...

PIANO DI AZIONE COESIONE Compendio sulla

by user

on
Category: Documents
11

views

Report

Comments

Transcript

PIANO DI AZIONE COESIONE Compendio sulla
PIANO DI AZIONE COESIONE
Compendio
sulla
programmazione
sull’attuazione
UNA PA PER LA CRESCITA
e
PIANO DI AZIONE COESIONE
Compendio
sull’attuazione
sulla
programmazione
e
Il volume riporta una ricerca, conclusasi a novembre 2014, realizzata
nell’ambito del Progetto “POAT 2012-2015”- Ambito 2 Linea 1 a titolarità del
Dipartimento della Funzione Pubblica.
Programma Operativo
PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 – Obiettivo Operativo II.4
Fonte di finanziamento
Cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
Beneficiario POAT
Dipartimento della Funzione Pubblica
Autorità di Gestione
Ministero dello Sviluppo Economico
Destinatari dell’Intervento
Dipartimenti e strutture regionali coinvolti nella programmazione, gestione,
valutazione, monitoraggio dei PO. Amministrazioni presenti sul territorio delle
Regioni Convergenza, impegnate in qualità di organismi Intermedi nelle diverse
fasi di attuazione dei PO, oppure come beneficiarie di azioni cofinanziate.
Ente attuatore
Formez
PA
–
Centro
servizi,
assistenza,
studi
e
formazione
l’ammodernamento delle P.A.
Responsabile della Linea d’intervento
Antonia Verro (Ambito 2)
Per maggiori dettagli sulle attività e le azioni del Progetto
http://focus.formez.it/content/poat-2012-2015
Autori del volume
Paola Boffo, con la collaborazione di Francesco Gagliardi
Revisione editoriale
Maura Montironi, Antonia Verro
Organizzazione editoriale
Paola Pezzuto, Vincenza D’Elia
per
INDICE
Introduzione
Pag. 7
1. Genesi del Piano di Azione Coesione
Pag. 9
2. Le diverse fasi di programmazione del PAC
Pag. 13
3. Modalità di gestione e controllo del PAC
Pag. 23
4. Monitoraggio rafforzato del PAC
Pag. 33
5. Il PAC come struttura di programma unitario
Pag. 37
Allegati
Pag. 41
5
Introduzione
_______________________________________________________
Il Governo italiano nel 2011, per superare i ritardi che, a cinque anni dall’avvio
dell’operatività dei fondi strutturali 2007-2013, ancora caratterizzavano
l’utilizzo dei fondi medesimi e rispondere alle sollecitazioni in tal senso
dell’Unione
europea,
introduce
un
nuovo
contenitore
programmatico
denominato Piano di Azione Coesione (d’ora in poi PAC). Questo Piano
interviene per dare un’accelerazione all’iniziativa già avviata nel 2010 dal
Governo con il Piano nazionale per il Sud che, finalizzato anch’esso a superare
l’impasse che si registrava nell’utilizzo dei Fondi, non era riuscito a produrre
risultati significativi. Il Piano Sud agiva sia sulle risorse destinate alle aree
sottoutilizzate, vale a dire su quelle di carattere aggiuntivo previste dal Fondo
per lo sviluppo e la coesione (ex Fondo per le aree sottoutilizzate), sia su quelle
definite dai fondi strutturali dell’Unione europea, mediante la fissazione di
target di impegno e di spesa certificata alla Commissione europea.
Si tratta di una modalità che è riuscita a innescare un processo di crescita negli
impegni, ma non nei pagamenti che continuano a registrare un forte ritardo se
confrontati, ad esempio, con i dati di spesa rilevati, per la stessa annualità di
programmazione, nel periodo 2000-2006. Nel complesso, al 31 dicembre 2011,
lo stato di attuazione dei Fondi strutturali si attestava, per ciò che attiene gli
impegni, al 42% del contributo totale, mentre per quanto riguardava i
pagamenti la percentuale si limitava al solo 18%. Particolarmente in ritardo,
rispetto
agli
obiettivi
prefissati,
risultava,
nell’ambito
dell’obiettivo
Convergenza, lo stato di attuazione dei Programmi operativi regionali (POR)
della Campania e della Sicilia, del Programma operativo nazionale (PON)
“Ricerca e competitività” e del Programma operativo interregionale (POIN)
“Attrattori culturali, naturali e turismo”, mentre, fuori da questo Obiettivo, era il
Programma regionale dell’Abruzzo a registrare relative maggiori difficoltà.
7
Da qui l’esigenza di ricorrere a uno strumento di programmazione straordinario
quale il PAC. Un Piano che si caratterizza per una struttura articolata su due
dimensioni: una di vero e proprio nuovo programma parallelo a quello dei
Fondi strutturali; l’altra sviluppata invece all’interno dei Programmi Operativi
dei Fondi. In quest’ultimo caso s’introducono strumenti e linee d’intervento
specifiche caratterizzati da procedure di gestione e controllo più efficienti
rispetto a quelle tradizionalmente adottate nei programmi e la cui attuazione
viene
affidata,
con
il
ruolo
di
organismi
intermedi,
a
soggetti
dell’amministrazione centrale che hanno dimostrato una particolare efficacia
gestionale (è il caso ad esempio del Ministero della Pubblica Istruzione).
Nelle pagine che seguono, si analizza il PAC partendo dalla sua genesi fino ai più
recenti provvedimenti attuativi e se ne illustrano le regole di gestione, controllo
e monitoraggio.
8
1.
Genesi del Piano di Azione Coesione
_______________________________________________________
È nel 2011 che, in continuità con il già citato Piano nazionale per il Sud, prende
corpo, d’intesa con la Commissione Europea, un’azione per accelerare
l’attuazione dei programmi cofinanziati dai Fondi strutturali 20072013 sulla base di quanto stabilito dalla Delibera CIPE n. 1 del 2011 e
concordato nel Comitato nazionale del Quadro Strategico Nazionale (riunione
del 30 marzo 2011) da tutte le regioni, dalle amministrazioni centrali interessate
e dal partenariato economico e sociale. Lo strumento individuato per
consolidare e completare questo impegno è il Piano di Azione Coesione, che
inviato il 15 novembre 2011 dall’allora Ministro per i Rapporti con le Regioni e
per la Coesione Territoriale Raffaele Fitto al Commissario Europeo per la
Politica Regionale Hahn, si propone sia di colmare i ritardi ancora rilevanti
nell’attuazione dei Programmi Operativi, sia di rafforzare l’efficacia degli
interventi finanziati.
In attuazione degli impegni assunti con la lettera del Presidente del Consiglio al
Presidente della Commissione Europea e al Presidente del Consiglio Europeo
del 26 ottobre 2011 e in conformità alle Conclusioni del Vertice dei Paesi Euro
dello stesso 26 ottobre 2011, il Piano impegna le amministrazioni centrali e
regionali a rilanciare i programmi in grave ritardo, garantendo una forte
concentrazione delle risorse su alcune priorità. L’intervento, definito tenendo
conto degli esiti del confronto con il partenariato istituzionale ed economicosociale, si fonda sui seguenti principi:
•
concentrazione su tematiche di interesse strategico nazionale,
declinate regione per regione secondo le esigenze dei diversi contesti,
attraverso un confronto tecnico fra Governo e regioni;
•
definizione di risultati attesi in termini di miglioramento della qualità
di vita dei cittadini;
9
•
focalizzazione su obiettivi finalizzati a migliorare la qualità della vita
dei cittadini;
•
supporto e affiancamento da parte di centri di competenza
nazionale, affidando il governo dell’intervento del Piano a un Gruppo di
Azione a direzione nazionale, nel quadro di una cooperazione
rafforzata con la Commissione europea.
Per ogni priorità individuata dal Piano vengono definiti i risultati attesi (target)
dalla realizzazione degli interventi pianificati. Si tratta di un disegno
programmatico che per molti aspetti appare anticipare gli orientamenti della
politica di coesione operata con il ciclo di programmazione europea 2014-2020.
Il Piano, frutto di un’azione di cooperazione rafforzata tra le autorità europee, il
Governo nazionale e le amministrazioni centrali e, soprattutto, regionali, fissa
quindi i principi, le regole e gli interventi per la revisione dei
programmi cofinanziati dai Fondi strutturali 2007-2013. In pratica il PAC si
realizza grazie alla rimodulazione strategica delle risorse dei singoli
Programmi Operativi, con la riprogrammazione di alcuni programmi
regionali maggiormente in ritardo, con spostamento di risorse dei fondi
strutturali verso quelli maggiormente performanti, e la riduzione della quota
di cofinanziamento nazionale, che viene trasferita al di fuori dei
Programmi Operativi stessi, a favore degli interventi considerati prioritari dal
PAC. Come è noto, infatti, i regolamenti comunitari impongono, per poter
usufruire dei fondi strutturali, che ciascuno Stato membro stanzi una quota
nazionale di “cofinanziamento”, che misura l’impegno di quel paese per il
riequilibrio dei divari di sviluppo.
Secondo il Regolamento Generale dei Fondi strutturali che regola il ciclo di
programmazione 2007-2013 (Reg. CE n. 1083/2006), lo Stato membro deve
garantire un cofinanziamento pari almeno al 25% del valore del programma.
L’Italia nella fase di definizione dei Programmi, ha scelto − senza distinzione di
Obiettivo − di adottare un tasso di cofinanziamento più alto, pari nel
Mezzogiorno, al 50% del valore del programma.
10
Con l’introduzione del PAC, in accordo con la Commissione (ai sensi
dell’articolo 33 del Regolamento CE n. 1083/2006), i Programmi più in ritardo
vengono riprogrammati portando la percentuale di cofinanziamento
comunitario ad una percentuale più elevata dell’originario 50%, mantenendo
comunque il limite massimo del 75%; ciò ha consentito di ridurre
contestualmente la quota di cofinanziamento nazionale, liberando risorse a
favore del Piano di Azione Coesione.
In sostanza, in accordo con le istituzioni europee, la quota di finanziamento
comunitario dei Programmi Operativi in ritardo di attuazione, che rischiavano il
disimpegno automatico delle risorse, resta invariata, in valori assoluti, pur
assumendo un peso percentuale maggiore (dal 50% fino al 75%), mentre si
riduce la quota di risorse di cofinanziamento nazionale (dal 50% al 25%). Ciò ha
consentito nell’immediato di evitare gli effetti della regola del cosiddetto “n+2”,
che, in considerazione dei forti ritardi registrati nella certificazione della spesa,
avrebbe comportato il disimpegno sia delle risorse comunitarie non utilizzate,
sia di quelle di cofinanziamento nazionale.
La riduzione dell’ammontare di ciascun fondo interessato − e quindi delle
risorse totali dei programmi − ha ovviamente prodotto l’aumento della
percentuale di pagamenti effettuati. Quest’operazione di rimodulazione dei
programmi è stata accompagnata dall’introduzione di un sistema di obiettivi di
spesa (target) da raggiungere secondo un percorso caratterizzato da scadenze
temporali prefissate. Si è inteso in questo modo fornire alle amministrazioni
interessate una tabella di marcia maggiormente definita.
Le Regioni che a novembre 2011 hanno deciso di ricorrere al PAC sono Abruzzo,
Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che con il
Governo italiano siglano un accordo tale per cui l’utilizzo delle risorse nazionali
liberate dalla rimodulazione dei programmi cofinanziati dai Fondi strutturali, è
vincolato al principio di territorialità.
Tale principio è inoltre inserito nella Legge di stabilità 2012 (articolo 23, comma
4), prevedendo che il Fondo di rotazione per l’attuazione delle politiche
comunitarie previsto dall’articolo 5 della Legge n. 183 del 1987 possa destinare
le risorse finanziarie derivanti da un’eventuale riduzione del tasso di
11
cofinanziamento
nazionale
dei
fondi
strutturali
2007/2013
alla
realizzazione di interventi di sviluppo socio-economico concordati tra lo Stato
italiano e la Commissione europea nell’ambito della revisione dei programmi
stessi.
12
2.
Le diverse fasi di programmazione del PAC
__________________________________________________
Il Piano, si è sviluppato in diverse successive fasi di programmazione che
partono dal 15 dicembre 2011 fino all’ultima (la quinta) del 27 dicembre 2013.
Con la Delibera n. 96 del 3 agosto 2012, il CIPE ha preso atto
dell’aggiornamento del Piano di Azione Coesione, mentre con la Delibera n. 113
del 26 ottobre 2012 si individuano le amministrazioni responsabili della
gestione e dell’attuazione dei programmi e degli interventi finanziati nell’ambito
del Piano e definite le relative modalità di attuazione.
2.1
La prima fase
La prima fase, varata il 15 dicembre 2011 (e aggiornata a febbraio 2012) è il
risultato dell’Accordo condiviso tra Governo e le Regioni Basilicata, Calabria,
Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia per accelerare e riqualificare l’utilizzo dei
Fondi strutturali comunitari, al quale hanno aderito anche Abruzzo e Molise
(Regioni dell’Obiettivo Competitività). Questa fase ha riguardato i Programmi
Operativi Regionali per complessivi 3,5 miliardi di riprogrammazione, che sono
stati destinati a favore di istruzione, ferrovie, formazione riformata,
agenda digitale e credito di imposta per lavoratori svantaggiati. È
stata inoltre prevista la costituzione di un Fondo da 1,5 miliardi di euro a favore
di investimenti su reti e nodi ferroviari.
Più nello specifico, con l’impegno a favore del settore istruzione si è inteso
rafforzare nelle Regioni dell’Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia,
Sicilia) le azioni finalizzate al miglioramento delle competenze dei giovani e al
contrasto alla dispersione scolastica, affiancando e rafforzando le misure già in
avanzato stato di realizzazione attraverso i PON “Competenze per lo sviluppo”
13
(FSE) e “Ambienti per l’apprendimento” (FESR) attuati dal Ministero
dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR)1.
Per gli interventi a favore dell’istruzione, il PAC orienta complessivamente 974
milioni di euro, che si vengono così ad aggiungere alla dotazione finanziaria pari
a poco meno di 2 miliardi di euro dei due prima citati Programmi operativi
nazionali. La tabella 1 riporta la ripartizione territoriale delle risorse finanziarie
mobilitate dal PAC per questo settore.
Tab. 1 – Riprogrammazione PAC interna ai PO (milioni di euro)
Regione
FESR
FSE
Calabria
Totale
59,9
42,9
102,8
250,0
100,0
350,0
Puglia
90,0
72,4
162,4
Sicilia
263,1
96,0
359,1
Totale
663,0
311,3
974,3
Campania
Con riferimento invece all’impegno del PAC nel campo dell’Agenda digitale da
realizzare nelle regioni del Mezzogiorno, si procede attraverso la definizione di
tre distinti progetti infrastrutturali:
• Piano Nazionale Banda Larga (internet ad almeno 2 mpbs per tutti entro
il 2013)
• Progetto Strategico Banda Ultralarga (internet oltre i 100 mbps per il
50% degli italiani)
• Progetto Data Center (realizzazione di data center per accelerare il
processo di completa dematerializzazione della PA e la conseguente
digitalizzazione dei processi).
Per questi interventi il PAC destina complessivamente 409,9 milioni di euro di
risorse FESR sui Programmi Operativi regionali, di cui 269,8 in area
1
Obiettivi e contenuti di quest’azione del PAC vengono fissati nel Piano d’azione Istruzione
nell’ambito del primo aggiornamento del PAC (febbraio 2012).
14
Convergenza che saranno utilizzate nell’ambito dei progetti strategici nazionali
in sinergia con le operazioni già in atto nelle diverse regioni.
Tab. 2 – Dotazione PAC Agenda digitale (milioni di euro)
Regione
Piano
Nazionale
Banda Larga
Calabria
Progetto Strategico
Progetto Data
Banda Ultralarga
Center
Totale
5,0
86,9
40,0
131,9
0
0
0
0
Puglia
18,2
0
0
18,2
Sicilia
7,0
53,0
0
60,0
Basilicata
4,9
14,8
40,0
59,7
Sardegna
6,5
88,6
40,0
135,1
Molise
0
4,0
1,0
5,0
Totale
41,6
247,3
121,0
409,9
Campania*
*Risorse da determinare successivamente
L’impegno a favore del sostegno all’occupazione del PAC – così come
concordato in via definitiva su proposta del Ministero del Lavoro e delle
Politiche Sociali con la Commissione europea (DG EMPL) – si concretizza con
l’attuazione del credito d’imposta, secondo quanto stabilito nell’articolo 2 del
D.L. n. 70 del 2011.
Le risorse destinate a questo strumento, a valere sui Programmi Operativi
regionali, ammontano a 142 milioni (ulteriori 175 milioni saranno aggiunti nelle
successive fasi di riprogrammazione del PAC), così ripartite:
•
Calabria: 20 milioni
•
Campania: 20 milioni
•
Puglia: 10 milioni
•
Sicilia: 65 milioni
•
Sardegna: 20 milioni
•
Molise: 1 milione
•
Abruzzo: 4 milioni.
15
Con il PAC si orientano poi, sempre in questa prima fase di programmazione,
1.620 milioni di euro a favore della modernizzazione e miglioramento della rete
ferroviaria del Sud Italia. L’azione si articola in interventi tecnologici sulla rete –
che a relativa più rapida realizzazione (36/48 mesi) producono primi benefici di
miglioramento dei tempi di percorrenza già nel medio periodo – e interventi
infrastrutturali. Questi ultimi, caratterizzati da tempi lunghi (fino a 10 anni),
consentono di costruire un quadro di certezze per il futuro, rilevante per le
realizzazioni di importanti snodi ferroviari, con ricadute positive per cittadini e
imprese dei territori interessati.
Le direttive prioritarie di questa azione, individuate d’intesa fra Governo e
Regioni, sono: l’asse Catania-Palermo, l’asse Napoli-Bari, il nodo di Bari e tratte
adriatiche, l’asse Taranto-Sibari-Gioia Tauro, l’asse jonico e la rete ferroviaria
sarda. Le suddette risorse finanziarie del PAC vengono acquisite attraverso la
riduzione del tasso di co-finanziamento dei fondi comunitari. In base ad una
recuperata logica di programmazione unitaria, per ognuno di questi assi i nuovi
interventi da finanziare sono stati identificati in modo da completare (in tutto o
in parte) i finanziamenti già disponibili dal Fondo sviluppo e coesione pari a
830 milioni di euro (Delibera CIPE 62/2011) e dal Programma Operativo
Nazionale (4.221 milioni di euro).
Complessivamente vengono mobilitate risorse per circa 6,5 miliardi. Con il
primo aggiornamento del PAC (febbraio 2012) sono stati ulteriormente
dettagliati gli interventi ferroviari2.
2
Più nello specifico gli interventi previsti riguardano: Campania – variante Cancello-Napoli,
tratta Cancello-Frasso Telesino, Traccia-Napoli e acquisto di materiale rotabile; Puglia – nodo
di Bari e raddoppio Lesina-Ripalta; Sicilia – linea Catania-Palermo; Sardegna –
ammodernamento e velocizzazione rete sarda (oltre a collegamenti stradali necessari a
superare le condizioni di particolare isolamento della Regione); Calabria – elettrificazione
dorsale jonica.
16
2.2
La seconda fase
La seconda fase di riprogrammazione del PAC (15 maggio 2012) ha interessato
invece i programmi gestiti dalle amministrazioni centrali (PON e POIN) a favore
della cura per l’infanzia e per gli anziani non autosufficienti (730
milioni), dei giovani, della competitività e innovazione delle imprese e
delle aree di attrazione culturale, per 2,3 miliardi, di cui 1,9 miliardi di
euro assegnati al PAC e il resto dalla riprogrammazione all’interno dei
programmi, ripartiti secondo quanto riportato nella tabella 3.
Tab. 3 – Programmi PAC Amministrazioni Centrali (milioni di euro)
Azioni
Risorse
Cura dell’infanzia
400,0
Cura degli anziani non autosufficienti
330,0
Interventi per la legalità in aree a elevata dispersione scolastica
77,0
Progetti promossi da giovani del privato sociale
37,6
Autoimpiego e autoimprenditorialità
50,0
Apprendistato e uscita da “né allo studio né al lavoro”
50,0
Promozione metodi applicati di studio/ricerca nelle Università attraverso
5,3
ricercatori italiani all’estero (c.d. Messaggeri della conoscenza)
Promozione sviluppo imprese, e ricerca
740,7
Promozione innovazione via domanda pubblica
150,0
Valorizzazione aree di attrazione culturale
330,0
Riduzione tempi giustizia civile
Interventi efficienza energetica aree urbane e naturali
Totale
4,4
124,0
2.299,0
17
2.3
La terza fase
La terza fase di riprogrammazione, varata nel dicembre 2012 d’intesa con le
Regioni (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna e
Valle D’Aosta) e con i Ministeri interessati, ha riguardato un importo
complessivo di 5,7 miliardi, di cui 4,9 miliardi quale riduzione del
cofinanziamento nazionale dei fondi strutturali e 0,8 miliardi di rimodulazione
all’interno dei Programmi Operativi.
Attraverso questa fase del PAC, si è ulteriormente rafforzato l’impegno diretto a:
•
accelerare l’attuazione della programmazione 2007-2013 per colmare i
gravi ritardi maturati;
•
rafforzare l’efficacia degli interventi orientandoli a risultati misurabili e
concentrando le risorse;
•
avviare nuove azioni, alcune delle quali di natura prototipale che, in base
agli esiti, potranno essere riprese nella programmazione 2014-2020;
•
anticipare i nuovi metodi di “programmazione rivolta ai risultati” previsti
per la programmazione dei Fondi strutturali e di sviluppo economico
2014-2020 dell’UE.
Mentre nella prima e seconda riprogrammazione si sono privilegiati obiettivi di
riequilibrio strutturale (scuola, reti ferroviarie e digitali, servizi di cura, etc.),
nella terza si è posta l’attenzione, su sollecitazione delle parti economiche e
sociali, a misure anticicliche e misure rivolte alla salvaguardia di
singoli progetti in ritardo, ma meritevoli di finanziamento.
Pertanto la terza fase è articolata in tre obiettivi:
•
misure anticicliche che consentano a lavoratori, imprese e persone di
superare la
prolungata crisi
recessiva senza compromettere
le
opportunità e le condizioni di vita nella fase di ripresa (2,5 miliardi)
•
salvaguardia di progetti validi in ritardo (1,9 miliardi)
•
nuove azioni selezionate dalle regioni (1,3 miliardi).
Le misure anticicliche identificate e finanziate sono riportate nella tabella 4.
18
Tab. 4 – Misure anticicliche (milioni di euro)
Azioni
Agevolazione fiscale de minimis per micro e piccole
Riduzione
Riprogr.
cofinanz.
PO
Totale
366,0
11,0
377,0
85,0
90,0
175,0
530,0
0
530,0
Promozione della nuova imprenditorialità
92,8
112,0
204,8
Potenziamento istruzione tecnica e professionale di
81,0
25,0
106,0
Promozione sviluppo turistico e commerciale
134,0
224,9
358,9
Interventi di rilancio di aree colpite da crisi industriali
282,0
0
282,0
57,0
270,0
327,0
85,0
58,7
143,7
1.712,8
791,6
2.504,4
aziende delle aree a disagio socioeconomico
Rifinanziamento credito d’imposta occupati
svantaggiati
Misure innovative e sperimentali di tutela
dell'occupazione e politiche attive del lavoro collegate
ad ammortizzatori sociali in deroga
qualità
Strumenti di incentivazione per il rinnovamento di
macchinari e attrezzature da parte delle imprese
Aiuto alle persone con elevato disagio sociale
Totale
Per quanto riguarda la salvaguardia di progetti avviati (1,9 miliardi) – si tratta
di interventi avviati nei Programmi Operativi e che hanno necessità di tempi più
ampi per dispiegare i loro effetti (anche in considerazione del rischio di non
ultimazione entro il 31 dicembre 2015) – è stata impostata sulla base di una
serrata concertazione tra le amministrazioni centrali capofila dei Fondi
strutturali, le regioni e la Commissione europea. Le principali tipologie
d’intervento riguardano i “grandi progetti” (687,7 milioni) e altri interventi
validi in relazione ai diversi contesti territoriali (1.243,6 milioni), quali misure
per il risparmio energetico e produzione da fonti rinnovabili; per la
valorizzazione e la tutela del patrimonio culturale; per la rigenerazione urbana;
per il miglioramento delle strutture scolastiche attraverso un forte ricorso alle
nuove tecnologie e alle attrezzature didattiche innovative; per il miglioramento
19
di specifiche infrastrutture in Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna, Friuli VeneziaGiulia, anche attraverso il contributo del PON Reti e Mobilità.
Le nuove azioni assorbono 1.250,5 milioni destinati a interventi nuovi ovvero
non compresi negli originari Programmi Operativi cofinanziati la cui
realizzazione, anche in coerenza con le mutate esigenze poste dalla crisi
economica in atto, assicura il raccordo con la programmazione del prossimo
ciclo 2014-2020.
2.4
La quarta e la quinta fase
Le “Misure straordinarie per la promozione dell’occupazione, in particolare
giovanile, e la coesione sociale” previste dalla Legge 9 agosto 2013 n.99
costituiscono i contenuti della quarta fase di riprogrammazione (PAC IV) che ha
mobilitato risorse pari a circa 2,1 miliardi di euro, modificando anche la
destinazione di risorse già assegnate. La quinta fase di riprogrammazione (PAC
V) è stata invece avviata dal Consiglio dei Ministri il 27 dicembre 2013 e prevede
la rimodulazione di 1,8 miliardi di euro già programmati nel PAC su azioni non
avviate o comunque in ritardo di attuazione.
Gli investimenti sono destinati a misure specifiche per le imprese, per
l’occupazione e per lo sviluppo delle economie locali.
2.5
Una sintesi
Riassumendo, il Piano di Azione Coesione è stato attuato di concerto con le
Regioni attraverso fasi successive di riprogrammazione dei Programmi
cofinanziati dai fondi strutturali.
Le prime due fasi (dicembre 2011 e poi maggio 2012) hanno riallocato un totale
di risorse pari a 6,4 miliardi di euro, attraverso sia la riduzione del
cofinanziamento nazionale, sia la revisione interna dei programmi.
Tali fasi hanno riguardato in misura prevalente (4,9 miliardi di euro) le Regioni
Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e in misura più contenuta (0,5 miliardi di
euro) le altre Regioni del Sud e alcune del Centro Nord.
20
Sommando ad esse le risorse considerate nella terza fase (5,7 miliardi di euro), il
PAC ha messo in campo al 31 dicembre 2012 risorse per complessivi 12,1
miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di euro provenienti dalla riduzione del
cofinanziamento nazionale dei fondi comunitari secondo quanto riportato in
dettaglio nella tabella 5.
I Programmi Operativi Regionali registrano una riduzione delle risorse del
cofinanziamento nazionale per un ammontare pari a 6,8 miliardi di euro, e di
questi sono i Programmi Operativi della Sicilia e della Campania a
caratterizzarsi per i tagli più consistenti (rispettivamente, di 2.631 e 2.438
milioni di euro).
Per i Programmi Nazionali e Interregionali la riduzione del cofinanziamento
ammonta a 3,1 miliardi. La rimodulazione più consistente ha riguardato i
Programmi Nazionali o Interregionali “Ricerca e competitività” (1.780 milioni di
euro) ed “Energia rinnovabile e risparmio energetico” (504 milioni di euro).
Complessivamente, a febbraio 2014, con la quarta e quinta fase, il PAC ha
assunto una disponibilità di risorse pari a 13,5 miliardi di euro a cui concorrono
risorse nazionali derivanti dalla riduzione del tasso di cofinanziamento
nazionale dei Programmi Operativi (11,5 miliardi di euro) e risorse
riprogrammate attraverso rimodulazione interna ai medesimi Programmi (2,0
miliardi di euro).
21
Tab. 5 – Riduzioni del cofinanziamento nazionale nelle tre fasi PAC (Meuro)
Programmi
Operativi
riprogrammati
Dotazione
Contributo
Quota
complessiva
dopo
iniziale
aggiornamento
PAC
3°
trasferita a
PAC
Programmi FSE
Calabria
860,40
800,5
60,0
Campania
1.118,0
968,0
150,0
Sardegna
729,3
675,1
54,2
2.084,4
1.632,30
452
Valle d'Aosta
82,3
65,8
16,5
Governance
517,8
427,9
90,0
5.392,2
4.569,6
822,7
Calabria
2.998,2
2.544,7
453,5
Campania
6.864,8
4.576,8
2.288,0
303,0
258,8
44,2
5.238,0
4.492,3
745,7
1.701,7
1.361,7
340
6.539,6
4.360,6
2.179,0
23.645,3
17.594,9
6.050,4
276,2
226,2
50
Reti e mobilità
2.749,4
2.576,6
172,8
Ricerca e competitività
6.205,4
4.425,4
1.780,0
Sicurezza
1.158,0
968,1
189,9
Attrattori culturali, naturali e turismo
1.015,6
685,7
329,9
Energia rinnovabile e risparmio
1.607,8
1.103,8
504,0
Totale PO nazionali e interregionali
13.012,4
9.985,8
3.026,6
TOTALE FESR
36.657,7
27.580,7
9.077,0
42.049,9
32.150,3
9.899,7
Sicilia
TOTALE FSE
Programmi FESR
Friuli-Venezia Giulia
Puglia
Sardegna
Sicilia
Totale PO Regioni
Governance
energetico
TOTALE COMPLESSIVO
22
3.
Modalità
di
gestione
e
controllo
del
PAC
_______________________________________________________
Con la riprogrammazione effettuata a seguito dell'adesione al Piano di Azione
Coesione, risultano attribuite a ciascuna regione risorse3 per un insieme di
interventi attuati direttamente dalle regioni, o dalle amministrazioni centrali,
o da Organismi Intermedi.
La Delibera CIPE 113 del 26 ottobre 2012 dispone, tra l'altro, al punto 5 che
“Entro sessanta giorni dalla data di adozione della presente delibera, ciascuna
Amministrazione responsabile della gestione degli interventi individuati dal
Piano di azione coesione individua, con atto formale, le strutture deputate
a dare esecuzione a tali interventi, con l’attribuzione delle relative
responsabilità di gestione, monitoraggio e controllo.
Tali atti furono trasmessi, da ciascuna Amministrazione, all’allora Ministro per
la Coesione Territoriale, al Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento
per lo sviluppo e la coesione economica, DGPRUC, nonché al Ministero
dell’Economia e delle Finanze – Ragioneria generale dello Stato, IGRUE,
unitamente al piano annuale indicativo di realizzazione degli interventi e di
utilizzo delle relative risorse”. Inoltre nel punto 6 afferma che “le predette
Amministrazioni, attraverso le strutture di cui al punto 5, trasmettono al
sistema nazionale di monitoraggio del QSN 2007/2013, i dati relativi
all’attuazione degli interventi di rispettiva competenza, secondo le
modalità e i tempi già definiti con la circolare n. 5 dell’8 febbraio
3
Per l'utilizzo delle risorse sono già state fornite indicazioni con nota del Ministero dello
Sviluppo Economico n. 22800 del 22/02/2013, con precedente nota del Ministero
dell'Economia e delle Finanze, RGS -IGRUE n. 29497 del 06/04/2012, nota del Ministero dello
Sviluppo Economico, Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica -DGPRUC n.
8196/2012 del 18/6/2012 e con Delibera CIPE n.113 del 26/10/2012 e successiva informativa
del 18/02/2013. Ad integrazione dei richiamati atti si ricorda anche la nota IGRUE n. 0009307
del 31/01/2013 che ha trasmesso il documento "Procedure per l’utilizzo delle risorse destinate
agli interventi del Piano di Azione Coesione”.
23
2010 del Ministero dell’Economia e delle Finanze − Ragioneria
Generale dello Stato, IGRUE.
Le stesse Amministrazioni forniscono, altresì, le informazioni necessarie ad
assicurare la sorveglianza e la valutazione dello stato di avanzamento del PAC,
con particolare riferimento al rispetto del cronoprogramma di attuazione,
all’avanzamento delle attività e delle
realizzazioni e al percorso di
conseguimento degli obiettivi e dei risultati attesi”.
La tabella 6, ripresa dalla suddetta Delibera, elenca le amministrazioni
incaricate dell'attuazione delle Azioni PAC approvate fino a quella data.
Tab. 6 - Assegnazione delle risorse per linea di intervento (milioni di euro)
Programmi/Interventi
Ferrovie
Responsabile
Responsabile
gestione
attuazione
Min.
RFI
Importi
1.502,6
Infrastrutture
Servizi di cura all’infanzia
Min. Interno
Enti locali
400,0
Servizi di cura anziani non autosufficienti
Min. Interno
Enti locali
330,0
Interventi di legalità in aree a elevata
Min. Interno
Enti locali
77,0
PCM
Dip. Gioventù
37,6
Autoimpiego e autoimprenditorialità
MISE
MISE
50,0
Apprendistato e uscita da “né allo studio
Min. Lavoro
Min. Lavoro
50,0
MIUR
MIUR
5,3
Ricerca e innovazione
MIUR
MIUR
115,5
Promozione sviluppo e innovazione
MISE
MISE
436,2
MISE
MISE
50,0
MIUR
MIUR
100,0
dispersione scolastica
Giovani del non profit per lo sviluppo del
Mezzogiorno
né al lavoro”
Messaggeri della conoscenza nelle
Università meridionali
imprese
Promozione innovazione via domanda
pubblica
Promozione innovazione via domanda
pubblica
24
Valutazione aree di attrazione culturale
MIBAC
MIBAC
130,0
Riduzione tempi giustizia civile
Min. Giustizia
Min. Giustizia
Interventi efficienza energetica aree
MISE
MISE
124,0
Regione Siciliana
Regione Siciliana
452,0
4,4
urbane e naturali
Piano giovani Sicilia
TOTALE
3.864,6
Interventi già individuati nei PO la cui attuazione proseguirà fuori dal programma originario
Ricerca
MIUR
MIUR
546,0
Sicurezza
Min. Interno
Min. Interno
103,0
Imprese
MISE
MISE
178,0
Energia
MISE
MISE
198,0
Altri interventi PAC
Regione Sardegna
Regione Sardegna
TOTALE
TOTALE PAC (prime due fasi)
117,7
1.142,7
5.007,3
Per quanto riguarda le attività di assistenza tecnica, nel caso di costituzione
di un Programma esterno parallelo, possono essere destinate risorse in misura
non superiore alla riduzione effettuata sull'Asse di Assistenza tecnica del
Programma di riferimento; nel caso di un Programma che preveda
priorità/azioni non riconducibili al PO di riferimento è possibile impiegare fino
al 3% delle risorse destinate a tali priorità/azioni.
Per l'attivazione delle risorse, a seguito del relativo impegno di spesa
assunto dall'IGRUE che effettua il disimpegno delle risorse a valere sui fondi
europei e impegna le risorse a valere sul PAC4, la Regione (ai sensi della
Delibera CIPE 113 del 26/10/2012) deve:
4
La Delibera CIPE 113 prevede che al fine di consentire la tempestiva attuazione del Piano di
azione coesione – nelle more dell’adozione da parte dell’Unione europea delle decisioni di
rimodulazione dei piani finanziari dei corrispondenti Programmi Operativi cofinanziati dai
Fondi strutturali 2007-2013 – le risorse finanziarie provenienti dalla riduzione della quota di
cofinanziamento statale dei predetti Programmi pari a complessivi 5.007,30 milioni di euro,
25
• individuare, con atto formale strutturato – secondo il documento
“Descrizione dei sistemi di gestione e controllo concernenti gli interventi
finanziati dalle risorse del fondo di rotazione nell'ambito del Piano di
Azione Coesione” (allegato alla nota IGRUE 9307 del 31/01/2013) – le
strutture deputate a dare esecuzione a tali interventi, con l’attribuzione
delle relative responsabilità di gestione, monitoraggio e controllo. Nel
caso in cui siano identificate amministrazioni o soggetti diversi
dall’Autorità di gestione dei PO comunitari riprogrammati, questi
soggetti devono essere chiaramente identificati e svolgono il ruolo di
Attuatori/beneficiari
con
responsabilità
analoghe
agli
Organismi
Intermedi / Beneficiari dei PO comunitari;
• definire i risultati da perseguire espressi in termini di indicatori e target
di realizzazione e risultato; la relazione fra interventi e risultati; la
sussistenza delle pre-condizioni necessarie a garantire l’efficacia degli
interventi;
• predisporre un piano annuale indicativo di realizzazione degli interventi e
di
utilizzo
delle
relative
risorse
articolato
per
proposta
di
programma/intervento.
A seguito della trasmissione della documentazione menzionata all’allora
Ministro per la Coesione Territoriale, al Ministero dello Sviluppo Economico –
Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, DGPRUC, nonché al
Ministero dell’Economia e delle Finanze - Ragioneria generale dello Stato,
IGRUE, e dell'invio di una richiesta di anticipazione, l'IGRUE potrà procedere
alla erogazione del 5% delle risorse programmate e disponibili a
titolo di anticipazione. Tale anticipazione sarà riassorbita nella domanda di
pagamento finale.
I pagamenti intermedi successivi all'anticipazione saranno effettuati a
seguito delle domande di pagamento formulate dalle amministrazioni
sono riassegnate, nell’ambito del Fondo di rotazione di cui all’art. 5 della Legge 16 aprile 1987,
n. 183, in favore dei singoli programmi/interventi ricompresi nel Piano di azione coesione, con
imputazione alle quote di cofinanziamento statale relative alle annualità 2012 e 2013 dei
predetti Programmi Operativi, fino a concorrenza degli importi per ciascuno indicati.
26
competenti, corredate dalla certificazione delle spese sostenute, e dovranno
essere compilate su apposito modello standard (in analogia a quanto avviene
per le domande di pagamento riguardanti i Programmi cofinanziati dai fondi
strutturali) a firma del responsabile della struttura incaricata della gestione
dell’intervento.
Il sistema di controllo deve rispondere a requisiti di efficacia ed incisività,
deve essere supportato da adeguata strumentazione tecnica (manuali, check list,
ecc.) e deve essere basato sulle verifiche della gestione nel rispetto dell’art. 60
lett. b) del Regolamento 1083/2006, anche al fine di assicurare una possibile
successiva rendicontazione delle spese sul PO cofinanziato.
Il MISE - DPS e il MLPS, per gli ambiti di rispettiva competenza, verificano la
completezza e correttezza formale delle domande di pagamento, in analogia alle
procedure in uso per le risorse comunitarie e, in caso di esito positivo, ne danno
comunicazione al MEF – RGS – IGRUE per il relativo seguito.
La domanda di saldo finale, corredata dalla certificazione delle spese
sostenute, dovrà essere inviata entro tre mesi dalla chiusura dell’intervento. La
domanda dovrà essere accompagnata da una relazione finale di esecuzione
dell’intervento, da cui risulti il completamento delle attività previste e
l’ammontare delle spese sostenute. I pagamenti intermedi e quello a saldo
saranno effettuati fino al raggiungimento dell’importo pari al 90% della
dotazione finanziaria del Programma, previa verifica delle Amministrazioni
competenti.
Ai fini del monitoraggio, in conformità al punto 6 della citata Delibera CIPE,
la Regione Sicilia dovrà trasmettere al sistema nazionale di monitoraggio del
QSN 2007/2013 i dati relativi all’attuazione degli interventi di rispettiva
competenza, secondo le modalità e i tempi già definiti con la circolare n. 5 dell'8
febbraio 2010 del MEF Ragioneria Generale dello Stato – IGRUE.
La circolare stabilisce le scadenze bimestrali per le attività di validazione dei
dati di monitoraggio da parte delle Autorità di gestione, validazione
propedeutica al consolidamento delle informazioni ed alla loro divulgazione agli
interlocutori istituzionali comunitari e nazionali. L'alimentazione del Sistema
Unitario di Monitoraggio, a partire dalla individuazione dei risultati attesi e dei
27
relativi indicatori, è condizione necessaria ai fini del rimborso delle spese
sostenute ed incluse nelle domande di pagamento. Nella tabella 7 si riporta la
situazione di attuazione del PAC alla data del 30 giugno 2014.
Tab. 7 - Piano di Azione Coesione: dati di monitoraggio al 30 giugno 2014
Descrizione Programma
Finanziamento
Impegni (€)
Pagamenti (€)
totale (€)
POIN CONV. FESR
ATTRATTORI CULTURALI,
57.194.512,24
13.994.441,05
49.816,91
81.051.145,71
81.051.145,71
1.007.313,05
POR CONV. FESR CAMPANIA
316.747.989,77
316.747.989,77
3.335.719,48
POR CONV. FESR SICILIA
185.145.965,86
185.145.965,86
24.259,07
1.784.973,82
1.784.973,82
1.478.916,72
POR CONV. FSE CALABRIA
35.228.427,16
35.228.427,16
29.888.250,54
POR CONV. FSE CAMPANIA
71.015.192,32
71.015.192,32
64.560.385,04
POR CONV. FSE PUGLIA
66.796.621,78
66.796.621,78
58.878.300,19
POR CONV. FSE SICILIA
87.401.726,11
87.401.726,11
76.243.852,97
2.754.000.000,00
104.306.154,32
97.652.256,71
7.200.000,00
5.569.017,44
2.205.106,47
6.069.029,09
2.267.990,72
172.854,10
49.876.141,90
49.876.141,90
9.572.536,81
155.196.354,29
53.376.765,68
42.934.102,39
NATURALI E TURISMO
POR CONV. FESR CALABRIA
POR CONV. FSE BASILICATA
PROGRAMMA ATTUATIVO
SPECIALE FSC DIRETTRICI
FERROVIARIE
PROGRAMMA ATTUATIVO
SPECIALE FSC GIUSTIZIA
CIVILE CELERE PER LA
CRESCITA
PROGRAMMA PAC FRIULI
VENEZIA GIULIA
PROGRAMMA PAC
MINISTERO DEL LAVORO APPRENDISTATO E NEET
PROGRAMMA PAC
MINISTERO DELL'INTERNO
- SICUREZZA E LEGALITA'
28
PROGRAMMA PAC
MINISTERO
DELL'ISTRUZIONE
556.834.575,05
556.834.574,83
82.760.714,68
97.534.723,91
97.534.723,91
62.608.398,49
617.493.888,42
617.493.888,25
91.700.000,00
135.176.295,30
47.132.857,92
26.287.796,20
49.600.000,00
74.506.768,54
5.220.402,04
UNIVERSITA' E RICERCA
PROGRAMMA PAC
MINISTERO DELLO
SVILUPPO ECONOMICO AUTOIMPIEGO E
AUTOIMPRENDITORIALITA'
PROGRAMMA PAC
MINISTERO DELLO
SVILUPPO ECONOMICO IMPRESE, DOMANDA
PUBBLICA E PROMOZIONE
PROGRAMMA PAC
SARDEGNA
PROGRAMMA REGIONALE
DI ATTUAZIONE (PRA) FSC
SARDEGNA
Totale complessivo
5.331.347.562,73
2.468.065.367
,09
656.580.981,86
Fonte: Banca Dati Unitaria registrati da Opencoesione
Per l'attivazione delle risorse assegnate nel Piano di Azione Coesione, la Regione
(ai sensi della Delibera CIPE 113 del 26/10/2012) "...individua, con atto
formale, le strutture deputate a dare esecuzione a tali interventi, con
l'attribuzione delle relative responsabilità di gestione, monitoraggio e controllo".
Pertanto ciascuna Amministrazione titolare deve predisporre un atto formale
strutturato secondo il documento “Descrizione dei sistemi di gestione e
controllo concernenti gli interventi finanziati dalle risorse del fondo di rotazione
nell'ambito del Piano di Azione Coesione” (allegato alla nota IGRUE 9307 del
31/01/2013). Tale documento dispone che le Amministrazioni già titolari di
Programmi Operativi 2007/2013, oppure individuate come Organismi
Intermedi in Programmi Operativi 2007/2013, possono confermare – anche
parzialmente (fino ai controlli di l livello) e per i soli aspetti di rilievo descritti
29
nel seguito – il sistema di gestione e controllo in essere approvato ai sensi
dell'art. 71 del Regolamento (CE) 1083/20065.
5
Articolo 71 del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio, dell’11 luglio 2006, recante
disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul
Fondo di coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999: “Istituzione dei sistemi di
gestione e di controllo. 1. Prima della presentazione della prima domanda di pagamento
intermedio o al più tardi entro dodici mesi dall'approvazione di ciascun programma operativo,
gli Stati membri trasmettono alla Commissione una descrizione dei sistemi, comprendente in
particolare l'organizzazione e le procedure relative ai seguenti elementi: a) autorità di gestione
e di certificazione e organismi intermedi; b) autorità di audit e ogni altro organismo incaricato
di svolgere attività di audit sotto la responsabilità di quest'ultima.
2. La descrizione di cui al paragrafo 1 è accompagnata da una relazione che espone i risultati di
una valutazione dei sistemi istituiti ed esprime un parere in merito alla loro conformità con il
disposto degli articoli da 58 a 62. Qualora il parere contenga delle riserve, la relazione indica la
gravità delle carenze riscontrate e, se le carenze non riguardano il programma nel suo insieme,
l'asse o gli assi prioritari interessati. Lo Stato membro informa la Commissione delle misure
correttive da applicare e del calendario della loro attuazione, e fornisce in seguito la conferma
dell'attuazione delle misure e dello scioglimento delle riserve corrispondenti. La relazione di
cui al primo comma è considerata accettata e si procede al primo pagamento intermedio nei
seguenti casi:
a) entro due mesi a decorrere dalla data di ricevimento della relazione, quando il parere di cui
al paragrafo 1 non contiene riserve ed in assenza di osservazioni da parte della Commissione;
b) se il parere contiene riserve, non appena la Commissione riceve la conferma dell'attuazione
di misure correttive riguardanti elementi principali dei sistemi e dello scioglimento delle
riserve corrispondenti, ed in assenza di osservazioni da parte della Commissione entro due
mesi dalla data della conferma.
Se le riserve riguardano un unico asse prioritario, il primo pagamento intermedio è effettuato
con riguardo agli altri assi prioritari del programma operativo per i quali non sussistono
riserve.
3. La relazione ed il parere di cui al paragrafo 2 sono elaborati dall'autorità di audit o da un
organismo pubblico o privato funzionalmente indipendente dalle autorità di gestione e di
certificazione che opera tenendo conto degli standard di controllo accettati a livello
internazionale.
4. Nel caso in cui un sistema comune si applichi a più Programmi Operativi, una descrizione di
tale sistema può essere notificata ai sensi del paragrafo 1 accompagnata da una relazione ed un
parere unici ai sensi del paragrafo 2.
5. Le modalità di applicazione dei paragrafi da 1 a 4 sono adottate dalla Commissione secondo
la procedura di cui all'articolo 103, paragrafo 3”.
30
Il Sistema deve essere organizzato secondo gli elementi indicati nel citato
Documento IGRUE, riportati nella tabella 8.
Nel caso in cui siano individuate Amministrazioni o soggetti diversi
dall’Autorità di gestione dei PO comunitari riprogrammati, questi soggetti
devono essere chiaramente identificati, anche all'interno delle schede descrittive
degli interventi, e svolgono il ruolo di attuatori/beneficiari con responsabilità
analoghe agli Organismi Intermedi / beneficiari dei PO comunitari.
Come detto in precedenza, il sistema di controllo deve avere i requisiti di
efficacia ed incisività, deve essere supportato da una consona strumentazione
tecnica (manuali, check list, ecc.) e deve essere fondato su verifiche della
gestione nel rispetto dell’art. 60 lett. b) del Regolamento 1083/2006, anche per
consentire una possibile successiva rendicontazione delle spese sul PO
cofinanziato.
Tab. 8 – Elementi per organizzare i Sistemi di gestione e controllo
STRUTTURA
FUNZIONI
Struttura di
Assicura la corretta e puntuale gestione dell'intervento:
coordinamento e
•
attuazione procedurale e fisica:
attuazione
•
procedure di selezione delle operazioni o degli attuatori;
•
atti di finanziamento (o revoca parziale/totale) e di liquidazione
(o recupero);
•
sorveglianza del cronogramma di attuazione finanziaria;
•
valutazione;
•
programmazione e impiego delle risorse di assistenza tecnica (se
previste);
•
informazione e pubblicità;
•
messa in opera di ogni iniziativa finalizzata a prevenire,
rimuovere e sanzionare eventuali frodi e irregolarità
nell'attuazione degli interventi;
•
rapporto annuale e finale di esecuzione;
•
relazioni interistituzionali tra i diversi livelli di governo.
31
Struttura di gestione Assicura l'esecuzione finanziaria dell'intervento:
finanziaria
•
gestione delle scritture contabili dell'intervento (tracciabilità
delle fonti finanziarie);
Struttura di
monitoraggio
•
richiesta dell'anticipazione iniziale;
•
presentazione della domanda di pagamento intermedio;
•
presentazione della domanda di saldo finale;
•
gestione delle irregolarità e frodi e relativi recuperi.
Assicura il monitoraggio dell'intervento:
•
supporta i responsabili dell'attuazione dell'Intervento, i soggetti
attuatori e i beneficiari nelle operazioni di monitoraggio;
•
controllo della completezza e qualità delle informazioni inserite
nel sistema di monitoraggio al fine di convalidare i dati di
monitoraggio per il successivo invio alla Banca Dati Unica
presso RGS – IGRUE.
Struttura di
controllo
Sovrintende alle operazioni di controllo dell'intervento:
•
definizione della metodologia a supporto del controllo
(documentale e in loco) da svolgere nei centri di responsabilità
deputati all'attuazione delle operazioni e presso i
Beneficiari/Attuatori, ivi comprese piste, check list e format
verbali;
•
definizione delle modalità di conservazione della
documentazione relativa all'attuazione degli interventi ed ai
controlli;
•
effettuazione della verifica della completezza e della qualità del
controllo effettuato dai centri di responsabilità propedeutiche
alla presentazione delle domande di pagamento intermedio e a
saldo.
32
4.
Monitoraggio rafforzato del PAC
___________________________________________
Ai sensi, e a seguito delle previsioni dell'articolo 4 della Legge 99/2013, il
Gruppo di Azione Coesione, composto dal DPS, dal Ministero del Lavoro e delle
Politiche Sociali, dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, dalla CE (DG
Regio e DG Occupazione), ha determinato di:
a) operare, con il PAC, anche ai fini dell'accelerazione degli investimenti per
contrastare il ciclo economico avverso;
b) procedere alla verifica dello stato di avanzamento, alle conseguenti
rimodulazioni, anche ai fini di eventuali riprogrammazioni;
c) incaricare il gruppo tecnico coordinato da DPS, in collaborazione con le
Amministrazioni interessate, di rilevare i dati dell'avanzamento anche
sulla base delle evidenze del SMU (Sistema di Monitoraggio Unitario);
d) avviare un'azione di monitoraggio rafforzata al fine di definire e rendere
disponibile il cronoprogramma aggiornato di attuazione e assicurare il
mantenimento dell'attualità e della consistenza dei Risultati Attesi sulla
base dei quali sono state assegnate le risorse;
e) sottoporre alle Amministrazioni interessate specifiche schede per
intervento, da restituire compilate entro 15 giorni dall'invio.
La lista dei Programmi PAC, e le loro articolazioni in Linee e Azioni (con
l'indicazione dei relativi Codici), è stata trasmessa dal DPS con lettera del 24
ottobre 2013, prot. 12918, insieme alla nota IGRUE del 15 ottobre 2013 n.
84066 con cui si forniscono ulteriori precisazioni per l'attivazione delle risorse.
Il Gruppo tecnico di monitoraggio (coordinato dal DPS) ha valutato opportuna
l'organizzazione di incontri bilaterali di rilevazione per:
•
illustrare finalità e modalità
•
verificare l'adottabilità della scheda proposta
33
•
rilevare direttamente le informazioni di avanzamento procedurale e di
esecuzione effettiva delle Azioni PAC, al fine di informare il Gruppo di
Azione.
La circolare IGRUE dell’ottobre 2013 stabilisce le scadenze bimestrali per le
attività di validazione dei dati di monitoraggio da parte delle Autorità di
gestione, validazione propedeutica al consolidamento delle informazioni ed alla
loro divulgazione agli interlocutori istituzionali comunitari e nazionali. Vale la
pena ricordare, al margine della descrizione del Sistema di attuazione, che il
PAC è quindi programmato e realizzato sulla base dei principi di:
•
“cooperazione rafforzata” con la Commissione europea e supporto e
affiancamento da parte di centri di competenza nazionale;
•
concentrazione su tematiche di interesse strategico nazionale, declinate
regione per regione secondo le esigenze dei diversi contesti, attraverso un
confronto fra Governo e Regioni;
•
fissazione di risultati attesi in termini di miglioramento della qualità
della vita delle persone e di opportunità di fare impresa e definizione
circostanziata di azioni attuabili che mirano a quei risultati;
•
impegni precisi in merito ai tempi di attuazione;
•
applicazione del nuovo principio di partenariato (di cui al Codice di
condotta europeo sul partenariato) con il coinvolgimento sostanziale,
nella preparazione e nell’attuazione, delle responsabilità istituzionali
rilevanti e delle organizzazioni dei soggetti (del lavoro, dell’impresa, della
società civile) i cui interessi sono coinvolti dagli interventi programmati;
•
trasparenza e apertura delle informazioni”6.
Rispetto alla dotazione finanziaria del PAC, l’azione di monitoraggio svolta è
stata inizialmente limitata alle Azioni finanziate con il Fondo di Rotazione
riprogrammato all’interno del Piano fino alla terza fase. La decisione di
restringere l’ambito di osservazione alle Azioni finanziate con le risorse del
6
Estratto da “Piano Azione Coesione: terza e ultima riprogrammazione - Misure anticicliche e
salvaguardia di progetti avviati”, Dicembre 2012.
34
cofinanziamento nazionale è stata dettata dal fatto che il monitoraggio delle
Azioni del Piano attuate all’interno dei Programmi cofinanziati dai fondi
strutturali 2007-2013 è presidiato dagli strumenti di sorveglianza e governance
che ne accompagnano l’attuazione. D’altra parte, all’esigenza informativa di
raccordo dell’intera strategia della riprogrammazione operata attraverso il
Piano di Azione Coesione è finalizzata la Relazione annuale sull’avanzamento
complessivo del singolo Programma che l’Amministrazione titolare deve
trasmettere entro il 31 marzo di ogni anno riferendo:
1. sullo stato di attuazione della totalità delle Azioni (finanziate con i
fondi strutturali dei Programmi 2007-2013 e con le risorse derivanti
dalla riduzione del tasso di cofinanziamento nazionale);
2. sulla dinamica dell’articolazione programmatica (risultati attesi,
azioni, priorità, categorie investimento) tra l’1 gennaio e il 31
dicembre dell’anno che precede.
Questa scelta di limitare il monitoraggio alle prime tre fasi di programmazione
del Piano consegue alla riflessione sulla reale tempistica di avvio delle Azioni su
cui incide l’effettiva disponibilità delle risorse nei bilanci delle Amministrazioni
titolari e l’adozione di pre-condizioni attuative, spesso complesse perché di tipo
normativo e regolamentare. A regime, il monitoraggio del Piano sarà articolato
in due fasi fra loro confluenti e integrate, ovvero:
•
il monitoraggio dell’avanzamento dello stato di attuazione degli
interventi finanziati dal Piano di Azione Coesione;
•
il monitoraggio rafforzato dello stato di avanzamento del Piano di Azione
Coesione con particolare riferimento al rispetto del cronoprogramma di
attuazione, all’avanzamento delle attività e delle realizzazioni e al
percorso di conseguimento degli obiettivi e dei risultati attesi (in
coerenza con le disposizioni della Delibera CIPE n. 113/2012 rafforzate
da quanto disposto dall’art. 4 della Legge n. 99/2013).
Le informazioni restituite dalle amministrazioni nella prima fase di
monitoraggio rafforzato hanno consentito di contabilizzare una spesa realizzata
dall’avvio dei progetti (con particolare riguardo a quelli della categoria
“Salvaguardia progetti validi”) fino al 31 dicembre 2013, pari a 727,8 Meuro.
35
Il monitoraggio ordinario dell’avanzamento dello stato di attuazione degli
interventi finanziati dal PAC è assicurato dal Ministero dell'Economia e delle
Finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato - Ispettorato
Generale per i Rapporti finanziari con l'Unione Europea - IGRUE, attraverso le
specifiche funzionalità del Sistema di Monitoraggio Unitario nazionale del
Quadro Strategico Nazionale predisposto per monitorare l’avanzamento
finanziario e fisico della programmazione 2007-2013 (Banca Dati Unitaria).
Le amministrazioni responsabili della gestione degli interventi assicurano la
rilevazione dei dati di attuazione finanziaria, fisica e procedurale a livello di
singolo progetto, secondo le specifiche tecniche definite nel Vademecum di
monitoraggio, richiamato in precedenza, che aggiorna e sostituisce i
precedenti indirizzi diffusi nel corso del 2012 e 2013, in quanto si è dovuto tener
conto delle modalità di attuazione via via definitesi e del circuito finanziario e
gestionale associato ai progetti stessi.
Il Vademecum contiene disposizioni generali e indicazioni operative per il
monitoraggio di tutti i progetti ricompresi nel PAC (progetti finanziati a valere
sulla riduzione del cofinanziamento nazionale e progetti finanziati a valere sui
PO 2007-2013); per quanto attiene la periodicità del monitoraggio degli
interventi è stata mutuata la medesima (bimestre) di quella prevista per il
monitoraggio dei progetti afferenti la programmazione 2007-2013 (Punto 5
della Delibera CIPE n. 113/2012; Nota IGRUE prot. n. 9307 del 31/01/2013.
Procedure di utilizzo risorse concernenti gli interventi finanziati nell’ambito del
Piano di Azione Coesione). Gli obblighi relativi all’implementazione del
monitoraggio assumono maggiore rilevanza sotto l’aspetto di rendicontazione
dell’avanzamento attuativo degli interventi del Piano: non si può dar luogo ai
rimborsi finanziari in assenza di informazioni registrate sul Sistema di
Monitoraggio Unitario; il monitoraggio di attuazione costituisce quindi la base
dati quantitativa per le periodiche verifiche di avanzamento effettuate dal
Gruppo di Azione anche ai fini di eventuali riprogrammazioni delle risorse.
Con il Vademecum PAC è stata diffusa la lista contenente l’articolazione
programmatica del PAC (in Allegato 3).
36
5.
Il PAC come struttura di programma unitario
_______________________________________________________
Ai fini della rilevazione dello stato di avanzamento complessivo del Piano di
Azione Coesione, viene avviato un esercizio di monitoraggio rafforzato “rapido”
attraverso il superamento dell’articolazione in fasi temporali di programmazione
del PAC e quindi assumendo di fatto una “struttura di programma unitario”
ricomprendente quindi l’insieme della strategia attuata (come rilevato nelle
prime tre fasi di programmazione).
La “struttura di programma unitario” del Piano di Azione Coesione è stata
ricostruita con riferimento all’articolazione del Piano di Azione Coesione in 5
finalità strategiche/categorie di programma, articolate in 12 priorità tematiche di
intervento e in 183 azioni costituenti l’unità minima di rilevazione.
5.1
Finalità strategiche/categorie di intervento
Si individuano 5 finalità strategiche/categorie di intervento. In questo modo si
ricostruisce, nel complesso, il sistema di obiettivi strategici del Piano di Azione
Coesione integrando i 3 obiettivi espliciti della strategia della terza fase (PAC III)
(effetti anticiclici, salvaguardia di progetti validi, promozione di nuove azioni)
con gli obiettivi strategici prevalenti della prima e seconda fase (rispettivamente
PAC I e PAC II). Si tratta al tempo stesso di finalità strategiche e di categorie di
intervento in quanto la loro definizione risponde alla domanda: “Che cosa si
realizza con il PAC, per fare cosa e intervenendo come”. Ciò ha consentito di
ridefinire complessivamente il disegno programmatico e strategico del Piano di
Azione Coesione secondo la seguente articolazione:
•
rafforzamento della dotazione infrastrutturale e tecnologica: la finalità
strategica prevalente è il riequilibrio e il rafforzamento di infrastrutture e
reti digitali (attraverso la realizzazione di opere pubbliche previste
prevalentemente nel PAC I e nel PAC III).
37
•
Rafforzamento delle competenze per l’occupazione: la finalità strategica è
la creazione di nuova occupazione e di opportunità di reinserimento
professionale prevalentemente attraverso interventi di politica attiva per
il lavoro, volti alla creazione di nuova occupazione e di condizioni per il
reinserimento professionale (interventi previsti in tutte e tre le fasi di
riprogrammazione).
•
Implementazione misure anticicliche: la finalità è quella di promuovere
effetti diretti su imprese, lavoro e persone con elevato disagio sociale per
superare la prolungata crisi recessiva attraverso una pluralità di misure
mirate (in larga parte promosse nell’ambito del PAC III anche a seguito
degli esiti del confronto tra Governo e partenariato economico-sociale nel
“Tavolo Sud Impresa e Lavoro”).
•
Salvaguardia di progetti validi avviati: la finalità strategica è quella di
consentire la piena realizzazione di progetti e opere pubbliche, selezionati
in partenariato con le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi
2007-2013, considerati validi e rilevanti per il conseguimento di risultati
attuali e importanti per la programmazione regionale e/o settoriale, ma la
cui capacità di generare gli effetti richiesti è messa a rischio dalla prevista
impossibilità di completarli entro il termine di chiusura dei programmi
2007-2013.
•
Promozione e realizzazione di “Nuove azioni”: la finalità strategica è
quella di “anticipare” l’applicazione, sul piano dei contenuti e/o del
metodo, di approcci innovativi validi per la programmazione 2014-2020
sperimentando modelli di attuazione in grado di consentire alle
Amministrazioni di accelerare la fase di avvio dei programmi del
prossimo ciclo di programmazione. Si tratta quindi della realizzazione di
nuovi progetti in grado di promuovere l’innovazione anche attuando
azioni “prototipali”.
5.2
Linee di intervento
L'articolazione programmatica in Linee di intervento e azioni adottata ai fini
dell'erogazione delle risorse del Fondo di Rotazione (Decreti IGRUE) e
38
successivamente presa a riferimento per definire la struttura informatica di
rilevazione (Vademecum di Monitoraggio del Piano di Azione Coesione di cui
alla Nota MEF-RGS-IGRUE Prot. 2601 del 13/01/2014), è mutuata dagli
obiettivi strategici prevalenti della prima e seconda fase del PAC e dai 3 obiettivi
espliciti della strategia della terza fase (effetti anticiclici, salvaguardia di progetti
validi, promozione di nuove azioni). La Linea di Intervento rappresenta l’insieme
di azioni che contribuiscono alla realizzazione di un obiettivo di programma. Le
Linee di Intervento sono qui citate per segnarne il contributo al disegno di una
struttura di programma del Piano più articolata ed esplicativa e vengono
considerate ai fini del monitoraggio “rapido” per definire l’articolazione
programmatica all’avvio e all’esito delle attività di monitoraggio.
5.3
Azioni
Le “Azioni” costituiscono l’unità minima di rilevazione dell’attività di
monitoraggio “rapido”. Ogni Azione corrisponde a un progetto o all’insieme di
più progetti di investimento che, all’interno di una o più Linee di Intervento,
attuano la medesima finalità strategica.
Tab. 9 – Articolazione programmatica rilevata: azioni per finalità
strategiche/categorie
Finalità strategica
Rafforzamento della Dotazione
infrastrutturale e tecnologica
Rafforzamento delle Competenze per
l’occupazione
Implementazione delle Misure
Anticicliche
Salvaguardia di progetti validi avviati
Promozione e realizzazione Nuove
Azioni
Totale
Incidenza
Nr.
(%)
Importo (€)
45
25
2.270.085.972
25
18
10
580.331.914
6
25
14
1.340.655.228
15
61
33
3.498.980.551
38
34
19
1.461.501.672
16
183
100
9.151.555.336,71
100
finanziaria (%)
39
ALLEGATI
Allegato 1. Dichiarazione del Consiglio alla conclusione del vertice
europeo del 26 ottobre 2011 (estratti)
“… 6. Accogliamo con favore i piani dell'Italia per le riforme strutturali volte al
rafforzamento della crescita e la strategia per il risanamento di bilancio, come
indicato nella lettera trasmessa ai presidenti del Consiglio europeo e della
Commissione ed esortiamo l'Italia a presentare con urgenza un calendario
ambizioso di tali riforme. Elogiamo l'impegno dell'Italia per raggiungere il
pareggio di bilancio entro il 2013 e un'eccedenza strutturale di bilancio nel 2014,
che determini una riduzione del debito pubblico lordo al 113% del PIL nel 2014,
nonché la prevista introduzione di una norma in materia di pareggio di bilancio
nella Costituzione entro la metà del 2012.
L'Italia attuerà ora le riforme strutturali proposte intese ad aumentare la
competitività riducendo la burocrazia, abolendo le tariffe minime nei servizi
professionali e liberalizzando ulteriormente i servizi pubblici e le imprese di
pubblica utilità a livello locale. Prendiamo atto dell'impegno dell'Italia di
riformare la legislazione del lavoro e in particolare le norme e le procedure in
materia di licenziamenti e di rivedere il sistema di sussidi di disoccupazione
attualmente frammentario, entro la fine del 2011, tenendo conto dei vincoli di
bilancio. Prendiamo atto del piano di innalzamento dell'età pensionabile a 67
anni entro il 2026 e raccomandiamo entro la fine dell'anno la definizione del
processo per conseguire tale obiettivo.
Sosteniamo l'intenzione dell'Italia di rivedere i programmi relativi ai fondi
strutturali ridefinendo le priorità dei progetti e concentrando l'attenzione su
istruzione, occupazione, agenda digitale e ferrovie/reti allo scopo di migliorare
le condizioni per un rafforzamento della crescita e affrontare il divario
regionale.
Invitiamo la Commissione a fornire una valutazione dettagliata delle misure ed
a monitorarne l'attuazione, e le autorità italiane a fornire tempestivamente tutte
le informazioni necessarie per tale valutazione.”
42
Allegato 2. Ricognizione del quadro regolatorio del Piano di Azione
Coesione7
Leggi
•
Legge 18 novembre 2011, n. 183 Disposizioni per la formazione del
bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012). Art.
23 Fondo di rotazione per le politiche comunitarie.
•
Legge 9 agosto 2013, n. 99 Primi interventi urgenti per la promozione
dell'occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale, nonché
in materia di Imposta sul valore aggiunto (IVA) e altre misure finanziarie
urgenti.
Decreti e informative del Ministro per la Coesione Territoriale
•
Decreto 1 agosto 2012. Gruppo di Azione e Coesione.
•
Informativa al Consiglio dei Ministri del 27 dicembre 2013 “Interventi
urgenti a sostegno della crescita”.
Delibere e Informative CIPE
•
Delibera CIPE 3 agosto 2012, n. 96 - Presa d’atto Piano di Azione
Coesione.
•
Delibera CIPE 26 ottobre 2012, n. 113. - Individuazione delle
amministrazioni
responsabili
della
gestione
e
dell’attuazione
di
programmi/interventi finanziati nell’ambito del piano di azione coesione
e relative modalità di attuazione.
•
Informativa CIPE 21 febbraio 2013 - Terza fase di riprogrammazione.
•
Informativa CIPE 8 novembre 2013 - Quarta fase di riprogrammazione.
7
Fonte DPS.
43
Note, Circolari e Decreti dirigenziali
•
Nota DPS prot. n. 8196 del 18/06/2012. Piano di Azione Coesione:
Trasmissione
del
documento
“Indicazioni
per
il
percorso
di
riprogrammazione dei PO”.
•
Nota DPS prot. n. 10206 del 24/07/2012. Piano di Azione Coesione:
Trasmissione
del
documento
“Indicazioni
per
il
percorso
di
riprogrammazione dei Programmi Operativi” – Errata Corrige.
•
Nota DPS-DGPRUC prot. n. 9672 del 24/07/2013. Risorse per gli
interventi del Piano Azione Coesione.
•
Nota DPS prot. n. 10466 del 9/08/2013. Adempimenti connessi
all'attuazione del Piano di Azione Coesione (PAC).
•
Nota DPS prot. n. 12314 dell’11/10/2013. Gruppo di Azione Coesione.
Comunicazioni in ordine alle riprogrammazioni di cui alla Legge 9 agosto
2013 n.99 e alle attività di monitoraggio dell'avanzamento degli
interventi del Piano Azione Coesione.
•
Nota DPS prot. n. 12918 del 24/10/2013. Utilizzazione delle risorse dei
Programmi del Piano di Azione Coesione (PAC).
•
Nota DPS prot. n. 13219 del 31/10/2013. Gruppo di Azione Coesione.
Comunicazioni in ordine alle modalità di monitoraggio dell'avanzamento
degli interventi del Piano Azione Coesione (PAC).
•
Nota DPS prot. n. 523 del 20/01/2014. Piano di Azione Coesione - Stato
di avanzamento delle attività di monitoraggio rafforzato e comunicazioni
sui termini di inoltro delle informazioni di sorveglianza.
•
Nota IGRUE prot. n. 29497 del 6/04/2012. Procedure di utilizzo risorse
cofinanziamento statale Legge n. 183/1987 rinvenienti dalla riduzione del
tasso di cofinanziamento nazionale dei programmi UE.
•
Nota IGRUE prot. n. 9307 del 31/01/2013. Procedure di utilizzo risorse
concernenti gli interventi finanziati nell’ambito del Piano Azione
Coesione.
44
•
Nota IGRUE prot. n. 84066 del 15/10/2013. Procedure di utilizzo risorse
relative agli interventi finanziati nell’ambito del Piano Azione Coesione.
•
Nota IGRUE prot. n. 2601 del 13/01/2014. Vademecum sul monitoraggio
del Piano di Azione Coesione (PAC).
•
Decreto IGRUE n. 25 del 23 aprile 2013. Finanziamento a carico del
Fondo di rotazione di cui alla Legge n. 183/1987 per l’attuazione degli
interventi previsti dal Piano di Azione Coesione.
•
Decreto IGRUE n. 47 del 7 agosto 2013. Integrazione finanziamento a
carico del Fondo di rotazione, di cui alla Legge n. 183/1987 per
l'attuazione degli interventi previsti dal Piano di Azione Coesione.
•
Decreto IGRUE n. 48 del 7 agosto 2013. Rideterminazione del
finanziamento a carico del Fondo di rotazione, di cui alla Legge n.
183/1987 per l’attuazione degli interventi previsti dal Piano di Azione
Coesione, disposto con decreto n. 25/2013.
45
Allegato 3 - Lista dei Programmi PAC, Linee e Azioni
Amm.
titolare
gestione
di Codice
Descrizione
/ programma programma
Codice
Linea
Codice
Linea
Azione
Assegnazione
Azione
21
MIT/RFI
21
Direttrice ferroviaria
Catania-Palermo
31
2007IT001FA005
MIT/RFI
31
P.A.
Direttrici
ferroviarie
31
Direttrice ferroviaria
41
− PAC
subtotale
Dotazione
PAC
−
subtotale
Catenanuova (CIS ME-
224.000.000
224.000.000
Catania-Palermo
276.000.000
276.000.000
305.000.000
305.000.000
100.000.000
100.000.000
Tratta Catenanuova20002
Raddusa-Agira (CIS
ME-CT-PA)
Napoli-Bari-Lecce-
20001
Direttrice ferroviaria
NA-BA-LE-TA
Direttrice ferroviaria
NA-BA-LE-TA
20003
Salerno-Reggio
Variante Cancello Napoli (CIS NA-BA)
Nodo di Bari: Bari Sud
(CIS NA-BA)
1.230.692.389
20004
Direttrice ferroviaria
MIT/RFI
Rotazione
di Dotazione
CT-PA)
Taranto
MIT/RFI
Fondo
Tratta Bicocca-Motta20001
Direttrice ferroviaria
MIT/RFI
di
Rotazione
attuazione
MIT/RFI
Fondo
Assegnazione
Traccia Napoli
1.230.692.389
95.000.000
95.000.000
80.000.000
80.000.000
17.280.000
17.280.000
Dorsale Ionica 20001
Calabria
collegamento Lamezia
Catanzaro (CIS SA-RC)
Velocizzazione degli
impianti ferroviari
MIT/RFI
51
Ferrovie
Sardegna
PAC
(Villamassargia,
20001
Decimomannu, Siliqua,
Oristano, Bauladu,
Macomer, Chilivani e
Olbia)
46
MIT/RFI
51
MIT/RFI
51
Ferrovie
PAC
Sardegna
Ferrovie
PAC
Sardegna
20002
20003
Stazione ferroviaria di
Olbia
Infrastrutture
ferroviarie
13.000.000
13.000.000
20.412.389
20.412.389
4.638.311
3.037.706
1.638.000
1.050.799
Diffusione notifiche
Ministero
1
Giustizia
Giustizia On Line GOL
110001
telematiche
(provvedimenti nativi
Ministero
Giustizia
Ministero
2007IT005FAMG1
digitali)
P.A.
Giustizia
1
Giustizia On Line GOL
110002
Diffusione decreti
ingiuntivi telematici
civile celere per
7.200.000
1
Giustizia
4.400.000
Monitoraggio,
la crescita
Giustizia On Line GOL
110003
Valutazione del
progetto ed Analisi
707.688
155.404
216.000
156.090
delle serialità
Ministero
2
Campania
Assistenza Tecnica
119001
Assistenza Tecnica
CIS SS-Olbia - S.S. n.
PRA Sardegna
6131
Strade
61311
597/199 – Sassari -
21.587.610 21.587.610
21.587.610
21.587.610
Olbia Lotto 0
10001
0
Campania
2012CAXXXPAC0
MIT/ANAS
2007SA002FA016
Giustizia
Acquisto
materiale
rotabile (1)
20001
PAC Campania
Acquisto materiale
rotabile
100.000.000
1.326.765.066
2. Rifinanziamento
31001
Misure Anticicliche
40002
credito d’imposta
100.000.000
50.000.000
1.326.765.066
50.000.000,00
occupati svantaggiati
47
3. Misure innovative e
sperimentali di tutela
occupazione e politiche
Campania
31001
Misure Anticicliche
40003
attive del lavoro
200.000.000
200.000.000
50.000.000
50.000.000
22.500.000
22.500.000
50.000.000
50.000.000
47.000.000
47.000.000
3.000.000
3.000.000
477.700.000
477.700.000
collegate ad
ammortizzatori sociali
in deroga
5. Potenziamento
Campania
31001
Misure Anticicliche
50005
istruzione tecnica e
professionale di qualità
6. Promozione sviluppo
Campania
31001
Misure Anticicliche
20006
turistico e commerciale
Interporto di Nola
7. Interventi di rilancio
Campania
31001
Misure Anticicliche
70007
di aree colpite da crisi
industriali
Piano strategico
Campania
32001
Salvaguardia
50001
formazione filiera
turismo
Strumenti di
valutazione delle
Campania
32001
Salvaguardia
50002
competenze nelle aree
"lettura" e logicomatematica"
Quota x completamento
Campania
32001
Salvaguardia*
9999
Grandi progetti avviati
e non conclusi
48
Forum delle culture,
Teatro San Carlo,
Fondazione Donna
Regina, Fondazione
Campania
33001
Nuove Azioni
100001 Campania dei Festival,
Trianon Viviani, Teatro
Stabile Mercadante,
Giffoni Film Festival,
Fondazione Ravello
Metropolitana:
Campania
33001
Nuove Azioni
20002
326.565.066
326.565.066
25.000.000
25.000.000
chiusura anello Linea 1
Aversa-Aeroporto
Campania
33001
Nuove Azioni
50003
Residenze universitarie
Campania
33001
Nuove Azioni
120004 Rione terra di Pozzuoli
Campania
33001
Nuove Azioni
90005
Azioni x continuità
attuazione del Piano
Regionale Forestazione
2. Rifinanziamento
Calabria
31001
Misure Anticicliche
40002
credito d’imposta
Calabria
2012CLXXXPAC00
occupati svantaggiati
3. Misure innovative e
sperimentali di tutela
PAC Calabria
31001
Misure Anticicliche
40003
occupazione e politiche
attive lavoro collegate
35.655.228
377.183.629
35.655.228
377.183.629
ad ammortizzatori
sociali in deroga
5. Potenziamento
Calabria
31001
Misure Anticicliche
50005
istruzione tecnica e
13.000.000
13.000.000
professionale di qualità
49
Calabria
31001
Misure Anticicliche
70006
6. Promozione sviluppo
turistico e commerciale
70.000.000
70.000.000
40.000.000
40.000.000
5.000.000
5.000.000
20.000.000
20.000.000
13.880.000
13.880.000
87.188.000
87.188.000
67.460.401
67.460.401
8. Strumenti di
incentivazione per il
Calabria
31001
Misure Anticicliche
70008
rinnovamento di
macchinari e
attrezzature da parte
delle imprese
9. Aiuto alle persone
con elevato disagio
sociale - interventi
diretti a persone con
Calabria
31001
Misure Anticicliche
60009
elevato disagio sociale
(bando case accessibili,
bando su centri
antiviolenza, centri
accoglienza immigrati)
Interventi a favore
Calabria
32001
Salvaguardia
40001
Calabria
32001
Salvaguardia
60002
Calabria
32001
Salvaguardia
120003 PISU
Calabria
32001
Salvaguardia
60004
dell'occupazione
Interventi a favore degli
immigrati
Progetto "Case della
salute"
50
1. Agevolazione fiscale
de minimis per micro e
Puglia
31001
Misure Anticicliche
120001 piccole aziende delle
63.000.000
63.000.000
30.000.000
30.000.000
aree a disagio
socioeconomico
3. Misure innovative e
sperimentali di tutela
dell’occupazione e delle
Puglia
31001
Misure Anticicliche
40003
politiche attive del
Puglia
Puglia
2012PUXXXPAC00
lavoro collegate ad
ammortizzatori sociali
in deroga
PAC Puglia
32001
Salvaguardia
30001
Agenda digitale
18.200.000
645.724.954
18.200.000
645.724.954
Risparmio energetico e
32001
Salvaguardia
50002
produzione da fonti
50.000.000
50.000.000
40.000.000
40.000.000
236.100.000
236.100.000
144.131.954
144.131.954
64.293.000
64.293.000
14.000.000
14.000.000
rinnovabili
Puglia
32001
Salvaguardia
100003
Puglia
32001
Salvaguardia
120004
Puglia
33001
Nuove Azioni
30001
Tutela del patrimonio
culturale
Interventi di
rigenerazione urbana
Agenda digitale
Efficientamento
Sardegna
0
Sardegna
2012SAXXXPAC0
Puglia
33001
Nuove Azioni
80002
10001
Ferrovie
20001
PAC Sardegna
energetico delle scuole
Metro Cagliari CIS Matteotti + Terminal
268.055.883
Metro Cagliari CIS 10001
Ferrovie
20002
Marina Piccola e
22.000.000
268.055.883
22.000.000
materiale rotabile
51
Metro Cagliari:
Sardegna
10001
Ferrovie
20003
Policlinico - Cittadella
6.090.883
6.090.883
9.200.000
9.200.000
10.000.000
10.000.000
1.400.000.000
1.400.000.000
5.500.000.000
5.500.000.000
4.000.000.000
4.000.000.000
8.000.000.000
8.000.000.000
2.300.000.000
2.300.000.000
Universitaria
Metropolitana Leggera
Sardegna
10001
Ferrovie
20004
di Sassari: Sant'Orsola Li Punti
Sardegna
10001
Ferrovie
20005
Sardegna
10001
Ferrovie
20006
Sardegna
10001
Ferrovie
20007
Sardegna
10001
Ferrovie
20008
Sardegna
10001
Ferrovie
20009
Sardegna
10001
Ferrovie
20010
Centro Rimessa e
Manutenzione -CRM
Centro intermodale
passeggeri di Carbonia
Centro intermodale
passeggeri di Iglesias
Centro intermodale
passeggeri di Nuoro
Centro intermodale
passeggeri di Oristano
Asse attrezzato urbano
Elmas – Assemini –
Decimomannu
Infrastrutturazioni nel
Sardegna
10002
Porto
20001
porto industriale di
11.000.000.000
Cagliari
11.000.000.00
0
Ampliamento aeroporto
Sardegna
10003
Grande viabilità
stradale
20001
di Olbia /
6.150.000.000
6.150.000.000
16.725.000.000
16.725.000.000
Spostamento SS 125
Sardegna
10003
Grande viabilità
stradale
Ampliamento aeroporto
20002
Olbia / Allungamento
pista di volo
52
Sardegna
10003
Grande viabilità
stradale
Grande viabilità
Adeguamento dello
20003
4.000.000
4.000.000
30.000.000
30.000.000
25.605.000
25.605.000
9.445.000
9.445.000
61.329.247
61.329.247
21.310.752
21.310.752
11.640.000
11.640.000
33.000.000
Olbia S.S. 199 - S.S. 125
Sardegna
10003
Sardegna
20001
Servizi di cura
60001
Sardegna
20001
Servizi di cura
60002
stradale
svincolo di accesso ad
20004
SS 554 Area vasta di
Cagliari
Case della salute
Interventi di domotica
in favore di soggetti
disabili
Sardegna
32001
Istruzione
10001
Potenziamento
strutture scolastiche
Scuola Digitale –
Azioni di rafforzamento
e riqualificazione della
didattica con l'utilizzo
Sardegna
32001
Istruzione
10002
delle tecnologie
(lavagne elettroniche,
software per
l'apprendimento e
risorse di rete)
10001
Piano Giovani
50001
Giovani Professionisti
Sicilia
10001
Piano Giovani
50002
Giovani in impresa
33.000.000
10001
Piano Giovani
50003
Formazione giovani
310.000.000
Sicilia
Sicilia
Sicilia
2012SIXXXPAC00
Sicilia
PAC Sicilia
Rafforzare
10001
Piano Giovani
50004
l'apprendistato di III
310.000.000
452.000.000
452.000.000
10.060.000
10.060.000
14.500.000
14.500.000
livello
10001
Piano Giovani
50005
Prima impresa giovani
53
Per un sistema della
Sicilia
10001
Piano Giovani
50006
formazione
45.000.000
45.000.000
19.000.000
19.000.000
6.540.000
6.540.000
2.260.000
2.260.000
10.000.000
10.000.000
144.000.000
144.000.000
professionale di qualità
Sicilia
10001
Piano Giovani
50007
Sicilia
10001
Piano Giovani
50008
Migliorare governance
del mercato del lavoro
Rafforzamento
gestione, monitoraggio
e valutazione
Sicilia
10002
Assistenza Tecnica
59001
Sicilia
31001
Misure Anticicliche
40002
Promozione e
comunicazione
2. Rifinanziamento
credito d’imposta
occupati svantaggiati
3. Misure innovative e
sperimentali tutela
occupazione e politiche
Sicilia
31001
Misure Anticicliche
40003
attive del lavoro
collegate a
ammortizzatori sociali
in deroga
1.532.868.366
1.532.868.366
5. Potenziamento
Sicilia
31001
Misure Anticicliche
50005
istruzione tecnica e
18.000.000
18.000.000
52.000.000
52.000.000
professionale di qualità
7.Aiuti in de minimis
per il sostegno e la
creazione di imprese in
Sicilia
31001
Misure Anticicliche
70007
aree colpite da crisi
industriale o in comuni
colpiti da calamità
naturali
54
Sicilia
31001
Misure Anticicliche
40007
7.bis Credito di imposta
per nuovi investimenti
30.000.000
30.000.000
7.000.000
7.000.000
20.000.000
20.000.000
834.868.366
834.868.366
25.000.000
25.000.000
30.000.000
30.000.000
30.000.000
30.000.000
30.000.000
30.000.000
20.000.000
20.000.000
8. Strumenti di
incentivazione per
Sicilia
31001
Misure Anticicliche
70008
rinnovamento di
macchinari e
attrezzature da parte
delle imprese
Sicilia
31001
Misure Anticicliche
Sicilia
32001
Salvaguardia*
60009
9999
9. Aiuto persone con
elevato disagio sociale
Salvaguardia
Ammodernamento e
Sicilia
33001
Nuove Azioni
20001
sistemazione SS117 S.
Stefano di CamastraGela
Collegamento viario a
Sicilia
33001
Nuove Azioni
20002
supporto di aeroporto
di Comiso
Efficientamento
Sicilia
33001
Nuove Azioni
80003
energetico (Start up
Patto dei Sindaci)
Infrastrutture sociali
per inclusione categorie
Sicilia
33001
Nuove Azioni
60004
deboli e svantaggiate
nelle aree
metropolitane
Interventi di bonifica
Sicilia
33001
Nuove Azioni
90005
dei beni e strutture
pubbliche contenenti
amianto
55
Interventi di
Sicilia
33001
Nuove Azioni
90006
mitigazione del rischio
79.000.000
79.000.000
20.000.000
20.000.000
30.000.000
30.000.000
40.000.000
40.000.000
113.000.000
113.000.000
11.000.000
11.000.000
1.000.000
1.000.000
idrogeologico
Interventi per il
Sicilia
33001
Nuove Azioni
70007
sostegno ai piani di
inserimento
professionali (PIP)
Sicilia
33001
Nuove Azioni
20008
Sicilia
33001
Nuove Azioni
120009
Interventi sulle
infrastrutture portuali
Programmi integrati
nelle aree urbane
Strada a scorrimento
Sicilia
33001
Nuove Azioni
20010
veloce - Licodia Eubea
– A19
Valle d'Aosta
33001
Nuove Azioni
50001
Valle d'Aosta
33001
Nuove Azioni
50002
Piano Giovani - Priorità
1. Competenze
Piano Giovani - Priorità
2. Raccordo
Valle d'Aosta
Valle d'Aosta
2012VAXXXPAC00
scuola/lavoro
Piano Giovani - Priorità
PAC
Valle
33001
Nuove Azioni
50003
3. Servizi qualificati per
700.000
la ricerca di lavoro
d'Aosta
700.000
16.455.772
16.455.772
Piano Giovani - Priorità
33001
Nuove Azioni
50004
4. Prevenzione della
2.500.000
2.500.000
762.099
762.099
dispersione scolastica
Piano Giovani - Priorità
Valle d'Aosta
33001
Nuove Azioni
50005
5. Rafforzare qualità dei
sistemi istruzione e
formazione
56
33002
MIBAC
20001
MIBAC
20001
MIBAC
2012MIBACPAC21
Valle d'Aosta
PAC Ministero
dei
20001
Beni
Assistenza Tecnica
Valorizzazione aree di
attrazione culturale
Valorizzazione aree di
attrazione culturale
Valorizzazione aree di
attrazione culturale
59001
100001
100002
Assistenza Tecnica
Valorizzazione del
patrimonio culturale
Progettazione per la
cultura
493.673
493.673
95.000.000
95.000.000
8.000.000
8.000.000
Incentivazione attività
100003 econ. collegate a filiera
20.000.000
patrimonio culturale
Culturali
20.000.000
130.000.000
130.000.000
Promozione giovani
MIBAC
20001
Valorizzazione aree di
attrazione culturale
idee imprenditoriali per
100004 valorizzazione, gestione
3.100.000
3.100.000
3.900.000
3.900.000
120.000.000
120.000.000
272.000.000
272.000.000
e fruizione patrimonio
culturale
MIBAC
20002
Ministero
20001
dell'Interno
Ministero
PAC Ministero
Ministero
dell'Interno
Ministero
dell'Interno
Ministero
dell'Interno
2012MINTXPAC21
dell'Interno
dell’Interno
20001
–
Programma
l'infanzia
Servizi di cura per
l'infanzia
60001
60002
anziani
non
60003
Servizi di cura per gli
ed
agli anziani non
Servizi di cura per
autosufficienti
Servizi di cura
all'infanzia
109001 Assistenza Tecnica
Servizi di cura per gli
20002
nazionale
Assistenza tecnica
20002
anziani
non
60004
autosufficienti
autosufficienti
Servizi di cura per gli
20002
anziani
autosufficienti
non
60005
Infanzia-Primo riparto
per Ambito
Infanzia-Secondo
riparto per Ambito
Anziani-Primo riparto
per Ambito
Anziani-Secondo
riparto per Ambito
Anziani-Progetti
innovativi sperimentali
130.000.000
130.000.000
730.000.000
730.000.000
189.400.000
189.400.000
4.000.000
4.000.000
57
Ministero
dell'Interno
Ministero
dell'Interno
Ministero
dell'Interno
Prefetto
di
Reggio
Calabria
MISE-DGIAI
2012MISE1PAC21
Ministero
2012MINTXPAC23
2012MINTXPAC22
dell'Interno
PAC Ministero
dell’Interno
–
Sicurezza
e
MISE-DGIAI
69001
Assistenza Tecnica
20001
Sicurezza
50001
Interventi confermati
14.600.000
14.600.000
103.000.000
103.000.000
170.000.000
Interventi di legalità
Legalità
50001
nelle aree ad elevata
67.000.000
170.000.000
67.000.000
dispersione scolastica
PAC Ministero
dell’Interno
–
Sicurezza
e
legalità
in
Programma
33001
Nuove Azioni
110001
Calabria
PAC
MISE
straordinario per la
10.000.000
10.000.000
10.000.000
10.000.000
50.000.000
50.000.000
50.000.000
50.000.000
Giustizia in Calabria
-
DGIAI –
Autoimpiego e
20001
Autoimpiego
e
autoimprenditorialità
70001
Autoimpiego e
autoimprenditorialità
autoimprendito
rialità
20001
2012MISE1PAC22
MISE-DGIAI
Assistenza Tecnica
20002
legalità
MISE-DGIAI
MISE-DGIAI
20003
PAC
MISE –
DGIAI
20001
–
Promozione sviluppo
e innovazione
Promozione sviluppo
e innovazione
70001
Azione integrata per
internazionalizzazione
50.000.000
50.000.000
150.000.000
150.000.000
Programmi
70002
Investimenti innovativi
(D.M. 23 luglio 2009)
Imprese,
domanda
pubblica
e
20001
Promozione sviluppo
e innovazione
20001
e innovazione
competitività
664.000.000
40.000.000
40.000.000
40.000.000
40.000.000
"innovazione digitale"
promozione
Promozione sviluppo
664.000.000
Azioni integrate per la
70003
Azioni integrate per la
70004
competitività "sviluppo
sostenibile"
58
MISE-DGIAI
20001
MISE-DGIAI
20001
MISE-DGIAI
20002
MISE-DGIAI
20003
Promozione sviluppo
e innovazione
Promozione sviluppo
70005
Fondo Innovazione
Tecnologica (FIT)
70006
Contratti di sviluppo
Domanda pubblica
70001
Domanda pubblica
Imprese
70001
e innovazione
50.000.000
50.000.000
160.000.000
160.000.000
50.000.000
50.000.000
60.000.000
60.000.000
46.000.000
46.000.000
18.000.000
18.000.000
56.000.000
56.000.000
Azioni sul capitale
umano e di politica del
lavoro
MISE-DGIAI
20003
Imprese
70002
MISE-DGIAI
20004
Assistenza Tecnica
79001
Progetti di innovazione
industriale
Assistenza Tecnica
1. Agevolazione fiscale
de minimis per micro e
MISE-DGIAI
31001
Misure Anticicliche
70001
piccole aziende delle
aree a disagio
socioeconomico - per
MISE-DGIAI
2012MISE1PAC31
interventi in Calabria
1. Agevolazione fiscale
PAC
MISE –
DGIAI – Nuove
Azioni e Misure
de minimis per micro e
31001
Misure Anticicliche
70002
Anticicliche
piccole aziende delle
aree a disagio
100.000.000
344.500.000
100.000.000
344.500.00
socioeconomico - per
interventi in Campania
1. Agevolazione fiscale
de minimis per micro e
MISE-DGIAI
31001
Misure Anticicliche
70003
piccole aziende delle
aree a disagio
147.000.000
147.000.000
socioeconomico - per
interventi in Sicilia
59
Contratti di Programma
MISE-DGIAI
33001
Nuove Azioni
70001
Imprese Manifatturiere
della Regione
41.500.000
41.500.000
MISE DG PIC
2012MISE3PAC31
Campania
PAC
MISE –
DGPIC
–
Misure
2012MITXXPAC32
MIT
MIUR Ricerca
MIUR Ricerca
AC33
2012MITXXP
crisi industriale in
150.000.000
150.000.000
150.000.000
150.000.000
PAC Ministero
32001
Salvaguardia
20001
ACC Bari Lamasinata
32001
Salvaguardia
20002
SS96 Barese
25.000.000
25.000.000
27.993.854
27.993.854
delle
Ricostruzione Ponte
Infrastrutture e
Trasporti
–
32001
Salvaguardia
20003
Petrace (ferrovia SA-
5.000.000
77.993.854
5.000.000
77.993.854
RC)
Salvaguardia
interventi
Tratta ferroviaria PA-
32001
Salvaguardia
20004
33001
Nuove Azioni
120001 Piano città
94.851.672
20001
Messaggeri
70001
5.500.000
20002
Ricerca e innovazione
70001
20002
Ricerca e innovazione
70002
CT
20.000.000
20.000.000
Ministero delle
2012MIURXPAC21
MIUR Ricerca
70007
Anticicliche
MIT
MIT
Misure Anticicliche
Campania
MIT
MIT
7. Interventi in aree di
31001
Infrastrutture e
Trasporti
–
94.851.672
94.851.672
94.851.672
Piano Città
PAC - MIUR
Messaggeri
Potenziamento
strutturale
Interventi per start-up
innovative
76.500.000
30.000.000
5.500.000
767.000.000
76.500.000
767.000.000
30.000.000
60
"Domanda pubblica"
MIUR Ricerca
20003
Domanda pubblica
70001
per propensione
100.000.000
100.000.000
500.000.000
500.000.000
55.000.000
55.000.000
39.876.142
39.876.142
all'innovazione imprese
Distretti di alta
MIUR Ricerca
20004
Ricerca
70001
tecnologia e relative
reti; laboratori pubblici
e privati e relative reti
Ministero del
Lavoro
Ministero del
Lavoro
20004
2012MLPSXPAC21
MIUR Ricerca
del
Lavoro
20001
NEET
20002
Nazionale
50001
e Mestieri a Vocazione
49.876.142
NEET
49.876.142
50002
NEET
10.000.000
10.000.000
50001
Giovani per il sociale
23.709.000
23.709.000
50002
valorizzazione dei beni
Progetti promossi da
20001
giovani del privato
sociale
2012PCMDGPAC21
Servizio Civile
della ricerca industriale
Artigianale
Nazionale
e
Interventi a sostegno
Apprendistato e
Servizio Civile
Gioventù
Apprendistato
–
e
PCM – Dip.
70002
AMVA - Apprendistato
PAC Ministero
PCM – Dip.
Gioventù
Ricerca
PAC
PCM
–
Dipartimento
Progetti promossi da
20001
Gioventù
giovani del privato
Giovani per la
sociale
12.763.000
37.600.000
12.763.000
37.600.000
pubblici
PCM – Dip.
Gioventù
e
Servizio Civile
20002
Assistenza Tecnica
59001
Assistenza Tecnica
1.128.000
1.128.000
Nazionale
Totale
9.154.355.338
9.151.555.338
* da articolare con maggiore dettaglio
61
Fly UP