...

IN QUEI GIORNI - AGENDA PASTORALE 2015

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

IN QUEI GIORNI - AGENDA PASTORALE 2015
PARROCCHIA S.SPIRITO Via Bassini, 50 -­‐ 20133 Milano IN QUEI GIORNI
AGENDA PASTORALE
AGENDA PASTORALE. Parte prima
PRESENTAZIONE DELLA COMUNITÀ
Aggiornamento settembre 2015
2
PARROCCHIA S . SPIRITO
Ragione Sociale
Parrocchia S. Spirito via Bassini, 50 -­‐ 20133 Milano C.F. 97051220156 Sito Internet
www.pweb.org/santospirito Telefono e Fax (Segreteria Parrocchiale)
02.2363923
Don Egidio Giuliani
Parroco
Telefono
E-mail
0291767525
[email protected]
Aiuto Festivo
Don Federico Gallo
Consiglio Pastorale
Don Egidio Giuliani (parroco), Pietro Paviglianiti (direttore dell’oratorio), Carla Santolini (segretaria),
Stefania Maria Abdel Sattar, Tomaso Ajroldi, Silvia Maria Bolzoni, Roberta Casaleggio, Lorenzo
Cotta Ramosino, Giuseppe Groppelli, Andrea Melato, Silvana Orlando Mio, Giuseppe Pessina, Marta
Pessina, Luigi Riva, Giulia Saccani Capra, Giuseppe Spagnulo.
Consiglio Affari Economici
Don Egidio Giuliani (parroco), Angela Robello Bolzoni (economa), Francesca Bozzola Lunelli,
Germano Cerasoli, Giuseppe Pessina (membro CPP), Ivan Terkaj
Versamenti a favore della Parrocchia anche mediante
3
Banca Popolare Commercio e Industria -­‐ C/C Bancario N. 378 filiale n° 143 -­‐ Viale delle Rimembranze di Lambrate intestato a Parrocchia di Santo Spirito IBAN: IT20M0504801690000000000378 INFORMAZIONI UTILI
SEGRETERIA PARROCCHIALE
Telefono, Fax e Segreteria Telefonica: 02.2363923
- ORARI E AVVERTENZE Presso la Segreteria Parrocchiale si possono avere Informazioni, dare adesioni alle iniziative della Parrocchia e richiedere, ritirare o consegnare Certificati e Documenti. Si è pregati di tener presenti e di rispettare gli Orari indicati qui sotto e seguire le Avvertenze date qui di seguito. O R A R I DI S E G R E T E R I A
Aperta tutti i giorni -­‐ tranne il Mercoledì, la Domenica e Festivi -­‐ dalle ore 10.30 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 18.30 Sabato: dalle 10.30 alle 12.00. In alcuni periodi dell’anno viene attuata la totale chiusura. A V V E R T E N Z E
Certificati e Documenti possono essere richiesti venendo personalmente, telefonando negli orari di Segreteria oppure lasciando la propria richiesta sulla Segreteria Telefonica. Possono essere ritirati normalmente non prima di tre giorni dopo averne fatto la richiesta. Dall’ 1 al 31 Luglio non si garantiscono i normali e abituali orari di Segreteria Parrocchiale. Dall’ 1 Agosto all’8 Settembre la Segreteria è comunque chiusa. Dall’1 Luglio all’8 Settembre il contatto con la Segreteria Parrocchiale può sempre avvenire telefonicamente. Se si richiedono Documenti e Certificati occorre segnalare con precisione un recapito telefonico e il nominativo e i dati personali necessari alla compilazione (in particolare, luogo e data di nascita e luogo via e numero civico di residenza). 4
In questo periodo Certificati e Documenti si ritirano normalmente previa telefonata. 5
ORARI DI APERTURA DELLA CHIESA
Nota bene: Normalmente a questi orari si adegua anche l’accesso alla Parrocchia
(ossia l’apertura del cancelletto di accesso al piazzale della chiesa)
FERIALE
orario continuato dalle ore 7.30 alle ore 19.00
( tutti i Mercoledì la chiesa viene chiusa alle ore 12.00;
al Sabato invece viene sempre chiusa tra le ore 12.00 e le ore 17.00 )
FESTIVO
dalle ore 9.00 alle ore 12.15 / dalle ore 17.00 alle ore 19.00
PERIODO ESTIVO
FERIALE
DALL’INIZIO DELL’«OE» AL SABATO PRECEDENTE LA SECONDA DOMENICA DI SETTEMBRE:
ore 7.30 - 12.00 / ore 17.00 - 19.00
TUTTI I MERCOLEDÌ E IN ALTRI PARTICOLARI PERIODI DEL TEMPO ESTIVO
(segnalati sul Calendario e comunque sul Foglietto della Messa Domenicale):
ore 7.30 - 12.00
oppure anche
chiusa tutto il giorno
FESTIVO
DALLA PRIMA DOMENICA DI GIUGNO ALLA TERZULTIMA DOMENICA DI LUGLIO:
ore 9.30 - 12.00 / ore 17.00 - 19.00
DALLA PENULTIMA DOMENICA DI LUGLIO ALLA SECONDA DOMENICA DI SETTEMBRE:
ore 9.30 - 12.00
ORARI DELLE CELEBRAZIONI EUCARISTICHE
FERIALE
ore 8.00
Sospesa in alcune ricorrenze e periodi dell’anno indicati sul Calendario Pastorale
E’ comunque sospesa tutti i Sabati
FESTIVO
vigilia ore 18.00 / giorno ore 10.00 - 11.30
In alcune circostanze dell’anno la Messa del giorno è una sola alle ore 10.30
PERIODO ESTIVO
ORARIO FESTIVO
DALLA TERZA DOMENICA DI GIUGNO ALLA PRIMA DOMENICA DI SETTEMBRE:
vigilia ore 18.00 / giorno ore 10.30
INTENZIONI DELLE SANTE MESSE
Le intenzioni delle sante Messe si raccolgono in sacrestia al termine delle Celebrazioni.
Nei giorni festivi (sia nella messa di vigilia sia in quelle del giorno) non vengono detti nomi.
Durante la Settimana della Commemorazione di tutti i Defunti (2 Novembre) è possibile a tutti
far pregare per i propri defunti segnalando le intenzioni di preghiera sull’apposito Libro della Vita
posto in fondo alla chiesa nelle settimane precedenti.
6
ITINERARIO DI INIZIAZIONE CRISTIANA
FASE BATTESIMALE
IL MISTERO DELL’ACCOGLIENZA: L’ORIZZONTE DELLE INDICAZIONI DIOCESANE L'urgenza del rinnovamento dell'IC dei bambini e dei ragazzi è stata rilevata dalla Conferenza
Episcopale Italiana (=CEI ) in diversi interventi e in varie occasioni in questi ultimi anni. In modo
particolare, la pubblicazione di tre Note pastorali sull'IC e di quella sul primo annuncio hanno indicato
nella prospettiva catecumenale la linea maestra di questo rinnovamento.
In questo solco si è mossa anche la nostra Diocesi, nel tentativo, anzitutto, di mettersi in
ascolto del mutato contesto sociale e religioso, in cui gli attuali cammini di IC non sempre sono in
grado di incidere in modo adeguato sulla vita dei bambini e dei ragazzi. Le lacune sono evidenziate
anche da molti presbiteri, catechisti e operatori pastorali, che registrano spesso la lontananza o
l'estraneità delle famiglie dalla proposta evangelica offerta dalla comunità cristiana, un certo "vuoto"
dal Battesimo all'inizio della catechesi di gruppo, la mancanza di un vissuto credente familiare, la
fatica ad accettare cammini coinvolgenti, la fuga frequente dopo la celebrazione della Cresima. Tutto
ciò genera e alimenta una certa fatica cui si accompagna, talora, un senso di frustrazione.
Per questo, la Chiesa di Milano intende riscoprire e rimanere fedele al vero volto dell'IC che si
configura come una proposta capace di consegnare la bellezza e la grandezza del dono di Dio e di
suscitare in modo aperto la libera e amorosa risposta dell'uomo.
Il progetto di rinnovamento dell'IC abbraccia tutto l'arco temporale che va dalla domanda
del Battesimo fino alla ricezione della S. Cresima. Con questo ci si riferisce, in concreto,
all'accompagnamento spirituale dei bambini e dei ragazzi come delle loro famiglie attorno ai primi
undici anni di vita.
La fase battesimale è il momento dell’accoglienza e della "prima evangelizzazione" o
"primo annuncio", rivolto sia ai genitori (su tutto l’arco del tempo di questa fase) sia ai bambini
(nell’arco di tempo dei loro 4-8 anni). L'accompagnamento che la comunità cristiana offre prima e
dopo il Battesimo, dovrebbe consentire di celebrare il sacramento nella speranza che bambini e
genitori possano poi crescere insieme in un contesto familiare e comunitario in grado di favorire
un’esperienza dove “la fede e la vita cristiana comincia a casa”.
Dietro la richiesta del Battesimo si dovrà, certo, riconoscere e valorizzare l'intuizione di un
papà e di una mamma dell'effettiva importanza del Battesimo per il proprio figlio. D'altro canto, con
buon realismo, occorrerà essere anche accorti del fatto che «oggi non è più possibile presupporre
che la richiesta del Battesimo per i figli comporti la conoscenza in profondità di questo sacramento e
di che cosa significhi accompagnare la crescita del bambino battezzato in una vita di fede» (Dionigi
card. Tettamanzi, Famiglia comunica la tua fede, n.26).
Si comprende bene, allora, come nel tempo che precede il Battesimo diventi necessario
cogliere le occasioni opportune per avviare o riprendere una relazione serena e significativa tra la
comunità cristiana e i genitori. Le comunità che negli ultimi anni si sono aperte a un'accoglienza più
distesa e a un incontro personalizzato con i genitori nelle loro case, hanno messo in evidenza
l'importanza di relazioni che si avviano nella cordialità e nella semplicità, lasciando trasparire la bontà
e la bellezza del Vangelo. Per raggiungere questo scopo si rivela tuttora quanto mai opportuna
l'articolazione dei momenti già previsti dal Sinodo Diocesano 47°, ampiamente ribaditi e arricchiti
pastoralmente dal testo Il mistero dell’accoglienza.
Secondo le indicazioni del Sinodo Diocesano, «la celebrazione del battesimo avvenga in
forma comunitaria. La sua connessione con l’Eucaristia, sempre durante una messa d’orario, può
essere opportuna, se si intende coinvolgere in modo significativo la comunità» (cost. 105,1). «Nel
programmare la celebrazione del battesimo andranno privilegiate le solennità qualificate da un
carattere battesimale» (cost. 105,1). «Il battesimo sia celebrato nella chiesa parrocchiale dove i
genitori hanno il domicilio …Per giusta causa, è possibile la celebrazione in un’altra chiesa
parrocchiale. Esempi di giusta causa sono: la famiglia del bambino si è trasferita temporaneamente
o, per giusti motivi, è attivamente inserita in una parrocchia diversa da quella del domicilio; i genitori
prevedono di trasferire il domicilio in un’altra parrocchia e in questa chiedono di battezzare il
7
bambino. …La richiesta del battesimo fuori parrocchia sia responsabilmente valutata dal parroco a
cui i genitori si sono rivolti: egli deve assicurarsi della dovuta preparazione, o provvedere alla stessa,
e deve avvertire in precedenza il parroco competente e concordare la soluzione più attenta alla
concreta situazione…» (cost. 105,2-3). «Per accogliere e valutare la domanda del battesimo
presentata dai genitori e prepararli alla celebrazione del sacramento, ogni comunità predisponga un
itinerario che preveda tre tipi di incontri, da articolare in più momenti:
- Uno o più incontri del parroco: i genitori vanno aiutati a riflettere sulla correlazione tra la
richiesta del sacramento, le loro convinzioni religiose e le loro scelte di vita.
- Un’altra serie di incontri è destinata ad una adeguata catechesi condotta da catechisti
specificatamente preparati, in modo da essere di aiuto ai genitori nel cammino di riscoperta della loro
fede e del loro stesso rapporto con la Chiesa e la concreta vita della comunità cristiana; è necessario
che alcuni incontri siano riservati alla singola coppia, anche, se possibile, presso la loro abitazione».
- E’ infine «da incoraggiare qualche forma di incontro dei genitori con la comunità parrocchiale
durante una messa domenicale, in cui i genitori presentino alla comunità i loro bambini che
riceveranno il battesimo» (cost. 102, 1-4).
Dopo la celebrazione del Battesimo «è la famiglia ad offrire il contesto domestico della fede,
con ricchezza di gesti semplici e abituali e la coscienza della presenza di Dio nel cuore dei bambini»
(Dionigi card. Tettamanzi, Famiglia comunica la tua fede, n.29). Tale convinzione chiede alla
comunità cristiana l'impegno a un'effettiva vicinanza ai genitori, perché siano sostenuti nel loro
compito di primi educatori dei figli anche per quel che riguarda la cura della vita spirituale. Non si
tratterà, a questo riguardo, di moltiplicare le serate di istruzione in parrocchia. Piuttosto occorrerà
favorire momenti di incontro e di dialogo (la domenica pomeriggio), per tenere vivo il legame tra le
famiglie e la comunità e per far scoprire le ricchezze di grazia e le responsabilità insite nel "ministero"
proprio dei coniugi e genitori cristiani.
Con il tempo, accanto a questo, sarà necessario introdurre qualche iniziativa di "primo
annuncio" che trovi protagonisti gli stessi bambini (4-8 anni).
IL MISTERO DELL’ACCOGLIENZA: LE INDICAZIONI PARROCCHIALI La Domanda di Battesimo è momento privilegiato per una riconsiderazione del personale
cammino di fede e per ritrovare nuovi contatti con la comunità parrocchiale. Vorremmo caratterizzare
questo momento innanzitutto con uno spirito di accoglienza. Siamo riconoscenti ai molti genitori che
hanno dato testimonianza di intelligente preparazione, di cordiale intrattenimento di nuove relazioni
con la parrocchia e di lungimirante attenzione nel richiedere di non essere “abbandonati” negli anni
successivi al Battesimo, ma piuttosto “accompagnati”, per essere aiutati a educare nella fede i loro
figli, introducendoli nella vita della comunità cristiana, fino al momento del completamento
sacramentale dell’iniziazione cristiana, secondo i nuovi percorsi della nostra chiesa diocesana.
Incoraggiati da questi riscontri e sulla base delle indicazioni diocesane riferite sopra, riteniamo
opportuno fare memoria di alcune scelte pastorali che la nostra parrocchia considera significative
perché la Domanda del Battesimo avvenga in un adeguato orizzonte di accoglienza e di attenzioni,
che evitino di lasciare l’impressione di voler battezzare i bambini per motivi che non sono segno di
una mentalità di fede. In concreto:
1) i genitori, specialmente quelli che ancora non sono partecipi della vita parrocchiale e sanno
di non essere conosciuti, prendano contatto con il parroco anche prima della nascita (non porta
male… anzi!), dandogliene notizia, così da poter condividere la bellezza del momento della nascita e
diventare un po’ già conosciuti; inoltre ciò permetterà di valutare insieme la data migliore per il
battesimo, tenendo conto del cammino di preparazione il quale, essendo comunitario e richiedendo
in modo vincolante la partecipazione, richiede oculata attenzione ai ritmi famigliari; i bambini che al
momento della data del Battesimo avessero raggiunto il 12° mese di età, verranno battezzati dopo il
terzo anno di età (sono già grandi da non poter essere “trattenuti” in una celebrazione ma non ancora
tanto grandi da poter capire una celebrazione);
2) la Domanda di Battesimo deve essere presentata almeno entro la data di Battesimo
precedente quella identificata per il possibile battesimo del proprio figlio/a (cfr le date annuali per le
celebrazioni del battesimo, sempre di domenica, durante una delle Messe).
8
3) il Battesimo terrà conto ma non dovrà essere superficialmente condizionato - anche per
valutare di chiedere il Nulla Osta per altra parrocchia - dalle possibilità di presenza o meno di parenti
e amici (avviene spesso che molti parenti e amici partecipano alla celebrazione in maniera
disapprovevole): si tratta infatti innanzitutto di una celebrazione di ingresso nella comunità
parrocchiale (la fede non è un affare privato e neppure una festa “solo” famigliare, in cui conta che ci
siano i parenti e gli amici, anche se è bello e significativo che ci siano loro pure). Inoltre i genitori
avranno l’accortezza di non invitare indiscriminatamente parenti e amici, ma solo chi è capace di
“partecipazione” e saranno attenti ad informarsi delle date degli incontri di preparazione, così che
scelgano un padrino e/o una madrina che possa essere presente a questi momenti programmati per
la preparazione al battesimo;
4) per le considerazioni di cui sopra e in osservanza delle norme del Sinodo Diocesano, il
Battesimo si celebra nella propria parrocchia; chi avesse “giusto motivo” (secondo le esemplificazioni
del Sinodo) per celebrare il Battesimo in altra parrocchia, deve fare richiesta al Parroco di “nulla
osta”.
SCHEMA DEGLI INCONTRI DI PREPARAZIONE PER GENITORI, PADRINI E MADRINE. LA PARTECIPAZIONE E’ OBBLIGATORIA PER POTER AMMINISTRARE IL BATTESIMO SCHEMA GENERALE 1. -­‐ Incontro dei Genitori col Parroco e Domanda del Battesimo 2. -­‐ Visita e Incontro nelle case dei Genitori dei Battezzandi 3. -­‐ Incontro interattivo per i Genitori e i Padrini 4. -­‐ Incontro sul Rito del Battesimo per i Genitori e i Padrini 5. – Celebrazione del Battesimo (in una delle Messe di orario) TEMPO SUCCESSIVO AL BATTESIMO: BATTESIMO …E POI? Negli anni successivi a quello del Battesimo, per dare continuità al fatto del Battesimo, per i
Genitori (ma anche - perché no? - per i Padrini e le Madrine e qualche altro famigliare, come i nonni)
sono previsti specifici incontri, animati da un’equipe di pastorale battesimale (il parroco, coppie
di giovani sposi e qualche coppia di maturata esperienza, qualche catechista della fase successiva
dell’iniziazione cristiana, e magari qualche esperto di tematiche psicopedagogiche e di altre realtà
antropologiche).
«…L’attenzione pastorale è quella di fare in modo che la celebrazione del Battesimo abbia
un seguito. L’obiettivo di fondo è continuare il rapporto con la comunità cristiana che spesso è
ritenuta poco interessata a quanto avviene alle famiglie giovani. …Un altro obiettivo è preparare il
terreno alla catechesi per il completamento dell’iniziazione cristiana che in genere inizia verso i 7-8
anni… Un incontro annuale come occasione di partenza per “lanciare” le iniziative di attenzione
alle famiglie giovani con bambini. Inoltre si avranno a disposizione alcuni incontri durante l’anno
nel quadro di un cammino pluriennale. Il momento più favorevole appare quello della Domenica
pomeriggio… L’animazione degli incontri dovrebbe essere affidata soprattutto a coppie con figli
di età analoga a quella delle persone invitate» (cfr Testo-base per la sperimentazione diocesana
dell’iniziazione cristiana, n.2, pp.21-27).
«…Si tratta (anche) di prendersi cura dei bambini stessi… Ai bambini oltre i tre anni è
possibile offrire un primo esplicito annuncio di Gesù come pure la presentazione di alcune storie
bibliche. I bambini potrebbero essere riuniti in piccoli gruppi stabili dove si opera la narrazione
della storia biblica della salvezza…» (cfr Testo-base, cit., pp.28-32)
Sulla base di queste indicazioni diocesane abbiamo già attivato qualcosa di significativo, che
deve crescere con i suggerimenti di tutti e un po’ di coraggio nel buttarsi… In concreto:
UN INCONTRO-­‐ANNIVERSARIO PER LE FAMIGLIE DEI BATTEZZATI NELL’ANNO PRECEDENTE In occasione della Giornata per la difesa della vita (prima domenica di febbraio) Celebrazione Eucaristica e (di seguito) Momento di Festa (con consegna di un dono) Gruppo [email protected] : INCONTRI PER GENITORI E PADRINI DI BAMBINI FINO A 6-­‐7 ANNI 9
Gruppo BUONA NOTIZIA : INCONTRI PER GRUPPI DI BAMBINI 3-­‐6 ANNI e 6-­‐7 ANNI CATECUMENATO ADULTI
Il Catecumenato è il cammino di iniziazione cristiana proposto agli adulti (dopo i 18 anni) non
ancora battezzati e - analogamente - ai ragazzi e ragazze di 15-17 anni non ancora battezzati.
Per gli adulti, le iscrizioni - per ragioni organizzative delle tappe celebrative e di collegamento
con la proposta diocesana - devono avvenire tassativamente entro la fine di Luglio di ogni anno,
facendo riferimento al parroco. Per i ragazzi/e le iscrizioni devono essere fatte nel periodo
normalmente riservato alle iscrizione ai gruppi formativi dell’Oratorio.
Il cammino è predisposto dalla Diocesi tramite il Servizio per il Catecumenato a cui ogni
Parrocchia deve fare riferimento per intraprendere il cammino e ricevere le opportune indicazioni. Si
tratta infatti di percorrere un cammino formativo preciso che non può essere lasciato all’arbitrarietà e
che deve tra l’altro corrispondere in modo “serio” alla “seria” domanda di diventare cristiani.
Il percorso formativo per gli adulti consiste in un anno di prima evangelizzazione e poi si
protrae per altri due anni e deve tener in considerazione anche la partecipazione alla vita della
comunità cristiana. Per i ragazzi il cammino è inserito nella proposta formativa dell’Oratorio
tenendo conto di condividere i percorsi educativi proposti a chi è già stato battezzato.
Per gli adulti e per i ragazzi e le ragazze di 15-17 anni la Celebrazione dei Sacramenti
dell’iniziazione cristiana avviene normalmente nella Veglia Pasquale.
PERCORSO CRESIMANDI ADULTI
La Parrocchia non prevede quest’anno un corso per la preparazione degli adulti alla Santa
Cresima. Chi avesse tale necessità, può far riferimento al Parroco, che saprà indirizzare ad una delle
altre parrocchie del Decanato.
ITINERARIO DI INIZIAZIONE CRISTIANA
GRUPPI DELL’ORATORIO
10
GRUPPI FORMATIVI DI INIZIAZIONE CRISTIANA La seconda fase del cammino dell'IC, senza mai trascurare il rapporto con i genitori e le
famiglie, vede il coinvolgimento più diretto dei ragazzi attraverso la modalità tipica del gruppo.
Nell’Anno pastorale 2015-2016, la nostra Comunità aderisce all’itinerario definitivo predisposto dalla
Diocesi in occasione della “verifica dei cantieri diocesani” del 2013.
Gli itinerari di IC secondo l'ispirazione catecumenale – della quale s’è detto nelle pagine
precedenti descrivendo la “fase battesimale” - chiede di modificare sensibilmente la prassi
consueta, che era una prassi definibile come «catechesi di gruppo in preparazione ai Sacramenti»: i
Sacramenti erano così considerati come “scopo” fondamentale ed esaustivo (e il pensiero sottinteso
era: Una volta che si è ricevuta la Cresima, perché si dovrebbe ancora andare al gruppo
dell’Oratorio?). In realtà, si tratta di “seguire Gesù”: i Sacramenti sono momento di grazia in cui
Gesù ci dona il suo Spirito affinchè noi possiamo seguirlo sulle vie del suo vangelo, trovando il senso
dei nostri giorni nella carità, l’amore che Gesù ha vissuto nei suoi giorni e che ci ha rivelato
pienamente nei giorni della sua Pasqua.
Bisognerà abituarsi pertanto a pensare il percorso di fede come una seconda tappa di un
cammino unitario che ha trovato inizio con il Battesimo e che ora ha come scopo il completamento
sacramentale dell'IC ma nel contesto di un “apprendistato” della vita cristiana e di una progressiva e
più ampia introduzione alla vita della comunità cristiana. Tale fase è strutturata su di un percorso di
quattro anni, a partire dal secondo anno della Scuola Primaria. Dopo il primo triennio (IV Elementare)
di riceve il sacramento della Prima Comunione (preparato dalla celebrazione della prima
riconciliazione sacramentale – confessione). Segue poi, alla fine del IV anno (inizio della prima
Media) la celebrazione della S. Cresima.
Non si dovrà dimenticare neppure in questa seconda fase-tappa dell’iniziazione cristiana
l'indispensabile coinvolgimento delle famiglie, accolte nella peculiarità del loro cammino umano e
cristiano e invitate a stabilire e a vivere con la comunità ecclesiale un vero e proprio patto
educativo. Ai genitori che hanno figli in età per il primo anno, viene espressamente richiesto (a
entrambi, con firma di presenza) di iscriversi a due appositi incontri che si terranno nei mesi di
Ottobre-Novembre, al termine dei quali valuteranno e compiranno formalmente l’iscrizione anche dei
loro bambini (il cui percorso inizierà con l’Avvento).
L’itinerario proposto durante la preparazione ai Sacramenti è frutto di un'integrazione armonica
delle dimensioni tipiche della vita cristiana, cui si vuole introdurre i ragazzi e le ragazze. Esse
sono: l'ascolto della Parola (in particolare attraverso l'approccio narrativo), l'educazione alla celebrazione e alla preghiera cristiana (soprattutto alla partecipazione all'Eucaristia domenicale), il
coinvolgimento sempre più personale alla vita e alla missione della comunità parrocchiale e
anche complessivamente ecclesiale, la carità verso i poveri e i bisognosi.
In questa fase, ancora più che nella precedente fase battesimale, è fondamentale tener
presente le dinamiche dei gruppi educativi in cui sono inseriti i ragazzi (a partire dal loro numero,
dalla maggiore o minore omogeneità dei loro cammini, dalla situazione concreta delle famiglie di
appartenenza, dalla disponibilità di catechisti e di educatori, ecc.), sempre coordinandole e
valorizzandole con il cammino personale dei singoli. La sapiente valutazione dei responsabili del
cammino di IC saprà trovare le opportune soluzioni, anche in riferimento a modalità differenziate di
partecipazione all'itinerario di fede ed eventualmente anche di celebrazione sacramentale.
Sul finire di questa seconda fase dell’itinerario dell’iniziazione cristiana sarà opportuno che i ragazzi e
le ragazze trovino sul loro cammino figure di animatori ed educatori di poco più grandi di loro
(adolescenti) o di età giovanile che affianchino i catechisti, così che possano percepire la bellezza e
la fecondità di continuare a camminare in un gruppo formativo (immediatamente il gruppo dei
Preadolescenti con il quale vivere la “terza fase” del cammino di iniziazione cristiana).
11
GIORNI E ORARI DEI GRUPPI FORMATIVI DI INIZIAZIONE CRISTIANA PRIMO ANNO Lunedì ore 17.00-­‐18.00 (da Novembre 2015) SECONDO ANNO (I anno di discepolato) Martedì ore 17.00-­‐18.00 TERZO ANNO (II anno di discepolato) Giovedì ore 17.00-­‐18.00 QUARTO ANNO (III anno di discepolato) Venerdì ore 17.00-­‐18.00 La terza fase del cammino dell’IC è la mistagogia, intesa come tempo della prima
assimilazione vitale del dono di Dio, è il periodo nel quale la comunità cristiana si prende cura dei
ragazzi, perché possano appropriarsi della grazia dei Sacramenti nella loro vita di ogni giorno, a
partire dalla partecipazione all'Eucaristia domenicale.
Nell'ambito del rinnovamento degli itinerari di IC, la fase mistagogica richiama con chiarezza come già si è sottolineato - che lo scopo di ogni itinerario di IC non è semplicemente di condurre ai
Sacramenti, quanto di iniziare alla vita cristiana che fluisce da essi (a cominciare dal Battesimo) e in
essi trova il suo nutrimento e la sua forza, e dunque soprattutto iniziare all'Eucaristia.
È primariamente nella celebrazione domenicale dell'Eucaristia che i ragazzi fanno
esperienza della Chiesa, quale comunità di credenti radunata dallo Spirito per fare viva memoria
della Pasqua del Signore. Nella scoperta e nella ripresa del senso di grazia dei gesti liturgici e nella
docilità allo Spirito del Risorto loro donato, i ragazzi sono chiamati a cogliere in quale modo la vita
nuova di Cristo li abbia raggiunti e li raggiunga ogni giorno.
Affascinati e sospinti dall'esempio dei più grandi, i ragazzi apprendono così lo stile di vita
del cristiano maturo e lo esprimono nei gesti concreti della carità che contraddistingue la vita
secondo lo Spirito.
La nostra Diocesi ha la grazia di un'ampia e capillare presenza apprezzata degli Oratori
parrocchiali. Dovrebbe essere impegno di tutti noi mantenerli fedeli alla loro tradizione educativa
e aprirli con sapiente coraggio alle nuove esigenze, così da farne gli ambiti più comuni e adeguati per
il cammino mistagogico dei ragazzi.
La proposta mistagogica, inserita nella tradizione oratoriana, terrà presente le modalità concrete nella molteplicità dei linguaggi propri di un'autentica pedagogia della fede, specialmente per
quanto riguarda l'inserimento dei ragazzi nella comunità cristiana mediante significative esperienze di
gruppo.
La fase mistagogica, che di per sé dura tutta la vita, caratterizza l'itinerario di fede proprio
dei Preadolescenti, un itinerario orientato verso la "professione di fede" e verso le tappe del
cammino di maturazione cristiana nell'età adolescenziale e giovanile.
12
DOPO L’INIZIAZIONE CRISTIANA
GRUPPI DELL’ORATORIO
GRUPPI FORMATIVI DOPO L’INIZIAZIONE CRISTIANA Contiamo molto sulla vita del gruppi Preadolescenti e adolescenti. Dalla cura premurosa per
loro verrà una nuova qualità di vita oratoriana. L’Oratorio privilegia di fatto - per loro e con loro - una
proposta e un metodo che don Bosco chiamava “preventivo”.
La proposta consiste in una forma di vita la meno minimalista possibile, caratterizzata dalla
scelta di servire Gesù e il suo vangelo, da una appassionata condivisione di un cammino comune
variegato e creativo, aperto al’attenzione ai “piccoli” cioè a coloro che non hanno risorse se lasciati a
se stessi. Il metodo è determinato dalla presenza vigile, amabile e amorevole degli educatori i quali
stimolano con una presenza la più assidua possibile momenti di vita e iniziative dei gruppi.
GIORNI E ORARI DELL’INCONTRO FORMATIVO SETTIMANALE GRUPPI PREADOLESCENTI Martedì (I e II Media) e Venerdì (III Media) ore 19.00-­‐20.00 GRUPPI ADOLESCENTI Venerdì ore 19.00-­‐20.00 GRUPPO 18-19enni E GRUPPO GIOVANI
La formazione e le iniziative per l’età giovanile sono caratterizzate, oltre che dalla proposta
parrocchiale, da una significativa e intensa partecipazione e condivisione dei cammini proposti
ai giovani dal nostro Decanato Città Studi e dalla pastorale Giovanile della nostra chiesa
diocesana (cfr sito www.chiesadimilano.it). Qui avanti pertanto è indicato unicamente il giorno e
l’orario dell’incontro formativo settimanale.
Le iscrizioni costituiscono una specie di contributo alla cassa comune che permette di
sovvenire ai costi sostenuti lungo l’anno per invitare testimoni significativi o per intraprendere
iniziative che hanno un loro peso economico.
Ciò non esclude che ciascun giovane si senta chiamato a usare cristiana generosità lungo
l’anno, educandosi alla forma della “decima” circa la destinazione del “proprio” denaro.
GIORNI E ORARI DELL’INCONTRO FORMATIVO SETTIMANALE GRUPPO 18-­‐19ENNI Venerdì, ore 21.00 GRUPPO GIOVANI (indicativamente 20-­‐30 ANNI) Giovedì, ore 21.00 SCUOLE DELLA FEDE
Le Scuole della Fede sono cicli di incontri rivolti ai Giovani (20-30 anni) e particolarmente
agli Adulti della Comunità. L’intento è quello di dare senso critico all’esperienza di fede in
generale e in particolare a quella che di fatto conduciamo (e intendiamo testimoniare) in questa
nostra comunità «parrocchiale» di S. Spirito.
In tal modo, nel dialogo e nel confronto reciproco (anche con chi è in crisi di fede o critico
nei confronti della fede ricevuta), vorremmo permettere ai singoli individuali cammini di fede di
darsi una «intelligenza» della fede e del suo vissuto, in un mondo in cui sempre più percepiamo
come vero l’invito dell’Apostolo Pietro: «adorate il Signore, pronti sempre a rispondere a chiunque vi
domandi ragione della speranza che è in voi; tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto…» (1 Pt
3,13-15).
13
PERCORSO FIDANZATI
LE INDICAZIONI DIOCESANE
Secondo le indicazione del Sinodo della nostra Diocesi, «la Chiesa ambrosiana riconosce il
tempo del fidanzamento come tempo di grazia, nel quale i fidanzati maturano la coscienza di
essere chiamati insieme da Dio, verificando la disponibilità e capacità di condividere un progetto
comune. …Ogni parrocchia inserisca nel proprio progetto pastorale indicazioni specifiche per
l’accompagnamento dei fidanzati, programmando anche iniziative a livello decanale… così da
aiutare i fidanzati a inserirsi progressivamente nel mistero di Cristo, nella Chiesa e con la Chiesa»
(cost. 440,2.4; 401,1).
«Per consentire un serio cammino di preparazione, i fidanzati siano invitati a presentarsi al
parroco possibilmente un anno prima della data prevista per le nozze. Il parroco tenga conto
della diversa situazione spirituale dei singoli fidanzati, che richiede molte volte approcci differenziati,
avvalendosi della collaborazione di famiglie che siano di riferimento per queste giovani coppie»
(cost. 401,2; 428-433). «Il parroco presti particolare attenzione a coloro che domandano la
confermazione in vista del matrimonio. L’imminenza di questo sacramento non deve portare a
una preparazione insufficiente o affrettata del sacramento della confermazione» (cost. 99,3).
«Gli itinerari educativi dei fidanzati al matrimonio, curando l’introduzione delle nuove
famiglie in una comunità viva, … dovranno essere realizzati con uno stile capace di coinvolgere, in
un clima di gioiosa accoglienza che sappia suscitare il desiderio di gustare la bellezza della vita
matrimoniale e famigliare nella prospettiva cristiana, anche grazie alla vicinanza e alla
testimonianza di famiglie che già vivono questa esperienza. Gli incontri (siano) guidati dal
parroco e da coppie di sposi …» (cost. 402,1).
LE INDICAZIONI PARROCCHIALI Siamo contenti per i molti Fidanzati – provenienti dalle più diverse parti del nostro Paese – che
in questi anni si sono presentati alla nostra comunità, sono stati cordiali e ancora, ormai giovani
famiglie, «partecipano» al nostro cammino di fede. La nostra comunità infatti vuole esercitare, con gli
uomini e le donne che l’accostano, un’accoglienza in stile di reciproca fiducia e stima.
Incoraggiati da questi riscontri e sulla base delle indicazioni del Sinodo Diocesano, riteniamo
opportuno sollecitare alcune attenzioni. Molti fidanzati ancora si presentano all’ultimo momento.
I fidanzati invece avranno a cuore di instaurare rapporti cordiali con la comunità cristiana,
rappresentata dal parroco e dagli animatori dei percorsi per i fidanzati, rapporti da ampliare con una
progressiva partecipazione. La stessa esperienza cristiana, del resto, è partecipazione alla vita di
fede di una comunità di fede. Non è un’esperienza individualistica. Ci si sposa «in chiesa» (anche)
perché «si fa vita di Chiesa». Pertanto vogliamo fare memoria di alcune scelte pastorali che la
nostra parrocchia considera significative per creare quella “famigliarità” che tiene al riparo da
anonimato improvvisazioni e momentaneità:
1) Sono invitati a partecipare al Percorso Fidanzati della nostra comunità i fidanzati
(entrambi o uno dei due) che hanno la loro dimora in parrocchia S.Spirito o, pur non
dimorandovi, la frequentano abitualmente e continueranno ancora a frequentarla dopo il
matrimonio. Vi possono partecipare anche i fidanzati che, pur avendo attuale dimora fuori
parrocchia S.Spirito, dopo il loro matrimonio prenderanno dimora in parrocchia e potranno
quindi frequentarla. Le iscrizioni al Percorso Fidanzati avvengono tra Giugno e Settembre di ogni
anno pastorale.
2) Questi fidanzati sono anche invitati - come sapientemente richiede il nostro Sinodo
Diocesano - a farsi conoscere, presentandosi al parroco molto tempo prima della data che
presumono possibile per la celebrazione del loro matrimonio: il Sinodo raccomanda un anno
prima... Infatti ciò renderebbe possibile una conoscenza reciproca umanamente “larga” e “gratuita”
(cioè una conoscenza che non sia solo funzionale al matrimonio).
14
Per concludere, sottolineiamo ancora una volta la bellezza di darsi tempi distesi che
garantiscano una qualche effettiva relazione che possa restare significativa. Talora qualcuno si
lamenta di una certa burocraticità che avverte nelle pratiche matrimoniali. Se si vuole evitare “il
sapore” dello sbrigare pratiche burocratiche quando “ci si prepara” al matrimonio, occorre
“insaporire” adeguatamente “i tempi” della relazione e la “fisicità” dell’incontro. Se per un ristorante
bisogna svegliarsi un anno prima… riteniamo semplicemente piacevole distendere lungo un anno la
relazione tra i fidanzati e la comunità parrocchiale!
IL PERCORSO FIDANZATI Durante il Percorso Fidanzati “ci diamo tempo” per condividere l’immaginario del matrimonio e
la frequentazione della comunità.
La Parrocchia «attiva» ogni anno un solo Percorso Fidanzati, da Ottobre a Gennaio.
Le Iscrizioni si fanno tra Giugno e Settembre di ogni anno pastorale. Per iscriversi occorre
fissare un appuntamento con il Parroco da cui si riceve l’apposita Scheda di Iscrizione. Il Corso
prevede alcuni momenti celebrativi ed alcune serate (indicativamente, sei serate, il martedì, fra
novembre e dicembre). I temi sono quelli individuati dalla Conferenza episcopale italiana.
CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO
LA CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO «La celebrazione del matrimonio avvenga di norma nella parrocchia dello sposo o della
sposa. Solo per validi motivi di necessità o di convenienza pastorale, esso può essere celebrato in
altra parrocchia. … Il luogo della celebrazione del sacramento del matrimonio sia di norma la chiesa
parrocchiale» (cost. 408,1.5).
E’ cosa bella favorire il più possibile la celebrazione del matrimonio nella chiesa parrocchiale
di domicilio di uno dei due sposi o in quella dove risiederanno dopo essersi sposati.
15
VITA DELLE FAMIGLIE
GRUPPI DELLE GIOVANI FAMIGLIE In Parrocchia vengono attivati e sostenuti piccoli gruppi di giovani famiglie con figli (o non
ancora) con lo scopo di camminare insieme nell’esperienza coniugale e in quella familiare
educativa, anche secondo la fede.
Vorremmo proseguire nello stesso stile, coinvolgendo anche le famiglie non più giovanissime,
ma che conservano legami significativi con la parrocchia e l’oratorio, in special modo per la presenza
di figli preadolescenti e adolescenti.
CONSULTORIO FAMILIARE DECANATI CITTA’ STUDI -­‐ LAMBRATE -­‐ TURRO -­‐ FORLANINI -­‐ VITTORIA ROMANA Sede operativa “GUZZETTI” di via Mancinelli, 1 - tel. 02.2828288
( presso la Parrocchia S. Maria Bianca della Misericordia in Casoretto )
Sede operativa “KOLBE” di viale Corsica, 68 - tel. 02.70006393
( presso la Parrocchia Maria Immacolata e S. Antonio )
16
LA PASTORALE MISSIONARIA
VISITATORI PARROCCHIALI Da diversi anni andiamo sollecitando un modo di “frequentare” la parrocchia (la chiesa e gli
ambienti parrocchiali) tale per cui la cordialità e le relazioni che si instaurano non si “fermino” in
parrocchia, ma siano stimolo a essere “nel mondo” presenza segnata dall’incontro con la buona
notizia di Gesù. Il convenire in Parrocchia vorrebbe sostenere una qualità dell’esperienza di fede che
è “ecclesiale” proprio perché vissuta tra “le case” del mondo (quelle “case” che sono e devono essere
le abitazioni delle famiglie nei diversi caseggiati, nei quali però troviamo anche quelle altre «case»
che sono gli uffici, i negozi, i bar, la metropolitana, e tutti gli altri ambienti abitati dagli uomini!). Siamo
chiamati a renderci capaci di una forma domestica della fede. «Molti credenti nel passato hanno
fatto la Chiesa tra le case e la parrocchia con una sollecitudine evangelica che si traduceva in forme
spicciole di preghiera, di ascolto, di servizio, di prossimità che non pretendevano il sigillo di
autenticità».
Questo tratto del volto di Chiesa a cui sollecitiamo, si esprime in modo singolare nel servizio
dei Visitatori Parrocchiali. A loro è affidato innanzitutto il compito gioioso di “visitare” le famiglie
della Parrocchia in occasione del Natale, collaborando con il parroco, per poter raggiungere il
più possibile tutte le famiglie con un breve momento di preghiera. Molte persone hanno l’occasione di
“contattare” la parrocchia proprio grazie a loro. Una volta conosciuti, i Visitatori possono diventare
riferimento nel quartiere per poter segnalare attenzioni a bisogni (ad esempio la presenza di un
malato) e per poter soddisfare desideri (ad esempio la richiesta di informazioni).
Per maggiori informazioni e per partecipare al gruppo dei Visitatori, basta rivolgersi al
parroco.
17
LA PASTORALE LITURGICA
ANIMATORI LITURGICI Un luogo significativo di collaborazione parrocchiale è il gruppo degli Animatori Liturgici. A loro
è affidato il compito di sostenere la preghiera della comunità, dalla celebrazione eucaristica
domenicale alle altre occasioni in cui ci si ritrova in preghiera durante il percorso dell’anno liturgico.
Animatori Liturgici sono i lettori, le voci guida dell’assemblea, i cantori e strumentisti del
coro parrocchiale, i ministri straordinari dell’Eucaristia e anche i chierichetti (detti anche
ministranti).
Senza cadere in un’eccessiva retorica, resta vero che a questo gruppo è consegnata la
premura essenziale e fontale di una comunità cristiana: una comunità “cristiana” si riconosce da
come prega!
A tutti è possibile orientarsi a questo servizio: per informazioni e per dichiarare la propria
disponibilità, rivolgersi in parrocchia (in orari di Segreteria) o in sacrestia (negli orari delle
celebrazioni).
CORO PARROCCHIALE Il Coro parrocchiale è uno dei cosiddetti “luoghi belli” per servire la comunità. Infatti la liturgia è
la forma più alta dell’«estetica della fede». Il Coro vuole essere un luogo bello di servizio alla
preghiera liturgica della comunità parrocchiale. E così si serve il Signore Gesù, che nella liturgia
“attua” il suo essere presente tra noi.
E’ un servizio “accessibile” a tutti: bambini, ragazzi, giovani e adulti. All’animazione liturgica del
Coro parrocchiale collabora anche il Coro Ok Wow! dei ragazzi e delle ragazze dell’Oratorio. Per chi
lo desidera è sempre possibile far parte dell’uno o dell’altro Coro: basta decidere di partecipare
effettivamente alle prove settimanali.
Cerchiamo voci e in particolare siamo in ricerca di strumentisti. Nel territorio della
parrocchia non ne mancano: qualcuno dovrà forse ritrovare in questo ambito il suo tipico modo di
“essere un cristiano che fa chiesa” (ciascuno è membro del «corpo di Cristo» che è la Chiesa);
qualchedun’altro dovrà ritrovare quella forma della carità che è l’umiltà disponibile e paziente (non si
chiede perfezionismo, ma che ci si perfezioni); un altro invece dovrà tirar fiori il coraggio di dare
tempo… Ci piacerebbe che anche qualche “esperto” si facesse discretamente vivo per arricchire le
capacità del nostro Coro.
GRUPPO DECORO
Da sempre (a partire dal gesto stesso della lavanda dei piedi compiuto da Gesù) lo spirito di
servizio si esprime anche e forse innanzitutto nel cercare di fare cose semplici quotidiane umili.
«Uno dei segni che una comunità è viva si legge nella qualità del contesto materiale: la pulizia, gli
arredi, il modo con cui sono messi e curati i fiori, e tante altre realtà che riflettono la qualità di cuore
delle persone. C’è qualcosa di molto bello nel lavoro preciso e ben fatto. E’ come una partecipazione
all’attività di Dio, lui che fa ogni cosa con ordine e sapienza» (Jean Vanier, La comunità luogo del
perdono e della festa).
Il Gruppo Decoro si incarica di pulire la chiesa e di tenerla in ordine e di abbellirla con i
fiori. Nel gruppo c’è anche chi svolge le preziose mansioni quotidiane legate alla preparazione
dell’arredo e del materiale liturgico, perché tutto sia approntato per le varie celebrazioni.
Chi desidera dare una mano per la pulizia della chiesa è atteso ogni Venerdì alle ore 9.00
in chiesa parrocchiale.
18
LA PASTORALE DELLA CARITA’
SOLIDARIETA’ E SOCIALITA’
CONFERENZA DI SAN VINCENZO Ingresso da via Bassini, 50
La Conferenza di San Vincenzo presente nella nostra Parrocchia presta assistenza alle famiglie che versano
in condizione di bisogno, attraverso l’adesione al Banco Alimentare ed altre forme di sostegno.
Non viene più svolto il servizio di guardaroba. E’ comunque sempre possibile depositare indumenti e abiti
nel Cassonetto Caritas (cassonetto giallo)
posto presso l’ingresso parrocchiale di via Bassini, 50:
DOPOSCUOLA Ingresso da via Bassini, 50
Orario: dalle 15.00 alle 17.00 Responsabile: Prof.ssa Carla Santolini (cell.: 333.6198282) Il Doposcuola è aperto il lunedì, martedì, giovedì e venerdì, da inizio novembre a fine maggio,
secondo il calendario scolastico. L'orario giornaliero va dalle ore 15.00 alle ore 17.00. L‘iniziativa si
inserisce „al confine“ fra pastorale ordinaria oratoriana e carità.
Destinatari del Doposcuola sono ragazze e ragazzi italiani e stranieri con problemi scolastici
che frequentano la Scuola Media Cairoli e che vivono, preferibilmente, nel territorio della parrocchia.
L'iscrizione al doposcuola non è libera, ma avviene su proposta dei docenti della Scuola
Cairoli e solo per casi particolari su richiesta della famiglia.
I volontari prestano il loro servizio un giorno alla settimana, dalle ore 15.00 alle ore 17.00,
secondo la propria area di competenza (materie letterarie, matematica, inglese e francese). Ai
giovani delle scuole superiori che si rendono disponibili come volontari, il Doposcuola rilascia un
attestato valido per il credito formativo.
19
PASTORALE DEGLI INFERMI
Gli ammalati e gli anziani infermi della Comunità sono visitati dal Parroco e più
normalmente dai Ministri Straordinari della Comunione Eucaristica a ciò incaricati da mandato
diocesano. I Familiari sono invitati a segnalare, con semplicità e senza paura di scomodare, la
presenza di un infermo che desidera essere visitato per la Confessione o per ricevere la Comunione
Eucaristica.
Nei limiti del possibile è da favorire il desiderio di un infermo che voglia ricevere la
Comunione Eucaristica alla Domenica: in tal caso, i Ministri Straordinari della Comunione
Eucaristica la porteranno al termine di una delle Messe festive di orario. E’ buona cosa prepararsi
assistendo ad una Messa trasmessa televisivamente.
CELEBRAZIONE DELL’UNZIONE DEGLI
INFERMI
Si raccomanda di aver cura di non privare un proprio familiare gravemente ammalato del
conforto dell’Unzione degli Infermi, senza attendere momenti “estremi” e che conseguentemente
spesso rendono incredula la richiesta dell’Unzione. L’espressione “estrema unzione” è sconveniente
oltre che superata dal linguaggio autentico della fede.
Si ricorda che l’Unzione degli Infermi può essere amministrata solo in presenza di malattia
grave o di età molto avanzata che comporti disagi rilevanti.
Per dare maggior rilievo anche comunitario all’Unzione degli Infermi ogni anno è possibile
celebrare insieme il sacramento dell’Unzione, una domenica pomeriggio, segnalata sul
Calendario annuale.
Come risaputo, infine, l’Unzione degli Infermi non può essere amministrata una volta che
sia avvenuta la morte.
CELEBRAZIONE DEI FUNERALI
Il morire del cristiano è un momento grande della testimonianza di fede, oltre che prezioso
momento dell’evangelizzazione e segnale indicativo di presenza nella comunità parrocchiale. E’
buona cosa che - qualora la morte sia avvenuta in casa - si preveda un momento di preghiera o
piccoli momenti di preghiera all’arrivo di parenti, amici e conoscenti a visitare il defunto. E’ stato
preparato un piccolo sussidio per aiutare questo momento di preghiera: lo si può chiedere in
Parrocchia.
I parenti si ricordino che per celebrare il funerale in chiesa devono prendere direttamente
i contatti con il parroco senza far svolgere questo delicato compito in modo anonimo
all’agenzia funebre. Al parroco sarà così possibile preparare in modo adeguato la celebrazione
delle esequie e valutare eventualmente insieme ai parenti la scelta delle letture e la possibilità della
loro collaborazione alla celebrazione.
Di conseguenza, senza questo contatto dei parenti col parroco la segnalazione della morte
di un parrocchiano che di prassi viene fatta alla parrocchia dal comune tramite l’agenzia, verrà intesa
come semplice segnalazione per l’annotazione sui registri parrocchiali, mentre si riterrà che i parenti
intendono svolgere la celebrazione funebre direttamente al cimitero.
Giorno e l’orario del funerale in chiesa parrocchiale sono stabiliti direttamente dal
Comune, sentite le esigenze della Parrocchia. Non si svolge mai il “corteo funebre”.
Durante il rito è possibile eseguire solo canti sacri e sempre è esclusa la musica
riprodotta.
20
21
Fly UP