...

Corso di laurea in Giurisprudenza Vecchio Ordinamento didattico

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Corso di laurea in Giurisprudenza Vecchio Ordinamento didattico
Corso di laurea in Giurisprudenza
Vecchio Ordinamento didattico
Piano di studi ufficiale
I Anno
II Anno
Istituzioni di diritto privato Storia del diritto
italiano I
Istituzioni di diritto
Diritto romano I
romano
Storia del diritto romano
Diritto civile I
Filosofia del diritto
Diritto penale I
Diritto costituzionale
Diritto commerciale
Economia politica
Diritto ecclesiastico
Diritto del lavoro
Un insegnamento a
scelta
III Anno
Storia del diritto italiano
II
Diritto romano II
Diritto civile II
Diritto penale II
Diritto amministrativo I
Diritto internazionale
Un insegnamento a scelta
IV Anno
Diritto amministrativo II
Scienza delle finanze e
diritto finanziario
Diritto processuale civile
Procedura penale
Un insegnamento a scelta
Insegnamenti a scelta attivati nell’a.a. 2002/2003:
Criminologia, Diritto Agrario, Diritto Bancario, Diritto del Commercio Internazionale, Diritto del
Lavoro II, Diritto del Mercato Finanziario, Diritto dell’America Latina, Diritto dell’Arbitrato
Interno ed Internazionale, Diritto della Sicurezza Sociale, Diritto delle Comunità Europee, Diritto
Fallimentare, Diritto Industriale, Diritto Penale Commerciale, Diritto Privato Comparato, Diritto
Privato delle Comunità Europee, Diritto Pubblico Comparato, Diritto Regionale, Diritto Sindacale,
Diritto Tributario, Diritto Urbanistico, Relazioni Industriali, Sociologia del Diritto, Statistica,
Teoria Generale del Processo.
Insegnamenti a scelta attivati nell’a.a. 2003-2004:
Criminologia, Diritto Agrario, Diritto Bancario,Diritto del Lavoro II, Diritto del Mercato
Finanziario, Diritto dell’America Latina, Diritto dell’Arbitrato Interno ed Internazionale, Diritto
della Sicurezza Sociale, Diritto delle Comunità Europee, Diritto Fallimentare, Diritto Industriale,
Diritto Penale Commerciale, Diritto Privato Comparato, Diritto Privato delle Comunità Europee,
Diritto Pubblico Comparato, Diritto Regionale, Diritto Tributario, Diritto Urbanistico, Relazioni
Industriali, Teoria Generale del Processo.
Esami complementari per gli ordinamenti disattivati
Gli insegnamenti complementari disattivati potranno essere sostituiti da insegnamenti previsti dagli
ordinamenti dei nuovi Corsi di studio, purché ad essi siano attribuiti non meno di otto crediti
Propedeuticità obbligatorie per gli studenti del vecchio ordinamento:
L’esame di Istituzioni di diritto privato deve precedere quelli di: Diritto civile, Diritto
commerciale, Diritto privato comparato, Diritto del lavoro, Diritto processuale civile, Diritto
industriale, Diritto agrario, Diritto internazionale, Diritto ecclesiastico, Diritto amministrativo e
Diritto fallimentare.
Gli esami di Istituzioni di diritto romano e Storia del diritto romano devono precedere quelli di:
Diritto romano, Esegesi delle fonti del diritto romano.
L’esame di Economia politica deve precedere quello di: Scienza delle finanze e diritto finanziario.
L’esame di Diritto penale deve precedere quello di: Procedura penale.
L’esame di Diritto costituzionale deve precedere quelli di: Diritto amministrativo, Diritto
internazionale, Diritto ecclesiastico.
Piani di studio alternativi per gli studenti del vecchio ordinamento
Ai fini della presentazione di questi piani di studio, va tenuto presente che a norma dell’art. 2 della
legge n. 910 dell’11 dicembre 1969, gli insegnamenti biennali devono essere sostituiti con due
insegnamenti annuali.
Insegnamenti insostituibili:
Diritto costituzionale
Istituzioni di diritto privato
Istituzioni di diritto romano
Storia del diritto romano
Diritto commerciale
Economia politica
Diritto civile
Diritto internazionale
Diritto penale
Diritto amministrativo
Diritto processuale civile
Procedura penale
Diritto del lavoro
Insegnamenti a scelta:
Lo studente dovrà scegliere inoltre almeno un insegnamento tra:
Diritto romano (biennale) e Storia del diritto italiano (biennale);
un altro insegnamento tra:
Scienza delle finanze e diritto finanziario o Diritto tributario.
La scelta degli ulteriori insegnamenti necessari per completare il numero di 26 annualità richiesto
per l’ammissione all’esame di laurea dovrà essere comunque effettuata tra gli insegnamenti attivati
dalla Facoltà.
S’intende che nessun insegnamento potrà essere incluso nel piano di studi per più di una volta. Le
suesposte indicazioni non pregiudicano la facoltà di ciascuno studente di presentare una propria
proposta di piano di studi al Consiglio di Facoltà, che lo approva o lo respinge tenendo conto delle
esigenze di formazione culturale e di preparazione professionale dello studente.
Fly UP