...

Programma nazionale della ricerca (PNR) 2011-2013

by user

on
Category: Documents
9

views

Report

Comments

Transcript

Programma nazionale della ricerca (PNR) 2011-2013
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Programma Nazionale della Ricerca
2011-2013
Marzo 2011
1
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
INDICE
INTRODUZIONE ........................................................................................................................................................... 4
EXECUTIVE SUMMARY .............................................................................................................................................. 7
1
LO SCENARIO DI RIFERIMENTO ........................................................................................................... 14
1.1.
IL CONTESTO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO INTERNAZIONALE............................................ 14
1.2.
IL CONTESTO COMPETITIVO GLOBALE ............................................................................................ 15
1.3.
IL QUADRO ISTITUZIONALE E PROGRAMMATICO DELL’UNIONE EUROPEA E
DELL’ITALIA .................................................................................................................................................. 16
2
IL SISTEMA NAZIONALE DELLA RICERCA E DELL’INNOVAZIONE NEL CONTESTO
INTERNAZIONALE ...................................................................................................................................... 19
2.1.
UNA SINTESI ................................................................................................................................................. 25
3
LA STRATEGIA ............................................................................................................................................. 26
3.1.
UNA NUOVA VISIONE DELLA RICERCA E IL RUOLO DELLE POLITICHE DI
GOVERNO ...................................................................................................................................................... 26
3.2.
I PRINCIPI-GUIDA ....................................................................................................................................... 27
3.3.
LA SEMPLIFICAZIONE ............................................................................................................................... 29
3.4.
LE TECNOLOGIE ABILITANTI ................................................................................................................. 31
4
AZIONI ............................................................................................................................................................ 32
4.1.
INTERVENTI DI MEDIO-LUNGO PERIODO ....................................................................................... 33
4.2.
INTERVENTI DI BREVE-MEDIO PERIODO ORIENTATI ALLO SVILUPPO
INDUSTRIALE DEL PAESE ........................................................................................................................ 33
4.3.
STRUMENTI ORGANIZZATIVI E OPERATIVI FUNZIONALI ALL’ INTEGRAZIONE
DEGLI INTERVENTI DELLA RICERCA IN AMBITO NAZIONALE E
INTERNAZIONALE ...................................................................................................................................... 35
4.4.
IL RILANCIO DEL CAPITALE UMANO DEDICATO ALLA RICERCA .......................................... 39
4.5.
INFRASTRUTTURE ...................................................................................................................................... 41
4.6.
RAPPORTO CON IL TERRITORIO .......................................................................................................... 44
4.7.
MEZZOGIORNO E PIANO SUD ............................................................................................................... 44
4.8.
STRATEGIE PER LA RICERCA IN AMBITO INTERNAZIONALE ................................................... 49
5
RIFORME DI STRUTTURA ........................................................................................................................ 52
5.1.
UNIVERSITÀ .................................................................................................................................................. 52
5.2.
ENTI DI RICERCA NON UNIVERSITARI (EPR) ................................................................................... 53
5.3.
PROMOZIONE DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E TUTELA DELLA
PROPRIETÀ INTELLETTUALE.................................................................................................................. 55
6
INTERVENTI DI RICERCA E SVILUPPO PRIORITARI PER IL PAESE .......................................... 57
6.1.
STATO DELL’ARTE E BISOGNI DI SPECIFICHE AREE SCIENTIFICO-TECNOLOGICHE ...... 57
6.2.
BISOGNI NAZIONALI IN RICERCA E SVILUPPO DI RILEVANZA STRATEGICA ................... 58
6.3.
PROGETTI BANDIERA PROPOSTI DAGLI ENTI ................................................................................ 62
6.4.
INTERAZIONI TRA IL SISTEMA PRODUTTIVO NAZIONALE E LE AZIONI PROPOSTE
DAL PNR ......................................................................................................................................................... 63
Marzo 2011
2
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
6.5.
UNA SINTESI ................................................................................................................................................. 64
7.
STRUMENTI DI GOVERNANCE ............................................................................................................... 66
7.1
STRUTTURA .................................................................................................................................................. 66
7.2
MAPPATURE DELLE COMPETENZE DI RICERCA E SVILUPPO, PUBBLICHE E
PRIVATE.......................................................................................................................................................... 66
7.3
STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI RICERCA ................................... 67
7.4
VALUTAZIONE E FINANZIAMENTO DELLE UNITÀ DI RICERCA .............................................. 69
7.5
STRUMENTI A SUPPORTO DEI PROGETTI INTERNAZIONALI ................................................... 70
8.
AZIONI DI GOVERNO ................................................................................................................................ 72
9.
UNA FINANZA COORDINATA PER LA RICERCA: LE RISORSE DISPONIBILI PER IL
PNR E GLI OBIETTIVI A TENDERE PREVISTI NEL PROGRAMMA NAZIONALE DI
RIFORMA ........................................................................................................................................................ 74
9.1
LE RISORSE DISPONIBILI PER IL PNR .................................................................................................. 74
9.2
GLI OBIETTIVI A TENDERE PREVISTI NEL PROGRAMMA NAZIONALE DI RIFORMA ...... 75
ALLEGATI:
N. 1 – PROGETTI BANDIERA E PROGETTI DI INTERESSE
N. 2 – NOTE AL TESTO
N. 3 – BIBLIOGRAFIA
N. 4 – GLOSSARIO
N. 5 – SOMMARI TAVOLI TECNICI
Marzo 2011
3
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
INTRODUZIONE
La Relazione Unificata sull’Economia e la Finanza Pubblica per il 2010
evidenzia che la ripresa economica mondiale, se pure consolidata per effetto dei
programmi di stimolo fiscale e monetario, non riesce ancora a tradursi in un
significativo incremento del prodotto interno lordo, specie in riferimento ai Paesi
dell’occidente industrializzato. Ad un consistente decremento del PIL e degli scambi
internazionali registrati nel 2009, fanno però da contrappeso timidi segnali di
ripresa maturati nel primo semestre di quest’anno: la crescita dell’economia italiana
è stimata all’1,0 per cento nel 2010, all’1,53 per cento nel 2011 e al 2,0 per cento nel
2012. Le politiche pubbliche operano a sostegno di questa tendenza, definendo
programmi di intervento indirizzati alla rimodulazione e riduzione del carico
fiscale, alla valorizzazione delle risorse umane, all’innesco di una riconversione
produttiva basata su sostenibilità, innovazione e trasferimento tecnologico. Il
Programma Nazionale della Ricerca 2011–2013 agisce, quindi, come componente
strutturale di politica economica, puntando sulla progressiva integrazione tra
offerta e domanda di ricerca, sulla costruzione di una rete di piattaforme e
infrastrutture tecnologiche aperte al contributo e alla partecipazione del sistema
produttivo, sull’incremento di redditività degli investimenti in ricerca.
Gli obiettivi della nuova fase della programmazione, allineati con il quadro
generale delle iniziative pubbliche per il rilancio dello sviluppo e dell’occupazione,
consistono nel sostenere l’eccellenza tipica delle Ricerca italiana nel contesto
europeo, nel realizzare masse critiche di attività sufficienti all’acquisizione e al
consolidamento di leadership nel contesto europeo e internazionale, nel promuovere
la diffusione della conoscenza attraverso un modello che possa accrescersi mediante
la partecipazione e la condivisione di tutti gli attori dell’innovazione.
Lo scenario è quello dell’economia della conoscenza, ovvero di una struttura
di produzione e distribuzione nella quale la componente immateriale e innovativa
assume un ruolo determinante, anche al fine di innescare e sostenere una
riconversione industriale centrata sulla sostenibilità, sulla rigenerazione delle
risorse primarie, sulla cooperazione ed integrazione tra tutte le componenti della
filiera del sapere e dell’innovazione. Su questo versante, si definisce una piena
convergenza con “Industria 2015”, il documento di strategia che mira ad
individuare i driver fondamentali del cambiamento in un’ottica di innovazione e ad
orientare in conseguenza le scelte di politica economica.
Il PNR elabora un vero e proprio “pacchetto conoscenza”, nella
consapevolezza che indurre un processo di innovazione non è né semplice né
lineare. Se si vogliono ottenere risultati tangibili e duraturi sulla struttura sociale ed
economica, bisogna agire contemporaneamente su più livelli: educazione, Ricerca di
base, Ricerca applicata, trasferimento e sviluppo tecnologico, valorizzazione della
proprietà intellettuale. Inoltre, l’esperienza e la letteratura confermano che la spesa
in Ricerca è uno dei più efficaci moltiplicatori del reddito. Affinché questo si
verifichi, è necessario da un lato procedere al miglioramento sia qualitativo sia
quantitativo dell’apporto pubblico alla spesa in Ricerca, dall’altro affrontare e
risolvere alcune criticità di fondo, quali, ad esempio, una sottodimensionata
dotazione di capitale umano, una scarsa attitudine del Sistema pubblico di Ricerca
Marzo 2011
4
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ad una concreta collaborazione con le imprese, un sistema di valutazione e controllo
della Ricerca non perfettamente allineato alla prassi internazionale, l’assoluta
prevalenza di piccole e medie imprese nel tessuto produttivo nazionale, che rende
difficile l’incorporazione delle attività di Ricerca e trasferimento tecnologico nel
processo produttivo.
C’è bisogno, perciò, di un approccio chiaramente finalizzato e di una riforma
organica del Sistema della ricerca. Nell’ottica di procedere alla revisione e
all’aggiornamento degli strumenti di intervento di parte statale, ci si è posti il
problema dell’effettiva incidenza della spesa pubblica per la Ricerca sulla struttura
produttiva “reale”, considerando sia i limiti che derivano da un apporto diretto che
incide per lo 0,56 per cento del PIL, sia gli scompensi determinati da un volume di
investimenti privati che si colloca al di sotto della media europea. La normativa
italiana di settore è tra quelle più “generose” a livello europeo, in termini di
intensità dell’aiuto concesso; e ciò ha forse inciso negativamente sulla propensione
al rischio tipica delle economie avanzate, generando di converso atteggiamenti
conservativi e rendite di posizione. Le ipotesi di riforma in corso di elaborazione,
tendono perciò a realizzare una migliore ripartizione tra investimenti pubblici e
privati, determinando, a parità di volumi di contributo, un incremento della spesa
globale. Si avverte la necessità di diversificare gli strumenti e semplificare le
procedure, allineandosi alla prassi europea che privilegia il contributo in conto
interessi a quello in conto capitale, e facilitando, per il finanziamento della ricerca, il
ricorso al credito d’imposta e alla detassazione degli utili reinvestiti. Altro tema di
interesse è la intensificazione del rapporto tra venture capital, trasferimento
tecnologico e innovazione produttiva; l’iniziativa del MIUR prefigura un intervento
mirato della Cassa Depositi e Prestiti – volto anche ad accelerare l’impiego del
Fondo di Rotazione per Innovazione e Sviluppo – coordinato con la mission delle
Fondazioni Bancarie, che agisca da facilitatore nello sviluppo degli investimenti in
ricerca. Infine, il percorso della riforma include l’opportunità di dar corpo ad un
nuovo strumento negoziale – il Contratto di Ricerca e Sviluppo - finalizzato
all’attrazione e all’attuazione di investimenti strategici.
Un paese moderno deve essere capace di bilanciare e distribuire il rischio tra Stato e
mercato, valutando e misurando caso per caso la ricaduta dell’impegno pubblico
sugli obiettivi generali di crescita e competitività. A partire dai settori più sensibili,
come la ricerca.
Per questo, il PNR assume la priorità della migliore organizzazione dei “fattori
produttivi” della ricerca, sviluppando una compiuta analisi dell’esistente, e
definendo un modello di intervento allineato alle traiettorie dello sviluppo
mondiale e coerente con le prassi comunitarie. Questa impostazione implica una più
forte collaborazione e un più efficace coordinamento tra le diverse competenze
istituzionali. Le Amministrazioni dello Stato e le Regioni devono promuovere e
attuare maggiori livelli di integrazione, riducendo drasticamente la tendenza alla
frammentazione e sovrapposizione di progetti, risorse e competenze. Lo Stato deve
farsi carico dei progetti strategici di interesse nazionale e internazionale; le Regioni
debbono prevalentemente accompagnare i sistemi territoriali verso l’adeguamento
tecnologico ed il potenziamento innovativo.
Al fine di conferire al PNR la connotazione di strumento di programmazione
unitaria, il MIUR ha ritenuto opportuno assicurare un’effettiva partecipazione e
Marzo 2011
5
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
coordinamento di tutte le Amministrazioni, Enti e Istituzioni competenti (tra cui
una delegazione della Conferenza Stato – Regioni e dell’Osservatorio delle Politiche
Regionali per la Ricerca e l’Innovazione), mediante una modalità stabile e
strutturata di collaborazione interistituzionale, promuovendo, il 24 luglio 2009, la
costituzione di un apposito Gruppo di consultazione. Quest’ultimo ha consentito lo
svolgimento di attività di elaborazione e confronto di indicazioni o contributi
specifici.
L’attuale PNR è frutto del lavoro del Gruppo e dell’impegno profuso dai
componenti dei tavoli tematici, costituiti da esponenti delle comunità scientifica,
accademica e industriale, per la rilevazione delle diverse istanze e fabbisogni.
Questo articolato e partecipato iter di predisposizione ha visto il suo completamento
in un successivo incontro di consultazione istituzionale tenutosi, presso il MIUR, il
19 maggio 2010.
In questa sede è divenuto sempre più evidente che l’Italia è in condizione di
poter contribuire in maniera significativa al raggiungimento degli obiettivi delineati
nel documento di visione strategica Europa 2020, in linea anche con quanto previsto
dal Programma Nazionale di Riforma nel quale ci si prefigge che “il miglioramento
sia quantitativo che quantitativo dell’apporto pubblico alla spesa in Ricerca,
attualmente pari allo 0,56 per cento del PIL.
L’attuazione del PNR 2011-2013 procederà per azioni strategiche, interventi
prioritari e Progetti Bandiera e sarà garantita da una struttura di governance, che e ha
l’obiettivo di coordinare e di controllare l’avanzamento degli interventi.
Marzo 2011
6
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
EXECUTIVE SUMMARY
Il Programma Nazionale della Ricerca (PNR) è uno strumento predisposto dal
Governo per indirizzare il Paese ad essere protagonista nell’Europa della Conoscenza
e per promuovere lo sviluppo coordinato delle attività di ricerca. Il PNR rappresenta
il quadro di riferimento per tutte le Amministrazioni e gli Enti, competenti in materia
di Ricerca e innovazione.
Il Contesto
Lo scenario internazionale presenta discontinuità importanti rispetto al passato,
in particolare per quanto concerne il contesto scientifico-tecnologico, caratterizzato da
una crescita non lineare del processo innovativo e da un’integrazione tra discipline
scientifiche fino a pochi anni fa separate. Il nuovo contesto competitivo globale vede
aumentare sempre più il peso delle economie emergenti anche nelle quote relative
agli investimenti in Ricerca e Sviluppo; il quadro istituzionale e programmatico
dell’Unione Europea (UE) mira a promuovere azioni sinergiche e congiunte da parte
di tutti i Paesi dell’Unione. L’adozione di un orizzonte strategico unitario, comune a
tutti gli Stati membri, é l’unico modo per rispondere alle sfide della globalizzazione
ed garantire il futuro economico e competitivo del Paese. La recente Strategia Europa
2020 della Commissione fissa tre priorità ed individua alcune iniziative strategiche
per consentire di “uscire più forti dalla crisi e trasformare l’UE in un’economia
intelligente, sostenibile e inclusiva caratterizzata da alti livelli di occupazione,
produttività e coesione sociale”.
In questo nuovo scenario il Paese presenta forti criticità, in raffronto con gli altri
Paesi UE, con particolare riferimento ai fattori che determinano la capacità di
produrre e diffondere conoscenza quali una sottodimensionata dotazione di capitale
umano, una scarsa attitudine del Sistema pubblico di Ricerca alla collaborazione con
le imprese, un sistema di valutazione della Ricerca non perfettamente allineato alla
prassi internazionale. La composizione del sistema produttivo, con una forte
prevalenza delle PMI, riduce ancor di più la presenza di investimenti privati in
ricerca.
La strategia
Il PNR evidenzia le criticità che hanno reso difficile lo sviluppo di una politica
unitaria della Ricerca e propone un ventaglio di azioni dedicate a favorire una più
efficace integrazione tra le politiche e gli strumenti nazionali e territoriali per lo
sviluppo della Ricerca, individuando taluni principi-guida, declinati in pochi obiettivi
strategici, articolati in linee di intervento.
Obiettivo di questo PNR è anche quello di favorire le condizioni per poter
trasformare il sapere in valore economico.
Marzo 2011
7
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
In particolare, il PNR riconosce l’importanza della Ricerca knowledge driven
svolta presso le Università e gli Enti di Ricerca, ed adotta un’impostazione innovativa
dove la Ricerca non ha soluzione di continuità fra ambito pubblico e privato.
L’integrazione tra Ricerca pubblica e privata, già introdotta nel PNR precedente,
assume una valenza ancor più strategica, e in sua funzione vengono esplicitati ruoli
ed obiettivi dei laboratori pubblico-privati e previsti il potenziamento dei distretti ad
alta tecnologia e il sostegno a grandi programmi di Ricerca strategici.
La considerazione del contesto internazionale, e del relativo posizionamento
dell’Italia, ha contribuito a definire i principali macro-obiettivi del PNR: crescita della
competitività del Paese in alcuni ambiti tecnologici prioritari; qualità, sinergia e
massa critica della Ricerca pubblica e privata; consolidamento e crescita degli
investimenti in R&S; valorizzazione del capitale umano; messa in atto di un sistema
integrato nazionale di raccolta ed analisi dei dati sulla R&S; promozione del
trasferimento dei trovati della ricerca; rafforzamento della collaborazione tra imprese
e Ricerca pubblica; nascita e sviluppo di nuove imprese high tech; promozione delle
infrastrutture e network della R&S, introduzione di metodologie di valutazione e
finanziamento delle azioni di sostegno alle attività di ricerca.
I ruoli e compiti delle Amministrazioni centrali e regionali responsabili del
Sistema di Ricerca devono essere meglio definiti e coordinati. Il MIUR può assumere
un ruolo di coordinamento per garantire l’integrazione e la valutazione degli
interventi, in modo da massimizzarne l’efficienza.
Le Azioni
Per perseguire gli obiettivi sopra enunciati, il PNR propone azioni integrate di
R&S in un sistema organico di governance condivisa con le diverse Amministrazioni,
centrali e regionali, interessate.
Le azioni proposte prevedono interventi di medio e lungo periodo,
prevalentemente sostenuti dal MIUR, a sostegno di progetti di Ricerca fondamentale
di base, finalizzati allo sviluppo di nuova conoscenza, e ad interventi di Ricerca di
base orientata alle tecnologie abilitanti. Le azioni di medio-breve periodo prevedono
il coinvolgimento di altri Ministeri, e sono orientate al trasferimento tecnologico, allo
sviluppo di settori industriali innovativi, alla creazione di nuove imprese ad alto
contenuto tecnologico.
Il PNR prevede lo sviluppo di strumenti organizzativi ed operativi funzionali
all’integrazione degli interventi della Ricerca in ambito nazionale e internazionale. In
tale ottica e al fine di favorire una più efficace concentrazione degli interventi anche a
livello territoriale verso alcuni ambiti tecnologici prioritari, anche in termini di risorse
e di soggetti coinvolti, si promuove la razionalizzazione, il potenziamento ed il
sostegno di strumenti quali i Distretti ad alta tecnologia, le Piattaforme tecnologiche
nazionali e i Poli di eccellenza nazionale.
Lo sviluppo del capitale umano dedicato alla Ricerca viene perseguito mediante
interventi finalizzati all’attrazione di talenti ed alla qualificazione di nuove
competenze nel settore della Ricerca scientifica e tecnologica, alla formazione (es.
Marzo 2011
8
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
fondazione di scuole internazionali di dottorato), al riorientamento e recupero di
strutture di Ricerca industriale, al sostegno di sperimentazioni su larga scala volte
all’introduzione nel Sistema nazionale di Ricerca pubblica di forme di assunzione di
post-dottorati.
La realizzazione di grandi Infrastrutture di Ricerca di eccellenza è uno dei
cinque assi strategici per la strutturazione e lo sviluppo dello Spazio Europeo della
Ricerca. La strategia a medio e lungo termine della UE delle Infrastrutture Europee è
definita nella “Roadmap ESFRI”, che identifica 44 progetti in diversi settori della
scienza e della tecnologia, considerati prioritari per l’Europa, con una spesa prevista
di circa 20 miliardi di Euro nei prossimi 10-15 anni. A livello nazionale lo strumento
per definire gli obiettivi di internazionalizzazione e gli interventi specifici è la roadmap
italiana, collegata alla roadmap europea ESFRI, sviluppata da parte di un Comitato di
valutazione con esperti italiani e internazionali. La roadmap è definita sulla base di
una approfondita valutazione sia dell’eccellenza scientifica delle proposte, che della
rilevanza delle possibili ricadute socioeconomiche. Il PNR prevede che la valutazione
della rilevanza dovrà tenere conto delle sinergie tra le infrastrutture proposte e le
altre iniziative e azioni del Programma, in particolare i Distretti ad Alta Tecnologia, i
Poli di eccellenza e l’internazionalizzazione della ricerca.
La strategia di rafforzamento delle basi scientifiche e tecnologiche del sistema
economico e produttivo del Mezzogiorno è perseguita con strumenti e progettualità
improntate a unitarietà e organicità delle iniziative, che devono altresì trovare ambiti
di coordinamento con le iniziative internazionali e nazionali, quali Industria 2015 e
l’Expo 2015 attualmente in corso. Al fine di ottimizzare l’impiego delle risorse
disponibili, il PNR individua alcuni interventi ritenuti strategici per il
raggiungimento di significativi obiettivi di Ricerca e Sviluppo, in ambiti applicativi
prioritari.
Il PNR prevede il sostegno a programmi di ricerca, promossi in ambito
internazionale, in settori scientifici e tecnologici innovativi e di frontiera e agli
interventi finalizzati a massimizzare l’efficacia della collaborazione in ambito
comunitario.
Il sostanziale allineamento dell’Italia alla media europea in termini
d’investimenti in Ricerca (0,56% vs. 0,65% in Europa), evidenzia che il sistema
pubblico è dotato di risorse sufficienti, ma che non contribuiscono a generare valore
in maniera adeguata. Facendo propri gli obiettivi di Europa 2020 e del Programma
Nazionale di Riforma, per stimolare Atenei ed Enti Pubblici di Ricerca a contribuire
al rilancio del Paese, il PNR suggerisce interventi strutturali per migliorare la
governance, la gestione degli Enti stessi, e per garantire ai ricercatori migliori
strumenti di lavoro.
Marzo 2011
9
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Interventi Prioritari
La stesura del PNR ha visto la costituzione di tavoli di analisi relativi ad alcune
aree tematiche individuate come prioritarie, quali: ambiente, salute, scienze della vita,
energia, sistema agroalimentare, nanoscienze e nuovi materiali, ICT, progettazione
molecolare, beni strumentali e Made in Italy, aeronautica e spazio, mobilità sostenibile
e trasporti, beni culturali, scienze socioeconomiche e umanistiche, costruzioni,
piattaforme tecnologiche, distretti ad alta tecnologia e infrastrutture di ricerca,
trasferimento tecnologico e interazioni pubblico-privato, strumenti di governance della
ricerca. I membri di tali tavoli di analisi hanno rilevato e descritto lo stato dell’arte del
settore nel Paese e definito le priorità tra tematiche emerse nell’area considerata.
In coerenza con le linee strategiche individuate dal PNR, che mette in relazione
le priorità di interesse nazionale con lo sviluppo di tecnologie chiave abilitanti, gli
Enti Pubblici di Ricerca hanno inoltre individuato alcuni Progetti Bandiera, aperti al
contributo del mondo della Ricerca pubblica e del mondo produttivo.
Governance
Il PNR sottolinea l’esigenza della creazione di una segreteria tecnica di
governance, insediata presso il MIUR, per il Coordinamento della Ricerca italiana
(CRI), con la funzione di raccogliere ed analizzare le esigenze direttamente
provenienti dal mondo accademico, scientifico, economico e sociale e dalle Istituzioni
coinvolte in attività di R&S al fine di fornire al Governo elementi, situazioni e
proposte per l’aggiornamento della programmazione.
Affinché gli Enti Pubblici di Ricerca (EPR) concorrano alla realizzazione degli
obiettivi di sistema, si prevede di potenziare la capacità del MIUR di svolgere una
funzione di valutazione tecnico scientifica esperta e di indirizzo strategico sulle
proposte elaborate dai singoli Enti.
Il PNR individua come ulteriore obiettivo la semplificazione degli strumenti di
finanziamento razionalizzando quelli già attivi e a disposizione delle
Amministrazioni a tutti i livelli e prevede, inoltre, forme di controllo volte ad
assicurare che i finanziamenti siano utilizzati con efficacia ed efficienza, nel rispetto
degli obiettivi da raggiungere.
Marzo 2011
10
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
PREMESSA
Il Programma Nazionale della Ricerca (PNR) è uno strumento predisposto dal
Governo per indirizzare il Paese ad essere protagonista nell’Europa della Conoscenza
e promuovere lo sviluppo coordinato delle attività di ricerca. Gli strumenti attuativi
sono già in essere o saranno attivati da Ministeri e Regioni. Il Programma rappresenta
pertanto il quadro di riferimento programmatico in materia di Ricerca e Innovazione.
Il PNR adotta un’impostazione innovativa dove la Ricerca non ha soluzione di
continuità fra l’ambito pubblico e l’ambito privato, tra Ricerca knowledge driven e
Ricerca applicata. Già nel PNR precedente si suggeriva l’integrazione tra Ricerca
pubblica e privata: i laboratori pubblico-privati, il potenziamento dei distretti ad alta
tecnologia e il sostegno a grandi programmi di Ricerca strategici.
L’approccio alla redazione del Programma Nazionale di Ricerca 2011-2013
previsto in attuazione del Decreto legislativo 5 giugno 1998, n. 2041, vede un
arricchimento della visione strategica in chiave internazionale.
La definizione di strategie comuni di programmazione, monitoraggio e
valutazione per il Sistema della Ricerca italiana, deve infatti considerare come
principali strumenti di lavoro oltre i temi caratterizzanti della Ricerca nazionale, tutte
quelle iniziative comunitarie quali ad esempio i Programmi ERA-NET, le Piattaforme
Tecnologiche Europee, le Iniziative Tecnologiche Congiunte (ITC), i Research Driven
Cluster, le Partnership Pubblico Private (PPP), le Iniziative di Programmazione
Congiunta (Joint Programming Initiative -JPI) della Ricerca Europea, le European
Innovation Platform (EIP) e lo sviluppo di grandi Infrastrutture di Ricerca nel quadro
della Roadmap ESFRI cui è stato dedicato un ulteriore documento di dettaglio che
definisce la Roadmap italiana2. Solo in quest’ottica, che richiama il concetto ispiratore
di Europa 2020 (EU2020) di una più forte coesione tra i sistemi paese, sarà possibile
individuare e mettere a frutto nuove sinergie tra le politiche regionali, nazionali ed
europee, allo scopo di aumentare la capacità di performance progettuale del Paese nel
quadro della Ricerca europea e globale.
In considerazione delle dinamiche su scala mondiale, ed in implementazione del
nuovo documento di visione strategica dell’Unione Europea “EU 2020”3 è decisivo
concentrare l’attenzione su specifici settori prioritari della ricerca, quali quelli
climatico-ambientale, energetico, della salute, del patrimonio culturale, della
sicurezza sociale e delle aree urbane, attraverso l’ottimizzata partecipazione ai
Programmi comunitari.
Il costante riferimento al quadro internazionale ed europeo espresso nel PNR
individua le linee di intervento per migliorare la performance nazionale nel settore,
indirizzando gli investimenti per lo sviluppo di grandi infrastrutture di Ricerca e,
dove possibile, per il potenziamento e la messa in rete di quelle nazionali, al fine di
favorirne il passaggio ad un livello pan-europeo. Uno dei principi guida
fondamentali in tal senso è la clusterizzazione dei progetti, che permette di ottimizzare
risorse, concentrandole per ridurre la frammentazione dei finanziamenti.
A supporto di tale strategia di internazionalizzazione viene data particolare
attenzione a favorire l’investimento sul capitale umano della ricerca, sia per quanto
riguarda il reclutamento, sia per favorirne la mobilità.
Marzo 2011
11
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Il PNR in quanto strumento predisposto dal Governo per indirizzare lo sviluppo
coordinato delle attività della Ricerca italiana intende recepire le indicazioni della
comunicazione sulla Flagship Initiative “Innovation Union”4 che delinea in 34 punti la
strategia europea per uscire dalla crisi globale e sostenere una “crescita intelligente,
sostenibile ed inclusiva”, in altre parole per rispondere a quelle Major Societal
Challenges su cui si baserà il futuro della programmazione europea della Ricerca, ed
essenzialmente definite quali “sicurezza alimentare, salute umana ed ambientale,
cambiamento climatico e sicurezza energetica”5.
L’obiettivo, nell’ambito di vigenza del PNR, è di realizzare un coordinamento
nazionale degli interventi, come risultato di un’individuazione condivisa delle
priorità di ricerca, sviluppo ed innovazione.
Una sempre maggiore integrazione tra Ricerca sostenuta da fondi pubblici e
Ricerca finanziata da soggetti privati, in linea con le indicazioni europee di Innovation
Union e con le strategie di competitività seguite dalle economie più avanzate, già
suggerita nel PNR 2005/2007, vede tra i suoi strumenti principali una sempre più
rafforzata interazione tra Ricerca knowledge driven e Ricerca applicata, la realizzazione
dei laboratori pubblico-privati, il potenziamento dei distretti ad alta tecnologia ed il
sostegno a grandi programmi di Ricerca strategici di portata internazionale6. Tale
impostazione richiederà, oltre che un concreto coordinamento tra gli attori che
partecipano alle attività progettuali, Università, Enti pubblici, imprese, un sempre
crescente dialogo con le Regioni e con le altre Amministrazioni centrali dello Stato, ed
in particolare con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il Ministero
dell’Economia e delle Finanze e con il Ministero dello Sviluppo Economico, ai fini
dell’inserimento coerente dell’investimento in ricerca, sviluppo e innovazione
all’interno del Programma Nazionale di Riforma che l’Italia insieme agli altri Stati
membri dell’Unione sarà chiamata a produrre con l’avvio del semestre europeo.
Il PNR 2011-2013 parte dalla considerazione che l’attuale intensità dell’attività di
Ricerca italiana non è allineata a quella dei principali paesi industrializzati7, e deve
recuperare un gap considerevole, creatosi negli ultimi 15 anni, sugli investimenti in
Ricerca, Sviluppo e innovazione rispetto al PIL nazionale.
Per questo si prende atto delle criticità che nel passato hanno reso difficile lo
sviluppo di una politica della Ricerca e propone un ventaglio di azioni dedicate alla
rimozione di dette criticità. In questo contesto, viene riconosciuta l’importanza della
Ricerca knowledge driven svolta presso le Università e gli Enti di Ricerca, e si disegna,
in aggiunta, un quadro completo delle politiche nazionali per lo sviluppo, basate su
ricerca, sviluppo e innovazione, precisando i principi di base, gli obiettivi strategici, le
azioni di intervento, gli strumenti e le risorse da allocare, operando in una visione
ampia di sinergie e coordinamento tra gli interventi nazionali regionali ed europei.
La considerazione del posizionamento dell’Italia nel ranking della Ricerca
internazionale, le misure necessarie per l’attuazione della strategia “Europa 2020” e la
necessità di intervenire tempestivamente nell’individuazione delle priorità italiane
per l’Ottavo Programma Quadro della Ricerca europea 2014/2020, hanno contribuito
a definire i principali macro-obiettivi del PNR 2011-2013:
- crescita della competitività del Paese in aree tecnologiche prioritarie;
- miglioramento della qualità e raggiungimento della massa critica nella Ricerca
pubblica e privata;
Marzo 2011
12
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
- consolidamento e crescita degli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione;
- valorizzazione del capitale umano;
- rafforzamento della collaborazione tra Ricerca pubblica e imprese e promozione
del trasferimento dei risultati della Ricerca al settore produttivo (technology
transfer);
- sostegno all’internazionalizzazione delle imprese che fanno innovazione e alla
nascita e sviluppo di nuove imprese high tech;
- realizzazione e partecipazione alle infrastrutture di Ricerca europea anche a
supporto alle tematiche definite dalle JPI.
L’insieme degli strumenti che sostengono l’investimento in R&S dei centri di
Ricerca pubblici e delle imprese, e che concentrano le risorse su progetti di ampio
respiro, è reso coerente da incentivi automatici e da strumenti di finanziamento
valutativi e negoziali in grado di facilitare il raggiungimento degli obiettivi e la
razionalizzazione delle risorse. Il tutto è finalizzato a:
- ottimizzare il Sistema della Ricerca pubblica italiana;
- migliorare la qualità del sistema di formazione e reclutamento degli addetti alla
Ricerca in linea con le indicazioni della Carta Europea dei Ricercatori8;
- assegnare un nuovo ruolo ai processi di valutazione dei risultati della Ricerca e
delle relative risorse umane;
- migliorare la partecipazione italiana nel contesto della Ricerca europea ed
internazionali sia nella fase decisionale sia attuativa;
- istituire tavoli tematici per coordinare a livello nazionale l’individuazione di
roadmap settoriali che definiscano le priorità italiane in materia di ricerca,
sviluppo e innovazione;
- realizzare la semplificazione amministrativa dell’accesso alle risorse per la
Ricerca anche armonizzando gli strumenti normativi di finanziamento esistenti,
compresi i fondi strutturali;
- sostenere l’integrazione e la collaborazione tra le autorità regionali, gli Enti di
Ricerca, le Università e le imprese per progetti finalizzati allo sviluppo delle
Infrastrutture di Ricerca che implementino i temi della Programmazione
Congiunta Europea;
- mettere in atto un sistema integrato nazionale/internazionale di raccolta ed
analisi dei dati su ricerca, sviluppo e innovazione italiane;
Al fine di favorire la maggiore efficacia degli strumenti, il PNR 2011-2013
prevede la verifica annuale sullo stato di avanzamento delle attività e sulla
rispondenza tra pianificazione e reale raggiungimento degli obiettivi. L’esito di tale
verifica, esplicitato in una relazione, verrà trasmesso al Comitato interministeriale per
la programmazione economica (CIPE) ai sensi del punto b) dell’art. 2 del D.Lgs n.
2014/98. Le attività di verifica, inoltre, dovranno essere coordinate con quelle previste
dal calendario di attuazione della Comunicazione “Innovation Union” cui gli Stati
membri sono invitati a dare seguito immediato.
Marzo 2011
13
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
1
LO SCENARIO DI RIFERIMENTO
Lo scenario al quale si riferisce il PNR è definito dal contesto scientificotecnologico internazionale9,10, dalla pervasività dell’economia globale e dal quadro
istituzionale e programmatico dell’Italia e dell’Unione Europea.
1.1. IL CONTESTO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO INTERNAZIONALE
Il contesto scientifico-tecnologico internazionale presenta discontinuità
importanti rispetto al passato, riferibili al carattere non lineare del processo
innovativo e alla crescente sovrapposizione tra differenti discipline scientifiche. Alla
configurazione del quadro di riferimento contribuiscono anche l’accelerazione dei
processi di produzione, la diffusione e valorizzazione delle conoscenze ed un insieme
di altre condizioni che generano nuove opportunità per gli attori della ricerca, inclusi
quelli che si dedicano alla sua valorizzazione economico-sociale. Tra altre concause si
segnalano:
l’accentuazione delle complementarietà tra conoscenze, esperienze e
competenze di domini scientifici diversi. Per esempio, nanoscienze, infoscienze
e bioscienze, da una parte provocano mutamenti radicali nel sistema
produttivo, dall’altra accentuano il valore strategico della Ricerca
interdisciplinare;
la crescente integrazione tra scienza e tecnologia. Si è innalzato il contenuto
scientifico delle nuove tecnologie e, contemporaneamente, è aumentato il
contenuto tecnologico dell’approccio scientifico. Per questo, quanto più le
attività produttive diventano di frontiera, tanto più le conoscenze assumono
un assetto sistematico e il metodo diventa comune a chi produce le conoscenze
e a chi le applica. Da qui l’importanza della promozione di collaborazioni e
integrazioni tra attori scientifici ed economici, pubblici e privati;
fare Ricerca presuppone investimenti di notevole entità in settori ad alta
intensità tecnologica, il coinvolgimento di capitale umano molto qualificato e
la manutenzione e l’aggiornamento delle dotazioni strutturali e
infrastrutturali. E’ per questo che nella programmazione di un’infrastruttura
scientifica si devono anche prevedere gli investimenti mirati a ridurre il livello
di obsolescenza;
l’attenzione alle “tecnologie chiave abilitanti” che tendono alla rivitalizzazione
e rigenerazione del sistema produttivo, anche di quello manifatturiero, è
ineludibile. La partecipazione a questo processo delle imprese di piccola
dimensione e con scarsa dotazione di competenze ed esperienze, è possibile
solo acquisendo adeguate risorse organizzative e professionali che inseriscano
queste imprese in un contesto esterno, evoluto e guidato da una politica di
piano;
la necessità di essere competitivi tramite il rafforzamento dei centri di
eccellenza nella Ricerca e le collaborazioni pubblico-private, passa anche dallo
sviluppo dell’imprenditorialità e dal sostegno alle PMI, attraverso una tutela
più efficace della proprietà intellettuale, la creazione ed implementazione di
Marzo 2011
14
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
strumenti di finanziamento dedicati alle imprese, e la creazione o il
rafforzamento di centri di eccellenza aperti alle industrie.
1.2. IL CONTESTO COMPETITIVO GLOBALE
Il contesto prospetta, per l’Italia, uno scenario di forti criticità legate alla perdita
di competitività e alla bassa propensione a necessari aggiustamenti strutturali, anche
se in presenza di casi di grande vitalità imprenditoriale11. Il centro di gravità
economico mondiale si sta progressivamente spostando dall’Atlantico al Pacifico, e il
principale propulsore della ripresa dei mercati internazionali è, ora, l’Asia sudorientale12. Il fenomeno coinvolge l’intera Europa13, e larga parte dell’Occidente14.
Oltre alla Cina e all’India, anche Corea del Sud, Hong Kong, Singapore, e Taiwan
hanno accresciuto il loro peso nel commercio mondiale. Cambia anche la macrogeografia degli investimenti in ricerca. L’Institute of Statistics dell’UNESCO15 segnala
per l’Europa, nel decennio 1990–2000, una perdita della percentuale di investimenti in
ricerca: da 33,9 al 27,2%. Nello stesso periodo, l’Asia è passata dal 23,0 al 30,5%,
seconda nel mondo dopo il continente Nord-Americano. L’UNCTAD16 segnala per le
economie in via di sviluppo un impegno dei privati nella Ricerca pari al 50,4% del
totale nel 1996 e al 56,9% nel 2002. Nello stesso periodo, in Germania e Francia la
componente privata degli investimenti in Ricerca aumenta, rispettivamente, del 3,1%
e dell’1,6%, mentre in Italia si mantiene costante. È perciò corretto sostenere che la
capacità di attrarre investimenti in R&S sta diventando critica per la competitività e la
crescita17,18,19. La risposta dei Governi si traduce in ingenti allocazioni di risorse
pubbliche, nella definizione di piani chiari e condivisi di medio e lungo periodo,
nell’intensificazione della collaborazione tra il sistema produttivo e la ricerca, e in
un’accentuata attenzione nella definizione delle priorità. In ambito europeo, il quadro
competitivo si va modificando anche per effetto dell’allargamento della comunità: si
accentua, nel continente, la redistribuzione degli investimenti, dei flussi di
interscambio e delle opportunità di sviluppo, spesso a vantaggio dei nuovi Partner.
La proposta nazionale di interventi efficaci non può prescindere da un’attenta e
dettagliata analisi dello scenario italiano, particolarmente in presenza dell’attuale crisi
finanziaria e dei consumi20. In base alle statistiche internazionali, la situazione del
Paese segnala un ritardo negli investimenti in R&S, sia pubblici che privati21,22, anche
se la Ricerca applicata svolta dalle imprese testimonia, per una frazione delle stesse,
un continuo impegno nell’aumentare gli investimenti in Ricerca e Innovazione. Si fa
notare, tuttavia, che in tutto il mondo le piccole e medie imprese operanti in settori
tradizionali investono poco in Ricerca e Sviluppo. In Italia, queste imprese pur
avendo una rappresentatività molto maggiore rispetto ad altri paesi industriali, non
sono facilitate ad investire dalla vigente normativa, anche fiscale. Il ritardo, quindi,
riflette la scarsa propensione alla Ricerca delle nostre imprese, ma anche la loro
specializzazione produttiva e dimensionale e il contesto normativo in cui operano.
I dati sul valore aggiunto classificato in base al contenuto tecnologico
incorporato nei prodotti segnalano, tuttavia, che nel sistema manifatturiero italiano è
in atto una ristrutturazione. La quota della manifattura a medio-alta tecnologia è
passata dal 24,5% del 2003 al 27,7% del 2006. I dati sull’export confermano questa
tendenza: per la fascia di beni esportati a contenuto tecnologico medio-alto,
Marzo 2011
15
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
l’incidenza sul valore complessivo dei beni esportati è passata dal 37,5 al 43,2%.
Questi dati testimoniano che nel Paese va crescendo l’impegno delle imprese ad
investire in R&S.
1.3. IL QUADRO ISTITUZIONALE
EUROPEA E DELL’ITALIA
E
PROGRAMMATICO
DELL’UNIONE
Le politiche dell’Unione Europea mirano al rafforzamento dello Spazio Europeo
della Ricerca (ERA)23,24,25, con l’obiettivo di realizzare, entro il 2020, la libera
circolazione di ricercatori, conoscenza e tecnologie. Assieme ai programmi europei
maggiormente consolidati, come Eureka, le più recenti azioni di Ricerca e
innovazione sono selezionate, finanziate e amministrate in maniera congiunta da più
Stati membri. L’obiettivo principale dell’ERA è di ottimizzare i programmi di Ricerca
nazionali e regionali in un quadro di programmazione congiunta e strategicamente
condivisa, al fine di sviluppare in Europa un’attività di Ricerca che permetta di
affrontare le grandi sfide globali con risorse tali da continuare a garantire al
continente un ruolo leader nella competizione internazionale26,27. Tali azioni,
attraverso lo sviluppo di network di eccellenza, di Infrastrutture di Ricerca Europee, di
potenziamento dell’European Research Council28 del Joint Research Centre29, e
dell’Agenzia Esecutiva della Ricerca30, e di sostegno alla mobilità dei ricercatori,
rappresentano strumenti efficaci per la crescita e per la valorizzazione della
conoscenza applicata a obiettivi sociali, economici e politici.
A dieci anni dal varo della strategia di Lisbona, l’UE si è trovata a dover
fronteggiare una congiuntura economica di scala globale che ha richiesto
l’elaborazione di programmi e l’adozione di misure straordinarie per passare dalla
gestione della crisi ad una politica di riforme strutturali. Infatti, il 17 giugno 2010 il
Consiglio Europeo ha adottato in via definitiva la nuova strategia di sviluppo
dell’Unione Europea denominata “Europa 2020" che pone il quadro di riferimento
dell’economia di mercato sociale europea per il XXI secolo. Nella direttiva si
sottolineano tre grandi priorità:
crescita intelligente: sviluppare un’economia basata sulla conoscenza e
sull'innovazione;
crescita sostenibile: promuovere un’economia più efficiente sotto il profilo
delle risorse, più verde e più competitiva;
crescita inclusiva: promuovere un’economia con un alto tasso di
occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale.
La Commissione, nel suo documento, identifica cinque obiettivi fondamentali31, il
primo dei quali riguarda il miglioramento delle condizioni per la Ricerca e lo
sviluppo in Europa, allo scopo di portare al 3% del PIL complessivo i livelli
d’investimento pubblico e privato combinati in tali settori entro il 2020. Secondo stime
recenti, il raggiungimento dell’obiettivo di investimento del 3% del PIL dell'UE per
Ricerca, Sviluppo e Innovazione entro il 2020 porterebbe alla creazione di 3,7 milioni
di nuovi posti di lavoro con un incremento annuo del PIL di quasi 800 miliardi di
Euro entro il 2025. La realizzazione di questa iniziativa richiederà il pieno sostegno da
parte del Consiglio e del Parlamento europei, dei Governi degli Stati membri, delle
imprese, di tutte le autorità pubbliche, dei ricercatori e dei cittadini.
Marzo 2011
16
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
La Commissione presenta inoltre sette iniziative faro (Flagship Initiatives)32, le cui
prime due sono di primario e diretto interesse del MIUR per l’elaborazione della
strategia nazionale in ricerca, sviluppo e innovazione, ovvero:
1. “Innovation Union” per migliorare le condizioni generali e l’accesso ai
finanziamenti per la Ricerca e l'innovazione, facendo in modo che le idee innovative
si trasformino in nuovi prodotti, processi e servizi tali da stimolare la crescita e
l’occupazione.
2. “Youth on the move” per migliorare l'efficienza dei sistemi di insegnamento e
agevolare l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro.
La prima iniziativa faro, Innovation Union è stata oggetto della specifica
comunicazione della Commissione del 6 ottobre 2010, portata in approvazione al
Consiglio dei Capi di Stato e di Governo dell’Unione nel Dicembre 2010.
La comunicazione individua una strategia chiara, definisce le scadenze, delinea la
distribuzione dei compiti e introduce rigide procedure di monitoraggio. Gli Stati
membri devono elaborare i Piani Nazionali di Riforma indicando in modo dettagliato
le azioni che devono essere intraprese per attuare la nuova strategia, ponendo in
particolare l’accento sugli sforzi per centrare gli obiettivi nazionali, nonché sulle
misure per rimuovere le strozzature che ostacolano la crescita a livello nazionale. Il
PNR intende recepire le indicazioni della strategia Europa 2020, del Programma
Nazionale di Riforma che diverrà definitivo ad aprile 2011 e delle comunicazioni di
più diretto impatto per Ricerca e Sviluppo.
Nel Paese, le competenze istituzionali di R&S sono distribuite tra una molteplicità di
centri decisionali e di spesa, inclusa la componente affidata alle Regioni. Il sistema
offre vantaggi legati alla pluralità di spunti, idee e innovazioni degli strumenti di
intervento, ma, d’altra parte, incentiva la frammentazione degli investimenti e tende a
duplicare e sovrapporre le azioni. Per situazioni analoghe, l’Organizzazione per la
Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) suggerisce l’adozione di politiche
pubbliche integrate e coordinate. Anche se la lezione del passato accredita la difficoltà
italiana di promuovere politiche di sistema coordinate, questo non esclude che nel
Paese debba essere prevista una forma o luogo di coordinamento e di integrazione
delle Istituzioni che sostengono la Ricerca e lo sviluppo33,34,35,36. Il decreto legislativo
n. 204 del 1998 individuava, nell’allora MURST, la sede del coordinamento
interistituzionale del settore della Ricerca e dell’innovazione. Anche la Legge
Finanziaria 2007 sollecitava il coordinamento tra MIUR, Ministero per lo Sviluppo
Economico (MISE) e Ministero dell’Innovazione e della Pubblica Amministrazione, e
imponeva procedure comuni al MIUR e al MISE. Dovrebbe anche essere attivata
un’unica banca dati sui finanziamenti per la ricerca, utilizzando le informazioni
dell’Anagrafe Nazionale della Ricerca, costituita presso il MIUR.
L’assetto federativo verso cui è indirizzato il Sistema Paese richiederebbe il massimo
coordinamento interistituzionale di ogni programma di settore, compresa la Ricerca e
lo Sviluppo. In tal senso, il PNR auspica un rafforzamento della cooperazione
interistituzionale con le autonomie regionali, in una prospettiva di identificazione di
maggiori opportunità a beneficio del sistema-paese. Questo anche in considerazione
dei rapporti con i programmi dell’Unione Europea (la strategia Europa 2020, il
pacchetto di investimenti del Settimo Programma Quadro (7° PQ) e la preparazione
Marzo 2011
17
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
dell’Ottavo) e del resto del mondo, senza una piena coscienza dei quali la
pianificazione nazionale della Ricerca diventa difficile. Per questo, in selezionate aree
di Ricerca e Sviluppo strategiche per l’Italia, si opera per coordinare i Programmi
nazionali di settore e definire strategie comuni di programmazione, monitoraggio e
valutazione, considerando in particolare i Programmi ERA-NET, i Programmi
Congiunti, le Piattaforme Tecnologiche Europee, le Iniziative tecnologiche congiunte
(JTI), i Research-Driven Clusters, le Partnership Pubblico Private (PPP), le Partnership
Europee per l’Innovazione (European Innovation Platform – EIP), la Programmazione
Congiunta (Joint Programming Initiatives – JPI) e lo sviluppo di grandi Infrastrutture di
Ricerca nel quadro della roadmap ESFRI. In questa ottica, il Sistema nazionale
potrebbe trovare nuove sinergie tra le politiche regionali, nazionali ed europee, allo
scopo di aumentare la capacità di presentare al meglio il Sistema Paese in Europa.
Inoltre, in considerazione delle dinamiche economiche mondiali, è strategico
concentrare la promozione di attività di R&S in specifiche aree, intensificando gli
accordi bilaterali sia con Paesi europei che extraeuropei.
Marzo 2011
18
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
2 IL SISTEMA NAZIONALE DELLA
DELL’INNOVAZIONE
NEL
INTERNAZIONALE
RICERCA E
CONTESTO
USA 38,40
UE 3 Leaders 9,31
UE-27 7,85
Italia 7,65
UE-27 9,60
USA 1,49
Italia 6,30
UE 3 Leaders 8,87
Giappone 1,63
UE-27 7,70
Italia 7,60
UE 3 Leaders 2,44
UE 3 Leaders 22,70
Laureati in materie
scientifiche ed
ingegneria ( 0/00
popolaz. 20-29 anni)
UE-27 1,11
Italia 0,89
Giappone 13,40
USA 10,20
UE-27 13,40
Italia 8,20
UE 3 Leaders 19,30
Giappone 37,40
La considerazione degli scenari internazionali e delle inadeguatezze del Paese
stimola un’analisi della situazione nazionale che, per qualità e significatività dei dati
utilizzati, renda evidente la sua posizione in Europa e nel mondo37,38,39. Vengono nel
seguito considerati, allo scopo, alcuni indicatori di produzione scientifica e del valore
inferente, a livello produttivo e commerciale, della conoscenza scientifica e
tecnologica, sia a livello nazionale che europeo e internazionale40.
Il reclutamento, la consistenza e lo sviluppo del capitale umano, insieme al
livello di penetrazione delle tecnologie che abilitano a trasformare il sapere in
economia, sono direttamente correlati alla capacità del Paese di diffondere e
valorizzare i suoi sforzi di ricerca41,42. Gli indici disponibili a questo riguardo
evidenziano un ritardo dell’Italia43 (fig. 1). Va sottolineato, tuttavia, che da qualche
anno è in atto nel paese un processo di adeguamento alla situazione internazionale,
ove si consideri che nel 2006 l’incidenza dei laureati sulla popolazione in età tipica
per la laurea è più che raddoppiata rispetto al 2000, quando era pari al 19%
(elaborazioni Confindustria su dati OCSE43).
Popolazione con
Tasso di penetrazione
banda larga nelle
istruzione superiore (%
popolaz. 25-26 anni) imprese (0/00 imprese)
Partecipazione ad
attività di formazione
permanente (%
popolaz. 25-64 anni)
Livello di istruzione
giovanile (n. diplomati
0/00 popolaz. 20-24
anni)
Fig. 1 – Indicatori di consistenza e cura del capitale umano
Fonte: European Innovation Scoreboard
Marzo 2011
19
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Spese in R&S del
settore pubblico (%
PIL)
Spese in R&S delle
imprese (%PIL)
UE 3 Leaders 1,60
Giappone 0,27
USA 0,45
UE-27 0,66
Italia 0,38
UE 3 Leaders 0,28
Italia 0,14
Italia 0,88
UE 3 Leaders 0,92
Giappone 0,87
USA 0,90
UE 3 Leaders 2,43
Giappone 2,39
USA 1,87
UE-27 1,2
Italia 0,55
UE-27 0,65
UE 3 Leaders 1,04
Giappone 0,74
USA 0,68
Italia 0,56
Un secondo pannello di indicatori si riferisce alla capacità di perseguire la
creazione della conoscenza44. Le statistiche aggregate indicano un ritardo dell’Italia in
termini di investimenti in R&S, sia pubblici che privati (fig. 2). Nel settore della
Ricerca pubblica, l’Italia investe lo 0,56% del PIL, rispetto alla media europea dello
0,65% (il dato è relativo al 50% del finanziamento all’Università e al 100% del
finanziamento agli Enti e Centri pubblici di ricerca). L’ultimo rapporto MIUR sugli
Atenei45 segnala che nel 2005 la spesa per R&S delle Università è diminuita del 5,8%
rispetto al 2004 (da 5.000 a 4.700 milioni di Euro). Rispetto sia al PIL che alla spesa per
Ricerca dell’intero Paese, nello stesso periodo, l’investimento è passato dallo 0,36 allo
0,33% e dal 32,8 al 30,2%, rispettivamente. È aumentata, dal 37,7 al 41,1%, la quota
dedicata alla Ricerca sul totale delle risorse complessive delle Università.
Quota R&S medImprese che ricevono R&S delle università
high/high-med (% finanziamenti pubblici
finanziate dalle
R&S nella manifattura (% di tutte le imprese x imprese (%R&S delle
x 100)
100)
università x 10)
Fig. 2 - Investimenti in R&S in Italia, a confronto con altri paesi.
Fonte: European Innovation Scoreboard
Tra il 2004 e il 2005 la consistenza degli addetti impegnati in R&S nelle
Università italiane è aumentata del 10% fino a 67.000 unità circa, valore
corrispondente al 38,2% di tutto il personale di Ricerca italiano. In particolare, i
ricercatori universitari – nel 2005 circa 37.000 – rappresentano il 45% di tutti i
ricercatori del Paese. Nelle Università altre forme di collaborazione alla Ricerca
vengono sostenute con borse di dottorato (23.512 nel 2006), assegni di ricerca (10.430)
e contratti di prestazione autonoma (5.057). Il basso numero (764) delle borse di
studio post-dottorato rappresenta, nel contesto europeo, una vera anomalia. Il
Sistema nazionale di Ricerca pubblico ha, in aggiunta, una bassa propensione
all’applicazione dei risultati della ricerca: pochi brevetti acquistati da terzi, poche
collaborazioni con imprese sia italiane che straniere e relativamente pochi spin off.
Gli investimenti privati in R&S46 segnalano, per il paese, una consistente
distanza dalla media europea: 0,55 rispetto all’1,17% del PIL. Il confronto basato su
dati aggregati è, tuttavia, influenzato dalle differenze nelle dimensioni delle imprese
Marzo 2011
20
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
attive nei diversi Paesi. Per esempio, per gli investimenti in R&S delle grandi e medie
imprese italiane, i dati Mediobanca indicano una situazione in linea con le loro
principali concorrenti internazionali. Le sole grandi imprese coprono, in Italia, il
72,7% della Ricerca industriale. Nel Paese, gli investimenti delle piccole imprese
sono, invece, molto bassi e corrispondono al 5,1% del totale, situazione comune a
quella di altri Paesi: il dato, tuttavia preoccupa se si considera che in Italia le PMI
rappresentano il 99% delle imprese, e che le stesse sono concentrate in settori
“tradizionali” a medio-bassa tecnologia.
Negli anni recenti, alcuni segnali indicano che, pur rimanendo precaria, la
situazione degli investimenti in R&S delle imprese tende a migliorare47. I segnali
riguardano la conservazione della competitività nazionale con le economie emergenti;
le innovazioni miste prodotto-processo che risultano in linea con gli altri Paesi; il
ruolo delle medie imprese come motore della crescita nella fascia della media e alta
tecnologia. Tuttavia, le modalità nazionali di erogazione delle risorse pubbliche
penalizzano i centri di Ricerca privati17.
Tra gli investimenti privati meritano un breve cenno quelli del privato non-profit
che, negli ultimi anni, ha avuto un ruolo sempre più importante nel finanziamento
alla Ricerca scientifica. A titolo esemplificativo è possibile ricordare i 247 milioni di
Euro destinati nel 2007 da parte delle Fondazioni di origine bancaria (13-esimo
rapporto ACRI) al sostegno di iniziative di Ricerca e Sviluppo tecnologico.
Per quanto riguarda la capacità innovativa delle PMI, i dati dello European
Innovation Scoreboard registrano un gap dell’Italia rispetto agli altri Paesi europei37,49
(fig. 3). Tradizionalmente, le PMI italiane hanno privilegiato l’innovazione di
processo, anche se, negli ultimi anni, hanno aumentato l’innovazione di prodotto. La
tendenza delle PMI a sviluppare progetti di R&S è confermata dall’aumento del loro
accesso agli strumenti di incentivazione nazionali e regionali. Nel contesto di
evoluzione positiva verso la Ricerca che sostiene lo sviluppo delle PMI, si sottolinea la
necessità di rafforzare istituzionalmente la propensione alla collaborazione tra
sistema pubblico e PMI50 anche attraverso la mobilità temporanea delle persone
coinvolte.
Marzo 2011
21
PMI innovatrici PMI innovatrici in
in-house (% x 10) cooperazione (% x
10)
Venture capital
(%PIL)
Spese IT (%PIL)
Italia 1,10
UE-27 1,03
UE 3 Leaders 2,66
Italia 1,70
UE-27 2,70
UE 3 Leaders 3,50
Giappone 7,60
USA 6,70
USA 0,72
Italia 0,50
UE-27 1,07
UE 3 Leaders 3,04
Italia 0,43
UE-27 0,95
UE 3 Leaders 2,39
Giappone 0,69
Italia 2,81
UE-27 3,00
UE 3 Leaders 4,07
Giappone 1,53
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
PMI che hanno
introdotto
innovazioni nontecnologiche (%)
Fig. 3 – Indicatori di capacità innovativa in Italia, a confronto con altri paesi
Fonte: European Innovation Scoreboard
Occupati in hightech (%)
Esportazione
high-tech (% del
totale esportato)
Prodotti nuovi per Prodotti nuovi per
il mercato (%
le imprese (%
fatturato)
fatturato)
Italia 7,50
UE-27 6,69
UE 3 Leaders 10,50
Giappone 7,30
USA 3,80
Italia 4,50
UE-27 6,30
UE 3 Leaders 10,40
Italia 4,50
UE-27 8,60
UE 3 Leaders 16,70
UE-27 14,50
UE 3 Leaders 30,80
Giappone 22,40
USA 26,80
Italia 5,10
Italia 7,60
UE-27 14,50
UE 3 Leaders 20,80
Il gap tecnologico dell’Italia rispetto agli altri Paesi europei appare evidente
anche dall’analisi dei dati occupazionali, in particolare nei settori high tech dove il
livello di occupati (fig. 4) risulta al di sotto della media europea. Considerando
invece i settori a tecnologia medio alta, tale scostamento si riduce in maniera
sostanziale, l’Italia presenta infatti una situazione in linea con la media europea ( 7,5%
dell’Italia contro una media del 6,69%) che scaturisce in parte da consolidate
specializzazioni nella meccanica, nei mezzi di trasporto e nella tecnologia spaziale. La
capacità di esportazione del Paese nei settori science-based risulta comunque ridotta,
rispetto a quella media dei partner comunitari (5,11 contro 14,51% del totale
esportato).
Occupati nei
settori medhigh/high-tech
(%)
Fig. 4 – Indicatori delle tipologie di produzione industriale in Italia, a confronto con altri paesi.
Fonte: European Innovation Scoreboard
Marzo 2011
22
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
In questo contesto l’Indagine FIRB di Confindustria41 segnala che alcune
strozzature delle attività di Ricerca privata dipendono da difficoltà di reperimento di
diplomati e laureati preparati in settori specifici (la fig. 5 riporta quali sono i profili
più difficili da reperire per le imprese).
Laureati TecnicoScientifici
49,6
Ricercatori
26,8
Diplomati tecniciprofessionali
22,8
Altro
6,4
Laureati in altre
discipline
2
0,8
Apprendisti
0
10
20
30
40
50
60
Fig. 5 - Profili di laureati più difficili da reperire per le imprese che fanno Ricerca (valori %)
Fonte: Confindustria
Anche quando si considerano indicatori di output come la produttività oraria
del lavoro nell’industria manifatturiera, la posizione dell’Italia non risulta arretrata
nei confronti di altri paesi.
La scarsa propensione nazionale ad investire in R&S è infine confermata dalla
performance italiana nella trasformazione delle conoscenze in valore economico, come
si deduce dall’analisi di brevetti e licenze (fig. 6). Il numero di brevetti italiani per
milioni di abitanti depositati sia all’European Patent Office, sia all’US Patent and
Trademark Office, è all’incirca pari alla metà della media della UE (87,3 e 31,2 contro
136,7 e 50,9). Il basso numero di brevetti prodotti dal settore pubblico (Università ed
Enti Pubblici di Ricerca) conferma la necessità di intervenire sulle strutture pubbliche
nazionali, sia a livello di governance che di politiche di incentivazione.
Marzo 2011
23
Nuovi brevetti
EPO (per milione
di abitanti)
Nuovi trademark Nuovi design (per
milione di
(per milione di
abitanti)
abitanti)
Nuovi brevetti
USPTO (per
milione di
abitanti)
UE 3 Leaders 204,10
Giappone 102,10
USA 47,90
Italia 11,60
UE-27 32,70
Italia 31,20
UE-27 50,90
UE 3 Leaders 133,30
Giappone 304,60
USA 277,10
UE 3 Leaders 558,60
Giappone 13,20
USA 17,50
Italia 184,20
UE-27 121,80
UE 3 Leaders 621,70
Giappone 11,70
USA 33,80
Italia 120,00
UE-27 124,60
UE 3 Leaders 317,90
Giappone 174,20
USA 142,60
Italia 76,10
UE-27 105,70
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Nuovi brevetti
triadici (per
milione di
abitanti)
Fig. 6 - Trasformazione delle conoscenze in brevetti in Italia e in altri paesi
Fonte: European Innovation Scoreboard
A fronte di un gap ancora evidente nei confronti degli altri Paesi Europei, si
rileva tuttavia nel periodo 2002-2007, un aumento significativo degli indicatori
relativi alla protezione dei diritti di proprietà intellettuale (invenzioni identificate,
domande di priorità, depositi, concessioni, portafoglio brevetti) delle Università
italiane52. Analogamente alla protezione brevettuale a livello internazionale, il
numero dei brevetti in portafoglio è aumentato di cinque volte nel quinquennio (fig.
7)53, anche se l’impatto reale della brevettazione dovrà essere migliorato.
Fig. 7a – Portafoglio brevetti delle Università italiane
Fig. 7b – Numero di licenze cumulato delle
Università italiane
Fonte: Elaborazione dati Netval
Fonte: Elaborazione dati Netval
Marzo 2011
24
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Il numero annuale di licenze che ha generato ritorni cresce sensibilmente
(+275% negli anni 2002-2007). Nel 2007, tuttavia, si è osservato un calo delle entrate
derivanti da accordi conclusi nell’anno, in linea con quanto osservato a livello
europeo.
2.1. UNA SINTESI
Dai dati esposti emerge, per l’Italia, un quadro di criticità relativo ai fattori che
determinano la capacità di produrre e diffondere conoscenze e di generare valore da
esse: la dotazione di capitale umano è sottodimensionata; il Sistema pubblico di
Ricerca ha una scarsa attitudine all’applicazione dei risultati e alla collaborazione con
le imprese; la valutazione della Ricerca non è allineata alla prassi internazionale; la
penetrazione della banda larga ICT nelle imprese è più bassa della media; la quasi
totalità della Ricerca delle imprese è localizzata nelle regioni centro-settentrionali del
Paese; l’innovazione prodotta dall’imprenditoria italiana prescinde dagli input
provenienti da centri di Ricerca e Sviluppo tecnologico pubblici; è carente, sia per il
settore pubblico che privato, l’analisi del sistema R&S basata su dati diretti e
disaggregati. Rispetto ad altri paesi della UE, è basso il livello di incentivazione ad
investire in house, ma anche ad assegnare le commesse da parte delle imprese alle
strutture pubbliche di ricerca. Occorre, tuttavia, considerare che la dimensione
dell’investimento privato in ricerca, largamente sottodimensionato rispetto agli altri
paesi industrializzati, dipende anche dalla larga prevalenza di PMI nel tessuto
industriale italiano. È evidente che, nell’interesse della sostenibilità del sistema Paese,
la Ricerca pubblica deve saper intercettare le linee di Ricerca di interesse per le
imprese, ristrutturandosi e organizzandosi in modo da rendere conveniente anche
alle PMI l’accesso alla Ricerca e al trasferimento tecnologico, tenendo presente,
laddove possibile, un bilanciamento tra l’orientamento al prodotto e quello al bene
sociale.
Marzo 2011
25
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
3
LA STRATEGIA
3.1. UNA NUOVA VISIONE DELLA RICERCA E IL RUOLO DELLE POLITICHE DI
GOVERNO
Lo scenario di riferimento delineato suggerisce per le politiche delle istituzioni
di governo un ruolo coerente alle aspettative di un’economia nella quale sempre più
rilevante diventa il ruolo della conoscenza54 e dei portatori della conoscenza. I
riferimenti dell’azione pubblica sono la globalizzazione dell’economia da una parte, e
il valore della conoscenza come uno dei motori di sviluppo dall’altra. All’interfaccia
tra i due riferimenti si posizionano i processi attraverso i quali l’innovazione si
produce, processi che, tuttavia, hanno ormai caratteristiche differenti da quelle del
passato: per schemi concettuali, dinamiche, azioni e natura dei soggetti coinvolti e
rapporti tra gli stessi, tutte variabili che stanno subendo una profonda
trasformazione. La dinamica innovativa è oggi molto più complessa rispetto a quella
tradizionale che si sviluppava secondo una sequenza lineare: si riscontra, in realtà,
che i processi di innovazione procedono per interazioni e interdipendenze multiple
tra ricerca, invenzione, sviluppo e produzione.
In particolare, il carattere globale delle attività scientifiche e tecnologiche, e la
sensibile riduzione del tempo intercorrente tra produzione di conoscenza e ingresso
sul mercato di un prodotto, si associano all’emergenza di un nuovo modello di
intervento che, partendo dai bisogni dell’industria, della società e dell’ambiente,
cerca soluzioni per le nuove ed ineludibili problematiche nella scienza. Il modello
classico (da scienza a tecnologia a prodotto) si ibrida al precedente per comporre un
modello interattivo dell’innovazione, in cui le domande di Ricerca fondamentale
sorgono affrontando problemi pratici e viceversa. Per questo i processi innovativi
sono sempre più caratterizzati da cicli interattivi, dove risultano
contemporaneamente coinvolti i componenti di più settori e discipline che si
fertilizzano a vicenda, e dove i ricercatori e le imprese si impegnano in percorsi di
Ricerca complementari e integrati55. Inoltre, in queste nuove dinamiche gioca un
ruolo sempre più importante l’esigenza di perseguire la “sostenibilità” di ogni attività
dell’uomo, intesa nel senso più esteso, che quindi comprende implicazioni socioeconomiche ed insieme il rispetto degli equilibri dell’habitat naturale: questa
necessità, ben lungi dall’essere considerata un fattore condizionante e limitante la
crescita economica, è un driver molto efficace per la competitività di tutti i settori
industriali, in grado di proporre talvolta nuovi mercati, e comunque nuovi traguardi
di efficienza, socialmente condivisi. Il mondo della ricerca, per la sua stessa
peculiarità di attività di frontiera, è naturalmente investito ed ispirato dai principi
della “sostenibilità”, e la consapevolezza dell’ineluttabilità di questo approccio è
anche il principio ispiratore del PNR, in armonia con le politiche condivise e
sottoscritte in sede europea, e in linea con le consolidate tendenze internazionali.
Il nuovo modello implica un cambiamento nell’azione e nel ruolo dei soggetti
protagonisti dei processi innovativi: in un’economia basata sulla conoscenza44, la
chiave di volta per garantire la crescita del Sistema della Ricerca diventa l’interazione
Marzo 2011
26
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
costante e profonda tra imprese, Università e Istituzioni di governo56,57. Le imprese
tendono sempre più ad entrare in network di fornitori esterni, avendo chiaro che le
buone idee non nascono necessariamente in casa: sono i network con le strutture della
Ricerca pubblica e con altre imprese innovatrici che aumentano le probabilità di
successo, purché aderenti con la domanda tendenziale del mercato di servizi, di
prodotti innovativi e di beni possibilmente orientati ad uno sviluppo coerente e
sostenibile delle società. Anche l’Università vede modificarsi ruolo e natura della
propria attività: dopo la rivoluzione, che ha visto la Ricerca affiancarsi alla didattica,
le Università si vedono ora assegnare una nuova funzione: contribuire, con la ricerca,
direttamente allo sviluppo economico e sociale della società58.
Il PNR assegna un valore strategico alla collaborazione pubblico-privata per lo
sviluppo di prodotti e processi necessari a mantenere e sviluppare la competitività
del Paese e il livello delle esportazioni, nei settori dell’energia, dell’ambiente e della
salute59. Pur senza prefigurare alcuna autarchia, e avendo ben presente la realtà
globale dell’economia e della tecnologia, sarebbe miope non considerare la necessità
di favorire, dove esistano adeguate condizioni di conoscenze scientifiche e produttive,
il massimo di trasferimento di conoscenze e attività. Lo sviluppo del sistema
produttivo è la premessa per aumentare i livelli occupazionali e adeguare le Politiche
di welfare. Per questo il PNR intende rafforzare il ruolo delle Università e degli Enti di
Ricerca di sostegno allo sviluppo del Paese.
Una conseguenza, forse inattesa, dell’attuale scenario, strettamente collegata a
quanto appena discusso, riguarda l’emergere di centri locali e regionali di attività
economica basata sulla conoscenza60,61. Nell’economia della conoscenza globale, la
competizione è strettamente dipendente, anche in questi centri, dalla disponibilità di
capitale umano qualificato. I talenti rappresentano un “bene” per sua natura mobile e
quindi mobilizzabile, che tende a lavorare nei luoghi che più di altri risultano
attrattivi dal punto visto lavorativo, tecnologico, sociale e della qualità della vita.
3.2. I PRINCIPI-GUIDA
Il PNR 2011-2013, coerentemente con le esigenze poste dallo scenario descritto,
disegna i suoi obiettivi strategici, le azioni di intervento e le possibili modifiche al
sistema normativo e istituzionale della Ricerca nazionale, nella considerazione e
rispetto dei principi guida che si assegna. Questi principi si fondano sulla necessità di
aumentare le risorse per la ricerca, spenderle meglio, favorire e rafforzare i
meccanismi di valutazione per far emergere il talento, il merito e l’eccellenza:
qualsiasi prospettiva di successo è basata sulla capacità di aumentare il numero di
giovani impegnati nella ricerca, valorizzandone il merito e liberandone le
potenzialità, in un quadro operativo di crescita sincronizzata globale che includa
l’Università, l’impresa, le reti di servizio, ed i centri di Ricerca pubblica e privata.
Di seguito si illustrano i concetti fondanti della struttura del nuovo PNR.
1.
È indispensabile assicurare il miglior coordinamento interistituzionale tra
Amministrazioni centrali e regionali, anche al fine di garantire un’efficiente
Marzo 2011
27
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
interazione tra competenze e funzioni. Il MIUR, anche per le sue funzioni di indirizzo
e controllo degli Enti Pubblici di Ricerca, ha il ruolo di promozione e di riferimento di
una nuova struttura di governance unitaria delle politiche di settore.
2.
I principi di precauzione e di responsabilità della Ricerca ai fini della
“sostenibilità”, nei confronti delle tematiche sociali, ambientali, economiche, sono
assunti come concetti fondanti del PNR, e vengono applicati in modo trasversale alla
totalità delle tematiche di ricerca.
3.
Il capitale umano ha un ruolo prioritario ed è oggetto di attenzione focalizzata62.
L’azione costante di sostegno alla formazione e valorizzazione del capitale umano di
eccellenza è centrale al PNR ed ha nel MIUR il soggetto preposto all’intesa con le
Regioni e con gli altri soggetti istituzionali.
4.
Le innovazioni normative del sistema universitario e degli Enti Pubblici di
Ricerca sono fondamentali del processo di implementazione del PNR e della messa
in atto delle sue azioni.
5.
Accanto agli interventi dedicati esclusivamente all’avanzamento del sapere, la
ricerca, sia fondamentale che industriale, è orientata ad applicazioni economiche e
sociali, nel breve-medio o nel medio-lungo periodo, nel rispetto delle tematiche della
“sostenibilità”. Il MIUR si fa carico sia di sostenere lo sviluppo della Ricerca
knowledge driven, che di sviluppare azioni, in contesti territoriali e strutturali
caratterizzati da orizzonti temporali di medio e lungo periodo, per le tecnologie
abilitanti e la loro penetrazione nei programmi rivolti all’innovazione industriale.
6.
Il Programma favorisce azioni per facilitare l’avvio di programmi coordinati tra
Istituzioni di ricerca, Università e imprese finalizzati allo sviluppo dei temi della
Programmazione Congiunta Europea integrati nella rete delle grandi Infrastrutture di
Ricerca. Attraverso queste azioni l’Italia contribuisce alla crescita dello Spazio
Europeo della Ricerca e favorisce l’inserimento delle attività di Ricerca nazionali in un
quadro di collaborazioni internazionali. A livello internazionale, vengono definite le
priorità settoriali e i Paesi con cui cooperare in materia di R&S, indirizzando risorse
adeguate a tali collaborazioni. Le attività di Ricerca nazionali saranno caratterizzate
da dimensioni e moduli assimilabili a quelli internazionali, tali da favorirle
nell’inserimento in network di eccellenza, anche al fine di una migliore utilizzazione
dei fondi comunitari.
7.
Il Programma recepisce le indicazioni della Comunicazione “Innovation Union”
predisponendo gli interventi di risposta alle azioni chiave della predetta
comunicazione che interessano in modo diretto il Sistema della Ricerca già a partire
dal 2010.
8.
Il raccordo tra il Sistema della Ricerca e quello delle imprese è una necessità
strategica che deve contribuire ad orientare gli interventi nazionali e locali.
Analogamente, occorre promuovere e rafforzare la cooperazione tra Amministrazioni
centrali, regionali ed Enti territoriali.
Marzo 2011
28
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
9.
Prevedere la diversificazione degli strumenti, anche attraverso l’utilizzo della
leva fiscale, a sostegno della Ricerca per l’innovazione delle imprese industriali,
svolta sia internamente sia in collaborazione con il mondo della Ricerca pubblica.
10. Le aggregazioni di Istituzioni dedicate alla Ricerca, presenti a livello territoriale,
vengono sostenute nella misura in cui sono in grado di confrontarsi a livello
internazionale e di essere attrattive delle migliori competenze esterne.
11. Le priorità del PNR vengono aggiornate anche in base a un sistema di raccolta
dati e analisi delle competenze in R&S del sistema pubblico e privato. Gli strumenti
relativi sono descritti dal programma e, ove attivati, permetteranno di integrare in
corso d’opera scelte strategiche e priorità delle azioni.
12. Il PNR prevede l’introduzione di metodologie di valutazione e finanziamento
delle azioni di sostegno alle attività di ricerca, realizzate secondo le migliori pratiche
esistenti a livello internazionale, ispirate ad una logica di massima semplificazione
amministrativa, che tenga in conto i parametri di innovazione per la Ricerca
individuati dalla UE e riproposti nella comunicazione “Innovation Union”.
13. I principi elencati avranno ruoli prioritari e specifici anche con riferimento
all’utilizzo delle risorse comunitarie assegnate alle aree del Mezzogiorno e alle
collaborazioni Nord-Sud per infrastrutture di servizio alla ricerca.
3.3. LA SEMPLIFICAZIONE
Il PNR intende promuovere la semplificazione della normativa di settore e dei
procedimenti amministrativi anche ai fini dell’ottimizzazione dell’utilizzo delle
risorse.
L’individuazione degli interventi di semplificazione può essere ancor più
proficua se si amplifica la collaborazione tra i diversi soggetti che interagiscono nel
Sistema della ricerca: dalle Amministrazioni pubbliche nei vari livelli di governo alle
associazioni di categoria del mondo imprenditoriale con un particolare riguardo per
le PMI, il mondo bancario (ABI) e l’Associazione Nazionale fra le Imprese
Assicuratrici (ANIA). Uno dei problemi di maggior rilievo riguarda proprio l’accesso
alle garanzie creditizie o assicurative che comportano spesso ritardi per il
completamento delle procedure e, talvolta, del finanziamento dei progetti. Il PNR
prevede l’istituzione di un “tavolo tecnico per la semplificazione”, con l’obiettivo di
analizzare e proporre soluzioni tecniche finalizzate ad ottimizzare l’uso delle risorse
disponibili, superando l’attuale frammentazione degli interventi. Occorre, in sintesi,
mettere a fattor comune le risorse a disposizione, con una razionalizzazione
dell’intero sistema, coinvolgendo le Amministrazioni pubbliche e i soggetti pubblici e
privati che operano nel settore.
I possibili ambiti primari di intervento del citato “tavolo tecnico”sono:
Marzo 2011
29
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
il potenziamento dello sportello unico per l’impresa, strumento operativo
volto a facilitare il rapporto amministrazione pubblica/imprese attraverso
un’azione di informazione, indirizzo e supporto, anche in relazione alle
diverse attività procedimentali richieste per ottenere i finanziamenti. Lo
stesso obiettivo di potenziamento è rivolto al “registro delle imprese” che,
oltre a funzionare quale registro informatico degli adempimenti
amministrativi, dovrà configurarsi come una banca dati cui partecipano,
fornendo le informazioni ed avendone l’accesso, tutte le Amministrazioni
interessate. L’attivazione di una unitaria banca dati che, oltre ad agevolare
gli operatori, fornendo un panorama completo dei canali di finanziamento,
consenta di avere in tempi reali un quadro esaustivo dell’intervento pubblico
di settore. Inoltre, la previsione di un “codice unico di progetto” evita la
duplicazione di finanziamenti di un medesimo progetto;
la semplificazione delle procedure di presentazione e valutazione dei
progetti al fine di realizzare un’accelerazione delle procedure di erogazione
dei finanziamenti approvati. In tal senso il tavolo tecnico valuterà le
modifiche da apportare al D.M. n. 593/2000 con specifico riguardo alla fase
di valutazione economico finanziaria dei progetti presentati. Le novità
proposte dovrebbero in particolare circoscrivere le fasi finali di tale
valutazione ai soli progetti sui quali si esprime favorevolmente il comitato
tecnico scientifico. In tal senso, la fase finale della valutazione economico
finanziaria verrà trasformata, da ultimo segmento della fase valutativa del
progetto, a presupposto per la concessione del finanziamento ai progetti già
ritenuti meritevoli;
la semplificazione delle procedure di erogazione dei finanziamenti
approvati. In tal senso, il tavolo tecnico valuterà le modifiche normative e
regolamentari, anche attraverso l’introduzione di disposizioni meramente
interpretative della normativa vigente, utili alla predisposizione di un più
stretto coordinamento delle regole che disciplinano le modalità di erogazione
dei finanziamenti e la disponibilità degli stessi, con le necessità riscontrabili
nella fase di realizzazione concreta dei progetti di Ricerca ammessi al
finanziamento. L’obiettivo dell’intervento è di coordinare il limite temporale
di disponibilità dei finanziamenti con i tempi medi presumibili di
realizzazione di un progetto di ricerca.
Il miglioramento dell’azione amministrativa non può, infatti, prescindere
dalla certezza delle risorse. Sul punto il PNR auspica un riesame dell’attuale
regime previsto dalla Finanziaria 2008, che ha ridotto a tre anni il
mantenimento in bilancio delle risorse di parte capitale. I progetti di Ricerca
si sviluppano in più anni; è estremamente difficoltoso procedere dopo le
prime tranche ai pagamenti in corso d’opera ed a saldo. Anche per i progetti
triennali spesso non è possibile chiudere con il pagamento del saldo entro il
termine previsto per la perenzione, in quanto qualunque progetto di Ricerca
richiede almeno un anno per il completamento della fase istruttoria. Pur
prevedendo un’accelerazione delle procedure, difficilmente la Ricerca può
diventare operativa in tempi che ne garantiscano il completamento entro i tre
anni. Inoltre, il fondo speciale per la riassegnazione dei residui perenti delle
spese in conto capitale del Ministero dell’Economia e delle Finanze, è spesso
Marzo 2011
30
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
insufficiente a corrispondere alle richiese di riassegnazione, i cui tempi di
definizione sono comunque lunghi;
la valutazione di opportunità di erogazione dell’intero anticipo sul
finanziamento a fronte del potenziamento dei meccanismi di garanzie
fideiussorie e di garanzia richieste ai soggetti beneficiari di agevolazioni;
la previsione di un sistema premiale che consenta di concedere risorse
addizionali a quei progetti di maggior valore realizzati nei tempi
programmati.
3.4.
LE TECNOLOGIE ABILITANTI
La considerazione dei trend scientifico-tecnologici dei paesi particolarmente
attivi nell’incentivazione di azioni di R&S, segnala che, nella loro programmazione,
vengono considerate con priorità le tecnologie dotate di valenza abilitante nei
confronti dell’attività umana del futuro. Questi grandi interventi abilitanti63
riguardano le tecnologie genetiche; le tecnologie per l’energia; le tecnologie dei
materiali; le tecnologie per le neuroscienze; le tecnologie dell’informazione; le
tecnologie per l’ambiente e le tecnologie dei sensori per grandezze fisiche, chimiche e
biologiche. Il MIUR, nell’ambito delle competenze da sviluppare nel medio e lungo
periodo, si fa carico di questi ambiti tecnologici, i cui contenuti specifici sono in linea
anche con la programmazione del MISE, che con il Programma “Industria 2015” ha
individuato le linee strategiche di intervento per lo sviluppo e la competitività del
sistema produttivo italiano, incentrate su un concetto di industria esteso alle nuove
filiere produttive costituite da una più efficace integrazione tra i settori della
manifattura, dei servizi avanzati e delle nuove tecnologie e su scenari economicoproduttivi prospettici di medio e lungo periodo. Il MISE ha individuato, come ambiti
di intervento strategici per lo sviluppo del paese, l’Efficienza Energetica; la Mobilità
Sostenibile; le Nuove tecnologie per il Made in Italy; le Nuove tecnologie per la vita; e le
Tecnologie innovative per i Beni e le attività culturali.
Il MIUR, pertanto, contribuirà allo sviluppo di queste tecnologie, con l’obiettivo
di aumentare la competitività del sistema industriale nazionale, anche in coerenza
con gli obiettivi prefigurati da Europa 2020.
Marzo 2011
31
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
4
AZIONI
Il PNR propone azioni integrate in un sistema organico di governance condivisa
dalle diverse Amministrazioni interessate. Il coordinamento istituzionale dà
operatività agli strumenti già previsti, per esempio dalla Legge n. 204/98, che
istituisce una segreteria tecnica per gli interventi di R&S e che stimola le sinergie
interministeriali ed il coordinamento interistituzionale con le programmazioni
regionali ed europee.
Le azioni di R&S si sviluppano secondo archi temporali variabili. Esse vengono
attuate nel medio e lungo periodo prioritariamente dal MIUR, con il concorso di altre
Amministrazioni e di componenti private, ove necessario e strategicamente utile; nel
breve periodo, particolarmente a cura dei Ministeri tecnici e dalle imprese private. Le
azioni a cui fa riferimento il MIUR si sviluppano tenuto conto dell’istituzione del
Fondo per gli Investimenti nella Ricerca Scientifica e Tecnologica (FIRST)64 e del
Fondo Competitività, e che richiama la cabina di Regia tra MIUR, MISE e Ministero
dell’Innovazione. Al fondo FIRST confluiscono le risorse di competenza del Ministero
dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: per i progetti di interesse nazionale
(PRIN); per i nuovi Progetti a Partecipazione Mista (imprese, Enti, Università)
indirizzati allo sviluppo delle iniziative europee di JPI e Infrastrutture di Ricerca
(PPM); per le Agevolazioni alla Ricerca (FAR) di cui al Decreto Legislativo n. 297/99;
per gli investimenti in Ricerca di base (FIRB) di cui all’art. 104 della Legge n.
388/2000; nonché, per quanto di competenza, le risorse del Fondo per le Aree
Sottosviluppate (FAS). L’art. 1 della Legge n. 296/2006 al comma 873 prevede che il
Ministro dell’Università e della Ricerca, con decreto adottato ai sensi dell’art. 17,
comma 3, della Legge 23 agosto 1998, n. 400, sentita la Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome, definisca i criteri di accesso e
le modalità di utilizzo e gestione del FIRST. Il nuovo PNR recepisce motivazioni e
azioni previste dalle leggi citate e le inquadra in una visione prospettica
dell’organizzazione e strutturazione degli interventi nazionali e internazionali nel
settore della ricerca. In particolare, il PNR, nel recepimento delle indicazioni
normative richieste dall‘UE, adotta le misure necessarie per semplificare gli schemi
amministrativi nazionali armonizzandoli a quelli comunitari. La misura di
semplificazione si applicherà in modo specifico all’impiego della quota dei Fondi
Strutturali dedicata ad iniziative di ricerca, sviluppo e innovazione. Per assicurare
coerenza con il PNR, il Comitato tecnico previsto dal FIRST si avvarrà di esperti che
garantiscano la necessaria valenza premiale alle proposte coerenti con gli interessi
strategici del Paese individuati nel PNR.
Le linee di intervento del PNR sono coerenti con l’ambito considerato dalla
Commissione europea, che prevede accordi, su proposta delle Amministrazioni
regionali, per la realizzazione e/o il potenziamento di distretti ad alta tecnologia, o di
altre iniziative locali di rilevanza nazionale.
Marzo 2011
32
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
4.1. INTERVENTI DI MEDIO-LUNGO PERIODO
Gli attori coinvolti sono molteplici, ma è in questo ambito che il MIUR esercita,
attraverso il FIRST ed altri strumenti, gli interventi più significativi.
Azione 1. Sostenere la creatività e l’eccellenza in tutti i campi del sapere 65.
Prevede il sostegno a progetti di Ricerca fondamentale di base, liberi, finalizzati allo
sviluppo di nuova conoscenza, con impatto sul lungo periodo. Questa misura si
estende anche agli Enti nazionali di ricerca. La Ricerca knowledge-driven, finanziata
attraverso un intervento, specifico, viene valutata mediante peer review internazionale,
ed è collegata alla valutazione ex-post di progetti precedenti condotti dal proponente.
Il MIUR destina una quota di almeno il 25% delle disponibilità finanziarie destinate a
progetti knowledge-driven, a studiosi di età non superiore ai 40 anni. I proponenti
dovranno dimostrare che la struttura ospitante si fa carico della gestione dei fondi e
delle disponibilità di laboratori, servizi e strumentazioni. La struttura ospitante
garantisce anche la collaborazione necessaria al raggiungimento della massa critica di
ricercatori e competenze, pertinenti la tipologia di progetto. Quando i proponenti non
sono strutturati, il finanziamento può comprendere la remunerazione del ricercatore
e dei collaboratori. I progetti sono proposti da un singolo ricercatore che si avvale di
eventuali collaborazioni.
Azione 2. Ricerca di base orientata alle tecnologie abilitanti. L’azione stimola
processi di interazione tra Università, Enti di Ricerca, Ministeri, Industria e Regioni.
Le chiamate di progetto si rivolgono alla Ricerca di base, finalizzata allo sviluppo di
tecnologie pervasive ad impatto multisettoriale, in grado di produrre risultati nel
medio e lungo periodo. Lo sviluppo di una tecnologia può anche riguardare proposte
aggiuntive ai tipi di tecnologia specificati da questo documento. E’ ammissibile la
partecipazione di Università statali e non statali, e di Enti di Ricerca statali e non
statali. Le proposte possono coinvolgere imprese industriali produttrici di beni e/o di
servizi. Nel caso di progetti già valutati da Istituzioni comunitarie o da Organismi
operanti a livello comunitario, il MIUR, presa visione della coerenza dei progetti con i
suoi bandi e delle valutazioni ricevute, contribuisce con le quote di risorse previste
come compartecipazione del proponente al progetto. La partecipazione ai progetti di
giovani ricercatori e/o esperti di chiara fama internazionale, sostenuta da libera
chiamata dei coordinatori dei progetti, contribuisce in positivo alle valutazioni.
4.2. INTERVENTI DI BREVE-MEDIO PERIODO ORIENTATI ALLO SVILUPPO
INDUSTRIALE DEL PAESE
Questi interventi hanno il sostegno dei diversi Ministeri e del MIUR, e vengono
proposti e svolti con il coordinamento congiunto tra le Amministrazioni interessate,
nazionali e regionali.
Azione 3. Ricerca per lo sviluppo di settori industriali innovativi. Riguarda
interventi diretti a grandi progetti che prevedono lo sviluppo di singole e specifiche
aree prioritarie, e che precisano ragioni e localizzazioni degli investimenti, anche
avvalendosi di strumenti fiscali automatici per favorire la collaborazione tra la
Marzo 2011
33
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Ricerca pubblica e l’impresa. L’obiettivo include, oltre ai progetti d’area, anche lo
sviluppo di strumenti per l’incubazione di nuove imprese high-tech, da localizzare in
modo particolare presso i distretti ad alta tecnologia o Centri di Ricerca e Sviluppo
regionali con valenza internazionale. I progetti sostengono la Ricerca industriale,
incluso lo sviluppo sperimentale, e devono avere impatto nel medio-breve periodo.
Partecipano consorzi o società consortili, imprese, parchi scientifici e tecnologici,
società di ricerca, congiuntamente con Università, statali e non statali, Enti di Ricerca,
altri Organismi di Ricerca. Deve essere dimostrato l’interesse industriale
all’esecuzione del progetto e l’impatto economico-occupazionale dei risultati. Gli
strumenti che sviluppano questa azione si rifanno a misure specifiche, ma anche al
coinvolgimento dei distretti ad alta tecnologia, dei laboratori pubblico-privato, delle
piattaforme tecnologiche, dei centri di sviluppo nazionali e regionali.
Azione 4. Progetti integrati di Ricerca a sostegno dell’industria. Tali progetti
prevedono attività di Ricerca fondamentale, di Ricerca industriale, di sviluppo
sperimentale, di formazione, con prevalenza delle attività di Ricerca industriale,
finalizzati alla messa a punto di ben specificati prodotti e servizi, con impatto nel
medio-breve periodo. Partecipano a tali progetti imprese industriali, consorzi e
società consortili, parchi scientifici e tecnologici, società di ricerca, eventualmente
associati con Università statali e non statali, Enti di Ricerca, altri Organismi di
Ricerca66. Vengono considerati anche progetti per creare strumenti che accrescano la
propensione alla Ricerca delle piccole e medie imprese, introdotti dall’art. 14 della
Legge n. 196/97 e dall’art. 5 della Legge n. 449/9767. E’ prevista l’assunzione di
personale di ricerca, inclusa l’assegnazione di borse di studio per la frequenza a corsi
di dottorato di ricerca, l’assegnazione di commesse di ricerca, nonché il trasferimento
temporaneo di personale di Ricerca pubblico presso soggetti industriali68. Gli
strumenti menzionati riguardano anche il trasferimento tecnologico della Ricerca
pubblica alle PMI, un aspetto fondamentale nel processo che trasforma la conoscenza
scientifica disponibile particolarmente negli Enti Pubblici di Ricerca, in applicazioni
industriali. Gli strumenti di trasferimento tecnologico previsti devono prevedere la
collaborazione degli organi di governo locali nella definizione di best practice. A
sostegno di questa Azione è previsto l’utilizzo di voucher finalizzati al trasferimento
tecnologico e destinati soprattutto alle PMI. Obiettivo e caratteristica principale di
questi voucher è la copertura dei costi di “servizi”, necessari alla realizzazione e/o
finalizzazione di un progetto di innovazione presentato dalle PMI, erogati da centri di
Ricerca pubblici o privati precedentemente accreditati o che abbiamo aderito
all’iniziativa.
Le azioni 3 e 4 considerano anche misure dirette di trasferimento tecnologico.
Queste riguardano la gestione della proprietà intellettuale, la gestione dei know how,
lo scouting scientifico, l’organizzazione di uffici di technology transfer presso gli
Organismi di Ricerca, il potenziamento degli incubatori di impresa.
Azione 5. Sostegno alla creazione di nuove imprese ad alto contenuto
tecnologico. E’ una azione nel contesto del sistema di sostegno alla Ricerca
industriale. Il PNR favorisce la nascita di nuove imprese ad alto contenuto
tecnologico, quale risultato di un processo di spin-off dal mondo della Ricerca
pubblica, così come delle “reti di imprese”69. La misura era già stata avviata con il
Marzo 2011
34
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
decreto legislativo n. 297/99 che intendeva rafforzare il processo di avvicinamento tra
mondo accademico e mondo imprenditoriale, sino a raggiungere un livello di
contiguità che favorisse la nascita di nuove imprese. Ispirato ad analogo intervento
francese, prevede che professori o ricercatori universitari, ricercatori di Enti pubblici,
dottori di ricerca e titolari di assegni di ricerca possano proporre progetti di spin-off,
da realizzare con la collaborazione dell’Università, di imprese e/o di investitori
privati quali Fondazioni Bancarie, Venture Capitalist, Business Angel, Incubatori.
4.3. STRUMENTI ORGANIZZATIVI E OPERATIVI FUNZIONALI ALL’
INTEGRAZIONE DEGLI INTERVENTI DELLA RICERCA IN AMBITO NAZIONALE
E INTERNAZIONALE
La principale debolezza del sistema dell’innovazione a livello europeo è stata da
tempo individuata nella distanza esistente tra attori della Ricerca e mondo industriale
e nella mancanza di una visione globale di sistema che possa sollecitare e aiutare
l’incontro, la conoscenza e la collaborazione tra le due parti. La più efficace
cooperazione70 tra mondo della Ricerca e mondo delle imprese nell’ottica di rendere
più efficiente il Sistema della Ricerca e dell’innovazione rimane quindi un obiettivo
prioritario.
Il processo classico, nel quale l’innovazione deriva in modo lineare e
sequenziale dalle attività di Ricerca e Sviluppo, non è più attuale. L’attività di Ricerca
infatti, anche a livelli di eccellenza, non è in sé sufficiente a garantire la diffusione
dell’innovazione nel sistema economico e sociale. L’innovazione, scaturisce da un
approccio di tipo imprenditoriale, dall’incontro di più competenze, dall’interazione
tra imprese, mondo della Ricerca e istituzioni. Un approccio che si realizza in
un’ottica di sistema, con una organizzazione o una rete in grado di supportare i
processi di innovazione e trasferimento tecnologico e al tempo stesso di garantire il
migliore impiego delle risorse.
Le politiche per il sostegno della Ricerca e dell’innovazione in Italia, e in
particolare il precedente PNR, hanno dato vita a una serie di strumenti ed esperienze
volti a integrare e promuovere i tre fattori chiave del processo innovativo relativi alla
generazione, diffusione e valorizzazione della conoscenza. Si tratta di strumenti
complessi fondati su dinamiche di tipo aggregativo che tengono inoltre presente la
particolare necessità di migliorare l’efficacia e la sinergia nell’impiego delle risorse
dello Stato e delle Regioni, attraendo risorse comunitarie e private verso obiettivi di
sviluppo competitivo. L’obiettivo di questi strumenti è, quindi, di generare un
sistema che permetta di integrare, anche a livello territoriale e con riferimento agli
ambiti tecnologici prioritari, tutte le risorse e tutti i soggetti, pubblici e privati,
sviluppando in modo integrato le attività di Ricerca fondamentale, industriale, di
trasferimento tecnologico e di formazione del capitale umano, assicurando al
contempo il raggiungimento di una massa critica e di livelli di eccellenza nazionale e
internazionale.
Gli strumenti utilizzati per organizzare e governare questo sistema integrativo
comprendono le Piattaforme tecnologiche nazionali, i Distretti ad alta tecnologia, e i Poli di
eccellenza nazionale. Il CRI, di cui si auspica l’istituzione al paragrafo 7, dovrebbe
Marzo 2011
35
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
provvedere alla razionalizzazione di tali strumenti con la collaborazione delle
Regioni. Il PNR rimarca la necessità dell’integrazione dell’attività di valutazione
nell’operatività degli strumenti individuati in relazione agli obiettivi intermedi e/o
annuali, assegnati agli strumenti suddetti.
Le Piattaforme tecnologiche nazionali, strumento innovativo sviluppato a livello
europeo, promuovono la collaborazione fra le Amministrazioni, il Sistema della
Ricerca pubblico e privato e le imprese. Esse individuano scenari di sviluppo
tecnologico di medio e lungo periodo e le priorità tematiche, e identificano gli
strumenti di implementazione; si interfacciano con le esperienze analoghe sviluppate
a livello comunitario ed internazionale, sviluppano la messa in rete e il
coordinamento nazionale degli attori della Ricerca, dei distretti ad alta tecnologia e
dei poli di eccellenza relativi a tematiche convergenti anche nell’ottica della
interdisciplinarietà dell’approccio scientifico. Il riferimento internazionale è fornito da
due iniziative della Commissione europea: la costituzione di ETP (European
Technology Platform), e l’utilizzo di uno degli strumenti dell’attuazione della strategia
di Lisbona, i Joint Undertaking, o Joint Technology Initiative (JTI), principalmente
guidate da quadri del mondo industriale e produttivo coinvolgendo stakeholder
pubblici e privati, anche con riferimento alle esperienze maturate dalle modalità
attuative del Programma “Industria 2015”e con i temi su cui si concentrerà Expo 2015.
In questa ottica, il Programma Specifico “Capacità - Regioni della Conoscenza”,
è finalizzato alla messa in rete di research-driven cluster, attraverso progetti di scambio
di best practice, di azioni di tutoraggio e di programmazione congiunta, che vedono il
coinvolgimento delle autorità regionali, degli Enti coordinatori dei cluster, delle
Istituzioni di ricerca, dell’industria e di altri attori in un determinato settore tematico.
I Distretti ad alta tecnologia (DT) nascono inizialmente come aggregazioni
spontanee a scala regionale, e, dal 2002 in poi, da atti normativi e programmatici in
coerenza con gli obiettivi della strategia di Lisbona, per attuare il rilancio della
competitività in materia di Ricerca, sviluppo e innovazione di aree produttive
esistenti, rafforzandole attraverso la ricerca e lo sviluppo di tecnologie chiave
abilitanti l’innovazione di prodotto, di processo e organizzativa. Sono aggregazioni
sistemiche a livello territoriale tra istituzioni della ricerca, Università e sistema delle
imprese, guidate da uno specifico organo di governo, per sollecitare la cooperazione
e le sinergie nello sviluppo di uno specifico ambito. di specializzazione che deve
rientrare nelle tecnologie chiave abilitanti71.
Gli ambiti tecnologici abilitanti, individuati in base all’analisi dei trend
scientifico-tecnologici e la programmazione delle attività di Ricerca a livello
internazionale, riguardano: le tecnologie genetiche, le tecnologie per l’energia, le
tecnologie dei materiali, le tecnologie per le neuroscienze, le tecnologie
dell’informazione e le tecnologie per l’ambiente. Particolare attenzione è posta anche
agli ambiti salute e biomedicale, con particolare riferimento all’avvio del Piano e della
Rete Nazionale della Ricerca oncologica, finalizzati a sviluppare iniziative di
eccellenza internazionale.
I Distretti ad alta tecnologia sono chiaramente distinti dai distretti industriali
(caratterizzati da uno specifico comparto produttivo), e interpretano bene la necessità
esplicitata dalla Comunità europea che riguarda la creazione di cluster di Ricerca
tecnologica, facendo confluire molte Istituzioni e infrastrutture in un luogo fisico ad
Marzo 2011
36
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
elevatissima contiguità, come suggerito nel documento: “Regional Research Intensive
Clusters and Science Parks” (European Commission, Directorate-General for Research,
settembre 2007). Il documento analizza e descrive ragioni, strutture, operatività e
rilevanza dei cluster di Ricerca e dei poli di eccellenza per il rilancio dell’economia
basata sul sapere72,73,74.
I Poli di eccellenza raggruppano e collegano, su una ben definita frontiera
tecnologica, le competenze/strutture gestite da una pluralità di istituzioni,
incoraggiando l’interazione intensiva, l’uso in comune di installazioni, lo scambio di
conoscenze ed esperienze, la messa in rete e la diffusione delle informazioni75,76. Essi
sono coordinati da un consorzio di imprese, Università, Enti di Ricerca e altri soggetti
pubblici e privati e affrontano tecnologie che diventano sempre più complesse e
interdisciplinari. Spesso, tale interdisciplinarità trova la sua massima espressione in
alcuni settori della Ricerca pubblica, mentre il settore industriale, per diverse ragioni
può trovarsi in evidente difficoltà. Per favorire la Ricerca tramite collaborazioni
pubblico-privato e rafforzare ulteriormente il trasferimento tecnologico, le attività
dimostrative e la formazione, i centri di eccellenza devono, perciò, essere mantenuti
aperti alle industrie, ma sviluppare collegamenti nazionali e internazionali basati
sulle competenze scientifiche e collegarsi a presenze industriali di dimensioni e
qualità tali da potersi configurare come propulsori della Ricerca applicata e dello
sviluppo industriale. Dal punto di vista organizzativo, ricalcano in struttura e
organizzazione i distretti ad alta tecnologia ai quali si rimanda per la definizione dei
contenuti dell’azione e delle forme di sostegno pubblico.
Azione 6. Sostegno alle piattaforme tecnologiche nazionali. In Italia sono stati
costituiti i corrispettivi nazionali delle piattaforme tecnologiche europee. Le
piattaforme tecnologiche diventano particolarmente efficaci quando considerate in
relazione a poli di eccellenza regionali a valenza nazionale; esse possono diventare
strutture caratterizzanti per la messa in rete dei poli di eccellenza della R&S
nazionale.
Il PNR è favorevole alla nascita ed al consolidamento delle piattaforme nazionali,
riconoscendone ruolo e struttura e considerandole rilevanti nella organizzazione,
gestione e valutazione del Sistema di Ricerca nazionale, in particolare coerenza con
gli ambiti relativi a Expo 2015, sui temi dell’agroalimentare, della sostenibilità e
dell’energia. Questa azione prevede il riconoscimento da parte del MIUR delle
piattaforme nazionali e il loro coinvolgimento nelle azioni di programmazione e
valutazione delle azioni di ricerca.
Azione 7. Distretti ad alta tecnologia. Il MIUR, come in atto in altri Paesi
europei77, ha avviato un’azione di analisi e valutazione dei distretti italiani e delle
altre strutture consimili, con l’obiettivo di potenziarne l’efficacia e valutare
l’opportunità di promuovere interventi di riorganizzazione, necessaria a giustificarne
un riconoscimento formale e/o la continuità operativa di quelli esistenti. L’analisi
tiene conto che molti di essi sono nati in assenza di una più specifica
regolamentazione normativa, amministrativa e procedurale che, se da un lato ha
consentito l’emersione e la valorizzazione di vocazioni e specializzazioni territoriali e
di aggregazione di alcune densità di competenze, dall’altro ha determinato la nascita
e lo sviluppo di numerose iniziative organizzate secondo modelli e soluzioni
Marzo 2011
37
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
funzionali spesso tra loro molto differenti, se pure concentrati in pochi e medesimi
ambiti e settori tecnologici di intervento.
Per questa ragione, il PNR indica linee guida per promuovere l’attuazione della
nuova politica dei distretti ad alta tecnologia che, confermando la validità dei criteri
di base a suo tempo definiti dal MIUR, li integri con l’indicazione di alcuni ulteriori
criteri per rafforzarne operatività e performance.
il distretto ad alta tecnologia (DT) deve operare secondo dinamiche
internazionali assicurando l’acquisizione a livello globale delle conoscenze e
delle tecnologie più avanzate e il loro impatto locale sui territori di riferimento
(paradigma “glocal”). Per questo motivo esso deve esprimere programmi
strategici di ricerca, di sviluppo tecnologico e di innovazione, coerenti con le
agende strategiche di riferimento a livello europeo e globale, ed in linea con i
programmi di sviluppo e innovazione nazionali ed internazionali.
I singoli DT devono operare in modo focalizzato su un numero definito e
limitato di tematiche tecnologiche trasversali, che siano in grado di consolidare
la competitività dei territori di riferimento nonché promuovere e rafforzare le
sinergie tra politiche e strumenti di valorizzazione della Ricerca e innovazione
regionali, nazionali e comunitari.
Per superare il localismo, i DT dovrebbero essere inseriti in reti nazionali ed
internazionali di cui i DT siano i nodi territoriali, che permettano di rafforzarne
la competitività su di una scala più ampia, favorendo i processi di
internazionalizzazione delle imprese, migliorando la capacità di attrazione di
investimenti e talenti, creando le condizioni per la nascita e l’avvio iniziale di
start up e di spin off da ricerca, con l’obiettivo di raggiungere una maggiore
competitività a livello internazionale, ed una maggiore capacità di realizzare
sinergie tra settori industriali diversi sulle stesse tipologie tecnologiche.
Le reti dei DT e i DT devono operare a supporto delle politiche nazionali e
regionali della ricerca, e rappresentare “l’infrastruttura” finalizzata a
connettere e mettere a sistema gli ambiti ed i settori tra loro e con altri ambiti,
politiche, interventi e strumenti di carattere nazionale e regionale.
Il distretto ad alta tecnologia potrà avvalersi dello strumento delle piattaforme
tecnologiche nazionali per definire la propria visione strategica orientandola
allo sviluppo, e collegandola il più possibile alle frontiere tecnologiche più
avanzate.
Il distretto ad alta tecnologia deve attrarre capitali e finanza privata anche
attraverso la maggiore capacità di deal flow permessi dalla rete, mirando a
ridurre nel tempo la percentuale di finanza pubblica, e ad assicurare
l’autosostenibilità di lungo termine.
Il distretto ad alta tecnologia deve assumere una configurazione giuridica
definita, vigilata dalle Amministrazioni coinvolte e con organi di valutazione
indipendente, con una organizzazione dedicata e risorse specificamente
assegnate, in grado di offrire anche il servizio di rete necessaria per connettere
più distretti in termini trans-regionali.
Valorizzando i laboratori, le strutture di Ricerca e gli asset strategici dei soci, i
distretti coordinati possono essere i soggetti promotori di siti italiani per la
costruzione di infrastrutture di ricerca di interesse pan-europeo o globale. La
Marzo 2011
38
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
competizione a livello europeo per ospitare una grande infrastruttura ha un
effetto strutturante del distretto e del territorio e rappresenta comunque un
esercizio di benchmarking nello spazio economico e sociale europeo.
Il PNR, nel quadro del coordinamento interistituzionale e della nuova politica dei
distretti, indica la necessità che il MIUR provveda a:
selezionare le proposte di avvio dei distretti ad alta tecnologia, verificando la
sostenibilità delle ipotesi/condizioni progettuali in aree scientificotecnologiche di valenza strategica nazionale e/o sovra-regionale, e l’esistenza o
la pianificazione delle infrastrutture necessarie allo sviluppo del distretto;
misurare, nei distretti attuati e sulla base di criteri e indicatori oggettivi, i
risultati ottenuti e quelli non raggiunti e, se del caso, promuovere/suggerire
interventi migliorativi;
partecipare con risorse finanziarie da destinare al cofinanziamento dei progetti
di distretti ad alta tecnologia, in linea con le strategie del PNR, promuovendo
la partecipazione di altre Amministrazioni centrali e regionali e di soggetti
privati;
favorire la più ampia collaborazione tra i distretti ad alta tecnologia e tra questi
e gli altri soggetti che operano in un determinato ambito tecnologico.
Azione 8. Poli di eccellenza nazionale78. I poli di eccellenza raggruppano e
collegano competenze/strutture, gestite da una pluralità di Istituzioni, sono
coordinati da un consorzio di imprese, Università, Enti di Ricerca e altri soggetti
pubblici o privati attivi in un particolare settore e territorio, e devono affrontare,
nell’ambito della competizione internazionale una ben definita frontiera tecnologica
avanzata. Essi vengono riconosciuti e valutati in relazione ai risultati prodotti
nell’ambito di una competizione di questo livello: pubblicazioni, brevetti, spin-off,
collaborazioni e reti internazionali acquisite, personale di qualità internazionale
attratto. Le risorse ad essi destinate possono provenire, come nel caso dei distretti, da
strumenti nazionali e regionali coordinati nell’ambito di accordi specifici.
4.4. IL RILANCIO DEL CAPITALE UMANO DEDICATO ALLA RICERCA
Il Sistema nazionale di Ricerca pubblico ha addetti di età media elevata, che
hanno un buon score di pubblicazione, ma tendono ad operare con scarsi contatti con
l’impresa. La motivazione a pubblicare deriva dalla necessità di profilarsi a fini
concorsuali mentre poca attenzione viene data al problema della protezione della
proprietà intellettuale. Per esempio, rilevante sarebbe il riconoscimento di attività
orientate alla brevettazione, correlata con l’impresa, che porti a prodotti e beni di
interesse per il mercato nonché a prodotti con elevata probabilità di essere acquistati
da terzi. E’, cioè, presente nel Paese una resistenza della Ricerca pubblica ad adottare
nuove organizzazioni e nuovi meccanismi di incentivazione. Nel contesto mondiale la
ricerca di punta si qualifica per la sua internazionalità79,80 e interdisciplinarietà, ed è
sempre più dipendente, per il suo successo, da piattaforme tecnologiche avanzate. La
conclusione è che il gap di Ricerca con le nazioni guida europee aumenta anche a
causa della scarsa pluridisciplinarietà.
Marzo 2011
39
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Il PNR introduce azioni finalizzate all’attrazione e alla qualificazione dei giovani
nel settore della R&S, anche attraendoli da altri paesi81. Nel comparto pubblico,
l’intervento per l’Università e per gli Enti di Ricerca promuove dottorati di ricerca,
aumenta il numero dei ricercatori e ne abbassa l’età media. Le azioni da sviluppare in
questo ambito sono sostenute principalmente dal MIUR, in coordinamento con
specifici Atenei o Centri di ricerca, e con il possibile sostegno anche di altri Ministeri
e, particolarmente, del settore privato82.
Il PNR sostiene le Università e gli Enti Pubblici di Ricerca a dotarsi di una
Strategia per le Risorse Umane coerente con la Comunicazione della Commissione
europea “Migliori carriere e maggiore mobilità: una partnership europea per i
ricercatori” (COM/2008/317), che prevede un partenariato strategico con gli Stati
membri, con l’obiettivo di armonizzare gli sforzi dei singoli Stati membri in materia
di attrazione di risorse umane qualificate attraverso i Piani d’Azione Nazionale
(PAN). L’adozione e la pubblicazione delle strategie per le risorse umane delle
Università e degli EPR e la loro coerenza con gli elementi del PAN costituiranno
elementi che concorrono alla valutazione da parte dell’ANVUR e, nelle more
dell’attivazione dell’Agenzia, di CIVR e CNVSU.
Il PAN italiano sarà caratterizzato da una diffusa attenzione ai temi di genere ed
il PNR, anche attraverso il Tavolo di concertazione MIUR/Dipartimento per le Pari
Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, assicura l’attuazione delle
politiche di pari opportunità a tutti i livelli della scienza, della tecnologia e della
Ricerca scientifica, al fine di dare concreta attuazione alle Direttive e alle
Raccomandazioni dell’Unione Europea in tema di pari opportunità83, nonché alla
diffusione di una cultura di genere mediante attività formative e informative da
effettuare presso gli Istituti di ogni ordine e grado, le Università e gli Enti di Ricerca.
Azione 9. Interventi finalizzati all’attrazione e qualificazione di giovani nel
settore della Ricerca scientifica e tecnologica. Le assegnazioni di fondi per la Ricerca
ai corsi di dottorato nazionali era già prevista dal PNR 2005-2007. Le attività di
formazione sono ancorate a progetti di Ricerca e finalizzate a future professionalità
nell’ambito della Ricerca e dello Sviluppo. Partecipano strutture universitarie,
pubbliche o private, nazionali, comunitarie o internazionali, e/o Enti Pubblici di
Ricerca. La formazione riguarda esperienze operative in ambiti di Ricerca scientifica e
tecnologica, e l’approfondimento di temi propri a discipline specifiche. Viene istituito
un fondo dedicato al reclutamento di giovani ricercatori e/o di ricercatori anche di
altri paesi da coinvolgere particolarmente in progetti sviluppati nell’ambito delle
azioni 1, 2, 3 e 484. In questo ambito e per i ricercatori italiani, vengono creati
strumenti finalizzati al sostegno delle proposte di R&S presentate nell’ambito del
Programma IDEAS dello European Research Council (ERC), utilizzando liste di
graduatoria dell’ERC sentito il parere di CIS specifici (cfr paragrafo 6.1).
Azione 10. Scuole internazionali di dottorato. Viene stimolata la fondazione di
scuole internazionali di dottorato con un fondo diretto al reclutamento internazionale
di dottorandi, incentivando gli Atenei e gli Enti di Ricerca virtuosi
all’internazionalizzazione di procedure e contenuti delle scuole di neo-fondazione,
inclusa l’accettazione a tutti i livelli della lingua straniera. Il PNR sostiene lo
strumento che estende agli Enti di Ricerca l’istituzione e la gestione delle scuole
Marzo 2011
40
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
internazionali di dottorato. Per queste ultime assegna priorità alle proposte di
formazione dei dottorandi fatte da scuole internazionali dedicate allo sviluppo delle
tecnologie abilitanti. Il PNR, inoltre, stimola le piattaforme tecnologiche a che si
attivino a collaborare con l’Università per la costituzione di scuole internazionali di
dottorato. Al fine di favorire le interazioni pubblico-privato, suggerisce anche la
creazione di dottorati di Ricerca industriale focalizzati su progetti di sviluppo e con
un forte coinvolgimento dell’industria. Questa azione è sostenuta dal MIUR e da altre
Istituzioni anche private.
Azione 11. Riorientamento e recupero.
Il PNR introduce progetti di
riorientamento e recupero di strutture di Ricerca industriale, ancorati alla formazione
del personale di ricerca. I progetti devono essere coerenti con gli obiettivi di
riorientamento e recupero di competitività, e dimostrare le ricadute economicooccupazionali delle conoscenze acquisibili. Questa azione è sostenuta dal MIUR e da
altri Ministeri. I progetti devono prevedere la compartecipazione di Istituzioni locali e
delle Regioni.
Azione 12. Sostegno ai post-dottorati. Il PNR dedica una misura al sostegno di
sperimentazioni su larga scala tendenti all’introduzione nel Sistema nazionale di
Ricerca pubblica di forme di assunzione di post-dottorati, per periodi limitati nel
tempo ma ripetuti, con possibilità di sostituire con il nuovo meccanismo l’attuale
figura del ricercatore universitario (o assimilato), il tutto completato da proposte per
l’adozione di procedure di tenure track. Questa azione è sostenuta dal MIUR e da altri
Ministeri. I progetti devono prevedere la compartecipazione di Istituzioni locali,
anche private, e delle Regioni.
4.5. INFRASTRUTTURE
La realizzazione di grandi Infrastrutture di Ricerca di eccellenza mondiale è uno
dei cinque assi strategici per la strutturazione e lo sviluppo dello Spazio Europeo
della Ricerca. Le infrastrutture di Ricerca rappresentano un mezzo per promuovere la
cooperazione su scala paneuropea e per offrire alle comunità scientifiche un efficiente
accesso a metodi e tecnologie avanzati. Si rivolgono alla Ricerca di base e applicata in
tutti i settori scientifici, dalle scienze umane e sociali alla fisica, alle scienze
biomediche, ambientali, dell’energia e dei materiali, e alle nanoscienze.
Le infrastrutture sono uno strumento importante per sostenere e strutturare la
ricerca. Nel panorama attuale si possono distinguere le infrastrutture “locali e/o
nazionali” tipicamente di piccola e media dimensione, collegate a specifici Enti di
Ricerca, industrie e Università e le infrastrutture “internazionali” ad alta
concentrazione di risorse tecnologiche, scientifiche ed umane, di dimensione
tecnologica ed economica tale da non poter essere sostenute da un singolo paese,
orientate all’attrazione e al servizio di ricercatori selezionati con un peer review di
carattere internazionale. La disponibilità di infrastrutture e il loro continuo
miglioramento è una condizione irrinunciabile per il raggiungimento degli obiettivi
del PNR.
Marzo 2011
41
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Sviluppare una politica delle infrastrutture significa capacità di pianificare i
processi di sviluppo, ma soprattutto possibilità di investire con una prospettiva di
medio e lungo termine, anche favorendo concentrazioni tecnico-scientifiche di forte
valorizzazione del territorio. Le risorse pubbliche necessarie possono essere integrate
con interventi della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), aumentando così il
sostegno ai programmi di R&S, specialmente se rivolti a infrastrutture scientifiche
coordinate con le tematiche delle JPI e le piattaforme tecnologiche, cluster di Ricerca e
distretti ad alta tecnologia, che sostengano lo sviluppo di nuova imprenditorialità nei
settori high tech. La forma di intervento include anche operazioni pubblico-private,
molte relative alle aree di Ricerca identificate da questo documento. Un’opportunità
per aumentare l’efficacia delle risorse disponibili al Paese è costituita dall’avvio, con
fondi del Programma Quadro e della BEI, di un fondo di garanzia (Risk Sharing
Financial Facility, RSFF) per la costruzione e/o l’aggiornamento delle Infrastrutture di
Ricerca. Tale fondo permette di avere prestiti che non gravano sul debito dello Stato,
secondo una impostazione che l’Italia ha fortemente appoggiato, in sede di ECOFIN
anche con la proposta di avviare dei project bond UE e con l’avvio del fondo UE/BEI
dedicato alle PMI. L’attivazione dello ERIC (European Research Infrastructures
Consortium) permette di proporre che alcune delle infrastrutture esistenti, o da
costruire, in Italia vengano riconosciute come organismi internazionali, con una
solida prospettiva di finanziamento a lungo termine da fondi congiunti a livello
europeo.
L’Europa ha una cultura consolidata di grandi Infrastrutture di Ricerca, grazie
anche ai programmi sostenuti nel passato dalla Commissione europea. Questi
programmi hanno avuto un effetto strutturante sui settori tradizionali della ricerca, e,
più recentemente, nel campo socioeconomico, biomedico, ambientale e dei beni
culturali. Tutti i Programmi Quadro dell’Unione hanno sostenuto l’accesso dei
ricercatori alle infrastrutture della Ricerca scientifica e tecnologica, della diffusione
della cultura, dell’accesso efficace al patrimonio culturale, dell’ambiente e
dell’energia. La previsione della Comunità è di intensificare gli interventi nell’8° PQ.
Per quanto riguarda la creazione o il rafforzamento delle infrastrutture italiane,
l’interesse è primario per biofisica, nanostrutture, analisi fine della materia, nuovi
materiali, aerospazio, ingegneria antisismica e calcolo ad alta potenza; un’attenzione
crescente si osserva anche per il campo biomedico, dei beni culturali, delle energie
rinnovabili e della sensorialità aumentata.
Il riferimento delle azioni nazionali di governo di queste iniziative ad elevato
valore strategico è la politica di settore della UE, che, su mandato del Consiglio dei
Ministri per la Competitività, ha istituito nel 2002 un forum europeo, lo European
Strategy Forum for Research Infrastructures (ESFRI), per definire il fabbisogno in
infrastrutture internazionali di ricerca per i prossimi due decenni85.
Il documento Roadmap ESFRI sulla strategia a medio e lungo termine delle
Infrastrutture Europee identifica quarantaquattro progetti in diversi settori della
scienza e della tecnologia, considerati prioritari per l’Europa, con una spesa prevista
di circa 20 miliardi di Euro nei prossimi 10-15 anni, che rappresentano lo 0,8% della
spesa totale Europea in Ricerca e corrispondono ad un incremento iniziale di spesa
del 20% in questo settore.
I progetti della Roadmap ESFRI si vanno ad aggiungere sia alle infrastrutture
internazionali già presenti in Europa, come il Conseil Européen pour la Rechérche
Marzo 2011
42
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Nucléaire (CERN), la European Synchrotron Radiation Facility (ESRF), il progetto ITER
(International Thermonuclear Experimental Reactor) per la fusione termonucleare, il
progetto GEANT per le reti informatiche, la European Space Agency (ESA), lo European
Southern Observatory (ESO), sia alle infrastrutture nazionali che operano già in modo
pan-Europeo, come l’Opificio delle Pietre Dure o il Centro per la Risonanza
Magnetica Nucleare a Firenze, il Sincrotrone di Trieste, il Laboratorio del Gran Sasso,
il Telescopio Nazionale Galileo, il progetto internazionale IGNITOR, in fase di
realizzazione, dedicato allo studio dei plasmi nei processi di fusione termonucleare,
ecc. Per i progetti ESFRI, il 7° PQ ha creato lo strumento delle preparatory phase per
finanziare interamente la fase di maturazione tecnica, gestionale e di assetto
partecipativo delle infrastrutture individuate. Nel novembre 2009 sono state raccolte
le proposte di nuove infrastrutture nei settori Energia, Biotecnologie, Agroalimentare
e Pesca, secondo le indicazioni date dal Consiglio per la Competitività, completando
il quadro degli interventi prioritari per la costruzione dell’ERA, da implementare nel
prossimo decennio. La roadmap ESFRI rappresenta uno strumento di riferimento per
le comunità scientifiche e per i decisori politici degli Stati membri dell’Unione. Gli
Stati membri elaborano le roadmap di strategia nazionale per le infrastrutture. Il
rapporto tra la roadmap ESFRI e le roadmap nazionali è sinergico.
L’Italia partecipa a trentatrè preparatory phase avviate nel 2007,
coordinandone due, ed è stata proponente di ulteriori due delle dieci nuove
preparatory phase del bando 2009, partecipando complessivamente a otto di
queste phase. La definizione della roadmap italiana per le infrastrutture di ricerca di
interesse pan-europeo e nazionale è stata un passaggio fondamentale completato dal
MIUR nel maggio 201086. La roadmap nazionale, basata sull’analisi di proposte
espresse da tutti gli attori della Ricerca scientifica italiana, individua le necessità e le
opportunità di realizzare infrastrutture di ricerca sia localizzate in Italia, sia in altri
siti europei, realizzando ricadute importanti sul territorio e attraverso schemi di
contributo in kind in commesse industriali, oltre che i ritorni scientifici.
Il programma europeo di realizzazione delle grandi infrastrutture di ricerca è
anche un’occasione per razionalizzare l’investimento corrente oltre che potenziare le
prestazioni. Analogamente, il piano per le infrastrutture di portata nazionale potrà
realizzare una emersione e razionalizzazione delle strutture di supporto alla ricerca,
aumentandone l’efficacia e la visibilità e aggiornandole allo stato dell’arte. Tramite
l’analisi effettuata per la roadmap italiana e le partecipazioni alle preparatory phase, si
stanno delineando alcune ipotesi di partecipazione ad un sottoinsieme delle nuove
Infrastrutture ESFRI (PRACE, ESS-Neutron, EUROFEL, HIPER, SHARE, CLARIN,
INFRAFRONTIER, EMBRC, ECRIN, EATRIS, EuroBioImaging, BioBanking BBMRI,
High Security BLS4 Laboratory, INSTRUCT, Euro-ARGO, EMSO, EPOS,
LIFEWATCH, ELI, FAIR, Km3NET, ELT, SKA, TIARA, CTA). Queste infrastrutture
risultano, di conseguenza, candidate ad una valutazione di intervento prioritario
nella fase di costruzione, e nella relativa negoziazione con i partner europei e
internazionali per la definizione dei siti e degli impegni, aggiungendosi al
potenziamento di ESRF ed alla costruzione di XFEL già avviati.
Azione 13. Infrastrutture. Lo strumento per definire gli obiettivi di
internazionalizzazione e gli interventi specifici è la roadmap italiana collegata alla
roadmap europea ESFRI, sviluppata da parte di un Comitato di valutazione con esperti
italiani e internazionali. Questa roadmap è definita sulla base di una approfondita
Marzo 2011
43
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
valutazione sia dell’eccellenza scientifica delle proposte, che della rilevanza delle
possibili ricadute socioeconomiche. La valutazione della rilevanza terrà conto delle
sinergie tra le infrastrutture proposte e le altre iniziative e azioni del Programma, in
particolare i distretti ad alta tecnologia, i poli di eccellenza e l’internazionalizzazione
della Ricerca. L’azione di coordinamento, valorizzazione e razionalizzazione in
collegamento internazionale coinvolgerà anche infrastrutture nel campo della Sanità,
dell’Ambiente e dei Beni Culturali. La definizione della roadmap italiana tiene conto
della valorizzazione e del riorientamento delle infrastrutture di ricerca già esistenti,
mirando a una razionalizzazione e a una riqualificazione sia degli investimenti
pregressi che della spesa corrente, in particolare di quella collegata ad accordi
internazionali e/o a partecipazioni ad infrastrutture operanti all’estero. Le risorse
necessarie sono determinate sulla base dell’attuale finanziamento e delle proposte già
in esame, anche in seguito ad accordi tra l’Italia ed altri Paesi, come la partecipazione
italiana allo XFEL di Amburgo e allo ESS di Lund, oltre alla potenziale
internazionalizzazione di infrastrutture già operanti nel campo biomedico, delle
tecniche analitiche e della biologia marina. La roadmap ESFRI indica per l’Europa un
investimento di circa 20 miliardi di Euro nei prossimi 10-15 anni. L’impegno del
nostro Paese sarà di circa 100 milioni di Euro annui, da utilizzare sia per azioni di
sviluppo tecnologico congiunto con le industrie nazionali sia per la costruzione delle
infrastrutture e per il funzionamento.
4.6. RAPPORTO CON IL TERRITORIO
A livello territoriale, se il digital divide infrastrutturale appare come una delle
cause primarie della bassa produttività e scarsa crescita dell'economia italiana, il gap
territoriale è ancora significativo per ciò che riguarda la “conoscenza” come asset
intangibile, dove il modello di sviluppo, soprattutto nelle regioni del Sud, è ancora
caratterizzato da bassa intensità di reti di ricerca e scarsa diffusione delle modalità
più avanzate di trasferimento tecnologico e cooperazione fra imprese. Pertanto il PNR
vuole creare le condizioni per stimolare una visione più ampia di sinergie e di
coordinamento tra gli interventi nazionali, promossi dai singoli Ministeri, regionali ed
europei in un meccanismo di governance, condivisa tra i diversi attori istituzionali
della ricerca, da realizzare anche attraverso una più stabile coordinamento con la
Conferenza Stato - Regioni. In particolare, anche con le Amministrazioni regionali il
PNR ambisce a rendere sistematico il coordinamento negli ambiti relativi
all’ambiente, all’agricoltura e alla salute.
4.7. MEZZOGIORNO E PIANO SUD
La strategia di rafforzamento delle basi scientifiche e tecnologiche del sistema
economico e produttivo meridionale è improntata a unitarietà, organicità e
coordinamento delle iniziative, con l’adozione di principi di competitività con i
sistemi internazionali e di massima collaborazione tra istituzioni e Sistema di Ricerca
Marzo 2011
44
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
pubblica e privata. L’efficacia degli interventi è conseguita mediante un duplice
approccio: da un lato il rafforzamento continuo e costante del potenziale del “capitale
umano” attraverso l’alta formazione in termini di diffusione e generazione di
conoscenza, competenza e saperi legati all’innovazione; dall’altro alla valorizzazione
delle risorse naturali dell’ambiente e del territorio35, passando per un recupero ripristino - risanamento di tali risorse naturali, in molti casi compromesse.
In linea con gli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea e in totale adesione alla
“crescita intelligente” di Europa 2020, il PNR punta al consolidamento della
conoscenza come un asset prioritario da valorizzare, per aumentare, liberare e mettere
in azione il potenziale del capitale umano, per correggere il fenomeno dell’esodo di
talenti e cervelli dal Sud, per creare e sviluppare relazioni tra competenze e “saperi”
diversi. La cross fertilization di competenze d’eccellenza preesistenti, la molteplicità e
complementarietà degli attori (centri di ricerca, accademia, innovative business
community, ecc), la presenza internazionale e la disponibilità di nuove tecnologie ICT,
favoriscono il trasferimento di competenze per sviluppare innovazione. La posizione
geografica dell’Italia e del Sud, in particolare, può favorire ed accelerare l’attivazione
di scambi di carattere scientifico con i Paesi che si affacciano sulla sponda Sud del
Mediterraneo, in particolare con il Nord Africa.
In tal senso, l’esigenza di favorire l’integrazione del Sistema della Ricerca tra le
Regioni Convergenza87, le Regioni del Mezzogiorno e le Regioni del Nord si
concretizza nella definizione di alcuni obiettivi prioritari, coerenti con le politiche
regionali e l’attuale indirizzo comunitario tracciato da Innovation Union:
- offrire sostegno al progresso e alla diffusione della Ricerca in tutte le aree della
conoscenza;
- favorire la multidisciplinarietà sinergica e l’aggregazione di masse critiche di
ricercatori intorno a temi specifici;
- migliorare i modelli di promozione e gestione della ricerca;
- intensificare le relazioni col mondo produttivo per favorire l’innovazione
tecnologica, organizzativa e di mercato delle PMI;
- promuovere le attività di Ricerca in armonia con gli indirizzi della
programmazione nazionale ed europea, coerentemente con accordi ed
iniziative a carattere interregionale;
- favorire l’internazionalizzazione della Ricerca delle Regioni del Mezzogiorno.
La realizzazione di tali obiettivi passa anche attraverso l’impiego del PON
Ricerca e Competitività88, a sostegno di grandi infrastrutture di ricerca pan-europee
localizzate nelle Regioni Convergenza, in linea con le indicazione di ottimizzazione
dei fondi strutturali per queste finalità.
Il PNR prevede che, nell’ambito della verifica di funzionalità dei distretti ad alta
tecnologia esistenti e nel caso di un’eventuale implementazione di nuovi distretti,
venga perseguito l’obiettivo di raggiungere un’equa ripartizione del loro numero in
tutto il territorio nazionale. Il PNR riconosce che il principale strumento operativo di
attuazione del PON Ricerca & Competitività (PON R&C) si basa su Accordi di
Programma Quadro (APQ) tra le Regioni Convergenza e il MIUR. Con tali Accordi di
Programma Quadro, il MIUR definisce le modalità di attivazione delle risorse
impegnate. Gli Accordi di Programma Quadro stipulati individuano settori/ambiti di
Marzo 2011
45
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
intervento simili per le quattro Regioni citate, distinguendo, per la sola Ricerca
industriale, tra le due modalità di intervento:
bando, aperto a tutti i soggetti ammissibili del territorio di riferimento, per la
selezione e il finanziamento di progetti di Ricerca industriale, progetti da
attivarsi secondo le regole dell’art. 12 del Decreto Ministeriale DM n. 593/00
(attuativo, come noto, delle disposizioni del decreto legislativo n. 297/99);
“chiamata” rivolta allo sviluppo/potenziamento di distretti e di laboratori
pubblico-privati, a partire da quelli già finanziati dal Ministero, da attivarsi
secondo le regole dell’art. 13 del richiamato DM n. 593/00.
Nella definizione delle specifiche modalità di intervento, il PNR si è posto
l’obiettivo della costruzione di uno strumento attuativo che possa garantire un
impegno di risorse ingenti per iniziative di livello qualitativo e in grado di avere
evidenti e importanti ricadute socio-economiche sui territori interessati; assicurare
che gli interventi siano idonei a contribuire a quei mutamenti “strutturali” delle
condizioni socio-economiche del Mezzogiorno che l’Unione Europea, con la messa a
disposizione dei Fondi Strutturali, richiede agli Stati nazionali.
Il PNR, pertanto, prevede di concentrare le risorse su pochi grandi interventi,
dove soggetti pubblici e privati operano con obiettivi condivisi di sviluppo
tecnologico, interventi caratterizzati da grande qualità scientifica di livello
internazionale; medio e lungo orizzonte temporale; attendibile e verificabile capacità
di generare valore industriale, favorendo la crescita e lo sviluppo di una industria
innovativa e di una forte capacità competitiva; consistente capacità di impiegare il
migliore capitale umano disponibile, puntando anche a generare occupazione di alto
profilo professionale.
Tenuto conto del proprio ruolo istituzionale e della necessità di garantire un
corretto raccordo con le altre Amministrazioni centrali e regionali, il MIUR indirizza i
propri interventi verso lo sviluppo di tecnologie abilitanti, in grado di favorire la
crescita e lo sviluppo innovativo e competitivo dei settori industriali, e di rilanciare e
posizionare in modo nuovo l’economia del Mezzogiorno.
Appare quanto mai utile, a tale riguardo, operare nel senso di sviluppare incroci
virtuosi tra le tecnologie abilitanti e i settori su cui punta il Programma Industria 2015
del MISE, al fine di spostare la capacità tecnologica del sistema industriale verso un
orizzonte che guarda al 2020 e oltre.
Tra le iniziative più mature e già indirizzate sotto il profilo procedimentale
sono stati individuati alcuni interventi ritenuti prioritari e strategici per il
raggiungimento di significativi obiettivi di Ricerca e di sviluppo.
Si tratta, in breve, di progetti che, in sintonia anche con gli obiettivi e le azioni
previste dal “Piano Sud” elaborato del MISE, coinvolgono esperienze di primario
rilievo nazionale ed internazionale, riferiti a specifiche ed innovative tematiche in
settori di punta, quali:
Nel campo della capacità sistemistica: sviluppo di una capacità di supercalcolo
mediante l’implementazione di un’infrastruttura immateriale e di una rete
GRID ad alte prestazioni come base hardware e software per realizzare una
Marzo 2011
46
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
nuova offerta di servizi IT innovativi on demand per il mondo della ricerca, il
settore pubblico e il mondo delle imprese.
Nel campo delle biotecnologie: definizione del primo standard di certificazione
di qualità internazionale per la tutela dai rischi in materia di tossicità
dell’ambiente e dei prodotti alimentari derivanti dell’impiego dei
nanomateriali; meteorologia, monitoraggio e campionamento di nanomateriali
presenti nell’ambiente e in prodotti commerciali; studio della tossicità di tali
nanomateriali in modelli in vitro e in vivo; identificazione e sviluppo di
protocolli e regolamentazioni per la tutela della salute dell’uomo e
dell’ambiente, ai fini delle future normative internazionali di sicurezza per
l’ambiente e la salute dell’uomo.
Nel campo delle tecnologie di comunicazione: potenziamento ed integrazione
delle infrastrutture spaziali di comunicazione, navigazione e telerilevamento
attraverso un progetto, definito dall’Agenzia Spaziale Italiana, che prevede la
realizzazione di un sistema integrato di telecomunicazioni, osservazione della
terra, navigazione per gli utenti istituzionali (SINTONIA). Programma a
supporto di un’ampia gamma di applicazioni ad alto valore aggiunto con
ampie ricadute sui servizi di utilità generale per territorio, imprese e pubblica
amministrazione.
Nel campo dei nuovi materiali: Ricerca nell’ambito delle tecnologie innovative
aerostrutturali, con particolare riferimento a quelle relative al composito, per
lo sviluppo di nanocompositi con proprietà meccaniche, chimiche ed
elettromagnetiche adattate alle specifiche richieste delle tecnologie
aeronautiche e dei trasporti su terra. Potenziamento delle capacità
infrastrutturali di produrre materiali e nano compositi (Polo delle fibre di
carbonio).
Nel campo dell’elettronica avanzata: sviluppo di processi tecnologici e di
architetture circuitali per generazioni tecnologiche di memorie non volatili
(NVM) di tipo flash e PCM, per la componentistica delle macchine di calcolo di
nuova generazione. Abilitante per il mercato della telefonia mobile, dei
computer e consumer electronics.
Nel settore delle energie rinnovabili: la realizzazione un centro per lo sviluppo
e la industrializzazione di celle fotovoltaiche a base plastica con efficienza del
10% circa e costi inferiori a 1€/w di picco a favore di un mercato di portable –
energy a basso costo per uso low-power domestico e consumer elettronics.
Nel campo della logistica integrata: l’implementazione di un distretto ad alta
tecnologia visto come integratore dei vari sistemi da sviluppare in termini di
Ricerca e industrializzazione all’interno del comparto (homeland security, ICT,
manutenzione dei vettori, ecc. ).
Nel settore delle infrastrutture di ricerca: la realizzazione della struttura di
riferimento (centro di servizi e laboratorio di tecnologie avanzate) per la
conduzione delle infrastrutture europee della Roadmap ESFRI di cui l’Italia è
già coordinatore internazionale. In particolare, si fa riferimento alle
infrastrutture europee EMSO (European Multidisciplinary Seafloor Observatory),
Marzo 2011
47
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
EMBRC (European Marine Biological Resource Centre) e KM3Net (Kilometre Cube
Neutrino Telescope) i cui siti italiani si trovano nelle regioni Sicilia e Campania.
Si segnala inoltre l’infrastruttura PIBE (Piattaforma Integrata per l'uso di Biomasse
e rifiuti di origine vegetale), con sito in Campania, che è stata selezionata come
infrastruttura di interesse nazionale nella Roadmap italiana delle infrastrutture
di ricerca.
Nella scelta e implementazione delle iniziative direttamente volte allo sviluppo
sostenibile, sia dal lato della Ricerca che dal lato della competitività, si ritiene
fondamentale perseguire un approccio sinergico tra il MIUR ed il Ministero
dell’Ambiente (MATTM), Autorità ambientale competente per materia.
Nell’ambito di una fase di negoziazione ed approfondimento sono state individuate
le prime priorità e possibili tematiche ambientali oggetto di approfondimento,
relative a bonifiche terrestri e marine, sviluppo sostenibile dei distretti industriali
(eco-distretti) ed attività di Ricerca marina (con focus su sostenibilità della pesca,
biologia marina e trasporti via mare). Ulteriori ambiti di collaborazione, relativi al
consumo sostenibile, alla politica industriale ed energetica sostenibile ed alle politiche
relative alla riduzione di CO2 (cfr. direttive ETS) possono essere attivati con il
MATTM ed il MISE, competenti in tali ambiti ed attivi, anche a livello comunitario, ai
tavoli Integrated Product Policy (presso l’Environemnt Directorate General) e Enterprise,
Environment and Energy Policy presso l’Enterprise and Industry Directorate General.
Azione 14. PON per le Regioni Convergenza. Il PON Ricerca e Competitività è
ritenuto coerente con gli obiettivi generali e specifici del PNR. In particolare, il PON
determina nelle Regioni Convergenza condizioni ottimali per la valorizzazione e
l’attrattività di investimenti in Ricerca e Sviluppo. La gestione del PON, attraverso
Accordi di Programma Quadro con le Regioni, anticipa e prefigura le auspicate
modalità di interazione e complementarietà tra Amministrazione centrale e Enti
regionali. Allo stato, si riscontra il soddisfacente esito del bando per la Ricerca
industriale; è di recente pubblicazione l’avviso per la selezione dei progetti proposti
dai distretti ad alta tecnologia e laboratori pubblico-privati. La struttura del PON
prevede, infine, la realizzazione di azioni di cooperazione Nord-Sud volte a favorire
l’integrazione ed il trasferimento di conoscenze tra aree ad alta intensità tecnologica e
sistemi locali di sviluppo insediati nel Mezzogiorno.
Azione 15. Estensione dei progetti PON alle altre Regioni del Mezzogiorno e al
Nord. La struttura del PON prevede, infine, la realizzazione di azioni di cooperazione
fra Regioni Convergenza, altre Regioni del Mezzogiorno e altre Regioni del CentroNord volte a favorire la integrazione ed il trasferimento di conoscenze tra aree ad alta
intensità tecnologica e sistemi locali di sviluppo insediati nel Mezzogiorno. Questa
azione prevede la costituzione di un fondo pari ad almeno il 12% delle risorse PON
(azione 14) da destinare a sviluppi particolari delle Grandi Agende PON, da
realizzare al di fuori delle quattro Regioni Convergenza. In questo senso la
preparazione e proposta delle Grandi Agende può essere integrata da una proposta
accessoria indipendente ma allegata alla precedente, che specifica i contenuti della
collaborazione prevista. In tal senso, a favore del rafforzamento dell’osmosi fra i
territori, in linea con le recenti misure proposte nel disegno di Legge di Stabilità per il
Marzo 2011
48
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
2011, il PNR propone l’utilizzo di voucher per favorire la mobilità dei ricercatori tra le
aree geografiche Nord e Sud.
4.8. STRATEGIE PER LA RICERCA IN AMBITO INTERNAZIONALE
Per il Paese, quale fondatore dell’Unione Europea, lo strumento fondamentale di
implementazione dell’internazionalizzazione della Ricerca è senza dubbio il
contributo al completamento dello Spazio Europeo della Ricerca (European Research
Area - ERA). Il principio base su cui si fonda ERA è la messa a fattor comune dei
sistemi di Ricerca nazionali in un meccanismo di sinergia volto alla crescita della
competitività dell’Europa. Su tale base, a partire dal 1994, vengono formati i
programmi quadro della Ricerca europea. In tale anno infatti Jacques Delors con il
Libro Bianco “Crescita, competitività ed occupazione” tracciò le linee dell’attuale
Sistema della Ricerca europea, nella quale tutti i Paesi dell’Unione si devono
riconoscere ai sensi dei trattati fondamentali europei ed in particolare del trattato di
Lisbona.
La rinnovata strategia EU2020 ed in particolare la Comunicazione Innovation
Union ribadiscono con forza tali principi fondativi e ne fanno la matrice del futuro
europeo per il conseguimento di uno sviluppo “smart, sustainable and inclusive” al fine
di superare la presente congiuntura economica e continuare a garantire il ruolo guida
del Sistema di Ricerca europeo a livello globale.
La promozione della Ricerca in ambito internazionale prevede anche il sostegno
a programmi di Ricerca in settori scientifici e tecnologici innovativi e di frontiera, per
realizzare progetti non attuabili in modo competitivo a livello nazionale o regionale, e
in cui la collaborazione internazionale rappresenta un valore aggiunto.
L’internazionalizzazione comprende le forme di collaborazione sovranazionale
anche se, nella logica di una strategia di sviluppo e competitività dell’area di Ricerca
europea, il principale quadro di riferimento è appunto quello dell’Unione Europea
ed, in particolare, dei Programmi Quadro di Ricerca (PQ). Il 7° PQ include quattro
programmi specifici – Cooperation, Idea, People, Capacities – e un programma sulla
Ricerca nucleare.
A questi strumenti si aggiungono i progetti ERA-NET, di particolare interesse
per l’internazionalizzazione della Ricerca e per la costruzione e il consolidamento di
ERA. Questi programmi di Ricerca prevedono il collegamento in rete di attività di
Ricerca svolte a livello nazionale o regionale, con lo scambio di informazioni e buone
pratiche; attività di Ricerca transnazionale (strategia comune, bandi congiunti e
attività di ricerca, valutazione multinazionale e diffusione dei risultati comune);
attività strategiche congiunte (analisi, criticità, valutazioni); attuazione di attività
congiunte (formazione, networking, workshop, valutazioni multinazionali, accesso
reciproco ad attrezzature e laboratori).
Un’importante iniziativa della Commissione europea come base per la piena
realizzazione dello Spazio Europeo della Ricerca nel periodo fino al 2020, è
rappresentato dalla Programmazione Congiunta della Ricerca Europea (Joint
Programming Initiative, JPI). Questo nuovo strumento comunitario lanciato nel 2008,
prevede l’impegno, ai più alti livelli politici da parte degli Stati membri e associati, a
definire una visione ed un piano strategico di Ricerca condivisi per rispondere, in
Marzo 2011
49
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
aree tematiche selezionate, alle più rilevanti sfide della società e contribuire così in
maniera efficace ed effettiva al completamento della ERA.
Le Iniziative di Programmazione Congiunta (JPI) vengono anche interpretate
dalla Commissione europea come un incubatore di idee per il futuro 8° Programma
Quadro della Ricerca, la cui articolazione non sarà più esclusivamente verticalizzata
per settori tematici, ma si arricchirà ed innoverà attraverso l’integrazione disciplinare
e di strumenti, meglio disegnata per rispondere alle “Major Societal Challenges”.
Il contributo finanziario del Paese ai PQ (circa il 13,5%) è in media superiore al
ritorno in termini di finanziamenti della Ricerca di gruppi italiani partecipanti a
progetti europei (circa il 9%). Si tratta, tuttavia di un dato medio; un’analisi di
dettaglio mostra che la percentuale di successo e quella di finanziamento possono
variare considerevolmente da un settore all’altro. In generale, il disavanzo dipende in
larga parte da una perdita di competitività del Sistema della Ricerca in alcuni settori,
dalla presenza/partecipazione non strutturata di gruppi italiani a programmi e/o
network internazionali, dal numero complessivamente ridotto dei ricercatori italiani
rispetto alla popolazione, e dalla tradizionale assenza di piani di programmazione
della ricerca, allineati, sia come contenuti sia come tempistica, con quelli dei
Programmi Quadro europei. Linee guide utili a modificare tale situazione sono
contenute nei documenti relativi alla Strategia Italiana per l’Internazionalizzazione
della Ricerca (SIRIt) e alla Roadmap italiana delle infrastrutture di Ricerca di livello
paneuropeo.
Azione 16. Migliorare il Sistema della Ricerca Italiana attraverso
l’internazionalizzazione. L’azione ha come obiettivo di migliorare le performance
della Ricerca italiana attraverso l’internazionalizzazione, massimizzando lo
sfruttamento degli strumenti di collaborazione in ambito UE, per la piena
realizzazione dello Spazio Europeo della Ricerca (ERA) anche perseguendo altri tipi
d’impegno a livello internazionale basati su accordi bilaterali e multilaterali. Risorse
verranno destinate all’impulso di questa Azione, anche tramite la creazione di nuove
infrastrutture di ricerca e il potenziamento di quelle esistenti, secondo criteri ispirati
alla premialità delle eccellenze nazionali riconosciute a livello internazionale. Questo
anche al fine di promuovere a livello pan-europeo e mondiale la Ricerca italiana in
coerenza con le tematiche scelte dal Paese nell’ambito del processo JPI.
Verrà dedicata particolare attenzione ai programmi già implementati dall’UE
quali ERA-NET e JTI. I progetti ERA-NET prevedono la collaborazione internazionale
su attività di Ricerca e la reciproca apertura dei programmi di Ricerca nazionali. Per
quanto riguarda le JTI, un impegno governativo per conferire loro una struttura
giuridica riconosciuta necessita di un coinvolgimento delle imprese private nel
finanziamento della Ricerca sia nazionale che internazionale. Verrà mantenuta una
attiva partecipazione italiana alla fase decisionale, alla definizione ed
all’implementazione delle JPI quale strumento strategico per il futuro della Ricerca
europea. L’iniziativa, condotta attraverso un apposito Gruppo di lavoro (GPC) nel
quale sono rappresentati tutti i Paesi membri e associati, ha già identificato un
numero ridotto di temi prioritari, sui quali definire un piano strategico di Ricerca
condiviso. Il PNR mantiene una finestra aperta su questo processo, che
Marzo 2011
50
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
presumibilmente orienterà le scelte del prossimo Programma Quadro per la Ricerca
europea.
Verranno stabilite, concretizzate e migliorate le attività bilaterali e multilaterali
di collaborazione e scambio scientifico, tecnologico e di ricerca con altri Paesi dell’UE,
sia nell’ambito degli esistenti strumenti comunitari, sia tramite strumenti
individuabili ad hoc.
Nella programmazione della Ricerca italiana trova spazio l’attività di collaborazione
con Paesi extraeuropei. Questa programmazione ha una logica geografica e politica e
si indirizza prevalentemente verso il Nord America (Stati Uniti e Canada), il
Giappone, i Paesi emergenti (Brasile, Russia, India, Sud Africa e Cina), e i Paesi della
costa Sud del Mediterraneo e quelli dell’Africa Sub-sahariana. Sarà anche onorato
l’impegno internazionale del Paese nei confronti delle convenzioni e accordi globali,
nel quadro delle Nazioni Unite e non, che prevedono strumenti di finanziamento ad
hoc per l’attuazione di technology transfer nei settori climatico-ambientale, energetici,
sociali, di aiuto umanitario e culturali. Il settore della Ricerca aerospaziale,
considerato come prioritario per il Paese, ha un ruolo cruciale e trainante per tutti gli
altri settori, sia per quanto riguarda il land survey sia per la gestione delle emergenze
globali.
Marzo 2011
51
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
5
RIFORME DI STRUTTURA
5.1. UNIVERSITÀ
Azione 17. Università. L’European Innovation Scoreboard 2009 inserisce l’Italia tra
i Moderate Innovator, con un indice di innovazione al di sotto della media europea, sia
nei livelli assoluti che nei margini di miglioramento. Tra i punti deboli del nostro
Paese, gli esperti individuano le problematiche inerenti alle risorse umane, agli
investimenti privati e all’imprenditoria. Sembra invece soddisfacente il rapporto
spesa pubblica/PIL, che si avvicina alla media europea ( 0,55% rispetto allo 0,67%).
Il Programma Nazionale della Ricerca si propone di incentivare interventi di
tipo strutturale attraverso i quali il Paese può migliorare le proprie performance,
soprattutto nelle aree deboli. In particolare, il PNR 2011-2013 assegna un valore
strategico alla collaborazione pubblico-privata per lo sviluppo di prodotti e processi
finalizzati a sostenere e incrementare la competitività del Paese. In questo quadro, il
ruolo delle Università e degli Enti di Ricerca è di fondamentale importanza per lo
sviluppo del Paese.
Le attività di Ricerca nazionali devono necessariamente raggiungere dimensioni
e moduli comparabili con quelle internazionali. A tal fine, viene incentivata la
costituzione di reti trasversali che superino gli interessi localistici o settoriali e
stimolino sinergie tra le università, ma anche tra le Università e le imprese, in un
contesto globalizzato. Le reti di organizzazioni dedicate alla ricerca, presenti a livello
territoriale, vengono sostenute nella misura in cui sono in grado di confrontarsi a
livello internazionale e di essere attrattive delle migliori competenze esterne.
I processi di internazionalizzazione e di mobilità professionale vengono
sostenuti al fine di creare reti di ricercatori prima ancora che di istituzioni. La
costituzione di network impone infatti il superamento dei vincoli territoriali, indirizza
la competitività verso l’esterno e richiede un’efficiente attività di coordinamento.
Tutto questo presume un profondo mutamento delle regole interne di ogni attore del
network: il mondo universitario e quello del lavoro devono dialogare con linguaggi
comuni, condividere regole finanziarie, garantire tempi di risposta comparabili.
Diventa allora indispensabile investire in un trasferimento non solo tecnologico,
ma di conoscenza, di competenze, di capitale umano, in grado di sradicare la
diffidenza di organizzazioni che hanno a lungo lavorato indipendentemente, quando
non in competizione. I benefici di questo processo non saranno circoscritti alla Ricerca
scientifica: le Università potranno sperimentare utili sinergie con il mondo del lavoro
anche sul versante della didattica e delle attività professionalizzanti. La consultazione
degli stakeholder in fase di progettazione dell’offerta formativa, gli accordi per attività
di stage e tirocini ai laureandi, il sostegno a spin-off universitari sono misure che
creano una rete di intenti, ma che hanno assoluto bisogno di persone e di strutture
organizzate ed efficienti.
Le innovazioni normative del sistema universitario e degli Enti Pubblici di
Ricerca sono premesse irrinunciabili per il processo di implementazione del PNR e
della messa in atto delle sue azioni.
Marzo 2011
52
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Attraverso il PNR, nel medio termine si intende promuovere:
a) la condivisione di macro obiettivi dell’attività di ricerca, prima ancora che di
risorse, siano esse umane o finanziarie;
b) la definizione di aree prioritarie, individuate anche con la creazione di una
banca dati delle competenze e delle eccellenze in R&S del sistema pubblico e privato;
c) il raccordo delle specificità e priorità italiane con le iniziative più rilevanti, a
livello comunitario e internazionale, per il potenziamento e rinnovamento delle
dotazioni infrastrutturali dell’intero sistema nazionale della Ricerca. E’ questo il
quadro in cui il PNR si integra nel processo di trasformazione della governance
universitaria, definito nelle Linee Guida del Governo per le Università e declinato
dalla cosiddetta Riforma Gelmini, legge n. 240/10 del 30 dicembre 2010.
Università statali più autonome e finanziariamente più indipendenti dallo Stato,
con un sistema di programmazione pluriennale e di bilanci che superano la logica
strettamente finanziaria delle entrate e delle uscite di cassa. Università in grado di
garantire la continuità di risultati attraverso un sistema interno di assicurazione della
qualità che monitora i processi ed è in grado di predisporre adeguate e tempestive
misure correttive per superare eventuali criticità, in coerenza con i criteri stabiliti a
livello nazionale dalla costituenda Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema
Universitario e della Ricerca (ANVUR).
È in quest’ottica che il disegno di legge concernente “norme in materia di
organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento” promuove
una riforma organizzativa e funzionale del sistema universitario, caratterizzata da:
binomio autonomia-responsabilità: finanziaria, scientifica, didattica;
riforma della governance e del reclutamento del personale secondo
criteri meritocratici e di trasparenza;
ridefinizione delle procedure di reclutamento;
coinvolgimento di commissari di prestigio internazionale nelle
procedure di reclutamento dei docenti;
creazione di un Comitato nazionale di garanti per la ricerca, costituito
da esperti di elevata qualificazione scientifica internazionale, per la selezione
dei progetti di Ricerca a competizione;
federazioni di Università o di Facoltà per migliorare l’efficienza e la
qualità delle attività di didattica e ricerca;
modello di ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario con
una quota premiale progressivamente crescente e ancorata alle performance
nella Ricerca scientifica;
realizzazione di un sistema contabilità economico-patrimoniale che
garantisca bilanci trasparenti, secondo criteri nazionali concordati tra MIUR
e MEF.
5.2. ENTI DI RICERCA NON UNIVERSITARI (EPR)
Il Decreto di riordino degli EPR, emanato in attuazione dell’art. 1 della Legge
delega del 27 settembre 2007, n. 165, così come modificata dalla lettera a) del comma
Marzo 2011
53
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
1, art. 27 della legge 18 giugno 2009, n. 69, ed attuato con il D.Lgs. n. 213/2009, ha
l’obiettivo di razionalizzare la attività degli EPR, garantendo efficienza ed efficacia
alla loro azione, mediante il riordino delle discipline relative agli Statuti ed ai
meccanismi di governance.
Il Programma Nazionale della Ricerca, confermando la mission
multispecialistica del CNR, ne evidenzia il ruolo di sostegno tecnico-consulenziale al
MIUR, volto ad assicurare che la Ricerca italiana tenda, con continuità e costanza, ai
trend e alle prospettive della Ricerca mondiale. Nello specifico, il CNR ha il compito
di garantire e sviluppare la presenza italiana nei progetti internazionali e nello Spazio
Europeo della Ricerca. Analogamente, è necessario che il CNR potenzi il raccordo con
gli altri attori della ricerca, come le Università e il sistema produttivo nazionale per
incrementare la generazione di valore dalla ricerca, favorendo il trasferimento
tecnologico e la creazione di nuova imprenditorialità ad alto contenuto tecnologico
(start up e spin off). Il CNR, per le sue caratteristiche di Ente a diffusione territoriale
nazionale, può orientare le sue politiche alla creazione di nuova conoscenza e
all’incentivazione del rapporto pubblico-privato. In questa seconda azione può essere
investito della responsabilità di favorire le interazioni con i sistemi regionali di
sviluppo, contribuendo a creare raccordi tra la grande industria e le PMI.
Inoltre, il CNR dovrà ottimizzare la sua efficienza operativa, razionalizzando e
semplificando le attuali procedure amministrative e modalità gestionali e
riequilibrando il rapporto tra spese correnti e spese per investimenti per la ricerca.
Sono questi gli obiettivi cui ispirare il nuovo statuto del CNR.
La nuova missione del CNR dovrà essere orientata a:
favorire la partecipazione e la collaborazione alle attività dei distretti ad alta
tecnologia e alle “Grandi Agende di Ricerca e Formazione”, previste per le
Regioni Convergenza. La sua presenza in questi progetti deve garantire il
sostegno operativo allo sviluppo tecnologico delle PMI;
ottimizzare il raccordo tra le iniziative avviate a livello territoriale con quelle
previste a livello nazionale;
migliorare la struttura dipartimentale dell’ente per renderla più coerente anche
con le necessità del sistema produttivo;
favorire l’integrazione tra i diversi ambiti di ricerca, riducendo le possibili
sovrapposizioni.
Il PNR auspica che i compiti in materia di trasferimento tecnologico, technology
foresight e relazioni internazionali, siano spostati da centri e da dipartimenti a servizi
centrali, specificamente organizzati allo scopo, in modo da sollevare le strutture
operative e mantenerle focalizzate su nuovi scenari scientifici e tecnologici, e sul
recepimento operativo dei bisogni di Ricerca dell’industria, specialmente delle PMI.
Per quanto riguarda la tutela dei consumatori, il PNR auspica che il CNR svolga
un’azione di vigilanza sugli Enti responsabili della formulazione di normative
tecniche.
Azione 18. Enti di Ricerca. Per gli Enti vigilati dal MIUR, il PNR promuove
interventi in parte specifici e in parte comuni all’Università:
Marzo 2011
54
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
autonomia statutaria, coerentemente alla raccomandazione CEE 2005.251.CE,
11.3.2005, che accentua l’attenzione sulle missioni assegnate agli Enti
nell’ambito del loro riordino;
la ridefinizione precisa della missione degli stessi, con particolare riguardo allo
Spazio Europeo della Ricerca, alle aree strategiche e alle tecnologie abilitanti
definite in questo documento89;
concessione agli Enti della possibilità di istituire scuole internazionali di
dottorato per attrarre giovani ricercatori;
misure assimilabili a quelle europee in merito ad accorpamenti e scorpori tra
strutture di ricerca, inclusa la loro localizzazione in distretti di ricerca, e
interventi di snellimento delle Amministrazioni90;
misure per favorire, negli Enti dedicati alla Ricerca ed allo sviluppo di
prodotto e di processo, le azioni di brevettazione delle scoperte;
misure per il controllo del reclutamento delle direzioni scientifiche,
considerando candidati reclutabili con bandi europei e commissioni
internazionali di valutazione;
misure per il ringiovanimento del capitale umano ed applicazione della Carta
Europea dei Ricercatori e del Codice di Condotta per la loro assunzione (COM
(2005) 576 final 11.03.05);
possibilità di consentire la mobilità del personale nell’ambito degli EPR vigilati
dal MIUR.
5.3. PROMOZIONE DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E TUTELA DELLA
PROPRIETÀ INTELLETTUALE
Il ruolo strategico della Ricerca per lo sviluppo socio-economico e industriale del
Paese si fonda sui meccanismi di trasferimento tecnologico e di protezione, tutela e
valorizzazione della proprietà intellettuale. Per favorire il trasferimento dei risultati
della Ricerca si prevedono interventi atti a migliorare il sistema di tutela delle
invenzioni, la protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale attraverso una
normativa che, ispirandosi alle migliori prassi internazionali, consenta una più
efficace gestione del flusso che conduce dal brevetto alla sua implementazione91.
Al processo di trasferimento tecnologico contribuiscono più attori a diversi
livelli. Le aggregazioni pubblico private che svolgono attività di Ricerca industriale e
sviluppo sperimentale come i Laboratori pubblico-privati ed i Distretti ad alta
tecnologia che operano per integrare gli obiettivi scientifico-tecnologici verso le
esigenze provenienti dal mercato.
I laboratori congiunti pubblico-privato hanno l’obiettivo di orientare
competenze scientifiche e tecnologiche della Ricerca pubblica verso applicazioni e
sviluppi industriali. Sono laboratori di ricerca e di sviluppo tematici nei quali il
pubblico fornisce competenze di gruppi di ricerca e il privato sostiene gli investimenti
Marzo 2011
55
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
strutturali e parte dei costi di gestione della ricerca. Può essere interessante
considerare l’ipotesi di laboratori congiunti che vedano la partecipazione anche di
una Grande Industria (GI) e più PMI, che assumano un ruolo non più di semplici
subfornitori della GI, ma di compartecipazione alle ricerche con investimenti propri,
sviluppando la possibilità di crescita del proprio know how e delle potenzialità di
assumere il ruolo di fornitori di tecnologia alle GI stesse e al mercato. I laboratori
congiunti, per essere produttivi, devono nascere dall’interesse diretto degli attori
pubblici e privati ad aggregarsi.
Ad un altro livello operano gli attori impegnati nel fornire servizi di supporto al
trasferimento tecnologico, in particolare specializzati nella protezione e sfruttamento
della proprietà intellettuale rappresentati dagli Uffici di Trasferimento Tecnologico
delle Università e degli Enti di Ricerca e dai parchi scientifici e tecnologici. Tali
organismi si avvalgono di figure professionali con competenze specifiche rispetto ai
contesti territoriali, agli ambiti tecnologici, alla gestione di impresa oltre alle
competenze legali in materia di protezione della proprietà intellettuale. Gli uffici di
trasferimento tecnologico interpretano le possibili ricadute sul mercato della Ricerca
pubblica e privata, analizzando gli sviluppi della tecnologia sia rispetto a settori
specifici, sia considerando le ricadute in altri ambiti tecnologici. Spesso sono presenti
competenze manageriali in grado di supportare la trasformazione di idee di
ricercatori/imprenditori in nuova impresa.
Modalità tipiche attraverso cui si realizza la valorizzazione dei risultati della
Ricerca sono il licensing e lo spin-off ovvero la concessione di licenza di brevetto o
know how e la creazione di una nuova impresa basata sul patrimonio di conoscenza
sviluppato dai ricercatori, strumento di trasferimento tecnologico che consente di
passare dal laboratorio al mercato, favorendo la collaborazione nella fase di sviluppo
mediante la messa a sistema di risorse e competenze e mediante una partecipazione al
capitale di rischio da parte di Università e di capitale privato. La presenza di strutture
universitarie a cui il potenziale ricercatore-imprenditore può rivolgersi per ottenere
supporto può favorire la nascita di nuove imprese92. I network della Ricerca pubblica
possono diventare strumenti del PNR. Le associazioni Netval e PNI Cube sono
emerse come organizzazioni efficaci nel supporto agli uffici di trasferimento
tecnologico e agli incubatori delle Università e degli EPR.
La riforma introdotta con l’art. 7 della legge n. 383/2001, divenuto poi art. 65 del
Testo Unico Invenzioni (il cosiddetto professor priviledge), ha generato miglioramenti
nell’attività di selezione, protezione e gestione della proprietà intellettuale delle
Università e dei centri di Ricerca pubblici nazionali. Un aggiornamento di tale norma
a favore della titolarità e della gestione della proprietà intellettuale in capo alle
istituzioni di Ricerca faciliterebbe ulteriormente il trasferimento tecnologico. Un
elemento aggiuntivo di miglioramento e di riduzioni dei costi è la definizione di linee
guida per la gestione della proprietà intellettuale nelle varie forme di ricerca
cooperativa.
Il PNR contribuisce anche all’organizzazione delle attività di technology foresight
in quanto strumento a supporto della formulazione strategica di politiche di medio e
lungo termine e alla loro mappatura, per aggiornare continuativamente la priorità
delle aree tecnologiche che sostengono la crescita competitiva dell’Italia, sviluppando
una versione sintetica della mappatura e avendo come riferimento le technology
platform europee93.
Marzo 2011
56
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
6
INTERVENTI DI RICERCA E SVILUPPO PRIORITARI PER IL
PAESE
Nel documento, la definizione di come incentivare lo sviluppo del Paese
attraverso azioni di R&S, è descritta sinteticamente. Mentre, tuttavia, i riferimenti ai
contenuti delle azioni di R&S e alle Istituzioni a cui le stesse sono rivolte, sono
definibili con precisione, più impegnativo è definire le priorità da assegnare all’uso
delle risorse disponibili da dedicare alle azioni di R&S. In questo senso, le priorità
dipendono da un esercizio di integrazione delle visioni che emergono in generale
dalla società civile, dal settore industriale, dalla cultura, dalla scienza e, in senso lato,
dalla politica. Le componenti della società, infatti, hanno visioni, necessità, bisogni e
proposte di soluzione che dipendono da considerazioni e prospettive diverse. Le
priorità viste con prospettive planetarie, per esempio, sono, in ordine di citazione,
energia, acqua, derrate alimentari, smaltimento e sfruttamento dei rifiuti. Se invece si
interrogasse il cittadino comune, almeno quello italiano, molto probabilmente
risponderebbe salute, trasporti, ambiente. L’Accademia potrebbe segnalare struttura
della materia, nanobiotech, cambiamenti climatici; le PMI macchine utensili, Made in
Italy, fabbrica del futuro; la grande industria ICT, piattaforme tecnologiche, trasporti,
spazio e grandi cantieri; le Regioni distretti ad alta tecnologia, produzioni tipiche,
trasporti. Nel PNR, la definizione delle priorità è stata sviluppata definendo lo stato e
bisogni di specifici settori, le interazioni delle azioni di Ricerca con il settore
industriale produttivo e i bisogni nazionali di rilevanza strategica.
6.1. STATO DELL’ARTE E BISOGNI DI SPECIFICHE AREE SCIENTIFICOTECNOLOGICHE
La preparazione del PNR è stata completata con la costituzione di tavoli di
analisi relativi alle aree tematiche ambiente, salute, scienze della vita, energia, sistema
agroalimentare, nanoscienze e nuovi materiali, ICT, progettazione molecolare, beni
strumentali e Made in Italy, aeronautica e spazio, mobilità sostenibile e trasporti, beni
culturali, scienze socioeconomiche e umanistiche, costruzioni, piattaforme
tecnologiche, distretti ad alta tecnologia, e infrastrutture di ricerca, trasferimento
tecnologico e interazioni pubblico-privato, strumenti di governance della ricerca94,95. I
membri di questi comitati hanno messo in evidenza lo stato dell’arte del settore nel
Paese e definito le priorità tra tematiche emerse nell’area considerata (i documenti
prodotti dai tavoli costituiscono un arricchimento del PNR diffuso come documento
separato). Il PNR ha recepito, mediato e interpretato il lavoro dei comitati che
verranno trasformati in Comitati di Indirizzo Strategico (CIS) di supporto alle Azioni
del PNR. Le indicazioni ottenute, in forma di sommari esecutivi prodotte dai tavoli,
sono presentate di seguito. L’informazione concorre ad assegnare priorità e rilevanza
alle aree di Ricerca considerate, e per assegnare parametri di valutazione dei progetti
relativi alle azioni previste dal PNR. CIS specifici saranno attivati per coordinare le
Marzo 2011
57
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
attività internazionali di R&S nelle quali è coinvolto il Paese e per stimolare la Ricerca
in aree della fisica, della matematica e della sensoristica.
6.2. BISOGNI
STRATEGICA
NAZIONALI
IN
RICERCA
E
SVILUPPO
DI
RILEVANZA
I bisogni nazionali di Ricerca presuppongono lo sviluppo di progetti tali da
garantire qualità, innovazione tecnologica ed eco-compatibilità dei prodotti.
Soprattutto il concetto di sostenibilità ambientale e socioeconomica va considerato
come caratterizzante ed unificante per tutte le azioni da mettere in atto. Le istanze
relative sono così generiche da richiedere ulteriori livelli di prioritizzazione. La loro
considerazione può, comunque, allinearli con le azioni di sistema, nel senso di
rappresentare essi un riferimento costante delle politiche nazionali e locali nello
sviluppo delle azioni proposte dal programma nazionale. Particolare rilievo dovrà
essere attribuito ai progetti di ricerca tesi a valorizzare le eccellenze italiane nei temi
al centro dell’Expo 2015. Il loro richiamo, che viene fatto di seguito, contribuisce ad
affinare il giudizio di priorità tra ed entro aree di R&S considerate.
AMBIENTE. Oltre ad alcune aree di importanza prioritaria specifiche quali studio e
comprensione dei meccanismi che governino il clima, rafforzamento degli strumenti
per le decisioni dei policy maker, tecnologie per i monitoraggi e per la tutela
dell’ambiente, tutela delle biodiversità, si sottolinea la natura trasversale della
tematica ambientale, e la sua influenza, in varia misura, su tutte le priorità del Paese,
sia in quanto il perseguimento della sostenibilità ambientale è un presupposto
necessario per ogni attività che si va ad intraprendere, sia per il ruolo di stimolo che
le tematiche ambientali possono assumere nelle attività di R&S. Questo porta a
ribadire che le politiche ambientali possono rappresentare un efficace driver di
sviluppo per la competitività e per la crescita sociale ed è, quindi, di particolare
interesse che tali politiche siano validamente supportate e guidate dagli strumenti e
dalle conoscenze provenienti dagli ambiti scientifici della ricerca, debitamente
sensibilizzati e sostenuti.
ENERGIA. Ci si riferisce all’efficienza energetica, alle energie rinnovabili e allo
sviluppo del nucleare. Efficienza energetica. Riguarda i trasporti, la gestione ottimale di
power park e la loro integrazione in rete, i motori elettrici, le costruzioni;
l’illuminazione; il raffreddamento/riscaldamento dell’acqua per uso domestico; gli
usi elettrici e termici nello stesso settore; il termico in industria e agricoltura.
L’insieme degli interventi permetterebbe risparmi in energia elettrica compresi tra 1,5
e 4 TWh nel periodo 2016-2020. Fonti Rinnovabili. Riguardano la fonte idrica (82%),
eolica (9%), geotermica (3,3%), rifiuti (2,5%), biomasse (1,9%), biogas (1,5%) e solare
fotovoltaica (0,2%). Nucleare. Si propone come tecnologia CO2-free sviluppata con
reattori di nuova generazione. Richiama la formazione di giovani già dotati di una
forte cultura scientifica di base. La Ricerca in aree anche molto diverse gioca qui un
ruolo fondamentale. E’ importante che il mondo dell’Università e dell’industria, siano
Marzo 2011
58
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
coinvolti in attività di formazione e ricerca congiunte. Il PNR suggerisce un rilancio
della formazione universitaria, con l’attivazione di corsi di laurea o master,
commisurati alla necessità del settore. La European Energy Research Alliance (EERA), è
riconosciuta dalla Commissione europea come uno degli strumenti operativi
necessari alla attuazione degli obiettivi previsti dallo Strategic Energy Technology Plan,
assieme alle Industrial Initiatives. È focalizzata sull’energia e creerà e lancerà
programmi congiunti di ricerca sulle tematiche ricordate sopra. I programmi
nazionali si collegano con le azioni EERA, con l’ENEA in veste di coordinatore delle
competenze di Ricerca presenti sul territorio nazionale.
AGROALIMENTARE E RAPPORTO DIETA-SALUTE. La particolare conformazione,
la collocazione geografica e le variazioni climatiche in atto rendono il Paese
particolarmente esposto ai rischi naturali. È prioritario investire sia per migliorare la
conoscenza del territorio, dei fenomeni naturali e dei fenomeni antropici, sia in
attività di Ricerca e Sviluppo di tecnologie ausiliarie. Le interazioni tra agricoltura,
produzione di cibo e ambiente si impongono all’attenzione per le loro implicazioni
ecologiche: la pratica agricola, con l’occupazione dei suoli e l’espulsione dei residui
naturistici, ha eroso la biodiversità del pianeta e assorbito le risorse ambientali. Il
Paese deve rivedere o introdurre nuove linee di ricerca, con l’obiettivo di contribuire
allo sviluppo di sistemi agricoli altamente produttivi ed ecologicamente sostenibili, e
di sviluppare produzioni che si rivolgono alle note relazioni che intercorrono tra dieta
e salute. Lo sviluppo di nuovi sistemi agricoli ecocompatibili dovrebbe considerare,
come obiettivo prioritario, un più oculato uso della chimica in agricoltura. E’
necessario, inoltre, considerare l’interazione tra ambiente naturale e quello modificato
dall’uomo, valutando anche l’impatto di quest’ultimo sulla qualità della vita.
MADE IN ITALY. Nel 2008 l’Italia ha presentato a livello mondiale uno dei più
rilevanti surplus commerciali con l’estero nei prodotti manufatti, non alimentari, del
Made in Italy (64 miliardi di Euro), dietro a Cina, Giappone e Germania. Il
manifatturiero competitivo e sostenibile è il fondamento dell’economia, genera
ricchezza e occupazione e si fonda sul valore aggiunto derivante dalla conoscenza. Il
Made in Italy, il cui perimetro include dai Beni Strumentali ai Sistemi Casa, Moda e
Alimentare, costituisce il 50%, ma investe in Ricerca soltanto il 26% del
Manifatturiero italiano. Il Made in Italy necessità di una profonda trasformazione che
coinvolga imprese, Istituti di ricerca, Università pubbliche e Amministrazioni.
PATRIMONIO CULTURALE. I beni culturali e paesaggistici, materiali e immateriali,
costituiscono una risorsa strategica sia per lo sviluppo sociale ed economico, tanto
europeo che nazionale, e giocano un ruolo nel miglioramento della qualità della vita
del Paese. Accanto alla conservazione del patrimonio esistente, l’attenzione verso
queste risorse considera anche la loro capacità di produrre un ritorno economico. Il
Paese possiede il più ampio patrimonio culturale a livello mondiale con oltre 3.400
musei, circa 2.100 aree e parchi archeologici, 24 parchi nazionali, 23 aree marine
protette e 44 siti Unesco World Heritage (naturali e culturali). Accanto alla
conservazione è necessario venga dato un maggiore impulso alla valorizzazione del
Marzo 2011
59
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
patrimonio, migliorando un ampio spettro di discipline e tecniche specifiche, nonché
ad altri interventi come l’archiviazione, il rilievo e la rappresentazione dei beni, la
diagnostica, la conservazione e il restauro, la valorizzazione e la comunicazione, oltre
alla pianificazione territoriale e paesistica degli interventi, nonché la pianificazione e
il risanamento ambientale, costituendo spesso l’inquinamento un fattore importante
di degrado del patrimonio artistico e culturale.
Le linee di attività del PNR avranno, tra l’altro, il compito di attuare la
Raccomandazione della Commissione del 26 aprile 2010 relativa all’iniziativa di
programmazione congiunta nel settore della Ricerca «Patrimonio culturale e
cambiamenti globali: una nuova sfida per l’Europa» (2010/238/UE), secondo il Piano
di Azione definito dal Tavolo di Concertazione MIUR-MIBAC del 25 febbraio 2010.
HOMELAND SECURITY. Esiste una fondamentale esigenza, riconosciuta anche a
livello europeo, di contrasto di possibili emergenze riguardanti il cittadino e le
infrastrutture di interesse vitale per il Paese, sia dovute a calamità naturali (terremoti,
alluvioni, …) sia provocate da interventi ostili. Tra le infrastrutture di particolare
rilevanza si considerano fra le altre: ospedali, scuole, insediamenti abitativi, beni
culturali, infrastrutture di trasporto, reti energetiche, confini.
L’enorme varietà dei dati da rilevare richiede:
la ricerca e lo sviluppo dei sensori più idonei per livello di prestazione ed
efficacia, economici, in grado di rilevare e trasmettere in tempo utile e con
sicurezza i dati sensibili;
l’integrazione di dati provenienti da molteplici sorgenti diverse, attraverso
sistemi complessi e distribuiti in grado di raccoglierli, interpretarli e
rappresentare in modo sintetico la situazione complessiva;
la capacità di predisporre efficaci azioni di contrasto.
Le ricerche da portare avanti richiedono il coordinamento e l’integrazione di settori
disciplinari anche molto distanti fra loro con la messa a sistema di competenze
specifiche da finalizzazione all’obiettivo comune della sicurezza.
TECNOLOGIE DELL’INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (ICT). Le
tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono pervasive e impattano su
tutti i settori produttivi: a mero scopo esemplificativo, citiamo i servizi, la conoscenza,
la convergenza dei media, le reti sociali, la gestione ambientale, i problemi energetici,
l’agricoltura oltre, ovviamente, al mondo lavorativo. L’evoluzione delle tecnologie e
delle applicazioni indirizza verso un modello di società abilitata da una “ICT anyTime,
anyWhere, for everyBody”. La diffusione delle tecnologie ICT e della infrastruttura a
larga banda fissa e mobile è direttamente correlata alla crescita in tutti i comparti
economici nazionali. Infatti il moltiplicatore del settore vale 2,38: al valore aggiunto,
prodotto direttamente dal settore, altro ne viene generato in misura del 138%, come
conseguenza degli scambi attivati internamente alla filiera.
MOBILITÀ SOSTENIBILE. Il mercato dei mezzi e servizi per la mobilità richiede
innovazioni tecnologiche finalizzate alla sostenibilità ambientale (riduzione dei
Marzo 2011
60
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
consumi energetici e degli inquinanti), alla sicurezza delle infrastrutture, ed alla
competitività dei prodotti e dei servizi. Le modifiche nel cambiamento del modello di
mobilità, l’uso di nuove fonti energetiche, e l’incremento della sicurezza stradale,
pongono rilevanti problemi di innovazione. Il cambiamento del modello di mobilità,
nella direzione di una maggiore sostenibilità ambientale e sociale, non è affrontabile,
comunque, limitandosi agli aspetti meramente tecnologici, ma vanno affrontati anche
gli aspetti organizzativi (inclusa la pianificazione ambientale e territoriale e, nelle
città, la pianificazione urbanistica), comportamentali e quindi sociali: si tratta, nel loro
insieme, di “misure non tecniche” per le quali è necessario l’impegno del mondo della
Ricerca. Per quanto riguarda il settore più strettamente tecnologico, l’Italia è un attore
importante a livello internazionale ed occupa quote di mercato variabili tra il 7 ed il
9% della quota europea. Gli attori dell’innovazione tecnologica sono essenzialmente i
produttori di veicoli, di sistemi tecnologici e di infrastrutture, e le esigenze di
innovazione riguardano i processi e i prodotti. I grandi temi della mobilità sostenibile
sono trasversali a tutte le tecnologie che concorrono al settore dei trasporti. La stessa
partecipazione del Sistema della Ricerca e delle PMI ai processi di innovazione dei
sistemi di trasporto e di infrastrutture, richiede competenze ed attitudini specifiche
ad operare nel settore, e la capacità di integrare soluzioni innovative in campi
tecnologici diversi ed in prodotti e servizi competitivi.
SALUTE E SCIENZE DELLA VITA. Le patologie legate allo stile di vita e il
progressivo invecchiamento della popolazione comportano l’aumento della spesa
sanitaria pubblica. In particolare, i costi per la salute aumenteranno di oltre il 50%
ogni 10 anni e triplicheranno nel 2023. E’ stato stimato che, negli Stati Uniti e in
Europa, la spesa nel settore farmaceutico può ridurre il costo complessivo per i
trattamenti sanitari: l’investimento di 1,80 dollari in farmaci innovativi porta ad un
risparmio finale di 11,10 dollari. E’ quindi evidente che il miglioramento della qualità
della salute pubblica passa attraverso gli investimenti nella Ricerca biomedica. La
conoscenza scientifica, infatti, promuove lo sviluppo di tecnologie innovative che si
riversano nella pratica clinica. E’ necessario mettere a punto tutte le azioni necessarie
ad una nuova stratificazione di malattia basata sulla predittività di risposta alle
terapie e sulla prognosi a lungo termine, particolarmente attraverso la ricerca di
alterazione di network e dell’identificazione dei relativi biomarcatori. Particolarmente
rilevante appare tale ricerca in settori a più alto impatto sociale ed economico, come
quelli della prevenzione, dell’invecchiamento e dell’oncologia. In oncologia, in
particolare, occorre potenziare in modo particolare la Ricerca applicativa o
traslazionale, mediante l’utilizzo di risorse in larga parte già presenti nel Paese sia
pubbliche che private. Obiettivo principale è la caratterizzazione biologica dei tumori
in vitro ed in vivo per la identificazione non solo dei target terapeutici ma anche dei
biomarcatori di controllo e follow-up della malattia. Fondamentale sarà la ricerca di
reti capaci di mettere in relazione presenza e funzione dei biomarcatori al fine di
comprendere meccanismi di malattia e di identificare le migliori combinazioni
terapeutiche.
Marzo 2011
61
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
SENSORIALITA’ AUMENTATA. Nella maggior parte dei contesti di ricerca e di
quelli produttivi non si potrà più fare a meno delle tecnologie sensoriali che,
superando la ineludibile limitatezza delle capacità sensoriali degli essere viventi,
consentono di interfacciare otticamente e/o elettronicamente il mondo delle
grandezze fisiche, chimiche e biologiche relative all’ampio intervallo delle piccole
dimensioni (scala nanometrica) e grandi dimensioni (astrofisica).
I dispositivi sensoriali costruiti sulla base di forte pluridisciplinarietà ci forniscono
dati utili per il miglioramento dei livelli di conoscenza necessari soprattutto per lo
sviluppo imprenditoriale nei contesti: spazio, industria, medicina, ambiente, trasporti,
ecc.
Nel Paese esiste una fitta rete di Ricerca a livello universitario, di Enti di Ricerca
pubblica e industriale mentre numerose associazioni forniscono da molti anni
contributi positivi a questa tematica.
Numerose sono anche le PMI e grandi industrie che fanno uso di sensori per le quali
si renderebbe necessario un maggiore impegno a livello di Ricerca di base, industriale
e pre-competitiva al fine di raggiungere soddisfacente competitività internazionale
sul mercato del prossimo futuro.
6.3. PROGETTI BANDIERA PROPOSTI DAGLI ENTI
In coerenza con le linee strategiche descritte e delle priorità di interesse
nazionale connesse allo sviluppo di tecnologie chiave abilitanti, il PNR ha individuato
un primo gruppo di progetti di interesse strategico, denominati “Progetti Bandiera”
che saranno avviati e compresi nell’ambito della programmazione delle attività degli
Enti Pubblici di Ricerca competenti. La Tabella che segue evidenzia le previsioni
finanziarie relative ai quattordici progetti le cui schede progettuali sono riportate in
allegato.
Si tratta di progetti, individuati nell’ambito di un procedimento di valutazione
globale svolto ai fini della predisposizione del PNR e con il contributo propositivo
degli Enti di Ricerca, che prevedono un piano di sviluppo pluriennale ed un connesso
profilo di spesa di 1.772 milioni di euro, che sarà sostenuto in maggior parte mediante
l’impiego dell’accantonamento dell’8% del Fondo Ordinario di finanziamento degli
Enti di Ricerca e per la parte eccedente da una quota della riserva del 7% destinato ai
Progetti Strategici di cui all'art. 4, comma 2, DLgs n. 213 del 2009, oltre a ulteriori fonti
di copertura internazionali e private, project financing, da iniziative inserite nel Piano
Nazionale per il Sud, recuperi da economie e riprogrammazioni, cofinanziamenti da
altri soggetti, ecc, in grado di generare un volume complessivo di investimenti
stimato intorno a 2.522 milioni di Euro per l’intero arco temporale di attuazione dei
progetti.
Marzo 2011
62
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
QUADRO FINANZIARIO PROGETTI BANDIERA - PNR 2011-2013
2010 2011
PROGETTI
2012
2013
Annualità TOTALE
successive MIUR/ENTI
A
1 Epigenomica
3,00
2 Ritmare - ricerca italiana per il mare
8,00
9,00 10,00
20,00 70,00 90,00 90,00
30,00
180,00
450,00
3 L’ambito nucleare
3,00 10,00 13,00 13,00
4 ASTRI – astrofisica con specchi a tecnologia replicante italiana
3,00
2,00
2,00
1,00
8,00
5 La fabbrica del futuro
2,00
2,00
4,00
4,00
12,00
6 NanoMax
0,00
6,00
8,00
9,00
23,00
7 InterOmics
0,00
8,00
9,00
8,00
25,00
8 Elettra-Fermi – EUROFEL
5,00 11,00 13,00 16,00
45,00
39,00
9 Super B factory
34,00 22,00 34,00 45,00
10 SIGMA
80,00
80,00
100,00
100,00
11 Satellite ottico per telerilevamento
Ricerca e Innovazione tecnologica nei processi di conoscenza,
12
tutela, valorizzazione e sicurezza dei Beni Culturali
13 Cosmo - Skymed II generation
2,00
14 IGNITOR
8,00 10,00 10,00
100,00 100,00 100,00
115,00
0,00
300,00
25,00 25,00 30,00
252,00
totale 2010/2013
250,00
30,00
600,00
80,00
925,00
1177,00
595,00
1772,00
I lavori del PNR hanno permesso l’identificazione di ulteriori progetti di
interesse su tematiche di avanguardia. Tali progetti saranno oggetto di
approfondimenti e verifiche di sostenibilità in funzione di una loro inclusione nella
prossima programmazione degli Enti Pubblici di Ricerca, anche nel contesto delle
misure di attuazione del nuovo sistema di finanziamento degli EPR attivo dal
prossimo esercizio finanziario.
6.4. INTERAZIONI TRA IL SISTEMA PRODUTTIVO NAZIONALE E LE AZIONI
PROPOSTE DAL PNR
La tabella che segue riporta una sintesi delle interazioni tra il potenziamento del
Sistema nazionale di Ricerca e la competitività del sistema produttivo. Le azioni
sviluppate dal PNR, disaggregate per linee di intervento, mediano tra le interazioni
delineate. Alcune delle azioni proposte dal PNR rappresentano evidenti, se non
diretti, collegamenti tra Sistema di Ricerca e Sviluppo del Paese. La loro efficacia
nell’ottenimento degli obiettivi industriali specificati dipende, tuttavia, anche da
azioni di sistema che possono rendere omogenee tra loro gli interessi degli attori che
partecipano a governare, sviluppare e completare il processo di R&S. Le azioni di
sistema riguardano particolarmente le integrazioni tra azioni europee, nazionali e
regionali; le iniziative di osmosi Sud – Nord; i sistemi di valutazione e di analisi delle
competenze in R&S del Paese; il technology foresight.
Marzo 2011
63
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
POTENZIAMENTO DEL
SISTEMA RICERCA
Linee di intervento
Azioni
Aree di Ricerca knowledge
driven/fondamentale
finalizzate allo sviluppo di
nuova conoscenza
Ricerca fondamentale per
lo sviluppo di nuove
tecnologie abilitanti
Ricerca applicata in aree
prioritarie
Potenziamento delle
infrastrutture di Ricerca
strategiche per renderle
competitive a livello
internazionale
Internazionalizzazione
della R&S
Sviluppo del capitale
umano per il
rafforzamento del sistema
scientifico e tecnologico
1 – 2 – 3 – 17 – 18
SISTEMA PRODUTTIVO
E BISOGNI NAZIONALI
Linee di intervento
Azioni
Aree tecnologiche prioritarie
per la competitività del
sistema
2 – 3 – 6 – 8 – 10
– 13 – 16
2 – 7 – 8 – 10 – 13
6 – 7 – 8 – 13 – 16
Innovazione diffusa e
rafforzamento dei sistemi
produttivi
2–3–6
–7–8–
13
3–4– 5
–6–7–
8 – 11 –
13 – 14 –
15
16
9 – 10 – 12 – 15 –
16 – 17 – 18
Accesso al credito e
capitalizzazione delle
imprese
3–4– 5
– 11
Tabella 1
6.5. UNA SINTESI
Nel contesto europeo e mondiale, il Paese ha presenze di Ricerca rilevanti che,
tuttavia, si frazionano in una grande ricchezza di piccoli interventi. In questo senso, e
forse con l’eccezione del Made in Italy, il Sistema Paese non esercita influenze
significative sulle strategia di Ricerca internazionale. Il PNR registra questa situazione
e precisa alcuni criteri per la definizione di priorità di intervento, anche in
considerazione delle proposte che vengono dalla base scientifica del Paese (si veda
fig. 8):
- le aree di R&S per le quali vengono presentate le schede riassuntive al
paragrafo 6.2;
- il paragrafo 6.4 del documento indica quali tra le azioni del PNR compaiono
nelle linee di intervento industriale;
- i bisogni nazionali di R&S descritti al paragrafo 6.2 fanno riferimento alle
macroaree che interpretano l’attualità del Sistema Paese.
Il PNR insiste specificamente sui criteri elencati di seguito:
- le priorità scientifiche europee vengono considerate nell’ambito delle grandi
aree di Ricerca caratterizzanti il Sistema Paese;
Marzo 2011
64
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
- il ricorso ad informazioni bottom up assegna preferenze nell’attribuzione di
finanziamenti che sviluppano le tecnologie abilitanti, finalizzate
all’ottenimento di processi e/o prodotti di interesse prioritario per il Sistema
Paese;
- le priorità di aree specifiche derivano da parametri di sostegno alle decisioni di
governo, definite dai documenti preparati dai tavoli tematici (relazioni allegate
al PNR);
- livello di sostenibilità socio-economico ed ambientale associato alle proposte di
ricerca;
- iniziative presentate in forma singola o come aggregato di progetti coordinati,
di grande visibilità ed interesse economico-sociale, in grado di impegnare
risorse sia industriali che di Ricerca pubblica, di entità adeguata a garantire
una concreta e verificabile ricaduta dell’intervento.
Figura 8 – Priorità e criteri di valutazione.
Marzo 2011
65
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
7.
STRUMENTI DI GOVERNANCE
Assicurare l’ottimizzazione dei processi e delle attività di generazione,
diffusione e applicazione della conoscenza è uno degli obiettivi prioritari di questo
PNR. A tal fine occorre prevedere strumenti di governance che, nel rispetto delle
singole autonomie, favoriscano l’integrazione ed il coordinamento delle azioni
avviate e l’ottimizzazione dell’impiego delle risorse.
L’Italia si presenta come un caso complesso, accertato il numero di soggetti
deputati alla governance e la differenziazione dei loro ruoli di pianificazione e gestione
del Sistema della Ricerca. Questi ruoli possono essere verticali quando considerano i
livelli nazionale, regionale e sub-regionale, ed orizzontali se relativi a singoli livelli,
come Ministeri, Università ed Enti Pubblici di Ricerca che hanno, singolarmente,
specifiche competenze istituzionali. I molteplici soggetti del sistema attivano relazioni
di varia natura e intensità con soggetti anche stranieri, generando così un sistema
particolarmente articolato.
7.1
STRUTTURA
Il PNR sottolinea l’esigenza della creazione di una segreteria tecnica di
governance, insediata presso il MIUR, per il Coordinamento della Ricerca italiana
(CRI), con la funzione di raccogliere ed analizzare le esigenze direttamente
provenienti dal mondo accademico, scientifico, economico e sociale e dalle Istituzioni
coinvolte in attività di R&S al fine di fornire, alle Amministrazioni competenti,
elementi, situazioni e proposte, per l’aggiornamento della programmazione. La
struttura, coordinata dal MIUR, vedrà la partecipazione di componenti della
Conferenza Stato-Regioni e dei Ministeri, degli Enti Pubblici di Ricerca e dei
rappresentanti delle parti economiche e sociali.
Il ruolo della segreteria sarà quello di proporre al Ministro dell’Istruzione,
dell’Università e della Ricerca le azioni prioritarie per il Paese, formulando un budget
previsionale per ciascuna area. Nello sviluppo della sua attività si potrà avvalere dei
Consigli di Indirizzo Strategico – auspicata formalizzazione dei Tavoli tecnici tematici
– all’interno dei quali le iniziative pubbliche che promuovono la Ricerca e lo sviluppo
tecnologico potranno essere analizzate con il ricorso alla consulenza di esperti
altamente qualificati. Il CRI potrà avvalersi anche della collaborazione di uno staff
operativo proveniente dall’organico degli Enti di Ricerca pubblici. Per assicurare il
coordinamento con le politiche di R&S a livello regionale, la segreteria si avvarrà
della collaborazione dell’Osservatorio delle politiche regionali della Ricerca e
Sviluppo.
7.2 MAPPATURE DELLE COMPETENZE DI RICERCA E SVILUPPO, PUBBLICHE
E PRIVATE.
L’individuazione delle priorità del Paese richiede la disponibilità di un sistema
in grado di rappresentare oggettivamente le competenze pubbliche e private presenti
Marzo 2011
66
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
in R&S, il loro valore scientifico e le loro prospettive in termini di sviluppo
economico. Per questo il PNR prevede, anche attraverso l’auspicata istituzione del
CRI, il compito di strutturare a livello nazionale un sistema di analisi e valutazione
delle competenze in R&S sia pubbliche sia private – le mappe della Ricerca e
dell’Innovazione – condiviso a livello Paese per individuare i ruoli e per definire un
sistema di valutazione delle competenze, dei risultati ottenuti e dell’efficacia degli
strumenti si incentivazione. A tal fine si prevede di integrare i principali sistemi già
disponibili, tra cui: le Strategic Research Agenda delle Piattaforme Tecnologiche
Europee e Nazionali, la Mappatura delle competenze in Ricerca e Sviluppo delle
imprese realizzata da Confindustria; le banche dati del MIUR (relative a programmi
di R&S nazionali ed europei e al settore pubblico di ricerca), del MISE (relativi a
Industria 2015 e ai programmi nazionali e regionali di sviluppo e innovazione), delle
Regioni (relative a programmi di trasferimento tecnologico e innovazione), e degli
altri ministeri competenti; i dati Istat; i dati della valutazione delle Università e degli
Enti Pubblici di Ricerca (CIVR – Agenzia della Valutazione), le segnalazioni delle
Associazioni industriali di ategoria e di altri.
7.3
STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI RICERCA
Uno degli obiettivi prioritari del PNR è, nel quadro della cooperazione
interistituzionale, la semplificazione ed omogeneizzazione degli strumenti, da
inquadrare in un sistema capace di coprire l’intera gamma progettuale, dai piccoli
investimenti in ricerca, ai grandi investimenti innovativi; l’adozione di un modello
univoco di valutazione delle iniziative progettuali di Ricerca e Sviluppo tecnologico,
nazionali e regionali; l’adozione di procedure e strutture operative capaci di
assicurare tempi rapidi e certi per ciascuna fase dei processi di valutazione e gestione
del supporto degli investimenti in Ricerca e Sviluppo tecnologico.
In questa prospettiva, la ridefinizione degli strumenti di intervento considera le
tipologie di progetto che rispecchiano le necessità degli Enti e delle imprese che
attuano investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione:
progetti autonomi delle imprese, finalizzati a realizzare innovazioni
strategiche per la competitività industriale, di dimensioni molto variabili (da
piccoli a molto grandi), anche in relazione alle dimensioni imprenditoriali;
l’eventuale apporto specialistico esterno è assunto in forma subordinata per
garantire la riservatezza e la proprietà finale dei risultati;
progetti cooperativi tra le imprese e gli Organismi di Ricerca (pubblici o
privati), finalizzati a realizzare innovazioni di filiera o di sistema, di
dimensioni piccole o medio-grandi, in stretta relazione alla dimensione
imprenditoriale; la partecipazione delle PMI è facilitata dall’istituzione, sul
modello dei progetti europei, della figura del prime contractor di progetto,
con funzioni di garanzia e di referente responsabile verso il soggetto
finanziatore;
programmi settoriali sviluppati nell’ambito di cluster tematici di livello
regionale (distretti ad alta tecnologia) e/o nazionale (piattaforme
Marzo 2011
67
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
tecnologiche nazionali), di dimensioni medio-grandi, finalizzati a sviluppare
tecnologie abilitanti e azioni di contesto (strutturali, di formazione, ecc.).
Si prevede l’utilizzo coordinato di strumenti automatici, valutativi e negoziali.
In linea con le best practice internazionali, è importante assicurare un tempo massimo
di preparazione e valutazione. Gli strumenti automatici devono assicurare la
correttezza dei costi documentabili, legati a controlli severi sull’utilizzo, prevedendo
nel caso di utilizzi impropri, oltre alle sanzioni, anche l’esclusione da tutti gli
strumenti agevolativi per R&S. Nell’ambito dei meccanismi automatici di sostegno, in
coerenza con esperienze di successo realizzate sia in Olanda sia in Gran Bretagna è
possibile prevedere l’utilizzo dei voucher, che garantiscono la tempestività
d’intervento, in connessione con un meccanismo di sigla di protocolli di qualità con
centri di Ricerca pubblici e privati, che fissino i servizi e le relative caratteristiche
qualitative al fine di assicurarne efficacia ed efficienza.
Per garantire maggiore efficienza e speditezza delle procedure e delle modalità
di erogazione delle risorse assegnate nonché la certezza dei tempi di erogazione
programmati, saranno attivati strumenti finalizzati a migliorare l’accesso al credito e
la sicurezza degli strumenti di garanzia.
Sulla base di quanto realizzato a livello europeo, si prevede per progetti di
Ricerca di valenza pubblica, la possibilità di introdurre uno strumento che permette
di selezionare iniziative relative ad aree prioritarie e di finanziare le stesse fino al
100% da parte di soggetti pubblici, che acquisiscono la proprietà industriale dei
risultati; prevedendo che tale bene intangibile possa poi essere acquisito primus inter
pares dai partecipanti al progetto, ed eventualmente poi dal mercato.
Infine, per incrementare la quota di partecipazione del capitale privato a
sostegno della Ricerca e in coerenza con le previsioni normative dell’art. 16 del D. L.
n. 213/2009 in materia di attuazione di programmi di trasferimento tecnologico e di
investimento per la realizzazione di iniziative produttive con elevato contenuto di
innovazione e ricerca, si stimoleranno gli Enti di Ricerca a promuovere, concorrere
alla costituzione o partecipare a fondi di investimento con la partecipazione di
investitori pubblici e privati, articolati in un sistema integrato tra fondi di livello
nazionale e rete di fondi locali. In tale ottica si segnala di rafforzare l’esperienza e
l’operatività di Quantica SGR, società costituita dal Consiglio Nazionale delle
Ricerche.
Per l’attuazione dei Progetti può essere ipotizzato anche il coinvolgimento della
Cassa Depositi e Prestiti (CDP), quale strumento a supporto dell’economia e della
finanza pubblica rivolto direttamente, o indirettamente, alle imprese.
In particolare, per gli investimenti in Innovazione tecnologica ed in Ricerca
scientifica si prevede il ricorso all’utilizzo del Fondo Rotativo per il Sostegno alle
Imprese e gli Investimenti in Ricerca (FRI), il cui ambito di operatività originale è
stato esteso anche agli interventi previsti da leggi regionali di agevolazione ovvero
conferiti alle Regioni ai sensi del D. Lgs. n. 112/98 per gli investimenti produttivi e
per la Ricerca. Nello specifico, attraverso tale Fondo il sistema bancario affianca al
prestito agevolato CDP un finanziamento a condizioni di mercato, che è riconosciuto
in forma di anticipazione rimborsabile secondo un piano di rientro pluriennale (non
superiore a 15 anni), e ad un tasso di interesse minimo dello 0,5% annuo.
Marzo 2011
68
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Inoltre, è possibile prevedere anche il ricorso al Fondo Ingegneria Finanziaria
per la realizzazione di programmi in attività produttive ad elevato contenuto
innovativo, di cui al D. Lgs. n. 112/08, art. 4 comma 1 bis ed in attesa del Decreto
Autorizzativo del Ministero dell’Economia ed il cui importo è da determinarsi da
parte di Cassa Depositi e Prestiti.
7.4
VALUTAZIONE E FINANZIAMENTO DELLE UNITÀ DI RICERCA
Il PNR conferisce fondamentale importanza al riconoscimento del merito ed alla
promozione dell’eccellenza. A questo fine, stabilisce meccanismi di valutazione delle
attività di Ricerca ispirati da criteri e procedure “di eccellenza”. Contestualmente, il
PNR mette in atto forme di controllo a che i finanziamenti siano utilizzati con
efficacia ed efficienza, nel rispetto degli obiettivi da raggiungere. A tal fine si
produrrà un cruscotto di indicatori per misurare l’avanzamento rispetto agli obiettivi
prefissati dal PNR. Lo strumento valutativo ex ante si impernia in una specifica
struttura che mette in atto il meccanismo di peer review, sul modello delle principali
agenzie di finanziamento internazionale96,97. La struttura contribuisce anche a
proporre i criteri da includere nei bandi di chiamata dei progetti e a designarne i
valutatori. I percorsi di valutazione sono differenziati per tipologia di progetto.
Particolare peso è riconosciuto all’atto della selezione alle proposte di Ricerca coerenti
con l’indirizzo del PNR, condotte con tecnologie chiave abilitanti in settore di
interesse strategico per il Paese, che impegnino il maggior numero di giovani
ricercatori e che siano sviluppate in prosecuzione di altre ricerche già finanziate a
livello internazionale e/o nazionale, terminate con successo e rendicontate.
Nel caso di ricerche finalizzate al perseguimento di obiettivi specifici, il processo
decisionale viene integrato da un sistema informativo che completa la valutazione di
merito scientifico con indici parametrici aventi come riferimento: la premialità del
bando; il contesto socioeconomico nel quale opera chi beneficia dell’intervento; il
main streaming della filiera completa di possibili agevolazioni regionali, nazionali,
comunitarie; le istanze di carattere ambientale e sociale che il progetto genera o
risolve.
Per i finanziamenti erogati con procedura negoziale, la valutazione è attuata
anche con riferimento alla possibilità di integrare e migliorare il progetto proposto. Il
PNR finanzia proposte subordinatamente al conseguimento della sufficienza per tutti
i parametri valutativi, quali: rispetto delle regole di ammissibilità alla valutazione;
coerenza della proposta con gli obiettivi strategici nazionali; coerenza della proposta
con gli obiettivi del PNR; sostenibilità tecnica, amministrativa, finanziaria, economica,
sociale, gestionale e ambientale della proposta; livello di rischio finanziario,
amministrativo e gestionale.
I progetti presentati da gruppi italiani ed approvati dalla UE, ma non finanziati
per carenza di risorse, saranno considerati in sede nazionale ai fini del finanziamento
nell’ambito delle azioni pertinenti agli stessi progetti.
La coerenza esterna delle proposte si allinea ai criteri individuati da Paesi
europei con significative esperienze di creazione di distretti ad alta tecnologia (studio
INVITALIA-MIUR di benchmarking). Gli indicatori quantitativi utili ad identificare, in
maniera oggettiva, le diverse capacità di perfomance sono individuati dal MIUR.
Marzo 2011
69
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
La valutazione dei grandi progetti, particolarmente di quelli con rilevanza
industriale, seguirà procedure che si avvalgono anche della Commissione Tecnico
Scientifica (CTS) costituita presso il MIUR.
7.5
STRUMENTI A SUPPORTO DEI PROGETTI INTERNAZIONALI
Il coordinamento nazionale dei progetti R&S di interesse anche internazionale è
svolto da una Direzione Generale del MIUR, sulla base della cooperazione
interistituzionale con il Ministero degli Affari Esteri e con le Amministrazioni centrali
e regionali interessate a programmi ed iniziative specifiche di settore. Come altri
paesi, l’Italia non si distingue, comunque, per decise azioni di internazionalizzazione
dell’R&S98,99,100,101. Per contrastare questo andamento e per realizzare un efficace
coordinamento a livello europeo ed extraeuropeo della, fino ad oggi, troppo scarsa
presenza italiana nei comitati e commissioni internazionali che trattano di ricerca,
sviluppo e innovazione, sono state condotte alcune azioni specifiche.
E’ stato elaborato il documento Strategia per l’Internazionalizzazione della
Ricerca Italiana (SIRIt) al fine di assicurare l’interfaccia necessaria
all’inquadramento delle priorità della Ricerca italiana nazionale nel contesto
delle priorità e strategie europee ed internazionali. La SIRIt è il documento di
strategia per la Ricerca italiana in linea con la programmazione europea dello
Spazio Europeo della Ricerca elaborata dal Gruppo di Lavoro per
l’Internazionalizzazione della Ricerca, Istituito presso la DGIR e composto da
rappresentanti degli Enti di Ricerca e del mondo accademico e risponde già in
parte alla comunicazione EU 2020, in particolare riguardo a:
- Joint Programming Initiatives (JPI);
- Grandi Infrastrutture di Ricerca;
- Piattaforme tecnologiche;
- Pari opportunità nella scienza;
- Promozione dell'immagine dell'Italia all'estero attraverso la scienza e la
tecnica;
- Accordi siglati e da siglare con gli altri Ministeri per una collaborazione
congiunta nazionale della ricerca;
La SIRIt è intesa come un documento in costante adeguamento, un work in
progress da tenere aperto agli aggiornamenti per mantenere l’Italia in linea con
le indicazioni dell’Unione Europea. La SIRIt ha fra i suoi obiettivi quello di
tracciare le linee per la definizione delle priorità della Ricerca italiana per l’8°
Programma Quadro (PQ) della Ricerca e innovazione. Parte essenziale della
Strategia per l’Internazionalizzazione della Ricerca Italiana è lo sviluppo delle
grandi Infrastrutture di Ricerca nel quadro della Roadmap ESFRI nelle cui fasi
preparatorie l’Italia è già partner attivo e coordinatore. Il PNR prevede di
consolidare il ruolo del Paese nella costruzione dello Spazio Europeo della
Ricerca con la partecipazione sia a infrastrutture localizzate in altri Stati
membri sia con proposte per infrastrutture da localizzare in Italia sempre in
linea con la programmazione europea. L’intervento in Infrastrutture di Ricerca
è ritenuto di primaria importanza per le forti ricadute in tecnologia avanzata e
per l’effetto di crescita in competizione e innovazione delle imprese.
Marzo 2011
70
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
A tal fine è stato elaborato un documento di dettaglio, la Roadmap italiana delle
Infrastrutture di Ricerca di livello pan-europeo, d’intesa con gli Enti di Ricerca
e la CRUI. Attualmente la roadmap identifica circa cinquanta progetti definiti
prioritari per il Paese e di questi trentacinque sono inquadrati nella roadmap
europea delle Infrastrutture (ESFRI 2008). L’investimento in Infrastrutture
realizza ritorni industriali che facilitano l’internazionalizzazione delle PMI
italiane.
Al fine di realizzare un coordinamento efficace nelle grandi iniziative
internazionali a cui l’Italia, come quarto paese dell’Unione, prende parte attiva,
sono stati siglati specifici accordi e protocolli d’intesa con il Ministero dei Beni
Culturali, il Ministero della Salute, il Ministero delle Pari Opportunità, mentre
sono in fase di elaborazione quelli con il Ministero dell’Ambiente, dello
Sviluppo Economico e delle Politiche Agricole.
Si intende inoltre:
produrre, a due anni dal termine del 7°PQ, il documento di indirizzo e
strategia della Ricerca italiana per l’8°PQ, così da garantire un efficace
intervento del Sistema della Ricerca nel contesto della programmazione
europea;
realizzare e gestire una banca dati che comprenda tutti gli accordi di
cooperazione R&S bilaterali e multilaterali vigenti tra l’Italia e Istituzioni estere
(a livello intergovernativo, interministeriale, inter-universitario e tra EPR) e
tutti i progetti internazionali R&S che coinvolgano partner italiani (Programmi
Quadro, Programmi di Cooperazione transfrontaliera – ex-INTERREG, accordi
bilaterali, ecc);
partecipare a progetti di definizione di settori prioritari di cooperazione R&S
tra Unione Europea e Paesi Terzi attraverso il Programma Specifico “CapacitiesINCO” e i relativi strumenti “INCO-NET”, “BILAT” e “ERA-NET”;
censire lo stato e le attività delle rappresentanze R&S italiane in Europa;
proporre e adottare le linee guida che ispirano la scelta dei rappresentanti R&S
italiani all’estero;
definire procedure/modalità di interazione tra rappresentanti scelti e le
segreterie tecniche delle Amministrazioni centrali;
monitorare gli interventi dei rappresentanti R&S all’estero.
Marzo 2011
71
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
8.
AZIONI DI GOVERNO
Il PNR applica agli interventi proposti, i principi guida elencati al paragrafo 3.2.
Insieme alle priorità individuate dal Programma, i principi guida suggeriscono la
promozione di misure legislative, programmatiche ed amministrative, tendenti a:
riconoscere, per il settore della R&S, la necessità di coordinamento
interministeriale e interistituzionale, misura richiamata da leggi dello Stato e
applicata nelle azioni preparatorie del PNR;
considerare, nei documenti e nelle azioni definiti delle Amministrazioni
centrali, il settore della R&S altamente strategico per l’Italia; in questo ambito,
dedicare una particolare attenzione allo sviluppo di Piattaforme, Centri di
eccellenza, distretti di R&S, strutturati localmente in accordo con le Regioni,
ma dotati di valenza internazionale;
impegnarsi a garantire le risorse necessarie a che il PNR venga messo in atto
nella sua completa articolazione, e agire assicurando il coinvolgimento degli
organi di programmazione economica e decisionale preposti al reperimento
delle risorse102;
dare priorità alle iniziative legislative di riforma del sistema universitario,
degli Enti di Ricerca e al sostegno delle iniziative regionali e interregionali di
settore;
riservare attenzione, risorse e decisioni per aiutare giovani laureati nella
difficile scelta di impegnarsi nella Ricerca scientifica;
sostenere a tutti i livelli l’internazionalizzazione delle azioni di R&S, compreso
il sostegno ai piani nazionali che prevedono contributi internazionali, e ai
programmi internazionali ai quali la partecipazione italiana è dovuta;
sviluppare e potenziare i rapporti di collaborazione scientifica e tecnologica
con paesi ad elevata densità di investimento in R&S103, comprese quelle
relative agli investimenti stranieri R&S in Italia104,105,106;
promuovere a livello globale le azioni di R&S nei Paesi in via di sviluppo, al
fine di creare nuove sinergie per la crescita dell’industria e della tecnologia
italiane, soprattutto nei settori attualmente in più forte crescita scientificotecnologica;
prevedere l’istituzione di un Tavolo e di un Osservatorio permanente di
settore per la semplificazione normativa e delle procedure amministrative.
Ad oggi, l’adeguamento delle azioni a sostegno della Ricerca non può che far
riferimento alla vigente normativa di settore. La struttura del nuovo PNR prefigura la
proposta di una legge organica di riforma degli interventi dello Stato in materia di
R&S che definisca e attui il pieno coordinamento tra le diverse competenze
istituzionali.
Anche le innovazioni normative del sistema universitario e degli Enti Pubblici
di Ricerca sono premesse fondamentali del processo di implementazione del PNR e
della messa in atto delle sue azioni. Il disegno di legge in materia di organizzazione
del sistema universitario già delinea norme la cui attuazione richiama i contenuti del
nuovo PNR, come l’adozione di codici etici, la qualità dell’offerta scientifica, le
competenze internazionali, la programmazione strategica degli Atenei, i criteri per la
Marzo 2011
72
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
riforma dei dipartimenti universitari, il riordino delle strutture di raccordo tra
discipline, le norme per le scuole di dottorato, l’aggregazione federativa tra Atenei,
l’istituzione dell’abilitazione scientifica nazionale per l’accesso ai ruoli universitari, la
facilitazione delle procedure per la chiamata diretta di professori e ricercatori,
l’autonomia di reclutamento concessa agli Atenei.
In sintesi, la stesura e l’approvazione del PNR avvengono in un contesto
legislativo in evoluzione, caratterizzato da:
un’iniziativa di riforma organica di sistema volta a definire e regolare gli
interventi e le modalità attuative del nuovo PNR, con particolare riferimento
alla necessità di migliorare sia l’efficienza degli strumenti di promozione e
finanziamento degli interventi di R&S, sia l’attrattività degli investimenti in
materia;
una legge di riforma del sistema universitario;
il completamento del processo di riordino legislativo, organizzativo ed
amministrativo degli Enti Pubblici di Ricerca.
Marzo 2011
73
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
9. UNA FINANZA COORDINATA PER LA RICERCA: LE
RISORSE DISPONIBILI PER IL PNR E GLI OBIETTIVI A
TENDERE PREVISTI NEL PROGRAMMA NAZIONALE DI
RIFORMA
9.1
LE RISORSE DISPONIBILI PER IL PNR
La tabella che segue riporta le risorse previste in bilancio a legislazione vigente
ovvero in contabilità speciale, che sono immediatamente disponibili o quelle che
potranno rendersi disponibili nel triennio, compatibilmente con gli equilibri di
finanza pubblica, per il finanziamento degli interventi e delle azioni previste nel PNR
2011-2013, anche a seguito di rientri di rate relative a crediti agevolati.
Negli aggiornamenti annuali del Programma si darà conto delle eventuali
ulteriori risorse finanziarie rese disponibili dalle leggi di stabilità e dalla ricognizione
in corso presso le altre Amministrazione pubbliche, in relazione all’obiettivo di
costruire un bilancio consolidato della ricerca.
L’esigenza di coordinare e armonizzare le competenze e le azioni a sostegno
della R&S comporta, infatti, la necessità di strutturare un quadro unitario della
finanza pubblica dedicata, che induca ad un recupero di efficienza degli impegni e
generi un “effetto-leva” più vantaggioso, in termini di produzione di valore aggiunto
e di attrazione di investimenti. In questo senso, il Programma ribadisce l’opportunità
di una ricognizione e di una valutazione degli strumenti e delle risorse attualmente
disponibili, ai fini di una riorganizzazione delle scelte allocative.
FONTE DI FINANZIAMENTO
RISORSE M €
FOE (Fondo ordinario per il finanziamento degli enti e istituzioni di ricerca)
7% progetti e programmi specifici
8% progetti "Bandiera"
806
FAR (Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca)
2.029
FIRB (Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base)
92
FISR (Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca)
77
PRIN (Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale)
268
2.817
PON Ricerca e Competitività quota 2011-2013
totale
Marzo 2011
6.089
74
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
9.2 GLI OBIETTIVI A TENDERE PREVISTI NEL PROGRAMMA NAZIONALE DI
RIFORMA
In linea con quanto previsto da Europa 2020 e dal Programma Nazionale di
Riforma, l’obiettivo prioritario è l’incremento quantitativo, oltre che qualitativo, della
spesa, da perseguire sia per mezzo di una maggiore mobilitazione dei bilanci
pubblici, sia per mezzo della creazione di un valido regime di convenienze per gli
investimenti privati. La semplificazione delle procedure amministrative, il ricorso a
forme automatiche di incentivo, quali il credito d’imposta e la detassazione degli utili
reinvestiti, lo snellimento e la migliore articolazione degli strumenti di agevolazione
valutativi e negoziali, l’istituzione di un principio di “riserva obbligatoria” su
determinate partite programmatiche, consentiranno un incremento degli investimenti
in Ricerca e una loro migliore distribuzione tra attori pubblici e privati. In sede di
definizione della strategia e delle azioni prioritarie del PNR, si è ritenuto non fosse
necessario procedere alla ricostruzione di un quadro analitico degli impegni di
competenza e delle capacità di spesa, attuali e potenziali, attribuite alle diverse
Amministrazioni dello Stato e alle Regioni, iniziativa da rinviare a un’attività di
osservatorio insediata presso la struttura di governance. Allo stesso modo, anche in
considerazione dei vincoli connessi al Programma di Stabilità, si è deciso di non
indicare il dato del fabbisogno espresso dalle varie articolazioni del PNR. Il miglior
coordinamento delle partite finanziarie va comunque definito nell’ambito di una
legge organica di riforma del settore che valga a coordinare e ottimizzare l’intervento
pubblico e privato, concentrando le risorse su progetti strategici, aree prioritarie e
azioni di diffusione dell’innovazione.
La progressiva implementazione del PNR consentirà di supportare il
consolidamento e la qualificazione della domanda di Ricerca e Sviluppo,
promuovendo le condizioni per la stabilizzazione e l’incremento dei flussi
d’investimento, ai quali la parte pubblica dovrà assicurare continuità e tempestività.
A tale obiettivo devono concorrere tutti i Ministeri interessati alla Ricerca: Ministero
dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Ministero dello Sviluppo Economico,
Ministero della Salute, Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare,
Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Ministero delle
Infrastrutture e Trasporti, Ministero dei Beni e Attività Culturali, Ministero della
Difesa e Ministero dell’Economia e della Finanze. Analoghi impegni andranno
garantiti dalle Regioni, che con gli interventi già avviati nell’ambito dei programmi
regionali, ambiscono alla creazione di reti sul territorio in grado di connettere la
Ricerca pubblica e la Ricerca privata, il mondo delle imprese con il mondo della
ricerca, mettendo a disposizione competenze, esperienze e servizi.
Al fine di rafforzare il coordinamento degli strumenti e delle misure disponibili
e potenziare le capacità di spesa, si evidenzia la necessità che una percentuale
apprezzabile della dotazione FAS venga destinata al finanziamento degli interventi
per gli investimenti in R&S, anche attraverso lo strumento della programmazione
negoziata, in coerenza sia con l’iniziativa già avviata con la Legge n. 133/2008, sia con
una logica di anticipazione di uno dei principi dell’auspicata legge di riforma che
permetterebbe di promuovere la confluenza tra Amministrazioni centrali e Regioni.
Marzo 2011
75
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
A livello statale, il Programma Nazionale di Riforma, approvato nel Consiglio
dei Ministri del 5 novembre 2010, specifica le iniziative in grado di garantire il
miglioramento sia quantitativo sia qualitativo dell’apporto pubblico, da realizzare
anche diversificando strumenti, modalità di intervento e fonti di copertura, per
concorrere al perseguimento dell’obiettivo minimo di spesa complessiva, pubblica e
privata, dell’1,53% del PIL al 2020.
I principali strumenti che il Governo intende promuovere in relazione a tale
obiettivo sono:
approvazione ed attuazione del Programma Nazionale della Ricerca,
con l’obiettivo di allineare la spesa italiana per la Ricerca alla media
europea, mediante la realizzazione delle Azioni previste e dei Progetti
Bandiera identificati con il contributo della comunità scientifica ed
imprenditoriale;
attuazione e massimizzazione dell’impiego delle risorse nazionali e
comunitarie del PON Ricerca e Competitività, mediante bandi e avvisi
per il finanziamento della Ricerca industriale, dei distretti ad alta
tecnologia e dei laboratori pubblico-privati, nonché per il rafforzamento
della dotazione scientifica;
azioni-cardine e Progetti Bandiera, ovvero progetti di carattere
strategico;
reintegrazione del Fondo di Finanziamento degli Enti di Ricerca (FOE),
collegata alla necessità di accompagnare adeguatamente il processo di
riforma degli Enti Pubblici di Ricerca avviato con il decreto attuativo
della Legge – delega n. 165/2007 (D. Lgs. n. 213/2009). In particolare
l’obiettivo è di ottenere la reintegrazione del significativo taglio
applicato nell’esercizio finanziario 2009 e 2010, nonché un adeguato
incremento della dotazione ai fini di una gestione ottimale del nuovo
sistema di finanziamento degli Enti di Ricerca entrato in vigore dal 1°
gennaio 2011, e che prevede la ripartizione di una quota pari al 7% del
fondo (crescente negli anni successivi) sulla base di valutazioni di
carattere meritocratico tra gli enti medesimi;
istituzione, nell’ambito del predetto FOE, di una specifica riserva
destinata al finanziamento di progetti di carattere strategico,
suscettibile di incremento per mezzo dell’apporto di privati, di
Istituzioni e Fondazioni bancarie;
rifinanziamento del Fondo per l’Innovazione e la Ricerca Scientifica e
Tecnologica (FIRST) nella misura di 500 milioni di Euro per anno, per
alimentare gli strumenti di incentivazione della Ricerca di base e
industriale (bandi FIRB, PRIN, Legge 297 anche per lo sviluppo di
nuova impresa), ed in particolare per fare fronte alla forte e accertata
domanda di investimenti in Ricerca e Sviluppo, soprattutto nelle aree
più industrializzate del Paese, per necessità di riconversione e
riqualificazione della struttura produttiva;
nell’ambito del sostegno alla Ricerca di base, la previsione e la
realizzazione di appositi bandi per il finanziamento di progetti di
eccellenza promossi da giovani ricercatori;
Marzo 2011
76
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
accesso alle disponibilità della legge-obiettivo, accresciute dalle
economie e rinvenienze della programmazione 2000-2006, per il cofinanziamento di infrastrutture e piattaforme tecnologiche, finalizzate
alla diffusione della conoscenza e alla erogazione di servizi ad alto
contenuto di innovazione;
ampliamento dell’utilizzo di strumenti di sostegno automatici, in
particolare per le piccole e medie imprese. Si pensa di proporre un
intervento analogo a quello previsto dal D.L. n. 78/2009, riservato agli
investimenti in impianti e macchinari. Anche il credito d’imposta per
attività di Ricerca e Sviluppo, per il quale la Legge 23 dicembre 2009, n.
191 (finanziaria per il 2009) ha reso spendibili ulteriori risorse, potrà
essere utilizzato come meccanismo automatico di sostegno agli
investimenti per l’allargamento del capitale di conoscenze delle
imprese, soprattutto di piccole dimensioni.
potenziamento del ricorso al contributo in conto interessi, anche
mediante l’utilizzo del fondo di rotazione della Cassa Depositi e
Prestiti. E’ allo studio una semplificazione delle procedure di accesso,
che permetta – anche attraverso la partecipazione pubblica a un fondo
di garanzia – il tempestivo accesso al credito da parte delle imprese;
rafforzamento in chiave anticiclica del Fondo di garanzia per le piccole
e medie imprese di cui alla Legge n. 662/1996 al fine di meglio
certificare il merito di credito delle imprese beneficiarie.
attivazione dello sportello della ricerca, nonché di opportunità per
incentivare il trasferimento tecnologico e la valorizzazione della
proprietà intellettuale, anche attraverso fondi di capitale di rischio,
come il Fondo Nazionale per l’Innovazione indirizzato ai progetti
innovativi delle PMI basati su brevetti;
bandi annuali per il sostegno alla diffusione della cultura scientifica e
per la contribuzione al funzionamento di enti privati di ricerca;
prosecuzione dei Progetti di Innovazione Industriale, di cui all’art.1,
comma 842 della Legge n. 296/2006, per sostenere programmi di
Ricerca industriale e innovazione volti alla realizzazione di prodotti e
servizi innovativi da immettere sul mercato in tempi brevi e riguardanti
le aree tecnologiche strategiche per la competitività del Paese (efficienza
energetica, mobilità sostenibile, nuove tecnologie per il Made in Italy,
nuove tecnologie per la vita, tecnologie innovative per i Beni Culturali);
valorizzazione e diffusione delle opportunità offerte dal contratto di
rete di imprese, strumento che consente alle piccole e medie imprese di
dar vita a collaborazioni anche tecnologiche per superare le difficoltà,
legate alla piccola dimensione, a investire maggiormente in Ricerca e
Sviluppo allo scopo di rafforzare la competitività sui mercati nazionali
e internazionali.
i Contratti di innovazione tecnologica, potranno favorire lo sviluppo
della Ricerca e l’innovazione delle imprese e creare nuove opportunità
di lavoro per i ricercatori, attraverso una rinnovata alleanza strategica
fra imprese, sistema bancario e Stato e finanziati in parte sul Fondo
Marzo 2011
77
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Rotativo per il Sostegno alle imprese e gli investimenti in Ricerca,
costituito presso la Cassa Depositi e Prestiti;
i nuovi Contratti di Sviluppo, volti a finanziare iniziative
imprenditoriali di impatto socio-economico rilevante, basati su una
procedura a sportello più snella, con certezza nei tempi e nella
disponibilità di risorse finanziarie. I settori di intervento risultano
ampliati rispetto allo strumento del contratto di programma,
prevedendo in particolare l’ammissibilità di iniziative nei settori del
turismo e del commercio.
Marzo 2011
78
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ALLEGATO 1
Il Programma Nazionale della Ricerca.
Eccellere, cooperare e competere
Alla luce dei contenuti del Programma Nazionale di Riforma, presentato lo scorso 12
novembre dal Consiglio dei Ministri, l’approvazione del Programma Nazionale di
Ricerca 2011-2013, è sempre più un obiettivo prioritario. Il PNR sviluppa e
concretizza una delle direttrici fondamentali del Programma che allinea il Paese alla
vision strategica di Europa 2020, indicando e descrivendo le azioni innovative volte a
sostenere e accompagnare la transizione del sistema Paese verso l’economia della
conoscenza.
Il Programma è l’esito di una ampia consultazione che ha coinvolto la comunità
scientifica e accademica, le forze economiche, una delegazione della Conferenza
Stato-Regioni e l’Osservatorio delle Regioni, tutte le Amministrazioni dello Stato
competenti per materia.
Nel suo insieme, il Programma Nazionale della Ricerca 2011–2013 agisce come
componente strutturale di politica economica, puntando sulla progressiva
integrazione tra offerta e domanda di ricerca, sulla costruzione di una rete di
piattaforme e infrastrutture tecnologiche aperte al contributo e alla partecipazione del
sistema produttivo, sull’incremento di redditività degli investimenti in ricerca.
La sua struttura è stata fortemente influenzata dall’analisi delle caratteristiche e delle
peculiarità della straordinaria crisi finanziaria che ha condizionato l’economia
mondiale dal settembre 2008.
Il Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013, nella sua elaborazione finale, è una
rilevante espressione della manovra anticiclica che il Governo ha posto in essere per
contrastare i fenomeni di declino e perdita di competitività che interessano alcune
essenziali articolazioni della struttura economica nazionale.
Il PNR ha un contenuto operativo, che si esplica attraverso un numero limitato ma
significativo di Progetti Bandiera, finanziati con risorse proprie degli Enti di Ricerca e
con quota parte del Fondo Agevolazione e Ricerca (FAR).
Il PNR è uno strumento che armonizza le diverse componenti della conoscenza e
dell’innovazione e mettendo a sistema, nel rispetto delle specifiche autonomie, i
diversi livelli di competenza programmatica e amministrativa, distribuita tra
Ministeri e Regioni.
La necessità di dar luogo a un disegno di lungo periodo, fortemente integrato nel
contesto della ricerca europea, deriva dalla consapevolezza che i sistemi nazionali di
produzione, ricerca e formazione non sono sempre sufficienti a fronteggiare le sfide
generate dalle dinamiche del mercato globale. Per questo, ci si è collocati dentro
l’orizzonte della strategia europea, richiamandosi alle priorità condivise da tutti i
Paesi dell’Unione.
La capacità di reazione di un paese industrializzato dipende dalla quota
d’investimenti in Ricerca e Sviluppo, dalla qualità dei processi di formazione di ogni
grado e dalla consapevolezza di operare per il raggiungimento di obiettivi volti al
bene comune. L’intera struttura della nuova economia è orientata a valorizzare e
Marzo 2011
79
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
impiegare il capitale umano, per contribuire efficacemente a generare e trasferire
innovazione al tessuto imprenditoriale a partire dalle tecnologie e dagli strumenti
disponibili, adattandoli alla scala dei bisogni espressi dalla società e dal mondo della
produzione. Potenziare le risorse umane qualificate e attrarre giovani ricercatori dagli
altri paesi diventano obiettivi essenziali, dal momento che il valore aggiunto dei
risultati della Ricerca è dato dalla capacità di migliorarne le performance attraverso
sviluppi applicativi gestiti da operatori competenti, in grado di interferire
positivamente con la tecnologia innovativa, valorizzandone e sfruttandone appieno le
capacità. Tramonta progressivamente il paradigma di uno sviluppo con pochi centri
pensanti e tante periferie a favore di una società misurata sempre più attraverso il
tasso di scolarità, la percentuale di ricercatori sul totale della forza lavoro, le
performance del sistema educativo, la quantità di innovazione incorporata nei prodotti,
nei beni e nei servizi, in un contesto di forte cooperazione e condivisione di idee e di
infrastrutture.
Dunque, il PNR innesca un processo che inciderà sul corpo vivo della comunità
scientifica ed economica, puntando in primo luogo sui giovani. Il Programma assegna
all’obiettivo del rilancio del capitale umano specifici strumenti di sostegno, tra i quali:
la definizione e attuazione di un sistema a chiamata per la valutazione di
progetti individuali;
l’istituzione di percorsi sperimentali per l’integrazione dei giovani ricercatori in
carriere permanenti;
il rientro dei ricercatori italiani dall’estero e la cooptazione di competenze
scientifiche straniere;
il potenziamento delle scuole di dottorato internazionale in ricerca, con
l’obiettivo di promuovere l’eccellenza e ridurre l’età media degli addetti alla
ricerca.
L’obiettivo è di popolare lo Spazio Europeo della Ricerca (ERA) con un numero
crescente di giovani ricercatori, capaci di innalzare i livelli di competenza e
motivazione nelle strutture pubbliche, e nelle imprese industriali private,
fertilizzando il territorio della conoscenza e dell’innovazione.
A seguito dell’analisi dei principali trend scientifico-tecnologici dei paesi leader nella
realizzazione di azioni di Ricerca e sviluppo, sono stati individuati alcuni grandi
interventi, che riguardano le tecnologie abilitanti.
Tali interventi mirano a sostenere, sviluppare, trasferire e indirizzare contenuti di
innovazione verso il sistema della Ricerca e verso il sistema produttivo, per
innalzarne il livello di competenza e consentire la piena interazione delle capacità
nazionali nelle tendenze evolutive già presenti nelle aree più avanzate del mondo. Gli
interventi saranno realizzati attraverso grandi progetti, anche a livello comunitario,
promossi da aggregazioni pubblico-private.
Analogamente, verranno promosse azioni che valgano a consolidare le leadership
italiane nei settori chiave delle nuove tecnologie, spingendo nel senso della
concentrazione delle risorse e della costituzione di significativi aggregati di ricerca,
capaci di operare in maniera marcata anche in direzione del trasferimento tecnologico
a favore delle piccole e medie imprese.
Il trasferimento è un’altra componente essenziale del processo di modernizzazione
che il PNR affronta con una proposta articolata e dettagliata, che prevede:
Marzo 2011
80
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
il consolidamento delle piattaforme tecnologiche nazionali strettamente
connesse alle analoghe strutture europee;
il sostegno ai distretti ad alta tecnologia, strutture che coordinano, localmente,
soggetti diversi aventi strategie di sviluppo comuni;
l’accompagnamento alla nascita di poli di eccellenza, assimilati ai distretti ma
impegnati su ben definite frontiere tecnologiche;
la costituzione di vere e proprie infrastrutture tecnologiche, “dorsali”
dell’innovazione alle quali sia possibile connettere, in entrata e in uscita,
produttori e consumatori di soluzioni e applicazioni ad alto contenuto di
ricerca.
Se da un lato il contributo pubblico, in termini di risorse statali e regionali, è
abbastanza in linea con la media europea, la dimensione della struttura produttiva,
caratterizzata dalla prevalenza di piccole e medie imprese poco propense al rischio a
investire in sviluppo e innovazione, determina una scarsa capacità di identificare e
acquisire i trovati della Ricerca e le innovazioni generati dal mondo accademico e
della Ricerca pubblica con il quali sarebbe indispensabile attuare e/o rafforzare
meccanismi di migliore cooperazione. Viene anche riscontrato il limite di un sistema
della Ricerca che, fino ad oggi, è stato poco propenso ad aprirsi alle collaborazioni
con il settore economico e produttivo.
La strategia del PNR, che intende premiare le componenti della Ricerca pubblica più
attive sul fronte dell’interazione con il sistema produttivo, deve concorrere a
stimolare la partecipazione all’investimento anche da parte dei sistemi di piccole e
medie imprese. L’Italia è il paese dei distretti produttivi localizzati: è necessario che la
Ricerca faccia i conti con questa geografia economica, costituendo una frontiera
mobile il più possibile coerente e allineata con la realtà del paese che produce e deve
consolidare, mediante l’innovazione di prodotti, beni e processi, i propri mercati di
riferimento.
Il Mezzogiorno è al centro dello sforzo che l’Unione europea e lo Stato italiano
compiono per promuovere la convergenza delle aree sottoutilizzate nel contesto della
prospettiva di crescita nazionale e continentale. Il Programma Operativo Nazionale
“Ricerca e Competitività”, che stanzia complessivamente 6, 4 miliardi di Euro per le
regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, ripercorre, nella struttura e nel metodo di
applicazione, le linee operative e gli indirizzi del PNR. Il Mezzogiorno sarà
interessato da un esperimento di grande portata e significato, perché qui si proverà a
realizzare il maggior livello di integrazione tra Università, Ricerca e Impresa,
mediante il finanziamento di grandi progetti, e “costellazioni” di progetti che
mettono a sistema grandi e piccole e medie imprese, Enti Pubblici di Ricerca, distretti,
laboratori pubblico-privati, strutture universitarie.
Si conta di fare attrazione di investimenti, per contribuire a una radicale
riconversione della realtà produttiva del Mezzogiorno.
L’obiettivo che s’intende perseguire nel Mezzogiorno come nel resto del Paese è:
cooperare per competere.
Per dare immediato avvio al cambiamento, si è identificato un numero limitato di
Progetti Bandiera e di Progetti di Interesse, rappresentativi del nuovo approccio allo
sviluppo della Ricerca e della attrattività del sistema Paese.
Marzo 2011
81
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
I PROGETTI BANDIERA
1. SUPER B FACTORY (INFN)
La finalità del progetto è quella di mettere a punto un nuovo e avanzatissimo
acceleratore per elettroni e positroni ad alta luminosità in grado di rispondere a
esigenze di Ricerca di base e di fisica applicata.
Obiettivi
Messa a punto della struttura volta all’ottenimento di luminosità così elevate da
consentire la rivelazione di segnali attinenti nuove interazioni di natura
fondamentale.
Consentire indagini avanzate sulla materia condensata e biologica.
Contribuire allo sviluppo delle nanotecnologie e della proteonomica.
Impatto
Oltre al coinvolgimento di aziende nei settori farmaceutico, strumentazione e
diagnostica, elettronica e del manifatturiero, e di aziende ospedaliere, verranno
interessate al progetto numerose Università, e lo stesso il CNR. Si intravedono
numerose e prevedibili ricadute in settori di interesse del Paese, soprattutto in
relazione all’ampliamento degli orizzonti scientifici di base e al perfezionamento di
particolari applicazioni riguardanti la rivelazione di particelle, tecniche avanzate di
simulazione, metrologia nano-metrica, e così via.
Costo stimato, anni e copertura
Oneri complessivi € 250.000.000 in 5 anni così distribuiti:
I fase - 120.000.000 Euro; II fase - 100.000.000 Euro; III fase - 30.000.000 Euro
Copertura con accantonamento FOE.
2. COSMO SKYMED II GENERATION (ASI)
Costellazione di due satelliti con a bordo radar operanti in Banda X, per
l’osservazione della superficie terrestre, a elevata risoluzione spaziale e temporale. Il
progetto prevede anche una stazione terrestre dedicata alla ricezione, elaborazione e
immagazzinamento dei dati di telerilevamento.
Obiettivi
Monitoraggio, sorveglianza e gestione rischi ambientali
Strategie di sorveglianza di interesse militare
Gestione risorse ambientali
Impatto
Miglioramento della sicurezza e qualità della vita.
Costo stimato, anni e copertura
Oneri complessivi € 600.000.000 in 7 anni, già a piano budget ed inserito nel PTA
2010-2012 di ASI.
Copertura a carico dello stanziamento ordinario dell’ASI
3. EpiGen - EPIGENOMICA (CNR)
Progetto attinente lo sviluppo della scienza della vita e riguardante avanzamenti nella
teoria di sequenziamento del DNA e RNA.
Marzo 2011
82
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Obiettivi
Individuazione di molecole marker di malattie genetiche e multifattoriali per
identificare efficaci antidoti farmacologici;
Analisi omiche, bioimaging, bioinformatiche;
Piattaforma genomica, proteomica, metabolomica;
Impatto;
Biotecnologie vegetali, neuroscienze, immunologia, immunobiotecnologia.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 30.000.000 in 3 anni.
Copertura con accantonamento FOE.
4. RITMARE – RICERCA ITALIANA PER IL MARE (CNR)
Questo progetto propone una ricerca scientifica e tecnologica dedicata al mare e a
tutte le sue problematiche con i seguenti obiettivi fondamentali.
Obiettivi
Tecnologie marittime
Tecnologie della pesca sostenibile
Tecnologie per la sostenibilità della gestione della fascia costiera
Costituzione di una rete internazionale di laboratori per il mar Mediterraneo
Adeguamento delle infrastrutture nazionali di ricerca con razionalizzazione
della flotta nazionale di navi da ricerca oceanografiche attraverso refitting.
Impatto
Tutte le attività marittime considerate nei punti dell’obiettivo costituiranno in primis
significative fonti di reddito per la nazione: turismo costiero e marittimo.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 450.000.000 per 5 anni
Copertura con accantonamento FOE.
5. L’AMBITO NUCLEARE (ENEA – CNR – INFN)
La finalità di questo progetto è orientata al rafforzamento del sistema energetico
nazionale attualmente, e ancor più nel prossimo futuro, insufficiente a soddisfare la
crescente e inevitabile domanda di energia.
Obiettivi (breve termine)
Riguardano la realizzazione di reattori a elevato grado di sicurezza, la ricerca sui siti,
la ricerca sulle soluzioni tecnologiche per lo smaltimento rifiuti, la ricerca di materiali
per sistemi nucleari innovativi a fissione. Una ulteriore finalità del progetto è
rappresentata dall’attivazione di un consistente programma di formazione
riguardante le tematiche della normativa internazionale, dei materiali per sistemi
nucleari, del decommissioning, della fornitura di servizi ad alto contenuto tecnologico.
Obiettivi (medio – lungo periodo)
Attengono nuovi tipi di reattori di IV Generazione a neutroni veloci, con standard di
sicurezza elevatissimi. Strumentazione dedicata di controllo di classe levata per
garantire con continuità sicurezza e operabilità.
Costo stimato, anni e copertura
14.000.000 € circa – CNR
Marzo 2011
83
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
12.000.000 € circa – INFN
13. 000.000 € circa – ENEA
Complessivi € 39.000.000 in 3 anni (full cost).
Copertura con accantonamento FOE.
6. LA FABBRICA DEL
NAZIONALE - CNR)
FUTURO
(PIATTAFORMA
MANIFATTURIERA
Progetto orientato a un nuovo sviluppo sostenibile dell’ambiente manifatturiero, in
particolare per promuovere più efficacemente il Made in Italy. Gli ambiti di ricerca
riguardano: beni strumentali, sistemi di produzione avanzati, tipologie di fabbriche
del futuro ad alto gradi di affidabilità per i prodotti e di beni.
Obiettivi
Sviluppo di filiere di processi produttivi adeguati a prodotti di nuova
generazione: veicoli industriali, elettrodomestici, impianti per l’ambito domotico.
Sviluppo di processi eco-sostenibili.
Impatto
Di grande rilevanza e priorità per lo sviluppo manifatturiero globale del nostro Paese.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 12.000.000 in tre anni.
Copertura con accantonamento FOE.
7. ASTRI – ASTROFISICA CON SPECCHI A TECNOLOGIA REPLICANTE
ITALIANA (INAF)
Questa proposta è incentrata su osservazioni da terra per lo studio della più alta
porzione di energia dei fotoni gamma. La sfida è far funzionare i rilevatori a terra per
raggiungere competitività anche a livelli di energia fino ad oggi appannaggio dei
satelliti.
Obiettivi
Sviluppo di specchi per osservazione da terra a basso costo di produzione con
mantenimento di qualità ottiche più che soddisfacenti.
Ottiche per tecniche di investigazioni biomedicale non invasive.
Tecniche per la concentrazione di energia solare.
Tempi di sviluppo
Fase preparatoria: fino a Giugno 2013. A partire dal 2013 inizierà la fase di
costruzione dei telescopi.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivo € 8.000.000 in 3 anni.
Copertura con accantonamento FOE.
8. RICERCA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA NEI PROCESSI DI
CONOSCENZA, TUTELA, VALORIZZAZIONE E SICUREZZA DEI BENI
CULTURALI (MIUR, CNR, ASI, INGV, IIT)
Rappresenta un’opportunità di ricerca di alto valore aggiunto con aspetti di forte
validità intrinseca dal punto di vista storico, culturale e architettonico del nostro
Marzo 2011
84
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Paese e di impatto potenziale notevolissimo nei confronti del turismo culturale di
nuova generazione.
Obiettivi
Sviluppo multidisciplinare della ricerca a beneficio della conoscenza, tutela,
valorizzazione e sicurezza del Beni Culturali
Rafforzamento della posizione strategica attuale e maggiore diffusione
dell’intero patrimonio artistico in ambito mondiale.
Impatto
Aumentata conoscenza archeologica, forte turismo indotto.
Filiere tecnologiche più efficienti ed efficaci, anche in relazione alla mission nazionale
di conoscenza, tutela e valorizzazione;
Consolidamento della leadership europea e internazionale (nel settore della ricerca dei
Beni Culturali);
Trasferimento tecnologico più efficace alle PMI
Capacità distintiva e attrattiva delle nostre strutture di ricerca scientifica e di
formazione sulla tematica dei beni culturali.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivo € 30.000.000 in 3 anni
Copertura FAR
9. PROGETTO SIGMA (MIUR – DIFESA - ASI)
Si tratta di costruire un sistema di comunicazione satellitare per scopi istituzionali, di
cui il nostro Paese è mancante.
Obiettivi
Indipendenza da società commerciali straniere
Mantenimento di un elevato know-how e competitività dell’industria spaziale
manifatturiera e dei servizi.
Ridotti costi di servizio.
Livelli di sicurezza, affidabilità adeguati per la sicurezza amministrativa.
Collaborazione stretta con la Difesa.
Impatto
Efficienza aumentata di comunicazioni ampliate con livelli di sicurezza amplificati
Costo stimato, anni e copertura
Oneri stimati € 80.000.000
Residui e PTA ASI.
10. SATELLITE OTTICO PER il TELERIVAMENTO (MIUR – DIFESA - ASI)
Si tratta di un mini satellite con disponibilità a bordo di un sistema di osservazione
ottico ad altissima risoluzione da impiegare come integrazione alle capacità di
osservazione di COSMO SKYMED II GENERATION che invece opera con radar a
raggi X.
Obiettivi
Progettazione e installazione di strumenti ottici per l’osservazione terrestre ad
alta risoluzione spaziale e temporale
Marzo 2011
85
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Impatto
Aumento della tecnologia satellitare e della strumentazione non convenzionale.
Costo stimato, anni e copertura
Oneri stimati € 100.000.000
Residui e PTA ASI
11. NANOMAX (LENS, Politecnico TORINO, Università di GENOVA, IIT, Istituto
Tumori MILANO, Università degli Studi MILANO e altri)
L’idea attiene lo sviluppo di una piattaforma innovativa automatizzata a contenuto
nanotecnologico, per la diagnostica emergente molecolare multi-parametrica in vitro;
in particolare verranno sviluppate e impiegate tecnologie in grado di consentire
diagnostiche avanzate, basata su profili genetici e profili incentrati su marcatori
proteomici e metabolomici.
Obiettivi
L’obiettivo prioritario è lo sviluppo di una o più piattaforme tecnologiche per la
nano-medicina orientata a diagnostiche precoci, ad alta risoluzione e multi parametriche. Altri obiettivi particolari attengono il progetto e la costruzione di chip
dedicati, di sequenziatori paralleli nonché sistemi di rivelazione label-free o basati su
risonanza di plasma o su cantilever per la rilevazione di piccole masse.
Impatto
Sviluppo di competenze molto avanzate per l’intera filiera della diagnostica medicale,
nel senso più generale del termine e attinenti anche nano-strutture d’interesse
biomedicale.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivo € 23.000.000 in 3 anni
Copertura con accantonamento FOE.
12. INTEROMICS (CNR-ISTITUTO TECNOLOGIE BIOMEDICHE)
Sviluppo di una piattaforma integrata di conoscenze pluridisciplinari per
l’applicazione delle scienze “omiche” alla definizione di bio-marcatori e profili
diagnostici, predittivi e teranostici. Il progetto propone un modello in rete coadiuvate
da una serie di piattaforme tecnologiche orientato alla gestione dell’intera filiera delle
scienze omiche (genomica, proteomica, breathomica, bioinformatica.)
Obiettivi
Gestione accurata delle attività relativa allo sviluppo della genomica di
microorganismi e organismi superiori (animali e vegetali), della genomica
comparativa in oncologia, delle applicazioni dei marcatori, dello sviluppo di
prodotti e servizi e delle ricerche sui bio-marker.
Trasferimento tecnologico alle PMI, e alle strutture sanitarie in generale.
Impatto
Forte integrazione tra discipline e competenze nel settore e generazione di
nuove opportunità di sviluppo delle scienze omiche.
Contributo positivo alla risoluzione di problematiche cliniche ancor aperte.
Industriale e nell’ambito dei servizi innovativi.
Marzo 2011
86
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Costo stimato, anni e copertura
Complessivo di € 25.000.000 in 3 anni.
Copertura accantonamento FOE.
13. ELETTRA - FERMI – EUROFEL (Sincrotrone Trieste S.C.p.A. (ST))
Sviluppo e costruzione di impianti che consentano la realizzazione e l’avvio del
progetto FERMI - Elettra collegato al progetto di Infrastruttura EU-EUROFEL
approvato a livello del Consiglio EU e inserito nella Roadmap ESFRI. Progetto già in
fase di realizzazione con finanziamento parziale da EU-MIUR-Regione e da
autofinanziamento.
Obiettivi
Completo aggiornamento della sorgente di sincrotrone Elettra.
Costruzione e avvio nuova sorgente Laser a Elettroni Liberi, FERMI, e
integrazione in un complesso coordinato con Elettra.
Incremento della capacità di servizio ai ricercatori nazionali e internazionali
nelle Nanoscienze e Nanotecnologie mediante lo sviluppo e l’offerta di
tecniche analitiche, strutturali, elettroniche e dinamiche con luce polarizzata di
alta intensità e ad alta risoluzione temporale.
Sviluppo delle tecniche di misura e analisi per Biologia, Energetica, Materiali
innovativi, Beni culturali e per indagini cliniche tramite microradiografie.
Incremento efficienza energetica e diminuzione nella produzione di gas serra
con sviluppo di trigenerazione anche in funzione di dimostratore.
Impatto
Attrazione in Italia di oltre 1200 utilizzatori e collaboratori/anno da oltre 40
Paesi (inclusi Europa, Stati Uniti, India, Cina, Giappone, Australia).
Aumento nella capacità di servizio internazionale di analisi e conoscenza
fortemente aumentata sui Materiali Innovativi e loro applicazioni e sviluppi,
anche a supporto dell’industria manifatturiera, biomedica ed energetica.
Sviluppo e trasferimento di nuove tecnologie per il mercato nazionale e
internazionale, attrazione di industrie e creazione di spin-off.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 45.000.000 in 3-5 anni per il completamento e l’avvio.
Copertura accantonamento FOE.
14. Progetto IGNITOR
Il programma IGNITOR, innestato in una stretta collaborazione tra il nostro Paese e la
Russia e con il coinvolgimento di Istituzioni americane, si propone di produrre e
studiare per la prima volta plasmi termonucleari in grado di accendersi.
Il raggiungimento delle condizioni di accensione è il passo fondamentale per
dimostrare la fattibilità di un reattore a fusione in grado di produrre energia.
Obbiettivi
Ignitor è una tappa di grande rilevanza attinente lo sviluppo ulteriore e sostanziale
delle linee di ricerca e delle tecnologie portate avanti con i programmi Alcator al
M.I.T ed a Frascati con macchine compatte ad alto campo, per arrivare ad un
controllo sostenibile dei plasmi termonucleari.
Marzo 2011
87
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
L’obiettivo principale è di fornire un contributo positivo alla soluzione del problema
energetico mondiale.
Impatto
Sostanziale progresso nella comprensione dei processi di autorganizzazione dei
plasmi in condizioni ancora inesplorate.
Sviluppo di tecnologie avanzate: disponibilità di nuovi dati di grande rilevanza
sul comportamento di materiali soggetti ad alti flussi termici ed in ambienti
caratterizzati da fortissime sollecitazione elettro-meccaniche
Avanzamento nel campo della multidisciplinarietà, in particolare riguardante
l’astrofisica, la fisica dei plasmi delle alte temperature nonché la
termodinamica di scambio tra sistemi fortemente sollecitati.
Costo stimato, anni e copertura
Costo stimato: 80.000.000 € in tre anni circa
Copertura: la copertura del progetto è a valere sul Fondo integrativo speciale per la
ricerca di cui all’articolo 1, comma 3 del DLgs 204/98 in quanto a 25.800.000 €
provenienti dall’EF 2010, a 25,8 m€ sulla competenza 2011 ed a 25,8 m€ sulla
competenza 2012, capitolo 7310/Economia.
Marzo 2011
88
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
I PROGETTI DI INTERESSE
1. 3-N NETWORK NAZIONALE DELLE NANOTECNOLOGIE (IIT)
Costituzione e coordinamento di una rete di laboratori nazionali e di centri di
eccellenza operanti nel settore delle nano-scienze e della nanotecnologia includendo
in una operazione sinergica ospedali, istituti dei tumori, centri di bio-diagnostica e di
imprese manifatturiere high tech.
Obiettivi
Sviluppo di un programma sinergico e coordinato di nanotecnologie per la vita e la
salute con applicazioni nanotecnologiche in svariati settori riguardanti: diagnostica di
nano-particelle, tossicità e contromisure, agricoltura, elettronica dedicata, energia,
progettazione e simulazione etc.
Impatto
Contributo significativo in alcuni dei numerosi contesti in cui la nano-elettronica è
destinata a giocare un significativo ruolo (salute delle persone in primis). Sinergia
aumentata in questo settore
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 35.000.000 in 6 anni
Copertura da definire
2. SINTONIA – SISTEMA INTEGRATO DI TELECOMUNICAZIONI,
OSSERVAZIONE DELLA TERRA, NAVIGAZIONE, PER GLI UTENTI
ISTITUZIONALI (ASI)
Sviluppo di una Rete satellitare volta a correlare informazioni provenienti dai vari
sistemi ASI: Cosmo Sky Med, Prisma, ROSA nonché dai sistemi in uso nel quadro
delle collaborazioni internazionali, quali ad esempio aerei senza pilota.
Obiettivi
Sviluppo di nuovi materiali e di un satellite di telecomunicazioni per
trasmissioni a banda larga, osservazione della terra con esame di eventi realtime;
sviluppo di tecnologie abilitanti: simulazione virtuale simulazione di processi e
di missioni spaziali;
sviluppo di processi e tecnologia di industrializzazione, attinenti componenti
spaziali, intelligenza diffusa tramite centri di fusione e interpretazione dati.
Impatto
Benefici di ordine economico e sociale, incrementi di occupazione specialistica nel
settore, ricadute a incorporare le nuove tecnologie in settori quali: agricoltura, pesca,
turismo, pubblica amministrazione.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 942.000.000 in 5 anni
Copertura da individuare
3. IPI – INVECCHIAMENTO E POPOLAZIONI ISOLATE: UNA RETE DI
LABORATORI PER LO STUDIO, IN UN CAMPIONE DI POPOLAZIONI
ISOLATE, DELLE BASI GENETICHE (CNR)
Marzo 2011
89
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Sviluppo, nel settore della genetica e utilizzando tecniche diagnostiche avanzate, di
un programma volto alla comprensione più accurata di tecniche diagnostiche, di cura
e di prevenzione dei numerosi fenomeni degenerativi legati all’invecchiamento.
Obiettivi
Analisi di popolazioni isolate e ben caratterizzate geneticamente.
Migliore comprensione a livello genetico dei meccanismi dinamici delle cellule
transitanti verso l’invecchiamento.
Messa a punto della strategia della medicina predittiva
Impatto
Conoscenza più puntuale dei processi di migrazione dell’invecchiamento
Conoscenza più spinta nello studio sistematico delle basi genetiche
Miglioramento della qualità della vita
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 90.000.000 in 6 anni
Copertura da individuare
4. CONTROLLO DELLA CRISI NEI SISTEMI COMPLESSI SOCIO ECONOMICI
Applicazione delle teorie della complessità a sistemi naturali e sociali per una loro
migliore comprensione e per individuare elementi orientati a un migliore controllo
dei medesimi.
Obiettivi
Applicazione delle teorie della complessità a strutture di città come network
interagenti; traffico e mobilità urbana; reti per la distribuzione di energia; policy
making; ottimizzazione della pubblica amministrazione.
Impatto
Migliore conoscenza di sistemi complessi reali di impatto sociale
Capacità aumentata di governance di sistemi caratterizzati da proprietà
collettive da individuare e controllare.
Miglioramento della forma mentis degli addetti ai lavori e delle nuove
generazioni di ricercatori interessati alla problematica della applicazione dei
risultati derivanti dallo studio di sistemi complessi e delle loro proprietà.
Individuazione di invarianti nel dominio della complessità sociale.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 10.000.000 in 3 anni
Copertura da individuare
5. INTERNET DEL FUTURO (CNR-ICT)
Questo progetto intende esplorare le capacità di utilizzo sinergico di INTERNET del
futuro come parte integrante della vita di tutti i giorni.
Obiettivi
Generare una infrastruttura di rete di nuova generazione
Generare e validare una struttura di rete di contenuti multimediali
Marzo 2011
90
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Promuovere una rete di servizi e una rete per le persone e delle persone dove
per esempio tutti possano definire nuove relazioni sociali, condividere idee,
progetti e operare insieme riducendo l’impatto interfacciale uomo-macchina.
Impatto
Sviluppare coscienza delle masse critiche nell’ambito della progettazione e
svolgimento dei progetti di ricerca; sviluppo sostanziale delle tecnologie di internet e
loro utilizzazione ottimale.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 10.000.000 in 3 anni
Copertura da individuare
6. NEXT DATA (Comitato Ev-K2-CNR (SHARE), CMC, INGV, ENEA, Università).
Questo progetto riguarda la progettazione e implementazione di un sistema
intelligente di raccolta, conservazione, accessibilità e diffusione dei dati ambientali e
climatici.
Obiettivi
Accumulare in modo intelligente i dati in modo autonomo e aperto
Aumentare la capacità di estrarre significato dai dati
Rappresentare un utile riferimento per iniziative nazionali e internazionali
(UNEP, WMO-organizzazione metrologica mondiale, GMES, GEO/GEOSS)
Rafforzare il SEADATANET. Attivazione di reti di monitoraggio climatico ad
alta quota; stazioni afferenti al GAW; crio-archivi ambientali; sistemi
osservativi marini.
Predisposizione di archivi digitali ambientali di lungo periodo.
Impatto
Accessibilità facilitata a una notevole massa di dati utili per la comprensione
dell’evoluzione climatica e ambientale.
Messa a punto di sistemi idonei per la conservazione e trasmissione della
conoscenza in ambito climatico
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 40.000.000 in 3 anni
Copertura da individuare
7. EEE - EDIFICI AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA
Tecnologica italiana delle Costruzioni, ANCE e Federcostruzioni)
(Piattaforma
Questo progetto si propone lo sviluppo di tecnologie che consentano il risparmio
energetico degli edifici, mettendo in rete le eccellenze presenti nel nostro paese e
attivando i necessari procedimenti di trasferimento de l know-how alle PMI.
Obiettivi
Sviluppo di materiali da costruzione ad alta efficienza e ridotta energia
inglobata per la realizzazione di componenti edilizi, durabili e riciclabili
Progettazione di materiali multifunzionali
ICT per la domotica e per gli impianti
sviluppo di soluzioni non convenzionali di involucro a elevata efficienza
energetica
Marzo 2011
91
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Impatto
Miglioramento della qualità della vita
Risparmio energetico
Sostenibilità ambientale
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 20.000.000 in 3 anni
Copertura da individuare
8. AGROALIMENTARE (CNR: dip.Agroalimentare, CIS-MIUR: Sistema AgroAlimentare italiano)
L’idea di base considera iniziative scientifiche di caratterizzazione strutturale e
funzionale relative ai genomi delle piante coltivate e degli animali allevati nonché
azioni volte a mettere in atto interventi finalizzati a obiettivi di rilievo per il settore
Agro-alimentare.
Obiettivi
Riguardano sei aree e precisamente attengono lo studio: delle relazioni multi-trofiche
pianta-organismi patogeni finalizzato a una agricoltura più sostenibili; del
metabolismo secondario dei vegetali con miglioramento della funzione nutritiva del
cibo; della biodiversità e della genomica comparata; delle strutture e delle
funzionalità dei genomi degli animali allevati; della frutticultura intensiva: vite, melo,
pesco; dell’interazione agricoltura ambiente.
Impatto
L’impatto si prefigura di forte rilevanza nel contesto interattivo persona- ambiente
con riflessi sull’ottimizzazione dei procedimenti della nutrizione, sul miglioramento
della qualità della vita e del risparmio in agricoltura.
Costo stimato, anni e copertura
Complessivi € 50.000.000 in 3 anni
Copertura da individuare
Marzo 2011
92
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ALLEGATO 2
Note al testo
1. DECRETO LEGISLATIVO 5 giugno 1998, n. 204 “Disposizioni per il
coordinamento, la programmazione e la valutazione della politica nazionale
relativa alla ricerca scientifica e tecnologica, a norma dell'articolo 11, comma 1,
lettera d), della legge 15 marzo 1997, n. 59 (art. 1 comma 2) “Il PNR, con
riferimento alla dimensione europea e internazionale della ricerca e tenendo
conto delle iniziative, dei contributi e delle realtà di ricerca regionali, definisce
gli obiettivi generali e le modalità di attuazione degli interventi alla cui
realizzazione concorrono, con risorse disponibili sui loro stati di previsione o
bilanci, le pubbliche amministrazioni, ivi comprese, con le specificità dei loro
ordinamenti e nel rispetto delle loro autonomie e attività istituzionali, le
università e gli enti di ricerca. Gli obiettivi e gli interventi possono essere
specificati per aree tematiche, settori, progetti, agenzie, enti di ricerca, anche
prevedendo apposite intese tra le amministrazioni dello Stato”.
2. European Strategy Forum on Research Infrastructures (ESFRI).
3. Comunicazione della Commissione “EUROPA 2020 - Una strategia per una
crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”, {COM(2010) 2020} del 3 Marzo
2010.
4. Innovation union licenziata dalla Commissione il 6 ottobre 2010, portata in
approvazione al Consiglio dei Capi di Stato e di Governo dell’Unione nel
Dicembre 2010.
5. Brussels,
15/07/2008 sec(2008) 2282 Commission staff working document
accompanying document to the communication from the commission to the council,
the European parliament, the European economic and social committee and the
Committee of the regions, “Towards joint programming in research: working together
to tackle common challenges more effectively” {com(2008) 468 final}.
6. Le preoccupazioni del PNR 2005-2007 si rifacevano all’obiettivo centrale per
l’Europa: diventare, entro il 2010, “l’economia più competitiva al mondo,
basata sulla conoscenza, capace di una crescita economica sostenibile, con più
numerosi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale”. Per dare
attuazione all’agenda di Lisbona, l’Unione europea si è impegnata (Consigli di:
Stoccolma, marzo 2001; Barcellona, marzo 2002; Bruxelles, dicembre 2003) in
una serie di azioni e di iniziative nei settori della ricerca e dell’istruzione. Al
riguardo vanno citati: la creazione dello Spazio Europeo della Ricerca e
dell’Innovazione (ERA); l’obiettivo di aumentare lo sforzo di ricerca e sviluppo
europeo fino al 3% del PIL dell’Unione entro il 2010; l’iniziativa europea per la
crescita (Commissione Europea, Novembre 2003 e Conclusioni della
Marzo 2011
93
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Presidenza, Consiglio Europeo, Bruxelles, dicembre 2003); l’adozione di un
“Piano d’azione” per il raggiungimento degli obiettivi previsti. Il PNR 20052007 faceva riferimento a piattaforme tecnologiche, collaborazione pubblicoprivata, monitoraggio, infrastrutture. Le azioni previste sono ovviamente e in
parte comuni a quelle che il nuovo PNR italiano propone. Il PNR 2005-2007,
partiva da due documenti di politica scientifica che ne formavano la premessa
fondamentale: “Linee Guida per la politica scientifica e tecnologica del
Governo”, approvate dal CIPE il 19.4.2002 e le “Linee Guida per la Valutazione
della Ricerca”. Definiva obiettivi, azioni e priorità delle azioni di R&S e si
proponeva come quadro di riferimento del Sistema della Ricerca nazionale
(MIUR, 2005).
7. In termini di incremento annuale della percentuale del PIL investita in R&S,
l’Italia si posiziona nell’EU-27 nella parte bassa della classifica (European
Commission, 2009b). Cfr. figura.
8. Raccomandazione della Commissione dell’11/3/2005 riguardante la Carta
Europea dei Ricercatori e un Codice di Condotta per l’Assunzione dei
Ricercatori, EUR21620.
Marzo 2011
94
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
9. I dati percentuali del 2000, a confronto con il 2005, relativi a investimenti nel
mondo in R&S, indicano un regresso relativo dell’EU nel numero di ricercatori,
nella percentuale del PIL investito in R&S (GERD) e nel numero di brevetti
richiesti (European Commission, 2009b).
10. La capacità di fare scienza e trasformarla in tecnologia è aumentata in tutto il
mondo. Dal 1994 al 2004 le assunzioni nel settore R&S da parte di compagnie
USA al di fuori degli Stati Uniti sono aumentate del 76%, contro il 31% di
aumento negli USA da parte delle stesse organizzazioni (National Science
Board, 2008).
11. Il rapporto 2008 sulla competitività in Europa (European Commission, 2009c)
riporta la figura che segue e che presenta una serie di indici relativi all’Italia.
Nel settore R&S il paese non eccelle.
Marzo 2011
95
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
12. Il documento Turville (Lord Sainsbury of Turville, 2007), realizzato per conto
del governo del Regno Unito, aveva lo scopo di chiarire il ruolo della scienza e
dell’innovazione nel rendere il paese capace di competere con la Cina e l’India.
La rassegna si basa su molte fonti, un approccio che ha prodotto uno dei
documenti più esaustivi sul ruolo dell’innovazione nelle economie moderne.
Introduce l’ovvio concetto che per l’UK il modo migliore di competere è verso
un elevato livello tecnologico, e non verso la riduzione dei prezzi, e indica la
Marzo 2011
96
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
necessità di creare opportunità in una economia dove le catene manifatturiere
sono molto frammentate, indirizzandole verso prodotti high value.
13. Nella EU-27, tra il 2000 e il 2006, gli investimenti in R&S sono aumentati, in
termini reali, del 14,8%, (negli USA, del 10,1%). Tuttavia, l’intensità degli
investimenti è diminuita dall’1,86% nel 2000 all’1,84% nel 2006, principalmente
a causa di un insufficiente aumento negli investimenti R&S privati (European
Commission, 2009b). In Europa, il supporto pubblico alle azioni di R&S è
invece rimasto stabile a livello dello 0,63% del PIL.
14. E’ evidente che malgrado la dominanza della ricerca USA e l’aumento
dell’importanza dell’Europa, il gruppo TRIAD (USA, Unione Europea,
Giappone, Canada, Oceania, Altri europei) è in declino (in termini relativi).
Altri stati aumentano la loro importanza, sia in termini qualitativi che
quantitativi. La Cina conduce il gruppo non TRIAD, e il suo trend non è
ripetuto da altri paesi non TRIAD (Vengelers, 2008).
15. UNESCO, Institute of Statistics (2008).
16. United Nations Conference on Trade and Development – UNCTAD (2009).
17. Esistono molti modelli che dimostrano come nel lungo periodo la velocità di
sviluppo di un paese dipende dagli investimenti in R&S (Bulli, 2008). È
particolarmente significativo che in nessun momento, dai tempi della
rivoluzione industriale, la ristrutturazione nel mondo delle attività economiche
sia stata così necessaria come oggi (Lord Sainsbury of Turville, 2007). In
diverse parti del mondo, infatti, è evidente la tendenza a sviluppare economie
basate sulla conoscenza, dove la ricerca, il suo sfruttamento industriale e altre
attività intellettuali giocano un ruolo crescente. (National Science Board, 2008).
18. In Europa sembra esistere una barriera strutturale che si oppone a creare nel
continente posizioni di primato nelle frontiere tecnologiche (Giannitsis e
Kager, 2009). Questa affermazione equivale a sostenere che le politiche, per lo
più nazionali, di R&S non sono in grado di generare effetti visibili nel breve
periodo. In settori cruciali gli avanzamenti tecnologici europei sono sempre
comparativamente o too little o too late. La questione ha indubbiamente a che
fare con selezione (personale, progetti, infrastrutture), rischi ed efficienza delle
politiche di governo.
19. Il documento Bonaccorsi (Bonaccorsi, 2007) produce una dettagliata analisi che
sostiene la seguente conclusione: la difficoltà dell’Europa nell’applicare la
scienza allo sviluppo industriale dipende dalla mediocre presenza della sua
ricerca nella parte alta delle classifiche di qualità scientifica, nei settori
scientifici con sviluppo molto rapido (scienza dei materiali, ingegneria,
computer science e biologia avanzata), o in nuovi settori con dinamiche
turbolente. L’interpretazione offerta è una risposta al cosiddetto paradosso
europeo (European Commission, 1995), illustrato dalle seguenti osservazioni
Marzo 2011
97
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
empiriche: la scienza europea è qualitativamente e quantitativamente
confrontabile con quella degli USA; la posizione dell’Europa nelle alte
tecnologie è molto più debole di quella degli Stati Uniti. Il rapporto segnala, in
realtà, che la produzione scientifica europea è solo quantitativamente pari a
quella americana ed è competitiva in settori caratterizzati da bassa velocità di
sviluppo. In termini di quantità di pubblicazioni, per esempio, NAFTA e EU15 sono confrontabili (European Commission, 2003; 2005a). Infatti, nei settori
scientifici considerati dal rapporto Basu (Basu, 2004), la proporzione degli
scienziati USA con una altissima frequenza di citazioni è dominante: 40% in
farmacologia e agricoltura, 90% in economia, 60-70% nelle scienze sociali. I
settori dove gli scienziati non americani rappresentano più del 40% sono fisica,
chimica, scienze animali e vegetali.
20. In Italia, l’incertezza sull’ampiezza della crisi e il deterioramento del contesto
economico internazionale hanno determinato una riduzione degli investimenti
in R&S. Il Centro Studi Confindustria (CSC) stima, nel 2008, una diminuzione
degli investimenti del 13,1%. L’azione del Governo per il 2008 aveva l’obiettivo
di mettere in sicurezza i conti pubblici e ridurre l’indebitamento di 0,6 punti
percentuali del PIL. La Legge Finanziaria, approvata a dicembre 2008, non
pare modificare il deficit. Il CSC stima che il debito pubblico nel 2008 salirà al
114,7% del PIL e al 117,5% nel 2010. In questa situazione è difficile prevedere
che le risorse messe a disposizione del sistema R&S possano aumentare
significativamente. In altri paesi, politiche tempestive e minore dipendenza
dall’export renderanno la ripresa più rapida. E’ il caso degli USA, dove il PIL si
contrarrà del 3,2% nel 2008 e crescerà dell’1,6% nel 2010. In Italia le politiche di
bilancio espansive sono difficili a causa dell’elevato debito pubblico. Il brusco
collasso della domanda ha avuto, tra gli altri, l’effetto di spostare l’attenzione
degli operatori sulla carenza di liquidità, modificando drasticamente l’ordine
delle priorità e, di conseguenza, deviando il percorso dei processi decisionali
dalla gestione della riorganizzazione produttiva, all’equilibrio di breve
periodo, in questo toccando anche gli investimenti in R&S (Centro Studi
Confindustria, 2009).
21. Le stime OECD MSTI 2007 delle spese in R&S come percentuale del prodotto
interno lordo sono riportate in figura per i paesi del G7 (Bulli, 2008).
Marzo 2011
98
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
(Fonte: OECD MSTI 2007, 2)
22. Quando gli investimenti in R&S vengono riferiti alle percentuali contribuite da
diverse Istituzioni, l’Italia si posiziona (vedi tabella che segue) al più basso
valore per il contributo dell’industria, e tra i più alti per il contributo del
governo (National Science Board, 2008).
23. Il termine European Research Area debutta ufficialmente con il trattato di
Lisbona che stabilisce “The Union shall have the objective of strengthening its
scientific and technological bases by achieving a European research area in which
researchers, scientific knowledge and technology circulate freely, and encouraging it to
become more competitive, including in its industry, while promoting all the research
activities deemed necessary by virtue of other Chapters of the Treaties”. Questo ruolo
dell’ERA ha ora ricevuto un chiaro posizionamento tra le priorità della
Comunità nelle conclusioni della Commissione europea del marzo 2008, dove
l’ERA rappresenta il cuore della fifth freedom che sostiene il libero movimento
in Europa di conoscenza, idee e ricercatori (European Commission, 2009a). In
Europa, le competenze in materia di ricerca sono le stesse di 20 anni fa: i) la
Commissione europea è responsabile della politica di ricerca comune
sviluppata con i programmi quadro; ii) I governi nazionali e regionali
organizzano la ricerca come da mandato costituzionale attenendosi al principio
di sussidiarietà; iii) un numero limitato di Istituzioni di ricerca
intergovernative sono state in larga parte fondate prima dei programmi
quadro, come CERN, ESA, ESO, EMBO-EMBL, EUI e ESF; iv) alcuni
Marzo 2011
99
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
programmi intergovernativi sono stati recentemente approvati. Tuttavia,
l’allargamento della Comunità e la necessità di rivedere l’agenda europea della
ricerca hanno generato una situazione che suggerisce di ripensare la struttura
della governance dell’ERA (Marimon e de Graça Carvalho, 2008).
24. L’area europea della ricerca è la dimensione dove applicare gli strumenti di
R&S. Gli obiettivi sono: andare oltre le frontiere della ricerca; creare un’area
comune dove utilizzare al meglio le risorse esistenti; integrare nell’area
comune le comunità scientifiche dell’Europa orientale e occidentale; attrarre
giovani ricercatori da tutto il mondo. Creare l’ERA rimane una scommessa,
considerando che il 95% delle spese europee in R&S vengono decise dagli stati
membri (Cobis, 2009b).
25. Il libro verde ERA identifica sei assi lungo i quali l’ERA può diventare una
realtà: creare un solo mercato del lavoro di ricerca; sviluppare infrastrutture di
livello mondiale; rafforzare le Istituzioni di ricerca; rendere la conoscenza
accessibile a tutti; ottimizzare i programmi di ricerca e le priorità di intervento;
cooperare nelle azioni di R&S internazionali (European Commission, 2009b).
26. Le politiche per l’innovazione godono in Europa di un buon momento. La
Commissione ha raddoppiato i fondi per il periodo 2007-2017, e il Direttorato
Generale Enterprise and Industry ha lanciato il programma Competitiveness and
Innovation framework (CIP) con un investimento di € 3,6 miliardi (Van der Horst
et al., 2006).
27. Morimon e de Graca Carvalho (2008).
28. Le attività europee nella ricerca di base sono prevalentemente gestite dal
Consiglio Europeo della Ricerca (European Research Council - CER)
http://erc.europa.eu/, composto dal Consiglio Scientifico e da una struttura a
sé stante che si occupa della gestione effettiva. Le aree di ricerca coperte sono
parzialmente indipendenti da quelle delle priorità tematiche indicate nel
Programma Quadro. Il Consiglio Scientifico è composto da alti esponenti della
comunità scientifica europea, che si esprimono nelle loro sfere di competenza,
indipendentemente da indicazioni di politica scientifica nazionale o da
qualsiasi altro tipo di interesse. Tali membri sono nominati dalla Commissione
seguendo una procedura indipendente per la loro identificazione. Il Consiglio
Scientifico costituisce un organismo autonomo ed agisce nel solo interesse del
conseguimento scientifico, tecnologico ed accademico del programma “Ideas”.
I suoi compiti principali sono:
definire una strategia scientifica che rifletta sia le opportunità
scientifiche che le esigenze europee;
prendere decisioni sul tipo di ricerca che possa essere finanziata;
sviluppare un programma annuale per la realizzazione dei programmi
specifici – che saranno adottati dalla commissione come proposti dal
consiglio scientifico, posto che non siano in contraddizione con gli
obiettivi del programma “Ideas”;
Marzo 2011
100
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
stabilire il processo dei revisori;
monitorare l’attuazione del programma per il controllo di qualità dal
punto di vista scientifico.
29. Nel 1957, i due trattati di Roma stabilirono la creazione della Comunità
Economica Europea (CEE) e di quella dell'energia atomica (Euratom). Il Centro
comune
di
ricerca
(Joint
Research
CentreJRC
http://ec.europa.eu/dgs/jrc/index.cfm), fu originariamente istituito ai sensi
del trattato Euratom, con lo scopo di sviluppare programmi di ricerca
finalizzati a promuovere la sicurezza nucleare e la sicurezza in Europa. Il Joint
Research Centre da allora ha esteso la sua attività su richiesta degli Stati
membri, attraverso la creazione negli anni di numerosi centri di eccellenza1,
fino ad abbracciare anche altri settori importanti per l'elaborazione delle
politiche in materia di scienze della vita, energia, sicurezza e tutela dei
consumatori. Si è trasformato da una organizzazione incentrata esclusivamente
sulla ricerca di base sull’energia nucleare a una ricerca customer-driven e di
supporto alle politiche nazionali e comunitarie. Oggi, il Joint Research Centre
è profondamente radicato nella Spazio europeo della ricerca e interagisce con il
processo legislativo dell'UE.
30. L’Agenzia esecutiva per la ricerca (REA), gestisce servizi per gran parte delle
azioni del Settimo programma quadro di ricerca, (7PQ), tra cui, ad esempio,
l’organizzazione del servizio di valutazione per conto della Commissione.
L'Agenzia è stata istituita nel 2008 a Bruxelles con un mandato per l'intera
durata del 7PQ. Eretta ad entità autonoma il 16 giugno 2009, dovrebbe di fatto
restare in funzione fino al 2017, cioè oltre il termine del 2013 del 7PQ, per
garantire la gestione dei progetti fino a completamento. Come agenzia
esecutiva, si concentra sui compiti di gestione in outsourcing da parte della
Commissione europea e ne favorisce l'efficienza facendo fronte alle domande
delle comunità scientifiche. La REA ha una propria personalità giuridica, ma
svolge il ruolo di vigilanza e controllo da parte della Commissione europea, in
particolare da parte delle direzioni generali con portafoglio di ricerca: DG
Ricerca, DG Imprese, DG Società dell'informazione e media, e la sezione
trasporti della DG Trasporti ed Energia. Nello specifico, la REA gestisce:
le azioni Marie-Curie del programma "Persone";
alcune attività specifiche del programma "Capacità";
gran parte dei temi del programma di cooperazione, dello spazio e della
sicurezza;
le procedure di valutazione per l'intero programma quadro (ad eccezione
dei meccanismi di valutazione per il programma "IDEAS", che è
interamente gestito dal Consiglio Europeo della Ricerca).
31. La Commissione propone in EU2020 i seguenti cinque obiettivi principali:
il 75% delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni deve avere un lavoro;
il 3% del PIL dell'UE deve essere investito in R&S;
Marzo 2011
101
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
i traguardi "20/20/20" in materia di clima/energia devono essere raggiunti
(compreso un incremento del 30% della riduzione delle emissioni se le
condizioni lo permettono);
il tasso di abbandono scolastico deve essere inferiore al 10% e almeno il 40%
dei giovani deve essere laureato;
20 milioni di persone in meno devono essere a rischio di povertà.
32. Le sette “Flagship Initiatives” individuate dalla direttiva Europa2020 sono 1.
“L’Unione dell’innovazione” per migliorare le condizioni generali e l’accesso
ai finanziamenti per la ricerca e l'innovazione, facendo in modo che le idee
innovative si trasformino in nuovi prodotti e servizi tali da stimolare la crescita
e l’occupazione; 2. “Youth on the move” per migliorare l'efficienza dei sistemi
di insegnamento e agevolare l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro; 3.
“Un’agenda europea del digitale” per accelerare la diffusione dell'internet ad
alta velocità e sfruttare i vantaggi di un mercato unico del digitale per famiglie
e imprese; 4. “Un'Europa efficiente sotto il profilo delle risorse” per contribuire
a scindere la crescita economica dall’uso delle risorse, favorire il passaggio a
un’economia a basse emissioni di carbonio, incrementare l'uso delle fonti di
energia rinnovabile, modernizzare il nostro settore dei trasporti e promuovere
l'efficienza energetica; 5. “Una politica industriale per l'era della
globalizzazione” onde migliorare il clima imprenditoriale, specialmente per le
PMI, e favorire lo sviluppo di una base industriale solida e sostenibile in grado
di competere su scala mondiale; 6. "Un'agenda per nuove competenze e nuovi
posti di lavoro” onde modernizzare i mercati occupazionali e consentire alle
persone di migliorare le proprie competenze in tutto l'arco della vita al fine di
aumentare la partecipazione al mercato del lavoro e di conciliare meglio
l'offerta e la domanda di manodopera, anche tramite la mobilità dei lavoratori;
7. La "Piattaforma europea contro la povertà” per garantire coesione sociale e
territoriale in modo tale che i benefici della crescita e i posti di lavoro siano
equamente distribuiti e che le persone vittime di povertà e esclusione sociale
possano vivere in condizioni dignitose e partecipare attivamente alla società.
33. Nel Regno Unito il supporto all’innovazione è delegato a molti Ministeri;
tuttavia si intravede una nuova leadership per il Technology Strategy Board
(TSB), supposto coordinatore trasversale ai Research Councils, alle regioni ed al
governo. Il TSB ha 4 obiettivi: aiutare i settori primari per il Paese a mantenere
la loro posizione nel mondo; stimolare i settori che hanno la capacità di essere
tra i migliori al mondo nel futuro; accertare che le tecnologie emergenti oggi
diventino un settore di sviluppo domani; combinare questi elementi in modo
che il paese diventi un centro per l’investimento delle compagnie private. Il
TSB è stato trasformato nel 2007 in una istituzione che a partire dalla
considerazione delle opportunità di business sviluppa un’azione
interministeriale tale da migliorare la capacità innovativa del paese. Il
documento di Turville (Lord Sainsbury of Turville, 2007) raccomanda di
accentuare il ruolo del TSB, estendendolo anche al settore dei servizi e agli
interessi internazionali del paese. Il TSB ha fatto notevoli progressi nel creare
collegamenti tra ministeri, altre agenzie e compagnie private. Il rapporto
Marzo 2011
102
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Turville introduce anche la constatazione che laddove le politiche nazionali
creano condizioni per l’innovazione, è comunque a livello regionale che gli
attori di R&S si interfacciano. In questo senso il coordinamento nazionale della
ricerca deve includere anche i governi regionali. Questo specialmente per:
programmi di trasferimento tecnologico tra università e mercato; per la
creazione di cluster attorno alle migliori università; per introdurre schemi di
valutazione negli incubatori.
34. Sempre nel Regno Unito, il Ministero della Innovazione, Università e
Tecnologia (DIUS) ha rafforzato il suo ruolo di coordinamento
interministeriale esercitato attraverso il TSB, specialmente per quanto riguarda
la creazione delle migliori condizioni per incentivare l’innovazione di prodotto
e di processo. Anche il Ministero dell’Industria (DBERR) è responsabile delle
ristrutturazioni industriali. Il rapporto Turville (Lord Sainsbury of Turville,
2007) indica che il successo degli interventi relativi alla riorganizzazione della
ricerca dipende in larga parte dalla collaborazione tra DIUS e DBERR.
35. Una attività nazionale di coordinamento è richiamata anche dall’AIRI: il
coordinamento potrebbe omogeneizzare gli strumenti di sostegno a
disposizione delle amministrazioni a tutti i livelli, definendo un sistema
univoco – nazionale e regionale – di strumenti, capace di coprire l’intera
gamma progettuale, dai piccoli investimenti in ricerca, ai grandi investimenti
innovativi (AIRI, 2009). Sempre AIRI ritiene che un obiettivo del PNR è la
semplificazione, la razionalizzazione e l’innovazione dei processi di ricerca
industriale, da conseguire con l’integrazione degli strumenti delle
amministrazioni di tutti i livelli, definendo un sistema nazionale e regionale di
strumenti, e con l’adozione di un modello di valutazione delle iniziative
progettuali di ricerca e sviluppo tecnologico, nazionali e regionali.
36. Un obiettivo del PNR dovrebbe essere la semplificazione, la razionalizzazione
e l’innovazione dei processi di ricerca industriale, da conseguire con
l'integrazione degli strumenti delle amministrazioni di tutti i livelli, definendo
un sistema nazionale e regionale di strumenti, e con l'adozione di un modello
valutazione delle iniziative progettuali di ricerca e sviluppo tecnologico,
nazionali e regionali (AIRI: Spunti di riflessione per il Piano Nazionale della
Ricerca 2009-2013).
37. United Nations University - Maastricht Economic Research Institute on
Innovation and Technology (UNU-MERIT) (2008).
38. Organization for Economic Co-operation and Development – OECD (2008).
39. UNU-MERIT (2009).
40. Il gap nell’innovazione dell’Europa nei confronti di US e Giappone persiste ma
si riduce (cfr. figure) (UNU-MERIT, 2009). Il gap è misurato come distanza
percentuale tra le performance ed è basato su 16 indici economici e tecnologici.
Marzo 2011
103
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Confronto EU-Stati Uniti
Confronto EU-Giappone
41. “Produrre conoscenza e, contemporaneamente, trasformare la conoscenza in
un valore economico, e quindi produrre velocemente una innovazione di alto
livello qualitativo, rappresentano la chiave della crescita economica e del
successo competitivo di un paese” (Cobis, 2009a). In accordo, il gruppo di
lavoro europeo “Knowledge for Growth” (K4G) sostiene che il rafforzamento
della ricerca in Europa è una delle strategie per uscire dalla crisi (European
Commission, 2009a).
42. I fattori che sostengono il livello delle attività di R&S sono: struttura
dimensionale delle imprese; diversificazione della produzione; domanda del
mercato; opportunità tecnologiche; rete di attori e Istituzioni geograficamente
localizzati (Bulli, 2008). AIRI mette in evidenza per il sistema italiano elementi
critici come la parcellizzazione degli interventi tra le amministrazioni centrali e
quelle regionali, la disomogeneità e discontinuità dei modelli di attuazione del
sostegno alle azioni di R&S, la limitatezza e la rigidità dei rapporti tra ricerca
pubblica e privata, il gigantismo o, al contrario, il nanismo progettuale e
l’incertezza delle procedure di valutazione (AIRI, 2009b).
43. L’Italia presenta ancora un gap notevole di risorse umane (fig. 1) ma in termini
di sviluppo di questa variabile sta facendo progressi (fig. 2) (UNU-MERIT,
2009).
Fig. 1
Marzo 2011
104
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Fig. 2
44. Con economia della conoscenza si intende: 1) preponderante quota di
occupazione ad alta intensità di conoscenza; 2) un determinante peso
economico dei settori dell’informazione; 3) una quota del capitale intangibile
sul capitale totale maggiore di quella del capitale fisico (Foray, 2002).
45. Ministero Istruzione Università e Ricerca – MIUR (2007).
46. Nei paesi OECD, innovazione e produttività delle compagnie private sono
positivamente correlati (European Commission, 2009c; Guellec e van
Pottelsberghe, 2001). L’innovazione dipende dalle scelte strategiche in tema di
ricerca, proprietà intellettuale, promozione dell’R&S nelle imprese private, e il
livello di ricerca sviluppata per il tramite di reti interattive. Questo ultimo tipo
di ricerca è anche fondamentale per aumentare il grado di spill over, l’uso di
innovazione creata da altri (Griliches, 1998).
47. Le imprese italiane si sono dimostrate capaci di fronteggiare la concorrenza
attraverso la realizzazione di processi di upgrading qualitativo, l’introduzione
di innovazioni di prodotto e processo, i cambiamenti organizzativi centrati
sull’utilizzo di personale più qualificato, la ri-articolazione territoriale dei
flussi di export e la collocazione all’estero di nuove fasi produttive (Centro
Studi Confindustria, 2009).
48. I centri di ricerca privati presentano specifiche problematiche in merito
all’applicazione delle normative nazionali del MIUR, del MISE, delle Regioni,
eccetera, che rischiano di mantenerli in una condizione di svantaggio
competitivo nelle attività di R&S. L’Organismo di ricerca (OdR) è stato
introdotto nella nuova normativa europea sugli aiuti di stato (European
Commission, 2006) per le attività di R&S. Lo spirito comunitario, correttamente
recepito da altre normative nazionali, richiama ad una concezione no-profit de
facto, piuttosto che ad una concezione no-profit de iure, come invece emerge
nella versione italiana. Sarebbe possibile che i Centri di ricerca privati, con
personalità giuridica autonoma, vengano riconosciuti come OdR,
indipendentemente dal fatto di essere soggetti no-profit de iure o de facto,
specialmente con riferimento agli aiuti di Stato, ai sensi dell’art. 87, par. 1 del
trattato. Purché rispondenti a tre condizioni fondamentali: garanzia del
reinvestimento degli utili in attività statutarie (R&S, diffusione dei risultati e
formazione); finalità principale consistente nello svolgimento di attività di
ricerca di base, ricerca industriale o di sviluppo sperimentale; diffusione dei
risultati con l’insegnamento, la pubblicazione o il trasferimento tecnologico.
49. L’indice globale di innovazione utilizzato nella figura che segue si basa su 29
indicatori. Il dato riportato è riferito al 2006-7. In generale l’Europa migliora la
sua performance, specialmente per le risorse umane, banda larga e venture
capital (UNU-MERIT, 2009). In termini di innovazione, i paesi europei possono
essere divisi in quattro gruppi (figura): Danimarca, Finlandia, Germania,
Svezia, Svizzera, e Regno Unito sono il gruppo leader con indici di
performance di molto sopra la media; Austria, Belgio, Francia, Irlanda,
Marzo 2011
105
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Lussemburgo, e Olanda sono Innovatori “a seguire”con performance
comunque superiore alla media; Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia,
Islanda, Italia, Norvegia, Portogallo, Slovenia e Spagna sono degli innovatori
moderati con indici sotto la media europea; Bulgaria, Croazia, Ungheria,
Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Romania, Slovacchia e Turchia hanno una
performance molto al di sotto della media europea.
L’Italia è inclusa tra gli innovatori moderati con performance sotto la media
europea. Anche il grado di progresso nell’innovazione è sotto media. La forza
del Paese in termini comparativi risiede nella finanza, il supporto all’idea di
innovazione, gli effetti economici derivabili da R&S. Il paese è carente per
risorse umane, investimenti privati, imprenditorialità. Negli ultimi cinque anni
si è notato un forte sviluppo per risorse umane, finanza, ed effetti
dell’innovazione (più PhDs, accesso alla banda larga per le compagnie,
commercio con gli stati dell’Unione). Gli investimenti privati non sono
migliorati e la performance misurata con indici economici e di innovazione è
peggiorata.
50. A confronto con gli Stati Uniti, in Europa la collaborazione tra le Università e le
compagnie private è estremamente ridotta. Questa constatazione giustifica da
sola il paradosso europeo della ricerca (Van der Horst et al, 2006).
51. Confindustria (2008)
52. Rapporto NETVAL (2007)
53. Dal 19 marzo 2005 è in vigore il D.L. n. 30 del 1.2.2005 ”Codice della proprietà
industriale, a norma dell’art. 15 della legge 12.12.2002, n.273”, che costituisce
un testo unico in materia di proprietà industriale. Il personale strutturato degli
Enti di Ricerca e delle Università che partecipano a progetti di ricerca non può
godere di incentivi legati ai risultati eventualmente raggiunti. Ciò non è in
linea con la politica dal Governo e costituisce una limitazione. L’art.6, comma
e) della bozza di regolamento FIRST potrebbe essere attuato considerando che
una quota delle spese generali riconosciute alle strutture ospitanti possa
Marzo 2011
106
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
concorrere ad un fondo per la contrattazione decentrata, gestito dal
responsabile della struttura, d6a erogare in base ai risultati ottenuti.
54. Da un’attività di benchmarking dell’OCSE (1999), si evidenzia che i settori nei
quali è specializzato il nostro sistema industriale hanno una intensità
tecnologica – spesa in R&S rispetto al valore aggiunto di settore – da due a
quasi quattro volte inferiore alla media europea. La struttura dimensionale
delle imprese incide notevolmente su questa “asimmetria”, che rischia di
limitare la competitività delle produzioni nazionali sempre più legate ai
contenuti innovativi dei prodotti e dei processi. Il coinvolgimento delle
Regioni è essenziale per tener conto delle peculiari esigenze di innovazione di
ciascuna area, per potenziare il rapporto fra ricerca pubblica ed industria e per
rafforzare l’innovazione.
55. Etzkowitz (2003); Loet e Meyer (2004).
56. Thursby e Thursby (2006).
57. Chesbrough (2003); Acha (2007).
58. Il rapporto Turville (Lord Sainsbury of Turville, 2007) assegna eguale
importanza alla ricerca knowledge driven e a quella industriale. Per questo il
ruolo delle grandi università è diventato così necessario. Il ruolo delle
università come agenti di sviluppo economico è così importante da essere
definito come academic capitalism (Slaughter e Leslie, 1999). Si sono anche alzate
voci contrarie (David e Metcalfe, 2008; David e Metcalfe, 2007) che
raccomandano, nello stimolare l’Università verso azioni di R&S, di non farlo a
scapito delle altre sue funzioni. In prospettiva sociale, si suggerirebbe cioè che
l’eccellenza delle Università stimoli legami molto stretti con il mondo sociale,
più che insistere per assegnare alle Università la commercializzazione diretta
delle loro conoscenze (EC Staff Working Document [COM(2007), 161/2 :p.52].
In David e Metcalfe (2008).
59. La creazione di Public Private Partnership (PPP) è stato, per esempio, un passo
fondamentale per colmare il vuoto e il gap nella produzione di medicinali per
il settore dei farmaci orfani (Pammolli et al, 2009). Le PPP riconducono sotto lo
stesso tetto le competenze necessarie per affrontare problemi sanitari su scala
globale: università, biotech e big pharma, associazioni no profit, fondazioni,
organizzazioni sovra nazionali, governi nazionali e governi locali. Sono stati
attivati tre tipi di PPP: distribuzione di prodotti e programmi di monitoraggio;
migliorare l'accesso ai medicinali o prodotti medicinali per prevenire o curare
determinate malattie; sviluppo di prodotti; programmi di ricerca e sviluppo di
prodotti medicinali (farmaci e vaccini) per la cura delle malattie neglette.
Esempi di PPP sono MMV22, IAVI23 e GAVI24; misure legislative e di
advocacy per il settore sanitario: programmi del tipo GAVI, DNDi25, GAIN26 e
SIGN27.
Marzo 2011
107
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
60. La scienza e l’innovazione hanno una rilevanza centrale anche per gli sviluppi
industriali regionali (Lord Sainsbury of Turville, 2007). L’ottimizzazione degli
sforzi regionali in R&S, tuttavia, è anche funzione della sicurezza con cui
queste risorse regionali sono coordinate con gli sforzi nazionali e internazionali
di settore. Malgrado la globalizzazione, l’essere “vicini” ha ancora valore. Per
esempio, promuovere le regioni come paradigma dell’innovazione ha un suo
merito. Il Comitato delle regioni sottolinea la necessità di creare la European
Research Area anche con il contributo regionale; riconosce contestualmente la
necessità di aumentare le sinergie nell’EU a favore delle politiche di ricerca e
dell’innovazione; è a favore di necessari aggiustamenti regionali, laddove in
più di 100 regioni europee la percentuale del PIL investito in ricerca è inferiore
all’1%; raccomanda l’estensione dell’attributo di eccellenza anche ed
eventualmente a piccoli centri di ricerca (Gerhard Stahl, General Secretary of
the Committee of the Regions. In European Commission (2009a).
61. I processi di apprendimento collettivo radicati nel know-how locale, insieme a
conoscenze esterne, sono il motore dell’innovazione delle piccole imprese
locali. Le conoscenze esterne vengono ricontestualizzate e incorporate
nell’impresa e nel suo territorio acquisendo un carattere specifico e meno
imitabile, che è fattore di competitività (Storper, 1997). Le condizioni di base
che rendono possibile a un territorio di attrarre investimenti sono: diffusa
imprenditorialità; risorse umane qualificate; presenza di Università di
prestigio; rete di infrastrutture; disponibilità di servizi di trasferimento
tecnologico; elevati standard locali di qualità della vita (Cobis, 2009b). Nel
Regno Unito, larga parte delle agenzie regionali per l’innovazione e lo
sviluppo (RDA) hanno sviluppato “Città del sapere” basate sul concetto che
clusters di compagnie high-tech tendono a formarsi attorno alle grandi
Università (Lord Sainsbury of Turville, 2007). In particolare, le RDA stimolano
la fondazione di incubatori high-tech e di parchi scientifici come infrastrutture
necessarie all’incentivazione dello sviluppo.
62. Il miglioramento del capitale umano, attraverso la scolarizzazione e il
miglioramento dell’istruzione, influisce sulla produttività. Ogni anno in più di
istruzione fa crescere il PIL del 5%. Adeguare il capitale umano italiano a
quello dei paesi migliori aumenterebbero il PIL del 13%. L’istruzione fa salire
la partecipazione al lavoro e la mobilità sociale. L’Italia è carente nel livello di
scolarizzazione: la popolazione tra i 25 e i 64 anni ha studiato in media per 10
anni, contro i 12 delle economie OCSE. L’aumento della durata dell’istruzione
è insufficiente se non è associato a un innalzamento della qualità. L’aumento
del livello di istruzione è anche stimolato dai cambiamenti legati alle nuove
tecnologie dell’informazione (Centro Studi Confindustria, 2009).
63. Raramente tecnologie abilitanti di estremo rilievo sono state sviluppate
indipendentemente da meccanismi di supporto pubblico (T. Giannitsis, M.
Kager, 2009).
Marzo 2011
108
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
64. La legge n. 296 del 27/12/2006 ha previsto l’istituzione del FIRST (Fondo per
gli investimenti nella Ricerca Scientifica e Tecnologica), nel quale confluiscono
tutte le risorse relative ai principali fondi rientranti nella competenza del
MIUR: PRIN, FAR, FIRB, FAS per quanto di competenza. La programmazione
delle risorse avviene in linea con gli obiettivi del PNR, che quindi contribuisce
a definire la politica di allocazione delle stesse individuando le priorità
strategiche di interesse del Paese.
65. La ricerca di base su proposta libera del ricercatore è la prima delle
fondamentali missioni affidate al sistema scientifico nazionale. È attraverso
questa attività che si introducono nuove idee ed impreviste discontinuità
rispetto alla conoscenza acquisita. L’attività di ricerca di base rappresenta una
palestra essenziale per interiorizzare la nuova conoscenza prodotta a livello
internazionale, sia per la formazione di giovani talenti. Questa attività si svolge
particolarmente nelle Università (MIUR, 2005). Per esempio, la ricerca di base
di fisica nucleare e lo sviluppo di tecniche per elaborazioni di dati di fisica
delle particelle elementari hanno generato ritorni imprevedibili. La ricerca di
base assicura anche la crescita e il rinnovo delle capacità formative delle
Università (MIUR, 2002).
66. Le compagnie private hanno compreso che le buone idee non originano
necessariamente in casa: il successo viene anche dalle attività condotte in
comune con Istituzioni pubbliche di ricerca o con altre compagnie innovative
(Cobis, 2009b). Open Innovation è la chiave per accedere a collaborazioni
pubblico-privato nello spazio europeo di ricerca (European Research Area,
2009); (Chesbrough, 2003).
67. Una politica europea per l’innovazione ha vantaggi sostanziali nei confronti di
molte politiche nazionali. Tuttavia, le politiche per l’innovazione targeted alle
PMI dovrebbero essere condotte a livello nazionale (Van der Horst et al, 2006).
68. L’esistenza di poli di eccellenza, o di sviluppo, o di cluster, o di distretti di
R&S, è condizione necessaria all’approccio all’innovazione noto come “Open
by design”. Nella letteratura specifica (Chesbrough, 2003), la decisione di
essere “aperti” è una scelta fatta razionalmente dalle imprese private. Mentre il
modello di innovazione chiuso è centrato sulle azioni di R&S interne a
un’impresa, il modello aperto include sia azioni interne che esterne. Queste
ultime richiedono uno stretto collegamento anche territoriale con Istituzioni
pubbliche di avanguardia, o con altre piccole compagnie private specializzate a
fare ricerca e sviluppo.
69. Il concetto di “reti d’impresa” configura un insieme coordinato di interventi
multi-livello in tema di ricerca e di innovazione tecnologica, capaci di
confrontarsi con l’ampiezza del quadro produttivo nazionale, proponendo
un’aggregazione di azioni (cluster di progetti), invece che mega-progetti con
dimensioni partenariali non facilmente gestibili (AIRI, 2009b).
Marzo 2011
109
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
70. Nella recente Comunicazione della Commissione del 6/10/2010 relativa alla
prima flagship iniziative presentata nell’ambito della strategia EUROPA2020 si
ribadisce la necessità di una migliore cooperazione tra mondo della ricerca e
mondo delle imprese per raggiungere l’obiettivo di ottenere “più innovazione
dalla ricerca”. Comunicazione della Commissione Europea SEC(2010)1161
http://ec.europa.eu/research/innovation-union/pdf/innovation-unioncommunication_en.pdf
71. Con la comunicazione del 30/09/2009 “Preparing for our future: Developing a
common strategy for key enabling technologies in the EU” la Commissione
Europea ha sottolineato come sia necessario uno sforzo dei Paesi Ue e
dell'Unione stessa per l'individuazione, lo sviluppo e la diffusione delle
cosiddette “Key Enabling Technologies (KET)”, ovvero quelle tecnologie che
presentano un ruolo chiave per lo sviluppo di nuovi beni e servizi in numerosi
settori, ad esempio le nanotecnologie, la micro e nano elettronica, i materiali
avanzati e la fotonica.
http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/ict/files/communication_key_enabli
ng_technologies_sec1257_en.pdf
72. La distanza fisica riduce il livello di successo con cui l’innovazione è trasferita
dal laboratorio al mercato, o la velocità del trasferimento delle innovazioni di
processo. Questo è particolarmente vero per le PMI. Per questo la capacità di
innovazione spesso dipende da azioni e comunità regionali che condividono
conoscenza e dipendenza dalle stesse istituzioni (Lord Sainsbury of Turville,
2007). In questo senso “the role of regions as the critical nexus for innovation-based
economic growth has increased”. Essenzialmente e malgrado la globalizzazione,
l’essere “vicini” ha ancora valore. Per esempio, promuovere le regioni come
paradigma dell’innovazione ha un suo merito. Il Comitato delle regioni
sottolinea la necessità di creare la European Research Area anche con il
contributo regionale; riconosce contestualmente la necessità di aumentare le
sinergie nell’EU a favore delle politiche di ricerca e dell’innovazione; è a
favore di necessari aggiustamenti regionali, laddove in più di 100 regioni
europee la percentuale del PIL investito in ricerca è inferiore all’1%;
raccomanda l’estensione dell’attributo di eccellenza anche ed eventualmente a
piccoli centri di ricerca (Gerhard Stahl, General Secretary of the Committee of
the Regions. In European Commission (2009a)).
73. Nel Regno Unito, larga parte delle agenzie regionali per l’innovazione e lo
sviluppo (RDA) hanno sviluppato Città del sapere basate sul concetto che
clusters di compagnie high-tech tendono a formarsi attorno alle grandi
Università (Lord Sainsbury of Turville, 2007). In particolare, le RDA stimolano
la fondazione di incubatori high-tech e di parchi scientifici come infrastrutture
necessarie all’incentivazione allo sviluppo. Il concetto giapponese di cluster
della conoscenza è simile a quello europeo (e si avvicina al concetto italiano di
distretto). E’ organizzato attorno alle Università e ad altre Istituzioni di ricerca,
nel pieno rispetto dell’autonomia delle autorità locali. Fino ad ora sono stati
creati 18 cluster della conoscenza. In Giappone viene investito in R&S il 3,35%
Marzo 2011
110
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
del PIL; il 79%delle risorse investite provengono dal settore privato. Il paese ha
l’obiettivo di portare l’investimento pubblico in ricerca all’1% del PIL. Gli
obiettivi del governo sono: capitale umano e sua mobilità; riforma del sistema
di collaborazione pubblico-privato di R&S; promozione dei distretti high tech;
riforma dei processi di valutazione; sviluppo delle infrastrutture (Cobis,
2009b). Il paese considera prioritari i settori delle Scienze della vita; l’ICT;
l’ambiente; le nanotecnologie e i materiali; l’Energia; le tecnologie produttive;
le infrastrutture; le frontiere spaziali e oceaniche.
74. Fin dalle origini, gli sviluppi delle biotecnologie sono avvenuti all’interno di
centri di eccellenza: San Diego, Cambridge, Medicon Valley, Biovalley e San
Francisco Bay Area. La centralità del sistema d’eccellenza risiede nei vantaggi
della “prossimità geografica” che porta alla semplificazione del trasferimento
tecnologico e alla diffusione della conoscenza tacita (Boriero et al., 2008). La
marcata concentrazione territoriale è evidente per le aziende biotech italiane
che, oltre a polarizzarsi in un numero limitato di regioni, si concentrano in
alcune aree territoriali specifiche. In Lombardia le imprese sono localizzate
prevalentemente nell’area di Milano, estendendosi alle province di Como,
Varese, Lodi, Pavia e comunque entro un raggio massimo di 50 chilometri. Lo
sviluppo del settore è anche dipendente da fattori come presenza di imprese,
di centri e strutture di ricerca, di parchi scientifico-tecnologici e incubatori,
ospedali e cliniche, che svolgono un ruolo di volano per lo sviluppo di nuove
imprese (Boriero et al., 2008).
75. Nel sostegno allo sviluppo e all’innovazione, le politiche proattive basate su
evidenze di mercato presentano gli stessi rischi delle politiche orizzontali.
L’esperienza riporta numerosi esempi di tentativi non riusciti di creare Silicon
Valleys. Due fattori contribuiscono al fallimento: i) incapacità dell’Istituzione
pubblica; ii) l’incertezza e l’imprevedibilità di anticipare cosa un paese sarà
capace di produrre al meglio. In pratica la scelta della specializzazione nelle
azioni di R&S è visibile ex ante solo con grande difficoltà e rischio (Giannitsis e
Kager, 2009).
76. Le attività dei poli francesi si basano su otto principi: censimento dei poli e loro
definizione di merito; incoraggiamento delle reti tra industrie; investimento in
risorse umane; creazione di legami tra industria e ricerca e tra industria e
formazione; incentivazione della creazione di compagnie innovative;
collegamento dei poli con le infrastrutture; promozione di una politica del
network a livello europeo; sviluppo di progetti con una partecipazione stretta
con le regioni. Corrispondono essenzialmente ai distretti, o cluster, italiani
(Cobis, 2009b).
77. In Giappone viene investito in R&S il 3,35% del PIL; il 79% delle risorse sono
private. Il paese ha come obiettivo un investimento pubblico in ricerca dell’1%
del PIL. Il governo considera prioritario: capitale umano e sua mobilità;
riforma del sistema di collaborazione pubblico-privato di R&S; promozione dei
distretti high tech; riforma dei processi di valutazione; sviluppo delle
infrastrutture. Il paese indica come temi prioritari: le Scienze della vita; l’ICT;
Marzo 2011
111
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
l’ambiente; le nanotecnologie e i materiali; l’Energia; le tecnologie produttive;
le infrastrutture; le frontiere spaziali e oceaniche. Il concetto giapponese di
cluster della conoscenza è simile a quello europeo: il cluster è organizzato
attorno alle Università e ad altre Istituzioni di ricerca, nel pieno rispetto
dell’autonomia delle autorità locali. Fino ad ora sono stati creati 18 cluster
della conoscenza (Cobis, 2009b)
78. Già le linee guida per la politica scientifica del governo del 2002 sostenevano la
realizzazione di strutture di eccellenza idonee ad attrarre investimenti italiani e
stranieri in settori produttivi caratterizzati da un’alta intensità di conoscenza e
da un elevato potenziale di crescita (MIUR, 2002).
79. Nel settore scientifico e tecnologico, negli USA la proporzione di addetti nati o
educati in paesi stranieri aumenta. Alcuni osservatori hanno interpretato
questa tendenza come il risultato dell’attrattività della economia USA e delle
opportunità di carriera; altri la imputano all’incapacità degli USA di preparare
e interessare i giovani americani a questo importante settore. La proporzione
di dottorandi stranieri è aumentata dal 21% nel 1992 al 28% nel 2003. Questi
dottorandi hanno ottenuto il 36% delle borse di studio concesse dagli USA. La
competizione per studenti stranieri è aumentata nelle due ultime decadi. Gli
USA attraggono il 22% dei dottorandi internazionalmente mobili (la
percentuale è in diminuzione). Il Regno Unito, la Germania e la Francia
attraggono rispettivamente l’11%, il 10% e il 9% (National Science Board, 2008).
80. Il capitale umano in Europa è frammentato, poco mobile e dominato da
problemi linguistici (Siow, 1999; Ehrenberg, 2003): per questo la frazione di
professori stranieri è, nei paesi europei, molto piccola (Moguérou, 2005;
Musselin, 2004; Avveduto, 2005). L’UE produce più laureati (2,14 milioni nel
2000) degli Stati Uniti (2,07) e del Giappone (1,1). Nella UE, in media circa 0,46
persone su mille nell’età da 25 a 34 anni hanno ottenuto un dottorato di ricerca
(0,41 per gli U.S.A., 0,25 per il Giappone e 0,16 per l’Italia) (MIUR, 2005). Il
futuro della R&S dipende dalla capacità di attrarre i migliori cervelli e
convincerli a entrare nel sistema ricerca. L’obiettivo è di fare dell’Europa il
continente preferito per la ricerca. L’iniziativa European Partnership for
Researchers punta ad aumentare la mobilità dei ricercatori e il flusso delle
conoscenze in Europa (Janez Potočnik. Commissioner for Science and
Research. Chair of the K4G Group. In European Commission, 2009a).
81. Il numero di studenti che si spostano a livello internazionale è aumentato. Nel
2005, 2,7 milioni di studenti stranieri hanno scelto la loro istruzione di terzo
livello fuori dal paese di origine (undergraduates e PhDs). Questo corrisponde a
un aumento del 50% a confronto con il 2000 (OECD, 2007). Nelle istituzioni
USA, gli studenti stranieri rappresentano dal 30% al 40% del totale dei
ricercatori universitari. Nel tempo, questa percentuale è aumentata. Nel 20052006, le Università USA hanno ricevuto circa 97.000 studenti stranieri (nonimmigranti, non-accademici strutturati). Circa 60.000 nel biennio 1993-1994
(Veugelers, 2008). Anche l’ERA, comunque, si sta aprendo al mondo: circa il
Marzo 2011
112
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
13% dei candidati alle scuole di PhD europee provengono da paesi non-ERA
(European Commission, 2009b).
82. In EU-27 il numero di ricercatori è aumentato, dal 2000, dell’1,9% per anno, il
doppio che in USA. Tuttavia l’Europa ha proporzionalmente e
significativamente meno ricercatori che gli Stati Uniti. Nel 2006, il numero di
ricercatori full-time per mille lavoratori era di 5,6 in EU-27 e di 9,3 in USA. La
differenza è dovuta a una più bassa densità di impiego in EU-27 dei ricercatori
nell’industria privata (European Commission, 2009b). Una anomalia italiana
riguarda il rapporto tra ricercatori pubblici e quelli privati, pari a 1,51 in Italia,
mentre per la UE è 1,03, per il Giappone 0,48 e per gli US 0,17 (MIUR, 2005).
83. In Italia la tutela delle pari opportunità è riconosciuta con provvedimenti
normativi specifici fin dal 1996. È del 1997 l’istituzione del Ministero delle Pari
Opportunità, nell’ambito della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La più
recente direttiva di Governo in materia di pari opportunità nella Pubblica
Amministrazione è del 20071. I principi delle pari opportunità nel sistema
normativo italiano sono sanciti dalla Costituzione agli Artt. 3, 37, 51 e 117, la
successiva legge costituzionale che ha modificato l’art. 51 della Costituzione, il
5 maggio 2003, dispone la rappresentazione delle donne nelle cariche politiche
ed inoltre il Decreto legislativo 29/93 dispone che almeno 1/3 delle donne sia
parte nelle commissioni degli uffici pubblici. Dai documenti di adozione della
Carta Europea dei Ricercatori sottoscritti dal sistema universitario italiano il 7
luglio 2005 a Camerino ed il 13 dicembre 2005 in Campidoglio a Roma
dall’intero sistema della Ricerca italiana. Inserire anche tutto il resto da SIRIT
84. Malgrado l’ascesa della produzione scientifica cinese e l’aumento dei ritorni di
scienziati cinesi dagli Stati Uniti, il flusso verso l’esterno di talenti asiatici non
diminuisce. Il dato suggerisce l’esistenza di una forte correlazione tra il pattern
delle mobilità internazionali degli scienziati e il grado di collaborazione
internazionale di un paese. Il rilevante flusso di capitale umano cinese verso gli
USA è la base sulla quale vengono costruite le reti internazionali USA-Cina. In
Europa, essendo assente questa circolazione di capitale umano cinese, è più
difficile creare forti e stabili reti di collaborazione (Veugelers, 2008).
85. La roadmap prodotta dall’ESFRI (ESFRI, 2008) descrive i bisogni scientifici in
infrastrutture per la ricerca per i prossimi 10-20 anni. Considera l’input dei
committenti e di rilevanti organizzazioni scientifiche internazionali e
industriali. Un nuovo suggerimento presentato nel 2007 riguarda la creazione
di “partner regionali” come infrastrutture connesse a grandi infrastrutture
europee. Il rapporto prevede anche infrastrutture distribuite, intese come
singole infrastrutture di ricerca, che hanno un unico nome e stato legale, così
come un solo direttore, un solo management, anche se le strutture di ricerca
sono localizzate in siti multipli. Il rapporto ESFRI ha dedicato particolare cura
all’identificazione di nuove infrastrutture, di rilevanza anche europea, per
energia, scienze biologiche e mediche, scienze ambientali. La roadmap europea
prevede 5 infrastrutture per social sciences and humanities, 10 per environment
Marzo 2011
113
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
sciences, 4 per energy, 10 per biological and medical sciences; 6 per materials and
analytical facilities; 8 per phisical sciences and engineering; 1 per e-infrastructures.
Delle 44 infrastrutture descritte 6 sono già provviste di fondi e di accordi
d’uso; 11 sono in un avanzato stato di preparazione ma i fondi e gli accordi
non sono ancora definiti.
86. Il documento relativo alla “Roadmap italiana delle infrastrutture di ricerca di
livello paneuropeo” è in fase di pubblicazione da parte del MIUR.
87. Le infrastrutture del Mezzogiorno sono gravemente carenti. Ciò costituisce un
forte ostacolo per lo sviluppo economico dell’area e dell’intero Paese. La
dotazione di reti stradali e ferroviarie è inferiore rispetto al resto del Paese, ma
soprattutto di qualità inadeguata. L’insufficiente capacità di movimentazione
offerta da porti, aeroporti e centri intermodali ostacola la mobilità di merci e
persone, rendendo il Mezzogiorno mal connesso con il Paese e il Mondo.
L’indice sintetico di dotazione infrastrutturale per la mobilità (pari a 100 per
l’Italia) rispecchia tutte le mancanze nelle regioni meridionali nelle reti, nelle
capacità e nei servizi di mobilità. Nel Meridione è pari al 49,4, mentre nel resto
del Paese raggiunge il 115,7. Le regioni più arretrate sono Basilicata (14,5) e
Sardegna (20,5) (Centro Studi Confindustria, 2009).
88. Secondo i dati aggiornati al 31 dicembre 2008, i programmi dell’Obiettivo
Convergenza (che riguardano le regioni meridionali della Calabria, Campania,
Puglia, Sicilia e la Basilicata (phasing out) finanziati dal FESR (Fondo Europeo
di Sviluppo Regionale) presentano un volume di impegni pari al 4,8%, mentre
i pagamenti (spese) sono pari allo 0,7% del totale. Per i programmi FSE (Fondo
Sociale Europeo), gli impegni sono pari al 13,8% e le spese all’1,8%. Risultati
simili registrano i programmi delle regioni interessate dell’Obiettivo
Competitività (tutte le regioni del Centro Nord, nonché Abruzzo, Molise e
Sardegna): la spesa dei programmi FESR arriva all’1,5%, quella dei programmi
FSE al 2,3%. È opportuno ricordare che il 31 dicembre 2009 rappresenta la
prima scadenza per la regola del disimpegno automatico, per la quale vanno
spese le risorse impegnate nel biennio precedente. I pagamenti da rendicontare
sono pari a 3.810 milioni di euro, equivalenti a circa il 6% della disponibilità
totale del Quadro Strategico Nazionale (Centro Studi Confindustria, 2009).
89. L’individuazione, in una logica di sistema, di uno specifico ruolo per l’insieme
e per ciascuno degli Enti di Ricerca è una priorità. Si deve operare per superare
l’attuale presenza di enti autonomi non differenziati né per ruolo, né per temi
programmatici; per raggiungere una massa critica dell’attività degli Enti su
grandi temi di ricerca strategica. La ristrutturazione del CNR ha priorità, nel
senso di accentuare il processo in corso di riduzione del numero degli organi
di ricerca, per disporre di Istituti dotati di dimensioni adeguate, a presidio di
ben definiti settori interdisciplinari di intervento (MIUR, 2002).
90. I sette Consigli delle ricerche del Regno Unito (RCUK) (Research Councils UK,
2008) sono le più importanti agenzie pubbliche nazionali che sostengono la
Marzo 2011
114
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ricerca avanzata. Si occupano di ricerca, formazione e trasferimento
tecnologico in tutti i settori scientifici, incluso il sostegno a grandi strutture di
ricerca di interesse internazionale. L’investimento in capitale umano e
nell’innovazione, garantito dai RCUK, assicura al Regno Unito il
mantenimento di posizioni scientifiche e tecnologiche di rilievo, il supporto
all’economia del paese e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. I
Consigli lavorano in partnership con altri soggetti pubblici e privati della
ricerca, quali Fondazioni, Industrie e Commissione Europea. Ciascun
Consiglio è un’istituzione indipendente finanziata nell’ambito del bilancio del
governo, dal Ministero per l’Innovazione, l’Università e la Tecnologia. I sette
consigli sono: arts and humanities research council, biotechnology and biological
sciences research council, economic and social research council, engineering and
physical sciences research council, medical research council, natural environment
research council, science and technology facilities council.
91. Il trasferimento tecnologico segue due percorsi: 1) input dall’industria. È
focalizzato sui bisogni ed esigenze tecnologiche delle imprese e si traduce in
progetti congiunti di R&S con gruppi di ricerca o di servizi tecnologici. 2) input
dalla ricerca. Segue un approccio mirato a trasferire i prodotti della ricerca.
Richiede il coinvolgimento di soggetti industriali. Il VII PQ nel dedicare
attenzione particolare al trasferimento tecnologico tende a coordinare la
politica europea di ricerca con la politica industriale attraverso azioni dedicate
di trasferimento tecnologico. In questo senso le ITC rappresentano il principale
strumento del VII PQ per avvicinare la ricerca all’industria. Tra i soggetti di
trasferimento tecnologico che si posizionano all’interfaccia tra i diversi attori si
annoverano i parchi scientifici tecnologici, le agenzie per il trasferimento
tecnologico, i consorzi città-ricerche, i business innovation center, gli innovation
relay center, gli industrial liaison office, gli uffici di trasferimento tecnologico
(Fiore e Affaticato, 2009).
92. Andrea Piccaluga, La valorizzazione della Ricerca Scientifica (Franco Angeli,
2001).
93. AIRI (2009b).
94. Nelle prossime tre decadi, i problemi delle economie e delle società mondiali
riguarderanno l’acqua, l’energia, la salute, la produzione di cibo e di altre
risorse e servizi, per un mondo dove la popolazione aumenterà del 28% (da 6,5
a 8,3 miliardi). Il reddito pro capite aumenterà del 57%, da 5.900 a 8.600 USD. Il
bisogno di ricerca, tuttavia, dovrà considerare che gli ecosistemi mondiali
necessari alle comunità umane sono già ora sovrasfruttati e non sostenibili
(OECD, 2009). Le pressioni umane sull’ambiente sono multiformi e le risposte
dei sistemi naturali si possono esprimere dopo decenni o secoli, un aspetto che
complica l’identificazione delle cause dei disturbi e la loro gerarchizzazione.
La pressione antropica si esprime attraverso i cambiamenti climatici, o le
alterazioni locali, gli inquinamenti (locali o diffusi), l’uso e le modifiche dei
suoli, la pressione demografica e l’urbanizzazione (specialmente dei litorali), la
desertificazione, l’eccessivo sfruttamento delle risorse (SNRI, 2009d).
Marzo 2011
115
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
95. Il documento Turville (Lord Sainsbury of Turville, 2007) indica 24 aree
scientifiche suscettibili di ricerca avanzata e di trasferimento tecnologico:
aerospace and defence, bioprocess uk, bioscience for business, chemistry innovation,
cyber security, electronics, electronics-enabled products, food processing, grid
computing now!, healthcare technologies, industrial mathematics, innovits (intelligent
transport systems), integrated pollution management, location and timing, low carbon
and fuel cell technologies, materials, mnt (micro and nanotechnology), modern built
environment, photonics, resource efficiency, sensors, uk display and lighting, creative
industries, digital communications. Il PNR 2005-07 (MIUR, 2005) dava priorità a
10 programmi strategici afferenti a 4 aree: Ambiente, Trasporti e sicurezza;
Agroalimentare; Salute; Sistemi di produzione e meccanica avanzata.
96. Anche
un documento di derivazione Confindustria (Centro Studi
Confindustria, 2009), per quanto attiene la valutazione dei progetti di R&S,
suggerisce l’intervento dell’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per
l’innovazione, incaricata della selezione e del coordinamento di esperti italiani
con provata conoscenza del sistema di ricerca e provate competenze
internazionali.
97. Il rapporto sulle malattie rare (Pammolli et al, 2009) introduce un sistema di
valutazione incentrato su quattro criteri. Il sistema PARI:
(P) Peer review. Le richieste di finanziamento per progetti relativi alle malattie
neglette sono giudicati da esperti scientifici che ne valutano il merito e
l’innovatività. Il panel di esperti è internazionale. Viene proposto un sistema
analogo a quello di Telethon, in linea con il National Institute of Health degli
Stati Uniti.
(A) Auction. Implementazione di gare di valutazione. I proponenti devono
produrre una richiesta di cofinanziamento al progetto di R&S e la selezione dei
progetti è in funzione della richiesta. La selezione considera l’informazione del
richiedente circa la sua motivazione a sviluppare il progetto.
(R) Rating. Il punteggio attribuito ai progetti dai peer review è completato da un
rating fondato su criteri come disponibilità di altri finanziamenti (matching
fund), collaborazione con istituzioni di ricerca pubbliche e altri centri di
eccellenza, ricadute del progetto, investimenti infrastrutturali in piattaforme
tecnologiche.
(I) Integrazione. L’assegnazione del grant si basa su un punteggio che
determina l’ordine nella graduatoria, e il finanziamento è ad esaurimento dei
fondi disponibili. Programmi specifici possono integrare i progetti in base a tre
criteri: interdipendenze rilevate dal panel di esperti; relazioni tra i progetti
identificate attraverso l’ausilio di tecniche di clustering; analisi delle reti R&S
esistenti.
98. Nelle proposte presentate al 7PQ per numero di partecipanti l’Italia è
preceduta dalla sola Germania, ma avanti a Regno Unito, Francia e Spagna
(fig. a sinistra). Nei progetti ammessi a negoziazione (fig. a destra), per il
numero delle proposte, l’Italia si posiziona solo al 4° posto dopo Germania,
Regno Unito e Francia. Il tasso di successo percentuale dei partecipanti Italiani
Marzo 2011
116
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
è inferiore ai paesi di riferimento tradizionali, ma è anche inferiore alla media
dei paesi UE (13,4% contro 17,9%) (AIRI, 2009a) .
99. Le
azioni di coordinamento bottom up ERA-NET hanno aumentato
significativamente il networking tra tutti i tipi di programmi di R&S, ma
persiste l’assenza di azioni strategiche high level per migliorare l’allineamento e
il coordinamento tra programmi nazionali (European Commission, 2005b).
Esistono molte ragioni per le amministrazioni nazionali di partecipare ad
attività transnazionali, ma la più importante ha a che fare con carenze di
qualità e di quantità della capacità nazionale di sviluppare ricerca (European
Commission, 2005b). In Europa, l’attuale investimento in attività
transnazionali è marginale, sotto il 5% del totale investito dalle
amministrazioni nazionali.
100.
Il rapporto europeo finale (European Commission, 2005b) sui programmi
di ricerca nazionali conclude elencando 11 problemi fondamentali che
includono: strategie transnazionali basate solo su obiettivi nazionali; assenza di
percezione dei benefici e quindi mancato commitment di paesi a forte ricerca
R&S; i paesi relativamente piccoli e i nuovi Stati membri dell’EU necessitano di
aiuto per essere inclusi nelle reti ERA; deboli strutture di coordinamento della
ricerca; assenza di interesse da parte dei programmi nazionali verso
l’assunzione di ricercatori stranieri; molti amministratori pubblici sono
convinti che l’assetto legale del loro paese che riguarda l’uso dei fondi pubblici
per ricerca proibisce in modo esplicito il trasferimento di fondi a Istituzioni
non residenti; mancata evidenza empirica e capacità di valutare i benefici
dell’aprirsi a collaborazioni mutue; le collaborazioni abilitanti sono efficaci se
incluse in modo esplicito già alla stesura del progetto; limitata creatività
transnazionale nel disegno di programmi R&S nazionale; presunta assenza di
opportunità di alcuni amministratori nazionali di interagire con i peers attivi in
ERA; barriere nella capacità di ricerca che si oppongono all’ottenimento degli
obbiettivi Barcellona. Il più ovvio indicatore della capacità dei programmi
nazionali di aprirsi sono la politica e le pratiche di assunzione di ricercatori
stranieri. Al momento circa i 2/3 dei programmi ERA considerati, permettono
101.
Marzo 2011
117
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
la partecipazione di non residenti. Tuttavia solo il 15% indica che questo
comportamento è attivamente incoraggiato.
Posizione nel panorama europeo dell’Italia per quanto riguarda
l’investimento del Paese in R&S (figura) da European Commission, 2005b.
102.
Technology adoption versus creation. Benché in un paese le azioni di R&S
siano vitali per la competitività industriale, per alcuni paesi, tra gli ultimi
arrivati in Europa, l’assorbimento delle tecnologie dall’esterno è più
importante della creatività nell’innovazione (Veugelers e Mrak, 2009).
103.
Le azioni di R&S non sono l’unico metodo per innovare. Altri metodi
includono: adozione di tecnologia, modifiche incrementali della tecnologia in
uso, imitazione e combinazioni di tecnologie disponibili. Tutti questi metodi
richiedono comunque un atteggiamento creativo e quindi capacità in-house
d’innovazione. E’ di interesse politico conoscere come innovare senza azioni
dirette di R&S (UNU-MERIT, 2009; Arundel et al, 2008).
104.
Molti paesi sviluppati hanno messo in atto politiche per incentivare
l’investimento internazionale in centri e progetti di ricerca nazionali. Da questo
punto di vista la situazione italiana non è drammaticamente diversa da quella
di altri paesi sviluppati (Bulli, 2008). Vedi la figura relativa alla capacità del
paese di attrarre investimenti stranieri di R&S.
105.
Marzo 2011
118
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Percentuale delle azioni di R&S finanziate dall’estero
Un esempio di azione molto aggressiva di sostegno agli investimenti stranieri
in R&S si può ritrovare nel documento Investincanada (2008) che descrive a
livello molto dettagliato i vantaggi offerti agli investitori in termini di
riduzione delle tasse, inclusi gli incentivi degli stati di Quebec e Ontario. Per
esempio, le tasse federali pari al 18,5% nel 2008 verranno ridotte al 15% nel
2015. I benefici fiscali si applicano alle seguenti attività: ricerca di base e
applicata; sviluppo sperimentale di prodotto o processo; sviluppi di nuovi
materiali o manufatti; sviluppo di software; trials clinici di nuove medicine. Le
detrazioni sulle tasse sono considerate molto elevate a confronto con standard
internazionali. Una statistica relativa alle riduzioni di tasse prodotta
dall’OECD è riportata in figura.
Anche Singapore ha dimostrato una decisa capacità di attrarre investimenti
stranieri (Lord Sainsbury of Turville, 2007). Il suo successo dipende in parte dai
seguenti fattori: i) coordinamento tra tutti gli attori rilevanti per il successo
della negoziazione, Agenzia nazionale di sviluppo, Agenzie di finanziamento,
Università, parchi tecnologici. Le imprese hanno la sensazione di negoziare con
un'unica “Singapore Inc.” Il Singapore Economic Development Board gioca un
ruolo centrale in questo processo; ii) Singapore ha fatto una chiara scelta dei
Marzo 2011
119
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
settori industriali che vuole sviluppare, una situazione che facilita le scelte
delle Compagnie investitrici; iii) investimenti in infrastrutture.
A confronto con gli USA, l’Europa ha una più bassa percentuale di
industrie high-tech e questo settore è, in Europa, comparativamente meno
disposto a investire in ricerca. Questo dipende anche dalla struttura
dell’economia del nostro continente: l’industria high-tech occupa un settore più
ampio in USA che in Europa: 50% in più sul totale dell’industria manifatturiera
(18,3% in USA e 12% in EU) (European Commission, 2009b).
106.
Marzo 2011
120
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ALLEGATO 3
Bibliografia
Acha V., 2007. Open by design: the role of design in open innovation. Tanaka
Business School, Imperial college, London.
(http://www.dius.gov.uk/reports_and_publications%20HIDDEN/~/media/publica
tions/O/Openbydesign)
AIRI, 2009a. Spunti di riflessione per il Piano Nazionale di Ricerca 2009-2013.
AIRI, 2009b. Spunti per il PNR su progetti di ricerca nell’ambito di accordi
intergovernativi.
Arundel A., C. Bordoy and M. Kanerva, 2008. “Neglected innovators: How do
innovative firms that do not perform R&D innovate? Results of an analysis of the
Innobarometer 2007 survey No. 215” INNO Metrics Thematic Paper, March 2008.
(http://www.proinnoeurope.eu/admin/uploaded_documents/EIS%202007%20Neglected%20innovators.p
df)
Avveduto S., 2005. International mobility of scientists and engineers: a study on brain
drain and obstacles to mobility. In Career Path and Mobility of Researchers in
Europe, eds. T. Gabaldon, H. Horta, D. M. Meyer and J. B. Pereira-Leal, pp. 16–21. Ed.
Cuvillier Verlag, Gottingen.
Basu A., 2004. Country indicators of excellence in science based on ISI’s highly cited
scientists. Paper presented to the S&T Indicators Conference, Leiden, 24–25
September.
Bonaccorsi A., 2007. Explaining poor performance of European Science: Institutions
versus policies. Science and Public Policy, 34(5), 303-316.
Boriero M. et al., 2008. Biotecnologie in Italia 2008. Analisi strategica e finanziaria.
Blossom associati.
Bulli S., 2008 Business innovation investment in the UK. DIUS - Department of
Innovation, Universities and Skills.
(http://www.dius.gov.uk/reports_and_publications%20HIDDEN/~/media/publica
tions/B/BusinessInnovationUK)
Centro Studi Confindustria, 2009. Scenari economici n. 5 Giugno 2009.
Chesbrough H., 2003. Open innovation: the new imperative for creating and profiting
from technology. Harvard Business School Press, Boston.
Marzo 2011
121
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Cobis F., 2009. Introduzione. In E. Fiore, L. Affaticato, 2009. Trasferimento
tecnologico. Un modello internazionale a cielo aperto. Edizioni scientifiche italiane,
Napoli, Roma. Pag. 11-15.
Cobis F., 2009b. The Role Of Public Policies In Innovation Processes. In “Cases in
technological entrepreneurship. Converting ideas into value”. C. Petti ed. Edward
Elger, Cheltenham, UK.
Confindustria, 2008. Ricerca e Innovazione - 2a Indagine sull’attività di ricerca delle
imprese.
David P. A., J. S. Metcalfe, 2008. “Only connect”: academic-business research
collaborations and the formation of ecologies of innovation. SIEPR discussion paper
No. 07-33. Stanford Institute For Economic Policy Research.
(http://www.stanford.edu/group/siepr/cgibin/siepr/?q=system/files/shared/pubs/papers/pdf/07-33.pdf)
David P.A., S. Metcalfe, 2007. Universities must contribute to enhancing Europe’s
innovative performance. Knowledge Economists’ Policy Brief n° 2.
(http://ec.europa.eu/invest-inresearch/pdf/download_en/knowledge_economists_policy_brief2_final.pdf)
Ehrenberg R. G., 2003. Studying ourselves: the academic labor market. Journal of
Labor Economics, 21(2), 267–288.
ESFRI. 2008. European roadmap for research infrastructures. Roadmap 2008.
European Communities.
(ftp://ftp.cordis.europa.eu/pub/esfri/docs/esfri_roadmap_2008_update_20090123.
pdf)
Etzkowitz H., 2003. Innovation in innovation: the triple helix of University-industrygovernment relations. Social Science Information, 42, 293-338.
European Commission, 2005b. DG Research (Directorate M2). Examining the Design
of National Research Programmes. Final Report.
(http://ec.europa.eu/invest-in-research/pdf/download_en/final_report_dec05.pdf)
European Commission, 1995. Green Paper on Innovation. Luxembourg: Office of
Official Publication of the European Commission.
(http://europa.eu/documents/comm/green_papers/pdf/com95_688_en.pdf)
European Commission, 2003. Third European Report on Science and Technology
Indicators. Towards a Knowledge-based Economy. Luxembourg: Office of Official
Publication of the European Commission.
(http://www.demokritos.gr/word_documents/2003EU_3rd_report.pdf)
Marzo 2011
122
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
European Commission, 2005a. Key Figures 2005. Towards a European Research Area.
Science, Technology and Innovation. Luxembourg: Office of Official Publication of
the European Commission.
European Commission, 2006. Disciplina Comunitaria in materia di aiuti di stato a
favore di ricerca, sviluppo e innovazione – 2006/C 323/01
European Commission, 2009a. Knowledge for growth. S&T policy in times of crisis:
prospects for the knowledge-based economy. June 2009, Brussels. Conference
documentation.
(http://ec.europa.eu/commission_barroso/potocnik/news/docs/20090625_speech_
k4g_en.pdf)
European Commission, 2009b. Directorate-General for Research, Directorate C. 2009.
European Research Area: Knowledge-based economy. Unit C.3. A more researchintensive and integrated European Research Area. Science, Technology and
Competitiveness key figures report 2008/2009.
(http://ec.europa.eu/research/era/pdf/key-figures-report2008-2009_en.pdf)
European Commission, 2009c. Commission staff working document COM(2008) 774
final. (http://www.lex.unict.it/eurolabor/documentazione/com/2008/com(2008)774.pdf)
European Commission – Research Infrastructures (2009). European Strategy Forum
on Research Infrastructures (ESFRI)
(http://ec.europa.eu/research/infrastructures/index_en.cfm?pg=home)
European Commission – Europe 2020 (2010).
(http://ec.europa.eu/europe2020/index_en.htm)
European Commission – Innovation Union (2010).
(http://ec.europa.eu/research/innovation-union/index_en.cfm?pg=keydocs)
European Competitiveness Report 2008. SEC(2008)2853.
(http://ec.europa.eu/research/era/pdf/community_research_policy_role.pdf)
European Research Area, 2009. Preparing Europe for a new renaissance. A strategic
view of the European research area. (http://ec.europa.eu/research/erab/pdf/erabfirst-annual-report-06102009_en.pdf)
Fiore E., L. Affaticato, 2009. Trasferimento tecnologico. Un modello internazionale a
cielo aperto. Edizioni scientifiche italiane, Napoli, Roma.
Foray D., 2002. The need for change in a changing world. In Liverpool law review,
231-247.
Marzo 2011
123
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Giannitsis T., M. Kager, 2009. Technology and specialisation: dilemmas, options and
risks? Expert group “Knowledge for Growth”. European Community.
(http://ec.europa.eu/invest-in-research/pdf/download_en/kfg_report_no8.pdf)
Griliches, Z., 1998. R&D and productivity: the econometric evidence. Chicago,
University of Chicago.
Guellec, D., B. van Pottelsberghe, 2001. R&D and productivity growth: Panel data
analysis of 16 OECD countries”, OECD Science, Technology and Industry Working
Paper, 3.
Investincanada, 2008. The advantages of doing research in Canada 2008-2010 .
Loet L., M. Meyer, 2004. The triple helix of University-industry-government relations.
Scientometrics, 58, 191-2003.
Lord Sainsbury of Turville, 2007. The Race to the top. A Review of government’s
science and innovation policies.
(http://www.rsc.org/images/sainsbury_review051007_tcm18-103116.pdf)
Marimon R., M. de Graça Carvalho, 2008. Governance and coordination of S&T
policies in the European Research Area.
(http://ec.europa.eu/invest-inresearch/pdf/download_en/eragovernance080628.pdf)
Ministère de l’Enseignement supérieur et de la Recherche, 2009c. Stratégie nationale
de recherche et d’innovation - Défis de connaissances pluridisciplinaires « Sciences de
l’environnement ».
Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Ufficio di Statistica, 2007.
L’Università in cifre 2007. (http://statistica.miur.it/normal.aspx?link=pubblicazioni)
MIUR, 2002. Linee guida per la politica scientifica e tecnologica del governo - 19
aprile 2002
(http://www.miur.it/UserFiles/1027.pdf)
MIUR, 2005. Programma Nazionale per la Ricerca 2005-2007.
(http://www.miur.it/0003Ricerc/0141Temi/0478PNR__/0783PNR_20/4811Progra_cf3.htm)
Moguérou P., 2005. Brain drain or brain circulation. What we know and what we
would like to know. European Institute Working Paper, Florence. Presented to the
Workshop on Universities in the Knowledge Society.
Morimon R., M. G. De Graca Carvalho, 2008b. An open, integrated, and competitive
European Research Area requires policy and institutional reforms, and better
Marzo 2011
124
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
governance and coordination of S&T policies. Knowledge economists policy brief n.
3. Knowledge for growth group.
(http://ec.europa.eu/invest-inresearch/pdf/download_en/kfgbriefno31142008080416.pdf )
Musselin C., 2004. Towards a European academic labor market? Some lessons drawn
from empirical studies on academic mobility. Higher Education, 48, 55–78.
National Science Board, 2008. Science and Engineering Indicators 2008. Two volumes.
Arlington, VA. National Science Foundation (volume 1, NSB 08-01; volume 2, NSB 0801A).
Netval, 2009. Sesto rapporto Netval sulla valorizzazione della ricerca nelle università
italiane.
(http://www.netval.it/contenuti/file/Rapporto%20Netval%202008.pdf)
OECD 2007a. Science, Technology and Industry Scoreboard 2007, Paris.
(http://www.oecd.org/dataoecd/63/13/39527059.pdf )
OECD, 2007b. Science, Technology and Industry Scoreboard, OECD, Paris, 2007,
Section C-3 Tax Treatment of R&D.
OECD, 2008. Education at a Glance. OECD Indicators
(http://www.oecd.org/document/9/0,3343,en_2649_39263238_41266761_1_1_1_1,00
.html)
OECD, 2009. International Futures Project. The Bioeconomy to 2030: Designing a
Policy Agenda Main findings and policy conclusions.
(http://www.oecd.org/dataoecd/5/24/42837897.pdf)
Pammolli F., M. Riccaboni, L. Magazzini, M. Supekar, 2009. Rapporto CERM2009 Nuove politiche per l’innovazione nel settore delle scienze della vita.
(http://www.cermlab.it/_documents/RapportoCERM01_2009.pdf)
Piccaluga A., 2001. La valorizzazione della Ricerca Scientifica. Franco Angeli, Milano.
Research Councils UK, 2008. International Research. A strategy for the UK Research
Councils.
(http://www.rcuk.ac.uk/cmsweb/downloads/rcuk/publications/international.pdf)
Rizzuto C., R. Rochow, 2003. Conferenza CRUI 2003 - Quale è il rendimento della
spesa di ricerca nelle Università (e nella ricerca pubblica): qualche evidenza dai dati
statistici.
(http://www.philos.unifi.it/upload/sub/Home/133_crui.pdf)
Siow A., 1995. The organization of the market for professors. Working Paper 95/01,
Department of Economics and Institute for Policy Analysis, University of Toronto.
Marzo 2011
125
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Slaughter S., L. Leslie, 1999. Academic capitalism: politics, policies and the
entrepreneurial university. American Land Classics.
Storper M., 1997. La diffusione delle tecnologie di rete presso le PMI distrettuali
italiane: l’impatto delle caratteristiche di impresa e di contesto. New York, Guilford
Press.
Thursby J., M. Thursby, 2006. Here or There? A survey of factors in multinational
R&D location, The National Academies Press, Washington D.C.
UNCTAD, 2009. Investment Policy Developments In G-20 Countries.
(http://www.unctad.org/en/docs/webdiaeia20099_en.pdf).
UNESCO – Institute of Statistics, 2007. Global Education Digest 2008.
(http://www.uis.unesco.org/template/pdf/ged/2008/GED%202008_EN.pdf)
UNU-MERIT, 2008. European innovation scoreboard 2007. Comparative analysis of
innovation Performance. European Communities, 2008. (http://www.proinnoeurope.eu/admin/uploaded_documents/European_Innovation_Scoreboard_2007.pd
f)
UNU-MERIT, 2009. European innovation scoreboard 2008. Comparative analysis of
innovation Performance. European Communities, 2009. (http://www.proinnoeurope.eu/EIS2008/website/docs/EIS_2008_Final_report.pdf)
Van der Horst A., A. Lejour, B. Straathof, 2006. Innovation Policy: Europe or the
Member States? CPB Document n. 132.
(http://www.cpb.nl/eng/pub/cpbreeksen/document/132/doc132.pdf)
Veugelers R., 2008. Towards a multipolar science world: Trends and impact. MSI,
Università di Lovanio.
Veugelers R., M. Mrak, 2009. The Knowledge Economy and Catching-up Member
States of the European Union. Report prepared for Commissioner’s Potocnik’s Expert
Group, “Knowledge for Growth”.
(http://ec.europa.eu/invest-in-research/pdf/download_en/kfg_report_no5.pdf )
Marzo 2011
126
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ALLEGATO 4
Glossario
Addetto in ricerca e sviluppo. Persona occupata in un’unità giuridico-economica,
come lavoratore indipendente o dipendente (a tempo pieno, a tempo parziale o con
contratto di formazione e lavoro), anche se temporaneamente assente (per servizio,
ferie, malattia, sospensione dal lavoro, Cassa integrazione guadagni, ecc.)
direttamente impegnata in attività di R&S. Comprende i dipendenti sia a tempo
determinato che indeterminato, i collaboratori con rapporto di collaborazione
coordinata e continuativa o a progetto, i consulenti direttamente impegnati in attività
di R&S intra-muros e i percettori di assegno di ricerca (Rif. http://www.istat.it/cgibin/glossario/indice.pl#C).
Addetto alla gestione della ricerca e sviluppo. Questa professione dovrebbe
comprendere sia la gestione strategica sia quella operativa di R&S e quindi, fra l’altro,
include:
foresight tecnologico e di business;
scouting dei risultati sia della ricerca sia dei fabbisogni di industria e territorio;
valutazione dei risultati della ricerca e dell'innovazione (in ottica di diffusione,
divulgazione e trasferimento tecnologico);
valutazione della capacità di imprese e territorio di valorizzare i risultati di
ricerca e innovazione, affidabilità economico-finanziaria, competenze
necessarie per la valorizzazione, capacità di procurarsele e profilo strategico
adeguato;
benchmarking (come definito nel glossario);
valorizzazione della proprietà intellettuale;
pubblicità, azioni per fare conoscere competenze ed attività a clienti/utenti
indifferenziati, e promozione, azioni per segmenti mirati di clienti/utenti, di
R&S;
diffusione e divulgazione dei Risultati della ricerca (in particolare della ricerca
fondamentale. Per diffusione intendo lo scienziato che parla allo scienziato, per
divulgazione: lo scienziato che parla al grosso pubblico,alle imprese e alle PA );
trasferimento tecnologico a imprese e territorio (considera principalmente i
risultati della ricerca applicata/industriale).
Anagrafe nazionale delle ricerche. Banca dati del Ministero dell’Istruzione,
dell’Università e della Ricerca in cui affluiscono le notizie relative alle ricerche
finanziate, in tutto o in parte, con fondi a carico del bilancio dello Stato o di bilanci di
enti pubblici, al fine di evitare duplicazioni e sovrapposizioni di strutture e di
finanziamenti nonché di monitorare e valutare la ricerca e prevedere l’impatto delle
tecnologie (Rif. DPR dell’11 luglio 1980 n. 382, Art. 63).
Benchmarking. Processo sistematico e continuo di confronto delle performance di
Marzo 2011
127
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
organizzazioni, funzioni e processi rispetto alle eccellenze a livello internazionale,
non solo al fine di eguagliare questi livelli di prestazione, ma di superarli (Rif. DGIII,
1996). Metodologia di analisi utilizzata per misurare le performance di un soggetto (ad
es. imprese, enti di ricerca, Pubbliche Amministrazioni, Governi, ecc.) con riferimento
a prodotti, servizi, processi, politiche e prassi mediante il confronto con le migliori
pratiche adottate da altri attori, al fine di definire obiettivi di miglioramento.
Brevetto. Diritto di proprietà industriale esclusivo a termine, concesso ad un
inventore in cambio della comunicazione delle informazioni tecniche relative
all'invenzione. Il diritto di proprietà viene mantenuto in vigore mediante il
pagamento dei diritti annuali dovuti (Rif COM (2008) 465 definitivo).
Capitale umano qualificato. Ricercatori, ingegneri, progettisti e direttori di marketing,
titolari di diploma universitario e dotati di esperienza professionale di almeno 5 anni
nel settore. La formazione nel dottorato vale come esperienza professionale (Rif.
2006/C 323/01).
Centro di eccellenza. Centro multidisciplinare sostenuto da risorse universitarie e
votato all’integrazione della attività di ricerca con l’alta formazione. Potenzia la base
scientifica nazionale e genera imprenditorialità in attività economiche innovative,
sostenendo l’acquisizione di partenariati scienza-industria e lo sviluppo di strategie
organizzative per la cooperazione nazionale ed internazionale. Finanziati con DM
13/01/2000 (Rif. www.ricercaitaliana.it/eccellenza.htm).
Centro regionale di competenza. Consorzio pubblico–privato composto da
Università, centri di ricerca pubblici, imprese, camere di commercio, parchi scientifici,
aventi la finalità di collegare la richiesta e l’offerta di servizi tecnologici sul territorio,
fornendo informazioni scientifiche e tecnologiche, servizi di consulenza, assistenza e
formazione soprattutto alle PMI (si veda anche cluster), e in aree strategiche per lo
sviluppo locale (Rif. PON Ricerca 2000-2006; C(2006) 3758).
Cluster. Gruppo di imprese, di operatori economici collegati e di istituzioni di ricerca
geograficamente vicine, che ha raggiunto una scala sufficiente per sviluppare ricerca,
formazione, servizi, risorse, fornitori e competenze specializzate in un determinato
settore, nonché di gestire parchi scientifici e business park. Può essere strutturato come
consorzio, fondazione, impresa. Principale caratteristica del cluster è lo sviluppo di
economie di rete, sinergie e miglioramenti della competitività del territorio (Rif. COM
(2008) 652 definitivo).
Diritto di proprietà industriale. Diritto esclusivo, inerente brevetti, marchi, disegni
industriali, indicazioni geografiche e ritrovati vegetali, concesso ad un inventore per
un periodo limitato di tempo. La caratteristica comune a questi diritti è di impedire
l’uso non autorizzato di un bene immateriale di potenziale valore commerciale, che si
tratti di un’idea alla base di un prodotto o processo innovativo o dell’indicazione
dell’origine a beneficio del consumatore (Rif COM (2008) 465 definitivo).
Distretto ad alta tecnologia. Aggregazione territoriale con struttura amministrativa
Marzo 2011
128
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
propria, di attività ad alto contenuto tecnologico, nel quale forniscono il proprio
contributo, con configurazioni diverse nelle varie realtà, Enti Pubblici di Ricerca,
grandi imprese, piccole imprese nuove o già esistenti, enti locali. Il fine è favorire la
competitività delle aree produttive, rafforzandole attraverso la ricerca e lo sviluppo di
tecnologie chiave abilitanti e l’innovazione di prodotto, di processo e organizzativa
(Rif. PNR 2005-2007).
Enti di ricerca vedi Organismi di ricerca.
Foresight tecnologico. Processo sistematico partecipativo, che comporta la rilevazione
di informazioni e la creazione di visioni sul futuro a medio e lungo termine, destinato
a orientare le decisioni del presente e a mobilitare i mezzi necessari per le azioni di
R&S. In prospettiva rappresenta un punto di incontro tra i principali protagonisti del
cambiamento e altre fonti di conoscenza, al fine di elaborare visioni e analisi delle
informazioni che consentano di anticipare il futuro. Gli elementi caratterizzanti il
processo sono: anticipazione e proiezione, partecipazione, interazione in rete, visione
strategica e azione (Rif. Guida pratica alla prospettiva regionale in Italia,
Commissione europea).
Incubatore d’impresa. È uno strumento a sostegno dello sviluppo economico,
realizzato per accelerare la crescita ed il successo di nuove imprese attraverso la
messa a disposizione di una rete di servizi e di risorse a supporto (Rif. DG Enterprise,
1984).
Innovazione. Processo che consente di combinare la conoscenza e la tecnologia con lo
sfruttamento delle opportunità offerte dal mercato, finalizzato a prodotti, servizi e
processi commerciali nuovi e/o più avanzati rispetto a quelli già disponibili sul
mercato. L’adozione di processi innovativi comporta un certo grado di rischio (Rif.
COM (2005) 436 definitivo).
Innovazione di processo. Applicazione di un metodo di produzione o di
distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato (include cambiamenti significativi
nelle tecniche di produzione, nelle attrezzature e/o nel software). Non costituiscono
innovazione i cambiamenti o miglioramenti minori, l’aumento della capacità
produttiva o di servizio attraverso l’aggiunta di sistemi di fabbricazione o di sistemi
logistici simili a quelli già in uso, la cessazione dell’utilizzazione di un processo, la
sostituzione o estensione dell’impianto, i cambiamenti derivanti da modifiche di
prezzo dei fattori produttivi, la produzione personalizzata, le modifiche stagionali o
altri cambiamenti ciclici, la commercializzazione di prodotti nuovi o sensibilmente
migliorati (Rif 2006/C 323/01).
Innovazione organizzativa. Applicazione di un nuovo metodo organizzativo nelle
pratiche commerciali, nell’organizzazione del luogo di lavoro o nelle relazioni esterne
dell’impresa. Non costituiscono innovazione i cambiamenti nell’organizzazione del
luogo di lavoro, nelle relazioni esterne che si basano su metodi organizzativi già
utilizzati nelle imprese, i cambiamenti nelle pratiche commerciali, le fusioni e le
acquisizioni, la cessazione dell'utilizzazione di un processo, la sostituzione o
Marzo 2011
129
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
estensione dell’impianto, i cambiamenti derivanti da variazioni del prezzo dei fattori
di produzione, la produzione personalizzata, le modifiche stagionali, i cambiamenti
ciclici e la produzione di prodotti nuovi o sensibilmente migliorati (Rif 2006/C
323/01).
Infrastruttura di ricerca. Il termine designa gli impianti, le risorse e i servizi utilizzati
dalla comunità scientifica per compiere ricerche di alto livello nel settore di
riferimento. Comprende grandi impianti o strumenti di ricerca scientifici; risorse di
conoscenze come collezioni, archivi o informazioni scientifiche strutturate; le
strutture basate sulle TIC come le reti di tipo GRID, il materiale informatico, il
software e le comunicazioni; qualsiasi altro mezzo essenziale per raggiungere
l’eccellenza nelle azioni di R&S. Le infrastrutture di ricerca possono essere ubicate in
un unico sito o distribuite a creare una rete organizzata di risorse (Rif COM(2008)
467). La definizione di infrastruttura di ricerca internazionale prevede l’Open Access,
cioè l’utilizzo da parte di ricercatori di qualsiasi organismo di ricerca o economico,
selezionati soltanto sulla base del merito scientifico della proposta di R&S. Esistono
strumenti economici comunitari che sostengono in compartecipazione, i costi di
sviluppo, di costruzione e di accesso alle infrastrutture.
Infrastruttura di ricerca europea (ERIC – European Research Infrastructure
Consortium). Soggetto dotato di personalità e piena capacità giuridica, riconosciuto in
tutti gli Stati membri. L’ERIC si fonda sui propri membri (Stati, paesi terzi e
organizzazioni intergovernative), che contribuiscono congiuntamente alla
realizzazione dei suoi obiettivi, in primo luogo la costituzione e la gestione di
un’infrastruttura di ricerca di importanza europea. L’ERIC è costituito,
conformemente alla base giuridica dell’articolo 171 del trattato CE, con una decisione
della Commissione, che agisce su richiesta di coloro che desiderano diventare membri
fondatori dell’ERIC stesso (Rif. COM (2008) 467 definitivo).
Invenzione. Soluzione originale di un problema tecnico, che implica un trovato
scientifico e che può avere applicazione industriale. Può riguardare un prodotto o un
processo. Non sono considerate invenzioni: a) le scoperte, le teorie scientifiche e i
metodi matematici; b) i piani, i principi e i metodi di attività intellettuali, che
riguardano gioco o attività commerciale, inclusi i programmi di elaboratori; c) le
presentazioni di informazioni. Inoltre, non sono considerati invenzioni i metodi per il
trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e i metodi di
diagnosi applicati al corpo umano o animale. La protezione legale di un’invenzione si
ottiene con il brevetto (Rif. Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30, Sezione IV Art.
45 e Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 131).
Metrologia. Definizione di unità e protocolli di misura dimensionale, temporale, di
proprietà fisiche, chimiche, biologiche che ne permettano il confronto, la
riproducibilità, la definizione operativa, il trasferimento in ambito tecnologico e
normativo. Nano-metrologia è la necessaria metrologia basata su tecniche e protocolli
adatti alle dimensioni nanometriche ed alle scale di tempo dei processi elementari,
necessaria per trasferire le conoscenze scientifiche in nanotecnologie di ampio
impiego.
Marzo 2011
130
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Organismo di ricerca. Soggetto senza scopo di lucro, quale un’università o istituto di
ricerca. È soggetto costituito secondo il diritto privato o pubblico, indipendentemente
dalle sue fonti di finanziamento, la cui finalità principale consiste nello svolgere
attività di ricerca di base, di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, e nel
diffonderne i risultati, mediante l’insegnamento, la pubblicazione o il trasferimento di
tecnologie. Gli utili sono reinvestiti nelle attività di ricerca, nella diffusione dei loro
risultati o nell’insegnamento; le imprese in grado di esercitare un’influenza su simile
ente, ad esempio in qualità di azionisti o membri, non godono di alcun accesso
preferenziale alle capacità di ricerca dell’ente medesimo né ai risultati prodotti (Rif
2006/C 323/01).
Partenariato pubblico privato (PPP). Definizione di diverse forme di cooperazione
tra settore pubblico e settore privato, attraverso le quali le rispettive competenze e
risorse si integrano per realizzare e gestire opere infrastrutturali in funzione delle
diverse responsabilità ed obiettivi.
Piattaforma tecnologica europea (PTE). Partnership pubblico-privata che coinvolge
industrie, istituzioni di ricerca, istituzioni finanziarie e autorità di regolamentazione.
Le PTE non svolgono attività di ricerca, ma possono contribuire alla definizione dei
piani di lavoro europei e nazionali per il finanziamento della stessa, trasmettendo alle
istituzioni finanziatrici le proprie considerazioni sulle necessità dell’industria. Gli
obiettivi strategici condivisi da tutti gli stakeholder vengono raccolti in un documento
di Vision, punto di partenza per la redazione della Scientific Research Agenda, che
contiene l’elenco delle tecnologie e dei progetti che possono essere implementati.
Piattaforma tecnologica nazionale per aeronautica. È il tavolo di discussione e di
confronto sugli indirizzi strategici per le attività di ricerca e sviluppo tecnologico da
parte di un’ampia rappresentanza di attori del settore aeronautico. Ha soprattutto lo
scopo di armonizzare le attività nazionali di ricerca e sviluppo del settore con quelle a
livello europeo.
Polo di competitività. Combinazione, in una data area geografica, di imprese, centri
di formazione e di unità di ricerca pubbliche o private, specializzati in particolari
settori di attività e impegnati in progetti innovativi. Favoriscono l’innovazione a
sostegno della crescita economica e dell’occupazione. Lanciati in Francia nel 2004, ne
sono stati identificati ufficialmente 71, di cui 17 a valenza internazionale: 7 mondiali e
10 con vocazione a diventarlo. (Si veda anche cluster, centri regionali, distretti ad alta
tecnologia)
(Rif. http://www.industrie.gouv.fr/poles-competitivite/brochure-en.pdf).
Polo d’innovazione. Raggruppamento di imprese indipendenti — start-up
innovatrici, piccole, medie e grandi imprese nonché organismi di ricerca — attivi in
un particolare settore o regione e destinati a stimolare l’attività innovativa
incoraggiando l’interazione intensiva, l’uso in comune di installazioni e lo scambio di
conoscenze ed esperienze, nonché contribuendo in maniera effettiva al trasferimento
di tecnologie, alla messa in rete e alla diffusione delle informazioni tra le imprese che
Marzo 2011
131
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
costituiscono il polo. Lo Stato europeo che li fonda deve ricercare il giusto equilibrio
tra PMI e grandi imprese, al fine di ottenere la massa critica voluta, attraverso la
specializzazione in un determinato campo di R&S, tenuto conto dei poli esistenti nello
Stato membro e a livello UE (si veda anche Polo di eccellenza) (Rif 2006/C 323/01).
Ricerca fondamentale. Lavori sperimentali o teorici svolti per acquisire nuove
conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, indipendentemente
dalla previsione di applicazioni o utilizzazioni pratiche dirette (Rif 2006/C 323/01).
Definita anche ricerca guidata dalla curiosità (curiosity driven o knowledge driven),
necessita di strutture e di accesso a infrastrutture (centri di calcolo, banche dati,
archivi, grandi strumenti per l’osservazione e la sperimentazione) .
Ricerca industriale. Ricerca pianificata, o indagini critiche, miranti ad acquisire
nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi
o per permettere un miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti.
Comprende la creazione di componenti di sistemi complessi, in particolare per la
validazione di tecnologie generiche (Rif 2006/C 323/01). Necessita di strutture e di
accesso a infrastrutture (metrologia, standard, test-facilities di processi e prodotti,
grandi strumenti per analisi avanzate di processi).
Roadmap. Strumento di pianificazione strategica dello sviluppo di un settore della
ricerca o di una tipologia di interventi per la ricerca. La Roadmap Europea delle
Infrastrutture di Ricerca è stata realizzata da ESFRI (European Strategy Forum for
Research Infrastructures) per conto del Consiglio per la competitività europea. Roadmap
nazionali sono state elaborate dalla maggior parte dei Paesi europei. L’Italia sta
realizzando la prima roadmap italiana delle infrastrutture di ricerca.
Scoperta. Apprendimento non pianificato di alta rilevanza scientifica o economica,
prodotto talvolta nel quadro di attività di ricerca con fini diversi.
Servizi al cittadino e spazio. Identifica nelle attività spaziali quegli sviluppi ed
applicazioni direttamente rivolti alla utilità sociale ed al benessere del cittadino.
Comprende i tre settori spaziali della osservazione della terra, delle
telecomunicazioni e della navigazione/radiolocalizzazione.
Società della conoscenza e spazio. Identifica le attività spaziali aventi principalmente
obiettivi e priorità scientifiche caratterizzate da una visione a medio e lungo termine.
Comprende l’osservazione dell’universo, l’esplorazione robotica del sistema solare, i
voli umani e l’abitabilità umana nello spazio, medicina e biotecnologie nello spazio.
Spesa per ricerca e sviluppo (intra muros). Concerne attività di ricerca scientifica e
sviluppo svolta dalle imprese e dagli enti pubblici con proprio personale e con
proprie attrezzature (Rif. http://www.istat.it/cgi-bin/glossario/indice.pl#C).
Spin off. Nuova impresa creata per commercializzare le conoscenze e le capacità di
un’unità di ricerca di un’università o di un’impresa
(Rif. http://cordis.europa.eu/itt/itt-it/02-spec01/glossary.htm).
Marzo 2011
132
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Start up. Impresa basata su prodotti innovativi o di nicchia con un alto rischio, ma
anche un alto potenziale di guadagno in caso di successo, data tipicamente la limitata
quantità di capitale e lavoro.
Sviluppo sperimentale. Acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle
conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e altro,
allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi,
modificati o migliorati. Può riguardare anche altre attività destinate alla definizione
concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti,
processi e servizi. Può comprendere l’elaborazione di progetti, disegni, piani e altra
documentazione, purché non siano destinati a uso commerciale (Rif 2006/C 323/01).
Technology transfer. Individuazione, rilevazione e condivisione delle conoscenze
esplicite e tacite, ivi comprese capacità e competenze, tra le Università e altri
Organismi pubblici di ricerca e l’industria, mediante accordi di licenza o di
commercializzazione, accordi di sviluppo congiunto, consulenze, creazione di spin-off,
formazione o scambio di personale, pubblicazioni, ecc. (Rif. COM (2007) 182
definitivo).
Tecnologie abilitanti. Le tecnologie abilitanti, dette anche tecnologie orizzontali o
General Purpose Technologies (GPT), sono tecnologie per le quali i vantaggi legati alla
loro diffusione si rendono pienamente evidenti in presenza di innovazioni
organizzative ed istituzionali complementari. Sono trasversali a progetti di ricerca e
alle discipline scientifiche specialistiche. Le tecnologie abilitanti si diffondono più
rapidamente dei cambiamenti organizzativi e istituzionali necessari a creare le
opportunità di sviluppo di grandi innovazioni infrastrutturali.
(Rif. http://www.cerict.it/magazine/glossario.html).
Marzo 2011
133
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ALLEGATO 5
Sommari tavoli tecnici
1.
AERONAUTICA E SPAZIO ........................................................................................... 134
2.
AMBIENTE: SISTEMI TERRESTRI, MARINI E CLIMA. ........................................... 136
3.
BENI CULTURALI ........................................................................................................... 139
4.
BENI STRUMENTALI E MADE IN ITALY .................................................................. 142
5.
COSTRUZIONI ................................................................................................................. 144
6.
ENERGIA ........................................................................................................................... 146
7.
INFORMATION AND COMMUNICATION TECHNOLOGIES (ICT) ................... 148
8.
MOBILITÀ SOSTENIBILE E TRASPORTI .................................................................... 152
9.
NANOSCIENZE E NUOVI MATERIALI ..................................................................... 153
10.
PROGETTAZIONE MOLECOLARE ............................................................................. 154
11.
SALUTE ............................................................................................................................. 156
12.
SCIENZE DELLA VITA................................................................................................... 159
13.
SCIENZE SOCIOECONOMICHE E UMANISTICHE ................................................ 161
14.
SISTEMA AGROALIMENTARE.................................................................................... 164
15.
PIATTAFORME TECNOLOGICHE NAZIONALI, DISTRETTI AD ALTA
TECNOLOGIA E POLI DI ECCELLENZA................................................................... 166
16.
STRUMENTI DI GOVERNANCE DELLA RICERCA ................................................ 168
17.
TRASFERIMENTO TECNOLOGICO E INTERAZIONI PUBBLICO-PRIVATO.... 169
1. Aeronautica e spazio
Il settore. Rappresenta un elemento in crescita nell’economia italiana. Sviluppo e
costruzione di satelliti, aerei e attività indotte, quali sistemi e servizi di
telecomunicazione, navigazione, osservazione dell’Universo e della Terra,
contribuiscono per circa l’1% al PIL e occupano più di 50 mila addetti. La grande
potenzialità di crescita dell’industria aerospaziale e del suo indotto, e la nostra
tradizione scientifica e culturale, sono riconosciute a livello internazionale. In periodi
come l’attuale di gravi crisi economica, diventa essenziale selezionare gli investimenti
con un’elevata probabilità di successo e alto fattore moltiplicativo. In tale prospettiva,
l’aerospazio è un importante settore high-tech trainante lo sviluppo economico.
Ricerca spaziale. La natura multidisciplinare delle attività di ricerca spaziale richiede
un supporto politico e finanziario che, oltre al MIUR, attira interessi di altri Dicasteri,
di Regioni ed Enti Territoriali, necessari a un armonico sviluppo industriale. Il PNR
Marzo 2011
134
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
prevede di sostenere i programmi europei di infrastrutture spaziali e ricerca
scientifica e, a livello nazionale, mantiene e sviluppa le capacita industriali
sistemistiche e tecnologiche, promuovendo anche le iniziative della comunità
scientifica, complementari ai programmi dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). A
garanzia di un ritorno efficace in termini di servizi al cittadino, il PNR promuove con
priorità lo sviluppo di applicazioni integrate ove il segmento spaziale e le relative
infrastrutture a terra sono entrambi componenti essenziali, e complementari, per
l’erogazione dei servizi.
Nell’osservazione della terra prosegue lo sviluppo nazionale di infrastrutture basate
sui sensori (in particolare, radar per il sistema COSMO – SKYMED) e verrà
continuato lo sviluppo del programma Europeo GMES.
Per le telecomunicazioni, gli investimenti in ricerca tendono allo sviluppo di sistemi
di nuova generazione (tipo ATENA-FUDUS), mentre le necessità istituzionali e
governative dovranno essere soddisfatte soprattutto con finanziamenti esterni o
Public-Private-Partnership.
Nella navigazione verranno sostenute tecnologie, prodotti e servizi che meglio
sfruttano la costellazione GALILEO, oltre a considerare le tecnologie di seconda
generazione. Per quanto riguarda l’osservazione dell’universo e l’esplorazione
robotica del sistema solare, ricercatori italiani verranno coinvolti in missioni spaziali,
seguendo un ciclo nazionale, sviluppato in un breve arco temporale, a fianco del
tradizionale sostegno alle grandi missioni scientifiche ESA.
L’esplorazione robotica del Sistema Solare continuerà con il programma EXOMARS,
che sviluppa anche prodotti tecnologici, necessari per ottenere partecipazioni
scientifiche e industriali di eccellenza nei futuri programmi di esplorazione. Per i voli
umani, i veicoli di rientro, medicina e biotecnologie, il PNR considera investimenti
nei programmi di utilizzazione scientifica e tecnologica della Stazione Spaziale
Internazionale, tali da permettere al Paese di negoziare a livello internazionale un
ruolo sistemistico e tecnologico adeguato nei futuri programmi di esplorazione
umana (in funzione delle risorse disponibili).
Per i materiali per lo spazio, si incentiva lo sviluppo di conoscenze di base in
condizioni non ottenibili a terra, per applicazioni ai mezzi di trasporto spaziale e per
migliorare le condizioni di vita nei veicoli spaziali abitati. Nel settore dei lanciatori,
l’industria Italiana ha conquistato, con lo sviluppo di Vega, il ruolo di secondo
sistemista Europeo dopo la Francia. Il programma di utilizzo di VEGA prevede il suo
potenziamento, oltre a contribuire al mantenimento della competitività di ARIANNE
V e allo sviluppo del futuro lanciatore europeo.
Il trasferimento delle tecnologie dello spazio è un anello fondamentale che amplia il
campo delle applicazioni e il consolidamento dei legami tra Enti di Ricerca,
Università, Grande Impresa e PMI.
Ricerca aeronautica. Lo sviluppo aeronautico si fonda su tecnologie innovative e il
settore è caratterizzato da un mix di attività di ricerca, innovazione tecnologica e sua
integrazione in prodotti industriali, permettendo all’Industria Italiana di primeggiare
in Europa e nel Mondo in settori di eccellenza quali: elicotteri, controllo del traffico
aereo, sistemi radar, velivoli da addestramento e aerostrutture. La Piattaforma
Tecnologica Nazionale (ACARE ITALIA) è il tavolo di discussione e di confronto
sugli indirizzi strategici per le attività di ricerca e sviluppo tecnologico da parte di
un’ampia rappresentanza degli stakeholder del settore.
Marzo 2011
135
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
La ricerca nel settore aeronautico è caratterizzata da una forte internazionalizzazione
e competitività. Il maggior gruppo italiano del settore compare tra le prime cinquanta
aziende al mondo come intensità di investimenti in R&S.
Il PNR dovrà quindi indirizzare gli investimenti coerentemente con le linee
strategiche della ricerca europea e gli obiettivi strategici del sistema Paese verso i
seguenti obiettivi di alto livello:
incremento della competitività e consolidamento delle aree di eccellenza;
riduzione dell’impatto ambientale;
aumento dell’efficienza del sistema del trasporto aereo;
miglioramento dei livelli di sicurezza;
Coerentemente con tali indirizzi sono state identificate le seguenti aree tematiche
prioritarie, quattro centrate su tecnologie di base e/o strumenti metodologici e
quattro relative ad applicazioni su sistemi ad elevata complessità:
tecnologie per il greening;
strumenti per la progettazione integrata di sistemi complessi;
materiali innovativi;
avionica ed equipaggiamenti;
sistemi innovativi per la gestione del traffico aereo e aeroporti;
sistemi sicuri (safety e security);
velivoli innovativi;
volo autonomo.
In comune tra le aree aeronautica e quella spaziale, si pone la ricerca nella fotonica in
ambiente aerospaziale. La fotonica occupa un ruolo primario in applicazioni chiave
quali: le comunicazioni terra-suolo e tra piattaforme, le interconnessioni a bordo e la
sensoristica per l’assetto e il monitoraggio strutturale, la strumentazione per le
osservazioni remote etc. Vasta è l’esperienza, anche europea in questo campo, sia
accademica sia industriale.
2. Ambiente: sistemi terrestri, marini e clima.
Il settore. Raggruppa le attività di ricerca sul funzionamento dei sistemi naturali,
l’atmosfera, l’oceano, il territorio, le loro interazioni e i loro impatti sul sistema
economico e sociale, con particolare riguardo alla protezione dell’ambiente e alla
sicurezza del territorio. Il Paese ha nel settore una buona capacità di ricerca da
rilanciare con interventi strategici di adeguate dimensioni, investendo nelle
infrastrutture, sia nazionali che europee (ESFRI e ERA-NET) per aumentare la sua
competitività internazionale. Le attività di ricerca devono includere la formazione ad
alto livello (Dottorati e Master), che attiri anche giovani talenti dall’estero e prepari i
quadri del futuro.
Misurare e osservare il sistema terra. Le osservazioni e il monitoraggio del sistema
devono superare l’attuale dispersione e pianificazione multiannuali. Una rete
efficiente di osservazioni della Terra permette di definire meglio il contributo italiano
a GMES (Global Monitoring for Environment and Security) e a GEOSS (Global Earth
Observation System of Systems) e quindi aumenterà la competitività della ricerca
all’interno dei programmi EU. I principali temi comprendono: monitoraggio della
superficie terrestre, cambiamenti della composizione dell’atmosfera, ciclo dell’acqua;
la risposta alle emergenze, i cambiamenti climatici, il monitoraggio marino e la
Marzo 2011
136
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
sicurezza; il supporto alle iniziative infrastrutturali nazionali e ESFRI (ICOS, EUFARCOPAL, SIOS, JERICO, EMSO).
Rischi Naturali. La conformazione e la collocazione dell’Italia nel bacino del
Mediterraneo la rendono particolarmente esposta a diverse categorie di rischi
naturali. I relativi settori di ricerca includono: la raccolta di dati e informazioni “di
base”; la valutazione delle probabilità spaziale, dimensionale e temporale
d’occorrenza degli eventi naturali potenzialmente catastrofici; lo sviluppo di modelli
e di scenari multi-dimensionali per la previsione dell’occorrenza degli eventi estremi
e dei loro effetti sull’ambiente naturale e antropico; la valutazione della fragilità dei
sistemi a rischio, inclusa la popolazione, rispetto al verificarsi di eventi catastrofici; il
disegno e lo sviluppo di tecnologie costruttive per usi civili e infrastrutturali robuste e
resilienti, in grado di resistere a una varietà di sollecitazioni estreme; lo sviluppo di
metodi per la valutazione del rischio, inclusa la costruzione di catene modellistiche e
concettuali per l’analisi e la previsione di rischi multipli; metodologie e servizi per
fornire informazioni a supporto della riduzione di rischi ambientali, della
prevenzione e della rilevazione precoce di minacce per la sicurezza ambientale. È
necessario definire la necessità di risorse da dedicare alla ricerca a carattere
fondamentale, alle infrastrutture nazionali ed europee in ambito ESFRI (EPOS).
Cambiamenti Climatici. Sono all’origine di una complessa catena di processi che
influenzano gli ecosistemi terrestri e marini, le zone costiere e l’economia. La loro
analisi richiede lo studio dei meccanismi che regolano il clima planetario, puntando
alla diminuzione e quantificazione delle incertezze, all’espansione della capacità
modellistica e all’estensione della descrizione dei processi relativi.
La conoscenza dei complessi meccanismi di feedback climatico nel contesto dell’intero
sistema terra fornisce gli strumenti per ottimizzare le politiche ambientali, integrando
le conoscenze rese disponibili da altre aree di ricerca sostenute dal PNR. Il
monitoraggio dei cambiamenti climatici globali comporta la determinazione di
variazioni di osservabili geofisici a diverse scale spazio temporali e delle relazioni
esistenti tra la variabilità alle diverse scale. È rilevante la valutazione integrata delle
politiche e delle stesse misure di adattamento sull’ambiente, anche per lo studio
dell’impatto delle misure di mitigazione e di adattamento climatico, nell’ambito di
sistemi di monitoraggio integrati e dei sistemi di supporto alle decisioni di governo
sostenibile delle risorse. Va consolidato il supporto alle infrastrutture nazionali create
dai precedenti PNR, come il Centro Euromediterraneo per i Cambiamenti Climatici,
le iniziative in ambito ESFRI e ai programmi di ricerca che coinvolgano il sistema
degli Enti di Ricerca e delle Università impegnati su queste problematiche.
Le priorità d’intervento possono essere: comprendere e investigare le variazioni
climatiche naturali e antropiche, a scala globale e regionale attraverso l’integrazione
di diverse tecnologie; definire e simulare il ciclo del carbonio; prevedere gli impatti
naturali e antropici sugli ecosistemi terrestri e marini; comprendere le relazioni fra
cambiamenti climatici ed eventi estremi; valutare i modelli socio-economici degli
impatti dei cambiamenti climatici sulle attività umane; definire sistemi integrati per il
governo sostenibile delle risorse; studiare i cambiamenti climatici e i loro effetti sulla
salute.
Ambiente oceanico. La tutela dell’ambiente oceanico è fondamentale per una crescita
di lungo termine del Paese. L’oceano, con le sue coste e i suoi ambienti di transizione,
contribuisce in modo significativo al PIL nazionale, è un elemento della sicurezza
Marzo 2011
137
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
nazionale ed è il maggiore attore nel sistema climatico globale. Le aree marine
nazionali possono presentare rischi significativi, strutture sismogenetiche, vulcani,
frane e aree di espulsione di gas, da cartografare con accuratezza. È perciò necessario
introdurre il coordinamento nazionale fra Enti, Università e Industria; potenziare e
ottimizzare le risorse umane, tecnologiche e navali al fine di sviluppare capacità di
monitoraggio e previsione. Sarà così possibile partecipare alla ricerca europea e
ricompattare la realtà della ricerca nazionale. Le priorità nella ricerca marina
riguardano le seguenti aree tematiche:
le previsioni climatiche e stagionali, che approfondiscono i meccanismi della
circolazione oceanica per simularne i diversi aspetti e l’evoluzione; le attività
umane che influenzano la stabilità e la sostenibilità nell’uso delle risorse; il
monitoraggio delle lastre di ghiaccio (ice sheet) dei ghiacciai e delle variazioni
di temperatura degli oceani;
le risorse marine, che includono le ricerche sullo status e la tendenza evolutiva
di abbondanza e distribuzione delle stesse; le relazioni tra le specie e gli habitat
marini che permettono di prevedere la stabilità e la sostenibilità delle risorse;
l’ambiente marino e costiero, che studia le nuove conoscenze e le tecnologie che
aumentano i benefici ricavabili dal mare aperto e dalle lagune costiere; il
monitoraggio della qualità dell’acqua e dell’inquinamento;
la sicurezza marina, che comprende le tecnologie e i sensori per combattere l’oil
spill e per monitorare il traffico delle navi.
Tecnologie Ambientali. Il settore considera le tecniche di utilizzo e gestione delle
risorse idriche, energetiche e territoriali, incluso il monitoraggio dell’impatto delle
attività industriali sui bacini marini, il trattamento dei reflui e rifiuti e il risanamento
dei siti contaminati e lo sviluppo di tecniche costruttive innovative per ridurre le
emissioni di CO2. Il PNR favorisce la ricerca sulla prevenzione e il monitoraggio e
controllo dei processi che generano immissioni nei corpi idrici e in mare, nei suoli o
nell’atmosfera, così come lo sviluppo di tecnologie di risanamento. Questo stimola lo
sviluppo del settore industriale che fornisce attrezzature e impianti per il trattamento
di acque reflue e rifiuti, la riduzione delle emissioni gassose e il monitoraggio
ambientale. I settori prioritari si possono identificare in: tecnologie innovative di
bonifica dei siti contaminati, con privilegio delle tecniche in situ; termovalorizzazione
dei rifiuti solidi; tecnologie di inertizzazione di rifiuti pericolosi; monitoraggio e
controllo della qualità dell’aria; nuove tecnologie di riutilizzo delle acque; ambiente e
salute.
Sviluppo economico sostenibile. È cruciale comprendere le interdipendenze tra
crescita economica e il suo impatto ambientale, in particolare, per acqua ed energia.
Crescita economica e dinamiche ambientali tendono a produrre scarsità e
deterioramento qualitativo sia dell’acqua per usi agricoli e domestici, sia dell’energia.
Le ripercussioni non sono solo di tipo economico, ma anche strategico, militare e
politico. Servono modelli di previsione e controllo, nonché analisi accurate delle
dinamiche tecnologiche e istituzionali. I temi su cui risulta importante concentrare la
ricerca di tipo socio economico sono: energia sostenibile; risorse idriche; biodiversità;
innovazione tecnologica; politiche nazionali e internazionali in campo ambientale;
contabilità ambientale e indicatori di sostenibilità.
Le regioni polari. La ricerca scientifica è condizione necessaria per la permanenza del
Paese sia nel Sistema del Trattato Antartico di Washington 1959, cui l’Italia partecipa
Marzo 2011
138
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
con il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), sia nel Consiglio
Artico cui l’Italia partecipa come osservatore. Queste regioni sono da anni arena di
discussione diplomatica su tematiche strategiche, come limiti territoriali, energia,
risorse ittiche e, per l’artico in particolare, rotte marittime transpolari e controllo del
traffico commerciale e militare fra Atlantico e Pacifico. Le regioni polari aiutano a
comprendere il funzionamento del sistema Terra, i meccanismi di adattamento, i
cambiamenti del passato e i processi di cambiamento in atto. L’approccio
multidisciplinare della ricerca polare implica l’utilizzo, condiviso con altri partner
internazionali, di piattaforme esistenti, come la stazione italo-francese Concordia in
Antartide, e la partecipazione a iniziative internazionali, come la costruzione di un
sistema osservativo integrato presso le Isole Svalbard (Progetto SIOS), e altre in
ambito ESFRI per la realizzazione di infrastrutture strategiche, quali la nave
rompighiaccio Aurora Borealis.
Ambiente e Sicurezza. Il degrado ambientale e i cambiamenti climatici mettono in
moto complessi meccanismi che alimentano conflitti interni e fra stati, contribuiscono
alla povertà e al fallimento di intere nazioni e lasciano le comunità più vulnerabili ai
disastri ambientali. Allo stesso tempo, i problemi ambientali sono transnazionali e
quindi possono favorire la cooperazione e il dialogo internazionale. La scarsità delle
risorse naturali, nel caso del Mediterraneo in primo luogo di acqua, ma anche
pressioni sociali ed economiche, determinano tensioni internazionali e flussi
migratori che rendono difficile l’uso sostenibile delle risorse e la protezione
dell’ambiente e della salute. I temi di ricerca prioritari sono: comprendere come
rendere le società meno vulnerabili ai disastri naturali e ai cambiamenti climatici;
sviluppare tecnologie per il monitoraggio e controllo ambientale, inclusi sistemi di
REA (Rapid Environmental Assessment) per la gestione delle emergenze; sviluppare
sistemi integrati di sorveglianza e previsione delle coste e del mare per emergenze;
coordinare e sostenere la partecipazione italiana a GMES.
3. Beni culturali
Il settore. L’attività nel settore dei Beni Culturali si sviluppa secondo tre linee di
intervento distinte nelle azioni, ma strettamente interagenti, conoscenza, tutela e
valorizzazione. Le tre linee operano sul patrimonio di beni immobili, cioè sui beni
culturali ed ambientali del territorio, sui beni mobili, custoditi in musei o depositi
pubblici e privati, sui beni immateriali. La conoscenza è sviluppata prevalentemente
dagli Enti di Ricerca pubblici, Università, CNR, alcune strutture del Ministero per i
Beni e le Attività Culturali (Istituti Centrali, Centri di catalogazione delle Direzioni
Regionali del Ministero, pochi Centri di Regioni e grandi Comuni; non esiste, di fatto,
ricerca privata nel settore).
La tutela è compito specifico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che
detiene o controlla la proprietà del patrimonio. Alla tutela devono collaborare
attivamente gli Enti Locali attraverso una programmazione compatibile delle attività
nel territorio. Ovviamente la tutela è impossibile senza un livello approfondito di
conoscenza.
La valorizzazione compete prioritariamente agli Enti Locali, che devono svilupparla
in accordo con il Ministero dei Beni Culturali e secondo il quadro della
Marzo 2011
139
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
programmazione territoriale ed economica; in questo settore è auspicato, talvolta
applicato, un consistente intervento privato.
La ricerca nel settore si pone, in genere per qualità e applicazioni, ai vertici europei e
a maggior ragione internazionali, costituendo in alcuni campi specifici elemento di
riferimento assoluto (ad es. la pluralità delle specificità disciplinari di antica
tradizione, il restauro sia strutturale che delle opere mobili, le indagini territoriali e i
relativi strumenti tecnici, i sistemi di gestione dei beni, le ricerche archeologiche, le
scienze chimiche e fisiche applicate al restauro e alle determinazioni materiche e
cronologiche) ma il patrimonio soffre, non si valorizza se non in minima parte, spesso
si distrugge per carenza di ricerca, nella quantità e nella insufficiente applicazione di
ricerche esistenti o possibili da parte degli enti gestori del territorio.
Per radicata consuetudine si identificano le ricchezze del patrimonio e le potenzialità
di valorizzazione economica nazionali con i musei, le aree archeologiche, i grandi
complessi monumentali, ma le grandi “ricchezze” e “attrattori” culturali ed
economici vanno cercati nel sistema paesaggio (ambiente naturale ed antropizzato,
centri urbani storici, monumenti, beni mobili e immateriali), finora poco sfruttato, più
spesso ignorato o alienato, in controtendenza rispetto alla nuova visione del Codice
dei Beni Culturali, che prevede totale integrazione tra patrimonio ambientale e
culturale. E’ stato ribadito che il più sicuro potenziale economico di buona parte del
Paese è costituito dal complesso dei beni culturali, integrati in molti casi in un
ambiente rurale e marino particolarmente favorevole. Pertanto è necessario operare
sul paesaggio, mantenendo e valorizzando le caratteristiche peculiari che
costituiscono elemento di attrazione ed evidenziandone le risorse, che, a differenza di
altre, sono inesauribili. In buona parte del territorio nazionale è ancora alto il numero
di centri storici in parte integri, talvolta a continuità di vita dalla fase preromana
all’attuale, e di complessi architettonici di primissimo livello. Ma è raro poter disporre
di uno studio accurato dell’evoluzione ed anche di una analisi diretta dei singoli
monumenti. In questa direzione è necessario indirizzare le tematiche di ricerca, in
collaborazione con le strutture pubbliche che gestiscono la tutela e le azioni nel
territorio, ma anche con i pochi Enti privati che investono soprattutto nella gestione e
valorizzazione dei beni. L’attività di ricerca è penalizzata, nella quantità e nella
diversificazione delle applicazioni, dal non chiarito rapporto funzionale tra studi
specifici peculiari del settore (umanistico o tecnico) e apporti dei diversi ambiti
scientifici, sovente non pianificati in base ad una precisa esigenza tecnologica o
realizzati senza una precisa domanda storica, con dispersione di risorse e risultati.
Il comparto dei Beni Culturali necessita di ricerca specifica e integrata che possa
indirizzare gli investimenti sulla base di analisi delle necessità, delle priorità e del
significato sociale ed economico degli interventi. E’ da sottolineare la necessità di una
attività interdisciplinare che permetta di conciliare l’indispensabile approccio di base,
di taglio sostanzialmente storico ed umanistico, con le esigenze di analisi e gestione
dei molti ambiti del patrimonio culturale, che richiedono l’intervento di metodologie
e tecnologie diverse, spesso innovative, comunque finalizzate, e l’interazione con uno
spettro ampio di ambiti disciplinari dell’area scientifica.
La necessità del patrimonio nazionale di conoscere per valorizzare, è di analizzare in
maniera sistematica, documentata ed approfondita le diverse tipologie di beni, per
realizzare azioni razionali di conservazione valorizzazione. Il livello, qualitativo e
quantitativo, della conoscenza scientifica nel settore è la causa primaria della perdita
Marzo 2011
140
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
e del progressivo degrado di parte dei beni, e della mancata messa a frutto di un
patrimonio unico, sottovalutato e trascurato. I consistenti interventi pubblici sul
patrimonio culturale si rivelano fruttuosi quando erogati con criteri precisi di priorità
e di potenzialità culturali ed economiche dell’investimento.
L’investimento di risorse nel patrimonio culturale produce un ritorno in ambito
sociale, con un innalzamento del livello di civiltà e conseguenti benefici in ogni
settore della vita quotidiana e comporta spesso un sensibile vantaggio a livello
economico.
Criteri. Per realizzare un’azione corretta nel settore dei beni culturali necessitano
alcuni requisiti indispensabili: conoscenza del patrimonio, quadro economico chiaro e
sostenibile, progettazione di alta esperienza, realizzazione degli interventi razionale e
controllo rigoroso della loro qualità. Si devono stabilire priorità, rischi, valenza
culturale, potenzialità di attrazione e valorizzazione, utilizzando strumenti
tecnologicamente avanzati, versatili e di facile applicazione, in funzione di una azione
di tutela sempre più efficace e rapida, di una progettazione sostenibile e, ove
possibile, di interventi di valorizzazione produttivi. Il quadro economico, che
necessita di dotazioni regolari su progetti a lungo termine, spesso è affidato a
finanziamenti speciali.
La valorizzazione dei beni deve essere indirizzata alla ricerca del beneficio culturale,
ma anche allo sfruttamento del patrimonio, inteso come risorsa primaria e motore di
sviluppo economico. Questo necessita di un passaggio da una logica di
programmazione incrementale delle attività a una logica di efficienza, efficacia, ed
economicità.
Priorità. Nel contesto italiano, i percorsi di rilancio dei beni culturali hanno le
seguenti priorità: valorizzazione della memoria storica e sociale del territorio;
comprensione dei nuovi valori assunti dall’esperienza artistico-culturale per i
pubblici contemporanei; rilancio delle valenze educative e del marketing e
comunicazione della cultura, come piattaforme per un più organico sviluppo del
territorio. In questo contesto i beni culturali costituiscono il capitale sociale, in cui le
comunità riconoscono e radicano la propria identità e il cui consumo diventa di per sé
fonte di nuovi valori sociali.
Azioni di ricerca. Riguardano:
rilevamento del territorio e dei centri storici; sistemi informativi territoriali;
metodologie innovative per la conoscenza dei paesaggi; integrazione di tecniche
tradizionali e avanzate di rilevamento; analisi della stabilità dei monumenti;
metodologie geofisiche, GIS e modelli numerici per la conoscenza dei singoli
elementi;
metodologie e tecniche d’intervento per la conoscenza, conservazione e recupero
del patrimonio storico architettonico in zona sismica; sviluppo di metodologie
multidisciplinari e strategie progettuali per l’analisi, la conservazione, il restauro e
la valorizzazione del patrimonio costruito; metodologie integrate di diagnostica
per la conservazione del patrimonio architettonico e archeologico; metodologie
per la caratterizzazione chimico-fisica di materiali costituenti manufatti mobili e
del costruito; diagnostica degli effetti climatici e microclimatici sul patrimonio
culturale; approcci multidisciplinari integrati per l’analisi dei manufatti;
metodologie diagnostiche per la conservazione dei beni culturali mobili,
archeologici, storici e artistici, e metodologie di intervento; rilevamento e recupero
Marzo 2011
141
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
di siti archeologici sommersi; indagini innovative per il monitoraggio delle
superfici di manufatti di interesse architettonico, storico-artistico e archeologico;
tecniche di intervento sui manufatti; sviluppo di nuovi materiali e tecniche per il
restauro e la conservazione dei beni culturali; individuazione analitica della
provenienza e dell'uso dei materiali; metodologie e tecniche integrate di
catalogazione, analisi, datazione e studio di manufatti mobili archeologici, storici e
artistici;
trasporto di opere d’arte; misurazione, acquisizione ed elaborazione da remoto
delle grandezze ambientali e chimico/fisiche (temperatura, umidità) e dei
parametri inerziali e strutturali (vibrazioni, spostamenti lineari, deformazioni);
localizzazione dei mezzi di trasporto;
sicurezza dei beni culturali, contro atti terroristici/vandalici;
patrimonio documentale e librario. Ricerca sulla conoscenza, conservazione e uso
dei materiali cartacei: metodologie di intervento sul patrimonio documentale e
librario italiano. Ricerche sulla conservazione di materiali documentali su
supporti non cartacei come pergamene, papiri e altri materiali di origine organica;
pellicole positivi e negativi fotografici, lastre vitree e audiovisivi in genere;
supporti magnetici;
archivio biologico e demo-etno-antropologico: archivio botanico, zoologico,
antropologico;
museologia e museografia: progetti culturali di musei; impianti e modelli di
conduzione; sistemi museali;
catalogazione, conservazione e restauro di beni culturali scientifici;
scienze dell’informazione e patrimonio culturale: fruizione e valorizzazione
economica delle risorse culturali per lo sviluppo locale; strumenti e politiche di
gestione integrata; valorizzazione e fruizione sostenibile dei beni culturali;
incidenza e controllo dei fattori antropici; tecnologie digitali integrate per la
conoscenza, la valorizzazione e la comunicazione dei beni culturali attraverso
sistemi di realtà virtuale.
4. Beni strumentali e Made in Italy
Il settore. Il Made in Italy – costituito dai beni strumentali (macchine e sistemi di
produzione) e dai sistemi casa, moda, alimentare, secondo i dati Istat 2006,
rappresenta il 56% degli addetti, il 48,2% del fatturato, il 50,7% del valore aggiunto e
il 52% dell’export del manifatturiero italiano. Il Made in Italy ha realizzato nel tempo,
e anche di recente, surplus commerciali con l’estero molto superiori a quelli
complessivi dell’intero manifatturiero. L’investimento in ricerca, però, è pari soltanto
al 26 % di quello per il manifatturiero.
Per promuovere e supportare la crescita della competitività e sostenibilità della
priorità Made in Italy – il cui ruolo per il Paese, in termini economici, sociali,
ambientali e tecnologici è di grande rilevanza – il PNR, seguendo il nuovo paradigma
del Manifatturiero Competitivo e Sostenibile (CSM):
può contribuire alla trasformazione del sistema industriale verso
prodotti/servizi, processi, business model ad alto valore aggiunto, basati sulla
conoscenza (K);
attraverso l’impegno del sistema R&S e formazione;
Marzo 2011
142
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
che, a sua volta, deve trasformarsi per divenire competitivo e sostenibile sul
mercato europeo e, sempre più, globale della R&S e della formazione.
Interventi nel Made in Italy. Nell’articolata configurazione interna di ciascuno dei
sistemi che costituiscono il Made in Italy, emergono situazioni omogenee, peraltro di
notevole rilevanza, in cui gli stakeholders (industriali, Università, Istituti e Centri di
ricerca) costituiscono presenza competente e fattiva, orientata alla trasformazione
necessaria per acquisire competitività e sostenibilità. Programmi di ricerca e di
innovazione, a livello nazionale e regionale, con particolare riferimento alle regioni
della convergenza, vengono realizzati come specificato dal PNR. Le attività di ricerca,
per il medio periodo, interessano le tecnologie abilitanti strategiche per il Made in
Italy, cioè tecnologie informatiche, elettroniche, meccatroniche, telematiche, micronano-bio, dei materiali, elettriche, meccaniche, energetiche. Le attività di medio-breve
periodo interessano le nuove tecnologie abilitanti che consentono lo sviluppo di
prodotti/servizi, processi e business model ad alto valore aggiunto, necessari per la
competitività e sostenibilità del Made in Italy.
Le priorità. Beni strumentali. Le linee di sviluppo tecnico-scientifico riguardano:
adaptive manufacturing, networking in manufacturing, digital engineering, ICT enabled
intelligent manufacturing, new business model, eco-sustainable manufacturing, sustainable
production systems, new materials e processes manufacturing. Sistema Casa. Le priorità
interessano il miglioramento delle prestazioni ambientali, di comfort, benessere della
casa, sicurezza, strutture, soprattutto in relazione alle tematiche delle emergenze
energetiche, all’inquinamento indoor, e ai mutamenti demografici della popolazione.
Sistema Moda. Le priorità considerano: prodotti speciali ottenuti da processi flessibili
high-tech; prodotti tessili quali materiali per nuovi settori e nuove applicazioni;
customizzazione e personalizzazione dei prodotti accoppiati a nuovi concetti di
produzione, logistica, distribuzione e servizi intelligenti. Sistema Alimentare. Le
priorità interessano l’offerta al consumatore di cibi sicuri e di qualità, adatti alle più
svariate occasioni di consumo, con un alto valore aggiunto in termini di
confezionamento e di servizio, il raggiungimento di una produzione alimentare
sostenibile, una gestione efficiente della catena alimentare e la promozione della
formazione e del trasferimento tecnologico alle PMI.
Progetti Paese. Il PNR può rispondere, tempestivamente ed efficacemente, alle
esigenze e priorità identificate nell’ambito dei quattro sistemi del Made in Italy,
impegnando il sistema R&S e formazione e i relativi stakeholders, non solo attraverso
azioni di tipo generale, ma anche con specifici Progetti Paese. Questi devono essere
collocati in una strategia europea, nell’ottica della scalarità, e caratterizzati da ben
definite visioni strategiche, governance, timing, verificabilità in progress e finale, oltre
che ex-ante, e nell’allocazione di risorse.
“Factories of the Future, Made in Italy” e “Made in Italy alimentare del futuro”, possono
costituire le prime esperienze pilota attivabili dal PNR. Esse sono correlabili a
iniziative europee e regionali.
Risorse necessarie. Considerato il sottoinvestimento nazionale in ricerca nel settore
manifatturiero (circa cinque volte in meno rispetto alla Germania), il Made in Italy,
nonostante rappresenti la metà del manifatturiero italiano, investe in ricerca solo il
26% delle risorse disponibili.
Marzo 2011
143
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
MADE IN ITALY
(elaborazioni dati Istat 2006)
Fatturato
Export
Spesa R&S
(% sul totale (% sul totale (% sul totale
Manifatturiero)
Manifatturiero) Manifatturiero)
BENI STRUMENTALI
12,5%
20,9%
16%
SISTEMA CASA
15,1%
12,6%
5,5%
SISTEMA MODA
10%
12,9%
2,3%
SISTEMA ALIMENTARE
11,1%
5,6%
2,2%
TOTALE MADE IN ITALY
47,5%
52%
26%
100%
319.771 mln €
100%
5.839 mln €
TOTALE
INDUSTRIA 100%
931.346 mln €
MANIFATTURIERA
Tenuto conto dell’evidente disallineamento tra ricchezza e posti di lavoro generati per
il Paese e investimenti in R&S (che garantiscono negli anni la competitività del
settore), le scelte di investimento nella priorità “Difesa e valorizzazione del Made in
Italy” vanno realizzate:
in termini qualitativi, seguendo i processi e le visioni precedentemente indicati;
in termini quantitativi, allineando gli investimenti in R&S del Made in Italy alla
media del manifatturiero italiano.
5. Costruzioni
Il settore. Con il termine costruzioni si vuole indicare l’insieme degli edifici, civili e
pubblici, delle infrastrutture e del patrimonio culturale: un asset di inestimabile valore
economico, sociale e culturale. L’Industria delle Costruzioni copre tutta la filiera
produttiva, includendo, oltre alle imprese di costruzione, la produzione dei materiali
da costruzione, i componenti e sistemi per impianti, i macchinari e le tecnologie di
costruzione e di manutenzione, la progettazione. La visione per il settore è che
l’insieme delle costruzioni, nuove ed esistenti, rappresenta un valore economico
immenso e non sostituibile che deve essere conservato e reso fruibile, efficiente e
sicuro. In tal senso richiede l’impiego di soluzioni tecniche e tecnologiche altamente
innovative e competitive, in un’ottica di sostenibilità e di servizio verso i cittadini.
I contenuti scientifici e tecnologici. La propensione del settore a svilupparsi per
lenta evoluzione, la sua frammentazione attraverso la filiera produttiva e le
competenze trasversali coinvolte, determinano la necessità di accrescere la
competitività attraverso attività di R&S volte alla generazione di soluzioni e modelli
innovativi, che sfruttino al meglio le potenzialità ricettive di innovazione ed il
possibile trasferimento di tecnologie da altri settori. Si possono in particolare
individuare tre macro-aree applicative di ricerca strategiche (pilastri verticali) nel
settore delle Costruzioni:
edifici puliti ed energeticamente efficienti;
Marzo 2011
144
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
infrastrutture e reti di servizio;
recupero del costruito esistente.
Negli edifici si ha circa 40 % del consumo totale di energia, con una conseguente
immensa produzione di CO2 (circa il 36 % di tutte le emissioni di CO2 in Europa). Si
comprende quindi che il potenziale impatto di azioni di ricerca in questo settore è
estremamente elevato. Lo sviluppo delle tecnologie per il raffreddamento
/riscaldamento dell’acqua, delle tecnologie impiantistiche evolute (domotica), ed in
generale delle tecnologie per usi elettrici e termici nel settore civile e terziario possono
contribuire significativamente a ridurre i consumi. Oltre ciò, occorre sottolineare
l’importanza della struttura e dell’involucro dell’edificio sulla sua efficienza
energetica. Ciò si deve realizzare anche mediante lo sviluppo e produzione di
materiali da costruzione ad alta efficienza e bassa energia inglobata (l’energia
inglobata può rappresentare fino al 30% dell’energia nel ciclo vita di un edificio).
Per quel che attiene alle reti infrastrutturali è necessario sviluppare soluzioni e
tecnologie innovative finalizzate alla valorizzazione e conservazione del patrimonio,
con criteri di sicurezza, fluidità, accessibilità e sostenibilità, quali ad esempio la
riduzione dei consumi energetici e degli inquinanti, tenendo conto, al tempo stesso,
degli obiettivi del Paese in termini di sviluppo economico, sociale e territoriale.
La gestione e il recupero del costruito esistente in Italia rappresentano circa il 65% del
mercato nei prossimi anni. Costruito esistente e Patrimonio Culturale sono sovente
coincidenti nel nostro Paese. Le specificità del Patrimonio Culturale sono trattate in
un’altra sezione del PNR. Si pone qui l’accento su quelle tematiche comuni a edifici e
infrastrutture per i quali, anche a seguito dell’evoluzione della normativa tecnica,
emergono con assoluta priorità le problematiche di efficienza energetica, sicurezza a
seguito di eventi naturali e, in generale, di elevazione degli standard abitativi e di
fruizione.
Necessità di investimento in termini di risorse umane, strutturali e finanziarie.
L’obiettivo della ricerca deve essere quello di trasformare le costruzioni in un settore
sostenibile, innovativo e competitivo, che sia basato sulla conoscenza e orientato a
prestazioni di qualità. Molte competenze di eccellenza per le costruzioni sono
presenti nei Centri di ricerca e Università italiane, ma occorre stimolare le imprese nel
perseguire innovazione sia di prodotto sia di processo. Da sottolineare l’influenza che
la legislazione esercita sulla competitività industriale e sull’innovazione soprattutto in
un sistema, come quello italiano, generalmente conservativo anche a causa di
normative tendenzialmente restrittive. Il sistema degli appalti pubblici rappresenta
un’importante opportunità per sostenere offerte innovative, facendo da battistrada
all’innovazione di prodotto e di processo. Le azioni di innovazione devono essere
orientate su due livelli.
Il primo riguarda la ricerca di base negli ambiti tecnologicamente abilitanti. La
caratteristica “trasversalità” del settore richiede la presenza di contributi da diversi
campi del sapere con un approccio fortemente interdisciplinare, in settori quali i
materiali, tecnologie ICT e domotica, nuovi processi di progettazione e costruzione,
nuove soluzioni impiantistiche, interazione ambiente costruito/natura e ambiente
costruito/uomo, con ricadute sulla qualità della vita e sulla sicurezza.
Il secondo livello riguarda l’adozione di azioni innovative e dimostrative industriali,
tali da portare tempestivamente ricadute su un comparto industriale estremamente
frammentato (circa il 98% delle imprese di costruzioni sono PMI) e conservativo. Tali
Marzo 2011
145
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
azioni si devono esplicare mediante Impianti e Azioni dimostrative (es. in edifici
pubblici), Trasferimento Tecnologico, Regolamentazione Normativa, Reti e
Infrastrutture di Ricerca e azioni sul Capitale Umano.
La Piattaforma Tecnologica Italiana delle Costruzioni coordina, insieme agli
stakeholders industriali del settore, il tavolo di discussione e di confronto sugli
indirizzi strategici per le attività di ricerca e sviluppo tecnologico. La visione, qui
sintetizzata, è in linea e fortemente coordinata con gli obiettivi e le strategie espresse a
livello europeo, dove, ad esempio, nell’ambito del Recovery Plan varato alla fine del
2008 dalla Commissione Europea, è stata lanciata la Public Private Partnership su
Energy Efficient Building. L’iniziativa vede oggi importanti aziende e istituzioni di
ricerca italiane coinvolte.
Ricadute economiche, sociali e ambientali. Il settore delle Costruzioni è per sua
natura a forte impatto occupazionale, ambientale e sociale. Nel 2008 gli investimenti
in costruzioni hanno rappresentato il 10,9% degli impieghi del Pil e il 52,1% degli
investimenti fissi lordi realizzati nel Paese, mentre gli addetti erano pari al 28,3%
degli occupati nell’industria e all’8,4% degli occupati in tutti i settori economici. Se si
considera tutta la filiera produttiva, i numeri sono ancora più importanti: circa 30.000
imprese, 300 miliardi di euro di fatturato e tre milioni di occupati.
Gli effetti diretti e indotti di un potenziale aumento della domanda in costruzioni
sono enormi. Si stima che ogni aumento di un miliardo di euro di domanda nel
settore delle costruzioni possa attivare un volume di affari di 1,796 miliardi di euro (1
miliardo di euro nelle costruzioni e 0,796 miliardi di euro nei settori collegati).
Inoltre, un miliardo di euro di nuova produzione significa 23.600 nuovi posti di
lavoro, di cui 15.100 nelle costruzioni e 8.500 nei settori collegati.
La ricerca e l’innovazione rappresentano quindi un’opportunità di crescita per il
settore delle costruzioni, perché implicano la necessità di un cambiamento del modello
di business, dell’organizzazione della filiera produttiva e delle conoscenze delle risorse
umane che partecipano al processo produttivo, con effetti evidentemente positivi
sull’intero sistema Paese. Progettare, costruire, demolire e recuperare edifici in qualità
sono attività che definiscono lo spazio urbano, determinando notevoli benefici in
termini di aspetto ambientale ed economico delle città, grandi e piccole, e della
qualità della vita dei cittadini. Allo stesso modo un sistema di reti di infrastrutture
strutturalmente e funzionalmente adeguato è un presupposto necessario per
l’incremento del benessere economico e sociale del Paese.
6. Energia
Il settore. La nuova politica energetica europea, mirata alla riduzione di gas ad effetto
serra e allo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili al 2020, offre all’Italia
l’opportunità di delineare un mix energetico che garantisca maggiore indipendenza
dai paesi produttori, e soprattutto una maggiore sostenibilità ambientale. Assume qui
un ruolo fondamentale l’innovazione tecnologica che deve, quindi, avere come
obiettivo lo studio e la realizzazione di sistemi che consentano di generare,
trasportare e utilizzare l’energia necessaria a soddisfare i fabbisogni del Paese,
riducendone i costi e l’impatto sull’ambiente. Alla luce di queste finalità, le fonti
rinnovabili e l’efficienza energetica nei processi e negli usi finali possono svolgere un
ruolo strategico, che giustifica la loro priorità nei programmi di ricerca nazionali. Al
Marzo 2011
146
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
momento molte fonti rinnovabili non sono competitive con le fonti fossili; per questo
gli investimenti di settore necessitano di efficaci e cospicui strumenti di
incentivazione. Al fine di rendere competitive le tecnologie rinnovabili e consentirne
un’ampia diffusione, è necessario promuovere una corretta attività di ricerca e
sviluppo volta a migliorare il rendimento energetico delle nuove tecnologie, nonché a
ridurre i costi di produzione. Settori quali il solare termodinamico, l’eolico off-shore
per fondali profondi, il fotovoltaico di terza generazione, la geotermia avanzata EGS
(Enhaced Geothermal Systems) e i biocombustibili vedono coinvolti Enti di Ricerca ,
industrie e Dipartimenti universitari.
Azioni. La penetrazione di mercato delle energie rinnovabili è correlata allo sviluppo
della rete di distribuzione verso un sistema Smart Grid in grado di permettere la
generazione distribuita sul territorio, di mettere in atto la gestione di sistemi di
accumulo e di migliorare l’efficienza globale della rete.
È anche evidente che la realizzazione degli obiettivi europei di sostenibilità
ambientale non possono prescindere da una forte azione di riduzione dei consumi
energetici. In questo senso, l’Italia è un paese particolarmente virtuoso perché ha un
consumo energetico pro-capite inferiore del 22% rispetto alla media europea. Questo
primato può essere migliorato attuando politiche che consentono una diffusione
capillare delle tecnologie innovative, al fine di ridurre ulteriormente i consumi
energetici nel settore dei trasporti, dell’illuminazione e in quello termico.
Il ricorso alle tecnologie rinnovabili e all’efficienza energetica non è comunque
sufficiente a soddisfare il fabbisogno di energia del Paese, così come ad abbattere, ai
livelli definiti in ambito europeo, le emissioni di gas clima-alteranti. È pertanto
necessario promuovere lo sviluppo di tecnologie a emissioni quasi nulle di CO 2 , del
nucleare e delle tecnologie di cattura e sequestro dell’anidride carbonica.
Vulnerabilità nazionale e ricorso al nucleare. A fronte di previsioni di forte crescita
dei consumi elettrici, rispetto alla maggior parte dei paesi europei l’Italia si trova ad
affrontare una situazione di estrema dipendenza e vulnerabilità. Il nostro Paese
dipende dall’estero per l’85% del proprio fabbisogno di energia primaria. In tale
scenario l’energia nucleare può rappresentare un’opportunità in termini di sicurezza
degli approvvigionamenti, garantendo un’elevata compatibilità con l’ambiente, sia
per l’assenza di emissione di gas clima-alteranti, che per il ridotto volume di rifiuti
prodotti per kWh generato. La Legge n. 99/2009 stabilisce la ripresa del programma
nucleare in Italia. Questo sollecita l’avvio di un’attività di ricerca e sviluppo
finalizzata principalmente a risolvere alcuni nodi critici della tecnologia nucleare oggi
a disposizione, nonché a innescare un circuito virtuoso di coinvolgimento, crescita e
sviluppo tecnologico dell’industria nazionale.
Nel medio-lungo periodo la ricerca può concentrarsi, nell’ambito di collaborazioni
internazionali, su reattori innovativi e di IV generazione, ad alto rendimento, con
maggiore sicurezza e che permettano una consistente riduzione dei costi.
In particolare quindi la ricerca dovrà essere mirata su:
decommissioning e waste management;
sviluppo progettuale e sperimentazione di tecnologie per la III e IV
generazione;
tecnologie per il bruciamento dei rifiuti in reattori a neutroni veloci critici o
sottocritici.
Marzo 2011
147
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Altri interventi. Nella misura in cui la strategia energetica nazionale tende alla
sostenibilità ambientale con la predominanza nei prossimi decenni dell’uso delle fonti
fossili, si sollecita l’attenzione a progetti di sviluppo delle tecnologie di cattura e
stoccaggio della CO2. L’Europa, attraverso il progetto Zero Emission Platform, è
particolarmente dinamica e l’Italia già partecipa ai progetti avviati in campo
internazionale, sia a livello di cattura innovativa che di stoccaggio geologico. Il
settore, in fortissimo sviluppo, coinvolge molteplici competenze e, nel caso in cui il
Paese assicuri adeguati finanziamenti alla ricerca, potrà assumere il ruolo strategico
nello sviluppo della tecnologia.
L’Italia non dovrebbe, inoltre, farsi sfuggire l’opportunità di inserirsi nei percorsi di
ricerca sull’idrogeno e sulle celle a combustibile, già intrapresi in Europa. L’obiettivo
è di preparare un piano strategico che faccia da ponte tra queste tecnologie e il
mercato, tale da garantire il loro sfruttamento in termini di potenziale ambientale ed
economico.
Parallelamente, risulta prioritario sostenere le tecnologie legate alla produzione
distribuita e all’accumulo energetico, che non solo permettono di limitare la
generazione di CO2, ma rendono più efficiente la rete di distribuzione.
Nel contesto della riduzione delle emissioni di CO2, la fusione nucleare rappresenta
una prospettiva particolarmente attraente per la generazione sostenibile di energia
elettrica, perseguita a livello internazionale con obiettivi e tempistiche ben definite.
L’Italia, attraverso l’attuazione al programma nazionale 2007-2016 già approvato dal
ministero, parteciperà al programma europeo e internazionale con proprie attività e
investimenti, sviluppando aree di eccellenza scientifica e tecnologica nella ricerca e
promuovendo la competitività dell’industria nazionale.
7. Information and Communication Technologies (ICT)
Il settore. L’ICT è pervasiva e sta impattando su tutti i settori produttivi e su tutti gli
aspetti della vita delle persone, della società, e del mondo stesso in cui viviamo:
servizi, conoscenza, convergenza dei media, reti sociali, gestione ambientale,
problemi energetici, agricoltura oltre, ovviamente, al mondo lavorativo. Le società
organizzate si stanno evolvendo verso un modello di società abilitata da una “ICT
anyTime, anyWhere, for everyBody” (ICT sempre, ovunque, e per tutti). Nel 2008, nel
settore ICT, media radiotelevisivi inclusi, si contano 103.000 imprese, che hanno
generato €157 miliardi di fatturato, inclusivi delle vendite al cliente finale e delle
relazioni tra operatori di filiera, e 66 miliardi di Euro di valore aggiunto. Il
moltiplicatore del settore, inclusa la fabbricazione di apparati e i media, vale 2,38. Ciò
vuol dire che al valore aggiunto prodotto direttamente dal settore, altro ne viene
generato in misura del 138%, come conseguenza degli scambi attivati internamente
alla filiera. In tal modo il valore aggiunto generato, direttamente e per effetto del
moltiplicatore, arriva a 157 miliardi di Euro, più che raddoppiando il contributo sul
PIL, passando dal 4,8% all’11,2%.
La diffusione delle tecnologie ICT e della infrastruttura a larga banda, fissa e mobile,
è direttamente correlata alla crescita di tutti i comparti economici nazionali. Questa
tendenza è stata quantificata dallo studio (settembre 2008) commissionato dalla
Commissione Europea – DG Information Society and Media. Il modello utilizzato nello
studio ha misurato i principali effetti in Europa (EU27) dell’utilizzo di infrastrutture e
Marzo 2011
148
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
soluzioni a larga banda in termini di miglioramento della produttività delle imprese e
di migrazione delle attività economiche da settori tradizionali verso settori knowledgeintensive. I risultati sono chiarissimi:
solo nel 2006, la spinta all’innovazione ha creato 989.000 nuovi posti di lavoro,
dei quali circa 440.000 nel settore dei servizi; considerando la perdita di posti
di lavoro dovuta ai processi di ottimizzazione e ristrutturazione, il guadagno
netto ammonta a circa 105.000 unità;
nello stesso anno, lo sviluppo della larga banda ha generato un valore
aggiunto lordo di 82 miliardi di Euro, pari a +0,71% sull’anno precedente;
questa percentuale sale allo 0,89% nei paesi più avanzati, dove lo sviluppo è
stato maggiore, e scende allo 0,47% nelle aree a minore sviluppo.
Lo studio riporta alcune proiezioni per il periodo 2006-2015: ipotizzando in Europa
un tasso di adozione della larga banda, e dei servizi da questa abilitati, analogo a
quello realizzato dai paesi più avanzati nel periodo 2004-2006, si assisterà alla
creazione di 2.112.000 nuovi posti di lavoro e a una crescita di 1.080 miliardi di Euro,
dell’attività economica correlata.
L’ICT del Futuro: una strategia per la ricerca ICT in Italia. Il Programma Nazionale
della Ricerca per l’ICT (PNR-ICT) definisce un programma per lo sviluppo dell’ICT
del Futuro, inteso come l’insieme di teorie, metodologie, tecnologie, integrazioni
sistemiche fra le sotto-discipline dell’ICT (includendo i settori dell’elettronica, delle
telecomunicazioni e dell’informatica), integrazioni sistemiche con altre discipline
mirate alla creazione di nuove discipline, nuovi settori tecnologici e nuove
applicazioni, con lo scopo finale di favorire lo sviluppo di una società abilitata da una
ICT anyTime, anyWhere, for everyBody. L’ICT del Futuro andrà oltre le barriere fra
sotto-aree dell’ICT, per portare alla costruzione di sistemi complessi ottenuti da una
integrazione profonda e sistemica (non “black box”) dove “l’unione è più della somma
delle parti”. Analogamente, l’ICT del futuro si aprirà ad altre discipline, quali sanità e
salute, ambiente, cultura, energia, scienze umane ed economico-sociali, biotecnologie,
meccanica e meccatronica. L’integrazione non sarà di mera strumentalità, bensì di
mutazione bidirezionale interdisciplinare che cambierà tutte le discipline coinvolte,
inclusa l’ICT.
La definizione dell’ICT del Futuro è stata sviluppata sulla base di linee guida
riportate nel seguito.
1. L’ICT del futuro dipenderà dallo sviluppo delle tecnologie abilitanti. Se si esclude
la tematica delle nano-tecnologie, due sono le tecnologie su cui puntare:
i sistemi immersi, ossia sistemi elettronici che sono parte integrante della
funzionalità di un oggetto o di un sistema ma che non sono direttamente
accessibili o addirittura visibili dall’utente finale;
le tecnologie per le reti, tecnologie che riguardano fibra o cavo, wireless e
satellite.
2. Lo sviluppo dell’ICT non è importante solo per l’ICT in quanto tale, ma anche in
molti altri settori, produttivi e non, dove diventa uno dei fattori abilitanti
all’innovazione. Si è quindi previsto di affrontare, sia gli aspetti più propri
dell’ICT che dell’integrazione interdisciplinare con le altre discipline, ossia:
le tecnologie ICT abilitanti all’ICT del futuro: tematiche il cui obiettivo è di far
sviluppare le competenze all’interno dell’ICT, favorendo la maggior
integrazione possibile fra le varie sotto-aree;
Marzo 2011
149
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
i domini applicativi abilitati dall’ICT del futuro: tecnologie che permettono lo
sviluppo di settori applicativi verticali dove l’ICT può diventare un fattore
discriminante nella creazione di ricerca interdisciplinare e conseguente
innovazione tecnologica.
3. La pervasività dell’ICT è tale per cui la maggioranza dei cittadini usa l’ICT nella
vita di tutti i giorni, e non più solo come strumento di lavoro. Il PNR-ICT prevede
quindi una linea d’azione dedicata esplicitamente al coinvolgimento dell’utente e
della sua interazione con il computer, sia come individuo, sia nelle sue interazioni
sociali mediate dalla rete (reti sociali).
Esiste un secondo insieme di linee guida che riguardano invece il modo con cui il
PNR-ICT dovrà andarsi ad integrare con le iniziative già esistenti:
un principio ispiratore è la volontà di diminuire il più possibile la
frammentazione della ricerca focalizzandola su una serie di tematiche ad alto
impatto. Si cerca di raggiungere questo obiettivo in due modi. Da una parte si
concentrano i contenuti scientifici e tecnologici su un numero limitato di
grandi sfide che identificano chiaramente il problema da risolvere e le
conseguenti aree di ricerca su cui concentrarsi. Dall’altra parte si cerca di fare
riferimento a piattaforme tecnologiche nazionali. Le piattaforme tecnologiche
sono considerate un ambiente di lavoro fondamentale e strumento primario
per la creazione di ricerca in condizioni di massa critica sufficiente;
l’Italia non può affrontare da sola i grandi cambiamenti tecnologici in corso. Il
PNR-ICT è sviluppato avendo a riferimento le strategie messe in atto a livello
europeo. Un forte riferimento all’Europa è garanzia ad evitare possibili derive
auto-referenziali. Sono stati proposti contenuti scientifici e tecnologici avendo
come riferimento le iniziative in corso a livello Europeo. Inoltre, i contenuti del
PNR-ICT hanno un ruolo anticipativo rispetto ai programmi in corso di
definizione a livello europeo, creando anche le premesse per poter influire
sulle future scelte europee;
nella sua attuazione, il PNR-ICT si articola e si integra con altre iniziative
esistenti, anche a livello regionale. Le attività identificate sono distinte tra
quelle di breve/medio periodo e quelle di medio/lungo periodo,
implicitamente prevedendo una politica di finanziamento a due livelli.
All’interno delle tecnologie abilitanti all’ICT del futuro sono state identificate le
seguenti aree tematiche:
sistemi embedded pervasivi, brevemente descritti sopra;
tecnologie per le reti: è necessario sviluppare tecnologie innovative nei settori
della fibra ottica, della comunicazione wireless, della sensoristica, delle
comunicazioni satellitari che superino gli attuali limiti di prestazioni, per
realizzare un’infrastruttura integrata di telecomunicazioni, ubiqua e sempre
disponibile, adatta allo sviluppo e alla realizzazione dell’ICT del futuro;
infrastrutture e reti per i servizi: i servizi relativi all’ICT del Futuro necessitano
di architetture innovative di rete flessibili, sicure, adattive e autonomiche,
capaci di supportare non solo la crescente complessità dei servizi erogati, ma
anche il loro accesso ubiquo e trasparente;
piattaforma dei servizi, ovvero una Internet in cui non solo dati, informazioni e
contenuti siano condivisi, ma che anche le applicazioni siano disponibili in rete
Marzo 2011
150
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
come servizi facili da usare e combinare, sia tramite PC sia tramite altri canali e
dispositivi, ad esempio i cellulari;
future media, dove si dovranno affrontare problematiche di gestione,
manutenzione ricerca e fruizione spaziale, temporale e sociale dei contenuti
digitali;
future user–machine interaction, che permette di usare in modo naturale le nuove
interfacce tra persone e sistemi informatici che rendono l’interazione più facile
ed accessibile, per esempio evitando l’uso di mouse e tastiere. I sistemi ICT
includeranno nuovi dispositivi utilizzanti varie modalità d’interazione basati
su varie tipologie di sensori, quali videocamere, rilevatori a infrarossi, etichette
RFID, microfoni, sensori fisiologici, biometrici o ambientali, ecc.;
robotica percettiva e cognitiva, che possa supportare l’utilizzo di una nuova
generazione di sistemi robotici capaci di cooperazione, supporto, ed
interazione con persone nella loro vita quotidiana ed in ambienti domestici. La
robotica del futuro dovrà realizzare sistemi autonomi in grado di integrarsi
con la società in maniera trasparente e svolgere attività anche molto complesse
in ambienti e situazioni non strutturati;
la sicurezza informatica, che affronta, sia in rete che negli applicativi che la
utilizzano, la difesa dell’integrità sui dati trasmessi in rete e sulla loro
accessibilità (resiliency), il raggiungimento di livelli di fiducia dell’utente nei
confronti della rete (trustworthiness), ed il controllo sulle responsabilità
connesse all’utilizzo e alla gestione della rete (accountability).
All’interno dei domini applicativi abilitati dall’ICT del futuro, sono state identificate
le seguenti aree tematiche:
iGovernment. Obiettivo del piano è di costruire la “prossima generazione di
servizi pubblici”. L’ICT del futuro è l’elemento centrale che dovrà abilitare una
massa critica di servizi, pubblici e privati di terze parti, integrati e facilmente
accessibili in rete, in modo che, chi vive e opera su un territorio e chi lo visita,
possa rivolgersi alla rete per trovare e fruire dei servizi di cui ha realmente
bisogno;
sanità e salute, con l’obiettivo, di fronte al progressivo invecchiamento della
popolazione e della crescita delle malattie, anche croniche, di attuare da una
parte un controllo della spesa sanitaria e dall’altra migliorare i servizi e le
aspettative sulla qualità della vita della popolazione;
ICT del futuro a sostegno della cultura e della creatività. L’avvento delle nuove
tecnologie Internet riguarda tutte le fasi del processo di diffusione della
conoscenza, dalla produzione di contenuti culturali, alla loro raccolta e
organizzazione efficace all’interno delle cosiddette “biblioteche digitali”, fino
alla loro accessibilità e disponibilità immediata e alla loro preservazione a
lungo termine. L’utente si trasforma da mero fruitore passivo di contenuti
standardizzati, creati, assemblati e resi disponibili secondo un modello di
comunicazione unilaterale, in soggetto attivo di una comunicazione
multidirezionale, in cui partecipa attivamente ai processi di creazione,
ridefinizione e personalizzazione di contenuti digitali;
eEnergy, dove l’ICT potrà supportare lo sviluppo di nuove strategie di
intervento che procedano nella direzione di nuove soluzioni tecnologiche
(energy systems) e nella migliore gestione delle risorse (energy management);
Marzo 2011
151
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
eMobility, smart cities. L’obiettivo è di pervenire a una maggiore
efficacia/efficienza ed eco-sostenibilità nella mobilità di veicoli, persone e
merci;
eEnvironment–informazione geo-spaziale. Questa area concerne, in particolare,
lo sviluppo di tecnologie e capacità nel campo delle informazioni geo-spaziali
(geo-spatial information) applicabili ad ambiti assolutamente prioritari come:
difesa dell’ambiente, gestione sostenibile delle risorse naturali, protezione
della biodiversità, pianificazione sostenibile del territorio e infrastrutture
territoriali, sorveglianza del mare, agricoltura, emergenza e sicurezza;
ICT del Futuro per il ciclo di vita del prodotto. Lo sviluppo delle reti di
comunicazione ha permesso ai consumatori di avere a disposizione una scelta
sempre più vasta di beni e servizi, di migliore qualità a prezzi competitivi. Il
problema è la necessità da parte delle aziende di sviluppare nuove strategie
per il contenimento di costi, velocità di risposta e miglioramento della qualità
dei prodotti;
bioinformatica. I problemi da affrontare riguardano la definizione e lo
sviluppo di metodologie e tecnologie informatiche che rendano possibile la
scoperta di conoscenza biologica mediante la rappresentazione, la simulazione
e l’analisi di sistemi biologici. I problemi nascono da domande di tipo
biologico alle quali le tecniche bioinformatiche rispondono sfruttando la
disponibilità di banche dati, conoscenza strutturata e strumenti informatici
spesso pubblici.
8. Mobilità sostenibile e trasporti
Il settore. Il PNR, considera la mobilità come interazione fra mezzi di trasporto,
infrastrutture e ambiente, e definisce – in coerenza con la visione strategica europea –
i seguenti obiettivi di settore: compatibilità e competitività, decongestione e sicurezza
dei sistemi dei trasporti terrestri (inclusa la mobilità urbana), sulle vie d’acqua e dei
relativi processi produttivi e organizzativi. In base agli obiettivi la definizione di
mobilità sostenibile può diventare: muovere persone e merci in modo ecologico,
economico, ergonomico, sicuro e interconnesso.
I settori industriali connessi alla mobilità (mezzi di trasporto su gomma, rotaia e vie
d’acqua e relativi servizi di trasporto) costituiscono un elemento chiave per la
competitività nazionale ed europea e possono contare, in Italia, su quasi 160 mila
imprese, manifatturiere e di servizi, e più di un milione di addetti, per un fatturato di
oltre 200 miliardi di euro (stime da raddoppiare se si tiene conto anche dell’indotto).
Dal punto di vista della qualità dei prodotti e del livello tecnologico, inoltre,
l’industria italiana dei mezzi di trasporto ha conquistato a livello mondiale posizioni
di eccellenza, essendo molto competitiva in segmenti di prodotto ad elevato
contenuto tecnologico. Circostanza che deriva anche dal peso relativo, rispetto alla
media nazionale, degli investimenti privati in R&S sostenuti dalle imprese di settore.
Temi prioritari di ricerca. La ricerca per la mobilità sostenibile nasce dall’incrocio tra
le tecnologie abilitanti e quelle specifiche dei mezzi di trasporto, tenuto conto delle
necessarie infrastrutture e dei processi produttivi. Tra le tecnologie abilitanti si
individuano, come strategiche nel settore, quelle informatiche, dell’elettronica, della
telematica, delle micro-nano-bio-tecnologie, dei materiali e dei combustibili e la loro
Marzo 2011
152
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
integrazione anche con le tecnologie energetiche, elettriche e meccaniche che
continueranno a svolgere un ruolo essenziale per il settore. I temi di ricerca che hanno
priorità trasversale a tutte le filiere produttive, sono:
sicurezza dei mezzi e delle infrastrutture;
sostenibilità ambientale dei mezzi e delle infrastrutture;
comfort ed ergonomia;
efficienza;
competitività;
sistemi intermodali, multimodali in ambito urbano e extra-urbano;
sistemi produttivi dei mezzi di trasporto e delle infrastrutture.
Metodologie per la gestione strategica ed operativa della ricerca. La complessità del
sistema mobilità, che coinvolge numerosi settori industriali, molte tecnologie e attori
della ricerca, delle imprese e della PA, richiede che l’investimento in ricerca scientifica
e tecnologica sia accompagnato dallo sviluppo contemporaneo di metodologie e
tecnologie per la previsione dei trend di crescita tecnologica e competitiva del settore,
la programmazione della ricerca, la valutazione, la gestione e il coordinamento dei
progetti di ricerca, la valorizzazione (diffusione, divulgazione e trasferimento) dei
risultati e le ricerche socio-economiche di supporto alla definizione di nuove politiche
della mobilità con la previsione del loro impatto.
Ricerca di lungo periodo. È importante considerare, in parallelo alle attività già
segnalate, che hanno come obiettivo lo sviluppo della competitività industriale al
2025, nuovi paradigmi di salto tecnologico indotti da un consistente sviluppo delle
tecnologie abilitanti e strategiche della mobilità.
Gli addetti alla ricerca. Le stime minime della necessità in ricercatori, necessari per
mantenere l’attuale competitività, prevedono il coinvolgimento complessivo di 17.900
addetti, considerando anche le attività di sviluppo sperimentale e di innovazione.
In questo e nell’ottica di realizzare tutte le attività previste dal panel d’area, almeno
7.200 unità di personale dovrebbero essere coinvolte in ipotesi di co-finanziamento
pubblico delle attività, nelle diverse forme ammesse, con costi di ricerca pari a 720
milioni di euro anno (1% del PIL dei settori industriali manifatturieri connessi alla
mobilità), inclusi dei costi del personale, degli ammortamenti di laboratori e mezzi,
del loro mantenimento, adeguamento e sostituzione, dei costi di impianti dimostrativi
e flotte di mezzi di trasporto con relative infrastrutture.
9. Nanoscienze e nuovi materiali
Il settore. La vitalità dell’Italia nelle nanotecnologie e nanoscienze è testimoniata da
ottimi indicatori di performance scientifica (citation index e impact factor), tuttavia
sussistono fattori critici connessi alla debole capacità di trasferimento tecnologico. Il
piano, pur conservando le necessarie caratteristiche di ampiezza e visione, opera delle
scelte e limita i settori da sviluppare, privilegiando il potenziamento delle aree che
hanno già dimostrato competitività internazionale e perseguendo settori
particolarmente strategici.
Tematiche. La lista, esemplificativa, racchiude la maggior parte dei settori
competitivi della ricerca italiana con forti ricadute di interesse industriale, garantendo
un eccellente overlap con le priorità del settimo programma quadro Europeo.
Marzo 2011
153
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
1- Nanotecnologie per i sistemi produttivi: nanopolveri e dispersion, compositi e filler,
reliability a nanoscala, analisi in situ a nanoscala/nano tribologia, modeling, tribo-active
materials (self lubricant, self healing, ecc).
2- Nanotecnologie per l’ambiente: nanomembrane, nanocatalisi, sensoristica
avanzata, tossicità e sicurezza dei sistemi nano, sistemi autopulenti.
3- Nanotecnologie per cibo/agricoltura: early detection di contaminanti, packaging con
barriere permeabili, antibatteriche, coating commestibili, catalisi dell’acqua.
4- Nanotecnologie per l’energia: fotovoltaico plastico e di nuova generazione, fuel
cells, batterie e supercapacitors, sistemi termoelettrici, sistemi nano strutturati per
produzione di idrogeno, energy harvesting;
5- Nanotecnologie per elettronica. Analisi e caratterizzazioni a nano scale,
manipolazione a nanoscala, high throughput technologies, new materials by design:
modeling e chimica fisica, tecnologie e materiali associati a fenomeni di superficie,
dispositivi spintronici e plasmonici, quantum information e sistemi a pochi fotoni.
6- Nanomedicina. Diagnostica precoce e ad alta risoluzione sia multifold che per
imaging, diagnostiche precoci genomiche e proteomiche, rilascio di medicinali
controllato in situ, processi rigenerativi: cellule staminali, scaffold technologies.
7- Nanomateriali. Nanocompositi per applicazioni diverse, Smart materials:
biodegradabili, biocompatibili, a bagnabilità controllata; filtri e membrane intelligenti,
nanoparticelle con forma, dimensione e composizione controllata a nanoscala.
Questi settori sono fortemente interconnessi e la suddivisione proposta è solo
indicativa. È spesso molto difficile classificare e attribuire determinate metodologie di
sintesi di nanomateriali a specifici settori applicativi quali ambiente o medicina.
Questo discende dalla natura intrinsecamente interdisciplinare delle moderne
nanotecnologie, che sono basate nella maggior parte dei casi sulla conoscenza di
alcuni processi di sintesi, manipolazione e ingegnerizzazione di materiali a nanoscala,
trasversale a diverse discipline, sovente molto distanti fra loro (ad es.: elettronica e
medicina). Risulta quindi chiaro che un impatto internazionale della ricerca nanotech
italiana potrà essere ottenuto solo rinforzando i programmi interdisciplinari
sviluppati in centri di grande massa critica e con forte interazione di scienziati e
metodologie di diversa origine tecnico-scientifica.
10. Progettazione molecolare
Il settore. Il molecular design e le scienze molecolari in senso generale sono uno dei
cardini fondanti della ricerca italiana, per motivi diversi e complementari. La
progettazione molecolare ha un ruolo fondamentale per il progresso tecnologico:
sempre più la realizzazione delle funzionalità necessarie a sviluppare nuovi prodotti
e/o nuovi servizi è legata alla capacità di saper intervenire a livello molecolare per
progettare e realizzare ab initio processi e prodotti dotati di proprietà
funzionali nuove o migliori. In secondo luogo, è opportuno sottolineare che nel
prossimo decennio, contrariamente forse a quanto spesso indicato dai mass media, sarà
proprio la progettazione molecolare a conoscere i maggiori breakthrough, e ciò grazie
soprattutto a due fattori: le conoscenze teoriche e sperimentali tipiche dell’area
chimica hanno raggiunto la massa critica per la definizione di una strategia
complessiva di progettazione razionale di prodotti sofisticati e altamente specifici; la
progettazione è fondamentale per la sostenibilità delle nuove tecnologie. Non è più
Marzo 2011
154
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
tempo di consumi indiscriminati e le scienze molecolari sono ormai in grado di
rispondere a questa esigenza, grazie anche all’uso di chimica combinatoriale e di
simulazioni in-silico come pre-screening alla sperimentazione in vitro e in vivo, nonché
nella selezione e ottimizzazione di processi a basso impatto ambientale.
Il quadro internazionale e la posizione dell’Italia. Le scienze molecolari rientrano
tra le priorità identificate dal Department of Education statunitense, e numerose
istituzioni di ricerca, sia di base sia applicata, dedicano attualmente un forte impegno
scientifico e finanziario all’approccio che parte dal molecular design e si realizza
attraverso il chemical manufacturing. Supporti rilevanti ed efficaci a vantaggio della
ricerca USA nel settore provengono da varie iniziative nazionali e di governo (Air
Force, HRL, Naval Research Office, National Science Foundation, DARPA Agency).
Per quanto concerne l’Europa, oltre a specifici programmi nazionali in Germania,
Francia e Svizzera, non solo le scienze molecolari rivestono un ruolo chiave in alcuni
temi del 7° PQ (Salute, Biotecnologie e Agroalimentare, Nanotecnologie e Materiali,
Energia), ma il molecular design e il chemical manufacturing sono considerati tools
fondamentali per lo sviluppo della visione strategica di alcune Piattaforme
Tecnologiche.
La vocazione all’eccellenza della comunità scientifica italiana attiva nel campo delle
scienze molecolari è documentabile dalla presenza, sul territorio nazionale, di
numerosi centri e gruppi di ricerca che si posizionano ai vertici internazionali di
settore. Il paradigma di riferimento, che può costituire una via originale allo sviluppo
scientifico capace di riportare il Paese al vertice della ricerca internazionale, è la
costituzione e/o il potenziamento di reti di laboratori distribuiti sul territorio e capaci
di integrare conoscenze e risorse atte ad affrontare problemi complessi, riconoscendo
il ruolo chiave, tipico delle grandi scienze, dell’integrazione tra ricerca di base
knowledge-driven e ricerca applicata.
Sembra quindi opportuno in via prioritaria continuare a percorrere, con grande
incisività, la politica di networking iniziata nel recente passato dal MIUR attraverso le
reti FIRB, i Laboratori pubblico/privato e i distretti tecnologici. È questo il modo per
aumentare la concentrazione multidisciplinare delle competenze e la costituzione di
poli di ricerca con valenza internazionale, generando nel medio-lungo termine una
maggiore capacità di trasformare i risultati della ricerca in prodotti innovativi, un
arricchimento del sistema produttivo attraverso iniziative di spin-off, un
ringiovanimento e una riqualificazione del personale di ricerca.
Va inoltre ricordato che la costituzione di alcuni Consorzi Interuniversitari che
operano nel settore (Consorzio Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali,
Consorzio dei Sistemi a Grande Interfase, Consorzio di Diagnostica e Farmaceutica
Molecolare, Consorzio di Biostrutture e Biosistemi, Consorzio per l’Innovazione
Tecnologica, la Qualità e la Sicurezza degli Alimenti, Consorzio di Reattività e
Catalisi), e l’azione sinergica nel settore con gli Enti di Ricerca (CNR in primis), hanno
spesso contribuito sia al raggiungimento delle condizioni di massa critica, sia alla
realizzazione della necessaria interdisciplinarietà con le aree contigue di Biologia,
Medicina, Fisica e Agraria.
Aree d’intervento e temi prioritari. Le aree d’intervento tipiche della progettazione
molecolare e i temi prioritari di intervento sono riportati come segue.
AREA
Marzo 2011
TEMI
155
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
CHIMICA SOSTENIBILE
Biobase Products, Biocarburanti, Sostenibilità di
prodotto
ENERGIE ALTERNATIVE
Fotovoltaico III generazione, Tecnologie del H2 e Fuel
Cells
INNOVAZIONE
DI Materiali per la mobilità sostenibile e i trasporti,
PRODOTTO
Materiali multifunzionali e intelligenti per l’area del
Made in Italy, Nanofunzionalizzazione di superfici
SALUTE
E
SCIENZE Nuovi farmaci e diagnostici, Nutraceutici per la salute,
DELLA VITA
Materiali e rivestimenti biocompatibili, Biosensing
innovativo
MODELLING
Approcci
multiscala
integrati,
Dinamica
COMPUTAZIONALE
macromolecole biologiche, Modelli previsionali di
funzionalità
Le priorità da assegnare derivano da una coniugazione tra gli scenari strategici
delineati nelle Piattaforme Tecnologiche Europee (con particolare riferimento a
SUSCHEM, EUMAT, MANUFUTURE, NANOMEDICINE e EHFCT), gli interessi del
sistema imprenditoriale del Paese e le eccellenze delle reti di ricerca accademica e
pubblica. Questi settori di ricerca sono, inoltre, tra quelli identificati come prioritari
nell’ambito degli APQ recentemente firmati dalle Regioni Calabria, Campania e
Puglia, nel quadro più complessivo del PON Ricerca e Competitività.
11. Salute
Il settore. La ricerca nella biomedicina è di fondamentale importanza per il progresso
scientifico e tecnologico del paese, per la ricaduta diretta sulla salute dei cittadini e
per lo sviluppo dell’industria farmaceutica e biomedicale. La salute e le tecnologie e
servizi a essa collegati, sono uno degli assi prioritari di investimento per superare la
crisi e favorire il rilancio dell’economia. In Europa, Giappone e USA le ricerche
nell’ambito biomedicale producono risultati scientifici ad alto impatto e visibilità, con
ricadute immediate sulla cura e assistenza, favorendo la transizione verso un modello
di welfare evoluto. Hanno anche un elevato valore in termini di proprietà intellettuale
e sfruttamento industriale. La ricerca biomedicale ha quindi tre obiettivi: i) la
produzione e il progresso scientifico a elevato impatto e prestigio internazionale; ii) il
miglioramento della cura e della salute del cittadino, introducendo protocolli e
metodi di cura avanzati e aggiornati; iii) la ricaduta industriale in termini di
progresso dell’industria farmaceutica e delle tecnologie biomedicali nazionali.
La produttività scientifica del ricercatore italiano nell’area della salute non è inferiore
a quella di molti altri paesi europei. Il Paese è, tuttavia, in ritardo nel processo di
trasferimento dei risultati della ricerca alla sperimentazione clinica, nello sviluppo di
nuovi prodotti/terapie e negli interventi finalizzati alla salute pubblica. La causa di
tale ritardo è imputabile a un insufficiente sviluppo di reti organizzate tra i centri di
eccellenza; a una carenza di infrastrutture di ricerca dedicate allo sviluppo della
ricerca biomedica; a una scarsa cultura del trasferimento tecnologico; alla mancanza
di organiche azioni di promozione delle interazioni tra il mondo della ricerca e quello
produttivo.
Marzo 2011
156
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Aree Strategiche. Vengono identificate sei aree di ricerca prioritarie nelle quali
concentrare gli investimenti: cardiotoracovascolare, materno-infantile, neuroscienze,
oncologia e oncoematologia, endocrinologia e metabolismo, patologie immunitarie
infettive.
Cardiotoracovascolare. Le malattie cardiovascolari sono nel mondo la più importante
causa di morte e di eventi patologici non letali, e generano grandi costi sanitari e
sociali. La ricerca in campo cardiovascolare rappresenta pertanto un settore di
primaria importanza. La ricerca da proporre come investimento per il futuro
dovrebbe articolarsi in linee differenziate che tengano in considerazione: gli aspetti
epidemiologici delle malattie cardiovascolari, con possibilità di una valutazione
precisa della loro evoluzione nel tempo; gli interventi sul territorio suscettibili di
migliorare la prevenzione e la cura delle patologie cardiovascolari più comuni, con
particolare riguardo a una più precisa identificazione e controllo dei loro fattori di
rischio; una ricerca, da parte di gruppi/centri con adeguate competenze degli aspetti
meccanicistici delle malattie cardiovascolari, che è preliminare anche al progresso in
campo terapeutico, di nuovi farmaci sintetizzati sulla base delle acquisite conoscenze
dei meccanismi patogenetici della malattia.
Materno-infantile. Alcune aree di particolare rilevanza in campo ostetrico e
ginecologico possono trovare, nel Paese, rilevanti sinergie collaborative. In campo
ostetrico risulterebbe essenziale agire sulla prevenzione dei danni neonatali,
soprattutto quelli neurologici e cardiovascolari, mettendo in atto studi dei parametri
di benessere fetale durante la gravidanza e sul travaglio di parto, dedicandosi anche
ai fattori di rischio epidemiologici, clinici e biochimici, e utilizzando, ove indicato,
piattaforme di telemedicina. Particolare attenzione deve essere rivolta al settore della
fertilità, alla misura della stessa mediante lo studio di test diagnostici integrati, alla
conservazione dei gameti e alle tecniche più idonee di fecondazione assistita. La
patologia del pavimento pelvico presenta problematiche rilevanti. La ricerca di nuovi
materiali protesici e gli studi del sistema nervoso simpatico, parasimpatico e
somatico, rappresentano bisogni importanti non ancora risolti, le cui applicazioni
vanno oltre il campo della ginecologia. Ricerche nel settore delle fibre ottiche, della
magnificazione d’immagine e delle loro applicazioni per l’endoscopia e la robotica
hanno un’elevata priorità di intervento. In oncologia, particolare attenzione deve
essere posta alle ricerche di farmaco-genomica e ai cosiddetti farmaci intelligenti.
Molto rilevante è la ricerca sui biomarcatori, sulla loro identificazione e validazione,
nonché sulle loro modalità di utilizzo, incluse quelle di telemedicina.
Neuroscienze. La ricerca scientifica in questa area ha come comune denominatore lo
studio della funzione, sia a livello intracellulare e cellulare (neurone e glia), che di
micro- e macro-interazioni, in stretta correlazione con la neuroanatomia sia macro che
micro, fino agli aspetti cognitivi superiori, quali memoria, intelligenza, empatia. Uno
sviluppo può riguardare la costituzione di una rete di centri di eccellenza alla quale
afferiscano i ricercatori di Neuroscienze, le industrie, le Società Scientifiche e le
Associazioni, al fine di ottimizzare le risorse e aumentare il livello scientifico della
ricerca e le sue ricadute.
Oncologia. I tumori rappresentano la seconda causa di morte e la loro incidenza è in
aumento. Tuttavia, la percentuale di guarigione e di cura della malattia sono in
miglioramento, sostenute dallo sviluppo della tecnologia e della ricerca diagnostica e
dei trattamenti. È auspicabile che nel futuro si realizzi una convergenza di tutti gli
Marzo 2011
157
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
attori coinvolti (Governo, Ricercatori, Industria, Operatori Sanitari), con l’obbiettivo
di rendere meno drammatico l’impatto sociale di questa malattia.
Oncoematologia. Diverse iniziative a livello europeo sono in atto e tendono a
fronteggiare in modo adeguato l’evenienza cancro. L’Italia può contare su centri di
ricerca e diagnosi di altissimo livello. Tuttavia, appare evidente una mancanza di
coordinamento e di garanzia di continuità nelle azioni intraprese. Nell’ambito della
ricerca oncologica, particolare attenzione merita lo sviluppo di una rete oncologica
nazionale collegata alle iniziative europee, e di ricerche su nuove strategie
diagnostiche e terapeutiche per il trattamento dei tumori a prognosi infausta.
Endocrinologia e metabolismo. Patologie endocrino-metabolico-andrologiche come
obesità, diabete mellito, dislipidemie, osteoporosi, tireopatie, infertilità e
ipogonadismo, hanno carattere sociale e sono alla base delle cause più comuni di
morte nei paesi occidentali. In Italia, l’area endocrinologica è rappresentata sia a
livello accademico che negli IRCCS e negli Ospedali di elevata specializzazione, ed ha
un eccellente curriculum di pubblicazioni internazionali: nel top 1% delle migliori
pubblicazioni internazionali, il settore endocrinologico italiano risulta fra i migliori,
sia come numerosità dei lavori che come qualità della rete internazionale in essi
coinvolta. I relativi progetti di ricerca potrebbero applicarsi nelle patologie sociali
negli aspetti di genetica e prevenzione primaria di popolazioni ad alto rischio, alle
patologie rare che necessitano di un registro nazionale per una conoscenza
epidemiologica e per l’approfondimento degli aspetti patogenetici e genetici e delle
terapie disponibili. È attuabile, ove adeguatamente finanziata, la costituzione di una
rete nazionale, utile al precoce raggiungimento dei risultati attesi e a ridurre i costi di
duplicazioni di protocolli di ricerca aventi simili obiettivi strategici. Si potrebbe
prevedere la costituzione di un istituto endocrinologico nazionale, coordinato dai centri
di eccellenza (nodi della rete) e compartecipato da tutti gli endocrinologi italiani,
dall’industria e dalle società scientifiche, per ottimizzare le risorse e incrementare il
livello scientifico, e la ricaduta assistenziale.
Patologie Immunitarie Infettive. Il tradizionale interesse del microbiologo per lo
studio degli agenti infettivi ha avuto importanti ricadute nel miglioramento della
qualità della salute e della vita, grazie alle applicazioni nel campo della diagnostica
molecolare, all’uso dei probiotici, alla produzione e il delivery di farmaci e vaccini, alla
terapia genica, alla manipolazione genetica dei vegetali. Alle ricerche in questi campi
tradizionali della microbiologia si vanno affiancando studi che affrontano tematiche
emergenti e che rivolgono attenzione alle variabili ambientali che concorrono alla
comparsa di alcuni microrganismi patogeni; ai fattori che promuovono l’evoluzione
stagionale e/o geografica di una malattia infettiva.
La microbiologia rappresenta un punto di congiunzione tra le Scienze della Vita e le
Scienze per la Salute, con un’integrazione diretta tra ricerca di base e ricerca
translazionale con ricadute per quest’ultima in ambito dei settori high-tech più
promettenti in termini economici e industriali: nano-biotech, farmaceutica,
diagnostica molecolare, drug design.
Linee di sviluppo e priorità:
studio del rapporto ospite parassita, anche a livello di biologia dei sistemi;
sviluppo di sistemi di diagnostica molecolare basati su micro-nano tecnologie;
sviluppo di vaccini e terapie anti-infettive;
studio del microbioma umano, animale, vegetale e dell’ambiente;
Marzo 2011
158
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
infezioni emergenti (west nile encephalitis, chikungunya fever, crimean-congo
hemorrhagic fever), infezioni pandemiche (influenza, aids) e riemergenti
(tubercolosi, malaria, parassitosi);
agenti di infezione, cancro e malattie ad eziologia complessa.
Metodi. A partire dagli obiettivi enunciati nell’introduzione al PNR, e dalle
particolari specificità della ricerca nel campo della salute, che ha importanti riflessi
sociali, legami con il sistema di welfare e potenzialmente elevato impatto industriale,
la ricerca nelle aree strategiche deve essere perseguita partendo da alcuni punti
fondamentali:
il rapporto fra ricerca e formazione, e quindi l’impatto dei programmi di
ricerca sui percorsi di formazione dei medici e dei bioingegneri, con
riferimento al dottorato e alle specializzazioni;
il rapporto fra la ricerca e la sperimentazione clinica di nuovi farmaci, e nuove
tecnologie per diagnostica, chirurgia e riabilitazione;
il rapporto fra la ricerca e la protezione e sfruttamento della proprietà
intellettuale, soprattutto fra ricerca e sviluppo finanziata dal PNR e quella
finanziata da enti e strutture private.
Piattaforme. Le piattaforme trasversali a tutte le aree di ricerca, sono ambiti nei quali
è imprescindibile investire, perché rappresentano strumenti di sostegno e di sviluppo
dei programmi di ricerca. Sono individuate le seguenti piattaforme prioritarie: 1)
bioinformatica e farmaco genomica; 2) biotecnologie, genetica e terapia genica; 3)
genomica e biologia dei sistemi; 4) imaging; 5) medicina rigenerativa; 6) tecnologie
biomediche incluse la robotica e le nanotecnologie.
12. Scienze della vita
Il settore. Biologia e biotecnologia costituiscono uno degli elementi fondanti della
rivoluzione e del progresso scientifico all’alba del terzo millennio. Come tali le
Scienze della Vita costituiscono una priorità per tutti i sistemi di ricerca dei paesi
avanzati e come tale figurano nel nostro Paese in Industria 2015. In generale il settore
è caratterizzato da una fase di transizione da una scienza fondata su individui e
piccoli gruppi a big science. Questa fase è caratterizzata da un impatto sempre più
vasto e generalizzato di tecnologie pesanti, “omics”, (transcrittomica, proteomica,
metabolomica, glicomica, ecc.), e di scienze computazionali. Altra caratteristica del
settore è il rapporto stretto tra ricerca di base e applicazione industriale. Come
esempio recente si può citare la regolazione da piccoli RNA passata in poco tempo
dalle piante all’applicazione diagnostica e clinica. Alcune aree del settore generale
delle scienze della vita sono caratterizzate da una vastità di impatto che va al di là del
settore strettamente biologico. Così, ad esempio, l’area immunomicrobiologica
impatta non solo sul settore della medicina (malattie infettive, malattie degenerative,
tumori, vaccini ecc.) ma anche su settori apparentemente lontani come energia e
bioterrorismo. Considerazioni analoghe valgono per l’area di neuroscienze.
Industria. Dal punto di vista industriale, il settore delle scienze della vita è stato, e
auspicabilmente sarà, caratterizzato dalla fioritura di PMI biotecnologiche, che per
dimensione e struttura costituiscono un modello teoricamente adatto alle
caratteristiche del Paese e alle caratteristiche del settore, così come avviene nei paesi
più sviluppati dal punto di vista scientifico ed industriale. Riguardo al
Marzo 2011
159
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
posizionamento del Paese su scala internazionale, utilizzando parametri obiettivi (ad
es. citazioni, numero di scienziati highly cited ecc.), il Paese mantiene un buon livello
di competitività in alcuni settori (biologia molecolare e cellulare, medicina clinica,
immunologia). Ancora, sul piano industriale, il Paese conta su presenze di aree di
eccellenza assoluta, come ad esempio nel settore vaccini. Tuttavia, dal punto di vista
del trasferimento industriale, il Paese è caratterizzato da un’insufficiente capacità di
tradurre la ricerca di base in iniziative dotate di seguiti applicativi tali da avere un
espressivo impatto economico.
Obiettivo generale dello PNR è di promuovere il miglioramento necessario per
mantenere la ricerca del Paese competitiva nel settore Scienze della Vita, e di
promuovere la valorizzazione economica e il rapporto stretto fra ricerca di base e
ricerca industriale, in settori chiave delle scienze della vita, con la coscienza che
questa interazione stretta, se portata avanti sul piano della qualità e dell’innovazione,
si traduce in beneficio per la stessa ricerca di base.
Criticità. Dal punto di vista delle aree critiche, un elemento fondamentale è costituito
dalla scarsa presenza del Paese del settore degli “omics” (genomics, proteomics,
glycomics, metabolomics) e biologia dei sistemi. In particolare, appaiono importanti lo
sviluppo di tecnologie di sequenziamento di RNA e DNA di next next generation,
l’area della genomica fondamentale, l’epigenomica. Lo sviluppo di queste tecnologie
ha uno spettro di applicazione che va oltre l’area specialistica. Ancora, lo sviluppo
della biologia strutturale costituisce caratteristica prioritaria con vasto impatto sia a
livello di ricerca knowledge driven che di ricerca industriale. Questa e altre tecnologie
hanno un impatto nei vari settori considerati prioritari, incluso: le biotecnologie
vegetali, che vanno dall’interazione pianta-ambiente, allo sviluppo di alimenti
funzionali; il settore delle neuroscienze; lo studio dell’ambiente microbico in una
visione olistica di interazione con l’ospite con approcci integrati al microbioma,
dall’animale all’uomo; l’immunologia e le immunobiotecnologie.
Eccellenze. Il Paese ha un’area di eccellenza nel settore della vaccinologia, con una
concentrazione significativa di competenze di ricerca fondamentali in microbiologia e
immunologia e di trasferimento industriale con presenza di grande e piccola
industria. Si tratta di un settore prioritario da promuovere e salvaguardare. Ancora,
nel settore della diagnostica, ancorchè esso sia dominato per il 40% del mercato da
quattro imprese multinazionali, è presente uno spazio di sviluppo in settori altamente
specialistici, integrando ricerca accademica e industriale. Infine, dal punto di vista
quantitativo, il settore farmaceutico costituisce un elemento fondamentale
rappresentando il 19% degli investimenti in ricerca e sviluppo. In quest’ultimo
settore, il PNR identifica come linea di sviluppo prioritaria l’integrazione e
l’approfondimento degli obiettivi di ricerca del 7° Programma Quadro e della
piattaforma Innovative Medicine Initiative, nonché della parte rilevante di Industria
2015.
Aree tematiche. Includono lo sviluppo di sistemi e modelli di predizione della
sicurezza e dell’efficacia dei farmaci, oncologia e patologie degenerative, malattie
metaboliche, malattie rare. Particolare rilevanza, dal punto di vista della
pianificazione dell’attività di ricerca nel settore farmaceutico, riveste la promozione
dell’esistenza di reti cliniche altamente qualificate per la sperimentazione, che
costituiscono un vantaggio competitivo per il paese, come anche evidenziato dal buon
ranking della ricerca clinica italiana.
Marzo 2011
160
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
13. Scienze socioeconomiche e umanistiche
Il settore. Le discipline socio-economiche e umanistiche hanno avuto un’evoluzione
molto differenziata dal secondo dopo guerra in poi, e si caratterizzano per
un’accentuata differenziazione nel grado di competitività internazionale, pur
mostrando tutte negli ultimi anni un miglioramento. Sono caratterizzate da differenze
storiche e di contesto, ma possono essere raffrontate prendendo a riferimento il
contesto internazionale, allo scopo di comprendere la rilevanza delle differenti
tematiche di ricerca e di identificare sia le potenzialità future sia i punti di debolezza
attuali.
Scienze Economiche. Il settore di studi economici si presenta diversificato e
competitivo a livello internazionale, con una posizione che va costantemente
migliorando negli anni. Sebbene permangano delle differenze significative tra taluni
settori, gli studi economici italiani riescono a ottenere performance di alto livello che
si inseriscono adeguatamente all’interno della discussione accademica su scala
globale. Per l’economia non c’è dubbio che la comunità scientifica di riferimento sia
internazionale. Questo è vero anche per l’analisi applicata ed empirica. Le migliori
riviste internazionali ospitano spesso articoli, anche applicati, che riportano analisi di
dati italiani, svolti con i migliori standard scientifici oggi disponibili. Numerose
università e dipartimenti partecipano con successo alla comunità scientifica
internazionale con posizioni di relativa forza e sviluppando le tematiche sotto
identificate. In particolare, hanno reputazione crescente i gruppi di studiosi nelle
università di Bologna, Milano Statale e Cattolica, S. Anna di Pisa, Roma Tor Vergata,
LUISS, EIEF (Banca d’Italia), Torino, Padova, Federico II e Salerno, e Bocconi.
I temi di ricerca più importanti e promettenti sono in linea con i grandi fenomeni
economici del pianeta: la crisi economica e finanziaria, l’estensione del commercio
mondiale, l’invecchiamento delle popolazioni, l’intensificazione dei flussi migratori, il
mutamento della struttura produttiva, i problemi ambientali. Da un lato, la crisi ha
anche dato l’impulso a una ridiscussione di alcuni parti della teoria economica, con
una sempre maggiore attenzione agli aspetti di regolamentazione, e un focus di
attenzione all’approccio comportamentistico (behavioral economics) e istituzionalista;
dall’altro ha dato priorità ai temi della sicurezza sociale, dell’economia dell’ambiente
e delle risorse naturali, della regolazione dei sistemi finanziari; anche i problemi più
specificatamente tipici dell’economia italiana, come micro imprenditorialità, distretti
industriali, efficienza del settore pubblico, hanno ricevuto adeguata attenzione.
Scienze Giuridiche. Per sua natura l’area degli studi giuridici è tradizionalmente
legata alle specificità nazionali, e tuttavia, in parallelo con la dimensione
transnazionale dei problemi e delle istituzioni, anche la cultura giuridica va
assumendo in maniera crescente una dimensione transazionale; ciò avviene non in
maniera organica, ma a partire da una serie di comunità scientifiche internazionali
settoriali, in parte tradizionali, come nel settore del diritto internazionale, e in parte
nuove, come per la variegata galassia di gruppi che lavorano su progetti ufficiali e
non ufficiali di armonizzazione del diritto europeo.
Le aree del diritto transnazionale e comparato e dell’analisi economica del diritto
(Law and Economics) sembrano particolarmente promettenti in questa direzione; si
tratta di aree a forte esposizione internazionale, particolarmente rilevanti in un
Marzo 2011
161
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
periodo come questo, in cui la crisi finanziaria ha fatto emergere l’importanza dei
sistemi regolatori a livello internazionale, ed in cui si sta lentamente realizzando un
common core del sistema giuridico a livello europeo. In questo quadro, è possibile
individuare alcuni temi che, in modo trasversale alle diverse discipline giuridiche,
costituiranno le principali sfide del prossimo quinquennio: la trans-nazionalizzazione
del diritto, la diversità giuridica e culturale, i nuovi sviluppi della scienza e della
tecnica, la regolamentazione dei sistemi finanziari, e la tutela dei consumatori e degli
investitori.
Sia pure in maniera settoriale, la cultura giuridica italiana si è ritagliata alcune
posizioni di buona visibilità nel panorama internazionale. Basti pensare alla forte
presenza di ricercatori italiani nel quadro dei vari progetti di armonizzazione del
diritto civile europeo: dal Common Core of European Private Law di Trento,
all’Accademia dei Giusprivatisti Italiani di Pavia, all’Acquis Group, che coinvolge in
un ruolo di punta diversi giuristi italiani. In questo quadro di crescente transnazionalizzazione del diritto, non ci si può nascondere, tuttavia, che nel suo
complesso la ricerca italiana ha mantenuto i limiti di un’impostazione
prevalentemente nazionale. Vi sono comunque aree importanti della disciplina, come
il diritto del lavoro, il diritto comparato, il diritto dell’economia, il diritto pubblico e
specialmente l’amministrativo, che hanno contemporaneamente rilievo per la loro
dimensione scientifica e per le loro applicazioni concrete. Per ora a essi ha corrisposto,
solo in maniera episodica, l’emergere di gruppi e centri di ricerca dotati della massa
critica per avere un impatto significativo.
Scienze Politiche. La natura delle scienze politiche in Italia è eterogenea. Per questo è
assai difficile valutare la loro posizione competitiva nel contesto internazionale. Ciò è
invece possibile se si considerano le varie discipline più direttamente collegate alla
ricerca politica, come la scienza politica, la teoria politica e la sociologia politica. E’
bene riconoscere subito che quest’ultima (la sociologia politica), nonostante le sue
formidabili origini (Vilfredo Pareto), languisce da tempo in uno stato di crisi
scientifica, che appare difficilmente superabile e che la tiene lontana dal dibattito
scientifico internazionale (con l’eccezione di alcuni studiosi della comunicazione
politica). La situazione è significativamente diversa per quanto riguarda la scienza
politica italiana, che è molto ben rappresentata e competitiva. Certamente, la
comunità degli scienziati politici italiana è ancora piccola (sono circa 200 gli studiosi
accreditati dall’Associazione Italiana di Scienza Politica), tuttavia essa è sicuramente
più competitiva di quella francese e spagnola, anche se non è comparabile a quelle
britannica e tedesca. Comunque, la qualità del lavoro scientifico dei suoi fondatori
(Giovanni Sartori e Norberto Bobbio) ha contribuito non poco alla formazione di
ormai tre generazioni di scienziati politici italiani alcuni dei quali sono riconosciuti
internazionalmente. L’intervento del PNR dovrebbe favorire l’irrobustimento della
scienza politica italiana accentuandone il suo carattere internazionale con la
formazione di programmi di dottorato e di laurea magistrale interamente in inglese.
Scienze Psicologiche. La psicologia ha registrato negli ultimi venticinque anni uno
sviluppo straordinario e di ampiezza tanto estesa da non essere paragonabile con
l’evoluzione verificatasi nei cento anni precedenti, e cioè a partire dalla nascita del
primo laboratorio di psicologia sperimentale a Lipsia ad opera di W. Wundt. Fin da
allora l’interesse della psicologia scientifica è stato rivolto a indagare le funzioni
psicologiche superiori come la memoria, il ragionamento, il linguaggio,
Marzo 2011
162
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
l’apprendimento, che costituiranno le principali aree classiche della psicologia. Nel
complesso la posizione della ricerca psicologica italiana rispetto al panorama
internazionale ha raggiunto negli ultimi vent’anni livelli di particolare rilevanza,
diversificati rispetto a centri di ricerca e agli ambiti di ricerca. Si distinguono centri
con una più lunga e consolidata tradizione di ricerca psicologica (Padova, Bologna,
Roma, Sapienza, Trieste, Torino) e settori in cui più marcata è la vocazione
sperimentale (neuropsicologia-fisiologia, attenzione-percezione, pensiero-decisione,
memoria, linguaggio, psicologia evolutiva, psicologia sociale). Stanno acquisendo
prestigio e rilevanza scientifica a livello internazionale sedi le cui strutture didattiche
e di ricerca in psicologia sono di più recente istituzione (Milano-Bicocca, Trento,
Pavia). Vanno menzionate, inoltre, sedi di centri privati o di eccellenza come San
Raffaele e SISSA.
Scienze Umanistiche. Le scienze umanistiche includono una serie di discipline non
sempre omogenee tra loro quali le letterature italiane e straniere, l’antichistica e
l’archeologia, la linguistica, la storia e la storia dell’arte, la filosofia, l’antropologia, la
pedagogia e la scienza della comunicazione. Poiché molte di queste discipline sono
presenti nelle Università italiane da secoli, esse hanno acquisito uno statuto
consolidato che ha anche prodotto risultati egregi, ma che oggi di fronte alla
riorganizzazione del sapere nel mondo contemporaneo, richiederebbero una riforma
profonda che ovviamente non perda le eccellenze, ma rilanci le nuove opportunità nel
contesto dello scenario internazionale. A questo fine due tendenze principali possono
essere identificate all’interno delle scienze umanistiche. Da un lato, la sempre
maggiore interdisciplinarità che sottolinea le grandi potenzialità di quest’area, da
considerare come serbatoio di sapere e cultura al servizio delle aree più specialistiche
e tecniche. Dall’altro, il sempre maggiore riconoscimento della dimensione culturale
come punto di incontro, dialogico o conflittuale, tra diverse tradizioni di pensiero. In
Europa, in modo speciale, la questione dell’identità culturale ha assunto una
centralità politica che ha avuto stretti legami con la ricerca umanistica. Non è, infatti,
pensabile che la consapevolezza della cittadinanza europea possa prescindere dalla
conoscenza della storia e della cultura letteraria e di pensiero dell’Europa stessa. Il
legame tra tradizioni culturali e istituzioni sociali è sempre più oggetto di attento
studio. Gli studi umanistici italiani hanno una lunga tradizione che ancora apporta un
notevole prestigio. Spesso le ricerche svolte sono di alto livello, specie quando si è
stati in grado di coniugare le competenze pregresse con le nuove esigenze
tecnologiche, anche se il livello di qualità non è omogeneo nell’intero tessuto della
disciplina. In generale, le ricerche condotte nell’ambito dell’italianistica e della
linguistica italiana, dell’antichistica (specie per il periodo della latinità), della storia
dell’arte italiana e dell’archeologia italico-romana costituiscono argomenti di alto
interesse per la comunità scientifica internazionale, e mantengono buoni livelli di
competenza e di qualità, pur nella crescente penalizzazione dovuta alla mancanza di
fondi per implementare tecnologie costose (specie per gli studi archeologici).
Nonostante le notevoli differenze tra settore e settore, si può, di fatto, affermare che
esista una serie di competenze specifiche piuttosto ampia e diffusa, sebbene ancora
non siano sufficientemente consolidati i centri di formazione superiore: le scuole
create recentemente (Bologna, Padova) si sono affiancate a quelle di più antica
tradizione (come la Normale di Pisa), ma ancora non costituiscono una rete adeguata
rispetto al numero di ricercatori in formazione.
Marzo 2011
163
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
14. Sistema agroalimentare
I contenuti scientifici e tecnologici. L’area considerata corrisponde all’insieme delle
produzioni primarie, vegetali e animali, trasformate in alimenti, energia e prodotti
non-alimentari. Poiché le componenti che la costituiscono sono fortemente
interconnesse, esse definiscono un vero e proprio sistema agro-alimentare italiano. Il
settore è al centro di una rivoluzione scientifica e tecnologica: la possibilità d’indagine
a livello molecolare di piante, animali e batteri coinvolti nelle produzioni del sistema
agro-alimentare, integrata con un deciso sviluppo della bioinformatica, apre nuove
possibilità per rendere i prodotti primari o derivati da piante, animali e
microrganismi più ecocompatibili, con migliorate caratteristiche qualitative, inclusa la
shelf-life, supportando la competitività internazionale del nostro sistema agroalimentare. La caratterizzazione biochimica, molecolare e metabolomica degli
organismi di interesse agro-alimentare costituisce un valido supporto alla
promozione del Made in Italy alimentare, nei suoi aspetti di qualità nutrizionale,
salutistica e di sicurezza alimentare.
Il termine “sicurezza alimentare” si riferisce a tre concetti ben distinti ma anche
strettamente legati:
sicurezza (Security): evitare, prevenire e gestire le possibili azioni volontarie di
contaminazione agroalimentare (bioterrorismo, agroterrorismo, sabotaggio);
protezione alimentare (Food security): assicurare un approvvigionamento
alimentare adeguato e duraturo;
sicurezza alimentare (Food safety): evitare, prevenire e controllare la presenza di
contaminanti di origine biologica o inorganica (tossine, pesticidi, metalli
pesanti, agenti patogeni, inquinanti), introdotti “involontariamente”
(contaminazioni naturali e ambientali) o “volontariamente” (frodi).
Il tipo di conoscenze richiesto è interdisciplinare, coinvolgendo l’area salute,
l’ambiente, le tecnologie avanzate e il Made in Italy. In questo contesto, i due pilastri
portanti dell’attività di ricerca nel sistema agro-alimentare del prossimo quinquennio
si possono identificare:
nello sviluppo delle conoscenze finalizzate alla innovazione di un sistema agroindustriale, che deve essere sempre più sostenibile, ma anche competitivo;
nella risposta, in conoscenza e innovazione, alle domande dei cittadini che
riguardano le interazione tra alimenti e salute.
Nei paesi europei più avanzati, la ricerca genetico-molecolare applicata all’agroalimentare registra grandi investimenti infrastrutturali, soprattutto nel settore della
genomica, spesso concentrati in poche sedi e focalizzati su grandi progetti nazionali
di ricerca. Il quadro nazionale evidenzia sia elevate competenze scientifiche sia un
apparato produttivo ai vertici mondiali. Emerge la necessità di un migliore, più forte
e soprattutto più facile e stabile collegamento tra le due componenti; la ricerca nel
sistema agro-alimentare italiano coinvolge, infatti, una pluralità d’attori tale da far
ritenere prioritaria la necessità di un forte raccordo tra di esse.
Necessità di investimento, in termini di risorse umane, strutturali e finanziarie. La
prima necessità è di metter rimedio alla frammentazione che esiste nel settore; è cioè
necessario porsi l’obiettivo di coadiuvare al meglio il sistema di ricerca e sviluppo
agroalimentare. L’industria alimentare italiana ha un ruolo di notevole importanza,
Marzo 2011
164
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
sia in termini di fatturato (120 miliardi di Euro), che di numero di imprese e occupati
(32.000 imprese per oltre 400.000 addetti). Tuttavia, il settore è penalizzato da gap
strutturali che ne frenano la crescita e la capacità di competere. Il fattore limitante lo
sviluppo dell’agricoltura e dell’industria alimentare è l’eccessiva frammentazione
della struttura produttiva, che si somma alle carenze infrastrutturali e logistiche, agli
eccessivi costi di produzione dell’energia, alla scarsa qualità dell’offerta di servizi per
le imprese, alla finanza, al credito. Un forte impulso al trasferimento delle
innovazioni di processo e di prodotto contribuirebbe a migliorare il posizionamento
della competitività dell’industria alimentare, soprattutto di quelle sviluppate dalle
PMI, recuperando efficienza e margini e garantendo le peculiarità delle nostre
produzioni, anche a fronte della domanda internazionale che vive una fase delicata di
cambiamenti indotti dalla crisi finanziaria.
Si sottolinea la necessità di creare reti d’eccellenza, a somiglianza delle NOE (Network
of Excellence) europee e in accordo con gli obbiettivi ERA, reti che possano coordinarsi
su temi specifici, che emergono nell’ambito dei due pilastri sopra evidenziati.
Particolare attenzione dovrebbe inoltre essere rivolta alla creazione di reti di ricerca
atte ad esempio a promuovere:
l’identificazione e la validazione di marker di qualità del Made in Italy;
le abitudini alimentare all’italiana;
la genomica del sistema agro-alimentare.
Le reti necessitano di una durata temporale maggiore di quella usuale nei progetti
nazionali, al fine di promuovere la formazione e il consolidamento di rapporti stabili
e duraturi fra i centri di ricerca e sviluppo interessati. Le reti possono fornire una
prima risposta alla frammentazione della ricerca nazionale e contribuire al
raggiungimento della necessaria massa critica.
Per quanto riguarda i temi progettuali, particolare attenzione deve essere rivolta al
potenziamento sia della ricerca di base (anche finalizzata alla brevettazione) con
l’obbiettivo di promuovere una visione globale della biologia dei sistemi vivi, capace
di sintetizzare e integrare le conoscenze di genomica, proteomica e metabolomica sia
della ricerca applicata, che basandosi sullo sviluppo delle tecnologie abilitanti alla
garanzia della sicurezza nella filiera agroalimentare, quali le tecnologie
dell’informazione e delle telecomunicazioni (ICT), i nuovi materiali, materiali
intelligenti e nanotecnologie e la genetica e le applicazioni biotecnologiche, possa
essere un moltiplicatore dell’immagine Made in Italy. L’Italia ha da sempre una
posizione prioritaria nella produzione di alimenti, con un elevato numero di tipicità e
prodotti a denominazione di origine protetta e controllata. In tali condizioni il
mantenimento di un elevato grado di salubrità, qualità e sicurezza è obbligatorio per
salvaguardare la posizione commerciale ma anche il prestigio della nazione nei
confronti della comunità internazionale. Gli ambiti urgenti di ricerca che, se attivati,
avrebbero grande impatto sulla sicurezza per il settore agroalimentare sono: la
sicurezza nel trasporto e nei sistemi di logistica avanzata degli alimenti, la
sensoristica e diagnostica per la determinazione rapida di contaminanti
microbiologici, tossine, composti chimici e sostanze pericolose, e le piattaforme ICT
per il governo della sicurezza e dell’integrità della filiera.
Ricadute economiche, sociali e ambientali. Il sistema agroalimentare (17% del PIL
italiano) è, per sua natura e dimensioni, di forte impatto economico, sociale e
Marzo 2011
165
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
ambientale. In particolare, alla ricerca avanzata in questo settore multifunzionale si
dovrà chiedere:
di contribuire ad aumentare la produzione di alimenti salubri e di elevata qualità
in modo sostenibile per l’ambiente, con minor consumo d’energia, acqua ed
emissione di CO2;
di partecipare alla ricerca di nuove fonti di energia e all’utilizzo delle piante e
animali per la produzione di materie prime;
di concorrere a fornire alimenti con proprietà funzionali adatte alle diverse
esigenze nutrizionali della popolazione.
Questa attività di ricerca dovrà essere finalizzata a mantenere e incrementare a livello
internazionale la presenza dei prodotti agro-alimentari Made in Italy, e a qualificarne
non solo tipicità, salubrità e tradizione, ma anche il ridotto impatto ambientale e,
dove possibile, i benefici effetti sulla salute. Un’intensa attività di ricerca è quindi
necessaria per sostenere la competitività dell’industria agro-alimentare nazionale e la
qualità dei prodotti tipici. Con innovazione sarà possibile mantenere o migliorare la
nostra penetrazione nei mercati internazionali, con evidenti ricadute economiche e
sociali.
La promozione su basi scientifiche dei prodotti alimentari made in Italy costituisce
anche un importante strumento per la difesa del settore agricolo nazionale nella
competizione per i mercati mondiali.
15. Piattaforme tecnologiche nazionali, distretti ad alta tecnologia e poli di
eccellenza.
Il settore. Consiste di strumenti che devono integrare, anche a livello territoriale e
riferiti agli ambiti tecnologici prioritari, le risorse e i soggetti, pubblici e privati, e le
attività di ricerca fondamentale, industriale, di trasferimento tecnologico e di
formazione del capitale umano, assicurando il raggiungimento di masse critiche e
livelli di eccellenza nazionale e internazionale. Essi sono Piattaforme tecnologiche
nazionali, Distretti ad alta Tecnologia, e Poli di eccellenza Nazionale.
Le Piattaforme Tecnologiche Nazionali, collegate a quelle europee, promuovono la
collaborazione fra amministrazioni, sistema ricerca pubblico e privato e imprese,
individuano scenari e strumenti di sviluppo tecnologico di medio-lungo periodo e
priorità tematiche e mettono in rete, coordinandoli, singoli attori di ricerca, distretti
ad alta tecnologia e poli di eccellenza, in modo interdisciplinare. Il riferimento
europeo sono gli ETP (European Technology Platforms), e le Joint Technology Initiatives
(JTI) con stakeholders pubblici e privati. Riferimento italiano è il piano Industria 2015.
Le piattaforme tecnologiche saranno considerate in relazione a poli di eccellenza
regionali a valenza nazionale e come possibili strutture per la loro messa in rete. Il
PNR è favorevole alla nascita e al consolidamento delle piattaforme nazionali,
riconoscendone ruolo e struttura e considerandole rilevanti nella organizzazione,
gestione e valutazione del sistema di ricerca nazionale. Se ne prevede il
riconoscimento da parte del MIUR. Le risorse per la loro azione sono comprese
nell’azione relativa ai Distretti ad alta Tecnologia, cui le piattaforme si devono
collegare.
I Distretti ad Alta Tecnologia sviluppano la competitività in ricerca, sviluppo e
innovazione delle aree produttive esistenti, nelle tecnologie chiave abilitanti. Sono
Marzo 2011
166
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
aggregazioni territoriali per l’interazione tra imprese, università e istituzioni di
ricerca, con uno specifico organo di governo. Sono distinti dai Distretti Industriali
(caratterizzati da uno specifico comparto produttivo) e interpretano l’indicazione
della Comunità europea per la creazione di cluster di ricerca tecnologica. Il MIUR ha
avviato un’azione di analisi e valutazione dei distretti italiani e strutture consimili,
per potenziarne l’efficacia. Essi, allo stato, sono trentaquattro, di cui ventinove già
approvati e cinque in corso di negoziazione. Molti di essi sono nati in assenza di una
più specifica regolamentazione che, se da un lato ha consentito l’emersione e la
valorizzazione di vocazioni e specializzazioni territoriali, aggregando alcune densità
di competenze, dall’altro ha determinato modelli e soluzioni funzionali spesso tra
loro molto differenti. Il PNR indica linee guida per l’attuazione della nuova politica dei
distretti ad alta tecnologia che confermano la validità dei criteri di base già definiti dal
MIUR, integrandoli per rafforzarne operatività e performance operando in modo
focalizzato su un numero definito e limitato di tematiche tecnologiche trasversali, con
dinamiche internazionali per acquisire conoscenze e tecnologie a livello globale per
un impatto locale (glocal). Sviluppano programmi strategici di ricerca, sviluppo
tecnologico e innovazione, coerenti con il livello europeo, consolidano la
competitività dei territori di riferimento e rafforzano le sinergie tra politiche e
strumenti regionali, nazionali e comunitari. I DT hanno una configurazione giuridica
definita con organizzazione e risorse dedicate, e sono inseriti in reti nazionali e
internazionali di cui essi siano i nodi territoriali. Favoriscono i processi di
internazionalizzazione delle imprese, migliorando la capacità di attrazione di
investimenti e talenti nonché capitali e finanza privata, realizzando condizioni per la
nascita e l’avvio di start up e di spin off da ricerca, e per raggiungere una maggiore
competitività a livello internazionale. Le reti dei DT devono operare come agenzie
operative a supporto delle politiche nazionali e regionali della ricerca, anche in
collegamento con le piattaforme tecnologiche nazionali. I distretti coordinati possono
essere i promotori, in competizione europea, di siti per la costruzione di infrastrutture
internazionali di ricerca. Il MIUR ha un ruolo principale di approvazione e controllo
dei Distretti, sia nella selezione delle proposte di avvio che nella valutazione dei
risultati, promuovendo interventi migliorativi. Partecipa con risorse finanziarie al
cofinanziamento dei progetti in linea con le strategie del PNR, promuovendo la
partecipazione di altre Amministrazioni centrali e regionali e di soggetti privati,
favorendo la più ampia collaborazione tra i distretti tecnologici e tra questi e gli altri
soggetti. Questa azione è sostenuta con risorse MIUR e con risorse contribuite da Enti
e governi regionali. Essa contiene il sostegno sia alle azioni per le Piattaforme che per
i Poli di Eccellenza.
I Poli di Eccellenza collegano, su una frontiera tecnologica, le competenze di più
istituzioni, incoraggiando l’interazione intensiva, l’uso in comune di installazioni, lo
scambio di conoscenze ed esperienze e la messa in rete e diffusione delle
informazioni. Sono coordinati da un Consorzio di Imprese, Università, Enti di Ricerca
e altri soggetti pubblici e privati attivi in un particolare settore e territorio
affrontando, nell’ambito della competizione internazionale, una ben definita frontiera
tecnologica avanzata. Sono riconosciuti e valutati in base ai risultati prodotti
nell’ambito di una competizione di questo livello: pubblicazioni, brevetti, spin-off,
collaborazioni e reti internazionali acquisite, personale internazionale attratto. Le
Marzo 2011
167
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
risorse a essi destinate possono provenire, come nel caso dei distretti, da strumenti
nazionali e regionali coordinati nell’ambito di accordi specifici.
16. Strumenti di Governance della ricerca
Il sistema. La finalità di fondo della Governance della ricerca è di assicurare
l’ottimizzazione dei processi di generazione, diffusione e applicazione di conoscenza
all’interno del sistema socio-economico nazionale; tali processi si articolano nelle
attività di ricerca, formazione, innovazione tecnologica. In questo senso la Governance
della ricerca non può prescindere dalla considerazione delle attività di innovazione
tecnologica, strettamente correlate e funzionali a quelle della ricerca.
Accanto e contestualmente a questa dimensione di “processo”, la Governance affronta
problematiche di tipo “istituzionale”, in quanto la gestione dei processi è distribuita
(e frammentata) in una molteplicità di soggetti istituzionali pubblici (e privati),
largamente autonomi nella formulazione di politiche e strategie, nell’allocazione di
risorse finanziarie, e nell’attivazione di iniziative programmatiche e progettuali.
Questa struttura istituzionale si articola sia in senso verticale, fra livello nazionale,
livello regionale e livello sub-regionale, sia in senso orizzontale a ciascun livello, fra
Ministeri, Assessorati regionali, Dipartimenti dell’Università, Enti Pubblici di Ricerca
, ecc.
Obiettivi. Per superare le criticità della Governance del sistema nazionale della R&S,
in particolare per evitare la frammentazione delle responsabilità tra MIUR e gli altri
Ministeri, così come la separazione del governo della ricerca e dell’innovazione
tecnologica e per favorire il coordinamento delle politiche R&S delle Regioni fra loro
e in relazione al livello nazionale, si propone una strutturazione della Governance
come segue:
assegnare al MIUR il coordinamento delle iniziative di ricerca scientifica e
tecnologica, definite e finanziate dai vari Ministeri, a livello sia strategico sia
operativo. Questo permette di verificare il livello di integrazione di tali iniziative
ed eventualmente di attivare sinergie, eliminando dove possibile le duplicazioni e
le sovrapposizioni, evitando anche possibili carenze da colmare con iniziative da
attuare in collaborazione con altri soggetti;
elaborare una visione strategica di medio-lungo termine che riguarda l’evoluzione
tecnico-scientifica del sistema socio-economico nazionale, nelle sue varie
articolazioni settoriali e territoriali, visione coerente alle risorse e competenze di
R&S disponibili nel Paese;
porre in essere gruppi di lavoro e comitati di indirizzo che realizzino il
coordinamento fra MIUR e MISE, al fine di assicurare sinergia, complementarietà
e continuità fra le iniziative programmatiche di ricerca definite dal MIUR e quelle
di innovazione tecnologico-industriale definite dal MISE;
attuare azioni di coordinamento fra MIUR e altri Ministeri, eventualmente
focalizzandole su specifiche tematiche di rilevanza strategica;
attivare strumenti organizzativi e finanziari di integrazione fra scelte strategiche e
operative del MIUR e delle Regioni, adottando un approccio cooperativo
intermedio fra top-down e bottom-up;
rivisitare gli strumenti finanziari con i quali si attuano le politiche per R&S, nella
logica di una loro semplificazione e razionalizzazione, al fine di evitare
Marzo 2011
168
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
frammentazioni e particolarismi che deprimono la qualità delle conoscenze
generate e delle loro applicazioni. Da questa azione emerge un sistema di
strumenti finanziari coerente e funzionale al sistema di Governance;
armonizzare le modalità di utilizzo delle risorse finanziarie pubbliche a sostegno
della R&S, sia per la loro allocazione, sia per la valutazione dei risultati e degli
impatti prodotti, con iniziative implementate dai diversi soggetti pubblici,
operative a diverse scale territoriali;
attivare opportune modalità di interazione, a fini di coordinamento e di
integrazione, fra gli Enti Pubblici di Ricerca , operanti su tematiche tecnicoscientifiche simili, omogenee o contigue. Ciò al fine di tradurre sul piano
operativo i processi di coordinamento delle politiche nazionali per R&S.
17. Trasferimento tecnologico e interazioni pubblico-privato
Il settore. L’azione “Trasferimento tecnologico e interazione pubblico privato”
indirizza i risultati della ricerca, al fine di massimizzare i benefici derivanti dalla
nuova conoscenza. È quindi necessario definire gli obiettivi di processo e gli
strumenti che favoriscono le ricadute economiche, sociali, industriali, culturali e di
rapporti internazionali del paese. Soprattutto per quanto riguarda gli aspetti di
competitività industriale, il ruolo della ricerca è duplice: nel breve periodo sostiene lo
sviluppo competitivo nei settori già attivi mediante il continuo miglioramento dei
prodotti e dei servizi; nel medio-lungo periodo individua nuovi sviluppi industriali
basati su nuovi prodotti e nuovi servizi (tecnologie, applicazioni, bisogni emergenti,
nuovi mercati).
Obiettivi. Gli investimenti previsti dal PNR sono indirizzati all’aumento della
competitività internazionale del Paese, sia per quanto riguarda il comparto scientifico,
sia per quello industriale, e in generale a favore del sostegno dell’economia.
L’obiettivo è la definizione di strumenti che massimizzino le ricadute positive degli
investimenti sulla base della capacità di individuare i risultati della ricerca che
favoriscono lo sviluppo di nuovi prodotti/servizi. Non vengono trascurati i risultati
delle attività di ricerca negli ambiti umanistici, sociali, economici e giuridici che
possono essere trasferiti verso il miglioramento del ruolo dello Stato e delle istituzioni
pubbliche e private che operano in tali ambiti. Il trasferimento tecnologico, in sintesi,
tende allo sviluppo sociale, culturale, economico e industriale e favorisce la
competitività del Paese mediante lo sviluppo di attività di ricerca pubblica e privata,
le cui ricadute siano al tempo stesso motore di sviluppo e condizione di sostenibilità
della ricerca.
Processi. Sono state considerate tre attività che conducono a valorizzare gli
investimenti in ricerca, tra loro connesse a più livelli: la ricerca scientifica
fondamentale (RSF), la ricerca tecnologica applicata (RTA), lo sviluppo industriale
(SI).
La RSF è orientata alla conoscenza, ha dei tempi di ottenimento dei risultati incerti e
spesso medio-lunghi. Nella RSF si possono riconoscere molteplici ambiti, non
esclusivamente legati alla matematica, alle scienze fisiche, alle scienze chimiche, alle
scienze biologiche e alle discipline nate dalla loro combinazione, e caratterizzate dalla
tecnologia che sempre più condiziona i processi scientifici. Occorre riconoscere
l’importanza che la RSF venga anche sostenuta e orientata verso grandi temi che
Marzo 2011
169
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
derivano dagli indirizzi strategici del paese. La RSF si svolge principalmente
nell’ambito dei centri di ricerca pubblici ed è finanziata con risorse pubbliche per il
personale, le infrastrutture e la gestione. Il processo di valorizzazione dei risultati
della RSF è indicato come trasferimento di conoscenza (KT, knowledge transfer). Il KT
è un’attività ad elevata difficoltà che ha come presupposti la capacità di monitorare le
attività di RSF, di selezionarne i risultati trasferibili, di individuare le possibili
relazioni, anche multidisciplinari, che ne favoriscano la valorizzazione.
La RTA rappresenta un ambito nel quale si incontrano più soggetti, più interessi, più
motivazioni e più aspettative. La RTA può derivare dalla disponibilità di conoscenza
trasferita mediante processi di KT, da esigenze del comparto industriale o del
mercato, da combinazioni delle prime due. Il ruolo centrale della RTA nei processi di
valorizzazione dei risultati della ricerca deriva da due fattori: selezionare e trasferire i
risultati della RSF mediante i processi di KT, per sviluppare soluzioni tecnologiche
nuove da trasferire verso lo sviluppo industriale; compresenza dei due principali
attori della ricerca, il pubblico e il privato, che concorrono alle attività di RTA. Fra le
condizioni necessarie per svolgere efficaci attività di RTA, e quindi di trasferimento
tecnologico (TT), è fondamentale produrre e gestire la proprietà intellettuale, la
capacità di collaborazione nel rispetto delle missioni e dei ruoli fra pubblico e privato,
la capacità di indirizzo delle attività di ricerca anche sulla base delle indicazioni
provenienti dal mercato e dalle strategie del sistema.
Lo SI dà piena attuazione alle politiche e alle strategie di ricaduta delle attività di
ricerca e trae benefici delle attività di RSF, di KT, di RTA e di TT. Il termine
prodotto/servizio e mercato, indicati come obiettivi delle attività di SI, è però
riduttivo rispetto alle aspettative che derivano dall’insieme delle attività di ricerca.
Infatti i risultati delle attività di RSF e di RTA hanno un proprio valore autonomo.
Una delle conseguenze della non linearità dei processi di ricerca sono gli asincronismi
tra le scoperte scientifiche, le applicazioni tecnologiche e il mercato. Tali asincronismi
determinano dei salti temporali nelle ricadute della nuova conoscenza che vengono
valorizzate, talvolta, dopo lunghi periodi di attività silente. Le azioni di SI
avvengono in ambito privato e hanno indirizzo preciso verso il mercato.
Strumenti. Le attività di KT e di TT sono caratterizzate dall’uso di strumenti specifici
che richiedono, per essere efficaci, alcune condizioni: devono essere disponibili e
utilizzabili senza inutili vincoli normativi e legali, devono essere conosciuti, devono
esistere degli esperti che li sanno usare, devono essere adattabili ai diversi contesti,
sia tematici, sia ambientali. I principali strumenti nell’ambito dei processi innovativi
basati sulla ricerca sono: i laboratori congiunti pubblico-privato, gli Enti di Ricerca
dedicati al trasferimento tecnologico, i Parchi scientifici e tecnologici, i Centri di
ricerca tematici, i brevetti e le altre forme di privativa (PI), la prototipazione o proof of
concept, le società spin-off, i contratti di ricerca, il dottorato di ricerca, i manager della
ricerca.
Attori. Gli attori dei processi di KT e di TT sono diversi per tipo e per ruolo: il sistema
della ricerca pubblica, il sistema industriale, la finanza, il governo. Per ciascuno dei
quattro attori possono essere individuate le azioni caratteristiche, le responsabilità
necessarie, i risultati attesi. E’ importante sottolineare che solo la piena condivisione e
partecipazione di tutti e quattro gli attori può consentire di ottenere i benefici attesi
dagli investimenti in ricerca.
Marzo 2011
170
Programma Nazionale della Ricerca 2011- 2013
Indicatori. Riguarda la necessità del monitoraggio delle attività svolte e dei risultati
ottenuti, al fine di identificare e attuare i criteri di selezione, di valutazione, di
incentivo, di premialità. Gli indicatori devono essere sottoposti a processi di revisione
per consentirne l’adattamento, il miglioramento, l’affinamento e la differenziazione.
L’individuazione e l’adozione degli indicatori non sostituisce le valutazioni di merito,
ma le accompagna per favorire il benchmarking tematico ed evolutivo nel tempo, così
come per valutare l’efficacia degli strumenti adottati.
Si consideri, inoltre,
l’opportunità di adottare indicatori globali per il monitoraggio di grandi ambiti di
ricerca macroscopicamente differenti per tema e indicatori di dettaglio che rendano
possibile l’analisi in ambiti ben focalizzati.
Proposta di attivazione di azioni. Occorre approfondire i termini finanziari,
normativi e legislativi che consentono di realizzare gli interventi di TT. Si ritiene
anche importante destinare finanziamenti alla sperimentazione di azioni congiunte
pubblico-privato che, rientrando nei temi di interesse nazionale, sono orientate a
sostenere progetti di ricerca utili a verificare le azioni di KT e di TT potenziando gli
aspetti di trasferimento. Le azioni da mettere in atto sono: il monitoraggio (selezione e
valutazione); l’inserimento nei processi di valutazione di idonee metriche per la
valorizzazione della ricerca; la definizione di schemi di accordo pubblico-privato di
tipo responsible partnering; l’uso dei network della ricerca pubblica (Netval e PNI) come
strumenti del PNR per il pubblico; gli incentivi fiscali sugli strumenti di TT; la
promozione di centri di ricerca congiunti pubblico-privato; la promozione degli spinoff; una nuova formulazione dell’Art. 65 del Codice della Proprietà Industriale;
l’incentivazione alle attività di licensing di brevetti dal pubblico al privato; il
finanziamento ai TTO anche per l’assunzione di personale specializzato; la
definizione dello status professionale dei TTO Manager; l’attuazione di processi di
formazione dei ricercatori sui temi del TT; la valorizzazione del dottorato di ricerca ai
fini del KT e del TT; l’assunzione di dottori di ricerca nel privato; la prospettiva di
impiego per i precari della ricerca.
Marzo 2011
171
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca
Piazza J.F. Kennedy, 20 - 00144 Roma
www.miur.it
Fly UP