...

Le stelle - Giocomania

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Le stelle - Giocomania
L’ANNO SCORSO VI HO RACCONTATO
COM’E’ FATTO IL SISTEMA SOLARE
Vi ricordate ?
altre lezioni su www.giocomania.org
lezioni preparate con il materiale
da www.scopriticielo.it
OGGI VI RACCONTERO’ INVECE
QUALCOSA SULLE STELLE
Prima però,
volete fare la nostra solita giratina in astronave ?
Allacciate le cinture allora !
Partiamo da Firenze, e quello è il Cupolone
Voliamo un po’ più su…E ora dove siamo?
Indovina un po’ di che colore è la stellina che è più
vicina alla tua scuola?
Questa è la Toscana vista da un satellite.
Firenze è vicina alla stellina gialla.
Se guardi bene puoi vedere il fiume Arno che arriva fino al
mare e l’isola d’Elba a forma di pesce.
Voliamo un po’ più in alto, questa la riconosci ?
E’ l’ Italia ! E noi su che stellina siamo?
Stellina verde!
Questa è la terra… e noi dove siamo?
….
Non si vede!!
Siamo dall’altra parte!!…La Terra è una palla lo ricordi?
Vediamo un po’ dall’altra parte!
Guarda bene!!
Siamo in alto,
dalla parte dove
ora c’è giorno!
Riesci a trovare
l’Italia sotto
le nuvole?
Vicino alla stellina verde si vede una Sicilia piccola piccola!
Adesso ci allontaniamo ancora un po’ !
Ti ricordi i pianeti del nostro sistema solare?
E ti ricordi quale è il nostro?
La stellina Gialla è sulla Terra
La Terra è quella blu, bianca ed un poco marroncina!
Guarda il Sole come è grande e Saturno che bell’ anello.
Quello rosso, vicino alla terra è Marte!
Su Marte ci sono arrivate due navicelle spaziali, proprio in questi
giorni: una europea ed una americana.
L’avete sentito alla televisione?
La navicella americana è riuscita a far scendere un piccolo
robottino sul suolo marziano, il robottino si chiama SPIRIT.
SPIRIT ha fatto delle belle fotografie, ne vedete qui una.
Sono solo sassi ma ….pensate a quanto sono lontani !
La navicella europea, che si chiama Mars Express, ha
invece fatto delle foto dall’alto ed ha scoperto che su
Marte c’è l’acqua.
Possiamo immaginarci di essere andati anche noi a fare un
piccolo volo sui canyon rossi di Marte!!
Bello!! Ma per ora non molto ospitale anche se ci hanno
trovato l’acqua !
MA OGGI DOBBIAMO PARLARE DI QUALCOSA DI MOLTO PIU’
LONTANO DI MARTE: LE STELLE !
CHISSA’ QUANTE VOLTE AVETE GUARDATO IL CIELO
NOTTURNO E VI SIETE CHIESTI:
"CHE COSA SONO LE STELLE" OPPURE
"QUANTE STELLE CI SONO" ?
OGGI CERCHEREMO DI CAPIRE INSIEME
CHE COSA SONO LE STELLE, COME SONO FATTE,
COME NASCONO E COME INVECCHIANO.
PRIMA, PERÒ, RIFLETTIAMO UN PO' SUGLI INDIZI CHE ABBIAMO
A DISPOSIZIONE ...
LE STELLE SONO OGGETTI LONTANISSIMI !
La stella più vicina si trova molto più distante del
punto più lontano del Sistema Solare
Ricordi la nube di Oort, il "guscio" esterno che
circonda il Sistema Solare ?
Questa stella si chiama Proxima Centauri,
perché si trova nella costellazione del Centauro.
Si trova a 4,3 anni luce da noi:
questo significa che per coprire la distanza tra noi
e la stella, la luce deve viaggiare per oltre 4 anni !!
Supponiamo di poter ridurre le distanze fra i corpi
celesti, mantenendo però le stesse proporzioni:
se potessi percorrere la distanza fra la Terra e il Sole
con un passo, per arrivare fino a Proxima Centauri
dovresti fare 200 mila passi, cioè camminare
continuamente per circa 4 giorni !
E si tratta solo della stella più vicina...
Ovviamente, queste enormi
distanze rendono difficile
inviare direttamente una
sonda spaziale verso una
stella:
Anche per la sonda più veloce
ci vorrebbero centinaia di
anni per raggiungere
le stelle più vicine !!!
PUF PUF…
Non ce la farò
mai!!!
Come fanno allora gli astronomi
a studiare le stelle ?
Non possono certo prenderne una e
portarla in laboratorio…
Devono utilizzare l'unica
informazione che possiedono: la luce.
La luce delle stelle non è solo
affascinante: contiene anche delle
informazioni importantissime,
che ci dicono
dove si trovano,
se sono vecchie o giovani,
come si stanno muovendo.
Gennaio 2000
POSTA
GALATTIC
A
Anzi: in realtà, la luce di una
stella ci "parla" di come questa
stella era in passato.
Classe 3 E
La luce che ci arriva oggi, infatti,
ha dovuto percorrere una
distanza grandissima: questo vuol
dire che è stata emessa dalla
stella molti anni fa.
Quanto più la stella è lontana,
tanto più tempo ha impiegato la
sua luce per giungere fino a noi.
In un certo senso, è come se la
stella ci avesse "mandato una
cartolina" per mostrarci come era
Via 1° Maggio
Tavarnuzze, Firenze
Italia, Europa
TERRA
SISTEMA SOLARE
la cartolina ci mostra come era la stella in passato…
e questa cartolina ci è arrivata solo oggi…………………
…………………………………………………….quando la stella è già cambiata !
Non è solo di questo ritardo che gli astronomi devono
tener conto. La luce che proviene dalle stelle deve
attraversare l'atmosfera terrestre:
quando passa attraverso uno strato di aria, viene deviata,
cioè cambia direzione.
Sembra quindi che la stella sia in una posizione diversa,
perché la sua luce ci arriva da una direzione diversa.
Lo stesso avviene quando la luce
passa da una materiale trasparente
a un altro.
Guarda la cannuccia di questa foto:
sembra che sia "spezzata" in due.
Questo avviene perché la luce
proveniente dalla parte di
cannuccia che è immersa in acqua
viene deviata dall'acqua,
così vedi questa parte un po'
spostata rispetto alla sua posizione
In realtà per noi, che siamo
dentro l'atmosfera
guardiamo fuori, sarebbe
come stare dentro il
bicchiere e guardare la parte
di cannuccia non immersa
nell'acqua.
Insomma, ci sono tante cose
da imparare sulla luce.
Lo sapevi, per esempio, che la
luce del Sole, che ti sembra
bianca, in realtà è composta di
tanti colori ?
Prova a far passare un fascio
di luce attraverso un prisma
come questo, oppure la
semplice cannuccia
vuota di una biro, e lo vedrai
scomporsi in tanti fasci di luce
di diversi colori, come in
questa foto.
Che cosa è successo ?
Insomma, ci sono tante cose da
sapere sulla luce che viene da
Cerchiamo allora di costruire la carta di identità di una stella.
Per farlo dobbiamo raccogliere quanti più indizi possibile sul suo conto.
Nome:
……Proxima…...
Cognome:…..
Centauri...
Costellazione:..
Centauro
Luminosità:……………..
Colore:………M2……..
Età..diversi miliardi di
anni
Impronta
:
Abbiamo visto come si trova la posizione di una
stella e come si studia la sua luce.
Ci manca ancora qualcosa: per esempio scoprire
quanto è luminosa questa stella.
Prova a guardare il cielo stasera: forse, se abiti
in città, potrai vedere solo poche decine di stelle,
ma ti accorgerai comunque che ce ne sono alcune
molto brillanti e altre invece molto più deboli.
Anche gli astronomi del passato se ne erano accorti
Ci sono quindi stelle
facilmente visibili, altre
molto deboli.
Non solo: ce ne sono
moltissime altre talmente
deboli che il tuo occhio non
riesce a vederle.
Come fanno allora gli
astronomi
a studiarle?
Usando strumenti
come il telescopio.
Un telescopio raccoglie più luce del tuo occhio,
riuscendo così a rivelare la presenza di stelle che
gli occhi non possono vedere.
Lo puoi capire pensando a come una bacinella raccoglie le
gocce di pioggia.
Una bacinella più larga raccoglie più pioggia di una bacinella
piccola.
Quando la pioggia sta per smettere, e le gocce si fanno
sempre più piccole e meno frequenti, dentro la bacinella
piccola ne cadono pochissime, mentre la bacinella grande
riesce a raccoglierne lo stesso una buona quantità.
Lo stesso accade con un telescopio e con la luce delle stelle:
una stella debole è come una pioggia debole;
per raccogliere la sua luce occorre un telescopio grande.
Il telescopio è costruito in modo da raccogliere con uno
specchio più luce possibile.
La luce entra dall'apertura del telescopio e si raccoglie tutta
in uno stesso punto per essere analizzata.
Per vedere stelle molto deboli, occorre un telescopio con
un'apertura molto grande.
E' per questo che oggi si costruiscono telescopi sempre più
grandi.
Non basta però un buon telescopio: occorre anche uno
strumento per immagazzinare la luce stellare raccolta, per
poterla analizzare.
Gli astronomi usano allora le pellicole fotografiche, che
registrano e trattengono il segnale luminoso, oppure degli
strumenti come quello che vedi nella foto qui sopra.
Beppo SAX
ISO
A volte, per evitare gli
effetti dell’atmosfera, si
costruiscono anche dei
telescopi che volano nello
spazio
COME NASCONO LE STELLE ?
Si pensa che le
stelle nascano da
gigantesche nubi
di gas, come
quella che vedi in
questa figura.
Questa non è un'immagine vera, ma di un disegno che cerca di
raffigurare come potrebbe essere stata la formazione di una
stella.
Anche il nostro Sole, con i suoi pianeti, è nato da una nube
come questa. Piano piano, essa si è contratta, riscaldata e
concentrata, formando il Sole e i pianeti.
Dopo la sua nascita, una stella evolve molto lentamente: può
impiegare decine di milioni di anni per invecchiare, ma anche
decine di miliardi di anni!
Questa è una stella abbastanza
vecchia:
si chiama gigante rossa
Alcune giganti rosse le puoi
vedere bene in cielo: per
esempio Betelgeuse nella
costellazione di Orione, potrai
vedere che hanno un colore
rosso.
Le stelle più grandi terminano la propria evoluzione come
supernova:
la supernova è una stella brillantissima, che emette una
quantità enorme di luce e getta nello spazio tantissima della
sua materia.
Una COSTELLAZIONE è un gruppo di stelle.
Se si collegano le stelle con delle linee immaginarie, come fate voi
con quel giochino in cui di devono collegare i punti numerati, poi,
con un po’ di immaginazione, le figure possono sembrare oggetti,
animali o persone.
Per esempio la costellazione di, Orione è un gruppo di stelle che i
greci pensavano che sembrasse un cacciatore gigante con una
ORIONE , forse la più bella tra le costellazioni, sicuramente
tra le più facili da individuare.
E’ visibile in Inverno e ad Inizio Primavera
Ma le costellazioni sono solo belle
o possono servire a qualcosa?
Le costellazioni sono molto utili per orientarsi nello spazio.
Molte navicelle spaziali si orientano con le stelle.
Gli uomini, fin dall'antichità, hanno usato le stelle per orientarsi.
La Terra però, gira su se stessa, e quindi le stelle si muovono
durante la notte.
Ma c’è una stella che rimane sempre quasi ferma, perché è proprio
sopra
il POLO
NORDA ed
è la STELLA
POLARE.A TANTE ALTRE
ORA VI
INSEGNO
TROVARLA
IN MEZZO
Prima di tutto devi
cercare questa
specie di pentolino
col manico che si
chiama GRANDE
CARRO oppure
ORSA MAGGIORE.
Ricordati che a
seconda dell'ora e
del periodo
dell'anno in cui
guardi il cielo , il
grande carro può
avere posizioni
diverse: a volte è
per esempio una
pentola rovesciata
Bene, guarda le due
stelle dalla parte opposta
del manico e con 2 dita
segnati la loro distanza.
Ripetila cinque volte come
mostrato nella figura qui
sotto e......…………... …...
eccoti arrivato alla
STELLA POLARE!
La STELLA POLARE è l'ultima stella della coda del PICCOLO
CARRO che con un po' di attenzione e l'aiuto della figura puoi
scorgere anche tu.
ORA SAI CHE IL NORD È DA QUELLA PARTE!
Se non ci credi…prova a controllare con una bussola !!!
Adesso, quando ti troverai di nuovo a guardare le stelle,
ricordati delle cose che abbiamo detto oggi e di quante cose
le stelle hanno da raccontarci da laggiù lontano lontano
Fly UP