...

informazione e disordine: i media, le false notizie e

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

informazione e disordine: i media, le false notizie e
INFORMAZIONE E DISORDINE:
I MEDIA, LE FALSE NOTIZIE E IL DEBUNKING.
di
Simone Muraca
* Laureando il Filosofia all'Università Statale di Milano con
tesi in Antropologia Culturale. Appassionato a molte cose,
tra cui il giornalismo online, soprattutto americano, e le
false notizie. Cura, insieme ad altri tre redattori, il blog:
9atm.wordpress.com, dove scrive in gran parte di questo.
[email protected]
«Le organizzazioni giornalistiche sono tenute a svolgere un ruolo decisivo nella trasmissione di
notizie precise e di qualità all’interno della società. È una compito divenuto ancora più difficile
a causa della grande quantità di falsi, informazioni errate e altri tipi di contenuti imprecisi che
circolano costantemente tra le piattaforme digitali. E i giornalisti oggi hanno l’obbligo – e
l’opportunità – di setacciare la massa di contenuti che vengono creati e condivisi per separare il vero
dal falso e per aiutare la diffusione della verità.»
L'informazione delle cittadinanza è uno dei requisiti necessari al corretto funzionamento della
macchina democratica. Una democrazia sarà tanto più compiuta quanto i soggetti attivi del
procedimento democratico avranno gli strumenti per orientarsi all'interno della discussione
pubblica. Secondo Jurgen Habermas, che si richiama all'orizzonte della teoria morale sviluppata
insieme a Karl-Otto Apel, alla base della democrazia vive proprio quello che lui chiama «principio
del discorso». Il fondamento della democrazia non è tanto la decisione maggioritaria, quanto il
processo discorsivo che ha condotto al voto.
La democrazia si deve fondare sulla dimensione comunicativa del gruppo sociale, una «etica del
discorso» che sia fondazione razionale dei principi dell'agire politico. Petrucciani, spiegando
Habermas nel manuale di filosofia politica del quale è autore, scrive che «proprio perchè si
mantenga viva la fragile sostanza comunicativa della democrazia, è importante che il Parlamento,
ovvero il discorso istituzionalizzato, sia sempre stimolato e controllato dal discorso libero e
informale che si svolge nella sfera dell'opinione pubblica, attraverso la stampa, i movimenti, le
iniziative dei cittadini. La sovranità popolare discorsivamente pensata ha bisogno, per non
impoverirsi, di entrambi questi aspetti: la deliberazione formale in sedi istituzionalizzate, da un lato,
e il dibattito informale dell'opinione pubblica dall'altro».1
La citazione posta in apertura è l'inizio del recente saggio di Craig Silverman 2 Lies, damn lies
and viral content (trad. it Bugie, bugie virali e giornalismo) sulle false notizie e sui meccanismi che
soggiaciono alla loro fabbricazione e diffusione nei media. La prospettiva è completamente
differente da quella, ad esempio, del saggio del 1998 di Noam Chomsky e Edward Herman "La
fabbrica del consenso. La politica e i mass media". Chomsky ed Herman decostruiscono i rapporti
di potere tra l'establishment americano e il sistema di informazione, reo di costruire notizie ad hoc e
di fornire quadri parziali degli avvenimenti al fine di «mobilitare l'appoggio della gente agli
interessi che dominano lo Stato e l'attività privata».
1 PETRUCCIANI, Modelli di filosofia politica, Einaudi, 2003, p. 227
2 Craig Silverman è un giornalista canadese che si occupa di notizie false e dei meccanismi che sottostanno alle
pratiche di produzione e diffusione di false notizie, fondatore del blog Regret the Error, piattaforma che registra gli
errori e le smentite degli organi di informazione internazionali. Per catalogare e archiviare i materiali necessari alla
stesura del saggio Lies, damn lies and viral content ha creato Emergent.info, una piattaforma online che raccoglie e
verifica le notizie dubbie risalendo alle loro fonti originarie.
1
Le tesi di Chomsky ed Herman sono uno studio sulla natura propagandistica dei media
americani; l'influenza dei poteri costituiti nel «fissare le premesse del discorso» snatura il regolare
decorso democratico. I cittadini sono "imboccati" con notizie che il Leviatano, per dirla alla
Hobbes, vuole che essi digeriscano. Si tratta di quella che il grande teorico degli anni Venti Walter
Lippman ha chiamato «la costruzione del consenso», cioè uno strumento che il potere, da un certo
punto della storia in poi, ha preso ad utilizzare in maniera costante e deliberata per fini governativi.
"La fabbrica del consenso", nei suoi capitoli tecnici fornisce modelli di propaganda che sono
attuabili a tutte le realtà politiche. I capitoli esemplificativi sono evidentemente basati su casistiche
ed eventi correlati alla politica (soprattutto estera) americana, che evidentemente esulano
dall'applicabilità al caso italiano, attore di ben più moderato spessore nella realtà geopolitica.
Le mie riflessioni che seguono non hanno come riferimento il libro di Chomsky - a cui rimando
per chiunque voglia approfondire le tematiche della dialettica potere/media - ma si basano sugli
studi, in particolare su quello sistematico di Silverman, rispetto a notizie false, non confermate, ecc.
che sono più vicine alla comune pratica di informazione di un lettore medio di siti di news. Le
grandi manovre politiche internazionali, per quanto interessanti, rischiano sempre di prendere una
piega (e una deriva) un po' complottista e dietrologica, critica che il libro di Chomsky e Herman
non ha mancato di ricevere, che mi lascia sempre un po' sospettoso e che, per quanto interessante,
non sento mai vicina alla mia reale e quotidiana esperienza di lettore.
Informazione e disordine: le notizie di cui siamo subissati, proprio per la loro caratteristica di
avere spesso un rapporto con la verità quantomeno ambiguo, generano una confusione che è
diventata uno dei grandi problemi del giornalismo. Il giornalismo deve (dovrebbe) dare conto di
quello che accade nel mondo, aiutare a categorizzare e comprendere gli avvenimenti, eppure oggi,
per una serie di motivi che vedremo, spesso non lo fa (con degli importanti distinguo). «Il principio
fondamentale del giornalismo è che fornisce informazioni per aiutare le persone a vivere le
proprie vite e comprendere il mondo che le circonda. Questo non si può fare se stiamo attivamente
promuovendo e diffondendo notizie false», dice Silverman. Come mostra la sua ricerca, a cui fa eco
il libro del direttore (e fondatore) de ilPost.it Luca Sofri3, il criterio di verità, basato su una ricerca
pedissequa delle fonti delle notizie, sulla loro analisi di verificabilità e sulla loro conferma, sembra
non essere più un cardine della metodologia giornalistica. Se lo sia mai stato è un questione tutta da
dibattere, a cui certo non posso (nè io nè altri molto più preparati di me) dare una risposta definitiva.
Certo è che il mondo delle news in cui viviamo oggi, fatto essenzialmente dall'online in Internet, ha
reso più semplice accorgersi della possibile falsità di ciò che leggiamo. Separare il vero dal falso,
dice Silveman, non è il modo con cui attualmente le imprese giornalistiche trattano le notizie non
verificate, le voci che circolano online e i contenuti virali. «Le falsità arrivano molto più lontano
delle verità e i media giocano un ruolo importante nel favorire che ciò accada.»4
È colpa di internet?
In un articolo firmato da Alessio Jacona su Wired ci si chiedeva: «Internet fa bene o male al
giornalismo? [...] All’inizio, l’opinione diffusa tra gli operatori del settore era che blog prima e
social network poi fossero come una pistola carica nelle mani di giornalisti improvvisati, incapaci di
verificare le fonti o distinguere la verità dalle fandonie, ma in compenso abilissimi nel diffondere e
rilanciare balle incontrollabili e spesso anche pericolose.» 5 Nel corso del tempo la prospettiva è
profondamente cambiata. È evidente, nonostante l'intento moralizzatore di personalità anche
3 SOFRI, Notizie che non lo erano, Rizzoli, 2015
4 SILVERMAN, Bugie, bugie virali e giornalismo, p.11 (libro disponibile gratuitamente online sul sito del Post:
«http://www.ilpost.it/wp-content/uploads/2015/04/Bugie-bugie-virali-giornalismo.pdf»
5 JACONA, Giornalismo e new media, sotto con l'integrazione, 2 aprile 2012
«http://daily.wired.it/news/media/2012/04/02/giornalismo-new-media-social-media-world-forum-89254.html»
2
importanti del panorama intellettuale italiano 6, che ad internet, in quanto mezzo, non sono
attribuibili nè colpe tantomeno meriti. «Il mondo si è rimpicciolito - scrive Luca Sofri - e va
smentita la leggenda autoassolutoria fatta circolare da molti giornalisti delle testate tradizionali per
cui internet sarebbe responsabile di un peggioramento dell'accuratezza dell'informazione: internet
ha distrutto l'oligopolio dell'informazione e ci ha permesso di accorgerci che in tanti casi sotto il
racconto del mondo che riceviamo non c'è niente.»7
Internet non ha peggiorato il giornalismo, al contrario da la possibilità di smentire quasi in tempo
reale le notizie che appaiono dubbie, nel caso siano false. Oppure, altrettanto importante, permette
di confermare la loro veridicità. Grazie ad internet ci accorgiamo della natura dell'informazione;
abbiamo i mezzi per decostruire le notizie.
Nick Petrie, Social Media & Campaigns Editor per The Times, citato nell'articolo di Alessio
Jacona, afferma che “uno dei principali cambiamenti introdotti nella professione dall’avvento dei
social media è che i giornalisti non hanno più il controllo delle storie che raccontano”. «Nel
momento in cui le pubblicano esse appartengono ai lettori», commenta Jacona. «Questi si guardano
bene dal fruirle passivamente e le rilanciano, integrano, commentano oppure demoliscono mentre ci
costruiscono intorno una conversazione alla quale il giornalista può e deve partecipare, che può
provare a indirizzare ma che non può governare. E questo perché, dice sempre Petrie, nel moderno
mondo dei media, “una volta pubblicata, la storia di ognuno diventa la storia di tutti”.»8
Internet ha esponenzializzato il numero di notizie che riceviamo9, di conseguenza sono
aumentate anche le bufale e le false notizie - oltre le notizie vere e le opinioni. «Abituati come
eravamo all'ingannevole ma confortevole idea che prima non ci fossero, fatichiamo ad adattarci alla
nuova consapevolezza e ci chiediamo come sarà possibile orientarsi e distinguere il falso dal
vero.»10
Le voci a favore di internet sono molteplici e decisamente più influenti. Mark Jones, ex Global
Community Editor per Reuters, ha detto al Social Media Forum di Londra nel 2012 che «i social
media stanno migliorando il giornalismo, perché mettono a disposizione di chi fa informazione
nuove e valide fonti, diffondendo informazioni in un formato chiaro e semplice da usare.»
Gli fa eco George Brock, ex direttore della University City of London School of Journalism e
professore alla stessa, oltre che giornalista per il Guardian e per The Times. Scrive in un suo libro11:
«Il giornalismo è costretto a reinventarsi sempre e lo ha sempre fatto davanti a cambiamenti del
contesto economico, giuridico, tecnologico e culturale. Re-invenzione e sperimentazione sono le
uniche costanti nella storia del giornalismo. I giornalisti tendono a confondere giornalismo con i
giornali di carta. Ma la cosiddetta età dell'oro dei quotidiani nella seconda metà del XX secolo è in
realtà la storia di un lungo declino commerciale. La televisione ha ucciso più giornali di Internet.
Internet ha reso peggiori le cose per i giornali e ha affossato un modello basato sulla pubblicità. Ma la
crisi dei giornali, il declino della carta stampata, è iniziato prima ancora della nascita di Internet. Non è
crollata però la domanda di informazione, che anzi rimane forte e in crescita. Quello che è imploso è
l’efficacia di un modello di quotidiani di grandi dimensioni e generalisti che richiedono un forte
afflusso di pubblicità per sostenere quel processo informativo.»
6
7
8
9
SOFRI, op. cit., p. 159 - 174
SOFRI, op. cit., p. 21
JACONA, art. cit.
In senso assoluto. In senso relativo no. Se venti anni fa una persona leggeva tre giornali oggi legge tre siti di news.
Oggi ci sono molte più testate, ma le persone non leggono di più perchè hanno più possibilità di scelta.
Semplicemente hanno più opportunità di scelta, possono decidere cosa leggere.
10 SOFRI, op. cit., p. 22
11 BROCK, Out of Print, cit. in CICCONE A. "Contro i giornali. Per amore del giornalismo", intervento al Festival del
Giornalismo, 28 ottobre 2014. Online: http://www.festivaldelgiornalismo.com/post/34380/
3
Il contesto del giornalismo oggi è incredibilmente dinamico, Bauman direbbe: «liquido». I
contenuti viaggiano ad una velocità a cui è impossibile stare dietro; i siti di Breaking News si
aggiornano ogni pochissimi minuti.
Vittorio Zucconi, su Repubblica, ha scritto il 18 gennaio 2013: «Nel lessico semplicistico dei
media ancora sopravvivono formule ridicole come «il popolo della Rete» descritto come un'entità a
parte quando tutti ormai siamo ormai popolo della Rete». Siamo tutti soggetti dell'informazione. Se
prima il giornalista produceva notizie che erano assimilate da un pubblico passivo, ora il confine tra
chi produce news e chi ne fruisce è molto più sfumato e labile. Il Citizen Journalism è ormai il
primo sistema di informazione immediata, con siti come YouReporter o i social network. L'origine
di questo fenomeno di espansione del giornalismo anche ai non professionisti viene spesso fatta
coincidere con l'attentato alla metropolitana di Londra nel 2005, quando la BBC mandò in onda un
video e delle foto scattate con un cellulare da una persona vittima dell'attentato, uscitane illesa, che
non era un giornalista professionista, ma si trovava lì. Era in quel luogo in quel momento, perfetto
hic et nunc, e stava documentando.
Jeff Jarvis, giornalista americano esperto di comunicazione, ha spiegato che il giornalismo è un
servizio, e i giornalisti non esistono: «Qualunque cosa svolga efficacemente il compito di creare
comunità più informate - e quindi meglio organizzate - è giornalismo». Specularmente, chiunque
«svolga efficacemente il compito di creare comunità più informate» è un giornalista.
Arianna Ciccone, fondatrice del Festival del Giornalismo di Perugia, cita Enrico Mentana,
direttore di TGLa7: «Il problema di fondo - all'osso e brutalmente - è che l'informazione è diventata
un mercato chiuso: prodotta da anziani per anziani. Garanzie tutele incentivi e ammortizzatori
ruotano tutti attorno allo sforzo di condurre in porto l'ultima traversata del Titanic. Sindacato,
Ordine, Fieg e politica fanno l'interesse di chi è dentro e sopravvive. Una catena di negozi di
antiquariato: mentre fuori prospera l'Ikea.»
Il giornalismo contemporaneo è un giornalismo che, colpa o merito dell'online, si è diviso in
breaking news e articoli di approfondimento. Le notizie false, lo vedremo, sono presenti in
entrambe le categorie. Peter Bale, ex Vice Presidente del digitale CNN e attuale CEO del Centre of
Public Integrity, una organizzazione no-profit di giornalismo investigativo con sede a Washington,
vincitrice del premio Pulitzer 2014, sostiene che «un pezzo di 600 parole pubblicato due giorni
dopo un evento ormai è morto in partenza. Oggi è tutto breaking news da 140 caratteri cui devono
fare seguito approfondimenti di qualità.»
Cerchiamo di tirare le fila. Il mondo si è mosso verso il digitale e il giornalismo si è dovuto
adeguare ad un processo inarrestabile. La figura del giornalista è stata demitologizzata; tutti - in
accordo con quanto sostiene Jervis - sono giornalisti dal momento che producono news informative,
cioè informazioni che dicano qualcosa del mondo che prima non si sapeva. Non serve alcuna
preparazione: serve uno smartphone e serve essere al posto giusto. Al giornalismo tradizionale
rimane il compito, ben più difficile e ben più importante, di approfondire, spiegare, cercare di
comprendere e verificare. Per questo i professionisti, oggi più che mai, sono necessari.
Internet non ci rende più ignoranti e più disinformati. Questo per dei motivi anche banali:
«Il grosso delle informazioni che riceviamo oggi da internet non si contrappone a quelle che
riceviamo dalle fonti tradizionali: i principali diffusori di notize e informazioni online sono gli stessi
che lo erano offline, ovvero siti di giornali di carta, delle reti televisive, delle agenzie di stampa, dei
telegiornali. La parte maggiore delle notizie che vengono amplificate e diffuse dai social network è
messa in rete o in circolazione dai siti di news più letti. [...] Quindi non esiste la distinzione
giornali/internet, e quando diciamo che su internet circolano molte notizie false, quelle sono in buona
parte notizie false immesse o amplificate in rete dai siti di giornali e che i giornali di carta già
immettevano e immettono nell'informazione offerta ai loro lettori. E questa è la seconda cosa da
chiarire: così come sono ancora resposabili del grosso della nostra informazione, i gruppi editoriali
4
tradizionali - cartacei e televisivi, passati al digitale - sono responsabili del grosso della nostra
informazione sbagliata. Sia che la producano e sia che la raccolgano da fonti inaffidabili senza fare le
necessarie verifiche e le necessarie selezioni.»12
Fenomenologia delle false notizie
«I siti di news dedicano infatti molto più tempo e risorse a diffondere informazioni
discutibili e spesso false, di quanti ne impieghino a verificare e/o smontare contenuti virali e
voci diffuse su internet. Invece di comportarsi come fonti informative affidabili, spesso i media online
promuovono la disinformazione nel tentativo di guadagnare traffico e social engagement.»13
Cominciamo con il chiarificare meglio quali sono le pratiche "scorrette" che le organizzazioni
giornalistiche attuano diffondendo, più o meno coscientemente, "notizie che non lo erano". Tutti
questi sono comportamenti piuttosto automatici del giornalismo e rappresentano il contrario del
ruolo che il giornalista è chiamato a svolgere nell'ecosistema dell'informazione. Per Silverman sono
almeno quattro:
1. Molti dei siti di news hanno un sistema di verifica delle fonti piuttosto debole ed elementare.
Riprendono contenuti da altre testate, che spesso si basano a loro volta su link di terzi.
Andando indietro nella catena di link alla ricerca dell'origine della storia, si scopre spesso
che la prima fonte era un sito poco affidabile (o per niente affidabile), il cui giornalista ha
diffuso una storia trovata su un social network (solitamente Facebook) o su una
dichiarazione senza alcuna fonte confermabile, quindi senza alcuna possibilità diretta di
verifica.
2. Uno dei problemi che questa mancata verifica causa è che rende complici i giornalisti e le
testate ufficiali di falsificatori e fake-news-creators,che per ottenere seguito (che vuol dire
spesso denaro, ma ci arriviamo) fanno di tutto per rendere credibile e appetibile alla stampa
il loro contenuto parzialmente o totalmente falso.
3. I giornali14 non seguono quasi mai l'evoluzione della notizia che trasmettono. Le redazioni
sono, nel migliore dei casi, discontinue nel monitorare gli sviluppi delle voci e delle ipotesi
a cui hanno dato credito in un primo momento, anche se in forme dubitative nei loro articoli.
Questo, aspetto più importante, comprende il fatto che molto raramente gli articoli poi
dimostratisi falsi vengono smentiti; essi vengono semplicemente dimenticati, come se niente
fosse. Nel caso dei giornali italiani (soprattutto quelli più faziosi e ideologicamente
schierati) questa è una caratteristica evidente e imbarazzante. In alcune di queste testate
articoli smentiti da più parti sono tutt'ora online senza accenni al fatto che la notizia non è
più tale. Questo anche perchè il traffico (e quindi visualizzazioni e quindi denaro) si
concentra quando la notizia (anche se falsa) è una novità.
4. Le notizie non confermate vengono riportate dalle testate con modalità che inducono il
lettore a pensare che le informazioni siano invece vere. La più falsificante e disonesta delle
tecniche (e usata trasversalmente e abbondantemente in tutti i giornali) è quella di associare
un titolo con una certa informazione ad un articolo che poi quella informazione non la
contiene assolutamente. Sia Silverman che Sofri hanno dedicato ampie parti dei loro libro a
questo. Ce ne sono anche altre. Peculiarità italiana, secondo Sofri, è l'uso smodato del
12 SOFRI, op. cit. p. 170
13 SILVERMAN, op.cit., p. 11
14 Intendo tutte le organizzazioni giornalistiche ufficiali, online e cartacee.
5
virgolettato all'interno del titolo. Virgolettare una notizia falsa deresponsabilizza la testata (e
il giornalista) e la fa apparire vera al lettore, che la interiorizza come tale, senza porsi ogni
volta il problema del virgolettato. Il virgolettato, scrive Sofri, «è una cosa tutta italiana che
dipende dall'inclinazione tutta italiana a costruire titoli sensazionalistici su notizie infondate,
incerte o non notizie: perchè le virgolette intorno al titolo permettono di dare questo tipo di
notizie attribuendole a qualcun altro, e a prescindere da qualunque credibilità della fonte.»15
Di esempi ce ne sono moltissimi, ma i titoli dei giornali sportivi sono ormai talmente poco credibili
che vengono letti senza presumere che siano veri. Ogni estate decine di calciatori vengono dati per
certi a delle squadre italiane che poi non li vedranno mai tra i loro tesserati.
Il processo della diffusione di notizie false o voci senza conferma è sintetizzato così da
Silverman:
«È un circolo vizioso eppure ben noto: una storia si fa spazio sui social media o in altri luoghi della
rete. Uno o più siti di news scelgono di riprenderla. Alcuni usano titoli che la dichiarano vera per
incoraggiare le condivisioni e i clic, mentre altri utilizzano formule difensive come «a quanto
pare». Una volta che la stampa le ha attribuito il suo sigillo di credibilità, la storia è quindi pronta per
essere ripresa e replicata da altri siti di news, che citeranno i primi siti come fonte. Alla fine, la
sua fonte originaria sarà oscurata da una massa di articoli che si linkano tra loro, pochi (se non
nessuno) dei quali aggiungeranno maggiori contenuti o un qualche tipo di contestualizzazione a
beneficio del lettore. Nel giro di qualche minuto o di qualche ora, una storia può così trasformarsi da
singolo tweet o racconto infondato a notizia ripetuta da dozzine di siti di news, che genera decine
di migliaia di condivisioni. E una volta raggiunta una certa massa critica, la sua ripetizione comincia a
esercitare un effetto significativo sulla persuasione: agli occhi dei lettori, il rumor diventa
attendibile semplicemente in virtù della sua ubiquità.»16
Il fatto di essere dappertutto rende credibile la notizia agli occhi di un lettore non abituato a mettere
in discussione ciò che legge. Il risultato di ciò, dice Silverman, è che i media tradizionali sono parte
del problema della disinformazione rispetto ad esserne una efficace soluzione.
Cosa sono e perchè si danno notizie false o non verificate
Innanzitutto cosa sono i rumors? I due psicologi Nicholas DiFonzo e Prashant Bordia, in un saggio
intitolato Rumor Psychology: Social and Organizational Approaches, definiscono il rumor come
segue:
«affermazione di notizie non verificate e strumentali che nascono in contesti di incertezza, pericolo o
potenziale minaccia e che hanno la funzione di aiutare le persone a dare un senso alle cose a gestire il
rischio.»
Quindi i rumors, che sono "voci", un sentito dire non confermato, hanno delle caratteristiche
precise: non sono verificate, servono a dare senso ad un qualunque vissuto, nascono in contesti
specifici e si muovono all'interno di una comunità di persone. A livello di sociologia della
comunicazione, la creazione, la diffusione e il seguito che hanno le voci sono processi di
significazione della realtà umana, e come tali sono ineliminabili. Si pensi alla ricerca spasmodica di
notizie durante un grande evento in tempo reale, come un terremoto o un attacco terroristico. Le
notizie, per loro natura, non possono essere certe, essendo riferite a momenti di grande concitazione
e confusione; eppure le persone vogliono sapere. Non la verità, ma qualunque cosa provenga dal
luogo in cui sta accadendo la situazione. Le voci, dicono DiFonzio e Bordia, nascono per aiutarci a
15 SOFRI, op. cit. p. 195
16 SILVERMAN, op. cit. pp. 14-15 (corsivo mio)
6
riempire i vuoti di conoscenza e informazione.
In uno studio del 1944, R. H. Knapp aveva analizzato i rumors dividendoli in categorie. Il tipo di
voce prevalente, secondo il suo studio, era quella che nasce dalla paura. «Bisogna trovare cause agli
eventi, moventi ai personaggi, ragion d'essere all'episodio in questione.»17
Uno dei casi che a mio avviso meglio sintetizza questo aspetto è la diffusione di notizie palesemente
false dopo l'attentato di Oslo nel luglio 2011 da parte di Anders Brevik. Non avendo nessuna notizia
e non sapendo cosa stesse accadendo, i media diedero ampio seguito all'ipotesi, poi rivelatasi falsa,
che la strage fosse di matrice islamica. Si intendeva la bomba nel centro della capitale norvegese; la
strage a colpi di arma da fuoco sull'isola di Utøya sarebbe venuta dopo, e l'identità del killer a quel
punto era impossibile da sbagliare. La matrice islamica, frutto anche di una falsa - ma inattendibile
- rivendicazione jihadista, dominò per tutte le prime ore su gran parte dei media. Brevik invece era
un nazionalista, xenofobo e anti-islamista norvegese. Ma per quei momenti era necessario dare
risposte ad un pubblico di lettori che cercava un senso impossibile da trovare in quello che vedeva.
Attribuire a qualcuno la colpa di un evento tranquillizza. L'idea di essere sotto attacco è ancora più
angosciante se non si riescono a riconoscere i nemici che attaccano.
Il Giornale andò in prima pagina il 23 luglio 2011 con la matrice islamica dell'attentato, nonostante
l'identità di Brevik fosse circolata in serata, molto prima della chiusura dell'edizione cartacea. Nelle
pagine interne mantenne editoriali e articoli che titolavano: «Sono sempre loro. Ci attaccano» o
«Guerra dell'islamismo contro la nostra civiltà». Frasi che si sarebbero ripetute quattro anni dopo,
quando il giorno dopo l'attacco a Charlie Hebdo il giornale di Sallusti titolò moderatamente :
«Macelleria islamica».
Il giorno successivo, quando tutto il mondo aveva capito che l'Islam radicale non c'entrava nulla, il
direttore di Libero, altro giornale che aveva dato ampio credito all'ipotesi islamista, Maurizio
Belpietro, scrisse un editoriale che ammetteva, da molto lontano, l'errore: «Il killer non è di
AlQaeda ma l'islam resta il problema». Infatti.
Le voci sono preziose, dice Silverman, proprio perchè rivelano l'indirizzo di una società. Mostrano
le sue paure, mostra cosa pensa, cosa teme. Sulla falsa riga di questa idea, molti studi di psicologia
sociale utilizzati da Silverman nella sua analisi spiegano che quando le notizie (vere, false,
presunte) si conformano a convinzioni già esistenti, quando alimentano le paure di una società o
quando combaciano con qualcosa che crediamo già di sapere, il livello di guardia, di scetticismo
verso la possibile falsità della notizia si abbassa. Noi siamo portati a credere a tutti i nuovi
significati che sono orientati verso il nostro sistema di credenze precedente. Il nuovo è accolto con
diffidenza, è subito messo in discussione. Dubitare di una notizia che è in totale disaccordo con il
nostro sistema categoriale di analisi della realtà è molto più semplice e molto meno invasivo di
mettere in discussione tutto il nostro impianto di analisi della realtà stessa, cioè tutto quello in cui
crediamo o pensiamo di credere, solo perchè una notizia non corrisponde ad esso.
La sfera di significazione e produzione di senso è uno dei motivi per cui vengono diffuse notizie
false. Questa motivazione ha pertinenza con un giornalismo tradizionale che oggi, grazie ad
internet, ha la possibilità di arrivare pochissimo tempo dopo l'evento di cui deve rendere conto ai
suoi lettori. A questa produzione di significati che sono necessari alla società, proprio perchè la
società li richiede, si affianca una seconda motivazione economica che ha a che fare soprattutto con
le bufale in senso proprio. Notizie che appartengono al genere della "curiosità", che muoiono nella
testa di un lettore poco tempo dopo averle lette. Perchè si creano queste notizie?
La risposta è abbastanza semplice, e riguarda il numero di visualizzazione a cui è legato il valore
pubblicitario della pagina; in ultima analisi, si tratta di denaro. Dando spazio a notizie non verificate
che girano molto online, i giornali si accaparrano visualizzazioni. Molto spesso le testate
giornalistiche ripropongono un contenuto trovato online proteggendosi dietro le formule che
17 ALLPORT G. POSTMAN L, The psychology of Rumors, cit. it. SILVERMAN, op. cit. p. 35
7
abbiamo visto ("pare che", "sembra", ecc). I giornali danno la colpa a Internet, ma è una accusa che
fa acqua. «Succede infatti troppo spesso - scrive Silverman - che le organizzazioni giornalistiche
svolgano un ruolo prevalente nella diffusione di bufale, ipotesi false, voci discutibili e contenuti
virali dubbi, inquinando così il flusso dell’informazione digitale. È certo che alcuni cosiddetti
contenuti virali non diventano davvero virali se non quando i siti di news scelgono di riprenderli.»
Senza la riproposizione dei grandi giornali, le bufale avrebbero vita molto più transitoria. Da una
logica del "troppo bello per essere vero", si è passati al "troppo bello per essere confermato." Se un
giornale trova una notizia che porterebbe click e visualizzazioni, il cercarne conferma aprirebbe alla
possibilità della probabile smentita della notizia. Questo, a meno di casi di palese malafede,
obbligherebbe il giornalista a non pubblicare una cosa che già sa essere falsa per certa. Il giornale
perderebbe potenziali visualizzazioni (quindi perderebbe denaro) e in più rimarrebbe un vuoto che
tutto da colmare. Senza ombra di dubbio, per il giornale, conviene pubblicare bufale e notizie
dubbie, lasciando da parte il problema etico e deontologico.
Francesco Costa, su Il Sole - 24 ore del 26 aprile 2015 scriveva che «la diffusione di notizie
imprecise o apertamente false sui media ormai è un fenomeno quotidiano: la più grande patologia
del nostro tempo tra quelle di cui i giornali non parlano mai.»
"Questa notizia è clamorosa (ma falsa): è la bufala bellezza", così Costa intitolava il suo pezzo.
Sensazionalismo ed emotività sono i cardini di un giornalismo che deve fare i conti con tagli
sconsiderati e risorse limitate che continuano a diminuire. I grandi editori sono in crisi e sono in
debito (vedi RCS). Carlo Verdelli, ex direttore della Gazzetta dello Sport, ha riflettuto sul
paradossale fenomeno commerciale che ha portato i giornali a non investire per tornare a produrre
ricavi, ma anzi li ha fatti virare su una politica di tagli sfrangianti in tutti i settori della produzione
del giornale. Tagliando, inevitabilmente, la qualità del giornale prodotto diminuisce, ma al
contempo tutti i giornali hanno aumentato il prezzo del quotidiano in edicola. Essendo il
giornalismo una attività anche commerciale, è evidente come il rimedio sia più grave della cura. Si
vendono giornali peggiori (perchè fatti da meno persone, senza correttori di bozze, senza revisioni,
con meno contenuti) e allo stesso tempo lo si fa pagare di più. Un futuro di un prodotto del genere è
segnato.
Al contempo il digitale è una boccata d'ossigeno. Online si fanno molte visualizzazioni, e la
sinergia edizione online - social network fa sì che si generi il fenomeno delle "notizie che non lo
erano", ma che mentre lo si scopre fanno migliaia di visualizzazioni generando introiti.
«Chi vuole fare soldi ha capito da tempo come sfruttare la realtà parallela delle bufale», dice
Costa. Pensiamo alle due più importanti compagnie aeree low cost: Ryanair e EasyJet. La prima,
seguita a ruota dalla seconda, ha cominciato anni fa a lanciare assurde notizie che diventavano per
loro pubblicità, rilanciate dagli addetti dello strano-ma-vero delle redazioni. Abbiamo letto di voli
per gli Stati Uniti ad un prezzo inferiore del più basso dei voli europei; si è scritto di posti in piedi,
di prezzi maggiorati per persone grasse e per bambini rumorosi, oppure di accesso ai bagni a
pagamento. Niente di tutto questo è mai risultato vero (essendo notizie di comportamenti
palesemente illegali e discriminatori), ma intanto si è continuato a scriverne pagine e pagine di
articoli condivisi migliaia di volte.
A questi pubblicitari furbi vanno aggiunti i professionisti delle bufale. Persone che hanno
fondato siti (Lercio, Rebubblica, Il Solo 24 ore) che scimmiottano testate giornalistiche vere, che
creano articoli falsi ironici e satirici, inventati ma potenzialmente credibili con un indubbio interesse
popolare. Solito meccanismo: articolo → condivisione → visualizzazione → pubblicità → denaro.
Tra questi professionisti delle non-notizie, ce ne sono alcuni che sfruttano l'indignazione
popolare, scrivendo articoli denigratori molto gravi nei confronti di tutte quelle categorie sociali che
in momenti di crisi (il nostro) sono i primi verso cui si punta il dito. La letteratura su immigrati e
rom è vastissima.
8
Uno dei casi più gravi e emblematici di siti che pubblicano false news è stato un articolo di
Piovegovernoladro.info che scrisse, nel pieno della polemica sul riscatto alle due cooperanti Greta
Ramelli e Vanessa Marzullo, che le due ragazze avevano avuto rapporti sessuali consenzienti con i
loro sequestratori in Siria.18 Di per sè assurdo e profondamente denigratorio, la notizia era stata
twittata (con commento) dal vicepresidente della Camera dei Deputati Maurizio Gasparri (PDL).
Catena Umana è un altro dei siti che pubblicò la notizia. Vincenzo Todaro, uno dei gestori del sito,
ha spiegato il procedimento. Si prende una notizia vera e si inserisce qualche dettaglio inventato, il
tutto abbinato ad un titolo forte e se possibile una immagine giusta. Nel caso dell'articolo del sesso
consenziente di Greta e Vanessa, il sito ha fatto guadagnare ai suoi proprietari 1.000-2.000 euro al
giorno.
Il fenomeno non è solo italiano. Un bel articolo di Josh Dzieza 19 su The Verge mostrava come
l'immensa ondata di notizie false circa l'epidemia di ebola negli Stati Uniti veniva diffusa attraverso
Facebook, creando panico assolutamente ingiustificato, ma generando introiti per i siti che
producevano false notizie, tra cui alcune veramente assurde come la quarantena totale di un intero
paese in Texas. Questi siti di notizie false, afferma Dzieza, fanno leva sul fatto che nei news feed di
Facebook queste notizie sono completamente decontestualizzate dal loro contenitore (un sito
esplicitamente di false notizie) per far sì che i contenuti vengano condivisi dalla timeline di
Facebook senza nemmeno essere aperti.
Nell'articolo di Costa leggiamo che
«la perdita di credibilità e autorevolezza dei media tradizionali rende sempre più persone
sensibili ai richiami della cosiddetta “controinformazione” e dei siti internet che promettono di
raccontare “quello che gli altri non dicono”; il meccanismo autogratificante della condivisione dei
contenuti sui social network e la paranoia complottista amplificano la diffusione delle bufale
pubblicate da questi siti; queste bufale a loro volta diventano leggende metropolitane, oppure
vengono rilanciate da un vicepresidente del Senato e diventano mainstream; i media tradizionali
affrontano questa nuova concorrenza con l'acqua alla gola e per tentare di tenere il passo
indeboliscono – invece che rafforzare – controlli, verifiche, attenzione, sobrietà, scetticismo; il
tutto fa allargare la realtà parallela fino a farla diventare l'unica realtà, il panorama invisibile, come
l'acqua dei pesci rossi di David Foster Wallace. Siccome il mondo in cui viviamo non ci
piace, abbiamo deciso di inventarcene uno peggiore.»
I momenti di crisi e le breaking news in tempo reale
«Ci sono alcune situazioni particolari che generano nelle redazioni di tutto il mondo una quota
elevatissima di errori e notizie false: la distinzione è tra le redazioni che decidono di pubblicarle senza
la prudenza del caso, e quelle che invece conoscono e temono i rischi di quelle situazioni, e si
comportano con grande cautela. Sono le situazioni di crisi, o developing [...]. In questi casi, benchè
molti elementi non siano chiari, i media cercano di riempire i vuoti nella cronaca degli eventi con
spiegazioni e fatti molto fragili e non verificati.»20
Sul blog che gestisco mi è capitato di scrivere di come Twitter sia, nei casi di Breaking News, la
fonte principale di notizie.21 Le grandi testate nazionali e internazionali aggiornano Twitter prima
del loro sito, per la grande peculiarità di sintesi e rapidità del social network.
18 L'articolo è stato poi rimosso. Lo si trovava a questo link: «http://www.piovegovernoladro.info/2015/01/17/greta-evanessa-ai-pm-di-roma-sesso-con-guerriglieri-ma-non-siamo-state-violentate/»
19 DZIEZA, Fake news sites are using Facebook to spread Ebola panic, The Verge, 22 ottobre 2014
20 SOFRI, op. cit. p. 137
21 Ho analizzato diverse casistiche: l'attacco a Charlie Hebdo a Parigi, l'attacco al museo del Bardo di Tunisi e
l'incidente aereo del volo Germanwings. Online sul blog Noveatmosfere:
https://9atm.wordpress.com/2015/01/09/i-fatti-di-parigi-twitter-e-come-si-danno-le-notizie-oggi/;
https://9atm.wordpress.com/2015/03/18/vivere-e-morire-nelle-stragi-ai-tempi-di-twitter/;
https://9atm.wordpress.com/2015/03/24/twitter-e-il-tempo-delle-notizie-caso-germanwings/
9
In questi momenti di crisi il pubblico ha bisogno di notizie, vuole sapere. Le agenzie, i giornalisti e i
media scrivono quello che vengono a sapere senza controllare nessuna fonte, fidandosi e
preferendo, nel caso, smentirsi in seguito piuttosto che aspettare il tempo necessario alla verifica.
Tutto è immediato, tutto in tempo reale. Twitter è di grande aiuto, ad esempio, ai canali All News,
che devono riempire i segmenti dicendo qualcosa (qualsiasi cosa) ai loro telespettatori. Tutti i
grandi eventi hanno nella loro fase iniziale spiegazioni che non c'entrano niente con le reali cause.
In uno di questi casi, piuttosto eclatante, cioè la scomparsa del Boeing 777 Malaysia Airlines
MH370 nel marzo 2014, esasperato dalle false notizie che continuamente rimbalzavano sui social e
tra gli account degli organi di informazione, Tom McGerevan, co-fondatore di Capital New York,
scrisse su Twitter:
«it's so easy. If you don't have information about the missing plane then do not write about it.»
Larry King, ex anchorman CNN definì la copertura del suo ex canale "assurda". CNN fu infatti
schernita e accusata da più parti di essere stata una dei protagonisti peggiori rispetto agli eccessi e
alle congetture sul volo, che andavano dal dirottamento iraniano all'atterraggio a Nanning, in Cina o
in Corea del Nord, paese sempre utile ai più disparati complottismi.
Il problema dell'online, soprattutto in Italia (che è un paese con una tradizione giornalistica online
seconda, ad esempio, agli Stati Uniti) è che viene vissuto come uno spazio che deve per forza essere
riempito. Questa percezione appartiene tanto alle redazioni, che intasano il sito di contenuti, quanto
ai lettori, che consci del fatto che l'online non soffre dei tempi tecnici del giornale cartaceo, si
aspettano notizie costantemente. Nel caso in cui accada un evento le cui notizie arrivano vaghe,
frammentarie e non confermate, i siti di news pubblicano quasi senza filtro per rispondere a questa
dialettica tra una domanda vorace e un'offerta confusa ma ricchissima, che probabilmente è causa
della domanda stessa.
Ci sono diversi esempi di questa casistica. Ne citerò tre: A) L'attacco di Coulibaly il giorno dopo la
strage nella redazione di Charlie Hebdo a Parigi, per le notizie inesatte legate a Twitter; B) le notizie
riguardo alla Maratona di Boston nell'aprile 2013, esempio chiarificante di come alcuni giornali
americani speculassero su ipotesi assolutamente inventate; C) infine il caso più studiato, forse, di un
buco trasversale che presero praticamente tutti gli organi di stampa del mondo, con l'attentato alla
vita della Deputata statunitense Gabriel Giffords.
A) Il 7 gennaio due fratelli franco-algerini si sono introdotti armati nella redazione del settimanale
satirico francese Charlie Hebdo uccidendo dodici persone. A loro si è aggiunto, il giorno successivo,
un terzo uomo, Amedy Coulibaly, che ha sequestrato diversi ostaggi in un supermercato kosher
Hypercacher. Nel pomeriggio dell'8 gennaio, dopo che una poliziotta era stata uccisa da Coulibaly,
AFP (Agence France Press), la principale agenzia di stampa francese, scrisse che due persone erano
morte nel sequestro del kosher vicino alla Porte de Vincennes. Erano circa le tre del pomeriggio.
Pochi minuti prima Reuters, altra agenzia tra le più importanti al mondo, aveva scritto che nel
sequestro una persona era rimasta gravemente ferita; gli ostaggi erano sei e non c'erano morti. La
loro fonte era la polizia francese.
Poco tempo dopo il ministro dell'Interno francese smentì la notizia delle morti. AFP la mantenne
online, nonostante la smentita ufficiale del governo. Nel corso del pomeriggio, fino all'intervento
della Polizia e all'arrivo di notizie certe, si alternarono numeri contraddittori su ostaggi, feriti e
presunte morti, anche di forte impatto, come la presenza di un bambino molto piccolo tra i
sequestrati. L'episodio più grave avvenne pochi minuti prima delle sei, quando l'ambasciatore
francese negli Stati Uniti scrisse che tutti gli ostaggi erano vivi. La polizia era intervenuta, e come si
sarebbe scoperto dopo quattro persone (ma nessun bambino) erano state uccise. Con l'attentatore in
totale erano cinque morti. L'Ambasciatore cancellò il tweet come se nulla fosse.
10
B) Il 15 aprile 2013 due bombe furono fatte esplodere vicino al traguardo della maratona di Boston.
Tre persone persero la vita, i feriti, tra cui alcuni molto gravi, furono 264. Nelle ore
immediatamente successive il New York Post, un tabloid che non brilla per affidabilità, scrisse che i
morti erano dodici, e che era già stato arrestato un saudita responsabile dell'attacco. Falso. I siti di
news americani più affidabili non diedero peso alla notizia, che però fu ripresa moltissimo nel resto
del mondo, tra cui molti giornali italiani. Poi ci fu la notizia di una terza bomba. Notizia falsa ma
anch'essa ripresa diffusamente. La Polizia di Boston espresse diverse volte, per comunicato, che
solo le loro dichiarazioni erano affidabili. La sapevano tutti, il fatto è che le loro dichiarazioni non
affermavano nulla, perchè non sapevano ancora niente per certo. Ormai lo sappiamo, le persone
volevano avere notizie di qualunque genere, anche se false, e i siti di news rispondevano al bisogno.
Due giorni dopo la CNN annunciò, in tv e online, che la polizia aveva arrestato un sospetto. Lo
disse perchè aveva ricevuto voci su una conferenza stampa della Polizia che ci sarebbe stata in
breve tempo. Senza sapere di cosa si trattasse, loro ipotizzarono di un arresto. Semplice quando
falso. Smentirono, poi. Non senza imbarazzo. (La conferenza stampa era per mostrare il video dei
due sospettati, che poi sarebbero stati gli attentatori.) Tre giorni dopo sempre il NY Post pubblicò
una foto in cui si vedevano due persone che venivano indicate come gli attentatori e i sospettati
della polizia. La foto era vera, ma le persone erano del tutto estranee. L'FBI, per evitare che si
ripetessero situazioni analoghe, decise di rendere pubblici i nomi dei sospettati, i fratelli Tsarnaev. I
due soggetti della foto pubblicata dal NY Post fecero causa al giornale, vinsero e l'entità del
risarcimento dei danni non è stato reso pubblico.
C) L'8 gennaio 2011 un uomo con dei disturbi mentali sparò durante un convegno a Tucson,
Arizona. Uccise sei persone, e venne colpita alla testa anche la deputata Gabriel Giffords. Accadde
intorno alle 10 del mattino, orario americano. Il primo lancio avvenne più di un'ora dopo,
sull'account Twitter della CNN, piuttosto generico: si parlava di «diverse persone colpite» tra cui la
deputata Giffords. Poco dopo tutte le testate del mondo rilanciarono la notizia, i media si spostarono
verso il luogo dell'attentato per i collegamenti e le notizie seguirono il loro decorso: molte di più e
molto più confuse. Nel primo pomeriggio (sempre ora americana) l'account della radio NPR,
rispettabile network pubblico, scrisse che Gabriel Giffords era morta. La notizia si diffuse su molti
siti (ma non su quelli dei grandi organi, che mantenevano la dicitura «condizioni ignote») e in Italia,
come altrove, la notizia fu messa in testa alle edizioni online, dicendo che la deputata era stata
uccisa. Nel giro di un'ora anche i grandi network uscirono con la notizia. CNN, FOX, NY Times
scrissero che Giffords era morta. C'era un evidente problema di fonti, ed è per questo che il caso è
tanto emblematico. Il Times scrisse che sia NPR che CNN annunciavano la morte della Giffords.
CNN però si basava unicamente su NPR. L'unica fonte vera, quindi, era NPR.
Questo evento del giornalismo recente è diventato la storia di uno degli episodi della prima
stagione della ottima serie tv sul giornalismo, prodotta da HBO, The Newsroom.
Pubblicare oppure no? Tutti, con fonti fragili, lo stavano scrivendo. Alla ormai data per certa notizia
della sua morte, l'ospedale comunicò che la deputata era in gravi condizioni, operata d'urgenza, ma
era viva.
Tutte le testate si corressero, FOX chiese scusa in diretta e la portavoce NPR esplicitò le due fonti
su cui si era basata la notizia: una nell'ufficio dello sceriffo e l'altra nello staff di un deputato vicino
alla Giffords. Si capisce come la notizia della morte - di una morte così importante - fosse un
grande scoop. NPR, primi a darla, furono ripresi da moltissimi network negli Stati Uniti e nel
mondo e si basavano su due fonti che chiunque avrebbe considerato affidabili.
Nel caso la Giffords fosse morta, tutti coloro che non avevano dato la notizia avrebbero accumulato
un ritardo ingiustificabile, pagandolo in termini di visualizzazioni, quindi in termini anche
economici. D'altra parte la notizia si rivelò falsa. Quindi tutti coloro che la diedero (e furono quasi
tutti i giornali del mondo), trasversalmente, presero un buco clamoroso. Tra le grandi agenzie fu la
sola Associated Press a non dare la notizia.
11
«Le fonti di informazione di qualità» dice Silverman in un importante articolo sul "real-time
journalism", «spesso sono caratterizzate da quello che non pubblicano. Sono quelle che si
trattengono mentre gli altri si avventano. Sono quelle che restano fedeli al processo di verifica e non
si lasciano influenzare dalle congetture o dal desiderio di traffico e attenzione»22
Il debunking e le conseguenze delle notizie false
I due principali giornalisti su cui mi sono basato, Luca Sofri e Craig Silverman, sono due esperti di
debunking. Il debunking è la pratica di analisi e confutazione di voci e notizie false.
«Oggi il compito delle redazioni giornalistiche è di trovare modi nuovi e migliori per esercitare la
professione in mezzo a questo assalto senza precedenti di ambiguità e rumors, e per farlo in un
modo trasparente che possa almeno portare una certa chiarezza nelle situazioni fluide, se non
risposte sicure. La nostra responsabilità di reperire e pubblicare notizie, implica anche che siamo
assolutamente tenuti a smontare le voci false, le bufale e la disinformazione. E non è mai stato così
importante»23, scrive Silverman nel suo libro.
Nel 2013 il World Economic Forum ha chiesto ai membri del Network of Global Agenda Councils
di selezionare le tendenze principali che il mondo avrebbe dovuto affrontare l'anno successivo. "La
veloce diffusione di notizie false online" era tra le prime dieci, insieme a questioni come il
cambiamento climatico, l'aumento delle disuguaglianze nei paesi occidentali o le tensioni sociali in
Medio Oriente e Nord Africa.
La decostruzione delle notizie generaliste per cercarne il fondamento è un aspetto di una messa in
discussione più ampia del giornalismo in generale. Secondo Sofri, rispetto al giornalismo anglofono
(inglese e americano), su cui si applica lo studio di Silverman, il giornalismo italiano manca della
divisione netta tra giornali affidabili e giornali popolari (tabloid). Nel discorso che fa Craig
Silverman si capisce che c'è differenza, negli USA e nel Regno Unito, tra testate giornalistiche che
fanno un lavoro più accurato e attento nella verifica delle notizie, ed altre che invece non lo fanno.
In questi paesi è più difficile che giornali affidabili e di grande tradizione come Wall Street Journal,
Financial Times, The Times, NY Times, Washington Post o Guardian utilizzano i meccanismi
elencati sopra, mentre giornali come il New York Post negli Stati Uniti; il Sun o il Daily Mail nel
Regno Unito sono invece tabloid popolari, generalmente considerati poco affidabili.
In Italia non esiste questa distinzione. La grandissima parte delle notizie false arriva da quelle
che sono considerate le testate più autorevoli (e più lette). Dal libro di Sofri, ricco di esempi, è
evidente come tutti i maggiori quotidiani non siano esenti da meccanismi di falsificazione, dall'uso
di un titolismo sensazionalistico e da una verifica delle fonti limitata e parziale. Lo stesso vale per i
telegiornali e per i talk show24.
Il Washington Post e il Guardian non sono citati per caso. Nel 2013 il quotidiano di Washington è
stato acquistato dal fondatore e CEO di Amazon Jeff Bezos. La nuova proprietà ha investito e ha
assunto nuove persone con background diversi, per creare team eterogenei in grado di essere duttili
e capaci su più fronti. Allo stesso modo il Guardian ha deciso di ristrutturare la sua redazione per
potenziare il digitale rispetto al cartaceo, dopo che aveva già lanciato una piattaforma open-source
per il data journalism collaborativo. I due giornali hanno vinto, insieme, il Pulitzer 2014 per il caso
"Datagate" seguito alle rivelazioni, proprio al Guardian, di Edward Snowden.
Secondo Silverman il debunking diventerà, se non è già diventato, una parte a sè stante del
giornalismo contemporaneo. Il debunking è una nuova forma di giornalismo che non nasce oggi a
22 SILVERMAN, In real-time journalism, declaring what you won't report can be just as important as what you will,
Poynter.org, 17 dicembre 2012
23 SILVERMAN, Bugie, bugie virali e giornalismo, p. 24
24 E' recente la scoperta della falsità totale di alcuni servizi di giornalisti Mediaset, andati in onda per Mattino 5,
Quinta colonna e Dalla vostra parte. Tutti i servizi trattavano argomenti caldi, come la questione rom o i musulmani
radicali. I servizi erano completamente orchestrati ad arte, e il giornalista responsabile è stato licenziato.
12
causa dell'online. Il web, come mezzo con potenzialità che conosciamo, ha permesso alle false
notizie e alle voci di avere un bacino molto più ampio, ma allo stesso tempo, essendo
democraticamente trasversale, ha dato possibilità ai debunkers di smentire le voci, di cercarne le
fonti per confermarle piuttosto che per falsificarle. Il giornalismo contemporaneo si trova non
soltanto a spiegare e dare le informazioni sul mondo che ci circonda. Parte di esso deve dedicarsi a
smentire le informazioni su come non è il mondo.
Ci sono esempi particolarmente significativi di giornalisti che si impegnano in questa direzione.
Jack Warner, social media editor per Metro Sweden, ha tenuto una regolare rubrica sulle notizie
false a partire da Marzo 2013. Tra le altre ha smentito una storia particolarmente importante che
molti media avevano dato per vera mentre era stata completamente inventata.
Altro esempio importante è Caitlin Dewey che sul blog The Intersect del Washington Post tiene una
rubrica settimanale intitolata: What was fake on the internet this week.
Ci sono poi numerosi siti di fact-checking soprattutto di natura politica, sia in Italia che negli Stati
Uniti, con siti come Termometropolitico.it; PolitiFact; FactCheck.org; il blog Fact Checker del
Washington Post.
La disinformazione è un masso di Sisifo. È una barca che fa acqua, e quel che si può fare è cercare
di arginare il fenomeno, smascherando, demistificando e cercando di stare più attenti noi lettori. Va
detto che le notizie false non hanno tutte lo stesso peso. Considerando unicamente la funzione di
verità, due notizie false sono false allo stesso modo, ma collocandole, come ragionevole, al contesto
da cui provengono, esse possono avere pesi sociali decisamente differenti.
La maggior parte delle notizie false hanno ricadute sociali di poco conto. Si tratta di curiosità false,
di traduzioni sbagliate, di frasi attribuite a persone che non le hanno mai pronunciate.
Ci sono poi notizie false che hanno basse ricadute sociali, ma che hanno un contenuto di falsità che
è, in sè, grave. Metto in questa categoria tutte le notizie che forniscono dei numeri che poi si
scoprono essere falsi. In numero dei morti in una strage, per esempio. Oppure i numeri delle
statistiche. Il 6 settembre 2009 Repubblica titolò che 8 milioni di italiani ricorrevano all'ipnosi. Uno
su sette. Basta non leggere senza pensare ad altro perchè suoni un campanello di allarme. Uno su
sette sono effettivamente troppe persone. Si scoprì successivamente che il dato veniva da un'ente
senza nessuna credibilità, che forniva servizi di ipnosi.
Questa notizia ha avuto ricadute tangibili e concrete? Forse no, ma i giornali servono a farsi una
certa idea del mondo e, nel nostro caso, dell'Italia. Una paese con otto milioni di persone che
ricorrono all'ipnosi è un paese di cui mi faccio una certa idea. Analogo era il caso di una notizia che
voleva il numero di analfabeti in Italia pari a sei milioni (!). L'ISTAT pubblicò una nota in cui si
diceva che secondo gli ultimi dai disponibili (2001) gli analfabeti in Italia erano 782.342 25 Un
numero sette volte inferiore.
Ma non si tratta solo di false notizie che non hanno, fuori di sè, motivo di interesse. Si parla anche
di notizie che ci forniscono una comprensione della realtà profondamente distorta e mistificata, che
veicolano voti e determinano decisioni. Il modo in cui i media decidono di raccontare gli sbarchi dei
migranti determina una particolare idea del fenomeno, spesso sovrastimata. Sono mesi che
ciclicamente leggiamo notizie che danno per certa la presenza di jihadisti e di aderenti all'ISIS tra i
migranti che arrivano in Italia. La notizia, fino ad ora, non ha mai ricevuto una conferma ufficiale;
anzi è stata puntualmente smentita dal Ministero dell'Interno, nonostante il recente arresto di un
marocchino ventiduenne a Gaggiano, nel milanese, probabilmente coinvolto nella pianificazione
dell'attentato al Museo del Bardo di Tunisi.
Per capire meglio la concretezza di effetto di ciò che una notizia non vera scatena bisogna tornare
all'autunno del 2014. Per sei giorni (28 novembre - 3 dicembre) i giornali scrissero che un vaccino
antinfluenzale (Fluad) aveva potuto causare la morte di alcune persone, decedute per cause naturali
ma dopo aver fatto la vaccinazione. Siti di news, giornali, telegiornali e radio per sei giorni
25 SOFRI. op. cit. pp. 41-42
13
consecutivi avallarono in misura diversa, in assenza di qualunque prova, l'ipotesi che a vaccinarsi
contro l'influenza poteva portare al decesso. Il titolismo di quei giorni proponeva termini come
"Psicosi", "Caos", "Panico", "Terrore", abbinati al vaccino.
Il 3 dicembre, dopo la pubblicazione di un report dell'Agenzia Europea, si poteva leggere online
(senza troppa enfasi) la notizia non era vera. La Stampa, ad esempio:
«Vaccino anti-influenza, scagionato il Fluad. Il verdetto dell'Agenzia Europea: non c'è nessun rapporto
tra il farmaco e le morti»
Poi più niente. Niente più psicosi, caos, terrore da vaccino antifluenzale. La vera notizia venne il
7 dicembre, dal Corriere della Sera:
«Panico da Fluad: vaccinazioni contro l'influenza calate dell'80%»
La notizia era falsa (anche questa), smentita dall'interno stesso dell'articolo di cui l'asserto era titolo.
Nell'articolo si diceva che il calo dei vaccini sarebbe stato dell'80% se la campagna di vaccinazione
fosse stata all'inizio. Ma trattandosi già di dicembre inoltrato, il panico da Fluad aveva causato un
calo di vaccini del 30% rispetto all'anno precedente (2013).
Il fatto che trenta persone su cento rispetto a solo un anno prima avessero deciso di non vaccinarsi
più per quello che avevano letto e sentito sui media era comunque una notizia impressionante.
Conclusioni (per ora)
«I rumors e la disinformazione online non scompariranno mai. I fattori umani che li fanno
nascere e li aiutano a diffondersi saranno per sempre parte della nostra esistenza. La
tecnologia che rende possibile la loro rapida circolazione è destinata a diventare sempre più
diffusa ed efficiente. Continueremo a vedere notizie non verificate muoversi online e trovare
un pubblico. Se queste sono verità fondamentali dell’ecosistema del giornalismo online, lo è
anche il fatto che i giornalisti si avventeranno sempre sulle voci e sulle ipotesi non verificate
al loro stadio precoce e potenzialmente virale. Gli incentivi economici e pubblici
dell’informazione online spingono in questa direzione.»26
Le false notizie e in generale gli aspetti del giornalismo online e cartaceo di oggi di cui ho sono
brevemente sintetizzato delle linee, non rispondono a quella centenaria domanda dell'opinione
pubblica di informazione. Essere liberi è conoscere. «Sapere rende liberi» è una delle frasi
storicamente attribuite a Socrate, e la lezione di Michel Foucault ci ricorda che il sapere è una forma
di potere e una sua radice costitutiva.
«Possiamo e dobbiamo fare meglio», dice Silverman a nome della sua categoria. Se il
giornalismo si trova a fare i conti con le acque tempestose in cui naviga certo deve cominciare a
farsi carico di responsabilità importanti. Dopotutto, e mi ripeto, «i media di news online
costituiscono una parte del problema della disinformazione in rete piuttosto che esserne una
soluzione.»27
I progetti di un giornalismo più attento non mancano. Il Post è un giornale online fondato proprio
per rispondere ad una carenza che veniva registrata rispetto all'accuratezza del giornalismo italiano,
guardando soprattutto a modelli americani come il Washington Post e Slate. Internazionale ha
efficacemente ristrutturato l'online nell'ottobre 2014, basandosi su una struttura stream, di flusso. La
stessa alla base di Facebook o Twitter: aggiornamenti presentati in semplice ordine cronologico, con
il più recente in primo piano, simile a quello che avevano già fatto Quartz negli Stati Uniti, Itv nel
Regno Unito, Rtl nei Paesi Bassi, Nrk in Norvegia. A differenza di Facebook e Twitter, però,
26 SILVERMAN, op. cit. pp. 191-192
27 SILVERMAN, op. cit. p. 16;
14
accanto al flusso di notizie in tempo reale, è forte l'idea di seguire approfonditamente l’evoluzione
di alcune storie più rilevanti da un punto di vista giornalistico. Scriveva il direttore De Mauro
nell'editoriale di benvenuto il 27 ottobre:
«Internazionale è stato uno dei primi giornali italiani ad andare online, nel dicembre del 1994. Ma non
avevamo mai davvero capito quale potesse essere il ruolo del nostro sito. Semplice vetrina del
settimanale? Luogo d’incontro per lettrici e lettori? Spazio di approfondimento? Niente ci convinceva
fino in fondo. Finché ci siamo resi conto che in Germania i principali siti d’informazione non sono
quelli dei quotidiani, ma quelli di due settimanali, Die Zeit e Der Spiegel. Abbiamo capito che niente
impedisce ai newsmagazine di offrire sul web notizie in tempo reale. Così abbiamo deciso di fare un
sito d’informazione.»28
L'Italia non soffre di un problema di pluralismo del giornalismo, soffre semmai di un problema di
qualità e accuratezza. È chiaro però che nonostante tutti i maggiori giornali e siti online del
panorama dell'informazione italiana siano in parte responsabili dei comportamenti, all'interno di
essi ci sono giornalisti molto affidabili. Il pluralismo è una garanzia nonostante sia vero che le reti
televisive di Berlusconi, i grandi quotidiani e il blog di Beppe Grillo, elevato alla stregua di una
controinformazione che dice-tutto-quello-che-gli-altri-non-dicono, fanno lo stesso tipo di
informazione, con identici linguaggi ed obiettivi, dove l'accuratezza e la veridicità non è mai il
primo criterio.
Non servono altri giornali, altri siti, altre fonti di informazione. Serve farla meglio, soprattutto in
Italia dove, come si è visto, mancano grandi certezze del giornalismo democratico come sono
presenti in altri Paesi. Serve un giornalismo in cui, conclude Sofri nel suo libro, «le notizie siano,
nei limiti del filosoficamente possibile, vere.»29
Avere tante voci è una ricchezza solo se le informazioni ricevute si incrociano e si confrontano tra
loro, ma questa è una operazione che spetta a noi lettori. Noi, in quanto lettori, possiamo solo
crearci una mappa di quelli tra i giornali che consideriamo più affidabili. Quelli che sappiamo
sbagliare meno e che quando lo fanno si correggono e rettificano, senza vivere l'errore come una
macchia da nascondere sotto il tappeto. La responsabilità di chi da le informazioni va condivisa con
la responsabilità della ricerca delle informazioni. Una fatica di Sisifo per tanti versi, un impegno del
lettore che deve essere pronto a mettere in discussione attivamente i contenuti ai quali è sottoposto.
Ma una fatica necessaria per rendere più stabile ogni democrazia zoppicante.
28 DE MAURO, Benvenuti nel nuovo sito di Internazionale, 27 ottobre 2014,
«http://www.internazionale.it/opinione/giovanni-de-mauro/2014/10/27/benvenuti-nel-nuovo-sito-di-internazionale»
29 SOFRI, op. cit. p. 246
15
Fly UP