...

riabilitazione

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

riabilitazione
Regione del Veneto
Istituto Oncologico Veneto
Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico
LA RIABILITAZIONE
PER LE DONNE
OPERATE AL SENO
Guida per le pazienti
Subito dopo l’intervento è importante un programma
riabilitativo specifico per recuperare la completa
funzionalità del braccio ed alleviare il dolore
Le donne che hanno subito un intervento chirurgico al
seno sono in grado di riprendere in breve tempo una vita
normale, con alcune attenzioni.
Per alcune donne può rendersi necessario un trattamento
riabilitativo specifico allo scopo di evitare l’instaurarsi di
una rigidità di spalla e di prevenire le complicanze legate
all’asportazione dei linfonodi ascellari, quale linfedema
all’arto superiore omolaterale alla mammella operata.
Anche se non si necessita di un intervento riabilitativo
è importante iniziare precocemente gli esercizi volti ad
alleviare la tensione muscolare e l’eventuale dolore dei
primi giorni post intervento ed osservare alcuni consigli
pratici.
TUTTO COME PRIMA… MA NON PROPRIO
Insieme agli esercizi, è possibile riprendere gran parte delle
normali attività, sia domestiche che lavorative, facendo
attenzione a non utilizzare il braccio per sforzi eccessivi
o prolungati: dopo l’intervento il braccio del lato operato
è più sensibile alle variazioni circolatorie e ai traumi, ma
gradualmente è possibile ritornare ai propri hobby o sport
preferiti, alle faccende di casa, alla cura personale, alla
guida dell’automobile, alla relazioni con gli altri, pertanto
non c’è ragione di tenere il braccio immobilizzato.
1. IL CALORE ECCESSIVO E’ DANNOSO
• Abbronzatevi gradualmente e non esponete al
sole il braccio se non per brevi periodi di tempo
1
e rinfrescatelo spesso; evitate arrossamenti e
scottature.
• Evitate bagni eccessivamente caldi, le saune, i
fanghi e le sabbiature.
• Se usate il forno indossate gli appositi guanti.
• Evitate di usare a lungo il ferro da stiro (non oltre le
2h) e alternate questa ad altre attività domestiche
che non vi espongano ad una fonte di calore.
2. LE COMPRESSIONI DI QUALSIASI TIPO IMPEDISCONO
UNA BUONA CIRCOLAZIONE
• Portate bracciali, orologi e anelli sull’altro braccio.
• Evitate maniche con elastici od arricciature e
reggiseni stretti.
• Evitate di misurare su questo braccio la pressione
arteriosa.
3. EVITARE IL RISCHIO DI INFIAMMAZIONI ED INFEZIONI
• In caso di pericolo di punture da insetti indossate
vestiti con maniche lunghe ed eventualmente i
guanti; se siete particolarmente sensibili rivolgetevi
al vostro medico curante per farvi consigliare una
crema antistaminica da portare sempre con voi.
• Evitate iniezioni, fleboclisi, vaccinazioni, prelievi
e trattamenti di agopuntura, mesoterapia e
infiltrazioni sul braccio del lato operato.
• Portate guanti per tutte quelle attività che
possono comportare il rischio di lesioni cutanee
(giardinaggio, bricolage, lavaggio stoviglie…).
2
• Fate attenzione all’uso dei coltelli, degli aghi,
al contatto con gli animali domestici; durante
la manicure fate attenzione alle abrasioni
periungueali.
4. NON SOLLEVARE O PORTARE PESI ECCESSIVI DAL
LATO OPERATO
5. EVITARE POSIZIONI O ATTIVITA’ CHE OSTACOLANO IL
DEFLUSSO VENOSO E LINFATICO
• Da sedute mantenete il braccio sollevato, il più
possibile vicino al livello delle spalle, o appoggiato
disteso sul bracciolo della poltrona o sul tavolo
• In piedi non lasciate mai pendere il braccio lungo il
fianco per troppo tempo, ma sollevatelo spesso e
muovetelo, (usatelo anche per gesticolare durante
le conversazioni)
• Evitate di lavorare a maglia o all’uncinetto per ore
consecutive
• Evitate di guidare per molte ore, soprattutto se la
cintura preme sulla spalla operata
• Non dormite mai col il peso del corpo sul braccio
• Usate l’altro braccio se dovete fare sforzi o sollevare
pesi
• Quando possibile mantenete il braccio in
posizione antideclive appoggiato su due cuscini e
assicurandovi che la mano e il braccio appoggino
su un piano più alto di quello della testa e del corpo
3
6. ATTENZIONE A PROTEGGERE LA FERITA
• La cicatrizzazione della ferita è un processo lungo
e delicato per cui è importante evitare il rischio di
aderenze e di retrazioni: almeno una volta al giorno
effettuate un massaggio dolce e circolare lungo i
bordi della cicatrice.
• E’ utile applicare nelle zone circostanti la cicatrice
creme emollienti e idratanti, che ridonino elasticità
ai tessuti.
• Non usare saponi irritanti e, se è stato effettuato
un trattamento radioterapico, evitare nella zona
irradiata i saponi comuni ed utilizzare detergenti
delicati in vendita nelle farmacie.
• Evitare di utilizzare stoffe ruvide o spalline strette.
7. IL MOVIMENTO E’ SALUTE
• Eseguite quotidianamente con costanza gli esercizi
descritti in seguito, fate regolarmente passeggiate
ed escursioni all’aria aperta.
• Praticate ogni attività sportiva che non sottoponga
il braccio a sforzi eccessivi: sono consigliati il
nuoto, la bicicletta, la corsa, lo sci da discesa, la
ginnastica a corpo libero, mentre sono sconsigliati
il tennis (se tenete la racchetta col braccio
operato), la pallavolo, il sollevamento pesi, la boxe,
l’arrampicata (se tendete a sforzare le braccia per
sollevare il peso del corpo); se possibile durante
l’attività sportiva tenete il bracciale elastico in
4
quanto favorisce il deflusso linfatico ed indossate
l’eventuale cardiofrequenzimetro sull’altro braccio
per evitare compressioni.
8. E’ IMPORTANTE NON AUMENTARE DI PESO
• Seguite una dieta leggera ed equilibrata, ricca di
frutta, verdura e latticini, carni bianche e pesce;
controllate il vostro peso corporeo
IMPORTANTE !
I tempi della ripresa dell’attività lavorativa sono soggettivi
e fortemente influenzati dalla mansione che svolgete:
in ogni caso ricordate se possibile di alternare le attività
e le posizioni del braccio in modo da non sollecitarlo
ripetutamente con gli stessi movimenti o con una
posizione statica ed evitate di sottoporlo a sforzi eccessivi
o prolungati.
Riprendete la guida solo quando vi sentite sicure e sciolte
nei movimenti della mano, del braccio, della spalla e del
collo.
CONSULTARE SUBITO UN MEDICO NEL CASO IN CUI IL
BRACCIO DIVENGA IMPROVVISAMENTE ROSSO, GONFIO,
CALDO E DOLENTE: può infatti trattarsi di un’infezione
locale detta linfangite per cui è necessario ricorrere ad una
terapia antibiotica specifica.
5
ESERCIZI
Gli esercizi che vi proponiamo sono suddivisi per
permettervi di effettuare autonomamente un programma
riabilitativo graduale su vari livelli di difficoltà a partire
dall’immediato post-operatorio.
Qualora sentiste dolore articolare al braccio o alla spalla
o dolore alla cicatrice, ridurre il range di movimento, o
evitare di svolgere l’esercizio.
E’ possibile percepire tensione muscolare alla zona
pettorale, ascellare o alla parte interna del braccio, questo
non deve suscitare preoccupazione.
6
IL GIORNO DOPO L’INTERVENTO
Posizione
di riposo supina.
Decubito laterale
Flessione
del braccio
controlaterale
Distendere
lateralmente e
verticalmente il
braccio e fletterlo
Mantenete il braccio sollevato rispetto al piano del letto e
appoggiato su un cuscino; in questa posizione aprire e chiudere
le dita della mano più volte al giorno. Sollevate e muovete il
braccio dal lato dell’intervento aiutandovi con l’altro braccio:
potete distenderlo e piegarlo con il gomito appoggiato, sia
lateralmente che in avanti.
Eseguite esercizi di respirazione: appoggiate una mano
sull’addome e controllate che la pancia si gonfi quando
si espira e si appiattisca quando si espira; fate lo stesso sul
torace, controllando che la gabbia toracica si espanda con
l’inspirazione e si restringa con l’espirazione.
7
NEI GIORNI SUCCESSIVI
mani alle spalle:
circonduzione
dei gomiti
Braccia e gomiti
estesi.
circonduzione come
nello stile dorso del
nuoto
Gomiti distesi, mani
incrociate in alto:
alzare ed abbassare
le braccia
Mani incrociate
dietro la schiena:
portare le braccia
tese lontano
dal corpo
Mani dietro
la nuca:
spingere i gomiti
avanti e indietro
Mano destra dietro
la nuca sinistra:
dietro la schiena
attaccare le mani
8
PER IL MANTENIMENTO
9
Stringere le mani
all’altezza del seno,
allentare la presa
Stendere bene il
braccio, alzando
all’altezza della
spalla e riabassarlo.
Ripetere con l’altro
braccio
Sollevare le braccia
orizzontalmente
all’altezza delle
spalle e descrivere
piccoli cerchi
all’indietro
Piegare
leggermente
le braccia all’altezza
delle spalle. Aprire e
chiudere
contemporaneamente
Pugni 3-5 volte.
Abbassare
lentamente le
braccia, rilassarsi e
ripetere
In piedi con la faccia
verso il muro cercare di
“arrampicarsi”
lungo le pareti fino
ad avere le braccia
tese
Esistono numerose associazioni che sostengono i malati
oncologici e offrono anche servizi di riabilitazione
mirata: fate riferimento al vostro distretto di
appartenenza e al vostro medico di famiglia per un
consiglio e per avere i contatti utili.
5 per mille: FAI LA MOSSA GIUSTA
Per destinare la quota del 5 X 1000 allo IOV è sufficiente:
• firmare il modello utilizzato per la dichiarazione dei redditi
(730, Unico o CUD) nel riquadro destinato alla RICERCA SANITARIA
• inserire, nello stesso riquadro, il codice fiscale dello IOV
04074560287
10
CONTATTI UTILI
L’Istituto Oncologico Veneto e tutti gli operatori sanitari
coinvolti sono a vostra disposizione.
Accettazione Oncologia
Telefono: 049-8215919 dalle 9 alle 14,
dal lunedì al venerdì
Istituto Oncologico Veneto
l’Infermiere
Risponde
www.ioveneto.it/infermiererisponde
Fly UP