...

Il tubo naso-gastrico: un grande fastidio

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Il tubo naso-gastrico: un grande fastidio
Il tubo naso-gastrico: un grande fastidio
Ann. Ital. Chir., 2008; 79: 37-42
Fabio Tagliabue*, Carlo D’Angelo*, William Zuccon*, Casimiro Giorgetta**, Valerio Balduzzi*,
Fabrizio Gambarini*, Luigi Bonandrini*
*Università degli Studi di Pavia. Divisione di Chirurgia Generale. Cattedra di Chirurgia Generale e d’Urgenza. Scuola di Specializzazione
in Chirurgia Generale in Urgenza. Polo Universitario “Città di Pavia” (Direttore: Prof. L. Bonandrini).
**Ospedale di Lecco,Unità Operativa Chirurgia Generale, Presidio di Merate e Presidio di Lecco.
Nasogastric tubes: A lot of bother.
The insertion of the nasogastric tube is one of the procedure that produces the most discomfort for the patients and practitioners. The AA, with the make use of their clinical experience and the data of the literature, report some personal
reflections about the management of the nasogastric tube. The AA also analyse some variables (choice of the tube, approach
to the patient, insertion of the tube, examination of the position, fixation and removal) that can influence on discomfort of the patient.
The choice of the most right SNG is an important moment for the correct insertion; an effect we need to adjust the
material and diameter of the tube to the prearranged use. The common practice demonstrates that the collaboration with
the patient, obtained by “direct” and “indirect” strategies, gives more possibilities to immediately success of this procedure. The literature explains that it is possible to decrease the discomfort with topical anesthesia; still there are some
points of view to clarify. From analyse of the different methods to check the position of SNG, the pH test of the aspirating fluid is the best solution. Once examination of right placement, we need to fix in different points (at least two).
From personal experience the removal of SNG is better tolerate that the insertion because the patient is more conscious
to be on the mend.
The principal recommendation is to abstain from insertion of SNG if it is not closely necessary!
KEY
WORDS:
Nasogastric tube.
Introduzione
Scelta del sondino
Il posizionamento del sondino naso-gastrico (SNG) è stato identificato come una delle manovre che determinano il maggiore disagio sia per il paziente che per l’operatore 1. Studi eseguiti nei dipartimenti di emergenza
hanno dimostrato che il disagio percepito con il SNG
dal malato, risulta persino maggiore rispetto a quello procurato dal drenaggio di ascessi, da manovre di riduzione di fratture e da cateterizzazioni vescicali 1.
Gli Autori, avvalendosi dei suggerimenti forniti dalla letteratura e di osservazioni tratte dall’esperienza personale,
formulano alcune considerazioni in relazione alle misure
da adottare nel posizionamento del SNG per ridurre il
discomfort del paziente.
Un corretto uso del SNG inizia ancor prima di accostarsi al letto del paziente con la scelta del sondino più
adatto alla situazione da fronteggiare. In commercio sono
presenti sondini di differente materiale, diametro e
dimensioni.
Il sondino può essere costituito da polivinilcloride (PVC)
o da poliuretano (PU). I primi possono rimanere in sede
per 1-2 settimane in quanto il loro utilizzo è gravato da
un maggior rischio di erosioni nasali, rotture del sondino, ma soprattutto da maggiore discomfort correlato alla
maggiore flessibilità; i sondini in PU possono essere utilizzati fino a 2-4 settimane e sono gravati da un minor
discomfort da parte del paziente.
Il diametro del sondino deve essere almeno di 6 French
e la lunghezza minima deve essere di 90 cm. È stato
osservato che i sondini con un grosso lume possono rendere incompetente lo sfintere esofageo con conseguente
reflusso gastro-esofageo, esofagiti e stenosi. Questi sondini sono più frequentemente strappati volontariamente
Pervenuto in Redazione Settembre 2006. Accettato per la pubblicazione Marzo 2007.
Per la corrispondenza: Dr. Fabio Tagliabue, Polo Università Città di
Pavia, 27100, Pavia.
Ann. Ital. Chir., 79, 1, 2008
37
F. Tagliabue et al
dai pazienti (a causa del maggiore discomfort procurato)
o persi involontariamente (verosimilmente per fissazioni
inadeguate). Quelli con un piccolo lume possono più
facilmente essere posizionati erroneamente a livello dei
bronchi, peritoneo, intracraniale o pleurico 2.
L’estremità distale del sondino deve essere dotata di un
attacco che possa essere collegato con sicurezza ad un set
per la nutrizione enterale o ad una siringa di almeno 50
ml. È importante che il sondino sia radio-opaco in modo
da poter, eventualmente verificare, la sua posizione mediante esame radiografico.
Approccio al paziente
In letteratura sono presenti pochi studi che focalizzino
l’attenzione sulla riduzione del discomfort del paziente
attraverso un approccio standardizzato, mentre più interesse ha destato l’aspetto tecnico del posizionamento e
delle conseguenze correlate ad un suo erroneo inserimento. È necessario che il personale medico ed infermieristico agisca sinergicamente in modo da ridurre il
discomfort, ciò è possibile primariamente con la cooperazione da parte del paziente. La pratica comune dimostra che la collaborazione del paziente garantisce una
maggiore possibilità di riuscita della manovra al primo
tentativo; in caso contrario, la sua assenza determina un
aumento dei tentativi, dei tempi, un maggiore rischio
d’errore, aumento della frustrazione del paziente e degli
operatori stessi. Un rapporto di tipo collaborativo si può
instaurare grazie a “strategie” dirette ed indirette 3. Gli
operatori, usando un tono di voce calmo e melodico,
eseguendo movimenti lenti ma decisi devono cercare di
calmare e tranquillizzare il paziente. È sempre meglio
“sprecare” del tempo a tranquillizzare un paziente, che
agire immediatamente e sprecare tempo con tentativi
infruttuosi. Altro fattore di rilevante importanza è l’atmosfera in cui si esegue la procedura; per un paziente, non
ci può essere nulla di peggiore che essere “nelle mani”
di persone agitate, distaccate, disorganizzate e confusionarie. Non bisogna mai approcciarsi al paziente non
avendo già preparato in precedenza tutto l’occorrente.
Attendere al cospetto del paziente uno strumento accresce la sua agitazione e diminuisce contestualmente la
fiducia verso l’operatore. In taluni casi, soprattutto di
fronte a bambini, la presenza di un familiare ed il suo
supporto morale possono risultare d’aiuto 3.
Anestesia
La riduzione del discomfort passa attraverso anche l’uso
d’anestetici, a tal proposito sono stati eseguiti studi
(Tabella I) con lo scopo di valutare quale anestetico adoperare, le dosi e la via di somministrazione più indicata.
Questi studi, pur avendo dimostrato inequivocabilmente
TABELLA I
Trial
Risultati
4
Nott e Huges
Singer e Konia
0,5/1 mL di Lidocaina 4% spray nasale riducono il discomfort in modo statisticamente significativo
5
5 mL di Lidocaina 2% gel intranasale + Cetacaina spray (tetraciclina 2% più benzocaina 14%) faringea +
fenilefrina 0,5% spray nasale riducono il discomfort in modo statisticamente significativo
6
Spektor et al.
2,5 mL di Lidocaina 4% nebulizzata per via nasale e faringea riduce il discomfort e l’incidenza
di complicanze rispetto a Lidocaina 10% spray per via nasale e faringea. Entrambi i gruppi sono stati
trattati anche con 5 mL di Lidocaina gel 2% per via intranasale + fenilefrina 0,5% spray nasale
Wolfe et al.
7
5 mL di Lidocaina 2% gel intranasale + 1.5 mL di Lidocaina 4% spray nasale + 3 mL di Lidocaina 4%
spray faringea diminuiscono il discomfort, in modo significativamente statistico, rispetto a 5 mL
di Lidocaina 2% gel intranasale
Ducharme e Matheson
8
1,5 mL di Lidocaina 4% spray nasale riducono il discomfort rispetto a 5 mL di Lidocaina 2% gel
intranasale e a 1,5 mL di Cocaina spray nasale. I risultati non sono statisticamente significativi
Cullen et al.
9
La nebulizzazione di 4 mL di Lidocaina 10% intranasale e faringea con maschera facciale riduce
il discomfort in modo statisticamente significativo. È stato osservato un aumento di frequenza dell’epistassi
Schmidt E
38
10
La nebulizione di Lidocaina riduce il discomfort, ma aumenta il rischio di epistassi
Ann. Ital. Chir., 79, 1, 2008
Il tubo naso-gastrico: un grande fastidio
la necessità di adoperare un anestetico locale, non sono
riusciti a fornire delle chiare risposte ad alcune domande 11. Rimangono ancora da chiarire quale sia il veicolo di somministrazione più efficace (Lidocaina gel, spray,
aerosol), la via più vantaggiosa (intranasale o tracheale),
la concentrazione ottimale di Lidocaina spray (4% o
10%), l’incidenza del broncospasmo determinato dalla
Lidocaina, se l’inibizione del riflesso della tosse determini una maggiore possibilità di mal posizionamenti, infine, se l’associazione di un vasocostrittore possa realmente diminuire l’incidenza dell’epistassi.
Inserimento del sondino
Il discomfort è direttamente proporzionale anche al numero di tentativi di posizionamento eseguiti. Occasionalmente il posizionamento di un SNG può risultare difficoltoso anche per mani esperte e nonostante la più completa collaborazione da parte del paziente. A tal proposito, soprattutto da parte degli anestesisti, sono state sviluppate, con risultati più o meno accettabili, tecniche personali di posizionamento del SNG.
Una corretta manovra prevede di posizionare il paziente
semiseduto. Il paziente deve aspirare con una cannuccia
un sorso d’acqua, mantenendola in bocca. Si deve, quindi, invitare il paziente a deglutire e si sospinge contemporaneamente il sondino in basso, ripetendo tale operazione ad ogni deglutizione. Nel suo complesso la manovra di inserimento del sondino deve avvenire ad una
velocità costante. Un inserimento veloce non è sempre
associato ad una riduzione del discomfort del paziente;
si rischia, invece, di esercitare una pressione eccessiva che
può provocare erosioni o fissurazioni delle pareti.
Ozer e Benumof 12 hanno visionato attraverso un fibroscopio il posizionamento di 60 SNG, riuscendo così a
comprendere che il sito di maggiore impatto del sondino è costituito dai seni piriformi e dalle cartilagini aritenoidi. Questi AA hanno, altresì, osservato che, mediante una semplice pressione laterale a livello del collo, è
possibile ridurre il rischio di impatto con queste strutture, aumentando la percentuale dei SNG posizionati
correttamente al primo tentativo. Altri AA 13 hanno
riscontrato nella loro esperienza una maggiore percentuale di successo quando facevano ruotare la testa del
paziente (indifferentemente a destra o a sinistra) rispetto a quando la lasciavano in posizione neutrale. È plausibile che la torsione della testa agisca nello stesso modo
di quando si applica una pressione laterale sul collo. È
da rilevare che entrambi gli studi sono stati eseguiti in
pazienti sottoposti ad anestesia generale. In letteratura
non sono presenti studi che dimostrino che tali manovre presentino un reale vantaggio anche di fronte ad un
paziente cosciente.
Eseguito il posizionamento del sondino, si deve invitare
il paziente ad eseguire dei profondi respiri per ridurre il
senso di nausea ed evitare violenti conati di vomito
Verifica del posizionamento
Un inserimento “facile” del SNG non garantisce che questo sia posizionato correttamente 14. Esistono diverse
metodiche per verificare la sede della punta del sondino. Il più comune è rappresentato dall’auscultazione della regione epigastrica durante l’insuflazione di aria; questo metodo può essere poco affidabile o fuorviante quando il sondino si trova nello spazio pleurico.
Una radiografia dell’addome può mostrare la posizione
del SNG. Questa metodica, tuttavia, trova poca applicazione in quanto la verifica della posizione deve essere
eseguita ripetutamente. Si dovrebbe così sottoporre il
paziente al disagio ed ai rischi correlati a multiple radiografie. Anche il fattore economico non depone a favore
di questo metodo.
Le caratteristiche dell’aspirato, in particolar modo il test
del suo pH, possono aiutare a valutare la posizione del
SNG; un pH < 5 indica che la punta del sondino sia
a livello dello stomaco 14. Questa metodica presenta il
vantaggio di essere ripetibile, economica e provoca minor
discomfort per il paziente
Fissazione del sondino
La perdita del SNG determina un grave stato di apprensione per molti pazienti. Questo stato è determinato dal
timore dell’insorgenza certa di una grave complicazione,
ma anche dal ricordo della precedente manovra di posizionamento. La fissazione del sondino, per tale motivo,
deve avvenire con la massima cura. È da rilevare che i
sondini con lume molto ampio sono quelli che vengono persi con maggiore frequenza.
Per una corretta fissazione a livello della narice è sufficiente
una striscia adesiva di tessuto non tessuto. L’affrancamento di tale striscia non deve determinare un’eccessiva compressione per non procurare irritazioni e decubiti, ma neppure deve essere poco tenace per non correre il rischio che
il SNG si muova o venga addirittura perso. La striscia adesiva va sempre controllata nel tempo in quanto secrezioni
nasali possono compromettere la sua tenuta.
L’utilizzo di una sola striscia adesiva può causare un disagio sia psicologico, sia fisico. Il primo è correlato al timore di perdere improvvisamente l’unico punto di fissazione; mentre il secondo è determinato da una sensazione
di peso e trazione a livello della narice. È necessario,
quindi, fissare il sondino anche in un secondo punto
(regione sovramammaria omolaterale o frontale). In tal
modo il paziente acquista maggiore sicurezza e la trazione a livello della narice viene meno per una migliore distribuzione del peso del sondino stesso. Il tratto di
SNG tra i due punti di fissazione deve essere abbastanza lungo da non ostacolare i movimenti della testa. Si
sconsiglia di utilizzare la regione frontale in modo da
evitare una piega eccessiva del sondino e di “nasconderlo” al campo visivo del paziente.
Ann. Ital. Chir., 79, 1, 2008
39
F. Tagliabue et al
Rimozione
I pazienti con SNG si dimostrano maggiormente riluttanti alla mobilizzazione e si auto-confinano nelle loro
stanze dimostrando che il loro disagio, fisico e soprattutto psicologico, non sia limitato solo alla manovra di
posizionamento, ma perduri per tutto il periodo in cui
permane il SNG. La rimozione del SNG deve quindi
essere la più precoce possibile.
Prima e durante la rimozione del SNG l’operatore deve
tranquillizzare il paziente mentre ritira con una manovra abbastanza celere il sondino.
L’acquisizione di una maggiore consapevolezza che il processo di guarigione è in atto, determina spesso una minore percezione del discomfort procurato dalla rimozione
del SNG.
Conclusioni
Una riduzione del discomfort procurato dal SNG passa
attraverso una serie di accorgimenti che l’operatore deve
adottare di fronte al paziente. La scelta di sondini in PU
di piccolo diametro sembra essere quella con un migliore rapporto discomfort/gestibilità.
Il posizionamento del SNG deve avvenire con il minor
numero di tentativi possibili. L’ottenimento della collaborazione, mediante il dialogo e la gestualità, rappresenta
una tappa fondamentale che deve precedere tale manovra. Rimane ancora da verificare se la torsione del capo
o l’esercizio di una pressione laterale sul collo permettano di ridurre il numero di tentativi di posizionamento
anche nel paziente cosciente.
Numerosi studi 4-10 hanno dimostrato che l’uso di un anestetico topico riduca il disagio del paziente. Rimangono,
tuttavia, degli aspetti da chiarire: l’anestetico più adatto,
la posologia e la sua via di somministrazione.
Il test del pH (pH < 5), essendo ripetibile, economico
e gravato da minor discomfort, sembra il metodo più
corretto per verificare la posizione del SNG.
Verificata la corretta posizione del SNG occorre fissarlo
adeguatamente in più punti (almeno due). Si consiglia
di fissare il sondino a livello della narice e in sede
sovrammamaria, in quanto meglio tollerate dal paziente.
La raccomandazione principale è comunque quella di
astenersi dal posizionamento di SNG qualora non sia
strettamente necessario!
Riassunto
Il posizionamento del sondino naso-gastrico (SNG) rappresenta una delle manovre che determinano maggiore
disagio sia per il malato, sia per l’operatore. Gli AA,
avvalendosi dell’esperienza clinica personale e dei dati forniti dalla letteratura, riferiscono alcune considerazioni
personali sulla gestione del sondino naso-gastrico. Gli AA
40
Ann. Ital. Chir., 79, 1, 2008
analizzano alcune variabili (scelta del sondino, approccio
al paziente, anestesia, inserimento del sondino, verifica
del posizionamento, fissazione e rimozione) che possono
influire sul discomfort procurato al paziente.
La scelta del SNG più adatto rappresenta un importante
momento per la corretta esecuzione della manovra di posizionamento; infatti bisogna adeguare il materiale e il diametro del sondino stesso ai fini prefissati con il suo utilizzo. La pratica comune dimostra che la collaborazione del
paziente, ottenuta grazie a “strategie” dirette ed indirette,
garantisce una maggiore possibilità di riuscita della manovra al primo tentativo. In letteratura sono presenti lavori
che indicano come la riduzione del discomfort passa attraverso anche l’uso di anestetici; tuttavia rimangono alcuni
aspetti da chiarire sul loro uso. Dall’analisi delle diverse
metodiche medianti le quali è possibile verificare la posizione del SNG emerge che il test del pH dell’aspirato rappresenta la scelta migliore. Una volta verificata la corretta
posizione del SNG occorre fissarlo adeguatamente in più
punti (almeno due). Dall’esperienza personale emerge che
la manovra di rimozione del SNG è meglio tollerata dal
paziente rispetto a quella di posizionamento; ciò probabilmente è da correlare con la consapevolezza da parte del
paziente che il processo di guarigione è in atto.
La raccomandazione principale è comunque quella di
astenersi dal posizionamento di SNG qualora non sia
strettamente necessario.
Bibliografia
1) Singer AJ, Richman PB, Kowalska A, et al.: Comparison of patient
and pratictioner assessments of pain from commonly performed emergency departement procedures. Ann Emerg Med, 1999; 33:652-58.
2) Briggs D: What of nasogastric tube should we use in the intensive
care unit. Intensive and Critical Care Nursing, 1996; 12:102-5.
3) Penrod J, Morse MJ, Wilson S: Comforting strategies used during naogastric tube insertion. Journal of Clinical Nursing, 1999; 8:3138.
5) Nott MR, Hughes JH: Topical anesthesia for the insertion of nasogastric tubes. J Anasethesiol. 1995; 12:287-90
6) Singer AJ, Konia N: Comparision of topical anesthetics and vasocostrictors vs lubrificants prior to nasogastric intubation: A randomized, controlled trial. Acad Emerg, 1999: 6:184-90.
8) Spektor M, Kaplan J, Kelley J, et al.: Nebulized or sprayed lidocaine as anesthesia for nasogastric intubations. Acad Emerg Med,
2000; 7:406-7.
9) Wolfe TR, Fosnocht DE, Linscott MS: Atomized lidocaine as topical anesthesia for nasogastric tube placement: A randomized doubleblind, placebo controlled trial. Ann Emerg Med, 2000; 35:421-25.
10) Ducharme J, Matheson K: What is the best topical anesthetic
for nasogastric insertion? A comparison of lidocaine gel, lidocaine spray,
and atomized lidocaine. Emerg Nurs, 2003; 29:427-30.
11) Cullen L, Taylor D, Taylor S, Chu K: Nebulized lidocaine
decrease the discomfort of nasogastric tube insertion: A randomized
double-blind trial. Ann Emerg Med, 2004; 44:131-37.
Il tubo naso-gastrico: un grande fastidio
12) Schmidt E: Nebulised lidocaine before nasogastric tube insertion
reduced patient discomfort but increased risk of nasal bleeding. Evid
Based Nurs, 2005; 8(1):16.
13) Gallagher EJ: Nasogastric Tubes: Hard to Swallow. Ann Emerg
Med, 2004; 44:38-41.
14) Ozer S, Benumof J. Oro- and nasogastric tube passage in intubated patients: Fiberoptic description of where they go at the laryngeal
level and how to make theme enter to esophagus. Anestesiology, 1999;
91:137-43.
15) Choon Looi Bong et al.: Insertion of Nasogastric Tube Made
Easy. Anesthesiology, 2004; 101:266.
16) Marsha L: What is known about methods of correctly placing
gastric tubes in adult and children. Gastroenterology nursing, 2004;
27(6):253-59.
Ann. Ital. Chir., 79, 1, 2008
41
Fly UP