...

Un autore scomodo – su Vincenzo Guerrazzi

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Un autore scomodo – su Vincenzo Guerrazzi
Un autore scomodo – su Vincenzo Guerrazzi
di Pasquale Giannino
Vincenzo Guerrazzi o lo detesti o lo ami. Il buon Cornacchia mi ha invitato a scrivere la
recensione di un libro autoctono – alla mia maniera – cioè tentando di seguire quel percorso di
ricerca-riscoperta delle radici che lui afferma di aver apprezzato in alcuni miei interventi virtuali
(alla prima occasione gli offrirò un caffè). Io non penso di avere un preciso modello letterario, i
miei interessi spaziano da Hemingway a Bertrand Russell, d’altra parte se ti laurei in ingegneria
elettronica e a un certo momento scegli di votare alla scrittura la tua esistenza, non puoi far finta di
ignorare le tonnellate di formule che hai ingurgitato. Tuttavia, se devo considerare un autore il quale
non solo mi ha aiutato – mediante i suoi libri – a intraprendere quel percorso che rappresenta ormai
una parte significativa del mio essere uomo che scrive, ma mi ha fornito – attraverso contatti e-mail
e conversazioni telefoniche – una serie di consigli pratici su come fare della buona letteratura,
ebbene, costui è Vincenzo Guerrazzi. La sua opera narrativa potrebbe sembrare oggi un po’ datata.
Quasi tutti i suoi testi parlano di una figura che pare ormai svanita nel nulla: l’operaio. In realtà
basta poco per comprendere l’attualità della sua arte (per apprezzarne la forza comunicativa – a
tratti dirompente – è sufficiente una lettura superficiale): basta sostituire ai protagonisti delle sue
storie i tanti programmatori informatici che lavorano alle catene di montaggio del terzo millennio, i
tanti giovani laureati (molti dei quali figli di quei personaggi) che vengono assunti per pochi mesi e
con stipendi da fame in quelle fabbriche del nostro tempo che sono i call center, i tanti operai non
ancora del tutto scomparsi come ci vorrebbero far credere (io, ogni mattina, al mio ingresso in ditta
ne incontro parecchi), ma che rischiano di scomparire davvero, minacciati dalla manodopera a
basso costo che incalza dall’estremo oriente.
Vincenzo Guerrazzi è nato a “Mammola, un paesotto dell’entroterra calabrese situato nelle
montagne tra il Tirreno e lo Jonio. A due ore di strada c’è il Limena, monte che domina un
altopiano. Nessuna attività, miseria nera.” Io provengo da San Donato di Ninea, antichissimo paese
dell’entroterra bruzio (pare che venne fondato dagli Enotri), arroccato alle pendici della seconda
vetta calabra: Cozzo del Pellegrino (1987 m s.l.m.), dalla cui cima è possibile ammirare
contemporaneamente il panorama di ambedue i mari. Negli anni Cinquanta contava quasi
cinquemila abitanti. Oggi, appena duemila, in gran parte anziani. Ecco, questo è il motivo per cui ho
scelto un romanzo di Guerrazzi: Quel maledetto giorno, stampato dall’editore di Cosenza Luigi
Pellegrini. È un libro del 2001, ma l’ho acquistato da poco. Ho faticato a trovarlo, del resto la
1
piccola e media editoria non può competere con la grande distribuzione industriale. Fa specie
pensare che uno scrittore del suo calibro (aveva pubblicato con Marsilio, Newton Compton,
Rizzoli…) si sia dovuto rivolgere a un piccolo editore calabrese. Ma questa, forse, è un’altra
storia…
I primi capitoli sono impregnati di un realismo crudo, impietoso, talora espressionistico: “Le
luci si spensero. L’ufficio fu immerso in un buio assoluto. Silenzio. Il corpo nudo di Alberto era
madido di sudore. Giaceva con le gambe tenute aperte da un legno a forcella. Ora il dolore dei
testicoli era più lacerante. Le sue natiche erano un formicolio di punzecchiature. Le braccia legate
dietro la testa. Si sentiva la lingua arsa e gonfia. Teneva gli occhi chiusi per non vedere quegli
strani uomini, che con il teschio gli giravano intorno. Il buio fu rischiarato dalla debole luce di una
candela. Quegli uomini erano ora più impressionanti”. La scena si svolge alla questura di Genova.
Siamo nel 1960, in pieno boom economico. Da tempo si ipotizza un’apertura del governo ai
socialisti, ma si è varato un monocolore con la guida del democristiano Tambroni e il sostegno
dell’MSI. Il capoluogo ligure dovrebbe ospitare il congresso missino. Ci sono stati dei tafferugli in
cui, suo malgrado, quel giovane è rimasto coinvolto: “La gente si accalcava sui marciapiedi
schiacciandolo. Le grida “Resistenza”, “Fascisti carogne”. “Il fascismo non passerà perché lo
rigetteremo nelle fogne” lo lasciavano indifferente. Non capiva il significato della parola
“Fascisti”. Pensava fossero dei ladri di bestiame […] Poi vide la polizia caricare, le camionette
bruciare come pagliai […] Si chiedeva se per caso i poliziotti cercassero lui perché aveva
abbandonato il suo paese”. Quel giovane è originario di Mammola. Ha deciso di scappare dalla
“miseria nera”. Le indagini sono affidate a un capitano di polizia. E qui è impossibile non rimanere
spiazzati. Nei gialli di Simenon o in quelli di Camilleri l’investigatore è un “commissario”, non un
capitano. Tutt’al più si potrebbe pensare a un capitano dei carabinieri. In realtà, basta proseguire
poche altre pagine per comprendere che non si tratta di una svista: ““Sbrigati, oggi la Corte
Suprema esaminerà la tua posizione” gli dissero e lo spinsero fuori dalla cella. Lo fecero salire su
una macchina che a gran velocità lo portò al Palazzo dei Processi […] “La Legge è tanto che
aspetta” dissero in coro i sette Giudici ch’erano seduti davanti al banco della Giustizia. La loro
toga nera drappeggiata di ermellino, e i loro visi pieni di rughe e gli occhi a pancia di rana,
spaventarono Alberto […] Nella sala si diffusero le note dell’Inno Nazionale. Parte del pubblico
applaudì e si mise a cantare seguendo la musica.” Ma probabilmente il lettore continua a rimanere
spiazzato. Il disegno di Guerrazzi inizierà a delinearsi e l’impianto del romanzo a divenire meno
criptico, grazie all’intervento della difesa: “Signor Presidente, come Vostra Eccellenza sa, un odio
profondo ha sempre diviso il Nord dal Sud […] I due mondi del Nord e del Sud così diversi per
natura, costumi ecc., sono stati tenuti insieme dalla falsa politica governativa. Al Nord c’è la
2
borghesia nata e favorita dalla migliore economia e dall’istruzione. Al Sud sono cresciuti con la
fame, gli stenti, le lotte mafiose. Non ci sono strade, è un paese inaccessibile e inospitale. Con
l’unità del Paese sembrava che l’arretratezza voluta dai monarchi spagnoli dovesse finire ma
invece ecco dove siamo arrivati, a una ipocrita unione che ogni giorno è più spezzata”. A questo
punto le tessere del mosaico dovrebbero essere al loro posto. Per lo meno quelle che ci forniscono
le coordinate più importanti. Ma non è così. Del resto l’autore è avvezzo a sviluppare il suo discorso
narrativo in mille rivoli – lasciandoti spesso in bilico tra realtà e allucinazione – non solo nei
romanzi ma in maniera equivalente nella pittura: le sue tele non possono definirsi realistiche,
sarebbe molto riduttivo. Scorrendo le pagine di un suo libro o ammirando un suo quadro, non puoi
restare indifferente dinanzi alla quantità di simboli e messaggi che trasmettono… Il processo
continua tra giudici che ronfano, improbabili scienziati che testimoniano a favore della difesa, e un
pubblico divertito che sottolinea i passaggi più significativi con applausi fragorosi. I discorsi dei
professori appaiono inconcludenti: uno propone di affidare il caso a una “Macchina-Cervello”, un
altro racconta di avere in cura diversi pazienti “annoiati, depressi, che non sentono interesse per
nessuna cosa a causa della loro perdita di ruolo nella società, cioè la non partecipazione a quella
che noi chiamiamo vita collettiva”.
Il processo si conclude, ma il lettore continua a rimanere disorientato. Passano molti anni,
crolla il muro di Berlino. L’autore sorvola su quanto è accaduto tra questi due eventi, Alberto si
ritrova d’un tratto catapultato in Francia, ad attraversare un percorso che si rivela gremito di strani
incontri, assurde conversazioni, spaventosi incubi… Hai l’impressione che la trama diventi sempre
più caotica e inverosimile. Ma Guerrazzi non è uno scrittore che gioca con l’assurdo. Dice il
protagonista: “Avevo ancora l’odore dell’erba nelle mani, non conoscevo i libri, tantomeno gli
uomini senza dio e senza patria e non sapevo di essere uno di loro”. Così Alberto Giugni non è più
uno dei tanti meridionali che emigrano al nord in cerca di fortuna, ma diventa emblema del “Sud del
mondo”. E nel suo peregrinare, a un certo punto una voce gli dice: “Tutto è assurdo in questa
nostra Società. I bisogni economici aumentano ogni giorno in modo irrazionale, spaventoso. Oggi
le masse sono manipolate dai falsi bisogni, le differenze sociali aumentano e le classi meno
privilegiate sono sottoposte a modelli di consumi più ampi. Oggi assistiamo, uomini senza dio e
senza patria, a questa corsa frenetica dietro la carota per un livello di vita sempre più elevato. Ma,
amici, la vita non ha alcun livello […] L’arte, la cultura, sono diventate dei semplici oggetti di
consumo e di piacere, senza legami, di cui gli uomini non possono fare a meno, questa è la società
in cui dovremmo vivere?”.
Vincenzo mi ha detto di recente: “Non scrivo mai da solo i miei libri. Li scrivo sempre in
compagnia dei miei lettori. Hanno così la facoltà di scegliersi il messaggio che meglio credono”.
3
Ebbene, questo è il mio. Quel maledetto giorno mi ha fatto conoscere un Guerrazzi di respiro più
ampio, un Guerrazzi che travalica l’ambito della cosiddetta letteratura proletaria, di cui resta in ogni
caso un esponente di valore. Ciò che più mi ha colpito è che il fulcro del libro non mi pare sia la
questione meridionale, come ritiene in un suo articolo Filippo Veltri. Quello che ho colto è qualcosa
di molto più esteso: il significato profondo del libro si deve intendere non tanto nella prima parte (il
processo), quanto nel successivo viaggio in Francia che, non a caso, l’autore colloca dopo il crollo
del muro di Berlino. Qui lui fornisce un sacco di tasselli che, certo, andranno poi assemblati nel
modo giusto, interpretati. Ma il messaggio dovrebbe essere abbastanza chiaro: lui vuole denunciare
il male del nostro tempo, che è un malessere ben più ampio dell’ossimoro ricchezza-povertà, nordsud, sviluppo-sottosviluppo. Lui pone l’accento – e lo fa con una certa perseveranza –
sull’alienazione che si va diffondendo nella nostra epoca, fenomeno ben diverso da quello che
denuncia nei suoi libri ambientati nella fabbrica: ora l’alienazione non è confinata tra le mura delle
attività produttive, ma riguarda tutto il nostro spazio vitale, che diventa vieppiù asfittico e nel quale
rischiamo di rimanere soffocati-stritolati fra orde di manager rampanti (ma un po’ lo siamo tutti)
che trovano nella competizione il loro Dio (nella competizione come valore in sé, non già come
veicolo per approdare a una posizione di ricchezza-potere – vedi Balzac – o per questioni di sesso –
vedi Moravia) e un consumismo sfrenato-inutile che ci illude di offrirci lusso e benessere, mentre
siamo tutti stanchi, annoiati, soli... depressi.
Per concludere, vi sono libri che si esauriscono nelle prime dieci-venti pagine. Questo
romanzo va letto sino alla fine: bisogna arrivare sino in fondo per essere certi di non aver tralasciato
neanche una traccia. È l’unico modo per cercare di ricomporre il mosaico nella sua interezza.
Quel maledetto giorno è un altro libro coraggioso di Guerrazzi, una denuncia forte, un urlo
di dolore che nessuno ha mai voluto ascoltare. Ma il nostro è un mondo avvolto nei misteri. Perché
lo Stato è riuscito a sconfiggere il terrorismo, ma è ben lungi dallo sconfiggere la mafia? Perché
nessun governo democratico è riuscito a gettare almeno le basi di una politica efficace, finalizzata a
colmare quel divario economico e di infrastrutture, che seguita ad allontanare il nostro meridione
dal resto del paese e dall’Europa? Perché nessun’organizzazione politica è riuscita ancora ad
abbattere quella muraglia invalicabile che separa il nord dal sud del mondo? Bene, c’è ancora
spazio per i libri di Guerrazzi. Io gli auguro che questo suo romanzo possa presto conoscere una
nuova luce.
4
Bibliografia
[1] Enzo Golino – Scritti con rabbia – MONDOPERAIO – N. 3 1975
[2] Mauro Ferrari – L’on. Mancini, il Premio Sila e un volume “raccomandato” ai presidi – IL SECOLO
D’ITALIA – 31 maggio 1975
[3] Walter Pedullà – Perbenisti e fascisti uniti nella lotta contro la cultura – L’AVANTI – 4 giugno 1975
[4] Raimondo Manzini – Quale cultura? – L'OSSERVATORE ROMANO – 8 Giugno 1975
[5] Ernesto Gagliano – Intervista a Vincenzo Guerrazzi – Un operaio al Premio Strega – LA STAMPA SERA – 25
Maggio 1977
[6] Giuliano Zincone – Uno scrittore contro gli scrittori – IL CORRIERE DELLA SERA – 2 luglio 1977
[7] Massimo Fini – I nostri intellettuali – IL LAVORO – 8 giugno 1978
www.nabanassar.com, dicembre 2006, diritti riservati
5
Fly UP