...

^ Prof. Silvio Garattini: donare è un dovere sociale! ^ Prevenzione

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

^ Prof. Silvio Garattini: donare è un dovere sociale! ^ Prevenzione
^ Prof. Silvio Garattini:
^ Giornata mondiale del
donare è un dovere
sociale!
donatore di sangue
^ Prevenzione
n.
2
maggio/agosto 2004 • anno xii
Periodico quadrimestrale – Editore: AVIS Comunale Milano – N. reg. al Tribunale di Milano 434 del 9/10/93 – Sped. Abb. Post. art. 2 comma 20/C legge 662/96 Filiale di Milano
Sommario
pag. 3
Editoriale
4
Giornata mondiale
del donatore di sangue
8
Da Gulu ringraziano
10
L’Avis sul territorio
nella ricerca/nelle aziende
14
Come leggere i referti post donazione
15
Prevenire con l’alimentazione
16
Sole sì, sole no
17
Anno del cuore
19
News
21
Convenzioni
22
Calendario delle raccolte
« Donare sangue è un
dovere sociale oltre che
una forma di solidarietà.
»
Prof. Silvio Garattini
Direttore dell’Istituto Mario Negri
In copertina:
bambini dell’orfanotrofio di Tosa Maganga in Tanzania
Foto di Bob Krieger
Q
uanti progetti
per Milano!
di Sergio Casartelli
Che fatica fare il presidente di avis milano, eppure quante soddisfazioni grazie all’impegno e alla determinazione: tanti gli obiettivi raggiunti e tanti i progetti in cantiere impensabili fino a poco tempo fa.
Nel nuovo Millennio siamo ripartiti da zero,
dalla certezza di . unità di sangue e via
via abbiamo puntato in alto con ambiziosi
obiettivi di crescita: . nel , . nel
, . nel  e ora, per il ,
.!
Ha dato i suoi frutti ritornare nelle aziende le fabbriche a Milano non ci sono più - a proporre la cultura della responsabilità sociale, a
distrarre il management e i collaboratori dai
concetti di sola produttività e business per richiamare l’attenzione sui valori della solidarietà diretta, dell’impegno del singolo oltre
che dell’azienda e, tra l’altro, oltre il semplice
contributo economico.
Ricordo uno a uno i colloqui con gli amministratori delegati e con i manager delle aziende: assieme a scoprire come l’azienda potesse
diventare nel nuovo Millennio “la piazza”
adatta per far crescere la cultura sociale, l’attenzione ai bisogni dell’altro oggi e, domani,
magari, degli altri verso i nostri. Beneficiando
noi dell’AVIS, per primi, di questa crescita
culturale.
E ricordo benissimo che non è mai capitato
che qualcuno guardasse l’orologio, che manifestasse fretta, che sopraggiungesse l’appuntamento successivo. Ore e ore di analisi
per grandi obiettivi con il risultato di una
partnership sempre più diffusa di AVIS Milano nelle aziende.
In tema di rinnovamento interno quest’anno
la nostra assemblea si è presentata in una veste nuova, con contenuti diversi. Abbiamo
3
parlato in modo semplice di salute con i nostri specialisti (lettura dei referti post donazione, corretta alimentazione, fecondazione
assistita e infarto), dando indicazioni utili e
precise. All’interno è riportata la sintesi degli
interventi sugli esami del sangue, sull’alimentazione e sulla prevenzione dell’infarto. A
questo proposito i nostri obiettivi si allargano
e stiamo mettendo a punto un progetto di
prevenzione mirata per i nostri donatori che
avrà inizio nel .
Anche il progetto “Oggi donare il sangue con
AVIS salva due vite” procede con nostra grande soddisfazione: a breve sarà raggiunto il target dei . bambini del distretto di Gulu
vaccinati grazie da AVIS. E allora noi rilanciamo “con un obiettivo impensabile fino a ieri”,
proseguendo l’iniziativa per un altro anno!
Infine, vorrei fare un accenno alla prima Giornata Mondiale di sensibilizzazione al dono del
sangue, il  giugno. Era ora, perché la situazione nel mondo è gravissima: il % della popolazione mondiale (quella ricca) consuma il
% del sangue raccolto. L’Italia è tra i ricchi
che consumano il plasma dei poveri.
A Milano ci impegneremo moltissimo, da sabato  giugno a domenica  giugno, in una
serie di iniziative di sensibilizzazione alla donazione perché Milano con tutti i suoi ospedali e le cure ad alta specializzazione è sempre
in cerca di nuovi donatori.
Un ringraziamento a tutti i donatori per
quanto hanno dato e un augurio per il periodo estivo ricordando di prestare attenzione
all’ormai consueta - e attesa - donazione preestiva.
Giornata mondiale del
donatore di sangue
Il 14 giugno si celebra in tutto il mondo la giornata dei donatori di
sangue, una grande occasione per ringraziarli del loro inestimabile
contributo e per sensibilizzare i giovani a prenderne il testimone.
L’iniziativa nasce dall’esperienza del giorno della salute mondiale
che nel 2000 aveva avuto per tema “il sangue salva le vite. il sangue
inizia con me” e dall’international blood donor day che viene organizzato dal ’95.
La giornata è promossa dall’Organizzazione
Mondiale della Sanità, insieme alla Croce
Rossa Internazionale, all’International Federation of Blood Donor Organizations e all’International Society of Blood Trasfusions.
Sono rappresentati  Stati membri,  Croci Rosse e  tra organizzazioni nazionali e
specialisti di trasfusioni, fra cui l’AVIS italiana.
La scelta del  giugno è in memoria di Karl
Landsteiner, il Premio Nobel che scoprì i
gruppi sanguigni ABO.
Oltre a soddisfare il fabbisogno di sangue, la
donazione abituale, volontaria e anonima garantisce la sicurezza del sangue perché lo stato
di salute dei donatori viene regolarmente monitorato. Sono troppi i Paesi in cui ancora la
donazione non è anonima, ma legata a rapporti di parentela e amicizia, e quelli in cui il
sangue è a pagamento.
“Bisogna diffondere ovunque la cultura della
donazione volontaria, anonima e abituale per
garantire un sangue sano e sicuro”, si legge sul
sito degli organizzatori.
In Italia i festeggiamenti sono previsti per domenica  giugno, a causa delle elezioni la
settimana prima, con una serie di iniziative
sia a livello nazionale che locale.
AVIS per una settimana intera presidierà la
città con il proprio Centro Mobile, con
l’Unità Baobab Ospedale San Raffaele-AVIS
e con alcuni punti di informazione nelle vie
4
del centro. Ci sarà una raccolta in massa, si
spera, dei tassisti milanesi e i rappresentanti
dei Consolati saranno invitati in AVIS con
l’impegno a diffondere il dono del sangue nei
loro Paesi.
Inoltre dal  al  maggio la sede AVIS rimarrà aperta dalle . alle . per la donazione pomeridiana.
Un grosso impegno per l’Associazione che
conta sulla collaborazione di tutti per avvicinare al dono del sangue sempre più persone.
ma a che punto siamo nel mondo, in europa,
in italia e a casa nostra con la donazione di
sangue?
La donazione nel mondo
Come per le altre risorse, l’accesso al sangue è
ristretto a una piccola parte della popolazione
mondiale.
Degli oltre 80 milioni di donazioni volontarie solo il 38% riguarda i Paesi in via di sviluppo, dove peraltro si concentra l’% della
popolazione mondiale.
Di conseguenza il 18% della popolazione consuma il 62% della disponibilità complessiva.
E, come si diceva, non è ancora abbastanza
condiviso e praticato il concetto di donazione
volontaria, anonima e abituale.
L’Europa
Se consideriamo tutti i Paesi d’Europa, compresi quelli non appartenenti all’Unione Europea, come Svizzera e Gran Bretagna, si calcola una media di , donazioni di sangue
ogni  abitanti: Principato di Monaco in
testa con , donazioni, Lituania in coda
con ,. Dovrebbe far riflettere il fatto che
l’Italia si trovi al ° posto, davanti solo a Slovacchia, Portogallo, Lettonia, Polonia, Lituania, preceduta tra gli altri da Paesi dell’Est con
livelli di cura di gran lunga inferiori ai nostri.
Media europea
42,63
donazioni di sangue nei paesi europei
ogni 1000 abitanti
77,46
monaco
44,14
olanda
66,55
danimarca
42,77
norvegia
62,80
austria
42,65
ungheria
61,55
finlandia
42,40
malta
57,36
cipro
40,00
repubblica ceca
56,54
svizzera
38,35
spagna
55,89
grecia
37,38
irlanda
55,55
islanda
35,90
francia
55,36
germania
35,53
estonia
51,59
slovenia
34,32
italia
Media italiana
51,44
san marino
33,44
slovacchia
34,32
51,10
svezia
30,93
portogallo
49,18
belgio
24,29
lettonia
48,07
lussemburgo
23,93
polonia
46,41
uk
20,63
lituania
donazioni di sangue in italia
1999/2002 (fonte iss 2002)
2002
2.135.000
2001
2.066.229
2000
2.026.600
1999
1.913.299
1996
1.836.000
1995
1.816.000
1993
1.852.932
1991
2.067.000
1989
1.736.000
La Lombardia
Esigua la crescita di donatori attivi e di donazioni anche a livello regionale, rispettivamente con un +,% e
un +,% nel 
sul .
L’Italia
L’Italia cresce poco. Tra il  e il  l’incremento è stato di poco
superiore alle . unità di sangue intero. Ne mancano ancora
. per soddisfare il fabbisogno standard, che è di .. unità.
Sulle .. unità di sangue raccolte nel , l’AVIS ha partecipato
per .. unità con . donatori attivi (su ..).
Ancora più delicata la raccolta del plasma, dove servirebbero .
nuove donazioni all’anno per soddisfare il fabbisogno di . litri,
mentre se ne raccolgono . litri (per un litro servono mediamente , donazioni). Un dato interessante è che, negli ultimi anni, è
cresciuto il numero delle donazioni e dei donatori nel Centro Sud e
nelle isole, con indici percentuali di nuovi donatori nel  tra il  e
il % rispetto all’% di nuovi donatori nelle regioni settentrionali.
donatori attivi regione lombardia 1999/2003
1999
2000
2001
2002
2003
204.821
204.168
208.456
211.187
214.278
– 0,32
+ 2,10
+ 1,31
+ 1,46
Incr.%
donazioni (sangue intero + aferesi)
1999
2000
2001
2002
2003
416.560
418.818
417.539
428.305
434.204
+ 0,54
– 0,31
+ 2,58
+ 1,38
Incr.%
5
La Provincia di Milano
donatori attivi
provincia di milano
In Provincia di Milano nel  la crescita delle donazioni AVIS è stata
pressoché uguale a zero o poco più e neppure consola l’incremento
della raccolta associativa, che in parte ha tamponato il decremento negli ospedali. «L’esiguità della crescita», ha commentato il Presidente
provinciale Pietro Varasi all’Assemblea annuale, «conferma un andamento decisamente insufficiente rispetto alla potenzialità del nostro
territorio come popolazione attiva. Dei .. residenti dai  ai 
anni solo il ,% è donatore AVIS, percentuale che sale a ,% se
comprendiamo i donatori delle altre associazioni, operanti quasi
esclusivamente nel capoluogo.»
2002
2003
Incr.
60.691
60.932
+ 241
unità raccolta
avis provinciale
2002
2003
Incr.
17.646
18.890
+ 1244
donazioni
ospedale
Il Presidente Avis Milano
Sergio Casartelli
presenta in conferenza stampa
al Prefetto di Milano, Bruno Ferrante
i risultati della raccolta 2003.
totale donazioni
provincia di milano
2002
2003
Incr.
2002
2003
Incr.
85.306
83.718
– 1588
131.193
131.577
+ 384
unità raccolta
avis comunali
2002
2003
Incr.
28.241
28.969
+ 728
Le donazioni a Milano:
il recupero degli ultimi tre anni
A Milano c’è sempre carenza di sangue: per essere autosufficienti gli
ospedali avrebbero bisogno di . unità in più all’anno con .
nuovi donatori.
L’obiettivo di crescita per il 2004 è del 10% con 22.000 unità.
Tuttavia, negli ultimi anni c’è stata una ripresa delle donazioni in città,
dopo il crollo del  (. unità raccolte contro le . del )
e l’ulteriore perdita di . unità nel  per la chiusura del Centro
di Raccolta di via Livigno e per il mancato apporto di alcune AVIS comunali della Provincia ed extra Provincia, a causa dell’indirizzamento
dei donatori ad altri centri di raccolta ospedalieri.
Ripartita dunque nel Duemila con 12.800 unità, grazie a una intensa
attività promozionale e di raccolta sul territorio, AVIS Milano ha raggiunto in questi tre anni le 19.350 unità.
6
Crescono le donazioni,
diminuiscono i donatori
Va osservato che alla crescita delle donazioni negli ultimi tre anni non
è corrisposta la crescita dei donatori attivi, che anzi hanno subito una
forte contrazione: -,% nel  sul  contro l’incremento di donazioni del ,%.
Sono due le ragioni che spiegano almeno in parte la divaricazione della “forbice” fra i due valori. La prima è la maggiore assiduità dei donatori abituali nel presentarsi ai punti di raccolta per effettuare la donazione, grazie anche alle continue sollecitazioni del nostro “Gruppo
Chiamate” tramite telefono, sms e, prossimamente, e-mail. La seconda
è che l’intensa attività dell’AVIS milanese nelle aziende porta sì nuovi
donatori, che con la prima donazione vanno a incrementare il numero delle donazioni in città (e per fortuna!), ma che poi generalmente si
spostano sull’AVIS Comunale della località di residenza, nonostante la
comodità di donare in azienda. In ogni caso l’azione di sensibilizzazione alla donazione è stata fatta!
rapporto donatori/donazioni
a milano 2001/2003
2001
2002
% 02/01
2003
% 03/02
Donatori
8.291
8474
+ 2,1%
7.603
– 10,2%
Donazioni
16.911
18.233
+ 7,2%
19.350
+ 5,7%
Le azioni di AVIS Milano
L’azione di AVIS Milano per aumentare il numero dei donatori e delle
donazioni è incessante, ma i risultati non sono ancora pari agli sforzi.
Per fare degli esempi, le  chiamate del donatore dello scorso dicembre hanno avuto un’adesione solo del %, mentre dei .
contatti in un anno con il nostro sito (www.avismi.it), solo  utenti si sono registrati e solo  hanno dato la disponibilità a farsi contattare.
Sono numeri preoccupanti anche quelli dei donatori sospesi temporaneamente per motivi di salute,  solo nel , e dei candidati idonei che non hanno più risposto alla donazione.
Si tratta di  persone, perché comprendono gli anni in cui veniva
praticata la donazione procrastinata e si perdeva il % dei candidati
idonei. Oggi che esami più sofisticati sostituiscono la donazione procrastinata in termini di sicurezza, il numero degli idonei che per qualche motivo non hanno donato subito e che non si sono più presentati
si è ridotto del % ( nel ). Sono però sempre donazioni perse
e l’AVIS, con una équipe dedicata, sta risentendo tutti, uno per uno, i
 candidati idonei e i  sospesi, per conoscere dai primi i motivi
per cui non hanno donato e per invitare i secondi al controllo per la
riammissione.
7
Appello ai tanti sospesi
e ai candidati idonei
Invitiamo tutti i donatori sospesi temporaneamente per motivi di salute a contattare
l’Associazione per sottoporsi al controllo di
riammissione.
Ci rivolgiamo anche a coloro che in questi anni sono risultati idonei alla donazione, ma
non si sono più fatti vivi. Portate a buon fine
la buona intenzione!
Cogliete l’occasione del periodo estivo, che
va particolarmente presidiato perché la città
si svuota ma gli ospedali continuano a funzionare, per venire in Avis e fare un gesto di
solidarietà. È proprio grazie alla sensibilità
dei donatori che, negli ultimi anni, anche
d’estate siamo riusciti a soddisfare almeno
in parte le necessità ospedaliere.
Continuiamo così! Passate a donare, partirete più leggeri, soprattutto nel cuore…
progetto avis con amref
Avis raddoppia:
raggiunto il target, il progetto AVIS
proseguirà per un altro anno per
vaccinare altri bambini ugandesi
Da Gulu ringraziano!
in collaborazione con Paola Magni - amref milano
Prosegue la campagna di vaccinazione dei bambini di gulu in uganda,
una delle zone al mondo a più alto rischio di mortalità per malattia
e per lo stato di guerra in cui versa il paese.
L’obiettivo del progetto AVIS “Oggi donare sangue con AVIS salva due
vite” è di somministrare a . bambini al di sotto dei  anni un ciclo
completo di vaccinazioni di base per la protezione contro Tubercolosi,
Morbillo, Pertosse, Difterite, Epatite B, Haemophilus Influenza Type B,
Tetano neonatale, Poliomelite, portando la percentuale dei bambini vaccinati all’%, attualmente al ,%. Compiuta la fase preparatoria e avviate le vaccinazioni (. al  novembre  - vedi AVIS&Milano
1/2004), in questi mesi si è entrati nel vivo della campagna.
I dati più recenti pervenuti da Gulu, aggiornati a febbraio , rendicontano di 58.864 somministrazioni effettuate dall’inizio del progetto
(luglio ), in particolare:
>
>
>
>
16.885 bambini vaccinati contro la BCG (Tubercolosi)
13.181 bambini vaccinati contro la Polio
12.929 bambini vaccinati contro la DPT (Difterite, Tetano, Pertosse)
+ Epatite B, Haemophilus Influenza Type B
15.869 bambini vaccinati contro il morbillo.
Le vaccinazioni si svolgono durante periodiche visite del personale
medico nei villaggi e nelle contee, in occasione delle quali vengono anche monitorate le condizioni sanitarie generali della popolazione infantile. I bambini che completano il ciclo di vaccinazioni ricevono il
Certificato “Good start in life”(foto a destra). A fine anno, attraverso i
registri, si saprà con esattezza quanti bambini avranno ricevuto il ciclo
completo di vaccinazioni grazie al progetto AVIS realizzato con Amref.
L’attività di formazione di personale sanitario locale e di sensibilizzazione delle comunità consentirà inoltre un miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie generali del distretto per il futuro.
8
Gulu, 24 marzo 2004
Caro Signor Sergio Casartelli,
spero che a Milano e in Italia vada tutto bene.
A nome della popolazione del Nord Uganda e
a nome mio, desidero trasmettere sinceri ringraziamenti e apprezzamento all’Avis da lei
guidata per l’immenso supporto che sta dando alla vaccinazione degli sfortunati bambini
del distretto di Gulu.
Per favore porti i miei saluti ai membri
dell’Avis con parole di riconoscenza.
Vi siamo grati.
I miei più cari saluti,
James Eyul
a nome dei bambini di Gulu
Sotto: un esempio dei
registri di vaccinazione
realizzati grazie al progetto AVIS con Amref in collaborazione con il governo
ugandese, che forniranno
un censimento e un database completo dei bambini di età inferiore ai 5
anni, beneficiari della
campagna di vaccinazione in atto.
Le attività del progetto tra novembre 2003
e febbraio 2004:
• Registrazione dei bambini sotto i 5 anni, incluse le registrazioni di
•
•
•
nascita: l’operazione continua. Questa attività permette il monitoraggio generale relativo alla situazione demografica infantile nel
Distretto di Gulu e permette la creazione di un database aggiornato
sullo status delle vaccinazioni.
Advocacy: sono stati realizzati  meeting quadrimestrali del Comitato distrettuale di vaccinazioni relativi ad attività di advocacy
in tema di strategie e politiche sanitarie.
Selezione monitoratori sanitari: selezionati  monitoratori distrettuali dai  distretti sanitari coinvolti per la raccolta sistematica dei
dati.
Formazione operatori sanitari addetti alle vaccinazioni:  Operatori Sanitari (Community Vaccinators) attraverso  workshop di 
giorni in collaborazione con l’Ufficio Distrettuale Sanitario.
La formazione ha riguardato:
• aggiornamento relativo alle procedure
• standard di vaccinazione
• analisi delle  malattie più diffuse
• procedure mantenimento vaccini/cold chain
•
Dati campagna vaccinazioni
luglio 2003-febbraio 2004
località popolazione
target
omoro 4948
Totale in %
Bambini vaccinati
nwoya
morbillo
57,3
2.835
43,2
2.137
42,4
2.098
58,1
2.875
71,4
1.470
66,9
1.378
66,9
1.378
87,2
1.796
98,3
5.227
89,1
4.738
85,1
4.525
88,4
4.701
86,8
5.464
58,5
3.683
58,5
3.683
81,8
5.150
55,4
1.889
36,5
1.245
36,5
1.245
39,5
1.347
•
•
•
•
6296
Totale in %
Bambini vaccinati
aswa
dpt
hepb+hib
5318
Totale in %
Bambini vaccinati
kilak
polio 3
2060
Totale in %
Bambini vaccinati
gmc
bcg
3411
Totale in %
Bambini vaccinati
« Oltre alla soddisfazione di ricevere dati così precisi direttamente dall’Uganda», commenta Sergio Casartelli, «che testimoniano della serietà e
professionalità di Amref, rileviamo con altrettanta soddisfazione l’alta percentuale di vaccinazioni già somministrate in certe località del distretto,
addirittura il 98% a Gmc e l’86% a Kilak. »
9
• somministrazione vitamina A
• elementi di nutrizionismo base
• comunicazione educazione sanitaria
• gestione dati: utilizzo di registri, schede
• sanitarie, registro di controllo dei vaccini
• ruolo Operatori Sanitari addetti alle
• vaccinazioni
Capacity building dello staff governativo:
sono stati formati e aggiornati  Operatori
Sanitari (nurses e clinical officers) attraverso  workshop di  giorni. Gli obiettivi
principali della formazione sono stati:
• servizio sanitario vaccinazioni: equipag• giamento e competenze tecniche
• miglioramento qualità personale tecnico
• organizzazione logistica
Monitoraggio delle attività di vaccinazione
in tutte le aree interessate
Monitoraggio dello stato generale della
salute per valutare l’impatto dell’intervento
Certificati di vaccinazione e schede sanitarie: sono stati prodotti . certificati e
 registri per le vaccinazioni
Educazione sanitaria: realizzato workshop
di due giorni destinato a  esperti in educazione sanitaria e sviluppo di messaggi
rilevanti per la campagna di vaccinazione.
La strategia di comunicazione nel settore
della vaccinazione riguarda:
• identificazione dei problemi
• analisi comportamentale attuale
• e desiderata
• gruppo target
• comunicazione educativa
• metodologia.
L’AVIS sul territorio
nella ricerca
È un dovere sociale donare il sangue!
Prima raccolta di sangue
al Mario Negri di Milano.
Intervista al Prof. Silvio Garattini
11-12 dicembre 2003 · 1a raccolta
In dicembre si è svolta la prima raccolta di sangue all’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, dove è in corso un progetto nell’ambito degli studi GISSI (Gruppo italiano per lo Studio della Sopravvivenza nell’Infarto Miocardico), al quale AVIS Milano partecipa fornendo i campioni di sangue dei donatori che, con la consueta
sensibilità e disponibilità, hanno accettato di aderire all’iniziativa. La
raccolta di sangue di dicembre ha avuto una buona risposta,  adesioni su  dipendenti, anche se non tutti hanno potuto donare.
«Contiamo sul passaparola per una maggiore partecipazione la prossima volta», ha commentato Raffaella Bertazzi, assistente del Prof. Silvio Garattini, che si è occupata dell’organizzazione della raccolta,
«Donare il sangue non è per tutti un gesto immediato; anche fra medici, ricercatori e biologi bisogna fare spesso un’opera di tranquillizzazione.»
«Anche noi del Mario Negri abbiamo voluto partecipare a questa gara
di solidarietà», ha affermato il Prof. Silvio Garattini, Direttore dell’Istituto, «Sono stati molti a voler donare sangue anche se per varie ragioni non tutti sono stati ritenuti idonei. Ci auguriamo di ripetere periodicamente la raccolta di sangue, proprio perché siamo convinti della necessità della donazione.»
Professore, ma il sangue serve anche alla ricerca?
«Il sangue serve certamente alla ricerca perché quasi tutto si riversa
nel sangue e quindi è una sede privilegiata per misurare variazioni di
ormoni, mediatori chimici, citochine, farmaci e tante altre sostanze.
Nel sangue esistono cellule diverse: alcune senza nucleo come i globuli
rossi e le piastrine, altre con il nucleo come linfociti e granulociti.
Questi ultimi si possono coltivare in vitro e possono darci molte
informazioni. Ad esempio, per molti studi di immunologia la disponibilità di culture di linfociti è fondamentale per valutare quali sono le
loro risposte rispetto a vari stimoli o a differenti agenti patogeni. In altri casi poiché coloro che donano sangue sono soggetti sani e molto
controllati, i campioni di sangue possono essere utilizzati come “controlli” rispetto a soggetti portatori di malattie. Ad esempio nello studio GISSI che indaga tra i fattori di rischio per l’infarto cardiaco la
componente genetica, i campioni di sangue provenienti dai donatori
AVIS sono preziosi come elemento di confronto.»
Che significato ha donare sangue in una grande città come Milano?
«La donazione di sangue per coloro che sono sani è un dovere sociale
oltre che una forma di solidarietà. I bisogni sono elevati soprattutto
nelle grandi città dove esistono molti ospedali e dove arrivano numerosi pazienti anche dalla provincia e da altre città d'Italia.»
10
Generalmente nelle raccolte svolte negli ospedali si dimostra più sensibile il personale paramedico che quello medico. Cosa suggerisce ai suoi
colleghi?
«I medici dovrebbero essere i primi a dare l'esempio perché conoscono meglio di altri tutte
le applicazioni mediche delle donazioni di
sangue sia in seguito ad interventi chirurgici,
sia in soggetti debilitati.»
Qual è il suo messaggio ai donatori e a tutti i
milanesi?
«Non bisogna aver paura di donare il sangue
perché è ormai largamente accertato che non
vi sono danni. Donare sangue vuol dire aiutare un nostro ‘prossimo’, vuol dire spesso salvare una vita, rappresenta sempre un atto di
generosità che potrebbe essere importante
anche per noi stessi o i nostri familiari.»
l’avis
Appello ai donatori/lavoratori AVIS:
attivate un progetto
di raccolta nelle vostre aziende!
nelle aziende
Computer Associates sceglie AVIS
12 gennaio 2004 · 1a raccolta
«Per me è stata un’occasione per riprendere a donare!», racconta Stefano Doveri, Direttore delle Risorse Umane di Computer Associates.
Donatore, come altri sospeso per viaggi tropicali, ammette che poi è
difficile trovare il tempo per tornare a donare. «Averlo potuto fare in
azienda si è dimostrato molto comodo.» La raccolta all’interno rientra
nella filosofia di Social Responsability del Gruppo americano, specializzato nello sviluppo e commercializzazione di software, con  dipendenti a Milano e  a Roma. «Siamo abituati a sostenere progetti
di volontariato sia finanziariamente sia con visite mirate, ma un coinvolgimento così diretto di tutto il personale è una novità. Donare il
sangue ha il duplice effetto di farti sentire utile, coinvolto nel bene degli altri e, al tempo stesso, di tenere sotto controllo il tuo stato di salute. Abbiamo scelto AVIS per l’affidabilità del nome e la nota capacità
organizzativa.» L’iniziativa si ripeterà sicuramente: una ventina le donazioni la prima volta sia a Milano che a Roma. «I nostri collaboratori
si sentono fieri di appartenere a un Gruppo che si interessa dei problemi della società. Lo dimostra anche il grado di soddisfazione espresso
su questo punto nel questionario del Premio “Great Place to Work”,
nel quale ci classifichiamo al ° posto da tre anni.»
Stefano Doveri
AstraZeneca: azione positiva in comodità!
13 gennaio 2004 · 1a raccolta
Elena Sala
« Un piccolo gesto per una causa
importante. »
Roberto Pastoris
Territorial Sales &services Coordinator
Si è svolta la prima raccolta di sangue nella sede di Basiglio di AstraZeneca, l’azienda farmaceutica con  dipendenti in Italia e uno
stabilimento di produzione a Caponago, centro produttivo d’eccellenza a livello mondiale. L’iniziativa ha incontrato una grande accoglienza da parte dei dipendenti, anche se molti non hanno potuto donare o
per assunzione di farmaci, o perché avevano donato da poco.
«La raccolta AVIS», commenta Elena Sala, responsabile Corporate &
Internal Communication, «ha voluto essere il punto di partenza di un
percorso continuativo per sensibilizzare le persone e, indirettamente i
loro familiari, verso un tema che riteniamo faccia parte a tutti gli effetti della responsabilità sociale d’impresa. Contiamo di organizzare la
seconda raccolta prima dell’estate.»
11
AstraZeneca: le testimonianze
« È un gesto d'amore verso gli altri. »
Laura Monza
« Un’azione positiva,
in piena comodità. »
Senior Buyer General Purchasing
Elisa Scaccianoce
« Credo che ognuno di noi abbia l'imperativo morale di
condividere un po’ delle proprie "fortune" con gli altri: donare il sangue è per me un piccolo, ma significativo segno
di solidarietà verso gli altri. Quindi ringrazio AstraZeneca
di avermi facilitato la donazione che, spesso per fretta o urgenze professionali, sono costretto a rimandare. »
Taxation Manager
« Esperienza estremamente positiva.
Un modo molto semplice per aiutare
il prossimo. »
Annalisa Botta
Riccardo Cali
Personal Assistant Chairman
Comm. Operations Director
OMRON: Corporate Citizenship mondiale
30 marzo 2004 · 1a raccolta
È nella filosofia aziendale di Omron, multinazionale giapponese specializzata in elettronica per automazione, porre attenzione alla comunità in cui opera con iniziative di solidarietà. Nella sua tradizione di
Corporate Citizenship ci sono ad esempio la prima fabbrica per disabili in Giappone; una fondazione che destina lo ,% del fatturato negli Stati Uniti e in Canada ad attività di ricerca nelle università e l’Omron Day, l’anniversario della fondazione della società, dedicato all’ambiente o alla visita a case di riposo in orario di lavoro.
In Italia, in particolare, questo impegno ha preso forma nella donazione di sangue. «Accanto all’Omron Day volevamo sviluppare azioni
continuative che riflettessero ancora di più la filosofia del Gruppo.»,
commenta Carlo Carlini dell’Ufficio Risorse Umane, promotore e organizzatore dell’iniziativa, «La donazione di sangue ci è sembrata la
soluzione più adatta perché, per sua natura, si presta a diventare un
appuntamento fisso. Qualcosa che si rinnova con l’impegno di tutti.
Così, già donatore AVIS come pure il nostro direttore generale, mi sono rivolto ad AVIS Milano e abbiamo organizzato la raccolta. Il fatto di
poterla svolgere in azienda ha dato un valore aggiunto, perché l’azienda resta il fulcro dell’iniziativa, senza dispersioni all’esterno.» Su 
persone presenti in sede (i restanti  non sono stanziali) ha risposto
il %, un’ottima media, con  donazioni di cui  nuovi donatori.
«Abbiamo raggiunto lo scopo sensibilizzando nuove persone e ricordando di donare a coloro che già lo fanno.», conclude Carlini, «Di
questi molti hanno promesso che andranno a donare nelle AVIS dei
loro comuni di residenza. Ci contiamo!»
Ora l’obiettivo di Omron è di coinvolgere al prossimo appuntamento,
se sarà possibile, anche i familiari dei dipendenti.
12
La Social Responsability di SAP
19-20 aprile 2004 · 1a raccolta
La raccolta di sangue si inserisce in un piano di responsabilità sociale
che vede impegnata SAP nel sostegno finanziario a progetti di solidarietà che stanno a cuore agli stessi dipendenti. «Loro ce li propongono,
loro ci aggiornano sull’andamento», racconta Enrico Barichella, Direttore Risorse Umane SAP, già donatore, promotore della raccolta
con Stefano Varasi, Direttore Marketing dell’azienda. «Ma un coinvolgimento così diretto e congiunto come per la donazione di sangue
non aveva precedenti. Poter condividere la donazione in azienda, a
conclusione di un mese di comunicazione, rinforza il valore dell’iniziativa, oltre al servizio offerto. I nostri collaboratori si dimostrano
fieri di lavorare in un’azienda che non guarda solo al business, ma anche ad aspetti più personali che li tocca da vicino.
E che cosa più della donazione di sangue può interessare tutti?
L’unico suggerimento che darei alle aziende che volessero riprodurre la
nostra iniziativa è di far seguire la comunicazione a qualcuno che sia
già donatore, avvantaggiato nel trovare gli argomenti migliori. Siamo
comunque a disposizione per dare suggerimenti sull’organizzazione,
peraltro resa non gravosa dall’efficiente modello di AVIS e per testimoniare la positività di un’esperienza che ripeteremo dopo l’estate.»
Un minisito per la donazione di sangue
SAP ha realizzato un minisito nell’Intranet aziendale per avvicinare i
Enrico Barichella
«Sono un donatore abituale, anche se a
volte gli impegni di lavoro non mi permettono di farlo regolarmente. Trovo questa iniziativa utile a sensibilizzare anche gli altri.»
Corrado
colleghi alla donazione di sangue e prepararli alle giornate di raccolta
il  e  aprile. Nel sito si trovavano informazioni, modalità per donare e uno spazio di registrazione per prenotarsi. I collaboratori di
SAP Italia sono stati raggiunti anche da un paio di e-mail e dal materiale AVIS distribuito nei punti caffè dell’azienda e, a donazione conclusa, da un banner di ringraziamento sul sito aziendale.
«Mi sono sentita subito a mio agio, anche se era la prima
volta. I medici e il
personale AVIS sono stati molto disponibili e la loro
competenza mi ha
fatto sentire subito
tranquilla.»
Anita
Comunicare bene
Una modalità di comunicazione efficace e studiata nei dettagli, coerente con il core business di SAP, specializzata in soluzioni software
per business, ma innovativa nel panorama della comunicazione aziendale sulla raccolta di sangue. La risposta è stata soddisfacente:  adesioni su  dipendenti nella sede di Agrate, con  donazioni in due
giorni. Il minisito rimarrà lo strumento informativo principale anche
per le prossime donazioni.
«Ho sempre voluto
donare il sangue
m a n o n n e a v ev o
ancora avuto l'occasione. Sono contento di averlo potuto fare grazie alla
mia azienda.»
Claudio
«Ho provato una sensazione molto positiva;
sapere che con un gesto tanto semplice si può
salvare una vita è straordinario. Mi sono sentita fiera di me e dei miei colleghi.»
Mina
13
prevenzione
Come leggere i referti
post donazione
a cura della dott.ssa L. Galastri, direttore sanitario avis
Le analisi del sangue si eseguono per valutare lo stato di salute del
nostro organismo e ci permettono di scoprire la presenza di alcune
patologie. Sono oltre 500 i tipi di analisi di laboratorio a disposizione della scienza. analizziamo i principali che vengono eseguiti ad
ogni donazione di sangue.
L’emoglobina (Hb) è la proteina presente nei
globuli rossi deputata al trasporto dell’ossigeno legato al ferro, indispensabile per il nutrimento di organi e tessuti. Valori inferiori alla
norma sono tipici delle anemie, che possono
essere causate da: perdite acute o croniche di
sangue; carenza degli elementi che la compongono (ferro, vit. B12, folati, ecc.); insufficienza midollare, eccessiva distruzione nelle
forme autoimmuni; malattie renali; valvulopatie cardiache e tutte le malattie croniche.
Valori superiori alla norma si evidenziano
nelle malattie legate all’aumento del numero
di globuli rossi.
L’esame emocromocitometrico è l’esame di
base di tutte le indagini ematologiche.
L’ematocrito (Ht) esprime la percentuale
del volume del sangue occupato dai globuli
rossi rispetto alla parte liquida (plasma)
L’MCV è il volume corpuscolare medio del
globulo rosso, che diminuisce nelle talassemie o nelle anemie da carenza di ferro,
mentre aumenta in quelle da carenza di vitamina B12.
L’MCHC è la concentrazione media di
emoglobina in ogni globulo rosso
L’MHC indica la quantità media di emoglobina presente in un globulo rosso.
•
•
•
•
Le piastrine sono cellule prodotte dal midollo osseo che, in caso di traumi, ferite, emorragie, aderiscono fra loro e insieme con altri fattori portano alla formazione del coagulo che
tende a bloccare l’emorragia. Un forte rialzo
14
del loro valore può dipendere da malattie tumorali, ma anche da malattie infettive e traumi. Una diminuzione può dipendere da disturbi di produzione del midollo osseo, ma
anche in alcune infezioni virali, anemia aplastica, deficit di vitamina B12 e folati.
Il ferro (sideremia) è presente nell’emoglobina ed è indispensabile per il trasporto dell’ossigeno e per l’attività di molti enzimi. L’aumento dei valori si riscontra in alcune forme
di anemia, in caso di epatite virale acuta e in
alcune leucemie. La diminuzione è tipicamente dovuta a un deficit introduttivo (diete,
vegetariani, ecc.), ma anche a gravidanza,
emorragie, neoplasie, ecc.
La ferritina è la proteina che svolge la funzione di deposito del ferro, una riserva rapidamente mobilizzabile. Alti livelli esprimono un
sovraccarico di ferro nel sangue, spesso per
patologie del fegato o per forme neoplasiche,
mentre valori inferiori alla norma indicano
deficit di ferro.
Le transaminasi sono enzimi che intervengono nel metabolismo degli aminoacidi. I loro
livelli possono variare anche occasionalmente
per un pasto troppo grasso, un’alimentazione
sregolata, un occasionale eccesso di alcool.
Le ALT si trovano principalmente nelle cellule epatiche e un loro incremento nel sangue può esprimere un danno delle cellule
del fegato, per epatiti virali, alcoliche, da
farmaci, neoplasie.
Le AST si trovano anche in altri organi e
apparati come il cuore e i muscoli. Un loro
incremento può dipendere da miopatie, lesioni muscolari, intensa attività sportiva o
infarto del miocardio.
•
•
La glicemia rappresenta il valore della concentrazione di glucosio nel sangue, fonte in-
dispensabile di energia per le cellule nervose, i
globuli rossi e i muscoli. L’iperglicemia può
essere sintomo di diabete, disturbi del pancreas o conseguenza di terapie con farmaci.
Valori leggermente aumentati (125-150mg/dL)
non devono allarmare: la “Curva da carico”
valuterà la risposta dell’organismo all’assunzione di zuccheri, potrebbe solo essere alterata la tolleranza al glucosio. L’ipoglicemia, il
calo dei valori, può dipendere da un prolungato digiuno ma anche da tumori o dall’abuso di alcool.
L’azotemia (urea) e la creatinemia monitorano lo stato di salute del rene. L’azoto deriva
dalla distruzione degli aminoacidi, mentre la
creatinina è un composto organico presente
nei muscoli. Un loro incremento indica una
sofferenza del rene. Una diminuzione riguarda malnutrizione.
Il colesterolo è utile, perché interviene nella
formazione e riparazione delle membrane
cellulari, è il precursore della vitamina D, degli ormoni steroidei e degli ormoni sessuali.
Il colesterolo circola nel sangue legato a proteine di due tipi:
le LDL (il colesterolo detto “cattivo”) veicolano il -% del colesterolo serico: avendo affinità con le cellule dell’endotelio delle
arterie, liberano il colesterolo sulle pareti
dei vasi;
le HDL (uomini >=38; donne >=42), svolgono la funzione opposta, rimuovendo il
colesterolo dalle arterie e riportandolo al
fegato dove viene eliminato (colesterolo
“buono”). Un valore di colesterolo totale
nel sangue superiore alla norma non è di
per sé preoccupante, soprattutto se non esistono fattori di rischio cardiovascolari quali
fumo, ipertensione, diabete, colesterolo alto.
Il colesterolo è una molecola lipidica, presente in tutti i tessuti e in maggior quantità
nel cervello, nella bile e nel sangue. La maggior parte si forma nel fegato, in piccola parte
deriva dai cibi di origine animale (%).
I trigliceridi costituiscono la maggior parte
dei lipidi assunti con la dieta, fonte di riserva
energetica. Possono aumentare per predisposizione ereditaria o per diete troppo ricche di
grassi.
•
•
Prevenire con l’alimentazione
a cura di Armanda Frassinetti, dietista avis
Vi proponiamo un estratto delle “linee guida per una sana alimentazione italiana” realizzate dall’istituto nazionale ricerca alimentare
e nutrizionale, che fanno chiarezza sui messaggi spesso contrastanti relativi alle regole alimentari; suggeriscono comportamenti
alimentari più corretti e si pongono l’obiettivo di invertire la tendenza di prevalenza di numerose patologie legate all’alimentazione.
Questo strumento è garantito dalle istituzioni scientifiche.
1 Controlla il peso e mantieniti sempre attivo
_
Il peso va controllato almeno una volta al mese, verificando che l’indice di massa corporea sia nei limiti normali.
Se il peso è fuori norma riportalo gradatamente nei limiti, evitando
diete squilibrate o molto drastiche. Tutti gli alimenti servono in modo
equilibrato, distribuiti nell’arco della giornata, a partire dalla colazione. In caso di sovrappeso consulta il medico, riduci le “entrate” energetiche mangiando meno e preferendo cibi a basso contenuto calorico
e che sazino di più, come frutta e ortaggi e fai più attività fisica. Distribuisci l’alimentazione nel corso della giornata.
2 Più cereali, legumi, ortaggi e frutta (3 porzioni al giorno di ver_
dura/2 di frutta).
I legumi con i cereali danno le proteine come quelle animali, ma senza
i grassi animali. Limitare aggiunte di grassi e olii, sostituibili con aromi e spezie. Non eliminare pasta, pane, riso, meglio se integrali.
15
Una pasta con verdure ha ⅓ dei grassi di una
pasta con i formaggi. È più voluminosa e sazia di più. Così pure meglio pasta, ricotta e
pomodori che non panna e gorgonzola.
Il pomodoro è un alimento funzionale, antiossidante.
3 Grassi: scegli la qualità e limita la
_
quantità.
Usa pentole antiaderenti e cucina con il vino
e la birra che evaporano. Privilegia fra i grassi
l’olio extravergine di oliva. Limita i fritti e aumenta il consumo di pesce a 2, 3 volte alla settimana. Tra i formaggi solo la ricotta non è
grassa.
4 Zuccheri, dolci e bevande zuccherate:
_
nei giusti limiti.
Una lattina di Cocacola corrisponde a ,
cucchiaini di zucchero. Anche le bevande light contengono zuccheri. Non aggiungerne a
quelle non zuccherate.
5 Bevi ogni giorno acqua in abbondanza:
_
,- litri al giorno, più volte in piccole quantità. L’acqua non è calorica!
6 Il sale? Meglio poco e meglio se iodato.
_
Il sodio contenuto negli alimenti è sufficiente, ne consumiamo mediamente  volte più del necessario. Sostituiamolo con erbe aromatiche
e spezie.
7 Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata e durante
_
i pasti (preferibilmente birra e vino).
L’alcool non è un nutriente, ma dà apporto calorico. Se si bevono alcolici limitare il consumo a - bicchieri di vino per l’uomo al giorno
e - bicchieri le donne. L’anziano al massimo 1 bicchiere al giorno.
8 Varia spesso le tue scelte a tavola: assumere quantità adegua_
te di tutti i gruppi.
Una dieta bilanciata non esclude alcun alimento, ma in quantità controllata e attenzione ai grassi vegetali, come palma e cocco che contengono acidi grassi polinsaturi, unici vegetali polinsaturi.
9 Consigli speciali per persone speciali, dalla gravidanza alla me_
nopausa; per bambini, adolescenti e anziani. Per approfondimenti
si consiglia di consultare le Linee Guida sul sito www.inran.it.
Consigli per l’estate
> Fare sempre attenzione al peso sia in eccesso che in difetto.
> Mangiare abbondante frutta e verdura,
preziose per la ricchezza d’acqua, oltre
che per il contenuto in vitamine, sali minerali e antiossidanti.
> Non eccedere nei grassi.
> Meglio la frutta fresca che non i succhi
(anche quelli light non devono essere con
sumati liberamente perché contengono
calorie) e meglio degli integratori (c'è differenza tra l'antiossidante ingerito come
cibo e quello come integratore).
> Assumere almeno 2 litri di acqua al giorno.
Sole sì, sole no
a cura del dott. Ignazio Stanganelli
Per una corretta esposizione al sole prima di tutto bisogna identificare il proprio fototipo, che è l’insieme di alcune caratteristiche fisiche e la risposta ai raggi solari.
Semplici regole da seguire:
• Evita le esposizioni eccessive soprattutto se hai un fototipo  o .
• Esponiti gradualmente per consentire una naturale abbronzatura.
• Proteggi i bambini; non esporli al sole sotto i 6 mesi.
• Evita di esporti al sole nelle ore centrali: - (- ora legale).
• Indossa indumenti: cappello con visiera, camicia, maglietta
e occhiali.
• Approfitta dell’ombra.
• Usa creme solari adeguate al tuo fototipo con filtri per i raggi Uva e
Uvb; in caso di allergia o intolleranza al sole consulta il dermatologo.
• Le creme antisolari devono essere applicate in dosi adeguate e più
volte durante l’esposizione.
• Proteggi in particolare: naso, orecchie, petto, spalle, cuoio capelluto se calvo.
• Evita l’abbronzatura artificiale, le lampade Uva.
Utilità delle creme antisolari
La crema con filtri solari non è un lasciapassare per stare al sole raddoppiando o triplicando il tempo di esposizione.
Il fattore di protezione solare (SPF) indica, teoricamente, quante volte
possiamo prolungare l’esposizione senza scottature. Per esempio, se ci
scottiamo dopo  minuti, con un SPF  dovremmo scottarci dopo 
ore ( minuti x ). Molte condizioni influiscono sulla capacità di
protezione, pertanto non bisogna esporsi mai troppo a lungo e in modo sconsiderato. Per essere efficaci questi prodotti devono essere stabili, idratanti e dermatologicamente testati.
16
fototipo 1: capelli biondo-rossi, occhi e carnagione chiara con efelidi, sensibile al sole,
si scotta sempre, non si abbronza mai.
fototipo 2: capelli biondi o castano chiaro,
occhi e carnagione chiara, spesso efelidi,
sensibile al sole, si scotta con facilità e si abbronza con difficoltà.
fototipo 3: capelli castani, occhi marroni e
chiari, carnagione moderatamente scura,
può scottarsi, ma si abbronza.
fototipo 4: capelli castano scuro o neri, occhi scuri, carnagione olivastra, si scotta di rado, si abbronza con facilità.
fototipo 5: capelli neri, occhi scuri, carnagione bruno-olivastra, si abbronza molto.
fototipo 6: carnagione nera, non si scotta
mai, soggetto di razza nera.
prevenzione / anno del cuore
Saperne di più
per prevenire l’infarto
a cura della dott.ssa Francesca De Chiara
Avis sta mettendo a punto per i donatori un progetto di prevenzione
cardiovascolare completo e duraturo nel tempo, che avrà inizio nel
2005. Comprenderà la valutazione del rischio globale attraverso indagini diagnostiche mirate accompagnate da informazioni igienicodietetiche e consigli terapeutici appropriati, con una cadenza dei controlli clinici in base al livello di rischio cardiovascolare globale.
Di seguito vi proponiamo la sintesi dell’intervento tenuto in occasione dell’assemblea avis comunale a milano lo scorso marzo.
Che cos’è l’aterosclerosi
L’aterosclerosi è una malattia caratterizzata
dalla deposizione di sostanze grasse nella parete delle arterie. È una forma particolare di “arteriosclerosi”, quel complesso di patologie che
provocano un ispessimento delle pareti delle
arterie con conseguente perdita di elasticità.
Anche se non la vediamo e non la sentiamo,
l’aterosclerosi è una condizione a cui siamo
tutti sottoposti, sia pur in misura differente.
Le sedi maggiormente colpite dalla malattia
sono l’aorta e i suoi rami principali, i vasi del
circolo cerebrale, del circolo intestinale, degli
arti inferiori, ma soprattutto le coronarie.
La malattia aterosclerotica ha il suo punto di
origine a livello dello strato più interno della
parete dei vasi. La parete delle arterie, infatti,
è formata da tre strati concentrici: la tunica
intima, luminale; la tunica media, intermedia; la tunica avventizia, esterna.
La tunica intima è costituita da uno strato
continuo di cellule piatte (cellule endoteliali)
detto “endotelio”, ancorato a uno strato sottostante detto “lamina elastica interna”. L’endotelio rappresenta una sorta di “pavimento” dei
17
vasi ematici, che non fa solo da semplice barriera tra sangue circolante e parete vascolare,
ma ha una funzione attiva e cruciale nel mantenimento del flusso sanguigno e dell’integrità vascolare. In condizioni fisiologiche favorisce la vasodilatazione, contrasta l’adesione dei monociti (sottoclasse dei globuli bianchi con funzione di difesa) e presenta caratteristiche antitrombotiche e fibrinolitiche.
L’integrità dell’endotelio vascolare è di estrema importanza per evitare lo sviluppo e la
progressione dell’aterosclerosi. Tra l’altro lo
spessore di questo “pavimento” non è uniforme, ma presenta ispessimenti nelle zone sottoposte a stress meccanici e/o tensori, come le
diramazioni dei vasi ed è proprio in queste
zone che, in presenza di determinati stimoli
(detti “aterogeni”), si formano per prime le
lesioni aterosclerotiche.
Come origina l’aterosclerosi e quali sono i
fattori di rischio
Danni cronici al nostro “pavimento interno”
possono portare a un aumentato passaggio di
sostanze grasse presenti nel sangue all’interno
della parete del vaso, scatenando una reazione
di tipo immune/infiammatorio da parte del
“pavimento” stesso, che culmina con la formazione di placche (ateromi) costituite da
depositi di grassi di vario tipo (colesterolo, fosfolipidi) e anche da piccole percentuali di
tessuto fibroso.
I fattori associati al danno cronico endoteliale sono l’ipercolesterolemia, l’ipertensione
arteriosa, il diabete mellito, il fumo attivo e
passivo, l’obesità, la sedentarietà, ovvero tutti
I fattori di rischio
sono quelle variab il i ( co n d i zi o n i ,
abitudini) presenti
più frequentemente in soggetti che
hanno o che avranno quella patologia, rispetto alla
popolazione di controllo. La definizione prescinde dunque dalla necessità
di dimostrare un
nesso di causalità
tra il fattore di rischio e la patologia
in questione.
livelli di
colesterolo
raccomandati
Colesterolo totale
< 200 mg/dl
Colesterolo LDL
< 130 mg/dl
Colesterolo HDL
> 40 mg/dl
Per ridurre
il rischio
cardiovascolare:
abbassare
il colesterolo totale
e LDL
aumentare
il colesterolo HDL
quei fattori comunemente conosciuti come
^ “fattori di rischio”, collegati allo stile di
vita, alle caratteristiche biochimiche o fisiologiche modificabili e alle caratteristiche individuali non modificabili.
Tuttavia, il fatto che non sempre questi fattori
di rischio si siano dimostrati responsabili dell’origine aterosclerotica di alcune malattie
cardiovascolari, ha indotto ulteriori studi che
hanno rilevato la presenza dei “nuovi fattori
di rischio”, quali la lipoproteina A, l’iperomocisteinemia e parametri di infiammazione
(proteina C reattiva >  mg/dl).
Come si manifesta clinicamente
Lo sviluppo delle placche aterosclerotiche è
un processo lento. Evolvono nel tempo e, crescendo di numero e volume, provocano un
restringimento dei vasi fino a una parziale
ostruzione (stenosi), che priva gli organi di
un sufficiente apporto sanguigno e conseguentemente di ossigeno. La situazione che si
viene a creare prende il nome di ischemia, ossia una disponibilità di ossigeno inferiore rispetto alle esigenze del distretto interessato.
In alcuni casi poi, la rottura della placca causa
la formazione di trombi (una sorta di “tappi”), determinata dall’adesione e aggregazione di piastrine e altri fattori ematici al contenuto “esposto” della placca stessa, con conseguente ostruzione completa al flusso di sangue nel distretto vascolare a valle.
Le manifestazioni cliniche sono l’“angina pectoris” o l’infarto miocardio se è interessato il
cuore, l’ictus cerebrale, l’insufficienza renale,
l’“angina abdominis” se è interessato l’intestino (dolore periombelicale crampiforme, che
insorge - minuti dopo il pasto nel momento della digestione, quando aumentano le
richieste di ossigeno) e la “claudicatio intermittens” se sono interessati gli arti inferiori
(camminata a tratti perché il soggetto si ferma a causa del dolore crampiforme al polpaccio provocata dal deficit di ossigeno).
Come attuare un corretto piano
di prevenzione
Le malattie cardiovascolari in Italia, come in
altri paesi del mondo occidentale, rappresentano la principale causa di invalidità e di
morte. Curare le conseguenze di tali malattie
non è facile e dunque è importante impegnarsi a prevenirle e identificarle prima che si
manifestino clinicamente. Le malattie cardiovascolari conseguono spesso all’intervento di
18
molteplici fattori di rischio interagenti tra loro.
L’identificazione e il trattamento dei fattori di
rischio sono pertanto aspetti essenziali per la
prevenzione. In particolare oggi si calcola il
“rischio cardiovascolare globale”, ottenuto
dall’integrazione del contributo relativo di
ciascun fattore di rischio, attraverso le “Carte
del rischio cardiovascolare”. Le variabili considerate sono il sesso, l’età, la pressione arteriosa sistolica, il valore del colesterolo totale, il
fumo e la situazione glicemica.
Una volta valutato il livello di rischio cardiovascolare globale del singolo individuo verranno, nel caso, proposte ulteriori misure diagnostiche e adottate le misure igienico-dietetiche ed eventualmente farmacologiche più
appropriate. Ad oggi gli esami disponibili per
accertare il grado di rischio cardiovascolare e
scoprire la malattia quando non ancora manifesta clinicamente, sono molteplici: tra gli
esami ematochimici la glicemia, la colesterolemia, i trgliceridi, le transaminasi, l’uricemia
e l’elettroforesi delle sieroproteine, tra le indagini strumentali si va dalle più tradizionali
(elettrocardiogramma, ecocardiogramma, test ergometrico e ultrasonografia carotidea e/o
degli arti inferiori) alle più sofisticate (TAC).
Fattori di rischio
Stili di vita
Dieta ricca di grassi saturi, colesterolo
e calorie
Fumo di tabacco
Eccessivo consumo di alcool
Inattività fisica
Caratteristiche biochimiche fisiologiche
(modificabili)
Ipertensione arteriosa
Elevati valori di colesterolo totale
e colesterolo-LDL
Valori bassi di colesterolo-HDL
Elevati valori di trigliceridi
Diabete
Obesità
Fattori trombogeni
Caratteristiche personali (non modificabili)
Età
Sesso
Storia familiare di cardiopatia
Ischemica o altra malattia vascolare ateriosclerotica
news
news
News
dall’Associazione e dintorni
news
news
news
Avis non solo sangue: 5 bambini e 4 mucche
Vi proponiamo il racconto di una bella iniziativa che ha trovato in
avis grande solidarietà tra il personale e i donatori. Promotrice
un’associativa che tutti conoscono, michela ragazzini, la giovane signora che ci accoglie all’accettazione.
“Andiamo a vedere cosa si può fare!”, questo l’invito che mi rivolge
Marina F., una persona un po’ speciale con una famiglia un po’ speciale. Si tratta di andare a Ikonda, in Tanzania, dove lei e suo marito Paolo
hanno lavorato come medici per due anni e mezzo, portando con sé la
figlia Valentina che, allora, diciott’anni fa, aveva appena  mesi.
Da quel momento ho la riprova di essere una persona fortunata perché conosco un sacco di persone “un po’ speciali”. Come si sparge la
notizia del mio viaggio tutti gli amici, in AVIS e fuori, si danno un gran
daffare e, prima di partire, mi consegnano un piccolo “capitale” perché
ne faccia ciò che servirà quando arriverò a destinazione.
Dopo un volo interminabile, il ° febbraio arriviamo a Dar Es Salam,
capitale della Tanzania. Sono le . di domenica; il tempo di adeguare
l’abbigliamento al caldo africano, di partecipare alla messa e di fare colazione alla casa dei Padri e delle Suore della Consolata, un ordine missionario di Torino e riprendiamo il viaggio, questa volta in fuoristrada.
Sette ore di viaggio e arriviamo a Iringa, a metà del percorso. Il giorno
dopo andiamo a visitare l’ospedale di Tosa Maganga, ospedale piccolo
e ben tenuto. La prima stilettata al cuore è la visita all’orfanatrofio: 
creature da pochi mesi a cinque anni con  ragazze a occuparsi di loro.
In pochi minuti le mie compagne di viaggio, Marina, Valentina, Elena
ed io ci troviamo circondate dai piccoli incuriositi. Mi siedo per terra
e subito ne ho tre in braccio, occupatissimi a tirarmi i capelli, a succhiarmi gli occhiali da vista e ad infilarsi i miei occhiali da sole.
Alcuni piccoli sono sieropositivi e ciò che fa più male è la consapevolezza di non poter fare nulla per aiutarli. Il giorno dopo il nostro viaggio riprende e piano piano saliamo verso Ikonda, situata su un altopiano nella parte sud occidentale della Tanzania, a circa  metri sul
livello del mare. Marina ci aveva avvisato: «Sembra di essere sulle
prealpi bergamasche». Verissimo: la sommità delle colline è ricoperta
di boschi di pini piantati dai Padri italiani, che si sono estesi ovunque.
Le capanne che incontriamo sulla strada ricordano quelle che avevo
già visto in Brasile fatte di paglia, argilla o legno con i tetti ricoperti di
frasche o di lamiera. Gli adulti ci guardano seri, i bambini ci salutano
con la manina. Arriviamo, finalmente, a destinazione. Siamo un po’
19
stanche e frastornate, ma felici di essere finalmente arrivate. L’accoglienza dei Padri e delle
Suore è veramente calorosa. L’ospedale, che
può accogliere circa  ammalati, è organizzato per quanto possa esserlo in un posto così
sperduto.
Parlando con Padre Sandro e Suor Magda, veniamo a sapere che il problema più grande è
quello dell’Aids che colpisce il -% della popolazione e, di conseguenza, esiste un numero
molto alto di orfani. Nella regione di Ikonda ci
sono circa . orfani di entrambi i genitori
vittime dell’Aids, per cui la prima priorità è l’adozione a distanza di questi bambini.
La seconda priorità è quella di trovare fondi
per organizzare del personale sanitario che
vada nei villaggi a fare medicina preventiva; la
terza trovare fondi per curare gratuitamente i
pazienti più poveri che non hanno i mezzi per
pagare cibo, cure e degenza, dato che in Tanzania non c’è un Servizio Sanitario Nazionale.
Suor Magda ci accenna che una delle cose che
desidererebbero poter fare sarebbe dare, tutti i
giorni, un bicchiere di latte ai bambini ricoverati e, se avanzasse, anche agli altri degenti.
Chiediamo timidamente se sanno quanto
possa costare una mucca da latte e ci rispondono che il costo si aggira sui  euro a capo.
Ci guardiamo e, senza parlarci, abbiamo già
deciso: come utilizzare meglio i soldi che ci
sono stati dati se non comprando  mucche?
I soldi restanti vanno per l’adozione a distanza di  bambini e per acquistare dei farmaci
per l’ospedale. Andando nei villaggi con Suor
Emelina, tocchiamo con mano ciò che ci è stato detto: conosciamo alcuni dei bambini orfani
e decidiamo di dare subito il via a una campagna di adozioni a distanza per poter dare a
questi bimbi una “speranza per il futuro”.
AVIS per la lotta contro i tumori
Per il terzo anno consecutivo AVIS Milano ha partecipato alla Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica mettendo il Centro Mobile a disposizione delle visite mediche organizzate dalla Lega Italiana
per la Lotta contro i Tumori in Piazza della Scala a Milano domenica
 marzo. Ospite d’onore la mattina lo stesso Ministro Sirchia, mentre
nel pomeriggio si sono susseguiti personaggi dello spettacolo come
Aldo, Giovanni e Giacomo, Lea Pericoli e Amadeus. La collaborazione
di AVIS con la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori si è ripetuta
domenica  maggio per la Giornata mondiale senza tabacco, in occasione della quale sul Centro Mobile i cittadini hanno potuto sottoporsi all’esame spirometrico.
Un grazie speciale
a un donatore record
“Voglio dimostrare che dopo tanti anni di volontariato godo di ottima salute!” Con queste
parole Adolfo Camilli, enne, Presidente
dell’AVIS di Roma, è uscito dall’anonimato e
ha reso pubblico il premio ricevuto dal Presidente della Regione Lazio Francesco Storace
per il suo impegno nelle donazioni di sangue.
Il suo è un record:  litri tra plasma, globuli
rossi e sangue intero raccolti per l’AVIS con
 donazioni,  volte all’anno, da quando
aveva  anni.
Grazie Camilli per l’esempio che dai a tutti!
Un video dalla scuola
per la scuola
Maria Teresa Ruta all’Avis
Ad Aprile Maria Teresa Ruta, donatrice AVIS
di Cagliari, ha donato il suo sangue alla città
di Milano presso la nostra sede AVIS. Sorridente e bellissima, ha raccontato della sua familiarità con la donazione: «Mio padre è sempre stato donatore AVIS e anche per me donare il sangue è normale, niente di eccezionale,
un impegno che dobbiamo a noi e agli altri
perché il sangue è per tutti e donarlo è un’iniziativa diretta e concreta che ognuno può fare. Durante l’esperienza su “L’isola dei famosi” ho riflettuto su quanto sono fortunata con
una vita ricca di affetti, di amici, di persone
che mi vogliono bene. Ho capito che chi ha di
più, non solo economicamente, deve fare uno
sforzo in più, ha il dovere di dare di più. E di
donare il sangue!» Grazie Maria Teresa!
I ragazzi dell’Istituto d’Arte di Giussano hanno realizzato un bellissimo video in Dvd per
sensibilizzare gli studenti delle altre scuole alla solidarietà del sangue e non solo. Il video è
stato realizzato in collaborazione con l’AVIS
Provinciale di Milano e con l’Anffas-Regione
Lombardia e verrà proiettato nelle scuole della Lombardia.
Tris dei Vipers, campioni
d’Italia
Si sono confermati campioni d’Italia per il
terzo anno consecutivo i Vipers di Milano, la
squadra di hockey su ghiaccio che con fierezza porta sul braccio il logo AVIS e che ci dà la
massima visibilità sul sito Internet e ad ogni
partita disputata nell’Agorà di Milano.
Complimenti ai campioni da AVIS Milano
e… grazie!!!
20
Convenzioni
Centro medico odontoiatrico
Vacupan Italia
Linea verde gratuita 800-861104
dal lunedì alla domenica dalle 8.30 alle 21.00
www.vacupan-italia.it
Direttore sanitario Dott. Geranzani
La Scala
Bookstore
Piazza della Scala (c/o Marino alla Scala)
tel. 02 76398548 - fax 02 76311515
www.lascalabookstore.com
Sconto del 10% sui prodotti acquistati
(ad esclusione delle Edizioni del Teatro alla
Scala) sia presso il negozio in piazza della
Scala, sia per ordini pervenuti per posta, posta elettronica, telefono o via fax (ad esclusione degli ordini via Internet.
Per lo sconto farà fede la tessera del donatore
o la comunicazione del numero della stessa.
AVIS Milano informa i propri iscritti e i loro familiari che ha rinnovato la convenzione vantaggiosa con il Centro Medico Odontoiatrico Vacupan Italia. I servizi offerti ai donatori AVIS:
^ preventivo gratuito e senza impegno, previa consultazione
diagnostica
^ tariffario vantaggioso
^ trasparenza e stabilità dei prezzi
^ assistenza telefonica, prima, durante e dopo le cure
^ possibilità di finanziamento senza anticipo per le cure
odontoiatriche.
via Pier Lombardo 14 - Milano
tel. 02 59995700
www.teatrofrancoparenti.com
Teatro Ventaglio Nazionale
piazza Piemonte 12
www.teatronazionale.com
Per la stagione teatrale 2003-2004 prezzi ridotti per tutti gli spettacoli
in scena (eccetto Senso con Luttazzi 2004), applicati al titolare della tessera associativa (da presentare al ritiro dei biglietti) e a un accompagnatore:
Teatro Smeraldo
piazza xxv Aprile 10 – www.smeraldo.it
Teatro Ciak
via Sangallo 33 – www.teatrociak.com
Riduzioni per 2 persone (donatore AVIS e
accompagnatore) nella prima settimana di
rappresentazione nei giorni di martedì,
mercoledì, giovedì e domenica (salvo
disponibilità teatro). Si accettano prevendite
fino a 7 giorni dalla “prima”.
Per le prenotazioni e i biglietti rivolgersi
all’ufficio gruppi del Teatro Smeraldo.
Presentarsi muniti di tessera AVIS.
I programmi della stagione teatrale sono
disponibili presso la segreteria AVIS e sono
consultabili sui siti dei rispettivi teatri.
ufficio gruppi teatro smeraldo
Bastioni di Porta Nuova 12 (3° piano)
dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 18.00.
Tel. 0297372902.
Sala grande
1° settore 14,50 € anziché 27,00 €
2° settore 11,50 € anziché 21,00 €
Sale piccole
posto unico 13,50 € anziché 25,00 €
Tessere
Tessera libera 6 tagliandi 75,00 € anziché 109,00 €
Tessera libera 4 tagliandi 50,00 € anziché 83,00 €
Teatro Ariberto
via Daniele Crespi 9 – Milano
www.teatroariberto.it – [email protected]
Prezzo speciale di € , (anziché € ,) ai donatori AVIS muniti
di tessera. Gli spettacoli teatrali si tengono il giovedì, il venerdì e
il sabato alle ore ., mentre la domenica alle ore ..
Jungle Juice
Cornici Robbiati
via Dogana 1 (Duomo) Milano
www.junglejuice.it
Show-room Foro Buonaparte 69 - Milano
tel./fax 02 878 498
Produzione e vendita di aste e cornici da oltre cinquant’anni.
Centro vendita prodotti per le Belle Arti.
Sconti dal 10 al 20% per i donatori muniti di tessera.
^ Sconto del 25% su tutte le consumazioni
ai donatori AVIS con tessera
^ Pranzo gratuito nel giorno della donazione.
21
C
alendario delle raccolte per giugno, luglio
e settembre
giugno
giugno
data punto di raccolta
2 Avis Vaprio, Pozzo d’Adda, via Roma 13
4 Alcatel, Vimercate
6 Ospedale S. Paolo, via di Rudinì 8
data punto di raccolta
15 RAI, corso Sempione
16 via Luca Beltrami, dalle 9.00 alle 20.00
17-18 via Luca Beltrami, dalle 9.00 alle 13.00
20 Avis Segrate, piazzale della Chiesa
Gallaratese, via U. Betti 62
Baggio, via Valsesia 96
S.Siro, piazza Damiano Chiesa
San Paolo, via Murialdo 9
7 Uffici Comunali, via Sigieri
9 Mondadori, Segrate
10 AstraZeneca, Milano 3 - Basiglio
11 Computer Associates, Milano 3 - Basiglio
Banca Intesa, Via delle Erbe
21 e 28 AstraZeneca, Caponago
24-25 Centro Colleoni, Agrate Brianza
luglio
4 Ospedale S. Paolo, via di Rudinì 8
8 Italtel, Settimo Milanese
12 Avis Seregno, viale Tiziano, loc. Ceredo
11 Croce Verde Baggio, piazza Stovani 7
13 Niguarda, piazza Belloveso 6
18 Lussinpiccolo, via Taormina 4
14 Piazza della Scala, dalle 9.00 alle 20.00
25 Bellagio
settembre
data punto di raccolta
5 Niguarda, piazza Belloveso 6
Ospedale S. Paolo, via di Rudinì 8
10 Patheon, Monza
12 Gallaratese, via Falck 2 - via Borsa
Baggio, via Arpino 11
14-16 Carrefour, via Caldera 21
19 Gallaratese, via Cechov 25
25-26 S.Siro, piazza Velasquez
26 Bellagio
Donare il sangue: istruzioni per l’uso
Può donare il sangue chiunque sia in buone
condizioni di salute, di peso non inferiore ai
50 kg e in età compresa tra i 18 e i 65 anni.
Le donazioni di sangue e di plasma sono sicure in quanto il materiale di raccolta impiegato
è sterile e monouso.
La legge n. 107 del 4.5.1990 art. 13 riconosce
al donatore il diritto a una giornata di riposo,
conservando la normale retribuzione per
la medesima giornata, anche ai fini della pensione.
Ai lavoratori dipendenti che lo richiedano,
verrà rilasciato un foglio giustificativo per il
datore di lavoro, valido per la giornata di riposo collegata alla donazione di sangue o plasma. In caso non sia possibile effettuare la donazione e/o si eseguano solo esami di controllo sarà rilasciato un giustificativo che copre solo il tempo impiegato per il prelievo.
Nella scheda di adesione il donatore troverà
un questionario da compilare ad ogni donazione. Lo scopo è quello di migliorare ulteriormente la sicurezza trasfusionale delle unità
raccolte, permettendo al donatore una verifica
diretta dei requisiti di idoneità già noti, ma
che è sempre meglio ripetere.
Nei giorni immediatamente precedenti alla
donazione o all’esecuzione degli esami di
controllo è necessario non assumere farmaci
(in particolare aspirina e antinfiammatori in
genere), mentre sono permessi i farmaci anticoncezionali.
Le donne in età fertile non possono effettuare
gli esami pre-donazione né la donazione in
periodo mestruale. Dopo un parto o un aborto, l'astensione dalla donazione è di 12 mesi.
redazione
Avis Comunale Milano
L.go Volontari del Sangue 1
20133 Milano
tel. 02 70635020
fax 02 70630326
www.avismi.it
direttore
responsabile
Pietro Varasi
caporedattore
Ermanno Pozzoni
Per chi dona al mattino: si suggerisce una colazione a base di tè, succhi di frutta e spremute, un frutto, qualche biscotto secco. Non assumere latte, né suoi derivati, né brioche.
Per chi dona al pomeriggio: è opportuno fare
una colazione leggera (vedi sopra) e un pranzo
leggero a base di pasta in bianco (all’olio senza formaggio grattucciato) e insalata, oppure
una fetta di carne ai ferri e insalata; un panino,
caffè moderatamente zuccherato, sempre senza latte. Non assumere bevande alcoliche né
zuccherate (coca cola, aranciata…).
testi e interviste
Gaia Fiertler
foto
Bob Krieger - pag. 3
Manfredo Pinzauti
pagg. 4 e 7
Paola Magni - pagg. 8 e 9
progetto grafico
Ronchi Tubaro Thom
illustrazione
Ignacio Querejeta
fotolito
Erre&Pi - Milano
stampa
si invitano i donatori a segnalare tempestivamente cambi di indirizzo e telefono
all'ufficio accettazione (tel.02 70635201),
facilitando così l'invio degli esiti e le
chiamate da parte dell'Associazione.
22
Arti Grafiche Nidasio
Assago (mi)
Spedizione in Abb. Post.
art.2 comma 20/c
legge 662/96
Filiale di Milano
1 a giornata mondiale del donatore di sangue . 14 giugno 2004
le iniziative di mil ano
8 giugno
12-14 giugno
dalle 20.30 alle 23.00
dalle 9.00 alle 20.00
AVIS Milano in diretta su Antenna 3
Presenza di punti di incontro e di informa-
alla trasmissione “Piazza Pulita”
zione AVIS Milano in via Dante, via Mercanti
e piazza San Babila
14 giugno
7-11 giugno · 14-18 giugno
ore 11.00
dalle 9.00 alle 20.00
Incontro in AVIS con i Consolati dei vari
Paesi, che consegneranno la propria
Visite e doanzioni sull’Unità Mobile Baobab -
bandiera, con l’impegno di diffondere
Ospedale San Raffaele - Avis presso la Stazione
la donazione di sangue tra i loro
Cadorna
concittadini
dalle 9.00 alle 20.00
Visite e donazioni sull’Unità Mobile AVIS Milano in Piazza della
Scala
Pubblicità nelle metropolitane milanesi della campagna di
sensibilizzazione del Ministero della Salute
19 giugno
dalle 14.00 alle 4.00
Iniziative di sensibilizzazione in occasione della Notte Bianca
milanese organizzata dal Comune: “Milano che vive”
16 giugno
dalle 9.00 alle 20.00
Donazione di sangue dei tassisti milanesi
sull’Unità Mobile AVIS Milano in Piazza
Castello e sull’Unità Mobile Baobab - Ospedale San Raffaele-AVIS alla Stazione Cadorna
14-20 giugno
dalle 16.00 alle 20.00
Apertura sede AVIS di Lambrate
per donazione pomeridiana
filo diretto con i donatori
www.avismi.it • [email protected]
prenotazioni per donazioni in aferesi
Largo Volontari del Sangue, 1 • 20133 Milano
tel. 02 2364060/2364068/70602531
(da lunedì a venerdì: 8.30-16.30)
[email protected]
unità di raccolta avis sede
Zona Lambrate • Città Studi
Largo Volontari del Sangue, 1 • 20133 Milano
tram 11 e 23, filobus 93, mm2 Lambrate
tel. 02 70635201 • [email protected]
(da lunedì a sabato: 7.30-13.30
domenica: 8.00-12.00
giovedì pomeriggio, su prenotazione: 17.30-19.30)
unità di raccolta avis murialdo
Zona Lorenteggio • Inganni
Via Murialdo 9 • 20147 Milano
autobus 49, 50, 58 e 64
tel. 02 4158570 • [email protected]
solo donazioni di sangue intero
(venerdì, sabato e domenica: 8.30-12.00)
informazioni mediche
tel. 02 2364096
(da lunedì a venerdì: 9.00-15.00)
[email protected]
sede associativa
Zona Lambrate • Città Studi
Via Bassini, 26 • 20133 Milano
segreteria
Sig.ra Rosella Calloni • Sig.ra Marinella Baduini
tel. 02 70635020 - 02 70635201 • fax 02 70630326
(da lunedì a venerdì: 8.30-12.30 e 13.30-16.30
martedì e giovedì fino alle 17.00)
gruppo anziani
Centralino (tutte le mattine) tel. 02 70635201
COMUNALE DI MILANO
Fly UP