...

Per una definizione della “ragione romantica”

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Per una definizione della “ragione romantica”
Per una definizione della “ragione romantica”
Un approccio eccessivamente semplificatore dei rapporti tra Illuminismo e Romanticismo, che tenga conto
in modo unilaterale di taluni aspetti della nuova temperie artistica e letteraria, può portare a vedere nella contrapposizione tra i due movimenti culturali una pura
antitesi tra ragione e sentimento. All’esaltazione della forza critica del lume intellettuale, capace di affrancare l’umanità dalla sua secolare condizione di “minorità”, seguirebbe una riscoperta di nuove dimensioni
arazionali (o irrazionali), in grado di condurre l’uomo a
un rapporto di più piena immedesimazione con la profondità del reale.
Questa schematizzazione ha tuttavia un duplice difetto: da un lato, non consente di riconoscere l’appartenenza alla temperie romantica di una serie di fenomeni,
di artisti e di pensatori che non possono essere semplicemente ricondotti alla “cifra” del sentimento; dall’altro, il che è assai più grave, suggerisce surrettiziamente
(per lo meno allo studente) un’identificazione della ragione illuministica con la ragione tout court. Come se
la storia del pensiero non suggerisse con evidenza che
nel corso dei secoli l’umanità ha via via maturato diverse immagini della ragione, profondamente diverse
da quella diffusasi nel Settecento. Ciò vale anche per
l’epoca romantica.
Il rifiuto romantico della ragione è, in realtà, una presa
di distanze dalla visione illuministica della ragione,
sentita sempre più inadeguata alla nuova sensibilità che
si è sviluppata nell’uomo. Alcuni aspetti di questo rifiuto ci consentono di comprendere, per contrasto, i
tratti essenziali di quella che potremmo chiamare ragione romantica.
1. I romantici respingono anzitutto la ragione illuministica come ragione finita, capace cioè di portare il suo
lume rischiaratore soltanto su una sfera ben delimitata
dell’esperienza umana. Già Locke, che è indubbiamente tra i principali ispiratori di questa concezione, paragonava l’intelletto umano a uno “scandaglio” di lunghezza limitata, ma in grado di rispondere alle quotidiane esigenze della nostra “navigazione” nella vita;
con Kant, teorico dei limiti della ragione, il campo di
azione delle nostre facoltà conoscitive viene ben delineato e ristretto all’“isola del fenomeno”. Qui la scienza può costruire il saldo edificio del suo sapere dotato
di validità necessaria e universale, al riparo da ogni
tentazione scettica (Hume) e da ogni possibile naufragio nei sogni e nelle visioni della metafisica.
Il Romanticismo si caratterizza primariamente per il
rifiuto di queste ristrettezze e per l’anelito verso
l’Infinito, sia che cerchi di attingerlo nelle esperienza
estetica dell’arte, nel misticismo, nella fede, o nel sentimento, sia che ritenga possibile all’uomo il possesso
razionale di un sapere assoluto. La ragione romantica è
una ragione aperta all’infinito che riconosce la possibilità di un’esperienza più della realtà più grande rispetto a quella consentita dall’intelletto misuratore della scienza newtoniana, pur divergendo sensibilmente
nell’identificare la modalità con cui essa effettivamente
si attua.
2. Oltre a mancare di respiro come ampiezza di orizzonte la ragione illuministica sembra al romantico incapace di sondare la profondità di ciò che è presente.
Lo sguardo della scienza sul reale appare distaccato,
freddo, esteriore, teso a comprendere la natura solo
come un raffinato meccanismo di azioni causali (ed eventualmente capace di prospettare l’ipotesi-Dio solo
come quella del “Grande Orologiaio” o del “Grande
Architetto dell’Universo”). La ragione romantica, potremmo dire, guarda e partecipa il mondo “dal di dentro”, vive una tensione all’immedesimazione e
all’identificazione con il reale, avvertito variamente
come natura vivente, come forza o genialità artisticamente creatrice, divinità panteistica o Spirito assoluto,
ma comunque come totalità assoluta in cui ogni ente si
ricapitola e trova significato.
3. La ragione illuministica, inoltre, in quanto mira alla
determinazione di leggi generali è, per i romantici, astratta e universalistica, tendente all’uguaglianza ma
incapace di cogliere la ricchezza delle differenze degli
individui che risultano irriducibili ai suoi schemi. E’
proprio dalla presunzione di determinare leggi e istituzioni politiche razionali, valide per tutti i popoli, dalla
pretesa di fondarsi sui principi astratti di libertà ed uguaglianza che diversi romantici ostili alla rivoluzione
francese (o da essa delusi) riterranno derivate le violenze del Terrore o l’oppressione napoleonica. La ragione romantica è più sensibile alla specificità concreta degli uomini, che non sono anonimi individui, accomunati da una medesima capacità razionale, bensì
esseri singolarmente differenziati e caratterizzati da
una particolari appartenenze sociali, a culture, popoli,
nazioni, tradizioni, epoche.
La ragione romantica è, in una parola, una ragione storica che coglie la realtà umana come processo in continuo divenire e non come costantemente identica in tutti
i luoghi e in tutti i tempi.
4. Ma la tensione all’infinito, la partecipazione alla totalità e la sensibilità alle differenze storiche mettono
l’uomo romantico di fronte a insolubili tensioni: l’ansia
per l’Assoluto si scontra con il limiti dell’esistenza
umana che continuamente si ripropongono; il singolo
non può immedesimarsi in un tutto (naturale o storico)
senza perdere la propria irriducibile individualità; le
differenze tra gli uomini nel tempo e nello spazio si
traducono in una serie infinita di conflitti. La ragione
romantica si trova, di conseguenza, continuamente
messa alla prova della contraddizione. Di qui la straordinaria ambivalenza propria di tutti i fenomeni romantici ed anche il tentativo, proprio delle visioni dialettiche, di identificare nella contraddizione la legge
stessa della realtà.
Fly UP