...

AOOI - La Chirurgia Funzionale Del Naso 05/01/2007 (Livello 2)

by user

on
Category: Documents
72

views

Report

Comments

Transcript

AOOI - La Chirurgia Funzionale Del Naso 05/01/2007 (Livello 2)
AOOI - La Chirurgia Funzionale Del Naso 05/01/2007 (Livello 2)
AOOI
Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani
La Chirurgia Funzionale Del Naso
(Ignazio Tasca - Marco Manzini)
Quaderni Monografici di Aggiornamento
file:///C|/Documenti/tasca0.htm [05/01/2007 9.53.46]
ASSOCIAZIONE
OTORINOLARINGOLOGI
OSPEDALIERI
ITALIANI
Presidente: ANGELO CAMAIONI
LA CHIRURGIA FUNZIONALE
DEL NASO
a cura di
Ignazio Tasca e Marco Manzini
QUADERNI MONOGRAFICI DI AGGIORNAMENTO
© Quaderni Monografici di Aggiornamento A.O.O.I.
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
a cura di
Ignazio TASCA
Direttore - U.O. ORL - Ospedale di Castel S. Pietro Terme - AUSL Imola (BO)
Professore a contratto di Rinologia - Università degli Studi di Parma
Marco MANZINI
Direttore - U.O. ORL - Ospedale Cardarelli - Campobasso
La riproduzione di questo volume o di parte di esso e la sua diffusione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di fotocopie, microfilm, registrazioni od altro, sono proibite senza il permesso scritto della
A.O.O.I. (Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani).
Realizzazione editoriale e stampa:
TorGraf
S.P. 362 km. 15.300
73013 Galatina (Le)
Telefono 0836.561417
Fax 0836.569901
e-mail: [email protected]
2
PRESENTAZIONE
Cari Colleghi,
presentare un volume della Collana Monografica di aggiornamento
A.O.O.I. sulla “chirurgia funzionale del naso” è per me un piacere ed un
privilegio.
Certamente, gli amici Marco Manzini e Ignazio Tasca, insieme a tutti i collaboratori che hanno preso parte alla stesura di questo volume, hanno
scelto di addentrarsi in un “territorio” della nostra Disciplina, quello nasale, che risulta sempre attuale, controverso ed in continua evoluzione e,
proprio per questi motivi, sempre appassionante, sia per il neofita che per
il chirurgo rinologo esperto.
Le considerazioni più importanti che, a mio giudizio, traspaiono dalle
pagine di questo snello ma denso volume di aggiornamento sono l’unitarietà dell’organo nasale e l’amore ed il rispetto che il rinologo deve avere
per tutte le importantissime funzioni omeostatiche che hanno luogo a
questo livello.
E’ certamente interessante e degno di nota che Marco Manzini e Ignazio
Tasca siano giunti a scrivere a quattro mani (anche se le mani che meritano di essere elogiate per la realizzazione di questo bel lavoro sono certamente più numerose) questo volume sull’approccio unitario alle patologie nasali partendo, in realtà, da percorsi formativi ed esperienze professionali, se non diametralmente opposte, certamente molto differenti ma
che, alla lunga, li hanno portati, come testimoniato dai numerosi corsi
pratici di chirurgia nasale organizzati nelle loro rispettive Scuole, ad una
uniformità di vedute e di intenti.
Al giorno d’oggi, infatti, il chirurgo che si appresta a ridurre un gibbo o a
modificare la proiezione di una punta, non può prescindere dalla consapevolezza che al di sotto delle strutture che si appresta a plasmare in base
alla sua scienza ed al suo estro, esiste un complesso network di attività fisiologiche che possono, e devono, essere preservate nella loro funzionalità.
Quale paziente potrebbe, infatti, considerare migliorata la propria qualità
di vita nello svegliarsi dal tavolo operatorio con un bellissimo naso ma
che “lavora” male? Pertanto, ancora una volta, corretto ed appropriato il
titolo di questo volume: chirurgia funzionale del naso. Guardare alla
forma, ma senza dimenticare la funzione!
3
Non è pretesa di questo quaderno di aggiornamento, considerando la
complessità dell’argomento trattato, di essere esaustivo in senso generale; l’obiettivo e l’aspirazione degli Autori erano, invece, quelli di illustrare brevemente, ma pertinentemente, lo stato dell’arte sulle attuali modalità di approccio alle alterazioni rino-settali, con la speranza di poter fornire degli elementi di immediato beneficio per la formazione del giovane
otorinolaringoiatra, senza però rinunciare all’aspirazione di stimolare l’interesse dei lettori più esperti.
In conclusione, ritengo che vada a Ignazio Tasca e Marco Manzini il merito di aver immaginato e dato alla luce, certamente con notevole profusione di energie da parte loro e di tutti i collaboratori che si sono cimentati nella stesura dei diversi capitoli, un testo che ben si integra con lo spirito di pratica, ma scientificamente rigorosa, utilità che ha sempre animato i quaderni di aggiornamento A.O.O.I.
Buona lettura.
ANGELO CAMAIONI
4
INTRODUZIONE
In un campo come la chirurgia nasale, dove gli editori pubblicano con
regolare frequenza eccellenti testi sulla rinoplastica funzionale ed estetica e dove le riviste scientifiche del settore presentano costantemente
interessanti articoli sull’argomento, è un’impresa ardua pensare che questo volume di Chirurgia Funzionale del Naso possa presentare argomenti nuovi. Non è questo lo spirito che ci ha spinto ad intraprendere la realizzazione di questo Quaderno di Aggiornamento AOOI.
L’intento invece è di fornire ai lettori, soprattutto ai giovani, suggerimenti,
consigli, derivanti dell’esperienza maturata negli ultimi venti anni, frutto di
quanto appreso dai nostri Maestri.
Ognuno di noi appartiene a Scuole e filosofie chirurgiche differenti o addirittura in alcuni casi opposte, ma sicuramente ambedue accomunati dalla
passione per la Rinologia.
Ringraziamo il Presidente ed il Direttivo dell’AOOI, per averci dato l’opportunità di realizzare questo testo, nella speranza di non aver tradito le
Loro attese. Un ringraziamento sentito va anche agli altri Autori per averci dato il Loro importante contributo. Un grazie di cuore ai nostri collaboratori che si sono cimentati nella stesura di questo Quaderno.
IGNAZIO TASCA e MARCO MANZINI
5
AUTORI
ALICANDRI-CIUFELLI Carlo
Direttore U.O. ORL - Ospedale G. Mazzini - Teramo
AMICO Giuseppe
Direttore Sanitario - Azienda Ospedaliera S. Elia - Caltanissetta
BACCIU Andrea
Dirigente Medico - Sez. di ORL e microchirurgia otologica
Università degli Studi di Parma
BARBA Giuseppe
Dirigente Medico - U.O. ORL - Ospedale S. Giovanni Bosco - Napoli
BICCIOLO Giulio
Dirigente Medico - U.O. ORL
Ospedale S. Giovanni Calabita Fatebenefratelli - Roma
BUZZELLI Roberto
Direttore U.O. ORL - Ospedale Civile - Vasto (CH)
CAMAIONI Angelo
Direttore - U.O. ORL - Az. Osp. San Giovanni Addolorata - Roma
CARISSIMI Antonio
Dirigente Medico - U.O. ORL - Ospedale Cardarelli - Campobasso
CASTAGNA Giovanni
Dirigente Medico U.O. ORL - Ospedale S. Giovanni Bosco - Napoli
CATERINO Rosa
Medico frequentatore - U.O. ORL - Ospedale S. Giovanni Bosco - Napoli
CERONI COMPADRETTI Giacomo
Dirigente Medico - U.O. ORL
Ospedale di Castel S. Pietro Terme - AUSL Imola (BO)
CIMINO Giovanni
Dirigente Medico - U.O. ORL - Azienda Ospedaliera S. Elia - Caltanissetta
6
CRISTALLI Giovanni
Dirigente medico - U.O. ORL
IFO Istituto Nazionale Tumori Regina Elena - Roma
D’ANNA Michele
Dirigente Medico - U.O. ORL - Azienda Ospedaliera S.Elia - Caltanissetta
DAMIANI Valerio
Dirigente medico - U.O. ORL - Az. Osp. San Giovanni Addolorata - Roma
DENARO Attilio
Direttore - U.O. ORL - AUSL 7 di Ragusa - Ospedale di Comiso (RG)
DI GIROLAMO Gianni
Dirigente medico - U.O. ORL Ospedale di Pescara
FIRRISI Luca
Specializzando ORL - Campus Biomedico - Roma
GIORGI Giuseppe
Medico frequentatore - U.O. ORL
Ospedale di Castel S. Pietro Terme - AUSL Imola (BO)
GIUNTA Biagio
Dirigente Medico - U.O. ORL - Azienda Ospedaliera S. Elia - Caltanissetta
LA LOGGIA Laura
Dipartimento SEAF - Facoltà di Economia Università di Palermo
LAMANNA Francesco
Medico frequentatore - U.O. ORL - Ospedale Fatebenefratelli - Roma
MANZINI Marco
Direttore - U.O. ORL - Ospedale Cardarelli - Campobasso
MASTROGIUSEPPE Giovanni
Dirigente Medico - U.O. ORL - Ospedale Cardarelli - Campobasso
PALMA Antonio
Medico frequentatore - U.O. ORL
AUSL 7 di Ragusa - Ospedale di Comiso (RG)
PALMERI Giancarlo
Dirigente Medico - U.O. ORL - Azienda Ospedaliera S.Elia - Caltanissetta
7
PAOLINO Rinaldo
Dirigente Medico - U.O. ORL
Ospedale di Castel S. Pietro Terme - AUSL Imola (BO)
PICHI Barbara
Dirigente Medico - U.O. ORL
IFO Istituto Nazionale Tumori Regina Elena - Roma
PIEMONTE Marco
Direttore - U.O. ORL - Ospedale S. Maria della Misericordia - Udine
RADICI Marco
Direttore - U.O. ORL - Ospedale “Fatebenefratelli” Isola -Tiberina - Roma
ROMANO Carmelo
Dirigente Medico - U.O. ORL
Ospedale di Castel S. Pietro Terme - AUSL Imola (BO)
ROSSI Gianni
Direttore - U.O. Anestesia e Rianimazione - AUSL Imola (BO)
SARAVO Lydia
Dirigente Medico - U.O. Anestesia e Rianimazione - AUSL Imola (BO)
SORACE Filippo
Dirigente medico - U.O. ORL
Ospedale di Castel S. Pietro Terme - AUSL Imola (BO)
SPRIANO Giuseppe
Direttore - U.O. ORL - IFO Istituto Nazionale Tumori Regina Elena - Roma
TASCA Ignazio
Direttore - U.O. ORL - Ospedale di Castel S. Pietro Terme - AUSL Imola (BO)
Professore a contratto di Rinologia - Università degli Studi di Parma
TERRANOVA Giulietta
Dirigente Medico - U.O. ORL - Ospedale Cardarelli - Campobasso
TORTORIELLO Giuseppe
Direttore - U.O. ORL - Ospedale S. Giovanni Bosco - Napoli
TROMBETTI Paolo
Dirigente medico - U.O. Anestesia e Rianimazione - AUSL Imola (BO)
8
INDICE
Presentazione
Angelo Camaioni
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.
Introduzione
Ignazio Tasca, Marco Manzini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
3
5
Elenco Autori
Concetti di anatomia chirurgica nasale
Marco Manzini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La diagnostica strumentale in rinologia
Ignazio Tasca, Giacomo Ceroni Compadretti,
Giuseppe Giorgi, Filippo Sorace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La digitalizzazione delle immagini in rinologia
Attilio Denaro, Antonio Palma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
Ignazio Tasca, Giacomo Ceroni Compadretti,
Carmelo Romano, Rinaldo Paolino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
Ignazio Tasca, Giacomo Ceroni Compadretti,
Rinaldo Paolino, Carmelo Romano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La chirurgia dei turbinati
Ignazio Tasca, Giacomo Ceroni Compadretti,
Filippo Sorace, Andrea Bacciu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
Chirurgia delle perforazioni settali
Giuseppe Tortoriello, Giuseppe Barba,
Giovanni Castagna, Rosa Caterino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La settoplastica (metodica personale)
Marco Manzini, Antonio Carissimi, Gianni Di Girolamo . . . . . . »
9
11
19
35
45
69
85
99
115
La rinoplastica funzionale
Ignazio Tasca, Giacomo Ceroni Compadretti,
Giuseppe Giorgi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 131
Il naso lungo (Pinocchio nose)
Marco Manzini, Giulietta Terranova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La chirurgia della punta
Marco Manzini, Roberto Buzzelli, Antonio Carissimi . . . . . . . . »
Gli innesti
Angelo Camaioni, Valerio Damiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
Il naso torto
Marco Manzini, Antonio Carissimi,
Giovanni Mastrogiuseppe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
Il naso a sella
Marco Manzini, Marco Radici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La rinoplastica aperta
Marco Radici, Giulio Bicciolo, Francesco Lamanna,
Luca Firrisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
Complicanze nella rinosettoplastica
Ignazio Tasca, Giacomo Ceroni Compadretti,
Giuseppe Giorgi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
Quando il naso non viene come vorrei
Carlo Alicandri-Ciufelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
La chirurgia ricostruttiva del naso
Giuseppe Spriano, Giovanni Cristalli, Barbara Pichi . . . . . . . . »
Medicina legale in rinologia
Marco Piemonte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »
Principi di anestesia in rinologia
Gianni Rossi, Lydia Saravo, Paolo Trombetti . . . . . . . . . . . . . . »
DRG in rinologia
Giuseppe Amico, Giancarlo Palmeri, Biagio Giunta,
Michele D’Anna, Laura La Loggia, Giovanni Cimino . . . . . . . . »
10
159
165
195
207
221
225
249
265
271
291
305
317
CONCETTI DI ANATOMIA CHIRURGICA NASALE
M. Manzini
Il concetto di forma e funzione come di due entità strettamente connesse
rappresenta dunque la premessa fondamentale di tutta la chirurgia nasale. Quindi, preservare e ricostruire la normale anatomia del naso è il fine
principale dell’atto chirurgico. Da un punto di vista chirurgico vanno attentamente considerati alcuni aspetti anatomici fondamentali1,2 (Fig. 1).
1. La cute può essere sottile o spessa ed avere un sottocute più o meno
sviluppato cosa che condiziona spesso il risultato finale della chirurgia
correttiva, in quanto una cute sottile evidenzia maggiormente le irregolarità che il chirurgo può creare nel rimodellamento delle sottostanti strutture osteo-cartilaginee. Il concetto vale soprattutto per quanto riguarda la
chirurgia della punta.
A questo proposito è utile ricordare come il rivestimento cutaneo del naso
sia più sottile nei due terzi superiori e più spesso in corrispondenza del
terzo inferiore.
2. Crediamo sia utile da un punto di vista chirurgico suddividere la volta
in tre settori: al terzo superiore la volta superiore ossea costituita dalle
due ossa nasali proprie e dal processo frontale del mascellare, al terzo
medio la volta cartilaginea superiore costituita dalle cartilagini laterali
superiori o triangolari, al terzo inferiore la volta cartilaginea inferiore costituita dalle cartilagini alari. Quest’ultimo settore costituisce in particolare
un’unità anatomo-chirurgica a parte, dal momento che è separato dai due
superiori da un punto ben preciso, il “tip defining point”.
Le due ossa nasali sono più spesse e strette nella regione intercantale,
più sottili e larghe distalmente. Le osteotomie non vanno quindi condotte
al di sopra del canto interno in quanto la volta è già di per sé stretta e l’osso è spesso.
Nell’ambito della volta cartilaginea superiore va sottolineata l’importanza dell’interrelazione tra le cartilagini laterali superiori ed il setto specie in
corrispondenza dell’area “K”3 (keystone zone), che è il punto di convergenza delle ossa nasali, delle cartilagini laterali superiori e del setto (Fig.
2). Questo è un punto chiave (keystone) della chirurgia nasale per due
ragioni. Innanzitutto l’interruzione della interrelazione delle varie componenti dell’area K può determinare un’alterazione della linea del dorso
nasale e favorire la cosiddetta deformità a V rovesciata. In secondo
11
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
luogo, le resezioni del setto condotte al di dietro della linea che unisce l’area K alla spina nasale possono essere condotte con tranquillità.
Viceversa le rimozioni eventualmente effettuate anteriormente a tale linea
richiedono un reimpianto dato che il setto cartilagineo, in tale sede, ha
una importante funzione di sostegno.
Fig. 1. Anatomia del naso
Fig. 2. L’area “K”
La volta cartilaginea inferiore è composta dalle crura mediali, intermedie e laterali delle cartilagini alari.
I meccanismi principali di supporto del terzo inferiore della piramide
(punta) sono rappresentati da:
1) robustezza della alare;
2) margine inferiore del setto e suo ligamento con le crus mediali;
3) unione alari-triangolari.
12
Concetti di anatomia chirurgica nasale
Adams et al., in uno studio comparativo su cadaveri hanno evidenziato
una significativa maggiore perdita di proiezione nelle rinoplastiche condotte con tecnica aperta, rispetto a quelle condotte con tecnica chiusa. La
perdita media di proiezione è risultata di 3,43 mm per la aperta, a fronte di
1.98 mm per la tecnica chiusa. L’autore è giunto ad una conclusione che
ci sentiamo di condividere, cioè che l’approccio con tecnica aperta determina una significativa maggiore perdita di proiezione, rispetto alla chiusa,
in rapporto ad una maggiore aggressività e distruzione delle strutture ligamentose di sostegno. L’implicazione più evidente, da un punto di vista più
strettamente pratico, è rappresentato dalla necessità di adottare delle specifiche contromisure per provvedere al supporto della punta, soprattutto
nel caso che si adotti una tecnica aperta (innesti, suture, ecc.).
3. Dei muscoli del naso solo due hanno rilievo clinico. Si tratta del
muscolo elevatore del labbro e dell’ala del naso e del muscolo depressore del setto. Il primo contribuisce a mantenere aperta la valvola nasale
interna. Il depressore del setto, quando è clinicamente significativo,
accorcia il naso e riduce la proiezione nei movimenti di animazione.
Esistono tre varianti del muscolo depressore del setto: il tipo I, presente in
circa il 62% dei casi, è interdigitato con l’orbicolare delle labbra ed è ben rappresentato ed evidente; il tipo II, presente nel 22% dei casi, è evidente ma
ha poche interdigitazioni con l’orbicolare e quindi è funzionalmente meno
rilevante; il tipo III, pari al 16% dei casi non è visibile o è rudimentale.
Nella valutazione clinica pre-operatoria si possono facilmente identificare
quei pazienti in cui si manifesta un abbassamento della punta del naso
ed un accorciamento del labbro superiore, in particolare quando sorridono. In questi casi, la dissezione o la trasposizione del depressore del
setto possono correggere tale anomalia della dinamica facciale, migliorando il rapporto punta-labbro superiore3 (Fig. 3).
Fig. 3. Il muscolo depressore del setto
13
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
4. Posteriormente al bordo del processo frontale del mascellare si trova il
solco lacrimale che contiene il dotto lacrimale. Una osteotomia basale
in questo punto non deve essere troppo bassa per non danneggiare questa importante struttura anatomica.
5. Il retourning delle cartilagini triangolari (Fig. 4), oltre che rappresentare un elemento che contribuisce alla rigidità della regione valvolare (triangolo compreso tra margine caudale delle triangolari, setto, testa del turbinato inferiore e pavimento della fossa nasale), è un punto di repere fondamentale, una volta eseguita l’incisione intercartilaginea, per lo scollamento della volta nasale.
Fig. 4. Il retourning della cartilagine triangolare
6. La porzione terminale delle crura laterali delle cartilagini alari non va indebolita per non determinare una depressione del triangolo molle di
Converse (distinto dal triangolo debole) a cui corrisponde internamente la
regione valvolare che potrebbe in tal modo risultarne stenosata.
7. Le rimozioni del margine caudale della cartilagine quadrangolare
vanno opportunamente ponderate per il mantenimento di un ottimale
angolo naso-labiale che è di norma di circa 90 gradi nel maschio, un po’
più ampio nella donna4 (Fig. 5).
Fig. 5. Angoli naso-labiale e naso frontale
14
Concetti di anatomia chirurgica nasale
8. Un’area importante, dal punto di vista estetico, è quella dei cosiddetti
“tip defining points”: punto di passaggio tra la punta ed il dorso. Gli altri
tre punti sono dati dai due dome e dal punto di passaggio tra crus mediale e crus intermedia. E’ molto importante una valutazione di questa area
per definire la proiezione e per evidenziare eventuali irregolarità o asimmetrie3 (Fig. 6).
Fig. 6. "Tip defining points"
9. Nel naso ideale i margini della narice hanno la forma di un ovale. Una
linea tracciata dall’estremo anteriore a quello posteriore di tale ovale lo
suddivide in due segmenti, uno superiore ed uno inferiore che, nel naso
ideale, sono uguali e compresi tra 1 e 2 mm. Questa suddivisione in due
segmenti ci permette di classificare le anomalie della regione columellare in quattro sottoclassi3 (Fig. 7).
Fig. 7. Deformità della regione columellare
15
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
10. La regione della punta del naso è irrorata prevalentemente da rami
dell’arteria facciale che includono l’arteria labiale superiore con i suoi rami
columellari e l’arteria angolare del naso che passa al di sopra dell’arco
alare ed il suo ramo terminale, l’arteria laterale del naso3 (Fig. 8). Va tenuto presente che la vascolarizzazione del naso è collocata al di sopra del
piano muscolare appena al di sotto della cute motivo per cui lo scollamento va eseguito tenendo presente questi rapporti per evitare fastidiosi
sanguinamenti. La tecnica open interrompe i rami columellari, mentre
vengono risparmiati i rami dell’arteria angolare. La tecnica chiusa preserva maggiormente la vascolarizzazione del naso.
Fig. 8. La vascolarizzazione del naso esterno
16
Concetti di anatomia chirurgica nasale
Bibliografia
1
2
3
4
REES T.D.: Aesthetic Plastic Surgery 1980
DENECKE H.J.; MEYER R.: Plastic Surgery of Head and Neck, 1967
GUNTER J.P.; ROHRICH R.J., ADAMS JR. W.P.: Dallas Rhinoplasty. Nasal Surgery
by the Masters 2002.
HUIZING E.H., DE GROOT J.A.M.: Functional Reconstructive Nasal Surgery 2003
17
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
18
LA DIAGNOSTICA STRUMENTALE IN RINOLOGIA
I. Tasca, G. Ceroni Compadretti, G. Giorgi, F. Sorace
INTRODUZIONE
La rinomanometria (RMM) e la rinometria acustica (RA) sono le indagini
strumentali di riferimento della diagnostica funzionale del naso, parte
integrante e irrinunciabile della rinologia moderna. Fin dalla loro introduzione nella pratica clinica, esse hanno dimostrato un potenziale diagnostico elevato che è andato affinandosi nel corso degli anni, grazie al perfezionamento tecnologico delle strumentazioni.
L’intento principale di questa trattazione è quello di fornire al lettore elementi per l’applicazione pratica di queste metodiche di indagine, nel
pieno spirito del ruolo e del significato dei quaderni AOOI. Perciò, dopo
aver delineato i presupposti fisiopatologici e le basi procedurali delle tecniche di esame, si riporteranno gli aspetti di applicabilità clinica e di ricerca scientifica.
LA RINOMANOMETRIA
La RMM è una metodica che consente di misurare la permeabilità nasale utilizzando i principi della dinamica dei fluidi1. In condizioni di respirazione tranquilla, la dinamica ventilatoria nasale risponde alla legge di
Poiseuille: V=∆P/R dove V rappresenta il flusso che attraversa il condotto nell’unità di tempo, ∆P la pressione differenziale tra le due estremità
del medesimo ed R la resistenza che si realizza al transito del flusso. La
RMM è in grado di calcolare la resistenza nasale come rapporto di gradiente pressorio tra ambiente esterno e rinofaringe e il flusso d’aria transnasale (R = ∆P/V). Con la RMM, la misurazione dei parametri fisici delle
correnti aeree può avvenire con metodiche attive (gli atti respiratori del
paziente sono la sorgente di flussi e pressioni) o passive (si introduce nel
naso del paziente in apnea un volume determinato di aria e si misura la
pressione durante il passaggio della corrente aerea artificiale). La pressione differenziale viene misurata da un manometro, mentre un pneumotacografo registra il flusso. I trasduttori meccano-elettrici possono trovarsi direttamente integrati alla maschera, oppure all’interno dell’elaboratore
ed in tal caso collegati alla maschera mediante cavi di connessione. La
pressione transnasale può essere misurata con tecnica anteriore o posteriore. Nella RMM anteriore, il soggetto respira attraverso il nozzle ade19
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
rente al contorno della narice esterna oppure attraverso la maschera
applicata ermeticamente al viso. Il nozzle o la maschera sono connessi
all’insieme pneumotacografo-trasduttore di pressione differenziale per il
calcolo di V. L’altra narice, chiusa da un’oliva nel caso di uso di nozzle
oppure da cerotto adesivo forato al centro nel caso venga utilizzata la
maschera, è collegata mediante un sottile tubo di silicone ad un ingresso
del secondo trasduttore di pressione, il quale registra pertanto la pressione presente a livello della narice non respirante. La pressione qui registrata è identica a quella rinofaringea, poiché la narice non respirante è
parte di un sistema chiuso entro il quale non si verifica flusso. L’altro
ingresso del trasduttore di pressione registra la pressione esterna. Nel
metodo posteriore, il paziente respira con entrambe le narici e la pressione nasale posteriore è rilevata mediante una sonda endobuccale tenuta tra le labbra perfettamente chiuse e collocata tra lingua e palato.
Quest’ultimo metodo consente la misurazione simultanea dei due lati per
il calcolo della resistenza totale. Va riservato alle deformità ostruenti del
setto ed alle perforazioni. Tale tecnica richiede un’elevata esperienza nel
posizionamento della piastra e una notevole capacità di collaborazione
del paziente nel tollerare il tubo stesso. Le modalità di esecuzione dell’esame sono state codificate dal Comitato Internazionale per la
Standardizzazione della Rinomanometria 2, attualmente divenuto
Standardization Committee on Objective Assessment of the Nasal Airway
(SCOANA)(3), al fine di ottenere un linguaggio univoco tra le tante proposte sviluppatesi nel corso degli anni:
• la rinomanometria anteriore attiva con maschera è il metodo di scelta;
• la maschera può essere di qualsiasi tipo, purché non modifichi le
strutture nasali, deve aderire al viso, deve essere trasparente in modo
che naso e bocca siano visibili;
• l’igiene della maschera deve essere assicurata con soluzioni che non
siano irritanti né abbiano forti odori;
• l’esame va eseguito in ambiente climatizzato (21-25°C, 40-60% di
umidità) con il paziente seduto, a riposo da almeno 30’, in condizioni
di respirazione tranquilla;
• i possibili artefatti devono essere conosciuti ed evitati;
• i calcoli vanno effettuati su 3-5 atti respiratori;
• rappresentazione di ∆P e V in sistema x-y (Mirror Image Technique)
(Fig.1): i quadranti I e III sono usati per la cavità nasale destra, i quadranti II e IV per la fossa nasale sinistra. Le fasi inspiratorie sono rap20
La diagnostica strumentale in rinologia
•
•
•
presentate nei quadranti I e IV, quelle espiratorie nei quadranti II e III
l’ordinata rappresenta il flusso, l’ascisse il gradiente di pressione transnasale;
espressione dei valori numerici in S.I.: Pascal per la differenza di
pressione, cm3s-1 per il flusso;
nell’elaborazione dei risultati, la resistenza è calcolata a valori predeterminati di pressione (150 Pascal per la RMM anteriore attiva; 75
Pascal per la RMM posteriore attiva) secondo l’equazione R = ∆P/V.
Nel caso venga usato il modello delle coordinate polari di Broms4, l’espressione della resistenza a raggio 2 risulta parimenti valida.
Fig. 1
Le variazioni di inclinazione della curva pressione/flusso o sigmoide all’interno del grafico permettono una valutazione visiva immediata del grado
di ostruzione nasale. Pertanto in un soggetto patologico, in cui l’accentuazione dei fenomeni di turbolenza si traduce in un aumento di resistenza nasale, la sigmoide risulta più ruotata verso l’asse delle ascisse (“la
tenaglia si chiude”), rispetto alla sigmoide di un soggetto normale che si
allontana dall’asse delle ascisse (“la tenaglia si apre”).
Rilievi tipici di patologia nasale sono i seguenti:
21
•
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
curva che corre lungo l’asse delle ascisse: espressione di ostruzione
nasale totale;
• plateau inspiratorio precoce: il flusso inspiratorio massimo risulta inferiore alla norma e ulteriori incrementi di pressione non si traducono in
aumenti di flusso. E’ la tipica espressione di patologia dell’area valvolare nasale;
• disuguaglianza dell’angolo formato dal braccio inspiratorio rispetto a
quello formato dal braccio espiratorio con l’asse delle ordinate: è un
rilievo patognomonico di alterazione della funzione valvolare;
• plateau espiratorio: di infrequente osservazione, esprime un meccanismo a valvola nelle aree posteriori del naso (ipertrofia della coda dei
turbinati, polipi coanali, tessuto adenoideo);
Sebbene lo SCOANA non abbia segnalato la necessità di includere nella
registrazione grafica i tracciati sinusoidali, che rappresentano le misure
della pressione e del flusso rispetto al tempo, queste, a nostro avviso,
assumono interesse ed importanza di grande rilievo per numerosi motivi5
(Fig.2):
a) costituiscono innanzitutto le misure realmente rilevate senza le elaborazioni integrative da cui trae origine la sigmoide e comprendono la
registrazione del parametro tempo;
b) l’analisi delle sinusoidi permette una più facile individuazione degli eventuali artefatti che si possono verificare durante l’esecuzione dell’esame;
Fig. 2
22
La diagnostica strumentale in rinologia
c) le sinusoidi consentono la valutazione di parametri relativi alla dinamica respiratoria (frequenza, durata, ampiezza, regolarità del ritmo,
forma e pattern dei cicli respiratori);
d) agevolano, con il rilievo delle 5 tipologie di curva di Cottle6, le indicazioni al trattamento chirurgico nasale.
Pertanto, alla luce di queste considerazioni, nella nostra diagnostica rinologica, utilizziamo un tracciato rinomanometro che rappresenta simultaneamente la sinusoide e la sigmoide (Fig.3).
Fig. 3
VANTAGGI E SVANTAGGI DELLA RMN
Vantaggi
• possibilità di stimare la difficoltà che il paziente presenta nel respirare
attraverso il naso in termini di resistenza
• possibilità di determinare il ruolo delle strutture rigide mucovascolari e
collassabili del naso
• buona sensibilità e riproducibilità
Svantaggi
• Time consuming (posizionamento, pulizia delle cavità nasali, strumentazione, misurazioni di base, decongestione, misurazioni di controllo)
• Maschera facciale, adattatori e nozzle possono, in differente grado,
alterare le misurazioni, il catetere nasale può causare disconfort alla
mucosa infiammata, i dispositivi intraorali possono risultare inefficaci
in certi soggetti
• La descrizione matematica di relazioni non lineari e di flusso non laminare, il calcolo della resistenza totale a partire da valori unilaterali rendono la metodica ancora imperfetta
23
•
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
La resistenza nasale non può essere correlata direttamente ai sintomi e alla patologia nasale
NUOVE METODOLOGIE
La rinomanometria ad alta risoluzione (HRR) o rinomanometria a quattro
fasi è una metodica di recente introduzione7 che fornisce informazioni
supplementari rispetto alla RMM classica ed in particolare relativamente
ai movimenti della parete laterale del naso grazie ad un’analisi dettagliata delle porzioni ascendente e discendente della curva durante l’inspirazione e l’espirazione. Quello che viene a delinearsi da un punto di vista
grafico è un tracciato a doppia ansa che esprime il fisiologico cambiamento di fase tra pressione e flusso durante il passaggio di aria all’interno del naso. Questo fenomeno è determinato dall’inerzia (accelerazione)
del flusso aereo e dall’elasticità (deformazione) delle strutture nasali.
L’influenza dell’inerzia può essere descritta dalla formula derivata da
Hoffrichter: V°(t)2 = 2A2 ∆p/p - 2V dV°/dt
dove A = sezione, p = densità dell’aria, V = volume, 2V dV°/dt = accelerazione.
Nella HRR, la resistenza viene determinata per la fase inspiratoria ascendente e per la fase espiratoria discendente al più alto valore di flusso possibile registrato alla pressione di 150 Pa. L’immagine grafica risultante
sarà, non più una semplice curva sigmoide, ma una curva a doppia ansa.
Infatti, la curva sigmoide di per sé non rappresenterebbe la realtà dei fatti,
in quanto, nel 20% dei casi, la relazione pressione/flusso varia durante la
porzione ascendente e discendente del flusso aereo nasale di più del
30%. L’allargamento dell’ansa (C-type) corrisponde ad una riduzione di
flusso durante la seconda fase inspiratoria, riferibile ad influenze della
componente elasticità sul pattern rinomanometrico, come avviene per
esempio nel collasso valvolare.
La HRR introduce due nuovi parametri di valutazione della resistenza:
• la Effective Resistance (REFF ) che considera la relazione di pressione/flusso lungo l’intero atto respiratorio comprendendo in tal modo il
parametro tempo nel calcolo finale della resistenza. Una REFF al di
sotto di 0.4 Pa/s/cm3 può essere considerata normale mentre valori
superiori a 0.6 Pa/s/cm3 risultano patologici;
• la Vertex Resistance (VR) corrisponde al valore di resistenza calcolata al punto di flusso massimo durante una respirazione tranquilla. Tale
parametro fornisce una rappresentazione del consumo di energia
durante la respirazione nasale.
24
La diagnostica strumentale in rinologia
Inoltre un’altra differenza della HRR rispetto alla rinomanometria classica, consiste nell’estensione del range dei flussi e delle pressioni rispettivamente a 1200 cm3/s e 1200 Pa, al fine di riprodurre anche le condizioni di respirazione nasale profonda.
Una rappresentazione grafica alternativa alla sigmoide, presentata dalla
nostra Scuola8 e recentemente riproposta3, è quella che noi abbiamo
chiamato rappresentazione topografica.
a
Fig. 4: a) sigmoide tradizionale
b
b) sigmoide con rappresentazione topografica
Consiste in una diversa disposizione schematica dei dati, che non comporta alcun cambiamento nella tecnica di rilevamento ed elaborazione
(sempre conforme alle indicazione fornite dalla Commissione
Internazionale di Standardizzazione della Rinomanometria).
Si dispone ciascuna curva di Pressione/Flusso nell’ambito del sistema ad
assi cartesiani usando rispettivamente i due quadranti (inferiore e superiore) di sinistra per la curva destra e viceversa, con separazione delle
due curve che appaiono delimitate e giustapposte rispetto all’asse delle
ordinate (asse delle pressioni). Inoltre la collocazione dei valori pressori
negativi (fase inspiratoria) negli emiquadranti inferiori risulta conforme sia
al criterio matematico (emiasse negativo), sia al criterio anatomo-topografico, che pone verso l’avanti le fasi respiratorie che più risultano
influenzate dalle aree nasali anteriori e viceversa.
Lo schiacciamento delle curve lungo l’asse delle ordinate evidenzia con
25
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
parallelismo funzionale l’aumento di resistenza conseguente all’importanza del restringimento anatomico della cavità nasale. Risulta inoltre
facilitato il confronto fra le rispettive fasi inspiratorie ed espiratorie di ciascun lato e fra i due lati.
Questa rappresentazione nella rinomanometria anteriore attiva consente
una visione separata delle misure relative ai due lati del naso ed è paragonabile e complementare al metodo di rappresentazione da noi adottato nella rinometria acustica. Inoltre consente come nel caso della rinometria acustica la sovrapposizione di curve riguardanti differenti prove
rendendo più immediata la valutazione ed il confronto.
LA RINOMETRIA ACUSTICA
La RA può essere considerata tra le ultime arrivate nella diagnostica funzionale rinologica, essendo stata introdotta nella pratica clinica alla fine
degli anni ottanta9. Questa metodica si basa sul principio della riflessione
acustica per misurare le superfici traverse ed i volumi in funzione della
distanza. Con la RA si riescono ad analizzare la sezione traversa e la volumetria di tutte le porzioni delle camere nasali. Lo strumento è costituito da
un generatore di onde acustiche capace di produrre un impulso sonoro
compreso tra 150 Hz e 10.000 Hz. Tale stimolo, che può essere di tipo
impulsivo (click acustico) o periodico (rumore bianco), diffonde all’interno
di un tubo di bakelite connesso con l’apertura narinale per mezzo di un
nozzle nasale. Il suono pervenuto nella cavità nasale esplorata viene
riflesso in misura variabile in funzione della sezione e della localizzazione
topografica degli ostacoli incontrati durante il suo transito. L’onda acustica
riflessa viene captata da un microfono alloggiato nello stesso tubo ed il
segnale è inviato all’unità di elaborazione che, rapidamente, fornisce la
rappresentazione grafica in scala semilogaritmica su video (Fig. 5).
Questa, nel caso di impulso a rumore bianco, è costituita da un diagramma su assi cartesiani che riporta in ordinate i valori di superficie trasversa
espressi in cm2 ed in ascisse quelli di distanza dall’adattatore nasale
espressi in cm (Fig. 6). In condizioni di decongestione, tre deflessioni o
minimum notches possono essere rilevate sulla curva. La porzione più
stretta delle cavità nasali è solitamente situata entro i primi 3 cm dalle narici. In tale regione sono presenti due deflessioni10: la prima corrisponde alla
valvola nasale (I-notch rappresenta l’Isthmus nasi), l’altra alla testa del turbinato inferiore (C-notch rappresenta la conca inferiore). Uno di questi
primi due minimi costituisce il minimo della curva (MCA) in senso assoluto. Solitamente nel soggetto normale, la Minimal Cross-sectional Area
26
La diagnostica strumentale in rinologia
Fig. 5
Fig. 6
(MCA), cioè il minimo riscontrabile in senso assoluto, corrisponde alla valvola nasale. La superficie di questa sezione è inversamente proporzionale allo stato di decongestione del turbinato stesso. La comparazione della
localizzazione delle MCA nello stesso paziente prima e dopo decongestione può essere di aiuto nel determinare se la MCA corrisponde alla val27
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
vola nasale o alla testa del turbinato inferiore. Dopo decongestione, si
assiste ad un fisiologico spostamento in avanti della MCA e tale fenomeno risulta più pronunciato a livello del C-notch rispetto all’I-notch. L’origine
della terza deflessione risulta meno chiara; probabilmente corrisponde alla
testa del turbinato medio. Le aree misurate nella parte posteriore delle
cavità nasali possono essere influenzate dall’apertura delle cavità paranasali e dalla perdita di segnale nel rinofaringe. E’ opportuno sottolineare
come già in regione coanale i valori mostrino una grande variabilità e quindi scarsa attendibilità. Il cambiamento delle dimensioni degli ostii sinusali
dopo decongestione può significativamente aumentare l’effetto sulla curva
dietro a tale punto (l’ostio). Questo può influenzare la valutazione del rinofaringe ma allo stesso tempo consente di misurare la funzione dell’ostio.
Variabili cliniche
Il parametri più significativi che occorre prendere in considerazione dal
punto di vista clinico sono le due MCA corrispondenti ai segmenti più
ristretti e pertanto più resistivi delle camere nasali, di cui viene misurata
sia l’area in centimetri quadrati sia la posizione all’interno della via area
nasale, cioè la distanza dal margine narinale. Esse sono anche le aree
che più di altre correlano con il sintomo ostruttivo. E’ anche possibile calcolare la somma delle MCA dei due lati (Total Minimal Cross Sectional
Area o TMCA). Un altro parametro determinante è il volume calcolato
entro i primi 5 cm. Si può inoltre ottenere il valore del volume del tratto di
cavità nasale compreso tra due punti del tracciato preventivamente marcati, secondo le necessità del clinico; è il caso per esempio della valutazione della ipertrofia dei turbinati in cui si considera il volume del tratto di
cavità nasale compreso tra 2 e 5 cm, mentre informazione relative agli
osti sinusali si rilevano nelle aree comprese tra 5 e 10 cm. Allo stesso
modo i test di provocazione nasale vanno valutati a 3.3 cm dal margine
narinale, e cioè approssimativamente a livello della testa del turbinato
inferiore, regione che maggiormente risente di un problema congestizio.
L’esecuzione dell’esame risulta estremamente semplice, rapida e di nessun impegno per il paziente. L’immediata visualizzazione del tracciato
consente un’analisi qualitativa e quantitativa della geometria della cavità
nasale. La RA ha subito un processo di implementazione mediante l’introduzione della tecnologia a suono continuo. In questo caso, lo stimolo
sonoro viene prodotto da un processore d’onda digitale e quindi trasmesso a un diffusore miniaturizzato, posto all’estremo del tubo sonda.
Le caratteristiche specificamente note e adattabili dello stimolo impiega28
La diagnostica strumentale in rinologia
to, fanno sì che non sia più necessaria la separazione temporale delle
onde incidenti e riflesse. Ciò ha permesso la riduzione di lunghezza del
tubo sonda, che essendo più maneggevole facilita l’esecuzione dell’esame; l’aumento di precisione nella misura, attraverso il continuo adattamento, da parte dell’elaboratore, del suono al tipo di cavità sotto esame;
ed inoltre l’esclusione di eventi disturbanti la misura, in grado di determinare artefatti, come rumori esterni o movimenti involontari del paziente.
In analogia con quanto avvenuto per la RMM, l’estesa applicazione clinica della RA ha spinto gli operatori a riconoscere la necessità di un metodo standard. Ciò ha indotto ad inserire nel contesto dello SCOANA un
gruppo di studio parallelo con lo scopo di contribuire al processo di standardizzazione della metodica rinometrica. Il comitato di standardizzazione della rinometria acustica ha pertanto recentemente pubblicato le
modalità standard di esecuzione dell’esame unitamente ai valori di normalità11. Tra gli argomenti ancora in discussione vi è la necessità di stabilizzare la posizione della testa con la sonda in modo da creare una connessione standardizzata e ripetibile tra soggetto e strumento, condizione
indispensabile per la corretta esecuzione di test e retest. A tale scopo, è
stato suggerito l’uso di un craniostato, normalmente utilizzato dagli oculisti e opportunamente modificato per consentire la regolazione nei tre
piani dello spazio12. La nostra Scuola, per ottenere una posizione standard tra strumento e paziente, posiziona il soggetto in esame in posizione seduta con la “Frankfurt line” parallela al piano del pavimento, mentre
la sonda ha un’inclinazione di 30° rispetto al piano del pavimento.
TESTS FUNZIONALI E DINAMICI
Sia la RMM che la RA si avvalgono di test funzionali e dinamici che vengono regolarmente eseguiti a completamento dell’indagine di base per
realizzare una corretta diagnosi differenziale. I tests funzionali comprendono il test di decongestione e il test di dilatazione valvolare. I tests dinamici, posizionale e da sforzo, si propongono di indagare lo stato di reattività delle strutture molli del naso in condizioni fisiologiche, senza quindi il
ricorso a stimolazioni farmacologiche o meccaniche, allo scopo di rivelare disordini di natura vasomotoria riconducibili ad iperreattività nasale.
Test di Decongestione
La decongestione nasale permette di differenziare la stenosi respiratoria
nasale, determinata da deformità strutturali, dall’ostruzione dovuta a
patologia dei tessuti molli. Può essere ottenuta mediante l’uso di farmaci
29
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
oppure attraverso l’esercizio fisico. Lo SCOANA non ha ritenuto necessario standardizzare il test di decongestione in quanto le due metodiche
hanno efficacia sostanzialmente sovrapponibile. Per ragioni pratiche, tuttavia, la decongestione farmacologica si è affermata come il metodo più
comunemente usato. Il test farmacologico prevede la nebulizzazione di
due puffs per narice di un decongestionante nasale a breve latenza di
azione, attesa di cinque minuti, ripetizione della decongestione e nuova
valutazione strumentale dopo altri cinque minuti di attesa. Il primo puff va
erogato con il beccuccio posizionato parallelamente al pavimento della
fossa nasale, mentre il secondo dopo una rotazione dell’erogatore di 30°
verso l’alto. Il test è considerato positivo quando i parametri si normalizzano, rispetto alla prova di base, il che sta ad indicare la presenza di una
componente funzionale nel meccanismo stenosante riferibile alle strutture cavernose dei turbinati. Viceversa, qualora le resistenze ed i valori
dimensionali permangano alterati, il test risulta negativo ed individua le
stenosi di natura strutturale.
Test di Dilatazione
Viene eseguito dopo il test di decongestione e consente di documentare
la stenosi localizzata a livello della valvola nasale. Il test prevede la valutazione strumentale dopo applicazione di un dilatatore interno nel vestibolo nasale o esterno (Fig. 7) in corrispondenza del triangolo vuoto. Il
dilatatore interno di Ognibene è il presidio che viene routinariamente utilizzato presso i nostri Ambulatori. La sua particolare conformazione, che
riproduce quella fisiologica dell’area valvolare, attribuisce a tale dilatatore, rispetto ai dilatatori esterni, una estrema affidabilità soprattutto in presenza di un collasso della parete laterale esterna del naso; infatti esso
non risente delle inevitabili variazioni dovute alle differenti elasticità dei
tessuti, avendo il vantaggio di mantenere costante l’apertura della cavità
nasale con un angolo fisiologico pari a 15 gradi (Fig. 8). Il dilatatore di
Ognibene ha dimostrato una indiscutibile validità diagnostica13,14 sia nelle
applicazioni di RMM sia nel caso della RA, per la quale abbiamo eseguito una modifica a livello del nozzle, costituita da un incavo atto ad alloggiare la branca mediale del dilatatore (Fig. 9). Ciò ha consentito di ottenere una adeguata adesione del nozzle con la narice ed di evitare, quindi, le possibili dispersioni del segnale acustico. Il test si considera positivo quando determina una riduzione significativa della resistenza inspiratoria e la scomparsa del plateau inspiratorio patologico, nonché la normalizzazione dei valori di MCA e di volumetria nasale (Fig. 10).
30
La diagnostica strumentale in rinologia
Fig. 7: dilatatore esterno
Fig. 8: dilatatore interno di Ognibene
Fig. 9
Fig. 10
31
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
CAMPI DI APPLICAZIONE DELLA RMM E RA
Applicazioni cliniche:
✔ misurazione della pervietà nasale
✔ effetti di trattamenti medici sulla pervietà nasale
✔ istanze medico-legali
✔ medicina delle assicurazioni
✔ documentazione preoperatoria-postoperatoria
✔ disturbi respiratori del sonno
Applicazioni di ricerca:
✔ misurazione oggettiva della pervietà nasale
✔ studi di fisiologia nasale
✔ validazione di indagini oggettive e/o oggettive sulla pervietà nasale
✔ ortognatodonzia e chirurgia maxillo-facciale
✔ chirurgia plastica ricostruttiva
CONCLUSIONI
La RMM e la RA sono indagini che consentono un approfondito e dettagliato studio delle prime vie respiratorie, ciascuna contribuendo specificamente alla valutazione di determinati aspetti, per cui risultano complementari e di reciproco completamento, soprattutto nello studio di un
disturbo complesso e multifattoriale quale è la disfunzione respiratoria
nasale15. Una delle principali critiche mosse alla rinomanometria è quella
di fornire informazioni limitate quasi esclusivamente al segmento del condotto nasale più ristretto e resistivo. È proprio sotto questo profilo che
l’associazione della rinometria acustica nello studio del naso, apporta il
vantaggio dei dati geometrici relativi alla definizione spaziale e quindi permette una valutazione realistica delle disfunzioni respiratorie. Il livello tecnologico raggiunto dalle strumentazioni e la standardizzazione delle
metodiche di esame consentono di formulare diagnosi sempre più affidabili e mirate a supporto della scelta di trattamento. Tutto ciò assume una
grande rilevanza non solo in campo strettamente clinico, ma anche in
ambito medico-legale e assicurativo, in considerazione dell’aumentato
numero di istanze e contenziosi che derivano dall’attività medico-chirurgica.
L’iter diagnostico dei nostri pazienti in accesso all’Ambulatorio Rinologico
prevede, oltre all’esecuzione degli esami di RMM e RA integrate, anche
il Test di Collassabilità Valvolare15,16. Tale procedura, ideata dalla nostra
32
La diagnostica strumentale in rinologia
Scuola, ha lo scopo di selezionare e misurare la patologia valvolare da
collasso della parete laterale esterna per perdita di stabilità. Questa condizione si può manifestare per una disfunzione muscolare conseguente a
paresi del VII nervo cranico, per perdita di supporto scheletrico dopo chirurgia aggressiva o semplicemente per una riduzione di elasticità dei tessuti in corso di un naturale processo di invecchiamento. A nostro parere,
quindi, oltre ad una valutazione statica della morfologia delle cavità nasali, è fondamentale eseguire anche un esame dinamico finalizzato all’individuazione delle stenosi da collasso della valvola. Il test prevede l’utilizzo dell’endoscopio che viene introdotto nel vestibolo nasale di un lato e
posizionato a livello dell’area 2 di Cottle. Comprimendo dall’esterno con
un dito la fossa nasale controlaterale, viene chiesto al paziente di respirare normalmente dal naso. Durante una normale inspirazione si assiste
ad un fisiologico restringimento dell’area valvolare per aspirazione dei
tessuti della parete laterale a livello dell’ala e del triangolo vuoto. In questo caso il minimo movimento della parete laterale produce un grado di
ostruzione quantificato come 1+; un movimento della parete laterale che
riduce la MCA in area valvolare del 50 % si quantifica 2+; il collasso quasi
totale o totale di questa regione realizza una condizione di patologia,
causa di severa ostruzione nasale e si classifica 3+ per riduzioni della
MCA pari al 75% o 4+ nei casi di riduzioni pari al 100%.
33
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
PALLANCH JF.: Rhinomanometry: the application of objective airway testing in the
clinical evaluation of nasal obstruction. In: McCaffrey TV(ed): rhinologic diagnosis and
treatment. New York, Thieme,1997: 87-124.
CLEMENT PAR.: Committtee report on standardization of rhinomanometry.
Rhinology 1984; 22: 151-155.
CLEMENT PAR., GORDTS F.: Consensus report on acoustic rhinometry and rhinomanometry. Rhinology 2005; 43: 169-179.
BROMS P., JONSON B., LAMM CJ.: Rhinomanometry II. A system for numerical
description of nasal airway resistance. Acta Otolaryngol (Stock) 1982; 94: 157-168.
SULSENTI G.: Chirurgia funzionale ed estetica del naso. Ghedini Editore,
Milano,1994.
COTTLE MH.:Rhino-spygmo-manometry.An aid in physical diagnosis. Rhinology
1968; 6:7.
VOGT K., SHUMACHER M.: Standard computerized rhinomanometry. Subcommittee
Mathematical Models & Processing of Rhinomanometric Data, (2002) Draft presented to all members of the subcommittees: 1-33.
TASCA I., DENARO G., SULSENTI G.: Topographic Rhinomanometry:a news representation. E.R.S. Congres, Vienna, 28 luglio- 2 agosto 1988.
HILBERG O., JACKSON AC., SWIFT DL., ET AL.: Acoustic rhinometry: evaluation of
nasal cavity geometry by acoustic reflections.J Appl Physiol 1989; 66: 295-303.
GRYMER LF., HILBERG O., PEDERSEN OF., RASMUSSEN TR.: Acoustic rhinometry:
values from adults with subjective normal nasal patency. Rhinology 1991; 29: 35-47.
HILBERG O., PEDERSEN OF.: Acoustic rhinometry: recommentations for technical
specifications and standard operating procedures. Rhinol, 2000; Suppl 16: 3-17.
PASSALI D., BIAGINI C., DI GIROLAMO S., BELLUSSI L.: Acoustic rhinometry:pratical aspects of measurements. Acta Oto Rhino Laryngol Belg 1996; 50: 41-45.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G.: Rhinometric evaluation of nasal valvular
stenosis by means of Ognibene internal dilator. Acta Otolarygol Ital 2005.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G.: La rinomanometria e la rinometria acustica
nella diagnostica della roncopatia cronica. In: “La Roncopatia Cronica”, Relazione
Ufficiale, XCI Congresso Nazionale SIO, pp.235-248.
TASCA I., VICINI C., CERONI COMPADRETTI G., ET AL.: Classificazione dei siti
ostruttivi nasali. In: “Classificazione delle patologie non oncologiche di interesse
ORL”. IV Convegno A.O.I.C.O, Gubbio,17-18 gennaio 2003.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G.: Studio della funzione respiratoria nasale nei
pazienti russatori. In: Passali D, Bellussi L,eds. ORL up-to-date. 2003:117-119.
34
LA DIGITALIZZAZZIONE DELLE IMMAGINI IN RINOLOGIA
A. Denaro, A. Palma
L’endoscopia delle fosse nasali sia con ottica rigida che flessibile resta
l’indagine principe per la valutazione delle patologie nasali e per il followup terapeutico, sia medico che principalmente chirurgico.
Le recenti tecnologie strumentali endoscopiche hanno dato allo
Specialista ORL ottiche, telecamere e sorgenti di luce con performances
elevate, sempre più sofisticate e maneggevoli.
Tali dispositivi hanno permesso l’archiviazione e l’utilizzo off-line delle
immagini, generalmente conservate su nastri magnetici, per le successive valutazioni cliniche e medico-legali.
Si sono formati nel tempo, nei Reparti e nelle Sale operatorie, grossi
archivi generalmente in VHS che determinano problemi nella individuazione dei diversi tracks di interventi chirurgici o di esami endoscopici.
Ciò ha determinato la necessità di introdurre tecniche di archiviazione e
utilizzo di immagini che occupassero meno spazio nei supporti di archiviazione e che permettessero un più rapido indirizzo di ricerca delle indagini o degli interventi registrati e che contestualmente si potessero trattare queste immagini per realizzare agevolmente filmati e presentazioni.
Nella diagnostica e chirurgia rinologica e quindi, sostanzialmente nella
endoscopia delle cavità nasali, da qualche tempo è stato introdotto l’uso
di tecniche digitali di acquisizione e archiviazione delle immagini.
Digitalizzare significa semplificare un’informazione. Qualsiasi informazione in formato analogico contiene in sé forme di rappresentazione che
vanno all’infinito.
Un termometro al mercurio potrebbe avere una scala di valori infinitesimali che, però, se riuscissimo a stamparli sul capillare non riusciremmo a
vederli ad occhio nudo. Per convenzione su un termometro troviamo
valori predefiniti e tralasciamo quelli che non interessano al nostro scopo.
La febbre a 38,5° non è significativamente differente dal 38,55°C.
Quando leggiamo un termometro noi digitalizziamo l’informazione e ne
cogliamo il necessario.
Mentre l’uomo può attuare, mediante il ragionamento, qualsiasi tipo di
semplificazione delle informazioni, un computer deve ragionare secondo
una regola fissa. Il codice binario, utilizzando delle informazioni rappresentate da combinazioni di 1 e 0, in pratica acceso e spento, può tra35
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
sformare qualsiasi segnale analogico in digitale. E’ inutile addentrarci
oltre in questo campo per non creare confusione. Possiamo però dire che
da quando è avvenuta la rivoluzione informatica è iniziata un’era in cui
l’immagine medica è diventata dominio della comunità scientifica e non
del singolo medico che l’acquisisce e questo, come osserviamo più avanti, implica anche delle problematiche medico legali, relative al fatto che
l’indagine endoscopica registrata è paragonabile ad una lastra radiologica o un tracciato audiologico e quindi dovrebbe esserci l’obbligo della
archiviazione o meglio l’opportunità che tale registrazione debba essere
sempre più fedele alla ripresa diretta. Solo con la digitalizzazione si è arrivati ad avere un superamento della visione diretta ad occhio nudo.
Paradossalmente, infatti, la visione ad occhio nudo ha come limite la percezione umana, notoriamente fallibile.
I primi sistemi di acquisizione e registrazione, analogici, avevano e hanno
tutt’ora, il limite di necessitare di una elettronica complessa e ingombrante per poter restituire immagini accettabili come fedeltà e definizione.
Per quanto riguarda il miglioramento della qualità in endoscopia è stato
fondamentale l’avvento dei CCD (charge-coupled device). Inventati nel
1969 da George Smith and Willard Boyle come memoria allo stato solido
fotosensibile, questi sensori elettronici hanno rivoluzionato i sistemi video.
Le telecamere, diventate leggerissime sono state miniaturizzate fino a
poter essere innestate sull’oculare degli endoscopi. Il limite, però, è stato
sempre la bassa risoluzione ottenibile e la scarsa potenza dei sistemi
analogici di visione (monitor e videorecorder) che utilizzano delle operazioni di interlacciamento e quindi depotenziamento dell’immagine per
poterla elaborare e memorizzare nei poco capienti supporti a disposizione. Ancora oggi i sistemi più diffusi sono degli ibridi analogico-digitali in
cui il segnale digitale del CCD viene convertito in segnale analogico.
Questo perché i sistemi di visualizzazione (monitor) e di archiviazione
(videoregistratori) più diffusi sono ancora analogici. In questo modo si
avverte ancora una caduta di qualità delle immagini (definizione e profondità di colore) quando si utilizzano sistemi a basso costo.
Aprendo una parentesi importante dobbiamo stabilire cosa s’intende per
definizione. Sappiamo che una immagine impressa sulla nostra retina è
determinata dalla elaborazione e fusione, da parte del nostro cervello, dei
singoli puntini di luce provenienti da ogni cono o bastoncello. Il puntino
(pixel) è una unità di colore che si presenta nella fotografia tradizionale
(grana). Nella immagine digitale il pixel è un quadratino di colore. Agli
esordi le immagini digitali utilizzavano combinazioni di 16 colori ora si
36
La digitalizzazione delle immagini in rinologia
arriva a milioni di colori. La definizione di una immagine fotografica digitale è determinata dal CCD e dal formato di compressione. Un CCD da
4.000.000 di pixel può fornire una immagine di 2200x1700 pixel all’incirca. Nei sistemi video attuali tale definizione non è ancora proponibile in
quanto occorrerebbe una notevole potenza grafica per poter gestire
sequenze di immagini da 4megapixel. Infatti i sistemi DVD video utilizzano circa 576 linee con fotogrammi di 720x576 (414720 pixel) e il VHS
scende a 240 linee. Il massimo disponibile al momento è il sistema HDTV
(High Definition TV) che fornisce 1080 linee. Alla luce di ciò, comunque,
la qualità del segnale analogico in diretta può essere accettabile utilizzando i sistemi giusti, c’è una caduta “fisiologica” in fase di archiviazione
su videocassetta analogica (VHS). Inoltre non è possibile ottenere immagini statiche valide da un segnale analogico.
Il mercato consumer dei sistemi video e fotografici digitali, da meno di 5
anni ha spinto la ricerca a tal punto che, sia i sistemi di acquisizione che
quelli di archiviazione delle immagini sono diventati sempre più diffusi. In
campo medico questa rivoluzione segna necessariamente il passo in
quanto è limitata dalla necessità di rendere le apparecchiature affidabili
e sicure in quanto da utilizzo invasivo sull’uomo. Se, infatti, in un negozio di elettronica possiamo già trovare telecamere ad alta definizione e
a breve HDTV e BLUE RAY disk capaci di contenere fino a 70 gigabyte
di informazioni, in campo medico solo ora si può disporre di telecamere
digitali pure e sistemi di archiviazione digitale. Questi sistemi, comunque, possono già creare i presupposti per una vera rivoluzione nel
campo della endoscopia rinologica. Il fatto di avere videoendoscopi o
testate con CCD che elaborano il segnale e lo trasmettono come tale al
monitor digitale permette una notevole purezza e definizione d’immagine nonché la possibilità di miglioramento digitale. Questo perché il
segnale digitale è sempre “puro”, non contiene artefatti perché questi
vengono scartati dai sistemi di “compressione”. Sono i sistemi di compressione digitale quelli che in futuro determineranno la scelta dei materiali. Tali sistemi permettono al segnale di necessitare di meno informazioni per essere visualizzato. Vengono “tagliate” tutte le informazioni non
necessarie come gli spettri di luce invisibili oppure i momenti in cui la
stessa immagine non si muove e quindi non deve essere archiviata nuovamente. Questo comporta che quello che può essere contenuto in una
cassetta VHS da 240 minuti, può essere inserito con la stessa qualità in
un DVD. Un Hard Disk da 40 giga ne può contenere 10 per circa 40 ore
di filmato. La stessa rivoluzione si è avuta nel campo audio dove i
37
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
segnali MP3 dei lettori portatili hanno soppiantato i segnali WAV dei CD
musicali.
Nel prossimo futuro i sistemi di compressione diventeranno sempre più
“conservativi” perché i supporti di memorizzazione potranno contenere più
informazioni e la codifica sarà più legata al miglioramento delle immagini
piuttosto che alla compressione. I formati di compressione più utilizzati in
campo medico sono i codec mpeg1 e mpeg2. In futuro saranno utilizzati
i codec mpeg4 i quali a parità di qualità di immagini occupano meno spazio di memoria. I codec mpeg 4 attualmente sono utilizzati nei Divx.
Contrariamente però a quanto avviene in campo domestico la complessità dei sistemi ha creato fino ad ora la necessità, da parte delle Aziende,
di sviluppare sistemi proprietari di acquisizione e archiviazione tali da
semplificare l’uso delle apparecchiature ma, spesso senza prendere in
considerazione gli standard più diffusi. Tale tendenza ha reso difficoltosa
la diffusione e l’utilizzo del “girato”. Utilizzare un sistema di compressione diverso da quelli diffusi determina, ad esempio, la impossibilità di
visualizzare i video prodotti su un personal computer, determinando problemi e situazioni imbarazzanti quando, durante una presentazione, il
video, preparato con tanta cura, non parte. Un altro limite di questi sistemi è, a volte, la lentezza del software o la scarsa maneggevolezza dei
database e in più subentra una naturale obsolescenza del sistema difficilmente rimediabile.
La Nostra esperienza in questo campo ci ha condotto a teorizzare, qualche anno fa, l’utilizzo di sistemi “non dedicati” che, però avevano insito il
limite di non poter essere usati, ad esempio, in sala operatoria. E’, tuttavia, indubbio che l’uso di mezzi più standard possibili di acquisizione e
registrazione evita forzature che limitano la gestione del materiale e sono
soggette ad obsolescenza. In ogni caso bisogna sempre prevedere la
possibilità che il supporto ed il sistema utilizzati siano proiettati al futuro.
Il supporto DVD sembra essere il più longevo anche perché i sistemi futuri lo supporteranno in maniera retroattiva, ma ancora meglio è la possibilità di importare le immagini su Hard disk esterni o chiavi USB2, i sistemi
con queste porte sono in grado di offrire una buona esportabilità del
materiale (Fig. 1).
38
La digitalizzazione delle immagini in rinologia
Fig. 1
Riguardo alle apparecchiature più avanzate di acquisizione attualmente
in commercio possiamo dire che esistono già telecamere HD (Fig. 2).
Fig. 2
39
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
(Olympus LUCERA “non adatto al momento per rinoscopia”, Stryker HD
1080) che consentono di visualizzare 1080 linee rispetto alle 576 del PAL.
Esse sono di due tipologie: telecamere che si applicano alle ottiche
mediante un comune C-mount e telecamere integrate nei videoendoscopi.
Attualmente i videoendoscopi HD si spingono al massimo fino al broncoscopio (5,6mm Ø) e le testate per le ottiche sono condizionate dalla qualità
dell’ottica stessa. In questo campo l’otorinolaringoiatria, che necessita di
maggiore miniaturizzazione rispetto alla gastroenterologia e che incide in
maniera minore sulla domanda di nuove apparecchiature, soffre di un certo
ritardo. Il passo importante nel futuro sarà l’abbandono delle fibre ottiche
per sistemi video anche nel campo della fibrorinosinusoscopia.
Se comunque esistono sistemi di ripresa HD già in commercio, per quanto riguarda i videorecorder digitali essi segnano un po’ il passo. Sono
pochi ma comunque esistono già ottimi sistemi basati su videorecorder
mpeg2 con Hard disk e masterizzatore DVD.
Qui le strade si dividono tra solidi videorecorder medicali molto simili
ai videoregistratori VHS professionali come concezione (Figg. 3 e 4).
Fig. 3
Fig. 4
40
La digitalizzazione delle immagini in rinologia
(SONY VDO - 1000MD, JVC BD-X201M, PANASONIC LQ-MD800 etc.)
e sistemi di archiviazione con monitor e touch-screen (Fig. 5).
(AIDA STORTZ, VITEGRA, GIMMI, SDC etc.) di questi ultimi il sistema
SDC esiste anche in versione HD ma solo per le immagini statiche.
Fig. 5
Riteniamo utile dare delle precise indicazioni su come debba essere oggi
un sistema di imaging digitale in rinoendoscopia che possa non diventare subito obsoleto e che possa consentire un facile utilizzo. Innanzitutto
la Telecamera. Sarebbe preferibile digitale pura PAL o HD (Olympus
Visera e Lucera). Deve prevedere, oltre alle normali uscite analogiche,
una o più uscite digitali. Al momento quelle presenti in commercio presentano una uscita FIREWIRE (DV) o DVI o USB2.
Il monitor (Fig. 6) deve anch’esso prevedere un ingresso digitale per evitare la perdita di segnale e deve essere HD ready.
Fig. 6
41
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Il sistema di archiviazione deve utilizzare un sistema di compressione
“solido” che non sia dedicato ed abbia la massima compatibilità con i PC
e l’home video e presenti un ingresso digitale. A nostro avviso, i sistemi
migliori, specie per l’uso ambulatoriale sono i DVD recorder medicali del
tutto assimilabili a videorecorder consumer, questi prevedono ottime funzioni OSD (on screen display) ed hanno la massima compatibilità con i
sistemi Home e PC. Questi sistemi prevedono un database che permette di aggiungere, cancellare ed esportare i filmati per singolo paziente utilizzando Hard Disk capienti e DVD multisessione o rewritable per l’esportazione. I sistemi di archiviazione digitale hanno molteplici funzioni e
hanno spesso il vantaggio di poter dialogare tramite rete con qualsiasi
personal computer e prevedono la presenza del monitor, quest’ultimo
spesso è un problema in quanto non è mai di buona qualità.
Vista la facile obsolescenza delle apparecchiature il medico, in conclusione, deve prevedere il più possibile l’utilizzo ad ampio raggio del proprio materiale e non soffermarsi sul primo impatto nei riguardi dei sistemi
che gli vengono proposti.
La griglia qui sotto tenta, con un sistema a domanda / risposta, di fornire
un utile strumento per la scelta di un sistema.
Come deve essere la telecamera?
CCD
con
elaborazione
digitale
del
segnale
preferibilmente 3CCD o HD
Quali uscite deve avere?
Video composito, RGB, digitale (FIREWIRE,
USB2, DVI, HDVI)
Come deve essere il monitor?
Digitale
con
ingressi
composito,
RGB,
component, DVI, HDVI (fig.6)
Come deve essere il sistema di archiviazione?
Videorecorder
Mpeg
2
con
hard
disk,
masterizzatore DVD-R+/- RW+/- multisessione
DVD Video compatibile, ingresso analogico e
possibilmente digitale. In commercio esistono
sistemi in grado di archiviare su HD esterno
tramite porta USB2. una ottima cosa.
Il database?
Semplice ma allo stesso tempo maneggevole.
A
volte
l’eccessiva
semplificazione
porta
a
scelte software che impediscono l’esportazione
dei filmati o la visualizzazione con pause e slow
motion. Un ottimo videorecorder registra i filmati
su files che possono contenere le informazioni
necessarie.
È necessario poter effettuare l’editing tramite lo
L’editing
stesso Hardware?
possibilità di tagliare tratti del filmato. Editing
sull’Hardware
deve
limitarsi
alla
avanzato sull’hardware non è necessario se si
può disporre dei filmati per editarli su personal
computer e creare dei database ACCESS o
FILEMAKER.
42
La digitalizzazione delle immagini in rinologia
In ogni caso tutto deve essere adeguato al tipo di utilizzo e alle possibilità economiche. E’ fondamentale, comunque, che due punti essenziali
siano rispettati. La qualità del monitor e della telecamera e la compatibilità del sistema di registrazione con i sistemi Home PC e Home
Foto/Video.
Un’ultima riflessione deve essere fatta riguardo alle problematiche medico legali. Ad oggi non c’è una effettiva legislazione sulle problematiche
derivanti dall’utilizzo delle immagini digitali. I punti salienti del problema
sono legati alla distribuzione delle immagini (privacy), alla possibilità di
manipolazione delle stesse e soprattutto, visto che l’archiviazione è possibile, all’obbligo di archiviare il riscontro clinico.
43
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
44
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL SETTO
E DELLA VALVOLA NASALE
I. Tasca, G. Ceroni Compadretti, C. Romano, R. Paolino
LA CHIRURGIA DEL SETTO NASALE
INTRODUZIONE
Classicamente le funzioni del setto nasale sono di supporto del naso
esterno, di regolazione dei flussi aerei e di sostegno della mucosa.
L’intervento chirurgico di correzione del setto, perseguendo il fine di
migliorare il passaggio di aria attraverso il naso, deve necessariamente
tenere conto di queste importanti funzioni. Nel corso dell’ultimo secolo, si
è assistito ad una evoluzione nelle procedure chirurgiche di correzione
del setto: le tecniche aggressive che prevedevano ampie resezione delle
strutture ossea e cartilaginea del setto e che spesso comportavano
sequele, quali la retrazione della columella, l’insellamento del dorso, il
collasso della parete laterale esterna, l’aumento della larghezza del naso,
la perdita di supporto della punta e le perforazione settali, sono state fortunatamente soppiantate da procedure più conservative, fondate sulla
preservazione e ricostruzione delle varie componenti settali.
Cottle suddivide l’interno del naso in 5 aree. Il concetto di area nasale è
da intendersi in senso tridimensionale, rappresenta cioè un volume delimitato da strutture anatomiche ben definite, che può essere alterato da
anomalie di una o più pareti di delimitazione. E’ pertanto un volume che
il chirurgo rinologo deve normalizzare, modificandone forma e ampiezza
sia in termini assoluti sia nei rapporti reciproci con le aree contigue.
Area 1- Area vestibolare
La parte caudale del setto può essere dislocata verso la premascella o
può essere presente una duplicatura della cartilagine settale (Fig. 1).
L’ipoplasia o l’assenza della spina nasale anteriore può essere determinata da un difetto di sviluppo o da una frattura, mentre un eccesso di
accrescimento può averne prodotto la deviazione da un lato o dall’altro.
Poiché il setto membranoso congiunge il setto cartilagineo con la columella, la sublussazione del setto determina uno spostamento della columella sulla linea mediana. Il sintomo dominante dei dimorfismi di questa
regione è rappresentato da ostruzione nasale di grado variabile.
45
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 1
Area 2-Area della valvola
La morfologia di questa regione è fondamentale per una corretta respirazione. Se un trauma colpisce il setto a livello della valvola, il suo consolidamento in posizione viziata può determinare una alterazione del rapporto quadrangolare-triangolare (Fig. 2). A volte anomalie della cresta
piriforme o delle ali della spina nasale inferiore possono variare la sezione traversa dell’ostio valvolare. Un eccesso di crescita della quadrangolare dà luogo alla “tension nose”, caratterizzata dalla riduzione della normale ampiezza dell’angolo valvolare fino al collasso delle triangolari contro il setto cartilagineo. Il sintomo dominante è una marcata ostruzione
nasale, prevalentemente inspiratoria, che si accentua in condizioni di
sforzo fisico.
Fig. 2
46
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
Area 3-Area dell’attico
Situata sotto la volta ossea, l’area dell’attico è dislocata perifericamente
rispetto al decorso della corrente aerea principale (Fig.3). La deformità
che interessano questa regione di conseguenza raramente producono
marcati sintomi ostruttivi. Un aumento di spessore o una pneumatizzazione della lamina perpendicolare dell’etmoide, ipertrofie dei processi
nasali dell’osso nasale o dell’osso frontale possono causare restringimento a carico di questa regione.
Fig. 3
Area 4-Area anteriore dei turbinati
Questa porzione del naso interno include la metà anteriore della parete
laterale e, medialmente, la corrispondente porzione di setto (Fig. 4). La
parete mediale (settale) presenta un ammasso di tessuto spugnoso, il
corpo cavernoso settale che in alcuni individui risulta particolarmente sviluppato. Le ostruzioni nasali in questa zona sono principalmente dovute
a deviazioni più o meno marcate del setto, sia malformative che posttraumatiche. I sintomi derivanti dalla deformità in questa regione sono
vari. Se l’ostruzione di una fossa nasale diminuisce il flusso respiratorio,
l’eccessiva permeabilità dell’altra altera i processi di termoregolazione
per cui il soggetto può avvertire sensazione di aria troppo fredda, fatti irritativi mucosi.
47
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 4
Area 5a-Area posteriore dei turbinati
Questa parte del naso interno è delimitata lateralmente dalla metà posteriore dei turbinati e medialmente dalla corrispondente porzione di setto.
La mucosa del setto nasale in questa area si presenta ricca di ghiandole
e altamente vascolarizzata. Una deformità settale a questo livello è spesso la continuazione di una cresta che si sviluppa nell’area 4 (Fig. 5). Non
tutte le deviazioni vanno corrette chirurgicamente: in molti casi, avendo
una configurazione aerodinamica, non alterano la permeabilità nasale.
Una grossa cresta potrà alterare la permeabilità nasale con sintomatologia ostruttiva prevalentemente in fase espiratoria.
Fig. 5
48
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
Area 5b-Apertura coanale e rinofaringe
La coana è delimitata medialmente dall’estremo posteriore del vomere;
posteroinferiomente dalla lamina orizzontale dell’osso palatino con la sua
cresta nasale; lateralmente dall’ala del vomere, dall’apofisi vaginale del
processo pterigoideo in alto e dalla lamina perpendicolare dell’osso palatino lateralmente (Fig. 6). Le coane, asimmetriche nel 15% dei casi, non
sono frequentemente interessate da deviazioni del setto. I sintomi legati
a patologia dell’area 5b sono rappresentati da stenosi respiratoria variabile, alterata ventilazione dell’orecchio medio e turbe della fonazione.
Fig. 6
TECNICHE CHIRURGICHE
Di seguito vengono enunciate le più comuni tecniche di correzione del
setto che in qualche modo riflettono la suddetta evoluzione di questa chirurgia nel corso dell’ultimo secolo.
Tecnica di Seltzer1
Il metodo di Seltzer consiste nella mobilizzazione della porzione deviata
del setto cartilagineo e ciò si ottiene liberando tale porzione nei suoi quattro lati; infine si ripone la cartilagine sul piano mediano e nella sua sede
normale. Tale metodo di riposizione del setto dà ottimi risultati nelle deviazioni della porzione anteriore del setto; esso consente di correggere la
deviazione della piramide nasale raggiungendo così risultati estetici, oltre
che funzionali. A differenza, infatti, di quei metodi di settoplastica che
lasciano in sede una striscia di cartilagine deviata in corrispondenza del
49
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
dorso del naso con funzione di sostegno, con tale metodo è possibile la
contemporanea correzione delle deviazioni laterali del dorso del naso
sostenute dal setto deviato; la tecnica di Seltzer trova particolare indicazione nelle deviazioni della porzione cartilaginea del setto dovute a fattori traumatici in cui la cartilagine quadrangolare ad opera della frattura ha
assunto una posizione quasi frontale e dove anche l’arco cartilagineo,
seguendo tale spostamento, viene ad essere deviato lateralmente. La
nutrizione e la fissazione del segmento di cartilagine quadrangolare
mobilizzate sono assicurate in quanto si è conservata l’aderenza della
mucosa su una delle superfici del segmento settale mobilizzato.
Tecnica di Huffman2
Segue fondamentalmente il concetto di Seltzer della mobilizzazione del
setto ottenuta per sezione della cartilagine lasciata attaccata alla mucosa di un lato e spostata come parte di un lembo composito. Con questa
modifica alla tecnica di Seltzer si prende in considerazione la possibilità
di sezionare non solamente secondo una linea verticale di angolazione
della cartilagine, ma anche secondo una o più linee a direzione orizzontale. Il margine antero-inferiore della cartilagine mobilizzata sarà condotto e fissato nel letto columellare mediante suture di guida.
Tecnica di Converse3
Dovrebbe essere riservata a quel tipo di deviazioni del setto costituite
dalla dislocazione della cartilagine dalla doccia del vomere e accompagnata a sporgenza del bordo antero-inferiore della stessa nel vestibolo. Il
metodo permette il raddrizzamento del setto senza resecarne delle parti:
si incide il margine antero-inferiore della cartilagine sporgente nel vestibolo e si scolla il mucopericondrio solamente dal lato della deviazione; si
reseca poi una striscia di cartilagine e di mucosa, previo distacco in
basso dal vomere e previa asportazione del tessuto fibroso che ne riempie la doccia. L’asportazione di uno o più piccoli cunei dalla parte superiore della cartilagine ne faciliterà il raddrizzamento; infine la cartilagine
settale raddrizzata è ancorata nella doccia del vomere mediante un filo di
sutura ancorato attorno alla spina nasale. L’eventuale scollamento del
lembo mucopericondrico della cartilagine anche dal lato opposto alla
deviazione, a causa dello stiramento cicatriziale che si determina secondariamente, potrà neutralizzare la tendenza della cartilagine a riassumere la posizione primitiva.
Tecnica di Goldman4
Tale metodo operatorio consiste nella mobilizzazione di tutto il setto verso
la linea mediana, e nella, preparazione di due pilastri cartilaginei ai quali
50
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
è affidato nello stesso tempo il sostegno di un arco cartilagineo e il compito di opporsi ad eventuali forze retraenti cicatriziali. L’asportazione di
formazioni ossee o cartilaginee che fossero elementi di ostruzione dovrà
essere del tutto limitato; in tal modo, data la massima conservazione
della cartilagine del setto, si eviterà la caduta della punta del naso e la
comparsa di un naso a sella secondario all’intervento.
Tecnica di Goldman, modificata da Bozzi5
Si tratta di una semplificazione della tecnica di Goldman di cui conserva
i principi di base ed i vantaggi; essa trova la sua indicazione nella deviazione del setto senza deviazione della piramide nasale e quando la
deviazione cartilaginea, pur interessando la porzione anteriore del setto,
non è accompagnata da quello spostamento nella narice del margine
antero-inferiore della lamina quadrangolare impropriamente nota col termine di lussazione del sottosetto. Si tratta di una evenienza anatomica
frequente: la porzione inferiore della cartilagine quadrangolare, e che
nella Goldman verrà a costituire il pilastro anteriore, si trova in questo
caso già in una situazione mediana esatta e non richiede di essere modificata; viene invece mobilizzata, modellata e posta in sede esatta la parte
di cartilagine retrostante, quella cioè che nella Goldman si è detto essere il secondo pilastro. L’intervento trova, dunque, impiego nelle deviazioni del setto anteriore; si può tuttavia utilmente sostituire all’intervento di
resezione sottomucosa di Killian anche nelle estese deviazioni del setto
posteriore e ciò allo scopo di evitare l’eccessiva mobilità, dopo resezione,
di un setto unicamente costituito da mucosa.
Tecnica di Peer6
L’autore ha descritto la completa resezione della porzione libera dislocata dal setto cartilagineo; egli usa successivamente un innesto libero
tagliato dal setto stesso e impiantato in una sacca della columella allo
scopo di sostenere la punta del naso.
Tecnica di Elsbach7
L’autore, unisce alla tecnica di Peer, il rispetto di una striscia di cartilagine estesa dal dorso al pavimento del naso con funzione di pilastro di
sostegno e ciò nel caso di ampie resezioni del setto deviato per avere un
migliore e più sicuro sostegno del setto cartilagineo.
Tecnica di Galloway8)
L’autore consiglia l’asportazione dell’intero setto cartilagineo e la sua
reinserzione sulla linea mediana come innesto libero. Il procedimento è
fondato sul concetto che la depressione della volta cartilaginea, l’abbassamento della punta e la retrazione della columella, dopo asportazione
51
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
totale della cartilagine, non siano dovute alla mancanza immediata del
sostegno, ma piuttosto alla retrazione cicatriziale che avviene secondariamente fra i lembi della mucosa del setto; il grosso innesto cartilagineo
deve appunto impedire la retrazione della cicatrice e di conseguenza il
collasso del dorso del naso. L’innesto posto fra i due lembi di mucosa è
condotto mediante suture di guida nel solco preparato nel mezzo della
columella. L’intervento di Galloway ha parecchi svantaggi: a) una ineguale retrazione cicatriziale dei due lembi di mucosa del setto può talora
spingere di lato l’innesto cartilagineo; b) essendo il setto membranoso
reso immobile dall’innesto, la punta del naso sembra stranamente fissa
anche quando i muscoli mimici del viso sono in piena attività; c) l’asportazione totale della cartilagine del setto determina spesso un collasso
immediato del dorso nasale che non sempre scompare anche quando
l’innesto cartilagineo è sistemato in posizione adatta, così da richiedere
un ulteriore impianto di cartilagine sul dorso nasale. Come si vede, l’intervento di Galloway presenta numerose incognite che possono compromettere la possibilità di ottenere risultati sistematicamente soddisfacenti,
incognite che il chirurgo deve aver presenti onde eventualmente provvedere. Ciò nonostante, esso è intervento ancora largamente diffuso; sembra avere particolare indicazione quando sia interessata solamente la
porzione anteriore della cartilagine quadrangolare e, più particolarmente,
nei casi di frammentazione multipla della cartilagine.
Tecnica di Fomon9
L’autore ha cercato di eliminare alcuni degli inconvenienti imputati al
metodo di Galloway: ponendo l’innesto cartilagineo in due segmenti, uno
nella columella e uno fra i lembi della mucosa del setto invece che in segmento unico, ha eliminato il danno estetico provocato dalla rigidità del
setto membranoso; allo scopo poi di evitare che l’innesto di cartilagine sia
spinto di lato ad opera di processi cicatriziali della mucosa così da aversi di nuovo una ostruzione nasale, pone la cartilagine in frammenti multipli fra le due mucose invece che come unico innesto. Talora la deviazione della cartilagine quadrangolare è limitata al suo margine antero-superiore che presenta andamento a C o ad S, mentre il resto della cartilagine ha andamento rettilineo; ciò può verificarsi anche come esito di interventi inadeguati di settoplastica che non hanno provveduto a modificare
tale margine. Inoltre nelle deviazioni del setto interessanti le cartilagini
laterali, queste possono richiedere un modellamento per renderle eguali
fra loro; ma ciò comporta la loro separazione dal setto ed è possibile che
i lembi mucopericondrici, separati dal setto e dalle cartilagini laterali, col52
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
lassino sul pavimento nasale. Per tali eventualità Fomon ha realizzato
quella che egli chiama «ricostruzione totale del setto»: egli scolla nel
modo abituale il mucopericondrio del setto e continua tale scollamento
sotto le cartilagini triangolari così da lasciare intatta la mucosa; le cartilagini sono separate con una forbice dal setto. Sempre con una forbice si
reseca la parte antero-superiore deformata del setto; le cartilagini triangolari sono infine modellate. Da ultimo la cartilagine del setto deformata,
che è stata resecata, viene sostituita con una lamina diritta ottenuta dalla
cartilagine resecata o da cartilagine conservata; allo scopo di ottenere un
buon profilo definitivo del dorso del naso, l’innesto posto fra le cartilagini
triangolari dovrà sporgere di qualche millimetro oltre la linea dorsale. La
fissazione dell’innesto si ottiene con 2-3 punti di sutura che passano
attraverso tutto lo spessore del naso (cute, cartilagini triangolari, innesto).
Tecnica di Zorzoli10
La procedura è fondata su essenziali premesse d’ordine meccanico, in
quanto la correzione dei rapporti della cartilagine avviene a livello di due
punti chiave: uno superiore, nella parte del tutto anteriore della connessione fra cartilagine e lamina dell’etmoide, dietro la faccia interna delle
ossa nasali, l’altra inferiore corrispondente alla connessione con la spina
nasale anteriore. Zorzoli asporta e reinnesta un unico, ampio frammento
di cartilagine; la resezione della cartilagine del setto non è totale, in quanto ne viene conservata una striscia lungo il dorso, oltre a scarsi residui che
rimangono connessi al setto osseo. Lo scollamento sottopericondrale è
laterale e viene eseguito dopo incisione della mucosa nel vestibolo nasale e della cartilagine; asportata col coltello di Ballenger l’ampia lamina di
cartilagine, si sutura l’incisione della mucosa vestibolare e si reinnesta la
cartilagine opportunamente modellata attraverso incisione mediana della
columella. Una particolare attenzione si deve porre in corrispondenza
della punta, fra le cartilagini alari, e della spina nasale anteriore in quanto
saranno questi i punti di appoggio della cartilagine reinnestata. Un punto
trasfisso nella cartilagine è utile per la sua fissazione in loco.
Tecnica di Killian11
La resezione sottomucosa del setto nasale consiste nell’asportare,
secondo la necessità, una porzione maggiore o minore del setto osteocartilagineo deviato, conservando integre le due mucose, foderate dal
pericondrio e dal periostio; dall’accollamento delle mucose si otterrà un
piano di divisione perfettamente mediano delle fosse nasali. Con una tale
tecnica che conserva parzialmente la cartilagine, Killian si allontana decisamente dalla opinione degli autori del suo tempo per i quali l’intera car53
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
tilagine del setto poteva essere asportata senza produrre deformità nasali. Nell’esecuzione dell’intervento si devono tener presenti due elementi,
ignorando i quali si producono inevitabilmente gravi conseguenze: necessità di conservare una striscia cartilaginea sufficientemente alta lungo il
dorso nasale e lungo il margine antero-inferiore della cartilagine quadrangolare. Tali segmenti cartilaginei costituiranno un sostegno del dorso
nasale nella sua porzione cartilaginea e della punta del naso; la mancanza di sostegno porterà ad un afflosciamento della piramide nel suo
segmento cartilagineo. Qualora, per la deviazione o la malformazione
della cartilagine quadrangolare, non sia possibile conservare tali elementi cartilaginei di sicurezza, la tecnica di Killian non sarà applicabile; altro
importante elemento da rispettare consiste nel limitare l’asportazione del
setto alla sola porzione deviata. Le demolizioni eccessive lasciano come
conseguenza una parete settale costituita unicamente dalle pagine di
mucopericondrio e mucoperiostio accollate, priva di sostegno rigido e
quindi mobile negli atti respiratori; ciò può provocare anche dopo l’intervento dei disturbi respiratori, annullando i benefici dell’intervento stesso.
Dopo questa breve disamina di tecniche chirurgiche, descriviamo di
seguito quella di Cottle, tecnica da noi preferita, perché rispettosa
della funzione nasale: limita al minimo le incisioni, rispetta le strutture settali, ripristinandone l’integrità. Principi che vengono riproposti anche nella chirurgia della piramide nasale.
Pertanto più che parlare di tecnica chirurgica ci sembra corretto
definirla una “filosofia chirurgica”.
TECNICA DI COTTLE12
A differenza delle tecniche fino ad ora enunciate che privilegiano la via di
accesso vestibolare, Cottle sviluppa un approccio più ampio, quello
maxilla-premaxilla adottato e diffuso in Italia da Sulsenti. Tale via di
accesso ha consentito di sviluppare il concetto di correzione funzionale
delle cavità nasali13
I vari tempi dell’approccio maxilla-premaxilla alla chirurgia del setto sono
schematizzati come segue14:
• incisione emitrasfissa ed esposizione del margine caudale del setto:
l’incisione viene eseguita sul lato destro ad 1-2 mm dal margine caudale; deve essere leggera ed eventualmente ripetuta fino a sezionare
completamente il pericondrio e giungere a contatto con la cartilagine
(Fig. 7). Con l’aspiratore-scollatore si procede al distacco in senso
54
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
•
postero-anteriore dello strato muco-pericondrale che ricopre la porzione inferiore destra del setto fino a raggiungere il margine caudale
che deve essere evidenziato in tutta la sua lunghezza.
creazione del tunnel anteriore sinistro: liberato il margine caudale del
setto,si continua lo scollamento a sinistra, seguendo il piano sottopericondrale con direzione caudo-craniale. Lo scollamento si estende
per tutta la lunghezza del setto cartilagineo e osseo.
Fig. 7
•
piano magico: con le forbici di Knapp si esegue lo scollamento per via
smussa del setto membranoso verso la base della columella nella
zona prespinale fino a creare una tasca intra-aponeurotica orizzontale situata davanti alla spina del setto (Fig. 8). Tale piano può essere
esteso lateralmente, in base alle esigenze, fino ad oltrepassare il
solco naso-genieno.
Fig. 8
55
•
•
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
piano prespinale: attraverso l’emitrasfissa si introduce lo speculo n.1
che viene divaricato nello spazio prespinale ottenendo così un’apertura di 3-4 mm attraverso cui è visibile la fascia fibro-connettivale dell’articolazione condro-ossea. Tali fibre devono essere incise e scollate per esporre completamente la spina e la porzione mediale del margine inferiore dell’apertura piriforme.
tunnels inferiori: con lo scollatore di Cottle a doppia curvatura, utilizzato dal lato della maggior curvatura, si raggiunge il margine posteriore
più declive della cresta piriforme per via sottoperiostea (Fig. 9). Con
l’estremità a curvatura minore si inizia lo scollamento del pavimento
della fossa nasale che procede fino al margine posteriore del palato.
Il tunnel viene attuato prima sul lato destro e successivamente a sinistra.
Fig. 9
unione dei tunnels: dopo inserimento dello speculo n. 3 all’interno del
tunnel anteriore sinistro ed inferiore sinistro si procede all’unione dei
tunnels di sinistra con scollamento da dietro verso l’avanti e dall’alto
in basso. A seconda delle deformità presenti nel setto, si può procedere all’unione del tunnel anteriore sinistro con l’inferiore destro oppure con l’inferiore sinistro.
A volte è necessario procedere ad una condrotomia inferiore orizzontale
tagliando la cartilagine particolarmente deformata e adesa, rasente al
solco del vomere in modo da realizzare un campo sufficientemente ampio
da consentire una eccellente visione del tunnel inferiore destro e del
piede del setto, indispensabile per liberare la parte più anteriore delle
deformità eventualmente dal lato sinistro.
•
56
•
•
•
•
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
realizzazione del quarto tunnel:
anteriore destro: viene realizzato solo quando è necessaria la rimozione completa del setto cartilagineo.
posteriore destro: nei casi in cui non sia stato creato il tunnel anteriore destro e qualora sia necessario correggere una deformità del setto
posteriore osseo. Dopo aver praticato la condrotomia inferiore e la
condrotomia posteriore con bisturi angolato, si lussa con lo speculo
n.3 la cartilagine quadrangolare verso destra e si esegue lo scollamento completo del versante destro della lamina perpendicolare dell’etmoide e del vomere.
correzione delle deviazioni:
anteriori: realizzata l’unione dei tunnels, introducendo lo speculo n.2,
si ottiene la visione di tutto il setto anteriore, dalla volta al pavimento.
Si procede quindi alla correzioni delle deformità; posteriori: attuato il
tunnel posteriore destro, si ottiene una visione completa del setto
osseo posteriore: l’osteotomia inferiore vomeriana e l’osteotomia
curva della lamina perpendicolare permettono di mobilizzare le strutture ossee deformate.
Nei casi di deformità complessa del setto può rendersi necessaria la
rimozione in toto del setto.
tamponamento: eseguite le correzioni settali, si pratica il tamponamento delle cavità nasali, utilizzando materiale soffice, che non aderisce alle pareti e quindi poco traumatizzante alla rimozione.
riposizionamento delle componenti settali: i frammenti di setto rimossi, vengono opportunamente corretti e modellati, affinché abbiano una
linea diritta e regolare; quindi vengono riposti fra le due pagine mucopericondrali-periostee settali (Fig. 10).
Fig. 10
57
•
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
sutura: viene utilizzata una filo riassorbibile per chiudere l’incisione
emitrasfissa; anche la sutura può essere utile per apportare correzioni alla base del naso.
Attraverso l’emitrasfissa è possibile intraprendere tutte quelle manovre
necessarie alla correzione funzionale delle eventuali alterazioni concomitanti presenti a carico di altri distretti del naso:
• possibilità di raggiungere l’area K e la volta ossea per effettuare le
variazioni di forma e posizione della piramide nasale atte a normalizzare direzione e pressioni delle correnti aeree
• modificazione di forma ed orientamento delle narici, tramite l’allargamento del piano magico e la sutura inter-alare, che permette inoltre di
aumentare la proiezione della punta
• estensione del tunnel di drenaggio alla gabella che permette una ridistribuzione della cute del dorso liberandola da anomale tensioni cicatriziali preesistenti
• correzione di anomalie della columella e regolarizzazione dell’angolo
naso-labiale (svuotamento della columella, innesti intracolumellari).
CHIRURGIA DELLA VALVOLA NASALE
INTRODUZIONE
L’area valvolare è una struttura complessa responsabile del 70% delle
resistenze respiratorie nasali15 e del 44% della resistenza inspiratoria
totale16. Pertanto, modificazioni morfo-funzionali anche modeste di questo distretto si traducono in importanti alterazioni del flusso aereo con
conseguente aumento delle resistenze e comparsa dei sintomi da ostruzione nasale14. Volutamente parliamo di area valvolare (Fig. 11) e non di
valvola nasale (valvola di Mink), quest’ultima rappresentata solo dall’angolo formato fra cartilagine quadrangolare e cartilagine triangolare, perché più strutture partecipano a delimitarla, ed è a queste che bisogna
pensare quando ci accingiamo ad effettuare la correzione chirurgica.
58
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
Fig. 11
Anatomicamente l’area valvolare è delimitata: supero-lateralmente dall’estremità caudale della cartilagine triangolare e lateralmente dal triangolo
vuoto, tessuto fibro-adiposo teso fino al margine dell’apertura piriforme,
medialmente dal setto nasale nella sua porzione caudale, inferiormente
dal margine inferiore dell’apertura piriforme e posteriormente dalla testa
del turbinato inferiore.
Una conoscenza approfondita dell’anatomia e della funzione della valvola nasale è indispensabile per tutti coloro che intendono attuare la chirurgia della valvola nasale. L’anatomia delle differenti subunità coinvolte
nella funzione dell’area valvolare nasale è la seguente:
Cartilagine Setto-Triangolare
Esiste una continuità anatomica fra cartilagine quadrangolare e cartilagini triangolari, che rappresentano una unità morfologica e funzionale.
L’angolo formato dalla cartilagine settale e dalle sue espansioni laterali
misura circa 90° in corrispondenza della parte cefalica fissa, decrescendo progressivamente in senso caudale misurando dai 10° ai 15° a livello della valvola nasale (Fig.12). Il margine caudale della cartilagine triangolare presenta una curvatura verso l’alto (returning), oscillante dai 180°
ai 45°. Tale bordo è unito al dome e alle crura laterali da una sottile ed
elastica aponeurosi. L’unità setto-triangolare viene talora interrotta nelle
procedure di rinoplastica dopo rimozione del gibbo e ciò può comportare il collasso delle triangolari durante l’inspirazione per la perdita di supporto con il setto e la conseguente comparsa dei sintomi da ostruzione
nasale.
59
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 12
Premascella e Osso Mascellare
Le due ali che costituiscono la premascella sono accollate fra loro a formare un “incavo” entro cui si adagia la cartilagine settale. La spina nasale anteriore forma una salienza mediana a livello del pavimento dell’apertura piriforme. La spina, le ali della premascella, le creste piriformi e il
pavimento anteriore delle fosse nasali possono essere sede di deformazioni che alterano diametro e simmetria dell’apertura ossea dell’area valvolare.
Triangolo vuoto
Il triangolo vuoto è una regione di forma grossolanamente triangolare
(Fig.13a-b) costituita da tessuto fibroadiposo cedevole, che costituisce la
zona di minor resistenza della parete laterale del naso.
Esso è delimitato centralmente dai margini laterali della cartilagine triangolare e della crus laterale, dorsalmente dal margine osseo dell’apertura
piriforme, inferiormente dal triangolo fibroso. Nel suo contesto possono
Fig. 13a
60
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
Fig. 13b
essere reperite delle cartilagini sesamoidi. Il denso connettivo fibroso che
inguaina le sesamoidi le rende una vera e propria unità strutturale e funzionale che estende l’azione di supporto dell’ala esplicata dalla crus laterale fino all’apertura piriforme.
Cartilagini alari
Le cartilagini alari sono perlopiù costitutive della valvola nasale esterna
ma possono influenzare valvola nasale interna a causa della loro intima
associazione con le cartilagini triangolari. Ciascuna cartilagine ha una
componente mediale, che forma lo scheletro della columella, e una componente laterale che costituisce la struttura di sostegno dell’ala nasale.
La crus laterale, indebolita da una chirurgia aggressiva può essere
responsabile del collasso della valvola nasale esterna.
Scroll area
Rappresenta la zona di giunzione fra cartilagini alari e cartilagini triangolare. In generale il margine cefalico della crus laterale della cartilagine
alare sovrasta il margine caudale della cartilagine triangolare. La controparte endonasale di questa giunzione è rappresentata dal cul-de-sac
superiore che costituisce la porzione supero-laterale dell’area valvolare
nasale.
Triangolo debole
È un’area localizzata a livello della “supratip area” dove le crura mediali
divergono l’una dall’altra e definiscono una piccola area triangolare che
contiene l’angolo settale anteriore.
Testa del turbinato inferiore
Il limite posteriore della valvola nasale è costituito dalla testa del turbinato inferiore, che con le sue escursioni di congestione e decongestione,
diminuisce o aumenta l’apertura della valvola nasale.
61
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
TECNICHE CHIRURGICHE
La chirurgia dell’area valvolare può essere attuata:
• attraverso l’incisione emitrasfissa (tecnica di Sulsenti)17
• attraverso l’intercartilaginea18
• attraverso l’incisione emitrasfissa e l’intercartilaginea19
In questa sede sarà presa in esame dettagliatamente la tecnica di
Sulsenti.
Tecnica di Sulsenti
I tempi fondamentali sono rappresentati da:
✔ Accesso all’area valvolare: l’incisione emitrasfissa permette di attuare
una molteplicità di correzioni delle sub-unità anatomiche costituenti
l’area valvolare nasale (Fig. 14).
✔ Scheletrizzazione della volta cartilaginea: viene attuata su un piano
sottopericondrale
✔ Scheletrizzazione del versante endonasale della volta cartilaginea:
anche lo scollamento della mucosa del versante endonasale della
volta cartilaginea parte dall’incisione emitrasfissa e deve essere effettuata per via sottopericondrale.
✔ Correzione delle sub-unità valvolari: setto nasale, cartilagini triangolari, triangolo vuoto, apertura piriforme, spina nasale inferiore.
Fig. 14
62
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
In particolare, attraverso la completa visualizzazione della volta cartilaginea possono essere valutate adeguatamente anomalie morfologiche
delle cartilagini triangolari (lunghezza, forma, spessore, aderenze), irregolarità del returning, asimmetrie del margine caudale. E’ possibile così
attuare per via sottopericondrale le necessarie correzioni sotto il controllo visivo ed evitare i comuni errori di rimaneggiamenti asimmetrici in
eccesso o in difetto responsabili talora anche di sgradevoli alterazioni
estetiche quali:
• regolarizzazione dell’ampiezza del cul-de-sac tramite lo scollamento
retrogrado delle alari
• inserimento di innesti (tipo onlay) allo scopo di sorreggere o ricostruire la valvola (cartilagine schiacciata del setto, cartilagine della conca)
nei casi in cui vi sia collasso della parete laterale
• opportunità di modificare la posizione della crus laterale nei suoi rapporti con l’apertura piriforme, rinforzando il triangolo vuoto e riducendo l’anomala collassabilità di questa area chiave
La collassabilità della parete laterale del naso è spesso dovuta dalle perdita di elasticità dei tessuti per i processi di invecchiamento cutaneo, per
perdita del tono muscolare, in particolare dei muscoli dilatatori delle narici, a seguito di paresi o traumi facciali; ma spesso può essere anche la
conseguenza di una chirurgia aggressiva e poco rispettosa dell’area valvolare, struttura fondamentale dal punto di vista funzionale. La rinoplastica di riduzione è una procedura che di per sé produce un restringimento
della cross-sectional area in prossimità dell’area valvolare20; ciò può verificarsi per una dislocazione mediale delle triangolari dopo gibbotomia, per
medializzazione delle ossa nasali dopo le osteotomie, per resezione
eccessiva delle cartilagini laterali e infine per stenosi cicatriziale dopo
incisione intercartilaginea. Tutti questi elementi sarebbero da tenere in
debita considerazione in corso di rinoplastica al fine di mettere in atto
tutte quegli accorgimenti di ricostruzione della volta cartilaginea finalizzati ad evitarne il collasso. A tale scopo sono state sviluppate delle tecniche,
quali suture di fissazione21, spreader graft22, tecniche di sospensione della
valvola nasale23 o innesti cartilaginei per la stabilizzazione della parete
laterale esterna24.
CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE
La produzione di letteratura scientifica degli ultimi 20 anni in materia di
settoplastica ha messo in evidenza alcuni precetti cardine, seguendo i
63
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
quali il chirurgo rinologo, qualunque sia la tecnica chirurgica utilizzata, ha
la possibilità di correggere la maggior parte delle deformità settali con criteri di affidabilità, sicurezza ed efficacia, con una complessiva riduzione
dei casi di ricorso a interventi di chirurgia secondaria. Questi principi fondamentali si basano su procedure di dissezione e mobilizzazione delle
componenti settali che siano delicate ed atraumatiche, su un bilancio
analitico del problema ostruttivo in corso di intervento e su tecniche ricostruttive basate sul minimo sacrificio tissutale. E poiché forma e funzione
sono intimamente tra loro correlate, questi concetti sono ancor più validi
se alla correzione del setto si associa una procedura di rinoplastica.
Infatti, il successo di una rinoplastica estetica e ricostruttiva spesso
dipende anche da un’attenta ricostruzione del setto nasale. La maggioranza dei pazienti che richiedono un intervento di rinoplastica riferiscono
sempre un certo grado di ostruzione nasale. Accade che anche il migliore risultato estetico e la conseguente soddisfazione del paziente talora
vengono a essere inficiati dalla persistenza, dopo l’intervento, di una sensazione di stenosi respiratoria. Com’è noto, la classica rinoplastica di
riduzione produce invariabilmente un restringimento dei diametri traversi
endonasali. In tal modo, anche modeste deviazioni settali prima asintomatiche possono diventare causa di ostruzione respiratoria nasale dopo
l’intervento. Nei pazienti candidati a chirurgia nasale, diventa quindi fondamentale rilevare tali alterazioni mediante accurate indagini preoperatorie che devono necessariamente comprendere un esame obiettivo eseguito con l’ausilio delle fibre ottiche e i test funzionali di rinomanometria e
rinometria acustica. Attraverso tali accertamenti sarà quindi possibile individuare, oltre alle deformità del setto, anche tutte quelle alterazioni delle
camere nasali, quali asimmetrie della spina nasale anteriore, columella
larga, ipertrofia dei turbinati, deformità delle cartilagini laterali, che possono influenzare le correnti respiratorie contribuendo, talora anche in
modo determinate, al problema ostruttivo. Allo stesso modo, nei pazienti
già sottoposti a chirurgia nasale, la correzione di cicatrici, sinechie e rigidità valvolare unitamente al setto nasale consentirà il raggiungimento del
migliore risultato funzionale. Riteniamo che la via di accesso al naso più
favorevole per la correzione delle suddette deformità sia l’approccio
maxilla-premaxilla di Cottle. Tale approccio, piuttosto che una tecnica chirurgica, rappresenta il presupposto fondamentale per una chirurgia funzionale nasale conservativa. Il principio ispiratore della chirurgia funzionale di correzione delle cavità nasali è rappresentato dalla normalizzazione della geometria endonasale allo scopo di ripristinare valori fisiolo64
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
gici di resistenza. La filosofia di Cottle si basa sul principio di evitare
manovre invasive e distruttive a favore della conservazione e ricostruzione delle strutture nasali per evitare difetti secondari di cartilagine e osso
e cicatrici retraenti. Utilizzando la sola incisione emitrasfissa, tale approccio preserva il setto membranoso arrecando il minor danno possibile alle
strutture trofiche e di sostegno e, offrendo un’ottima visione del campo
operatorio con la possibilità di correggere deformità sia del setto che di
strutture, come la valvola nasale, che contribuiscono in maniera importante alla determinazione dei flussi respiratori nasali25. L’approccio maxilla-premaxilla, attuato attraverso una incisione emitrasfissa, permette l’esposizione completa di entrambe le aree valvolari nasali. È un approccio
ideale poiché non contempla incisioni aggiuntive in quest’area chiave
della ventilazione nasale. Una chirurgia sistematica dell’area valvolare
nasale necessita di un approccio in grado di esporre e correggere le
diverse subunità anatomiche che la costituiscono allo scopo di normalizzare la geometria e la dinamica funzionale di tale importante struttura26.
Uno dei vantaggi di questo approccio è rappresentato dalla sua flessibilità, per cui è la tecnica chirurgica che si adegua al difetto da correggere,
anziché il contrario. L’attuazione di un’unica incisione permette di situare
le cicatrici in un’area funzionalmente silente, riducendo al minimo gli effetti imprevedibili della formazione di tessuto fibroso, particolarmente gravi
quando situati in un distretto fisiologicamente importante, quale è appunto l’area valvolare. Infine, tale chirurgia risulta particolarmente vantaggiosa in alcune tipologie di deformità esterne del naso, quali l’asimmetria
della columella, il saddling, la torsione e/o la caduta della punta e le asimmetrie delle ali che possono essere favorevolmente aggredite utilizzando
come via di accesso la sola incisione emitrasfissa27,28.
65
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
SELTZER AP.: The nasal septum plastic repair of the deviated septum, associated
with a deflected tip. Arch Otolaryngol 1944; 40: 433.
HUFFMAN WC., LIERLE DM.: Progress in septal surgery. Plast Reconstr Surg 1957;
20:185-198.
CONVERSE JM.: Corrective surgery of nasal deviation. Arch Otolayngol 1950; 52:
671-708.
GOLDMAN IB.: New technique in surgery of the deviated nasal septum. A.M.A. Arch
Otolaryngol 1956; 64: 183-189.
BOZZI E.: Méthode operatoire pour la correction des déviations antérieures de la cloison nasale. Rev Laryngol 1958; 79 :153-165.
PEER LA.: An operation of repair lateral displacement of the lower border of the septal cartilage grafting. S Clin North America 1944;24:408.
ELSBACH EJ.: Cartilaginous septum in the reconstruction of the nose. Arch ORL
1946; 44.
GALLOWAY T.: Plastic repair of the deflected nasal septum. Arch Otolaryngol 1946;
44: 141.
FOMON S., SYRACUSE VR., BOLOTOW N., PULLEN M.: Plastic repair of the
deflected nasal septum. Arch Otolaryngol 1946; 44: 141-156.
ZORZOLI E.: I reinnesti di cartilagine nella correzione chirurgica delle deformazioni
del setto nasale. Arch Ital Laryngol 1950; 58: 334.
KILLIAN G.: The submucous window resection of the nasal septum. Ann ORL 1905;
14: 363.
COTTLE MH., LORING RL., FISCHER GF., ET AL.: The maxilla-premaxilla approach
to extensive nasal septum surgery. Arch Otolaryngol 1958; 68: 301-313.
SULSENTI G., PALMA P.: Tailored nasal surgery for normalization of nasal resistance. Facial Plast Surg 1996; 12: 333-345.
SULSENTI G.: Chirurgia funzionale ed estetica del naso. Ghedini Editore, Milano,
1994.
UDDSTROMER M.: Nasal respiration: a critical survey of some current physiological
and clinical aspects on the respiratory mechanism with a description of a new method
of diagnosis. Acta Otolaryngol 1940; Suppl 42: 3-146.
MANN DG., SASAKI CT., SUZUKI M., FUKUDA H., HERNANDEZ JR.: Dilator nasi
muscle. Ann Otol 1977; 86: 362-372.
SULSENTI G.: A new technique for functional surgery of the nasal valve area.
Rhinol Suppl 1989; 10: 1-19.
HINDERER KH.: Surgery of the valve. Rhinology 1970; 8: 60-67.
66
La chirurgia funzionale del setto e della valvola nasale
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
KERN EB.: Surgical approaches to abnormalities of the nasal valve. Rhinology 1978;
16: 165-189.
GRYMER LF.: Reduction rhinoplasty and nasal patency: change in the cross-sectional area of the nose evaluated by acoustic rhinometry. Laryngoscope 1995; 105:
429-431.
PARK SS.: The flaring suture to augment the repair of the dysfunctional nasal valve.
Plast Reconstr Surg 1998; 101: 1120-1122.
SHEEN JH.: Spreader graft:a method of reconstructing the roof of the middle nasal
vault following rhinoplasty. Plast Reconstr Surg 1984; 73: 230-239.
PANIELLO RC.: Nasal valve suspension. An effective treatment for nasal valve collapse. Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1996; 122: 1342-1346.
GUYURON B., MICHELOW BJ., ENGLEBARDT C.: Upper lateral splay graft. Plast
Reconstr Surg 1998; 102: 2169-2177.
SULSENTI G.: L’area valvolare nasale: struttura, funzione, clinica e terapia, la tecnica di correzione delle deformità valvolari secondo Sulsenti. Acta Otolaryngol Ital
1989; Suppl 22: 3-25
SULSENTI G.: Nasal valve surgery through hemitransfixion incision: functional
results assessed by rhinomanometry. Facial Plast Surg 1990; 7: 315-325.
JAMMET P., SOUYRIS F., KLERSY F., ET AL.: The value of Cottle’s technic for
esthetic and functional correction of the nose. Ann Chir Plast Esthet 1989; 34:38-41.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G.: Aesthetic improvement associated with functional surgery of nasal septum using Cottle’s technique. In: Abstract book “19th
Congress of the European Rhinologic Society”, Ulm, 16-19 giugno 2002.
67
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
68
LA CHIRURGIA DEL SETTO NASALE IN ETA’ PEDIATRICA
I. Tasca, G. Ceroni Compadretti, R. Paolino, C. Romano
CENNI DI EMBRIOLOGIA DEL SETTO NASALE30
Cavità nasali primitive
Lo sviluppo della faccia inizia intorno alla terza settimana di vita intrauterina, quando intorno al primitivo stomodeo si formano più bottoni di parti
molli: il bottone frontale, i bottoni mascellari superiori ed i bottoni mascellari inferiori. Durante la quarta-quinta settimana sul bottone frontale si sviluppano, da ambo i lati, due ispessimenti dell’ectoderma ampiamente
separati, i placodi nasali. Non appena formati, l’epitelio ispessito dei placodi diventa il pavimento delle fosse nasali. Tali cavità, a forma di U invertita, si presentano circondate da due rilievi che hanno le loro estremità
aperte nella cavità orale primitiva. L’estremità mediale di ciascun rilievo è
il processo nasale mediale: da esso derivano il dorso del naso, la parte
anteriore del setto ed il filtro del labbro superiore, la columella ed il palato primitivo. Mentre l’estremità laterale è il processo nasale laterale, dal
quale originano le ali del naso con le parti molli delle narici. Il palato primitivo, nella zona più profonda di ciascuna fossa nasale, si assottiglia per
formare la membrana oro-nasale. Intorno alla VI settimana di vita intrauterina avviene uno scorrimento in avanti dei processi palatini del mascellare che tendono a fondersi con i processi nasali laterali; la cavità orale
diminuisce in volume anche se i vari solchi oro-nasali sono aperti e pertanto si formano così due sacche nasali cieche. Tra il 38° e il 39° giorno
si ha la fusione dei processi laterali nasali con quelli mediali con la formazione delle narici; contemporaneamente continua lo scorrimento in
avanti dei processi palatini del mascellare che si fonderanno anch’essi
con i processi nasali mediali originando la premaxilla. Verso il 39°- 42°
giorno la membrana oro-nasale, che separava in profondità le cavità o
fosse nasali dalla cavità orale si rompe, formando le coane primitive. Nel
loro scorrimento dalla posizione laterale a quella mediale (40° giorno), le
fosse nasali comprimono la prominenza fronto-nasale, posta tra i due
processi nasali mediali e delimitata in basso da tessuto mesenchimale,
dando luogo ad una cresta rudimentale mediana (setto nasale primitivo).
Il tessuto mesenchimale che si trova fra il tetto dello stomodeo e le fosse
nasali costituisce il palato primitivo o primario. La parete laterale di cia69
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
scun sacco contiene dei rilievi, le pieghe mascellari ed etmoidali, che
costituiscono le conche primitive.
Cavità nasali definitive e palato duro
Sotto forma di sporgenze laterali (gemme palatine), i processi palatini
laterali fanno la loro comparsa lungo i lati della cavità orale prima della
formazione delle narici posteriori primitive. Il palato primitivo o primario
diventa il processo palatino mediale, durante la settima settimana.
Questo processo costituirà la porzione antero-mediale del palato secondario o definitivo. Il resto del palato secondario è formato dai processi
palatini laterali. Durante la settima settimana questi processi laterali crescono verso il basso, su ogni lato della lingua. Contemporaneamente si
osserva la formazione di un ben definito setto nasale. Tale struttura si
estende gradualmente in basso e indietro sotto forma di una rilevatezza
(cresta rudimentale) sulla linea mediana a partenza dalla regione frontonasale. Tale protuberanza situata tra le cavità nasali in accrescimento, si
estende fino al punto in cui la tasca di Rathke confina con il tetto della
cavità orale primitiva; è a livello del mesoderma di questa protuberanza
che compariranno tra poco i centri cartilaginei prima e ossei successivamente, destinati alla formazione del setto nasale definitivo. Verso il 47°
giorno tutti i solchi presenti nella faccia embrionale tendono a obliterarsi
e scomparire. La formazione del palato definitivo o secondario si completa fra la fine della decima e l’inizio della dodicesima settimana. Mentre
i processi palatini laterali vanno incontro a fusione lungo la linea centrale, il setto nasale progressivamente si fonde con il palato secondario in
via di sviluppo, in direzione antero-posteriore. Il margine posteriore del
setto nasale in condizioni definitive di sviluppo forma la parete mediale di
ogni coana definitiva (o narice posteriore), in corrispondenza delle quali
le cavità nasali comunicano con la rinofaringe.
INTRODUZIONE
L’opportunità di un intervento chirurgico di correzione del setto nasale nel
bambino è, ancora oggi, oggetto di aperto dibattito in letteratura in quanto, da una parte, si ritiene che una procedura chirurgica su una struttura
in via di sviluppo possa produrre degli effetti avversi sul normale accrescimento delle varie componenti facciali, come rilevato da esperimenti su
modelli animali1; ed è stato anche riportato che le deformità del setto
nasale possono agire in modo determinante sullo sviluppo facciale,
soprattutto nella prima decade di vita2,3; dall’altra parte, Gray et al4,5 affer70
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
mano che la maggior parte delle deformità settali sono destinate a peggiorare a seguito dell’accrescimento del naso e possono così causare o
aggravare sinusiti, infezioni delle vie aeree superiori e dell’orecchio
medio. E’ stata inoltre rilevata una stretta relazione tra respirazione nasale e sviluppo dei diametri traversi del mascellare superiore ipotizzando
che alterazioni della funzionalità nasale possono produrre disturbi dell’accrescimento mascellare e conseguente malocclusione dentaria6. E
ancora, una buona parte delle deviazioni del setto in età pediatrica sono
riferibili ad eventi traumatici; ora, poiché il coefficiente di accrescimento
del tessuto connettivo cicatriziale è nullo, un suo apparente accrescimento avviene ad opera di uno stiramento esercitato dal tessuto sano circostante; ne risulta la necessità quindi di intervenire precocemente. Per
tale motivo, alcuni autori4,7, così come la nostra Scuola8-10, sono favorevoli ad intervenire precocemente e preventivamente sulle deformità del
setto nasale per impedire alterazioni dello sviluppo naso-mascellare e
della respirazione. In ogni caso, la difficoltà a trarre conclusioni definitive
sul modello umano deriva dalla mancanza di studi prospettici ben definiti e dalla ancora incompleta conoscenza delle influenze genetiche ed epigenetiche dei processi di guarigione dei tessuti umani in accrescimento.
Inoltre, occorre tenere in considerazione anche altre determinanti, quali
eventi traumatici, influenze razziali, condizioni ormonali e nutrizionali che
possono agire come fattori intrinseci ed estrinseci ed influenzare la crescita del complesso naso-mascellare, rendendo ancora più difficoltosa la
valutazione degli effetti a lungo temine della correzione del setto.
L’approccio alla chirurgia del setto nel bambino utilizzato dalla nostra
Scuola è quello attraverso l’emitrasfissa di Cottle11. Di seguito riportiamo
la nostra esperienza in questo tipo di chirurgia mediante studio retrospettivo di valutazione dei risultati anatomici e funzionali in un gruppo di
43 pazienti trattati presso la nostra Unità Operativa ORL da aprile 1998 a
dicembre 2003 (SULSENTI-TASCA).
CONTRIBUTO PERSONALE
Quarantatrè pazienti, 25 maschi e 18 femmine di età compresa tra 5 anni
e 12 anni (media: 8.5 anni) (Fig.1), osservati presso la nostra U.O. per
deformità del setto nasale sono stati sottoposti ad intervento chirurgico di
correzione funzionale delle cavità nasali con tecnica di Cottle nel bambino. Tutti i pazienti sono stati studiati mediante rinomanometria e rinometria acustica eseguite prima dell’intervento chirurgico e a distanza di
1,6,12 mesi dall’intervento, fino all’ultimo controllo di follow-up.
71
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
RISULTATI
Al momento della nostra osservazione i pazienti presentavano sintomi da
grave ostruzione nasale con associati ricorrenti episodi di infezioni delle
vie aeree superiori in 30 casi, russamento notturno in 23 casi, malocclusione dentaria in 22 casi, allergie in 15 casi, otiti ricorrenti in 9 casi. In
base alla classificazione di Cottle delle deformità settali, 19 pazienti presentavano una deviazione del setto nelle aree I,II e III, 10 pazienti nelle
aree I e II, 9 pazienti nelle aree II e III e 5 pazienti dell’area I (Fig. 2). Non
si sono verificate complicanze peri e post operatorie. Lo stamponamento
nasale è stato effettuato in III giornata in tutti i pazienti. Il follow-up medio
è stato di 18 mesi (range: 12 -60 mesi). Nel corso dell’ultimo controllo di
follow-up, si registrava una normale pervietà nasale con setto nasale in
asse in 34 pazienti, una deformità residua dislocata posteriormente in 4
pazienti e deformità setto-piramidali in 2 pazienti per intercorso trauma. I
restanti 3 pazienti non si sono presentati all’ultimo controllo e sono pertanto usciti dal follow-up. I risultati funzionali di rinomanometria e rinometria acustica sono riportati in tabella I e II. Tutti i pazienti hanno rivelato un
miglioramento soggettivo della respirazione nasale. I pazienti con malocclusione dentaria sono stati avviati a terapia ortodontica.
Fig. 1
Fig. 2
72
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
Tab. I
Tab. II
73
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
CASO CLINICO
Bambino di nove anni (Fig. 3), trauma nasale nell’anamnesi, ostruzione
nasale persistente, ricorrenti tubariti e flogosi delle prime vie aeree. Lo
studio della funzionalità nasale, data l’ostruzione completa a sinistra del
setto, ha richiesto una rinomanometria posteriore attiva (Fig. 4)
Fig. 3 Preoperatorio
STUDIO FUNZIONALE
PREOPERATORIO
Esame rinomanometrico
Esame rinometrico acustico
Fig. 4
74
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
Il piccolo è stato sottoposto a correzione funzionale del setto con tecnica
di Cottle. Il risultato a 8 mesi (Fig. 5) dimostrava una completo allineamento del setto, lo studio della funzionalità nasale documentava una
respirazione fisiologica (Fig. 6).
Fig. 5 Postoperatorio
STUDIO FUNZIONALE
PREOPERATORIO
Esame rinomanometrico
Esame rinometrico acustico
Fig. 6
75
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Al controllo a 5 anni la respirazione nasale era nella norma, il setto nasale in asse l’accrescimento naso-mascellare procedeva in modo regolare
(Fig. 7).
Fig. 7
CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE
La prevalenza complessiva delle deformità del setto nasale in età pediatrica varia dallo 0.93 % al 55 %, in base alle diverse casistiche riportate
in letteratura ed in relazione alle differenti fasce di età e tipologie classificative delle alterazioni settali12. In tali studi epidemiologici, il sesso non
sembra agire come fattore di rischio, mentre l’aumentare dell’età si associa ad un incremento dell’incidenza delle deformità del setto nasale, verosimilmente in considerazione della maggiore possibilità di subire eventi
traumatici13. L’influenza di fattori traumatici è stata presa in considerazione anche in età neonatale da Kawalski e Spiewak14 che hanno riscontrato un’incidenza del 22.2% di deformità settali nei bambini nati da parto
spontaneo, mentre tale incidenza si riduceva a solo il 3.9% nei bambini
nati da parto cesareo. Ciò significa che il passaggio attraverso il canale
del parto può essere causa di deformità settale postraumatica. A tale proposito, è stata sottolineata l’importanza di una diagnosi precoce delle
deformità settali per consentire un trattamento immediato ed evitare possibili peggioramenti della funzionalità respiratoria in età adulta10,15.
La chirurgia del setto nasale nel bambino può essere eseguita sia con
76
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
tecnica aperta16-19 che con tecnica chiusa7,20,21. Healy22 ha anche proposto
un approccio sublabiale che da una parte consente di mobilizzare la cartilagine quadrangolare senza il rischio di possibili inestetismi derivanti da
incisioni esterne, dall’altra, evita l’accesso vestibolare della tecnica chiusa che può rivelarsi di difficile esecuzione per le ridotte dimensioni del
naso dei piccoli pazienti. Per quanto riguarda le vie di accesso esterna, i
vantaggi sono legati in generale alla possibilità tecnica di fornire una
buona visione del campo operatorio. Questa procedura sembra essere
particolarmente utile nei casi di deviazioni anteriori alla spina nasale
anteriore in quanto consente una completa mobilizzazione e rimozione
della cartilagine quadrangolare16. Koltai et al23 riportano la loro esperienza sull’uso della tecnica esterna come via di accesso per la patologia
rinologica pediatrica e in un gruppo di 11 pazienti sottoposti a tale procedura correttiva per deviazione del setto riporta solo 2 casi di deformità
persistente sintomatica. Personalmente, siamo contrari alla tecnica aperta che interferisce ulteriormente con la cicatrizzazione rendendo i risultati a distanza e le interazioni con i meccanismi di crescita ancora più difficilmente prevedibili. La via di accesso endonasale, utilizzando la sola
incisione emitrasfissa, risulta essere una procedura sicuramente più conservativa rispetto alla via esterna; anche se più indaginosa per le piccole
dimensioni del naso, in base alla nostra esperienza, ha dimostrato di
essere una tecnica sicura ed efficace per la correzione di tutte le diverse
tipologie di deformità settali, comprese le deviazioni settali anteriori alla
spina nasale anteriore.
Altro elemento di discussione in letteratura riguarda la valutazione a
lungo termine dei risultati. Un’operazione di questo tipo dovrebbe basarsi su metodiche oggettive e dovrebbe comprendere una valutazione sia
della funzionalità nasale che della crescita mediofacciale al fine di stabilire se tale procedura chirurgica ha portato a risultati funzionali stabili nel
tempo e/o ha influenzato in qualche modo l’accrescimento. Una valutazione di questo tipo sarebbe decisiva per stabilire l’efficacia della chirurgia rino-settale in età evolutiva e garantirne pertanto la fattibilità. Tuttavia,
se i valori di funzionalità nasale sono facilmente registrabili con metodiche di tipo oggettivo, quali la rinomanometria e la rinometria acustica24,
ben più difficoltosa è la valutazione dei parametri di crescita. In realtà, vi
sono in letteratura studi che hanno dimostrato la scarsa influenza della
settoplastica7 e della rinoplastica20 sulla crescita mediofacciale. Tuttavia,
tale valutazione viene eseguita mediante rilevazioni antroposcopiche e
con follow-up spesso troppo breve. La antroposcopia è un metodo di
77
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
valutazione soggettiva delle proporzioni del corpo umano attraverso
visione diretta o mediata da immagini fotografiche; pertanto è da ritenersi inadeguata in quanto soggetta a condizionamenti da parte del senso
estetico e fonte di errore derivante dalla natura bidimensionale delle fotografie. Molto più appropriato risulta essere invece il metodo antropometrico che consente di rilevare eventuali ritardi di crescita mediante il confronto con normative di misurazioni antropometriche stratificate per fasce
di età. In particolare, Béjar et al18, analizzando i risultati della settoplastica per via esterna in 28 bambini dopo un follow-up medio di 3.4 anni con
l’ausilio di 12 misure antropometriche, hanno riscontrato che questo tipo
di procedura determinava un ritardo di crescita della lunghezza del dorso
nasale ma non sembrava influire su altri aspetti della crescita naso-facciale. Gli stessi autori affermano anche che tale ritardo di crescita poteva
essere stato presente anche prima dell’intervento in relazione alla deformità del setto; pertanto, l’ipotesi secondo la quale la settoplastica per via
esterna produce un ritardo di crescita del dorso nasale dovrebbe essere
confermata da studi antropometrici di tipo prospettico. El-Hakim H et al25,
in un gruppo di 26 pazienti sottoposti a settoplastica per via esterna con
rimozione e riposizione della quadrangolare e seguiti per un periodo
medio di follow-up di 3.1 anni confermano questa tendenza che tuttavia,
in questo studio, non risulta statisticamente significativa. Anche Walker et
al17 non rilevano ritardi di crescita facciale a distanza di 2 anni dall’intervento chirurgico di rimozione-riposizione della cartilagine quadrangolare
eseguito per via esterna.
In definitiva, qualunque sia la tecnica utilizzata, in attesa di trials prospettici controllati con metodiche oggettive, riteniamo che sia necessario
fare riferimento agli studi presenti in letteratura che possano in qualche
modo fornire indicazioni utili relativamente alla condotta da seguire. A tale
proposito, Verwoerd et al26 hanno sottolineato l’importanza del complesso cartilagineo setto-triangolare, la struttura anatomica tridimensionale a
forma di T sottoposta a stress permanente dalle forze di accrescimento.
Pirsig2 afferma che vi è una qualche evidenza che tale struttura possa
controllare la crescita del mascellare, soprattutto nella prima decade di
vita. Per tale motivo, condizioni di trauma meccanico o chirurgico che
comportino l’interruzione di questo complesso possono influenzare il pattern di crescita geneticamente determinato del complesso naso-mascellare. In tal senso, riteniamo che qualsiasi tipo di approccio al setto nasale debba necessariamente essere rispettoso di questo complesso.
Crysdale27, relativamente all’approccio per via esterna, enfatizza l’impor78
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
tanza di alcuni aspetti di natura tecnica e cioè che la chirurgia naso-settale in età pediatrica andrebbe evitata prima degli 8 anni, poichè le crura
mediali sono più facilmente danneggiabili nel piccolo paziente, mentre sia
il vomere che le creste piriformi possono essere modellate in base alle
necessità; è fondamentale inoltre rispettare la spina nasale anteriore che
costituisce il punto di ancoraggio primario del setto ricostruito e le osteotomie dovrebbero essere eseguite in presenza di asimmetrie ossee e in
ogni caso sempre dopo la fissazione del setto. Indicazioni utili sull’accrescimento del setto nasale derivano anche dagli studi di Van Loosen et
a(28, i quali rilevano che la crescita incomincia a rallentare marcatamente
a partire dai 2 anni di vita, ipotizzando che a questa età la cartilagine quadrangolare raggiunge pressoché le dimensioni dell’adulto, mentre la crescita settale successiva avviene grazie alla lamina perpendicolare dell’etmoide. Nolst Trenitè et al29 sottolineano l’importanza di una meticolosa
fissazione dei frammenti e della salvaguardia del mucopericondrio e
afferma che la chirurgia del setto nasale nell’età evolutiva è una procedura possibile in casi selezionati di grave ostruzione respiratoria associata a deformità esterne da eseguire da mani esperte e mai prima dei 5
anni.
La correzione funzionale delle cavità nasali nel bambino, in base alla
nostra esperienza, è una chirurgia possibile da riservarsi a casi selezionati di deformità ostruenti del setto, congenite o postraumatiche, e in quei
casi di alterazioni settali sintomatiche che si associano a patologia infiammatoria ricorrente delle vie aeree-superiori. Il procedimento chirurgico per
la chirurgia del setto nei bambini è lo stesso che per gli adulti, ma con
alcuni particolari accorgimenti: il piano magico deve essere limitato, in
quanto è estremamente importante essere conservativi quando si opera
sulle delicate strutture del naso in accrescimento; occorre essere molto
cauti nel rimuovere la cartilagine al di sotto dell’osso nasale che diviene
la lamina perpendicolare dell’etmoide e che può influenzare la proiezione
della piramide nasale. L’esposizione è particolarmente importante nei
bambini, poiché la buona visualizzazione della parte ostruente del setto
consente precise resezioni selettive al fine di essere il più conservativi
possibili. L’approccio maxilla-premaxilla è particolarmente favorevole nei
bambini perché la cresta piriforme è bassa e tondeggiante e i tessuti sono
facilmente scollabili. Attraverso questa via è inoltre possibile procedere,
oltre alla correzione del setto nasale, anche alla correzione di alterazioni
delle camere nasali eventualmente associate alla deformità settale.
79
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
APPENDICE
Ci sembra opportuno a questo punto segnalare la nostra condotta in
occasione del riscontro di deformità del setto nel neonato alla nascita. La
letteratura internazionale riporta un’incidenza variabile dallo 0.5% al 25%
di deformità del setto in questa fascia d’età. Anche se l’eziologia è oggetto di differenti teorie, oggi la più accreditata è quella traumatica. Durante
il passaggio nel canale del parto, soprattutto nelle primipare, il naso subisce un trauma che porta in alcuni casi a dislocazione del setto dalla sua
posizione naturale. Nei casi in cui questa deformità permane, entro le
successive 48 ore provvediamo, in regime ambulatoriale, alla riposizione
in asse del setto. Utilizziamo una pinza particolare ideata da Sulsenti,
costituita da una branca piatta e l’altra più sottile e arrotondata.
Quest’ultima branca è posta nella cavità nasale dove il setto è lussato, la
branca piatta nell’altra cavità. Con un movimento di innalzamento e rotazione, facendo perno sulla branca piatta, il setto nasale viene posto in
asse. Un tampone soffice è posto nella cavità dove il setto era lussato, e
una cerottazione mantiene allineata la punta nasale (Fig. 8). Il tampone e
i cerotti vengono rimossi dopo 48 ore.
Fig. 8
I risultati sono molto lusinghieri, nella stragrande maggioranza dei casi, i
controlli fotografici (Fig. 9) e funzionali (Fig. 10) a lunga distanza dimo80
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
strano una buona respirazione con un’allineamento ed un’accrescimento
nasale normale15.
b
c
Fig. 9: a) setto lussato b) controllo a breve c) controllo a 10 anni
Fig. 10
81
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
SARNAT BG., WEXLER MR.: Growth of the face and jaws after resection of the septal cartilage in the rabbit. Am J Anat 1966; 118: 755-767.
PIRSIG W.: Growth of the deviated septum and its influence on midfacial development. Facial Plast Surg 1992; 8: 224-232.
GRYMER LF., BOSCH C.: The nasal septum and development of the midface. A longitudinal study of a pair of monozygotic twins. Rhinology 1997; 35: 6-10.
GRAY LP., DILLON PI., BROGAN WF.: The development of the septal and dental
deformity from birth. Angle Orthod 1982; 52: 266-278.
GRAY LP.: The development and the significance of septal and dental deformity from
birth to eight years. Int J Pediatr Otorhinolaryngol 1983; 6: 265-277.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G., PERI S., ALESSANDRI BONETTI G., D’ADDARIO A.: Acoustic rhinometric measurements in children undergoing rapid maxillary
expansion. Int J Ped Otorhinolaryngol 2006; 70: 27-34.
JENNES ML., WATERBURY C.: Corrective nasal surgery in children: long term
results. Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1964; 79: 145-151.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G., SORACE F.: Nasal septum surgery in children: results at 1-year follow-up. Int J Ped Otorhinolaryngol, Abstract Book, 6th
International Conference on Pediatric ORL, Athens 16-19 May 2004.
CERONI COMPADRETTI G., SORACE F., ROMANO C., PAOLINO R., TASCA I.: La
chirurgia del setto nasale nell’età evolutiva. Comunicazione al 2°Congresso
Nazionale AICEFrcf, Lecce, 30 Marzo-1 Aprile 2006.
SULSENTI G.: Chirurgia funzionale ed estetica del naso. Ghedini Editore, Milano, 1994.
COTTLE MH.: Nasal Surgery in children. Eye, Ear Nose and Throat Monthly 1951;
30:32.
YLDIRIM I., OKUR E.: The prevalence of nasal septal deviation in children from
Kahramanmaras, Turkey. Int J Ped Otorhinolaryngol 2003; 67:1203-1206.
SUBARIC M., MLADINA R.: Nasal septum deformities in children and adolescent: a
cross sectional study of children from Zagrep, Croazia. Int J Pediatr Otorhinolaryngol
2002; 63: 41-48.
KAWALSKI H., SPIEWAK P.: How septum deformations in newborn occur. Int J
Pediatr Otorhinolaryngol 1998; 44: 23-30.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G.: Immediate correction of nasal septum dislocation in newborns: long-term results. Am J Rhinol 2004; 18: 47-51.
CRYSDALE WS., WALKER PJ.: External septorhinoplasty in children: patient selection and surgical technique. J Laryngol Otol 1994; 23: 28-31.
WALKER PJ., CRYSDALE WS., FARKAS LG.: External septorhinoplasty in children.
Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1993; 119: 984-989.
82
La chirurgia del setto nasale in età pediatrica
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
BÉJAR I., FARKAS LG., MESSNER AH., CRYSDALE WS.: Nasal growth after external septoplasty in children. Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1996; 122: 816-821.
JUGO B.: Total septal reconstruction through decortication (external) approach in
children. Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1987; 113: 173-178.
ORTIZ-MONASTERIO F., OLMEDO A.: Corrective rhinoplasty before puberty: a longterm follow-up. Plast Reconstr Surg 1981; 68: 381-390.
TRIGLIA JM., CONNONI M., PECH A.: Septorhinoplasty in children: benefits of the
external approach. J Otolaryngol 1990; 19: 274-278.
HEALY GB.: An approach to the nasal septum in children. Laryngoscope 1986; 96:
1239-1242.
KOLTAI PJ., HOEHN J., BAILEY M.: The external rhinoplasty approach for rhinologic surgery in children. Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1992; 118: 401-405.
TASCA I., CERONI COMPADRETTI G.: La rinomanometria e la rinometria acustica
nella diagnostica della roncopatia cronica. In: “La Roncopatia Cronica”, Relazione
Ufficiale, XCI Congresso Nazionale SIO, pp.235-248.
EL-HAKIM H., CRYSDALE WS., ABDOLLEL M., FARKAS LG.: A Study of
Anthropometric Measures Before and After External Septoplasty in Children. Arch
Otolaryngol Head Neck Surg 2001; 127: 1362-1366.
VERWOERD CDA., VERWOERD-VERHOEF HL., MEEUWIS CA., ET AL.: Stress
and woundhealing in the cartilaginous nasal septum. Acta Otolaryngol (Stockh)
1989;107: 441-445.
CRYSDALE W.: External septoplasty in children. J Otolaryngol 1996; 25: 257-260.
VAN LOOSEN J., ET AL. : Growth characteristics of the human nasal septum.
Rhinology.1996; 34: 78-82.
NOLST TRENITE GJ., et al.: Reimplantation of autologous septal cartilage in the
growing nasal septum. An experimental study in rabbits. Rhinology 1987; 25: 225236.
NETTER FH.: Embriologia Umana ed anomalie congenite. Mondatori Editore,
Verona, 1983.
83
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
84
LA CHIRURGIA DEI TURBINATI
I. Tasca, G. Ceroni Compadretti, F. Sorace, A. Bacciu
CENNI DI ANATOMIA
La parete laterale del naso, ha una configurazione estremamente irregolare per la presenza di numerosi rilievi e depressioni. In essa s’inseriscono tre o quattro proiezioni ossee denominate conche o turbinati, che dal
punto di vista topografico sono distinte in inferiore, medio e superiore.
Talvolta, è presente un quarto turbinato posto al di sopra dei precedenti
e denominato turbinato supremo. Il turbinato inferiore è un osso indipendente, sottile e ripiegato su se stesso, rivestito da mucoperiostio altamente vascolarizzato, che si inserisce sulla superficie nasale della branca montante del mascellare superiore e sulla lamina perpendicolare dell’osso palatino. L’epitelio di rivestimento è di tipo colonnare pseudostratificato ciliato caratterizzato dalla presenza di 4 tipi di cellule.
Cellule basali
Le cellule basali si riscontrano nello strato profondo e sono considerate
le progenitrici di tutte le altre cellule. Sono ancorate alla membrana basale per mezzo di emidesmosomi e assicurano l’adesione delle cellule
colonnari alla membrana basale attraverso legami desmosomiali.
Cellule colonnari, ciliate e non-ciliate
Le cellule colonnari ciliate e le cellule colonnari non ciliate rappresentano
il citotipo più differenziato della mucosa nasale. Entrambe sono provviste
sulla loro superficie apicale di circa 300 digitazioni citoplasmatiche
(microvilli) che hanno lo scopo di incrementare la superficie di scambio
tra mucosa ed aria, così che questa sia depurata, umidificata e riscaldata prima di raggiungere la trachea. Ciascuna cellula ciliata è provvista di
circa 100 evaginazioni digitiformi della membrana citoplasmatica (cilia) di
6-8 µm di lunghezza e di 0.3 µm di diametro. La localizzazione e la densità delle cellule ciliate sono determinate dalle peculiarità aerodinamiche
dei flussi aerei nasali. La densità di tali cellule è inversamente proporzionale alla velocità lineare del flusso aereo inspiratorio e conseguentemente aumenta in senso anteroposteriore1. E’ inoltre accertato che le
basse temperature, l’umidità e l’inquinamento atmosferico contribuiscano
a ridurne il numero.
Cellule globose
Le cellule globose o cellule caliciformi mucipare, sono elementi ghiando85
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
lari di tipo mucoso unicellulari. Il loro citoplasma è ricco di vacuoli contenenti granuli di mucinogeno, precursore della mucina. I granuli di mucina
vengono riversati sulla superficie epiteliale con modalità di esocitosi. La
loro funzione secretoria, ancora oggetto di studio, sembra risponda ad
irritanti chimici e fisici e non sia sotto il controllo del sistema nervoso parasimpatico. Le cellule globose rappresentano circa l’1% delle cellule epiteliali del tratto respiratorio, ma la loro densità aumenta considerevolmente quando le vie aeree sono sottoposte ad agenti irritanti.
Membrana basale
La membrana basale corrisponde a una zona sottile acellulata costituita
da fibrille collagene che separa l’epitelio di rivestimento dalla lamina propria.
Lamina propria
La lamina propria o corion si estende dalla membrana basale al periostio
dell’osso del turbinato. E’ costituita da tessuto connettivo lasso, ricco di
fibre elastiche. Lo strato superficiale o sottoepiteliale della lamina propria
contiene una ben sviluppata rete di capillari, ed è ricco di elementi cellulari immunocompetenti (linfociti, macrofagi, plasmacellule, monociti e
mastcellule) che giocano un ruolo fondamentale nelle reazioni IgE mediate. Lo strato intermedio della lamina propria è ricco di ghiandole di tipo
sieroso, mucoso e misto i cui dotti escretori si aprono nell’epitelio dove
esiste una predominanza di elementi ghiandolari nella porzione anteriore
del turbinato inferiore, mentre altri autori notavano che le ghiandole puramente sierose superavano le mucose con un rapporto di 8:12. La componente ghiandolare produce la maggior parte della secrezione nasale.
Contribuiscono alla secrezione nasale le cellule globose con piccole
quantità di muco viscoso. Il secreto ghiandolare è caratterizzato da un
alto contenuto proteico ed enzimatico (lattoferrina e lisozima) con funzione batteriolitica. L’epitelio della mucosa del turbinato è quindi in grado di
esplicare una funzione difensiva aspecifica mediante il meccanismo
muco-ciliare e la liberazione di enzimi batteriolitici ed una difesa specifica basata sulla produzione, da parte delle cellule globose, di IgA1.
Lo strato profondo presenta una particolare organizzazione vascolare. La
vascolarizzazione arteriosa è assicurata da una branca discendente dell’arteria sfenopalatina, ramo della mascellare interna, e da rami dell’arteria etmoidale anteriore. La branca discendente dell’arteria sfenopalatina
penetra nella parete laterale del turbinato inferiore circa 1-1.5 centimetri
al davanti della coda, decorre quindi in un canale osseo e anteriormente
86
La chirurgia dei turbinati
si anastomizza con rami dell’arteria facciale. Le diramazioni della branca
discendente della sfenopalatina formano un reticolo a maglie strette in
prossimità del periostio. Da questo plesso si distaccano molteplici branche, a decorso elicoidale, che si anastomizzano fra loro a formare delle
arcate nel contesto della lamina propria3. In prossimità della superficie, le
arterie si ramificano dando luogo alle arteriole da cui si dipartono i plessi
capillari. Le arteriole di solito mancano della lamina elastica interna; pertanto l’endotelio è in stretto contatto con la tonaca muscolare che è direttamente esposta agli agenti vasoattivi circolanti nel sangue. Il sangue
attraverso le arterie passa in una rete capillare molto diffusa e di qui alle
venule. Anastomosi artero-venose possono cortocircuitare tale passaggio. Tra i capillari e le venule sono interposti i sinusoidi cavernosi. La loro
parete, in corrispondenza della tonaca media, è ricca di fibrocellule
muscolari lisce tale da configurare dei veri e propri sfinteri. Oltre al sangue venoso proveniente dalla rete capillare, il plesso cavernoso riceve
anche sangue arterioso attraverso le numerose anastomosi artero-venose, rami originatisi dalle arterie elicoidali prima che queste sfiocchino
nella rete capillare sottomucosa. I sinusoidi venosi si trovano normalmente in una condizione di semi-contrattura risultante dal controllo simpatico del tono muscolare; sono vasi specializzati che si adattano alle esigenze funzionali del flusso aereo nasale rispetto alla temperatura e all’umidificazione. La lamina propria determina pertanto lo spessore della
mucosa, a seconda dello sviluppo dei plessi venosi e dello stato funzionale di questi4. Gli elementi ghiandolari e vascolari sono responsabili del
riscaldamento e umidificazione dell’aria inspirata. L’attività vasomotoria e
secretoria della mucosa nasale è sotto il controllo del sistema nervoso
autonomo. L’ortosimpatico agisce quasi esclusivamente sul sistema
vascolare, mentre il parasimpatico agisce prevalentemente sul settore
ghiandolare. La funzione secreto-vasomotoria nasale presenta una caratteristica alternanza ciclica di congestione-decongestione della mucosa
dei turbinati nasali che risulta in una modificazione del lume e quindi della
resistenza nasale. Infatti, in una fase si osserva un aumento della resistenza, causato dal rigonfiamento dei turbinati, mentre nell’altra la resistenza diminuisce; analogamente la secrezione mucosa è maggiore nel
lato non ostruito. Tale fenomeno ciclico è sotto il controllo del sistema nervoso autonomo e ha una durata di circa 4 ore.
PRINCIPI DI FISIOLOGIA NASALE
I turbinati contribuiscono fisiologicamente al riscaldamento, umidificazio87
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
ne e filtrazione dell’aria inspirata oltre che alla regolazione dei flussi aerei
nasali. Il loro contributo alla resistenza inspiratoria appare fondamentale
per la normale respirazione. In particolare la resistenza offerta al passaggio dell’aria nel distretto nasale favorisce la ventilazione alveolare ed
il ritorno venoso cardio-polmonare per aumento della depressione intratoracica5,6. Nella dinamica respiratoria nasale può essere identificata una
variazione ciclica dei flussi aerei detta “ciclo nasale”, della durata media
di 4 ore, determinata dall’alternante rigonfiamento e restringimento dei
turbinati. In particolare il turbinato inferiore, come parte dell’area valvolare nasale, offre un’ampia superficie mucosa intensamente vascolarizzata
giocando un ruolo importante in questo processo. L’umidificazione, il
riscaldamento e la filtrazione dell’aria inspirata dipendono in larga misura
dalla trasformazione del flusso aereo nasale da lamellare a turbolento
come conseguenza dell’incontro dell’aria con le strutture endonasali che
incrementano considerevolmente la superficie di contatto aria-mucosa. I
turbinati con tutta la mucosa nasale svolgono inoltre una fondamentale
funzione di difesa locale attraverso i meccanismi di trasporto mucociliare
e di immunità umorale.
Clearance mucociliare
In condizioni di normalità, lo strato di muco che ricopre interamente la
mucosa nasale è continuamente prodotto ad opera delle ghiandole sieromucose e dalle cellule globose intraepiteliali. Il muco è composto d’acqua per il 95%, glicoproteine (2%), altre proteine quali l’albumina, immunoglobuline, lisozima, e lattoferrina (1%), sali inorganici (1%) e lipidi
(<1%). Questa sottile pellicola di muco ha due strati: uno strato periciliare sieroso, denominato “fase sol”, in cui battono le ciglia, ed uno strato
viscoso superficiale, “fase gel”, che è trasportata dal movimento ciliare.
Le ciglia si muovono quasi del tutto esclusivamente nella fase sol della
secrezione, mentre la fase gel è trasportata attivamente per scivolamento. La frequenza del battito ciliare, che si compone di una fase rapida e
una lenta di ritorno, è di 10-15 battiti al minuto e il flusso mucoso, che
avviene in direzione anteroposteriore si completa in circa 20 minuti.
Questo doppio strato ha uno spessore di circa 5 µm. Tra le funzioni nasali vi è quella di filtrare i contaminanti aerei. Tale fenomeno è favorito dalla
conformazione delle cavità nasali permettendo un intimo contatto tra aria
e superficie mucosale. Le turbolenze del flusso aereo favorisce il deposito delle particelle sul tappeto mucoso. Polvere ed altre particelle sono di
norma intrappolate nella fase gel e vengono trasportate insieme al muco
dalle ciglia verso il rinofaringe per l’eliminazione. Un equilibrio corretto tra
88
La chirurgia dei turbinati
il sol interno e il gel esterno è di importanza fondamentale per una clearance mucociliare normale. Infatti, la riduzione di spessore della fase sol
determina un’inibizione del battito ciliare in quanto le ciglia risultano ancorate allo strato viscoso superficiale; l’incremento di spessore della fase
sol causa invece una perdita di contatto delle ciglia con la fase gel e la
clearance risulta inibita. Altre situazioni patologiche possono interferire
con la funzione ciliare e tra queste le più comuni sono la sindrome delle
ciglia immobili, infezioni virali o batteriche, inalazione di sostanze tossiche (tossici ambientali, fumo di tabacco) in grado di indurre la lisi delle
cellule ciliate o la discinesia delle ciglia.
Difese immunitarie
La seconda barriera difensiva è costituita dai meccanismi dell’infiammazione che s’innesca quando il tempo di trasporto mucociliare non è sufficiente ad impedire ad un agente estraneo di penetrare nel corion. In questo caso si sviluppa un processo flogistico che richiama macrofagi, polimorfonucleati circolanti i quali inglobano per fagocitosi e lisano le particelle estranee. Parallelamente i macrofagi innescano il meccanismo di
difesa specifico, presentando l’antigene inglobato dell’agente inalato ai
linfociti T, i quali vanno a stimolare due linee cellulari distinte: le plasmacellule che secernono anticorpi specifici (immunità umorale), ed i linfociti
di memoria per garantire una risposta immunitaria futura più rapida in
caso di un nuovo contatto con lo stesso antigene(immunità cellulare)7. Le
IgA secretorie si distribuiscono nello strato gel delle secrezioni mucose
agendo quale film protettivo contro gli agenti microbici. Nel novero delle
molteplici funzioni ad esse attribuite vanno elencate la neutralizzazione
dei virus, l’attività batteriolitica in combinazione col lisozima e il complemento, l’attività opsonizzante, batteriostatica, aggregante e neutralizzante le tossine batteriche. La disponibilità di tale IgA nel secreto nasale
segue un ritmo circadiano con un aumento di produzione attiva nelle ore
serali e notturne.
TECNICHE CHIRURGICHE
Di seguito vengono riportate le più comuni tecniche operatorie utilizzate per
il trattamento della patologia ipertrofica dei turbinati. La molteplicità delle
procedure riportate riflette un interesse sempre vivo per una delle patologie
di più comune riscontro in ambito rinologico, ma allo stesso tempo testimonia che non esiste a tutt’oggi la tecnica ideale in grado di risolvere permanentemente il problema ostruttivo, nonostante l’ausilio di metodiche
innovative frutto dell’evoluzione tecnologica delle strumentazioni.
89
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Elettrocauterizzazione
Rappresenta la prima metodica di trattamento dell’ipertrofia dei turbinati
nasali inferiori, introdotta da Heider a Vienna e da Crusel nel 1845. Dopo
le prime esperienze di Von Bruns e Voltolini del 1871 con l’uso di correnti galvaniche, l’elettrocauterizzazione si è notevolmente diffusa e anche
oggi è una tecnica tra le più utilizzate. Mediante un elettrodo bipolare o
monopolare viene effettuata una cauterizzazione della parete mediale del
turbinato generalmente in direzione caudo-rostrale. La procedura è in
grado di produrre una necrosi tissutale e la fibrosi successiva è causa di
retrazione dei tessuti molli. Il sanguinamento peri e post chirurgico è
abbastanza raro, ma frequentemente possono formarsi croste e sinechie
turbino-settali. E’ una procedura invasiva che dal punto di vista istologico
comporta atrofia mucosa o metaplasia della mucosa, perdita di cilia, ed
alterazione della clearance mucociliare. La metodica, comunque, è di
facile e veloce esecuzione e può essere effettuata anche in anestesia
locale.
Coagulazione intraturbinale
Per ovviare al problema del danneggiamento mucoso si ricorre frequentemente a questa metodica che consiste nell’infissione di elettrodi mono
o bipolari nella sottomucosa del turbinato. L’esito dell’applicazione di corrente in questi distretti anatomici è di una coagulazione dei sinusoidi
venosi con conseguente fibrosi sottomucosa. Anche in questo caso si
assiste a risultati limitati nel tempo con necessità di varie ripetizioni; inoltre è difficile valutare l’entità dell’azione dello strumento nella profondità
del tessuto. Nonostante gli effetti indesiderati, quali, secrezione nasale
cronica, sanguinamento a distanza e crostosità, questa tecnica è attualmente una delle più utilizzate.
Turbinectomia totale
Questa procedura è caratterizzate dall’ampia riduzione volumetrica effettuata sulle strutture nasali. La modalità più semplice consiste nella rimozione totale del turbinato inferiore. L’ampia riduzione dell’ingombro endonasale se nell’immediato offre una efficace riduzione dei sintomi da ostruzione, a lungo termine provoca la comparsa di numerosi effetti indesiderati che la fanno ritenere oggi una tecnica che arreca più danno che beneficio. Nei follow-up a lungo termine, infatti, si va incontro spesso al ripresentarsi della sintomatologia ostruttiva paradossa, accompagnata da formazione di croste, secchezza nasale, ozena secondaria, cefalea8,9. La “empty
nose sindrome” descrive un insieme di sintomi che accompagnano appunto i pazienti sottoposti ad ampie demolizioni delle strutture nasali.
90
La chirurgia dei turbinati
Turbinectomia parziale
Per limitare gli importanti effetti collaterali della resezione totale sono
state proposte varie tecniche di resezione parziale del turbinato inferiore:
resezioni orizzontali inferiori, resezioni diagonali, resezioni della testa o
della coda, schiacciamento e rimodellamento del turbinato. E’ opinione
diffusa che le uniche tecniche che possono essere funzionalmente accettabili sono la resezione della coda e lo schiacciamento con rimodellamento. La resezione della testa sembra essere troppo distruttiva in quanto altera considerevolmente la clearance mucociliare e annulla il ruolo
importante che questa ha struttura nell’orientare correttamente le correnti inspiratorie.
Turbinoplastica
E’ costituita da un insieme di tecniche accomunate dall’intervento su osso
e parenchima del turbinato, effettuato attraverso limitate incisioni mucose. La turbinoplastica anteriore prevede una incisione, limitata alla porzione anteriore del turbinato, del margine infero-mediale. Sollevando
quindi un flap mucoso si attua la resezione di una porzione di osso e
parenchima vascolare cavernoso. L’accostamento dei lembi mucosi, a
fine intervento, permette di ricostituire l’anatomia del turbinato preservando sostanzialmente l’integrità mucosa10. Un’altra possibilità è data
dalla turbinoplastica parziale inferiore, basata sulla asportazione di un
cuneo longitudinale della porzione inferiore del turbinato che viene in
seguito richiuso con accostamento dei lembi. Queste tecniche richiedono
normalmente tamponamento nasale post-operatorio. Insieme alle tecniche di riduzione volumetrica dei turbinati per via sottomucosa, questo tipo
di chirurgia rappresenta il trattamento di scelta nell’ottica dell’efficacia chirurgica nel trattamento sul sintomo ostruttivo senza la compromissione
della funzione nasale.
Decongestione chirurgica dei turbinati (tecnica di Sulsenti)(4)
L’accesso al tessuto sottomucoso del turbinato è ottenuto attraverso una
incisione verticale lineare con bisturi angolato realizzata qualche millimetro posteriormente alla testa del turbinato (Fig. 1) e scollamento dei tessuti molli rasente al bordo osseo, con aspiratore-scollatore o elevatore
(Fig. 2). Questo scollamento è esteso fino alla coda del turbinato: in questo tempo chirurgico bisogna prestare grande attenzione a non provocare lacerazioni del mantello mucoso. A questo punto vari strumenti, introdotti nell’incisione iniziale possono consentire la riduzione volumetrica tissutale. L’utilizzo di una pinza di Weil (Fig. 3) o un di un microdebrider,
introdotti nel tunnel sovraperiosteo, permettono la rimozione del tessuto
91
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
erettile in eccesso. In presenza di una degenerazione moriforme della
coda, si procede alla decorticazione dell’estremità posteriore del turbinato con una pinza di Weil. Nei casi in cui la componente ossea presenta
anomalie di configurazione o modificazione in senso ipertrofico, possono
essere associate manovre di out-fracture e/o di asportazione parziale di
tessuto osseo della conca.
Fig. 1
Fig. 2
Fig. 3
Laser chirurgia
L’avvento di tecnologie all’avanguardia anche in ambito otorinolaringoiatrico ha visto l’introduzione del laser per il trattamento della patologia ipertrofica dei turbinati. Le sorgenti di luce laser più comunemente usate
sono il laser CO2, il Neomidio-YAG laser ed il laser a dioidi. Il principale
vantaggio di questa tecnica è quello di ottenere una buona emostasi e ciò
consente di evitare il ricorso al tamponamento nasale. Il laser, che può
essere utilizzato anche in anestesia locale, consente l’esecuzione di turbinectomie parziali o totali, resezioni intraturbinali. Purtroppo numerosi
possono essere gli effetti indesiderati, quali la formazione di ampie escare e croste, alterazioni diffuse dell’epitelio ciliato che si rigenera solo parzialmente dopo la chirurgia, l’irreversibile diminuzione delle ghiandole
sieromucinose e dei sinusoidi venosi11,12 e la diffusa degenerazione della
struttura sottomucosa e sostituzione con tessuto di granulazione osservabile anche ad un anno di distanza dall’intervento13. Tutti questi fattori
determinano un significativo rallentamento del trasporto mucociliare e in
generale della funzionalità nasale. Pertanto, il laser non riesce a soddisfare il parametro richiesto per una buona chirurgia e cioè una corretta
preservazione della funzione nasale unita ad una riduzione ottimale del
volume dei turbinati.
Riduzione volumetrica dei turbinati con radiofrequenze
La tecnologia a radiofrequenza si basa sul rilascio locale intraturbinale di
92
La chirurgia dei turbinati
energia a bassa frequenza (Fig. 4) che induce lesioni termiche del tessuto sottomucoso ipertrofico il quale, nelle fasi di cicatrizzazione, va
incontro ad un processo di fibrosi secondaria e conseguente riduzione
volumetrica del turbinato ipertrofico. Dopo anestesia topica con lidocaina
in corrispondenza del turbinato inferiore, si procede all’inserimento dell’elettrodo da radiofrequenza (Fig. 5) a livello della testa del turbinato
stesso che per via sottomucosa viene spinto all’interno, nel corpo del turbinato (Fig. 6). Si procede all’erogazione dell’energia per pochi secondi
(5-7 sec.). Tale tecnica si è dimostrata efficace per il trattamento della
patologia ipertrofica dei turbinati ed è un metodo conservativo perché,
agendo a livello della sottomucosa, preserva l’integrità e la funzione della
mucosa14. Inoltre tale procedura, che viene eseguita in anestesia locale
anche in regime ambulatoriale, risulta ben tollerata, è ripetibile nel tempo
e non richiede il tamponamento nasale15,16.
Fig. 4
Fig. 5
Fig. 6
CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE
Numerosi sono le tecniche chirurgiche proposte per il trattamento della
patologia ipertrofica dei turbinati. Dall’analisi della letteratura, si evince
che non esiste una metodica ritenuta ideale e tutte sono più o meno associate a diverse complicanze a breve e lungo termine. In particolare,
Clement et al17, analizzando 283 articoli di letteratura del settore degli ultimi 35 anni, rilevano che non vi sono studi randomizzati e controllati che
consentano di stabilire l’efficacia delle varie tecniche a confronto e affermano che la ricerca clinica in questo ambito sembra spinta più dal progresso della tecnologia che dalla volontà di determinare un reale beneficio per il paziente. E ancora, Hol et al18 registrano in letteratura la descrizione di 13 tecniche diverse per il trattamento dell’ipertrofia dei turbinati
inferiori sviluppate nel corso degli ultimi 130 anni e sottolineano la necessità di studi prospettici, comparativi, randomizzati al fine di stabilire quale
93
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
sia la tecnica migliore da utilizzare. In effetti, l’unico studio clinico prospettico randomizzato che mette a confronto differenti tecniche chirurgiche in termini di pervietà nasale, soddisfazione del paziente, trasporto
muco-ciliare e immunità locale è ad opera di Passàli et al19 che prendendo in esame 382 pazienti con follow-up di 6 anni concludono che la tecnica di decongestione sottomucosa sia la tecnica da preferire. Queste
considerazioni fanno emergere la necessità dell’adozione di tecniche funzionali, fondate sui rigorosi principi del rispetto della mucosa nasale e
delle formazioni ghiandolari annesse e di conservazione della vascolarizzazione e dell’innervazione, per prevenire l’instaurarsi di fenomeni di
atrofia e di alterazioni dei riflessi nasali. Ne deriva una precisa condotta
chirurgica: l’intervento deve essere mirato essenzialmente alla sottomucosa, sede primitiva e preminente delle alterazioni anatomo-patologiche.
Il metodo sottomucoso ha come fondamentale obiettivo la riduzione
quantitativa del tessuto erettile patologico, realizzando nel contempo una
deconnessione dell’innervazione secreto-vasomotoria con i rispettivi
effettori periferici. Il mantello mucoso viene pertanto ad essere risparmiato, non si producono ampie cicatrici con formazione secondaria di croste
ed è ridotto al minimo il rischio di emorragia. Il risultato è un turbinato che
ha conservato tutti gli strati della mucosa e che è stato ridotto di volume
entro limiti ragionevoli, senza rischio di causare fenomeni patologici da
deficit. La decongestione chirurgica dei turbinati ideata da Sulsenti si
adatta perfettamente a questi principi di chirurgia funzionale non solo perché rispettosa dell’anatomia e della fisiologia, ma anche perché apporta
miglioramenti funzionali durevoli nel tempo riducendo il rischio di complicazioni; inoltre, anche in presenza di un insuccesso, tale tecnica non
compromette in modo permanente la funzione nasale e consente seconde procedure.
Riassumendo si può affermare che l’obiettivo della chirurgia dei turbinati
sia quello di diminuire il disturbo preservando la funzione. Da questo principio generale scaturisce il diniego degli approcci chirurgici radicali, delle
turbinotomie e turbinectomie fondate sul principio che l’allargamento del
lume nasale indiscriminato con sacrificio di strutture nobili produce
necessariamente un miglioramento della permeabilità nasale. Altro principio ispiratore di questa condotta chirurgica è il malinteso che eliminare
le resistenze nasale sia sinonimo di respirazione nasale ottimale.
E’ ampiamente dimostrato invece che l’efficace svolgersi della funzione
filtrante ed umidificante del naso necessita di un adeguato valore di resistenza, tale da assicurare il contatto adeguato fra l’aria e le superfici
94
La chirurgia dei turbinati
nasali. Gli interventi di turbinectomia ampliano in eccesso il volume delle
cavità nasali alterando le caratteristiche del fisiologico regime di moto dei
flussi nasali (transizionale), in gran parte determinato dai contorni regolari e smussi delle formazioni della parete laterale. Lo stabilirsi di patterns
aerodinamici alterati produce estese aree di secchezza della mucosa con
conseguenti alterazioni del movimento ciliare. I delicati meccanismi di
clearance muco-ciliare sono ulteriormente danneggiati dalle estese
superfici di cicatrizzazione e di scomparsa delle cellule ciliate che si
instaurano nelle aree della pregressa escissione chirurgica. Tutte queste
condizioni modificano negativamente il rapporto ottimale flusso
aereo/superficie mucosa nasale, risultandone alterazioni irreversibili delle
funzioni nasali. Il risultato si esprime in sintomi “per difetto”: ristagno di
secrezioni, formazioni di croste talora maleodoranti, infezioni ricorrenti,
graduale sviluppo di forme infiammatorie secche a carico della faringe e
della laringe. Spesso questa sintomatologia è di gran lunga più invalidante dei disturbi lamentati prima dell’intervento ed instaurandosi, talvolta, dopo molti anni, può occultare il nesso causale con l’intervento radicale. Trasformare le cavità nasali in tubi rigidi e inanimati, incapaci di
esplicare i fondamentali processi di congestione-decongestione, significa
privare le fosse nasali della loro adattabilità funzionale, da cui dipendono
la funzione respiratoria “in toto” e la sensazione di benessere, sia in condizioni normali sia di fronte alle mutevoli condizioni ambientali e agli
improvvisi sbalzi di temperatura e umidità.
”
95
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
MYGIND N., DAHL R.: Anatomy, physiology and function of the nasal cavities in
health and disease. Advanced Drug Delivery Reviewes 1998; 29: 3-12.
BERGER G., BALUM-AZIM M., OPHIR D.: The normal inferior turbinate: histomorphometric analysis and clinical implications. Laryngoscope 2003; 113: 1192-1198.
PADGHAM N., VAUGHAN-JONES R.: Cadaver studies of the anatomy of arterial
supply to the inferior turbinates. Journal of the Royal Society of Medicine 1991; 84:
728-730.
SULSENTI G.: Chirurgia funzionale ed estetica del naso. Ghedini Editore, Milano,
1994:pp:370-393.
BUTLER J.: The work of breathing though the nose. Clin Sci 1960;19:55-62.
HAIGHT JSJ., COLE P.: The site and function of nasal valve. Laryngoscope 1983;
93:49-55.
ANTONELLI A., FERRARA A.: L’ipereattività nasale. Edizioni scientifiche
Valeas,1990.
HOUSE HP.: Submucous resection of the inferior turbinal bone. Laryngoscope 1951;
61:637-648.
TREMBLE GE.: Methods of shrinking of the inferior turbinates to improve the airway.
Laryngoscope 1960; 70:175-186.
PASSALI D. ET AL.: Treatment of inferior turbinate hypertrophy: a randomized clinical trial. Ann Otol Rhinol Laryngol 2003;112:683-688.
KUBOTA I.: Nasal function following carbon dioxide laser turbinate surgery for allergy. Am J Rhinol 1995;9:155-161.
ELWANY S., ABDEL-MONEIM MH.: Carbon dioxide laser turbinectomy. An electron
microscopic study. J Laryngol Otol 1997; 111:931-34.
FUKUTAKE T., YAMASHITA T., TOMODA K., KUMAZAWA T.: Laser surgery for allergic rhinitis. Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1986; 112: 1280-1282.
NEASE CJ., KREMPL GA.: Radiofrequency treatment of turbinate hypertrophy: A
randomised, blinded, placebo-controlled clinical trial. Otolaryngol Head Neck Surg
2004; 130: 291-299.
PORTER MW., HALES NW., NEASE CJ., KREMPL GA.: Long term results of inferior turbinate hypertrophy with radiofrequency treatment: a new standard of care.
Laryngoscope 2006; 116: 554-557.
TASCA I, CERONI COMPADRETTI G.: Radiofrequency volumetric tissue reduction
for turbinate hypertrophy. XXI Congress European Rhinologic Society, Tampere,
Finland, June 11-15, 2006.
CLEMENT WA.,WHITE PS.: Trends in turbinate surgery literature:a 35-year review.
Clin Otolaryngol 2001; 26: 124-128.
96
La chirurgia dei turbinati
18
19
HOL MKS., HUIZING EH.: Treatment of inferior turbinate pathology: a review and critical evaluation of the different techniques. Rhinology 2000; 38:157-166.
PASSALI D., LAURIELLO M., ANSELMI M., BELLUSSI L.: Treatment of hypertrophy
of the inferior turbinate: long-term results in 382 patients randomly assigned to therapy. Ann Otol Laryngol 1999; 108: 569-575.
97
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
98
CHIRURGIA DELLE PERFORAZIONI SETTALI
G. Tortoriello, G. Barba, G. Castagna, R. Caterino
DEFINIZIONE
La perforazione del setto nasale è la perdita a tutto spessore di una parte
più o meno estesa di mucosa nasale settale e del relativo sostegno
osteocartilagineo. Essa rappresenta la conseguenza di una sofferenza
ischemica del mucopericondrio e/o del mucoperiostio, cui segue la necrosi dei tessuti cartilagineo e/o osseo e del loro rivestimento mucoso.
EPIDEMIOLOGIA
La prevalenza di perforazioni settali nella popolazione adulta è minore
dell’1%17.
Questa percentuale è maggiore nei soggetti dediti all’inalazione a scopo
voluttuario di sostanze ad azione vasocostrittrice (4,8%)16.
EZIOLOGIA
Le perforazioni settali possono avere origine: traumatica, inalatoria, infettiva, infiammatoria e neoplastica.
- Le cause traumatiche più comuni sono rappresentate dalla chirurgia
settale e dalle ripetute causticazioni.
Lacerazioni bilaterali della mucosa settale, rimozioni eccessive della
cartilagine durante la chirurgia funzionale del naso predispongono ad
una perforazione settale.
Le ripetute causticazioni, specie se eseguite simultaneamente su
ambo i lati, rappresentano la seconda causa tra i traumatismi.
Vanno anche considerati il tamponamento troppo stretto, ascessi ed
ematomi del setto, intubazione naso-gastrica e naso-tracheale ed in
casi rari le ferite da arma da fuoco e la prolungata permanenza di
corpi estranei all’interno delle fosse nasali.
- L’inalazione di sostanze tossico-irritanti, prima fra tutte la cocaina, sta
diventando sempre più frequente causa di perforazioni settali, in relazione all’elevata diffusione della tossicomania. La cocaina possiede
un’intensa azione vasocostrittrice, con conseguente ischemia e
necrosi dei tessuti epiteliali. Il primo caso di perforazione settale causata da inalazione di cocaina fu descritto agli inizi del nostro secolo,
quando la pratica dello “sniffing” cominciava ad essere diffuso
99
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
(Nautant 1910). Anche l’inalazione di polvere di cemento e vetro, di
catrame, di acido solforico, di acido fluoridrico e di acido cromico può
esitare in una perforazione settale12.
Non bisogna sottovalutare l’azione dei vasocostrittori topici che sfruttati per il rapido effetto decongestionante rappresentano un grave
insulto per la mucosa.
- Le cause infettive sono piuttosto rare e sono rappresentate dalla
tubercolosi, sifilide, leishmaniosi, difterite ed alcune tra le micosi
nasali.
- Le malattie infiammatorie che possono provocare perforazioni del
setto nasale sono la sarcoidosi, la malattia di Chron, la malattia di
Wegener14, il L.E.S., l’artrite reumatoide, la policondrite e la dermatomiosite.
- Alcune perforazioni possono essere secondarie a neoplasie benigne
o maligne del setto nasale (epitelioma epidermoidale) (3).
Vanno ricordate anche il frequente riscontro di perforazioni idiopatiche o
trofiche (ulcera di Hajek).
Le perforazioni settali congenite, invece, sono rarissime e spesso si associano ad altre anomalie della columella, del labbro o del palato.
ANATOMIA
Il setto nasale separa le due cavità nasali ed è costituito da una parte
ossea ed una parte cartilaginea. La parte ossea è formata dalla lamina
perpendicolare dell’etmoide (in alto e posteriormente) e dal vomere (in
basso). La parte cartilaginea, che si unisce ai margini liberi delle lamine
ossee suddette, completa il setto in avanti ed è costituita dalla cartilagine
quadrangolare del setto.
Il margine superiore del setto nasale corrisponde ai 2/3 inferiori del
dorso nasale. Il margine inferiore
costituisce il cosiddetto sottosetto
e si estende dalla spina nasale
anteriore alla punta del naso. Lo
scheletro osteocartilagineo è ricoperto da periostio e da pericondrio,
rivestiti da una mucosa abbondantemente vascolarizzata (Fig. 1).
Fig. 1: Anatomia del setto nasale
100
Chirurgia delle perforazioni settali
La vascolarizzazione arteriosa è particolarmente ricca con il plesso
vascolare o zona di Kisselback costituita dall’anastomosi di terminazioni
provenienti dai sistemi carotidei esterni ed interni.
L’arteria sfenopalatina, ramo terminale della mascellare interna (carotide
esterna), dà origine a rami esterni (arteria del turbinato medio ed all’arteria del turbinato inferiore) ed a rami interni (arteria del setto che dà origine all’arteria del turbinato superiore e arterie settali), che si anastomizzano riccamente con le arterie etmoidali.
L’arteria del sotto-setto, ramo dell’arteria facciale, è tributaria della regione del vestibolo nasale e della parte antero-inferiore del setto cartilagineo.
L’arteria etmoidale anteriore, ramo dell’arteria oftalmica (carotide interna)
dà origine a due rami: un ramo nasale interno ed un ramo nasale esterno, che irrora i seni frontali e le cellule etmoidali.
Le arterie etmoidale posteriore interna ed esterna si anastomizzano con
le etmoidali anteriori a livello dei turbinati e con l’arteria sfenopalatina
nella parte alta del setto (Fig. 2).
Fig. 2: Vascolarizzazione del setto nasale
101
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
CENNI DI FISIOPATOLOGIA
In condizioni fisiologiche l’aria che attraversa le cavità nasali ha le caratteristiche di una corrente prevalentemente laminare con le microturbolenze che incrementano il contatto aria/mucosa.
Il flusso ha una velocità di circa 2-3 metri al secondo, rallenta superata la
valvola nasale e da verticale diventa orizzontale, dividendosi in tre correnti: inferiore che sfiora il pavimento nasale, mediana che percorre il meato
medio, e superiore che si dirige in alto verso la fessura olfattoria (Fig. 3).
Fig. 3: Flusso aereo inspiratorio ed espiratorio attraverso le fosse nasali
La perdita a tutto spessore di una superficie più o meno estesa di parete
settale comporta un’ alterazione del flusso respiratorio nasale che da
laminare si sovverte diventando turbolento ed anarchico; possono svilupparsi inoltre correnti accessorie ed anomale con conseguente rallentamento del flusso aereo che genera un’alterazione della normale clearance muco-ciliare della mucosa respiratoria nasale10.
CLINICA
Sebbene l’incidenza sia tutt’altro che trascurabile, solo in pochi casi le perforazioni sono fonte di disturbi. Se sintomatiche però, le perforazioni settali
sono tra le più fastidiose patologie riscontrabili in un paziente rinologico.
Succede nella quotidiana pratica professionale che i pazienti vengano
informati dallo specialista durante un esame rinologico sistematico di
essere portatori di perforazioni del setto e che non dichiarino alcun sintomo. I sintomi più comuni sono l’ostruzione nasale dovuta a croste recidivanti11, epistassi di scarsa entità ed un fischio respiratorio presente spe102
Chirurgia delle perforazioni settali
cialmente in caso di piccole perforazioni. La perforazione è tanto più invalidante quanto più anteriore è la sua localizzazione e quanto più grande
è il suo diametro. Una perforazione totale del setto provoca nel tempo
delle vere deformazioni estetiche con insellamento del profilo nasale, collasso valvolare, retrazioni columellari nonché disturbi della risonanza
della voce. Va ricordato che nei casi di grandi perforazioni nei bambini si
ha un ritardo dello sviluppo sia della piramide nasale che del terzo medio
della faccia, poiché a quest’età il setto nasale svolge un importante ruolo
nella crescita facciale.
DIAGNOSI
L’iter diagnostico completo delle perforazioni settali comprende quattro fasi:
- Anamnesi. Durante questa fase lo specialista ha lo scopo di individuare la causa della patologia, la persistenza o meno della stessa, i sintomi e l’eventuale presenza di controindicazioni all’intervento chirurgico.
- Indagine morfologica delle cavità nasali. Attraverso la rinoscopia a
fibre ottiche vengono esplorati oltre alla sede, l’entità ed i margini della
perforazione, anche le fosse nasali in toto, il trofismo della mucosa circostante ed i difetti eventualmente associati alla perforazione.
- Indagine funzionale. Può essere eseguita esclusivamente con metodica di rinomanometria attiva posteriore poiché la comunicazione
patologica tra le fosse nasali non permette l’esecuzione della rinomanometria anteriore. Essa è utile per testare il grado di pervietà in presenza di croste e dopo la detersione delle stesse.
- Diagnostica per immagini. E’ utile una T.C. ad alta risoluzione od anche
una R.M. soprattutto nei rari casi di neoplasie settali e di malattie sistemiche (Fig. 4).
Fig. 4: T.C. del massiccio facciale
103
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
CLASSIFICAZIONE DELLE PERFORAZIONI SETTALI
Le perforazioni settali possono essere suddivise in base alle seguenti
caratteristiche:
• Dimensioni
• Forma
• Sede
In rapporto alle dimensioni le perforazioni settali si possono suddividere
secondo Brain in (Fig. 5):
• Piccole ( ≤ 1 cm Ø)
• Medie ( ~ 2 cm Ø)
• Grandi ( > 3 cm Ø)
Fig. 5: Piccola, media e grande perforazione del setto nasale
In relazione all’esame obiettivo endoscopico le perforazioni settali possono avere una forma tondeggiante od ovalare.
A seconda della sede interessata possono essere suddivise in superiori,
medie ed inferiori secondo la direzione cranio-caudale, ed in anteriori
(prevalentemente cartilaginee 85% )2, medie (miste) e posteriori (prevalentemente ossee) secondo la direzione ventro-dorsale.
TERAPIA NON CHIRURGICA
E’ riservata ai pazienti che presentino controindicazioni o che rifiutino l’intervento chirurgico. Essa consiste in semplici terapie locali ovvero nell’applicazione di protesi.
Terapie locali: Frequenti lavaggi delle fosse nasali, applicazioni di creme
cicatrizzanti e di soluti tensioattivi possono risultare utili ai fini di ridurre la
sintomatologia delle perforazioni settali in alcuni pazienti.
Trattamento con sostanze otturanti: La chiusura non chirurgica di una
perforazione del setto attraverso l’utilizzo di una protesi è stata effettuata
104
Chirurgia delle perforazioni settali
per la prima volta negli anni ’50 e poi descritta sistematicamente nel 1979
da Facer e Kerm5.
I bottoni otturatori sono costituiti da due lamine circolari riunite tra loro tramite un peduncolo; ne esistono di diverse dimensioni e possono essere
classicamente in Silastic oppure in resina acrilica13.
Le protesi settali, sebbene da un punto di vista teorico molto valide e
adattabili a perforazioni fino a 4 centimetri di diametro, non sono bene tollerate da tutti i pazienti ed inoltre tendono a favorire un aumento della produzione di muco e croste e quindi di ostruzione nasale. Possono essere
usati in casi particolari di controindicazione al trattamento chirurgico.
TRATTAMENTO CHIRURGICO: INDICAZIONI
E’opportuno intervenire chirurgicamente esclusivamente in casi di perforazioni settali sintomatiche e soprattutto quando i sintomi isolati o associati siano le frequenti epistassi, la stenosi nasale ed il sibilo, che può
disturbare la qualità della vita del paziente fino a risvolti di tipo nevrotico.
Il successo della chirurgia è legato alla sede, alle dimensioni, al carattere evolutivo della perforazione ed all’età del paziente.
Controindicazioni assolute all’intervento chirurgico sono i casi in cui la
perforazione settale riconosce un’eziologia infiammatoria, neoplastica,
granulomatosica o vascolare.
TRATTAMENTO CHIRURGICO: PRINCIPI GENERALI
I principi generali dell’intervento chirurgico ricostruttivo delle perforazioni
settali sono due:
1. Avanzamento o rotazione di lembi di mucosa ben vascolarizzati provenienti dal setto nasale residuo, dal pavimento nasale, dalla parete laterale delle fosse nasali, dal turbinato inferiore o dalla mucosa labiale.
2. Interposizione di un innesto di sostegno autologo che può essere di
diversi tipi: residui cartilaginei, ossei o osteo-cartilaginei settali, vomere,
cartilagine auricolare, epicranio, lamina perpendicolare dell’etmoide,
periostio mastoideo, cresta iliaca, aponeurosi temporale7.
TECNICHE CHIRURGICHE
La strategia chirurgica è notevolmente influenzata dalle dimensioni della
perforazione settale.
Piccole perforazioni. Per le piccole perforazioni viene di solito attuata la
tecnica cosiddetta “chiusa” con accesso endonasale. E’ possibile in questi casi praticare l’intervento attraverso un’incisione emitrasfissa, allestire
105
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
i lembi tramite i quattro tunnel di Cottle e suturare semplicemente i margini della perforazione su entrambi le pareti settali senza bisogno di interporre alcun sostegno (Fig. 6).
Fig. 6: Incisione emitrasfissa ed incisura di scarico posteriore e superiore alla perforazione
Fig. 7: Sutura dei lembi originanti dai margini della perforazione dopo scollamento
-
Solamente le perforazioni molto piccole, del diametro di qualche millimetro possono essere trattate con plastiche mucose a VY. Si esegue
un’incisione a V del mucopericondrio posteriormente alla perforazione. Si sutura il margine anteriore del lembo con il margine anteriore
della perforazione e si chiudono a Y i margini dell’incisione primitiva
(Fig. 7). Dal lato opposto la tecnica si esegue allo stesso modo ma
l’incisione primitiva viene praticata anteriormente alla perforazione.
Medie perforazioni. Nel caso di perforazioni di circa 2 centimetri di
diametro è necessario l’utilizzo di innesti di sostegno ed i lembi mucopericondrali o mucoperiostei costituiscono le superfici esterne del
“sandwich” che rimpiazzerà la perdita di tessuto. I residui settali in
106
Chirurgia delle perforazioni settali
genere sono sufficienti per la ricostruzione ed è possibile attuare la
tecnica di rimozione-riposizione in senso inverso del setto secondo
Sulsenti (Fig. 8)23.
Fig. 8: Rimozione e riposizionamento del setto cartilagineo
L’incisione e l’allestimento ed il movimento dei lembi possono avvenire secondo diverse tecniche sviluppate dai diversi autori a seconda
delle dimensioni e localizzazione delle perforazioni settali.
L’incisione emitrasfissa è comune alla maggior parte delle tecniche
ricostruttive per esporre il campo operatorio e permette di attuare l’intervento senza incisioni supplementari; consente inoltre la creazione
di ampi lembi estesi dall’area dell’attico al pavimento (in senso craniocaudale) e fino all’inserzione del turbinato inferiore (in senso mediolaterale) (Fig. 9)8.
Fig. 9: Lo scollamento della mucosa del pavimento può estendersi fino al turbinato inferiore ed il lembo può comprendere anche la mucosa dello stesso
107
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Allo scopo di migliorare l’esposizione anche nel caso di medie perforazioni l’alotomia secondo Ship, del 1975 è una delle tecniche più
semplici e non è gravata da alcuna sequela antiestetica (Fig. 10).
Fig. 10: Via d’accesso alo-facciale
Meyer e Zauli proposero un’incisione orizzontale fatta sotto il turbinato inferiore con scollamento della mucosa sotto il cornetto e del pavimento e dall’altro lato lo scollamento di tutto il mucoperiostio che riveste il setto nasale tramite transfissione, il successivo slittamento in
senso latero-mediale dei due lembi e la chiusura della perforazione.
In caso di perforazioni ad asse maggiore verticale l’allestimento di due
lembi bipeduncolati a cerniera superiore ed inferiore con due incisioni di scarico anteriore e posteriore permette di riparare la perforazione con lembi ottenuti dalla mucosa settale stessa. Nel caso di perforazioni ad asse maggiore orizzontale i lembi peduncolati saranno a
cerniera anteriore e posteriore limitati da incisioni di scarico superiori
ed inferiori (Fig. 11)24.
Fig. 11: Perforazione ad asse maggiore orizzontale secondo Strelzow e Goodman. a.
lembo peduncolato superiore; b. incisione di
scarico superiore; c. lembo peduncolato
inferiore; d. incisione di scarico inferiore
108
Chirurgia delle perforazioni settali
-
La tecnica dei “lembi di scorrimento in senso inverso” nei due lati consiste nel praticare un’incisione del pavimento della fossa nasale in corrispondenza dell’inserzione della conca inferiore da un lato e nella fossa
nasale controlaterale un’incisione della volta. In questo modo lo scorrimento dei lembi proseguirà in modo asimmetrico permettendo linee di
sutura non opponenti e di conseguenza migliori risultati ricostruttivi. (23)
Grandi perforazioni. Se la perforazione supera i 3 centimetri di diametro la via d’accesso endonasale risulta molto difficile. Viene in
genere utilizzato un accesso tipo rinoplastica aperta con i vantaggi di
una migliore esposizione, una visione binoculare per l’operatore e
l’aiuto ed accesso alla parte postero-superiore del setto (Fig. 12)9.
Fig. 12: Accesso da rinosettoplastica aperta
Una via alternativa è un’incisione sublabiale con approccio transoralepremascellare attraverso un rovesciamento a guanto della faccia (degloving) fino alla rima orbitaria (Fig. 13).
Fig. 13: Accesso tipo mid-face degloving
109
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Per quanto concerne i lembi mucosi, sono stati proposti quelli “ad ala di
aliante” prelevati dalla mucosa del versante interno del labbro superiore ed
indicati in caso di ampie perforazioni anteriori1. Una volta scollato, il lembo
viene fatto passare attraverso il muscolo orbicolare superiore che viene
sezionato ed il sito donatore viene ricoperto eventualmente da cute sottile
(Fig. 14).
Fig. 14: Lembo mucoso ad “ala di aliante” di Chalaye-Levignac
Secondo un’altra tecnica si allestisce un lembo composto prelevato dal
vestibolo buccale. Nel primo tempo si scolpisce un lembo bipeduncolato
nel fornice gengivale. Il lembo viene armato con un innesto cartilagineo
prelevato dalla conca auricolare ed al di sotto di quest’ultimo viene posto
un piccolo lembo della mucosa orale. Nel secondo tempo dopo tre settimane attraverso un’incisione praticata sul pavimento del vestibolo nasale il lembo viene trasferito. Infine dopo un mese in anestesia locale si
seziona il peduncolo vascolare del lembo (Fig. 15)15.
Anche il trago può essere utilizzato ai fini ricostruttivi delle perforazioni
settali potendo costituire un innesto di cartilagine e pericondrio4.
Fig. 15: Prelievo della conca dal padiglione auricolare
110
Chirurgia delle perforazioni settali
L’utilizzo di tessuto connettivo come la fascia temporale ed il periostio
mastoideo7 ha aperto la strada per innesti costituiti da cartilagine elastica
prelevata dalla conca auricolare ricoperta da entrambi i lati da fascia temporale.
Anche una piccola protesi ad espansione lungo il pavimento della fossa
nasale può essere utilizzato al fine di ottenere un ampio lembo dalla
mucosa nasale stessa21.
Infine in casi di perforazioni di grandi dimensioni e di piramide nasale gibbosa il recupero di tessuto può essere ottenuto con metodiche di dislocazione verso il basso della piramide (push-down o let-down)18.
CHIRURGIA DELLE PERFORAZIONI SETTALI: LA NOSTRA ESPERIENZA
La Nostra Scuola ha sviluppato una propria condotta chirurgica fondata
più che su tecniche nuove ed originali, sull’utilizzo razionale e sufficientemente sperimentato degli accorgimenti più validi presenti nelle diverse
metodiche già presentate.
In caso di piccole perforazioni ci limitiamo a suturare i margini della perforazione su entrambe le pareti settali interponendo un sostegno seppur
piccolo attraverso un accesso endonasale.
In caso di perforazioni fino a 2 cm di diametro la tecnica da Noi utilizzata
è di tipo “chiuso” con approccio endonasale; attraverso un’incisione emitrasfissa si effettuano i quattro tunnel secondo la tecnica di Cottle. Lo
scorrimento dei lembi così confezionati viene favorito dalle incisioni di
scarico eseguite preventivamente. Si procede con l’interposizione di un
sostegno il più delle volte cartilagineo confezionato da cartilagine ottenuta dal setto residuo. Infine si suturano i margini della perforazione anche
da un solo lato poiché la riepitelizzazione sul lato opposto viene assicurata dalla migrazione di bottoni di tessuto granuleggiante dai margini
mucosi cruentati.
In caso di perforazioni di diametro maggiore o uguale ai 3 cm si pratica
un approccio di tipo “aperto” così come nella rinoplastica in open, viene
esposta la parte residua del setto e dopo la liberazione delle cartilagini
triangolari dal setto si allestisce il lembo inferiore grazie ad un’incisione al
di sotto del turbinato inferiore all’altezza dell’attacco dello stesso alla
parete laterale; successivamente si procede alla realizzazione del lembo
superiore tramite incisione della volta dopo scollamento del lembo superiore in prossimità delle cartilagini triangolari. L’innesto utilizzato in questi
casi è costituito da cartilagine prelevata dalla conca auricolare interposta
tra due pagine confezionate dalla fascia del muscolo temporale preventi111
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
vamente essiccate che vengono stabilizzate grazie all’applicazione endonasale di due splint in silastic sottile. Il vantaggio di utilizzare tessuto connettivale come la fascia del muscolo temporale consiste nella possibilità
di utilizzare lembi sufficientemente ampi che fungano da guida per la riepitelizzazione della mucosa del setto nasale; esso inoltre consente di non
effettuare suture nei casi di perforazioni molto ampie in cui i lembi non
siano affrontabili.
Si preferisce un tamponamento non stipato, bensì soffice con garza grassa tenuto in situ 24 ore.
RISULTATI DELLA CHIRURGIA DELLE PERFORAZIONI SETTALI
I numerosi interventi proposti provano la difficoltà di questa chirurgia ed il
carattere deludente dei suoi risultati. Nella pratica clinica la riparazione
chirurgica delle grandi perforazioni settali, nonostante la scelta della tecnica più appropriata e i materiali d’innesto più idonei, porta spesso a soluzioni parziali per le frequenti necrosi e riperforazioni. Tuttavia gli interventi
ricostruttivi del setto nasale rappresentano comunque una soluzione per
i pazienti sintomatici anche se solo per la riduzione dei diametri della primitiva perforazione.
112
Chirurgia delle perforazioni settali
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
CHALAYE JC, LEVIGNAC J. La reaparation des perforations du septum nasal provoquees par la cocaiine. Ann Chir Plast Esthet 1985 ; 30 : 229-235
DIAMANTOPOULOS II, Jones NS. The investigation of nasal septal perforations and
ulcers.J Laryngol Otol 2001 Jul;115(7):541-4
DI LEO M, MILLER RH, RICE JC, BUTCHER R. Nasal septal squamous cell carcinoma. A chart review and meta-analysis. Laryngoscope 1996; 106:1218-1222
EVIATAR A, MYSSIOREK D. Repair of nasal septal perfprations with tragal cartilage
and perichondrium grafts. Otolaryngol Head and Neck Surgery 1989; 100: 300-302
FACER GW, KERM FB. Non surgical closure of nasal septal perforations. Arch
Otolaryngol Head and Neck Surgery 1979;105: 6-8
FAIRBANKS DN, FAIRBANKS GR: Nasal septal perforation: prevention and management. Ann Plast Surg 1980 Dec; 5(6): 452-9
FAIRBANKS DN: Closure of nasal septal perforations. Arch Otolaryngol 1980 Aug;
106(8): 509-13
FRIEDMAN M, IBRAHIM H, RAMAKRISHNAN V: Inferior turbinate flap for repair of
nasal septal perforation. Laryngoscope 2003 Aug; 113(8): 1425
GOODMAN W, STRELZOW V. The surgical closure of nasoseptal perforations.
Laryngoscope 1982; 92:121-24
GRUTZENMACHER S, LANG C, SAADI R, MLYNSKI G.: First findings about the
nasal airflow in noses with septal perforation; Laryngorhinootologie. 2002
Apr;81(4):276-9.
KURILOFF D. Nasalseptal perforations and nasal obstruction. Otolaryngol Clin North
Am 1989;22:333-350
LEE CR, YOO CI, LEE J, KANG SK. Nasal septum perforation of welders. Ind Health.
2002 Jul; 40(3):286-9
MAC KINSTRY RE, JOHNSON JT. Acrylic nasal septal obturators for nasal septal
perforations. Laryngoscope 1989;99: 560-563
MC DONALD TD, DEREMEE RA: Wegener?s granulomatosis. Laringoscope 93:
220-231, 1083
MEYER R. Techniques de reparation en cas de perforations de la cloison nasale. Ann
Chir Plast Esthet 1992 ; 37 :154-161
MESSINGER E: Narcotic septal perforation due to addiction. JAMA, 179:964-965,
1962
OBERG D, AKERLUND A, JOHANSSON L, BENDE M: Prevalence of nasal septal
perforation: the population-based study. Rhinology 2003 Jun; 41(2): 72-5[Medline].
PALMA P, SACILOTTO C, SULSENTI G. Modern corrective nasoseptal surgery Acta
Otorhinolaryngol Ital. 1996 Jun;16(3):211-24. Review. Italian.
113
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
19
20
21
22
23
24
ROMO T 3RD, SCLAFANI AP, FALK AN, TOFFEL PH: A graduated approach to the
repair of nasal septal perforations. Plast Reconstr Surg 1999 Jan; 103(1): 6675[Medline].
ROMO T, JABLONSKI RD, SHAPIRO AL. Long term nasal mucosal tissue expansion
use in repair of large nasoseptal perforations. Arch Otolaryngol Head Neck Surg
1995;121: 327-331
ROMO T, TOFFEL PH: Nasal septal perforation. In: Gates GA, ed. Current Therapy
in Otolaryngology - Head and Neck Surgery. 6th ed. St Louis, Mo: Mosby-Year Book;
1998: 339-44.
SARANDESES-GARCIA A, SULSENTI G, LOPEZ-AMADO M, MARTINEZ-VIDAL J.
Septal perforations closure utilizing the backwards extraction-reposition technique of
the quadrangular cartilage.J Laryngol Otol. 1999 Aug;113(8):721-4.
SULSENTI G. Chirurgia funzionale ed estetica del naso.1976
STRELZOW VV, GOODMAN WS. Nasoseptal perforation, closure by external septorhinoplasty. J Otolaryngol 1978;7:43-48.
114
LA SETTOPLASTICA (metodica personale)
M. Manzini, A. Carissimi, G. Di Girolamo
1° Tempo: Incisione
L’incisione che utilizziamo è una emitrasfissa sinistra che viene eseguita
parallelamente al margine caudale della quadrangolare un paio di millimetri posteriormente al margine stesso (Fig. 1). L’incisione deve essere
assolutamente rettilinea ed interessare mucosa e pericondrio. Questa è
l’incisione più semplice per i destrimani.
Fig. 1. Incisione emitrasfissa a sinistra
2° Tempo: Esposizione
Si espone la cartilagine quadrangolare e parzialmente la cornice ossea
posteriore su di un solo lato, solitamente il sinistro (tunnel inferiore sinistro) (Fig. 2). In questo modo si preserva intatta l’aderenza tra muco-
Fig. 2. Realizzazione del tunnel inferiore sinistro
115
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
pericondrio e cartilagine sul lato destro, fatto che peraltro non preclude
la possibilità di rimodellare la quadrangolare che mantiene, in questo
modo, un ottimo apporto vascolare ed una stabilità di rapporti che insieme favoriscono la guarigione e salvaguardano dalla creazione di perforazioni.
3° Tempo: Mobilizzazione (concetto della “swinging door”).
A) Liberazione del margine caudale e disinserzione del margine inferiore della quadrangolare dalla cresta mascellare, quasi sempre in tensione in quanto, nella stragrande maggioranza dei casi, ci si trova di fronte a quello che gli americani chiamano “tension nose” rappresentato da
uno sviluppo cartilagineo in eccesso all’interno di una “camicia” mucopericondrale ristretta. La disinserzione del margine inferiore e caudale
della quadrangolare avviene in corrispondenza del punto in cui convergono la spina nasale e l’angolo tra margine inferiore e anteriore della quadrangolare1 (Fig. 3).
Fig. 3. Il punto di disinserzione della quadrangolare
B) Esposizione del margine anteriore della quadrangolare e suo rimodellamento mediante condrotomia anteriore a “double break”3 (Fig. 4).
116
La settoplastica (metodica personale)
Fig. 4. Condrotomia anteriore a “double break”
C) Condrotomia inferiore (si rimuove una striscia di qualche millimetro del
margine inferiore della quadrangolare previa disinserzione dalla cresta
mascellare)2 (Fig. 5)
Fig. 5. Condrotomia inferiore
D) Condrotomia posteriore: si distacca la giunzione osteocartilaginea
posteriore (Fig. 6).
Fig. 6. Condrotomia posteriore
117
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
E) Confezionamento dei tunnels posteriori ossei: una volta confezionata la
condrotomia posteriore si prosegue con i due tunel subperiostei1 (Fig. 7).
Fig. 7. Tunnels posteriori ossei (visione dall’alto)
Una volta confezionati i due tunnels ossei posteriori è possibile rimuovere
facilmente le creste ossee vomeriane e le deviazioni della lamina perpendicolare dell’etmoide senza la necessità di ricostruirle. Nel caso in cui vi
sia un’estrema deviazione a sinistra della quadrangolare o vi sia una frattura verticale che impediscano il confezionamento del tunnel inferiore sinistro, si seziona la cartilagine verticalmente e si esegue lo scollamento a
destra3 (Fig. 8 e Fig. 15). In ogni caso la quadrangolare manterrà sempre
un’area estesa in cui il mucopericondrio rimane adeso alla cartilagine salvaguardandone l’integrità e minimizzando il rischio di perforazioni.
Fig. 8. Tunnel superiore destro
118
La settoplastica (metodica personale)
Una volta bypassata l’eccessiva angolatura o la frattura, si confeziona
come al solito il doppio tunnel osseo posteriore. Successivamente, in
caso di necessità, qualora cioè sia indispensabile un rimodellamento o
una resezione della cresta mascellare, si confezionano dei ridottissimi
tunnels inferiori agendo dall’alto e allestendo possibilmente il tunnel dalla
parte concava della cresta mascellare1 (Fig. 9). A questo punto è possibile rimuovere parzialmente o interamente la cresta mascellare con una
comune sgorbia.
Fig. 9. Tunnels inferiori di minima
4° Tempo: Allineamento
Trattamento della parte ossea posteriore (rimozione delle creste ossee
vomeriane e delle deviazioni della lamina perpendicolare dell’etmoide
senza necessità di ricostruirle)1,3 (figg.10-11-12).
Fig. 10. Resezione cresta ossea
119
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 11. Rimozione cresta con sgorbia
Fig. 12. Rimozione creste vomeriane con pinza di Veil
Così facendo il muco-periostio della parte ossea del setto viene scollato
su ambo i lati dello stesso rendendo estremamente semplici le manovre
di rimozione delle eventuali irregolarità del vomere e dell’etmoide. Questa
parte di setto può infatti essere rimossa senza causare nessun problema
di stabilità. Una volta eseguita la condrotomia inferiore della quadrangolare, si ottiene una perfetta esposizione della cresta mascellare che viene
sempre scollata da sopra riducendo al minimo la formazione di tunnel sul
pavimento delle fosse nasali. A questo punto è molto semplice, se necessario, rimuovere la cresta mascellare stessa completamente o in parte,
oppure lussarla sulla linea mediana, procedura usuale nei bambini.
120
La settoplastica (metodica personale)
Una volta eseguite queste manovre, avremo raggiunto il concetto, a cui
si è fatto già cenno, della porta da saloon (swinging door), in quanto la
cartilagine sarà fissata solo superiormente ed il setto avrà perso tutte le
sue tensioni. Un eventuale ulteriore rimodellamento della quadrangolare,
nell’ottica di un perfetto allineamento della stessa, viene eseguito secondo la tecnica dei pilastri di Goldman2 (Figg.13-14) che possono essere
scolpiti sia in senso orizzontale che verticale.
Fig. 13. Rimodellamento cartilagineo orizzontale
Fig. 14. I pilastri di Goldman (rimodellamento verticale)
Fig. 15. Tunnel controlaterale in caso di frattura
121
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
5° Tempo: Fissazione
Si procede ad una sutura “a materassaio” trasfissa che parte da dietro e
viene in avanti (Fig. 16). Per fare questo si annoda la parte terminale del
filo di sutura in modo da ancorarlo alla porzione posteriore del setto, grossomodo in corrispondenza della pregressa condrotomia posteriore.
Si procede quindi dall’indietro in avanti e dal basso in alto creando una
sorta di rete a maglie più o meno strette che fissa la cartilagine nella sua
nuova posizione. Il filo viene quindi annodato al di sopra della spina nasale. I vantaggi di questa sutura sono rappresentati dalla possibilità di suturare tutte le eventuali lacerazioni della mucosa, di evitare la formazione
di spazi morti e quindi di ematomi, di favorire la guarigione del setto, di
ridurre eventuali ridondanze della mucosa e, di conseguenza, soprattutto se l’intervento viene eseguito in anestesia locale, quindi in assenza di
sanguinamento, di evitare il tamponamento delle cavità nasali.
Fig. 16. Sutura a materassaio
Concetti fondamentali:
• un tunnel superiore sinistro ad esporre la cartilagine quadrangolare e
parte della porzione ossea posteriore del setto
• un tunnel parziale destro limitato alla parte ossea posteriore, una volta
eseguita, ovviamente, la condrotomia posteriore
• condrotomia caudale, inferiore e posteriore a confezionare la swinging door
• un tunnel inferiore di minima in caso di trattamento della cresta
mascellare
122
•
•
La settoplastica (metodica personale)
lasciare sempre un’area la più ampia possibile di fissità del mucopericondrio alla cartilagine quadrangolare
rimodellamento cartilagineo (quadrangolare) e sutura a materassaio
da dietro in avanti
LA SETTOPLASTICA NEL BAMBINO
Già alla fine dell’800 alcuni studiosi notarono che una prolungata respirazione orale poteva indurre alterazioni permanenti nello sviluppo dello
scheletro facciale. Osservazioni più recenti si sono dimostrate inadeguate al raggiungimento di conclusioni definitive in merito. Linder ed
Aronson, nel 1970, hanno dimostrato che le adenoidi ipertrofiche con
conseguente respirazione orale obbligata sono associate ad un palato
stretto ed alto, ad un’alta incidenza di morso crociato e medializzazione
degli incisivi superiori ed inferiori. Bresoli ed al confrontarono bambini con
rinite allergica perenne e respirazione prevalentemente orale con un altro
gruppo non allergico e con una normale respirazione attraverso le vie
aeree superiori. Trovarono che in media il primo gruppo aveva una facies
più lunga, stretta e con malocclusione se comparato con quelli che respirano regolarmente dal naso. L’ipotesi più accreditata per spiegare la relazione esistente tra ostruzione respiratoria nasale e respirazione orale da
una parte e le alterazioni facciali dall’altra, fu proposta da Solow et al che
suggerirono che le modificazioni indotte dall’inadeguatezza della respirazione nasale agissero attraverso un alterato feed-back neuromuscolare,
una anomala angolazione cranio-cervicale e un passivo stretching dei
tessuti molli di testa e collo con conseguenti alterazioni morfologiche.
Linder e Aronson, in un successivo lavoro del 1974, mostrarono la reversibilità delle alterazioni facciali indotte dall’ipertrofia adenoidea, mediante
l’adenoidectomia e, quindi, dopo la normalizzazione di tutti i problemi di
respirazione nasale (anche la deviazione del setto). Questa reversibilità
dello sviluppo facciale ottenuto con gli interventi chirurgici è un argomento a favore della chirurgia nasale in età pediatrica. Stesso discorso va
fatto per i traumi nasali che, anch’essi, vanno trattati adeguatamente in
età pediatrica, perché, se alterazioni importanti a carico della piramide
nasale sono raramente osservabili nella prima decade di vita, successivamente, tra gli 11 ed i 14 anni, deformità più o meno gravi si manifestano in tutta la loro evidenza. Ne consegue che esiste indicazione a trattare precocemente anche la patologia traumatica.
Un argomento a sfavore della chirurgia nasale nei bambini è dato dall’ipotesi che la cartilagine settale svolga un ruolo cardine come centro dello
123
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
sviluppo della regione medio-facciale. A questo proposito va ricordato che
esistono opinioni divergenti sul ruolo del setto come fulcro su cui si sviluppa il terzo medio facciale per cui riteniamo di poter concludere che una
chirurgia conservativa limitata alla cartilagine settale e che non preveda
rimozioni della porzione ossea sia il gold standard attuale della chirurgia
del setto nel bambino. Eseguiamo infatti di regola la settoplastica nei
bambini ad iniziare dall’età di 4-5 anni in quanto questo è il periodo in cui
la quadrangolare ha praticamente ultimato il suo sviluppo, a fronte di
un’ulteriore crescita pressoché esclusiva del setto osseo.
La tecnica già descritta, particolarmente conservativa, consente di portare a termine gli interventi di settoplastica nei bambini ove l’allineamento
ed il riposizionamento della quadrangolare sono importantissimi per il
successivo corretto sviluppo del naso e del massiccio facciale.
Ovviamente le indicazioni, oltre che per traumi ed ematomi, sono limitate
alle deformità settali importanti e clinicamente significative sulla funzione
respiratoria e sullo sviluppo del massiccio facciale. Di fatto non vi è un limite inferiore d’età per eseguire un corretto riposizionamento della cartilagine quadrangolare in qualsiasi modo dislocata o severamente deviata.
Dal punto di vista tecnico, quindi, sottolineiamo l’importanza di rimozioni
di minima della cartilagine quadrangolare, il cui sviluppo è peraltro precoce (Fig. 17). La nostra tecnica prevede lo scollamento del mucopericondrio su di un solo lato e per lo più senza eseguire rimozioni ossee in
quanto queste strutture settali proseguono il loro accrescimento sino oltre
l’età dello sviluppo. Eventuali perdite di sostanza (legate ad ematomiascessi) sono ricostruite con cartilagine autologa non settale (padiglione
auricolare). Il setto osseo non va di regola toccato perché continua a crescere molto più di quello cartilagineo. Solo le importanti deviazioni della
lamina perpendicolare dell’etmoide possono essere corrette mediante
fratture e riposizionamento sulla linea mediana. La piramide cartilaginea
può essere corretta assieme alla quadrangolare mentre la piramide
ossea va corretta solo in caso di importanti deviazioni ossee tali da condizionare la respirazione. Anche le osteotomie possono essere eseguite
senza problemi nei rari casi in cui forti deviazioni (nasi torti) condizionerebbero il successivo sviluppo della piramide nasale. Naturalmente gli
ematomi e gli ascessi vanno adeguatamente trattati e, in caso di conseguente perdita di sostanza, vanno eseguiti gli idonei innesti autologhi.
Per riassumere, quindi, non vi è un’età minima per la chirurgia del setto
nei bambini, tuttavia quanto più giovane è il bambino tanto più conservativa dovrà essere questa chirurgia. Sull’altro piatto della bilancia vi è
124
La settoplastica (metodica personale)
comunque la certezza che un bambino che non respira con il naso svilupperà sicuramente importanti alterazioni del naso stesso e del massiccio facciale. Le indicazioni assolute, per la chirurgia nasale, pertanto,
sono:
1) deviazioni che causano un importante difficoltà respiratoria nasale
2) deviazioni che condizionino lo sviluppo della piramide nasale e causano alterazioni della struttura nasale (naso torto)
3) traumi nasali acuti
4) ematomi del setto
5) ascessi del setto.
Fig. 17. L'accrescimento del setto
MALOCCLUSIONE: causa o conseguenza della patologia respiratoria?
La respirazione orale è la risposta compensatoria ad una difficoltà respiratoria nasale e può essere:
transitoria, prolungata o una abitudine viziata.
1. TRANSITORIA:
• Durante un esercizio fisico la ventilazione può raggiungere una velocità di 80 l./min. (in condizioni normali è di 20-25 l./min.), la metà circa
dei quali viene introdotta attraverso la bocca.
• Quando vi è congestione della mucosa nasale (raffreddore comune,
sinusopatie croniche o acute recidivanti).
125
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
2. Prolungata:
una respirazione orale prolungata si può avere per:
• Deviazione del setto nasale
• Rinite allergica specifica ed aspecifica
• Riduzione dello spazio rinofaringeo per adenoidi stenosanti
• Polipi nasali
• Ipertrofia tonsillare
• Malformazioni nasali complesse
3. Una abitudine viziata:
una respirazione orale prolungata può diventare un’abitudine viziata in
individui che hanno avuto un’ostruzione cronica della via respiratoria
nasale e che possono continuare a respirare con la bocca anche dopo
che l’ostruzione è stata rimossa. In tal caso una respirazione orale può
essere considerata un’abitudine viziata. Da cui l’ovvia considerazione
dell’importanza di risolvere il prima possibile una ostruzione respiratoria
nasale cronica.
Le conseguenze negative della respirazione orale si manifestano a livello:
• Nasale
• Faringeo
• Polmonare
• Circolatorio
• SNC
• Orale.
Le conseguenze a livello orale e occlusale sono le più frequenti ed importanti: le necessità respiratorie influenzano la posizione delle basi ossee
della lingua e della testa portando ad un modello alterato di respirazione
che determina un cambiamento di posizione della lingua e delle basi
ossee, influenzando la direzione di crescita delle basi ossee stesse e la
posizione dei denti su di esse.
Questo porta spesso a dei precontatti dentali, conseguenti alla malocclusione, che spingono ulteriormente indietro la mandibola peggiorando il
morso aperto e aumentando l’altezza facciale. Questo aspetto, unitamente alla frequente presenza nei bambini di tessuto linfatico epifaringeo, obbliga la lingua a posizionarsi in avanti ed in basso per mantenere
il più possibile la pervietà respiratoria. Tale posizione non permette alla
lingua di esercitare l’azione modellante sul palato che, anche per questo
motivo, presenta spesso diametri trasversali ridotti. In queste condizioni
la mandibola tende a ruotare in basso ed all’indietro aumentando l’altezza facciale. Queste alterazioni si manifestano soprattutto sul terzo infe126
La settoplastica (metodica personale)
riore della faccia ove si favorisce ulteriormente il realizzarsi di un morso
aperto, anche per l’azione muscolare in contrattura dei muscoli ioidei,
inferiormente, e del massetere e dello pterigoideo interno, superiormente, che svolgono azione antagonista.
Pertanto alcune caratteristiche facciali geneticamente governate possono essere modificate dalle alterazioni provocate dalla respirazione orale.
Questo spiega perché il 25% dei bambini affetti da ostruzione nasale cronica presenta caratteristiche oro-facciali definite in letteratura come
facies adenoidea (long face) (Linder-Aronson, 1987).
La facies adenoidea è pertanto caratterizzata a livello facciale da:
• Viso lungo e stretto
• Naso piccolo
• Occhiaie
• Labbro superiore flaccido, ispessito ed incompetente alla chiusura
completa.
La facies adenoidea a livello orale è caratterizzata da:
• Incisivi superiori spesso scoperti, affollati, con over jet aumentato e
over bite diminuito
• Frequenti gengiviti
• Tendenza al morso aperto
• Posizione della lingua bassa e in avanti
• Mandibola ruotata in basso ed indietro
Inoltre, con l’andare del tempo, i denti posteriori vanno incontro ad estrusione e contribuiscono anch’essi all’aumento dell’altezza facciale ed alla
creazione del morso aperto anteriore.
Le guance, per l’iperestensione cefalica e la rotazione mandibolare, vengono stirate e creano pressione sul mascellare superiore ostacolandone
lo sviluppo trasversale.
L’incongruità tra le arcate determina un aumento dell’over jet e una diminuzione dell’over bite.
In generale nella facies adenoidea tutta la muscolatura facciale appare
iposviluppata ed incapace di svolgere il compito di controllo sagittale e
verticale dei mascellari.
Tutte queste alterazioni, oltre che da una ipertrofia linfatica epifaringea,
possono essere causate da una ostruzione nasale dovuta ad una deviazione stenosante del setto nasale oppure, non raramente, dalle due patologie associate.
Perché quindi rimandare la correzione di una deviazione settale stenosante all’età adulta ed al consolidamento di alterazioni facciali e occlusali?
127
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Effetti negativi della respirazione orale, oltre allo sviluppo del volto e della
corretta occlusione, sono presenti anche in altre sedi.
Vi sono infatti effetti negativi anche sulla postura. L’adattamento mandibolare conseguente alla respirazione orale si accompagna a diverse alterazioni posturali:
• Aumento dello spazio interscapolare
• Alterata distanza tra sterno e mento
• Postura della testa in avanti
• Addome espanso e diaframma rigido per interessamento dei muscoli
ausiliari della respirazione.
Infine gli effetti della respirazione orale sulla postura determinano:
• Lordosi lombare
• Cifosi dorsale
• Lordosi cervicale
La reciprocità dei rapporti posturali tra complesso oro-facciale ed il resto
dell’organismo, fa sì che una disarmonia occlusale possa essere il compenso di una disarmonia posturale e viceversa.
Pertanto nella correzione ortodontica dell’occlusione è indispensabile
tener conto della correzione della respirazione orale e del ruolo del compenso posturale, intervenendo non solo sui denti ma anche sulla respirazione e sulla postura generale e cranio-rachidea in particolare.
OBIETTIVI TERAPEUTICI:
1. ripristinare la respirazione nasale
2. correggere la contrazione mascellare
3. favorire l’anterorotazione mandibolare
4. favorire la crescita del ramo mandibolare
5. ridurre il morso aperto
6. correggere la II classe funzionale e il morso crociato
7. ottenere labbra normotoniche e competenti
8. ottenere la corretta postura linguale sia a riposo che in fonazione
9. evitare le apnee
Terapia in sintesi estrema:
1. ORL: rimuovere tutti gli ostacoli respiratori a qualsiasi età:
• Adenoidi
• Deviazioni settali stenosanti
• Riniti ipertrofiche
• Atresie coanali
• Polipi e neoformazioni
128
La settoplastica (metodica personale)
2. Correzione ortodontica-maxillo-facciale delle alterazioni trasversali,
verticali e sagittali
3. bioterapia e fisioterapia per eliminare le controforze e le contratture
disfunzionali.
129
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
HUIZING E.H., DE GROOT J.A.M.: Functional Reconstructive Nasal Surgery 2003
3
REES T.D.: Aesthetic Plastic Surgery 1980
2
SCOTT-BROWN W.G.: Otolaryngology Fifth Edition 1987
130
LA RINOPLASTICA FUNZIONALE
I. Tasca, G. Ceroni Compadretti, G. Giorgi
PREMESSA
Scopo di questo capitolo è quello di delineare i punti essenziali della Rinoplastica
Funzionale fornendo al lettore una proposta operativa, frutto della nostra esperienza e di quanto appreso dagli insegnamenti del maestro Giorgio Sulsenti. In
tal senso, non verranno riportate di proposito le varie tecniche specifiche di rinoplastica, che sono sicuramente rappresentate in modo esauriente e autorevole
nei vari trattati di chirurgia nasale; peraltro, alcune di esse sono riprese anche da
altri autori in questo volume.
Il nostro intento, invece, è quello di sottolineare alcuni elementi cruciali che il chirurgo rinologo deve saper riconoscere e adattare allo specifico caso clinico, e
che costituiscono le basi concettuali per il nostro quotidiano approccio chirurgico alla Rinoplastica Funzionale.
INTRODUZIONE
Sebbene gli anatomisti e gli artisti dei secoli passati si siano ampiamente cimentati nella ricerca e nello studio dei concetti generali dell’anatomia nasale, la conoscenza dei dettagli e delle finezze chirurgiche che
influenzano in modo determinante la naturalezza e la piacevolezza del
risultato di una rinoplastica è un’acquisizione solo recente. La rinoplastica è una procedura chirurgica che modifica l’aspetto esterno e le caratteristiche funzionali del naso attraverso il rimodellamento della cute e
delle strutture osteo-cartilaginee sottostanti. Il risultato finale di qualsiasi tecnica correttiva sul naso è legato sia alle peculiarità anatomiche del
singolo paziente che all’abilità dell’operatore. Il chirurgo deve sapere
valutare, mediante l’ispezione e la palpazione, le caratteristiche di elasticità e consistenza della pelle e dei tessuti sottocutanei, nonché le loro
variazione nei vari segmenti, le influenze delle muscolatura mimica facciale, la solidità dell’impalcatura ossea e cartilaginea e le limitazioni
imposte dalla interrelazione di tutte queste strutture sul risultato finale.
E’, pertanto, responsabilità fondamentale del chirurgo saper bilanciare il
desiderio espresso dal paziente con quello che è realisticamente possibile ottenere in base alle suddette condizioni anatomiche, sempre diverse in ogni singolo naso da operare. Allo stesso modo il chirurgo deve
saper valutare quello che non si può realizzare durante l’intervento. Tale
capacità di giudizio richiede anni di esperienza chirurgica e una lunga e
131
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
attenta rivalutazione critica dei propri risultati ottenuti nel tempo. Alcuni
nasi richiedono una tecnica additiva, altri una rinoplastica di riduzione,
altri ancora entrambe le procedure. In tutti questi casi, il migliore risultato sarà ottenuto mediante un riorientamento delle varie componenti anatomiche. Proprio su questo principio si basano le tecniche delle moderna rinoplastica. In alternativa a una chirurgia che prevede il sacrificio di
ampi segmenti di cartilagine e osso, il concetto di preservazione e riorientamento dei tessuti è finalizzato a prevenire vuoti tissutali non necessari che guariscono e cicatrizzano in maniera difficilmente prevedibile. Il
chirurgo esperto sa che perfino un naso grande, ma ben proporzionato
all’interno delle altre componenti del viso, è sempre esteticamente da
preferire rispetto ad un naso piccolo sottoposto a chirurgia aggressiva.
La chirurgia conservativa, pertanto, aumenta le capacità di controllo del
chirurgo sul risultato finale, in quanto più facilmente consente di raggiungere un appropriato equilibrio tra le strutture di supporto corrette ed
il rivestimento tissutale. La correzione delle deformità rinosettali, a
nostro avviso, richiede una accurata pianificazione preoperatoria che si
basa sul succedersi di alcuni steps fondamentali, qui di seguito enunciati.
VALUTAZIONE ESTETICA MORFOMETRICA
Esiste una complessa interdipendenza anatomica fra le differenti regioni
del naso e l’aspetto complessivo del volto. Tutte le strutture del naso,
dorso, punta, radice, setto, columella, cartilagini alari sono in rapporto fra
di loro e con le altre strutture del volto: occhi, labbra, mento, zigomi ecc.
Ogni viso, quindi, richiede un naso in accordo con le caratteristiche razziali, il sesso, l’età e le caratteristiche fisiche generali. La proporzionalità
estetica del volto viene definita attraverso un’analisi dimensionale facciale del paziente basata sull’identificazione di punti e linee predefinite e
sulla misura di angoli e distanze esistenti fra questi1,2.
Il dorso nasale è definito dal setto cartilagineo anteriore, dalle ossa nasali in senso cefalico e, in direzione caudale, dalle cartilagini alari e dal setto
caudale. Il dorso ha un andamento generalmente rettilineo dalla radice
alla punta nasale con lieve concavità anteriore di circa 1 mm negli uomini e 1,5 mm nella donna3.
La proiezione della punta è controllata dai rapporti fra crura laterali, crura
mediali, domes, spina nasale, base delle cartilagini alari e posizione delle
labbra. Una piccola inflessione del dorso sopra la punta (supra tip break)
rappresenta un elemento estetico importante di questa regione.
132
La rinoplastica funzionale
L’angolo fra le labbra e la columella è governato dal setto caudale, dalla
spina nasale, dalle crura mediali.
La posizione della columella è definita dal setto caudale, dalle crura
mediali, dal setto membranoso e dalla spina nasale.
La posizione della spina nasale e del setto caudale influenzano la lunghezza delle labbra e della regione sottonasale.
La prominenza della spina nasale o del setto caudale fanno apparire il
labbro superiore più corto e aumentano l’angolo nasolabiale.
La posizione della base alare è controllata dal grado di proiezione della
punta, dalla posizione mascellare e dall’ampiezza narinale.
Analisi facciale
A partire dagli studi di proporzione del viso di Leonardo da Vinci, sono
stati descritti numerosi parametri di misurazione delle proporzioni nasali
e facciali da utilizzare nel planning preoperatorio di un paziente candidato alla rinoplastica. Ne descriveremo alcuni dei più basilari, considerando
che questi valori non sono assoluti ma hanno lo scopo di costituire la
base per un’analisi delle proporzioni estetiche facciali2,3.
Fig. 1
Fig. 2
In una visione frontale, il volto può essere diviso in cinque quinti verticali
(Fig. 1) adiacenti alle proiezioni più laterali della testa, dei canti oculari
laterali e mediali. La distanza (A) fra il punto più basso del mento
(Menton) e il punto centrale della bocca a labbra chiuse (Stomion) è
uguale alla larghezza della bocca (B) (Fig. 2).
133
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 3
Fig. 4
Il terzo inferiore del volto viene equamente diviso da una linea orizzontale adiacente al punto più basso del vermiglio inferiore (Fig. 3).Una linea
orizzontale passante attraverso l’angolo mento labiale divide la distanza
Stomion - Menton in 2 porzioni di 1/3 e 2/3 (Fig. 4).
Fig. 5
Fig. 6
La distanza tra il sopracciglio e Menton (linea verticale) è uguale alla larghezza facciale a livello zigomatico (linea orizzontale) (Fig. 5).
Il labbro superiore dovrebbe proiettarsi più anteriormente rispetto a quello inferiore di circa 2 mm (Fig. 6) e il mento, nelle femmine, trovarsi lievemente arretrato rispetto al labbro inferiore assumendo come riferimento una linea perpendicolare al piano orizzontale naturale di sguardo e tan134
La rinoplastica funzionale
gente il labbro superiore. Nei maschi il mento dovrebbe oltrepassare lievemente la proiezione del labbro inferiore.
Merita di essere ricordata una linea orizzontale cranio-facciale (la
Frankfurt line), importante anche nella documentazione fotografica, linea
che decorre fra due punti ideali posti uno sul bordo superiore del condotto uditivo esterno e l’altro sul bordo orbitario inferiore (Fig. 7).
Fig. 7
Fig. 8
La larghezza della piramide nasale calcolata come distanza fra la giunzione naso-guancia (linea nera) non dovrebbe essere superiore all’80%
della normale larghezza della base delle cartilagini alari. Quest’ultima
misura dovrebbe equivalere approssimativamente alla distanza intercantale (linea rossa) (Fig. 8).
ANALISI FUNZIONALE
La rinomanometria e la rinometria acustica sono, a nostro avviso, indagini strumentali irrinunciabili nella fase di programmazione operatoria dei
pazienti candidati alla rinoplastica. Tali indagini eseguite in fase preparatoria all’intervento consentono di selezionare i pazienti portatori di un problema respiratorio nasale ostruttivo associato alla deformità esterne da
correggere; in tal modo la rinomanometria e la rinometria acustica forniscono indicazioni utili al programma operatorio. Allo stesso tempo, tali
indagini hanno un ruolo essenziale nel follow-up in quanto consentono di
documentare il risultato dell’intervento in termini funzionali e forniscono al
chirurgo un prezioso strumento da utilizzare in caso di contenziosi medico-legali. Le recenti evoluzioni tecnologiche, anche nel campo della diagnostica rinologica, hanno messo a disposizione sul mercato apparecchi
135
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
precisi e affidabili che sono in grado di produrre esami attendibili nel
rispetto dei principi sanciti dai Comitati di Standardizzazione della
Rinomanometria e Rinometria Acustica. Per le modalità procedurali e per
i dettagli di tecnica e le specifiche applicazioni cliniche si rimanda al capitolo di questo volume La diagnostica strumentale in rinologia.
DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA
L’importanza delle immagini del volto del paziente candidato alla rinosettoplastica suggerisce di dedicare uno spazio apposito all’esecuzione
delle riprese fotografiche. E’ importante mettere il paziente in una condizione rilassata, cercando di alleviare il naturale imbarazzo che si manifesta davanti alla fotocamera. A questo scopo è utile servirsi di un obiettivo
di lunghezza focale adeguata 100 - 135 mm che permetta di mantenere
una certa distanza dal paziente e di una illuminazione che non arrechi
disturbo. Dietro la testa del paziente deve essere collocato un telo di colore neutro, azzurro, verde o nero. Le riprese fotografiche si devono acquisire con il volto del paziente in posizione frontale, di profilo destro e sinistro (mantenendo la Frankfurt line parallela al pavimento), di tre-quarti
destro e sinistro, dal basso (proiettando la base nasale in mezzo ai canti
mediali) e in proiezione dorsonasale (una ripresa anteriore con il capo
leggermente inclinato in avanti) (Fig. 9).
Fig. 9
136
La rinoplastica funzionale
Risultano utili anche le riprese dinamiche di profilo mentre il paziente sorride, facendogli pronunciare “p”, per evidenziare l’effetto della muscolatura mimica sulle strutture nasali. Per ottenere immagini il più possibile
standardizzate è utile una illuminazione fissa collocata in modo da evidenziare i rilievi del volto. E’ possibile utilizzare più luci flash sincronizzate e angolate in modo appropriato coadiuvate da diffusori da studio in
modo da fornire un contrasto più bilanciato. La quasi completa sostituzione della fotografia su pellicola con i formati digitali permette di avere
l’immediata disponibilità delle riprese effettuate.
Fig. 10
La gestione delle immagini digitalizzate con l’uso di speciali software di
fotoritocco è diventata oggi un punto significativo nell’analisi preoperatoria. Il chirurgo ha la possibilità di “progettare” un naso che abbia le giuste
proporzioni rapportate al viso del soggetto; inoltre apportare quelle modifiche che, in base alla esperienza ed alle tecniche in suo possesso,
pensa possono essere realizzabili. In questa fase della programmazione
chirurgica è fondamentale il dialogo con il paziente. Questi, spesso, rimane affascinato dalla ipotesi di risultato, altre volte deluso perché le correzioni progettuali apportate sono minime e comunque diverse dai suoi
desideri. Al paziente, il chirurgo deve far comprendere chiaramente che
le aspettative devono essere correlate con l’anatomia individuale, le
caratteristiche razziali, le condizioni della pelle, il sesso, l’età e le possibili varianti tecniche. Mostrare il progetto, spesso, serve ad alleviargli l’ansia nei confronti dell’intervento chirurgico, e inoltre aiuta a migliorare la
comunicazione medico/paziente(3). Con la gestione digitale delle immagi137
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
ni in rinoplastica, la concordanza del giudizio fra paziente e chirurgo,
circa gli esiti estetici, è di solito molto alta.
Nella nostra pratica clinica, utilizziamo, per la documentazione fotografica, una camera digitale ad alta risoluzione assemblata ad un obiettivo
ottico con flash anulare (Fig. 10). Realizziamo la programmazione chirurgica avvalendoci di un software di fotoritocco. Dopo aver completato il
progetto lo esponiamo al paziente discutendolo insieme, stampiamo le
immagini e le archiviamo con una copia di quelle digitali. Nel nostro consenso informato è presente una parte riguardante appunto la programmazione chirurgica dove i punti salienti sono:
A).…. le seguenti immagini, ottenute attraverso elaborazione computerizzata, sono mostrate al paziente per spiegare al meglio il
progetto chirurgico…….
B)….. la unica ragione è quella di poter comprendere al meglio il
punto di vista del paziente, chiarire le sue aspettative per scegliere la più idonea procedura chirurgica….
C)….. ma queste assolutamente non rappresentano alcuna garanzia di risultato.
ANALISI FISICA
Nella programmazione chirurgica, l’analisi fisica inizia con una valutazione clinica delle strutture extranasali. Vengono valutatate l’eventuale presenza di anomalie scheletriche e l’occlusione dentaria che possono compromettere le relazioni nasofacciali in particolare alterando i rapporti del
mento con le altre strutture del volto. La correzione delle anomalie dello
scheletro facciale quali retrognazia, prognatismo, malocclusioni di classe
I o II dovrebbe precedere l’intervento di correzione estetica e funzionale
del naso. Sullo stesso livello si pone la valutazione dei processi zigomatici. Gli zigomi possiedono infatti una notevole importanza nell’equilibrio
estetico facciale. La mancanza di un’adeguata “proiezione zigomatica”
può richiedere la correzione chirurgica del difetto, per esempio per mezzo
di adeguati innesti, per ottenere un migliore risultato postoperatorio.
L’esame preoperatorio del naso prevede, quale momento di importanza
fondamentale, la palpazione delle sue strutture. Solo palpatoriamente è
possibile apprezzare la resistenza e la tensione delle strutture nasali;
all’unione osteocartilaginea si possono palpare asperità, apposizioni
ossee, esiti di precedenti interventi o un tetto aperto. Il supporto della
punta viene valutato con la manovra di compressione della punta nasale
138
La rinoplastica funzionale
sulla spina nasale, effettuata con il dito indice. La palpazione dell’angolo
settale anteriore è importante per apprezzare la tensione e la consistenza del setto anteriore. Si procede all’esame della piramide ossea, della
sua lunghezza ed ampiezza e dei rapporti fra questa e le strutture cartilaginee. La palpazione del setto caudale, del vestibolo e della spina nasale forniscono informazioni sulla tensione e la forma del setto anteriore,
sulla prominenza della spina nasale e della premaxilla. In questa zona
deve essere valutato attentamente anche il setto membranoso, le crura
mediali e i domes. Infine, le caratteristiche di elasticità e la forma delle
cartilagini triangolari e alari vengono apprezzate con una palpazione bidigitale.
La strategia operatoria deve essere organizzata tenendo conto anche del
tipo e della consistenza della cute nasale e del tessuto connettivo sottostante. Questi fattori assumono particolare importanza nella reazione tissutale precoce dopo chirurgia e nel processo di cicatrizzazione.
Lo spessore cutaneo varia considerevolmente nelle diverse regioni della
piramide nasale. La cute più spessa si trova a livello dell’ala nasale. In
questa regione lo spessore arriva a 7 mm. Sulla punta del naso raggiunge i 5 mm e circa 3 mm sul dorso. La pelle grassa e seborroica ha il vantaggio di coprire e nascondere piccole irregolarità della struttura osteocartilaginea e permette di utilizzare più liberamente innesti di tipo onlay e
shield.
Allo stesso tempo, però, ha una maggiore suscettibilità, rispetto alla pelle
sottile e secca, ai problemi di cicatrizzazione. La cute sottile offre invece
maggiori vantaggi riguardo alla cicatrizzazione della ferita chirurgica ma
non permette un facile utilizzo di innesti soprattutto della punta nasale.
Le caratteristiche del tessuto connettivo si manifestano nella elasticità,
motilità, tensione e tendenza alla rugosità della cute sovrastante. Nel
caso in cui la cute si presenti molto mobile, la lassità del tessuto connettivo sottostante può predisporre alla formazione di ematomi.
L’ispezione della cute nasale sarà diretta anche all’identificazione di cicatrici e cheloidi, soprattutto se dovuti a precedenti interventi, per valutare
adeguatamente il comportamento individuale della cicatrizzazione.
SELEZIONE DEI PAZIENTI
I pazienti richiedono un intervento di rinoplastica per molte ragioni. Il chirurgo deve essere in grado di ricercarle e di valutare attentamente tutti i
fattori motivazionali. Non esiste una check-list per valutare l’assetto psicologico del paziente anche se vi sono test finalizzati per questo scopo
139
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
che si sono dimostrati di grande utilità. In ultima analisi, è il chirurgo che
deve ricavare le impressioni e deve saper valutare gli indicatori psicologici al fine di rispondere al seguente quesito: è il paziente sufficientemente motivato e psicologicamente stabile perché si possa ipotizzare,
con ragionevole grado di sicurezza, che il raggiungimento di un risultato
chirurgico soddisfacente si associerà ad un paziente soddisfatto dell’intervento? Le effettive motivazioni del paziente sono pertanto un prerequisito indispensabile per un intervento chirurgico di rinoplastica; anche il
migliore risultato anatomico deve essere considerato un fallimento se il
paziente non è contento di quanto ottenuto. Tra le varie tipologie di soggetti che richiedono una rinoplastica vi sono pazienti che hanno subito un
trauma nasale. Molti di questi non avrebbero mai richiesto un tale intervento se non fosse intervenuto un episodio traumatico a determinare una
deformità esterna o un problema respiratorio. Questi pazienti aspirano a
ritornare ad una condizione preesistente al trauma e hanno motivazioni
perciò diverse da quelle di soggetti che sono portatori di una deformità
nasale da molti anni. Vi sono poi altri pazienti che ricollegano una deformità nasale già presente ad un trauma subito di recente.
Generalmente, i pazienti che hanno subito un trauma nasale non sembrano afflitti da un’immagine alterata di sé, ma sono chiaramente motivati all’intervento per l’alterazione nasale comparsa dopo il trauma.
Classicamente, coloro che richiedono una rinoplastica sono pazienti giovani, scontenti del proprio aspetto sia per la conformazione del proprio
naso che per il contesto facciale in cui questo è inserito. Alcuni di questi
si focalizzano sul profilo nasale, spesso ignorando altre deformità eventualmente associate non meno importanti, quali la punta, il setto, la columella. E’ pertanto fondamentale il ruolo del chirurgo nel guidare il paziente verso una consapevolezza globale della propria immagine e della
interrelazione delle strutture del naso con quelle del viso e fargli comprendere che il naso, oltre all’aspetto estetico, ha un ruolo di fondamentale importanza nell’apparato respiratorio. L’acquisizione di una maggiore coscienza della propria immagine consente di migliorare la comprensione della procedura chirurgica in programma e delle possibili limitazioni di risultato, dettate da particolari imperfezioni anatomiche eventualmente presenti.
Pazienti da non operare
E’ importante ricordare che un buon risultato chirurgico non sempre soddisfa il paziente. Per questo è fondamentale, per il chirurgo rinologo, svi140
La rinoplastica funzionale
luppare la capacità di identificare le motivazioni e le reali aspettative del
paziente candidato alla rinoplastica. Ascoltare attentamente il paziente
durante la visita preliminare è di grande aiuto per rendersi conto delle
vere ragioni per cui egli si è rivolto al chirurgo.
Si possono elencare, schematicamente, diversi tipi di pazienti che rappresentano soggetti potenzialmente fonte di problemi per il chirurgo rinologo e che spesso è meglio non sottoporre a chirurgia. In altri casi, si
impongono successive valutazioni ed eventuali consulenze di tipo psicologico per meglio analizzare e definire il paziente.
Il paziente con aspettative irrealistiche: si tratta di soggetto che spesso si
presenta alla visita recando modelli fotografici di volti a cui vorrebbe
assomigliare, non rendendosi conto delle possibili limitazioni tecniche in
rapporto al suo aspetto.
Il paziente perfezionista: questi esige che il chirurgo rispetti una precisa
tabella dei tempi e dei modi del ricovero e dell’intervento chirurgico.
Richiede anche la perfezione del risultato operatorio enfatizzando tutti i
minimi difetti che si possono avere.
Il paziente già valutato da molti chirurghi: in questo caso ci si trova di fronte ad un paziente che ha già effettuato valutazioni presso altri chirurghi
nessuno dei quali lo ha soddisfatto. Spesso presenta richieste specifiche
e dettagliate, chirurgicamente irrealizzabili ed esteticamente inappropriate.
Il paziente depresso: nel caso esistesse il sospetto, confortato dal parere dello specialista, di una personalità chiaramente maniaco depressiva
o paranoide, l’intervento di rinoplastica è controindicato.
Il paziente “plastica dipendente”: si tratta di soggetto già sottoposto a
ripetuti interventi di chirurgia plastica in altre parti del corpo senza una
reale necessità e in disaccordo con l’età anagrafica. Rappresentano dei
candidati poco adatti all’intervento e spesso si ripresentano per periodiche revisioni di rinoplastica.
Il paziente che monetizza l’intervento: in questo caso ci si trova di fronte
una persona convinta che l’esito dell’intervento dipenda dalla somma di
denaro che si è disposti a pagare: più è il costo dell’intervento, più bello
deve essere il risultato.
Il paziente in lite con i precedenti chirurghi: questo paziente spesso
richiede di documentare l’inadeguatezza del precedente intervento chirurgico e indirettamente vuole coinvolgere il medico nel suo contenzioso
nei confronti dei precedenti chirurghi.
141
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
PRINCIPI GENERALI DI TECNICA
Nonostante sia consuetudine parlare di “rinoplastica aperta” e “rinoplastica chiusa” è opportuno ribadire che con “aperta” e “chiusa” non si intende
una tecnica chirurgica bensì la via di approccio che il chirurgo sceglie per
modificare le strutture nasali. In particolare, nell’approccio aperto il chirurgo esegue una incisione a livello della columella tra le due narici; a questo punto è possibile sollevare il rivestimento cutaneo dalla punta mettendo alla scoperto l’intero scheletro osteo-cartilagineo del naso. L’approccio
chiuso si avvale invece di incisioni interne nel terzo inferiore del naso mentre il rivestimento cutaneo rimane integro ed in continuità con la columella4,5. Quindi la differenza fondamentale tra i due accessi risiede nella incisione esterna transcolumellare che consente di esporre a cielo aperto le
strutture portanti del naso. Classicamente il vantaggio preminente della
via aperta risiede proprio nel consentire una migliore esposizione del
campo operatorio che andrà a facilitare le manovre correttive soprattutto
su alterazione presenti a livello delle cartilagini, nonché permetterà un più
agevole posizionamento degli innesti. Gli svantaggi consistono nella comparsa di una inevitabile cicatrice transcolumellare più o meno visibile, che
in rari casi può essere complicata dalla formazione di cheloidi ipertrofici
fino alla necrosi del lembo columellare6 (Fig. 11).
Fig. 11
La dissezione estensiva della cute dallo scheletro osteocartilagineo è
anche causa di una dilazione dei tempi operatori, di comparsa di edema
persistente della punta e di una maggiore contrazione cicatriziale dei tessuti.
142
La rinoplastica funzionale
Inoltre, occorre considerare che nell’approccio aperto, l’interruzione della
relazione diretta tra strutture cartilaginee e rivestimento cutaneo esterno
ostacola la valutazione visiva tra dorso e proiezione della punta7 e ciò
determina una globale riduzione della capacità di valutazione estetica
intraoperatoria delle proporzioni del naso8. Dopo anni di aperto dibattito
sulla metodica da preferire, la situazione attuale è che ogni chirurgo rinologo tende a ripetere la tecnica della quale ha più esperienza e che gli ha
dato i migliori risultati. L’immediata conseguenza di tale atteggiamento si
riversa direttamente sulle nuove generazioni di rinologi che tenderanno a
seguire l’esempio dei loro maestri abituati ad abbracciare una sola tecnica, perdendo in tal modo la possibilità di valutare criticamente le indicazioni di una procedura rispetto all’altra in relazione al caso clinico specifico. Le controversie sulle indicazioni alla tecnica chiusa o aperta sono
sintetizzabili in alcuni punti salienti ed in particolare riguardano:
• L’esposizione: con la pratica, l’anatomia delle tre volte può essere ben
valutata anche dall’esterno. Il naso non è una struttura nascosta. La
sua conformazione interna può essere dedotta da alcuni punti di repere esterni o intravista attraverso le incisioni interne. Lo speculum con
una buona illuminazione e più recentemente la visione endoscopica
ci consentono di valutare a fondo l’anatomia interna. Le crura laterali
delle alari possono essere valutate intraoperatoriamente con la delivery.
• Il posizionamento degli innesti: l’uso degli innesti, nonostante abbia di
gran lunga aumentato la possibilità di ricostruzione del naso, allo stesso modo ha introdotto delle variabili che rendono il risultato talora
imprevedibile. Infatti, gli innesti a volte si spostano, scivolano, si ripiegano e talora vengono riassorbiti. Nella peggiore delle ipotesi possono
anche formare prominenze con conseguenti inestetismi. I promotori
della tecnica aperta sostengono che il posizionamento degli innesti
sotto visione diretta consente un fissaggio più corretto. Ma in realtà, gli
innesti della punta posizionati in una tasca preformata con tecnica
chiusa sono stabili ed hanno un potenziale di rimodellamento più elevato di quelli fissati al setto con punti di sutura. Inoltre gli innesti dorsali e laterali possono esser fissati per via percutanea e anche gli innesti intracolumellari possono essere facilmente posizionati con tecnica
chiusa dopo la creazione del tunnel di drenaggio intracolumellare.
• L’esperienza: ovviamente esiste una learning curve che è un fattore
importante; ma è anche essenziale essere consapevoli che la chirurgia naso-settale si affina col tempo e con la pratica.
143
•
•
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
La dissezione: la dissezione dei tessuti dovrebbe essere limitata
esclusivamente a quelle aree che richiedono di essere modificate o
mobilizzate. Questa regola riduce le cicatrici e preserva la vascolarizzazione. Una delle indicazioni classiche della tecnica aperta è la rinoplastica secondaria; ma sono proprio questi pazienti a essere più vulnerabili alla compromissione della vascolarizzazione e alle più frequenti complicazioni nei processi di cicatrizzazione. I nasi che hanno
subito multiple procedure chirurgiche spesso vanno incontro a cicatrizzazioni sottocutanee imprevedibili. In questi casi una dissezione
ampia potrebbe oltremodo essere peggiorativa della condizione preesistente.
La cicatrice columellare: tale cicatrice solitamente è poco visibile ma
talora la visibilità può variare da casi di lieve alterazione del profilo fino
alla comparsa di deformità estetiche dovute a cicatrici retraenti o a
necrosi parziale/totale della columella.
A nostro avviso, tutte queste considerazioni portano a restringere notevolmente il campo di applicazione della chirurgia aperta, fermo restando
le indicazioni classiche all’approccio aperto quali: la rinoplastica secondaria complessa9, gli esiti di schisi labio-palatali, o casi particolari quali il
fissaggio di innesti allo scheletro osseo. La scelta chirurgica dovrebbe
essere il risultato della capacità di giudizio del chirurgo: essa comprende
innanzitutto la scelta della cosa migliore per il paziente, la valutazione
delle correzioni estetiche più appropriate e dei compromessi eventualmente da giustificare, nonché la possibilità di cambiamenti realistici alla
luce delle limitazioni tessutali e delle capacità tecniche dell’operatore.
PUNTI CHIAVE NELLA RINOPLASTICA FUNZIONALE
Come detto in premessa, ci preme fare luce su alcuni distretti anatomici
del naso che hanno, a nostro avviso, una notevole influenza ai fini di una
corretta respirazione e pertanto assolutamente da tenere in considerazione e/o rispettare durante l’atto chirurgico10,11. Prenderemo in considerazione elementi generici ed elementi specifici.
ELEMENTI GENERICI
•
SMAS- Il sistema muscolo aponevrotico superficiale (S.M.A.S.) rappresenta la copertura delle strutture nasali ed è parte integrante di
tutto lo SMAS facciale. In questo strato, in alcuni punti molto sottile,
ritroviamo: grasso, muscoli, vasi, fibre connettivali (Fig. 12).
144
La rinoplastica funzionale
Fig. 12
Nella rinoplastica, le manovre di scollamento devono essere attuate
in modo progressivo e delicato al fine di mantenere integro lo SMAS;
ciò ridurrà al minimo il sanguinamento in quest’area dove la vascolarizzazione è molto ricca (Fig. 13 A-B ).
Fig. 13 A
Fig. 13 B
145
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
•
Il rispetto dello SMAS, inoltre, favorisce una migliore percezione delle
strutture nasali durante l’intervento, predispone ad una ridotta cicatrizzazione con una più rapida guarigione, e pertanto è un elemento a
favore per ottenere buoni risultati a distanza.
Per contro, una lacerazione favorisce, nella fase cicatriziale, una
diretta adesione del derma alle strutture osteocartilaginee nasali con
formazione di fibrosi imprevedibile dalla quale possono derivare inestetismi e generarsi anche significativi disturbi funzionali.
MUCOSA- E’ noto che gran parte della fisiologia del naso si basa
sulla particolare conformazione della sua mucosa e delle sue strutture interne(turbinati) (Fig.14 A B). Umidificazione, riscaldamento, filtro
e tutte le altre funzioni nasali vengono ad essere alterate allorquando
la mucosa e/o i turbinati subiscono alterazioni che ne compromettono
la normale funzione.
Fig. 14 A
Fig. 14 B
146
La rinoplastica funzionale
L’intervento di rinoplastica spesso necessita anche di un trattamento
delle cavità nasali; in questa fase va prestata molta attenzione alla
mucosa ed ai turbinati. Tecniche aggressive e demolitive, l’uso di strumenti impropri, possono portare a sinechie, cicatrici retraenti, formazione di croste, ostruzione nasale grave.
ELEMENTI SPECIFICI
•
AREA DEL DOME- Il “dome” è quell’area di cartilagine che segna il
passaggio fra la crus laterale e la crus mediale dell’alare (Fig. 15 AB) e costituisce la parte più alta della punta nasale. Il margine caudale del dome unitamente alla cute della narice esterna vanno a costituire il “cul de sac inferiore” (Fig. 16) che rappresenta una zona di resistenza per le correnti espiratorie nasali.
Fig. 15 A
Visione anteriore
Fig. 15 B
Visione posteriore
Fig. 16
147
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Grazie al giusto equilibrio di resistenza in questa sede, il naso riesce a
recuperare al meglio l’umidità e il calore dell’aria espirata. Nell’eseguire i
tempi di correzione della punta per cambiarne la procidenza, le resezioni
e le suture in quest’area vanno attentamente modulate nel rispetto di
questo elemento funzionale. Diversamente, si ottengono ostruzioni espiratorie marcate nonostante dal punto di vista estetico si realizzi una
buona punta nasale.
•
SETTO MEMBRANOSO- Struttura fibrosa che fa parte del lobulo, è la
zona di transizione fra il margine caudale della cartilagine quadrangolare del setto e la columella (Fig. 17). La sua presenza permette il
giusto movimento della columella. Le incisioni per la chirurgia del
setto come pure i tempi della rinoplastica devono preservare questa
compagine fibrosa.
Fig. 17
Alcune tecniche, purtroppo, annullano completamente questa struttura e fissano la parte caudale del setto nel mezzo della columella. Il
risultato che si ottiene è un naso che ha perso i movimenti dinamici
del lobulo e dal lato estetico una narice esteticamente non gradevole
(Fig. 18).
148
La rinoplastica funzionale
Fig. 18
•
CUL DE SAC SUPERIORE- Recesso membranoso che mette in rapporto il margine cefalico della crus laterale della cartilagine alare con
il margine caudale della cartilagine triangolare (Fig.19). Le cartilagini
in quest’area presentano delle ripiegature che appoggiano l’una all’altra ma con curvatura in direzione opposta (Fig. 20). Il cul de sac superiore è una delle zone di resistenze inspiratorie. Particolare attenzione bisogna prestare a questa zona durante le incisioni per accedere
al dorso nasale e nelle manovre di resezione cartilaginea (alari e/o
triangolari). Cicatrici stenosanti in questo distretto possono essere
responsabili di ostruzioni respiratorie importanti.
Fig. 19
149
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 20
•
VALVOLA DI MINK- Rappresentata solo l’angolo formato fra cartilagine quadrangolare e cartilagine triangolare, la sua ampiezza normale
oscilla fra i 10° e 15° (Fig. 21). La grandezza di quest’angolo influenza molto le correnti inspiratorie nasali. Spesso nelle fasi chirurgiche
della rinosettoplastica la valvola di Mink non viene presa opportunamente in considerazione per cui, nonostante il setto nasale sia in
asse, permangono irregolarità in questa zona con riflessi funzionali
importanti (Fig. 22).
Fig. 22
Fig. 21
•
ANGOLO SETTALE ANTERIORE- E’ la parte anteriore del margine
caudale del setto, subito al di sotto della porzione caudale delle cartilagini triangolari. In una proiezione di profilo rappresenta la linea della
150
La rinoplastica funzionale
porzione caudale della volta cartilaginea (Fig. 23). In seguito ad eventi traumatici o ad interventi chirurgici può presentare deformità, ripiegamenti con la comparsa del classico “saddling”.
Fig. 23
In caso di rimozione-riposizione del setto nasale, nella fase di ricostruzione, va posta particolare cura nel collocare correttamente il
frammento cartilagineo, allineandolo al profilo, onde prevenire un
insellamento (Fig. 24 A-B-C).
Fig. 24 A
151
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 24 B
Fig. 24 C
•
GIUNZIONE OSTEO-CARTILAGINEA LATERALE- Importante area
di articolazione fra parte distale dell’osso nasale e la porzione prossimale della cartilagine triangolare. La cartilagine si pone al di sotto dell’osso oltrepassandolo in senso cefalico per circa 1,5 cm (Fig. 25). Il
rapporto fra queste strutture va mantenuto anche nell’intervento di
rinoplastica. Scollamenti impropri possono disarticolare la cartilagine
che, spostandosi all’interno, ostruisce la cavità nasale provocando un
danno sia estetico che funzionale (Fig. 26).
152
La rinoplastica funzionale
Fig. 25
•
Fig. 26
TRIANGOLO DI WEBSTER- Nella rinoplastica, l’osteotomia basale o
laterale inizia nella parte bassa dell’apertura piriforme e risale in alto
con varie angolazioni in rapporto alla tecnica (Fig.27).
Fig. 27
Un’area ossea da preservare sempre è il triangolo di Webster (Fig.
28) al di sopra del quale deve iniziare l’osteotomia basale. In questo
modo si previene il restringimento dell’apertura piriforme che provoca
un importante disturbo respiratorio nasale (Fig. 29).
153
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 28
•
Fig. 29
TRIANGOLO VUOTO- E’ un’area fibro-adiposa della parete laterale
esterna del naso priva di robuste strutture portanti; in parte può essere occupata dalla porzione estrema laterale della cartilagine alare
(Fig. 30 A-B).
Fig. 30 A
Fig. 30 B
154
La rinoplastica funzionale
Durante gli atti inspiratori, nel soggetto normale, si generano lievi introflessioni di questa superficie senza però gli effetti negativi sulla respirazione, in quanto le componenti fibrose riescono a resistere alle pressioni
negative inspiratorie, mantenendo pervio il lume del vestibolo nasale. Nei
casi in cui si effettuano resezioni estese della parte laterale delle cartilagini triangolari o della crus laterale dell’alare, si può avere un indebolimento del triangolo vuoto con grave ostruzione nasale nella respirazione
forzata (Fig. 31).
Fig. 31
NUOVE TECNOLOGIE NELLA RINOPLASTICA
Il continuo progredire delle tecnologie ha portato, nel corso dell’ultima
decade, all’utilizzo di nuovi strumentari anche nell’ambito della rinoplastica. Le innovazioni tecnologiche, anche se non hanno sostituito la chirurgia tradizionale, si pongono con un ruolo di affiancamento e supporto alle
tecniche consolidate e talora anche come alternativa. Questa apparente
rivoluzione nell’ambito della rinoplastica è testimoniato dal fiorire in letteratura di numerosi articoli relativi all’utilizzo di queste nuove metodiche
con un bilancio comparativo di rischi e benefici rispetto alla chirurgia tradizionale12,18. Per quanto riguarda l’aspetto propriamente chirurgico, gra155
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
zie all’ausilio della endoscopia, abbiamo sviluppato nella nostra U.O. la
rinosettoplastica per via endoscopica19 che ha il vantaggio di consentire
alcuni passaggi critici in visione diretta su monitor e si è rivelata di indubbia utilità ai fini didattici. Sempre sotto guida endoscopica è stato possibile eseguire la riduzione ed il modellamento del dorso nasale con raspa
motorizzata ed il corretto e mirato posizionamento degli innesti. Un’altra
tecnica adottata è quella relativa all’utilizzo del microdebrider nella chirurgia del dorso nasale secondaria, da eccesso di connettivo, che si pone
come valida alternativa all’intervento tradizionale20. Tuttavia, la diffusione
capillare di queste nuove tecnologie è, in parte, limitata dall’elevato costo
delle strumentazioni, nonché dalla necessità di un training da parte del
chirurgo. Nella nostra esperienza, l’utilizzo di queste nuove metodiche ha
ottenuto il risultato, in linea con i recenti dati della letteratura, di beneficio
sia per il paziente che per la struttura sanitaria. Infatti, mentre l’adozione
di procedure miniinvasive si traduce in una riduzione del trauma chirurgico per il paziente, la conseguente riduzione dei tempi di degenza determina un abbattimento della spesa sanitaria. Questo ultimo aspetto, tutt’altro che trascurabile, ci ha permesso di contenere l’elevato costo iniziale
delle strumentazioni.
CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE
Dai tempi di Joseph l’intervento di rinoplastica ha subito cambiamenti nel
concetto e nell’approccio.
L’osservazione nel tempo dei risultati ottenuti con ampie resezioni delle
strutture nasali, ha indirizzato il moderno rinologo verso un atteggiamento più conservativo. E’ cambiata anche la richiesta del paziente che oggi
non accetta più il classico naso “alla francese”, bensì richiede sempre più
un naso che non abbia un “aspetto operato”. Qualunque sia la motivazione iniziale del paziente, funzionale e/o estetica, è raro che si possa
modificare l’architettura nasale senza agire anche sul setto. Ecco che
avere la padronanza di tecniche chirurgiche funzionali per il setto, aiuta
anche nel realizzare una corretta rinoplastica. L’intervento di rinoplastica,
qualsiasi sia la tecnica utilizzata, deve essere necessariamente preceduto da un’attenta valutazione di tutte le componenti strutturali del naso per
comprenderne le irregolarità anatomiche. Fondamentale è il colloquio
con il paziente dal quale bisogna capire chiaramente quali sono le aspettative. La programmazione chirurgica è utile per stabilire la strategia in
rapporto alle modifiche da apportare al naso. L’intervento è un momento
importante perché vanno messe in pratica tecniche, esperienze, capacità
156
La rinoplastica funzionale
artistica, che sono proprie di ogni chirurgo. Il sottofondo comune però
deve essere che la chirurgia nasale deve aver rispetto sia dell’estetica
che della funzione e non privilegiare l’una a discapito dell’altra.
La rinoplastica è una procedura chirurgica relativamente
facile, con la quale è difficile ottenere risultati costanti.
(G. Aufricht)
157
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
MUHLBAUER W.; HOLM C.: Computer imaging and surgical reality in aesthetic
rhinoplasty. Plastic and Reconstructive Surgery: 2005, 115; 2089-2104
NICHANI J.R.; WILLATT D.J.: Dimensional analysis - its role in our preoperative surgical planning of rhinoplasty. Clinical Otolaryngology: 2004, 29; 518-521
GUNTER J.P., ROHRICH R.J., ADAMS JR. W.P.: Dallas Rhinoplasty. Nasal Surgery
by the Masters. Quality Medical Publishing, St. Louis, 2002.
AIACH G.: Atlas of rhinoplasty: Open and endonasal approaches 2nd ed. Plast
Reconstr Surg: 2005, 115; 1778-1779
MICHELI PELLEGRINI V., PONTI L.: La rinoplastica. Compendio di chirurgia morfodinamica del naso. Gentile Editore,1999, Fabriano.
ADAMSON P.A., SMITH O., TROPPER G.J.: Incision and scar analysis in open
(external) rhinoplasty. Arch Otolaryngol Head Neck Surg: 1990, 116; 671-675
MENICK F.J.: Anatomical reconstruction of the nasal tip cartilages in secondary and
reconstructive rhinoplasty. Plast Reconstr Surg: 1999, 104; 2187-2198
HOLMSTROM H., LUZI F.: Open rhinoplasty without transcolumellar incision. Plast
Reconstr Surg: 1996, 97; 321-326
SHEEN J.: Closed versus open rhinoplasty- and the debate goes on. Plast Reconstr
Surg: 1997, 99; 859-862
SULSENTI G. La chirurgia funzionale ed estetica del naso. Ghedini Editore, 1994,
Milano.
COTTLE MH.: An introduction to conservative septum-pyramid surgery. Intern Rhino:
1964, 2; 11-24
DAVIS RE, RAVAL J.: Powered instrumentation for nasal bone reduction: advantages
and indications. Arch Facial Plast Surg: 2003, 5; 384-391
BECKER DG.: The powered rasp:advanced instrumentation for rhinoplasty. Arch
Facial Plast Surg: 2002, 4; 267-268
PARK DH, LEE JW, SONG CH.: Endoscopic application in aesthetic and reconstructive facial bone surgery. Plast Reconstr Surg: 1998, 102; 1199-1209
KROUSE JH.: Endoscopic-powered rhinoplasty. J Otolaryngol: 1999, 28; 282-284
HONDA T, SASAKI K, TAKEUCHI M.: Endoscope-assisted nasal osteotomy: a preliminary report. Ann Plast Surg: 1998, 41; 119-124
ABRAMO AC, FILBO DA, CASAS SG.: Extramucosal rhinoplasty with videoscopic
assistance. Aesthetic Plast Surg: 1998, 22; 25-28
MITZ V.: Endoscopic control during rhinoplasty. Aesthetic Plast Surg: 1994, 18; 153-156
TASCA I.: Endoscopy-assisted rhinoplasty. Arch Facial Plast Surg: 2002, 4; 190-193
BECKER DG, TORIUMI DM, GROSS CW, TARDY ME Jr.: Powered instrumentation
for dorsal reduction. Facial Plast Surg: 1997, 13; 291-297
158
IL NASO LUNGO (pinocchio nose)
M. Manzini, G. Terranova
Questo termine entrato da tempo comunemente nell’uso sta ad indicare
un naso che non rispetta i criteri fisionomici per una sproporzione tra i 2/3
superiori ed il 1/3 inferiore della piramide.
Ricalca e conferma pertanto la nostra chiave di lettura della piramide
nasale che noi, sin dall’inizio, abbiamo volutamente distinto in 2 unità:
dorso e punta.
Se si vuole schematizzare l’approccio a questo tipo di problema, bisogna
vederlo ancora una volta con un approccio progressivo, dove la riduzione di proiezione va fatta secondo le necessità, utilizzando tecniche via via
più aggressive, ma partendo sempre da quelle più semplici e sicure.
D’altro canto, vi sono diversi tipi di eccessiva proiezione, più o meno
accentuati e più o meno associati, ad altri aspetti da tenere in considerazione (bulbous, boxy, ecc.) nell’ottica di una diminuzione della proiezione
associata ad una buona definizione estetica.
Importante è fare mente locale alle strutture che determinano e mantengono la proiezione (vedi capitolo precedenti) ed al concetto di tripode di
Anderson cui si rifanno le tecniche chirurgiche sulle cartilagini alari.
Approccio progressivo alla riduzione della proiezione:
- in primo luogo una riduzione di proiezione si ottiene sezionando i
legamenti che mantengono la proiezione:
- l’incisione intercartilaginea e la trasfissa interrompono due importanti
legamenti sospensori
- se si aggiunge la rimozione del margine cefalico delle crura laterali, si
ottiene una sensibile riduzione della proiezione (circa due millimetri in
tecnica chiusa e circa tre in tecnica aperta dove si associa anche un
più ampio scollamento cutaneo).
- un ulteriore decremento della proiezione si ottiene con la rimozione
del margine caudale del setto.
Sino a questo punto sono state eseguite manovre di “routine”, per così
dire, e la riduzione della proiezione ottenuta non è ancora sicuramente
rilevante.
Da qui in avanti, quindi, l’eccessiva proiezione della punta dipende solamente dalla lunghezza e dalle caratteristiche di resistenza delle alari, ed
in questo senso bisogna agire.
159
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Esistono pertanto alcune possibilità che indichiamo in ordine di utilizzo in
relazione alla nostra esperienza:
1) la tecnica proposta da Safian1 che prevede la rimozione dell’area del
dome con possibile ricostruzione mediante sutura del dome stesso.
Questa è una tecnica ancora oggi assolutamente consigliabile nelle punte
lunghe con cute spessa; dipende da caso a caso e dall’esperienza del chirurgo la possibilità di stabilizzare il nuovo dome con una sutura (Fig. 1).
Fig. 1. Tecnica di Safian
1) la tecnica del lateral crural flap con ricostruzione della crus laterale a
creare un nuovo dome a spese della crus mediale (eventualmente con
sovrapposizione del margine della crus laterale) (Fig. 2);
Fig. 2. Il lateral crural flap
160
Il naso lungo (pinocchio nose)
2) la tecnica proposta da Lipsett che prevede viceversa una riduzione
della lunghezza della punta mediante le rimozione di un ponte della crus
mediale e la ricostruzione del nuovo dome a spese della crus laterale2
(Fig. 3). Questa è la tecnica meno utilizzata, almeno nella nostra esperienza.
Fig. 3. Tecnica di Lipsett
Nel caso di cute normale e spessa, la tecnica di scelta è quella di Safian
o di Ponti.
Vorremmo a questo punto proporre un approccio ragionato, ovverosia
algoritmico, alla punta lunga, step by step, a secondo di quanto si voglia
ridurre la lunghezza della punta stessa.
Step 1: un approccio di tipo delivery sia in tecnica chiusa e ancor più in
tecnica aperta è già sufficiente a dare una modesta riduzione della proiezione e quindi della lunghezza del naso.
Step 2: fermo restando che un naso lungo necessita sempre di un rimodellamento delle cartilagini alari ottenibile quasi esclusivamente mediante una tecnica delivery, lo step 2 prevede a nostro avviso alcune semplici manovre quali 1) la rimozione del margine cefalico delle alari stesse e
2) una volta rimosso il margine cefalico, l’esecuzione di incisione incrociate delle stesse, cosiddette cross hatching. Queste manovre determinano una sensibile perdita di supporto e di conseguenza una riduzione
della lunghezza. Ovviamente tutte queste manovre risultano più efficaci
si è contestualmente ridotta l’altezza del margine caudale del setto o
angolo settale inferiore. Se tutto questo non basta si ricorre quindi allo
Step 3: in cui il dome viene interrotto con tecnica di Safian ed il nuovo
dome ricostruito con giustapposizione dei bordi di resezione o mediante
sutura degli stessi. Preferiamo questa tecnica a quella di Lipsett che pure
abbiamo a volte eseguito ma che riteniamo più indaginosa.
161
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Step 4: nei casi di naso lungo, soprattutto se associato a una notevole
ampiezza dell’angolo domale o dell’angolo di divergenza (bulbous e
boxy) ricorriamo, specialmente nel caso di cute spessa, ad una tecnica
tipo Safian o Goldman che prevede appunto la rimozione della zona del
dome e la creazione di un nuovo dome. In questi casi la tecnica di
Goldman mostra tutta la sua genialità in quanto consente il ripristino di un
ottimo supporto delle crura mediali ad un livello che può essere abbassato quanto uno desidera. Da ultimo va ricordato che una importante
riduzione della lunghezza della punta può causare un eccessivo allargamento della base nasale (flaring delle narici) e pertanto può richiedere
una alar bases resection.
162
Il naso lungo (pinocchio nose)
Bibliografia
1
2
SAFIAN J.: The split-cartilage tip technique of rhinoplasty. Plast Reconstr Surg. 1970
Mar;45(3):217-20.
LIPSETT E.: A new approach to surgery of the lower cartilagineous vault. Arch
Otolaryngol 1959, 70:42.
163
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
164
LA CHIRURGIA DELLA PUNTA
M. Manzini, R. Buzzelli, A. Carissimi
E’ ben noto l’aforisma: il chirurgo che possiede la chirurgia della punta
possiede tutta la chirurgia della piramide nasale (Fomon). Noi riteniamo
che il terzo inferiore della piramide nasale sia un’entità anatomo-funzionale a sè stante a sottolinearne il ruolo cruciale estetico e funzionale. La
punta nasale è definita dallo scheletro portante cartilagineo rappresentato dalle cartilagini alari, dalla porzione caudale del setto e dal loro rivestimento cutaneo esterno e vestibolare interno. Comprende inoltre il tessuto fibroconnettivale che congiunge queste strutture tra loro ed alle rimanenti strutture della piramide nasale.
Vi sono, a nostro avviso, tre aspetti fondamentali e strettamente legati tra
loro, da prendere in considerazione quando si decide di eseguire una chirurgia della punta nasale:
1. il mantenimento o l’incremento della proiezione (fanno eccezione
ovviamente i “pinocchio noses” in cui la proiezione deve diminuire);
2. il rimodellamento della forma che quasi sempre significa un restringimento dello spazio interdomale ed una riduzione del margine cefalico
della crus laterale;
3. la rotazione che quasi sempre significa un incremento più o meno
marcato della stessa ed una ridefinizione dell’angolo naso-labiale;
La maggior parte delle tecniche di esposizione e rimodellamento delle
alari determinano, se non accompagnate da provvedimenti di ripristino
del sostegno, una perdita della proiezione stessa valutata in un recente
lavoro di Adams1 in quasi 2 mm per la tecnica chiusa e di circa 3 mm. per
la aperta.
“E’ da tutti riconosciuto che vi sono diverse vie per raggiungere lo stesso
risultato chirurgico nella chirurgia della punta. Quello che di solito non si
aggiunge è che vi sono anche differenze sostanziali nel prezzo da pagare. Il chirurgo saggio tiene presente questi aspetti” (Richard Webster).
Non esiste infatti una tecnica universale per correggere la grande varietà
di alterazioni esistenti a carico della punta. Il chirurgo nasale deve possedere diverse tecniche e diversi approcci chirurgici da applicare nel
modo più appropriato alle diverse alterazioni anatomiche che si incontrano. E’ logico pertanto avere un approccio sistematico ma “graduato” in
termini di aggressività chirurgica alla punta.
165
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Le tecniche chirurgiche aggressive e soprattutto quelle interruttive dell’arco cartilagineo alare, (tecniche messe a punto negli anni ‘50 e ’60 ed
improntate alla finalità estetica di costruire “una punta stretta” e ben definita), determinando un sacrificio dell’integrità strutturale cartilaginea,
compromettono facilmente nel corso degli anni la fisionomia naturale
della punta oltre che incrementare il rischio di vere e proprie deformità
secondarie. Nella stragrande maggioranza delle rinoplastiche primarie è
pertanto indicato mantenere la continuità (complete strip) delle cartilagini
alari. Molti più problemi e complicazioni sorgono infatti da un’eccessiva
correzione della punta che non da una correzione conservativa. Il concetto di un “systematic graduated anatomic approach” di E.Tardy viene
assolutamente condiviso. Questo implica l’applicazione delle tecniche più
conservative, dal risultato più prevedibile. Solo quando le alterazioni anatomiche diventano più severe si ricorre ad approcci ed a tecniche progressivamente più aggressive. Le tecniche di rimodellamento della punta
possono infatti essere classificate come conservative (complete strip)
oppure interruttive dell’arco cartilagineo delle alari. Per raggiungere la
definizione ottimale della punta in base all’anatomia che si incontra ed al
grado di esposizione richiesta per ottenere un risultato soddisfacente, il
“systematic graduated anatomic approach” alla punta si può classificare
come segue:
1. Approccio non delivery
a) transcartilagineo
b) retrogrado (eversion)
2. Delivery
a) bipedicle chondrocutaneous flap approach
3. Delivery + tecnica interruttiva
4. Approccio con tecnica aperta.
Chi usa le tecniche aperte anche per deformità anatomiche minori lo fa a
nostro avviso in modo indiscriminato mentre chi rifiuta questo approccio
perde l’opportunità di avere nel proprio armamentario chirurgico uno strumento utile.
Stesso discorso vale per l’uso routinario, nell’intervento primario, di tip
grafts che, a fronte di un risultato immediato esteticamente valido, può
indurre alterazioni secondarie ed introdurre variabili che il chirurgo non
può prevedere, aumentando ancora una volta il rischio di reinterventi.
Lo sforzo degli ultimi anni è stato pertanto quello di mettere a punto tecniche chirurgiche non aggressive e, se possibile, non interruttive che riescano a coniugare una forma piacevole della punta al mantenimento di
166
La chirurgia della punta
una corretta proiezione, determinando così risultati prevedibili, stabili nel
tempo e sicuri. In questo senso le suture riposizionano le cartilagini alari
in modo tale da mantenere la loro integrità strutturale, fatto che, nella
stragrande maggioranza dei casi, mette al riparo anche da evidenti alterazioni tardive e quindi dalla necessità di ricorrere ad una chirurgia
secondaria. Lo stesso dicasi per le tecniche di indebolimento di un arco
alare convesso mediante l’esecuzione di incisioni incrociate (cross hatching) e di incomplete dome incisions che comunque conservano la continuità cartilaginea. Di pari passo sono entrate nell’uso le tecniche di sutura dell’arco cartilagineo e la rinoplastica aperta che non rappresenta altro
che una via di approccio più semplice alla piramide e soprattutto alla correzione della punta nasale.
Una corretta definizione di proiezione deve tenere in considerazione le
due linee fondamentali che sono la linea basale del lobulo e la linea basale nasale2 (Figg.1-2).
Fig. 1. Le linee fondamentali del naso
Fig. 2. Le proporzioni ottimali
167
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Agli estremi ci sono da una parte il naso stretto e prominente e dall’altra
parte il naso basso e largo (naso a sella).
La maggiore o minore rotazione della punta verso l’alto determina la corretta definizione dell’angolo naso-labiale che dovrebbe essere teoricamente di 90 gradi nell’uomo e di 100-110 gradi nella donna.
DINAMICA DELLA PUNTA
Il concetto fondamentale, proposto da Anderson nel 1969, cui si rifà la
chirurgia della punta nasale, è quello del tripode dove le crus mediali e il
loro legamento al margine caudale della quadrangolare (setto membranoso) rappresentano il segmento orizzontale, e le crus laterali formano i
due lati lunghi3 (Fig. 3).
Fig. 3. Il tripode di Anderson
Al concetto del tripode sono strettamente connessi gli aspetti di rotazione, proiezione e supporto della punta. Una buona comprensione di questo concetto consente al chirurgo di prevedere con maggior precisione
cosa può accadere al naso ed in particolare alla sua punta, sia sul tavolo operatorio, sia a distanza2 (Fig. 4-5).
Fig. 4. Rotazione del naso agendo sui lati del tripode
168
La chirurgia della punta
Fig. 5. Rotazione con innesto intercolumellare
Il concetto di tripode inoltre razionalizza molto bene gli aspetti di dinamica della punta nasale. Il concetto di dinamica si fonde strettamente, ma
non è esattamente la stessa cosa, al concetto di estetica della punta
nasale. Un buon chirurgo, in pratica, deve raggiungere un bilancio estetico ottimale attraverso un sufficiente rimodellamento cartilagineo per
quel tanto che basta a determinare il giusto tip refinement, risparmiando
tuttavia una quantità residua di cartilagine alare tale da mantenere il giusto supporto e la giusta proiezione della punta.
Dal punto di vista chirurgico e, di conseguenza, del risultato a distanza,
tenendo ben presente il fatto che i nasi fatti bene migliorano nel tempo,
mentre quelli fatti male peggiorano molto, la comprensione della dinamica è fondamentale ad ottenere una buona proiezione. Dal punto di vista
estetico la relazione tra il punto di massima proiezione della punta e la
nuova linea del dorso nasale rappresentano due aspetti fondamentali
nella creazione del nuovo profilo che è un punto fondamentale nell’apprezzamento del nuovo naso.
I MECCANISMI DI SUPPORTO
Diversi autori tra cui Tardy e McCollough4 descrivono tre meccanismi
maggiori e sei minori di supporto della punta. I maggiori sono: 1. forma e
resistenza delle crura laterali e mediali della cartilagini alari 2. legamento
delle crura mediali al margine caudale della cartilagine quadrangolare 3.
legamento delle cartilagini alari con le cartilagini triangolari (Fig. 6). I
minori sono: 1. tessuto molle interdomale 2. dorso cartilagineo 3. complesso sesamoide 4. aderenza tra cartilagini alari, cute e muscolatura 5.
spina nasale 6. setto membranoso (Fig. 7)
169
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 6. Meccanismi maggiori di supporto della punta: 1) robustezza della alare 2) Margine
inferiore del setto e suo legamento con le crus mediali 3) Unione alari-triangolari
Fig. 7. Meccanismi minori di supporto della punta: 1) tessuto molle interdomale 2) dorso
cartilagineo 3)cartilagini sesamoidi 4) legamento alari-cute 5) spina nasale 6) setto membranoso
L’importanza che viene data da questi autori ai legamenti di sospensione
e quindi di supporto della punta deve indurci alla massima attenzione
nelle incisioni che rappresentano la via di accesso della chirurgia e coinvolgono tutte la regione della punta.
Le incisioni, nell’intervento correttivo rino-settale, sono un tempo esclusi170
La chirurgia della punta
vamente di esposizione e non determinano necessariamente il tipo di
procedura chirurgica che verrà eseguita.
Dove possibile, sono da scegliere le incisioni meno invasive, dal momento che determinano processi di guarigione più controllabili rispetto alle
incisioni e dissezioni più estese. L’esempio più tipico è il preservare dove
possibile gli importanti meccanismi di supporto della punta.
Distinguiamo:
1. Incisione intercartilaginea. Viene solitamente eseguita in corrispondenza del retourning della triangolare e si unisce spesso alla incisione emitrasfissa con il duplice scopo di esporre la volta nasale e di
consentire una chirurgia retrograda sulla punta o, in associazione con
l’incisione marginale, la lussazione della alare stessa (delivery).
2. Incisione marginale. Molti chirurghi la preferiscono alla “rim incision”.
Viene condotta nella cute del vestibolo lungo il margine caudale delle
cartilagini alari. La rim incision viceversa corre lungo il margine alare
non esattamente parallela al margine caudale delle alari stesse.
Viene usata più raramente per l’alto grado di retrazioni e possibili reazioni cicatriziali.
3. Incisione intracartilaginea. Viene solitamente eseguita assieme all’intercartilaginea e viene usata per eseguire diversi differenti tipi di procedure chirurgiche sulla punta. Con l’incisione intracartilaginea si
seziona contemporaneamente la cute del vestibolo e la crus laterale
della cartilagine alare. Solo raramente viene usata in alternativa all’intercartilaginea per consentire l’accesso alla volta nasale.
Le incisioni settali sono rappresentate dalla trasfissa e dalla emitrasfissa
e vengono entrambe eseguite parallelamente al margine caudale della
cartilagine quadrangolare. L’emitrasfissa, eseguita su di un lato solo,
lascia ovviamente intatto il setto membranoso dell’altro lato.
Dal momento che il legamento delle crura mediali con il margine caudale del setto rappresenta, come abbiamo visto, una dei meccanismi maggiori di supporto della punta, queste incisioni di fatto determinano un
decremento della proiezione stessa. In questo senso un’incisione trasfissa interrompe bilateralmente il legamento di supporto tra le crura mediali ed il margine caudale del setto. Per questi ovvi motivi l’incisione emitrasfissa, salvaguardando buona parte del legamento, preserva maggiormente il supporto della punta.
Per definire ulteriormente i concetti di rotazione e proiezione, cui peraltro
si associano quelli di estetica e di dinamica che vorremmo peraltro tenere concettualmente ben distinti, crediamo possa essere utile ricordare i
171
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
quattro tipi fondamentali di procedure chirurgiche eseguibili sulle cartilagini alari (Fig. 8):
1. resezione cefalica semplice
2. resezione cefalica completa
3. flap laterale
4. divisione del dome
Mentre i concetti di rimodellamento della forma, quasi sempre assimilabile ad un restringimento del diametro trasversale della punta stessa, di
rotazione e miglior definizione dell’angolo naso-labiale, sono abbastanza
facilmente comprensibili ed intuitivi, il concetto di proiezione resta secondo noi molto più sfuggente.
Già nel 1944 Joseph si poneva il problema e cercava attraverso un lavoro scientifico di proporre una definizione di proiezione. Da allora ne sono
state proposte diverse altre, con linee basali variabili a cui riferire il concetto di proiezione stessa.
Di fatto nessuna di queste classificazioni tiene conto in maniera definitiva dell’altezza del dorso nasale che è una linea fondamentale nel deter172
La chirurgia della punta
minare una gradevole “proiezione“ della punta. A nostro avviso è soprattutto il rapporto con la linea dorsale che può definire una proiezione esteticamente valida.
Una punta ben proiettata è infatti tale solo se ben definita rispetto al dorso
nasale ed “in possesso” di una sua ben definita identità (Fig. 9).
Fig. 9. Rapporti tra proiezione e dorso nasale
Nelle aspettative di chi si sottopone a questo tipo di intervento, così come
nell’apprezzamento delle tante persone che lo giudicheranno, la punta è
una cosa, il resto della piramide nasale è altra cosa. Il tutto deve ovviamente essere armonico e fisionomico.
ROTAZIONE ED ANGOLO NASO-LABIALE
La rotazione della punta passa attraverso i seguenti tempi chirurgici che
agiscono tutti sulla rotazione verso l’alto del tripode:
1. interruzione attraverso le incisioni emitrasfisse e intercartilaginee
della struttura legamentosa che mantiene la punta nella sua posizione più o meno verso il basso;
2. riduzione del margine caudale del setto eseguita come su descritto e
secondo la tecnica del double break;
3. riduzione del margine cefalico delle crura laterali delle cartilagini alari;
4. riduzione del margine caudale delle cartilagini triangolari;
5. in casi estremi l’interruzione della continuità dell’arco cartilagineo
delle alari e la creazione di un pilastro ottenuto attraverso la sutura
delle porzioni superiori delle crura mediali (tecniche di Goldman e
Ponti) rappresenta la tecnica che permette il maggior grado di rotazione possibile del terzo inferiore della piramide nasale.
Le tecniche operative che prevedono la lussazione (delivery) delle carti173
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
lagini alari e quindi l’interruzione di tutti i legamenti che le stabilizzano,
unitamente alla perdita di tensione del margine caudale del setto che si
ottiene con la settoplastica che, ricordiamo, viene costantemente eseguita come primo tempo dell’intervento correttivo rino-settale, inducono una
perdita di proiezione della punta. Questo fatto potrebbe essere anche un
esito ricercato (pinocchio nose). Nel caso viceversa si voglia mantenere
o incrementare la proiezione del terzo inferiore della piramide nasale è
indispensabile l’utilizzo di tecniche di sutura delle alari o di innesti cartilaginei, come precedentemente esposto.
Per questi motivi si può facilmente comprendere la diffusione delle tecniche aperte che consentono di operare sulla punta con maggior facilità.
L’ultimo aspetto da sottolineare, nella chirurgia della punta, è lo spessore della cute, dove una cute spessa può consentire tecniche interruttive
che sono viceversa sconsigliate ove la cute sia molto sottile e tale da evidenziare in maniera molto netta eventuali irregolarità o interruzioni dell’arco cartilagineo.
Questo a sottolineare la difficoltà non solo tecnica a risolvere problemi
riguardanti la patologia di questa regione.
Di fatto, a fronte di decine e decine di soluzioni tecniche proposte, non
esiste sicuramente un approccio che possa essere definito in assoluto il
migliore.
La scelta della tecnica da utilizzare nei diversi casi deve essere pertanto
basata sulle alterazioni anatomiche e sul tipo di problema da correggere
nonché sull’esperienza del chirurgo e sull’abitudine all’esecuzione di un
particolare metodo che minimizza gli effetti indesiderati, più o meno prevedibili, ma comunque comuni a tutte le tecniche utilizzabili.
Un altro degli aspetti fondamentali nella dinamica della punta è la creazione di un corretto angolo naso-labiale che si intende più aperto nella
donna (circa 110°) che nell’uomo (circa 90°).
Questa differenza sicuramente più teorica che pratica rende tuttavia
ragione di diverse tecniche e di diverse modalità da attuare per ottenere
risultati che concettualmente ci si attendono diversi.
Procedendo come al solito step by step per frequenza di utilizzo e difficoltà:
1. Innanzitutto la settoplastica con la rimozione del margine caudale del
setto (eccedente) rappresenta un intervento “strutturale” molto importante (Fig. 10);
174
La chirurgia della punta
Fig. 10. Resezione margine caudale/ rotazione
2. spesso, avendo a che fare con angoli molto chiusi o “sfuggenti” (ottusi) (Fig. 11), è necessario rimuovere la spina nasale. Farlo è molto
semplice e consente di avere una buona definizione dell’angolo stesso con un effetto di allungamento e miglior definizione della columella che può ruotare più liberamente;
Fig. 11. Angolo naso-labiale ottuso per spina nasale procidente
3. ovviamente, tutte le manovre di sezione dei legamenti che si ottengono con le incisioni intercartilaginea e trasfissa “liberano” la punta e le
consentono di ruotare;
4. da qui in avanti bisogna agire direttamente sulle cartilagini alari e
triangolari2 (Fig. 12);
175
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 12. Rapporto tra resezioni cartilaginee e rotazione
5. ancora una volta le suture possono “aiutare”; attenzione va riservata
in caso di una “hanging” columella, nel qual caso sarà necessaria la
rimozione di una porzione delle crura mediali;
6. l’innesto intercolumellare sagomato a becco di flauto, per sottolineare il passaggio tra crus mediale e crus intermedia, dà alla columella quell’aspetto cosiddetto “double break” che è molto gradevole (Fig. 13);
Fig. 13. innesto intercolumellare a “double break”
7. innesti di piccoli pezzi di cartilagine al di sopra della regione della
spina possono dare un effetto di “illusione di rotazione” spesso efficace e sicuramente facile da ottenere4 (Fig. 14);
176
La chirurgia della punta
Fig. 14. Innesti di pezzi di cartilagine in prossimità della spina nasale
8. da ultimo gli innesti al di sotto delle crura mediali e ovviamente quelli
“onlay”, “shield” e “anatomic”, descritti in precedenza5 (Fig. 15).
Fig. 15. Gli innesti
A questo punto, vanno esaminate le più comuni deformità che interessano il terzo distale
della piramide nasale cioè i casi specifici.
Sono essenzialmente 3 i tipi di punta cui si possono riportare i casi che
più comunemente si incontrano nella pratica clinica: 1) Tension nose
2) Punta larga 3) Pinocchio nose.
177
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
IL TENSION NOSE
Una delle principali alterazioni del terzo inferiore della piramide è legata
a quell’aspetto che va sotto il nome di “tension nose” (Fig. 16). E’ questa
una condizione anatomica in cui la proiezione delle cartilagini della punta
e della parte dorsale del setto sono talmente pronunciate che queste
strutture possono essere chiaramente delineate attraverso la cute. E’
molto importante avere la precisa conoscenza delle alterazioni anatomiche che sottendono a questa comune deformità del terzo inferiore della
piramide nasale, perché è solo così che è possibile ottenere una ottimale correzione chirurgica.
Fig. 16. Un tipico tension nose
Le anormalità anatomiche fondamentali coinvolgono il setto e le cartilagini alari.
La più importante di queste è un eccessivo sviluppo verticale del setto,
particolarmente significativo nella porzione inferiore. Tutto questo si
manifesta con una eccessiva proiezione.
In questo caso le crura mediali sono trascinate verso l’alto causando a
volte l’impressione di un labbro superiore corto. Le crura laterali sono a
loro volta stirate verso il basso e il loro apparente aumento di lunghezza
è spesso dovuto all’appiattimento della loro curvatura.
Il dorso è eccessivamente alto per un eccessivo sviluppo verticale del
setto (Fig. 17)6.
178
La chirurgia della punta
Fig. 17. Il naso in tensione
Inoltre spesso l’angolo settale è situato inferiormente al di sotto del livello delle crura mediali (Fig. 18).
Fig. 18. Il tension nose: il piede delle crura mediali è più in alto e i dome sono ruotati anteriormente
La punta del tension nose raramente è larga, molto più spesso è di
dimensioni normali o richiede solamente un “refinement”. Nella maggior
parte dei casi è quindi indicata e sufficiente una tecnica retrograda per
ottenere minimi rimodellamenti. Si procede, quindi, alla rimozione di una
striscia di cartilagine dal margine cefalico della crus laterale della alare
che ha un doppio obiettivo, cioè quello di ottenere in contemporanea un
restringimento della punta ed una sua rotazione verso l’alto, accorciando
il naso ed aumentando l’angolo naso-labiale. Un accorciamento maggio179
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
re del naso si può ottenere combinando tali procedure con una resezione ad hoc del margine caudale della cartilagine quadrangolare del setto.
Naturalmente correzioni maggiori di tali parametri si ottengono, ove
necessario, adottando una tecnica delivery.
LA PUNTA LARGA
Un’ altra delle più comuni deformità del terzo distale della piramide nasale è dovuta ad un angolo di divergenza interdomale ampio (boxy) oppure
ad un angolo domale eccessivo (bulbous). Questi due tipi di punta vanno
assimilati nel capitolo delle punte larghe.
Nella regione del dome la più comune deformità è quella dovuta ad un
dome largo o ad un angolo aperto tra le crura mediale e laterale delle
alari, oppure ad una inadeguata o eccessiva proiezione del dome o una
asimmetria dello stesso.
Per quanto attiene alla crus laterale, la più comune anomalia consiste in
una eccessiva prominenza del margine cefalico che produce una punta
bulbosa o una accentuata convessità laterale al dome che determina una
punta quadrata (Fig. 19)2.
Fig. 19. Deformità della punta (larga)
Ora facciamo un passo indietro ed andiamo a riesaminare le quattro tecniche fondamentali di chirurgia della punta:
1. retrograda
2. transcartilaginea
3. lussazione o delivery
4. esterna o open
La tecnica retrograda e la transcartilaginea, di differente esecuzione ma
concettualmente molto simili, non interrompono completamente i legamenti delle cartilagini alari con le strutture circostanti, ma non risolvono i
180
La chirurgia della punta
problemi più complessi di chirurgia della punta (punta eccessivamente
larga, punta bifida, punta quadrata (box), punta asimmetrica, punta
eccessivamente lunga (pinocchio nose) per cui si rivolgono fondamentalmente a correzioni di minima.
Viceversa la lussazione (delivery) e la open sono in grado di risolvere
qualsiasi tipo di problema delle cartilagini alari. Pertanto, in caso di ricerca di una migliore definizione di punta, la tecnica proposta è la retrograda (Fig. 20), che viene eseguita di regola attraverso l’incisione intercartilaginea e che può ovviamente prevedere rimozioni più o meno importanti sempre tuttavia a spese della crus laterale.
Fig. 20. Tecnica di esposizione della crus laterale per via retrograda
I vantaggi stanno nella rapidità di esecuzione (non è, infatti, indispensabile rimuovere completamente il rivestimento cutaneo dalla cartilagine
alare) e nella bassissima incidenza di alterazioni cicatriziali secondarie.
L’attenzione deve essere posta nel non interrompere accidentalmente
l’arco cartilagineo e nel non estendere la rimozione troppo lateralmente
per non indebolire l’ala nasale in corrispondenza del triangolo molle di
Converse e creare quindi una stenosi valvolare secondaria (Fig. 21).
Fig. 21. Le resezioni eseguibili
sul margine cefalico della crus
laterale con tecnica retrograda
181
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
I medesimi tipi di resezione del margine cefalico della crus laterale può
essere ottenuto mediante un approccio intracartilagineo.
In caso di punte bifide, box, bulbous, punte eccessivamente larghe, ove
possibile, proponiamo una tecnica non interruttiva che prevede un
approccio di tipo delivery, la rimozione del margine cefalico della alare
spinto più o meno medialmente a rimuovere anche parte del dome a
seconda che si voglia ottenere un maggiore o minor restringimento della
punta stessa, un indebolimento della crus laterale attraverso incisioni
incrociate (cross hatching) e la sutura delle crus mediali nella loro porzione superiore immediatamente al di sotto del dome. Questa tecnica
proposta da Denecke e Meyer nel 19647 è ancora del tutto efficace, attuale, sicura, semplice da realizzare e foriera di buoni e prevedibili risultati
estetici (Fig. 22).
Fig. 22. Tecnica riportata da Denecke-Meyer
Una menzione particolare va infine fatta per la tecnica di Micheli
Pellegrini5 (Fig. 23).
Fig. 23. Tecnica riportata da Micheli Pellegrini
182
La chirurgia della punta
Da ultimo, non per importanza, segnaliamo la tecnica di Goldman e quella di Ponti, tecniche concettualmente affini, che sono indicate in caso di
cute non troppo sottile.
La tecnica di Ponti, cosiddetta butterfly, partendo dal metodo interruttivo
di Goldman, prevede la rielaborazione della struttura cartilaginea del
dome mantenendo integra la sottostante continuità cutanea. Questa tecnica, utilizzabile per altro anche in tutte le alterazioni del paragrafo precedente, è particolarmente indicata qualora si voglia modificare la lunghezza della punta sia in senso riduttivo (pinocchio nose) che nel senso
di aumentarne la proiezione8 (Figg. 24-25-26-27).
Fig. 24. Tecnica di Goldmann
Fig. 25. Schema della sutura della tecnica di Goldman
183
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 26. Tecnica di Ponti (butterfly)
Fig. 27. Schema della sutura sec. Ponti con il mantenimento dell’integrità cutanea
Le tecniche che prevedono un approccio per via retrograda e intracartilaginea non sono indicate nella correzione delle punte larghe in quanto non
“stringono” a sufficienza. In questi ultimi casi è pertanto necessario ricorrere a tecniche di tipo delivery o open. In entrambi questi ultimi due tipi di
approccio è possibile ricorrere alle tecniche di sutura che sono quelle più
indicate per questo tipo di problemi. Ricordiamo che, una volta rimodel184
La chirurgia della punta
late comunque le alari (riduzione del margine cefalico e/o incisioni varie)
è sempre indicato posizionare per primo il punto interdomale e fare quindi poi ricorso agli altri. Ma per questo si rimanda al capitolo delle suture.
LE SUTURE
Il capitolo delle suture è propedeutico ed indispensabile per introdurre
quello delle punte larghe (boxy, bulbous ed amorfe in genere) che è sicuramente l’aspetto anatomico del naso dove sono state proposte il maggior numero di tecniche correttive proprio a significare che nessuna si è
rivelata ottimale in assoluto (“The surgeon who master the tip master the
rhinoplasty”).
Le suture si fanno in genere con fili permanenti o PDS 4 o 5 zeri ed il loro
scopo è quello di stabilizzare le cartilagini alari e migliorarne la definizione e l’estetica nella regione della punta senza interrompere di regola l’arco cartilagineo e quindi senza incorrere nei rischi delle tecniche interruttive.
Le suture sono impegnative e richiedono tempo per essere apprese,
attenzione e necessitano della comprensione della dinamica della punta.
Sono più semplici da mettere in tecnica aperta che in chiusa, in quanto in
quest’ultima vi possono essere tensioni.
Suturare non significa attaccare una struttura ad un’altra.
Le suture applicano vettori di forza a determinate strutture e sono in
grado di modificare i rapporti di forza tra le varie componenti della punta
arrivando all’obiettivo dell’estetica e migliorano nello stesso tempo proiezione e rotazione. Ma sarebbe un errore pensare che tutto questo è semplice. Uno dei primi autori ad usare le suture fu Berson (1948) che propone nè più né meno che una sutura interdomale7 (Fig. 31).
Fig. 31. Le suture interdomali riportata da Berson
Ma ancora prima di lui Joseph nel 1932 propone una sutura ancora più
complessa e che avrà in tempi recenti piccole modifiche ma non tali da
usurpare, a mio modesto avviso, una lontana quanto geniale paternità.
185
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Anche Joseph, come Kridel, suggeriva, secondo Denecke e Meyer, di
guadagnare proiezione a spese della crus laterale (come peraltro si vede
nella figura originale) preconizzando in quel modo il successivo lavoro di
Kridel (Fig. 32).
Fig. 32. Le suture sec. Kridel
Nel 1989 Kridel infatti propone la tecnica cosiddetta di “lateral crural
steel”9 (Fig. 33).
Fig. 33. Il lateral crural steel riportata da Kridel
Ma tra le tecniche suturative non possiamo dimenticare quelle di
Goldman che negli anni 60 mette a punto una rivoluzionaria modalità di
correggere le punte larghe mediante l’utilizzo di una tecnica interruttiva e
suturativa che dominerà la scena per molti anni e che ancora oggi noi utilizziamo quando siamo di fronte a punte larghe con pelle spessa.
Per capire l’importanza della tecnica di Goldman se non altro come punto
186
La chirurgia della punta
di riferimento nella correzione delle punte larghe bisogna andare al 1985
quando Mc Collough e English pubblicano il loro famoso lavoro sulle
suture delle punte il cui titolo è: “A new twist in nasal tip surgery; an alternative to the Goldman tip for the wide or bulbous lobule”10 (Fig. 34).
Fig. 34. Le suture riportate da Mc Collough ed English
Tecnica suturativa interessante da ricordare nel caso si voglia ottenere
una rotazione della punta è quella di Kridel (1991) che va sotto il nome di
“lateral crural overlay tecnique”11 (Fig. 35).
Fig. 35. La lateral crural overlay tecnique riportata da Kridel
Di seguito vengono illustrate le più comuni modalità di sutura, fermo
restando che è possibile ovviamente usare più suture assieme.
Possibilmente senza complicarsi troppo la vita. Se si usa viceversa una
sutura tipo Joseph, Kridel o Mc Collough, cioè contemporaneamente inter
e transdomale, è ovvio che ne basta una. Se si opta per suture singole o
187
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
multiple conviene sempre, a mio avviso, partire con la interdomale posizionata in modi se si vuole differenti ma sostanzialmente la più semplice
da usare e sulla quale eventualmente costruire con le altre il tipo di forma
e proiezione che si ritiene più opportuno. Purtroppo solo l’esperienza vi
potrà guidare. Per farsela bisogna essere prudenti all’inizio. Il consiglio è
di fare sempre le cose più semplici ed efficaci.
Il primo tipo di suture da ricordare è pertanto quella interdomale (IDS)
(Fig. 36) che riduce appunto la distanza tra i due dome e meglio definisce il contorno della punta. In caso di una punta particolarmente larga e
quindi di una regione del dome particolarmente convessa la sutura più
indicata è quella transdomale (TDS) (Fig. 37) che stringe i due dome singolarmente e riduce lo spazio interdomale. Questa tecnica può essere
eseguita in un tempo unico di sutura, oppure si possono suturare singolarmente i singoli dome per ridurne la convessità e successivamente
associare una sutura interdomale.
Fig. 36. La sutura interdomale (IDS)
Fig. 37. La sutura transdomale (TDS)
La sutura “lateral crural spanning” unisce la porzione cefalica delle crura
laterali ed ha essenzialmente la funzione di stringere la punta e, poiché è
ancorata alla porzione dorsale del setto, contribuisce al supporto della
punta (Fig. 38).
188
La chirurgia della punta
Fig. 38. La lateral crural spanning
Ricordiamo, da ultimo, in quanto la utilizziamo raramente, anche la sutura setto-columellare, che unisce le crura mediali al setto caudale e che
contribuisce al mantenimento della proiezione e della rotazione della
punta (Fig. 39).
Fig. 39. La sutura setto-columellare
E’ necessaria la tecnica aperta per suture o per mettere innesti?
E’ sicuramente più comoda in quanto vi sono meno distorsioni cartilaginee legate al fatto che la punta è bella ferma e simmetrica davanti a te
mentre in tecnica chiusa le alari devono essere “tirate” fuori da un’unica
narice.
189
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Non è tuttavia indispensabile la tecnica aperta. Per chi ha esperienza in
“chiusa” si può fare ugualmente tutto, come facciamo noi e tanti altri da anni.
Mi piace spesso dire che la tecnica aperta, che non è, badate bene, una
tecnica nel vero senso delle parole, ma solamente un tipo di accesso alle
strutture nasali, altro non è che la dimostrazione di quanto sia difficile la
chirurgia della punta nasale.
Alcuni la ritengono più facile da insegnare e da apprendere perché è più
“a vista”. Ho dei dubbi e con me anche Guerrerosantos che propone una
“Open Rhinoplasty without skin-columella incision”12. L’Autore prolunga
l’incisione lungo il margine inferiore delle crura mediali fino a raggiungerne l’estremo inferiore.
LA BASE NASALE LARGA
La chirurgia della base nasale permette di correggere difetti ed asimmetrie coinvolgenti la narice e l’ala nasale. Una accurata diagnosi pre-operatoria permette di programmare una precisa localizzazione ed una corretta estensione delle resezioni da effettuare. Siccome il margine mediale della narice è rappresentato dalla columella, abbiamo preso in considerazione anche alcuni problemi chirurgici di quest’ultima.
Per quanto attiene l’aspetto diagnostico e per chiarezza di impostazione
del problema, vale la pena tenere presente l’inquadramento proposto da
Sheen secondo cui i pazienti che richiedono una resezione dell’ala del
naso possono essere inquadrati in due tipi. Il tipo I hanno una larghezza
normale delle narici ma eccessiva del lobulo. In questo caso solo il lobulo va ridotto senza una riduzione della cute vestibolare. Il tipo II ha una
narice larga associata ad un eccesso del lobulo. In questo secondo caso
la resezione coinvolge sia il lobulo che la cute vestibolare (Fig. 40).
Fig. 40
190
La chirurgia della punta
A queste due prime categorie si possono aggiungere due aspetti patologici sicuramente meno frequenti ma meritevoli di considerazione come:
l’ala nasale lunga e l’ala nasale eccessivamente larga (aspetto che coinvolge frequentemente la base dell’ala nasale)2 (Fig. 41).
Fig. 41. Le resezioni in caso di ala nasale lunga e larga
Il problema della chirurgia della base nasale viene per la prima volta
preso in considerazione da Weir nel 1892. Di seguito si riporta la tecnica
originale7 (Fig. 42).
Fig. 42. La tecnica riportata da Weir
Joseph, successivamente, descrive una tecnica molto simile e indicata
per correzioni più modeste7 (Fig. 43).
Fig. 43. La tecnica riportata da Joseph
191
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Successivamente Sheehan, nel 1936, propone una tecnica molto efficace e che non tocca il solco naso-genieno7 (Fig. 44).
Fig. 44. La tecnica riportata da Sheehan
Seltzer propone una modifica per ali nasali normali ma molto lunghe7 (Fig. 45).
Fig. 45. La tecnica riportata da Seltzer
In caso, viceversa, di ali nasali con attacco estremamente lateralizzato
può essere usata la tecnica proposta da Herlyn e Aufricht di riposizione
mediana7 (Fig. 46).
Fig. 46. La tecnica riportata da Herlyn e Aufricht
192
La chirurgia della punta
Da ultimo vorremmo ricordare che nel caso ci si debba confrontare con
un eccessivo restringimento marinale è sempre da tenere presente la tecnica di Joseph 7 (Fig. 47).
Fig. 47. Tecnica riportata da Joseph
La più comune complicazione di questo tipo di chirurgia è rappresentata
dalla comparsa di un “notching” (una retrazione con infossamento) del
margine narinale.
Alcuni autori hanno proposto di conservare un lembo mediale per evitare
questo problema e cercare di rendere il risultato più naturale2 (Figg. 48-50).
Fig. 48. Notching
Fig. 49. Lembo mediale
193
Fig. 50. Cicatrice finale
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
ADAMSW.P.JR. ROHRICH R.J. COLLIER L.H. MINOLI J. THORNTON L.K. GYIMESI I. Anatomic basis and clinical implications for nasal tip support in open versus closet rhinoplasty Plast Reconstr Surg. 1999 Jan: 103(1):255-61: discussion 262-4.
GUNTER J.P., ROHRICH R.J., ADAMS JR. W.P. Dallas Rhinoplasty. Nasal Surgery
by the masters 2002.
ANDERSON J.R. The dynamics of rhinoplasty, in Proceeding of the Ninth
International Congress in Otorhinolaryngilogy, Excerpta Medica Intrenational
Congress Series 206. Amsterdam, Excerpta Medica, 1969.
HEWELL III T.S., TARDY E. Nasal Tip Refinement Reliable Approaches and
Sculpture Techniques. Facial Plastic Surgery 1-2 Winter 1984 87-136.
PELLEGRINI V.M., PONTI L. La Rinoplastica. 1999
PARELL G.J, BECKER G.D. The “Tension Nose” Anatomy and Surgical Repair.
Facial Plastic Surgery 1-2 Winter 1984.
DENECKE H.J., Meyer R.. Plastic Surgery of Head and Neck. 1967
REES T.D. Aesthetic Plastic Surgery 1980
KRIDEL R.W.H., KONIOR R.J., SHUMRICK K.A., WRIGHT W.K.. Advances in Nasal
Tip Surgery. The Lateral Crural Steal. Arch Otolaryngol Head Neck Surg-Vol 115,
October 1989
MCCOLLOUGH E.G., ENGLISH J.L.. A New Twist in Nasal Tip Surgery An
Alternative to the Goldman Tip for the Wide or Bulbous Lobule. Arch Otolaryngol-Vol
111, Aug 1985
KRIDEL R.W.H., KONIOR R.J.. Controlled Nasal Tip Rotation via the Lateral Crural
Overlay Technique. Arch Otolaryngol Head Neck Surg - Vol 117, April 1991
GUERREROSANTOS J. Open Rhinoplasty without skin-columella incision Plast
Reconstr Surg. 1990 Jun;85(6):955-60.
194
GLI INNESTI
A. Camaioni, V. Damiani
Introduzione
L’inserimento di materiali di varia natura al fine di sostenere o rimodellare le strutture nasali ha per lungo tempo rappresentato una parte integrante delle procedure chirurgiche di rinosettoplastica.
Tuttavia la consapevolezza maturata nei decenni circa i rischi di complicanze quali ad esempio, solo per citare le più frequenti, il dislocamento
degli innesti, il loro riassorbimento e l’eventuale insorgenza di processi
infettivi, unitamente allo sviluppo di nuovi accorgimenti tecnici nell’ambito
delle suture intercolumellari, attualmente in grado di fornire, in molti casi,
un valido supporto e forma alla punta nasale senza dover ricorrere ad
ulteriori inserimenti di materiali, ha limitato l’utilizzo degli innesti a soltanto ben definite e specifiche esigenze9.
In particolar modo, gli innesti trovano, in linea generale, un loro razionale di utilizzo, nell’ambito delle rinoplastiche o rinosettoplastiche primarie,
nei casi in cui sia necessario un riempimento efficace di una perdita o
mancanza tissutale, nell’eventualità in cui sia necessario un rinforzo stabile dell’impalcatura osteo-cartilaginea o quando possano realmente contribuire ad una armonizzazione delle proporzioni nasali (Fig. 1). Un loro
utilizzo trova invece una ben più estesa giustificazione nei casi di rinosettoplastiche di revisione.
Fig. 1
195
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Classificazione (Fig. 2)
Fig. 2
Dal punto di vista classificativo, l’innesto viene distinto in autologo, quando proviene dallo stesso soggetto ricevente, omologo, quando esso proviene da un soggetto della stessa specie del ricevente, eterologo, quando si utilizzano i tessuti di specie differenti da quella del ricevente ed alloplastico, quanto vengono utilizzati materiali di sintesi4.
Focalizzandoci sugli innesti autologhi, i tessuti del paziente più comunemente utilizzati per la ricostruzione di difetti nasali sono l’osso, la cartilagine o, più raramente, la fascia del muscolo temporale (Fig. 3).
Possono inoltre essere allestiti, per ricostruzioni di maggiori dimensioni,
dei lembi dermo-epidermici di rotazione o di scorrimento, oppure dei
cosiddetti “composite free graft” costituiti da innesti liberi di cartilagine e
cute (ad es.: cute più cartilagine del padiglione auricolare per la ricostruzione di deficit alari inferiori a 2 cm2).
Per quanto concerne l’innesto osseo autologo, i siti di donazione a cui più
frequentemente si ricorre sono la lamina perpendicolare dell’etmoide, il
vomere, le ossa nasali proprie o i turbinati1 (Fig. 4).
L’osso autologo così ottenuto è in grado di attecchire senza difficoltà a
patto che sia posto in continuità con l’osso della piramide nasale residuo;
in particolar modo, in base alle esperienze di Muhlbaner, può essere sufficiente il solo contatto con la spina nasale anteriore per garantire una
196
Gli innesti
Fig. 3
Fig. 4
efficace rivascolarizzazione dell’innesto7. Inoltre, non è da trascurare le
possibilità offerte dall’osso spugnoso di cresta iliaca, che trova il suo utilizzo elettivo nella ricostruzione del dorso nasale nei nasi a sella.
Per quanto riguarda, invece, l’utilizzo di innesti di cartilagine autologa, il
197
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
sito donatore più immediatamente efficace e ovvio è il naso stesso, nella
fattispecie della cartilagine quadrangolare e delle cartilagini alari.
La cartilagine autologa nasale è certamente più elastica e meno riassorbibile dell’osso e non pone i sovra citati problemi di rivascolarizzazione; il
limite principale è rappresentato dalla esiguità della cartilagine disponibile, che raramente ne consente un utilizzo per innesti molto ampi.
Specificamente, è possibile utilizzare, senza creare particolari problemi
all’impalcatura nasale, la cartilagine quadrangolare posizionata posteriormente alla linea che congiunge il margine distale delle ossa nasali con la
spina nasale anteriore, mentre i piccoli frammenti ottenuti dal rimodellamento delle cartilagini alari possono essere riutilizzati per correggere
degli eventuali difetti di simmetria delle alari stesse oppure per modificare gli angoli naso-labiale e naso-frontale.
Il secondo sito donatore più frequentemente utilizzato è il padiglione auricolare. A tale livello, il prelievo della conca, della radice dell’elice o dell’elice stessa può essere eseguito agevolmente, senza alcuna modificazione significativa della morfologia del padiglione auricolare e con sequele
cicatriziali praticamente invisibili. Anche a questo livello, il fattore limitante è rappresentato dalle dimensioni dell’innesto ottenibile, che raramente
riesce a superare i 3-4 centimetri di diametro.
Proprio a causa della sua elasticità, l’innesto di cartilagine autologa nasale o auricolare può produrre degli inestetismi tardivi se non si è molto
attenti ad annularne la “memoria” morfologica.
La metodica di rettilinearizzazione della cartilagine che trova i maggiori
consensi consiste nel praticare dei tagli ortogonali tra loro sul lato concavo della cartilagine, conservando il pericondrio del lato convesso che farà
da guida per l’ottenimento del nuovo assetto morfologico.
Infine, le coste (8,9 e 10°) rappresentano un sito donatore di cartilagine
(ialina, non elastica) senza particolari limiti dimensionali.
Tuttavia, la cartilagine costale tende a deformarsi molto facilmente se
tagliata in sezioni troppo sottili; inoltre è poco adatta a sopportare carichi
o trazioni e, a causa della sua struttura microscopica, tende a fratturarsi
più facilmente della cartilagine nasale o auricolare.
Essa trova, quindi, un elettivo campo di applicazione, sagomata a forma
rettangolare oppure a L, soltanto nei casi in cui si voglia fornire un supporto settale nei nasi a sella. E’ buona regola, quando si debba prelevare della cartilagine costale, limitarsi all’utilizzo della sola arcata costale di
destra: si riduce significativamente, in tal modo, il rischio di lesioni del
pericardio o di pericarditi infettive. Non possiamo, poi, non ricordare che
198
Gli innesti
un prelievo di cartilagine costale troppo generoso (senza salvaguardare
almeno 2 mm di cartilagine adiacente alla pleura) e condotto in maniera
non accurata può esporre il paziente a temibili complicanze quali lesioni
pleuriche con il conseguente pneumotorace3.
La fascia del muscolo temporale trova un suo razionale di utilizzo in un
numero ridotto di casi, limitatamente alla riparazione immediata di perforazioni settali o al livellamento di irregolarità del dorso nasale dopo una
gibbotomia, in particolar modo nell’eventualità di una cute sovrastante
molto sottile. La modalità di prelievo è sostanzialmente sovrapponibile a
quella descritta per le procedure chirurgiche di ricostruzione della membrana timpanica.
I lembi autologhi dermo-epidermici, quali ad esempio il lembo nasogenieno ed il lembo fronto-nasale, vengono invece utilizzati per la ricostruzione di perforazioni settali molto estese, per le ricostruzioni totali
della punta o dell’ala del naso a seguito di ampie lesioni traumatiche o
dopo l’asportazione di neoplasie con coinvolgimento cutaneo.
Gli innesti omologhi, sia di osso che di cartilagine, sono stati negli anni
progressivamente abbandonati sia per l’alto tasso di riassorbimento entro
pochi anni dall’inserimento che per il rischio non trascurabile di trasmissione di patologie ad eziologia virale.
In tal senso, riteniamo opportuno ricordare che in molte Nazioni, i pazienti per i quali si preveda di utilizzare durante la procedura chirurgica della
cartilagine autologa, devono firmare di essere stati informati che tale
innesto può essere, in rari casi, causa dell’insorgenza della malattia di
Creutzfeldt-Jacob (o encefalopatia spongiforme sub-acuta).
E’ ovvio che queste problematiche limitano fortemente l’utilizzo degli
innesti autologhi nella chirurgia rinologia.
Per quanto concerne gli innesti eterologhi, (Fig. 5) la cartilagine bovina
irradiata (condroplast), dopo qualche iniziale tentativo di utilizzo è stata
completamente abbandonata perché totalmente, completamente e precocemente (entro 2 anni) riassorbita nella totalità dei pazienti in cui è
stata innestata. Al giorno d’oggi, quindi, la comunità scientifica sconsiglia
l’utilizzo di tale materiale3.
Mantengono, invece, una loro nicchia di utilizzo per il riempimento della
cavità ossee la polvere di corallo e l’idrossiapatite eterologhe per la loro
capacità di favorire una efficace neogenesi ossea.
Infine, sebbene già nell’ormai lontanissimo 1931 Sanvenero scriveva che
“…con una pertinacia spiegata soltanto dalla caratteristica ostinata sopravvivenza di tanti vecchi errori si continua qua e la a parlare della possibilità
199
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 5
di inserire nel naso a scopo protesico materiali inorganici….i tessuti non
vogliono elementi a loro estranei…”8 nel corso dei decenni numerosi materiali alloplastici sono stati proposti con alterna fortuna in ambito ricostruttivo
nasale (silicone, teflon, PVC, nylon, ivalon, alloderm, goretex, ecc).
In linea teorica, l’innesto alloplastico ideale dovrebbe essere chimicamente stabile, resistente al calore, efficacemente sterilizzabile, indeformabile ma modellabile per ottenere la forma idonea alla ricostruzione da
eseguire; inoltre, il materiale di cui è costituito dovrebbe non indurre reazioni antigeniche o da corpo estraneo, non dovrebbe essere citotossico
e, fondamentalmente, non deve essere carcinogenetico6 (Fig. 6).
Tuttavia, a parte gli iniziali entusiasmi, la gran parte dei materiali alloplastici rigidi hanno sempre fornito dei risultati a lungo termine decisamente
inferiori rispetto agli innesti autologhi. In particolar modo, le microlesioni
che si creano a livello delle superfici di contatto tra innesto alloplastico e
tessuti nasali possono portare alla formazione di edemi, ematomi e, successivamente, ulcerazioni e necrosi tissutale con eventuale dislocazione
o, addirittura, estrusione dell’innesto stesso (Meyer, 1988).
Tali problematiche possono essere risolte, o meglio by-passate, con l’utilizzo di materiali alloplastici “morbidi” quali silicone o teflon; in questi casi,
tuttavia, il fluido iniettato può tendere a dislocarsi e a confluire a formare
delle inestetiche tumefazioni localizzate nelle aree più declivi.
200
Gli innesti
Fig. 6
Infine, le poliammidi a struttura reticolare, di recente introduzione, sembrano possedere gran parte dei requisiti ideali degli innesti alloplastici
precedentemente descritti. In particolar modo, la struttura a rete ne consente una efficace integrazione con il tessuto connettivo fibroso, il quale
tendo a proliferare all’interno delle maglie, con l’effetto finale di una atraumatica stabilizzazione dell’innesto stesso. Tuttavia, proprio questo stretto
legame che si crea tra i tessuti nasali e l’innesto, ne rende estremamente difficoltosa la rimozione in caso di necessità2.
Gli innesti: criteri di scelta e problematiche.
Esaurite le problematiche classificative concernenti i diversi materiali utilizzabili per la creazione di un innesto, riteniamo molto utile dal punto di
vista pratico dividere (a prescindere dai materiali utilizzati) gli innesti in
due grandi gruppi: “visibili” o “non visibili”9 (Fig. 7).
Per innesto “visibile” si intende quello posizionato ad immediato contatto con la cute (ad es.: innesti puntali); al contrario, sarà detto “non visibile” l’innesto senza punti di contatto diretto con il rivestimento cutaneo
(ad es.: control columellar strut).
Questa differente modalità di posizionamento rende ragione delle differenti complicanze che possono insorgere nei due gruppi di innesti.
Un innesto “visibile” può essere soggetto ad un malposizionamento o ad
201
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 7
uno spostamento tardivo, presenta una alto tasso di riassorbimento, può,
con una frequenza significativa, infettarsi o essere estruso. Inoltre, non è
evenienza rara che l’innesto possa indurre, per problemi di pressione o di
trazione cicatriziale, una discromia o una vera e propria atrofia della cute
sovrastante (Fig. 8).
Fig. 8
202
Gli innesti
Fig. 9
Al contrario, le uniche reali complicanze dopo l’inserimento di un innesto
“non visibile” possono essere il malposizionamento o il riassorbimento
tardivo dello stesso4 (Fig. 9).
Abbiamo finora passato in rassegna le differenti tipologie di innesti, e le
varie possibilità applicative; ma, quali sono i fattori che condizionano, poi,
nella pratica clinica la scelta dell’innesto? (Fig. 10)
Certamente l’esame clinico delle strutture nasali da correggere, e degli
eventuali deficit da colmare, deve rivestire un ruolo di primo piano nella
nostra scelta; in particolar modo, dovranno essere valutate, affinché il
nostro intervento sia efficace, sia le singole componenti anatomiche
(assenza, deformità, adeguatezza strutturale, ecc) sia i rapporti che intercorrono tra di esse in termini di linee di forza e di tensione strutturale.
Lo stato ed il trofismo del letto ricevente, così come lo spessore della cute
Fig. 10
203
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
sovrastante (in caso di innesti “visibili”) sono anch’essi elementi degni di
considerazione.
Allo stesso modo, il fatto di trovarci di fronte ad un naso vergine o già
operato, magari più volte, può, e deve, condizionare la nostra scelta dell’innesto da usare.
Infine, l’ultimo, ma non ultimo, elemento che condiziona la scelta è sicuramente l’abitudine/attitudine dell’operatore: ogni tipologia di innesto
necessita, infatti, di una learning curve specifica e la chirurgia nasale si
presta, più di altre, a dare spazio all’estro individuale ma, certamente,
non all’improvvisazione.
204
Gli innesti
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
Adams J.S. Grafts and implants in nasal and chin augmentation. Otolaryngol Clin
North Am 1987; 20: 913-20.
Fibbi A. Innesti e trapianti nelle rinosettoplastiche primarie e secondarie. XV convegno di aggiornamento AOOI, Maratea, 1991.
La Rosa R., Fibbi A., Staffieri A. Chirurgia funzionale ed estetica del naso Ed.
Planning Congressi, 2000.
Manzini M., Carissimi A., Alicandri Ciufelli C., Camaioni A., Mastrogiuseppe G., Radici
M., Spinazzola G. Manuale di Chirurgia del naso. 2004.
Meyer R. Secondary and functional rhinoplasty. The diffucult nose. Grune & Stratton
inc. Orlando, 1988.
Micheli-Pellegrini V. Passato, presente e futuro dei materiali alloplastici in chirurgia
estetica. Min Chir 1983; 38:871-82.
Muhlaber W. Secondary and revisional rhinoplasty. In Rees T.D. Rhinoplasty problems and controversies, 1988: 299-312.
Sanvenero -Rosselli G. Chirurgia plastica del naso. Roma, 1931.
Tebbetts. JB. Primary rhinoplasty. A new approach to the logic and techniques.
Mosby, 1998.
205
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
206
IL NASO TORTO
M. Manzini, A. Carissimi, G. Mastrogiuseppe
La correzione di un naso torto è difficile poiché solitamente coesistono
problemi funzionali ed estetici. Cerchiamo di solito di correggere il naso
torto in un unico tempo chirurgico ma è sicuramente saggio prospettare
al paziente la possibilità di un secondo tempo. Per ottenere una buona
correzione di un naso torto in un tempo unico è necessaria un’ottima
conoscenza dell’anatomia e della fisiologia nasale, fare una accurata diagnosi preoperatoria e poter contare su di una ampia possibilità di ulteriori adattamenti tecnici intraoperatori. Le basi anatomiche della deviazione
possono essere riferite alla componente ossea e cartilaginea, oppure ad
una prevalente deformità settale che è sempre presente nel naso torto.
L’eziologia può essere congenita o acquisita, secondaria a trauma o a
pregressa chirurgia.
Le deviazioni anteriori del setto nasale sono spesso associate a deviazioni della piramide. Le deviazioni possono interessare ciascuna delle tre
componenti verticali del naso determinanti:
1. Deviazioni della componente cartilaginea; in questi casi la piramide
ossea è in asse, mentre è presente una deviazione del setto e della
volta cartilaginea
2. Deviazioni della componente ossea superiore verso un lato mentre la
componente cartilaginea inferiore è deviata verso il lato opposto
3. La deviazione del terzo medio della piramide nasale è in senso opposto rispetto al terzo superiore ed al terzo inferiore1 (Fig. 1).
Fig. 1. Le variabili deviazioni della piramide
207
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Sulla base di queste premesse possiamo distinguere quattro tipi fondamentali di naso torto:
1. Volta ossea diritta e deviazione della volta cartilaginea (deformità settale maggiore);
2. deviazione a “C” (destroconvessa) rappresentata da una deviazione
sia della parte ossea che di quella cartilaginea della volta;
3. deviazione a “C” rovesciata (sinistroconvessa);
4. deviazione ad “S” della volta ossea e cartilaginea.
Nella pratica è fondamentale distinguere, tra le deviazioni della parte inferiore della volta, quelle dovute esclusivamente ad una deviazione settale
da quelle che, viceversa, sono legate ad una deviazione complessa
osteo-cartilaginea.
Nell’ambito delle deviazioni dei 2/3 inferiori della piramide legate a problemi del setto distinguiamo:
1. deviazione prevalente della porzione caudale del setto che compromette la respirazione per una stenosi della valvola esterna2 (Figg. 2-3);
2. deviazione del setto ad “S” sul piano assiale che è la più difficile da
correggere perché necessita di maggiori interventi estetici a livello
della volta (Fig. 4).
Fig. 2. Deviazione della porzione caudale del setto
Fig. 3. Le valvole nasali
208
Il naso torto
I nasi torti legati invece ad una convessità di tipo osteo-cartilagineo, oltre
ovviamente alla correzione del setto e/o della volta cartilaginea, richiedono una particolare attenzione nella programmazione ed esecuzione delle
osteotomie e della gibbotomia (eventuale).
Fig. 4. Spreader graft
Nei nasi deviati spesso va ricreato:
1. un valido supporto settale;
2. una altrettanto valida proiezione della punta (soprattutto ove esista
una lussazione del margine caudale).
L’altezza e la regolarità della metà inferiore della volta richiedono a volte
l’utilizzo di spreader grafts (Fig. 4) ottenuti dalla parte inferiore della quadrangolare (condrotomia inferiore) e modellati con una lunghezza di circa
3-3,5 cm. per 0,5 cm. di spessore.
Possono essere suturati (PDS 4 zeri) al di sotto o leggermente al di sopra
del margine superiore del setto (Fig. 5)2 (mono o bilateralmente) a seconda se si richiede o meno un camouflage monolaterale.
Fig. 5. Spreader graft al di sotto o al di sopra del margine superiore del setto
209
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Gli Spreader Grafts:
• Mantengono e/o ricreano l’integrità della valvola interna
• Ricreano l’estetica e la rettilineità del dorso
• Mantengono nel tempo il supporto del setto.
Nel caso di deviazioni del dorso osseo è importante programmare e
conoscere bene l’utilizzo delle osteotomie basali e paramediane, quasi
sempre indispensabili per ricreare una perfetta simmetria della volta
ossea.
Se, inoltre, si deve rimuovere un gibbo, è necessario tenere presente l’orientamento delle pareti laterali ossee della volta, tanto più quanto più
accentuata è la loro asimmetria (Fig. 6).
Fig. 6. L’orientamento della osteotomia in caso di asimmetria delle pareti della piramide
L’osteotomia mediana o paramediana è spesso necessaria per ricreare la
simmetria della piramide.
La diagnosi è di primaria importanza nei nasi torti. Come già esposto in
precedenza, ma a maggior ragione, il naso deve essere diviso in terzi,
con il terzo superiore supportato da osso ed i 2/3 inferiori supportati da
cartilagine. La differenza di composizione tra il terzo superiore ed i 2/3
inferiori richiede diversi metodi di trattamento tenendo ben presente che
le maggiori difficoltà si incontrano nei 2/3 inferiori per via della “memoria”
cartilaginea e dell’aspetto delle “tensioni” intrinseche molto sviluppate in
questa sede.
La prima cosa da prendere in considerazione è la necessità di rimuovere un gibbo. In questo caso la gibbotomia è fondamentale e va fatta prevedendo il successivo riallineamento della volta. Se esiste una deviazione della volta ossea sono sempre da raccomandare osteotomie basali e
mediali che assicurano di solito il corretto riallineamento della volta (eventualmente con le basali su più livelli dal lato della convessità).
Non infrequentemente, infatti, osteotomie inadeguate o “greenstick” pos210
Il naso torto
sono far sì che durante il periodo post-operatorio la volta ossea torni a
deviarsi per la “memoria” tessutale ossea.
Spesso le osteotomie basali multiple possono causare una “frammentazione” della parete laterale che non rappresenta tuttavia un problema
soprattutto se non si è sollevato preliminarmente il periostio.
Nella maggior parte dei nasi torti i 2/3 inferiori sono coinvolti nella deviazione. In questo caso le triangolari vanno staccate dalla quadrangolare
per togliere le inevitabili tensioni e garantire un corretto e persistente riallineamento.
Nel caso, tuttavia, si tema un collasso delle triangolari (Fig. 7)2, una volta
distaccate dalla quadrangolare.
È indispensabile l’utilizzo di uno spreader graft per evitare una stenosi
valvolare.
Fig. 7. Collasso delle triangolari
Nel sospetto di un collasso delle triangolari, bisogna suturale al setto (con
un eventuale spreader graft monolaterale (Fig. 8) ove esiste una parete
laterale inferiore fragile) immediatamente sopra all’angolo settale anteriore.
Fig. 8. Posizionamento dello spreader graft
211
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
E’ ovvio che il miglior controllo e posizionamento degli spreader si ha in
tecnica aperta ove è scuramente migliore la visione da sopra e più semplice la conservazione del rivestimento mucoso.
Nel caso di un difetto residuo, solitamente dal lato concavo della piramide, può essere usato un “onlay cartilage graft” lateralmente (al di sopra)
della triangolare (c.d. camouflage) che è semplice da effettuare anche in
tecnica chiusa. Particolare attenzione infine va posta al terzo inferiore
della volta. Quando la porzione caudale del setto è fortemente deviata, vi
è una considerevole perdita di supporto e di proiezione della punta. In
particolare quando l’angolo settale inferiore è sublussato dalla cresta
mascellare è necessario riposizionarlo e fissarlo alla regione della spina
nasale (Fig. 9)2.
Fig. 9. Lussazione del setto e sua correzione con ancoraggio alla spina
Nel caso di una significativa perdita di proiezione della punta, un batten
suturato tra le crura mediali (Fig. 10) apporta un considerevole aumento
del supporto e della proiezione, soprattutto se associato a tecniche suturative delle alari (delivery).
Fig. 10. Batten ancorato tra le crura mediali
212
Il naso torto
Infine va sempre ricordato di come un forte “pilastro” inferiore possa
essere ottenuto con una tecnica interruttiva e suturativa (Goldman).
Ultima possibilità per incrementare la proiezione e il supporto della punta
è il “shield shaped tip graft”. Semplice da posizionare in tecnica aperta,
assicura un notevole incremento di proiezione e simmetria assoluta ove
non vada incontro a deposizionamenti, anche modesti, che ne compromettano la stabilità (rischio legato al fatto di essere posizionato a contatto della cute, contrariamente al batten intercolumellare) in una sede particolarmente esposta a piccoli traumatismi.
Le osteotomie
Premettendo che non in tutti i casi di rinoplastica sono necessarie le
osteotomie o comunque non entrambe le osteotomie basali e/o mediali
(paramediali). E’ viceversa importante capire quante e quali osteotomie
sono indicate ed eseguirle correttamente. Nella stragrande maggioranza
dei casi le osteotomie vengono eseguite per correggere l’ ”open roof
deformity” che consegue alla rimozione del gibbo. Oltre che per questo
motivo le osteotomie vengono eseguite per stringere una volta osteo-cartilaginea larga e raddrizzare un naso torto. Le osteotomie cui facciamo
riferimento sono: la laterale, la mediale e la doppia osteotomia basale.
Non eseguiamo di solito l’osteotomia traversa che comunque ricordiamo
per motivi di completezza. I casi in cui può essere conveniente non eseguire le osteotomie anche dopo la rimozione del gibbo sono i casi di ossa
nasali sottili o particolarmente brevi ed in pazienti anziani. In questi casi
la chiusura dell’open roof si esegue usando un dorsal graft o uno spreader graft.
Le osteotomie possono essere eseguite sia per via interna che mediante
un approccio esterno.
La osteotomia che noi eseguiamo di regola è la basale che ha la sua indicazione principale nel chiudere l’open roof e nel correggere il naso torto.
Eseguiamo di solito l’osteotomia basale in tre modi differenti a secondo
delle necessità: tipo 1 dal basso in alto, tipo 2 osteotomia bassa, tipo 3
osteotomie multiple2 (Fig. 11).
Tutte queste osteotomie possono essere completate con le osteotomie
mediali, trasverse o con “greenstick fracture” nel segmento osseo superiore.
213
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 11. Le osteotomie basali
Si procede in pratica con l’osteotomia lungo la branca montante del
mascellare verticalizzando progressivamente l’osteotomo che risale sino
ad un punto di mezzo tra il nasion ed il canto interno, senza mai superare verso l’alto questo punto3 (figg. 14-15). Senza muovere lo scalpello,
ma usandolo come leva, completiamo la frattura della parete laterale
nasale con un movimento di pressione dello stesso verso l’interno. Se
non riteniamo sufficiente la frattura così ottenuta, completiamo la stessa
con una “greenstick fracture” del segmento osseo superiore.
E’ questa è la frattura che usiamo più di frequente per chiudere l’open
roof. Questa è in pratica la frattura del tipo “low to high”, che è la più
usata. Nel caso di nasi particolarmente larghi eseguiamo viceversa una
frattura “low to low” che va necessariamente completata con una frattura
paramediana in modo tale da produrre una completa mobilizzazione delle
pareti laterali del naso che permette di riposizionarle stringendo maggiormente la volta. Le fratture multiple vanno ovviamente associate
anch’esse ad una paramediana e si rivolgono in particolar modo ai nasi
torti e specificamente alla parete convessa del naso torto che è quella
che richiede un riposizionamento mediale più accentuato.
In pratica eseguiamo l’ostetomia basale identificando mediante lo speculum l’apertura piriforme, incidendo la cute al di sopra di questa immediatamente al disotto della testa del turbinato inferiore e quindi impegniamo
lo scalpello protetto di 4 mm. in senso orizzontale. Procediamo quindi per
circa un centimetro lateralmente in modo tale da conservare uno “sperone” osseo (cosiddetto Webster triangle) in corrispondenza della regione
valvolare2 (Fig.12). Questo ci salvaguarda da eventuali collassi di questa
importante area.
214
Il naso torto
Fig. 12. Il triangolo di Webster
Poi si prosegue con un movimento di rotazione progressiva dello scalpello che da orizzontale diventa verticale fino a raggiungere il punto di
mezzo tra nasion e canto interno tenendo ben presente che l’osteotomia
basale non deve risalire oltre la linea intercantale. A questo punto, con un
movimento di leva sullo scalpello verso l’interno, si completa la frattura
del segmento osseo supero-mediale. Il chirurgo deve stare ovviamente
“basso” con l’osteotomia, risalendo lungo la branca montante del mascellare per evitare la formazione dello step (scalino) che si evidenzia nel
caso di una osteotomia basale alta. Non eseguiamo tunnel sottocutanei
in corrispondenza del percorso dell’osteotomia proprio per evitare danni
a carico dei tessuti molli e in particolare del periostio la cui integrità è
importante nel processo di guarigione della frattura. In pratica il chirurgo
controlla la progressione dello scalpello palpandone la piccola protezione
al di sotto della cute mentre l’aiuto utilizza il martello secondo la modalità
della doppia percussione (tap-tap). In casi di ossa nasali sottili e di cute
anch’essa sottile eseguiamo l’osteotomia basale con un osteotomo di 3
mm. non protetto. La low to low viene eseguita con le stesse modalità pur
avendo un’indicazione diversa. In questo caso infatti è necessario il completamento mediante una frattura paramediana che va eseguita sempre
prima della basale perché in questo modo si agisce su una struttura
ancora completamente rigida. L’osteotomia paramediana va eseguita con
215
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
una direzione leggermente verso l’esterno in modo tale da raggiungere la
linea di frattura basale. Così facendo non eseguiamo mai una frattura trasversa. In certi nasi torti può essere sufficiente una sola frattura basale,
per cui non è necessario eseguirne sempre due. L’osteotomia mediale
viene definita come la separazione delle ossa nasali dal setto osseo2 (Fig.
13).
Fig. 13. Le osteotomie mediali
Nella nostra esperienza la maggior parte delle rinoplastiche non richiedono di regola l’esecuzione di questo tipo di osteotomia. Vengono eseguite di solito dopo la rimozione di un gibbo particolarmente ampio e sempre prima della osteotomia basale eseguita di solito secondo la tecnica
low to low.
Un’altra evenienza in cui l’osteotomia mediale è particolarmente utile è
nel caso di ossa nasali particolarmente spesse in cui una greenstick fracture non ci garantisce una corretta medializzazione delle pareti laterali
ossee della volta.
In pratica l’osteotomia mediale è importante per controllare la linea di frattura della parte superiore della volta, particolarmente in pazienti con ossa
nasali spesse e volte nasali particolarmente ampie. L’osteotomia mediale si può dividere in obliqua e paramediana (Fig.13).
Anche questa osteotomia che noi eseguiamo di solito con uno scalpello
non protetto di 5 mm. non deve estendersi al di sopra della linea intercantale per l’eccessivo spessore dell’osso in questa sede e le difficoltà
tecniche correlate.
L’ osteotomia basale doppia si rivolge soprattutto alle pareti laterali asimmetriche.
216
Il naso torto
Il caso più tipico è la maggior convessità di una parete laterale rispetto
alla controlaterale, evenienza tipica dei nasi torti.
La superiore delle due osteotomie viene solitamente condotta nel solco
naso-genieno e viene eseguita per prima.
E’ importante eseguire per prima la superiore per garantirsi un osso sottostante stabile da tagliare successivamente. In questo modo vengono
controllate anche le pareti nasali ossee particolarmente convesse.
Fig. 14. Osteotomia basale
Fig. 15. Movimento dell’osteotomo
Protocollo operativo
1° tempo: settoplastica secondo la tecnica abituale (vedi capitolo dedicato) con particolare attenzione a 1) riallineare e fissare il margine caudale,
2) swinging door e tecnica dei pilastri di Goldman nel caso di deviazioni
217
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
complesse ad S sul piano coronale 3) eventuale spreader graft ed accurato fissaggio del setto (suture).
2° tempo: gibbotomia/osteotomia secondo le indicazioni precedenti
3° tempo: riallineamento della punta e ripristino di una adeguata proiezione/supporto mediante il quasi costante utilizzo di batten e suture (delivery)
4° tempo: controllo dei turbinati (eventuale turbinoplastica in quanto nei
nasi torti è spesso presente una ipertrofia compensatoria monolaterale
dei turbinati che del resto è la regola nei setti molto deviati) e accurate
suture con rimozione degli eccessi mucosi.
5° tempo: medicazione, tamponamento e contenzione, una volta certi che
tutte le tensioni siano state rimosse.
218
Il naso torto
Bibliografia
1
2
3
SCOTT-BROWN W.G.: Otolaryngology Fifth Edition, 1987
GUNTER J.P., ROHRICH R.J., ADAMS JR. W.P.: Dallas Rhinoplasty. Nasal Surgery
by the Masters, 2002.
REES T.D.: Aesthetic Plastic Surgery, 1980
219
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
220
IL NASO A SELLA
M. Manzini, M. Radici
Il naso a sella è una deformità della piramide nasale che pone a volte
severe difficoltà di correzione. E’ caratterizzato da una più o meno accentuata depressione della piramide ossea e/o cartilaginea. Il naso a sella è
un aspetto della patologia nasale sempre meno ricorrente nella grande
varietà di patologie nasali comunemente trattate nella nostra casistica.
Questo perché le più comuni cause che portano alla comparsa di una
“sella”, ovverosia le patologie sistemiche e le patologie traumatiche non
ben trattate in età pediatrica, si sono nettamente ridotte. La maggior parte
dei nasi a sella sono attualmente di natura traumatica o iatrogena (postchirurgici). In un naso a sella naturalmente coesistono problemi d’ordine
estetico e funzionale.
E’ importante una corretta analisi delle caratteristiche del naso a sella in
quanto da essa dipende il tipo di approccio chirurgico e la scelta delle
misure da adottare per la sua correzione.
Distinguiamo quattro tipi fondamentali di naso a sella (Fig. 1):
• naso a sella osteo-cartilagineo
• naso a sella osseo
• naso a sella cartilagineo
• sindrome del naso basso e largo
Nel primo tipo sono interessati sia la componente cartilaginea che quella
ossea della volta e la chirurgia prevede una ricostruzione del setto, un
restringimento ed innalzamento della volta mediante le osteotomie, infine
un innesto del dorso. Nel secondo tipo, di riscontro più raro e per lo più
legato a traumi della regione ossea fronto-nasale, vi è un insellamento
solo della componente ossea che va corretto mediante le osteotomie e gli
innesti, senza la necessità di una chirurgia della componente cartilaginea. Nel naso a sella cartilagineo la piramide cartilaginea può essere più
o meno depressa e slargata. Spesso esiste una discontinuità tra volta
ossea e cartilaginea ed uno “step” è visibile in tale regione (area K). Vi è
inoltre una perdita di proiezione e di supporto della punta dovuta a danni
a carico del setto sia di natura traumatica sia, più spesso, in rapporto ad
una chirurgia del setto non rispettosa della regione anteriore all’area K
(resezione sottomucosa di Killian). In questi casi la correzione chirurgica
sarà incentrata sulla ricostruzione del supporto del setto e sul rimodella221
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
mento mediante l’uso di innesti del dorso. Nel caso della sindrome del
naso basso e largo tutta la piramide è severamente schiacciata, il lobulo
è largo e corto e la punta ha perso la sua proiezione, le crus laterali sono
particolarmente convesse e le narici arrotondate. Il setto è gravemente
compromesso. In questo caso la fase ricostruttiva coinvolgerà tutte le
componenti danneggiate.
Fig. 1. I quattro tipi fondamentali di naso a sella
A dire il vero sono anni che non dobbiamo più trattare patologie talmente accentuate per le quali sia necessario ricorrere alla cartilagine costale
per avere materiale sufficiente ad una completa ricostruzione. Il materiale di prima scelta utilizzato nella correzione del naso a sella è pertanto la
cartilagine settale che posizioniamo solitamente in tecnica chiusa senza
nessun problema tecnico potendola facilmente fissare sia superiormente
che inferiormente sul dorso nasale.
222
Il naso a sella
Importante, quando si esegue il prelievo, è rispettare un pilastro anteriore della cartilagine quadrangolare (Fig. 2).
Fig. 2. La sede del prelievo di cartilagine dal setto
Raramente, in genere nei casi post-chirurgici, non è possibile disporre
della cartilagine quadrangolare per cui ricorriamo al prelievo di cartilagine autologa del padiglione auricolare, disponibile sempre in quantità
abbondante (Fig. 3).
Fig. 3. La sede del prelievo dal padiglione
223
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Nei casi in cui vi sia bisogno di un innesto cartilagineo particolarmente
spesso, associamo la cartilagine quadrangolare a quella del padiglione
con una tecnica a sandwich (Fig. 4).
Fig. 4. Tecnica di innesto a "sandwich"
Nei casi in cui non vi sia disponibilità di cartilagine autologa o il difetto da
colmare sia particolarmente importante, piuttosto che la cartilagine costale il cui prelievo non è sempre “apprezzato” dal paziente, abbiamo iniziato ad usare l’alloderm che ha delle ottime caratteristiche come materiale
di sostituzione dei tessuti molli, in particolare è biocompatibile, non è particolarmente costoso, non è immunogenico, non è riassorbibile ed è di
facile conservazione.
224
LA RINOPLASTICA APERTA
M. Radici, G. Bicciolo, F. Lamanna, L. Firrisi
INTRODUZIONE E STORIA
La rinoplastica aperta costituisce un metodo diverso, alternativo rispetto
alla tecnica “chiusa” (o endonasale). Non si tratta, comunque, di una
“nuova” tecnica per eseguire una rinoplastica. Il primo, infatti, a descrivere un accesso esterno fu Rethi nel 1934, che eseguì una incisione a livello della giunzione labio-columellare con sezione della columella e tramite una semplice trazione sulla stessa e conseguente elevazione della
punta del naso ottenne un’accesso allo scheletro nasale. Tale accesso fu
molto criticato in origine, perché considerato troppo aggressivo rispetto
agli accessi tradizionali e le sue indicazioni furono limitate solo ad alcuni
casi particolari con varianti anatomiche non comuni. Nel 1957 Sercer
modificò l’incisione eseguendo la classica incisione transcolumellare
unita ad incisioni marginali bilaterali sugli angoli caudali delle crura
mediali e laterali, si liberava così la cute della columella sopra l’incisione,
ottenendo l’accesso all’anatomia nasale nella sua totalità (Figg.1-2). Tale
metodica fu successivamente perfezionata da Padovan, studente di
Sercer, e da Goodman che la diffusero in Europa e nel Nord-America.
Negli ultimi venti-trenta anni diversi Autori, si sono progressivamente convinti della validità della tecnica “aperta”. La tecnica “chiusa” costituisce di
Fig. 1. Incisione di Sercer
225
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 2. Si libera la cute e la columella sopra l’incisione
fatto un intervento condotto “alla cieca” e di ciò è ben consapevole la
maggior parte dei chirurghi. La rinoplastica “aperta”, invece, permette la
visualizzazione diretta delle strutture scheletriche osteo-cartilaginee del
naso, delle deformità nasali e di apprezzare in maniera immediata gli
effetti delle misure correttive impiegate, dunque costituisce un procedimento più preciso, poichè si svolge sotto il controllo visivo.
Vantaggi
Tale tecnica ci permette di esporre e valutare in maniera più precisa ogni
deformità delle cartilagini della punta nasale, della piramide osteocartilaginea e del setto nasale. La visione diretta permette una precisione maggiore nella correzione delle asimmetrie delle cartilagini alari, del profilo
nasale, un controllo più accurato della stabilità degli innesti e una maggiore facilità nell’accesso al setto più di quanto non si possa fare con la
tecnica endonasale. E’ bene informare il paziente correttamente circa il
tipo di incisione che si intende effettuare, e che la cicatrice columellare
sarà quasi invisibile. Superata tale residua perplessità è possibile affermare che l’approccio esterno può essere applicato con successo in ogni
tipo di rinoplastica.
Esistono, tuttavia, delle condizioni in cui esso trova elettiva applicazione:
- correzione combinata di estese deformità della piramide nasale e del
setto;
- riparazione di reliquati fratturativi di vecchia data;
226
-
La rinoplastica aperta
rinosettoplastiche secondarie;
presenza di eccesso di tessuto molle nella regione sopra puntale;
correzione di deformità insorte in portatori di labiopalatoschisi o altre
malformazioni associate della faccia;
deformità delle cartilagini alari;
negli esiti sgradevoli di innesti osteo-cartilaginei o impianti di biomateriali a livello della punta, della columella e dell’angolo naso-labiale.
Svantaggi
- Cicatrice esterna columellare: la critica più grande che viene rivolta
alla rinoplastica aperta è la presenza della cicatrice esterna columellare che invece viene evitata nella tecnica “chiusa”. Alcuni Chirurghi
sono contrari ad effettuare l’incisione columellare temendo cicatrizzazioni anormali con conseguenti retrazioni e formazione di cheloidi. Se
è vero che solo raramente la cicatrice columellare può dare dei problemi (meno dell’1% dei casi) specie se si pone cura nella esecuzione della incisione e nella sua sutura, è anche vero che ad ogni incisione corrisponde una cicatrice più o meno invisibile e più o meno
ipertrofica che comunque si modificherà nel tempo e che può dare dei
risultati estetici non prevedibili. Bisogna tenere presente che nessun
chirurgo, anche il più esperto è in grado di garantire una “bella cicatrice”.
- Alterata anatomia del lobulo infrapunta e delle porzioni caudali delle
cartilagini alari: un’altra obiezione che si fa a questa tecnica è legata
al fatto che se si procede allo scollamento esteso della cute dalle cartilagini alari diminuisce il controllo del chirurgo sui processi di guarigione. Si altera così l’anatomia del lobulo infrapunta e delle porzioni
caudali delle cartilagini alari che in alcuni pazienti sottoposti a rinoplastica sono del tutto normali e che a seguito dell’intervento possono risultare alterate.
- Edema post-operatorio prolungato: in particolare nei pazienti con cute
spessa, specie se i tempi chirurgici sono dilatati e se si produce un
eccessivo trauma per trazione e manipolazione sul lembo e sulla
punta nasale.
- Difficoltà nel riposizionare il lembo di cute: allorché si viene ad avere
un edema del lembo cutaneo si avrà una difficoltà maggiore nel valutare il rapporto finale tra punta e sovrapunta.
- Considerando che nella rinoplastica aperta si procede ad un esteso
scollamento dei tessuti sottocutanei si procederà alla fissazione di
227
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
qualsiasi innesto di modellamento o di sostegno allo scheletro nasale
mediante suture: molto spesso gli innesti vengono fissati previa preparazione di una adeguata tasca e senza l’utilizzo di suture, se ciò
non è possibile e in mancanza di colle tessutali adeguate si mette a
rischio in alcuni casi la fissazione adeguata degli innesti.
INCISIONE E SCHELETRIZZAZIONE
L’incisione cutanea paracolumellare trasversa esterna rappresenta il
segno distintivo della rinoplastica eseguita con tecnica aperta, e permette di avere un’esposizione migliore delle strutture osteocartilaginee della
piramide nasale.
Prima di effettuare tale incisione è opportuno eseguire le incisioni marginali (o infracartilaginee) a seguire il margine inferiore delle cartilagini alari,
ad incominciare dalla crus laterale, per arrivare al dome e concludersi a
livello columellare inferiormente alla crus mediale. Per effettuare tali incisioni, può essere utile prendere in considerazione la linea di inserzione
delle vibrisse, rappresentante la proiezione sulla cute vestibolare del margine inferiore della cartilagine alare. Mediante tali incisioni si può eseguire un classico scollamento dei tessuti sovracartilaginei ed esporre così le
crura laterali ed i dome.
A questo punto si esegue l’incisione cutanea paracolumellare trasversa
esterna, lievemente al di sopra del margine caudale delle crura mediali.
Condurre l’incisione columellare al di sotto di tale limite costituisce un
errore, in quanto l’assenza di un sostegno cartilagineo potrebbe provocare problemi in fase di cicatrizzazione con rischio di retrazioni e distorsioni. Tale incisione può essere rettilinea (incisione tipica di Rethi) o a V
rovesciata (variante di Sercer e Goodman) (Fig. 1) per permettere una
maggior precisione di riaccollamento durante la sutura; in questo modo si
vengono a creare 3 punti di riferimento per la successiva fase di riaffrontamento dei margini di sezione. Unendo tale incisione alla due marginali
infracartilaginee precedentemente effettuate, si ottiene una incisione
come da Fig. 1.
Eseguire lo scollamento delle crura laterali e dei dome prima di sollevare
la cute columellare, permette di eseguire un accesso aperto in maggiore
sicurezza.
Una volta effettuate tali incisioni, mediante un bisturi lama N. 15 o
mediante una forbice di Iris, i tessuti molli vengono progressivamente
scollati ed elevati dalle strutture cartilaginee della piramide nasale
mediante un uncino doppio. La scheletrizzazione dei dome e della zona
228
La rinoplastica aperta
interdomale può essere eseguita con forbice di Fomon. Il piano di dissezione è immediatamente sovrapericondrale, come nell’accesso delivery,
e al di sotto delle strutture vascolari e muscolari della volta nasale. Ciò
permette di contenere il sanguinamento intraoperatorio e le reazioni cicatriziali postoperatorie.
Il lembo cutaneo viene così liberato e messo in continuità con la porzione di lembo precedentemente effettuata.
Nelle rinoplastiche correttive eseguite in caso di evidenti malformazioni
come nasi a sella o storti per cause cicatriziali, così come in presenza di
labbro leporino, l’incisione classica di Rethi può essere approfondita in
maniera da incidere e sezionare completamente le crura mediali e quindi congiunta con le incisioni intercartilaginee (incisione e decorticazione
estesa di Mayer). Il lembo di ribaltamento del lobulo così ottenuto contiene la porzione anteriore delle crura mediali. In tal modo si può esporre più
facilmente non solo l’intera crus laterale, ma anche i dome capovolti e la
porzione anteriore della columella. Mediante questa tecnica di accesso si
esegue uno scollamento per via retrograda delle crura laterali delle cartilagini alari e si ottiene una miglior visione della base columellare in modo
da semplificare l’eventuale inserimento di innesti cartilaginei di sostegno
(Fig. 3).
Fig. 3. Incisione e decorticazione estesa di Mayer
229
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
In caso di cheiloschisi si può ottenere una miglior esposizione delle cartilagini alari eseguendo una incisione secondo Potter in cui dopo aver
inciso l’intera columella lungo il suo perimetro si continua l’incisione lungo
il margine inferiore del dome e della crus laterale bilateralmente. Con tale
metodica il lembo di ribaltamento contiene tutta la cute che ricopre la
columella (Fig. 4).
Fig. 4. Incisione di Potter
Nei pazienti portatori di labbro leporino con deformazione unilaterale del
naso è indicata anche una incisione “flying bird” secondo Erich che permette una corretta visualizzazione delle crura laterali e una maggior facilità nella correzione delle asimmetrie della punta (Fig. 5).
Eseguite le incisioni e l’isolamento delle cartilagini alari, si procede alla
scheletrizzazione della volta nasale secondo le consuete metodiche.
Durante la procedura di scollamento sottopericondrico e sottoperiosteo è
importante ricordare come le cartilagini triangolari possano inserirsi al di
sotto delle ossa nasali per una lunghezza variabile da 2 a 11 millimetri
come dimostrato nel 1951 da Straatsma e Straatsma; questo per non
commettere l’errore durante le manovre di scheletrizzazione di distaccare con lo scollatore le cartilagini triangolari dalle ossa nasali.
Superiormente occorre raggiungere la sutura naso-frontale; tale limite
deve essere raggiunto per avere uno spazio adeguato per l’esecuzione
230
La rinoplastica aperta
Fig. 5. Incisione di Erich
della gibbotomia e delle osteotomie mediane per via sottoperiostea senza
lacerazioni periostali.
E’ di fondamentale importanza la conservazione di quanto più periostio
possibile. Ciò previene la formazione di irregolarità ossee e/o cartilaginee
dopo la gibbotomia e, interponendosi tra mucosa nasale e tessuto sottocutaneo, la formazione di antiestetiche pinzature cutanee.
La cute al di sopra della incisione columellare è elevata dalla parte caudale delle crura mediali delle cartilagini alari, dai dome, dal corpo delle
crura mediali e dalle cartilagini triangolari.
Il setto può essere esposto o dal basso o dall’alto (previo distacco delle
cartilagini triangolari con una forbice tagliente o con un bisturi lama N.11).
GIBBOTOMIA
L’estensione della gibbotomia deve essere attentamente valutata in sede
pre-operatoria, insieme al paziente. I punti di repere da tenere in considerazione sono l’angolo naso-frontale e la proiezione della punta con la
linea retta passante tra questi due punti. Ogni struttura osteo-cartilaginea
presente al di sopra della suddetta linea deve essere rimossa; alcuni chirurghi preferiscono disegnare tale “confine” sulla parete laterale della
piramide nasale prima di procedere con qualsiasi manovra di resezione
osteo-cartilaginea. Per fare ciò è necessario realizzare due tunnel scollando la mucosa in corrispondenza della giunzione tra cartilagini triangolari e setto.
La gibbotomia va generalmente eseguita in due tempi:
231
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
1. resezione della porzione cartilaginea
2. rimozione del gibbo osseo.
La resezione dalla porzione cartilaginea di gibbo, rappresentata dalla porzione dorsale della lamina quadrangolare, viene eseguita con delle forbici curve di Fomon, previo innalzamento con un divaricatore di Aufricht del
piano cutaneo e muscolare precedentemente scollato (Fig. 6). A volte
può essere utile servirsi anche di un bisturi lama N.11 per eseguire tale
manovra. Tale manovra rende più evidente il rhinion e favorisce la gibbo-
Fig. 6. Rimozione del gibbo cartilagineo con forbice di Fomon
tomia perchè permette di formare una sorta di “invito” per l’osteotomo o
la pinza ossivora che si vorrà usare per eseguire la gibbotomia ossea. A
tale proposito vale la regola generale secondo cui la porzione cartilaginea
del dorso nasale va ridotta fino ad un livello inferiore di 2 millimetri al di
sotto dell’apice delle narici. Ciò assicura una sufficiente proiezione della
punta nasale in quanto determina una lieva depressione dell’area soprapuntale (supra-tip area), a patto che il supporto columellare sia stabile e
solido. Asportata la porzione cartilaginea si esegue una palpazione digitale del dorso nasale che risulterà essere “a baionetta” dando al chirurgo
una ulteriore misura di quanto estesa debba essere la gibbotomia ossea.
Quest’ultima può essere eseguita con tecniche e strumenti diversi, a
seconda delle abitudini e dell’esperienza dell’operatore; si possono usare
232
La rinoplastica aperta
scalpelli piatti, forbici ossivore (Fig. 7) (Rowland-McIndoe-KazanjianGoldman), raspe, frese a motore. La tecnica può variare a seconda dell’entità del gibbo da asportare (scalpello per le resezioni più generose raspa o fresa per i piccoli rimodellamenti) ma in realtà essa è condizionata dalla consuetudine che il chirurgo possiede con una o con l’altra tecnica.
Quando si riesce ad asportare l’intero gibbo osseo in blocco, si può usarlo per eseguire delle mentoplastiche additive come descritto da Seltzer e
Aufricht; si esegue effettuando delle incisioni a livello del fornice gengi-
Fig. 7. Forbice ossivora di Rowland
vale inferiore mediante la quale si può procedere allo scollamento del
periostio che riveste l’osso mandibolare e quindi posizionare l’innesto
osseo al di sotto di esso (e conseguentemente anche sotto al muscolo
mentoniero che deve essere scrupolosamente rispettato). Prima di riposizionare l’innesto osseo, esso deve essere scrupolosamente spogliato di
ogni suo residuo di mucosa.
Tra gli strumenti precedentemente elencati per eseguire la gibbotomia
ossea, quello sicuramente più diffuso è l’osteotomo a barra traversa di
Rubin (Fig. 8), che per la sua maggiore precisione viene preferito da molti
chirurghi alla forbice ossivora. Esso viene inserito a livello del margine
caudale del gibbo che deve essere rimosso e viene fatto avanzare cranialmente mediante piccoli colpi di martello. Tale manovra viene favorita
233
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 8. Osteotomo a barra trasversa di Robin
dalle guide metalliche presenti lateralmente alla lama dell’osteotomo.
Durante tale manovra è fondamentale che il chirurgo controlli la posizione dello strumento sul piano sagittale (ponendosi a destra del paziente
con la testa di quest’ultimo perfettamente di profilo) e poi sul piano orizzontale (la barra traversa deve essere in linea con la rima oculare bilateralmente) e frontale (la barra traversa deve essere in linea con le sopracciglia) mettendosi in piedi davanti al paziente. Soltanto nel caso di nasi
storti le ali dell’osteotomo non dovranno essere in linea con le strutture
precedentemente citate. Nel caso in cui non sia stata eseguita una tecnica extramucosa, è necessario eseguire un tunnel subpericondrico e subperiosteo al di sotto del gibbo per evitare di ledere il rivestimento mucoso della fossa nasale.
Eseguita la resezione del gibbo, si procede alla regolarizzazione del profilo di taglio mediante delle raspe sulla superficie ossea e mediante forbici su quella cartilaginea. Per le piccole irregolarità ossee si possono
usare anche le piccole forbici ossivore di Kazanjian. Si può verificare l’avvenuta regolarizzazione passando sul dorso nasale un dito guantato
umido. Nel caso di pelli molto sottili, tali da mettere in evidenza anche il
più piccolo difetto, il dorso può essere rivestito da una sottile lamina di
Gelfoam o di cartilagine schiacciata.
Un eccessivo quantitativo di tessuti molli a livello della supra-tip area può
vanificare anche il più accurato rimodellamento del dorso nasale provo234
La rinoplastica aperta
cando un inestetico arrotondamento della regione (polly beak). Ogni
eccesso di tessuto molle va rimosso al fine di donare plasticità alla cute
della regione sopra puntale. Per facilitare tale manovra è consigliabile
mantenere il piano dissezione il più vicino possibile al derma, nella fase
di scollamento ed elevazione della cute. Sarà poi così più facile asportare l’eccesso di tessuto molle in blocco con le strutture osteocartilaginee
del dorso. In alternativa, dopo lo scollamento cutaneo condotto con tecnica tradizionale (mantenendo il piano di dissezione quanto più possibile
aderente alle strutture cartilaginee), il tessuto molle eccedente viene
asportato con forbici a punta acuta. Se anche dopo tale “alleggerimento”
cutaneo il drappeggio dell’area rimodellata risulta ancora insufficiente, si
può procedere ad una incisione “quadrettata” del tessuto sottocutaneo
sospingendo dall’esterno la pelle con il dito.
Nei casi di angolo naso-frontale poco rappresentato può essere effettuata una exeresi del muscolo procero (nel caso in cui la sua rappresentazione sia in grado di mascherare l’angolo naso-frontale stesso), oppure
può essere usato l’osteotomo di Parkes, idoneo a rimuovere la porzione
più profonda della spina nasale fino alla compatta dell’osso frontale. In
alternativa l’angolo naso-frontale può essere modellato attraverso l’impiego di una raspa glabellare (raspa curva) o mediante pinza a baionetta
di Levignac.
IMPIEGO DI INNESTI CARTILAGINEI PER LA CORREZIONE DI DEFORMITÀ
SETTALI
Partendo dall’assioma secondo cui “il naso va dove va il setto”, è intuitivo capire come l’accurata correzione delle deformità settali rappresenti
un requisito fondamentale per la successiva simmetria delle manovre
correttive che si effettueranno.
Si hanno a disposizione due tipi principali di innesti a seconda della deformità settale da correggere:
1. Spreader graft
2. Struts columellari
Lo “spreader graft” rappresenta un autotrapianto a stecca che, impiegato
con il principio del “sandwich”, stabilizza in posizione rettilia la porzione
dorsale del setto.
Nella rinoplastica aperta l’accesso alla lamina quadrangolare del setto
avviene dall’alto. Si procede, per via smussa, al distacco delle cartilagini
triangolari dal setto ed alla realizzazione di un piano sotto-mucopericondrale su entrambi i lati della cartilagine quadrangolare. Lo spreader graft
235
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
può essere inserito su di un solo lato della porzione dorsale del setto o,
preferibilmente, sui suoi due lati in modo da rettilineizzare deformità complesse. Gli innesti, inseriti tra setto e cartilagini triangolari, vanno suturati
reciprocamente mediante punti trafissi di PDS o mediante Monocryl 5/0 e
vanno confezionati in modo da estendersi dall’apice del setto fino alla
giunzione osteocartilaginea della volta. Un ulteriore strato di sutura (con
il medesimo materiale), può essere richiesto al fine di approssimare adeguatamente le cartilagini triangolari all’insieme setto/spreader graft appena realizzato.
Lo “strut columellare”, invece, è costituito da un supporto columellare cartilagineo di forma quadrangolare e va posizionato tra le crura mediali
della cartilagine alare. Esso determina un valido supporto per la punta del
naso ed un consistente, quanto modulabile, incremento della proiezione
nasale.
Lo strut colummellare trova altre indicazioni per la correzione della eccessiva bulbosità delle crura mediali e/o dei dome delle cartilagini alari o
nella maggiore evidenziazione del profilo della columella.
Seppur possa essere utilizzato anche nelle rinoplastiche eseguite con
tecnica chiusa, lo strut columellare trova la sua massima applicazione
nelle tecniche aperte.
L’innesto possiede all’incirca dimensioni di 8-12 millimetri in lunghezza e
di 3-4 millimetri in altezza e viene inserito tra le crura mediali da subito
sopra la spina nasale (lasciando sempre una piccola quantità di tessuto
tra di essa e lo strut) fino ad un livello mai eccedente quello dei dome.
L’innesto viene poi fissato nella posizione prescelta mediante punti trafissi di PDS o Monocryl 4/0 o 5/0.
Lo strut columellare può essere impiegato per migliorare eventuali asimmetrie delle cartilagini alari che, tuttavia, possono anche essere provocate o peggiorate iatrogenicamente se l’innesto viene suturato in maniera imprecisa alle crura mediali o ai dome delle cartilagini alari.
OSTEOTOMIE
Una volta eseguita la gibbotomia ossea e cartilaginea sarà necessario
eseguire un restringimento nasale per creare un aspetto più naturale del
ponte nasale. Un restringimento insufficiente della volta ossea e cartilaginea può creare l’illusione di uno “pseudoipertelorismo” con occhi che
appaiono poco distanziati e naso che manca di definizione. Le osteotomie vengono eseguite preferibilmente come ultimo tempo della rinoplastica, ed anche se l’utilizzo di micro-osteotomi di 2-3 mm ha ridotto note236
La rinoplastica aperta
volmente il trauma indotto dalle osteotomie laterali, restano comunque
l’evento traumatico maggiore dell’intervento. L’esecuzione di tale manovra chirurgica come ultimo tempo operatorio, che precede immediatamente l’applicazione dello splint esterno di contenimento, riduce in
maniera significativa il gonfiore postoperatorio e la presenza di ecchimosi.
Per restringere in maniera adeguata la volta nasale le pareti laterali
ossee, ossa nasali e processi ascendenti del mascellare, devono essere
mobilizzate spostate medialmente e stabilizzate. In questa maniera la
deformità a cielo aperto che si è venuta a creare a seguito della gibbotomia osseocartilaginea sarà chiusa ed il ponte nasale allineato e ristretto.
Prima di descrivere la tecnica operatoria è opportuno specificare alcuni
concetti fondamentali:
- le osteotomie devono essere complete, fratture incomplete ed instabili possono determinare guarigioni alterate o essere spostate in
maniera asimmetrica da un banale movimento postoperatorio laterale.
- Le ossa nasali ed i processi ascendenti della mascella sono molto
sottili e delicati a livello del loro margini caudale (margine piriforme),
lo spessore osseo aumenta gradualmente in prossimità della radice
nasale. La maggior parte dei nasi Caucasici sono già sufficientemente ristretti a livello dell’area interoculare e dell’angolo nasofrontale,
dove, tra l’altro le ossa nasali sono eccessivamente spesse e rigide.
Sarà raramente utile e scarsamente necessario, dunque, creare delle
linee di frattura in questa area.
- L’attacco del periostio ai due lati della frattura dell’osteotomia laterale
costituisce una importante struttura stabilizzante dei frammenti ossei,
questo è molto importante in particolare se è necessario effettuare
tecniche di osteotomie multiple. Il periostio esterno e la sottomucosa
agiscono come una fascia di supporto per i frammenti delle ossa
nasali esercitando un effetto stabilizzante importante. Nelle rinoplastiche sarà, quindi, fondamentale sollevare solo sufficiente periostio
sopra il dorso nasale per avere accesso alla gibbosità per l’allineamento del profilo e lasciare il periostio più laterale integro.
- Per i motivi sopra menzionati, si consiglia nella esecuzione delle
osteotomie l’uso di sottili (2 mm) micro-osteotomi poiché garantiscono una emorragia diminuita o assente, una riduzione di ecchimosi e
gonfiore post operatorio ed il periostio potrebbe rimanere largamente
intatto per fornire un efficace fissaggio per l’osso fratturato con l’o237
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
-
steotomia. Osteotomi larghi con guida non forniscono alcun vantaggio nella rinoplastica, creando traumi non necessari e non prevedibili
dell’osso e del tessuto molle.
10-15 minuti prima delle osteotomie laterali si eseguirà una infiltrazione
con xilocaina ed epinefrina dei tessuti molli a livello dell’apertura piriforme sia lateralmente che medialmente alla sede prevista per l’osteotomia. Questo semplice accorgimento sarà utile nel prevenire l’emorragia
dei tessuti molli traumatizzati dall’angolo affilato dell’osteotomo.
Tecnica chirurgica
Osteotomie oblique-mediali
Lo scopo delle osteotomie è quello di restringere la piramide nasale dopo
la gibbotomia. Il primo passo è rappresentato dalle osteotomie obliquemediali che realizzano il distacco delle ossa proprie del naso dalle strutture settali. Lo scopo sarà quello di creare un punto di indebolimento nella
porzione superiore delle ossa nasali, che sarà incrociato nella sua estensione superiore laterale dalla successiva osteotomia laterale, creando
una frattura traversa tra le estensioni cefaliche delle due osteotomie. Lo
scalpello è introdotto tra le ossa proprie del naso e setto e fatto avanzare progressivamente, con direzione lievemente curvilinea laterale ad un
angolo di 15-20 gradi dalla linea mediana, fino a raggiungere l’osso frontale (Fig. 9). Si può evitare di eseguire l’osteotomia mediale nel caso in
Fig. 9. Osteotomia obliqua-mediale
238
La rinoplastica aperta
cui la rimozione di un voluminoso gibbo dorsale abbia lasciato una situazione di “open roof”, risulta invece molto utile nei pazienti in cui è stata
rimossa solo una piccola gibbosità o nessuna. In questi casi fornirà una
adeguata mobilità alle pareti nasali assicurando il restringimento desiderato ed evitando fratture “a legno verde”.
Osteotomie basali-laterali
Le osteotomie laterali vengono realizzate con una direzione che connette la parte più laterale dell’apertura piriforme con la parte intermedia del
canto orbitario interno. Le narici vengono dilatate con uno speculo nasale a valve corte facendo lieve pressione sull’osso sottostante. Si incide
con un bisturi N.11 per circa 2 millimetri il vestibolo al davanti della testa
del turbinato inferiore ed in profondità fino a toccare il piano osseo con la
punta del bisturi. Questa incisione vestibolare è importante che sia perpendicolare all’incisione intersettocolumellare ed intercartilaginea., evitando così una incisione circolare che potrebbe portare a esiti cicatriziali
e stenosi. Si prosegue con l’elevazione di un breve tunnel sottoperiosteo
al di sotto del quale si impegna lo scalpello (usualmente un 2 millimetri
senza guardia laterale o un 3 millimetri con guardia, retto o curvo a
seconda delle abitudini del chirurgo). La resistente cresta lacrimale, in
mani esperte, costituisce un valido elemento di protezione del sacco
lacrimale (Fig. 10). Durante l’esecuzione dell’osteotomia laterale preser-
Fig. 10. Rapporto tra l’osteotomia laterale ed il sacco lacrimale
239
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
vare un piccolo triangolo di osso ai due lati del naso (Fig. 11), a livello del
pavimento nasale, fa si che si possa evitare in questa regione un restringimento eccessivo della sezione trasversale della via respiratoria, che
può determinare una restrizione potenzialmente grave con inadeguata
Fig. 11. Conservazione del triangolo osseo basale durante l’osteotomia laterale
respirazione nasale. Mentre l’operatore controlla l’angolo di inclinazione
e l’esatto percorso dell’osteotomo, l’assistente con un martelletto colpisce
l’osteotomo con colpi regolari. L’operatore guida l’osteotomo attraverso il
processo ascendente della mascella e la porzione cefalica dell’osso
nasale fino ad incontrare il sito dell’osteotomia mediale (Fig. 12). Le pareti nasali ossee sono, a questo punto, libere e possono essere traslocate
medialmente. Si produrrà, quindi, una medializzazione delle pareti ossee
e un loro avvicinamento col fine di creare una base più stretta, un dorso
più stretto e un lieve abbassamento della linea del naso. Le cartilagini
laterali superiori sono strettamente adese alla porzione caudale delle
ossa proprie del naso e vengono ruotate medialmente contemporaneamente ad esse. E’ importante eseguire l’osteotomia basale sulle branche
montanti del mascellare superiore il più in basso possibile per evitare che
l’eventuale formazione di un callo osseo possa essere palpabile e visibile. Al termine di tale manovra viene esercitata una pressione decisa sul
sito dell’osteotomia, questo permetterà di ridurre l’emorragia operatoria,
240
La rinoplastica aperta
Fig. 12. L’operatore guida l’osteotomo attraverso il processo ascendente della mascella e
la porzione cefalica dell’osso nasale fino ad incontrare il sito dell’osteotomia mediale
il gonfiore postoperatorio e le ecchimosi. Si procede, infine, alla applicazione delle bende e del fissaggio.
Osteotomie intermedie
In alcuni casi selezionati può essere indicata una osteotomia aggiuntiva
tra quella mediale e quella basale (Fig. 13). Deformità delle ossa nasali,
Fig. 13. Osteotomia intermedia
241
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
come un’eccessiva convessità o un’eccessiva concavità, lunghezze diseguali delle pareti laterali ossee sono condizioni che possono richiedere
una osteotomia intermedia. Esse devono essere effettuate prima delle
osteotomie basali, se questo ordine venisse invertito si renderebbe tale
manovra più difficile in quanto sarebbe affrontata su un segmento osseo
instabile per la osteotomia basso-laterale appena effettuata.
CORREZIONE DELLA PUNTA DEL NASO
Una volta eseguita la corretta esposizione delle cartilagini alari in tutto il
loro decorso, si hanno tre possibilità circa le modifiche da effettuare per
la correzione di asimmetrie della punta:
1. dissezione di una strip cartilaginea medio crurale
2. dissezione di una strip cartilaginea latero crurale
3. tecnica non distruttiva mediante suture domali e transdomali.
La strip cartilaginea medio-crurale si attua mediante un exeresi marginale della crus secondo Seltzer (Fig. 14). E’ anche possibile, quando richiesto, eliminare l’estremità troppo sporgente posteriore della crus mediale
in corrispondenza della parete laterale della base della columella.
Nel caso in cui si scelga di effettuare una dissezione di una strip latero
crurale per ridurre il volume (e/o la rigidità) della punta, va identificato il
Fig. 14. Incisione di Seltzer
242
La rinoplastica aperta
margine libero superiore della crus laterale e praticata un’incisione che
segue il margine inferiore della crus. La dissezione della strip cartilaginea
latero crurale può essere eseguita secondo varie metodiche (BrownMcDowell, Aufricht, Becker, Converse) (Figg. 15-8). Per evitare che alla
punta manchi un solido sostegno conservativo, è molto importante lasciare integra una porzione di cartilagine alare variabile secondo gli autori da
circa un terzo dello spessore della crus stessa fino a 7-9 millimetri. Al di
sotto di tali limiti il rischio di una punta calante aumenta vertiginosamente. Bisogna ricordare che ogni asportazione a livello delle crura laterali
determina, oltre che un decremento della bulbosità, anche un certo grado
di rotazione della punta.
Infine, nel caso in cui si opti per una tecnica del tutto conservativa, è possibile procedere ad una sutura approssimante (con punto a U) che provveda al riavvicinamento delle crura ed al restringimento del dome.
Ove si ravvisi la necessità di approssimare tra loro gli elementi domali, la
sutura delle cartilagini alari può essere reciproca “affondando” il nodo
della sutura tra le crura delle cartilagini alari stesse. Il materiale di scelta,
idoneo per la tenuta delle suture rimodellanti, è il Nylon 5/0.
Fig. 16. Incisione di Aufricht
Fig. 15. Incisione di Brown-McDowell
243
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 17. Incisione di Becker
Fig. 18. Incisione di Converse
IMPIEGO DI INNESTI DELLA PUNTA
Ne esistono tre tipi principali:
1. Shield graft
2. Cap graft
3. Batten graft alare
Lo “shield graft” è un innesto cartilagineo a forma di scudo, che viene
posto al davanti delle strutture della punta per incrementarne la proiezione e per camuffare delle asimmetrie non altrimenti correggibili. Le dimensioni di tale innesto vanno dagli 8-12 millimetri in larghezza agli 8-15 millimetri in lunghezza, ai 2-3 millimetri in spessore. Lo shield graft viene
suturato al margine caudale delle crura mediali e intermedie in genere
dopo che le stesse siano state stabilizzate mediante l’impiego di uno strut
columellare. L’innesto viene fissato mediante 6 punti di Monocryl o PDS
5/0, avendo cura di passare per primi i punti inferiori.
Il “cap graft”, anch’esso di forma trapezoidale, è utile nei casi in cui un
innesto di tipo shield provochi una iperrotazione della punta. Il trapianto
va suturato sia allo shield graft che ai dome delle cartilagini alari con PDS
6/0 e, in definitiva, il suo ruolo è di riprodurre un più dolce e graduale pas244
La rinoplastica aperta
saggio dal margine libero del graft puntale al margine caudale delle crura
mediali.
Il “batten graft alare” è un innesto cartilagineo ricavato dal setto o dalla
cartilagine concale e deve possedere una forma curvilinea (con convessità rivolta verso l’esterno). Trova la sua applicazione quando una eccessiva aggressività nella resezione delle crura laterali durante una rinosettoplastica, ovvero una drastica rotazione cefalica delle suddette crura può
condurre ad una compromissione della funzione valvolare. Esso deve
essere accuratamente intascato nel punto di massimo collassamento dell’ala e posizionato caudalmente rispetto alla crus laterale. La massima
precisione nel posizionamento del batten graft alare si ottiene nel corso
di una rinoplastica aperta, consentendo anche la sutura alla cartilagine
alare.
CONCLUSIONI
Questo metodo chirurgico, con l’utilizzo di un adeguato studio delle forze
vettrici impresse ad ogni singolo elemento strutturale, nelle mani di chirurghi esperti può dare risultati eccellenti. I chirurghi che la impiegano a
sproposito in ogni intervento senza attenersi alle indicazioni sicuramente
possono andare incontro ad una più elevata percentuale di insuccessi;
mentre quelli che non la utilizzano mai, neanche quando è oltre modo
indicata, e si pongono in maniera pregiudiziale nei confronti della stessa
mancano di aggiungere un’altra freccia al loro arco.
La Rinoplastica Aperta, infatti, in mani esperte consente un’ottima esposizione delle cartilagini nasali inferiori, di quelle superiori e della volta
osteo-cartilaginea. Queste strutture possono essere rimodellate con
massima precisione e assoluta simmetria.
La dissezione dei tessuti molli e dei tegumenti viene condotta con sicurezza su di un piano idoneo alla preservazione del loro supporto vascolare consentendo, al contempo, di contenere il sanguinamento intraoperatorio, l’edema post-chirurgico e l’entità delle reazioni cicatriziali che
spesso condizionano il risultato a distanza della tecnica chiusa. La visibilità della incisione columellare è minima e praticamente assente ove si
rispettino scrupolosi criteri chirurgici.
245
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografa
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
Foda HM. The role of septal surgery in management of the deviated nose. Plast
Reconstr Surg. 2005 Feb;115(2):406-15.
Hafezi F, Naghibzadeh B. Prevention of hanging columella in open rhinoplasty. Ann
Otol Rhinol Laryngol. 2004 Oct;113(10):839-42.
Andre RF, Paun SH, Vuyk HD. Endonasal spreader graft placement as treatment for
internal nasal valve insufficiency: no need to divide the upper lateral cartilages from
the septum. Arch Facial Plast Surg. 2004 Jan-Feb;6(1):36-40.
Aiach G. External transcolumellar approach and cartilage grafting: a very complementary association. Rev Stomatol Chir Maxillofac. 2003 Sep;104(4):215-22.
Stucker FJ. Rhinoplasty from the Goldman/Cottle schools to the present: a survey of
7447 personal cases. Am J Rhinol. 2003 Jan-Feb;17(1):23-6.
Rettinger G, O’Connell M. The nasal base in cleft lip rhinoplasty. Facial Plast Surg.
2002 Aug;18(3):165-78.
Meneghini F, Gottarelli P. Lateral crus sculpturing in open rhinoplasty: the Delicate
Alar Clamp. Aesthetic Plast Surg. 2002 Mar-Apr;26(2):73-7.
Constantian MB. Differing characteristics in 100 consecutive secondary rhinoplasty
patients following closed versus open surgical approaches. Plast Reconstr Surg.
2002 May;109(6):2097-111.
Ahuja RB. Radical correction of secondary nasal deformity in unilateral cleft lip
patients presenting late. Plast Reconstr Surg. 2001 Oct;108(5):1127-35.
Foda HM, Bassyouni K. Rhinoplasty in unilateral cleft lip nasal deformity. J Laryngol
Otol. 2000 Mar;114(3):189-93.
Mavili ME, Tuncali D. Open rhinoplasty through a forked flap incision. Aesthetic Plast
Surg. 1999 Jul-Aug;23(4):247-51.
Adant JP, Bluth F, Fissette J. External rhinoplasty: a useful approach for a young plastic surgeon.Ann Chir Plast Esthet. 1998 Dec;43(6):635-48.
Hwang PH, Maas CS. Correction of the twisted nose deformity: a surgical algorithm
using the external rhinoplasty approach. Am J Rhinol. 1998 May-Jun;12(3):213-20.
Rohrich RJ, Hollier LH. Use of spreader grafts in the external approach to rhinoplasty. Clin Plast Surg. 1996 Apr;23(2):255-62.
Werther JR. External rhinoplasty approach for repair of posttraumatic nasal deformity. J Craniomaxillofac Trauma. 1996 Winter;2(4):12-9.
Toriumi DM, Mueller RA, Grosch T, Bhattacharyya TK, Larrabee WF Jr. Vascular
anatomy of the nose and the external rhinoplasty approach. Arch Otolaryngol Head
Neck Surg. 1996 Jan;122(1):24-34.
Draf W, Schauss F. External rhinoplasty: its role in aesthetic and functional surgery of
the nose. Facial Plast Surg. 1995 Jul;11(3):228-36.
246
La rinoplastica aperta
18
19
20
21
22
Zijlker TD, Vuyk H. Cartilage grafts for the nasal tip. Clin Otolaryngol Allied Sci. 1993
Dec;18(6):446-58.
Vuyk HD, Olde Kalter P. Open septorhinoplasty. Experiences in 200 patients.
Rhinology. 1993 Dec;31(4):175-82.
Gonzalez-Ulloa M et al. Chirurgia plastica estetica, Vol. 3. Ed. Piccin.
Tardy Jr ME. Rinoplastica: lo stato dell’arte, Vol. 2.
Anderson JR, Ries WR. Rhinoplasty: emphasizing the external approach. Ed.
Thieme.
247
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
248
COMPLICANZE NELLA RINOSETTOPLASTICA
I. Tasca, G. Ceroni Compadretti, G. Giorgi
INTRODUZIONE
Indubbiamente la rinosettoplastica è tecnicamente l’intervento più difficile di tutta la chirurgia estetica facciale e, come tale, soggetta a complicanze di ordine funzionale e/o estetico a volte anche gravi. Secondo
diversi studi clinici, la chirurgia nasale funzionale ed estetica è gravata da
complicanze variabili tra l’1,7 e il 18% dei casi1,2. Vi sono diverse modalità di classificazione delle complicanze: in base alla gravità, possono
essere suddivise in minori e maggiori, in base al tempo di comparsa possono essere distinte in intraoperatorie, postoperatorie immediate (durante il ricovero), postoperatorie precoci, postoperatorie tardive oppure,
sempre in rapporto al tempo, in complicanze precoci e complicanze tardive (Tab. I - II)3. L’incidenza delle complicanze varia in rapporto all’espeCOMPLICANZE PRECOCI
Tab. I
249
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
rienza del chirurgo. Quando questi interventi sono affidati a chirurghi
esperti, le complicanze sono rare ed appartengono a quelle minori.
COMPLICANZE TARDIVE
Tab. II
Spesso si tende ad interpretare le complicanze con gli insuccessi. Nella
realtà questi termini non sono sinonimi: le une sono eventi statisticamente
inevitabili per tutti gli atti chirurgici, gli altri invece sono in rapporto al modo
in cui è stato realizzato l’intervento. Tuttavia questa suddivisione è solo
schematica poiché alcuni insuccessi sono conseguenze di complicanze.
In base all’eziologia le complicanze si distinguono in cinque grandi categorie: emorragiche, infettive, traumatiche, estetiche e psicologiche4,5.
250
Complicanze nella rinosettoplastica
COMPLICANZE
Complicanze emorragiche
L’emorragia è la complicanza più comune della chirurgia nasale funzionale ed estetica. La sua incidenza aumenta nei pazienti che sono sottoposti contemporaneamente, oltre che a chirurgia della piramide nasale,
anche a correzione del setto e/o dei turbinati. In base al tempo di comparsa nel periodo postoperatorio, si possono distinguere sanguinamenti
precoci e tardivi. La causa più frequente di sanguinamento precoce è
quello derivante dalle incisioni e si manifesta nelle prime 48 ore dall’intervento e spesso in coincidenza con lo stamponamento6,7,8. Tra la 10° e
14° giornata si possono invece manifestare le emorragie tardive dovute
alla caduta delle escare attorno alle incisioni. Per dominare efficacemente le emorragie lievi spesso è sufficiente un leggero tamponamento anteriore basato sul posizionamento all’interno delle fosse nasali di un cotonotto imbevuto di acqua ossigenata o vasocostrittore lasciato in sede per
qualche minuto. Emorragie di maggiore entità possono verificarsi, con
maggiore frequenza, a livello dei siti di resezione dei turbinati o delle
osteotomie9,10. In questi casi, se non si ottiene una efficace emostasi con
il tamponamento anteriore o posteriore, si deve ricorrere alla emostasi
operatoria in anestesia generale7,8. Le metodiche usate per il controllo di
questo tipo di emorragia, non si discostano da quelle utilizzate per il trattamento della epistassi idiopatica irrefrenabile. Una volta attuata l’emostasi, è necessario riposizionare un tamponamento nasale da lasciare in
sede per 24 ore. Una complicanza strettamente legata ai fenomeni emorragici è l’ematoma nasale postchirurgico. La sua formazione costituisce
un momento di particolare rischio anche per il risultato morfofunzionale
della chirurgia rinosettale. Se non rapidamente drenato, l’ematoma può
esitare, a seconda della localizzazione, in una dislocazione delle cartilagini alari o nella distorsione della punta nasale, con ispessimenti dovuti
alla formazione di eccessivo tessuto cicatriziale. A livello del setto nasale, l’ematoma provoca ostruzione respiratoria ingravescente e devascolarizzazione della cartilagine settale che viene separata dal mucopericondrio, con il rischio di necrosi cartilaginea e di perforazione settale conseguente. Il trattamento dell’ematoma richiede una tempestiva incisione
con eventuale posizionamento di un piccolo tubo di drenaggio da lasciare in sede per 24 ore. Un momento importante nella prevenzione delle
emorragie in chirurgia nasale è rappresentato dall’identificazione preoperatoria dei soggetti portatori di difetti dell’emostasi. Le discrasie ematiche,
251
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
soprattutto quelle occulte come la malattia di Von Willebrand, possono
causare sanguinamenti severi durante l’intervento o nell’immediato
postoperatorio. La valutazione preoperatoria dovrebbe quindi prendere in
considerazione l’anamnesi familiare di difetti coagulativi, il comportamento del paziente di fronte alle ferite e traumi occasionali e l’assunzione di
farmaci proemorragici come aspirina e warfarin. Gli antinfiammatori non
steroidei andrebbero evitati a partire da due settimane prima dell’intervento. La batteria di esami preoperatori dovrebbe comprendere l’emocromo completo insieme ad uno screening coagulativo. La prevenzione
dell’emorragia postoperatoria si attua anche al momento dell’atto chirurgico: gli scollamenti dei tessuti eseguiti nel rispetto dello SMAS,la attenta chiusura delle incisioni intranasali, l’uso di strumenti efficienti come
osteotomi affilati e di dimensioni adeguate, minimizzano il rischio emorragico.
Complicanze infettive
A causa della consistente colonizzazione batterica delle fosse nasali, il
rischio di infezioni quali complicanza della chirurgia nasale è sempre
potenzialmente presente. Ciononostante, in virtù della ricca vascolarizzazione del naso, le complicanze infettive sono abbastanza rare ed erano
tali anche in epoca preantibiotica. Diverse casistiche riportano infezioni
delle incisioni chirurgiche, sinusiti, ascessi, periostiti, granulomi e celluliti
della columella, del setto, del vestibolo e della cute nasale sovrastante.
Gli agenti eziologici più coinvolti sono rappresentati da Staphylococcus
aureus, Streptococcus Pneumoniae, Haemophylus Influenzae e
Pseudomonas Aeruginosa11,12. E’ importante sottolineare che la colonizzazione batterica è favorita dal permanere, a livello delle strutture nasali
su cui si è intervenuto, di coaguli e polvere d’osso. Questo implica che
una corretta prevenzione delle infezioni debba essere attuata, durante
l’intervento, attraverso una attenta pulizia delle cavità nasali con curettage e irrigazioni abbondanti. La mancata osservazione di queste procedure può portare anche al realizzarsi di periostite, soprattutto lungo le linee
di frattura della ossa nasali (Fig. 1), con la possibilità che l’infezione evolva in sequestro osseo ed osteomielite.
252
Complicanze nella rinosettoplastica
Fig. 1
A causa della particolare anatomia vascolare efferente che presenta un
drenaggio venoso nasale non dotato di valvole (vena facciale, angolare,
oftalmica e etmoidale)13, esiste la possibilità di trasmissione per contiguità
dell’infezione nasale post-chirurgica a strutture extranasali adiacenti
come l’orbita e l’endocranio; è questa un’evenienza a rischio e rende il
suo trattamento un momento critico del periodo postoperatorio. Le infezioni localizzate rispondono generalmente bene al trattamento antibiotico
unito al drenaggio della eventuale raccolta ascessuale. Ascessi localizzati possono manifestarsi in corrispondenza dell’incisione emitrasfissa,
sulla punta, alla base del processo frontale dell’osso mascellare lungo la
linea dell’osteotomia laterale e a livello del setto nasale. In particolare l’ascesso del setto nasale, per il pericolo di necrosi cartilaginea conseguente, richede una pronta incisione evacuativa con il posizionamento di
un tubicino di drenaggio, da lasciare in sede per 24 ore, nella tasca submucopericondrale precedentemente creata14. Il tutto viene completato
con un tamponamento nasale da rimuovere 48 ore dopo. Anche gli innesti (ossei o cartilaginei) possono andare incontro ad infezioni (Fig. 2) con
suppurazione, estrusione dell’innesto e necrosi cutanea. La chirurgia
253
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 2
estetica e funzionale del naso può favorire anche la comparsa di infezioni localizzate ai seni paranasali. Le sinusiti, in questo caso, sono favorite
dalla presenza del tamponamento nasale o da una concomitante sinusite cronica. Il trattamento medico prevede la rimozione del tamponamento nasale e la somministrazione di una adeguata terapia antibiotica associata all’uso di decongestionanti nasali. Gli agenti eziologici maggiormente implicati in questo tipo di infezioni associate a tamponamento
sono Klebsiella Pneumoniae, Proteus Mirabilis e Staphylococcus
Aureus15,16. Soprattutto in era preantibiotica, sono state osservate manifestazioni infettive intracraniche comprendenti meningiti, trombosi del seno
cavernoso e ascessi meningei e cerebrali18. Attualmente, i processi infettivi, grazie alla terapia antibiotica prontamente somministrata, rimangono
per lo più localizzati alle strutture nasali. Una delle vie di diffusione più
importanti del processo infettivo a partenza nasale e in direzione dell’endocranio è quella legata alla tromboflebite retrograda. I vasi maggiormente interessati da questo fenomeno sono quelli che penetrano attraverso la lamina cribriforme insieme al nervo olfattorio in direzione di
meningi ed encefalo. La trombosi del seno cavernoso è molto rara17.
Consiste nella propagazione retrograda a provenienza dalle vene frontale, angolare, facciale e sopraorbitale, non dotate di valvole, di emboli set254
Complicanze nella rinosettoplastica
tici provenienti dalle aree nasali sottoposte alla chirurgia. Il seno cavernoso ospita al suo interno la carotide interna e i nervi cranici III, IV e V.
Alcuni dei segni di interessamento tromboflebitico sono: l’edema congiuntivale, la midriasi, la cicloplegia, il papilledema e il meningismo. Il trattamento di questa grave complicanza si basa su dosi massive di antibiotici ad ampio spettro accompagnate da trattamento anticoagulante sistemico che, insieme, permettono di ottenere buone percentuali di sopravvivenza gravate però da sequele neurologiche permanenti. Fra le altre rare
complicanze infettive si ricordano l’endocardite batterica e la sindrome da
shock tossico il cui agente eziologico è Staphylococcus Aureus18,19. Una
importante misura preventiva nei confronti delle infezioni secondarie a
chirurgia rinosettale è rappresentata dalla precoce rimozione (entro le 48
ore) dei tamponi nasali.
Complicanze traumatiche
Il trauma chirurgico prodotto nel naso e nelle strutture adiacenti durante
l’intervento, può esitare in importanti complicanze postoperatorie. A livello nasale sono riportate anosmia transitoria e permanente e sviluppo di
fistole artero-venose. L’anosmia transitoria è un fenomeno nella maggior
parte dei casi di breve durata. Secondo diversi studi clinici, già a 2-3 settimane dall’intervento chirurgico, la maggior parte dei pazienti riferisce di
aver riacquistato un olfatto normale mentre i restanti pazienti raggiungono una situazione di normalità nei mesi seguenti. L’area olfattoria si trova
anatomicamente lontana dal campo d’azione della chirurgia rinosettale
per cui la sua lesione diretta appare alquanto rara. L’edema tissutale e il
permanere di coaguli nelle porzioni superiori delle fosse nasali, spiegano
la comparsa, nel postoperatorio, dell’anosmia transitoria20,21. Le fistole
artero-venose sono molto rare e sembra possano essere causate dall’iniezione intravascolare accidentale di anestetici e dal trauma chirurgico
in genere22. Se di grandi dimensioni, possono richiedere una terapia
embolizzante endovascolare. Il trauma accidentale a livello delle strutture dell’apparato visivo, durante la rinosettoplastica, può esitare in danni
al sistema lacrimale e in compromissioni del visus. Il danneggiamento
chirurgico del sacco lacrimale è molto raro23, ma può avvenire in seguito
a trauma diretto apportato durante l’esecuzione delle osteotomie basali.
Più comunemente l’epifora è causata da edema dei tessuti molli con temporanea ostruzione del dotto nasolacrimale. Questa situazione generalmente si risolve una volta riassorbito l’edema postoperatorio. Le alterazioni del visus e la cecità sono complicanze drammatiche ma estrema255
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
mente rare. Possono derivare da lesione diretta del nervo ottico o da
lesioni vascolari24. La chirurgia rinosettale può essere complicata da
danni diretti apportati involontariamente alla scatola cranica e al suo contenuto. Sono ampiamente descritti, fistole rinoliquorali, pneumoencefalo
e danni diretti al lobo frontale25,26. Il meccanismo di danneggiamento più
frequente a carico della fossa cranica anteriore si ritiene essere un trauma al setto nasale che esiti in una frattura a livello dell’inserzione della
lamina perpendicolare dell’etmoide sulla lamina cribrosa. A seconda delle
dimensioni della frattura creatasi, si potrà sviluppare rinoliquorrea o, in
caso di soluzione di continuo di maggiori dimensioni con penetrazione di
aria, pneumocranio-pneumoencefalo. Queste gravi complicanze devono
essere tenute in conto al momento della rimozione chirurgica di una porzione deviata del setto nasale situata a livello della lamina perpendicolare dell’etmoide. In questo caso le manovre apportate per compiere le fratture ossee necessarie, devono essere eseguite con grande cautela evitando movimenti eccessivamente forzati. Nel caso si verifichi, durante
l’intervento, un danno alla base cranica con formazione di una fistola rinoliquorale, la riparazione intraoperatoria dovrebbe essere attuata immediatamente. La soluzione di continuo, eventualmente identificata per
mezzo del test alla fluorescina, può essere riparata con un lembo di
mucosa settale o per mezzo di un flap osteomucoperiostale. Per quanto
riguarda le fistole rinoliquorali individuate nel postoperatorio, queste, se
non vanno incontro a chiusura spontanea dopo un periodo di vigile attesa, necessitano di chiusura con atto chirurgico.
Complicanze estetiche e psicologiche
L’edema e l’ecchimosi della piramide nasale e dei tessuti adiacenti sono
fenomeni che si verificano usualmente in seguito a chirurgia rinosettale.
La loro durata e intensità sono estremamente variabili da un paziente
all’altro. Nella maggior parte dei casi, per la loro completa risoluzione, è
necessario attendere un periodo variabile da 6 mesi ad un anno.
Ciononostante alcuni pazienti, soprattutto dell’area mediterranea, vanno
incontro ad una permanenza delle ecchimosi palpebrali che può superare il periodo di un anno. Molto raramente il deposito di pigmento a livello
palpebrale è permanente, con la comparsa di discromie cutanee27,28. La
pelle può essere interessata da infezioni a volte banali, ma pur sempre
fastidiose: reazione ai cerotti, piccoli foruncoli (Fig. 3) e telengectasie.
Con l’uso dei cerotti di carta il rischio da reazione al cerotto si è ridotto
anche se sempre possibile in soggetti particolarmente allergici. I forunco256
Complicanze nella rinosettoplastica
li debbono essere evacuati precocemente ed un trattamento topico con
creme desquamanti si impone.
Fig. 3
Fra le complicanze estetiche rare, ma molto gravi, si annoverano le
necrosi cutanee del dorso del naso e della punta del naso. Queste eventualità possono derivare da una eccessiva pressione degli splints o dei
cerotti sulla piramide nasale, ad alterazioni della vascolarizzazione dovute all’intervento o ad opera di un eccessivo assottigliamento chirurgico
della punta stessa. Gli esiti cicatriziali, spesso importanti, conseguenti a
questi fenomeni richiedono interventi correttivi estetici successivi, spesso multipli e di difficile realizzazione. La chirurgia nasale funzionale ed
estetica va incontro, infine, a frequenti complicanze di tipo psicologicopsichiatrico che si verificano in particolar modo nel primo periodo postoperatorio. Nella prevenzione di questa particolare categoria di complicanze assume notevole importanza, durante le fasi del colloquio preoperatorio, relazionarsi adeguatamente al paziente con lo scopo di valutare
la congruenza delle aspettative con il difetto funzionale-estetico nasale e
con i risultati chirurgici pianificati. E’ fondamentale parlare molto e con
cortesia con il paziente, capire il suo stato psicologico, capire perché egli
vuole modificare il suo naso e quali sono le sue richieste e aspettative.
257
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Occorre valutare attentamente il livello di deformità presente al momento
della consultazione e non bisogna mai assicurare certezza del risultato.
In presenza di deformità importanti, il paziente deve essere informato che
per raggiungere il risultato ottimale, potrebbero essere necessari più
interventi (secondo tempo programmato).
INSUCCESSI29,30
Gli insuccessi o risultati non soddisfacenti hanno un rapporto diretto con
l’atto chirurgico e possono essere di tipo estetico e/o funzionale.
Brevemente li analizzeremo in rapporto alla sede: piramide ossea, piramide cartilaginea, setto. Questa suddivisione è puramente schematica
perché spesso le deformità interessano contemporaneamente più sedi.
Deformità della piramide ossea
Persistenza di eccesso osseo dovuta ad una gibbotomia troppo parsimoniosa.
Insellamento derivante da resezione eccessiva del dorso (Fig. 4) per
erronea manovra di orientamento dello scalpello. Per prevenire questo
difetto è utile marcare dei reperi cutanei e utilizzare scalpelli con le guide
laterali. Se il chirurgo si avvede di questo difetto durante l’intervento, per
colmare l’insellamento può utilizzare il gibbo appena rimosso.
Fig. 4
258
Complicanze nella rinosettoplastica
Irregolarità del dorso quali semplici spicolature ossee o asimmetrie delle
ossa proprie. Sovente questi difetti durante l’intervento sono mascherati
dall’edema dei tessuti cutanei, per questo è utile l’accurata palpazione
del naso e regolarizzazione con raspa prima di effettuare le osteotomie
basali.
Segno dello scalino laterale, esito di osteotomie basali troppo anteriori e
mal orientate. Nei soggetti con cute sottile questo difetto si traduce in una
scanalatura inestetica.
Asimmetrie dovute a un infossamento, a fratture a legno verde o a frammentazione dell’osso nasale da eccessiva pressione per compensare
una osteotomia incompleta.
Dorso troppo acuto per eccessivo accostamento dei frammenti ossei laterali
Tetto aperto per eccessiva resezione ossea o per una insufficiente osteotomia mediana. In quest’ultimo caso l’avvicinamento delle ossa nasali
può essere ottenuto rimuovendo un cuneo osseo dalla spina nasale del
frontale.
Radice troppo abbassata per eccesso di resezione
Radice troppo stretta per infossamento delle ossa laterali
Radice troppo rilevata per resezione incompleta del gibbo verso l’alto.
Deformità della piramide cartilaginea
• Dorso
Eccesso cartilagineo per resezione insufficiente della cartilagine quadrangolare e/o delle cartilagini
triangolari.
Insellamento dovuto a resezione
eccessiva del gibbo cartilagineo o
ad erronea armonizzazione del
dorso.
Asimmetrie secondarie a differenti
resezioni dei tre elementi costitutivi del dorso cartilagineo.
“Becco di pappagallo” o “Polly tip”
definisce la convessità del dorso
cartilagineo, al di sopra della punta
nasale (Fig. 5).
Fig. 5
259
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Le cause che generano questa deformità possono essere: un angolo settale elevato, una caduta della porzione caudale del dome, un’insufficiente resezione del margine dorsale della quadrangolare, una ridotta resezione dei margini dorsali delle triangolari, eccesso di tessuto cicatriziale
nella zona del supratip.
• Punta
Asimmetrie conseguenti ad irregolari resezioni delle alari (Fig. 6 A-B ).
Pinzettamento della punta per eccesso di resezione a livello dei domes.
Salienze sottocutanee di cartilagine che comprimendo sui tessuti molli si
rendono evidenti e provocano uno sbiancamento della cute.
Innalzamento della punta che determina un’apertura dell’angolo nasolabiale con verticalizzazione degli orifizi narinali.
Caduta della punta, effetto di numerose cause spesso associate:ipertrofia delle triangolari che tirano le alari in basso, inadeguato rapporto fra
l’altezza delle crus mediali delle alari e la quadrangolare, retrazione cicatriziale a livello dell’incisione setto-columellare,assenza di supporto nel
piede del setto.
Fig. 6 A
Fig. 6 B
260
Complicanze nella rinosettoplastica
Deformità del setto
Deviazioni della quadrangolare in corrispondenza della valvola e del margine caudale.
Perforazioni derivanti da lacerazioni iatrogene della mucosa.
Eccessi in altezza, in lunghezza (Fig. 7).
Fig. 7
Di norma, le deformità per eccesso sono più facili da correggere rispetto alle deformità per difetto; a volte però, i due tipi di lesione sono associate a costituire deformità veramente complesse e difficili da trattare in
forma secondaria.
Conclusioni
I risultati di ogni atto chirurgico, nonché la possibile comparsa di complicanze, dipendono essenzialmente dall’azione di tre attori: il chirurgo con
il suo bagaglio tecnico, la sua abilità e la sua esperienza; l’anestesista il
cui ruolo è essenziale per il controllo del sanguinamento, del risveglio e
della sedazione postchirurgica e, non meno importante, il paziente: che
con le sue caratteristiche di cicatrizzazione, fragilità capillare, malattie
croniche concomitanti, influenza in modo significativo l’intervento ed il
decorso post-chirurgico.
“Every surgical operation has a tendency to complications
and only the surgeon who does not operate has no complications”
(J.M. Converse)
261
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
KLABUNDE E.H.: Incidence of complications in cosmetic rhinoplasties. Plast
Reconstr Surg 1964;34:192
MILLER T.: Immediate postoperative complications of septoplasties and septorhinoplasties. Trans Pacific Coast Otoophtalmol Soc 1976;57:201
BUSCA GP, AMASIO ME, SARTORIS A.: Le complicanze della rinoplastica. Acta
Otorhinolaryngol Ital. 1990;10 suppl 31:1-37.
BECKER DG: Reducing complications in rhinoplasty. Otolar Clin North Am
2006;39:475-92
GOLA R.: Functional and esthetic rhinoplasty. Aesthetic Plast Surg 2003;27:390-6.
GOLDWYN RM.: Unexpected bleeding after elective nasal surgery. Ann Plast Surg
1979;2:201
TEICHGRAEBER JF: Nasal Surgery Complications. Plast Reconstr Surg
1990;85:527
MARCUS MJ: Nasal endoscopic control of epistaxis, a preliminary report. Oto
Head and Neck Surg 1984;102:273
GARTH RJ: Haemorrage as a complication of inferior turbinectomy: A comparison of
anterior and radical trimming. Clin Otolaryngol 1995;20:236
MABRY RL: Surgery of the inferiors turbinates: how much and when? Otolaryngol
Head and Neck Surg 1984;92:571
SCHAEFER SD: Cephalexin in the treatment of acute and chronic maxillary sinusitis. South Med J 1985;78:45
RUDOLPH R: Pseudomonas infection in the postoperative nasal septum. Plast Rec
Surg 1982;70:87
KAYGUSUZ I, KIZIRGIL A, KARLIDAG T, YALCIN S, KELES E, YAKUPOGULLARI Y,
ALPAY C.: Bacteriemia in septoplasty and septorhinoplasty surgery.
Rhinology 2003; 41:76-9
MATSUBA HM: Nasal septal abscess; unusual cause, complications treatment and
sequelae. Ann Plast Surg 1986;16:161
BELL RM: Post traumatic sinusitis. J Trauma 1988;28:923
MANIGLIA AJ: Intracranial abscess secondary to nasal, sinus and orbital infection in
adult and children. Arch Otolaryngol Head and Neck Surg 1989;115:1424
CASAUBON JN: Septic Cavernous sinus Thrombosis after rhinoplasty. Plast and
Recon Surg 1977;59:119
THOMAS SV: Toxic shock syndrome following submucous resection and rhinoplasty
JAMA 1982;247:2402
262
Complicanze nella rinosettoplastica
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
WAGNER R: Toxic shock syndrome following septoplasty using plastic septal splints
Laryngoscope 1986;96:609
KIMMELMAN CP: The risk to olfaction from nasal surgery. Laryngoscope
1994;104:981
BRINER HR, SIMMEN D, JONES N.: Impaired sense of smell in patients with nasal
surgery. Clin Otolaryngol Allied Sci 2003;28:417-9.
GUYURON B: Arteriovenous malformation following rhinoplasty. Plast Rec Surg
1986;474:77
THOMAS JR: The relationship of lateral osteotomies in rhinoplasty to the lacrimal
drainage system. Otolaryngol Head and Neck Surg 1986;94:362
CHENY ML: Blindness as a complication of rhinoplasty. Arch Oto Head and Neck
Surg 1987;113:768
MARSSHALL DR: IntracranialComplication of rhinoplasty Br J Plast Surg. 1983;
16:623
CHANDLER JR.:Traumatic cerebrospinal fluid leakage. Otolar Clin North Am
1983;16:623
RAJABIAN MH, SODAIFY M, AGHAEI S.: Severe facial dermatitis as a late complication of aesthetic rhinoplasty; a case report. BMCDermatol 2004;31;4:1.
GURLEK A, FARIZ A, AYDOGAN H, ERSOZ-OZTURK A, EREN AT.: Effects of different corticosteroids on edema and ecchymosis in open rhinoplasty.
Aesthetic Plast Surg 2006;30:150-4.
SENECHAL G, PECH A, WAYOFF M, CANNONI M et All.: Rhinoplastie esthetique
fonctionnelle et riconstructrice. 1989 ARNETTE
SULSENTI G. La chirurgia funzionale ed estetica del naso. Ghedini Editore, 1994,
Milano.
263
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
264
QUANDO IL NASO NON VIENE COME VORREI
C. Alicandri-Ciufelli
“Lo stolto impara dai propri errori.
Il saggio dagli errori altrui!”
Nella chirurgia del naso sicuramente si può imparare da errori altrui, ma
più di frequente, ed in modo di certo più proficuo, si può imparare dai propri errori. Senza per questo doversi ritenere per forza uno stolto!
Il chirurgo migliora solo se analizza meticolosamente i risultati che di
volta in volta ottiene e li relaziona con i tempi dell’intervento. Di ogni
insuccesso, anche piccolo, di ogni lieve imperfezione, che spesso addirittura il paziente non nota, dobbiamo cercare il momento tecnico che ne
è all’origine. Per fare questo è indispensabile, anche utilizzando uno dei
tanti schemi proposti per descrivere l’intervento, o creandosene uno personale, che resti traccia “perenne” e molto precisa di tutto quello che è
stato fatto nel corso dell’intervento nella documentazione del paziente, e
soprattutto che sia facilmente consultabile in ogni visita post-operatoria.
Solo in questo modo, con pazienza e con l’ausilio del tempo, riusciremo
a progredire costantemente. Il brutto di questa particolare chirurgia è che
bisogna cercare di essere sempre insoddisfatti del risultato ottenuto. Ed
il bello della rinoplastica è vedere che i nostri risultati non finiscono mai di
migliorare.
La prima causa di insuccesso di un intervento correttivo rino-settale,
spesso sottovalutata, è la perdita di proiezione del terzo inferiore della
piramide nasale. A questa perdita di proiezione, che avviene di solito nel
tempo, concorrono fondamentalmente due motivi:
a) l’aver usato una delivery in tecnica chiusa (perdita di proiezione media
intorno ai 2 mm.) oppure, ancor peggio, aver usato una tecnica aperta (perdita di proiezione media intorno ai 3,5 mm., quindi importantissima) senza aver messo in atto meccanismi perlomeno di conservazione della proiezione (suture, batten, tip graft). Questo porterà inevitabilmente ad una ricomparsa del gibbo o perlomeno ad una scomparsa del supratip difining point.
b) non avere considerato l’importanza di un corretto trattamento del margine caudale del setto la cui rimozione eccessiva incide profonda265
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
mente sulla conservazione della proiezione ancor più se si associano
manovre spesso incongrue come la rimozione della spina nasale.
Una limitata asportazione del bordo superiore della cartilagine quadrangolare, tendenza molto frequente all’inizio della pratica rinochirurgica, è
alla base del bec de corbin (scheletrico in questo caso, ma che può realizzarsi anche per reazione fibrosa o infiammatoria), o supra tip swelling.
Al contrario una troppo generosa rimozione dello stesso bordo superiore
può determinare un insellamento (sagging) più difficile da correggere
successivamente. Per cui resta sempre valido, e non solo in questo particolare caso, il concetto che all’inizio bisogna essere molto prudenti in
ogni rimozione perché in una revisione chirurgica è molto più facile togliere che aggiungere.
La tecnica di rimodellamento delle alari mediante delivery, anche solamente limitata ad una rimozione del margine cefalico (complete strip), e non
assistita dal corretto ripristino del supporto, può dare un arrotondamento
dei margini narinali legato alla perdita di proiezione (flaring delle narici).
In ordine di importanza non si può non mettere in guardia il neofita verso
l’uso delle tecniche interruttive. Interrompere la continuità dell’arco cartilagineo significa fondamentalmente lasciare degli spazi morti nell’ambito
del terzo inferiore della volta che, ribadiamo, è la parte del naso dove la
necessità di un supporto è indispensabile.
La presenza di tessuto cicatriziale in eccesso, spesso favorita da una
rimozione a volte anche minimamente differente dei due archi cartilaginei, può portare nel tempo alla formazione di una retrazione in corrispondenza del lobulo nella sede del pregresso dome (pinching) (Fig. 1).
Fig. 1. Pinching
266
Quando il naso non viene come vorrei
Questo è un esito a volte imprevedibile di una tecnica di Goldman o di
Ponti anche correttamente eseguita.
Un altro esito sfavorevole legato all’esecuzione di una tecnica interruttiva
dell’arco cartilagineo alare è l’asimmetria narinale per cui una narice risulta leggermente diversa dalla controlaterale a causa della deflessione
anche modesta del pilastro centrale (creato dalla sutura delle crura
mediali) verso destra o verso sinistra.
Una tipica immagine di un esito chirurgico sfavorevole è la cosiddetta “V”
invertita (o infossamento della parete laterale al terzo medio della piramide) che si forma sul dorso quando le cartilagini triangolari vengono
disgiunte dalle ossa nasali e/o troppo accorciate nella loro dimensione
verticale. Esito questo ancora più evidente quando si associa ad una esecuzione non completa delle osteotomie basali (Fig. 2).
Fig. 2. Tipica "V invertita"
Un altro problema legato alle tecniche interruttive ed ad una eccessiva
rimozione della crus laterale è la retrazione del margine narinale, aspetto indesiderato particolarmente evidente in quanto sempre associato ad
una asimmetria narinale e tecnicamente molto difficile da correggere in
maniera completa (Fig. 3).
267
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 3. Retrazione del margine narinale
L’esecuzione di una osteotomia basale classica “low to high” può essere sufficiente in molti casi a chiudere il tetto aperto residuo alla rimozione
del gibbo. Questo in quanto la parte superiore di frattura delle ossa nasali avviene mediante la medializzazione dello scalpello a creare appunto
una frattura a legno verde. Quando questo non avviene può non esservi un sufficiente accostamento sulla linea mediana dei due margini ossei
superiori di sezione e può pertanto residuare un margine osseo superiore che rimane lateralizzato ad un livello leggermente superiore rispetto al
controlaterale. Resta in pratica un tetto aperto monolaterale o, ancora
peggio, bilaterale. Questo capita più frequentemente nei nasi larghi e va
corretto con un’osteotomia paramediana.
Cause più o meno analoghe, cioè di asimmetrica resezione del gibbo o
di osteotomie non corrette, possono portare alla formazione di asimmetrie della volta ossea di cui un aspetto tipico è il Rocker precedentemente descritto.
Grande attenzione va posta nell’inserzione di tutti i tipi di tip graft, soprattutto se associati a tecniche interruttive, in quanto particolarmente soggetti a determinare alterazioni del sovrastante rivestimento cutaneo. Non
sono certo consigliabili al chirurgo principiante tenendo presente che
determinano necessità di revisione nel 18 % circa dei casi nelle mani di
J.Sheen e quindi di percentuali prossime al 100 % nelle mani dei neofiti
qualora ci si trovi di fronte ad una piramide nasale con un rivestimento
cutaneo sottile.
268
Quando il naso non viene come vorrei
Una residua deviazione della piramide è spesso determinata da una
insoddisfacente correzione della deviazione del setto. Non si eccederà
mai nel sottolineare l’importanza del tempo settale, spesso trattato con
troppa sufficienza.
Ricordatevi infine che per ogni buona rinoplastica ve ne arrivano cinque,
e che per ogni rinoplastica mal riuscita ne fuggiranno venti!
269
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
Gillmann G.S., Simons R.L., David J.L. “Nasal Tip Bossae in Rhinoplasty. Etiology,
predisposing factors, and management techniques”, Arch Facial Plast Surg., 1: 8389, 1999.
Huizing E.H., de Groot J.A.M. “Functional Reconstructive Nasal Surgery” Thieme,
Stuttgart-New York, 2003.
Micheli Pellegrini V. “Teoria della etiologia degli insuccessi nella rinoplastica correttiva”, Riv.Ital.Chir.Plastica 21: 367-372, 1989.
Nassif P.S. “Male Revision Rhinoplasty: Pearls and surgical Techniques”, Facial Plast
Surg, 21, 4:250-270, 2005.
Sheen J.H. “Tip Graft: A 20-Year Retrospective”, Plast.Reconstr Surg 91:48,1993.
270
LA CHIRURGIA RICOSTRUTTIVA DEL NASO
G. Spriano, G. Cristalli, B. Pichi
Principi generali di chirurgia ricostruttiva del naso
La chirurgia ricostruttiva del naso differisce in maniera sostanziale dalla
chirurgia estetica in quanto l’alterazione dell’anatomia normale è condizionata dalla non sempre programmabile estensione della demolizione
come nel caso delle resezioni per neoplasie maligne o causate da traumi
ed ustioni. L’aspetto ricostruttivo in tale sede deve comunque rispondere tanto a criteri funzionali quanto estetici. Il naso quale “fulcro del viso”
riveste un ruolo importante tanto che le prime esperienze di chirurgia ricostruttiva si hanno proprio nella ricostruzione del naso.
La prima descrizione della ricostruzione della piramide nasale è quella
che viene fatta risalire al medico Indù Ayur-Veda datata fra il 1000 ed il
400 a.c. con l’utilizzo di un lembo frontale (Fig. 1). Nel 1450 Branc sviluppò la tecnica del lembo frontale ed iniziò ad usare il lembo di avambraccio popolarizzato da Gaspare Tagliacozzi nel 1597. In seguito le tecniche di ricostruzione nasale hanno seguito tre scuole di pensiero: la tecnica italiana, basata su lembo antibrachiale (in 2 tempi secondo
Fig. 1
271
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Tagliacozzi) (Fig. 2), la tecnica francese, basata su lembo di guancia e la
tecnica indiana con il lembo frontale3.
Le difficoltà ricostruttive sono proporzionali all’ampiezza della parte di
naso da ricostruire ed è esperienza comune che l’estensione subclinica
del difetto sia, a livello della piramide nasale, spesso più ampia di quella prevedibile. Per tali motivi il chirurgo deve disporre di tutto il bagaglio
conoscitivo sulle tecniche di ricostruzione della piramide nasale.
Fig. 2
Importante è la fase preliminare di valutazione nella quale andranno analizzate le caratteristiche della cute, le subunità cosmetiche, la topografia
di superficie.
La cute dei 2/3 superiori del naso è sottile con una fine tramatura, nel 1/3
inferiore della piramide nasale la cute è più spessa con ghiandole sebacee e pori prominenti. La porzione più distale della cute del naso, che
ricopre il triangolo molle, il bordo inferiore delle alari e la columella, è di
nuovo liscia.
La topografia nasale è complessa con concavità e convessità che concorrono a dare una forma al naso. Il naso può essere suddiviso in subunità cosmetiche e queste vanno possibilmente ripristinate in corso di ricostruzione. Alcune semplici manovre possono infatti ricreare l’anatomia
topografica del naso. Passando alcuni punti staccati fra dall’innesto cuta272
La chirurgia ricostruttiva del naso
neo o dal lembo in profondità, sui tessuti profondi, è possibile ricreare il
solco delle cartilagini alari; la concavità a livello della giunzione naso facciale può essere riprodotta con dei punti di ancoraggio al periostio; di contro, se è necessario un riempimento, si possono innestare dei lembi di
derma. Non bisogna mai perdere il rapporto simmetrico nella ricostruzione, per cui è bene confezionare, prima dell’inizio della procedura, un
modello.
Funzione
Un aspetto determinante è la funzionalità della ricostruzione in quanto
non basta aver ricreato due narici anatomicamente pervie in condizioni
statiche, ma bisogna prevedere il funzionamento del naso in condizioni
dinamiche, quando i flussi aerei inspiratori ed espiratori interagiscono con
le pareti nasali.
Nelle procedure ricostruttive va valutata la funzione della valvola nasale.
In genere si usano alcuni innesti di cartilagine per sostenere la mucosa
durante l’inspirazione17. In taluni casi come nei difetti profondi con un
bordo alare conservato, possono essere utilizzate delle sospensioni con
fili di sutura non riassorbibili, come il 5/0 di prolene, passati dalla porzione mediale del difetto longitudinalmente attraverso la mucosa, senza
perforarla fino al lato controlaterale; una volta che la sutura viene trazionata essa serve come sostegno-sospensione e previene il collasso della
mucosa nelle fasi inspiratorie13; a questo punto può essere passata una
seconda sutura perpendicolare alla precedente. In alternativa la sutura
può essere passata fra la mucosa dell’area da sospendere al tessuto sottocutaneo profondo della giunzione naso facciale; una volta che la
sospensione è stata effettuata bisogna valutare nuovamente la pervietà
delle narici e l’eventuale distorsione od innalzamento del bordo delle
alari.
Possiamo schematizzare le differenti procedure ricostruttive in sette
metodiche principali che a seconda dei casi potranno essere utilizzate
anche in combinazione:
a) chiusura per II intenzione
b) chiusura diretta
c) innesti cutanei liberi e compositi
d) lembi peduncolati
e) lembi microvascolarizzati
f) epitesi nasali
273
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
a) Chiusura per II intenzione
Non va sottovalutata, fra le varie opzioni, la possibilità di chiusura per
guarigione spontanea della breccia chirurgica specialmente in seguito ad
exeresi con la tecnica di Mohs o comunque quando il difetto è minimo. Il
vantaggio della cicatrizzazione per seconda intenzione è che il processo
cicatriziale è straordinariamente sicuro, con bassa incidenza di complicanze come infezioni, cicatrici esuberanti, granulazioni iperplastiche25; di
contro la guarigione per seconda intenzione richiede settimane per realizzarsi con la necessità di controlli frequenti. I principi generali da seguire in caso si opti per la cicatrizzazione spontanea del difetto sono:
1) ablazioni fino ad 1 cm di diametro e 0,5 di profondità possono guarire per seconda intenzione.
2) le cicatrici localizzate in aree del naso non sebacee del dorso nasale
o delle pareti laterali guariscono con cicatrici meno visibili rispetto a
quelle localizzate sulla cute spessa e sebacea della punta del naso e
delle cartilagini alari
3) le cicatrici localizzate nelle concavità tendono a guarire con minore
retrazione
4) tenere comunque presente che un innesto cutaneo sulle alari potrebbe essere più antiestetico che una guarigione per IIa intenzione.
b) Chiusura diretta
Talvolta i risultati ottenuti in guarigioni per seconda intenzione non sono
accettabili a livello del naso dove ogni minima cicatrice diviene molto evidente e dove la retrazione cicatriziale può condizionare molto il risultato.
In alcune circostanze come nei difetti del dorso nasale è possibile eseguire una sutura rettilinea diretta9 ,24, 26. Della massima importanza è che il
difetto sia mediano specialmente nell’area del “supratip” o della punta
nasale; per ridurre l’asimmetria a livello delle cartilagini alari bisogna inoltre porre grande attenzione alla quantità di tessuto residuo a disposizione eseguendo alcune prove di approssimazione dei lembi prima di infiltrare il naso ed evitando suture tese (distorsione-ischemia); inoltre, la
scarsa elasticità del tessuto o suture oblique, specialmente a livello della
parete del naso, possono provocare una notevole asimmetria delle alari.
La deiscenza sul dorso del naso deve essere sagomata ad ellisse ma al
contrario dei canoni lunghezza larghezza con rapporto di 3/1, il rapporto
deve essere di 4/1, 5/1 sec. Farley10 onde minimizzare la protuberanza
superiore ed inferiore alla cicatrice che andrà a mimetizzarsi nella regione del “suprtatip”. Per non avere un profilo insaccato, specialmente a
274
La chirurgia ricostruttiva del naso
livello del “supratip” il difetto non deve essere superiore a 1,2 cm in larghezza e bisogna provvedere allo scollamento sottomuscolare dei tegumenti residui del dorso nasale fino al solco naso genieno. Tutte le suture lineari del dorso nasale inducono un cambiamento del profilo nasale
con un grado più o meno marcato di divaricazione delle cartilagini alari.
c) Innesti cutanei liberi
Rappresentano il tipo di ricostruzione che nell’immediato offre il vantaggio di essere semplice ed evita ulteriori cicatrici cutanee sul volto in
quanto il prelievo viene effettuato in aree poco visibili, distorce poco la
simmetria del naso. Di contro la cute spessa e sebacea della punta del
naso è spesso differente da qualsiasi tipo di innesto per colore, spessore, trama, porosità. L’innesto cutaneo offre uno scarso riempimento
L’incidenza di necrosi degli innesti cutanei spessi è più alta di quella dei
lembi random o assiali7 e tanto più l’innesto è sottile maggiore è la percentuale di attecchimento ma di contro maggiore è la retrazione durante
la fase di attecchimento. Alcuni accorgimenti possono favorire l’attecchimento del lembo quali l’assottigliamento dei margini ed un’aderenza ottimale fra il lembo ed il sito accettore con un tampone ancorato o delle
suture transfisse (i due metodi hanno pari indice di attecchimento)1.
Per tali motivi, gli innesti cutanei sono inferiori ad altre tecniche di ricostruzione nasale e possono essere utilizzati solo quando la riparazione
è piccola, poco profonda, in aree di cute sottile, poco sebacea, aree
prossimali del dorso della parete nasale, del triangolo molle della columella. Gli innesti liberi sono utili ancora nelle riparazioni della cute prossimale del naso nel caso in cui le incisioni condotte in aree contigue
siano gravate da comorbidità non accettabile ed in caso di patologia particolarmente aggressiva per visualizzare tempestivamente eventuali recidive.
La cartilagine è un tessuto avascolare ed in tali circostanze se viene
rimosso il pericondrio qualsiasi innesto cutaneo ha un rischio elevato di
andare in atrofia. Comunque con alcuni accorgimenti, come quello di
posizionare la maggior parte dell’innesto su un tessuto ben irrorato, possono consentire l’attecchimento anche nella pozione che ricopre la cartilagine.
In alcuni casi è necessario l’uso di innesti compositi cutanei-cartilaginei
per evitare il collabimento della narice. Le sedi di prelievo preferite sono
la conca auricolare od il setto nasale. Si possono utilizzare lembi random
o assiali in modo da nutrire l’innesto In ogni modo nelle piccole lesioni
275
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
limitate ad una sola subunità estetica come l’ala del naso si può comunque coprire la cartilagine con un piccolo innesto libero. I principi generali
degli innesti liberi compositi sono così rappresentati: la grandezza del
composite graft deve essere limitata, la misura deve essere calcolata
accuratamente (evitare stiramenti o aree ridondanti), non devono essere
danneggiati, tanto nella fase demolitiva quanto in quella ricostruttiva i vasi
del derma; le cartilagini del lembo vanno affrontate in modo stabile; la
sutura, tanto cutanea quanto sottocutanea non deve essere eccessivamente serrata; le suture cartilagine, sottocute e cute non devono essere
sovrapposte.
Il difetto cutaneo a livello della conca auricolare (in caso del solo prelievo cutaneo) è suscettibile di guarigione spontanea, in caso di prelievo
composito si approssimano i margini con sutura diretta avendo cura nell’effettuare due cunei di scarico a stella sul piede della sutura onde minimizzare la ridondanza della cartilagine a questo livello (Fig. 3).
Fig. 3
d) Lembi peduncolati
I lembi peduncolati di vicinanza hanno delle caratteristiche cromatiche
molto vicine a quelle del naso e lo spessore del lembo può essere facilmente modulato in base alle necessità, Di contro non è sempre facile da
prevedere con esattezza la geometria della mobilizzazione ed è più facile introdurre delle asimmetrie o distorsioni della piramide nasale. Le lunghe e complesse incisioni che si realizzano per la scollatura possono non
seguire sempre le linee di tensione della cute o i principi delle subunità
276
La chirurgia ricostruttiva del naso
estetiche e possono quindi risultare antiestetiche. Talvolta è necessaria
una procedura in due tempi (autonomizzazione del lembo)
I lembi di rotazione vengono scolpiti in genere nei tessuti immediatamente confinanti rispetto al difetto ed avendo cura che le suture possano
essere occultate nei fisiologici solchi naso genieno, naso labiale. Onde
evitare eccessi di cute e “orecchie di cane”, il bordo anteriore della padella cutanea ed il bordo della breccia prossimale al piede del peduncolo del
lembo vengono condotte a forma di triangolo (Fig. 4 a-b-c).
Fig. 4 a-b-c
“Cheek island pedicle flap” - L’island flap è composto da “un’isola” di
pelle che riceve sangue dal tessuto sottocutaneo (la porzione rimanente del peduncolo è disepitelizzzata e può essere tunnellizzata al di sotto
della cute sana). Questi lembi sono utili quando il trasferimento di un
peduncolo di cute comporta inaccettabili inestetismi o quando è importante non autonomizzare il lembo come ad esempio dopo radioterapia o
brachiterapia. Inizialmente era stato usato nelle ricostruzioni del naso
come una modifica del lembo gabellare o nasolabiale. E’ utilizzabile
nelle ricostruzioni distali del naso non eccessivamente ampie in un
unico tempo (Fig. 5).
Tecnica - preparazione di un modello del difetto - va misurata la distanza
dell’area da riparare dalla base del peduncolo all’estremo distale del
difetto. Si disegna una plastica ad S od una convenzionale ellisse a livello del solco nasofacciale e nasolabiale; il prolungamento dell’incisone
277
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Fig. 5
inferiore previene l’eccesso di tessuto (orecchie di cane) e facilita la chiusura del sito donatore dando più lunghezza al lembo. I 2/3 distali del
lembo sono separati utilizzando un tagliente dal sottostante tessuto grasso e muscolare, a livello del peduncolo la dissezione è più profonda e va
condotta nel piano sottomuscolare grasso. Bisogna porre attenzione a
non restringere eccessivamente la base d’impianto il peduncolo. Le suture vanno rimosse in 7° giornata. Se si esegue la procedura in due tempi,
dopo tre settimane si seziona il peduncolo e si completa la chiusura del
difetto chirurgico. Il lembo in questa fase può essere ulteriormente assottigliato.
La complicanza maggiore è rappresentata dalla necrosi ischemica in
quanto la sola vascolarizzazione di questo lembo “random” è fornita dai
vasi perforanti a livello del peduncolo che provengono dal muscolo elevatore superiore del labbro e dell’ala del naso. Un altro limite di questo
lembo è che è insufficiente a coprire tutti i 2/3 inferiori del naso e la columella, rispetto al lembo frontale. La procedura in un tempo unico è più
indicata per lesioni molto laterali. Di contro se la scolpitura è molto bassa
(necessaria per i difetti più laterali), il difetto è più difficile da chiudere con
spianamento antiestetico del solco naso facciale e trazione sull’ala del
naso.
Lembo glabellare
Utilizzato per la ricostruzione del 1/3 superiore del naso, è un lembo
assiale che riceve le sue afferenze vascolari dall’arteria sopratrocleare
e dai rami dorsali del naso.
278
La chirurgia ricostruttiva del naso
Il lembo si scolpisce direttamente a tutto spessore. Nella porzione distale, si incide anche il periostio; man mano però che ci si avvicina alla radice del naso bisogna procedere con cautela onde evitare il danneggiamento dei vasi sopratrocleari (Fig. 6 a-b).
Fig. 6 a-b
Il lembo va disegnato più lungo di quello che serve poiché ruotandolo di
180° gradi si perde in lunghezza; inoltre, va ruotato senza trazione onde
non compromettere l’apporto vascolare. L’apice del lembo è disegnato a
punta per facilitare la chiusura diretta, la forma del lembo può essere poi
arrotondata e modellata sul difetto. La rotazione del lembo provoca un
eccesso di cute a livello del peduncolo “orecchie di cane” che vanno eliminate con molta attenzione per non danneggiare il peduncolo e se vi
sono rischi è preferibile eseguire questa fase in un secondo tempo.
Un’alternativa a questa procedura è la tunnellizzazione al di sotto della
cute sana previa disepitelizzazione del peduncolo, ma è proprio questa
fase la più critica e per questo viene poco utilizzata.
Lembi cutanei random
Lembi cutanei random possono essere utilizzati trasponendo anche i
muscoli (in particolar modo il muscolo nasale) tali muscoli hanno una
funzione non determinante nella mimica del volto, è comunque bene, in
caso di riparazioni di aree meno profonde non assottigliare il lembo ma
bensì approfondire l’area di exeresi; inoltre la dissezione al di sotto del
279
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
piano muscolare è gravata da minori problemi di emorragie post-operatorie, minore iperestesia e cicatrici meno evidenti22. Il lembo di trasposizione a peduncolo superiore può essere utilizzato per la ricostruzione dei
difetti distali-laterali del naso. La porzione distale va scolpita ad angolo
acuto al fine di favorire una chiusura diretta senza eccessi cutanei del sito
donatore. Il lembo può essere plicato nella porzione distale al fine di ricostruire il bordo della narice, questa plicatura non deve essere tesa per
non compromettere la vascolarizzazione della porzione cutanea distale.
Spesso queste ricostruzioni necessitano, non prima dei sei mesi, di
secondi tempi correttivi per ottimizzare il modellamento (assottigliamento
del lembo, correzione delle distorsioni della punta nasale) (Fig. 7 a-b-c).
Fig. 7 a-b-c
Lembo di scorrimento secondo Burow
La cute della regione geniena è in genere piuttosto elastica e questo consente il confezionamento di lembi cutanei assiali di scorrimento senza
che si creino eccessive deformazioni iatrogene. Il lembo di Burow consente la riparazione di difetti cutanei a livello della porzione media (II arco
della piramide nasale) laterale. La larghezza del lembo è pari alla larghezza del difetto e la lunghezza delle linee di incisione proporzionale
alla lunghezza del difetto. Bisogna porre attenzione a non assottigliare
eccessivamente il piano di dissezione a livello della base del peduncolo
per non compromettere l’irrorazione della cute. Alla base delle linee di
incisione si asportano due triangoli di cute che eviteranno ridondanze
cutanee in questa sede. E’ consigliabile orientare le linee di incisione lon280
La chirurgia ricostruttiva del naso
gitudinali parallelamente o in corrispondenza delle pliche cutanee o delle
rughe. Particolare attenzione va poi posta nel ripristinare il solco naso
genieno (evitare lo stiramento del lembo, ancorare il derma al periostio
del solco naso genieno). Utilizzando due lembi di scorrimento assiali contrapposti è possibile riparare difetti del dorso nasale più ampi (Fig. 8 a-b).
Fig. 8 a-b
Degloving flap
Si disegna il lembo con il peduncolo situato indifferentemente dal lato
destro o sinistro e si scolpisce il lembo estendendo l’incisione al lato controlaterale a quello del peduncolo. L’apice del lembo va disegnato sulla
linea mediana e con forma a punta per favorire la chiusura dal lato del
peduncolo. L’incisione si deve fermare a livello del sopracciglio, la scolpitura segue il piano sottoperiosteo ponendo attenzione a non danneggiare
l’arteria naso labiale dal lato del peduncolo. A questo punto una volta
mobilizzato il lembo è possibile regolarizzare la parte inferiore e suturarla
al margine inferiore di resezione. La chiusura del difetto superiore può
avvenire a V o Y. Inizialmente si ha un’innalzamento della punta del naso
che tende poi a regredire. Il degloving flap trova applicazioni limitate a
causa della sua scarsa mobilità e della scarsa rotazione possibile malgrado l’ottima vascolarizzazione. Bisogna Inoltre tener bene in conto le caratteristiche antropomorfe in quanto un naso lungo con gibbo e punta cadente non è sicuramente adatto a questo tipo di ricostruzione21.
Lembo naso labiale
E’ un lembo assiale con irrorazione fornita dall’arteria nasolabiale. Il rapporto lunghezza larghezza può arrivare in alcuni casi a 5/1.
281
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Lembo nasolabiale a peduncolo inferiore: il peduncolo è inferiore e la porzione distale è ruotata a coprire il difetto. In questo modo la lunghezza del
lembo è ridotta e la cute del solco naso genieno è spessa e meno estensibile. Se l’escissione è a tutto spessore comprese le cartilagini il peduncolo inferiore non è adatto. La dissezione inizia dall’apice, dove il lembo
può essere più sottile, verso il peduncolo dove ci si approfondì, senza
comunque superare il piano muscolare e ponendo particolare attenzione
a non ledere l’arteria naso labiale.
Lembo nasolabiale a peduncolo superiore: sebbene l’apporto nutritivo sia
assicurato dall’arteria naso labiale vi sono alcuni rami anastomotici fra la
branca angolare dell’arteria facciale e i vasi che vengono dal forame
infraorbitario. La tecnica di scolpitura è la medesima del precedente solo
che la rotazione è antero mediale.
Lembo bilobato di Zitelli8,26
Fa parte dei lembi bilobati. Rappresenta il lembo di scelta per le perdite
cutanee nasali della punta o dell’ala del naso al di sotto di 1,5 cm2 con
rispetto dei piani cartilagineo e mucoso. Il vantaggio del lembo bilobato
consiste nel fatto che, più di ogni altra tecnica di ricostruzione, è in grado
di poter trasferire pelle dalle caratteristiche molto simili a quelle del naso
con rispetto delle subunità estetiche, senza cicatrici evidenti. Di contro la
tendenza alla distorsione della piramide nasale (Esser 1918 Zimany
1953) può essere ridotta utilizzando le modifiche alla tecnica introdotte da
Zitelli.
I punti critici di tale tecnica sono rappresentati da: rotazione del lembo
necessariamente non oltre i 50° e arco globale della rotazione dei 2 lobi
inferiore od uguale a 100°.
Il primo lobo ha un diametro uguale a quello del deficit cutaneo il secondo lobo è più piccolo del primo.
La mobilizzazione del lembo come quello della pelle del naso va condotta in un piano sottoperiosteo, sottopericondrale e sottomuscolare.
Il punto di rotazione del lembo non deve essere mai in corrispondenza del
bordo della cartilagine alare o della regione cantale interna.
L’asportazione di un triangolo di cute in corrispondenza del peduncolo
favorisce la rotazione.
Il diametro del deficit cutaneo non deve superare i 15mm. Il peduncolo
può essere in corrispondenza del solco naso genieno nelle riparazioni
della punta del naso o a peduncolo dalla linea del dorso nasale per difetti dell’ala del naso.
282
La chirurgia ricostruttiva del naso
Il principale inconveniente di questo lembo (5%) sono le orecchie di cane
nelle porzioni di rotazione del peduncolo, cicatrici che portano ad un
innalzamento del bordo della narice in rapporto al deficit cutaneo ed
all’ampia rotazione dei due lobi che arriva a 180° (Fig. 9).
Fig. 9
Lembo frontale, frontonasale e glabellare
E’ un lembo versatile ed adatto alle ricostruzioni tanto della porzione
superiore quanto di quella inferiore del naso può essere assottigliato a
livello dell’epicanto mediale dell’orbita inoltre una plastica a z a livello
della glabella offre un risultato estetico migliore. E’ necessario fare
attenzione a non arrivare al sopracciglio!. I difetti bassi di più di 2 cm
di diametro sono riparabili al meglio con questo tipo di lembo. La componente ruotata può facilmente essere posizionata nella plica della guancia in modo che l’avanzamento della guancia possa colmare il difetto
secondario con una sutura che va trovarsi nel solco naso genieno.
Difetti più ampi richiedono un lembo frontale paramediano di dimensioni
di 4 cm2 o più ampio La cute frontale può essere trasposta senza la
necessità di espansori cutanei. La procedura in due tempi consente
comunque un migliore rimodellamento potendo assottigliare il lembo ed
eventualmente posizionando un innesto cartilagineo.
283
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
e) Lembi liberi
Nelle resezioni allargate della piramide nasale, quando vi sia la necessità di ricostruire il palato osseo, il pavimento dell’orbita, il pavimento
della fossa cranica anteriore o la guancia, è realizzabile la tecnica del
lembo microvascolare. I vantaggi sono quelli di poter riparare aree ampie
aree con tessuto vitale e di poter trasferire contestualmente, a seconda
delle necessità, del tessuto osseo vitale. La percentuale di insuccessi a
questo livello è bassa anche dopo radioterapia. Di contro il modellamento è talvolta critico e la lunghezza del peduncolo condiziona la scelta del
lembo, il colore può variare molto rispetto al tessuto circostante inoltre lo
spessore e la marcata alterazione della mimica facciale inducono ad una
particolare accortezza nella scelta di tali procedure. I lembi liberi più utilizzati sono rappresentati dal lembo antibrachiale, dal lembo scapolare e
parascapolare, dalla cresta iliaca e dal lembo di fibula.
Il lembo antibrachiale è un lembo fascio cutaneo (classe C) o fascio
osseo-cutaneo (classe D) se si include un frammento osseo di radio. Il
colore è molto simile a quello della guancia, ma lo spessore e la lunghezza dell’osso limitano il suo utilizzo alle riparazioni anteriori che comprendano il mascellare superiore. La lunghezza del peduncolo vascolare
può arrivare a 20 cm consentendo un ampio campo di impiego come
anche anastomosi con vasi piuttosto distanti come l’arteria toraco-acromiale in pazienti ustionati. Nella ricostruzione della piramide nasale non
esistono ampie casistiche come anche le varianti di tecnica possono
essere molteplici. La necessità inoltre di ricreare un supporto scheletrico
rivestito sia internamente che esternamente rende necessario l’utilizzo di
un secondo lembo ad esempio frontale o di guancia per ricostruire la
fodera esterna. Il lembo antibrachiale può essere utilizzato con risultati
soddisfacenti in associazione con un innesto cartilagineo di cartilagine
costale (15), o di cartilagine della conca per i difetti più piccoli23.
Nella ricerca continua di una tecnica atta a ripristinare una morfologia
accettabile della piramide nasale si inserisce la scelta dei lembi “prefabbricati” e “prelaminati”. Dal punto di vista classificativo possiamo definire
“prefabbricato”19 un lembo creato trasferendo, in un primo tempo, i peduncoli vascolari nel territorio da trasporre, trasferendo ad esempio i vasi
temporali superficiali nell’area della conca auricolare ed in un secondo
tempo il trasferimento di tutta l’area con il suo peduncolo vascolare2.
I lembi prelaminati prevedono invece l’impianto di tessuti (cartilagine,
osso) o materiali inerti prima del trasferimento del lembo in modo da permettere l’integrazione dell’innesto prima del trasferimento. Con tale tec284
La chirurgia ricostruttiva del naso
nica Bumper5 realizzò una ricostruzione della piramide nasale il cui scheletro cartilagineo era costituito dalla cartilagine tiroidea prelevata da
cadavere.
Il lembo libero di scapola offre il vantaggio che la porzione fasciocutanea
è, rispetto al segmento osseo, particolarmente mobile e per la forma piatta dell’osso è utile nelle ricostruzioni del pavimento dell’orbita/zigomo e
del palato. Il volume della componente ossea è comunque limitato nella
donna ed il peduncolo vascolare ha una lunghezza limitata.
La cresta iliaca offre la possibilità di poter disporre di una componente
ossea eccellente nelle ricostruzioni del palato duro e del seno mascellare, le misure del segmento osseo posso essere di 4 cm di larghezza per
11 cm di lunghezza e la componente cutanea fino a 8 cm di larghezza e
18 cm di lunghezza. L’osso è comunque piuttosto spesso, la mobilità
della componente cutanea rispetto a quella ossea è limitata, il peduncolo vascolare è corto e vi è un certo grado di morbilità del sito di espianto
Il lembo osteocutaneo di fibula ha un peduncolo vascolare piuttosto lungo
e una componente ossea eccellente in quantità e caratteristiche La componente cutanea è relativamente mobile rispetto a quella ossea, la morbilità del sito di espianto è bassa ed è possibile l’utilizzo di impianti dentali.
f) Epitesi
L’utilizzo di protesi che riproducono la piramide nasale e le eventuali zone
contigue mancanti può rappresentare un’alternativa a complesse e non
sempre soddisfacenti ricostruzioni ed offre inoltre il vantaggio non trascurabile di consentire un miglior controllo nel follow-up dei pazienti oncologici.
In passato uno dei sistemi più utilizzati di applicazione della protesi era
quello di ancorarla agli occhiali; attualmente l’epitesi può essere fissata al
volto con due sistemi: a) utilizzando delle viti in titanio (fixture) alle quali
viene poi applicato un sistema di ancoraggio che può essere meccanico
ad incastro o magnetico b) utilizzando delle colle
Il primo sistema introdotto da Branemark6 quale evoluzione della chirurgia odontoiatrica offre il vantaggio di poter disporre di un ancoraggio stabile. Di contro vanno considerate, nel caso specifico, la difficoltà nel posizionamento ottimale degli impianti in rapporto alle caratteristiche dell’osso residuo (vascolarizzazione, spessore, densità ossea) e l’incidenza di
mancate osteointegrazioni in particolare nel tessuto osseo radiotrattato.
Lo studio preoperatorio viene effettuato tramite TC a strato sottile per
285
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
definire lo spessore e la consistenza dei segmenti ossei dove posizionare gli impianti, nonché il loro orientamento. L’impianto può essere applicato con una tecnica in due tempi, Si posiziona la fixture (vite in titanio) e
si copre con i tegumenti (periostio,piani sottocutanei e cute) per un periodo sufficiente alla osteointegrazione (da 1 a 6 mesi). Successivamente si
espone nuovamente e si applica l’”abutment” (sistema di ancoraggio transcutaneo) al quale verrà applicata l’epitesi. Nella tecnica in un tempo
unico l’abutment e la preparazione della cute vengono effettuate nel
medesimo tempo chirurgico dell’applicazione dell’impianto. La protesi
verrà comunque applicata dopo almeno 30 giorni.
L’osteointegrazione è condizionata dal trofismo e dalla consistenza dell’osso e dai processi infettivi e per tali motivi l’indice di fallimento aumenta nell’osso radiotrattato o nel paziente chemiotrattato11-12.
Trial clinici hanno dimostrato che anche nei pazienti irradiati il successo
degli impianti raggiunge l’86% nei primi 44 mesi per scendere successivamente al 50% per periodi di osservazione più lunghi20. Questo può
essere spiegato dai danni tardivi provocati dalla radioterapia come, per
esempio, la endoarterite progressiva. La chemioterapia concomitante
può essere un fattore decisivo. La chemioterapia effettuata prima del
posizionamento degli impianti non sembra avere effetti negativi a patto
che venga completata entro le sei settimane antecedenti l’impianto. In
pazienti che effettuano chemioterapia dopo l’impianto invece si assiste ad
un maggior tasso di fallimento dell’osteointegrazione.
Proprio per ovviare agli inconvenienti suddetti utilizzando sistemi di ancoraggio fissi sono stati sviluppati dei sistemi di ancoraggio che utilizzano
dei particolari sistemi adesivi (Kontakplatten - Brevetto Europeo
Paolocci)18 con i quali l’epitesi si appoggia direttamente sulla cute senza
l’ausilio di ancoraggi o impianti. I vantaggi di tali tipi di riabilitazione sono
notevoli e possono essere sintetizzati in: non necessità di ulteriori interventi chirurgici, possibilità di una riabilitazione immediata non condizionata dai tempi di recupero post-radio-chemioterapici, assenza di problematiche relative al rigetto e/o l’infezione degli impianti, minor impatto psicologico relativo alla presenza degli impianti fissi poco accettati dai
pazienti sud europei.
Un ulteriore vantaggio evidenziato nella nostra esperienza è quello che il
costo globale delle epitesi ancorate con colle, non essendo necessario
alcun intervento chirurgico o componentistica implantologia, è notevolmente più contenuto per il sistema sanitario nazionale (Fig. 10).
286
La chirurgia ricostruttiva del naso
Fig. 10
287
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
ADNOT J, SALASCHE S: Visualized basting sutures in the application of full-thickness skin grafts. J Dermatol Surg Oncol 13:1236-1239, 1987
BAUDET J, MARTIN D: Principles of flap prefabrication. In Strauch B, Vasconez LO,
Hall-Findley EJ: Grabb’s Encyclopedia of flaps, second edition, 505-513. LippincottRaven Publisher, 1998
BENNETT J P: Aspects of the history of plastic surgery since the 16th century’
Journal of the Royal Society of Medicine Volume 76 February 1983
BENMEIR P, NEUMAN A: Reconstruciton of a completely burned nose by a free dorsalis pedis flap. British J Plast Surg, 44, 8, 570-1, 1991
BUMBER Z, STANEC Z, PRGOMET D, JNJANIN S. Prelaminated forearm flap for
nose reconstruction. Eur J Plast Surg 2005 (27): 344-46
BRANEMARK PI. Osteointegration and its experimental background. Am J Prosthet
Dent 50: 399-410, 1983
COOK JL, PERONE J: A prospective analysis of complications associated with Mohs’
micrographic surgery. Arch Dermatol 139:143-152, 2003
COOK JL: A review of the bilobed flap’s design with particolar emphasis on the minimization of alar displacement. Dermatol Surg 26:354, 2000
COOK J, ZITELLI J: Primary closure for midline defects of the nose: A simple
approach for reconstruction. J Am Acad Dermatol 43:508-510, 2000
FARLEY M.F. Simple things that make a difference i nasal reconstruction Seminars
in Cutaeus Medicine and Surgery 23:196 202 -2004
GRANSTROM G, TJELLSTROM A. Effects of irradiation on osseointegration before
and after implant placement. A report of 3 cases. Int J Oral Maxillofac Implants 1997;
12: 547-551
JACOBSSON M, TJELLSTROM A, THOMSEN P, ALBREKTSSON T, TURESSON I.
Integratioin of titanium implants in irradiated bone. Ann Otol Rhinol Laryngol 1988; 97:
337-341.
LANG P, RETIEF C: The use of a suspension suture in lieu of a cartilage strut for
deep alar defects. Dermatol Surg 26:597-598, 2000
MAZZOLA R: History of nasal reconstruction. A brief survey Handchir Mikrochir Plast
Chir. 1987 Jan;19(1):4-6.
MOORE EJ, STROME SA, KASPERBAUER JL, SHERRIS DA, MANNING LA.
Vascularized radial forearm free tissue transfer for lining in nasal reconstruction.
Laryngoscope 2003 Dec; 113 (12): 2078-85
OHMORI K. Microvascular free transfer of a compound dorsalis skin flap with second
metatarsal bone. In Grabb’s Encyclopedia of flaps, first edition, 254-257. Little Brown
and company, 1990
288
La chirurgia ricostruttiva del naso
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
OTLEY C, SHERRIS D: Spectrum of cartilage grafting in cutaneous reconstructive
surgery. J Am Acad Dermatol 39:982-992, 1998, Otley C: Alar batten cartilage grafting. Dermatol Surg 26:969-972,2000
PAOLOCCI Brevetto Europeo n.05425691.2 - n.1647245 European Patent Office
Bulletin 2006/16
PRIBAZ JJ, FINE NA: Prelamination: definii the prefabricated flap. A case report and
review. Microsurgery, 15, 618-23, 1994
SCHLEGEL KA, SCHULTZE-MOSGAU S, EITNER S, WILTFANG J, RUPPRECHT
S. Clinical trial of modifid ankylos implants for extraoral use in cranio and maxillofacial surgery. Oral maxillofac Implants 2004; 19: 716-720
SHAH J.P Color atlas of operative Thecniques in Head and Neck Surgery Wolfe
Medical Publications Ltd.1987
TARDY ME: Topographic anatomy and landmarks, in Tardy ME (ed): Surgical
Anatomy of the Nose. New York, NY, Raven Press, 1990, pp 1-23
WINSLOW CP, COOK TA, BURKE A, WAX MK. Total nasal reconstruction: utility of
the fre radial forearm fascial flap. Arch Facial Plast Surg. 2003 Mar-Apr; 5(2): 159-63.
ZITELLI J, FAZIO M: Reconstruction of the nose with local flaps. J Dermatol Surg
Oncol 17:184-189, 1991
ZITELLI J: Wound healing by first and second intention, in Roenigk RK, Roenigk HH
(eds): Roenigk and Roenigk’s Dermatologic Surgery (ed 2). New York,NY, Marcel
Dekker,1996, pp 101-130
ZITELLI J: The bilobed flap for nasal reconstruction. Arch Dermatol 125:957-959,
1989
ZHOU LY, CAO YL: Clinical application of the free flap based on the cutaneous
branch of the acromion thoracic artery. Annals of Plastic Surgery, 23, 11, 1989
289
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
290
MEDICINA LEGALE IN RINOLOGIA
M. Piemonte
L’approccio chirurgico alla regione nasale, indipendentemente dalle sue
finalità, rappresenta ancor’oggi un problema clinico complesso e articolato, suscettibile di opzioni chirurgiche diversificate e spesso di non univoca soluzione.
Il problema strettamente tecnico, di ordine medico e chirurgico, è peraltro
reso particolarmente complesso dal fatto che, in ambito rinochirurgico
più che in molti altri campi della specialità otorinolaringoiatrica, il paziente si trova facilmente ad essere coinvolto in prima persona, su un piano
soggettivo, sia nella valutazione del suo stato preoperatorio, sia nel giudizio personale del risultato post-operatorio.
Infatti il paziente ha una percezione soggettiva diretta non solo del problema clinico (ostruzione nasale, deformità nasale, ecc.), ma successivamente anche del risultato terapeutico inteso come effetto correttivo dei
fattori di inefficienza o disagio preoperatorio.
Mentre il chirurgo operatore si affida a criteri oggettivi di tipo morfologico
e strumentale, integrati da criteri soggettivi mutuati dalla sua esperienza
e dalla sua valutazione critica, il paziente esprime il proprio giudizio in termini di stretta soggettività, secondo una scala individuale basata su criteri personali non facilmente identificabili e talora inespressi in occasione
dei contatti verbali con il chirurgo.
In altri termini la percezione del problema rinologico e quindi le aspettative del paziente non sono facilmente identificabili dal medico e talora possono essere aprioristicamente distorte od improprie anche di fronte ad un
risultato rinochirurgico tecnicamente corretto.
Questo fatto non può che ripercuotersi negativamente sul rapporto medico-paziente e di conseguenza facilita le problematiche medico-legali in
questo campo.
Un intervento rinochirurgico può prefiggersi una o più finalità, talora variamente associate tra loro, che possono essere così schematizzate:
• risoluzione di un problema funzionale di disfunzione respiratoria nasale
• risoluzione di un problema flogistico/infettivo cronico
• risoluzione di un problema estetico
291
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
E’ evidente che non solo le indicazioni, ma anche un eventuale giudizio
medico-legale assume connotazioni ben diverse nelle tre diverse situazioni.
Infatti, ad esempio, un intervento di rinochirurgia finalizzato alla terapia di
un fatto flogistico/infettivo presenta indicazioni di necessità curativa che
non possono essere invocati in un intervento di rinoplastica estetica: quest’ultimo, infatti, in linea generale mira alla soluzione di un problema che
non compromette la salute fisica dell’individuo. Nella peggiore delle ipotesi, un dimorfismo della piramide senza o con minime alterazioni funzionali può creare al massimo problemi di ordine psicologico, ma ben raramente presenta indicazioni di riconosciuta necessità per la salute “biologica” del paziente.
Peraltro la valutazione globale di un atto terapeutico di rinochirurgia non
può prescindere, in una visione finalizzata alla completezza, da diversi
parametri tra i quali:
• le possibilità tecniche dell’intervento di rinochirurgia, riferito al singolo
caso
• i risultati effettivi dell’intervento (raccolti con metodiche oggettive ma
anche con criteri soggettivi dell’operatore)
• l’interferenza di fattori riparativi e cicatriziali non sempre preventivamente ipotizzabili
• la comparsa di complicanze
• le aspettative del paziente
• il giudizio soggettivo del paziente sui risultati.
Sulla base di queste premesse, ne consegue che in ambito rinologico i
momenti di interesse medico-legale possono essere schematizzati in
quattro differenti aspetti1,7,19,23,28,29:
1. Problemi di corretto approccio diagnostico
2. Problemi di pianificazione dell’intervento
3. Problemi di informazione del paziente
4. Problemi da complicanze della terapia
1. PROBLEMI DI CORRETTO APPROCCIO DIAGNOSTICO
E’ oggi indispensabile ed irrinunciabile, anche a fini medico-legali, un
approccio diagnostico articolato e completo alla patologia nasale, talora
anche di tipo multidisciplinare, in quanto le moderne tecniche di indagine
per “imaging”, strumentali ed endoscopiche consentono di precisare in
292
Medicina legale in rinologia
fase preoperatoria le possibilità, le prospettive e i limiti dell’intervento chirurgico.
La giurisprudenza sull’argomento evidenzia con sempre maggiore frequenza casi di insufficiente approfondimento diagnostico preoperatorio,
non solo di ordine locale (nasale), ma anche di ordine generale (condizioni emocoagulative, patologie del connettivo, ecc.), facendo risalire
risultati terapeutici insoddisfacenti ad un inadeguato approccio diagnostico.
E’ quindi oggi del tutto sconsigliabile un approccio empirico e “taumaturgico”, anacronistico e foriero di contenziosi medico-legali, al problema
rinochirurgico, che deve anzi essere affrontato in chiave di completezza
ed esaustività della documentazione clinica e strumentale.
Ciò non significa l’esecuzione routinaria ed ingiustificata di una messe di
accertamenti finalizzati esclusivamente ad un concetto riprovevole di
“medicina difensiva”, ma significa che il chirurgo operatore deve costantemente accertarsi con “scienza e coscienza” di aver esperito e valutato
correttamente e per tempo tutti gli accertamenti preoperatori che consentono l’inquadramento clinico e chirurgico della patologia e favoriscono una valida ed efficace pianificazione chirurgica preoperatoria, ampiamente condivisibile con il paziente.
E’ ovvio peraltro che un approccio preoperatorio generico si presta maggiormente ad un elevato rischio di:
* errore diagnostico (colposo) per imperizia /imprudenza/negligenza
* insuccessi terapeutici (intendendo con questo termine il mantenimento dello “status quo ante” senza peggioramento morfofunzionale)
* “misdiagnosis” (con sottovalutazione di problematiche interferenti con
l’atto chirurgico)
* danno iatrogeno (peggioramento della situazione clinica per trattamento inadeguato, peggioramento dello “status quo ante” anche dopo
trattamento adeguato, o generazione di nuove problematiche)
* complicanze non giustificate
* “last but not least”, insufficiente informazione pre-terapeutica con conseguente insoddisfazione post-terapeutica del paziente.
2. PROBLEMI DI PIANIFICAZIONE DELL’INTERVENTO
La pianificazione corretta di un intervento di rinochirurgia deve tenere in
considerazione sia i mezzi tecnici, sia le finalità, sia le possibili complicanze dell’intervento.
293
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Se da un lato la pianificazione di un intervento rinochirurgico è tecnicamente compito del chirurgo operatore, è peraltro vero che tale pianificazione deve essere il più possibile formalizzata con metodiche di tipo
obiettivo e deve essere concordata con il paziente.
In questo ambito recenti ausili tecnico-strumentali hanno facilitato il compito del chirurgo, ma al contempo hanno introdotto nuovi fattori di rischio
medico-legale ove a questi mezzi si attribuiscano funzioni improprie
ovvero qualora questi mezzi vengano usati da operatori inesperti.
In ambito di rinochirurgia estetica, ad esempio, si sono diffusi in tutto il
mondo programmi computerizzati di fotoritocco che consentono di modificare in modo virtuale la fotografia del paziente (nelle diverse proiezioni
antero-posteriore, laterale destra, laterale sinistra e assiale dal basso in
alto) così da consentire una corretta programmazione delle esigenze chirurgiche e al contempo la dimostrazione al paziente del risultato estetico
correttivo finale come pianificato dal chirurgo.
Questo atteggiamento permette di acquisire in fase preoperatoria un
consenso veramente informato da parte del paziente sulle modalità e
sui risultati attesi, ma espone peraltro il chirurgo operatore a contenziosi e rivendicazioni medico-legali se il risultato finale si discosta da
quelli preventivato e “certificato” visivamente, in termini di armonia e
proporzioni oggettive, nel programma di fotoritocco/ fotoprogrammazione4,20,24,25,26,27.
Si osservi inoltre che un intervento di chirurgia estetica agisce su una
struttura anatomica formalmente e materialmente “sana” (il naso), ancorché dismorfica, e ciò dal punto di vista giuridico introduce un impegno
particolarmente stretto dal punto di vista del risultato finale. Una complicanza o un peggioramento dello “status quo ante” sono suscettibili di
essere immediatamente identificati senza remissione come un “danno”
iatrogeno, in quanto l’unica finalità dell’intervento era proprio rappresentato dal miglioramento di una struttura sana.
A questo proposito il concetto di “obbligatorietà di risultato”, basato in
parte sul precedente assunto, è stato oggi in parte rivalutato e modificato in considerazione dell’esistenza di fattori riparativi e cicatriziali del tutto
non modificabili o prevedibili dal chirurgo: ne consegue che oggi si preferisce parlare in ambito medico-legale e giuridico di “individualità biologica”, intendendo con ciò la reattività individuale dei tessuti sottoposti a
chirurgia, che si pensa possa influenzare il risultato terapeutico indipendentemente dalla abilità e bravura del chirurgo.
294
Medicina legale in rinologia
Poiché il risultato finale dell’intervento di rinoplastica estetica, come dimostrato dal programma di fotoritocco, può essere ben diverso da quello
atteso o pianificato per motivi disparati ma anche per la reattività stessa
dei tessuti, il paziente dovrà essere oggetto della raccolta di un consenso informato.particolarmente attento anche sulla possibilità di esiti diversi da quelli programmati.
In ambito di chirurgia funzionale il ruolo documentale oggettivo è invece
svolto dalla endoscopia, dalla rinomanometria e dalla rinometria acustica,
esami strumentali oggi ben codificati e suscettibili di fornire dati oggettivi
sulle condizioni morfostrutturali e funzionali del naso. Anche in questo
caso, peraltro, possono verificarsi discrepanze anche importanti tra il
riscontro strumentale nasale e la efficienza funzionale del naso sulla base
della valutazione soggettiva del paziente.
3. PROBLEMI DI INFORMAZIONE DEL PAZIENTE IN RINOCHIRURGIA
L’informazione estensiva e puntuale delle indicazioni, delle problematiche, dei risultati, dei rischi dell’intervento chirurgico rappresenta il fondamento etico, scientifico e giuridico del “consenso informato”, che in rinochirurgia assume un’importanza fondamentale3,8,9,17,19,28,29.
Il momento dell’informazione del paziente in rinochirurgia riveste particolare importanza ed assume valore bidirezionale, in quanto è anche l’occasione per il medico di assumere informazioni preziose sullo stato psichico del soggetto, sulle sue aspettative in merito all’intervento e sulle
sue necessità.
Infatti il buon successo di un intervento di rinochirurgia non può prescindere dalle aspettative del paziente.
E’ esperienza comune che il naso, soprattutto in ambito di chirurgia estetica, viene spesso interpretato dal paziente come momento centrale della
qualità di vita, del successo professionale e affettivo, del risultato estetico generale del soggetto e quindi all’intervento di rinochirurgia correttiva
viene attribuito impropriamente anche un valore taumaturgico per situazioni e problematiche extrasanitarie che nulla o ben poco possono trarre
dalla chirurgia. Questi casi devono essere identificati già in fase preoperatoria in quanto è evidente che un paziente con aspettative improprie ed
irrealizzabili sarà comunque insoddisfatto dell’intervento rinochirurgico e
rappresenta “a priori” un grave momento di rischio di contenzioso medico-legale. In casi particolari può trovare indicazione, tra gli accertamenti
preoperatori, una valutazione psicologica che definisca non solo lo stato
295
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
d’animo del paziente nei confronti dell’intervento, ma anche le reali problematiche alla base della richiesta di intervento21.
Giova ricordare in questa sede che nel caso della rinochirurgia estetica,
finalizzata ad operare su pazienti con dimorfismo nasale ma genericamente “sani”, il Legislatore richiede un consenso in cui siano compresi
tutti i possibili rischi, compresi quelli di minore entità o di meno frequente
riscontro.
Per questo motivo è indispensabile illustrare al paziente le condizioni
anatomo-cliniche e patologiche della sua situazione nasale, con
approfondimento anche sulle conseguenze a breve e lungo termine della
rinopatia (evidenziando altresì le possibilità di correzione ma anche le
condizioni che non troveranno correzione dall’intervento, quale ad esempio l’”habitus” allergico o vasomotorio).
Il colloquio con il paziente prevede la descrizione e motivazione delle
terapie programmate e attuate (o non attuate) e delle ipotesi prognostiche, nonché la descrizione dei limiti della terapia, della possibilità di
“insuccesso terapeutico” e dei rischi di complicanza.
Ove necessario, si dovrà sottolineare l’importanza di una continuità terapeutica che non interrompa l’effetto curativo creando condizioni favorenti i peggioramenti “a distanza” o le ricadute di patologia.
Infine si dovranno sottolineare i limiti della terapia chirurgica nasale, nelle
loro diverse modalità:
• immediati (esempio: persistenza sintomi dopo chirurgia)
• precoci (esempio: cicatrizzazioni anomale, sinechie, ecc.)
• tardivi (esempio: recidiva di ipertrofia dei turbinati; persistenza di faringopatia cronica, ecc)
A tutt’oggi mancano criteri univoci e oggettivi di valutazione dei risultati in
rinochirurgia, anche perché in molti casi il giudizio del chirurgo può non
essere sovrapponibile a quello del paziente.
La obiettività clinica di un intervento ben eseguito, con evidenza di una
piramide nasale morfologicamente corretta ed eumetrica e di fosse nasali simmetriche e pervie può non corrispondere appieno al giudizio estetico del paziente o alla soddisfazione funzionale di una corretta ed efficace funzione respiratoria.
Numerosi Autori hanno sottolineato che il tempo speso ad informare correttamente il paziente è in realtà un impiego di “capitale” molto proficuo
296
Medicina legale in rinologia
non solo per prevenire contenziosi medico-legali in caso di insuccesso o
complicanza, ma anche e soprattutto per avviare il paziente verso un’atteggiamento “non difensivo” in caso di problemi post-operatori11.
L’espressione e la sottoscrizione di un consenso scritto dei rischi operatori e delle possibili complicanze consente un maggiore e più palese coinvolgimento del paziente nel processo decisionale, permettendogli non
solo di conoscere, ma anche di condividere il rischio chirurgico e le incognite di risultato.
4. COMPLICANZE NELLA TERAPIA CHIRURGICA DELLE RONCOPATIE
La rinochirurgia, dovendo agire su un terreno di particolare complessità
anatomica e funzionale, è esposta più di altre pratiche chirurgiche al
rischio di complicanze ed è quindi compito preminente del chirurgo operatore illuminato ed assennato attuare tutte le iniziative e le pratiche utili
per prevenire, evitare o limitare questo rischio.
In particolare i rischi di complicanza locale, sempre presenti per imprevedibili alterazioni dei processi riparativi, sono suscettibili di invalidare
l’efficacia dell’intervento rinochirurgico talora anche per eventi indesiderati di modesta entità. Se da un lato nessun comportamento medico o chirurgico può dirsi esente dal rischio di complicanze, purchè corretto ed
attuato secondo “scienza e coscienza”, è altrettanto vero che di fronte al
verificarsi di una complicanza il medico deve attuare tempestivamente un
trattamento adeguato per correggerne gli effetti o per limitarne le conseguenze sfavorevoli. L’astensione da questa iniziativa identifica indiscutibilmente l’ipotesi di una omissione “colposa” da parte del chirurgo.
L’esposizione delle possibili complicanze in rinochirurgia esula dagli
scopi di questa trattazione e pertanto si rinvia alla disamina della letteratura specifica sull’argomento2,5,6,14,18.
PRINCIPALI CAUSE DI ATTIVAZIONE DI PROCEDURE LEGALI DI
RIVALSA
In ambito di chirurgia rinologia, come in altre pratiche mediche e sanitarie, le motivazioni del paziente per attivare procedure legali di rivalsa possono essere diverse e non sempre riconducibili in via principale o esclusiva all’atto medico/chirurgico in sé o al suo esito non soddisfacente1,7,12,13,15,16,22.
Le cause principali di attivazione di procedure di rivalsa possono essere
così riassunte:
• “malpractice” medica (vera o presunta) da parte del rinochirurgo:
297
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
•
•
•
deve essere considerata al primo posto nelle cause di contenzioso
medico-legale, per i molteplici motivi già descritti in precedenza. La
percezione soggettiva e oggettiva del risultato chirurgico da parte del
paziente si trova alla base di queste procedure di rivalsa ed è evidente “ab initio” che in alcuni casi di risultati macroscopicamente errati o impropri il paziente si senta stimolato a procedere legalmente contro il sanitario. E’ peraltro altrettanto evidente che in altri casi la presunzione di “malpractice” medica viene generata da fattori di varia
natura che riguardano per lo più un atteggiamento improprio da parte
del paziente, spesso su base psicologica, o un difetto di rapporto
medico-paziente.
mancata informazione del paziente: rappresenta un evento non più
così frequente come in passato, dopo l’introduzione del concetto e
delle norme sul “consenso informato”, e corrisponde ad un comportamento omissivo e superficiale da parte del medico che non fornisce al
paziente gli elementi informativi di base per valutare correttamente la
natura, le finalità, i risultati e le conseguenze dell’atto chirurgico.
Talora (ma sempre più raramente) è lo stesso paziente che rinuncia o
rifiuta “a priori” alle spiegazioni sulla base di una asserita “totale fiducia” nell’operato del medico.
inadeguata informazione del paziente: rappresenta un evento relativamente frequente nella pratica medica e chirurgica, soprattutto per
la difficoltà di dosare accuratamente la mole e i contenuti delle informazioni da trasmettere in modo tale da fornire una equa e completa
informazione al paziente senza peraltro esagerare in termini quantitativi e senza dare esito aa atteggiamenti “terroristici” su tutte le possibili complicanze e conseguenze negative (la lettura di un “foglio informativo” di un qualunque farmaco rappresenta un comune esempio di
come l’informazione troppo puntuale, se non guidata e moderata da
buon senso ed esperienza clinica, possa risultare “terroristica” nei
confronti di soggetti particolarmente sensibili o non preparati).
incomprensione delle spiegazioni da parte del paziente: l’esposizione
delle informazioni al paziente deve essere necessariamente associata alla loro corretta comprensione ed interpretazione da parte di persone che generalmente hanno limitate o nulle conoscenze in ambito
medico. La mancata o, ancor peggio, l’errata e distorta comprensione delle informazioni rappresenta un grave rischio di contenzioso
post-chirurgico in quanto nella maggior parte dei casi il paziente volge
a proprio favore, in un ottica del tutto personale e soggettiva, affer298
Medicina legale in rinologia
•
•
•
mazioni mediche che talora sono di significato diametralmente opposto, con conseguenze ferali per la corretta e serena valutazione dei
risultati chirurgici e terapeutici in generale.
contrasto medico-paziente: l’attenta salvaguardia di un sereno ed
amichevole rapporto medico-paziente rappresenta la migliore garanzia per la prevenzione di contenziosi medico-legali. Il paziente che si
affida con fiducia ad un medico per un trattamento sanitario ha una
spontanea tendenza a conservare un rapporto fiduciario con il medico stesso anche a fronte di eventi sfavorevoli (ove prevedibili e giustificabili). La compromissione di tale rapporto per qualunque motivo,
con insorgenza di un rapporto conflittuale di intolleranza o insofferenza da parte di uno dei due attori del rapporto (e soprattutto da parte
del medico), è facilmente foriera di contenziosi anche medico-legali.
comportamento da “cittadino giustiziere”: rappresenta un problema di
non rara osservazione in ambito clinico, a seguito di una coscienza
sanitaria della cittadinanza rapidamente accresciuta grazie ai progressi e ai miglioramenti della “cultura” sanitaria e civile, non sempre
correttamente indirizzata in chiave costruttiva e di civile confronto
bensì modellata su schemi di tipo conflittuale e di rivalsa.
azione nefasta dei “mass media”: sono assolutamente indubbie e indiscusse la importanza e la insostituibilità dei “mass media” nella informazione e nella formazione culturale della cittadinanza anche in
ambito sanitario, ma è peraltro comune esperienza che le informazioni trasmesse non sono sempre adeguatamente filtrate e calibrate
rispetto al “target”, sono talora erronee (o comunque suscettibili di
erronea interpretazione) e non raramente vengono deformate o interpretate in modo improprio. Inoltre le ricorrenti descrizioni di casi clinici di presunta “malpractice” medica (di cui viene data generalmente
informazione al momento dell’avvenimento ma di cui non si conosce
poi l’esito medico-legale e giudiziario, spesso assolutorio), non compensate in quantità e qualità da altrettante informazioni sulla “buona
sanità”, inducono il cittadino nel sospetto più o meno latente che tutto
il mondo della sanità sia affetto da gravi problemi in questo ambito,
generando un atteggiamento di sospetto aprioristico non giustificato.
Alla luce di quanto sopra, risulta particolarmente evidente l’importanza
della salvaguardia di un rapporto medico-paziente corretto e aperto ma
anche, da parte del medico chirurgo, le necessità di identificare fin dall’inizio le condizioni di rischio medico-legale e di prevenirle con un approc299
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
cio al paziente e alla sua problematica clinica particolarmente attento e
prudente.
Con queste premesse, il contenzioso medico legale può essere avviato
in ambito penale sulla base dell’art. 582 C.P. (“Chiunque cagiona ad alcuno una lesione personale dalla quale derivi una malattia nel corpo o nella
mente è punito...”), con esplicito riferimento nel caso della rinochirurgia
non tanto a problemi prognostici “quoad vitam”, quanto piuttosto alle
situazioni problematiche ma riservata “quoad valetudinem”.
Il riferimento valutativo a lesione grave (per “indebolimento permanente
di un organo”) non è del tutto infrequente nell’esperienza medico-legale
e giudiziaria.
Il contenzioso medico-legale può essere altresì attivato per aspetti di rilevanza civile ex-art 2043 C.C. (“Qualunque fatto doloso o colposo che
cagiona ad altri un danno ingiusto obbliga colui che ha commesso il fatto
a risarcire il danno”).
In questo ambito si possono riconoscere poi e quantificare i diversi aspetti del danno10:
- danno patrimoniale
• per danno emergente
• per lucro cessante
- danno biologico (menomazione dell’integrità psicofisica del soggetto)
- danno morale (“praetium doloris”) - solo se penalmente rilevante
Giova infine ricordare che tra i principali fattori di constatazione del danno
(“an debeatur”) il giudice pone frequentemente alcuni quesiti di base tra i
quali ricorrono con particolare frequenza e assumono particolare importanza i seguenti:
- l’approccio diagnostico era corretto?
- l’indicazione terapeutica era corretta?
- l’intervento è stato eseguito secondo le regole? (imperizia)
- il procedimento dell’intervento è stato corretto e rispettato? (imperizia/imprudenza/negligenza)
- c’è una letteratura scientifica sull’argomento?
- ci sono linee-guida sull’argomento?
- quale è stata la causa/complicanza che ha portato al danno?
- la complicanza è stata affrontata correttamente?
Già da queste domande si deduce che il rinochirurgo operatore deve
300
Medicina legale in rinologia
costantemente attenersi in chiave prudenziale alle norme di “scienza e
coscienza” ai fini di una corretta valutazione di appropriatezza diagnostica e terapeutica, in quanto in questo ambito il riferimento costante di
legge e di professionalità medica è rappresentato dal riferimento a:
- leggi, regolamenti, ordini, discipline
- letteratura scientifica
- protocolli
- linee-guida
- ecc.
Conoscendo “a priori” che su queste basi si potrebbe giocare il confronto medico-legale in sede giudiziaria, il rinochirurgo potrà assumere di
volta in volta le precauzioni del caso formulando sempre scelte motivate
e giustificabili in qualunque sede e qualunque momento.
E’ quindi opportuno non solo evitare o prevenire gli errori, ma anche evitare attentamente gli “overtreatment”: non sempre esiste univocità in termini di indicazioni terapeutiche in rinochirurgia, ma ogni scelta deve essere giustificata e giustificabile
Fino a diversa e univoca interpretazione, la prudenza e il rispetto dei riferimenti scientifici devono essere adottati come criteri ispiratori al comportamento medico.
CONCLUSIONI
Anche la rinochirurgia, come ogni settore della Medicina e in particolare
della Medicina Specialistica, può sollevare delicati problemi di ordine
medico-legale, non sempre prevedibili o prevenibili.
Non esistono norme assolute che mettano sicuramente il medico al riparo da possibili problemi medico-legali. E’ comunque ormai univocamente
riconosciuto che la miglior garanzia contro tali problemi è assicurata da
un efficace “cocktail” di:
• elevata competenza professionale
• profonda attenzione professionale
• valido rapporto medico-paziente
• un pizzico di lungimiranza
• e …. tanta prudenza
301
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
Avecone P.: La responsabilità legale del medico. - Vallardi, Padova, 1981
Balli R.: La patologia iatrogenica in ORL. - Minerva Medica Ed., Torino, 1998
Bateman N.D., Woolford T.J.: Informed consent for septal surgery: the evidencebased. - J. Laryngol. Otl. 117, 186-189, 2003
Bronz G.: The role of the computer imaging system in modern aesthetic plastic
surgery. - Aestethic Plast. Surg. 23, 159-163, 1999
Canciullo A., Schiavon P., De Giovanni A.C.: Complicanze della settoplastica, rinosettoplastica, rinoplastica. - In: Cenacchi V.: Il consenso informato in otorinolaringoiatria
- pagg. 105-130 - CLUEB Ed., Bologna, 1998
Canciullo A., Schiavon P., De Giovanni A.C.: Complicanze della chirurgia dei turbinati
inferiori. - In: Cenacchi V.: Il consenso informato in otorinolaringoiatria - pagg. 131137 - CLUEB Ed., Bologna, 1998
Cazzato G.: Aspetti medico-legali in Otorinolaringoiatria (Quaderno monografico di
aggiornamento AOOI n° 13). - Torgraf Ed., Galatina (Lecce), 2004
Cenacchi V.: Il consenso informato in otorinolaringoiatria - CLUEB Ed., Bologna, 1998
Chadha N.K., Pratap R., Narula A.A.: Consent processes in common nose and throat
procedures. - J. Laryngol. Otol. 117, 536-539, 2003
Cimaglia G., Rossi P.: Danno biologico: Le tabelle di Legge. - Giuffrè Editore, Milano,
2000
Correa A.J., Sykes J.M., Ries W.R.: Considerations before rhinoplasty. - Otolaryngol.
Clin. North. Am. 32, 7-14, 1999
De Campora E., Radici M., Laudario P., Grimaldi M., De Benedetto M., Vitale S.,
Dragonetti A., Cazzato G.: La responsabilità professionale nelle scelte terapeutiche
“difficili”. - In: Cazzato G.: Aspetti medico-legali in Otorinolaringoiatria (Quaderno
monografico di aggiornamento AOOI n° 13). - pagg. 167-188 - Torgraf Ed., Galatina
(Lecce), 2004
Farneti A., Dufour M.: Moderni aspetti diagnostici e terapeutici della patologia rinosinusale: considerazioni medico-legali. - In: Pignataro O.: moderni aspetti diagnostici
e terapeutici della patologia rino-sinusale (Relazione Ufficiale XLI Raduno Gruppo
ORL Alta Italia - Milano, 2 dicembre 1995) - pagg. 249-256 - Editore. N.N., Milano,
1995
Farneti G., Pasquini E., Frassineti S., Sonetti M.: Chirurgia tradizionale ed endoscopica nella patologia benigna del massiccio facciale: Complicanze e loro prevenzione - In: Cenacchi V.: Il consenso informato in otorinolaringoiatria - pagg. 145-154
- CLUEB Ed., Bologna, 1998
Gorney M.: Claims prevention for the aesthetic surgeon: preparing for the less-thanperfect outcome. - Facial. Plast. Surg. 18, 135-142, 2002
302
Medicina legale in rinologia
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
Lynn-Macrae A.G., Lynn-Macrae R.A., Emani J., Kern R.C., Conley D.B.: Medicolegal
analysis of injury during endoscopic sinus surgery. - Laryngoscope, 114, 1492-1495,
2004
Makdessian A.S., Ellis D.A., Irish J.C.: Informed consent in facial plastic surgery:
effectiveness of a simple educational intervention. - Arch. Facial Plast. Surg. 6, 26-30,
2004
Maniglia A.: Fatal and major Complications secondary to nasal and sinus surgery. Laryngoscope 99, 276-283, 1989
Marra A.: L’Otorinolaringoiatra nella legislazione e nella giurisprudenza. - Passoni
ed., Milano, 2003
Mendelshon M.S., Tew P.: Effect of aesthetic illusions on rhinoplasty assesssment. J. Otolaryngol. 27, 228-231, 1998
Meyer L., Jacobson S.: Psychiatric and psychosocial characteristics of oatients
accepted for rhinoplasty. - Ann. Plast. Surg. 19, 117-130, 1987
Motta G.: La responsabilità legale dell’Otorinolaringoiatra (relazione Ufficiale 74°
Congresso Naz. Società Italiana ORL - Milano, 27-30 maggio 1987) - ACM Ed.,
Napoli, 1987
Nordio C.: Il Medico nella società che cambia: tecnologia, professione ed etica. - Acta
Otorhinolaryngol. 23, 326-330, 2003
Parodi P.C, Moreschi C., Rampino E., Codarini M., Di Biasio F., Riberti C.: Corrective
rhinoplasty: medical and legal aspects. - Acta Otorhinolaryngol. Ital. 23, 356-361,
2003
Senechal G., Senechaut J.P., Hazan A., Peytral C.: Medicolegal aspects of esthetic
Surgery. - Ann. Otolaryngol. Chir. Cervicofac. 105, 387-390, 1988
Stroomer J.W., Vuyk H.D., Wielinga E.W.: The effects of computerized simulated
facial plastic surgery on social perception by others. - Clin Otolaryngol. 23, 141-147,
1998
Vuyk H.D., Stroomer J., Vinayak B.: The role of computer imaging in facial plastic
surgery consultation: a clinical study. - Clin. Otolaryngol. 23, 235-243, 1998
Wayoff M.: Implications medico-legales de la chirurgie des sinus. - Acta Oto-rhinolaryngol. Belg. 46, 343-350, 1992
Wayoff M., Jankowski R.: Medico-legal aspects in sinus surgery. - Rhinology 29, 257261, 1991
303
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
304
PRINCIPI DI ANESTESIA IN RINOLOGIA
G. Rossi, L. Saravo, P. Trombetti
L’anestesia in chirurgia nasale1,5 ha uno scopo peculiare, quello di contenere il sanguinamento intraoperatorio.
Nel corso degli anni sono state proposte differenti tecniche, anche in rapporto alla evoluzione tecnologica e farmacologia:
1) anestesia generale con intubazione orotracheale
2) anestesie locale
3) anestesia locale con sedazione
Le varie tecniche, presentano diversi vantaggi e svantaggi, ma hanno l’obiettivo comune del risultato chirurgico con la riduzione del sanguinamento, la soddisfazione del paziente e degli operatori. La ricerca del
campo operatorio esangue richiede un particolare impegno da parte dell’anestesista, senza una costante corrispondenza fra impegno profuso e
risultai conseguiti.
L’anestesista, il chirurgo e, naturalmente, il paziente collaborano al conseguimento dello stesso obiettivo.
ANESTESIA GENERALE
L’anestesia generale è una procedura offerta al paziente per renderlo idoneo ad essere sottoposto ad intervento chirurgico. Obiettivi dell’anestesia
quindi sono: ottenimento dell’ipnosi, ossia la perdita della consapevolezza degli eventi correlati all’intervento, l’acinesia, ossia la possibilità di
posizionare il paziente in ragione dell’intervento, il rilassamento muscolare per favorire l’accesso chirurgico, il controllo del sistema nervoso autonomo e l’analgesia per il controllo dei ri flessi al dolore.
In Rinologia, inoltre, l’uso del controllo della pressione sistemica, permette di ottenere una ottimale riduzione del sanguinamento1,4.
L’anestesia generale2,5, attualmente ben tollerata e con scarsi effetti collaterali, favorisce il controllo totale delle funzioni vitali, con monitoraggio
continuo e possibilità di un rapido intervento su un paziente immobile,
nella posizione desiderata, senza limitazioni di tempo.
I fattori di rischio sono strettamente correlati alle condizioni di base.
Cinque sono le fasi dell’anestesia generale: preparazione del paziente,
preanestesia, induzione, mantenimento e risveglio.
305
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Di particolare importanza per la gestione del rischio operatorio del
paziente è soprattutto la fase di preparazione del paziente. Un’anestesia
può essere considerata sicura ed efficiente se è somministrata da personale qualificato con un uso appropriato di farmaci ed attrezzature ma
soprattutto se il paziente è preparato in maniera ottimale. In questo senso
di particolare importanza è la necessità di una stretta collaborazione tra
anestesista e chirurgo.
Pazienti portatori di diabete mellito, malattia coronarica, bronchite cronica, enfisema o altre patologie croniche dovrebbero essere sottoposti ad
anestesia solo in condizioni di stabilità clinica. E’ perciò fondamentale un
accurato esame obiettivo e una meticolosa anamnesi. Poichè la chirurgia
rinologia è fondamentalmente una chirurgia elettiva è d’obbligo una attenta valutazione del paziente al fine di contenere il rischio e valutare l’opportunità, per i pazienti più complessi, di accertamenti aggiuntivi in modo
da sottoporre il paziente ad intervento chirurgico nelle condizioni ottimali
in rapporto alle condizioni basali9.
Non è superfluo ricordare che con poche eccezioni i pazienti da sottoporre ad anestesia generale devono continuare l’assunzione farmacologia anche la mattina dell’intervento.
Sono comunque da sospendere i farmaci anticoagulanti (compresa l’aspirina), gli antidiabetici orali, la metformina, gli IMAO e gli antidepressivi
triciclici.
Ma la principale preoccupazione dell’anestesista nella preparazione del
paziente è la valutazione e il mantenimento della pervietà delle vie aeree
superiori (VAS) che può essere compromessa dalla presenza di patologia iniziale, di manualità chirurgiche intraoperatorie e delle possibili conseguenze postoperatorie2. Queste problematiche devono perciò essere
evidenziate precocemente e trattate nel miglior modo possibile attraverso un adeguato monitoraggio per evitare complicanze talora gravissime.
Cinque sono i punti critici: la valutazione del grado di ostruzione delle
VAS, la scelta di accesso alla trachea, il metodo di intubazione, il monitoraggio respiratorio e i criteri di estubazione7.
Porremo in questa sede particolare attenzione alla valutazione delle ostruzioni delle VAS, alle tecniche di intubazione e al monitoraggio respiratorio.
VALUTAZIONE DELLE OSTRUZIONI DELLE VIE AEREE SUPERIORI
(VAS)
Per quanto riguarda questo aspetto è importante ricercare la presenza di
segni clinici di ostruzione quali dispnea inspiratoria, tirage, cornage che
306
Principi di anestesia in rinologia
rendono pericolosa l’esecuzione di qualsiasi tipo di anestesia, anche una
semplice sedazione se non sono prontamente disponibili materiali idonei
per affrontare una condizione di emergenza2. Spesso però le ostruzioni
delle VAS sono asintomatiche per cui è necessaria una valutazione del
chirurgo in laringoscopia indiretta e nei casi più gravi è indicato la esecuzione di esplorazioni funzionali respiratorie in inspirazione ed espirazione1,2.
Infatti in caso di ostruzione delle VAS la curva flusso-volume inspiratorio
mostra un plateau mentre la curva flusso-volume espiratorio non si modifica, anche se condizioni quali la concomitante presenza di patologia
broncopolmonare può compromettere la validità dei dati ottenuti.
Altrettanto importante è la valutazione del grado di difficoltà di intubazione delle vie aeree. Un’intubazione endotracheale difficile in un paziente
con una via respiratoria compromessa pone un’importante sfida all’anestesista.
Possibili o definite difficoltà di gestione delle vie aeree includono varie
condizioni quali:
• Mandibola piccola e sfuggente
• Dentatura mascellare prominente
• Collo corto
• Micrognazia
• Limitata estensione del collo
• Sindromi congenite quali atresia canale, disostosi mandibolofacciale,
stenosi sottoglottiche
• Dentatura scarsa
• Tumori della faccia, collo, gola
• Trauma facciale
• Fissazione interdentale
• Artrite reumatoide con presenza di colonna cervicale instabile, mandibola ipoplasia, mobilità mascellare ridotta
• Obesità patologica, acromegalia, gozzo
Dei vari sistemi di punteggio utilizzati per predire l’intubazione difficile il
più usato è certamente il Mallampati il quale identifica i pazienti in cui non
si riesce a visualizzare il faringe attraverso l’apertura della bocca.
Un alto punteggio Mallampati predice un’intubazione difficile con una
buona accuratezza, ma come per tutti i sistemi a punteggio, il valore predittivo non è assoluto in quanto una via aerea può essere sgombra ed
integra ma la presenza di un’anomalia anatomica (es. micrognazia) impedisce la visualizzazione della glottide.
307
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
TECNICHE DI INTUBAZIONE
Per quanto riguarda le tecniche di intubazione non esistono peculiarità
specifiche per la chirurgia rinologia se non per alcune condizioni nelle
quali l’uso del laringoscopio del chirurgo a lama retta con fonte luminosa
potente e la sua collaborazione è utile per alcune intubazioni difficili1,7.
Inoltre può essere utile in caso di intubazione non prevista difficile effettuare manipolazione della cartilagine cricoidea per portare in visione la
glottide, posizionare un mandrino all’interno del tubo endotracheale, cambiare il posizionamento della testa, utilizzare il fibroscopio.
In quest’ultimo caso però l’intubazione verrà effettuata su paziente sveglio o leggermente sedato dopo anestesia delle VAS. Particolarmente
indaginosa può essere la metodica in caso di precedenti terapie radianti
in quanto i reperi anatomici abituali vengono modificati.
Numerose possono essere le cause di insuccesso con l’uso del fibroscopio: ricordiamo le mancanza di esperienza da parte dell’operatore, la presenza di sangue e/o secrezioni, l’esiguità dello spazio tra epiglottide e
parete faringea posteriore e l’elevazione del pavimento orale (edema,
tumore, ematoma).
Per ulteriori informazioni sull’argomento si rimanda alle linee giuda della
S.I.A.A.R.T.I. sull’intubazione difficile e all’annesso algoritmo decisionale.
MONITORAGGIO RESPIRATORIO
Il monitoraggio respiratorio comincia all’arrivo del paziente in sala operatoria e termina alla dimissione dello stesso dal blocco operatorio ma può,
in alcune condizioni particolarmente gravi, essere necessario continuare
il monitoraggio per 12-24 ore2,5.
308
Principi di anestesia in rinologia
Esso prevede l’uso dell’ossimetria percutanea e la capnografia rapportata
alla valutazione dei parametri emodinamici. La capnografia è particolarmente utile nella chirurgia rinologia a causa della postura semiseduta fatta
assumere al paziente durante intervento chirurgico e le ben note correlazioni esistenti tra perfusione cerebrale e vadilatazione selettiva indotta dall’incremento della CO2. La curva della CO2 espiratoria permette inoltre di
individuare precocemente un gran numero di incidenti anestesiologici
quali la intubazione esofagea, la deconnessione dalla protesi ventilatoria,
la presenza di ingombro secretivo. Non altrettanto utile è la valutazione
della capnografia nel paziente non intubato in quanto numerose sono le
cause di errore tra cui spiccano in primo piano la ostruzione del circuito di
prelevamento e la diluizione dei gas mediante l’ossigeno nasale.
PECULARIETA’ DELL’ANESTESIA GENERALE IN RINOLOGIA
L’anestesia in chirurgia otorinolaringoiatria si caratterizza per una serie di
fattori tra i quali spiccano la possibile problematicità di controllo efficace
delle vie aeree, la commistione di competenze tra chirurgo ed anestesista che richiede una buona intesa di lavoro tra gli specialisti coinvolti, la
necessità di un accurato controllo del sanguinamento soprattutto durante la chirurgia rinologia Il sanguinamento infatti può aumentare le complicanze quale ipovolemia e inalazione ed agisce negativamente sugli effetti della chirurgia e del suo outcome. Le tecniche anestesiologiche devono perciò tenere in considerazione questi aspetti.
Il controllo di pressione nasce così dalla necessità di soddisfare varie esigenze: garantire la diminuzione delle perdite ematiche, migliorare le condizioni di lavoro del chirurgo ma al contempo deve essere compatibile
con una soddisfacente conservazione del flusso perfusionale ai tessuti
soprattutto a livello cerebrale, coronario e renale. Di conseguenza è indispensabile un monitoraggio accurato che si concretizza nel rilievo sistematico della pressione arteriosa, ECG in continuo, pulsossimetria, capnografia, ematocrito, elettroliti, diuresi5.
Non esistono valori sicuri di controllo di pressione ma il Royal College of
Anaesthetists raccomanda una deviazione dai valori di base intorno al
20-30% per brevi periodi di tempo.
Condizioni quali malattia coronarica e/o cerebrovascolare, insufficienza
renale ed epatica, arteriopatia periferica ed anemia importante controindicano l’uso del controllo di pressione.
Come per ogni tecnica anche il controllo di pressione non è esente da
possibili rischi e pertanto vanno sempre valutati vantaggi e svantaggi. La
309
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
scelta se attuare o no il controllo di pressione deve essere pertanto fatta
paziente per paziente in maniera ponderata dall’anestesista e va discussa e condivisa con il chirurgo otorinolaringoiatra in rapporto anche alla
complessità dell’intervento chirurgico da effettuare.
PREVENZIONE DEL SANGUINAMENTO
• Infiltrazione di soluzione di adrenalina
La infiltrazione con adrenalina è un presidio efficace nella prevenzione
del sanguinamento associata all’infiltrazione di anestetico locale effettuata con lidocaina alla dose di 6-7 mg/Kg o di 3 mg/Kg di bupivacaina eventualmente supplementata con piccole dosi di bicarbonato per ridurre il
dolore all’iniezione. Il vantaggio della somministrazione combinata di
adrenalina ed anestetico locale è quello di prolungare l’azione dell’anestetico locale diminuendone la concentrazione plasmatica.
Il rischio principale dell’uso di amine vasoattive è l’accidentale iniezione
endovascolare prevenibile da una semplice manovra di aspirazione
prima di ogni somministrazione.
L’altro rischio rappresentato dal sovradosaggio può essere prevenuto
mediante l’utilizzazione di soluzioni di adrenalina 1:100000- 1: 200000 e
senza superare dosi cumulative di 10ml/10 min e di 30ml /60 min di adrenalina 1:100000. Inoltre la dose di adrenalina non deve superare per ogni
somministrazione 1,5 microgrammi /Kg in presenza di alotano, 3,6 microgrammi /Kg in presenza di enfluorano e 5,4 microgrammi /Kg in presenza di isofluorano.
E’ da ricordare che il verapamil, gli anestetici locali, l’ipossia e l’ipercapnia
diminuiscono la soglia aritmogena dell’adrenalina.
• Applicazione di vasocostrittori3,10
L’applicazione topica di vasocostrittori è più semplice dell’infiltrazione ma
meno rapida e meno efficace. L’ossimetazolina è verosimilmente più efficace della fenilefrina a parità di effetti collaterali anche se gli effetti cardiovascolari del passaggio in circolo dei vasocostrittori è modesto. La sua
durata è di circa 5-10 min ma può essere ripetuta se necessario. Non è
utilizzabile in caso di glaucoma ed assunzione di IMAO.
Un cenno a parte merita l’uso della cocaina quale agente vasocostrittore.
L’ alcaloide che si trova in natura nella pianta di Erythroxylon coca è molto
usata in chirurgia intranasale per fornire anestesia, ridurre il sanguinamento e ridurre la congestione delle mucose.
In uno studio condotto nel 1980 da Barash PG e coll e pubblicato da
310
Principi di anestesia in rinologia
JAMA è stata applicata cocaina alla dose di 1,5 mg /Kg con rapido assorbimento e livelli di picco in 30-45 min con conservazione di tali livelli fino
a 120 min. Si è evidenziato che con questi dosaggi e con questa via di
somministrazione non si hanno effetti cardiovascolari degni di nota. Dosi
più elevate (2mg/ Kg ) però sensibilizzano il miocardio agli effetti aritmogeni dell’epinefrina.
Gli effetti della cocaina sono però variabili da soggetto a soggetto per cui
anche a bassissime dosi sono possibili complicanze quali fibrillazione,
ipertensione, tachicardia e finanche arresto cardiaco.
La dose massima di sicurezza pertanto di una soluzione di cocaina al 4%
(ogni ml contiene circa 3 mg di cocaina) è di circa 1,5 mg/ Kg.
La cocaina è metabolizzata principalmente attraverso l’idrolisi delle pseudocolinesterasi plasmatiche, detossicata lentamente dal fegato ed escreta immodificata dal rene. Pazienti perciò con deficit delle colinesterasi
possono essere ipersensibili alla cocaina.
• Livello di anestesia
L’anestesia nella chirurgia rinologia deve essere sufficientemente profonda con lo scopo di evitare qualsiasi puntata ipertensiva e la tosse e quindi contenere il sanguinamento. A questo scopo oltre all’uso delle tecniche
già descritte alcuni autori usano l’anestesia locoregionale che però richiede l’esecuzione di diversi blocchi e una grossa esperienza da parte dell’anestesista.
TECNICHE DI ANESTESIA
L’introduzione di farmaci a breve durata d’azione quali il propofol e il remifentanil hanno consentito un controllo più preciso e migliori condizioni
intraoperatorie per la chirurgia rinologica rispetto al passato.
Le tecniche più efficaci confermate da numerosi trial randomizzati e controllati (segue bibliografia) pongono l’attenzione sull’uso della TIVA (total
intravenous anesthesia) con propofol e remifentanil a dosi rispettivamente di 5-8mg/kg/h (bolo di 2-2,5 mg/Kg) e 0,25microg/Kg/min (bolo di 1
microg/Kg) e all’anestesia bilanciata con sevorane con remifentanil o
alfafentanil (ratio 1:20 per l’induzione; 1:4 per il mantenimento).
Entrambe le tecniche garantiscono analoghi tempi di risveglio ma con
l’uso del remifentanil è necessario un controllo del dolore già nelle fasi
finali dell’anestesia a causa della sua più rapida cinetica di distribuzione
e la più breve emivita rispetto all’alfafentanil. Di contro l’alfafentanil e
associato a più frequenti depressioni respiratorie nel postoperatorio.
311
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
L’uso di tecniche di associazione di anestesia locale per infiltrazione ottenuta attraverso l’uso di lidocaina al 2% (2- 4 ml) supplementata con epinefrina 1:1000004 produce solo transitori effetti emodinamici caratterizzati da riduzione della pressione arteriosa senza significative alterazioni
della perfusione tessutale ma si accompagna ad un miglior controllo del
sanguinamento intraoperatorio. Ciò si traduce in una riduzione della durata della procedura chirurgica e un miglioramento del decorso post-operatorio.
La gestione delle vie aeree2 deve tener conto che la congestione della
mucosa nasale o modifiche anatomiche possono compromettere la pervietà della cavità nasale e causare un’ostruzione completa delle VAS fin
dall’induzione. E’ perciò necessario l’uso della cannula di Guedel per la
ventilazione in maschera e in caso di anestesia generale è necessaria
l’intubazione orotracheale con tubo preformato associato a tamponamento nasale posteriore.
E’ anche possibile l’uso della maschera laringea che deve essere rimossa con cautela e con la cuffia ancora insufflata..
Entrambe le tecniche appaiono sicure, in grado di impedire la contaminazione di sangue o secrezioni in trachea o laringe.
ANESTESIA LOCALE
E’ stata per lungo tempo la tecnica più utilizzata. L’anestetico locale può
essere somministrato topicamente, per infiltrazione sottocutanea o sottomucosa6,8,11.
Gli anestetici locali possono essere associati ad Adrenalina, che ne limita la diffusione e la tossicità, ne aumenta la durata e riduce il sanguinamento.
L’eventuale comparsa di ipertensione e tachicardia può essere trattata
con farmaci betabloccanti, quali Labetalolo e Propanololo.
La cocaina è un valido anestetico locale con eccellente azione vasocostrittrice, molto utilizzata negli U.S.A., non va associata ad Adrenalina, né
utilizzata nei pazienti ipertesi e nei bambini10.
Vantaggi:
- facile realizzazione
- paziente collaborante
- effetto antalgico
- minore incidenza di nausea e vomito
- precoce dimissione
312
Principi di anestesia in rinologia
Svantaggi:
- non immobilità del paziente
- gestione difficoltosa degli eventi avversi
- mancanza del controllo di pressione
- non proponibilità a pazienti ansiosi o poco motivati
Anestesia per contatto
Anestesia esclusivamente superficiale (non si estende alle strutture sottomucose).
Dopo l’applicazione topica alla mucosa nasale, gli anestetici locali passano rapidamente in circolo, le concentrazioni plasmatiche sono quasi
uguali a quelle che si hanno dopo iniezione endovenosa del farmaco.
Onde evitare un assorbimento eccessivo, è consigliabile “strizzare” il portacotone imbevuto di anestetico prima dell’applicazione sulla mucosa, ed
invitare i pazienti ad espettorare la soluzione di anestetico in eccesso.
Farmaci Utilizzati:
- Cocaina
- Lidocaina
Anestesia per blocco periferico minore
Si realizza con l’iniezione di anestetico locale direttamente nel tessuto
che viene inciso o stimolato meccanicamente.
Farmaci Utilizzati:
- Lidocaina
- Mepivacaina
- Bupivacaina
- Ropivacaina
- Chirocaina
Il blocco nervoso minore ha un inizio comunque rapido (3 - 10 minuti), la
durata è in funzione del singolo agente usato e può essere approssimativamente raddoppiato dall’aggiunta di Epinefrina 1:200.000 alla soluzione anestetica.
ANESTESIA LOCALE CON SEDAZIONE
Questa tecnica utilizzata per interventi di complessità più elevata, può
essere indicata nei pazienti ansiosi5.
E’ controindicata negli interventi di breve durata e nei pazienti a rischio
elevato.
313
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Ambedue le tecniche trovano scarse indicazioni nei bambini.
Può essere attuata, in pazienti selezionati, utilizzando l’anestesia locale
associata a sedazione. Questa tecnica permette, altresì, di conservare la
collaborazione del paziente, assicurandogli analgesia, rilassamento e la
narcosi necessaria.
- Farmaci Utilizzati:
- Sedativi Ipnotici
- Morfinici
- Neurolettici
- Antiipertensivi
Purtroppo l’efficacia di questa tecnica è proporzionale alla depressione
respiratoria secondaria, per cui ne è controindicato l’uso nelle insufficienze respiratorie di tipo ostruttivo.
Tossicità degli anestetici locali.
Gli anestetici locali sono relativamente privi di effetti collaterali quando
somministrati in dosi adeguate e nei siti antomici appropriati.
La maggioranza delle reazioni tossiche ha luogo in seguito ad iniezione
intravascolare.
314
Principi di anestesia in rinologia
Bibliografia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
Donlon J. V. Jr Anestesia e chirurgia dell’occhio, dell’orecchio, del naso e della gola
Miller R.D Trattato di anestesia terza edizione
Bourgain J. L. Anestesia-rianimazione in otorinolaringoiatria -E.M.C. Roma-Parigi
Anestesia-Rianimazione 36618 A30,1994-16 p
Gallo J.A. Catecholamine in ENT surgery. In Brown B.R. ed. Anesthesia and ENT
surgery. F.A. Davis Company. Philadelphia 1987; pp 7- 30
Johnson R.R., Eiger E.I., Wilson C. A comparative interaction of epinephrine with
enflurane, isofluorane and halothane in man. -.- Anesth. Analg. 1976;55: 709-712
McGoldrick K.E- Anesthesia for elective ear, nose and throat surgery. In: McGoldrick
K.E. ed. Anesthesia for ophthalmin and otolaryngologic surgery- W.B. Saunders
Company.Philadelphia. 1992; pp.133-143
Metzinger S.E., Bailey D.J., Boyle L.G., Lyons G.D.- Local anesthesia in rhinoplasty:
a new twist?- Ear nose throat J. 1992; 71: 405-406
Ovassapian A., Dykes M.H.- The role of fiberoptic endoscopy in airway management.- Semin. Anesth.1987; 6. 93-104
Paulose K.O., Al Khalifa S., Shenoy P., Sharma R.K.- Maxillary antral lavage: infiltration and surface anaesthesia compared.- J. Laryngol. Otol. 1989; 103: 582-584
Pavlin E.G. - Respiratory diseases. In Katz J., Benumof J.L., Kadis L.B. eds.
Anesthesia and uncommon diseases.- W.B. Saunders Company. Philadelphia. 1990;
pp. 305-332
Riegle E.V., Gunter J.B., Lusk R.P., Muntz H.R., Weiss K.L.- Comparison of vasoconstrictors for functional endoscopic sinus surgery in children.- Laringoscope 1992;
102: 820-823
Saberski L.R.- Regional anesthesia for surgery of the nose, sinuses throat and neck.
In: McGoldrick K.E. ed. Anesthesia for ophthalmic and otolaryngologic surgery.- W.B.
Saunders Company. Philadelphia. 1992; pp. 15-23
315
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
316
DRG IN RINOLOGIA
G. Amico, G. Palmeri, B. Giunta, M. D’Anna, L. La Loggia, G. Cimino
Introduzione
Oggi più che mai le specialità mediche e chirurgiche si trovano a dovere
affrontare non soltanto le problematiche relative alla patologia da trattare
ma la trasformazione degli ospedali pubblici in vere e proprie aziende,
costringe i sanitari a doversi districare al meglio per ottenere un “guadagno” dalle procedure diagnostiche, mediche e chirurgiche attuate al singolo paziente.
L’ospedale è un’azienda di cui si può valutare il risultato in termini di conto
profitti e perdite e di qualità delle prestazioni; è un’azienda che compete
con altre aziende e deve acquisire il favore del cliente per prosperare,
tanto più in futuro quando i confini nazionali scompariranno anche per la
Sanità nel contesto europeo.
Il traguardo nell’attività di ogni singola Unità Operativa è quello di identificare un equilibrio ottimale tra costo, produttività e qualità dell’assistenza
ospedaliera.
Raggiungere tali obiettivi significa migliorare il modo in cui le risorse rese
disponibili vengono impiegate sia in termini di efficienza manageriale che
sul piano dell’efficienza clinica, massimizzando i risultati a parità di costi.
Questa premessa è indispensabile per comprendere le mille difficoltà
gestionali che si affrontano nella diagnosi e nel trattamento anche delle
patologie rinogene.
L’aziendalizzazione dell’ospedalità pubblica e privata ha basato il suo sviluppo sull’utilizzo del sistema DRG.
Non è più sufficiente oggi essere un ottimo clinico od un ottimo chirurgo
che sappia diagnosticare ed affrontare qualsivoglia patologia del distretto nasale; è necessaria una buona conoscenza ed applicazione del sistema DRG, che sta alla base della produttività di un reparto.
Il sistema DRG
Il sistema Diagnosis Related Groups (DRG) o Raggruppamenti
Omogenei di Diagnosi (ROD) è il più noto metodo di calcolo del costo unitario dell’attività sanitaria e di fissazione dei relativi prezzi.
L’idea originale di tale sistema nasce negli Stati Uniti negli anni ’60,
sostanzialmente con finalità di misurazione e valutazione dell’attività pro317
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
duttiva degli ospedali. Negli anni ’70 si iniziarono a studiare dei metodi
che consentissero di sostituire il sistema di rimborso retrospettivo con
sistemi di pagamento prospettico: alla fine degli anni ’70 emerse così la
forma di rimborso prospettico basata su ciascun caso trattato. In sostanza, gli ospedali avrebbero ricevuto un rimborso standard per ogni ricovero, a prescindere dalle prestazioni effettivamente rese, dalla durata di
degenza e dai costi effettivamente sostenuti.
E’ possibile definire il sistema DRG come un metodo di classificazione
delle patologie al fine di fornire una misurazione del prodotto ospedaliero. In Italia tale metodologia definisce 492 categorie finali di ricovero – i
DRG appunto – clinicamente significative ed omogenee in relazione al
consumo di risorse.
La collocazione di ogni caso trattato avviene sulla base delle informazioni
contenute nella Scheda di Dimissione Ospedaliera (SDO), quali diagnosi
principale ed eventuali secondarie, eventuale intervento chirurgico, ecc.
In primo luogo la patologia trattata viene attribuita ad una delle 25 categorie diagnostiche principali (MDC); successivamente i ricoveri vengono
distinti in casi chirurgici e casi clinici, a seconda che il paziente sia stato
o meno sottoposto ad intervento chirurgico. Infine, il ricovero viene attribuito ad una delle 492 categorie di DRG.
Con D.M. del 14/12/1994 ad ogni DRG è stata associata una specifica
tariffa, che rappresenta la remunerazione massima da corrispondere
all’azienda per la prestazione erogata. Le Regioni possono decidere se
applicare tale tariffa nazionale o se fissare propri valori standard sulla
base delle esperienze pregresse.
A tale sistema di finanziamento, che indubbiamente rappresenta un buon
passo in avanti in termini di economicità gestionale rispetto al sistema
precedente, sono comunque connessi rischi di effetti distorsivi e di comportamenti opportunistici da parte dei soggetti erogatori delle prestazioni
sanitarie.
Di seguito si riportano alcuni esempi di tali possibili comportamenti:
• Al fine di attribuire il ricovero ad un DRG maggiormente remunerativo, si può avere la tendenza ad intervenire sulla SDO apportandovi
delle modifiche;
• Può presentarsi il ricorso alla riduzione delle giornate di ricovero: poiché il prezzo pagato per ogni trattamento è assolutamente indipendente dalla durata del ricovero, a differenza del passato, quando venivano rimborsati alla struttura sanitaria i costi di ogni giornata di degenza, si può presentare appunto tale tendenza alle dimissioni anticipate;
318
•
DRG in rinologia
Soprattutto le strutture private possono preferire erogare solo le prestazioni maggiormente remunerative, lasciando scoperte quelle meno
vantaggiose.
E’ pertanto evidente che l’utilizzazione di tale sistema di tariffazione deve
necessariamente essere affiancata da sistemi di controllo da parte di
Regioni ed ASL, che consentano di verificare il corretto utilizzo della
metodologia in oggetto, in relazione in particolare alla natura ed alla qualità delle prestazioni ed allo svolgimento delle singole attività.
L’impiego del sistema DRG consente altresì di porre in essere all’interno
delle istituzioni sanitarie di meccanismi di responsabilizzazione economica attraverso i quali cercare l’equilibrio tra i costi sostenuti ed i ricavi conseguiti. Infatti, dalla applicazione di tale sistema risulta che la sopravvivenza economica delle strutture dipende da un lato dalla capacità di
attrarre pazienti attraverso la erogazione di prestazioni qualitativamente
elevate, e dall’altro dalla attitudine a contenere i costi entro i limiti che
sono rappresentati dall’ammontare che verrà loro corrisposto a fronte
delle prestazioni erogate, cioè all’interno delle tariffe predeterminate.
Scheda di Dimissione Ospedaliera
La scheda di dimissione ospedaliera (SDO) è lo strumento di raccolta
delle informazioni relative ad ogni paziente riguardo alle patologie da cui
è affetto ed i procedimenti diagnostici e terapeutici effettuati durante il
regime di ricovero nelle strutture pubbliche e private in tutto il territorio
nazionale
Essa fa parte integrante della cartella clinica della quale costituisce una
rappresentazione sintetica. Attraverso la SDO vengono raccolte, nel rispetto della normativa che tutela la privacy, informazioni essenziali alla conoscenza delle attività ospedaliere utili sia agli addetti ai lavori sia ai cittadini.
Le informazioni contenute permettono di classificare in maniera univoca,
a livello nazionale, ciascun tipo di ricovero, quantificandolo ed individuando la relativa tariffa.
Eventuali trasferimenti del paziente all’interno della stessa struttura sanitaria devono essere segnalati nella stessa scheda che rimane unica per
tutto il periodo di degenza.
Lo scopo della SDO è quindi, quello di dare omogeneità ai dati rilevati sull’intero territorio nazionale: la corretta compilazione permette infatti una
analisi della casistica trattata (case - mix) grazie alla codifica delle informazioni rilevate ed i relativi studi epidemiologici delle patologie riscontrate nelle strutture ospedaliere nazionali.
319
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
La SDO fa la sua comparsa il 28 Dicembre 1991 con Decreto del Ministro
della Sanità. Il successivo decreto 26 luglio 1993 ne ha precisato analiticamente i contenuti e le modalità di trasmissione delle informazioni raccolte: il decreto del Presidente della Repubblica n.128/1969 stabilisce
che nella scheda debba risultare la firma del medico curante e quella del
Responsabile della Divisione che si assume la responsabilità della regolare e corretta compilazione della SDO, la quale sarà ulteriormente controllata nella veridicità e nella completezza delle informazioni contenute
dal Direttore Sanitario che avrà cura della trasmissione alla Regione ed
al Ministero della Sanità.
L’accuratezza nella compilazione della SDO risulta altresì importante
nella codifica del sistema di remunerazione relativo alle prestazioni erogate per la patologia trattata, così come si evince dal decreto del Ministro
della Sanità del 15 Aprile 1994 che ha conferito alla scheda di dimissione ospedaliera il significato di fonte informativa necessaria anche per l’individuazione e la classificazione delle singole prestazioni di assistenza
ospedaliera.
Dal 1 gennaio 1995, la SDO ha sostituito la precedente rilevazione sui
ricoveri attuata con il modello ISTAT/D10.
Contenuto della SDO
La scheda di dimissione è raccolta obbligatoriamente sia in caso di ricovero ordinario sia in caso di day hospital.
Essa non si applica, invece, all’attività ambulatoriale né alle strutture
socio-assistenziali (salvo diverse disposizioni delle Regioni).
Le informazioni raccolte descrivono sia aspetti clinici del ricovero (diagnosi e sintomi rilevanti, interventi chirurgici, procedure diagnostico-terapeutiche, impianto di protesi, modalità di dimissione) sia organizzativi (ad
esempio: unità operativa di ammissione e di dimissione, trasferimenti
interni, soggetto che sostiene i costi del ricovero).
Di tali informazioni, un numero più ristretto, indispensabile alle attività di
indirizzo e monitoraggio nazionale, viene trasmesso dalle Regioni al
Ministero della salute.
Dalla scheda di dimissione sono escluse informazioni relative ai farmaci
somministrati durante il ricovero o le reazioni avverse ad essi (oggetto di
altre specifici flussi informativi).
In ogni caso, le Regioni, oltre al contenuto informativo minimo ed essenziale, possono prevedere informazioni ulteriori di proprio interesse.
La SDO è suddivisa in due parti, una anagrafica e amministrativa che
320
DRG in rinologia
viene compilata al momento dell’accettazione del paziente nella struttura
sanitaria, ed un’altra parte, sanitaria che deve essere compilata al
momento della dimissione del paziente, da parte del medico.
In accordo con quanto stabilito dalla Comunità Europea dalla scheda si
deve evincere:
• l’identificazione della Struttura Sanitaria;
• l’identificazione del paziente: età; sesso; stato civile; residenza;
• la data del ricovero;
• la data di dimissione;
• lo stato del paziente alla dimissione;
• la diagnosi principale;
• le diagnosi secondarie;
• le procedure chirurgiche;
• altre procedure significative.
La scheda di dimissione ospedaliera si può considerare esaustiva se da
essa si deducono in maniera chiara quattro punti principali (E. Pallestrini:
DRG - ROD in Otorinolaringoiatria; 05/09/2001; Quaderni monografici di
aggiornamento):
1. descrizione di tutti i problemi clinici presenti e trattati;
2. selezione accurata della diagnosi principale rispetto alle concomitanti;
3. selezione dell’intervento chirurgico principale dagli altri interventi o
procedure;
4. attribuzione dei giusti codici.
Utilizzo delle informazioni rilevate attraverso la SDO
I dati raccolti attraverso la SDO costituiscono un prezioso strumento di conoscenza, di valutazione e di programmazione delle attività di ricovero sia a
livello di singoli ospedali che a livello delle istituzioni regionali e nazionali.
A tal fine, il Ministero della Salute divulga pubblicazioni periodiche, rapporti statistici e studi.
Per favorire la più ampia consultazione dei dati, è stato reso disponibile
uno strumento per l’interrogazione diretta on-line dei dati; i cittadini e gli
utenti specializzati possono così avere accesso diretto alle informazioni
aggregate.
Il Ministero della Salute, infine, rende disponibili alle Regioni, dati dettagliati e indicatori relativi alla attività registrata in ciascuna di esse. Le finalità con le quali si possono utilizzare le informazioni della SDO possono
essere sia di natura organizzativo-gestionale, sia di natura clinico-epidemiologica; occorre, tuttavia, tenere sempre in attenta considerazione le
321
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
limitazioni della banca dati e adottare precise cautele nella lettura ed
interpretazione.
Classificazione delle malattie, dei traumatismi, degli interventi chirurgici e delle procedure diagnostiche e terapeutiche
L’istituzione e l’adozione della scheda di dimissione ospedaliera comporta la necessità di utilizzare un sistema di codifica comune che risulti esaustivo per una idonea classificazione delle patologie e delle procedure diagnostiche e terapeutiche adottate.
La Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD) è un sistema di classificazione nel quale le malattie e i traumatismi sono ordinati, per finalità
statistiche, in gruppi tra loro correlati ed è finalizzata a tradurre in codici
alfa-numerici i termini medici in cui sono espressi le diagnosi di malattia,
gli altri problemi di salute e le procedure diagnostiche e terapeutiche.
In Italia, ai sensi del Decreto del Ministero della sanità 26 luglio 1993,è
stato inizialmente utilizzato un sistema di classificazione definito ICD-9
(International Classification of Desease - 9 th Revision) nella traduzione
italiana predisposta e pubblicata a cura dell’Istat (“Classificazioni delle
malattie, traumatismi e cause di morte”, 9° revisione, 1975, Coll. Metodi e
Norme, serie C, n.10, Voll.1-2), per la codifica delle informazioni cliniche
rilevate attraverso la scheda di dimissione ospedaliera (SDO); ben presto
risultato insufficiente ed obsoleto, essendo la sua pubblicazione risalente
al 1975. Negli Stati Uniti, un Comitato (in cui sono rappresentati le associazioni professionali ed accademiche dei medici, le associazioni degli
ospedali, l’ufficio regionale della Organizzazione Mondiale della Sanità,
l’amministrazione pubblica-HCFA-), ha sviluppato e provvede ad aggiornare annualmente una versione modificata ed ampliata del sistema ICD,
la ICD9CM (“International Classification of Diseases, 9th revision, Clinical
Modification”), la quale è stata utilizzata dal 1979. Il Dipartimento della
Programmazione ha quindi effettuato la traduzione italiana integrale del
sistema di classificazione utilizzato negli Stati Uniti, l’ICD-9 CM. Il termine
“clinical” è utilizzato per sottolineare le modifiche introdotte: rispetto alla
ICD-9, fortemente caratterizzata dall’orientamento a scopo di classificazione delle cause di mortalità, la ICD-9-CM è soprattutto orientata a classificare i dati di morbosità. Infatti, le principali modificazioni introdotte sono
finalizzate a consentire sia una classificazione più precisa ed analitica
delle formulazioni diagnostiche, attraverso l’introduzione di un quinto
carattere, sia l’introduzione della classificazione delle procedure.
È così che il decreto ministeriale del 27 ottobre 2000, n. 380, ha aggior322
DRG in rinologia
nato i contenuti ed il flusso informativo della SDO ed ha fissato regole
generali per la codifica delle informazioni di natura clinica (diagnosi, interventi chirurgici e procedure diagnostico-terapeutiche), precisando che
per tale operazione di codifica deve essere utilizzato il più aggiornato
sistema di codici ICD9CM (1997) in sostituzione dell’ormai datato sistema ICD9 (1975): tale classificazione è riportata nel Manuale ICD9-CM e
rappresenta la traduzione italiana della versione 1997 della classificazione ICD9CM, predisposta a cura del Ministero della Salute e pubblicata
dall’Istituto Poligrafico dello Stato. Essa è stata utilizzata a partire dal 1
gennaio 2001. Contiene oltre undicimila codici finali di diagnosi e oltre tremila codici finali di procedure.
La classificazione vigente utilizza le modifiche riportate nella versione
2002 dell’ICD9CM e fornisce gli strumenti necessari per la compilazione
della Scheda di Dimissione Ospedaliera (SDO) in tutte le strutture sanitarie predisposta a cura del Ministero della Salute e pubblicata dall’Istituto
Poligrafico dello Stato. Essa contiene circa 15000 codici finali di diagnosi e di procedure ed è utilizzata per la codifica delle informazioni contenute nella Scheda di Dimissione Ospedaliera (SDO).
Limitazioni e cautele nell’utilizzo dei dati
Alcuni dati possono riflettere una diversità di completezza o di codifica
nella registrazione delle informazioni tra le Regioni.
Il confronto tra dati relativi a diversi anni può risentire del diverso grado di
completezza ottenuto nelle Regioni oppure di modifiche organizzative
intervenute o di cambiamenti nelle definizioni o nelle codifiche adottate.
Con l’Accordo Stato-Regioni del 6 giugno 2002 sono state emanate le
“Linee guida per la codifica delle informazioni cliniche presenti nella scheda di dimissione ospedaliera (SDO)” per garantire che la raccolta di informazioni avvenga in modo omogeneo e i dati e gli indicatori siano comparabili, ai fini della corretta applicazione del“Sistema di garanzie per il
monitoraggio dell’assistenza sanitaria” disciplinato dal Decreto del
Ministero della Salute, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle
Finanze, del 12 dicembre 2001.
Le linee guida forniscono ulteriori e più analitiche indicazioni per la codifica delle informazioni cliniche della SDO, che specificano, integrano ed
esemplificano le regole generali del Decreto ministeriale 380 del 2000 e
della “Classificazione delle Malattie, dei traumatismi, degli interventi chirurgici e delle procedure diagnostiche e terapeutiche, versione italiana
della ICD 9 CM”.
323
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Attribuzione dei DRG
L’attribuzione corretta del DRG ad ogni paziente dimesso viene effettuata grazie all’impiego di un software di attribuzione, il DRG Grouper che
utilizza per lo scopo le informazioni contenute nella scheda di dimissione
ospedaliera.
Il DRG Grouper attribuisce ciascun ricovero ad una delle 25 categorie
dell’MDC (Major Diagnostic Categories), in maniera rigida e gerarchica,
facendo riferimento alla diagnosi principale.
Di seguito il software distingue all’interno di ogni MDC, i casi chirurgici da
quelli medici, a seconda delle procedure diagnostiche e chirurgiche eseguite.
Il Grouper identifica automaticamente, indipendentemente dall’ordine
indicato nella SDO la procedura gerarchicamente superiore, attribuendo
l’idoneo DRG. Non tiene quindi conto della complicatezza di un atto chirurgico rispetto ad un altro eseguito contemporaneamente, ma l’identificazione del DRG corretto è effettuata in relazione alla prestazione che
richiede l’utilizzo maggiore di risorse.
Le patologie ORL rientrano nell’ambito della MDC 3 ed il software identifica la patologia con un DRG medico o chirurgico, senza prevedere la
possibilità che lo stesso DRG possa includere entrambi gli aspetti.
Codici delle patologie di pertinenza rinologica
460 Rinofaringite acuta (raffreddore comune)
Coriza (acuta)
Rinite catarrale acuta
Rinite:
acuta
infettiva
Rinofaringite:
SAI
acuta
infettiva SAI
Escl.: rinofaringite cronica(472.2)
faringite:
acuta o non specificata (462)
cronica (472.1)
rinite:
324
DRG in rinologia
allergica (477.0-477.9)
cronica o non specificata (472.0)
mal di gola:
acuto o non specificato (462)
cronico (472.1)
461 Sinusite acuta
Incl.: ascesso
empiema
infezione
infiammazione
suppurazione
Escl: sinusite cronica o non specificata (473.0-473.9)
461.0 Sinusite acuta mascellare
Antrite acuta
461.1 Sinusite acuta frontale
461.2 Sinusite acuta etmoidale
461.3 Sinusite acuta sfenoidale
461.8 Altre sinusiti acute
Pansinusite acuta
461.9 Sinusite acuta, non specificata
Sinusite acuta SAI
470 Deviazione del setto nasale
Deviazione del setto (nasale) (acquisito)
Escl.: congenito (754.0)
471 Polipo nasale
Escl.: polipi adenomatosi (212.0)
471.0 Polipi della cavita’ nasale
Polipo:
coanale
rinofaringeo
471.1 Degenerazione polipoide del seno
Sindrome o etmoidite di Woakes
325
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
471.8 Altri polipi dei seni paranasali
Polipi dei seni:
accessorio
etmoidale
mascellare
sfenoidale
471.9 Polipi nasali non specificati
Polipi nasali SAI
472 Faringite e rinofaringite cronica
472.0 Rinite cronica
Ozena
Rinite:
SAI
atrofica
granulomatosa
ipertrofica
ostruttiva
purulenta
ulcerativa
Escl.: rinite allergica (477.0-477.9)
472.2 Rinofaringite cronica
Escl.: rinofaringite acuta o non specificata
(460)
473 Sinusite cronica
Incl.: ascesso
empiema
infezione
suppurazione
Escl.: sinusite acuta (461.0-461.9)
473.0 Sinusite cronica mascellare
Antrite (cronica)
473.1 Sinusite cronica frontale
473.2 Sinusite cronica etmoidale
Escl.: etmoidite di Woakes (471.1)
473.3 Sinusite cronica sfenoidale
473.8 Altre sinusiti croniche
Pansinusite (cronica)
326
DRG in rinologia
473.9 Sinusite non specificata (cronica)
Sinusite (cronica) SAI
478.0 Ipertrofia dei turbinati nasali
478.1 Altre malattie delle cavita’ nasali e dei seni
paranasali
Ascesso
Necrosi
Ulcera
Cisti o mucocele del seno (nasale)
Rinolite
Escl.: ulcera varicosa del setto nasale (456.8)
748 Anomalie congenite dell’apparato respiratorio
748.0 Atresia delle coane
Atresia delle narici (anteriore) (posteriore)
Stenosi congenita delle narici (anteriore)
(posteriore)
748.1 Altre anomalie del naso
Congenito:
deformita’ del naso
incavo della punta del naso
perforazione della parete del seno nasale
Deformita’ della parete del seno nasale
Naso assente
Naso accessorio
Naso bifido
Escl.: deviazione congenita del setto nasale
(754.0)
748.8 Altre anomalie specificate dell’apparato respiratorio
Anomalia delle pieghe pleuriche
Atresia del nasofaringe
Cisti congenita del mediastino
Comunicazione anomala tra pericardio e pleura
754.0 Malformazioni congenite del cranio, della faccia e della mascella
Asimmetrie della faccia
Compressione della faccia
Depressione del cranio
327
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Deviazione del setto nasale, congenita
Dolicocefalia
Faccia potteriana
Naso schiacciato o incavato, congenito
Plagiocefalia
Escl.: anomalie dentofacciali (524.0-524.9)
naso a sella sifilitico (090.5)
738.0 Deformazioni acquisite del naso
Deformazione del naso (acquisita)
Ipersviluppo delle ossa nasali
Escl.: setto nasale deflesso o deviato (470)
Codici di procedure diagnostiche e chirurgiche di pertinenza rinologica
21 Interventi sul naso
Incl.: interventi su: osso o cute del naso
21.0 Controllo di epistassi
21.00 Controllo di epistassi, SAI
21.01 Controllo di epistassi mediante tamponamento
nasale anteriore
21.02 Controllo di epistassi mediante tamponamento
nasale posteriore (e anteriore)
21.03 Controllo di epistassi mediante cauterizzazione
(e tamponamento)
21.04 Controllo di epistassi mediante legatura
delle arterie etmoidali
21.05 Controllo di epistassi mediante legatura
(transantrale) della arteria mascellare
21.06 Controllo di epistassi mediante legatura
dell’arteria carotide esterna
21.07 Controllo di epistassi mediante
asportazione della mucosa nasale e
innesto di cute del setto e della parete
laterale del naso
21.09 Controllo di epistassi con altre procedure
21.1 Incisione del naso
Condrotomia
Incisione della cute del naso
Sectotomia nasale
328
DRG in rinologia
21.2 Procedure diagnostiche sul naso
21.21 Rinoscopia
21.22 Biopsia del naso
21.29 Altre procedure diagnostiche sul naso
Escl.: esame istologico di tessuto del
naso (90.31-90.39)
studio della funzione nasale (89.12)
Rx del naso (87.16)
rinomanometria (89.12)
21.3 Asportazione o demolizione locale di lesione del naso
Escl.: biopsia del naso (21.22)
fistolectomia nasale (21.82)
21.30 Asportazione o demolizione di lesione
del naso, SAI
21.31 Asportazione o demolizione locale di
lesione intranasale
Polipectomia nasale
21.32 Asportazione o demolizione locale di
altra lesione del naso
21.4 Resezione del naso
Amputazione del naso
21.5 Resezione sottomucosa del setto nasale
21.6 Turbinectomia
21.61 Turbinectomia mediante diatermia o
criochirurgia
21.62 Frattura dei turbinati
(Decongestione chirurgica dei turbinati)
21.69 Altra turbinectomia
Escl.: turbinectomia associata a
senectomia (22.31-22.39,
22.42, 22.60-22.64)
21.7 Riduzione di frattura nasale
21.71 Riduzione chiusa di frattura nasale
non a cielo aperto
21.72 Riduzione aperta di frattura nasale a
cielo aperto
21.8 Interventi di riparazione e di plastica del naso
21.81 Sutura di lacerazione del naso
329
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
21.82 Chiusura di fistola nasale
Fistolectomia nasolabiale, nasofaringea,
oronasale
21.83 Ricostruzione totale del naso
Ricostruzione del naso con lembo prelevato
dal braccio o dalla fronte
21.84 Revisione di rinoplastica
Rinosettoplastica
Rinoplastica di naso storto
21.85 Rinoplastica di ingrandimento
Rinoplastica di accrescimento con trapianto
o impianto sintetico
21.86 Rinoplastica parziale
Plastica riparativa con lembi nasolabiali
(di vicinanza)
Rinoplastica della punta
21.87 Altra rinoplastica
Rinoplastica SAI
21.88 Altra plastica del setto
Compressione del setto nasale
Riparazione di perforazione del setto
Escl.: plastica del setto associata con
resezione sottomucosa del setto (21.5)
21.89 Altri interventi di riparazione e di plastica del naso
Reimpianto di naso amputato
21.9 Altri interventi sul naso
21.91 Lisi di aderenze del naso
Pulitura posteriore del naso
21.99 Altri interventi sul naso
Escl.: dilatazione del dotto frontonasale
(96.21)
irrigazione dei dotti nasali (96.53)
rimozione di corpo estraneo
intraluminale senza incisione
(98.12)
rimozione di tampone nasale
(97.32)
sostituzione di tampone nasale
(97.21)
330
DRG in rinologia
22 Interventi sui seni nasali
22.0 Aspirazione e lavaggio dei seni nasali
22.00 Aspirazione e lavaggio dei seni nasali, SAI
22.01 Puntura dei seni nasali per aspirazione
o lavaggio
22.02 Aspirazione o lavaggio dei seni nasali
attraverso la via naturale
22.1 Procedure diagnostiche sui seni nasali
22.11 Biopsia [endoscopica] [agobiopsia]
dei seni nasali
22.12 Biopsia a cielo aperto dei seni nasali
22.19 Altre procedure diagnostiche sui
seni nasali
Endoscopia senza biopsia
Escl.: transilluminazione del seno
(89.35)
Rx del seno (87.15-87.16)
22.2 Antrotomia intranasale
Escl.: antrotomia per via esterna (22.31-22.39)
22.3 Antrotomia mascellare esterna
22.31 Antrotomia mascellare radicale
Rimozione di membrana che riveste il
seno mascellare con approccio di
Caldwell-Luc
22.39 Altra antrotomia mascellare esterna
Esplorazione dell’antro mascellare con
approccio di Caldwell-Luc
22.4 Senotomia e senectomia frontale
22.41 Senotomia frontale
22.42 Senectomia frontale
Asportazione di lesione del seno frontale
Obliterazione del seno frontale (con tessuto
adiposo)
Escl.: biopsia del seno nasale (22.1122.12)
22.5 Altra senotomia nasale
22.50 Senotomia, SAI
22.51 Etmoidotomia
22.52 Sfenoidotomia
331
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
22.53 Incisione dei seni multipli
22.6 Altra senectomia nasale
Incl.: senectomia con incidentale turbinectomia
Escl.: biopsia del seno nasale (22.11-22.12)
22.60 Senectomia, SAI
22.61 Asportazione di lesione del seno
mascellare secondo Caldwell-Luc
22.62 Asportazione di lesione del seno
mascellare con altro approccio
22.63 Etmoidectomia
22.64 Sfenoidectomia
22.7 Riparazione del seno nasale
22.71 Chiusura di fistola del seno nasale
Riparazione di fistola oroantrale
22.79 Altra riparazione del seno nasale
Ricostruzione del dotto frontonasale
Riparazione di osso di seno accessorio
22.9 Altri interventi sui seni nasali
Esteriorizzazione del seno mascellare
Fistolizzazione del seno
Escl.: dilatazione del dotto frontonasale
(96.21)
CINDICE A
Conclusioni
Come già detto, l’attribuzione del DRG è strettamente correlato alla diagnosi principale ed alle prestazioni eseguite; così lo stesso intervento, se
vengono precisate determinate caratteristiche, determinerà una remunerazione differente.
La settoplastica, se eseguita per deviazione congenita del setto nasale,
dà accesso al DRG 233/234; se eseguita per risolvere una riduzione della
capacità respiratoria conseguenza di effetti tardivi di complicanze e trauma (codice 908.6) o traumatismo di faccia e collo (959.0) il DRG di riferimento è 442/443; se la diagnosi principale è genericamente stenosi
respiratoria nasale, le procedure chirurgiche eseguite vengono considerate parte del DRG 55 (miscellanea di interventi ORL) o del DRG 56 (rinoplastica).
In quest’ultimo caso la retribuzione per la prestazione eseguita è minore
rispetto alla stessa procedura effettuata in caso di deviazione congenita
332
DRG in rinologia
del setto, di conseguenza tardiva di complicanza o trauma, di traumatismo della faccia e del collo. Per tale motivo è opportuno indicare una di
queste ultime condizioni, ove sussistano.
La chirurgia funzionale dei turbinati, a prescindere quale sia la metodica
utilizzata rientra nel DRG 55, a meno che non si renda necessaria dopo
traumatismo della faccia, entrando a fare parte del DRG 442/443, più
remunerativo rispetto al precedente.
Anche nel caso di interventi eseguiti per ostruzione respiratoria conseguente a poliposi nasale, cambia il DRG di riferimento, non a seconda
della metodica e degli strumenti utilizzati (Endoscopia; Debrider, ecc.),
ma in questo caso in caso all’età del paziente: se l’età è maggiore di 17
anni, il DRG attribuito è 73, con ritorno economico maggiore rispetto ad
un paziente di età inferiore ai 17 anni, nel qual caso rientra nel DRG 70.
L’età del paziente risulta ininfluente in caso di complicanze e/o comorbilità ed il DRG sarà in ogni caso il 70.
Preme altresì ricordare come in rinologia, prestazioni in maniera concorde ed unanime considerate “chirurgiche”, siano invece inquadrate dal
sistema DRG come “mediche”.
Questo vale ad esempio nel caso dell’epistassi come diagnosi principale,
cui viene attribuito il DRG medico 66, anche se il paziente viene sottoposto a procedure quali la cauterizzazione; anche la riduzione di frattura
delle ossa proprie del naso pur se praticata in narcosi, viene considerata
procedura medica. Assolutamente errato è a nostro giudizio, considerare
come manovre mediche le endoscopie, specie in quei casi in cui comportano veri e propri atti chirurgici, come lo è di fatto la chirurgia funzionale endoscopica nasosinusale.
Le considerazioni conclusive sul DRG in ambito rinologico, ci portano ad
una valutazione critica di tale sistema, che se da un lato ha comportato
una crescita della sanità italiana dal punto di vista della qualità delle prestazioni erogate, conseguenza diretta di una competitività “produttiva” tra
le diverse Aziende Sanitarie, d’altro canto ha determinato una, a volte
eccessiva, burocratizzazione dell’attività di un reparto, dove invece è
necessario ricordare che alla base di tutto sta la salute del singolo individuo.
333
LA CHIRURGIA FUNZIONALE DEL NASO
Bibliografia
AGNOLETTO M. DRG in Otorinolaringoiatria CIC ed. internazionali - 1995
MINISTERO DELLA SALUTE - DIPARTIMENTO DELLA QUALITA’ Classificazione delle
malattie, dei traumatismi, degli interventi chirurgici e delle procedure diagnostiche e
terapeutiche (versione italiana ICD - 9 - CM 2002) Istituto Poligrafico e Zecca dello
Stato - Libreria dello Stato - 2004
NONIS M. - CORVINO G. - FORTINO A. La Scheda di dimissione ospedaliera Il Pensiero
Scientifico, Roma - 1997
OLLA G., PAVAN A. Il management nell’azienda sanitaria Giuffrè, Milano - 2000
PALLESTRINI E. DRG - ROD in Otorinolaringoiatria AOOI - Quaderni Monografici di
Aggiornamento - 2001
TARONI F. DRG - ROD e nuovo sistema di finanziamento degli ospedali Il Pensiero
Scientifico, Roma - 1997
VICHI M.C. La misurazione dei risultati in sanità”, in CASATI G., Programmazione e controllo di gestione nelle aziende sanitarie McGraw-Hill, Milano - 2000
334
335
Finito di stampare nel mese di settembre 2006
presso lo stabilimento tipolitografico della TorGraf
S.P. 362 km. 15,300 (z.i.) • 73013 Galatina • Lecce
Telefono 0836.561417 • Fax 0836.569901
e-mail: [email protected]
336
GioFil - Banca Dati Sanitaria Farmaceutica
http://www.giofil.it/ [05/01/2007 9.54.36]
Fly UP