...

giorni della merla

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

giorni della merla
I giorni della merla
Sebbene mediamente siano i primi giorni di gennaio quelli più freddi dell’anno, la tradizione attribuisce
invece il primato agli ultimi giorni di gennaio quando è frequente l’irruzione di masse d’aria fredda. Anche
quest’anno la tradizione sembra essere rispettata, anche se con qualche giorno di ritardo. Per il prossimo
fine settimana (3-5 febbraio) sembra infatti essere in arrivo un brusco calo delle temperature, dovuto
all’incursione di aria molto fredda di origine siberiana.
Il freddo non è una novità per questo gennaio 2012: il tempo è stato infatti dominato dall’Anticiclone
siberiano e da correnti settentrionali, che hanno determinato giornate soleggiate, stabili ma fredde, seppur
un po’ più miti della media del periodo. La massa d’aria che dovrebbe riuscire ad oltrepassare le Alpi nel
prossimo fine settimana dovrebbe però avere temperature ancora più basse. E’ d’obbligo comunque il
condizionale visto che gli ultimi dati i modelli di previsione tendono ad accelerare questo passaggio e a
limitarne l’influenza sulle Alpi a qualche giorno e specie sabato quando è previsto anche un forte vento che
aumenterà la sensazione di freddo.
Da venerdì possiamo quindi aspettarci un calo della temperature in quota, tra i 5 e i 10°C rispetto ai valori
attuali. In valle è più difficile prevedere i valori esatti perché al calo delle temperature si opporrà
probabilmente l’effetto del Föhn ma comunque farà freddo e sarà notevole l’effetto wind chill che farà
percepire una temperatura inferiore. Quando la temperatura è bassa il vento provoca un ulteriore
raffreddamento così che in montagna, specie nella giornata di sabato, potrebbe gelare la pelle esposta.
Sono infatti previste temperature attorno ai -20°C che con il vento a 40 km/h determinano una
temperatura percepita di -35°C. Chi si andrà a sciare quindi è opportuno che si copra molto bene (anche il
volto) e verifichi spesso la sensibilità di orecchie, naso e dita.
Tradizione vuole che i giorni più freddi dell’anno siano gli ultimi tre di gennaio, che vengono chiamati i
giorni della merla.
L’origine di questo nome non è chiara e può essere fatta risalire a diverse leggende. La più conosciuta in
Trentino è senza dubbio quello della merla, in origine un uccello dalle piume bianche, che per sfuggire al
freddo degli ultimi giorni di gennaio, si rifugia in un camino, sopravvivendo ma diventando nera. In altre
versioni della leggenda il malvagio mese di Gennaio ruba tre giorni a febbraio per punire la merla che si era
illusa troppo presto della fine dell’inverno.
Una seconda versione identifica la Merla con un grosso cannone che doveva essere trasportato oltre il Po:
solo nei ultimi giorni di gennaio si riuscì ad ultimare il trasporto perché il freddo era sufficiente a gelare
completamente il fiume.
Sempre il Po gelato è protagonista di molte altre versioni della leggenda. Nella Pianura Padana infatti a
questo periodo dell’anno è collegata la tradizione contadina dei Canti della Merla, che servivano a
propiziarsi il nuovo anno.
Fly UP