...

ClassifiCazione dei livelli di qualità delle superfiCi

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

ClassifiCazione dei livelli di qualità delle superfiCi
Riempimento dei giunti e finitura nei sistemi a secco
Classificazione dei livelli
di qualità delle superfici
Bd. S. Dupuis, 233 Bte 124
B-1070 Brussels, Belgium
Tel. (32) 2 521 38 90
Premessa
Questo documento è stato realizzato congiuntamente dall’UEEP (l’Unione Europea degli imprenditori per l’intonacatura, i rivestimenti
a secco, gli stucchi e le attività connesse) ed Eurogypsum. Esso descrive quattro livelli di riempimento dei giunti e di finitura di superfici in cartongesso da eseguirsi prima dell’applicazione di specifiche soluzioni decorative finali. La classificazione del livello di qualità
delle superfici di pareti e soffitti varia secondo la soluzione decorativa finale da applicarsi e può dipendere anche dalla loro posizione
all’interno dell’edificio e dal tipo d’illuminazione che colpisce la superficie stessa.
L’obiettivo di tali classificazioni è introdurre un manuale europeo sui livelli di qualità delle finiture di pannelli in cartongesso da applicarsi in tutta Europa, adattando le linee guida ai requisiti dei singoli paesi. Inoltre, si intende altresì incoraggiare architetti, costruttori
e proprietari di edifici a guardare a superfici rifinite secondo parametri adeguatamente concordati e a intensificare il risultato del trattamento decorativo finale, assicurandosi così un cliente soddisfatto.
Il procedimento finale di finitura del cartongesso (livello 4) è chiamato rasatura a gesso, un’arte piuttosto difficile da padroneggiare. La
rasatura a gesso è un metodo che permette a una superficie resa liscia e levigata di essere pronta a ricevere il trattamento decorativo,
o di essere essa stessa una superficie decorativa con intonaci colorati. La rasatura a gesso ha in sé molti dei vantaggi della finitura
tradizionale, a cui si aggiunge un’esecuzione rapida sul posto.
La rasatura a gesso è conosciuta nel Regno Unito e in Irlanda, dove capaci intonacatori e montatori di pareti in cartongesso dominano
quest’arte, tuttavia ancora sconosciuta nella maggior parte dei paesi europei.
Oltre a rappresentare il futuro della finitura del cartongesso, la rasatura (livello Q4) apporta valore alle condizioni di lavoro dei lavoratori edili, evitando sabbiature e consentendo l’uso di macchine spray per la rasatura a gesso, riducendo pertanto il rischio di disturbi
muscolo-scheletrici sul lavoro. Essa inoltre fornisce ulteriori e innovative competenze a intonacatori e montatori di pareti in cartongesso, permettendo loro di diventare esperti in vari campi legati all’intonacatura e alla finitura del cartongesso. Ciò conferisce loro un
reale vantaggio in termini di flessibilità sul mercato del lavoro.
L’obiettivo è pertanto quello di far diventare il livello di qualità 4 della superficie, o rasatura, lo standard nella finitura del cartongesso.
Nel promuovere la migliore finitura per superfici ci attendiamo non solo di generare soddisfazione nel cliente finale e conferire pregio
all’imprenditore, ma anche di creare una numero significativo di professionisti esperti nell’attività d’intonacatura.
Jean-Pierre Clavel
Philippe Eymery
President EurogypsumPresident UEEP
R i e m p i m e n to   d e i   g i u n t i   e   f i n i t u r a   n e i   s i s t e m i   a   s e c c o   |   C l a s s i f i c a z i o n e   d e i   l i v e l l i   d i   q u a l i tà   d e l l e   s u p e r f i c i
Introduzione
Questo documento si riferisce all’installazione dei sistemi a secco.
Tradizionalmente la qualità della superficie è giudicata in modo soggettivo. Questo documento provvede a chiarire la definizione di
finitura di qualità, consigliando applicazione e criteri per valutare il risultato.
In relazione all’uso di questo documento, i materiali utilizzati, le loro tolleranze dimensionali e i diversi livelli di lavorazione devono
essere considerati nella pianificazione del lavoro.
Se si considerano i giunti di lastre in gesso rivestito, quattro livelli di qualità sono stati descritti:
Livello di qualità 1 (Q1)
Livello di qualità 2 (Q2)
Livello di qualità 3 (Q3)
Livello di qualità 4 (Q4)
La luce (naturale o artificiale) con particolari angolazioni può pregiudicare l’aspetto superficiale.
Idealmente è necessario conoscere in anticipo le condizioni di illuminazione che si utilizzeranno. Non è consentito l’impiego di sorgenti luminose dirette per valutare la qualità della superficie. Oltre a ciò, bisogna considerare i limiti derivanti da una lavorazione di tipo
manuale. E’ impensabile realizzare delle superfici perfettamente lisce e prive di qualsiasi ombra.
Il livello di qualità superficiale deve essere pianificato e prescritto.
Termini come “pronto per essere verniciato”, “pronto per essere rasato ” e altre frasi simili non sono adatti per descrivere il livello di
qualità richiesto. Per garantire che la qualità attesa dalla finitura superficiale sia compresa da tutti, i termini specifici Q1, Q2, Q3 e Q4
devono essere utilizzati in tutto il documento.
Se non ci sono specifiche richieste di qualità si presume che il livello richiesto sia quello standard Q2
2 3
R i e m p i m e n to   d e i   g i u n t i   e   f i n i t u r a   n e i   s i s t e m i   a   s e c c o   |   C l a s s i f i c a z i o n e   d e i   l i v e l l i   d i   q u a l i tà   d e l l e   s u p e r f i c i
Q1 Livello di qualità 1
Il riempimento di base del giunto tra le lastre in gesso rivestito (livello Q1) è sufficiente per superfici che non devono soddisfare richieste
di finiture decorative.
La realizzazione del giunto secondo il livello Q1 comprende:
> il riempimento del giunto tra lastre in gesso rivestito
> la copertura della parte visibile degli elementi di fissaggio (viti)
Lo stucco in eccesso dovrebbe essere rimosso. Le imperfezioni della superficie, quali segni lasciati dalle spatole, solchi e creste, sono
permesse.
Il riempimento di base include il nastro d’armatura che è usato per coprire e rinforzare la superficie del giunto, purché ciò sia richiesto
dal sistema scelto per la stuccatura (stucco, tipo di bordo della lastra).
Q2 Livello di qualità 2
Il riempimento del giunto e la finitura secondo il livello di qualità 2 (Q2) soddisfa ai requisiti standard per pareti e controsoffitti in
lastre.
L’obiettivo principale di questo livello di qualità è la planarità tra la superficie del giunto e quella della lastra, in modo da fornire una
continuità tra le due superfici. Gli stessi criteri si applicano anche ai fissaggi, agli angoli alle spalle ed elementi di collegamento.
Il riempimento del giunto e la finitura secondo il livello Q2 comprendono:
> il riempimento di base (Q1)
> una finitura che realizzi una transizione continua tra giunto e lastra, includendo la carteggiatura del giunto se necessario.
I segni delle spatole o creste non possono essere totalmente evitati.
Questa tipo di superficie è adatta per esempio a:
> rivestimenti di pareti mediamente lisci o ruvidi, ad esempio carta da parati colorata o carta da parati standard
> rivestimenti / pitture opache, coprenti, con finitura media e grezza, applicati a mano a spugna o a rullo
> rivestimenti di finitura (con dimensioni delle particelle > 1 mm), come raccomandato dal produttore per lo specifico sistema in
lastre
Quando il Livello di qualità 2 è usato come base per i rivestimenti di finitura i segni delle spatole non possono essere totalmente evitati,
specialmente sotto l’effetto di luce radente. Questi effetti possono essere ridotti realizzando il lavoro secondo il livello di qualità 3.
4 5
R i e m p i m e n to   d e i   g i u n t i   e   f i n i t u r a   n e i   s i s t e m i   a   s e c c o   |   C l a s s i f i c a z i o n e   d e i   l i v e l l i   d i   q u a l i tà   d e l l e   s u p e r f i c i
Q3 Livello di qualità 3
Se sono richiesti livelli di qualità superiori al Q2, sono necessarie operazioni supplementari.
Il riempimento del giunti e la finitura secondo il livello di qualità 3 (Q3) generalmente comprendono:
> Riempimento del giunto e finitura secondo il livello Q2, più:
> fascia di stuccatura più larga ed esecuzione di un sottile velo di rasatura su tutta la superficie della lastra, al fine di chiudere i pori
della carta ed uniformare l’assorbimento.
Creste e solchi non sono permessi. Anche in questo caso sotto l’effetto della luce radente dei leggeri segni rimarranno visibili e non
potranno essere totalmente eliminati. Tuttavia la rilevanza e la dimensione di tali segni sono ridotti rispetto al livello Q2.
Questo tipo di finitura superficiale è adatto per esempio a:
> rivestimenti a grana fine
> rivestimenti / pitture opache e fini
> rivestimenti di finitura (con dimensioni delle ‘particelle, minori di 1 mm)
Q4 Livello di qualità 4
Se sono richieste superfici finali di livello estremamente elevato, la superficie della parete deve essere completamente ricoperta con
uno strato di adeguato rasante o stucco.
Il livello di Qualità 4 comprende:
> riempimento del giunto e finitura secondo il livello Q2, più:
> rasatura completa della superficie delle lastre con un adeguato materiale (spessore minimo >1 mm).
Questo tipo di finitura superficiale è adatta a:
> rivestimenti per pareti lisci o lucidi, come carta da parati base metallo o vinilica
> spugnati, vernici o strati di finitura a media lucentezza
> speciali rivestimenti, marmorino, stucco o finiture decorative specialistiche.
La rasatura a spessore soddisfa i più elevati requisiti di finitura, secondo questo livello di qualità deve minimizzare la presenza di qualsiasi segno o traccia sulla superficie e sui giunti della parete. Si dovranno evitare in gran misura gli effetti indesiderati della luce (luce
radente) sull’aspetto della superficie finita, come ad esempio ombreggiature che cambiano o piccoli segni localizzati.
Tuttavia questi effetti indesiderati non possono essere totalmente eliminati perché la luce naturale, in particolare, può variare ed il
suo effetto è difficile da prevedere. In linea di principio, le condizioni di luce previste devono essere pianificate prima di iniziare le
operazioni di rasatura. Meglio ancora se tali condizioni sono presenti già al momento della rasatura. Oltre a questo, bisogna tenere in
considerazione i limiti derivanti da una lavorazione manuale in cantiere. Non si possono realizzare superfici rasate che siano assolutamente lisce e prive di qualsiasi ombra.
A seconda del sito si raccomanda di effettuare uno studio o area di prova della superficie Q4 di dimensioni sufficienti in condizioni di
illuminazione finale. Questo lavoro deve essere richiesto e pagato a parte dal cliente.
In specifici casi può essere necessario eseguire procedure supplementari per il pretrattamento della superficie della parete, ad
esempio:
> rivestimenti lucidi
> rivestimenti a smalto
> carte da parati lucide
6 7
R i e m p i m e n to   d e i   g i u n t i   e   f i n i t u r a   n e i   s i s t e m i   a   s e c c o   |   C l a s s i f i c a z i o n e   d e i   l i v e l l i   d i   q u a l i tà   d e l l e   s u p e r f i c i
Considerazioni in fase di progettazione ed esecuzione:
Il riempimento dei giunti e la finitura devono essere effettuati in conformità alla norma europea EN 13963.
La scelta del tipo più adatto di stucco o di metodo di finitura, in particolare l’utilizzo del nastro di rinforzo per giunti, dovrebbe essere
basata su:
> tipologia costruttiva, esempio singolo paramento o paramento doppio
> spessore delle lastre e tipologia di bordo
> condizioni climatiche in cantiere
> tipo di rivestimento, ad esempio intonaci, piastrelle, pitture o altri rivestimenti.
Questi fattori dovrebbero chiaramente essere presi in esame durante la fase di progettazione.
Le condizioni climatiche sul cantiere devono essere considerate per quanto riguarda la temperatura e umidità relativa.
Per ottenere i livelli di qualità Q2, Q3 e Q4 è fondamentale rispettare i tempi di asciugatura consigliati tra le diverse fasi di applicazione.
Rivestimenti come pitture, carta da parati o intonaco possono essere applicati solo dopo che lo stucco o il prodotto di finitura hanno
fatto presa e completamente essiccato.
Materiale di rivestimento aggiuntivo (come un primer), compatibile sia con il sottofondo della parete che con il rivestimento di finitura
può essere necessario e applicato dall’applicatore. Questa operazione deve essere considerata anche in casi di lavori di ripristino.
8 9
Considerazioni e specifiche
Per la realizzazione del progetto è essenziale definire la finitura o il rivestimento finale durante la fase di pianificazione, in modo da
prevedere e specificare la qualità della superficie richiesta (vedere Considerazioni in fase di progettazione ed esecuzione). Il progettista
deve definire il livello di qualità, tenendo in considerazione il rivestimento finale e le condizioni di luce in uso.
Il livello di qualità richiesto e, ove necessario, il tipo di applicazione della finitura dovrebbero essere specificati e concordati nel contratto d’appalto. Il livello Q4 dovrebbe essere realizzato nelle condizioni di illuminazione reali previste quando si utilizzerà l’edificio.
Questo deve essere dichiarato nelle specifiche (vedi Q4).
Gli esempi forniti per l’utilizzo dei tipi di finitura citati sopra nelle definizioni dei livelli di qualità Q2, Q3 e Q4 devono essere considerati
solamente come esempi. Essi dovrebbero essere chiaramente definiti. Una descrizione in generale è insufficiente in certi casi, caratteristiche speciali del rivestimento o della finitura finale e l’aspetto della parete nelle condizioni reali di utilizzo applicata dovrebbero
essere tenute in conto nella pianificazione e nella fase di prescrizione.
Il livello Qualità 3 dovrebbe essere abbinato ai più elevati requisiti di planarità, in conformità alle norme o linee guide europee o nazionali.
Il livello Qualità 4 deve essere abbinato ai più elevati requisiti di planarità, in conformità alle norme o linee guide europee o nazionali..
Perciò è raccomandato anche usare anche sistemi a doppio strato.
Termini come “pronto per essere verniciato”, “pronto per essere rasato” o altri termini generici di questo tipo sono totalmente inadatti
per descrivere il livello di qualità richiesto. Per garantire la qualità attesa in termini di finitura superficiale comprensibile da tutti, si
devono quindi utilizzare solo i termini Q1, Q2, Q3 o Q4.
Se non ci sono adeguate prescrizioni di progetto, come detto prima, allora si stabilisce il livello di qualità Q2 come livello standard per
l’applicazione.
References
EN 13 963
Materials for Filling and Finishing Gypsum Wallboard Joints – Definitions, Requirements and Test Methods 
Produits pour l’enduisage des joints de plaques de plâtre – Définitions, exigences et essais 
Materialien für das Verspachteln von Gipsplatten-Fugen – Definitionen, Anforderungen und Prüfverfahren 
R i e m p i m e n to   d e i   g i u n t i   e   f i n i t u r a   n e i   s i s t e m i   a   s e c c o   |   C l a s s i f i c a z i o n e   d e i   l i v e l l i   d i   q u a l i tà   d e l l e   s u p e r f i c i
Level
Q1
Q2
Q3
Q4
Livello di finitura
Superfice del giunto
Superficie omogenea
per le esigenze normali
Superficie liscia per
maggiore esigenze
visive
Superficie omogenea
per esigenze di elevata
finitura.
Specifiche estetiche
No.
Normale
Elevata. Poche tracce
e segni visibili sotto
l’effetto di luce diretta.
Sotto l’effeto di luce
radente le obreggiature
saranno visibili.
Migliore. Quasi
completa eliminazione
di tracce e segni. Le
ombreggiature da luce
radentente su grandi
superfici saranno in gran
parte eliminate.
Specifiche di
applicazione
I giunti vengono
realizzati con l’apposito
nastro
Il riempimento e la
finitura del giunto per
ottenere una superficie
planare e continua con
la lastra, se necessario
carteggiare.
Il riempimento del
giunto come da livello
(Q2), più una rasatura
completa della lastra
con una rapida passata
della spatola ( Per
chiudere i pori del
cartone della lastra)
Riempimento e finitura
del giunto come da
livello (Q2) più rasatura
completa della lastra
con spessore minimo di
1 mm.
Finitura superficila e
conformità
Adatto solo per
applicazioni funzionali,
come la stabilità,
resistenza al fuoco e
isolamento acustico.
Esempio riempimento
del giunto del primo
strato di lastre o sotto il
rivestimento di piastrelle
o intonaci di elevato
spessore.
Rivestimenti di pareti
mediamente lisci o
ruvidi, rivestimenti /
pitture opachi, coprenti,
con finitura media e
grezza, rivestimenti di
finitura (con dimensioni
delle particelle > 1
mm).
rivestimenti a grana
fine, rivestimenti /
pitture opache e fini,
rivestimenti di finitura
(con dimensioni
delle‘particelle < 1 mm)
Rivestimenti per
pareti lisci o lucidi,
ad esempio carta da
parati base metallo
o vinilica, spugnati,
vernici o strati di finitura
a media lucentezza,
stucco spatolato o simili
tecniche di finitura.
Requirements for
flatness
10 11
www.ueep.eu
Bd. S. Dupuis, 233 Bte 124
www.eurogypsum.org
B-1070 Brussels,
Belgium
Tel. (32) 2 521 38 90
Fly UP