...

Cari amici, finalmente e` arrivata l`Estate! Nel momento in cui scrivo c

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Cari amici, finalmente e` arrivata l`Estate! Nel momento in cui scrivo c
COMITATO DI REDAZIONE:
REDAZIONE DEL NEWSLETTER:
Mario Gonano
[email protected]
P.le G.Miani, 133047 REMANZACCO (UD)
Tel: +39 0432 668 176
LUGLIO - AGOSTO 2006 N.73
IL TUO NEGOZIO DI FIDUCIA
Strada statale 13, numero 145/11
CAMPOFORMIDO (UD)
Tel 0432/ 652609
ASSOCIAZIONE FRIULANA DI ASTRONOMIA E METEOROLOGIA
EDITORIALE
Cari amici,
finalmente e’ arrivata l’Estate!
Nel momento in cui scrivo c’e’ un
caldo canicolare (la colonnina e’
arrivata a 34 gradi all’ombra) che
mi fa sognare le fresche serate
osservative di alta montagna.
Caldo a parte, quale periodo
migliore di questo per poter
ammirare le bellezze del cielo?
Giove brilla ancora abbastanza
alto nel cielo della sera; la Via
Lattea attraversa il cielo da
Cassiopea
al
Sagittario,
permettendoci di osservare una
moltitudine di oggetti celesti
interessanti.
Perchè
non
approfittare dunque delle vacanze
per fare un po’ di turismo
astronomico?
Proprio
in
occasione dei mesi estivi, il
Consiglio Direttivo dell’AFAM
ha deciso di assecondare il
desiderio manifestato da parte di
vari soci, di poter svolgere un
maggior numero di spedizioni
osservative in montagna. Chi
fosse interessato può trovarci ogni
sabato pomeriggio (le conferenze
quindicinali del venerdì sono
sospese fino a Settembre, come da
tradizione) dalle 15 alle 17 circa
presso la specola di Remanzacco;
potremo così concordare le
modalità di queste simpatiche gite
“sotto le stelle”, che normalmente
vengono organizzate nei periodi
di Luna nuova, ed hanno come
destinazione
varie
località
montane della nostra regione
(Canebola, Subit, Matajur,
Pagina 1 di 6
CALENDARIO DELLE ATTIVITA’
GIOVEDI’ 6 LUGLIO ORE 21
SABATO 12 AGOSTO ORE 21
(IN CASO DI MALTEMPO
RINVIATA A VENERDI’ 7)
Serata osservativa organizzata in
collaborazione con la Cooperativa
Damatrà presso la corte interna
del Municipio di Manzano.
Serata osservativa pubblica per le
stelle cadenti (lacrime di San
Lorenzo) presso il campo sportivo
di Cerneglons.
SABATO 15 LUGLIO ORE 21
Serata osservativa itinerante.
Ritrovo presso la sede di
Remanzacco e scelta del luogo
dove compiere le osservazioni.
SABATO 22 LUGLIO ORE 21
Serata osservativa pubblica a
Ravascletto in Carnia organizzata
in collaborazione con la locale
Pro-Loco.
GIOVEDI’ 10 AGOSTO ORE 21
Serata
osservativa
a
Montemaggiore
di
Savogna
(Matajur) in occasione della sagra
di S.Lorenzo.
VENERDI’ 25 AGOSTO ORE 21
Serata osservativa itinerante.
Ritrovo presso la sede di
Remanzacco o scelta del luogo
dove compiere le osservazioni.
VENERDI’
ORE 21:15
22
SETTEMBRE
Conferenza pubblica di V.Santini
su: “Fenomeni celesti autunnali”
presso la sede di Remanzacco.
GIOVEDI’ 28 SETTEMBRE ORE
21:15
Serata osservativa pubblica presso
la specola di Remanzacco.
(segue da pag.1)
Zoncolan, Monte Crostis, ecc.).
Ricordo che le persone di
riferimento
all’interno
del
Consiglio Direttivo per queste
iniziative
sono:
Giorgio
Gasparini, Mario Gonano e
Federico Zucchetto).Il prossimo
appuntamento di questo genere è
stato fissato per il 15 Luglio
(ritrovo alle ore 21 presso la
Sede). Se invece volete farci
compagnia
nelle
serate
osservative pubbliche, vi ricordo
che il 6 Luglio (in caso di
maltempo il 7 Luglio) saremo
presenti a Manzano (corte interna
del Municipio) dalle ore 21 per
una manifestazione astronomica
organizzata in collaborazione con
la Cooperativa Damatrà. La sera
del 22 Luglio saremo a
Ravascletto,
dove
abbiamo
organizzato una serata osservativa
pubblica con la locale Pro-Loco
(informazioni in Sede o sul
posto). Il 10 Agosto saremo a
Montemaggiore di Savogna (M.te
Matajur)
per
una
serata
osservativa in occasione della
sagra di S. Lorenzo, mentre il 12
Agosto ci troverete presso il
campo sportivo di Cerneglons
(Comune di Remanzacco) per la
tradizionale serata osservativa
delle stelle cadenti; infine il 28
Settembre si terrà una serata
osservativa pubblica presso la
specola di Remanzacco. Lo StarParty
dell’AFAM
verra’
organizzato
agli
inizi
del
prossimo autunno, sperando di
poter già usufruire della nuova
struttura osservativa sul Monte
Matajur.
Buone
vacanze
(e
buone
osservazioni)!
Il Presidente
Giovanni Sostero
Sopra, immagine del cratere
Plato e della Vallis Alpes
realizzata lo scorso 6 maggio
con una Toucam Pro e un
Celestron 8 da L.Monzo
Pagina 2 di 6
DIVULGAZIONE
di Claudio Cecotti
Una volta tanto parliamo di
attualità. Lo scorso 28 maggio si è
svolta ad Aiello la sesta edizione
della Festa delle Meridiane.
Ormai non c’è manifestazione in
Friuli che non conosca una vasta
kermesse di proposte, dai vini alle
grigliate, dai mercatini ai concerti
e quant’altro. Ciò non toglie che
l’elemento focale della festa in
parola sono e rimangono le
meridiane. L’idea di Aurelio
Pantanali,
promotore
della
manifestazione e presidente della
locale associazione culturale
Navarca, è stata quella di
celebrare l’inaugurazione delle
nuove meridiane che sempre più
numerose decorano le facciate e
le piazze di Aiello e della vicina
frazione di Joannis. Ormai il
numero di questi strumenti
dedicati alla misura del tempo è
tale che si ha una meridiana ogni
cinquanta abitanti e fa sì che
Aiello
possa
definirsi
legittimamente “Il paese delle
meridiane”, come del resto indica
il sito internet che gli si riferisce
(www.ilpaesedellemeridiane.com)
.
Lo
svolgimento
della
manifestazione è stato architettato
con una puntigliosa regia.
Qualche giorno prima della festa
viene convocata una commissione
di “esperti” per un primo voto sui
manufatti.
La
commissione,
composta da cinque persone in
rappresentanza
di
diverse
categorie (insegnanti, fotografi,
pittori, architetti, astrofili) visiona
le nuove meridiane e ciascun
componente esprime un voto di
preferenza. Le attività del giorno
della festa vera e propria sono più
complesse.
A
parte
le
manifestazioni
di
tipo
commerciale che invadono il
Cortile delle Meridiane e buona
parte
del
paese,
vengono
organizzate mostre di vario tipo
(quest’anno una mostra di merletti
ed una mostra fotografica
presentata da Babak Tafreshi,
capo redattore di Nojum, rivista di
astronomia di Tehran) mentre la
mattinata è contrassegnata da una
serie di miniconferenze di tema
gnomonistico. Nel pomeriggio si
ha la cerimonia di inaugurazione
delle nuove meridiane con
votazione finale da parte del
numeroso pubblico intervenuto e,
quindi, con premiazione della
meridiana
più
votata.
Le
meridiane dunque riscuotono
ancora interesse nell’epoca dei
cronometri di alta precisione.
Questo dimostra che al di là
dell’interesse per le moderne
tecnologie gli uomini conservano
ancora l’attaccamento a cose che
li legano al mondo naturale. Così
la meridiana rappresenta un ponte
fra il passato ed il presente. La
necessità di conoscere l’ora, resa
sempre pressante da una vita
frenetica che spesso perde la
dimensione umana, si concilia in
essa con il rapporto con il Sole e
con i motti sulla natura del tempo
e sulla nostra vita. L’avvento
degli orologi meccanici da noi
non ha ucciso le meridiane perché
spesso le seconde servivano a
correggere
periodicamente
i
malfunzionamenti dei primi. Qui
le tecnologie sono nate e cresciute
con tutti i pregi ed i difetti delle
cose nuove, da noi si è imparato a
diffidare di certe novità, non per
pregiudizio ma perché le fasi
iniziali di nuove tecniche hanno
sempre dimostrato un certo grado
di fallacia e la necessità di
correzioni. Così gli orologi
meccanici da campanile venivano
accoppiati a meridiane che
servivano alla loro periodica
regolazione. Diverso è stato il
processo nei paesi orientali:
l’assoluta fiducia nelle invenzioni
degli occidentali ha portato
all’abbandono, quando non anche
alla distruzione, delle meridiane
esistenti ed alla perdita della
cultura ad esse connessa. Ma cosa
importante delle meridiane, che a
mio
avviso
viene
spesso
trascurata, è la sua funzione
didattica dal punto di vista
dell’astronomia
elementare.
Seguendo le varie posizioni
dell’ombra dello gnomone nel
corso dell’anno e registrando le
costellazioni che transitano in
meridiano 12 ore dopo possiamo
agevolmente
stabilire
la
declinazione e l’ascensione retta
del Sole. Un altro elemento che
viene
spesso
trascurato
è
l’equazione
del
tempo.
Il
mezzogiorno solare vero si ha
quando il Sole passa per il
meridiano della località in cui ci
troviamo. In quell’istante l’ombra
proiettata da uno stilo verticale è
Pagina 3 di 6
rivolta in direzione sud - nord.
Ora è facile verificare che
quell’istante più spesso non
coincide con il mezzogiorno
medio segnato dall’orologio. La
differenza
giornaliera,
sia
negativa che positiva, si accumula
e solo quattro volte all’anno i due
mezzogiorni
coincidono.
La
misura di questa differenza è
dovuta a due ragioni che è
difficile
separare:
una
è
l’inclinazione dell’orbita terrestre
rispetto l’equatore, l’altra è
l’ineguale
movimento
di
rivoluzione della Terra. Per
quanto riguarda il primo punto c’è
da osservare che se l’orbita della
Terra
fosse
perfettamente
circolare (e quindi percorsa dal
nostro pianeta con velocità
uniforme) ma inclinata rispetto
l’equatore, così come lo è, la
proiezione sull’equatore celeste
degli
spostamenti
apparenti
giornalieri del Sole non sarebbe
sempre uguale. Infatti l’orbita
apparente
taglierebbe
obliquamente i meridiani che
sono archi di circonferenza
divergenti a partire dai poli,
pertanto i tratti di orbita delimitati
dall’incrocio con coppie di
meridiani
equidistanti
(per
esempio)
non
risulterebbero
costanti.
Una semplice verifica che si può
fare anche su un piccolo globo
domestico permette di vedere che
tali tratti risultano massimi in
prossimità dell’equatore e minimi
quando il Sole raggiunge i tropici.
Quindi
a
percorsi
uguali
sull’orbita non corrispondono
percorsi uguali in ascensione
retta, da qui la differenza fra
mezzogiorno medio (che tiene
conto del moto di un Sole che
percorre di moto uniforme
l’equatore
celeste)
ed
il
mezzogiorno vero (che tiene
conto del moto apparente del Sole
fra le stelle). Per quanto possa
sembrare
strano il
fattore
inclinazione comporta ben 9m 50s
(in più od in meno) di equazione
del tempo; l’equazione totale del
tempo (che include quindi anche
l’effetto dovuto alla forma
ellittica dell’orbita
terrestre)
raggiunge invece un valore
massimo positivo di 16m 30s e
massimo negativo di 14m e 19s.
Il mio indirizzo e-mail è:
[email protected]
Sotto,
immagine
dei
partecipanti e degli strumenti
presenti nell’ultima
serata
itinerante svoltasi a Subit
VITA DI ASSOCIAZIONE
di Giovanni Sostero
Il mese di Giugno e’ iniziato con
un appuntamento classico, ovvero
l’apertura dell’Osservatorio il
giorno 1, in concomitanza con la
festa di fine anno scolastico delle
scuole di Remanzacco. Purtroppo
le condizioni meteorologiche
erano pessime, così ci si e’ dovuti
limitare ad una visita alla specola;
abbiamo concordato con gli
organizzatori
di
ripetere
l’iniziativa a Settembre, all’inizio
del nuovo anno scolastico. Il
giorno 9 si e’ tenuta presso la
Sede una interessante conferenza
di G. De Donà (tesoriere UAI) il
quale ci ha parlato delle possibili
influenze dovute alla Luna nel
nostro vivere quotidiano, di cui
abbondano i racconti nelle
tradizioni popolari (taglio dei
capelli, semina e raccolto,
imbottigliamento dei vini, ecc.):
la relazione e’ stata davvero
avvincente, oltre che rigorosa, ed
ha appassionato le oltre quaranta
persone presenti (numerosi ospiti
nuovi,
grazie
probabilmente
all’ampio
interesse
dell’argomento trattato ed al
trafiletto pubblicato gentilmente
sul Messaggero Veneto dal
corrispondente di Remanzacco,
Davide Accarini). Il giorno 23 si
e’ tenuta la serata osservativa
itinerante per i Soci dell’AFAM:
vi hanno preso parte diverse
persone (cordinatore del gruppo
F. Zucchetto) che si sono recate
ad osservare a Subit, dove hanno
trovato un buon cielo. Per quanto
concerne l’attività di ricerca, sono
continuate le sessioni osservative
sia da Remanzacco (A. Lepardo,
V. Santini, M e V. Gonano ed il
sottoscritto) che dal New Mexico
(E. Guido) grazie al telescopio
robotico a cui abbiamo accesso da
qualche tempo. I soggetti
principali delle osservazioni sono
state alcune comete, tra cui la
P/2006 M3 (Barnard) da poco
ritrovata, la nova ricorrente RS
Ophiuchi (della quale il dr. U.
Pagina 4 di 6
Munari ci ha richiesto misure per
mettere a punto un articolo
scientifico
su
una
rivista
professionale) e vari asteroidi e
supernovae. Abbiamo fatto sia
misure
fotometriche
che
astrometriche, che sono state
inviate a vari centri di studio
internazionali. A proposito di
comete, segnalo che gli astronomi
della missione “Deep-Impact”
della NASA, ci hanno inviato
degli attestati di riconoscimento
per il nostro contributo nello
studio della cometa 9P/Tempel
(complimenti ai destinatari di tale
significativo
riconoscimento,
ovvero, Sara Garzia, Mario e
Virgilio
Gonano,
Antonio
Lepardo, Vincenzo Santini). Un
ringraziamento alle persone che
continuano a darsi da fare in vario
modo per la manutenzione
dell’osservatorio e della sede; tra i
piu’ attivi segnalo: G. Bront, M. e
V. Gonano, A. Lepardo, V.
Santini, F. Zucchetto. I lavori di
costruzione
del
nuovo
osservatorio
sul
Matajur
continuano, e sia l’impresa
costruttrice che la Comunita’
Montana contano di completare la
struttura per l’inizio del prossimo
autunno. Nel frattempo stiamo
lavorando per potenziare il
riflettore newton da 45 cm
attualmente ospitato presso la
stanzetta col tetto scorrevole di
Remanzacco: il 23 Giugno la ditta
Astrotech
ha
effettuato
l’intervento per l’installazione del
nuovo sistema di puntamento
automatizzato (FS2), della ruota
portafiltri, del nuovo CCD e
relativi
accessori;
precedentemente
avevamo
installato il nuovo focheggiatore
elettrico (un ringraziamento a G.
Barone, G. Gasparini, R. Geretti,
A. Lepardo e V. Santini per la
loro
collaborazione
nello
svolgimento dei lavori). Nelle
prossime
settimane
sara’
necessario ottimizzare tutta questa
strumentazione,e quindi il lavoro
non ci manchera’ di certo (ricordo
che le apparecchiature sono state
acquistate grazie ad un contributo
della Fondazione CRUP). Anche
se stiamo pensando al nuovo
osservatorio sul Matajur, non
possiamo
dimenticarci
della
nostra specola di Remanzacco:
nei
mesi
estivi
abbiamo
programmato di ritinteggiare
l’ossrvatorio (se qualcuno di voi
ha tempo libero e passione per le
belle arti, e’ invitato ad offrirsi
volontario per darci una mano).
Nei prossimi mesi, come di
consueto, l’attività ordinaria
dell’AFAM verrà ridotta in
occasione delle vacanze estive;
ma
come
potrete
leggere
nell’editoriale di questo stesso
notiziario, ci saranno ugualmente
varie occasioni di incontro; le
conferenze
quindicinali
riprenderanno
il
mese
di
Settembre, il giorno 22, con una
relazione di Vincenzo Santini sui
fenomeni astronomici interessanti
di quel periodo, mentre salvo casi
particolari, continuano anche
durante l’estate gli incontri del
sabato pomeriggio (ore 15-17
circa)
presso
il
nostro
osservatorio. Vi ricordo infine che
il prossimo notiziario “AFAM
Newsletter” uscirà in Settembre,
poiché questo numero copre i
mesi di Luglio ed Agosto.
Sopra,
immagine
dell’ammasso globulare M3
situato nei Canes Venatici
realizzato lo scorso 26
maggio da L.Monzo mediante
sei pose da 30” con una
Canon EOS 350D
UNA SERATA SOTTO LE
STELLE
di Mario Gonano
Finalmente dopo tre consecutive
“serate osservative itineranti”
rovinate dalle cattive condizioni
del tempo, lo scorso 25 maggio il
tempo si è presentato perfetto per
svolgere le osservazioni sotto un
cielo lontano dall’inquinamento
luminoso di Udine.
Dopo esserci ritrovati, come da
appuntamento,
presso
l’osservatorio di Remanzacco,
siamo partiti alla volta di uno
spiazzo situato sopra Subit a circa
800 metri di quota. (25km da
Udine, zona collinare). Arrivati
sul posto ci siamo trovati con altri
soci e appassionati già intenti a
montare le loro strumentazioni. Il
cielo si è presentato subito più
pulito rispetto a quello cittadino
anche se ancor chiaro per via
della luce del tramonto ancora
presente.
Dopo
aver
montato
la
strumentazione, abbiamo iniziato
le osservazioni vere e proprie,
Pagina 5 di 6
inutile dire che la soddisfazione di
osservare da un luogo buio ripaga
la strada fatta.
Gli strumenti presenti erano: un
Celestron 11”, un Celestron 8”,
tre Maksutov , rispettivamente da
6”,7”e 8”, un newton da 8” e un
dobson auto-costruito da 8”, oltre
naturalmente a vari tipi di
montature a puntamento manuale
e automatico.
Tutti gli strumenti hanno fornito
bellissime visioni degli oggetti
delle
costellazioni
primaverili/estive che si sono
ruotati nella notte, come ad
esempio M13, risultato magnifico
in tutti gli strumenti presenti,
soprattutto in quelli di più grande
diametro. Altri oggetti interessanti
sono stati M57 (nebulosa ad
anello) nella Lira, M27 (Nebulosa
manubrio - Dumbbell) nella
Volpetta oppure la coppia di
Galassie M81 e M82 (nell’Orsa
maggiore).
Ovvio
che
disponendo, su alcuni telescopi,
del puntamento automatico siamo
riusciti anche a trovare galassie,
nebulose o stelle doppie più
evanescenti,
difficilmente
trovabili, se non dopo una
impegnativa ricerca.
Voglio comunque ricordare che il
puntamento
automatico
è
solamente un aiuto e che non
potrà
mai
sostituire
la
soddisfazione che si prova nel
trovare un oggetto, dopo aver
studiato una cartina e aver cercato
dei riferimenti stellari tramite il
cercatore del proprio telescopio.
La serata è anche stata allietata da
piacevoli discussioni e commenti
sugli oggetti osservati e da un
buon bicchiere di cabernet.
La nottata si è quindi conclusa
con grande soddisfazione di tutti i
partecipanti, che grazie all’aiuto
dei più esperti presenti hanno
imparato piccole cose che
torneranno utili in successive
serate. E’ infatti fuor di dubbio
che il miglior metodo per
conoscere
e
imparare
ad
apprezzare il cielo è quello di
trovarcisi sotto con il naso rivolto
all’insù. Un arrivederci alle
prossime serate osservative.
ASTRONEWS
di Luca Monzo
XMM-XCS 2215-1734 (fonte
Coelum News): XMM-XCS
2215-1734 è la sigla di un nuovo
ammasso di galassie recentemente
scoperto da un gruppo di
scienziati
del
Lawrence
Livermore National Laboratory
utilizzando il satellite orbitante
europeo “XMM Newton” il quale
è riuscito grazie al suo sensibile
“occhio” a percepire la sua
emissione di radiazione X. Per
determinare la distanza del nuovo
oggetto (che è risultata essere pari
a dieci miliardi di anni luce), si è
fatto invece ricorso al telescopio
W. M. Keck, costituito da due
telescopi gemelli da 10 metri
collocati alle isole Hawaii.
L'annuncio della scoperta è stato
dato nel corso di un convegno
annuale
dell'American
Astronomical Society che si è
tenuto a Calgary ed è stato
accompagnato anche da una
prima stima delle dimensioni
dell'ammasso utilizzando quale
indicatore la temperatura del gas
responsabile dell'emissione X.
Dai primi dati XMM-XCS 22151734 possederebbe in particolare
una massa complessiva stimata in
circa mezzo milione di miliardi di
masse solari.
“Nix e Hydra” (Satelliti S/2005
P1 e S/2005 P2) (fonte
ScienceNow): l’IAU (Unione
Astronomica Internazionale) ha
assegnato i nomi definitivi alle
due lune di Plutone scoperte
dall’Hubble Space Telescope lo
scorso anno (vedi Astronews
n.66) S/2005 P1 e S/2005 P2. Su
proposta dei loro scopritori, i due
satelliti
hanno
infatti
rispettivamente ricevuto i nomi di
“Nix” e “Hydra”. Nella mitologia
greca, “Nix” rappresenta la dea
dell’oscurità e madre di Caronte,
il traghettatore dei morti, mentre
l’ “Hydra” è il serpente a nove
teste, guardiano del mondo
sotterraneo (oltre ad essere una
Pagina 6 di 6
delle costellazioni del cielo
primaverile). Le iniziali “N” e
“H” inoltre si riferiscono anche
alla missione “New Horizons”
che porterà la prima sonda nei
pressi di Plutone nell’estate del
2015
interessante , ma è dedicato ai
professionisti. C’è molta fisica e
matematica , per chi se le sente….
Ovviamente è in lingua inglese.
Per questa volta è tutto.
Cieli sereni.
SITI INTERNET
di Virgilio Gonano
Ben trovati a questo nuovo
appuntamento con questa rubrica.
Come al solito vi proporrò tre siti
internet
di
argomento
astronomico e quindi, senza
indugi, partiamo con il primo:
http://www.pd.astro.it/news/
è un sito dove potete trovare
notizie aggiornate di astronomia ;
esse sono descritte in modo
sintetico ed efficace in lingua
inglese.
Il
secondo
sito
è
:
http://astro.nineplanets.org/astros
oftware.html
Questo invece è una lista di
programmi per uso astronomico
sia gratuiti che a pagamento , con
una breve descrizione degli stessi.
E’ in lingua inglese.
Il terzo ed ultimo sito è :
http://www.journals.uchicago.edu
/ApJ/
Si
tratta
del
sito
dell’
Astrophisical Journal . E’ molto
In alto, immagine di un
fulmine realizzato da Mario
Gonano nei cieli sopra Udine
mediante una camera digitale
Canon IXUS 50.
Nell’immagine sotto, Giove
ripreso lo scorso 15 giugno
da Luca Monzo, tramite un
Celestron 8” e una vesta Pro
690k + filtro IR-Cut
Fly UP