...

Fiducia in Dio di un geniale giacobino

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Fiducia in Dio di un geniale giacobino
Quotidiano
L’OSSERVATORE ROMANO
Data
09-10-2011
Pagina
5
Foglio
1/2
Lorenzo Bartolini alla Galleria dell’Accademia di Firenze
Fiducia in Dio
di un geniale giacobino
Quando morì nel 1850
finì il primato della scultura italiana
Quello che Antonio Canova
aveva inaugurato
e che lui aveva custodito e affermato
di Antonio Paolucci
a mostra aperta alla
Galleria dell’Accademia di
Firenze fino al 6 novembre,
è importante e sarebbe un
peccato ignorarla perché è uno di
quegli eventi espositivi che non si
limitano a offrire al pubblico lo
spettacolo sempre eccitante e
consolante della pura Bellezza né a
rivalutare un autore, per altro non
certo incognito agli studi. La mostra
che la direttrice del Museo
dell’Accademia, Franca Falletti, ha
voluto e Annamaria Caputo ed
Ettore Spalletti hanno curato, è
dedicata a Lorenzo Bartolini
«scultore del Bello naturale», come
recita il sottotitolo.
Il risultato è una riconsiderazione
generale dell’Ottocento italiano
classico e romantico che potrebbe
essere così riassunta. Lorenzo
Bartolini è stato nell’Italia della
prima metà del XIX secolo l’artista
più significativo e, subito dopo
Canova, lo scultore italiano di
massimo
rilievo
europeo
e
internazionale.
Con la sua morte avvenuta nel 1850,
finisce il primato della scultura
italiana.
Quel
primato
che
dall’Inghilterra alla Francia, dalla
Russia agli Stati Uniti d’America,
Antonio Canova aveva inaugurato e
Lorenzo Bartolini custodito e
L
affermato.
Nato a Prato nel 1777, uomo di idee
giacobine e bonapartiste peraltro
mai rinnegate, fu a Parigi nel 1797
al 1807 dove condivise con l’amico
Ingres il discepolato presso David.
Tornato in Italia, lo ritroviamo a
Carrara nel 1812 direttore del Banco
Elisiano per la scultura e professore
alla locale Accademia di Belle Arti,
infine a Firenze dal 1815.
Queste le notizie essenziali della sua
vita. Quanto alle sue idee estetiche
possiamo dire che egli tentò,
testimoniandolo negli scritti e
soprattutto
realizzandolo
felicemente nelle opere, il transito
difficile dal classicismo davidiano e
canoviano
alla
poetica
del
«naturale». Il suo sogno estetico era
una classicità non programmatica e
meno che mai ideologica, ma
piuttosto fondata sul Vero, sulla
contemplazione della natura e
quindi capace di esprimersi nella
linea melodiosa di una anatomia,
nella tenerezza di un gesto anche
spontaneo o casuale, nei caratteri
spirituali e psicologici di un volto.
Tutto è bello sotto il cielo. Per
l’artista che ha occhi per guardare
un cuore per emozionarsi, la natura,
anche nei suoi aspetti più anomali, è
sempre fonte di attrazione e quindi
di stupore. Per Bartolini la filosofia
del «bello naturale» deve sostituire
quella del «bello ideale».
Nella Galleria di Arte Moderna di
Palazzo Pitti e ora al centro della
«Fiducia in Dio», particolare (1834-36)
mostra allestita all’Accademia, si
conserva una scultura che
rappresenta perfettamente la
poetica dell’autore. È il suo
manifesto artistico. Si tratta di un
bassorilievo in marmo di Carrara,
noto come la Stele del Gobbo.
Bartolini la teneva nel giardino
della sua casa fiorentina, in Borgo
Pinti. Rappresenta un vecchio
gobbo e barbuto che strozza un
serpente.
L’iscrizione
che
accompagna l’immagine recita:
«Lezione del 1840. Tutta la natura
è bella, relativa al soggetto da
trattarsi, e chi saprà copiare, tutto
saprà fare».
La «lezione» citata in epigrafe è
quella, rimasta famosa, che
Bartolini tenne ai suoi allievi
dell’Accademia fiorentina, un
certo giorno del 1840. Invece di
giovani modelli nudi da copiare e
da studiare come esempi di
bellezza «ideale», il maestro portò
in aula un vecchio deforme. A
dimostrazione che l’artista deve
essere specchio e interprete della
natura che è variegata e diversa e
quindi affascinante sempre.
Lorenzo Bartolini è un naturalista
ma è anche un «filosofo nell’arte»
(così lo definì Pietro Giordani),
Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile
MUSEI VATICANI
Quotidiano
L’OSSERVATORE ROMANO
un artista cioè capace di affidare
all’opera un messaggio che è etico,
spirituale, in certi casi anche
politico. Come nella Carità
educatrice
di
Palazzo
Pitti,
commissionatagli dal Granduca
Ferdinando III di Lorena nel 1817;
un capolavoro che regge felicemente
il confronto, nella Sala della
Galleria Palatina, con la Venere
italica di Canova scolpita cinque
anni prima.
Niente tuttavia esprime il genio di
Bartolini
«filosofo
nell’arte»,
meglio della celeberrima Fiducia in
Dio (1834-36), il marmo che si
conserva al Poldi Pezzoli di Milano
e che è conosciuto in numerose
repliche. Per esprimere un concetto
astratto l’artista ha immaginato una
giovane donna nuda, accasciata, le
braccia abbandonate sul grembo, gli
occhi rivolti al cielo e la bocca
dischiusa in atto di totale dedizione.
La casta semplicità della figura è
specchio della grandezza e nobiltà
dei pensieri che il volto estatico
esprime.
I versi che Giuseppe Giunti dedicò
nel 1836 al capolavoro bartoliniano
valgono meglio di qualsiasi
commento critico. Vale la pena di
riprodurli per esteso, perché sono la
riprova migliore di come l’arte del
Bartolini fosse in sintonia con la
cultura letteraria e con la sensibilità
poetica di quegli anni: «Quasi
obliando la corporea salma, /
Rapita in quei che volentier
perdona, / Sulle ginocchia il bel
corpo abbandona / Soavemente, e
l’una e l’altra palma. / Un dolce
stanco, una celeste calma / Le appar
diffusa in tutta la persona, / Ma
nella fronte che con Dio ragiona /
Balena l’immortal raggio dell’alma.
/ E par che dica: se ogni dolce cosa
/ M’inganna, e al tempo che sperai
sereno / Fuggir mi sento la vita
affannosa, / Signor, fidando, al tuo
paterno seno / L’anima mia ricorre
e si riposa / In un affetto che non è
terreno».
Nonostante le altezze filosofiche
Data
09-10-2011
Pagina
5
Foglio
2/2
rappresentate da opere come la
Fiducia in Dio, Lorenzo Bartolini
seppe mantenersi miracolosamente
al di qua della retorica sentimentale
e della gelida allegoria. A salvarlo è
il suo naturalismo affettuoso che si
esprime nei ritratti in marmo e
soprattutto nei gessi, esposti
pressoché
integralmente
nella
mostra dell’Accademia.
Bisogna guardarli da vicino i gessi
del Bartolini, per capire la portata e
la profondità di una rivoluzione
stilistica che ha restituito alle fredde
anatomie neoclassiche la verità e il
colore della vita e alle fisionomie
degli uomini e delle donne
l’evidenza dei pensieri, delle
emozioni, dei sentimenti.
Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile
MUSEI VATICANI
Fly UP