...

CLICCANDO QUI, potrai scaricare un`anteprima del libro

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

CLICCANDO QUI, potrai scaricare un`anteprima del libro
Poi… venne l’aurora
Ernesto Riggi
POI… VENNE L’AURORA
Romanzo
www.booksprintedizioni.it
Copyright © 2014
Ernesto Riggi
Tutti i diritti riservati
A tutti i giovani coraggiosi,
capaci di lottare pur di
realizzare i propri sogni.
L’autore
Presentazione
Il libro si articola in due racconti: La casa del Mossiù e Un vero amico.
La casa del Mossiù ha vinto la medaglia d’onore e
la coppa della Regione Siciliana al Concorso – Cuore
di Sicilia – di Caltanissetta.
Nei due racconti si evidenzia una grande volontà da
parte dei protagonisti, perché capaci di lottare e vincere contro le avversità.
Nel primo racconto, un ragazzo di diciassette anni,
Tanu, fa di tutto per emigrare in terra straniera, pur
di allontanarsi da un ambiente difficile che, pur essendo ricco di storia e di valori, è incapace di dare lavoro, condizione essenziale affinché i giovani si riscattino dalla miseria, si sentano vivi e inseriti nella società. Dopo un viaggio piuttosto avventuroso, il protagonista riesce a risolvere i suoi problemi e, a trovare
l’amore della sua vita.
7
La seconda storia racconta di una ragazza che vuole realizzarsi con il lavoro e il matrimonio, ma a causa
di una forte delusione, preconcetti e molestie sessuali,
incontra molte difficoltà. Riesce a superarle prendendo decisioni coraggiose e confidando nell’amicizia di
un suo collega che l’aiuta e la consiglia.
L’ambiente è la Sicilia degli anni sessanta, ancora
incontaminata, ricca di folclore e panorami stupendi
che sono descritti con semplicità e dovizia di particolari.
8
La Casa del Mossiù
Angosciato, solo, pieno di freddo, ti furono amici
un ubriaco e il suo cane.
Poi trovasti l’amore.
– Pronto
– Pronto Salvatore; sei tu?
– Io sono mamà. Come state? Come sta papà?
– Stiamo tutti bene. Come stai tu?
– Tutto a posto
– Lavori?
– Certo che lavoro. Qui il lavoro non manca. State
tranquilli. Papà lavora?
– Lavoro non ce n’è. Papà non può lavorare perché
ha la bronchite. Quando si affatica ha dolore al petto.
Il dottore gli ha ordinato lo sciroppo e sei punture.
– Digli che si curi bene. Mamà, ti ho mandato la
mesata
9
– Te lo tieni il denaro per i tuoi bisogni? Mangi poco?
– Stai tranquilla, mangio. Non mando tutto quello
che guadagno. Il denaro per le mie necessità me lo
trattengo.
– C’è freddo in Belgio? Te le sei messe le mutande e
la maglia di lana?
– Mamà, stai tranquilla, mi sono messo tutto. Che
cosa fa Tanu?
– Tanu mi fa l’inferno. Vuole venire a lavorare con
te.
– Non voglio che venga a lavorare in miniera.
– È pericolosa la miniera?
– Non è pericolosa, ma non voglio. Mi avevi detto
che faceva il manovale con lo Zi Turiddru Cociluvu!
Digli che impari bene il mestiere di muratore
– Lo Zi Turiddru dice che è bravo a fare il muratore, ma ora il lavoro è terminato. Non può vedersi senza lavorare. Dice che se non vuoi che lavori in miniera, può venire in Belgio ugualmente e lavorare con i
muratori.
– Mamà, lavoro con i muratori non ce n’è. Digli che
impari bene il mestiere. Lo chiamerò quando ci sarà
lavoro con i muratori.
– Senza lavoro non può stare, perché vede che suo
padre è cagionevole di salute.
10
– Se non lavora si riposa, ma in Belgio per ora non
lo voglio. Qui c’è lavoro soltanto in miniera e se la polizia si accorge che non lavora, gli fa il foglio di via e
lo manda in paese. Lo vuoi capire? Per voi ci penso io.
Devi dire a Tanu di stare tranquillo perché una giornata di lavoro non la perdo. Digli che appena sarà
possibile… pronto, pronto… Salvatore, pronto, mi
senti? –
Continuava a ripetere la Zi Mariuzza sperando di
sentire ancora la voce del figlio, ma non sentiva più
niente. Il Sig. Filippo, proprietario del bar e gestore
della cabina del telefono, le disse che la comunicazione era stata interrotta, forse a causa del cattivo tempo
o perché la linea era intasata. La domenica capitava
spesso che le comunicazioni s’interrompessero, in
quanto c’erano molte telefonate per il Belgio. Nei
giorni festivi, gli emigranti non lavoravano e, i familiari telefonavano per le comunicazioni più urgenti e
per sentire la loro voce.
La Zi Mariuzza pagò l’importo della telefonata e se
ne tornò a casa pensierosa. Era contenta; il figlio stava bene e lavorava. Con i soldi che aveva mandato,
aveva pagato l’ultimo debito che aveva nella bottega di
Turiddru Diadema, chiamato così perché portava sul
capo, per tenere fermi i capelli, un cerchietto metallico. Ora, la Zi Mariuzza, con orgoglio si presentava nel
11
negozio, sceglieva quello di cui la sua famiglia aveva
bisogno, stando attenta ai prezzi, e pagava subito,
senza chiedere di essere scritta nel quaderno dei debitori.
Aveva comprato un giaccone e le scarpe a Nicuzzu
che aveva nove anni. Il ragazzo quando usciva era
contento; stava attento dove metteva i piedi, per paura
di sporcare le scarpe e, con la manica lustrava i bottoni color d’oro del giaccone. A Pina, che aveva sette
anni, aveva comprato il vestito bianco della prima
comunione. L’avrebbe fatta in occasione della festa di
Santa Germana. Aveva il cuore contento la Zi Mariuzza e pieno d’orgoglio per il figlio Salvatore che, dal
Belgio dove lavorava, nelle viscere della terra, mandava soldi ogni mese e manteneva la famiglia.
– Sempre generoso è stato Salvatore – diceva la Zi
Mariuzza, ma si doleva perché lo aveva lontano, in
una terra dove faceva molto freddo e nevicava dal mese d’ottobre fino ad aprile. Benediva il Signore, per
averle consentito di avere i soldi per comprargli mutande e maglie di lana. Avrebbe meglio sopportato il
freddo. Pensava che avrebbe dovuto comprarne almeno altre tre paia; un paio per Salvatore, affinché avesse un altro cambio e, due paia per Tanu, in quanto già
sapeva che difficilmente avrebbe potuto impedirgli,
caparbio com’era, di andare in Belgio dal fratello.
12
Fly UP