...

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS
Approfondimenti
Bilancio
Stato patrimoniale
e conto economico
secondo i principi IAS
di Paolo Moretti
e differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi
contabile nazionale circa le finalità e i principi generali di redazione del bilancio si
riflettono necessariamente sugli schemi di stato patrimoniale e di conto economico. Diventa,
pertanto, utile analizzare le differenze rispetto alla prassi contabile nazionale emergenti con
riferimento alla forma e al contenuto degli schemi di bilancio, sulla base dello IAS 1,
«Presentazione del bilancio», rivisto nel 1997 e omologato dalla Comunità europea con il
regolamento CE n. 1725/2003.
L
Un bilancio redatto in conformità ai princìpi contabili internazionali IAS/IFRS si compone delle
seguenti parti (IAS 1):
— stato patrimoniale,
— conto economico;
— prospetto riepilogativo dei movimenti di patrimonio netto e dei movimenti di patrimonio netto
diversi da quelli derivanti da operazioni con gli
azionisti e dalle distribuzioni agli azionisti;
— rendiconto finanziario;
— note esplicative.
Lo IAS 1, pur non ritenendo la relazione degli
amministratori parte integrante del bilancio, ne
raccomanda la sua presentazione allo scopo di descrivere e spiegare gli aspetti principali del risultato economico e della situazione finanziaria dell’impresa, nonché le principali incertezze che essa
affronta.
In prima analisi, rispetto alla prassi contabile italiana, possono riscontarsi le seguenti differenze:
• le caratteristiche dei prospetti di stato patrimoniale e conto economico differiscono, rispetto a
quanto previsto dallo IAS 1, sia da un punto di vista formale che contenutistico;
• la presentazione del rendiconto finanziario non è
resa obbligatoria dalle norme del codice civile,
mentre a livello di princìpi contabili internazionali
il prospetto rappresenta parte integrante del bilancio d’esercizio;
• la relazione degli amministratori, raccomandata
dallo IAS 1, è assimilabile alla relazione sulla gestione prevista dalla IV direttiva CEE (1) e dall’art. 2428 c.c. Le informazioni da presentarsi nella relazione, secondo quanto stabilito dallo IAS 1,
sono in ogni caso molto più complete e approfondite rispetto a quanto richiesto dal codice;
• le informazioni contenute nella nota integrativa,
redatta ai sensi dell’art. 2427 c.c., non sempre corrispondono alle note esplicative di un bilancio IAS;
• il prospetto delle variazioni delle poste del patrimonio netto, da presentarsi in nota integrativa a
norma dell’art. 2427 c.c. (2), è sostanzialmente
identico a quello previsto dallo IAS 1.
Redazione e presentazione
dello stato patrimoniale
Secondo gli IAS, le poste dello stato patrimoniale
devono di norma essere classificate in base alla distinzione corrente/non corrente. In presenza di un
«ciclo operativo» chiaramente identificabile, tale
distinzione fornisce informazioni particolarmente
Paolo Moretti - Presidente Fondazione Luca Pacioli
Note:
(1) Direttiva 25 luglio 1978, n. 78/660/CEE.
(2) L’obbligo nella redazione del prospetto dei movimenti del patrimonio netto è stato recentemente inserito attraverso il D.Lgs.
17 gennaio 2003, n. 6, che ha dato attuazione alla legge di delega
per la riforma del diritto societario (legge 3 ottobre 2001, n.
366), in «Gli Speciali - Riforma del diritto societario» del Corriere
Tributario on line (www.ipsoa.it/ctonline).
Corriere Tributario 37/2004
2901
Bilancio Approfondimenti
per la vendita o il consumo nel, normale ciclo opeutili ai destinatari del bilancio, distinguendo le atrativo dell’impresa;
tività nette continuamente circolanti come capitale
• è posseduta principalmente per la vendita o per
circolante da quelle usate per le operazioni a lungo
breve termine e dovrebbe essere realizzata entro
termine dall’impresa.
dodici mesi dalla data di bilancio;
Per ciclo operativo si intende «il tempo che inter• è cassa o disponibilità liquida
corre tra l’acquisizione dei manon vincolata per quanto riteriali che entrano nel processo
Tra le attività
guarda il suo utilizzo.
e la loro realizzazione come dinon correnti sono incluse
Si deve distinguere dunque tra
sponibilità liquida o come strule immobilizzazioni materiali,
le attività legate al ciclo operamento finanziario prontamente
immateriali
e
finanziarie,
tivo e le altre attività. Tale diconvertibile in disponibilità lii valori mobiliari non
stinzione resta valida anche per
quida».
disponibili per la vendita
le passività.
In alternativa alla distinzione
e, in generale, tutte le attività
Tra le attività correnti legate al
corrente/non corrente, le attività
non
legate
al
ciclo
operativo
ciclo operativo dell’impresa
e le passività possono essere
realizzabili oltre i 12 mesi
sono incluse, ad esempio, le riclassificate in base al criterio
dalla data di bilancio.
manenze e i crediti commerciaalternativo della liquidità, che
li. Tali attività, se realizzabili
permette di esporre le poste paentro il ciclo operativo dell’impresa, devono essetrimoniali in base al loro diverso grado di liquidità
re classificate come correnti, indipendentemente
(3). Questo è l’approccio che deve essere seguito
dal fatto di essere effettivamente realizzate entro i
dalle banche e dagli altri istituti finanziari (4).
12 mesi dalla data di bilancio.
Le altre attività, ovvero le attività non legate al ciClassificazione delle attività
e passività in correnti/non correnti
Note:
La distinzione tra poste correnti e poste non cor(3) Nella nuova versione dello IAS 1 (revisionato nel 2003) si è
renti si fonda su due elementi:
manifestata una chiara preferenza per la presentazione delle poa) ciclo operativo dell’impresa;
ste patrimoniali attraverso la distinzione corrente/non corrente;
b) periodo amministrativo annuale.
essa deve trovare sempre applicazione, a meno che il criterio alAttività
Un’attività deve essere classificata nell’attivo corrente quando:
• dovrebbe essere realizzata nel, o se posseduta
ternativo della liquidità non si dimostri più efficace nel trasmettere informazioni significative ed attendibili.
(4) Lo IAS 30, «Banche ed enti creditizi» prevede, infatti, che
«una banca deve presentare uno stato patrimoniale che raggruppi le attività e le passività per categorie omogenee e deve elencarle secondo il loro grado di utilità».
Tabella n. 1 - Attività legate al ciclo operativo e altre attività
Attività legate
al ciclo
operativo
Alte attività
(non legate
al ciclo operativo)
2902
dovrebbero essere realizzate
entro il ciclo operativo
Attività correnti
dovrebbero essere realizzate
oltre il ciclo operativo
Attività non correnti
dovrebbero essere realizzate
entro 12 mesi
Attività correnti
dovrebbero essere realizzate
oltre 12 mesi
Attività non correnti
Corriere Tributario 37/2004
A prescindere
dal momento
in cui effettivamente
sono realizzate
Approfondimenti
Bilancio
I debiti commerciali e gli accantonamenti per laclo operativo, sono classificate nell’attivo correnvoro dipendente e altri costi operativi, i quali dote se realizzate entro 12 mesi dalla data di bilanvrebbero estinguersi nel normale ciclo operativo
cio; rientrano nell’attivo non corrente se realizzadell’impresa, sono classificati
te oltre i 12 mesi dalla data di
tra le passività correnti, anche
bilancio.
I debiti commerciali
se la loro effettiva estinzione è
Tra le attività correnti rientrano
e
gli
accantonamenti
dovuta oltre i 12 mesi dalla daanche le attività finanziarie deper lavoro dipendente
ta di bilancio.
tenute principalmente per la
e altri costi operativi,
Le altre passività, ovvero quelvendita (ad. es. valori mobiliache dovrebbero estinguersi
le non legate al ciclo operativo,
ri), in quanto immediatamente
nel
normale
ciclo
operativo
come i prestiti, gli scoperti
disponibili o liquidabili entro
dell’impresa, sono classificati
bancari, i dividendi da pagare e
l’anno, nonché i valori di cassa
tra le passività correnti, anche
le tutte altre passività non como le disponibilità liquide equise la loro effettiva estinzione
merciali, sono classificate covalenti.
è
dovuta
oltre
i
12
mesi
me correnti, se la loro estinzioTra le attività non correnti sono
dalla data di bilancio.
ne è dovuta entro 12 mesi dalla
incluse le immobilizzazioni
data di bilancio. In caso contramateriali (immobili, impianti e
rio sono iscritte nel passivo non corrente (vedi Tamacchinari), le immobilizzazioni immateriali (avbella n. 2).
viamento, licenze, marchi), le immobilizzazioni finanziarie (partecipazioni in imprese collegate), i
Struttura dello stato patrimoniale
valori mobiliari non disponibili per la vendita
Lo IAS 1 non prevede una struttura rigida dello
(azioni, obbligazioni) e in generale tutte le attività
schema di stato patrimoniale. Tuttavia, la sua
non legate al ciclo operativo (ad es. crediti finanstruttura si caratterizza per essere nel contempo
ziari) realizzabili oltre i 12 mesi dalla data di biobbligatoria e flessibile (mandatory flexible forlancio (vedi Tabella n. 1 a pag. 2902).
mat). Obbligatoria, in quanto è previsto comunque
un «contenuto minimo»; flessibile perché è rimesPassività
sa alla discrezionalità del redattore del bilancio la
Una passività deve essere considerata come corpossibilità di effettuare delle aggiunte (per es. voci
rente quando:
addizionali o sottoclassificazioni). Di seguito si
a) dovrebbe essere estinta nel normale corso del
propone lo schema di stato patrimoniale presente
ciclo operativo dell’impresa, oppure;
nell’appendice allo IAS 1 (vedi Tabella n. 3 a pag.
b) l’estinzione è dovuta entra dodici mesi dalla da2904).
ta di bilancio.
Tabella n. 2 - Passività legate al ciclo operativo e altre passività
Passività legate
al ciclo
operativo
dovrebbero essere estinte
entro il ciclo operativo
Passività correnti
dovrebbero essere estinte
oltre il ciclo operativo
Passività non correnti
estinzione entro 12 mesi
Passività correnti
estinzione oltre 12 mesi
Passività non correnti
Alte passività
(non legate
al ciclo operativo)
A prescindere
dal momento
in cui è dovuta
la loro estinzione
A prescindere
dal momento
in cui esse
dovrebbero essere
estinte
Corriere Tributario 37/2004
2903
Bilancio Approfondimenti
che di società di notevoli dimensioni sono particoDifferenze con la prassi contabile nazionale
larmente sintetici, ovvero preLe norme del codice civile (artt.
sentano poche voci e difficil2423-ter e 2424) prevedono
Nel codice civile
mente sono effettuate delle sotuna struttura di stato patrimola classificazione delle poste
toclassificazioni direttamente
niale caratterizzata da un’elepatrimoniali avviene con
nello schema. In un bilancio
vata rigidità ed analiticità. Al
metodo misto; le attività
così «sintetico» e di immediata
contrario, lo IAS 1 non prescrisono classificate in base alla
lettura, le note esplicative rapve una struttura rigida; infatti,
«destinazione economica»
presentano, dunque, una parte
pur essendo presenti delle
delle stesse, mentre
essenziale e di fondamentale
informazioni minime, al redatle passività a seconda
importanza poiché permettono
tore del bilancio è lasciata
della «natura» delle diverse
al lettore di capire la formazioun’ampia discrezionalità nelfonti di finanziamento.
ne «contabile» dei raggruppal’inserimento di voci aggiuntimenti correnti/non correnti preve o sottoclassificazioni (da efsenti nel prospetto.
fettuarsi o direttamente nello schema di stato paUn’altra importante differenza riguarda la metodolotrimoniale o nelle note esplicative).
gia di classificazione delle poste patrimoniali. Nel
Si osserva peraltro che gli schemi di bilancio anTabella n. 3 - Schema di stato patrimoniale presente nell’appendice allo IAS 1
2004
2004
2003
2003
ATTIVO
Attività non correnti
Immobili, impianti, macchinari
Avviamento
Licenze di produzione
Partecipazione in società collegate
Altre attività finanziarie
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
Attività correnti
Rimanenze
Crediti commerciali e altri crediti
Risconti
Fondi liquidi e similari
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
PATRIMONIO NETTO E PASSIVO
Capitale sociale e riserve
Capitale e riserve
Riserve
Utili (perdite) accumulati
Quote di pertinenza dei terzi
X
X
X
X
X
X
X
X
X
Passività non correnti
Finanziamenti fruttiferi di interessi
Imposte differite
Fondi di quiescenza
X
X
X
X
X
X
X
X
Passività correnti
Debiti commerciali e altri debiti
Finanziamenti a breve termine
Quota corrente di finanziamenti fruttiferi di interessi
Fondo di garanzia prodotti
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
2904
Corriere Tributario 37/2004
X
X
X
Approfondimenti
Bilancio
cio» ed in parte dallo IAS 8, «Utile (perdita) d’ecodice civile si è optato per un metodo misto; le attisercizio, errori determinanti e cambiamenti di
vità sono classificate in base alla «destinazione ecoprincìpi contabili». È da osservare, tuttavia, che
nomica» delle stesse, mentre le passività a seconda
già nel Framework IASB si trovano le prime indidella «natura» delle diverse fonti di finanziamento. I
cazioni inerenti al conto economico, riferite in
limiti di una classificazione mista sono evidenziati
particolare alle definizioni di
dai princìpi contabili nazionali
costi e ricavi.
(confronto poco agevole delle
Lo IAS 1 prevede che
Il Framework definisce:
poste attive e passive e classifiun’impresa deve esporre nel
• i ricavi (income) come gli incazione poco adatta alla rappreprospetto di conto economico
crementi nei benefici economisentazione della situazione fio
nelle
note
esplicative
ci di competenza dell’esercizio
nanziaria). Nel principio contaun’analisi dei costi, usando
amministrativo, che si manifebile nazionale n. 12 (PC. 12) si
una classificazione basata
stano sotto forma di nuove attiritiene dunque la classificazione
sulla natura degli stessi
vità in entrata o accresciuto vafinanziaria più appropriata per il
o
sulla
loro
destinazione
lore delle attività esistenti o dirispetto delle finalità del bilanall’interno dell’impresa.
minuzioni delle passività che si
cio stabilite dall’art. 2423 c.c.
concretizzano in incrementi del
Le attività e le passività sono dipatrimonio netto, diversi da quelli connessi alle
stinte in base alla loro realizzabilità o estinguibilità
contribuzioni da parte di coloro che partecipano al
nel corso del periodo amministrativo, cioè dei 12
capitale;
mesi successivi alla chiusura dell’esercizio.
• i costi (expenses) come i decrementi nei benefici
Come detto anche a livello di IAS/IFRS, la classieconomici di competenza dell’esercizio amminificazione delle poste patrimoniali (corrente/non
strativo che si manifestano sotto flussi finanziari in
corrente) è effettuata in base al criterio finanziario.
uscita o riduzioni di valore di attività o sostenimenLa distinzione corrente/non corrente appare simile
to di passività che si concretizzano in decrementi di
a quella proposta dal PC n. 12. Sennonché, mentre
patrimonio netto, diversi da quelli relativi alle dinel principio nazionale la distinzione si basa
stribuzioni a coloro che partecipano al capitale.
esclusivamente sulla realizzabilità/estinguibilità
Lo stesso Framework ammette la possibilità che,
dell’attività o passività nel corso del «periodo amsia i ricavi, sia i costi possono essere presentati in
ministrativo», nello IAS 1 si prevede che tale dimaniera diversa e, in quest’ottica, assume particostinzione debba essere operata, non solo con rilare rilievo la distinzione tra gestione ordinaria e
guardo al «periodo amministrativo», ma anche con
gestione straordinaria.
riferimento al ciclo operativo.
Secondo quanto stabilisce lo IAS 1, un’attività leClassificazione dei costi
gata al ciclo operativo dell’impresa (ad es. i crediti
per natura o per destinazione
commerciali) si considera corrente quando, sebbeLo IAS 1 prevede che un’impresa deve esporre nel
ne realizzabile oltre l’esercizio successivo, è destiprospetto di conto economico o nelle note esplicanata a realizzarsi nel corso del ciclo operativo deltive un’analisi dei costi usando una classificazione
l’impresa. La stessa attività, secondo quanto stabibasata sulla natura degli stessi o sulla loro destinalito dal PC n. 12, sarebbe classificata, invece, cozione all’interno dell’impresa.
me attività non corrente. Medesimo discorso vale
Nella classificazione per natura i costi sono aggregaper le passività. La differenza è quindi notevole,
ti nel conto economico secondo la loro natura (per
poiché attività e passività possono rientrare in una
esempio ammortamento, acquisti di materiali, costi
classificazione di tipo corrente indipendentemente
di trasporto, stipendi e salari, costi di pubblicità) e
dalla loro realizzabilità o estinguibilità entro i 12
non sono ripartiti in base alla loro destinazione almesi dalla data di bilancio.
l’interno dell’impresa. Questa classificazione è semplice da applicare in molte piccole imprese perché
Conto economico negli IAS
non è necessaria alcuna suddivisione dei costi operaLa redazione e presentazione del conto economico
tivi per destinazione (vedi Tabella n. 4 a pag. 2906).
è regolata dallo IAS 1, «Presentazione del bilanCorriere Tributario 37/2004
2905
Bilancio Approfondimenti
Struttura del conto economico
Tuttavia il tipo di conto economico maggiormente
Lo IAS 1, così come per lo stato patrimoniale, non
utilizzato in pratica, specie se si vuole fare riferiprevede uno schema rigido secondo cui presentare le
mento a un modello di tipo internazionale e angloposte del conto economico. Ciononostante, si uniscosassone, è quello a «costo del venduto» o per deno a quest’estrema flessibilità elementi obbligatori
stinazione. La classificazione dei costi per destinache limitano la portata discreziozione, come detto, presenta un
nalità del redattore del bilancio.
maggiore contenuto informatiPer quanto concerne
Come minimo, il prospetto di
vo anche se è ritenuta «di più
le componenti straordinarie,
conto economico deve includearbitraria rilevazione».
sia la normativa civilistica
re le voci rappresentative dei
Nella classificazione dei costi
che
i
princìpi
contabili
seguenti valori:
per destinazione o del «costo del
internazionali sono concordi
(a) ricavi;
venduto» i costi sono classificati
nel ritenere che la natura
(b) risultati dell’attività operasecondo la loro destinazione costraordinaria di fatti
tiva;
me parte del costo del venduto,
od
operazioni
non
dipenda
(c) oneri finanziari;
dei costi di distribuzione o di
dalla frequenza con cui essi
(d) quota dei proventi e degli
quelli amministrativi. Tale rapsi verificano, bensì
oneri derivanti dalla valutazione
presentazione spesso fornisce
dalla estraneità o meno
secondo il metodo del patrimoagli utilizzatori informazioni più
dalla
gestione
operativa.
nio netto delle partecipazioni in
significative rispetto alla classisocietà collegate e joint venture;
ficazione dei costi per natura
(e) oneri fiscali;
(vedi Tabella n. 5).
(f) utile o perdita dall’attività ordinaria;
Utilizzando la classificazione per destinazione, lo
(g) componenti straordinari;
IAS 1 richiede di fornire delle informazioni addi(h) quote di pertinenza di terzi;
zionali sulla natura dei costi comprese le svaluta(i) utile netto o perdita netta dell’esercizio.
zioni, gli ammortamenti e i costi del personale.
Tabella n. 4 - Classificazione dei costi per natura
Ricavi
Altri ricavi operativi
Variazione nelle rimanenze di prodotti finiti e lavori in corso
Materie prime e di consumo
Costi del Personale
Svalutazioni e ammortamenti
Altri costi operativi
Costi operativi totali
Utile operativo
X
X
X
X
X
X
X
(X)
X
Tabella n. 5 - Classificazione dei costi per destinazione
Ricavi
Costo del venduto
Utile Lordo
Altri ricavi operativi
Costi di distribuzione
Costi amministrativi
Altri costi operativi
Utile operativo
2906
Corriere Tributario 37/2004
X
(X)
X
X
(X)
(X)
X
X
Approfondimenti
Bilancio
ne. Non a caso si parla di reddito prodotto influenzabile anche da ricavi o proventi non ancora realizzati, dovuti all’impiego di valori correnti per la
valutazione delle attività o passività.
Per quanto riguarda il contenuto, mentre il codice
civile propone uno schema estremamente rigido e
vincolante per il redattore del bilancio, lo IAS 1
prevede solo un contenuto minimo, concedendo al
Differenze con la prassi contabile nazionale
redattore una maggiore discrezionalità nella sua
La prima grande differenza tra il codice civile e gli
compilazione.
IAS/IFRS riguarda le finalità del
Con riferimento alla classificaconto economico. Nella nostra
La disciplina nazionale
zione dei costi operativi, il codisciplina l’attenzione è focaliznon prevede alcun obbligo
dice civile prevede una loro
zata sulla misurazione del reddidi indicazione in bilancio
classificazione per natura, mento distribuibile, ovvero di un vadelle informazioni
tre lo IAS 1 prevede la possibilore da utilizzarsi come base per
sui dividendi per azione,
lità di classificare tali costi o
la ripartizione degli utili prodotmentre gli IAS ne richiedono
per natura o per destinazione.
ti alla fine di ciascun esercizio.
l’indicazione o nel prospetto
Per quanto concerne le compoSi cerca, quindi, di influenzare
di conto economico, oppure
nenti straordinarie, sia la noril meno possibile il risultato delnelle sue note esplicative.
mativa civilistica che i princìpi
l’esercizio con variazioni di pocontabili internazionali sono
ste legate ai criteri valutativi.
concordi nel ritenere che la natura straordinaria di
Nel conto economico IAS, invece, alla formazione
fatti od operazioni non dipenda dalla frequenza
del reddito concorrono anche le variazioni (positicon cui essi si verificano, bensì dalla estraneità o
ve o negative) di tutte quelle componenti valutate
meno dalla gestione operativa. Tuttavia, lo IAS 8,
al fair value, a prescindere dal risultato di gestioVoci addizionali, intestazioni e risultati parziali
devono essere inclusi nel prospetto di conto economico quando un principio contabile internazionale lo richiede, o quando è necessario per rappresentare fedelmente la situazione patrimoniale-finanziaria dell’impresa (vedi Tabella n. 6).
Tabella n. 6 - Conto economico (classificazione per destinazione o costo del venduto)
Note
Ricavi
Costo del venduto
Dic 31, 2004
Dic 31, 2003
X
X
(X)
(X)
Utile lordo
X
X
Altri ricavi operativi
X
X
Spese di distribuzione
X
X
Costi d’amministrazione
X
X
Altri costi operativi
X
X
Utile operativo
X
X
(X)
(X)
delle partecipazioni in società collegate
X
X
Utile prima delle imposte
X
X
Imposte sul reddito
X
X
Oneri finanziari
Proventi derivanti dalla valutazione secondo il metodo del patrimonio netto
Utile dopo le imposte
Quote di pertinenza di terzi
X
X
(X)
(X)
Utile netto delle attività ordinarie
X
X
Proventi (oneri) straordinari
X
(X)
Utile netto d’esercizio
X
X
Corriere Tributario 37/2004
2907
Bilancio Approfondimenti
zata, sia di quella non realizzata. È evidente duna differenza del codice civile, prevede che solo in
que il conflitto con il principio della prudenza, stararissime occasioni un fatto o un’operazione posbilito dal codice civile, secondo cui devono essere
sano dare origine ad un componente straordinario.
imputate a conto economico le
Infine, con riferimento all’inforsole componenti realizzate,
mazione circa i dividendi per
Per uniformare la normativa
mentre quelle che ancora non
azione, la disciplina nazionale
comunitaria e i princìpi
lo sono devono essere imputate
non prevede alcun obbligo circa
contabili internazionali,
a riserva.
la loro indicazione in bilancio,
la direttiva n. 2003/51/CE
La proposta contabile per risolmentre gli IAS ne richiedono
prevede che gli Stati membri
vere questa delicata questione,
l’indicazione o nel prospetto di
possano autorizzare
e fornire al lettore un’informaconto economico oppure nelle
o prescrivere, all’insieme
zione maggiormente attendibisue note esplicative (5).
delle società, la presentazione,
le, è data dallo «statement of
in alternativa al conto
performance» in cui le compoRendiconto delle prestazioni
economico, dello «statement
nenti di reddito che concorrono
o «statement of performance»
of performance» o di un
a determinare il risultato ecoCome detto, secondo gli IAS,
rendiconto delle prestazioni.
nomico devono essere distinte
nella formazione del risultato
tra realizzate e non realizzate.
d’esercizio concorrono compoLo «statement of performance» potrebbe presennenti di reddito realizzate e non. Al fine di unifortarsi quindi nel seguente modo:
mare la normativa comunitaria (e successivamente
Risultato d’esercizio
+ 1.000
la legislazione interna dei Paesi membri ) e i princìpi
Saldo adeguamenti al fair value
+ 120
contabili internazionali, la direttiva 18 giugno 2003,
Risultato d’esercizio «comprensivo»
n. 2003/51/CE (da recepirsi in Italia entro il 31 dio «globale»
+ 1.120
cembre 2004) prevede che gli Stati membri possano
autorizzare o prescrivere, all’insieme delle società o
taluni tipi di società, la presentazione, in alternativa
Nota:
(5) Tale informazione è richiesta, invece, dal principio contabile
al conto economico, dello «statement of performannazionale n. 28 - «Il patrimonio netto» in merito alle informazioni
ce» ovvero di un rendiconto delle prestazioni.
da fornire in nota integrativa, come informazione supplementare e
L’introduzione del fair value nei bilanci fa sì che il
da fornire volontariamente da parte dell’impresa. Sempre seconrisultato d’esercizio si presenti come una voce
do quanto previsto dal PC. 28 l’informazione dovrebbe essere
comprensiva, sia della parte effettivamente realizfornita sia dalle imprese quotate che dalle imprese non quotate.
Gli “Speciali” Ipsoa on-line
www.ipsoa.it/riformafiscale
Consulta subito il nuovo servizio on-line gratuito:
tutte le novità introdotte dalla Riforma Fiscale 2004
con news, documentazione e dottrina.
2908
Corriere Tributario 37/2004
Fly UP