhi scuri, nuotatore pertanto fisico molto atletico, si sono
presentate diverse occasioni in questi mesi ma Lei…sempre Lei in mente. Purtroppo l’ho
idealizzata come la mia Donna perfetta e questo rende tutto ancora più difficile. Devo
ringraziare i miei genitori e mia sorella che mi stanno dando un grande aiuto almeno con
loro mi posso sfogare e lasciare andare.
Ora arrivo al punto, racconto cosa mi ha fatto toccare il fondo e che mi ha convinto pure a
cercare il vostro aiuto/conforto…per la seconda volta l’ho trovata nel locale (qui di Treviso,
di dove siamo entrambi) dove andavamo sempre nei due anni di relazione (la prima volta
dopo averle parlato sono uscito in lacrime aggrappato al mio migliore amico, che figura di
m…), ma veniamo al dunque, Lei – che voleva stare da sola e ritrovare se stessa – si è
presentata con una coppia di suoi amici (che conosco pure io) e tre amici di lui single. Lei
non disdegnava affatto le loro attenzioni anzi! Mi sono fatto coraggio e sono andato a
salutarla (se non sbatto la testa contro il muro non sono contento), mentre Le parlavo c’era
uno di questi ragazzi che continuava a toccarla a chiamarla per andare a bere e Lei di
tutta risposta gli sorrideva e scherzava assieme mentre il pirla (IO) Le parlava col cuore in
mano. Risultato? Lei è andata a bere con i Suoi amichetti ed io sono scappato a casa a
sfogarmi/piangere da mia sorella!! (e anche stavolta mi sono detto ma che uomo sei?!).
Ciò detto sono rifinito a toccare il fondo! E penso ma chi è ora? Non è più la Donna che
conoscevo io! Chi è questa persona? Che gli piace essere al centro dell’attenzione di
questi? Prima quando era con me guai se qualcuno si azzardava a sfiorarla, mi chiamava
subito…e ora? Cosa Vuoi fare? Vuoi dimostrami che Tu non hai bisogno di me? Che sei
felice e serena lo sapevo già tutti me lo avevano detto ma dovevi proprio mancarmi così di
rispetto? Almeno vai dal Tuo amichetto dopo che ci siamo salutati.
La situazione ormai mi è fuori controllo, non mangio, non dormo, chi mi vuole bene sta
male vedendomi così.
Non so più cosa fare, a questo punto vorrei solo cancellare gli ultimi due anni.
So che tutto serve per crescere, maturare, ma questa delusione d’amore non riesco ad
accettarla, vorrei odiarla ma non ci riesco anzi la amo più di prima, non penso ad altro che
a Lei con un’altro al suo fianco. Nonostante tutto se tornasse io sarei qui a riabbracciarla
subito!
Scusate lo sfogo e magari qualche frase sconnessa ma sono parole scritte di getto, Vi ho
raccontato tutto con il cuore in mano, sono i sentimenti di un ragazzo/uomo che ha perso
la Donna della sua vita (secondo me!).
Un’ultima cosa, un ringraziamento particolare ad ART per tutto quello che ha creato,
perché per me, come credo per tutti i delusi per amore, le Tue parole e questo blog, sono
come un timido raggio di sole che cerca di illuminare questa notte buia e tetra che sembra
non finire mai. GRAZIE!
o
OTTOBRE 28, 2014
STANIMAL75
Ciao Fabrizio
Mi chiamo Daniele, ho letto il tuo post e ti posso dire che siamo entrambi nella stessa
barca.
Io convivo con lei da tre anni e abbiamo anche una bimba insieme, ora sono tre mesi
che i ha messo alla porta, ma non ho un posto dove andare abitando in Svizzera non
ho parenti e sono orfano ormai da anni, non posso neanche sfogarmi con qualcuno.
Come te non dormo non mangio e la penso sempre, mi ha detto che vuole
semplicemente ritrovare se stessa e abbiamo bisogno di questa separazione x
crescere e trovare ognuno il propio equilibrio.
Stando sotto lo stesso tetto siamo due persone estranee, non posso toccarla che si
mette a gridare a pure chiamato sua madre sabato alle 3 di notte a dire che non ce la
faceva più, io sono poi uscito a prendere, e sentirmi le parole della suocera x tel, ” non
tornare a casa perché vengo giù io, la devi lasciare stare ecc.”
Non so più cosa fare sto provando ad evitarla, ma scoppiamo sempre a litigare, e x la
bimba non va bene.
Ascolta Fabrizio se vuoi possiamo parlare privatamente ti lascio
l’email [email protected]
o
NOVEMBRE 4, 2014
ANDREA
ciao fabrizio,
è successa la stessa identica cosa a me dopo 2 anni, benvenuto nel club ormai
funziona cosi,quando ti innamori tu si disinnamorano loro…e si finisce con il soffrire
tanto!!
io sono 20 mesi che mi ha lasciata e che poi l ho beccata con un altro non ti dico
come sono stato poi una pezza…….se ci lasciano e xk di sicuro nn ci amano piu,….o
ce qualcuno di mezzo…e qsta cosa fa malissimo…ma è la realta’,bisogna farsene una
ragione di vita….vedrai che tutto passa…ma ci vuole tempo….io dopo 20 mesi sto
benissimo…..è cosi’ x tutti lo sara’ anche x te al 100%…..ma devi volerla dimenticare
sul serio…e vedrai che il tempo fara’ il resto!!
fammi sapere o se vuoi scrivimi sulla mia mail [email protected]

NOVEMBRE 4, 2014
FABRIZIO
Ciao Andrea,
………20 mesi………sono un’eternità……voglio riprendermi molto prima….devo
farlo per me stesso!!!…….alla fine spero che i ricordi divengano solo belle
immagini nella memoria e non spade nel cuore e pugni allo stomaco!!!
Grazie davvero per le Tue parole.

NOVEMBRE 25, 2014
FABRIZIO
Passi giornate a ridere e giornate in crisi a piangere ed a ripensare a tutto
quello che avete fatto…daresti l’anima per quella persona che prima non
vedeva l’ora di vederti, abbracciarti, baciarti, coccolarti ed ora ti scrive che
non vuole più vederti, sentirti, frequentarti…e Tu non capisci cosa hai fatto
per meritarti tutto questo. Non l’hai tradita. Non le hai mancato di rispetto. E
dopo poco più di tre mesi stai qui, con i ricordi che ti fanno male. Vivendo un
pò nell’illusione. Illusione appunto.
Avevo bisogno di scrivere. Scusate lo sfogo.
Buona serata a tutti.
•
OTTOBRE 21, 2014
CLAUDIO
Circa una settimana passata dall’incontro chiarificatore…..penso a lei ancora
intensissimamente tutti i giorni anche se in modo nettamente diverso….se prima ogni
pensiero era come una lama che attraversava il mio cuore adesso ci penso solo con molta
rassegnazione…..i momenti di solitudine sono quelli che mi mettono a dura prova,
specialmente la domenica che odio…cosi oggi ho fatto un esperimento…..quando penso a
lei di solito associo solo i momenti belli (pochissimi a dir la verita) invece che i momenti
brutti e le cose belle di lei invece che i tantissimi difetti. E se invece facessi l’opposto mi
sono chiesto? Cosi ho buttato giu una lista di tutti i momenti in cui mi ha umiliato, di tutte le
cose che non mi sono mai piaciute di lei ma che digerivo per amore, di tutto quello che ho
fatto per lei e cosa salta fuori e incredibile….mi e salita una rabbia addosso che a moneti
spaccavo la sedia….. e non solamente nei suoi confronti ma nei miei soprattutto per
essere sceso cosi in basso con la mia dignita…..
•
OTTOBRE 20, 2014
STANIMAL
Salve a tutti mi chiamo Daniele e sono svizzero, vi scrivo x avere un po’ di conforto da
parte vostra e sentire le vostre esperienze, la ragazza mi vuole fuori di casa a tutti costi, e
io non trovo un alloggio da nessuna parte
Mi a ha detto chiaramente in faccia che non mi ama più, avendo insieme una bambina
stupenda di due anni e tre mesi non riesco ha digerire la sua scelta.
Sono più di due anni che sta sempre col cell. in mano sui vari siti nibiru 2012, siti folli che
cambiano le persone secondo me. Dell’altro ieri la scoperta da parte mia che si scrive con
un uomo conosciuto in internet,da 5-6 mesi, mi sento traditi 2 volte perché mi ha sempre
detto che era una donna, non vi dico il dolore che ho provato nello scoprirlo, anche perché
x me è praticamente impossibile controllare il suo tel
Lei dice che è meglio che vada via perché deve ritrovare il suo equilibrio, ma a sto punto
non credo più a niente, vederla col tel sempre in mano mi fa stare male.
•
OTTOBRE 19, 2014
CAROLINA
PER RAFFAELLA.
Ciao cara, magari è anche strano questo mandare messaggi ai tuoi, anche se gli viene dal
centro del cuore un desiderio nostalgico di loro dovrebbe sapersi trattenere. Comunque,
posso anche capire l’intenzione di scusarsi con loro, soprattutto se è stato trattato come
un figlio.
Ma, a parte tutto questo, il punto nodale sei TU, non lui e neanche i tuoi. Voglio dire, a 5
mesi dalla sua dipartita i tuoi pensieri sono ancora tutti convogliati su di lui, su quello che
fa o non fa, che gli gira per la testa, perché non si fa sentire, e bla bla bla. Questo è
comprensibile, il tempo è ancora molto breve, 5 mesi non sono molti per superare un
abbandono, ma voglio offrirti un calcolo che tempo fa mi fece notare Billy e che mi fece
riflettere: 5 mesi vogliono dire 150 giorni, 3600 ore, 216000 minuti, 12960000 secondi di
dolore: non sei stanca di soffrire? E’ la tua vita, Raffaella, riprendi in mano il tuo tempo!
Io non ti consiglio di sentirlo per un chiarimento ulteriore: il suo comportamento è
eloquente, sparire senza nemmeno una spiegazione tranne il classico ti voglio bene ma
non ti amo, che tutti abbiamo sentito, che non vuole dire nulla perché non è sostanziato da
nessun riferimento “storico” alla nostra relazione particolare, questo vuol dire non saper
affrontare gli altri, non aver neanche da dedicare l’attenzione necessaria, dovuta, alla
persona che ha convissuto con te per anni, pure se non la ami più. Non sanno forse
neanche bene loro quello che vogliono ma comunque, quel che è certo, è che non hanno
neanche la minima idea di come ci si deve comportare alla conclusione di un rapporto, e
scelgono la fuga scomposta. Ora, detto questo, c’è anche da dire che noi siamo indifesi di
fronte allo tsunami dell’abbandono, dunque anche ci dessero tutte le spiegazioni del
mondo la nostra sofferenza non si allevierebbe, è una favola che ci autoraccontiamo. E
magari le loro spiegazioni avrebbero l’effetto di farci nascere ulteriori sensi di colpa (se in
quella corcostanza avessi detto, se a fronte di questo problema avessi fatto…) che in
realtà non hanno alcun senso, perché la verità è che ci si sceglie in due e in due si
costruisce il rapporto, nel bene e nel male.
E’ la voglia di reagire che deve tornarti, perché tanto lui non torna. E poi, scusa, anche se
tornasse, sei proprio sicura che lo rivorresti con te un uomo che ti ha detto da un giorno
all’altro che non ti ama più, che soprattutto se n’è andato senza nemmeno avvertire il
“dovere” di darti una spiegazione? Quale fiducia avresti in lui? Lo rivorresti con te un uomo
che si è comportato come un bambino? Io penso che, con un po’ di amore proprio,
riconoscendo i nostri bisogni profondi (essere amati, e soprattutto essere rispettati), liberi
dal peso del dolore che ci condiziona ogni pensiero, probabilmente risponderemmo di no.
Il percorso di riappropriazione di noi stessi, di riconquista della nostra dignità di persone, di
riconoscimento delle nostre emozioni che sono nostre e non degli altri, è molto lungo e irto
di difficoltà e ostacoli, ma a questo bisogna tendere. Non magicamente, a piccoli passi,
senz’altro, ma vanno propiziati: cogliere le occasioni di cambiamento, non restare troppo
soli, cercare la compagnia di persone con le quali sfogarsi ma anche di quelle con cui non
ci si può sfogare (e si deve fare per forza altro, cosa che distrae dal pensiero fisso,
all’inizio sono pochi attimi, poi si allungano, e comunque fa bene l’allentamento della
morsa in sé), sforzarsi di non lasciarsi andare, fare cose di cui magari al momento non ci
importa nulla, ma che poi torneranno utili, iscriversi a un corso di yoga, di tai chi, di danza
(io sempre consiglio il tango argentino), di spagnolo, di teatro, o che so io. Fare delle cose,
magari le abbandoneremo subito e ne faremo altre, non importa, ma sforzarsi di non
rimanere troppo a lungo soli a “cullare” il proprio dolore.
Ognuno ha una propria vicenda personale che vale per se stessi, ma l’esperienza umana
ha anche dei denominatori comuni. Io sono stata abbandonata dopo 15 anni il 24
dicembre scorso, la sera del santo natale!, con la classica frase “non ti amo più” (peggio,
più precisamente: “se non riesco a rinunciare alle cose che ti fanno stare male,
evidentemente non ti amo abbastanza”, come si trattasse non di sentimenti ma di un
sillogismo aristotelico!). In capo a 2 giorni se n’è andato. Ad oggi sono 10 mesi. I primi 3
mesi sono stati un incubo di dolore acuto, i successivi 3 sono stata sotto l’effetto di
un’anestesia emotiva che mi preoccupava non meno, il cuore trasformato in un deserto.
Non li ricordo neanche benissimo, tutto è dilatato come in un film al rallentatore in cui i
protagonisti erano solo me stessa e il mio cervello impantanato in un circolo vizioso
compulsivo in cui non solo mi facevo mille domanda ma anche continuavo, in perfetta
solitudine, la dinamica relazionale con lui, gli ponevo domande, costruivo discorsi, come
se stessi ancora parlando con lui. A pensarci bene oggi, qualcosa che assomiglia alla
follia, se la follia è lo scollamento dalla realtà, la separazione fra il pensato e il vissuto. Ho
cominciato a stare meglio da giugno, attuando un no contact totale. Durante l’estate,
nonostante mi trascinassi come un ectoplasma senza consistenza corporea, qualcosa è
scattato in me. Un recupero di volontà di vivere. Un accorgermi degli altri. Un riaccorgermi
della semplice esistenza degli altri uomini, una capacità di volgere sguardi “sessuati” su di
loro (senza riuscire ad avvicinarli, ma con una qualità diversa dello sguardo). Un desiderio
di avere amici non solo per sfogarmi dei miei guai, ma per condividere esperienze ed
emozioni. Un ritorno alla vita, insomma. Per quanto acciaccata, dolorante, sfiancata.
Ho 51 anni, non sono una ragazzina, ma era da tanto tempo che non mi capitava che
qualcuno (amici, amiche, uomini interessati) mi dicesse: come stai bene, oggi sei proprio
bella! Così ho scoperto, senza che mi fossi bene resa conto della strada che avevo già
percorso per trovarmi lì in quel punto, che la vita era continuata, che la vita continua, e che
io non ho affatto voglia di percepirmi in eterno come una vittima della “cattiveria” dell’uomo
che ho tanto amato e che però, nonostante questo, ha scelto di andarsene. Auguro alle
altre che avranno a che fare con lui miglior fortuna. Io adesso, per un milione di anni, ho
da fare un momento.
Un abbraccio.
o
DICEMBRE 11, 2014
FIORENZA.
Il tuo commento mi da un pò di speranza, io ho avuto una batosta quest’estate e
ancora sto malissimo.. non riesco proprio ad uscirne… mi sento dentro un incubo…
non vivo praticamente più… ho tanta paura di non uscirne più e di non riuscire a
dimenticarlo…. :(
•
OTTOBRE 17, 2014
CLAUDIO
Aggiornamento:
Dopo quasi un mese dall’esser stato lasciato con un messaggio l’altro ieri ho avuto un
super momento no, e bastato restare solo una sera senza programmi a casa per entrare in
crisi. Notte insonne e giorno dopo la contatto dicendole che la passero a trovare dopo
lavoro. Lei all’inizio rifiuta ma di fronte alle mie insistenze cede con la promessa di 15
minuti di chiarimento. Da premettere che non sapevo bene se l’incontro mi avrebbe aiutato
o no, ma sapevo solamente che il mio corpo aveva raggiunto il limite di spoortazione di
fronte ai continui perche e “se avessi fatto questo”….essere lasciati senza avere un
confronto diretto e una cosa che non auguro a nessuno perche il continuo pensiero ti
logora l’anima…..credo cambi da situazione a situazione ma io non ho mai rotto con
qualcuno odiandolo….semplicemente non e nella mia natura…. Quello che mi aspettavo
era un classico tiro al bersaglio in cui lei mi diceva tutte le cose brutte che avevo
immaginato ed alimentato nella mia testa in questo mese cossicche finalmente da parte
mia non ci fossero stati ne piu se ne ma ed avrei potuto iniziare la mia risalita fondata sul
rancore……ed invece no….mi e subito chiaro che i veri motivi della fine sono quelli che ho
sempre saputo e che mi hanno convinto a essere distante per spingerla a lasciarmi…..il
fatto che lei non era innamorata di me e che cmq sarebbe partita in ogni caso a Febbraio
per il suo anno sabbatico, tutti motivi perfettamente logici e per il quale noi non abbiamo
mai avuto veramente un futuro…..l’ho saluta dicendole per la prima volta quello che ho
sempre avuto paura di dirle per non perderla….che l’avevo amata dal primo giorno in cui ci
eravamo conosciuti……..stranissima sensazione dopo averle detto addio credevo di
scoppiare in lacrime ma non riuscivo a piangere e mi sentivo come narcotizzato….non
sentivo niente.
Non so se questo mi sia servito e ve faro sapere tra 15 giorni…1 mese…. ma mi sento piu
sereno di giorni fa…triste si ma cosciente di aver fatto tutto cio in mio potere per valutare
correttamente il modo in cui questa storia e finita…..ed andare avanti…guardare
avanti…..spero tutto questo mi aiuti a capire chi sono veramente e cosa voglia dalla
vita……con la grande lezione che certe volta amare non basta…incontrare la persona
giusta al momento giusto che provi i tuoi stessi sentimenti e come vincere alla lotteria e se
anche dopo questi momenti brutti si ha sempre la speranza non e detto che tocchi a tutti.
•
OTTOBRE 17, 2014
RAFFAELLA
salve a tutti!!!
Aiuto! Tre giorni fa il mio ex ha mandato un messaggio ai miei genitori dicendogli che gli
mancano e che gli vuole bene, prima di questo c’è stato solo un altro sms un mese fa
dove chiedeva scusa a tutti e chiedeva scusa soprattutto del comportamento avuto. Sono
5 mesi invece che da quando mi ha lasciato, con il ti voglio bene ma non ti amo, con me
non si fa ne sentire e nè vedere. Sono giorni che penso di chiedergli un confronto ma so
che non mi servirà a nulla perchè non sarà in grado di rispondere a “dovere” a tutte le mie
domande. Il fatto che lui mandi messaggi ai miei è una cosa che mi irrita molto, lo sapeva
che lasciata me avrebbe lasciato anche la mia famiglia quindi mi chiedo cosa diavolo
vuole?! e poi gli mancano solo loro?
Non so cosa fare, desidero rivederlo desidero parlare con lui, desidero cercare di capire
ma nello stesso tempo non voglio cedere, non voglio che pensi che ancora il mio cuore
appartiene a lui, non voglio arrendermi nel lottare. Dopo 6 anni sono stata lasciata
dall’oggi al domani senza avere l’opportunità di ribattere. Lui ha deciso punto e basta non
mi ha dato l’opportunità di dire nulla, ho dovuto accettare(ma si può notare che ancora non
ho accettato nulla), ho dovuto sforzarmi nel non chiedere, nel non domandare, nel non
vederlo. Non ce la faccio più ho bisogno di chiarimenti ma forse ancora è troppo presto
non vorrei, dopo, stare ancora più male.
Non capisco il perchè di questo suo atteggiamento, il perchè si faccia sentire con i miei
mentre io gli sono indifferente. Non capisco nulla, mi sento persa, vuota, senza voglia di
reagire.
o
OTTOBRE 17, 2014
IRIS
Cara Raffaela,
capisco benissimo che la cosa ti crei un sacco di “fastidi”, irritazione, rabbia,
delusione.. e tutta una serie di altri sentimenti.
Il perchè l’abbia fatto con loro e non con te, non lo sai, e francamente non ne capisco
il motivo. Anche il mio ex era molto legato alla mia famiglia che l ha sempre trattato
come si doveva, ma se dovesse farsi sentire con loro e non con me, io sarei un
uragano…, quindi ti capisco.
Ma non penso che chiedere un chiarimento a lui, in questo momento, sarebbe la
scelta migliore per te. Comprendo bene i sentimenti che provi, anche a me dopo 5
anni bellissimi si è svegliato un giorno dicendomi che i sentimenti erano cambiati, il
mondo è crollato, la terra ha iniziato a girare velocemente e io sono stata spazzata
via, non avendo il tempo nemmeno di aprire bocca. Oggi stavamo insieme, domani
nulla. io che toglievo le cose da quella che sarebbe dovuta essere la nostra casa per
un futuro insieme, il nostro nido. E poi più nulla.
Certo non te ne fai una ragione, non hai una risposta alle mille e oltre, infinite,
domande che tutti i giorni ti poni. In alcuni momenti, ho scritto a lui, chiedendo, e
chiedendo e ancora altre domande, ma nulla, le sue risposte o non c’erano o non
avevano senso. Molto probabilmente non lo sanno bene nemmeno loro, e quello che
ho capito, sbagliando più volte a insistere, è che loro non hanno le risposte che ci
servono per andare avanti.
Dobbiamo trovare la forza dentro di noi, perchè la forza ce l’abbiamo ancora, solo che
ora siamo troppo concentrare a sentire solo il sentimento del dolore, del vuoto, della
rabbia per percepire tutto il resto. Siamo dentro a questo vortice e ci facciamo
trasportare senza fare resistenza.
Ecco, bisogna reagire, vuoi o non vuoi, dobbiamo abituarci a questo nuovo
cambiamento e dobbiamo cambiare la nostra vita e le nostre abitudini. Non possiamo
fare altro. Stiamo sprecando fin troppo tempo chiuse dentro di noi a pensare solo a lui,
a noi, a quello che eravamo, a quello che potevamo essere, a come stiamo male, a
quanto ci manca, a quanto ci sentiamo vuoti, a quanto non sappiamo più come fare e
come farlo.
STOP, BASTA.
Cerchiamo di alzarci e vediamo come va, Un passo alla volta, giorno dopo giorno, e
vediamo come va.
Cerchiamo di cogliere ogni spiraglio di cambiamento.
Ce la possiamo fare.
Dobbiamo solo iniziare a voler più bene e a credere in noi stessi.
un abbraccio grande.
Un saluto a tutti.
o
OTTOBRE 17, 2014
DANIELA
Un consiglio crudo ma probabilmente vero FUGGI è probabile che di “LA” le cose non
siano esattamente andate come previsto
Un abbraccio Daniela
•
OTTOBRE 15, 2014
FERNANDO
Aggiornamento.
Ieri la mia ex ha chiamato il mio amico avvocato (quello che avevo mandato a riprendere i
miei effetti personali a casa nostra). Oggetto della chiamata la richiesta della vaschetta del
cane che avevo tenuto io e ricordare che devo riparare la poltrona che avevo rotto.
Io le ho mandato un sms molto “morbido” io cui le dicevo che se il proprietario le avesse
chiesto dei soldi sarei intervenuto io e approfittavo per chiedere i telecomandi che non mi
aveva restituito.
Mi ha risposto con 3 messaggi, uno ogni 10 minuti.
Prima “si ok ti rido i telecomandi”, poi “guarda che il proprietario di casa chiederà di sicuro i
soldi e i suoi conti sono salati”, infine “no anzi voglio che mandi una persona a ripararla,
per inciso mi hai rotto anche un puff ma quello è mio e te lo abbuono”
Ma perché fa così?
Comunque confermo la sacralità del “no contact”, questo scambio di sms mi ha fatto
tornare parecchio indietro….
Aspetto le vostre sempre lucide osservazioni.
Un saluto
o
OTTOBRE 16, 2014
DANIELA
Perchè sono degli stronzi insensibili sapessi il mio ex quante me ne fa passare
un forte abbraccio Daniela
•
OTTOBRE 14, 2014
MANU
Salve a tutti. La mia storia in breve. Noi ci siamo conosciuti e amati 21 anni fa. A distanza
di allora non c’è più nessun noi. Avevo 17 anni. Ora ne ho 18 e davvero, vorrei andare a
dormire e non svegliarmi mai più. La nostra è stata per certi versi una relazione a distanza.
Poi la crisi ci ha messo la zampa e da tre anni vivere in un’altra città si è trasformato vivere
in due stati diversi. quest’anno la svolta. I miei capi mi danno il via libera. Se vuoi da
dicembre torni in Italia. Per me era la manna da cielo. Io e lui finalmente insieme. Era
quello che volevo. Lui sembrava felice. Sembrava… andiamo in vacanza, ad agosto. due
settimane fra alti e bassi, ma che dire. capita a tutti no? E, no. ci separiamo il 18
settembre. Il 20, al telefono, quasi ridendo, mi fa…. ‘ma lo sai che non so se ti amo?’. A
me crolla il mondo addosso. come sarebbe non sai se mi ami? siamo assieme da 21 anni,
lo saprai no? Segue un mese di tira e molla. Sempre più freddo lui. Sempre più angosciata
io. Viene da me, tre giorni. Non si risolve nulla. Poi quattro giorni fa la verità. ‘C’è un’altra’.
A me crolla l’universo sulla testa. Come, c’è un’altra? Cosa? E lui. ‘Non so scegliere,
pensavo mi mancassi di più ma io con lei sto bene, e poi lei ha sofferto’. A quel punto lo
mollo. di getto. immediatamente. Del tipo ‘Ti aiuto a scegliere, vai con lei e lascia stare
me’. Ora sto male. Davvero male. Non so neppure più chi sono. Non voglio chiamarlo o
pregare. Io non l’ho mai tradito. Lo amavo, anche se lontana. sono sempre stata con lui.
eppure non è bastato. Ora io muoio. non voglio davvero più fare altro che non stare nel
letto e piangere. E’ depressione. Lo so. Passerà? non so quando. Faccio finta di niente. al
lavoro fingo di essere quella di sempre. Ma mi costa una fatica del diavolo. eppure sto
attaccata al sistema ‘if you can’t make it, fake it’. torno a casa sempre con la segreta
speranza di vedermelo davanti alla porta. anche se so che non succederà. Passerà?
Forse. Sicuramente ho perso una parte di me. Saprò fidarmi ancora? Vorrò fidarmi
ancora? mi viene da pensare… ma perché non mi ha sparato i testa? Mi avrebbe fatto
meno male. tutti mi dicono “come sei forte!”. eppure io dentro muoio. A volte non vedo
l’ora di tornare a casa per mettermi tranquilla, sul divano a guardare nel vuoto. Sono forte.
E’ vero. Ma perché? Perché non mi ha detto nulla? Perché ha lasciato che mi illudessi? La
loro storia va avanti da mesi… e io mi sento tanto un pezzo di immondizia gettato via. Uno
straccio vecchio. Uno scarto. Inutile. A ‘collateral damage’. E sto male. Scusate lo sfogo.
Davvero. Un saluto.
o
OTTOBRE 15, 2014
CLAUDIO
Ciao Manu,
credo che sfogarsi e scrivere come qualcuno ha gia detto possa fare molto bene
quindi hai poco da scusarti. 21 anni sono tanti e non mi permetterei mai di dare dei
consigli perche non ho la minima percezione o idea di cosa significhi essere legati per
cosi tanto tempo ad una persona. Quello che posso dire e che ti capisco quando dici
di sentirti inutile e di essere stata ingannata o presa in giro perche e esattamente
come mi sento anche io. Tradire qualcuno e una cosa che non concepisco e
solamente indice della debolezza di una persona, ed anche se fa male accettarlo
alcune persone e meglio perderle che trovarle…short term pain for long term pain.
Non credo tenerti tutto dentro ti sia d’aiuto comunque perche la condivisione e il primo
passo per l’accettazione…..infine……non credi di meritare qualcosa di piu di qualcuno
che ti ha mentito per mesi? Credo la risposta a questa domanda tu gia la sappia e
adesso devi solo convicertene, con l’aiuto del tempo e della tua forza d’animo.
Non possiamo permettere che qualcun’altro rovini le nostre vite e se loro non ne
vogliono fare piu parte si andra avanti a testa alta.
o
NOVEMBRE 30, 2014
JIN
manu vedrai che e tutta una catena, ora lo vedi felice che si diverte ma prima o poi
accadra anche a lui che soffrirà per una donna, e solo una questione di tempo, allora
capira cosa vuole dire essere nella tua situazione, e tu andrai avanti perche
conoscerai una persona che t amerà e apprezzerà per quello che sei .fatti forza e solo
una questione di tempo
•
OTTOBRE 10, 2014
CAROLINA
Ciao Claudio, ma quanto è passato da quando ti ha lasciato? Se è poco, io penso che un
ulteriore incontro chiarificatore ci può anche stare (meglio avere rimorsi che rimpianti), a
me è servito. Rileggevo proprio ieri quel che avevo scritto a 3 mesi dalla rottura (tenere un
diario dell’andamento emotivo può essere utile, dà anche il senso dell’evoluzione, che non
si è fermi in un punto), un passo in cui dicevo che mi era servito farmi ripetere la decisione
irrevocabile. Dopodiché, asserivo di essere passata dalla fase dei perché e dei tarli
(perché è successo, perché proprio a me, se avessi fatto, se avessi detto, etc.) alla fase
del dolore puro. Tremenda, soffocante, di pura sofferenza, ma meno angosciosa, meno
delirante, e pur sempre una tappa verso lo sguardo al passato della storia conclusa, verso
l’accettazione del fatto, e quindi in direzione del superamento.
o
OTTOBRE 13, 2014
CLAUDIO
grazie della risposta Carolina, lo apprezzo molto…..e passato poco… poco piu di tre
settimane….alla fine l’incontro non ci sara perche si e rimangiata la parola….ho
cancellato numeri cosi almeno ho posto una fine al patetico stalking su varie chat e
social ntwrks che mi serviva soltanto a continuare ancora a pensare a lei…..e se
anche lei si fara viva non credo a questo punto di voler piu questo incontro
chiarificatore…..ho capito che per lei poi non sono mai significato piu di tanto ed
appurato questo tutto il resto avrebbe pochissimo senso…..rimpianti non penso ci
saranno, lei e sempre stata chiara sul fatto di non provare niente per me e sono un
convinto sostenitore che quando un sentimento esiste davvero da entrambe le parti
sono poche le azioni che possano mettere a repentaglio il destino di una relazione ( e
non e cmq il nostro caso)……penso ancora a lei continuamente e anche se cerco di
pensare a qualcos’altro per adesso ci riesco solo per pochissimo tempo….penso
anche a tutte le cose a cui ho rinunciato e le occasioni (i miei sogni) perse perche
acciecato dal mio sentimento nei suoi confronti….mi fa rabbia il fatto di essere stato
cosi poco accorto e di esseremi esposto cosi tanto verso qualcuno che non lo
meritava……adesso non vedo l’ora di riappropriami della mia vita e di arrivare a quel
giorno in cui riusciro a non pensare piu a lei per un giorno intero …..o se proprio lo
faro spero sia per un pensiero di sollievo…
•
OTTOBRE 9, 2014
CLAUDIO
Ciao,
Innanzi tutto volevo ringraziare l’autore di questo articolo per le sue parole che ho letto e
riletto e credo rifaro nei prossimi giorni.Sono delle parole immense di significato per me
che mi danno forza e coraggio. Mi scuso per il mio italiano approssimativo, vivo all’estero
da un bel po’ ormai ma in questo momento cosi brutto della mia vita penso sia naturale il
voler sentir parole dal suono “familiare”.
Anche io come molti voi sono stato lasciato e rivedo in voi quello che mi e accaduto e sto
affrontando….Sicuramente sono nella fase 1, in cui alterno momenti di pura lucidita ed in
cui tutto e chiaro nella mia testa a momenti di puro dolore….non riesco a dormire, mi
sveglio nel bel mezzo della notte ed ho perso l’appetito, la voglia di uscire,
ridere,leggere…vivere….penso a lei ogni momento. Anche la mia e stata una storia (non
durata tanto per la verita ma abbastanza per ridurmi in questo stato) a senso unico….del
tutto sbilanciata dalla parte di una persona che da tutta se stessa e innamorata per la
prima volta dopo ormai 10 anni di niente ed un altra che si e sempre detta meno presa di
me, gia pronta a partire per un anno sabbatico e forse troppo egoista per mettere da parte
il proprio passatempo temporaneo di fronte al mio benessere……….durante questa storia
ho sempre saputo che fosse una cosa destinata a finire ma come voi ben sapete quando
si e felici si nega l’evidenza e si spera sempre, e pian piano mi innamoravo senza
preoccuparmene….ed in realta non mi pento di averlo fatto perche indicazione del fatto di
aver vissuto un momento di vita intenso e come disse qualcuno di essermi spinto oltre il
limite dei miei sentimenti….era la persona sbagliata per me, non funzionavamo insieme
ma nonostante cio ho buttato il mio cuore oltre l’ostacolo…non credo di aver ancora
accettato la fine e per questo ho chiesto e ottenuto un incontro chiarificatore dopo esser
stato mollato con un misero messaggio…..non voglio tornare con lei ma spero solo che le
parole aiuteranno ad accettare la fine…..o forse no? Non so se aiuteranno ma so che i se
ed i ma sono troppi e non mi fanno respirare…non voglio piu se o ma piuttosto andare
avanti…..credo per lei di esser stato la persona dopo un amore andato male…so solo che
anche a lei era stato spezzato il cuore e lei mi diceva di star provando a
superare….sembrava felice con me ed il pensiero che anche lei ha passato quello che sto
passando io a parti inverse mi fa pensare….non saro responsabile della sofferenza di
qualcun altro e finche non saro certo di esser pronto a dedicarmi liberamente a qualcun
altro preferisco stare solo…
•
OTTOBRE 8, 2014
MATTIA
Ciao a tutti,
grazie per le vostre risposte, mi fa piacere sapere che le mie parole siano state un pochino
d’aiuto.
Fernando è bello risentirti! Ho scritto la prima volta su questo sito in concomitanza con le
tue note ed in qualche modo mi sono affezionato alla tua storia (ma ho letto con attenzione
tutti gli scritti inseriti in questa pagina, acquisendo di fatto le esperienze di tutti).
Voglio precisare che non sono “guarito” del tutto. Anche a me ogni tanto pesa il silenzio
nel mio appartamento, il vuoto nel letto la mattina e l’assenza del suo nome sul display del
cellulare. Adesso che sto vivendo una nuova fase lavorativa averla al mio fianco sarebbe
una spinta positiva. Spesso ho i “brividi” quando sento parlare in spagnolo, oppure mi
capita di leggere da qualche parte notizie sull’Argentina :). Provo nostalgia ed un po’ di
tristezza ogni qual volta capisco che lei è il passato. Questo è ovvio, non è facile
cancellare dalla memoria e dal cuore una persona che è stata importante. Tanto
importante da togliermi l’aria dai polmoni. Anche se mi ha fatto del male (più o meno
volutamente). Anche se so che non è la persona giusta. Ho riversato in lei tutto quello
potevo dare e certe emozioni sono davvero rare ed uniche. Proprio perché sono preziose
non voglio e non posso liberarmene completamente. Siamo le nostre esperienze. Belle o
brutte che siano ci hanno formato. Quando scivolo nella malinconia mi fermo un attimo e
mi domando: “a cosa sto pensando adesso?” immediatamente ritorno alla realtà e
riemergono tutte quelle vicissitudini orribili che ho vissuto e ho trovato ingiuste. Non mi
interessano i suoi alibi o scuse, quello che conta per me sono i fatti. Quello che mi ha fatto
provare. Bellissimo all’inizio, poi un inferno. Sentirsi usati e sfruttati non piace a nessuno.
Se continuo in un’analisi pragmatica resto con i piedi per terra e mi concentro sulla mia
vita (QUI ED ORA). Non sono sicuro in che fase mi trovo, so solo che voglio stare bene ed
essere felice. Ho sofferto troppo e non mi è piaciuto per niente. Per carità questa è la vita,
probabilmente soffrirò ancora, ma per il momento credo di essere in credito e non voglio
più regalare gratuitamente i miei giorni alla tristezza. Non provo rabbia ne odio per la mia
ex, solo rammarico e un pochino di risentimento. Mi sarei aspettato più affetto da parte
sua, in fondo le sono sempre stato accanto. Grazie all’amore che ho provato per lei ho
capito sino a che punto posso spingermi e sacrificarmi (che poi quando si ama non esiste
sacrificio). Ho potuto constatare sulla mia pelle l’imprevedibilità delle mie azioni, di certe
ragionamenti e principi. Ebbene, ora, so solo che ho una gran voglia di vivere. In fondo
sono solo un uomo con poche certezze che desidera essere felice. In bocca al lupo
ragazzi ci risentiamo presto.
•
OTTOBRE 7, 2014
MATTIA
Buongiorno a tutti! E’ passato un po’ di tempo dall’ultima volta che ho scritto, ma ho
continuato a seguire la pagina e leggere le vostre storie ;). Anch’io vorrei lasciare traccia
del mio percorso, per aiutare un pochino chi è appena entrato nel delirio dell’abbandono.
Non ho più contatti con la mia ex da metà luglio in seguito ad una mia presa di posizione
piuttosto decisa (chi aveva letto la mia storia sa di cosa parlo) – casualmente mi hanno
riferito che è tornata in Argentina…i soldi che le ho prestato non torneranno mai più ahimè!
-. A parte questa piccola premessa, posso confermare che le cose piano piano migliorano.
Oggi il mio principale pensiero è il lavoro, anche perché dopo 11 anni ho lasciato la
società di cui ero socio per contrasti ed ho riaperto la mia P.IVA. Ammetto, però, che ho
voglia di cambiare; sento la necessità di chiudere definitivamente con il passato ed iniziare
una nuova vita…con un nuovo Mattia. Spesso ritornano i ricordi, ma principalmente
riguardano i momenti peggiori; questo mi conferma quanto ormai sia cambiato il mio
sguardo nei suoi confronti (non la idealizzo più). Finalmente ho compreso quanto sia stata
poco empatica e rispettosa nei miei confronti la persona che ho amato (amato a tal punto
da stravolgere la mia vita). Non ho rimpianti e questo mi rende sereno. Al momento non
sono pronto per una storia e sinceramente cerco di concentrarmi solo sulla mia vita e sulle
cose che devo sistemare. Probabilmente, non appena avrò risolto gli aspetti più urgenti, mi
aprirò e sarò più ricettivo. Certamente sto riscoprendo le mie passioni (libri, cinema, kick
boxing, musica, ecc…) e questo per me è molto importante. Non ho dimenticato come mi
sentivo perso e svuotato nei mesi scorsi. Noto di migliorare da come mi parlano e
guardano le persone che mi sono state vicine (poverine hanno dovuto proprio sopportarmi
e raccogliermi con il cucchiaino!). Non mi faccio più domande perché so che non esistono
risposte. L’unica cosa che è veramente importante è che la persona che amavo non
provava più la stessa cosa. Indipendentemente dalle cose che diceva. Ha frequentato un
altro e nello stesso tempo continuava a sentire me per una questione di comodo. Non
devo sapere oltre. Questo mi basta e avanza. Mi piacerebbe fosse diverso ma non è il
caso di continuare a mancarsi di rispetto illudendomi…nel tentativo malsano di trovare
altre risposte più romantiche. Insomma, è necessario interrompere ogni contatto e
concentrarsi sulla propria vita. Non esistono difficoltà così grandi da impedire a due
persone di continuare a stare insieme (spesso vengono fornite scuse banali ed infantili!).
Se una persona smette di amare bisogna lasciarla andare, ancora di più se non è stata
attenta e sensibile nei nostri confronti. FORZA sorridiamo, piangere non risolve nulla. Un
abbraccio a tutti voi.
”Ci vogliono 27 muscoli facciali per fare un sorriso, più di quelli che servono al piede a
camminare. Ci vogliono più muscoli per un sorriso perché con il sorriso si arriva più
lontano. Perché con il sorriso si arriva più vicino.”
Erri De Luca.
o
OTTOBRE 7, 2014
DANIELA
Grande Mattia è sconcertante quello che dici ma profondamente vero
Un abraccio
Daniela
o
OTTOBRE 7, 2014
MIRKO
Ciao Mattia, non avevo seguito la tua storia, ma quello che dici è positivo e dà
speranza.
Grazie.
o
OTTOBRE 8, 2014
FERNANDO
Ciao Mattia, sono molto felice per te e non posso che farti i miei complimenti,
conoscendo sulla mia pelle la difficoltà del percorso. Un grosso “in bocca al lupo” per
la tua nuova esperienza lavorativa.
Penso di trovarmi più indietro rispetto al tuo percorso, neanche io mi sento pronto per
una nuova storia anche se mi sto (da poco) frequentando con una ragazza alla quale
per correttezza ho raccontato tutto e spiegato che per il momento non ho intenzione di
legarmi con nessuno.
Come raccontato già più volte non riesco a provare rabbia o odio per la mia ex, e
nonostante il no contact ormai accettato (perché imposto), la mia mente continua a
riportarmi indietro nel tempo: ogni canzone, film, ricorrenza lo lego a quel periodo. Ad
esempio domenica prossima è il compleanno di mia sorella e penso a quando negli
anni scorsi c’era anche lei (fu il suo primo incontro con la mia famiglia).
Quando ascolto una canzone che è uscita questa estate mi ricordo quando la
ascoltavo con lei ignaro di ciò che mi sarebbe successo da li a breve.
Il senso di rimorso e rimpianto per quello che potevo fare e non ho fatto è molto
diminuito ma ,inutile negarlo, presente.
Un mio amico, dopo una storia di 8 anni, si è lasciato più o meno nel mio stesso
periodo.
Mi è stato abbastanza vicino questo periodo e ci siamo fatti forza a vicenda.
Domenica scorsa sono usciti insieme e credo che si rimetteranno insieme.
Sono stato davvero contento per lui, il loro percorso era molto diverso (si sono rivolti
ad una psicologa) ma quanto avrei voluto anche io un lieto fine come il loro…
Non mi sento in colpa per questa “illusione romantica” che serbo (nemmeno tanto
velatamente dentro me), anzi a volte mi fa quasi compagnia nei momenti più brutti.
Un caro saluto a tutti.
•
OTTOBRE 6, 2014
BUDDY
Ciao CAROLINA,
Mi chiedevi come mi sento adesso e del mio percorso emotivo, personalmente credo di
aver razionalizzato abbastanza rapidamente la situazione che si era venuta a creare ed ho
cercato di comportarmi di conseguenza, come certamente saprete i sentimenti non si
adeguano istantaneamente ma presto o tardi se si smette di idealizzare l’altra persona ed
il rapporto con essa e si applica il distacco totale (purtroppo non tutti possono farlo) con il
passar del tempo tale persona diventa sempre più distante ed estranea alla nostra vita.
Sembra incredibile che possa accadere una cosa del genere dato che (almeno per le
relazioni di lungo corso) spesso si viveva in simbiosi con tale persona, ma con il passar
del tempo ci si rende conto che si riesce a vivere anche senza colei che ritenevamo la
nostra anima gemella e si comprendono tutte le storture che vi erano nel rapporto, che
spesso era sbilanciato, troppo egoismo da una parte e troppo altruismo dall’altra.
Non voglio dire sia solo una questione di tempo, si deve lavorare su se stessi, vi possono
essere alti e bassi e certamente non ho la presunzione di ritenermi “guarito”, ma credo di
aver fatto dei passi avanti, sono più sereno e vivo meglio e non è più lei il mio pensiero
fisso.
Rispondendo a RAFFAELLA:
Per fortuna è da tempo che non sogno la ex, però ciò che provo nei suoi confronti è
delusione ed amarezza per come si è comportata, praticamente da bambina viziata
analogamente al tuo ex e alla ex di FERNANDO, ma come si può mandare all’aria una
relazione perchè “non si divertiva più e non la portavo abbastanza nei locali giusti”, ma
cosa dovevi fare Fernando? Il Dee-Jay? L’animatore da villaggio turistico? Il loro era
evidentemente uno strano tipo di “amore” ….
Un abbraccio a tutti.
o
OTTOBRE 8, 2014
FERNANDO
Per la cronaca Buddy, io prima di mettermi con lei facevo il DJ organizzando feste con
un mio gruppo di amici.
È così che ci siamo conosciuti.
Per lei e per la sua gelosia ho rinunciato anche a questa mia passione.
Che stupido che sono stato!
•
OTTOBRE 6, 2014
RAFFAELLA
Fernando
“””ringrazia”” questo “”signore”” che ti ha impedito di avere contatti con lei, molto meglio
cosi. Se ne è voluta andare, bene lasciala andare; non avere più contatto con lei ti
permetterà di dimenticarla più velocemente. Probabilmente le domande che ti poni ogni
giorno sono tante e tutte vogliose di una risposta ma non credo che la tua Ex sia in grado
di darti delle risposte esaustive. Per quanto riguarda la donna con cui ti stai frequentando
bhe è successa la stessa cosa a me ma non è finita bene. Lui voleva una cosa seria io
invece ancora pensavo al mio ex quindi mi raccomando vacci piano e soprattutto non
illudere chi non centra nulla.
Per Tutti Gli Altri
ragazzi questa mattina è successa una cosa stranissima ed ho seriamente paura che sia
una fase passeggera. Ho fatto un sogno molto particolare dove ci stava il mio ex e sia nel
sogno che al mio risveglio l’unico commento che mi è venuto da fare è stato: Che schifo!
in sostanza lui nel sogno cercava un contatto ma io mi rifiutavo perchè mi veniva la
nausea. Al mio risveglio mi sono sentita strana più leggera e mi sono detta: forse ha
smesso di perseguitarmi anche nei sogni?!
Io prima di questa storia (6 anni e mezzo) ne ho avuta solo un’altra importante e a volte
capita di pensare al mio passato con il mio primo “ex” e se penso ad alcune situazioni
soprattutto di intimità rabbrividisco. So che forse è sbagliato è come se stessi sputando nel
piatto dove ho mangiato ma solo cosi sono riuscita a capire quando di lui non mi è
importato più nulla e quindi mi chiedo forse anche in questo caso è cosi?!
Poi un’altra cosa, sono passati solo 5 mesi ma sembra solo ieri che ci siamo sentiti per
l’ultima volta, ogni mese che entra non vedo l’ora che finisca in moda da poter dire: via un
altro mese è andato. Più aumenta il numero dei mesi e più mi sento sollevata, lo so è una
contraddizione.
Voi cosa ne pensate?
Io ho solo poche necessità in questo momento quella di essere serena, tornare a sognare
come facevo una volta e smettere di aver paura di rimanere sola e di non riuscire a trovare
nessun altro da amare e soprattutto lasciarmi amare.
un bacio a presto
o
OTTOBRE 8, 2014
FERNANDO
Grazie Raffaella…con “”signore”” mi hai fatto veramente sorridere.
Io in una situazione analoga non mi sarei MAI comportato così.
Voglio dire se la persona con la quale esco ha “problemi” con il suo ex è lei che li deve
affrontare e risolvere…non certo io!
Un caro saluto
•
OTTOBRE 5, 2014
FERNANDO
Ciao a tutti ragazzi.
Torno ad intervalli regolari su queste pagine, un po’ per lasciare traccia della mia
esperienza (soprattutto a me stesso), un po’ perché mi hanno aiutato a trovare un minimo
di serenità per “sopravvivere” dalla mia recente delusione d’amore.
Quella da poco finita è stata senza ombra di dubbio l’estate più brutta della mia vita, ma
credo di aver fatto dei discreti passi in avanti.
Ho preso casa da solo lontano dalla mia città e frequento da una settimana una nuova
ragazza.
La casa è piccola e accogliente ma la sensazione di vuoto quando torno la sera e non
trovo nessuno ad aspettarmi o di quando mi sveglio nel letto da solo mi riporta
irrimediabilmente al passato.
Non sono mai stato da solo in una casa (con lei era la mia prima convivenza) e tante cose
che prima con lei davo per scontate e non apprezzavo (pulire cucinare ect) ora capisco
che non lo sono affatto.
Quanto alla nuova “compagnia femminile” voglio andarci piano, in primis per non illudere
nessuno dato che non mi sento pronto per una nuova storia.
Ammetto a me stesso che dentro di me voglio “lasciare la porta aperta”, ma penso che sia
umano.
Non ho più avuti contatti con lei dal 16 agosto.
I genitori di un mio amico l’hanno vista la settimana scorsa, domenica mattina, a spasso
con il “tipo”, togliendomi quindi ogni dubbio sulla veridicità o meno di questa storia.
Mi rode ragazzi, mi rode tanto.
Io non stato semplicemente “lasciato” ma “scacciato” in malo modo e per giunta
“minacciato” di non farmi più vedere da questo “signore” (carabiniere separato con figli
quasi 60enne) con la quale era stata un anno prima di mettersi con me.
Ora mi chiedo, senza questo “atto intimidatorio” avrei attuato il “no contact”?
Credo sinceramente di no e per questo mi chiedo: sono stato un vigliacco?
Mi ripeto come un mantra che “il tempo è galantuomo”, e che ora devo ripartire da me
stesso imparando a stare bene da solo con me stesso.
E se mentre affronterò questo duro cammino le nostre strade dovessero incrociarsi di
nuovo sarei più pronto a capire qual è la cosa giusta da fare.
Certo mi piacerebbe parlarci, il fatto di non aver avuto nemmeno diritto ad un incontro
chiarificatore mi pesa molto.
Se sapessi che mi ha lasciato perché come mi ha detto “non si divertiva più e non la
portavo abbastanza nei locali giusti” mi sentirei sollevato.
Se sapessi che in fondo invece aveva voglia di fare qualcosa di serio con me ci starei
male.
Fatemi sapere cosa ne pensate.
Un caro saluto a tutti e NON MOLLARE MAI!
o
OTTOBRE 5, 2014
CAROLINA
Ciao Fernando, scusa, ma in fondo che ti frega di sapere se il no contact l’hai attuato
in virtù o meno dell’atto intimidatorio, l’importante è che lo hai attuato, cosa che molti
di noi non riescono a fare, prima di riuscirci perdono tanto tempo prezioso a flagellarsi
nei ripetuti, inutili contatti. Un vigliacco, poi? Se la donna che è stata con te e ti ha
lasciato ha bisogno di farsi difendere da uno sceriffo, il problema è più il loro che il tuo.
E, a fronte di questo, non c’era null’altro da fare. Ad ogni modo, a pochi mesi
dall’accaduto, già ti sei aperto a un’altra frequentazione femminile, non sarà il nuovo
amore della tua vita, non sarà la tua sposa, ma è un segno significativo di risalita
(molti di noi stanno anche anni senza riuscirci), e forse lo devi anche un po’ al no
contact (che è fondamentale per la ripresa, è una precondizione necessaria): anche
se nato da un sentimento di vigliaccheria (che io definirei indisponibilità a scendere su
questo livello di scontro), si è risolto in un bene per te.
L’incontro chiarificatore: lei non lo ha voluto avere, ha messo in mezzo un soldatino a
impedirlo, che cosa vuoi sapere di più di questo? Che significa “aveva voglia di fare
qualcosa di serio” con te? Nel momento in cui uno decide di andarsene, non ha più
voglia di investire nel rapporto, questa è l’unica cosa che emerge, il resto sono solo
chiacchiere.
Per cui, secondo me, molto meglio non parlarci, rischieresti solo di arretrare nel tuo
percorso di distacco.

OTTOBRE 5, 2014
MIRKO
Carolina dici cose molto giuste, grazie.
Fernando, le domande che ti poni sono prive di senso, non perché stupide, ma
perché riferite a una persona che non ha argomenti seri di cui parlare.
Devi lasciarla andare, anche se ti sentirai peggio. Sarà però l’ultimo dolore che
proverai.
Sii corretto con la persona che hai incontrato, se può essere la persona giusta fai
attenzione a non far ricadere su di lei gli errori della tua ex.
Fregatene se la tua ex sta con un altro, la vita è lunga, non bisogna dare giudizi al
5 ottobre 2014. Voglio credere in una giustizia a lungo termine.
Tieni la testa alta.

OTTOBRE 8, 2014
FERNANDO
Grazie Mirko, anche le tue parole sono molto importanti per me.
Anche io voglio credere ad una giustizia a lungo termine, è per questo che
cerco di mantenere un comportamento il più corretto possibile…
Un caro saluto

OTTOBRE 8, 2014
FERNANDO
Ciao Carolina, ti ringrazio molto per le tue parole.
Le rileggo spesso, sono molto lucide e razionali e mi fanno bene.
In particolare quando parli di “indisponibilità a scendere su quel livello di scontro”.
Verissimo! È proprio così e non ci avevo mai pensato…
La cosa che più mi fa paura adesso sai cos’è?
Se mi sono così clamorosamente sbagliato nei confronti di questa persona, la
cosa mi potrà ricapitare in futuro…
Un caro saluto

OTTOBRE 9, 2014
CAROLINA
Paura legittima la tua, ma la prossima volta non sarai allo stesso punto della
prima, perché ci arriverai con qulache consapevolezza in più. Questo non
significa essere assolutamente al riparo da errori, ma la certezza di avere
qualche strumento in più per affrontare le nostre debolezze. In questo senso,
e questo è fondamentale, l’esperienza dell’abbandono e della sofferenza
costituisce un’occasione di trasformazione anche per noi. Non siamo al riparo
da errori, e anzi probabilmente continueremo a cercare persone dalle
caratteristiche psicologiche simili a quelle dell’ex (attraverso tutto il dolore non
diventiamo magicamente altro da quello che siamo), ma la differenza è che
ora certe dinamiche le conosciamo meglio. Anche io mi rendo conto che gli
uomini che un pochino tendono a interessarmi (mi sto riaprendo ai contatti in
questo periodo) sono sempre affini all’ex. Spero di non innamorarmi di uno di
loro, ma anche dovesse accadere ormai conosco le mie reazioni, le mie
debolezze, le mie fragilità, i punti delicati, e forse, dico forse, ho qualche
speranza in più almeno di affrontare le cose diversamente.
•
OTTOBRE 4, 2014
RAFFAELLA
no ragaaa mi sento impazzire….
Passo ore a sentirmi bene e altre in depressione, non so per quanto posso ancora
reggere. Ho momenti in cui vorrei picchiarlo e altri in cui mi dico ma che mi frega. So che
sono cose normali ma io non reggo più. Mi chiedo per quale assurdo motivo il mio cervello
deve continuare a farmi del male. Io sono sicura di non volerlo più, si è trasformato in un
bambino voglioso solo di divertimento (odio le persone che pur avendo passato
l’adolescenza ormai da tantissimo tempo si comportano come tali), egocentrico e fanatico.
Mi salva solo il fatto di non vivere più nella stessa città pertanto mi verrà difficile vederlo
per puro caso. Molti suoi amici mi contattano no per sapere come sto ma per altri scopi
(sono sempre stati gelosi di lui perchè aveva me; sembra una storiella da ragazzetti ed
invece siamo sulla trentina ormai quasi tutti) ed io non so come comportarmi. Non vorrei
passare per una poco di buono (anche se non faccio nulla, rispondo solo ai loro messaggi
in modo molto vago senza fargli credere niente… in poche parole passo il tempo) oppure
non vorrei che pensasse che glielo stessi facendo apposta. Alla fine le mie decisioni
continuano ancora ad essere prese in relazione a lui.
Per buona parte della giornata mi chiedo ma possibile che lui non mi pensa?
Ragazzi è possibile che chi lascia (il mio mi ha lasciato dicendo che mi vuole bene e che
ama la mia famiglia più della sua tanto da spingerlo settimana scorsa ad inviare un sms a
mia madre) non pensa alla persona che ha lasciato e non sta male?! Non posso credere a
questa cosa, mi viene troppo difficile pensare che riescano a mettere un punto e mai un
ripensamento, mai un pensiero fisso, mai una giornata di m***a, mai un “oddio cosa ho
fatto”.
Chiedo scusa per lo sfogo non so con chi altro parlare, come ho già detto nei post
precedenti mi sono stancata di affliggere parenti e amici e sinceramente ho voglia di farmi
vedere forte e su di morale, basta musoni. Sono una ragazza/donna che ha sempre avuto
il sorriso sulle labbra, nonostante ne abbia passata tante (questa a confronto è nulla ma
nello stesso tempo è uan situazione dolorosissima), voglio tornare a sorridere ed essere
felice. Voglio tornare ad avere sogni ed ho tanto paura che a causa di questa bruttissima
esperienza non sarà più possibile.
un bacione a tutti
o
OTTOBRE 4, 2014
MIRKO
Raffaella ma hai tagliato definitivamente?
o
OTTOBRE 5, 2014
CAROLINA
No, Raffaella, non ti pensa, o meglio non ti pensa allo stesso modo in cui lo pensi tu,
altrimenti non se ne sarebbe andato, non pensi? Poi, può anche darsi che anche lui
passi delle giornatacce, perché anche chi se ne va deve confrontarsi con una struttura
identitaria che non c’è più (a meno che non ne abbia già un’altra bella e pronta, che
non si sia innamorato di qualcun altro voglio dire), ma chi se ne va ha comunque una
“marcia” in più, una spinta più forte a voltare pagina, proprio per il fatto che la
decisione l’ha proprio presa.
Ma il punto è che devi “lavorare” per acquisire la consapevolezza della necessità di
superare questo stadio del chiederti cosa fa e come sta lui, perché ad oggi
semplicemente non ti riguarda più. Tanto più se davvero senti di non volerlo più. Ma,
normalmente, quando siamo così disperati, la realtà vera è che se tornassero ce li
prenderemmo indietro senza neanche porre alcuna condizione, così vanesi bambini
egosisti e fanatici come ci appaiono. Per cui, cerca di depotenziare questo arrovellarti
sulla sua condizione attuale. Non c’è una ricetta magica, l’unica è favorire le occasioni
di diversivo, per dar modo al pensiero di distrarsi, all’inizio funziona poco, mano a
mano sempre di più ti accorgerai che il pensiero batte di meno lì, come in un
allenamento. Ti consiglio, in questo proposito, di curare di vedere persone a cui non
puoi attaccare “bottoni” sulla tua sofferenza, in contesti dove parlare di questo non
c’entra nulla (io consiglio sempre un corso di tango o danza di coppia, è terapeutico,
ma va bene qualsiasi altra cosa in cui ti trovi a fare qualcosa insieme ad altri che non
ti conoscono bene).
Riguardo poi ai suoi amici che ti cercano, secondo me lasciali stare, non perché sia
immorale frequentarli, ma perché inevitabilmente ti riportano a lui, e questo non va
bene. Occorre cambiare ambienti il più possibile.in questa fase, poi verrà il tempo di
poter attraversare senza danno eccessivo luoghi e persone che hanno risonanze
emotive relative all’ex.
In ultimo, abbi fede, il sorriso tornerà, prima o poi, solo bisogna avere pazienza,
attraversare un mare di dolore vasto, scivoloso e profondo, ma ineludibile, e intanto
aiutarsi a vedere oltre. Dicono che i naufraghi, per non impazzire soli nel mare, si
dedichino a occupazioni in sé assurde e senza utilità, tipo contare, fare esercizi di
varia natura, per non lasciarsi andare e mantenere una condizione che ricorda
l’umano. Per non morire. E’ un po’ così anche per noi: non lasciarsi affondare del tutto
da questo tsunami, e trovare il modo di dedicarsi a qualcos’altro che sembra non
avere senso ma che è, sostanzialmente, l’occupazione del naufrago.
Un abbraccio.
•
OTTOBRE 4, 2014
CAROLINA
PER BUDDY
Sono contenta che anche per te la situazione vada meglio. Come ti senti emotivamente in
questo momento? Voglio dire, qual è stato ed è il tuo percorso emotivo di fronteggiamento
di questo immenso dolore che l’abbandono ci costringe a vivere?
•
OTTOBRE 3, 2014
BUDDY
Ciao Carolina,
è sempre un piacere leggere quanto scrivi e sapere che la situazione migliora anche per
te, mi auguro che altrettanto stia avvenendo per Billy che è da un po di tempo che non
sento ed è stato un piacere conoscere, anche se “solo” virtualmente, in effetti poi non ci
siamo più trovati a Roma, magari più avanti se possibile sarebbe bello organizzare
qualcosa tutti insieme.
Per Mirko,
in pratica con alcuni amici del blog abbiamo creato una chat su What’sapp (di cui aveva
fatto parte anche Billy), e quando possibile in funzione anche della distanza che ci separa
ci si vede (buona parte di noi sta al Nord, questa domenica si valuta di trovarci in zona
Bergamo), se desideri contattarci nei commenti precedenti (periodo giugno/luglio 2014)
trovi la mail di uno di noi (Ludov), non la riporto per pubblicizzarla il meno possibile ed
anche perchè si erano già verificate delle polemiche con altre persone del blog, non vorrei
si ripetesse tale sgradevole situazione.
Un Abbraccio a tutti.
o
OTTOBRE 4, 2014
MIRKO
Buddy
ho trovato la mail, ho scritto a Ludov.
•
OTTOBRE 3, 2014
CAROLINA
PER MIRKO, RAFFAELLA + BILLY
Sì, il problema è il coinvolgimento emotivo di chi viene abbandonato. Tutto risiede in noi,
non nell’altra persona che se n’è andata, che rendiamo noi depositaria di magia e di
potere su di noi. Saperlo razionalmente, in sé, non risolve (perché la dimensione coinvolta
è essenzialmente quella emotiva), ma ripeterselo aiuta a depositarlo nel fondo della nostra
sensibilità, cosa che è comunque utile. Anche perché io credo, anche per esperienza
personale oltre che per testimonianza di molti, che il processo di recupero raramente sia
lineare e graduale, e che spesso dia l’impressione di avvenire quasi improvvisamente.
Ricordo che Billy ci raccontava che dopo tanto tempo in cui era stato malissimo, un giorno
ha sentito un caldo scendere dal cuore allo stomaco, con la sofferenza che andava via con
lui.
Ora, poiché io non penso affatto che le trasformazioni siano improvvise, perché questo
avviene solo nei film, e con le peggiori sceneggiature, la realtà deve essere che anche
mentre non ce rendiamo conto e soffriamo per mesi e per anni, alcune tensioni, alcune
consapevolezze, alcune energie “lavorano” comunque per noi, per la nostra “guarigione”.
Quando si è formata una bella palla di positività, nonostante i nostri sforzi masochistici di
continuare a stare male (perché la permanenza del dolore ci tiene comunque attaccati a
un’identità certa, per quanto dolorosa, e ci consente di non confrontarci con le parti buie di
noi stessi, quali la vertigine di dover affrontare l’ignoto con tutte le nostre debolezze, la
paura di confrontarsi con le nostre responsabilità totali sulla costruzione di un’altra vita da
soli), questa palla esce fuori e ci fa sentire come “improvvisamente” liberati da pesi di
angoscia che sembravano inamovibili.
Se tutto questo più o meno corrisponde a realtà, allora non trascuriamo di fare cose che ci
portano un po’ lontano da quella persona, da quei ricordi, pure se sul momento non ce ne
può fregare di meno. La mia terapeuta mi ha sempre detto: faccia delle cose, provi a fare
più cose, di qualsiasi tipo, che in sé abbiano la qualità di essere staccate dalla situazione
dolorosa: non le fregherà nulla, ne cambierà 100, ma le torneranno utili, mi creda. Io credo
sia vero. Nel momento in cui mi sono sentita meglio, in cui si è sciolto il groppo di tistezza
che mi ha avvolto per tanto tempo (a 8 mesi dalla conclusione di un rapporto di 15 anni,
ma nella grande sofferenza devo metterci anche i 2 anni e mezzo precedenti la fine del
rapporto, che sono stati anche peggiori dei mesi successivi alla fine), tutte le piccole cose
che avevo coltivato anche senza convinzione o coinvolgimento, piccoli rapporti nuovi,
hobbies, etc., tutti si sono ravvivati di luce diversa, e ora mi ritrovo per le mani elementi
anche appaganti, divertenti, di senso. Dunque, il tempo lavora senz’altro per noi, ma noi
dobbiamo lavorare con lui almeno un pochino. Io non ne sono ancora uscita, e il momento
positivamente energetico che sto vivendo magari è passeggero, ma ho la sensazione che
una molla sia scattata e, pur depotenziandosi, penso che l’eventuale arretramento non
sarà più devastante come prima.
In ultimo, voglio ringraziare in particolar modo BILLY, i cui consigli e il cui sostegno mi
hanno aiutato davvero molto in questo percorso difficilissimo che è, comunque, e in ogni
caso, per tutti noi, un viaggio di conoscenza dentro se stessi.
o
OTTOBRE 4, 2014
MIRKO
Carolina, concordo con quello che hai detto. Durante il percorso non ci si rende conto,
però tutto serve, tutto lavora per noi, il presente che viviamo determina il nostro futuro.
Sono solo l’ossessione e il dolore che ci impediscono di rendercene conto.
Ora per me è tutto fresco (2 settimane) quindi parlo parlo, ma piango 3/4 volte al
giorno senza motivi scatenanti apparenti. Passo, con una facilità estrema, dalla
convinzione assoluta che non posso / devo fare nulla se non cercare di stare tranquillo
e accettare la fine del rapporto, al volerla sentire perché mi manca molto.
Ma non lo farò, ho deciso che questa volta devo essere forte.
Il primo abbandono pesante subito anni fa mi ha chiaramente dimostrato che è
l’approccio migliore.
La vita è precaria, il rapporto di coppia non fa eccezione. Bisogna accettare le cose
che capitano, su molte di esse non abbiamo alcun potere.
Una persona che mi è vicina in questi giorni mi ha detto: so che non si può mai stare
tranquilli, la tranquillità non esiste, può sempre succedere qualcosa, quindi lo so e
sono tranquillo!
•
OTTOBRE 2, 2014
BUDDY
Ciao Mirko, Ciao Raffaella, un saluto a tutti,
Era da un po che non si leggevano molti commenti, ma non si poteva certo pensare che il
mondo fosse improvvisamente cambiato e storie come la nostra fossero solo un lontano
ricordo, fa piacere sentirvi, dispiace però che anche voi siate in questa situazione.
Non oso immaginare Mirko tu come ti possa sentire ad essere ricaduto in una situazione
come questa, certo ora sei più forte, consapevole, sopporti meglio il dolore, ma quello
appunto c’è, forse lo supererai prima, ma certo che delusione da parte di una persona che
certo conosceva la tua storia e te ne ha fatta rivivere una replica.
Raffaella, leggere i commenti nel forum aiuta a capire che non siamo soli, non solo a noi è
accaduto questo, il dolore resta, ma non siamo certo noi i più “fessi” del mondo, a volte lo
sono per assurdo gli ex, come in alcuni casi relativi anche ad amici del blog entrati in chat
con noi che hanno subito egoistici tentativi di ritorno da parte degli ex, per fortuna rispediti
al mittente.
È dura ammettere che le persone cambiano, ma è cosi, dobbiamo farcene una ragione, ed
il loro amore nei nostri confronti era probabilmente diverso dal nostro, se era amore, poi su
questo si potrebbe discutere per giorni e giorni, ma in molti casi è mancato anche il
minimo rispetto, temo che molti ex, tra cui la mia, in fondo on fondo abbiano un animo
cattivo.
Personalmente credo che diversi di noi del blog abbiamo giovato del fatto di conoscerci di
persona e per chi di noi è relativamente vicino vedersi con una certa regolarità, in alcuni
casi i progressi sono stati impressionanti, ma non ssiamo tutti uguali, a volte il “gambero”
colpisce duro e a tradimento.
Ma c’e la faremo, vedrete, ne sono certo, ma dipende tutto da noi.
Un abbracio affettuoso a tutti, alle new entry, alle persone purtroppo rientrate, ed agli amici
che ho avuto il piacere ed onore di conoscere di persona, tutte persona veramente
speciali.
o
OTTOBRE 3, 2014
MIRKO
Ciao Buddy,
pur avendo passato molto tempo qui, devo essermi perso qualcosa…si vede che è
successo durante la mia parentesi di tranquillità.
Hai parlato di chat e di ritrovi per conoscersi personalmente. E’ un pensiero che avuto
spesso, mi piacerebbe conoscere personalmente le persone che frequentano questa
pagina.
Puoi dirmi qualcosa di più? Io vivo a Milano.
Ciao
•
OTTOBRE 1, 2014
RAFFAELLA
Per Carolina, Anita e Mirko
Ragazzi pensare che 5 mesi siano ancora pochi mi fa venire l’ansia (oddiooooooooo), so
benissimo che non dovrei abbandonare gli amici ma questa situazione mi ha fatto capire
chi effettivamente sono. Ognuno piange con i propri occhi, sono tanto bravi a dare consigli
di come mi dovrei o non dovrei comportare giudicandomi male se non li seguo ma alla fine
sono arrivata alla decisione che: grazie per i consigli ma faccio di testa mia, giudicatemi
pure tanto non si riesce mai a capire l’atteggiamento di una persona se non ci si trovi nei
suoi panni.
Leggere i vostri commenti un pò mi solleva (è brutto dirlo).
Anita 4 giorni prima che mi dicesse ti voglio bene abbiamo “litigato” perchè lui voleva un
figlio, mi parlava di convivenza e di trovare casa, mi portava a vedere tutte le case in
vendita e tante altre cazzate (passatemi il termine) varie; ha buttato giù qualche lacrima di
coccodrillo ed è sparito. Sono fiera solo di una cosa, ho avuto la forza ed ho la forza di non
abbassarmi fino ad umiliarmi, non ho cercato in nessun modo di “””riprendermelo”””
nessuna chiamata, nessun messaggio, nessun appostamento ho tante domande e tanti
dubbi da porgli ma so benissimo che non sarà mai in grado di dare delle risposte. Ha
deciso di lasciarmi, bene che vada a quel paese e che si goda la sua vita ma credetemi e
so che lo farete la RABBIA è tanta.
Mirko tu ci sei già passato, sicuramente l’affronterai in modo diverso ma Dio mio, anche se
non ti conosco, mi dispiace tantissimo, per la seconda volta dovrai affrontare questo
calvario che per quanto mi riguarda sembra non finire mai (5 mesi mi sembrano 10).
Riesco a trovare pace solo nello sport, se solo potessi lo farei dalla mattina alla sera.
Vorrei trovare altri “svaghi”, ho conosciuto gente nuova ma già sono diffidente con le
persone che conosco da parecchio figuriamoci con le nuove e poi mi rendo conto di
essere patetica ogni volta esco a parlare sempre dell’EX e questa è una cosa che mi
innervosisce, faccio sempre la figura della piagnucolona appena abbandonata.
Vorrei svegliarmi una mattina (spero non molto lontano) e riuscire a dire basta, tornare a
sorridere come prima, smetterla di pensarlo, smettere di avere la paura di restare solo a
vita (patetica anche in questo caso), TORNARE A VIVERE perchè ora sto solo cercando
di sopravvivere.
Concludo dicendo che erano mesi che cercavo un blog/chat/forum dove poter parlare con
gente che mi capisce perchè come ho già detto prima, solo se ci si trova negli stessi abiti
si può capire davvero una persona, quindi ringrazio il suo fondatore e tutti quelli che
partecipano.
un bacione a tutti.
o
OTTOBRE 2, 2014
MIRKO
Raffaella,
nonostante le parole di incoraggiamento di amici, familiari, i consigli di questo articolo,
i commenti di chi come noi sta affrontando questo inferno, noi riusciamo solo a
percepire il dolore, il vuoto e non riusciamo a rassegnarci.
Ti assicuro che è una “percezione”, la realtà è esattamente come descritta in questa
pagina o come ti dicono gli amici più vicini che hai: senza il coinvolgimento emotivo,
guardando le cose da fuori, si vede tutto con estrema chiarezza. Siamo solo noi che
continuiamo a vivere un sentimento non corrisposto, che continuiamo a pensare a una
relazione che per l’altra persona è ampiamente superata, che continuiamo a pensare
a una persona che non esiste più.
Non perchè ci ha lasciato e non possiamo più sentirla o vederla, ma perchè quella
persona che è stata con noi è cambiata:
– se ci parlassimo, sentiremmo una voce diversa, non la riconosceremmo
– se la vedessimo, vedremmo nei suoi occhi indifferenza, non troveremmo più lo
sguardo a cui eravamo abituati
Io passo la giornata a cercare di razionalizzare tutto, a farmi forza, a cercare di
controllarmi: quando arriva sera, mi sento un po’ più tranquillo, proprio per il “lavoro”
che ho fatto su me stesso durante tutta la giornata.
Vado a letto vagamente sereno, rassegnato, consapevole.
La mattina mi sveglio e, dopo appena qualche minuto, mi sento come se mi avesse
appena lasciato!
E ricomincia il calvario del giorno prima…
Io 5 anni fa ci misi esattamente 2 anni a riprendermi: in quei 2 anni, io sono stato male
e distrutto come il primo giorno, non è stata una ripresa graduale. Poi, nel giro di
qualche mese mi sento sentito più sollevato, più tranquillo, ho ripreso un po’ alla volta
la mia vita normale, ne sono venuto fuori.
E adesso lasciatemi essere un po’ cinico:
qui stiamo tutti male per delle persone EGOISTE, INFANTILI, CODARDE.
L’amore potrà anche finire (così dicono, a me non è mai successo), ma c’è modo e
modo di finire una relazione durata anni. E non è che comunque non cambia nulla per
chi viene lasciato, cambia eccome.
Io avrei solo voluto un po’ più di tempo per realizzare, avrei voluto vedere un po’ più di
impegno, avrei voluto che insieme potessimo dirci: le abbiamo provate tutte e non c’è
più niente da fare, forse è meglio così. Questo non avrebbe cancellato il dolore
conseguente alla mancanza dell’altra persona, ma ci avrebbe dato delle risposte e
degli elementi con cui convivere serenamente nei mesi successivi.
Non è giusto stare così male per una persona così, non se lo merita minimamente.
E, tra l’altro, noi siamo qui a scrivere di loro, mentre loro staranno continuando
normalmente la loro vita!

OTTOBRE 2, 2014
DANIELA
quanto è vero quello che dici Mirko io sono 5 mesi e peggioro gg dopo gg visto
che abbiamo anche una grossa società in comune
lo vedo felice tutti i gg che vive con lei la vita che era mia dopo 18 anni fai un pò
tù
tyi abbraccio
daniela
•
OTTOBRE 1, 2014
MIRKO
Ciao a tutti,
io 5 anni fa ero qui su questa pagina, lo sono stato per mesi, sopraffatto da un abbandono
che mi ha impedito di vivere una vita normale per i 2 anni successivi. Gli unici momenti di
conforto li trovavo leggendo questo articolo e i vostri commenti, conoscevo tutto a
memoria.
Nonostante questo, ci è voluto molto tempo per tornare alla normalità.
Non sono riuscito a cancellare nulla di quella storia, semplicemente le ferite non fanno più
male e ho razionalizzato e accettato quello che è successo.
Tre anni fa ho conosciuto una ragazza, ci siamo innamorati, è nata la nostra storia.
Anche grazie a lei, ho voltato pagina definitivamente.
Durante gli ultimi tre anni, raramente sono tornato su questo pagina, anche perchè non
serviva, stavo bene.
Però lo facevo perchè un pezzo importante della mia vita si era svolto qui.
Ricordo con nitidezza il mio pensiero quando tornavo qui: “come ero messo male,
menomale che è finita”.
Lunedì scorso, 8 giorni fa, sono stato lasciato per e-mail (2 righe): non ti amo più, non so
che farci, non so che dire, è successo.
Non ci sono state discussioni prima, c’erano dei problemi (che però ritenevo più che
risolvibili), non sono caduto esattamente dalle nuvole ma è stata una mazzata, non me lo
aspettavo minimamente.
Ragazzi/e, incredibile ma vero, pensavo di essere ormai vaccinato a una delusione
d’amore dopo quello che avevo passato 5 anni fa, invece eccomi di nuovo qui, tutti i giorni,
da una settimana!
Mi sento esattamente allo stesso modo, nulla è cambiato..
E’ cambiato solo il mio atteggiamento nei confronti di lei:
5 anni fa ho tentato in mille modi di recuperare, starle dietro, aspettare un segno da lei..e
intanto ho annientato me stesso e ho sofferto pene indicibili.
Questa volta, dopo una settimana in cui non ho visto il minimo segno di dubbio o
ripensamento, ieri ho tagliato, ho chiesto di non scrivermi (mi scriveva un sms al giorno
per sapere come stavo) e non di volerla vedere (voleva venire a casa mia a prendere le
sue cose e salutarmi, le ho detto che gliele farò avere io in qualche modo).
Soffro tantissimo, quei pochi messaggi (che sapevo benissimo essere frutto di sensi di
colpa e pietà) erano comunque gli unici raggi di sole della giornata.
Ma non possiamo rimanere in attesa di un messaggio, non possiamo rimanere in attesa
che qualcosa cambi.
Se esprimete il vostro amore a chi vi ha lasciato, non fate che rendere ancora più forte
quella persona.
E più è forte, più sarà determinata e convinta della sua decisione.
L’amore deve essere corrisposto. Quando non lo è più, diventa pericoloso e malato.
Tendiamo a mantenere in vita un rapporto da soli, sperando che finchè per noi è vivo,
l’altra persona potrà tornare e ricredersi.
Non tornano e non si ricredono.
Se lo fanno, è solo un’illusione, dopo qualche ora o qualche giorno, se ne vanno di nuovo.
Sto cercando di essere forte e di metterci una pietra sopra, per me stesso, per la mia
salute mentale e fisica (in 8 giorni ho già perso 6 chili, non mangio..).
E’ durissima, il vuoto e il dolore sono l’unica cosa che riesco a percepire intorno a me.
o
OTTOBRE 1, 2014
RAFFAELLA
Per Carolina, Anita e Mirko
Ragazzi pensare che 5 mesi siano ancora pochi mi fa venire l’ansia (oddiooooooooo),
so benissimo che non dovrei abbandonare gli amici ma questa situazione mi ha fatto
capire chi effettivamente sono. Ognuno piange con i propri occhi, sono tanto bravi a
dare consigli di come mi dovrei o non dovrei comportare giudicandomi male se non li
seguo ma alla fine sono arrivata alla decisione che: grazie per i consigli ma faccio di
testa mia, giudicatemi pure tanto non si riesce mai a capire l’atteggiamento di una
persona se non ci si trovi nei suoi panni.
Leggere i vostri commenti un pò mi solleva (è brutto dirlo).
Anita 4 giorni prima che mi dicesse ti voglio bene abbiamo “litigato” perchè lui voleva
un figlio, mi parlava di convivenza e di trovare casa, mi portava a vedere tutte le case
in vendita e tante altre cazzate (passatemi il termine) varie; ha buttato giù qualche
lacrima di coccodrillo ed è sparito. Sono fiera solo di una cosa, ho avuto la forza ed ho
la forza di non abbassarmi fino ad umiliarmi, non ho cercato in nessun modo di
“””riprendermelo””” nessuna chiamata, nessun messaggio, nessun appostamento ho
tante domande e tanti dubbi da porgli ma so benissimo che non sarà mai in grado di
dare delle risposte. Ha deciso di lasciarmi, bene che vada a quel paese e che si goda
la sua vita ma credetemi e so che lo farete la RABBIA è tanta.
Mirko tu ci sei già passato, sicuramente l’affronterai in modo diverso ma Dio mio,
anche se non ti conosco, mi dispiace tantissimo, per la seconda volta dovrai affrontare
questo calvario che per quanto mi riguarda sembra non finire mai (5 mesi mi
sembrano 10).
Riesco a trovare pace solo nello sport, se solo potessi lo farei dalla mattina alla sera.
Vorrei trovare altri “svaghi”, ho conosciuto gente nuova ma già sono diffidente con le
persone che conosco da parecchio figuriamoci con le nuove e poi mi rendo conto di
essere patetica ogni volta esco a parlare sempre dell’EX e questa è una cosa che mi
innervosisce, faccio sempre la figura della piagnucolona appena abbandonata.
Vorrei svegliarmi una mattina (spero non molto lontano) e riuscire a dire basta, tornare
a sorridere come prima, smetterla di pensarlo, smettere di avere la paura di restare
solo a vita (patetica anche in questo caso), TORNARE A VIVERE perchè ora sto solo
cercando di sopravvivere.
Concludo dicendo che erano mesi che cercavo un blog/chat/forum dove poter parlare
con gente che mi capisce perchè come ho già detto prima, solo se ci si trova negli
stessi abiti si può capire davvero una persona, quindi ringrazio il suo fondatore e tutti
quelli che partecipano.
un bacione a tutti.
•
OTTOBRE 1, 2014
ANITA
Cara Raffaella, io come te e come Iris mi sono trovata tra giugno e luglio, dopo 4 anni di
relazione bellissima, a sentirmi dire che non mi amava più… e questo quando a dicembre
mi aveva detto che voleva sposarmi e fare un bambino….okay, un amore a distanza, tante
difficoltà tanti problemi che si sono messi di mezzo…. ma tutto mi aspettavo tranne che
rinnegasse il nostro sentimento.
Mi ha lasciata dicendo che non era più l’innamoramento iniziale e che allora voleva
sposarmi per “costruire un futuro insieme”….. In sintesi, voleva fare una famiglia con
“l’amica del cuore”……mi è crollato il mondo addosso, esattamente come te… Ho vagato
per qualche mese come uno zombie, me ne stavo a pensare pensare ore ore sui perché e
dandomi tutte le colpe possibili….piangevo di continuo, non riuscivo a parlare con le
persone che scoppiavo in lacrime, non riuscivo più a lavorare. Ma paradossalmente è
stato proprio questo toccare il fondo, questo non riconoscermi più come persona che mi
ha fatto risalire… pian piano sto risalendo. Grazie anche lo devo dire ai famigliari ed agli
amici (vecchi e nuovi).
Non ti dico che non lo penso più… piango ancora quando penso ai momenti belli, a quello
che eravamo e a quello che avremmo potuto essere. Ho tanti momenti di solitudine, di
vuoto che non so come colmare, penso con paura al futuro ed a chi potrò mai incontrare e
farmi piacere dopo di lui… mi sembra tutto così assurdo ed irreale. Tuttavia sono contenta
perchè l’ansia, quella terribile ansia dei primi tempi, grazie al cielo è scomparsa e, come
ha detto anche Iris, riesco ad affrontare il presente e su questo mi sto concentrando!
Un abbraccio
•
SETTEMBRE 30, 2014
CAROLINA
PER RAFFAELLA, IRIS E TUTTI
Ciao a tutti, come state?
E’ un po’ che non ci si sente, e a me fa piacere parlare ancora un po’ con voi. Approfitto
dell’intervento di Raffaella per dire che il tempo ci vuole, e non poco. 4 o 5 mesi, sì, come
dice Stefania, sono davvero pochi per la rielaborazione di una esperienza così devastante
come l’abbandono da parte del proprio compagno/a, soprattutto quando si tratta di un
rapporto di anni.
Ma, anche se il percorso è lungo e doloroso (le cui tracce sono tutte qui nei nostri post) e
non solo non se ne vede una fine, ma si fa proprio fatica a concepirla, perché sembra
impossibile, il tempo continua ad andare, e il passato non torna. Nel senso che non solo
non tornano coloro che se ne sono andati, ma anche il dolore iniziale si trasforma, per
fortuna anche lui non torna, e passo dopo passo si va avanti. Il tempo è galantuomo, e noi
stiamo qui a dimostrarlo.
Io sto a quota 9 mesi appena compiuti. Posso dirvi, cara Raffaella e cara Iris, che giusto 2
o 3 settimane fa ancora stavo più o meno pienamente in un tunnel di sofferenza che, pur
manifestandosi in forme tra le più varie, e con sentimenti ed emozioni di varia coloritura,
aveva la connotazione di un pensiero fisso là, a lui che se n’è andato.
Pian piano, all’interno di questi 9 mesi, si sono potute affacciare anche emozioni diverse,
quasi senza accorgermene. Una sera in cui il pensiero non è stato proprio fisso, il piacere
di incontrare casualmente qualcuno che ti fa sorridere, l’accoglienza di una sorella su cui
non si era mai scommesso.
Si tratta di momenti, attimi se si vuole, che non risolvono globalmente il problema, ma che
comunque ti guidano verso la lenta risalita. E, a un certo punto, esattamente 2 o 3
settimane fa, dunque a 8 mesi dall’accaduto, ho sentito che qualcosa in me è scattato.
Una disposizione differente verso il mondo. Verso chi incontri casualmente o tutti i giorni
per lavoro o che so io. Una percezione di me non più solo come una vittima ma come una
persona integrale la cui dignità non può essere scalfita. Può essere ferita, certo, ma non
asportata in blocco. E, mi sembra improvvisamente, il senso di solitudine è scomparso.
Ora, non voglio dire che sono “guarita” e che sto bene come se nulla fosse successo, ma
guardo la realtà con occhi diversi. Il meccanismo è dunque tutto interno a noi. Il mio ex
marito non ha più il potere di uccidermi ogni giorno. C’è il mio lavoro che è importante, ci
sono i miei colleghi, ci sono gli amici (quelli veri, pochi), ci sono i conoscenti, ci sono i miei
genitori anziani e c’è mia sorella (non sottovalutare l’apporto della famiglia, anche io non
ho parlato con loro per mesi di quello che era successo, ma poi quando l’ho fatto ho
trovato calore e comprensione, li avevo sottovalutati), ci sono i miei cani, e c’è anche chi
incontri casualmente e che magari non diventa un amico o un’amica, ma con cui passi un
momento spensierato. Tutto questo c’era anche prima, ma non riuscivo a vederlo né a
sentirlo.
Raffaella, lascia attraversare tutto il dolore, perché non si può eliminare e con esso è
necessario confrontarsi, ma tieni duro, con coraggio, e abbi fiducia che qualcosa di
positivo prima o poi accade, perché siamo spinti alla sopravvivenza, se non altro come
specie.
Quello che posso dirti è di non chiuderti troppo in te stessa, se vuoi stare da sola fallo, ma
lascia aperto uno spazio nel tuo cuore, perché l’anima umana si nutre di relazioni. E cerca
di ascoltare i tuoi bisogni autentici. Ora non puoi amare nessun altro, e ti sembra che chi
se n’è andato sia l’UNICO AMORE POSSIBILE, ma – veramente – la scommessa non è
se ci capiterà di amare qualcun altro, perché non è detto che sia e non dipende solo da noi
ma anche dal caso, ma se riusciremo a stare bene con noi stessi. Il resto, poi, se deve
venire, verrà solo quando una pacificazione con noi e con la storia che si è conclusa la
avremo raggiunta.
Con molto affetto.
•
SETTEMBRE 30, 2014
IRIS
Cara Raffaela Ciao,
mi dispiace tantissimo per i tuoi stati d’animo, io sono su questa altalena di alti e bassi da
4 mesi.
Dicono che il tempo guarisce tutte le ferite… speriamo sia cosi.
La mia storia è stata chiusa da lui, dopo 5 anni, in cui vi erano progetti per il futuro, con
una frase simile alla tua, “Non ti amo più”.
E da quello che ho letto, anche in altre storie, è una frase molto comune. Questo non ci
aiuta a stare meglio, ma ci fa capire che le persone a quanto pare hanno questi momenti
di stop dall’amore, e noi non possiamo farci nulla…
Anche io quel giorno mi sono sentita morire dentro, con la terra sotto ai piedi che mi
veniva meno…
Ho vissuto in un incubo per giorni, non facevo altro che piangere, e se non piangevo stavo
a pensare solo a lui fino a quando riscoppiavo a piangere di nuovo…
Mi capita anche adesso… ma di meno rispetto a prima, e per me questa è una piccola
vittoria.
Vivo attimo dopo attimo, sto cercando di concertrarmi sul QUIEDORA, punto.
Mi sono resa conto che stare con il pensiero fisso al passato mi faceva venire ansie e
paure per il futuro, con pensieri simili ai tuoi.
Noi non sappiamo cosa succederà domani, e da come abbiamo potuto vedere quando
stavamo in coppia, per quanto uno possa programmare la propria vita non sarà mai quella
che hai nella tua testa, e allora mi sono chiesta: perchè perdere tempo a pensare al
domani?
Pensiamo solo a oggi.
Pensiamo e cerchiamo di stare bene oggi, al domani ci pensiamo domani.
La vita è una sorpresa continua… noi la scegliamo fino ad un certo punto.
Poi mi ero stufata di non essere più la protagonista della mia vita. Perchè? Nessuno mi
restituirà i 4 mesi a piangere, e ne ho risolto qualcosa?
No, lui se ne è andato. Punto.
Adesso possiamo solo rinascere.
La vita è una sola, viviamola.
Ti abbraccio forte,
Iris
•
SETTEMBRE 30, 2014
RAFFAELLA
ciao a tutti. Sono mesi ormai che faccio ricerche su internet per riuscire a capire quando
tutto questo dolore avrà fine e devo dire che questo è il miglior articolo che io abbia letto.
Vi racconto la mia storia: sono stata fidanzata 6 anni ed un bel giorno, di 5 mesi fa, lui se
ne arriva con la frase “TI VOGLIO BENE MA NON TI AMO”; campanellini dall’allarme ce n’
erano stati tanti ma trovava sempre scuse (stress per il lavoro, problemi a casa ecc).
quando mi disse quelle bellissime parole aggiunse che in realtà era in crisi da quasi un
anno; stentavo a non crederci proprio perchè è stato un anno in cui lui pensava ad un
nostro futuro, parlando di matrimonio e tanti altri progetti.
Bhe vi dico che da quel giorno sono morta!
Per 6 anni mi sono dedicata a lui annullandomi completamente (non me ne pento, so di
aver sbagliato ma non me ne pento), dopo due settimane di estrema sofferenza mi
incontro con un conoscente (in quel periodo parlavamo tramite chat), decidiamo di
frequentarci ma il tutto è finito dopo 2 mesi (e qui mi trovo nella seconda fase) nonostante
fosse completamente l’opposto e credetemi mi piaceva tantissimo mi sentivo soffocare,
ero sempre in ansia lui voleva un rapporto serio io non avevo la testa libera.
Sono certa di non voler più il mio ex (si è trasformato in qualcosa che non avrei mai potuto
credere oppure semplicemente lo è sempre stato ma avevo i prosciutti sugli occhi) eppure
non capisco perchè il mio cervello perde tempo a pensarlo. Sono in una bruttissima fase
vedo tutto NERO, voglio uscire da questo tunnel ma credo che sia una cosa davvero
difficile mi sono rivolta anche ad un psicologo e devo dire che ormai parlo solo con lui, non
voglio che la mia famiglia sappia quanto sto, ancora, male e non voglio confidarmi con gli
amici. Non credo molto nell’amicizia ci sta troppa cattiveria ed invidia; pensate che mi
invidiano perchè ho perso 10 kg in 3 settimane (cose assurde); quando esco con gli
“amici” mi annoio, noto che mi viene difficile approcciare con chiunque. Sto bene solo
quando faccio sport (prettamente sola) e cerco di farlo tutti i giorni ma il mio fisico comincia
a non reggere più tutto questo stress (mangio poco e consumo troppo). Ho un’unica paura
quella di non riuscire a trovare più nessuno da amare, mi rendo conto di essere troppo
selettiva e di non fidarmi neanche della mia stessa ombra, ci sono giorni in cui da sola sto
bene altre volte necessito di una presenza al mio fianco ed ho paura di non essere più in
grado di trovare nessun altro.
Vorrei solamente che questi stati d’animo finiscano al più presto, 5 mesi di sofferenza
sono molti non voglio immaginare un anno o due.
un bacio e vi ringrazio
o
SETTEMBRE 30, 2014
STEFANIA
Raffaella, stai tranquilla….5 mesi sono pochi! Per me tra poco saranno due anni e ti
scrivo perchè quello che stai vivendo è molto simile a quello che ho passato io… Tieni
duro ancora un po’, piano piano, giorno dopo giorno passerà e riuscirai a stare da sola
con te stessa e serenamente, garantito! ;)
Però le persone, quelle di cui comprensibilmente non ti fidi e che rifuggi, sono un aiuto
enorme. Te lo dice una persona chiusa, diffidente e selettiva, come definisci te stessa.
Tutti servono, anche i peggiori, tutti nel bene e nel male ti insegnano qualcosa. E poi
ci sono delle persone rare come pietre preziose che ti aiutano a recuperare fiducia
nella vita e nelle persone….e in te stessa. Ogni cosa a suo tempo. Abbi fede e tanta
tanta forza!
•
SETTEMBRE 24, 2014
ART
Un saluto e un abbraccio a tutta la community.
Approfitto di questo momento di magra nei commenti (dovuto spero alla risoluzione o al
ridimensionamento delle pene d’amore) per informarvi che il mio nuovo CD ispirato al
Cammino di Santiago, Ultreia, è oramai prossimo alla pubblicazione in un elegante
formato cartonato con allegato libretto a colori di 24pp.
Chi ancora non conoscesse il lavoro può visualizzare il promo su YouTube a questo
indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=5DhI9oXgJnw o reperire maggiori
informazioni sul sito ufficiale http://www.canzonisullavia.it/.
Grazie per l’attenzione, un forte abbraccio ed un augurio a che il rientro dalle vacanze
come tutta la stagione che ci attende possa essere SUPER.
o
OTTOBRE 1, 2014
ENRICO
Grazie a te per la tua, raffinatezza musicale ed intellettuale
•
SETTEMBRE 13, 2014
FERNANDO
Ciao a tutti e ben ritrovati.
È passato quasi un mese da quando ho scritto qua la prima volta, e mi sembra giusto
riportare la mia esperienza per dare forza e portare coraggio a chi ora sta vivendo quello
che passavo io.
Ora sto molto meglio, questi 30 giorni mi sono sembrati un’era geologica, la strada è
ancora lunga ma la tempesta (e che tempesta…) è alle spalle.
Non so in che “fase” mi trovi adesso, certo è che lentamente ho smesso di soffrire.
Ho avuto la fortuna di potermi dedicare molto al lavoro, i miei amici mi sono stati molto
vicino così come la mia famiglia.
I primi fine-settimana da solo erano un dramma…per la prima volta nella vita non vedevo
loro venisse lunedì e facevo di tutto per lavorare anche di sabato…
Ieri un collega mi ha detto “guarda che sei molto più tranquillo adesso che quando stavi
con lei…”
I momenti di difficoltà ci aiutano a capire che ci vuole bene davvero (facile essere “amici”
quando brillano le luci e la musica suona…) e ci mostrano quanto in realtà siamo forti, più
di quanto immaginavamo…
All’inizio mi sentivo quasi “ibernato”, come fossi improvvisamente diventato incapace di
provare emozioni.
Poi un giorno mentre guidavo è passata alla radio una canzone di Vasco (eh già…) e mi
sono commosso…ho pianto come un bambino…”al diavolo non si vende…si
regala”…dopo mi sono sentito molto meglio…
A lei penso ancora, inutile negarlo.
Capita che mi dicano “l’ho vista in giro con il cane” “l’ho vista in giro con la madre”, in
fondo spero stia bene, non le auguro nulla di brutto.
Un giorno capirò (forse), per adesso penso solo a stare bene con me stesso.
Un abbraccio a tutti!!!
NON MOLLATE…è dura ma se ne esce!!! Più forti di prima!!!!
•
SETTEMBRE 1, 2014
CAROLINA
PER ANITA.
Fine maggio e fine luglio, un tempo brevissimo Anita, non è che un mese che la storia si è
chiusa definitivamente! Oggettivamente, non puoi stare meglio di come stai. Del tutto
normale la sensazione di confusione, di impotenza, di debolezza estrema, il sentirsi in
trappola, come se la via d’uscita non esistesse. Io ti capisco benissimo, ognuno di noi ha
provato e prova queste emozioni. Anche la tentazione di sentirlo è perfettamente normale
(ma resisti! non serve infatti a nulla al fine di riallacciare i rapporti, serve solo a farti stare
peggio), io avuto questo desiderio per mesi, ho cercato di protrarre il rapporto, ci siamo
visti, teorizzavo addirittura questa necessità… Ma alla fine ci si accorge che non serve a
farli tornare e che per noi è molto peggio. Che anche se accettano di vederti, questa
visione non fa che confermare la loro lontananza, e con le antenne come stiamo ci
accorgiamo di tutto quello che fanno anche se lo nascondono, vediamo tutto, è un vero
tormento, un senso di frustrazione che si alimenta all’infinito, una disperazione senza fine.
Io ho oggettivamente cominciato a stare vagamente meglio da quando ho interrotto i
contatti con lui, cioè da marzo (a 3 mesi dalla separazione) e, in via totale e definitiva, da
giugno, e a fine agosto sono riuscita anche a trovarmi nella stessa sala da ballo senza che
mi si scatenasse il dramma interiore. Prima, un inferno. Quello che ti consiglio è di non
sentirlo, non cercare di vederlo e nemmeno di sapere di lui. Ogni cosa che si nota, ogni
notizia che ci giunge, non fa altro che riaprire ferite la cui cicatrizzazione, per quanto lenta,
dobbiamo assolutamente propiziare.
Riguardo ai modi di lasciare, posto che non ne esiste uno indolore quando l’altro non
vorrebbe, anche per me vale quello che hai vissuto tu: mi ha comunicato la sua volontà di
andarsene il 24 dicembre, dopo il cenone di Natale (forse sono troppo simbolica, ma mi
sembra veramente troppo), con freddezza, senza accusarmi di nulla e anzi prendendosi
tutte le responsabilità (che è un modo per porre l’interlocutore in difficoltà, per zittirlo,
altrettanto crudele e altrettanto falso rispetto a chi accusa l’altro di tutto), ma con
freddezza, senza risparmiarmi particolari che, sinceramente, avrebbe potuto evitare (che
aveva baciato un’altra donna e che quelle sono le emozioni che vuole provare). Con totale
concentrazione su se stesso, senza alcuna preoccupazione né cura per me. Voleva solo
andarsene, e in fretta. Ora, se uno se ne va fa inevitabilmente male all’altro, ma io sono
d’accordo con Massimo Troisi: “Non è necessario, quando una storia d’ amore finisce,
uscirne straziati dalla sofferenza: si può “lasciarsi insieme, lasciarsi con amore. Quando si
smette di amare, in genere non si ha la pazienza di aspettare che finisca bene, si cerca la
strada più breve, la rottura, la sofferenza. Invece ci vuole lo stesso impegno e la stessa
intensità dell’ inizio, bisogna superare gli egoismi, vivere questo momento con la stessa
passione, far sentire alla persona lasciata tutto il bene che c’è stato: ci vuole amore per
chiudere una storia.”
Questa attenzione non l’hanno avuta, nemmeno da una posizione di forza. Che possiamo
farci? Io sono arrivata al punto di pensare (ma ancora non di percepire nella sensibilità,
quando sentirò questo starò un pezzo avanti) che questo è un problema suo, non mio: se
continueranno a comportarsi così, senza cura, senza empatia, senza rispetto per chi si
ama o si è amato, a noi tutta la sofferenza e l’offesa per essere stati trattati così, ma a loro
il confronto con il deserto della loro anima, o con la loro immaturità, o con la loro
incapacità di empatia.
Spero solo che, col tempo, si affievolisca la rabbia che sento. Perché la rabbia non mi fa
crescere né andare lontano, è solo un modo di rimanere legata ad un uomo che ho amato,
ma che non esiste più. Perché quali ci hanno fatto innamorare, non esistono più. E se
tornassero, dopo questa stratificazione di sofferenza, c’è la possibilità che non avremmo
mai più fiducia in loro, e che non potremmo perdonarli.
Ti abbraccio
•
AGOSTO 31, 2014
CAROLINA
PER STEFANO.
Coraggio Stefano, coraggio, i giorni decisamente no sono e saranno tanti, inutile anche
ripetersi in questi momenti terribili che dobbiamo dimenticarli, nel senso che prima o poi ce
la si fa, e che diamine, questo è sicuro dall’esperienza altrui anche se oggi appare
un’ipotesi metafisica senza fondamento. Bisogna addirittura per forza concordare con
Gianni Bella (!) fratello di Marcella Bella (!): “si può amare da morire ma morire per amore
no” ;-)
Ne uscirai, ne usciremo, ma i tempi e i modi, sì, dipendono anche da noi. Io non conosco o
non ricordo la tua storia, non so da quanto tempo ti sei separato, ma mi sento di dirti di
farti attraversare da questa sofferenza, ché contrastarla sul momento non serve, prima o
poi ti sale su come un mare limaccioso, purtroppo fa parte del pacchettosopravvivenza/superamento dell’abbandono, come gli esperti dicono. Ma farsi attraversare
dal dolore non vuol dire crogiolarsi in esso, non vuol dire alimentarlo (che tanto si alimenta
già da solo). Se hai un giorno che vuoi piangere tutte le lacrime del mondo, fallo, ma
domani o dopodomani devi favorire un giorno differente, con qualcosa di meno doloroso.
Non rinchiuderti troppo in te stesso. Cerca di favorire almeno alcuni momenti in cui stai
meno male. Non si passa dalla sofferenza alla serenità senza tappe intermedie, anche da
costruire o facilitare. Anche se non ti va, trova il modo di uscire un po’, di buttarti in
qualche hobby o interesse che, pure se al momento non te ne frega una sega, alla fine ti
fa bene, quindi anche forzati un po’. Vedere che la morsa si attenua un po’ aiuta.
Io ti racconto questo che mi è successo ieri, se ti va di leggere. Mi sono separata da 8
mesi, in un modo molto doloroso, anche come una specie di beffa (sono stata io a
sollevare l’esplicitazione della crisi, con non poco coraggio; dopo 2 anni e mezzo di sue
rassicurazioni che purtroppo non avevano rispondenza nei suoi atti e che dunque non
bastavano a placare le mie sensazioni negative, dopo 2 anni e mezzo in cui io ho cercato
di fare di tutto per recuperare questa relazione inventandomi i numeri a colori che non ti
sto a dire anche perché l’ho raccontato in altri post, mi sento dire la notte di Natale che
avevo avuto sempre ragione io, arrivederci e grazie, me ne vado in fretta e furia. Avevo
avuto sempre ragione io!). Mesi terribili, con andamento non lineare tra incredulità, non
accettazione, disperazione, male fisico, senso di vuoto, rabbia etc., tutte le sensazioni che
ciascuno di noi ben conosce e sa. Come molti, ho mantenuto i contatti per un po’ di tempo,
nei primi due mesi più intensi (anche per attività comuni), poi sempre meno. Da giugno,
non contatto totale (anche rinunciando ad attività che mi interessavano al di là di lui, pure
questo doloroso in aggiunta). Da allora, le volte in cui mi è capitato di vederlo per caso o
anche di sapere di lui: un tuffo al cuore, la riapertura di vecchie ferite, fra le più dolorose
quella di sentirsi piccola piccola, inutile, senza valore di fronte a lui invece lanciato in un
fantastico mondo di avventure senza di me.
Ieri sera in una milonga affollata (entrambi balliamo il tango), lo vedo, è lì. Primo impulso:
fuggire, perché l’idea di trovarmelo lì disinvolto in pista a ballare con altre donne è un’idea
che mi figuro insopportabile (un’eventualità che temo da sempre). Ma, per la prima volta in
8 mesi, ho avuto concreta repulsione e orrore all’idea di me che scappo come una bestia
ferita, portandosi a casa il suo fardello doloroso di vittima sacrificata. Quindi, con l’anima in
sospensione, il respiro corto, punto i tacchi nel pavimento e rimango dove sono. Che sia
quel che sia, sono stanca di essere una vittima, la sua vittima, e di permettere che lui sia il
mio carnefice. E stiamo a vedere che succede. Attraverso un’energia spuntatami non so
da dove, affronto la milonga come una regina, a testa altissima, mi spunta addirittura il
coraggio di invitare io ballerini molto bravi (di solito sono gli uomini a invitare) che in
genere guardo da lontano. Ballo come poche volte forse ho ballato. Ricevo compilmenti a
destra e a manca, sono invitatissima, i tangueri e le tanguere, specie i più bravi, si
tramettono le informazioni. Non dico che è stata una serata rilassante, tutt’altro, ma è stata
una serata di gran tango per me (io ballo per autentica passione per il tango in sé, non è
solo un modo per fare vita sociale o distrarmi). Ma questo soltanto 15 giorni fa non
sarebbe accaduto. Me ne sarei andata con la coda tra le gambe. Invece, ieri, ‘fanculo a lui
al suo stupido tango (quando se ne è andato, mi ha detto che aveva baciato una tanguera
e che sono queste le fantastiche emozioni che voleva provare nella vita), ‘fanculo al dolore
che mi ha causato non amandomi più e andandosene. So che non è una vittoria sulla
sofferenza, che si presenterà ancora in tanti modi e forme. Ma quello che voglio dire è che
prima o poi, per vie che non sappiamo neanche che esistano o che siano percorribili, un
coraggio può venire, può venire un modo diverso di affrontare le situazioni dolorose o
impreviste, può sorgere la capacità di non farsi travolgere dalle situazioni. Nella
sofferenza, quindi, si sviluppano piano piano anche gli anticorpi e, prima (spero) o poi:
‘fanculo definitivamente!
Ti abbraccio forte
o
SETTEMBRE 3, 2014
MATTIA
Ciao Carolina! Complimenti….queste sono le note che mi piace leggere. Positive e
grintose. Brava. Un abbraccio.
•
AGOSTO 30, 2014
CAROLINA
PER ANITA SUL TURBINIO DI PENSIER
E’ vero Anita, è così che succede.
I pensieri turbinano, e ci creiamo mentalmente sistemi che non hanno senso. Pensiamo (e
percepiamo, e agiamo), in parte, come se loro ancora ci fossero: quello che avremmo
detto, che avremmo potuto dire, che diremmo oggi, come se la relazione fosse ancora in
atto. Poi, c’è un altro binario, quello che tu indichi quando dici “io stessa non sono più
come prima”, qui c’è tutto un altro ramo di pensieri, che riguardano l’oggi, la nostra
emotività che non può prescindere da ciò che è accaduto.
Non mi ricordo da quanto tempo tu ti sei separata. Anche io ho cercato a lungo delle
risposte da lui, risposte impossibili, perché a domande che lui aveva smesso di porsi.
Anche io mi sono esposta inizialmente a contatti ripetuti, cercando addirittura consolazione
in lui. Consolazione proprio da chi ti ha abbandonato, ed è causa della tua sofferenza! Un
paradosso. Comprensibile, ma che va superato quanto prima, perché i paradossi non
stanno nella realtà e, comunque, non ci aiutano a stare meglio, al contrario ci incatenano
in una dimensione senza uscita.
Su di loro non possiamo scaricare proprio nulla, perché non abbiamo più alcun “potere” su
queste persone. La nostra sofferenza e il nostro benessere hanno smesso di riguardarli.
Loro continuano ad avere, invece, potere su di noi, ci determinano l’umore, i pensieri, le
emozioni. A senso unico. Senza alcuna reciprocità. Questo è terribile. Questo è anche
molto difficile da superare, ma l’unica cosa che possiamo fare è predisporre azioni (non
tanto pensieri) che ci orientino verso l’obiettivo di sganciarci.
Io ho smesso di cercare risposte da lui. Ho smesso di cercarlo, da tempo, e ogni volta che
capita che lui cerchi un contatto più “umano” con me (capita di incontrarsi, nello stesso
quartiere, con parecchie cose in comune), io taglio corto. Mi ha chiesto quando potremo
avere la possibilità di parlare tra noi in modo normale, questo perché lui è già nella fase
delle “dolci ricordanze”, molto lontano da me. Mi ha fatto rabbia. Gli ho risposto che non lo
so, che serve tanto tempo, che forse non accadrà mai, che finché avverto di essere stata
oggetto di violenza (non fisica, ma per i suoi modi di gestione della crisi e della fine della
relazione, senza tatto, senza empatia, questo non glielo perdono, perché ci vuole amore
anche nel lasciarsi) non potrà mai accadere.
Per me la sofferenza fatta di concreto desiderio che torni è finita da tempo. Ma ho ancora
tantissima rabbia e frustrazione. Per come sono stata trattata. Per il semplice fatto che se
n’è andato. Perché non ha bisogno di me mentre io l’ho sentito questo bisogno di rimanere
insieme. Ma cos’è questo mio sentimento? Cosa c’entra con l’amore? Sento anche di aver
perso una relazione importante, una persona significativa, ma ho come la sensazione di
avere soprattutto rancore perché mi ha abbandonata, lasciandomi sola a fare i conti con la
mia dipendenza, il mio disagio e il mio bisogno.
Capita che io mi chieda ancora come può non amarmi più, come può non avere bisogno di
me. Che mi venga il pensiero che un’altra come me non la trova, una più intelligente non
la trova facilmente. Questo, anche a costo di risultare immodesta, continuo a pensarlo,
ma, in ogni caso, non ha a che fare con la realtà dei sentimenti. Non mi ama più, questo è
il fatto di cui prendere coscienza nella sensibilità. Anche fossi Einstein, non mi amerebbe.
Anzi, so anche per certo che l’eccessiva intellettualizzazione del nostro rapporto è stata
fonte di distorsione, per dirla tutta. E la domanda, più sana, meno malata, che oggi mi si
affaccia è: ma il mio è o era amore? Perché, alla fin fine, penso di no. L’amore è un’altra
cosa. L’amore fa stare bene. E io non stavo bene in questa relazione da tanto tempo, da
molto molto prima che finisse. Ci ho provato, a un certo punto, a rimediare, ma non ho
avuto rispondenza, o forse ormai le storture si erano talmente stratificate da essere
immodificabili, o anche semplicemente l’amore era ormai finito perché l’amore, senza
cura, senza attenzione, finisce. Io ho avuto questa sensazione fin dall’inizio della crisi,
soprattutto per come la stava affrontando lui (minimizzando, negando, rimuovendo). Lui
diceva di no, che era amore, che potevamo essere felici (ma si comportava senza avere
riguardi né empatia per la mia dignità emotiva). Poi, di punto in bianco, senza preavvisi, è
stato lui a lasciarmi, dicendo che avevo avuto sempre ragione. Mi rammarico di non aver
seguito il mio istinto e di non aver chiuso io. Non avrei potuto evitare il dolore della
separazione, ma mi sarei risparmiata almeno quello dell’abbandono. Ma magari avrei
avuto rimorsi. E comunque non ho avuto la forza di farlo.
Una cosa che mi fa rabbia, tra le altre, è la sensazione che quest’uomo sia “cresciuto”
sulla mia pelle. Che attraverso di me, la mia sofferenza, la mia stessa lucidità nella crisi,
abbia tratto forza e consapevolezza, fino a compiere l’unica azione attiva che gli abbia mai
visto intraprendere nella nostra relazione: andarsene.
Una cosa che mi sta un pochino aiutando, in questo colpo di coda dell’estate (in cui, dopo
un periodo abbastanza positivo, è alcuni giorni che non sto bene), è rilassarmi con un po’
di meditazione, per far fluire i pensieri e distaccasene un po’ (ringrazio Billy). Ho sempre
avuto dei pregiudizi su queste pratiche (più verso le persone ad esse dedite), ma in questo
momento mi aiutano.
Un abbraccio
o
SETTEMBRE 1, 2014
ANITA
Grazie Carolina… oggi è un giorno veramente no, vorrei contattarlo mi sono svegliata
con questo stupido incredibile istinto e sento rabbia verso di me. Mi ha lasciata a fine
maggio… trascinata poi fino a fine luglio, quando abbiamo avuto il “chiarimento” finale.
Sono giorni che in tutti i modi mi sto aggrappando a tutto pur di stare a galla, ho
contatti con un ragazzo incontrato al mare a cui davvero non manca niente, che mi fa
complimenti, mi dice cose carine… ma, ma, ma il pensiero corre sempre all’altro a
cosa starà facendo, con chi uscirà a chi scriverà messaggi??? ieri con altri ragazzi del
gruppo di wApp ci siamo detti che forse quello che ciò ci spaventa di più è sciogliere il
legame e lasciarli andare per la loro strada… io ho la sensazione che più passa il
tempo, più metto cose e persone tra noi e più lui sparisce… eppure non è forse
questa la strada giusta da intraprendere?? boh, che confusione ho in testa, mi fa
rabbia l’impotenza e lo stato di debolezza mentale in cui mi trovo, non riesco a
concentrarmi sul lavoro e se non mi muovo mi sento in trappola.
Come dici tu, non so se è esattamente il suo ritorno che voglio, oppure soltanto vorrei
tornare ad essere serena.
La verità è che mi ha lasciata senza conforto quando ne avevo bisogno mentre – rubo
le tue parole- quest’uomo è “cresciuto” anche grazie a me ed all’appoggio continuo
che gli davo perché credevo in lui e nei suoi sogni. Mi ha lasciata con freddezza,
senza un minimo di dolcezza, un abbraccio… ecc… fino all’ultimo ha accusato me di
non aver fatto nulla per il futuro della relazione, di non essere una persona decisa che
affronta i problemi della vita… e questo, secondo me, è essere dei gran vigliacchi…
mi stai lasciando, almeno fallo con affetto e con il rispetto di una relazione che
comunque per 4 anni è stata bella ed intensa.
•
AGOSTO 29, 2014
CAROLINA
PER FERNANDO.
Ciao, io pure concordo con Mattia. Riconquistare? In primo luogo la eventuale riconquista
non dipende da noi, loro possono tornare solo se sentono di voler tornare secondo
processi loro interiori che non siamo noi a determinare in alcun modo. In secondo luogo,
riconquistare chi? Chi già sappiamo che non ci ama più? Chi ce lo ha dichiarato (o con le
parole o con gli atti)? Chi si è messo con un altro/a?
L’orgoglio ferito è una brutta bestia. Anche io sogno che torni, per potergli dire: “hai ormai
perso la tua occasione”. Ma cos’è questo desiderio? Rivalsa? Assomiglia più all’odio che
all’amore, all’odio che è un sentimento nutrito dall’amore ma un amore ormai talmente
compromesso e inquinato da essere indistinguibile. Io non lo so quello che provo per
l’uomo che mi ha lasciato, la notte del santo natale, dicendomi che voleva provare nuove
emozioni. Non avrò, credo, mai il “privilegio” di scoprirlo. Ho per caso saputo che è in
vacanza in Sicilia. Quello che vorrei in questo preciso momento è che l’Etna cominciasse
a eruttare e lo seppellisse sotto una coltre di lava e lapilli, lui da solo o con chi è in
compagnia. Quello che sento abbastanza distintamente è amarezza, rabbia, delusione,
rancore. Ma l’amore dov’è? Non lo so, forse non c’è, forse è da tanto tempo che non c’era
più. Forse quello che mi manca è un’idea, non la sostanza reale di quel rapporto che
ormai, da tanto tempo, si era deteriorato. E’ soprattutto a questo pensiero che soffro.
Forse. Ma c’è un coacervo di sensazioni che formano un malloppo che non so distinguere.
E, certamente, lui è in Sicilia a rilassarsi, l’ex di Fernando è con il suo nuovo
accompagnatore, sono altrove fisicamente e mentalmente e, mentre noi pensiamo a loro,
loro a noi non pensano. Non si pentiranno di averci lasciati. Questa è una favola. Che si
sentano soli con la loro liberta ed è per questo che torneranno è solo una canzone di
Bruno Lauzi. Meritiamo di meglio. Non perché loro non siano stati importanti, ed io
continuo a riconoscere i pregi del mio ex, accanto ai difetti, non lo dipingo come un mostro
che non valeva la pena conoscere o amare, ma quello che non meritiamo è di flagellarci
nel dolore. Dobbiamo assecondare l’allontanamento, non coltivare pensieri di
attaccamento. La strada è dura, cari amici di doloroso viaggio, non bastano pochi mesi,
ma, step by step, si percorre.
o
AGOSTO 31, 2014
FERNANDO
Ciao Carolina, grazie innanzitutto per le tue parole.
Cerco di spiegarmi meglio.
Io non penso nemmeno lontanamente di “riconquistarla”.
Un giorno (se capiterà) vorrei solo poterla salutare se la incontro come faccio con le
mie precedenti ex e maturare un perdono (nel senso cristiano del termine…non
perché voglia tornarci insieme).
Di sicuro a lei non sono indifferente perché le ho fatto scatenare una rabbia/odio
smisurata (e a mio avviso ingiustificata).
Se di una persona non te ne frega niente: “si ok domani mi riporti le chiavi, vieni
quando vuoi a riprendere le tue cose, mi vuoi vedere? si vabbe per l’ultima volta
però”…non ti mando lo sgherro per minacciarti…
Il nuovo/vecchio personaggino rappresenta per lei una grossa regressione (sempre a
mio parere) e la cancellazione di ogni buon proposito di crescita che aveva a me
mostrato, oltre alla cancellazione di ogni principio di coerenza tanto sbandierato (mai
con un separato, figuriamoci con figli). Strumentalmente lo vedo come un
“traghettatore” utile a spazzarmi via.
In giro non ci si fa mica vedere insieme…
Inutile nascondere che mi “rode”.
Sono stato “minacciato” (perché comunque costituivo a mia volta una minaccia) e ho
alzato subito bandiera bianca…questo un po’ mi rode si…

AGOSTO 31, 2014
CAROLINA
Ma, Fernando, cosa dovevi fare? Metterti di traverso? Hai alzato bandiera bianca,
nel senso che non hai lottato per impedire l’inevitabile? Questo è raziocinio, non
debolezza.
Riguardo alla tua ex, sì, magari questa vicenda di farsi proteggere dall’ex che non
è più tale, come una damigella che ha bisogno di un paladino e come tu fossi una
minaccia, è un po’ meschina, un po’ triste, ma a te poco dovrebbe importare. Ha
avuto bisogno di un traghettatore? Può darsi, ma l’unico dato certo è che se n’è
andata, se n’è voluta andare, con o senza traghetto. Delle sue regressioni,
adesso che ti importa? Magari, anzi, vederla come la vedi (in arretramento, con lo
“sgherro” separato che la difende, in barba ad ogni coerenza) ti può aiutare a non
idealizzarla, e a lasciarla andare definitivamente. Uno dei pericoli che corriamo
come delusi d’amore è che ci ricordiamo di loro come vette insuperabili, come
individui eccezionali e irripetibili i nostri sentimenti verso di loro. Se tu già la vedi
un po’ così così, regredita, senza coraggio di autonomia, hai un puntello per
contrastare il pericoloso (e doloroso) processo di idealizzazione.
Il perdono … se verrà verrà, è un processo più nostro interiore che loro. Nel senso
che è indipendente da quello che fanno dopo averci lasciato e riguarda semmai
quello che è successo prima della separazione. Forse avremo un domani questa
disposizione d’animo, che però è legata al nostro processo di distacco psicologico
da loro, non da quello che fanno o dicono loro oggi. Finché c’è rabbia,
frustrazione, dolore, è impossibile. E anche se non sarà mai praticabile, dovrà
andare bene lo stesso. L’obiettivo principale, ad oggi, non è perdonarli, ma
staccarci, abbandonare i pensieri compulsivi su di loro. Non tanto pensando che
non li meritano, quanto che non meritiamo noi di soffrire così.
Un abbraccio.
o
AGOSTO 31, 2014
STEFANO
oggi sto male da morire…è un giorno decisamente no…non ho neanche voglia di
scrivere …queste poche righe..sento che devo farcela e che ne devo uscire. Dopo 4
anni con lei ….voglio dimenticarla …mi ha fatto troppo male …

SETTEMBRE 7, 2014
MIRKO
ciao stefano.lti capisco moltossimo..anche io sto soffrendo tantissimo..sono stato
lasciato a luglio dopo tre anni…una sofferenza assurda..un senso di vuoto
immenso..ma dobbiamo reagiore in qualche modo no?alzare la testa..e andare
avanti..per noi stessi…per dimostrare che siamo ancora in piedi..non conosco la
tua storia..ma ti mando un abbraccio..
•
AGOSTO 29, 2014
CAROLINA
PER MATTIA.
Ciao Mattia, è così che va, esattamente così, le emozioni si stemperano col tempo ma a
volte risalgono su, il processo non è lineare, la sofferenza non ha un binario obbligato, va
e viene, ma a un certo punto si smorza. Ma andando e venendo appunto, con giorni in cui
gira meglio e giorni in cui è un disastro. Magari basta poco per far naufragare una
condizione che sembrava positiva. Io, ad esempio, a 8 mesi dall’abbandono, stavo
vivendo da 1 mesetto una situazione abbastanza positiva. Quasi mi meravigliavo di questa
situazione emotiva positiva. Non che il pensiero non fosse lì, ma mi sentivo addosso
un’energia positiva. Oggi ho del tutto per caso saputo che il mio ex è in viaggio in Sicilia
(c’è chi non si fa i cacchi propri, io non ho mai cercato di sapere nulla). Non so con chi,
non so nulla, ma tanto è bastato per farmi salire su un magone di tristezza misto a rabbia
che mi travolge. Mi ripeto: vabbè, ma che cambia? Certo nulla, ma questo dolore
irrazionale ormai è salito. Speriamo domani vada meglio. O dopodomani.
Un abbraccio
•
AGOSTO 24, 2014
FERNANDO
AGGIORNAMENTO
La scorsa settimana, dopo aver riaccompagnato un mio amico a casa prima di cena, la
incrocio con la macchina mentre passeggiava con la cagnolina da sola.
Freno senza fermarmi, nessun saluto da parte di entrambi.
Il tempo di tornare a casa e mi ritrovo lo “sgherro” (l’ex non più ex) che mi aspettava
davanti casa: insulti, minacce, provocazioni degne di un delinquente di bassa lega che vi
risparmio.
Da parte mia calma olimpica anche se dentro avevo un mare in tempesta.
Io sono partito per lavoro (cambiare città e rimanere impegnato mi ha fatto bene)
Nel frattempo il mio amico (è anche il mio avvocato) ha riconsegnato chiavi e recuperato i
miei effetti.
In questa domenica di fine Agosto sto malissimo.
Oggi andrò a vedere la mia nuova casa da single….ma ho dentro un senso di vuoto
incredibile. Dentro di me nutro la speranza che si lasci con sto tipo…per poter riprovare a
riconquistarla…credo sia più orgoglio ferito che amore…
o
AGOSTO 24, 2014
MATTIA
Ciao Fernando,
mi permetto di rispondere al tuo sfogo, per scriverti che capisco molto bene quello che
provi. Comprendo perfettamente la precarietà ed il senso di vuoto che stai vivendo in
questo momento. La nostalgia, il patimento e, forse, anche un po’ di naturale rabbia.
Non sono in grado di darti consigli ovviamente, anche perché sono nelle tue stesse
condizioni. Come te e tanti altri qui, sono un frequentatore affezionato di queste
pagine. Mi permetto solo di scrivere ciò che penso della mia ex, sperando che possa
esserti d’aiuto o di stimolo per affrontare la tua situazione. In questo periodo, come te,
mi sento “indifeso” e un po’ solo. Ho passato mesi terribili e ho cercato in troppe
occasioni di giustificare, comprendere, perdonare, accettare. Ho sempre anteposto le
mie necessità per un senso morale ed etico. Ritenevo che la mia ex avesse più
problemi e che il mio “ruolo” fosse quello di aiutare e comprendere. Ero guidato dalle
migliori intenzioni ovviamente. Adesso è più di un mese che non ci sentiamo. Fatico
moltissimo a scrollarmi di dosso il suo ricordo. Non nascondo che certe mattine il letto
vuoto mi pesa. Razionalmente riconosco, però, che è solo il ricordo lontano dei bei
momenti. Ne sono convinto, anche se faccio ancora molta fatica ad accettare questa
cosa. Non è lei che mi manca, solo il sentirsi amati. Scrivo questo perché sono
convinto che non è la donna per me. Il motivo è semplice…si è comportata malissimo
con il sottoscritto. Molte volte. Troppe! Se ci penso adesso certi atteggiamenti non
dovevo proprio accettarli, così come certe frasi. L’idea che frequenti un altro mi
infastidisce, ma è solo per orgoglio e per un senso di “possesso” forse. L’idea di
essere stati “scartati”. Quello che mi duole è essere stato ferito senza pudore, così
come il riconoscere che certi miei gesti affettuosi non sono stati apprezzati e capiti
totalmente. Negli ultimi mesi di tira e molla ha preso solo quello che le serviva, quando
le serviva. Per me ha fatto molto poco. Certamente non c’è stata quando avevo
bisogno d’aiuto. Anch’io avevo i miei problemi personali (lavoro, famiglia, ecc…), ma
questo non mi impediva di mostrarle attenzione. Troppo spesso, quando vogliamo
bene, ci dimentichiamo di noi; ci dimentichiamo che meritiamo affetto ed amore come
l’altra persona. Ora, ritornando al tuo sfogo, speri davvero di riconquistarla? Anche se
si dovesse lasciare con il tipo, ritieni che si meriti il tuo affetto? Dopo minacce,
mancanze di rispetto e di tatto credi sia la persona in grado di starti vicino? Beh, io ho
la certezza che la mia ex non può essere il mio fianco. La vita è già di per sé
complicata, preferirei affrontarla con qualcuno in grado di sostenermi nel caso stessi
cadendo. Scusami tanto se sono stato prolisso, ma ritenevo fosse corretto fare alcune
premesse. Un forte abbraccio!

AGOSTO 30, 2014
FERNANDO
Ciao Mattia, grazie per le tue parole.
In molti tuoi passaggi mi riconosco perfettamente.
È passata un altra settimana e registro (tra alti e bassi) un lieve miglioramento.
Devo imparare a stare bene da solo…so che non è facile ma non ho altra scelta…
Inutile ascoltare i consigli degli ALTRI, perché sono altri appunto.
Inutile seguire i miei consigli, perché sono quelli che mi faranno regredire.
Devo cercare la MIA felicità.
Un forte abbraccio!

AGOSTO 30, 2014
CAROLINA
E agli altri che danno consigli si può sempre rispondere: “grazie del
suggerimento, so sbagliare da me!” ;-)

SETTEMBRE 3, 2014
MATTIA
Ciao Fernando. E’ proprio come scrivi tu, dobbiamo imparare a gestire le
nostre emotività e godere della nostra compagnia. L’essere umano non è un
animale “solitario”, ma dobbiamo realizzare che la nostra felicità non può
dipendere esclusivamente dalla persona che abbiamo o che avevamo vicino.
Anch’io alterno giornate più serene ad altre decisamente malinconiche, per
questo cerco di vivere il momento senza preoccuparmi tanto di quello che
succederà domani. E’ tutto molto labile. Ogni giorno, però, mi accorgo di
migliorare un pochino (anche nella giornata no) e questo è decisamente
positivo. Un forte abbraccio!
•
AGOSTO 23, 2014
ECO
Ciao a tutti,
leggo le vostre esperienze da qualche settimana e mi rincuora sapere di non essere solo.
Ho 26 anni, esco da una relazione di cinque anni finita nel classico modo: il giorno prima di
partire per una gita mi lascia dicendo di “non avere la forza di continuare la relazione” e di
“volermi un gran bene”. Le sono scoppiato a ridere in faccia per la banalità della
situazione. Per tutta la durata della vacanza non si fa sentire e posta su facebook foto in
cui si diverte e fa cose che mi aveva sempre assicurato di odiare (tipo andare a ballare,
truccarsi in modo esagerato).
Io sono già partito preparato, conosco un po’ come gira il mondo e sapevo benissimo
avrebbe fatto tutto l’opposto di ciò che diceva quando era con me: è il modo che hanno le
ragazzine di affrancarsi totalmente dal passato. Questa sorta di “rito iniziatico tribale” che
attuano le persone immature e banali, che non si conoscono e non si auto analizzano.
Già da subito mi sono accorto di non aver perso niente se non cinque anni che avrei
potuto dedicare a qualcuno che mi apprezzasse se non a me stesso. Ho dedicato le mie
energie a lei senza uno straccio di apprezzamento. Avevo accanto una persona incapace
di dialogare, di comunicare, priva di empatia, totalmente superficiale, anaffettiva, priva di
una visione globale del mondo, sbadata, stupidina, immatura, tra l’altro la sua famiglia
disfunzionale mi ignorava e io li odiavo. Ogni giorno mi convinco che è meglio così. Quello
che mi dispiace è di averla idealizzata, di aver cercato in lei potenzialità che non avrà mai
e l’ho sempre saputo, ma si sa, quando si vuole bene si tende a far finta di nulla. Quello
che ora mi pesa non è la solitudine, sono un ragazzo pieno di passioni: amo il cinema, la
letteratura, il disegno, i fumetti, la musica, la scrittura, l’arte, la tecnologia, la psicologia.
Abbraccio la solitudine come una vecchia amica, da sempre. Ho accanto (pochi) amici con
cui parlare e vivendo in un paese piccolo è quasi impossibile fare nuove amicizie. Quello
che mi pesa è lo sguardo compassionevole della gente, la “pena” e anche l’idea che a 26
anni non ho un lavoro e un titolo di studio elevato, non ho soldi per un viaggio, non ho un
lavoro. Adesso ho deciso di iscrivermi all’Università in Scienze della Comunicazione per
seguire il mio sogno di lavorare nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle
comunicazioni. Studierò da casa, non avendo i soldi per mantenermi fuori. Ci proverò,
sarà difficile ma MAI e poi MAI mi farò mettere sotto da questa situazione, soprattutto data
l’entità e lo spessore inconsistente della persona che ho perso (concentrata
esclusivamente sulla PROPRIA carriera e sulla PROPRIA, inconsistente persona). Fatevi
forza ragazzi, è dura e anche io ho delle giornate nerissime, in cui non riesco a vedere una
via d’uscita. Ma noi, a differenza loro, ne usciremo temprati come la roccia. Loro invece
crederanno che nella vita gli sarà tutto dovuto e il karma, il destino, faranno il loro lavoro.
L’unico consiglio che mi sento di darvi è: NON FATEVI ASPETTATIVE SU DI LEI/LUI,
PERCHé NON TORNERà, NON VI CHIAMERà E SE NE FREGHERà SE QUELLO CHE
FA VI PUò FAR STARE MALE. Stampatevelo in mente e vivrete meglio.
•
AGOSTO 22, 2014
MATTIA
Mi ritrovo a scrivere ancora. Solo nel mio appartamento, che a volte mi sembra un ventre
materno e a volte una gabbia. E’ proprio vero che la nostra mente è un labirinto. A volte
ritorniamo dove già siamo passati. In questi ultimi giorni sono scivolato ancora dentro a
quelle sensazioni vischiose che già avevo provato. Forse sono meno intense, perché
condite più con la nostalgia che con il dolore vero e proprio. Non è morto nessuno mi
ridico. Non ho malattie, cammino, mangio, respiro. Cosa c’è che non va? Eppure, eppure
qualcosa non gira. Sento il peso del tempo che scorre. Non sono in grado ancora di dargli
una forma una sua identità. Lascio che scorra semplicemente. Passo dopo passo.
Lentamente. Mi trascino in attesa di qualcosa. Ma che cosa? Perdere una persona,
chiudere un rapporto è davvero come affrontare un “piccolo” lutto. Sapere che è fuori dalla
tua vita e tu dalla sua. E’ solo passato. Al momento, però, non riesco a chiudere quel
cassetto a chiave. Talvolta cado nella tentazione di dargli una sbirciatina. Non dovrei farlo
lo so. Mi sento ridicolo. Mi sento fuori luogo. Fuori da tutto. Perché non mi amo
abbastanza? Se mi amassi andrei avanti. Forte, sicuro. Forte di un orgoglio che non mi
farebbe traballare così. Proprio vero che siamo come una barchetta nell’oceano. Ogni
tanto ci gustiamo il paesaggio e tutto sembra andare a meraviglia. Altre volte dobbiamo
affrontare certe tempeste che l’unica cosa da fare è restare a galla. Non guardi neppure
dove vai, ti impegni solo a non andare a fondo.
P.S.: complimenti Nicola per il sito e per quello che fai, complimenti davvero!
o
AGOSTO 24, 2014
IVONNE
Ciao Mattia, è proprio vero che noi stiamo vivendo “un piccolo lutto” dobbiamo
imparare a convivere con questa nuova vita, i giorni saranno con una montagna russa
fatta di giorni di leggerezza e giorni di buoi totale, ma pian piano ritroveremo un po’ di
serenità, noi non siano persone sbagliate, noi non abbiano niente che non va, soltanto
abbiamo amato e abbiamo cercato di farci una vita insieme alla persona che
credevamo “fossi quella giusta” ..
Per ora credo che tutti noi ci stiamo impegnando a restare a galla..
Forza Mattia!! Pian piano giorni migliori verrano ..

AGOSTO 24, 2014
MATTIA
Grazie :)
•
AGOSTO 16, 2014
MATTIA
Ciao a tutti. E’ la prima volta che scrivo qui, anche se è un mesetto che visito giornalmente
il sito. Ho letto le vostre storie e mi sembra in alcuni casi di rivivere la mia. Sicuramente
per le emozioni e la difficoltà di “digerire” la fine della relazione. Come tutti provo, giorno
dopo giorno, ad andare avanti. Non nascondo che ho ancora un peso sul cuore. Da un
mesetto c’è stato il DISTACCO TOTALE. In realtà con la mia ex era finita molto tempo
prima, ma ci sono stati diversi tira e molla come si dice. Distacchi e riavvicinamenti.
Sapevo che usciva con un altro uomo nell’ultimo periodo (io ho 31 anni lui 36 credo) e le
avevo chiesto di non sentirci per un po’, perché era difficile per me gestire la situazione.
Lei, in lacrime, mi dice che questa persona non è importante, che non si avvicina a quello
che avevamo noi due, che con me era felice. Sempre piangendo mi chiede di non sparire,
di promettere di non lasciare in sospeso quella discussione. Peccato che il giorno dopo
non mi ha chiamato e nemmeno il giorno seguente. Alla fine le mando un messaggio
avvisandola che sarei andato a casa sua per chiarire, pregandola di ricevermi. Purtroppo,
però, sotto casa vedo la macchina del tipo. Suono e lei mi dice “sono impegnata”.
Sparisco. Dopo due mesi che non la vedo mi chiama (nel frattempo aveva ancora
telefonato informandomi che non era felice, che il lavoro non andava, ecc…ma senza mai
accennare alla questione di cui sopra) e mi dice che sta male. Senza rendermene conto
sono già da lei per aiutarla. Non vuole stare sola e mi fa capire che apprezzerebbe il mio
aiuto. Le chiedo dov’è la persona che frequenta, perché a mio avviso toccherebbe a lui
questo genere di cose. Lei candidamente mi dice che è sola. Alla fine viene a casa mia.
Per una settimana alloggia da me. Preparo da mangiare, mi prendo cura di lei. Un giorno
suona il suo cellulare, mi chiede chi è. E’ il tipo le rispondo. Iniziano a parlare in spagnolo
(lei è argentina) in casa mia. Inizio ad incazzarmi un po’. Le richiedo con calma di
spiegarmi la situazione, perché ritengo che non sia il caso che resti da me se c’è un’altra
persona. Lei conferma che non si vedono più (“è divorziato con tre figli” e “non sono
innamorata di lui”). Il discorso va avanti ma non sto qui a tediarvi (discorso affrontato
civilmente). Io stupidamente mi carico sulle spalle ancora del dolore, gestendo la sua
insofferenza, i suoi dubbi (vuole tornare in Argentina), la sua malattia. Per una settimana
resta in “vacanza” da me. Giochicchiando con il telefonino, mandando messaggi (al tipo),
guardando la tv. Non mi dice nemmeno grazie. Il lunedì della settimana dopo, nel
pomeriggio, torna a casa sua. Mi chiama circa tre volte nell’arco del pomeriggio e sera. Il
martedì mi chiama per fare colazione insieme. Ci vediamo. La sera la chiamo per sapere
come sta ma molto velocemente finisce la telefonata. Nel frattempo sono in giro con un
conoscente. Passo davanti a casa sua e cosa vedo….la macchina del tipo (è tarda notte,
perciò questa persona stava dormendo a casa sua). A questo punto non riesco a stare
calmo. Dopo troppe umiliazioni (ce ne sono altre che non elenco per non annoiarvi) decido
di fare qualcosa di nuovo. Per la prima volta voglio prendermi una rivincita. Per la prima
volta voglio impartirle una lezione. Per la prima volta voglio regalarmi la soddisfazione di
essere stronzo (sei troppo buono mi dicono tutti!). Torno a casa, prendo i vestiti che ha
lasciato da me (jeans, reggiseno, magliettina) l’infilo dentro una bustina di plastica, prendo
un foglietto di carta e scrivo “Restituisci i vestiti che (il nome della mia ex) ha lasciato da
me la scorsa settimana. Grazie. Un amico”. Prendo la bustina e la metto sullo specchietto
dell’auto del tipo. Il giorno dopo mi chiama e come nei giorni seguenti mi dice che non
sono la bella persona che credo di essere, che ho fatto del male a lui, che ho fatto del
male a lei. Ovviamente io non ho il diritto di stare male (è un problema tuo mi dice!). Io le
ricordo solo che non è stata sincera, che mi ha “rubato” la possibilità di decidere come
aiutarla, che ha mentito in casa mia, con i miei vestiti addosso, sul mio divano. Ci vediamo
dopo qualche giorno, molto velocemente, per restituirle il bimby che aveva lasciato nel mio
appartamento, anche perché mi stava torturando con diverse telefonate e messaggi (per
altro mi deve parecchi soldi prestati mesi prima quando era lontana dall’Italia per assistere
sua madre che, purtroppo, in seguito è venuta a mancare). Dalla restituzione del suo
giocattolino non ci siamo più sentiti. Io ho cancellato il numero, lei mi ha bloccato su
facebook. Ecco appunto il distacco totale. H fatto di tutto per lei, le sono stato accanto in
ogni momento, ho affrontato la sua malattia senza battere ciglio. Ho cambiato la mia vita
per poterla sostenere in tutti i modi, dimostrandole che l’amavo davvero. Purtroppo è
andata male. Adesso con pazienza sto cercando di ricordarmi come si fa’ a pensare a sé
stessi e non per due. E’ faticoso ma ci provo come tutti. Devo capire dove sto andando
anche perché sono uscito dall’azienda di cui ero socio dopo 11 anni e non ho punti di
riferimento. Navigo un po’ alla ceca. Cerco di convincermi che arriverà qualcosa di bello e
che tutto il dolore che ho passato nei mesi precedenti e quello che sto vivendo adesso
fanno parte della vita. Grazie a tutti coloro che con tanta pazienza hanno letto questo mio
sfogo. Un abbraccio a tutti voi.
o
AGOSTO 16, 2014
FERNANDO
Ciao Mattia, per quel che vale sappi che ti capisco e so cosa stai provando in questi
giorni.
Hai fatto benissimo a riconsegnare i vestiti con la busta, mi sembra il minimo…
Il consiglio che voglio darti è di concentrarti in primis sul lavoro…tutto il resto (con il
tempo) si aggiusterà! In bocca al lupo per tutto :)

AGOSTO 16, 2014
MATTIA
Grazie Fernando. Davvero. Mi sono impostato con molta fatica (e non ho ancora
finito) come libero professionista (in passato lo sono già stato). Ma sento che,
forse, non è davvero quel che voglio. Ho predisposto diversi curriculum che voglio
consegnare a diverse aziende nella zona. Magari dopo tanto patimento ho un po’
di fortuna anch’io! Chissà…nel frattempo ti ringrazio ancora per il supporto!!
P.S.: quando le ho restituito il bimby mi aveva detto che stava per partire…il
giorno dopo l’ho incrociata per caso in auto :). Mi ero sentito un po’ in colpa per il
gesto della “borsina”. Mi dicevo che probabilmente era stato un gesto infantile.
Che, forse, avrei potuto uscire in un altro modo. Adesso invece penso che era
giusto così comunque.
o
AGOSTO 20, 2014
DANTE
un suggerimento…Nico non me ne vorrà, soprattutto perché li non ci sono cantautori,
figurarsi del suo calibro e raffinatezza…ma fatevi un giro su italianseduction.it, sezioni
one-itis e ltr (longtime relationship)…..vi troverete a confronto con realtà molto più
dure, spregevoli…..e con chi, soprattutto ne ha passate tante e molto può dirvi a
riguardo…..x qnt il lavoro di Nicola qui è a dir poco spettacolare……..ma li troverete
molto materiale umano su cui riflettere e confrontarvi….soprattutto voci molto più
ciniche di quelle che passeggiano nel mondo di art…..forse perché patrocinate da uno
spirito nobile di un musicista……se avete qualche minuto da spendere……fateci una
camminata……..leggo qui troppa autocommiserazione, troppa flagellazione….troppo
“zerbinismo”……..specie tra gli uomini…………..si va avanti….non hanno
diagnosticato una malattia incurabile…..quello sì che è un dramma…….IL
dramma……………l’irreversibile perdita di un affetto……….
lo dice uno che….s è letto i commenti di qst splendido blog dal 2008…..
li troverete, tante voci, molto spesso, crude, rudi, aspre, amare e violente…..meno
accondiscendenti, meno compassionevoli……ma utili,
schiette…….graffianti…..cazzotti nello stomaco e calci nei denti…………..a dirvi:
“WAKE UP!!!!!”……………non per gli altri, ma xvoi………….xke dovete andare avanti
x voi….
take care to all
p.s.
x chi ha fegato e stomaco forte, consiglio la lettura del thread
“L’ORRORE…L’ORRORE” scritto dall’utente BANE, per comprendere, quali orribili
realtà mai svelate, possono celarsi dietro l’improvvisa cessazione di una relazione
anche decennale e su cui potreste stare ad interrogarvi x il resto della esistenza,
invanamente rimpingendola…………..relazione che non necessita di
autocommiserazione, flagellazioni e zerbinismi vari……
Wake up guys….Wake up girls…….si va avanti….x voi…….solo x voi stessi…….
•
AGOSTO 16, 2014
BUDDY
Ciao Carolina, ciao Fernando,
Concordo con quanto dice Carolina, meglio evitare contatti e farsi riconsegnare le proprie
cose senza ulteriori problemi.
Poi è purtroppo vero che quando si viene lasciati da una persona che si ama è difficile
staccarsi, ci si pone molte domande come hai fatto anche tu, ma vedi che certe risposte te
le sei date da solo Fernando, alla fine che le cose non andavano bene lo sapevi, che forse
lei era legata più a cosa offrivi che a te te ne sei reso conto da solo, davvero desideravi
accanto una simile persona?
o
AGOSTO 16, 2014
FERNANDO
Il problema è proprio questo! NONOSTANTE il suo comportamento io la desideravo al
mio fianco. Lo so è irrazionale, come lo è l’amore del resto…anche perché credo che
una storia sentimentale sia anche “compromesso”…e se mettevo sul piatto della
bilancia le cose che andavano con quelle che non andavano il risultato era comunque
positivo.
Stasera esco con i miei amici “storici”…festeggiamo il ventennale del nostro primi
viaggio dopo il diploma!
•
AGOSTO 16, 2014
CAROLINA
PER FERNANDO.
Concordo con Max, chiudere ogni contatto è la cosa da fare, sempre, e a maggior ragione
quando ti si sta sostanzialmente accusando di stalking.
Hai tentato di “riconquistarla”, e non c’è modo, ogni volta sono recriminazioni e accuse. Se
n’è andata e devi prenderne atto. E sicuramente la prima cosa da fare è smettere di
andare sotto casa sua e di telefonarle (se non per riprendere i tuoi effetti personali, questo
è un tuo diritto e non penso che lei abbia il diritto di decidere quando le fa comodo questa
restituzione). Ugualmente, da evitare il ciclo dei pensieri tipo “se avessi detto, se avessi
fatto…” che serve solo a farsi ulteriormente del male, cosa di cui non hai evidentemente
bisogno in questo momento.
Cosa diversa, e a mio giudizio anche necessaria, è riflettere su quel che è stato il rapporto
e su quel che non ha funzionato. E’ bene distogliere i pensieri, ma tanto lì vanno. E allora
tanto vale indirizzarli verso un orientamento utile anche per noi.
Voglio dire che la fine di una relazione ci dà lo spunto per riflettere anche su noi stessi, per
avere una conoscenza maggiore di come siamo fatti noi (cosa che ci è utile per il futuro). A
volte è necessaria anche un’autocritica, ma si tratta più che altro di capire quali sono i
nostri reali bisogni, e se e come erano soddisfatti nella relazione. E anche cercare di
mettersi nei panni dell’altro e capire anche lui/lei: non sto dicendo di giustificare le loro
malefatte, tipo bugie tradimenti mancanze di tatto e sensibilità etc chi più ne ha più ne
metta (io sono la prima ad essere avvelenata con il mio ex), ma di comprendere anche
cosa non è andato per loro. Insomma, in cosa l’alchimia non ha più funzionato.
Tu dici che la rottura è stata inaspettata, repentina. Io sinceramente non credo molto alla
possibilità che uno è felice la sera e la mattina si sveglia con la voglia di separarsi. Le crisi
sono in atto da molto prima, magari sono silenziose, ma sono in atto. Spesso si sta già
camminando da tempo su strade diverse, ci si è già separati senza dirselo, si è già
interrotta la comunicazione emotiva senza la quale qualsiasi grande amore può spegnersi.
Tu non avevi mai notato nulla, tutto ti sembrava veleggiare in positivo?
o
AGOSTO 16, 2014
FERNANDO
Ciao Carolina, grazie per i tuoi consigli.
Ero consapevole che le cose non andavano benissimo, le avevo proposto una
crociera nel mediterraneo (ma lei non ha accettato) proprio per cercare di ritrovare
serenità e complicità.
Ti sembrerà strano ma io non sono arrabbiato con lei, nemmeno dopo quello che ha
fatto giovedì sera (far rispondere a lui, anche se la cosa è davvero di cattivo gusto).
Tecnicamente non posso parlare di “tradimento” (fino a prova contraria) e, se devo
dirla tutta, anche io sono uscito con una “vecchia conoscenza” in questo periodo per
cui la capisco, la solitudine spaventa….
Di certo ho realizzato (purtroppo ho dovuto sbatterci il muso) che non posso fare più
nulla per recuperare la storia e questo, in un certo senso, mi solleva.
Ora la priorità è pensare a me stesso, buttarmi a capofitto sul lavoro, riprendere le mie
passioni (per lei avevo smesso di fare il dj tra l’altro) e cercare nuovi interessi, nuove
amicizie e nuove compagnie (non sarà facile lo so….).
Lei (39 anni) voleva “stringere i tempi” con me (mi hai fatto l’anello di fidanzamento ma
non mi hai ancora chiesto di sposarmi…quanto pensi che possa aspettarti?).
Io non avevo superato alcune perplessità nei suoi riguardi (e avevo visto giusto…)
Lei mi ha accusato di “non prendermi le mie responsabilità” ed essere un
menefreghista.
Io l’aveva presentata e portata dalla mia famiglia, lei mi ha presentato solo la madre e
mai invitata a casa dei suoi genitori.
Ora vediamo cosa accadrà durante la riconsegna dei miei effetti (sempre ammesso
che voglia essere presente), io non farò nessuna mossa.
SE (e sottolineo se) lei dovesse provare una “manovra di riavvicinamento” (ammesso
e non concesso che mi ritrovi libero) valuterò a momento debito (inutile farsi illusioni
anche se aiutano ad alleviare il senso di vuoto affettivo).
Rimane il fatto che la storia poteva chiudersi più civilmente, avevamo una cagnolina di
razza pechinese (certo non è un figlio) ma mi manca anche lei e si poteva rimanere in
buoni rapporti.
Io penso che lei volesse vedere come andava con l’ex (ha preso sempre in giro la sua
amica perché stava con un separato ma almeno questo era coetaneo e senza figli) è
per questo che “le cose te le rido quando decido io”.
Di certo io non sono il suo clone: diversa l’età (io coetaneo, lui più grande), diversi
fisicamente (io alto e moro, lui bassetto e brizzolato) diversi nel trascorso, diversi nelle
professioni: io ingegnere (come suo padre) lui un caramba…
•
AGOSTO 16, 2014
FERNANDO
Un saluto a tutti.
Ho “scoperto” da un paio di giorni il decalogo e oggi ho deciso di scrivere il mio commento,
sia per “riempire” il tempo (mi è sempre piaciuto molto scrivere) che per “sfogarmi”
riportando i fatti in forma di cronaca ma anche per avere un vostro eventuale parere e/o
conforto.
Ho 38 anni e dopo due anni e mezzo (di cui 1 e mezzo di convivenza) sono stato lasciato
a fine giugno 2014.
La cosa è stata parecchio repentina e le motivazioni addotte molto futili.
Nel mese di luglio abbiamo proseguito i contatti con alcune telefonate di servizio (da parte
sua), una lettera con il mio punto di vista (definita non sincera da lei) un mazzo di rose
(grazie) e un CD con le “nostre” canzoni (definito gesto da liceale).
Il tutto condito dal classico “buonanotte” e “buongiorno” via whataspp che ci mandavamo
quando non dormivamo insieme.
Per quanto riguarda le chiavi di casa e i miei effetti personali, la riconsegna sarebbe
avvenuta “te lo dico io quando sono libera”.
Non nascondo che ho interpretato questa posizione come la non volontà di tagliare il
“cordone ombelicale” che ci legava.
A fine luglio mi chiede i soldi delle bollette di giugno (ultimo mese di convivenza): “hai le
chiavi, li lasci in una busta nella cassetta delle lettere”.
Io procedo come da accordi, sebbene in ritardo rispetto all’orario stabilito (non era
premedito il ritardo). Sotto casa “nostra” o meglio “sua” trovo parcheggiato l’ex (un ultra
cinquantenne capelli bianchi separato e figlia di 25 anni, da lei stessa definito un pazzo
pericoloso e inaffidabile). Il tempo di rifare il giro e vedo salire “lei”.
Un durissimo colpo al cuore e una notte insonne piena di lacrime da affrontare.
La mattina dopo mi chiama con una classica scusa e io faccio finta di nulla.
Prima di chiudere la telefonata le chiedo: “che combini di bello questi giorni, che fai esci ti
vedi con qualcuno?” “Se esco con qualcuno sono affari tuoi e la cosa non ti riguarda più”
“Ah si?, ma qui non si tratta di qualcuno, mi sembre sempre lo stesso di prima!!!”
“Guarda se dopo tanto tempo esco con una persona in AMICIZIA non vedo nulla di male”
Io chiudo ogni contatto, non prima di aver ribadito di voler riprendere le mie cose e
restituire le chiavi.
Dopo 2 settimane di silenzio decido di effettuare una chiamata di servizio per reclamare le
mie cose. Si trasforma in una telefonata di 1 ora con le sue solite motivazioni e
recriminazioni nei miei riguardi e alla fine “le cose te le do quando decido io!”
Come ben previsto dal decalogo effettuo un blitz sotto casa (non chiedetemi perché), lei
mi vede passando con la sua macchina.
Dopo 10 minuti mi chiama: “Ti ho visto sottocasa…non lo fare più o ti denucio”
Io richiamo ma nessuna risposta.
La seconda volta risponde “lui” (tra l’altro lavora nell’arma): “sai benissimo chi sono, le ho
consigliato io di sporgere querela”
Cosa mi consigliate?
Grazie mille
o
AGOSTO 16, 2014
MAX
Io personalmente ti consiglio di lasciare stare tutto. E’ ormai andata via. Fattene una
ragione, pur con tutte le difficoltà del caso che non sono certamente di piccola entità.
Certo, fatti dare le tue cose anche nei tempi che decide lei e poi sparisci e non farti
mai più sentire: adotta alla lettera il paragrafo 8 del decalogo altrimenti chiamato “No
Contact”.
Una persona così non ti merita. E’ una persona fondamentalmente cattiva,
spregiudicata e sprezzante e sono certo che un giorno capirai che non era affatto per
te.
Lo so bene cosa vuol dire il tuo stato d’animo adesso: anch’io sono stato trattato
peggio di un cane quando mi ha lasciato.

AGOSTO 16, 2014
FERNANDO
Grazie per le parole Max.
Sai è stata la mia prima esperienza di convivenza con una ragazza e sono stato
molto bene con lei: mi piaceva molto e mi rendeva felice.
Per dovere di cronaca nell’ultimo periodo mi aveva chiesto maggiori “attenzioni”,
in particolare voleva che la portassi fuori più spesso perché “voleva divertirsi” ma i
miei impegni di lavoro non me lo hanno permesso. Inoltre volevo vedere se stava
con me per ciò che sono o per i posti in cui la porto. Questi genera in me il
classico rimpianto (se avessi fatto quello a quest’ora…)
A complicare il tutto i miei amici (quelli veri) sono tutti sposati, alcuni con figli.
Rientrare in corsa sarà ancora più rispetto alle altre volte….
•
AGOSTO 15, 2014
CAROLINA
PER ROBERTO.
Certo, esistono pure tante donne str…, ma mi sembra che mediamente fra coloro che
soffrono d’amore noi donne siamo più contorte, più inclini a far perdurare il nostro dramma
interiore, più tendenti a sentirci svuotate. E, se non siamo più giovanissime, magari anche
più preoccupate del futuro affettivo (come dire, il campo si registringe, perché è piuttosto
difficile, culturalmente parlando, che ci mettiamo con qualcuno che abbia la metà dei nostri
anni, o che uno con la metà dei nostri anni si interessi a noi, come invece agli uomini
accade). Come se per qualche strano motivo l’istinto di sopravvivenza facesse più fatica a
farsi sentire. Certo, per ogni uomo deluso qui sul blog ci sono altrettante donne che hanno
abbandonato, magari con superficialità, questo è indubbio. Vabbè, speriamo che l’istinto
positivo alla fine prevalga per tutti…
o
AGOSTO 16, 2014
ROBERTO
Sai sul fatto che è molto piu facile trovare uomini che stanno insieme a donne piu
piccole invece del contrario è una cosa innegabile e dimostra quanto noi alla fine
siamo immaturi un po tutti perché continuiamo a guardare piu con gli occhi che con il
cuore. È un retaggio molto difficile da togliere e fa parte di una educazione sbagliata
fin da quando siamo ragazzi. A 18anni ci piace andare con quelle piu grandi (ma
questo succede anche al gentil sesso) mentre a 50 anni ci piace avere una donna
mediamente piu giovane (e qui il gentil sesso fa il contrario perché vuole un uomo piu
maturo) .. uomini e donne vengono da pianeti differenti ,come anche citato su un
famoso libro, e trovare il famoso pianeta di scambio o come la chiamano in molti ,la
meta della mela è estremamente complicato e chi si mette alla ricerca deve essere già
pronto fin dall inizio a sapere che potrebbe soffrire e pure tanto. …

AGOSTO 16, 2014
CAROLINA
Mi viene in mente una battuta di Woody Allen: “sapete quella barzelletta, uno va
dallo psichiatra e dice: “Dottore mio fratello è pazzo, crede di essere una gallina”,
e il dottore gli dice: “perché non lo interna?”, e quello risponde: “e poi a me le
uova chi me le fa?”. Beh, credo che corrisponda molto a quello che penso io dei
rapporti uomo-donna. E cioè che sono assolutamente irrazionali, ehm… e pazzi.
E assurdi, e… Ma credo che continuino perché la maggior parte di noi ha bisogno
di uova.”
•
AGOSTO 15, 2014
ROBERTO
Non fidatevi mai di quelle che vi dicono troppe volte che siete l’amore della propria vita ,
l’amore con la A maiuscola, l’amore che muove le stelle e tutti i pianeti etc etc etc … Se ne
esce dal dolore e si diventa sempre più forti con il rischio purtoppo però di fidarsi sempre
di meno; ma anche questa è una lezione di vita …..
•
AGOSTO 14, 2014
CAROLINA
Ragazzi, a me viene un dubbio (di curiosità e conoscenza). Mi sembra che gli uomini che
scrivono sul blog siano mediamente più capaci di reazione positiva di distacco. Mi sembra
che noi donne siamo non più emotive, ma più tendenti alla contorsione, forse più
masochiste, probabilmente meno confidanti nel nostro valore umano, insomma, più “lente”
nel processo di guarigione. Vedo Buddy che, pur soffrendo (ovviamente qui tutti soffrono),
non esprime ricadute significative, leggo Dante che dopo 4 mesi riesce ad abbandonarsi al
sorriso di una nuova fanciulla, sento Max che a 7 mesi dalla separazione vede la luce del
tunnel… Mah, forse è vero quello che dicono di noi gli uomini, che siamo troppo
complicate, e forse è anche vero che gli uomini, nella “semplicità” che normalmente
attribuiamo loro come un difetto, in virtù di essa, sanno meglio indirizzarsi verso il positivo
per loro, senza tanti ripensamenti melodrammatici…
Non so, se questo è ha una ragione certo culturale, o magari sono solo mie impressioni
superficiali, ma una cosa è certa: io nella prossima vita voglio rinascere maschio! ;-)
o
AGOSTO 15, 2014
ROBERTO
Embè Carolina, permettimi ma bisogna pure vedere quante “botte” uno ha preso …
subentra una certa autodifesa o cmq la volontà di dirsele certe cose dentro di se
anche se nn sono ancora limpide e/o vere.. Istinto di sopravvivenza? forse … diciamo
che qui è un bello zoo perchè sicuramente ce ne sono tanti di maschietti str… (e io
potrei essere uno tra quelli dopo certe esperienze) ma anche le donne ultimamente
scherzano non poco ….
•
AGOSTO 13, 2014
CAROLINA
PER MAX e TUTTI.
Ciao Max, senz’altro, la prospettiva deve essere questa, è l’unica per uscirne del resto.
Guardare avanti e lasciarci alle spalle il passato, che, proprio in quanto passato, ci
appartiene ma ora non ci riguarda più. I nostri ex non ci danno nulla nel presente, perché
se ne sono andati, mentre il pensiero di loro conserva però tutto il potere di condizionare il
nostro presente, con il rischio di ipotecare pesantemente il futuro. Tutto sbagliato,
certamente. E insensato. Ma arrivare allo stadio del guardare avanti e basta non è corso
breve. Io, che pure ho razionalmente ben chiaro il processo, dopo 7 mesi ancora ho forti (e
dolorose) ricadute. Non rivorrei indietro una persona che mi ha dichiarato di non amarmi
più, di preferire altre emozioni a me. Ma non ho vera quiete e mi sembra di passare dalla
sofferenza all’anestesia emotiva, che mi spaura quanto il dolore. In fondo, lo so, ho paura
di trasformarmi in una persona insensibile, con un cuore serrato in difesa. Che non ce ne
sia più non solo per lui, ma neanche per qualcun altro di meritevole e nemmeno per me
stessa. Ma forse bisognerebbe lasciar passare tutto ma proprio tutto quel che viene così
come viene, senza opporsi, e che se debba essere anestesia, che anestesia sia, se è un
passo verso la serenità. Perché un po’ di serenità vorrei. Se non la luce, almeno la pace.
o
AGOSTO 14, 2014
DANIELA
Carolina le tue parole sono veramente stupende e racchiudono esattamente ciò che
ogni uno di noi prova questo almeno per quanto mi riguarda
Un grande abbraccio Daniela
o
AGOSTO 14, 2014
MAX
La serenità e la pace la si ottiene solamente quando si riuscirà (ognuno per la propria
personale esperienza) a mettere un simbolico paletto per quello che è stato e se
questo deve passare per “l’anestesia”: che sia pure!
Ma attenzione a non abusarne e a farne una compagna di vita talvolta per comodità:
perché se da una parte “l’anestesia” ci fa sentire meglio, dall’altro ci isola e ci preclude
tutto il resto e… Credetemi: non ne vale affatto la pena! La nostra Vita deve andare
avanti anche e soprattutto senza di loro.
Non dobbiamo in nessun modo essere ostaggi del passato annullandoci di fatto. Non
possiamo permettercelo.
In virtù di quanto sopra io ne sto uscendo lentamente adesso (sono passati circa 7
mesi): è stato ed è tuttora un cammino lungo e non certo indolore e difficile, ma
adesso più che mai ho la certezza che se ne esce perché alla fine ce lo dobbiamo in
primis a noi!!
o
AGOSTO 14, 2014
DANTE
Rispondo a Carolina e Max, ma, ovviamente, vale per tutti, lettori e scriventi di questo
spazio…..si, per tutti quelli che seguono questo spazio aperto da Nicola che, anche se
non mi ha mai letto, perché è semplicemente la PRIMISSIMMA VOLTA che scrivo qui,
lo sento a me vicino, perché mi è stato lui vicino, con questo spazio, come nessun
altro…per 60 lunghissimi giorni di agonia emozionale (non andrei a scomodare
l’inferno o la “madama morte”…i drammi son ben altro nella vita…)….in cui, caro Nico,
ho riempito i vuoti rileggendomi i pdf che hai raccolto dal 2008 (se non erro) fino
all’ultimo…..grande trovata quella di salvare in “carta digitale” l’esperienza di vita
altrui…anche qui, ti sei dimostrato immenso…..a me, questa lettura, non mi ha mai
mandato giù, anzi, ho letto tutto, fagocitato ogni rigo, ed è stato utilissimo….
ed in premessa, un altro doveroso ringraziamento va ad un altro (credo EX) utente
che Nico conosce fin troppo bene….Mr. Delirium……..perché dopo il decalogo di
Nico, il vostro unico diktat sarà il suo……famigerato, immenso,
ineguagliabile……..DISTACCO TOTALE…
Ragazze, ragazzi…se ne esce…lo dice chi NE STA ANCORA uscendo…lo dice uno
che non è certo più un giovanotto….lo dice uno che ha vissuto, non un filarino, ma
una c.d. “long time relationship”…lo dice uno che ha dato, come tutti noi, se stesso
fino all’ultima stilla di sangue, sudore e lacrime….lo dice uno che ha affrontato una
gravidanza di cui non era la progenie….lo dice uno che fin dal primo vagito ha sentito
il cucciolo come suo….lo dice uno, che per il sentimento verso entrambe, ha fatto un
restyle della sua professione per permettergli di coprire ogni 3 settimane 800km e
stare una settimana insieme a loro….lo dice uno che ha affrontato una separazione
non sua perché io non mi sono mai voluto legare di fronte ad un ufficiale di stato civile
e della chiesa se “non sentivo fino in fondo” (figurarsi decidere di
procreare………)….lo dice uno che, per tutta la situazione sopradescritta, ha subito
l’ira funesta delle famiglie interessate quasi si fosse innanzi all’ennesimo becero
remake dei Montecchi e Capuleti…..lo dice uno, che nonostante tutto ciò, nello spazio
di una notte, dall’imbrunire alla prime luci dell’alba, si è sentito dire, senza, a
TUTT’OGGI, una spiegazione, “non è più il caso di andare avanti, i sentimenti ci sono,
x sempre, ma interrompiamo….”……
……
aaaah caro Nico, quanto cara mi è oggi la “logica della donna-primate” e quanto ancor
più cara mi è il tuo recupero della figura del c.d. “coglio-clone”…..ho visto tutto….hai
ragione e sei stato illuminante su tutta la linea….
e sulla fenomenologia dei ritorni???penso anche quella……m hanno riferito che sui
vari socialnetwork si registravano, fin da poco tempo dopo la rottura e vari coglio-cloni,
messaggi subliminali come nemmeno nei migliori dischi dei Black Sabbath, diretti allo
scrivente……”COMPRESI DI BAMBINA anche”……..all inclusive, insomma, pur,
credo, indirettamente di smuovere………
No, il distacco deve essere T-O-T-A-L-E…..altrimenti non se ne esce….è un cammino
vostro…riguarda voi…non un’altra persona……oramai, the toy is broken……….state
lontani dai social network come la peste….non cancellate, non rimuovete nessuno, è
infantile…..ma statene semplicemente lontani……ragazzi, è una realta
virtuale………..vivetevi la realtà “vera”, quella che sta li, fuori dalla vostra porta…in
strada…….lasciate stare i social………o non ne uscite più………..distacco
totale……….
Mi piacerebbe, anche a rischio di tediarvi, raccontarvi tutto per filo e per segno…tutto,
ma proprio tutto….perché so cosa state passando ogni singolo istante di queste
giornate…e vorrei stringervi e abbracciarvi tutti……ma se lo facessi, snocciolando
tutto il mio percorso, occuperei tutte le 200 e passa pagine del prox pdf 2014 (xke
Nico, lo farai vero???)…
Chiudo, fornendovi la ratio giustificatrice di questo intervento, regalandovi il perché
sono certo che se ne esce (vi chiedo un altro istante di attenzione):
– marzo 2014: a soli pochi giorni dalla separazione (come vedete sono di freschissima
rottura), sono invitato da una collega ad una cena…serata piacevole…penso a quanto
sta ancora accadendo…cerco di distrarmi….e noto una persona…un
ragazza…graziosa….la noto e basta…nulla di che….nella notte, ritorno al mio piccolo
dramma sentimentale con gli okki sbarrati e l’ansia che m’assale…
– aprile 2014: esco per una passeggiata con affetti cari, entro in una birreria, noto una
ragazza, è la stessa della cena del mese precedente….sorridiamo….ci salutiamo….la
testa, come tutti voi potete agevolmente immaginare, è ancora affondata in quel mio
“piccolo” dramma sentimentale e relativi stati d’ansia e panico…
– maggio 2014: inizio, pian piano (lo sto ancora facendo), quel percorso di
ricostruzione personale, che ha come unica mira il solo volere bene a noi stessi, tanto
caro a Nico e ben spiegato nel decalogo….perché, ragazzi da qualke parte bisogna
ripartire….e quale migliore start-point se non, noi stessi????Serate, amici di sempre,
nuove conoscenze, lavoro, cambio di luoghi e abitudini, musica….un passo alla
volta…
– fine luglio 2014: la stessa collega di cui sopra mi invita ad una cena in casa
sua……ad aprire la porta….si, avete immaginato, fantasticato bene….come nei
film….si, è proprio lei, la ragazza di cui sopra…..mi sorride….ci
sorridiamo…………………………..è un attimo, un singolo istante…….ed il passato, il
percorso fatto, le battaglie fatte, i momenti più belli e quelli più difficili, lei, ed anche la
bambina…………………..sono un piccolissimo puntino del passato………la testa ed il
cuore non sono più, magicamente, nel pantano del dolore, della sofferenza, della
mancanza, l’assenza di spiegazioni alla sua decisione (coglio-clone o no, ritorni o
meno)…….non mi interessa più nulla…..il suo sorriso ha spazzato via tutto…..mi ha
restituito, mi sta restituendo a me stesso……….se potessi, non sottrarrei un secondo
alla conoscenza di questa ragazza per darlo a chi c’era prima…….
ora non so se incontrerò nuovamente questa ragazza, non so se è impegnata, non so
se c’è un interesse, una curiosità reciproca……il punto non è questo……il punto è,
(siete anime sensibilissime per stare qui da Nico, lo avete colto…)…..ragazzi….si
esce…..si esce….se ne esce…
…lo dice uno che ha fatto tutto, ha visto tutto, ha perso tutto, in un attimo e senza
spiegazioni….lo uno dice che non ha mai voluto “impegnarsi”…e che se l ha fatto….l
ha fatto perché incendiato dal sentimento per quelle “2donne”, ma che, manu militari,
lei ha deciso di sopprimere…..lo dice uno che allora dovrebbe esser sfiducioso a vita
ma……………uno, che ben oltre la sua più lontana immaginazione, ha incontrato, per
caso, un sorriso…………..e ha ricominciato…..sta ricominciando……..ogni giorno….
Vi abbraccio tutti
p.s.
Scusate la scarsezza di sintesi…………ma doveroso………….si è qui per
conforto…per regalare la propria esperienza…………mi è sembrato opportuno
leggendovi tutti………….
p.p.s.
Nico………….grazie!
Dante
•
AGOSTO 9, 2014
MAX
Il problema – almeno secondo me – è che ci facciamo continuamente e in maniera
ossessiva quasi come fosse un mantra tante domande (e risposte), ipotesi di quello che è
successo nella nostra precedente relazione.
Tutto questo ci destabilizza emotivamente e non ci da la percezione corretta del presente
e men che meno del futuro. Dobbiamo quindi porre fine a questo disagio al più presto! La
nostra mente ci sta continuamente ingannando.
A questo proposito ho letto qualcosa che mi ha dato concretamente una mano di A. Ferrari
e che vi riporto qui integralmente e che spero possa aiutare anche voi nel percorso di
guarigione:
“L’arte di guardare sempre avanti
Abbiamo l’abitudine di calarci e rivangare il passato coltivando, più
o meno consciamente, grandi rimorsi di coscienza, perché tutti abbiamo
sbagliato. O c’è qualcuno che non ha mai sbagliato?
L’errore può essere un ottimo trampolino per una crescita interiore.
Guardare il passato è un po’ come seppellirsi sotto il peso di ricordi
che rendono faticoso il procedere e mantengono aperte le ferite che
vorrebbero invece riemarginarsi. Guardare avanti significa capire che
tutto quello che è successo è stato un training, un percorso di
formazione che la vita stessa ci ha offerto. È un modo saggio di
vedere la propria storia di vita.
Tutto quello che ho vissuto sino ad ora mi ha formato per essere
quello che sono oggi e se oggi io faccio delle scelte specifiche e
promuovo determinate attività è perché ieri ho avuto questa
formazione. Oltre alla tipica formazione (accademica o altro), la vita
stessa ci forma. Esperienze belle o brutte, compartecipano in un modo
o nell’altro a costituire il nostro bagaglio di esperienza e a
renderci oggi in grado di capire cose che altrimenti non avremmo
capito o di fare cose che forse non avremmo saputo fare. Perciò
potremmo ringraziare il nostro passato.
Quindi fatevi questo regalo oggi. Mettete un punto finale al passato,
con un grande senso di quiete e di superamento. Se ho sbagliato avrò
le mie conseguenze, ma oggi non voglio fossilizzarmi nel pensare a
quello che non ha funzionato. Posso pensare a ciò che ha funzionato e
farlo di più. Così diventa l’arte di vivere, ottimizzo quello che
sono, quello che so e quello che ho.”
Forza allora facciamoci un bel regalo proprio oggi anche noi! Mettiamoci “un punto finale
del passato” come del resto hanno fatto loro con noi: ne più ne meno.
Riprendiamoci in mano la nostra Vita che ci appartiene e che è Unica. Credetemi o no, ma
noi valiamo davvero tanto!
Un abbraccio a tutti.
•
AGOSTO 9, 2014
BUDDY
Per BILLY e CAROLINA,
credo sia inevitabile in certe situazioni, come quella che attualmente stiamo vivendo, fare
delle riflessioni, quando tutto va per il meglio forse non ci si ferma molto a riflettere ma si
vive tale periodo in modo felice e sereno e credo sia giusto cosi, quando avvengono fatti
negativi per forza di cose si cerca di capirne le cause, magari le analisi che facciamo non
sono cotrettissime ma dovrebbero permetterci di superare tali momenti e per quanto
possibile evitare che si ripetano.
Sarebbe probabilmente più semplice non pensare, ma forse se siamo dotati di intelletto un
perché ci sarà, sta poi a noi utilizzarlo nel modo migliore, il nostro pensiero non deve
diventare ossessivo nei confronti degli ex, è vero pensavamo che tra miliardi di persone in
miliardi di galassie ci fosse un legame invisibile che ci unisse a loro e fosse indissolubile,
non è cosi, andiamo avanti sapendo che le cose non stanno in questo modo, per quanto
possa dispiacere …
Un abbraccio affettuoso a tutti gli amici del blog!
o
AGOSTO 9, 2014
BILLY
Per Buddy.
Quello che intendevo Buddy non e’ non pensare,e’ impossibile non pensare,e non
intendevo neanche pensare in modo da fare analisi piu’ corrette o altro,semplicemente
intendevo lasciare andare i pensieri,abbandonarli,perche’ io non sono il mio pensiero
e cio’ che produce il mio pensiero non e’ mio……ma faccio una fatica enorme ad
esternare questo concetto che apparentemente sembrerebbe di un astratto quasi
fastidioso ma che non lo e’. Scusami
Billy
•
AGOSTO 8, 2014
CAROLINA
PER BILLY.
Sai che ti dico Billy? Ti sei spiegato benissimo e per me è esattamente la stessa cosa. Al
punto che il rapporto tra le idee e la realtà troppo spesso si qualifica come il vissuto che si
modella sul pensato e mai l’inverso. Mi rendo conto che il mio comportamento spesso
reagisce sulla base dell’idea che ho più che dell’esperienza reale. E’ un errore, proprio di
metodo. E, tra l’altro, di superbia intellettuale (perché c’è il presupposto di avere sempre
ragione). Molta interpretazione. Troppa. Troppa per indirizzarsi verso l’orizzonte della
felicità.
•
AGOSTO 8, 2014
BILLY
Per CarolinaSai cosa c’e’ Carolina? Parlo per me,non so se per te e’ la stessa cosa: io penso
molto,troppo,il rapporto col mio pensiero e’ troppo spesso compulsivo,faccio gran
ragionamenti,mi faccio dei gran discorsi e tutto questo non ha senso perché noi non siamo
il nostro pensiero.Intendo dire che la nostra mente produce pensieri e noi attribuiamo a
questi pensieri un valore di verita’,ma non e’ cosi’,la verita’ non e’ quella che noi
riproduciamo nella nostra mente e di verita’ tra l altro non ne esiste neanche una
sola.Penso: ” Claudia non ha avuto coraggio,mi ama ma si e’ arresa,ha avuto paura,non
ha voluto neanche provare a lottare per noi,il nemico non aveva ancora sparato un solo
colpo e lei gia’ stava con le mani alzate e la bandiera bianca in segno di resa ed ora
frequenta un altra persona di cui non e’ innamorata solo perché corrisponde allo schema
di vita che la famiglia le impone”….ma questo e’ un mio pensiero,non e’ la verita’,forse lo
e’ in minima parte. Penso:” hai fatto anni di psicoterapia ed hai imparato che una persona
che non aderisce in pieno alla relazione e’ una persona con la quale non vale la pena
avere una relazione,merito di piu’,merito di essere amato,in maniera appagante e quindi
se Claudia e’ cosi’,e’ giusto andarsene”….ma anche questo e’ un mio pensiero che forse
corrisponde alla verita’ solo in parte.
C’e’ un libro che lessi anni fa ed ad un certo punto diceva: “….io
penso,penso,penso,pensando sono uscito dalla felicita’ un milione di volte e mai una che
vi sia entrato e ditemi ,in quale posto meraviglioso mi ha mai condotto il pensiero?”
Insomma,e’ difficile da spiegare ,ma credo che la strada sia quella di lasciare andare i
pensieri,lasciarli fluire e riconoscerli come cosa che non siamo noi e tornare invece il piu’
possibile verso la vera essenza di noi stessi.
Non credo di essere riuscito a spiegarmi.
Billy
o
AGOSTO 26, 2014
ANITA
Per BILLY
quanto mi ritrovo in quello che hai scritto…. un turbinio di pensieri dal quale mi sto
facendo travolgere… un giorno sono contro di lui per quello che non ha detto, non ha
fatto, per il coraggio che non ha avuto, l’altro contro me stessa, per quello che non ho
detto, non ho fatto, per non aver avuto il coraggio di investire nella nostra relazione…
ma nulla di questo è totalmente vero.
Ho avuto una bella storia d’amore, tra alti e bassi, è finita e ne sento orribilmente la
mancanza. Lo riprenderei se ritornasse? tornerebbe tutto come prima? nulla di tutto
questo ha più senso… io stessa non sono più come prima. Mi manca tanto la serenità
che avevo quando lui c’era. Ossia quando trascorrevo le giornate facendo le mie cose
senza avere costantemente il pensiero di Lui. Era lontano, ci sentivamo via skype o
telefono, ma sapevo che c’era senza aver bisogno di un contatto costante, adesso mi
sembra di non riuscire a sopravvivere neanche un secondo senza pensarlo.
Vorrei risposte da lui… mi dico… ma la verità è che sto ancora cercando un contatto,
anche se inutile, freddo e sbiadito.
Mi sembra così assurdo…
Questa assenza di serenità è quello che mi manca di più…. mi sembro una pazza…
Questo è il fardello che vorrei scaricare egoisticamente (?) su di lui….
•
AGOSTO 8, 2014
BUDDY
Ciao Carolina, mi fa piacere che ti senti un po meglio in questi giorni e ti stai riprendendo
dallo “shock”, i problemi alla tua connessione internet ti hanno anche fatto avere minor
supporto da parte nostra, speriamo non si ripetano.
Per quanto riguarda le ferie si era pensato inizialmente di venire a Roma ma Billy
probabilmente in tale periodo era altrove e quindi abbiamo cambiato destinazione, in tale
viaggio dovremmo fare l’Adriatica quindi non dovremmo passare da Roma, nulla vieta di
cambiare tragitto anche se forse non è semplicissimo organizzarsi, magari vedremo piu
avanti di organizzarci per Roma. Valuta tu se ritieni opportuno farci avere un tuo recapito
telefonico o una tua mail tramite Billy o scrivendo a Ludov la cui mail era stata indicata in
vari commenti.
A presto.
•
AGOSTO 7, 2014
CAROLINA
PER BUDDY.
Ciao Buddy, sì, il lavoro da fare è su noi stessi. Bisogna arginare il dolore e, poiché non
possiamo certo aspettarci attenzioni da chi se n’è andato, sta a noi non favorire le
condizioni che propiziano la sofferenza.
Per quanto riguarda la Campania, sì per me è decisamente fuori mano. Ma a Roma non
passate per nulla?
•
AGOSTO 7, 2014
CAROLINA
PER ANITA.
A volte abbiamo un’idea della relazione, e persino dell’altra persona, che non ha
corrispondenza esatta con la realtà. Soprattutto quando ci troviamo a contatto con
persone molto volitive, autocentrate e determinate (come è il caso del tuo ex, e com’è
anche il caso del mio), si matura quasi una risposta psicologica (conscia o inconscia) per
cui o le segui o la sensazione che c’è è quella che non ti accetteranno, e il rischio è che in
questa interna metamorfosi perdiamo in parte il contatto con noi stessi, che è come dire il
contatto con la stessa realtà. La realtà è che quando ci modelliamo su un altro rinunciamo
a gran parte della nostra identità, e la triste verità è che non è neanche detto che ci
ameranno di più per questo (forse, anzi, al contrario). E quando avviene che se ne vanno,
per chi rimane non resta solo il dolore naturale della separazione ma anche la rabbia e la
disperazione di essere stati ‘ingannati’ due volte: una nel momento in cui abbiamo cercato
di inseguirli nei loro progetti, in parte snaturandoci, la seconda quando, nonostante questo,
ci abbandonano.
Anche io, come te, ho sempre avuto la sensazione che, al di là delle storture e degli
allontanamenti emotivi, ci unisse un filo invisibile ma forte. Ho sempre pensato,
romanticamente se vuoi, che, nonostrante le difficoltà, i miei risentimenti e le sue
lontananze, la natura della nostra relazione era tale da farci riconoscere anche a distanza.
Non era così.
Anche io avevo un futuro in testa, che però era solo appunto nella mia testa, e quando ho
provato ad esprimerlo con emozioni, desideri, bisogni, mi sono accorta che lo stesso
futuro – che pensavo condiviso, nonostante tutto – non era o non era più nella sua testa.
Cosa possiamo fare? Non lo so, quel che è razionalmente certo è che dobbiamo
assolutamente sganciarci dalla dipendenza nei loro confronti, riprendere i contatti con noi
stessi, con i nostri bisogni profondi. Un’operazione di autocentratura che è tanto, tanto
difficile (vedi le mie difficoltà di questi giorni, espresse in altri recenti post, mi sembra di
essere tornata indietro di un secolo), ma necessaria. Per vivere ancora.
Un abbraccio forte.
•
AGOSTO 7, 2014
CAROLINA
PER BILLY.
Hai ragione Billy, questo post è pieno di “lui”, come del resto anche la mia testa in questi
giorni. Mi ha colpito il tuo tono, perché è esattamente il tipo di rabbia che è venuta a me
sulle prime, poi però sono scivolata anche nella disperazione, nell’autocommiserazione,
nella sensazione di essere una sua vittima.
Sì, ‘sti gran prosperi di dove va a ballare, era appunto questa la disposizione d’animo che
avevo faticosamente raggiunto, anzi in verità non mi ponevo proprio il problema, ma poi è
bastato così poco per farmi vacillare… Che si possano fare passi indietro lo so bene, ma
qui mi è sembrato di provare le sensazioni della prima ora, è stato shockante… ma forse
poi non è propriamente così, ogni volta il recupero è reso più possibile, o concepibile, se
non altro dalla certezza – data dall’esperienza – che un po’ meglio si può stare, dunque
non è mai come la prima ora.
Quello che mi impressiona, ad ogni modo, è la sproporzione tra la fatica (in termini di
energia e tempo) per costruirsi un equilibrio centrato su se stessi e la velocità con cui
questo equilibrio si può (o lo lasciamo) sbriciolare sotto un imput qualsiasi. Come
un’inondazione che distrugge in pochi secondi quel che la fatica umana ha costruito in
tanto tempo. Che fatica, ragazzi…
PS. Comunque oggi, rispetto ai giorni scorsi, sto un pochino meglio.
PS2: grazie del sostegno, Billy.
•
AGOSTO 7, 2014
BUDDY
Ciao Carolina, il tuo commento è certamente molto articolato ed interessante, mi dispiace
per i problemi di salute che stai affrontando e per i passi indietro nel tuo ptescorso,
condivido quanto dice Billy, è su noi stessi che dobbiamo lavorare, lui si sta dimostrando
poco sensibile ma cerca di pensarlo il meno possibile ed avere meno contatti che puoi,
ormai sta facendo la sua vita e pensare a cosa fa e con chi lo fa non può che generare
dolore, è cosi per tutti, temo sia normale, non lasciare che la tua autostima ne risenta,
sarebbe un errore.
Parlando invece di ferie, con Daniela, Ludov, Pat, Ivonne andremo dal 14 al 17 in
Campania a trovare Allie, li dovrebbe raggiungerci anche un altro amico del blog,
immagino che per te sia fuori mano, ma se tu fossi interessata mettiti in contatto con noi,
magari tramite Billy che ha i nostri recapiti telefonici.
A presto ed un abbraccio a tutti!
•
AGOSTO 7, 2014
BILLY
Per Carolina.
Carolina ….ma quanto e’ pieno di “LUI” questo post !!!??? Lui lui lui lui……Carolina non
spaventarti se ci sono passi indietro,e’ normale,tornerai a farne in avanti per poi tornare un
pochino indietro e ancora in avanti finche’ sara’ tutto passato.Ma torna su di te.Sti gran
cazzi di dove va a ballare lui ,se vuole sapere dove vai….sono cazzi miei dove vado io tu
vai dove stracazzo ti pare se mi trovi resti te ne vai fai un po’ quel che ti dice quella tua
grande testa di cazzo che ti ritrovi!!!!!…..Carolina…..”TU” sei la cosa piu’ importante per te
stessa e non sei ne meglio ne peggio ne di lui ne delle sue amichette. Torna su di te.
Un abbraccio
Billy
•
AGOSTO 7, 2014
CAROLINA
Ciao cari tutti, in effetti quello che dice Billy è vero, e a volte confesso che i miei mi
sembrano soliloqui.
Vabbè, comunque, voglio dirvi che in questi giorni per me non sta andando molto bene (e
forse anche il sostegno del forum mi è un po’ venuto a mancare). Mi sono operata alle
corde vocali e non dovrei fumare ma non riesco a smettere del tutto, anche perché sono
molto nervosa. Non posso parlare e questo aumenta la mia frustrazione. Non ho molti
euro per farmi una vera vacanza e questo incide. Andrò qualche giorno dai miei in
montagna ma l’ansia apprensiva di mia madre per il mio futuro mi opprime un po’ ed
anche la montagna non è un paesaggio che amo, mi rende un po’ claustrofobica.
Ho avuto problemi di connessione internet, per non ricorrere al mio ex (molto bravo, che
conosce bene il mio pc e la sua condizione) mi sono rivolta a un tecnico che non mi ha
fatto prezzi astronomici ma sostanzialmente non mi ha risolto un keiser (mi ha fatto
comprare un aggeggio più o meno inservibile), alla fine per risolvere la questione sono
purtroppo ricorsa a lui (che comunque doveva venire a prendersi il suo pc). Già il fatto di
vederlo, in sé, non è grande cosa, ma qui transeat, perché ciò che mi destabilizza davvero
non è tanto il vederlo in sé quanto il sapere di lui. Parlando, mi fa sapere alcune cose che
non vorrei, pur se innocenti (che non va in vacanza, che si reca di qua o di là per Roma).
Ma il peggio è stata la situazione seguente che vado a descrivervi, anche se credo che
sarò lunga vi prego leggetemi.
Giorni fa vado a una milonga (serata di tango) a S. Giovanni. Anche lui balla, ma in tutti
questi mesi non mi era mai capitato di incontrarlo, però stavolta purtroppo lo vedo ad un
tavolino insieme ad altre due persone che conosco bene (una coppia di amici, molto
carini). Premetto che, come ho già raccontato in alcuni post, la dimensione del tango ha
rappresentato un elemento problematico fra me e lui: come un adolescente che si
relaziona alla sua mamma o alla sua balia e non a sua moglie femmina, non voleva ballare
con me, sosteneva che il tango era la sua dimensione da single virtuale in cui si sfogava,
io non ho mai cercato di impedirgli di andare a ballare per conto suo (anzi, quando
platealmente mi diceva che avrebbe smesso visto che scassavo i coglioni io lo spingevo a
continuare perché non volevo che si privasse di una cosa bella, volevo solo che non mi
maltrattasse, che avesse rispetto e attenzione per la mia dignità e integrità emotiva, era
chiedere troppo?), so bene che una delle bellezze del tango è la variazione dei compagni
di ballo, ma trovavo del tutto offensivo non solo che si rifiutasse di ballare con me in nome
di questa vita virtuale che purtroppo si svolgeva sotto i miei occhi (all’interno di
un’associazione che attraversavo quotidianamente) ma anche che io trovassi messaggi
che si scambiava con le sue amiche tanguere in cui c’era tutta una specie di galanterie o
corteggiamento “innocente” mentre a me nemmeno mai un complimento che è uno, sono
cose che alla tua donna non puoi far digerire in questo modo (il tutto peraltro accadeva
nell’associazione che gestivamo insieme e comunque se c’è una cosa che proprio dà
fastidio alle donne è vedere o sapere il proprio uomo a fare il single con altre donne che
peraltro si conoscono, pur se senza concretizzare); quando se n’è andato mi ha detto che
avevo ragione io, che certe cose non si possono far digerire alla propria moglie e che, se
non riusciva a rinunciarci, evidentemente non mi amava abbastanza; andandosene ha
anche aggiunto che gli era capitato di baciare una fantastica (l’aggettivo lo inserisco io,
sarcasticamente) amica tanguera e che sono queste le emozioni che effettivamente va
cercando, pertanto bye bye.
Io amo talmente tanto il mio tango, che nonostante tutto riesco anche oggi a viverlo come
una dimensione che mi appartiene e che mi fa bene, indipendentemente da lui.
Ma, premesso tutto ciò, non sono affatto contenta di condividere una milonga con lui; io
peraltro vado a ballare da sola (poi c’è sempre gente che conosco, e mi piace la
sorpresa), lui sempre in gruppo, accompagnato dal corteggio delle sue fantastiche amiche
tanguere (non sia mai che ci si debba confrontare con la realtà materiale che, a volte, può
implicare rifiuti e dolori, per quanto piccoli, per carità, è sempre meglio giocare sul velluto:
qui sono veramente cattiva, mi è anche capitato di dirgli che se riuscisse a mettere nella
vita reale un decimo della gentilezza con cui interpreta la parte del gentilhombre nella
pantomima del tango forse a 50 anni non sarebbe più un adolescente e forse non
avremmo avuto i problemi che abbiamo avuto).
Vabbè, con la premessa che ho fatto, capirete che non mi fa molto piacere trovarmelo
nella stessa milonga. E anche lui, quando avevamo apena concluso la nostra storia, mi
mandava messaggi per sapere in quale milonga sarei andata, per evitarla (anche a lui non
faceva piacere condividere la serata nel luogo dove ero io, era in imbarazzo quanto me,
parole sue). Però io, trovando questa cosa di dirci per sms dove andavamo a ballare, l’ho
trovata fin da subito abbastanza fastidiosa e l’ho interrotta (è vero che c’è il rischio di
incontrarsi, però pure ‘sto fatto di dirci dove siamo, dove andiamo, a me non faceva molto
bene, era come continuare a sapere di lui, a concordare insensatamente con lui attività,
quindi ho sempre preferito rischiare, e comunque in 7 mesi non l’ho mai fortunatamente
incontrato).
Tornando alla milonga dove ci siamo incontrati l’altro giorno, io mi sono avvicinata al
tavolino dove stava, ho salutato tutti, percependo imbarazzo (non solo mio, secondo me
anche suo), gli ho detto: “va beh, io vado a bordo pista, poi vediamo che succede”. Lui non
è venuto a ballare. Io, non vedendolo, sono rimasta (ero pronta ad andarmene se lo avessi
visto), e sono riuscita anche a godermi il resto della serata (non me l’ha rivinata più di
tanto)..
Ieri, sentendoci per questione internet, si informa se e dove vado a ballare, avvertendomi
che se l’altra volta se n’è andato per farmi un favore (in quanto per lui ora non c’è più
problema, visto che la sua vita non ruota più attorno a me, parole sue), stavolta non
avrebbe rinunciato (“guarda che io stavolta non rinuncio, eh, sia chiaro!”, come se io gli
avessi mai chiesto qualcosa!), che lo stavano venendo a prendere e che doveva decidere
in fretta (in stile formalmente corretto, perché lui è sempre politically correct, ma molto
sbrigativo, e nella mia percezione vagamente minatorio); dopo 3 minuti neanche mi manda
un sms dove mi dice di non preoccuparmi che non va più a ballare.
Io non avevo voce per sostenere conversazione telefonica. Mi sono incazzata moltissimo.
Gli ho detto in mille forme che non voglio sapere cosa fa e dove va, se da solo o in
compagnia, e anche sinceramente confesso che questo fatto di sapere in diretta di
qualcuno che lo passa a prendere e nel giro di 3 minuti possono decidere di fare altro, mi
ha acceso un fanalino di ansia (un rapporto di confidenza forte, non solo amicizia
tanguera, perché altrimenti vai a ballare e basta, anche se sono supposizioni su base di
frammenti il cervello comincia a girare, mi sono immaginata che dicesse a qualche sua
amica “questa rompicazzo va alla milonga dove volevamo andare noi, vabbè dai
facciamoci due spaghetti” o peggio, quando il cervello comincia è un dramma…).
Io preferisco 100 volte il rischio di trovarmelo di fronte piuttosto che concordare le uscite
con lui, in primo luogo perché non mi va di riferirmi a lui per quanto riguarda il mio tempo
libero, in secondo luogo perché avere tutti questi elementi in spezzoni su di lui mi
destabilizza, mi fa arretrare in un percorso di ricerca difficile di equilibrio, mi fa marciare col
cervello. Poi, lui non rischia molto, giusto il fastidio di dover cambiare programma, al
massimo il saltare una milonga a fronte di 100 altre che non salterà (anche perché magari
me ne andrò via io), io invece pago in termini di giorni e di arretramento.
Tra l’altro, sono molto scontenta di me, perché, nel pallone (soprattutto irritata per questo
suo costringermi di fatto a sapere di lui e per il fatto di non avere sufficiente voce a
sostenere le mie ragioni), gli ho detto: “vabbè, ma che lo fai per me? non imbarazzava
anche te incontrarmi?” per farmi rispondere che il tempo passa, che ormai per lui non c’è
problema, che non struttura certo la sua vita intorno a me, che pure per me arriverà questo
tempo, e che cavolo, il tempo passa! Tutto vero, tutte cose che razionalmente so,
certamente, e che anzi faticosamente e giornalmente mi ripeto per ricostruirmi una nuova
vita, ma, ragazzi, sentirmele dire da lui è stato davvero umiliante (come sempre quando
siamo nelle condizioni di farci ripetere che sono disamorati e che la nostra “pratica” è
“archiviata”). Me la sono cercata, è vero, ma anche lui mi ha posto in questa condizione
con questa pretesa di sapere e farmi sapere.
In conclusione: giorni veramente di cacca, umore a terra, dignità sotto i piedi, mi sento una
nullità di fronte a lui e alle sue fantastiche amiche, un senso di frustrazione altissimo per
essermi mostrata debole ancora una volta di fronte a lui che sta benone e organizza la sua
vita al meglio, tanta rabbia e, come per magia, riesumate come fantasmi, di nuovo una
massa di emozioni antiche che pensavo di aver in parte superato (la gelosia del momento,
i perché e i percome della nostra storia, la disperazione del perché non mi ama più, il
modo in cui se n’è andato, le umiliazioni patite, il suo stupido tango, le sue stronzissime
amiche, etc.).
Gli ho scritto di impulso una mail piena di improperi che per fortuna non ho spedito; poi
gliene ho scritta un’altra in cui, anche se con una cifra pure sarcastica, gli ho detto i motivi
per cui preferisco non concordare con lui le mie uscite di tango, che preferisco correre il
rischio di incontrarlo con le sue fantastiche amiche piuttosto che avere elementi sulla sua
vita e su quando va a divertirsi, che questo comunicare su queste cose non mi tutela per
niente ma anzi mi costringe ad immaginare su di lui e mi avvelena anche le serate che mi
predispongo a fare; alla fine, considerato tutto, gli ho inserito una mappatura delle
milonghe che in genere frequento e di quelle che non frequento molto. Non ho ancora
spedito questa mail.
Scusate il lungo post, non sto per niente bene, ho pianto molto pure oggi anche se il
peggio di ieri è un po’ passato, spero di essere stata comprensibile e ci terrei a sapere che
ne pensate… Sono terrorizzata soprattutto non tanto dall’arretramento in sé (so che il
percorso non è mai lineare) ma soprattutto della riproposizione di sensazioni ed emozioni
terribili che avevo faticosamente arginato in tutti questi mesi, in questi momenti mi sembra
di avere davanti un tunnel senza fine…
:’-(
•
AGOSTO 6, 2014
BUDDY
Un saluto a tutti gli amici del blog, concordo con Billy sul fatto che a volte chi ha criticato il
gruppo di WA non abbia poi dato un grande contributo qui sul blog. La scelta di Billy di
uscire credo sia forse una strada “obbligata” per chi Sta risolvendo i propri problemi, come
un po qui sul blog molti poi smettono di scrivere.
A Rain volevo dire che condivido il suo pensiero, all’inizio vi può essere la voglia di
riconquistare l’ex, poi quando si vede il tutto con maggior distacco si capisce che quella
non era la persona giusta, cosa che secondo me fa fatica Daniela a fare suo come
concetto o forse come “sentimento”, spero che il tempo le sia di aiuto, ma la vicinanza
sembra farle brutti scherzi.
Un abbraccio a tutti!1
o
AGOSTO 7, 2014
ENRICO
Si da quel che si può ragazzi nei modi e nei termini che uno sente più appropriati,la
critica non riporta il più delle volte pareri negativi, leggete bene, non facciamo
confusione e polemica, lo scopo non è questo Saluti
•
AGOSTO 6, 2014
BILLY
Comunque io dal gruppo WA mi sono tolto,ma WA o no a me sembra che qui scrivano
sempre le stesse persone,Carolina per prima…..insomma non e’ che si possa incriminare
WA perché il blog e’ deserto quando poi si e’ i primi a non parteciparne……
•
AGOSTO 4, 2014
BILLY
Spesso si confonde l’amore con il bisogno,e il ruolo che i nostri partner ricoprono e’ solo
quello di un tappo che ci consenta di non sentire e quindi non affrontare quello che e’ il
vuoto dentro di noi.Niente di piu’ sbagliato in argomento “amore”.Quello che ne deriva e’
molto spesso un legame malato e falso basato piu’ che altro sulla dipendenza,e siccome
le dipendenze sono tutte uguali,non importa da cosa,condivido con voi questo stralcio
preso da INFINITE JEST di David Foster Wallace.
C’e’ una cosa che gli alcolisti anonimi omettono di menzionare quando sei nuovo e
completamente fuori di testa dalla disperazione e pronto a eliminare la tua mappa e ti
tocca sentirti dire che le cose andranno sempre meglio se continuerai ad astenerti e darai
tempo al tuo corpo di riprendersi : omettono di dirti che il modo per migliorare e stare
meglio passa attraverso il dolore.Non intorno al dolore o nonostante il dolore.Questa parte
la lasciano fuori,e parlano invece di Gratitudine e di Liberazione dalla Compulsione.Invece
si sente molto dolore a stare sobri,e di questo ti accorgi dopo,con il tempo.Poi,quando sei
pulito e non desideri le Sostanze piu’ di tanto e hai voglia sia di piangere sia di ridurre in
poltiglia qualcuno,gli alcolisti anonimi di Boston iniziano a dirti che sei sulla strada giusta e
faresti bene a ricordarti la sofferenza senza scopo di quando eri assuefatto,perche’
almeno adesso questa sofferenza sobria ha uno scopo.Ti dicono che per lo meno questa
sofferenza significa che stai andando da qualche parte,invece di girare all’infinito nella
ruota del topolino come quando eri assuefatto.Tralasciano di dirti che dopo la magica
sparizione del bisogno di farsi e sei a 8 mesi di fila senza Sostanze,comincerai a “Entrare
in Contatto” con il perché avevi cominciato a fare uso delle Sostanze.Quando arrivi a
questo punto,comincerai a capire come mai eri diventato dipendente da quello che,in
fondo,non era che un anestetico.Viene fuori che “Entrare in Contatto con i Tuoi
Sentimenti” e’ un’altra frase fatta che finisce per mascherare qualcosa di orribilmente
profondo e reale.Si scopre che tanto e’ piu’ insipida la frase fatta degli alcolisti
anonimi,tanto piu’ affilati sono i canini della verita’ vera che nasconde.
•
AGOSTO 2, 2014
CAROLINA
PER ANITA.
Ciao, valutare le dinamiche delle storie altrui non è mai facile, anche perché come si
possono riassumere anni in un post, per quanto lungo…
Però, pur non avendo nozione della natura dei problemi familiari che ti hanno impedito di
seguirlo, da quel che racconti mi sembra che lui sia una persona molto volitiva, assertiv,
iperdeterminata. Ma lui, nello scegliere di accettare questo lavoro all’estero, si è posto il
problema della lontananza fra voi? Ne ha discusso con te?
Io penso che, al di là di tutto, è necessario in primo luogo aver rispetto per le persone.
Anche per le loro titubanze. Io non so quanto i tuoi problemi familiari fossero
insormontabili, ma sei sicura che andare all’estero è quello che avresti fatto volentieri se
pure essi (i problemi) non fossero esistiti? Siamo proprio sicuri che avere dei dubbi, delle
titubanze (non è mica facile scegliere di abbandonare il proprio paese, specie se in veste
di moglie che non ha nemmeno la gratificazione del lavoro svolto con passione, o
ossessione, come dici tu) sia deprecabile? A lui non è andato bene neanche quando,
superando i tuoi dubbi, gli hai detto: va bene, mollo tutto e vengo da te! Avrebbe preferito
una donna che si butta nell’avventura senza pensarci troppo? Una con meno “problemi”?
Ma, allora, non ti ha mai conosciuto per davvero, o non ti ha amata per quello che sei!
Quando arrivano le separazioni non ci sono colpe, solo responsabilità condivise. Se lui
cerca di fartele sentire, si vede che ha bisogno di sentirsi “innocente”, che ci deve essere
un colpevole e che per evidenti motivi debba essere tu. Si vede che non è in grado di
assumersi la sua parte di responsabilità. Non permetterglielo. Ti consiglio di non scrivere
più quelle mail suicide, sforzati di non farlo, è innanzitutto un atto di dignità che devi a te
stessa e, in secondo luogo, un modo per ribilanciare i rapporti di forza fra te e lui che, al
momento, sono tutti a tuo svantaggio. E poi, vediamo che succede, certo non ci sarà uno
schiocco di dita a salvarti, ma un cammino o un altro andranno intrapresi.
Un abbraccio (ne abbiamo bisogno tutti) e, soprattutto, coraggio!
o
AGOSTO 7, 2014
ANITA
Grazie Carolina, i tuoi spunti di riflessione sono quelli su cui sto ragionando. Se non ci
fossero stati i problemi dei miei lo avrei seguito? Si, lo avrei seguito nonostante il suo
carattere dominante non mi lasciasse poi così serena… lui è un ambizioso e ti
travolge nei suoi progetti nei suoi sogni, mi ha travolta nei suoi sogni… ma si, sarei
andata perchè è un’esperienza che non avrei voluto perdere, ma ci sarei andata con
un’autonomia economica e un’indipendenza che mi avrebbero resa più forte e
determinata nei suoi confronti.
Non è perfetto, ha cercato di cambiarmi ed imporsi su di me più volte e più volte glielo
ho permesso. Ma perchè io di carattere cono conciliante e in questo ci siamo spesso
compensati. Ho sempre pensato che lui mi trasmettesse grinta, io a lui calma e
riflessione.
Spesso mi ha fatto scene di gelosia, mi ha controllata, ha spiato nel mio cellulare, mi
ha accusata di relazioni clandestine …e forse anche quest’aspetto stando lontani si è
accentuato in lui…. il non potermi tenere sotto controllo.
Ma ti giuro che in tutto questo mai e poi mai ho dubitato dei nostri sentimenti. Sapevo
che non ha una visione romanticissima dell’amore, che lui ha sempre puntato sul
rispetto, la comprensione, la stima, la confidenza… ma che mi dicesse che mi voleva
sposare su queste basi mi ha fatto crollare il mondo.
Ho sempre pensato, ingenuamente, ad un filo nascosto che ci univa che nulla ha che
vedere con i suoi “calcoli” “progetti” “programmi” per una vista insieme. Ho scoperto
che lui questo senso di me non lo ha più ….. e questo mi fa stare troppo male.
Avevo un futuro in testa, fragile, sfumato … ma si stava profilando, adesso non so più
che fare.
•
AGOSTO 2, 2014
CAROLINA
PER ROBERTA.
Scusa, ma non si comprende bene la dinamica di separazione, ti va di parlarne?
Lui non ti ha spiegato i suoi motivi per concludere? E’ stato un “fulmine a ciel sereno” o la
relazione era già in crisi?
•
AGOSTO 2, 2014
CAROLINA
PER RAIN.
Sono contenta che tu hai la percezione che qualcosa stia, sia pur lentamente, cambiando.
Anche io ho avuto lo stesso andamento di percorso (ma credo in tempo più lungo, del
resto ognuno ha i suoi tempi), prima si sono attenuati dolore e angoscia (fortissimi a
partire soprattutto dal secondo mese), la malinconia è tuttora diffusa, la tranquillità in
alcuni momenti fa capolino, parlare proprio di gioia per me è ancora lontano. E’ certo il
processo di consapevolezza del distacco che fa il suo corso, quindi dell’accettazione del
fatto avvenuto. La rabbia si stempera, i pensieri su come riconquistare l’ex si fanno più
radi, anche scompaiono. Io ad oggi resto ancora molto vulnerabile all’idea se sapessi che
si mette con un’altra (cosa che non mi risulta ad oggi, ma vai a sapere), o che è
interessato a un’altra, e anche di sapere quello che fa, dove va in vacanza, dove va se
esce, dove va a ballare…
Ma anche ho capito, in tutto questo tempo, che il processo sì va in una direzione (che è
quella che noi stessi spingiamo), ma non in modo lineare. Può accadere che ci sono
indietreggiamenti, che sembra che ritorniamo indietro. Questo può provocare un senso di
angoscia, sembra che la strada non si appiani mai, ma fa parte del percorso anche
questo. Non facciamoci spaventare, neanche da questo. Dopo un giorno buono può
essere che ce ne sia uno cattivo, ma poi – allo stesso modo – torna uno buono. Del resto,
non solo la nostra sofferenza, anche la vita è questo.
Sono contenta che hai iniziato a pensare a te stesso, in senso individuale. Secondo me è
una cosa molto importante, forse la più importante di tutte. Quando facciamo qualcosa per
noi stessi, e solo per noi, in nessuna funzione per l’altro, è un mattone importante per la
nostra ricostruzione. Poi, magari, c’è sempre la sofferenza con tutto il suo contorno, ma
l’importante è tutto ciò che ci aiuta a maturare l’accettazione della realtà e a vedere oltre.
E’ chiaro che razionalmente tutti ci diciamo che non vale la pena di stare a soffrire per
qualcuno che ci ha lasciato, e spesso nel peggiore dei modi, senza alcun riguardo per la
nostra sensibilità, ma la cosa che segna il vero passaggio è “la voglia” di agire, di pensare
ad altro, voglio dire che in questa fase della nostra vita le nostre emozioni (quelle negative,
certo, ma anche quelle positive) sono più importanti delle nostre idee o pensieri (che
spesso ci allontanano dal senso di realtà).
Perciò, caro Rain, mi sembra che tu sia in un punto positivo per te stesso, la via è quella
giusta!
Ci innamoreremo di nuovo? Non lo so. Ti confesso che anche io sono un po’ preoccupata
a questo pensiero, perché il tempo stringe la borsa, e, in tutta sincerità, all’interno della
mia relazione coniugale avevo cominciato a nutrire pensieri di vecchiaia condivisa… Ma
che ci vogliamo fare, la vita è sempre più sorprendente degli schemi mentali in cui
cerchiamo di ingabbiarla… Mettiamola così.
Un abbraccio, a te Rain e a tutti
•
AGOSTO 2, 2014
CAROLINA
Ciao a tutti voi.
E’ un po’ che non ci sono, prima mi è saltata la connessione internet, poi mi ha chiamato
improvvisamente l’ospedale in cui ero in lista da più di un anno per operarmi (alle corde
vocali), oggi ho avuto l’intervento, sono già a casa, mi sono ripresa da poco dall’anestesia,
non posso parlare ma digitare su una tastiera sì (e presto anche ballare! ;-) !
Insomma, voi come state? Io così così, ma ho da pensare a tanti casini miei (non posso
neanche fumare!) che il pensiero della separazione ha un po’ allentato il morso. Anche se,
mettendo a posto casa, mi è capitato di imbattermi in ricordi vari, però mi hanno fatto un
effetto particolare, diverso da quel che mi aspettavo, ma ve lo racconterò domani perché
oggi sono ancora un po’ rinco.
Un abbraccio a tutti.
•
AGOSTO 1, 2014
RAIN
Ciao a tutti. Riscrivo dopo alcuni giorni, perché forse qualcosa lentamente sta cambiando.
Dolore e senso di angoscia mi hanno abbandonato già da qualche tempo, malinconia no,
quella ogni tanto rifà capolino, ma noto che i momenti di tranquillità e di gioia stanno
occupando sempre più le mie giornate. Questo forse grazie alla raggiunta consapevolezza
di un distacco, che oramai, con lei già immersa in un’altra storia, è inevitabilmente
avvenuto. La vedo distante da me, catapultata verso nuovi scenari, verso nuove emozioni
di cui io non faccio più parte. Non è più lei la persona verso cui proiettavo il mio amore, e
non la vedo neanche più degna di ricevere da parte mia attenzioni di tipo affettivo. Ho
Iniziato a pensare a me stesso, come singolo individuo e non più al “noi”.
Perché dare tutte le nostre attenzioni ad una persona che neanche ci vede, che magari ci
commisera? Non è più la persona di prima! A cosa vogliamo aggrapparci! I ricordi fanno
parte del passato, non possiamo vivere il nostro presente, sprecare le nostre giornate
provando angoscia per qualcosa che non esiste più. Ho voglia di agire, di stare bene con
me stesso, di conoscere nuova gente, e anche nuove donne.
Sarò nuovamente in grado di innamorarmi nuovamente di qualcuno? Ecco questo
pensiero un po’ mi spaventa, ma ho deciso che non voglio pensarci, vedrò quello che la
vita vorrà offrirmi e cercherò di cogliere le occasioni che mi capiteranno.
Non pensate che ne sia uscito, perché non è così, probabilmente il mostro è li dietro
l’angolo che aspetta un mio momento di debolezza per stendermi nuovamente al tappeto,
ma comunque mi sento decisamente più forte e in grado di affrontarlo.
In conclusione volevo spendere un pensiero in particolare per Daniela che vive come me
la spiacevole situazione di vedere tutti i giorni il suo ex: guarda bene la persona che hai
davanti! Dopo quello che ti ha fatto merita ancora il tuo amore? Merita la tua sofferenza?
Le tue attenzioni? Pensa a te stessa e non a quel coglione!
Un caloroso saluto a Billy a Buddy e soprattutto a Carolina i cui interventi sono stati per
me davvero illuminanti e fonte di grande riflessione.
Ciao e spero di leggere presto buone nuove da tutti
Un abbraccio
o
AGOSTO 4, 2014
DANIELA
Carissimo non cè mai fine alla sofferenza ieri visto che io abito vicino alla mia ditta per
caso mentre andavo a casa LI HO INCROCIATI CHE RIENTRAVANO CON LA
MOTO SU CUI ABBIAMO FATTO MILLE GITE in quel momento sono morta dentro e
come non bastasse li ho visti che andavano a casa di lui che non ha portato mai
nessuno eccetto me perche come avrai capito noi non vevevamo insieme per scelta.
Insomma per fartela breve ora sto provando quello che provi tu non penso più al noi,
non riesco più a concepire anche volendolo un ritorno.
questa mattina lo devo ancora vedere non sò neanche come mi devo comportare
lascierò fare al caso.
un caro saluto Daniela

AGOSTO 5, 2014
RAIN
Ciao Daniela, vedrai che questi episodi diventeranno sempre meno
destabilizzanti. So che è difficile vedendoseli sempre davanti, ma ti giuro che
dentro di me è scattato qualcosa nel momento in cui ho realizzato quanto dolore
mi ha provocato, senza contare la mancanza di rispetto, l’inganno, ecc..
Era la persona che più stimavo, ne lodavo le qualità e le capacità, ma se giudico
adesso i suoi comportamenti e le sua parole a mente più lucida, mi rendo conto di
quante cose forse non avevo mai capito.
Se vado a rileggere alcuni miei messaggi fa, rivedo nelle mie intenzioni il
desiderio di riconquistarla, ad oggi non è più così! Io non la rivorrei più, ne sono
certo! Tanto forte era l’amore che provavo per lei prima, tanta ora la delusione ed
il disprezzo. Non ci meritiamo delle persone così.
A te manca davvero il tuo uomo degli ultimi tempi? Mi sembra che più di una volta
gli avevi perdonato alcuni suoi comportamenti non proprio corretti…Ti meriti
qualcuno che ti ami davvero, che abbia attenzioni ed occhi solo per te.
Le cose più difficili da affrontare sono i cambiamenti, uscire dalle proprie abitudini
e sicurezze, perché è più facile adagiarsi ed adattarsi, provoca meno stress. Ma
avere una persona al nostro fianco che non ci ama più a lungo andare ci logora e
sicuramente non ci fa vivere una relazione appagante.
Pensa a te, vai a fare shopping, tieni impegnata la mente, vedi persone, anche se
non sarai pronta per un’altra relazione sicuramente le attenzioni di altri uomini ti
faranno piacere.
Chi ti fa del male non ti merita e non merita il tuo amore!
Un abbraccio
•
AGOSTO 1, 2014
ROBERTA
Ciao a tutti, pure io sto passando un momento difficile come voi. Ho 49 anni, e sono stata
due anni con un uomo di 45 anni separato pure lui con due figli come me. E’ da un mese
che mi ha scritto via w.app quando era in vacanza con i suoi figli. Ora è tornato da 10
giorni e gli ho chiesto di rivederci e darmi le mie cose che ha. La speranza è sempre
l’ultima a morire. Ma so anche che sarà inutile. Un saluto da Claudia
•
LUGLIO 29, 2014
ANITA
Rimetto qui commento, perché forse ho sbagliato fase …..
Ciao, io sono stata lasciata dopo 4 anni … fine giugno, via Skype perchè lui lavora
all’estero… trascinata sino a settimana scorsa perché ho insistito per un chiarimento di
persona (covando ovvio l’illusione che vedendomi cambiasse idea). Nulla, è rimasto fermo
nella sua posizione.
La ragione? la distanza. Lui è all’estero da un anno e 1/2 ed il suo futuro probabilmente
sarà lì … si è lanciato molto in questo lavoro, in modo quasi ossessivo e sacrificandosi
molto.
Comunque a dicembre, con la sicurezza del suo lavoro ormai avviato mi ha chiesto in via
definitiva di andare anche io lì, ma per stare lì avremmo dovuto sposarci per motivi di
visto, quindi, per questo motivo mi ha chiesto di sposarlo. A me purtroppo sono subentrati
problemi famigliari che da un lato mi hanno sconvolta e da un lato mi impediscono anche
in termini economici di spostarmi … gli ho chiesto di aspettarmi, di avere pazienza … Apriti
cielo, non ho affrontato il problema come voleva lui, non ho risolto il problema …. mi ha
lasciata. In sintesi mi ha detto che il sentimento è cambiato che non era più
innamoramento iniziale e che quindi voleva che andassi lì per costruire un rapporto
diverso, più maturo, fattodi quotidianità ma ha realizzato che è impossibile perchè io ho
troppi problemi e che non posso mollare tutto per seguirlo.
Gli ho detto, mollo tutto…. mia ha detto che i miei problemi mi seguiranno sempre…
Come vedete sono alla fase 1, in cui mi chiedo ancora il perchè, quando la soluzione è
una sola “il sentimento è cambiato”, ma mi ha fatto così il lavaggio del cervello che mi
sento in colpa io, “poco decisa” “che non affronta i problemi della vita” ecc….
Mi sveglio le mattine che farei tutto per averlo (con e-mail suicide “ti amo” “sto male, parla
con me….”) e momenti in cui vorrei solo poterlo dimenticare semplicemente schioccando
le dita, ma so che non è possibile.
Un abbraccio a chiunque ne abbia bisogno
o
LUGLIO 29, 2014
DANIELA
Ciao Anita noi siamo il gruppo di WZ unisciti a noi ti aspettiamo
Un abbraccio Daniela

AGOSTO 1, 2014
ANITA
come faccio ad aggiungermi?

AGOSTO 1, 2014
IVONNE
Ciao Anita … Dovresti mandare una email a [email protected] con il tuo
numero di cell e loro ti aggiungeranno … Bacioni.. Ti aspettiamo !!!

AGOSTO 1, 2014
ENRICO
Nessuna polemica, lungi da me, ma incentivate i nuovi utenti a commentare
anche qui, il proprio stato d’animo Ė lodevole l’iniziativa del whats app però mi
immedesimo in tutti quelle nuove persone che sono state, appena lasciate. Il
mondo ti crolla addosso, ti senti la persona più sola al mondo hai difficoltà
anche a scrivere da dietro una tastiera. Date spazio all”anonimato” date
spazio alla lettura, alla condivisione. Non parlo per me io ne sono quasi fuori,
ma ricordo il periodo che ho vissuto… Terribile, ma questo blog o sito come
vogliate classificarlo, mi aiutato, nel suo piccolo mi aiutato. Leggere ogni
giorno, una storia, un parere un consiglio ti fa sentire meno solo a lungo
andare ti aiuta. Mi ripeto senza polemica ė solo il mio punto di vista. Buone
vacanze.

AGOSTO 1, 2014
WHITE
Non sono l’unico a pensarla così allora! Condivido tutto quanto quello che
ha scritto Enrico e già avevo sollevato qualche commento in questa
direzione qualche settimana fa attirandomi molte critiche.
Il blog è diventato vuoto di commenti da quando è uscita la “novità” di WA
ed è ormai triste e malinconico.
Io personalmente, non lo trovo nemmeno corretto nei confronti di Nicola
(sebbene lui abbia affermato che “va bene lo stesso” che si sia creato il
gruppo esterno di WA) che si è prodigato a scrivere il decalogo e
gestendo uno spazio importante in questa comunità che – fortunatamente
– cambia di mese in mese dal lontano 2008.
Anch’io ne sto uscendo ormai, ma all’inizio dell’anno allorché sono stato
abbandonato è stato a dir poco provvidenziale questo blog.
Ovviamente quanto sopra… Senza polemica: è solo un parere.
Buone vacanze

AGOSTO 1, 2014
ENRICO
Buone cose White. Per tutti le persone che sono state lasciate e che ci
leggono.Beh.. sappiate che se siete su queste pagine, avete fatto già un
impercettibile passo in avanti Non siete dei mostri non siete
problematiche, non siete insopportabili. Siete quello che siete siete
uomini e donne con difetti ma con dei sentimenti!!! Passerete
l’indicibile….. Resterete soli, piangerete, camminerete avanti e indietro
come le tigri in gabbia, o forse resterete a letto a fissare il soffitto in
questa estate di mxxx Forse incomincerete un percorso terapeutico, forse
attenderete che passi sto mese, nella vana speranza che lei o lui possa
mandarvi un messaggio. Forse forse forse Ma sarà un inizio Ed allora
ragazzi sapete cosa vi dico, per quanto mi riguarda, con tutto il bene che
ancora le voglio… Andasse a fxxxx lei, il suo diavolo e tutta la
combriccola che le faceva gli esorcismi in chiesa!!!! La prossima estate,
sarà diversa, sicuro!

AGOSTO 1, 2014
DANIELA
Non è assolutamente vero quello che dici tant’è che se guardi ogni giorno
ogni uno di noi risponde o scrive.WZ serve appunto per aiutare in tempo
reale le persone che hanno vissuto da pochissimo l’abbandono e hanno
bisogno in tempo reale di aiuto.
Le stesse persone in futuro aiuteranno i nuovi arrivati con la loro
esperienza e così via.
Un abbraccio Daniela

AGOSTO 1, 2014
ENRICO
Sarà che il demonio mi avrà confuso i sensi:) Non dico che il vostro
gruppo sia sbagliato, ma ricordavo uno scambio continuo di messaggi,
quasi giornaliero Ad esempio, Anita posta il suo messaggio e sei proprio
tu, immediatamente ad invitarla sul what app. Non c’è più confronto, non
vedo il “dialogo” che c’era prima. Forse sarà il periodo non so.
L’importante ė che le persone, trovino un piccolo sollievo, grazie a questa
pagina e grazie al vostro gruppo. l’importante ė solo questo. Saluti :)

AGOSTO 2, 2014
DANIELA
Ok Enrico alla fine l’importante e’ poter avere un po’ di sollievo
•
LUGLIO 25, 2014
BUDDY
Ciao Carolina,
Mi fa piacere leggere che sei sempre in trasformazione, che vi sono momenti di
soddisfazione e di tranquillità purtroppo (ovviamente come per tutti noi del resto) alternati
a momenti “bassi”.
Ci chiedevi come stiamo, ovviamente posso rispondere per me ma alla fine credo che il
percorso che stiamo facendo sia simile per tutti noi però con le dovute differenze di
carattere, situazioni, età, sesso, tempistiche dell’abbandono e vicinanza o meno con il
perduto amore.
In chat su What’sApp con alcuni amici del blog ci sentiamo spesso, alcuni preferiscono
non commentare qui non percependo grandi miglioramenti o temendo di non poter dare un
grande aiuto essendo in una fase non proprio positiva, io credo che comunque sarebbe
sempre utile lasciare un messaggio per far comprendere agli altri come vanno le cose,
quando seguivo il blog (senza scriverci ancora) ero spesso in attesa di nuovi commenti
che sentivo molto prossimi a me.
Va detto che il fatto di sentirci e sfogarci in What’sApp ci aiuta, poi ognuno dovrà fare il
proprio percorso con i propri tempi, non sentirsi soli però è una grande consolazione nei
momenti più bui e dopo la cocente delusione ricevuta (che qualche dubbio sulla
correttezza e l’onestà delle persone lo fa sorgere) avere modo di conoscere ed apprezzare
persone (che fino a poche settimane fa erano dei perfetti sconosciuti) sempre pronte a
dare una mano e dire una parola di conforto permette di tornare ad avere fiducia nel
prossimo.
Abbiamo forse solo avuto la sfortuna di innamorarci delle persone sbagliate? Chi lo sa,
non lo credo o forse non lo voglio credere, se ce ne siamo innamorati a suo tempo erano
per noi le persone giuste, peccato per l’evoluzione della relazione e del dolore che ci
hanno procurato giocando con i nostri sentimenti.
A volte con gli amici del blog ci chiediamo se saremmo mai riusciti a comportarci come
loro (gli ex), ovviamente sono domande dalla difficile risposta (è comunque vero che non
lo abbiamo fatto), ognuno poi avrà una propria opinione, la mia è che oltre ad esserne
stato profondamente innamorato e non aver mai preso in considerazione tale ipotesi non
me la sarei mai sentita di darle un simile dolore, peccato non essere stato ricambiato …
Lo strumento “tecnologico” che stiamo utilizzando (ok è solo What’sApp ..) ci permette di
tenere i contatti tra di noi e a differenza del blog di non perdere il “finale” delle vicende di
coloro che poi non scrivono più in questo spazio.
Con gli amici del blog ci siamo visti per due domeniche consecutive, la scorsa per via di
vari impegni abbiamo “saltato” e con alcuni ci dovremmo trovare questa domenica (zona
Bergamo), vi è poi in programma di venire ad Agosto a Roma in modo da conoscere di
persona il buon Billy (nostro pilastro nei momenti di sconforto ..) e possibilmente anche te
e chi altri vorrà aggiungersi, alla fine per quanto possa sembrare strano essendo un
gruppo di persone che sta vivendo delle vicende così difficili, quando ci si trova tra di noi i
momenti che condividiamo sono molto divertenti, forse perchè abbiamo una sensibilità
“comune” e non abbiamo bisogno di indossare maschere per non mostrare il nostro
dolore.
Un abbraccio e a presto.
•
LUGLIO 24, 2014
CAROLINA
PER TUTTI.
Ehi, ragazzi, come state? Come va il tempo che trascorrete? E’ da un po’ che non ci si
sente.
Io sto sempre ad alti (non grandi vette, in verità) e bassi (piuttosto bassi, in verità), l’estate
è bella ma è un periodo alquanto insidioso, almeno per me. Tempo libero, ok, ma anche
per i pensieri che affiorano, le persone che partono.
Io alterno momenti di soddisfazione per me stessa, non dico di felicità ma di tranquillità (in
cui esco, leggo, scrivo, studio), a momenti in cui affiorano la nostalgia, la rabbia, la paura.
Però, mi dico, in qualche modo si va.
Una mia cara amica di sempre, che mi conosce bene e che ho visto in tutto questo tempo
ma non frequentissimamente (diciamo, in media una volta al mese), l’altro giorno mi ha
detto una cosa importante (che forse a me, che devo convivere “purtroppo” con me stessa
giornalmente, sfugge): che in questi 7 mesi mi ha vista sempre in trasformazione, mai
ferma allo stesso punto, pur se sempre sofferente. E, allora, forse è questo l’importante: si
va, in qualche modo si va… E per il momento contingente, io mi proietto a ballare! ;-)
Un abbraccio a tutti.
o
LUGLIO 25, 2014
LAGATTAMORTISSIA
Ciao Carolina, mi conforta leggere il tuo commento: idem per me. Giorni “sì” alternati a
giornate veramente penose. Ora che poi è estate va peggio che mai: fino a che
potevo tenere la mente e i giorni impegnati con il lavoro, mille corsi, tante cose da
fare, tutto bene. Ora che invece sto entrando in ferie….paura!!!! Anche io sono
sempre stata in trasformazione, ora però dovrei davvero tirar fuori le unghie e
decidere davvero di stare meglio, una volta per tutte!!!! Voglio trasformarmi in
qualcosa di bello ;-)
•
LUGLIO 21, 2014
BILLY
Si Carolina,la parola giusta e’ proprio quella: POTERE.Riusciamo a separarci veramente
proprio quando riusciamo a riprenderci tutto il potere che e’ nostro e che invece abbiamo
consegnato nelle mani di un altra persona.Questo ci provoca rabbia perché’ ovviamente ci
sentiamo impotenti e anche perché seppur inconsciamente chi e’ stato investito di questo
potere,lo esercita su di noi per i propri interessi.Quanto tempo,quanta energia sprechiamo
per pensare a questa persona che diventa padrona del nostro tempo,quanti momenti di
speranza o di assoluta disperazione a seconda di una parola detta o non detta da quella
persona,e a seconda del tono in cui l’ha detta……..tutto potere che non e’ piu’ nelle nostre
mani.
Oggi mi ha chiamato la mia ex moglie(anche se non siamo mai stati sposati),mi ha detto
che stava leggendo un libro di cui gli parlai un paio di anni fa.Mi ha fatto ridere,ha detto: ”
TRILOGIA DELLA FRONTIERA sono1300 pagine di tristezza”, conoscendola le ho
risposto:” ….si pero’ John Grady Cole e Billy Parham sono due stracazzo di fighi?”,
“assolutamente si” ha risposto lei e siamo sbottati a ridere.Quanto potere sono riuscito a
toglierle negli anni……tutto,e ci rimase pure male.Solo quando riuscii a fare questo riuscii
a liberarmi.Ho fatto accenno al libro perché in una parte che un giorno scrisi anche qui sul
blog diceva : “…..il codardo per primo abbandona sempre se stesso,in seguito tutte le altre
vilta’ vengono da sole”. Il nostro potere deve stare nelle nostre mani.
Ciao
Billy
•
LUGLIO 20, 2014
CAROLINA
PER BUDDY.
Ciao!
Io penso che fuggire dal proprio disagio, una volta che si è manifestato chiaro chiaro e non
abbiamo più accesso alle consuete difese razionali che sedano, non si può proprio farlo.
La psicoterapia non è magica, non è l’unica via, ma è uno strumento che generalmente
aiuta ad affrontare un problema che in ogni caso esiste, con o senza terapia. A indirizzare
i pensieri e le emozioni, a vederli da una prospettiva meno dolorosa e più utile. Specie le
psicoterapie dette mi pare cognitivo-comportamentali, che si focalizzano sulle strategie nel
presente per affrontare il vissuto doloroso, mentre le analisi del profondo, secondo me,
forse possono avere rivolgimenti utili quando si è molto giovani, poco stratificati. Negli
adulti in genere non a caso durano decenni. Ma questo è solo un mio pensiero.
Sicuramente un supporto terapeutico aiuta, anche nel breve periodo, se ha aiutato una
persona così tanto strutturata e sovrastrutturata come me, può aiutare tutti! Certi pezzi di
dolore li attiva, inutile negarlo, ma soprattutto inizialmente, nella fase in cui si tratta di
accettare di riconoscere te stesso nel tuo disagio, poi va rapidamente meglio. O, almeno,
così è andata a me, o, infine, lo auguro!
In secondo luogo, io penso che trovandoci oggi nella condizione di pensare costantemente
a questi che ci hanno abbandonato, sarà meglio che orientiamo i pensieri su di loro verso
qualcosa che, almeno, possa esserci di una qualche utilità (cosa di bello ci hanno regalato
e che ci rimane perché è nostro, cosa non è andato per quel che ci riguarda e nel
connubio, etc.). Riguardo al finale, è evidente che ne avremmo preferito uno diverso, un
lieto fine, una favola bella, un film che però non viene proiettato nel cinema dove siamo
andati, ma anche qui sta un punto cruciale, una pagina conclusiva è necessario che anche
noi la scriviamo, prima o poi, per arrivare a dire: ho perso qualcosa di importante, una
relazione importante, ma ora qui c’è un punto di non ritorno anche per me. Non possiamo
dimenticare, mai, ma possiamo, dobbiamo concludere. Non oggi, non domani, e nemmeno
dopodomani, ma è necessario che con tutti i mezzi lavoriamo per questo. Magari poi
succede a un certo punto davvero quel che racconta Billy, che una mattina c’è un calore
che scende dalla gola allo stomaco, e tutto il potere che questi avevano sul nostro dolore
si dissolve.
Un abbraccio
•
LUGLIO 20, 2014
BUDDY
Ciao Carolina,
Ludov, che ho avuto la fortuna di conoscere di persona, sta facendo sicuramente un
viaggio importante dentro di se, non è certo semplice, richiederà del tempo e
probabilmente sarà anche doloroso ma scegliere la via più facile cioè fuggire dal proprio
disagio non porta a grandi risultati temo.
Mi rendo conto che forse per quanto ormai si consideri il perduto amore lontano e si debba
fare il possibile per staccarsene potrebbe essere utile comprendere cosa la relazione ci
abbia dato e quale disagio possano aver vissuto loro dall’altra parte della barricata, per
quanto ci abbiano fatto soffrire e per quanto sia stata “sbagliata” (dal nostro punto di vista)
la loro fuga da noi nella speranza spesso di fuggire dal loro disagio e dai loro demoni,
anche loro probabilmente hanno vissuto momenti difficili solo che li hanno affrontati in
modo diverso da noi, in maniera più egoistica probabilmente.
Credo faccia bene Ludov a voler riflettere prima di affrontare tale percorso, potrebbe
essere molto doloroso e lo stesso vale per tutti noi, non è detto che siamo tutti preparati a
farlo, personalmente ho ancora alti e bassi, i bassi non sono più quelli di prima ma ancora
ci sono, forse dipende dal fatto (che come tutti forse) non mi attendevo questo finale, finale
forse evitabile, credo sia questo il rammarico più grande, nella vita le sconfitte peggiori,
quelle che bruciano di più, sono quelle che non ti aspetti, ma non possiamo fare altro che
andare avanti e prenderne atto, nella speranza di diventare persone migliori.
Un abbraccio a tutti!
•
LUGLIO 15, 2014
CAROLINA
PER LUDOV.
Ciao, il fatto di non sentirsi in colpa per come si è, come tu stesso sottolinei, è veramente
importantissimo, secondo me è il passo di base per iniziare un viaggio interiore. Occorre
saperlo e interiorizzarlo, non basta convincersi ma bisogna proprio percepirlo, introiettarlo
nella nostra psiche, si è innocenti per come si è, magari responsabili per gli atti, anche per
gli sbagli commessi, ma il principio di responsabilità e il principio di colpa sono cose molto
diverse. Non siamo colpevoli per quello che siamo, oltre a difetti abbiamo anche pregi, e
se, non avendo noi commesso nessun atto abominevole o criminale, qualcuno ci ha
lasciato non è perché siamo fatti male o da disprezzare, ma perché non ci combinavamo
bene con lui (con responsabilità condivise).
Se ho ben capito ciò che intende la tua terapeuta (anche se non ho capito bene cosa vuoi
dire tu con la scelta di “cementificare 8 anni di vita”), non è per farti stare male: la
riflessione intorno alla passata relazione deve focalizzare ciò che di bene ci ha donato, in
questo modo si può percepire in modo meno pauroso la figura di chi ci ha abbandonato. E’
un modo per pacificarsi anche con chi ci ha fatto soffrire, che è un obiettivo alto e sano,
per smettere di percepirci solo come vittime, per smettere di alimentare pensieri di rabbia
o di paura che ci condannano soltanto al dolore perpetuo. Per prendere le cose come la
vita ce le manda, a volte buone a volte cattive, ma questa è la vita, e della vita non si può
avere terrore.
Ti capisco e ti abbraccio. Vedrai che andrà tutto bene. Il percorso sarà lungo, anche
doloroso (ma in ogni caso, anche senza questo percorso staresti male), ma sicuramente
stai lavorando per te stesso.
Una domanda: la tua psicoterapeuta è una psichiatra (medico, che può prescrivere
farmaci) o una psicologa? La tua terapia è una psicoanalisi del profondo? In altre parole:
che tipo di approccio psicoterapeutico stai seguendo? Ce ne sono di diversi, alcuni
lavorano più sui sintomi immediati del disturbo, in modo da migliorare il presente
(intervenendo più che altro sul “come” un disturbo si è strutturato, non tanto sul “perché”
remoto, e lavorando soprattutto sul modo di percepire le cose che il paziente ha), altri che
indagano invece le cause più profonde e originarie del disagio per rimuoverle del tutto. Ho
solo curiosità di capire come tu stai “viaggiando”, visto che anche io ho intrapreso un
viaggio dentro me stessa.
•
LUGLIO 15, 2014
BILLY
Per ???
Io non so chi tu sia,se una persona di chiesa,uno psicoterapeuta o uno che di psicoterapia
e non solo ne ha fatta veramente tanta,ma io sono perfettamente in linea con cio’ che hai
scritto.Viverlo e’ spesso difficile ma non c’e’ nulla che io possa non condividere.
Grazie
Billy
•
LUGLIO 15, 2014
CAROLINA
PER LUDOV.
Sì, guardare nell’abisso è una vertigine, ma ora che le tue difese si sono abbassate non
puoi fare altro. E’ un viaggio che appare spaventoso, ma già il fatto di avere il coraggio di
iniziarlo è un punto di forza. E’ vero, forse sarebbe stato meglio affrontare prima questi
problemi, ma per te stesso, guarda che non è detto che la tua ex ne sarebbe stata felice,
specie se anche lei ha problemi analoghi. Mio marito, ad esempio, ha rifiutato del tutto
questo passaggio, ne è stato infastidito se non terrorizzato, quando io ho iniziato questo
percorso (stavamo insieme, lo siamo stati ancora per 2 anni e mezzo) mi ha detto proprio
chiaro e tondo che secondo lui facevo una stronzata, che non ci si espone alla
destrutturazione a 50 anni, che lui le sue zone “nere” non aveva la minima intenzione di
guardarle, che avremmo potuto essere felici (!) senza tutto questo. A parte che non lo
pensavo e non lo penso affatto che eravamo felici né che avremmo potuto esserlo
continuando a fare finta di nulla, in ogni caso, però, io non potevo fare altrimenti, perché
ormai le cateratte si erano aperte, improvvisamente vedevo cose che prima avevo sempre
rifiutato di vedere, sia mie sia sue sia insieme, e non erano belle. Tutto questo non ci ha
portato a incontrarci, a ricucire. Tutt’altro. Io ero in mezzo a un guado, lui rimaneva sulla
riva asciutta. Il peggio l’ho passato in quei 2 anni e mezzo, se ci penso rabbrividisco, io in
piena destrutturazione e lui con le sue autodifese ancora tutte alzate, mi sembrava di
impazzire, mi feriva il suo essere altrove, il suo non accogliermi, il suo non avere nessuna
tenerezza per la mia fragilità ormai esplosa, il suo rifiuto per il mio percorso di sofferenza,
il suo non stare dalla mia parte, non riuscivo più a condurre la vita di sempre, più a dormire
bene, mi svegliavo da incubi come un bambino che non distingue più la madre dall’orco.
Quando affronti questo percorso interiore, forse è bene essere da soli. Avrei voluto
trovarmelo vicino, avrei avuto bisogno di una spalla a cui appoggiarmi, che lui mi dicesse
“qui ci sono io, sono con te, non preoccuparti, ce la faremo insieme”, avrei desiderato che
anche lui desiderasse di correggere insieme storture e anaffettività, per ritrovare insieme
quell’amore perduto. E invece terrorizzato si allontanava, si rifugiava sempre più nelle sue
sicurezze, tendeva ad escludermi sempre più dalla sua vita, si consolava senza di me,
nelle sue cose, da cui ero sempre più esclusa, senza aspettarmi, senza aprire un varco,
spaventato da quella che gli doveva apparire come una mia follia. E io dovevo affrontare
un doppio disagio, il mio e quello di non essere compresa né accettata da lui. Certo, mi
rode non poco che poi, dopo un paio di mesi dalla separazione, mi è venuto a dire che gli
era esplosa una tempesta analoga alla mia, che non si aspettava di dover affrontare. Che
era travolto da uno tsunami di emozioni rimosse e negate, che dunque mi capiva
profondamente, che era sinceramente dispiaciuto per me, che solo ora poteva capire la
mia condizione, e che aveva bisogno di una terapia altrimenti sarebbe impazzito. Mi rode
perché per 2 anni e mezzo mi sono sentita sola di una solitudine estrema, in un lago di
sofferenza verso cui lui non aveva la minima empatia, in cui mi ha lasciata sola, talvolta
anche nel ridicolo. Ma, che dire, ognuno ha i suoi percorsi. A volte, le strade non sono le
stesse. Saperlo oggi in analisi, a combattere i suoi mostri, mi fa uno strano effetto. Da un
certo punto di vista mi viene da pensare “ma vaffanculo, così adesso sai cosa significa, e
se avessi avuto disponibilità prima forse oggi non staremmo così”, dall’altra penso che
forse insieme, tutti in un botto, questi mostri interiori non si possono affrontare. Perché
ognuno ha le sue strade, che non sono le stesse, e forse è giusto che sia così.
Scusate il lungo sfogo.
o
LUGLIO 15, 2014
LUDOV
ciao carolina, grazie per la risposta. Che dire. Ho passato le tue stesse situazioni,
questo viaggio sarà sicuramente doloroso, non ho ancora molta pratica, la razionalità
mi da un freno. IN passato prima del crack, pensadoci ora, con una visuale molto
diversa. Avrei voluto tantissimo che mi potesse aiutare, standomi accanto invece non
è andata cosi. Prima o poi doveva conoscermi bene. Quando mi sono lasciato andare
al periodo più buio 1 anno circa, chiuso dentro in me stesso ho provato l’apatia totale.
Andavo avanti solo per lo spirito della soppravvivenza: lavoravo per sopravvivere per
andare avanti. Proprio in quei momenti che si sarà allontanata spaventadosi , anche
lei avrebbe voluto qualcuno che la sorreggesse in quei momenti di solitudine che ha
vissuto ed invece due persone con lo stessa problema scappano. Nei pochi momenti
dove ho avuto il coraggio e la forza di mostrare le mie debolezze,e l’angoscia delle
mia situazione a casa. Una sera siamo stati a casa mia, dove c’era mio fratello in crisi
e il mio vecchio in totale indifferenza. Ha provato 5minuti la mia angoscia quotidiana si
è spaventata e mi chiedeva come cavolo riuscivo a rimanere in codesta situazione. Ho
sempre pensato che i problemi (non di coppia) andavano affrontati e non fuggendo via
(come ha fatto mia mamma).Pensavo che se mi avesse conosciuto meglio potevamo
migliorare, invece tutta una cazzata, il mondo è reale è crudele. Non è colpa mia se la
vita è cosi per me (questa mia considerazione è importantissima, aver la
consapevolezza di non aver colpe puo darmi un gran punto d’inizio, non ti scegli
dove/con chi vivere, te li trovi e basta) avrei preferito che mi aiutasse, che mi venisse
a trovare, invece no. io sempre andar da lei recuperando i miei 4stracci trovar la forza
di fingere che andava tt bene e crollare nel apatia totale dopo 2 ore rifugiandomi nella
mia casa. Tutto è andato a farsi fucker, me compreso. Ora non so, non l’ho piu
sentita. Dopo che mi ha mollato, non so da dove sia scaturita la scintilla, ho iniziato a
far terapia, gli ho parlato di come sto, ma nulla, il mio caos non gli interessa. interessa
a ME! fa male cmq il tutto, non so io non la sto sentendo e non riesco nel modo piu
assoluto a frequentare, passar nella sua città. sono troppo debole in questo periodo,
la prossima tappa nel mio viaggio verso l’abbisso sara lei, la ex (la psico vuole proprio
farmi stare male, vista la mia scelta di cementificare 8 anni di vita)secondo lei dovrei
prender le cose che con lei mi hanno fatto crescere e farle diventare esperienza per la
mia nuova rinascita (????)cerchero di assecondarla, ho una settimana per rifletterci.
•
LUGLIO 14, 2014
BUDDY
Un saluto a tutti gli amici del blog,
CAROLINA: come sempre i tuoi commenti sono molto interessanti come ad esempio
quello di risposta al mio “annuncio” di un temporaneo ritorno per problemi logistici della
mia ex, in realtà nei giorni successivi mi ha comunicato di aver trovato una soluzione
temporanea, non so se il tutto sia “vero”, se lo fosse comunque sarebbe sintomo di scarsa
sensibilità nei miei confronti, se invece fosse stato un modo per sondare il terreno meglio
che sia finito prima di nascere, dovuto forse anche alla mia cortese freddezza nel
risponderle. La mia intenzione non è certo quella di riallacciare i rapporti con lei e tale
coabitazione mi avrebbe solo creato problemi, speriamo che in futuro non si verifichino
ulteriori “problemi” logistici e di poter proseguire nel mio percorso senza essere intralciato.
Per IRIS: credo anch’io che un mese e mezzo sia pochissimo, io sono stato lasciato tre
mesi e mezzo fa (ma la situazione era “difficile” già da alcuni mesi) e dopo un mese ero
parecchio a terra, adesso non sono al settimo cielo, ci sono alti e bassi, ci possono
destabilizzare in molti modi come ho appena scritto, ma si va avanti.
IRIS tu “volevi sposare lui”, noi eravamo sposati da anni, per me era la donna della mia
vita, non avrei mai pensato che si potesse verificare una situazione del genere, ma questo
non mi ha evitato tale epilogo, mi rendo forse conto meglio ora quanto siano fragili i
rapporti umani, come sia esile il filo che ci lega alle persone amate e che in qualunque
momento può essere reciso, qualcosa lo intuivo anche prima in quanto mi ritenevo una
persona fortuna a felice, nei momenti difficili pensavo che avevo accanto “lei” e questo mi
rincuorava, pensavo inoltre che la felicità sarebbe un giorno potuta terminare e quindi la
dovessi coglierla ogni giorno, la persona che condivideva il mio percorso evidentemente
pensava e viveva emozioni e sentimenti diversi dai miei.
Quando una relazione su cui avevamo puntato tutto finisce la si vive per forza di cose
come una sconfitta, forse è il modo sbagliato di vedere le cose, qualcosa di sicuro ci ha
dato e ci lascerà in eredità per il futuro ed anche se siamo andati al tappeto dobbiamo
impegnare a rialzarci è questo che conta.
Un abbraccio a tutti.
•
LUGLIO 14, 2014
???
ECCO COSA MI STA AIUTANDO !!!
Lo scopo di una relazione è di decidere quale parte di voi stessi vi piacerebbe che
«venisse allo scoperto», non quale parte di un altro voi potreste catturare e trattenere.
Lo scopo del rapporto non è quello di avere un altro il quale vi possa completare, bensì di
avere un altro con il quale condividere la vostra completezza. Qui sta il paradosso di tutte
le relazioni umane. Non avete nessun bisogno di un particolare altro individuo perché
possiate sperimentare appieno Chi Siete e d’altra parte, senza un altro, non siete nulla.
‘Facciamo in modo che ogni persona in un rapporto non si preoccupi dell’altro, ma
soltanto, unicamente del proprio Sé.’ Questo potrebbe sembrare uno strano
insegnamento, perché vi è stato detto che nella più alta forma di rapporto ci si preoccupa
soltanto dell’altro. Eppure ti dico questo: il focalizzare l’attenzione sull’altro – l’ossessione
di cui si fa oggetto l’altro – costituisce la causa del fallimento dei rapporti.
‘Non ha importanza’ che cosa stia pensando l’altro, quello che si aspetta, ciò che si
propone. Importa soltanto come ti comporti tu ‘in relazione’ a tutto questo. La persona più
adorabile è la persona «egocentrica», cioè centrata sul proprio sé.
Se non riesci ad amare Te Stesso, non puoi amare un altro. Molte persone commettono
l’errore di cercare l’amore per Sé attraverso l’amore per un Altro. Certo, non si rendono
conto di comportarsi così. Non si tratta di uno sforzo consapevole. È quanto accade nella
mente. Nel profondo della mente, in quello che chiamate inconscio, pensate: Se soltanto
riesco ad amare gli altri, gli altri ameranno me. Diventerò quindi simpatico e potrò volermi
bene. In realtà un gran numero di persone si detesta perché ha l’impressione di non
essere amato da nessuno. Questa è una malattia che si verifica quando gli individui sono
davvero «consumati d’amore» perché in verità gli altri li amano, ma questo non ha
importanza. Non ha nessuna importanza quante siano le persone a dichiarare il proprio
amore nei loro confronti, non è sufficiente. Innanzitutto loro non ci credono. Pensano di
essere manipolati, pensano che si cerchi di ottenere qualcosa. (Come è possibile essere
amati per quello che si è veramente? No. Deve esserci un errore. Gli altri vogliono
qualcosa in cambio! Ma che cosa?) Stanno lì a cercare di capire in quale modo si
potrebbe davvero amarli. Perciò non credono a quanto viene loro detto e danno inizio a
una campagna per indurre gli altri a provare il proprio amore. Per far questo possono
pretendere da chi li ama che cominci con il cambiare comportamento.
In secondo luogo, se in ultimo giungono a un punto in cui possono credere di essere
amati, cominciano subito a preoccuparsi a proposito di quanto a lungo potranno
conservare questo amore, e iniziano con l’alterare il proprio comportamento. Di
conseguenza, due persone si perdono letteralmente in un rapporto. Si buttano in una
relazione sperando di trovare se stesse, e invece finiscono per perdersi. Questa perdita
del Sé è la maggiore causa di amarezza e del senso di fallimento. Due persone si
uniscono in un’associazione con la speranza che il tutto sarà più grandioso della somma
delle parti e finiscono per scoprire come ciò risulti invece assai inferiore. Si sentono
diminuiti rispetto a quando erano soli. Meno capaci, meno abili, meno eccitanti, meno
attraenti, meno allegri, meno felici. Ciò accade perché in effetti si sono diminuiti. Hanno
rinunciato alla maggior parte di quello che erano allo scopo di essere – e di restare – uniti
in quel rapporto.
‘Quando non ci si consideri a vicenda come anime sante impegnate in un sacro viaggio,
allora non si riesce a vedere lo scopo, il motivo, celato dietro ogni rapporto.’ L’anima è
venuta al corpo e il corpo alla vita con lo scopo di evolversi. Ti stai evolvendo, ti stai
adottando. E ti stai servendo dei tuoi rapporti per decidere quello che stai diventando.
Hai portato il tuo Sé nel mondo relativo in modo da disporre dei mezzi con i quali
conoscere e sperimentare Chi Sei Veramente. Chi Sei è quanto tu stesso hai creato per
essere in relazione con tutto il resto. I tuoi rapporti personali sono gli elementi più
importanti in questo processo. I tuoi rapporti personali costituiscono perciò un sacro
territorio. Non hanno virtualmente niente a che fare con l’altro individuo, eppure, poiché lo
coinvolgono, hanno ‘tutto’ a che fare con lui. È questa la divina dicotomia. Questo è il
circolo chiuso. Per cui può non essere un insegnamento così radicale dire: «Benedetti gli
egocentrici, perché conosceranno Dio». Potrebbe non essere un cattivo traguardo nella
tua vita conoscere la parte più elevata di te e ‘starne al centro’.
Il tuo rapporto più importante, perciò, deve essere con il tuo Sé. Devi per prima cosa
imparare a onorare e ad aver caro Te Stesso. ‘Devi prima imparare a valorizzare Te
Stesso per poter valorizzare un altro. Devi innanzitutto considerare Te Stesso benedetto
prima di poter vedere un altro come benedetto. Sé come santo per poter avere coscienza
della santità dell’Altro.’ Se metti il carro davanti ai buoi – come ti chiedono di fare molte
religioni – e se riconosci un altro come santo prima di aver riconosciuto te stesso, un
giorno potresti risentirtene. Se c’è una cosa che nessuno di voi sopporta è che ci sia
‘qualcuno più santo di voi.’Devi prima riconoscere il tuo Sé come santo per poter avere
coscienza della santità dell’Altro.’
C’è soltanto questa cosa che potete fare. Dovete tener fede ai vostri sentimenti. Poiché
tener fede ai vostri sentimenti significa tener fede a Voi Stessi. E dovete amare il vostro
prossimo come amate voi stessi. Come potete mai aspettarvi di capire e tener fede ai
sentimenti di un altro se non riuscite a tener fede ai sentimenti all’interno del vostro Sé? La
prima domanda in ogni processo interattivo con un altro è: Ora, Chi Sono e Chi Voglio
Essere, in rapporto a questo?
Spesso non ricordate Chi Siete, e non sapete Chi Volete Essere fin quando non mettete
alla prova qualche modo di essere. È questa la ragione per cui tener fede ai vostri più
sinceri sentimenti ha tanta importanza. Se la vostra prima sensazione è una sensazione
negativa, semplicemente ‘provare tale sensazione’ basta per farvene allontanare. E
proprio quando siete in preda alla collera – quando vi ‘sentite’ offesi, ‘provate’ disgusto,
rabbia desiderio di «ricambiare il male» – che è giunto il momento in cui potete rinnegare
questi primi sentimenti come qualcosa che non è in grado di personificare Chi Volete
Essere.
‘Lascia che tutti coloro i quali hanno orecchie per intendere, ascoltino. Perché Io ti dico
questo: al momento della crisi in tutti i rapporti umani esiste un’unica domanda: Che cosa
farebbe adesso l’amore? Nessun’altra domanda è degna di rilievo, nessun’altra domanda
ha significato, nessun’altra domanda ha qualche importanza per la tua anima.’
Ora siamo arrivati a occuparci di un punto molto delicato da interpretare, poiché questo
principio dell’azione sostenuta dall’amore è stato ampiamente frainteso, ed è questo
fraintendimento a portare ai risentimenti e alle arrabbiature nella vita, le quali a loro volta
hanno fatto i che un numero così ingente di individui abbia smarrito la via. Per secoli vi è
stato insegnato che le azioni sostenute dall’amore derivano dalla scelta di essere, fare e
aver qualsiasi cosa produca il maggiore beneficio per un altro. Eppure Io ti dico questo: la
scelta più elevata è quella che produce il più alto bene ‘per te’.
Quello che fai per Te Stesso, lo fai per un Altro. Quello che fai per un Altro lo fai per Te
Stesso. ‘Questo’ perché tu e l’altro siete una cosa sola. E questo perché ‘non esiste nulla
se non tu.’
Dio pretende soltanto che ‘includiate anche voi stessi tra coloro che amate’. Dio si spinge
ancora più in là. Dio suggerisce, ‘raccomanda’, che vi anteponiate agli altri.
Dite la vostra verità, con gentilezza, ma senza reticenze e riserve. Vivete la vostra verità,
con dolcezza, ma in maniera totale e coerente. Cambiate la verità con disinvoltura e in
fretta quando la vostra esperienza vi porta nuove chiarezze.
Non fare mai nulla in un rapporto in base a un senso di obbligo. Qualunque cosa tu faccia,
falla in base al senso della gloriosa opportunità che il tuo rapporto ti offre nel decidere e
nell’essere Chi Sei Veramente.
Cerca con tutte le forze di non vedere la tua compagna come un nemico, o l’opposizione,
durante questi periodi. In effetti, cerca di non vedere nessuno, e niente, come un nemico,
o addirittura cerca di non vedere come tale il problema stesso. Coltiva la tecnica di vedere
ogni problema come un’opportunità.
Non renderai mai un cattivo servizio al tuo rapporto, né a nessuno, scorgendo negli altri
più di quanto essi ti stiano mostrando. Perché c’è in loro molto di più. Di gran lunga molto
di più. È soltanto la loro paura che li blocca nel mostrarsi a te. Se gli altri si rendono conto
che li consideri come qualcosa di più, si sentiranno sicuri nel mostrarti quanto tu
ovviamente già vedi.
Non molto tempo fa vivevi la vita come se non avesse scopo. Adesso sai che non ha
alcuno scopo, tranne quello che tu le attribuisci. Questo è un buonissimo segno. Non
molto tempo fa supplicavi l’universo perché ti fornisse la Verità. Adesso comunichi
all’universo la tua verità. E questo è un ottimo segno. Non molto tempo fa cercavi di
essere ricco e famoso. Adesso cerchi di essere semplicemente e meravigliosamente Te
Stesso. E non moltissimo tempo fa avevi paura di Me. Adesso Mi ami, abbastanza per
definirMi tuo pari. Tutti questi sono segni davvero buoni, buonissimi.
‘L’imbarazzo è la reazione di una persona il cui ego ha giocato tutto sull’opinione degli
altri’. Induci te stesso a superare questo atteggiamento. Cerca una nuova risposta. Cerca
di riderci sopra.
L’obbedienza non è creazione, e quindi non può mai dare luogo alla salvezza.
L’obbedienza è una reazione mentre il creare è una pura scelta, non imposta, non
richiesta. La pura scelta dà luogo alla salvezza tramite la pura creazione della più elevata
idea in questo attuale momento.
I veri Maestri sono coloro i quali hanno scelto di vivere, e non di procurarsi di che vivere.
“Ora, se esiste qualcosa che hai scelto di sperimentare nella tua vita, non «volerlo»,
sceglilo.” Hai scelto il successo in termini terreni? Hai scelto di avere denaro in misura
maggiore? “Bene.” Allora “sceglilo”. Davvero. Pienamente. Non con scarsa
determinazione.
AscoltaMi nella verità della tua anima. AscoltaMi nei sentimenti del tuo cuore. AscoltaMi
nel silenzio della tua mente. AscoltaMi dovunque. Ogni volta che hai una domanda, limitati
a “renderti conto” che Io ho “già” dato una risposta. Poi apri gli occhi sul tuo mondo. La
Mia risposta si potrebbe trovare in un articolo già pubblicato. Nel sermone già scritto e sul
punto di essere pronunciato. Nel film che si sta girando. Nella canzone composta soltanto
ieri. Nelle parole che stanno per essere pronunciate da uno dei tuoi cari. Nel cuore di un
nuovo amico che stai per conoscere.
•
LUGLIO 14, 2014
CAROLINA
ANCORA IN RISPOSTA AD IRISS.
Innanzitutto grazie per la tua attestazione di stima, anche per me tutti voi siete molto
preziosi, perché mi “costringete” a riflettere su me stessa. Infatti, su questo blog io posso
parlare soprattutto di me stessa, rispondo di me, e voi su di me avete elementi, non certo
sul mio ex che, chiamato qui in causa attraverso il racconto di un altro, non può usufruire
neanche del diritto di replica. Quello di cui è importante parlare è di noi stessi, del nostro
percorso, focalizzare l’attenzione più su di noi che sulle stronzate fatte dall’altro (ne
potremmo menzionare a josa). Sono sicura, peraltro, che se loro avessero voce qui (e non
sia mai!), darebbero versioni completamente differenti dalle nostre (come in una
commedia di Pirandello). Che ne so, magari l’ex compagno di Iriss direbbe che le cose
andavano male da un sacco di tempo, il mio asserirebbe che lui ci ha provato in tutti i modi
a recuperare ma io l’ho reso impossibile (mentre a me sembra l’esatto contrario)!
Detto questo, anche per me è vero che, nella mia sensibilità, in verità oggi poco mi importa
che c’è chi ha perso cose ben peggiori della persona amata, ed anche poco mi serve qui
ed ora, ma me lo ripeto razionalmente per convincermi che l’animo umano sa sopravvivere
anche in condizioni estreme. Sono i passaggi psicologici che ci aiuteranno. Mi ricordo di
aver letto, tempo fa, la testimonianza di una delle mamme di Plaza de Majo (in Argentina,
mamme dei desaparecidos), in cui lei diceva di essere stata meglio, e di aver potuto
trovare le energie per risalire, quando ha spostato la domanda interiore dal “perché è
successo proprio a mio figlio, a me?” al “perché è successo a tutti noi?”, passando dalla
dimensione individuale a quella collettiva e storica. Ora, è evidente che qui si tratta di tutta
un’altra vicenda non comparabile alla nostra non per quantità di dolore ma per tipologia (la
morte di un figlio che non ha scelto di andarsene), ma ho portato l’esempio per dire che
nella sofferenza le domande che ci poniamo debbono spostarsi nel tempo. Già passare
dal “perché mi ha lasciato?” al “cos’è che fra noi non ha funzionato?” è positivo, perché ci
chiama in causa attiva, non solo come soggetti passivi (vittime). In seguito, dovremmo
pensare a cosa ritarda la nostra ripresa, se ritrado protratto c’è, se cadiamo a lungo in
forte depressione, a quel qualcosa che risiede in noi stessi e non nell’altro. Secondo me,
dobbiamo orientarci a superare la percezione di trovarsi in uno status di vittime, anche
perché questo ci condizionerebbe nel futuro (anche senza di loro). Occorre trovare un
equilibrio nella valutazione di com’è andata.
Però questo viene nel tempo, inutile affrettare le prospettive. Per te, Iriss, è un mese e 14
giorni (come si tiene esattamente il conto…), è pochissimo! Abbi pazienza e certezza che
questo tunnel non dico che a breve sparirà, ma apparirà meno spaventoso.
Riguardo alle loro attenzioni (“come stai”, “come va” “come ti senti”), ci destabilizzano
soltanto. Nel nostro cuore si accende immediatamente una lucetta di speranza,
rapidamente vanificata dalla materialità della realtà del vaso ridotto in cocci che non si
ripara. Io gli ho chiesto esplicitamente di smettere di farmi queste domande, di interessarsi
a me, anche perché non sarei nella condizione né di dire la verità né di dare una risposta
di circostanza, ugualmente imbarazzanti. Dopo che qualcuno ha detto che non ama più,
purtroppo, non resta molto altro da aggiungere.
Un abbraccio forte.
•
LUGLIO 14, 2014
CAROLINA
IN RISPOSTA AD IRISS. Ciao cara Iriss.
IN MERITO ALLA CONDIZIONE DI INFELICITA’ DOPO L’ABBANDONO: sì, è così che ci
si sente, soli e infelici, svuotati, e, paradossalmente, vorremmo condividere questa
infelicità proprio con chi ce l’ha causata! E’ un vero e proprio controsenso, ma conosco
bene questa sensazione. Compresa l’impressione che, andandosene, chi ci ha lasciati ha
portato via la parte migliore di noi stessi. Ma non è mai così. Il loro abbandono ha portato
via sicurezze, equilibrio, sogni, “serenità” se vuoi, ma non può averci deprivati delle nostre
qualità individuali, semplicemente perché esse risiedono in noi stessi e solo un’illusione
ottica ci fa sentire che le abbiamo perdute. Noi, con le nostre mancanze, abbiamo amato,
ma siamo individui singoli, l’abbaglio del dolore ce lo fa dimenticare, ma è così, che
piaccia o no alla nostra sofferenza! ;-)
Non mi ricordo da quanto tu ti sei separata, ma passando il tempo questa sensazione si
attenuerà, non temere. Io, dopo 6 mesi e mezzo, soffro ancora molto, ma penso che
l’uomo che ho amato disperatamente (o ho ritenuto di amare) non esiste più. Si è dissolto,
ma non nel momento in cui ha deciso di andare via, già da prima. Non si smette di amare
da un giorno all’altro. Non si è felici la sera e infelici la mattina dopo. Questo pensiero mi
aiuta. Quello che debbo elaborare non è più tanto lo shock dell’abbandono odierno, ma il
funerale di un’illusione. Quello che mi manca è un rapporto che avrebbe potuto essere ma
non c’era. Una potenzialità irrealizzata. Penso che le persone sopravvivono alle guerre,
alla perdita dell’intera famiglia, del paese natìo, alla morte dei figli, non ce la faremo noi a
sopravvivere degnamente alla perdita di qualcuno che non ci ama più?
Non permettiamo loro di scipparci anche questo, la nostra identità, la nostra dignità, la
nostra integrità emotiva, il nostro valore umano. Siamo persone degne, anche se loro se
ne sono andati. Dobbiamo convincerci di questo. Anche facendoci aiutare da un sostegno
terapeutico, se necessario. Se c’è un problema economico (e nelle separazioni da
convivenza spesso c’è, a vivere da soli non si spende la metà di quando si è in due), ci si
può almeno rivolgere alla ASL di competenza che spesso offre un servizio gratuito, ci sono
i gruppi di auto-aiuto sulle dipendenze affettive da separazione. Insomma, aiutiamoci con
tutti gli strumenti a disposizione!
Per quanto riguarda il tuo disinteresse attuale verso l’universo maschile, che dire,
probabilmente è una tappa normale. Chi se n’è andato spesso non ha di questi problemi,
perché ha già maturato dentro di sé una separazione psicologica da noi, ed anzi io credo
che una delle molle che spinge chi sceglie di separarsi è sempre l’immaginazione
sensibile di una possibile felicità altrove (vera o illusoria che sia, ma senz’altro percepita),
ma noi siamo in un’altra condizione. Io pure, ad oggi, non ho molto da dire agli uomini che
mi capita di incontrare. La mia dimensione femminile è un po’ chiusa, la mia capacità di
coinvolgimento abbassata ai minimi storici. Ma non vivo con fastidio queste occasioni.
Anzi, le accolgo come un piccolo sostegno alla ricostruzione della mia autostima. Una
delle ferite che si aprono, mi sembra più nelle donne che negli uomini delusi d’amore, è
quella inferta alla propria identità di genere. Come se il loro rifiuto implicasse una tragica
disconferma della nostra femminilità. Anche qui, non permettiamo che accada. Non siamo
finite come donne se loro se ne sono andati. Dobbiamo autoconvincerci di questo,
altrimenti cadiamo in un tunnel ancora più buio.
Coraggio Iriss, rimbocchiamoci le maniche, ce la faremo!
Un bacio
o
LUGLIO 14, 2014
IRISS
Grazie per la tua risposta Carolina.
Sei sempre presente per tutti noi, con delle risposte altrettanto importanti. Sei
veramente una bellissima persona e sono molto contenta di averti conosciuta.
Detto questo, hai scritto una cosa giustissima “il funerale di un’illusione”…” Una
potenzialità irrealizzata”. Hai espresso un mio pensiero e tutto quello che gira intorno
a tutti i sogni e le speranze che avevamo con quella persona. La cosa di cui non mi
faccio capace è proprio come sia riuscito a distruggere il tutto con tanta “semplicità”, e
un’altra cosa che mi distrugge i pensieri è il fatto che io mi fidavo ciecamente in lui.
Ora la persona che conoscevo e che tanto amavo non esiste più, e con i suoi
atteggiamenti non fa altro che confermare questo mio punto di vista.
Hai ragione quando dici che ci sono persone che superano cose ben peggiori che
l’esser lasciati dalla persona amata. Questo senza dubbio, ma questo momento per
me, come per altre persone, questo è il “peggiore”, anche se appunto mi rendo conto
che altri hanno cose più importanti da dover superare. Bisogna comunque passarci in
mezzo, affrontare ogni piccolo pensiero e stato d’animo prima di poter dire “sto bene”.
Io ormai vivo in un altalena dei sentimenti. Un pendolo che lentamente scansiona ogni
piccolo secondo della mia giornata e fa il conto di tutto da quando lui un mese e 14
giorni fa mi ha messo di fronte a questa situazione. Da allora tutto è cambiato.
Ci vorrà tempo, ci saranno sicuramente tanti altri momenti pieni di tristezza, crisi di
pianto che scaturiscono da un piccolissimo pensiero di felicità passata, pensieri che
iniziano a ricordati la cruda realtà alle prime ore del mattino o appena apri gl’occhi
dopo il suono della sveglia, come è accaduto questa mattina. Il mio primo pensiero è
stato “ma io volevo sposare lui”, come se fosse stata la risposta a una domanda che
non mi ricordo. Vedendo quello che mi circondava, ovvero la sua assenza, sono
partita per la mia giornata con addosso questo stato d’animo.
Passerà… spero presto.
Un abbraccio Carolina.
o
LUGLIO 14, 2014
LUDOV
ciao carolina, parole saggie le tue
•
LUGLIO 14, 2014
CAROLINA
PER BILLY: sì sì, poi ho visto. Grazie!
•
LUGLIO 14, 2014
BILLY
Ciao Carolina,intendo dire che se vai alla fine di tutti i messaggi dove c e’ la dicitura
“LASCIA UN PARERE” scrivendo da li mette i messaggi seguendo una cronologia.
Ciao
Billy
•
LUGLIO 13, 2014
PARIDE
Grazie a tutti ragazzi per le vostre risposte, grazie a Billy per l’incoraggiamento…
io non voglio scoraggiare nessuno, tutto è molto soggettivo. certo volte per questo mi
sento anormale…….la sofferenza effettivamente è diversa, ogni storia è diversa, ma
comunque c’è sempre un filo sottilissimo che le lega…sicuramente non posso paragonare
quest’ultima storia a quella passata, ma io ci sto male ugualmente perchè questa volta
come non mai il mio cuore dopo 3 anni cominciava a risentirsi vivo………. per il resto che
dirvi, io auguro ad ognuno di voi di guarire presto e di non soffrire più in un futuro!!!! un
abbraccio
•
LUGLIO 13, 2014
CAROLINA
Prova, solo per vedere se è qui che si scrive non in risposta a qualcuno
•
LUGLIO 13, 2014
BILLY
Paride,non ti preoccupare,lavorando su di noi si puo’ fare molto,ma questo molto non e’
mai tutto.Si impara a conoscersi,a capire come funzioniamo rispetto a determinati
avvenimenti,impariamo a non farci piu’ assalire dal terrore e dalla disperazione,ma tutto
cio’ non ci mette a riparo totalmente dalla sofferenza,anche perché soffrire per una perdita
e’ fisiologico.Te lo dico perché anche io 5 anni fa mi ono separato dalla mia compagna e ci
ho messo 3 anni per uscirne fuori,poi dopo diverse storie di minor importanza ho
conosciuto un altra donna con la quale sono stato benissimo.Tre mesi fa mi ha lasciato e
mi sono ritrovato al punto di partenza.La sofferenza c’e’,il dolore,la paura….c’e’ tutto,pero’
so che quello che sto vivendo sta nel normale andamento delle cose e che non mi
travolgera’ e che avro’ sicuramente altre opportunita’ di vivere cose belle.Cosi’ e’ stato
prima,cosi’ sara’ adesso………tranquillo.
Io ribadirei l’appello a tutti di rispondere a pie’ pagina e non nella casella “” di un singolo
messaggio altrimenti si mischia tutta la cronologia e per trovare gli ultimi messaggi scritti
bisogna andarseli a cercare col lanternino.Magari si puo’ scrivere all’inizio del messaggio :
IN RISPOSTA A…… tanto quando si scrive si scrive per tutti anche se ci si riferisce ad
una singola persona.
Ciao a tutti
Billy
o
LUGLIO 13, 2014
CAROLINA
Ciao Billy caro, hai ragione, mi regolerò così. Solo… che intendi con “rispondere a piè
pagina”? A me sembra di vedere solo l’opzione “” a qualcuno, eppure certo un modo
per intervenire indipendentemente dal rispondere ci deve essere, e devo averlo usato
io stessa nel primo post (o forse no, sono direttamente entrata in risposta a qualcuno).
Help!
•
LUGLIO 12, 2014
PARIDE
Buongiorno a tutti voi cari ragazzi, mi chiamo Paride e ho 37 anni e sono della provincia di
brindisi. per chi non mi conoscesse io in passato ho scritto tantissimo qui. quando lei mi
lasciò, ormai 3 anni fa stetti così male che pensavo davvero di morire. l’amavo con tutto
me stesso, poi dopo che io scoprì un tradimento lei mi lasciò dicendomi che non mi amava
più….e giù con i sensi di colpa, rimpianti e così via…l’avrei perdonata, ma lei non volle
farsi perdonare…Vi leggo sempre, tutti quanti anche se non scrivo mai. non vi nego di non
averla ancora dimenticata del tutto, per carità ormai non spero più di tornare insieme a lei
e non l’amo più, credo….comunque credo che non la dimenticherò mai. lo so, non sono
normale evidentemente, ma è così. comunque quello che volevo scrivere oggi è che
pensavo di essere diventato più forte, mi sentivo più forte e poi invece boom, sembra
sempre di rivivere le stesse cose…vi spiego meglio, in questi 3 anni non ho avuto solo
qualche storiella, non ero riuscito ad incontrare nessuna in grado di rubarmi ancora il
cuore…un mese fa conosco lei, 28 anni, mi cerca lei. Lei ha lasciato da poco il suo
ragazzo con cui è stata un anno, iniziamo questa frequentazione. io all’inizio faccio
sempre molta fatica a lasciarmi andare, ho paura, tanta, ma sento che con questa ragazza
è diverso, mi sta prendendo sul serio….sto bene con lei, mi piace ascoltare la sua voce,
mi piace abbracciarla, baciarla, stare con lei….non è sesso, perchè può sembrare strano
ma non l’abbiamo fatto perchè lei non si sentiva pronta. e questo mi piace ancora di più,
penso tra me e me, forse questa volta ci siamo….stiamo bene insieme, almeno è quello
che anche lei mi fa sentire…sento che mi sto innamorando, cosa che a lei non ho detto
assolutamente, anzi cerco di farmi vedere tranquillo….per la prima volta dopo 3 anni mi
sento quasi felice….ma è solo un’illusione. due giorni fa lei mi dice che sto correndo
troppo, che non vuole sentirsi legata, che vuole uscire con altre persone………mi crolla
tutto, risprofondo di nuovo……..diventa fredda e distaccata….era tanto che non piangevo,
ieri sera l’ho fatto…lo so forse è un’esagerazione, ma mi sento così…pensavo di essere
diventato più forte, pensavo che l’esperienza passata mi avesse reso più cinico, più
cattivo, più distaccato, nulla di tutto questo…mi sento di nuovo a pezzi, queste erano le
paure che avevo all’inizio, era proprio quello che non volevo rivivere, e
invece…………scusate lo sfogo.
o
LUGLIO 12, 2014
CAROLINA
Caro Paride, mi dispiace per te. E anche la tua esperienza accende in me delle paure.
Dopo 3 anni, scoprire di essere ancora così fragile… Ma davvero le emozioni sono
proprio le stesse, come se l’esperienza passata non avesse fortificato per nulla? Io
penso che attraversare questo dolore non ci possa rendere immuni da ulteriori
delusioni d’amore, però tendo a convincermi che qualche strumento in più che lo dia.
Per te non è così?

LUGLIO 12, 2014
ENRICO
Ribadisco il mio concetto chi ama non ė capace di tanta insensibilità Sarò pure
semplicistico ma chi ė capace di provare forte emozioni, vere, profonde, pulite non
c’è esperienza che possa modificarle, modellare etc. Potranno passare tre anni o
trenta, l’esperienza, le “mazzate” prese, vanno a farsi benedire. Il post di Paride a
mio modesto avviso ė la prova più lampante. Sei stato te stesso, se non lo fossi
stato, se non avessi cercato quello che desideri, non staresti qui a raccontarci il
tuo dolore. Sei stato te stesso….. la miglior cosa….

LUGLIO 12, 2014
CAROLINA
Io non ho detto, né penso, che il dolore debba trasformarci in esseri
anestetizzati, non disponibili a provare emozioni forti. Anzi, mi auguro che
presto noi si torni alla sensibilità viva, perché una delle reazioni di difesa al
dolore recente è proprio quella di entrare in una fase di chiusura, di
indisponibilità emotiva (è una fase che io, dopo 6 mesi, penso di stare in parte
attraversando), ma chiedevo a Paride se il calvario già percorso anni fa non lo
avesse aiutato, oggi, a fronteggiare meglio, o meno peggio, il dolore e,
soprattutto, le paure. Come è successo, ad esempio, a Billy.

LUGLIO 13, 2014
ENRICO
Scusami Carolina, non era mia intenzione generalizzare, parlavo a titolo
personale Personalmente ogni nuova storia, tendo a viverla senza
guardare le esperienze del passato. Notte
o
LUGLIO 12, 2014
LUDOV
ciao a tutti. Da qualche settimana che ho inziato un viaggio interiore, cercandomi di
capirmi meglio e conoscermi meglio. Dopo un lungo periodo di depressione (circa un
annetto..cosi mi dice l’analista) preima ancora che mi lasciasse la tipa, dove perdi
qualsiasi input per far qualcosa e ti rifugi in te stesso. Dopo la botta che ho preso,
finalmente cerco di capirmi meglio. questo è un aspetto positivo anche seportare a
galla i propri demoni sepolti non sara certamente una passeggiata. Qual’è il mio
problema ora? ho la paura dell’abbandono. si .. leggendo qua e la e parlando cn
l’analista alla fine si parla di quando eri bambino.. ho trovato queste parole che
possono ben farmi spiegare meglio: ora cerocdi vedermi da un punto di vista
patologico .. in fondo solo malato..bello no?..cmq ecco:
Quando la reazione alla separazione diventa patologica?
Il tema del distacco tocca le corde più sensibili dell’animo umano perchè spezza uno
degli istinti più forti non solo nell’uomo ma anche in alcune specie animali:
l’attaccamento, inizialmente alla madre, poi spostato sulla persona amata.
“L’attaccamento” è un concetto usato in psicologia per esprimere l’insieme di
comportamenti, pensieri, emozioni orientati alla ricerca della vicinanza, della
protezione e del conforto da parte di una figura privilegiata
La teoria dell’attaccamento studia i processi attraverso i quali si costruiscono quei
modelli interni da cui dipenderà come ci rapportiamo nei legami intimi, ossia come ci
rappresentiamo l’altro, come viviamo noi stessi, le nostre aspettative, le nostre paure.
Tali schemi, che si costruiscono nel bambino piccolissimo (tra i 7 e i 15 mesi)
agiscono al di là della consapevolezza e organizzano le informazioni relative ai
rapporti affettivi, determinando cosa portiamo all’attenzione, che significato diamo agli
eventi, che emozioni ci suscitano, che comportamenti adottiamo in risposta. Lo stile di
attaccamento rispecchia l’unicità delle aspettative di ciascun individuo riguardo alla
disponibilità degli altri per la soddisfazione del bisogno di protezione, vicinanza e
condivisione.
In questo contesto assumono un peso rilevante le esperienze tra il bambino e la figura
che si prende cura di lui, poiché rivestono una funzione cruciale nella costruzione
dell’identità personale e nel modo di rapportarsi agli altri.
A volte esperienze infantili non ci permettono di interiorizzare l’altro come base sicura,
come presenza interna stabile e positiva, minando anche la costruzione della propria
identità e individualità.
La reazione all’abbandono può divenire patologica quando il primo legame di
attaccamento non è stato sicuro.
Esperienze attuali possono rievocare antiche ferite, facendo riaffiorare costellazioni di
angosce primitive, mai metabolizzate, confermando le aspettative di tradimento,
inaffidabilità da parte dell’altro e un’immagine di sè come vulnerabile, destinato ad
essere ferito, rifiutato nei rapporti.
La separazione diventa non solo perdita dell’altro ma anche perdita di sè, come
persona degna di amore.
Il mondo diventa improvvisamente un deserto privo di senso, dove niente è stabile e
ogni rapporto intimo porta con sè il fantasma dell’abbandono e del dolore insostenibile
che comporta.
Gli stili di attaccamento vengono generalmente suddivisi in 4 categorie generali:
[ io mi ritrovo in questo tipo…]
Configurazioni di tipo A (distanzianti)
Il modello interno di queste persone si costruisce intorno una figura genitoriale
rifiutante rispetto alle loro richieste di conforto. Il genitore non è in grado di fornire
empatia ma accudisce il bambino solo nei bisogni pratici. Questo bambino interiorizza
il disagio del genitore di fronte all’intimità e al contatto emotivo e percepisce la
distanza come l’unica modalità che sente efficace per relazionarsi all’altro. Le persone
distanzianti affermano la propria indipendenza e la loro forza. Sono orientati al
compito e cercano di fare tutto da soli, con difficoltà a chiedere aiuto. Si caratterizzano
per un buono sviluppo cognitivo e una rabbia congelata. Mostrano un atteggiamento
di distanza dalle relazioni intime delle quali cercano di minimizzare l’importanza,
possono sviluppare forti difficoltà a comunicare sul piano dei sentimenti, difficilmente
tollerano la vicinanza emotiva. La difficoltà a riconoscere ed esprimere le emozioni fa
si che esse vengano spesso somatizzate dando luogo a disturbi fisici.

LUGLIO 13, 2014
CAROLINA
Ciao Ludov, in parte anche io mi riconosco in questo modello di attaccamento, e
sicuramente il mio ex ci sta tutto. Sì, lo dicevo anche in un altro post, io penso che
gli stili di attaccamento sono un terreno su ci è utile ragionare, specie quando
l’abbandono diviene terrore e disperazione protratta.

LUGLIO 13, 2014
ENRICO
Sei malato? ho capito bene quello che hai scritto oppure ho frainteso.? Ragazzi il
confine ė labile, non siamo malati ma abbiamo solamente un disagio psicologico,
cosa ben diversa e più grave da un disturbo psicologico.

LUGLIO 13, 2014
CAROLINA
Io non penso che si tratti di malattia, o forse anche sì, ma non dobbiamo
fossilizzarci sulle parole. L’importante è prendere coscienza delle proprie
insufficienze, delle nostre debolezze, per affrontarle. Ci sono persone che non
si rialzano più dopo una delusione d’amore, diventano tristi per sempre, c’è
amarezza in ogni cosa che fanno, ma questo con l’amore deluso alla fine non
c’entra più nulla, è la resilienza che manca, la capacità di reagire alla
difficoltà, è l’autostima che non prende forma. Su questo bisogna lavorare.
Quando, anche con l’aiuto delle terapie di sostegno, focalizziamo qual è il
nostro disagio psicologico (che ha anche contribuito a inquinare la nostra
relazione perduta), ci mettiamo una gran paura di noi stessi, o rifiutiamo
oppure ci sentiamo malati, perché la paura di noi stessi è la più grande paura
che c’è. La solitudine causata da un amore che fa le valigie è, spesso, la
paura di dover affrontare noi stessi. Perché, da soli, senza quell’identità della
relazione che ci faceva concentrare su un qualcosa che non eravamo noi, in
cui avevamo annullato la nostra singolarità, siamo costretti a misurarci con
noi stessi, con le nostre incapacità, con le nostre storture. Quando tutto
dipende da noi stessi, quando non possiamo più proiettare nell’altro la nostra
vita, se ci sentiamo (o siamo) incapaci di reagire, c’è un dolore aggiuntivo a
quello dell’abbandono. Ludov fa bene a fare questo viaggio interiore. Se il
percorso si indirizzerà verso il positivo, alla paura e alla sensazione di essere
malato subentrerà la capacità di autoconoscenza. Anche io è da tempo che
sto facendo questo percorso terapeutico, da ben prima di separarmi, e forse
anche questo mio percorso ha contribuito a giungere alla separazione. Ma
questo mi sento di dire a Ludov, che a un certo punto occorre maturare più
indulgenza verso se stessi, e poi anche verso il mondo. Conoscere le nostre
debolezze non deve essere finalizzato ad autogiudicarci, a colpevolizzarci,
ma a volerci più bene e a trasformarci in persone non migliori (l’etica non
c’entra un bel nulla), ma più capaci di autobenessere. La strada è lunga. Io
non penso che conoscere le proprie storture psicologiche, o le cause
originarie dei nostri profili psichici, in sé, aiuti a superare, quasi una magia.
Non è così. Occorre imparare a gestire questa conoscenza, perché se non è
finalizzata a tranquiliizzarci, a pacificarci con noi stessi, serve solo ad
aumentare la sofferenza. In particolare, il profilo di attaccamento in cui si
rispecchia Ludov (e in cui anche io in parte mi riconosco) è connesso a una
profonda ferita originaria (il non essere rispettati da bambini nei propri bisogni
emotivi, il non avere quel che sarebbe naturalmente dovuto, cioè un amore
incondizionato e una protezione assoluta da parte delle figure primarie di
attaccamento) che porta alla vergogna di se stessi, alla negazione della
propria autenticità emotiva, come se non si fosse meritevoli d’amore. Di qui,
difese a gogò dell’inconscio fatte di scorza alle emozioni, di atteggiamenti di
apparente autosufficienza, di apparente forza, di spinta accelerata sulle
proprie qualità cognitive e intellettuali, nutrite sostanzialmente dalla paura di
non essere amati, e dalla convinzione inconscia di non meritare amore, di non
essere desiderabili. E’ terribile il momento in cui si prende coscienza di tutto
questo, ma se c’è verità è una tappa necessaria. Nel mio caso, io credo che
io e il mio ex compagno siamo stati prigionieri di questi meccanismi. Nati
come uomo e donna coinvolti in un amore grandissimo e totale, fatto di corpo
e spirito, nel tempo ci siamo distaccati e non abbiamo saputo reagire, perché
entrambi affetti dallo stesso tipo di disturbo (difficoltà ad esprimere e
riconoscere emozioni). Quando l’innamoramento folle è fisiologicamente
scemato, quando la “folgorazione” iniziale si doveva tramutare nelle “normali”
giornate di sole e pioggia, non abbiamo saputo più coltivare i sentimenti, non
abbiamo più saputo ammetterli, non abbiamo più trovato le parole (e la faccia
nuda) per esprimerli. Senza la forte emozione iniziale, non abbiamo più
saputo, né io né lui, abbandonarci alla normalità dei sentimenti, ammettere i
bisogni emotivi, quelli normali. Così, ci siamo allontanati, abbiamo interrotto la
comunicazione emotiva, senza che nessuno dei due avesse la capacità di
reagire (perché entrambi in difficoltà con il proprio universo emotivo). Poi, io,
a un certo punto, non so nemmeno perché, sono caduta in crisi, uno tsunami
di emozioni mi si è affacciato nell’anima, prepotente, a travolgere una
condizione che non era bella, non era di benessere, e quel che è uscito ha
travolto me, lui, e la relazione. Racconto questo perché, oltre a leccarmi
ancora le ferite, oltre a misurarmi con le mie vergogne di me stessa, con i
miei sensi di colpa, con la sensazione terribile di aver sprecato anni cruciali
(non sono una ragazzina, ho 51 anni) e di aver perso l’uomo della mia vita, il
solo che abbia veramente amato se escludo un amore dei 16 anni troppo
lontano per poterlo anche solo ben ricordare nei dettagli, sto lentamente
prendendo coscienza di me stessa, e anche di lui, delle sue difficoltà, e
questo mi aiuta a ricostruire un quadro più indulgente, sia di me sia di lui, e
vorrei arrivare ad un punto in cui non ci sia più rabbia per come sono andate
le cose. E vorrei anche maturare un fanalino che mi aiuti, nel futuro, a
scegliere bene ciò che è adeguato ai miei bisogni emotivi, se imparo davvero
a conoscerli. Ad esempio, ora so per certo che un uomo con difese
intellettuali troppo elevate, con problemi di anaffettività, con un self control
troppo automatico, che non ti dice in faccia quello che non va, che non sa
farmi un complimento, che se mi perdo non mi chiama, che se cado non mi
aiuta a rialzarmi, innesca in me meccanismi analoghi (che mi appartengono,
intendiamoci), il che è letale.
Scusate il lungo intervento, ma con questa faccenda degli stili di
attaccamento cui accenna Ludov è da tanto tempo che mi misuro… Diciamo
che è un tasto dolente e che è uno dei nuclei di riflessione su cui sto
lavorando.
Un abbraccio a tutti tutti, spero passiate una giornata decente.

LUGLIO 14, 2014
LUDOV
cioa, carolina ho letto solo roa questo bel post..malato o disagio non
cambia, ho sempre non voluto far questo viaggio introspettivo. “e se
guarderai a lungo nell’abisso,anche l’abisso vorra guardare in te” Il rischio
c’è di cadere in un periodo noir..ma il viaggio è questo. Solo facendo
questo viaggio introspettivo posso darmi alcune risposte. Anche nel mio
caso la mia ex ha qualche problema di sto tipo, infatti non ne abbiamo
mai parlato e sicuramente ha influito sul tutto. Non è possibile ritornare al
passato per cambiar le cose, ritroverò in un modo quella voglia di stare
bene, non so come ma la trovero. grazie di tutto
o
LUGLIO 13, 2014
DANIELA
Cavolo Paride non voglio pensare che ci voglia tutto questo tempo e oltretutto la paura
e la sofferenza si ripresentano uguali alle prime anche con una nuova persona se ti
lascia.
Velocemente la mia storia 18 anni mi lascia in 5 giorni per un’altra ” 3 ” volta Spazio
per la tua risata e dulcis in fundo tieniti forte abbiamo un’azienda insieme . Porca
paletta e quando lo dimentico sto’ qui’
Ciao Daniela

LUGLIO 13, 2014
CAROLINA
Ciao Daniela, che volevi dire con “” 3 ” volta Spazio per la tua risata”, forse è
saltato un pezzo di testo ;-)
La tua condizione è fra le più difficili, sì, con questa frequentazione giornaliera e
questo suo esibire tranquillamente la sua nuova vita… E’ come se ti condannasse
costantemente in un limbo. La mia terapeuta, quando seppe che continuava a
capitare che io e lui ci vedevamo circa una volta alla settimana (per ragioni di
un’associazione), mi disse: “scherziamo? è troppo!”. Aveva ragione, era troppo
anche quello. Nel senso che venivo ricacciata sempre in una zona oscura in cui
ero costretta a rivivere le stesse emozioni di continuo, la rabbia per il suo
allontanamento, i suoi sguardi su altre donne (non è che esibisse, ma io me ne
accorgevo lo stesso), le sue nuove relazioni di amicizia (tutte con donne, con gli
uomini ha difficoltà a misurarsi), il suo desiderio di libertà, il suo iniziale
entusiasmo, il suo senso di onnipotenza, e poi la sua crisi, il suo non stare bene, il
suo accorgersi di non essere catapultato in un fantastico mondo da single, etc.
Ma, pur con tutte queste sfumature, il SUO mondo, per l’appunto, non il MIO. La
mia attenzione costretta continuamente, al di là della mia volontà, a focalizzarsi su
di lui. Da quando ho preso la decisione di non vederlo più, sto decisamente
meglio, non nel senso che non soffro, tutt’altro, anzi la sofferenza se vogliamo si è
pure arricchita di ulteriori sfumature, ma riesco maggiormente a concentrami su
me stessa, che è la cosa più preziosa. Si è spenta un po’ la rabbia, la sensazione
di dipendere da lui, che mi davano una vertigine, che mi facevano sembrare
ancora più una nullità, la nullità che si rifletteva costantemente nel suo aver scelto
una vita altra da quella insieme. Certo, ho dovuto allontanarmi da un’esperienza
associativa per me di grande importanza al di là di lui, ma, non trattandosi di un
lavoro, pur con dolore ho potuto farlo.
Che dirti Daniela, io spero che, nel tuo caso, si materializzi improvvisamente dal
nulla un uomo fantastico, capace di trasportarti di peso verso un’altra dimensione
attraverso la quale tu possa vedere con altri occhi e altro cuore quel cafone che
non si fa scrupolo a mettere in mostra la sua nuova splendida vita davanti a te!
Non è detto, anzi forse è improbabile ora come ora, ma mai mettere i limiti alla
Provvidenza… Dunque, asseconda ogni occasione di cambiamento al di fuori del
lavoro!
Un abbraccio

LUGLIO 14, 2014
DANIELA
Carissima Carol 3 volte vuol dire che l’ ho perdonato 2 vote questa è la terza
mi rendo conto che il mio non è amore ma una grande dipendenza devo
mettermi in testa di guarire
spero di farcela il più presto possibile un abbraccio Daniela
•
LUGLIO 10, 2014
FABRIZIO MAGNO
… l’ultima volta che ho scritto qui era il 2012 ed ero nel posto forse più brutto al mondo…
in afghanistan.
ero stato abbandonato da quello che credevo fosse l’amore più bello che mi fosse mai
capitato… l’amore di cui avevo costruito basi solide… e convinto anche che fosse una
storia diversa dalla media.
Invece un amore comune agli altri e soprattutto vulnerabile come gli altri.
… nel posto peggiore, senza amici, sbronze, uscite e potendo telefonare a poche
persone… ero blindato nel mio dolore.
Ma è quel ricordo che mi fa sentire più forte di ogni altro attimo … è in quel momento che
ho tirato fuori tutto il mio coraggio… ho fatto uso di qualsiasi risorsa per non soffrire,
soprattutto della musica…
Nel 2012 quando entravo qui avrei tanto voluto leggere “garantito 100% vi passerà”.
Beh, non sono fidanzato con nessuno, ho avuto qualche storiella ma no di quelle serie ma
posso dire che sto bene. Certo la mente di tanto in tanto fa brutti scherzi, soprattutto i
sogni ma non ti rovinano più le giornate.
Consigli ?
Fate qualcosa che vi piaccia veramente, ad esempio io ho sempre sognato le moto e ora è
la mia passione numero uno… e mi aiuta a conoscere nuove persone.
I posti che frequentavate in coppia non li fate diventare dei mostri! Riandateci il prima
possibile da soli o con qualche amico… ovviamente farà effetto ma dopo un paio di volte
diventeranno di nuovo vostri.
Fate della vostra esperienza negativa tesoro no per non amare più ma per essere più
consapevoli e magari intravedere quei segnali che con l’altra persona avevate tralasciato.
Cercare il più possibile di amarsi e questo vale anche per me che ancora non ho capito
bene come si fa.
Per me Dio non esiste quindi è inutile guardare e parlare a bassa voce sperando che lui
veda e provveda, aiutatevi da soli con ogni mezzo che avete… o almeno provateci.
Ci hanno fatto crescere e credere che non siamo fatti per rimanere da soli e che da
qualche parte nel mondo ci sia la nostra anima gemella… in compagnia è meglio
soprattutto se è buona ma non è detto che chi rimarrà da solo se la passi peggio di chi è in
due… anzi…
In bocca a lupo a tutti me incluso, e comunque vi passerà ;-)
o
LUGLIO 11, 2014
CAROLINA
Grazie per la tua testimonianza, Fabrizio Magno, e per i consigli. E’ molto utile vedere
che qualcuno che stava malissimo ripassa di qua e può dire che ce l’ha fatta, che alla
fine un suo equilibrio lo ha ritrovato. Anche da solo.
Un abbraccio.
o
LUGLIO 11, 2014
ENRICO
grazie di cuore
o
LUGLIO 11, 2014
DANIELA
Fabrizio non ha mai tentato di ricercarti?

LUGLIO 11, 2014
ENRICO
A titolo personale, chi non ha amato non ti ricontatta, non ti cerca, ci sono ahimè
persone che non hanno un minimo di sentimento In questi mesi ho canalizzato il
mio dolore in una pagina di fb. Ho scritto cose banali, ma altre meravigliose. La
mia ex conosce l’esistenza di questa pagina, mai uno stupido messaggio, mai un
commento, un sms. Nulla Molto spesso ci chiediamo cosa abbiamo lasciato nel
loro cuore dei nostri ex. Chiediamoci cosa hanno lasciato in noi. Solo dolore,
delusione, paura. Vorrei avere un decimo dell’indifferenza di questa donna, un
decimo verso tutto e tutti Buona serata

LUGLIO 11, 2014
CAROLINA
Ciao Enrico, magari hanno anche amato, il punto è che ORA di certo non
amano più, dunque si disinteressano a noi. Alcuni magari hanno anche
imbarazzo, che ci dovrebbero dire? che bella questa cosa che hai scritto? oh
come sono contento/a che ti ho stimolato queste emozioni? Ci darebbe anche
fastidio, io penso. Nei primi tempi io e il mio ex non avevamo chiuso i rapporti
completamente. Lui mi mandava sms: come stai? come va? Se poteva anche
farmi piacere che si interessasse a me, ti assicuro che mi veniva su anche
una rabbia forte: che cacchio vuoi? come dovrei stare secondo te, ché mi hai
ucciso? Ma vaff… Per cui, io penso che forse è proprio meglio che non ci
dicano nulla, perché qualsiasi cosa facciano di diverso dal tornare indietro
sulla loro decisione, nulla ci farebbe sentire meglio. E poi, anche se ci
ripensassero, considerando il disamore con cui se ne sono andati (tradimenti,
sbandate per altri, dichiarazioni di voler star soli, di non amare più, di voler
provare nuove fantastiche emozioni, stati di confusione vari, etc.), siamo
proprio sicuri che noi staremmo bene, che potremmo fidarci ancora, che
potremmo essere felici con loro? Dovrebbero tornare come trasfigurati,
dovremmo ri-innamorarci entrambi reciprocamente, ma – scusate – in quale
canale danno questo film?

LUGLIO 11, 2014
BUDDY
Concordo Carolina con quanto dici, anche a me dava e da fastidio che mi
chieda come sto, nel senso che è una vuota domanda retorica, se fosse
loro interessato il nostro stato di salute fisico e/o mentale il loro
atteggiamento sarebbe stato diverso.
Per quanto riguarda il capitolo dei ritorni ho un aggiornamento, mi ha
scritto la ex se ci sono problemi se torna a casa alcuni giorni in quanto
dove sta ci sono dei problemi da sistemare, naturalmente sorgono molti
dubbi sulla veridicità della cosa, potrebbe essere un modo per sondare il
terreno in vista di un ritorno, spero non sia cosi ma il timore esiste e la
cosa è destabilizzante, ma qualunque sia la ragione è chiaro che per lei
vengono prima le sue esigenze delle mie, dimostrando il solito egoismo.
Indipendentemente dalle sue intenzioni non ho voglia di riallacciare i
rapporti con lei, non avrebbe senso, non le impediro’ di rientrare come
coinquilina (per un breve periodo spero) ma le cose non torneranno mai
come prima, quale fiducia potrei avere? Poi le nostre vite si sono
separate, le nostre strade pure, per sua scelta, eventuali pentimenti non
mi interessano.
Ringrazio gli amici e le amiche del blog che in chat mi hanno subito
dimostrato la loro amicizia ed affetto sostenendomi e dandomi consigli,
domenica vi ringraziero di persona.
Vi terro’ aggiornati, a presto.

LUGLIO 12, 2014
CAROLINA
PER BUDDY, ULTIMO SUO POST (al quale non c’è “”): spero che
vederla coabitandoci, anche se per poco, non ti faccia male. Io penso che
ricorrere alla persona che hai lasciato, per questioni tecnico-logistiche,
sia veramente pessimo. Io, fossi in te, le direi di no, che non ti senti e
soprattutto non ti sembra una cosa da chiedere. Lei non ci rimette nulla,
tu corri il rischio di indietreggiare e non di poco. Se è solo una soluzione
di comodo, che se ne trovi un’altra. Se ha dubbi ed è per sondare, che
faccia luce in se stessa prima di tutto, non si possono fare “prove” sulla
pelle degli altri, specie se questa pelle è molto delicata. Insomma, c’è un
limite a tutto! Ma non ha davvero altre soluzioni temporanee?

LUGLIO 12, 2014
LUDOV
sono d’accordissimo con te, anchio ho provato queste cose..

LUGLIO 14, 2014
IRISS
Ciao carolina,
sai che anche il mio ex, da quando mi ha lasciata, lui con la frase “non ti
amo più, non so perché sia successo e quando, ma è così” (da un
momento all’altro, e le cose, almeno secondo me, andavano bene), ogni
tanto si fa sentire con un messaggio “come stai? Tutto bene?”.
Tutte le volte che leggo ste cose d’istinto mi verrebbe da scrivere “ma
secondo te come cavolo devo stare brutto cretino che non sei altro?
Posso stare mai bene secondo te? Non mi hai dato nessuna spiegazione
e sei uscito dalla mia vita! Parlavamo di matrimonio e te ne sei uscito con
“non ti amo più””. Ma poi cerco di calmarmi e mi limito a rispondere con
un semplice “tutto bene, grazie!”. E non vi dico come sto dopo. L’ultima
volta, invece, ho fatto lo sbaglio di rispondere in modo sincero, ovvero
dire che stavo male, che ero triste, che sentivo la mancanza di ogni
piccola cosa. Lui se ne è uscito con un “mi manchi anche tu” “mi dispiace
che stai così”, stavo continuando a dire altro, mi ha stoppata dicendo “il
vaso rotto comunque non si può più riaggiustare, scusa se ti ho
disturbato, non lo farò più”. Io mi sono sono rovinata la serata e la notte.
Non ci crederete il giorno dopo un “come stai oggi?”. Ma scherziamo, ma
a loro cosa passa per la testa?. Cosa pensano, che uno stato del genere
sia come un mal di gola, oggi stai male e domani meglio??? Ma cosa
hanno in testa??? Da allora ho deciso, che devo trovare la forza nè di
insultarlo e tantomeno di rispondere. E’ difficile perché vorrei tanto
parlare con lui, confidarmi con lui come facevo prima, ma mi accorgo
anche che lui non è più la persona che avevo affianco, e questa realtà fa
tanto male e mi fa sentire ancora più triste, sola e anche arrabbiata.

LUGLIO 12, 2014
FABRIZIO MAGNO
Daniela in che senso?
o
LUGLIO 14, 2014
IRISS
Grazie per la tua testimonianza Fabrizio!
Spero possa accadere anche a tutti noi di stare presto bene, in primis con noi stessi.
Si perché la difficoltà più grande in questo momento, almeno per me è così, è stare
soli. Soli non perché non abbiamo un nuovo amore, ma soli nel senso che spesso e
volentieri mi capita di farmi domande, che a suo tempo avevo fatto a lui e da cui non
avevo avuto risposte, e darmi risposte da sola. Sola nel dover affrontare la tristezza,
l’infelicità dopo l’”abbandono”, la rabbia che spesso e volentieri sale su.
Mi sembra di essere entrata dentro a una nuvola nera che mi segue in ogni piccolo
movimento. Non riesco più a essere realmente felice. Mi manca sorridere. Mi
mancano tante piccole cose di me che non so dove siano finite.
E nonostante tutto io in questo periodo sento terribilmente la sua mancanza. Forse
perché con lui, che è andato via, ho perso anche la parte migliore di me. Sono
insofferente verso le persone o verso chi noto che forse cerca di avvicinarsi un po’
troppo, soprattutto se fa parte del mondo maschile.
Scusate lo sfogo.
Un abbraccio a tutti.

LUGLIO 14, 2014
FABRIZIO MAGNO
Ciao Iriss, alcune volte penso che come ho vissuto tanti anni prima di conoscere
lei continuerò a farlo ora che non c e più… chiamala se vuoi l’arte di
sopravvivere…
Dobbiamo solo essere fortunati a trovare una persona giusta, nel mio caso spero
di trovare una persona intelligente no colta ma ripeto intelligente … che sappia
apprezzare quello che ha … che sappia cosa vuole dalla vita … di solito una
persona intelligente ha anche carattere… e se ti deve lasciare ti ringrazia, ti
chiede perdono e lo fa… non inventa mille scuse e non va a prendere argomenti
di anni fa…
Credo che il mondo sia pieno di queste persone il problema è trovarci nel punto e
nel momento giusto…
Come già scritto nell’altro post da questa esperienza negativa capisco un po’
meglio chi ho davanti… e questa volta minimizzo più alcuni difetti… e
sinceramente mi sto trovando bene…
La parte migliore di te che dici di aver perso deve solo essere riattivata da un altro
canale che secondo me può essere un uomo o una cosa… perché alla fine i
sentimenti che provavi per lui erano già dentro di te, quindi sei tu che riesci a
crearli così intensi e belli… lui te li faceva espandere… non so se mi sono riuscito
a spiegare…
ciao
•
LUGLIO 9, 2014
RAIN
Ciao a tutti! Non riesco a seguirvi quotidianamente ma ci sono anche io. Che dire, i giorni
passano, ma il dolore, la tristezza e la rabbia no. Vivo a corrente alternata, in alcuni
momenti mi sento positivo, forte e con speranza per il futuro, in altri mi viene solo voglia di
lasciarmi andare, di scappare, il più lontano possibile.
Lavorare insieme è davvero dura, vedermela davanti tutti i giorni, vedere che è più curata,
che si trucca di più, che è più bella! Poi da poco so che si vede con un tizio, e questo mi fa
uscire di testa. Quando esce per telefonargli, vedere che è serena, felice…..
Anche in questo caso va a giornate, alcuni momenti penso: ok fanculo, mi hai tradito,
trattato come una pezza da piedi dopo 15 anni insieme, goditi la tua fantastica nuova vita
con questo tipo con la faccia da triglia che sembra appena uscito dal museo degli orrori,
per poi sprofondare nel buio angosciante, e mi sale una rabbia che mi verrebbe voglia di
scuoterla e guardarla negli occhi per capire se davvero è in grado di intendere quello che
sta facendo. Probabilmente lei si…..
Io ci sto provando ragazzi, le ho provate tutte! Dopo un periodo iniziale di disperazione
durato relativamente poco, ho iniziato a di uscire, ho conosciuto diverse persone con cui
ho tirato a fare l’alba in compagnia di diversi drink, si mi sono anche devastato parecchi
per non pensare, per alleviare il dolore, ma il giorno dopo stavo peggio di prima. Mi
frequento con una donna, molto simpatica e travolgente, che non riesco proprio a capire
cosa abbia visto in me adesso, un uomo alla deriva , ma…….niente non serve, nei suoi
occhi non riconosco quelli di Lei. Ho riscoperto vecchie passioni, quella per la musica che
avevo abbandonato da diversi anni, corro, leggo….Agire, fare, impegnare il tempo, è vero
aiuta…….
Ci sto provando ragazzi, sono stato lontano da lei alcuni giorni e devo dire che è stato
positivo, ho pensato a lei davvero in poche circostanze e mi sentivo meglio. Ma poi
rivederla fa male, mi accorgo che cerco di apparire ai suoi occhi diverso, che cerco di
riconquistarla. Perché si mi manca, vorrei provare a riparlarle, a capire se davvero a
distanza di due mesi è tutto finito, se non prova più niente per me, se le sono indifferente,
cosa ha trovato di meglio in quel tizio. Molto probabilmente non servirebbe a niente, ma se
invece aspettasse una mia reazione? Lo so che non è così….Ma voi provereste?
Oggi si capisce che mi è salita una carogna non da poco, sono uscito a farmi un giro, ma
niente, non passa. Oggi è così. Poi capite è davanti a me, sorride, è contenta, si comporta
nei miei confronti come se nulla fosse successo. Peccato che manchino alcune
cose…..forse solo a me!
Così è dura, sono sicuro che se non l’avessi più vista ora starei decisamente meglio, che
avrei la testa più libera, rivolta versi nuovi obiettivi, ma come fare! Ora come ora rimettermi
in gioco anche col lavoro non ce la faccio, ma forse dovrei, forse è l’unica mossa
possibile…..
Scusate lo sfogo, ora sto meglio
Un abbraccio
o
LUGLIO 9, 2014
DANIELA
Ciao Rain sono Daniela capisco benissimo il tuo stato stessa situescion 18 anni
un’azienda importante insieme mollata dal’ oggi al domani premetto che sono recidiva
siamo Dirigenti Commerciali sicché fianco a fianco di conseguenza strapreso dalla
storia assisto giornalmente al suo amoreggiare a telefono lascio a te le considerazioni.
Un abbraccio Daniela

LUGLIO 9, 2014
RAIN
Ciao Daniela, io non so te come fai, ma a me in certi momenti inizia a salirmi dal
basso un nervoso che rischia davvero di farmi esplodere. Per fortuna che il mio
lavoro mi permette anche di uscire dall’ufficio e quindi di poter staccare un attimo,
altrimenti non saprei proprio come sbollire…
Credo che questa sia per noi una prova davvero molto difficile vista la situazione
e che quando ci sarà passata avremo una corazza talmente dura che a confronto
Robocop ce fa na pippa!
Comunque appena ricomincio a pensarci……che tristezza!

LUGLIO 13, 2014
CAROLINA
Ciao Rain, come va?

LUGLIO 10, 2014
CAROLINA
Certo che però questo tuo ex, Daniela… Ma non può proprio astenersi, a così
poco tempo dalla separazione, di comportarsi come se tutto fosse “normale”?
Insomma, amoreggiare al telefono, rappresentare entusiasmo da tutti i pori… E’
vero che, se siamo costretti a vedere per forza l’ex, stiamo lì a osservare con
antenne e qualsiasi cosa faccia è per noi una prova del disamore, una pugnalata
(anche se magari almeno un minimo di discrezione la usa, però noi stiamo lì a
notare tutto, non possiamo evitarlo), ma da come racconti tu lui proprio esibisce,
proprio non si pone il minimo problema, come se non si dovesse un minimo di
rispetto anche se ormai si è chiuso e si è felicemente innamorati altrove. In
generale, penso che è necessario per noi delusi staccare completamente e,
quindi, smettere di avere delle aspettative di qualsiasi genere su chi ci ha lasciati,
che certo non avrà le accortezze che nella maggior parte dei casi aveva smesso
di avere anche prima della separazione, ma in questo caso, dovendo lavorare
insieme, se lui è così eclatante forse sarebbe legittimo chiedere decenza, ai fini
dell’andamento del lavoro se non altro. Almeno a questo sarà interessato, o no?

LUGLIO 10, 2014
DANIELA
è proprio un cafone, ma ti dirò tutto ciò mi sta aiutando a capire come facevo
a stare con una merda così scusa la frase
un grande abbraccio a tutti i cuori infranti
Daniela

LUGLIO 10, 2014
CAROLINA
Beh, se questo ti aiuta a fronteggiare la separazione, se capire che è un
cafone totale ti aiuta a rimpiangerlo meno, è un punto a favore del
processo di distacco. Del resto, è necessario che tu li trovi questi punti,
essendo nella condizione di non poter fare a meno di vederlo.

LUGLIO 11, 2014
RAIN
Purtroppo quando certi sentimenti vengono a mancare sembra che venga
meno anche il rispetto e la sensibilità….
o
LUGLIO 9, 2014
BILLY
Rain,mi sembra tu stia gia’ facendo quello che bisognerebbe fare:impegnare il proprio
tempo,coltivare le proprie passioni,frequenetare amicizie…..Non spaventarti per cio’
che stai provando e vivendo,la botta e’ arrivata ed e’ arrivata anche bella forte e tra l
‘altro due mesi sono veramente pochi.Non credo che lei adesso sia bella serena e
felice nella sua nuova storia,spesso ci autoilludiamo o ci costruiamo delle situazioni
che ci calzano a pennello ma che non sono effettivamente reali,solo per difenderci.Ma
non mi interesserei di questo Rain,queste sono cose che riguardano lei,tu hai tanto da
fare ed hai bisogno di tante energie per te.Ti sconsiglio vivamente di andare a parlare
con lei,andresti incontro solo a sofferenza e mortificazione.State vivendo la stessa
situazione ma su due piani completamente diversi,impossibile trovare un punto
d’incontro ch possa essere utile a qualcosa in questo momento.Stai tranquillo Rain
che le cose si sistemano,ma occorre tempo,ci sono tempi di attesa che vanno
rispettati,parlare e vole capire per forza a caldo crea solo confusione.Pensa a te,fai
qualsiasi cosa pensi ti possa far star bene anche se solo per un minuto,soffri senza
paura con la consapevolezza che il dolore passera’ e senz altro alla fine ci sara’
qualcosa di bello ad aspettarti,se c’e’ da mangiare merda,mangia merda,quando ne
sarai fuori sarai forte e orgoglioso di essere riuscito a fare anche quello pur di
salvarti.PENSA A TE RAIN

LUGLIO 9, 2014
RAIN
Ciao Billy, ciao Carolina, grazie per i vostri pensieri. Oggi è stata una giornata no,
ma leggervi mi è stato di grande conforto credetemi!
Farò come dite voi ed eviterò l’argomento.
Teniamo duro!
Un grosso abbraccio a tutti
o
LUGLIO 9, 2014
CAROLINA
Ciao Rain,
l’altalena di momenti (o giorni) in cui ci si sente più forti a momenti in cui si ricade
sonoramente a terra è del tutto normale, accade anche a me, accade penso a ognuno
di noi. A volte, pur stando male, è come se si avvertisse una speranza, in altre sembra
tutto impossibile da superare, come una condanna eterna. E’ uno strazio emotivo che
stanca molto, ma appunto a un certo punto probabilmente saremo anche stanchi di
soffrire così tanto, io penso che c’è anche una reazione biologica di
autoconservazione di specie che interviene! Anche io non ti consiglio di andarle a
parlare di nuovo. Che coloro che ci hanno lasciati aspettino una nostra mossa è un
pensiero del tutto privo di senso, se ci pensi bene. Se ci avessero ripensato,
correrebbero a parlarci, com’è normale che sia: in primis perché sono stati loro ad
agire, e poi perché tanta sarebbe la paura che ci stiamo allontanando a nostra volta
da far dimenticare subito le strategie. Io me lo sono fatto dire almeno 3 volte che era
finita. Non ti consiglio di provare questa sensazione. E’ umiliante, e riapre la ferita
come poche cose. Ricominci daccapo, come fosse accaduto un minuto prima.
Una nuova donna che si interessa a te… certo non serve a ritrovare lei, ma che tu
possa apparire interessante agli occhi di qualcuno (nonostante la sofferenza) eccome
se ti serve, ti aiuta nell’autostima, perché è da lì che occorre ricominciare. Non sarà la
seconda donna della tua vita, non te la dovrai sposare, ma ti aiuta un pochino a
recuperare forze e traghettarti altrove. L’importante è essere onesti, non promettere
mari e monti, perché i sentimenti delle persone contano, non conta solo il nostro
dolore per quanto terribile. Perciò coraggio, già hai la spinta a uscire, a conoscere
altre persone, la fase di disperazione dici che ti è durata relativamente poco, ora c’è la
rabbia che è normale anch’essa. Già stai percorrendo una tua via.
Un abbraccio.

LUGLIO 9, 2014
RAIN
Ciao Carolina,
a questa donna ho spiegato da subito la mia situazione e quello che poteva
aspettarsi da me in questo momento. Sicuramente ad oggi non sono mentalmente
pronto per buttarmi in una relazione che abbia un certo coinvolgimento emotivo, e
non so ahimè tra quanto lo sarò…
Aiuta per l’autostima è vero, soprattutto dopo che ti è crollata miseramente sotto i
piedi nel peggiore dei modi.
o
LUGLIO 9, 2014
LUDOV
ciao rain, mi spiace, mi sa che mi ritengo fortunato che non la vedo e sento. da un po
di giorni che non scrivevo sul blog, sono passato a salutare tutti voi. Sono talmente
stanco fisica_mentalmente e provato che sono cosi felice di non aver un briciolo di
energia per poter andar in ansia. Ciao a tutti

LUGLIO 10, 2014
RAIN
Ciao Ludov, sicuramente è più facile senza vedersi e parlarsi, me ne accordo
quando le sto lontano per qualche giorno. Ti dirò anche che questa situazione ha
del surreale, visto che in certi momenti sembra ritornata l’atmosfera di qualche
tempo fa, distesa e a tratti gioiosa. Si, riesco anche a scherzarci su con lei, per poi
ripiombare momenti dopo nella tristezza più cupa….. spero proprio che questo
non destabilizzi ulteriormente il mio già fragile equilibrio mentale!
Ciao

LUGLIO 10, 2014
CAROLINA
E’ successo anche a me. Per 5 mesi abbiamo continuato a percorrere gli
stessi ambienti di prima (una realtà associativa, da giugno ho dovuto
staccarmene, con molto dolore aggiuntivo perché ci tenevo
indipendentemente da lui), e incredibilmente, paradossalmente, anche io
come te riuscivo in certi momenti anche a fare battute con lui, a scherzarci su,
e io più di lui (che di scherzare, in generale, non è che abbia avuto mai molta
voglia). Anche adesso, quando mi manda qualche sms per questioni
“tecniche” di separazione, spesso rispondo aggiungendo qualche battuta. Mi
viene così, da fronteggiare la sua serietà (e il suo tono drammatico, come se
fosse stato lui ad essere piantato) con un’ironia che non so da dove
esattamente mi sgorghi. Mi sono spesso interrogata su questa cosa. Mi è
venuto il dubbio che, come dice la mia terapeuta (per altre cose, di questo
aspetto non le ho ancora parlato), io ancora oggi cerchi così di “proteggerlo”
come una mamma, sdrammatizzando la situazione, dimenticando il mio
dolore, mettendolo in subordine. Oppure, mi viene il dubbio che sia un mezzo
subdolo e meschino del mio inconscio per apparire ai suoi occhi “leggera” e
appetibile. Ma poi mi dico anche che questa mia ironia assomiglia più al
sarcasmo, perché scherzare con naturalezza non si può quando ci sono in
ballo troppe verità, e sono anche contenta dell’imbarazzo di fondo che questo
gli causa, perché non è abituato a ridere, meno che mai di se stesso. E, mi
dico anche che in fondo recupero un pezzo di me stessa, che sono sempre
stata una persona con spirito comico, che solo con lui mi è venuto meno.
Insomma, mi viene da pensare che nella lontananza e addirittura nel dolore
anche si recupera qualcosa di se stessi che credevamo di aver perso,o che
avevamo dimenticato di possedere. Non so perché faccio battute con lui, e
non so neanche se davvero servono a sdrammatizzare. E vero è che sono
frammiste a tanto tanto dolore, a tanta amarezza. Ma, per quel che mi
riguarda, è ciò che anche mi viene su (oltre al dolore), e sono stanca di
preoccuparmi di ciò che è bene e ciò che è male, di ciò che serve e ciò che
non serve, in una parola: di lui, dell’effetto che fanno le cose su di lui,
dell’effetto che lui ha su di me.

LUGLIO 10, 2014
RAIN
Sai Carolina, io è da poco che ho iniziato ad avere questo atteggiamento.
Prima le poche volte che riuscivo ad andare in ufficio avevo dei musi che
puoi immaginare, e anche lei di conseguenza era tesa, mi parlava il meno
possibile per evitare mie scenate che, inevitabilmente, tanto poi si
scatenavano. Ho capito che questo atteggiamento non serviva e che, né
mi avrebbe fatto stare meglio, né le avrebbe fatto cambiare idea sulle
dinamiche/cause della nostra separazione. Quindi una volta recuperati
alcuni cocci, ho semplicemente deciso di scherzare con lei, anche se,
come dici tu, si tratta più di sarcasmo che ironia, e questo al momento un
po’ mi aiuta a migliorare l’umore, a rendere le giornate meno pesanti.
Qual’è il mio scopo? Forse è quello riabilitarmi ai suoi occhi, di farmi
vedere in modo diverso, più brillante, più forte. Per ottenere cosa? Beh
credo fondamentalmente che mi piacerebbe vedere qualche segno di
indecisione, qualcosa che le faccia riconsiderare le sue scelte per poi
togliermi io delle soddisfazioni, o forse per farle capire che la persona che
ha lasciato può e vuole essere una persona nuova, migliore.
Si, a questo sto lavorando, cercare di essere migliore, per me stesso e
per i miei futuri rapporti.
Poi Carolina, anche io sono stanco di pensare al passato, di quello che è
stato, di quale sia il modo migliore per rapportarmi a lei, tanto ormai le
nostre strade si sono divise.

LUGLIO 10, 2014
CAROLINA
In riferimento alla tua ultima risposta (sulla quale non vedo l’opzione “”), fai
attenzione però a che la tua ironia o sarcasmo non sia troppo orientata ad
ottenere un effetto su di lei, perché ben presto si trasformerebbe da una
forma liberatoria a un elemento di ulteriore incastro e poi, inevitabilmente, di
delusione (perché difficilmente otteniamo effetti con le nostre azioni, questi se
ne sono andati e soltanto un loro processo interiore potrebbe spingerli a fare
un passo indietro). Come recitano bene i 10 punti, NOI NON POSSIAMO PIU’
FARE NULLA, tutto ciò che li riguarda ora è la loro strada e basta.
Anche io ho nutrito, e ancora nutro, falso non ammetterlo, sentimenti di
rivalsa. L’idea che di fronte a lui che torna in ginocchio io gli dica “no grazie”,
“hai perduto la tua occasione”, and similar, ma sono favole che ci
raccontiamo, se pensiamo questo siamo ancora al punto che, se tornassero,
in verità ce li riprenderemmo indietro, e magari pure senza paletti, così come
sono e hanno dimostrato di essere. No, non alimentiamo questi pensieri. Io
davvero, razionalmente, non vorrei più avere al mio fianco un uomo così poco
attento alla mia integrità emotiva (per vari motivi che ho già ampiamente
raccontato in precedenti post e che ora non ripeto), ma se così veramente è,
l’unica cosa che, coerentemente, dovrei sperare è che non ci ripensi mai a
tornare indietro. Quando avrò raggiunto questa dimensione psicologica, oltre
che razionale, potrò dire che una bella tappa è stata segnata. Penso di starmi
indirizzando lì, anche se è ancora lontano. E comunque non vederlo mi aiuta,
anche a non alimentare sentimenti di rabbia che sono anche legittimi, ma se
molto forti mi fanno perdere la lucidità su me stessa, e sulla mia parte di
responsabilità in tutta questa vicenda di relazione.

LUGLIO 11, 2014
RAIN
Ciao Carolina, la tua è un’analisi molto lucida….solo che la razionalità
ogni tanto durante queste 8-9 ore va a farsi un giro e mi abbandona tra
ricordi, sentimenti e false speranze.
La strada sarà ancora lunga e dolorosa….

LUGLIO 11, 2014
CAROLINA
Ciao Rain, la razionalità non solo va a farsi un giro, io direi che va proprio in
vacanza! Però, sono convinta che quello che razionalizziamo adesso prima o
poi ci aiuterà. Per ora non serve quasi a nulla, ci sembra di stare sempre allo
stesso punto, perché la nostra anima è in ostaggio, ma quando reagirà e
pretenderà degli spazi sempre maggiori di libertà, e si troverà sbandata a
dover seguire una propria strada che non contempla più in alcun modo chi se
n’è andato da tempo, sono convinta che aver disciplinato un po’ i pensieri ci
sarà di sostegno. Come se avessimo messo in memoria una rotta che, agli
inizi, non abbiamo potuto seguire, ma che poi ci tornerà utile quando saremo
in condizioni di agire più liberamente.
Oggi ho incontrato una persona che ha avuto questo percorso: dopo 27 anni
di legame e matrimonio, 2 figlie di circa 20 anni, è stata lasciata per un’altra
persona, di botto, dall’oggi al domani, senza aver colto apparenti segni di crisi
significativi nella relazione. Questo succedeva 3 anni fa. Ora, nei primi due
anni ha apparentemente retto, poi, da 1 anno a questa parte, è caduta in una
grave forma di depressione. Dopo due anni! E giù terapie e lacrime e farmaci.
Confesso che questo racconto mi ha sulle prime terrorizzato, la prospettiva è
terrificante. Poi, però, parlandoci bene, mi ha detto che per i primi due anni è
stata abbastanza “intontita”. Non usciva molto di casa. Le sue reazioni
emotive non è che fossero molto vive, era solo molto incazzata. Non è che
ragionasse molto su se stessa. In breve, secondo me rifiutava la sofferenza in
sé, che poi è esplosa, e a prezzi di inflazione. Questo significa, a giudicare
dalla sua esperienza, per quanto le generalizzazioni sono sempre un po’
rischiose, che la rabbia, da sola, non ci porta molto lontano. Che è uno dei
sentimenti che qualificano il dolore, insieme alla tristezza, alla nostalgia, alla
mancanza, ma se è prevalente, se è pervasiva, non ci aiuta a recuperare le
forze interiori che ci servono nella ricostruzione di un cammino che è solo
nostro. Perché proietta le responsabilità solo all’esterno di noi. E perché la
rabbia, per dirla con Seneca, distrugge chi la prova, difficilmente coloro verso
i quali è diretta, specie se non abbiamo più legami e, dunque, forme di potere
da utilizzare su di loro.
Secondo me, il cammino intrapreso da noi è quello corretto: ammettere la
propria sofferenza, cercare il conforto degli altri, nutrirsi dell’esperienza altrui,
guardare le reazioni degli altri come fossero uno specchio di noi stessi, e via
via, pian piano, aggiustare il tiro.

LUGLIO 10, 2014
CAROLINA
Sì, Ludov, sei fortunato. Bene che non stai provando l’ansia, tra tutti gli stati
psichici è secondo me fra i peggiori, perché è spavento e tormento insieme, è più
del dolore e assomiglia alla disperazione, o porta verso di essa. Anche io è da
qualche tempo che non ho più ansia, sofferenza molta ma non ansia, anche se
sto da sola a casa (prima, era il momento peggiore, fuggivo letteralmente da casa,
con grossa ripercussione non solo sulla condizione della casa ma anche dei miei
due cani che stavano sbarellando appresso a me). Fondamentale è darsi obiettivi
operativi, anche in casa: es. sistemare, cambiare disposizione dei mobili, curare le
piante se ci sono, cose così. Io ho eliminato la televisione (alla quale, nei momenti
in cui mi toccava stare in casa, buttata sul letto, mi attaccavo, senza riuscire a
seguire nulla e risolvendomi ad uno zapping disperato), preferisco fare cose che
mi tengano più impegnata fisicamente, e ho riscoperto il piacere di leggere (con i
libri, lo zapping non si può fare, o leggi o non leggi!).
o
LUGLIO 10, 2014
BUDDY
Rain, la tua situazione è purtroppo molto complicata, per mia fortuna con la mia ex
non ci lavoro insieme e quindi non ho contatti, certo tra di voi vi possono essere
momenti “sereni”, avete condiviso molti anni della vostra vita, qualcosa vorrà pur dire,
vi è per forza di cose conoscenza reciproca, intimità, ecc, era capitato anche a me
dopo che la nostra relazione era finita di incontrarla per alcune questioni comuni,
sembrava quasi una situazione normale, ma cosi non era, dato che al ritorno le strade
si dividevano, era solo un’illusione.
Dopo le polemiche sorte per la nascita della chat su WA non intendo pubblicizzarla o
altro (come se ci guadagnassimo qualcosa, oltre all’amicizia ed al conforto di persone
in una situazione analoga alla nostra) ma ci tengo a dire che la vicinanza, anche solo
virtuale, di persone amiche è di aiuto, poi dobbiamo percorrere ognuno di noi la strada
che riterremo opportuna.
Per Daniela e tutti gli altri amci del blog, purtroppo non sempre possiamo aspettarci da
chi ha avuto l’insensibilità di lasciarci di trattarci ora con sensibilità, quindi come dice
anche Carolina, se non la capisce da solo, farglielo presente che il suo modo di fare è
assolutamente intollerabile.
o
LUGLIO 28, 2014
DANIELA
Rain chi meglio di me ti capisce io sono nella tua stessa situazione lavoriamo insieme
lo vedo che manda i messaggini a l’altra giovedi l’ho visto tutto intento a prepararsi i
caschi per andare con la moto nei posti dove dovevamo andare noi.
Ho pianto due giorni poi sai insieme al quelli del gruppo di WA mi hanno tirato su dai
unisciti a noi
cosi oltre che in questo splendido Blog possiamo in tempo reale darci una mano
un abbraccio
Daniela
•
LUGLIO 8, 2014
ALESSIO
Ciao a tutti..
Avevo visto questo blog qualche mese fa, colto dalla disperazione per la fine della storia
con la mia ormai ex fidanzata.
5 anni di storia, di cui uno di convivenza. 4 anni bellissimi, un amore spassionato e pieno
di vita..poi la convivenza..all’inizio, la novità e quindi tutto rose e fiori..poi il passare del
tempo e le diverse abitudini, ha messo in risalto i “problemi” che vi erano tra noi. Il
rapporto è andato un po’ in crisi, lei zero attenzioni nei miei confronti, io poche attenzioni a
lei (forse anche perché viste le sue mancanze cercavo attenzioni altrove..pur non cedendo
mai…o quasi) e alla fine, dopo l’ennesima discussione seguita da giorni di silenzi, l’8
marzo, a sentirmi dire che lei non era più innamorata di me, ho fatto le valigie e me ne
sono andato.
Ora, sono passati 4 mesi oggi, e non riesco ancora a capire come sto.
In questi mesi, nonostante io abbia avuto momenti di “ALTI”, sono arrivati anche alcuni
momenti di “BASSI”, dove ho provato a riallacciare i rapporti con lei.
Lei però ha sempre risposto che non era più innamorata, che per me provava solo affetto
e pensava a noi due solo come un bel ricordo.
All’ennesimo “rifiuto” ho deciso di tagliare completamente i ponti.
Ora è un’altra donna. L’ho conosciuta 5 anni fa con seri problemi alimentari, che ha
superato anche grazie a me, alla mia presenza e al mio aiuto..amante della corsa (andava
TUTTI i giorni), riservata nelle sue cose e poco “esibizionista”, con poche amiche e
amante della vita “casalinga” (…alle 22.00 andava a dormire quando vivevamo insieme!!!!)
Negli ultimi mesi di convivenza aveva iniziato palestra (anche su mio consiglio), per avere
altro al di fuori del lavoro e di me.
E così, piano piano, ha iniziato a frequentare questa palestra..che ora è diventata
un’ossessione. La corsa (sua grande passione da sempre) abbandonata perché “va
contro” la palestra per chi vuole diventare “muscolosa”..foto del profilo su fb con i bicipiti
“in tiro”, foto del profilo di lei in spiaggia dove praticamente fa vedere il culo..a quanto so
sta in giro fino tardi la sera..n
Una persona COMPLETAMENTE DIVERSA dalla persona che ho conosciuto.
Se pensate che le poche volte che ci siamo visti per parlare in questi mesi non faceva altro
che mostrarmi la sua schiena “muscolosa”…..potete capire cosa posso pensare io di lei in
questo momento.
Lei, nonostante la promessa di dirci dell’entrata di terze persone nella nostra vita, si sta
“frequentando” con un ragazzo. Ovviamente un ragazzo palestrato, malato di “dieta e
palestra”, proprio come lei.
Abbiamo litigato per questo motivo, lei continua a negare ma io so benissimo che si
vedono/scopano..non so se sia solo un “trombamico” o se ci sia di più, ma cambia poco la
musica.
Lei nega, o meglio, cerca di nascondere.
Io in questi mesi ho provato a farmi la mia vita, e posso dire di aver riscoperto un me che
mi piace un sacco, per alcuni lati.
Ho ritrovato alcuni amici, riscoperto nuove passioni, conosciuto un sacco di gente, tra cui
ovviamente un sacco di ragazze. Non è presunzione o che, ma mi ritengo un bel ragazzo
e a dire il vero non ho fatto nessuna fatica a trovare altre donne, con cui passare
serate/nottate. Ma a nessuna di queste purtroppo riesco a legarmi più di tanto. Quella con
cui mi trovo meglio e che forse potrebbe darmi quello di cui ho bisogno abita a 100 km da
casa mia..
Ma quello che mi fa incazzare è il perché io sia ancora infastidito al pensiero della mia ex
con un altro. Io non ho la più pallida idea di cosa provo per lei. Non sono innamorato. Non
voglio tornare con lei, soprattutto ora che lei si sta comportando così e per il fatto che lei
abbia fatto l’amore con un altro. Non credo riuscirò mai a passarci sopra, quindi di
conseguenza per me il capitolo è chiuso. O meglio, per riaprirlo dovrebbe LEI fare un
sacco di fatica per riconquistarmi. Ma perché sto ancora male per lei se la penso così? Io
non la vorrei ora, per i motivi sopra descritti, ma mi fa imbestialire vederla con un altro e
vedere che è completamente un’altra persona rispetto a quella che ho conosciuto io 5 anni
fa. Con chi sono stato insieme io per 5 anni? Che spiegazione si può dare a un
cambiamento così radicale?
Sto iniziando ad odiarla. Sia per il fatto che dopo 4 mesi abbia già un altro (che sia solo
sesso o altro cambia poco) sia per il fatto che io non riesco a legarmi ad altre finchè c’è lei
che mi “tormenta”. Temo “farà la fine” della mia “ex ex”.
Mese scorso mi sono riavvicinato alla mia ex storica..con cui ho passato 6 anni, prima di
trovare la mia ultima storia diciamo..ho sempre saputo che lei infondo non mi aveva mai
dimenticato, nonostante fosse stata lei a lasciarmi e farmi soffrire come non mai..
Qualche messaggio, un pranzo da lei, un incontro in un locale un po’ ubriachi, e l’invito a
casa sua per “finire” la serata. E così è stato. Non immaginate la soddisfazione di fare
sesso con lei e non provare NESSUNA emozione che non fosse il semplice piacere fisico,
mentre dall’altra parte c’era qualcosa di più che una semplice attrazione fisica. Dopo 5
anni mi sono preso la mia “rivincita” per quanto mi ha fatto stare male 5 anni prima.
Prima o poi sogno di prendermi la rivincita anche con la persona che ora mi sta
“tormentando” l’esistenza..ma per il momento l’unica cosa che vorrei sarebbe quella di
capire il perché di un cambiamento così radicale e soprattutto vorrei sparisse dalla mia
testa DEFINITIVAMENTE.
Facile, no? :-(
o
LUGLIO 8, 2014
ART
Ciao Alessio
Provo a dirti la mia.
Anzitutto le cose importanti: perchè pensi ancora a lei? A mio parere quando facciamo
finire o subiamo la fine di una storia, fin quando il nostro cuore non si riempie di altro,
è sempre all’ultima che facciamo riferimento (almeno, questa è la tendenza che ho
riscontrato non solo nella mia esperienza ma anche in quella di altre persone)…
insomma, il vero status di “single” è difficile da raggiungere perchè presuppone il non
sentirsi legati a nessuno… dopo 4 mesi sarebbe strano se tu ti sentissi già libero
quindi io non mi preoccuperei.
In secondo luogo questa donna ti deve sicuramente qualcosa, l’essersi liberata da
alcuni problemi, l’aver scoperto come prendersi cura del suo corpo etc etc… poi
ognuno prende le cose a modo suo, da te ha avuto la spinta iniziale, poi naturalmente
ha preso le cose secondo il suo modo d’essere… so cosa significa trovarsi nella
condizione di pensare: dopo quello che ho fatto, mi ha mandato a quel paese e si è
fatta una nuova vita; purtroppo le persone fanno le loro scelte e certamente non
possono esserci grate per quello che abbiamo dato loro stando con noi a vita, credo
che tu ne convenga quindi… amen, ciò che è stato è stato, buon per lei se grazie a te
è rinata, buon per te se adesso hai la possibilità di trovare qualcuno a te più affine…
lascia perdere chi è diventata, con chi se la fa e tutto il resto… certe cose vanno
messe di lato perchè siamo fatti per guardare avanti… a me piace sempre pensare
che quando perdiamo una persona in realtà guadagniamo un’opportunità, quella di
poterci riprovare … pensa che tristezza vivere tutta la vita accanto ad una che sta con
te solo per abitudine o perchè non ha trovato nessun altro :))) Un forte abbraccio e a
presto

LUGLIO 9, 2014
ALESSIO
Ciao Art,
ti ringrazio intanto per la risposta.
Quello che dici è, fondamentalmente, quello che penso anche io. Non pretendo
certo che una persona stia con me solo perchè io l’ho aiutata in passato. Questo
no. Il brutto è che con i suoi atteggiamenti mi sta quasi facendo “pentire” di
essermi comportato così con lei..purtroppo il pensiero che mi passa per la testa
ora, è di aver SOLO perso tempo con lei. Ed è bruttissimo per quello che è stato il
nostro amore.
Ora non è più amore nemmeno il mio, ne sono certo. Sia quella sensazione di
“possessione” che ovviamente non ha alcun senso, ma che fatica ad andare via
dalla mia testa.
E finchè avrò questi maledetti pensieri in testa di lei che scopa con questo qui
(vorrei tanto farvi vedere una sua foto……….) non riuscirò mai a dedicarmi al
100% a me stesso e alle persone che in questi mesi ho conosciuto e che mi
stanno dimostrando di tenere a me. E sicuramente tra queste potrebbe esserci la
persona “giusta” per me..se solo mi aprissi un pochino di più e mi lasciassi
andare. Ma è veramente difficile, non credo di essere ancora pronto, anche se la
voglia di innamorarmi e tornare ad essere felice, e soprattutto rendere felice una
donna è davvero tanta.
Il mio obiettivo è proprio quello di guardare avanti, senza però voltarmi mai più.
Cosa che purtroppo ogni tanto mi capita ancora, pur essendo consapevole di non
volere questa persona al mio fianco.
Non credo in un suo ritorno, se la conosco bene lei è determinata nelle sue cose,
quindi non credo lei tornerà mai sui suoi passi, anche se magari, passata questa
euforia data dalla novità, magari inizierà a farsi qualche domanda.
Lei ora sta benissimo, e sono sicuro che il suo ultimo pensiero sia quello di
pensare ancora a noi.
Meglio così forse, perchè in questo momento un suo passo verso di me potrebbe
mandarmi in crisi totale.
Ci vorrà ancora un pò di tempo lo so..infondo 4 mesi è poco tempo..
Ma voglio liberarmi presto di questa sua ingombrante presenza.
•
LUGLIO 8, 2014
BILLY
Ciao White,se c’e’ una cosa che non posso sopportare e’ qualcuno che si arroghi il diritto
di dire cosa sia meglio o piu’ giusto fare a proposito di una cosa che riguardi la mia vita
privata.Sono molto contento di scrivere in questo blog alla quale sono grato per avermi
aiutato in momenti difficili.Detto cio’,io gli affari miei li scrivo e li condivido qui e dove cazzo
mi pare a me.Se ti interessano me lo chiedi ed io condividero’ anche con te qui,su WA,
dove se vorrai sarai il benvenuto, e da qualsiasi altra parte.Diversamente non conosco la
tua di storia,come credo non la conoscano anche le altre persone che frequentano questo
blog in questi ultimi tempi.Storia che forse avresti potuto raccontarci,cosi,tanto per entrare
a far parte di un gruppo,famiglia,squadra…..chiamalo un po’ come vuoi,prima di muovere
critiche che, pur se lecite,sono completamente fuori luogo dato che,chi piu’ chi
meno,continuiamo tutti a scrivere in questo blog nonostante WA.Questo e’ un blog,un
punto d’incontro,ognuno mette se stesso come meglio puo’ e come meglio crede,non ci
sono regole,se non quelle dell’educazione e del rispetto reciproco.Nessuno ha mai firmato
un contratto di esclusiva,quindi scrivo qui quando ho voglia di scrivere qui e scrivo altrove
quando ho voglia di scrivere altrove, e se aprire o no un blog per conto mio e’ una cosa
che decido io non certo tu.Quando si entra in uno spazio comune lo si fa con
discrezione,si saluta,ci si presenta e ci si comincia a confrontare e poi,in maniera
costruttiva, anche a muovere delle critiche .Hai sbagliato la cronologia.Se vuoi riprova
perché qui sei il benvenuto.
Scusa anche tu lo sfogo,sono fatto cosi,mi accendo subito e dico cio’ che penso,ma vedrai
che e’ la strada migliore per farsi un amico.
o
LUGLIO 8, 2014
ART
Ciao Billy… permettimi di intervenire anche per moderare un pò la questione. White
non ha rimproverato nessuno nello specifico, ha fatto presente che per via del gruppo
su WA sul blog s’è fatto il deserto. Io non conosco la storia di White nè se ha risentito
specificatamente di questo “allontanamento”, mi pare che ogni qualvolta ci sia un
nuovo intervento su questa pagina, qualcuno presto o tardi risponda quindi se è vero
che ci sono meno commenti è anche vero che i nuovi vengono tutti attenzionati, alla
luce di questa realtà il blog mi sembra tutt’altro che abbandonato, al contrario è un
punto di riferimento per tutti quelli che non sanno di WA. A questo punto chiederei a
White di dire la sua perchè è vero che ognuno di noi ha la libertà di gestire le proprie
relazioni come gli pare ma è anche vero che a seguito di una delusione d’amore
possa sorgere una sensibilità particolarmente spiccata che rende facili i
fraintendimenti, specie quando la comunicazione avviene tramite questo mezzo.
Sentirsi abbandonati dal proprio partner è dura e a volte la sensazione è quella che ti
abbandoni il mondo intero… non è così ma è facile arrivare a pensarlo… White, io
sono sempre qui e così gli altri, se è stato questoil problema.
Nell’occasione volevo anche far presente che leggo sempre tutti i commenti, anche
per evitare che qualche frustrato si diverta a sparare idiozie (ogni tanto è capitato e
per fortuna è stato severamente ripreso dal suo provider), quindi da parte mia
l’attenzione è sempre massima… intervengo poco solo perchè sono fuori da quel
“tunnel” :) quindi so di non avere la giusta empatia per dare un consiglio, quindi
preferisco aspettare che risponda qualcun altro… così anche io ho detto quello che
penso.
Un saluto a tutti e grazie di tenere vivo questo spazio :)
o
LUGLIO 8, 2014
WHITE
Ciao Billy
sapevo che i miei “pensieri” piuttosto provocatori avrebbero esacerbato qualche
lettore, tuttavia mi sentivo di scriverli poiché lo spazio che c’è qui è qualcosa di
prezioso ed importante per tutti quelli che lo leggono e che – ahimé – come noi, sono
stati abbandonati.
Fermo restando che chiunque può far quello che vuole purché non leda la libertà
altrui, mi irritava il fatto di leggere messaggi qui che erano la continuazione di
conversazioni magari fatte in WA poco prima o peggio con inviti ad unirsi al gruppo di
WA. Ovvero alla fine, mere comunicazioni di servizio per distogliere da qui persone e
farle confluire nel gruppo di WA.
Ora… Siccome Nicola ha messo a disposizione questo spazio dal 2008 e i commenti
si possono tutti scaricare (sono più di 50 Mb) e leggerli è un vero toccasana per il
nostro Cuore perché nonostante passino gli anni, le dinamiche per questi accadimenti
sono purtroppo le stesse.
Il “gruppo di lavoro” quindi si succede di anno in anno o di mese in mese con uscite e
purtroppo con “nuovi arrivi” ogni settimana per cui lo trovavo un peccato che tutte
queste “forze” vengano disperse su altri canali, magari certamente più efficaci e veloci
non lo metto in dubbio, ma non più rappresentative dello spirito iniziale di questo blog
che ci ha accolti tutti e con lo spirito di quadra che ci accomuna.
Sarà che sono ancora arrabbiato che lei mi abbia mollato in quattro e quattr’otto dopo
due anni e che la stia pensando ancora nonostante qualche mese ormai, ma non
vorrei essere stato particolarmente scortese con tutti voi con elucubrazioni personali…
Per cui non me ne vogliate, vi prego.

LUGLIO 8, 2014
DANIELA
ti aspettiamo vieni anche tu WA è in più Art rimane comunque e sempre nel
nostro cuore
ciao
Dany

LUGLIO 8, 2014
ART
:) Grazie Daniela… onorato di esserci

LUGLIO 8, 2014
ART
White… condivido in pieno il tuo pensiero, piacerebbe anche a me che tutti i pezzi
di anima e cuore che volano nella chat di whatsapp possano essere archiviati
anche qui, ti ringrazio anche per esserti preoccupato di questo blog e di chi verrà
ancora a cercare conforto fra gli storici (e già, c’è davvero un bel malloppone)….
però capisci bene che è giusto per un gruppo (perchè alla fine è questo che
facciamo quando stiamo male, cerchiamo di stare insieme agli altri) decidere
autonomamente come comunicare ed in tutta franchezza ti dico che WA è
sicuramente il modo più veloce e pratico perchè il cellulare ce l’abbiamo tutti
dietro e leggere e scrivere un SMS è sicuramente più semplice che venire qui e
sfogliarsi tutta la pagina… poi se qualcuno ha voglia di scrivere un bel post su
quello che si ricava dalla condivisione su WA (col permesso di tutti si intende)…
sarò ben lieto di pubblicarlo e metterlo a disposizione.
Un forte abbraccio

LUGLIO 8, 2014
BILLY
White,io non credo affato che WA sia migliore di questo blog,penso solo che sia
diverso.WA ha di buono che da una velocita’ di contatto che e’ molto utile alle
persone che stanno vivendo la sofferenza per una separazione da poco tempo e
in questo caso succede spesso che si ha la necessita’ in un preciso istante di non
sentirsi soli.Questo nel blog non e’ possibile, perché magari scrivi un messaggio e
il confronto con un altra o piu’ persone lo hai ore dopo,se non il giorno dopo.Su
WA pero’ non hai la possibilita’ di soffermarti con calma e di approfondire alcuni
concetti utili per una necessaria crescita,tutto e’ molto veloce,le tematiche e le
opinioni spesso si accavallano e si rischia di rimanere in superficie senza un
approfondimento.Credo che siano due cose che offrono due aspetti utili.Mi sento
di dire che non e’ vero che da quando c’e’ il gruppo WA questo blog stia andando
deserto,anzi mi sembra che quando ho scritto qui la prima volta (poco prima del
15 giugno) non ci fosse quasi nessuno, e se qualcuno c’era ,ora non c’e’ piu’ e
non sta neanche nel gruppo WA.Voglio dire,non c’e’ stata una scissione da un
gruppo del blog che ha cominciato a confrontarsi su WA,ma sono sempre le
stesse che scrivono in entrambe le parti.Per quanto riguarda te,io,come penso le
altre persone,sono interessato a conoscere la tua storia e a condividere con te
pensieri e opinioni e perché no,anche ad essere d’aiuto,ma non ce l’hai
raccontata,e’ questo che e’ mancato nel tuo approccio…..tutto qui.Mi sono
infastidito perché mi e’ sembrato un approccio sbagliato,non si possono fare delle
critiche per come si fa una cosa se non si e’ portato niente per contribuire a quella
cosa…….ma insomma,credo si possa aggiustare tutto molto tranquillamente.
Ciao
Billy
o
LUGLIO 8, 2014
BUDDY
Ciao White,
alla fine siamo probabilmente andati in un certo senso fuori tema, anche se è
certamente giusto scrivere della funzione del blog e del sistema per mantenerlo vivo,
cosa che come ho già scritto abbiamo sempre tenuto in considerazione, difatti la chat
su WA è nata il 28 giugno 2014, se andiamo a vedere quanti commenti sono stati
inseriti da tale data ad oggi (credo un centinaio in circa dieci giorni), direi che la media
è molto maggiore rispetto al passato, poi giustamente non sarà solo il numero dei
commenti a contare ma anche, se non soprattutto la qualità ed esclusi i miei che non
mi permetto di autovalutare, credo che quelli di Billy, Margy, Iris, Daniela, Ludov, Pat,
ecc. (senza contare Carolina che nella chat non c’è per varie ragioni anche di tipo
tecnologico) siano di discreto valore, andrebbe inoltre aggiunto che una persona che
si è unita alla chat non era mai riuscita per problemi con lo smartphone a inserire
commenti qui, quindi leggeva ma non riusciva a comunicare noi il suo disagio, la chat
le ha permesso di superare questo problema ottenendo un certo conforto morale,
basterebbe già solo questo fatto per dire che quanto fatto è servito a qualcosa, in
realtà è servita a tutti, al sottoscritto compreso.
Come ha scritto anche il buon Billy restiamo in attesa di conoscere la tua storia, vedi
tu dove preferisci raccontarla, qui sarebbe il posto giusto, se poi vorrai continuare in
altra sede per noi va benissimo.
Credo sia chiaro a tutti che se si desidera organizzare un incontro tra varie persone
che stanno vivendo questa situazione farlo tramite WA o mail sia più semplice che
non farlo in “pubblico” qui, non mi sembra ad esempio il caso qui di lasciare indirizzi o
comunque informazioni troppo personali, poi ognuno è libero di pensarla come vuole.
Un abbraccio a tutti!
•
LUGLIO 7, 2014
DANIELA
Ciao Nicola mai è poi mai ci sogneremmo di lasciare questo stupendo blog
Riteniamo invece che possiamo arricchirlo ed aiutare le persone che hanno
immediatamente ed in tempo reale bisogno di un conforto.
Ci tenevo tanto a mettere in chiaro questa faccenda, approfitto inoltre per farti i miei
personali complimenti per quello che sei riuscito a creare, aiutando tutta quella miriade di
persone che ogni giorno ti visitano.
Un grosso bacio a tutti
Daniela Milano
o
LUGLIO 7, 2014
ART
Ciao Daniela… grazie per le tue parole, personalmente ritengo che sia la community a
dare un valore a questa pagina che altro non è se non uno spunto per riflettere e
condividere… il mio rammarico è quello di non poterci essere ad ogni giro di boa … un
forte abbraccio e buona vita :)
o
LUGLIO 7, 2014
ART
Daniela, volevo anche far presente a te e a tutti gli altri, che come per il passato è
possibile lasciare un proprio intervento nella sezione Le Vostre Storie che trovate alla
fine di questo post.
Al momento ho disabilitato la registrazione automatica per via dello SPAM (una piaga
terribile per tutti i blogger) quindi inviterei chi ha voglia di dire la sua a contattarmi nella
sezione Contatti http://www.ilmondodiart.com/contatti/ …
Ho anche dimenticato di rispondere riguardo le vostre comunicazioni di servizio…
questo è uno spazio totalmente libero quindi anche se aprite un vostro blog e volete
comunicarlo qui, per me non c’è alcun problema, al contrario mi piace pensare che
questa pagina possa essere considerata un porto ove le navi siano libere di salpare o
approdare ovunque vogliano :) …
•
LUGLIO 4, 2014
CAROLINA
Ciao Billy, come sempre leggerti mi conforta, perché sei entrambe le cose, un’anima che
conosce il tunnel della sofferenza per amore, e una mente che sa anche percorrere le
strategie per sopravvivere ancorandosi alla realtà.
Oggi, comunque, va meglio. Ci sono giorni in cui la tristezza si ammanta anche della
dolcezza dei ricordi, altri in cui assume il volto nero della disperazione di farcela.
Anche io ho conosciuto un paio di uomini (a ballare, ci ritroviamo spesso), uno mi fa la
corte apertamente, ma a me non piace, pur se è un uomo con cui è molto piacevole
parlare, sarà che non mi piace l’odore personale, oppure, è brutto dirlo, ma mi appare un
po’ avanti con l’età (non è che io sia una ragazzina, ma lui mi rimanda proprio l’immagine
della vecchiaia, mentre io mi percepisco sempre solo come in vista della sua anticamera!
;-)). Ce n’è poi un altro che si interessa delicatamente a me, quest’altro mi piace di più, età
compatibile, ma soprattutto mi piace il suo abbraccio accogliente nel ballo. Se è vero che il
tango è una metafora della vita e della condizione emotiva, e io ci credo, in questo
momento mi piace trovarmi a condividere la danza con ballerini che ti guidano
delicatamente, rispettando i tuoi tempi, senza “sfidarti” nell’energia (ce ne sono altri che ti
incalzano e tu devi restituire un’energia uguale e contraria per non farti travolgere dalla
loro, è una bella “sfida”, che in passato mi ha molto divertito, ma in questo momento non
ho tanto il desiderio di questa tenzone). Vabbè, non so perché racconto queste cose, forse
perché mi piace pensare che sono segnali di apertura verso il mondo, anche se –
ovviamente – continuo a sentirmi poco coinvolgibile. Ma va bene così, sono i tempi che
sono.
o
LUGLIO 5, 2014
BILLY
Si,mi rendo conto che lasciarsi coinvolgere non e’ semplice,risulta un po’ una
forzatura,ma forse e’ giusto che sia cosi’,e’ una fase di passaggio e ci sono
momenti,circostanze,avvenimenti e perché no,anche persone che fanno un po’ da
ponte tra un momento e un altro della nostra vita.Da qua,dobbiamo arrivare di la,e
tutto cio ‘che ci puo’ aiutare a farlo ,va bene.Anche per me e’ lo stesso,con questa
persona che sto vedendo va bene,e’ una compagnia piacevole ma e’ ovvio che
partano mille paragoni e ad essere sinceri a volte ci si intristisce pure un po’ e ci si
sente anche in colpa rispetto alla persona che abbiamo davanti. Bisogna rimanere
calmi.Domenica dal tardo pomeriggio a Montesacro c’e’ una milonga itinerante,io non
so se ci saro’ pero’ forse potrebbe piacerti.In caso vedi se trovi qualcosa su internet su
indipendent fest (o festival).Magari vieni a farti una ballata anche da queste parti.
Ciao
Billy

LUGLIO 5, 2014
CAROLINA
Sìììì, domenica pomeriggio a Montesacro (piazza Sempione, mi pare) c’è una
milonga, ed io ci vado senz’altro (vado spesso a ballare al Defrag, a via delle Isole
Curzolane, sono sempre loro che organizzano, è molto carina). Se passi, ci
possiamo salutare! Vanno bene i ponti, sì. La mia terapeuta dice che sono i
“traghettatori”. Da una riva all’altra.

LUGLIO 5, 2014
BILLY
Allora se vai al Defrag conosci Paolo e Francesca,io non so se passero’
perché forse tornano a Roma le figlie e quindi staro’ un po’ con loro,pero’
magari un salto al volo…..

LUGLIO 5, 2014
CAROLINA
I nomi al momento non mi evocano le persone, ma senz’altro li conosco,
almeno di vista, perché raramente manco a una milonga del defrag. Sono
i maestri?
o
LUGLIO 5, 2014
BUDDY
Ciao Carolina,
credo che il tuo stato d’animo sia comune a tutti noi, ho avuto modo di riscontrarlo qui
nel blog e con una “frequenza” maggiore nella chat che abbiamo creato, i pensieri e le
emozioni vanno un po’ per i fatti loro e se per caso vi sono dei contatti con gli ex
sembra di ripercorrere all’indietro la strada fatta verso il futuro, ma non credo sia così,
vedi tu stessa che (per quanto forse non ancora pronta) stai valutando il feeling che
hai con altre persone e a cosa potrebbe portare, inevitabili sono i paragoni, nel bene e
nel male. Per quanto il capitolo successivo a questo articolo sia relativo al transfert,
alla ricerca di una persona più simile possibile a quella persa (il che ha una logica, se
amavamo tanto una persona evidentemente certe caratteristiche le apprezzavamo,
ma se poi è finita una piccola riflessione dovremmo farla) non dobbiamo fossilizzarci
troppo su questo, il clone non esiste e difatti Art parla di coglio-clone, vi sono persone
con pregi e difetti in certi aspetti migliori ed in altri peggiori rispetto ai nostri ex, anche
se poi tutto questo è spesso una proiezione della nostra mente, quanti di noi dopo
relazioni durate molti anni scoprono di essersi fatti un’idea sbagliata del proprio ex?
Quindi giustamente si deve approfondire la conoscenza delle persone, ma senza
cercarne solo i pregi per innamorarci a tutti i costi, presto o tardi i difetti saltano fuori,
non deve essere il timore della solitudine a muovere le nostre azioni, in molti casi lo
hanno fatto i nostri ex, ma non mi sembra che i loro risultati siano molto incoraggianti,
(anche perchè altrimenti come si spiegherebbero i ritorni? O i relativi tentativi?).
A mio modesto parere, stai andando nella strada giusta, ci vorrà il suo tempo ma
quando la direzione è corretta presto o tardi si arriva.
Per quanto mi riguarda parlo sempre meno con il suo fantasma e penso sempre meno
a cosa avrei potuto fare per evitare tale epilogo, ovviamente il lavoro da fare è ancora
molto.
Diversi amici che si sono uniti alla chat (Ludov, Daniela, Pat, Billy, Margy, Ivonne e da
ieri sera Iris) scrivono meno sul blog ma sono molto attivi in chat, abbiamo momenti di
euforia e momenti di tristezza (così è la vita d’altronde), Billy usa anche la psicologia
al contrario per tirarci su di morale, con alcuni dovremmo incontrarci domani e poi
domenica della prossima settimana, sei purtroppo fuori zona e fuori chat (per via del
telefonino) se però ti dovesse far piacere tenere dei contatti con noi anche in
previsione di un incontro a Roma prova ad inviare una mail al buon Ludov, ci si può
sentire in tale modo anche per ragioni “organizzative”, anche se a quanto pare potresti
già in questi giorni incontrare il buon Billy e quindi avere lui come “contatto”.
A presto, un abbraccio.

LUGLIO 5, 2014
CAROLINA
Ciao Buddy, io al momento non corro il rischio di innamorarmi, non credo, perché
non ho affatto la disposizione né l’apertura necessaria, mi fa solo piacere ricevere
attenzioni che, in qualche modo, vanno a contrastare quella dolorosa sensazione
di essere nulla, svuotata di senso. Le prendo più che altro come aiuti per
conferma al mio valore di persona, alla mia femminilità. Ma sono sempre
assolutamente consapevole della relatività di queste situazioni (anche troppo), e,
pure se al momento ho orrore della possibilità di trovarmi di fronte a un clone del
mio ex, la fase del transfert – che sembrerebbe un passo avanti nel percorso – la
vedo molto ma molto lontana!
Riflettevo anche su questo. Io penso che la ferita dell’abbandono ha anche il
potere di farci dubitare della nostra peculiarità di genere, nel mio caso della
femminilità. Non so se agli uomini succede la stessa cosa. O se succede anche
alle altre donne. Come se il fallimento si estendesse anche a questa dimensione.
Certo che è una follia, ma secondo me agisce anche questa trappola del cervello.
Nel mio caso, questa dimensione è accentuata anche dal fatto che con il mio
compagno, il mio ex compagno, avevamo una relazione molto basata
sull’intellettualità, come ho già detto, e in qualche modo avevamo “abolito”, se non
proprio invertito, le specificità di genere. O forse, come tra mamma e figlio. In ogni
caso, un indistinto in cui siamo stati sempre molto “uguali”, le differenze si sono
perse. E quindi, il desiderio viaggia altrove. Una delle cose che mi ha ferito
maggiormente, in passato, è stato notare che il suo sguardo si andava posando
verso donne molto differenti da me, se non proprio il contrario: dal mio punto di
vista, delle cretine in sostanza, nel senso di donne aderenti a un modello
veramente “antico”: piagnucolse e capricciose, incapaci di sostenere
un’argomentazione, pronte o a compiacere o a contrapporsi solo per partito
preso. Mah. Certe volte, la vita…

LUGLIO 5, 2014
BILLY
Credo di si,io non essendo un appassionato di tango non sono mai stato al
defrag.Francesca e’ una danzatrice e insegna tango da tantissimi anni,Paolo
e’ un attore ma anche lui balla e insegna tango,anzi credo che al defrag
insegni lui….cmq si,li conoscerai sicuramente.

LUGLIO 5, 2014
CAROLINA
Sì, li conosco, sono i maestri.

LUGLIO 5, 2014
DANIELA
Guarda Carol e’ esattamente quello che è accaduto a me mi ha lasciato per
una donna la cui personalità era quella che lui non avrebbe mai voluto vedere
in me ‘ chi li capisce e brava

LUGLIO 5, 2014
CAROLINA
A me quando se n’è andato ha detto: “Sei stata gelosa di X e Y, ma
veramente hai pensato che a me potessero interessare donne di quel
tipo, così sciocche?”. Ed io, anche se non ho avuto la forza di dirglielo ma
l’ho pensato e lo penso: “E’ quel che hai mostrato e, se non ti
interessavano per davvero, non ti sei posto il pensiero di evitarmi
sofferenza inutile. E comunque la risposta è sì, penso di sì. Almeno,
rispondono ad un’esigenza precisa: quella di non spingerti a guardare
dentro te stesso”.
Io purtroppo capisco perfettamente, e non sono brava ;-)

LUGLIO 5, 2014
BUDDY
Ciao Carolina,
Credo in generale che possa essere un processo mentale abbastanza
comune una volta che una relazione finisce cercare delle conferme alla
propria autostima vedendo come le persone ci percepiscono, soprattutto
quando non siamo noi ad aver chiuso la relazione e siamo soli, logico che chi
chiude per una terza persona non si fa di questi problemi, ha “abbondanza” di
conferme, si sente molto attraente, crolla però se la nuova relazione si chiude
e la vecchia non si riapre. Nel mio caso, come nel tuo, temo il transfert, nel
senso che se riconosco in una persona certi atteggiamenti o “difetti” della ex
divento subito ipersensibile alla cosa, vorrei evitare di rivivere la stessa
delusione.
Poi il tuo ex era a dir poco un fenomeno, dimostrava grande interesse per le
fanciulle e poi si meravigliava della tua “gelosia”, avere il buon gusto di evitare
certi atteggiamenti non faceva parte del suo DNA, poi non è detto non gli
dispiacesse l’idea di una relazione poco impegnativa dal punto di vista
intellettuale, ma che lo impegnasse in ben altre attività.
A presto.

LUGLIO 6, 2014
CAROLINA
Sì sì, un vero fenomeno, del tipo extraterrestre però. Una volta mi ha
detto che la gelosia è un sentimento vergognoso e riprovevole, che non
deve esistere, che non si deve provare. Come se la gelosia non fosse un
sentimento come un altro, come se non fosse la spia di quel che non va
(secondo me, non si è gelosi per le cose in sé, ma per quel che ci
manca). Io gli ripetevo: io posso essere anche gelosa perché appartengo
alla specie umana, tu non lo so.
Ma, a parte la gelosia, che era solo la punta dell’iceberg, si trattava di
liquidazione di qualsiasi emozione e sentimento. Non solo la gelosia,
anche la tenerezza, l’empatia, la cura, l’attenzione, il dedicarsi momenti
personali per recuperare, tutto era per lui fuori luogo. Lui, non era mai
dalla mia parte, faceva parte per se stesso. L’attenzione per la mia
integrità e per la mia dignità, non erano mai una sua priorità. Questo per
un intero anno e mezzo (in cui mi è sembrato di impazzire, perché
soffrivo ma alternavo momenti di lucidità a forti dubbi sull’integrità delle
mie facoltà mentali, lui addirittura inizialmente negava quel che io vedevo
chiaramente, le sue attenzioni per queste fantastiche fanciulle intendo, a
me sembrava di essere Giulietta degli spiriti, non so se avete presente il
film di Fellini), per il successivo anno si è reso conto che tutto questo
respingere al mittente ogni pulsione emotiva era molto pericoso, allora ha
cominciato ad avvertirmi se ritardava, a proporre di andare a cena fuori
ogni tanto, mi mandava ogni lunedì (quando aveva il suo corso di tango)
un sms di buonanotte (sempre con lo stesso errore di battitura,
evidentemente un messaggio predisposto per cui bastava un
nanosecondo per un click con il ditino), addirittura a tratti meditava di
smettere di ballare (cosa che non gli ho mai chiesto, anzi, al contrario l’ho
paradossalmente sempre spinto a continuare, perché non era questo il
punto, il punto non è ciò che fai ma come lo fai e cosa vai cercando, tutte
le cazzate della vita parallela virtuale nel luogo che frequentiamo insieme,
il rifiutarsi di ballare con me, queste bambinate, poi io so cosa vuol dire
l’amore per il tango in sé, non è certo questo il problema), in un
atteggiamento non tanto di amore nei miei confronti ma di rinuncia (di
malanimo). Ma come vuoi che funzioni…
Guarda, io spero che questa fase del transfert non mi prenda mai perché
– giuro – penso che a trovarmi di fronte uno come lui mi verrebbe un
colpo, perché oggi so benissimo che un “extraterrestre” come lui, nel
senso di anaffettivo e incapace di esprimere sentimenti ed emozioni, per
me è un disastro: mi spinge a ricacciare indietro tutto il mio universo
affettivo ed emotivo che, attraverso una lunga e faticosa terapia, ho
cominciato a riconoscere e a rispettare.

LUGLIO 7, 2014
CAROLINA
Ehi ragazzi, ma dove siete? Tutti solo su whatsapp? Ieri ho conosciuto di persona
Billy e, nel parlare, oltre a qualche lacrima, è uscita pure qualche risata. Mi ha
confermato l’impressione che già avevo avuto di lui attraverso la scrittura, una
persona che conosce il dolore dal di dentro ma con una forza non comune, e ricca
di umanità. Dite almeno se avete ricevuto la nostra foto! ;-)
•
LUGLIO 4, 2014
MAGICAGLO
Mi chiamo pietro.Ho cominciato la mia relazione 14 anni fa. 2 anni orsono, dopo 5 di
convivenza, la mia compagna, di cui ero e sono innamorato, si è alzata un mattino ed ha
detto che aveva in mente un suo amore adolescenziale, con il quale ebbe una storia
brevissima e osteggiata da genitori ed oratorio.
Da allora è iniziato un periodo davvero pazzesco: per alcune settimane, era ossessionata
da questa persona, che le tornava ripetutamente in mente. Si trattava di un ragazzo
peraltro bisex. E’ entrata in psicoterapia e dopo un lungo e difficile percorso, è emerso che
alla base della sua sofferenza c’era una molestia subita da un pedofilo che lei da sempre
si era rifiutata di riconoscere di avere subito. Ho sopportato pene pesanti per questi due
anni.Qualche settimana fa, mi ha detto che il suo percorso era stato terminato ed erano
state superati i traumi infantili ed adoloscenziali, peraltro ricollegati, Il problema è che ora
non si riconosce più nella nostra storia e la vede come vuota. Ne vuole un’altra,
completamente nuova. Tenete presente, che la nostra era una relazione completa di
massima sintonia, di allegria, piena di tutte le cose belle che hanno coinvolto anche voi. A
settembre, andrò via di casa; lavoriamo ancora in studio insieme, abbiamo pure una
bambina di sette anni. E’ davvero un’altra persona, ed è tutto così assurdo: credo che tutto
quanto è accaduto a me sia la prova che la psiche è del tutto incontrollabile e che chi si
lascia andare al cuore, di certo vive, ma altrettanto certamente rischia grosso. Non so
davvero se valga la pena di rischiare così, soprattutto per colore che non si concedono
subito emotivamente, in questo senso mi sento un po’ come carolina, che saluto ed
abbraccio come faccio con Buddy e tutti gli altri.
o
LUGLIO 4, 2014
BUDDY
Ciao Macicaglo,
Non ho parole per commentare la tua vicenda, posso solo esprimere tutta la mia
solidarietà ed invitarti ad unirti alla nostra chat su what’s app, anche perché le
fanciulle lamentano la presenza di pochi uomini …
Eventualmente manda una mail a Ludov, un abbraccio.
o
LUGLIO 4, 2014
ENRICO
credo che tutto quanto è accaduto a me sia la prova che la psiche è del tutto
incontrollabile e che chi si lascia andare al cuore, di certo vive, ma altrettanto
certamente rischia grosso.
………….
•
LUGLIO 4, 2014
MAGICAGLO
ciao a tutti. vorrei associarmi alla vostra sofferenza per soffrire di meno.
o
LUGLIO 4, 2014
CAROLINA
Ciao Macicaglo, allora: benvenuto fra noi!
La tua storia certo è singolare, ma in parte ripercorre – a suo modo – dei nodi che si
ripetono. Ad esempio, la sensazione di avere davanti una persona assolutamente
diversa da come era (o ci attendevamo che fosse), il senso di estraneità, il
dolorosissimo doversi confrontare con la loro dichiarazione di volere altro da noi
(nuove relazioni, nuove emozioni, nuovi baci, o qualche altra fantastica rivelazione, se
scorri le storie ce ne sono fra le più svariate). Sono cose che si ripetono, pur nella
diversità delle vicende. C’è che le persone cambiano, ma – immersi all’interno del
fluire “normale” delle cose – sembriamo non accorgercene. C’è che i bisogni
cambiano. C’è che pure noi cambiamo. C’è che a un certo punto le attese si
disallineano e, allora, o si è nella condizione di addivenire a un nuovo “patto
relazionale” che lasci soddisfatti entrambi, oppure la corda si spezza. La fine è quella,
pure ei ci son voluti 2 anni e passa per arrivarci (come è successo a me), sia che il
tutto si consumi da un giorno all’altro (come è successo a molti di noi).
Una cosa mi sento di dire a Macicaglo e a tutti: scrivere qui, associarsi alla sofferenza
altrui, a volte spinge a rimestare nel proprio dolore, non sempre fa soffrire di meno,
nella contingenza. Però, senz’altro aiuta a ristrutturare i pensieri. Socializzare
l’esperienza altrui ha questo difetto e questo pregio: spinge, empaticamente, a
riandare alle proprie sofferenze (a me è successo di ricominciare a piangere come
una fontana), ma anche offre punti di vista altri sulla nostra stessa sofferenza, che
aiuta anche a relativizzare il proprio dolore, e offre spunti per la correzione della rotta.
Tanto, la sofferenza c’è pure se non condividiamo nulla, dunque per me ad oggi il
pregio compensa il difetto. Per me, vale lo stesso che per il tango: da un lato mi
riporta a lui (molti problemi erano inizialmente catalizzati sul fatto che, come un
adolescente di fronte alla sua mamma, non voleva ballare con me, poi abbiamo anche
ballato varie volte insieme, per scoprire lui, sono certa con un certo suo disappunto,
che sono una ballerina di senso e grande sensibilità, e trovandosi a riuscire a fare con
me passi e sequenze complessi senza averli mai studiati né io né lui, inimmaginabili
con quelle quattro sgallettate delle sue amiche, per mia somma soddisfazione, che
dopo 4 anni non sanno fare neanche un adorno che è uno! Vabbè, scusate, questa è
un’altra storia), ma dall’altro è anche uno dei rari momenti in cui mi diverto davvero e
mi svago. Dunque, pur se questo mio passatempo ha delle risonanze emotive legate
a lui, il piatto della bilancia anche qui parla chiaro.
•
LUGLIO 3, 2014
BILLY
Carolina,6 mesi sono veramente pochi per una separazione da una storia lunga e
importante,sono del tutto normali le fasi alterne,il su e giu’ degli stati d’animo e anche la
difficolta’ a comprendere se si sara’ mai in grado di separarsi da questa situazione.Tu non
scoraggiarti,dici che ti sembra di essere sulla buona strada,e anch’io lo penso.Per quel
poco che ti conosco mi sembra tu sia una persona che ha gli strumenti giusti,mi sembra tu
sia una persona con un livello culturale elevato,che sa come far funzionare la testa e la
controprova di questo ce l’abbiamo proprio nei momenti di grande difficolta’……stai
andando bene.’ ovvio che leggere di un ripensamento della mia ex ti destabilizzi…..figurati
a me.Mi sono sentito dire : X l’atro giorno voleva chiamarti,ha detto che gli manchi,ha
detto:”con Billy stavo bene,mi faceva sentire serena,guardami qui ora,sono
nevrastenica”,mi sono sentito dire….se X ,che nn dice mai niente neanche se glielo
chiedi,dice una cosa cosi spontaneamente vuol dire che ci sta pensando seriamente.Mi
sono sentito dire che ha appeso un quadro fatto da me nella sua camera,ho visto che su
whatsapp ha messo una foto che le ho fatto durante un trekking in Umbria…….Tanta roba
no?….Ieri notte c’e’ stat un emergenza e alle 3 ho dovuto mandarle un messaggio,la
mattina ci siamo sentiti al telefono,aveva un tono di voce dolce…..intimo….E’ ovvio che la
testa parta con mille pensieri.Ma,Carolina,sai qual è la verita’? La verita’ e’ che nonostante
tutto X non ha chiamato,almeno non ancora,e non c’e’ niente,assolutamente niente di
reale che possa darmi la certezza che lo faccia.Allora tutti i pensieri li devo fermare,ritolgo
il suo profilo su whatsapp e il suo numero dalla rubrica e riattivo il distacco totale.Io in
questi giorni sto uscendo con una persona,e’ bella ed e’ una donna estremamente
interessante,con la quale e’ bello parlare,ridere…..ma ho una paura fottuta.L’altra sera
avrei voluto dirle”sei bella”,ma non ce l’ho fatta,ieri durante un concerto la mia mano le ha
accarezzato un braccio e mi sono pentito di averlo fatto-Fare l’amore con lei e’ bello,ma le
mie mani percorrono un corpo che non riconoscono,quando le bacio il collo.il ventre,sento
un altro profumo.Tutto cio’ e’ normale,ma pensa pero’ quanto e’ assurdo.Fatichiamo a
lasciarsi andare ad una cosa che potrebbe farci stare bene perché accettarla
significherebbe aver mollato l’altra che in realta’ ci sta facendo stare male.E allora mi do
tempo,non penso e soprattutto non traggo conclusioni,vivo .Concediti questo Carolina,il
tempo,quello che devi fare gia’ lo sai,quindi vai…..senza paura
•
LUGLIO 3, 2014
IRIS
Ciao ragazzi,
vorrei condividere con voi questa piccola storiella che ho letto un po’ di tempo fa.
Una giovane ragazza stava attraversando un periodo particolarmente difficile, costellato
da continue delusioni. Come spesso capita in questi momenti la giovane frignona un
pomeriggio iniziò a parlare dei suoi problemi con la mamma. Era ormai stanca di lottare:
ogni problema che riusciva a superare (a fatica) era seguito a ruota da un’altra situazione
critica che assorbiva ogni sua energia residua (vedo che ti stai già immedesimando…).
Dopo quasi mezz’ora ininterrotta di frignite acuta, la ragazza confessò che era pronta ad
arrendersi.
La mamma ascoltò a lungo la figlia ed infine le chiese di seguirla in cucina. Senza
sprecare parole, la donna prese tre pentolini, li riempì d’acqua e li mise sui fornelli.
Quando l’acqua incominciò a bollire in uno mise delle carote, nell’altro delle uova e
nell’ultimo dei chicchi di caffè.
Dopo un tempo che sembrò infinito per la giovane figlia, la donna spense i fornelli e tirò
fuori le carote adagiandole su un piatto, poi scolò le uova e le ripose in una scodella ed
infine, utilizzando un colino, filtrò il caffè e lo versò in una tazza. Completate queste
operazioni, la donna si rivolse alla la figlia e le domandò: “Cara, dimmi, cosa vedi qui sul
tavolo?“
“Vedo delle carote, delle uova e del caffè. Cos’altro dovrei vedere?!” rispose la figlia
perplessa. La donna chiese allora alla giovane ragazza di toccare le carote, che erano
diventate cedevoli, la invitò poi a rompere un uovo, che era ormai diventato sodo ed infine
le fece annusare e assaporare la tazza di caffè fumante, che sprigionava un’aroma ricco e
profumato. La ragazza, ancor più confusa chiese alla mamma: “Non capisco, cosa
dovrebbe significare tutto questo?”
La madre sorrise e le spiegò che sia le carote, sia le uova, sia i chicchi di caffè avevano
affrontato la stessa identica “sfida”: l’acqua bollente. Ma avevano reagito in maniera
differente.
La carota, forte e superba, aveva lottato strenuamente contro l’acqua, ma ne era uscita
debole e molle.
L’uovo, liquido al suo interno e dal fragile guscio, si era indurito.
I chicchi di caffè, infine, avevano avuto una reazione del tutto diversa: nonostante la
bollitura, erano rimasti pressoché identici a sé stessi, in compenso avevano trasformato
l’acqua bollente in una bevanda dal gusto irresistibile.
Con dolcezza la donna tornò a rivolgersi alla figlia, ponendole una domanda:
“So che hai avuto molte delusioni, ma sta a te scegliere come reagire a questi eventi della
vita: vuoi essere come la carota, all’apparenza forte, ma debole ed incapace di reagire alle
difficoltà? Vuoi essere come l’uovo, tenero e fragile, ma che si indurisce ed è incapace di
esprimere sé stesso quando è sotto pressione? Oppure vuoi essere come un chicco di
caffè, che è in grado di immergersi nelle avversità ed accettare le delusioni, esprimendo il
suo miglior aroma e sapore quando il mondo intorno a sé raggiunge il punto di ebollizione?
Le persone che hanno imparato ad essere felici non sono certo quelle che non hanno mai
provato una cocente delusione. No, queste persone, nonostante le avversità, hanno
saputo prendersi il meglio della vita, trasformando problemi e delusioni in opportunità di
crescita. Quando sei immersa nell’acqua bollente e la delusione ti brucia, puoi scegliere se
rammollirti come una carota, indurirti come un uovo o sprigionare il meglio di te come un
chicco di caffè, trasformando le difficoltà stesse in qualcosa di superbo.“
Sta a voi scegliere.
“Quando sembra impossibile e stai per arrenderti, la vittoria è vicina.”
Anthony Robbins.
o
LUGLIO 3, 2014
BUDDY
Ciao Iris,
Davvero molto interessante la storia che hai riportato ed in qualche modo dovremmo o
almeno potremmo tutti identificarci, verrebbe anche da dire che forse vi è un
“problema” di natura, nel senso che è vero che vi sono stati tre modi diversi di reagire
alle avversità, ma la carota non può diventare un chicco di caffè, giustamente mi si
può controbattere che noi possiamo migliorare e decidere come affrontare la vita, ma
probabilmente esistono delle predisposizioni, se penso alla mia situazione
probabilmente la mia ex alle difficoltà ha reagito come la carota, sembrava forte e
superba ma ne è uscita debole e molle, io come l’uovo, mi sono indurito per resistere
ai colpi che la vita mi stava infliggendo non riuscendo ad esprimere a pieno i miei
sentimenti, purtroppo nessuno dei due ha reagito come il chicco di caffè, che peccato
…
Forse quello che stiamo facendo adesso noi, anche su questo blog, è tentare di
reagire proprio come il chicco di caffè, cercando di dare il meglio di noi agli altri.
Per CAROLINA: molto interessante il passaggio che hai scritto e riporto di seguito:
“Come se con lui se ne fosse andata anche la mia anima, ma questo significa –
tremendamente – aver affidato tutta la propria anima ad un altro da sé, e aver trovato
senso solo all’interno della relazione con l’altra persona, anche se noi facevamo cose
“altre” che non lasciavano molto spazio all’intimità personale, però le facevamo
insieme.”
Credo che sia comunque inevitabile in un rapporto di coppia, soprattutto se si è
sposati o conviventi, fare molte cose insieme, avere delle abitudini comuni, anche le
più “semplici” come fare colazione, cenare e pranzare insieme, fare una passeggiata,
una vacanza, guardare la TV, andare al cinema, a cena fuori, ecc., tutto questo per
forza di cose poi ci mancherà, ci sentiamo spiazzati, a maggior ragione se restiamo
completamente soli, nel senso che non vi sono magari dei figli o altri famigliari che
vivono con noi, quindi le abitudini precedenti in un certo senso (almeno all’inizio)
tendiamo a rigettarle in quanto ci portano alla memoria dei ricordi di eventi che non si
verificheranno più ma che ci mancano moltissimo e diventa magari oggettivamente
difficile certe cose rifarle da soli, nel senso ad esempio che di andare in ferie da soli
magari non ci va, il problema diventa la solitudine ma non solo nel senso “fisico” del
termine ma soprattutto dal punto di vista psicologico perchè se durante il rapporto di
coppia passavamo (magari per cause di forza maggiore) diverso tempo da soli quindi
senza accanto il perduto amore in realtà non ci sentivamo davvero soli perchè lo
sentivamo comunque con noi, sapevamo che ci amava, che lo avremmo rivisto presto,
che ci pensava, ora sappiamo che non è più così.
Per questo si deve comunque cercare di “fare” (soprattutto cose nuove) e magari
cambiare abitudini, poi presto o tardi, quando ci sentiremo pronti, senza forzare i
tempi potremo iniziare una nuova relazione, si creeranno nuove situazioni ed in un
certo senso anche nuove abitudini che andranno a sovrapporsi a quelle passate, ci
lascerà il senso di solitudine, da questo punto di vista chi ci lascia per intraprendere
una nuova storia parte avvantaggiato in quanto appunto da solo non è, crea subito
nuove abitudini, ecc., poi come le cose andranno nel tempo è un’altra questione ma
che alla fine riguarda loro e non noi.
Poi CAROLINA scrivi la seguente frase: “La verità, è che mi sento in colpa per come
sono, e in fondo in fondo, mi sento responsabile della morte di questo amore…”
Per forza di cose un senso, non di colpa, ma di responsabilità lo sentiamo, in quanto
se le cose sono andate così riteniamo di aver avuto un ruolo in tutto ciò (difatti partono
i famosi film mentali: se avessi fatto, se avessi detto o se non avessi detto o fatto ..),
questo ovviamente dipende dai singoli casi, certo che il marito alcoolizzato e violento
qualche “piccola” responsabilità forse potrebbe pure avercela se la moglie scappa, ma
nei nostri casi direi che non sia il caso di auto-flagellarci, tu avevi intuito che qualcosa
nella coppia non funzionava ed hai provato a risolvere i problemi, il tuo ex invece
preferiva ignorare il problema in quanto stava bene così, ma almeno gli va dato atto di
aver resistito un paio di anni, poi non ha più retto e forse sentendo che qualcosa in lui
stava o poteva cambiare ha lasciato tutto (per rendersi conto poi che effettivamente
ciò che sostenevi non era poi cosi campato per aria), ma certamente si è comportato
meglio rispetto alla mia ex che non ha retto i problemi (che hanno in realtà colpito
soprattutto me) avendo un comportamento molto discutibile.
Per quanto riguarda il discorso “tecnologia” relativamente al modo di restare in
contatto con noi del blog, senza smartphone ma tramite pc, se ti serve una mano
chiedi pure che sarò lieto per quanto possibile di darti una mano, eventualmente
contatta tramite mail Ludov il quale poi mi farà avere il tuo contatto.
A presto.
•
LUGLIO 2, 2014
BILLY
Carolina ma come stai?…..Che fine hai fatto che non ti si sente più?
Ciao
Billy
o
LUGLIO 2, 2014
IRIS
Ciao ragazzi!
Una persona in questi giorni mi ha detto: “Iris l’anima gemella non esiste! Siamo noi la
nostra anima gemella!”
Una bella cosa e un punto di vista a cui non avevo mai pensato.
Io però sono una romanticona nonostante tutto! Ci credo alla metà della mela per
ciascuno di noi, a un incontro speciale con una persona speciale con cui ti senti
completata/o!
Io pensavo che lui fosse la mia anima gemella, perché mi sentivo completa!
Ora devo imparare di nuovo a sentirmi completa da sola, perché tutti noi valiamo,
siamo esseri unici e speciali!
Se poi dovesse arrivare un altra persona che fa uscire altri mille lati positivi da noi e
con cui si possa costruire qualcosa di duraturo e vero, ben venga!
Altrimenti ragazzi partiamo prima di tutto da noi!
Buona serata a tutti!

LUGLIO 2, 2014
BUDDY
Ciao Iris,
Per forza di cose dobbiamo lavorare su di noi e non appoggiarci al compagno/a
per farci sorreggere, molti fanno così ma in questo modo le relazioni rischiano di
essere fragili.
Anche io ero convinto di aver trovato la mia anima gemella, come tutti o quasi
probabilmente, non era perfetta come non lo sono io, ma credevo vi fosse
qualcosa di speciale ad unirci, poi purtroppo le cose non sono andate nel verso
giusto (per sua scelta) ed i difetti che prima non vedevo (o per amore non volevo
vedere o tolleravo) sono apparsi evidenti ed ho forse capito che mi ero solo illuso
….
Infine Iris volevo informarti che se sei alla ricerca del sonno perduto ti suggerisco
di partecipare alla nostra chat su what’s app, che ha avuto degli effetti miracolosi!
Miracolosi no, però sembra essere molto di aiuto, per ora i partecipanti oltre al
sottoscritto sono, Ludov, Pat, Daniela, Billy, Margy e Ivonne (che non ha mai
scritto sul blog per problemi tecnici ma che ci leggeva da tempo), nel caso la cosa
ti interessasse per iscriverti invia una mail Ludov, trovi il suo indirizzo qui sotto
(inizia per k ed è di [email protected])

LUGLIO 3, 2014
IRIS
Ciao buddy,
ecco forse questo è uno degli errori che posso aver fatto! Io penso di essermi
appoggiata a lui. Infatti ora mi sento spaesata, senza punti di appiglio. Ho
sempre pensato di essere una persona forte, ma non è vero, era una mia
illusione.. perché ora che sono sola non so più da dove ripartire.
Un abbraccio1

LUGLIO 3, 2014
CAROLINA
Ciao Iris, si è vero che la nostra anima gemella siamo noi stessi, che questo
dovremmo essere. La condizione di single non ci farebbe più paura se avessimo
la tranquillità su noi stessi. Ma in ogni storia finita che diviene disperazione
protratta, secondo me, c’è l’ncertezza su noi stessi. Non c’entra nulla con l’essere
romantici. Una struttura solida, l’accettazione di noi stessi, l’autonomia della
nostra identità, non ci preserverebbero dal soffrire per amore, ma ci eviterebbero
di catapultarci in questa sensazione di privazione di senso, in questa marea di
assenza di significato. Io mi sono sentita e ancora mi sento svuotata. Come se
con lui se ne fosse andata anche la mia anima, ma questo significa –
tremendamente – aver affidato tutta la propria anima ad un altro da sé, e aver
trovato senso solo all’interno della relazione con l’altra persona, anche se noi
facevamo cose “altre” che non lasciavano molto spazio all’intimità personale, però
le facevamo insieme.
Io non sono mai stata una persona incline all’innamoramento, per nulla facile ad
innamorarsi. Prima di mio marito, per ricordare l’amore che toglie il respiro debbo
tornare all’adolescenza, ad un unico rapporto d’amore nato quando ero troppo
giovane (16 anni) e durato anche tanto considerando l’età (5 anni). Dopodiché,
molte storie, ma nessuna di reale amore. Come se l’amore avesse sempre
rappresentato per me un terreno delicato, difficile, al quale non affidarsi
completamente, forse per paura di guardarsi dentro e lasciarsi sorprendere fragili,
nella nudità dei propri bisogni. Ho avuto parecchie storie, alcune durate anche
non poco, ma in cui non ero realmente coinvolta, per cui, quando c’è stato da
soffrire, pure ho sofferto, ma ora mi rendo conto che mai così tanto da perdermi.
Poi, sono entrata cieca e inesperta in questo amore adulto (quando ci siamo
messi insieme, avevamo 35 anni) al quale ho affidato la mia intera identità. Quello
che mi spaventa ora è la necessità della ricostruzione totale, dell’inversione di
rotta. In fondo temo di non esserne all’altezza. Mi difendo bene con le parole, ho
una forte propensione alla dialettica, sono tanto brava a parlare, amo la filosofia,
mi piace interpretare il mondo, costruisco castelli ma, ragazzi, di fronte alle
emozioni sono un’analfabeta… Forse per questo mi sono legata ad un uomo
anaffettivo (a pensarci bene, anche il primo amore dell’adolescenza era molto
cerebrale e poco emotivo). Eppure, io credo di essere un’empatica. Come stile
relazionale, o quando scherzo, posso anche tendere al “cinismo” (non sono una
“chioccia” neanche con i miei alunni, pur rispettandoli molto come persone, tendo
a fare battute che sottolineano la distanza, anche se i miei alunni si divertono
molto con me è evidente che tendo ad evitare il coinvolgimento emotivo), ma se
vedo una persona piangere piango anch’io, mi commuovo spesso, mi identifico,
spesso le persone mi cercano come confidente. Ma, quando si tratta di me
stessa, sono molto dura, non mi perdono niente, e, in fondo, delle mie
umanissime debolezze mi vergogno, come se dovessi essere perfetta sempre.
Ora, il terreno dei sentimenti è scivoloso, e il più imprevedibile che c’è, quando
ami in realtà accetti di mettere la tua nudità di fronte a ciò che non puoi
controllare, perché non dipende solo da te. Tenere tutto sotto il controllo della
razionalità uccide i sentimenti. La verità, è che mi sento in colpa per come sono, e
in fondo in fondo, mi sento responsabile della morte di questo amore…

LUGLIO 3, 2014
IRIS
ciao carolina,
si quando finisce una storia, una storia in cui credevi e stavi iniziando a fare
progetti per il futuro, non si può uscire vittoriosi. Non si è tranquilli, siamo
invasi da tutta una serie di sentimenti nuovi, nuovi perché solo un esperienza
del genere può far scaturire certi pensieri e stati d’animo. Sono quindi nuovi
per noi. Non sappiamo come affrontarli. E questo è il primo punto che
andrebbe affrontato, ci dobbiamo rimettere in gioco con noi stessi. Capire
come fare. Trovare la forza che abbiamo, perché ognuno di noi ha una
grande forza dentro. Dobbiamo solo essere fiduciosi in noi stessi.
Capisco quando dici “io mi sono sentita svuotata e ancora mi sento svuotata”.
Lo capisco perché lo provo anche io. Mi sento vuota. Anch’io avevo donato
tutto a lui, tutto quello che avevo di più bello. Non penso che questo sia un
errore. E’ normale che quando si ha davanti a sé una persona in cui si crede
e in cui riponiamo fiducia donarli tutto. Bisogna farsene una ragione. Questo
non ci deve far diventare “cattivi” verso noi stessi e il futuro. Quello che
abbiamo donato fa parte comunque di noi, rappresentano le nostre
esperienze, i nostri valori, i nostri sentimenti, nostre paure e le nostre
speranze. Noi le abbiamo donato, ovvero abbiamo aperto il nostro cuore e
mente a un’altra persona. Ma sono sempre parte di noi. Dobbiamo ridiventare
i padroni di noi stessi, di quello che eravamo e di quello che possiamo ancora
essere. Ce la possiamo fare e ce la dobbiamo fare.

LUGLIO 4, 2014
CAROLINA
Sì, è vero. Sono sentimenti nuovi, stati d’animo ed emozioni sconosciute,
che non arrivi a capire se non li hai provati (per questo Billy ci è tanto
prezioso, perché non è impreparato, ha già studiato e fatto i compiti in
passato! ;-)
Ce la faremo? Oppure saremo come quegli alunni di cui si dice: potrebbe
fare ma non si applica? ;-) Ma forse davvero è una questione di
applicazione, non si può sperare di uscire da questo stato d’animo
attraverso l’avvento di un altro stato d’animo che ci riconduca alla vita,
ma possiamo solo applicarci, e poi, prima o poi, anche il cuore seguirà il
cervello. E’ così che si esce dal buio?
o
LUGLIO 3, 2014
CAROLINA
Ciao Billy, ciao cari tutti, sono sempre qui, appesa alla mia condizione. In questi giorni,
oltre a lavorare parecchio, ho avuto problemi con la mia famiglia di origine, come se
non bastasse si aggiungono:
1) un papà anziano (85enne) che in questo periodo non sta molto bene in salute, ma è
molto lucido
2) una mamma anziana che tutto sommato sta abbastanza bene ma non con la testa,
per cui dà il tormento al marito; è necessaria la presenza di noi figli in casa
3) una sorella con qualche problemino (eufemismo) con la figlia adolescente
4) come già sapete, non ho un cellulare moderno e, per unirmi al gruppo, dovrei
accedere a una delle soluzioni tecnologiche cui accennava Buddy, ma devo
organizzarmi (per queste cose, pur usando con una certa scioltezza il pc, sono
piuttosto decerebrata).
Comunque, sto a giorni alterni. A volte giù di corda, a volte meglio. Il pensiero del mio
rapporto perduto non mi lascia, ci sono momenti in cui temo che non mi riprenderò,
che nonostante tutto quello che dico di razionale non ho affatto maturato una
separazione emotiva (e quanno me passa?), in altri penso di essere sulla buona
strada. Sono passati 6 mesi ma è bastato che uno di voi, Billy, abbia fatto accenno ai
ripensamenti della sua ex che ho vissuto la cosa come se fosse mia, mi si sono
affacciate alla mente le parole che avrei detto se mi avesse comunicato di averci
ripensato, sono riemerse emozioni passate, a poco è valso il tentativo di ancoraggio
alla realtà (“non c’è, non c’è più, non mi è arrivato nessun segnale, la verità è che se
n’è andato e ha detto di non amarmi più”, etc.). E’ incredibile ragazzi che scherzi gioca
il cervello… Io non lo sto sentendo, non lo sto vedendo, mi sono allontanata da cose
comuni a cui pure tenevo, cosa devo fare di più? Eppure non solo il pensiero non mi
lascia, ma è proprio il legame psicologico che stenta ad allentarsi… Voi come state?
o
LUGLIO 3, 2014
BUDDY
Ciao Carolina, Ciao Iris,
Purtroppo temo sia inevitabile provare dei sentimenti di “smarrimento”, credevamo
fosse per sempre, pensavamo che avremmo sempre avuto accanto tale persona,
soprattutto nei momenti di difficoltà, ed anche chi sapeva o sentiva che le cose non
andavano nel verso giusto e poteva essere preparato alla fine non lo è stato in quanto
affrontare la realtà del distacco è tutta un’altra cosa rispetto ad ipotizzarla.
Se non siamo stati noi ad arrenderci e lasciare ci sarà un perché, a volte (spesso)
anche chi lascia ha dei ripensamenti e pentimenti, e loro tale decisione l’hanno presa
…
Sulla chat ad alcune persone sono capitati dei contatti, dei tentativi di ritorno, ecc. Ed
il tutto ovviamente è stato destabilizzante, a presto.
•
GIUGNO 29, 2014
BILLY
Oggi e’ dura ragazzi……mi sto sforzando per mantenere l’equilibrio,lo mantengo ma e’
dura.Ieri e’ venuta a Roma la migliore amica della mia ex,ha detto che aveva voglia di
vedermi e se potevo ospitarla.Logicamente le ho detto di si e siamo stati insieme tutto il
giorno sia ieri che oggi.Io ho cercato in tutti i modi di non entrare in discorsi che potessero
in qualche modo contemplare la mia ex,ma ovviamente non e’ stato possibile,insomma mi
ha detto che la persona con la quale aveva cominciato a vedersi non e’ neanche iniziata
che e’ gia’ finita,che l’altro giorno voleva chiamarmi e che gli manco…..”con Billy stavo
bene,mi faceva stare serena,guarda qui ora sono sempre nervosa…..”ecc… ecc…
insomma cose di questo tipo.Io queste cose non le voglio neanche sapere,voleva
chiamarmi ma non ha chiamato,gli manco ma qui davanti a me io non la vedo……non ho
voglia di cose destabilizzanti.
…..Scusate,stasera mi gira male.
o
GIUGNO 29, 2014
CAROLINA
E’ una tortura quando ci arrivano queste notizie, che poi non sappiamo nemmeno se
sono corrette, se le cose stanno esattamente così. A volte terze persone si mettono in
mezzo e, pure con buone intenzioni, fanno un casino, soprattutto perché magari non
distinguono bene il livello della descrizione oggettiva da quello della propria
interpretazione. La destabilizzazione no, davvero non ce la meritiamo! Lo credo che ti
gira male, uno fa tanto per recuperare un po’ di equilibrio… Tieni duro, Billy. Se vorrà
sentirti davvero, ti chiamerà. Se gli manchi, te lo farà sapere (poi, in caso, bisognerà
vedere se lei manca davvero a te, se ti piace ancora, non siamo pupazzetti).
Attenzione ai ritorni, dicono tutti, si legge ovunque. A volte ci sono, ma si tratta di
lucciole e non di lanterne. Non è raro che tornino con i dubbi per poi capire
definitivamente che avevano fatto bene ad andarsene. Mio dio no, questo no.
ANCORA PER BILLY: bellissima poesia, grazie di cuore.
PER BUDDY: grazie per i tuoi commenti, mi hanno aiutato (in questi giorni sto un po’
triste).
PER TUTTI: io sarò a Roma, fondamentalmente, ad agosto. Ho una casa piccolina,
ma, in modo un po’ arrangiato, posso ospitare una persona. Ho 2 cani di piccola taglia
(pacifici, innocui), per chi avesse idiosincrasie è bene saperlo.
Whatsapp purtroppo io non ce l’ho, ancora non sono riuscita a separarmi dal vecchio
cellulare prodotto nel giurassico.
PER DANIELA: già lavorare insieme è un disastro, e anche io spero che la nuova
donna non sia pure lei una collega di lavoro, questo sarebbe veramente troppo da
reggere! PS. Ma non hai la condizione di farti trasferire altrove?

GIUGNO 29, 2014
BILLY
Ciao Carolina,diciamo che le notizie sono corrette,anche se non richiesto da
me,la sua amica mi ha riportato tutta una serie di frasi pronunciate da lei che
sicuramente,conoscendo X come una persona che difficilmente esce allo
scoperto,hanno un certo peso.Sono frasi che aprono scenari sulla possibilita’ di
un ritorno che,in caso ci fosse,io senz’altro prenderei in considerazione,ci
sarebbero dei punti da mettere bene in chiaro,ma sicuramente li prenderei in
considerazione.Il punto e’ che io non sto aspettando che lei ritorni,ma sto
aspettando il momento di essermene completamente andato.Il gioco,per quello
che riguarda me,lo conduco io….ed io vado.Tutto cio’ mi disturba perché e’ un po’
come se io stessi camminando per allontanarmi ed una voce ti chiamasse,allora ti
fermi e ti volti per ascoltare…….perdi tempo.Si ripresentano alcune tipologie di
pensiero,cominci a fare un certo tipo di valutazioni,inizi addirittura ad immaginare
discorsi su quello che dovresti dire e quello che vorresti ascoltare in caso di un
suo ritorno……Questo e’ quello che in altri messaggi ho chiamato il distacco dalla
realta’.La realta’ e’ che lei non ha chiamato per dirmi che le manco e che vorrebbe
tornare insieme,di concreto e reale non c’e’ nulla,solo
pensieri,idee,valutazioni,supposizioni…..praticamente nulla.Quindi ritornare alla
realta’.X mi ha lasciato,ora lei non e’ qui,e’ un mese che non la sento,io sto
abbastanza bene,ho un sacco di cose da fare,c’e’ un altra donna che ha voglia di
vedermi (con molta calma posso assecondare questa cosa),c’e’ molto da
lavorare…..insomma…..cose reali. X mi manca?….Si,a volte,anche
spesso,…….mi manchera’ sempre meno.

GIUGNO 29, 2014
CAROLINA
Sì, conosco bene la dinamica di questi pensieri, a me capita che si inneschi
anche senza avere alcun imput… Sei persona molto concreta, sono certa che
ce la farai a stare ancorato alla realtà, anche se con alcune azioni di
“disturbo” del cervello (io putroppo per temperamento tendo a fantasticare
molto, e l’ancoraggio alla realtà non mi è semplicissimo, non viene naturale e
debbo sforzarmi tantissimo). Certo, magari lo paghi comunque in termini di
malumore. Noi piccole cose le paghiamo in termini di giorni, per rimetterci in
carreggiata, questa è la realtà. A volte mi sembra che tutti gli sforzi immani
per riprendersi un minimo siano vaneggiati da piccolissime casualità, certe
volte mi scoraggio per questo. Magari mi basta vedere un qualcosa in casa,
oppure un ricordo, e la mente viaggia sul “se tornasse”, “se ha capito”.
Assurdamente, in primo luogo perché non è all’ordine del giorno, in secondo
luogo perché davvero, se accadesse, io sarei in imbarazzo, perché so che un
uomo com’è fatto lui oggi come oggi per me non è fatto. L’ho sperimentato e
mi ha fatto solo soffrire. Perché rimpiangerlo?

GIUGNO 29, 2014
BUDDY
Ciao Carolina, Ciao Billy,
Immagino che se abbiamo trascorso diversi anni con i nostri ex vi sarà pure una
ragione, di certo siamo stati bene, se non sempre almeno per diverso tempo (non
credo che siamo tutti masochisti), poi le cose sono cambiate, sono cambiati loro,
abbiamo scoperto aspetti della loro personalità che magari non conoscevamo,
alla fine forse siamo cambiati anche noi, di certo dopo che ci hanno lasciato
siamo stati costretti a fare qualche riflessione e questo dei cambiamenti in noi li ha
provocati, ma dato che ora non stiamo tanto bene mentre all’epoca (forse nella
nostra beata ignoranza) stavamo meglio vorremmo tornare a tale periodo,
cancellare tutto quello che è successo con un colpo di spugna ma non è possibile,
forse questa speranza è più difficile da superare da chi non ha visto
l’intromissione di terze persone nella coppia, ma attenzione scrivo appunto visto
in quanto le terze persone potrebbero benissimo esserci o esserci state e noi non
ne eravamo a conoscenza (o fingevamo di non accorgercene), nel caso di
Carolina il fatto che il tuo ex facesse il galante con altre donne (magari anche
molto più giovani di voi) fa pensare che anche se non fosse riuscito a
concretizzare nulla di certo l’idea di fare lo scapolone lo entusiasmava parecchio,
quindi il tradimento potrebbe anche non essersi consumato ma lui non pensava
certo lasciandoti di trascorrere il resto dei suoi giorni in castità (o per caso sta
seguendo un percorso spirituale presso qualche comunità religiosa dedita al
lavoro e preghiera? Non credo).
Logicamente anche a me mancano molte cose che abbiamo condiviso, purtroppo
però tali cose non esistono più (in quanto lei ha distrutto tutto).
Un abbraccio a tutti e a presto!

GIUGNO 29, 2014
DANIELA
E proprio vero sono riusciti a distruggere tutto purtroppo
Fa male mi manca tanto e quello che mi fa più male e saperlo felice con
un’altra
Un caro abbraccio Daniela

GIUGNO 29, 2014
CAROLINA
In castità? :-) (risata amara). Sicuramente il mio ex compagno aveva la
necessità di sentirsi libero e single, a lungo ha mentito anche a se stesso
inventandosi il film della “vita virtuale” che doveva vivere parallelamente a me
per sentirsi bene (fare il cavaliere con altre per compensare le strettoie della
vita coniugale, avere la possibilità di “inscenare” una vita altra, una possibilità
diversa, così per gioco), una cosa macchinosissima che non mi ha mai
convinto, soprattutto perché a costo della mia sofferenza (in quanto sotto i
miei occhi), e che comunque non era vera. La verità, come ho avuto già modo
di dire, come lui stesso alla fine ha riconosciuto, è che aveva smesso di
desiderare di stare con me e aveva cominciato a desiderare altro, e, non
riuscendo però a “tagliare”, cercava di far stare insieme tutto. Un po’ come un
bambino, non voleva rinunciare a nulla. Quando, dopo 2 anni e mezzo, è
stato più che evidente anche a lui che non ero disposta a credere a babbo
natale e che, per stare con me, avrebbe dovuto affrontare un percorso
faticoso di messa in discussione anche di se stesso, ha rinunciato
(lasciandomi ha detto: “hai sempre avuto ragione tu, se uno non può
rinunciare a certe cose vuol dire che non ama abbastanza, e io infatti voglio
provare altre emozioni nuove e intense”, dicendomi questo mi ha fatto
l’esempio di un bacio dato a una donna, queste erano le emozioni che voleva
provare). Quindi, nel mio caso non c’era una terza persona nel senso di una
relazione già avviata, ma c’era l’idea entusiasmante che potessero esserci
possibilità e avventure (in riferimento a persone concrete, tipo le ragazzine
con 20 anni meno di noi che erano tutte gratificate delle attenzioni di un uomo
non bello, ma certamente con un grande ruolo all’interno della struttura
associativa creata insieme, e si sa che le donne spesso sono molto sensibili
ai ruoli più che all’età o agli aspetti estetici). Una delle cose che mi ha fatto
più male, sapete qual è? L’avermi trattata di fatto come una cretina per 2 anni
e mezzo, come una pazza, una visionaria, e di aver insultato la sua stessa
intelligenza, con questa storia della vita parallela compensativa (ma
compensativa di che? se hai bisogno di compensare ancora, e altrove,
mentre ci diciamo che dobbiamo recuperare, allora lo stesso recupero perde
di senso, nella misura in cui continui ad avere la necessità di recuperare
altrove). In ogni caso, dopo 2 anni e mezzo passati a dubitare di me stessa,
della mia lucidità mentale, a pencolare tra la certezza della verità di certe
sensazioni e il dubbio che avesse ragione lui, dopo 6 mesi di separazione, è
vero che ormai è andata, i cocci sono in frantumi, il vaso non esiste più, e
forse tutto questo rivangare su quel che è successo mi spinge al rancore, che
è meglio non alimentare. In fondo, ha pagato e sta pagando anche lui, quello
che gli sembrava il luccichìo di una fenomenale vita da scapolone si è
aggrumato in una scontentezza di sé, spalancandogli le porte di una terapia
lunga e faticosa. Già questo basta per capire che ha avuto e ha i suoi
problemi, in cui forse io sono entrata solo di striscio. Quando se ne è andato
via, io, in una delle mie scene da eroina tragica, gli ho detto che io sarei stata
malissimo, che però alla fine mi sarei ripresa, perché so cosa significa
l’empatia per gli altri, che a lui sarebbe invece rimasta per sempre l’aridità
della sua anima e la disonestà intellettuale di non sapersi mettere nei panni
altrui. Ora, fa i conti con se stesso. Va bene così, non debbo odiarlo.

GIUGNO 30, 2014
DANIELA
Carol abbiamo aperto il gruppo su wazap venite numerosi
un grande abbraccio a tutti
Dany
o
GIUGNO 29, 2014
BUDDY
Ciao Billy,
Ti ho inviato una mail, come ti ho scritto anche li se usi what’s app e desideri essere
aggiunto al gruppo del quale al momento facciamo parte io, Ludov e Pat fammi avere
il numero di telefono via mail.
Se non ho capito male la ex di cui parli è quella recente, non la tua ex moglie con cui
ora hai rapporti amichevoli, in effetti se non lo hai già fatto ti suggerisco di rileggere
bene il capitolo dei ritorni:
http://www.ilmondodiart.com/welcome-back-lost-love-fenomenologia-dei-ritorni/
Ora la tua ex si trova in un momento di confusione, la storia con l’altro non è
nemmeno iniziata che è già finita, quindi si trova da sola (forse) e tu vieni rivalutato,
sembra un copione già letto ….
Per CAROLINA: mi fa piacere che i miei commenti ti siano stati di aiuto (temevo il
contrario), per quanto riguarda what’s app se non hai uno smartphone ma per forza di
cose avrai un computer dato che leggi e scrivi sul blog si potrebbe usare
un’alternativa, mi viene in mente skype o anche Hangouts, in pratica basta avere una
mail su gmail e all’incirca in automatico lo si può usare sia da computer che da
smartphone e si possono fare anche chiamate e video chiamate, cosa che non si può
fare con what’s app, ovviamente ne esistono diverse di alternative (mi viene in mente
Viber che però non ho mai usato, ma c’è sempre una prima volta), sono ben accetti
consigli da parte di chi utilizza altre tipologie di applicazioni.
Eventualmente manda una mail a Ludov che poi ti farà avere la mia e vediamo, se la
cosa ti interessa, come procedere.
Per ROMA: al massimo prenderei una stanza in albergo o altro, nel caso dato che se
non erro tu e Billy siete della zona potreste darci dei suggerimenti, anche per non
spendere un patrimonio, al massimo proverò a vedere cosa si trova con booking.com
MARGY: tutto bene? Da un paio di giorni non ti sentiamo
Un Abbraccio a tutti e a presto.
o
GIUGNO 29, 2014
DANIELA
Pensa carissimo amico io ci lavoro insieme
E’ una tortura so anche per chi mi ha lasciato e come una scema vado a vedere se la
sua macchina e’ sotto casa di lei e puntualmente c’è .
Sono proprio una coglio a non basta vederlo mi faccio anche del male ” sono passati
due mesi” ma sto molto male a giorni alterni però la mattina quando lo vedo mi viene
la nausea dal dolore.
Ragazzi dove posso mandare il numero per far parte del gruppo su wazap??
Un abbraccio a tutti Daniela

GIUGNO 29, 2014
BUDDY
Ciao Daniela,
Anch’io so perfettamente dove si trova la mia ex, ma evito di andarla a cercare e
forse in cuor mio spero addirittura di non incontrarla casualmente, anche se
quando l’ho rivista non mi ha fatto un grande effetto va detto che meno ci si vede
e meglio è, purtroppo tu lo incontri tutti i giorni per lavoro e questo non è certo
positivo, ma sarebbe consigliabile evitare di cercarlo la sera, tanto sai già quanto
ti basta, non servono ulteriori conferme o dettagli, tutte le sere potrebbe
cambiarne una diversa, la cosa non ti deve interessare, in fin dei conti anche tu
potresti fare lo stesso e di certo lui non dovrebbe esserne geloso (cosa che
invece, spesso negli uomini, capita in quanto chi lascia si ritiene di avere solo
diritti mentre chi viene lasciato solo doveri).
I nostri ex stanno percorrendo una strada diversa dalla nostra, lasciamoli andare
e seguire il percorso che hanno scelto (probabilmente in modo egoistico in quanto
è mancato loro il senso di responsabilità che avrebbero dovuto riservarci), se ne
pentiranno o forse no, non è affar nostro anche se saperlo un giorno forse farà del
bene alla nostra autostima ma non cambierà di una virgola ciò che hanno fatto ed
il loro ritorno non è affatto auspicabile perchè sarebbe dettato dal loro
opportunismo e non certo da sentimenti sinceri nei nostri confronti e poi
dovremmo vivere nel dubbio di essere presto o tardi di nuovo lasciati, una cosa
del genere alla lunga logora.
Mi rendo conto che spesso abbiamo un senso di “possesso” nei confronti della
persona amata, ma è sbagliato, non ci appartengono e mai ci sono appartenuti,
abbiamo percorso con loro un tratto di strada più o meno lungo ed arrivati ad un
bivio le nostre strade si sono separate, magari loro ci hanno ingannato
relativamente alla scelta di tale strada, ma questo non cambia la sostanza delle
cose, pensa a lui prima di conoscerlo, era un estraneo e di quello che faceva non
te ne poteva importare nulla, tornerà nell’anonima folla che ci circonda e sarà un
estraneo come molti altri ….
Per quanto riguarda what’s app per ora siamo io, Pat e Ludov, manda una mail a
Ludov con il tuo numero ed appena gli sarà possibile in quanto oggi è impegnato
lo aggiungeremo, non riscrivo nuovamente la mail ma la trovi nei commenti qui
sotto, ad esempio sotto un tuo commento di ieri, (inizia con la k ed è di libero.it)

GIUGNO 29, 2014
DANIELA
Grazie ho mandato il numero vi aspetto a io sono di Milano
Bacio Dany

GIUGNO 29, 2014
CAROLINA
Ciao Daniela, la tua tortura è grande, doverlo vedere tutti i giorni è un vero castigo
di dio. Però, una cosa la puoi fare: evitare di andartelo a cercare anche fuori dal
lavoro, questo dipende da te. Tanto ce l’hai lo stesso nel cervello ogni momento,
non è necessario andarsi a cercare altri imput per pensarlo! Insomma, la tua
disperazione può stare tranquilla: verrà certamente alimentata pure se non passi
a controllare i suoi spostamenti! ;-) (consiglio di leggere “Istruzioni per rendersi
infelici” di P. Watzlawick).
2 mesi sono davvero pochi, Daniela. Possiamo anche dire che stare molto male
“a giorni alterni” è già qualcosa, vuol dire che oscilli tra il male e il malissimo e non
sei attestata sul malissimo perenne.
A quanto capisco, l’idea del trasferimento, essendo una società vostra, non è
possibile (non so quanto è praticabile dividere questa società), ma non puoi
neanche prenderti un paio di mesi di distacco dal lavoro, che ne so, una vacanza
prolungata, è impossibile? Non è che dopo 4 mesi si sia guariti, ma almeno ti
prendi un po’ di respiro per incanalare i pensieri verso una base da cui partire per
il superamento interiore del dramma.

GIUGNO 29, 2014
DANIELA
Magari potessi Carolina pensa che sono stata sette gironi a Ibiza e ho pianto
tutto il tempo sono stata peggio

GIUGNO 29, 2014
DANIELA
Sai quello che mi da più fastidio e pensarlo felice con lei e io sto morendo
Ma penso sia comune a tutti
o
GIUGNO 29, 2014
CAROLINA
PER DANIELA: vorrei dirle di riflettere un po’ anche sulla sua situazione, spostare
l’attenzione da lui a se stessa. Finora, i pensieri sono rivolti a quanto ti manca, etc.
Ma, all’interno della relazione, a te, Daniela, stava bene tutto? Possibile che
quest’uomo non ti faceva mancare nulla, era esattamente l’uomo che riusciva a dare
tutto quello di cui avevi bisogno? Comincia a pensare anche a quel che non ti piaceva,
a quel che non andava bene per te.

GIUGNO 29, 2014
BUDDY
Ciao Carolina,
Daniela è entrata nella chat su what’sapp con me, Ludov, Pat e un’altra ragazza
che ci legge da giorni ma non riusciva dal telefono a lasciare commenti nel blog,
ci siamo scritti per ore e credo la cosa sia stata positiva per tutti noi, è un peccato
tu non abbia modo di partecipare farebbe bene anche a te e noi potremmo avere
il tuo supporto in tempo reale, mi sa che ti tocca prendere uno smartphone!!!
Ovviamente sarà una tua scelta, mi permetto solo di scriverti che se non ti va di
spendere molti soldi (tipo per un IPhone) esistono soluzioni più economiche che
potrebbero svolgere egregiamente la loro funzione.
o
GIUGNO 30, 2014
MARGY
Ciao BUDDY eccomi qui….avrei tante cose da raccontarvi anche perchè ci siamo visti
per parlare da persone civili…ma non so come riassumerlo e io mi ritrovo su
un’altalena…posso essere aggiunta anch’io nella vostra chat?

GIUGNO 30, 2014
BUDDY
Ciao Margy, sulla chat ci stiamo confrontando e confidando molto bene e ci è di
aiuto, stiamo valutando di fare una cena nella zona di Milano, se ti vuoi
aggiungere e raccontarci come vanno le cose manda una mail a Ludov, l’indirizzo
lotrovi qui sotto, inizia con la K ed eè di libero.it, a presto.

GIUGNO 30, 2014
MARGY
OOOOk, mandata mail con il mio numero di telefono :)

GIUGNO 30, 2014
BUDDY
Anche la nostra amica Margy è nella nostra chat, oltre al Grandissimo
Billy!!
Accorrete numerosi mancano ormai pochissimi posti …
Scherzo di posti ne abbiamo ancora, la cosa sembra funzionare bene,
alcuni dei nostri amici hanno finalmente dormito bene dopo vari giorni …
Mi farebbe piacere avere tra i nostri anche Carolina, a proposito come
va?
Un abbraccio a tutti e a presto!

LUGLIO 7, 2014
WHITE
Ciao a tutti
Pur comprendendo perfettamente lo spirito di aggregazione in “tempo reale”
che il gruppo si è creato su WA, mi permetto di dissentire da questa Vostra
iniziativa di uscire da “qui” per i seguenti motivi:
. Molti di noi sono esclusi dai Vs commenti e non mi pare giusto non essere
partecipi ai Vs scritti.
. Questo spazio che gentilmente Nicola tanto tempo fa ha creato per chi come
noi ha subìto l’abbandono rimane vuoto e viene talvolta riempito con
“messaggi di servizio” ove si invitano le persone di partecipare su WA: non mi
pare corretto nei confronti in primis di Nicola e poi di tutti gli altri che non
hanno alcuna intenzione di partecipare in WA con voi per varie ragioni.
. Siccome il blog ha registrato migliaia e migliaia di commenti in questi anni e
sono ancora a beneficio di tutti anche oggi, non vedo perché dobbiamo
interrompere questa catena per una scelta che nulla ha da spartire con lo
spirito iniziale del blog e dei commenti di chi ci ha preceduto.
Se proprio, proprio… Apritevi un blog vostro e parlatevi tra di voi o continuate
su WA, ma se dovete intervenire qui, sarebbe gradito che ci fosse una certa
continuità tematica per uno scambio costruttivo fra tutti e soprattutto, per tutti.
Scusate per lo sfogo, ma mi pareva doveroso.

LUGLIO 7, 2014
ART
Ciao White, condivido il tuo pensiero e personalmente preferisco anch’io
che si continui a scrivere qui; ogni giorno più di 800 persone accedono a
questa pagina e quindi molti si limitano anche solo a leggere ed
immagino che traggano giovamento dalla lettura delle esperienze altrui
anche senza partecipare, tuttavia non è giusto obbligare gli altri ad
utilizzare questo strumento che, anche se consente l’anonimato, è pur
sempre una bacheca pubblica e quindi non permette la condivisione di
dati più personali che, al contrario, in un gruppo su WA ci si può
permettere di fare (o almeno lo si fa con più serenità)… quindi bene se gli
altri condividono il medesimo pensiero e cercano di fare un pò qua e un
pò là… comunque altre persone che non scrivono e con le quali non
entreranno in contatto, trarranno comunque giovamento da quanto si
scrive, se questo non avverrà cerchiamo di essere presenti almeno noi…
io prometto di farlo da Settembre in poi, al momento gli impegni musicali
mi stanno letteralmente sommergendo.
Restiamo in attesa dei pareri degli altri… un forte abbraccio a tutti

LUGLIO 7, 2014
CAROLINA
Ciao White, ciao a tutti,
io penso che strumenti diversi servono a differenti funzioni e bisogni, tutti
legittimi. Stare su WA è molto utile a non sentirsi soli durante la giornata,
a chi ha voglia di parlare frequentemente della condizione in cui si trova,
a prescindere da quello che sta facendo, comunicare le emozioni del
momento, in tempo reale. Scrivere sul blog risponde all’esigenza di
raccontare, raccontarsi, sapere i racconti altrui, soprattutto razionalizzare,
in momenti precisi della giornata che si scelgono (magari anche ore, eh!),
e i dialoghi non sono quasi mai in tempo reale. Io, per difficoltà
tecnologiche e per mia natura e per mia condizione attuale, non sono
incline al WA: non sono aggiornata tecnologicamente (e ho una certa
pigrizia in tal senso), ma, anche, preferisco scegliere i momenti in cui
parlare di tutto questo percorso di sofferenza che stiamo facendo,
ognuno il suo calvario personale, e penso che ad oggi non mi fa bene
andare con la mente in continuazione alla mia condizione, preferisco
istintivamente assecondare anche le situazioni in cui “stacco” e cerco di
immergermi in altro (che, dopo 6 mesi, cominciano qua e là a
presentarsi). Ci sono cioè momenti (solo momenti, eh!) della giornata in
cui gesù o chi per lui mi fa la grazia di allentare questa pressione
dell’anima e mi consente la distrazione, ci sono momenti in cui il mio
cervello prende un’altra direzione che non sia il pensiero unico su lui che
se n’è andato o sul mio dolore che non passa, e queste “deviazioni”, pure
se non durano a lungo, so che mi fanno bene, perché mi indicano la
strada da percorrere, e, pur se timidamente, mi sottolineano che questo
percorso esiste: ora sono sentierini sporadici, perduti nella campagna del
dolore, ma poi diventeranno carreggiate e strade asfaltate e autopiste!
Insomma, mi racconto questo per alleviare la condizione di miserabile
sofferenza in cui verso, in cui tutti versiamo, approfitto di ogni piccola
occasione che marca la differenza dal pensiero dominante. Come Billy,
penso che, al di là della nostra volontà razionale, ogni piccola cosa a cui
magari non diamo neanche troppo peso lavora per noi, al fondo, e poi ce
la ritroviamo.
Su questo blog in genere, anche se non scrivo, torno ogni giorno. Anche
una guardatina ai vecchi commenti, oltre che rileggere quotidianamente i
10 punti. Andare alle storie altrui, rileggere i miei commenti anche per
verificare la strada percorsa, pure questo è doloroso, ma il dolore non si
può evitare, i racconti degli altri e i miei racconti pigiano su questo tasto,
ma è un’operazione che oggi sento utile alla ricostruzione. Quando non
sentiremo più questa esigenza, probabilmente un altro gradino avremo
compiuto sulla strada della guarigione.
Ma – WA, blog, chat, FB o che so io – ogni mezzo per autoaiutarci è
legittimo, quando ci fa stare meglio.
Però, però, però … anch’io vi esorto a non lasciare il blog, che non è
sostitutivo a WA, è proprio un altro strumento che svolge una sua utile
funzione!
Un abbraccio a tutti, vi auguro una buona serata.

LUGLIO 7, 2014
DANIELA
Giusto e sacrosanto quello che hai detto e comunque white non è vero
Noi comunque abbiamo attivato le notifiche e amo sempre arricchendo
anche con
La nostra idea l’ aiuto che possiamo dare ad altri
Un abbraccio Daniela

LUGLIO 7, 2014
BUDDY
Naturalmente ogni opinione è legittima, purtroppo non partecipando alla
chat di WA non si può sapere che il blog rimane il riferimento, difatti se ci
sono commenti lo indichiamo subito e suggeriamo anche di rispondere e
tenere “vivo” il blog, difatti il sottoscritto, Billy, Daniela e altri siamo
certamente tra i più attivi con un buon numero di commenti settimanali se
non addirittura giornalieri.
Poi certi strumenti, più privati, permettono di esporre in maniera più
aperta certe questioni molto private. Ovviamente poi ognuno è libero di
esprimere la propria opinione pur non conoscendo i fatti in modo che i
propri pregiudizi non ne vengano influenzati.
o
LUGLIO 1, 2014
BUDDY
Ciao cari amici del blog, è vero che con diversi ci sentiamo in what’s app, però con
altri no ed ho notato che non vengono più inseriti commenti da alcuni di loro, spero di
sentirvi presto.
Un abbraccio a tutti e a presto!
•
GIUGNO 28, 2014
PAT
grazie Billy per la condivisione della poesia e delle emozioni che evoca..è stato bello
leggerla.
Grazie
L’altro giorno pensavo che se ci scambiassimo via mail i nostri numeri di telefono
potremmo creare un gruppo di “autoaiuto” su whatsapp per i nostri frequenti momenti di
sconforto. Come tutti sappiamo non sempre è piacevole per chi ci è accanto sostenere le
nostre lacrime e le nostre continue parole su quella persona..invece tra di noi ci capiamo
perfettamente e ci sentiremmo meno soli. Che ne dite?Idea pazza?
;)
Un abbraccio a tutti
o
GIUGNO 28, 2014
DANIELA
Sarebbe una bellissima idea
Daniela
o
GIUGNO 28, 2014
BUDDY
Ciao Pat, ho creato il gruppo su what’s app, per ora siamo io e Ludov a cui dovresti
aver scritto alla mail [email protected] e dovrebbe averti girato la mia mail, se ci mandi il
tuo numero ti aggiungo al gruppo, lo stesso vale per gli altri ovviamente, scrivete a
Ludov.
Ritengo sia una buona idea.
o
GIUGNO 29, 2014
BILLY
Grazie a te Pat,sono contento che ti sia piaciuta,e’ una delle mie poesie preferite.
Per te e per chi vuole la mia mail e’ [email protected]
•
GIUGNO 28, 2014
BILLY
Da IL GUARDIANO DI GREGGI (Fernando Pessoa)
Sono un guardiano di greggi
Il gregge e’ i miei pensieri.
E i miei pensieri sono tutti sensazioni.
Penso con gli occhi e con gli orecchi
e con le mani e i piedi
e con il naso e la bocca.
Pensare un fiore e’ vederlo e odorarlo
e mangiare un frutto e’ saperne il senso.
Percio’ quando in un giorno di calura
sento la tristezza di goderlo tanto,
e mi corico tra l’erba
chiudendo gli occhi accaldati,
sento tutto il mio corpo immerso nella realta’,
so la verita’ e sono felice.
Se potessi mordere la terra intera
e sentirne il sapore,
sarei per un momento piu’ felice…..
Ma io non sempre voglio essere felice.
Ogni tanto e’ necessario essere infelici
per poter essere naturali….
Non tutti sono giorni di sole,
e la pioggia,quando manca,la si invoca.
Percio’ prendo l’infelicita’ e la felicita’
naturalmente,come chi non si sorprende
che esistano monti e pianure
che esistano rocce ed erba….
L’importante e’ essere naturali e tranquilli
nella felicita’ e nella infelicita’
sentire come chi guarda,
pensare come chi cammina,
e in punto di morte,ricordarsi che il giorno muore
che il tramonto e’ bello e bella e’ la notte che resta…..
Cosi’ e’ e cosi’ sia.
Se si vuole che abbia un misticismo,ebbene,ce l’ho.
Sono mistico,pero’ solo col corpo.
La mia anima e’ semplice e non pensa.
Il mio misticismo e’ non voler sapere.
E’ vivere e non pensarci.
Non so cosa sia la Natura:la canto.
Vivo in cima ad un colle
in una casa imbiancata e solitaria,
e questa e’ la mia definizione.
Come uno scarabocchio di rosso fuoco
il sole al tramonto indugia sulle nubi che restano.
Un vago sibilo risuona nella sera tranquilla.
Deve trattarsi di un treno lontano.
M’assale in questo momento una vaga nostalgia
e un vago e quieto desiderio
che va e viene.
A volte anche sulla superficie dei ruscelli
si formano bolle d’acqua
che appaiono e scompaiono
e non hanno altro senso
che quello di essere bolle d’acqua
che appaiono e scompaiono.
Mi sveglio di notte all’improvviso,
e il mio orologio occupa la notte intera.
Non sento la Natura di fuori.
La mia camera e’ una cosa buia con pareti vagamente bianche.
C’e’ una quiete fuori come se niente esistesse.
Solo l’orologio va avanti col suo rumore.
E questo mucchietto d’ingranaggi che sta sul comodino
cancella tutta l’esistenza della terr e del cielo….
Quasi mi smarrisco a pensare cosa cio’ significa,
ma mi trattengo,e sento che sorrido con gli angoli della bocca nella notte.
In un giorno esageratamente limpido
un giorno in cui veniva voglia d’aver gia’ lavorato abbastanza
per poter smettere di lavorare,
intravidi come un sentiero tra gli alberi,
quello che forse e’ il Gran Segreto,
il Grande Mistero di cui parlano i falsi poeti.
Vidi che non c’e’ Natura,
che la Natura non esiste,
che ci sono monti,valli,pianure,
che ci sono piante ,fiori,erbe,
che ci sono fiumi e pietre,
ma che non c’e’ un tutto a cui questo appartenga,
che un insieme reale e vero
e’ una malattia delle nostre idee.
La Natura e’ parti senza un tutto.
Questo e’ forse quel tale mistero di cui parlano.
Fu questo che senza pensare o indugiare,
accertai fosse la verita’
che tutti stanno cercando senza trovare,
e che solo io,senza cercarla,ho trovato.
Rientro e chiudo la finestra.
Mi portano il lume e mi danno la buonanotte.
E la mia voce allegra da la buonanotte.
Magari la mia vita fosse sempre questo:
Il giorno pieno di sole,o addolcito dalla pioggia,
o tempestoso come se finisse il Mondo,
la sera mite e la gente che passa
guardata con interesse dalla finestra,
l’ultimo sguardo amico alla quiete delle piante,
e poi,chiusa la finestra,il lume acceso,
senza leggere niente,senza pensare a niente,senza neanche dormire,
sentire la vita scorrere in me come un fiume nel suo letto.
E fuori un grande silenzio,come un dio che dorme.
Per tutti voi
Billy
o
GIUGNO 28, 2014
BUDDY
Seguendo il consiglio di Billy commento in coda all’ultimo commento in modo da
incasinarci meno nella lettura dei vari messaggi o almeno così spero.
Ciao Carolina hai scritto molte cose interessanti, di seguito tra virgolette ne riporto
alcune ed aggiungo alcuni miei commenti:
Scritto da Carolina: “Anche io sono stata anaffettiva nel corso del rapporto con il mio
ex compagno, ma non credo di potermi definire tale in assoluto. A volte è la
combinazione dei caratteri, delle situazioni, il nostro adeguamento ad esse, che fa
emergere un lato di noi che c’è, ma ce ne sono anche altri.”
“Bisogna tendere alla reale separazione anche noi, per non rimanere irretiti all’interno
di una relazione che ormai esiste solo per noi. “Lasciar andare” per me significa
soprattutto scoraggiare i pensieri concentrati sulle esclusive responsabilità dell’altro (o
sulle nostre, come un pendolo), evitare di continuare a chiedersi i perché e i percome
non ci amano più, evitare di soffermarsi su quel che avremmo potuto fare per impedire
la crisi o la fine (come se questo ci potesse aiutare a ricucire), depotenziare le
emozioni di legame (anche la rabbia lo è, è l’altra faccia della stessa medaglia
dell’amore)”
Nel mio caso (forse non solo il mio) vi è il fatto che lei dopo esserne andata (ma già
anche poco prima) si rendeva conto che era probabilmente stato un errore (e quindi
un vero peccato) rompere il “vaso” ma evidentemente nel momento in cui lo rompeva
(superando il punto di non ritorno …) non la pensava in tal modo, forse credeva di
colmare almeno un po’ il suo vuoto interiore senza far danni alla nostra relazione
(cosa improbabile se non impossibile che denota molta impulsività e poca razionalità),
forse voleva punirmi per non essere stato in grado di colmare tale vuoto cioè di
realizzare ciò che solo lei poteva fare, le reali ragioni forse nemmeno lei le conosce
anche se tendeva ad attribuire ai vari problemi esterni (che hanno colpito in realtà
soprattutto me e lei per lo più di riflesso) avvenuti più o meno contemporaneamente la
causa della rottura, secondo lei un problema alla volta lo avremmo superato tutti
insieme non siamo stati in grado di sopportarli, mi viene comunque da pensare che le
nostre reazioni sono state ben diverse: io in un modo o nell’altro ho cercato di
resistere, lei non ci è riuscita, quindi forse la sua esigenza principale era quella di
soddisfare i suoi bisogni pensando poco al sottoscritto ed ai problemi che lo
riguardavano e questa temo sia una forma un po “strana” di amore, difatti tendo a
chiamarla “attaccamento”, il vero amore ci avrebbe permesso di superare ostacoli ben
più impegnativi.
Certo in altre condizioni avrei potuto aiutarla a colmare il suo vuoto, in passato prima
che i problemi “esterni alla coppia” si presentassero probabilmente in alcuni casi vi ero
anche riuscito, ma nessuno può colmare il vuoto altrui, nella migliore delle ipotesi può
solo dargli una mano, quindi il lavoro vero spettava a lei anche se forse non se ne
rendeva conto e questo ne conferma la fragilità e forse anche l’immaturità. Purtroppo
non esiste la macchina del tempo, non possiamo tornare indietro nel momento
precedente in cui il “vaso” si è rotto ed impedirlo, non possiamo scegliere un finale
diverso o riscriverlo, è andata così, magari non doveva e non c’è lo saremmo mai
aspettato e forse nemmeno meritato ma adesso è tardi e non possiamo farci nulla
tranne che auto-flagellarci, rigirare all’infinito il coltello nella ferita, rimane il fatto che le
cose sono andate in questo modo e dobbiamo accettarlo, ovviamente vi è il rimpianto
per quel finale a lieto fine che credevamo di meritare ed invece ci è sfuggito.
Scritto da Carolina: “Cosa differente secondo me è cercare di capire i nodi che si sono
presentati durante la storia e nella sua fine, dove si è rotto il meccanismo che non ha
consentito più di ricomporre le crepe, che ci ha allontanati. Questo implica vedere
anche i nostri nodi, che non sono neanche questi colpe. Io penso che questa analisi,
se può anche confermarci che l’altro ha avuto lati manchevoli o molto manchevoli,
diciamo anche poco adulti, non deve essere finalizzata a individuare gli errori
dell’altro, in modo da confermare l’idea che sono solo degli stronzi, ma piuttosto a
comprendere qualcosa di noi stessi, che ci serva soprattutto per il futuro.”
Non posso che sottoscrivere quanto hai scritto, speriamo di non dimenticare mai la
lezione che la vita ci sta dando ed applicarla al meglio in futuro, non sarà semplice in
quanto le storie non si ripetono mai uguali e quindi nuove situazioni ed insidie si
presenteranno e dovremo essere pronti per affrontarle, dovremo parlare in modo
chiaro ma gentile, senza spaventare l’altro/a e più che criticare i comportamenti altrui
provare a proporre delle soluzioni agli eventuali problemi ed ascoltare le loro proposte
facendo il possibile per trovare o realizzare una strada comune da percorrere.
Scritto da Carolina: “Sì, i legami a volte si trasformano e si fondano più sul bisogno
che sul desiderio (bisogno di essere confermati, di non stare soli, di non disgregare le
proprie strutture).”
Concordo anche su questo, probabilmente i bisogni o le esigenze cambiano, ciò che
prima vedevano in noi come pregi poi sono diventati dei difetti in quanto visti da
un’altra prospettiva e con altre finalità.
Scritto da Carolina: “Inventavo “soluzioni”, una volta persino un “tavolo di pace”, in cui
ci saremmo messi ad un tavolino per parlare, vicendevolmente, di quello che ci aveva
fatto soffrire, di quel che ci piaceva nell’altro e di quel che non ci piaceva più, di cosa
avremmo potuto cedere e cosa no, su un piano di parità”
“Quel che faceva, lo faceva perché lo chiedevo io, come un dovere e non con il
piacere di recuperare. E io lo sentivo.”
Anche se alla fine non ha portato al risultato che desideravi (lui evidentemente non
era pronto) credo che quanto da te tentato ti faccia onore e dimostri grande lucidità,
cosa avresti potuto fare in alternativa?
Purtroppo noi non siamo mai arrivati nemmeno ad ipotizzarla una cosa del genere, io
cercavo per quanto possibile di starle vicino, di assecondarla, di renderla felice ma da
lei non arrivavano certo chiare indicazioni (dato che probabilmente era molto confusa)
ed il risultato alla fine è stato quello che è stato, chissà forse anche lei ipotizzava che
ciò che facevo lo facevo solo per cercarle di farle piacere (e già sarebbe comunque
stato qualcosa) e non perchè facesse piacere a me, cosa non vera in quanto io
passavo molto volentieri il mio tempo con lei anche a fare le cose più semplici, forse
era a lei che le cose semplici stavano strette e probabilmente da tempo ma non ha
mai avuto il coraggio di parlare chiaro e cercare di affrontare la questione nel modo
che hai fatto tu.
Scritto da Carolina: “Non ho affatto disposizione per euforia da single, oggi come oggi
sento che la mia soglia di coinvolgibilità reale si è abbassata ai minimi storici pur
avendo bisogno d’amore, e una gran parte delle preoccupazioni riguardano, nel fondo
del fondo della mia anima, l’idea della solitudine andando avanti negli anni. Questo in
me c’è. C’è la paura di dover affrontare me stessa non avendo più la grinta di un
tempo.”
“Scusate, stasera sono in vena malinconica e, dopo un po’ di tempo che non mi
succedeva, sto piangendo come una fontana. Ma domani, o dopodomani, andrà
meglio.
Un abbraccio.”
Credo che questo sia un passaggio comune a tutti coloro che la decisione la
subiscono, sono coloro che se ne vanno che credono (o si illudono) che vi sia un
mondo meraviglioso ad attenderli la fuori lontano da noi, quelli che invece come noi
nella coppia ci credevano ed hanno lottato fino alla fine hanno evidentemente una
reazione diversa, si sentono spaesati e sfiduciati, ci vorrà del tempo ma ci rimetteremo
in piedi.
E a proposito di rimetterci in piedi quando organizziamo l’incontro a Roma con gli
amici del blog?
Per me sarebbe meglio nel periodo di agosto essendo in ferie ed avendo quindi più
tempo a disposizione, per carità si può fare anche in un week-end ma chi abita ai lati
opposti della penisola potrebbe essere un po’ tirato con i tempi.
•
GIUGNO 27, 2014
BILLY
Margy,non c’e’ una strada unica,standard,per uscire dal “mappazzone”,ognuno e’ fatto a
modo suo e quello che puo’ essere d’aiuto o illuminante per me,puo’ non esserlo per te e
viceversa.Posso dirti quella che e’ stata la mia esperienza.Io ho cominciato a scavare
dentro di me,perche’ penso che se una storia finisce,in qualsiasi modo,per qualsiasi
motivo, le motivazioni (non colpe) derivano un po’ da entrambe le parti e perché penso
che se si rimane attaccati con tutte le forze ad una persona,o all’idea di una persona che
non ci vuole,ci dev’essere qualcosa in noi che non funziona troppo bene e sarebbe il caso
di capire cosa.Quindi come avrai potuto gia’ leggere,ho fatto di tutto.Credo che un altra
strada sia coltivare l’amore,anche verso la persona che ci ha fatto soffrire,un amore
diverso,che non chiede nulla in cambio,un amore vero,,,perche’ quando si ama una
persona,la si ama punto,anche quando sbaglia,anche quando ci fa incazzare anche
quando fa cose sulle quali non siamo affatto d’accordo.Questo non significa andargli a fare
le pulizie a casa,essere suoi schiavi,ma semplicemente accogliere quella persona per
quello che e’,con tutti i suoi limiti.Ci vuole tempo,molto tempo ma se si vuole si arriva
anche a questo.Io ora ho un ottimo rapporto con la madre delle mie figlie ed anche con il
suo nuovo compagno.Si parla,si scherza,a volte si raggiungono picchi di grande intimita’ e
si piange pure,ma non c’e’ nessuna nostalgia dell’amore perso,e’ un altro tipo di amore,per
certi versi piu’ bello.La stessa cosa sto facendo con la donna che mi ha lasciato 3 mesi
fa.Ho eliminato qualsiasi contatto perché non e’ ancora il momento,ma arrivera’ un giorno
in cui si potra’ condividere nuovamente qualcosa di prezioso.Forse un giorno scherzando
mi dira'”mi sa che ho fatto una cazzata a lasciarti” le rispondero’ “anche secondo me” e ci
faremo una bella risata.L’amore deve essere SEMPRE una cosa bella.Molto mi ha aiutato
e mi aiuta riportare sempre le cose su un piano di realta’.Il pensiero e’ normale che vada
sempre spaziando tra malinconie,pensieri romantici o rabbia,io lo riporto alla realta’ e cioe’
che se una persona non mi vuole o non mi ama piu’ e’ meglio che vada,perche’ non
essere amati o elemosinare amore e’ penoso,umiliante,mortificante e da un dolore forse
anche maggiore della perdita.Penso che ognuno meriti di essere amato,ma questa e’ una
possibilita’ che ce la possiamo dare solo noi stessicreando spazio dentro di
noi,separandoci dai rami secchi come puo’ essere una relazione con qualcuno che non ci
vuole.Un altra cosa che a me aiuta molto e’ la letteratura,il cinema,leggere una pagina di
un libro scritta particolarmente bene,una scena di un film girata e recitata ad arte ,sono
cose che mi commuovono,mi riempiono di bellezza e nutrirsi di cose belle fa bene
sempre,soprattutto in momenti difficili.Quindi Margy,concediti anche di stare male e di
essere incazzata,non saresti umana se non fosse cosi’,ma ogni tanto individua dentro di te
quale e’ la strada giusta e sforzati di ritornarci ogni volta che la perdi.A te sembrera’ di non
fare passi avanti,ma non e’ cosi’.
Un abbraccio
Billy
o
GIUGNO 27, 2014
MARGY
BILLY io davvero devo dirti grazie..ma è un grazie sincero, perchè con le tue parole
hai capito che cosa ho dentro.Un abbraccio sincero Margy
o
GIUGNO 27, 2014
CAROLINA
Accolgo il suggerimento di Billy e scrivo in testa anche per riferimento ad altri
messaggi.
PER MARGY: sono d’accordo anch’io con Billy e Buddy, bisgna tendere alla reale
separazione anche noi, per non rimanere irretiti all’interno di una relazione che ormai
esiste solo per noi. “Lasciar andare” per me significa soprattutto scoraggiare i pensieri
concentrati sulle esclusive responsabilità dell’altro (o sulle nostre, come un pendolo),
evitare di continuare a chiedersi i perché e i percome non ci amano più, evitare di
soffermarsi su quel che avremmo potuto fare per impedire la crisi o la fine (come se
questo ci potesse aiutare a ricucire), depotenziare le emozioni di legame (anche la
rabbia lo è, è l’altra faccia della stessa medaglia dell’amore). E’ chiaro che è molto
difficile farlo, e probabilmente in una prima fase è quasi impossibile, ma già sapere
dove dobbiamo tendere aiuta, prima è una consapevolezza razionale, poi però anche
il cuore viene ricondotto a ragione, anche se tardi, più lentamente. I pensieri sono
frutto delle emozioni, ma in parte possono anche essere disciplinati, o almeno
incanalati. Prima o poi ci seguono. Avviene anche per vie misteriose, ad un certo
punto, non sappiamo neanche come, ma la realtà è che questo succede quando
lavoriamo per questo. Normalmente devono passare alcuni mesi prima che questo
succeda, ed i tempi sono soggettivi, ma a me sembra di capire che questo non
accade in genere prima dei 6 mesi (sarà vero che non è un caso che i tradizionali
periodi simbolici di lutto delle nostre nonne, tipo vestire il nero etc., erano proprio 6
mesi?), quasi fisiologicamente, ma poi sta a noi far sì che non siano anni.
Sono anche d’accordo con Billy che non è sano attribuire tutte le colpe all’altro. Anche
quando si sono oggettivamente comportati male alla conclusione del rapporto
(relazione extraconiugale nascosta o negata, disattenzione massima, non-rispetto,
scelta inopportuna e indelicata della comunicazione dell’intenzione di chiudere, etc.),
pur se ci sembra che il loro cuore sia fatto proprio di una materia diversa dal nostro, in
realtà anche loro hanno avuto i loro problemi, e noi le nostre mancanze, oppure – pur
se noi siamo stati “perfetti” -, sì, magari sono cambiati, i bisogni possono cambiare.
Questo ci ferisce, siamo attoniti, ma effettivamente non è una colpa in sé non amare
più. Triste, doloroso per noi, ma non una colpa con marchio di vergogna. Cosa
differente secondo me è cercare di capire i nodi che si sono presentati durante la
storia e nella sua fine, dove si è rotto il meccanismo che non ha consentito più di
ricomporre le crepe, che ci ha allontanati. Questo implica vedere anche i nostri nodi,
che non sono neanche questi colpe. Io penso che questa analisi, se può anche
confermarci che l’altro ha avuto lati manchevoli o molto manchevoli, diciamo anche
poco adulti, non deve essere finalizzata a individuare gli errori dell’altro, in modo da
confermare l’idea che sono solo degli stronzi, ma piuttosto a comprendere qualcosa di
noi stessi, che ci serva soprattutto per il futuro. Io ad esempio penso che il mio ex
compagno ha avuto incapacità di affrontare la crisi, soprattutto il suo portato emotivo,
ed è stato dal mio punto di vista, per quelle che erano le mie esigenze, piuttosto
adolescenziale nella sua parte di impegno alla risoluzione (anche lui è stato dentro a
una crisi durata 2 anni e mezzo, non si è tirato fuori subito), ed io, al contrario, dal suo
punto di vista sono stata pesantissima, immersa in una messa in discussione totale a
comiciare da me stessa nel rapporto e in sé. Ma per molti anni il rapporto lo abbiamo
vissuto e costruito così come era, entrambi, e non erano emersi dubbi, neanche da
parte mia. Lo abbiamo costruito così, molto basato sullo scambio intellettuale e poco
sulla comunicazione emotiva. E quando io l’ho messo in discussione, lui non ce l’ha
fatta a sopportare. O forse, il suo coinvolgimento affettivo nei miei confronti non era
più tale da compensare lo sforzo immenso per farlo.
A me, come a Billy, è stata ed è molto di aiuto la psicoterapia, che mi spinge a
guardare dentro me stessa, a spostare la focalizzazione su di me piuttosto che su di
lui (che la terapeuta neanche lo conosce!), sui miei bisogni, e sul versante della mia
dipendenza affettiva. Scopro quel che neanche sapevo di me, che sono una persona
apparentemente sicura ma molto bisognosa invece di conferme, e il controllo iperrazionale che io stessa ho profuso nella mia relazione (caduto il quale, è stato il
casino) è stato un modo per difendermi dall’anaffettività di lui (questa è cosa vera,
anche lui lo riconosce e va in analisi proprio per questo) ma anche dalla paura dei
miei stessi bisogni emotivi (come se questa parte di me fosse vergognosa, qui stiamo
ancora indagando in terapia). Gli stili di attaccamento dell’età adulta molto dipendono
dai nostri vissuti da bambini, con i nostri genitori. La disperazione dell’abbandono può
alludere a un vissuto lontano. La sensazione di non essere più riconosciuti da chi ci ha
prima amati e poi abbandonati, se si conficca in una ferita originaria legata a questo
tipo di vissuto (ad esempio non essere stati molto valorizzati da piccoli, non aver
ricevuto rassicuranti attenzioni), può essere devastante in modo amplificato. Ora,
magari non per tutti noi è così, ma se la disperazione e il senso di vuoto si
protraggono molto a lungo, forse vale la pena di indagare sulle nostre mancanze più
che sulle loro.
Un abbraccio.
o
GIUGNO 27, 2014
LUDOV
ciao a tutti, già margy è dura.. leggendo i commenti di carolina ,i aiutano molto a
capire questo processo di “guarigione”, è giusto definirsi “malati?” inteso come
malessere.. pensare che passera molto tempo prima di veder la gioia di veder l’alba
dalla mia finestra è triste, siamo solo all’inizio. Leggendo bene il tuo post carolina, puo
darsi che anchio soffro di anaffettività, devo approfondire quest’argomento con
l’analista, leggendo qua e la ..ne ho parlato dei miei problemi di questo tipo, ci sarà
una soluzione. cè sempre una soluzione. Margy per quel poco che posso consigliarti
se proprio non riesci a far nulla in questo peiodo rivolgiti pure da un dottore o
teraupeta, Ho iniziato a fare training autogeno, mi tiene rilassato per qualche ora…
Nei momenti più angoscianti prendo un farmaco, perche non cè la faccio a stare
male,, semplicemente nei momenti angosciosi vorrei spegnermi. .. anche per dormire,
cmq c anche prodotti naturali. Aiutano in questo periodo, molto.. L’angoscia che sale
lentamente devo stemperarla in ogni modo! Accetterò la vittoria della sconfitta di
quest’amore. ho perso, ci stà nella vita perdere, fa male. molto. Pat ti lascio qui la mia
mail, ieri ho sentito billy, persona molta razionale, grande maturità.. se vuoi scrivermi :
[email protected]

GIUGNO 27, 2014
CAROLINA
Beh, sì, forse un po’ malati siamo, ma senza esagerare, dimmi qui chi non è
malato! Le nostre debolezze ora si amplificano perché siamo in sofferenza. E,
comunque, secondo me uno non è mai una sola cosa. Anche io sono stata
anaffettiva nel corso del rapporto con il mio ex compagno, ma non credo di
potermi definire tale in assoluto. A volte è la combinazione dei caratteri, delle
situazioni, il nostro adeguamento ad esse, che fa emergere un lato di noi che c’è,
ma ce ne sono anche altri. La terapia ti aiuterà a tirar fuori le cose positive di te,
riconoscendo quelle che non sono sane, ma senza paura, perché capire come si
è fatti è una necessità che deve essere rivolta alla nostra utilità, non a darci altre
croci.

GIUGNO 27, 2014
BUDDY
Ciao Ludov, a dire il vero ieri sera hai parlato con me (Buddy, non Billy), a parte
questa piccola precisazione ti ringrazio per i complimenti che mi rivolgi, ho notato
in te una grande forza, probabilmente però sei ancora all’inizio di questo percorso
ed in fondo tu ci speri ancora in un suo ritorno e questo ti fa stare male in quanto
l’attesa ti logora, probabilmente sei ancora nella fase della negazione, ma credo
sia anche abbastanza normale la cosa, l’importante è che non diventi per te
un’ossessione e che tu riesca ad andare avanti (purtroppo da quanto dicevi e
scrivevi sei sostanzialmente da solo e non avere accanto dei famigliari che ti
possano aiutare rende la situazione ancora più difficile).
Come si legge nella guida (ma come è facilmente intuibile) è probabilmente più
“facile” chiudere per chi ha subito un tradimento o comunque ha vissuto una
situazione dolorosa rispetto a chi era convinto fossero tutto rose e fiori e dall’oggi
al domani si ritrova spiazzato dall’abbandono e non si da pace, va comunque
detto che nei casi in cui l’altra persona fino all’ultimo minuto ha recitato la parte
(perchè di questo si tratta) della persona felice per poi scappare a gambe levate,
ci ha ingannato e quindi ha tradito la nostra fiducia non avendo avuto il coraggio
di confidarsi con noi e cercare una soluzione insieme a noi, sostanzialmente è
quanto mi ha detto la mia ex, lei si sentiva (e forse si sente ancora) giustificata (da
cosa poi?) a non avermi parlato in modo chiaro, il suo malessere era intuibile ma
quando si cercava di parlarne lei lo attribuiva a cause esterne alla coppia (su cui
io potevo fare ben poco), quindi sembrava che tra di noi le cose non andavano poi
tanto male, che la coppia non fosse in crisi e quindi in discussione altrimenti avrei
cercato di fare qualcosa di più o di diverso focalizzando le mie energie (magari
poche) nella giusta direzione, invece non sembrava per lei fossi io il problema o
una sua parte, questo comportamento è alla fine avvenuto per mancanza di
fiducia nei miei confronti, ma tale mancanza non credo fosse giustificata e
giustificabile.
Certamente chi di voi ha deciso di seguire una terapia sente di avere un “disagio”
non affrontabile senza un supporto, se è questo ciò che sentite fate bene a
seguire tale percorso, per ora io non ne sento l’esigenza ma potrei in futuro
cambiare idea in base ad eventuali nuove situazioni.
Risulta interessante il discorso dell’anaffettività che certamente fate bene ad
approfondire, nel nostro caso invece (forse se non ho capito male in modo simile
a Billy) vi era un problema di dipendenza affettiva reciproca ma con caratteristiche
differenti, io stavo benissimo con lei e cercavo di stare più tempo possibile con lei
anche facendo cose diverse in quanto comunque percepivo la sua presenza e se
desideravo fare qualcosa con lei non avevo particolari timori a proporglielo,
mentre a lei non bastava la mia presenza, si doveva entrambi fare la stessa cosa
senza però dirmelo in modo chiaro ed esplicito forse per timore di un rifiuto, cosa
che veramente poteva capitare assai di rado in quanto facevo sempre il possibile
per assecondarla e renderla felice.
Scrivere e leggervi mi fa molto bene, spero ci si possa incontrare presto così da
poter approfondire questi discorsi di persona, non sarebbe male riuscire ad
organizzare qualcosa insieme in quanto chi meglio di noi ci capisce? Secondo me
non avendo necessità di nascondere il nostro malessere come a volte facciamo
con chi ci sta vicino nella vita di tutto i giorni (ed ogni tanto si stanca delle nostre
lagne) potremmo essere più naturali e rilassati e magari potremmo pure divertirci.
o
GIUGNO 27, 2014
BUDDY
Un saluto a Margy, Billy, Carolina e a tutti gli amici del blog, naturalmente le nostre
storie non sono tutte uguali e nemmeno lo sono i nostri ex, non siamo perfetti noi
come non lo sono (o erano) loro, la differenza sta forse nel fatto che loro si sono arresi
(di certo prima di noi).
Credo sia corretto il discorso di Carolina: dobbiamo lavorare su noi stessi, per certi
versi credo in questi pochi mesi di essere cresciuto come persona e di aver appreso
cose nuove su di me e sugli altri, logicamente sarebbe stato meglio riuscire a farlo
all’interno del rapporto di coppia coinvolgendo anche l’altra persona ma così non è
stato (forse non vi erano sufficienti stimoli), questa situazione dobbiamo valutarla
come una opportunità di crescita, se fossimo rimasti all’interno di un rapporto ormai al
capolinea tale possibilità non l’avremmo avuta o sfruttata in quanto forse ci saremmo
cullati nel quieto vivere (magari nemmeno troppo qiueto), come forse voleva fare il
marito di Carolina, a lui le cose bene o male andavano bene come erano, quando vi è
stato un tentativo di modificare tale stato dopo un po non ha retto e se ne è andato. La
vicenda di Carolina per certi aspetti fa capire come mai spesso chi non sta più bene
nel rapporto di coppia non esca allo scoperto, temendo che l’altro/a possa allarmarsi e
decidere di guardarsi intorno e presto o tardi chiudere il rapporto, purtroppo a Carolina
è successo qualcosa di simile, lei ha avuto un grande coraggio ma dall’altra parte la
risposta è stata negativa.

GIUGNO 28, 2014
CAROLINA
Sì, i legami a volte si trasformano e si fondano più sul bisogno che sul desiderio
(bisogno di essere confermati, di non stare soli, di non disgregare le proprie
strutture). Io ho avuto coraggio, o più che altro a un certo punto la necessità di
affrontare le mie emozioni, che, giuro, si sono presentate quasi da un giorno
all’altro, emerse da un profondo, e non ho potuto fare a meno di affrontarle. Lui
non ha avuto gli stessi bisogni, gli stessi tempi. Io sicuramente sono stata
pesantissima da fronteggiare. Avevo io stessa paura di quel che mi stava
succedendo, di prendere contatto con delle parti di me sopite, e prepotenti, che
reclamavano diritto all’esistenza. Avevo improvvisamente bisogno di cura, di
sapere che in quel vortice c’era una mano ad aiutarmi per non cadere. Pensavo
che avrei trovato lui ad aiutarmi, e non mi capacitavo che non fosse così, che non
provasse tenerezza per la mia sofferenza. Invece mi scontravo con la sua paura,
con il suo rigetto, che alla fine è stato fuga. Inventavo “soluzioni”, una volta
persino un “tavolo di pace”, in cui ci saremmo messi ad un tavolino per parlare,
vicendevolmente, di quello che ci aveva fatto soffrire, di quel che ci piaceva
nell’altro e di quel che non ci piaceva più, di cosa avremmo potuto cedere e cosa
no, su un piano di parità. Era insopportabile per me vivere da sola tutta quella
sofferenza, e la sensazione di mancanza di reciprocità (io a soffrire, lui a fare il
cavaliere con altre, a ballare con altre, dicendomi che quella era la sua “vita
virtuale” che non mi doveva includere, peccato però che si svolgeva davanti ai
miei occhi, in quella mia situazione di scombussolamento emotivo, non lo potevo
sopportare). Un tavolo a cui non ci siamo mai seduti. E tante altre fantastiche
“soluzioni” che il mio cervello produceva, che non servivano a nulla se non ad
aumentare i miei dubbi e le sue paure, in un vortice. Leggendo il sunto del testo
“Amore liquido”, vedo che quando ci sono “soluzioni” che non portano a nulla, che
sono insoddisfacenti, si moltiplica l’irrazionalità, e questo mi è accaduto. Lui mi
ringraziava anche per aver focalizzato la crisi, e mi riconosceva di essere l’unica a
proporre soluzioni, ma la realtà è che non riusciva a coinvolgersi emotivamente in
nulla che mi riguardasse. Quel che faceva, lo faceva perché lo chiedevo io, come
un dovere e non con il piacere di recuperare. E io lo sentivo.
Forse ho sbagliato a non chiudere io. Se ciò che ti aspetti non arriva proprio, se
quel che c’è non fa che aumentare la tua sofferenza, ha senso arrivare fino al
fondo, per poi essere abbandonati? Non è poco dignitoso perseverare? Ma forse
non potevo fare altro, e sto meglio con i rimpianti che con i rimorsi.
Ora, però, penso che è stato quel che è stato, sento sì la necessità di guardare
avanti, anche se questo avanti mi fa anche paura, e forse è questo l’aspetto più
problematico. Certe sere, come questa, mi sento sola (non sempre, ma accade).
Anche io, pur avendo bisogno come tutti di relazioni sociali, e praticandole, che mi
fanno sentire meglio, non ho affatto disposizione per euforia da single, oggi come
oggi sento che la mia soglia di coinvolgibilità reale si è abbassata ai minimi storici
pur avendo bisogno d’amore, e una gran parte delle preoccupazioni riguardano,
nel fondo del fondo della mia anima, l’idea della solitudine andando avanti negli
anni. Questo in me c’è. C’è la paura di dover affrontare me stessa non avendo più
la grinta di un tempo. C’è la mia fragilità, c’è la pigrizia, c’è la radicata idea che mi
sono fatta di me tessa come una persona “difficile”, c’è l’idea di aver perso tanto
tempo (affrontare una terapia alla soglia dei 50 anni…), c’è il senso di colpa di
non aver dato spazio prima alla sfera affettiva, c’è la triste tenerezza che provo al
pensiero di me che, come una bambina, devo imparare a dare un nome alle
emozioni, cose che normalmente, in percorsi di vita più sana, si fanno nell’età
infantile e nell’adolescenza… Scusate, stasera sono in vena malinconica e, dopo
un po’ di tempo che non mi succedeva, sto piangendo come una fontana. Ma
domani, o dopodomani, andrà meglio.
Un abbraccio.
o
GIUGNO 28, 2014
DANIELA
Ragazzi ma quanto dolore quando sembra che passa il giorno dopo ritorna più forte di
prima
18 anni finita in un lampo per un’ altra e poi tenetevi forte
LAVORIAMO INSIEME
E terribile
Ciao a tutti
Daniela

GIUGNO 28, 2014
BUDDY
Ciao Daniela, temo che gli alti e bassi, per usare un eufemismo esistano per tutti,
più è durata la relazione più è difficile staccarsi, 18 anni non sono pochi e vederlo
tutti i giorni non ti permette di staccarti da lui, non ricordo la tua vicenda, spero
che la terza persona non sia una vostra collega.
Per il gruppo su what’s app scrivi pure a Ludov alla mail [email protected]

GIUGNO 29, 2014
DANIELA
Fortunatamente no ma il lavoro che svolgiamo nella NOSTRA società e
perennemente insieme visto che siamo i direttori commerciali.
Dovrò per forza farmene una ragione se voglio sopravvivere.
Un bacio a tutti
Dany
•
GIUGNO 27, 2014
BILLY
Margy,e’ del tutto normale che tu stia vivendo stati d’animo come questi.E’ normale la
rabbia,la delusione,il dolore,la paura….tutto normale,ed e’ normale anche che ,come dici
tu,il criceto stia sempre li nella tua testa.Il punto e’ accettare che le cose possano
finire,gradualmente o improvvisamente e non c’e’ una ragione a questo,incaponirsi per
trovarla e’ normale in questa fase,ma e’ tempo sprecato,e non c’e’ neanche da
giudicare,una persona che decida di interrompere una storia,per quanto possa ferirci,non
e’ detto che sia necessariamente un egoista,uno stronzo,una persona superficiale o
altro.Magari non ha retto,non ce l’ha fatta,non ne e’ stato capace,o forse si e’ stancato,o
innamorato di un altra…..succede,sarebbe potuto succedere anche a noi,credo che siano
cose che quando si inizia una relazione si debbano mettere in conto,si cresce,si
cambia,quello che ci piace e troviamo giusto,adatto per noi oggi,non e’ detto che lo sia
anche domani.Forse siamo cambiati noi e il nostro partner non ci si ritrova
piu’…..Insomma,per quanto sia normale vivere tutto il dolore di una separazione,credo che
fossilizzarsi su questi pensieri e sentimenti e’ del tutto fuorviante,prima si decide di
prendere la strada della ” guarigione”,prima se ne esce.Quindi,a parer
mio,accettare,perdonare e andare per la propria strada,desiderare di stare bene,con
pazienza,con convinzione.Ci sarebbe da scrivere un trattato ma non e’ possibile,pero’
credimi Margy,prima lasci andare VERAMENTE,tutto questo mappazzone di
rabbia,dolore,paura,rancore,gelosia ecc…ecc…prima ne esci fuori.E’ dura,ma ce la si fa.
o
GIUGNO 27, 2014
BUDDY
Ciao Margy, ha ragione Billy, si continua a soffrire molto fino a quando non si accetta
che la storia è finita, si soffre anche dopo Ma secondo me meno e si ricomincia a
vivere, ridere, scherzare. È nella tua fase secondo me anche Ludov che ho sentito ieri
sera, è da poco per voi che è finita e non sembrerebbe vi sia una terza persona nelle
vostre storie, ma il sospetto a me viene sempre, nel mio caso è forse stato più
semplice accettare la cosa in quanto la terza persona aveva nome e cognome e
quindi la mia ex si è molto svalutata, per assurdo ragionando come Bauman se ci
hanno lasciato è perché le nostre azioni si sono svalutate, ma poi sta a noi farle
rivalutare, non sempre chi gioca in borsa azzecca tutte le mosse, peggio per chi ci ha
abbandonato e perso.
Comunque vedo che siamo in diversi del Nord, se mai prima di fare il raduno a Roma
tra noi al nord cinesi potrebbe vedere in un fine settimana.
o
GIUGNO 27, 2014
MARGY
BILLY in fondo ma molto in fondo, io penso che tu abbia ragione e so che il “perdono”
sarebbe la via di guarigione…ma da esseri imperfetti quali siamo ti dico che se io e
anche altri stiamo in questa chiamiamola fase, forse è perchè è la “fiducia” che viene
tradita come in qualsiasi tipo di rapporto. Mi puoi suggerire una strada che mi
permetta di LASCIARE ANDAR VIA QUESTO MAPPAZZONE?
o
GIUGNO 27, 2014
BUDDY
Margy, credo sia logico che più investiamo nell’altra persona e nel nostro rapporto e
più restiamo delusi quando finisce in questo modo, senza che loro abbiano lottato fino
in fondo in quanto non ci hanno creduto come ci credevamo noi, ci sentiamo
“derubati” delle nostre speranze, delle nostre energie e anche dei nostri sogni, in cui ci
vedevamo per sempre insieme a loro.
Vediamo cosa consiglia Billy, ma temo che in questa fase si debba ancora sfogare
tutto il dolore, poi va detto che una cosa è la mente che razionalizza la situazione e
una il cuore che non vuol sentir ragioni.
•
GIUGNO 27, 2014
MARGY
Ciao BUDDY e ciao a tutti….sono nella fase del bipolarismo tra delusione e rabbia.
Io non ci riesco devo essere onesta….non mi do pace di come tutto possa finire con un
semlice non ti amo più e la cosa triste è che so che noi stiamo male e loro non hanno
nessun sentimento nei nostri confronti.
I 10 punti di sopravvivenza ahimè sono veri, la vita non è come nei film dove la persona
ritorna dicendo ho sbagliato, però devo dirvi la verità che sarebbe meglio. so che non ci
meritiamo persone così, ma a voi non è mai capitato di dire mollo tutto e vado via? Io sono
a Milano e non ho assolutamente voglia di fare la vita da 15enne, non ho voglia di aperitivi,
di dover trovare un corso di ballo o dover andare in palestra….Il criceto in testa mi
perseguita continuando a girare nella ruota del “come si fa a cancellare tutto questo?”.Gli
altri non sono d’aiuto ripetendomi che è uno stronzo (scusate il termine) e che meglio
prima che dopo, perchè io tanto non voglio sentire…e se li sento questo pensiero dura 5
minuti. Non posso neanche entrare in pace con l’altro parlandoci perchè siamo su due
mondi diversi….
•
GIUGNO 27, 2014
PAT
Ciao ragazzi,come scrivevo in precedenti messaggi persi durante la chat io vi leggo
sempre e mi sento vicina a voi perchè, come raccontato ormai diversi mesi fa, sono stata
lasciata dopo 10 anni e sto passando le stesse fasi che tutti ahimè conosciamo. Io
comincio solo ora a vedere un po’ di luce e serenità (dopo quasi 9 mesi) ma so che il
percorso è ancora lungo! Comunque sono sicura che il tempo e la voglia di uscirne mi
aiuterà, come aiuterà voi del resto! ;)
Sono intervenuta perchè voglio rispondere all’appello vacanze per persone vicine a Orio al
Serio. Io adoro viaggiare ma come tutti ben sperimentate non è sempre facile trovare
qualcuno che vi segua (amiche/colleghe sposate/fidanzate/conviventi/con prole) e siccome
ho anche voglia di conoscere gente nuova..eccomi!
Ci proviamo ad organizzarci? ;)
o
GIUGNO 27, 2014
BUDDY
Ciao Pat, ieri sera con Ludov abbiamo aperto il nostro gruppo di autoaiuto telefonico,
per ora siamo in due! Nel senso che ci siamo sentiti al telefono, credo sia utile parlare
tra di noi, ed appena possibile magari ci si vedrà di persona, Ludov ha lasciato la sua
mail in un commento precedente se lo vuoi contattare credo che la cosa gli farà
piacere.
Non sarebbe male organizzare una vacanza tra di noi, almeno ci capiamo …
•
GIUGNO 26, 2014
BILLY
Ragazzi io consiglierei di scrivere i messaggi sempre all’inizio pagina in modo che si
mantenga una cronologia nell’ordine dei messaggi,perche’ se si va a rispondere
direttamente ad un preciso messaggio ogni volta bisogna andarli a cercare e diventa
difficoltoso.
•
GIUGNO 26, 2014
BILLY
Si Ludov,piu’ o meno e’ quello,un gruppo di persone con delle dipendenze,io sono andato
per una dipendenza affettiva ma le dipendenze come dicevo hanno sempre la stessa
matrice anche se possono esternarsi diversamente : alcol,droghe,shopping
compulsivo,pornografia,,dipendenza affettiva ecc. ecc.Il problema e’ sempre lo stesso. Ad
essere sincero non mi ci sono ritrovato molto,ma questo vuol dire poco,ognuno necessita
di cose diverse e puo’ trovare piu’ o meno efficace questa o quell’altro percorso,e’ una
cosa soggettiva,io per esempio ho trovato molto utile la psicoterapia perché dopo averne
girati diversi ho trovato uno psicoterapeuta con il quale mi sono trovato molto bene e non
esagero a dire che mi ha salvato la vita.L’importante e’ fare,voler salvarsi,tornare a
vivere,quindi se pensi che una cosa possa aiutarti falla con pazienza e convinzione,senza
scoraggiarti e se decidi che non fa per te,fanne un altra,ma fai.Ricordati che si salva solo
chi VUOLE salvarsi.Ora stai male e non vedi la luce,e’ normale,quindi stai pure
male,vedila nera come vuoi e come senti ora ma dentro di te ripetitelo sempre :”io sto
male ma non staro’ sempre male,io mi salvero’,io staro’ bene”….ripetitelo sempre perché
anche se ora non ti sembra possibile e’ cosi’.
•
GIUGNO 26, 2014
BILLY
No Carolina,non ero io,il training autogeno non l’ho mai
provato……..psicanalisi,psicoterapia,gruppi di
autoaiuto,psicofarmaci,buddismo,Osho,,Krishnananda Amana…..ma training autogeno
no….pero’ c’e’ sempre tempo,alla prossima mazzata giuro provo anche quello! :-)
o
GIUGNO 26, 2014
LUDOV
ciao billy, ho letto qualcosa sui gruppi di autoaiuto, del tipo persone sconosciute con
dei problemi si incontrano in un luogo e grazie ad un mediatore (o no) condividono le
proprie angoscie,sofferenze..sai dirmi di piu?
•
GIUGNO 26, 2014
MARGY
Ragazzi, innanzitutto grazie per il supporto.Io sono una persona che ha molto rispetto per
l’essere umano in generale e quindi per me fare del male a qualcuno mi sembra direi
crudele. Carolina io non penso sia questione di aspettative perchè avevo davanti una
persona (descritta da tutti come il principe azzurro) che mi ha dato lui la certezza, mi ha
fatto credere in lui, nelle sue debolezze e nei suo limiti , ma lui vedeva un futuro con me. Il
mio cagnolino ha capito perfettamente che c’è qualcosa che non va, anche se non mi
strappo i capelli e piango…mi sta vicino con una delicatezza che non avevo visto prima.
BUDDY, per me la cosa incredibile con cui la mia mente e il mio cuore non vogliono
accettare è che non è possibile non provare più nulla per una persona….gli anni passano,
non siamo adolescenti, e l’amore dei primi mesi si trasforma in altro anche più impegnativo
ma non c’è quella leggerezza. Con una persona appena conosciuta le cose sono sempre
più belle, più facili….l’amarezza mi viene sul perchè ha dato improvvisamente la colpa a
me per le decisioni non prese e sarà stupido ma pensare che la prenderà con un’altra mi
fa sentire una nullità.Fidatevi se non solo agli occhi miei ma a quelli di tutti quelli che ci
circondano la sua presa di posizione con me è incredibile…un’altra persona.
Sono convinta che per alcune persone è vero che i sentimenti si possano trovare la
supermercato, che le persone vengano giudicate come oggetti privi di emozioni.
Sentirmi dire :”meglio ora che dopo” purtroppo non mi consola perchè io mi chiedo come si
fa a fare tutto questo,come si fa a cancellare tutto…per arrivare a dire ma io non valgo
niente
o
GIUGNO 26, 2014
BUDDY
Ciao Margy, probabilmente le cose da dire in proposito sono molte,credo che prima di
tutto in queste nostre vicende vi è spesso come comune denominatore la mancanza
di senso di responsabilità da parte di chi lascia. Questo argomento è trattato a mio
avviso bene dal sociologo Bauman in “amore liquido”, dove appunto l’amore non è
considerato fragile ma liquido, l’altro non viene amato per ciò che è ma per ciò che
permette a noi di essere e quindi quando non è più funzionale si passa ad un nuovo
legame nella speranza sia migliore di quello precedente. Non siamo noi che ci siamo
comportati onestamente e correttamente ad essere sbagliati, e non vale nemmeno la
pena di chiederci cosa potevamo fare di più, ne valeva la pena? Per essere “sfruttati”
di più da persone egoiste che hanno sempre anteposto l’io al noi?

GIUGNO 26, 2014
CAROLINA
Sì, probabilmente è così, l’amore è liquido… oppure gassoso, a giudicare da
come si sono volatilizzati in quattro e quattr’otto! ;-) Scherzi a parte, io penso che
si possa spiegare anche così questa stranezza del riconvertirsi ad altro, con
rapidità, al punto da apparire ai nostri occhi un’altra persona. Ciò che era vero
prima, poi non vale più, non può essere solo follia! Queste dinamiche si ripetono
troppo frequentemente nelle storie delle separazioni per non avere dei
denominatori comuni che non siano l’impazzimento. Ci sono così tanti pazzi in
giro? Io non ci credo. Rapportando l’ipotesi al mio caso, perché è quello che
conosco più da vicino, penso che la cosa avrebbe potuto funzionare se io non
avessi fatto emergere nuovi bisogni emotivi nella coppia, presentandomi
trasformata, cioè non più disponibile a trascurare le emozioni. E’ come se io a un
certo punto avessi detto: ehi, io esisto, non posso più fare finta di nulla, le
emozioni ci sono, certe cose mi fanno star male, tu un po’ di cura per me ce la
puoi mettere? un po’ di cura reciproca ce la vogliamo dimostrare? Il mio
compagno mi ha respinto soprattutto per questo, non potendo più trovare
funzionalità in me. Avrei potuto continuare ad essere la donna della sua vita, solo
se avessi continuato a garantirgli la sua struttura fondamentalmente anaffettiva
(questa, la funzionalità). Poiché io ho espresso a un certo punto altri bisogni,
prima non contemplati nella nostra unione, la reazione è stata di allontanamento.
Questo, però, significa che nella nostra coppia c’erano ruoli fissi, una simmetria
solidificata, delle “funzionalità” troppo rigide, mentre probabilmente possono
funzionare, sul lungo termine, le coppie che sanno scambiarsi i ruoli (non dico al
50%, ma almeno un po’). Noi abbiamo funzionato finché io ho saputo stare in
piedi di fronte a qualsiasi mancanza (anche di entrambi, beninteso), come faceva
anche lui del resto. Quando mi sono sentita nuda e fragile di fronte agli
umanissimi bisogni e non li ho più rimossi (prima li rimuovevo per difendermi dalla
sua anaffettività, certo, ma anche per difendermi da qualcos’altro che riguarda
solo me stessa e che ancora non ho ben capito, spero che andando avanti la mia
terapia io possa fare luce su questo aspetto), lui non ha potuto né fronteggiarmi
né supportarmi, perché avrebbe dovuto rischiare di scoprire a sua volta le sue
fragilità, e non ne aveva la disponibilità psicologica. Boh, mi sembra sia accaduto
un po’ questo fra me e lui, purtroppo. In certa misura la funzionalità è alla base di
ogni relazione, secondo me, ma quando la struttura è troppo rigida, come dicevo,
basta che si sposti un tassello e l’impalcatura si crepa.

GIUGNO 26, 2014
MARGY
Grazie BUDDY!!!!!
o
GIUGNO 26, 2014
BUDDY
Prego Margy, per quanto riguarda il libro che citavo prima (amore liquido di Bauman)
ho trovato in rete un “riassunto” credo amatoriale ma che può dare buoni spunti e
permetterci di capire che certamente possiamo migliorare ed evitare di ricommettere
gli stessi errori in futuro ma che in certe situazioni le colpe non sono “nostre”, certo
finchè siamo funzionali all’altro forse andremo sempre bene (forse, perchè
ricordiamoci che la noia è sempre in agguato e l’effetto novità pure), ma quando come
giustamente scrive Carolina rivendichiamo un ruolo diverso, desideriamo che vengano
prese in considerazione anche le nostre esigenze, modifichiamo l’equilibrio, non
riusciamo più a supportare l’altro come facevamo prima (magari per oggettivi e “noti”
problemi personali come nel mio caso) veniamo allontanati e sostituiti (o con la
speranza di essere presto sostituiti da una situazione migliore rispetto alla
precedente)
Ecco il link al riassunto:
http://m.segnaleticafamigliare.com/upload/Zygmunt%20Bauman%20%20Amore%20liquido%20%28riassunto%20mio%29.pdf
Comunque non solo il comportamento del tuo ex è stato considerato incredibile da chi
vi conosce, ma anche quello della mia ex, sempre molto critica con tutti anche sulle
manchevolezze più banali (per il solito discorso della pagliuzza e della trave), è stata
considerata a dir poco folle per quello che ha distrutto andando poi a mettersi con un
[email protected], di cui ironia della sorte parlava spesso male e criticava pesantemente per
il suo carattere di [email protected], per il suo comportamento con le donne che prende e lascia
come nulla fosse e cornifica a tutto spiano (intendiamoci, lui in questa vicenda ha
svolto il suo “ruolo” era lei sposata con me che non doveva accettarne le avence, ma
evidentemente come ho già scritto il suo vuoto interiore ha pensato bene di colmarlo
così) e la frase che spesso mi sento ripetere è: ”ma cosa potevi fare di più per lei?”,
probabilmente avessi avuto dei poteri soprannaturali (tipo leggere il pensiero e non
solo come il personaggio di fantasia del Prof. Charles Xavier) avrei potuto fare molto
di più, ma se lo sarebbe meritato? In effetti la mia ex era e probabilmente è una
persona “infelice” e lo resterà fino a quando non capirà che non può delegare ad altri il
potere di decidere sul suo stato d’animo e di questo non provo certo gioia.
•
GIUGNO 25, 2014
BUDDY
Ciao Margy,
Cosa dire se non che le nostre storie sono diverse ma alla fine si somigliano tutte in
quanto da una parte c’è chi ama e ci mette anche l’anima e dall’altra parte qualcuno/a che
si disinnamora troppo facilmente e troppo in fretta, persone spesso egoiste ed
opportuniste che sono convinte che i sentimenti si possano trovare al supermercato e
quindi applicano la tecnica dell’usa e getta, difatti vengono molti dubbi relativamente alla
tua storia, uno tra questi è il fatto che se davvero la debba ancora conoscere questa
persona della chat o l’abbia già conosciuta, questo spiegherebbe molte cose.
Chiudo con una frase di Paulo Coelho:
E’ vero che non conosciamo ciò che abbiamo prima di perderlo, ma è anche vero che non
sappiamo ciò che ci è mancato prima che arrivi.
Credo che tutte queste vicende negative ci rendano migliori e più forti e pronti a vivere
storie migliori di quelle precedenti, almeno lo spero.
•
GIUGNO 25, 2014
MARGY
Ciao a tutti, se sono capitata su questa pagina è perchè stavo cercando come dire un
aiuto…
Dopo 3 anni e mezzo di convivenza sono stata lasciata dal mio ragazzo che mi ha detto
:”non ti amo più, non ci sono le basi”. Non posso parlare di segnali non colti perchè per
dirla tutta sono io che gli ho chiesto una settimana fa come mai aveva quella faccia
pensierosa e lui se n’è uscito con questa frase, aggiungendo che non c’era margine per un
“riprovarci”. Quello che mi sconvolge è che proprio qualche giorno prima avevamo
prenotato una vacanza per il mio compleanno a luglio, pianificato le ferie insieme ecc…Io,
che ho scoperto di non avere orgoglio, non mi vergogno di dire che ho passato tutte le fasi
dalla vittima all’eroina di un romanzo.Ritorno ai segnali non colti e l’unico argomento che
avevamo intrapreso era “dove va la nostra coppia”? cioè se ci sarebbe stata
un’evoluzione. Le sue riposte sono sempre state che ovviamente voleva un futuro, che noi
già eravamo una famiglia, ma che non credendo al matrimonio aveva bisogno di tempo
(considerate che io pensavo a un semplice rito solo noi due) e che non si vedeva ora un
padre…ma c’era margine (detto da lui).Noi abbiamo entrambi 35 anni, come coppia
abbiamo iniziato quasi subito la convivenza e abbiamo fatto la coppia festaiola, poi però
ho avuto un brutto intervento, poi lui problemi sul lavoro, poi abbiamo deciso di cambiare
casa e ho perso brutalmente mio padre…questo per dirvi che la vita , come è giusto che
sia, non è soltanto una festa….è passata una più settimana da questa sua dichiarazione,
io non l’ho cercato lui pure….peccato che io mi sono allontanata da casa perchè rischiavo
di impazzire, ma quando domenica sera sono rientrata, lui è arrivato a casa, perchè mica
se n’era andato via…quindi è entrato in casa, ha abbracciato me e il cane e io devo dire
che mi sembrava impossibile che si buttasse tutto così all’improvviso e lui rigido mi ha
ripetuto che non mi amava, che se non faceva dei passi avanti nella coppia era perchè
mancava l’amore del primo giorno, che mi voleva lasciare prima ma è morto mio
padre…fidatevi non sono pazza o avevo le fette di prosciutto sugli occhi sono passati 7
mesi da questo evento e le occasioni di dialogo le ho create per poter mollare prima…Ha
detto che ci ha provato da solo a risolvere i problemi, ma non erano blocchi ero io
sbagliata….Alla mia domanda allora perchè prenotare qualche giorno prima una vacanza
la riposta è stata pensavo potesse andare…ho sbagliato, sono un essere umano.Ha detto
di essersi iscritto in una chat.e di voler intraprendere un’altra conoscenza…lui l’uomo che
era in grado di stare da solo e che solo gli amici erano tutto…a questo punto sono
diventata un animale e l’ho sbattuto fuori casa (anche se non ha due cose da portar via).
Beh se penso che il medico mi aveva dato gli antidepressivi mi chiedo ma ne vale la
pena? Perchè soffrire per chi non ha rispetto per noi? Certo entro nel loop del non è
possibile eravamo una coppia perfetta…eppure ho scoperto che non è cosi, io come tutti
quelli che ci circondano. Forse ci facciamo forza su un altra persona che non siamo noi,
forse non sappiamo stare da soli…Io sto provando il bipolarismo con fasi di rabbia e
delusione…credo più per me che non per lui…più perchè ho paura di prendermi delle
colpe sul perchè ha voluto perdermi
o
GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Mah, non so, a volte non sappiamo quello che gira per la testa alle persone. A volte
non cogliamo i segnali. A volte i segnali esterni non ci sono. A volte è tutta l’esistenza
ad essere male impostata. E, quel che è certo, è bruttissimo provare la sensazione di
trovarsi di fronte a un estraneo, a una persona diversa da quel che ci aspettavamo.
Però, a meno di non trovarsi di fronte a casi di impazzimento improvviso, a cui non
credo, questo ci insegna che le persone non le conosciamo veramente del tutto, e
molte delle nostre conoscenze sono le proiezioni delle nostre aspettative sugli altri. Il
tuo compagno ha detto che vuole intraprendere nuove conoscenze via chat, il mio che
aveva bisogno di nuove emozioni. Era Natale e dovevamo anche partire. Il fatto è che
non amano più, punto e basta. I bisogni cambiano. La mente conduce altrove. Certo
che ha poco senso amare chi non ti rispetta, certo il meccanismo della propria
colpevolizzazione è terrificante e da evitare, ma questo sono il cervello e il buonsenso
a dirlo, i sentimenti purtroppo hanno bisogno di un percorso più lungo. Però fai bene a
porti queste domande, che ti aiuteranno nella considerazione più profonda dei tuoi
bisogni affettivi. Per ricostruirti, non per distruggerti nel dolore della perdita e nella
paura di vivere senza di lui.
PS: leggo che anche tu hai un cane, io pure ne ho due, anche se in tutto questo
dolore sembra assurdo io consiglio però di tener conto degli animali, di non
dimenticarli: soffrono per i nostri stati di umore, sono spugne, e comunque
costituiscono fonte di benessere se non ci dimentichiamo di loro. Quando torno a casa
e mi fanno le feste, sento che la manifestazione di un amore così incondizionato è
un’espressione della bellezza del mondo, di cui bisogna aver cura.
Un abbraccio, vedrai che fra un po’ andrà meglio, percorri il tuo cammino di dolore ma
coltiva anche i pensieri di difesa, che ti servono
o
GIUGNO 25, 2014
LUDOV
ciao margy, un abbracio per lua triste situazione, come la mia :) anchio avevo
prenotato vacanze e stavo progettando altre visto che amo viaggiare (dopo tutto il
lavoro che faccio cerco e ho sempre cercato di viaggiare, peccato che ora non ho
nessuno con cui farlo, o farlo da solo mi rende molto triste. Qualche settimana fa sono
uscito da solo per andar ad una festa: pessima scelta due birre e attacco d’ansia. Stop
da allora ho smesso di ber una birra (e ho sempre bevuto!!!). Cmq vacanze saltate..
niente è perfetto nessuno lo è. cmq benvenuta! ciao!

GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Caro Ludov, non vorrei essere ripetitiva, ma ti consiglio di andare a ballare. Di
iniziare un corso di tango o di salsa (io preferisco il tango per via della musica,
bellissima, se poi sei di Lecce, non mi ricordo se sei tu, il tango va a palla dalle
tue parti!). Sono balli sociali, fanno bene al fisico e all’anima. Non è una festa in
cui ti senti uno scemo perché tutti si divertono e tu stai coi tuoi pensieri, magari
facendo finta di divertirti. Non devi bere alcolici, anzi sono sconsigliati (soprattutto
nel tango, devi essere molto presente a te stesso). In un mondo che esclude la
fisicità tra le persone, l’autenticità delle emozioni, in una situazione personale in
cui siamo stati abbandonati e rifiutati, abbandonarsi in un bell’abbraccio e lasciarsi
andare con la musica è molto liberatorio per ansie e depressioni. E’ terapeutico.
Se potessi, vi porterei tutti a ballare con me! Magari vai a provare, nessuno ti
obbliga poi a continuare. Se per caso scopri che ti piace, ti aiuta molto.

GIUGNO 26, 2014
LUDOV
grazie del consiglio carolina, non ho mai provato il tango, ne altri balli :), si
effettivamente ora che cerco di uscire mi sento un po scemo dove tutti si
divertono e spesso sn perso via, oggi sono molto piu stanco di ieri,
nonostante abbia lavorato solo 5 ore .. mi è arrivata una mail dalla exdonna 4
semplici parole: grazie di tutto ciao. in allegato la foto dell auto ha comperato
dopo che gli avevo trovato in un annuncio e l’avevo accompagnata a vederla.
Oggi sono riuscito a piangere, mi sono sentito umano,fragile; mi sento un po
piu leggero ..fisicamente distrutto, probabilmente uno degli effetti degli
ansiolitici è quello di sentirsi sempre stanchi. Ritornando al discorso delle
emozioni, dopo molto tempo di apatia da parte mia di provare emozioni, ora è
in atto un caos, tutto insieme.. 1 briciolo di euforia (il tempo di prender l’auto
ed andar in centro x veder qualche amico) poi paura, solitudine, scarsa
attenzione, poca rabbia..ma un forte sensodi smarrimento. Ritorniamo ai 10
punti .. non mi sento ancora pronto per un ballo,sicuramente è terapeutico, in
tanti sento che provano, credevo che fosse per socializzare e abbordare
..invece da quel che mi dici non sembrerebbe. Cose da fare oggi: andar a
veder un paio di occhiali.. mi sento zombie cedo. altre attivita dove socializzi?
una cosa che spaventa: conoscere qualcuna in questo periodo di non
splendore interiore/esteriore per me scappa, la gente è studa di sentir le
problematiche altrui..ti vogliono tutti felici e contenti. grazie ragazzi.
ps nn son di lecce..vicino milano ..

GIUGNO 26, 2014
CAROLINA
Ciao, certo però che questa o non si rende conto di nulla o è un po’ str….
Scusa, ma che cacchio di senso ha inviarti un sms con la macchina
nuova? Per farti stare peggio? Del tipo: “guarda che bella macchina che
ho, ci andrò in giro a scorrazzare tutta una splendida estate!”. Secondo
me, dille che non vuoi sapere nulla di quello che fa, di non mandarti
notizie di lei. E’ chiaro che uno ha una forma di piacere a sapere di loro,
ma veramente fa male (vedi 10 punti), si ricomincia sempre un po’
daccapo. Appena ti senti più forte, ma al più presto però, stammi a
sentire, taglia. Se si vuole fare sentire, deve essere per dire qualcosa di
diverso che vi riguarda, altrimenti la macchina la facesse vedere a suo
nonno.
Le emozioni… ti capisco, sembra una valanga, è molto dura. Io all’inizio
non sapevo come avrei fatto ad arrivare al giorno dopo con tale ingorgo
di emozioni dolorose, che spaziano in tutti i toni dal grigio al nero. Ma
anche qui, piano piano la morsa si fa meno forte, le sensazioni si
stemperano. Ora devi superare lo shock.
Il ballo è un posto sicuramente per socializzare (nel senso che non è
un’attività individuale, e due chiacchiere capita che le fai), ma non
necessariamente per abbordare. Certo, c’è gente che ci va per questo,
inutile negarlo, ma non tutti, ci si può anche astenere senza sentirsi fuori
posto! E se non stai bene, tanto, nessuna conoscerai, le cose avvengono
quando meno ce lo aspettiamo ma una disponibilità di fondo deve
esserci. Io pure, al momento, sono come anestetizzata sotto questo
aspetto, ma piano piano, se c’è qualcuno che mi fa un po’ di corte, che mi
dedica qualche attenzione, anche se nulla di trascendentale, così un po’
per gioco, al ballo o altrove, beh, ora mi fa almeno piacere. E’ già
qualcosa! Buona serata, un abbraccio.

GIUGNO 26, 2014
LU
Ciao Ludov,
appoggio il consiglio di Carolina anche se credo che bisogna essere
pronti per incontrare nuove persone ( che non siano famigliari o amici ).
Personalmente, quando il lavoro o gli impegni non mi costringono fuori,
sono molto rintanata in casa…sò che è sbagliato…ma ho un senso di
protezione tra le mie cose.
Per dirtene una. Mi sono iscritta ad un sito di una comunità che organizza
viaggi,eventi,feste,ritrovi. Una cosa molto bella ..che crea aggregazione
con l’opportunità di conoscere nuova gente. Persone che per lo più
condividono il piacere dei viaggi. Un sito che ho trovato ” sano “.
Venerdì scorso ero in centro a Milano per fare delle commissioni
ed..attraverso questo sito…mi ero resa disponibile ad incontrare un altro
gruppo di persone per vedere tutti insieme la partita sul maxi schermo.Un
occasione..mi son detta…per stare in compagnia ma sopratutto per
uscire dal torpore e senso di vuoto nonchè solitudine che stavo vivendo.
Non ero pronta Ludov…mi sono trovata tra queste tre persone ( due
ragazzi ed una ragazza )…nulla da dire..giovani e carini….ma cosa ci
facevo io li ? chi erano queste persone..che non conoscevo e che non mi
conoscevano?..mi sono sentita persa..mi sentivo affogare.. sarei andata
via dopo solo pochi minuti…ma per educazione mi sono trattenuta un’ora
( la piu’ lunga della mia vita ) e poi con una scusa mi sono staccata e
rientrata tra le mie mura. Ho incolpato me…ho incolpato lui che mi aveva
abbandonato…ho pianto come una disperata.Anche ora il pensiero di
essere tra persone che non conosco…senza di lui…mi sento morire.
Anche essere tra i miei amici senza di lui mi apre in due lo stomaco.Lo
cerco ma non c’è!
Per cui chi meglio di noi tutti possiamo capirti!
Il dolore ha una strada da fare..passerà..ma ora è dura!
Su questo forum non ci sentiamo soli…ed un giorno se ci si
incontrerà..non ci sentiremo tra sconosciuti.
Ti abbraccio..e forza…forza forza!
Lu

GIUGNO 26, 2014
BUDDY
Ciao Ludov, quanto un paio di settimane fa ci siamo rivisti con la mia ex
ha iniziato (come un tempo) ha raccontarmi un po’ di cose sue, mi è
sembrato molto strano, un tempo appunto mi interessavano e volevo
essere partecipe, in quel momento mi interessavano poco e credo lo
abbia notato ed abbia avuto difficoltà a trovare argomenti di
conversazione, all’inizio sembrava avesse mille cose da dirmi poi la
conversazione si è spenta rapidamente, sono spesso stato per lei una
valvola di sfogo (ed era anche giusto così intendiamoci), mi spiace ora
non lo sono più ed è per una sua scelta, poi anche a me a volte accade
che se di giorno mi capita una cosa divertente o strana mi viene da
pensare stasera quando arrivo a casa gliela racconto per poi rendermi
conto che non è possibile, ma non è stata una mia scelta …
Forse davvero non si rendono conto che la situazione è mutata e di
quello che fanno non vogliamo sapere nulla, che vogliamo solo superare
questa fase ed il distacco è la cosa migliore, mi verrebbe da dirle: “se mi
volevi raccontare le tue cose, sfogarti, parlare, cercare comprensione
restavi con me, non cercavi di colmare il tuo vuoto interiore instaurando
nuove relazioni ad [email protected] destinate allo stesso epilogo”

GIUGNO 26, 2014
LUDOV
ciao carolina, si guarda mandarmi una mail con la foto dell auto che gli ho
trovato e che siamo andati a vedere è una di quelle cose nonsense,
come nei due mesi scorsi dove l’ho incontrata un 6/7 volte con qualsiasi
scusa cercando di risolvere qualcosa. Probabilmente fà parte di quelle
cose restate un po in sospeso (da notare ha preso la mia stessa
macchina, solo usata..spiegandomi che la scelta perchè la trova molto
comoda, vorrà farsi anche un tatuaggio che mi rappresenti (?!). Ao! sono
mica morto, mi sa dentro di lei si, dicendomi che mi vorra sempre bene (e
tutte quelle cose della serie che ho letto anche qua)Ho tagliato da quando
ho scoperto che ha beccato un altro ragazzo, meglio che non
approfondisca, sarebbe del tutto autolesionistica la cosa . MI avrà
mandato una mail scarna per qualche suo senso di colpa (classico di chi
molla, forse)per la sofferenza che sto provando. Essendo una persona
buona ed educata non rispondo male, se vorra parlargli di qualcosa di
sensato.. Cmq anche lei avrà iniziato un percorso analitico per altre
cose.. non riesce a socializzare.
Ritornando a me, adesso sto meglio, 2 passi avanti 1 indietro. Sono
passato da non uscire mai ad uscire spesso con vari amici,
colleghi..qualsiasi conoscente (!!!) e ne conoscevo di persone!Amo
viaggiare, (ho girato mezza europa) quest’anno avevo programmato 3
viaggi, uno l’avevamo fatto in turchia (due settimane prima che mi
mollasse!?) poi era in programma belgio ed infine bulgaria e se riuscivo a
novembre cipro o malta (il bello di avere orio al serio a due passi) Tutto
cio si è fermato, L’angoscia di restar a casa ad agosto fa male, ma
pensiamo a domani cheè gia un buon risultato.
Lu ti posso capire, probabilmente sei partita con un ottima idea di far
qualcosa di diverso (capita spesso anche a me) per poi quando si è li ci
ributtiamo in angoscie e voliamo con la testa (brutta sensazione))provare
fa bene, come sto provando anchio …ci stiamo provando a venirne a
capo, per forza! dobbiamo. La solitudine è grande.. troppo..
grazie a tutti..
ps
..poi ci introntreremo come star a bere del whisky al roxy bar

GIUGNO 26, 2014
BUDDY
Ciao Ludov, anch’io mi trovo praticamente nella tua situazione, ho
viaggiato parecchio (insieme a lei ovviamente) ed ora si è tutto bloccato,
anche noi avevamo spesso sfruttato la vicinanza ad Orio (non a due
passi ma comunque piuttosto comodo come aeroporto), quindi se ci sono
altri che non hanno programmi per agosto (immagino più di uno sul blog
…) e sono vicini ad Orio potremmo organizzare un bel viaggio di cuori
infranti!!!!
Subito dopo il whisky al roxy bar ….

GIUGNO 26, 2014
LUDOV
ciao buddy, stavo leggendo il resoconto del libro di bauman, molto
interessante, questa società fondata sul io, consumare.. l’impegno
richiede troppo sbattimento, epensar che alle superiori amavao leggere
svevo, freud..joyce cmq ti lascio qui la mia mail: k o b b s @ l i b e r o . i t

GIUGNO 26, 2014
BUDDY
Ciao Ludov, ti ho scritto due righe di mail.
In effetti Bauman mostra le amalogie tra società consumistica e relazioni
affettive che spesso ne seguono le stesse regole.
o
GIUGNO 26, 2014
LU
Ciao ragazzi,
Billy, Carolina, Faro, Ludov…
ed ai nuovi ingressi di cui pian piano sto leggendo i racconti.
Buddy
Iris
Margy
Scusate l’assenza …ma continuo ad esserci!!!
Che dire ragazzi, leggo le vostre storie….tra cui troverete anche la mia.
Condividiamo qui tutti insieme il dolore, la sofferenza, il rimpianto per quell’amore che
abbiamo sempre cercato di proteggere,che abbiamo difeso…e che qualcuno ( io ) sta
ancora cercando di salvarlo.
Abbiamo dilatato il nostro cuore…donando il nostro amore.
Continuiamo a farlo…. cercando di trasferirlo ora a noi stessi e domani a chi sarà in
grado di accoglierlo..e proteggerlo come abbiamo fatto noi!
Lo dico a voi ed a me stessa!!
Però forza Ragazzi…magari raccontiamoci anche i progressi…Carolina ci parla della
sua passione per il Tango che condivido ( io sono legata al ballo da molti anni )…Billy
delle sue letture visto che con il ballo..a suo dire … è agli antipodi
Riscopriamo anche un po di noi stessi….cosi da scollegare per qualche minuto la
mente.
E chissà che qualche sorriso non scappi!!
Non dimenticate l’incontrò a metà strada.
Un abbraccio grande a tutti.
Lu
•
GIUGNO 25, 2014
BUDDY
Speriamo sia meglio la prossima volta, anche se in realtà ad essere onesto per parecchi
anni sono stato felice, peccato per la delusione finale che ho ricevuto eche non mi
aspettavo.
o
GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Sì, è amaro questo pensiero. Anche io sono stata felice per parecchi anni, mi
sembrava di aver trovato “l’anima gemella”, ma alla fine mi sembrava di stare con uno
sconosciuto (sensazione tremenda). Un amico, mediatore familiare, insomma uno di
quelli a cui si rivolgono le coppie quando sono in crisi, mi ha detto che generalmente
le persone si dividono per gli stessi motivi per cui si sono attratte. E’ curioso, no? Io in
parte ritrovo questo nella mia vicenda. Lui mi è piaciuto soprattutto per la sua forte
dimensione intellettuale e speculativa, ed anche per lui è stato così nei miei confronti.
Nottate a parlare di Platone, di Leopardi, dei destini del mondo, della società,
dell’agire per trasformarla. Poi, ci siamo lasciati perché c’era poco spazio all’universo
emotivo… Questo, riferendomi al genere di vita che ho sempre condotto, mi porta oggi
a pensare che l’ossessione di redimere l’umanità è tanto pericolosa quanto
l’accecamento di coloro per i quali il piacere inizia e termina in se stessi, nel proprio
sano cibo biologico, nella cura della propria salute, proiettati nella costruzione della
propria personale immortalità.
Ma, oltre a questi pensieri filosofici, qui ci sono pure le incombenze concrete. Ad
esempio, il fatto che dobbiamo pensare alla questione economica, nelle separazioni.
Io sto vivendo in una casa che in realtà è sua (comunicandomi la volontà di separarsi,
ha deciso lui così, del resto se uno se ne vuole andare nel giro di 2 giorni…), pagando
il mutuo come un affitto (che è basso, non paragonabile a un affitto), e con questo
arrivo a fine mese a stento perché io non prendo medicine e non vedo televisione ma
esco, esco, giù benzina, faccio corsi di tango, vado a ballare spesso. Lui ora è in
affitto, non paga poco per stare in un buco e guadagna meno di me. Mi ha detto che
non ce la fa e che dobbiamo rivedere le questioni, in modo che anche lui possa
sopravvivere dignitosamente. Io anche lo comprendo, del resto questa casa non è mia
e mi ha offerto di venderla e di darmi comunque la metà del valore. Ma il valore non è
tanto, non ci compro un’altra casa (se non mettendoci sopra un mutuo che sarebbe
più o meno 2/3 del mio stipendio). Un problemaccio, un’altra scassatura di cabasisi
come se non bastasse il dolore del cuore. Ragazzi, altro che filosofia, qui c’è la
materialità dell’esistenza che incombe!
;-)

GIUGNO 25, 2014
BUDDY
Ciao Carolina,
Anch’io credevo d’aver trovato la mia anima gemella e che non sarebbe mai finita
in questo modo, eravamo una coppia molto affiatata, unita, con molti interessi in
comune, alcuni precedenti alla nostra conoscenza ed altri successivi, noi non
parlavamo di Platone ma certamente vi era molto dialogo e confronto, poi
nonostante tutto questo le cose sono andate male lo stesso ….
Dal punto di vista economico invece le nostre vicende sono diverse, nel senso
che per nostra fortuna avevamo qualche risparmio da parte che abbiamo subito
diviso a metà, la casa è cointestata e l’abbiamo messa in vendita (ma essendo
piuttosto fermo il mercato immobiliare chissà quando venderemo) per ora ci vivo
io dato che lei se ne è andata dal coglio-clone, ma se dovesse allontanarsi o
essere allontanata e se per qualche tempo non sapesse dove andare sa che può
tornare (come coinquilina), mi farebbe male vederla ma la casa anche sua,
comunque qui non torna e a dire il vero io spesso sono dai miei in quanto lavoro
più vicino a casa dei miei che a casa mia quindi spesso sto li da quando lei se ne
è andata (per cui se dovesse tornare momentaneamente io starei il più possibile
lontano) ed una volta venduta casa credo che per un pò tornerò dai miei (da buon
figliol prodigo) e poi vedrò cosa fare in base a cosa il futuro mi riserverà, non ho
fretta di comprare nuovamente casa, potrei al massimo prendere in affitto due
stanze.
Chiaramente i programmi fino a poco tempo fa erano ben diversi, alla fine mi farà
“male” traslocare da “solo”, prendere le mie cose ma non per portarle nella nuova
casa acquistata insieme a lei, come avevamo in programma di fare da tempo,
sembra assurdo che il tutto sia andato così, ma veramente assurdo e senza un
senso logico è stato il suo comportamento.
•
GIUGNO 25, 2014
SERENO
CIAO A TUTTI, VI CONSIGLIO DI QUANDO SI STA MALE PER AMORE COSA NON
FARE, PER LA MENO… CON ME HA FUNZIONATO. EVITARE DI UBRIACARSI
PERCHE AL INIZIO SI STARà BENE MA POI UNA VOLTA CHE PASSA L EFFETTO
SARà PEGGIO DI PRIMA, ANZI SARAI PIU IN PARANOIA E PIU DEPRESSO DALLE
FIGURE DI MERDA CHE AVRAI FATTO IN GIRO, EVITARE DI FUMARE TROPPO.
TANTO NON TI PORTERà ALLA CALMA, ANZI TI VERRà L ANSIA.BISOGNEREBBE .
SVEGLIARSI AL MATTINO PRESTO E ANDARE A CORRERE, BISOGNA FAR
STANCARE IL FISICO IL PIU POSSIBILE IN MODO DA POTER INCOMINCIARE A
DORMIRE DALLA STANCHEZZA DI NOTTE, MANGIARE ROBE SANE COSI
TROVERAI LA LUCIDITà DI PENSIERO, PERCHE NON MANGIARE IL TUO CERVELLO
NON RAGIONE LUCIDAMENTE, POI CI VUOLE UN PO DI FORZA E CORAGGIO NON
BUTTATEVI GIU, E IL TEMPO GUARIRà TUTTO
•
GIUGNO 24, 2014
BILLY
Questo e’ un brevissimo pezzo del capitolo del libro di cui vi parlavo nel messaggio
precedente:
“…..Sei, come si dice,finito.Non riesci a ubriacarti e non riesci a stare sobrio,non riesci a
farti e non riesci a non farti.Sei dietro le sbarre,sei in una gabbia e in ogni direzione vedi
solo sbarre.Sei in quella specie di inferno che puo’ stroncare la tua vita o cambiarla
completamente.Sei al bivio che gli alcolisti anonimi di Boston chiamano il tuo FONDO.”
•
GIUGNO 24, 2014
BILLY
Vorrei dare un consiglio a tutti,anzi vorrei condividere con voi una cosa perché la trovo
bella e perché penso possa essere utile.Credo che una cosa fondamentale nella vita di un
essere umano sia l’arte,sotto qualsiasi forma,a me per esempio piace molto leggere e
andare al cinema.Credo sia importante perché l’arte stimola la nostra sensibilita’ e ci mette
in contatto con le nostre emozioni oppure ci offre la possibilita’ di vedere le cose da un
angolazione diversa e quindi la possibilita’ di poter cambiare idea che e’ secondo me una
forma di grande intelligenza.Sto leggendo un libro in questi giorni,un libro che comprai e
iniziai a leggere anni fa ma che poi abbandonai,ora l’ho iniziato di nuovo e penso sia il piu’
bel libro letto in vita mia…..e ne ho letti tanti.Si intitola ” Infinite jest” di David Foster
Wallace.Non so se leggere vi piace e cosa vi piace leggere pero’ vi consiglio di comprarlo
e se proprio non riuscite a leggerlo leggete almeno il pezzo che da pagina 411 arriva a fine
capitolo.Avrei voluto scrivervelo ma e’ troppo lungo.Parla di quando un alcolizzato si
avvicina agli alcolisti anonimi,ed e’ scritto in maniera fantastica,potrete ritrovare molto di
quello che state vivendo adesso,non serve essere alcolisti,le dipendenze anche affettive o
comunque le difficolta’ hanno sempre un unica matrice…..insomma velo consiglio.Se poi
lo leggerete fatemelo sapere.
un saluto a tutti
Billy
o
GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Grazie del suggerimento, Billy, leggerò questo libro. Anche perché, da quando mi
sono separata ho ricominciato a leggere (una cosa che mi è sempre piaciuto fare, ma
era da tempo che – abbrutita – non lo facevo più). La televisione mi si è rotta e non
l’ho né aggiustata né ricomprata, quindi ho ricominciato a leggere e non so quanti libri
ho divorato da quando mi sono separata! Mi sono riappropriata di qualcosa che mi
apparteneva e avevo sostanzialmente perso. E ho anche ricominciato a scrivere
(poesie e racconti), un’altra cosa che avevo perduto. Ho fatto leggere a una mia
collega e amica che mi ha detto, letteralmente: “Ehi, ma porca puttana! Mi piace.
Meno male che tuo marito ti ha lasciata!” (è una donna molto spiritosa).
PS. Io consiglio di leggere “Cecità” di Saramago.
Un abbraccio a tutti.

GIUGNO 25, 2014
BILLY
Ciao Carolina,visto che hai deciso di leggere Infinite jest,ammesso ti piaccia quel
tipo di scrittura, che e’ poi quello dei giovani scrittori americani,ritmo molto
serrato,linguaggio molto moderno, ti do dei piccoli accorgimenti poiché il punto
non e’ tanto che si tratta di un bel mattoncino di circa 1300 pagine scritte anche
abbastanza fitte,ma il fatto che in certi momenti(almeno per me) ,proprio non
capisci piu’ dove sei,cosa cacchio stai leggendo e soprattutto dove andra’ a
parare il tutto.Hai un po’ la sensazione di essere entrato in un grande tendone da
circo dove si aggirano personaggi strani e dove succedono cose che non capisci
bene,pero’ ti piacciono.Cerca di non scoraggiarti anche perché ci sono dei punti
abbastanza faticosi,altri invece dove lacrimi dalle risate,alcuni tragici che ti viene
da piangere…..insomma e’ un libro che ti impegna….pero’
meraviglioso……secondo me.
Buona lettura

GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Proverò a leggerlo, e ne riparleremo.
•
GIUGNO 24, 2014
BUDDY
Grazie Billy per la gentile risposta, non sono certo di essere così concreto e maturo come
sostieni tu, in quanto ovviamente il dolore è ancora presente (anche se con il tempo
sembra diminuire, speriamo in bene), vi sono alti e bassi, come sulle montagne russe,
forse per via del fatto che qualche tempo fa non avrei certo immaginato questa situazione
e quindi alcune aspettative relative al futuro sono andate in fumo, probabilmente proiettavo
su di lei il mio comportamento e quindi credevo che si sarebbe sempre comportata
correttamente e mi sarebbe stata vicina nei momenti difficili, certo non è stato un fulmine a
ciel sereno e quindi non sono rimasto completamente spiazzato e le modalità con cui il
tutto è avvenuto mi permettono di farmene una ragione in modo più agevole, se per caso
lei qualche anno fa (quando tutto andava bene) avesse perso la vita all’improvviso in un
incidente stradale probabilmente oggi sarei ancora a pezzi, essendo invece stata una sua
scelta e non un incidente è più “facile” accettarla, non possiamo certo obbligare le persone
a restare con noi contro la loro volontà, certo che se poi lei si rende conto (dopo) di aver
fatto una [email protected] ed aver rovinato tutto, viene il rimpianto di non essere riusciti ad evitare
tale situazione (insieme), ma evidentemente mancava lei la forza per affrontare situazioni
relativamente difficili, io per quanto in difficoltà non ho mai pensato di lasciarla o tradirla e
le occasioni non sarebbero mancate ma me ne sono sempre tenuto lontano, non volevo
che in lei potesse nemmeno sorgere un dubbio sul mio conto, ma lei riteneva che questo
mio atteggiamento fosse dettato dalla paura di non saper resistere alle tentazioni a
differenza sua che invece non temeva i pericoli di avere amicizie maschili, abbiamo visto
poi come sono andate le cose e chi avvicinando troppo la paglia al fuoco ha trasformato in
cenere il nostro matrimonio.
Certo io non ero al top della forma non ero presente lucido e premuroso come in passato,
ero più nervoso, ma non ero nemmeno una persona orribile con cui era impossibile vivere
e con un minimo di empatia sarebbe stato possibile comprendere la mia situazione ed
aiutarmi ad uscirne invece di scappare e darmi una simile delusione.
In questa situazione mi ha aiutato fare qualche riflessione, anche grazie a voi, come
sostanzialmente dice Carolina chi viene lasciato è “costretto” a fare i conti con se stesso a
differenza di chi la decisione la prende che spesso è mosso dalla furia dell’onnipotenza
nella certezza di un futuro meraviglioso, è convinto di fare la scelta giusta anche se
egoistica, anche se passa e travolge i sentimenti altrui, per poi rendersi conto che forse la
gabbia in cui si sentiva prigioniera era un nido sicuro nel quale poteva muoversi
liberamente, con il rammarico di non aver “resistito” di più e di non essere stata chiara e
corretta prima di superare il punto di non ritorno (comunque se non avessi aperto io il vaso
di Pandora quanto saremmo andati ancora avanti? Per mesi, anni o per sempre?),
ammettendo di essere stata felice per diversi anni che ovviamente rimpiange, non avendo
sostanzialmente critiche (serie) da muovermi se non quella di non essere riuscito a
sostenerla abbastanza negli ultimi tempi (in quanto forse chi aveva bisogno di aiuto ero
proprio io).
L’hai definita infantile e capricciosa, forse è vero, la cosa grave che con il passare del
tempo ha avuto una involuzione, era molto più matura 10 anni fa, forse le cause sono
molteplici, la paura del tempo che passa e di non essersi divertita abbastanza nella vita,
un ritorno all’adolescenza (forse non vissuta a pieno a suo tempo), inoltre credo sia
soggetta a dipendenza affettiva (e forse sono presenti anche dei sintomi di narcisismo),
difatti era lei a vivere nel terrore che mi stancassi e la lasciassi anche se difficilmente
sarebbe accaduto e non le ho mai dato motivo di pensarlo, le sono sempre stato vicino ed
intuendo che non stava bene senza di me cercavo sempre di coinvolgerla in tutte le cose
che facevo, questo però denota una forte insicurezza da parte sua e per superare una
dipendenza ne ha dovuta creare un’altra, con la prima persona che ha incontrato, difatti lei
stessa mi disse che se non fosse stato lui sarebbe stato un altro, frase più offensiva per lei
che per me e alla fine mi fa pensare che il suo non fosse amore nei miei confronti ma
attaccamento, senso di possesso. Le ho accennato queste cose quando ci siamo visti un
paio di settimane fa, d’accordo non è più un mio problema e mi dispiace non aver intuito
prima il suo disagio e/o disturbo, ma non ho e non avevo le competenze in materia per
farlo ed in passato quando le cose andavano bene era difficilmente intuibile tale
situazione, ma dato che non le porto rancore (provo ovviamente una grande delusione per
il suo comportamento) le ho appunto esternato le mie riflessioni (chissà possano servirle),
ma lei comunque non sembra aver dato molto credito alle mie parole e quindi difficilmente
seguirà una qualunque terapia, questo mi fa comprendere che se nemmeno dopo tutto ciò
che è successo lei ancora non crede di avere dei problemi come avrei potuto cercare di
aiutarla (magari con una terapia di coppia, in cui lei nemmeno crede) prima che i fatti
accadessero.
Mi sto auto-assolvendo? Può essere, non credo sia per me utile in questa situazione farmi
troppi sensi di colpa, certo non sono perfetto, ma nessuno lo è, tutti commettiamo degli
errori, bisognerebbe valutare anche in quali condizioni li si commette e di quale gravità
sono e se sono avvenuti in buona fede o meno, certo fossi perfetto e non mi fosse mai
capitata nessuna situazione negativa nella vita tutto andrebbe a gonfie vele, ma la vita è
fatta anche di difficoltà ed è in tali situazioni che le persone che dicono di amarci ci
dovrebbero aiutare e non fuggire in quanto siamo caduti dal piedistallo dove ci avevano
posti, in cui sembravamo perfetti anche se non lo eravamo e non avevamo mai preteso o
finto di esserlo e sono quindi andati alla ricerca di qualcosa di “meglio”, rottamandoci.
Come dicevo anche a lei, la felicità non possiamo delegarla ad altri, chi ci sta vicino ci può
aiutare ma non può certo sostituirsi a noi e chi si “annoia” troppo facilmente si ricordi che
la novità di oggi diventerà la routine di domani, con il rischio quindi di commettere
ciclicamente gli stessi errori all’infinito.
Infine aggiungo che, come forse è letto proprio in questo blog, per forza di cose anch’io
resterò legato a ciò che lei ha rappresentato per me (appunto rappresentato …), ma non
resterò legato alla sua persona, ogni giorno che passa la allontana sempre più e la
trasforma in una persona diversa ed estranea alla mia vita.
Spero Billy di poter avere ancora scambi di opinioni con te, anche perché di cose da dire
ne avrei ancora molte ed il parere esterno di persone che sono passate in una situazione
analoga alla mia mi può essere molto utile.
o
GIUGNO 24, 2014
BILLY
Buddy,io ti confermo quello che ti ho gia’ scritto e cioe’ che tu nonostante il momento
difficile parti molto avanti in termi ni di accettazione ma anche di estrema lucidita’
nell’esaminare le cose,complimenti veramente.A suo tempo,nella tua situazione,io
persi completamente la testa.E’ questo il motivo per il quale pur stando abbastanza
bene continuo a scrivere in questo blog,perche’ andai completamente fuori di
senno,se vuoi farti una risata una volta non chiedermi come mi ritrovai a Marsiglia,
quindi quando leggo certe storie su questo blog so esattamente cosa sta vivendo e
cosa sta pensando la persona che le scrive e quali mostri occupano la sua mente…..
se ce l ho fatta io ce la possono fare tutti.Una cosa pero’ vorrei dirti,non soffermarti
troppo su di lei,su quello che ha fatto o non ha fatto,quello che le servirebbe oppure
no per una sua crescita…….non stare a sprecare energie per cose che non ti
riguardano,lo so le vuoi bene,e’ anche un modo per trovare delle ragioni,ma credimi
non serve ,non ti riguarda.Vai cosi’ che vai alla grande.

GIUGNO 25, 2014
BUDDY
Grazie Billy per la risposta, la tua opinione sul mio stato mentale, sulla mia lucidità
mi conforta, ovviamente non siamo tutti uguali, abbiamo alle spalle percorsi di vita
diversi, nel mio caso ho avuto due lutti “pesanti”, senza entrare nel dettaglio non
parlo certo dei nonni che ci lasciano a 80 anni, ma di due famigliari a me cari
scomparsi giovani, il dolore forse non passa mai del tutto ma ho provato sulla mia
pelle che con il tempo ci si rassegna, forse questo mi aiuta in questa situazione,
so che passerà, e se dobbiamo dirla tutta, un famigliare scomparso non lo si può
sostituire, la persona amata in qualche modo si ….
È giustissima la tua osservazione sul fatto che devo concentrarmi su di me e
lasciare perdersi lei, difatti prima di scrivere di lei ho spesso messo le mani avanti
dicendo che non me ne dovrei occupare ma come dici tu alla fine probabilmente
le voglio ancora bene e mi dispiace che sia andata cosi e cerco una spiegazione
al nostro “fallimento”, rendendomi conto che forse avevamo poche possibilità di
farcela e non tutta la colpa è mia.
L’analisi che cerco di fare spero mi possa servire in futuro a non commettere gli
stessi errori, anche nella valutazione delle persone.
•
GIUGNO 24, 2014
IRIS
Un grande ciao a tutti!!!
E’ arrivato il momento che anche io racconti la mia storia, dopo aver letto attentamente le
vostre, non tutte, ma continuerò a farlo perchè mi è di grande aiuto a capire tante piccole
dinamiche.
La storia con la persona che credevo fosse l’uome della mia vita, il mio migliore amico, il
mio confidente, è finita da quasi un mese.
Non so se ho realmente realizzato che ci siamo lasciati, in certi momenti penso, o spero,
che sia solo un incubo da cui vorrei tanto, con tutto il mio cuore, potermi svegliare il prima
possibile.
Stavamo insieme da quasi cinque anni, cinque anni bellissimi. Avevamo un rapporto
bellssimo, fatto di tanti piccoli momenti tutti nostri. A lui ho regalato la cosa più bella e
preziosa che abbia, la mia famiglia. L’ha conosciuta tutta, e abbiamo fatto anche un
viaggio importante con la mia famiglia in cui ha incontrato mia nonna, una persona
meravigliosa che io adoro. Vi può sembrare una cosa stupida, ma per me importante, ho
aperto compleramente il mio cuore, ed era la prima volta che lo facevo con qualcuno, E
questo è uno dei motivi per cui sono tanto tanto arrabbiata,
Alterno momenti di rabbia a quelli di profonda tristezza, in cui non so come venirne fuori
fino a quando a un certo punto scatta la rabbia.
Arrabbiata per il modo in cui è finita. Era da un pò che avevamo delle piccole discussioni,
ma continue, che non riuscivamo mai a chiarire del tutto, purtroppo, pechè distanti (storia
a distanza… e questo anche e sicuramente ha pesato tanto nella nostra storia, alcune
volte di più altre di meno, ma i km erano sempre quelli). Lui molto impegnato nel suo
lavoro e io che sentivo ancora di più la mancanza.
Fino a quando una sera al telefono mi confessa che non sa più cosa vuole, non sa più se
vuole continuare la nostra storia, non sa più quali sono i suoi sentimenti verso di me. Io
chiedo spiegazioni, lo cerco, ma nulla. Abbiamo passato anche dei giorni interi a non
sentirci, lui non si faceva sentire, E fino ad allora non era mai successo.
Ho chiesto di vederci, ma lui nulla, mi diceva che era troppo preso dal lavoro, che non
aveva nemmeno 5 minuti di tempo per vedermi.
Alla fine di maggio, sono tornata a casa, casa che avevamo preso insieme giusto un anno
fa, e lui non mi guardava nemmeno negli occhi. Spesso mi accorgevo che guardava per
terra. Ho chiesto spiegazioni. Ho fatto domande. Ma nulla, l’unico punto che ho capito era
che non mi amava più. Ho chiesto come questo potesse essere possibile. Come si fa a
non amare più una persona con cui fino a qualche mese prima parlavi di quale chiesa
scegliere per il nostro matrimonio? Ha messo di mezzo anche la distanza, che stava
iniziando a pesare troppo. Ma per me era solo una scusa, mancava solo un anno e mezzo
alla fine del mio lavoro lontano e poi sarei tornata per lui, per noi, avrei riniziato tutto da
capo per noi, per una vita insieme per poter finalmete costruire qualcosa insieme. Quindi
era una scusa. E lo penso anche oggi.
Nulla, non ho avuto risposte alle domande che ancora mi tormentano.
Non ho avuto delle spiegazioni.
Non ho avuto la possibilità di poter recuperare il nostro rapporto. Lui aveva già deciso. Mi
ha detto che io sono perfetta, che non li ho mai fatto mancare nulla, che sa quanto lo
abbia amato, della tanta pazienza che ho portato in tanti casi, in tanti momenti che lui ha
attraversato, che una come me non la ritrova,…. ma che non mi amava più.
Il mio mondo è crollato.
Il giorno dopo ho tolto tutte le cose da casa, le ho portate dai miei, e due giorni dopo sono
ripartita, questa volta con dei nuovi sentimenti, tante lacrime e un cuore spezzato.
Mi sento persa, ho perso i miei punti di riferimento. I miei obiettivi, le scadenze, i sogni.
Da vera mente scientifica, il mio protocollo no va più.
Ho la testa che pensa di continuo, con un forte mal di testa che ormai è diventato un mio
nuovo amico, dormo poco e male, e mi sento molto molto triste e sola.
Certi momenti mi sembra che mi venga a mancare l’ossigeno.
Non so dirvi ragazzi, mi viene solo da piangere.
Scusatemi per lo sfogo,
è che non so come fare…
grazie
Iris
o
GIUGNO 24, 2014
BILLY
Ciao Iris,come potrai vedere se leggerai alcune di queste pagine troverai diverse
persone con una storia molto simile alla tua,questo non la rende meno dolorosa,ma
condividere aiuta molto e aiuta ancora di piu’ vedere che alcune di queste persone
che hanno attraversato il tuo stesso dolore ne stanno o ne sono usciti fuori.A me aiuto’
moltissimo la lettura dei 10 punti perché,non mi stanchero’ mai di dirlo,fino alla
noia,consentono di riportare la mente su un piano di realta’.Questo e’ fondamentale,la
mente spazia dove vuole e noi possiamo anche lasciarglielo fare ma dobbiamo
sempre ricordarci che il nostro lavoro di rinascita va fatto su quello che e’ e non su
quello che vorremmo,su quello che ci sarebbe piaciuto che fosse stato,su quello che
ci saremmo aspettato che fosse e via dicendo…..Accettare la realta’,accettare il
dolore e desiderare il proprio bene con la convinzione che arrivera'(e cosi’ sara’).Io ne
ho prese di bastonate Iris,mi ero appena ripreso da una separazione in cui ho
impiegato 3 anni ad uscirne,dopo pochi mesi ho iniziato un altra storia durata un anno
e due mesi fa,proprio mentre pensavo che tutto era magnifico…..altra bastonata.Pero’
sono qua,non solo sono vivo,ma va anche alla grande e lo sai perché?….Perche’ mi
sono stufato di stare male,questa e’ un altra cosa importante,toccare il fondo,arrivare
al bivio in cui o la fai finita(e te lo sconsiglio.sarebbe la piu’ grossa cazzata che
potresti fare) o decidi di affidarti a qualcosa,qualcuno,te stesso e risalire,sputare
sangue ma risalire…..gli alcolisti anonimi chiamano questo:” il dono della
disperazione”.Ora sarai in balia di tutto e dirti qualcosa che tu possa assimilare in
qualche modo e’ difficile,ma come vedi qui ci siamo e ci si da una mano a vicenda per
quello che si puo’…..quindi (ahime’) benvenuta nella squadra.
Billy

GIUGNO 24, 2014
LUDOV
ciao iris, mi dispiace molto per la tua situazione, mi immagino che siamo tutti
insieme in un cerchio a parlare delle nostre emozioni,
I 10 punti descritti sono veramente utili (insieme ad altre cose che puoi fare) io
quando arrivo a casa li leggo sempre, sto cercando difar passare il tempo che
scorre lentamente con qualsiasi cosa. Il dolore resta e cè ..oggi una dozzina di
volte mi sono perso via.
Sto lottando con la mia sofferenza, quasi sta diventando la mia migliora amica (è
sempre con me!–rido esorcizzandola ora, ma dopo o piu tardi sarà lei a far ridere
me) e la voglio conoscere , da e fa male ma bisogna farlo, devo conoscere le mie
paure sperando che non mi inghiottino in un vortice. Sono sollevato di aver
iniziato un persorso con un “analista o mentalist” come piace definirlo a me.
tirando fuori di quelle cose di me nascoste imbrigliate nel mio inconscio. Ma tutto
ha un prezzo: il lato oscuro della sofferenza, ho paura di venir divorato dalla paura
conoscendola..La paura, e l’ansia che si porta successivamente han gia cambiato
qualcosa in me, (cosa banale: prima non sono riuscito a ber un aperitivo alcolico,
se bevo qualcosa di alcolico, un angoscia che mi sale dal profondo, dunque
evito..
penso a Friedrich Nietzsche:
“Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E
se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te”

GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Caro Ludov, io penso che la paura ti divora quando non la conosci.
Conoscerla ti dà comunque degli strumenti per fronteggiarla. La vera
catastrofe è l’indistinto, le emozioni che ti travolgono tutte insieme, come uno
tsunami. Mi ricordo che quando mi sono presentata la prima volta dalla
terapeuta, le ho vomitato addosso una valanga di angoscia indistinta, c’era
tutto dentro. Abbiamo inziato da allora una certosina operazione di
riconoscimento delle singole emozioni, dando loro i nomi, come io fossi una
bambina che prende confidenza con l’abbecedario: questa è tristezza, questa
è gelosia, questa cara signora si chiama rabbia, questa invece è ansia,
questa frustrazione… La psicoterapia è dolorosa, senza dubbio, ma aiuta,
eccome se aiuta!

GIUGNO 25, 2014
LUDOV
Ciao carolina, oggi sono veramente molto stanco e triste, rileggo
velocemente i 10 punti che mi tirano su! ..fisicamente sto a pezzi, si
dorme poco..anche con i farmaci.. il mio corpo ora vorrebbe riposarsi ma
non posso ora, spero piu tardi ..sto pure cucinando..devo pur mangiare!
fortunatamente a pranzo riesco a pranzare con i colleghi. Non devo farmi
travolgere dalle emozioni, assolutamente no! devo stare calmo e rilassato
..calmo e rilassato: ragazzi ho iniziato il training autogeno voi lo praticate?
consigli!

GIUGNO 26, 2014
CAROLINA
Ciao Ludov, no, io non ho mai praticato il training autogeno, ma mi sembra
che qualcuno vi facesse riferimento (Billy?)

LUGLIO 2, 2014
IRIS
Grazie Billy!
E scusa, scusatemi, se poi non ho scritto più… sono stati giorni molto molto
difficili. Ho letto che lo sono stati anche per te, e mi dispiace un sacco.
Io sto cercando di rimanere a galla, sto cercando di riempiermi le giornate il più
possibile di cose da fare. Questo un po aiuta, almeno penso fino a quando non
ricado di nuovo nella “disperazione” più assurda. Ci sono momenti in cui penso
che da un momento all’altro mi possa scoppiare la testa… per quanti pensieri è in
grado di fare in un nano secondo.
Ieri sera per esempio sono uscita per una serata con amici, mi sono divertita, ho
fatto anche le ore piccole, ed ero contenta. Mi sono detta “perfetto, così quando
torni a casa sarai talmente stanca che crollerai per il sonno!”
E invece nulla, nel buio della mia stanza mi sono rimessa a pensare e le lacrime
sono iniziate a scorrere da sole, e a rigarmi il volto… non vi dico in che stato sono
arrivata al lavoro….
Tutti mi dicono che passerà, che sono forte e che da questa situazione ne uscirò
ancora più forte.
Sapete cosa penso di adesso e come mi sento?
Mi sento piccola piccola, indifesa, impaurita, spaventata, ferita fino nel profondo
dell’anima e infinitamente triste.
o
GIUGNO 25, 2014
LUDOV
ciao iris, io nn avendo una famiglia, ho perso anche quella della donna che m’ha
lasciato anche i loro familiari, dove mi sentivo a casa..la sofferenza è tripla.
Attualmente non non ho piu obiettivi a lungo medio termine, mi tocca pensar giorno
per giorno..piu tardi raccatto le mie ultime energie della giornata e vado a trovar un
amico. Penso a domani ma non AL Domani.
o
GIUGNO 26, 2014
CAROLINA
Ciao Iris, sì anche andandosene a me ha detto la stessa cosa: che sono unica, che
una come me non la ritrova, che non sono una persona ma LA persona, però…vuole
fare altro, questo non è abbastanza. L’amore non c’è più. L’amore nel senso della
voglia di stare insieme, di ritrovarsi, di superare le difficoltà. Hanno la percezione che
la felicità sia altrove. Tocca rassegnarci, purtroppo è così. E io penso, in fondo, che
“c’è più onore in tradire che nell’esser fedeli a metà”, nel senso che è meglio andare a
chattare in piena libertà altrove che continuare a stare insieme a qualcuno che non
ami più per paura del distacco. Posso dirti che anche io all’inizio non ci potevo
credere, come sotto shock, poi però, col tempo, arriviamo ad accettare che sia così. Si
innescano meccanismi di difesa, del tipo: non mi preferisce ad altre? disfa un
matrimonio perché deve vivere le emozioni adolescenziali? ma vaffanculo! E,
soprattutto, cominciamo a pensare a noi stessi, non solo ai nostri sbagli (che fa parte
dello stesso stallo mentale del non credere che sia finita), ma soprattutto a quel che
vorremmo e lì non potremmo avere. Insomma, pensiamo al nostro benessere in loro
assenza, non siamo più concentrati solo sul nostro malessere. Piano piano, questa
prospettiva subentra, e abbiamo la necessità di facilitarla (vedi i 10 punti). Tu stai a
quota 1 mese, è pochissimo. Io ricordo i primi tempi come una sorta di allucinazione
continua, come un robot mi muovevo tra il lavoro e internet, inebetita, nulla aveva più
significato. L’universo linguistico si sostituiva alla realtà, nel senso che continuavo a
parlare con lui in sua assenza, a spiegare le mie ragioni, a chiedergli il perché delle
sue decisioni. Lui già non si poneva più questi problemi, non aveva più nulla da
spiegare. Una cosa da pazzi, se ci ripenso. Ma poi piano piano il principio di realtà
comincia a manifestarsi. Ora magari è il momento di piangere tutte le lacrime, anche
di tapparsi in casa a disperarsi se vuoi, ma a un certo punto devi aiutarti a uscire da
questa immensa sofferenza, anche forzandoti a fare qualcosa di diverso, aiutare i
pensieri. I pensieri, ancora dopo 6 mesi ti confesso che vanno sempre tutti lì, ma sono
anche di qualità diversa, e pure in certi momenti ho respiro (mi sorprendo a tratti a
pensare ad altro). Il tunnel è lungo ma non è sempre uguale, questo è garantito. Ora
non puoi far altro che sopportare con pazienza questa enormità che crolla, vivi e rivivi
il terremoto con la stessa identica paura, ma ci sarà un momento in cui potrai
cominciare a contemplare le macerie in maniera più distaccata e poi a ricostruire. A un
certo punto all’emozione del dolore che riviviamo come fosse accaduto tutto un minuto
prima si sostituisce non il suo oblio, ma la sua rappresentazione mentale: nel senso
che le ferite ci sono, ma siamo anche in grado di definirle senza doverle rivivere con le
stesse intense emozioni. Tutto questo prima o poi arriva, garantito.
Un abbraccio.
o
GIUGNO 26, 2014
BUDDY
Siamo perfetti ma ci lasciano, qualcosa non torna, forse vogliono tenere aperta una
possibilità di ritorno? Non sono poi cosi certi delle loro scelte? A me è stato detto: non
amerò mai nessun altro come ho amato te, allora come è possibile che sia finita?
Dopo pochi giorni che se ne era andata mi disse che forse aveva fatto la [email protected]
della sua vita, ha senso tutto ciò?
In effetti forse l’errore sta nel farsi troppe domande, nel parlare con il loro fantasma,
loro stanno andando per la loro strada, dobbiamo fare altrettanto, non siamo noi a
doverci chiedere cosa avremmo potuto fare per salvare la nostra relazione, ma
dovrebbero essere loro che l’hanno distrutta, nel mio caso non vi erano all’apparenza
problemi insormontabili ma è finita lo stesso, quindi dipende dalla serietà e maturità
delle persone, che dovrebbero affrontare i problemi in modo chiaro e sincero senza
accusare chi gli sta accanto se sono insoddisfatti della vita.

GIUGNO 26, 2014
CAROLINA
Uuh, a me è stato detto: non incontrerò nessun’altra come te, nessuna con cui
poter condividere le stesse cose, nessuna altrettanto intelligente. E a lungo,
durante il nostro rapporto e la crisi, mi sono confortata anche io con questo
pensiero. Mah, chissà perché dicono queste cose, forse vogliono avere tutte le
possibilità aperte, o forse sono cose che si dicono senza vera convinzione,
“poeticamente” diciamo, magari ritenendo di darci un conforto, un riconoscimento,
mentre invece seminano solo ulteriori dubbi su cui il nostro cervello lavora e
lavora, mentre non ne avremmo proprio bisogno! Per quanto riguarda la mia
situazione, comunque, non penso affatto che lui possa ripensarci, ed è meglio
così, mi rassegno prima. Perché conosco bene com’è fatto. Non che come
persona non sia capace di ripensamenti (anche se, per orgoglio o per troppa
stima di se stesso, non con facilità), ma perché sta provando per la prima volta
nella sua vita la sensazione di avere sensi di colpa (nei miei confronti, me lo ha
anche accennato tempo fa, io ho evitato di sapere i dettagli) e, poiché si muove
male su questo terreno, su cui non è proprio abituato, è proprio il fatto che siano
associati a me che rende difficile il ripensamento. Io sono associata a emozioni
“fastidiose”, che il suo smisurato ego respinge. Avere sensi di colpa significa
ammettere di avere appunto “colpe”, responsabilità vere e proprie, di non essere
“politically correct”, di non essere perfetti. Vero è che se si intraprende un
percorso terapeutico si ha l’intenzione di affrontare la propria destrutturazione, ma
tra l’avere consapevolezza e raggiungere un equilibrio che ti faccia convivere con
tutto quel che butti fuori di te, ce ne passa, eccome se ce ne passa. Forse, tra 10
anni, a fine percorso terapeutico… ma per quell’epoca io sarò molto ma molto
lontana! ;-) Sorridiamoci un po’ su.

GIUGNO 26, 2014
BUDDY
Ciao Carolina, ma è davvero possibile che persone diverse tra loro per età,
sesso, formazione, ecc. finiscano sempre col dire cose simili quando lasciano
la persona un tempo amata? In effetti perchè lo facciano è un mistero, la cosa
non dovrebbe riguardarci ma alla fine non possiamo non pensarci, non
farebbe certo piacere sentirsi dire che non ci hanno mai amato, perchè
verrebbe da dire: “me lo dici ora che sono passati cinque, dieci o venti anni
quando per tutto questo tempo non facevi altro che professarmi amore
eterno? Ma mi prendevi in giro allora o adesso? O sei solo sempre stato un
po’ confuso/a?”, però non va nemmeno bene che ci dicano: ti ho amato
tantissimo ma ora non ti amo più (hai spento l’interruttore?) o sei una persona
straordinaria ma ora me ne vado per la mia strada (e se facevo schifo che mi
facevi? Mi scuoiavi vivo?), ma sono tutti malati di disturbo bipolare della
personalità o cosa? (scherziamoci un po’ su dai …)
Forse non riescono ad essere sinceri con noi ma soprattutto con se stessi
nemmeno quando la relazione è finita (quindi forse un po di confusione
effettivamente c’è l’hanno), per questo penso che per quanto dolore e
dispiacere si possa provare in questo momento a lungo andare ci renderemo
conto che non erano le persone “giuste”, io non avrei mai nemmeno pensato
di fare una cosa del genere e cagionarle un simile dolore, ho lottato fino alla
fine, è lei che si è arresa non una ma ben due volte, forse ciò che mi da più
fastidio è proprio il fatto che in tutti questi anni non avevo conosciuto a fondo
la persona che amavo, in un certo senso mi sono ingannato da solo, ho
proiettato su di lei la mia correttezza ed onestà ma mi sarei dovuto rendere
conto che lei su di me proiettava la sua insicurezza ed i suoi timori, difatti mi
diceva spesso che un giorno mi sarei stancato e me ne sarei andato, avrei
forse dovuto intuire che questo era il suo schema mentale ma anche se lo
avessi fatto cosa sarebbe cambiato? Avrei saputo che non si sapeva dove,
non si sapeva quando ma presto o tardi la bordata sarebbe arrivata? Ed avrei
dovuto vivere con tale apprensione sperando di parare il colpo?
Come dice la sociologa Turnaturi: “Il tradimento ci pone di fronte alla più
grande tragedia dei rapporti umani: l’inconoscibilità dell’altro”.
Nel mio caso quindi non desidero un suo ritorno, se dovesse anche lei
intraprendere una terapia come il tuo ex (di Carolina) allora tra dieci anni ne
riparleremo, ma appunto chissà dove saremo nel frattempo, io non credo
proprio che starò qui ad attenderla e lei lo sa. Nel tuo caso Carolina non
essendoci stata una terza persona (da quanto ho capito e si sappia) è ancora
più strano il suo allontanamento ed il fatto che non valuti un ritorno, in
generale gli uomini mi sembra che tendano (se da soli) a tornare indietro più
facilmente, ma con questo non voglio farti venire “cattivi” pensieri (illusioni o
altro), poi appunto così come è adesso giustamente indietro non te lo vuoi
riprendere, anche se di positivo c’è che si sta mettendo in discussione, di
fronte al bivio prima aveva scelto la strada più semplice cioè la discesa
dell’abbandono, della fuga, ora invece si rende conto che tale strada non
porta da nessuna parte e prova la strada più difficile, la salita dell’impegno e
del mettersi in discussione, peccato davvero non l’abbia intrapresa prima
quando per tre anni gliela suggerivi.
•
GIUGNO 24, 2014
BILLY
Ieri sera sono uscito,sono rientrato verso le 3 e ho visto che qui c’era stata la
folla!!!!….Avete dato una festa senza invitarmi?! :-)
•
GIUGNO 23, 2014
BUDDY
Un saluto a tutti.
Vi seguo da un paio di mesi ed ho trovato il blog ed i vostri commenti di grande aiuto in
quanto anch’io sono nella vostra situazione, cercherò di riassumerla brevemente anche se
ovviamente, come tutti immagino, di cose da scrivere ne avrei moltissime e quindi troppo
breve non sarò.
La nostra storia era iniziata oltre dieci anni fa, dopo un paio di anni andiamo a convivere,
dopo un anno acquistiamo casa insieme (con un mutuo cointestato, entrambi lavoriamo e
non abbiamo figli) e dopo un paio di anni ci sposiamo, stavamo quindi insieme da circa
cinque anni eravamo sempre andati d’accordo, ci si amava moltissimo, eravamo molto
uniti, vi era una grande confidenza e fiducia reciproca, un attimo rapporto direi.
Le cose continuano più o meno bene (dipende dai punti di vista …) per altri quattro o
cinque anni, va detto che della coppia probabilmente io sono quello più riflessivo e lei
quella più impulsiva, io quello più diplomatico mentre lei molto diplomatica non è (difatti
non riesce a tenersi molte amicizie ed anche con i vicini di casa leghiamo ben poco),
insomma faccio da stampella. I problemi iniziano circa due anni fa, problemi esterni alla
coppia, ho un grave lutto in famiglia, perdo una persona che amavo come un fratello e
tutta la mia famiglia ne risente pesantemente, cerco di farmi forza, di non scaricare su altri
il mio dolore (forse è un errore, chissà) e di sostenere per quanto possibile i miei famigliari,
si aggiungono dei problemi di lavoro dovuti all’attuale crisi economica (cassa integrazione,
disoccupazione, cambio un paio di lavori con tutte le difficoltà che si possono immaginare),
purtroppo si accentua anche un mio problema di salute che mi crea qualche difficoltà, in
pratica vi sono sere che quando torno a casa dal lavoro sono fisicamente e
psicologicamente a terra, io non ne parlo molto per non angosciarla, per lasciarla
tranquilla, ma tali vicende ovviamente le sono note (non si tratta di “segreti”), però lei
sembra non comprendere il mio stato e quasi si meraviglia che la sera posso essere
stanco e magari appena arrivato a casa mi stendo per riposarmi un po’.
Cerco comunque di stare su di morale, ridere e scherzare, ma in tali condizioni è davvero
difficile (e forse anche poco naturale), ci sono continuamente alti e bassi e qualcosa tra di
noi cambia (ed era forse da tempo che stava cambiando) me ne rendo conto, lei anche se
appare (o vuole apparire) una persona forte è in realtà molto fragile, inizia quindi circa un
anno fa il “distacco”, lei è sempre più nervosa (se ne rendono conto anche altre persone,
non solo io), sempre più insoddisfatta e quindi infelice, vorrebbe cambiare casa (con alcuni
vicini non si va molto d’accordo) ed io sono d’accordo con lei ma la cosa non è
semplicissima, vorrebbe cambiare nazione (è una cosa di cui si parla da tempo ma non è
chiaro dove dovremmo andare e cosa andremmo a fare, bene o male qui un lavoro lo
abbiamo entrambi, abbiamo casa di proprietà e non abbiamo particolari problemi
economici, anche se non navighiamo nell’oro non ci manca nulla), sostanzialmente
divento il capro espiatorio della sua infelicità, cerco in generale di mantenere la calma, di
non litigare anche se alle volte le discussioni sono “tese”, per quanto non siano mai volati
piatti e nemmeno insulti.
Lei lamenta che oramai facciamo poche cose insieme, questo è dovuto anche da orari di
lavoro poco compatibili, allora quando possibile cerchiamo di fare qualche giretto, di uscire
la sera, ma lei pare “annoiarsi”, soprattutto se a proporre (non imporre, chiedo sempre il
suo parere) sono io.
Il dialogo si spegne anche perchè a volte capita che quando parlo vengo interrotto
bruscamente e “contestato” se non “zittito”, quindi per evitare liti (un tempo avrei avuto la
forza di discuterci per ore e ore, ma in quel periodo le energie mi mancavano) mi ritrovo a
pesare le parole ed il dialogo e le confidenze che dovrebbero esserci in una coppia
diventano un ricordo, forse spero che le cose si sistemino da sole o forse più o meno
inconsciamente lascio che la barca vada verso la cascata (citando la metafora di RAIN), io
non ho la forza per fermarla, dopo circa dieci anni ho bisogno di passare il testimone, se
non c’è nessuno pronto a raccoglierlo forse non c’è più niente da fare …
Inizio a sospettare che via sia un’altra persona nella sua vita, non credo di essere più
“sensibile” di altri uomini, forse tutti (almeno quelli innamorati) si rendono conto di certi
cambiamenti nella persona amata, ma probabilmente sperano di sbagliarsi o forse
nonostante tutto non la vogliono perdere, ma come ben sappiamo: “Una volta eliminato
l’impossibile, ciò che resta, per quanto improbabile, deve essere la verità.”
Quindi decido di trovare la forza di parlarle anche se so che questo probabilmente porterà
alla fine della nostra storia (e pensare che è sempre stata lei a temere un abbandono da
parte mia, a “minacciarmi” che se lo avessi fatto chissà quali conseguenze avrei subito).
Inizialmente nega, ma già il suo modo di trattarmi da “pazzo” è una conferma ai miei
sospetti, poi alla fine ammette il tutto, ovviamente come da copione la colpa è mia, la
trascuravo, mi aveva mandato dei segnali, ecc., insomma come al solito non si parla mai
in modo chiaro “prima” dei problemi che ci sono nella coppia e di conseguenza non si
lascia la liana vecchia se nell’altra mano non se ne ha una nuova.
Le chiedo che intenzioni ha e le dico che deve scegliere ma che io non la butterò mai fuori
di casa, in fin dei conti la “scelta” iniziale l’ha fatta lei, faccia anche quella “finale”, sarebbe
stato troppo facile per me urlare, insultarla, (e magari non solo) e cacciarla, per quanto
possibile rimango calmo e gentile, lei mi dice che quella che ha appena avuto è una storia
senza futuro, che non vuole buttare via la nostra storia ultradecennale (pensarci prima
no?) e quindi se io sono d’accordo proviamo a ripartire e ricostruire.
Ci proviamo, tra alti e bassi, per un paio di mesi ma evidentemente lei riteneva che fosse
stato superato il punto di non ritorno (forse anch’io), che il famoso “vaso” rotto non lo si
poteva più incollare a casa nostra e quindi decide di provare ad incollarlo in casa altrui e
circa tre mesi fa va verso quella storia che lei definiva senza futuro, credo a ragione in
quanto lui è il classico [email protected] di turno, che ha avuto il ruolo di traghettatore,
salvagente, mezzo o come meglio preferito definirlo per allontanarsi da me.
Ovviamente avendo una casa in comune (che decidiamo di mettere in vendita) ci
dobbiamo un minimo sentire, ci vediamo poco però, io applico la tecnica del distacco per
tutelarmi e quindi tranne per cose comuni “urgenti” non mi faccio sentire, mi chiede lei di
vederci un paio di settimane fa, le chiedo se ha qualcosa di “particolare” da dirmi, mi dice
di no ma che mi vuole vedere e parlare, accetto, e probabilmente ho l’impressione avuta
da Carolina nei confronti del suo ex, la trovo giù di forma (lei è abbastanza sportiva) e giù
di morale, quando se ne era andata da casa forse anche lei era convinta di essere
onnipotente ed invincibile, in tre mesi forse qualcosa è cambiato, ad esempio al lavoro ha
litigato con colleghi e titolari diventando la pecora nera (prima godeva di una buona
considerazione), i suoi progetti per il futuro sono uguali a quelli del passato: fuggire,
fuggire, fuggire, anche se negli anni le ho detto spesso (facendola arrabbiare …) che da
se stessi non si scappa, ancora questo semplice concetto non lo vuole comprendere. Lei
invece si è stupita di avermi trovato bene (sia fisicamente che psicologicamente), forse io
qualche riflessione l’ho fatta, sia su di me che su di lei, va bene è forse un errore fare delle
analisi relative al “perduto amore”, come appunto fatto anche da Carolina, ma non intendo
assumermi troppe responsabilità per la fine del mio matrimonio e nemmeno passare il
tempo a pensare a cosa avrei potuto fare per evitarlo.
Non credo di essere perfetto e di errori nella vita ne ho certamente commessi, ovviamente
sarebbe interessante sentire la sua campana e la sua visione della vicenda, anche se
appunto quando ci siamo incontrati quella con i sensi di colpa era lei ed è lei che sostiene
(evidentemente a ragione) che ci siano capitate troppe cose negative
contemporaneamente e che non siamo riusciti ad affrontarle, altrimenti saremmo ancora
insieme, che è veramente un peccato che sia andata così, che ognuno reagisce a modo
suo (appunto c’è chi resta e lotta a denti stretti e chi fugge …), ma che forse alla fine si è
dovuta comportare così perchè era infelice da molto tempo e solo sfasciando tutto se ne
poteva andare e ritrovare la sua libertà. Certo la libertà è un diritto ma credo che la
correttezza sia un dovere …
Ho fatto varie ipotesi relativamente alla sua personalità e relativi disturbi ,ma magari ne
scrivo un’altra volta.
Gradirei i vostri pareri e potermi confrontare con persone che sono certamente più avanti
di me in questo perscorso (Billy e Carolina per esempio).
Ecco infine un link ad una intervista molto interessante a Zygmunt Bauman:
http://www.repubblica.it/speciali/repubblica-delleidee/edizione2012/2012/11/20/news/bauman_le_emozioni_passano_i_sentimenti_vanno_
coltivati-47036367/
Di cui cito un paio di passaggi:
“Quando ciò che ci circonda diventa incerto, l’illusione di avere tante “seconde scelte”, che
ci ricompensino dalla sofferenza della precarietà, è invitante. Muoversi da un luogo all’altro
(più promettente perché non ancora sperimentato) sembra più facile e allettante che
impegnarsi in un lungo sforzo di riparazione delle imperfezioni della dimora attuale, per
trasformarla in una vera e propria casa e non solo in un posto in cui vivere. “L’amore
esclusivo” non è quasi mai esente da dolori e problemi – ma la gioia è nello sforzo comune
per superarli”.”
“Nel momento in cui siamo tentati ci sembra di essere liberi: stiamo già guardando oltre la
routine, ma non abbiamo ancora ceduto alla tentazione, non abbiamo ancora raggiunto il
punto di non ritorno. Un attimo più tardi, se cediamo, la libertà svanisce e viene sostituita
da una nuova routine. La tentazione è un’imboscata nella quale tendiamo a cadere
gioiosamente e volontariamente”.”
“fin dall’inizio abbiamo deciso che lo stare insieme, anche se difficile, è incomparabilmente
meglio della sua alternativa. Una volta presa questa decisione, si guarda anche alla più
terribile crisi coniugale come a una sfida da affrontare. L’esatto contrario della
dichiarazione meno rischiosa: “Viviamo insieme e vediamo come va…”. In questo caso,
anche un’incomprensione prende la dimensione di una catastrofe seguita dalla tentazione
di porre termine alla storia, abbandonare l’oggetto difettoso, cercare soddisfazione da
un’altra parte “.
o
GIUGNO 24, 2014
BILLY
Buddy,io non mi sento di darti chissa’ quali consigli perché mi sembri una persona
molto concreta e matura.Dal tuo racconto la tua ex ne esce come una donna molto
infantile e anche un po’ capricciosa,ma dare giudizi non mi piace e non serve.Quello
che mi piace e’ invece il tuo atteggiamento che mi sembra quello di una persona
“sana” che vuole stare bene e che cerca di farlo valorizzando e migliorando quello che
ha.Mi sembri molto concentrato su te,nel raccontare che la tua ex e’ andata via per un
altra persona,non avverto nelle tue parole disperazione e questo e’ lodevole.Io credo
che la cosa piu’ importante nella vita di una persona sia stare bene,non stare bene
con mario,Francesca,Pierpaolo,stefania o chicchessia,ma stare bene con se
stessi.Poi se accanto abbiamo una persona che vuole fare lo stesso cammino insieme
a noi e’ fantastico,ma se ad un certo punto scalpita perché vuole altro o non ci vuole
piu’….beh….e’ meglio che vada.sara’ un po’ doloroso ma e’ decisamente meglio che
vada.Pero’ mi sembra che tu sai gia’ tutto.Vai cosi’ Buddy.
Billy
o
GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Ciao Buddy, anche io ti percepisco molto concreto, concentrato su di te, non allo
sbando. Per esempio, quando dici che non ti va di passare troppo tempo a pensare a
cosa avresti potuto fare per salvare il tuo matrimonio (anche perché non serve a
niente, è solo un modo per autoflagllarsi). Riflettere su noi stessi va bene (cercando di
spostare il pensiero da quel che non va bene in noi a quello che va bene per noi, in
positiva ricostruzione), riflettere su di loro, mah, certo non ci riguarda più adesso il loro
percorso, ma è inevitabile che qualcosa la pensiamo. Io credo, da quel che dici della
tua ex, che, come il mio ex, non sanno bene quello che vogliono. Questo non deve
farci nascere l’idea che, proprio per questo, potrebbero tornare. A me viene il pensiero
che la separazione non è nemmeno questione di amore che finisce (io, dopo 15 anni,
non è che fossi innamorata come il primo giorno, solo che sentivo che – tutto
sommato – valeva la pena di continuare a stare con una persona con cui si era
condiviso un lungo tratto di strada e che – tutto sommato – i lati positivi c’erano, vale a
dire la conoscenza, vedute simili, larga comprensione per le inevitabili mancanze
dovute agli anni e al carattere), ma si tratta soprattutto della incapacità di affrontare le
crisi. Nel caso del mio ex compagno, molta autocentratura e molta indisponibilità a
mettersi in discussione, disagio ad affrontare i contenuti emotivi. Mi ricordo che, in
piena crisi, soprattutto mia (che vedevo il rapporto vacillare) mi diceva una cosa che,
se ora ci ripenso, suona assurda ma la dice lunga: “come puoi avere dubbi sul mio
amore, è amore è amore, altrimenti scapperei”. Cioè, la prova d’amore era per lui in
negativo (NON ME NE VADO), non ci metteva nulla in positivo. La prova d’amore era
che, di fronte alle difficoltà delle emozioni, non se ne andava, come se non fosse
normale accogliere e affrontare insieme le difficoltà (reciproche). Per me, non c’è
molto amore se non c’è cura, se non c’è attenzione all’integrità dell’altro, se le sue
preoccupazioni solo sempre solo una rottura di balle. In questo atteggiamento c’è
molta adolescenzialità, molta autocentratura. Se ne sono andati fuggendo per non
affrontare, inseguendo come bambini il miraggio delle “magnifiche sorti e progressive”
di una vita altra che, probabilmente, esisteva appunto solo come miraggio, come
proiezione mentale, come entità metafisica. Che ora stiano male con se stessi, che
abbiano difficoltà, non è dovuto alla nostra assenza, ma al proiettarsi verso qualcosa
di illusorio (ad esempio, l’idea che spostandosi altrove non si portino appresso loro
stessi e i loro problemi): è il paesaggio notturno della loro anima che, con o senza di
noi, sono costretti a contemplare. Meglio tardi che mai, ma oggi è un loro problema e
a loro va lasciato. Certo, mi fa effetto che mio marito, quando 3 anni fa io decisi di
iniziare una psicoterapia mi diceva di lasciar stare, perché arrivati a 50 anni come si è
si è, inutile farsi destrutturare, e lui stava benissimo così (io invece gli chiedevo di fare
un percorso terapeutico insieme, per farci aiutare a comunicare tra noi), mentre ora ha
iniziato addirittura un percorso di psicolanalisi (la più lunga delle terapie: come
minimo, un decennio!). Mah, non hanno voluto affrontare nulla prima, con noi, e forse
neanche potevano, non so. Quello che so con certezza è che io, oggi, non rivorrei
accanto un uomo che non mi ama come ho bisogno, come mi piace, un uomo che
rifugge le difficoltà e non sta mai dalla mia parte.

GIUGNO 25, 2014
BUDDY
Grazie Carolina per la risposta che in un certo senso “attendevo”, l’ho letta e
riletta, mi rispecchiò molto in quello che scrivi, anche se abbiamo avuto percorsi
diversi, noi non avevamo tentato una terapia mentre tu si e nonostante questo
non avete superato la situazione, non è così per tutti ovviamente ma se uno dei
due non ci crede temo sia difficile venirne a capo, a me ai tempi non era
nemmeno venuta in mente tale possibilità, forse mi mancavano le forze e la
lucidità, probabilmente sarebbe stato giusto tentare per non aver ulteriori rimpianti
ma non so nemmeno se lei avrebbe accettato e quali risultati avremmo ottenuto.
Nel tuo caso credo tu sia stata lucida ed abbia veramente tentato tutto il possibile
ma questo evidentemente non ti risparmia dal dolore, i sentimenti non vogliono
sentir ragioni, ad esempio io riesco a dormire abbastanza bene ma capita di
svegliarmi in piena notte con il cuore che batte a mille.
Non cullo la possibilità di un suo ritorno e nemmeno lo vorrei, si è arresa due
volte, la prima iniziando una nuova relazione di nascosto e la seconda
andandosene dopo due mesi dalla “scoperta”, in quanto riteneva superato il punto
di non ritorno, che in realtà non la avrei mai perdonata e che glielo avrei
rinfacciato tutta la vita, si sentiva in una posizione di inferiorità rispetto a me
mentre forse si era sempre sentita superiore o almeno alla pari, ma in tale
posizione ci si era messa lei, poi ognuno ha il proprio punto di vista, ai tempi si
sarà sentita trascurata, quando le esternavo i miei problemi diceva che erano
scuse (cosa che mi dava non poco fastidio), per rendersi conto solo dopo che
scuse non erano, ma se con una persona sei stata felice per dieci anni, lo vedi giù
di morale per vari eventi negativi cosa fai? Pensi di stargli vicino ed aiutarlo o che
non ti ama più e sfasci tutto? La seconda era la strada più semplice, è facile
distruggere, difficile creare, è appunto un peccato aver perso ciò che avevamo
creato giorno per giorno, le nostre affinità, i nostri gusti, la nostra complicità,
ricostruire tutto con un altra persona richiederà del tempo ed ovviamente non sarà
uguale.

GIUGNO 25, 2014
BILLY
Si Buddy,ricostruire tutto con un altra persona richiedera’ tempo e ovviamente
non sara’ uguale….pero’ metti in conto anche che forse sara’ MEGLIO. ;-)

GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Rispondo qui a Billy, perché il non c’è, al suo: “Ammazza Caroli’ come
piotti !!!!! Stai a anna’ alla grande !!!!! Daje….. ‘nnamo ‘n po’ !!!!!! :-)”: mi
sa che i non romani avranno bisogno di un traduttore! ;-) Mi hai fatto
ridere, e non è poco!
Buona serata a tutti, e resta valido per me il fatto di vedersi da qualche
parte, chissà se riusciremo a organizzare. Però, fra Lecce e Milano, mi sa
che un punto equidistante finisce che è proprio Roma!
Nel frattempo, caro Billy e cari romani, non c’è nel fine settimana qualche
altro evento estivo in cui incontrarsi?

GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Noi non avevamo iniziato una psicoterapia insieme (l’ho iniziata io da sola 3
anni fa), io lo avevo proposto ma lui non ne volle sapere (“io sto bene così, tu
hai deciso di andarti a destrutturare e sono fatti tuoi, io sto bene con la mia
struttura”), ora invece la sua magnifica struttura ha cominciato a vacillare e
inizia il percorso lunghissimo di una psicoanalisi del profondo. Io mi sono
detta: ma non era meglio affrontare insieme il percorso, almeno tentare? Ma
oggi dico anche: vabbè, evidentemente non erano tempi maturi per questa
strada, e certo – ribadisco – non vorrei indietro un uomo che non solo mi ha
fatto soffrire in sé, ma soprattutto che non ha capacità di empatia, non sente
tenerezza per le debolezze dell’altro, non ha cura, che vai benissimo quando
reggi qualsiasi stortura ma che si ritira quando stai cadendo e tu fai un botto
per terra che dio solo lo sa come ti rialzi (certo, non è un suo problema). Un
uomo che è un ragazzino, a cui in tutti questi anni ho fatto più da mamma che
da moglie. E che a un certo punto ha deciso che era preferibile proiettarsi in
un’adolescenza di ritorno (mai vissuta veramente a tempo debito) piuttosto
che cercare un modo soddisfacente per entrambi di stare insieme. Le
tentazioni, specie dopo più di 10 anni di matrimonio, ci sono, si presentano,
ma io ho sempre avuto chiara la direzione e, soprattutto, non l’ho mai posto
nella condizione di dover vedere nulla che potesse essere irripettoso o
doloroso. Può essere “carino” ricevere attenzioni dall’altro sesso, giocare un
po’, perché ti dà conferme di autostima, ma certo non sotto gli occhi del tuo
coniuge. Per quanto riguarda lui, gli è parso normale invece mettermi nella
condizione di dover “competere” con fanciulle con 20 anni meno di me (io ne
avevo 48-49), in un ambiente che attraversavamo entrambi, perché ne era
attratto (“sono fatti miei, basta che io non allungo le mani”, e io dicevo: ci
mancherebbe pure, sotto i miei occhi!). Non voleva vedere ciò che gli dicevo,
che il problema era più profondo e riguardava il nostro modo di stare insieme
sotto il profilo affettivo ed emotivo, le mie parole erano disperse nel vento. Io
gli dicevo: hai un problema anche tu, non solo io, affrontiamo insieme questi
nodi. Nulla. Guarda, io sono una persona fin troppo razionale, anzi a dirla
tutta con lui sono sempre stata iper-razionale, non so quante donne si
possono trovare che accettano di non avere orari certi, che il proprio
compagno possa tornare a casa alle ore più impensate per vari impegni
sociali, che non si accorgono che ti sei tagliata i capelli, che sei dimagrita o
ingrassata, che non ti fanno mai un complimento, che la casa è sempre un
casino, che i propri spazi personali vengono sempre in seconda battuta.
Questa donna che sono o che ero e che spero non sarò, che ha trascurato i
propri bisogni emotivi e affettivi in nome di una relazione importante e di un
impegno sociale (e anche per la personale difficoltà ad affrontare le sue
stesse emozioni), a un certo punto secondo lui avrebbe dovuto assistere
imperturbabile alla mirabile visione di lui che faceva il gran cavaliere con
fanciulle con la metà dei suoi e dei miei anni, con le quali io avevo relazioni
associative, con complimenti e galanterie che io nemmeno in cartolina, mai. E
se tua moglie ti dice che non riesce più a far finta di nulla, che tutto questo la
ferisce (anche se non ci sono relazioni extraconiugali), e che c’è tutto un
mondo da rivedere perché così stiamo male, che succede? Si infastidisce,
rimanda al mittente tutte le mie emozioni (bollandole come “illegittime”),
pretendendo da me comprensione, come se fossi una mamma che va
soddisfatta e orgogliosa delle performance del figlio in piscina! Un muro in
difesa del suo personale autocentratissimo principio di piacere, che è altra
cosa dal sacrosanto principio di benessere. Dei miei disagi, delle mie
difficoltà, prendeva atto, ma non gliene importava in sostanza nulla dal punto
di vista del cuore. Erano solo un fastidio, vissuti come un ostacolo ai suoi
“divertimenti”. E’ amore, questo? Oggi mi dice che, subendo anche lui una
tempesta emotiva, mi comprende e “gli dispiace” non solo con la mente ma
anche col cuore per quello che ho passato, perché lo vive sulla sua pelle. Sai
che me ne faccio, ora, di questo “gemellaggio”, di questo suo dispiacere che
non muta proprio niente nel mio vissuto. E allora, che faccia pure i conti con il
deserto della sua anima, che tanto prima o poi i conti te li presenta. Ora tutti
questi ricordi non mi provocano più un dolore attanagliante come prima
(durante la crisi e nei primi mesi dopo la separazione), non li cullo né li
rievoco volentieri, ma voglio spiegare a Buddy i dettagli della mia esperienza
(che ha tratti in comune con la sua), e non dimentico, per essere consapevole
di quel che è stato e, se possibile, evitare gli stessi errori un domani. Anche
con una giusta dose di rabbia, che ci sta, almeno in questo momento del
percorso di “guarigione”. Non lo detesto e non gli auguro il male ma, pur con
tutti i miei errori e le mie insufficienze e le mie pesantezze, non posso far a
meno di pensare che sono stata oggetto di violenza, perché la violenza non è
soltanto l’aggressività materiale fisica e verbale, è anche non riconoscere la
dignità dell’altro e delle sue emozioni, come ci insegna il pensiero della nonviolenza. Non mi percepisco per questo come una “vittima”, non protraggo
questa percezione né voglio costruire alcunché della mia identità su di essa,
penso anche che veniamo trattati come permettiamo di essere trattati (se non
addirittura come ci è funzionale essere trattati, voglio dire anche questo), ma
appunto per questo mai più voglio sacrificarmi sull’altare materno per
garantire la “tranquillità” a un compagno di vita o per paura di non essere
accettata, io che figli neanche ho generato.
Certo che è più facile distruggere che non rammendare, o addirittura
comprare direttamente un abito nuovo, il problema è che le relazioni e i
sentimenti non sono oggetti e come tali non possono essere trattati. Io da
questa terribile e dolorisissima storia sto imparando questo: che l’anima del
mondo e degli esseri viventi, se non c’è cura delle emozioni, se non c’è diritto
di rappresentazione dei propri bisogni emotivi, è perduta. “L’amore va
rammendato va, l’amore va rispettato”, come dice Fossati in una bellissima
canzone (“L’angelo e la pazienza”, che è pure un tango).
Un abbraccio

GIUGNO 25, 2014
BILLY
Ammazza Caroli’ come piotti !!!!! Stai a anna’ alla grande !!!!!
Daje….. ‘nnamo ‘n po’ !!!!!! :-)

GIUGNO 25, 2014
BUDDY
Grazie Carolina per la risposta profonda che mi hai dato, l’ho letta un paio
di volte ma forse non bastano per comprendere tutti i concetti che hai
espresso.
Non avevo capito che lui non avesse accettato di fare la terapia di coppia,
comunque tu hai fatto un tuo percorso e gliela avevi proposta, quindi sei
stata molto più lucida di me e per quanto oggi possa contare poco i fatti
mi sembra ti stiano dando ragione, un problema c’era e lui non lo ha
voluto affrontare ed oggi ne pagate le conseguenze (entrambi e questa è
la parte forse tristemente ironica della vicenda).
Il rapporto con la mia ex per certi versi è stato diverso, lei è una persona
molto “emotiva”, facile al pianto anche nelle situazioni più banali, credo
abbia sempre avuto necessità di ottenere rassicurazioni relativamente al
valore della sua persona e forse l’amore (o attaccamento) che aveva nei
miei confronti è stato legato anche al fatto che sostanzialmente l’ho
amata moltissimo e si può dire la corteggiassi ogni giorno ed esprimessi
in continuazione tutta l’ammirazione che provavo per lei, il fatto che
difficilmente mantenesse amicizie femminili a differenza di quelle maschili
(generalmente colleghi) potrebbe essere legato a questo aspetto, le altre
donne difficilmente le facevano continuamente complimenti (anzi spesso
mi sembra che tra donne si entri facilmente in “competizione”) mentre era
più facile per lei ricevere attenzioni dagli uomini (che di certo non
cercavano solo l’amicizia …), quando le facevo notare in modo “delicato”
la cosa (senza sceneggiate di gelosia ma parlandone in modo calmo e
pacato) ovviamente ero io dalla parte del torto, non capivo nulla, non mi
fidavo, ecc., poi i fatti purtroppo mi hanno dato ragione, e stranamente
quando si è superato il Rubicone? Quando io ero giù moralmente e
fisicamente e le dedicavo meno attenzioni (ho scritto meno, NON
nessuna) in quanto non ero sereno e felice come un tempo e nella mente
vi erano molti pensieri negativi che mi “distraevano” (ad esempio perdere
un famigliare che amavo come un fratello per non dire come un figlio, una
persona meravigliosa, bella come il sole, dotata di una intelligenza fuori
dal comune che sembrava destinata ad un brillante futuro mi ha
provocato un po’ di dolore), per tale ragione lei ha cercato evidentemente
di compensare le attenzioni mancanti rivolgendosi altrove, difatti se non
avessi deciso io di chiarire la questione lei non lo avrebbe fatto in quanto
in un certo senso la situazione le stava bene così (ciò che non riceveva
più da un solo uomo lo riceveva da due), difatti mi disse che non aveva
mai messo in conto di lasciarmi quando iniziò la storia parallela (che
pensava che presto o tardi mi sarei ripreso e tale storia parallela sarebbe
finita), ma evidentemente aveva fatto i conti senza l’oste e difatti ha
deciso “dopo” di andarsene in quanto la situazione era divenuta
insostenibile, ma non perchè io la trattassi male o le rinfacciassi quanto
aveva fatto ma forse per la ragione opposta e che le creava enormi sensi
di colpa e forse anche senso di vergogna nei miei confronti e doveva
essere strano per lei in quanto negli ultimi mesi era diventata
incredibilmente “polemica” con me e contestava tutto ciò che facevo o
non facevo.
Per comprendere quanto non sapesse cosa voleva dalla vita racconto
solo questa situazione, nel periodo che ero in cassa integrazione avendo
molto tempo libero cercavo di rendermi il più utile possibile in casa e
quindi quando lei era al lavoro ad esempio facevo la spesa e qualche
mestiere in modo che quando lei era a casa si avesse più tempo per noi
(tale finalità la dicevo in modo chiaro), poi una volta ripreso a lavorare a
casa ci sto poco e l’aiuto diminuisce (non svanisce del tutto faccio
comunque sempre il possibile per aiutarla) alla fine scopro che quando
ero a casa in cassa non vedeva l’ora che riprendessi a lavorare (ai tempi
non vi era ancora la “terza” persona, quindi il motivo non era certo che
ero di intralcio) e quando lavoravo si lamentava che aveva molte più cose
da fare in casa, qualcosa certamente non andava forse ero io (dal suo
punto di vista) o forse era lei …
Ricambio l’abbraccio ed aggiungo che mi fa davvero bene scrivere e
leggervi.
•
GIUGNO 23, 2014
IL FARO82
Ciao ragazzi vedo che iniziamo ad esser in tanti….forse la mia storia già la sapete
….anche se non la trovo più su questa scheda….bhe anche per me è passato più di un
mese e di star bene neanche per sogno..in più ieri sera ad un tratto sento il mio telefono
suonare e leggo “un nuovo sms”…il cuore inizia a partire a mille battiti al secondo ,inizia a
mancarmi il respiro,ma mi faccio coraggio e leggo l’sms.è lei vuole sapere come è finita la
storia riguardo l’affitto della nostra casa e mi chiede anche di poter tenere il cane lei
quest’estate perchè la rattristava saperlo che stava da solo ed io tutto il giorno a
lavoro….e in fine come mi scrive???SPERO CHE TU MI CAPISCA
BOOOOOOOOMMMMMM
Mi viene subito da dire “e a me chi mi capisce?????ma sei davvero stupida….ma come si
può giocare cosi con i sentimenti delle persone???si può essere cosi egoisti???ma per 5
anni con che persona sono stato!!!!!!
Ora mi sono forzato di non risponderle….anche se mi verrebbe di prenderla a male
parole….
E se invece fosse un modo di riavvicinarsi(non mi voglio illudere)?
Non so che fare stanotte di nuovo in bianco…nessuno riesce a strapparmi un
sorriso….l’unica cosa che mi potrebbe far star bene sarebbe quella di conoscere nuove
persone che mi stimolassero un po la vita e soprattutto la psiche…Ragazzi Aiutiamoci
perfavore!!!!
o
GIUGNO 23, 2014
BILLY
Faro,io manterrei la calma,un mese e’ veramente niente in termini di separazione,la
ferita e’ ancora bella aperta e sanguinante e quindi mi asterrei da affrettati quanto
pericolosi ragionamenti e deduzioni.Eviterei anche di prenderla a male parole,non
servirebbe a niente e non ci faresti un gran figurone e fondamentalmente non sarebbe
giusto.Riguardo all’sms che ti ha mandato mi sembra un sms che riguarda cose
pratiche che se si e’ condiviso qualcosa e’ normale rimangano un po’ in sospeso.Io ho
due figlie e quando mi sono separato dalla madre era ovvio che bisognasse
sentirsi.Per quanto tu ora possa sentirti ferito,cerca di non prendere le cose come se
fossero un attacco personale o noncuranza verso la tua sensibilita’,stai tranquillo che
anche lei ha le sue difficolta’.Piano piano dovrai imparare anche ad abbandonare
l’odio e la rabbia sia perché sono sentimenti che non aiutano a vivere bene,sia perché
ti tengono legato a quella persona e a quella situazione.Piano piano Faro….datti
tempo e non spaventarti i sorrisi arriveranno,conoscere altre persone sicuramente
aiuta…..fallo,passerai serate ad uscire da solo e a volte ti sentirai uno sfigato,sarai
uscito di casa con la tristezza a 10 e ci ritorni che sta a 20,ma non saranno tutte
serate cosi,tu fai…..fai sempre,anche quando ti sembra che non serva,tu fai.
o
GIUGNO 23, 2014
LU
Ciao Faro,
si..bisogna mantenere la calma.
La voglia sarebbe proprio quella si esternare di continuo la rabbia….prendere in mano
il telefono e sfogare tutto il nostro risentimento.
Ma è un appagamento momentaneo!…dopo due minuti che lo hai fatto ti penti come
non mai…e stai più male di prima.
le con calma, dandole le informazioni che lei ti chiede.Un tuo atteggiamento formale e
distaccato magari la punge “di più” di uno sfogo…che altro non farebbe che
confermarle la tua viva sofferenza per lei.
Personalmente l’indifferenza ed il distacco mi rendono più nervosa.
Siamo in tanti Faro..tutti sulla stessa barca..e tutti con la sensazione di affondare.
Ma ce la faremo…lo dico a te ..a me …a tutti!!
Billy aveva avanzato l’idea magari di trovarci un giorno…comodo a tutti..in un punto
equidistante dalle nostre città.
Possiamo farlo…così abbiamo un conforto più forte dato dalla presenza e dalla voce.
E poi…solo sane risate!
Io sono di Milano..organizziamoci ragazzi!!!
Un abbraccio grande Faro!!
Lu

GIUGNO 23, 2014
IL FARO82
Grazie Lu Grazie Bylli,
sentire la vostra vicinanza mi da un po di forza in più……
Credo che la cosa che faccia più male oltre all’amore perduto è il fatto che non ci
sia più quella persona che ci dia quell’affetto e amore che tutti noi abbiamo
bisogno nella vita,perchè sentirsi voluti bene è lo stimolo più grande che un uomo
possa avere e da quello realizzare i progetti più belli.
Ne sono certo anch’io che nel giorno in cui riuscirò a non pensarla starò
bene,perchè in fin dei conti potremmo trovare un piccolo equilibrio anche soli.
Ho un gran voglia di svoltare,di conoscer gente nuova ,ma non è sempre facile
specialmente in un paesino piccolo come il mio.
Io sono di lecce….possiamo organizzarci…magari non ora ,meglio se a
settembre…
Un abbraccio a tutti!!
IL FARO.
o
GIUGNO 23, 2014
ENRICO
illuditi, devi farlo, ė una fase del processo di “guarigione” che devi attraversare. Dopo
ci sarà di peggio, ma poi arriverà una lentissima ripresa

GIUGNO 23, 2014
LUDOV
ciao enrico, io cm sono fatto in amore mi illudo in due secondi..dopo che mi ha
mollato non l’ho vista per tre settimane, tutte le poche volte che avuto modo di
vederla abbiam fatto cose che non facevamo da anni..MI han fatto stare bene,
con quell idea che dentro di me potevo cambiare..poi botta in testa e la cruda
realta.. E alquanto assurda la psiche umana, sono una persona razionalissima ma
sul unico amore della mia vita; zero ragione. seguiamo i passi di sto blog ! grazie
ragazzi!

GIUGNO 23, 2014
ENRICO
la mia ex, ti avrebbe risposto. Ti illudi in due secondi? Bene “ami solo ciò che
rappresento” Ho scritto una frase sul mio profilo Fb In sintesi: il tuo cuore ė
carico di dolore, paura angoscia Dentro il tuo cuore ė stato scavato un solco,
arido, tetro, duro come la roccia, da quel solco nascerà qualcosa di nuovo…..
( mi tengo x me la frase che la mia ex mi scrisse, una sera, per sano e
fanciullesco egoismo) Passa… due mesi fa stavo come te, come tanti altri,
mano mano migliori, sono migliorie lente, esattamente come viene spiegato in
questo blog. Illuditi, disperati, piangi, non vedere la fine, cammina a bordi
della strada, in modo che stupidamente, lei possa notarti subito. Ma non
accadrà Quello che accadrà, sarà una impercettibile guarigione, scandita da
tanta paura, e da tanti passi all’indietro. Io non vedo la fine del tunnel, ma non
mi guardo più alle spalle per scrutare, la luce, so che davanti a me prima o
poi arriverà Serena notte
o
GIUGNO 23, 2014
ANDREA
per FARO 82;
ciao voglio solo dirti 2 paroline che ti faranno prendere coscienza di cio che ti sta
accadendo…e magari di darti qualche consiglio se posso permettermelo…
Io sono stato lasciato da 15 mesi ormai..ed ero innamorato perdutamente di quella
ragazza che mi ha lasciato x un altro…ho scritto qui in tutto il 2013…sono stato una
pezza malissimo non mangiavo piu e stavo sempre male tutto io giorno
Voglio solo dirti che al momento non sei lucido,è troppo presto e non vedi le cose
come stanno realmente…dopo 5 anni non puoi dimenticare una storia importante
come qsta in un mese,ci vuole molto di piu,le ferite gravi e soprattutto in amore sono
lunghe a guarire…quindi armati di pazienza sono schietto ma sincero…ma soprattutto
realista!!! ragazzi distacco totale da tutto face,sms telefonate tutto,evitate di
vederli…altrimenti soffrirete il triplo…cercate di liberarvi di loro e della loro dipendenza
il prima possibile,so che non è facile e nn sdara’ facile….ma qsta è la vostra vita non
la loro… io ero come te e lei è cambiata in poco tempo…dal volermi sposare
all’indifferenza piu assoluta che poi è quello che fa veramente male!!! ci vuole tempo
ragazzi…armatevi di pazienza xk le ferite in amore fanno male…e soprattutto
richiedono molto tempo prima di cicatrizzarsi…
x qualsiasi cosa scrivimi pure…!!!
o
GIUGNO 23, 2014
LUDOV
ciao faro, anche te del 82?penso che avrei le tue stesse emozioni se mi mandasse un
sms o qualcosa del genere, poi oggi con i social è ancora piu difficile, cerco di non
aggiornar faceb, /aggiorno solo caro blog che non ho mai chiuso dal 2004, infondo è
bello veder gli amori primordiali e le prime sofferenze..cosa piu bella è che il blog non
lo mai condiviso con la donna che mi ha mollato. Questa è una delle poche cose belle
che ora penso:Si! è una cosa mia legato a me stesso, una mia passione di far le foto
quando non era ancora una cosa di massa stile istagram. non voglio che lei sappia
niente di me ora, se vorra si fara sentire (per far cosa) Cmq io sn di Brescia, abito in
un paesello..la vita da paesello dove tutti ti chiedono e tutti ti conoscono. Arrivo a
questa fine giornata esausto e sfinito, avete provato la sensazione di prender energie
dalla sofferenza? faro io sorrido poco, sono abbastanza cadaverico (mangio poco)..è
cosi..come una cara canzone che ascolto s’intitola: Suffer (sofferenza, agonia) ..siamo
destinati a soffrire specie umana..grazie ragazzi..
o
GIUGNO 24, 2014
ALLIE
Ciao, purtroppo anche io mi sono ritrovata a scrivere la mia storia qui tre mesi fa..dopo
un solo mese credimi non hai ancora raggiunto l’apice del dolore, poi ognuno è
diverso ma x me va ancora male. Non l’ho più sentito né cercato e io mi sto chiudendo
sempre più nel mio dolore isolandomi da tutti gli amici e i familiari, perché se non ci sei
passato non puoi capire, non puoi dare consigli, solo voi potete capire quanto sia
difficile andare avanti senza sentire più la sua voce. Tutti mi dicono brava, tanto che lo
devi chiamare a fare???io non lo chiamo e non lo chiamerò anche se lo amo da
morire e lo sogno tutte le notti, almeno in quelle 2-3ore in cui riesco a chiudere occhio.
Ma la mente va da lui anche nei sogni, tutte le notti da tre mesi. Io sto
impazzendo!!non chiamarlo non è una decisione presa tre mesi fa, è una decisione
che prendo ogni dannato giorno, ogni dannata ora, ogni dannato minuto.
o
GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Un po’ più di un mese è veramente poco, è normale che tu stia malissimo e c’è anche
la possibilità che tu stia anche peggio di ora (a me è accaduto che, dopo 3 mesi, c’è
stato un periodo pessimo, perché cominci a renderti conto che non torna, e reagisci
con rabbia e super dolore), però poi vengono giorni in cui la morsa al cuore è meno
stretta, può capitare perfino di distrarsi un po’! ;-) Anche a me esser cercata per
sistemare le cose economiche i primi tempi mi faceva stare malissimo, ma la realtà
delle cose da sistemare purtroppo esiste, e non si può evitare. “Spero che tu mi
capisca” sinceramente se lo poteva evitare, sì, che vogliono che capiamo in queste
condizioni in cui siamo, ma sarà imbarazzata anche lei. Mi raccomando, comunque,
per il cane, sono esseri – oltre che innocenti – sensibilissimi, io ne ho 2 e i primi tempi
sono andati fuori di testa appresso a me, adesso invece curarmi di loro mi aiuta, e sia
io che loro stiamo meglio. Ci aiuta prenderci cura di altro. Anche gli animali aiutano.
Un abbraccio, vedrai che andrà meglio tra un po’, per forza deve andare meglio, devi
sapere che è così.
•
GIUGNO 22, 2014
BILLY
Che poi la domenica tra tutti e’ il giorno piu’ difficile,anche a me capitava a volte e capita
ancora di svegliarmi con la mente gia’ li….sull’argomento….”e che cavolo gia’ sei
sveglia!!!!….mi stavi aspettando!!!!”.A quanto pare la mente si sveglia presto…..anche di
domenica…..e’ evidente che abbiamo menti stakanoviste!
Coraggio Lu e buona giornata a te,a Carolina e a tutti
o
GIUGNO 22, 2014
CAROLINA
Buongiorno a tutti. Sì, la domenica, e in generale le festività, nelle nostre condizioni
sono i giorni peggiori (io sono stata abbandonata il 24 di dicembre, un tempo terribile
in cui affrontare l’abbandono, il freddo e il buio dell’inverno, la maggior parte degli
amici, dei familiari e dei colleghi fuori in vacanza). C’è davanti tutto un giorno per
soffrire senza posa! Io preferisco di gran lunga andare a lavorare, anche adesso.
Comunque, il cervello va lì, anche io ricordo perfettamente, come dice Lu, la
sensazione di svegliarmi ancora nell’incoscienza e, un nanosecondo dopo, realizzare
che tutto era successo e piombare pesantemente nell’angoscia che sarebbe durata
tutto il giorno. Anche oggi più o meno il primo pensiero va alla triste condizione, ma
posso assicurare che, già dopo 6 mesi, è forte amarezza, ma non più uno sprofondare
nel buio. Insomma, il dolore si trasforma, vivaddio. E’ già una cosa. Io oggi sono
reduce da un sabato in cui il mio ex è venuto qui in casa a prendere le sue cose. Non
vorrei cantare vittoria, ma non sto peggio del solito. Non metto la mano sul fuoco per i
prossimi giorni, ma colgo quel che di positivo c’è oggi. Ho una sensazione che, fino ad
ora, mai avevo avuto. Come dicevo, l’ho visto stanco, triste, invecchiato. Gli ho
chiesto: ma non ti capita mai di ridere (a me, ogni tanto, lontano dalle casse di
risonanza, sta capitando)? Mi ha risposto di no. Ho avuto la sensazione, del tutto
nuova, che sia lui ad essersi perso qualcosa. L’idea che una come me (intelligente e
sensibile, rispettosa delle sue libertà, affine alle idee) non la troverà tanto facilmente.
Magari non è vero, anzi sicuramente non è così, ma quello che è importante è che
questo pensiero, per la prima volta da 6 mesi, allude a una riconsiderazione di me
stessa come soggetto di valore, mentre finora mi sono sentita piccola piccola,
svuotata di senso. La annovero dunque fra le cose positive, anche se questo pensiero
è accompagnato da tanta tanta malinconia.
o
GIUGNO 22, 2014
CAROLINA
Nel frenetico navigare in internet di questi mesi alla ricerca di un aiuto, di un sostegno,
ho letto da qualche parte che chi abbandona normalmente lo fa perché ha una
prospettiva di felicità altrove. C’è chi ha già una nuova relazione, c’è chi immagina di
accedere a una nuova vita ricca e piena. Difficilmente però si mette in discussione,
perché non ne ha lo stimolo, come invece noi che siamo stati abbandonati non
possiamo fare a meno di fare. Ecco, il mio ex marito mi ha detto che all’inizio si
sentiva onnipotente, oggi ha bisogno di una psicoterapia perché non è contento di se
stesso, non sa quello che vuole da se stesso, se è contento della sua esistenza, sente
di dover fare i conti – per la prima volta nella sua vita – con la sua anaffettività. Meno
male. So che il suo percorso è il suo, non mi deve interessare, non è più in
collegamento al mio, ma – ragazzi – sono contenta che gli sia necessario fare i conti
con se stesso. Mi appare più umano, e io meno scema ad aver aperto, 3 anni fa, una
crisi di relazione proprio sul terreno della necessità di accogliere e riconoscere le
esigenze emotive troppo trascurate (è su questo che ci siamo “scontrati”, ma per lui
ero folle, ero capricciosa, sembrava che stessi lì solo a impedirgli chissà che). Avevo
visto giusto, il problema era questo. Ho molta amarezza per non aver potuto fare un
percorso di ripresa insieme a lui, ma la problematicità era questa. Tempo fa, la mia
psicoterapeuta mi disse, a commento della separazione: suo marito dovrà farle un
monumento, lei gli ha dato l’opportunità di crescere (la mia terapeuta, che mi
accompagna da 3 anni, ben prima dell’abbandono, ha sempre sostenuto che,
contrariamente alle apparenze, sono stata io ad allontanare mio marito, ponendogli
necessità e criticità che lui con ogni evidenza respingeva e non voleva affrontare). Io
mi incazzavo, perché quella abbandonata ero io, ma oggi le do in parte ragione. E,
vedendolo così, in crisi (crisi tutta sua, non dettata dalla paura di non avermi più con
lui, questo mi è chiaro), mi convinco di più che la separazione era probabilmente
necessaria, sia per me che per lui. Spezzare il rapporto simbiotico che ci aveva
portato ad annullarci come identità. Non avendo, per sfortuna, tempi di crisi simili, la
separazione è stata inevitabile. Mi muovo con difficoltà sulla linea sottile fra questa
consapevolezza e il rimpianto, come un equilibrista, ma certo insieme come stavamo
non era più possibile stare. Mah. Andiamo avanti.

GIUGNO 22, 2014
BILLY
Ciao Carolina,ho letto gli ultimi tuoi due scritti e vorrei darti l’impressione di chi la
tua storia la vive dall’esterno: mi rendo conto che e’ del tutto normale che il
pensiero spazi senza confini spesso a suo piacimento e che un pensiero per
essere ben focalizzato ha bisogno di svariate riflessioni pero’ tra le righe mi
sembra di vedere le conseguenze dell’incontro di ieri con il tuo ex.Ci sono molti
riferimenti a lui,su che cosa e’ e cosa era,sui suoi bisogni e le sue difficolta’,su cio’
che e’ stato meglio o peggio per lui.Mi sembra che la tua attenzione si sia
leggermente spostata da te a lui o addirittura a voi.Questo,che ripeto e’ normale
soprattutto dopo un incontro,e’ pero’ molto pericoloso e fuorviante e lascia spazio
a malinconie,rimpianti e amarezze alle quali in questo momento non e’ il caso
dare seguito.Lascia che sia lui a preoccuparsi di se se vuole farlo,tu hai gia’
abbastanza da fare per pensare a te,al tuo benessere.Magari sbaglio,ma
leggendoti l’impressione che ho avuto e’ stata questa.

GIUGNO 22, 2014
CAROLINA
Sì, sicuramente è così, Billy. Infatti, non deve più accadere. Sto pagando un
“tributo” che non dovrei. Però era anche necessario, per parlare pure di
questioni economiche, abbiamo delle cose ancora in sospeso ed è giusto che
le risolviamo, abbiamo anche perso troppo tempo tralasciandole. Però sì, i
miei pensieri sono stati occupati più del solito da lui, non tanto dai suoi riflessi
du di me, ma dal suo percorso, che non deve riguardarmi più. Però, è stato
anche utile vedere che non mi ha scatenato una sofferenza enorme. Ma non
deve accadere, debbo pensare a me. Ed infatti, basta.

GIUGNO 23, 2014
LU
Ciao Carolina, riesco a leggere ora anche i tuoi aggiornamenti.
Credo che il vostro incontro era inevitabile..se non ora….ma domani o fra un
mese ..l’appuntamento vis a vis doveva comunque esserci.
Quello che era ancora li… indefinito.. doveva comunque essere discusso ed
affrontato!
Anche se pur magra la consolazione ti sei trovata davanti un uomo che stava
affrontando un confronto con se stesso…e chissà forse qualche rimpianto a fatto
capolino.
Tu hai fatto e stai facendo un lavoro su te stessa grandioso….ed io posso solo
ammirarti, come ammiro Billy,…per la forza con cui stai affrontando questa salita
verso la tua serenità.
La ragione ancora si scontra con le tue emozione..ma la fortuna credo…è che hai
raggiunto un equilibrio tra le due forze che riesci a vedere la realtà per quella che
è.Per cui forza rimetti nuovamente i tuoi guantoni e combatti.
Bello che io lo dico a te…..quando io ancora di forza non ne ho!
Non sempre chi abbandona ha una prospettiva di vita già pronta…o quanto meno
ci sono delle eccezioni ed io ne faccio parte.
Incredibile io ho abbandonato…ma la sensazione è che sono stata io
abbandonata.
Abbandonata dall’amore, abbandonata dalle attenzioni, abbandonata dagli
abbracci, dalle sorprese….abbandonata da tutto quello che meravigliosamente
l’amore ..quando c’è …ti concede!
Che dura lotta la nostra!
Ma come dici tu….andiamo avanti!
Un abbraccio
Lu

GIUGNO 25, 2014
CAROLINA
Che dura lotta, sì, ma ce la faremo. Il suo rimpianto non lo vedo. E anche
meno male, perché – anche se c’è una parte del nostro cuore che non smette
di desiderare che tornino – io so che l’uomo che ho disperatamente ritenuto di
amare in realtà non esiste più. Se non nei ricordi che, al momento, per me
sono la cosa più difficile da affrontare. Mi danno una nostalgia… Ma ho la
consapevolezza che sono solo ricordi di un passato che solo per una
stranissima rotazione del cervello vengono percepiti come un presente di cui
siamo stati privati.
o
GIUGNO 22, 2014
LUDOV
ciao a tutti, sono giovane anchio quasi 32anni,sto vivendo questa sitazione da due
mesi, in questi due mesi mi sa che non ho accettato niente, l’ho sempre sentita, lei
come me sola da l punto di vista affettivo. Ho capito che la storia dopo 8 anni è finita,
ora mi appresto alla fase di accettazione, e dei perche. é straziante come ben sapete
e provate. Da molti anni mi sto trascurando, su tutti i fronti della mia vita (lavoro di
responsabilità,famiglia inesistente,padre assente,madre scappata,fratello da seguire
che non ci parlo nemmeno; amici persi/nonglienefregauntubo,donna)la situazione è
pesante. Fino al crack mi sn rinchiuso in me stesso: casa,lavoro(tanto)sentire al
telefono10minuti la donna e dormire, svegliarsi alle 4 di notte e non dormire piu).
Primo passo , ho chiesto aiuto ad uno specialista e ora mi appresto ad imparare il
training autogeno.. come scrivete voi devo tenermi sempre impegnato ma la testa è
sempre li. MI sto aiutando con l’ansiolitico e qualcosa per dormire ..non è che dormo
tanto mi sveglio lo stesso..
Ora cerco qualsiasi amico/conoscente/internet che mi tenga un po compagnia senza
scaricargli addosso tutto lo stress e paranoie. Cerco,cerco, e cerco..come ora di
scrivere per mezzora.. Il sabato e la domenica sono veramente pesanti, prima non
uscivo neanche,ora ci sto provando (qualche ora senza esagerare, non riesco a ber
niente di alcolico) una cosa grave è che ho pianto solo una volta dopo un attacco di
panico dopo aver bevuti due alcolici! vorrei piangere ma non riesco! cè la devo fare!
grazie a tutti

GIUGNO 22, 2014
BILLY
Ciao Ludov,sei stato cosi’ sintetico che e’ difficile dirti qualcosa di appropriato,non
sono neanche riuscito a capire se sei stato tu a chiudere la storia o no,ma mi
rendo conto che se ci si lasciasse andare si scriverebbe un libro.Mi sembra di
capire pero’ che la situazione e’ intrigata su diversi fronti,specialmente quello
affettivo.Io il consiglio che ti posso dare e’ che una psicoterapia,fatta bene con
uno psicoterapeuta con il quale ci troviamo a nostro agio,e’ una cosa che aiuta
molto,e’ un ottimo punto di partenza per cominciare a mettersi in maniera positiva
al centro della nostra vita.Sei veramente molto giovane,hai tutto il tempo per
rimettere le cose al posto giusto.Scusami se sono stato un po'”generico”,ma
volevo scriverti per farti capire che il tuo messaggio non sarebbe andato perso,io
ci sono,anzi noi ci siamo,siamo pochi ma buoni,quindi quando vuoi siamo qui.

GIUGNO 23, 2014
LUDOV
ciao ragazzi, si sono giovane, condividere questi stati d’animo di chi è
passato o ci sta passando, scambiandosi opinioni è confortevole.
Rispondendo a billy, sono stato lasciato da 2 mesi. Si ho problemi su molti
fronti affettivi, prima ancora che ci fosse la goccia che facesse traboccare il
vaso. Nel ultimo anno mi sono rinchiuso in me stesso, sono arrivato al punto
che mi dava letteralmente fastidio il contatto umano, sopratutto con la
ragazza, se mi abbracciava non riuscivo a resistere per 10 secondi,
dopodiche mi mancava il fiato. IL bello è che ora capisco di tutte quelle
piccole cose,che prima non le accettavo e le subivo (apatico)sto capendo
meglio il mio malessere, che confido è guaribile (nessuna tendenza o pensieri
suicidi). Avendo vissuto una vita dura, fin da ragazzino le emozioni le ho
sempre nascoste, sembra banale ma mi sono costruito un muro per
nascondermi,una forma di autodifesa. Poi conobbi lei e le cose andarono
meglio. Fino a qualche anno fa dove mia mamma scappo da casa e mi
ritrovai da solo a gestir la casa, con mio padre totalmente assente che
rientrava solo a dormire, (e tutt’ora non so dove sia,manca da due settimane!)
Da un giorno all’altro mi trovai a gestire tutto (affitto,bollette non pagate,debiti
con le banche) da solo con un lavoro precario. Ho sempre lottato per la
sopravvivenza pensando sempre prima agli altri e poi a me stesso. Il mio
analista mi dice che potevo scegliere e io scelsi di star qua. con il tempo ho
trovato un lavoro assunto a tempo indeterminato ma il prezzo da pagar è alto
(tanto impegno sia mentale che fisico)stando sempre poco con la persona
amata. Anche lei non è che abbia fatto molto per starmi accanto. Ci siam
fermati e cosi è finita, credo che le mie problematiche l’abbiano spaventata e
come reazione è stata quella di esser indifferente ai miei problemi, lei vivendo
in una famiglia bene,voluta bene. And now? ora ragazzi è il momento della
sofferenza, ci stà..oggi è andata domani vediamo.. Piu ho paura piu mi sale
l’ansia, come primo obiettivo mi sono dato di stare meglio, ci vorrà un po di
tempo. Accettare le cose come sono, ora sono qui da solo e non c’è piu quel
legame affettivo (l’unico) che avevo. (cè nella mia mente, nella mia psiche ma
non nella realtà dei fatti reali e crudi). Non sono inutile sono solo una persona
che soffre. L’analista mi dice che devo lavorare sulle cose che posso
cambiare (lavorare un po di meno:posso farlo; sentire amici e carcar di star in
contatto con piu persone possibile:posso farlo; altri problemi che non posso
risolverli come sentir la donna o farmi voler bene dai miei non è attualmente
possibile o scappar di casa non è altrettanto possibile; voler bene piu a me
stesso: è possibile, potrei fare quelle cose che non faccio da anni tipo: far
shopping (è banale ma è vero!non lo faccio mai!) comprarmi un paio di
occhiali, far palestra? non sono il tipo!far qualcosa che mi faccia stare in
mezzo alla gente, farmi una lampada?..cmq ci vorrei lavorare su questi
aspetti. Terapia mi serve, e anche se mi costa un po non fa niente. anche
l’ansiolitico mi serve, oggi non l’ho preso. quello per dormire mi serve almeno
ancora per un po. grazie

GIUGNO 23, 2014
BILLY
Ludov….voglio dire…..da quello che racconti non e’ che fino ad ora la tua
vita sia stata una passeggiata di salute,al posto tuo traballerebbe anche il
Dalai Lama, tu sei ancora in piedi e’ evidente che hai le spalle belle
larghe e quello che pensi e’ giusto,dire quello che vorrei adesso e’ stare
meglio sembra una banalita’ ma denota una chiarezza e una forza di
volonta’ enorme,non so quanto tu ne sia cosciente ma e’ enorme.Hai
tanto da ricostruire Ludov ma se mi dici le quote io sulla vittoria tua ci
metto 1000 euro.So che e’ impossibile ora ma io di lei mi preoccuperei
meno,lo definisci il tuo unico affetto ma se se ne e’ andata nel momento
del bisogno forse tanto affetto non era,o forse non ce l’ha fatta.Mi piace la
tua politica dei piccoli passi,piccoli obiettivi,e’ quella giusta….vai alla
grande Ludov,forse non lo sai ma vai alla grande.
ps: si,anch’io la lampada la lascerei stare…..a giugno poi….meglio il
mare
Tienimi informato
Ciao

GIUGNO 23, 2014
LUDOV
grazie billy, si la vita non è semplice, e pensar che sono un piccolo
“uomo”(fisicamente) come dici te con grande forza di volontà: sono
sempre stato una persona dinamica ora no. ma adesso sono perso via.
Durante il giorno vengo divorato da attacchi d’ansia e mancamento di
fiato,diminueranno o aumenteranno. Convivendo con questi pessimi stati
d’animo/paure/ansia/facilità_di_innervosirsi facilmente. Cercando la forza
oggi devo e sperar che qualcuno o qualcosa irrompa nella giornata
monotona routine. ho semplicemente bisogno di attenzioni e che
quacuno qualcosa mi faccia sentire vivo. Aihme anche lei ha sempre
avuto problemi esprimere le proprie emozioni, non ha retto o perche io
non le ho dato piu le attenzioni che una donna si aspetta. o
semplicemente si sarà stufata di soffrire ed essendo giovani cerca
qualcosa di bello nella vita. In pianura non c’è il mare, peccato. Il mare: il
pensiero di passar (sto passando un estate da solo) mi rende triste,
niente vacanze i. si dividono in tre categorie: 1 quelli che nn vedi e non
senti mai, non ti cagano mai ma se l’incontri in strada ti salutano anche, e
s’informano tramite altri della tua situazione; 2 Amici sposati o
conviventi,fidanzati rispetto ai primi li vedo: un giorno vado a trovar amico
x o y.In settimana ci si vede una volta, nel weekend scompaiono, o si
vedono fra di loro andando a cena (non invitandomi neanche)! 3
categoria: amici euforici sempre al limite, nichilisti. Sempre con la voglia
di eccedere: ubriacarsi sempre, o amici piu tranquilli. Evito situazioni
estreme, evito di lasciarmi andare ad una ubriacata … una altra cosa che
voglio fare è piangere a dirotto, non c’è lo fatta ancora. grazie ragazzi

GIUGNO 22, 2014
CAROLINA
Ciao Ludov, adesso è la fase più difficile, i primi mesi sono tremendi, la sofferenza
è fisica oltre che psichica. Piano piano però, il dolore è certo che si trasforma, e ci
trasforma. Anche per me, dopo 6 mesi, la testa è sempre lì, ma poi ti rendi conto
che il pensiero è là ma con una qualità differente. Questa è la consapevolezza più
importante, che pur nella sofferenza ci evolviamo, non stiamo sempre allo stesso
punto, anche se il processo non è lineare, ci sono passi avanti e regressi, ma a un
certo punto la sensazione è di farne 2 avanti e 1 solo indietro, cioè che il
procedere, per quanto lento, esiste. Vedrai che anche per te sarà così. Io i primi
mesi, quando mi dicevano questo, non ci credevo. Mi sembrava che il mio dolore
fosse un vortice senza fine che mi avrebbe risucchiato in eterno, senza possibilità
di risalita, e le parole degli altri mi sembravano solo parole senza peso specifico,
senza aggancio con la realtà. Ora, pur stando sempre in mezzo al guado (e dio
solo sa in certi momenti quanto dolore ancora, quanta tristezza e malinconia si
presentano!), mi sembra di darla qualche bracciata. Ma non è la consapevolezza
razionale a salvarci, o anche, ma non solo. A un certo punto, il nostro stesso
corpo si rifiuta di continuare a soffrire come prima, e anche senza rendercene
conto, si risale… Certo, aiutandoci con tante piccole cose che sembrano sul
momento non contare, ma che invece, come dice Billy, sotto sotto lavorano a
nostro favore. Un abbraccio.

GIUGNO 23, 2014
LUDOV
si il dolore ci trasforma, da molto tempo convivo con la sofferenza, forse
buona parte del genere umano soffre e nel mondo apparente in cui viviamo
sembra non volerlo farlo vedere. grazie
o
GIUGNO 22, 2014
CAROLINA
Ragazzi, questa ve la devo proprio dire. Tra i tanti siti che consigliano su come
affrontare le separazioni non volute, ce n’è uno che dà questo consiglio: dopo aver
indagato la “verità” di ciò che ci faceva star bene e ciò che ci faceva star male dei
nostri ex (attraverso immagini da rievocare nella nostra mente), si consiglia di
mescolare le immagini nel cervello, in questo preciso modo:
“Prendi nella testa l’immagine che ti manca… lei (o lui) che fa quelle cose che ti
piacevano… e goditi la mancanza… ti farà un pò ma va bene… (prenditi il tuo tempo
qualche minuti ad occhi chiusi per farlo con calma… dovrai ripetere questo esercizio
più volte per avere il massimo di efficacia)
Adesso immagina TUTTA la verità che prima hai scoperto… e immaginala/a nelle
PEGGIORI situazioni… quando ti faceva arrabbiare, soffrire, ti ignoarava, ti metteva in
secondo piano, quando ti umiliava, quando ti innervosiva…e GODITI il viaggio per
ALMENO 5-10 minuti… goditi il viaggio sempre ad occhi chiusi…
E Adesso immagina che MENTRE faceva le cose che ti piacevano (la prima parte
dell’esercizio) CONTEMPORANEAMENTE faceva ANCHE le cose che ti
innervosivano, che ti facevano uscire di “melone”… e MISCHIA le due immagini… per
esempio mentre ti fa le coccole, mastica la Cicca come un ruminante… o mentre ti fa
sentire un complimento rutta e scorreggia… questa immagina in realtà può essere
usata per TUTTE le immagini positive, ha un effetto immediato ;) ”
Ragazzi, è troppo assurdo questo metodo! Devo dire che ci ho provato e mi è venuto
da ridere. Vabbè, non certo che risolva qualcosa, ma ogni tanto una risata fa
benissimo, sdrammatizza. Un abbraccio a tutti. ;-)

GIUGNO 22, 2014
BILLY
Hai visto!!!! ….Tutti li a disperarsi per l’abbandono e bastava immaginare il partner
scorreggiante!!!!…Secondo me funziona…..anzi ora ci provo subito!
Comunque stasera vi ho pensato molto,sto leggendo quello che ho deciso
eleggere a miglior libro letto nella mia vita e ci sono state una ventina di pagine
che avrei voluto leggervi o trascrivervi se non fosse stato troppo lungo,ma vi
assicuro bellissime,mi sono fatto pure un bel pianto mentre leggevo.Parlavano
dell’approccio da parte di un alcolista con gli alcolisti anonimi,il toccare il fondo,il
“dono della disperazione”,l’incredulita’ e la paura del venirne fuori,il tema e’
diverso,ma tutte le dipendenze e le difficolta’ hanno un unica matrice,mi dispiace
molto non aver potuto condividere questa lettura con voi.
Un abbraccio
o
GIUGNO 22, 2014
LU
Ciao a tutti.
Scusate…rientro a casa ora.Giornata pesante per la mia mente ed il mio cuore.
Vedo nuove riflessioni e racconti…..ho letto velocemente qualcosa…ma con più
concentrazione domani cercherò di aggiornarmi.
Ciao Ludov…anche io sinceramente mi sono un pò persa nel tuo racconto.Domani
prometto lo rileggo con attenzione. Sappi che qui siamo in tanti ,,a dare sempre una
parola di conforto.Scrivere aiuta molto e sapere che ci sono delle persone che ti
leggono lo è ancora di più.
Non siamo soli:-).
Un saluto particolare a Billy e Carolina
Vado a nanna…spero il sonno sopraggiunga velocemente così la mia mente si
spegne ed il mio cuore si anestetizza per un pò di ore.
Un abbraccio
Lu

GIUGNO 22, 2014
BILLY
Lu…..forza……mi stai particolarmente a cuore perché ti sento piu’ in
difficolta’…..dai……noi ti teniamo…sei della squadra.
Dormi serena
Billy

GIUGNO 23, 2014
LUDOV
ciao lu, aime non sono molto bravo a scrivere..grazie cmq

GIUGNO 23, 2014
LU
Ciao Ludov,
perdonami…non volevo assolutamente dire che il tuo scritto era
incomprensibile.
Ieri sera ero stanca e poco lucida…ho letto tutto molto velocemente non
riuscendo a capire molto.
Ho letto proprio in questo momento il tuo racconto e ancor con più dettagli
stamattina che sicuramente mi hanno aiutato a capire meglio.
Non è facile raccontarsi cosi di noi…del nostro vissuto ..della nostra
storia…cosi tutto in un fiato!
Tante cose da dire…da esprimere…nella mente si accavalla tutto!
Ma noi siamo qui…su questo forum..e pian piano vengono fuori parole,
emozioni , sofferenza che ci aiutano a conoscerci meglio…e questi
scritti,questi sfoghi ci aiutano a stare un pò meglio.
Il dolore che provi, lo sconforto, la delusione, la rabbia…sono devastanti..lo
so. Anzi devo dire che io fra tutti voi sto cercando di superare una storia
durata 2 anni ed in confronto alle vostre storie la mia sembra una
passeggiata. Ma il dolore è dolore non ha differenze. Deve fare il suo
percorso..un percorso devastante ma che ci farà risorgere da noi stessi.
Forza Ludov!!
comincia ad abbracciare..te stesso.. il mondo…esprimi i tuoi
sentimenti…piangi..arrabbiati…sfogati! ..anche questo aiuta.
Ora scappo…ma ritorno
E ricordati che dietro questi schermi ci sono persone speciali…tu…Billy
..Carolina e tanti altri..anche io daiiii:-)!
a presto
Lu ( non appropriarti del mio diminutivo :-))))))) )
•
GIUGNO 21, 2014
BILLY
Esistono persone al mondo,
poche per fortuna,
che credono di poter barattare
un intera via crucis
con una semplice stretta di mano,
o una visita ad un museo,
e che si approfittano della vostra confusione
per passare un colpo di spugna
su un milione di frasi,
e miliardi di parole d’amore……..
Paz.
o
GIUGNO 21, 2014
CAROLINA
A proposito della proposta di incontro avanzata da Billy (alla quale non appare
l’opzione “”), io aderisco. Sono anche io di Roma.

GIUGNO 21, 2014
BILLY
Perfetto Carolina! Allora ti dico subito che se vuoi stasera nel mio quartiere ci
sono due concerti all’aperto,se pensi ti possa interessare dai un occhiata su
musicadagradino su facebook…..potrebbe essere un ottima occasione per
conoscersiIo saro’ li.In caso decidessi di venire fammi sapere.Logicamente l’invito
e’ esteso a Lu e tutti quanti possano e vogliano venire.

GIUGNO 21, 2014
CAROLINA
Mi piacerebbe, ma stasera non posso, in previsione della giornata dura ho già
preso appuntamento, come ficevo, con amici e cani. Ma l’idea di incontrarci
tutti, chi può, rimane una cosa che mi piacerebbe, e a parte il lunedì e il
martedì che ho le mie lezioni di tango, sono ad oggi – come dire – piuttosto
libera! ;-)

GIUGNO 21, 2014
LU
Ciao Billy,
Ciao Carolina,
ottima l’idea di incontro!
Mi fionderei sul primo freccia rossa e vi raggiungerei.:-)
Sono di Milano..e se domani non lavorassi un pensierino lo farei!
Abbraccio l’idea…..magari identificando un giorno comodo a tutti..di trovarsi a
metà strada.
Io vengo anche a Roma ..città in cui si torna sempre volentieri!!
Carolina amo il tango come te!

GIUGNO 21, 2014
CAROLINA
Si può fare, perché no? Io entro in ferie il 10 luglio (fino a quel momento,
lavoro anche di sabato, però si potrebbe fare di domenica).
Davvero ami il tango anche tu? E lo balli? Io sono diventata ormai una
discreta tanguera; non ho iniziato da molto (2 anni) ma sono sempre
andata a ballare parecchio, e da quando mi sono separata poi ci vado
ancora di più. Per me, è un’ottima terapia antistress.

GIUGNO 22, 2014
BILLY
Allora visto che la proposta e’ stata accolta io vi lascerei una mail che di
solito non uso pero’ puo’ essere buona per un contatto piu’ diretto oltre
che su questo blog.La mail e’ [email protected] Il concerto stasera e’
stato molto bello e soprattutto il primo gruppo se dite che amate il tango
vi sarebbe piaciuto…..sax e fisarmonica,poi swing e per finire musica
balcanica,un sacco di gente,c’era pure Mannarino che abita qui
vicino.Qui viveva anche Rino Gaetano e il 2 giugno come tutti gli anni c’e’
stato il concerto per l’anniversario,anche quello un bel
concerto…..insomma….divertiamoci un po’!!!!! La vita e’ bella !!! Qui a
roma,a Milano a Canicatti’…..ma che ce ‘mporta…..LA VITA E’ ‘N
MOZZICO!!! :-)

GIUGNO 22, 2014
BILLY
Ciao Lu,ciao Carolina,ho appena mandato un messaggio in cui ho
inserito anche una mia mail dove avere un contatto piu’ diretto,ma mi dice
che il messaggio e’ in attesa di “moderazione”…..forse non si puo’
fare?Possiamo parlare ma non possiamo farlo fuori di qui?Non possiamo
avere un volto?….. Provo a scriverla cosi': emme erre c punto bressan
chiocciola libero punto it

GIUGNO 22, 2014
LU
Buona domenica a tutti!!!
Forza oggi è un altro giorno! In preparazione per una giornata di
lavoro..che temo sarà pesante..vuoi per questo sole …vuoi per questo
caldo e per la tanta malinconia.
Ho aperto gli occhi sperando fosse tutto solo un brutto sogno…ma non
appena il cervello si è collegato…….mi sono alzata ho acceso il pc e vi
sto scrivendo!!!
Si Carolina…ho fatto anche io un anno di corso…ma ahime’ non sono
riuscita a ballarlo molto.Non era stato il mo primo approccio..me la sono
cavata ..ma naturalmente come tutte le cose..per ottenere un risultato
soddisfacente bisogno praticarle. Un giorno lo riprenderò!
Grazie Billy per la mail….stasera quando rientro ti scrivo!
Ora scappo..altrimenti arrivo tardi..già la voglia è poca.
Vi auguro una buona giornata..che sia serena.
A presto
Lu
o
GIUGNO 21, 2014
CAROLINA
Sì, queste persone esistono.
Allora, se ci siete, faccio un po’ di cronistoria della giornata (che mi serve anche per
alleggerire). Allora, si è presentato qui a casa, io all’inizio molto fredda e dura (è in
genere la mia naturale difesa quando affronto la sofferenza, anche solo potenziale, un
lato del mio carattere di cui sinceramente non vado molto fiera). Poi, piano piano,
parlando delle cose che bisogna portare via e sistemare (abbiamo un intreccio di cose
pratiche comuni, ovviamente, in parte ancora da sciogliere), la mia paura si è
allentata, e abbiamo avuto uno scambio più “umano”. E ho visto un uomo scavato,
piuttosto triste, provato. Non mi illudo neanche lontanamente, nemmeno
nell’inconscio, che questo possa significare nostalgia di me o ripensamenti. E’ chiaro
però che anche lui sta mettendo in discussione se stesso, sta facendo i conti con i
suoi disequilibri, ha subito in qualche modo una destrutturazione e sta cercando
nuova forma (anche attraverso una psicoterapia). Evidentemente, non sono rosa e
fiori, al di fuori non c’è un fantastico wonderful world ad aspettarlo a braccia aperte.
Beh, sinceramente ho provato meno rabbia del solito. Una delle cose più terribili di lui,
che ha caratterizzato anche la sua gestione della crisi e il momento della separazione,
è la capacità di schermarsi emotivamente, di non provare emozioni, di rifiutarsi di
soffrire. Ora, non riesce più a farlo. Secondo me, è un bene. Non si può credere di
cadere sempre in piedi. Stai a vedere che ‘sta separazione avrà un effetto positivo su
entrambi? Se anche lui ne approfitterà per trasformarsi, secondo me è un bene,
perché l’anaffettività e la sistematica rimozione delle emozioni non è un modo con cui
poter costruire relazioni umane di senso.
Ora che se n’è andato, non mi pare che mi siano aperte ferite particolari. Almeno, per
adesso. Certo, il pensiero è più difficile che navighi da altre parti, però in genere tanto
lontano da lui non va. Stasera ho già programmato un’uscita, non a ballare ma a fare
una passeggiata con i cani (io amo gli animali, e ho 2 cani). Vedrò anche un amico
educatore cinofilo che è tornato da poco dall’Argentina (sua patria), è molto simpatico,
una persona solare, fa ridere anche perché se lo senti solo parlare sembra papa
Francesco. Mi farà bene vedere lui, gli altri, e soprattutto stare in compagnia dei cani,
animali sociali come noi, che non conoscono la malizia, che non smettono mai di
amare, che affrontano l’esistenza con straordinaria semplicità. Non possiamo
assomigliare del tutto a loro, lo so, ma guardarli a me fa un effetto di pacificazione
dell’animo.
•
GIUGNO 20, 2014
BILLY
Ciao Lu,il mio parere e’ che tu mi sembri una persona “sana”,mi sembra tu abbia fatto tutto
quello che c’era da fare e che eri in grado di fare nella maniera giusta,onestamente: hai
deciso di porre fine ad una storia dove il tuo spazio non era riconosciuto,ti sei data la
possibilita’ di qualcosa di piu’ appagante e lo hai fatto condividendo con il nuovo
compagno quelle che era la tua situazione e le tue difficolta’ del momento,in maniera
pulita,senza segreti,sotterfugi o zone d’ombra che avrebbero potuto creare mostri.Non
credo ci siano cose che ti possano essere rinfacciate,soprattutto da chi conoscendo la
situazione decise di starti accanto e affrontarla insieme.Purtroppo per questa fase dei
“perche'” a quanto pare ci si deve passare.La mia ex compagna che mi ha lasciato due
mesi fa due giorni prima mi scrisse testuale questo messaggio:” Mi manchi,ho voglia di
te,delle tue mani che sanno sempre come sfiorarmi,della tua voce che mi fa venire i
brividi,ho voglia dei nostri momenti……”,ora non solo a quanto pare questo messaggio
non ha piu’ nessun valore,ma sta anche frequentando un altra persona,……tu ce lo trovi
un perché?….E’ pazza?….Schizofrenica?…..Infantile?….Scriveva e diceva cose
cosi’,tanto per?….E’ possibile nel giro di 48 ore ribaltare tutto?..Non lo so ma quello che
penso e’ che qualunque sia la risposta non e’ affar mio.Io posso fare il meglio che posso
per cio’ che riguarda me stesso,fare il possibile per dare una vita serena,una relazione
stabile, matura e appagante a me e alla persona che mi sta accanto.Non sono
responsabile delle paturnie mentali o insicurezze e difficolta’ dell’altro,anche perché pur
volendo non potrei fare nulla,posso starti accanto e risolvere le difficolta’ insieme,ma se lei
se ne va vuol dire che ha gia’ scelto e cioe’ che queste difficolta’ non vuole affrontarle o
perlomeno non con me.Insomma,tornando a te,credo che il discorso sia lo stesso.Meglio
di cosi ‘Lu che avresti potuto fare?Io quando sbarello con la mente per tornare sulla strada
giusta penso sempre la stessa cosa e cioe’ che l’amore sotto qualsiasi forma deve essere
una cosa bella,che porta benessere,ci deve essere condivisione,intimita’,complicita’,tu hai
usato una parola che e’ “simbiosi”,io la sostituirei con “empatia”,mi sembra piu’
appropriata, e poi fondamentalmente si possono affrontare tutte le difficolta’ del
mondo,momenti meno sereni ma di fondo deve essere cristallina l’idea che quando guardi
la tua compagna/o dentro di te pensi:” io amo questa donna/uomo,io VOGLIO stare con
questa donna/uomo”.Stai su Lu,mi sembri una bella persona e soprattutto le belle persone
meritano di stare bene,lo stare bene e’ una cosa che solo noi possiamo
concederci,nessun altro,tu questo lo sai …quindi vai dritta e decisa come stai
andando,arrivano e arriveranno bastonate calci e pugni che fanno un male cane,tu chiuditi
un po’ nelle spalle e continua dritta,in silenzio…..quella e’ la strada che porta all’uscita,le
altre tutte in fondo al burrone.
Buona giornata
Billy
o
GIUGNO 20, 2014
LU
Ciao Billy, grazie per le tue parole mi danno un immenso conforto e allo stesso tempo
mi portano al pianto.
Io non sono stata perfetta Billy..non lo sono…chi lo è?..ho fatto errori…..e mi sono
scusata mille volte.
Oggi, fuori da quel dolore, mi rendo conto che avrei potuto gestire diversamente il
distacco causando così meno sofferenza a chi mi era accanto. Ma lo dico oggi perchè
è la ragione che prevale…ma a suo tempo il cuore non ne voleva sapere.Sbatteva tra
la perdita, la delusione, la rabbia ..cercando ragioni..e cercando di staccarsi da
quell’amore che non mi aveva scelta.Una lotta infinita.Sono dispiaciuta per aver
ignorato il fastidio che provocavo ogni qual volta prendevo in mano il telefono.Ma il
problema non è questo..non è più questo.E’ tutto superato.E’ Il mio lui ( non sò se
definirlo ancora cosi ) che è ritornato su i suoi passi.
Le ho chiesto sempre sincerità….e sentivo che non cera! Mesi a darmi addosso, a
sentirmi responsabile per la sofferenza che le avevo causato. Ma niente di tutto
questo era la reale causa.Il mio istinto di donna mi ha portato alla fine ad andare a
leggere quei messaggi che mi hanno trafitto! Che dirti Billy….ho preso questa
decisione..di allontanarmi con il cuore colmo di amore per lui.Non so se ho fatto tutto
quello che cera da fare…ma ho fatto molto. Chissà se capirà che ora dovrà fare lui
qualcosa per me…se avrà i miei stessi sentimenti.. tornerà..altrimenti sono stata solo
un fuoco di paglia per lui.
Chissà se resisterò a non cercarlo…o se sia giusto farlo…o non farlo. Forse lui si
aspetta da parte mia un passo. Ma perchè lui non lo fa? …attendero’ finchè la ragione
prevale sul cuore..cercherò con tutte le forse di andare avanti dritta …però poi non sò.
E’ vero quello che dici…l’amore deve farti star bene! La tua idea di amore è
bellissima…e anche tu meriti di stare bene.Te lo auguro davvero.Forse proprio dietro
questo angolo buio..c’è qualcosa di bello che ci aspetta.
Non riesco neanche io a capire le parole di quel messaggio che hai ricevuto.Le parole
quando si scrivono hanno un peso, un significato, un sentimento.Con i sentimenti non
si gioca, con le persone non si gioca!
Grazie davvero per il tuo supporto…ha un gran valore..ho smesso anche di piangere.
Buona giornata Billy
Lu

GIUGNO 20, 2014
BILLY
Lu….poco o tanto che sia,giusto o sbagliato che sia,io credo tu abbia fatto tutto
cio’ che era nelle tue possibilita’ e nelle tue capacita’,non me la sento di esprimere
un giudizio su di te e non dovresti farlo nemmeno tu,non sarebbe giusto.Quando
mi innamoro di una donna,quella donna per me e’ una regina,e mi piace farla
sentire amata, corteggiata,desiderata,capita,accolta,mi piace farle sentire la
sicurezza che io comunque ci sono e sto dalla sua parte.Dare mi piace molto,ma
mi piace anche ricevere,quindi se una persona non mi da piu’ cio’ che mi fa stare
bene,forse e’ meglio che finisca,anche se non vorrei,anche se e’ doloroso.Ho
provato mille volte a parlare con una donna che aveva deciso di andarsene,ho
provato a spiegare a volte improvvisando,a volte con grandi discorsi preparati
appositamente,a volte anche buttando dignita’ e amor proprio in mezzo al
fango,ho cercato di far capire che quello che avevamo era prezioso e che buttarlo
era una follia…..non e’ mai servito a nulla…mai.Ho visto solo parole uscire dalla
mia bocca e infrangersi contro occhi talvolta tristi,talvolta indifferenti o addirittura
scocciati,e poi cadere a terra senza piu’ senso.Se una persona va via e ci lascia
soli avra’ i suoi motivi,giusti o sbagliati non importa,sono i suoi,vanno rispettati.Se
decidera’ di tornare lo dovra’ fare autonomamente e lo dovra’ fare anche in
maniera molto decisa,ma noi non possiamo permetterci di fare affidamento su
questo. Non fare niente Lu,e’ quasi certo che andresti incontro a qualcosa di
deludente e doloroso.Sentirai un sollievo per quell’ora o due in cui lo avrai davanti
e parlerete,per poi sprofondare un secondo dopo esservi salutati,anzi ti
accorgerai di stare li a cercare per forza argomentazioni proprio per non dover
affrontare il terrore di doverlo salutare,manderai un messaggio per poi stare li ore
a guardare il display del telefono ad aspettare una risposta che quando arrivera’ ti
sembrera’ di un gelido insostenibile,non farlo Lu,datti la possibilita’ che arrivino
cose buone e vere,che siano da lui o no non importa,credimi….non importa.
Un abbraccio
Billy

GIUGNO 21, 2014
CAROLINA
Cara Lu, ma che hai da rimproverarti? Hai mal gestito cosa? Sei stata sincera, hai
detto che c’era quell’altro sentimento nella tua vita perché così era, hai chiesto
tempo, lui ha condiviso, poi che senso ha da parte sua rinfacciare? Avresti fatto
meglio a nascondere la verità? Sarò semplicistica, mi mancheranno dei dati, ma a
me questo sembra un cialtrone. Ti ha mentito, ha un’altra storia con la sua ex, ha
avuto il piede in due staffe senza avere il tuo stesso coraggio di sincerità. Non lo
cercare, secondo me. Che faccia luce su se stesso da solo, se è capace. Tu
perché dovresti fare il primo passo, e verso cosa, verso il suo baratro di
disamore?

GIUGNO 21, 2014
LU
Ciao Carolina, che dirti?..hai ragione!..ma c’e sempre questo
autolesionismo…mi metto sempre in discussione, cerco sempre di giustificare
anche i comportamenti sbagliati delle altre persone. Ma effettivamente più
analizzo questa storia e più mi rendo conto di averla gestita con sincerità e
forza.Mi verrebbe voglia di lanciare il telefono dalla finestra per non avere
nessun tipo di tentazione.Ma ti faccio una promessa a te e a Billy …tutte le
volte che avrò questa tipo di tentazione penserò alle vostre parole e non lo
faro’
E’ incredibile quanto questo forum riesca ad avvicinare persone che si
conoscono solo attraverso uno scritto.
Grazie Carolina per il tuo supporto.
Cerca anche tu di regalarti, ancora oggi, qualcosa di bello per te..solo per te.
Buona giornata cara
Lu

GIUGNO 21, 2014
BILLY
Io propongo se possibile per chiunque voglia un incontro in una citta’ o
comunque una localita’ che possa essere piu’ o meno equidistante…..si
sdrammatizza un po’ e ci facciamo quattro belle risate.Io sono di Roma.
Si accettano adesioni

GIUGNO 21, 2014
CAROLINA
Certo, ma dobbiamo smetterla con questo autolesionismo (che conosco
molto bene). Abbiamo compiuto degli sbagli, sicuramente, ma ci sono
anche gli sbagli degli altri, le cose si fanno in due. C’è il dolore per come
avrebbe potuto andare e non è andata, ci sono alchimie che non si
combinano, c’è tutto un mondo di cose che non è andato come avremmo
voluto, vai a rintracciare il perché, c’è il tempo perduto, c’è la sensazione
di aver sprecato anni, ci sono tutte le lacrime da piangere, ma’ c’è anche
la dignità di noi stessi da non dimenticare, e non è l’ultima delle cose,
mettiamola nel piatto dove c’è anche il resto, che abbia la sua parte di
peso.
Buona giornata anche a te, che ti sia lieve.
PS. Sì, questo forum sta aiutando molto anche a me. Ci si avvicina e
anche si relativizza la propria situazione, vedendo che ce ne sono tante
altre di simili.
•
GIUGNO 19, 2014
BILLY
Pablo Neruda….tanto per ricordarci che l’amore si costruisce in due.
Se tu mi dimentichi.
Voglio che tu sappia una cosa.
Tu sai com’e’ questa cosa:
se guardo
la luna di cristallo,il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se cio’ che esiste,
aromi,luce,metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.
Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cessero’ d’amarti poco a poco.
Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
che gia’ ti avro’ dimenticata.
Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui ho le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
levero’ in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.
Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi,amor mio,ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne ne si dimentica,
il mio amore si nutre del tuo amore,amata,
e finche’ tu vivrai stara’ tra le tue braccia
senza uscire dalle mie.
o
GIUGNO 24, 2014
PAT
Meravigliosa Billy! Grazie per aver condiviso questa bellissima poesia.
Non sono molto presente con commenti sul sito ma leggo e partecipo empaticamente
a tutti (non me ne scappa uno!) i vostri commenti. Vorrei darvi un po’ del coraggio e
della forza che alle volte mi sembra di avere e che alle volte mi ritrovo ancora a
desiderare.
L’unica verità noiosa, ovvia e sentita e risentita è che solo il tempo aiuta a guarire! Io
dopo quasi 9 mesi (storia di 10 anni) sto cominciando a rialzarmi ora con continue
ricadute ma piano piano (molto piano) sto ricostruendo me stessa. Quindi abbiate tutti
tanta pazienza e ricordatevi che non siete soli. :*
Vi abbraccio forte sperando che la forza, il calore e la gioia del mio abbraccio vi
coccoli e vi porti un po’ di sollievo
Siete tutti meravigliosi, non dimenticatelo mai!
P.S.
Sarebbe davvero bello incontrarsi..magari in un futuro prossimo.. ;) Io sono in zona
Milano
•
GIUGNO 17, 2014
BILLY
“….Una delle cose banali ma giuste che insegnano gli alcolisti anonimi di Boston e’ che sia
i baci del destino sia i suoi manrovesci illustrano la fondamentale impotenza personale di
ogni individuo sugli eventi veramente significativi della sua vita: cioe’,quasi nessuna delle
cose importanti ti accade perché l’hai progettata cosi’. Il destino non ti avverte; il destino
sbuca sempre da un vicolo e,avvolto nell’impermeabile,ti chiama con un Pssss che di
solito non riesci neppure a sentire perché stai correndo da o verso qualcosa di importante
che hai cercato di pianificare”.
da “Infinite jest” di David Foster Wallace
•
GIUGNO 16, 2014
RAIN
Buongiorno a tutti, vi seguo da circa un mese, da quando anch’io come voi sono stato
abbandonato dalla persona amata. Ho trovato molte similitudini tra le vostre e la mia
storia, alla fine i meccanismi dell’amore sembrano essere sempre gli stessi! Vorrei anche
io a provare a mettere per iscritto parti della mia di storia, per cercar di trovare un sollievo
a queste mie pene.
Il nostro, un amore “folle”, totale, al di sopra di tutto e di tutti, iniziato ai tempi dell’università
è terminato circa un mese fa, dopo quindici anni insieme. Nacque tutto molto in fretta, la
terza volta che la vidi….non riuscimmo più a separarci! Giorni passati a guardarci negli
occhi senza ricordarsi di mangiare, di uscire….e dopo pochi mesi siamo andati a vivere
insieme. Il nostro rapporto si stava consolidando giorno dopo giorno, anno dopo anno, la
necessità dell’altro era sempre più forte, le nostre vite erano entrate in simbiosi perfetta.
Dopo alcuni anni è capitata la possibilità di lavorare nello stesso posto, stare 24 ore su 24
insieme non ci spaventava, infondo era quello che avevamo sempre fatto. Quindi progetti
insieme, ristrutturare casa, il matrimonio, il folle tentativo di un’attività tutta nostra in un
periodo non certo facile…..
Tutto sembrava sorriderci finché la vita non ci ha messo davanti le prime difficoltà. Il
desiderio di un bambino che tardava ad arrivare iniziò a procurarle i primi tarli, un
malessere che piano piano la stava divorando dentro, e poi paure, discussioni su lavoro
che immancabilmente continuavano a casa, hanno lentamente inclinato quello che
sembrava essere il rapporto perfetto. Già, perché per noi era un amore idilliaco, ci
sentivamo come anime affini e lo avevamo capito da subito, sembrava l’amore romantico
che tutti desiderano.
Gli equilibri lentamente sono cambiati circa un anno e mezzo fa: io sono consapevole di
essermi adagiato nel nostro rapporto, dando per scontate troppe cose, cercando forse
sempre la strada meno impegnativa, senza capire ed affrontare come avrei dovuto certe
situazioni mentre lei lentamente è cambiata, è uscito un lato oscuro che ha avuto il
sopravvento e l’ha portata con la mente ed il cuore altrove, fino a dirmi che non mi amava
più, e che ingabbiata in questa situazione per lei diventata insopportabile era arrivata a
tradirmi con un altro……
Il mondo mi è crollato addosso. Purtroppo certe cose le capisci troppo tardi, quando arrivi
al punto di non ritorno, quando ormai il tranquillo fiume che stai navigando ti conduce
inesorabile verso la cascata e non hai più appigli, e precipiti in un volo interminabile.
Avevo ricevuto un dono meraviglioso e me lo sono lasciato scappare.
Dopo la rabbia iniziale è arrivata la disperazione e l’incapacità di accettare questa
decisione, quindi pianti disperati. Ora ho finito le lacrime, alterno fasi di frustrazione,
dolore, odio verso lei e verso me stesso. Non mi sento una ferita ma un solco dentro che
credo neanche il tempo riuscirà a rimarginar; ed è ulteriormente frustrante, nonostante mi
manchi tantissimo, essere consapevole che anche se avesse un ripensamento, non
sarebbe più la stessa cosa, troppe situazioni ci hanno già cambiato e hanno incrinato il
nostro amore. Già, tutto è in evoluzione, ogni giorni milioni di cellule muoiono, si
trasformano e rinascono, quindi cambiamo noi fisicamente e mentalmente, come
possiamo pensare che i nostri sentimenti rimangano immutabili? Purtroppo le cose a volte
ci scivolano di mano e non ce ne accorgiamo.
Ulteriore prova da superare sarà col lavoro. Non vi dico il dolore nel rivederla, nel
percepire il cambiamento nei suoi occhi e nei miei confronti…. Così è davvero troppo dura.
Dovrò trovare il modo o di cambiare e tagliare di netto o di vederla il meno possibile.
Tutto il mio mondo è da ricostruire.
Ora proverò a recuperare i milioni di pezzi del mio cuore in frantumi.
o
GIUGNO 16, 2014
CAROLINA
Sì, Rain, è proprio così come dici, i meccanismi dell’amore si ripetono, e anche dei
rapporti. Mi riconosco in quel che dici a grandi linee, anche per me è andata così. Noi
ci siamo incontrati già grandi (36 anni), un amore fortissimo che è diventato
simbiotico, 15 anni insieme, non un lavoro ma un’associazione che ci ha fatto stare
gomito a gomito sempre, quindi discussioni che continuavano anche a casa, senza
rendercene conto ci siamo trasformati in altro, e quando 3 anni fa io mi sono resa
conto che in tutto questo avevamo lasciato la comunicazione emotiva, è stato troppo
tardi per riprenderci. Dopo 2 anni e mezzo di tentativi, lui se n’è andato dicendo che i
suoi bisogni erano mutati e probabilmente non mi amava più abbastanza (cioè, non mi
amava più). La verità è che l’amore va rammendato strada facendo, va compensato,
va risarcito, va curato, quello che non siamo riusciti a fare. La sensazione ora è
proprioquella che ti è scappato dalle mani un tesoro, e giù sensi di colpa. Però, non è
mai vero che è solo uno che si lascia scappare le cose. Non sei l’unico responsabile di
quel che è accaduto, c’eravate entrambi. Si è in due, e in due si perde o si vince. Una
delle pche cose autentiche che io e il mo compagno ci siamo detti lasciandoci è: nel
tempo ci siamo allontanati emotimente, e l’assurdo è che nessuno dei due ha fatto
nulla per evitarlo. Questa è la verità, fa male ma è la verità. A volte non si vuole
vedere per orgoglio, o perché a mostrare i nostri bisogni ci si sente fragili, a volte
perché si ha inconsciamente paura che l’altro non ci ami, o che ne so, ma
l’allontanamento è sempre reciproco, è una responsabilità che si condivide. Ora è
durissima, ma risaliremo. Un abbraccio.
Carolina

GIUGNO 22, 2014
RAIN
Volevo ringraziarvi per i vostri pensieri.
In questi giorni mi sono allontanato dal lavoro per mantenere un distacco totale da
lei e soprattutto per dedicare un po’ di tempo a me stesso: vita sociale, cene con
gli amici, nottate a tirar tardi come non mi accadeva da parecchio tempo e anche
un po’ di attività fisica, nel mio caso la corsa, che devo dire essere diventato un
appuntamento piacevole e quasi irrinunciabile, utile anche per eliminare qualche
chilo di troppo…..Tutto sommato penso che questo tempo mi abbia fatto bene, mi
sento più positivo ed il dolore si è in parte placato. Ho abbandonato il ruolo di
concorrente di quiz televisivo specializzato in risposte sul perché non mi ama,
perché è finita, quali sono le mie colpe….Oggi sono e voglio essere positivo,
domani che me la ritroverò davanti al lavoro dovrò affrontare una sfida
decisamente dura, ma voglio e devo liberare la mia mente da questi pensieri,
allontanare il dolore.
Carolina credo che le nostre storie abbiano davvero tante situazioni in comune:
allontanamento emotivo ed incapacità da parte di entrambi di affrontarlo, di
confrontarsi e di provare a porvi rimedio, sei riuscita con le tue parole ad
esprimere esattamente quello che sento. Non si può stare con una persona
vivendo il ricordo di un amore che ormai è mutato in altro. Significa vivere nel
passato, avere la necessità di ricordarsi di sensazioni piacevoli, che ultimamente
erano svanite.
Anche tu Billy hai perfettamente ragione, ed ora che sto iniziando ad accettare la
cosa me ne rendo conto. Ovviamente i cambiamenti spaventano, soprattutto
quando per anni sei adagiato tra due comodi guanciali e non vedi o non vuoi
vedere che la tua vita lentamente sta prendendo una direzione inaspettata, così
come il rapporto con la persona che ti sta accanto che inizia lentamente a lasciare
la tua mano.
Comunque a pensarci ora la mia vita ultimamene non era più così soddisfacente,
mi ero molto allontanato dall’idea di persona che volevo essere. Questa è davvero
una possibilità di cambiamento e miglioramento interiore e spero di avere la forza
per mettere in atto questi miei pensieri positivi.
Mi è molto di aiuto condividere questi tormenti con qualcuno nella mia stessa
situazione, capire che tutto col tempo passa, che qualcuno prima di noi è riuscito
a risalire e che deve esserci sempre accesa la speranza.
Un abbraccio e un sorriso a tutti

GIUGNO 22, 2014
CAROLINA
Ma scherzi, condividere i pensieri tormentosi è molto utile, siamo qui per
questo, fa bene a tutti noi. Il processo di superamento di questo dolore
dell’abbandono è lungo, è faticoso, non è pur nulla lineare purtroppo, non lo
augureremmo a nessuno, ma ci siamo in mezzo, e che dobbiamo fare, se non
attraversarlo e provare a superarlo, con i nostri mezzi, con quelli che gli altri ci
suggeriscono se non ci abbiamo pensato… A proposito del fatto che, a un
certo punto ci rendiamo conto che anche noi ci eravamo trasformati in
persone che in fondo in fondo non ci piacciono: io, se mi guardo indietro, ero
sempre nervosa, avevo smesso di fare le cose che mi piacciono (leggere,
scrivere, anche ridere), tutte cose che oggi ho ripreso a fare. A proposito di
persone dotate di senso dell’umorismo (che sono preziosissime, almeno per
me, oggi), una mia collega e amica a cui ho mandato in visione un racconto
che ho scritto, commentandolo, mi ha detto: “Cavoli, mi è piaciuto moltissimo,
scrivi ancora. Meno male che tuo marito ti ha lasciato!”. Mi ha fatto ridere. Mi
ha fatto bene.
o
GIUGNO 17, 2014
BILLY
Scusatemi,non vorrei sembrare antipatico facendo la parte del professore che vuole
insegnare cosa si deve o non si deve fare.Ho un profondo rispetto per il vostro dolore
perché ci sono passato pochi anni fa con quella che e’ la madre delle mie figlie e ci sto
passando ora con un altra donna la cui storia e’ finita circa due mesi fa.So benissimo
cosa si prova,la disperazione allo stato puro,un senso di vuoto immenso,la paura in
certi momenti che diventa terrore,i mostri che attanagliano la mente ogni singolo
secondo della giornata e soprattutto la convinzione di non potercela
fare…..assolutamente.Quello che vorrei dire pero’e’ che per quanto sia difficile non
farlo,e’ inutile focalizzare tutte le energie cercando di darsi una spiegazione,perche’
non c’e’ una spiegazione.Le cose finiscono,finisce un amore,un figlio cresce e se ne
va,un amico si trasferisce in Australia e forse non lo rivedremo piu’…..tutto finisce,non
a caso si muore.Quello che secondo me e’ importante(e credetemi aiuta molto,me ne
sto accorgendo anche da come ho affrontato questa nuova separazione) e’ proprio
lavorare sull’accettazione di questa cosa,accettare che una cosa non e’ per
sempre,lasciare la presa,saper lasciare andare.Non ti sei lasciato scappare niente
Rian,avevi una cosa bella che probabilmente e’ finita,tu adesso non lo vedi,non lo
vuoi,non ti basta, ma puoi trasformarla.Se sarete capaci tu e questa donna potrete
avere un amore che e’ ancora piu’ forte di quello che avevate,perche’ e’ l’amore vero
che non chiede nulla in cambio(ma tu ora a questo non ci pensare…..e’ troppo presto
:-) ).L ho gia’ scritto in un messaggio credo a Carolina,a me una cosa che aiuta molto
e’ pensare che se una persona ti lascia e’ perché non ti ama e credo sia mortificante
stare con una persona che non ti ami e che stare in una relazione del genere faccia
soffrire di piu’ e non per 1,2 o 3 anni ma per tutto il tempo della relazione.Rian ,non
devi provare a recuperare i milioni di pezzi del tuo cuore in frantumi…..lo devi
fare.Dire che ce la farai e’ del tutto superfluo.
Un abbraccio a tutti

GIUGNO 17, 2014
ENRICO
Molto banalmente credo che la fase più difficile, sia propria quella del perchè Non
puoi fuggire da questa fase I dubbi ti attanagliano, razionalmente la chiedi, la
cerchi una spiegazione, una minima cosa a cui appigliarti, soprattutto per le storie
che finiscono dopo tanto tempo. Certo pretendere di essere amati, da una
persona che non ricambia è da folli, ma lo vorresti con tutte le tue forze. Io molto
stupidamente, spero che qualcosa abbia potuto lasciare in lei e mi chiedo sempre
se abbia avuto, “paura” di lasciarsi andare con me. Pensieri stupidi ma che ancora
mi frullano nella testa……..

GIUGNO 17, 2014
BILLY
Certo che c’e’ Enrico la fase dei perché,come c’e’ quella in cui hai bisogno di
dare o di avere delle spiegazioni,o quella in cui pensi e speri che la cosa si
possa recuperare e allora cominci a farti tutti gran discorsi nella mente rivolti a
te o a lei nella speranza di aprire uno spiraglio.E’ del tutto normale e umano e
non ci si deve giudicare per questo.Quello che intendevo dire e’ che oltre a
tutto cio’,che seppur normale e’ un abbaglio della
mente,sarebbe”sano”lavorare su se stessi in modo da riuscire a capire
profondamente che nulla e’ per sempre,questo fa si che si possa accettare in
maniera meno dolorosa anche una separazione.Poi se devo dirla tutta credo
anche che se una cosa finisce e’ perché sta facendo spazio ad un altra che
deve arrivare…..ma questo e’ un altro discorso.

GIUGNO 17, 2014
CAROLINA
Consiglio a tutti i sofferenti di cuore di leggere qualcosa sulla resilienza, che è
la capacità che dovremmo maturare (la capacità di reagire positivamente a
traumi). Consiglio di
leggere:http://www.dica33.it/argomenti/psicologia/malattie_da_stress/resilienz
a.asp
dove si parla diffusamente dell’acquisizione del processo di resilienza e dei
suoi “tutori”, dei fattori che possono aiutarci ad acquisirla e ad alimentarla.

GIUGNO 17, 2014
ENRICO
Grazie x il link
Ad ogni modo, visto che questo è uno spazio, di condivisione e
“confessione” Nel mio caso so è che finita, so che ci saranno, nuovi fiori
dopo questa potatura, per entrambi ci saranno. il dolore, va sminuendosi,
idem il senso di oppressione, quando arriva so che non devo scacciarlo,
so che fa parte di me, lo gestisco. Sapete cosa rimane? Certo un po di
malinconia, il voler essere persuasi che malgrado tutto, qualcosa di
positivo abbia lasciato in lei. Queste sono le domande. Nel mio caso (che
non è superiore o inferiore) a quello degli altri “delusi” La domanda è
sapere… caxxxxxx ci ha diviso il diavolo che credi di tenere dentro di te?
Hai visto in me la “realtà”? Hai visto in me la soluzione al tuo disagio
spirituale che non fosse quello di fare gli esorcismi…e d hai avuto
paura?………….Scusate lo sfogo

GIUGNO 17, 2014
CAROLINA
Certo Billy, è come tu dici. Che senso ha rimpiangere una persona che
evidentemente non ti amava, o non ti amava dell’amore di cui tu hai bisogno,
perché se c’era sofferenza evidentemente non si era amati nel modo “giusto” per
noi? E, di più, penso che se pure la persona tornasse (e comunque non torna),
cosa potremmo più fare insieme, qualcosa ormai è spezzato per sempre nella
fiducia, io non crederei all’amore ritrovato dopo che sei stato lasciato senza
amore, penserei che è la paura a farlo tornare, e avrei il timore che tutta la
sofferenza che è stata per me si ripresenterebbe tale e quale. E, inoltre, non so
neanche più comprendere bene che sentimento ho io per lui; ho emozioni varie (e
contrastanti, dalla nostalgia al rancore) che non so più dire a quale sentimento
complessivo possano riferirsi (è attaccamento, certo, ma ho i miei dubbi che si
possa davvero parlare di amore). Queste sono consapevolezze razionali che
sicuramente aiutano, ma il cuore, e la stessa mente, però, navigano purtroppo da
altre parti. Io penso che il dolore che si prova, assurdamente se si vuole, è relativo
a quello che il rapporto avrebbe potuto essere e non è stato. Io non rimpiango la
persona che mi ha fatto soffrire, certo non ho nostalgia degli ultimi 2 anni e mezzo
in cui l’ho rincorso non ricevendo altro che frustrazioni (perché, nonostante le sue
parole, si allontanava, ed io lo sentivo, c’era amore nelle sue dichiarazioni ma non
nei suoi atti, soprattutto non c’era attenzione per la mia integrità e la mia dignità e
nessuna empatia per le mie emozioni ma anzi fastidio perché ostacolavano i suoi
desideri che si espandevano altrove da me, e questo non può essere amore),
l’assurda nostalgia che si prova è per l’amore in sé e per non aver saputo
conservare la relazione con una persona che è stata importante (se poi, come
me, non è che uno si innamora spesso nella vita, e non si è propriamente
giovanissimi, la cosa è anche più complicata). Poi, è chiaro che l’obiettivo
principale è lavorare per l’accettazione di quanto è avvenuto. Per maturare un
distacco psicologico dalla persona (quello affettivo è già avvenuto, perché non
siamo più insieme), e su questo ci vuole tempo. Non si può chiedere al cuore e
alla mente di adeguarsi “tecnicamente” alla consapevolezza razionale, quello che
si può e si deve fare però, e lo dico anche a Rain, è predisporre atti e azioni che ci
aiutino in questa direzione dell’accettazione ed evitare tutto ciò che tende ad
incatenarci. Confidando anche nel trascorrere del tempo, a me quel che aiuta in
questo senso è: non cercare di sapere nulla di quel che fa la persona; cercare di
interrompere il circolo vizioso dei pensieri quando si impuntano sulla ricerca di
spiegazioni e sul “se io avessi detto…, se io avessi fatto…” attraverso il fare
subito qualcosa che mi richiede un certo impegno fisico e mentale; quando viene
il senso di vuoto e dell’inutilità della vita programmare qualcosa nella giornata che
aiuti a interrompere per un po’ l’andamento doloroso (io utilizzo l’andare a ballare,
mi aiuta moltissimo, è un momento di relazione sociale che non passa per
l’annullamento delle proprie emozioni che possono manifestarsi nella danza, di
aumento dell’autostima, consiglio a tutti col cuore di iniziare un corso di tango
argentino, credetemi); darmi piccoli obiettivi nella giornata; leggere e scrivere; fare
qualcosa (anche nel lavoro) che mi dia la sensazione di essere utile; cercare la
compagnia di persone particolarmente dotate di senso dell’umorismo (che non
sono molte). La necessità è quella di spostare l’attenzione in modo da non essere
crocifissi al pensiero unico. Non si tratta di rifiutare il dolore, che tanto c’è, ma di
trovare espedienti per dargli tregua. In questo modo, le giornate terribili trovano
momenti di allentamento. Più di questo, al momento io non so fare. Cerco di dar
spazio a tregue nella mia sensibilità dolorante, in modo da rifiatare (e non le cerco
ricorrendo a corroboranti chimici che mi facciano dormire ma che poi la mattina
dopo mi fanno resuscitare come da una tomba). Poi, c’è una cosa curiosa che
succede: le persone che mi vedono, mi fanno i complimenti per il mio aspetto che
– dicono – appare curato, sembro ringiovanita! Mi sembra del tutto assurdo, data
la mia condizione di dolore, ma ne prendo atto e mi dico: stavo molto peggio
all’interno di una relazione che mi faceva soffrire, che non mi dava ciò di cui avevo
bisogno, ero trascurata nell’aspetto, ero invecchiata, ero depressa. E, altrettanto
assurdamente, mi trovo a rimpiangere che questo benessere non posso
condividerlo con la persona che amo/ho amato/ho ritenuto di amare, ma qui ci
sono le consuete trappole del cervello che ti riportano indietro. Però, a tratti,
comincio non a pensare razionalmente, ma a sentire nella mia sensibilità (che è
cosa differente, e ben più importante ai fini della “guarigione”), che sto molto male
ma sto anche meglio di prima. Non mi devo più preoccupare delle sue distrazioni,
della sua indifferenza emotiva, delle sue disattenzioni, del suo egocentrismo. Non
debbo più chiedermi cosa pensa lui, ma solo cosa penso io. Si è spezzata una
dipendenza, pur se soffro. Qui dunque inizia un circolo virtuoso di pensieri che si
contrappone alle trappole del cervello e del cuore di cui sopra. E’ come una
bilancia. Spero di star lavorando affinché il piatto che pesa di più sia quello più
utile al superamento della delusione d’amore e alla ricostruzione della mia identità
senza di lui.

GIUGNO 17, 2014
BILLY
Beh Carolina,mi sembra tu faccia molto e anche nella maniera giusta,parlo
proprio di questo e cioe’ per quanto sia difficile cercare sempre di dare piu’
spazio possibile a presupposti positivi.C’e’ sempre quella vecchia storiella
indiana che se cambiassimo un po’ i termini di paragone suonerebbe
cosi':”Un vecchio capo indiano spiegava al suo nipotino che all’interno di ogni
uomo vivono due lupi che sono da sempre in eterna lotta tra di loro.Uno e’ il
lupo del dolore,della paura,della disperazione,l’altro e’ il lupo
dell’accettazione,del coraggio,della speranza,e qual è il lupo che vince,chiese
il nipote,quello a cui tu dai piu’ da mangiare rispose il nonno”…..Piu’ o meno
la strada giusta dovrebbe essere questa.

GIUGNO 17, 2014
CAROLINA
;-) Sì, cerchiamo di dar da mangiare al lupo resiliente! Per ora, cerchiamo
di trovare il coraggio di accettare quel che è successo. Poi, faremo i conti
anche con altro (ad esempio, col prezzo che pago oggi, per difesa, di un
certo abbassamento della mia capacità di reale coinvolgimento emotivo
rispetto al mondo, ma anche qui, un passo per volta, acquisiamo ora dei
modi per sottrarci al dolore perenne, poi penseremo a come riaprirci
all’esistenza piena…). Si naviga a vista.
PS: Oggi sono in una giornata positiva, so che ne arriveranno altre
terribili in cui mi sembrerà che nulla abbia senso, ma poi ne arriveranno
altre come questa e poi, con pazienza, anche migliori…)

GIUGNO 19, 2014
IL FARO82
Ciao bylli te la posso fare una domanda???ma dove la trovi tutta questa
positività??questa forza interiore??mi piacerebbe averla anch’io, iniziare a
vivere,iniziare a sorridere di nuovo,un arma che prima era invincibile con tutti.ora
invece sono diventato la persona più infelice ,insoddisfatta e noiosa del
mondo.Lei mi ha svuotato l’anima mi ha ridotto ad uno straccio. è passato un
mese e ancora oggi penso a lei,ai “ma perchè” come mai ecc ecc.
Mi rendo conto che avrei bisogno di nuove distrazioni nuove compagnie fare
nuove conoscenze ma questo non è sempre facile specialmente in un paese
piccolo come il mio.
E poi il fatto di avere quasi 32 anni mi spaventa perchè ho sempre creduto e
sperato che a quest’ età fossi sistemato,con una vita regolare,con una donna
capace di stare al mio fianco ed io al suo.

GIUGNO 19, 2014
BILLY
Faro,non pensare che nella mia positivita’ non ci sia sofferenza.Ho patito le
pene dell’inferno quando mi lascio’ la donna con cui ho fatto due figlie e sono
stati 3 anni che definire da incubo e’ veramente dire poco.Ho fatto di tutto per
venirne fuori,per salvarmi: 2 anni di psicoterapia,un anno di gruppo
autoaiuto,6 mesi di psicofarmaci,mi sono avvicinato al buddismo,ho letto
Osho e tante altre cose…..ho cercato di fare di tutto perché l’unica cosa che
mi veniva in mente di fare era tirarmi un colpo in testa.Alla fine ce l’ho fatta,ho
salvato me,ho salvato le bambine e anche l’amore che avevo per la
madre,ora e’ un amore diverso ma ti assicuro che non lo cambierei con quello
di prima.Pochi mesi dopo essere uscito dal tunnel e’ iniziata una storia molto
bella con un altra donna,e’ durata un anno poi mi ha lasciato circa due mesi
fa e credo che stia frequentando qualcun altro,anzi non lo credo ,me lo ha
detto chiaramente.Quindi ripeto,non pensare che non ci sia sofferenza,anzi
proprio oggi e’ stata una giornata difficile,dover tornare in certi luoghi
frequentati insieme,ricordi che affiorano,momenti,parole…..sai di che cosa
parlo.Se vedi un approccio diverso da parte mia rispetto a tutto cio’ e’ perché
c’e’ un lavoro dietro,come si dice a Roma:”me so fatto un culo cosi'”,e poi
perche’ mi sono stufato di stare male.Questo posso dirti,fai,tutto cio’ che
pensi possa aiutarti fallo,anche se ti sembra che non serva tu fallo perché
dentro di te le cose lavorano.Pensa che ce la farai,che e’ un momento terribile
ma ha un tempo determinato ….finira’e arriveranno cose nuove,anche piu’
belle,tu ora non ci credi,ti sembra impossibile,anzi addirittura non le vuoi ma
e’ cosi’.Pensa che tu puoi scegliere di stare bene e che il benessere della tua
vita dipende solo da te(in questo il buddismo e’ illuminante).Pensa che una
persona che se ne va e’ una persona che non ti ama e se tu vuoi stare con
una persona che non ti ama scegli una vita di
sofferenza,mortificazione,umiliazione e allora ci dev essere qualcosa che non
va,una patologia,tutti ne abbiamo,parlare con qualcuno ,uno psicoterapeuta
puo’ aiutare tantissimo credimi.Insomma Faro rimboccati le maniche e datti
da fare,un mese e’ veramente niente per una separazione e a 32 anni hai
ancora tutto il tempo che vuoi,ci mancherebbe altro,io che ne ho 48 che
dovrei fare allora?… E se ti sentisse Carolina che anche lei e’ preoccupata
che dice che non e’ piu’ una ragazzina? :-) ….Dai Faro….passa,non ti
preoccupare…..passa

GIUGNO 20, 2014
CAROLINA
Ciao Billy, ti rispondo qui perché all’ultimo messaggio che mi hai inviato,
non so perché, non c’è l’opzione ‘’. Mi piace il tuo approccio, perché
significa che hai acquistato la capacità del cambiamento. Speriamo bene
anche per me. Io intanto oggi sono in ansia, perché lui mi ha chiesto via
mail di passare domani qui a casa per prendere delle cose. A differenza
delle altre volte in cui è venuto, ci sarò anch’io non tanto perché mi va di
vederlo (in realtà, me lo risparmierei, perché so che non mi fa bene), ma
perché questa volta deve prendere tutto ma proprio tutto, affinché sia
l’ultima tappa e io non voglio continuare a vedere nulla di suo per casa.
Mi ha detto “spero che riusciamo a fare una chiacchierata, oltre a
risolvere questioni tecniche”, io ho risposto che non sono in condizioni di
chiacchierare, che ci vorrà molto più tempo per recuperarci in amicizia, se
mai avverrà. Che, pure se sono passati 6 mesi, che è il tempo “tecnico”
del lutto, non è scattata magicamente l’ora X. Che all’emozione del dolore
non ho ancora sostituito la rappresentazione mentale del dolore, tappa
obbligata se non si vuole né affidarsi ai “miracoli” della rimozione né
perpetuare la sensazione di essere delle vittime. Ora vado
immediatamente a ballare, ma so già che domani sarà una brutta
giornata per me.
PS: Però, visto che deve venire a rompere i cabasisi, gli ho chiesto se mi
sistema un po’ il pc, che appare ingolfato. E che cavolo, se proprio deve
guastarmi la giornata, che almeno apporti anche qualcosa di utile! ;-)

GIUGNO 21, 2014
CAROLINA
Come mai non ci sono queste opzioni poi… Vabbè. Sì, lo so che domani
è una giornata ad alto rischio, magari esco io quando lui viene, gli faccio
trovare un bell’elenco delle cose che deve portare via. Il pc sinceramente
meglio stavolta lo sistemi lui che non ho veramente un euro da spendere
(la tragica dimensione economica della separazione … ne vogliamo
parlare?). Di cosa dovremmo chiacchierare, lo sa solo lui. Come gli viene
in mente, questo pure lo sa solo lui. Mi ha detto “spero che tu stia bene”,
che si possa fare una chiacchierata. Bene? Questi non si rendono proprio
conto di nulla. Lui, ha cancellato 15 anni con una gommina in poco
tempo, forse pensa che tutti possano fare lo stesso. Chiacchierare! Sì,
del più e del meno, magari di quanto sta bene ora. Ma vaffanculo,
quanno ce vo’ ce vo’.

GIUGNO 20, 2014
CAROLINA
Io credo che Billy ci porti una testimonianza importante perché ha già vissuto
l’abbandono in una precedente esperienza, che con ogni evidenza è stata
durissima (3 anni per venirne fuori, psicoterapia, gruppi di autoaiuto,
psicofarmaci, etc…), e NE E’ USCITO, addirittura recuperando il rapporto di
amicizia con la ex e con un cuore disponibile ad altro. E’ la prova tangibile
che, quale che sia la difficoltà della condizione, se ne può uscire a testa alta e
con dignità. Non reca una positività teorica, ma dimostra col suo vissuto che
la sofferenza ti cambia, e tutto ciò che ha imparato dalla precedente
esperienza ora lo sta aiutando in quest’altra che, purtroppo, è costretto a
vivere. Insomma, la sofferenza allora davvero ti cambia e, se la aiuti a
incanalarsi, ti rafforza nel futuro. Io per ora non è che veda tanto in me questa
forza, mi sento debole e fragile e “perduta”, ma anche io mi sono convinta (mi
sto convincendo, è un processo in atto) che certi imput, magari non razionali,
sotto sotto lavorano, e alla fine si esce dal tunnel, o si intravede la luce. E poi,
veramente, hai solo quasi 32 anni, sei giovanissimo! Billy ne ha 48 e io 51,
che dovremmo pensare di noi stessi… Coraggio, ce la possiamo fare. Non so
se la vita ci riserverà altri amori, altri innamoramenti totali, non è scontato, ma
se riusciamo a stare innanzitutto bene con noi stessi, a recuperare un’identità
nostra e solo nostra, forse non avremo paura di quel che sarà.
Un abbraccio a tutti

GIUGNO 20, 2014
BILLY
E ti diro’ di piu’ Carolina …..ho una voglia di innamorarmi che mi si porta
via perché,nonostante poi le cose finiscano e quando succede e’
doloroso,essere innamorati di una persona che a sua volta lo e’ di noi,e’
una cosa fantastica.Con X e’ durata solo un anno,pochissimo,ma io ho
passato dei momenti meravigliosi,non posso che essergliene
grato.Rifarei tutto pur sapendo a cosa andrei incontro e rifarei tutto da ora
con un altra donna.
P.S. ….le donne di 51 anni sono bellissime! Anche quelle di 50 e di
52,ma quelle di 51 sono speciali! :-)

GIUGNO 21, 2014
BILLY
Io ti rispondo di qua perché anche nel tuo messaggio non c’e’ l’opzione
.Una persona saggia ti consiglierebbe di non esporti ad una giornata
come quella di domani.Sarebbe stato meglio impacchettare tu tutta la sua
roba e lasciare che lui passasse giusto il tempo per caricarsela e
portarsela via.Di cosa dovreste chiaccherare?A meno che non voglia
tornare con te per tutto il resto e’ un po’ prestino(e vedrai che molte cose
si sistemeranno da sole che non sentirai neanche piu’ la necessita’ di
parlarne) e per quanto riguarda il pc esistono sempre dei tecnici a
pagamento.Pero’ essendo solo degli esseri umani non si puo’ pretendere
la perfezione e quindi in bocca al lupo per domani,male che va vorra’ dire
che un balletto te lo andrai a fare anche domani sera e comunque in caso
servisse noi siamo tutti qua(o forse ci sono solo io….boh :-) ).

GIUGNO 21, 2014
BILLY
Bene,a giudicare da quanto hai scritto e da quanto risposto a Lu mi
sembra che oggi sei bella carica!!! :-) ….il ballo da effettivamente i suoi
frutti!!! Non mi ti rammollire nell’arco della giornata mi raccomando
….Tienici informati,non ci fare stare in pensiero :-)
•
GIUGNO 16, 2014
MARINELLA
che strano…ho scritto qui per 1 anno e mezzo…torno oggi dopo aver fatto un brutto
bruttissimo sogno e non riconosco nessuno di quelli ai quali rispondevo o mi
rispondevano…”meglio così” mi dico, vuol dire che sono guariti…ma poi si guarisce
veramente?
questa notte ho fatto un sogno dopo tanto tanto tempo: festa di bambini, io con il mio…e
arriva lui con sua figlia. mi si gela il sangue. mi giro e chiedo al mio accompagnatore di
aiutarmi, di portarmi via di li…solo stamane cercando di ricordare il sogno mi accorgo che
il mio accompagnatore è sempre lui, il mio ex, quello per cui sono finita qui.
capiamoci: non ci piango più, conduco una vita allegra e piena…ma a quanto pare nel mio
inconscio c’è qualcosa che ancora non ho risolto, non ho messo il punto…e a questo
punto non so se certi punti arriveranno mai
o
GIUGNO 16, 2014
BILLY
Secondo me se tutti questi punti li spedissimo alla Granarolo o alla Nestle’ magari un
microonde a casa lo portiamo!….Comunque,chi lo sa….forse si,forse no,o forse e’
giusto che sia cosi’,cioe’ che delle piccole ferite rimangano se si e’ veramente
separati,del resto anche i ricordi piu’ belli hanno sempre un retrogusto un po’
malinconico.Non so,magari sbaglio ma a braccio mi viene da dire questo.
Buona giornata Marilena

GIUGNO 18, 2014
PARIDE
ciao Marinella,io mi ricordo di te, non so se anche tu mi hai letto. comunque a me
a settembre saranno ormai 3 anni, non l’ho dimenticata, e non ci riuscirò mai,
certo sono andato avanti, ho conosciuto altre donne, ho cercato di riinnamorami,
ma non è una cosa che puoi decidere tu…se ti dicessi che a lei non ci penso più
sarei un bugiardo, anzi…se lei tornasse da me io probabilmente ci riproverei….o
forse no….non lo so. so solamente che non la dimenticherò mai, nonostante lei di
me non voglia sapere nulla, nonostante lei abbia cercato di eliminarmi dalla sua
vita e probabilmente l’ha fatto…è stata lei a lasciarmi, è stata lei a tradirmi con un
suo collega, accusando me di non aver fatto questo o quello….i sensi di colpa
sono stati tantissimi e ancora non riesco a cancellarli…ho 37 anni e mi rendo
conto che probabilmente resterò da solo…non voglio essere negativo, ma in
questo momento della mia vita vedo solo questo. un abbraccio

GIUGNO 18, 2014
MAX
Io penso che sia impossibile “dimenticare completamente” chi è stato vicino a
noi e abbia condiviso per un certo periodo la nostra Vita con Amore e
complicità.
Non è possibile secondo me anche quando arrivi qualcun altro di importante
nella nostra Vita.
Potrò anche sbagliarmi, ma la vedo così anche in relazione alle mie
esperienze passate ormai da qualche lustro fa.

GIUGNO 18, 2014
BILLY
Credo che questo sia un posto dove ci si possa confrontare tra persone che
anche se in fasi differenti condividono pero’ una esperienza comune,trovo
positivo il fatto che essendoci una sorta di anonimato si riesca a dire cose che
magari non si riescono a dire neanche ad un amico perché ci sono cose che
ci si vergogna di dire anche a se stessi e penso anche che un amico a volte
dovrebbe essere capace di dire quello che non ci piace sentirci dire.Percio’
scusami Paride se mi arrogo questo diritto e ti dico questo:ma come
funziona?…..Lei ti lascia,ti tradisce,ti cancella dalla sua vita e i sensi di colpa
ce li hai tu?….Non sei un po’ troppo severo con te stesso? O forse un po’
troppo presuntuoso a pensare che tu da solo esclusivamente con le tue forze
e la tua volonta’ puoi far andare bene tutto,anche le cose che non dipendono
dalla tua forza e dalla tua volonta’? Tre anni non sono tantissimi per portare a
termine una separazione,ma tu sei sicuro che questa separazione la vuoi
portare a termine veramente? Voglio dire,non e’ che tu piu’ o meno
inconsciamente vuoi rimanere attaccato a questa sofferenza perché,non
potendo piu’ condividere l’amore,in caso lasciassi anche la sofferenza
significherebbe veramente tagliare con questa donna e quindi sentire
veramente il vuoto? Ti dico questo perché sono domande che mi feci anche
io e mi resi conto che un ruolo enorme lo giocava la paura della paura e che
non ne sarei mai uscito se non avessi deciso di mollare la presa su tutto,non
solo sull’amore che non potevo piu’ avere ma anche sull’odio,sulla rabbia,sul
senso di rivalsa,sull’idea malinconica( e falsa) che lei era l’amore della mia
vita e che non l’avrei mai dimenticata.Non lo so,magari sbaglio,ognuno e’
fatto a modo suo ed ha modi e tempi diversi,prendilo come un suggerimento a
fin di bene.
Buon tutto

GIUGNO 20, 2014
LU
Ciao Billy, Ciao Carolina,
ho letto le vostre storie, le vostre sofferenze ed i percorsi che avete
seguito e che state seguendo per uscire dalle vostre delusioni.Un
supporto davvero importante per chi come me è capitata su questo forum
e che proprio in questi giorni sta affrontando la sofferenza dell’abbandono
anche se non sono stata abbandonata ma ho abbandonato o comunque
preso le distanze da un rapporto nel quale non mi sentivo amata e
desiderata.Non sò veramente ancora cosa succederà ma è comunque
dolore.Mi sono allontanata pur amando e desiderando di stare con
lui.Vorrei un pò raccontarvi la mia esperienza per trovare sfogo ed avere
un parere cosi tanto esterno e incondizionato da una non
conoscenza.Sette anni fà iniziai una relazione con un uomo ahimè
impegnato e nonostante non volessi coinvolgermi sentimentalmente ci
sono cascata in pieno.Oggi posso dire che è stata la storia più importante
e la più sofferta ,sia durante la relazione e dopo.Importante perchè il
nostro rapporto, come quelli da voi raccontati, era una simbiosi.
Nonostante ci si vedeva poco quando stavamo insieme non esisteva
altro.E’ stata una persona molto presente in questi anni non molto
fisicamente ma telefonicamente. Quando eravamo distanti era un
continuo raccontarci di dove eravamo, cosa stavamo facendo, se
avevamo cenato, dormito..ecc..in ogni momento della giornata una
costante e continua presenza nonchè dipendenza dal telefono. Ero il
nostro modo per sentirci vicini e uniti per condividere i momenti della
giornata che non potevamo passare insieme. Anche quando passavo le
serate fuori, in compagnia di amici,attendeva sempre il mio rientro per
darmi la buonanotte ed, a prescindere dall’orario, lui era sempre li
attaccato al telefono.Non riesco ancora oggi a capire come la persona,
che le viveva accanto, non se ne accorgeva.Naturalmente a distanza di
circa 2 anni cominciavo a manifestare sofferenza per quel tempo che io
desideravo avere con lui.Non voglio dilungarmi tanto nel racconto
altrimenti servirebbero giorni..ma posso dirvi..che in questi 5 anni non ho
mai trascorso con lui un week end,non ci sono state serate fuori insieme,
non ci sono state vacanze, Natale , Capodanno. Non ho mai creato a lui
nessun tipo di difficoltà , conoscevo la situazione, l’avevo accettata e
dovevo rispettarla anche perchè promesse da parte sue non ne sono mai
arrivate. L’ho amato cosi con tutte le sue limitazioni e con tanta
sofferenza da parte mia e per paura di perderlo non chiedevo nulla.Ho
sacrificato così 5 anni della mia vita ma non posso dire di non aver avuto
e di non aver dato amore. Davvero una simbiosi bellissima mai capitata
fino ad ora.Il trambusto arriva ora. ( specifico che con questa persona ho
creato una società lavorativa attualmente ancora attiva e che gestiamo
con serenità).La sofferenza per la sua assenza era ormai per me
quotidiana,malesseri, malumori,si presentavano alla porta tutti i
giorni.Dovevo uscire da questa storia, VOLEVO USCIRE, avevo anche io
bisogno di una persona accanto, una persona con cui condividere il
quotidiano e tutte quelle cose di cui mi ero privata in questo tempo. Una
ribellione interna per questa situazione che non aveva svolta. Ho
cominciato a guardare fuori..con occhi diversi ed ho cominciato a vedere
e sopratutto a farmi vedere . E cosi è stato! Nella cerchia di amici, che
frequento da anni, (più o meno gli stessi ) ho cominciato a vedere ed
apprezzare un ragazzo..fino a quel momento indifferente. Mesi di
attenzioni reciproche, serate allegre e divertenti, mi divertivo, ridevo e
volevo che mai finissero, mi sentivo rinata.Ed è cosi partita la nostra
frequentazione..era Luglio.Ho voluto raccontarle subito la mia situazione,
per sincerità e correttezza anche perchè non avevo chiuso ancora la mia
relazione dall’altra parte.Subito le ho manifestato la non facilità a
lasciarmi tutto alle spalle, anche perchè il mio sentimento verso l’altra
persona era ancora molto presente, cosi come presenti i suoi messaggi e
le sue attenzioni.Lui ha compreso ed accettato di fare questo percorso di
distacco insieme a me con la consapevolezza che non sarebbe stato
facile. Era deciso e molto preso da me, da noi. Ad ottobre con tanta
amarezza, dispiacere, sofferenza ho chiuso i miei 5 anni di simbiosi e
dipendenza dall’altra persona. Decisione condivisa da entrambi in quanto
non vi era una via di uscita.Con il mio nuovo ” lui ” abbiamo cominciato a
fare mille cose, serate, uscite a cena , week end e vacanze tutto
bellissimo ma velato dalla presenza ancora abbastanza continua dell’altra
persona con cui ci si continuava a sentire tramite sms.( sms di attenzioni,
come stai, hai mangiato, hai dormito,hai risolto quel problema,
ecc…nessun tipo di messaggio d’amore..mai! ) Infatti il distacco più duro
è stato quello con il telefono perchè questa mia relazione passata era
molto legata al telefono, come vi raccontavo. Questa situazione stava
disturbando la mia nuova relazione ma io non riuscivo ancora a tagliare
questo cordone ombelicale, a staccarmi da un sentimento che ancora
provavo. Stavo benissimo con l’attuale compagno ma il nuovo sentimento
non aveva ancora fatto breccia nel mio cuore. Ho impiegato 1 anno per
uscire dal vecchio rapporto, Ho fatto un percorso di sofferenza e di
distacco e ne sono uscita con un nuovo amore nel cuore.Sono comunque
consapevole di aver dato sofferenza al compagno, in quel momento al
mio fianco,ma questa uscita cosi gestita mi ha permesso di avere oggi un
rapporto ,con l’ex ,di stima , di rispetto come sempre è stato e senza
rancore o distanze che oggi avrebbero penalizzato il nostro rapporto
lavorativo.
Oggi ammetto che avrei dovuto gestirla diversamente,ma è il senno del
poi.
Tagliati i contatti definitivamente ( si erano molto limitati nel corso
dell’anno ) il mio compagno ( l’attuale ) ha cominciato a rinfacciarmi la
sofferenza provata, a manifestarmi i suoi malesseri legati alla passata
situazione.Da 5 mesi a questa parte lui non ha più le stesse attenzioni, la
stessa cura , lo stesso amore dimostrato precedentemente. Una distanza
che è diventata abissale. Mi sono sentita in colpa per tutto questo periodo
ed è sempre stato un prodigarmi per darle sicurezza, amore, attenzioni.
Non capivo perchè a distanza di tempo mi rinfacciava il percorso che
avevamo deciso di fare insieme. Periodo che per assurdo è stato il più
bello, io avevo voglia di dare, di dimostrare, di amare. Lui mi dava
attenzioni, amore, allegria. Entrambi volevamo stare bene e ci siamo
riusciti. Ma poi tutto è crollato, E non capivo. Non capivo cosa non
riusciva a superare. Io ero li con lui, per lui. La mia scelta era lui. Io ho
visto lui ho permesso a lui di vedermi.
Mesi trattata con indifferenza, non venivo più coinvolta nelle sue
decisione, nelle sue giornate, nelle cose da organizzare e da fare
insieme. Anzi tutto quello che proponevo lo percepivo come un obbligo
da parte sua. Stati d’animo che mi devastavano, non sapevo più cosa
fare per farle capire che il mio amore era per lui.Mille attenzioni per lui.
Ma io non lo sentivo più con me, non sentivo più il suo calore, non avevo
più la sua ricerca. Sensi di colpa e mille scuse chieste.Allontanamenti di
giorni ,da parte sua, perchè doveva mandar giù il rospo del mio passato.
Fino a scoprire due settimane fa’ messaggi della sua ex , lasciata due
anni prima per me! cosi mi ha detto.( io non la conosco ). Scoprire che
lavorano nello stesso Istituto.Messaggi di fuoco dove anche lei manifesta
la stessa trascuratezza. Dove richiede più attenzioni.Dove dice che
entrambe un giorno ci saremo presentate a lui e alla sua famiglia con due
figli il mio ed il suo.
Ora ho capito tutto!!
Io ho fatto una scelta per lui, ne sono uscita e non mi sono mai pentita
della decisione presa.
Lui mi ha scelta ma poi è ritornato su i suoi passi con la ex ..dicendolo
che forse non aveva fatto la scelta giusta scegliendo me.
E’ ritornato su i suoi passi e anche nel suo letto!
Naturalmente tutto è stato negato. Lui ricercava solo la sua amicizia. Non
vi racconto il seguito perchè potete immaginarlo. Ancora più abisso e
distanze fino alla mia decisione di lunedì di allontanarmi per un pò!
Mi sono allontanata pur amandolo.Ad oggi non mi ha cercata.Mi sto
aggrappando alla rabbia ed al rancore per cercare di lenire la
sofferenza.L’effetto ancora non lo sento.
Se sono importante per lui..mi cercherà..e sono qui che spero attaccata
al telefono.
Tentata mille volte al giorno di scriverle, la mente dice no, il cuore dice si!
Che delusione !
Ma non posso chiamarlo, non posso cedere, non voglio cedere. Io avro’
fatto mille errori,riconosciuti all’istante . Mi sono dispiaciuta e scusata
sempre.Non sono mai tornata indietro da quell’amore che per 5 anni mi
ha dato tanto e mi ha tolto tutto.
Il mio percorso ora era con lui…e per lui.
Mi chiedo se è stato mai innamorato davvero. Quando si ama si
superano montagne.
Ed io sono pronta a superare anche questa. ma lui ?
Ora è il momento pesante dei perchè.

GIUGNO 19, 2014
CAROLINA
Io concordo con Billy. C’è il dubbio che porre fine alla sofferenza significhi
lasciarla andare del tutto, la sofferenza e i sensi di colpa al posto dell’amore
che non puoi più avere, e soprattutto del vuoto che saresti costretto ad
affrontare lasciandola andare completamente. La sofferenza costituisce in
qualche modo un’identità certa, sperimentata; oltre la sofferenza c’è l’ignoto
che ci fa paura. Il superamento del dolore implica guardare se stessi senza
schermi, e questo dà vertigine. Magari anche io mi sbaglio, ma le trappole
della nostra psiche sono tante. Anche io, a 6 mesi dal “lutto”, sono piena di
malinconia e sensi di colpa. Ma, foss’anche vero che ho sbagliato più io che
lui nella nostra relazione, sono certa che desidero un’autonomia da tutto
questo. Un’autonomia che forse mi fa paura più della stessa sofferenza. Ma
mettere il nostro destino, la nostra identità nelle mani di un’altra persona non
è bene, e forse è stato soprattutto questo il nostro errore nella passata
relazione.

GIUGNO 19, 2014
BILLY
Grande Carolina!!!!!….Mantienilo questo pensiero,ricordatelo ogni volta
che te lo dimentichi…..e’ la strada giusta….ci sei!!!!!
DAJEEEEE :-)
o
GIUGNO 16, 2014
CAROLINA
Magari arrivare presto al punto in cui il “debito” di sofferenza è solo un sogno! Agogno
l’epoca in cui coinvolto sarà solo il mio inconscio, per ora invece c’è tutta la coscienza
concentrata su un punto… Ma arriverà questo momento, perdiana, deve arrivare.
Anche io sono convinta che certe ferite, pur rimarginandosi, diventeranno cicatrici che
stanno lì a ricordarci quel che è avvenuto, magari tireranno un po’ nei giorni in cui il
tempo cambia, ma non ci faranno più male. Almeno, lo spero. Un abbraccio a tutti.
Carolina
•
GIUGNO 14, 2014
BILLY
Ciao Carolina,non sei indiscreta e ti rispondo subito.Sono stato con B.(che per rispondere
ad Enrico….anche lei e’ una psicoterapeuta) 10 anni e quando mi lascio’ ne avevo 43,per
uscirne completamente fuori ho impiegato 3 anni e sono stati 3 anni che oltre ad Adolf
Hitler proprio non saprei a chi altro augurare,ma tu non ti spaventare perché come sai non
c e’ un tempo preciso e perché tutto questo soffrire finira’per te come lo e’ stato per me e
per molti altri.Posso dirti che ora ho un ottimo rapporto con lei,molto intimo e complice sia
per quanto riguarda la gestione delle bambine che per cose personali,ti sembrera’ strano
ma si e’ creato un rapporto di reciproca simpatia anche col suo nuovo compagno che ora
vive con lei e le nostre figlie……ti sembrera’ fantascienza ma e’ cosi’.Giorni fa sistemando
delle cose mi sono ritrovato in mano vecchie lettere che le avevo scritto e mi e’ venuto da
ridere pensando a quanto fossero lontane da me quelle cose che al tempo in cui le scrissi
erano di vitale importanza.Tu continua a fare,lotta perché e’ giusto che sia cosi’ ed e’ vero
che il dolore ci fa crescere.Io ora sto affrontando un altro abbandono e proprio non ne
avevo voglia,mi sembrava di prendere una bella boccata di ossigeno dopo anni di apnea e
invece mi ritrovo di nuovo con la testa sott’acqua ma il dolore di prima mi aiuta,so quale e’
la strada.Una persona che va via e’ una persona che non ti ama e una relazione con una
persona che non ti ama porta molta piu’ sofferenza e per molto piu’ tempo della situazione
che stiamo vivendo ora.Credo che sia te che io siamo persone che meritano di essere
amate e se non siamo noi a darci questa possibilita’ chi altro dovrebbe farlo?
Forza Carolina.
o
GIUGNO 15, 2014
CAROLINA
Gazie Billy per le parole di conforto e speranza. Oggi mi sembra impossibile uscirne
completamente fuori, mi viene da aver paura che non sarò mai più serena, che il
pensiero di lui non se ne andrà mai, ma sentendo le altre esperienze, come la tua, mi
attacco alla speranza che prima o poi tutto questo dolore dovrà terminare, per forza, e
che cavolo! Certo, è veramente dura, non lo avrei immaginato di dover provare nella
mia vita un dolore così forte per amore. Un abbraccio, grazie.

GIUGNO 15, 2014
BILLY
Ne uscirai Carolina,ne uscirai e lo farai anche alla grande,ti ritroverai a sorridere di
tutto questo o a guardarti indietro complimentandoti con te stessa per tutto quello
che sei riuscita ad affrontare e a superare,e’ una partita dove c’e’ solo un risultato:
vinci tu.Nei 10 punti c’e’ scritto e me lo ripeteva sempre anche il mio
psicoterapeuta e cioe’ che in questi momenti e’ come stare sotto l’effetto di una
droga e quindi ogni percezione,ogni pensiero e’ distorto ma la realta’ e’ che
l’effetto di questa droga passera’e tu starai bene.Tutto cio’ che provi ora e’
normale,io ho vagato come uno zombie per le vie del mio quartiere parlando da
solo,la mattina mi catapultavo dal letto perché come aprivo gli occhi il primo
pensiero,la prima immagine era quella di lei ed ero terrorizzato al pensiero di
come far passare ogni secondo della giornata fino a sera quando mi sarei
nuovamente addormentato.Un tormento accompagnato dalla convinzione di non
potercela fare,che non passera’ mai……..Ma non e’ cosi’….passa….poi magari ti
innamori di nuovo e prendi un altra bastonata tra capo e collo come e’ successo a
me ,ma questo fa parte del gioco,e’ la vita.
Ti mando un piccolo pezzo tratto da un libro di uno dei miei scrittori preferiti,David
Foster Wallace.Te lo mando perché e’ quello che spesso avrei voluto fare e che
credo vorresti fare anche tu in giornate come queste dove credi di non potercela
fare e perché mi fa sorridere per come rende l’idea di come a volte siamo cosi’
schiavi della nostra mente che,diciamo la verita’ molto spesso spara un sacco di
cazzate.In questo caso il riferimento e’ a vere e proprie droghe ma,come abbiamo
detto, non cambia molto:
“Che un paradosso poco menzionato della dipendenza da una sostanza e’ il
seguente: una volta che siete cosi’ schiavi di una sostanza da doverla
abbandonare per salvarvi la vita,la sostanza schiavizzante e’ diventata per voi
cosi’ profondamente importante che uscirete di senno quando ve la porteranno
via.Oppure che a volte,dopo che la vostra sostanza vi e’ stata portata via per
salvarvi la vita,mentre siete inginocchiati per le preghiere obbligatorie della
mattina o della sera,vi troverete a pregare perché vi sia consentito di perdere
letteralmente il senno,di avvolgere la vostra mente in un vecchio giornale e
lasciarla in un vicolo a cavarsela da sola senza di voi.”(D:F:W:)
DAJE CAROLINA DAJE

GIUGNO 15, 2014
CAROLINA
Speriamo di intravedere luce. Io ho talmente sofferto anche negli ultimi due
anni e mezzo della relazione che alla rottura si sono aggiunti “solo” il vissuto
abbandonico, e l’angoscia di essere sola, di dovermi re-inventare la vita, le
relazioni sociali, il tempo. Oltre a lui, ho dovuto allontanarmi anche
dall’esperienza associativa che avevamo creato insieme (e che aveva
assorbito tutto il nostro tempo, facendoci purtroppo dimenticare di noi stessi
come coppia), e questo è per me un secondo lutto. L’associazione non aveva
importanza solo per lui, ma anche in sé. Non si tratta solo dell’esperienza
della separazione da lui, ma anche da tutto il resto che per me aveva e ha
un’importanza culturale fortissima. Ma non ce la faccio proprio a vederlo (e
stare benone, a palla, nella sua meravigliosa vita da single, e poiché per lui
l’associazione è tutto, tutto avviene lì, comprese le sue nuove relazioni e le
sue nuove attenzioni verso l’universo femminile: uno spettacolo impossibile
per me da vedere). Un vero e proprio terremoto.

GIUGNO 15, 2014
BILLY
Tu dici che hai sofferto negli ultimi 2 anni e mezzo della
relazione,parliamo di 912,5 giorni,21900 ore, se ci aggiungiamo anche i
circa 6 mesi dalla fine della storia arriviamo a 26280……non sei
stanca?Quando dico che la mente spesso spara cazzate intendo proprio
questo…..Le relazioni implicano comunque delle difficolta’,due persone
che decidono di stare insieme non diventano una,non esiste una
psicologia di coppia.L’amore e’ una cosa che deve portare benessere
non sofferenza,ci dobbiamo sentire sereni,appagati,amati,desiderati
altrimenti non ne vale proprio la pena,diventa un lavoro.Cosa e’ che ti
manca?….Un uomo che non ti faceva sentire tutto questo? Un uomo che
adesso va in giro con cappellino e trombetta in bocca a fare trenini con
sottofondo di musiche caraibiche per festeggiare il suo nuovo stato di
single ?Un uomo che magari non ha neanche il buon gusto e il riguardo
verso la tua sensibilita’ e si aggira con bolerino e rosa in bocca intorno a
nuovi esseri di genere femminile proprio davanti ai tuoi occhi?….Ti
manca quest’uomo?….ma ne sei proprio sicura? Forse potresti
dolcemente incartarlo,fare un bel fiocchetto e spedirlo cortesemente a
quel paese,magari nello stesso tempo pensare che tutto il discorso
dell’associazione puoi riorganizzarlo per conto tuo o con altre persone,o
comunque fare altro e soprattutto pensare a te che di occasioni ne avrai
certamente.
Dammi retta Carolina,secondo me dovresti pensare che una cosa che
non vale la pena di essere vissuta semplicemente non vale la pena di
essere vissuta e non ci sono tanti perché e per come.
Un abbraccio
•
GIUGNO 14, 2014
BILLY
Casualmente sono incappato da queste parti gia’ 2-3 anni fa dopo la separazione con la
mia compagna con la quale ho condiviso: 10 anni di relazione(da incubo),3 di
separazione(deliranti) e due figlie (meravigliose).Nonostante tutto mi sento di poter dire
che 13 anni apparentemente sprecati,non sono stati inutili.Per forza di cose ho dovuto fare
i conti con aspetti e carenze della mia personalita’di cui ero spesso totalmente
inconsapevole,e quindi vai con anni di psicoterapia,gruppi di autoaiuto,terapia
farmacologica(nel periodo piu’ difficile),nam my ho renghe kyo a pallettone e letture di ogni
tipo,insomma….REAGIRE. Alla fine riuscii a venirne fuori e fu bellissimo perché
all’improvviso,un giorno qualunque,fa un po’ ridere dirlo,ma sentii una sensazione di calore
e tutto quel gran mappazzone fatto di rabbia,paura,dolore,senso di vuoto e metteteci un
po’ quello che vi pare (tanto c’era),si e’ sciolto…..sparito.Tutto cio’ che avevo fatto per
salvarmi aveva dentro di me,piano piano in silenzio, lavorato.Dopodiche’ si sono alternate
un po’ di storie di transizione fino a quando ho conosciuto X. Ci siamo piaciuti subito ed e’
iniziata una storia bellissima,di quelle in cui tutto scorre in maniera
libera,fluida,serena.,tutto va come deve andare e ci va da se.Il 4 Aprile mi chiama perché
ha voglia di starmi accanto(viviamo in due citta’ diverse),il 5 Aprile mi manda un sms di
quelli che quando li leggi ti senti Dio,il 6 Aprile altro sms in cui mi dice che e’ tutta la
mattina che mi pensa,il 7 Aprile siamo insieme,una mattinata passata a letto a
parlare,ridere ,scherzare e far lamore,passeggiate sulla spiaggia….una giornata
fantastica,come tutte le altre del resto,il giorno dopo e’ finito tutto….cosi’.Dopo un paio di
mesi sono andato da lei per parlare,sta cominciando a frequentare un altra persona.Allora
vorrei dire….si,va bene,io ci sto pure male,e’ ovvio,pero’ io due anni di psicoterapia me li
so fatti……se li facesse pure lei!!! Quindi mi rimetto a lavoro e quando mi accorgo che la
mente va dove non dovrebbe andare torno da queste parti e mi rileggo un po’ di punti che
condivido e torno in carreggiata.Spesso penso a quella scena di “Qualcuno volo’ sul nido
del cuculo” dove Rundol Mc Murphy(jack Nicolson) incitava il mastodontico indiano a fare
canestro urlando:”BUTTA QUELLA PALLA NEL CESTO GRANDE CAPO!! CE LA PUOI
FARE GRANDE CAPO …BUTTA QUELLA FOTTUTISSIMA PALLA NEL CESTO!!!”
Ce la si fa ragazzi/e….daje
DAJEEE
Billy
o
GIUGNO 14, 2014
ENRICO
…….Allora vorrei dire….si,va bene,io ci sto pure male,e’ ovvio,pero’ io due anni di
psicoterapia me li so fatti……se li facesse pure lei!!! Quanto mi trovo d’accordo con
quello che scrivi. Per me a maggior ragione essendo il mio perduto,amore una
psicologa che fa esorcismi. Sigh
o
GIUGNO 14, 2014
CAROLINA
Una domanda Billy. Quanto è durato per te il calvario per venire fuori dalla storia di 13
anni? Dopo quanto questo giorno liberatorio improvviso si è presentato? E, se non
sono indiscreta, quanti anni avevi quando la storia si è conclusa? Lo so che ognuno
ha i suoi tempi e bla bla bla (tutto vero), ma qui, ragazzi, quando sento di storie
importanti che si sono concluse dopo almeno un decennio, mi sembra che si parli
sempre più o meno di un paio di anni o giù di lì (chi dice 1, chi dice 3, chi dice di più,
però non si parla mai di mesi). Io sono a quota quasi 6 mesi e devo dire che sto
abbastanza giù di corda, mi si è anche ripresentata in questi giorni una forma di
angoscia che sembrava essere sparita (pur restando il dolore). Faccio tutto quello che
devo fare, attraverso il dolore accettandolo e contemporaneamente cerco di distrarmi,
faccio una psicoterapia, non assumo farmaci ma preferisco andare a ballare come
terapia per il sonno, vedo e parlo con gli amici e i familiari, esco e vedo gente con cui
non posso attaccare lamentele, etc. Però sono preoccupatissima per la prospettiva di
tempi troppo lunghi, perché non è che io sia una ragazzina.
Carolina
•
GIUGNO 10, 2014
ANDREA
Ciao art, come stai?spero tutto bene..
ma lo storico commenti 2013 non ce? non lo trovo? fammi sapere grazie
o
GIUGNO 11, 2014
ART
Ciao Andrea… si si, tutto ok. Spero tutto bene anche tu :))
Lo storico commenti non c’è perchè sono ancora tutti qui nel post… devo trovare un
attimo per estrapolare tutto :))
Un abbraccione e a presto
nicola
•
GIUGNO 9, 2014
PIETRO
È passato un quasi un mese e mezzo da quando mi ha lasciato per un suo collega
conosciuto in appena 3 settimane, uomo di qualche anno più giovane di lei con a carico
una figlia di pochi anni che la sta crescendo da solo. Settimana scorsa avevo necessità di
sentirla, ma lei taglia corto dicendomi senza giri di parole che lei è felicissima e che stanno
comprando casa (ora si conoscono da ca.2 mesi)… Ed io sono rimasto senza parole…..
Sia la sua amica che la mamma dicono di essere preoccupate, da 33enne si sta
comportando come una ragazzina di 14 anni follemente innamorata, che vive in un’altra
dimensione. Quanto tempo ci impiegherà a tornare sulla terra?? Riuscirà a crescere una
figlia non sua?…Non la riconosco più….Sono consapevole che ormai devo vivere la mia
vita, ma a questo punto avrei voluto terminare questa storia diversi anni fa….mi sembra di
aver perso 10 anni della mia vita…
•
GIUGNO 9, 2014
ENRICO
Come Va? A distanza di diverse settimane, come va a Voi? Io in tutta verità mi sento
scombussolato, è come se attraversarsi tutte le fasi, della guida, eccetto per quello che
riguarda il transfert! Forse incomincio a conviverci con questo dolore, ed soprattutto
quando mi sento solo, tendo a cercarla (ma al momento) mi fermo prima di fare qualunque
passo.. Mah!! Un saluto a tutti
o
GIUGNO 9, 2014
MAX
Per me sono passati circa 3 mesi: non l’ho più sentita ed io non l’ho mai più cercata.
Si sta già frequentando con tanto di ufficialità con i suoi genitori con un altra persona
conosciuta magari prima di mollarmi o anche dopo: del resto, il risultato non cambia
perché non farò mai più parte della sua vita e conoscendo il suo carattere so che non
esisto più per lei e mi ha completamente cancellato.
E’ brutto dirlo, ma so che è fatta così.
La penso ancora però quasi ogni giorno, ma via via che il tempo passa il dolore ed il
pensiero si stanno finalmente affievolendo. Ma mi ci vorrà ancora tanto tempo: ne
sono sicuro.
Quello che mi fa ancora male però è stato il modo con cui ha chiuso: in maniera cinica
e spregiudicata. Come se non contassi più nulla: un benservito da non augurare al
peggiore dei propri nemici. Con cattiveria. Tanta cattiveria.
Sto conoscendo qualche persona nuova e la cosa mi fa stare un po’ meglio nel senso
che non sono più rinchiuso nel mio dolore e la mia autostima ringrazia. Lungi da voler
iniziare subito qualcosa però, ma sento che essere qualche volta cercati… Aiuta.

GIUGNO 9, 2014
ENRICO
in bocca al lupo Max Credo che tu sia sulla giusta strada :)

GIUGNO 10, 2014
CAROLINA
Sì, ti stai già aprendo al mondo, è molto positivo! Anche io sono certa che per lui
non esisto più e che mi ha completamente cancellato. Io sto qui a macerarmi, lui
ha voltato pagina, e 15 anni sono chiusi senza ripensamento. Anche il suo
diciamo carattere è così. Si tratta più che altro di strutture psicologiche, per mio
marito – da sempre – ciò che non è sotto i suoi occhi semplicemente non esiste.
Mi ha sempre fatto un po’ effetto questo suo lato, questa sua capacità di
rimuovere ciò che lo “disturba”, cioè ciò che lo costringerebbe a soffermarsi, e a
fare anche due conti col dolore. In parte lo invidio, perché le persone così soffrono
molto poco, anche se a conti fatti non so se vorrei essere così schermata nelle
emozioni, si perde anche qualcosa. Quando ha preso la decisione di andarsene,
me lo ha comunicato la notte del 24 dicembre, dicendomi che non mi amava
abbastanza, che aveva baciato un’altra donna e che sono queste le emozioni che
desidera provare! In capo a due giorni era fuori di casa, io invece in ferie a casa,
con gli amici tutti fuori in vacanza. Ora è lanciato nella sua meravigliosa vita da
single, a 50 anni. Io semplicemente ho smesso di esistere, sembra quasi da un
momento all’altro. Si è liberato di un peso. Eppure, nei 2 anni e mezzo precedenti,
in cui abbiamo affrontato la nostra crisi relazionale, ero più io in dubbio sulla
solidità del rapporto mentre lui non faceva che ripetere che il nostro era amore e
che potevamo essere tanto felici! Non ha scelto né tempi né modi né forma
adeguati per comunicarmi la decisione. Che bisogno c’era di dirmi il particolare
del bacio? Non poteva aspettare la fine delle feste natalizie? Vero è che avrei
sofferto ugualmente, ma secondo me anche i modi sono importanti. Io mi ripeto
che una persona così poco attenta ai sentimenti altrui, così poco sensibile verso
l’integrità e la dignità dell’altro, non è fatta per me. Ma la sofferenza è comunque
tanta, e quel che mi preoccupa è la mia chiusura emotiva verso il mondo. Esco,
vedo persone, mi “svago”, non sto a casa a piangere, ma il mio cuore è piuttosto
freddo, sono abbastanza insensibile anche se – teoricamente – vorrei aprirmi
emotivamente agli altri. La mia capacità di coinvolgimento è ai minimi storici.
Speriamo passi ragazzi, è veramente dura…
Carolina
o
GIUGNO 10, 2014
CAROLINA
Come va … boh! Io sono a 5 mesi e mezzo e sto anche io attraversando tutte le fasi
insieme eccetto quella del transfert. Dopo aver attraversato un periodo in cui mi
sembrava che il dolore si stesse vagamente affievolendo, ora sono ripiombata in una
fase piuttosto nera. Sono arrabbiata, mi manca molto, e sono anche preoccupata per
il futuro (non sono una ragazzina). Ma forse è perché dagli inizi di giugno ho preso la
decisione di lasciare una esperienza comune (associativa, che avevamo creato
insieme e che costituiva tanta parte della mia vita), è un dolore aggiuntivo, ma non
potevo continuare a vederlo (e stare benone senza di me!). E’ un secondo lutto,
perché quella esperienza è per me molto importante. Ma è anche il luogo che mi
riporta a lui, e mi fa vedere cose che non vorrei (comprese le sue attenzioni per altre
donne, non è che lui faccia chissà che, ma io lo conosco e lo vedo). Che tristezza,
ragazzi. Risaliremo la china?
Carolina

GIUGNO 10, 2014
ENRICO
Ciao Carolina, sono d’accordo con te, ci sono modi e modi per lasciare una
persona. Tutti dicono che la china si risale, mi chiedo una volta risalita sta china,
poi come ci si sente, che persona si diventa. Onestamente dopo quasi tre mesi, a
tratti accetto, il fatto che la mia ex non mi ami più, certo se non mi avesse lasciato
il giorno dopo che stringendosi al mio petto, mi sussurrò; ti amo… Se nei primi
giorni della “rottura” non mi avesse detto che non poteva amarmi perché ha un
disagio spirituale, che la porta a fare preghiere di purificazione, ed esorcismi, se
non mi avesse detto che per lei ero stato magnifico, importante, un libro aperto
.Se non mi avesse confessato che il padre la picchiava a cinghiate etc etc Se se
se Se mi avesse dato una spiegazione fin dall’inizio più semplice, vera e dolorosa,
forse sarei stato meglio, o almeno avrei accettato fin da subito Oppure no Per tre
mesi ho cercato di capire che disagio psicologico, potesse avere questa donna,
l’unica certezza che ho, è che davvero, le persone riescono ad essere di una
indifferenza atroce, uomini o donne che condividono emozioni, sentimenti, segreti
, all’improvviso, spariscono, e con tutte le loro turbe mentali, ricominciano come
se nulla fosse, una nuova vita, nuove relazioni, noi qui a soffrire e farci mille
domande Bah!
•
GIUGNO 3, 2014
ANTONIO
Salve a tutti,sono capitato da queste parti cercando qualcosa che potesse in parte
rispondere alle mie domande e farmi provare un po di sollievo,e devo dire che leggere
questa “guida di sopravvivenza” mi sta facendo vedere le cose sotto un altra ottica.Mi
piacerebbe potervi raccontare la mia storia,sperando che qualcuno di voi con piu
esperienza a riguardo possa darmi dei consigli.
“PREMESSA”
Io per cominciare sono convinto di essere gay,l’ho capito sin dai tempi delle
elementari,visto che avevo un attrazione fisica unicamente per i ragazzi e per le ragazze
provavo unicamente affetto.Ho sempre rinnegato questa parte di me e messo tutto dentro
un cassetto perchè la realtà in cui vivevo,piena di pregiudizzi,mi impediva di vedere la
cosa lucidamente.Ho persino provato a stare con una ragazza al liceo,cercando di
cambiare la mia natura,ma non è andata a buon fine(provavo unicamente affetto
purtroppo).Inoltre questo mi ha anche condizionato nelle amicizie,restando la maggior
parte del mio tempo da solo per paura di poter essere giudicato.Tuttavia con tempo ho
maturato il mio pensiero e mi sono reso conto che non potevo non cercare la felicità e
restare infelice per sempre per dar conto ad una realtà abituata a pensare in un certo
modo….ed è qui che comincia la mia storia d’amore.
-qualche mese fa,mi iscrivo su un sito di incontri,deciso a conoscere qualcuno come me,e
conosco un ragazzo con il quale comincio a parlare.Vedo che tra noi due c’è un certo
feeling,tanto che per la prima settimana passavamo quasi 2 ore al giorno al telefono,e poi
un giorno decidiamo di incontrarci.Mi è piaciuto fisicamente dal primo momento che l’ho
visto,insieme chiaramente al suo pensiero.Abbiamo passato la serata insieme piuttosto
bene e decidiamo di rivederci.(voglio puntualizzare che questa è stata la mia prima storia
d’amore nonchè esperienza gay).I giorni passano,il primo mese passa e cominciamo a
conoscerci meglio.Comincio a rendermi conto delle realtà in cui vive:lui ha vissuto un
passato molto molto difficile che lo ha costretto a maturare precocemente e attualmente si
ritrovava a vivere in un quartiere non proprio bello della mia città,con genitori divorziati e
altri problemi piuttosto delicati che preferisco non puntualizzare….Nonostante tutta la
situazione comunque sia mi trovavo bene con lui e volevo fargli un po da “cavaliere” per
renderlo felice.In più non avendo mai avuto nessuno accanto prima che mi volesse bene e
mi facesse stare bene mi dava una ragione in più per stare con lui.Dopo il primo periodo
insieme mi fa conoscere i suoi amici,il suo ambiente lavorativo e i luoghi che
frequentava(pub,discoteche frequentati sia da etero che gay),e devo dire che mi sono
trovato piuttosto bene,non avendo mai provato quelle esperienze prima d’ora,ma dopo un
po ho cominciato a sentirmi un po a disagio,trovandomi catapultato in una realtà con cui
non avevo mai fatto i conti prima.Dopo il primo mese inoltre ho cominciato a notare certe
abitudini e usi del mio compagno che non mi andavano proprio a genio,e di questo gliene
ho pure parlato diverse volte,facendolo infuriare ogni volta,in quanto per lui erano
discussioni inutili e pretendeva di avere ragione e di essere lasciato in pace.E cosi la storia
continua e io dentro di me ho pure cominciato a pensare che futuro mi attendesse
standogli accanto,con la situazione difficile in cui si trovava e con cui avrei comunque
dovuto fare i conti prima o poi.In tutto questo i miei genitori non sapevano nulla di me,ne di
chi frequentavo,ma un giorno,decisi di portarlo a casa mia presentandolo come un
amico,ma i miei capirono da subito analizzandolo che i suoi attegiamenti erano molto da
omosessuale e cominciarono a chiedermi spiegazioni,a cui ho sempre risposto con delle
scuse.Un giorno dopo una discussione con il mio ragazzo per un solito motivo “banale”
mia madre e mia sorella vengono nella mia camera e si accorgono che qualcosa non
andava e cominciarono a fare delle supposizioni su di me,su di lui,sugli amici che stavo
frequentando e la mia realtà in generale,proclamando che io non ero cosi….che
dire…anche li ho rinnegato tutto ma ho pianto molto e ci sono rimasto malissimo,tanto che
quel giorno stesso ne ho parlato con francesco e mi sono sfogato con lui.Dopo circa 1-.2
settimane io e il mio ragazzo usciamo di nuovo insieme e lui quel giorno venne insieme
alla sua migliore amica,un ragazzo che viveva con lui e al suo cane…quel giorno mi
arrabiai parecchio con lui perchè dai messaggi che ci eravamo mandati prima gli avevo
fatto intendere che volevo passare una domenica insieme in tranquillità,e osai pure
giudicare male il ragazzo che viveva con lui,dicendo che mi dava “fastidio” uscire con lui
dal suo modo di essere,ragionare e parlare.Dopo quell’accaduto,la sera stessa lui mi
chiama e mi dice che secondo lui noi due eravamo troppo diversi,troppo incompatibili per
stare insieme,e che dopo ciò che gli avevo detto del suo amico che viveva con lui in
casa(che considerava un fratello)io gli facevo schifo.Mi disse che per me provava
sentimenti alterni di amore e odio e che era meglio se la chiudevamo la.Inutile dire che mi
cadde il mondo addosso e che non riuscii ad accettare la sua decisione e i 2 giorni
successivi piansi moltissimo.Dopo 2 giorni la sera ritornai da lui per chiedergli scusa del
mio comportamento e per giustificarmi,ma lui mi disse che secondo lui avevo bisogno di
maturare,formare la mia personalità e fare altre esperienze con altri ragazzi e che lui non
se la sentiva di starmi accanto aspettando ciò,ma mi disse che quello non era un addio,ma
un arrivederci e che un giorno forse ci saremmo reincontrati e forse vedendomi cambiato
si sarebbe nuovamente innamorato di me.A malincuore accettai la sua decisione anche se
dentro di me ci sto ancora malissimo ed è da 1 settimana che ci soffro tantissimo.è vero
che la storia è durata solo 3 mesi e che era la mia prima esperienza e che forse(come mi
ha suggerito un amica)la mia era solo un ossessione di avere qualcuno accanto,ma
nonostante tutto non riesco a superare la cosa….penso costantemente a lui,mi faccio mille
domande,mi chiedo cosa ho sbagliato,se sarebbe cambiato qualcosa se avessi agito
diversamente e mi colpevolizzo di tutto soffrendoci…Penso dentro di me e spero che lui mi
chiami per darmi una seconda possibilità,ma vedo che lui sta gia vivendo la sua vita
normalmente come prima,come se nulla fosse successo e ci sto malissimo…..alterno
momenti di serenità ad angoscia e tristezza pura…faccio incubi su di lui e ho perso voglia
di studiare e ho perso passione per i miei hobby….e purtroppo non ho amici vicini che
sanno tutta la mia situazione con cui posso sfogarmi e averne il supporto(a parte ora mia
madre e mia sorella che sono al corrente di tutto e lo hanno accettato)….che cosa dovrei
fare per andare avanti…?
o
GIUGNO 3, 2014
ANTO
Mi sono accorto che dalla voglia di sfogo ho scritto troppi dettagli sulla persona
interessata e vorrei poter modificare il mio post,tralasciando nomi e certi
dettagli….come posso fare?

GIUGNO 3, 2014
NICOLA
Ciao Anto… scrivi qui http://www.ilmondodiart.com/contatti/ indicandomi il nuovo
testo e provvederò a modificare il tuo commento… cmq stai tranquillo, sapessi
quanti dettagli simili a quelli da te indicati ricorrono in questo post… alla fine noi
umani siamo più simili e poco “originali” di quanto ci aspetteremmo ed aimè tra i
delusi d’amore abbandono spesso anche le vittime dei casi umani più disperati…
se poi consideriamo le possibilità per qualche vostra conoscenza di finire in
questo piccolo porto… beh sono davvero poche…ad ogni modo, indicami pure le
modifiche e le faccio subito.
Riguardo quanto da te vissuto posso dirti la mia e cioè che sicuramente è difficile
gestire delle relazioni sane con persone in condizioni sociali e familiari difficili…
per quanto la nostra sensibilità voglia farci credere che con l’amore e la dedizione
si possa salvare qualcun’altro beh… posso assicurarti e sottoscriverti che su
questo piano non siamo in grado di salvare nessuno, al contrario, è facile cadere
nel ruolo del crocerossino o del salvatore quando giustifichiamo i cattivi
comportamenti dell’altro attribuendoli alla “sfortuna” di essere in una situazione
difficile. Anto, tu sei molto giovane e sono sicuro che per te i sentimenti e l’amore
siano esperienze che non dovrebbero avere alcun intralcio terreno… però tieni
sempre presente che la persona che ti sta accanto non necessariamente ha il tuo
vissuto nè la tua sensibilità quindi il rischio di idealizzarla è altissimo… se ti fa
stare meglio pensa che il fatto di esservi lasciati può anche essere un’occasione
per te per capire meglio le persone e per trovarne una che ti faccia felice anzichè
ritrovarti dopo anni a soffrire per qualcuno che non è in grado di ricambiarti come
vorresti… spero di esserti stato utile
Un forte abbraccio

GIUGNO 3, 2014
NICOLA
fatto :)

GIUGNO 3, 2014
ANTO
gentilissimo grazie ^^
•
MAGGIO 29, 2014
EZIUS
Ciao raga, che bello leggere che non sono l’unico a soffrire per amore!!!! Poi nessuno
meglio di voi può capirmi !! Soffro come un cane. Anche io sono un ex “crocerossino”…sia
nel senso di ex che di crocerossino!! Ho passato circa 2 anni dietro ad una tipa che mi ha
mandato in matto!!! Premetto che mi ha cercato lei ed io all’inizio ero pure un po’ indeciso
dato che uscivo con un’altra…poi dopo la sua “conquista ” e la classica prima fase tutta
“rose e fiori ” sono iniziati i guai. Non sono un tipo geloso per cui ognuno aveva i suoi
adeguati spazi. Dall'”Alto” dei miei 27 anni però mi sono accorto che i suoi 26 erano meno
di quello che dimostrava. Fino a poco prima della fine della nostra storia non mi ha mai
presentato i suoi amici, ne parenti figuriamoci i genitori!!in 2 anni niente! E lo stesso ha
fatto con me mantenendo eternamente questa freddezza nei confronti dei miei amici
parenti ecc. nonstante io abbia provato ad invitarla a cene, pranzi e serate con i miei
simpaticissimi amici!! Il nostro rapporto era diventato altalenante…ma quasi un
confessorio dove ho sempre cercato di essere un valido supporto, consigliando, aiutando,
assecondando tutte le sue ragioni…. ma nulla in cambio!! Continui litigi e nessuna volontà
di impegnarsi a dare concretezza al nostro rapporto. Quando era con me fingeva di essere
quello che non era, beveva solo acqua e non mangiava mai infatti si contano sulle dita
delle mani le nostre cene!! Invece quando era con i suoi amici mangiava e beveva a
sbafo…compresi drink ed alcolici…ma ha sempre avuto questi atteggiamenti lontani da
me…in quanto forse non voleva dimostrarsi futile e stupidina. Inoltre ben 3 volte sono
scoppiato e sparito del tutto…cercando di pensare solo alla mia avita ed alle nuove
opportunità…e tutte e 3 le volte è corsa dopo un po’ a cercarmi lamentando la mia
assenza e la sua grande solitudine. Sono una persona piena di interessi e non ho mai
anteposto il mio egoismo al rapporto…dando tutto il tempo possibile ma non riesco a
capire come si possa fare , se ci tieni ad una persona, a stare per due anni sempre nello
stesso punto di partenza..senza evoluzioni!!.E’ una persona che ha avuto le sue
esperienze e la sua famiglia non presenta particolari problemi anzi sono benestanti e
apparentemente felici…ma lei è come se non fosse totalmente coerente ed apposto…a
volte dolcissima altre no, a volte carina e simpatica altre volte scontrosa ed
arrogante…dipende come si svegliava!! mi sono fatto tante domande, ho pensato
all’immaturità, ho pensato al fatto che fosse viziata dai suoi…ma poi ho dovuto cedere alla
realtà dei fatti…probabilmente non era pronta per una storia dato che poche settimane
dopo esserci lasciati l’ho trovata a fare la splendida e la simpatica con uno scemo di
turno….Da li’ ho davvero perso le staffe anche se non ho avuto reazioni di alcun tipo
perchè ho un grande orgoglio ho perso qualunque voglia di riparlarne!!! Magari fosse finita
cosi…da li’ in poi sono iniziate le mie domande!!! La reazione di orgoglio si è esaurita ed
ora sono preso da un grande senso di vuoto unito a stress da separazione…ho
continuamente la sua immagine in testa e mi chiedo se non fossi io anormale a 27 anni a
cercare qualcosa di serio, a non lasciare che facesse tutto ciò che desiderava, prendendo
tutto con leggerezza e serenità… già perchè a volte ammetto che forse sono stato un po’
impulsivo e non mi sono accorto che forse lei cercasse ancora una relazione leggera
magari per crescere insieme…poi mi si arresta questo pensiero e dico…no non è possibile
chi ci tiene davvero si comporta diversamente…Beh spero di non avervi
annoiato…aspetto un consiglio da voi. Grazie
o
MAGGIO 29, 2014
ENRICO
non si è anormali a cercare l’amore , quello vero. Non c’è nulla di anormale a cercare
qualcosa di serio, a 27 37 47 anni
o
MAGGIO 29, 2014
CAROLINA
Ciao Ezius, il problema secondo me non è se sia giusto o no cercare una cosa o
l’altra, e a che età, ma che non avevate gli stessi bisogni. Tutto è legittimo, ma in una
coppia bisogna che i desideri collimino, altrimenti è un guaio. Mio marito se n’è andato
dopo 15 anni dicendo che voleva provare nuove emozioni da single, vivere
l’adolescenza che si è perso, e di anni ne ha 50. Io avevo sogni di tranquillità
amorevole condivisa, e pure io ho 50 anni. Che dire? E’ un peccato, per me una
grande sofferenza, ma quando i bisogni vanno in direzioni diverse, è lì che l’amore
non tiene. Tutto il resto si può superare, difficoltà e tradimenti compresi, ma il percorso
su strade differenti, che non vanno parallele, questo no.
Un abbraccio.
•
MAGGIO 12, 2014
ENRICO
Grazie Mattia Ma tu credi che questa persona possa amare? Non credi che il problema
che ha “dentro” possa “limitarla”?
o
MAGGIO 12, 2014
MATTIA
Enrico…. Io purtroppo ho visto Anke un esorcismo… O meglio…. Ho sentito…visto
che ero fuori e si sentiva…
Dalla mia piccola esperienza se uno sa di essere “posseduto” dovrebbe andare a farsi
“curare”… Però se invece frequenta sette e cose così per favore con tutto il cuore vai
più lontano possibile…. Magari è proprio DIO che t ha evitato questo ulteriore
tormento…
Che sappia amare nn so, sicuramente se t ha lasciato nn t amava… Tu lasceresti una
che ami? Senza un particolare problema come lontananza o cose importanti ( un mio
amico ha lasciato la sua compagna perché nn si vedevamo mai è dopo 8 anni ha
detto basta Anke se l’amava tantissimo ma nn poteva andare avanti una storia così
…senza mai vedersi …. Qui si che posso credere che c’era amore ) …
Io ripeto…. Lascia che si faccia la sua strada…non credo abbia 12 anni….
E poi ricorda…
….La strada che porta all’inferno può essere lastricata di buoni propositi…
Quindi, se sei una persona che si ama e sta bene cercato qualcuno come te, che
funzioni come donna… Che sia normale….
E poi un altro consiglio… anche qui data l esperienza… Se vuoi costruirti una famiglia
guarda sempre quella in cui é crescita la sua…quella di lei perché è la donna che fa la
famiglia e quindi saprai già come sarà la tua….
È come uno sguardo sul futuro…
Questa è la mia esperienza e il mio pensiero….
Sei tu poi che devi percorrere la tua strada …
Un abbraccio

MAGGIO 12, 2014
ENRICO
Mattia ma tu leggi nel pensiero? :) E’ come se consoci la mia storia fin dentro ai
particolari Mi dici, guarda sempre la famiglia dove è cresciuta la “tua” donna La
mia ex va a fare queste preghiere esorcismi, accompagnata da padre, madre e
sorella ma fa una vita normalissima, ti ripeto è anche psicologa si sta
specializzando ha aperto anche una cooperativa con dei suoi colleghi , non
frequenta sette Ogni due settimane fa queste preghiere di purificazione da due
anni da quando ha riscoperto la fede, e da quando da un viaggio a Medjugorje le
hanno “diagnosticato” il male…. Sai perchè ti chiedevo se potesse amare, altri
uomini nel futuro? Perche questa donna nel periodo in cui ancora ci scrivevamo,
in tre giorni mi ha esternato delle cose talmente contraddittorie, da mettermi
ulteriormente in confusione Un giorno mi diceva che il suo era stato vero amore
ma che non è potuto sbocciare, dopo due giorni quando le dico che voglio
rivederla mi dice di andarmi a confessare e pregare Ora sicuramente avrà capito
che non mi ama e che siamo troppo diversi Ma l’amore si costruisce, almeno da
ingenuo lo penso ancora .Grazie per la pazienza Mattia e per tutti i belli consigli
che ci dai

MAGGIO 12, 2014
MATTIA
Enrico… Come avevo già accennato … Cercare risposte a domande che nn
hanno risposte ti incasina solo la mente e il cervello…
Che vita vuoi avere ? Come potresti stare con una persona di cui non sai se ti
ama veramente… O se dopo tornasse dicendomi che si è sbagliata…
Ma come si fa a sbagliarsi sull’amore? Su quello che uno prova dentro… Nn
puoi sbagliarti… Gli unici casi in cui due si rimettono insieme dopo essersi
lasciati sono quegli amori adolescenziali… A 15/16 anni stai insieme un anno
due e poi vi lasciate per fare le vostre esperienze e poi vi ritrovate a 26/27 /30
e capite di essere innamorati di nuovo…allora si li ci sta..
Ma quando una persona “matura” sa quello che vuole….
Vedi tu se lasciarla stare o meno… Io so già cosa farei…. Anche perché di
brave persone , migliori e compatibili ce ne sono nel mondo… Nn esistono
solo “loro”….
Devia disintossicarsi … E più tieni “vivo” il rapporto con lei con sms , uscite
etc etc più tempo poi impiegherai a rimetterti in pista… Sta a te scegliere…
Nn preoccuparti di scrivere…se posso rispondo sempre….

MAGGIO 12, 2014
ENRICO
Mattia hai ragione su tutto, mi faccio troppe domande, ma sai, i miei
perchè sono sempre ancorati a quel malessere che lei ha. Certo, so che
non mi ama perche qualche settimana cosi ha detto: Non ti amo non
stiamo bene insieme Ma quel non stare bene insieme è per via della
nsotra diversità? o della sua lacerazione interiore/spirituale Ad ogni modo
chiudo il discorso, voglio solo farvi leggere, quello che mi ha scritto una
20 di giorni fa Ora pubblico una conversazione, stasera ne pubblico
un’altra (ma devo sintetizzarla ed oscurarla) Noterete quante,
contraddizioni vedo in questa donna o mi illudo di vedere

MAGGIO 12, 2014
ENRICO
Enrico, ho letto tutto subito, tutto di un fiato, avrei voluto risponderti
immediatamente ma non sono riuscita e non so neppure se ci riuscirò
adesso….! E’ così bello quello che mi scrivi ma è così doloroso, riapre
una ferita grande …!quando ti leggo e ti sento così risoluto realizzo
ancora di più il dolore, e l’anestesia che mi sono procurata per non
sentire di averti perso..! riappaiono i miei dubbi , le mie mille
paure.capisco che forse ti ho perso davvero e che probabilmente potrei
rimpiangerti per sempre e questo mi distrugge…ma adesso non posso
fare altrimenti…sono così confusa….mi sento così fragile..quasi a volte
da cadere in frantumi…! forse non dovrei dirti queste cose, non è onesto
ed è sicuramente un atto di egoismo.ma voglio solo dirti che spesso mi
manchi, mi manca il tuo essere diverso, il nostro parlare, quel sentirmi
amata …mi manca come sei…ma poi penso a come mi sento al fatto che
non riuscirei a stare con te, ed il senso di impotenza e di tristezza si fa più
forte….!spesso sento come se il nostro rapporto fosse durato anni…tu mi
hai letto dentro e questo mi fa sentire un legame fortissimo con te,
ripensare alla nostra intimità, ai nostri pochi ma dolcissimi ricordi…e tutto
mi appare strano, come in un sogno e mi chiedo se sia successo
realmente. poi leggo la tua vicinanza è bello, bellissimo…forse vero
potrem diventare amici..lo vorrei, non voglio essere drastica, come ho
sempre fatto, ma questo nuovo legame che dovrebbe unirci, non so come
spiegarlo, mi da speranza, ma mi addolora perchè mi fa capire che tra noi
è finita o che c’è stato un amore che non è potuto sbocciare come
avremmo voluto…e come si fa allora, enrico.

MAGGIO 12, 2014
ENRICO
forse il tempo, non so. anche io non voglio perderti ma il pensieri che
possiamo diventare indifferenti adesso mi taglia dentro…! Forsi non
siamo fatti l’una per l’altra ma sappi che io ti ho amato davvero e sono
stata totalmente me stessa….ti volevo chiedere scusa se ti ho deluso, ma
ho deluso soprattutto me stessa..e credimi sono davvero grata al Signore
di averti incontrato e che tu nonostante tutto provi e mi comunichi tutto
questo affetto. e quando ti dico che ti voglio bene tanto non è per dire ma
in queste parole vorrei raccogliere tutto ma non è

MAGGIO 12, 2014
ENRICO
prego che tu possa essere sereno, felice e sebbene possa addolorami,
che tu possa assaporare presto la gioia dell’amore, quell’amore che io
non sono riuscita a darti, so che accadrà mio caro enrico e tu fiorirai
ancora di più nella tua bellezza, perche un animo dolce e sensibile come
il tuo non può non essere nato per amare….. ! quanto a me …non lo
so…mi impegnerò,nonostante le stanchezze, le incertezze so che devo
rialzarmi e sorridere, come dici tu! il tempo mi parlerà , mi darà il giusto
equilibro e serenità , mi darà consapevolezza del passato, di me stessa
e speranza e proiezione nel futuro. anche io per te ci sono, ricordalo
sempre! ti abbraccio con tutto il mio cuore piccolo enrico. ps. sei nelle mie
preghiere tutti i giorni..ogni tanto parlaci anche tu con Gesù e
raccomanda questa piccola squinternata a cui hai voluto così bene :) a te
magari ti ascolta :)
•
MAGGIO 12, 2014
MRMOJITO
Ci sono notti, come questa, che butterei volentieri nella pattumiera della mente. Sceglierei
Eliminainmodosicuro senza indugio. Un secco click.
Distrarmi è un impegno che non so mantenere se mi sorprendo a ritornare sui miei passi
appena rimango da solo. Continuo spedito a ritroso, forse c’è dell’altro in profondità con
cui mi devo ancora misurare. La strada in discesa mi è familiare, ne conosco di già ogni
scorcio, ogni buca. Mi fermo solo quando non posso più proseguire, e non perché ci abbia
ripensato. Non so come proseguire, non c’è più letteralmente una strada, anzi, non c’è più
nulla. Nulla da attraversare. Posso solo sedermi sul ciglio, gambe a penzoloni nel vuoto, e
contemplare l’abisso nascosto dentro me, una valle sterminata di nulla che hai lasciato
quando sei andata via. Mi viene in mente un pezzo di musica leggera che inizia così:
Mi manchi. Mi manchi. Posso far finta di star bene ma mi manchi.
Avverto una sensazione di nausea mista a dolore, tra la gola e il petto, al pensiero che non
ti rivedrò, che non potrò più toccarti, sfiorarti le mani. Qualcosa si è rotto dentro
squarciando quella sensazione di invincibilità, di fottutamente eterno. Hai lasciato un regno
da disfare.
“Mancanza” è una parola strana, che non ha confini, una parola in cui mi perdo. È un
deserto di solitudine, un calvario di pensieri, uno più tormentato dell’altro. E’ spaesamento,
squilibrio, difficoltà a trovare la strada giusta. E’ un viaggio in un vagone vuoto, un
attraversare qualcosa di sempre più grande, sempre più vasto. È una falla della mente,
l’errore critico in cui può essere racchiusa, forse, tutta la condizione umana.
Mi manchi.
Non te l’ho mai confessato in questi termini. Né ho mai superato l’orgoglio e chiederti Per
favore, rimani. Te ne prego. Forse è per questo che hai creduto di non essere importante,
che non avresti lasciato traccia andando via.
Mi stendo sul ciglio che segna il confine indefinito tra me e te. Provo a chiudere gli occhi,
sono a pezzi. Nel limbo del dormiveglia invoco Domani, lo imploro.
E sogno ancora che mi porti via lontano.
o
MAGGIO 12, 2014
MATTIA
Che triste quello che scrivi… Ti stai dando la zappa sui piedi da solo… Capisco il tuo
dolore, la tua angoscia , il vuoto che provi dentro e tutto il resto ma cerca di non fare
così… Lo so, è durissima… Il pensiero di lei non t abbandona, non riesci, Anke se ci
provi con tutto te stesso lei rimane sempre li… Però non sforzarti… Nn cercare di
mandarla via… Accetta e cedi al dolore, non combatterlo, non andare a cercare
poesie, canzoni distruttive per te stesso… Ricorda quello che ho scritto… Se provi
rabbia, malessere etc etc è come se bevessi veleno pensando che poi a star male
sarà la persona che t ha abbandonato…
Ripeto…lo so, t capisco e comprendo il tuo dolore ma nn deprimerti ancor di più…
Che poi scusa…. Cosa pensi di quelle persone che abbandonano i cani ? Che li
lasciano lì quando quel cane t ha dato tutto se stesso? Pensi che siano brave
persone? Che sappiano amare? Dai la conosci la risposta..
Siamo tutti drogati in crisi d’ astinenza… Ci vuole tempo per disintossicarsi…. Poi
vedrai che questo periodo lo vedrai con occhi diversi… È vero che chi nn ci vuole nn
ci merita… Quindi meritiamo di più…. L’universo sa di cosa abbiamo bisogno… Se
pazientiamo e abbiamo fede in lui ci regalerà altre emozioni immense…
E poi diciamocelo… Tutti soffriamo così tanto… In qualche modo la vita ci prepara ai
momenti più difficili … Ci prepara per un percorso… Ci allena per giocare la partita
della nostra vita… Affinché non rimaniamo impreparati…. Il dolore passerà e passerà
prima se tu sei razionale e guardi le cose come sono.. Come sai benissimo che se
superi i limiti di velocità prendi la multa sai benissimo che chi ti lascia non ti ama
davvero…. E vuoi stare con una persona che nn ti ama solo per compagnia e perché
stavi bene?
Dai su, un po’ tanto di amor proprio… Se è finita c’era un perché.. Altrimenti saresti
ancora tranquillamente con lei…
L’amore vero nn tramonta mai…
Io ho un amico grande… Si era sposato, avevano fatto 8 anni di fidanzamento prima ,
dopo 6 mesi lei ha preso ed è andata via con un altro… Lui è stato in analisi ed è stato
malissimo per 6/7 mesi… Poi un giorno ha conosciuto una ragazza che è tuttora sua
moglie da 20 anni… E lui ha un carattere terribile…vuole sempre aver ragione, l’ultima
parola è la sua etc etc…nn è nemmeno bellissimo però ha trovato l’amore della sua
vita… Se quella non lo lasciava lui nn avrebbe mai trovato la felicità….
Dai coraggio…. Non sei solo in questa valle di lacrime e tristezza…. Cerca di reagire
anche a piccole dosi… Ricordati che ti devi disintossicare… Quindi allonta tutta la
droga da te… O ne verrai fuori più tardi….
Un abbraccio

MAGGIO 12, 2014
ENRICO
Ciao a tutti Sono Enrico ma qualche settimana fa ho commentato questi post, con
il nickname JFK Sono quel ragazzo (uomo 35 anni) che ha avuto una storia con
una ragazza molto religiosa che dopo qualche settimana dall’ dall’inizio’ del nostro
rapporto mi confesso che si sentiva il diavolo dentro e praticava, preghiere di
purificazione ed esorcismo Scrivo e riscrivo perche ne sento ancora la necessità
di sfogarmi, ho letto i commenti di Mattia e gli ho fatto i complimenti perchè sono
molto veri. Personalmente posso dirvi che malgrado siano passati quasi 40 giorni
da quando mi ha lasciato, posso dirvi che è vero il tempo guarisce, rispetto a
qualche settimana fa il dolore incomincia a trasformarsi, è meno intenso la mattina
(la sera scompare) ma non posso dirvi di essere “guarito” anzi ne sento ancora la
mancanza, le scrivo ancora, spero ancora che si faccia risentire mi faccio ancora
mille domande, mi chiedo come sia possibile confessare un segreto di questa
grandezza e sparire, mi chiedo come faccia questa ragazza a fare il lavoro che fa
(psicologa) Ok, lei come mi ha detto non mi ama e non stiamo bene assieme, ma
mi chiedo se sia questa la verità ? Chi soffre in modo cosi intenso per amore,
credo che sia una persona molto sensibile e fragile. ci sono persone che si
lasciano dietro qualunque cosa, beati loro le invidio Su di me cosa dire più Voglio
solo stare bene, dovessero passare mesi ma voglio solo stare bene Un abbraccio
a tutti

MAGGIO 12, 2014
MATTIA
Carissimo Enrico …. Grazie per aver letto i miei post e aver apprezzato… Mi
dispiace che tu viva in questo “stato” … Volevo farti una domanda… Tu ami
te stesso? Non rispondermi… Fattela da solo questa domanda… Se la
risposta è si come puoi volere una persona che non t ama ? Se t ami e vuoi la
tua felicità devi avere al tuo fianco una persona che t ama per quello che sei e
che quando vai a dormire ti senti onnipotente sapendo di avere una persona
a fianco così importante che ti completa… O vuoi una persona giusto per
averla… Io nn credo che chi si ama davvero si accontenta di avere un
surrogato…la tua vita è la più importante di tutte le altre… Tu vieni al primo
posto… Poi gli altri… Non devi essere un martire e aiutare gli altri….vieni
prima tu è poi gli altri…gli altri devono arrangiarsi … Con questo non voglio
dire di essere egoisti e fregarsene degli altri ma prima di aiutare gli altri
aiutiamo noi stessi…
Io lascerei perdere questa persona… Hai la fortuna che t ha lasciato o vi siete
lasciati…. Prendi questa occasione come una grossa occasione di vita per
cercare la tua vera strada e trovare la persona giusta…
Fallo per te…
Per le domande che t fai ti voglio raccontare una storiella…

MAGGIO 12, 2014
ENRICO
Grazie Mattia Hai perfettamente, ragione forse mi accontentavo perche
vedevo in lei, quello che cercavo da tanto tempo, condivisione di
passioni, interessi etc Ma è vero in non stavo bene con Lei Mi chiedevo
sempre come posso, stare con una persona che malgrado sia psicologa il
suo malessere lo cura con esorcismi. Già io volevo aiutarla in fin dei
conti, ho sempre pensato che mi chiedesse aiuto Ma sai sta storia mi ha
sconvolto in tutti i sensi A parte l’abbandono, da ateo ho avuto a che fare
con qualcosa che va oltre la fede, esorcismi, diavolo, etc. Lei starà
facendo la sua vita, una vita normale ma alla fine, resterà dentro di lei
questo male oscuro, che si porterà dietro per tutta la vita.Io mi sto
rialzando piano piano dopo che una montagna mi ha seppellito. Grazie

MAGGIO 12, 2014
MATTIA
Caro Enrico … Io sono molto credente e credo Anke in quelle cose che hai
scritto su di lei… Ribadisco meglio così per te… Già Gesù Cristo è morto
sulla croce e ha sofferto per noi… Non dobbiamo farlo anche noi…
Sicuramente meriti di meglio, oppure vedila così, tu non eri in grado di aiutare
quella persona per il cammino che sta percorrendo… Hai fatto del tuo meglio
ma si vede che ha bisogno di altro… Come te del resto… Se hai dato amore
riceverai in cambio amore … Ma nn è detto dalla stessa persona.. Quindi ama
e basta e vedrai che starai sempre meglio… Soprattutto amati e
rispettati…TANTO !!!!! Piu amerai te stesso più riuscirai ad irradiare le
persone che ti si avvicineranno….
Prova a fare un esercizio semplice semplice…. Invece di dire che una
montagna t ha seppellito o altre parole “negative” usa delle frasi che possano
esprimere lo stesso concetto ma in maniera diversa e vedrai che
cambiamento…
Es: invece di dire che sei incazzato di che sei inalberato; se sei triste ditti che
sei diversamente felice ; invece di dire che sei depresso prova a dire che sei
proiettato verso il futuro…
Le parole che ci diciamo sono molto importanti…. Sono Come dei mantra….
Quindi sforzati di trovare parole migliori per migliorare la qualità della tua
vita…
Poi ok… Ti sentirai solo, vuoto , inutile etc etc ma ci sta… È il percorso della
vita… Se ti rompi un ginocchio ci vuole un anno tra ricostruzione e
riabilitazione per poter tornare a camminare bene….datti tempo e sfrutta
questo momento di “deserto” per star bene con te stesso…. Pensa a te…
Un abbraccio
o
MAGGIO 12, 2014
ALLIE
ciao Mr.Mojito…premettendo che tutti nella vita soffriamo per amore, credo che alcuni
soffrano più di altri..già che si senta il bisogno di cercare conforto su internet, tramite
un blog, tramite persone che passano lo stesso momento, vuol dire che “noi
commentanti ” siamo messi peggio di tanti altri. Anche io stessa ho avuto molte
delusioni, ma mai nessuna come l’ultima. Ti invito a leggere i miei due commenti..leggi
prima il più vecchio..è sempre con questo stesso pseudonimo (Allie). Ormai è passato
un mese e mezzo…di lui nessuna traccia…non so se questo mi fa più rabbia (come
ha potuto dimenticarmi-voltare pagina così in fretta?!) o mi dà più sollievo (perchè
sentirlo mi farebbe malissimo). Dici di essere orgoglioso…bene..allora usalo questo
orgoglio!! Io sono stata lasciata di punto in bianco, mai un litigio in quasi 3 anni…ti
lascio immaginare la mia incredulità sul momento!E nessuno di quelli che mi
circondano, SE NON VOI QUI SOPRA che state facendo il mio stesso percorso, può
capire quanto sia difficile continuare con la tattica “zero contatti”. Ma ci sto riuscendo
grazie alla dignità e al rispetto di me stessa. La mia famiglia e i miei amici pensano
che il fatto di non cercarlo sia una decisione presa un mese e mezzo fa. Sbagliato. E’
una decisione che prendo ogni singolo istante di ogni singolo giorno. E’ una lotta, una
tentazione continua…come un tossicodipendente che sceglie di non farsi più. E ogni
istante vinco io, almeno per il momento è così, e spero di avere la forza di continuare
a lottare contro questa tentazione. Soprattutto mi auguro di avere la forza di affrontare
con dignità anche il suo ritorno, perchè tornerà. Ero una geisha, un porto sicuro.
Tornerà. Ma non la vivo come una speranza…la vivo male come se stessi aspettando
Uma Thurman in KIll Bill che so che tornerà per uccidermi :D :D :D Il fatto che riesco a
essere ironica è già un passo avanti, vero? Ti abbraccio…

MAGGIO 12, 2014
MATTIA
Cara allie…. Ti faccio i complimenti perché stai facendo il percorso giusto…. È la
strada migliore … Tu sei stata abbandonata e non vuoi e non devi fare niente per
mettere le cose apposto… Apparte che ribadisco il mio pensiero… Se mi ha
lasciato , per lo più in maniera immatura cosa me ne faccio di una persona così
per vivere ? Ci sono miliardi di persone migliori … Lo so che si pensa sempre a
un ritorno ma è davvero quello che si vuole? Io una volta ho accettato una specie
di ritorno.. È continuata per 1 anno e poi è finita di nuovo… Nn ti fidi più, vivi male,
in maniera diversa…sai che potrebbe fare di nuovo quello che ti ha fatto… Perdi
fiducia.. Anke se Ami e cerchi di passare sopra nn riesci più a essere come
prima… Meglio cambiare…soffrire ma almeno poi torni a star bene.. Quando un
vetro si rompe puoi rimettere i pezzi apposto ma poi sarà così fragile e pieno di
crepe che al primo cedimento si fratturerà di nuovo in mille pezzi…
In sostanza io credo, visto il mio vissuto, che è meglio soffrire , Anke tanto,
disperatamente ma poi trovare una persona davvero che ci ami… Che ci meriti…
Chi se ne è andato è passato e basta.. Ci ha fatto felici e adesso aspettiamo chi ci
farà ancora più felici…
È molto più facile trovare una persona che sia già nel modo in cui ci piace, invece
di cambiarla .
Allie forza… È passato gran poco tempo e noi che siamo qui per cercare risposte
è perché abbiamo un animo migliore, perché sappiamo cosa sia la sofferenza e
cerchiamo risposte per noi stessi…per evolverci… Chi si lascia alle spalle storie
importanti e si mette con qualkun’altro come se niente fosse è semplicemente una
persona fredda e immatura …quindi non sa davvero amare…e quindi nn può
amarci nel modo in cui noi vogliamo… Quindi sempre meglio che se ne vadano….
Noi miglioriamo mentre loro rimangono fermi… E la vita è una ruota…prima o poi
torna tutto indietro e tocca a tutti fare i conti…
Coraggio allie…. Pensa che più buia è la notte più vicina è l’alba …. Ci vorrà
tempo ma abbi pazienza…tutto si sistemerà al meglio e vedrai che verrai amata
veramente….
Un abbraccio

MAGGIO 12, 2014
MAX
Mattia desidero ringraziarti per le belle parole di fiducia e speranza che
infondi a tutti noi. Grazie davvero!

MAGGIO 12, 2014
MATTIA
Figurati Max… Scrivo queste cose perché so quanto si soffre e un
pensiero in più sul quale riflettere e ragionare non fa mai male…anzi
aiuta…
Grazie ancora a voi di essere vivi !!!!
Per chi prova rabbia e rancore lascio un breve scritto :
Un giorno il saggio diede al discepolo un sacco vuoto e un cesto di
patate.
“Pensa a tutte le persone che hanno fatto o detto qualcosa contro di te
recentemente, specialmente quelle che non riesci a perdonare. Per
ciascuna, scrivi il nome su una patata e mettila nel sacco”.
Il discepolo pensò ad alcune persone e rapidamente il suo sacco si
riempì di patate.
“Porta con te il sacco, dovunque vai, per una settimana” disse il saggio.
“Poi ne parleremo”.
Inizialmente il discepolo non pensò alla cosa. Portare il sacco non era
particolarmente gravoso. Ma dopo un po’, divenne sempre più un
gravoso fardello. Sembrava che fosse sempre più faticoso portarlo,
anche se il suo peso rimaneva invariato.
Dopo qualche giorno, il sacco cominciò a puzzare. Le patate marce
emettevano un odore acre. Non era solo faticoso portarlo, era anche
sgradevole.
Finalmente la settimana terminò. Il saggio domandò al discepolo:
“Nessuna riflessione sulla cosa?”.
“Sì Maestro” rispose il discepolo. “Quando siamo incapaci di perdonare
gli altri, portiamo sempre con noi emozioni negative, proprio come queste
patate. Questa negatività diventa un fardello per noi, e dopo un po’,
peggiora.”
“Sì, questo è esattamente quello che accade quando si coltiva il rancore.
Allora, come possiamo alleviare questo fardello?”.
“Dobbiamo sforzarci di perdonare”.
“Perdonare qualcuno equivale a togliere una patata dal sacco. Quante
persone per cui provavi rancore sei capace di perdonare?”
“Ci ho pensato molto, Maestro” disse il discepolo. “Mi è costata molta
fatica, ma ho deciso di perdonarli tutti”.
Mettete in pratica….
SIETE MERAVIGLIOSI SOLO PERCHÉ ESISTETE!!!!!

GIUGNO 12, 2014
FENICE
Cara Allie…la mia storia molto uguale alla tua, come vorrei essere così forte come
te, io purtroppo non riesco, o per lo meno ho cercato di esserlo, di non farmi
vedere e sentire, ma con un angoscia devastante guardavo tutte i suoi movimenti
visto che inevitabilmente lavoro vicino casa sua, abbiamo tutti gli amici in comune,
ho preso distanze da chi mi raccontava cosa faceva e cosa non avrebbe dovuto
fare visto che si è rimesso con la sua ex, mi sono trovata terra bruciata intorno, e
mi vergogno ma lo confesso, vorrei si lasciasse con la ex e tornasse da me,
giusto l’altro ieri dopo 3 mesi di silenzio l’ho contattato io con la scusa di
riprendere cose che avevo da lui, e tutto questo non perchè mi servissero quelle
cose, ma per insinuarmi dinuovo nei suoi pensieri,è stato gentile e premuroso,si è
offerto di tenermi ancora qualcosa visto che io non ho molto spazio in casa,non
speravo altro visto che sarà una scusa valida per rivedrlo, gli ho detto che spero
sia felice e stia bene, dice di si e che lo spera tanto anche per me, e dopo averci
strinto la mano con un abbraccio e baci di saluto, prima che salissi in macchina mi
ha perfino detto “scusa”!Sicuramente è il suo senso di colpa a dettare questo
comportamento visto che mi ha lasciato per rimettersi con la sua ex di punto in
bianco con tutte le modalità successe a te…non mi illudo,ma non riesco ad
andare oltre, mi curo, cerco di uscire di svagarmi, ma dentro di me ho un grande
senso di nauesa, lo stomaco annodato,sforzarmi a fare cose che vanno contro
quello che sento mi costa caro, che dire…sono la peggio!

GIUGNO 12, 2014
ENRICO
Se ti consola saperlo, non sei la peggio Sei uguale a tanti di noi. Ho provato o
meglio provo ancora le tue stesse sensazioni. Lo stomaco annodato,
angoscia, tachicardia, nausea per tutto ciò che ti circonda Non vorrei dirlo ma
da una settimana percepisco dei lenti miglioramenti. A me giova scrivere,
parlare di quello che mi ė capitato, le uscite con conoscenti, amici per quanto
sporadiche, a me non fanno bene. Quando sei bloccato nelle gambe non
vedo proprio come ci si riesca, ad uscire in tutta spensieratezza. Se avessi, la
testa e cuore sgombro non starei qui a rispondere A rispondere a quasi ogni
commento….. Passerà, lo dicono tutti…. Passerà
o
MAGGIO 12, 2014
CAROLINA
Caro MrMojito, mi hai fatto piangere, questa è mancanza e nostalgia, è dolore per
l’amore non corrisposto, è la ferita dell’abbandono, sono emozioni forti legate
all’assenza e al senso di fallimento, sensazioni impossibili da non provare, che
appaiono senza sbocco. C’è l’amore per l’altra persona che oggi, in sua assenza,
sembra più assoluto di prima, al punto di non farci neanche ricordare i difetti che pure
c’erano. C’è la sofferenza che va attraversata. Ma c’è anche qualcosa che riguarda
solo se stessi, la paura di non trovare strada e direzione senza l’altro, la drammatica
insufficienza di noi stessi, la nudità del nostro vissuto e del nostro bisogno. Non va
rimosso il dolore, in tutte le forme in cui si presenta, non va rigettata la nostra fragilità,
ma non facciamo gli altri depositari esclusivi del nostro malessere. Ognuno ha una
storia diversa, ma il dolore può essere uno straordinario strumento di conoscenza di
noi stessi. Io ti capisco, eccome se ti capisco, ci sono momenti in cui ancora il dolore
mi sembra insopportabile, la mancanza insostenibile, e torna la domanda-trappola
“come puoi non amarmi più, se io ti amo così, se io sento un tale bisogno dite?”, ma
poi ci sono anche momenti in cui penso più a me stessa, alla persona che sono, al
fatto che il mio valore umano resta anche senza di lui. Sono questi i momenti che
debbono aumentare sugli altri, in un rapporto rovesciato di forze. Come non so, forse
lasciarsi attraversare dalla sofferenza in tutte le sue forme, acchiappare però anche i
momenti diversi, farsi consapevoli di cosa li propizia, propiziarli, ed aiutarsi così. Un
abbraccio.
Carolina
•
MAGGIO 9, 2014
ANDREA
X tutti:
Ragazzi è solo questione di tempo.anche io soffrivo da cani come voi 14 mesi fa e mi
sembrava vivere in un incubo e non vedevo via d uscita vedevo tutto nero ho pianto per
4/5mesi ma poi arriva quel giorno dove non ci saranno piu le lacrime da versare ma la
strada è lunga,le giornate sembrano interminabili….ma ora tutto ha un senso…fate
passare il tempo..e vedrete che il dottor tempo schiarira’ le idee di tutti,portera’ gioia
tranquillita’ e serenita nelle vostra vite.tenete duro alla fine loro erano degli sconosciuti
prima di conoscerli..ed ora sono tornati tali, pensate a come eravate voi prima di
conoscere loro… vi abbraccio tutti…daiiiiiiii suuuuuuu che si va avanti
•
MAGGIO 7, 2014
PIETRO
Ciao,
sono Pietro (33 anni) e 10 giorni fa sono stato lasciato dalla mia compagna pari età dopo
quasi 10 anni di unione (di cui 5 anni di convivenza). Fino al mese scorso c’erano progetti,
la volontà di entrambi di fare un figlio (insomma ci si provava), nonostante i nostri alti e
bassi, eda parte mia, dopo 10 anni, mi sono “seduto” e non le coprivo di attenzioni come
lei desiderava.
Lei, dopo che ha cambiato posto di lavoro, in appena 3 settimane si innamora di un suo
collega e mi lascia. Ovviamente sono uscito di casa, incavolato, prendendo tutte le mie
cose; dopo qualche giorno parte con lui in vacanza per alcuni giorni. Ho tentato di farla
ragionare ma non c’è nulla da fare…Ha perso la testa per questo uomo.
Io sinceramente sono distrutto, fisicamente e moralmente.
Da un lato vorrei riprenderà, dall’altro ha perso la mia stima e fiducia. Da lei non me lo
sarei mai aspettato.
Non so cosa fare….se aspettarla che ci ripensi, o metterci la pietra sopra e tentare di
andare avanti.
o
MAGGIO 7, 2014
CAROLINA
Ciao Pietro, non c’è veramente molto che tu possa fare se non accettare di vivere
questa sofferenza per quella che è, un abbandono in piena regola, e per un altro
uomo! Aspettare che ci ripensi? Non ti consiglio di lavorare per questa speranza, che
pure se c’è è minima (soprattutto perché c’è di mezzo un altro, anche se certo
potrebbe andare male tra loro, e allora la fanciulla potrebbe essere tentata di ritornare
da chi costituisce un porto sicuro, e non c’è porto più sicuro di chi è stato abbandonato
e ama ancora, comunque questo dipende anche da com’è psicologicamente questa
donna, se ad esempio è una che sola non ci sa stare). Ma comunque certo non
dipende da te. No, per quanto duro, io ti consiglio di predisporti a “lasciarla andare”,
emotivamente e psicologicamente intendo, anche perché se esiste una speranza che
possiate tornare insieme (non che lei torni in sé così com’è, ma che se tornasse
potete avviare un’altra vita insieme) è solo partendo da un distacco da quello che siete
stati, trasformati cioè in altre persone che desiderano stare insieme su altre basi,
costruendo un nuovo progetto futuro, “ripatteggiandone” le regole. Perché se pure
oggi tornasse, così com’è, dopo quello che è successo e con tutti i suoi strascichi, e
con te così sofferente che vorresti solo che questo dolore finisse, mi dici come la
metteresti con la questione della stima e fiducia da parte tua? Non saresti sereno, ad
un incubo se ne sostituirebbe un altro. Tentare di andare avanti, oltre loro che ci
hanno lasciati senza amore, è una questione di sopravvivenza, non di scelta.
Coraggio. Ora va male, nei prossimi mesi probabilmente andrà malissimo (io dopo 4
mesi e mezzo sto ancora a pezzi, anche se il dolore è in evoluzione), ma poi dicono
tutti che si riparte… Poi sei giovane, 33 anni, questo è un elemento importante. Un
abbraccio. Carolina

MAGGIO 7, 2014
PIETRO
grazie Carolina per il supporto. Ma come si fa ad innamorarsi in soli tre
settimane?? Insomma c’erano progetti… 10 anni contro 3 settimane (e questo
uomo ha pure una figlia di tre anni).

MAGGIO 8, 2014
CAROLINA
Non lo so, magari non erano solo 3 settimane, non è possibile che la storia
fosse iniziata da prima? Uno non è che ama una persona, fa progetti insieme,
e in 3 settimane si innamora di un’altra, a meno di non essere pazzi. Oppure
questa donna è volubile, molto molto superficiale, infantile, non so, soltanto tu
che la conosci puoi dirlo. In ogni caso, 3 settimane o molto più, per quanto
triste e duro possa essere da accettare, questa donna aveva già smesso di
amarti da tempo, altrimenti uno non se ne va così. Una cosa però voglio
chiederti: i progetti li facevate veramente insieme, o eri un po’ più tu a
spingere? Lei era davvero così propositiva e coinvolta in essi? Perché, certo,
è molto strano che uno sta immerso in un progetto e, di punto in bianco,
cambia vita. A me è capitato, in passato, di non amare più una persona con
cui stavo da 7 anni, e certo non è che facessi progetti esaltanti con lui,
diciamo che le cose si trascinavano. Per pigrizia, per abitudine, perché era
davvero una brava persona e non è che stessimo male, ci volevamo bene,
non pensavo di chiudere. Non c’erano litigi o incomprensioni. Però a un certo
punto mi sono innamorata davvero di un altro, senza che fossi alla ricerca di
altro amore. A quel punto la storia si è conclusa, senza neanche sapere come
sarebbe andata con l’altro, perché la vicenda mi mostrava chiaramente, e
definitivamente, che non c’era più amore, ne ho preso coscienza. Ma, ripeto,
non è che fossimo impegnati in grandi progetti futuri, non è che fossimo in
una fase della storia molto costruttiva. Semplicemente, l’amore si era
esaurito, con una sua parabola, e senza un perché. Le storie si trascinano, a
volte ci si trasforma in fratello e sorella, stai anche bene in quell’ovattamento,
ma con l’amore uomo-donna non c’entra più nulla. Questo può accadere. Ma
non di punto in bianco, un mese ti amo e un mese dopo ciao. Può essere che
durante la storia che si trascina non si abbia la lucidità, la consapevolezza di
sapere la condizione in cui ci si trova, e può anche essere che imput esterni
spingano (non necessariamente un altro amore, anche cambiamenti di lavoro,
conoscenze, nuovi interessi), ma – ripeto – nulla accade all’improvviso da un
momento all’altro.

MAGGIO 9, 2014
ALBERTO
Ciao Pietro.. Ho letto la tua storia, le risposte, e posso solamente dire che ti
capisco perfettamente.. Anche se con un rapporto decisamente più breve è
capitato anche a me lo stesso: 3 anni, grande amore, o meglio vissuto così da
me e dalle persone che ci erano vicine.. Ma non da lei evidentemente.. Mi
lascia dall’oggi al domani per pensare, riflettere, capire chi è e che cosa
vuole, ammettendo che c’era la vaga presenza di una persona che l’aveva
fatta pensare, ma con il quale non era ancora successo nulla.. 15 giorni dopo
mi da il definitivo benservito, e l’uomo era già diventato un bacio ed una
persona da conoscere.. Altri 15 giorni ed è stato presentato ai suoi parenti,
agli amici (tanti in comune) e già si parla di amore.. La ferita è devastante
Pietro, ripeto, vivendola in questo momento capisco tutto quello che puoi
passare.. Ma leggendo cose qua e la l’unico suggerimente che ti posso dare,
in linea con quanto sto facendo io, è smettila di pensare o smettila di farti
domande.. Con tutta la rassegnazione del caso potrei utilizzare parecchie
frasi fatti, cercare di convincerti (come cerco di fare con me) che non era vero
amore, che magari la persona è stata squallida, superficiale, banalmente
cattiva, ma non servirebbe.. A conti fatti sei, siamo stati abbandonati e
dunque oggi sei e siamo da soli.. Pensare a lei, a cosa sia successo, anche
solo a voi, non è di alcuna utilità, anzi, fidati, più lo fai e più starai male..
Guarda me, se avessi accettato tutto la prima volta, un mese fa, oggi non
saprei cose molto peggiori: mi sarei limitato a piangere per la fine di una
storia meravigliosa, mi sarei fatto delle domande, certo, ma a volte è molto
molto meglio non sapere; oggi so che ama un altro, ripeto, in circa un mese e
questo a conti fatti mi
fa ancora peggio.. Accettare, rassegnarsi, ma soprattutto, poichè siamo soli,
ripartire da noi stessi, anche se oggi non esiste ancora un me senza di lei.. Le
frasi retoriche le lascio davvero stare, se vuoi ne trovi migliaia in internet, ma
fatti, facciamoci forza.. Passerà tempo, per alcuni di più, per alcuni di meno,
ma prima o poi stai pur certo che anche noi torneremo ad essere scaldati dal
sole, ad emozionarci per le piccole ma stupende cose che la vita sa regalarci,
anche se ci costano sofferenze.. Pietro, è una fine, non LA fine, e dopo ogni
fine, comunque vada, prima o poi c’è sempre un nuovo inizio….

MAGGIO 9, 2014
ANDREA
Ciao Pietro,
il vero sentimento forse da parte sua era gia calato da prima verso di
te,stessa cosa è capitata a me,ovviamente ci sono stati segnali che ce lo
hanno fatto capire ma noi niente andavamo a testa bassa!!!! capita
atutti,scusami l essere crudi ma ora non ce piu nulla da fare ,se non
rimboccarsi le maniche e crearsi una vita nuova..inizia da subito..non perdere
tempo…soffrire fa anche crescere…non sentirla ne vederla piu…vedrai che
con il tempo,ma con molto tempo ne uscirai piu forte…non mollare mai….!!!!
so come si soffre x amore …ed è una cosa orrenda che non dovrebbe mai
capitare,ma purtroppo le cose nella vita imparerai che non durano x
sempre…ma parlo di di tutto non solo dell’ amore… in vocca a lupo…
x qualsiasi cosa scrivi pure…
Andrea

GIUGNO 9, 2014
PIETRO
È passato un quasi un mese e mezzo da quando mi ha lasciato per un
suo collega conosciuto in appena 3 settimane, uomo di qualche anno più
giovane di lei con a carico una figlia di pochi anni che la sta crescendo da
solo. Settimana scorsa avevo necessità di sentirla, ma lei taglia corto
dicendomi senza giri di parole che lei è felicissima e che stanno
comprando casa (ora si conoscono da ca.2 mesi)… Ed io sono rimasto
senza parole….. Sia la sua amica che la mamma dicono di essere
preoccupate, da 33enne si sta comportando come una ragazzina di 14
anni follemente innamorata, che vive in un’altra dimensione. Quanto
tempo ci impiegherà a tornare sulla terra?? Riuscirà a crescere una figlia
non sua?…Non la riconosco più….Sono consapevole che ormai devo
vivere la mia vita, ma a questo punto avrei voluto terminare questa storia
diversi anni fa….mi sembra di aver perso 10 anni della mia vita…
o
MAGGIO 8, 2014
MATTIA
Cari Ragazzi…. Nn racconto la mia storia perché il passato è già passato e non serve
a nulla riviverlo ( IO NON SONO IL MIO PASSATO MA SNO TUTTO CIÒ CHE SONO
ORA ) , il passato non conta, è andato…ricordatelo sempre!!!!!però posso dirvi e Vi
dico che bisogna lavorare su se stessi… Già la parola ABBANDONO dice tutto, nel
senso, abbandonare tutto quello che è stato. Con lei o lui che sia se ne devono
andare anche tutti i pensieri , progetti, illusioni, vite già programmate. Ve lo sta
dicendo una persona che sta soffrendo come voi ma che ha capito che farci del male
non serve. In 3 mesi ho letto centinaia di libri, ascoltato psicologi su youtube, ho fatto
di tutto e di più e piano piano , ascoltando le cose che suggeriscono devo dire che sto
andando avanti. Ho scoperto una cosa bellissima e vera… Non serve soffermarci sui
pensieri del tipo perché mi ha lasciato, cos’ho fatto perché se ne è andata/o etc etc…
Queste domande , non troveranno mai risposte VERE e lo sapete… Dovete
solamente sentire il dolore, percepirlo, dire , sono triste, malinconico, arrabbiato etc
etc e guardare semplicemente il sentimento senza farsi domande. Non fatevi
domande oppure il pensiero ci frega. Ricordate sempre che le piante, gli animali , i
fiori e tutta la natura non si fa domande ed è PERFETTA. Noi purtroppo ci facciamo
troppe domande e ci freghiamo da soli. L’ho sperimentato e posso assicurarvi che è
proprio vero. Almeno io parlo per me. Ho imparato a non farmi domande quando mi
assalgono i pensieri negativi e tristi ma li lascio li, non gli do bado e piano piano se ne
vanno da soli e la vita mi regala dei momenti di gioia.
Pure io non riesco a concepire che certe persone , Per lo più quelle che abbiamo fatto
ridere, che abbiamo amato, emozionato , con la quale ci sentivamo completi possano
poi deluderci e farci soffrire così tanto facendo crollare tutto quello che di bello c’è
stato , però bisogna guardare la realtà in faccia e dirsi razionalmente , io mi stimo , se
lui /lei non mi ama più e non mi vuole allora non mi ha mai amato davvero… Un
aforisma molto bello dice ” l’amore che poté morire non era vero amore” ed è vero…
Nella maniera più assoluta.
La nostra mente ci incasina un sacco e noi dobbiamo tenerla a bado, dobbiamo
cambiare modo di pensare, lasciare che i nostri mali e sentimenti più tenebrosi
compiano il loro lavoro, compiano quello che sono venuti a fare , dobbiamo lasciarli
fare. Questo malessere serve a noi, a farci diventare migliori, dobbiamo accogliere
questo dolore, dobbiamo dirci “io sono stato abbandonato e non voglio fare niente per
rimettere le cose apposto ” . Questa destabilizzazione ci prepara a un cammino a
nuovi modi di essere ma non dobbiamo commettere l’errore di farci fregare dalle
nostre domande stupide che troveranno risposte stupide… È dura, Durissima, io
piango ancora ad oggi però non possiamo farci niente, dobbiamo abbandonarci a
questo stato e vedrete che poi la vita ci farà fare un salto all’improvviso. Io ne sono
certo perché con me sta funzionando, perché lottare contro questi sentimenti non
serve a niente,più gli accogliamo prima se ne andranno. E noi diventeremo migliori .
Ricordate sempre che chi viene abbandonato è costretto a fare un salto in avanti nel
l’evoluzione della vita e diventerà una persona migliore.
Ultima cosa stimatevi tanto perché è la cosa fondamentale .
Leggete se volete Don miguel Ruiz , osho, il manoscritto ritrovato ad Accra di coehlo e
vedrete che la vostra vita migliorerà ma solamente se lo vorrete davvero.
Ford disse, che tu creda di riuscire o non riuscire avrai comunque sempre ragione.
Tutto dipende solo da noi.
Forza ragazzi…. Prima o poi tornerà la luce del sole e il buio di queste tenebre
sparirà.
Dai che la vita ci ha dato tutto… E dobbiamo solo guardare tutto ciò che ci regala
come il respiro, i sensi , la natura , le stelle , il sole e tutto quello che purtroppo nn
diamo mai troppo peso perché tanto sono sempre li per noi… Facciamo un passo alla
volta, giorno per giorno e basta, nn pensiamo al futuro e nemmeno al passato. Siamo
qui ora e questo è solo quello che conta davvero.
Forza e su col morale.
Un abbraccio a tutti.

MAGGIO 9, 2014
PAT
Caro Mattia, come non commentare il tuo post (ti chiami come colui che mi ha
lacerato il cuore :( )!
Sono pienamente d’accordo con te e ogni giorno cerco di vedere la meraviglia
nelle cose intorno a me, come ne parli tu.
Non nego che è molto difficile ma ci provo e comunque ogni giorno c’è sempre un
pensiero (e anche più di uno) rivolto a chi mi ha ferita.
Quando mi ha lasciata 8 mesi fa (dopo 10 anni) sapevo che sarebbe stato un
percorso lungo e doloroso ma come te, anche io ho letto un sacco di libri, riviste,
siti internet, ho visto un sacco di video e anche se non mi hanno dato la soluzione
comunque leggere di altre esperienze mi ha fatto sentire meno sola.
Ho ricominciato da me e ho ascoltato (e ascolto), ancora oggi, il mio dolore. Non
fermo le mie lacrime, i miei pensieri, le mie emozioni per quanto negative possano
essere, mi portano dei momenti di sconforto che come arrivano se ne vanno. Ho
accettato che per ora fanno parte di me come ancora lui fa parte di me. L’unico
consiglio che mi sento di dare a tutti, è di avere pazienza, ci vuole tempo per
ritrovare la serenità. Non abbiate fretta di voltare pagina e di soffocare il dolore,
vivetelo e non giudicatelo, fa parte di voi in questo momento.
Vi auguro una splendida giornata e fatevi baciare da questo magnifico sole.
un abbraccio

MAGGIO 9, 2014
CAROLINA
Caro Mattia, concordo pienamente con quel che dici, è così, non dobbiamo porci
delle domande sulle cose come sono andate, perché così non facciamo altro che
essere ancora immersi e dipendenti dalla storia che si è conclusa, come se non
bastasse il dolore che inevitabilmente dobbiamo patire per l’assenza, per la
mancanza, per la difficoltà di ritrovarsi soli e reinventarsi la vita quando non
avremmo scelto di cambiare. Farsi delle domande è sensato quando la relazione
esiste, dopo è un film che interpretiamo purtroppo da soli (io mi ritrovo a volte a
parlare in un dialogo immaginario e muto, spiegando le mie ragioni, ma con chi se
non con il suo fantasma?). Quello che dobbiamo fare è accettare la conclusione,
che, al di là dei dettagli delle storie, è per tutti noi la medesima: SE NE SONO
ANDATI VERSO UN’ALTRA VITA CHE NON CI CONTEMPLA. Avranno fatto
bene? male? se ne pentiranno? amano già qualcun altro o sono solo confusi?
Boh. Questo per noi, oggi, non fa più differenza. Se ne sono andati, e basta,
perché non ci amavano più, altrimenti – pur con tutti i problemi – si resta.
Viviamoci il dolore di oggi per quello che è, per l’assenza della persona con cui
magari avremmo voluto invecchiare nelle nostre fantasie. Però, voglio anche dire
che, passando i giorni e i mesi, il dolore certo non cessa magicamente, ma
senz’altro si trasforma. NON STIAMO SEMPRE ALLO STESSO PUNTO
NEANCHE NOI, per quanto lente possano apparire le ore, interminabili i giorni,
senza uscita la sofferenza. Questa è una certezza che ci deve sostenere. Il nostro
dolore cambia, e dobbiamo accettare e accompagnare la sua trasformazione, sia
quando si acutizza (il processo non è per nulla lineare, io ad esempio nel primo
mese tutto sommato mi sono difesa, forse anestetizzandomi per proteggermi, il
peggio è stato dal secondo e soprattutto nel terzo e quarto mese, in questo
momento va un po’ meglio, ma so che potrebbero tornare brutti momenti), sia –
soprattutto – quando si trasforma di qualità e verte nel senso della nostalgia,
terribile sì, struggentissima, ma segna pur sempre in qualche modo un distacco
(si prova nostalgia per qualcosa che ormai si è consapevoli che non si ha più,
prima prevalgono rabbia e angoscia). Anche questo fa male, ma anche questo
aiuta, imparare a percepire le trasformazioni del nostro dolore. Purtroppo non ci
sono soluzioni miracolose (resettaggio del cervello e simili). Voglio anche dire che
a volte ritornano, purtroppo. Dico purtroppo, perché non sono quasi mai veri
ritorni, magari ci cercano perché – dopo l’ubriacatura iniziale – scoprono che
questo Wonderful World in cui pensavano di proiettarsi immediatamente non
esiste se non nei film neanche per loro, e allora può anche capitare che si
rivolgano a noi (!) perché si sentono confusi (e se ne infischiano della condizione
disastrosa in cui siamo noi, per causa loro!), ma sono situazioni ad alto rischio
perché la situazione non è cambiata e non appena staranno meglio avranno
qualcos’altro di meglio da fare che cercare noi, e noi vivremo soltanto un secondo
abbandono. A me è successo, mio marito mi ha fatto sapere che voleva parlarmi,
accendendo in me delle aspettative, ma era solo perché stava male (pensava
forse di cancellare con una gommina tanti anni insieme, e simbiotici, senza
contraccolpi?). Quando ho compreso che questo avvicinamento, condito anche di
attenzioni alla mia condizione (“come stai?”), non era altro che funzionale ai suoi
bisogni (di avere qualcuno con cui confidarsi), sono riprecipitata nel buio,
ripartendo da zero, ma mi è servito a capire che non dovevo più permetterlo, e
così ho fatto. Ho comunicato che non ero in condizioni di ascoltarlo, di avere
scambi emotivi con lui, che non mi fanno bene, che non li desidero, che prima di
tutto c’è la mia tutela, e non più la sua. Il risultato è che si è rapidamente ripreso
attraverso nuove amicizie, anche femminili, e auguro alle altre miglior fortuna di
me alle prese con un uomo che si spaventa ad affrontare emozioni, sentimenti e
dolori e pretenderebbe di passare indenne attraversando il mare. In ultimo,
orientandosi a coltivare nuovi interessi che ci distraggano, consiglio a tutti un
corso di tango argentino, che si può iniziare anche in età non proprio giovane, e
anche in assenza di particolari doti atletiche o consuetudine alla danza. Se si
scopre che piace, diventa un toccasana: aumenta la nostra autistima, rafforza la
nostra identità maschile e femminile, ci consola nell’abbraccio con gli altri, ci
consente di esprimere sentimenti senza nasconderli (quelli che abbiamo dentro,
anche il dolore) ma senza doverli verbalizzare razionalmente. Io ne traggo un
beneficio enorme.
Coraggio a tutti!
Carolina

MAGGIO 9, 2014
MATTIA
Cavolo ragazzi / ragazze / donne e uomini…. In questo blog ci accorgiamo
quante persone soffrono per una perdita… Siamo tutti uguali alla fine e
questo ci dovrebbe “consolare” … Non siamo mai soli davvero, anche quando
ci sembra che sia così… Lo so che nessuno di noi avrebbe voluto essere in
questa situazione, nessuno avrebbe voluto stare così per “crescere” per
diventare una persona migliore , per trovare poi la persona giusta perché
pensavamo già di aver tutto vero? Pensavamo di star già bene così… Però
siete sicuri che era proprio così? O vi eravate adattati perché eravate già
comodi… ? Perché molte volte siamo proprio noi che c “lasciamo andare” e
poi loro ci lasciano… Per esempio io mi lamentavo tra me e me perché nn mi
piacevano determinate cose, peró soprassedevo , pensavo che andando
avanti le cose cambiassero ma nn è affatto vero… Se una cosa non va non
andrà mai… Oppure farà come un elastico… Si tirerà per un periodo ma poi
tornerà sempre nella stessa posizione inziale… In ogni caso noi soffriamo
perché tutti dentro di noi abbiamo bisogno dell’altrità… Però non possiamo
avere un rapporto sulla quale appoggiarsi, dobbiamo avere un rapporto come
due binari, due persone serie che funzionano da sole che intraprendono lo
stesso percorso… Dobbiamo imparare a star bene con noi stessi ;frase fatta,
che dicono in tanti e che nessuno sa spiegarne veramente il significato
altrimenti basterebbe seguire le regole base e metterle in pratica giusto? Per
me star bene con noi stessi è amarci, essere molto razionali sulle cose che
accadono , capirci, conoscerci fino in fondo , non andare contro noi stessi ma
andare sulla nostra corrente,nn dobbiamo umiliarci, farci umiliare , scendere a
compromessi per star bene… Dobbiamo riuscire a guardarci da fuori e dire…
Io ti guardo e so tutto di te e la tua situazione… Cosa mi consigli di fare? Da
fuori se ci fate caso, sanno sempre quale sia la strada giusta… Appunto
perché sono staccati che sanno dare la risposta giusta… Non pensano a
tante cose ma vedevano le cose così come sono, semplicemente… Noi
dovremmo fare altrettanto.. Senza porsi mille pensieri… Dovremmo essere
come animali, nel senso, se un gatto si fa male si mette in un angolo, soffre,
si lecca la ferita fino a quando non starà di nuovo bene, e non pensa quando
si rimetterà o perché si è fatto etc etc… RIPETO …IL PENSIERO CI
ROVINA!!!!!! Non pensate ma guardate senza dire nulla!!!!
Altro esempio calcistico… Io ho giocato a calcio e lo so per certo… Provate a
rispondermi… Perché la maggior parte dei giocatori quando si trova in campo
aperto e corre per 40 metri quando arriva davanti al portiere sbaglia ? Mentre
quando ci sono mischie , l’avversario e le più grosse difficoltà riesce a
inventarsi il goal? Semplicemente perché in quei 40 metri pensa come dovrà
calciare, dove si tufferà il portiere, pensa che slo sbaglia sarà sfigato etc etc..
Sono pochi secondi ma mille pensieri e poi fatalità sbaglia… Mentre quando
nn ha tempo di pensare fa goal! Questo è l’istinto che ognuno di noi ha
dentro..lui ci guida senza che noi facciamo fatica, mentre se ci mettiamo a
ragionare rallentiamo, rallentiamo e ci freghiamo da soli.. PROVATE A
pensare che il nostro corpo esegue centinaia di movimenti senza che noi ci
pensiamo…fa tutto in automatico e per il nostro bene… SENZA PENSARE…
( andatevi a leggere la storia della rana e il millepiedi e capirete cosa intendo
)..
Quindi cari ragazzi ricordate , NON RAGIONATE SUL PROCESSO E VIA I
PENSIERI… GUARDATEVI DA FUORI COME SE DOVESTE RAGIONARE
A MENTE FREDDA, LASCIATE STARE IL PASSATO, NON PENSATE AL
FUTURO E BASTA PIPPE MENTALI CHE CI AGNENTANO… E per favore
voletevi bene, cancellate tutto , non dovete sentire nessuno , non parlatene ,
se vi scrive l’ex nn rispondete, A COSA SERVE RISENTIRLO? Dopo quello
che vi ha fatto!!!! Abbiamo amor proprio… Di donne e uomini bravi CE ne
sono tanti al mondo basta guardare tutti noi che scriviamo qua.. Vedete…
Che meraviglia … e IN OGNI CASO al riguardo vi suggerisco una frase…
“Continuare a provare risentimento e rabbia nei confronti di qualcuno è come
bere ogni giorno del veleno pensando che così sarà quella persona a star
male… ”
FORZA A TUTTI…
PAT…mi spiace che il mio nome sia come quello di chi t ha fatto soffrire… Io
nn posso nemmeno sentirlo quello della mia ex… Quindi t capisco eccome…
Ti abbraccio
Carolina… un saluto e un abbraccio… Forza…

MAGGIO 10, 2014
PIETRO
Grazie a tutti voi… I vostri interventi mi stanno facendo riflettere

MAGGIO 10, 2014
CAROLINA
Certo che è così, io mi meraviglio sempre quando le persone dicono che
la separazione è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Non posso
credere che una situazione idilliaca si interrompa improvvisamente,
senza preavviso. Possiamo essere impreparati noi, questo sì, ma le cose
non avvengono per caso. Per quanto mi riguarda, erano almeno 2 anni e
mezzo che mi ero lucidamente resa conto che le cose non andavano, che
non eravamo più in comunicazione emotiva (e questo da vario tempo
prima), e che le cose “funzionavano” soltanto perché non ci
interrogavamo su nulla e facevamo finta di non vedere (nel nostro caso,
nascondendoci dietro altri interessi comuni e altri rispetto al nostro
rapporto). Quando a un certo punto io mi sono resa conto che non
andava bene, e ho indicato la crisi, l’ho esplicitata, mio marito non ha
retto. Ha cercato anche lui di fare qualcosa, ma non ha retto all’ondata
emotiva, ed è fuggito (per poi entrare in crisi anche lui, ma per suo
conto). Insomma, le strade si erano separate da molto tempo, avevamo
smesso di dialogare emotivamente, all’inizio eravamo sullo stesso binario
(fusionali al punto di annullarci come entità autonome), poi ci siamo
spostati su binari diversi e verso altre direzioni. Non abbiamo curato
questa relazione, non siamo mai andati su binari paralleli, autonomi ma
verso la stessa direzione. Io ho cercato più di lui di ritrovarci, non posso
dire che lui non abbia fatto nulla, però non ha funzionato. Ci ha anche
ostacolato quello che all’inizio è stata una risorsa, o forse anche la causa
della nostra attrazione reciproca: troppa testa, troppa intellettualità,
troppa cerebralizzazione, e troppa difficoltà con le proprie emozioni. Due
persone simili che, nel momento di affrontare la dimensione emotiva, non
ne sono state capaci, due analfabeti! Non siamo stati capaci di aiutarci a
vicenda, alle prese con difficoltà simili. Io oggi so quello che non ha
funzionato nel meccanismo. Soffro molto per la perdita di mio marito, una
persona speciale che, nonostante mi abbia fatto soffrire, tale resta (e non
so quante persone potrò incontrare con cui poter intavolare fino alle 6 del
mattino discorsi filosofici sul mondo, che mi hanno arricchita moltissimo),
ma so anche che le persone come me, troppo schermate sul piano
emotivo, non mi aiutano a tirar fuori le mie emozioni e a riconoscere i miei
bisogni affettivi. So che le persone anaffettive rischiano di confermarmi
nella mia difficoltà sostanziale a esprimere tutti i miei bisogni, mi
confermano nella mia schermatura troppo razionale, e rischio di
accumulare frustrazione e dolore, che poi a un certo punto esplode,
com’è successo con lui. Io penso che ciascuno di noi ha la sua storia, e
dovrebbe trasformare tutto questo dolore in conoscenza di quel che non
ha funzionato e, quindi, di se stessi, evitando di risolverla solo con le
colpe dell’altro. Tutto questo non per esercitare troppo il pensiero o
rimpiangere il passato, ma per conoscersi meglio e saper meglio
scegliere in futuro.

MAGGIO 9, 2014
ENRICO
Bellissimo intervento Mattia

MAGGIO 10, 2014
MATTIA
Grazie Enrico del complimento…. Forza e su con la vita…
Carolina…. Io nn ho ancora trovato nessuno per poter filosofare fino alle 6 di
mattina … Ognuno ha la sua storia e si vede che doveva andare così… Ti
ammiro perché una separazione o un divorzio non credo che riuscirei a
reggerlo… Sono tanto emotivo e pieno di principi e valori per poter pensare
che due persone che si sposano davanti a Dio ( io sono credente e
moltissimo anche ) poi si possano lasciare…
Come si recita… Nella cattiva e nella buona sorte , in salute e in malattia…
Un giuramento così non potrei mai disonorarlo… Mi sentirei morire nei
confronti di Dio…
Ti ammiro tanto e ammiro tutti quelli che ce la fanno , che tengono duro e
soffrono come matti ma alla fine vanno avanti…
COMPLIMENTI A TUTTI DI CUORE…SIETE GRANDI PERSONE!!!!!
viva la vita , la nostra…. Vi lascio con un altro bell aforisma…
“Si è protruso su degli abissi. Ha rischiato più volte di cadere. Ma alla fine non
è precipitato. In bilico sul vuoto, non ha conosciuto la caduta. Ci sono stati
cedimenti, sbandamenti, delusioni, scoramenti, ma la VITA l’ha sempre avuta
vinta” !!!!!!
Bravi a tutti!!! Siate forti e un bel giorno vedrete una luce immensa nella
nostra vita… E sarete voi a risplendere così!!!!
Un ABBRACCIO A TUTTI!!!!
Su Carolina… Coraggio.
•
MAGGIO 4, 2014
ENRICO
Già come si fa ad essere cosi insensibile, dopo che hai condiviso emozioni, e nel mio caso
segreti incofessabili Me lo chiedo anche io
•
MAGGIO 4, 2014
RAFFAELE
Non e’ vero che chi lascia non soffre di pensieri ossessivi. E’ durissima lo stesso
o
MAGGIO 4, 2014
MAX
Può anche essere vero, ma come lo spieghi che da là a poco molto spesso gira
completamente pagina con un’altra persona?
Com’è possibile che riesca a fare un reset totale di quello che è stato con la persona
precedente? Come si fa ad essere così cinici?
o
MAGGIO 4, 2014
ALLIE
Raffaele (leggi il mio commento con tono ironico), ma scrivere qui sopra, dove tutti
soffrono per essere stati abbandonati dalla persona di cui più si fidavano al mondo,
che anche chi lascia soffre, si rischia il linciaggio pubblico!! :) A parte gli scherzi, se il
mio ex sta soffrendo per avermi lasciata, cosa di cui dubito fortemente, non potrei fare
altro che goderneeeeee!!!!
•
APRILE 29, 2014
ALBERTO
Dolore, disperazione, frustrazione, umiliazione, rabbia, il tutto condito con l’impossibilità di
accettare quanto successo.. Le delusioni d’amore, specie per chi le subisce, hanno
spesso tratti comuni, nonostante l’enorme diversità delle situazioni.. Dopo due anni e
mezzo di amore immenso (parole sue) vengo lasciato letteralmente dall’oggi al domani; la
persona che fino ad un mese prima mi considerava l’uomo della sua vita in pochissimo
tempo (meno di un mese) ha smesso di amarmi e si sta già lanciando in una nuova
relazione.. L’ultima volta in cui ci siamo visti, quella in cui avrebbe dovuto comunicarmi la
sua decisione (io subito dopo l’averla vista uscire di casa ho cercato di tutto pur di
recuperarla), mi sono trovato di fronte una persona che forse non avevo mai visto prima..
Dalle cose che mi ha detto ero io in realtà quello che lei sembrava non aver mai visto
prima.. Non sono più innamorata, in 2 anni e mezzo il rapporto non è mai sceso in
profondità, un noi non ci sarà mai più perchè non mi sono mai sentita me stessa.. Queste
le cose più carine che mi ha detto, oltre alla confessione di questa nuova relazione
nascente (coltivata via sms con il nuovo collega di lavoro e già comunque sfociata in un
bacio).. Nel suo passato ha sempre tradito, e questa è sempre stata la base dei nostri
discorsi, siamo cresciuti, non facciamoci cose alle spalle che fanno solo del male e
rimuovono tutto ciò che di buono lasciano le relazioni.. Da quel giorno sono passati pochi
giorni e l’unica cosa che so davvero è che devo fare di tutto per non incrociarla, per non
vederla nemmeno in foto: via i regali, via ogni foto, nuovo profilo su Facebook senza amici
comuni.. La mia testa è indomabile, oscilla di continuo da un sentimento all’altro, ma
nonstante l’enorme ferita che mi ha inferto, con tanto di pugnalata finale, so che se la
vedessi paradossalmente tornare la riaccoglierei come se nulla fosse successo.. Vedo
davvero ancora troppo remota la possibilità di accettare quanto successo, spesso mi trovo
ad idealizzare dialoghi immaginari fra me e lei nella mia testa; nonostante tutto non riesco
a trovare la lucidità del distacco, di rendermi conto che forse non era così perfetta.. Vorrei
tanto poter fare come ha fatto lei, chiudere e ripartire, dimenticare tutto in pochi giorni, ma
so che sarà impossibile.. Con lei stavo davvero bene, sono certo che sia stato amore e
non riesco a darmi o a darle delle colpe: non me ne sono accorto prima, certo, ma di
segnali ne ho avuti ben pochi.. In tutto questo rassegnarsi e volare via lo vedo quasi come
uno sforzo del tutto inumano.. Passerò il tempo solo sforzandomi di starle lontano,
sperando che il detto “lontano dagli occhi, lontano dal cuore” faccia il suo lavoro.. Ma mi
manca e la amo, e da quando è andata via sono sempre più convinto di questo.. Che
fare? Resistere, soffrire e sperare che il sole sorga di nuovo, presto..
o
MAGGIO 3, 2014
CAROLINA
Ciao Alberto, capisco cosa provi e, dopo 4 mesi e mezzo dalla fine della mia relazione
(durata più di 10 anni), anche io mi ritrovo così. Oscillante nei pensieri, nei desideri,
incapace di capire esattamente quali sono i miei bisogni, a lottare con un dolore che
sembra superiore alle mie forze. Anche a me è successo di non riconoscere più quello
che era il mio compagno, anche a me ha detto di non amarmi abbastanza (= non
amare più) e di desiderare un’altra vita, anche a me ha raccontato di un bacio (che
bisogno c’era?) e di desiderare una vita nuova, fatta di nuove emozioni. Pure se la
nostra relazione era in crisi (una crisi che avevo visto più lucidamente io di lui, e alla
quale avevo cercato di porre rimedio più io di lui): PUGNALATE. Capisco dunque
esattamente ciò che provi. E so anche che il percorso è lungo, pure se predisponiamo
alla lettera tutte le azioni consigliate per sopravvivere. Io oggi mi sveglio, e un giorno
va meglio, un giorno un po’ meno. Ho sempre lo stesso pensiero, lo stesso groppo,
ma a volte mi provoca un dolore immenso e sensazioni lancinanti di non farcela a
superare questa sofferenza, altre volte rimane più a galla, a livello più razionale, e fa
meno male. Questo accade da circa un mese. Voglio dire che dopo 3 mesi e mezzo
dalla chiusura quello che registro di “positivo” è che ci sono momenti in cui il
malessere non si presenta in forma lancinante ma rimane più in sordina, a livello di
sensibilità. Tutto qui. Sembra poco, ma rispetto ai giorni di sofferenza, anche fisica,
senza tregua, a me sembra moltissimo. Il punto è che non c’è modo di evitare questa
sofferenza, noi che siamo stati lasciati non possiamo fare come loro che ci hanno
lasciato, non siamo nella stessa condizione emotiva. Già per il fatto che hanno deciso
di andarsene, pur se soffrono un po’ del cambiamento (di mio marito lo so con
certezza), NON PENSANO CONTINUAMENTE A NOI e si sono già posti nella
condizione di cercare altra vita (non solo altre relazioni, ma tutta un’altra esistenza
CHE NON CI CONTEMPLA). Allora, che fare? Boh, sicuramente quello che
giocoforza stiamo già facendo, non potendo sottrarsi al dolore, viverlo, sapendo che il
tempo è un amico ma che il tempo del distacco (psicologico, perché il distacco
affettivo già c’è, nel momento in cui non sono più con noi) può anche essere molto
lungo (in molti parlano non di mesi, ma di di anni!). Nella consapevolezza, però, e
questo deve essere un faro per noi (anche considerando le testimonianze degli altri),
che in questo tempo non saremo sempre allo stesso punto, cambieremo anche noi,
per forza di cose. Non siamo anche noi animali che, biologicamente, hanno necessità
di far cessare il dolore? Dico questo ma so anche che gli esseri umani sono sì animali,
ma di tipo particolare, non perché più intelligenti, tutt’altro, ma perché diamo ai simboli
importanza suprema, ed è questo che ci incastra nei ricordi, nelle idealizzazioni, nella
nostalgia, purtroppo, e rende le cose meno semplici. Io, dopo mesi a interrogarmi su
di lui, pur se sempre nell’ambito del trauma che sto subendo ho iniziato a fare spazio
anche alle riflessioni su me stessa. E’ un modo di autocentrami, correggendo la
tendenza a inchiodare i pensieri sull’oggetto d’amore. Mi chiedo dunque: che cosa mi
fa sentire così persa senza quest’uomo? E’ davvero solo l’amore, il desiderio di stare
con lui, il desiderio che le cose fossero andate diversamente? O non piuttosto, oppure
anche, una forma di dipendenza affettiva, nel senso di una vita che ho delegato alla
relazione con lui, il mio valore che ho saputo concepire soltanto all’interno di quella
relazione finita la quale mi sento finita io stessa? E’ l’amore in sé che mi spinge a
rimpiangelo o non piuttosto, oppure anche, la paura del vuoto che mi attraversa
perché non mi sento importante in sé? Mio caro Alberto, è durissima, è un percorso
doloroso e sembra senza fine, ma penso che se non rivolgiamo dei pensieri utili anche
verso noi stessi, a prescindere dall’altro, non ne usciremo vivi. Cioè, ne usciremo, ma
con il rischio di non tornare più sensibilmente a sorridere. Un abbraccio. Carolina.

MAGGIO 7, 2014
ALBERTO
Ciao Carolina, intanto grazie per la risposta e per la condivisione della tua storia..
Nel mio caso specifico nei giorni passati dal mio post la situazione ha avuto
un’evoluzione curiosa, al limite dello spiacevole.. Dall’ultima volta che l’ho vista,
come dicevo una persona del tutto diversa, ci sono state una serie di
comportamenti che hanno ulteriormente contribuito a destabilizzarmi: il
fantomatico bacio si è tradotto in realtà in una vera e propria relazione.. In meno
di 15 giorni Lei ha aperto la sua vita totalmente alla nuova storia, invitandolo a
cena a casa sua, presentandogli amici e parenti; in un paio di giorni ha totalmente
svuotato il suo profilo Facebook dalle nostre foto, ha cominciato a pubblicare
cuoricini ed in fine mi ha bloccato il profilo.. Le emozioni a questo punto davvero
spaziano in ogni direzione.. Lei è una persona che nel corso della sua vita ha
sempre chiuso così le sue storie: di volta in volta, con persone del tutto diverse tra
di loro, covava frustrazione (chissà quali poi, a me non le ha mai comunicate)
esplodeva, fuggiva ed in tempo zero si trovava subito qualcuno con cui
consolarsi.. Accettare la fine di una relazione è di per sé una cosa comunque
difficile: in onestà d’animo è dura anche per chi lascia, sicuramente.. Ma ho detto
di proposito “in onestà d’animo”: si perchè in fin dei conti, specie dopo che si è
passato del tempo con una persona, credo che debba comunque mantenere
almeno il rispetto, sia della persona che della sua sofferenza.. In questo periodo
ho cercato di analizzare con lucidità gli eventi: ovvio, in fondo al mio cuore esiste
ancora un piccolo fanciullo che la riaccoglierebbe anche ora a braccia aperte,
perdonandole tutto.. Nell’analisi fatta, su di me, su di noi, su di lei, non riesco a
trovare davvero una ragione della fine.. Si sa, a volte mentiamo a noi stessi e altre
volte le relazioni si chiudono così, senza davvero una motivazione precisa, tant’è
che tutte le sue certezze, quelle che l’hanno allontanata, quelle che le fanno dire
con tanta convizione che non “ero quello giusto per lei”, non sono mai state
argomentate.. Io non credo di aver fatto cose irreparabili, di sicuro non sono
perfetto, ma le ho sicuramente dato tanto, forse non tutto, ma a conti fatti,
rendersi conto della superficialità con cui la gente affronta le cose fa forse più
male di un amore finito.. Nelle sue parole si è sempre nascosta dietro frasi del
tipo: so che le cose non cambierebbero mai, ho sbagliato a nascondermi e a non
parlarti prima delle cose che non andavano, ecc… Questo è amore? Dal basso
delle mie esperienza, applicato anche in questo fallimento, ho scoperto che è
inutile partire dal presupposto di cambiare le persone, specie nella loro natura;
certo, qualche vizietto o difettuccio si può correggere, ma alla fine amare è sapere
accettare, vivere nelle differenze e completarsi attraverso di esse.. Io ho visto in
lei davvero felicità, non solo nelle parole, non solo nei gesti piccoli o grandi, ma
anche e soprattutto nel suo modo di vivere la nostra storia.. Improvvisamente è
esplosa; improvvisamente, anche cullata dalla presenza di un altro che potesse
farle da paracadute, ha capito tutto.. “sono cambiata, cresciuta molto in pochi
giorni”.. E la chiamiamo crescita questa? Probabilmente non era destino, ma
perchè non parlarsi quando le cose andavano perfettamente? Perchè fuggire,
come ha sempre fatto nel passato? Ieri, dopo che non l’avevo più minimamente
cercata, le ho scritto un messaggio, sicuramente pervaso da rabbia e frustrazione
(non per la rottura, sia chiaro, ma per quelle piccolezze che davvero mi hanno
fatto male, per quelle cadute di stile che da una persona di 33 anni potrebbero
comunque essere superate), ma non di certo mirato ad insultarla.. Ovviamente ha
risposto male, rigirando il discorso su di me, dicendomi che non vado in profondità
a capire i miei errori ed altro, ergendosi quasi a paladina della giustizia.. Ed il mio
cuore si è spezzato per la seconda volta: come ho fatto ad innamorarmi di una
persona tanto egoista ed accentratrice? Una persona che ti dice “tu mi hai fatto
soffrire in passato, oggi soffri tu” che persona è? A parte non aver mai spiegato in
cosa posso averla fatta soffrire (dovresti vedere le facce degli amici mentre nel
periodo racconto della rottura, non dico fossimo una coppia perfetta, ma quello
che gli altri vedevano era quello) che cosa facciamo, il giochino delle ripicche? Io
ho sempre visto qualche lato oscuro in lei, ma amandola tutte quelle cose le ho
sempre messe da parte, proprio per quello che ho scritto sopra: amare è
accettare, specie quando non si arriva mai agli eccessi, comprendersi e crescere
nelle differenze.. Lasciarsi perchè uno è più estroverso e l’altro meno, lasciarsi
perchè si hanno modi diversi di affrontare la vita o di vedere le cose, lasciarsi
perchè non si hanno tutte le passioni in comune, lo trovo una maniera molto
educata per dire “scusa, non ti ho mai amato”.. Ed alla fine sarebbe stato meglio..
Non so davvero quale potrà essere la mia chiave di volta, oggi pur provando di
tutto sono completamente svuotato: non trovo nemmeno un pò di calore mentre
sono coi miei figli, ho provato qualche approccio con altre ragazze (finendo a letto
con una ex), ma alla fine mi rendo conto che faccio tutto ancora in funzione di lei..
Penso solo a lei, nel bene e nel male, nonostante la superficialità con cui ha
cestinato quasi 3 anni di relazione, quando sono stato a letto con la ex era come
se fossi li con lei.. Mi sveglio al mattino e la cerco le mio letto, nonostante tutte le
bassezze fattemi.. Anzi, dormo spesso nel letto dei miei figli, mentre lei dorme nel
suo già insieme ad un altro.. Non ho avuto molte spiegazioni, ho dovuto accettare
una decisione tutta sua (senza che nemmeno mi venisse data un’occasione per
capire, vedere e correggere eventualmente le mie mancanze, o ciò che l’aveva
fatta soffrire) ed alla fine dovrò farmene una ragione comunque.. Ma il rispetto
deve restare, quello si.. E nel mio caso mi sento davvero molto molto preso in
giro…..

MAGGIO 7, 2014
MAX
Concordo con te Alberto (e Pietro che ha scritto oggi sulla medesima
dinamica) su come una persona giri pagina in quattro e quattr’otto come se
nulla fosse successo azzerando di fatto, tutto quello che è stato.
Posso anche capire che ci si lasci, ma come si fa ad innamorarsi
immediatamente di un’altra persona?
Vorrei capire quali meccanismi si innescano in queste persone così ciniche e
spregiudicate…

MAGGIO 9, 2014
ALBERTO
Ciao Max.. Ho appena risposto a Pietro sulla base della sua storia e sulla
mia.. La realtà è questa, e non possiamo fare altro che accettarla, anche
se a fatica.. Nel mio caso, da amore eterno di 3 anni, in un mese l’amore
è già migrato su un altra persona.. Non ci sono e non ci saranno mai
risposte per spiegare le tue giustissime domande, l’unica cosa è inutile
farsi quelle domande.. Superficialità? Forse. Immaturità? Può darsi.
Destino? Certamente.. Noi non avremmo mai fatto così, per questo ne
soffriamo.. Ma a conti fatti, quello che oggi ci ha ammazzato, se vissuto
con lo spirito giusto, un domani sarà davvero la nostra forza.. Non so
come, non so quando, ma so che ce la farò.. Ce la faremo.. Non diamola
vinta alla vita, viviamola..
•
APRILE 11, 2014
ROMY
tutto quello che avete scritto e giusto doloroso comprensibile,,,,,ma di sicuro molto piu
facile rispetto a cio che sto passando io in quanto ho un bimbo di due anni e per forza di
cose devo sentire o vedere ogni giorno colei che mi ha ferito ,,,,,,,ho 34 anni ma mi sento
un 16 enne ,,,,
o
APRILE 17, 2014
CAROLINA
Ciao a tutti e tutte, leggo qui i vostri commenti e, in ognuno, ci ritrovo qualcosa che mi
appartiene, che ho attraversato e sto attraversando, impietosamente e
disperatamente. Sono 4 mesi che mio marito se n’è andato (dopo una relazione
durata più di 10 anni) e anche io, pure se non ho figli, debbo purtroppo rivederlo
(attività comuni), che è la cosa peggiore, che sembra sulle prime farti stare meglio, ma
così non è. Io penso che la rabbia nei confronti di chi ci ha lasciato è legittima, e
dicono tutti sia un’emozione necessaria proprio al distacco. Ma non è bene sentirsi
solo delle vittime. Non ne usciremo mai, così. Essere arrabbiati, pure furiosi, va bene,
ma nella consapevolezza che la rabbia è dovuta all’amore rifiutato, mentre è
insensato (e inutile, dannoso) attribuire colpe esclusivamente all’altro. A meno che
qualcuno non si è comportato eticamente male nei nostri confronti (ci torturava, ci
picchiava, ci tradiva, etc.), è una colpa quella di non amare più? Mentre è un colpo
durissimo per noi che siamo stati lasciati, senz’altro, che ci mette a terra, che ci
ammazza. Ma il problema, il nostro problema, va oltre chi ci ha lasciati. Io avverto
chiaramente che la difficoltà maggiore risiede nella (mia, nostra) difficoltà a vivere la
vita senza di loro, nel senso che la vita era troppo piena dell’altro, e che nell’altro
(anche se la relazione andava male, era in crisi) ci siamo annullati. Forse anche per
loro era così, ma avendo scelto di andarsene, hanno già aperto nuove loro prospettive
di vita (es. hanno un’altra relazione, oppure no, ma sono aperti a questa possibilità).
Quello che spaventa me oggi è il non sapere bene cosa fare nelle mie giornate, prima
scandite dalla sua presenza e dalle cose comuni 7 giorni su 7 e 24 h su 24 (non solo
per presenza fisica, ma psicologicamente). Il male è anche nella relazione esclusiva
che avevamo con loro. Una volta sciolta, è come se non avessimo più orizzonti, più
prospettive di vita. La difficoltà maggiore, oltre al fronteggiamento del dolore per la
perdita, è nel non avere una vita altra da vivere, è nel doverla per forza inventare, e
non è facile, soprattutto quando non si è più giovanissimi (io ho 51 anni). Io vivo nella
paura di non riuscire a vivere. Ho il terrore delle vacanze, come ad esempio ora quelle
pasquali, delle ore vuote, e non vedo l’ora di tornare a lavorare. Una parte (più o meno
grande) della nostra disperazione secondo me è nella incapacità di essere
autosufficienti, nella scarsa autostima.
PS. Siamo proprio sicuri che, tornassero anche con il capo cosparso di cenere,
staremmo bene accanto a chi ha dichiarato di non amarci più? Ci fideremmo ancora?
La mia terapeuta (sto facendo un percorso di sostegno psicologico, da sola non ce la
faccio) mi ha detto: signora, lei è così arrabbiata che non si capisce perché vorrebbe
indietro suo marito. Per ucciderlo? …
o
APRILE 17, 2014
CAROLINA
Caro Romy, nulla è facile, per nessuno, e molto dipende anche dalla nostra struttura
psicologica, da come reagiamo alle difficoltà e alle frustrazioni. Io, ad esempio, non ho
figli, ma attività comuni con il mio ex, attività che sono costretta ad allentare per non
vederlo spesso (cosa che non potrei fare si trattasse di figli), e, poiché sono attività a
cui tengo molto indipendentemente da lui (attività di volontariato, di impegno politico,
senza il quale non so concepirmi), mi sembra di vivere un doppio lutto. Sono tentata di
dire che la mia situazione è ancora più complicata delle altre, ma so che ogni
situazione ha la sua specifica complessità, e anche che la nostra ci sembra peggiore
delle altre ma che in fondo non è così. Ma posso dirti che non sempre la presenza di
un figlio è un ostacolo alla ripresa, non credere. Ci sono persone che, passate
attraverso questa lacerante esperienza che è l’abbandono da parte della persona
amata, sostengono che, magari alla lunga, la presenza dei figli è stata d’aiuto, in
primo luogo perché ti costringe a non lasciarti andare completamente di fronte a loro,
a recuperare un briciolo di forze che magari non avremmo senza amore genitoriale.
All’inizio sicuramente è più dura, ma in tanti mi hanno raccontato che se non ci
fossero stati i figli il loro stato catatonico e depressivo sarebbe durato più a lungo.
Tocca fare i conti con la situazione in cui siamo, materialmente, e cercare le energie
per recuperare salute mentale a partire dai puntelli che abbiamo. Il figlio ora ti sembra
che complichi la tua situazione, perché ti costringe a vedere lei, ma non è detto che
attraverso di lui tu non possa scoprire energie insospettabili, non filtrate attraverso la
donna che ti causa oggi dolore. Poi, tu sei molto giovane, tempo ne hai a
disposizione, non disperare, anche se adesso il tuo mondo è come frantumato.
•
APRILE 11, 2014
ALLIE
Caro mio ex, sento il bisogno di scriverti ma ho troppa dignità per inviarti questa lettera,
allora la invio all’etere, sperando che tu un giorno lontano la legga per caso.
Ci sono tante cose che non sai, ad esempio non sai le fasi che bisogna attraversare
quando si viene abbandonati dall’unica persona di cui realmente ti fidavi…C’è la fase del
rifiuto..dura da poche ore a pochi giorni…poi arriva lo scontro con la realtà…che ti fa
sprofondare in un abisso buio senza luce, dove vorresti morire, non tanto perché non
valga la pena vivere, ma perché il dolore è talmente profondo e dilaniante che ti
strapperesti il cuore dal petto se servisse. Poi c’è la rabbia…rabbia verso se stessi per
essere stati così stupidi, cosi facilmente abbindolabili..e la rabbia verso chi lascia. Ora io
sono molto arrabbiata. E non credo che mi passerà tanto facilmente..anche perché io non
voglio che passi! La fase successiva sarebbe inaccettabile, cioè quando si arriva
addirittura a pensare alle cose brutte senza rancore e alle cose belle senza nostalgia..non
voglio arrivarci! Voglio odiarti per sempre, voglio che questa dura lezione abbia per
sempre effetti su di me, in modo che mai più mi fiderò di nessun altro né permetterò a
nessun altro di rendermi vulnerabile.
Ho passato tante cose brutte nella mia vita, e tu lo sai, e le ho sempre affrontate a testa
alta, mi sono fatta una corazza e ho plasmato il mio carattere in modo da poter affrontare
e superare tutto.
Sono una donna in gamba, agli estranei bastano 5 minuti per dirmi che sono di
un’intelligenza viva, brillante, leggo molto, so fare mille cose, cose che neanche tu, uomo,
sai fare. Sono sicura, tenace, forte, orgogliosa, responsabile, mi addosso il peso del
mondo e riesco sempre a mostrarmi sorridente.
Non hai saputo apprezzarmi, mai, neanche per un minuto! Odiavi la mia forza, ora l’ho
capito. Invidiavi che andassi a fare gli esami con aria di strafottenza, come se fossi io a
fare un favore al professore, senza ansia, senza incepparmi, senza imparare a memoria, e
alzarmi da quella sedia sempre con un 30, mentre tu, ansioso, debole, insicuro, tremavi al
sol pensiero di dover affrontare una prova.
Sai che ti dico? Sono io che non ti voglio! Non voglio un uomo come te al mio fianco,
incapace di provare orgoglio per la grande donna che ha al suo fianco, saresti stato un
pessimo marito, diciamoci la verità, la voglia di lavorare non l’hai mai avuta, e un pessimo
padre, irresponsabile. Vivi di fantasia, di sogni..ma hai quasi 30 anni!! I tuoi non si possono
permetterti di mantenerti, così come i miei, ma mentre io mi rimbocco le maniche, tu te ne
stai pacioso a suonare nella tua stanza, riesci a lasciarti le preoccupazioni alle
spalle..beato te! Io so che voglio e merito molto di più dalla mia vita, rispetto a ciò che ho
avuto finora, compreso te…merito un uomo che abbia le palle di discutere, litigare e
risolvere le questioni, non come facevi tu, che mi dicevi che andava tutto perfettamente, e
io mi vantavo, cretina che non sono altro, con tutti che noi non litigavamo mai, che tu eri la
mia pace, che sapevi come prendermi…non ho mai capito la realtà delle cose: io non ti
sono mai andata bene. Non mi hai mai amata per ciò che ero. Hai amato che mi prendessi
cura di te, che ti sollevassi da ogni responsabilità, che ti promettessi un giorno di
mantenerti col mio lavoro, per permetterti di suonare. Hai amato che cucinassi per te (tua
madre è una pessima cuoca!), che ti preparassi i dolci che preferivi ad ogni compleanno,
onomastico, anniversario. Hai amato che non ti abbia mai chiesto più di quanto mi offrivi. E
io ti amavo così com’eri, perché non volevo regali costosi, cene di lusso, vacanze sfrenate.
Ti vedevo, i tuoi occhi da bambino mi dicevano che, anche se non avessi mai avuto una
vita agiata, avrei sempre potuto contare sul tuo amore incondizionato e sulla tua sincerità.
Sul fatto che mai mi avresti ferita. Gli unici pregi che ti attribuivo si sono rivelate le
principali bugie. Era tutta una farsa, devo complimentarmi per la tua performance di attore.
Piangendo mi dicesti di non pensare che tu fossi cattivo perché mi stavi lasciando, ma sai
una cosa? Bisogna accettare che in queste cose ci deve essere per forza un cattivo, e tu
lo sei stato! Non ti incolpo di avermi lasciata, anche se non avevo mai reputato possibile
un simile epilogo. Ti incolpo per avermi mentito, fino all’ultimo giorno, fino all’ultima ora.
Sei stato peggiore di tanti altri. Dici di non avere un’altra, a parte che ormai non credo più
a nessuna parola che dici, la cosa mi ferisce e mi lascia indifferente allo stesso tempo.
Non sono passate neanche due settimane, e sapendo ciò che ho perso (un bel niente)
ancora non capisco perché io stia ancora così male. O forse lo so. Hai sempre odiato che
io sapessi le cose, che avessi ragione. E allora ti dico quest’ultima cosa su cui sono sicura
di aver ragione: tornerai. E la cosa mi fa impazzire di rabbia. Capirai, dopo aver vagato di
fiore in fiore per alcuni mesi, che a nessun’altra starà bene ciò che stava bene a me.
Anche se tornassi ora, in cui provo ancora molto sentimento per te, non ti riprenderei
comunque. Perché sei un debole; perché hai tradito la mia fiducia in un modo che forse la
tua mente limitata non capirà mai; perché torneresti offrendomi meno di quello che mi
offrivi prima. Mi detteresti tu le condizioni, che dovrei smussare il mio carattere e lasciarti
vivere la tua vita bucolica. Mi verrebbe da risponderti di farti crescere le palle piuttosto!
Invece di castrare le mie! Ho troppa stima di me, le mie palle me le sono meritate e ne
vado orgogliosa! Ti auguro con tutto il cuore di capire al 100% ciò che mi hai fatto, perché
non te ne sei reso ancora conto, e forse non te ne renderai mai conto. Ma se un giorno
avrai l’illuminazione, il rimorso ti consumerà, perché donne come me non ce ne sono in
giro e tu mi hai gettata come uno straccio vecchio. Il treno delle buone occasioni passa
una sola volta, e io ti avevo conservato il posto accanto al mio sul vagone lusso del freccia
rossa. Viviti la tua mediocrità, io ho una vita che mi aspetta.
Sono forte, non ti ho più cercato, nonostante ne sento il desiderio continuamente. So che
questo tunnel è necessario per me, per la mia rinascita, e se ti dovessi risentire/rivedere,
mi destabilizzeresti e dovrei iniziare il tunnel daccapo. Francamente non ci riuscirei. Non
so neanche come sto sopravvivendo finora. Soffro tantissimo. Non ti perdonerò mai.
o
APRILE 11, 2014
ALE
Ciao Allie,
non immagini nemmeno quanto “ti invidio”.
vorrei avere un decimo della tua forza. Una donna come te, da quello che scrivi, è
difficile trovarla. Non ti servono consigli, perchè sei già arrivata a tutte le conclusioni
che una persona esterna ti avrebbe dato. Meriti di più. Meriti un UOMO. Con le sue
debolezze, i suoi difetti..ma un UOMO.
E se questo è il tuo modo di pensare, sono sicuro non ci metterai molto a trovarlo. E
quando penserai al tuo ex, ti verrà solo da ridere al pensiero del male che stai
provando ora.
E tornerà, ne sono sicuro anche io, dopo quello che hai scritto.
Una persona così, quando si troverà con il culo a terra, penserà a quanto stava bene
con una persona che si prendeva così cura di lui.
E allora scatterà la tua rivincita.
Come già detto, vorrei solo avere un decimo della tua forza per reagire alla mia
situazione.
Ma in queste cose, noi maschietti, siamo MOLTO più vulnerabili di voi donne.
Ti auguro di trovare presto la tua strada, che di sicuro non era quella che hai percorso
fino ad ora.
Nulla accade mai per caso.
un abbraccio

APRILE 17, 2014
CAROLINA
Ciao Ale, non sono d’accordo che sia una vera e propria rivincita il vedersi tornare
indietro la persona che se n’è andata. O perlomeno, sarebbe un’amara rivincita,
che in realtà rischierebbe di annullare il percorso di fronteggiamento del dolore
che fino ad allora abbiamo affrontato. Perché difficilmente ritorna la persona che
abbiamo amato, ma eventualmente solo quella che ci ha fatto soffrire, e che forse
noi stessi non siamo più in grado di amare né di perdonare per il male e, spesso,
l’umiliazione che ci ha inflitto. Se torna (raramente), al 90% dei casi ci destabilizza
soltanto, riemerge il dolore che magari abbiamo attenuato con piccoli espedienti,
e non è da augurarselo. Spesso ricominciare dopo una rottura riapre solo le
vecchie ferite, e il rapporto riprende da dove lo abbiamo lasciato, cioè parte già in
crisi. E non è neanche rara l’esperienza delle persone che vengono abbandonate
due volte. Ci sarebbe dunque da augurarsi il contrario, che ci lasci liberi il prima
possibile, che sparisca dal nostro orizzonte emotivo. La vendetta può avere
successo solo se non proviamo più nulla, ma a quel punto non è neanche più
desiderabile.
Leggo e rifletto poi su quello che dici a proposito delle donne, del fatto che siamo
più forti, meno vulnerabili. Non sono d’accordo. Se si può generalizzare, siamo
più coraggiose forse, più inclini a scrutare nei sentimenti, più totalizzanti nelle
relazioni, ma forse proprio per questo molto più aperte ai sensi di colpa, ai rimorsi,
più rabbiose, più tendenti a rimanere prigioniere dei sentimenti, anche se con il
coraggio e la forza di guardarli in faccia. Del resto, è statistica (con tutte le
eccezioni dei vari casi): gli uomini forse provano più angoscia nel momento
dell’abbandono, ma nei tempi si riprendono prima. No. Io, se rinasco, voglio
essere uomo.
o
APRILE 17, 2014
CAROLINA
Ciao Allie, io comprendo la tua rabbia, che provo anch’io fortemente dopo 4 mesi
dall’abbandono e 2 anni e mezzo di (sua) ambiguità (non riusciva a capire che cosa
provava per me, diceva che era amore, ma io non lo sentivo – perché l’amore se c’è si
percepisce -, poi finalmente ha compreso che il suo sentimento per me non era
abbastanza forte, risultato: lui, pur reputandomi la persona più importante della sua
vita, sceglie di andarsene verso una nuova vita e nuove emozioni, io sto a terra con
addosso ormai quasi 3 anni di frustrazione e dolore che sembrano avermi azzerata),
ma penso che non dovresti augurarti la prospettiva di odiarlo per sempre. Non per lui,
che magari è davvero solo uno stronzo, ma per te stessa. Odiarlo per sempre
significherebbe essere sempre legata a lui, tributargli un sentimento eterno. No. Non
solo non vale la pena per una persona che non prova più sentimenti verso di te, ma
sarebbe proprio la catena che ti impedisce di andare oltre. Con questa rabbia che ti
invade, come puoi aprirti a una nuova vita che invece ti è necessaria? Provala tutta,
fino in fondo, ma non assumere come prospettiva l’odio verso di lui, quest’odio finirà
per consumare te, mentre lui vive già da adesso un’altra vita. Non si tratta di
perdonare, perché non c’è perdono verso chi non sta più con te e ti causa sofferenze
indicibili, ma di occuparsi finalmente solo di se stessi, e non più dell’altro.
Anch’io non so come sto sopravvivendo finora. Ma so che potrò stare meglio con me
stessa e gli altri soltanto quando finirà l’incubo delle emozioni a lui legate, di qualsiasi
natura siano (nostalgia, amore, dolore, senso di colpa, rimorsi, rimpianti, rabbia,
odio…).
PS. Non penso che queste persone che ci hanno lasciato nella maggior parte dei casi
abbiano recitato. Penso che per paura, abitudine, difficoltà a percepirsi autonomi, se
vuoi per vigliaccheria, hanno mentito anche verso se stessi. La loro responsabilità è
nell’incapacità di affrontare in modo adulto se stessi, i loro sentimenti e i loro desideri,
spesso volendo avere tutto. Non li giustifico certo, ma ci vuole coraggio per guardare
dentro se stessi.
•
APRILE 10, 2014
ABAWO
Sono passati una decina di giorni da quando ho scritto qui ed è più di un mese che non la
sento più e il no-contact continua da parte mia…
Ho conosciuto tempi migliori… Ogni tanto piango e mi dispero, ma un po’ alla volta spero
tanto di venirne fuori.
Nel frattempo so (purtroppo tramite altre vie e ovviamente lei non sa che io lo so) che si
sta vedendo con una persona e questa persona mi ha chiesto l’amicizia su FB… Sì avete
letto bene! Dopo il danno anche la beffa!
Lei non è mai stata su FB, ma il suo nuovo lui che mi chiede l’amicizia è a dir poco
grottesco e mi stà mandando completamente fuori di testa. Ma com’è possibile tutto
questo? Perché gli ha parlato di me e lui mi chiede il contatto su FB??
Vi prego datemi una chiave di lettura di come la vedete voi.
Sto quasi impazzendo.
Grazie…
•
APRILE 7, 2014
ALLIE
anche io sono capitata qui per caso…sono stata lasciata 9 giorni fa e da allora mi sento
morta dentro…così ho iniziato a navigare su internet cercando di capire quello che mi
stava succedendo e quello che dovevo aspettarmi nei prossimi giorni/mesi perchè per me
è la prima volta. Ci siamo conosciuti ad agosto 2011 quando entrambi avevamo 26 anni,
colpo di fulmine, dopo 2 giorni stavamo insieme e parlavamo di futuro. Un amore vissuto a
100 all’ora, bruciando tutte le tappe. Prima di lui non volevo sposarmi, non volevo figli,
invece nel giro di pochi mesi ci siamo messi a progettare il nostro matrimonio, con tanto di
agenda con le idee, la lista degli invitati eccetera. Io nella mia ingenuità ero convinta che
se ci veniva spontaneo affrontare certi temi, era perchè eravamo destinati a restare
insieme per l’eternità..povera illusa! Dopo 2 anni e sette mesi, mi lascia dicendo che non
mi ama più da un po’ di mesi, non sa il giorno preciso ma più o meno da dicembre..e io lì
per lì lo consolavo pure, perchè piangeva disperato..ero ovviamente nella fase della
negazione! mi dice di continuare a vederci e sentirci perchè non sopportava l’idea di
perdermi del tutto, che rimanevo la persona più importante della sua vita e che se era
destino saremmo tornati insieme..poi dopo 2 giorni che stavo attaccata al cellulare
sperando in un suo contatto, che si fosse pentito, decido di chiamarlo…e lì ho avuto lo
scontro con la realtà, freddo, distaccato..non era più lui..non conoscevo più quella
persona, ha dato la colpa a me per aver smesso di amarlo perchè ho un carattere troppo
forte e ho deciso sempre tutto io. Ora voglio spiegarvi in realtà com’era la nostra storia: nè
io nè lui abbiamo situazioni economiche semplici, per questo non gli ho mai chiesto un
regalo nè altro, non mi ha mai portata da nessuna parte, non mi ricordo di una pasquetta o
di un ferragosto particolari, sempre e solo noi 2 nella sua macchina a prendere freddo e
mangiare la pizza o l’aperitivo comprato al supermercato per risparmiare (piccola
parentesi, in tutto ciò si comprava chitarre da migliaia di euro, e le sue ex le ha portate in
croazia, a ischia ecc…) L’ho sempre spronato a seguire la sua passione per la musica, si
è iscritto quest’anno al conservatorio, ha lasciato giurisprudenza a 10 esami dalla laurea,
io ora mi devo laureare e mi ponevo tanti interrogativi sul nostro futuro, dubbi che ho
sempre confidato a lui, e lui invece di dirmi che li aveva anche lui, ha nascosto la testa
sotto la sabbia dicendomi “insieme ce la faremo, vedrai ci sposeremo, sei la donna della
mia vita, ti amo tantissimo” e sms di questo tipo me li ha mandati fino a poche ore dal ben
servito! Ora io non capisco più niente! Lui era diverso, e invece all’improvviso ho capito
che è esattamente come tutti gli altri! Non ha avuto le palle di confessarmi prima che
aveva smesso di amarmi (cosa che posso anche accettare, io non tengo legato nessuno),
si è concesso tutto il tempo di staccarsi gradualmente senza soffrire e quando è stato
sicuro della sua scelta, mi ha pugnalata alla schiena, ironia della sorte proprio quando io
avevo capito quanto davvero lo amassi (a metà marzo è stato ricoverato in ospedale una
settimana per una cosa che sembrava grave, ho perso 10 anni di vita piangendo disperata
per lui, seduta notte e giorno sulle sedie della sala d’attesa del pronto soccorso, mentre lui
già sapeva che voleva lasciarmi! Anzi mi ha detto che il coraggio di lasciarmi gli è venuto
proprio in ospedale perché ha capito che “la vita è breve”! Ora ogni ricordo che mi affiora
alla mente è tartassato dal dubbio “chissà se in quel momento mi amava ancora o già
aveva smesso”..mi sento come se avessi vissuto quasi 3 anni di pure illusioni, è stato un
verme, un codardo, uno smidollato, e pensate un po’ in questa situazione si sono
rovesciati i ruoli, io che ero una roccia sono diventata una debole lagnona con gli attacchi
di panico (non sono mai stata ansiosa!) e lui ora è il forte..e questo me lo fa volere ancora
di più! Vorrei rompergli quelle chitarre del cavolo in testa! Per tutto il tempo in cui stavamo
insieme ero un continuo elemosinargli tempo! Ci sentivamo circa 1 ora al giorno e ci
vedevamo una volta a settimana circa dalle 18 a mezzanotte (abitiamo a 45minuti di
distanza), con me sia a telefono che dal vivo alle 22 iniziava a sbadigliare e dirmi che
voleva andare a dormire, poi usciva con gli amici e perdeva la cognizione del tempo. Il
dubbio che forse non mi abbia mai amata mi dilania, e riversa su di me le colpe! Io che
non ho mai avuto autostima ora mi trovo a pensare che se non fossi ingrassata questi 10
kg, se mi fossi fatta bastare il poco tempo che mi dedicava senza discutere, se se se
se..mille se…la verità è che io nella mia estrema razionalità sono stata me stessa e non
dovevo comportarmi diversamente, è stato lui l’attore..So di aver scansato una vita
infelice..ma allora perché mi si è innescato questo meccanismo di autodistruzione, di
amore malato, che ho sempre biasimato nelle amiche, di amore/dipendenza/abitudine, di
orgoglio ferito..! Perché non riesco ad essere semplicemente grata al Signore perché lui
ha avuto la forza di fare ciò che io rifiutavo anche solo di pensare, cioè di lasciarci? Ora
sono nella fase della rabbia…della delusione, della disillusione, mi sento stupida per aver
creduto in noi due quando era tutta una mia fantasia, il dolore è anche fisico ed
insopportabile, come se avessi un infarto in corso da 9 giorni, e voglio farlo smettere! Non
voglio affrontarlo! Ho affrontato dolori peggiori nel corso della mia vita, ma lui mi dava la
forza di superarli..ora invece non ce l’ho! Perché è lui la causa del mio dolore, e mi manca
prendere il telefono e raccontargli che “un bastardo” mi sta facendo soffrire come un cane,
poi dopo un secondo arriva la realizzazione “Oddio, il bastardo è lui stesso”. La mia mente
non lo accetta, è come se mi fossi svegliata nel mondo del contrario, come se
improvvisamente alla tv dicessero: abbiamo scoperto che è il sole che gira intorno ai
pianeti. Mi trovo ad affrontare una realtà diversa da quella in cui vivevo. Vorrei dire mille
altre cose ma me le dimentico appresso appresso, e ho anche la presunzione di pensare
che il mio dolore è il più forte del mondo, perché non concepisco l’idea di come qualcun
altro ci sia passato e sia sopravvissuto. Razionalmente so che non è così. Ma è peggio di
un lutto: una persona che muore non vuole abbandonarti, invece lui è vivo, io sono viva e
lui ha deliberatamente deciso di reputarmi morta. Ed è così che mi sento.
o
APRILE 8, 2014
PARIDE
ciao Allie, sai leggendo la tua storia è stato come ricevere un colpo al cuore perchè è
quello che ho passato io praticamente…ti capisco perfettamente e so quanto si possa
stare male, come so che queste parole per te non saranno di nessuna
consolazione…il tempo deve fare il suo corso, il dolore deve fare il suo corso. una
cosa è sicura però, è vero, probabilmente ti sei salvata da una vita infelice, da un
uomo che probabilmente non ti ha mai amato così come è stato per te con lui, pensa
solo questo…per il resto davvero, vorrei dirti tante cose, abbracciarti e dirti che andrà
tutto bene, ma non credo di esserne in grado…ti auguro davvero che tu possa stare
meglio, presto, molto presto…bacio
•
MARZO 30, 2014
ABAWO
Due anni di frequentazione assidua e complice. Io 49 e lei 39.
Lo scorso mese come un fulmine a ciel sereno mi dice basta… Stop, finito! Tra l’altro al
telefono.
Nessuna avvisaglia prima. Improvvisamente e senza tanti complimenti: ma com’è
possibile essere così cinici e spregiudicati? Perchè non me l’ha detto prima della sua
insoddisfazione? Perchè ha sempre taciuto?
Lei vuole rimanermi amica adesso perchè sono stato una brava persona, ma io non voglio
la sua amicizia! Ho provato a cercarla, ma nonostante un paio di incontri la sua posizione
è rimasta la stessa e anzi per tenermi distaccato non mi ha voluto che ci vedessimo
davanti casa sua, ma altrove… Come fossi diventato improvvisamente un appestato…
Perchè tanta cattiveria? Perchè?
Quasi sicuramente sono stato rimpiazzato nonostante lei dica e giuri di no, ma non
capisco come si fa a cambiare così…! Senza un minimo di comunicazione prima!
Sono andato in tilt completamente adesso. E non riesco a farmene una ragione e la penso
quasi continuamente mandando il mio cervello in un pericoloso loop. Ed il dolore del
Cuore fa male. Ahi, come fa male!
Spero che il tempo rimargini la profonda ferita al mio cuore, ma la domanda rimarrá la
medesima: “perchè chiudere in questo orribile modo?! Perchè?!”
•
MARZO 19, 2014
ANDREA
Ciao ragazzi iniziai a scrivere qui un anno fa esatto, un abbraccio a tutti quelli che soffrono
x amore xk so che è un momento duro e difficile della vita dove tutto ci sembra diverso e
catastrofico,, ma dobbiamo sapere che è anche una fase transitoria e presto tutto svanira’
e si alleggerira’… ma ci vuole tempo…le ferite profonde dell’anima sono lunghe a guarire
e richiedono molto tempo… soprattutto se abbiamo amato con tutto il nostro cuore,come è
accaduto a me e soprattutto quando credevamo che fosse quella giusta dove credevamo
sarebbe durata per sempre, e anche ovviamente dal tempo che abbiamo trascorso con
questa persona, una storia di 1 anno e sicuramente diversa da una storia di 10 anni con
convivenza e magari figli ci vuole molto piu tempo x elaborare il tutto.
È passato esattamente un anno da quando lei mi ha lasciato, era il 18 marzo alle 19 di
sera dopo 2 anni e mezzo di relazione,per telefono,neanche il buon senso di guardarmi
negli occhi e dirmi addio.. sono cambiate molte cose da quel giorno,se solo ci penso mi
vengono i brividi……….ma andiamo avanti non voglio raccontare nuovamente cio
accadde xk ormai nn servirebbe a nulla…x chi fosse interessato a sapere anche solo x
leggere è tutto scritto pagine addietro!!!
Ad oggi sto bene,vivo la mia vita serenamente,ho amici fantastici,non ho un nuovo amore,
ma a dir la verita’ non lo cerco neanche…sto bene da solo mi vivo i miei flirt casuali con
qualche ragazza..ma nulla di serio ma a me per il momento va bene cosi e la cosa piu
importante e stare bene prima con se stessi…poi le cose arriveranno anche da sole.
Devo ringraziare gli amici di art conosciuti nel blog..sono stati davvero tutto x me.siete stati
importantissimi nel mio lungo percorso di guarigione, con voi mi sono sentito molto meno
solo…e con un apporto in piu…grazie ancora
Ragazzi io ho capito queste cose da questa storia:
-nella vita secondo me nulla capita per caso, ogni cosa o esperienza che sia ci accade,
sembra messa li a posta x farci maturare e crescere…e noi dobbiamo servirci di questo..
-l’attaccamento è umano ed è umano il dolore, ma bisogna avere il coraggio di liberarsi da
questa dipendenza d’amore….
-l’amore vero è libertà ed accettare con serenità che l’altro abbia fatto le sue scelte senza
rincorrere nessuno o usare violenza non servirebbe a niente…anche se l istinto
porterebbe a fare questo..
-Una persona non deve stare con noi perchè soffriamo o perchè la costringiamo…deve
stare con noi per scelta per amore e non per costrizione.
-dobbiamo avere il coraggio di lasciare andare le persone da noi amate e non importa
quanto dolore esse ci hanno arrecato, se noi abbiamo amato sinceramente quel qualcosa
gli rimarrà per sempre…ma ora è arrivato il momento di lasciarli andare.
-bisogna sempre vivere giorno per giorno perchè niente ci appartiene veramente e tutto se
ne andrà prima o poi….non significa che allora dobbiamo starcene da soli…ma dobbiamo
essere consapevoli che il momento della separazione arriverà sempre prima o poi, e che è
tutto transitorio…con questa consapevolezza dobbiamo amare ogni momento che
passiamo con qualcuno ancora di piu…e sono certo di una cosa amici, il meglio è sempre
quello che deve arrivare!!!:)
Un saluto a tutti…tenete duro…che passa!!
o
MARZO 25, 2014
ALESSIO
Ciao a tutti.
sono capitato per caso su questo blog, alla disperata ricerca di risposte alle mille
domande che una persona si fa, quando una storia finisce. So che leggere un blog o i
commenti di persone faranno guarire le ferite, ma sono comunque di grande aiuto.
Leggere di tanto in tanto queste cose sono sicuro aiuterà a passare questo momento.
Una storia di 5 anni, dai 26 ai 31. Un anno di convivenza. 4 anni e mezzo bellissimi,
poi l’inizio della crisi.
Una crisi da parte di entrambi (qualche mese), dove, spesso, mi sentivo anche la
parte “forte”, la parte forse che più spesso ha pensato che un rapporto così non era il
rapporto che realmente volevo. Poche attenzioni, intimità limitata e monotona, alcuni
lati del carattere che non mi andavano giù. Ho pensato molte volte di lasciare quella
casa, che a 31 anni non volevo “accontentarmi” della mia vita di coppia. Il fatto poi che
le volte che uscivo (senza di lei) mi rendevo conto che avrei avuto anche altre
“opportunità”, mi dava forza per portare avanti le mie idee. Avevo anche messo da
parte il mio sogno di diventare padre..sogno che ho sempre avuto ma che con lei era
svanito: non mi sentivo pronto per avere un figlio con lei, in quel momento. Anche se
l’ho sempre vista come la donna che avrei voluto sposare e dalla quale avrei voluto
figli. Ma non in quel momento.
Però lei era lei. Tutti i suoi difetti, tutte le cose che mi facevano arrabbiare di lei, sono
sempre state più forti di qualsiasi tentazione di lasciarla o tradirla (anche se la
tentazione è stata FORTISSIMA e ci sono andato vicino).
Un mese fa, dopo gli ennesimi giorni di “silenzi” e di ZERO intimità, il chiarimento
finale e la decisione di “separarsi”. Eravamo in affitto, ho deciso di lasciare lei in quella
casa perchè io non sarei mai riuscito a starci. Ho fatto le mie valigie e sono andato
via. Ho deciso comunque di aiutarla con l’affitto, perchè da sola non ce la farebbe mai
ora come ora, e dentro di me so che sto facendo la cosa giusta, anche se tutti mi
danno del coglione. Ma non mi importa.
Ora mi ritrovo a dover tornare dai miei (dopo essere stato ospitato per circa un mese
da amici/colleghi) per forza di cose. Almeno per qualche mese, finchè avremo sul
groppone quell’appartamento.
Sto male. Ho pensato molto al motivo per cui sto male. CREDO di essere ancora
innamorato di lei. La penso in ogni istante, mi manca da morire, mi mancano i suoi
“difetti” e le cose che “odiavo” di lei.
Lei non sa che fare. Dice che il cuore la porterebbe da me ma che la testa le dice
l’opposto, che le due cose devono andare di pari passo, perchè l’amore a lungo
andare non basta. Se torna, ha detto che lo farà perchè vuol essere portata all’altare,
vuole una famiglia con me.
Le manco, ma non sa se le manco perchè è ancora innamorata o se le manco come
fossi un “amico” (dopo 5 anni di cui uno di convivenza, mi consideri UN AMICO?!?!?)
Ma com’è possibile che una persona arrivi a pensare certe cose?
Dopo vari tentativi di “riavvicinamento”, dove lei continuava a dirmi che non sapeva
nemmeno lei cosa voleva, ho deciso di dire basta io, una settimana fa. Non posso, e
non voglio, stare “nel limbo” per sempre. Domani andrò a portare via da casa TUTTE
le cose che ho lasciato dentro. Non mi sono fatto più sentire e non ho nessuna
intenzione di farlo.
Non credo tornerà, non lo so.
Ma più passano i giorni, più sento alcuni suoi discorsi (mi è stato riferito il fatto del
dubbio su amore/amicizia) più mi chiedo se è giusto che una persona così abbia il mio
amore.
Farei di tutto per lei..o forse lo avrei fatto. Ma più passa il tempo più mi viene in mente
il male “che mi ha fatto”: poche attenzioni, problemi “inesistenti” (o comunque poco
rilevanti, credo) che ha tirato fuori, il fatto di essere uscito di casa con le valigie in
mano, la sua incertezza.
Cazzo, o mi ami o non mi ami..non è difficile.
Io ora cercherò di tornare sulla mia strada, cercando in tutti i modi di togliermela dalla
testa. Sarà durissima questa salita, ma piano piano, prima o poi, arriverò in cima. E da
li sono sicuro sarà tutto più facile.
Facile a dirlo (mi sento quasi “forte” mentre scrivo) ma la realtà purtroppo è ben
diversa.
L’unica soluzione è tagliare completamente i ponti? Se poi tornerà sarò io a valutare
se ne vale veramente la pena o no..o sbaglio?
Scusate il poema, ma avevo voglia/bisogno di sfogarmi un pochino.
un abbraccio a tutti.

MARZO 26, 2014
PAT
Carissimo Alessio,
so perfettamente come ti senti e cosa stai passando in questi momenti, per
questo ti abbraccio virtualmente.
Non ti dico che è un percorso breve nè facile anzi, essere lasciati è una delle
esperienze più forti, emotivamente parlando, che può capitare ad una persona,
ma penso di poterti dire che passerà.
Non saprei dirti quando di preciso perchè, nonostante il dolore non sia più così
devastante, io vivo ancora ogni giorno con il pensiero di lui (breve riassunto: 10
anni bellissimi insieme dai 22 ai 32, una convivenza alle porte e 8 mesi fa un
abbandono con 1000 domande non risposte).
Ecco, questo per dirti che se sei ancora innamorato all’inizio è tutto buio, un
disastro, sembra che la vita perda ogni senso e soprattutto perda l’importanza di
essere vissuta. Invece la vita continua anche senza l’altro: tu continui a respirare,
a sorridere, a camminare, a vivere nonostante tutto, perchè TU ESISTI
nonostante l’altra persona.
Innanzitutto cerca di vivere il tuo dolore, non averne paura, piangi/urla/esprimilo
come preferisci ma fallo, non soffocarlo. Poi cerca di non chiuderti in te stesso,
parla parla parla, con amici e anche con chiunque abbia voglia di ascoltarti.
Sentire diversi punti di vista estranei da te e dalla tua storia fa solo bene perchè
permette di avere una visione più obiettiva della situazione.
Fai quello che ti piace, dedicati ai tuoi hobby, esci con gli amici, non chiuderti in te
stesso, coccolati e amati. Ricordati che in questo momento la persona più
importante sei tu e devi dedicare le tue forze a rialzarti e a ricostruire il tuo cuore e
la tua vita.
Qui sul blog troverai tantissimi altri consigli ed esperienze e cmq io sono
disponibile ad ascoltarti quando vuoi e hai bisogno!
;)
Un abbraccio

APRILE 3, 2014
ALESSIO
ciao Pat :-)
ti ringrazio intanto per la risposta..accidenti dopo 10 anni…e dopo 8 mesi
pensi ancora a lui? Oh mamma a dire il vero spero mi passi un pochino
prima..
Evoluzione della storia.
Da una prima fase dove lei mi diceva che il cuore la portava da me e la testa
no, siamo arrivati, finalmente, alla “decisione”. Ora nella sua testa ha detto
che c’è solo lei. Lei e basta. Lei e i suoi progetti. Niente e nessun’altro.
Me compreso quindi.
Mi ha detto che sta cercando casa nuova per abbandonare quella dove
vivevamo insieme..vive giorno per giorno, pensando solo a lei.
E quindi non è più innamorata.
Prova qualcosa per me, ma un sentimento non tale da tornare insieme.
Sono passato da casa per prendere alcune cose che avevo dimenticato, e,
come immaginavo, ha tolto tutte le foto nostre appese ai muri.
Io non so cosa pensare.
Come fa ad essere finito l’amore in così “poco” tempo?
Io ho il sospetto che ci sia una terza persona, anche se lei mi ha detto non
esserci nessuno perchè non vuole nessuno..vuole pensare a se stessa e
basta.
Mi ha detto le solite stronzate che si dicono in questi casi..”vorrei restassi un
punto fermo nella mia vita..”..”..non voglio tu sparisca dalla mia vita..” “..vorrei
poter sempre contare su di te e tu contare su di me..” . Penso di essere stato
veramente importante per lei, l’ho conosciuta con problemi di anoressia e,
credo, sia guarita anche grazie a me. Però io adesso non posso essere suo
amico. Forse un giorno, quando sarò sicuro di non essere più innamorato di
lei.
Io ho cercato di tagliare tutti i ponti, le avevo chiesto di bloccarmi su fb per
evitare di andare a guardare il suo profilo, ho cancellato il numero per evitare
di guardare continuamente se fosse online su whatsapp..cose da ragazzino di
15 anni.
però mi sta aiutando questa cosa, non so più nulla di lei, di cosa fa o di cosa
non fa.
Ora so la strada che devo percorrere.
Ed è quella di farla uscire dalla mia vita. In fretta. O almeno provarci.
Ma forse in fondo, spero torni un giorno…non lo so nemmeno io..vorrei capire
cosa cavolo realmente le passa in testa..aiutoooo :-(

APRILE 3, 2014
ANDREA
Alessio,
la tua storia è simile a tutte le altre,ma soprattutto è simile il finale ogni
storia somiglia a quella di un altro.
La strada da percorrere è tanta io dopo 13 mesi e una stoia di quasi 3
anni sto bene,ma non vuol dire che non la penso piu,anzi a dirti la verita’
da quando ha preso la decisione di lasciarmi non ce stato un solo giorno
che nn l abbia pensata…ma poi con il tempo capisci in automatico che
forse è meglio che sia andata cosi’, ma ci vuole tanto tempo..te lo dico
perche’ sono realista.
Sembrero’ retorico ma l unica cosa da fare al momento è liberarsi da
questa dipendenza che hai da lei,stacca tutto,taglia tutti i ponti per
iniziare,distacco totale,ma è dura liberarsi dei suoi poensieri e delle
abitudine… i sentimenti cambiano con il tempo..e la persona che ti
sembrava giusta e perfetta che era lei all inizio puo non esserlo piu
oggi…purtroppo le cose ti ripeto cambiano con il tempo….puo essere che
ha capito di non amarti piu..oppure ci sara’ qualcun altro come è capitato
a me….non si sa…ma l unica certezza è che lei ha preso la decisione di
andare via e vuole proseguire la sua vita senza di te, sembrero’ duro ma
sono reale….dobbiamo accettare questa scelta….al momento non sei
ancora lucido…e non sei in grado di ragionare e di vedere la situazione
dal di fuori ma col passare del tempo sarai i grado di ragionare sempre di
piu…ma ci saranno alti e bassi…e la strada è lunga…ma l unica certezza
e che se ne esce da qsta situazione con molta ma molta pazienza, si
soffre tantissimo ma passa..fidati alessio….io volevo morire quando mi ha
lasciato volevo uccidermi mi era crollato tutto…!!
questa è una sofferenza che va vissuta fino in fondo per potertene un
giorno liberare….sappi soffrire o fatti aiutare da qualcuno che ti stia
vicino…vivi il tuo dolore non cercare di evitarlo e sopraffarlo…altrimente
poi tornera piu forte di prima piangi pure x scaricarti è normalissimo
farlo…io ho opianto x quasi 5 mesi ma è servito…..e ricordati abbi
tantissima pazienza xk la strada è lunga ed è ardua…ma poi ripeto
passa!!!gia dopo 4/5 mesi non sentirai piu questo dolore lacerante al
petto al cuore…e inizierai a vedere le cose in modo diverso e inizi a
capire tantissime cose….perche sarai piu lucido…in bocca al lupo
amico….
x qualsiasi cosa io ci sono….non farti problemni a scrivere….

APRILE 11, 2014
ALESSIO
Ciao Andrea,
ti ringrazio intanto per quello che hai scritto.
in questi casi non si ha bisogno di sentirsi dire quello che si vorrebbe
sentire..ma di come è, purtroppo, la realtà.
sto facendo fatica, una fatica incredibile. però, se ci penso, è passato
solo un mese. quindi è normale.
la cosa che mi fa “imbestialire” è vedere che lei sta “bene”. non so se ci
sia un’altra persona o no, la cosa sicura è che lei ormai non mi vede più
come l’uomo della sua vita..mi vuole bene certo, ma l’amore è un’altra
cosa, purtroppo.
vorrei aprire la mia testa, cercare dove si nasconde il suo ricordo e
metterlo via.
ma forse come dici tu è giusto vivere il dolore.
è giusto vivere il dolore per essere più forti domani.
non riesco e non posso tagliare i ponti, per forza di cose dobbiamo
sentirci perchè purtroppo c’è un appartamento di mezzo. e quindi fino al
termine della disdetta siamo costretti a sentirci.
però ogni volta è una legnata nei denti.
faccio giorni in cui sto “bene” e altri in cui mi sembra di morire. tipo questi
giorni.
non riesco a farmene una ragione, non riesco a pensare, al momento, ad
altre donne.
voglio lei.
ma non so se voglio lei perchè sono innamorato o il mio è un senso di
“possessione”. se è paura di vederla con altri, se è mancanza di
abitudine, se mi manca il tornare a casa dal lavoro ed aspettarla a casa.
non lo so cosa mi manca.
so solo di stare male.
e non ne posso più.
so che il tempo ricucirà tutte le ferite, ma è passato solo un mese e per
me è come fossero passati 3 anni.
non ne posso davvero più.
:-(

APRILE 17, 2014
NICOLA
Beh, ognuno è fatto a modo suo.. in questa banalissima conclusione risiede la
risposta alla domanda delle domande “Quanto tempo mi occorrerà per superare
tutto questo??”.
Perchè se ci pensiamo bene il punto è solo ed unicamente questo. La sofferenza
lancinante causata dalla perdita della persona amata cambia pelle in brevissimo
tempo, trasformandosi da dolore in malattia e poco dopo in malattia cronica che
temiamo di non riuscire a sconfiggere, di non saper sconfiggere..
La persona amata non c’è più, chi prima, chi dopo, ognuno di noi ci mette
comunque un lasso di tempo non troppo lungo a metabolizzare l’assenza della
persona amata nella quotidianità.. Il problema vero è costituito dalla percezione
del fatto questo dolore non accenna a diminuire.. giorno dopo giorno, settimana
dopo settimana..
E’ veramente una malattia.. va vista così.. va lottata in questi termini..
Una malattia seria, che mette a repentaglio la nostra vita..
Quando ne ho parlato con alcune persone in questi termini, mi sono
immancabilmente sentito rispondere che ero fuori di testa..
Può darsi, analizziamo però nel dettaglio quali effetti ha questa malattia su di noi:
Dolore fisico
Perdita di peso
Smarirmento di serenità
Paura
Prognosi:
Mesi, anni forse..
Non è una malattia???
Io sono stato lasciato 3 anni e 3 mesi fa..
E’ passato del tempo..
Non soffro più da circa 2 anni..
Ma resta in me la convinzione di aver dovuto tirar fuori tutto me stesso, tutte le
mia qualità, tutto il mio orgoglio, tutta la mia pazienza, la mia umiltà, la mia
capacità di resistere, di sopravvivere..
Non riesco e non riuscirò mai a dire che in fondo, alla fine, è stata meno peggio di
quanto temessi, di come pensassi..
La mente umana ci protegge e fortunatamente tende a cancellare, per quanto le è
scientificamente possibile, molti brutti ricordi.. ma non tutti..
Io ricordo di aver passato, per distacco su altri fatti spiacevoli della mia vita, il
periodo più brutto della mia vita..
Di aver temuto di non farcela..
Ringrazio me ed i miei genitori.. per avermi dato l’amore e la forza di venirne a
capo..
Ci vuole tempo, occorre capire, piangere, soffrire.. ma ce la potete fare.. tutti..
Un abbraccio

APRILE 17, 2014
CAROLINA
Ciao Nicola, grazie per la spinta alla speranza, tu per non soffrire ci hai
messo 1 anno e 3 mesi, ognuno di noi avrà i suoi tempi (che auguro a tutti i
più brevi possibili), se la relazione è stata significativa non saranno certo
pochi mesi, ma sono convinta anch’io che, prima o poi, il dolore passa. Io
dopo 4 mesi sto ancora abbastanza a pezzi, sento un vuoto enorme e ho
paura del futuro. Lascio che il tempo passi, nel frattempo mi dedico a qualche
attività che mi fa stare bene (ho cominciato a ballare il tango, e lo consiglio, è
un ottimo strumento per divagarsi, per conoscere altre persone, ma,
soprattutto, per esprimere sentimenti anche dolorosi ma con la sensazione di
comunicare e costruire qualcosa di bello, fa sentire leggeri ma senza mettere
da parte artificiosamente i sentimenti dolorosi che si hanno), ma sento ancora
tutto il peso e il dolore di questo abbandono, e a momenti sono disperata. Sì,
so che se ne esce, a un certo punto per forza il dolore deve attutirsi se non
altro per autodifesa psicofisica, ma uno dei problemi che mi attanaglia è il
COME se ne esce. Vorrei non solo smettere di soffrire, ma anche tornare alla
sensibilità viva, al sorriso, che oggi mi appare una prospettiva metafisica,
fantastica. Ho paura di inaridirmi, di uscirne sì ma trasformata in una persona
incapace di provare ancora amore e sentimenti. A te com’è andata sotto
questo aspetto?

APRILE 17, 2014
ABAWO
Ciao a tutti
scrivo anch’io oggi perché il dolore è davvero tanto nonostante siano
passati più di due mesi: non c’è momento della giornata che non la pensi.
Ho purtroppo saputo poi che già si frequenta con un altro e così il dolore
si acuisce all’ennesima potenza. E’ davvero devastante tutto questo.
Ho perso quasi 7 Kg in un mese: non è giusto tutto questo! Non ce lo
meritiamo. Perché tutto questo?!
Temo di essere entrato in quel pericoloso loop che poi è difficile venirne
fuori… Ho paura e sono totalmente indifeso. Cerco di elaborare il tutto e
farmene una ragione e poi basta un’inezia e mi ricordo qualche parola di
lei o qualche cosa che abbiamo fatto assieme e giù che sprofondo
nell’abisso più nero con pianti e magoni.
Tutti dicono che il tempo cicatrizzerà le ferite e che ognuno di noi ha
bisogno dei suoi tempi, ma nel frattempo sento che qualcosa di me sta
morendo piano piano. Non è giusto!

APRILE 29, 2014
NICOLA
Carolina scusami non intendevo farti aspettare così tanto per una
risposta.. A me è andata bene.. Sto con una ragazza da circa 2 anni.. la
mia fortuna è che ho trovato una persona che ha saputo accettare il fatto
che quando l’ho conosciuta non avevo ancora superato la batosta che
avevo preso alcuni mesi prima.. mi ha aspettato.. non sto ad entrare in
particolari ma è chiaro che la nostra storia ha vacillato non poco.. io per
primo, o meglio, a dire il vero solo io, l’ho messa fortemente in
discussione perchè non mi sentivo pronto ad amare nuovamente e
soprattutto, a coinvolgere un’innocente.. Abbiamo avuto una pausa..
durante la quale, forse per la prima volta in vita mia, mi sono veramente
isolato dal mondo, dagli amici, dalle serate, da qualsiasi cosa non fosse il
mio lavoro e la mia casa.. ne sono uscito bene, oggi posso ammetterlo..
perchè alla fine di quella pausa, durata circa 50 giorni, ho capito che non
avevo più bisogno di soffrire per la mia ex.. ma che sentivo la necessità di
non lasciar andare quella ragazza per la quale intuivo stessi inizando a
provare qualcosa.. è chiaro, almeno per me, che senza quella pasua non
sarei mai stato in grado di capire, di capirmi e di guardarmi dentro.. non
sono più tornato sui miei passi.. ne sono innamorato e mi rende felice.. mi
guardo indietro e capisco che la mia ex, quella che mi ha spezzato in 2,
non mi amava neanche un decimo di quanto questa ragazza ha
dimostrato di fare.. al di là di come andrà, di come spero andrà fra di noi..
Su questo punto forse Art e molti altri direbbero che non è vero e che i
sentimenti finiscono.. e che è sbagliato pesarli mìminuziosamente dopo
perchè si rischia di farci condizonare dagli ardori, esclusivamente nefasti,
scaturiti dalla fine del rapporto.. non che non sia vero.. non dico di no, ma
credo che in ogni fine rapporto sia la fine stessa a sancire il peso di una
storia.. io fui lasciato in 2 giorni, senza avvisaglie (si ok, evidentemente
mi sfuggirono.. non è questo il punto, in realtà mai chiarito.. non che
interessi più a nessuno..) alcune né ripensamenti..
Tornando alla tua domanda, Carolina, il come è una risposta che solo un
ciarlatano potrebbe rivelarti.. non c’è un come generico, c’è un come solo
tuo, che scoprirai con il tempo.. vivendo.. piangendo.. e si, soffrendo.. il
mio messaggio vuole mettervi in faccia la dura realtà di chi sa
perfettamente cosa provate… vuole mettervi in guardia.. ma è anche
scritto da chi sa pefettamente che per quanto dura possa sembrare, o in
definitiva realmente essere, se ne esce.. prima o poi.. chi prima, chi poi..
Un abbraccio
•
FEBBRAIO 10, 2014
UMBERTO
Ciao Amici
sono un ragazzo di 30 anni sn capitato x caso su qst sito dopo aver ricevuto una grossa
delusione. L’articolo sopracitato e’ molto organico e’ sono sicuramente consigli da
seguire..a me e’ successo una decina di giorni prima di natale di essere lasciato dalla
ragazza che vedevo da un mese dapprima con messaggi in chat …poi c’e’ stato un
chiarimento ..ero tranquillo anche se avevamo deciso di non vederci ..ma all improvviso sn
andato in panico …l’ho rivista successivamente dopo ..e li ne uscivo da vari giorni di
insonnia non riposo e caffe’ e pensieri continui ..alla fine le cose si stavano mettendo
apposto ma un bacio forzato da parte mia credo l’abbia potuta
spaventare…successivamente nella stessa giornata ho avuto un attacco di panico
dapprima … e poi successivamente la sera ..ho tentato di risentirla ma lei insisteva sul
fatto che io avessi nei suoi confronti solo una brutta fissazione …i giorni sn trascorsi e le
festivita natalizie anche…x me sn state un incubo nn l’ho sentita…solo a natale mi ha
mandato qualche messaggio a cui io ho risposto ma niente di piu’….l’ho contattata a
capodanno ..ma nn ho fatto sforzi per instaurare quella continuita’ di prima … e’ iniziato un
mese di infelicita’…paranoie … insicurezza ….ho tentato di ricontattarla ma la situazione
mi e’ un po’ sfuggita di mano …e lei mi ha scaricato dicendomi di non poter aver nessun
tipo di rapporto e che frequenta un altra persona dopo qst l’incubo e’ continuato… soffrivo
di agitazione… in mezzo ai miei amici nn sembravo lo stesso le cose che dapprima mi
rendevano tranquille le ho iniziate a vedere come impegni insormontabili …niente piu
palestra …ne tele ..ho rinunciato a qualche lavoro …alla fine i miei genitori si sono stancati
del mio svegliarmi presto e girare senza meta x casa e mi hanno portato da uno psichiatra
che mi ha segnato medicinali che io nn prendero’ mai ..alla fine dopo un mese e piu inizio
a razionalizzare pero’ la penso ancora a volte nn riesco a perdonarmi degli errori …il fatto
che nn la vedo piu …rileggo le vecchie conversazioni …nn mi agita la cosa…ma mi sn un
po’ lasciato andare…ho ripreso la palestra ma nn mi diverte piu molto…e ho una barba
incolta che prima nn portavo ..piano piano sto cercando di emergere qualcuno sa darmi un
consiglio ??????? UMBERTO
o
FEBBRAIO 10, 2014
DAVIDE
Ciao Umberto, Non disperare, devi solo far passare un po’ di tempo e vedrai che le
cose si sistemeranno da sole. Ci sono due cose da non fare assolutamente: non
dimenticarti di te stesso e non contattarla. E’ normale che accada perché ora
l’attenzione è rivolta verso lei, ma cerca di sforzarti a pensare al tuo di bene. Lei è
stata a mio parere ( da quel che scrivi) abbastanza chiara, l’unica cosa che puoi fare è
lasciarla andare. Provare a trattenerla provocherà solo l’effetto opposto. Dedica il tuo
tempo a te stesso ed ai tuoi obiettivi. Cerca di non idealizzarla e di essere obbiettivo.
Valuta quel che è stato, in fondo è stata solo una conoscienza di un mese, per quanto
intensa possa essere stata.Prima di rendertene conto lei sarà svanita dai tuoi pensieri.
Ps: a molte donne piace la barba incolta :)

FEBBRAIO 12, 2014
UMBERTO
Ciao Davide
ti ringrazio del consiglio ..e pensa ho parlato con chiunque…amici parenti ..e
genitori piu’ o meno mi hanno detto per somme linee le stesse cose ma il senso di
vuoto mi pervade ancora non per il fatto in se’ ..ma e’ come se avessi perso un
opportunita’ importante di cambiare la mia vita ..invece e’ come se fossi tornato al
punto di partenza anzi …come se fossi peggiorato….era tempo che nn provavo
qualcosa di cosi’ forte ma nel contempo la mia poca esperienza mi ha portato a
commettere errori madornali …purtoppo nn mi sento la stessa persona allegra
che andava a 4000 ho avuto anche un blocco creativo …mi sn venute brutte
paranoie…e ogni tanto ho dei presagi poco rassicuranti ….mi sento un po’
stranito ..sto cercando di uscire il piu possibile ..di ributtarmi nella vita che
conducevo prima ..a volte le difficolta mi sembrano insormontabili c’e’ poco
piacere nelle cose che facevo prima …dopo qst esperienza ho rivisto la mia vita
costellata di insuccessi e di cose lasciate a meta’ prima mi sentivo bello…aitante
…..ora abbastanza meno ….ora pervade solo il silenzio un silenzio pesnte quanto
a un macigno forse la sto facendo tragica….ma il mio stato d’animo e come se
avessi fatto brutta figura

MARZO 1, 2014
CAROLINA
Ciao Umberto, è passata una 15ina di giorni da quando hai scritto l’ultima
volta, come ti senti adesso? Mi ha colpito, nella tua vicenda, che la storia con
la ragazza è durata 1 mese. Secondo me, è impossibile che in questo poco
tempo si possa esser creato un legame veramente d’amore, intendendo
quella struttura forte che ti lega pienamente all’altra persona. Non voglio certo
sminuire il tuo dolore, ci mancherebbe, se lo provi è reale, ma quello che
voglio dire è che secondo me la sofferenza che provi riguarda in questo caso
veramente soltanto te stesso (di cosa può aver riempito la tua vita questa
ragazza in un tempo così breve?), i tuoi vuoti, che ora proietti su questa
ragazza con la quale, infine, hai condiviso poco di quel percorso che delinea
l’amore. Convinciti che lei non c’entra affatto, che non è questione di brutte
figure (non fartene colpe, se le cose accadono accadono e basta,
nell’innamoramento reciproco non ci sono preclusioni, ci si innamora e va
bene tutto), affronta questo dolore come se fosse un campanello di allarme
sulla tua vita, converti completamente su di te il pensiero: non sei soddisfatto
di te stesso, non sei appagato, la delusione con la ragazza ha fatto emergere
questa scontentezza, è questo quello che non funziona e questo quello su cui
puoi fortunatamente agire. Se stiamo bene con noi stessi, qualcuno da amare
ed essere riamato apparirà, hai solo 30 anni, non ti demoralizzare! Io ti
consiglio di partire alla ricerca di cose appaganti; non sono dietro l’angolo,
vanno cercate con molti tentativi, puoi provare tante cose e puoi lasciarle in
qualsiasi momento se non ti interessano, prima o poi qualcosa ti piacerà e ti
ci soffermerai, si tratta di trovare dimensioni in cui ci si sente bene, attraverso
cui si ritrovi l’autostima, il gradimento degli altri. Io, da parte mia, ti consiglio di
iniziare un corso di tango argentino: se scopri che ti piace, sarà una delizia (e
non finirai di ringraziarmi!). Un abbraccio.
o
FEBBRAIO 16, 2014
CAROLINA
Ciao a tutti, anche io sono capitata per caso in questo blog, ovviamente spinta da una
delusione amorosa (ho 51 anni compiuti ieri, dopo 15 anni fra convivenza e
matrimonio, la santa sera dell’ultima vigilia di Natale lui mi comunica che ha deciso di
andarsene, e in capo a un paio di giorni così ha fatto). Dai giorni bui delle feste
natalizie, ho cominciato a navigare sul web, disperata, alla ricerca di consigli di
sopravvivenza, ma soprattutto di frammenti di storie che potessero farmi percepire la
mia avventura meno eccezionale, più comune, più appartenente all’umana specie. A
meno di due mesi dall’accaduto, io riconosco in me già più di una delle fasi descritte.
Nel senso che contemporaneamente mi interrogo sul perché, provo sensi di colpa e
rimpianti (se io avessi fatto…, se avessi detto…, se avessi lasciato correre …),
desidero che lui ritorni e penso che possa accadere, mi affiorano i momenti belli
passati insieme, lo detesto e provo rabbia, sono razionalmente consapevole che la
storia è finita (mi manca, per ora, la fase del transfert, perché mi sento svuotata da
capacità emotiva verso qualsiasi persona di sesso maschile che non sia lui). Tutto
insieme, al punto che non so distinguere nettamente in fasi questo difficilissimo
percorso che razionalmente penso che debba attuarsi portandomi dal dolore puro di
ora al suo superamento finale, schiudendomi a nuova vita.
Fin da subito ho evitato, di istinto, di chiudermi completamente in me stessa, di
indulgere continuamente al dolore. Ne ho parlato con persone amiche (recuperando
anche il rapporto con una sorella che mi è stata sempre molto cara ma che non ho
mai frequentato molto), mi sono forzata a uscire ma senza ansia del dover farlo,
accetto di attraversare il dolore senza negare che sia quel che è (un dolore quasi
fisico, un pianto irrefrenabile), mi sveglio ogni mattina come resuscitando da una
tomba ma vado regolarmente a lavorare, comincio a riflettere più su me stessa che su
di lui. Per tutto questo, le persone intorno a me mi precepiscono come una persona
forte, mentre io – nonostante tutto questo – mi sento invece fragilissima e quasi
perduta. Fatico ad allineare questa percezione che gli altri hanno di me con
l’immagine che io ho di me stessa (una donna distrutta), ma mi fa piacere che questa
diversa percezione di me esista, e cerco di convincermi che se gli altri la sentono,
qualcosa di vero ci deve essere. Per ora però è molto faticoso.
Mi chiedo continuamente non tanto se questo dolore cesserà, ma se avrò la
prospettiva di poter essere di nuovo non dico felice (una dimensione che al momento
mi appare metafisica), ma serena. Se anche per me questa separazione potrà
rappresentare un’occasione di rinascita, di cambiamento, di trasformazione, così
come leggo negli autorevoli interventi degli psicologi in merito e così come io vorrei.
La mia più grande paura non è di soffrire in eterno (penso, razionalmente, che in
quanto appartenente all’umana specie per ragioni di autoconservazione il dolore dovrà
per forza attutirsi), ma di non aver più accesso ad appagamento e pienezza.
Insomma, al momento mi terrorizza più la propspettiva di una vita emotivamente
mediocre. A questo pensiero è fortemente intrecciata l’idea che avrei potuto essere
felice solo con mio marito (una persona oggettivamente piena anche di pregi, che
ovviamente al momento mi appare come l’unico uomo della mia vita).
Io mi sento più o meno così.

FEBBRAIO 16, 2014
PAT
Carissima Carolina, ho letto con molto trasporto il tuo sfogo. Mi sono ritrovata in
ogni parola, stato d’animo, pensiero e paura. Come tu stessa dici, bisogna vivere
il e nel dolore che, prima o poi piano piano, svanirà. A me purtroppo non è ancora
successo sono passati quasi 7 mesi da quando mi ha lasciata ma soffro ancora,
la morsa al petto e allo stomaco si è allentata, è vero, ma la ferita è ancora aperta.
Il pensiero di lui e di tutto quello che c’è stato (in 10 anni) sono sempre presenti e
mi accompagnano ancora ogni giorno. Anche se so che non è più possibile, per
me lui è ancora l’uomo della mia vita e ho la tua stessa paura (citata in chiusura).
La risalita è difficile e piena di buche, l’umore è altalenante e quando pensi di
stare meglio e di vedere la luce, ti accorgi che dentro di te non è così. Penso che
essere lasciati dalla persona che ami ancora, sia una delle esperienze più forti per
l’animo umano ma credo che questo dolore serva a renderci persone diverse e a
forgiare il nostro Io. Auguro a te, a tutti quelli che soffrono per amore e a me
stessa di trovare la serenità giusta per alzare la testa e guardare la vita ancora
con il sorriso anche se quella persona non è più al tuo/vostro/mio fianco. Un
abbraccio

FEBBRAIO 17, 2014
CAROLINA
Cara Pat,
è così come dici, sì, la risalita è difficile, essere lasciati e non aver deciso noi
di farlo (pur se magari il pensiero ci ha anche sfiorati) rende i rapporti di forza
molto svantaggiosi per chi ha subìto la scelta. Si vive l’esclusione, il rifiuto, i
pensieri si convogliano in modo ossessivo, viene danneggiata pesantemente
l’autostima, è come se ti sentissi indegno di essere amato… Tutte cose
dolorosissime che hanno a che fare con il nostro io profondo, anche molto al
di là della vicenda per noi del tutto speciale che ci ha visto coinvolti. Io al
momento, tra le altre cose, lotto contro la mia percezione di essere una
vittima. Lotto contro tutti i pensieri e i desideri che scalfiscono la mia dignità.
Ad esempio, sogno non di dire, ma di avvertire nella pelle che chi ha perso
qualcosa di prezioso è lui, non io. Sogno persino che torni e io sia nella
condizione di dire: “mi spiace, ma ormai hai perso la tua occasione”,
andandomene come un’attrice sul palco nella scena finale del dramma. Ma so
che sono desideri di rivalsa che, oltre al fatto che quasi certamente non si
realizzeranno mai, indicano ancora il mio stato di dipendenza affettiva (mi ha
anche aiutato un giro sul web sulle dipendenze affettive e gli stili di
attaccamento). Le cose andranno meglio solo quando smetteremo veramente
di interrogarci su cosa dirà o farà l’altro, quando smetteremo di relazionarci
emotivamente al mondo come ancora l’altro ci fosse. Io al momento mi rendo
conto di continuare ancora un dialogo muto con lui, di pensare interrogandomi
su di lui, senza prescinderne, a volte anche ragiono ad alta voce come se
stessi spiegando le mie ragioni (a chi, se non a lui?). E’ questa una delle cose
al momento più difficili per me da superare, che mi pongo come obiettivo ma
che tra il dire e il fare…
Se posso socializzare le cose che mi aiutano a star meglio, suggerisco:
1) incontrare persone con cui non è opportuno parlare del nostro dolore (è
vero che, almeno nel mio caso, attaccherei a parlarne anche con l’autista
dell’autobus, ma è evidente che ci sono contesti in cui per decenza non se ne
deve parlare)
2) se si conoscono, incontrare persone con cui se ne può parlare ma che non
ti compatiscono né ti danno a priori ragione, ma anzi tendono a darti un punto
di vista differente, lontano dal tuo; può essere anche irritante lì per là, perché
vorremmo che tutto il mondo ci dicesse che abbiamo ragione e l’infame è
l’altro, ma alla fine serve a relativizzare le emozioni e i sentimenti
3) se si conoscono, incontrare persone che ti vogliono assolutamente bene
(su questo non devono esserci dubbi), con cui se ne può parlare ma che
hanno una spiccata tendenza all’umorismo, anche cinico; se si strappa una
battuta ironica o autoironica, per me è d’aiuto
4) se si balla, andare assolutamente a ballare, fa molto bene; pure se non si è
mai ballato, consiglio di iniziare un corso di tango argentino: al di là delle
vulgate sulla sua sensualità (che pure hanno del vero, ma certo dipende da
come ci stai dentro), si tratta di una esperienza essenzialmente emotiva e di
accoglienza nell’abbraccio umano che lenisce e pacifica molto il proprio
animo, e ci aiuta a riscoprire anche un po’ di femminilità (e mascolinità, per gli
uomini) che è in noi: per me al momento si tratta davvero di uno fra i rari
momenti in cui o non penso troppo alla mia storia, oppure trasformo il dolore
che sento in una comunicazione con altri da me senza la pesantezza delle
parole (mai come in questo momento mi capita di sentirmi dire che ballo
benissimo! beh, almeno una cosa che migliora…); si può cominciare anche
se non sei giovanissimo (io ho iniziato a 49 anni e mezzo), non richiede
particolari doti atletiche, si può raggiungere in tempi relativamente brevi una
possibilità di frequentare con soddisfazione le sale da ballo, soprattutto
considerando che non è che si deve per forza diventare i primi ai campionati
di Buenos Aires!
Un abbraccio
•
GENNAIO 24, 2014
MANU
Ciao Giorgia, grazie!ma credo che da solo non riesco a gestirla questa situazione
•
GENNAIO 23, 2014
DIANA
Ieri dopo tanto tempo sono rientrata in questo sito e ho riletto i post che avevo pubblicato a
suo tempo, nel lontano 2011, alcuni perchè avevo scritto veramente tanto. Sono tornata
insietro nel tempo e mi sono ricordata come ero, come mi sentivo, il male lancinante al
petto che avevo davvero fisicamente…..sono passati tre anni e il cammino è stato lungo e
faticoso. Non ho fatto il Cammino di Santiago come te, Art, anche se mi piacerebbe un
giorno, ma ho fatto un mio cammino molto introspettivo e spirituale segnato da varie tappe
tra cui la morte di mia mamma che mi ha radicalmente trasformato. Quell’uomo che ho
amato tantissimo è rimasto nel mio cuore e credo che da lì mai più andrà via ma mi sono
resa conto in questi anni che tutto serve per aiutarci a trasformare e migliorare. Sono una
donna migliore ora, più forte, più sicura, più determinata, ho superato quella dipendenza
affettiva che avevo. Questo blog è stata per me una tappa fondamentale. L’aiuto che ne
ho avuto è stato enorme perchè qui sai che sei compreso da persone che vivono le tue
stesse sensazioni e ti capiscono più degli amici. Ragazzi so che state male, cercate ogni
modo per sfogarvi e per tirare fuori tutto il dolore che purtroppo ci tocca sul vivo. E’ difficile
a volte farsene una ragione ma poi si comprende che tutto accade per un motivo….e
vedrete….non rinunciate ai vostri sogni e abbiate fiducia in voi stessi….un giorno
l’arcobaleno spunterà anche se ora lo vedere come cosa impossibile. Ma questo dolore
serve e io ne sono la prova
•
GENNAIO 22, 2014
ART
Ciao Diana…. sono contento di sentirti parlare così… un forte abbraccio e in gamba
•
GENNAIO 22, 2014
DIANA
Ciao non so se qualcuno si ricorderà di me( tranne Art che so si ricorda e che saluto) . Ho
scritto in questo blog tantissimo durante tutto il 2011 e il 2012…poi piano piano mi sono
staccata, fase naturale di un percorso di guarigione obbligato dal mal d’amore di un
deluso. Sono passati tre anni d’allora, tante cose sono cambiate ma quello che allora era il
mio amore l’ho sempre pensato con malinconia, ho fatto tanta fatica a staccarmi e a
superare. Ma non si dimentica, o almeno io non l’ho dimenticato. Il tempo ti aiuta a vedere
le cose in modo meno distorto e più obiettivo e cura le ferite ma restano profonde cicatrici.
Quella delusione mi ha profondamente trasformato, mi ha reso una donna diversa da
prima, non so se migliore ma diversa si. Sono diventata più scettica, più forte, più
oggettiva, ho imparto a gestire i miei sentimenti e a calibrare diversamente le emozioni ma
sopratutto ho imparto a puntare su di me, a riconquistare la mia vita e il mio io e ho capito
che lo star bene deve essere con se stessi, solo allora si può andar avanti. Ora sto
frequentando un nuovo uomo da 4 mesi e il mio cuore si sta aprendo ma ci ho messo tre
lunghi anni in cui mi sono sentita morire…. Coraggio ragazzi, rimboccatevi le maniche e
lasciate che il dolore vi attraversi, solo così si può andare avanti, ma ricostruite il vostro io
e vogliatevi bene. Ciao Diana
•
GENNAIO 11, 2014
ARIANNA
Ciao…
ho letto le righe scritte da Andrea, dove il dottor tempo guarisce le ferite.
il mio rapporto con l’uomo che amo e che mi ha lasciata un anno fa e’ duro da superare.
Siamo passati da momenti felici a momenti tristi, abbiamo superato molti ostacoli insieme.
Si sono messi in mezzo Polizia, carabinieri , giudici,…avvocati non vi elenco tutto le mie
dissavventure,
Ora l’ultima di oggi e’ che ha usato il suo potere di avvocato per vietarmi di entrare in citta’,
in cui io lavoro.
il prossimo passo e’ il carcere.
Non posso raccontarvi tutta la storia, sarebbe da scrivere un enciclopedia…quello che
volevo dire e’ che dopo tanto amore e vi parlo di VERO AMORE, si riceve TANTO ODIO.
Il bello che non so ancora perche’ mi sta facendo tutto questo male.
Si spero che il tempo guarisca le sue ferite, io l’ho gia’ perdonato da tempo, Dio mi sta
aiutando in questo, Dio mi da’ la forza per continuare ad amare e credere in un futuro
migliore.
Grazie
•
Fly UP