...

Criminalità organizzata transnazionale ed incriminazione

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Criminalità organizzata transnazionale ed incriminazione
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE
FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA
DOTTORATO DI RICERCA
in
Politiche penali dell’Unione Europea
Ciclo XXII
Crimine organizzato transnazionale e punibilità del partecipe: l'incidenza
della Convenzione di Palermo sugli ordinamenti giuridici nazionali
Coordinatore
Candidata
Chiar.mo Prof. Stefano Fiore
Fabiola Iannetta
Anno Accademico 2008-2009
Al mio meraviglioso papà,
che mi ha tragicamente lasciato
pochi giorni prima di poter leggere
queste righe ed a mamma e Ilenia:
siete la forza della mia vita.
Alla mia Famiglia,
per il sostegno incondizionato
ad ogni progetto della mia vita.
A Lucio,
per avermi aiutato a trovare
il coraggio e la “concretezza”
che mi mancavano.
INDICE
Introduzione………………………………………..…………………………….......vi
PARTE PRIMA
La nuova dimensione del crimine organizzato
CAPITOLO 1
L’associazione per delinquere: dall’inquadramento nell’ordinamento
giuridico italiano all’assunzione del carattere della transnazionalità
1.1 Premessa: l’evoluzione transnazionale dei reati associativi. Rinvio…………...3
1.2 Struttura del reato. Condotta ed analisi dei requisiti dell’associazione per
delinquere…………………………………………………………………..............8
1.3 Bene giuridico tutelato. Inquadramento nella tutela dell’ordine pubblico…....17
1.4 Profilo soggettivo……………………………………………………………..24
1.5. Rapporti tra associazione per delinquere e concorso di persone. Dalla
partecipazione al concorso esterno nei reati associativi…………………………..29
1.6 La “lacuna” terminologica del concetto di crimine organizzato nel diritto
penale italiano ed inglese: la potenziale utilità di una categorizzazione fallita?.....37
CAPITOLO 2
Aspetti salienti della Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine
organizzato transnazionale
2.1 La presa di coscienza della transnazionalità dei reati associativi come
conseguenza della globalizzazione…………………………………….………….42
2.2 Il ruolo delle Nazioni Unite: excursus storico della Convenzione di
Palermo………........................................................................................................47
ii
2.3 La Convenzione di Palermo e l’Unione Europea………………………..…....51
2.3.1 L’inquadramento della lotta alla criminalità organizzata
transnazionale nei Pilastri comunitari: l’eterna querelle del diritto penale
europeo…………..………………………………………………..……....54
2.3.2 Brevi riflessioni in tema di cooperazione giudiziaria sovranazionale:
il ruolo di Eurojust ed Europol…………………..………………………..60
2.4 La necessaria armonizzazione a livello sovranazionale. Negoziati,
compromessi e profili critici della Convenzione di Palermo……………………..66
2.5 Struttura e finalità della Convenzione………………………..…………….....70
2.6 La definizione di reato transnazionale………………..…………………...…..75
PARTE SECONDA
Risultati e prospettive dell’adesione all’UNTOC Convention
in Italia e nel Regno Unito
CAPITOLO 3
L’incidenza dell’intervento sovranazionale in tema di crimine organizzato
transnazionale sugli ordinamenti interni
3.1
L’evoluzione
terminologica
dell’espressione
“gruppo
criminale
organizzato”……………………………………………………………………….83
3.2 Il contributo delle Legislative Guides for the implementation of the United
Nations Convention against Transnational organized crime nell’adattamento degli
ordinamenti nazionali…………..………………………………..………………..88
3.3 La criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo criminale organizzato
nella Convenzione di Palermo…….………………………………………………95
3.3.1 La posizione dell’Unione Europea sulla condotta di partecipazione:
prospettive e “stato dell’arte”…..………………………………………..103
3.4 Le scelte di politica criminale dell’ordinamento giuridico italiano: il “parziale”
adattamento all’art. 5. Riflessioni e critiche……………………………….…….117
iii
CAPITOLO 4
Dalla conspiracy all’offence of belonging: il tortuoso percorso
dell’ordinamento inglese nella lotta alla criminalità organizzata alla luce della
Convenzione di Palermo
4.1 La criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo criminale organizzato.
Confronto con l’esperienza giuridica inglese: waiting for the new offence of
belonging………………………………………………………………………...130
4.2 L’inquadramento dogmatico della conspiracy: struttura e aspetti principali..137
4.2.1 Il Law Commission Report on Conspiracy and Attempt…………...145
4.3 Le controverse vicende della criminalità organizzata: dal “superamento” della
conspiracy alla esigenza di criminalizzazione della participation in organized
crime……………………...………………………………………………..….…150
4.4. A 21st Century Strategy to Defeat Organized Crime: il contributo fornito dal
One Step Ahead alla lotta alla criminalità organizzata nel diritto penale
inglese…………………………………………………………………...…...…..157
4.5 Il ruolo del SOCA: la risposta inglese alla lotta alla criminalità
organizzata?...........................................................................................................161
Bibliografia……………………………………………………..……………….166
iv
With the signing of the United Nations Convention against Transnational
Organized Crime in Palermo, Italy, in December 2000, the international
community demonstrated the political will to answer a global challenge with a
global response.
If crime crosses borders, so must law enforcement.
If the rule of law is undermined not only in one country, but in many, then those
who defend it cannot limit themselves to purely national means.
(…) Criminal groups have wasted no time in embracing today’s globalized
economy and the sophisticated technology that goes with it.
But our efforts to combat them have remained up to now very fragmented and our
weapons almost obsolete.
The Convention gives us a new tool to address the scourge of crime as a global
problem. With enhanced international cooperation, we can have a real impact on
the ability of international criminals to operate successfully and can help citizens
everywhere in their often bitter struggle for safety and dignity in their homes and
communities (…).
Kofi A. Annan,
U.N. Secretary-General,
UNTOC, Foreword,
New York, 2004
v
Introduzione
L’unificazione dei mercati e la globalizzazione della società hanno avuto
ripercussioni positive sull’intera civiltà ma hanno anche, seppur indirettamente,
determinato l’assunzione di una dimensione transnazionale della criminalità
organizzata.
La presa di consapevolezza di questo nuovo carattere dell’organized crime
ha indotto le Nazioni Unite a stipulare una Convenzione finalizzata al contrasto di
questo fenomeno criminale, che ha altresì avuto il merito di conferire rilevanza
penale al reato di partecipazione in un gruppo criminale organizzato.
La firma della TOC Convention ha costituito, allo stesso tempo, punto di arrivo dei
complessi negoziati tra gli Stati membri ma, ancora di più, punto di partenza per la
fase di ratifica di quanto stabilito.
Si é quindi reso necessario prestare l’attenzione a come la Convenzione di Palermo
abbia inciso, se l’ha fatto, sulla introduzione o, ancora di più, sull’adattamento
della legislazione nazionale in tema di criminalità organizzata, alla luce delle
nuove disposizioni cui molti Stati hanno aderito.
L’analisi é stata circoscritta all’Italia ed al Regno Unito, mettendo a confronto due
ordinamenti appartenenti a sistemi giuridici diversi, di civil e common law, che
hanno la peculiarità di avere da sempre affrontato in maniera eterogenea il
fenomeno criminale: l’Italia é stata sempre caratterizzata da una eredità “forte” in
tema di criminalità organizzata, il Regno Unito é stato invece da sempre privo di
una disciplina interna specifica per l`organized crime: negli ultimi tempi ha dovuto
affrontare il problema, dopo aver constatato una presenza netta della criminalità
organizzata transnazionale anche nei propri territori, probabilmente conseguenza
del carattere sempre più cosmopolita di questa Terra.
Il circoscrivere l’analisi a questi Stati comporta un necessario inquadramento
anche nella loro dimensione comunitaria, alla luce del contributo dell’Unione
Europea alla lotta alla criminalità organizzata, che si é concretizzato in
manifestazioni normative oltre che nell’istituzione di Agenzie ad hoc per la
realizzazione di una reale cooperazione giudiziaria.
L’insieme di questi interventi si colloca nel macro progetto di creazione di una
vi
disciplina uniforme, che consente di armonizzare le varie legislazione nazionali e
di “abbattere le barriere”.
La strategia di contrasto alla criminalità organizzata transnazionale si inquadra in
questo procedimento: preso atto del suo carattere globale, ci si é resi conto di come
un suo reale contrasto necessiti di una legislazione unitaria ed uniforme.
Ogni indagine, processo o azione di contrasto va infatti a coinvolgere più Stati: la
diversificazione normativa e procedurale genera, in tale contesto, un ostacolo, che
solo la creazione di un diritto sovranazionale o quantomeno comunitario consente
di superare.
La predisposizione di una disciplina uniforme richiede però un notevole sforzo di
adattamento ed una collaborazione da parte degli Stati.
In molte Nazioni, infatti, coesistono a questo punto più discipline: quella
nazionale, frutto del retaggio storico di ogni ordinamento, quella comunitaria e
quella sovranazionale.
Gli Stati che hanno aderito alla Convenzione e che hanno altresì assunto un
impegno in sede comunitaria devono quindi, se già ne hanno una, adattare la
legislazione interna o introdurre quanto richiesto dai Testi normativi.
La questione che si tenterà di affrontare é se e come la Convenzione di Palermo, in
particolare per quanto concerne la richiesta di criminalizzazione del reato di
partecipazione, oltre che in generale per l’organized crime, ha inciso sugli
ordinamenti giuridici dei due Stati presi in esame.
Da una parte abbiamo l’Italia, con un ordinamento caratterizzato da un modello
associativo ad hoc, spesso però accusato di indeterminatezza dalla letteratura
giuridica, con una previsione di partecipazione dai tratti astratti, nei quali non é
agevole distinguere il “far parte” dal diverso fenomeno del concorso esterno, con
profili critici anche in relazione principio di offensività.
Dall’altra abbiamo la Convenzione di Palermo, con le sue definizioni e la richiesta
di introduzione di una serie di fattispecie tra cui si evidenzia, per originalità, quella
di partecipazione ad un gruppo organizzato, dal cui Testo emerge in maniera netta
l’incidenza dell’idea di conspiracy, ben lontana dal nostro sistema ed, ancora di
più, da alcuni suoi caratteri costituzionali.
Convivono quindi livelli differenti, a seconda se ci si trova a “combattere” la
criminalità organizzata su scala domestica o transnazionale.
vii
Non si può altresì dimenticare l’adesione dell’Italia all’Unione Europea, con gli
impegni, anche nel campo della criminalità organizzata, che ciò comporta, tradotti
nell’Azione Comune del 1998 e nella Decisone Quadro del 2008 che, pur
confermando una totale adesione a quanto stabilito dalle Nazioni Unite,
comportano un coordinamento nel macro processo di armonizzazione.
C’é poi il confronto con la realtà inglese, con un sistema giuridico fondato su basi
differenti, più di carattere socio-criminologico che giuridico in senso stretto,
caratterizzato da un approccio pratico più che definitorio.
In questo Stato manca una disciplina interna ad hoc per la criminalità organizzata
ma, allo stesso tempo, c’é la presenza forte dell’istituto della conspiracy, cui
generalmente viene ricondotto qualsiasi fenomeno associativo.
La presa di consapevolezza della incidenza, anche in questa Nazione, della
criminalità nella sua forma organizzata ha indotto ad una riflessione sulle
caratteristiche della conspiracy da parte della Law Commission, ma ancora di più
alla emanazione dell’Serious Organized Crime and Police Act, da cui ha tratto
origine il SOCA e del One Step Ahead, il primo vero documento ufficiale di
contrasto, oltre ad un invito a riflettere sulla necessarietà della criminalizzazione
autonoma della partecipazione.
Convivono nel Regno Unito due anime: quella di chi ritiene adeguato il sistema
così improntato, per lo più basato sulla perseguibilità tramite conspiracy e quello,
minore, di chi denuncia la necessarietà di una riforma globale.
Si concorda però sull’importanza di una risposta pratica, che cerchi di
concretizzare quella cooperazione giudiziaria ritenuta fondamentale nella lotta.
Quello che però accomuna le due Nazioni é la convinzione di contrastare il crimine
organizzato transnazionale e di “unire le forze” per questo Progetto comune,
insieme con gli altri Stati che hanno deciso di aderire alla lotta intrapresa dalle
Nazioni Unite.
Il cammino da compiere è probabilmente lungo e complesso: per contrastare la
criminalità organizzata occorre uno sforzo unitario, che può essere compiuto solo
tramite il superamento delle diversità che caratterizzano i vari sistemi normativi.
Cooperazione necessariamente preceduta da una reale armonizzazione: solo
unendo le forze gli Stati potranno realmente porsi “one step ahead” rispetto alla
criminalità organizzata transnazionale.
viii
Un sentito ringraziamento al Prof. Stefano Fiore e all’Università degli Studi del
Molise per avermi dato l’opportunità di trascorrere un periodo del Ciclo di
Dottorato di Ricerca presso la Queen Mary, University of London (UK) ed al Dr.
Valsamis Mitsilegas per il supporto didattico durante il mio Visiting Research
Programme, di cui questo elaborato costituisce, in parte, risultato.
ix
PARTE PRIMA
La nuova dimensione del crimine organizzato
PRIMO CAPITOLO
L’associazione per delinquere: dall’inquadramento
nell’ordinamento giuridico italiano alla presa di consapevolezza
dell’assunzione del carattere di transnazionalità.
SOMMARIO: 1.1 Premessa: l’evoluzione transnazionale dei reati c.d. associativi. Rinvio.
1.2 Struttura del reato. Condotta ed analisi dei requisiti dell’associazione. 1.3 Bene
giuridico tutelato. Inquadramento nella tutela dell’ordine pubblico 1.4 Profilo soggettivo.
1.5 Rapporti tra associazione per delinquere e concorso di persone. Dalla partecipazione al
concorso esterno nei reati associativi. 1.6 La “lacuna” terminologica del concetto di
crimine organizzato nel diritto penale italiano ed inglese: la potenziale utilità di una
categorizzazione fallita?
1.1. Premessa: l’evoluzione transnazionale dei reati associativi. Rinvio.
Nel corso degli anni la criminalità organizzata ha assunto una dimensione
transnazionale.
Si tratta di un ampliamento legato al processo di globalizzazione ed alla presa di
consapevolezza dell’affievolimento dei confini nazionali1, che ha come
conseguenza la realizzazione di traffici illeciti e delitti non più esclusivamente su
scala nazionale ma sovranazionale, avvalendosi di reti operative che superano i
confini locali.
Sempre più sentita è l’esigenza di combattere questa forma “ampliata” di
criminalità organizzata, tramite la predisposizione di strumenti di prevenzione e
repressione, sia a livello sovranazionale che nelle singole realtà statali.
Come emergerà dall’analisi dei negoziati antecedenti all’emanazione della
Convenzione di Palermo2, nel 1997 anche il Consiglio dell’Unione Europea ha
elaborato un Piano di azione contro la criminalità organizzata, al fine di auspicare
la perseguibilità di organizzazioni criminali che travalicano i confini nazionali.
La Convenzione ha fornito una definizione di “gruppo criminale organizzato”, una
di “gruppo strutturato”, oltre ad incriminare, in maniera ufficiale, il reato di
partecipazione.
A ciò si è poi aggiunta l’adozione della nuova espressione “reato transnazionale”
che, pur presentando ancora notevoli difficoltà interpretative, costituisce ulteriore
prova dell’enorme lavoro compiuto in sede internazionale.
Perplessità sono sorte sulle scelte operate dai singoli Stati per recepire le decisioni
assunte a livello sovranazionale: non si può escludere da questa considerazione
neanche la Legge di ratifica italiana (16.3.2006, n. 146)3.
1
BEUCCI, MASSARI, Globalizzazione e criminalità, Roma-Bari, 2003.
La ricostruzione dei Lavori preparatori e degli interventi normativi sulla criminalità organizzata
transnazionale verrà effettuata nel Secondo Capitolo, cui si rinvia.
3
Ex ceteris, DI MARTINO, Criminalità organizzata e reato transnazionale, diritto penale
nazionale: l’attuazione in Italia della c.d. Convenzione di Palermo, DPP, 2007, 16.
2
3
L’inquadramento del fenomeno transnazionale deve essere preceduto dall’analisi
della criminalità organizzata nei singoli ordinamenti.
Rapportando il discorso all’esperienza giuridica italiana, lo studio, almeno nei suoi
tratti salienti, del reato di associazione per delinquere (art. 416 c.p.) 4 costituisce
passaggio obbligatorio ai fini della ricostruzione delle differenze e dei
compromessi necessari per pervenire ad una normativa non più esclusivamente
domestica.
Si potrà così capire come oggi coesistano nel nostro ordinamento una disciplina ad
hoc per l’associazione per delinquere nazionale e, dall’altro, come si tenti, non
senza difficoltà, di dare vita ad una normativa specifica, volta a combattere la
criminalità organizzata a livello transnazionale.
La ratifica della TOC Convention da parte del nostro Paese é stata conseguenza
della predisposizione di un Testo pattizio internazionale, cui si é pervenuti dopo
dibattiti e compromessi, nel tentativo di armonizzare ordinamenti eterogenei, che
prevedevano e continuano a prevedere discipline interne diverse.
Alla diversità dei reati associativi a livello di domestic law, infatti, si é dovuta
necessariamente contrapporre una uniformità transnazionale.
Scopo di questo lavoro é quello di ripercorrere le difficoltà incontrate in fase di
predisposizione della normativa sovranazionale, in particolare analizzando alcuni
punti di più complessa stesura del Testo della Convenzione di Palermo,
caratterizzati da un vivace scontro tra ordinamenti di civil e di common law.
Verrà dedicata attenzione al raffronto tra la realtà di partenza dell’esperienza
giuridica italiana e quella inglese, dopo essersi concentrati sulla disciplina
sovranazionale e sulle modalità di trasposizione in entrambi gli ordinamenti.
Il lavoro da compiere é ancora molto: ora che i singoli Stati stanno assimilando la
normativa a livello interno, é possibile rendersi conto di come, nonostante lo sforzo
fatto, ancora si sia bel lontani da una cooperazione “reale” e da un effettivo
contrasto alla criminalità organizzata transnazionale.
4
PATALANO, L’associazione per delinquere, Napoli, 1971; MANZINI, Trattato di diritto penale
italiano, VI, a cura di Pisapia, Torino, 1983, 157; ANTOLISEI, Manuale di diritto penale. Parte
speciale, II, 15 ed. integrata e aggiornata a cura di C.F. Grosso, Milano, 2008, 237; FIANDACA,
MUSCO, Diritto penale. Parte speciale, I, 4 ed., Bologna, 2007, 461; CAVALIERE, Associazione
per delinquere, in AA. VV., Trattato di diritto penale. Parte speciale. Delitti contro l’ordine
pubblico, a cura di Moccia, V, Napoli, 2007, 221; TONA, Trattato di diritto penale. Parte speciale,
III, diretto da Cadoppi, Canestrari, Manna, Papa, Torino, 2009, 1063.
4
Come premesso, la tematica, ormai trasferita sul piano internazionale, richiede una
disamina, seppur sintetica, della disciplina dei reati associativi nell’ordinamento
giuridico italiano e quantomeno un riferimento alle associazioni di tipo mafioso di
cui all’art. 416-bis, in particolare alla luce dell’apertura di cui al suo ultimo comma
“alle altre associazioni, comunque localmente denominate, anche straniere5, che
valendosi della forza intimidatrice del vincolo associativo, perseguono scopi
corrispondenti a quelli delle associazioni di tipo mafioso”.
La criminalità organizzata transnazionale presenta caratteri propri ma risente,
inevitabilmente, del retaggio storico-giuridico di alcuni Paesi, in primis dell’Italia.
Volendo trovare quantomeno un “punto di partenza” nel nostro ordinamento, é
doveroso il richiamo all’art. 416 c.p.6.
Alcune organizzazioni che oggi operano a livello mondiale sostanzialmente sono
evoluzioni (extra confine) di realtà originate dal contesto mafioso o camorristico
che, fondendosi con altre organizzazioni o attuando capillare diffusione negli altri
Stati, riescono ad operare su ampia scala.
Per ricostruire il contesto normativo vigente in Italia nel momento in cui si é deciso
di recepire la disciplina pattizia internazionale in tema di criminalità organizzata
transnazionale, occorre necessariamente partire da quanto stabilito dal nostro
Codice penale in tema di associazione per delinquere.
Il Titolo V del Libro II del Codice Penale prevede una serie di delitti contro
l’ordine pubblico7, tra i quali riveste fondamentale importanza il reato di
associazione per delinquere8.
La nostra attenzione sarà focalizzata sulla criminalità organizzata c.d. comune e
non necessariamente di stampo mafioso9.
Il dato pratico ha dimostrato come spesso il connotato mafioso, molto avvertito su
scala nazionale, perda importanza superati i confini, dove le organizzazioni
5
Periodo aggiunto da D. lgs. 23.05.2008, n. 92 in tema di “Misure urgenti in materia di sicurezza
pubblica”, convertito in Legge 24.07.2008, n. 215.
6
Occorre chiaramente sottolineare che il rinvio é riferito all’intero novero dei reati associativi, ma
che nello specifico é costituito da quanto affermato dall’art. 416 c.p., alla luce del fatto che il 416bis, il 270 ed il 270-bis c.p. attuano quelle che potremmo impropriamente e riduttivamente definire
“caratterizzazioni” dei reati associativi. Si rinvia a ALEO, Sistema penale e criminalità
organizzata. Le figure delittuose associative, Milano, 1999.
7
ROSSO, Ordine pubblico (delitti contro), NNDI, XXI, Torino, 1965, 152; FIORE C., Ordine
pubblico (diritto penale), ED, XXX, Milano, 1979, 1084.
8
Storicamente, PATALANO, L’associazione per delinquere (…), cit.; MANZINI, Trattato di
diritto penale italiano (…), cit., 157.
9
La stessa Legge 146/06 fa riferimento al concetto di reato transnazionale ed, in particolare, al
gruppo criminale organizzato, prescindendo da qualsiasi richiamo a realtà mafiose.
5
criminali non sono necessariamente supportate da quella forza di intimidazione del
vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà (…)
puntualmente richieste dall’art. 416-bis10.
Il fatto che nel nostro Paese si sia soliti indicare le associazioni di tipo mafioso con
l’espressione criminalità organizzata, non trova corrispondenza nel momento in cui
si trascende dai confini nazionali.
Se é vero, infatti, che le associazioni mafiose sono manifestazione dei reati
associativi ed esempi di criminalità organizzata, non tutta la criminalità
organizzata, in Italia ed in particolare nel caso in cui si espanda a livello
transnazionale, può essere ridotta alle organizzazioni mafiose o similari.
Il diffondersi della presenza, in gran parte del mondo, di organizzazioni criminali é
ormai un fenomeno distinto e spesso autonomo dalla criminalità organizzata di
Cosa Nostra o delle altre realtà associative che hanno trovato origine nel nostro
Paese.
Questo studio non può quindi prescindere dalla consapevolezza dei confini
ampliati della nuova realtà criminale e, nel momento in cui prende le mosse dalla
realtà locale per comprendere le differenze con la normativa sovranazionale e le
possibili forme di adattamento e di coesistenza, non può omettere di considerare
che anche in Italia, nonostante il forte retaggio storico, la criminalità organizzata
non é necessariamente di tipo mafioso ma può, eventualmente, essere tale.
Bisogna prestare attenzione all’esigenza di punire realtà anche prive di questo
connotato, pur prendendo consapevolezza che le associazioni mafiose sono
attualmente in grado di operare tranquillamente in campo mondiale, sia nel traffico
di stupefacenti che in molti altri settori.
Ritornando all’analisi dei reati associativi e, nello specifico, a quanto richiesto per
poter parlare di associazione per delinquere11, si tratta di un delitto che viene
attualmente punito in via autonoma nel nostro Codice penale, a fronte di una
precisa scelta di politica criminale: il particolare disvalore attribuito alle condotte
10
Per approfondimenti sul tema si rinvia alla sterminata bibliografia: ex ceteris, SPAGNOLO,
L’associazione di tipo mafioso, Padova, 1984; INGROIA, L’associazione di tipo mafioso, Milano,
1993 etc.
11
DE FRANCESCO, Associazione per delinquere e associazione di tipo mafioso, DI, Torino, 1987,
289; COSTA, Associazione per delinquere, NDI, I, Torino, 1937, 1032; BOSCARELLI,
Associazione per delinquere, ED, III, Milano, 1958, 865; INSOLERA, L’associazione per
delinquere, Padova, 1983; DE VERO, I reati associativi nell’odierno sistema penale, RIDPP, 1998,
390.
6
associative ha infatti comportato l’esigenza di “isolare”, rispetto al concorso di
persone, i reati associativi.
Nonostante il nostro Paese sia stato da sempre caratterizzato dalla presenza di
“gruppi” di matrice criminale, la scelta di contrastare il fenomeno e di reprimerlo é
stata stranamente piuttosto tardiva12, in particolare per quanto concerne la lotta
all’associazione di stampo mafioso, oltre che alla criminalità organizzata tout
court13.
La tipizzazione autonoma del concetto non ha però risolto, bensì inasprito, molti
dei profili critici legati all’istituto, in particolare per quanto concerne l’aspetto
definitorio e la sua indeterminatezza.
A ciò va aggiunto il rilievo che si tratta di un reato caratterizzato da un bene
giuridico particolarmente ostico dal punto di vista definitorio, che non sempre
sembra essere idoneo a garantire quella tutela preventiva che invece dovrebbe
connotare, almeno secondo i più, i reati associativi14.
L’obiettivo è, in conclusione, quello di cercare quantomeno di ripercorrere i tratti
salienti di quest’istituto, senza alcuna pretesa di esaustività: il compito di
analizzare gli infiniti aspetti problematici dei reati associativi é stato infatti già
sapientemente adempiuto dalla letteratura giuridica.
12
Si consulti SESSA, Evoluzione storica del fenomeno mafioso e consenso sociale: nuovi spazi per
le politiche delle Istituzioni nella lotta alla criminalità organizzata, Civitas et Iustitia, II, 1, 175.
Solo negli anni sessanta il Legislatore ha iniziato ad occuparsi del fenomeno, quantomeno
affrontando, dal punto di vista delle misure di prevenzione, il problema della criminalità
organizzata di stampo mafioso. Nel corso degli anni si era, infatti, sentita l’esigenza di
criminalizzare (e punire) fenomeni associativi assenti nell’impianto originario del Codice Rocco,
che si sono poi tradotti nei reati associativi. Dall’iniziale interesse al solo fenomeno di stampo
mafioso, il raggio di azione si é poi ampliato alla associazione a delinquere in generale, anche
quando priva dell’ulteriore connotato di influenza, in termine improprio, ambientale.
13
Il delitto di associazione per delinquere era già contemplato nell’art. 248 del Codice Zanardelli,
con una formulazione che non si discostava, nella sostanza, da quello del nuovo Codice Rocco.
Rispetto al Codice Zanardelli é stato ridotto il numero di partecipi ed é stato aggiunto il requisito
della indeterminatezza del programma criminoso, oltre a tramutare in circostanza aggravante il fatto
di “scorrere in armi”.
14
SPAGNOLO, Reati associativi, EG, Agg., V, Roma, 1996, 1.
7
1.2 Struttura del reato. Condotta ed analisi dei requisiti dell’associazione per
delinquere.
L’art. 416 c.p. punisce la condotta di tre o più persone che si associano per
commettere più delitti (…).
La scelta di dedicare una specifica fattispecie normativa all’associazione per
delinquere va inquadrata nell’ottica del particolare disvalore penale che é stato da
sempre riservato, nel nostro ordinamento, ai fenomeni di illecito collettivo.
Alle fattispecie di tipo associativo corrisponde, in maniera impropria, il fenomeno
della criminalità organizzata: l’espressione, pur priva di tipizzazione codicistica, va
infatti
ad
includere
l’insieme
delle
attività
illecite
programmatiche
e
plurisoggettive, in alcuni casi con connotato mafioso, riconducibili all’istituto
dell’associazione per delinquere15.
L’ampiezza della formulazione normativa dell’art. 416 c.p. consente, infatti, di
includere le numerose forme di criminalità organizzata e, quindi, di adattarsi alle
evoluzioni criminali, anche in ambito associativo.
E’ possibile sottolineare la duplice finalità della fattispecie, che punisce il fatto di
associarsi, al di là della realizzazione dei c.d. delitti-scopo: se poi questi vengono
portati a compimento, ciò costituisce quid pluris a livello punitivo.
La riflessione, condivisa da larga parte della letteratura giuridica, ha consentito un
certo snellimento dal punto di vista probatorio ed, al contempo, la garanzia di non
lasciare impunite alcune condotte associative, anche nei casi in cui alla
partecipazione non segua la effettiva commissione di reati.
Come si vedrà, i reati associativi presentano non pochi problemi per quanto
concerne l’individuazione del relativo bene giuridico: trattandosi di reati lesivi di
un bene considerabile come “astratto”, infatti, una loro eccessiva anticipazione
della soglia di punibilità comporterebbe problemi di costituzionalità, nel senso di
violazione implicita del principio di necessaria offensività.
A tal proposito, parte della dottrina ha ribadito la finalità preventiva del reato, a
ché non vengano realmente commessi gli illeciti oggetto del programma
criminoso16.
15
Secondo TONA, Trattato di diritto penale (…), cit., 1064, a sua volta richiamandosi a
FIANDACA, Criminalità organizzata e controllo penale, IP, 1991, 5, la nozione comprende
“qualsiasi attività illecita programmata e plurisoggettiva”.
16
Nota parte della dottrina (SPAGNOLO, Reati associativi (…), cit., 1, che la finalità della
sanzionabilità dei reati associativi é in realtà, duplice, manifestandosi nella fase preventiva, per il
8
Anche questo profilo ha però dato adito a discussioni: si é infatti obiettato che
“l’associazione
per
delinquere
implica,
in
tal
modo,
una
estensione
dell’anticipazione della tutela nella fase delle attività preparatorie al di là dei limiti
già consentiti dalla norma di parte generale sulla punibilità del tentativo di
partecipazione nel reato”17.
In particolare, è stata a suo tempo criticata la scelta del legislatore di includere in
un’unica fattispecie normativa la punibilità anticipata di vari reati (c.d. scopo).
Si tratta di illeciti che presentano beni giuridici eterogenei, che si inquadrano con
difficoltà nel novero dell’unico bene giuridico salvaguardato dall’art. 416 c.p.18.
Da queste riflessioni é nata la proposta di scindere il fenomeno della criminalità
organizzata e delle sue mille sfaccettature dall’associazione a delinquere, optando
per una anticipazione differenziata, per cui ogni reato-scopo dovrebbe essere
punito nella specifica sedes materiae, ad hoc prevista per la figura criminosa
concretamente realizzata, seppur in forma associativa.
Resta però da sottolineare come ciò non comporti una esclusione del disvalore
penale e della conseguente punibilità del reato associativo stesso, a prescindere
dalla realizzazione di quelli che sono i delitti-scopo previsti dal sodalizio.
Problema principale rimane quello della tassatività, in particolare per quanto
concerne la struttura associativa.
Questo aspetto è inevitabilmente legato a quello, di cui si dirà avanti in maniera
più approfondita, d’individuazione del discrimen tra associazione e concorso di
persone.
In sede giurisprudenziale, più volte si é discusso circa l’esatta delimitazione di
fenomeni di semplice accordo tra più individui, privi di quel disvalore penale che il
principio di offensività necessariamente richiede ai fini della punibilità e
l’associazionismo stabile e strutturato che si ritiene debba sussistere per
configurare gli estremi dell’art. 416 c.p.
In realtà, come emerge anche dalla Relazione del Guardasigilli, questo articolo si
differenziava dal precedente del Codice Zanardelli19, solo per una scelta di
solo fatto dell’associazione ed in quella susseguente alla commissione dei reati-scopo, come
“aggravante”.
17
DE VERO, Tutela penale dell’ordine pubblico. Itinerari ed esiti di una verifica dogmatica e
politico-criminale, Milano, 1988, 254.
18
Per la manualistica: ANTOLISEI, Manuale di diritto penale. Parte speciale (…), cit., 237;
FIANDACA, MUSCO, Diritto penale. Parte speciale (…), cit., 461.
9
generalità, idonea ad includere l’intero fenomeno dell’associazionismo criminale e
non la sola criminalità organizzata in senso stretto.
La scelta a suo tempo fatta dai redattori del Codice Rocco non doveva però
probabilmente indurre ad attuare un’applicazione pratica della norma così ampia e
spesso indefinita, come invece é accaduto, nel corso di questi anni, da parte di
certa giurisprudenza, portata a ricorrere all’istituto dell’associazione per delinquere
quasi fosse un “contenitore vuoto” in cui includere ogni forma, pur generica e non
strutturata, di accordo criminoso, prescindendo dal rispetto dei profili
costituzionali.
Nell’analizzare la struttura della disposizione, attenzione va riservata al concetto di
associazione che, già a livello definitorio, appare centrale per comprendere
l’illecito.
E’, infatti, da questo fenomeno (e dalla sua definizione e comprensione) che si
deve cercare di tracciare un confine preciso tra ciò che é punibile, appunto perché
rientrante nell’associazione, é ciò che invece si ferma alla semplice fase
dell’accordo non punibile.
La problematica é condizionata dal fatto che l’art. 416 non richiede, ai fini della
sua punibilità, la realizzazione dei delitti-scopo ma, appunto, la sola sussistenza del
sodalizio criminoso, di cui va colto, l’aspetto differenziale rispetto al semplice
accordo illecito20.
L’includere nel disposto normativo l’espressione “per ciò solo” ha, infatti, generato
diatribe interpretative infinite.
Ad essere punita, tout court, non è, infatti, la preparazione delle singole attività
previste dal programma (ed eventualmente poi anche non commesse) ma, appunto,
la struttura stessa, intesa come “stabile organizzazione”21.
19
Come emerge dall’analisi di CAVALIERE, Associazione per delinquere (…), cit., 224, “l’art.
248 c.p. Zanardelli apparve ben presto norma problematica sul piano della determinatezza. Diffusa
era la tesi secondo cui esso prevedeva un’eccezionale criminalizzazione anticipata di atti
preparatori. (…) si poneva così il problema di distinguere l’associazione dalla fase preparatoria del
concorso di persone; prevaleva, al riguardo, il criterio della genericità ed indeterminatezza
dell’accordo associativo, mentre era controverso se l’associazione richiedesse il requisito
dell’organizzazione”.
20
Come evidenzia ALEO, Associazione, organizzazione, concorso esterno, in AA. VV., L’attività
di contrasto alla criminalità organizzata. Lo stato dell’arte, a cura di Parano, Centonze, Milano,
2005, 177, “Il delitto associativo é realizzato con la costituzione, promozione, organizzazione della
associazione e con l’adesione della medesima e svolge una funzione di anticipazione rispetto alla
realizzazione dei delitti, in deroga del principio di non punibilità del mero accordo, giustificata
dalla particolare pericolosità costituita dalla dimensione associativa”.
21
Come emergerà nei prossimi paragrafi.
10
L’indipendenza del reato associativo rispetto ai reati-fine é confermata dal fatto
che la prova della loro stessa commissione non vale, a contrario, a provare la
sussistenza dell’organizzazione22.
Il discrimen con l’art. 115 c.p. sorge, infatti, con tutta probabilità, dalla necessaria
organizzazione sottesa al concetto di associazione.
Ciò ha però generato un problema nel problema, seppur di natura tautologica.
Se é vero che c’é associazione punibile quando c’é organizzazione, si tratta di un
problema definitorio semplicemente variato dal punto di vista del nomen, perché
inevitabile é chiedersi cosa si intenda, de relato, per organizzazione.
Deve, infatti, trattarsi di una struttura considerata in sé, che esiste e permane a
prescindere dai reati che sono stati programmati o già realizzati.
La punibilità riguarda, infatti, la stabilità e la strutturazione dell’organizzazione.
Complesso é chiaramente il profilo probatorio23.
Non stiamo, infatti, parlando di organizzazioni societarie, caratterizzate da atti
costitutivi e statuti, bensì di strutture atecniche, di cui, almeno nella maggior parte
dei casi, é possibile comprendere l’assetto solo grazie al contributo di associati
“pentiti’ o di notizie implicitamente conosciute tramite intercettazioni o
testimonianze.
L’attenzione deve poi essere focalizzata sull’elemento dell’idoneità offensiva
dell’associazione.
Storicamente24, il reato di associazione per delinquere viene inquadrato tra quelli
necessariamente permanenti.
Il connotato della permanenza è, in realtà, di complessa individuazione, ma é
probabilmente l’elemento principale di distinzione rispetto al semplice accordo
criminoso non punibile.
Prescindendo dalle annose questioni sulla natura di reato necessariamente o
eventualmente permanente, ci limitiamo ad evidenziare come la permanenza possa
22
Anche se, in realtà, come nota ALEO, Associazione, organizzazione, concorso esterno (…), cit.,
177, “nessuno ha mai visto una associazione delittuosa colpita nella fase dell’accordo, cioé a monte
rispetto alla commissione dei delitti: le figure delittuose associative vengono desunte dalla
ricostruzione del complesso di un’attività delittuosa realizzata, dal collegamento fra una pluralità di
delitti, e di questi con una struttura personale stabile (…). Soprattutto, l’associazione delittuosa non
nasce a tavolino, bensì nei fatti, mediante la realizzazione dei delitti, in concorso di persone, per lo
più delle stesse persone, la divisione ed eventuale riutilizzazione dei profitti di questi delitti (…)”.
23
AA. VV., I reati associativi: paradigmi concettuali e materiale probatorio. Un contributo
all’analisi ed alla critica del diritto penale vigente, a cura di Picotti, Fornasari, Viganò e
Melchionda, Padova, 2005.
24
MANZINI, Trattato di diritto penale italiano (…), cit., 195 e 205.
11
in questa fattispecie essere semplicemente intesa come mero decorso temporale,
fondamentale affinché l’associazione in senso stabile, con tanto di individuazione
dell’oggetto sociale e di ripartizione di compiti e attività tra gli associati, venga a
crearsi25.
La condotta associativa si presenta come totalmente indipendente di fronte alle
attività di partecipazione ai reati singoli.
Affinché si configurino gli estremi della rilevanza penale della condotta
associativa, é infatti sufficiente il fatto di aver preso parte (tramite assunzione di
ruolo, pur se modificabile) ad un programma criminoso indeterminato.
Una volta chiarito il necessario presupposto della stabilità, infatti, assume rilievo
penale qualsiasi attività di promozione, organizzazione, direzione, mera
partecipazione.
Accertata l’esistenza dell’associazione, all’interno di questa é possibile distinguere
i singoli ruoli, che senza la presenza di un’associazione strutturata non avrebbero
chiaramente ragione di essere puniti.
Prescindendo da eventuali nomen ed investiture formali, occorre di volta in volta
accertare il loro contenuto concreto: solo in questo modo sarà possibile individuare
l’esatto ruolo rivestito dai singoli nella compagine.
Cercando di ricostruire le varie definizioni, chi promuove é colui che si adopera in
concreto per la sua creazione, che prende l’iniziativa, non solo nella fase iniziale di
predisposizione ma anche in un secondo momento, per eventuali ricerche fondi.
Molto simile é il concetto di fondatore, che in sostanza é colui che non si limita ad
ideare e progettare ma da proprio vita al quid pluris della organizzazione basilare
dal punto di vista pratico.
La differenza tra i due è probabilmente ravvisabile nel fatto che il fondatore
sovente opera prima del promotore, essendo per lo più quest’ultimo colui che
“mantiene in vita”, tramite ricerca di adepti e finanziamenti, l’organizzazione
stessa.
25
Come conclude DE FRANCESCO, Associazione per delinquere (…), cit., 291, sottolineando
come si debba considerare non l’effettiva durata della associazione ma la sua “capacità a durare”.
Questo aspetto rileverebbe, per l’Autore, anche ai fini del discrimen con il concorso, in particolare
basato “sull’idoneità (dell’associazione, n.d.r.) ad articolarsi in ruoli e competenze, che non si
identificano con le attività connesse alla realizzazione dei singoli delitti, risultando, al contrario,
predisposte in vista di un programma generico, il quale impedisce che la condotta associativa possa
assumere, in quanto tale, la fisionomia di un atto di partecipazione ad un reato determinato”.
12
Ampia é invece la definizione di organizzatore, svolgendo un ruolo “funzionale” di
mantenimento in vita della struttura, tramite mansioni varie, sovente esecutive di
ordini dei capi ma con un ruolo superiore rispetto al mero associato.
Si tratta di una figura tecnicamente subordinata al c.d. capo, colui (o coloro) che al
vertice dell’organizzazione assume le decisioni che, di volta in volta, connotano il
programma criminoso.
Il mero associato funge da partecipe, inteso come colui che assume un qualsiasi
ruolo (diverso da quelli c.d. superiori) ponendo in essere “qualsiasi comportamento
valutabile come un contributo non insignificante alla vita dell’associazione per il
perseguimento dello scopo. (…) il contributo minimo e non insignificante deve
possedere il connotato della c.d. affectio societatis, cioè la consapevolezza di
partecipare all’associazione come componente della stessa”26.
Si é discusso sulla natura autonoma dei vari commi dell’articolo (identificativi dei
ruoli ricopribili), a fronte del differente trattamento sanzionatorio: se cioè, si debba
parlare di diversi titoli di reato a seconda se si configuri la semplice partecipazione
o si assuma un ruolo, per così dire, di comando.
La questione appare oggi superata: si tratta in realtà di una fattispecie c.d. a
condotta mista alternativa, per cui gli estremi del reato si realizzano quando viene
posta in essere una delle alternative descritte.
La condotta tipizzata sarebbe quella sintetizzabile nel fatto stesso di prendere parte
all’associazione, a prescindere dal ruolo ricoperto.
Si tratta però di una riflessione non priva di problematiche, in particolare per
quanto concerne la sua presunta eccessiva ampiezza, arrivando a poter includere
nel suo novero anche tutte le attività di mera preparazione alla commissione dei
delitti-scopo.
Non dobbiamo, poi, confondere la punibilità sottesa all’art. 416 con una deroga
alla non punibilità dell’accordo non seguito dalla commissione di un reato.
Va, infatti chiarito, una volta per tutte, che ad essere punito dall’art. 416 non é
“l’attività preparatoria rispetto alla commissione dei delitti-scopo, ma (…) una
serie di condotte partecipative all’associazione, le cui caratteristiche determinano
la scelta per la punibilità”27.
26
ARDIZZONE, Commentario al Codice penale, diretto da Marini, La Monica, Mazza, Tomo III,
Torino, 2002, 2021.
27
Cfr., ARDIZZONE, Commentario (…), cit., 2017.
13
Nel corso degli anni comunque, é stato fondamentale il contributo della
giurisprudenza, che ha sicuramente permesso di determinare maggiormente i
connotati delle condotte associative, andando così contemporaneamente a limare la
indeterminatezza normativa della fattispecie nella sua formulazione testuale ed,
allo stesso tempo, a delineare meglio i confini con il concorso plurisoggettivo
eventuale.
Oltre alla manifestazione della volontà di volersi associare, deve chiaramente
sussistere stabilità, che é possibile individuare nelle sole associazioni “organizzate”
e convergenza degli intenti criminosi ad un programma (anche indefinito) di
crimini.
L’organizzazione, infatti, ricollegandosi al discorso del bene giuridico tutelato da
questa disposizione, é sintomo di pericolosità sociale.
La tematica della portata dell’espressione rimane amplissima, non esistendo una
definizione univoca: la giurisprudenza sembra oggi condividere come sufficiente
un livello di organizzazione che sia adeguato al raggiungimento del programma
prefisso e che, quindi, presenti i caratteri della stabilità.
La condotta tipizzata nella fattispecie normativa é chiara: l’art 416 è, infatti,
finalizzato a punire la scelta degli associati di costituire un organismo nel quale
possono “ripartirsi i compiti in vista della realizzazione di un programma
indeterminato di reati, la cui concerta attuazione possa essere di volta in volta
decisa nell’ambito di una struttura organizzativa destinata a fornire un supporto di
carattere stabile alle singole deliberazioni criminose”28.
L’offesa all’ordine pubblico sarebbe, quindi, conseguenza di questo carattere di
stabilità del vincolo e della sua natura autonoma rispetto ai delitti-scopo.
L’ordine pubblico verrebbe, infatti, turbato dalla presenza di un’organizzazione
che nasce e vive per ledere beni giuridici costituzionalmente tutelati.
Fattore fondamentale é la presenza di un accordo tra più soggetti (minimo tre) ma,
per potersi parlare di associazione, non si può prescindere dall’ulteriore requisito
della manifestazione della volontà di far parte del vincolo associativo.
Nell’associazione tipizzata dalla disposizione, infatti, viene a configurarsi un
accordo che ha il carattere della continuità.
28
DE FRANCESCO, Associazione per delinquere (…), cit., 290.
14
Anche nel generico concorso di persone, in particolare in quello nel reato
continuato, c’é alla base un accordo: la differenza è, però, da individuare nel fatto
che in questa seconda ipotesi si tratta di un incontro di volontà finalizzate alla
realizzazione di determinati progetti criminosi, che cessa una volta realizzati questi
ultimi, mancando così della continuità temporale e soprattutto della già chiarita
stabilità, che invece é alla base dell’art. 416 c.p.
Non permane invece nessun dubbio sulla compatibilità della rilevanza penale
dell’associazione per delinquere con l’art. 18 Cost.: si tratta, infatti, di una
manifestazione di volontà associativa (in sé tutelata) ma con fini che contrastano
con il nostro ordinamento ed, in quanto tali, vanno vietati.
Si é oggi concordi nell’affermare che “non é necessario che il vincolo associativo
assuma carattere di assoluta stabilità; é invece sufficiente che esso non sia a priori
e programmaticamente circoscritto alla consumazione di uno o più delitti
predeterminati.
L’elemento temporale insito nella nozione stessa di stabilità del vincolo
associativo, secondo la Corte di Cassazione, non va inteso come necessario
protrarsi del legale criminale; é, per contro, sufficiente ad integrare l’elemento
oggettivo del reato una partecipazione all’associazione anche limitata ad un breve
periodo”29.
Il carattere permanente30 del reato trova conferma nel fatto che il reato si commette
a prescindere dalla commissione dei delitti-fine, nel momento in cui si dà vita
all’associazione e nel suo protrarsi.
I reati associativi richiedono come condicio sine qua non la presenza di un accordo
tra tre o più persone, che sia orientato alla commissione di reati: l’accordo deve
però presentare un quid pluris rispetto alla semplice portata terminologica della
parola, deve infatti sostanziarsi in una entità, costruita dalle persone che la
compongono e che in essa si associano ma allo stesso tempo, in grado di avere
“vita autonoma” rispetto ad esse, sopravvivendo anche qualora gli associati
mutino.
29
Come ricorda TONA, Trattato di diritto penale (…), cit., 1080, richiamando Cass., 1.12.2000, n.
12525, CP, 2001, 2685.
30
Contra INSOLERA, L’associazione per delinquere (…), cit., 219.
15
Rapportando queste premesse al profilo dell’individuazione del bene giuridico
tutelato, l’ordine pubblico é intaccato dall’esistenza stessa di un simile corpus,
coniato e sedimentato proprio al fine di commettere reati.
I numerosi profili critici legati ai requisiti dei reati associativi ed i complessi
problemi definitori dell’art. 416 c.p. sono molto lontani dall’essenzialità definitoria
di altri ordinamenti o, in alcuni casi, dalla totale assenza di una fattispecie che vada
a tipizzare le condotte associative.
Queste differenze sono state particolarmente avvertite, come emergerà nella analisi
dei Lavori preparatori della Convenzione, nel momento in cui si é reso necessario,
per addivenire ad una normativa comune, armonizzare i vari substrati nazionali31.
Il confronto maggiormente sentito é stato quello con i sistemi di common law e con
la conspiracy32 stessa.
In alcuni casi si é sottolineata l’importanza del carattere necessariamente
indeterminato del programma criminoso, basando su questo aspetto la difficoltosa
distinzione rispetto alle ipotesi di concorso di persone.
La non specificità del programma non é in realtà richiesta da nessun punto dell’art.
416, ove casomai si parla di “associarsi allo scopo di commettere più delitti”.
Può accadere che un’associazione si prefigga di realizzare più reati accomunati
dall’appartenenza allo stesso genus, l’indeterminatezza deve però tradursi, volendo
utilizzare questo termine, nella non predeterminazione ab origine delle modalità,
del numero, dei tempi di esecuzione di una serie di reati “circoscritti e predefiniti”,
senza mai perdere di vista il necessario requisito del realizzarsi di questo
‘programma” all’interno di una organizzazione stabile.
L’accertamento del programma in sede di indagini é in realtà spesso uno degli
aspetti più complessi che gli operatori del diritto si trovano a dover superare, non
di rado trovandosi di fronte associazioni con programmi così occultati da essere di
complessa ricostruzione anche nelle proprie linee focali, oltre che ad associazioni
con finalità lecite (di copertura), cui si sovrappongono attività criminali.
31
AA. VV., Criminalità organizzata e risposte ordinamentali tra efficienza e garanzia, a cura di
Moccia, Napoli, 1993.
32
PAPA, Conspiracy, Digesto pen., III, Torino, 1989, 95; GRANDE, Accordo criminoso e
conspiracy, Padova, 1993.
16
1.3 Bene giuridico tutelato. Inquadramento nella tutela dell’ordine pubblico.
L’art. 416 c.p. é collocato nel Libro secondo, Titolo quinto ed il suo bene giuridico
é individuabile nel concetto di ordine pubblico33, con conseguenze di notevole
rilievo.
Si tratta di un bene discusso, che comporta ripercussioni sul reato analizzato.
Punto di partenza rimane la Relazione al Codice, che fornisce una definizione di
ordine pubblico sintetizzabile nel “buon assetto e regolare andamento del vivere
civile cui corrispondono, nella collettività, l’opinione ed il senso della tranquillità e
della sicurezza”.
Negli anni si é dato luogo ad una diatriba tra ordine pubblico materiale34 ed
ideale35.
Si é ormai giunti ad un compromesso, che si sostanzia in una duplicità di
definizione, risultando impossibile, almeno alla luce delle discussioni degli ultimi
decenni, assumere una accezione giuridica unitaria sulla reale portata
dell’espressione.
Sul concetto di ordine pubblico, infatti, non esiste unanimità di vedute36.
La tematica é altresì legata, anche nei suoi profili critici, alla qualificazione del
reato come di danno o di pericolo.
La dottrina storica, ravvisando nel 416 un generico pericolo per la sicurezza della
collettività classifica la fattispecie de quo tra quelle di pericolo.
La dottrina più recente colloca il reato tra quelli di pericolo presunto37, “perché il
bene giuridico tutelato, l’ordine pubblico, deve ritenersi minacciato dall’esistenza
stessa di un vincolo associativo e dalla sua permanenza”38.
A questa prima interpretazione viene contrapposta quella di ordine pubblico come
espressione del concetto di esclusività dell’ordine giuridico penale39.
33
FIORE C., Ordine pubblico (…), cit., 1092; DALLA CASA, Ordine pubblico (delitti contro l`),
EG, XXII, Roma, 1990; IACOVIELLO, Ordine pubblico ed associazione per delinquere, GP,
1990, II, 46.
34
Ovvero da identificare nei compiti di sicurezza e polizia istituzionalmente attribuibili allo Stato.
35
Altresì definito come ordine normativo o pubblico generale, inteso come insieme dei principi e
dei valori che connotano lo stato ordinamento, come afferma PALADIN, Ordine pubblico, NND,
XII, Torino, 1965, 130.
36
MOCCIA, Ordine pubblico (disposizioni a tutela dell’), EG, XXII, Roma, 1990, 4.
37
TONA, Trattato di diritto penale (…), cit., 1065.
38
INGROIA, L’associazione di tipo mafioso (…), cit., 36. Cfr. Cass., 15.12.1986, CED 174636.
39
PATALANO, L’associazione per delinquere (…), cit., 184.
17
La creazione di un’istituzione lesiva dell’ordine pubblico sarebbe, già in sé, lesiva
(e distruttiva) dell’ordine giuridico penale, portando così non solo ad una diversa
accezione del concetto di ordine pubblico ma anche di qualificazione del reato
come di danno.
Al di là del mero profilo teorico, la qualificazione come reato di danno o di
pericolo comporta non trascurabili conseguenze, in particolare per quanto concerne
l’ammissibilità del tentativo, fino ad oggi negato proprio in forza della
qualificazione dell’art. 416 come reato di pericolo.
Il dato di fatto é che il bene giuridico dell’ordine pubblico é caratterizzato da
un’astrattezza tale da rendere difficoltoso qualsiasi inquadramento giuridico40.
Si deve poi sempre tenere in considerazione come il reato in sé dell’associazione
risalti anche a fronte dell’importanza della tutela dei beni tutelati nei singoli reati
scopo, sostanziandosi in ciò il suo carattere teleologico.
Ad essere tutelato sarebbe cioè l’ordine pubblico, inteso come pax publica, che, a
sua volta, consente di proteggere la collettività dalla singola commissione dei
delitti-scopo, andando così, in certo qual modo, ad “anticipare” la protezione dei
beni giuridici, salvaguardati dalle singole fattispecie tipizzate per ognuno dei
delitti-scopo.
I fenomeni associativi che confluiscono nel macroconcetto di criminalità
organizzata hanno, al dunque, come nota la dottrina recente, un duplice finalità:
“hanno per un verso il compito di anticipare la tutela della collettività rispetto al
momento della realizzazione di tale illecito programma, punendo chi si é associato
anche prima che abbia commesso alcun altro reato-fine; per altro verso di
aggravare le sanzioni per chi ha commesso specifici reati-fine dopo essersi
associati ad una sodalizio che si proponeva di realizzarli”41.
Dubbi sono sorti sulla compatibilità dell’art. 416 con l’art. 18 prima e 25 poi della
Cost.
L’articolo viene criticato di non tutelare un bene giuridico dotato di rilevanza
costituzionale, a fronte del fatto che la dottrina maggioritaria sembra individuare
40
IACOVIELLO, Ordine pubblico ed associazione per delinquere, GP, 1990, II, 46.
TONA, Trattato di diritto penale (…), cit., 1065, riprendendo SPAGNOLO, Reati associativi
(…), cit., 1.
41
18
questo bene nel concetto di ordine pubblico materiale, pur essendo assodata la sua
indeterminatezza42.
In realtà, molte di queste questioni sembrano oggi superate dalla presa di pozione
delle Nazioni Unite e dell’Unione Europea, andando così a fortificare gli
orientamenti seguiti negli anni dalla giurisprudenza, nel tentativo di dare maggiore
determinatezza ad una disposizione indubbiamente caratterizzata, per precisa scelta
di politica criminale, da innata astrattezza, conseguenza dell’indeterminatezza del
bene giuridico che va a tutelare.
La dottrina prospetta da sempre come contrapposte le due accezioni ammissibili
per il concetto di ordine pubblico.
La prima é di matrice ideale e si sostanzia nel c.d. ordine legale costituito43.
La seconda, definita materiale, presenta a sua volta due sottoaspetti, inerenti la
pace e sicurezza della collettività nel normale svolgimento dei rapporti sociali e la
tranquillità e quiete pubblica44.
Preso atto dell’ampiezza del concetto di ordine pubblico, nel corso dei decenni si é
cercato in vari modi di ricostruire il contenuto di questo bene giuridico, fino ad
arrivare alle prese di posizione del Codice Zanardelli prima e del Codice Rocco
poi, all’esistenza di diverse categorie di reati riconducibili al nomen di ordine
pubblico, che ne tutelano la lesione nelle sue differenti vesti, materiale o ideale45.
Rapportando la diatriba al bene giuridico tutelato dall’art. 416 c.p., ancora oggi
non sussiste una presa di posizione univoca, coesistendo sostenitori dell’ordine
pubblico materiale46 (in certa misura prevalenti47) con altri indirizzati verso
l’ordine pubblico ideale.
Il favor iniziale della dottrina nei confronti dell’accezione ideale dell’ordine
pubblico si é scontrato con la presa di posizione dei costituzionalisti48 della
42
In primis, FIANDACA, MUSCO, Diritto penale. Parte speciale (…), cit., 463.
Critici su questa concezione FIANDACA, MUSCO, Diritto penale. Parte speciale (…), cit., 452.
44
La maggior parte della dottrina si riconosce in questa seconda interpretazione: MANZINI,
Trattato di diritto (…), cit., 157; ANTOLISEI, Manuale di diritto penale. Parte speciale (…), cit.,
224; MOCCIA, Ordine pubblico (…), cit., 3.
45
Per una puntuale ricostruzione di tutti i passaggi interpretativi sul concetto di ordine pubblico,
anche alla luce di quanto emerge dalle Relazioni ministeriali di accompagnamento ai Codici, si
rinvia a FIORE C., Ordine pubblico (…), cit., 1085.
46
In primis, INSOLERA, L’associazione per delinquere (…), cit., 173.
47
Si è concordi nell’evidenziare, come puntualmente riportato da CAVALIERE, Associazione per
delinquere (…), cit., 233, che “il Legislatore, quando ha inteso tutelare, mediante la previsione di
fattispecie associative, la pubblica tranquillità, ha inserito nella fattispecie elementi, come la
pubblicità, riferibili ad un effetto intimidatorio, lesivo della tranquillità”.
48
C.C., 8.7.1971, n. 168, GC, 1971, 1774;
43
19
esclusiva ammissibilità dell’ordine pubblico materiale, nel senso di sicurezza ed
incolumità collettive.
Alcuni studi sul tema hanno portato ad una visione critica dell’ordine pubblico
ideale, in particolare se usato nell’ambito dell’ordinamento penale, per via della
sua non corrispondenza ai valori costituzionali.
Si tratterebbe di un bene giuridico criticabile per la sua eccessiva indeterminatezza
che, identificandosi nell’ordine costituzionale, sembra presentare maggiormente le
caratteristiche di una “ratio di tutela”49 e non tanto di un bene giuridico specifico.
Questa scelta interpretativa si scontra inevitabilmente con le critiche mosse in
generale all’ammissibilità di un’accezione ideale dell’ordine pubblico nel nostro
ordinamento.
Si tratterebbe, infatti, come nota la dottrina contemporanea, di un bene giuridico
eccessivamente ampio e, volendo estremizzare le riflessioni in tal senso, al
massimo identificabile nelle sole grandi organizzazioni criminali.
Viene infatti tutt’oggi ribadito come la tutela dell’ordine pubblico ideale sia già
presente nel nostro ordinamento come finalità, usando un’espressione impropria,
“generica” ma che la ricerca del bene giuridico tutelato, nello specifico, si presenta
ancora priva di una soluzione certa.
Esiste quindi un certo favore nei confronti dell’accezione materiale di questo bene
giuridico, in particolare nell’ottica di necessario adattamento a quanto ormai
consolidato dalla dottrina costituzionale.
Le riflessioni attuali comportano un necessario adattamento anche dell’analisi del
bene giuridico tutelato nello specifico dall’art. 416 c.p.
In riferimento a questo articolo, infatti, il discorso si complica, anche alla luce
delle precisazioni che vanno fatte sulla punibilità del solo fatto associativo,
indipendentemente dalla realizzazione dei c.d. delitti-scopo.
Resta poi da sottolineare come il buon andamento della collettività, cui spesso si
riconduce l’ordine pubblico materiale, non sia un concetto riferibile solo a questo
bene giuridico ma appaia più come una finalità cogente dell’intero sistema.
Così come genericamente inteso, infatti, l’ordine pubblico materiale, presenta un
livello di indeterminatezza talmente alto da non poter assumere, neanche esso, il
ruolo di bene giuridico di un reato o di una categoria specifica.
49
CAVALIERE, Associazione per delinquere (…), cit., 236.
20
A
quest’eccessiva
indeterminatezza
ed
ampiezza,
infatti,
corrisponde
inevitabilmente una difficoltà in termini di accertamento probatorio50 che, a sua
volta, comporta complessità di coordinamento con il principio di offensività.
La critica maggiore a quest’accezione del bene giuridico sorge, quindi, dalla sua
ambivalenza e dalla sua duplice natura di bene giuridico ed, allo stesso tempo, di
finalità generica della tutela del ordinamento penale.
Il profilo del bene giuridico é altresì connesso al tipo d’offesa realizzato dalla
fattispecie de quo.
Si é visto, circa la qualificazione come reato di danno o di pericolo, che i fautori
del bene giuridico come ordine pubblico ideale sposano l’orientamento che
qualifica il 416 come reato di danno.
Al contrario, i sostenitori dell’ordine pubblico c.d. materiale, parlano dell’illecito
come reato di pericolo.
Questa seconda accezione, però, si espone a numerose critiche, in particolare
inerenti la difficoltà di accertamento della reale portata lesiva della associazione a
delinquere sulla tranquillità pubblica.
Seguendo l’ultima Teoria, che qualifica il bene giuridico in relazione ai singoli
beni tutelati dai vari delitti-scopo, avremo quella che comunemente viene definita
come “anticipazione differenziata della tutela”.
La presa di coscienza dell’indeterminatezza del concetto di ordine pubblico, anche
nella sua accezione c.d. materiale, ha contribuito ad incrementare ulteriormente gli
studi e le possibili alternative al problema, sempre attuale, del bene giuridico
tutelato nei reati associativi.
Alla luce delle eccezioni sollevate nel corso degli anni, parte della dottrina si é
orientata nell’estendere la propria interpretazione e nel considerare i reati
associativi una forma anticipata di tutela51 dei beni giuridici tutelati dai delittiscopo perseguiti52.
Ciò troverebbe conferma anche tramite la lettura congiunta degli articoli 18 Cost. e
416 c.p.
50
Per approfondimenti sulla tematica, si rinvia a FIORE S., La teoria generale alla prova del
processo. Spunti per una ricostruzione integrata del sistema penale, Napoli, 2007.
51
CAVALIERE, Associazione per delinquere (…), cit., 243.
52
MOCCIA, Ordine pubblico (…), cit., 4; DE VERO, Tutela dell’ordine pubblico (…), cit., 152.
21
L’anticipazione della soglia di punibilità al fatto in sé di associarsi ha da sempre
generato problemi, anche di distinzione rispetto agli atti preparatori nell’ambito del
concorso di persone53.
La critica principalmente mossa a quest’orientamento evidenzia come, in
particolare riferendo l’anticipazione della tutela all’art. 416 c.p., ciò comporti una
punibilità indiscriminata di qualsiasi forma associativa criminale, prescindendo dal
diverso grado di lesività ed “impatto sociale”, che le varie finalità illecite della
associazione potrebbero avere.
L’orientamento de quo si ritiene ammissibile solo nell’accezione con cui
maggiormente si presenta tra gli studiosi odierni, ovvero in chiave di
“anticipazione differenziata della tutela”54.
Le varie “opzioni” di politica criminale consentono comunque di avere una visione
ampliata del tema del bene giuridico tutelato e, nello specifico, del profilo critico
della anticipazione di tutela nei reati associativi.
L’attualità del problema e la constatazione della non univocità di posizioni
dottrinarie, contribuisce ad auspicare un intervento da parte della Corte
Costituzionale, volto a chiarire sia l’ammissibilità di un’offensività per
l’associazionismo tout court, sia per il rinvio ai singoli beni giuridici tutelati dai
delitti-scopo, oltre a chiarire la reale portata interpretativa del concetto di ordine
pubblico.
Come anticipato, le conseguenze di una corretta individuazione del bene giuridico
non sono, infatti, trascurabili, in particolare per il loro stretto legame con la
qualificazione di reato di danno o di pericolo55.
Le possibili soluzioni da assumere sono numerose, a partire dal riconoscimento di
un disvalore dell’associazione in sé (ed in questo caso il bene giuridico sarebbe
l’ordine pubblico in senso stretto, con tutte le riflessioni del caso) o in cumulo con
53
Da sempre critico sul punto INSOLERA, L’associazione per delinquere (…), cit., 172, che
evidenzia come, al dato pratico, addirittura l’opzione del concorso di persone possa risultare ben
più incisiva.
54
Come nota CAVALIERE, Associazione per delinquere (…), cit., a sua volta richiamando il
pensiero di DE VERO, Tutela dell’ordine pubblico (…), cit., 157 e ss.: “(…) quest’ultima serve a
prevenire un pericolo che non si esaurisce in singoli e determinati delitti-scopo, ma ha un raggio
potenzialmente più ampio e diffuso, pur non costituendo, d’altro canto, un pericolo prossimo. Si
tratterebbe di reati di pericolo astratto, legittimi se ed in quanto rivolti alla tutela di beni primari ed
adeguatamente tipizzati sulla base di affidabili massime di esperienza. Nei reati associativi,
l’elemento costitutivo su cui incentrare la pericolosità “diffusa” sarebbe quello
dell’organizzazione”.
55
Per un approfondimento sulla tematica dei tipi di offesa, FIORE C., FIORE S., Diritto penale,
Torino, 2009, 165 ss.
22
i beni giuridici tutelati dai delitti-scopo (in questo caso esponendosi alle critiche di
eccessiva anticipazione della tutela e di accertamento della idoneità lesiva della
condotta).
In conclusione, prescindendo doverosamente da una presa di posizione univoca
circa il bene giuridico tutelato, sia dal solo art. 416 c.p. che dai reati associativi in
generale, é necessario ribadire come l’attuale formulazione della disposizione si
esponga a critiche di indeterminatezza e di sospetta incostituzionalità (art. 25
Cost.), oltre a non consentire una corretta identificazione del bene giuridico, con
importanti conseguenze in termini di qualificazione normativa (del tipo di offesa
etc.), di struttura, identificazione del tempus commisi delicti ed eventuali
ammissibilità di forme di manifestazione diverse dalla consumazione.
23
1.4 Profilo soggettivo.
Pur trattandosi di una fattispecie plurisoggettiva necessaria, soggetto attivo può
essere chiunque.
Come nota la dottrina, si può ritenere sufficiente “che l’accordo sia concluso da
due persone e solo successivamente abbia aderito una terza, purché sia chiaro che
la consumazione del reato può avere luogo solo allorché vi sia il concorso
necessario della terza persona”56.
Ai fini del raggiungimento del numero di tre o più persone, necessario per potersi
configurare il reato, si possono computare anche i soggetti non imputabili.
Ogni soggetto facente parte dell’organizzazione può porre in essere una condotta
differente ed assumere, di conseguenza, uno dei ruoli tipizzati dalla disposizione.
La scelta del Legislatore di non definire i possibili modelli in maniera tassativa (in
particolare nel dare rilevanza penale anche ad una condotta totalmente a forma
libera come é quella del mero fatto di “partecipare”) ma di lasciare alla
giurisprudenza l’annoso compito di chiarire quando un soggetto ricopra uno dei
ruoli tipizzati e quando no, é oggi generalmente condivisa dalla letteratura
giuridica, proprio per garantire quell’elasticità e mutevolezza che sono alla base di
un diritto al passo con i tempi.
Resta poi da ricordare come la giurisprudenza si sia più volte occupata di casi di
organizzazione con strutturazione di tipo non gerarchico, caratterizzati dalla
mancanza di distribuzione dei ruoli di vertice qui esplicata o dove non sia in alcun
modo possibile effettuare una ricostruzione precisa della stessa a fronte anche della
mutabilità della titolarità dei presunti ruoli.
Il ruolo di più complessa definizione sembra alla fine quello del partecipe.
Sussiste, infatti, una notevole differenza tra la presa di posizione di chi ritiene
necessario un vero e proprio contributo alla sopravvivenza dell’associazione e chi
si limita a circoscrivere la sussistenza di questo ruolo alla prova della semplice
partecipazione nell’associazione stessa57.
Nel primo caso, infatti, sorgono tutte le complicanze tipiche dell’accertamento di
un modello causale vero e proprio, dovendosi volta per volta accertare la
pericolosità e la necessaria offensività in concreto della condotta posta in essere dal
56
CAVALIERE, Associazione per delinquere (…), cit., 251.
Il tema é strettamente legato a quello attuale del concorso esterno in associazione (in particolare
mafiosa) di cui si dirà oltre.
57
24
soggetto nei confronti del bene giuridico tutelato dall’articolo, variando a seconda
del modello causale eventualmente prescelto.
Il
fatto
di
dover
accertare
“l’inserimento
del
soggetto
all’interno
58
dell’organizzazione con uno specifico ruolo” , così come richiesto dal modello
c.d. organizzatorio, presenta difficoltà probatorie inferiori ma, di contro, non
necessariamente potrebbe comportare quell’effettiva lesione o messa in pericolo
del bene giuridico tutelato richiesta dal nostro ordinamento ai fini della
configurabilità di una condotta penalmente rilevante.
La giurisprudenza ha dimostrato come al perenne dibattito in sede dottrinaria sulle
due posizioni, corrisponda un’impossibilità dal punto di vista pratico di qualsiasi
presa di posiziona aprioristica per l’uno o l’altro modello.
L’attenzione deve essere, infatti, focalizzata sulla condotta posta in essere dal
soggetto (se esplicativa o meno della sua partecipazione) ed, in particolare, sul
profilo psicologico.
Rileva altresì la presa di consapevolezza della natura del sodalizio (ovvero della
sua dimensione associativa), la manifestazione di volontà di assumere un ruolo e,
tramite l’ottemperanza di questo, l’effettiva partecipazione nel gruppo.
L’attenzione degli operatori del diritto deve essere focalizzata sull’idoneità delle
condotte a tenere in vita ed alimentare l’associazione criminosa e non tanto sulla
semplice manifestazione di volontà, sia pur essa suffragata da un dolo definibile
come specifico.
Le osservazioni fatte sul profilo soggettivo confermano come i reati associativi
costituiscano uno dei numerosi punti di scontro tra dottrina e giurisprudenza: la
prima è, infatti, volta alla ricerca di definizioni quanto più astrattamente corrette e
conformi ai principi generali, la seconda é invece portata ad adattare alle esigenze
probatorie i concetti astratti spesso prospettati dal dato normativo.
Sulla computabilità dei non imputabili erano, in realtà, sorti dubbi59, oggi superati
anche a fronte di quanto affermato dall’art. 112 c.p., estendendo, almeno a livello
58
Per una disamina delle due teorie, rappresentative degli opposti orientamenti che si sono generati
nel corso dei decenni, si rinvia a TONA, Trattato di diritto penale (…), cit., 1100. Nota anche
CAVALIERE, Associazione per delinquere (…), cit., 273, che al semplice accettare un ruolo,
predeterminato da un capo, non necessariamente corrisponde un comportamento concretamente
lesivo.
59
CAVALIERE, Associazione per delinquere (…), cit., 252, ha in realtà già da tempo spostato
l’attenzione non tanto sulla capacità di intendere e di volere dei soggetti da computare, quanto sul
loro agire con dolo: solo chi assume tale condotta può rientrare nel computo dei concorrenti c.d.
necessari.
25
di applicazione giurisprudenziale, il computo anche ai soggetti non identificati,
deceduti nelle more o comunque non direttamente imputati nel singolo
procedimento60.
La struttura del reato é particolarmente focalizzata sul fenomeno associativo e
conferisce una certa importanza alla dimensione collettiva.
Questo fattore non deve però deviare l’attenzione dalla necessità di accertare,
sempre e comunque in maniera individuale, la responsabilità personale del singolo
associato, che deve essere considerata in maniera autonoma, pur rilevando nel
momento in cui si sostanzia nel prendere parte ad una collettività.
La responsabilità penale del singolo é infatti sempre la stessa, al massimo
mutando, a fronte di una diversa condotta, l’eventuale titolo in uno di quelli
descritti dalla disposizione (partecipe, capo etc.).
L’accertamento della responsabilità del singolo per il reato di cui all’art. 416 é in
realtà complessa nei limiti in cui occorre, in certo qual modo prescindendo dalla
sola dimensione personale, prima verificare la stabilità e organizzazione della
struttura de quo e poi accertare altresì il contributo (e l’idoneità di questo) a
rendere tale l’organizzazione stessa.
La prova della sussistenza della stabilità e dell’organizzazione dell’associazione
rileva anche nell’eventuale ammissibilità della manifestazione di questo reato sotto
forma di tentativo.
Il fatto che occorra come accertamento preliminare la prova della sussistenza di
questi requisiti, induce infatti la maggioranza degli studiosi ad escludere
l’ammissibilità del tentativo: il reato si considera commesso se l’associazione
presenta i dovuti requisiti; quando raggiunge la soglia della consumazione sic e
simpliciter, la configurabilità del solo tentativo é in realtà già esclusa: la
manifestazione dell’intento criminale é ormai esplicata in pieno ed é palese la
corrispondenza della fattispecie concreta alla fattispecie astratta descritta dalla
disposizione normativa.
In sostanza, per quanto concerne la partecipazione, trattandosi, come già chiarito,
di una condotta a forma libera, la sua definizione può essere tentata solo in maniera
alquanto generica, dovendosi accertare caso per caso in cosa realmente si sostanzi
60
Cass., 6.4.2005, n. 12845, CP, 2006, 1459.
26
e se abbia quella idoneità richiesta nell’accertamento della sua necessaria
offensività in concreto.
Sul numero degli associatati sono state sollevate numerose questioni, arrivando a
richiedere almeno tre persone che assumano il ruolo di partecipi, oltre ad altri che
ricoprano le varie cariche identificate dalla disposizione.
La tematica é legata alla qualificazione come titoli di imputazione autonomi o
circostanziati della varie figure c.d. apicali.
Le diverse condotte ipotizzate dalla disposizione sono in realtà modalità, volendo
anche alternative, di realizzazione di una fattispecie di reato comunque
qualificabile come unitaria, che a sua volta presenta nella propria struttura ipotesi
circostanziali.
Nessun dubbio sussiste invece oggi sull’applicabilità di quanto stabilito dall’art.
112 c.p. circa la computabilità dei non imputabili: questa disposizione é applicabile
anche alle ipotesi di concorso necessario come il 416 c.p.61.
Circa il profilo soggettivo, la disposizione evidenzia un connotato finalistico che
induce a ritenere necessario, per una corretta configurazione della fattispecie, il
dolo, nella sua manifestazione di dolo specifico.
Il dolo in questione deve quindi essere tale, non dovendo essere finalizzato al solo
scopo di partecipare ma anche a quello di prendere parte al programma criminoso
(seppur indeterminato) che caratterizza l’associazione per delinquere.
Sulla reale portata di questo dolo continuano ad esserci in dottrina discussioni, per
lo più basate sulla considerazione che in molti casi il partecipe potrebbe presentare
finalità individuali ulteriori rispetto all’accettazione e condivisione del programma
criminoso (predisposto almeno nei suoi tratti salienti) cui si deve prescindere
nell’accertamento della presenza o meno del dolo specifico.
Sembra si concordi invece sull’escludibilità del dolo eventuale, in contrasto
evidente con il requisito accertato del dolo specifico.
Dal punto di vista pratico, occorre la consapevolezza da parte del soggetto di
prendere parte ad un’organizzazione, di cui sia altresì chiara la finalità (intesa
come consapevolezza dei reati-scopo che si vogliono realizzare) e le
caratteristiche.
61
Ma sul rapporto con il dolo e la sua necessità anche da parte dei non imputabili, si rinvia alla
tematica generale inerente il dolo ed il fatto tipico, FIORE C., FIORE S., Diritto penale (…), cit.,
391.
27
Il soggetto agente però non si deve limitare a prendere consapevolezza dei fini
dell’associazione per delinquere ma deve adattasi ad essi, prendendo parte e
contribuendo alla loro realizzazione.
28
1.5 Rapporti tra associazione per delinquere e concorso di persone. Dalla
partecipazione al concorso esterno nei reati associativi.
La categoria dei reati associativi é inevitabilmente legata, come é emerso fin dalla
parte introduttiva, a quella del concorso di persone.
Nel corso dei decenni, gli studiosi hanno cercato di individuare un discrimen tra i
due, per lo più evidenziando come la differenza con il concorso di persone nel
reato é da rinvenire nella considerazione che nelle fattispecie plurisoggettive c.d.
eventuali può sussistere il proposito di dare luogo ad uno o più reati, ma questi
sono previsti in forma (sia pur relativamente) determinata e, soprattutto, senza
assunzione, da parte dei correi, di alcun ruolo.
Nell’associazione invece, è richiesta una suddivisione di ruoli e funzioni finalizzati
alla concreta realizzazione di un programma criminoso non del tutto determinato,
che prenderà corpo (con modifiche ed adattamenti) per tutta la durata
dell’associazione stessa62.
L’accordo caratterizza quindi entrambe le fattispecie ma in maniera differente
perché nel concorso entra in gioco in maniera saltuaria o occasionale63.
Nell’organizzazione, invece, deve necessariamente sussistere un pactum sceleris
tra più soggetti, finalizzato alla realizzazione di un programma criminoso
indeterminato, che generi per la sua realizzazione una struttura stabile e
organizzata64 anche dal punto di vista funzionale65.
Prestando attenzione all’elemento dell’accordo, la giurisprudenza é intervenuta nel
tentativo di chiarire come, alla base dei reati associativi, debba necessariamente
sussistere una plurisoggettivià c.d. qualificata, che invece, non é richiesta dalla
struttura concorsuale66 ed, ancora di più, in quella dell’art. 115 c.p.
62
Cass., S.U., 11.5.2005, n. 17706, CorrM, 2005, 830.
Può, infatti, trattarsi di un accordo anche circoscritto a due sole persone, per la commissione di
uno o più reati ma che devono essere predeterminati: non é però “accompagnato” da un’
organizzazione con una strutturazione propria e, soprattutto, si esaurisce una volta realizzato
l’illecito programmato.
64
Fondamentale é il contributo della giurisprudenza, Cass. 23.3.1995, n. 3161, CP, 1996, 77; Cass.,
15.3.1999, n. 3340, CED 212816; Cass., 3.11.2004, n. 42635, CED 229906.
65
Come sintetizza la dottrina, deve sussistere un vincolo “tendenzialmente permanente”, destinato a
durare eventualmente anche oltre la realizzazione del piano illecito, nonostante l’indeterminatezza
del programma criminoso ma con la garanzia di una struttura organizzativa, pur minima.
66
Storicamente, Cass., 5.9.1995, n. 9320, CP, 1997, 3387, “(…) i criteri interpretativi destinati a
risolvere le (solo apparenti) antinomie tra accordo non punibile e reato associativo non possono
essere compiutamente individuati chiamando in causa il solo principio di specialità. E ciò per la
mancanza di un vero e proprio rapporto di genere a specie, postulando il reato associativo una base
plurisoggettiva qualificata, non richiesta, invece, nell’accordo”.
63
29
E’ infatti ormai assodato che la tipizzazione dei reati associativi non costituisce
una deroga implicita al principio di non punibilità del mero accordo criminoso, non
seguito dalla effettiva commissione di reati67.
E’ stata, infatti, chiarita la rilevanza autonoma del fatto associativo rispetto ai reatifine.
Bisogna però sottolineare come la pluralità necessaria riguardi solo la struttura
dell’organizzazione criminosa, non arrivando ad intaccare anche la realizzazione
dei singoli reati di volta in volta previsti nel programma: questi possono infatti
essere commessi anche da singoli individui facenti parte della medesima
compagine.
L’osservazione è importante alla luce dell’accertamento della responsabilità di tutti
i partecipi dell’associazione per i reati materialmente posti in essere solo da alcuni
di essi.
La norma fa una distinzione, infatti, in base al ruolo ricoperto all’interno
dell’organizzazione, se, cioé, l’associato funga solo da partecipe o ne costituisca il
vincolo, sia promotore, capo o organizzatore.
La realtà mafiosa italiana ha anche più volte provato, in particolare in processi
eccellenti, come sia arduo dimostrare il tipo di contributo fornito dal soggetto
agente, nello specifico, ad esempio, per quanto concerne la prova della rilevanza
penale della partecipazione c.d. morale dei capi rispetto agli esecutori materiali68.
La tematica é altresì parzialmente connessa con i medesimi profili all’interno del
concorso di persone.
Occorre chiarire cosa si intenda per partecipe, pur premettendo che nell’economia
generale di questo lavoro, l’argomento verrà ripreso per comprendere meglio come
la disciplina interna si concili con la previsione normativa sovranazionale di ci
all’art. 5 della Convenzione di Palermo.
E’ stato più volte ribadito che partecipe é colui che “risultando inserito stabilmente
ed organicamente nella struttura organizzativa della associazione (mafiosa) non
67
Per il tema si veda altresì ROMANO, Le apparenti deroghe all’art. 115 c.p. alla luce del
principio di specialità e le differenze tra accordo non punibile, concorso di persone e reato
associativo, CP, 1997, 3387. Per la giurisprudenza si consulti altresì Cass., 24.2.2004, n. 7957, CP,
2005, 2967.
68
Si rinvia al contributo di CANZIO, Orientamenti giurisprudenziali in tema di responsabilità dei
partecipi nei reati-fine: la responsabilità dei capi di “cosa nostra” per gli omicidi “eccellenti”,
ascrivibili all’associazione mafiosa, FI, 1996, II, 587; FIANDACA, Sulla responsabilità
concorsuale dei componenti della cupola di “Cosa Nostra”, FI, 1993, II, 15.
30
solo é ma fa parte della stessa: locuzione questa da intendersi non in senso statico,
come mera acquisizione di uno status, bensì in senso dinamico e funzionalistico,
con riferimento all’effettivo ruolo in cui si é immessi e ai compiti che si è vincolati
a svolgere perché l’associazione raggiunga i suoi scopi, restando a disposizione per
le attività organizzative della medesima”.
Per partecipazione si intende, secondo l’orientamento tradizionale69, “qualunque
azione a forma libera dotata di efficacia causale rispetto all’evento tipico”70.
Altro punto dibattuto é quello del concorso c.d. esterno71.
La tematica del concorso esterno é strettamente legata a quella dei reati
associativi72 e trae origine dalla annosa questione del discrimen tra concorso
eventuale e necessario nel reato.
Il partecipe é infatti inserito nella struttura organica dell’organizzazione, il
concorrente esterno invece basa la propria collaborazione su un rapporto
“occasionale e sporadico”, sovente presentando una partecipazione psicologica
mossa da intenti diversi.
Si tratta di una figura tipica dei reati plurisoggettivi, che va però distinta dal
concorrente necessario e che trova la propria disciplina negli articoli 110 e ss. c.p.
L’istituto ha avuto l’importante funzione di strumento tramite il quale punire
soggetti esterni all’associazione, qualora questi abbiano realizzato condotte che
correrebbero il rischio, per la loro atipicità, di rimanere impunite.
Non è stato facile ammettere la punibilità di queste ipotesi di concorso: nel nostro
ordinamento manca, infatti, una disposizione contemplativa di simili ipotesi.
69
La giurisprudenza si divide in due posizioni: la prima, basata su un modello causale, che
individua la condotta partecipativa “nel contributo eziologico apportato dal soggetto alla vita del
sodalizio ed alla realizzazione del programma criminoso”; l’altra, oggi maggioritaria, é invece
basata su un modello c.d. organizzatorio, che sostanzia “la condotta partecipativa nel vincolo
funzionale in senso operativo che lega ogni adepto alla struttura associativa”.
70
Cfr. AA. VV., Codice penale, a cura di Padovani, con il coordinamento di De Francesco-Fidelbo,
Tomo II, Milano, 2007, 2700, che ricorda come molti Autori (tra cui CAVALIERE, Il concorso
eventuale nel reato associativo, Napoli, 2003, 149) richiedano che il contributo sia sempre e
comunque quantomeno connotato da idoneità lesiva.
71
Si evidenzia in dottrina (AA. VV., Codice penale, a cura di Padovani (…), cit., 2704) come la
ammissibilità del concorso esterno dipenda, in realtà, dal “modello di applicazione” dei contenuti
della nozione di partecipazione che si intende assumere. Si potrebbe, infatti, arrivare al paradosso di
estendere la nozione di mero contributo causale al punto tale da assorbire, nello stesso art. 416 c.p.,
anche eventuali ipotesi di concorso esterno, escludendo in tal modo l’ammissibilità di opzioni
concorsuali, se non nei limiti di un contributo morale (ma contra, ex ceteris, Insolera, Manna etc.).
72
L’analisi dei reati c.d. associativi nel nostro ordinamento, oltre ad essere incentrata nello studio
degli articolo 416 e 416-bis, necessita di un richiamo ai reati presenti nel Libro secondo, Titolo
primo: Dei delitti contro la personalità dello Stato. Si tratta delle associazioni sovversive di cui
all’art. 270 e, vista l’impostazione transfrontaliera, delle associazioni con finalità di terrorismo
anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico di cui al 270-bis.
31
Ancora più complesso sembra altresì essere il lavoro (principalmente
giurisprudenziale)
di
puntualizzazione
dei
presupposti
applicativi
delle
conseguenze sanzionatorie.
Ai fini del riconoscimento di una rilevanza penale, infatti, il compito più arduo
risulta essere proprio quello di tracciare un discrimen tra partecipe e concorrente
esterno.
Ripercorrendo la complessa evoluzione giurisprudenziale sul punto, é possibile
evidenziare come fin dal 1994, la Corte di Cassazione (sovente a Sezioni Unite)
abbia trafugato ogni dubbio sulla configurabilità di ipotesi di concorso esterno (sia
materiale che morale) e si sia poi impegnata per chiarire anche in quali ipotesi le
condotte poste in essere siano penalmente rilevanti.
A tal fine, occorre tracciare una linea di confine tra i casi di contiguità c.d.
mafiosa, rispetto a quelli del concorrente e del vero e proprio partecipe73.
L’ampiezza di ogni singola categoria, infatti, incide sulle “dimensioni” dell’altra.
Focalizzando l’attenzione sulla portata del concorso esterno, occorre chiarire che
tipo di contributo causale il soggetto debba porre in essere per rispondere di una
condotta offensiva74.
Rapportando il concorso eventuale ai reati associativi75, è, infatti, possibile notare
come sussista un legame stretto con la perenne querelle sulla natura giuridica della
partecipazione nel reato associativo, se cioè sia di matrice causale o organizzatoria.
Il concorso esterno viene, infatti, contemplato sia nei confronti delle associazioni
c.d. comuni che di quelle di stampo mafioso, in generale qualora un soggetto
ponga in essere una condotta di sostegno, pur non facendo parte, né per propria
73
BERNASCONI, Criminalità organizzata, ED, Agg., 2000, 501-518.
Ai fini dell’accertamento della sussistenza del nesso causale occorre altresì sottolineare come la
giurisprudenza più recente abbia richiesto una verifica della efficienza causale del contributo
fornito dall’estraneo in termini di prognosi ex post, considerando, cioè, se realmente la condotta
posta in essere dall’estraneo abbia concretamente ed effettivamente contribuito alla conservazione
della societas; potrebbero infatti configurarsi una serie ampia di ipotesi di contributi esterni che
astrattamente presentano tutti i requisiti della significatività ma che al dunque si rivelano ininfluenti
o di molto inferiori rispetto alle “dimensioni” prospettate.
75
CAVALIERE, Il concorso eventuale (…), cit., passim; D’AGOSTINO, Il problema della
configurabilità o non del concorso eventuale o esterno nei reati associativi, GP, 1997, II, 321;
IACOVIELLO, Il concorso eventuale nel delitto di partecipazione ad associazione a delinquere,
CP, 1995, 842; MANNA, L’ammissibilità di un c.d. concorso esterno nei reati associativi, tra
esigenze di politica criminale e principio di legalità, RIDPP, 1994, 1187; SIRACUSANO, Il
concorso di persone e le fattispecie associative, CP, 1994, 1870; LATTANZI, Partecipazione
all’associazione criminosa e concorso esterno, CP, 1998, 3148; MAIELLO, Il concorso esterno in
associazione mafiosa tra crisi del principio di legalità e diritto penale del fatto, AA. VV., Nuove
strategie per la lotta al crimine organizzato transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 269.
74
32
manifestazione di volontà né per investitura da parte dell’associazione, della stessa.
Ai fini di una corretta identificazione del concorrente c.d. esterno rileva il dato
soggettivo: non è, infatti, richiesta la condivisione del generico programma
criminoso che é alla base del dolo specifico ma basta quella coscienza e volontà
tipiche del dolo generico.
La tematica é stata particolarmente sviluppata in sede giurisprudenziale, per quanto
concerne l’istituto, in relazione alle associazioni mafiose: la sentenza Demitry76 ha
infatti segnato un punto di svolta ed ha finalmente chiarito la natura del requisito
soggettivo.
Ha avuto altresì l’importante merito di ufficializzare l’ammissibilità del concorso
esterno nell’associazione mafiosa77 e di parlare per la prima volta di contributo c.d.
fisiologico e c.d. patologico, coniando le espressioni per lungo tempo
genericamente utilizzate per distinguere il partecipe dal mero concorrente esterno.
Nella sentenza Demitry si è, infatti, affermato che il concorrente eventuale si
distingue dal partecipe in relazione alla fase di manifestazione della condotta: il
concorrente, infatti, né vuole far parte della associazione né viene invitato ad
aderirvi ma fornisce il proprio contributo (temporaneo quindi) in fasi definibili
come patologiche, di particolare fibrillazione dovuta ad eventuali vuoti (anche
temporanei) di ruoli etc.; il partecipe viene invece inquadrato nell’assetto
fisiologico dell’associazione, fornendo un contributo cronologicamente e
ontologicamente essenziale se non all’esistenza, quantomeno alla buona
funzionalità dell’organizzazione stessa.
L’extraneus va dunque a fornire un contributo “dal punto di vista materiale” nei
momenti di difficoltà ma, per quanto concerne il profilo psicologico, é privo del
dolo del partecipe e non ha interesse per le finalità stesse del pactum sceleris o per
le strategie operative poste in essere.
Negli anni la giurisprudenza ha consolidato (e parzialmente ampliato) le proprie
posizioni, adattandosi altresì alle nuove esigenze definitorie offerte dal dato pratico
76
Cass., S.U., 28.12.1994, n. 16, CP, 1995, 842, anche in FI, 1995, II, 422, con nota di
INSOLERA.
77
In certo qual modo superando le storiche obiezioni di studiosi del tema, ex multis, INSOLERA, Il
concorso esterno nei delitti associativi: la ragione di Stato e gli inganni della dogmatica, FI, 1995,
II, 427.
33
e talvolta anche mettendo in discussione quanto a sua volta precedentemente
affermato dalle stesse Sezioni Unite78.
La sentenza Carnevale79 ha successivamente chiarito come quanto affermato nella
sentenza Demitry costituisca caso esemplificativo di una delle possibili ipotesi in
cui può configurarsi la presenza di un concorrente esterno, ma che sia riduttivo,
oltre che errato, escludere a priori l’ammissibilità di altre ipotesi, spostando
l’attenzione sul fatto che per poter assumere la qualifica di partecipe non basta il
porre in essere un contributo o il manifestare la propria volontà di prendere parte al
pactum sceleris, bensì occorre anche una accettazione da parte dell’ente criminale
stesso.
Il concorrente esterno può essere identificato con colui che non fa stabilmente
parte, al contrario del partecipe, della compagine societaria ma che comunque
apporta a questa un contributo qualificabile come idoneo alla conservazione o al
rafforzamento della associazione stessa80.
Non conta più il fatto che l’intervento sia inserito in un contesto patologico della
vita della associazione, né si arriva a richiedere che si tratti di un intervento
totalmente occasionale, da contrapporre al supporto continuo del partecipe.
La definizione data dai giudici di legittimità non ha sopito le discussioni su un
definitivo inquadramento del concetto di concorrente esterno81, in particolare ai
fini di una netta distinzione con la figura di “partecipe” tipizzata nei reati
associativi.
Quando, infatti, si parla di idoneità della condotta, molteplici sono i dubbi che
permangono.
78
Il riferimento é alla pronuncia della Cass., 23.1.2001, 3299, FI, 2001, II, 405, anche in CP, 2001,
2064.
79
Cass., S.U., 21.5.2003, n. 22327, CP, 2003, 3289, dove si é chiarito che partecipe è “colui che,
risultando inserito stabilmente ed organicamente nella struttura organizzativa dell’associazione
mafiosa, non solo é ma fa parte della stessa: locuzione questa da intendersi non in senso statico,
come mera acquisizione di uno status, bensì in senso dinamico e funzionalistico, con riferimento
all’effettivo ruolo in cui si é immessi ed ai compiti che si é vincolati a svolgere perché
l’associazione raggiunga i suoi scopi, restando a disposizione per le attività organizzate dalla
medesima”.
80
Sempre Cass., S.U., 21.5.2003, n. 22327, CP, 2003, 3289, anche in FI, 2003, II, 453 con nota di
DI CHIARA.
81
Nonostante la presa di posizione delle Sezioni Unite, che hanno chiarito come “assume la veste di
concorrente esterno il soggetto che, non inserito stabilmente nella struttura organizzativa
dell’associazione e privo dell’affectio societatis, fornisce tuttavia un concreto, specifico,
consapevole e volontario contributo, sempre che questo abbia un’effettiva rilevanza causale ai fini
della conservazione o del rafforzamento delle capacità organizzative dell’associazione e sia
comunque diretto alla realizzazione, anche parziale, del programma criminoso della medesima”.
34
Non è, infatti, chiarito il tipo di apporto causale richiesto, né il momento temporale
a cui fare riferimento per accertare o meno questa idoneità alla conservazione ed al
rafforzamento.
L’idoneità va infatti valutata ex ante o ex post?
La questione rimane aperta, così come quella del dolo richiesto al c.d. extraneus,
che, superando quando a suo tempo affermato nella sentenza Demitry, viene inteso
nella sentenza Carnevale come esattamente conforme a quello del partecipe82,
rendendo quindi sempre più complesso evidenziare il confine tra le due figure.
L’unica
soluzione
concretamente
praticabile
rimane
quindi
quella
dell’accertamento caso per caso, per lo più finalizzato a capire la reale volontà di
partecipazione del soggetto al pactum sceleris.
Nell’evoluzione giurisprudenziale viene meno anche la distinzione basata sul
“momento” (fisiologico o patologico) in cui viene fornito il contributo: il soggetto
agente, per poter assumere la qualifica di concorrente esterno deve realizzare una
condotta “casualmente rilevante” indistintamente se ai fini attuativi o rafforzativi
del programma criminoso.
L’ammissibilità del concorso esterno83 anche in ipotesi di contributo continuo e
reiterato, ha generato difficoltà di inquadramento notevoli, pur in realtà
rispecchiando un fenomeno di frequente verificazione, in particolare nei casi di
concorso esterno in associazioni di tipo mafioso, dove l’affiliazione richiede una
vera e propria investitura formale da parte dell’associazione: l’assunzione della
qualifica di partecipe é spesso sostituita da quella di concorrente esterno, in grado
di intervenire ad hoc, anche con una sorta di continuità nel tempo, ma senza
l’adesione e la corrispondente accettazione al vincolo societario.
Come la giurisprudenza ha frequentemente dimostrato però, l’ampliamento del
concetto di concorrente esterno ha consentito di superare l’invincibilità probatoria
che spesso il concetto di partecipe poneva e di non lasciare impunite molte
condotte che, pur non raggiungendo il livello di tipizzazione necessario per
82
Deve cioé sostanziarsi in un contributo all’associazione e non agli associati o ai reati-scopo, con
piena consapevolezza di arrecare, con il proprio comportamento, un contributo causale alla
realizzazione dell’illecito programmato e di unirsi alle altrui condotte nell’esecuzione del
medesimo reato.
83
INSOLERA, Il concorso esterno nei delitti associativi: la ragione di Stato e gli inganni della
dogmatica, FI, 1995, II, 427.
35
rientrare in uno dei “tipi” di cui all’art. 416, comunque presentano una offensività
che necessita di una perseguibilità in sede penale.
La casistica é chiaramente variegata e molte ipotesi hanno generato discussioni
interpretative infinite, a partire dalle ipotesi di scambio politico-mafioso, realizzate
tra esponenti politici che, in cambio di supporto durante la campagna elettorale,
promettevano favoritismi e attenzioni una volta ricoperta la carica ambita.
Al di là dell’accertamento del concreto mantenimento degli impegni assunti, la
giurisprudenza di legittimità ha ravvisato in simili ipotesi84gli estremi del concorso
esterno.
In realtà, si tratta di un problema particolarmente avvertito non in riferimento ai
reati associativi in generale, bensì delle associazioni a delinquere di stampo
mafioso, che é stato trasfuso in un articolo ad hoc, 416-ter.
In conclusione, quello che in questa sede rileva sottolineare é l’importante
questione della distinzione in generale tra la figura tipizzata del partecipe e quella
del concorrente esterno: l’argomento é, infatti, strettamente legato anche
all’inquadramento, nel nostro ordinamento, dell’art. 5 della Convenzione di
Palermo, dove si é optato, anche lì non senza difficoltà, per una tipizzazione vera é
propria della criminalizzazione della partecipazione.
84
Cass., S.U., 20.9.2005, n. 33748.
36
1.6 La “lacuna” terminologica del concetto di crimine organizzato nel diritto
penale italiano ed inglese: la potenziale utilità di una categorizzazione fallita?
Nelle pagine precedenti si é avuto modo di ripercorrere, almeno nei tratti salienti,
l’iter che ha condotto, a fronte della globalizzazione, alla assunzione del carattere
transnazionale di un fenomeno, implicitamente inquadrato nei reati associativi, che
prende universalmente il nomen di criminalità organizzata.
Sono ormai numerose le riflessioni dottrinarie che utilizzano quest’espressione,
tanto che se ne é fatto ricorso, come si vedrà, sia in sede convenzionale che
comunitaria85.
L’espressione linguistica comunemente utilizzata nella letteratura giuridica
internazionale induce a riflettere ed a riproporre una questione implicita avvertita
anche nel nostro Paese sulla portata della dizione <crimine organizzato>, a fronte
del fatto che né in sede convenzionale né nei singoli Stati esiste una definizione
vera e propria di questo concetto, che ha invece l’importante funzione di
“sintetizzare” l’intera realtà criminale associativa.
La Convenzione di Palermo ha, infatti, avuto il merito di chiarire in maniera
ufficiale cosa si intenda per reato transnazionale, gruppo criminale organizzato e
partecipazione ma, pur richiamandola nello stesso titolo del Testo pattizio, ha
lasciato ancora aperta la questione della definizione di crimine organizzato.
In Italia si é ormai da tempo deciso di introdurre una nozione di associazione per
delinquere, sovente utilizzata alternativamente con l’espressione criminalità
organizzata, ma non si é mai optato, neanche qui, per la esegesi di una definizione
ufficiale86.
Ancora più complesso é il discorso se rapportato al diritto inglese.
L’istituto della conspiracy viene infatti da sempre affiancato, soprattutto sulla scia
dell’esperienza americana, al concetto di organized crime senza mai soffermarsi a
85
AA. VV., La Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato transnazionale,
UNICRI, Torino, 2002; BASSIOUNI, International criminal law Conventions and their penal
provision, Transnational publishers, Inc. 1997.
86
La querelle terminologica italiana circa la corrispondenza tra l’espressione criminalità
organizzata e associazione per delinquere perde la propria origine nella notte dei tempi, più in
termini di certezza dei confini definitori che di inopinabile coincidenza nel linguaggio comune e
non sembra in questa sede ripercorribile, dovendo focalizzare l’attenzione più sull’utilità di questa
categoria su scala globale che su similitudini con termini giuridici già presenti nei singoli
ordinamenti nazionali, incluso il nostro. Si consulti anche INSOLERA, Diritto penale e criminalità
organizzata, Bologna, 1996.
37
puntualizzare cosa si intenda con l’espressione.
Alcuni studiosi si sono cimentati anche nel Regno Unito, mancando una
definizione codicistica tout court, nell’arduo tentativo87.
Uno dei risultati cui si é pervenuti evidenzia che “while the origins of the
organized crime moral panic in the United States can be located amongst moral
entrepreneurs, the British version is marked by the outpourings of a rightwing
media, and the influence of American foreign policy”88, andando quindi a
sottolineare come si tratti di un istituto non autoctono, indubbiamente introdotto
nel linguaggio giuridico inglese grazie al confronto con le altre realtà sociali e
giuridiche, una volta presa consapevolezza del fatto che neanche il proprio
territorio era immune da questa manifestazione criminale sia in forma locale che
transnazionale.
Individuare una definizione resta però un’impresa ardua89: per organized crime si
intende genericamente “widespread criminal activities that are coordinated and
controlled through a central syndacate”90.
La chiave di lettura anglosassone dovrebbe probabilmente far riflettere sulla
87
Come emerge dal One Step Ahead: A 21st Century Strategy to Defeat Organized Crime,
presentato al Parlamento dal Segretario di Stato per l’Home Department nel Marzo 2004, 7: For the
purpose of this paper, we have taken the definition of organized criminals used by NCIS: “those
involved, normally working with others, in continuing serious criminal activities for substantial
profit, whether based in the UK or elsewhere”.
88
Cfr. WOODIWISS, HOBBS, Organized evil and the atlantic alliance. Moral panics and the
rhetoric of organized crime policing in America and Britain, Brit. J. Criminol., 49, 2009, 106.
89
Alcuni Autori (cfr. MANACORDA, La fattispecie-tipo della “organizzazione criminale” nel
diritto dell’Unione Europea, in AA. VV., Nuove strategie per la lotta la crimine organizzato
transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 298) definiscono il concetto di criminalità
organizzata quale “vaga etichetta di matrice criminologia”.
90
GARNER, Organized crime, Black’s Law Dictionary, Eighth ed., Thomson West, 2004, 1133.
La “lista” delle possibili definizioni si é andata ampliando negli anni, a partire da Maltz che nel
1976 proposed that “organized crime” was identifiable by means of a list of distinguishing
features, of which four were considered essential characteristics: violence, corruption, continuity,
and variety in types of crime engaged in. However, smart people who avoid using violence and
trade very competently and profitably in only one product - for example, ecstasy or cannabis
production - thus cannot be described as organized criminals, which would doubtless please them if
they thereby received less police attention and/or lighter sentences. Neither could professional fulltime fraudsters (...) be “organized criminals”. In other words, one could sustain some distinction
between people who make affluent livelihoods from crime - professional criminals - and those who
do so according to Maltz criteria - organized criminals. But it is far from certain whether this
would satisfy what I regard as the true social definition of “organized criminals”: a set of people
whom the police and other agencies of the State, regard or wish us to regard as “really dangerous”
to its essential integrity. (LEVI, Reflections on Organized Crime, Patterns and Control, Blackwell,
Oxford, 335) fino ad arrivare ad (…) organized crime is a continuing enterprise, apart from
traditional and legal social structures, within which a number of persons work together under their
own hierarchy to gain power and profit for their private gain, through illegal activities.
(GALEOTTI, Global crime today: the changing face of organized crime, Rutledge, London (Taylor
& Francis Group), 2005. Per una raccolta delle definizioni raccolte nei vari Paesi, si consulti il sito
www.organized-crime.de/index.html.
38
portata più socio-criminologica che non normativa di questa espressione, che
costituisce una sorta di macrocategoria in grado di sintetizzare e raccogliere, in un
unico termine, una intera realtà criminale.
Nel corso degli anni infatti, si é optato quasi in tutte le sedi normative per l’uso di
altri concetti per definire il fenomeno criminale ma l’espressione organized crime
é stata sempre utilizzata per designare questa realtà, tanto da assumere i caratteri di
nomen utilizzabile in una sorta di linguaggio globale, che può essere utilizzato e
compreso ovunque.
Quando si parla di categorizzazione fallita andrebbe fatta una precisazione: in
modo implicito si é probabilmente rinunciato alla introduzione di una definizione
vera e propria di questo concetto ma non si può, allo stesso tempo, negare l’utilità
di questa espressione per abbattere le barriere linguistiche e denominare un
fenomeno che diventa così comprensibile, nei suoi tratti, in tutti il mondo.
L’uso globale del termine induce a riflettere sulla sua portata, alla luce del fatto
che ogni Stato mantiene poi una definizione autonoma e spesso non esattamente
corrispondente della realtà criminale associativa.
Anche rapportando il discorso alla Convenzione di Palermo sembra, almeno per
certi versi, riduttivo ed arduo sovrapporre la categoria a quella di gruppo criminale
organizzato.
A livello comunitario sono emersi vari tentativi di definizione, che indubbiamente
fungono da criterio orientatore ma che spesso si scontrano con realtà
terminologiche più o meno corrispondenti fortemente radicate in sede nazionale.
Preso atto della necessarietà di un’espressione globale, ci si interroga sulla utilità
di una definizione ufficiale su scala internazionale, che assuma quindi un valore
universale e che risolva il sotteso problema di “legal certainty” che inevitabilmente
si pone.
Ogni livello, a partire da quello statale fino ad attivare a quello internazionale,
presenta una propria definizione di organized crime, sovente con tratti non del
tutto conformi.
Lascia perplessi la scelta della TOC Convention di non assumere una posizione
precisa sul punto: poteva essere l’occasione persa per introdurre una definizione
mancante?
39
Probabilmente
l’ambivalenza
concettuale91
che
da
sempre
accompagna
l’espressione ne favorisce un uso, con valenza sociale e non solo giuridica, che
“abbatte” le barriere linguistiche.
Le “maglie strette” di una definizione potrebbero, infatti, generare il rischio di non
identificazione in un’espressione unica da parte di realtà giuridiche con caratteri
diversi: si potrebbe forse vedere la scelta delle Nazioni Unite come un’opzione
politico-criminale “ponderata” ed attuata proprio al fine di armonizzare le varie
legislazioni, senza generare problemi ulteriori inevitabilmente legati ad una
determinatezza e tassatività terminologica che non tutti gli Stati sono abituati ad
affrontare.
La denunciata lacuna terminologica andrebbe inquadrata non tanto in un esempio
di categorizzazione fallita, con inevitabili ripercussioni a livello di legalità e di
certezza del diritto, ma come una precisa scelta di assunzione di un carattere
sociale più che giuridico, in attesa che maturino i tempi per introdurre una
definizione universale di questo concetto, che per il momento ha l’importante
merito di sintetizzare in un espressione genericamente accettata una intera e spesso
fortemente eterogenea realtà criminale.
91
Denunciata da MITSILEGAS, From national to global, from empirical to legal: the ambivalent
concept of transnational organized crime, in AA. VV., Critical reflections on transnational
organized crime, money laundering and corruption, Beare, University of Toronto Press, 2003, 55.
40
Capitolo secondo
Aspetti salienti della Convenzione delle Nazioni Unite contro il
crimine organizzato transnazionale.
41
Sommario: 2.1 La presa di coscienza della transnazionalità dei reati associativi come
conseguenza della globalizzazione. 2.2 Il ruolo delle Nazioni Unite: excursus storico della
Convenzione di Palermo. 2.3 La Convenzione di Palermo e l’Unione Europea. 2.3.1
L’inquadramento della lotta alla criminalità organizzata transnazionale nei Pilastri
comunitari: l’eterna querelle del diritto penale europeo. 2.3.2 Brevi riflessioni in tema di
cooperazione giudiziaria sovrananzionale: il ruolo di Eurojust ed Europol. 2.4 La
necessaria armonizzazione a livello sovranazionale. Negoziati, compromessi e profili
critici della Convenzione di Palermo. 2.5 Struttura e finalità della Convenzione. 2.6 La
definizione di reato transnazionale.
2.1 La presa di coscienza della transnazionalità dei reati associativi come
conseguenza della globalizzazione.
Nel corso degli anni gli studiosi, preso atto del fenomeno, hanno cercato di fornire
una definizione della globalizzazione.
Prescindendo, almeno in questa sede, dalla questione terminologica, si rende
necessario focalizzare l’attenzione sulla sua connessione con la realtà sociogiuridica: si tratta, infatti, di un fenomeno che é legato alla genesi della criminalità
organizzata transnazionale.
La globalizzazione viene, infatti, descritta come “un processo in seguito al quale
gli Stati nazionali e le loro sovranità vengono condizionati e connessi
trasversalmente da attori transnazionali, dalle loro chance di potere, dai loro
orientamenti, identità e reti”92.
Si tratta di un fenomeno inizialmente legato (nei suoi risvolti positivi e negativi) al
solo comparto economico93, ma che, nel corso dei decenni, ha coinvolto anche il
substrato socio-politico della società94, non solo per quanto concerne i rapporti di
scambio, ma anche in termini di incidenza sulla sovranità delle singole Nazioni.
92
MASSARO, Criminalità transnazionale. Problemi e prospettive, Bari, 2003, 8, richiamandosi
alla definizione fornita da BECK U., Che cos’é la globalizzazione, Roma, 2001, 24. Fondamentale
altresì sulla tematica dell’incidenza della globalizzazione sull’ordinamento giuridico penale la
lettura di BEUCCI, MASSARI, Globalizzazione e criminalità, Bari, 2003.
93
E’ stato più volte evidenziato come la globalizzazione abbia avuto notevole incidenza
sull’economia mondiale e sul suo progresso: si consulti ALLDRIDGE, Money laundering and
globalization, Journal of law and society, 35, 4, 2008, 437. Inevitabilmente, anche la criminalità si é
adattata alla nuova realtà economica “globalizzata”. Come commenta LAUDATI, I delitti
transnazionali. Nuovi modelli di incriminazione e di procedimento all’interno dell’Unione
Europea, DPP, 4, 2006, 402, infatti, “é noto che i comportamenti criminali obbediscono alle leggi
della economia e che si adeguano alle occasioni di guadagno offerte dalla società secondo la logica
del massimo profitto con il minor rischio possibile”.
94
La globalizzaazione ha esteso i propri effetti all’intera realtà sociale su scala mondiale, incidendo
sui diritti fondamentali dell’individuo sotto vari profili. Le modifiche ai rapporti economici e
commerciali hanno avuto ripercussione, ad esempio, anche sullo stesso commercio illecito. Si nota,
infatti, in particolare nel traffico di sostanze stupefacenti o nelle altre forme “moderne” di traffici
illeciti che coinvolgono, negli ultimi anni, la criminalità organizzata, come sia cambiato
42
Gli Stati, infatti, per scelta o semplicemente come conseguenza della realtà, hanno
ormai
preso
consapevolezza
dell’affievolimento
della
propria
potestas:
difficilmente si può essere in grado, allo stesso tempo, di regolare, controllare ed
eventualmente punire fenomeni che travalicano i confini nazionali.
La conseguenza immediata della globalizzazione sembra quindi essere quella che
gli studiosi designano come “nuovo ordine mondiale”95.
In quest’ottica, la globalizzazione appare, contemporaneamente, causa e scenario
operativo della criminalità organizzata transnazionale.
E’, infatti, proprio in un simile contesto che sono nate ed operano le organizzazioni
criminali transnazionali: “gruppi criminali, appartenenti anche ad etnie diverse, si
sono collegati tra loro intraprendendo varie attività illecite nello stesso tempo in
più Stati; il crimine si é così trasformato da fenomeno interno con collegamenti
internazionali a fenomeno transnazionale”96.
Il fenomeno assume tratti sempre più preoccupanti97, anche in forza del fatto che le
attività illecite realizzate generano entrate economiche altissime, che non solo
rimpinguano le casse della criminalità organizzata ma che vengono sempre più
spesso inserite nei circuiti economici “puliti” e, comunque, costituiscono substrato
per il sostegno di corruzioni e favoreggiamenti: “quando si raggiunge questo
livello di penetrazione sociale i reati di criminalità organizzata non ledono solo il
bene giuridico dell’ordine pubblico, ma anche l’ordine economico e soprattutto
l’ordine democratico”98.
inevitabilmente anche il concetto di vittima, trattandosi spesso di destinatario consenziente di simili
commerci e, quindi, ancora più improbabile cooperatore nelle attività di indagine.
95
BALDASSARRE A., Globalizzazione contro democrazia, Bari, 2002, 17.
96
SCIACCHITANO, Importanti passi avanti per superare le divergenze tra il concetto di
associazione e quello di conspiracy, GDir, 1, 13 gennaio 2001, 6, riportando gli esempi dei gruppi
dell’ex Jugoslavia, albanesi, russi, nigeriani, oltre a quelli stranieri operanti in Italia.
97
Per un approfondimento sul tema, in particolare, si rinvia a MILITELLO, Le strategie di
contrasto della criminalità organizzata transnazionale tra esigenze di politica criminale e tutela dei
diritti umani, in AA.VV., L’attività di contrasto alla criminalità organizzata. Lo stato dell’arte, a
cura di Parano, Centonze, Milano, 2005, 245.
98
Cfr. per queste ed altre importanti riflessioni sulle conseguenze della globalizzazione sulla
criminalità organizzata transnazionale, LAUDATI, I delitti (…), cit., 402, che distingue due
direttrici principali di trasformazione delle organizzazioni criminali nel mercato globalizzato:
mimetizzazione delle strutture criminali (con progressiva assunzione delle modalità operative delle
imprese criminali) e “progressiva internazionalizzazione delle associazioni criminali che, per
effetto della globalizzazione dei mercati e della necessità di spostare persone o merci sul territorio
dell’Unione Europea, hanno necessariamente costituito basi operative e gruppi di riferimento in
tutti i Paesi dell’Unione Europea, sfruttando spesso le differenze di legislazione o la minore
efficienza delle strutture si contrasto”.
43
L’erosione dei confini dei singoli Stati ha poi, allo stesso tempo, comportato un
inevitabile abbassamento del “livello di guardia”: grazie alle moderne tecnologie,
ai sempre più sofisticati mezzi di comunicazione ed ad una generale difficoltà di
controllo e repressione di fenomeni criminali su così ampia scala, le “nuove forze
criminali” sono state in grado di associarsi e dare vita a forme sempre più evolute
di criminalità organizzata sovranazionale, in grado di operare a livello mondiale,
spesso appunto coinvolgendo numerose ed eterogenee realtà nazionali.
Diversi studiosi99 individuano altresì la causa dell’inesorabile diffusione della
criminalità organizzata nella “crisi dello Stato nazione”100.
L’apertura dei confini, infatti, ha costituito allo stesso tempo strumento di
ampliamento per le imprese lecite ma anche per quelle, impropriamente definibili
tali, dal connotato illecito101.
Il processo evolutivo che ha visto protagonista la criminalità transnazionale é in
sostanza sintetizzabile nella considerazione che “la criminalità ha, nello stesso
tempo, trovato nuove opportunità negli spazi creati dai processi di globalizzazione,
in relazione alla possibilità di allargare il raggio di azione su un mercato senza
confini, sottraendosi, contemporaneamente, alle legislazioni dei singoli Stati”102.
Gli ambiti di operatività hanno subito un ampliamento corrispondente, andando a
coinvolgere settori un tempo sconosciuti alla criminalità organizzata “locale”103.
Le singole Nazioni apparivano impreparate ad affrontare le dimensioni e le
caratteristiche di queste forme di criminalità, in particolare se a base
transnazionale.
99
MASSARO, Criminalità transnazionale (…),cit., 13, concorda sul punto con quanto sostenuto da
SAVONA, Processi di globalizzazione e criminalità organizzata transnazionale, transcrime,
working paper n. 29: www.jus.unitn.it/transcrime/papers/wp29.html.
100
Circa il ruolo della globalizzazione nella crisi dello Stato nazionale, le conseguenze in termini di
fonti e di passaggio da una logica da verticale ad orizzontale come risultato dell’incidenza
dell’intervento normativo sovranazionale, FERRARESE, Il diritto al presente. Globalizzazione e
tempo delle istituzioni, Bologna, 2002.
101
SANTINO, Dalla mafia al crimine transnazionale, Centro Siciliano di documentazione
“Giuseppe Impastato”, www.centroimpastato.it/publ/online/da_mafia_a_crmine.php3.
102
MASSARO, Criminalità transnazionale (…), cit., 15.
103
Il riferimento é ai cybercrime ma anche ai reati c.d. ambientali, si veda in particolare COMTE
F., Environmental crime and the police in Europe: A panorama and the possible paths for the
future action, European Environmental Law Review, 2006, 190, nel quale l’Autore sottolinea che:
“Environmental crime is one of the most lucrative forms of criminal activity. The illegal dumping of
hazardous waste, trafficking of dangerous substances and smuggling of protected natural resources
is estimated to be worth between 18 and 25 billion of euro per year. The trafficking of endangered
species generates the highest revenue of all types of environmental crime and is widely considered
to be second in value only to drug trafficking. Environmental crime is believed to be expanding
constantly”.
44
L’ostacolo principale nasceva, infatti, dalle differenze presenti tra le singole
legislazioni e dalle difficoltà cui si é andati incontro nella loro fase di
coordinamento, difficoltà che a livello applicativo non sembrano essere del tutto
superate neanche ora che una disciplina sovranazionale é stata prevista ed é altresì
stata ratificata e resa operativa da quasi tutti gli Stati membri104.
Preso ormai più volte atto della dimensione del problema, é possibile evidenziare
come una delle cause dell’inarrestabile ampliamento della realtà criminale
transnazionale sia ravvisabile nella difficoltà, principalmente a livello europeo, di
dare seguito ad un progetto di diritto penale unitario sovranazionale che sia
realmente “operativo”.
Il confine appare, infatti, labile: da una parte sono ormai decenni che le Istituzioni
lavorano a favore di una piena armonizzazione (di cui le varie Convenzioni
costituiscono il risultato), dall’altra, il livello di effettività ed efficienza di questo
diritto penale sovranazionale rendono il progetto ancora parzialmente astratto (o
troppo poco concreto?) per poter realmente incidere su una realtà così complessa
come la criminalità transnazionale, probabilmente a partire dalla difficoltà di
“operatività in concreto” dei vari organismi ad hoc predisposti (Eurojust etc.).
Come emergerà da questa analisi, in fase di preparazione il lavoro più complesso é
proprio stato quello di “armonizzare” le tradizioni di alcuni Stati, a cominciare da
quelle di Paesi come l’Italia, con retaggio socio-culturale molto avvertito105, fino
ad arrivare alle esperienze dei Paesi di common law, caratterizzate da un istituto
unico ma dal contenuto eterogeneo e mutevole come la conspiracy106.
104
Nota ad esempio MILITELLO, Le strategie di contrasto (…), cit., 244, “Di fronte alla obiettiva
difficoltà di negare che la realtà contemporanea si presenta più complessa, essendo ormai diffusi i
processi di integrazione fra il livello nazionale e quello sovranazionale delle dinamiche di
evoluzione di ogni sistema penale”, (…) si é realizzato che “il superamento del binomio [sistema
penale-ordinamento giuridico nazionale] espone il singolo a rischi di prevaricazione dei suoi diritti
primari da parte di poteri pubblici lontani dai cittadini, incontrollabili democraticamente, insensibili
a quella cultura delle garanzie sorta e lungamente affinatesi nei sistemi penali nazionali”.
105
Si concorda con la posizione di DE FRANCESCO, Organizzazioni criminali: problematiche de
lege ferenda, StI, 12, 2001, 1433, che denuncia come “le soluzioni adottate all’interno del singolo
ordinamento non possono giocare il ruolo di un limite preclusivo all’allestimento di una politica
comune di interventi tra loro coordinati, quale premessa idonea ad evitare il prodursi di
inammissibili vuoti sul piano repressivo, e ad assicurare, al contempo, grazie ad una crescente
solidarietà e vicendevole condivisione dell’esigenza di contrastare i pericoli dell’infiltrazione
criminale, il formarsi di un humus favorevole al superamento delle divergenze ed al conseguente
incremento delle chance complessive di pervenire ad un esito di una più intensa armonizzazione dei
sistemi penali”.
106
Anche durante la stessa Conferenza di Napoli del 1994 Paesi come gli Stati Uniti e la Regno
Unito ritenevano altamente improbabile e non del tutto funzionale predisporre una fattispecie
autonoma di reato associativo.
45
Alla difficoltà in fase di predisposizione di una legislazione unitaria stanno infatti
inevitabilmente seguendo non poche complicazioni applicative, anche per quanto
concerne la reale operatività delle Agenzie europee preposte alla cooperazione.
Nonostante ciò, si é concordi nell’individuare nella cooperazione l’unico vero
strumento di lotta e prevenzione della criminalità: gli Stati membri, nel corso degli
anni, hanno avuto modo di prendere coscienza della utilità della cooperazione, di
dare impulso pratico a questa presa di consapevolezza (proprio tramite la creazione
delle varie Agenzie) e, non ultimo, di fissare obiettivi da raggiungere sempre più
ambiziosi107.
Nel fare ciò, il dato più preoccupante sembra essere, nonostante quella che
potremmo definire una vera e propria ‘tipizzazione” dei reati punibili qualora
commessi da associazioni criminali transnazionali, la difficoltà di reperire dati
statistici certi sul numero di reati commessi108.
La globalizzazione ha, infatti, ampliato gli ambiti dimensionali e qualitativi della
criminalità organizzata ma ha altresì reso sempre più complesso quantificare le
conseguenze di questo ampliamento, rendendo ancora di più difficile realizzazione
la già ardua “unione di forze” a livello sovranazionale.
107
Sulla ricostruzione della storia della cooperazione internazionale, si veda il contributo di
SAVONA, Audizione del prof. Savona sui temi della criminalità organizzata e corruzione in
Europa, Relazione presentata alla Commissione per le libertà civili e gli affari interni del
Parlamento Europeo, Bruxelles, 18 luglio 1995, in Trasncrime. Working paper n. 1.
108
I siti delle organizzazioni istituzionali, a cominciare dall’Unione Europea
(www.ec.europa.eu/justice_home/fsj/crime/fsj_crime_intro_en.htm) e dall’United Nations Office
on drugs and Crime, in sigla UNODC (www.unodc.org) pubblicano Report annuali, che cercano
(non senza difficoltà) di “tradurre in numeri” i dati che riescono a raccogliere circa i crimini posti in
essere a livello transnazionale nei vari “ambiti di operatività” delle attività illecite. Si tratta di dati
indicativi, afferenti il mercato nero del traffico di armi, sostanze stupefacenti, riciclaggio, tratta
degli esseri umani etc., probabilmente ben lontani dai dati reali, ma che costituiscono comunque gli
unici parametri di riferimento che abbiano una certa “ufficialità”. Su formato cartaceo, si consulti
SAVONA, Processi di globalizzazione (…), cit., 4, quantomeno per una prima idea di dati afferenti
le varie attività illecite.
46
2.2 Il ruolo delle Nazioni Unite: excursus storico della Convenzione di
Palermo.
Le Nazioni Unite hanno cominciato ad occuparsi della criminalità organizzata
transnazionale diverso tempo prima rispetto alla presa di consapevolezza
dell’enormità del fenomeno.
Il lavoro di ricostruzione e classificazione dei documenti delle Nazioni Unite che si
sono, anche solo parzialmente, occupati dell’istituto é notevole, anche a fronte dei
numerosi supporti disponibili, esclusivamente in forma digitale, negli archivi delle
Istituzioni internazionali109.
Si tratta di una ricostruzione sintetizzabile solo nei suoi aspetti salienti, con la
finalità di chiarire come la tematica sia sempre stata trattata con attenzione e
riguardo dalle Nazioni Unite e dai vari Stati membri.
I primi dati circa un interesse per il tema a livello di organizzazione internazionale,
risalgono, infatti, agli anni cinquanta, per poi ricevere ufficializzazione nel 1975,
in sede di Congresso sulla prevenzione del crimine110.
Nel corso degli anni, i vari Congressi hanno contribuito ad intensificare l’esigenza
di una presa di posizione sul tema, fino ad arrivare alla svolta decisiva del 1988,
anno nel quale venne approvata a Vienna la Convenzione delle Nazioni Unite
contro il traffico illecito di droghe narcotiche e sostanze psicotrope111, cui é seguita
la creazione, nel 1991, dell’United Nations Drug Control Programme.
Il Consiglio economico ha altresì dato vita, nel 1992, alla Commissione per la
prevenzione del crimine e la giustizia penale.
Il primo Piano di Azione112 risale invece all’incontro mondiale svoltosi a Napoli
nel 1994113, finalizzato in maniera specifica alla lotta alla criminalità
transnazionale organizzata, i cui punti focali risultavano sinteticamente essere: lo
109
Capillare é, in tal senso, il lavoro svolto da BASSIOUNI, VETERE, Organized crime. A
compilation of U.N. Documents (1975-1998), with cooperation of Vlassis, Transnational
Publishers, Inc., USA, 1998, cui si rinvia per gli opportuni approfondimenti e per una elencazione
esaustiva.
110
Ginevra, 1975, V° Congresso sulla prevenzione del crimine.
111
Per il Commentario sulla Convenzione, si veda E/CN.7/590.
112
Dichiarazione politica e Piano di azione globale contro il crimine organizzato transnazionale
adottati nella Conferenza ministeriale mondiale sul crimine organizzato transnazionale di Napoli
del 1994. Come ricorda MICHELINI, Il progetto di Convenzione delle Nazioni Unite contro il
crimine organizzato transnazionale, QG, 1999, 948, “la Conferenza dei ministri richiedeva, infatti,
alla Commissione per la prevenzione del crimine e la giustizia penale, di iniziare il processo di
esame delle opinioni dei governi nazionali sull’impatto di una o più Convenzioni generali contro il
crimine organizzato transnazionale e sugli argomenti da coprire con un simile strumento pattizio”.
113
Per i lavori della Conferenza, si veda A/49/748.
47
sviluppo di una cooperazione internazionale, l’adozione di misure atte a
contrastare il riciclaggio ed a limitare il segreto internazionale, in sostanza tutte
misure volte ad evidenziare come occorresse “verificare l’esistenza di una volontà
politica, prima ancora di una capacità giuridica, di elaborare una Convenzione
internazionale contro la criminalità organizzata”114.
L’incontro di Napoli115 si concluse con una Dichiarazione, finalizzata quantomeno
ad impostare una prima definizione di criminalità organizzata transnazionale, in
grado di conciliare le differenze esistenti tra i vari ordinamenti e di essere accolta
dalla comunità giuridica internazionale116.
Altri importanti eventi hanno caratterizzato, negli anni seguenti, il lavoro svolto
dalle Nazioni Unite, fino ad arrivare alla richiesta, da parte del Governo polacco
(durante la cinquantunesima Sessione dell’Assemblea Generale) di elaborare una
nuova Convenzione, nonostante l’iniziale disaccordo dell’Australia e del
Canada117.
Considerevole é stato il contributo fornito dall’incontro “informale” tenutosi a
Palermo nell’aprile del 1997, con il supporto della Commissione e della
Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.
Ulteriori dibattiti si sono altresì svolti nel corso della sesta Sessione di lavori della
Commissione sulla prevenzione del crimine e della giustizia penale del 1997, fino
ad arrivare alla svolta della Assemblea Generale sula previsione di una Sessione
intergovernativa, nella quale un gruppo di esperti della Commissione hanno avuto
114
MASSARO, Criminalità transnazionale (…), cit., 34.
Per un approfondimento sull’incontro si consulti FRAGOLA, La Conferenza mondiale
ministeriale delle Nazioni Unite sul crimine organizzato transnazionale, CI, 1, 1995, 107.
116
Dal Testo della Convenzione, in traduzione, emerge il comune bisogno di cooperazione, in
particolare in riferimento alla armonizzazione dei Testi legislativi circa la criminalità organizzata,
alla piena realizzazione di una collaborazione a livello di indagini, di conseguenze sanzionatorie e
processuali. Si auspicava, altresì, la creazione di modelli e di principi per una cooperazione
internazionale a livello nazionale e globale, la predisposizione di un accordo sulla criminalità
organizzata transnazionale e la previsione di misure e strategie per prevenire e combattere il
riciclaggio e per controllare l’uso dei beni sequestrati.
117
Nel corso della 55° Sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la Polonia chiedeva
la stesura di una Convenzione-quadro sulla tematica de quo e l’Assemblea, preso atto della
proposta, invitava la Commissione per la prevenzione del crimine e la giustizia penale a
concretizzare nel più breve tempo possibile questo progetto: Ris. 51/120 del 12 dicembre 1996.
Sarà poi grazie alle iniziative anche della Fondazione Falcone che, nel corso dell’aprile 1997,
ebbero luogo a Palermo vari incontri informali tra gruppi di esperti, con il placet dell’Assemblea
stessa, fino alla creazione di un gruppo intergovernativo “ufficiale”, che ha avuto il merito di
predisporre un primo Testo contenente le varie possibile alternative dopo una serie di incontri a
Varsavia nel febbraio 1998 (c.d. Progetto Preliminare). Da qui la creazione di un Comitato ad hoc
(Ris. 53/111 del 9 dicembre 1998).
115
48
il preliminare compito di preparare una bozza della Convenzione (Res. 52/85 del
12 dicembre 1997).
Questo delicato compito é stato realizzato nel corso di un incontro tenutosi a
Varsavia nell’aprile 1998 ed in esso é emersa per la prima volta “the idea of having
a main Convention dealing with such matters as the criminalization of moneylaundering, criminal associations and conspiracy, and with international
cooperation, and additional protocols dealing with the smuggling of aliens,
trafficking in firearms, trafficking in stolen motor vehicles, and trafficking in
women and children”118.
Gli sforzi, anche in quella sede, vennero indirizzati alla ricerca di una definizione
(a partire dalla discussione sulla sua utilità) ed il contributo dato da quell’incontro
é stato poi in molte occasioni decisivo durante i lavori preparatori della
Convenzione.
Il lungo lavoro svolto nel corso dei decenni, seppur in maniera non del tutto
continua, ha portato i vari Stati membri interessati119 alla stesura della
Convenzione120
delle
Nazioni
Unite
contro
la
criminalità
organizzata
transnazionale, la cui Conferenza dedicata alla firma si è svolta a Palermo nel
dicembre 2000121.
Alla Convenzione sono stati allegati tre Protocolli, inerenti il traffico delle armi da
fuoco, quello dei migranti e la tratta degli esseri umani122.
118
Cfr. E/CN.15/1998/5, par. 14.
Tramite l’istituzione, con la Risoluzione dell’Assemblea Generale 53/11 del 9 dicembre 1998, di
un Comitato ad hoc che nel corso dei due anni precedenti la stesura definitiva della Convenzione si
é riunita per undici sessioni.
120
Il 15 novembre 2000, nel corso della 55° Sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite
(Ris. 55/25), venivano adottate la Convenzione contro la criminalità organizzata transnazionale ed i
Protocolli contro il traffico di migranti e contro la tratta di persone, seguiti da un terzo Protocollo
addizionale, contro la produzione illecita ed il traffico di armi da fuoco, adottato con la Ris. 55/255
del 31 maggio 2001.
121
Da qui il nome di “Convenzione di Palermo”, in realtà lì semplicemente firmata (da 121 dei 148
Stati presenti) per una precisa ed evidente “scelta simbolica”, pur essendo preceduta da varie
sessioni intermedie nelle quali si é in realtà concretamente svolta la stesura: da febbraio 1998 a
Varsavia fino a dicembre 2000 appunto a Palermo, passando per Roma e Buenos Aires, oltre che
svariate volte a Vienna.
122
Rispettivamente, in traduzione: Protocollo addizionale della Convenzione delle Nazioni Unite
contro la criminalità organizzata transnazionale per prevenire, reprimere e punire la tratta di
persone, in particolare di donne e bambini; Protocollo addizionale della Convenzione delle Nazioni
Unite contro la Criminalità organizzata transnazionale per combattere il traffico di migranti via
terra, via mare e via aria; Protocollo addizionale della Convenzione delle Nazioni Unite contro la
criminalità organizzata transnazionale relativo alla produzione illegale e al traffico di armi da
fuoco, delle loro parti e componenti e delle loro munizioni. Come chiariscono MICHELINI,
POLIMENI, Il fenomeno del crimine transnazionale e la Convenzione delle Nazione Unite contro il
crimine organizzato transnazionale, in AA. VV., Criminalità organizzata transnazionale e sistema
119
49
Fin dall’articolo d’apertura della Convenzione123, le Parti hanno inopinabilmente
voluto esplicitare la finalità stessa del loro lavoro, ovvero “di promuovere la
cooperazione per prevenire e combattere il crimine transnazionale in maniera più
efficace”.
A livello pratico, gli Stati firmatari si impegnano a punire i reati previsti, con
interventi sulla legislazione interna finalizzati a dare effettività, dal punto di vista
sostanziale e procedurale, a quanto in astratto stabilito dal Testo.
Altro punto focale, prescindendo almeno per ora dall’analisi dei singoli reati
previsti, é il raggiungimento di una piena e concreta cooperazione internazionale
per la prevenzione e la repressione dei crimini su scala sovranazionale, tramite le
Agenzie internazionali ad hoc preposte, ma anche grazie al contributo dei singoli
Stati al loro buon funzionamento.
Nell’esaminare, nel corso di questo Capitolo, almeno gli aspetti salienti del Testo
della Convenzione, una nota particolare deve essere riservata alle difficoltà
incontrate per trovare un punto di incontro tra i vari Stati; la Convenzione è, infatti,
allo stesso tempo, la “conferma” delle difficoltà, ormai da tempo avvertire anche in
sede comunitaria, nel tentativo di creare un “vero” diritto penale unitario ma anche
una sorta di possibile soluzione, sintetizzabile nella considerazione che alla base
della armonizzazione deve necessariamente sussistereste un compromesso.
All’entusiasmo iniziale in sede di predisposizione della Convenzione é poi seguito
un lento e complesso lavoro di ratifica124, intervallato da una presa di posizione
decisa da parte della stessa Unione Europea.
penale italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007, 19: “nel corso dei lavori veniva chiarito che la
Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale avrebbe dovuto
costituire uno strumento normativo autonomo ed autosufficiente, mentre i Protocolli addizionali
sarebbero stati strumenti opzionali alla Convenzione principale, per coprire aree di intervento che
richiedevano specificità e che non potevano essere appropriatamente affrontate nel corpo della
Convenzione, secondo l’accordo che ogni strumento normativo doveva affrontare specifiche
tematiche e preoccupazioni della comunità internazionale”.
123
Come ricorda BARBERINI, L’entrata in vigore della Convenzione contro il crimine organizzato
transnazionale, QG, 5, 2003, 1031, “(…) é il primo Trattato internazionale multilaterale in
materia”. Si consulti altresì il medesimo articolo per una ricostruzione puntuale delle varie
Risoluzioni che hanno preceduto l’emanazione della TOC Convention (49/159 del 23 dicembre
1994, 52/85 del 12 dicembre 1997, 53/111 del 9 dicembre 1998, 54/126 del 17 dicembre 1999,
54/129 del 17 dicembre 1999).
124
Soltanto nel 2006, infatti, si è raggiunto il ragguardevole numero di 123 Stati-parte della
Convenzione, ad oggi non da tutti ratificata. Lo stesso Regno Unito ha, ad esempio, ratificato la
Convenzione ed i suoi Protocolli (ha firmato ma non ratificato il Protocollo sul traffico delle armi)
solo il 9 febbraio 2006, preceduta per poco dagli Stati uniti (3 novembre 2005).
50
2.3 La Convenzione di Palermo e l’Unione Europea.
La Convenzione di Palermo costituisce il risultato del lavoro svolto dalle Nazioni
Unite, oltre che del decisivo contributo fornito dall’Unione Europea125 nella fase
anteriore e successiva alla predisposizione del Testo della Convenzione126.
La finalità di salvaguardia di una spazio di libertà, sicurezza e giustizia, tramite la
lotta e la prevenzione della criminalità, é stata infatti rimarcata nell’ambito dei vari
Trattati.
Il contributo dell’Unione Europea si é fin da subito distinto per la sua immediata
operatività, anche tramite la creazione di Agenzie ad hoc preposte, in primis
l’Eurojust, Europol, EJN (European Judiciary Network) ed il Forum europeo sulla
prevenzione della criminalità organizzata.
Per ricostruire il ruolo dell’Unione Europea nella lotta alla criminalità organizzata
transnazionale, va sottolineato il contributo fornito dall’Azione Comune del 21
dicembre 1998127, finalizzata ad auspicare una sempre maggiore cooperazione ed a
chiarire cosa si debba intendere per organizzazione criminale.
La ricerca della definizione comune é stata altresì una delle occasioni in cui si é
ribadito come costituiva ostacolo di complesso superamento la coesistenza, nei
vari ordinamenti giuridici coinvolti, di almeno due differenti “retaggi culturali”: da
un lato quello delle associazioni per delinquere e dall’altro quello della
conspiracy128.
Dalla lettura del Testo della Convenzione emerge come si sia, alla fine, optato per
una scelta di compromesso, che abbia quindi evitato di favorire l’una o l’altra
versione, pur persistendo nell’intento di evidenziare il particolare disvalore di una
125
Per un approfondimento sulla tematica, PECCIOLI, Unione Europea e criminalità
transnazionale. Nuovi sviluppi, Torino, 2005.
126
Come conferma SCIACCHITANO, Importanti passi (…), cit., 6, decisivo é stato il contributo
dei Paesi dell’Unione Europea e del G8: “spesso le Convenzioni, le risoluzioni e le Azioni comuni
europee hanno costituito la base normativa e politica su cui cercare di far convergere i consensi dei
Paesi riuniti per la stesura del Testo”.
127
Nel 1997 c’era stato un Piano di azione contro la criminalità organizzata, seguito da questa
Azione comune relativa alla punibilità della partecipazione ad una organizzazione criminale negli
Stati membri dell’Unione Europea. Successivamente ricordiamo il ruolo decisivo svolto dalla
Posizione Comune del 29 marzo 1999, in GUCE L087, 31 marzo 1999, “che puntava alla
promozione di posizioni negoziali concordate ed alla coerenza con l’aquis comunitario in materia”,
come nota BARBERINI, L’entrata (…), cit., 1033.
128
L’argomento verrà approfondito nei prossimi Capitoli, premettendo fin da ora che il contrasto tra
l’accordo (conspiracy) genericamente inteso nei sistemi di common law e le forme di
organizzazione criminale vere e proprie tipiche della maggior parte dei Paesi di civil law sembra
aver trovato quantomeno una situazione di compromesso stabile durante i lavori preparatori della
Convenzione stessa.
51
strutturazione organizzativa in aggiunta a quello, già contemplato, della
commissione stessa di un illecito.
La Convenzione di Palermo è stata negoziata durante un periodo in cui l’Unione
Europea ha attuato una fase di forte sviluppo in materia di cooperazione
giudiziaria, con riguardo alla lotta alla criminalità organizzata, così come
evidenziato anche nello stesso Trattato di Amsterdam129.
A livello pratico, le intenzioni dell’Unione Europea si sono tradotte nel tentativo di
attuazione della cooperazione e della prevenzione, anche tramite l’istituzione
dell’Eurojust130 ed il potenziamento dell’Europol.
A questa prima risposta in termini di rafforzamento delle strutture e di
manifestazione di intenti comuni tra i vari Stati Membri, é poi seguita una presa di
consapevolezza della necessarietà di un linguaggio giuridico unitario.
Fondamentale é stato il lavoro di identificazione di strumenti di prevenzione e di
repressione, tra i quali non possiamo non menzionare il mandato di arresto europeo
(Decisione Quadro del Consiglio del 18 luglio 2002).
Il coordinamento tra U.E. ed N.U. ha agevolato i lavori di predisposizione della
Convenzione e dello stesso Comitato ad hoc: il fatto che la U.E. abbia tradotto, fin
dal 1999, in una “posizione comune ufficiale” la propria intenzione ha, almeno
parzialmente, evitato inutili sforzi diplomatici di negoziazione con i singoli Stati
europei131.
Il riferimento é alla Posizione Comune del 29 marzo 1999, nella quale viene
ribadita la piena disponibilità da parte della U.E. a favorire i processi di
negoziazione della Convenzione, in un’ottica di necessario coordinamento con gli
strumenti della U.E. stessa.
La presa di posizione dell’U.E. era indirizzata a salvaguardare gli sforzi fino ad
allora compiuti nella lotta alla criminalità organizzata, cercando di coordinare i
nuovi strumenti con i precedenti traguardi raggiunti, anche tenendo conto della già
citata Azione Comune inerente la criminalizzazione della partecipazione ad una
organizzazione illecita, la garanzia della costante salvaguardia dei diritti
dell’uomo, della cooperazione internazionale ed il rispetto degli accordi in tema di
129
Art. 2, che prevede di “conservare e sviluppare l’Unione quale spazio di libertà, sicurezza e
giustizia in cui sia assicurata la prevenzione della criminalità e la lotta contro quest’ultima (…)”.
130
Istituito con la Sessione del Consiglio del 28 febbraio 2002.
131
Per un approfondimento sul tema, ex ceteris, MILITELLO, Sugli albori di un diritto penale
comune in Europa: il contrasto alla criminalità organizzata, in AA. VV., Il crimine organizzato
come fenomeno transnazionale, a cura di Militello, Paoli, Arnold, Milano-Freiburg, 2000.
52
riciclaggio internazionale e di misure di sequestro/confisca dei proventi illeciti
vigenti a livello internazionale.
I lavori dell’Unione Europea non si sono fermati qui: nel corso degli anni sono
stati numerosi gli interventi di aggiornamento (con l’obiettivo anche di eventuale
sostituzione della Azione Comune 98/733/JAI, soprattutto alla luce delle modifiche
intervenute con il passaggio dal Trattato di Maastricht ad Amsterdam132).
L’Unione ha quindi a suo tempo proceduto alla firma della TOC Convention già in
sede di predisposizione del Testo, durante i lavori della Conferenza di Palermo.
L’effettiva entrata in vigore della Convenzione risale al 29 settembre 2003.
A livello storico133, la Convenzione é stata firmata da 147 Stati e ratificata da 131.
Il Protocollo contro la tratta di persone é entrato in vigore il 25 dicembre 2003 con
la firma di 117 Stati e la ratifica di 111.
L’altro Protocollo (dei migranti), é entrato in vigore il 28 gennaio 2004, con 112
firme e 105 ratifiche.
Il terzo Protocollo (contro il traffico delle armi), risale al 3 luglio 2005 ed é stato
firmato da 52 Stati membri, con 60 ratifiche.
Circa l’Italia, come si svilupperà in maniera approfondita nei prossimi capitoli, la
L. 146 del 167 marzo 2006, ha ratificato la Convenzione ed i tre Protocolli134.
132
L’U.E. continua a promuovere la propria convinzione di necessario adattamento e rispetto della
TOC Convention e cerca anche di migliorare sempre gli strumenti comunitari di cooperazione,
come ha fatto sostituendo alle Azioni Comuni le Decisioni Quadro. La tematica non é
approfondibile in questa sede, per una prima lettura si rinvia a LAUDATI, I delitti transnazionali
(…), cit., 401 ed ai Testi di diritto penale comunitario: da ultimo MITSILEGAS, European
Criminal Law, Oxford and Portland, Oregon, 2009 e BEKEN, European organized crime scenarios
for 2015, Antwerp-Apeldoorn Maklu Publishers, 2006.
133
Dati aggiornati al 2009 secondo le fonti consultate.
134
Ratifica ed esecuzione della Convenzione e dei Protocolli delle Nazioni Unite contro il crimine
organizzato transnazionale, adottai dall’Assemblea Generale il 15 novembre 2000 ed il 31 maggio
2001.
53
2.3.1 L’inquadramento della lotta alla criminalità organizzata transnazionale
nei Pilastri comunitari: l’eterna querelle del diritto penale europeo.
La posizione di totale adesione dell’Unione Europea alle disposizioni della
Convenzione di Palermo, oltre alla presa di consapevolezza di un interesse da
sempre avvertito per il contrasto della criminalità organizzata, inducono ad una
riflessione su un possibile inquadramento di queste tematiche nelle “maglie” delle
politiche comunitarie.
La nostra analisi mostra come la lotta all’organized crime si svolga, in
contemporanea, su più livelli, a partire da quello sovranazionale (culminato nella
TOC Convention), fino ad arrivare alle reazioni dei singoli Stati all’esigenza di
contrastare questo fenomeno.
Rapportando il discorso agli esempi dell’Italia e del Regno Unito, non si può fare a
meno di considerare come, al livello sovranazionale, si affianchi anche quello
comunitario, in cui questi due Stati si collocano.
La “piramide” immaginaria in cui possiamo inquadrare tali livelli di intervento non
é in realtà così rigida come potrebbe apparire: non stiamo infatti in alcun modo
profilando un rapporto gerarchico, bensì diversi piani operativi, che spesso sono
l’uno conferma dell’altro: l’intento dei “tre livelli” é comune e finalizzato alla
prevenzione ed al contrasto della criminalità organizzata ma si é manifestato con
strumenti normativi eterogenei e talvolta anche con alcune differenze
contenutistiche.
Il piano internazionale e quello comunitario “convivono” ed, in particolare in
questo settore, uniscono i propri sforzi per raggiungere le finalità prefissate135.
Si é visto come le Nazioni Unite abbiano sentito l’esigenza di contrastare il
fenomeno associativo criminale136 ma, rapportando questa finalità ad una
dimensione più “vicina” al nostro Stato, si é già sottolineato come l’Unione
Europea abbia ancora prima affrontato questo profilo.
Il riferimento storico é all’Azione Comune 98/733/JAI ma l’Unione si é resa conto,
nel corso degli anni, di come la propria azione di contrasto debba necessariamente
135
Sarebbe in questa sede impossibile ripercorrere l’iter storico che ha portato, alla luce del dettato
costituzionale, al “primato” del diritto internazionale e comunitario nel nostro Stato, con
salvaguardia della sovranità statale in ambito penalistico.
136
NUNZI A., The elaboration of the United Nations Convention against transnational organized
crime, XVI Congresso internazionale di diritto penale, 5-11 settembre 1999.
54
essere adattata alle evoluzioni della criminalità organizzata e ciò ha portato alla
Decisone Quadro del 2008.
Il diverso nomen iuris, oltre ad una riferibilità in toto al fenomeno criminale e non
alla sola partecipazione, rispecchia gli importanti cambiamenti avvenuti all’interno
dell’Unione.
Come evidenzia la dottrina, “il Trattato di Amsterdam, che é succeduto al Trattato
di Maastricht, ha introdotto nuovi strumenti più efficaci dell’Azione Comune; la
Decisione Quadro costituisce [infatti] lo strumento adeguato per procedere ad un
ravvicinamento delle legislazioni penali all’interno dell’Unione in tale settore”137.
Fondamentale sembra la lettura congiunta degli artt. 29 e 34 TUE (anche dopo
l’intervento di Nizza) per comprendere come “lo scopo finale é quello di creare
uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia mediante il riavvicinamento delle
legislazioni e la cooperazione tra le Autorità giudiziarie e di Polizia”.
Premessa l’esclusione di una competenza penale piena da parte delle Istituzioni
comunitarie, la lotta versus l’organized crime é basata sulla scia delle acquisite
“competenze di coordinamento ed armonizzazione nella strategia di controllo e
contrasto su scala transnazionale dei fenomeni di criminalità organizzata”138.
Uno degli strumenti principali é quindi ravvisato nella cooperazione giudiziaria139,
di cui l’Unione Europea tenta la piena realizzazione già dagli anni sessanta ma che
ha ricevuto piena consacrazione negli ultimi decenni, in particolare alla luce, ex
art. 29140, della sua ineludibilità per contrastare fenomeni criminali complessi come
il terrorismo e la criminalità organizzata.
Si tratta di pericoli per la libertà, sicurezza e giustizia dei cittadini, oltre che in
generale per la democrazia dell’Unione Europea: “(…) quando si raggiunge un
certo livello di penetrazione sociale i reati di criminalità organizzata non ledono
137
Cfr. LAUDATI, I delitti transnazionali (…), cit., 401.
Cfr. MANACORDA, La fattispecie-tipo della “organizzazione criminale” nel diritto
dell’Unione Europea, in AA. VV., Nuove strategie per la lotta la crimine organizzato
transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 302.
139
Per approfondimenti, PISANI, Criminalità organizzata e cooperazione internazionale, RIDPP,
1998, 703; RIONDATO, Il coordinamento giudiziario in Italia e in Europa. Normative e modelli a
confronto, DPP, 3, 2006, 377.
140
Nel quale si puntualizza che “(…) l’obiettivo che l’Unione si prefigge é fornire ai cittadini un
livello elevato di sicurezza in uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia, sviluppando tra gli Stati
membri un’azione in comune nel settore della cooperazione di polizia e giudiziaria in materia
penale (…)”.
138
55
solo il bene giuridico dell’ordine pubblico, ma anche l’ordine economico e
soprattutto l’ordine democratico”141.
La cooperazione giudiziaria142 nasce su base intergovernativa “orizzontale” e, nel
corso degli anni, è stata intensificata tramite l’emanazione di numerosi interventi
legislativi, inerenti la collaborazione giudiziaria comunitaria, culminati (dal punto
di vista operativo) con la Decisione Quadro sul mandato di arresto europeo143, che
ha indirettamente sancito il lungo ed ancora non del tutto completato passaggio ad
una forma di cooperazione qualificabile come verticale, con l’obiettivo di creare
organi sovranazionali che operino in maniera autonoma rispetto ai singoli Stati.
Dopo la fase dell’Azione Comune del Trattato di Maastricht e quella delle
Decisioni Quadro del Trattato di Amsterdam, si sta aprendo una “terza fase”
all’interno della realizzazione del Terzo Pilastro (che) involves the harmonization
of substantive criminal law (including the fields of terrorism, organized crime, and
racism and xenophobia), mutual recognition (…), the work of EU criminal justice
bodies such as Europol and Eurojust, and the development of standards to
regulate the proliferation of third pillar mechanism to collect, analyse and
exchange personal data144.
Sarebbe in questa sede impossibile ripercorrere le complesse vicende del diritto
penale
comunitario145,
sembra
più
opportuno
focalizzare
l’attenzione
sull’inquadramento della lotta al crimine organizzato all’interno dei Pilastri
comunitari146, al fine di cercare di valutare se ed in che termini l’esperienza che
l’Unione Europea ha vissuto per quanto concerne la creazione di una normativa di
contrasto a questo fenomeno possa essere presa a modello, quantomeno per
l’atteggiamento di totale adesione e condivisione, anche per il contrasto di altri
fenomeni criminali su scala comunitaria, fino ad arrivare ad una possibile
estensione all’intero comparto del diritto penale sostanziale.
141
LAUDATI, I delitti transnazionali (…), cit., 403.
Si ricorda che l’art. 34 TUE prevede, come strumenti di cooperazione giudiziaria e di polizia in
materia penale, l’adozione di: Posizioni comuni, Decisioni Quadro, Decisioni, Convenzioni ed
Accordi internazionali.
143
2002/584/GAI del 13 giugno 2002, recepita in Italia con L. 22 aprile 2005, n, 69.
144
MITSILEGAS, The third wave of third pillar law: which direction for EU criminal justice?,
E.L. REV., Thomson Reuters (Legal) Limited and Contributors, 34, 2009, 523.
145
Per una visione esaustiva del tema si rinvia a SGUBBI, Diritto penale comunitario, Dpen, IV,
1990, 89; DALMAS MARTY, Verso un diritto penale europeo, RIDPP, 1997, 545.
146
Fornisce un approfondimento, MANACORDA, La fattispecie-tipo della “organizzazione
criminale (…), cit., 297.
142
56
La prima presa di posizione comunitaria (Azione Comune del 1998) si colloca,
infatti, all’interno del Terzo Pilastro comunitario, che aveva stabilito di utilizzare
questo come strumento di espressione normativa147.
Fu subito chiaro come la difficoltà principale sarebbe stata quella di far convivere
realtà giuridiche così differenti come quelle coinvolte ed, ancora di più, portarle ad
una reale armonizzazione, da cui sarebbe scaturita una disciplina comune.
Un tentativo di armonizzazione totale, anche e soprattutto con quanto stabilito nel
frattempo con la Convenzione di Palermo, fu quello della proposta di Decisione
Quadro presentata nel 2005 dalla Commissione148.
La Framework Decision accolta nel 2008 (2008/841/JHA on the fight against
organized crime [2008] OJ L300/42) costituisce risposta conforme alla presa di
posizione convenzionale ma, rispetto alla proposta iniziale, mantiene la
caratteristica di concedere agli Stati membri la possibilità di scelta “of
criminalizing either participation in an organized criminal group or conspiracy,
and refrained from criminalising the direction of an organized criminal group”149.
Come si vedrà, questa alternativa non agevola la realizzazione di una reale
armonizzazione ed, ancora di più, non auspica il raggiungimento di uno status di
piena certezza legale.
Il collocamento di questi “strumenti” finalizzati al raggiungimento di una
armonizzazione del diritto penale a livello comunitario si colloca oggi nel Terzo
Pilastro “integrato” da strumenti del Primo, dopo una iniziale collocazione dubbia
tra i due, risalente agli anni novanta.
La lunga diatriba sull’inquadramento all’intero dei Pilastri150, sembra infatti avere
preso, dopo il Trattato di Amsterdam, una direzione precisa, prevedendo il ricorso
all’adozione della Direttiva come strumento per definire gli elementi delle condotte
penalmente rilevanti (con incidenza quindi del primo Pilastro), che ricevono poi
criminalizzazione dagli strumenti del Terzo Pilastro.
147
Il Trattato di Maastricht aveva a suo tempo incluso la cooperazione intergovernativa per
giustizia ed affari interni in un apposito Pilastro, il Terzo, creato con il Titolo VI, artt. K.1 TUE, nel
corso degli anni destinatario di numerose critiche in questa sede non ripercorribili, per i quali si
rinvia, ex ceteris, a SICURELLA, Il Titolo VI del Trattato di Maastricht ed il diritto penale,
RIDPP, 1997, 1307.
148
Cfr. COM(2005) 6, Proposal for a Framework Decision on the fight against organized crime.
149
Cfr. MITSILEGAS, EU Criminal law, cit., 531.
150
PANEBIANCO, Il riparto della competenza penale tra i “pilastri” dell’Unione Europea, DPP,
3, 2008, 398.
57
Questo almeno secondo l’iter seguito in vari casi recenti di penalizzazione di
condotte criminali, a cominciare dal riciclaggio fino ad arrivare ai crimini
ambientali151.
Indubbiamente comincia ad avvertirsi la “tensione” generata dal trasferimento di
alcune competenze inerenti il diritto penale dal Terzo al Primo Pilastro: é come se
lentamente la querelle tra il collocamento del diritto penale comunitario all’interno
dei Pilastri stia lasciando spazio ad una diversa diatriba, che vede contrapposti gli
Stati membri e l’Unione Europea, per stabilire i “confini” dei diversi ambiti di
sovranità in materia penale152.
A questa prima lotta interna si sovrappone altresì un secondo contrasto, che
implicitamente riguarda il crimine organizzato, inerente il desiderio di
armonizzazione a livello comunitario del diritto penale, cui si contrappone altresì
una sottesa rivendicazione della propria identità giuridica: gli Stati avvertono
sempre di più l’esigenza, in particolare per contrastare fenomeni transnazionali, di
“unire le forze” ma, al dunque, come la lotta all’organized crime sta dimostrando,
emergono forti difficoltà in sede di negoziati ed, ancora di più, esplicite
rivendicazioni di una propria autonomia in sede penale che generano modalità di
recepimento di normative comunitarie e sovranazionali non del tutto uniformi, a
volte in grado di “ostacolare” gli sforzi di cooperazione giudiziaria così
faticosamente raggiunti e, ancora di più di mettere in serio pericolo la “legal
certainty” comunitaria.
Decisiva appare oggi anche la presa di posizione del Trattato di Lisbona, secondo
il quale “the Union will have competence to establish minimum rules concerning
the definition of criminal offences and sanctions in the areas of particular serious
crime with a cross border dimension” (art. 83(1) TFEU), nelle quali rientra la
criminalità organizzata.
Questo, come altri profili introdotti a Lisbona, stanno mettendo in dubbio la
realizzazione effettiva di una armonizzazione penale comunitaria.
151
Da ultimo, la Direttiva 2008/99 sulla protezione dell’ambiente attraverso il diritto penale, OJ L
328/28.
152
Sul tema, MITSILEGAS, Constitutional principles of the european community and european
criminal law, European Journal of Law Reform, 8, 2006, 2/3, 301.
58
In particolare, il punto critico risulta essere la possibilità di ampliamento delle
competenze comunitarie (per quanto riguarda le aree di intervento dell’art. 83 (2)
TFEU tramite le decisioni unanimi del Consiglio).
L’articolo sembra oggi destinato ad incidere, una volta chiarita a livello
interpretativo da parte dell’Unione la sua reale portata, sulle sorti del diritto penale
comunitario153.
Diversi profili rimangono a questo punto privi di risposta: da un lato c’é la
consapevolezza dell’esigenza, in sede penale, di dover unire le forze per
contrastare fenomeni che spesso travalicano i confini nazionali, dall’altro c`e`un
certo “timore” nei confronti della “costituzionalizzazione” dell’Unione Europea ed
anche di una assunzione del carattere di verticalizzazione delle Istituzioni: come si
vedrà nelle prossime pagine, molta strada é stata percorsa a livello di cooperazione
giudiziaria ma a questo risultato positivo raggiunto si affianca la consapevolezza
che invece non sembra si sia ancora realizzata una reale armonizzazione
sostanziale.
Le stesse prese di posizione comunitarie sull’organized crime sembrano presentare
un connotato positivo e negativo allo stesso tempo: positivo nell’unione di intenti,
negativo nella scarsa certezza del diritto generata dalla ammissibilità di una
alternativa di criminalizzazione (almeno per alcuni profili di questo settore) e,
quindi, nella implicita negazione di una totale armonizzazione.
Numerose “prese di posizione” sono indubbiamente state assunte in quest’area ma
probabilmente manca ancora un quid pluris di “fermezza” comunitaria per poter
arrivare ad una reale armonizzazione ineludibile per creare, sempre che ne
permanga l’intenzione, un vero e proprio diritto penale comunitario: potrebbe
essere l’esempio del contrasto al crimine organizzato transnazionale, una volta
eliminate le aperture a possibili differenziazioni su scala nazionale, un modello da
seguire anche per altri settori del diritto penale?
153
Come puntualizza MITSILEGAS, EU Criminal law, cit., 108, lo stesso Regno Unito ha
esternato notevoli perplessità sul proseguio della propria adesione ad un progetto di diritto penale
comunitario, condizionando larga parte del proprio placet alla interpretazione di questo articolo:
House of Lords EU Committee, n 262 above, para. 6.179-6.189.
59
2.3.2 Brevi riflessioni in tema di cooperazione giudiziaria sovrananzionale: il
ruolo di Eurojust ed Europol.
Nell’analizzare l’inquadramento normativo della lotta alla criminalità organizzata
transnazionale, é emerso come uno degli strumenti per effettuare una politica di
contrasto sia il ricorso a “strategie” che concretamente consentano di realizzare
una cooperazione giudiziaria154.
Rapportando questo discorso al piano comunitario, all’interno dello stesso Terzo
Pilastro sono state previste una serie di Agenzie strutturate ad hoc per realizzare
un’integrazione quantomeno operativa in ambito penale.
Si tratta di strutture fondamentali che, da una parte consentono di realizzare quella
cooperazione necessariamente allocata alla base dell’armonizzazione ma che,
dall’altra, devono coesistere con organi interni ai singoli Stati e, soprattutto,
superare le “barriere” dei confini nazionali.
La nostra analisi é circoscritta ai tratti salienti di Europol ed Eurojust155,
quantomeno per comprendere il ruolo, per certi versi decisivo, che questi hanno
nella lotta al crimine organizzato ed, ancora di più, nel tentativo di cooperazione
giudiziaria che, con il tempo, dovrebbe portare ad una realizzazione, almeno
parziale, del “sistema penale comunitario”.
Europol designa l’ufficio di Polizia europea responsabile del coordinamento della
lotta contro l’organized crime, creato nel 1999, destinato a diventare Agenzia
dell’Unione europea nei prossimi mesi (gennaio 2010).
L’excursus storico dell’Europol é abbastanza contorto: il suo operato è
concretamente iniziato nel 1999 (per lo più per i tempi di ratifica etc.) ma era in
realtà stato previsto già all’atto della firma della relativa Convenzione nel 1995,
presentando da sempre difficoltà di inquadramento e di esatta delineazione di
poteri e prerogative.
L’organizzazione è nata in un’ottica di cooperazione delle intelligence nazionali, al
fine di “coordinare” le indagini dei singoli Stati inerenti le varie manifestazioni di
154
Per un’analisi puntuale sul tema si rinvia a D’AMATO A., La cooperazione internazionale
nell’esercizio della funzione giurisdizionale. Dalle rogatorie alle squadre investigative comuni in
attuazione del principio del Terzo Pilastro del Trattato sull’Unione Europea, in AA. VV., Nuove
strategie per la lotta la crimine organizzato transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 111.
155
Senza pretesa di esaustività, trattandosi di una analisi sintetica delle finalità di queste
organizzazioni orientate alla realizzazione della cooperazione, che si ritiene fondamentale nella
lotta al crimine organizzato transnazionale. Per gli opportuni approfondimenti sul tema, si rinvia a
PEERS, EU Justice and Home Affairs Law, Oxford, Oxford University Press, 2006, 536 ed a
MITSILEGAS, EU Criminal Law, cit., 161.
60
criminalità organizzata transnazionale, dal riciclaggio fino al traffico di sostanze
stupefacenti, senza dimenticare l’immigrazione clandestina etc.
Come premesso, complesso é inquadrare il ruolo e soprattutto l’incidenza
dell’Europol sulla sovranità dei singoli Stati.
E’ probabilmente alla luce di queste difficoltà di delimitazione di operatività che si
preferisce parlare in termini di “attività di sostegno” da parte dell’Agenzia nei
confronti degli Stati membri per quanto concerne le operazioni di scambio di dati,
di supporto nelle analisi, di collaborazione tecnica in caso di indagini crossborder,
per le inevitabili difficoltà di coordinamento che queste possono presentare, oltre
chiaramente ad un ruolo decisivo nella predisposizione di indagini e di strategie
preventive.
Il ruolo principale rimane però quello di gestione di una serie di dati utili inerenti
le finalità descritte.
Opera all’interno dell’area di Giustizia ed Affari interni dell’UE ed é condizionato
dalla supervisione coordinata dei singoli Stati membri.
Eurojust é invece un organo dotato di personalità giuridica, relativamente recente,
la cui nascita risale al 2002 per promuovere il coordinamento di indagini e
procedimenti giudiziari fra gli Stati membri dell’UE nella loro azione contro le
forme gravi di criminalità organizzata e transfrontaliera.
Funzionale é il suo ruolo di intermediario tra gli Stati coinvolti nel procedimento,
oltre che destinatario di varie indicazioni all’interno della Rete Giudiziaria
Europea, dell’OLAF etc.
Il suo ruolo é stato altresì intensificato alla luce delle disposizioni sull’assistenza
giudiziaria ed, ancora di più, del mandato di arresto europeo ed assume una
posizione decisiva qualora le indagini o i procedimenti de quibus riguardino Stati
membri e Paesi terzi o, in generale, gli interessi finanziari della stessa Comunità
europea o di una delle sue Istituzioni156.
Collabora anche esso allo scambio di informazioni tra gli Stati, pur avendo, per via
della sua composizione operativo-giuridica, una impronta spiccatamente di matrice
giudiziaria, anche alla luce della stretta collaborazione con la Rete di Giustizia
europea.
156
Si veda DE LEO, Dopo la Convenzione. Procura europea, Eurojust e dintorni, QG, 5, 2003, 1039.
61
L’Eurojust, secondo quanto stabilito dalla conclusione n. 46 del Consiglio di
Tampere del 15 e 16 ottobre 1999, é uno degli organismi ufficiali sorti nell’ambito
del Terzo Pilastro157 inerente “il profilo della cooperazione di polizia e giudiziaria
in materia penale, con il compito di rafforzare la lotta contro le forme gravi di
criminalità transnazionale”158, anche alla luce delle disposizioni di cui agli artt. 29
e 31 del Trattato di Amsterdam, così come integrati dal Trattato di Nizza, “che ha
sostanzialmente costituzionalizzato l’Eurojust quale pendant giudiziario di
Europol, mutuandone gli obiettivi, i poteri e le funzioni dal contenuto della
conclusione n. 46 del precedente Consiglio di Tampere”159.
Dopo la Decisione istitutiva del Consiglio dell’Unione Europea del 28 febbraio
2002, l’Italia ha emanato la Legge 14 marzo 2005 n. 41.
Per sintetizzare le finalità dell’operato di Eurojust, fondamentale é il richiamo agli
artt. 6 e 7 della relativa Decisione:
•
stimolare e migliorare il coordinamento, tra le Autorità nazionali
competenti degli Stati membri, delle indagini e delle azioni penali tra gli
stessi, tenendo conto di qualsiasi richiesta formulata da un'autorità
competente di uno Stato membro e di qualsiasi informazione fornita da un
organo competente in virtù di disposizioni adottate nell'ambito dei trattati;
•
migliorare la cooperazione tra le Autorità competenti degli Stati membri, in
particolare
agevolando
la
prestazione
dell'assistenza
giudiziaria
internazionale e l'esecuzione delle richieste di estradizione;
•
assistere altrimenti le Autorità competenti degli Stati membri per
migliorare l'efficacia delle loro indagini e azioni penali.
A queste competenze primarie (volendo estendibili anche a rapporti con Paesi
Terzi), si aggiungono quelle inerenti il rilascio di pareri, esecuzione di mandati di
arresto europeo, operazioni di assistenza giudiziaria (anche con Paesi terzi, ex artt.
24 e 38 TUE) ed istituzione e coordinamento di Squadre operative.
Come anticipato, l’ambito di operatività attiene molteplici forme di criminalità,
molte delle quali organizzate e transnazionali, inerenti i traffici illeciti, il
riciclaggio, le tratte di armi ed esseri umani, i reati ambientali etc.
157
Con Decisione 2002/187/GAI, artt. 1 e 2, ai sensi dell’art. 34, par. 2, lett. c) TUE.
Come ricordano CALVANESE, DE AMICIS G., Per il recepimento delle norme istitutive
termine ultimo fissato al 6 settembre 2003, Gdir, 24, 22 giugno 2002, 2 (inserto).
159
Id., Per il recepimento delle norme istitutive (…), cit., 2.
158
62
Anche l’obiettivo di Europol, come stabilito dall’art. 2 della Convenzione
istitutiva, é quello di “migliorare l’efficacia e la cooperazione di polizia fra gli Stati
membri allo scopo di combattere il terrorismo, il traffico illecito di stupefacenti e
le altre gravi forme di criminalità organizzata”160.
Ai fini del discorso in esame, il tratto comune di questi due organi rimane la loro
funzionalità in maniera specifica all’interno della criminalità organizzata
sovranazionale, con ripercussioni quindi in vari Stati membri delle operazioni
illecite realizzate.
Al di là dei caratteri specifici di questi due organismi, questo loro breve
inquadramento consente di capire come esistano, anche per quanto concerne il
coordinamento, più livelli, che non devono contrastare tra loro, sia per evitare
ostacoli alle indagini che per duplicare inutilmente gli sforzi.
Un primo livello di indagini é chiaramente quello interno ai singoli Stati, che
spesso necessita di un superamento dei confini nazionali, tanto da assumere una
veste comunitaria se non, addirittura, internazionale.
Gli stessi ordinamenti nazionali sono quindi chiamati ad introdurre disposizioni
volte a garantire questo coordinamento giudiziario ampliato.
Per quanto concerne il nostro Stato, decisivo appare, a livello interno, il richiamo
alla Direzione Nazionale Antimafia (DNA), che costituisce corrispondente interno
di Eurojust ed Europol, così come assumono ruolo preponderante il National
Criminal Intelligence Service (NCIS)161 ed il Serious Organized Crime Agency
(SOCA) all’interno del sistema inglese162.
160
Cfr. DE MARTINO F. M., Europol: flusso transnazionale dei dati personali e loro utilizzazione
nel processo penale italiano tra immunità degli agenti e cultura del sospetto, in AA. VV., Nuove
strategie per la lotta la crimine organizzato transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 139.
161
NCIS works on behalf of all UK law enforcement agencies in the fight against serious and
organized crime. NCIS provides strategic and tactical intelligence on serious and organized crime,
nationally and internationally. It is the gateway for UK law enforcement enquiries overseas via
Interpol, Europol and the overseas liaison officers networks. It is also the coordinating authority on
behalf of police forces in the UK for the tasking of the Security Service, in accordance with the
Security Service Act 1996.
162
Come confermato a pag. 18 tra gli obiettivi puntualizzati dal One Step Ahead: A 21st Century
Strategy to Defeat Organized Crime, presentato al Parlamento dal Segretario di Stato per l’Home
Department nel Marzo 2004 c’é anche quello di Improving the operational effectiveness of EU
bodies responsible for tackling organized crime, including Europol (the EU’s criminal intelligence
agency), Eurojust (responsible for coordinating prosecutions) and the Police Chiefs Task Force.
These bodies have great potential, and UK forces already make more use of Europol than
counterparts in any other member state. But more can and should be done. L’obiettivo di
necessaria cooperazione viene confermato anche dal Documento, sempre all’interno della politica
di contrasto al fenomeno criminale, presentato al Parlamento dal Segretario di Stato per l’Home
Department nel luglio 2009, Extending our reach: a comprehensive approach to tackling serious
63
La Convenzione di Palermo implicitamente conferma l’importanza della
cooperazione giudiziaria, pur ribadendo ex art. 4 l’importanza del riconoscimento
della sovranità nazionale, in
termini di eguaglianza, di non interferenza
nell’operato degli altri Stati e di salvaguardia di spazi riservati alle politiche
interne.
Nonostante questa precisazione, la TOC Convention auspica anche essa la
realizzazione di una effettiva cooperazione internazionale: la lotta alla criminalità
“non può prescindere dall’esigenza di una costante, rapida ed efficace
coordinazione tra le diverse autorità giudiziarie e di polizia competenti per
l’indagine transnazionale”163.
Come premesso nell’art. 1, Statement of purpose, “The purpose of this Convention
is to promote cooperation to prevent and combat transnational organized crime
more effectively”.
Oltre alla disposizione inerente l’international cooperation for purposes of
confiscation (art. 13), l’art. 15, comma 5, stabilisce che “If a State Party exercising
its jurisdiction under paragraph 1 or 2 of this article has been notified, or has
otherwise learned, that one or more other States Parties are conducting an
investigation, prosecution or judicial proceeding in respect of the same conduct,
the competent authorities of those States Parties shall, as appropriate, consult one
another with a view to coordinating their actions”.
Gli strumenti previsti in sede convenzionale sono numerosi e la loro importanza é
indiscutibile. Si spazia infatti dalla predisposizione dell’iter per il trasferimento dei
procedimenti giudiziari (art. 21), alla previsione stessa delle indagini comuni (art.
19), oltre agli articoli proprio dedicati alla cooperazione giudiziaria e di polizia
(artt. 27, 28 e 29), con l’importante strumento della previsione, ex art. 20, delle
operazioni sotto copertura.
La L. 146/06, dedica l’art. 5 a stabilire, come richiesto dall’art. 18, che il Ministro
di Giustizia é l’Autorità designata come punto di riferimento per quanto quindi
previsto dal Testo pattizio, cui va inevitabilmente affiancato il contributo operativo
in termini di cooperazione della DNA.
organized crime, cit, 38-39.
163
LAUDATI, Il coordinamento delle indagini nel crimine organizzato transnazionale. Il ruolo
della Direzione Nazionale Antimafia alla luce dei coordinamenti in sede europea, in AA. VV.,
Criminalità organizzata transnazionale e sistema penale italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007, 391.
64
Questi strumenti presentano però chiaramente dei profili critici, che si auspica
vengano superati con il tempo e con un raffinamento delle tecniche di indagine
comune, in particolare proprio a livello internazionale, dove possono
inevitabilmente sorgere maggiori difficoltà in caso di rapporti con Stati terzi
rispetto alla sola Unione Europea.
Proprio per ovviare a ciò, si ritiene altresì auspicabile la contemporanea stipula di
accordi multipli o quantomeno bilaterali.
L’importanza di questi organismi rimane però evidente, laddove costituiscono una
delle risposte pratiche per cercare di realizzare, insieme con altre strutture, quella
cooperazione giudiziaria ed, in generale, quella “unione di forze” che é necessaria
per combattere il crimine organizzato, in particolare nella sua forma
transnazionale: per sintetizzare in un’unica espressione, sempre più avvertita é
l’esigenza di coordinamento affiancato a cooperazione, ovvero del contemporaneo
operare su un piano verticale ed orizzontale.
Per molti anni infatti, la cooperazione é stata intesa solo come collaborazione e non
come interazione vera e propria164.
A questa importante presa di posizione comunitaria ed internazionale sembra però
inopinabile che debba seguire una risposta sempre più puntuale da parte di ogni
singolo Stato membro, perché solo così la funzionalità astratta di questo tipo di
organismi può trasformarsi in un risultato concreto: gli organi richiamati
coordinano le varie attività ma è altresì necessaria una reale cooperazione tra le
Nazioni di volta in volta coinvolte nelle indagini.
Al rispetto della sovranità nazionale va affiancato, in maniera ragionata, il ruolo
degli organismi sovranazionali e va altresì auspicato questo atteggiamento di reale
interazione tra gli Stati, uniti nella loro autonomia, per contrastare un fenomeno
criminale che ha ormai assunto dimensioni che travalicano i confini nazionali.
164
La distinzione tra questi due termini é minima, trattandosi quasi di sinonimi, ma le realtà che si
vogliono intendere sono invece diverse, rimandando ad una visione statica la collaborazione, dove
ogni Stato cura bene i propri interessi ed ha un atteggiamento diplomatico con gli altri, mentre
l’interazione lascia presupporre una sorta di lavoro congiunto e di interscambio costante, che in
realtà é il modello auspicato in sede comunitaria (cui nel tempo si é aggiunta l’idea di
coordinamento “dall’alto” degli organi comunitari), prendendo spunto dalle riflessioni sul tema
basato sulle “regole di buon vicinato” di cui parla LAUDATI, Il coordinamento delle indagini nel
crimine organizzato transnazionale (…), cit., 382.
65
2.4 La necessaria armonizzazione a livello sovranazionale. Negoziati,
compromessi e profili critici della Convenzione di Palermo.
Ogni articolo della Convenzione, come chiarito fin dai paragrafi di apertura di
questo lavoro, é stato il risultato di un complesso lavoro di compromesso da parte
degli Stati.
La motivazione di questa macro-difficoltà é da individuare nelle differenze tra i
vari ordinamenti: alcuni del tutto privi di una legislazione nazionale inerente la
criminalità organizzata, altri talmente avulsi al fenomeno da costituire, a torto o a
ragione, un obbligatorio parametro di confronto.
Oltre al profilo definitorio di ogni singola espressione usata nella Convenzione,
un’altra difficoltà rilevante, anche dopo la stesura, é stata quella di chiarire come la
Convenzione si limita ad identificare i caratteri della transnazionalità e della
organizzazione criminale ma non ha la finalità di creare figure autonome di
illecito, stabilendone caratteri e condizioni che i singoli Stati dovrebbero poi
adottare: la Convezione, cioé, individua i tipi di reato punibili se commessi in
forma associata e su base transnazionale ma non definisce, lasciando questo
compito alle legislazioni nazionali, quali siano gli elementi costitutivi della
fattispecie previste, tra le quali ricordiamo quella di riciclaggio etc.165.
Un discorso a parte, in tale senso, merita la criminalizzazione della partecipazione
ad un gruppo organizzato166.
Per una chiara lettura del Testo della Convenzione, appare ineludibile la visione
contemporanea del disposto normativo e delle Note Interpretative ufficiali,
pubblicate ad opera dell’UNODC nel 2006167.
Pur non essendo ancora chiaro il valore giuridico di queste Note, in attesa di una
loro ufficializzazione, costituiscono comunque strumento indispensabile per
comprendere, in particolare, i lavori di negoziazione sottesi ad ogni articolo.
165
A tal proposito, alcuni Autori (si veda SCIACCHITANO, Importanti passi (…), cit., 7),
denunciano come “molti Paesi, pur dopo aver firmato e ratificato la Convenzione, non si
preoccupano di adeguare il loro ordinamento interno ai principi stabiliti in detta Convenzione,
rendendola con ciò inapplicabile”. Da questo punto di vista, infatti, “la Convenzione é fortemente
innovativa: non più trovare applicazione senza intervanti legislativi ed amministrativi nel campo del
diritto penale sostanziale e processuale, né in quello delle riforme degli organi investigativi, che
debbono avere una visione globale del fenomeno ed un’alta specializzazione per combatterlo”.
166
L’approfondimento di questo profilo ed il confronto con l’esperienza giuridica inglese saranno
oggetto del prossimo Capitolo.
167
UNITED NATIONS, Travaux preparatoires of the negotiations for the elaboration of the
United Nations Transnational Organized Crime and Protocols thereto, New York, 2006.
66
A queste Note erano ancora prima state affiancate le Linee Guida, sempre ad opera
dell’UNODC nel 2004168.
Il loro ruolo, a differenza delle Note, é stato da subito ben più chiaro, trattandosi di
un ausilio per gli Stati Membri nel recepimento della Convenzione, in particolare
per quegli Stati membri che erano quasi del tutto privi di disposizioni normative
inerenti la criminalità organizzata e che hanno, quindi, ex novo dovuto introdurre
un sistema legislativo interno ad hoc.
Parte della dottrina nota come la Convenzione realizzi un compromesso anche
nella sua struttura: in alcuni punti pone, infatti, obblighi precisi, definendo le
caratteristiche dei reati, in altri lascia invece “carta bianca”, in particolare dal punto
di vista sanzionatorio.
Ciò può comportare inevitabilmente rischi a livello attuativo: gli Stati, infatti, pur
di non stravolgere completamente i propri ordinamenti, potrebbero essere indotti a
sfruttare la discrezionalità concessa e non attenersi scrupolosamente alle
indicazioni, pregiudicando una reale cooperazione a livello transnazionale.
Resta da evidenziare che, per come é impostata la Convenzione, assume un ruolo
fondamentale la qualità stessa delle norme degli ordinamenti interni in risposta a
quanto previsto dal Testo internazionale.
Allo stesso modo é possibile criticare169 una assenza di coordinamento, da parte
della Convenzione, con i Trattati internazionali precedenti e con il lavoro della
stessa Unione Europea, che ben prima si era iniziata ad occupare, almeno dal punto
di vista della cooperazione giudiziaria, del fenomeno; questa lacuna di rinvii e
riferimenti nomativi sembra trovare unica giustificazione nella scelta di non
accompagnare con un Preambolo la Convenzione stessa.
Nel corso degli anni é stato possibile, oltre ad evidenziare le peculiarità di questa
Convenzione, anche sottolinearne inevitabilmente alcuni limiti applicativi.
Il fatto di dover rispettare una porzione di sovranità statale “intoccabile” ha, infatti,
comportato l’importante conseguenza che la Convenzione obbliga gli Stati a
prevedere all’interno del proprio ordinamento dei fatti illeciti come reati ed a
predisporre importanti misure di cooperazione giudiziaria ma lascia discrezionalità
168
UNITED NATIONS, Legislative guides for the implementations of the United Nations
Conventions against Transnational organized crime and Protocols thereto, New York, 2004.
169
Come nota CASTELLANETA, Inapplicabile la Convenzione di Palermo se il crimine non
produce vantaggi materiali, GDir, 3, 1 maggio 2006, 12.
67
circa l’individuazione delle caratteristiche stesse delle fattispecie, incluso il profilo
sanzionatorio170.
La Convenzione risulta al dunque applicabile, nel suo profilo sostanziale, quando
si verifica una delle ipotesi elencate e sono altresì presenti i requisiti della
transnazionalità e della partecipazione di un gruppo criminale organizzato.
Occorre però sottolineare (ex art. 34, comma 2) che, a livello di legislazione
interna, non occorre che i reati presentino questi due requisiti nella previsione dei
loro elementi costitutivi.
Si tratta di una puntualizzazione non priva di implicazioni pratiche notevoli: “il
Legislatore nazionale deve affermare la punibilità di fattispecie meramente interne
secondo gli elementi costitutivi del reato fissati nella Convenzione”171.
Altro profilo critico ascrivibile alla Convenzione sorge dalla scelta di puntualizzare
solo una parte di reati (corruzione, partecipazione, riciclaggio e intralcio alla
giustizia), per poi risultare per certi versi lacunosa con il ricorso all’espressione
“reati gravi”.
La tecnica del “contenitore aperto”, infatti, risponde ad una precisa e forse
discutibile scelta presente alla base dell’art. 11.
Al grande lavoro di armonizzazione dei vari ordinamenti penali coinvolti é seguita
una discrezionalità applicativa (il prezzo pagato per poter pervenire al
compromesso che é ala base della Convenzione stessa?) dal punto di vista
dell’azione penale, che sembra confliggere con i buoni propositi ed auspici sottesi
alla Convenzione.
In particolare, per i reati gravi di cui all’art. 2, si obietta come le Autorità nazionali
potrebbero prevedere pene inferiori alla soglia minima di quattro anni fissata come
condizione di applicazione, con l’unico obiettivo di escludere l’applicabilità del
Testo pattizio.
Al di là delle possibili ragioni che potrebbero indurre uno Stato ad adottare un
comportamento così “malizioso”, si auspica che lo Stato (al dunque sempre
170
Si ricorda, infatti, che secondo il disposto dell’art. 4- tutela delle sovranità- l’adempimento degli
obblighi della Convenzione deve essere effettuato in coerenza con i principi dell’eguaglianza
sovrana, dell’integrità territoriale e del non intervento negli affari interni di altri Stati. La
Convenzione, altresì, non legittima in alcun modo uno Stato ad intraprendere nel territorio di un
altro Stato l’esercizio della giurisdizione e di funzioni che sono riservate esclusivamente alle
Autorità di quell’altro Stato dal proprio diritto interno.
171
Cfr. CASTELLANETA, Inapplicabile la Convenzione di Palermo (…), cit., 13.
68
“vittima” della criminalità organizzata) eviti con i propri comportamenti antielusivi
di favorire la criminalità stessa.
“L’internazionalizzazione di alcune forme tra le più pericolose della criminalità
contemporanea opera come fattore non solo di espansione del diritto penale
moderno, ma ancora prima di suo rinnovamento e trasformazione: proprio per non
abdicare al proprio tradizionale compito di tutela, il diritto penale moderno deve
raggiungere una nuova sintesi tra garanzie individuali e contrasto alle nuove offese
ai diritti fondamentali.
Rispetto ad un programma così impegnativo, il riferimento alla criminalità
organizzata assume un valore emblematico di banco di prova non solo per misurare
funzione, limiti e scelte incriminatici di un sistema penale contemporaneo, ma
anche per evidenziare i bisogni di integrazione tra la dimensione nazionale
dell’attività di contrasto e quella internazionale della stessa, a sua volta articolata a
livello globale o anche solo macroregionale”172.
172
Cfr. CASTELLANETA, Inapplicabile la Convenzione di Palermo (…), cit., 13.
69
2.5 Struttura e finalità della Convenzione.
Nell’esaminare, almeno nei suoi profili principali, la struttura e le finalità della
Convenzione173, va in primis ribadito come si tratti di un corpus normativo
finalizzato alla realizzazione di una cooperazione per la lotta alla criminalità
organizzata, tramite “l’obbligo per le Nazioni di incriminazione nelle legislazioni
nazionali dei reati di partecipazione ad organizzazioni criminali, riciclaggio,
corruzione, ostruzione alla giustizia”174.
L’obiettivo della Convenzione di “incrementare l’efficacia della cooperazione
internazionale in materia di criminalità organizzata transnazionale” é affidato ad un
“insieme integrato di misure per sviluppare la cooperazione giudiziaria e di polizia
e per elevare la capacità preventiva nei confronti delle organizzazioni criminali
transnazionali”175.
Gli Stati-parte si sono impegnati ad introdurre come reati (se già non esistenti), le
varie fattispecie previste dal Testo della Convenzione stessa176, anche con
l’obiettivo di “tradurre in pratica” la armonizzazione tanto auspicata tra i vari
ordinamenti, andando così ad evitare i frequenti problemi legati al fenomeno della
“doppia incriminazione”.
Alla base della Convenzione c’é, infatti, una precisa scelta strutturale, secondo la
quale il Testo ha uno “sviluppo consequenziale”, caratterizzato dalla presenza, in
sequenza, di una dichiarazione di scopo, ambito di applicazione, previsione ed
173
La bibliografia sul tema é vasta e si é notevolmente ampliata nel corso degli anni. Per un’analisi
approfondita, fondamentale é quantomeno il rinvio a AA. VV., Criminalità transnazionale tra
esperienze europee e risposte penali globali, Atti del 3° Convegno internazionale (Lucca, 24-25
maggio 2002), Milano, 2005; AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato
transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003; AA. VV., Criminalità organizzata transnazionale
e sistema penale italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007; McCLEAN, Transnational organized
crime: a Commentary on the U.N. Convention and its Protocols, OUP, Oxford, 2007; AA. VV.,
Combating transnational crime. Concepts, activities and responses, Williams-Vlassis (eds.),,
London, 2001; AA. VV., Il crimine organizzato come fenomeno transnazionale. Forme di
manifestazione, prevenzione in Italia, Germania e Spagna, a cura di Militello, Arnold, Paoli,
Milano-Freiburg, 2000; AA. VV., Le strategie di contrasto alla criminalità organizzata nella
prospettiva del diritto comparato, a cura di Fornasari, Padova, 2002 etc. e le relative note
bibliografiche.
174
MICHELINI, POLIMENI, Il fenomeno del crimine transnazionale (…), cit., 22.
175
Come chiarisce MILITELLO, Le strategie di contrasto (…), cit., 249.
176
L’impegno all’introduzione delle fattispecie é, chiaramente, un vincolo importantissimo. Come
si vedrà, infatti, nel Terzo Capitolo di questo lavoro, lo stesso sistema penale italiano, in particolare
per quanto concerne la criminalizzazione della partecipazione, ha dovuto svolgere un complesso
lavoro di adattamento. In generale, la globalizzazione e l’introduzione di una disciplina pattizia
internazionale hanno inciso molto sul nostro ordinamento e, come emergerà dalla nostra analisi
comparativa, anche sull’esperienza giuridica inglese.
70
esplicazione di strumenti di natura normativa ed operativa (che spaziano dalla
estradizione alla assistenza giudiziaria).
La scelta di aprire la Convenzione (art. 1) con un’ufficializzazione degli intenti
non é chiaramente casuale, in quanto finalizzata a sottolineare l’importanza della
promozione di una cooperazione più efficace per prevenire e combattere il crimine
organizzato transnazionale.
Questa scelta é stata probabilmente resa necessaria dal fatto che la Convenzione di
Palermo manca di Preambolo vero e proprio: il fatto però di ridurre in un solo e
non particolarmente prolisso articolo le finalità stesse della Convenzione
(solitamente ampiamente contemplate nel preambolo) rimane comunque una scelta
abbastanza insolita, la cui unica giustificazione sembra essere il fatto che in
precedenza più volte177 le Nazioni Unite si erano trovate, in altre occasioni
ufficiali, a chiarire la necessarietà di un Testo Unico sul tema della criminalità
organizzata, motivo per cui non si é ritenuto né utile né necessario nell’economia
generale dell’istituto, ribadire concetti già più volte altrove esplicitati.
Lo scopo é poi seguito (art. 2) da una puntualizzazione sulle espressioni
terminologiche frequentemente ricorrenti nell’intero Testo, a partire da “gruppo
criminale organizzato”178 fino ad arrivare a quella di “organizzazione di
integrazione economica regionale”.
In realtà, nell’art. 2 vengono riportati alcuni dei concetti più importanti utilizzati
nel Testo, ma anche negli altri articoli é possibile rinvenire alcune definizioni,
incluso, ex art. 3, il chiarimento dei casi in cui un reato può definirsi di natura
transnazionale.
Rinviando, almeno per ora, l’analisi delle lettere a) e b), le lettere da c) ad i)
contengono numerosi concetti, che rendono fortemente variabile il contenuto
dell’intero articolo: si tratta, infatti, di una norma esplicativa delle varie
177
Ma, in particolare, nella Risoluzione 55/25 del 15 novembre 2000 per l’adozione della
Convenzione, dove, tra le altre cose, si chiarisce che si é “strongly convinced that the United
Nations Convention against Transnational organized crime will constitute an effective tool and the
necessary legal framework for international cooperation in combating, inter alia, such criminal
activities as money laundering, corruption, illicit trafficking in endangered species of wild flora
and fauna, offences against cultural heritage and the growing links between transnational
organized crime and terrorist crimes”.
178
La complessa ed articolata evoluzione definitoria del concetto, insieme con quello di reato
transnazionale, necessita di un approfondimento autonomo, cui si cercherà di ovviare nel corso
della trattazione. Si tratta, infatti, di un punto della Convenzione in cui l’avvicinamento (e quindi il
contrasto) tra associazione per delinquere e conspiracy ha avuto la sua massima espressione.
71
definizioni, che consente di comprendere il significato, ai fini della Convenzione,
delle espressioni utilizzate nel resto del Testo.
La lettera c) dell’articolo, ad esempio, fornisce una definizione di “gruppo
strutturato”, sottolineando come debba trattarsi di un gruppo che “non si é
costituito fortuitamente per la commissione estemporanea di un reato e che non
deve necessariamente prevedere ruoli formalmente definitori per i suoi membri,
continuità nella composizione o una struttura articolata”.
Questa definizione è particolarmente utile anche per comprendere il concetto di
gruppo criminale.
L’esigenza di introdurre all’interno dell’art. 2 una definizione di <gruppo
strutturato> è, infatti, sorta anche sulla scia delle notevoli difficoltà che la
Commissione ad hoc ha incontrato per chiarire cosa si intenda per gruppo
criminale organizzato (di cui alla lettera a).
L’articolo 3 nasce, invece, per chiarire l’ambito di operatività della Convenzione
stessa, che trova applicazione per la prevenzione, investigazione ed esercizio
dell’azione penale per i reati stabiliti ai sensi degli art. 5, 6, 8 e 23 ed i reati gravi
di cui all’art. 2179, “laddove i reati sono di natura transnazionale e vedono
coinvolto un gruppo criminale organizzato”180.
Il riferimento è, quindi, all’art. 5 (penalizzazione della partecipazione ad un gruppo
criminale organizzato)181, art. 6 (penalizzazione del riciclaggio dei proventi di
reato)182, art. 8 (penalizzazione della corruzione)183 ed art. 23 (penalizzazione
dell’intralcio alla giustizia)184.
L’art. 4, invece, consente di garantire la tutela della sovranità, precisando che gli
Stati “adempiono agli obblighi di cui alla presente Convenzione coerentemente con
179
Ex art. 1, reato grave indica la condotta che costituisce un reato sanzionabile con una pena
privativa della libertà personale di almeno quattro anni nel massimo o con una pena più elevata.
180
Con palese e voluta esclusione di reati legati al terrorismo, probabilmente a voler ribadire come i
fatti di terrorismo necessitino di normativa ad hoc, scissa dalle finalità della lotta alla criminalità
organizzata transnazionale.
181
Per cui si rinvia ai riferimenti bibliografici di parte del Terzo Capitolo.
182
In particolare, ex ceteris, si rinvia a FAIELLA, Riciclaggio e crimine organizzato
transnazionale, Milano, 2009 ed alle relative indicazioni bibliografiche.
183
Esistono ormai numerosi contributi e monografie sul tema, anche alla luce della recente e
corposa normativa sovranazionale e comunitaria specifica per il reato di corruzione: ex ceteris,
MARRA, Contrasto e prevenzione della corruzione pubblica transnazionale, in AA. VV,
Criminalità organizzata trasnanzionale (..), cit., 126.
184
BONDI, I reati inclusi nella Convenzione di Palermo: l’intralcio alla giustizia, in AA. VV.,
Criminalità organizzata transnazionale (…), cit., 190.
72
i principi dell’eguaglianza sovrana, dell’integrità territoriale e del non intervento
negli affari interni di altri Stati”185.
Si tratta di una Convenzione qualificata come “non self-executing”, che richiede, di
conseguenza l’intervento del Legislatore nazionale186.
Vengono successivamente chiarite le misure per combattere il riciclaggio di denaro
(art. 7), quelle anticorruzione (art. 9) e la responsabilità delle persone giuridiche
(art. 10).
La Convenzione si sviluppa, nel totale, per ben 41 articoli: dopo i primi dieci
articoli già menzionati, inizia altresì una parte che potremmo identificare come di
cooperazione operativa a livello processualistico, incentrata sulle varie misure di
prevenzione e di repressione187, seguita dagli articoli finali di applicazione della
Convenzione stessa188.
L’art. 10 si limita a richiedere, premettendo sempre la compatibilità con
l’ordinamento interno, che gli Stati membri includano nel proprio sistema giuridico
la previsione di una responsabilità per le persone giuridiche nell’ipotesi di
partecipazione ai gravi crimini che coinvolgono un gruppo criminale organizzato e
per i reati stabiliti dagli artt. 5, 6, 8, e 23.
Non viene invece precisata che qualificazione normativa deve assumere questa
responsabilità, può infatti essere civile, penale o amministrativa, purché
accompagnata da sanzioni effettive, proporzionali e dissuasive.
Ha costituito input positivo ai fini di una effettiva incisività della Convenzione il
fatto di chiarire, ex art. 15, le modalità di riparto della competenza tra le autorità
delle varie Nazioni.
Solo così, infatti, é stato possibile evitare la creazione di “zone franche” e fare in
modo che, a prescindere dal locus commisi delicti, il reato transnazionale venga
comunque perseguito e punito.
185
Con ciò rendendo altresì espresso il divieto per un altro Stato Parte “ad intraprendere nel
territorio di un altro Stato l’esercizio della giurisdizione e di funzioni che sono riservate
esclusivamente alle Autorità di quell’altro Stato dal suo diritto interno”.
186
In tal senso, CASTELLANETA, Inapplicabile la Convenzione di Palermo (…), cit., 12, che
evidenzia altresì come “il conseguimento degli obiettivi appaia in parte compromesso
dall’attuazione legislativa interna, non sempre in linea con lo spirito convenzionale.
187
In particolare, per quanto concerne l’assistenza giudiziaria, la protezione dei testimoni etc., il
fatto che l’Unione al suo interno fosse già intervenuta per favorire fenomeni di cooperazione
operativa e giudiziaria, ha influenzato positivamente la previsione di una normativa sovranazionale.
188
Inclusa la previsione di cui all’art. 32 per la creazione di una Conferenza delle parti aderenti alla
Convenzione, finalizzata a monitorare la Convenzione e la sua applicazione.
73
Ciò ha comportato la scelta del principio di territorialità come criterio di
individuazione dell’Autorità competente a giudicare.
Questo criterio principale, da recepire nei vari ordinamenti, é altresì accompagnato
da criteri c.d. opzionali di natura extraterritoriale, che spaziano dalla applicabilità
del diritto dello Stato di cui la vittima é cittadino etc.
Non é ancora chiaro, invece, se la previsione di una consultazione tra Stati (di cui
al quinto comma dell’art. 5) sia sufficiente per dirimere eventuali conflitti di
giurisdizione in assenza di un organo ad hoc che sia a conoscenza di tutte le
indagini e le operazioni avviate tra i vari Stati e, soprattutto, di alcune
puntualizzazioni ineludibili a livello processuale189, attualmente non proprio chiare
circa la trasferibilità di procedimenti già in corso tra i vari Paesi.
Si ricorda che, secondo il disposto di cui all’art. 4 “tutela della sovranità”,
l’adempimento agli obblighi della Convenzione deve essere effettuato in coerenza
con i principi dell’eguaglianza sovrana, dell’integrità territoriale e del non
intervento negli affari interni di altri Stati.
La Convenzione, infatti, non legittima in alcun modo uno Stato ad intraprendere
nel territorio di un altro Stato l’esercizio della giurisdizione e di funzioni che sono
riservate alle Autorità di quell’altro Stato dal proprio ordinamento: questa e le altre
considerazioni in tema di principi generali sulla criminalità organizzata
transnazionale debbono indubbiamente sempre essere presenti nelle riflessioni
sulla lotta contro questo fenomeno criminale, al fine di comprendere portata ma
anche limiti della normativa stessa.
189
Il riferimento é anche all’assenza di una disciplina ad hoc per il ne bis in idem su scala
internazionale.
74
2.6 La definizione di reato transnazionale.
Per ripercorrere quantomeno i tratti salienti della Convenzione delle Nazioni Unite
e di evidenziare i suoi profili critici, particolare attenzione va riservata alla scelta di
coniare una definizione di reato con carattere transnazionale190.
Dalla lettura dell’art. 3 della TOC Convention, infatti emerge, implicitamente,
come nella sua prima parte non si renda necessario nessun chiarimento
terminologico ulteriore, visto che tutte le espressioni ed i concetti richiamati sono
comprensibili tramite rinvio ad altri punti della Convenzione, mentre sicuramente
serve definire quando é possibile parlare di reato transnazionale.
La definizione é in sé strettamente legata alla prima parte dello stesso articolo,
perché consente di completare e chiarire le ipotesi applicative della Convenzione
stessa, in particolare per quanto concerne la lett. b) ed il richiamo ai reati c.d. gravi
“laddove sono di natura transnazionale e vedono coinvolto un gruppo criminale
organizzato”.
Solo in questo modo, infatti, é stato possibile restringere l’area applicativa della
Convenzione: l’art. 2, lett. b), coordinato con l’art. 3, primo comma, lett. b), nella
sua prima parte avrebbe eccessivamente esteso l’operatività del Testo pattizio de
quo che, invece, richiede i requisiti ulteriori della transnazionalità e del
coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato.
Mentre però é possibile individuare altrove cosa si intenda con il secondo dei
requisiti, é sembrato ai Committenti che questo fosse il punto migliore191 per
chiarire cosa si intenda con l’aggettivo “transnazionale”.
Si tratta indubbiamente di una delle novità più importanti della Convenzione di
Palermo, come si vedrà ripresa anche dalla formulazione letterale dell’art. 3 della
L. 146/06.
Dal punto di vista dogmatico, si é trattato, infatti, indubbiamente di una decisione
non facile: la determinatezza é sicuramente alla base della certezza stessa del
190
La genesi del termine é relativamente certa e generalmente ricondotta al ruolo delle Nazioni
Unite e in particolare, come “momento storico”, alla Naples Political Declaretion and global
Action Plan against Transnational organized crime (doc. A/49/748), adottata al termine della
Conferenza ministeriale sul crimine organizzato transnazionale, Napoli, 21-23 novembre 1994.
191
Anche se in realtà non é del tutto chiaro perché non esaurire l’insieme delle precisazioni
terminologiche nella disposizione a ciò dedicata: una possibile spiegazione di questa scelta,
sicuramente non casuale, sembra possa essere la superiore necessità di affiancare la definizione alla
precisazione dell’ambito applicativo, per evidenziarne ampiezza ma anche limiti.
75
diritto ma può, allo stesso tempo, costituire anche un vincolo alla sua stessa
operatività, quantomeno nell’ipotesi di una definizione particolarmente rigida.
Forse proprio per questo motivo, insieme con la necessità di pervenire ad un
concetto adattabile alle realtà interne di ordinamenti così eterogenei come quelli
coinvolti192, si é optato per una scelta di politica criminale che consenta, al tempo
stesso (non senza difficoltà e possibilità di critiche), di individuare i caratteri della
transnazionalità ma anche di fungere da contenitore vuoto, adattabile (nei limiti) a
seconda delle esigenze, lasciando però agli Stati comunque la possibilità di
adattarsi alla Convenzione e di prevedere l’introduzione delle fattispecie de quibus
“indipendentemente dalla natura transnazionale o dal coinvolgimento di un gruppo
criminale organizzato”193, chiaramente facendo salvo il solo art. 5194.
Pur non essendo presente nell’articolo 2 della Convenzione, la definizione di reato
transnazionale, così come articolata nel corpo dell’articolo 3, dopo una
puntualizzazione, conformemente al titolo stesso, dell’ambito di applicazione, é
fondamentale. Un reato può definirsi transnazionale qualora:
•
sia commesso in più di uno Stato;
•
sia commesso in uno Stato, ma una parte sostanziale della sua
preparazione, pianificazione, direzione o controllo avviene in un altro
Stato;
192
Fondamentale é, a tal proposito, come precedentemente chiarito, il richiamo all’art. 34: ciascuno
Stato Parte adotta, conformemente ai principi fondamentali della propria legislazione interna, le
misure necessarie, incluse quelle legislative ed amministrative, dirette a garantire l’attuazione dei
propri obblighi secondo la presente Convenzione.
I reati previsti dagli articoli 5, 6, 8 e 23 della presente Convenzione vengono inseriti nella
legislazione interna di ciascuno Stato Parte indipendentemente dalla natura transnazionale o dal
coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato, ai sensi dell’articolo 3 paragrafo 1 della
presente Convenzione, tranne che nella misura in cui l’articolo 5 della presente Convenzione
richiede il coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato (…).
193
La stessa Legge di ratifica italiana ha solo parzialmente recepito le indicazioni, come si vedrà
nel paragrafo a ciò dedicato di questo lavoro: BORLINI, Una Convenzione ONU a 360 gradi ma
l’Italia tarda nella ratifica, Gdir, 4, 1 luglio 2006, 18.
194
Sembra in questo punto molto utile il richiamo ai Travaux Preparatoires, che chiariscono che:
“(…) the purpose of this paragraph is, without altering the scope of application of the Convention
as described in article 3, to indicate unequivocally that the transnational element and the
involvement of an organized criminal group are not to be considered elements of an organized
criminal group are not to be considered elements of those offences for criminalization purposes.
The paragraph is intended to indicate to states Parties that, when implementing the Convention,
they do not have to include in their criminalization of laundering of criminal proceeds (art. 6),
corruption (art. 8) or obstruction of justice (art. 23) the element of transnationality and
involvement of an organized criminal group, nor in the criminalization in an organized criminal
group (art. 5) the element of transnationality. This provision is furthermore intended to ensure
clarity for States Parties in connection with their compliance with the criminalization articles of the
Convention and is not intended to have any impact on the interpretation of the cooperation articles
of the Convention (artt. 16, 18 and 27)”- A/55/383/Add. 1, note 59.
76
•
sia commesso in uno Stato, ma in esso é implicato un gruppo criminale
organizzato impiegato in attività criminali in più di uno Stato;
•
sia commesso in uno Stato ma con effetti sostanziali in un altro Stato.
E’ necessario chiarire da subito che si tratta di ipotesi disgiuntive e che, in
particolare nell’ultimo punto, “c’é una possibilità di interpretazione estensiva
praticamente quasi infinita”195.
Si tratta di “una combinazione di criteri alternativi legati solo in parte al necessario
coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato”196.
Dalla lettura del disposto normativo emerge, infatti, come rilevano alcuni indici
fattuali incentrati per lo più sulla pluralità di territori teatro dell’azione penale, sul
luogo/luoghi di realizzazione delle sue conseguenze o, in caso di condotte
frazionate in vari posti, sui vari loci commisi delicti individuabili.
E’ possibile distinguere197 una transnazionalità di matrice oggettiva, con
significatività massima per l’ambito spaziale dell’illecito e focalizzazione su quello
che é il momento perfezionativo del reato.
Occorre chiaramente evidenziare come esistono fattispecie di reato che già nella
loro struttura presentano il carattere della transnazionalità e, a partire dal traffico di
armi etc., esistono ed assumono una rilevanza penale proprio per la loro natura di
multiterritoriale198.
Le ipotesi di transnazionalità c.d. oggettiva spaziano dai casi di iter criminis con
uso di strumentazioni virtuali (cybercrime etc.), fino a quelli la cui transnazionalità
dipende dall’oggetto stesso del reato (con riferimento, ad esempio, ai reati di
falsificazione nummaria aventi ad oggetto monete che travalicano i confini
nazionali e che prevedono una circolazione in più Stati).
Chiaramente possono rientrare in questa categoria anche tutti quei casi privi di
qualifica in re ipsa ma che assumono il carattere della transnazionalità solo per le
modalità di realizzazione dell’illecito in quel caso specifico: un numero corposo di
195
BARBERINI, Entrata in vigore della Convenzione contro il crimine organizzato transnazionale
e il disegno di legge di ratifica, CP, 11, 2003, 3267.
196
Cfr. DE AMICIS, VILLONI, La ratifica della Convenzione ONU sulla criminalità organizzata
transnazionale ed i suoi protocolli addizionali, GM, 07/08, 2006, 1629.
197
La puntualizzazione é basata sulla distinzione introdotta da ROSI, Il reato transnazionale, in
AA. VV., Criminalità organizzata transnazionale (…), cit., 82.
198
Come fa notare ROSI, Il reato transnazionale, in AA. VV. Criminalità organizzata
transnazionale (…), cit., 83.
77
reati del nostro ordinamento penale possono infatti diventare potenzialmente
transnazionali, a partire dai casi più frequenti di alcuni reati contro il patrimonio.
L’art. 3 distingue poi il caso di transnazionalità dovuta al verificarsi degli effetti
sostanziali del reato in un altro Stato: si tratta di un’ipotesi di frequente
verificazione, ma che presenta le difficoltà tipiche della problematica del locus
commisi delicti in ambito sovranazionale e che spesso può generare confusione con
le differenti ipotesi di transnazionalità c.d. oggettiva.
Va altresì evidenziato come le ipotesi di transnational crimes sono strettamente
legate anche alla tematica della individuazione del relativo bene giuridico.
Si discute se il reato così qualificato sia di tipo necessariamente plurilesivo o meno
o, allo stesso tempo, se questa categoria di reati sia caratterizzata dalla presenza di
un bene giuridico generico che presenti, però, il carattere della transnazionalità.
Sembra alla fine prevalere la Teoria che “individua i beni oggetto della tutela dei
reati transnazionali in quei beni di portata universale, appartenenti a tutti e
ciascuno dei componenti della comunità mondiale, quali, ad esempio, vita, salute,
libertà, rispetto, sicurezza e pace; si tratterebbe di quei diritti fondamentali
dell’individuo, riconducibili al catalogo contenuto nella Convenzione europea dei
diritti dell’uomo”199.
Nella Convenzione di Palermo si parla invece sicuramente della transnazionalità in
maniera disgiunta (tranne nella lett. c) rispetto alla condizione della presenza di un
“gruppo criminale organizzato”: la conclusione non é priva di risvolti pratici,
potendosi quindi parlare di reato transnazionale anche in ipotesi di agere
monosoggettivo e non necessariamente plurisoggettivo.
In altri termini, bisogna considerare come astrattamente verificabile l’ipotesi di
ideazione criminale dislocata in un contesto geografico diversi rispetto al luogo di
reale concretizzazione dell’iter criminis, anche se questo é posto in essere da un
soggetto agente singolo.
Come si vedrà, la legge italiana di ratifica invece, ha preferito richiedere il
coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato [art. 3: “Ai fini della presente
legge si considera reato transnazionale il reato punito (…), qualora sia coinvolto un
gruppo criminale organizzato (…)”], spostando l’attenzione sulla fase della
ideazione (nella massima espressione degli atti preparatori tout court).
199
ROSI, Il reato transnazionale, in AA. VV. Criminalità organizzata transnazionale (…), cit., 88.
78
Sembra200 che questa previsione della Convenzione (nel senso del riconoscimento
di un’importanza alla fase ideativa in luogo diverso da quello di realizzazione
dell’illecito stesso come fattore di qualificazione della transnazionalità), si concili
sia con “il carattere anticipatorio dell’incriminazione del reato associativo, che con
l’idea di conspiracy stessa, senza arrivare ad inutili estremizzazioni afferenti gli
atti preparatori (nella loro fase primordiale insomma) contrarie al necessario
rispetto del requisito di offensività.
Solo nella lett. c) si richiede il coinvolgimento di un gruppo criminale e si
prospetta la configurabilità del reato transnazionale con soggetto agente
necessariamente multiplo, anche se é oggetto di dibattito la previsione che la
transnazionalità debba attenere la condotta stessa del soggetto agente (plurimo) o
sia sufficiente che questa caratteristica venga mantenuta nei soli effetti.
Sembra prevalere la constatazione201 che sia l’incidenza dei luoghi di
consumazione dei reati-scopo a rendere transnazionale l’operato di un gruppo
criminale e non, come invece accade per l’accertamento del locus commisi delicti
in riferimento all’art. 416 c.p., la provenienza multiparte degli appartenenti alla
associazione stessa: nella Convenzione, non rileva il pluralismo di “sedi”, bensì
quello di realizzazione dell’azione.
Fin da queste prime riflessioni, é possibile evidenziare come il concetto di “reato
transnazionale” costituisca uno degli esempi di trasposizione parziale nel diritto
interno con modalità e caratteri differenti rispetto alla previsione normativa
pattizia.
Volendo poi arrivare a collocare il concetto nel contesto normativo europeo,
bisogna altresì ricordare come, al contempo, l’U.E. tenti da sempre di realizzare la
propria lotta alla criminalità organizzata da un lato insistendo molto sulla
necessaria armonizzazione dei vari sistemi penali, introducendo strumenti che
consentono di garantire almeno un livello minimo di uniformità tra le varie
definizioni, dall’altro cercando di rendere effettivo ed operativo il profilo
applicativo, sia formalmente riconoscendo in maniera reciproca i vari
provvedimenti giudiziari, sia realizzando una cooperazione giudiziaria e di polizia.
200
Id., Il reato transnazionale, in AA. VV. Criminalità organizzata transnazionale (…), cit., 90.
Ma di diverso avviso ROBERTI, La criminalità organizzata transnazionale ed il tessuto
bancario-finanziario, in AA. VV., Diritto penale europeo, a cura di Bartone, Padova, 2001, 93.
201
79
Ciò ha comportato, come conseguenza, una sorta di doppia lettura della
transnazionalità: “non solo come caratteristica del crimine ma soprattutto come
esigenza operativa, al fine di rendere efficace la lotta comune contro il crimine
grave e/o transnazionale, ed é oggi definibile non solo come modalità della
fenomenologia criminale, ma come modalità della reazione comune degli Stati
dell’Europa”202.
Quanto statuito dall’art. 3 circa la transnazionalità ed il coinvolgimento di un
gruppo criminale organizzato costituisce uno dei numerosi esempi di lavoro di
compromesso tra gli Stati-parte che é alla base della Convenzione e che in questo
caso ha un peso fondamentale nel profilo applicativo dell’intero Testo pattizio.
La posizione dei Paesi occidentali era, infatti, quella di applicazione della
Convenzione tra le parti senza tenere conto dei due fattori ivi considerati, andando
così a generare obblighi di cooperazione tra gli Stati stessi (in particolare quindi
per quanto concerne il profilo giudiziario) che apparivano troppo onerosi e di
complessa realizzazione, a contrario, per i Paesi meno sviluppati: é prevalsa alla
fine la necessarietà della presenza dei due requisiti, con opportune eccezioni per
alcuni profili particolari203.
202
ROSI, Il reato transnazionale, in AA. VV. Criminalità organizzata transnazionale (…), cit.,, 97.
Ad esempio l’art. 18 stabilisce che l’assistenza giudiziaria reciproca verrà concessa (…) nel caso
in cui lo Stato Parte richiedente abbia fondati motivi di sospettare che il reato di cui all’articolo 3
paragrafo 1 a) o b), sia di natura transnazionale, comprese le ipotesi in cui le vittime, i testimoni, i
proventi, gli strumenti o le prove relativi a tali reati si trovino nello Stato Parte richiesto e che nel
reato sia coinvolto un gruppo criminale organizzato (…). L’art. 34, come già precisato, allo stesso
modo, afferma che “(…) i reati previsti dagli articoli 5, 6, 8 e 23 della presente Convenzione
vengono inseriti nella legislazione interna di ciascuno Stato Parte indipendentemente dalla natura
transnazionale o dal coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato, ai sensi dell’articolo 3
paragrafo 1 della presente Convenzione, tranne che nella misura in cui l’articolo 5 della presente
Convenzione richiede il coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato”.
203
80
PARTE SECONDA
Risultati e prospettive dell’adesione all’UNTOC Convention
in Italia e nel Regno Unito
81
CAPITOLO 3
L’incidenza dell’intervento sovranazionale in tema di crimine
organizzato transnazionale sugli ordinamenti interni
82
3.1. L’evoluzione terminologica dell’espressione “gruppo criminale organizzato”. 3.2 Il
contributo della Legislative Guide for the implementation of the United Nations
Convention against Transnational organized crime nell’adattamento degli ordinamenti
nazionali. 3.3 La criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo criminale
organizzato nella Convenzione di Palermo. 3.3.1. La posizione dell’Unione Europea sulla
condotta di partecipazione: prospettive e “stato dell’arte”. 3.4. Le scelte di politica
criminale dell’ordinamento giuridico italiano: il “parziale” adattamento all’art. 5.
Riflessioni e critiche.
3.1 L’evoluzione
organizzato”.
terminologica
dell’espressione
“gruppo
criminale
La Convenzione di Palermo ha fornito un’occasione unica “per adottare [anche] a
livello europeo uno standard di incriminazione dell’organizzazione criminale” 204.
Il Testo é caratterizzato dalla sua portata internazionale: la criminalità organizzata
é oggi un problema che, nelle sue forme e sfaccettature, coinvolge tutti i Paesi del
mondo ed ha dovuto avere una risposta normativa “globale”.
Se rapportiamo il tema al contesto sovranazionale205, la Convenzione risulta, nel
suo essere stata fin da subito accolta in maniera “totalitaria” dall’Unione
Europea206, un esempio probabilmente da seguire per impostare il lavoro
normativo avente ad oggetto altre importanti tematiche se non, addirittura, tutto il
diritto penale comunitario.
204
Come evidenzia MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione criminale e standards
internazionali di incriminazione: la proposta del Progetto comune europeo di contrasto alla
criminalità organizzata, in AA. VV., Criminalità transnazionale tra esperienze europee e risposte
penali globali, Atti del Convegno organizzato dal Centro F. Carrara, Lucca 24-25 maggio 2002,
Milano, 2005, 186, concordando in realtà con larga parte della dottrina. Si consulti anche RUGA
RIVA, Progetto comune europeo di contrasto alla criminalità organizzata. Programma Falcone
U.E., I workshop, Palermo 5-6 febbraio 1999, II workshop, Freiburg, 2-4 settembre 1999, RIDPP,
1998, 1435.
205
Delimitazione necessaria ai fini dell’economia stessa di questo lavoro, risultando in questa sede
impossibile considerare l’incidenza che un simile Testo può aver avuto su scala globale. Per
approfondimenti sul tema si rinvia a AA. VV., Analisi comparativa di elementi del progetto di
Convenzione quadro delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata, a cura di Bassiouni e
Nunzi, Relazione per la Direzione nazionale Antimafia, ISISC, Siracusa, 1998; BEKEN, European
organized crime scenarios for 2015, Antwerp-Apeldoorn Maklu Publishers, 2006;
COMMISSIONE EUROPEA, The prevention of crime in the European Union. Reflection on
common guidelines and proposals for community financial support, Communication from the
Commission to the European Parliament, COM (2000) 786 final, Doc. 2000/0304 (CNS),
Bruxelles, 29 novembre 2000; Id., Towards a European strategy to prevent organized crime, Joint
Report from Commission Services and EUROPOL, SEC (2001) 433, Bruxelles, 13 marzo 2001.
206
Fondamentale, in tal senso, è stato il successivo lavoro svolto dall’Unione Europea e dalla
Fondazione
Falcone
(resp.
Prof.
Militello)
presso
il
Marx
Planz
Institue
(www.mpicc.de/ww/en/pub/forschung/forschungsarbeit/gemeinsame_projekte/archiv/organized_cri
me.htm) dal titolo “Joint European Project to Counter Organized Crime”: il Progetto ha, infatti,
cercato di presentare una serie di proposte di norme comuni che potessero avere vigore in Europa,
cercando di recepire a livello comunitario (e non solo nei singoli Stati) parte delle disposizioni
internazionali.
83
Le soluzioni di compromesso raggiunte nella sede palermitana vanno però
inquadrate in una duplice ottica: da un parte, si è voluto cercare di conciliare
substrati giuridici differenti, dall’altra si é scelto di utilizzare le realtà normative
vigenti come necessari “punti di partenza”.
In sostanza, la ricerca dei punti comuni tra i vari ordinamenti coinvolti (common
law e civil law) é servita per attuare la necessaria armonizzazione ma anche per
riempire un “vuoto normativo” esistente sia a livello comunitario che
internazionale circa la definizione stessa di criminalità organizzata.
Uno dei punti maggiormente dibattuti in sede convenzionale è stato quello della
previsione normativa del reato di partecipazione.
Prima ancora di introdurre la fattispecie, i Compilatori hanno ritenuto opportuno
includere nell’insieme delle precisazioni terminologiche la nozione di <gruppo
criminale organizzato>.
Si tratta di un aspetto non secondario, che presenta un collegamento, per taluni
ampliabile fino ad una totale coincidenza, con il concetto stesso di criminalità
organizzata.
Il gruppo criminale, infatti, altro non si può definire se non la manifestazione
pratica del fenomeno illecito associativo che (impropriamente?) la generalità dei
consociati individua con la criminalità organizzata207.
Nonostante diversi Stati coinvolti presentino una disciplina già articolata per
quanto concerne le forme associative finalizzate alla commissione di illeciti, la
scelta di chiarire cosa si intenda con questa espressione nasce dalla precisa
esigenza di fornire anche un criterio orientatore agli Stati totalmente privi di una
normativa ad hoc.
Secondo il disposto dell’art. 2, per gruppo criminale organizzato si intendere “a
structured group of three or more persons, existing for a period of time and acting
207
Nel suo Progetto di proposta comunitaria MILITELLO, Le proposte di norme penali comuni in
Europa: Partecipazione ad una organizzazione criminale, consultabile sul sito:
www.mpicc.de/ww/en/pub/forschung/forschungsarbeit/gemeinsame_projekte/archiv/content2432.h
tm, afferma invece che: “Per organizzazione criminale si intende una collettività di almeno tre
persone, la cui attività si fondi su una divisione dei compiti e sia rivolta al compimento in almeno
uno degli Stati membri di reati qualificabili come gravi. I singoli ordinamenti degli Stati membri
provvedono a determinare la gravità dei reati che, per livelli sanzionatori, frequenza di
realizzazione o portata degli effetti dannosi o pericolosi, rileva ai fini della presente norma minima
comune. Ove le attività criminose dell’organizzazione si estendono a più Stati membri, è
competente il sistema penale in cui l’organizzazione ha iniziato ad operare. Nel caso in cui ciò non
si riesca ad accertare, è competente il sistema penale in cui per la prima volta è stata esercitata
l’azione penale nei confronti dell’organizzazione criminale.
84
in concert with the aim of committing one or more serious crimes or offences
established in accordance with this Convention, in order to obtain, directly or
indirectly, a financial or other material benefit”.
Gruppo criminale organizzato é quindi un gruppo c.d. strutturato composto da tre o
più persone, che esiste per un certo periodo di tempo ed i cui membri agiscono al
fine di commettere uno o più reati gravi o i crimini previsti dalla Convenzione, con
il fine di ottenere (direttamente o indirettamente) un beneficio economico o
comunque materiale208: si tratta di una formula talmente ampia “da arrivare a
disperdere la necessaria distinzione tra il semplice concorso di persone
(conspiracy) in un singolo reato e la specifica pericolosità di un’organizzazione nel
cui programma rientra una pluralità indeterminata di reati”209.
Va subito evidenziato, come la definizione introdotta dalla Convenzione non
riguardi i gruppi finalizzati alla commissione di qualsiasi illecito, bensì dei c.d.
reati gravi e di quelli previsti dal Testo: l’applicabilità delle disposizioni
convenzionali ha un senso, infatti, nei limiti in cui se ne realizzino i presupposti;
ogni Stato é libero di prevedere una disciplina generale delle condotte associative
criminali ed, allo stesso modo, di ampliare o restringere il “contenitore vuoto” dei
reati gravi, prevedendo trattamenti sanzionatori conformi a quanto richiesto dalla
definizione di questi.
In tema di finalità, l’articolo fornisce un’ulteriore puntualizzazione rilevantissima,
inerente il fine di ottenere, direttamente o indirettamente, un vantaggio finanziario
o un altro vantaggio materiale: da ciò consegue l’inevitabile esclusione di tutti quei
gruppi che presentano i requisiti previsti dall’art. 5 ma che mancano di tale tipo di
finalità.
La riflessione é di particolare importanza nei limiti in cui ha costituito presa di
posizione certa circa l’esclusione dall’applicazione della Convenzione di tutti i
gruppi terroristici o comunque sovversivi dell’ordine pubblico, mossi da matrice
spiccatamente ideale e non materiale.
L’espressione “financial or other material benefit” è stata, infatti, adottata per
eliminare dall’ambito di applicazione l’insieme dei gruppi di matrice politica e
sociale ma il rinvio a “material benefit”, come esplicano chiaramente le Note
208
E’ critico sulla portata della definizione MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…),
cit., 190, che sottolinea come sembra rimanere escluso “solo l’ipotesi estrema che il gruppo sia
casualmente formato per la commissione immediata di un reato”.
209
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 190.
85
Interpretative alla Convenzione, non esclude che vi possano rientrare altri tipi di
benefici, in particolare quelli a sfondo sessuale, particolarmente presenti nella
tratta degli esseri umani.
Storicamente, dallo studio dei documenti ufficiali che accompagnano la
Convenzione (pubblicati dalla Unodc) emerge210 che nella proposta iniziale
formulata dal Governo polacco nel settembre 1996, alla luce del fatto che questa
definizione é basilare rispetto a quella più generica di organized crime, si era
optato per la definizione di organized crime e non di criminal organized group.
Soltanto nell’aprile 1998 si optò per includere nell’art. 2 questa definizione e non
quella di crimine organizzato, a seguito di una proposta degli Stati Uniti (A/AC.
254/5, 18), in realtà avente ad oggetto la definizione di organized criminal activity.
La scelta finale fu adottata dietro suggerimento del Belgio211 che propose di optare,
nell’indecisione generale tra organized crime, organized crimanl activity e
organized criminal group, per quest’ultima.
I punti più discussi del Testo sono indubbiamente stati quelli inerenti il numero
minimo di tre o più persone e la necessarietà dell’uso di intimidation, violence,
corruption or other means.
Il Testo ha alla fine assunto le vesti attuali durante l’ottava Sessione degli incontri
della Ad hoc Committee: come viene ricordato nelle Note Interpretative “the only
difference between the text then agreed and the final text emergine from the Eighth
session had pursuant to, later changed to in accordane with”.
Il punto maggiormente controverso, come anticipato, rimane quello dei financial
or other material benefit: le maggiori perplessità provenivano dai Paesi in via di
sviluppo o comunque caratterizzati da attività illecite con risvolti marcatamente
morali ma i Travaux Preparatoires hanno chiarito da subito l’inclusione di finalità
anche a sfondo sessuale, pur rimarcandosi invece una presa di posizione contraria
alla inclusione, nella estensione interpretativa, del concetto della finalità
210
Come ricorda McCLEAN, Transnational organized crime: A Commentary on the United
Nations Convention and its Protocols, Oxford University Press, Oxford, 2007, 38.
211
Intendendo con l’espressione “a structured group of three or more persons established aver a
period of time and having the purpose to commit in a concerted fashion serious crimes in the sense
of the present Convention in order to derive, directly or indirectly, financial profit or other material
benefit by utilizing (in particular) intimidation, threats, violence, fraud or corruption or other
means to conceal of facilitate the realization of those serious crime”: A/AC. 254/4/Rev. 1, art. 2bis.
86
terroristica212.
Ripercorrendo i tratti salienti della definizione é possibile notare come sia richiesta
la presenza di tre o più persone: in questo modo, si é marcata una stretta
distinzione con il diritto inglese che, nella conspiracy, richiede storicamente la
presenza di due o più persone.
Il nostro ordinamento era invece già orientato in tal senso.
La questione numerica può in realtà apparire alquanto relativa, eppure é noto come
su questo quantum i Committenti si siano in realtà trattenuti a lungo: come
l’esperienza giurisprudenziale italiana insegna, il requisito numerico assume
spesso un’importanza imprevedibile in termini probatori. Circa l’aspetto
temporale, invece, una certa componente di indeterminatezza é stata probabilmente
inevitabile, laddove si é parlato in termini di esistenza del gruppo per un certo
periodo di tempo: d’altro canto, richiedendosi altresì che il gruppo sia strutturato
(nel senso precisato), sembra consequenziale e probabilmente già in re ipsa il fatto
che non sia “randomly formed for the immediate commission of an offence”213.
Altro profilo critico sembra essere la richiesta di act in concern, ovvero di agire di
concerto, quasi a voler esigere che i tre o più membri richiesti dalla disposizione
svolgano una azione definibile come simultanea.
In realtà, anche alla luce del fatto che a livello pratico la maggior parte dei gruppi
presentano un numero di associati superiore a tre, sembra chiaro che si tratti più di
una cooperazione morale che non fisica, probabilmente riferendosi ad una sottesa
“unione di intenti” più che di azioni, che poi sarebbe in sé già inclusa, quantomeno
implicitamente, nella concordanza delle finalità della condotta: agirebbero cioè in
concerto i soggetti che indirizzano le proprie “forze” al raggiungimento, da parte
del gruppo, della finalità criminale prefissata.
L’insieme di alcuni profili criticabili di questa definizione non consente però di
negare l’indubbio valore che una presa di posizione così chiara ha avuto a livello
internazionale, in primis per orientare gli Stati del tutto privi di una previsione
212
Per tale profilo si rinvia a LAQUEUR, The new terrorism, Oxford University Press, Oxford,
1999; MAKARENKO, The crime-terror continuum: tracing the interplay between transnational
organized crime and terrorism, Global Crime, 6, 1, 2004, 129; MITSILEGAS, Countering the
chameleon threat of dirty money. Hard and soft law in the emergence of a global regime against
money laundering and terrorist finance, in AA. VV., Transnational organized crime. Perspectives
on global security, Routlerdge, London and New York, edited by Edwards and Gill, 195;
MITSILEGAS, GILMORE, The UE legislative framework against money laundering and terrorist
finance: a critical analysis in the light of evolving global standards, ICLQ, 56, 2007, 119.
213
Come obietta McCLEAN, Transnational organized crime (…), cit., 41.
87
corrispondente, in secondo luogo per “invitare” gli Stati con una normativa interna
già sviluppata ad adattarsi, eventualmente anche in sede interna, alle previsioni
internazionali, onde evitare inutili “duplicati” in contrasto tra loro.
88
3.2 Il contributo della Legislative Guide for the implementation of the United
Nations Convention against Transnational organized crime nell’adattamento
degli ordinamenti nazionali.
La Convenzione di Palermo, al fine di regolamentare in maniera univoca il
processo di contrasto alla criminalità organizzata transnazionale ha dovuto
richiedere agli Stati-parte anche l’introduzione, se non presenti, di alcune
fattispecie di reato, tra le quali riveste carattere di particolare interesse la
<partecipazione ad un gruppo criminale organizzato>.
L’interesse nei confronti di quest’ipotesi criminale é incrementato dai caratteri
stessi della previsione normativa, secondo la quale si afferma che:
Ogni Stato Parte adotta le misure legislative e di altra natura necessarie a conferire
il carattere di reato, laddove commesso intenzionalmente:
a) ad una o ad entrambi delle seguenti condotte quali reati distinti da quelli che
comportano il tentativo o la consumazione di un’attività criminale:
i) l’accordarsi con una o più persone per commettere un reato grave per un
fine concernente direttamente o indirettamente il raggiungimento di un
vantaggio economico o altro vantaggio materiale e, laddove richiesto dalla
legislazione interna, riguardante un atto commesso da uno dei partecipanti
in virtù di questa intesa o che coinvolge un gruppo criminale organizzato;
ii) la condotta di una persona che, consapevole dello scopo e generale
attività criminosa di un gruppo criminale organizzato o della sua intenzione
di commettere i reati in questione, partecipa attivamente:
a) alle attività criminali del gruppo criminale organizzato;
b) ad altre attività del gruppo criminale organizzato consapevole
che la sua partecipazione contribuirà al raggiungimento del suddetto
scopo criminoso;
b) all’organizzare, dirigere, facilitare, incoraggiare, favorire o consigliare la
commissione di un reato grave che coinvolge un gruppo criminale organizzato.
La conoscenza, l’intenzione, lo scopo, l’obiettivo o l’accordo di cui al paragrafo 1
del presente articolo possono essere dedotti da circostanze obiettive basate su fatti.
Gli Stati Parte le cui legislazioni interne richiedono il coinvolgimento di un gruppo
criminale organizzato ai fini dei reati di cui al paragrafo 1 a) i) del presente articolo
assicurano che le loro leggi interne coprano tutti i reati gravi che coinvolgono
gruppi criminali organizzati. Tali Stati-Parte, nonché gli Stati Parte le cui leggi
89
interne richiedono un atto intrapreso in virtù dell’accordo ai fini dei reati di cui al
paragrafo 1 a) i) del presente articolo, informano di ciò il Segretario Generale delle
Nazioni Unite al momento della firma o del deposito del loro strumento di ratifica,
accettazione o approvazione della presente Convenzione o dell’adesione alla
stessa.”.
Gli Stati membri sono stati chiamati ad introdurre questa fattispecie di reato nel
proprio ordinamento ma sono stati anche lasciati “liberi”, come si avrà modo di
vedere, sulle modalità di adattamento al proprio ordinamento.
Da questa discrezionalità é scaturito un atteggiamento, probabilmente in parte
criticabile214 (tenuto ad esempio dall’Italia e dallo stesso Regno Unito), che
potrebbe trovare una parziale giustificazione nella struttura apparentemente
lineare, ma in realtà contorta, dell’articolo stesso.
Alla felice scelta di far precedere, all’art. 2 un contributo chiarificatore inerente la
definizione di “gruppo criminale organizzato”, non segue, infatti, una formulazione
del tutto agevole dell’art. 5.
Nonostante la “carenza definitoria” di questo articolo, di cui si cercheranno di
ripercorrere i tratti salienti ed i profili critici, rimane la consapevolezza
dell’incidenza che una simile previsione normativa autonoma ha sul nostro come
sugli altri ordinamenti giuridici.
Obiettivo di questo lavoro è, infatti, quello di evidenziare, anche a fronte di
particolari scelte di politica criminale, come il Testo pattizio abbia influenzato
l’interpretazione e l’applicazione pratica del diritto penale vigente nei territori
interni: probabilmente gli Stati (ed in particolare quello italiano ed inglese) non
hanno adempiuto in maniera puntuale all’impegno preso in sede di ratifica ma
questo non necessariamente si traduce in un inadeguato lavoro di adattamento alle
disposizioni internazionali ed, in generale, ad una “revisione in chiave critica”
delle disposizione interne.
214
Come emerge dalla lettura delle Linee Guida alla Convenzione, la maggior parte degli Stati
(soprattutto quelli che non avevano una disciplina “forte” in tema di criminalità organizzata) hanno
optato per la formulazione di una fattispecie autonoma ad hoc, attuando una scelta di politica
criminale molto chiara in tal senso, sulla quale invita a riflettere FIORE S., Partecipazione ad un
gruppo criminale organizzato, in AA. VV., Criminalità organizzata transnazionale e sistema penale
italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007, 105, pur richiamando le posizioni critiche di MOCCIA,
Prospettive non emergenziali di controllo dei fatti di criminalità organizzata. Aspetti dommatici e
di politica criminale, in AA. VV., Criminalità organizzata e risposte ordinamentali. Tra efficienza e
garanzia, a cura di Moccia, Napoli, 1999, 149 e di CAVALIERE, Il concorso eventuale nel reato
associativo. Le ipotesi delle associazioni per delinquere e di tipo mafioso, Napoli, 2003, 43.
90
Il tempo ed una presa di coscienza dell’eventuale insufficienza degli strumenti
predisposti, potrebbero, infatti, indurre gli Stati, in primis l’Italia, a cogliere
l’occasione di introdurre una fattispecie autonoma (e coerente con i nostri principi)
corrispondente all’art. 5, ma anche di rivedere un sistema, quello dei reati
associativi, caratterizzato da una già denunciata indeterminatezza, almeno in alcuni
suoi profili.
Al fine di comprendere come la Convenzione stessa abbia indirettamente
influenzato (non sempre con i risultati auspicati) gli Stati stessi nel processo di
adeguamento, un indubbio contributo proviene dalla Guida legislativa, testo
ufficiale che ha “indirizzato” le parti in questo complesso lavoro: non solo per
quanto concerne le vicende dell’art. 5 (di cui si analizzeranno separatamente
caratteri e recepimento) ma proprio dell’intera Convenzione.
Le Legislative guides for the implementation of the United Nations Convention
against transnational organized crime and the Portocols thereto promosse dalla
Division for Treaty affairs del United Nations Office on drugs and crime215 hanno
infatti fornito, almeno in parte, un resoconto ufficiale della ricostruzione storica ed
interpretativa della Convenzione.
Scopo principale della redazione del documento é infatti proprio quello di assistere
gli Stati nella fase della ratifica o del seguente adattamento al testo pattizio.
Come é emerso nelle pagine precedenti, i lavori che hanno preceduto la stesura
della Convenzione non sono stati privi di difficoltà, dovendo cercare di creare uno
“strumento” in grado di tenere in considerazione (e di superare) le differenze
presenti nella varie tradizioni legali coinvolte, tenendo altresì conto dei due fattori
che sembra incidano maggiormente nella fase di adattamento: il rispetto della
tradizione legislativa nazionale e la considerazione del diverso livello di sviluppo
dei sistemi (in particolare dal punto di vista delle misure di prevenzione e
procedurali) coinvolti.
Preso atto di ciò, la Guida ha prestato attenzione ai punti della Convenzione che
introducono novità o che richiedono particolari esigenze di adattamento per la
maggior parte degli Stati coinvolti, essendo indubbiamente questi i profili dove
maggiormente sentita é l’esigenza di aiuto nel recepimento e relativo adattamento.
215
Il documento ufficiale é stato pubblicato nel 2004 ed é consultabile online sul sito
http://www.unodc.org/unodc/en/treaties/CTOC/legislative-guide.html (freedownload).
91
Spesso lo strumento scelto é stato quello di riportare gli esempi delle modalità
utilizzate da alcuni Paesi, partendo dal presupposto che diversi Stati coinvolti in
realtà erano del tutto privi di una legislazione ad hoc sul tema della criminalità
organizzata: in questi casi il recepimento si può, almeno per certi versi, definire
fluido, quantomeno se paragonato a quello di Stati con tradizioni giuridiche
avvertire, che si sono trovati (ed il riferimento non può che essere al nostro Paese)
a dover far convivere un “doppio livello” di normativa216.
Occorre però chiarire che la Guida non va confusa con un documento di
interpretazione ufficiale della Convenzione: il suo obiettivo é solo quello di
contribuire ad aiutare gli Stati in questo complesso lavoro, invitandoli a prestare
attenzione alle scelte terminologiche adottate (nella traduzione dai termini inglesi)
e ad eventuali problemi di coesistenza interna.
Nel tentativo di chiarire le finalità della Convenzione, la Guida ricorda, infatti, che
the most pressing need is for a more integrated and synchronized approach, with
effective enforcement mechanisms. Such an approach must be espoused as widely
as possible. The Convention is the response of the international community to the
need for a truly global approach. Its purpose is to promote cooperation, both for
the prevention of and for the effective fight against transnational organized crime
(art. 1 of the Convention). It seeks to enlarge the number of States that take
effective measures against transnational organized crime and to forge and
strengthen cross-border links between States. It respects the differences and
specificities of diverse legal traditions and cultures, while at the same time
promoting a common language and helping to remove some of the existing
barriers to effective transnational collaboration.
While the Organized Crime Convention focuses essentially on offences that
facilitate the profit-making activities of organized criminal groups, the three
Protocols supplementing the Convention target certain types of organized criminal
activity requiring specialized provisions.
In numerosi punti della Guida viene ribadito che l’unico limite, se così possiamo
chiamarlo, posto nella Convenzione é stato quello di lasciare massima
216
In realtà, come emergerà, l’Italia ha lasciato inalterati gli articoli presenti nel Codice e ha altresì
emanato una Legge ordinaria contenente gli aspetti salienti della Convenzione, realizzando in tal
modo “l’obbligazione di risultato” che la Convenzione in sé richiede ma non provvedendo ad una
armonizzazione vera e propria delle due normative, né ad un adattamento di quella transnazionale
ai valori interni.
92
discrezionalità agli Stati sulla scelta delle modalità di adattamento.
Questo punto é fondamentale ai fini dell’analisi che si sta tentando di sviluppare,
perché solo in un’ottica di salvaguardia della sovranità statale é possibile
comprendere le difficoltà di adattamento che gli Stati si sono trovati ad affrontare,
talvolta finendo appunto per optare per “scelte di comodo”, ben lontane da un reale
adeguamento.
Gli Stati sono liberi ma la scelta di ratificare un documento come la TOC
Convention impone inevitabilmente degli obblighi, che andrebbero inquadrati nella
giusta ottica di adattamento, pur nel rispetto della propria tradizione legale.
Il “compromesso” che caratterizza la Convenzione é duplice: é cioé ravvisabile
non solo in fase di predisposizione del Testo ma anche nella fase successiva, dove
all’obbligo di rispettare gli impegni presi con la firma, si accompagna anche la
possibilità di scelta sul quomodo del recepimento.
La Guida suggerisce di differenziare i punti imprescindibili, che devono essere
assolutamente previsti; le condizioni cui non si può derogare, gli aspetti che gli
Stati devono considerare dalle opzioni che sono invece di adozione totalmente
spontanea.
La distinzione é riconoscibile anche dalle espressioni stilistiche stesse adottate nel
Testo (States are required to, required to consider, may wish to consider etc.).
Peculiare è, in tal senso, anche la previsione dell’art. 5, dove gli Stati “are required
to choose one or another option”.
Gli Stati sono stati infatti liberi di adottare una tra le possibili alternative
prospettate.
A livello di implementation of the Convention217 la Convenzione lascia gli Stati
liberi, per diversi punti del testo, di optare per l’introduzione di una nuova legge o
l’adattamento di quella già vigente.
La corrispondenza delle espressioni e della terminologia utilizzate in sede
217
Article 34: “Implementation of the Convention”. 1. Each State Party shall take the necessary
measures, including legislative and administrative measures, in accordance with fundamental
principles of its domestic law, to ensure the implementation of its obligations under this
Convention. 2. The offences established in accordance with articles 5, 6, 8 and 23 of this
Convention shall be established in the domestic law of each State Party independently of the
transnational nature or the involvement of an organized criminal group as described in article 3,
paragraph 1, of this Convention, except to the extent that article 5 of this Convention would require
the involvement of an organized criminal group. 3. Each State Party may adopt more strict or
severe measures than those provided for by this Convention for preventing and combating
transnational organized crime.
93
sovranazionale é auspicabile ma non strettamente necessaria: indubbiamente l’uso
delle stesse forme espressive può agevolare i processi di estradizione etc. ma non é
imprescindibile, come puntualizza lo stesso comma sesto dell’art. 11.
Tra le due modalità, sembra indubbio che il lavoro più complesso sia quello di
adattare una legislazione già esistente alle disposizioni pattizie, spesso infatti ad
una somiglianza di nomen non corrisponde esattamente quanto richiesto dal Testo.
Agli Stati firmatari viene richiesto il rispetto di quanto stabilito dal già citato
articolo 34, che prevede che “Each State Party shall take the necessary measures,
including legislative and administrative measures, in accordance with fundamental
principles of its domestic law, to ensure the implementation of its obligations
under this Convention.”
Ciò si sostanzia, al dunque, nell’introduzione, se già non previste218 , di alcune
fattispecie di reato, tra le quali, ai fini della ricerca in esame, spicca la
criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo219 .
Dal punto di vista del diritto penale, infatti, una delle novità più importanti
riguarda l’introduzione del reato di partecipazione.
Come ribadisce la Guida, quello che rileva é (nel caso dell’art. 5 la questione é
fondamentale) il rispetto dello “spirito” delle Convenzione.
Gli Stati hanno discrezionalità, ma nell’esercizio di questa loro libertà devono
cercare di garantire il rispetto dei principi del proprio ordinamento, onde evitare
che sorgano problemi applicativi per non ossequio dei valori fondamentali
dell’ordinamento giuridico.
Si richiede, in altri termini, un notevole sforzo di coordinamento non solo con le
218
States with relevant legislation already in place must ensure that the existing provisions conform
to the Convention requirements and amend their laws, if necessary.
219
The paragraph is intended to indicate to States parties that, when implementing the Convention,
they do not have to include in their criminalization of laundering of criminal proceeds (art. 6),
corruption (art. 8) or obstruction of justice (art. 23), the elements of transnationality and
involvement of an organized criminal group, nor in the criminalization in an organized criminal
group (art. 5), the element of transnationality. This provision is furthermore intended to ensure
clarity for States parties in connection with their compliance with the criminalization articles of the
Convention and is not intended to have any impact on the interpretation of the cooperation articles
of the Convention (arts. 16, 18 and 27). In other words, in domestic law, the offences established in
accordance with the Convention of participation in an organized criminal group, corruption,
money-laundering and obstruction of justice and the Protocol offences of trafficking in persons,
smuggling of migrants and trafficking in firearms must apply equally, regardless of whether the
case involves transnational elements or is purely domestic. It should also be noted that if dualcriminality is present, offenders can be extradited for one of the four offences or for a serious
crime, even if the offence is not transnational in nature (art. 16, par. 1).
94
disposizioni vigenti che si decide di mantenere ma anche con i principi220.
La dottrina più attenta ha preso atto del fatto che “l’allargamento dell’azione della
criminalità contemporanea al di là delle barriere formate da lingue, culture,
religioni, popoli, che sono tradizionalmente segnate dai confini nazionali é ormai
innegabile”221.
Il fatto che le organizzazioni criminali quasi in tutti i Paesi siano state in grado di
adattarsi rapidamente alle mutate esigenze della realtà globalizzata ha generato
problemi per le Autorità e le Istituzioni, chiamate, sia a livello domestico che
sovranazionale, a cercare di fronteggiare il fenomeno della criminalità organizzata
nella “inedita veste” di fenomeno transnazionale.
L’esistenza di una nuova forma di illecito (quantomeno nella ampiezza operativa,
oltre che nei caratteri strutturali) ha reso necessarie precise scelte di politica
criminale, che in questa sede si cercherà di ricostruire quantomeno in riferimento
al reato di partecipazione ad un gruppo criminale organizzato.
220
Ad esempio nell’art. 10 della Convenzione in tema di responsabilità delle persone giuridiche si
lascia liberi gli Stati di scegliere il tipo di responsabilità in conformità con i principi.
221
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione criminale e standards internazionali di
incriminazione, RIDPP, 2003, 184.
95
3.3 La criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo criminale
organizzato nella Convenzione di Palermo.
L’art. 5 della Convenzione di Palermo prevede la criminalizzazione della
partecipazione ad un gruppo criminale organizzato.
La formalizzazione autonoma di questa fattispecie di reato costituisce uno dei
punti di maggiore interesse della Convenzione, sia per quanto concerne il suo
collocamento all’interno del Testo pattizio che per quanto riguarda la fase del
recepimento negli ordinamenti giuridici interni.
A livello di ricostruzione storica, l’idea di introdurre una fattispecie autonoma
volta a riconoscere rilevanza penale alla condotta partecipativa è sorta dalla presa
di consapevolezza dell’esigenza di incriminare tutte le possibile forme di adesione
ad un gruppo criminale, fino ad arrivare ad includere (più o meno esplicitamente)
le attività di soggetti “esterni” che comunque pongono in essere condotte rilevanti
dal punto di vista penale in connessione con le finalità stesse del gruppo.
L’eventualità di lasciare impunite alcune ipotesi criminose estreme è, infatti,
sembrato fin da subito inaudito alla maggior parte del Paesi che si sono trovati a
dover fronteggiare il fenomeno della criminalità organizzata.
Il fatto stesso che si tratti di un aspetto di cui quasi tutti i Paesi si sono occupati nel
corso dei decenni ha indotto, come abbiamo anticipato, l’Unione Europea prima e
le Nazioni Unite poi a cercare di trovare un punto comune tra le varie legislazioni
vigenti e, superando le numerose diversità esistenti, a predisporre una normativa
unitaria.
La struttura dell’articolo 5 si presenta come una riposta globale ad un problema
strutturalmente complesso: nello stesso articolo é stato ad esempio necessario
distinguere due sotto-ipotesi, che sono confluite nei paragrafi 1 (a) (i) e 1 (a) (ii),
attuando così una forma di “rispetto” e di salvaguardia sia per i Paesi basati sul
modello della conspiracy (Inghilterra, Stati Uniti…) che su quelli caratterizzati da
reati associativi tout court (Italia, Germania…).
Lo scopo dell’articolo 5 é stato infatti quello, allo stesso tempo, di indurre gli Stati
privi di istituti come la conspiracy o l’associazione per delinquere ad introdurre
istituti similari con cui punire la partecipazione ma anche quello di evidenziare la
rilevanza penale (cui tutti gli Stati che ratificano la Convenzione si dovrebbero
attenere) delle condotte di quei soggetti che assistono alla commissione o
comunque contribuiscono ad agevolare la realizzazione di reati gravi da parte di un
96
gruppo criminale organizzato.
La prima parte dell’art. 5 richiede che gli Stati predispongano un sistema
normativo che consideri fattispecie di reato “una o entrambi delle condotte
successivamente descritte quali reati distinti da quelli che comportano il tentativo o
la consumazione di un’attività criminale”: il riferimento é, se posta in essere
intenzionalmente, alla condotta “dell’accordarsi con una o più persone per
commettere un reato grave per un fine concernente direttamente o indirettamente il
raggiungimento di un vantaggio economico o altro vantaggio materiale e, laddove
richiesto dalla legislazione interna, riguardante un atto commesso da uno dei
partecipanti in virtù di questa intesa o che coinvolge un gruppo criminale
organizzato”; oppure alla “condotta di una persona che, consapevole dello scopo e
generale attività criminosa222 di un gruppo criminale organizzato o della sua
intenzione di commettere i reati in questione, partecipa attivamente:
a) alle attività criminali del gruppo criminale organizzato;
b) ad altre attività del gruppo criminale organizzato consapevole che la sua
partecipazione contribuirà al raggiungimento del suddetto scopo criminoso”;
Si
deve
altresì
riconoscere
natura
di
reato
alle
condotte
consistenti
nell’organizzare, dirigere, facilitare, incoraggiare, favorire o consigliare la
commissione di un reato grave che coinvolge un gruppo criminale organizzato,
precisando che “la conoscenza, l’intenzione, lo scopo, l’obiettivo o l’accordo di cui
al paragrafo 1 del presente articolo possono essere dedotti da circostanze obiettive
basate su fatti”.
La seconda parte dell’articolo puntualizza ulteriormente gli impegni assunti dagli
Stati parte: Gli Stati-parte le cui legislazioni interne richiedono il coinvolgimento
di un gruppo criminale organizzato ai fini dei reati di cui al paragrafo 1 a) i) del
presente articolo assicurano che le loro leggi interne coprano tutti i reati gravi che
coinvolgono gruppi criminali organizzati.
Tali Stati-parte, nonché gli Stati-parte le cui leggi interne richiedono un atto
intrapreso in virtù dell’accordo ai fini dei reati di cui al paragrafo 1 a) i) del
presente articolo, informano di ciò il Segretario Generale delle Nazioni Unite al
momento della firma o del deposito del loro strumento di ratifica, accettazione o
approvazione della presente Convenzione o dell’adesione alla stessa.
222
Traduzione “letterale” di the aim and general criminal activity of an organized criminal group,
non propriamente di scorrevole lettura in italiano.
97
L’articolo ruota dunque intorno al concetto di “accordo”, cui si aggiungono, oltre
al preliminare accertamento della intenzionalità dell’agere, una serie di requisiti
ultronei, inerenti principalmente la relativa finalità, di cui gia si é cercato di
chiarire la natura.
In sostanza, é possibile distinguere e ritenere penalmente rilevanti tre aspetti:
l’accordarsi, il partecipare “materialmente”, il partecipare “moralmente”.
Lascia perplessi la previsione (contorta nella traduzione in italiano) del punto 1,
che incrimina il fatto di accordarsi per commettere un reato grave per un fine
inerente i vantaggi visti e “laddove richiesto dalla legislazione interna, riguardante
un atto commesso da uno dei partecipanti in virtù di questa intesa o che coinvolge
un gruppo criminale organizzato”.
All’interno dell’articolo, occorre distinguere tra condotte criminali in senso stretto
ed altre che, pur prive del requisito della illiceità, comunque contribuiscono a
sostenere ed agevolare la realizzazione delle finalità dell’organizzazione.
C’è, infatti, una ferma distinzione tra la condotta di una persona che partecipa
attivamente “alle attività criminali del gruppo organizzato” e quella di chi
partecipa “ad altre attività del gruppo criminale organizzato consapevole che la sua
partecipazione contribuirà al raggiungimento del suddetto scopo criminoso”.
In questa seconda ipotesi occorre, a livello psicologico, la consapevolezza che
“that such involvement will contribute to the achievement of a criminal aim of the
group”.
Circa la partecipazione alle attività vere e proprie invece, il requisito psicologico é
la general knowledge of the criminal nature of the group or of at least one of its
criminal activities or objectives.
La lettera b) dell’art. 5 é dedicata alla punizione delle condotte dell’organizzare,
dirigere, facilitare, incoraggiare, favorire o consigliare la commissione di un reato
grave che coinvolge un gruppo criminale organizzato; la finalità di questa
precisazione é palese nel suo intento di non lasciare impunite le condotte di quei
soggetti in posizione apicale223 che sovente non prendono materialmente parte alla
223
Probabilmente era stata più incisiva sul punto la presa di posizione del Progetto comune europeo
che, per quanto concerne l’annosa ed ancora attualissima problematica concernente la
responsabilità dei capi dell’associazione per i reati scopo commessi dai singoli associati aveva
stabilito che, laddove si tratti di organizzazioni altamente strutturate e gerarchiche, i capi
rispondono di tutti i reati commessi dai singoli membri, salvo che si tratti di reati costituenti
conseguenza imprevedibile rispetto all’attività criminosa che é oggetto dell’organizzazione. Per il
tema si rinvia a PAPA, Un modello comune europeo per il contrasto dei gruppi criminali
98
realizzazione dei crimini ma che fungono da “menti” nella loro ideazione o
comunque nella scelta della relativa commissione224.
A livello generale, la conoscenza, l’intenzione, lo scopo, l’obiettivo o l’accordo di
cui al paragrafo 1 del presente articolo possono essere dedotti da circostanze
obiettive basate su fatti.
Gli Stati Parte le cui legislazioni interne richiedono il coinvolgimento di un gruppo
criminale organizzato ai fini dei reati di cui al paragrafo 1 a) i) del presente articolo
assicurano che le loro leggi interne coprano tutti i reati gravi che coinvolgono
gruppi criminali organizzati.
Tali Stati Parte, nonché gli Stati Parte le cui leggi interne richiedono un atto
intrapreso in virtù dell’accordo ai fini dei reati di cui al paragrafo 1 a) i) del
presente articolo, informano di ciò il Segretario Generale delle Nazioni Unite al
momento della firma o del deposito del loro strumento di ratifica, accettazione o
approvazione della presente Convenzione o dell’adesione alla stessa225.
Nel ripercorrere le difficoltà sottese alla formulazione di questo articolo, bisogna
partire dal presupposto che alcuni Stati non prevedono proprio, nell’ordinamento
nazionale, istituti afferenti la responsabilità criminale per associazione (corporale
criminal liability).
organizzati: meriti e limiti di un diritto uniforme alla luce dell’analisi comparatistica, in AA. VV.,
Criminalità transnazionale (…), cit., 240 ed a UNITED NATIONS, Compendium of United Nations
standards and norms, United Nations, New York, 2006.
224
Come nota MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 191, però “sono riferite
non direttamente all’organizzazione criminale ma alla commissione di un reato grave che rientri
nell’attività di un tale gruppo”.
225
La Guida Legislativa riporta alcuni esempi di adattamento della legislazione nazionale ai
paragrafi 73, 74 e 75: States parties to the Organized Crime Convention have dealt with the issue of
criminalization of participation in an organized criminal group in various ways. For example,
Chile criminalizes even the non-reporting of the activities of a criminal organization to the
authorities (with the exception of a member being a relative). New Zealand, on the other hand, does
not criminalize membership in a criminal organization, but does criminalize intentional promotion
of or furthering its activities. A number of countries have defined specific offences relating to
various ways of lending assistance or financial support to a criminal organization, including
Colombia, Ecuador, Germany, Uruguay and Venezuela. Some statutes target individuals who
provide the organization with weapons or ammunitions (including Colombia, Ecuador, Haiti,
Hungary, Paraguay, Uruguay and Venezuela), with the instruments of crime (for example Haiti),
with a place to meet (for example Ecuador), or with some other service (for example Ecuador and
Paraguay). Helping individuals involved in a criminal organization avoid punishment is sometimes
also directly criminalized, for example in Uruguay. In the case of such offences, some exceptions
are often created for the benefit of members of the immediate family, a spouse or other relatives
(for example in Chile and Venezuela). For several countries (for example Italy and Uruguay)
participation in a relatively large organization is considered as an aggravating circumstance. With
respect to the question of proof, there is the example of New Zealand, where the law specifies that
proof that an individual has been warned on at least two occasions that a particular gang is a
criminal gang is sufficient proof that he/she knew that the gang was a criminal one.
99
Allo stesso tempo, però, già dagli incontri di Varsavia del 1998 emerse la chiara
volontà di includere la criminalizzazione non solo della “conspiracy” (intesa
riduttivamente come solo accordo) ma anche dell’insieme delle condotte di
partecipazione e di “assistenza”.
Le perplessità di molti Stati sono probabilmente scaturite dalla prospettiva (di non
facile realizzazione) di tracciare una chiara distinzione tra il concetto di mera
partecipazione e quello di contributo/assistenza e di garantirne una perseguibilità a
livello penale, tanto da prevedere autonome ipotesi di reato.
Il precedente della Joint Action europea del 1998 ha avuto, come si vedrà, un peso
rilevante e, in un certo qual modo, di “orientamento”.
Il fatto però che la proposta iniziale del contenuto dell’articolo sia stata di origine
inglese, pur se successivamente modificata, ne ha determinato la natura in termini
di maggior afferenza con il sistema di common law, pur non pregiudicandone, in
realtà, la adottabilità anche agli ordinamenti di civil law.
Importanti per la sua formulazione sono stati anche gli influssi della Convenzione
di Vienna del 1998 (art. 3), inclusa la riflessione se prevedere o meno (come
diversi Stati auspicavano) la puntualizzazione di una conformità ai valori
costituzionali interni: si é alla fine optato per non formalizzare questo vincolo
nell’introduzione della fattispecie de quo, ritenendosi, probabilmente, implicito che
il rispetto per la Convenzione non debba essere in constrasto con i valori
costituzionali (come é invece accaduto per la responsabilità delle persone
giuridiche).
Allo stesso modo i Compilatori hanno precisato il preventivo accertamento del
profilo psicologico, sostanziabile in quello che noi denominiamo dolo
internazionale, secondo alcuni “open to individual States Parties to provide in their
domestic law that reckless or negligent conduct should be punishable, or indeed to
impose strict liability without proof of any fault element”226.
Nel ratificare la Convenzione gli Stati membri si impegnano a introdurre “either or
both” delle condotte elencate come fattispecie di reato, indipendentemente dalla
loro previsione a titolo di tentativo.
L’incidenza del contributo ideativo iniziale di matrice inglese é evidente nella
previsione criminale: la fattispecie di accordo é infatti formulata sul modello della
226
McCLEAN, Transnational organized crime (…), cit., 62.
100
conspiracy: al di là del requisito numerico, si differenzia da questo per la gravità
del reati, che era inevitabile alla luce della puntualizzazione di cui all’art. 2 e per la
natura delle finalità perseguite.
Anche (e forse soprattutto) rispetto ai sistemi di common law, costituisce invece
una novità di consistente rilievo la condotta di partecipazione.
Il taking part non é infatti una espressione nota ai sistemi di common law:
l’Inghilterra ne fa un uso molto relativo e non propriamente “domestico”, laddove
da una qualsiasi ricerca in database normativi é possibile notare che probabilmente
l’occasione più importante in cui se ne é fatto uso é nel Terrorism Act del 2000
(art. 11, 2)227.
La partecipazione richiesta deve, in questo primo punto, essere attiva e
consapevole, circa le finalità delle attività del gruppo o comunque circa
l’intenzione di commettere un reato (anche nel caso di partecipazione ad attività in
senso stretto non criminale purché queste comunque contribuiscano al
raggiungimento delle finalità altrove esplicate: probabilmente solo la casistica
giurisprudenziale chiarirà quali ipotesi rientrino in questa non chiarissima
previsione).
Le altre condotte distinte (di cui al dunque non é fornita una precisa definizione)
sono distinguibili da quelle materiali e presentano un carattere, usando in maniera
non del tutto tecnica l’espressione, morale.
La Convenzione, al dunque, richiede “that the States establish as a crime either the
first or second offence of article 5, paragraph 1 (a). States may wish to consider
the possibilità to introducing both offences to cover different types of conduct”.
La previsione generale di cui a questo punto dell’art. 5 si può al dunque tradurre in
infinite previsioni normative negli ordinamenti nazionali: alla discezionalità
concessa dovrebbe però seguire una ponderata armonizzazione con i principi
interni.
Parte della dottrina228 critica l’assenza nella previsione normativa del gruppo
227
AA. VV., La cooperazione internazionale per la prevenzione e la repressione della criminalità
organizzata e del terrorismo, a cura di Bassiouni, Milano, 2005; STANISLAWSKI, HERMANN
M. G., Transnational Organized Crime, Terrorism, and WMD, Moynihan Institute of Global
Affairs, Maxwell School, Syracuse University Prepared as a Discussion Paper for the Conference
on Non-State Actors, Terrorism, and Weapons of Mass Destruction, CIDCM, University of
Maryland, October 15, 2004.
228
In particolare, riferendosi a quanto chiarito sempre dall’art. 2 circa il gruppo strutturato che “non
deve necessariamente prevedere ruoli formalmente definiti per i suoi membri, continuità nella
101
criminale organizzato dell’elemento dell’organizzazione229: solo in tal modo si
sarebbe avuta una struttura operativa (basata sulla divisione dei compiti) tale da
indicare “una razionalizzazione del lavoro criminale che aumenti la portata delle
attività commesse dal gruppo, giustificando così l’autonoma punibilità della
partecipazione all’organizzazione criminale230.
In realtà, molte delle scelte convenzionali che ci appaiono oggi “discutibili” sono
state dettate dalla più volte ribadita esigenza di coordinare sistemi giuridici
differenti: non si può infatti dimenticare come i sistemi di common law siano basati
sull’istituto della conspiracy e come in questo vadano indistintamente a confluire i
semplici accordi finalizzati alla commissione di un singolo reato quanto le attività
illecite poste in essere da gruppi organizzati veri e propri.
L’incidenza della conspiracy é massima laddove nell’art. 5 basta l’accordarsi con
una o più persone per commettere un reato grave (…).: come si vedrà meglio nelle
prossime pagine, alla base della conspiracy c’é un accordo tra due o più persone
per la realizzazione di attività illecite o comunque lecite ma con il ricorso a mezzi
illeciti.
Sembra però che la Convenzione avrebbe dovuto rimarcare la distinzione ed il
disvalore tra queste condotte meramente concorsuali ed una struttura organizzata:
il riconoscimento di un disvalore penale autonomo alla condotta associativa trova
così una ratio abbastanza debole, che potrebbe essere rafforzata solo da una presa
di posizione decisa circa il maggiore disvalore della creazione di una
organizzazione criminale vera e propria e non del semplice accordo.
Non si vuole con ciò negare l’intento del “legislatore internazionale” di precisare i
requisiti che deve possedere un gruppo per essere qualificato come tale ai fini della
Convenzione ma solo che, almeno sotto alcuni punti di vista, il retaggio dei sistemi
di common law ha in questo caso inciso in maniera non del tutto positiva ai fini di
un corretto inquadramento della rilevanza penale della condotta associativa: per
ampliare la portata operativa se ne è quasi sacrificata la reale offensività?
Veniva sovente sollevata una ulteriore eccezione alla formulazione della
Convenzione laddove superava il divieto di punibilità dei meri accordi ma in realtà
composizione o una struttura articolata”.
229
ALEO, Criminalità transnazionale e definizione della criminalità organizzata: il requisito
dell’organizzazione, AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato transnazionale, a
cura di Patalano, Torino, 2003, 7.
230
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 190.
102
gli Stati-parte vengono lasciati liberi di prevedere la punibilità solo laddove sia
stato posto in essere almeno un atto di esecuzione materiale dell’accordo
criminoso. Questa discrezionalità interna sembra però contrastare con l’intento
unitario della Convenzione circa l’identificazione delle condotte punibili e
sicuramente, pur avendo il pregio di salvaguardare il rispetto delle realtà nazionali,
non agevola il processo di cooperazione tra gli Stati, che possono adattarsi in
maniera differente alla realtà convenzionale, oltre che a rendere sempre più
complesso il discrimen tra concorso e partecipazione all’associazione231.
231
Critico in tal senso MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 191.
103
3.3.1. La posizione dell’Unione Europea sulla condotta di partecipazione:
prospettive e “stato dell’arte”.
Partendo dal presupposto, come é emerso dall’analisi del Testo dell’art. 5, che
l’esigenza
di
armonizzazione
tra
realtà
giuridiche
differenti
comporta
inevitabilmente232 qualche scelta normativa suscettibile di puntualizzazioni (se non
proprio di critiche), indubbiamente il contesto europeo é uno degli ambiti in cui si
é maggiormente cercato di superare la diffidenza che di solito accompagna
previsioni normative internazionali così importanti.
Nelle pagine precedenti si è avuto modo di vedere come, già in una fase anteriore
ai lavori preparatori della TOC Convention, l’Unione Europea si era occupata di
questo profilo, tramite l’emanazione dell’Azione Comune del 21 dicembre 1998
relativa all’incriminazione della partecipazione ad un’associazione criminale negli
Stati membri dell’Unione Europea233.
232
Come nota MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 192, “delicata é la scelta
di quale debba essere lo standard da assumere tra le diverse soluzioni esistenti nel campo, anche
per rispettare le possibili diversità nelle manifestazione del fenomeno criminale in relazione ai vari
contesti sociali e geografici”.
233
Pubblicata in GUUE 29 dicembre 1998: nel 1998 il Council of Europe Joint Action adopted by
the Council on the basis of article K.3 of the Treaty on European Union, on making it a criminal
offence to participate in a criminal organization in the member States of the European Union.
www.europa.eu.int/eurlex/pri/en/oj/dat/1998/l_351/l_35119981229en00010002.pdf.
Article 1: Within the meaning of this joint action, a criminal organization shall mean a structured
association, established over a period of time, of more than two persons, acting in concert with a
view to committing offences which are punishable by deprivation of liberty or a detention order of a
maximum of at least four years or a more serious penalty, whether such offences are an end in
themselves or a means of obtaining material benefits and, where appropriate, of improperly
influencing the operation of public authorities. The offences referred to in the first subparagraph
include those mentioned in Article 2 of the Europol Convention and in the Annex thereto and
carrying a sentence at least equivalent to that provided for in the first subparagraph.
Article 2
To assist the fight against criminal organizations, each Member State shall undertake, in
accordance with the procedure laid down in Article 6, to ensure that one or both of the types of
conduct described below are punishable by effective, proportionate and dissuasive criminal
penalties:
a) conduct by any person who, with intent and with knowledge of either the aim and general
criminal activity of the organization or the intention of the organization to commit the offences in
question, actively takes part in:
— the organization’s criminal activities falling within Article 1, even where that person does not
take part in the actual execution of the offences concerned and, subject to the general principles of
the criminal law of the Member State concerned, even where the offences concerned are not
actually committed,
— the organization’s other activities in the further knowledge that his participation will contribute
to the achievement of the organization’s criminal activities falling within Article 1;
(b) conduct by any person consisting in an agreement with one or more persons that an activity
should be pursued which, if carried out, would amount to the commission of offences falling within
Article 1, even if that person does not take part in the actual execution of the activity.
104
Si tratta di un contributo fondamentale, cui é necessario prestare attenzione ai fini
di un corretto inquadramento anche della disciplina stessa della partecipazione: la
ricostruzione della posizione comunitaria e della relativa incidenza su scala
internazionale, infatti, consente di comprendere le eventuali influenze esterne che
gli Stati, in primis l’Italia, hanno avuto dalla adesione ad entrambi i livelli
sovranazionali.
Con l’adozione della Decisione quadro 2008/841/GAI del Consiglio dell’U.E. del
24 ottobre 2008234 relativa alla lotta contro la criminalità organizzata, il Consiglio
dell’Unione Europea ha poi abrogato la precedente Azione Comune 98/733/GAI
del 21 dicembre 1998, relativa alla punibilità della partecipazione ad
un’organizzazione criminale degli Stati membri, al fine di consolidare
l’armonizzazione delle legislazioni nazionali ai sensi del punto 3.3.2 del
Programma dell’Aia del novembre 2004235.
Sulla scia delle previsioni contenute nella precedente Azione Comune, e nel
rispetto dei diritti e dei principi riconosciuti dalla Carta dei diritti fondamentali
dell’U.E. (in particolare, gli artt. 6 e 49), sono state enucleate, pertanto, definizioni
comuni delle nozioni di “organizzazione criminale” e di “associazione strutturata”
si é altresì delineato un quadro tendenzialmente omogeneo per il trattamento
sanzionatorio dei reati relativi alla partecipazione ad un’organizzazione criminale
(artt. 2 e 3), che va affiancato alla Convenzione di Palermo, da cui é stato tratto
input per completare un procedimento normativo iniziato ancora prima di quello
sovranazionale.
Particolarmente significativa appare la previsione contenuta nell’art. 4, secondo cui
ciascuno Stato membro può introdurre misure volte a ridurre o escludere la pena,
ove l’autore del reato rinunci alle sue attività criminali e fornisca informazioni utili
per prevenire, porre termine o attenuare gli effetti del reato, identificarne gli altri
autori, acquisire elementi di prova e privare l’organizzazione delle risorse illecite o
dei profitti ricavati dalle sue attività.
Il termine per l’attuazione della Decisione è fissato entro l’11 maggio 2010.
234
Decisione quadro 2008/841/GAI del Consiglio dell’Unione Europea del 24 ottobre 2008,
relativa alla lotta contro la criminalità organizzata in GUUE, L 300/42 dell’11 novembre 2008.
235
Si
riporta,
a
tal
proposito,
quanto
pubblicato
sul
sito
www.cortedicassazione.it/Notizie/Documenti_Relazioni/Comunitari/DocumentiComunitari.asp.
105
Durante i lavori di stesura della Convenzione, il contributo fornito dall’Azione
Comune del 1998 (attualmente abrogata) é stato rilevante e merita di essere
ripercorso quantomeno nei tratti salienti236.
In primis, é necessario collocare la citata Azione Comune all’interno del Terzo
Pilastro comunitario e, quindi, nell’insieme degli obblighi che vincolano gli Stati
membri al fine di adeguare la propria normativa interna alla corrispondente
normativa comunitaria.
La scelta di questa modalità ha indubbiamente contribuito ad agevolare il processo
di armonizzazione delle varie legislazioni nazionali in un’ottica di cooperazione
comunitaria237.
Si rende necessario altresì il richiamo al disposto normativo che consentiva di
chiarire cosa si deve intendere per organizzazione criminale (nel senso di
associazione strutturata di più di due persone238, stabilita da tempo, che agisce in
modo concertato allo scopo di commettere reati punibili con una pena privativa
della liberta o con una misura di sicurezza privativa della libertà non inferiore a
quattro anni o con una pena più grave (…).
Le condotte punibili (ovvero che gli Stati membri dovevano rendere tali tramite la
predisposizione di sanzioni ad hoc) erano:
a) la condotta di una persona che, intenzionalmente ed essendo a conoscenza
dello scopo e dell’attività criminale generale dell’organizzazione, o
dell’intenzione della organizzazione di compiere i reati in questione e, fatti
salvi i principi generali del diritto penale dello Stato membro interessato,
anche quando i reati in questione non siano effettivamente commessi;
b) alle altre attività della organizzazione, essendo inoltre a conoscenza del
fatto che la sua partecipazione contribuisce alla realizzazione delle attività
criminali della organizzazione, ovvero
236
Non si può omettere l’ulteriore riferimento al Piano di azione contro la criminalità organizzata in
GUUE C 251 del 15 agosto 1997, oltre al piano di azione del Consiglio di Vienna del dicembre
1998 ed il Memorandum dell’Unione Europea sulla strategia contro il crimine organizzato del 3
maggio 2000, passando per la Risoluzione di Tampere del 1999.
237
Il necessario inquadramento nel diritto comunitario é stato sviluppato nel corso del II Capitolo.
238
Critico sul punto PAPA, Un modello comune europeo per il contrasto dei gruppi criminali
organizzati (…), cit., 243, che evidenzia come “pur costituendo un traguardo significativo, la
definizione proposta non va esente da critiche. Al fine di assicurare la compatibilità tra la
definizione europea e la tradizione giuridica di quei Paesi, come il Regno Unito, che hanno a lungo
ignorato il modello del reato associativo, perseguendo il crimine organizzato attraverso la
fattispecie incriminatrice di conspiracy, la formula adotta nell’Azione comune si limita a richiedere
che l’organizzazione criminale sia composta almeno da due persone (…)”.
106
c) la condotta di una persona consistente in un accordo con una o più persone
per porre in essere una attività la quale, se attuata, comporterebbe la
commissione dei reati (…);
Cercando di realizzare un confronto tra quanto a suo tempo fissato dall’Azione
comunitaria e quanto successivamente stabilito dalla Convenzione di Palermo, la
connessione tra i due Testi é molto forte, quantomeno dal punto di vista della
finalità di armonizzazione tra sistemi giuridici differenti239: “le Nazioni Unite
hanno fatto ricorso ad una tecnica già collaudata della propria attività relativa alla
prevenzione del crimine: l’adozione di standard normativi comuni ai vari
ordinamenti”240.
Con questo lavoro si é arrivati all’importante risultato di concretizzare “l’impegno
contro la criminalità organizzata come terreno di elezione di un diritto penale
comune europeo”241.
A livello europeo, infatti, si é ritenuto necessario conciliare le esigenze ma anche i
substrati giuridici degli ordinamenti di civil e common law, realizzando una
coesistenza ponderata tra i due sistemi e rispettando i valori giuridici sottesi ai
modelli della associazione per delinquere e della conspiracy242.
Bisogna, infatti, necessariamente partire dalla considerazione che gli ordinamenti
giuridici interni nascono in contesti storici ormai relativamente lontani, e
prevedono dunque, anche per quanto concerne i reati associativi, strutture create ad
hoc per punire fenomeni spiccatamente domestici.
239
Come ricorda MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 186, “L’Unione
Europea, tramite il proprio Commissario alla Giustizia ed agli Affari Interni, ha aderito alla
Convenzione nel primo gruppo delle parti contraenti, che hanno formalizzato la propria adesione
fin dalla apertura della Conferenza di Palermo il 12 dicembre 2000”.
240
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 187, sottolineando come in
questo caso, più che in passato, “l’indicazione di comuni parametri di riferimento é servita a fornire
una base giuridica in grado di superare le oscurità nella rappresentazione del problema”.
241
MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 199, che però critica come si tratti di
un risultato “ampiamente perfettibile sul piano giuridico, tanto in relazione alla determinatezza
dell’incriminazione, quanto alla stessa offensività dei fatti punibili”.
242
Come notano MICHELINI, POLIMENI, Il fenomeno del crimine transnazionale e la
Convenzione delle Nazione Unite contro il crimine organizzato transnazionale, in AA. VV.,
Criminalità organizzata transnazionale e sistema penale italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007, 24,
si é trattato di uno “sforzo di sintesi definitoria che viene compiuto (…) con uno spirito ed una
formulazione che valorizzano e rispettano le differenze culturali, storiche e giuridiche dei diversi
ordinamenti, non escludono o privilegiano l’una o l’altra delle opzioni, e nel contempo mirano al
comune risultato di pervenire e reprimere fenomeni criminali particolarmente pericolosi proprio per
l’elemento organizzativo, aggiungendo all’apparato sanzionatorio previsto per il singolo reato
commesso quello autonomo ed aggiuntivo determinato dalla dimensione associativa”.
107
Questo aspetto é particolarmente tangibile, ad esempio, nello stesso art. 416-bis,
non tanto perché a suo tempo il Legislatore non poteva prevedere la committibilità
di reati-fine da parte di associazioni ad esempio mafiose fuori dall’Italia (Cosa
Nostra americana è infatti una realtà ben datata) ma per la stretta connessione con
la tradizione ed il substrato di cultura criminale locale che la fattispecie presenta.
Altro aspetto da considerare é come gli ordinamenti e le fattispecie di reato
previste dai sistemi giuridici siano di matrice individuale, prevedendo la
commissione da parte di un soggetto agente comune o c.d. proprio ma, nella
maggior parte dei casi, “singolo”.
E’ la stessa struttura della personalità della responsabilità penale che, ad esempio,
in Italia giustifica questa scelta di predisposizione, cui però va necessariamente
aggiunta la presa di consapevolezza della ineludibilità di alcune ipotesi criminali
necessariamente o eventualmente collettive.
E’ alla luce di simili considerazioni che il nostro ordinamento prevede ipotesi di
reato eventualmente realizzabili in concorso di persone oltre, chiaramente, a
fattispecie necessariamente plurisoggettive, come le associazioni per delinquere,
per le quali può altresì essere ammissibile un concorso esterno.
Sembra si concordi con il fatto che un crimine collettivo sia maggiormente
pericoloso per la collettività di uno uti singulo ed é proprio per questo motivo,
come é stato già chiarito nelle pagine precedenti, che si é optato per una sorta di
“anticipazione” della soglia delle punibilità ad una fase anteriore a quella della
commissione di quelli che denominiamo reati-scopo, considerando già reato
l’associazione stessa, se presenta alcuni requisiti.
Proprio allo scopo di combattere la criminalità organizzata anche nella sua forma
transnazionale, gli Stati hanno dovuto predisporre nel proprio ordinamento gli
strumenti necessari o, ma solo in alcuni casi, adattare quelli già esistenti alla nuova
realtà criminale243.
A livello europeo, infatti, esistono modelli interni differenti (non solo quello
italiano, ma anche la conspiracy inglese) che si sono dovuti adattare alla nuova
realtà globale e che sono stati oggetto di contrasti ma anche di armonizzazione su
243
CENTONZE, Criminalità organizzata e reati transnazionali, Milano, 2008; LEVI, Perspectives
on Organized Crime: an overview, The Howard Journal, 37, 4, 1998, 335; MITSILEGAS, Defining
organized crime in the European Union: the limits of European criminal law in an area of
“freedom, security and justice”, European Law Review, 26 (6), 2001, 565.
108
scala comunitaria e internazionale: pur nelle loro peculiarità e differenze, infatti,
per attuare una reale cooperazione é stata necessaria una loro ponderata
armonizzazione.
Al ragguardevole risultato raggiunto in sede di TOC Convention vanno però
necessariamente aggiunte riflessioni sulla fase di compromesso, in particolare alla
luce delle differenze con i sistemi di common law e con la struttura stessa della
conspiracy, oltre al recepimento nei singoli Stati di queste prese di posizione, in
particolare per quanto concerne l’adattamento del sistema giuridico italiano244 alla
criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo criminale organizzato.
La Convenzione di Palermo ha chiarito cosa si intende per gruppo criminale
organizzato e quando sussistono gli estremi per la criminalizzazione della relativa
partecipazione.
E’ stato poi, in un secondo momento, compito degli Stati che hanno ratificato la
Convenzione, adattarsi a quanto in essa stabilito.
A seguito dell’adesione alla Convenzione di Palermo da parte dell’Unione
Europea, é possibile restringere l’ambito di analisi ai Paesi comunitari,
necessariamente almeno in questa sede prescindendo dalle scelte effettuate dagli
altri Paesi aderenti alla Convenzione stessa.
Si può così affermare che “partecipa ad un’organizzazione criminale colui che
apporta un contributo non occasionale alla realizzazione dei reati oggetto delle
attività dell’organizzazione o al mantenimento delle sue strutture operative, quando
sia consapevole di rafforzare così la capacità a delinquere dell’organizzazione, cioè
di rendere più probabile o più rapido il conseguimento del programma criminoso
ovvero di incrementarne il grado di realizzazione”245.
Le pene per la sola partecipazione all’organizzazione criminale non possono
superare la metà delle pene previste per il reato più grave che rientra nel
programma criminoso dell’organizzazione.
Le pene sono aumentate della metà per chi partecipa ad una organizzazione
criminale che svolga le propria attività in più Stati membri o che adotti
l’intimidazione diffusa come metodo sistematico.
244
PAPA, Repressione del crimine organizzato: incertezza italiane e prospettive transnazionali,
DPP, 7, 2002, 797.
245
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit.,188.
109
Per coloro che costituiscono l’organizzazione o ne dirigono le attività criminali la
pena non può essere inferiore al triplo della pena prevista per la semplice
partecipazione.
In organizzazioni altamente strutturate e gerarchicamente condotte i capi
rispondono dei reati commessi dai membri dell’organizzazione, salvo che il reato
da questi commesso costituisca una conseguenza imprevedibile rispetto all’attività
criminosa che è oggetto dell’organizzazione. (…)
I partecipanti all’organizzazione che si sforzano seriamente di impedirne le attività
criminose o che comunicano all’autorità notizie rilevanti sulla costituzione,
l’esistenza o le attività del gruppo criminale hanno diritto ad un’attenuante speciale
di pena non inferiore alla metà della sanzione prevista per la partecipazione
all’organizzazione.
La punibilità può altresì essere esclusa quando l’apporto conoscitivo fornito dal
collaboratore sia risultato determinante per impedire la prosecuzione delle attività
criminali del gruppo o per smantellarne l’organizzazione criminale.
A livello europeo, é possibile distinguere246 realtà con ordinamenti differenti, che
possono essere privi di una fattispecie di incriminazione autonoma, o che si basano
sui reati associativi o, addirittura, che prevedono una fattispecie ad hoc per
criminalizzare l’organizzazione criminale.
In sostanza, alcuni sistemi giuridici comunitari non prevedevano proprio la
criminalizzazione della partecipazione, eventualmente ricorrendo, laddove
servisse, al concorso di persone ed alla previsione della partecipazione ad un
gruppo come un’aggravante alla commissione del reato in forma concorsuale.
Il sistema dei reati associativi è, invece, tipico degli ordinamenti giuridici, come il
nostro, caratterizzati da una tradizione normativa che perde la propria origine nella
notte dei tempi: dall’esempio italiano a quello francese e tedesco fino ad arrivare al
sistema di common law, con la macroprevisione della conspiracy, tutti
caratterizzati da una indeterminatezza frutto della frammentarietà ma anche dalla
capacita di adattarsi alle nuove realtà emergenziali (criminalità terroristica,
finalizzata al commercio di sostanze stupefacenti etc.) oltre che ad una
puntualizzazione normativa e sovente giurisprudenziale dei requisiti richiesti.
246
La distinzione riportata é stata attuata per la prima volta dal Prof. Militello e poi seguita dalla
maggior parte degli studiosi di questa tematica anche a livello internazionale.
110
Si tratta di ordinamenti caratterizzati “dall’incessante intervento del Legislatore in
relazione alle varie forme di manifestazione della criminalità organizzata, le quali
vengono avvertite come emergenze contingenti anche a causa della mancanza di
un quadro di riferimento normativo adeguato”247.
L’ultimo modello é invece riferibile alla sola esperienza italiana, con la
formulazione dell’art. 416-bis, attualmente seguito da altri Stati (Austria etc.) che
hanno deciso di “imitare” la scelta di politica criminale del nostro Legislatore: alle
difficoltà connesse alla tipizzazione degli elementi costitutivi é seguito
l’importante risultato di superare molti dei problemi legati alla creazione di una
previsione autonoma circa la criminalità organizzata.
A seguito della chiara presa di consapevolezza della portata del fenomeno
associativo su scala transnazionale, gli Stati membri dell’Unione Europea hanno
tentato una prima forma di contrasto proprio tramite l’adozione dell’Azione
comune: nel tentativo di rispettare i caratteri dei vari sistemi giuridici coinvolti
però, l’esigenza di compromesso ha sacrificato la “qualità” del risultato raggiunto,
ed é probabilmente per questo motivo che ai buoni propositi che avevano
preceduto l’Azione non é seguito un risultato adeguato.
L’Unione Europea era infatti partita dal condivisibile obiettivo di predisporre una
nozione di criminalità organizzata in conformità a quello che é il terzo modello qui
preso in considerazione248 ma il desiderio di non generare “zone franche” a livello
punitivo ha comportato un superamento dei confini inizialmente auspicati a favore
dell’adozione di un sistema per lo più improntato sull’assetto concorsuale (come
emerge dall’art. 2249).
247
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 198.
AZIONE COMUNE del 21 dicembre 1998 adottata dal Consiglio sulla base dell'articolo K.3 del
Trattato sull'Unione europea, relativa alla punibilità della partecipazione a un'organizzazione
criminale negli Stati membri dell'Unione europea (1) (98/733/GAI). Articolo 1: Ai fini della
presente azione comune, per organizzazione criminale si intende l'associazione strutturata di più di
due persone, stabilita da tempo, che agisce in modo concertato allo scopo di commettere reati
punibili con una pena privativa della libertà o con una misura di sicurezza privativa della libertà
non inferiore a quattro anni o con una pena più grave, reati che costituiscono un fine in sé ovvero
un mezzo per ottenere profitti materiali e, se del caso, per influenzare indebitamente l'operato delle
pubbliche autorità.
249
1. Per agevolare la lotta contro le organizzazioni criminali, ciascuno Stato membro si impegna,
secondo la procedura di cui all'articolo 6, a fare in modo che una o entrambe le condotte descritte
successivamente siano punibili con sanzioni penali effettive, proporzionate e dissuasive:
a) La condotta di una persona che, intenzionalmente ed essendo a conoscenza dello scopo e
dell'attività criminale generale dell'organizzazione, o dell'intenzione dell'organizzazione di
commettere i reati in questione, partecipi attivamente:
248
111
E’ da evidenziare come era possibile per gli Stati prevedere una forma di punibilità
avente ad oggetto anche il mero accordo privo di effettiva commissione di reato,
andando così ad includere tutte le possibili forme di manifestazione criminale ma
perdendo quella “specifica pericolosità che può legittimare l’incriminazione della
organizzazione criminale”250.
Gli aspetti comuni al successivo Testo della Convenzione di Palermo sono quindi
molteplici, sia per quanto concerne il concetto di reato grave che di gruppo
criminale organizzato e strutturato.
Per comprendere le motivazioni che hanno indotto l’Unione Europea ad aderire
alla Convenzione internazionale é necessario spostare l’attenzione sul valore
giuridico delle Azioni Comuni: il loro superamento ed anche la scelta di abrogare
questa Azione Comune in particolare, scaturisce dalla non chiara ed univoca
vincolatività per gli Stati-parte che, quando privi al loro interno di una fattispecie
ad hoc conforme alle richieste dell’Azione Comune, hanno preferito “chiudere” la
questione affermano che il sistema del concorso di persone interno é più che
conforme e sufficiente a fornire rilevanza penale alle condotte incriminate a livello
comunitario.
In sostanza, l’Unione Europea, attualmente alle prese con i nuovi strumenti coniati
nel Trattato di Amsterdam, preso atto dell’importanza e delle dimensioni del
problema della criminalità organizzata, ha preferito “delegare” il lavoro di
contrasto alle Nazioni Unite, nella speranza che la Convenzione pattizia e la
relativa ratifica abbiano una incidenza maggiormente cogente negli ordinamenti
interni ed ha negli ultimi anni affiancato a questa scelta il tentativo di ricorrere a
nuovi strumenti legislativi, a cominciare dalle Decisioni Quadro, di cui ancora si
devono verificare in pieno gli effetti cogenti.
- alle attività di un'organizzazione criminale rientranti nell'articolo 1, anche quando tale persona
non partecipa all'esecuzione materiale dei reati in questione e, fatti salvi i principi generali del
diritto penale dello Stato membro interessato, anche quando i reati in questione non siano
effettivamente commessi;
- alle altre attività dell'organizzazione, essendo inoltre a conoscenza del fatto che la sua
partecipazione contribuisce alla realizzazione delle attività criminali dell'organizzazione rientranti
nell'articolo 1.
b) La condotta di una persona consistente in un accordo con una o più persone per porre in essere
un'attività la quale, se attuata, comporterebbe la commissione dei reati che rientrano nell'articolo 1,
anche se la persona in questione non partecipa all'esecuzione materiale dell'attività.
2. Indipendentemente dal fatto che abbiano scelto di punire la condotta di cui alle lettere a) e b), gli
Stati membri si presteranno la più ampia assistenza per i crimini o i reati di cui al presente articolo,
nonché per i reati di cui all'articolo 3, paragrafo 4, della convenzione relativa all'estradizione tra gli
Stati membri dell'Unione europea stabilita dal Consiglio il 27 settembre 1996.
250
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 200.
112
Pregevole é stato invece il tentativo confluito nel Progetto comune europeo di
contrasto alla criminalità organizzata251, che ha focalizzato l’attenzione sugli
aspetti principali inerenti questa tematica252.
Si tratta di un tentativo di normazione unica inerente appunto la criminalizzazione
della partecipazione, nel quale si richiede una partecipazione non occasionale,
finalizzata o al compimento di uno dei reati previsti dal programma criminoso o al
funzionamento
della
struttura
organizzativa
stessa,
con
consapevolezza
dell’apporto fornito dalla propria condotta alla realizzazione delle finalità illecite
dell’organizzazione.
Viene ribadita la necessarietà della partecipazione di tre soggetti ai fini della
configurabilità della organizzazione ed abbandonato, al contrario di quello che
avviene nella Convenzione, il concetto di reato grave basato sulla conseguenza
sanzionatoria minima, optando per il meno discutibile ricorso al criterio degli
elementi costitutivi.
E’ da sottolineare che la Proposta europea non vincola gli Stati a prevedere al
251
Per
il
quale
si
rinvia
alla
documentazione
consultabile
sul
sito
www.mpicc.de/ww/en/pub/forschung/forschungsarbeit/gemeinsame_projekte/archiv/organized_cri
me.htm. Si tratta del Joint European Project to Counter Organized Crime, organizzato dal Max
Planck Insitut in unione con il Falcone Programme of the European Union (Head of Project: Prof.
Militello). The Joint European Project developed by the City of Palermo has pursued the main goal
of improving professional skills and know-how in countering organized crime, also through the
preparation of draft laws at the European level. In order to achieve this goal, the Joint European
Project has adopted a methodology which is both comparative, as to the legal systems covered, and
integrative, as to the professional experiences involved. Two phases of the Project have been
characterized by this approach: the first phase aimed at collecting and comparing data in various
domestic legal systems, and the second at drafting for harmonizing laws at the European level. This
exchange first took place between Italy, Germany and Spain, countries which, on different
occasions and at different moments, had already provided for a specific set of laws against
organized crime in their national legal systems. Meanwhile, the analysis prepared by the
researchers was augmented by the experiences of civil servants in the sector of law enforcement
and local administration. The approach was based on the belief that a phenomenon as complex as
organized crime can be combated adequately only if the necessary repression of criminal conduct
is matched by a frame of preventive actions aimed at overcoming the social, cultural and economic
factors facilitating its spread.
252
The results of the research carried out in phase I of the Project were collected in two volumes
and published in 2000 in Italian and German under the titles "Il crimine organizzato come
fenomeno transnazionale" and "Organisierte Kriminalität als transnationales Phänomen" in the
series "Interdisziplinäre Untersuchungen aus Strafrecht und Kriminologie" of the Max Planck
Institute for Foreign and International Criminal Law in Freiburg im Breisgau. Law-Publisher
Giuffrè (Milano) was entrusted with the distribution in Italyseguto pi da un proposta normative
europea These normative proposals in their English, German, Italian and Spanish versions and the
explanatory reports revised after the commentaries of the Madrid workshop, have now been
published in a third volume under the title "Towards a European Criminal Law Against Organized
Crime" also in the series "Interdisziplinäre Untersuchungen aus Strafrecht und Kriminologie" of
the Max Planck Institute for Foreign and International Criminal Law in Freiburg im Breisgau. This
volume also contains summaries of selected contributions already published in the abovementioned Italian and German books.
113
proprio interno una fattispecie punitiva della partecipazione: “(…) la varietà di
livelli sanzionatori attualmente esistenti nei vari sistemi penali degli Stati membri
determinerebbe inevitabili discrasie sanzionatorie.
In mancanza di un più generale processo di armonizzazione dei livelli penali
nazionali, una determinazione rigida a livello europeo della sanzione penale da
recepire nei singoli sistemi penali implicherebbe un disvalore non omogeneo, ma
condizionato dal contesto sanzionatorio complessivo in cui va ad inserirsi”253.
Al di là delle critiche254 che si possono eventualmente muovere alla proposta, si
tratta di un precedente decisivo per la successiva formulazione della Decisione
Quadro: da ciò scaturisce un vincolo di risultato e non di mezzi da parte degli Stati
che, pur adattando le relative previsioni alle caratteristiche interne del proprio
ordinamento, sono tenuti a rispettare l’impegno preso in sede comunitaria ed a
mantenere la tanto auspicata unitarietà di disvalore del fatto punito: il ricorso alla
argomentazione della preclusione alle limitazioni della sovranità in ambito penale
non deve infatti costituire un intralcio ai processi di armonizzazione delle realtà
giuridiche comunitarie e sovranazionali, in particolare per quando riguarda
tematiche di disvalore penale notevole come la criminalità organizzata
transnazionale (e la criminalizzazione della partecipazione in particolare) che,
proprio per le loro dimensioni, richiedono una lotta transfrontaliera e non più solo
domestica255.
Bisogna poi ricordare il fondamento politico criminale della scelta normativa alla
base della formulazione della disposizione inerente la criminalità organizzata e del
reato di partecipazione: l’organizzazione criminale presenta, infatti, un disvalore
“aggiunto” rispetto alla commissione di un reato in forma concorsuale ed é per
253
Cfr. MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 207.
In molti ne hanno invece riconosciuta la pregevolezza, come ricorda PAPA, Un modello comune
europeo per il contrasto dei gruppi criminali organizzati (…), cit., 234, “il Progetto Comune é
riuscito a superare egregiamente tutte le tentazioni e difficoltà, rifuggendo da ogni radicalismo”.
255
MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 211, che critica la considerazione di
molti studiosi (Arnold, Kinzig) circa il fatto che si tratti di un volontà di generalizzazione della
soluzione italiana di cui all’art. 416-bis c.p.: il modello italiano può sicuramente costituire un punto
di partenza ma il fatto stesso di presentare elementi spiccatamente regionali (connotato mafioso)
chiarisce fin dall’inizio come non sia possibile adottare il medesimo modello in sede comunitaria e
la realtà ha dimostrato come in effetti si sia optato per la creazione di un modello autonomo: molti
dei modelli già presenti negli ordinamenti europei peccano di indeterminatezza e corrono il rischio
di non sottolineare lo specifico disvalore penale della partecipazione ad una organizzazione
criminale ed é questa la motivazione per cui si auspica uno “sforzo di selettività della condotta
criminosa, a seguito del quale le incriminazioni si conformino ai caratteri empirico-criminologici
dei fenomeni che si intendono contrastare”.
254
114
questo che si devono evidenziare le particolari condotte degne di tipizzazione che,
se poste in essere, generano quella pericolosità che é alla base del particolare
disvalore delle organizzazione criminali.
Si é criticato il fatto di richiedere un numero minimo di tre persone affinché esista
una organizzazione, oltre ad eccepire in chiave negativa il requisito della non
occasionalità in riferimento alla partecipazione: si é infatti richiamata l’attenzione
“sul destino dei contributi occasionali, che nell’attuale formulazione proposta
resterebbero fuori dalla portata della norma, benché nella recente esperienza
italiana siano perseguiti come forme di concorso esterno al reato associativo. Da
ultimo, sono state avanzate riserve nei confronti del requisito organizzativo della
divisione dei compiti, affermandosi che esso non esprime la specifica pericolosità
dell’organizzazione e rappresenta dunque un appesantimento probatorio non
necessario”256.
La necessarietà delle tre persone, come nota acutamente parte della dottrina257, é da
rinvenire nel fatto che se ci fossero due soli associati e uno dei due fosse
momentaneamente impossibilitato, si porrebbe un problema di realizzazione
monosoggettiva dei reati posti in essere dall’associato rimasto.
Non si richiede, invece, come poi trasfuso anche nella Convenzione di Palermo, la
stabilità dell’organizzazione, includendo così nella nozione anche tutti i pactum
sceleris caratterizzati da una mobilità interna.
Diverso é invece il requisito dell’organizzazione, che si traduce in una sorta di
richiesta di divisone dei compiti interni: non si arriva a pretendere una rigidità
accertativa in tal senso ma indubbiamente questo elemento é alla base della
pericolosità ultronea delle organizzazioni criminali e funge da quid pluris rispetto
al concorso.
Non si é persa invece l’occasione, una volta per tutte, di chiarire i requisiti
oggettivi e soggettivi del reato di partecipazione: l’espressione “essere parte”
designa l’insieme delle condotte partecipative non improntate sulla mera
occasionalità.
Nel definire questo tipo di reato si doveva infatti, allo stesso tempo, evitare di
creare zone franche ma anche di non sfociare nella indeterminatezza, é per questo
che si sono previste anche condotte non finalizzate alla realizzazione di illeciti ma
256
257
MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 213.
Denuncia in tal senso MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione (…), cit., 214.
115
basate sulla consapevolezza di fornire il proprio supporto all’esistenza e
realizzazione dei fini illeciti dell’associazione.
Proprio alla luce, almeno in parte, delle obiezioni mosse alla Azione comune ed
alla Proposta, la Decisone Quadro 2008/841/GAI258, ha deciso di “avvicinarsi” alle
posizioni della Convenzione, laddove stabilisce che per "organizzazione criminale"
si debba intendere un’associazione strutturata di più di due persone, stabilita da
258
Fondamentale é il preambolo della Decisione quadro 2008/841/GAI del Consiglio del 24 ottobre
2008 relativa alla lotta contro la criminalità organizzata che ricorda come: “L’obiettivo del
programma dell’Aia è di migliorare le capacità comuni dell’Unione e dei suoi Stati membri al fine,
segnatamente, di lottare contro la criminalità organizzata transnazionale. Tale obiettivo deve essere
perseguito in particolare mediante il ravvicinamento delle legislazioni. La pericolosità e la
proliferazione delle organizzazioni criminali richiedono una risposta efficace che corrisponda alle
aspettative dei cittadini e alle esigenze degli Stati membri e che avvenga mediante il potenziamento
della cooperazione tra gli Stati membri dell’Unione europea. In tale prospettiva, il punto 14 delle
conclusioni del Consiglio europeo di Bruxelles del 4 e 5 novembre 2004 afferma che i cittadini
dell’Europa si aspettano che l’Unione europea, pur garantendo il rispetto dei diritti e delle libertà
fondamentali, adotti una strategia comune più efficace per far fronte a problemi transnazionali
come la criminalità organizzata. Nella comunicazione del 29 marzo 2004 relativa a talune azioni da
intraprendere nel settore della lotta contro il terrorismo e altre forme gravi di criminalità, la
Commissione ha affermato che il dispositivo di lotta contro la criminalità organizzata all’interno
dell’Unione europea doveva essere consolidato e ha manifestato l’intenzione di elaborare una
decisione quadro volta a sostituire l’azione comune 98/733/GAI del 21 dicembre 1998 relativa alla
punibilità della partecipazione a un’organizzazione criminale negli Stati membri dell’Unione
europea [2]. Ai sensi del punto 3.3.2 del programma dell’Aia, il ravvicinamento del diritto penale
sostanziale ha l’obiettivo di agevolare il reciproco riconoscimento delle decisioni giudiziarie e delle
sentenze e la cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale e riguarda aree di criminalità
particolarmente grave con dimensioni transfrontaliere e occorre dare priorità a quei settori della
criminalità che sono specificamente citati nei trattati. La definizione dei reati relativi alla
partecipazione a un’organizzazione criminale dovrebbe quindi essere armonizzata negli Stati
membri. La presente decisione quadro dovrebbe pertanto comprendere i reati solitamente commessi
nell’ambito di un’organizzazione criminale. Dovrebbe inoltre prevedere pene corrispondenti alla
gravità di tali reati nei confronti delle persone fisiche e giuridiche che li hanno commessi o ne sono
responsabili. Gli obblighi derivanti dall’articolo 2, lettera a), non dovrebbero pregiudicare la libertà
degli Stati membri di classificare altri gruppi di persone come organizzazioni criminali, per
esempio gruppi con una finalità diversa da quella di ottenere un vantaggio finanziario o un altro
vantaggio materiale. Gli obblighi derivanti dall’articolo 2, lettera a), non dovrebbero pregiudicare la
libertà degli Stati membri di interpretare l’espressione “attività criminali” in modo che indichi
l’esecuzione di atti materiali. L’Unione europea dovrebbe basarsi sul considerevole lavoro svolto
dalle organizzazioni internazionali, in particolare la Convenzione delle Nazioni Unite contro la
criminalità organizzata transnazionale (la “Convenzione di Palermo”), conclusa, a nome della
Comunità europea, con la decisione 2004/579/CE del Consiglio [3]. Poiché gli obiettivi della
presente decisione quadro non possono essere realizzati in misura sufficiente dagli Stati membri e
possono dunque, a causa delle dimensioni dell’intervento, essere realizzati meglio a livello di
Unione, l’Unione può intervenire, in base al principio di sussidiarietà sancito dall’articolo 5 del
trattato che istituisce la Comunità europea, come applicato dal secondo comma dell’articolo 2 del
trattato sull’Unione europea. La presente decisione quadro si limita a quanto è necessario per
conseguire tali obiettivi in ottemperanza al principio di proporzionalità. La presente decisione
quadro rispetta i diritti e i principi fondamentali riconosciuti dalla Carta dei diritti fondamentali
dell’Unione europea, in particolare gli articoli 6 e 49. Nella presente decisione quadro nulla è inteso
a ridurre o restringere le norme nazionali in materia di diritti o libertà fondamentali quali il giusto
processo, il diritto di sciopero, le libertà di riunione, di associazione, di stampa o di espressione,
compreso il diritto di fondare un sindacato insieme con altre persone ovvero di affiliarsi ad un
sindacato per difendere i propri interessi, e il conseguente diritto a manifestare. L’Azione Comune
98/733/GAI andrebbe pertanto abrogata.
116
tempo, che agisce in modo concertato allo scopo di commettere reati punibili con
una pena privativa della libertà o con una misura di sicurezza privativa della libertà
non inferiore a quattro anni o con una pena più grave per ricavarne, direttamente o
indirettamente, un vantaggio finanziario o un altro vantaggio materiale; per
“associazione strutturata”, invece, si intende un’associazione che non si è costituita
fortuitamente per la commissione estemporanea di un reato e che non deve
necessariamente prevedere ruoli formalmente definiti per i suoi membri, continuità
nella composizione o una struttura articolata.
A ciò segue la previsione che ciascuno Stato membro adotta le misure necessarie
per far sì che sia considerato reato uno dei seguenti tipi di comportamento connessi
ad un’organizzazione criminale o entrambi:
a) il comportamento di una persona che, intenzionalmente ed essendo a
conoscenza dello scopo e dell’attività generale dell’organizzazione
criminale o dell’intenzione di quest’ultima di commettere i reati in
questione, partecipi attivamente alle attività criminali dell’organizzazione,
ivi compresi la fornitura di informazioni o mezzi materiali, il reclutamento
di nuovi membri nonché qualsiasi forma di finanziamento delle sue attività,
essendo inoltre consapevole che la sua partecipazione contribuirà alla
realizzazione delle attività criminali di tale organizzazione;
b) il comportamento di una persona consistente in un’intesa con una o più
persone per porre in essere un’attività che, se attuata, comporterebbe la
commissione di reati di cui all’articolo 1, anche se la persona in questione
non partecipa all’esecuzione materiale dell’attività.
Solo il tempo consentirà di capire se le scelte adottate in sede di Decisione Quadro
siano tali da influire maggiormente sulla legislazione interna degli Stati comunitari
e se possono, nei limiti delle differenze presenti, superare i “punti oscuri” scaturiti
dalla Convenzione di Palermo.
117
3.4. Le scelte di politica criminale dell’ordinamento giuridico italiano: il
“parziale” adattamento all’art. 5. Riflessioni e critiche.
La presa di consapevolezza dell’esistenza di una serie di contributi normativi cui il
nostro Stato é stato chiamato ad adeguarsi, consente di comprendere come non sia
stato facile per il Legislatore, nei limiti in cui ha intrapreso questa strada, adeguare
la normativa interna alla Convenzione di Palermo ed, allo stesso tempo, come
questo impegno si sia intensificato con gli interventi dell’Unione Europea.
Quello della criminalità organizzata é un “terreno da sempre afflitto da un deficit di
determinatezza”259: la considerazione preliminare da fare, ricollegandosi a quanto a
suo tempo affermato circa la disciplina del reato associativo (con ripercussioni
anche sull’introduzione del reato autonomo di partecipazione) é che questo assunto
vale anche (e soprattutto) per il nostro sistema giuridico.
La Convenzione di Palermo è il risultato di un complesso lavoro di
armonizzazione: le disposizioni in essa contenute per incriminare la partecipazione
all’organizzazione “appaiono come una sorta di ibridazione di modelli”260.
Nei precedenti comunitari si é cercato di realizzare questo tentativo di
armonizzazione in modo tale “che consenta di assolvere alla funzione di
ravvicinamento delle legislazioni ma nello stesso tempo non si allontani dal
rispetto di quei principi fondamentali della cultura penalistica europea, quale il
principio di tassatività ed il principio di offensività, in relazione ai quali tutte le
figure associative hanno sempre presentato un rilevante tasso di problematicità”261.
Come ha notato la dottrina, questi sforzi sono confluiti nei lavori del Comitato ad
hoc, tanto che “la Convenzione fornisce una standardizzazione della terminologia e
dei concetti, creando una base comune per cornici nazionali di controllo del
crimine”262.
Insieme a ciò, non si deve dimenticare di notare il cambiamento linguistico che ha
connotato l’approccio al problema nel corso degli anni: “dalle associazioni ed
organizzazioni criminali siamo [infatti] passati alla categoria della criminalità
259
MILITELLO, Le strategie di contrasto della criminalità organizzata transnazionale tra esigenze
di politica criminale e tutela dei diritti umani, in AA. VV., in Attività di contrasto alla criminalità
organizzata, a cura di Parano-Centonze, Milano, 2005, 252.
260
Cfr. MILITELLO, Le strategie di contrasto (…), cit., 257.
261
GRASSO, Le risposte penali globali: la Convenzione ONU contro il crimine organizzato
transnazionale, in AA. VV., Criminalità transnazionale (…), cit., 398.
262
VLASSIS, La Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine transnazionale organizzato, in
AA. VV., Criminalità transnazionale (…), cit., 363.
118
organizzata”263.
A contrario, va però aggiunto, come nota Roxin, che “le diversità di normative e di
intensità nella repressione penale nei singoli Stati creano per tali reati delle oasi di
impunità che possono rendere difficile o impossibile una lotta contro di essi”264.
Fatte queste premesse, se si analizza la formulazione della definizione di gruppo
criminale organizzato, é possibile rendersi conto, come é emerso durante la
trattazione autonoma di quest’istituto, che il modello seguito in sede internazionale
é, almeno per grandi linee, in parte simile265 a quello previsto per la formulazione
del nostro reato associativo, quantomeno per la scelta di fondo che è alla base di
una incriminazione così specifica, pur essendo privo di quel requisito di
organizzazione266 che invece caratterizza il nostro “corrispondente interno”.
Più complesso sembra invece il discorso dell’incriminazione della condotta di
partecipazione, spaziandosi (a livello pattizio) dall’ipotesi di accordo tra due
persone fino alla creazione e partecipazione ad un gruppo vero e proprio composto
da tre o più persone, includendo nelle ipotesi di perseguibilità penale non solo le
condotte esecutive del programma criminale ma anche quelle lecite ma pur sempre
strumentali al raggiungimento delle finalità (illecite) del gruppo stesso.
Si é in questo modo ammessa anche una sorta di “apertura ufficiosa” al
riconoscimento implicito del disvalore penale della partecipazione c.d. esterna al
gruppo criminale organizzato, andando così a “mettere sullo stesso piano situazioni
ben differenziate, che anche nei singoli ordinamenti nazionali sono riconducibili a
modelli normativi storicamente e funzionalmente non omogenei”267.
La ratio é probabilmente sempre sottesa all’esigenza di armonizzazione e
coordinamento con i sistemi di common law, basati sulla forma concorsuale della
conspiracy.
L’esigenza di conciliare il modello del reato associativo con le varie forme di
263
Cfr. DE FRANCESCO, Intervento di apertura del Presidente nel corso del II Forum “Gli
standards europei di incriminazione: la partecipazione ad una organizzazione criminale”, in AA.
VV., Criminalità transanzionale (…), cit., 180.
264
ROXIN, I compiti futuri della scienza penalistica, RIDPP, 2000, 3. Sul tema si consultino anche
DONINI, Il volto attuale dell’illecito penale. La democrazia penale tra differenziazione e
sussidiarietà, Milano, 2004 e MOCCIA, Il diritto penale tra essere e volere. Funzione della pena e
sistematica teleogica, Napoli, 1992.
265
L’aggettivo va chiaramente inteso in senso lato: la tipizzazione analitica dell’art. 2 non consente
confronti con istituti interni, pur essendo mossa dalla medesima ratio di riconoscimento del
disvalore aggiunto del gruppo rispetto alle mere forme concorsuali.
266
Il punto, di notevole importanza, é stato sviluppato nelle pagine precedenti, cui si rinvia.
267
Critico in tal senso, MILITELLO, Le strategie di contrasto (…), cit., 259.
119
conspiracy contemplate nei sistemi anglo-americani, ha comportato il lasciare agli
Stati una duplice alternativa: “da un lato, si può incriminare, come partecipazione,
il mero accordo diretto a commettere un grave reato collegato alla societas
sceleris, dall’altro, é possibile incriminare la vera e propria partecipazione alle
attività della organizzazione.
Costituisce tuttavia partecipazione non solo il prendere parte alle attività criminali
del gruppo, ma anche prestare una qualsivoglia altra attività con la consapevolezza
che essa contribuirà al raggiungimento degli scopi associativi criminali”268.
Il fatto che a più voci ci si sia occupati di formulare una incriminazione specifica
per punire la condotta di partecipazione, fa comprendere come si tratti di un
fenomeno che non riguarda più la sola esperienza italiana ma rivesta importanza a
livello globale.
Le preoccupanti dimensioni della criminalità organizzata transnazionale, infatti,
hanno indotto i Legislatori comunitari ed internazionali ad affrontare il problema:
si é optato per la creazione di un modello che non sia più solo conforme a quello
associativo semplice (in certo qual modo riferibile al nostro art. 416 c.p.) ma che,
allo stesso tempo, non presenti i caratteri “regionali” del 416-bis c.p.
“L’orientamento é [stato] dunque quello volto ad elaborare un modello di
incriminazione che, pur senza essere necessariamente ritagliato, come il nostro
416-bis c.p., sulle dimensioni socio-criminologiche di singole associazioni
criminali, esprima comunque i profili strutturali, organizzativi e di scopo che
caratterizzano le più complesse e sofisticate manifestazioni di criminalità
associata”269.
“Resta da vedere se la scelta in favore della tipizzazione analitica della struttura e
degli scopi dei gruppi criminali costituisca davvero una scelta efficace, realmente
idonea a facilitare la repressione di siffatte associazioni e delle loro attività”270.
Certo é che, almeno sotto alcuni profili, “possiamo dubitare che un solo modello di
tipizzazione del reato associativo, anche il più raffinato cronologicamente, possa
costituire l’optimum per qualunque sistema penale del pianeta.
Infatti, da un lato, occorre verificare che tale modello risponda, nel senso appena
chiarito, alle necessità ed alle priorità strategiche della politica criminale di un
268
PAPA, Un modello comune europeo per il contrasto dei gruppi criminali organizzati (…), cit.,
244.
269
Id., Un modello comune europeo per il contrasto dei gruppi criminali organizzati (…), cit., 244.
270
Id., Un modello comune europeo per il contrasto dei gruppi criminali organizzati (…), cit., 245.
120
determinato ordinamento giuridico, dall’altro non é detto che esso riesca a
coordinarsi nel modo voluto con tutti gli altri fattori del sistema (altre regole di
diritto sostanziale, procedura, assetto istituzionale etc.) che determinano il concreto
funzionamento del contrasto al crimine organizzato”271.
Emerge chiaramente come i Paesi di common law siano in realtà sostanzialmente
contrari alla tipizzazione specifica della criminalità organizzata272, ritenendo che si
tratti di ipotesi comunque confluenti nel macroistituto della conspiracy, che va a
punire proprio l’accordo, anche tra solo due individui, volto alla realizzazione di
illeciti: in sostanza, alla analiticità convenzionale, il Regno Unito e gli altri Paesi di
common law continuano a contrapporre un sistema minimale, agevolmente
adattabile nella sua “indeterminatezza” a tutte le realtà criminali configurabili ma
anche privo della specificità che invece un fenomeno così grave richiede a livello
di perseguibilità penale.
A livello internazionale infatti si é deciso di seguire (e per certi versi “esasperare”)
il modello c.d. di reato associativo “analiticamente tipizzato”.
Certo però non si può negare come la conspiracy, nel suo essere uno degli esempi
principali di “microsistema di tutela integrata” comporti un favor probatorio
notevole nella fase di accertamento della responsabilità: é in grado di punire il
mero accordo, se commesso concorre con il reato-scopo e può dunque essere
utilizzato dall’accusa nella forma in cui meglio si adatta al singolo caso (ovvero
come mezzo di repressione alternativo o supplementare rispetto all’accusa
principale).
Al dunque, all’astrattezza della previsione normativa, corrisponde una agilità
probatoria da non sottovalutare.
La ratifica da parte dell’Italia della Convenzione e dei Protocolli delle Nazioni
Unite contro il crimine organizzato transnazionale adottati dall’Assemblea
Generale rispettivamente il 15 novembre 2000 ed il 31 maggio 2001 é avvenuta
con la L. 146/2006.
Bisogna preliminarmente chiarire come “non possa certamente tentarsi una
sovrapposizione tra la previsione del gruppo criminale organizzato e l’associazione
per delinquere (…). La definizione dell’art. 2 pur nella previsione di un identico
271
PAPA, Un modello comune europeo per il contrasto dei gruppi criminali organizzati (…), cit.,
249.
272
La considerazione costituirà oggetto di approfondimento specifico nel paragrafo a ciò dedicato.
121
numero minimo di associati non richiede un generico programma criminoso
relativo ad una pluralità di delitti, bensì una organizzazione criminosa finalizzata
alla realizzazione di uno o più reati.
Con ciò si intende che, stando alla lettera dell’art. 2, ai fini dell’accertamento della
sussistenza di un gruppo criminale organizzato é sufficiente che l’aggregazione
illecita sia diretta alla commissione di un solo reato.
Inoltre, la definizione di gruppo criminale organizzato si riferisce ad un insieme
strutturato di individui senza un sodalizio protratto nel tempo, con la sola
esclusione di aggregazioni fortuite per la commissione estemporanea, e dunque
senza preparazione o improvvisata, del reato grave; diversamente l’associazione
per delinquere richiede un vincolo associativo tendenzialmente stabile o
permanente”273.
Ulteriore diversità é altresì ravvisabile nella richiesta del perseguimento di un
vantaggio finanziario o di altro vantaggio materiale274, trattandosi di elemento
estraneo alla fattispecie di cui all’art. 416 c.p.: l’insieme di tutte queste diversità
consente di comprendere agevolmente come la Convenzione abbia introdotto ex
novo una autonoma incriminazione nel nostro ordinamento che non trova che un
lontano precedente nel 416 c.p.275, dando così adito a problemi di sussunzione del
fatto concreto nella previsione astratta.
Il fatto di aver poi predisposto anche una fattispecie specifica per la condotta
partecipativa presenta aspetti incidenti sull’intero profilo interpretativo del reato
associativo nel nostro sistema giuridico.
Se, infatti, la Legge di ratifica non ha previsto un corrispondente articolo ad hoc
per la criminalizzazione della partecipazione, é probabilmente perché si é ritenuto
che il reato, richiesto espressamente dalla Convenzione, sia già presente “nelle
maglie” del nostro sistema.
Quello che però occorre chiarire é se, così come formulato, il modello italiano sia
273
ASTROLOGO, Prime riflessioni sulla definizione di reato transnazionale nella L. 146/2006,
CP, 4, 2007, 1795.
274
A tal proposito, come nota puntualmente ASTROLOGO, Prime riflessioni sulla definizione (…),
cit., 1795, richiamandosi alla traduzione presente in Così il documento delle Nazioni Unite, Gdir,
17, 2006, 23, non convince la traduzione in italiano dell’espressione utilizzata sia nell’art. 2 che
nell’art. 5 (a financial or other material benefit), laddove nella prima si parla di vantaggio
finanziario e nella seconda economico, non trattandosi di aggettivi per noi perfettamente
sostituibili.
275
Ciò é confermato, come nota ASTROLOGO, Prime riflessioni sulla definizione (…), cit., 1796,
anche dal fatto che nell’elenco dei reati di cui all’art. 10 della Convenzione é presente anche lo
stesso art. 416, escludendo così una sovrapposizione tra le due nozioni.
122
realmente conforme a quello sovranazionale.
La scelta del Legislatore ha in realtà in parte stupito la dottrina: quello della
partecipazione, come si é visto nelle pagine precedenti, é uno degli aspetti più
discussi dalla letteratura giuridica e dalla giurisprudenza stessa, in particolare alla
luce delle complesse vicende definitore e applicative dell’istituto del concorso
esterno.
E’ stato più volte ribadito come nel caso della partecipazione il Legislatore
internazionale abbia dovuto attuare una complessa opera di armonizzazione tra
sistemi di civil e di common law, spesso sacrificando quella determinatezza ed
offensività tanto care ai “vecchi” sistemi giuridici continentali, per avvicinarsi alla
conspiracy ed anche per generare una definizione quanto più ampia, da contenere
tutte le possibili (e spesso ancora imprevedibili) forme di manifestazione della
partecipazione.
Quando si é descritta, nelle pagine precedenti, la prima parte dell’art. 5, si é
sottolineato come, proprio in corrispondenza del modello della conspiracy, sia
richiesto l’accordo tra una o più persone.
In questa prima previsione normativa non é punita la condotta in sé di partecipare
ad un gruppo criminale organizzato: come specificato all’interno dell’articolo
stesso, infatti, il reato della partecipazione non necessariamente richiede
l’implicazione del gruppo ma sussiste anche qualora si verifichi “l’accordarsi con
una o più persone per commettere un reato grave per un fine concernente
direttamente o indirettamente l’ottenimento di un vantaggio finanziario o altro
vantaggio materiale e, laddove richiesto dalla legislazione interna, implicante un
atto intrapreso da uno dei partecipanti in virtù di questa intesa o implicante un
gruppo criminale organizzato”.
Nella prima parte dell’art. 5 viene quindi prevista la punibilità di una condotta non
necessariamente legata alla partecipazione ad un gruppo criminale organizzato, che
presenta alcuni profili di complessa comprensione, laddove include “una prima
serie di condotte che, nella loro configurazione minima, non potranno mai avere
carattere di transnazionalità, proprio per la loro estraneità alla fenomenologia del
gruppo criminale organizzato di cui all’art. 2”276.
276
Cfr. FIORE S., Partecipazione ad un gruppo criminale organizzato, in AA. VV., Criminalità
organizzata (…), cit., 116.
123
La punibilità dell’accordo presenta, almeno ad un primo approccio, qualche
difficoltà di coordinamento con sistemi, come il nostro, basati a contrario sulla
negazione della rilevanza penale del medesimo fenomeno criminale: in realtà, la
Convenzione nasce come strumento per fornire un modello unitario ma richiede un
adattamento alle esigenze degli ordinamenti interni che diventa massimo in casi
come questo: pur non prevedendosi nella formulazione dell’art. 5 l’esecuzione di
almeno uno dei reati progettati in fase di accordo, il raggiungimento di questo
livello minimo di offensività della condotta rimane un requisito inopinabile in sede
probatoria (una volta trasfuso nel nostro sistema) e la Convenzione è ben lontana
dal negare il rispetto di valori costituzionali come questi sui quali si basa l’intero
assetto sostanziale e processuale del nostro ordinamento.
La ratio di questa scelta definitoria é stata ormai più volte ribadita, dovendosi a
livello internazionale coniare una fattispecie in grado di adattarsi anche alle
caratteristiche dei sistemi di common law e non é probabilmente questa la sede per
discutere circa l’opportunità o meno delle opzioni di politica criminale degli altri
Stati, nei quali probabilmente la tematica della rischiosità di una eccessiva
anticipazione della soglia della punibilità non incute il “timore reverenziale” che
invece connota, su tale punto, la nostra letteratura giuridica.
Circa il nostro ordinamento, non si può negare che ha sempre generato perplessità
il fatto che sia stato più che altro compito della giurisprudenza di legittimità, in
assenza di una previsione normativa autonoma, chiarire, in più occasioni, cosa
debba intendersi per partecipazione e, de relato, il sottile discrimen che intercorre
tra “il far parte” ed i fenomeni correlati, fino ad arrivare alla contiguità ed al
concorso esterno.
Se si guarda all’art. 416 c.p. con “gli occhi dello straniero”, infatti, sembra
veramente complesso discernere una incriminazione della condotta partecipativa,
laddove sembra che l’articolo sia più che altro finalizzato a definire quando si
palesi una associazione per delinquere, dando per “scontato” in quali condotte si
manifesti il farne parte.
La variegata casistica giurisprudenziale, ha invece dimostrato come una maggiore
tipizzazione (senza mai dimenticare la necessaria offensività) non avrebbe certo
guastato, in particolare per le indubbie ripercussioni che questo aspetto ha in sede
124
probatoria.
La critica alla scarsa determinatezza dell’art. 416 in tal senso non ha però una
connessione diretta con la richiesta di introduzione della punibilità del reato di cui
all’art. 5: le previsioni di questa fattispecie sono infatti strettamente legate alle
ipotesi di criminalità organizzata transnazionale e non di associazione per
delinquere interna.
Si poteva casomai cogliere l’occasione, una volta ratificata la Convenzione stessa,
per introdurre una fattispecie ad hoc valida sia a livello interno che internazionale
o integrare quella esistente con le peculiarità della previsione sovranazionale ma in
modo maggiormente “conforme” al nostro ordinamento, in particolare in relazione
alla non punibilità del mero accordo.
Il non introdurre una fattispecie autonoma corrispondente all’art. 5 con
formulazione conforme ai principi del nostro ordinamento induce, infatti, a
concludere che il Legislatore non abbia ravvisato nessuna possibile incoerenza tra
le previsioni di cui alla Convenzione ed i caratteri del nostro sistema: eventualità
che sembra opinabile, laddove indubbiamente il “fare parte” del reato di
associazione non assorbe (né ha lontanamente la pretesa di farlo) tutte le possibili
manifestazioni previste dall’art. 5 e, quindi, molte delle ipotesi descritte sono prive
di una previsione normativa corrispondente a livello interno.
Anche il semplice “rinvio”277 appare in parte criticabile, quantomeno alla luce
della considerazione che essendo il nostro un sistema con retaggio costituzionale
forte, la formulazione dell’art. 5 presenta qualche indubbia difficoltà applicativa,
laddove potrebbe richiedere la punibilità di condotte che non presentano i caratteri
dell’offensività richiesti invece dal nostro sistema.
In realtà, i due piani vanno scissi: l’art. 5 non é l’occasione per ovviare a lacune
definitore interne.
Quello che si deve infatti considerare é se con la Legge di ratifica si sia realmente
adempiuto alla richiesta di adattamento della Convenzione all’ordinamento interno
ed é qui che affiora qualche perplessità.
Se, infatti, la Convenzione lascia liberi gli Stati circa il modus operandi e se é
277
Art. 2. Ordine di esecuzione: Piena ed intera esecuzione è data alla Convenzione ed ai Protocolli
di cui all'articolo 1, di seguito denominati rispettivamente: «Convenzione» e «Protocolli», a
decorrere dalla data della loro rispettiva entrata in vigore.
125
indubbio che alcuni profili di questo articolo non si conciliano in pieno con le
nostre esigenze di incriminazione, perché non cogliere l’occasione per appianare
queste difficoltà e per incardinare, partendo dai casi transnazionali, un processo di
tipizzazione normativa di cui é molto avvertita l’esigenza a livello interno?
Nella lettura dell’art. 5 sembra altresì possibile distinguere gli estremi della
condotta concorsuale, spostando però l’attenzione sulla strumentalità dell’agere
più che sull’accertamento del reale favor che questa condotta fornisce alla
associazione stessa.
In relazione a questo profilo, sembra presentarsi in maniera ancora più chiara la
lacuna definitoria che connota il nostro ordinamento: ormai da decenni si dibatte
sulla necessità di tipizzare il concorso esterno, superando eventuali profili circa
l’ammissibilità: questa poteva forse essere l’occasione per predisporre una
disposizione ad hoc, la cui riferibilità al contesto transnazionale non nega tout
court l’estendibilità alla realtà interna.
In un’ottica di sempre maggiore sovrananzionalità della criminalità organizzata, il
predisporre formulazioni normative in grado di contenere previsioni astrattamente
adattabili a realtà domestiche e sovranazionali sembra rispondere alle esigenze di
economia normativa che l’ipertrofia del diritto penale italiano ormai da tempo
auspicano.
L’automatica trasposizione, senza un ponderato adattamento del sistema interno,
della disciplina sovranazionale espone il nostro ordinamento a rischi notevoli, in
particolare circa il differente livello di offensività richiesto, oltre a comportare una
apertura ad un contributo maggiore del profilo psicologico non da tutti
condiviso278. L’attenzione viene infine richiamata sulla penalizzazione delle
condotte c.d. apicali.
Si tratta chiaramente di un profilo di complessa comprensione qualora rapportato
al nostro sistema giuridico.
A livello convenzionale, infatti, manca qualsiasi riferimento alla configurabilità, in
simili casi, di responsabilità per concorso c.d. morale nella realizzazione del reato,
emergendo invece la possibilità di incriminazione per questi soggetti per la
278
Denuncia perplessità FIORE S., Partecipazione ad un gruppo (…), cit., 122, che nota che “non
si può trascurare che sul piano processuale ogni spostamento del baricentro della fattispecie in
direzione del versante soggettivo espone il destino applicativo della fattispecie alle inevitabili
difficoltà di accertamento che caratterizzano tutti gli elementi soggettivi ed, in particolare,
ovviamente, quelli che, come in questo caso, presentano una struttura articolata”.
126
commissione di atti preparatori alla realizzazione del reato fine: una simile
previsione non appare automaticamente adattabile al nostro ordinamento ed in
realtà tradisce una formulazione in parte criticabile da parte della stessa
Convenzione.
Nel tentativo di non lasciare impunite le numerose condotte prospettabili, sembra
quasi che si sia voluto utilizzare questo ultimo punto dell’art. 5 come una sorta di
“contenitore vuoto”, in grado di includere ipotesi che vanno dal concorso esterno
al favoreggiamento, passando per una presunta (e opinabile almeno per noi)
rilevanza penale dei semplici atti preparatori senza la dimostrazione di un effettivo
contributo quantomeno a livello morale dei soggetti apicali.
Appaiono a questo punto condivisibili le considerazioni di chi ha sottolineato che
la Convenzione insegna che é fondamentale, per realizzare una lotta effettiva al
crimine organizzato, superare l’eterogeneità dei sistemi giuridici interni,
eventualmente prestando, a livello di previsione interna, una maggiore attenzione
ad una differenziazione delle conseguenze punitive che non é stata del tutto
realizzata in sede Convenzionale, ove tutte le condotte appaino paritarie nel loro
disvalore.
Si auspica infatti che “una volta entrata in vigore la Convenzione (…) i singoli
sistemi penali assicurino quantomeno una diversità sanzionatoria tra il mero
accordo illecito tra due persone rivolto al compimento di un reato grave e quelli
invece realizzati da gruppi strutturati e seguiti dal compimento di attività
illecite”279, includendo altresì le condotte partecipative in sé lecite ma di sostengo
al raggiungimento delle finalità criminali della organizzazione stessa.
Quello della differente previsione sanzionatoria potrebbe, infatti, essere, se
correttamente usato, un valido strumento per garantire diversità nella unitarietà: se
infatti una delle difficoltà principali che hanno gli Stati nell’adattarsi alla
Convenzione é quello di mantenere la propria identità giuridica e non stravolgere
troppo il proprio sistema, la possibilità, rispettando i limiti imposti dalla
Convenzione, di diversificare le varie condotte partecipative da punire può essere
un buon modo per rimanere fedeli alla propria impostazione pur adottando un
sistema unitario, fondamentale per garantire la cooperazione che é alla base del
buon esito della lotta alla criminalità organizzata.
279
MILITELLO, Le strategie di contrasto (…), cit., 259.
127
In altre parole, nella fase di recepimento sarebbe consigliabile “razionalizzare sul
piano sanzionatorio le corrispondenti incriminazioni”, evitare ripetizioni interne e,
soprattutto, “cogliere l’occasione per ricomporre la disciplina normativa di attività
illecite oggi regolate in modo frammentario”280.
In conclusione, se va accolto con favore il lavoro di tipizzazione che ha
caratterizzato l’art. 5, nel senso di poter fungere da input per uno sforzo similare a
livello interno, eventualmente con una previsione normativa che possa prevedere
un’applicabilità sia a livello interno che transnazionale insieme con una
differenziazione sanzionatoria, va altresì ribadita la necessarietà, da un lato, di una
maggiore attenzione, in sede convenzionale, della ponderazione delle scelte di
incriminazione, dall’altro, volendo trasporre il discorso alla adattabilità
all’ordinamento interno, alcuni profili sembrano così contrastanti con il nostro
ordinamento da richiede un lavoro di adattamento che vada ben oltre la semplice
ratifica priva di un adeguamento alle previsioni normative e costituzionali.
Alla indubbia superiorità del diritto internazionale va infatti sembra ribadita, anche
ai fini di una buona funzionalità processuale, la necessaria armonizzazione con i
principi costituzionali: “la partita si vince solo se nella fase successiva
dell’implementazione e della attuazione non venga meno quella stessa attenzione
della Comunità internazionale, che ha condotta a Palermo a segnare un giro di boa
nell’azione di contrasto contro il crimine organizzato transnazionale”281.
280
281
Id., Le strategie di contrasto (…), cit., 273.
Cfr. MILITELLO, Le strategie di contrasto (…), cit., 274.
128
CAPITOLO QUARTO
Dalla conspiracy all’offence of belonging: il “tortuoso” percorso
dell’ordinamento inglese nella lotta alla criminalità organizzata
alla luce della Convenzione di Palermo.
129
4.1 La criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo criminale organizzato.
Confronto con l’ordinamento giuridico del Regno Unito: waiting for the new offence of
belonging. 4.2 L’inquadramento dogmatico della conspiracy: struttura ed aspetti principali
4.2.1 Il Law Commission Report on Conspiracy and Attempt. 4.3 Le controverse vicende
della criminalità organizzata: dal “superamento” della conspiracy all’esigenza di
criminalizzazione della participation in organized crime. 4.4 A 21st Century Strategy to
Defeat Organized Crime: il contributo fornito dal One Step Ahead per contrastare
l’organized crime. 4.5 Il ruolo del SOCA: la risposta inglese alla lotta alla criminalità
organizzata?
4.1 La criminalizzazione della partecipazione ad un gruppo criminale
organizzato. Confronto con l’esperienza giuridica inglese: waiting for the new
offence of belonging?
L’inquadramento della conspiracy282 costituisce “punto di partenza” obbligatorio
per comprendere se e come la Convenzione di Palermo abbia inciso
sull’ordinamento del Regno Unito o se sia stata più la tradizione giuridica di
questo Paese ad influenzare, almeno per alcuni profili, il Testo pattizio.
Occorre partire da un presupposto: riferendoci al Regno Unito, non stiamo
parlando di uno Stato con una tradizione giuridica “forte” in tema di criminalità
organizzata, tanto meno oggi che questo fenomeno ha preso piede nel territorio,
esiste una legislazione che ne fornisca una definizione e che si preoccupi di
disciplinare il connesso fenomeno della partecipazione ad un gruppo criminale
organizzato.
L’assenza, a livello storico, di un offence of belonging, si é tradotta in una
variegata e puntuale previsione di strumenti di contrasto alla criminalità
organizzata: preso atto della enormità del problema, la Gran Bretagna ha
improntato, più che una risposta dogmatica, una offensiva “pratica”283.
282
In riferimento al solo sistema giuridico inglese e non a tutti gli ordinamenti di common law: in
particolare la conspiracy presenta aspetti diversi, ad esempio, tra Regno Unito e Stati Uniti. Per
approfondimenti si consulti AA. VV., Transnational and comparative criminology, edited by
Sheptycki, Wardak, Glasshouse Press, 2005 e ALBRECHT, KILCHLING, Crime risk assessment,
legislation, and the prevention of serious crime. Comparative perspectives, European Journal of
Crime, Criminal Law and Criminal Justice, 10, 1, 2002, 23.
283
Nel corso di questo lavoro si é fatto e si farà frequente riferimento a Documenti normativi
redatti in lingua inglese. Per ogni Documento si raccomanda la consultazione in lingua originale
presso i Siti istituzionali di consultazione aperta (richiamati nelle note) e si ricorda che eventuali
“traduzioni” in lingua italiana dei termini utilizzati sono assolutamente frutto di lavoro personale e
prive di qualsiasi requisito di ufficialità, secondo quanto stabilito dalla Guidance - Reproduction of
United Kingdom, England, Wales and Northern Ireland Primary and Secondary Legislation
consultabile in www.opsi.gov.uk/advice/crown-copyright/copyright-guidance/reproduction-oflegislation , dove si puntualizza che (…) all reproduction of the Material should be made from an
Official version. This means either the authorised Queen’s Printer or Government Printer for
Northern Ireland published versions of the Material, or alternatively the text featured on the
Official legislation web sites and the Material must be reproduced accurately. In the case of
130
Le motivazioni che hanno portato a questa presa di posizione vanno individuate sia
nel modus agendi di tale sistema giuridico che sulle vicende storiche che hanno
caratterizzato questo Stato, non ultimo con l’attacco terroristico di Luglio 2005.
L’insieme di questi fattori ha determinato la creazione del The Serious Organized
Crime Agency (SOCA)284, previsto dal Serious Organized Crime and Police Act
del 2005, tramite il quale é stata realizzata una revisione di molti degli strumenti
del sistema processuale, oltre all’introduzione di nuovi mezzi di prevenzione e
repressione e del One Step Ahead.
Il fatto che siano stati predisposti numerosi ed innovativi strumenti é da accogliere
con favore: non va però dimenticato che questi legal tools diventano poco operativi
se non affiancati da precise previsioni sostanziali.
Esiste il macroistituto della conspiracy285: ma fino a che punto i “mille volti” della
criminalità organizzata e del relativo reato di partecipazione posso essere ricondotti
a questa, pur molto ampia, forma (tendenzialmente) concorsuale?
Non si può dimenticare che stiamo parlando di un sistema penale di common law,
lontano dalla tipizzazione normativa dei sistemi di civil law, basato su un
approccio socio-criminologico (dove al dire si preferisce il fare), più che
dommatico in senso stretto.
Come emerge in sede di ricerca, ai Testi dottrinari ed alle Note giurisprudenziali
vengono preferiti dati e Report da parte delle Agenzie e della Organizzazioni, a
cominciare proprio dal SOCA, passando per i Dipartimenti governativi e gli Uffici
istituzionali.
Il fatto che non esiste una definizione dell’organized crime non significa però che,
translations into other languages, a competent translator must be used where the translation is to
be issued to the public: per questa motivazione e per l’inevitabile differenza di linguaggio giuridico
tra due sistemi così eterogenei si é preferito evitare traduzioni spesso impossibili e riportare in
lingua originale i punti dei Testi normativi ritenuti di maggiore interesse. Si preferisce estendere
questa precisazione e ribadire la non ufficialità di eventuali espressioni tradotte anche per quanto
concerne la TOC Convention, della quale l’unica versione con carattere di ufficialità, che poi é stata
quella utilizzata in questa sede, é consultabile sul già citato sito della UNODC ma non é disponibile
in
lingua
italiana.
Per
la
consultazione
in
italiano
si
rinvia
al
sito
www.fondazionefalcone.it/falcone/testionu.htm. Nella Convenzione (art. 41) si precisa che (…)
l’originale della presente Convenzione, di cui i testi in lingua araba, cinese, inglese, francese, russa
e spagnola fanno ugualmente fede, viene depositato presso il Segretario Generale delle Nazioni
Unite.
284
Di cui ci si riserva di approfondire alcuni aspetti cruciali nel proseguio della Trattazione.
285
Anche nella sua forma di Conspiracy to commit offences outside the United Kingdom, secondo il
disposto
del
Criminal
Law
Act
del
1977,
consultabile
su
www.opsi.gov.uk/RevisedStatutes/Acts/ukpga/1977/cukpga_19770045_en_1 nella sua versione più
aggiornata.
131
a livello di ricostruzione storica, il Regno Unito non sia stato mai intaccato dal
fenomeno delle associazioni criminali: la storia insegna che in questo Stato, come
quasi in tutta Europa, sono state sempre presenti bande criminali di matrice
eterogenea286, per lo più disseminate nelle grandi città industriali, seppur prive di
quella indole camorristica o mafiosa che ha invece, più o meno da sempre,
connotato la nostra realtà.
Si trattava di gruppi per lo più autonomi, dei “precedenti vaghi” delle moderne
forme di criminalità organizzata, non caratterizzate da quella struttura gerarchica
organizzata che la giurisprudenza sottolinea come alla base delle associazione per
delinquere.
Oggi il Regno Unito é uno dei centri più cosmopoliti del Vecchio Continente287; le
corpose immigrazioni che hanno caratterizzato la storia recente di questo Paese
hanno avuto un’influenza sull’aumento della presenza di gruppi criminali
organizzati nazionali e transnazionali288.
Il connotato finanziario che ha caratterizzato l’economia interna dello Stato si é
tradotto nella presenza di organizzazioni illecite per lo più deputate al riciclaggio
su larga scala, alle frodi, ai crimini societari e, non ultimo, anche al traffico di
sostanze stupefacenti.
Non é questa la sede per considerare anche la stretta relazione esistente tra molte
organizzazioni presenti in questo Paese con altre di matrice terroristica: la presenza
“forte” di estremisti comporta una frequente “confusione” tra i due piani, che si
traduce in ambigue partnership tra gruppi criminali che “lavorano” per garantire
fondi alle associazioni terroristiche.
Sono passati anni prima che le Istituzioni realizzassero quanto la criminalità
286
Sarebbe impossibile in questa sede ricostruire la lunga storia delle gang londinesi, oggi
“raccontate” quasi con spirito cinematografico: www.thekrays.co.uk, solo per citare uno dei tanti
esempi (i fratelli Krays appunto, che hanno avuto un imprisonment for the murders of gangsters) di
capi di cosche “passati alla storia” per le loro tristi vicende criminali.
287
Cfr. One Step Ahead, 11: While most organized criminals in the UK are UK nationals, the same
globalisation process has made it increasingly easy for foreign organized criminals to set up base
in major European cities such as London. The existence of clandestine communities of illegal
immigrants can not only help provide cover for their activities, but also a pool of potential victims.
Moreover, the increasingly cosmopolitan nature of UK society provides organized criminals with
links all over the world. The rapid uptake of better communications technologies makes it easier for
criminals to communicate and operate across borders.
288
Dalla mafia cinese ai gruppi russi, passando per le organizzazioni di Cosa Nostra,
indubbiamente il multietnicismo inglese é ravvisabile, in negativo, anche a livello di organizzazioni
criminali: per approfondimenti sul tema, anche di carattere storico, si rinvia a HOBBS, The Firm:
Organizational Logic and Criminal Culture on a Shifting Terrain, British Journal of Criminology,
Issue 41, 2001, 540.
132
organizzata fosse ormai presente nella società inglese e, di conseguenza,
provvedessero ad affrontare il problema289.
Il quesito a cui questo lavoro tenta di dare risposta é se gli Stati presi in
considerazione si siano realmente adattati a quanto richiesto in sede convenzionale
ed in che modo, dopo aver analizzato la dimensione italiana, la TOC Convention
abbia inciso sulla realtà giuridica inglese.
La riposta é nella presa di consapevolezza di una necessaria riflessione
sull’organized crime, da cui sono scaturiti notevoli lavori dottrinari ed istituzionali.
Una conclusione é forse possibile: la conspiracy ha svolto il ruolo di “anima” di
alcune definizioni della Convenzione di Palermo ma la presenza, tra gli Stati
coinvolti, di Paesi con realtà giuridiche differenti, ha comportato l’inclusione nel
concetto di organized criminal group anche di una serie di fattori estranei, che ne
rendono, per certi aspetti, riduttiva una sovrapposizione integrale con la
conspiracy.
La conspiracy consente di punire l’accordo criminoso, secondo gran parte della
letteratura giuridica inglese senza contrastare con il minimum di offensività
richiesto, secondo altri anticipando eccessivamente la relativa soglia di punibilità:
ogni riflessione assume, in realtà, carattere di relatività, dovendo essere
necessariamente rapportata al contesto socio-normativo di origine.
Dal punto di vista della criminalizzazione della partecipazione, invece, il discorso
si complica: esiste una disciplina sovranazionale ed una, work in progress, a livello
interno, ma solo una casistica applicativa più corposa potrà dimostrare se i due
ambiti possono agevolmente convivere e se quanto previsto dall’art. 5 é conforme
allo spirito di questo sistema di common law.
Siamo di fronte ad un Paese che implicitamente nega il disvalore penale aggiunto
che le forme associative hanno rispetto a quelle concorsuali: i requisiti della
strutturalità etc. sono innovativi per un ordinamento che tenta290 di punire con la
conspiracy anche le forme di criminalità organizzata.
Alla luce di queste considerazioni, come la dottrina insegna, non esiste un modello
perfetto da seguire: il diritto spesso si colloca sulla scia delle proprie tradizioni, il
289
COHEN, The concept of criminal organization, The British Journal of Criminology, 17, 2, 1977;
VLASSIS, The United Nations Convention against transnational organized crime and its
Protocols: a new era in international cooperation, in The changing face of international criminal
law, The International Centre for criminal law reform and criminal justice policy, selected papers,
2001, 23.
290
Pur non esplicitando questa intenzione in maniera univoca come negli U.S., anche con il RICO.
133
ruolo della Convenzione dovrebbe essere quello di “attirare l’attenzione” su un
problema così importante come la criminalità organizzata transnazionale ed, allo
stesso tempo, invitare gli Stati a predisporre un sistema interno che non ostacoli la
cooperazione giudiziaria internazionale291.
Come abbiamo visto per l’Italia, non si può dimenticare la salvaguardia dei limiti
della sovranità nazionale in materia penale: occorre quindi adattare le disposizioni
pattizie ai caratteri del proprio ordinamento.
Indubbiamente, in sede di negoziato, i caratteri del sistema inglese, come é emerso
dalle pagine precedenti, hanno inciso sulla stesura di molti punti degli articoli
definitori.
La ricerca dell’armonizzazione in sede convenzionale si é, almeno in certi casi,
tradotta più in un’incidenza di questo ordinamento (come espressione dei sistemi
di Common law) sulla Convenzione che non di questa sul diritto interno.
La differenza con il nostro Stato resta notevole: qui manca una disciplina interna
specifica (almeno per certi versi non completamente ravvisabile nella conspiracy)
e non si dibatte su presunti deficit di offensività e determinatezza: sorgono così
difficoltà che appaiono, viste dall’esterno, “minori” nell’introdurre una definizione
di gruppo criminale organizzato e nel richiedere la criminalizzazione della relativa
partecipazione.
A differenza che in Italia, nel Regno Unito l’attenzione é focalizzata sul profilo
pratico della lotta alla criminalità organizzata e non tanto su quello definitorio o
concettuale: da qui la creazione di Agenzie ad hoc ed una partecipazione attiva a
quelle comunitarie ed internazionali: forse é questa la risposta che il Regno Unito
ha dato all’impegno preso in sede convenzionale.
Più volte nel corso di questo lavoro si é cercato di capire se la UNTOC abbia
costituito o meno un momento di reale armonizzazione, quantomeno a livello
comunitario.
L’esempio del Regno Unito conferma che il questito non ammette una risposta
univoca, a fronte delle “forze confliggenti” che si scontrano nelle dinamiche
interne degli Stati; le Nazioni risultano, infatti, da un lato intenzionate a rispettare
291
Lascia perplessi come solo in pochissimi punti l’UK faccia riferimento all’impegno preso in
sede di ratifica della UNTOC: One Step Ahead, p. 18. In generale, come si vedrà, questo é anche tra
i pochi Documenti che affrontano direttamente il problema della criminalità organizzata, nonostante
i “sottesi” buoni auspici del nomen, che quantomeno non lasciano adito a dubbi circa
l’atteggiamento del Regno Unito nei confronti del fenomeno criminale.
134
l’impegno convenzionale e comunitario, in particolare per cercare di sconfiggere la
criminalità organizzata, dall’altro rimane sempre forte la voglia, spesso troppo
celata, di mantenere inalterata la propria identità giuridica.
Come visto per l`Italia, anche il Regno Unito sembra, almeno per certi versi,
indirizzato verso questa scelta di politica criminale.
Questo “processo” é alimentato dalle eccezioni sollevate a livello nazionale e dalle
modalità procedurali comunitarie di unanimità292.
Si é già ripercorso nei tratti salienti l’excursus normativo comunitario: la decisone
Quadro del 2005 ha lasciato alla fine inalterata la possibilità per gli Stati Membri,
in riferimento alla criminalizzazione della partecipazione, di optare anche solo per
una delle alternative normative previste.
Nel Regno Unito, inizialmente, il Justice and Home Affairs Council293 aveva
accolto con favore quanto indicato a livello comunitario dall’Azione Comune del
1998 ma la conferma della possibilità di alternatività delle incrminazioni sia a
livello comunitario che sovranazionale ha indotto lo Stato a guardare con favore
all’introduzione di una criminalizzazione autonoma della partecipazione ma, in
concreto, a non tradurre queste “buone intenzioni” in una modifica sostanziale del
diritto interno.
Come si vedrà, a maggior ragione il Regno Unito consolida la propria convinzione
di uso della conspiracy come adeguato strumento di contrasto dell’organized
crime: rebus sic stantibus, nonostante le perplessità denunciate dagli studiosi
stranieri294, come dare loro “torto” vista l’apertura della formulazione normativa?
Come si è già denunciato, questo incide non poco su un reale processo di
armonizzazione, quanto meno a livello comunitario, intorno al concetto di
organized crime.
La criminalizzazione della partecipazione risulta inevitabilmente connessa alle
“sorti” della nozione di crimine organizzato: la punibilità del solo accordo
criminoso, quantomeno dal punto di vista degli Stati, come il nostro, basati sulla
necessaria lesività della condotta, non sembra trovare esausitiva risposta nel
modello della statutory conspiracy: il quid pluris previsto dalla Convenzione e
292
Come suggerisce MITSILEGAS, V., EU Criminal Law, Hart Publishing, Oxford and Portland,
Oregon, 2009, 96.
293
Justice and Home Affairs Council del 27-28 Aprile 2006, doc 8402/06.
294
Ex ceteris, MANACORDA, La fattispecie-tipo della “organizzazione criminale” nel diritto
dell’Unione Europea, in AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato
transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 301.
135
ribadito dall’UE mostra in tal senso tutta la sua necessarietà di cogenza, sia per
quanto concerne i requisiti di strutturalità per il gruppo criminale organizzato che
per l’introduzione del relativo reato di partecipazione.
136
4.2 L’inquadramento dogmatico della conspiracy: struttura e aspetti
principali.
La nascita della conspiracy si perde nella notte dei tempi, essendo già presente nel
1293 durante il Regno di Edoardo I e ricevendo “consacrazione” con la Terza
Ordinanza sui Cospiratori del 1304, ha subito nel corso dei secoli numerose
modifiche295.
Soltanto durante il diciottesimo secolo però, la conspiracy comincia ad assumere le
vesti attuali, pur essendo a quei tempi utilizzata anche come “strumento” per
introdurre nuovi illeciti296.
L’istituto della conspiracy297 rientra tra le c.d. inchoate offences298, intendendo
l’accordo tra due o più persone finalizzato alla commissione di un atto illecito o di
un atto lecito attraverso mezzi illeciti299: si tratta di una accezione molto ampia,
che “quasi sfugge ad ogni definizione”300, che consente l’inclusione, sotto la
medesima previsione normativa, di comportamenti illeciti diversi tra loro.
Come riporta la manualistica301, “criminal conspiracy takes one of two forms.
Statutoty conspiracy occours when two or more people agree on a corse of
conduct which amounts to a criminal offence.
Common law conspiracy differs from statutory conspiracy in allowing punishment
where the corse of conduct agreed will not necessarily amount to a criminal
offence but will amount to an act involving:
295
Era infatti un accordo tra due o più persone ma finalizzato ad accusare un innocente: a
consultation or agreement beteween two or more to appeal or indict an innocent falsey and
maliciously of felony, whom accordingly they cause to be indicted and appealed; and afterward the
party is lawfally acquitted by the verdict of twelve men. In questa sede non é possibile ripercorrere a
livello storico le complesse vicende dell’istituto, per le quali si rinvia a GRANDE, Accordo
criminoso e conspiracy, Padova, 1993, passim.
296
Frequentemente privi del connotato criminale. BLACKSTONE, Commentaries on the laws of
England, IV, Cadell, 1769, 136.
297
L’istituto é stato oggetto di numerosi approfondimenti, ex ceteris si rinvia a SMITH, Conspiracy
under the Criminal Law Act 1977, Crim. L. R., 1977, 598 and 638; DENNIS, The rationale of
criminal conspiracy, LQR, 93, 1977, 39; SMITH, HOGAN, Smith and Hogan Criminal Law,
Butterworths Tolley, Ormerod (ed.), London, 2009; ASHWORTH, Principles of criminal law,
Clarendon Press, Oxford, 2006; SIMISTER, SULLIVAN, Criminal law: theory and doctrine, Hart,
Oxford, 2007. Si veda anche CADOPPI, La conspiracy nel diritto inglese: un interessante esempio
di trasmigrazione di un istituto dalla parte speciale alla parte generale, in AA. VV., Le strategie di
contrasto alla criminalità organizzata nella prospettiva di diritto comparato, a cura di Fornasari,
Padova, 2002.
298
Ovvero, in traduzione letterale, i reati incompiuti, tra le quali includiamo l’incitement,
l’encouraging and assisting crime, l’attempt e, appunto, la conspiracy.
299
Willes J in Mulcahy v R, LR, 3, 1868, 306: “an agreement of two or more to do an unlawful act,
or to do a lawful act by unlawful means”.
300
Come sottolinea PAPA, Conspiracy, Dpen, III, 1991, 95, prendendo spunto dalla casistica.
301
WILSON W., Criminal law. Doctrine and Theory, Pearson Education Limited (2008), 510.
137
a) the corruption of public morals or outraging decency, or
b) fraud.
In both forms it is not necessary that each conpirator has agreed to commit the
offence so long as the offence will be committed by at least one of the parties to the
agreement”.
Decisivo é risultato il contributo del Criminal Law Act del 1977302, modificato dal
Criminal Attempts Act del 1981, che attualmente distingue tra common law e
statutory conspiracy e prevede la seguente formulazione per la statutory
conspiracy:
If a person agrees with any other person or persons that a course of conduct shall
be pursued which, if the agreement is carried out in accordance with their
intentions, either—(a) will necessarily amount to or involve the commission of any
offence or offences by one or more of the parties to the agreement, or (b) would do
so but for the existence of facts which render the commission of the offence or any
of the offences impossible, he is guilty of conspiracy to commit the offence or
offences in question.303.
Occorre fare una distinzione tra conspiracies statutorie, che richiedono che il loro
oggetto “to be itself a criminal offence” e quelle di common law, tra le quali
attualmente sono rimaste solo tre tipologie: per frode, per corruzione della morale
pubblica e per oltraggio alla pubblica decenza e che, come regola generale, hanno
un oggetto che “does not have to be a criminal offence”304.
302
A seguito dell’introduzione di questo importante Documento, oggi la maggior parte delle
conspiracies sono “statutory”, il che comporta che “the object of the conspiracy to be itself a
criminal offence”.
303
(2) Where liability for any offence may be incurred without knowledge on the part of the person
committing it of any particular fact or circumstance necessary for the commission of the offence, a
person shall nevertheless not be guilty of conspiracy to commit that offence by virtue of subsection
(1) above unless he and at least one other party to the agreement intend or know that that fact or
circumstance shall or will exist at the time when the conduct constituting the offence is to take
place. (4) In this Part of this Act “offence” means an offence triable in England and Wales.
Punti 1A, 1B, 3, 5 e 6 abrogati [S. 1(1A)(1B)(5)(6) repealed (4.9.1998) by 1998 c. 40, s. 9(1)(2),
Sch. 1 Pt. II para. 4(a)(c), Sch. 2 Pt.II (with s. 9(3) e S. 1(3) repealed (16.10.1992) by Trade Union
and Labour Relations (Consolidation) Act 1992 (c. 52), ss. 300(1), 302, Sch. 1 (with Sch. 3 para.
2)].
304
L’omissione di quest’importante distinzione ha negli anni creato un “falso mito” intorno
all’istituto, secondo il quale oggetto dell’accordo non deve necessariamente essere un reato. In
realtà, sembra che questo assunto sia valido solo se riferito alle vecchie (e spesso stravaganti)
ipotesi che la ricca casistica riporta di common law conspiracies. Nell’economia generale di questo
lavoro non é possibile approfondire i caratteri storici delle conspiracies di common law, per le quali
si rimanda alla ampia trattazione dei Testi di manualistica già indicati, né gli elementi delle ipotesi
residue ancora ammesse, per l’analisi delle quali si ricorda anche il pregevole contributo di PAPA,
Conspiracy, Dpen, III, 1991, 94.
138
L’istituto presenta un legame stretto con i reati-scopo e comporta un’anticipazione
della soglia della punibilità “quasi superiore” a quella del tentativo nel diritto
penale inglese, visto che alla base della sua punibilità richiede il semplice porre in
essere un accordo che sia finalizzato alla commissione di un reato305.
“Di conseguenza, l’intenzione criminosa, che non sarebbe punibile nel caso in cui
il reato scopo fosse progettato per essere commesso da una sola persona, diventa
punibile per il fatto che due persone si sono accordate allo scopo di
commetterlo”306.
Come é già emerso nelle pagine precedenti, si tratta di un istituto fondato su
presupposti contrari alla scelta di politica criminale sottesa al nostro art. 115 c.p.
L’attenzione é focalizzata sulla pericolosità sociale del fenomeno, giustificando
così il presunto “vuoto” di offensività.
Il disvalore che ne giustifica la rilevanza penale viene individuato nel “carattere
criminale” dell’oggetto dell’accordo e la offensività (utilizzando espressioni per lo
più estranee al sistema giuridico inglese) é probabilmente da ravvisare nella
manifestazione di volontà sottesa al pactum sceleris.
L’istituto ruota, infatti, intorno al concetto di agreement (actus reus: an agreement
between two or more people that a criminal offence shall be committed by at least
one of them307), con un certo favor probatorio308 visto che il termine, collocato in
questo contesto, non ha la pretesa dei requisiti contrattuali che di solito ne
caratterizzano la rilevanza in sede giuridica: ogni strumento probatorio é
liberamente valutabile dai giudici come prova dell’esistenza di questo accordo, con
ripercussioni notevoli sulla portata e la (scarsa?) tipicità di questo concetto.
L’accordo non richiede necessariamente un preventivo incontro tra le parti per
stabilire i punti del loro programma criminale: la casistica mostra casi di accordi
frutto di adesioni progressive nel tempo.
305
In realtà non é però del tutto corretto collocare la conspiracy ad un livello di anticipazione della
soglia di punibilità superiore rispetto all’attempt: trattandosi, in entrambi i casi, di inchoate crimes,
il fattore della anticipazione della soglia di punibilità é in re ipsa e, a onor del vero, é comunque
sempre richiesta quantomeno la prova della conclusione di un accordo se non proprio quella di
realizzazione di uno dei reati progettati.
306
Cfr. VINCIGUERRA, Diritto penale inglese comparato. I principi, Padova, 2002, 466.
307
Creando così una forma concorsuale con apertura alla partecipazione morale.
308
Di cui da prova, storicamente, ad esempio, Grose J, Brisac (1803) 4 East 164 at 171, come
riportato dalla manualistica.
139
A livello psicologico é richiesta la mens rea del dolo, con una possibile esclusione
del solo grado eventuale309.
All’interno dell’elemento soggettivo, dobbiamo fare una distinzione tra la fase
dell’accordo, nella quale deve emerge l’intenzione, appunto, di accordarsi, alla
quale va però affiancato “la volontà consapevole di realizzare l’illecito
progettato”310.
La prima trova assorbimento nell’actus reus dell’agreement.
Come emergerà dal fatto che la stessa Law Commission ha ritenuto opportuno un
chiarimento sul punto, la questione del profilo soggettivo della conspiracy é in
realtà molto più contorta di come il dettato normativo lascerebbe presupporre,
assumendo quasi una intensità diversa a seconda della funzione che la conspiracy
va a ricoprire.
Il confine tra conspiracy e concorso di persone é evanescente: l`assunto, spesso
oggetto di riflessioni critiche da parte della dottrina internazionale, trova origine
nei caratteri non del tutto chiari dei requisiti di mens rea, con ovvie ripercussioni in
sede probatoria.
Come chiarito, dopo la riforma del 1977 la conspiracy statutoria é oggi riservata ai
soli crimes ed e punita con una pena non superiore nel massimo a quella stabilita
per il reato più grave tra quelli che ne costituiscono l’oggetto.
La scarsa (se non del tutto assente) “tassatività” di questo disposto normativo,
genera spesso il rischio, come emerge dalla casistica inglese, di forme implicite di
“abuso”del potere giudiziario: la ratio di questa indeterminatezza é probabilmente
da ravvisare nella matrice di misdemeanour311 della conspiracy.
Non sarebbe però corretto estremizzare questa premessa: l’accusa di conspiracy, in
sede processuale, richiede, a proprio sostegno, l’esistenza di prove circa l’accordo
e/o la commissione del reato-scopo ma spesso l’attenzione dei giudici sembra più
focalizzata sull’agreement che non sul profilo probatorio degli eventuali crimini
commessi in sua esecuzione.
309
Almeno secondo GRANDE, Accordo criminoso e conspiracy, Padova, 1993, 75.
Intent to archieve the unlawful purpose, come ricorda PAPA, Conspiracy, Dpen, III, 1991, 105.
311
Definito dal Dictionary of law, Oxford Universit Press, Oxford, 2009, 343, “Formerly (i.e.
before 1967), any, of the less serious offences, as opposed to felony”, che invece é, Id. 220,
“formerly, an offence more serious than a misdemeanour. Since 1967 the term has been abandoned
(although it is retained in pre-1967 statutes that are still in force) and the law formerly relating to
misdemeanours now applies to felonies”.
310
140
Questo favor di incriminazione, in caso di commissione dei reati progettati, non
comporta però conseguenze del tutto negative in sede di condanna:
l’incriminazione
di
conspiracy
viene
“assorbita”
nel
disvalore
penale
dell’incriminazione del fatto di reato-scopo (cuncurrent sentence).
Ciò induce a sottolineare come il sistema inglese non vada a punire l’accordo
criminoso fine a se stesso ma, appunto, sfruttando il favor di una sorta di ‘gioco di
parole”, l’accordo finalizzato alla commissione di un illecito, andando così a
recuperare, almeno in parte, quella offensività che sembra, prima facie, quasi del
tutto assente nella descrizione dell’istituto.
Tutto ruota intorno all’accordo, che deve avere ad oggetto “an offence triable in
England and Wales”.
La facilità probatoria che accompagna la conspiracy, potendosi basare anche su
prove circostanziali312, rende però quest’istituto uno strumento ultilizzatissimo in
sede processuale: spesso é più facile dare prova dell’accordo sotteso che non del
fatto che il reato realizzato sia esecutivo dell’agreement stesso ed é per questo che,
come emergerà anche dall’analisi dei tratti salienti del Report 183 della Law
Commission (2007) circa la conspiracy e l’attempt, per l’accusa, almeno in alcuni
casi, può risultare preferibile optare per una incriminazione per conspiracy rispetto
ad una per il reato scopo de quo.
Il retaggio storico di quest’istituto ha inevitabilmente condizionato le sue
caratteristiche.
Nonostante le numerose riforme di cui é stato oggetto, la sua “anima” é ancora
molto sentita, non a caso viene storicamente definito come “one of the obvious
examples of the state using its muscle for the pur pose of social control rather than
to facilitate the pursuit of individual choises”313.
Queste denunciate forme di abuso sono state in verità arginate dalla previsione
della rilevanza penale dell’oggetto dell’accordo quantomeno per tutte le
conspiracies statutorie e dalla circoscrizione della configurabilità di conspiracies
di common law ai soli tre casi elencati ma comunque permane un certo favor
probatorio che ha sempre caratterizzato l’istituto.
312
L’aggettivo é qui usato in senso improprio. La prova deve riguardare il fatto che é stato concluso
un accordo finalizzato alla commissione di un illecito.
313
Cfr. WILSON, W., Criminal law. Doctrine and Theory, Pearson Education Limited, 2008, 510,
ricordando l’uso frequente che ne é stato fatto durante il diciannovesiono secolo per reprimere, ad
esempio, gli scioperi. E’ per questo che successivamente la Law Commission ha chiarito che
l’oggetto dell’accordo deve essere anche esso penalmente rilevante.
141
Occorre sottolineare due aspetti per comprendere la natura di questo istituto così
lontano dal nostro ordinamento giuridico: il suo inquadramento negli inchoate
crimes e la sua assunzione di rilevanza penale, inevitabilmente, solo qualora sia
indirizzata “to act unlawfully”.
Sarebbe infatti riduttivo concludere che con la conspiracy si punisce il mero
accordo perché la conspiracy “represents more then a mere intention to commit a
crime”314.
Solo una volta raggiunto un certo “livello di sviluppo”, infatti, l’accordo diventa
indicativo della commissione di un crimine.
Questo assunto consente di capire una delle motivazioni alla base della punibilità
della conspiracy: é una sorta di misura di prevenzione implicita, anche qualora il
reato che ne é oggetto ancora non é stato realizzato ma é emersa la pericolosità
sociale dell’accordo stesso: “(…) agreements to commit a criminal offence may
properly be considered a substantial step towards the commission of the
offence”315.
Non é agevole ed é quindi solitamente evitato perseguire la conspiracy quando é
ancora ad uno stadio poco elaborato perché il profilo probatorio ne riceverebbe un
indubbio appesantimento, dovendosi dimostrare una probatio quasi diabolica
“indicting for conspiracy is the preferred option in many cases where the
substantive offence has actually been committed and where the conspirators could
be charged either as principals or as accomplices depending upon their degree of
involvement. This outcome may be because it is often easier to establish the
conspiracy than the individual element of the offence”316.
Impropriamente si può affermare che la anticipazione della soglia di punibilità
della conspiracy è superiore rispetto a quella dell’attempt, perché richiede il
verificarsi di un over act e non di substantial step.
La seconda motivazione che é alla base della punibilità della conspiracy é nella sua
stessa pericolosità sociale.
A livello soggettivo, la pericolosità sociale che emerge é forte, almeno nell’ottica
della scelta di politica criminale di un sistema giuridico che ha storicamente
sempre visto con favore questo istituto.
WILSON W., Criminal law. Doctrine and Theory, Pearson Education Limited, 2008, 511.
WILLIAMS, G., Textbook of criminal law, Stevens, London, 1983, 420.
316
Cfr. WILSON W., Criminal law. Doctrine and Theory, Pearson Education Limited, 2008, 511.
314
315
142
Con lo stesso termine si vanno a punire gli accordi intesi come “incontri di
volontà” (sempre tenendo conto dell’oggetto) ma anche le forme concorsuali vere
e proprie, prospettabili quasi come gruppi.
Descrivere la conspiracy come accordo sembra riduttivo (e forse sbagliato, tanto
che si afferma che non si identifica nell’agreement ma nel risultato
dell’agreement) sposterebbe l’attenzione solo su una delle possibili forme di
manifestazione ma ometterebbe di considerare quella, concorsuale, che invece
maggiormente rileva in un’ottica di lotta alla criminalità organizzata, visto che il
suo modus operandi é tramite un “gruppo” che appunto si basa su un accordo
finalizzato alla commissione di un programma criminoso.
“Rispetto alla prova di uno specifico reato, quella della conspiracy é più agevole,
sia per il diverso regime di ammissibilità della evidence, sia per la spiccata
indeterminatezza della fattispecie”317.
In sostanza, il capo di imputazione é spesso congiunto é prevede la prosecution per
conspiracy e per reato/i-scopo non ultimo per “sfruttare” il favor probatorio che
accompagna l’istituto.
La ratio della punibilità di una manifestazione criminale anticipata ulteriormente
rispetto al “livello minimo” del tentativo é nel fatto che i caratteri della conspiracy
ne denunciano una pericolosità sociale che non può rimanere indenne da una
rilevanza penale.
Nelle pagine precedenti abbiamo spesso parlato di conspiracy come una forma
concorsuale: in realtà i due profili andrebbero distinti.
La conspiracy costituisce una prosecution autonoma, pur avendo in re ipsa una
“natura” concorsuale.
Non sembra automaticamente includibile nelle forme concorsuali propriamente
dette degli ordinamenti che contemplano questa forma di manifestazione del reato
e questo lascia adito a qualche perplessità, soprattutto alla luce del fatto che non
pare che la dottrina si sia mai realmente applicata per chiarire in maniera univoca il
reale discrimen esistente tra i due profili, spesso soggetti a facile sovrapposizione.
La ratio é probabilmente nel fatto che in questo ordinamento non é così avvertita
l’esigenza di distinguere i due piani.
317
Cfr. PAPA, Conspiracy, Dpen, III, 1991, 96.
143
In conclusione, così come descritta dalla letteratura giuridica318, pur con qualche
forzatura, la conspiracy si adatta alla perseguibilità dell’organized crime, per di più
corrispondendo puntualmente ad una delle previsoni di cui all’art. 5; vista
dall’esterno, però, la struttura genera qualche perpelssità: si può ritenere con essa
garantito quel livello minimo di offensività319 che dovrebbe accompagnare
l’illecito associativo?
318
WARD R., AKHTAR A., English legal system, tenth ed., Walker & Walker’s, Oxford
University Press, 2008.
319
Per una analisi esaustiva, CAVALIERE, Tipicità ed offesa nei reati associativi, in AA. VV.,
Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003,
53.
144
4.2.1 Il Law Commission Report on Conspiracy and Attempt.
Nonostante il constatato atteggiamento positivo nei confronti della sufficienza
della conspiracy come mezzo di perseguibilità, nel 2007 la Law Commission ha
sentito l’esigenza di proporre delle modifiche ad alcuni aspetti della conspiracy e
degli attempts, tramite l’emanazione del Consultation Paper n. 183320.
Tra le motivazioni che hanno portato a questo intervento di riforma, é possibile
evidenziare quanto affermato nel Preambolo: There is the need to ensure that the
substantive criminal law reflects modern developments in criminal activity,
criminal procedure and evidence-gathering.
Crime is now more technologically based and more global in character than was
ever envisaged when the 1977 Act was passed. These developments provide
opportunities for much more sophisticated organization of criminal activity, both
domestically and world-wide. Partly to meet this challenge, there has been an
increasing emphasis within the criminal justice system on the detection and
apprehension of serious crime at an early stage with a view to the prevention of
harm.
In this respect, an inchoate offence such as conspiracy can provide a very effective
focus for the efforts of law enforcement agencies. When properly charged, a count
alleging conspiracy can serve to reflect the true extent over a period of time of the
criminality of two or more defendants. The fact that we are not proposing to
abolish the crime of conspiracy, even though offences of assisting or encouraging
crime will soon be on the statute book, is a reflection of the need to provide such a
focus321.
La Law Commission ha focalizzato la propria attenzione su un necessario
chiarimento dell’elemento della fault322.
Punto discusso é stato il requisito, definito ambiguo, di cui al 1(1) del 1977 Act,
secondo il quale the agreement to pursue a course of conduct must be one that, if
320
Testo consultabile sul Law Commission website: www.lawcom.gov.uk/conspiracy.htm. Come
premette il Testo, In the summer of 2006, the Government requested the Law Commission to review
the offence of statutory conspiracy as defined in the Criminal Law Act 1977 (the ‘1977 Act’). As it
has been the Commission’s aim to undertake a general review of inchoate liability and secondary
liability, we have taken the opportunity this request provided to include in this consultation paper a
review of the law of criminal attempt.
321
Law Commission, Consultation Paper n. 183, 1.4, 2.
322
Parzialmente messo in crisi dalla pronuncia della House of Lords (Saik Case, inerente la
corretta interpretazione della Sezione 1(2) del “1977 Act” : [2006] UKHL 18, [2007] 1 AC 18, per
la descrizione della quale si rivia al Consultation Paper n. 183, 18.
145
that agreement is carried out in accordance with the conspirators’ intentions, will
‘necessarily’ result in or involve the commission of an offence323.
Il requisito del “necessary involvement” della Commissione di un offence é visto
come una sorta di misura di salvaguardia dall’uso discrezionale della conspiracy.
Se infatti, secondo l’esempio chiarificatore del Testo, due soggetti si accordano per
percorrere in auto, nel minor tempo possibile, una certa distanza, in questo accordo
non é ravvisabile una conspiracy (nel senso di formulazione della incriminazione).
Lo é, previa dimostrazione che questo fosse l’oggetto dell’accordo, solo qualora
dalla folle corsa dei due derivi la morte di un terzo che percorreva la medesima
strada a causa della elevata velocità di guida del loro veicolo (causal link324).
L’aspetto che ha principalmente preoccupato la Law Commission é stato inerente il
profilo psicologico, viste le sue importanti ripercussioni sul piano probatorio ai fini
della dimostrabilità o meno dell’esistenza di una conspiracy.
In particolare, si é cercato di focalizzare l’attenzione sul profilo psicologico
richiesto, in riferimento all’elemento circostanziale del reato-scopo e si é ritenuto
che la “recklessness325” potrebbe essere la soluzione migliore, a meno che non
venga espressamente richiesta la knowledge326.
Nel Documento vengono altresì ripercorse le obiezioni formulate dalla parte della
dottrina che sostiene l’inutilità, rebus sic stantibus, dell’istituto della conspiracy.
Le motivazioni sono varie e spaziano dalla considerazione che la conspiracy tout
323
Law Commission, Consultation Paper n. 183, 1.25, 8.
Il nesso causale (traduzione libera) assume un ruolo decisivo ma in questa sede non
approfondibile anche nel sistema giuridico inglese.
325
L’espressione é, per le sue caratteristiche, di ambigua traduzione. Secondo il Dictionary of law,
Oxford, 2009, 441, é “a form of mens rea that amounts to less than intention but more than
negligence. Many common law offences can be committed either intentionally or recklessly, and it
is now common for statutes to create offences of recklessness. Recklessness has normally been held
to have a subjective meaning of being aware of the risk of particular consequence arising from
one’s action but deciding nonetheless to continue with one’s action and take the risk where it is
unreasonable to do so”. CRISCUOLI, Introduzione allo studio del diritto inglese. Le fonti, Milano,
2000.
326
Summary of Law Commission provisional proposals: Proposal 1: A conspiracy must involve an
agreement by two or more persons to engage in the conduct element of an offence and (where
relevant) to bring about any consequence element. Proposal 2: A conspirator must be shown to
have intended that the conduct element of the offence, and (where relevant) the consequence
element, should respectively be engaged in or brought about. Proposal 3: Where a substantive
offence requires proof of a circumstance element, a conspirator must be shown to have been
reckless as to the possible existence of a circumstance element at the time when the substantive
offence was to be committed (provided no higher degree of fault regarding circumstance is
required by the substantive offence). Proposal 4: As a qualification to proposal 3, where a
substantive offence has a fault requirement more stringent than recklessness in relation to a
circumstance element,2 a conspirator must be shown to have possessed that higher degree of fault
at the time of his or her agreement to commit the offence.
324
146
court é “only likely to come to light when they are made manifest by overt acts
aimed at committing offences. The moment that the act aimed at committing the
offence is manifested, all the conspirators become complicit in the ensuing attempt
to commit the crime”327.
Le altre motivazioni attengono al profilo pratico, in particolare riferendosi alle
organizzazioni terroristiche ed alla criminalità organizzata, una volta accertato che
sovente le forze dell’ordine preferiscono, per garantire un più agevole decorso in
sede probatoria, far manifestare nella commissione del reato scopo l’intento
criminale pur avendo già conoscenza dell’esistenza di un accordo, in particolare
nel traffico di sostanze stupefacenti etc. (per cogliere in flagrante, in sostanza).
In realtà, come obietta la Law Commission, la peculiarità della conspiracy é
proprio nel fatto di dare importanza agli atti preparatori ed anche questo, sotto
un’ottica preventiva, agevola il lavoro delle Autorità.
L’importanza della presenza della conspiracy nel diritto penale inglese ha assunto
connotati ancora più forti in relazione all’organized crime ed alla lotta al
terrorismo328.
Al di là dell’utilità dell’istituto nel diritto interno329, infatti, la dottrina individua in
questo fenomeno giuridico una risposta normativa al problema dell’inquadramento
dogmatico del crimine organizzato nel Regno Unito.
Ciò é emerso anche nella ricostruzione della negoziazione di alcuni punti della
TOC Convention ed trova conferma in maniera ancora più chiara dalla
consultazione dei lavori dottrinari dedicati al crimine organizzato.
A livello normativo, guardando il Terrorism Act 2000 e 2006330 emerge come in
entrambi sia presente la parola organization e come rilevi penalmente la condotta
di chi “partecipa” ad essa331.
La ratio sottesa alle organizzazioni criminali é infatti, almeno secondo la Law
327
Law Commission, Consulation Paper n. 183, 2.2, 25.
VENG MEI LONG, The disruption of international organized crime. An analysis of legal and
non legal strategies, Ashgate, 2007.
329
Per cui si rinvia alla attenta ricostruzione del Consultation Paper.
330
Rispettivamente
in
www.opsi.gov.uk/acts/acts2000/ukpga_20000011_en_1
e
www.opsi.gov.uk/ACTS/acts2006/ukpga_20060011_en_1 .
331
Pur non parlandosi espressamente di partecipazione: A person commits an offence if he directs,
at any level, the activities of an organization which is concerned in the commission of acts of
terrorism) ed anche (2006) A person commits an offence if – (a) he provides instruction or training
in any of the skills mentioned in subsection (3) [such as making or handling noxious substances];
and (b) at the time he provides the instruction or training, he knows that a person receiving it
intends to use the skills in which he is being instructed or trained – (i) for or in connection with the
commission or preparation of acts of terrorism or Convention offences.
328
147
Commission, la stessa della conspiracy: la pericolosità sociale di un “programma
criminoso” progettato da un gruppo (come oggetto del loro accordo) é superiore
rispetto all’ipotesi di ideazione singola del medesimo.
In conclusione, dopo anni di critica alla previsione autonoma dell’istututo della
conspiracy, oggi l’istituto si sta rivalutando, anche grazie al ruolo centrale che sta
assumendo nella lotta alla criminalità organizzata332.
Proprio a questo proposito, nel Documento viene prestata attenzione anche all’
incidenza che la globalizzazione ha avuto sulla ammissibilità di una giurisdizione
extraterritoriale ed, a fronte di questa presa di consapevolezza, la Law Commission
invita a prestare molta attenzione a questa “apertura” ed a quanto stabilito nel
Criminal Law Act circa la Conspiracy to commit offences outside the United
Kingdom.
I cospiratori potrebbero, infatti, accordarsi per commettere un crimine fuori dal
territorio del Regno Unito, andando così a generare problemi di extraterritorialità
della giurisdizione333.
La previsione presenta alcuni profili di connessione con il reato transnazionale e
con quanto stabilito nella Convenzione di Palermo, la Commissione non riconsce
però una relazione tra i due piani, preferendo focalizzare l’attenzione sulle
proposte modifiche riservate in generale all’istituto334.
332
In the cases that they prosecuted for the Serious Organized Crime Agency, conspiracy
accounted for approximately 50% of the charges, mostly charges of conspiracy to import controlled
drugs.
There have also been highly significant increases in recorded instances of at least one kind of
conspiracy. The number of recorded instances of threats or conspiracies to murder rose from 8,533
in 1996 to 23,733 in 2004/05.
333
La sezione 1A del Criminal Law Act 1977 prevede infatti quattro condizioni necessarie:
(1) the pursuit of the agreed course of conduct must at some stage involve an act by one or more of
the parties or the happening of some event intended to take place in a country or territory outside
the UK;
(2) that act or event must constitute a criminal offence under the law of the foreign country
concerned;
(3) the act would be a criminal offence under English law if committed within the jurisdiction;
(4) a party to the agreement must:
(a) do something within the jurisdiction in relation to the agreement before its formation; or
(b) become a party to the agreement within the jurisdiction; or
(c) do or omit anything in England and Wales in pursuance of the agreement.
334
In particolare, come si riporta nel Testo, (…) we proposed that the fault requirement of
conspiracy should be less stringent than under the current law. It should be enough if the
prosecution is able to prove that the defendant was subjectively reckless, that is, that he or she was
aware that there was a real, as opposed to a remote, possibility that the proceeds were the result of
criminal conduct. However, as a qualification, we also proposed that if the fault element of the
substantive offence that the defendant was charged with conspiring to commit was one that was
more stringent than subjective recklessness, an alleged conspirator would have to be shown to have
had that fault element.
148
A questo intervento sono seguite numerose altre conferme della presa di
consapevolezza dell’esigenza di modifica dell istituto, fino ad arrivare al The Law
Commission (LAW COM No 316) Annual Report 2008–09 ed al The Forty-Third
Annual Report of the Law Commission.
Le consultazioni sono terminate nel 2008 ed era intenzione ufficiale della
Commissione pubblicare un rapporto finale ed un draft Bill on Conspiracy and
Attempts nella seconda metà del 2009335.
335
Non ancora pubblicato in fase di revisione finale di questo lavoro.
149
4.3 Le controverse vicende della criminalità organizzata: dal “superamento”
della conspiracy alla esigenza di criminalizzazione della participation in
organized crime.
La conspiracy é spesso evocata nelle riflessioni sulla lotta la crimine organizzato.
Al contrario di quello che avviene negli USA però, non c’é mai stata una
“ufficializzazione” di questo istituto come suo strumento di copertura normativa.
Il problema che si pone é se le due definizioni, secondo il sistema giuridico
inglese, coincidono o meno.
Nonostante il favor della dottrina, gli interventi del Criminal Law Act 1977 hanno
circoscritto
l’uso
eccessivamente
discrezionale
dell’istituto
ma
anche
implicitamente limitato la possibilità di suo utilizzo nel contrasto alla criminalità
organizzata.
Le numerose riforme di cui é stato oggetto hanno sostanzialmente “svuotato il
contenitore” della conspiracy, generando un istituto che oggi trova difficile utilizzo
se considerato singolarmente e che non sembra, prima facie, realmente
assimilabile, pur con i loro limiti, ai reati associativi del nostro sistema.
Va però riconosciuta la sua possibilità di uso per attribuire rilevanza penale alle
condotte dei soggetti terzi: viene così generata quella “confusione”, già denunciata,
con le forme concorsuali, visto che invece non sembra che, rebus sic stantibus,
possa, da solo, costituire base per una autonoma incriminazione del solo fatto di
associarsi, nonostante originariamente questa fosse la sua ratio.
La Law Commission ha ribadito l’utilità di mantenere nel proprio sistema la figura
de quo ma ha anche chiarito la sua scarsa utilizzabilita uti singulo; la conspiracy
esiste ed assumere una rilevanza giuridica solo quando emergono i reati che
costituiscono oggetto dell’accordo336.
L’uso della “pure conspiracy” é ormai quasi inesistente: la maggior parte dei casi
di incitamento o di assistenza al crimine riescono infatti a dare copertura ai casi
inquadrabili nella complicità un tempo inclusi nel raggio di azione della
conspiracy337.
Rimangono pochi ed isolati casi di perseguibilità “autonoma” per conspiracy pur
priva di una consumazione dei reati oggetto, che però lasciano ben sperare su una
possibile apertura in tal senso anche per la criminalità organizzata: l’ambito é
336
337
Consultation Paper, 25.
Section 44-47 of the Serious Crime Act 2007.
150
infatti quello delle organizzazioni terroristiche.
Solo per queste é infatti prevista una criminalizzazione autonoma della
membership, esattamente nella Sezione 11 del Terrorism Act 2000, nel capo
dedicato alle offences338, oltre a quanto previsto dalla Sezione 12.
Non si può evitare di constatare una certa contrarietà, da parte del diritto inglese,
nei confronti della offence of belonging e questo giustificherebbe anche le
difficoltà ad utilizzare questa categoria nella lotta alla criminalità organizzata.
Come viene precisato nel Consultation Paper, “(…) far from becoming redundant,
conspiracy-related offences are becoming a more popular means of tackling
planned and organized crime, especially but not solely as a counter-terrorist
measure”339.
Si auspica cioé, in accordo con la posizione assunta dalla Law Commission, un
adattamento della nuova realtà criminale (anche transnazionale) alle esigenze di
criminalizzazione dell’organized crime.
Il problema del Regno Unito appare duplice: adattare il sistema interno alla
diffusione di questa realtà criminale e coordinarlo con quanto richiesto dalla
Convenzione di Palermo340.
La conspiracy infatti, così come impostata, si presta poco a consentire, in sede
processuale, la peseguibilità di tutti i membri di un’organizzazione criminale.
Lo spunto potrebbe forse proprio provenire dalla criminalizzazione della
partecipazione ad un gruppo criminale organizzato, così come richiesta dall’art. 5
338
(Offence of) Membership. (1) A person commits an offence if he belongs or professes to belong
to a proscribed organization. (2) It is a defence for a person charged with an offence under
subsection (1) to prove—(a) that the organization was not proscribed on the last (or only) occasion
on which he became a member or began to profess to be a member, and (b) that he has not taken
part in the activities of the organization at any time while it was proscribed. (3) A person guilty of
an offence under this section shall be liable—(a) on conviction on indictment, to imprisonment for a
term not exceeding ten years, to a fine or to both, or (b) on summary conviction, to imprisonment
for a term not exceeding six months, to a fine not exceeding the statutory maximum or to both. (4)
In subsection (2) “proscribed” means proscribed for the purposes of any of the following—(a) this
Act; (b) the [1996 c. 22.] Northern Ireland (Emergency Provisions) Act 1996; (c) the [1991 c. 24.]
Northern Ireland (Emergency Provisions) Act 1991; (d) the [1989 c. 4.] Prevention of Terrorism
(Temporary Provisions) Act 1989; (e) the [1984 c. 8.] Prevention of Terrorism (Temporary
Provisions) Act 1984; (f) the [1978 c. 5.] Northern Ireland (Emergency Provisions) Act 1978; (g)
the [1976 c. 8.] Prevention of Terrorism (Temporary Provisions) Act 1976; (h) the [1974 c. 56.]
Prevention of Terrorism (Temporary Provisions) Act 1974 (i) the [1973 c. 53.] Northern Ireland
(Emergency Provisions) Act 1973.
339
P. 32, richiamando gli esempi di section 56(1) of the Terrorism Act 2000 e la section 6(1) del
Terrorism Act 2006.
340
Firmata dal Regno Unito il 14 dicembre 200 e ratificata il 9 febbraio 2006, più o meno in
contemporanea,
quindi,
con
l’Italia,
secondo
i
dati
dell’Annex
dell’Unodc,
www.unodc.org/unodc/en/treaties/CTOC/CTOC-COP.html?ref=menuside .
151
della TOC Convention e dai numerosi input comunitari in tal senso.
La difficolta più grande é probabilmente quella di conciliare quest’esigenza con
quella di riforme del Law of Conspiracy.
Non é infatti semplice per nessuno Stato introdurre una nuova previsione
normativa, soprattutto perché richiede una preventiva (ed inevitabile) analisi
interpretativa di cosa debba intendersi per organized crime, participation etc., oltre
a dover altresì distinguere le differenti forme di manifestazione della
partecipazione che si potrebbero configurare.
L’atteggiamento di questo sistema di common law appare di apertura ma, a fronte
di un livello operativo molto alto, ancora non c’é stata una risposta puntuale in
sede normativa né sulla definizione di organized crime né su quella della
partecipazione al medesimo fenomeno.
E` ormai da più di un decennio, infatti, che si discute circa l`introduzione della
offence of belonging nel sistema giuridico inglese.
Inevitabilmente il tema é strettamente legato a quello della conspiracy: che sia
arrivato anche per il Regno Unito il momento di fare chiarezza, alla luce
dell’impegno preso con la ratifica della Convenzione di Palermo, su questi aspetti
ormai ineludibili nell’odierna realtà criminale?
La dottrina denuncia da tempo le “maglie strette” della conspiracy nel tentativo di
adattamento a strumento di contrasto dell’organized crime341.
In primo luogo, si evidenzia come la conspiracy sia idonea a incriminare il reato341
In tal senso risulta, ad esempio, decisivo il contributo dottrinario fornito da LEVI, SMITH, A
comparative analysis of organized crime conspiracy legislation and practice and their relevance to
Englend and Walles, Home Office Online Report n. 17/02, Decembre 2002 (freedownload in
www.homeoffice.gov.uk/rds/pdfs2/rdsolr1702.pdf . Si veda anche LEVI, NAYLOR, DTI Crime
Foresight Panel Esssay, 2000 Organized Crime, The Organization of crime, and the organization of
business, in www.cf.ac.uk/socsi/resources/levi-orgcrime.pdf, dove si evidenzia (p. 24) che the
notion that criminal entrepreneurs evolve in line with legal ones, and exploit the same structural
trends and market opportunities, is either a tautology or an exaggeration. It is a tautology in the
sense that whatever trends occur in the economy, there will always be someone prepared to bend or
break the rules to get an extra advantage from those changes. However, the notion that traditional
"organized crime" groups are in a position to do so is an exaggeration. The evidence is that they
are far from dominant in terms of modern crime trends in the UK, and their historical importance
is in decline even in the marginal industries in which they used to be prominent. True, the ItalianAmerican and Russian organized crime groups and networks allegedly have been involved in major
securities frauds in North America, but overall, they are minority players compared with
‘unconnected’ white-collar criminals. This does NOT mean that crime is decreasing. It simply
suggests that the propensity to blame it on old crime groups instead of seeing it as an opportunistic
phenomenon in which all manner of entrepreneurs with or without previous criminal association or
record can get involved is misleading both in terms of analysis and policy formulation. We expect
that people without prior criminal records will play an increasing role, not just as ‘front men’ but
also as principals in crime.
152
scopo che ne costituisce l’oggetto ma non sembra in grado di contenere il disvalore
penale che un programma criminoso, solitamente alla base di un’organizzazione
criminale, può presentare.
L’ampiezza del programma criminoso spesso implica accordi sottesi tra le parti in
esecuzione dell’accordo principale (in particolar modo questo avviene nei gruppi
criminali organizzati molto ampi, dove si può fare una vera e propria distinzione in
aree di operatività): la conspiracy non potrebbe consentire la prova dell’accordo
nell’accordo, per le sue caratteristiche stesse.
Il concetto di agreement, su cui già si é detto, che caratterizza il law of conspiracy
presenta degli aspetti che non necessariamente combaciano con l’accordo che é
alla base di un sodalizio criminale: come anche la giurisprudenza italiana mostra,
le modalità di adesione al pactum sceleris possono essere eterogenee, pur
richiedendo coscienza e volontà.
Nel corso degli anni, la evidence di conspiracy si é molto allargata, includendo
anche casi si accordi totalmente taciti, le cui parti appaiono quasi prive della
consapevolezza criminosa e questo aspetto, insieme a quello già di suo contorto
dell’elemento psicologico nella conspiracy, non consente di attuare un agevole
adattamento dell’istituto ad una realtà criminale, quella dell’organized crime, che
già di suo ha delle implicazioni di partecipazione psicologica contorte.
A ciò si aggiungono le peculiarità processuali della prosecution of conspiracy, che
paradossalmente potrebbe rimanere totalmente assorbita nel corso del giudizio dal
maggior interesse per la commissione dei reati-scopo.
L’insieme di queste considerazioni, unite ad un certo ostruzionismo da parte delle
Autorità nei confronti di un modus operandi di tipizzazione (forse visto come
troppo tipicamente continentale) e lontano dal sistema processuale inglese342,
rendono quantomeno dubbio l’uso della conspiracy per perseguire l’organized
crime.
Del problema é stata formalmente investita la Home Affairs Committee343, che ha
342
Destinatario di una importante riforma Criminal Justice and Sentencing Act 2003 e del Proceeds
of Crime Act del 2002.
343
www.parliament.uk/homeaffairscom: The Committee was nominated on 13 July 2005 and
consists of fourteen Members of Parliament, drawn from the three largest political parties. The
House of Commons has appointed the Committee with the task of examining the expenditure,
administration, and policy of the Home Office and its associated public bodies.
The Committee chooses its own subjects of inquiry and seeks written and oral evidence from a wide
range of relevant groups and individuals. At the end of an inquiry the Committee will usually
produce a report setting out its findings and making recommendations to the Government. The
153
focalizzato l`attenzione sulle questioni dogmatiche e definitorie, sugli aspetti
pratici del problema e sulle importanti implicazioni che una adeguata lotta al
fenomeno comporta per quanto concerne le forze dell’ordine e i servizi segreti344.
Ha però anche preso in considerazione l’ineludibilità, dato l’attuale contesto
storico, della introduzione di un reato di participation o di membership in
organized crime345.
Come nota la dottrina, “it is commonly believed that the existing conspiracy
legislation may not always reach the real “Godfather” figures, does not provide a
practical means for addressing more peripheral involvement in serious crime and
does not always allow sentencing courts to assess the real seriousness of
individual offences by taking into account the wider pattern of the accused’s
criminal activities. Among the measures then considered to deal with this problem,
is the idea of recasting criminal liability in terms of participation in criminal
organization rather than having to base liability on more specific action (or
predicate offences) within that criminal organization. That is one suggestion which
has been put forward in the contex of English criminal law: establishing a
membership offence of belonging to an organized crime group”346.
Negli anni sono stati prospettati anche al sistema giuridico inglese numerosi ed
importanti modelli (sia per quanto concerne l’organizzazione criminale che il
connesso reato di partecipazione) che abbiamo cercato di ripercorrere nei tratti
salienti nelle pagine precedenti, sia a livello comunitario che sovranazionale.
Una simile prospettazione coinvolge inevitabilmente aspetti fondamentali del
diritto penale, in particolare per quanto concerne il concetto stesso di responabilità,
le inchoate offences e le differenziazioni che il termine partecipare inevitabilmente
comporta.
A livello terminologico, l’attenzione viene altresì focalizzata sulla sottile
differenza tra essere membro e partecipare347 ad un organizzazione criminale.
Government must respond to each of the report’s recommendations within two months of
publication.
344
The Home Affairs Committee, Third Report, Organized Crime, I, 1994.
345
lix-lx
346
Cfr. HARDING, C., The offence of belonging: capturing participation in organized crime,
Criminal Law Review, 2005, 690 da Cm. 6167 presentato al Parlamento nel marzo 2004, para. 6.1.
(p. 40-41).
347
Traduzione non ufficiale di membership of e participation in, di cui non é presente nei Dizionari
giuridici inglesi una definizione vera e propria cui fare riferimento, quantomeno in quelli
consultabili presso lo Institute of Advanced Legal Studies, Londra, UK.
154
Secondo la dottrina, infatti, la partecipazione può assumere aspetti eterogenei e ciò
incide anche sulla liability348. Alle difficolta che il Regno Unito sta incontrando si
contrappone però la chiara volontà delle Istituzioni349 a percorrere questa strada, in
particolare alla luce del fatto che quasi tutti i Paesi hanno optato per questo genere
di incriminazioni350. L’analisi comparativa da cui il Regno Unito é partito ha
comportato la consapevolezza che ogni Paese ha adottato definizioni che, pur
presentando caratteri comuni, riflettono il substrato socio-culturale della Nazione e
che l’aspetto che necessita di maggiore approfondimento é quello delle risultanze
probatorie, in particolare nei casi di azioni di sostegno alle attività criminali etc.
C’é dunque tutta l’intenzione di introdurre una nuova fattispecie di belonging to o
participating in a crime organization351. L‘aspetto più problematico potrebbe
essere, come già denunciato, il profilo psicologico: alcune condotte partecipative
potrebbero infatti sostanziarsi in atti leciti, che però assumono carattere criminale
laddove vengono accompagnati dalla conoscenza e dall’intenzione di realizzare tali
azioni con il fine di supportare e proteggere gli interessi dell’organizzazione.
Molto dipenderà dalla definizione che verrà data di partecipe, perché solo così si
potranno stabilire in maniera univoca i requisiti minimi per poter configurare la sua
responsabilità, onde evitare probatio diaboliche. La conoscenza del carattere
criminale, la tipologia delle azioni ed il nesso tra condotta ed attività poste in
essere dall’organizzazione: questi sembrano essere i punti focali alla base di una
corretta definizione352, accompagnati da regole probatorie e procedurali che non
vadano ad appesantire (se non proprio ostacolare) le strategie difensive
fondamentali per smantellare le organizzazioni cirminali. Non si può altresì
dimenticare quanto richiesto dall’art. 5 della Convenzione di Palermo, sia in
348
Per un approfondimento sul tema della responsabilità, si consulti WILSON, W., A rational
scheme of liability for participating in crime, Criminal Law Review, 2008, 3.
349
La presa di poszione della Home Office é molto chiara in tal senso, come lo é stato il già citato
lavoro di comparazione di Smith e Levi.
350
Il riferimento é all’esempio degli Stati Uniti con il RICO (Racketeer Influenced and corrupt
organizations) Statute (title IX, organized crime Control Act 1970), dell’Olanda (Penal Code, art.
140), Italia (Criminal Code, art. 416 and 416-bis) etc.
351
Come conclude HARDING, The offence of belonging: capturing participation in organized
crime, Criminal Law Review, 2005, 698, pur aggiungendo che “such an offence would almost
inevitably require definition of key elements of organization and participation, the latter extending
beyond the existing provision of criminal liability for inchoate or secondary participation in
relation to any predicate offences committed within the scope of the organization’s activities. But it
would be useful to comment further on both the implications of such a new offence for doctrines of
criminal law, and the likely effectiveness of such criminalisation”.
352
Almeno secondo HARDING, The offence of belonging: capturing participation in organized
crime (…), cit., 700.
155
termini di punibilità dell’accordo che di criminalizzazione della partecipazione.
Mentre nulla questio sulla prima voce, come visto fortemente assimilabile alla
conspiracy, tanto da essere inquadrata come la conseguenza del livello di incidenza
massima dei caratteri dei sistemi di common law sulla TOC Convention, il rapporto
si “capovolge” per quanto concerne la partecipazione: in questo caso é la
Convenzione di Palermo (e volendo le peculiarità di alcuni sistemi di civil law) ad
incidere (o quantomeno ad indurre in riflessione) sul sistema giuridico inglese,
dando avvio al processo di formulazione di una nuova eventuale fattispecie, il
reato di partecipazione.
In conclusione, una duplice visione “anima” il dibattito inglese sul punto, da una
parte353 si insiste sulla sufficienza della law of conspiracy come stumento di lotta
alla criminalità organizzata, dall’altra sempre più avvertita sempra l’esigenza di
una incriminazione autonoma del reato di partecipazione, in particolare per non
generare (aspetto che maggiormente preoccupa nell’uso della conspiracy come
strumento di copertura normativa dell’organized crime) zone franche per i soggetti
in posizione apicale, qualora risultino totalmente estranei alla commissione
materiale dell’illecito in sede probatoria. Si tratterebbe di intraprendere una
opzione di politica criminale che, almeno in parte, di distacchi dalle scelte del
passato, andando a garantire la punibilità del gruppo in sè, qualora ne sussistano i
requisiti, dopo che per anni si é invece andati nella direzione di evitare
incriminazioni per la sola conspiracy; in realtà, andrebbe sottolineato come il
gruppo criminale organizzato non possa, così come impostato, essere assorbito
nella conspiracy e che, quello che per anni é stato un problema di natura relativa nel
Regno Unito assume oggi anche in questo Stato dimensioni allarmanti, anche se più
come fenomeno transnazionale che domestico.
353
CPS Memorandum (Minutes of Evidence and Memoranda), Home Affairs Committee, Organized
Crime, II, 1994, 115: the law of conspiracy are likely to be adequate for dealing with organized
crime, since they have the flexibility to cover circumstances in which no substantive offence has
been committed, and also when many such offences have been committed pursuant to an executed
agreement.
156
4.4 A 21st Century Strategy to Defeat Organized Crime: il contributo fornito dal
One Step Ahead per contrastare l’organized crime.
Non é possibile concludere la tematica della criminalità organizzata senza
menzionare il White Paper che é stato presentato ufficialmente al Parlamento nel
marzo 2004: One step Ahead: A 21st Century Strategy to Defeat Organized
Crime354.
Da questa iniziativa legislativa é infatti scaturito il Serious Organized Crime and
Police Act del 2005 ed altri importanti interventi normativi.
Colpiscono i toni di introduzione del Documento: “Organized crime is big
business. It causes untold harm on our streets, damage to our communities and
nets billions of pounds each year for those responsible. Our world is becoming
smaller
through
easier
international
travel
and
universal
electronic
communication and the 21st century will be a period of rapid and constant change
with enormous potential for wealth creation. The message is not lost on terrorists
and organized criminals. This White Paper describes how we plan to stay one step
ahead of them”.
Il Governo inglese, presa piena consapevolezza della vastità del problema, ha
deciso di intervenire su più fronti, non solo dal punto di vista operativo, tramite la
creazione della SOCA, sfruttando la cooperazione con le forze di polizia interne e
le organizzazioni comunitarie ed internazionali, ma anche cercando di cogliere gli
aspetti principali del problema, le possibili soluzioni, contemplando ipotesi di
adeguamento della legislazione vigente (conspiracy law etc.) affincate a possibili
novità legislative.
Ha così schematizzato i fronti di possibile intervento:
• Reducing the profit incentive. We must restrict the opportunities for
organized criminals to make money. This means reducing demand for the
goods and services trafficked by criminal enterprises. It also means
354
Presented to Parliament by the Secretary of State for the Home Department by Command of
Her Majesty March 2004, This White Paper looks at how our effort against organized crime can be
enhanced. It builds on a comprehensive review, which looked at organizational structures,
strategies, skills and capabilities and the case for new powers. It looks at how we can tackle
organized crime internationally, nationally and at local level. The changes we are proposing here
need to be seen alongside the wider, comprehensive reform programme we are undertaking in the
rest of the criminal justice system. Dal Testo é scaturito the Government has now commissioned
work to pull together a national strategy to link these “sectorial” strategies together, and in
particular has established a new Cabinet sub-committee on Organized Crime. This group, chaired
by the Home Secretary, includes all the Ministers with relevant responsibilities in this area. It has
been tasked with driving forward a national and international strategy against organized crime.
157
reducing the vulnerability of the public and private sector to attack by
organized crime;
• Disrupting activities. We must make criminal enterprises unprofitable in the
UK by disrupting and dismantling them by all the means at our disposal,
including adding to their costs and seizing their assets; and
• Increasing the risk. We must raise the personal risks for the criminals,
particularly the kingpins of organized crime, by more successful and
targeted prosecutions of the major players.
In riferimento alla conspiracy, si ammette un certo limite della stessa, così come
strutturata, alla luce del fatto che consente una perseguibiltà di forme di criminalità
minori e poco organizzate ma é indubbiamente insufficiente di fronte alla
complessità strutturale delle grandi organizzazioni, in particolare per quanto
concerne la possibilità di incriminazione dei soggetti in posizione di vertice.
Ciò induce anche a riflettere sulla “second participation”355.
Va preso atto del fatto che, per note ragioni socio-culturali, il nostro Paese ha da
sempre avvertito come pressante il problema della lotta alla criminalità
organizzata.
Da una parte questa tradizione forte va guardata con occhio positivo, dall’altra ha
comportato le difficoltà che abbiamo provato a descrivere nel momento in cui
l’Unione Europea e la Comunità internazionale hanno chiesto un impegno
implicante degli inevitabili adeguamenti, se non proprio lo stravolgimento
dell’intero sistema.
Il Regno Unito ha avuto un excursus storico differente, si sta infatti parlando di
355
Fondamentale il contributo di The Law Commission (LAW COM No 305) Participating in
crime, presentato al Parlamento dal Lord Chancellor and Secretary of State for Justice nel maggio
2007, nel quale si puntualizza che: The concepts of inchoate liability and of secondary liability have
long been recognized at common law. However, each is beset by problems. At common law the
scope of inchoate liability is restricted to cases where D’s conduct consists of encouraging, as
opposed to assisting, P to commit a principal offence. This has had an impact on the scope of
secondary liability. The common law has compensated for the limited scope of inchoate liability by
over-extending the scope of secondary liability. The primary recommendation of the first report is
that inchoate liability should extend beyond encouragement to include acts of assistance as well.
This recommendation now enables the problem of secondary liability’s scope to be addressed along
with problems that have arisen in relation to the very nature of such liability, without the
distraction of a simultaneous concern with the nature and scope of inchoate liability.
La conclusione del Documento consente di capire l’orientamento attuale: Taken together, the
recommendations contained in both reports would, if implemented, result in a scheme whereby
inchoate and secondary liability will support and supplement each other in a way that is rational
and fair.
158
uno Stato che fino a poco più di un decennio fa riteneva il problema della
criminalità organizzata relativo sul proprio territorio e che, invece, ha dovuto
prendere
repentina
consapevolezza
di
come
la
criminalità
organizzata
transnazionale non conosca limiti né confini356 .
Uno degli aspetti che maggiormente preoccupa le Istituzioni inglesi é il costo che
le organizzazioni criminali comportano per i cittadini, che si riflette in negativo
sull’intera economia inglese.
Le soluzioni prospettate sono interessanti e spaziano dalla riduzione delle
opportunità di profitto, alla “distruzione” dei mercati in cui operano, passando per
l’aumento dei rischi per chi pone in essere queste attività, in particolare per i capi,
scoraggiati dalle possibili conseguenze del loro operato, eventualmente
intervenendo in maniera decisa anche sul criminal justice system, onde evitare che
continuino a resistere “zone franche”.
Sulla falsariga dell’ordinamento americano, si é preso in considerazione l’esempio
del RICO.
La conclusione non é stata però del tutto positiva, tanto da indurre il Regno Unito
ad ufficializzare le soluzioni prospettate in queste pagine: (…) To work, RICO still
needs sufficient evidence to convict on the underlying ‘predicate’ offence before
these can be set in the wider racketeering context. It does not, therefore, help
against those targets who have evaded detection altogether. RICO appears to be
more useful against traditional ‘racketeering’ organizations than the sort of large
scale trafficking groups which are the main threat in the UK.
The latter tend to be prosecuted in the US, as in the UK, for standard conspiracy
and trafficking offences.
We are assessing, however, the potential scope for improvements which could be
made to existing law, particularly as it affects major organized crime cases. At
present, the criminal law provisions most likely to be invoked against organized
criminals require proof of a specific act of supply of a commodity. The evidential
importance of seizing the commodity can tend to the prosecution of couriers and
356
Organized crime groups and terrorist groups have many similarities in their ways of operating.
The powers and approaches outlined in this paper are designed to be effective against both. How
much overlap there is in practice between the two types of groups is controversial. But there is
clear evidence in Northern Ireland and many other places of a close link. Similarly, organized
crime and terrorist groups have co-existed in a number of weak and failing states, like Afghanistan.
Terrorist groups also routinely engage in criminal activities in order to raise funds, though rarely
on the same scale as the biggest players in organized crime.
159
minor players rather than the organisers.
A number of specific changes have been suggested, including creating a
membership offence of belonging to an organized crime group, a new offence of
trading in proscribed goods, changing the link between conspiracy and specific
predicate offences, relaxing the ‘mens rea’ requirements for liability as a
secondary party, and ways of admitting evidence of wider criminality to inform
sentence.
The Home Office is considering in detail the law of conspiracy and secondary
participation in order to assess the potential that these and other changes may
have in enhancing the prospects of investigators and prosecutors in tackling
modern organized crime, as well as the scope for making better use of existing
provisions. We are looking to identify effective solutions focusing on organized
criminality and would welcome views and examples of where the existing
legislation could be improved.
We are particularly interested in the area of secondary participation, where a
defendant may be aware he or she is engaging in organized crime, but can argue
they are unaware of the precise nature of the criminality.
160
4.5 Il ruolo del SOCA: la risposta inglese alla lotta alla criminalità
organizzata?
Il One Step Ahead costituisce la sintesi della strategia di prevenzione e contrasto
del Regno Unito nei confronti dell’organized crime ed anche uno degli esempi per
comprendere il modus operandi del sistema legislativo inglese: si tratta infatti di
una sorta di invito alla consultazione, seguito dal Summary of responses to the
White Paper “One Step Ahead, a 21st Century Strategy to Defeat Organized
Crime” (Cm 6167)357.
Dal punto di vista pratico, l’intervento più significativo é stato indubbiamente
quello della emanazione del Serious Organized Crime and Police Act 2005, un
documento che ha avuto il merito di stabilire importanti modifiche dal punto di
vista applicativo (in tema di programma di protezione delle vittime, di immunità
etc.)358 ma anche, ai fini del nostro discorso, di introdurre una Agenzia ad hoc per
la lotta alla criminalità organizzata, nota con la sigla SOCA (Serious Organized
Crime Agency), che viene qualificata359 come una intelligence-led organization e
come un an executive Non-Departmental Public Body360 .
L’aspetto che probabilmente ha stupito di più i primi Commentatori361 dell’atto é
ravvisabile nel fatto che, pur trattandosi di uno strumento normativo predisposto
357
Consultabile sul sito della Home Office.
Si ricorda altresì che con l’inizio delle attivita del SOCA hanno cessato di essere operative
alcune importanti Agenzie inglesi: il National Crime Squad (NCS) ed il National Criminal
Intelligence Service (NCIS), le cui funzioni sono attualmente attribuite al SOCA. Stessa sorte per le
funzioni inerenti l`investigation and prosecution of organized human trafficking del HM
Immigration Service (HMIS). Circa invece le competenze “in relation to the investigation and
prosecution of drugs trafficking” del Her Majesty’s Customs and Excise (HMCE), sono confluite
nel Her Majesty’s Revenue and Customs.
359
P.8 delle note: Its core objective will be to reduce the harm caused by organized crime. To
achieve this objective SOCA, working with others, will use a variety of strategies, including the
investigation and prosecution of criminals involved in serious organized crime, the disruption of
supply networks, the confiscation of criminal assets, the taxation of undeclared earnings and
improving the defenses of the financial sector and others against attack by organized criminals. In
discharging its functions, SOCA will co-operate closely with the police, intelligence agencies, Asset
Recovery Agency (ARA), Her Majesty’s Revenue and Customs (HMRC) (which under the
Commissioners for Revenue and Customs Act 2005 will take over the functions of the Inland
Revenue and HM Customs and Excise from April 2005), financial regulators, international
partners and many others.
360
P. 17 note: the purpose of SOCA will be to reduce the harm caused by serious organized crime.
This purpose reflects the approach for the Agency which was set out in the White Paper One Step
Ahead: A 21st Century Strategy to Defeat Organized Crime. The function of mitigating the
consequences of organized crime acknowledges that the prosecution of organized criminals is only
one of the strategies that may be employed to tackle organized criminality.
361
Ex ceteris, si consulti HARFIELD, SOCA. A Paradigm Shift in British Policing, BRIT. J.
CRIMINOL., 46, 2006, 743–761, che commenta che il SOCA is a significant departure from the
traditional policing infrastructure in the United Kingdom. As such, its creation begs a number of
questions about priority setting and accountability. Government assertions that it is not a police
358
161
per una finalità specifica, non é possibile ravvisare una definizione di organized
crime al suo interno.
Il dubbio che assale, nonostante gli inopinabili aspetti peculiari di un Documento
così ricco di contenuto, é se l’assenza di una definizione ad hoc possa in qualche
modo ostacolare il buon uso dei tanti e positivi strumenti previsti al suo interno.
A questa prima difficoltà, volendo completare un quadro in parte critico dello
stesso, va affiancata quella, legata probabilmente allo “stile” inglese stranamente
prolisso degli atti normativi, di aver voluto fare di questo Atto una sorta di
contenitore vuoto, dove includere, in maniera non sempre lineare, molteplici e
variegate previsioni normative.
Della creazione di questa nuova Agenzia é stata data notizia il 9 febbraio 2004362,
come “risultato” delle consultazioni indotte dal White Paper della Home Office del
2004.
Nelle pagine precedenti si é cercato di sintetizzare gli obiettivi che erano emersi
dalla consultazione, visti come possibili strumenti per contrastare il fenomeno: il
SOCA é stato presentato come l’organo adibito alla realizzazione di questi risultati,
raggiungibili anche tramite le modifiche procedurali incluse nel Testo.
SOCA will be a step change away from a classic investigation organization of
investigation and prosecution toward employing the most effective and
proportionate means dedicated to reducing the harm done by organized crime363.
Dal punto di vista pratico, negli anni si é cercato di capire che tipo di criminalità
organizzata il SOCA dovesse combattere e l’entità di simili fenomeni criminali: da
qui l’importante contributo del The United Kingdom Threat Assessment of Serious
Organized Crime (ultimo disponibile 2009/2010, pubblicato il 15 luglio 2009)364.
force seem to run counter both to its function and some aspects of its legislative design and, as
such, hint at a paradigm shift. Divining Government intention from official sources and locating
this innovation within the context of current theoretical models, this paper documents one of the
most significant changes in British policing, identifies the potential for confused perceptions about
SOCA and highlights the possible implications of its establishment.
362
By David Blunkett MP, then Home Secretary, Hansard (Commons), column 59WS.
363
Cfr. Caroline Flint MP, Hansard (Standing Committee D), 11 January 2005, columns 35 and 66.
364
Sarebbe in questa sede impossibile ripercorrere i numerosi dati del documento (UKTA) e le
varie forme di criminalità, spesso caratterizzate appunto da una connessione con territori esterni che
ne implica anche un possibile carattere transanzionale; ducumento consultabile in
www.soca.gov.uk/assessPublications/index.html. Si ritiene altresì fondamentale la consultazione
del Report “Extending Our Reach: A Comprehensive Approach to Tackling Serious Organized
Crime”, scaricabile in www.soca.gov.uk/assessPublications/OrganizedCrimeReview.html e del
SOCA's Annual Report 2008/09 (13 maggio 2009) e SOCA Annual Plan 2009/10 (marzo 2009),
sempre sul sito del SOCA.
162
Come stabilito dal Serious Organized Crime Act 2005365, il SOCA esercita i poteri
e le funzioni conferite dal Capitolo 1, tramite una struttura organica di provenienza
eterogena ma caratterizzata da una altissima competenza nelle materie de quibus.
Una parte importante del Testo é volta a disciplinare l’uso delle risultanze
probatorie in sede processuale, onde garantire un corretto diritto di difesa agli
imputati.
Allo stesso modo, viene riservata particolare salvaguardia alle vittime dei crimini,
con riguardo ai casi di loro collaborazione e di privacy delle informazioni personali
necessariamente raccolte in sede di indagine.
Uno dei punti di maggiore interesse ai fini della tematica in esame, rimane il
capitolo 5: Chapter 5 confers delegated powers to enable the Home Secretary and
Scottish Ministers to give effect to the EU Framework Decision of July 2003 on the
execution of orders freezing property or evidence, and amends an order making
power under the Criminal Justice (International Cooperation) Act 1990 to enable
the United Kingdom to give effect to the UN Conventions against Transnational
Organized Crime and Corruption, accompagnato dalla riforma del Proceeds of
Crime Act 2002.
Vengono ampliati i poteri delle forze di polizia366e del Community Support
Officers (CSOs).
Vengono altresì introdotti una serie di nuovi reati (harassment of a person in his
home, trespass on sites designated by the Secretary of State, interference with
contractual and similar relationships with the intention of harming an animal
research organization, criminalising the intimidation of specified persons
connected with an animal research organization, using an incorrectly registered
vehicle and confer powers on the police to require the production of vehicle
registration documents and to seize vehicles driven by someone who does not have
appropriate insurance or a valid driving licence).
L’impegno assunto con la firma e la successiva ratifica della UNTOC viene
formalmente richiamato nella sezione 95 (Enforcement of overseas forfeiture
365
Per una visione di insieme dell’atto, di contenuto, come già detto, relativamente prolisso ed
eterogeneo, si consultino le Explanatory Notes of Serious organized crime Act 2005, Note ufficiali
che hanno ricevuto il Royal Assent il 7 Aprile 2005, freedownload in
www.opsi.gov.uk/acts/acts2005/en/ukpgaen_20050015_en.pdf .
366
Police and Criminal Evidence Act 1984 (PACE) e Police Reform Act 2002, che ha introdotto
anche lo staff custody officer.
163
orders) con la presentazione di un emendamento: The amendment will enable the
United Kingdom to give effect to international conventions requiring the
enforcement of foreign orders for the forfeiture of instrumentalities in relevant
offences. These conventions are the United Nations Convention against
Transnational Organized Crime (UNTOC), which was agreed in 2000, and the
United Nations Convention against Corruption (UNCAC), which was agreed in
2003.
Il lavoro inziato con il SOCPA é poi stato parzialmente proseguito con il Serious
Crime Act 2007, An Act to make provision about serious crime prevention orders;
to create offences in respect of the encouragement or assistance of crime; to
enable information to be shared or processed to prevent fraud or for purposes
relating to proceeds of crime; to enable data matching to be conducted both in
relation to fraud and for other purposes; to transfer functions of the Director of
the Assets Recovery Agency to the Serious Organized Crime Agency and other
persons and to make further provision in connection with the abolition of the
Agency and the office of Director; to amend the Proceeds of Crime Act 2002 in
relation to certain investigations and in relation to accredited financial
investigators, management receivers and enforcement receivers, cash recovery
proceedings and search warrants; to extend stop and search powers in connection
with incidents involving serious violence; to make amendments relating to Her
Majesty’s Revenue and Customs in connection with the regulation of investigatory
powers; and for connected purposes.
Il Documento, emanato il 30 Ottobre 2007 sta dando esecuzione a quanto a suo
tempo stabilito, oltre ad integrare i poteri del SOCA ed a statuire sulle Particular
types of persons367: bodies corporate including limited liability partnerships, other
partnerships, unincorporated associations, overseas bodies.
Non si tratta chiaramente della definizione di gruppo criminale organizzato ma
mostra un primo esempio di definizione di corporazione nel diritto inglese,
probabilmemnte utile ai fini dell’art. 10 del UNTOC.
La risposta inglese alla presa di consapevolezza della vastità del fenomeno
associativo su scala sovranazionale induce a riflettere: si é avuto modo di
premettere come il Regno Unito abbia ammesso la non adeguatezza dell’attuale
367
Serious Crime Act 2007, cit., 21.
164
formulazione della conspiracy, di come si avverta la necessità di introdurre una
nuova offence of belonging, che costituisca anche una risposta all’impegno
convenzionale ex art. 5 in tema di criminalizzazione della partecipazione e, last but
not least, come si dibatta più in chiave socio-criminale che non normativa in senso
stretto sulla lacuna terminologica del concetto di organized crime.
Si deve però prendere atto che molto é stato fatto dal punto di vista operativo, per
garantire strumenti e procedure adeguate alla Intelligence e per coordinare
attivamente il lavoro della Polizia e delle Istituzioni.
Il SOCA appare come la risposta visibile alle tante esigenze “pratiche’ che
inevitabilmmnete sorgono nella lotta alla criminalità organizzata.
I media inglesi sottolineano come il Governo abbia sovraccaricato di poteri e
compiti gli esperti di questa Agenzia ed anche come vadano negli anni diminuendo
in maniera cospicua i fondi a disposizione.
La effettività e l’efficacia di questo organo operativo sono quindi attualmente
“sotto la lente”, ma non si può negare la positività del fatto che “with the creation
of SOCA, Britain now has police officers stationed permanently overseas”368.
L’operatività é altresì confermata dai dati dell’Extending Our Reach: A
Comprehensive Approach to Tackling Serious Organized Crime (Action Plan
2009-2010), che include un dettagliatissimo Annex con, settore per settore, lo
“stato dell’arte” delle varie forme di criminalità organizzata, con costi, progetti e
deadline (diviso per sezioni: aim, action, owner, outcome, implementation date).
E’ probabilmente prematuro valutare i risultati di questa “macchina operativa” ma
va guardato con attenzione a questo modello di approccio “pratico” più che
dogmatico, in particolare per il suo essere affiancato da numerose e spesso incisive
riforme inerenti la fase delle investigazioni e quella processuale.
368
Parzialmente critici sul punto BOWLING, MURPHY, C. C., Transnational law enforcement in
theory and practice, Paper presented at Institute of Advanced Legal Studies, University of London,
23 febbraio 2009 (copia in possesso dell’Autore).
165
BIBLIOGRAFIA
AA. VV., Analisi comparativa di elementi del progetto di Convenzione quadro delle
Nazioni Unite contro la criminalità organizzata, a cura di Bassiouni e Nunzi, Relazione
per la Direzione nazionale Antimafia, ISISC, Siracusa, 1998.
AA. VV., Codice penale, a cura di Padovani, con il coordinamento di De FrancescoFidelbo, Tomo II, Milano, 2007, 2700.
AA. VV., Combating transnational crime. Concepts, activities and responses, edited by
Williams and Vlassis, London, 2001.
AA. VV., Criminalità organizzata e risposte ordinamentali tra efficienza e garanzia, a
cura di Moccia, Napoli, 1999.
AA. VV., Criminalità organizzata transnazionale e sistema penale italiano, a cura di
Rosi, Milano, 2007.
AA. VV., Criminalità transnazionale tra esperienze europee e risposte penali globali, Atti
del 3° Convegno internazionale (Lucca, 24-25 maggio 2002), Milano, 2005.
AA. VV, Critical reflections on transnational organized crime, money laundering and
corruption, edited by Beare, University of Toronto Press, 2003.
AA. VV., Diritto penale europeo, a cura di Bartone, Padova, 2001.
AA. VV., Il crimine organizzato come fenomeno transnazionale. Forme di manifestazione,
prevenzione e repressione n Italia, Germania e Spagna, a cura di Militello, Paoli, Arnold,
Milano-Freiburg, 2000.
AA. VV., I reati associativi: paradigmi concettuali e materiale probatorio. Un contributo
all’analisi ed alla critica del diritto penale vigente, a cura di Picotti, Fornasari, Viganò e
Melchionda, Padova, 2005.
AA. VV., L’attività di contrasto alla criminalità organizzata. Lo stato dell’arte, a cura di
Parano, Centonze, Milano, 2005.
AA. VV., La Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato
transnazionale, UNICRI, Torino, 2002.
AA. VV., La cooperazione internazionale per la prevenzione e la repressione della
criminalità organizzata e del terrorismo, a cura di Bassiouni, Milano, 2005.
AA. VV., Le strategie di contrasto alla criminalità organizzata nella prospettiva del
diritto comparato, a cura di Fornasari, Padova, 2002.
AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato transnazionale, a cura di
Patalano, Torino, 2003.
AA. VV., Transnational and comparative criminology, edited by Sheptycki, Wardak,
Glasshouse Press, 2005.
AA. VV., Transnational organized crime. Perspectives on global security, edited by
Edwards and Gill, Routlerdge, London and New York, 2003.
166
AA. VV., Trattato di diritto penale. Parte speciale, diretto da Cadoppi, Canestrari, Manna,
Papa, III, Torino, 2009.
AA. VV., Trattato di diritto penale. Parte speciale. Delitti contro l’ordine pubblico, a cura
di Moccia, V, Napoli, 2007.
ABBAGNANO TRIONE, I confini mobili della discrezionalità penale, Napoli, 2008.
ALBRECHT, KILCHLING, Crime risk assessment, legislation, and the prevention of
serious crime. Comparative perspectives, European Journal of Crime, Criminal Law and
Criminal Justice, 10, 1, 2002, 23.
ALEO, Associazione, organizzazione, concorso esterno, in AA. VV., L’attività di
contrasto alla criminalità organizzata. Lo stato dell’arte, a cura di Parano, Centonze,
Milano, 2005, 177.
ALEO, Criminalità transnazionale e definizione della criminalità organizzata: il requisito
dell’organizzazione, AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato
transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 7.
ALEO, Sistema penale e criminalità organizzata. Le figure delittuose associative, Milano,
1999.
ALLDRIDGE, Money laundering and globalization, Journal of Law and Society, 35, 4,
2008, 437.
ANTOLISEI, Manuale di diritto penale. Parte generale, 16 ed. integrata e aggiornata a
cura di L. Conti, Milano, 2003.
ANTOLISEI, Manuale di diritto penale. Parte speciale, II, 15 ed. integrata e aggiornata a
cura di C.F. Grosso, Milano, 2008.
ARDIZZONE S., Commentario al Codice penale, diretto da Marini, La Monica, Mazza,
Tomo III, Torino, 2002, 2021.
ASHWORTH, Principles of criminal law, Clarendon Press, Oxford, 2006.
ASTROLOGO, Prime riflessioni sulla definizione di reato transnazionale nella L.
146/2006, CP, 4, 2007, 1789.
BALDASSARRE, Globalizzazione contro democrazia, Bari, 2002.
BARBERINI, Entrata in vigore della Convenzione contro il crimine organizzato
transnazionale e il disegno di legge di ratifica, CP, 11, 2003, 3267.
BARBERINI, L’entrata in vigore della Convenzione contro il crimine organizzato
transnazionale, QG, 5, 2003, 1031.
BASSIOUNI, International criminal law Conventions and their penal provision,
Transnational publishers, Inc. 1997.
BASSIOUNI, VETERE, Organized crime. A compilation of U.N. Documents (19751998), with cooperation of Vlassis, Transnational Publishers, Inc., USA, 1998.
BECK, Che cos’é la globalizzazione, Roma, 2001.
167
BEKEN, European organized crime scenarios for 2015, Antwerp-Apeldoorn Maklu
Publishers, 2006.
BERNASCONI, Criminalità organizzata, ED, Agg., 2000, 501.
WILLIAMS, G., Textbook of criminal law, Stevens, London, 1983, 420.
BEUCCI, MASSARI, Globalizzazione e criminalità, Roma-Bari, 2003.
BLACKSTONE, Commentaries on the laws of England, IV, Cadell, 1769.
BONDI, I reati inclusi nella Convenzione di Palermo: l’intralcio alla giustizia, in AA.
VV., Criminalità organizzata transnazionale e sistema penale italiano, a cura di Rosi,
Milano, 2007, 190.
BORLINI, Una Convenzione ONU a 360 gradi ma l’Italia tarda nella ratifica, Gdir, 4, 1
luglio 2006, 18.
BOSCARELLI, Associazione per delinquere, ED, 865.
BOWLING, MURPHY, C. C., Transnational law enforcement in theory and practice,
Paper presented at Institute of Advanced Legal Studies, University of London, 23 febbraio
2009 (copia in possesso dell’Autore).
CADOPPI, La conspiracy nel diritto inglese: un interessante esempio di trasmigrazione di
un istituto dalla parte speciale alla parte generale, in AA. VV., Le strategie di contrasto
alla criminalità organizzata nella prospettiva di diritto comparato, a cura di Fornasari,
Padova, 2002.
CALVANESE, DE AMICIS G., Per il recepimento delle norme istitutive termine ultimo
fissato al 6 settembre 2003, Gdir, 24, 22 giugno 2002, 2 (inserto).
CANZIO, Orientamenti giurisprudenziali in tema di responsabilità dei partecipi nei reatifine: la responsabilità dei capi di “cosa nostra” per gli omicidi “eccellenti” ascrivibili
all’associazione mafiosa, FI, 1996, II, 587.
CASTELLANETA, Inapplicabile la Convenzione di Palermo se il crimine non produce
vantaggi materiali, GDir, 3, 1 maggio 2006, 13.
CAVALIERE, Associazione per delinquere, in AA. VV., Trattato di diritto penale. Parte
speciale. Delitti contro l’ordine pubblico, a cura di Moccia, V, Napoli, 2007, 221.
CAVALIERE, Il concorso eventuale nel reato associativo. Le ipotesi delle associazioni
per delinquere e di tipo mafioso, Napoli, 2003.
CAVALIERE, Tipicità ed offesa nei reati associativi, in AA. VV., Nuove strategie per la
lotta al crimine organizzato transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 53.
CENTONZE, Criminalità organizzata e reati transnazionali, Milano, 2008.
COHEN, The concept of criminal organization, The British Journal of Criminology, 17, 2,
1977.
COMMISSIONE EUROPEA, The prevention of crime in the European Union. Reflection
on common guidelines and proposals for community financial support, Communication
168
from the Commission to the European Parliament, COM (2000) 786 final, Doc. 2000/0304
(CNS), Bruxelles, 29 novembre 2000.
COMMISSIONE EUROPEA, Towards a European strategy to prevent organized crime,
Joint Report from Commission Services and EUROPOL, SEC (2001) 433, Bruxelles, 13
marzo 2001.
COMTE, Environmental crime and the police in Europe: A panorama and the possible
paths for the future action, European Environmental Law Review, 2006, 190.
COSTA, Associazione per delinquere, NDI, I, Torino, 1937, 1032.
CPS Memorandum (Minutes of Evidence and Memoranda), Home Affairs Committee,
Organized Crime, II, 1994, 115.
CRISCUOLI, Introduzione allo studio del diritto inglese. Le fonti, Milano, 2000.
D’AGOSTINO, Il problema della configurabilità o non del concorso eventuale o esterno
nei reati associativi, GP, 1997, II, 321.
D’AMATO, La cooperazione internazionale nell’esercizio della funzione giurisdizionale.
Dalle rogatorie alle squadre investigative comuni in attuazione dei principi del “terzo
pilastro” del Trattato sull’Unione Europea, in AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine
organizzato transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 111.
DALLA CASA, Ordine pubblico (delitti contro l’), EG, XXII, Roma, 1990.
DALMAS MARTY, Verso un diritto penale europeo, RIDPP, 1997, 545.
DE AMICIS, VILLONI, La ratifica della Convenzione ONU sulla criminalità organizzata
transnazionale ed i suoi protocolli addizionali, GMer, 07/08, 2006, 1629.
DE FRANCESCO, Associazione per delinquere e associazione di tipo mafioso, DI,
Torino, 1987, 289.
DE FRANCESCO, Organizzazioni criminali: problematiche de lege ferenda, StI, 12, 2001,
1433.
DE LEO, Dopo la Convenzione. Procura europea, Eurojust e dintorni, QG, 5, 2003, 1039.
DE MARTINO, Europol: flusso transnazionale di dati personali e loro utilizzazione nel
processo penale italiano tra immunità degli agenti e cultura del sospetto, in AA. VV.,
Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato transnazionale, a cura di Patalano,
Torino, 2003, 139.
DENNIS, The rationale of criminal conspiracy, LQR, 93, 1977, 39.
DE VERO, I reati associativi nell’odierno sistema penale, RIDPP, 1998, 390.
DE VERO, Tutela penale dell’ordine pubblico. Itinerari ed esiti di una verifica dogmatica
e politico-criminale, Milano, 1988.
DI MARTINO, Criminalità organizzata e reato transnazionale, diritto penale nazionale:
l’attuazione in Italia della c.d. Convenzione di Palermo, DPP, 1, 2007, 11.
169
DONINI, Il volto attuale dell’illecito penale. La democrazia penale tra differenziazione e
sussidiarietà, Milano, 2004.
FAIELLA, Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale, Milano, 2009.
FERRARESE, Il diritto al presente. Globalizzazione e tempo delle istituzioni, Bologna,
2002.
FIANDACA, Criminalità organizzata e controllo penale, IP, 1991, 5.
FIANDACA, MUSCO, Diritto penale. Parte generale, Bologna, 2001.
FIANDACA, MUSCO, Diritto penale. Parte speciale, I, 4 ed., Bologna, 2007.
FIANDACA, Sulla responsabilità concorsuale dei componenti della cupola di “cosa
nostra”,
FI, 1993, II, 15.
FIORE C., FIORE S., Diritto penale, Torino, 2009.
FIORE C., Ordine pubblico (diritto penale), ED, XXX, Milano, 1979, 1084.
FIORE S., La teoria generale alla prova del processo. Spunti per una ricostruzione
integrata del sistema penale, Napoli, 2007.
FIORE S., Partecipazione ad un gruppo criminale organizzato, in AA. VV., Criminalità
organizzata transnazionale e sistema penale italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007, 103.
FRAGOLA, La Conferenza mondiale ministeriale delle Nazioni Unite sul crimine
organizzato transnazionale, CI, 1, 1995, 107.
FRANK G., Classify, report and measure. The UK Organized crime notification scheme,
in AA. VV., Transnational organized crime. Perspectives on global security, London and
New York, edited by Edwards and Gill, 78.
GALEOTTI, Global crime today: the changing face of organized crime, Rutledge,
London, 2005.
GARNER, Organized crime, Black’s Law Dictionary, Eighth ed., Thomson West, 2004,
1133.
GRANDE, Accordo criminoso e conspiracy, Padova, 1993.
GRASSO, Le risposte penali globali: La Convenzione ONU contro il crimine organizzato
transnazionale, in AA. VV., Criminalità transnazionale tra esperienze europee e risposte
penali globali, Atti del 3° Convegno internazionale (Lucca, 24-25 maggio 2002), Milano,
2005, 389.
HARDING, The offence of belonging: capturing participation in organized crime,
Criminal Law Review, 2005, 690.
HARFIELD, SOCA. A Paradigm Shift in British Policing, British Journal of Criminology,
46, 2006, 743.
HOBBS, The Firm: Organizational Logic and Criminal Culture on a Shifting Terrain,
170
British Journal of Criminology, Issue 41, 2001, 540.
IACOVIELLO, Il concorso eventuale nel delitto di partecipazione ad associazione a
delinquere, CP, 1995, 842.
IACOVIELLO, Ordine pubblico ed associazione per delinquere, GP, 1990, II, 46.
INGROIA, L’associazione di tipo mafioso, Milano, 1993.
INSOLERA, Diritto penale e criminalità organizzata, Bologna, 1996.
INSOLERA, Ancora sul problema del concorso esterno nei delitti associativi, RIDPP,
2008, 632.
INSOLERA, Il concorso esterno nei delitti associativi: la ragione di Stato e gli inganni
della dogmatica, FI, 1995, II, 427.
INSOLERA, L’associazione per delinquere, Padova, 1983.
LAQUEUR, The new terrorism, Oxford University Press, Oxford, 1999.
LATTANZI, Partecipazione all’associazione criminosa e concorso esterno, CP, 1998,
3148.
LAUDATI, I delitti transnazionali. Nuovi modelli di incriminazione e di procedimento
all’interno dell’Unione Europea, DPP, 4, 2006, 402.
LAUDATI, Il coordinamento delle indagini nel crimine organizzato transnazionale. Il
ruolo della Direzione nazionale Antimafia alla luce dei coordinamenti in sede europea, in
AA. VV., Criminalità organizzata transnazionale e sistema penale italiano, a cura di Rosi,
Milano, 2007, 373.
LEVI, Perspectives on Organized Crime: an overview, The Howard Journal, 37, 4, 1998,
335.
LEVI, Reflections on organized crime, Patterns and Control, Blackwell, Oxford, 1998.
LEVI, NAYLOR, DTI Crime Foresight Panel Esssay, 2000 Organized Crime, The
Organization
of
crime,
and
the
organization
of
business,
in
www.cf.ac.uk/socsi/resources/levi-orgcrime.pdf.
LEVI, SMITH, A comparative analysis of organized crime conspiracy legislation and
practice and their relevance to Englend and Walles, Home Office Online Report n. 17/02,
Decembre 2002 in www.homeoffice.gov.uk/rds/pdfs2/rdsolr1702.pdf.
MAIELLO, Il concorso esterno in associazione mafiosa tra crisi del principio di legalità
e diritto penale del fatto, AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato
transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 269.
MAKARENKO, The crime-terror continuum: tracing the interplay between transnational
organized crime and terrorism, Global Crime, 6, 1, 2004, 129.
MANACORDA, La fattispecie-tipo della “organizzazione criminale” nel diritto
dell’Unione Europea, in AA. VV., Nuove strategie per la lotta al crimine organizzato
transnazionale, a cura di Patalano, Torino, 2003, 298.
171
MANNA, L’ammissibilità di un c.d. concorso esterno nei reati associativi tra esigenze di
politica criminale e principio di legalità, RIDPP, 1994, 1187.
MANZINI, Trattato di diritto penale italiano, VI, a cura di Pisapia, Torino, 1983, 157.
MASSARO, Criminalità transnazionale. Problemi e prospettive, Bari, 2003.
MARRA, Contrasto e prevenzione della corruzione pubblica transnazionale, in AA. VV,
Criminalità organizzata trasnanzionale e sistema penale italiano, a cura di Rosi, Milano,
2007, 126.
McCLEAN, Transnational organized crime: a Commentary on the U.N. Convention and
its Protocols, Oxford University Press, Oxford, 2007.
MICHELINI, Il progetto di Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato
transnazionale, QG, 1999, 948.
MICHELINI, POLIMENI, Il fenomeno del crimine transnazionale e la Convenzione delle
Nazione Unite contro il crimine organizzato transnazionale, in AA. VV., Criminalità
organizzata transnazionale e sistema penale italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007, 19.
MILITELLO, Le proposte di norme penali comuni in Europa: Partecipazione ad una
organizzazione
criminale,
consultabile
sul
sito:
www.mpicc.de/ww/en/pub/forschung/forschungsarbeit/gemeinsame_projekte/archiv/content2432.h
tm.
MILITELLO, Le strategie di contrasto della criminalità organizzata transnazionale tra
esigenze di politica criminale e tutela dei diritti umani, in AA. VV., L’attività di contrasto
alla criminalità organizzata. Lo stato dell’arte, a cura di Parano, Centonze, Milano, 2005,
243.
MILITELLO, Partecipazione all’organizzazione criminale e standards internazionali di
incriminazione, in AA. VV., Criminalità transnazionale tra esperienze europee e risposte
penali globali, Atti del Convegno organizzata dal Centro F. Carrara, Lucca 24-25 maggio
2002, RIDPP, 2003, 184.
MITSILEGAS, Constitutional principles of the european community and european
criminal law, European Journal of Law Reform, 8, 2006, 2/3, 301.
MITSILEGAS, Countering the chameleon threat of dirty money. Hard and soft law in the
emergence of a global regime against money laundering and terrorist finance, in AA.
VV., Transnational organized crime. Perspectives on global security, Routlerdge, London
and New York, edited by Edwards and Gill, 195.
MITSILEGAS, Defining organized crime in the European Union: the limits of European
criminal law in an area of “freedom, security and justice”, European Law Review, 26 (6),
2001, 565.
MITSILEGAS, European Criminal Law, Oxford and Portland, Oregon, 2009.
MITSILEGAS, From national to global, from empirical to legal: the ambivalent concept
of transnational organized crime, in AA. VV., Critical reflections on transnational
organized crime, money laundering and corruption, edited by Beare, University of
Toronto Press, 2003, 55.
172
MITSILEGAS, GILMORE, The UE legislative framework against money laundering and
terrorist finance: a critical analysis in the light of evolving global standards, ICLQ, 56,
2007, 119.
MITSILEGAS, The third wave of third pillar law: which direction for EU criminal
justice?, European Law Review, 34, 2009, 523.
MOCCIA, Il diritto penale tra essere e volere. Funzione della pena e sistematica
teleogica, Napoli, 1992.
MOCCIA, Ordine pubblico (disposizioni a tutela dell’), EG, XXII, Roma, 1990, 4.
MOCCIA, Prospettive non emergenziali di controllo dei fatti di criminalità organizzata.
Aspetti dommatici e di politica criminale, in AA. VV., Criminalità organizzata e risposte
ordinamentali. Tra efficienza e garanzia, a cura di Moccia, Napoli, 1999, 149.
NUNZI A., The elaboration of the United Nations Convention against transnational
organized crime, XVI Congresso internazionale di diritto penale, 5-11 settembre 1999.
PALADIN, Ordine pubblico, NND, XII, Torino, 1965, 130.
PANEBIANCO, Il riparto della competenza penale tra i “pilastri” dell’Unione Europea,
DPP, 3, 2008, 398.
PAPA, Conspiracy, Digesto pen., III, Torino, 1989, 95.
PAPA, Repressione del crimine organizzato: incertezza italiane e prospettive
transnazionali, DPP, 7, 2002, 797.
PAPA, Un modello comune europeo per il contrasto dei gruppi criminali organizzati:
meriti e limiti di un diritto uniforme alla luce dell’analisi comparatistica, in AA. VV.,
Criminalità transnazionale tra esperienze europee e risposte penali globali, Atti del 3°
Convegno internazionale (Lucca, 24-25 maggio 2002), Milano, 2005, 231.
PATALANO, L’associazione per delinquere, Napoli, 1971.
PECCIOLI, Unione Europea e criminalità transnazionale. Nuovi sviluppi, Torino, 2005.
PEERS, EU Justice and Home Affairs Law, Oxford University Press, Oxford, 2006.
PISANI, Criminalità organizzata e cooperazione internazionale, RIDPP, 1998, 703.
RIONDATO, Il coordinamento giudiziario in Italia e in Europa. Normative e modelli a
confronto, DPP, 3, 2006, 377.
ROBERTI, La criminalità organizzata transnazionale ed il tessuto bancario-finanziario,
in AA. VV., Diritto penale europeo, a cura di Bartone, Padova, 2001, 93.
ROXIN, Politica criminale e sistema del diritto penale. Saggi di teoria del reato, a cura di
Moccia, 1998.
ROMANO, Le apparenti deroghe all’art. 115 c.p. alla luce del principio di specialità e le
differenze tra accordo non punibile, concorso di persone e reato associativo, CP, 1997,
3387.
173
ROSI, Il reato transnazionale, in AA. VV., Criminalità organizzata transnazionale e
sistema penale italiano, a cura di Rosi, Milano, 2007, 82.
ROSSO, Ordine pubblico (delitti contro), NNDI, XXI, Torino, 1965, 152.
RUGA RIVA, Progetto comune europeo di contrasto alla criminalità organizzata.
Programma Falcone U.E., I workshop, Palermo 5-6 febbraio 1999, II workshop, Freiburg,
2-4 settembre 1999, RIDPP, 1998, 1435.
SANTINO, Dalla mafia al crimine transnazionale, Centro Siciliano di documentazione
“Giuseppe
Impastato”,
consultabile
sul
sito:
www.centroimpastato.it/publ/online/da_mafia_a_crmine.php3.
SAVONA, Audizione del prof. Savona sui temi della criminalità organizzata e corruzione
in Europa, Relazione presentata alla Commissione per le libertà civili e gli affari interni
del Parlamento Europeo, Bruxelles, 18 luglio 1995, in Trasncrime. Working paper n. 1.
SAVONA, Processi di globalizzazione e criminalità organizzata transnazionale,
transcrime,
working
paper
n.
29,
consultabile
sul
sito:
www.jus.unitn.it/transcrime/papers/wp29.html.
SCIACCHITANO, Importanti passi avanti per superare le divergenze tra il concetto di
associazione e quello di conspiracy, GDir, 1, 13 gennaio 2001, 6.
SESSA, Evoluzione storica del fenomeno mafioso e consenso sociale: nuovi spazi per la
politica delle istituzioni nella lotta alla criminalità organizzata, Civita set Iustitia, 2004,
II, 1, 175.
SGUBBI, Diritto penale comunitario, Digesto pen., IV, 1990, 89.
SICURELLA, Il Titolo VI del Trattato di Maastricht ed il diritto penale, RIDPP, 1997,
1307.
SIMISTER, SULLIVAN, Criminal law: theory and doctrine, Hart, Oxford, 2007.
SIRACUSANO, Il concorso di persone e le fattispecie associative, CP, 1994, 1870.
SMITH, Conspiracy under the Criminal Law Act 1977, Crim. L. R., 1977, 598 and 638.
SMITH, HOGAN, Criminal Law, Ormerod, Twelfth ed., Oxford University Press, Oxford,
2008.
SPAGNOLO, L’associazione di tipo mafioso, Padova, 1984.
SPAGNOLO, Reati associativi, EG, Agg., V, Roma, 1996, 1.
STANISLAWSKI, HERMANN M. G., Transnational Organized Crime, Terrorism, and
WMD, Moynihan Institute of Global Affairs, Maxwell School, Syracuse University
Prepared as a Discussion Paper for the Conference on Non-State Actors, Terrorism, and
Weapons of Mass Destruction, CIDCM, University of Maryland, October 15, 2004.
TONA, Trattato di diritto penale. Parte speciale, diretto da Cadoppi, Canestrari, Manna,
Papa, III, Torino, 2009, 1063.
174
UNITED NATIONS, Compendium of United Nations standards and norms, United
Nations, New York, 2006.
UNITED NATIONS, Legislative guides for the implementation of the United Nations
Convention against transnational organized crime and the Protocols thereto, United
Nations, New York, 2004.
UNITED NATIONS, Travaux preparatoires of the negotiations for the elaboration of the
United Nations Transnational Organized Crime and Protocols thereto, New York, 2006.
VENG MEI LONG, The disruption of international organized crime. An analysis of legal
and non legal strategies, Ashgate, 2007.
VINCIGUERRA, Diritto penale inglese comparato. I principi, Padova, 2002.
VLASSIS, The United Nations Convention against transnational organized crime and its
Protocols: a new era in international cooperation, in The changing face of international
criminal law, The International Centre for criminal law reform and criminal justice policy,
selected papers, 2001, 23.
VLASSIS, La Convenzione delle Nazioni Unite contro il crimine transnazionale
organizzato, in AA. VV., Criminalità transnazionale tra esperienze europee e risposte
penali globali, Atti del 3° Convegno internazionale (Lucca, 24-25 maggio 2002), Milano,
2005, 361.
WARD R., AKHTAR A., English legal system, tenth ed., Walker & Walker’s, Oxford
University Press, 2008.
WILSON W., A rational scheme of liability for participating in crime, Criminal Law
Review, 2008, 3.
WILSON W., Criminal Law. Doctrine and Theory, Pearson Longman, Third Ed., 2008.
WOODWISS, HOBBS, Organized evil and the atlantic alliance. Moral panics and the
rhetoric of organized crime policing in America and Britain, British Journal of
Criminology, 49, 2009, 106.
175
GIURISPRUDENZA
•
Cass., 1.12.2000, n. 12525, CP, 2001, 2685.
•
C.C., 8.7.1971, n. 168, GC, 1971, 1774.
•
Cass., 6.4.2005, n. 12845, CP, 2006, 1459.
•
Cass., S.U., 11.5.2005, n. 17706, CorrM, 2005, 830.
•
Cass. 23.3.1995, n. 3161, CP, 1996, 77.
•
Cass., 15.3.1999, n. 3340, CED 212816.
•
Cass., 3.11.2004, n. 42635, CED 229906.
•
Cass., 5.9.1995, n. 9320, CP, 1997, 3387
•
Cass., 24.2.2004, n. 7957, CP, 2005, 2967.
•
Cass., S.U., 28.12.1994, n. 16, CP, 1995, 842, anche in FI, 1995, II, 422.
•
Cass., 23.1.2001, 3299, FI, 2001, II, 405, anche in CP, 2001, 2064.
•
Cass., S.U., 21.5.2003, n. 22327, CP, 2003, 3289, anche in FI, 2003, II, 453.
•
Cass., S.U., 20.9.2005, n. 33748.
176
Fly UP