...

unità 5

by user

on
Category: Documents
18

views

Report

Comments

Description

Transcript

unità 5
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:09
Page 91
unità 5
IN GIRO PER LA CITTÀ
b stazione
c edicola
d farmacia
a ufficio postale
f banca
e supermercato
Q Guarda la piantina e associa i luoghi (a-f ) agli oggetti (1-6).
1. cartoline
2. medicinali
3. carrello
4. giornale
5. soldi
6. treno
Ecco cosa imparerai in questa unità:
Scopi comunicativi localizzare servizi, chiedere e dare indicazioni di percorso, esprimere possibilità
o necessità
Grammatica
• 3a coniugazione regolare (-ire): indicativo presente
• coniugazione irregolare: indicativo presente di dire, salire, sapere
• particella ci (1) con i verbi essere e volere • particella ci (2) avverbio di luogo
• verbi modali (2): indicativo presente di dovere e potere
• pronomi diretti (2) e ne (2) con i verbi modali e l’infinito
• uso delle preposizioni articolate: al, allo, alla, all’
• forma impersonale (1) con la particella si
• imperativo regolare (2)
Area lessicale
mezzi di trasporto, luoghi in città
novantuno
91
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:09
Page 92
lingua in contesto
1 40
1. Ascolta il dialogo fra Margaret e un passante e cerca di scoprire come Margaret raggiunge piazza San Silvestro.
ASPETTANDO
L’AUTOBUS
Margaret
passante
Margaret
passante
Margaret
passante
Margaret
passante
Margaret
passante
Margaret
passante
Margaret
passante
Margaret
passante
Margaret
passante
92
novantadue
Scusi, che autobus devo prendere
per andare in piazza San Silvestro?
Può prendere il 52.
Passa di qui? Da via Crispi?
No, credo di no. Comunque passa
qui vicino, in piazza Barberini.
Piazza Barberini? E come ci arrivo?
Guardi, vada dritto fino al semaforo
e giri a destra in via Sistina. Poi alla
seconda traversa giri a sinistra.
Dunque: dritto fino al semaforo, poi
a destra, poi giro a sinistra alla
prima.
No, attenzione: deve girare alla
seconda traversa!
È molto distante da qui?
No, a piedi ci vogliono circa dieci
minuti.
E... a quale fermata devo scendere?
Lei lo sa?
È facile, non può sbagliare: deve
scendere al capolinea.
Come dice, scusi?
Al capolinea, cioè all’ultima fermata.
Senta, lo sa che non si può salire
senza biglietto?
Oh…! E dove posso comprarlo?
All’edicola o dal tabaccaio.
Grazie mille!
Prego, non c’è di che.
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:09
Page 93
unità
5
1 40
2. Ascolta di nuovo il dialogo e decidi se le seguenti
affermazioni sono vere (V) o false (F).
1. Margaret vuole andare in piazza
San Silvestro con l’autobus.
2. La fermata del 52 non è molto lontana.
3. Margaret deve scendere alla seconda
fermata.
4. Margaret ha già il biglietto dell’autobus.
5. Il biglietto si compra dal tabaccaio o in
edicola.
V G
F
G
V G
F
G
V G
F
G
V G
F
G
V G
F
G
1 40
3. Ascolta ancora una volta il dialogo e scrivi le frasi
che esprimono i seguenti scopi comunicativi:
1. chiedere e dare indicazioni di percorso
...........................................................................................................
2. esprimere possibilità
...........................................................................................................
3. esprimere necessità
...........................................................................................................
1 40
4. Ora ascolta e ripeti. Fa’ attenzione alla pronuncia
e all’intonazione.
5. Completa le seguenti frasi del dialogo.
1. Piazza Barberini? E come ci ........................................ ?
2. Guardi, vada ........................................ fino al semaforo e
........................................ a destra in via Sistina.
3. È molto ........................................ da qui?
4. E... a quale ........................................ devo scendere?
5. Al ........................................ , cioè all’ultima fermata.
novantatré
93
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:09
Page 94
impariamo a...
LOCALIZZARE SERVIZI
G memo
6. Guarda la piantina a pagina 91 e decidi se le seguenti affermazioni
sono vere (V) o false (F).
3. Il supermercato è a sinistra, di fronte alla farmacia.
4. La farmacia è fra l’edicola e la banca.
¨
¨
a destra
a sinistra
vicino a
di fronte a
¨
G
F
G
F
G
F
G
fra
¨
2. La banca è di fronte all’ufficio postale.
è:
F
¨
G
V
G
V
G
V
G
V
1. L’edicola è vicino alla stazione.
↑
7. Correggi oralmente le affermazioni errate dell’esercizio 6.
dritto
←
a sinistra
a destra
8. Usando le seguenti informazioni, trova e segna con le lettere g, h e i
sulla piantina a pagina 91 dove sono l’ufficio informazioni, il bar e il
ristorante.
→
incrocio seconda traversa
1. L’ufficio informazioni (g) è nella prima traversa a destra, di fronte
all’edicola.
prima traversa
2. Il bar (h) è vicino al supermercato.
3. Il ristorante (i) è di fronte alla banca.
9. Lavorate in coppia. Guardate la piantina a pagina 91 e poi fatevi domande
e rispondete, come nell’esempio.
G Scusi, c’è una banca qua vicino?
I Sì, è a destra, vicino alla stazione ferroviaria.
G Grazie.
I Prego, non c’è di che.
10. Lavorate in coppia, come nell’esempio.
Immaginate di essere nel punto indicato sulla
piantina. Uno di voi sta cercando una banca, una
farmacia, un supermercato, un’edicola, e chiede
come arrivare in ciascuno dei luoghi. L’altro dà le
indicazioni necessarie guardando la piantina.
rso
Da
nte
ald
i
piazza
Matteotti
piazza
Fiume
via Ariosto
corso
Indipendenza
Ca
v
i
94
novantaquattro
rs
co
ino
edicola
zin
supermercato
z
Ma
farmacia
o
via
banca
r
via To
ou
r
via
Ga
rib
via Roma
G Scusi, c’è una farmacia in questa zona?
I Sì, vada sempre dritto. Poi, in piazza Fiume, giri
in via Mazzini.
co
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:09
Page 95
unità
5
CHIEDERE E DARE INDICAZIONI DI PERCORSO
11. Lavorate in gruppi di tre, come nell’esempio. Siete a Firenze e due di voi vogliono visitare il Museo
antropologico, il Battistero e Palazzo Salviati. A turno, chiedete a un / una passante indicazioni di
percorso. Guardando la piantina, il / la passante dice come arrivare in ciascuno dei luoghi dal punto in
cui siete ().
G Scusi, dov’è il Museo antropologico?
I È in via del Proconsolo.
N E come ci arriviamo?
I Andate sempre dritto, poi girate a
sinistra alla quinta traversa.
BATTISTERO
G memo
girare
andare
giri
vada
piazza
San Giovanni
piazza del Duomo
via del
so
Procon
via dell’Oche
lo
✘
rso
via Speziali
via del Co
PALAZZO
SALVIATI
MUSEO
ANTROPOLOGICO
ESPRIMERE POSSIBILITÀ, NECESSITÀ
12. Lavorate in coppia, come nell’esempio. Siete a Milano. Uno di voi deve andare alla Stazione Centrale,
alla Scala, al Duomo e chiede indicazioni di percorso a un / una passante. Questo/a dà le indicazioni
necessarie guardando le immagini.
G Quale linea della metro devo prendere per la Stazione Centrale?
I Può prendere la linea gialla, o l’autobus numero 60.
G memo
dovere
devo
devi
deve
potere
posso
puoi
può
novantacinque
95
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:09
Page 96
impariamo a...
13. Completa le frasi con la forma corretta del verbo volerci e il nome appropriato.
biglietto
1. Per prendere l’autobus ................................. il ................................. .
scheda
2. Per telefonare da un telefono pubblico ................................. una ................................. .
3. Per guidare la macchina ................................. la ................................. .
patente
14. Guarda la piantina e completa le frasi con le parole appropriate.
1. Per andare a piedi da piazza San Babila alla Pinacoteca di Brera ........................................................................................... .
2. Per andare con la metro da piazza del Duomo a piazza San Babila . .................................................................................... .
3. Per andare a piedi da piazza San Babila a via della Spiga .......................................................................................................... .
ra
re
via B
Pinacoteca
di Brera
di Pietà
via
via Monte
ci vuole
ci vogliono
rr
Ve
ten
½ ora
Ve
n
on
M
ezi
a
via
li
di
via
e
on
ole
cor
ap
so
ni
zo
an
S
i
Big
r
Ve
M
iga
Sp
via
via
via
G memo
lla
via
ea
dr
’An
t
an
de
10 minuti
corso Matteotti
Galleria Vittorio Emanuele
piazza
della Scala
piazza
San Babila
5 minuti
ele
anu
Em
II
i
so V
cor
io
ttor
M
piazza del Duomo
15. Completa le frasi associando correttamente le parole di ciascuna colonna.
96
1. Per comprare le medicine
ci vogliono
due francobolli.
2. Per spedire queste cartoline
ci vuole
un carrello.
3. Per fare la spesa nel supermercato
ci vuole
una piantina.
4. Per vivere in una grande città
ci vuole
la ricetta del medico.
5. Per girare una città come turista
ci vogliono
molti soldi.
novantasei
La particella
“ci”
Quando si unisce ai
verbi essere, stare,
andare, arrivare o tornare, la
particella ci significa “qui” o “lì”.
Quando ci si unisce al verbo
volere, questo assume il
significato di “essere necessario”.
Il verbo si accorda nel numero
(sing./plur.) con il nome a cui si
riferisce (Ci vuole un’ora; Ci
vogliono molti soldi).
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:09
Page 97
unità
un mondo di parole
5
la città
16. Associa ai nomi elencati gli elementi corrispondenti nell’immagine.
d
a
e
b
g
c
l
f
m
i
o
n
h
p
q
u
v
r
t
s
metropolitana
11.
pizzeria
16.
parcheggio
7.
chiesa
12.
teatro
17.
Municipio
piazza
8.
ufficio postale
13.
biblioteca
18.
museo
4.
ospedale
9.
strisce pedonali
14.
farmacia
19.
cinema
5.
fermata dell’autobus 10.
bar
15.
incrocio
20.
semaforo
1.
corso (grande strada) 6.
2.
via
3.
17. Associa ai nomi dei mezzi di trasporto le immagini corrispondenti.
1.
treno
2.
tram
3.
motorino
4.
macchina
5.
autobus
6.
metro
a
c
b
d
e
f
novantasette
97
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:09
Page 98
un mondo di parole
18. Completa le parole con le lettere mancanti.
1. c....pol....nea
4. ....er....ata
7. far....ac....a
10. e....i....ola
2. se....a....oro
5. bi....lie....to
8. t....ave....sa
11. v....gil....
3. ....ist....rante
6. in....ro....io
9. si....i....tra
12. d....s....ra
19. Scrivi i nomi che corrispondono alle seguenti definizioni:
1. punto di vendita di giornali e riviste
.................................
2. negozio dove si acquistano medicine
.................................
3. strada a destra o a sinistra di una principale
.................................
4. ultima fermata di un mezzo pubblico
.................................
5. apparecchio per regolare il traffico
.................................
Il vigile urbano
20. Associa i verbi in A alle parole in B.
Il vigile urbano è una figura di
poliziotto tipicamente italiana.
I suoi compiti comprendono il
controllo del traffico in città, e quindi
anche l’emissione di multe per divieto di
sosta o per guida senza casco di moto e
motorini. Il vigile urbano svolge anche
funzioni di tutela
dell’ambiente e di
ordine pubblico.
Inoltre, ha il
compito di far
rispettare le
leggi e i
regolamenti
locali (come, per
esempio, le ore di
apertura-chiusura di attività commerciali e
i prezzi praticati da queste).
1. salire
2. prendere
3. andare
4. girare
5. attraversare
6. scendere
A B
a
dal tram
b
a piedi
c
la strada
d
sull’autobus
e
la metro
f
a destra
21. Associa ogni segnale stradale alla definizione corrispondente.
98
1.
divieto di sorpasso
5.
incrocio
2.
dare la precedenza
6.
senso obbligatorio
3.
divieto di sosta
7.
senso vietato
4.
attraversamento pedonale
8.
divieto di transito
novantotto
Automobile
e macchina
a
b
c
d
e
f
g
h
Nella lingua di
tutti i giorni la parola
automobile e la sua forma
abbreviata auto vengono
spesso sostituite dalla
parola macchina: Che
macchina hai, Matteo?
Una Fiat; Vado a
lavorare in macchina.
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:09
Page 99
unità
grammatica
5
3a coniugazione regolare (-ire): indicativo presente
partire
(io)
(tu)
(lui)
(lei)
(Lei)
(noi)
(voi)
(loro)
*
*
finire
parto
parti
finisco
finisci
parte
finisce
partiamo
partite
partono
finiamo
finite
finiscono
-o
-i
-e
alle dieci
-iamo
-ite
-ono
Alcuni verbi della 3a coniugazione inseriscono -isc- davanti alla desinenza della 1a, 2a e 3a persona singolare (-o, -i, -e) e della
3a plurale (-ono). Questo è il caso dei verbi finire, capire e preferire.
Il verbo partire può essere seguito dalle preposizioni: da (Parto da Roma), per (Parto per Firenze), in (Parto in treno / in
macchina / in aereo), con (Parto con il rapido delle tre / con la macchina di mio fratello), a (Parto a mezzogiorno / alle tre).
Si può dire: Vado a Firenze, ma non: Parto a Firenze.
finire e smettere
Il verbo finire significa
“terminare, concludere
un’attività” (Quest’anno Marco
finisce gli studi / finisce di studiare).
Il verbo smettere significa “interrompere
un’attività prima della sua conclusione”
(Sara vuole smettere di studiare = non
vuole terminare gli studi; Ragazzi,
smettete di parlare! = non continuate a
parlare!).
22. Completa le frasi con la forma corretta dei verbi partire e finire.
1. Io ................................. in treno e loro ................................. in macchina.
2. Lei, signora, ................................. per Milano?
3. I miei genitori ................................. di lavorare tardi.
4. Marta ................................. l’università quest’anno.
5. Voi quando ................................. per Venezia?
23. Completa le frasi con la forma corretta dei verbi capire, finire e preferire.
1. Lei ................................. il treno o la macchina, signora?
2. Quando parli in fretta, non ti ................................. .
3. Paolo e Anna ................................. restare a casa.
4. Quei ragazzi sono stranieri e non ................................. l’italiano.
5. Quando ................................. la scuola quest’anno?
coniugazione irregolare: indicativo presente di dire, salire, sapere
dire
(io)
(tu)
(lui)
(lei)
(Lei)
(noi)
(voi)
(loro)
salire
dico
dici
dice
diciamo
dite
dicono
sapere
salgo
sali
di sì
sale
saliamo
salite
salgono
so
sai
sa
a piedi
dov’è il museo
sappiamo
sapete
sanno
* Nelle risposte, il verbo sapere è preceduto dal pronome diretto lo, che sostituisce l’intera domanda: Scusi, sa dove posso
trovare un parcheggio? No, mi dispiace, non lo so (= non so dove può trovare un parcheggio).
novantanove
99
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:10
Page 100
grammatica
24. Completa la conversazione con le forme corrette del verbo dire.
Luca
Marco, ................................. a te, mi senti?
Marco
Come ................................. , scusa?
Luca
Carlo e io non abbiamo tempo. Devi andare tu a fare i biglietti per tutti.
Marco
D’accordo, ma Gianni che ................................. ? Siamo sicuri che vuole partire
anche lui in treno?
Carlo
Be’, veramente lui preferisce andare in macchina, ma i suoi genitori
................................. che sono più tranquilli se parte in treno con noi.
Marco
Insomma, voi ................................. che Gianni parte con noi?
Luca
Be’, noi ................................. di sì.
Marco
Ok, allora vado subito a fare i biglietti.
locuzioni con
il verbo dire
dire di sì / di no
(= accettare / rifiutare)
che vuol dire? (= che
significa?)
vale a dire (= cioè)
dire una bugia (= non dire la
verità)
non dire una parola (= non
parlare per niente)
si dice che… (= la gente dice
che…)
25. Completa le frasi con la forma corretta del verbo sapere.
1. Scusi, ................................. dov’è la fermata dell’autobus?
2. Marco, ................................. dove posso trovare una farmacia aperta a quest’ora?
3. Forse voi non ................................. che il sabato le banche sono chiuse.
4. Non ................................. come si arriva alla stazione, perciò prendiamo un taxi.
5. Io non ................................. come si arriva in centro.
6. Laura non ................................. dov’è la Galleria degli Uffizi.
7. Tutti ................................. che Firenze è una città d’arte.
8. Tu ................................. che linea della metro dobbiamo prendere?
la particella ci con i verbi essere e volere
con il verbo essere
C’è
Ci sono
*
*
con il verbo volere
una banca
un’edicola
un museo
diverse banche
molti mezzi
due semafori
(una) mezz’ora
molto tempo
un documento
Ci vuole
due ore
molti giorni
molti soldi
Ci vogliono
Quando la particella ci si unisce al verbo essere, indica l’esistenza o la presenza di una cosa (c’è) o di più cose (ci sono); c’è
e ci sono possono essere riferiti anche a persone: C’è Marisa? Nella classe ci sono venti studenti.
Quando la particella ci si unisce al verbo volere indica la necessità di una cosa (ci vuole) o di più cose (ci vogliono): Per
andare da qui al Duomo ci vuole mezz’ora; Per andare da qui al Colosseo ci vogliono venti minuti.
particella ci avverbio di luogo
Da quanto tempo
Quando
*
100
abiti
vai
a Firenze?
Ci
abito
vado
da tre anni
domani
Quando è usata con verbi di stato o di moto, la particella ci si riferisce a un luogo citato in precedenza: Da quanto tempo
vivi a Firenze? Ci vivo da 3 anni. Quando vai a Roma? Ci vado domani.
cento
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:10
Page 101
unità
5
26. Scegli l’alternativa corretta fra c’è / ci sono.
1. Davanti alla mia casa c’è / ci sono una piccola piazza.
2. In quest’albergo c’è / ci sono persone di varie nazionalità.
3. Scusi, sa se c’è / ci sono una banca qui vicino?
4. In questa traversa c’è / ci sono due semafori.
5. In questa zona c’è / ci sono un solo supermercato.
27. Scegli l’alternativa corretta fra ci vuole / ci vogliono.
1. Per finire il lavoro ci vuole / ci vogliono molti giorni.
2. Per arrivare in centro ci vuole / ci vogliono ancora dieci minuti.
3. Per comprare una casa ci vuole / ci vogliono molto denaro.
4. Per vivere bene ci vuole / ci vogliono molti soldi.
5. Ci vuole / Ci vogliono ancora due fermate prima di arrivare al capolinea.
28. Completa i dialoghi con la particella ci e il verbo appropriato (essere, volere o andare).
1. Scusi, quanto tempo ................................. per la stazione?
Se va a piedi, ................................. venti minuti.
2. Sai se ................................. una farmacia in questa zona?
No, non lo so.
3. Lei va spesso al supermercato, signora?
No, ................................. una volta alla settimana.
4. Quanti mezzi ................................. per arrivare in piazza del Duomo?
Non lo so, perché io ................................. sempre a piedi.
5. All’edicola qui vicino ................................. anche giornali stranieri?
Sì, ................................. sempre.
verbi modali: indicativo presente di dovere e potere
dovere
(io)
(tu)
(lui)
(lei)
(Lei)
(noi)
(voi)
(loro)
potere
devo
devi
posso
puoi
deve
può
dobbiamo
dovete
devono
possiamo
potete
possono
* A differenza del verbo volere
girare a sinistra
voltare a destra
comprare i biglietti all’edicola
prendere l’autobus
Il verbo potere esprime due significati: “avere la possibilità di fare qualcosa” e
“avere il permesso di fare qualcosa”: Puoi venire con noi, se vuoi. Scusate,
posso fare una domanda? Per parlare di abilità o di conoscenza di lingue si
usa, invece, il verbo sapere: Marco sa giocare a tennis? Anna sa il
francese? In riferimento alla conoscenza di lingue, oltre a sapere si usano anche i verbi
parlare e conoscere: Anna sa / parla / conosce il francese.
(v. unità 4), dovere e potere
hanno solo la funzione di
verbi modali e precedono
un verbo all’infinito, che
può essere anche
sottinteso: Posso girare a
destra? Sì, puoi; Devi proprio
andare? Sì, devo.
Il verbo dovere esprime due significati: “essere obbligato a
fare qualcosa” e “avere da fare qualcosa”. Alla forma
negativa i suoi significati sono “non essere autorizzato a
fare qualcosa” e “non avere la necessità di fare qualcosa”:
Non dovete salire sull’autobus senza biglietto. Non
dovete prendere l’autobus, vi porto io in macchina.
centouno
101
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:10
Page 102
grammatica
29. Completa le frasi con la forma corretta dei verbi fra parentesi.
1. Marta (dovere) ................................. tornare presto a casa, perché non ha le chiavi.
2. Anche loro (volere) ................................. venire con noi, ma non (potere) ................................. .
3. (Volere) ................................. un caffè, signora? Grazie, ma a quest’ora non lo (potere) ................................. prendere.
4. Se tu (volere) ................................. trovare un lavoro, (dovere) ................................. cercarlo anche in altre città.
5. Scusa, (potere) ................................. aiutarmi a portare la valigia?
pronomi diretti e ne con i verbi modali e l’infinito
un supermercato?
Dove posso
trovare
Lo
La
una farmacia?
dei giornali stranieri?
Li
Le
delle cartoline?
Dobbiamo prendere due mezzi?
può trovare
Può trovarpuò trovare
Può trovarpuò trovare
Può trovarpuò trovare
Può trovar-
Sì,
* Normalmente i pronomi
lo
la
qui vicino
li
le
ne dovete prendere due
dovete prenderne due
diretti lo, la, li, le e la
particella ne precedono il
verbo coniugato. Se, però, il
verbo coniugato è seguito da
un infinito, i pronomi e la
particella ne possono unirsi a
quest’ultimo, formando con
esso una sola parola. In
questo caso l’infinito perde la
vocale finale -e:
Lo posso comprare / Posso
comprarlo.
30. Completa i dialoghi con il pronome diretto appropriato (lo, la, li, le) o la particella ne e la forma corretta
del verbo.
1. Dove posso comprare una bella borsa, Piero?
...............................................................................
2. Quante valigie posso portare?
..................................................................
3. Quando vuole leggere il giornale, dottor Marini?
.................................................................................................
subito.
4. Quanti biglietti volete prendere?
................................................................................................
cinque.
5. Dove possiamo trovare un supermercato?
.....................................................................................
in via Condotti.
soltanto una, signora.
al semaforo.
preposizioni articolate: al, allo, alla, all’
Vada fino
(a + il)
(a + lo)
(a + la)
al
allo
alla
Scenda
(a + l’)
all’
capolinea
stadio
prima fermata
angolo / incrocio
ultima fermata
*
Quando la preposizione a si combina con gli articoli
determinativi lo, l’, la e le, la consonante di questi
raddoppia. Fanno eccezione il e gli (al, agli).
Per lo schema generale delle preposizioni articolate,
v. unità 6.
31. Completa le frasi con la forma corretta delle preposizioni (semplici o articolate).
1. Devo andare ................................. edicola per comprare i biglietti dell’autobus.
2. Girate ................................. destra e poi andate dritto fino ................................. semaforo.
3. Svolti ................................. angolo e prenda la seconda traversa ................................. sinistra.
4. Per andare ................................. stadio dovete scendere ................................. capolinea e poi fare un po’ di strada
................................. piedi.
5. ................................. incrocio si deve girare ................................. destra.
102
centodue
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:10
Page 103
unità
5
forma impersonale con la particella si
Qui
si
non si
può
Ecco alcuni casi
frequenti di forma
impersonale di questo
tipo:
Come si arriva in via Mazzini?
Per il parcheggio si gira a
sinistra, vero?
Dove si va per questa strada?
Come si fa ad arrivare da qui
in centro?
Da qui alla stazione si può
andare a piedi.
stare
girare
entrare
* Questa è la forma impersonale più comune. Si costruisce premettendo la particella si
alla 3a persona singolare di un verbo non seguito da nome.
32. Completa le frasi con la forma impersonale dei verbi fra parentesi.
1. In treno (viaggiare) ................................. comodamente.
2. Per arrivare al parcheggio (girare) ................................. a sinistra.
3. Nell’autobus (stare) ................................. spesso in piedi.
4. Nel centro storico non (entrare) ................................. in macchina.
5. In questo bar (potere) ................................. stare fino a tardi.
6. Per il centro (andare) ................................. in quella direzione.
7. Scusi, come (arrivare) ................................. in piazza del Duomo?
8. Non prendo mai l’autobus perché (dovere) ................................. aspettare troppo.
9. Da questa via non (potere) ................................. passare perché c’è il senso vietato.
10. Per lo stadio (scendere) ................................. alla fermata prima del capolinea.
imperativo regolare
tu (informale)
girare
prendere
sentire
gira!
prendi!
senti!
Lei (formale)
noi
giri!
prenda!
senta!
voi (formale e informale)
giriamo!
prendiamo!
sentiamo!
girate!
prendete!
sentite!
Per i verbi in -are, la 1a e 2a persona plurale (noi e voi) sono le stesse del presente indicativo; la 2a persona singolare (tu) si
forma togliendo all’infinito la terminazione -re (girare - gira!)
Per
* i verbi in -ere e -ire, la 2a persona singolare (tu) e la 1a e 2a persona plurale (noi e voi) sono le stesse del presente
indicativo.
* La 3a persona singolare (Lei) del verbo andare è irregolare (Vada dritto).
*
33. Completa le frasi con la forma corretta dell’imperativo dei verbi fra parentesi.
1. Se volete arrivare in tempo, (prendere) ................................. un taxi.
2. (Scusare) ................................. , lo sa che non si può girare a sinistra?
3. Quando arrivi al semaforo, (girare) ................................. subito a destra.
4. Se vuoi, (leggere) ................................. pure il mio giornale.
5. Quando vai al bar, (comprare) ................................. un panino per Ugo.
6. Se non vuoi sbagliare strada, (guardare) ................................. la piantina della città.
7. Per andare al Duomo, (scendere) ................................. alla quarta fermata, signora.
8. Ragazzi, (uscire) ................................. presto, così potete vedere più cose.
9. Se non conosci il percorso, (chiedere) ................................. indicazioni a un passante.
10. Dottore, (telefonare) ................................. a Sua moglie appena possibile.
centotré
103
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:10
Page 104
sviluppiamo le abilità
comprensione scritta
34. Leggi il seguente testo e cerca di capirne il senso generale. Poi scrivi le parole che corrispondono
alle definizioni indicate.
porto urbani
am. Nelle
i autobus e i tr
gl
o
n
so
à
tt
ci
si in
può prendere
ti per muover
oli e Torino, si
ap
N
I mezzi più usa
o per
a,
om
R
glietto è valid
Milano,
bi
e
m
so
co
es
st
à,
tt
o
L
ci
i
a.
grand
ropolitan
e, al di sotto
ro”, cioè la met
vamente bass
ti
la
re
o
n
anche la “met
so
e
in ritardo e
riff
ubblici e le ta
bblici arrivano
u
p
zi
ez
m
i
tutti i mezzi p
ò,
ivo
er
pea. Spesso, p
per questo mot
e
ro
,
ti
eu
lla
ia
fo
ed
af
m
to
la
del
sono mol
la macchina,
referisce usare
ra
molta gente p
è piuttosto ca
nzina in Italia
be
la
i
D
se
.
e
le
ch
ci
an
to diffi
e in città è mol
e di punta,
e parcheggiar
el
ttutto n le or
ra
p
so
,
za
en
consegu
il livello di
ngestionato e
il traffico è co
.
da smog è alto
o
inquinamento
te, molti usan
n
se
n
ne lo co
io
ag
st
o
la
ic
o
d
om
econ
Quan
e a essere più
tr
ol
e,
ch
r
te
lo scoo
si più
ette di muover
dell’auto, perm
adino.
el traffico citt
n
te
di
en
m
ol
ev
ag
on molto gran
alcune città n
in
o
tt
u
il
tt
e
ra
Sop
o di evitar
etta è un mod
anche la bicicl
traffico.
Mezzi di tras
prezzo del biglietto
.................................
ore della giornata di grande traffico .................................
pieno di gente
.................................
presenza di smog e sostanze nocive .................................
produzione scritta
35. Paolo sta cercando una banca e chiede indicazioni di percorso a un passante. Completa il dialogo.
?
passante
Allora, può andarci con l’autobus. Con il 45,
credo.
?
Paul
.........................................................................................
No, non è molto distante da qui. Ci vuole un
quarto d’ora a piedi.
passante
Guardi, è laggiù, vicino all’edicola.
Paul
.........................................................................................
?
passante
Alla seconda fermata.
Paul
.........................................................................................
passante
Di nulla.
Paul
.........................................................................................
passante
Sì, ce n’è una in via Mazzini.
Paul
.........................................................................................
passante
Paul
.........................................................................................
passante
Vada dritto per questa via, attraversi la
piazza e al semaforo giri a sinistra.
Paul
?
?
.
Sono stanco di camminare con questo caldo.
.........................................................................................?
36. Scrivi come vai da casa tua a scuola, descrivendo la strada che fai e quali mezzi di trasporto prendi.
..................................................................................................................................................................................................................................
..................................................................................................................................................................................................................................
..................................................................................................................................................................................................................................
104
centoquattro
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:10
Page 105
unità
5
comprensione orale
1 41
37. Ascolta il dialogo guardando la
piantina del centro di Milano. Poi
segna il percorso che il signor Schatz
deve seguire per arrivare alla
Pinacoteca di Brera.
via Brera
Bonapatrte
foro
e
rmin
a
piazza
del C
del Carmine via
rit
he
S.M
arg
✖
rospero
via S
via S. P
uro
lm
piazza
della
Scala
a
rici
Cle
QUI
te
iov
ann
i su
si
Bos
via
llo
via
n
Da
S. G
i
erd
G.V
tto
e
Rov
via
via
via
via
i
largo
Cairoli
rso
via dell'O
le
via Bro
am
ltr
Be
via
i
via Cusan
via
Castello
Sforzesco
Pinacoteca
di Brera
via
ta
egre
.M.S
piazza
Cordusio
re
O
i
fic
1 41
piazza
Duomo
38. Ascolta ancora una volta il dialogo e
verifica se il percorso da te segnato è
corretto.
produzione orale
39. Lavorate in coppia. Guardate attentamente la piantina dell’esercizio 37.
A turno, chiedete e date indicazioni di percorso seguendo le tracce
indicate.
1
G Tu sei un turista. Sei in via Clerici e vuoi andare a vedere il Castello
Sforzesco; chiedi a un passante qual è il percorso da
seguire per arrivarci.
I Tu sei il passante; dai le informazioni richieste guardando
la pianta.
G Immagina di vivere nel centro di Milano; scegli un
indirizzo.
2
I Vuoi andare a casa di G: lo / la chiami dal telefono
pubblico segnato sulla piantina e chiedi a lui / a lei
informazioni sul percorso da seguire.
G Dai le informazioni richieste.
centocinque
105
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:10
Page 106
mondo italiano
Piazza del Campo a Siena
Piazza Navona a Roma
1. Leggi i seguenti testi e cerca di capirne il senso generale. Se ti serve aiuto,
chiedilo all’insegnante.
Città italiane
GLOSSARIO
sorgono: sono situate
conservano: hanno
ancora oggi
presenta: ha
isolati: gruppi di edifici
circondati da strade
fondate: costruite
evocano: ricordano
si affacciano: stanno di
fronte a
si sviluppa: è costruita
raduni: riunioni
La maggior parte delle città
italiane ha origini millenarie:
spesso sorgono su antiche città
romane e ne conservano alcuni
elementi. La pianta di una tipica
città romana è di forma
rettangolare, presenta due strade
principali e una serie di strade
più piccole che si incrociano e la
dividono in isolati regolari; la
città è inoltre circondata da mura in cui si aprono delle porte. Questo schema è tuttora visibile
in città fondate in epoca romana, come Torino e Pavia.
L’Italia è ricca di città d’arte, che evocano l’atmosfera non solo di un’antica città romana, ma
anche medievale, rinascimentale o barocca.
La struttura di alcune città dipende invece dal territorio su cui sorgono. Questo è evidente in
città come Genova o Napoli, che si affacciano su un golfo, o Venezia, che si sviluppa su 118
piccole isole, divise da 177 canali e collegate da circa 400 piccoli ponti.
Il centro storico e la piazza
Come il centro della vita politica, sociale, economica della città romana è il foro, cioè la piazza
centrale, così il cuore della maggior parte delle città italiane è rappresentato dalla zona più
antica, il centro storico, dove si trovano in genere i palazzi e i monumenti principali. Qui
sorgono una o più piazze, sede del potere civile (il Municipio), della fede (la chiesa Cattedrale)
e del popolo, che le usa per mercati, feste e raduni.
Alcune piazze costituiscono uno scenario quasi intatto delle diverse epoche della città.
• Piazza del Campo è il cuore della città di Siena. Per la sua forma a conchiglia, per i palazzi che
vi si affacciano, è sicuramente la più bella piazza medievale d’Italia.
• Tra le molte piazze di Torino, piazza Castello è quella che maggiormente conserva l’impronta del
passato. Al centro, c’è palazzo Madama, prima porta romana, poi fortezza medievale e
successivamente dimora reale. La piazza è circondata su tre lati da portici.
• Piazza Navona è la più bella piazza barocca di Roma. La sua forma è quella di un antico
stadio romano. Al centro, la fontana dei Quattro Fiumi, realizzata da Gian Lorenzo Bernini.
106
centosei
P
97888424800198_091_108:unit5
11.06.09
19:10
Page 107
unità
5
Palazzo Madama a Torino
2. Leggi ancora una volta il testo e prova a scoprire l’equivalente delle seguenti
parole nella tua lingua.
1. si incrociano = .............................................
2. gli isolati = .....................................................
3. le mura = ........................................................
4. i ponti = ..........................................................
5. il cuore = ........................................................
6. la conchiglia = ..............................................
7. l’impronta = ..................................................
8. medievale = ...................................................
9. rinascimentale = .........................................
3. Basandoti sui testi che hai letto, decidi quale delle due affermazioni è corretta.
1. La struttura delle città di origine romana è di forma…
a rettangolare. b circolare.
2. Il centro storico è…
a la piazza principale di una città. b la parte più antica di una città.
3. La sede del potere civile è…
a il Municipio. b la Cattedrale.
4. Descrivi in italiano alcune differenze fra le città italiane e quelle del tuo paese.
centosette
107
97888424800198_091_108:unit5
unità
5
11.06.09
19:10
Page 108
verifichiamo le abilità
comprensione scritta
1. Completa il dialogo fra un automobilista e un vigile urbano con le parole indicate.
Scusi, ................................. si ................................. a Villa Borghese? Posso girare a sinistra?
No, in quella direzione non si ................................. andare, perché ................................. senso vietato.
Allora dove devo ................................. ?
................................. avanti ancora per cento metri e dopo il semaforo .................................
ci sono
può giri c’è
a destra.
arriva come è
automobilista Alla prima o alla ................................. ?
vada seconda andare
vigile
Subito alla ................................. a destra.
prima girare (x 2)
automobilista Bene, ma dopo dove devo ................................. ?
dentro
vigile
Deve ................................. a sinistra per entrare ................................. villa Borghese.
parcheggio
automobilista C’è un ................................. per mettere l’auto, vero?
vigile
Sì, .................................; è grande e ................................. sempre posti liberi.
automobilista
vigile
automobilista
vigile
PUNTI
15
PUNTI
3
produzione scritta
2. Disponi le parole nel corretto ordine per formare frasi complete.
1. Margaret / capolinea, / scendere / al / deve / ultima / cioè / fermata. / all’
....................................................................................................................................................................................................
2. non / biglietto / può / Senza / sull’ / si / salire / autobus.
....................................................................................................................................................................................................
3. come / Scusi, / stazione? / ad / faccio / alla / arrivare
....................................................................................................................................................................................................
3. Scegli sei luoghi della tua città e scrivi una frase su ognuno di essi.
1. ...........................................................................................................
4. ...........................................................................................................
2. ...........................................................................................................
5. ...........................................................................................................
3. ...........................................................................................................
6. ...........................................................................................................
comprensione orale
PUNTI
6
PUNTI
2
a
b
1 42
4. Ascolta i due dialoghi e associali alle
immagini corrispondenti.
1
2
produzione orale
5. Rispondi alle seguenti domande:
t per
girare in città usi di solito l’autobus o la macchina, oppure vai a piedi?
t nella
tua città il biglietto si deve acquistare prima di salire su un mezzo pubblico? Se no, come si fa?
t nella
tua città i biglietti dell’autobus o della metro sono cari o abbastanza economici?
t quando
non sai che strada devi prendere, preferisci chiedere informazioni a un passante
o guardare la piantina della zona?
PER OGNI RISPOSTA CORRETTA: PUNTI 1 • PER OGNI RISPOSTA ERRATA: PUNTI 0 • PER OGNI RISPOSTA NON DATA: PUNTI 0
108
centootto
PUNTI
PUNTEGGIO FINALE
4
30
Fly UP