...

Strada Sicura - Unipol Assicurazioni

by user

on
Category: Documents
254

views

Report

Comments

Transcript

Strada Sicura - Unipol Assicurazioni
Contratto di Assicurazione
per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie
Strada sicura
autoveicoli
Modello S09050A/1 - Ed. 01.04.2014
Il presente Fascicolo Informativo contenente
a) Nota Informativa comprensiva del glossario
b) Condizioni di assicurazione
c) Informativa privacy
deve essere consegnato al Contraente prima
della sottoscrizione del contratto.
Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa.
Divisione
UnipolSai Assicurazioni S.p.A. - Via Stalingrado, 45 - 40128 Bologna - www.unipolsai.com - www.unipolsai.it
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Nota informativa
Glossario
Condizioni di assicurazione
A. Condizioni generali comuni
B. Condizioni particolari comuni
C. Condizioni generali R.C.A.
D. Condizioni particolari R.C.A.
E. Incendio e furto
F. Eventi socio-politici
G. Kasko
H. Indennizzo certo
I. Adeguamento del valore assicurato e del premio
L. Eventi atmosferici
M.Garanzie accessorie
N. Sinistri incendio-furto – Eventi socio-politici – Kasko – Indennizzo certo –
Eventi atmosferici – Garanzie accessorie
O. Infortuni del conducente
P.Patente
Q. Tutela legale
R. Servizio assistenza di “Strada Sicura”
S. Assistenza formula UNIBOX “Strada Sicura”
T. Servizi UNIBOX “Strada Sicura”
Riferimenti di legge
INFORMATIVA PRIVACY
“Parte A”
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
NOTA INFORMATIVA
1 di 11
2 di 11
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
NOTA INFORMATIVA
Nota informativa relativa al contratto di assicurazione per la responsabilità civile per la
circolazione delle autovetture, autoveicoli ad
uso promiscuo, autotassametri, rimorchi, nonché per altre garanzie, denominato “STRADA SICURA” (Regolamento Isvap n. 35 del 26
maggio 2010).
La Nota informativa si articola in tre sezioni:
A.INFORMAZIONI SULL’IMPRESA DI ASSICURAZIONE
B. INFORMAZIONI SUL CONTRATTO
C. INFORMAZIONI SULLE PROCEDURE LIQUIDATIVE E SUI RECLAMI
Gentile Cliente,
siamo lieti di fornirLe alcune informazioni relative
a UnipolSai Assicurazioni S.p.A. ed al contratto che
Lei sta per concludere.
A.INFORMAZIONI SUL L’IMPRESA DI ASSICURAZIONE.
Per maggiore chiarezza, precisiamo che:
– la presente Nota informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall’IVASS,
ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva approvazione dell’IVASS;
– il Contraente deve prendere visione delle
Condizioni di assicurazione prima della
sottoscrizione della polizza.
È possibile richiedere presso i punti vendita
e nel sito internet di UnipolSai Assicurazioni
S.p.A. il rilascio di un preventivo gratuito
personalizzato in relazione ai diversi tipi di
veicolo che viene redatto sulla base di tutti gli elementi di personalizzazione previsti
dalla tariffa nonché in base alla formula contrattuale che Lei potrà scegliere tra quelle
offerte dall’Impresa per l’assicurazione della
responsabilità civile per la circolazione del
veicolo.
Le clausole che prevedono oneri e obblighi a carico
del Contrante e dell’Assicurato, nullità, decadenze,
esclusioni, sospensioni e limitazioni della garanzia,
rivalse, nonché le informazioni qualificate come
“Avvertenze” sono stampate su fondo colorato, in
questo modo evidenziate e sono da leggere con particolare attenzione.
Per consultare gli aggiornamenti delle informazioni
sull’Impresa di assicurazione contenute nella presente Nota informativa si rinvia al link: http://www.
unipolsai.it/Pagine/Aggiornamento_Fascicoli_Informativi.aspx
UnipolSai Assicurazioni S.p.A. comunicherà per
iscritto al Contraente le altre modifiche del Fascicolo
informativo e quelle derivanti da future innovazioni
normative.
Per ogni chiarimento, il Suo Agente/Intermediario
assicurativo di fiducia è a disposizione per darLe tutte le risposte necessarie.
1. Informazioni generali.
a) UnipolSai Assicurazioni S.p.A., in breve UnipolSai S.p.A., società soggetta all’attività di direzione
e coordinamento di Unipol Gruppo Finanziario
S.p.A. e facente parte del Gruppo Assicurativo
Unipol iscritto all’Albo dei Gruppi Assicurativi
presso l’IVASS al n. 046.
b) Sede Legale in via Stalingrado n. 45 – 40128 Bologna (Italia).
c)
Recapito
telefonico:
051.5077111,
Telefax:
051.375349, siti internet: www.unipolsai.com www.unipolsai.it, indirizzo di posta elettronica:
[email protected]
d)E’ autorizzata all’esercizio dell’attività assicurativa con D.M. del 26/11/1984 pubblicato sul
supplemento ordinario n. 79 alla G.U. n. 357 del
31/12/1984 e con D.M. dell’8/11/1993 pubblicato
sulla G. U. n. 276 del 24/11/1993; è iscritta alla sezione I dell’Albo delle Imprese di Assicurazione
presso l’IVASS al n. 1.00006.
2. Informazioni sulla situazione patrimoniale
dell’Impresa
In base all’ultimo bilancio approvato, relativo all’esercizio 2012, il patrimonio netto dell’Impresa è
pari ad € 1.627.332.680,00 con capitale sociale pari
ad € 1.194.572.974,00 e totale delle riserve patrimoniali pari ad € 432.759.706,00. L’indice di solvibilità
(da intendersi quale il rapporto fra l’ammontare del
margine di solvibilità disponibile e l’ammontare del
margine di solvibilità richiesto dalla normativa vigente) riferito alla gestione dei rami danni è pari a
133,3%.
B. INFORMAZIONI SUL CONTRATTO.
3. Garanzie offerte - Limitazioni ed esclusioni.
a - Responsabilità civile autoveicoli terrestri.
Sono previste le formule tariffarie “Bonus/ Malus”, “Bonus Protetto“, “Nuova Bonus/ Malus”
e “Tariffa fissa”.
La formula tariffaria “Bonus/Malus”, applicabile solo ai contratti in sostituzione di altri
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
aventi tale formula prevede riduzioni o maggiorazioni di premio in relazione al verificarsi
o meno di sinistri nel periodo di osservazione
e l’assegnazione del contratto ad una delle diciotto classi di merito di appartenenza dell’Impresa.
La formula tariffaria “Bonus Protetto”, applicabile solo ai contratti stipulati in sostituzione
di altri aventi tale formula o la formula “Bonus/Malus” prevede l’applicazione delle disposizioni previste dalla formula tariffaria “Bonus/Malus” e consente di conservare la classe
merito dell’Impresa anche in caso di un primo
sinistro penalizzante nel periodo di osservazione del contratto.
La formula tariffaria “Nuova Bonus/Malus”
prevede riduzioni o maggiorazioni di premio
in relazione al verificarsi o meno di sinistri nel
periodo di osservazione e l’assegnazione del
contratto ad una delle ventisette classi di merito di appartenenza dell’Impresa.
La formula tariffaria “ Tariffa Fissa”, valida
solo per i rimorchi, non prevede variazioni di
premio in funzione del verificarsi o meno di
sinistri.
L’Impresa assicura il rischio della responsabilità civile derivante dalla circolazione del veicolo
indicato in polizza, per il quale è obbligatoria
l’assicurazione, impegnandosi a corrispondere, entro i limiti convenuti, le somme dovute
per il risarcimento di danni involontariamente
causati a terzi.
Si rinvia agli articoli C.1, C.10, C.11 e C.12 delle
Condizioni di assicurazione per gli aspetti di
dettaglio.
Avvertenza: la garanzia è soggetta a limitazioni territoriali che possono dar luogo al mancato pagamento del risarcimento.
Si rinvia all’art. A.4 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Avvertenza: la garanzia è soggetta a limitazioni ed esclusioni che possono dar luogo a
rivalsa. In tali casi l’Impresa è comunque obbligata a risarcire un eventuale sinistro ai terzi
danneggiati, ma ha diritto di chiedere al Contraente e/o all’Assicurato la restituzione totale o
parziale di quanto pagato.
Si rinvia all’art. C.2 ed ai punti D./144 e D./194
delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Avvertenza: la garanzia è prestata entro i
limiti dei massimali pattuiti in polizza. Se in
polizza è stato convenuto un massimale complessivo, qualora i massimali per i danni a persone e per i danni a cose non siano in tutto o
in parte impegnati per la copertura dei danni
a cui sono rispettivamente destinati, la somma
assicurata residua sarà utilizzata dall’Impresa
3 di 11
per fornire copertura del danno fino a concorrenza del massimale complessivo, che costituisce il massimo esborso a carico dell’Impresa.
Si rinvia all’art. C.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Meccanismo di funzionamento dei massimali per danni a persone e a cose della
garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri (R.C.A.).
La garanzia R.C.A. è prestata con i seguenti
massimali:
– massimale per danni a persone:
€ 2.500.000,00;
– massimale per danni a cose: € 500.000,00.
Il sinistro ha determinato i seguenti danni:
– danni a persone € 2.000.000,00;
– danni a cose € 600.000,00.
Il risarcimento complessivo sarà di €
2.500.000,00 perché l’ammontare complessivo
dei danni a cose supera il massimale pattuito.
La restante parte di danno (€ 100.000,00) resterà a carico dell’Assicurato.
Meccanismo di funzionamento del massimale complessivo della garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri
(R.C.A.).
La garanzia R.C.A. è prestata con i seguenti
massimali:
– massimale complessivo: € 4.000.000,00;
– massimale per danni a per sone:
€ 3.000.000,00;
– massimale per danni a cose: € 1.000.000,00.
Il sinistro ha determinato i seguenti danni:
– danni a persone € 3.500.000,00;
– danni a cose € 300.000,00.
Il risarcimento complessivo sarà di
€ 3.800.000,00.
Il massimale destinato ai danni a persone, anche se insufficiente, è stato integrato con quello
destinato a cose in quanto, in questo esempio,
il massimale complessivo era superiore all’ammontare complessivo del danno.
b - Altre garanzie.
b.1 Incendio e furto: copre i danni materiali
e diretti subiti dal veicolo in conseguenza di
incendio, scoppio, esplosione e fulmine; di
furto o rapina consumati o tentati.
Si rinvia all’art. E.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
b.2Eventi socio-politici: copre i danni mate-
4 di 11
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
riali e diretti subiti dal veicolo in conseguenza di disordini, scioperi, atti di terrorismo e
atti di vandalismo.
Si rinvia all’art. F.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
b.3 Kasko: copre i danni materiali e diretti subiti dal veicolo durante la circolazione del
veicolo in aree pubbliche o private a seguito di collisione con altri veicoli, urto contro
ostacoli, ribaltamento, uscita di strada.
Si rinvia all’art. G.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
b.4 Indennizzo certo: copre i danni materiali e diretti subiti dal veicolo e non risarciti,
fino alla concorrenza della somma assicurata convenuta in polizza senza l’applicazione,
nella determinazione dell’ammontare del
danno, della regola proporzionale.
Si rinvia all’art. H.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
b.5Eventi atmosferici: copre i danni materiali e diretti subiti dal veicolo in conseguenza
di inondazioni, trombe d’aria e cose da essi
trasportate, caduta di grandine, neve, ghiaccio, pietre, valanghe e slavine.
Si rinvia all’art. L.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
b.6 Garanzie accessorie: copre le spese sostenute e comprovate da presentazione di regolare fattura, a seguito del verificarsi di uno
degli eventi descritti nelle Condizioni di
assicurazione quali, a titolo esemplificativo,
ripristino degli airbag a seguito della loro
attivazione per cause accidentali o per incidente da circolazione; sostituzione delle serrature del veicolo a seguito di smarrimento
o sottrazione delle chiavi; sostituzione ed
installazione dei cristalli, a seguito di danneggiamento o rottura conseguente a cause
accidentali o a fatto di terzi.
Si rinvia al punto M. delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
b.7 Infortuni del conducente: copre le conseguenze dirette ed esclusive di un infortunio
che il conducente subisca in conseguenza
della circolazione del veicolo e delle operazioni effettuate in caso di fermata accidentale per mettere il veicolo stesso in condizioni
di riprendere la marcia.
Si rinvia agli articoli O.1, O.2 O.5, O.6 e O.8
delle Condizioni di assicurazione per gli
aspetti di dettaglio.
b.8 Patente: copre le spese sostenute dal conducente del veicolo assicurato, a seguito del
ritiro o della sospensione della patente di
guida quale conseguenza diretta ed esclusiva di un incidente da circolazione, purché
l’evento abbia prodotto, nei confronti dei
terzi, la morte o lesioni personali o gravi
danni ai veicoli.
Si rinvia agli articoli P.1, P.2, P.3, P.4, P.5 e
P.6 delle Condizioni di assicurazione per gli
aspetti di dettaglio.
b.9Tutela legale: copre il rimborso delle spese legali, compresi i relativi oneri non ripetibili dalla controparte, occorrenti all’Assicurato per la difesa dei suoi interessi in sede
extragiudiziale e giudiziale per i casi indicati nelle Condizioni di assicurazione.
Si rinvia all’art. Q.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
b.10Servizio Assistenza di “Strada Sicura”:
l’Impresa mette a disposizione dell’Assicurato, nei limiti e con le modalità indicate
nelle singole prestazioni, un aiuto nel caso
in cui questi venga a trovarsi in difficoltà
a seguito del verificarsi di uno degli eventi
fortuiti descritti nelle Condizioni di assicurazione quali, a titolo esemplificativo, il soccorso stradale del veicolo e la messa a disposizione di un’autovettura sostitutiva.
Si rinvia all’art. R.1 ed al paragrafo delle
“Garanzie” descritte nel punto R. delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di
dettaglio.
Avvertenza: le garanzie assicurative sono soggette
a limitazioni, esclusioni e sospensioni della garanzia
che possono dar luogo alla riduzione o al mancato
pagamento dell’indennizzo.
Si rinvia agli articoli A.4, E.2, F.2, G.2, H.2, L.1, al
punto M., agli articoli O.3, P.7, Q.2, Q.7, agli articoli
R.2, R.3 ed al paragrafo delle “Garanzie” descritte
nel punto R. delle Condizioni di assicurazione per
gli aspetti di dettaglio.
Avvertenza: le suddette garanzie sono prestate con scoperti, franchigie/ minimi non indennizzabili e nel limite delle somme assicurate.
Per gli aspetti di dettaglio si rinvia a quanto indicato in polizza, nonché agli articoli N.1, N.2,
N.3, O.5, O.6, O.7, P.2, P.3, P.4, P.5, P.6, Q.1 ed al
paragrafo delle “Garanzie” descritte nel Punto
R delle condizioni di assicurazione.
Per facilitarne la comprensione da parte del
Contraente, di seguito si illustra il meccanismo
di funzionamento di scoperti, franchigie/ minimi non indennizzabili e somme assicurate
mediante esemplificazioni numeriche.
Meccanismo di funzionamento della
franchigia/minimo non indennizzabile
1° esempio
– somma assicurata € 10.000,00;
– danno € 1.500,00;
– franchigia/minimo non indennizzabile
€ 250,00.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Indennizzo: € 1.500,00 – € 250,00 =
€ 1.250,00.
2° esempio
– somma assicurata € 10.000,00;
– danno € 200,00;
– franchigia/minimo non indennizzabile
€ 250,00.
Nessun indennizzo è dovuto perché il danno
è inferiore alla franchigia/minimo non indennizzabile.
Meccanismo di funzionamento dello scoperto:
1° esempio
– somma assicurata € 50.000,00;
– danno € 10.000,00;
– scoperto 10% con la franchigia/minimo non
indennizzabile di € 500,00.
Indennizzo: € 10.000,00 - 10% = € 9.000,00.
2° esempio
– somma assicurata € 50.000,00;
– danno € 3.000,00;
– scoperto 10% con la franchigia/minimo non
indennizzabile di € 500,00.
Indennizzo: € 3.000,00 - € 500,00 = € 2.500,00
(lo scoperto del 10% del danno è inferiore alla
franchigia/minimo non indennizzabile).
Meccanismo di funzionamento del limite
della somma assicurata:
– somma assicurata € 50.000,00;
– danno € 60.000,00. Risarcimento:
€ 50.000,00.
Assicurazione parziale: se l’assicurazione è
prestata a “valore intero”, la somma assicurata
deve corrispondere al valore delle cose assicurate; se la somma assicurata risulta inferiore,
l’indennizzo pagato dall’Impresa sarà parziale.
Esempio:
Indennizzo =
ammontare del danno x somma assicurata
______________________________________
Valore delle cose assicurate
Esempio di assicurazione parziale relativo alla
garanzia Incendio:
– somma assicurata: € 50.000,00;
– valore del veicolo: € 80.000,00;
– danno: € 40.000,00.
Indennizzo: € 25.000,00 (ferma l’applicazione
di eventuali scoperti e franchigie/minimi non
indennizzabili).
Si rinvia all’art. N.6 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Avvertenza: la rivalsa è il diritto che ha l’Im-
5 di 11
presa di recuperare nei confronti dell’Assicurato, le somme che abbia indebitamente pagato a
seguito di un atto doloso dell’assicurato stesso.
Si rinvia all’articolo R.2 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Avvertenza: il contratto, salvo diversa pattuizione,
non prevede il tacito rinnovo ed il contraente, ad ogni
scadenza annuale, potrà decidere se rinnovarlo o
meno senza dare alcuna comunicazione preventiva.
Si rinvia all’art. A.1 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Se il contratto è stipulato con tacito rinnovo, si rinnova tacitamente ad ogni scadenza annuale salvo
che una delle parti non provveda alla disdetta con
lettera raccomandata o a mezzo telefax almeno quindici giorni prima della data di scadenza indicata in
polizza.
Si rinvia al punto B./51 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
3 .1 Estensioni della garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri.
In alcuni casi l’Impresa estende gratuitamente la
copertura assicurativa prevista dalla Legge e dai
regolamenti. Si rinvia agli articoli C.1, C.10, C.11
e C.12 delle Condizioni di assicurazione per gli
aspetti di dettaglio.
Su richiesta del Contraente e con il pagamento di
un’integrazione di premio è, inoltre, prevista la
possibilità di estendere ulteriormente la copertura assicurativa. A tal proposito, per gli aspetti di
dettaglio, si rinvia ai punti D./144, D./194 ed agli
articoli M.1 e M.2.
4. Soggetti esclusi dalla garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri.
La garanzia Responsabilità Civile derivante dalla circolazione dei veicoli (R.C.A.) non copre i danni alle
cose subiti dai soggetti indicati all’art. 129 comma 2°
lettere a) - b) e c) del D. Lgs. N. 209/05, Codice delle
assicurazioni private.
5. Dichiarazioni dell’Assicurato in ordine alle
circostanze del rischio.
Avvertenza: le eventuali dichiarazioni false o reticenti del Contraente o dell’Assicurato sulle circostanze che influiscono sulla valutazione del rischio rese
in sede di conclusione del contratto potrebbero comportare effetti sulla prestazione.
Si rinvia all’art. A.5 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
6. Aggravamento e diminuzione del rischio.
Il Contraente o l’Assicurato devono dare comunicazione scritta all’Impresa o all’Agenzia presso cui è
assegnato il contratto dei mutamenti che diminuiscono o aggravano il rischio.
Si rinvia all’art. A.5 delle Condizioni di assicurazio-
6 di 11
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
ne per gli aspetti di dettaglio.
Qui di seguito si illustra un’ipotesi di circostanza rilevante che determina la modificazione del rischio.
Esempio di variazione del rischio per le garanzie R.C.A. e Incendio e Furto
Successivamente alla stipula del contratto l’Assicurato cambia la propria residenza, trasferendola in
un’altra città. Tale circostanza determina una variazione del rischio che deve essere tempestivamente
comunicata all’Impresa o all’Agenzia poiché, se la
variazione di residenza determina un aggravamento del rischio, in caso di sinistro, l’Impresa ha la
facoltà:
–per la garanzia Incendio e Furto di ridurre l’indennizzo in proporzione all’aumento del premio
che avrebbe avuto diritto di esigere se le fosse stata comunicata la variazione;
–per la garanzia R.C.A. di esercitare il diritto di rivalsa verso il Contraente e/o l’Assicurato per quanto
abbia dovuto pagare ai terzi danneggiati, nella stessa proporzione sopra indicata.
7. Premi.
Il premio deve essere pagato in via anticipata per
l’intera annualità assicurativa all’Agenzia alla quale
è assegnato il contratto oppure all’Impresa, tramite
gli ordinari mezzi di pagamento e nel rispetto della
normativa vigente.
Si rinvia all’art. A.3 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Il premio per la garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri viene determinato sulla base dei
parametri di personalizzazione previsti dalla tariffa
vigente dell’Impresa ed è comprensivo delle provvigioni riconosciute dall’Impresa all’intermediario.
Il premio può essere frazionato e gli oneri aggiuntivi
sono del:
• 3% per il frazionamento semestrale;
• 4% per il frazionamento quadrimestrale;
• 5% per il frazionamento trimestrale.
Il frazionamento quadrimestrale e trimestrale è consentito solo per i contratti già in vigore con questo
tipo di frazionamento.
Avvertenza: il Contraente ha facoltà di ottenere la
restituzione del premio netto pagato e non goduto
relativo al periodo residuo per il quale il rischio è
cessato in caso di:
• demolizione, esportazione definitiva all’estero,
definitiva cessazione della circolazione del veicolo. Nel caso di incendio totale non è prevista
la restituzione del premio relativo alla garanzia
Incendio.
Si rinvia all’art. A.10 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio;
• furto totale o rapina del veicolo, fatta eccezione
per la parte di premio relativa alla garanzia Furto. Si rinvia all’art. A.8 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio;
• appropriazione indebita.
Si rinvia all’art. A.8 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio;
• trasferimento della proprietà del veicolo con risoluzione del contratto.
Si rinvia all’art. A.7 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio;
• sospensione in corso di contratto, qualora il Contraente non abbia richiesto la riattivazione entro
i limiti previsti dal contratto.
Si rinvia all’art. A.9 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Avvertenza: per le garanzie diverse dalla R.C.A.,
sono previsti degli sconti sui premi applicati:
1. dall’Impresa qualora il Contraente scelga una o,
se compatibili, più soluzioni che prevedano:
• l’adesione ai servizi, l’installazione e l’attivazione di Unibox;
• l’appartenenza ad una convenzione stipulata
con l’Impresa;
2. dall’Intermediario, qualora decida di effettuare
un’ulteriore personalizzazione del rischio applicando un eventuale margine di flessibilità tariffaria riconosciutogli dall’Impresa.
8. Informativa in corso di contratto (garanzia
Responsabilità civile autoveicoli terrestri).
L’Impresa si impegna a trasmettere al Contraente, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto,
una comunicazione scritta, unitamente all’attestazione sullo stato del rischio, riportante l’informativa
prevista dalle disposizioni vigenti in merito:
– alla data di scadenza del contratto;
– all’esercizio della disdetta, se previsto il tacito rinnovo;
– alle indicazioni in merito al premio di rinnovo;
– alle eventuali variazioni peggiorative apportate alla
classe di merito.
9. Attestazione sullo stato del rischio – Classe
di merito (garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri).
L’Impresa trasmette al Contraente, almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto, l’attestazione
sullo stato del rischio, che il Contraente, o se persona
diversa, il proprietario o l’usufruttuario, l’acquirente con patto di riservato dominio o il locatario possono comunque richiedere di ricevere, in qualunque
momento, nel termine di 15 giorni dalla richiesta.
In caso di cessazione del rischio assicurato, sospensione o mancato rinnovo del contratto di assicurazione per mancato utilizzo del veicolo, l’attestato sullo
stato del rischio conserva validità per un periodo di
cinque anni a decorrere dalla scadenza del contratto
al quale l’attestato si riferisce.
Per i meccanismi di assegnazione della classe di merito di conversione universale, cosiddetta C.U., anche
in caso di acquisto di un ulteriore nuovo veicolo, si
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
rinvia all’art. C.7 delle Condizioni di assicurazione.
Avvertenza: la classe di merito di conversione universale (C.U.) riportata sull’attestato di rischio è uno
strumento di confronto fra le varie proposte di contratti R.C.auto di ciascuna Compagnia.
10. Recesso.
Se il contratto è stipulato con tacito rinnovo, in caso
di variazioni tariffarie R.C.A superiori al tasso programmato di inflazione, escluse quelle derivanti
dall’applicazione delle regole evolutive, non vi è
obbligo di disdetta ed il contraente potrà decidere
se rinnovare o meno per la successiva annualità assicurativa.
In tutti i casi l’Impresa manterrà operanti le garanzie previste fino alla data di effetto del nuovo contratto, ma non oltre il quindicesimo giorno successivo
alla scadenza del contratto.
11. Prescrizione e decadenza dei diritti derivanti dal contratto.
I diritti derivanti dal contratto si prescrivono in due
anni dal giorno in cui si è verificato il fatto su cui
il diritto si fonda ai sensi dell’art. 2952 del Codice
Civile. Per le assicurazioni di responsabilità civile il
termine decorre dal giorno in cui il danneggiato ha
richiesto il risarcimento del danno all’Assicurato o
ha promosso contro di questo l’azione. Il diritto al
risarcimento del danneggiato da un incidente stradale si prescrive in due anni a meno che il fatto da
cui deriva il danno non sia considerato dalla legge
come un reato.
Per l’assicurazione di Tutela legale il termine decorre
dal momento in cui sorge il debito per le spese legali.
Ai sensi dell’art. 1913 del codice civile, il sinistro
deve essere denunciato immediatamente e, comunque, entro tre giorni da quando il Contraente e/o l’Assicurato ne siano venuti a conoscenza.
L’inadempimento degli obblighi relativi alla denuncia di sinistro può comportare la perdita totale o parziale del diritto all’indennizzo. Si rinvia agli articoli
C.13, N.4, O.9 e P.8.
12 Regime fiscale.
Gli oneri fiscali e parafiscali relativi all’assicurazione
sono a carico del Contraente.
Il contratto prevede una pluralità di garanzie, per
ciascuna delle quali il relativo premio è soggetto
all’imposta sulle assicurazioni secondo le seguenti
aliquote attualmente in vigore:
a) Incendio e Furto, Eventi socio-politici, Kasko, “Indennizzo Certo”, Eventi atmosferici, Garanzie
accessorie, Patente e Spese per impossibilità di
recupero Unibox 13,50%;
b) Tutela legale: 12,50%;
c) Infortuni del conducente: 2,50%;
d) Assistenza: 10%;
e) Responsabilità civile autoveicoli terrestri:
7 di 11
12,50% (aliquota base, soggetta ad eventuale variazione, in aumento o in diminuzione in misura
non superiore al 3,5%, da parte delle singole province ai sensi dell’articolo 17 del D. Lgs. 6.5.2011
n. 68), oltre 10,50% quale contributo al Servizio
Sanitario Nazionale.
13. Legislazione applicabile.
Al contratto sarà applicata la Legge italiana.
C. INFORMAZIONI SULLE PROCEDURE LIQUIDATIVE E SUI RECLAMI.
14. Procedura per il risarcimento del danno
(garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri).
Risarcimento diretto.
Per i sinistri nei quali l’Assicurato ritiene che la responsabilità sia totalmente o parzialmente a carico
dell’altro conducente, purché vi siano le condizioni
previste dalla normativa, si applica la “procedura di
risarcimento diretto” e l’Impresa provvederà, per
conto della compagnia del responsabile, a risarcire
direttamente all’Assicurato i danni subiti.
Per le procedure liquidative, si rinvia:
– all’articolo 149 del D. Lgs n. 209 del 2005, Codice
delle assicurazioni private (“Legg e)”, al Regolamento emanato con D.P.R. n. 254/2006 e all’art.
C.14 delle Condizioni di assicurazione, nei casi
di applicabilità della procedura di risarcimento
diretto;
– all’art. 148 della Legge e all’art. C.14 delle Condizioni di assicurazione, in caso di inapplicabilità
della procedura di risarcimento diretto;
– all’art. 141 della Legge e all’art. C.14 delle Condizioni di assicurazione, in caso di danno subito da
un trasportato del veicolo assicurato.
Per conoscere i centri di liquidazione sinistri competenti si rinvia al sito internet dell’Impresa.
Avvertenza: in caso di sinistro il Contraente o l’Assicurato devono darne avviso alla Società, utilizzando
il modulo di Constatazione amichevole di incidente
Denuncia di sinistro (“modulo blu”), immediatamente e comunque entro 3 giorni dal fatto, fornendole
ogni notizia e documento utili. L’Impresa, nel caso in
cui la denuncia di sinistro sia completa e pervenga
nei tempi e con le modalità richieste, ha l’obbligo di
formulare l’offerta di risarcimento entro i seguenti
termini:
1. se il sinistro rientra nella procedura del Risarcimento diretto:
• 60 giorni dal pervenimento della richiesta per
i danni alle cose o al veicolo. Tale termine si
riduce a 30 giorni se entrambi i conducenti dei
veicoli coinvolti hanno sottoscritto congiuntamente il modello di Constatazione amichevole
di incidente – Denuncia di sinistro “modulo
8 di 11
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
blu”;
• 90 giorni per i danni alla persona con invalidità permanente non superiore al 9%.
2. se il sinistro rientra nella procedura ordinaria:
• per i danni alle cose:
a)30 giorni se unitamente alla richiesta, inoltrata con raccomandata A.R., sarà allegato il
“modulo blu” compilato in ogni sua parte e
firmato da entrambi i conducenti;
b)60 giorni se unitamente alla richiesta, inoltrata con raccomandata A.R., sarà allegato il
“modulo blu” compilato in ogni sua parte e
firmato unicamente dal richiedente oppure
se nella richiesta stessa saranno riportati gli
elementi previsti dal “modulo blu”.
• per i danni alla persona:
a)90 giorni se, unitamente alla richiesta inoltrata con raccomandata A.R., saranno allegati i documenti necessari per la valutazione del danno da parte dell’Impresa e se la
richiesta riporterà gli elementi previsti dal
“modulo blu”.
Si rinvia all’art. C.14 delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
15. Incidenti stradali con controparti estere o
con veicolo non assicurato o non identificato
(garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri).
a) In caso di sinistro provocato da un veicolo immatricolato all’estero, per la procedura da seguire
per ottenere il risarcimento del danno, si rinvia
ai seguenti articoli della Legge:
– 125, 126, 141, 148, 149, per i danni subiti in
Italia;
– 151, 152, 153, 154 e 155, per i danni subiti all’estero.
b) In caso di sinistro avvenuto con un veicolo non assicurato o non identificato la richiesta deve essere
rivolta all’impresa designata dal Fondo di garanzia per le vittime della strada istituito presso la
Consap S..p.A. – Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici.
16. Facoltà del Contraente di rimborsare l’importo liquidato per un sinistro (garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri).
Per evitare o ridurre la maggiorazione di premio
prevista dalla formula tariffaria “Bonus/Malus”, alla
scadenza del contratto il Contraente può, per uno o
più sinistri, rimborsare l’importo liquidato nell’ultimo periodo di osservazione. In caso di rimborso,
l’Impresa provvederà a consegnare al Contraente
una nuova attestazione sullo stato del rischio che
non indicherà i sinistri rimborsati. Per conoscere
l’importo liquidato e per rimborsare i sinistri gestiti
in regime di risarcimento diretto, il Contraente deve
rivolgersi alla CONSAP – Via Yser 14, 00198 Roma.
17. Accesso agli atti dell’Impresa (garanzia Responsabilità civile autoveicoli terrestri).
I Contraenti, gli Assicurati e i danneggiati possono
accedere agli atti dell’Impresa relativi ai procedimenti di valutazione, constatazione e liquidazione
dei danni che li riguardano, a condizione che i procedimenti siano conclusi, come previsto dall’art.
146 della Legge e dal decreto del Ministero dello sviluppo economico n. 191 del 29 ottobre 2008.
Il diritto di accesso può essere esercitato dal momento in cui l’Impresa ha completato gli adempimenti
previsti dagli artt. 148 e 149 della Legge in materia
di offerta di risarcimento o di contestazione, e in particolare:
• dal momento in cui é stata comunicata al danneggiato la misura del risarcimento;
• dal momento in cui sono stati comunicati al danneggiato i motivi per i quali non si ritiene di effettuare offerta (contestazione del danno).
Nel caso di mancata offerta o mancata comunicazione di diniego dell’offerta, il diritto di accesso può essere esercitato decorsi i seguenti termini:
• trenta giorni dalla data di ricezione della richiesta danni di risarcimento per danni a cose e il modulo di denuncia è stato sottoscritto da entrambi i
conducenti dei veicoli;
• sessanta giorni dalla ricezione della richiesta di
risarcimento per danni a cose;
• novanta giorni dalla ricezione della richiesta di
risarcimento danni in caso di lesioni o decesso;
• centoventi giorni dall’accadimento del sinistro.
La richiesta deve essere scritta, trasmessa con raccomandata o tramite telefax ovvero presentata a mano
alla sede legale dell’Impresa o all’ufficio incaricato
della liquidazione del sinistro nel luogo di domicilio
del danneggiato, ovvero al punto vendita che ha concluso o al quale è stato affidato il contratto.
18. Sinistri – Liquidazione dell’indennizzo
(garanzie diverse dalla R.C.A.)
Avvertenza: il Contraente o l’Assicurato devono denunciare il sinistro all’Impresa immediatamente e
comunque entro 3 giorni da quando ne sono venuti a
conoscenza, con l’indicazione della data, ora, luogo,
modalità del fatto e presenza di testimoni.
Per la garanzia Servizio assistenza di “Strada Sicura”, il Contraente o l’Assicurato devono contattare la
Struttura Organizzativa IMA Italia Assistance S.p.A.
nel momento in cui si verifica il sinistro.
In caso di mancato accordo, solo per le garanzie prestate nei punti E., F., G., H., L., M. e O delle Condizioni di assicurazione, è possibile demandare la soluzione della controversia a periti/medici nominati
rispettivamente dall’Assicurato e dalla Società.
I periti/medici, in caso di disaccordo, ne eleggono un
terzo e le decisioni sono prese a maggioranza di voti.
Ciascuna delle parti sostiene la spesa del proprio perito/medico.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
La spesa del terzo perito/medico è a carico della parte soccombente.
Si rinvia agli articoli N. 6, O.12 e P.9 delle Condizioni
di assicurazione per gli aspetti di dettaglio delle procedure liquidative.
Avvertenza: la gestione dei sinistri relativi alla garanzia Servizio assistenza di “Strada Sicura” è affidata a IMA Italia Assistance S.p.A. – piazza I. Montanelli, 20 – 20099 Sesto San Giovanni.
Si rinvia all’art. R.1 ed al paragrafo “Istruzioni per la
richiesta di assistenza” delle Condizioni di assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
Avvertenza: la gestione dei sinistri relativi alla garanzia Tu tela legale è affidata ad ARAG Assicurazioni S.p.A. - viale delle Nazioni, 9 - 37135 Verona.
Si rinvia agli articoli Q.3 e Q.4 delle Condizioni di
assicurazione per gli aspetti di dettaglio.
19. Reclami
Eventuali reclami riguardanti il rapporto contrattuale o la gestione dei sinistri devono essere inoltrati
per iscritto alla Società, indirizzandoli a UnipolSai
Assicurazioni S.p.A. - Reclami e Assistenza Clienti
- Via della Unione Europea, 3/B - 20097 San Donato
Milanese (MI)­- Fax: 02.5181.5353 - Indirizzo di Posta
Elettronica: [email protected]
Qualora l’esponente non si ritenga soddisfatto
dall’esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro nel termine massimo di 45 giorni, potrà rivolgersi all’IVASS, Servizio Tutela degli Utenti, Via del
Quirinale 21, 00187 Roma, telefono 06.421331.
I reclami indirizzati all’IVASS devono contenere:
a) nome, cognome e domicilio del reclamante, con
eventuale recapito telefonico;
b) individuazione del soggetto o dei soggetti di cui
si lamenta l’operato;
c) breve descrizione del motivo di lamentela;
d) copia del reclamo presentato all’Impresa e dell’eventuale riscontro fornito dalla stessa;
e) ogni documento utile per descrivere più compiutamente le relative circostanze.
Le informazioni utili per la presentazione dei reclami
sono riportate sui siti internet www.unipolsai.com www.unipolsai.it.
9 di 11
In relazione alle controversie inerenti la quantificazione delle prestazioni si ricorda che permane la competenza esclusiva dell’Autorità Giudiziaria, oltre alla
facoltà di ricorrere a sistemi conciliativi ove esistenti.
Per la risoluzione delle liti transfrontaliere, controversie tra un Contraente consumatore di uno Stato
membro e un’impresa con sede legale in un altro Stato membro, il reclamante avente domicilio in Italia
può presentare reclamo:
– all’IVASS, che lo inoltra al sistema/organo estero di settore competente per la risoluzione delle
controversie in via stragiudiziale, dandone notizia al reclamante e comunicandogli poi la risposta;
– direttamente al sistema/organo estero competente dello Stato membro o aderente allo SEE (Spazio
Economico Europeo) sede dell’impresa assicuratrice stipulante (sistema individuabile tramite il
sito http://www.ec.europa.eu/fin-net), richiedendo l’attivazione della procedura FIN-NET, rete di
cooperazione fra organismi nazionali.
Nel caso in cui il Cliente e l’Impresa concordino
di assoggettare il contratto alla legislazione di un
altro Stato, l’Organo incaricato di esaminare i reclami del Cliente sarà quello previsto dalla legislazione prescelta e l’IVASS si impegnerà a facilitare
le comunicazioni tra l’Autorità competente prevista dalla legislazione prescelta ed il Cliente stesso.
20. Perizia contrattuale (garanzie diverse dalla R.C.A.)
Il contratto prevede, per le garanzie prestate nei punti E., F., G., H., L., M. e O. delle Condizioni di assicurazione, che l’Impresa e il Contraente possano devolvere la risoluzione di una controversia tra di essi
insorta per l’accertamento del danno ad un collegio
di periti/medici.
Qualora la controversia riguardi la garanzia Infortuni del conducente, il collegio medico risiede nel
comune, sede di medicina legale, più vicino al luogo
di residenza dell’Assicurato.
Avvertenza: resta comunque fermo il diritto
dell’Impresa e del Contraente di rivolgersi all’Autorità Giudiziaria.
10 di 11
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
GLOSSARIO
I seguenti termini integrano a tutti gli effetti il contratto e le parti attribuiscono il significato precisato
qui di seguito.
• Accessori aggiuntivi – non di serie: equipaggiamenti non di serie, compresi gli accessori
fonoaudiovisivi, montati dalla casa costruttrice
o da altre ditte specializzate, contestualmente o
successivamente all’acquisto, a richiesta e a pagamento del cliente;
• Accessori di serie: equipaggiamenti normalmente montati sul veicolo dalla casa costruttrice,
compresi gli accessori fonoaudiovisivi, e inclusi
nel prezzo base del listino;
• Accessori fonoaudiovisivi: radio, radiotelefoni, lettori compact disk, lettori dvd, navigatori
satellitari, mangianastri, registratori, televisori
ed altre apparecchiature del genere stabilmente
fissate al veicolo, comprese le autoradio estraibili
montate con sistema di blocco, elettrico o elettromagnetico o meccanico;
• Applicazione del Malus: peggioramento della
classe di merito secondo le regole evolutive precisate agli artt. C.4 e C.7 a seguito del pagamento di un sinistro con responsabilità principale o
del pagamento di più sinistri con responsabilità
paritaria, la cui percentuale di responsabilità, cumulata nell’ultimo quinquennio di osservazione
della sinistralità, è pari o superiore al 51%;
• Assicurato: persona fisica o giuridica la cui responsabilità civile è coperta con il contratto, o la
persona fisica o giuridica il cui interesse è protetto dall’assicurazione per le altre garanzie, se rese
operanti;
• Assicurazione: contratto di assicurazione come
definito dall’art. 1882 c.c. e/o la garanzia data con
il contratto;
• Classe di merito di Conversione Universale (CU): classe di merito assegnata obbligatoriamente al contratto in base alle regole previste dal
Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni;
• Classe di merito dell’Impresa: classe di merito assegnata al contratto in base alle regole previste dalle Condizioni Generali di Assicurazione,
che si differenziano da quanto previsto dal Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e successive
modifiche ed integrazioni;
• Contraente: persona fisica o giuridica che stipula il contratto di assicurazione;
• Ebbrezza: stato di ubriachezza in conseguenza
dell’uso di bevande alcoliche;
• Fattori di rischio (per la garanzia R.C.A.):
elementi presi in considerazione, sulla base delle dichiarazioni del Contraente, per il calcolo del
premio. Essi sono individuabili dalla tariffa a disposizione del pubblico, in Agenzia;
• Franchigia (per la garanzia R.C.A.): somma
dovuta all’Impresa per la parte di danno che rimane a carico del Contraente;
• Furto: reato, previsto dall’art. 624 del codice penale, commesso da chiunque si impossessi della
cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene,
al fine di trarne profitto per sé o per altri;
• Impresa: UnipolSai Assicurazioni S.p.A.;
• Incendio: combustione del veicolo o di sue parti
che può autoestendersi e propagarsi. Non sono
considerati da incendio i danni causati da fenomeni elettrici senza sviluppo di fiamma;
• Indennizzo: somma dovuta dall’Impresa all’Assicurato in caso di un sinistro;
• Attestazione sullo stato del rischio: documento che l’Impresa è tenuta a rilasciare al Contraente, nel quale sono indicate le caratteristiche
del rischio assicurato;
• Infortunio: evento connesso con la circolazione
del veicolo dovuto a causa fortuita violenta ed
esterna, che provoca lesioni corporali obiettivamente constatabili;
• Bonus/Malus: formula tariffaria che prevede
riduzioni o maggiorazioni di premio in assenza
o in presenza di sinistri con responsabilità principale o con responsabilità paritaria-cumulata
pari o superiore al 51% raggiunta nel periodo di
osservazione, secondo le regole evolutive fissate
dall’Impresa, articolata su 18 classi di merito;
• Legge: decreto legislativo n. 209 del 7 settembre
2005, Codice delle assicurazioni private;
• Nuova Bonus/Malus: formula tariffaria che
prevede riduzioni o maggiorazioni di premio in
assenza o in presenza di sinistri con responsabilità principale o con responsabilità paritaria-cumu-
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
11 di 11
• Polizza: documento che prova l’assicurazione;
• Responsabilità paritaria-cumulata: quella
cumulata per più sinistri in cui vi sia la responsabilità paritaria del conducente del veicolo assicurato nel quinquennio di osservazione della
sinistralità;
• Premio: somma dovuta dal Contraente all’Impresa;
• R.I.D.: autorizzazione permanente di addebito
in conto corrente bancario;
• Proprietario: intestatario del veicolo al Pubblico
Registro Automobilistico. Sono equiparati alla figura del proprietario l’usufruttuario, l’acquirente con patto di riservato dominio e il locatario in
caso di locazione finanziaria;
• Risarcimento: somma dovuta dall’Impresa al
terzo danneggiato in caso di sinistro;
lata pari o superiore al 51% raggiunta nel periodo
di osservazione, secondo le regole evolutive fissate dall’Impresa, articolata su 27 classi di merito;
• Rapina: reato, previsto all’art. 628 del codice
penale, commesso da chiunque si impossessi,
mediante violenza o minaccia alla persona, della
cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene,
per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto;
• Responsabilità principale: quella attribuita in
misura prevalente ad uno dei conducenti nel caso
in cui il sinistro coinvolga due veicoli. Per i sinistri
con più di due veicoli coinvolti, la responsabilità
principale ricorre per il conducente al quale sia
attribuito un grado di responsabilità superiore
a quello attribuito agli altri conducenti. La “responsabilità principale” dà luogo ad annotazione
nell’attestato di rischio ed applicazione del malus,
successivamente al pagamento del sinistro;
• Responsabilità paritaria: quella attribuita in pari
misura ai conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro
oppure è quella attribuita ad almeno due conducenti
in misura pari, ma superiore a quella degli altri.
La “responsabilità paritaria” dà luogo ad annotazione della percentuale di responsabilità nell’attestato di rischio;
• Risarcimento diretto: procedura, introdotta e
disciplinata dal D.Lgs. n. 209/05 e dal relativo regolamento n. 254/06 nell’ambito dell’assicurazione
obbligatoria R.C.A., in base alla quale il danneggiato, non responsabile totalmente o parzialmente,
si rivolge all’impresa che assicura il veicolo utilizzato per ottenere il risarcimento dei danni subiti.
Tale procedura è applicabile alle condizioni e secondo le modalità previste dalla legge;
• Rischio: probabilità che si verifichi il sinistro;
• Scoppio: repentino dirompersi o cedere del serbatoio o dell’impianto di alimentazione del veicolo;
• Sinistro: evento causa del danno;
• Sinistro senza seguito: sinistro denunciato per
il quale l’Impresa ha previsto di non sostenere
esborsi di alcun genere;
• Veicolo (per la garanzia R.C.A.): ogni volta
che nelle condizioni contrattuali, a qualunque
garanzia si riferiscono, si nomina il “veicolo”, si
intende solo ed esclusivamente il veicolo assicurato indicato in polizza.
UnipolSai Assicurazioni S.p.A. è responsabile della veridicità e della completezza dei dati e delle
notizie contenuti nella presente Nota informativa.
Ed. 01/04/2014
UnipolSai Assicurazioni S.p.A.
L’Amministratore Delegato
(Carlo Cimbri)
UnipolSai Assicurazioni S.p.A.
Sede Legale: via Stalingrado, 45 - 40128 Bologna (Italia) - tel. +39 051 5077111 - fax +39 051 375349
Capitale Sociale i.v. Euro 1.977.533.765,65 - Registro delle Imprese di Bologna, C.F. e P.IVA
00818570012 - R.E.A. 511469 - Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Unipol
Gruppo Finanziario S.p.A., iscritta all’Albo Imprese di Assicurazione e riassicurazione Sez. I al n.
1.00006 e facente parte del Gruppo Assicurativo Unipol iscritto all’Albo dei gruppi assicurativi al n. 046
www.unipolsai.com - www.unipolsai.it
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE
1 di 55
2 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
A. CONDIZIONI GENERALI COMUNI
A.1DURATA DEL CONTRATTO. – Il contratto
ha durata annuale salvo diverso accordo tra
le parti e si risolve automaticamente alla sua
naturale scadenza.
Nel caso di durata annuale o di anno più frazione, anche se il Contraente decide di non
rinnovare il contratto, per consentirgli di stipulare un nuovo contratto con altra Compagnia, l’Impresa manterrà comunque operanti
le garanzie prestate fino alla data di effetto
della nuova polizza, ma non oltre il 15° giorno successivo alla scadenza del presente contratto.
A.2 APPLICAZIONE DEL PREMIO E DELLE
CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE. – Al
contratto si applicano le tariffe e le condizioni
in vigore al momento della stipulazione o rinnovo.
Il Fascicolo informativo è a disposizione
del Contraente presso ogni Agenzia dell’Impresa e sui siti internet www.unipolsai.com www.unipolsai.it
A.3 PAGAMENTO DEL PREMIO. – Il premio, o
la prima rata di premio, deve essere pagato alla
consegna della polizza.
Le eventuali rate successive devono essere pagate alle scadenze pattuite contro rilascio di quietanze che dovranno indicare la data di pagamento e la firma della persona autorizzata alla
riscossione. Il pagamento deve essere eseguito
presso l’Agenzia cui è assegnato il contratto, la
quale rilascerà il certificato di assicurazione ed
il contrassegno.
Il pagamento del premio può essere effettuato
dal Contraente tramite:
– assegni bancari, postali o circolari intestati
all’Agenzia nella sua specifica qualità oppure
all’Impresa;
– ordini di bonifico, altri mezzi di pagamento bancario o postale, sistemi di pagamento
elettronico che abbiano quale beneficiario
l’Agenzia nella sua specifica qualità oppure
all’Impresa;
– contante, nei limiti e con le modalità previsti
dalla normativa antiriciclaggio.
Il pagamento del premio con assegno viene accettato con riserva di verifica e salvo buon fine
del titolo.
È fatto salvo, qualora l’assegno non venga pagato, il disposto dell’art. 1901 c.c.
A.4 ESTENSIONE TERRITORIALE. – L’assicurazione vale per il territorio della Repubblica Italia-
na, della Città del Vaticano, della Repubblica di S.
Marino e degli Stati dell’Unione Europea, nonché
per il territorio dell’Andorra, della Bosnia-Erzegovina, della Croazia, dell’Islanda, del Liechtenstein, della Norvegia, del Principato di Monaco,
della Russia e della Svizzera.
L’assicurazione vale altresì per gli altri Stati facenti parte del sistema della Carta Verde, le cui sigle
internazionali, indicate sulla Carta Verde, non siano barrate. L’Impresa è tenuta a rilasciare il certificato internazionale di assicurazione (Carta Verde).
La garanzia è operante secondo le condizioni ed
entro i limiti delle singole legislazioni nazionali
concernenti l’assicurazione obbligatoria R.C.A.,
ferme le maggiori garanzie previste dalla polizza.
La Carta Verde è valida per lo stesso periodo di assicurazione per il quale sono stati pagati il premio
o la rata di premio. Nel caso trovi applicazione
l’art. 1901, 2° comma del c.c., l’Impresa risponde
anche dei danni che si verificano fino alle ore 24
del quindicesimo giorno dopo quello di scadenza
del premio o delle rate di premio successive.
Qualora la polizza in relazione alla quale è rilasciata la Carta Verde cessi di avere validità o sia
sospesa nel corso del periodo di assicurazione e
comunque prima della scadenza indicata sulla Carta Verde, il Contraente è obbligato a farne
immediata restituzione all’Impresa. L’Impresa
eserciterà il diritto di rivalsa per le somme che
abbia dovuto pagare al terzo in conseguenza del
mancato rispetto di tale obbligo.
A.5DICHIARAZIONI E COMUNICAZIONI DEL
CONTRAENTE. – Il premio è calcolato con
riferimento ai fattori di rischio dichiarati dal
Contraente.
Nel caso di dichiarazioni inesatte e reticenze
relative a circostanze che influiscono sulla valutazione del rischio, rese dal Contraente al
momento della stipulazione, o di mancata comunicazione di ogni successivo mutamento che
aggravi il rischio, si applicheranno rispettivamente gli artt. 1892/1893/1894 e 1898 del c.c.
Per la R.C.A., l’Impresa eserciterà il diritto di
rivalsa verso il Contraente e/o verso l’Assicurato
per quanto abbia pagato al terzo danneggiato
nella stessa proporzione esistente tra il premio
pagato ed il premio che l’Impresa avrebbe avuto il diritto di esigere se fossero stati noti i reali
fattori di rischio.
A.6SOSTITUZIONE DEL CONTRATTO, DEL
CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE E DEL
CONTRASSEGNO. – In tutti i casi in cui il contratto venga sostituito, si procederà all’eventua-
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
le conguaglio rispetto al premio pagato e non
goduto nella polizza sostituita. Relativamente
alla garanzia R.C.A., il certificato di assicurazione e/o il contrassegno sostitutivi verranno
consegnati previa restituzione dei precedenti
documenti.
L’Impresa, su richiesta del Contraente, rilascia
un duplicato del certificato di assicurazione e
del contrassegno nel caso in cui essi si siano
deteriorati o siano stati sottratti, smarriti o distrutti.
Nel caso di deterioramento, il Contraente deve
restituire all’impresa il certificato di assicurazione e il contrassegno deteriorato; negli altri
casi deve fornire all’Impresa copia della denuncia fatta alle Autorità o, in alternativa, una dichiarazione circa l’evento accaduto.
A.7TRASFERIMENTO DELLA PROPRIETÀ
DEL VEICOLO. – Il trasferimento di proprietà del veicolo determina, a scelta irrevocabile
dell’alienante uno dei seguenti effetti:
a)la risoluzione del contratto a decorrere dalla
data del trasferimento di proprietà;
b)
la cessione del contratto di assicurazione
all’acquirente;
c)la sostituzione del contratto per l’assicurazione di altro veicolo di sua proprietà.
In caso di trasferimento di proprietà, il Contraente, deve darne immediata comunicazione
all’Agenzia restituendo contestualmente certificato e contrassegno.
Nel caso a) di risoluzione l’Impresa provvede
all’annullamento del contratto, previa esibizione di copia dell’atto di trasferimento di proprietà, nonché al rimborso del premio netto pagato
e non goduto a partire dalla data di restituzione
del certificato di assicurazione, contrassegno e
carta verde. Per i contratti di durata inferiore
all’anno l’Impresa non procede alla restituzione della maggiorazione di premio richiesta al
momento della stipulazione del contratto. Su
contratto sospeso, l’Impresa restituirà la parte
di premio netto pagato e non goduto (compresa
l’eventuale integrazione) dalla data di sospensione.
Nel caso b) di cessione l’Agenzia emetterà appendice di cessione di contratto a nome del
nuovo proprietario. Il contratto ceduto non può
essere sospeso e sarà valido sino alla sua naturale scadenza. L’Impresa non rilascerà l’attestazione sullo stato del rischio.
Rimarranno comunque operanti le garanzie
prestate fino alla data di effetto del nuovo contratto, ma non oltre il quindicesimo giorno successivo alla scadenza stessa.
Nel caso c) di sostituzione per l’assicurazione di
altro veicolo, purché non vi sia variazione nel-
3 di 55
la figura del proprietario, l’Impresa procederà
all’emissione di un nuovo contratto in sostituzione di quello in essere con il relativo conguaglio del premio.
In caso di mancata comunicazione del trasferimento di proprietà del veicolo il Contraente
rimarrà obbligato al pagamento del premio
fino al momento in cui darà la comunicazione
all’Agenzia.
Conto vendita
Se il veicolo viene consegnato in conto vendita,
il Contraente, dietro presentazione di idonea
documentazione probatoria, può chiedere che
il relativo contratto sia reso valido su altro veicolo, purché non vi sia variazione nella figura
del proprietario.
Nel caso in cui il Contraente non intenda rendere valido il contratto su altro veicolo e la vendita
sia avvenuta a seguito della documentata consegna in conto vendita dello stesso ed il Contraente chieda l’annullamento del contratto, l’Impresa provvederà al rimborso del premio netto
pagato e non goduto a partire dalla data della
consegna in conto vendita, purché a quella data
siano stati restituiti il certificato e il contrassegno.
Bonus/Famiglia
(Formula valida se espressamente richiamata, sul contratto, la condizione particolare n° 60)
Se colui che ha ceduto la proprietà del veicolo chiede che il contratto del veicolo ceduto sia
reso valido per altro veicolo di proprietà di un
famigliare convivente in base allo stato di famiglia, l’Impresa procederà all’emissione di un
contratto in sostituzione di quello in corso, con
il relativo conguaglio del premio. L’operazione
può essere effettuata una sola volta nel corso
dell’annualità assicurativa, e il nuovo veicolo
deve appartenere allo stesso settore tariffario.
L’attestazione sullo stato del rischio riporterà,
l’evoluzione della classe di merito dell’Impresa
del contratto precedente ed anche della classe
di merito di conversione universale (CU) 14.
come da Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto
2006 e successive modifiche ed integrazioni.
Qualora il contratto sia stipulato nella formula
tariffaria “Nuova Bonus/Malus” per l’assegnazione della classe di merito dell’Impresa vale
la regola prevista alla successiva “Tabella Classe
Minima per età del proprietario” di cui all’articolo C.4.
Mutamento parziale della proprietà
Qualora vi sia un trasferimento della proprietà del veicolo che comporti il passaggio da una
pluralità di intestatari ad uno soltanto di essi,
4 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
sussiste in capo a quest’ultimo il diritto alla conservazione della classe di merito maturata.
tenendo la stessa forma tariffaria e la stessa classe di merito in base ai seguenti criteri:
– nel caso in cui la sospensione abbia avuto durata inferiore a due mesi, scadenza e premio
restano invariati; viene rimborsata l’eventuale integrazione versata e non si interrompe il
periodo di osservazione;
– se la sospensione ha avuto una durata superiore a due mesi la scadenza è prorogata per
un periodo uguale a quello di sospensione;
il premio è calcolato sulla base delle tariffe
e con l’applicazione della franchigia in vigore al momento, detraendo la eventuale integrazione versata all’atto della sospensione e
la quota di premio pagata e non goduta sul
contratto sospeso; è ripristinato il periodo di
osservazione interrotto dalla sospensione.
Trasferimento della proprietà tra coniugi
Nel caso di trasferimento di proprietà di un
veicolo tra coniugi in comunione di beni, viene
mantenuta la classe di merito già maturata sul
veicolo.
A.8RISOLUZIONE DEL CONTRATTO PER
IL FURTO TOTALE, RAPINA O APPROPRIAZIONE INDEBITA DEL VEICOLO.
In caso di furto totale, rapina o appropriazione
indebita del veicolo il contratto è risolto automaticamente per cessazione del rischio a decorrere dalle ore 24 del giorno della denuncia
di tali eventi presentata alle autorità competenti
(art. 122, comma 3° della Legge).
I danni causati dalla circolazione del veicolo, da
quel momento in poi, sono risarciti dal Fondo
di garanzia per le vittime della strada (art. 283
della Legge).
Il contraente ha diritto al rimborso della relativa parte del premio netto pagato e non goduto,
previa tempestiva presentazione alla Società di
copia della denuncia alle autorità.
Quanto al premio non goduto relativo alla garanzia Furto o rapina, il rimborso sarà effettuato solo se la cessazione del rischio è stata causata
da appropriazione indebita.
A seguito di furto totale, rapina o appropriazione indebita del veicolo non è ammessa la
sospensione in corso di contratto di cui all’art.
A.9 – Sospensione in corso di contratto.
A.9SOSPENSIONE IN CORSO DI CONTRATTO.
La sospensione della garanzia non è consentita per i contratti di durata inferiore all’anno; è
ammessa per qualsiasi motivo, escluso il furto
totale, la rapina, l’appropriazione indebita del
veicolo, ed ha decorrenza dalla data di restituzione del certificato di assicurazione e del contrassegno.
Il periodo di assicurazione per il quale è stato
pagato il premio deve avere una residua durata
di almeno due mesi; in caso contrario il premio
dovrà essere integrato per raggiungere i due
mesi richiesti.
L’Impresa all’atto della sospensione rilascia
un’appendice che deve essere sottoscritta dal
Contraente.
La riattivazione, assicurato lo stesso veicolo in
garanzia al momento della sospensione oppure
un altro veicolo dello stesso proprietario o di un
suo famigliare convivente, in base allo stato di
famiglia, avviene con l’emissione di un nuovo
contratto in sostituzione di quello sospeso man-
Decorsi diciotto mesi dalla sospensione senza
che il Contraente abbia richiesto la riattivazione della garanzia, il contratto si estingue e
l’impresa provvede alla restituzione del premio
netto pagato e non goduto. Qualora invece si
sia verificata la documentata vendita o la cessazione del rischio, come indicato all’art. A.10,
la parte di premio netto pagata e non goduta
(compresa l’eventuale integrazione) dalla data
della sospensione verrà restituita al Contraente.
A.10 CESSAZIONE DEL RISCHIO PER DEMOLIZIONE, ESPORTAZIONE DEFINITIVA O
DEFINITI VA CESSAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEL VEICOLO. – Nel caso di cessazione del rischio a causa di:
a) demolizione,
b) esportazione definitiva o definitiva cessazione della circolazione del veicolo,
il Contraente è tenuto a darne comunicazione
all’Impresa e a riconsegnare il certificato, il
contrassegno e l’eventuale carta verde.
Il Contraente, inoltre, deve fornire all’Impresa:
– limitatamente al caso a) copia del certificato
redatto ai sensi di legge rilasciato da un centro di raccolta autorizzato ovvero da un concessionario o succursale di casa costruttrice
o da un automercato, attestante l’avvenuta
consegna del veicolo per la demolizione;
– limitatamente al caso b) la documentazione
del P.R.A. attestante. La restituzione del certificato di proprietà, della carta di circolazione
e della targa di immatricolazione.
Il contratto si risolve e l’Impresa, previa restituzione di certificato, contrassegno e carta verde,
rimborsa la parte di premio netto pagato e non
goduto, ad eccezione del premio relativo alla
garanzia Incendio nel caso di incendio totale,
e ciò dalla data di demolizione del veicolo, di
esportazione definitiva o di definitiva cessazio-
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
ne della circolazione del veicolo risultante dalla
documentazione indicata sopra.
Se invece, il Contraente chiede che il contratto
sia reso valido per altro veicolo dello stesso proprietario o di un suo famigliare convivente, in
base allo stato di famiglia, l’Impresa procederà
all’emissione di un nuovo contratto in sostituzione di quello in essere con il relativo conguaglio del premio.
Per i contratti di durata inferiore all’anno l’Impresa non procede alla restituzione della maggiorazione di premio richiesta al momento della stipulazione del contratto.
Nel caso di demolizione, esportazione definitiva o definitiva cessazione della circolazione del
veicolo successiva alla sospensione del contratto, l’Impresa restituisce la parte di premio netto
pagato e non goduto (compresa l’eventuale integrazione) dalla data di sospensione.
5 di 55
A.11 FORO COMPETENTE. – Per le controversie
relative al contratto il foro competente è quello
del luogo di residenza o domicilio elettivo del
Contraente o Assicurato.
A.12 IMPOSTE E TASSE – Le imposte, le tasse e
tutti gli altri oneri stabiliti per legge, presenti
e futuri, relativi al premio, al contratto ed agli
atti da esso dipendenti, sono a carico del Contraente anche se il pagamento sia stato anticipato dall’Impresa.
A.13 RINVIO ALLE NORME DI LEGGE – Il contratto è regolato dalla legge italiana. Per quanto
non espressamente regolato dal presente contratto valgono le norme legislative e regolamentari vigenti.
B. CONDIZIONI PARTICOLARI COMUNI
(Valide se espressamente richiamate nel contratto)
51RINNOVO DEL CONTRATTO – A deroga
dell’art. “A.1 Durata del contratto”, il contratto
si rinnova tacitamente ad ogni scadenza annuale salvo che una delle parti non provveda alla
disdetta con lettera raccomandata o a mezzo
telefax almeno quindici giorni prima della data
di scadenza indicata in polizza. In caso di variazioni tariffarie R.C.A. superiori al tasso programmato di inflazione, escluse quelle derivanti dall’applicazione delle regole evolutive, non
vi è obbligo di disdetta ed il Contraente potrà
decidere se rinnovare o meno per le successive
annualità assicurative.
78VINCOLO A FAVORE DEL L’ENTE FINANZIATORE, O DI SOCIETÀ DI “LEASING”.
– In caso di vincolo a favore dell’ente finanziatore o della società di leasing indicata in polizza,
l’Impresa si obbliga per tutta la durata del vincolo a favore di dette società a:
a) non consentire alcuna modifica delle garanzie prestate se non con il consenso dell’ente o
società vincolataria;
b)
comunicare all’ente o società vincolataria
ogni sinistro in cui sia stato coinvolto il veicolo indicato in polizza entro 15 giorni dalla
ricezione della relativa denuncia;
c)comunicare, all’ente o società vincolataria
con lettera raccomandata A.R., qualsiasi ritardo nel pagamento del premio o rata di
premio, nonché l’eventuale mancata prosecuzione del rapporto assicurativo, fermo re-
stando che il mancato pagamento del premio
comporterà comunque sospensione della garanzia ai sensi di legge.
Resta inteso che, in caso di incendio, furto,
eventi atmosferici ed eventi socio politici, l’indennizzo da liquidarsi ai sensi di polizza verrà,
a norma dell’art. 1891 2° comma c.c., corrisposto all’ente o società vincolataria, e che pertanto
da essa verrà sottoscritta la relativa quietanza
liberatoria.
80VINCOLO – Vale il testo di vincolo riportato in
allegato.
6 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
C. CONDIZIONI GENERALI R.C.A.
C.1 OGGETTO DELL’ASSICURAZIONE. – L’Impresa assicura, in conformità delle norme della
Legge, i rischi della responsabilità civile per i
quali è obbligatoria l’assicurazione impegnandosi a corrispondere, entro i limiti convenuti, le
somme che, per capitale, interessi e spese, siano
dovute a titolo di risarcimento di danni involontariamente cagionati a terzi dalla circolazione
del veicolo.
Nel rispetto del nuovo art. 128 del Codice delle Assicurazioni Private, come modificato dal
Decreto legislativo n. 198 del 6 novembre 2007
che ha attuato la Direttiva comunitaria 2005/14/
CE sull’assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione di autoveicoli, i
massimali per i danni a persone e per i danni a
cose sono quelli convenuti in polizza.
Se in polizza è stato convenuto un massimale
complessivo, qualora i massimali per i danni a
persone e per i danni a cose non siano in tutto
o in parte impegnati per la copertura dei danni
a cui sono rispettivamente destinati, la somma
assicurata residua sarà utilizzata dall’Impresa
per fornire copertura del danno fino a concorrenza del massimale complessivo, che costituisce il massimo esborso a carico dell’Impresa.
L’assicurazione copre anche la responsabilità
civile per i danni causati dalla circolazione dei
veicoli in aree private e per i danni alla persona
causati ai trasportati, qualunque sia il titolo in
base al quale è effettuato il trasporto.
Non sono assicurati i rischi della responsabilità
per i danni causati dalla partecipazione del veicolo a gare o competizioni sportive, alle relative
prove ufficiali e alle verifiche preliminari e finali previste nel regolamento particolare di gara.
Quando il veicolo assicurato è un rimorchio la
garanzia vale esclusivamente per i danni a terzi
derivanti dal rimorchio in sosta se staccato dalla motrice, per i danni derivanti da manovre a
mano, nonché, sempre se il rimorchio è staccato dalla motrice, per quelli derivanti da vizi di
costruzione o da difetti di manutenzione esclusi comunque i danni alle persone occupanti il
rimorchio.
Quando il rimorchio è in circolazione agganciato al veicolo trainante, i danni causati ai terzi
sono coperti dalla polizza di responsabilità civile del veicolo trainante purché sia stato pagato
il relativo premio.
C.2 ESCLUSIONI E RIVALSA. – L’assicurazione
non è operante:
– se il conducente non è abilitato a norma delle
disposizioni in vigore;
– nel caso di autoveicolo adibito a scuola guida, durante la guida dell’allievo, se al suo
fianco non vi è una persona abilitata a svolgere le funzioni di istruttore, ai sensi della
legge vigente;
– nel caso di veicolo con targa prova, se la circolazione avviene senza l’osservanza delle
disposizioni vigenti (vedi D.P.R. 24-11-2001
n. 474 sulla circolazione di prova dei veicoli)
che disciplinano l’utilizzo della targa prova;
– nel caso di veicolo dato a noleggio con conducente, se il noleggio è effettuato senza la
prescritta licenza od il veicolo non è guidato
dal proprietario, da suo dipendente o da collaboratore anche occasionale;
– nel caso di danni alla persona causati a trasportati, se il trasporto è vietato o abusivo o
comunque, non conforme alle disposizioni
legislative e regolamentari vigenti in materia.
Nel caso di autoveicoli per uso ufficio o auto
pubblicitarie e per mostre pubblicitarie, si considera operante la garanzia anche nel caso di
trasporto di persone non connesse alla destinazione d’uso del veicolo o al ciclo operativo delle
attrezzature, purché in numero non superiore
a quello risultante dalla carta di circolazione;
– nel caso di veicolo guidato da persone in
stato di ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti quando il fatto sia stato
sanzionato ai sensi degli artt. 186 (Guida sotto l’influenza dell’alcool) o 187 (Guida sotto
l’influenza di sostanze stupefacenti) del D.L.
30/4/92 n. 285 (Codice della Strada), relativo
Regolamento e successive modifiche.
Tuttavia, nel caso di veicolo guidato da persona occasionalmente in stato di ebbrezza
o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, l’Impresa, solamente per il 1° sinistro,
e sempreché il conducente non sia affetto
da etilismo cronico, limiterà la rivalsa nei
confronti del conducente e/o proprietario al
10% del danno con il massimo di € 500,00.
Per eventuali sinistri successivi, e sempre
che il conducente sia lo stesso, si eserciterà
il diritto di rivalsa per l’intero esborso.
Nei predetti casi ed in tutti gli altri in cui sia
applicabile l’art. 144 comma 2° della Legge,
l’Impresa eserciterà diritto di rivalsa per le
somme che abbia dovuto pagare al terzo in
conseguenza dell’inopponibilità di eccezioni
previste dalla citata norma.
C.3 PERIODI DI OSSERVAZIONE DELLA SINISTROSITÀ. – Per l’applicazione delle regole evolutive “art. C.4” sono da considerare i
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
seguenti periodi di effettiva copertura:
1° periodo: inizia dal giorno della decorrenza
dell’assicurazione e termina due mesi prima
della scadenza annuale del contratto;
periodi successivi: hanno durata di dodici
mesi e decorrono dalla scadenza del periodo
precedente.
Poiché il contratto non prevede il tacito rinnovo, qualora lo stesso venga rinnovato il periodo
di osservazione in corso non viene interrotto.
C.4FORMULE TARIFFARIE. – Per la stipulazione del contratto il Contraente è tenuto ad esibire la carta di circolazione del veicolo o il certificato di proprietà.
A) BONUS/MALUS (applicabile solo ai contratti stipulati in sostituzione di altri aventi
tale formula).
Il contratto è stipulato nella forma “Bonus/
Malus”, che prevede riduzioni o maggiorazioni di premio, rispettivamente, in assenza
o in presenza di sinistri con responsabilità
principale o con responsabilità paritaria-cumulata pari o superiore al 51% nei “periodi
di osservazione” quali definiti dal precedente “art. C.3” e che si articola in diciotto classi
di appartenenza corrispondenti ciascuna a
livelli di premio decrescenti o crescenti determinati secondo la tariffa a disposizione in
Agenzia.
Valgono le seguenti regole:
Assegnazione alla classe di merito acquisita su altro veicolo di proprietà assicurato con l’Impresa (formula valida se
espressamente richiamata, nel contratto,
la condizione particolare n° 260 o n° 282).
Se il Contraente chiede di assicurare un veicolo
immatricolato al Pubblico Registro Automobilistico per la prima volta, oppure un veicolo
assicurato per la prima volta dopo una voltura al Pubblico Registro Automobilistico ed è in
corso con l’Impresa una copertura assicurativa
su altro veicolo di proprietà del medesimo intestatario al P.R.A. o di proprietà di un suo famigliare convivente in base allo stato di famiglia,
l’Impresa, ai sensi dell’art. 134, comma 4-bis,
della Legge, procederà all’emissione di un nuovo contratto assegnando allo stesso la classe di
merito dell’Impresa e di conversione universale
(CU) del veicolo già assicurato.
L’operazione può essere effettuata a condizione
che l’intestatario al P.R.A. sia una persona fisica
ed il veicolo da assicurare e quello già assicurato, preso a riferimento per l’assegnazione della
classe di merito, siano destinati ad un uso privato e appartengano allo stesso settore tariffario.
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del con-
7 di 55
tratto riporterà sia l’evoluzione della classe di
merito dell’Impresa, sia l’evoluzione della classe di merito di conversione universale (CU),
come da Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto
2006 e successive modifiche ed integrazioni.
L’evoluzione delle classi di merito, acquisite sul
nuovo veicolo, è indipendente dall’evoluzione
delle classi di merito del veicolo già assicurato.
Assegnazione alla classe di merito acquisita su altro veicolo di proprietà assicurato con altra Impresa (formula valida se
espressamente richiamata, nel contratto,
la condizione particolare n° 360). Se il Contraente chiede di assicurare un veicolo immatricolato al Pubblico Registro Automobilistico
per la prima volta, oppure un veicolo assicurato
per la prima volta dopo una voltura al Pubblico
Registro Automobilistico ed è in corso con altra
Impresa una copertura assicurativa su altro veicolo di proprietà del medesimo intestatario al
P.R.A. o di proprietà di un suo famigliare convivente in base allo stato di famiglia, l’Impresa,
ai sensi dell’art. 134, comma 4-bis, della Legge,
procederà all’emissione di un nuovo contratto assegnando allo stesso la classe di merito
di conversione universale (CU) del veicolo già
assicurato e la corrispondente classe di merito
dell’Impresa. Il Contraente deve consegnare
l’attestazione sullo stato del rischio del veicolo
già assicurato ed esibire la carta di circolazione
o il certificato di proprietà dello stesso all’atto
della stipulazione.
L’operazione può essere effettuata a condizione
che l’intestatario al P.R.A. sia una persona fisica
ed il veicolo da assicurare e quello già assicurato, preso a riferimento per l’assegnazione della
classe di merito, siano destinati ad un uso privato e appartengano allo stesso settore tariffario.
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del contratto riporterà sia l’evoluzione della classe
di merito dell’Impresa, che l’evoluzione della
classe di merito di conversione universale (CU),
come da Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto
2006 e successive modifiche ed integrazioni.
L’evoluzione delle classi di merito, acquisite sul
nuovo veicolo, è indipendente dall’evoluzione
delle classi di merito del veicolo già assicurato
presso altra Impresa.
Assegnazione alla classe d’ingresso 14
dell’Impresa.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a:
a)veicolo immatricolato al Pubblico Registro
Automobilistico per la prima volta;
b)veicolo assicurato per la prima volta dopo
una voltura al Pubblico Registro Automobilistico;
8 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
c)veicolo precedentemente assicurato con formula tariffaria franchigia o altra formula
tariffaria non riconducibile alla formula tariffaria Bonus/Malus;
d)veicolo assicurato precedentemente in uno
Stato Estero, per il quale non viene presentata la dichiarazione dell’Assicuratore estero;
e)veicolo ritrovato a seguito di furto e il Contraente si sia già avvalso della classe di merito
maturata sul veicolo rubato per altro veicolo
dello stesso proprietario;
f)veicolo consegnato in conto vendita, quando
l’incarico in conto vendita non sia andato a
buon fine e il Contraente si sia già avvalso
della classe di merito maturata su altro veicolo dello stesso proprietario;
g)veicolo precedentemente assicurato con contratto temporaneo senza l’indicazione della
classe di conversione universale (CU), purché
non scaduto da oltre dodici mesi.
Assegnazione alla classe di merito 18
dell’Impresa.
A questa classe va assegnato il contratto relativo
a un veicolo per il quale:
a) il Contraente non presenti una valida “attestazione sullo stato del rischio”.
Qualora il Contraente consegni l’attestazione
sullo stato del rischio in un momento successivo a quello della stipulazione del contratto,
ma non oltre il termine di tre mesi dalla data
della stipulazione stessa, ha diritto di ottenere l’assegnazione alla classe di merito prevista dall’attestazione medesima.
L’Impresa si riserva di verificare i dati riportati nell’attestazione, presso il precedente
Assicuratore e rimborserà l’eventuale differenza di premio entro la data di scadenza del
contratto stesso;
b)il Contraente non presenti la carta di circolazione o il certificato di proprietà per veicolo
immatricolato al Pubblico Registro Automobilistico per la prima volta o assicurato per
la prima volta dopo una voltura al Pubblico
Registro Automobilistico oppure l’appendice
di cessione del contratto;
c) l’attestazione si riferisca a contratto scaduto
da oltre dodici mesi e non oltre cinque anni
e il Contraente non rilasci la dichiarazione di
non circolazione;
d) il Contraente non presenti copia del con-tratto temporaneo stipulato precedentemente
con altra Impresa nella formula tariffaria Bonus/Malus, oppure il contratto stesso risulti
scaduto da oltre dodici mesi;
e)l’attestazione sia scaduta da oltre cinque anni.
Assegnazione in base alle indicazioni risultanti dall’attestazione sullo stato del
rischio o del contratto temporaneo.
Per i casi non ricompresi ai punti precedenti
verranno considerate le indicazioni risultanti:
a) dall’attestazione sullo stato del rischio;
b) dal contratto temporaneo purché non scaduto da oltre dodici mesi;
c)dalla dichiarazione rilasciata dal precedente
assicuratore Estero che consenta l’assegnazione ad una delle classi di merito con le
modalità previste nel regolamento ISVAP n.
4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed
integrazioni;
d) dall’attestazione sullo stato del rischio relativa a contratto concluso a distanza nell’ipotesi
di consensuale risoluzione prima della scadenza annuale o di recesso a seguito dell’esercizio del diritto al ripensamento, purché
il Contraente presenti una dichiarazione di
avvenuta risoluzione del rapporto rilasciata
dall’Impresa di provenienza;
e)dalle dichiarazioni rilasciate dal Contraente
nel caso di Impresa alla quale sia stata vietata l’assunzione di nuovi affari o posta in
liquidazione coatta amministrativa se prova
di aver fatto richiesta dell’attestazione all’Impresa o al Commissario liquidatore. In tal
caso il Contraente deve dichiarare ai sensi
e per gli effetti degli artt. 1892 e 1893 c.c.,
gli elementi che avrebbero dovuto essere
indicati nell’attestazione, o, se il precedente
contratto si è risolto prima della scadenza annuale, la classe di merito alla quale esso era
assegnato;
f) dal duplicato dell’attestazione di rischio nel
caso di veicolo acquistato da soggetto utilizzatore di veicolo in leasing operativo o in full
leasing (ovvero per altro veicolo di nuova acquisizione nel caso di mancato esercizio del
diritto di riscatto) purché accompagnato da
dichiarazione del Contraente del precedente
contratto assicurativo attestante l’effettiva
utilizzazione del veicolo da parte del soggetto stesso.
In base alla sinistralità pregressa si determina la
classe di merito di conversione universale (CU)
con le modalità previste nel regolamento ISVAP
n. 4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed
integrazioni.
L’assegnazione in base alle indicazioni risultanti dall’attestazione sullo stato del rischio si
applica anche nel caso in cui il contratto sia scaduto da più di dodici mesi, e non oltre cinque
anni, se il Contraente dichiara, ai sensi e per gli
effetti di cui agli articoli 1892, 1893 e 1894 del
codice civile, di non aver circolato nel periodo
di tempo successivo alla data di scadenza del
precedente contratto.
L’assegnazione della classe di merito dell’Impresa avviene sulla base della seguente tabella
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
di conversione della classe di merito di conversione universale (CU) da Regolamento ISVAP n.
4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed
integrazioni:
stato del rischio e, se dovuto, procederà al
rimborso del maggior premio netto pagato.
c)Restituzione degli importi pagati
dall’Impresa per sinistri: alla scadenza
del contratto il Contraente può, per uno o più
sinistri, rimborsare all’Impresa l’importo liquidato nell’ultimo periodo di osservazione.
In caso di rimborso, l’Impresa provvederà a
consegnare al Contraente una nuova attestazione sullo stato del rischio che non indicherà i sinistri rimborsati.
Per il rimborso di sinistri gestiti in regime di
risarcimento diretto, il Contraente deve rivolgersi alla CONSAP - Via Yser 14 00198 Roma.
TABELLA DI CONVERSIONE
Classe di merito CU
Classe di merito dell’Impresa
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
Regole evolutive della classe di merito:
a)
Assenza di sinistri: se nel “periodo di
osservazione” non vengono effettuati pagamenti, neppure a titolo parziale, per sinistri
con responsabilità principale o con responsabilità paritaria-cumulata pari o superiore al
51%, il contratto sarà assegnato alla classe di
merito immediatamente inferiore.
b)Presenza di sinistri: se nel periodo di osservazione vengono effettuati pagamenti,
anche a titolo parziale, per sinistri con responsabilità principale o con responsabilità
paritaria-cumulata pari o superiore al 51%,
la classe di merito si modificherà secondo le
regole evolutive previste nella successiva tabella.
L’Impresa, qualora un sinistro posto a riserva
prima dell’entrata in vigore del Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni, che abbia già
concorso a far scattare il malus, sia successivamente eliminato come senza seguito, ed il
rapporto assicurativo a tale momento risulti
ancora in essere con il Contraente originario,
assegnerà il contratto, all’atto del primo rinnovo utile, alla classe di merito alla quale lo
stesso sarebbe stato assegnato nel caso che il
sinistro non fosse avvenuto, con conseguente
conguaglio tra il maggiore premio percepito
e quello che essa avrebbe avuto il diritto di
percepire. Qualora il rapporto assicurativo
sia cessato, l’Impresa a richiesta del Contraente, produrrà una nuova attestazione sullo
9 di 55
TABELLA DELLE REGOLE EVOLUTIVE
Classe di collocazione in base ai sinistri “osservati”
Classe
di
merito
0
sinistri
1
sinistro
2
sinistri
1
1
3
2
1
4
3
2
4
3
sinistri
4 o più
sinistri
6
9
12
7
10
13
5
8
11
14
3
6
9
12
15
5
4
7
10
13
16
6
5
8
11
14
17
7
6
9
12
15
18
8
7
10
13
16
18
9
8
11
14
17
18
10
9
12
15
18
18
11
10
13
16
18
18
12
11
14
17
18
18
13
12
15
18
18
18
14
13
16
18
18
18
15
14
17
18
18
18
16
15
18
18
18
18
17
16
18
18
18
18
18
17
18
18
18
18
Tipo di tariffa personalizzata
La valutazione del rischio e la determinazione
del premio sono effettuate anche in base a età,
sesso e residenza del proprietario del veicolo.
Questi parametri, unitamente agli altri presi in
considerazione per la tariffazione, sono indicati
nella tariffa a disposizione in Agenzia.
B) BONUS PROTETTO (formula tariffaria
applicabile solo per contratti stipulati in sostituzione di altri aventi tale formula oppure la
formula Bonus/Malus).
Il contratto è stipulato con la formula tariffaria
10 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Bonus/Malus nella forma a Bonus Protetto ed è
applicabile esclusivamente per i contratti inseriti fino alla quarta classe di merito.
Ferme restando tutte le condizioni di cui alla
precedente lettera A) “Formula tariffaria Bonus/Malus”, le regole evolutive di passaggi da
una classe di merito ad un’altra fino alla quarta
classe, vengono modificate secondo la tabella
sottoriportata:
TABELLA DELLE REGOLE EVOLUTIVE BONUS
PROTETTO
Classe di collocazione in base ai sinistri “osservati”
Classe
0
1
2
3
4 o più
di
sinistri sinistro sinistri sinistri sinistri
merito
1
1
1
6
9
12
2
1
2
7
10
13
3
2
3
8
11
14
4
3
4
9
12
15
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del contratto, riporterà anche la classe di merito maturata secondo le regole evolutive della formula
tariffaria Bonus/Malus da Regola-mento ISVAP
n. 4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed
integrazioni.
C) NUOVA BONUS/MALUS
Il contratto è stipulato nella forma “Nuova Bonus/Malus”, che prevede riduzioni o maggiorazioni di premio rispettivamente in assenza o in
presenza di sinistri con responsabilità principale o con responsabilità paritaria-cumulata pari o
superiore al 51% nei “periodi di osservazione”
quali definiti dal precedente “art. C.3”, e che
si articola in ventisette classi di appartenenza,
numerate da 44 a 70, corrispondenti ciascuna a
livelli di premio crescenti determinati secondo
la tariffa a disposizione in Agenzia.
Valgono le seguenti regole:
Assegnazione alla classe di merito acquisita su altro veicolo di proprietà assicurato con l’Impresa - (formula valida se
espressamente richiamata, nel contratto,
la condizione particolare n° 260 o n° 282).
Se il Contraente chiede di assicurare un veicolo
immatricolato al Pubblico Registro Automobilistico per la prima volta, oppure un veicolo
assicurato per la prima volta dopo una voltura al Pubblico Registro Automobilistico ed è in
corso con l’Impresa una copertura assicurativa
su altro veicolo di proprietà del medesimo intestatario al P.R.A. o di proprietà di un suo famigliare convivente in base allo stato di famiglia,
l’Impresa, ai sensi dell’art. 134, comma 4-bis,
della Legge, procederà all’emissione di un nuovo contratto assegnando allo stesso la classe di
merito dell’Impresa e di conversione universale
(CU) del veicolo già assicurato.
L’operazione può essere effettuata a condizione
che l’intestatario al P.R.A. sia una persona fisica
ed il veicolo da assicurare e quello già assicurato, preso a riferimento per l’assegnazione della
classe di merito, siano destinati ad un uso privato e appartengano allo stesso settore tariffario.
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del contratto riporterà sia l’evoluzione della classe di
merito dell’Impresa, sia l’evoluzione della classe di merito di conversione universale (CU),
come da Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto
2006 e successive modifiche ed integrazioni.
L’evoluzione delle classi di merito, acquisite sul
nuovo veicolo, è indipendente dall’evoluzione
delle classi di merito del veicolo già assicurato.
Assegnazione alla classe di merito acquisita su altro veicolo di proprietà assicurato con altra Impresa - (formula valida se
espressamente richiamata, nel contratto,
la condizione particolare n° 360).
Se il Contraente chiede di assicurare un veicolo
immatricolato al Pubblico Registro Automobilistico per la prima volta, oppure un veicolo
assicurato per la prima volta dopo una voltura
al Pubblico Registro Automobilistico ed è in
corso con altra Impresa una copertura assicurativa su altro veicolo di proprietà del medesimo intestatario al P.R.A. o di proprietà di un
suo famigliare convivente in base allo stato di
famiglia, l’Impresa, ai sensi dell’art. 134, comma 4-bis, della Legge, procederà all’emissione
di un nuovo contratto assegnando allo stesso la
classe di merito di conversione universale (CU)
del veicolo già assicurato e la corrispondente
classe di merito dell’Impresa. Il Contraente
deve consegnare l’attestazione sullo stato del
rischio del veicolo già assicurato ed esibire la
carta di circolazione o il certificato di proprietà dello stesso all’atto della stipulazione.
L’operazione può essere effettuata a condizione che l’intestatario al P.R.A. sia una persona
fisica ed il veicolo da assicurare e quello già assicurato, preso a riferimento per l’assegnazione della classe di merito, siano destinati ad un
uso privato e appartengano allo stesso settore
tariffario.
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del contratto riporterà sia l’evoluzione della classe
di merito dell’Impresa, che l’evoluzione della classe di merito di conversione universale
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
(CU), come da Regolamento ISVAP n. 4 del 9
agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni. L’evoluzione delle classi di merito,
acquisite sul nuovo veicolo, è indipendente
dall’evoluzione delle classi di merito del veicolo già assicurato presso altra Impresa.
Assegnazione alla classe di merito dell’Impresa 48.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a veicolo precedentemente assicurato
con altra Impresa a condizione che:
– l’attestazione sullo stato del rischio riporti
l’evoluzione della classe di merito di conversione universale (CU) “Da classe 1 a classe 1”;
– vi sia assenza di sinistri nell’anno di scadenza del contratto, cui si riferisce l’attestato, e
nel corso degli ultimi cinque anni precedenti. Non sono considerati anni senza sinistri
quelli contrassegnati dalle sigle NA (non assicurato) e ND (non disponibile);
– il proprietario del veicolo abbia compiuto 32
anni.
Assegnazione alla classe di merito dell’Impresa 50.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a veicolo precedentemente assicurato
con altra Impresa a condizione che:
– l’attestazione sullo stato del rischio riporti
l’evoluzione della classe di merito di conversione universale (CU) “Da classe 1 a classe
1”;
– non vi siano sinistri con responsabilità principale o con responsabilità paritaria negli
ultimi due anni (anno di scadenza del contratto, cui si riferisce l’attestato, e anno precedente);
– il proprietario del veicolo abbia compiuto 32
anni.
Assegnazione alla classe di merito dell’Impresa 60.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a veicolo immatricolato al Pubblico
Registro Automobilistico per la prima volta da
non oltre tre mesi.
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del contratto riporterà, oltre all’evoluzione della classe
di merito assegnata dall’Impresa, anche l’evoluzione della classe di merito relativa alla “classe
d’ingresso” 14, secondo la scala evolutiva del
Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni.
In ogni caso, se il proprietario del veicolo, alla
data della stipulazione del contratto, ha un’età
inferiore a 22 anni, la classe assegnata non potrà essere inferiore a quanto indicato nella successiva tabella:
11 di 55
TABELLA CLASSE MINIMA
DI INGRESSO PER ETÀ DEL PROPRIETARIO
Età del proprietario
del veicolo dell’Impresa
fino a 18
19
20
21
Classe di merito
64
63
62
61
Assegnazione alla classe d’ingresso
dell’Impresa 64.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a:
a)veicolo immatricolato al Pubblico Registro
Automobilistico per la prima volta;
b)veicolo assicurato per la prima volta dopo
una voltura al Pubblico Registro Automobilistico immatricolato da non oltre quattro
anni;
c)veicolo precedentemente assicurato con formula tariffaria franchigia o altra formula
tariffaria non riconducibile alla formula tariffaria Bonus/Malus;
d)veicolo assicurato precedentemente in uno
Stato Estero, per il quale non viene presentata la dichiarazione dell’Assicuratore estero;
e) veicolo ritrovato a seguito di furto e il Contraente si sia già avvalso della classe di merito
maturata sul veicolo rubato per altro veicolo
dello stesso proprietario;
f) veicolo consegnato in conto vendita, quando
l’incarico di vendita non sia andato a buon
fine e il Contraente si sia già avvalso della
classe di merito maturata su altro veicolo dello stesso proprietario;
g)veicolo precedentemente assicurato con contratto temporaneo senza l’indicazione della
classe di conversione universale (CU), purché
non scaduto da oltre dodici mesi.
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del contratto riporterà, oltre all’evoluzione della classe
di merito dell’Impresa, anche l’evoluzione della
classe di merito relativa alla “classe d’ingresso”
14 secondo la scala evolutiva del Regolamento
ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni.
Assegnazione alla classe di merito dell’Impresa 65.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a veicolo assicurato per la prima volt a
dopo una voltura al Pubblico Registro Automobilistico, immatricolato da più di quattro anni e
per il quale non sia stata richiesta l’applicazione
dell’art. 134, comma 4-bis, della Legge.
L’attestazione sullo stato del rischio che verrà
trasmessa ad ogni scadenza annuale del con-
12 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
tratto riporterà, oltre all’evoluzione della classe
di merito dell’Impresa, anche l’evoluzione della
classe di merito relativa alla classe C.U. secondo
la scala evolutiva del Regolamento ISVAP n. 4
del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni.
Assegnazione alla classe di merito dell’Impresa 70.
A questa classe va assegnato il contratto relativo a un veicolo per il quale:
a)il Contraente non presenti una valida “attestazione sullo stato del rischio”.
Qualora il Contraente consegni l’attestazione sullo stato del rischio in un momento
successivo a quello della stipulazione del
contratto, ma non oltre il termine di tre
mesi dalla data della stipulazione stessa, ha
diritto di ottenere l’assegnazione alla classe
di merito prevista dall’attestazione medesima. L’Impresa si riserva di verificare i dati
riportati nell’attestazione presso il precedente Assicuratore e rimborserà l’eventuale
differenza di premio entro la data di scadenza del contratto stesso;
b)il Contraente non presenti la carta di circolazione o il certificato di proprietà per veicolo
immatricolato al Pubblico Registro Automobilistico per la prima volta o assicurato per
la prima volta dopo una voltura al Pubblico
Registro Automobilistico oppure l’appendice di cessione del contratto;
c)l’attestazione si riferisca a contratto scaduto
da oltre dodici mesi e non oltre cinque anni
e il Contraente non rilasci la dichiarazione
di non circolazione;
d)il Contraente non presenti copia del contratto temporaneo stipulato precedentemente
con altra Impresa nella formula tariffaria
Bonus/Malus, oppure il contratto stesso risulti scaduto da oltre dodici mesi;
e)l’attestazione sia scaduta da oltre cinque
anni. L’attestazione sullo stato del rischio
che verrà trasmessa ad ogni scadenza annuale del contratto riporterà, oltre all’evoluzione della classe di merito dell’Impresa,
anche l’evoluzione della classe di merito
relativa alla classe 18 secondo la scala evolutiva del Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto
2006 e successive modifiche ed integrazioni.
Assegnazione in base alle indicazioni risultanti dall’attestazione sullo stato del
rischio o del contratto temporaneo.
Per i casi non ricompresi ai punti precedenti
verranno considerate le indicazioni risultanti:
a) dall’attestazione sullo stato del rischio;
b) dal contratto temporaneo purché non scaduto da oltre dodici mesi;
c) dalla dichiarazione rilasciata dal precedente
assicuratore Estero che consenta l’assegnazione ad una delle classi di merito con le
modalità previste nel regolamento ISVAP n.
4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche
ed integrazioni;
d) dall’attestazione sullo stato del rischio relativa a contratto concluso a distanza nell’ipotesi di consensuale risoluzione prima della scadenza annuale o di recesso a seguito
dell’esercizio del diritto al ripensamento,
purché il Contraente presenti una dichiarazione di avvenuta risoluzione del rapporto
rilasciata dall’Impresa di provenienza;
e) dalle dichiarazioni rilasciate dal Contra-ente
nel caso di Impresa alla quale sia stata vietata l’assunzione di nuovi affari o posta in
liquidazione coatta amministrativa se prova di aver fatto richiesta dell’attestazione
all’Impresa o al Commissario liquidatore.
In tal caso il Contraente deve dichiarare ai
sensi e per gli effetti di cui agli artt. 1892
e 1893 c.c., gli elementi che avrebbero dovuto essere indicati nell’attestazione o, se il
precedente contratto si è risolto prima della scadenza annuale, la classe di merito alla
quale esso era assegnato;
f) dal duplicato dell’attestazione di rischio nel
caso di veicolo acquistato da soggetto utilizzatore di veicolo in leasing operativo o in
full leasing (ovvero per altro veicolo di nuova acquisizione nel caso di mancato esercizio del diritto di riscatto) purché accompagnato da dichiarazione del Contraente del
precedente contratto assicurativo attestante
l’effettiva utilizzazione del veicolo da parte
del soggetto stesso.
In base alla sinistralità pregressa si determina la classe di merito di conversione
universale (CU) con le modalità previste nel
regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e
successive modifiche ed integrazioni.
L’assegnazione in base alle indicazioni risultanti dall’attestazione sullo stato del rischio si
applica anche nel caso in cui il contratto sia
scaduto da più di dodici mesi, e non oltre cinque anni, se il Contraente dichiara, ai sensi e
per gli effetti di cui agli articoli 1892, 1893 e
1894 del codice civile, di non aver circolato nel
periodo di tempo successivo alla data di scadenza del precedente contratto.
L’assegnazione della classe di merito dell’Impresa avviene sulla base della seguente tabella
di conversione dalla classe di merito di conversione universale (CU) da Regolamento ISVAP n.
4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed
integrazioni.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
TABELLA DI CONVERSIONE
Classe
di merito
CU
1
2
3
4
5
6
7
8
9
Classe
di merito
dell’Impresa
51
52
53
54
55
56
57
58
59
Classe
di merito
CU
10
11
12
13
14
15
16
17
18
Classe
di merito
dell’Impresa
60
61
62
63
64
65
66
67
68
La classe di merito dell’Impresa, determinata
secondo la tabella di conversione, è aumentata
di una unità per ogni sinistro pagato negli ultimi due anni (anno di scadenza del contratto,
cui si riferisce l’attestato, e anno precedente)
e riportato nell’attestazione sullo stato del rischio. A tal fine si considerano i sinistri pagati
con responsabilità principale, con responsabilità paritaria o pagati ante Regolamento ISVAP n.
4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed
integrazioni.
In ogni caso, se il proprietario del veicolo, alla
data della stipulazione del contratto, ha un’età
inferiore a 32 anni, la classe di merito assegnata non potrà essere inferiore a quanto indicato
nella successiva tabella:
TABELLA CLASSE MINIMA PER ETÀ
DEL PROPRIETARIO
Età del
Classe
Età del
Classe
proprietario
di merito
proprietario
di merito
del veicolo dell’Impresa del veicolo dell’Impresa
fino a
18 anni
64
25
57
19
63
26
56
20
62
27
55
21
61
28
54
22
60
29
53
23
59
30
52
24
58
31
51
La tabella sopraindicata è applicata anche alla
formula Bonus Famiglia di cui all’art. A.7
“Trasferimento della proprietà del veicolo” e
nel caso di sostituzione del veicolo con altro
di diverso settore tariffario di cui all’articolo
C.8. L’attestazione sullo stato del rischio che
verrà trasmessa ad ogni scadenza annuale del
contratto riporterà, oltre all’evoluzione della
classe di merito dell’Impresa, anche l’evoluzione della classe di merito secondo la scala
evolutiva del Regolamento ISVAP n. 4 del 9
agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni.
13 di 55
Regole evolutive della classe di merito:
a)
Assenza di sinistri: se nel “periodo di
osservazione” non vengono effettuati pagamenti, neppure a titolo parziale, per sinistri
con responsabilità principale o con responsabilità paritaria-cumulata pari o superiore
al 51%, il contratto sarà assegnato alla classe
di merito immediatamente inferiore.
b)Presenza di sinistri: se nel periodo di osservazione vengono effettuati pagamenti,
anche a titolo parziale, per sinistri con responsabilità principale o con responsabilità
paritaria-cumulata pari o superiore al 51%,
la classe di merito si modificherà secondo
le regole evolutive previste nella successiva
tabella.
L’Impresa, qualora un sinistro posto a riserva prima dell’entrata in vigore del Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e successive modifiche ed integrazioni, che abbia
già concorso a far scattare il malus, sia successivamente eliminato come senza seguito
ed il rapporto assicurativo a tale momento
risulti ancora in essere con il Contraente
originario, assegnerà il contratto, all’atto
del primo rinnovo utile, alla classe di merito
alla quale lo stesso sarebbe stato assegnato
nel caso che il sinistro non fosse avvenuto,
con conseguente conguaglio tra il maggiore
premio percepito e quello che essa avrebbe
avuto il diritto di percepire. Qualora il rapporto assicurativo sia cessato, l’Impresa, a
richiesta del Con-traente, produrrà una nuova attestazione sullo stato del rischio e, se
dovuto, procederà al rimborso del maggior
premio netto pagato.
c)Restituzione degli importi pagati
dall’Impresa per sinistri: alla scadenza
del contratto il Contraente può, per uno o
più sinistri, rimborsare all’Impresa l’importo liquidato nell’ultimo periodo di osservazione. In caso di rimborso, l’Impresa
provvederà a consegnare al Contraente una
nuova attestazione sullo stato del rischio
che non indicherà i sinistri rimborsati. Per
il rimborso di sinistri gestiti in regime di
risarcimento diretto, il Contraente deve rivolgersi alla CONSAP - Via Yser 14 - 00198
Roma.
14 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
TABELLA DELLE REGOLE EVOLUTIVE
(NUOVA BONUS MALUS)
borsare all’Impresa l’importo della franchigia
dopo la liquidazione del danno.
Il Contraente eviterà la maggiorazione del premio conseguente all’applicazione delle regole
evolutive quando l’importo del danno liquidato
rientri nei limiti della franchigia corrisposta o,
se eccedente, venga integralmente rimborsato
l’importo del danno stesso. La franchigia non
sarà richiesta quando:
– alla guida del veicolo si trovi una persona che
abbia caratteristiche di rischio tali da determinare l’applicazione dello stesso premio o
di un premio inferiore;
– il conducente è il coniuge, o il convivente
more uxorio, di quello dichiarato;
– a seguito di furto o rapina, l’Assicurato abbia
perso la disponibilità del veicolo;
– il veicolo sia stato consegnato a terzi per custodia o manutenzione e alla guida del veicolo ci sia un addetto al parcheggio o alla riparazione;
– il conducente, diverso da quello dichiarato, si
sia posto alla guida perché costretto da uno
stato di necessità.
Classe di collocazione in base ai sinistri “osservati”
Classe
2
3
4 o più
0
1
di
sinistri sinistro sinistri sinistri sinistri
merito
fino a 44
44
47
51
55
59
45
44
48
52
56
60
46
45
49
53
57
61
47
46
50
54
58
62
48
47
51
55
59
63
49
48
52
56
60
64
50
49
53
57
61
65
51
50
54
58
62
66
52
51
55
59
63
67
53
52
56
60
64
68
54
53
57
61
65
69
55
54
58
62
66
70
56
55
59
63
67
70
57
56
60
64
68
70
58
57
61
65
69
70
59
58
62
66
70
70
60
59
63
67
70
70
61
60
64
68
70
70
62
61
65
69
70
70
63
62
66
70
70
70
64
63
67
70
70
70
65
64
68
70
70
70
66
65
69
70
70
70
67
66
70
70
70
70
68
67
70
70
70
70
69
68
70
70
70
70
70
69
70
70
70
70
Tipo di tariffa personalizzata
La valutazione del rischio e la determinazione
del premio sono effettuate sulla base dei criteri
contenuti nella tariffa a disposizione in Agenzia. In particolare il Contraente tra una delle
seguenti formule di personalizzazione può scegliere:
– Conducente dichiarato;
– Conducente non dichiarato;
– Guida esperta;
– Uso affari (riservata ad enti ed aziende);
– Young UNIBOX Patto per i Giovani.
In caso di scelta della formula “Conducente dichiarato”, se al momento del sinistro il conducente è diverso da quello dichiarato in polizza
ed ha caratteristiche di età, sesso e data conseguimento patente tali da determinare l’applicazione di un premio più elevato, l’Impresa applicherà una franchigia fissa, il cui ammontare è
riportato nella tabella contenuta nell’Allegato al
contratto “Franchigie previste per conducente
diverso da quello dichiarato”.
Il Contraente e l’Assicurato sono tenuti a rim-
In caso di tariffa Young UNIBOX-Patto per i
giovani, la classe di merito dell’Impresa assegnata non potrà essere inferiore a quanto indicato nella successiva tabella, anche a seguito di
utilizzo da parte del Contraente di attestato di
rischio emesso dall’Impresa stessa:
TABELLA CLASSE MINIMA PER ETÀ
DEL PROPRIETARIO
Età del
Classe
Età del
Classe
proprietario
di merito
proprietario
di merito
del veicolo dell’Impresa del veicolo dell’Impresa
fino a
18 anni
64
25
57
19
63
26
56
20
62
27
55
21
61
28
54
22
60
29
53
23
59
30
52
24
58
In caso di scelta della formula “Guida Esperta”,
se al momento del sinistro il conducente ha
un’età inferiore ai 26 anni compiuti, il Contraente e l’Assicurato saranno tenuti a rimborsare
all’Impresa l’importo pagato ai terzi danneggiati fino alla concorrenza di € 3.000,00.
Il Contraente e l’Assicurato saranno tenuti a
rimborsare all’Impresa l’importo pagato a terzi
dopo la liquidazione del danno.
Il Contraente eviterà la maggiorazione del premio conseguente all’applicazione delle regole
evolutive quando l’importo del danno liquidato rientri nei limiti dell’importo rimborsato o,
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
se eccedente, venga integralmente rimborsato
l’importo del danno stesso.
Al Contraente e all’Assicurato non sarà richiesto alcun rimborso:
– se l’Impresa non eroga alcun risarcimento ai
terzi danneggiati;
– quando a seguito di furto o rapina l’Assi-curato abbia perso la disponibilità del veicolo;
– quando il veicolo sia stato consegnato a terzi
per custodia o manutenzione e alla guida del
veicolo ci sia un addetto al parcheggio o alla
riparazione;
– quando il conducente di età inferiore ai 26
anni abbia utilizzato il veicolo per un comprovato stato di necessità.
C.5 FORMULA TARIFFARIA “TARIFFA FISSA”. – (valida esclusivamente per rimorchi di autovetture)
Il contratto è stipulato con una tariffa che non
prevede variazione di premio in funzione
dell’accadere o meno di sinistri nel periodo di
osservazione.
C.6MODIFICA DELLA FORMULA TARIFFARIA – Il passaggio da una formula tariffaria
ad un’altra può essere effettuato esclusivamente
alla scadenza annuale del contratto.
Come previsto dall’art. C.3 “Periodi di osservazione della sinistrosità”, anche in caso di passaggio alla formula tariffaria “Nuova Bonus
Malus” il periodo di osservazione in corso non
viene interrotto.
C.7DISCIPLINA DELLE REGOLE EVOLUTIVE
DELLA CLASSE DI MERITO DI CONVERSIONE UNIVERSALE (CU) DA REGOLAMENTO ISVAP N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006
E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI. – È prevista una scala evolutiva
costituita da 18 classi di merito di conversione
universale (CU), che non influisce sulla formula
tariffaria dell’Impresa applicata al contratto. La
classe di merito di conversione universale (CU),
risultante dalla suddetta scala evolutiva, è indicata sul contratto assieme alla classe di merito
dell’Impresa, di cui al punto C.4 delle presenti
Condizioni Generali di Assicurazione, ferme restando le rispettive regole evolutive.
La classe di merito di conversione universale
(CU) costituisce il riferimento per tutte le Imprese assicuratrici.
Valgono le seguenti regole.
Assegnazione alla classe di ingresso di
conversione universale (CU) 14.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a:
a)veicolo immatricolato al Pubblico Registro
Automobilistico per la prima volta;
15 di 55
b) veicolo assicurato per la prima volta dopo
una voltura al Pubblico Registro Automobilistico;
c) veicolo assicurato precedentemente in uno
Stato estero, per il quale non viene presentata la dichiarazione rilasciata dall’assicuratore
estero, che consenta l’individuazione della
classe di conversione universale (CU);
d) veicolo ritrovato a seguito di furto e il Contraente si sia già avvalso della classe di merito
maturata sul veicolo rubato per altro veicolo
dello stesso proprietario;
e) veicolo consegnato in conto vendita, quando
l’incarico di vendita non sia andato a buon
fine ed il Contraente si sia già avvalso della
classe di merito maturata su altro veicolo dello stesso proprietario;
f) veicolo precedentemente assicurato con contratto temporaneo senza l’indicazione della
classe CU purché non scaduto da oltre dodici
mesi.
Assegnazione alla classe di merito di
conversione universale (CU) risultante
dall’applicazione dei criteri contenuti
nelle tabelle 1 e 2.
A questa classe è assegnato il contratto che si
riferisce a:
a) veicolo precedentemente assicurato con formula tariffaria franchigia, o con altra formula tariffaria che non prevede la classe di merito di conversione universale (CU);
b) veicolo assicurato precedentemente in uno
Stato estero, per il quale viene presentata la
dichiarazione rilasciata dall’assicuratore estero, che consenta l’individuazione della classe
di conversione universale (CU);
c) veicolo acquistato da soggetto utilizzatore di
veicolo in leasing operativo o in full leasing
(ovvero per altro veicolo di nuova acquisizione nel caso di mancato esercizio del diritto
di riscatto), classificando il contratto sulla
base del duplicato dell’attestazione trasmessa dall’assicuratore purché accompagnata da
dichiarazione del Contraente del precedente
contratto assicurativo attestante l’effettiva
utilizzazione del veicolo da parte del soggetto stesso.
La classe di conversione universale (CU) viene
determinata sulla base del numero di annualità, tra le ultime cinque complete, ad eccezione
dell’annualità in corso, senza sinistri pagati,
neppure a titolo parziale, con responsabilità
principale (vedi tabella 1). Non sono considerate annualità prive di sinistri quelle che,
nell’attestato di rischio, contengono le sigle
N.A. (veicolo non assicurato) o N.D. (dato non
disponibile).
16 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
TABELLA 1
Anni senza sinistri
5
4
3
2
1
0
Classe di merito
9
10
11
12
13
14
Alla classe di merito così determinata viene
applicata una maggiorazione di due classi per
ogni eventuale sinistro pagato, anche a titolo
parziale, con responsabilità principale, nell’ultimo quinquennio, compresa l’annualità in corso (vedi tabella 2).
TABELLA 2
Classe CU
0
1
2
3
4 o più
(determinata sinistri sinistro sinistri sinistri sinistri
con tabella 1)
(+ 2
(+ 4
(+ 6
(+ 8
classi) classi) classi) classi)
9
9
11
13
15
17
10
10
12
14
16
18
11
11
13
15
17
18
12
12
14
16
18
18
13
13
15
17
18
18
14
14
16
18
18
18
Assegnazione alla classe di merito di conversione universale (CU) 18.
A questa classe è assegnato il contratto relativo
ad un veicolo per il quale:
a) il Contraente non consegni l’attestazione sullo
stato del rischio.
Qualora il Contraente consegni l’attestazione
sullo stato del rischio in un momento successivo
a quello della stipulazione del contratto, ma non
oltre il termine di tre mesi dalla data della stipulazione stessa, ha diritto di ottenere l’assegnazione alla classe di merito prevista dall’attestazione
medesima ed al rimborso dell’eventuale differenza di premio risultante a suo credito. Detta
differenza di premio è rimborsata dall’Impresa
entro la data di scadenza del contratto.
L’Impresa si riserva di verificare i dati riportati
nell’attestazione presso il precedente Assicuratore;
b) il Contraente non presenti la carta di circolazione o il certificato di proprietà per veicolo
immatricolato al Pubblico Registro Automobilistico per la prima volta o assicurato per
la prima volta dopo una voltura al Pubblico
Registro Automobilistico oppure l’appendice
di cessione del contratto;
c) l’attestazione si riferisca a contratto scaduto
da oltre dodici mesi e non oltre cinque anni
e il Contraente non dichiari ai sensi e per gli
effetti di cui agli artt. 1892/1893 e 1894 del
c.c., che il veicolo non ha circolato nel periodo di tempo successivo alla data di scadenza
della precedente annualità assicurativa;
d) l’attestazione si riferisca a contratto scaduto
da oltre cinque anni;
e) il contratto temporaneo risulti scaduto da oltre dodici mesi.
Assegnazione alla classe di merito di
conversione universale (CU) risultante
dall’attestazione sullo stato del rischio o
del contratto temporaneo.
Per i casi non ricompresi ai punti precedenti
verranno considerate le indicazioni risultanti:
a) dall’attestazione sullo stato del rischio;
b) dal contratto temporaneo purché non scaduto da oltre dodici mesi;
c) dall’attestazione sullo stato del rischio relativa a contratto concluso a distanza nell’ipotesi
di consensuale risoluzione prima della scadenza annuale o di recesso a seguito dell’esercizio del diritto al ripensamento, purché
il Contraente presenti una dichiarazione di
avvenuta risoluzione del rapporto rilasciata
dall’Impresa di provenienza;
d) dalle dichiarazioni rilasciate dal Contraente
nel caso di Impresa alla quale sia stata vietata l’assunzione di nuovi affari o posta in
liquidazione coatta amministrativa se prova
di aver fatto richiesta dell’attestazione all’Impresa o al Commissario liquidatore. In tal
caso il Contraente deve dichiarare ai sensi e
per gli effetti di cui agli artt. 1892, 1893 e
1894 c.c., gli elementi che avrebbero dovuto essere indicati nell’attestazione, o, se il
precedente contratto si è risolto prima della
scadenza annuale, la classe di merito di conversione universale (CU) alla quale esso era
assegnato.
L’assegnazione in base alle indicazioni risultanti dall’attestazione sullo stato del rischio si
applica anche nel caso in cui il contratto sia scaduto da più di dodici mesi, e non oltre cinque
anni, se il Contraente dichiara, ai sensi e per gli
effetti di cui agli articoli 1892, 1893 e 1894 del
codice civile, di non aver circolato nel periodo
di tempo successivo alla data di scadenza del
precedente contratto.
Regole evolutive della classe di merito di
conversione universale (CU):
a)
Assenza di sinistri: se nel “periodo di
osservazione” non vengono effettuati pagamenti, neppure a titolo parziale, per sinistri
con responsabilità principale o con responsabilità paritaria-cumulata pari o superiore al
51%, il contratto sarà assegnato alla classe di
conversione universale (CU) immediatamente inferiore.
b)Presenza di sinistri: se nel periodo di osservazione vengono effettuati pagamenti, anche
a titolo parziale, per sinistri con responsabilità
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
principale o con responsabilità paritaria-cumulata pari o superiore al 51%, la classe di conversione universale (CU) si modificherà secondo le regole evolutive previste nella successiva
tabella. L’Impresa, qualora un sinistro posto a
riserva prima dell’entrata in vigore del Regolamento ISVAP n. 4 del 9 agosto 2006 e successive
modifiche ed integrazioni, che abbia già concorso a far scattare il malus, sia successivamente eliminato come senza seguito ed il rapporto
assicurativo a tale momento risulti ancora in
essere con il Contraente originario, assegnerà
il contratto, all’atto del primo rinnovo utile, alla
classe di conversione universale (CU) alla quale
lo stesso sarebbe stato assegnato nel caso in cui
il sinistro non fosse avvenuto con l’eventuale
conguaglio del premio all’atto del successivo
rinnovo. Qualora il rapporto assicurativo sia
cessato, l’Impresa, a richiesta del Contraente,
produrrà una nuova attestazione sullo stato del
rischio e, se dovuto, procederà al rimborso del
maggior premio netto pagato.
c)Restituzione degli importi pagati dall’Impresa per sinistri: alla scadenza del contratto
il Contraente può, per uno o più sinistri, rimborsare all’Impresa l’importo liquidato nell’ultimo periodo di osservazione.
In caso di rimborso, l’Impresa provvederà a
consegnare al Contraente una nuova attestazione sullo stato del rischio che non indicherà i
sinistri rimborsati. Per il rimborso di sinistri
gestiti in regime di risarcimento diretto, il Contraente deve rivolgersi alla CONSAP - Via Yser
14 - 00198 Roma.
TABELLA DELLE REGOLE EVOLUTIVE DELLA
CLASSE DI CONVERSIONE UNIVERSALE (CU)
Classe di collocazione in base ai sinistri “osservati”
Classe
0
1
2
3
4 o più
di
sinistri sinistro sinistri sinistri sinistri
merito
1
1
3
6
9
12
2
1
4
7
10
13
3
2
5
8
11
14
4
3
6
9
12
15
5
4
7
10
13
16
6
5
8
11
14
17
7
6
9
12
15
18
8
7
10
13
16
18
9
8
11
14
17
18
10
9
12
15
18
18
11
10
13
16
18
18
12
11
14
17
18
18
13
12
15
18
18
18
14
13
16
18
18
18
15
14
17
18
18
18
16
15
18
18
18
18
17
16
18
18
18
18
18
17
18
18
18
18
17 di 55
C.8SOSTITUZIONE DEL VEICOLO. – La sostituzione del veicolo comporta la sostituzione del
contratto e può essere effettuata solo nei casi di
cui agli artt. A.7 “Trasferimento della proprietà del veicolo”, A.10 “Cessazione di rischio per
demolizione esportazione definitiva o definitiva cessazione della circolazione del veicolo”,
in qualsiasi momento, conservando la classe di
merito maturata a patto che:
– il proprietario del veicolo sia il medesimo del
veicolo sostituito o un suo famigliare convivente, in base allo stato di famiglia, e non vi
sia sostituzione nella persona del locatario in
caso di leasing;
e
– sul nuovo contratto venga mantenuta ferma
la scadenza annuale del precedente contratto.
In caso di sostituzione del veicolo con altro di
diverso settore tariffario, se immatricolato al
Pubblico Registro Automobilistico per la prima
volta da non oltre tre mesi oppure assicurato
per la prima volta dopo una voltura al Pubblico
Registro Automobilistico avvenuta da non oltre
tre mesi, è prevista l’applicazione della “Tabella
di attribuzione della classe di ingresso dell’Impresa per cambio settore tariffario” di cui al
punto C.16, esclusivamente per i casi ivi previsti, e nel rispetto di quanto previsto dalla “Tabella Classe Minima per età del proprietario” di
cui all’articolo C.4.
C.9 ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO. – L’Impresa trasmette al Contraente,
almeno trenta giorni prima della scadenza
del contratto, unitamente alla comunicazione
riguardante informazioni sulla disdetta contrattuale e sul premio di rinnovo, l’attestazione
sullo stato del rischio.
La comunicazione e l’attestazione sullo stato del
rischio contengono le notizie previste dalla legislazione e dai regolamenti ISVAP vigenti.
In caso di richiesta, da parte del Contraente o,
se persona diversa, da parte del proprietario
ovvero dell’usufruttuario, dell’acquirente con
patto di riservato dominio o del locatario in caso
di locazione finanziaria, l’Impresa trasmette al
Contraente, entro quindici giorni dalla richiesta stessa, l’attestazione sullo stato del rischio
relativa agli ultimi cinque anni del contratto di
assicurazione.
L’attestazione viene trasmessa qualunque sia la
forma di tariffa secondo la quale il contratto è
stato stipulato, nonché nel caso in cui sia prevista la proroga tacita, ovvero l’esercizio della
disdetta contrattuale da parte dell’Impresa.
Nel caso di sospensione della garanzia nel corso
del contratto, l’attestazione viene trasmessa alla
18 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
scadenza del periodo di tempo per il quale il
contratto è stato prorogato all’atto della riattivazione.
Nel caso di contratto stipulato con ripartizione
del rischio tra più Imprese, l’attestazione viene
trasmessa dalla delegataria.
L’Impresa non trasmette l’attestazione nel caso
di:
– sospensione di garanzia nel corso del contratto;
– contratti che abbiano avuto durata inferiore
ad un anno;
– contratti che abbiano avuto efficacia inferiore ad un anno per il mancato pagamento di
una rata di premio;
– cessione del contratto per alienazione del veicolo assicurato;
– contratti annullati o risolti anticipatamente rispetto alla scadenza annuale fatto salvo
quanto previsto al comma successivo.
In caso di risoluzione del contratto per furto,
esportazione definitiva all’estero, vendita, consegna in conto vendita, demolizione, cessazione
definitiva della circolazione del veicolo se il periodo di osservazione risulta concluso, l’Impresa invia al Contraente la relativa attestazione.
Nel caso di deterioramento, smarrimento o
mancato pervenimento al Contraente dell’attestazione sullo stato del rischio, l’Impresa ne
rilascia un duplicato, su richiesta del Contraente, entro quindici giorni dalla stessa. Qualora il
Contraente sia persona diversa dal proprietario
del veicolo, l’Impresa rilascia a quest’ultimo un
duplicato su richiesta. Analoga disposizione si
applica nei confronti dell’usufruttuario dell’acquirente con patto di riservato dominio o del
locatario in caso di locazione finanziaria.
Il Contraente deve consegnare l’attestazione
sullo stato del rischio all’atto della stipulazione
del contratto con Impresa diversa da quella che
ha prodotto l’attestazione.
L’attestazione sullo stato del rischio conseguita
conserva validità per un periodo di cinque anni
in caso di:
a) cessazione del rischio assicurato;
b) sospensione della garanzia senza riattivazione del contratto;
c) mancato rinnovo del contratto di assicurazione per mancato utilizzo del veicolo.
Nel caso a) cessazione del rischio assicurato
l’attestazione sullo stato del rischio è ritenuta
valida per altro veicolo a condizione che:
– rimanga invariata la figura del proprietario;
– sia accompagnata da documentazione comprovante la vendita, consegna in conto vendita, demolizione, furto, cessazione definitiva
della circolazione o definitiva esportazione
all’estero del veicolo relativo all’attestazione;
– l’attestazione non sia stata già impiegata per
l’assicurazione di altro veicolo;
– venga emesso un nuovo contratto alle condizioni contrattuali e tariffarie vigenti.
Nel caso b) sospensione della garanzia senza riattivazione del contratto se il veicolo assicurato
non ha circolato dopo la sospensione, l’attestazione è ritenuta valida a condizione che il Contraente dichiari, ai sensi e per gli effetti degli
articoli 1892 e 1893 c.c. di non aver circolato nel
periodo successivo alla sospensione. Qualora invece il veicolo assicurato con polizza sospesa sia
stato oggetto di vendita, consegna in conto vendita, cessazione definitiva della circolazione o
definitiva esportazione all’estero, l’attestazione
è ritenuta valida per altro veicolo a condizione
che:
– rimanga invariata la figura del proprietario;
– sia accompagnata da documentazione comprovante la vendita, consegna in conto vendita, demolizione, cessazione definitiva della
circolazione o definitiva esportazione all’estero del veicolo relativo all’attestazione;
– l’attestazione non sia stata già impiegata per
l’assicurazione di altro veicolo;
– venga emesso un nuovo contratto alle condizioni contrattuali e tariffarie vigenti.
Nel caso c) mancato rinnovo del contratto di
assicurazione per mancato utilizzo del veicolo
l’attestazione è ritenuta valida a condizione che
il Contraente dichiari, ai sensi e per gli effetti
degli articoli 1892 e 1893 c.c. di non aver circolato nel periodo successivo alla scadenza del
precedente contratto.
L’attestazione sullo stato del rischio, qualora
non vi sia variazione nella figura del proprietario, è utilizzabile, in sede di stipula o rinnovo
contrattuale, da parte del precedente Contraente, da altro Contraente ovvero dallo stesso proprietario.
In ogni caso vale quanto disposto dall’art. C.4 in
tema di attestazioni sullo stato del rischio.
C.10 VEICOLI ADIBITI A SCUOLA GUIDA. –
L’assicurazione copre anche la responsabilità
dell’istruttore durante le esercitazioni.
Nei casi di responsabilità concorsuale, giudizialmente riconosciuta, l’Impresa risarcirà anche i danni all’allievo conducente e all’istruttore nella misura determinata dai reciproci gradi
di colpa.
Durante l’esame di guida l’esaminatore e l’istruttore sono considerati terzi; non è invece,
considerato terzo l’allievo che sia alla guida del
veicolo per la relativa prova pratica.
C.11 CARICO E SCARICO. – L’assicurazione copre i danni involontariamente cagionati ai terzi
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
dalla esecuzione delle operazioni di carico da
terra sul veicolo o rimorchio e viceversa, purché non eseguite con mezzi e dispositivi meccanici, esclusi i danni alle cose trasportate od in
consegna. Le persone trasportate sul veicolo e
coloro che prendono parte alle suddette operazioni non sono considerati terzi fatta eccezione
per i trasportati che, per le operazioni di salita e
discesa dal veicolo, debbono avvalersi di mezzi
o dispositivi meccanici.
Trattandosi di rischio non compreso nell’assicurazione obbligatoria, si precisa che le somme
assicurate sono destinate innanzitutto ai risarcimenti rientranti nell’assicurazione obbligatoria
e, per la parte non assorbita dai medesimi, ai
risarcimenti dovuti per tale garanzia.
C.12 DANNI A COSE DI TERZI TRASPORTATI
SU AUTOTASSAMETRI, AUTOVETTURE
DATE A NOLEGGIO CON CONDUCENTE O
AD USO PUBBLICO. – L’assicurazione copre
anche i danni involontariamente cagionati dalla
circolazione del veicolo stesso, agli indumenti
ed oggetti di comune uso personale che, per la
loro naturale destinazione, siano portati con se
da terzi trasportati, esclusi danaro, preziosi, titoli, nonché bauli, valigie, colli e loro contenuto;
sono parimenti esclusi i danni derivanti da incendio, da furto o da smarrimento.
L’assicurazione comprende anche la responsabilità del Conducente per i predetti danni.
Trattandosi di rischio non compreso nell’assicurazione obbligatoria, si precisa che le somme
assicurate sono destinate innanzitutto ai risarcimenti rientranti nell’assicurazione obbligatoria
e, per la parte non assorbita dai medesimi, ai
risarcimenti dovuti per tale garanzia.
C.13 MODALITÀ PER LA DENUNCIA DEI SINISTRI. – La denuncia del sinistro, redatta
sul modulo approvato dall’Isvap deve contenere
l’indicazione di tutti i dati relativi alla polizza
ed al sinistro così come richiesto nel modulo
stesso e deve essere presentata al-l’Impresa di
assicurazione ai sensi dell’art. 143 della Legge.
Alla denuncia devono far seguito, nel più breve
tempo possibile, le notizie, i documenti e gli atti
giudiziari relativi al sinistro.
In caso di inosservanza si applicano le disposizioni di cui all’art. 1915 c.c.; l’Impresa avrà
dunque diritto di rivalsa verso l’Assicurato nella
misura in cui avrebbe avuto diritto di rifiutare
o ridurre la propria prestazione.
C.14 ASSISTENZA PER L’ESERCIZIO DEL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO
DA CIRCOLAZIONE. – Per i sinistri R.C.A.
accaduti a partire dal 1° febbraio 2007, che rien-
19 di 55
trano nell’ambito di operatività della procedura di risarcimento diretto previsto dall’art. 149
della Legge e dal Regolamento di cui al D.P.R. N.
254/06 la richiesta di risarcimento dovrà essere
inoltrata dal danneggiato all’Impresa.
L’Impresa fornirà ogni utile assistenza informativa e tecnica e, in particolare, le informazioni
per la compilazione della richiesta danni, per il
controllo dei dati essenziali, per la sua eventuale integrazione. Qualora sussistano i requisiti
previsti dall’art. 149 della Legge e dal Regolamento di cui al D.P.R. N. 254/06, l’Impresa provvederà per conto della compagnia del responsabile, a risarcire direttamente all’Assicurato i
danni subiti, fornendogli tutte le informazioni
necessarie per l’interpretazione dei criteri di
determinazione del grado di responsabilità e
per la piena realizzazione del diritto al risarcimento del danno (vedi art. 9 D.P.R. N. 254/06).
Qualora non sussistano i requisiti previsti, l’Impresa provvederà entro 30 giorni dalla data
di ricezione della richiesta di risarcimento ad
informare l’Assicurato e a trasmettere la documentazione ricevuta alla compagnia del responsabile.
C.15 GESTIONE DELLE VERTENZE- – L’Impresa
assume fino a quando ne ha interesse, a nome
dell’Assicurato, la gestione stragiudiziale e giudiziale delle vertenze in qualunque sede nella
quale si discuta del risarcimento del danno, designando, ove occorra, legali o tecnici. Ha altresì
facoltà di provvedere per la difesa dell’Assicurato in sede penale, sino all’atto della tacitazione
dei danneggiati.
L’Impresa non riconosce le spese incontrate
dall’Assicurato per legali o tecnici che non siano da essa designati e non risponde di multe
od ammende né delle spese di giustizia penale.
L’Assicurato è tenuto a comparire personalmente in giudizio nei casi in cui la procedura o l’Impresa lo richiedano.
20 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
C.16 TABELLA DI ATTRIBUZIONE DELLA CLASSE DI INGRESSO DELL’IMPRESA PER CAMBIO
SETTORE TARIFFARIO.
FORMA TARIFFARIA DEL VEICOLO SOSTITUTIVO
FORMA
TARIFFARIA
DEL VEICOLO SOSTITUITO
Settori I e II
Autovetture
Bonus/Malus
Settore V
Due Ruote S.A.S.
Settore IV
Autocarri Bonus/
Malus
Settore IV
Autocarri
Tariffa Fissa “A”
Settori III-VI-VII
Autobus, Macchine
operatrici e carrelli,
Macchine agricole
Tariffa fissa “A”
Tariffa
con franchigia “F”
Classe di merito
dell’Impresa del
veicolo sostituito
Fino a 44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
1
2
3
4
5
6
1
2
3
4
5
6
7
8
A00
A02
A01
Bonus/Malus
Bonus/Malus
Autovetture
Autovetture
S.A.S.
Bonus/Malus
(escluso il caso di
(solo il caso di
nuova immatriconuova
Due Ruote
Autocarri
lazione inferiore a immatricolazione
3 mesi)
inferiore a 3 mesi)
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
2
1
3
1
4
1
5
2
6
3
6
3
6
3
6
3
6
3
6
3
6
3
59
59
1
60
60
1
61
60
1
62
60
1
63
60
2
64
60
3
62
60
4
63
60
5
64
60
6
64
60
6
64
60
6
64
60
6
64
60
6
64
60
6
64
60
6
64
60
6
64
60
6
64
60
6
3
64
60
6
3
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
21 di 55
D. CONDIZIONI PARTICOLARI R.C.A.
(Valide se espressamente richiamate nel contratto)
42 CONTRATTO AVENTE DURATA DI UN
ANNO PIÙ FRAZIONE DI ANNO. – A parziale deroga dell’art. “A.1 Durata del contratto”
il contratto ha durata di un anno più frazione di
anno e si risolve automaticamente alla sua naturale scadenza. La frazione costituirà periodo
assicurativo iniziale, alla scadenza del quale, la
tariffa che verrà applicata sarà quella in vigore
per l’Impresa a tale momento.
144RINUNCIA ALLA RIVALSA DEL L’ASSICURATORE PER SOMME PAGATE IN
CONSEGUENZA
DELL’INOPPONIBILITÀ AL TERZO DI ECCEZIONI PREVISTE
DALL’ART. C.2 DELLE CONDIZIONI GENERALI R.C.A. – L’Impresa, a parziale deroga
dell’art. C.2 “Esclusioni e rivalsa”, rinuncia al
diritto di rivalsa nei confronti dell’ente, della
società, della ditta individuale, proprietari o
locatari dei veicoli dati in uso ai dipendenti o
collaboratori anche occasionali:
– se il conducente non è abilitato a norma delle
disposizioni in vigore;
– nel caso di danni alla persona causati ai terzi
trasportati se il trasporto è vietato o abusivo
o comunque, non conforme alle disposizioni
legislative e regolamentari vigenti in materia;
– nel caso di veicolo guidato da persone in
stato di ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti quando il fatto sia stato
sanzionato ai sensi degli artt. 186 (Guida
sotto l’influenza dell’alcool) o 187 (Guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti) D.L.
30/4/92 n. 285 (Codice della Strada), relativo
Regolamento e successive modifiche.
L’assicurazione non è operante nel caso in cui
l’ente, la società, la ditta individuale, proprietari o locatari dei veicoli fossero a conoscenza
prima del sinistro delle cause che hanno determinato il diritto all’azione di rivalsa.
194RINUNCIA ALLA RIVALSA DEL L’ASSICURATORE PER SOMME PAGATE IN
CONSEGUENZA
DELL’INOPPONIBILITÀ AL TERZO DI ECCEZIONI PREVISTE
DALL’ART. C.2 DELLE CONDIZIONI GENERALI R.C.A. – L’Impresa, a parziale deroga
dell’art. C.2 “Esclusioni e rivalsa”, rinuncia al
diritto di rivalsa nei confronti dell’ente, della
società, della ditta individuale, proprietari o
locatari dei veicoli dati in uso ai dipendenti o
collaboratori anche occasionali:
– nel caso di veicolo guidato da persone in
stato di ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti quando il fatto sia stato
sanzionato ai sensi degli artt. 186 (Guida sotto l’influenza dell’alcool) o 187 (Guida sotto
l’influenza di sostanze stupefacenti) del D.L.
30/4/92 n. 285 (Codice della Strada), relativo
Regolamento e successive modifiche.
L’assicurazione non è operante nel caso in cui
l’ente, la società, la ditta individuale, proprietari o locatari dei veicoli fossero a conoscenza
prima del sinistro di situazioni patologiche
quali l’etilismo cronico o la tossicodipendenza
dei dipendenti o collaboratori anche occasionali
ai quali il veicolo assicurato è stato dato in uso.
22 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
AUTO RISCHI DIVERSI
E. INCENDIO E FURTO
E.1OGGETTO DELL’ASSICURAZIONE. – L’Impresa risponde, fino alla concorrenza dell’importo indicato in polizza e nei limiti e alle
condizioni che seguono, dei danni materiali e
diretti causati al veicolo da:
– Incendio, scoppio, esplosione ed azione del
fulmine;
– Furto (art. 624 c.p.) o rapina (art. 628 c.p.)
consumati o tentati. L’assicurazione è estesa:
– alle attrezzature inerenti l’uso cui il veicolo è
destinato, purché ad esso permanentemente
installate o validamente fissate;
– agli accessori di serie;
– agli accessori aggiuntivi non di serie, se indicati in polizza e nei limiti delle somme convenute in polizza;
– nei casi di furto o rapina ai danni prodotti al
veicolo durante l’esecuzione o in conseguenza del furto o rapina stessi ed ai danni da circolazione conseguenti al furto od alla rapina.
L’Impresa rimborsa i danni, previa deduzione,
dall’ammontare del danno indennizzabile, dello scoperto e del minimo non indennizzabile
eventualmente previsti.
E.2 ESCLUSIONI. – L’assicurazione non comprende i danni:
a) avvenuti in conseguenza di atti di guerra,
insurrezioni, disordini, scioperi, atti di terrorismo, occupazioni militari, eruzioni vulcaniche, terremoti, trombe d’aria, uragani,
alluvioni, inondazioni, sviluppo comunque
insorto, controllato o meno, di energia nucleare o di radioattività;
b)causati da atti di vandalismo, cioè da ogni
atto di violenza, da chiunque operato con
qualunque mezzo idoneo allo scopo di danneggiare;
c) cagionati da dolo del Contraente e/o dell’Assicurato;
d)
verificatisi durante la partecipazione del
veicolo a gare o competizioni sportive, alle
relative prove ufficiali e alle verifiche preliminari e finali previste nel regolamento particolare di gara;
e)danni causati da fenomeni elettrici senza sviluppo di fiamma;
f) conseguenti ad appropriazione indebita;
g) agli accessori aggiuntivi non di serie, salvo
diversa pattuizione.
F. EVENTI SOCIO-POLITICI
F.1OGGETTO DEL L’ASSICURAZIONE. – L’Impresa risponde, fino alla concorrenza dell’importo indicato in polizza e nei limiti e alle
condizioni che seguono, dei danni materiali
e diretti subiti dal veicolo in conseguenza di
disordini, scioperi, atti di terrorismo e atti di
vandalismo con esclusione di quelli comunque
subiti dal veicolo e suoi accessori in occasione o
in conseguenza della circolazione successiva al
verificarsi dell’evento.
L’assicurazione è estesa:
– alle attrezzature inerenti l’uso cui il veicolo è
destinato, purché ad esso permanentemente
installate o validamente fissate;
– agli accessori di serie;
– agli accessori aggiuntivi non di serie, se indicati in polizza e nei limiti delle somme convenute in polizza.
L’Impresa rimborsa i danni, previa deduzione
dall’ammontare del danno indennizzabile, dello scoperto e del minimo non indennizzabile
previsti.
F.2ESCLUSIONI. – L’assicurazione non comprende i danni:
a) avvenuti in conseguenza di atti di guerra,
insurrezioni, occupazioni militari, eruzioni
vulcaniche, terremoti, trombe d’aria, uragani, alluvioni, inondazioni, sviluppo comunque insorto, controllato o meno, di energia
nucleare o di radioattività;
b) cagionati da dolo del Contraente e/o dell’Assicurato;
c)verificatisi durante la partecipazione del
veicolo a gare o competizioni sportive, alle
relative prove ufficiali e alle verifiche preliminari e finali previste nel regolamento particolare di gara;
d)agli accessori aggiuntivi non di serie, salvo
diversa pattuizione.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
23 di 55
G. KASKO
G.1 OGGETTO DELL’ASSICURAZIONE. – (vale
la forma di garanzia espressamente richiamata in polizza).
Forma di garanzia “1” Kasko totale a valore intero. – L’Impresa risponde, fino alla
concorrenza dell’importo indicato in polizza
e nei limiti e alle condizioni che seguono, dei
danni materiali e diretti subiti dal veicolo in
conseguenza di collisione con altri veicoli, urto
contro ostacoli, ribaltamento, uscita di strada,
durante la circolazione sia su area pubblica che
su area privata.
Forma di garanzia “2” Kasko a valore intero per collisione con veicoli identificati. – L’Impresa risponde, fino alla concorrenza
dell’importo indicato in polizza e nei limiti e
alle condizioni che seguono, dei danni materiali e diretti subiti dal veicolo in conseguenza
di collisione con veicoli identificati, durante la
circolazione sia su area pubblica che su area
privata.
Per tutte le forme di garanzia l’assicurazione è
estesa:
– alle attrezzature inerenti l’uso cui il veicolo è
destinato, purché ad esso permanentemente
installate o validamente fissate;
– agli accessori di serie;
– agli accessori aggiuntivi non di serie, se indicati in polizza, e nei limiti delle somme convenute in polizza.
L’Impresa rimborsa i danni, previa deduzione,
dall’ammontare del danno indennizzabile, dello scoperto e del minimo non indennizzabile
eventualmente previsti.
Per la forma di garanzia “Kasko totale a valore intero”, solo nei casi di collisione con veicolo identificato, quando viene applicata la procedura di risarcimento diretto ai sensi degli artt.
149 e 150 della Legge e relativo Regolamento, e
viene accertata la totale o parziale responsabilità dell’Assicurato, l’Impresa, in deroga a quanto
contrattualmente stabilito, liquiderà l’importo
dovuto e calcolato come indicato all’articolo N.
6 “Determinazione dell’ammontare del danno
delle cose rubate o danneggiate” senza detrarre
scoperto e minimo non indennizzabile.
G.2ESCLUSIONI. – L’assicurazione non comprende i danni:
a) avvenuti in conseguenza di atti di guerra,
insurrezioni, disordini, scioperi, atti di terrorismo, occupazioni militari, eruzioni vulcaniche, terremoti, trombe d’aria, uragani,
alluvioni, inondazioni, sviluppo comunque
insorto, controllato o meno, di energia nucleare o di radioattività;
b) cagionati da dolo del Contraente e/o dell’Assicurato;
c) verificatisi durante la partecipazione del veicolo a gare o competizioni sportive ed alle
relative prove ed allenamenti;
d)avvenuti quando il Conducente non sia abilitato a norma delle disposizioni in vigore o
guidi in stato di ebbrezza o di alterazione psichica determinata da uso di sostanze stupefacenti quando il fatto sia stato sanzionato ai
sensi degli artt. 186 (Guida sotto l’influenza
dell’alcool) o 187 (Guida sotto l’influenza di
sostanze stupefacenti) del D.L 30/4/92 n. 285
(Codice della Strada), relativo
Regolamento e successive modifiche;
e) verificatisi in occasione di attività illecita del
Contraente e/o dell’Assicurato;
f) determinati da vizi di costruzione;
g) cagionati da operazioni di carico e/o scarico;
h) subiti a causa diretta di manovre a spinta o
a mano o di traino che non riguardi roulottes o rimorchi agganciati a norma del codice
della strada;
i)conseguenti e successivi a furto o rapina,
consumati o tentati, del veicolo oppure derivanti da incendio, esplosione o scoppio, salvo che non si verifichino in conseguenza di
uno degli eventi indicati “all’art. G.1 Oggetto
dell’assicurazione”;
l) riportati dalle parti meccaniche e/o elettriche, dai teloni di copertura e dalle ruote
(cerchioni, coperture e camere d’aria), se non
avvenuti in conseguenza di collisione con altri veicoli, urto contro ostacoli, ribaltamento,
uscita di strada durante la circolazione, per
la forma di garanzia “1”, se non avvenuti in
conseguenza di collisione con veicoli identificati, per la forma di garanzia “2”;
m) agli accessori aggiuntivi non di serie, salvo
diversa pattuizione.
G.3RINUNCIA AL DIRITTO DI SURROGAZIONE. – L’Impresa rinuncia al diritto di surrogazione che le compete ai sensi dell’art. 1916
c.c. nei confronti del Conducente del veicolo,
salvo il caso in cui la circolazione sia avvenuta
senza il consenso del Contraente o dell’Assicurato.
24 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
H. INDENNIZZO CERTO
H.1OGGETTO DEL L’ASSICURAZIONE. – L’assicurazione opera nei casi in cui è applicabile la
procedura di risarcimento diretto ai sensi degli
artt. 149 e 150 della legge, e relativo Regolamento e viene accertata la totale o parziale responsabilità dell’Assicurato nella causazione del sinistro. In questi casi l’Impresa indennizza i danni
materiali subiti dal veicolo e non risarciti, fino
alla concorrenza dell’importo indicato in polizza e nei limiti ed alle condizioni che seguono e
senza applicazione della regola proporzionale
di cui all’art. 1907 c.c.
L’assicurazione è estesa:
– alle attrezzature inerenti l’uso cui il veicolo è
destinato, purché ad esso permanentemente
installate o validamente fissate;
– agli accessori di serie;
– agli accessori aggiuntivi non di serie.
H.2 ESCLUSIONI. – L’assicurazione non comprende i danni:
a)avvenuti in conseguenza di atti di guerra,
insurrezioni, disordini, scioperi, atti di terrorismo, occupazioni militari, eruzioni vulcaniche, terremoti, trombe d’aria, uragani,
alluvioni, inondazioni, sviluppo comunque
insorto, controllato o meno, di energia nucleare o di radioattività;
b) cagionati da dolo del Proprietario e/o dell’Assicurato;
c) verificatisi durante la partecipazione del veicolo a gare o competizioni sportive ed alle
relative prove ed allenamenti;
d)avvenuti quando il Conducente non sia abilitato a norma delle disposizioni in vigore o
guidi in stato di ebbrezza o di alterazione psichica determinata da uso di sostanze stupefacenti quando il fatto sia stato sanzionato ai
sensi degli artt. 186 (Guida sotto l’influenza
dell’alcool) o 187 (Guida sotto l’influenza di
sostanze stupefacenti) del D.L. 30/4/92 n. 285
(Codice della Strada), relativo Regolamento e
successive modifiche;
e)verificatisi in occasione di attività illecita del
Contraente e/o dell’Assicurato;
f) determinati da vizi di costruzione;
g)conseguenti e successivi a furto o rapina,
consumati o tentati, del veicolo oppure derivanti da incendio, esplosione o scoppio, salvo che non si verifichino in conseguenza di
uno degli eventi indicati “all’art. H.1 Oggetto
dell’assicurazione”.
H.3 RINUNCIA AL DIRITTO DI SURROGAZIONE. – L’Impresa rinuncia al diritto di surrogazione che le compete ai sensi dell’art. 1916
c.c. nei confronti del Conducente del veicolo,
salvo il caso in cui la circolazione sia avvenuta
senza il consenso del Contraente o dell’Assicurato.
I. ADEGUAMENTO DEL VALORE ASSICURATO E DEL PREMIO
I.1 ADEGUAMENTO DEL VALORE ASSICURATO E DEL PREMIO SU RICHIESTA. –
L’Impresa si impegna, in occasione di ciascun
rinnovo annuale e su specifica richiesta del Contraente, ad adeguare il valore del veicolo e degli
accessori aggiuntivi non di serie, se assicurati, al
valore di mercato e conseguentemente, a procedere alla modifica del premio relativo.
I.2 ADEGUAMENTO
AUTOMATICO
DEL
VALORE ASSICURATO E DEL PREMIO
(Valida a condizione che sia richiamata,
nel contratto, la condizione particolare
n° “201”). – Limitatamente alle autovetture
l’Impresa, ad ogni rinnovo annuale, effettua
l’adeguamento automatico del valore dell’autovettura in base alle valutazioni pubblicate dalla
rivista Quattroruote e nella stessa percentuale
anche del valore degli accessori aggiuntivi non
di serie, se assicurati, procedendo alla conseguente modifica del premio delle garanzie
Incendio, Furto, Eventi socio-politici e Kasko,
nonché degli scoperti e relativi minimi. L’adeguamento automatico non viene effettuato:
– quando il valore assicurato è inferiore alle
valutazioni pubblicate dalla rivista Quattroruote;
– quando il modello dell’autovettura assicurata
non è più valutato dalla rivista Quattroruote;
In questo caso il valore del veicolo e degli
eventuali accessori aggiuntivi non di serie
saranno adeguati al valore di mercato solo su
specifica richiesta del contraente;
– nel caso in cui non siano ancora trascorsi dodici mesi dalla data di prima immatricolazione del veicolo (anche se avvenuta all’estero).
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
25 di 55
L. EVENTI ATMOSFERICI
L.1 OGGETTO DELL’ASSICURAZIONE. – L’Impresa risponde, fino alla concorrenza dell’importo indicato in polizza e nei limiti e alle condizioni che seguono, senza applicazione della
regola proporzionale di cui all’art. 1907 c.c.,
dei danni materiali e diretti subiti dal veicolo
in conseguenza di inondazioni e trombe d’aria
e cose trasportate da tali eventi, caduta di gran
dine, neve, ghiaccio, pietre, valanghe e slavine,
purché il veicolo sia assicurato dall’Impresa con
la garanzia incendio.
L’assicurazione è estesa:
– alle attrezzature inerenti l’uso cui il veicolo è
destinato, purché ad esso permanentemente
installate o validamente fissate;
– agli accessori aggiuntivi non di serie, se indicati in polizza e nei limiti delle somme convenute in polizza.
Sono comunque esclusi i danni da allagamento
conseguenti soltanto a precipitazioni atmosferiche.
L’Impresa rimborsa i danni, previa deduzione,
dall’ammontare del danno indennizzabile, della franchigia fissa prevista.
M. GARANZIE ACCESSORIE
M.1RESPONSABILITÀ CIVILE
DEI TRASPORTATI. – L’Impresa assicura la Responsabilità Civile dei trasportati a bordo del veicolo
assicurato per i danni involontariamente cagionati a terzi non trasportati durante la circolazione, esclusi i danni al veicolo stesso e alle cose
in consegna o custodia dell’Assicurato e dei trasportati.
La garanzia è prestata solo nel caso in cui il
veicolo sia assicurato con l’Impresa per la Responsabilità Civile Auto e opera entro i limiti di
massimale e secondo le Condizioni di Assicurazione che regolano la garanzia di Responsabilità Civile stessa.
M.2RESPONSABILITÀ CIVILE PER FATTO
DI FIGLI MINORI. – L’Impresa assicura la
Responsabilità Civile derivante all’Assicurato,
ai sensi dell’art. 2048 1° comma c.c., per danni
arrecati ai terzi, trasportati e non, dalla circolazione, purché avvenuta all’insaputa dello stesso,
del veicolo condotto dai figli minori non emancipati o dalle persone soggette a tutela e con lui
conviventi. In tali casi in deroga “all’art. C.2
Esclusioni e Rivalsa”, l’Impresa rinuncia a tali
diritti.
La garanzia è prestata solo nel caso in cui il
veicolo sia assicurato con l’Impresa per la Responsabilità Civile Auto e opera entro i limiti di
massimale e secondo le condizioni di assicurazione che regolano la garanzia di Responsabilità Civile stessa.
M.3
IMBRATTAMENTO DELLA TAPPEZZERIA. – L’Impresa rimborsa all’Assicurato, purché documentate, le spese sostenute per il ripri-
stino della tappezzeria del veicolo assicurato,
imbrattata o danneggiata a causa di trasporto
necessitato per soccorso di vittime della strada
comprovato con attestati di Pubbliche Autorità
o di addetti di nosocomi e/o ospedali. La garanzia è altresì operante quando il trasporto che
ha provocato il danno sia stato effettuato per
soccorso di infortunati o infermi, per fatto non
connesso alla circolazione.
M.4RICORSO TERZI DA INCENDIO. – L’Impresa in caso di incendio, esplosione o scoppio del
veicolo assicurato, che impegni la responsabilità dell’Assicurato per fatto non inerente la circolazione stradale, risponde dei danni materiali
e diretti cagionati a terzi (alla persona, a cose o
animali) con il limite massimo di € 300.000,00.
Sono in ogni caso esclusi i danni a cose ed animali in uso, custodia o possesso del Contraente
e/o dell’Assicurato.
Agli effetti della presente garanzia non sono
considerati terzi:
a) tutti coloro la cui responsabilità deve essere
coperta dall’assicurazione;
b) il coniuge, il convivente more uxorio, gli
ascendenti e i discendenti legittimi, naturali
o adottivi delle persone indicate alla lettera a)
nonché gli affiliati e gli altri parenti e affini
fino al terzo grado delle stesse persone, quando convivono con queste o siano a loro carico
in quanto l’Assicurato provvede abitualmente al loro mantenimento;
c) ove l’Assicurato sia una Società, i soci a responsabilità illimitata e le persone che si trovano con questi in uno dei rapporti indicati
alla lettera b).
26 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Il Contraente o l’Assicurato devono immediatamente informare l’Impresa delle procedure
civili o penali promosse contro di loro, fornendo tutti i documenti e le prove utili alla difesa.
Fermo restando il disposto dell’art. 1917 c.c., III
comma, l’Impresa ha la facoltà di assumere fino
a quando ne ha interesse, ma comunque non
oltre il momento dell’eventuale transazione del
danno, la gestione stragiudiziale e giudiziale
delle vertenze a nome del Contraente o Assicurato in qualunque sede, civile o penale, nella
quale si discuta del risarcimento del danno, designando, ove occorra, legali o tecnici.
L’Impresa non risponde di multe o ammende
né delle spese di giustizia penale.
M.5ROTTURA CRISTALLI. – L’Impresa rimborsa le spese sostenute dall’Assicurato per
la sostituzione o la riparazione dei cristalli in
conseguenza della rottura degli stessi dovuta a
causa accidentale o a fatto di terzi quando l’evento non sia indennizzabile con altra garanzia già prestata in polizza o con altro contratto
emesso separatamente con l’Impresa (Incendio,
Furto, Eventi socio-politici, Eventi atmosferici
e Kasko). La garanzia vale esclusivamente per
i seguenti cristalli: parabrezza, lunotto e vetri
laterali.
Previa presentazione di regolare fattura, se la
riparazione o la sostituzione è avvenuta presso
un centro Myglass (per maggiori informazioni
consultare il sito www.myglasscristalli.it o contattare il Numero Verde 800978494), la garanzia comprende anche le spese di installazione
dei nuovi cristalli e non è soggetta a limiti di
indennizzo, né a franchigie, scoperti o minimi
non indennizzabili. Qualora l’Assicurato si rivolga ad una struttura diversa da Myglass, la
garanzia è prestata fino alla concorrenza di €
260,00 per ogni evento, indipendentemente dal
numero dei cristalli rotti, e comprende anche
le spese di installazione dei nuovi cristalli. Sono
esclusi dalla garanzia le rigature e/o le segnature, nonché i danni determinati ad altre parti
del veicolo a seguito della rottura dei cristalli
e comunque i danni allo specchio retrovisore
esterno e alla fanaleria in genere.
Il limite di garanzia di € 260,00 è elevato a €
520,00, se la sostituzione o riparazione avviene
presso la rete di officine “Carglass”.
M.6PERDITA DELLE CHIAVI. – L’Impresa rimborsa le spese sostenute dall’Assicurato a causa
di smarrimento o sottrazione delle chiavi o dei
congegni elettronici di apertura delle portiere
del veicolo assicurato e/o di sbloccaggio del sistema antifurto, per l’eventuale sostituzione
delle serrature con altre dello stesso tipo, nonché le spese sostenute per l’apertura delle portiere e/o lo sbloccaggio del sistema antifurto.
La garanzia è prestata fino alla concorrenza di €
200,00 per evento previa presentazione di regolare fattura.
M.7SPESE DI IMMATRICOLAZIONE TASSA
DI PROPRIETÀ. – Le garanzie operano in tutti i casi in cui l’Assicurato perda la disponibilità
del veicolo assicurato in conseguenza di furto o
rapina totali o per distruzione a seguito di sinistro.
L’Impresa rimborsa all’Assicurato:
a) l’importo massimo di € 300,00 delle spese
documentate che lo stesso abbia sostenuto
per l’immatricolazione e/o per il passaggio
di proprietà di altro veicolo dello stesso tipo;
b) l’importo pari a 1/360° di quanto versato per
tassa di proprietà per ogni giorno intercorrente tra la data dell’evento e la scadenza di
validità in atto.
Le garanzie non operano qualora l’Assicurato
non esibisca idonea documentazione comprovante la perdita di possesso del veicolo o la radiazione dal Pubblico Registro Automobilistico.
M.8RIPRISTINO AIRBAG. – L’Impresa rimborsa all’Assicurato, purché documentate, le spese
sostenute a seguito dell’attivazione dell’airbag
dovuta per cause accidentali oppure per incidente da circolazione fino alla concorrenza di €
520,00.
CONDIZIONE PARTICOLARE
(Valida se espressamente richiamata nel contratto)
221ROTTURA CRISTALLI FINO A € 520,00.
– A parziale deroga delle condizioni previste
dall’articolo M.5 delle Condizioni Generali di
Assicurazione, la garanzia è prestata fino alla
concorrenza di € 520,00 per evento.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
27 di 55
N. SINISTRI INCENDIO-FURTO – EVENTI SOCIO-POLITICI – KASKO
INDENNIZZO CERTO – EVENTI ATMOSFERICI – GARANZIE ACCESSORIE
N.1 SCOPERTO. – L’Impresa risponde dei danni
materiali e diretti derivanti dal danneggiamento o dalla perdita del veicolo assicurato, previa
deduzione di un importo corrispondente alla
percentuale di scoperto pattuita da calcolare sull’ammontare del danno indennizzabile.
L’importo di tale scoperto non può essere comunque inferiore al minimo non indennizzabile se indicato in polizza e limitatamente alle
autovetture non sarà applicato sulla garanzia
incendio.
N.2MINIMO NON INDENNIZZABILE. – L’Impresa risponde dei danni materiali e diretti derivanti dal danneggiamento o dalla perdita del
veicolo assicurato, previa deduzione dell’importo fisso pattuito e limitatamente alle autovetture non sarà applicato sulla garanzia incendio.
N.3FRANCHIGIA IN PERCENTUALE SUL
VALORE ASSICURATO. – L’Impresa risponde dei danni materiali e diretti derivanti dal
danneggiamento o dalla perdita del veicolo
assicurato, previa deduzione di un importo
corrispondente alla percentuale di franchigia
pattuita da calcolare sul valore commerciale del
veicolo stesso al momento del sinistro, ovvero
sul valore assicurato, qualora questo risulti inferiore al predetto valore commerciale. Limitatamente alle autovetture la franchigia non verrà
applicata alla garanzia incendio.
N.4 MODALITÀ PER LA DENUNCIA DEI SINISTRI. – I sinistri debbono essere denunciati
all’Impresa entro tre giorni da quando il Contraente e/o l’Assicurato ne siano venuti a conoscenza, con l’indicazione della data, del luogo e
delle modalità del fatto.
Limitatamente alle garanzie Furto ed Eventi
socio-politici, il Contraente e/o Assicurato debbono inoltre presentare denuncia all’Autorità
competente trasmettendone copia all’Impresa e
conservando le tracce del danno salvo quanto
previsto dall’art. 1914 del c.c.
Qualora il furto si sia verificato in uno Stato
estero, l’Assicurato, oltre alla denuncia presentata all’Autorità estera, dovrà produrre copia
della denuncia presentata anche all’Autorità
italiana.
N.5RIPARAZIONE - SOSTITUZIONE “IN NATURA” DELLE COSE RUBATE O DANNEGGIATE. – L’Impresa ha la facoltà di fare eseguire a regola d’arte in officina di sua fiducia le
riparazioni occorrenti al ripristino del veicolo
danneggiato, oppure di sostituire con altro di
uguale valore, nelle stesse condizioni e con le
stesse caratteristiche tecniche, il veicolo o parte
di esso.
N.6DETERMINAZIONE DELL’AMMONTARE
DEL DANNO DELLE COSE RUBATE O
DANNEGGIATE. – L’indennizzo, sia parziale
che totale, non può superare il valore commerciale del veicolo al momento del sinistro, fatta
eccezione per il punto H (Indennizzo Certo).
Salvo il disposto dell’art. N.5 (Riparazione/ Sostituzione “in natura” delle cose rubate o danneggiate), il danno, se parziale, viene calcolato
in base al costo delle riparazioni al momento
del sinistro con l’avvertenza che:
– il valore dei pezzi di ricambio, relativi alle
parti meccaniche, viene ridotto del 10% per
ogni anno intero di vita del veicolo dalla data
di prima immatricolazione (anche se avvenuta all’estero) con il massimo del 50%;
– non sono indennizzabili le spese per modificazioni, aggiunte o migliorie apportate al veicolo in occasione della riparazione, nonché le
spese di custodia e i danni da deprezzamento
e da mancato godimento od uso od altri eventuali pregiudizi anche fiscali.
Nel caso in cui la spesa per il ripristino del veicolo sia superiore al valore commerciale dello
stesso e purché l’Assicurato abbia fatto eseguire
le riparazioni, dal costo complessivo delle stesse saranno detratti i limiti previsti dal contratto
(scoperti percentuali, minimi non indennizzabili o franchigie) e verrà liquidato l’importo risultante con il massimo del valore assicurato.
Se l’assicurazione copre soltanto una parte del
valore commerciale che il veicolo ha al momento del sinistro, l’Impresa risponde dei danni in
proporzione della parte suddetta secondo quanto disposto dall’art. 1907 del c.c.
Tuttavia non verrà applicata la regola proporzionale qualora tale valore commerciale risultasse superiore di non oltre il 10% del valore
assicurato.
Relativamente al punto H (Indennizzo certo) e
L (Eventi atmosferici) il danno viene liquidato
fino alla concorrenza dell’importo indicato in
polizza, senza applicazione della regola proporzionale di cui all’art. 1907 c.c.
Limitatamente alle autovetture, in caso di danno totale, l’indennizzo verrà calcolato tenendo
conto delle valutazioni pubblicate dalla rivista
“Quattroruote”.
28 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Qualora sul contratto sia richiamata espressamente la condizione particolare “201 - Adeguamento automatico del valore assicurato e del
premio”, in caso di danno totale l’indennizzo
verrà liquidato tenendo conto del valore stabilito dall’ultimo adeguamento.
Qualora l’autovettura assicurata non sia quotata
dalla rivista “Quattroruote”, in caso di danno
totale, l’indennizzo verrà liquidato facendo riferimento al valore di mercato dell’autovettura
stessa al momento del sinistro.
“Valore a nuovo per le autovetture”
Per i sinistri avvenuti entro dodici mesi dalla
data di prima immatricolazione (anche se avvenuta all’estero), l’importo del danno sarà pari
al “valore a nuovo” dell’autovettura in base alle
valutazioni pubblicate dalla rivista “Quattroruote” con il massimo del valore assicurato.
Per i sinistri avvenuti dopo dodici mesi dalla
data di prima immatricolazione (anche se avvenuta all’estero), il danno verrà liquidato tenendo conto delle valutazioni pubblicate dalla
rivista “Quattroruote” anche se, in presenza
della condizione particolare 201, non è ancora
intervenuto il primo adeguamento automatico
del valore assicurato e del premio.
N.7LIQUIDAZIONE DEL DANNO - NOMINA
DEI PERITI. – In caso di disaccordo la liquidazione del danno può avere luogo, di comune
accordo, mediante periti nominati rispettivamente dall’Impresa e dall’Assicurato.
I periti in caso di disaccordo, ne eleggono un
terzo e le loro decisioni sono prese a maggioranza. Se una delle parti non procede alla nomina
del proprio perito o se i periti non si accordano sulla nomina del terzo la scelta, su istanza
anche di una sola delle parti sarà fatta dal Presidente del Tribunale nella cui giurisdizione si
trova la residenza dell’Assicurato:
I periti devono:
1) verificare l’esistenza, la qualità e la quantità
delle cose assicurate, determinando il valore
che le cose medesime avevano al momento
del sinistro;
2) procedere alla stima e alla liquidazione del
danno.
I risultati sono vincolanti per le parti le quali rinunciano a qualsiasi impugnativa, salvo il
caso di errore, violenza, dolo nonché violazione
di patti contrattuali, è fatta salva in ogni caso
qualsivoglia azione od eccezione inerente l’indennizzabilità del danno.
Ciascuna delle parti sostiene le spese del proprio perito; quello del terzo perito sono a carico
della parte soccombente.
I periti sono dispensati dall’osservanza di ogni
formalità giudiziaria.
N.8PAGAMENTO DELL’INDENNIZZO. – L’Impresa, tenuto conto degli eventuali limiti all’indennizzo pattuiti in polizza, effettua il pagamento del danno con la moneta avente corso
legale in Italia al momento del pagamento.
L’Impresa procede al pagamento dell’indennizzo entro e non oltre 15 giorni dalla presentazione di tutta la documentazione richiesta qualora
non sussistano motivi di non indennizzabilità.
Limitatamente alle garanzie Furto ed Eventi
socio-politici, l’Impresa rimborsa il danno sempreché l’Assicurato abbia prodotto copia autentica della denuncia presentata all’Autorità,
copia del verbale di eventuale ritrovamento del
veicolo rubato o rapinato rilasciato dalla stessa
Autorità e nel caso di perdita totale, dichiarazione di perduto possesso ed estratto cronologico
del veicolo oppure in sostituzione il “certificato di proprietà del veicolo” ed il “certificato
dello stato giuridico attuale” del veicolo stesso,
rilasciati dagli Uffici competenti. L’Impresa ha
facoltà, prima di pagare l’indennizzo, di richiedere:
– il certificato di chiusa istruttoria in caso di
furto parziale o di furto totale;
– la fattura di riparazione dei danni subiti dal
veicolo in caso di furto parziale o di Kasko.
L’Impresa, in caso di furto totale, richiede inoltre, contestualmente al pagamento dell’indennizzo, il conferimento in suo favore di una
procura irrevocabile a vendere, condizionata al
futuro ritrovamento del veicolo; il costo di tale
atto rimane a carico dell’Impresa.
N.9RECUPERI. – In caso di furto o di rapina l’Assicurato è tenuto ad informare l’Impresa non
appena abbia notizia del ritrovamento del veicolo o di sue parti.
Se il recupero avviene prima del pagamento
dell’indennizzo, il danno sarà nuovamente determinato e liquidato secondo i criteri di cui
all’art. N. 6 (Determinazione dell’ammontare
del danno delle cose rubate o danneggiate).
Se il veicolo è ritrovato dopo il pagamento
dell’indennizzo, l’assicurato può chiedere di rientrarne in possesso, rimborsando al-l’Impresa
l’importo già riscosso, al netto degli eventuali
danni accertati sul veicolo.
Qualora, invece, l’Assicurato non eserciti la suddetta facoltà entro 30 giorni dal ritrovamento
del veicolo, l’Impresa darà esecuzione alla procura a vendere conferitale dal medesimo assicurato all’atto della liquidazione del danno, come
previsto dall’art. N. 8 (Pagamento dell’indennizzo), con autorizzazione a trattenere, a titolo
di restituzione dell’indennizzo pagato, quanto
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
ricavato dalla vendita.
Se il valore di quanto ricavato dalla vendita
del veicolo ritrovato è superiore all’indennizzo pagato, al netto delle spese necessarie per il
recupero, l’Impresa procede alla restituzione
dell’eccedenza all’Assicurato. In nessun caso la
somma incassata dall’Impresa sarà considerata
corrispettivo per la vendita di un bene dell’Impresa stessa. L’Impresa comunicherà all’Assicurato l’avvenuta esecuzione del mandato e ne
29 di 55
renderà conto, trasmettendogli la dovuta documentazione.
N.10DANNI CAGIONATI DA COLPA GRAVE.
– L’Impresa è obbligata anche per i sinistri cagionati da colpa grave del Contraente, dell’Assicurato e/o delle persone che detengono legittimamente il veicolo descritto in polizza.
O. INFORTUNI DEL CONDUCENTE
O.1OGGETTO DELL’ASSICURAZIONE. – È
considerato infortunio l’evento dovuto a causa
fortuita, violenta ed esterna, che provoca lesioni
corporali obiettivamente constatabili.
L’assicurazione vale per qualsiasi persona, compreso il Contraente, che si infortuni alla guida
del veicolo identificato in polizza, purché la circolazione avvenga con il consenso del proprietario.
L’assicurazione è valida solo se il conducente è
abilitato ai sensi delle disposizioni in vigore.
O.2 ESTENSIONE DELL’ASSICURAZIONE. –
Durante la guida sono compresi in garanzia
anche:
– l’annegamento;
– le ernie addominali da sforzo e gli strappi
muscolari derivanti da sforzo;
– gli infortuni sofferti in stato di malore o incoscienza;
– gli infortuni derivanti da imperizia, negligenza o imprudenza anche gravi;
– gli infortuni derivanti da aggressioni, tumulti popolari, atti di terrorismo, vandalismo,
attentati, a condizione che l’Assicurato non
vi prenda parte attiva.
O.3 DELIMITAZIONE DELL’ASSICURAZIONE.
– Sono esclusi dall’assicurazione gli infortuni
derivanti:
a) dalla partecipazione a gare o competizioni
sportive, alle relative prove ufficiali e alle verifiche preliminari e finali previste nel regolamento particolare di gara;
b) da delitti dolosi compiuti o tentati dall’Assicurato, salvo gli atti compiuti per dovere di
solidarietà umana o per legittima difesa;
c) da movimenti tellurici;
d) da guerra o insurrezione;
e) da trasmutazione del nucleo dell’atomo e
radiazioni provocate artificialmente dall’accelerazione di particelle atomiche o da esposizione a radiazioni ionizzanti.
Sono inoltre esclusi:
f) le conseguenze di interventi chirurgici, di
accertamenti e cure mediche non resi necessari da infortuni;
g) gli infarti.
O.4 CRITERI DI INDENNIZZABILITÀ. – L’Impresa corrisponde l’indennizzo per le conseguenze dirette ed esclusive dell’infortunio che
siano indipendenti da condizioni fisiche o patologiche preesistenti o sopravvenute; pertanto
l’influenza che l’infortunio può avere esercitato
su tali condizioni, come pure il pregiudizio che
esse possono portare all’esito delle lesioni prodotte dall’infortunio, sono conseguenze indirette e quindi non indennizzabili. Parimenti, nei
casi di preesistente mutilazione o difetto fisico,
l’indennità per invalidità permanente è liquidata per le sole conseguenze dirette cagionate
dall’infortunio come se esso avesse colpito una
persona fisicamente integra, senza riguardo al
maggior pregiudizio derivato dalle condizioni
preesistenti, fermo quanto stabilito dall’art. O.6
“Invalidità Permanente”.
O.5 MORTE. – Se l’infortunio ha per conseguenza
la morte dell’Assicurato e questa si verifichi entro due anni dal giorno nel quale l’infortunio è
avvenuto, l’Impresa liquida agli eredi legittimi
la somma assicurata per il caso di morte.
O.6 INVALIDITÀ PERMANENTE. – Se l’infortunio ha per conseguenza una invalidità permanente e questa si manifesta entro due anni dal
giorno in cui l’infortunio è avvenuto – anche
successivamente alla scadenza della polizza –
l’Impresa liquida un indennizzo per invalidità permanente parziale calcolato sulla somma
assicurata per invalidità permanente totale, in
proporzione al grado di invalidità che va accertato facendo riferimento ai valori ed ai criteri
sotto elencati.
Perdita totale, anatomica o funzionale, di:
30 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
– un arto superiore......................................70%
– una mano o un avambraccio..................60%
– un pollice................................................18%
– un indice................................................14%
– un medio..................................................8%
– un anulare................................................8%
– un mignolo.............................................12%
– la falange ungueale del pollice................ 9%
– una falange di altro
dito della mano...........................1/3 del dito
Per:
– anchilosi della scapola omerale con
arto in posizione favorevole,
ma con immobilità della scapola...........25%
– anchilosi del gomito in angolazione
compresa fra 120° e 70° con
prono-supinazione libera.......................20%
– anchilosi del polso in estensione rettilinea
con prono-supinazione libera................10%
– blocco della prono-supinazione
in semipronazione dell’avambraccio
e della mano............................................7%
– paralisi completa del nervo radiale........35%
– paralisi completa del nervo ulnare........20%
– esiti di rottura sottocutanea
del bicipite brachiale...............................4%
Per:
– amputazione di un arto inferiore:
– al di sopra della metà della coscia.........70%
– al di sotto della metà della coscia,
ma al di sopra del ginocchio..................60%
– al di sotto del ginocchio, ma al di sopra
del terzo medio di gamba......................50%
Perdita totale, anatomica o funzionale, di:
– un piede.................................................40%
– ambedue i piedi....................................100%
– un alluce..................................................5%
– la falange ungueale dell’alluce..............2,5%
– un altro dito del piede..............................1%
Per:
– anchilosi dell’anca in posizione
favorevole...............................................35%
– anchilosi del ginocchio in estensione....25%
– esiti di frattura del menisco mediale del
ginocchio, indipendentemente dal
trattamento attuabile.............................. 2%
– esiti di frattura del menisco laterale del
ginocchio, indipendentemente dal
trattamento attuabile...............................3%
– esiti di lesione completa del legamento
crociato anteriore del ginocchio..............9%
– anchilosi della tibio-tarsica
ad angolo retto.......................................10%
– anchilosi della sotto astragalica.............. 5%
– paralisi completa dello sciatico
popliteo esterno.....................................15%
– esiti di rottura sottocutanea del tendine
di Achille................................................. 4%
Perdita totale, anatomica o funzionale, di:
– un occhio...............................................25%
– ambedue gli occhi................................100%
Per:
– sordità completa di un orecchio.............10%
– sordità completa di ambedue
gli orecchi..............................................40%
– stenosi nasale assoluta monolaterale....... 4%
– stenosi nasale assoluta bilaterale............10%
– esiti di frattura scomposta di una costa...1%
– esiti di frattura amielica somatica
con deformazione a cuneo di:
– una vertebra cervicale............................12%
– una vertebra dorsale.............................. 5%
– 12a dorsale.............................................10%
– una vertebra lombare............................10%
– esiti di frattura di un metamero sacrale 3%
– esiti di frattura di un metamero coccigeo
con callo deforme e dolente.....................5%
– postumi di trauma distorsivo cervicale
con contrattura muscolare e limitazione
dei movimenti del capo e del collo..........2%
– perdita anatomica di un rene senza
compromissioni significative della
funzione urinaria..................................15%
– perdita anatomica della milza senza
compromissioni significative della
crasi ematica............................................8%
Se la lesione comporta una minorazione, anziché la perdita totale, le percentuali sopra indicate vengono ridotte in proporzione alla funzionalità perduta.
Nei casi di invalidità permanente non specificati
nella tabella di cui sopra, l’indennizzo è stabilito
in riferimento ai valori ed ai criteri sopra indicati, tenendo conto della complessiva diminuzione
della capacità generica lavorativa, indipendentemente dalla professione dell’Assicurato.
Nel caso l’infortunio determini menomazioni a
più di uno dei distretti anatomici e/o articolari di
un singolo arto, si procederà alla valutazione con
criteri aritmetici fino a raggiungere al massimo
il valore corrispondente alla perdita anatomica
totale dell’arto stesso. La perdita totale o parziale, anatomica o funzionale di più organi od arti
comporta l’applicazione di una percentuale di
invalidità permanente pari alla somma delle singole percentuali calcolate per ciascuna lesione,
con il massimo del 100%.
In caso di perdita anatomica o riduzione funzionale di un organo o di un arto già minorato, le
percentuali sopra indicate sono diminuite tenendo conto del grado di invalidità preesistente.
Per la valutazione delle menomazioni visive
ed uditive si procederà alla quantificazione del
grado di invalidità permanente tenendo conto
dell’eventuale possibilità di applicazione di presidi correttivi.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Anticipo
dell’indennizzo. A richiesta
dell’Assicurato, l’Impresa, quando abbia preventivato un grado di invalidità permanente,
ha facoltà di anticipare 1/3 (un terzo) del presunto grado di invalidità, con il massimo di €
6.000,00. Nel caso in cui l’indennità assicurata
sia superiore a € 60.000,00, il massimo viene
elevato al 10% dell’indennità assicurata.
O.7 FRANCHIGIA ASSOLUTA SULLA INVALIDITÀ PERMANENTE. – L’Impresa non dà
luogo ad indennizzo per Invalidità Permanente
quando questa è di grado non superiore al 3%
della Invalidità Permanente Totale.
Se la percentuale accertata risulta superiore al
3%, l’indennizzo viene corrisposto solo per la
parte eccedente.
Nel caso in cui l’Invalidità Permanente sia di
grado pari o superiore al 25% della Totale l’Impresa liquida l’indennizzo senza deduzione di
alcuna franchigia.
O.8 SPESE SANITARIE. – In caso di prestazioni
sanitarie rese necessarie da infortunio, l’Impresa rimborserà le spese sostenute nel corso del
ricovero in Istituto di Cura per:
– spese di trasporto dell’Assicurato con l’ambulanza, all’Istituto di Cura e viceversa;
– cure e visite mediche;
– onorari medici (chirurgo, aiuto, assistente,
anestesista) e di ogni altro soggetto partecipante all’intervento chirurgico;
– farmaci;
– esami di laboratorio;
– rette di degenza;
– protesi ed apparecchi ortopedici applicati durante il ricovero.
Non sono soggette a rimborso le spese sostenute
per applicazioni di carattere estetico, per cure
odontoiatriche e per protesi dentarie.
Il rimborso verrà riconosciuto all’Assicurato
fino alla concorrenza della somma assicurata,
per anno assicurativo. L’Impresa effettua il pagamento di quanto dovuto su presentazione in
originale delle relative notule, distinte, fatture e
ricevute debitamente quietanzate e della cartella
clinica.
Le spese sostenute all’estero nei paesi aderenti all’Unione Monetaria, saranno rimborsate in
Italia, in Euro. Le spese sostenute all’estero nei
paesi non aderenti all’Unione Monetaria, saranno rimborsate in Italia, in Euro, al cambio medio della settimana in cui sono state sostenute
dall’Assicurato, rilevato dalle quotazioni dell’Ufficio Italiano Cambi.
Qualora sia prevista,
sul contratto, anche la Garanzia Assistenza di
“Strada Sicura”, la presente garanzia opera ad
integrazione e in eccedenza a quanto eventual-
31 di 55
mente già prestato dalla garanzia “Spese Mediche” della sezione Assistenza di “Strada Sicura”.
O.9 DENUNCIA DELL’INFORTUNIO E OBBLIGHI RELATIVI. – La denuncia dell’infortunio, con l’indicazione del luogo, giorno ed ora
dell’evento e delle cause che lo determinarono,
corredata di certificato medico, deve essere fatta
per iscritto alla Direzione dell’Impresa o all’Agenzia alla quale è stata assegnata la polizza, entro 3 giorni dal sinistro o dal momento in cui il
Contraente, l’Assicurato o i suoi eredi legittimi
ne abbiano avuto la possibilità. Successivamente l’Assicurato deve inviare certificati medici
sul decorso delle lesioni. L’Assicurato o, in caso
di morte, gli eredi legittimi, devono consentire
le indagini e gli accertamenti ritenuti necessari
dall’Impresa.
O.10 PROVA. – È a carico di chi domanda l’indennizzo provare che sussistono tutti gli elementi
che valgono a costituire il suo diritto ai termini
di polizza.
O.11 CUMULO DI INDENNITÀ. – L’indennità per
il caso di morte non è cumulabile con quella per
invalidità permanente. Se dopo il pagamento
di un’indennità per invalidità permanente, ma
entro due anni dal giorno dell’infortunio ed in
conseguenza di questo, l’Assicurato muore, l’Impresa corrisponde agli eredi legittimi la differenza tra l’indennità pagata e quella assicurata per
il caso di morte, ove questa sia superiore, e non
chiede il rimborso nel caso contrario.
O.12 CONTROVERSIE. – In caso di divergenze sulla natura o sulle conseguenze delle lesioni e/o del
ricovero o sul grado di invalidità permanente,
nonché sull’applicazione dei criteri di indennizzabilità previsti dall’art. O.4 “Criteri di indennizzabilità” le Parti possono demandare per iscritto
la decisione ad un Collegio di tre Medici, nominati uno per parte ed il terzo di comune accordo
o, in caso contrario, dal Consiglio dell’Ordine dei
Medici avente giurisdizione nel luogo ove deve
riunirsi il Collegio dei Medici; il Collegio Medico
risiede nel Comune, sede di Istituto di Medicina
Legale, più vicino al luogo di residenza dell’Assicurato. Ciascuna delle Parti sostiene le proprie
spese e remunera il medico da essa designato. Le
spese del terzo medico sono a carico della parte
soccombente. È data facoltà al Collegio Medico di
rinviare, ove ne riscontri l’opportunità, l’accertamento definitivo dell’invalidità permanente ad
epoca da definirsi dal Collegio stesso, nel quale
caso il Collegio può intanto concedere una provvisionale sull’indennizzo. Le decisioni del Collegio Medico sono prese a maggioranza di voti
32 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
con dispensa da ogni formalità di legge e sono
vincolanti per le Parti anche se uno dei medici
rifiuti di firmare il relativo verbale.
O.13 RINUNCIA ALLA RIVALSA. – L’Impresa rinuncia ad ogni azione di rivalsa per le somme
pagate, lasciando così integri i diritti dell’Assicurato o dei suoi aventi causa contro i responsabili dell’infortunio.
P. PATENTE
P.1 OGGETTO DELL’ASSICURAZIONE. – L’Impresa assume a proprio carico, nei limiti pattuiti ed alle condizioni di seguito indicate, l’onere
delle spese sostenute dal Conducente a seguito
del ritiro o della sospensione della patente di
guida quale conseguenza diretta ed esclusiva di
un incidente da circolazione.
La garanzia è operante se l’incidente avviene
durante il periodo di validità dell’assicurazione
e se produce, nei confronti dei terzi, la morte o lesioni personali o gravi danni ai veicoli.
Qualora il Conducente sia imputato del reato di
omissione di soccorso o di fuga, la garanzia è
operante a condizione che sia prosciolto o assolto dal reato.
P.2AUTOSCUOLA CORSO DI RECUPERO
PUNTI PATENTE. – Qualora dalla patente di
guida del Conducente siano decurtati dei punti,
l’Impresa rimborsa, fino alla concorrenza di €
500,00 per anno assicurativo, le spese sostenute
per frequentare presso un’autoscuola un corso
valido per recuperare i punti stabiliti dalla legge. Il numero di corsi garantiti è pari al numero
di decurtazioni avvenute in costanza di polizza, fermi restando i minimi di legge. L’Impresa
provvederà al pagamento entro il limite di cui
sopra, previa consegna della documentazione
comprovante la frequenza al corso ed il pagamento dello stesso.
La prestazione è operante a condizione che,
dopo il verificarsi dell’evento, il numero residuo dei punti della patente di guida del Conducente sia pari od inferiore a dodici.
P.3 SPESE PER ESAME DI REVISIONE DELLA
PATENTE. – Qualora dalla patente del Conducente siano decurtati tutti i punti, l’Impresa
rimborsa, sino alla concorrenza di € 1.000,00
per anno assicurativo, le spese sostenute per l’esame di revisione e le eventuali ulteriori spese
necessarie a riottenere la patente di guida.
L’Impresa provvederà al pagamento entro il limite di cui sopra, previa consegna della documentazione comprovante le spese sostenute.
La prestazione è operante a condizione che al
momento del sinistro il Conducente fornisca
documentazione idonea a comprovare che il
saldo punti patente, al momento della sottoscrizione della polizza, non fosse inferiore a dodici.
P.4SPESE DI DEPOSITO. – Qualora il veicolo
assicurato sia sottoposto a sequestro presso un
deposito giudiziario, l’Impresa, previa consegna di idonea documentazione, rimborserà le
relative spese sino alla concorrenza di € 600,00
per anno assicurativo.
P.5SPESE PER INTERPRETE. – Qualora il Conducente si trovi all’estero e a seguito dell’evento
garantito sia sottoposto ad interrogatorio e/o arresto, l’Impresa rimborsa, previa consegna della fattura e fino alla concorrenza di € 1.000,00
per anno assicurativo, le spese sostenute per
ricevere l’assistenza di un interprete.
P.6 SPESE DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE. –
Qualora in conseguenza dell’evento garantito si
verifichi la distruzione dei documenti di circolazione, l’Impresa rimborsa le spese sostenute
per ottenere i duplicati fino alla concorrenza di
€ 100,00 per anno assicurativo.
P.7DELIMITAZIONE DELL’ASSICURAZIONE
- ESCLUSIONI. – L’assicurazione non è operante:
a)se il Conducene non è abilitato alla guida del
veicolo a norma delle disposizioni in vigore;
b)in caso di violazione degli artt. 186 e 187 del
Nuovo Codice della Strada (guida in stato di
ebbrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti);
c)in caso di inosservanza degli obblighi di cui
ai commi 6 e 7 dell’art. 189 del Nuovo Codice
della Strada, salvo successivo proscioglimento o assoluzione;
d)per fatti derivanti da partecipazioni a gare
o competizioni sportive, alle relative prove
ufficiali, nonché alle verifiche preliminari e
finali previste nel regolamento particolare di
gara;
e)per fatti determinati o agevolati da dolo del
Conducente o delle altre persone trasportate;
f) se il provvedimento di ritiro o sospensione
della patente viene adottato per la perdita dei
requisiti fisici e psichici, dei requisiti morali
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
ovvero perché il Conducente non si è sottoposto ad accertamento od esami di idoneità in
sede di revisione della patente di guida.
P.8 MODALITÀ PER LA DENUNCIA DEI SINISTRI. – I sinistri devono essere denunciati per
iscritto all’Impresa entro tre giorni da quando il
Conducente ne abbia avuto conoscenza o possibilità a seguito della notifica del provvedimento
adottato dall’Autorità.
Il Conducente deve indicare, altresì, i motivi
che hanno determinato tale provvedimento,
33 di 55
nonché presentare all’Impresa i documenti ufficiali comprovanti il provvedimento.
P.9 PAGAMENTO DELLE SPESE SOSTENUTE.
– L’Impresa, previa consegna dell’idonea documentazione, richiesta dalla natura delle singole
prestazioni, provvederà al rimborso del costo
sostenuto in base ai relativi limiti di indennizzo.
Le prestazioni operano per gli eventi avvenuti
durante il periodo di validità della polizza.
Q. TUTELA LEGALE
PREMESSA. – La gestione dei sinistri Tutela legale
è stata affidata dalla Società a: ARAG Assicurazioni
S.p.A. con sede e Direzione Generale in Viale delle
Nazioni n. 9, - 37135 Verona, in seguito denominata
ARAG, alla quale l’Assicurato può rivolgersi direttamente.
Principali riferimenti:
Telefono centralino: 045.8290411;
Fax per denuncia del nuovo caso assicurativo:
045.8290557;
Mail per denuncia del nuovo caso assicurativo: [email protected];
Fax per invio successiva documentazione relativa
alla gestione del caso assicurativo: 045.8290449.
Q.1 OGGETTO DELL’ASSICURAZIONE. – L’Impresa assume a proprio carico, nel limite stabilito in polizza ed alle condizioni di seguito
indicate, l’onere delle spese giudiziali e stragiudiziali previste ai successivi punti a) b) c) d) e)
necessarie al Proprietario e/o al Conducente (se
autorizzato) del veicolo assicurato, allo scopo di:
– ottenere il risarcimento dei danni loro cagionati da terzi per effetto della circolazione del
veicolo;
– resistere all’azione di terzi che abbiano subito danni per effetto della circolazione del
veicolo stesso, solo per la parte eccedente i
limiti fissati dall’art. 1917 del c.c., 3° comma;
– effettuare il ricorso contro il provvedimento
di sospensione della patente;
– effettuare il ricorso contro il provvedimento
di decurtazione di oltre cinque punti dalla
patente.
Qualora l’Assicurato non vi provveda direttamente, l’Impresa si riserva la facoltà di affidare
a persona di sua fiducia alla quale l’Assicurato
stesso dovrà conferire il mandato necessario,
l’incarico di presentare alla competente Autorità, il ricorso contro il provvedimento di sospensione della patente o di decurtazione di oltre
cinque punti dalla patente, prendendo a carico
le relative spese.
Sono in garanzia:
a) le spese per l’intervento di un legale in sede
giudiziale, sia civile che penale, o in sede
stragiudiziale, comprese quindi le spese per
la costituzione di parte civile;
b) le spese peritali (compresi medici e accertatori) per l’opera prestata in sede giudiziale,
sia civile che penale, o in sede stragiudiziale;
c) le spese per la difesa penale del Conducente
(se autorizzato) per reato colposo o contravvenzione conseguenti all’uso del veicolo per
tutti i gradi del giudizio anche dopo eventuale tacitazione della o delle parti lese, purché
non promossi su impugnazione dell’Assicurato;
d) le spese necessarie al dissequestro del veicolo assicurato, in caso di sequestro disposto a
fini probatori dell’Autorità giudiziaria (sempreché il provvedimento sia conseguente a
incidente stradale) ivi comprese le spese di
custodia; queste ultime, se dovute in base alle
vigenti disposizioni penali, fino alla concorrenza di € 600,00 per sinistro;
e) a condizione che la causa sia stata autorizzata dall’Impresa, le spese processuali a carico
dell’Assicurato in caso di soccombenza totale
o reciproca e di compensazione per qualunque motivo, comprese quelle che l’Assicurato sia tenuto a rimborsare alla controparte a
seguito di transazione anch’essa autorizzata
dall’Impresa.
Q.2 ESCLUSIONI. – La garanzia non comprende:
– le spese sostenute nei casi in cui è ammessa
la procedura sul risarcimento diretto prevista
dall’art. 149 della legge;
– le multe, le ammende e le sanzioni amministrative e pecuniarie di qualsiasi genere;
– le spese di giustizia penale;
34 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
– gli oneri fiscali (bollature documenti, spese
di registrazione di sentenze ed atti in genere,
ecc.).
L’assicurazione non è operante:
– per le controversie aventi ad oggetto sinistri
gestiti dall’Impresa per conto della Compagnia del responsabile, in applicazione della
normativa sul risarcimento diretto (D.P.R.
18/7/2006 N. 254, in attuazione degli artt. 149
e 150 della legge);
– se il veicolo assicurato non è coperto dall’assicurazione obbligatoria della Responsabilità
Civile da circolazione;
– nel caso di controversia promossa contro
l’Assicurato da un trasportato, se il trasporto
non è effettuato in conformità alle disposizioni vigenti ed alle indicazioni della carta di
circolazione;
– se il Conducente del veicolo non è abilitato
alla guida a norma delle disposizioni in vigore o se viene imputato di guida in stato di
ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche o di sostanze stupefacenti, o di
inosservanza dell’obbligo di fermarsi e di
prestare assistenza a persona investita, salvo
il caso di successivo proscioglimento od assoluzione;
– in relazione a fatti derivanti da partecipazione a gare o competizioni sportive e relative
prove ed allenamenti;
– per le controversie di natura contrattuale nei
confronti dell’assicuratore R.C.A. del veicolo
assicurato.
Q.3 DENUNCIA DEL CASO ASSICURATIVO E
LIBERA SCELTA DEL LEGALE.
1. L’Assicurato deve immediatamente denunciare all’Impresa o ad ARAG qualsiasi caso assicurativo nel momento in cui si è verificato
e/o ne abbia avuto conoscenza.
2. In ogni caso deve fare pervenire alla Direzione generale dell’Impresa o ad ARAG notizia
di ogni atto a lui notificato, entro 3 giorni dalla data della notifica stessa.
3. L’Assicurato ha il diritto di scegliere liberamente il legale cui affidare la tutela dei propri interessi, iscritto presso il foro ove ha
sede l’Ufficio giudiziario competente per la
controversia, indicandolo all’Impresa o ad
ARAG contemporaneamente alla denuncia
del caso assicurativo.
4. Se l’Assicurato non fornisce tale indicazione, l’Impresa o Arag lo invita a scegliere il
proprio legale e, nel caso in cui l’Assicurato
non vi provveda, può nominare direttamente
il legale, al quale l’Assicurato deve conferire
mandato.
5. L’Assicurato ha comunque il diritto di sceglie-
re liberamente il proprio legale nel caso di
conflitto di interessi con l’Impresa o ARAG;
6. È previsto l’intervento di un unico legale, territorialmente competente, per ogni grado di
giudizio.
Q.4 GESTIONE DEL CASO ASSICURATIVO.
1. Ricevuta la denuncia del caso assicurativo,
ARAG, attraverso il legale scelto liberamente
dall’Assicurato o il legale scelto dalla stessa, si
adopera per realizzare un bonario componimento della controversia.
2. Ove ciò non riesca, se le pretese dell’Assicurato presentino possibilità di successo ed in
ogni caso quando sia necessaria la difesa in
sede penale, la pratica viene trasmessa al legale scelto nei termini dell’art. Q.3 - Denuncia del caso assicurativo e libera scelta del
legale.
3. La garanzia assicurativa viene prestata anche
per ogni grado superiore di procedimento
sia civile che penale se l’impugnazione presenta possibilità di successo.
4. L’Assicurato non può addivenire direttamente con la controparte ad alcuna transazione
della vertenza, né in sede extragiudiziaria né
in sede giudiziaria, senza preventiva autorizzazione di ARAG.
5. L’eventuale nomina di consulenti tecnici di
parte e di periti deve essere concordata con
ARAG.
6. Né Impresa né ARAG sono responsabili
dell’operato di legali, consulenti tecnici e periti.
7. In caso di conflitto di interessi o di disaccordo in merito alla gestione dei casi assicurativi
tra l’Assicurato e l’Impresa o ARAG, la decisione può venire demandata, salva la facoltà
di adire le vie giudiziarie, ad un arbitro che
decide secondo equità, designato di comune
accordo dalle parti o, in mancanza di accordo, dal Presidente del tribunale competente
a norma del codice di procedura civile. Ciascuna delle parti contribuisce alla metà delle
spese arbitrali, quale che sia l’esito dell’arbitrato.
L’Impresa avverte l’Assicurato del suo diritto
di avvalersi di tale procedura.
Q.5FORNITURA DEI MEZZI DI PROVA E DEI
DOCUMENTI OCCORRENTI ALLA PRESTAZIONE DELLA GARANZIA ASSICURATIVA. – Se l’Assicurato richiede la copertura assicurativa è tenuto a:
• informare immediatamente l’Impresa o
ARAG in modo completo e veritiero di tutti i particolari del caso assicurativo, nonché
indicare i mezzi di prova e documenti e, su
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
richiesta, metterli a disposizione;
• conferire mandato al legale incaricato della
tutela dei suoi interessi, nonché informarlo
in modo completo e veritiero su tutti i fatti,
indicare i mezzi di prova, fornire ogni possibile informazione e procurare i documenti
necessari.
Q.6 PAGAMENTI – RECUPERO DI SOMME.
1. Spettano integralmente all’Assicurato i risarcimenti ottenuti ed in genere le somme recu-
35 di 55
perate o comunque corrisposte dalla controparte a titolo di capitale ed interessi.
3. Spettano invece al ARAG, che li ha sostenuti o
anticipati, gli onorari, le competenze e le spese liquidate in sede giudiziaria o concordate
transattivamente e/o stragiudizialmente.
Q.7 ESTENSIONE TERRITORIALE.
La copertura assicurativa è operante nell’ambito
territoriale per la quale è valida l’assicurazione della responsabilità civile obbligatoria cui si riferisce.
R. SERVIZIO ASSISTENZA DI “STRADA SICURA”
Formula base più
DEFINIZIONI
I seguenti vocaboli, usati in polizza, significano:
– «Assicurato»: il conducente del veicolo purché
autorizzato all’uso dello stesso, nonché, per le
prestazioni previste agli artt. R.5, R.6, R.7, R.9,
R.12, R.13, R.18 e R.21, le persone trasportate a
bordo del veicolo stesso;
– «Struttura Organizzativa»: è la struttura di
IMA Italia Assistance S.p.A. - Piazza Indro Montanelli, 20 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - costituita da: medici, tecnici, operatori, in funzione
24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, che, in virtù
di specifica convenzione sottoscritta con l’Impresa, provvede, per incarico di quest’ultima, al
contatto telefonico con l’Assicurato ed organizza
ed eroga, con costi a carico dell’Impresa stessa, le
prestazioni previste in polizza;
– «Guasto»: danno subito dal veicolo, per usura,
difetto, rottura, mancato funzionamento di sue
parti, tale da rendere impossibile per l’Assicurato
l’utilizzo dello stesso in condizioni normali;
– «Incidente»: l’evento connesso con la circolazione del veicolo, dovuto a caso fortuito, imperizia,
negligenza, inosservanza di norme o regolamenti, connesso con la circolazione stradale, che provoca al veicolo danni tali da renderne impossibile
l’utilizzo in condizioni normali;
– «Prestazione»: l’assistenza cioè l’aiuto che deve
essere fornito dall’Impresa, tramite la Struttura
Organizzativa, all’Assicurato che si trovi in difficoltà a causa di sinistro;
– «Residenza»: il luogo in cui la persona ha la dimora abituale;
– «Sinistro»: guasto, incidente, incendio, furto tentato / parziale / consumato, rapina o infortunio,
che colpisca nel corso della durata del contratto
il veicolo e/o l’Assicurato e determini la richiesta
delle prestazioni pattuite.
CONDIZIONI GENERALI
R.1 OGGETTO DELLA GARANZIA. – L’Impresa
si obbliga a mettere ad immediata disposizione
dell’Assicurato, entro i limiti convenuti alle singole prestazioni, un aiuto nel caso in cui questi
venga a trovarsi in difficoltà a seguito del verificarsi di uno degli eventi fortuiti previsti. Tale
aiuto consiste in prestazioni in natura che sono
materialmente erogate per il tramite di “IMA
Italia Assistance S.p.A.” con la quale l’Impresa
ha stipulato apposito contratto.
Tutte le prestazioni sottoriportate sono operanti
per eventi connessi direttamente all’utilizzo del
veicolo.
R.2 ESCLUSIONI – DELIMITAZIONI - RIVALSA. – Ferme restando le esclusioni riportate
nelle singole garanzie, valgono inoltre le seguenti condizioni:
a) Le prestazioni sono fornite esclusivamente a
veicoli immatricolati in Italia regolarmente
assicurati con l’Impresa con polizza RC Auto
e/o incendio e furto.
b) Nessuna prestazione è dovuta per sinistri avvenuti durante e per effetto di gare automobilistiche e motociclistiche e relative prove
ed allenamenti, stato di guerra, rivoluzione,
terremoti, fenomeni atmosferici aventi caratteristiche di calamità naturale o fenomeni di
trasmutazione del nucleo dell’atomo, radiazioni provocate dall’accelerazione artificiale
36 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
di particelle atomiche; dolo dell’Assicurato.
Le prestazioni non sono altresì fornite in quei
paesi che si trovassero in stato di belligeranza
dichiarata o di fatto.
c) Qualora l’Assicurato non usufruisca di una o
più prestazioni, l’Impresa non è tenuta a fornire indennizzi o prestazioni alternative di
alcun genere a titolo di compensazione.
d) Ogni diritto derivante dal contratto di assicurazione nei confronti dell’Impresa si prescrive entro il termine di due anni dalla data
del sinistro che ha dato origine al diritto alla
prestazione in conformità con quanto previsto all’art. 2952 c.c.
e) I veicoli superiori a m. 2.80 di altezza potrebbero creare difficoltà nello svolgimento
della prestazione, per cui la stessa potrebbe
non essere erogata.
f) Le prestazioni non saranno fornite alle persone trasportate a bordo del veicolo, se il trasporto non sarà effettuato in conformità alle
disposizioni vigenti ed alle indicazioni della
carta di circolazione.
g) IMA Italia Assistance S.p.A. e l’Impresa si riservano il diritto di rivalsa per somme indebitamente pagate in conseguenza di un atto
doloso compiuto dall’Assicurato o in caso del
mancato pagamento del premio.
h) Per tutto quanto non è espressamente disciplinato nella presente “Servizio Assistenza”
si applicano le disposizioni della legge.
R.3 ESTENSIONE TERRITORIALE:
a) Per le prestazioni agli assicurati:
– paesi per i quali è valida la polizza e i seguenti paesi non previsti dalla carta verde: Cipro
(per le parti geografiche che non sono sotto
il controllo del Governo della Repubblica di
Cipro), Armenia, Azerbaigian, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Tagikistan,
Turkmenistan, Uzbekistan, Algeria, Egitto,
Giordania, Libano e Siria.
b)Per le prestazioni al veicolo:
– paesi per i quali è valida la polizza. (In caso
di sinistro avvenuto nei Paesi, non previsti
dalla carta verde e sopra indicati, l’Impresa
provvederà successivamente a rimborsare le
spese sostenute nei limiti di quanto previsto
dalle singole prestazioni).
R.4 ECCEDENZE SUI LIMITI DELLE SINGOLE
PRESTAZIONI. – È possibile erogare prestazioni eccedenti i massimali fissati per ognuna
di esse a condizione che l’Assicurato fornisca
adeguate garanzie. L’erogazione avverrà, comunque, compatibilmente con le disposizioni,
in materia di trasferimento di valuta, vigenti in
Italia e nel paese dove momentaneamente si tro-
va l’Assicurato e sarà considerata, per la parte
eccedente i massimali pattuiti per ogni prestazione, un anticipo.
L’Assicurato dovrà provvedere al rimborso della somma prestata entro 30 giorni dalla data
dell’erogazione.
GARANZIE
Servizio di assistenza alle persone
ferite
R.5RIENTRO SANITARIO. – (Prestazione operante a oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato) –
Qualora a seguito di infortunio connesso con la
circolazione del veicolo, le condizioni dell’Assicurato, accertate tramite contatti diretti e/o con
altri mezzi di telecomunicazione, tra i medici
della Struttura Organizzativa ed il medico curante sul posto, rendano necessario il suo trasporto in un ospedale attrezzato in Italia o alla
sua residenza in Italia, la Struttura Organizzativa provvederà ad effettuare il trasporto con il
mezzo che i medici della stessa ritengono più
idoneo alle condizioni dell’Assicurato:
– aereo sanitario;
– aereo di linea classe economica, eventualmente barellato;
– treno prima classe e, occorrendo, il vagone
letto;
– autoambulanza (senza limiti di chilometraggio).
Il trasporto è interamente organizzato dalla
Struttura Organizzativa ed effettuato con costi
a carico dell’Impresa, inclusa l’assistenza medica od infermieristica durante il viaggio, se ritenuta necessaria dai medici della Struttura Organizzativa stessa. La Struttura Organizzativa
utilizzerà l’aereo sanitario esclusivamente nel
caso di sinistri verificatisi in paesi europei.
Non danno luogo alla prestazione le infermità o
lesioni che a giudizio dei medici della Struttura
Organizzativa possono essere curate sul posto o
che non impediscono all’Assicurato di proseguire il viaggio.
La garanzia non è operante nel caso in cui l’Assicurato si dimetta dall’ospedale contro il parere dei sanitari che lo hanno in cura.
R.6RIENTRO CON UN FAMILIARE. – (Prestazione operante a oltre 50 Km dalla residenza
dell’Assicurato) – Qualora, in caso di “Rientro
sanitario” in base alle condizioni di cui al precedente art. R.5, i medici della Struttura Organizzativa non ritengano necessaria l’assistenza
medica o infermieristica durante il viaggio, la
Struttura Organizzativa fa rientrare con lo stesso mezzo utilizzato per l’Assicurato un familia-
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
re dello stesso, presente sul posto.
L’Impresa terrà a proprio carico il relativo costo.
Sono escluse le spese di soggiorno del familiare.
R.7 TRASFERIMENTO IN UN CENTRO OSPEDALIERO ATTREZZATO – (Prestazione
operante a oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato) – Qualora l’Assicurato a seguito di
infortunio connesso con la circolazione del
veicolo, abbia subito lesioni giudicate non curabili nell’ambito dell’organizzazione ospedaliera della Regione di sua residenza dai medici
della Struttura Organizzativa, previo accertamento delle sue condizioni e del quadro clinico d’intesa con il medico curante, la Struttura
Organizzativa provvederà, con costi a carico
dell’Impresa:
– ad individuare e a prenotare, tenuto conto
delle disponibilità esistenti, l’istituto di cura
italiano ritenuto più opportuno per la patologia dell’Assicurato;
– ad organizzare il trasporto dell’Assicurato
con il mezzo più idoneo alle sue condizioni:
– aereo sanitario;
– aereo di linea classe economica, eventualmente barellato;
– treno prima classe, e, occorrendo, il vagone
letto;
– autoambulanza, senza limiti di percorso;
– ad assistere l’Assicurato durante il trasporto
con personale medico o infermieristico se ritenuto necessario dai medici della Struttura
Organizzativa.
Non danno luogo alla prestazione le lesioni che
a giudizio dei medici possono essere curate
presso l’unità ospedaliera della Regione di residenza dell’Assicurato, nonché le terapie riabilitative.
R.8 CONSULENZA MEDICA. – Qualora a seguito
di infortunio connesso con la circolazione del
veicolo, l’Assicurato necessiti di una consulenza
medica, può mettersi in contatto direttamente o
tramite il proprio medico curante con i medici
della Struttura Organizzativa che valuteranno
quale sia la prestazione medica più opportuna
da effettuare in suo favore.
R.9 INVIO DI UN MEDICO GENERICO IN ITALIA. – Qualora, a seguito di infortunio connesso con la circolazione del veicolo, l’Assicurato,
in Italia, necessiti di un medico dalle ore 20 alle
ore 8 o nei giorni festivi e non riesca a reperirlo, la Struttura Organizzativa, accertata la necessità della prestazione, provvederà ad inviare
a spese dell’Impresa uno dei medici convenzionati.
In caso di impossibilità da parte di uno dei me-
37 di 55
dici convenzionati ad intervenire personalmente, la Struttura Organizzativa organizzerà, in
via sostitutiva, il trasferimento dell’Assicurato
nel centro medico idoneo più vicino mediante
autoambulanza.
R.10 VIAGGIO DI UN FAMILIARE – (Prestazione
operante a oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato) – Qualora a seguito di infortunio
connesso con la circolazione del veicolo, l’Assicurato, sia ricoverato in un ospedale o in un
istituto di cura ed i medici ritengano che non
sia trasferibile prima di dieci giorni, la Struttura Organizzativa metterà a disposizione di un
familiare dell’Assicurato, residente in Italia, un
biglietto aereo (classe economica) o ferroviario
(prima classe) di andata e ritorno, per consentirgli di recarsi presso l’Assicurato ricoverato.
Sono escluse le spese di soggiorno del familiare.
R.11 SPESE MEDICHE – (Prestazione operante a
oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato) – In
caso di infortunio connesso con la circolazione
del veicolo, la Struttura Organizzativa pagherà
fino alla concorrenza di € 3.000,00 per Assicurato, le spese mediche ed ospedaliere eccedenti
le prestazioni erogate dai Servizi Sanitari Nazionali e/o da altre coperture assicurative. L’intervento della Struttura Organizzativa relativo
alle suddette spese assumerà carattere di anticipo per la parte di esse che risultino coperte da
contratto di assicurazione.
R.12 RIENTRO SALMA – (Prestazione operante
a oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato)
– Qualora, a seguito di incidente connesso con
la circolazione del veicolo, l’Assicurato sia deceduto, la Struttura Organizzativa organizzerà ed
effettuerà il trasporto della salma fino al luogo
di sepoltura in Italia, tenendo l’Impresa a proprio carico i relativi costi.
Sono escluse le spese relative alla cerimonia funebre.
Servizio di assistenza alle persone
sane
(Prestazione operante a oltre 50 Km dalla residenza
dell’Assicurato
R.13 RIENTRO ALLA RESIDENZA / PROSECUZIONE DEL VIAGGIO. – Qualora il veicolo
in conseguenza di incendio, guasto, incidente, furto tentato o parziale, rapina tentata, sia
immobilizzato per almeno 3 giorni, oppure in
caso di furto o rapina del veicolo medesimo, la
Struttura Organizzativa metterà in condizione gli Assicurati di continuare il viaggio fino
al luogo di destinazione oppure di rientrare al
38 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
luogo di residenza, mettendo a loro disposizione:
– un biglietto aereo di classe economica, ferroviario di prima classe o taxi;
oppure
– una autovettura senza autista di 1200 cc. di
cilindrata, nel rispetto delle condizioni richieste dal noleggiatore. Restano sempre a
carico dell’Assicurato le spese di carburante, i pedaggi in genere, le franchigie relative alle assicurazioni facoltative nonché ogni
eventuale eccedenza di spesa per il prolungamento del contratto di noleggio. Tali spese
potranno essere oggetto di deposito cauzionale richiesto dalla Società di autonoleggio,
e lo stesso dovrà essere versato direttamente
dall’Assicurato.
L’Impresa terrà a proprio carico il relativo costo.
Auto in sostituzione
R.14 AUTO SOSTITUTIVA (Prestazione erogata
solo in Italia). – Qualora, in conseguenza di:
a) incendio totale, furto totale e rapina totale del
veicolo;
b)guasto, incidente, incendio parziale, furto
tentato o parziale, rapina tentata o parziale
il veicolo resti immobilizzato la Struttura Organizzativa metterà a disposizione dell’Assicurato un’autovettura di 1200 cc. di cilindrata, chilometraggio illimitato, per un numero
di giorni equivalenti ai giorni lavorativi necessari alle riparazioni, fino ad un massimo
di 7 giorni per sinistro.
Tale autovettura si troverà presso un servizio di
noleggio convenzionato con la Struttura Organizzativa, secondo le disponibilità, alle condizioni e durante l’orario di apertura del servizio
stesso.
I costi sono a carico dell’Impresa.
Restano, invece, a carico dell’Assicurato le spese
di carburante, i pedaggi in genere, le franchigie relative alle assicurazioni facoltative nonché
ogni eventuale eccedenza di spesa per il prolungamento del contratto di noleggio. Tali spese
potranno essere oggetto di deposito cauzionale
richiesto dalla società di autonoleggio, e lo stesso dovrà essere versato direttamente dall’Assicurato. La prestazione non è operante per:
– immobilizzo del veicolo dovuto alle esecuzioni dei tagliandi periodici previsti dalla casa
costruttrice;
– operazioni di ordinaria manutenzione, i cui
tempi di riparazione non sono comunque cumulabili con quelli relativi al danno da riparare;
– immobilizzo di rimorchi.
Servizio di assistenza materiale relativa al veicolo
R.15 TRAINO E RECUPERO DEL VEICOLO
FUORISTRADA. – Qualora il veicolo abbia
subito un sinistro tale da renderne impossibile
l’utilizzo, la Struttura Organizzativa provvederà per il traino del veicolo stesso all’officina più
vicina in grado di procedere alle riparazioni o,
qualora l’Assicurato lo richieda, al più vicino
punto di assistenza della casa costruttrice.
Qualora in caso di sinistro il veicolo sia fuoriuscito dalla sede stradale e risulti danneggiato
in modo tale da non potervi ritornare autonomamente, la Struttura Organizzativa procurerà
direttamente all’Assicurato il mezzo di soccorso
per riportare il veicolo danneggiato nell’ambito
della sede stradale.
L’Impresa terrà a proprio carico i relativi costi
fino ad un massimo di € 800,00 per sinistro.
L’eventuale eccedenza resta a carico dell’Assicurato, così come il costo dei pezzi di ricambio
utilizzati per effettuare le riparazioni.
Sono a carico dell’Assicurato le spese per il traino nel caso in cui il veicolo abbia subito il sinistro durante la circolazione al di fuori della rete
stradale o di aree ad esse equiparate quali per
esempio: sentieri, mulattiere, tratturi, strade
vicinali, poderali o di bonifica o altri percorsi
fuoristrada.
R.16 RIPARAZIONI SUL POSTO - (Prestazione
erogata solo in Italia). – Qualora a seguito di
guasto, il veicolo risulti danneggiato in modo
tale da non essere in condizioni di spostarsi autonomamente, la Struttura Organizzativa, valutata l’entità, il tipo di guasto e la possibilità di
effettuare la riparazione sul posto, verificherà
la disponibilità di una officina mobile nel territorio dove si è verificato il guasto ed invierà la
stessa per la riparazione.
Qualora durante l’intervento l’officina mobile
riscontrasse l’impossibilità a riparare il veicolo,
l’officina mobile stessa procederà al traino nel
rispetto della procedura prevista dalla prestazione R.15 “Traino e recupero del veicolo fuoristrada”.
L’impresa terrà a proprio carico i relativi costi. Restano a carico dell’Assicurato il costo dei
pezzi di ricambio eventualmente utilizzati per
l’intervento d’urgenza e ogni altra spesa di riparazione effettuata dal mezzo di soccorso.
R.17 VIAGGIO PER IL RECUPERO DEL VEICOLO – (Prestazione operante a oltre 50 Km dalla
residenza dell’Assicurato). – Qualora, il veicolo,
in conseguenza di incendio, guasto, incidente,
furto tentato o parziale, rapina tentata, sia ri-
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
masto immobilizzato oppure in caso di furto o
rapina sia stato ritrovato e comunque in tutti
i casi in cui il veicolo sia ritrovato in grado di
circolare autonomamente, la Struttura Organizzativa metterà a disposizione dell’Assicurato un
biglietto aereo (classe economica) o ferroviario
(prima classe) di sola andata per consentire il
recupero del veicolo riparato sul luogo del sinistro o ritrovato, tenendo l’Impresa a proprio
carico il relativo costo.
R.18 AUTISTA A DISPOSIZIONE – (Prestazione
operante a oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato). – Qualora l’Assicurato non sia in condizioni di guidare il veicolo a seguito di infortunio oppure per ritiro della patente e nessuno
degli eventuali passeggeri sia in grado di sostituirlo per ragioni obiettive, la Struttura Organizzativa metterà a disposizione un autista per
ricondurre il veicolo ed eventualmente i passeggeri fino alla città di residenza dell’Assicurato.
L’Impresa terrà a proprio carico il costo dell’autista.
Sono a carico dell’Assicurato le spese di carburante e di pedaggio (autostrade, traghetti, ecc.).
R.19 RIMPATRIO DEL VEICOLO A MEZZO
PIANALE – (Prestazione operante all’estero).
– Qualora in conseguenza di incendio, guasto,
incidente, furto tentato o parziale, rapina tentata, il veicolo risulti non riparabile sul posto,
ma riparabile in Italia, oppure in caso di furto o
rapina, il veicolo venga ritrovato in condizioni
tali da non poter essere guidato, la Struttura Organizzativa, dopo aver preso contatto con l’officina incaricata della riparazione, organizza il
trasporto del veicolo dal luogo di immobilizzo
al luogo in Italia preventivamente concordato
con l’Assicurato.
Le spese relative al trasporto stesso nonché
quelle di custodia all’estero dalla data di comunicazione del sinistro alla Struttura Organizzativa sono a carico dell’Impresa.
Le spese relative ai diritti doganali, ai costi di
riparazione o di sostituzione di parti di ricambio e di accessori sono a carico dell’Assicurato.
Qualora il valore commerciale del veicolo dopo
il sinistro risulti inferiore all’ammontare delle
spese previste per il suo trasporto in Italia, la
Struttura Organizzativa provvede al suo rimpatrio, tenendo l’Impresa a proprio carico il relativo costo fino alla concorrenza di un importo
massimo corrispondente al valore commerciale
del relitto dopo il sinistro. L’eventuale eccedenza rimane a carico dell’Assicurato.
In caso di ritrovamento dopo furto totale o rapina totale, l’Assicurato dovrà presentare alla
Struttura Organizzativa copia della denuncia
39 di 55
fatta alle autorità di polizia locali.
R.20 INVIO PEZZI DI RICAMBIO – (Prestazione
operante a oltre 50 Km dalla residenza del-l’Assicurato). – Qualora, in caso di immobilizzo del
veicolo, a seguito di sinistro, i pezzi di ricambio
necessari alla sua riparazione non siano reperibili sul posto, la Struttura
Organizzativa provvederà ad inviarli con il
mezzo più rapido fino al luogo di immobilizzo
del veicolo se in Italia o fino al luogo di sdoganamento più vicino al luogo di immobilizzo del
veicolo se all’estero, tenuto conto delle norme
locali che regolano il trasporto delle merci in
genere e delle circostanze che i pezzi di ricambio devono essere reperibili presso i concessionari ufficiali in Italia.
Il costo dei pezzi di ricambio è a carico dell’Assicurato che dovrà rimborsarlo entro 30 giorni
dalla data dell’invio, mentre il costo di ricerca e
spedizione restano a carico dell’Impresa.
R.21 SPESE D’ALBERGO – (Prestazione operante
a oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato).
– Qualora, in conseguenza di sinistro, il veicolo resti immobilizzato e ciò comporti una sosta
forzata degli Assicurati per almeno una notte,
la Struttura Organizzativa provvederà a ricercare e prenotare un albergo, tenendo l’Impresa
a proprio carico il costo di pernottamento e prima colazione fino ad un massimo di € 100,00
per Assicurato.
R.22 ANTICIPI DI DENARO – (Prestazione operante a oltre 50 Km dalla residenza dell’Assicurato). – Qualora l’Assicurato non sia in grado di
pagare le spese di riparazione del veicolo immobilizzato a seguito di sinistro, la Struttura
Organizzativa provvederà al pagamento per
conto dell’Assicurato, a titolo di anticipo e contro rilascio di adeguata garanzia e/o riconoscimento di debito da parte dello stesso.
Al momento della richiesta l’Assicurato deve
comunicare l’ammontare della cifra necessaria,
il suo recapito ed il tipo di garanzia.
La somma anticipata dovrà essere rimborsata
entro 30 giorni dalla data di anticipo, altrimenti sulla stessa verranno conteggiati gli interessi,
dalla data di anticipo al saldo al tasso legale in
vigore.
La prestazione non potrà essere eseguita se il
trasferimento di valuta all’estero comporta violazione delle disposizioni in materia vigenti in
Italia o nel paese in cui si trova l’Assicurato.
40 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Interprete o avvocato all’estero
(Prestazioni operanti all’estero)
R.23 SPESE LEGALI. – In caso di fermo, di arresto
o di minaccia di arresto dell’Assicurato in conseguenza di incidente nel quale sia stato coinvolto
il veicolo, la Struttura Organizzativa, pagherà
l’onorario di un legale fino ad un massimo di €
1.500,00 per sinistro.
R.24 INTERPRETE A DISPOSIZIONE. – Qualora, in caso di fermo, di arresto o di minaccia
d’arresto dell’Assicurato oppure in caso di ricovero in ospedale per infortunio connesso con la
circolazione del veicolo, occorso in seguito ad
incidente stradale nel quale sia stato coinvolto
il veicolo, l’Assicurato stesso necessiti di un interprete, la Struttura Organizzativa provvederà
ad inviarlo, tenendo l’Impresa a proprio carico
l’onorario fino ad un massimo di 8 ore lavorative per sinistro.
Informazioni e consigli telefonici
Dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00,
esclusi i festivi infrasettimanali, la Struttura Organizzativa, su richiesta dell’Assicurato, fornirà gratuitamente le seguenti informazioni:
– Viabilità e percorribilità autostrade e strade principali extraurbane; tempo sulle strade;
– automobilistiche (normative RC Auto, imposta di
proprietà, patente, carta di circolazione);
– turistiche (traghetti, formalità per viaggi all’estero,
itinerari, alberghi, ristoranti, musei);
– legali (codice della strada).
ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA
DI ASSISTENZA
A. Dovunque si trovi ed in qualsiasi momento, l’Assicurato potrà contattare la Struttura Organizzativa, in funzione 24 ore su 24, ai seguenti numeri:
- numero verde: 800 810 820;
- oppure: +39 02 24.128.285 per chiamate dall’Italia o dall’estero;
- oppure telefax: +39 02 24.128.245.
In ogni caso dovrà comunicare con precisione:
1. Il tipo di assistenza di cui necessita.
2. Nome e Cognome.
3. Numero di targa del veicolo.
4. Indirizzo del luogo in cui si trova.
5. Il recapito telefonico dove la Struttura Organizzativa provvederà a richiamarlo nel corso dell’assistenza.
Per la conclusione dell’assistenza la Struttura
Organizzativa potrà richiedere all’Assicurato gli
ORIGINALI (non le fotocopie) dei giustificativi,
fatture, ricevute delle spese eventualmente sostenute ed autorizz ate dalla Struttura Organizzativa stessa.
L’intervento dovrà sempre essere richiesto alla
Struttura Organizzativa che interverrà direttamente o ne dovrà autorizzare esplicitamente l’effettuazione.
Il diritto ad ottenere assistenza decade qualora
l’Assicurato non prenda contatto con la Struttura
Organizzativa nel momento in cui si verifica il
sinistro.
Tuttavia, l’Impresa, nei limiti previsti dalle singole prestazioni, rimborserà all’Assicurato le spese
da questi sostenute nei casi in cui:
– siano esplicitamente autorizzate dalla Struttura Organizzativa;
– siano conseguenti ad interventi disposti dalle
pubbliche autorità;
– lo stesso sia stato trasportato al Pronto Soccorso.
In tali casi l’Assicurato dovrà produrre opportuna documentazione presentando dichiarazione
scritta che denuncia all’Impresa il motivo per il
quale non ha potuto contattare la Struttura Organizzativa ed allegando alla stessa:
– in caso di autorizzazione, il numero di sinistro
comunicato dalla Struttura Organizzativa;
– in caso di intervento autorità, copia del verbale di intervento delle forze dell’ordine o, in
mancanza, opportuna annotazione in fattura
dell’autosoccorritore che dichiara di aver ricevuto l’incarico dalle forze dell’ordine intervenute sul posto;
– in caso di trasporto d’urgenza, copia del certificato di ricovero rilasciato dal pronto soccorso;
– giustificativi di spese in originale (fatture, ricevute fiscali, scontrini, ecc.).
B. Qualora sia richiamata in contratto la clausola
244, o 244/245 o 344 e si verifichino le condizioni necessarie per l’inoltro automatizzato della
segnalazione di allarme crash, dettagliate all’interno delle Condizioni Generali del contratto di
abbonamento ai Servizi Octo Telematics Italia
S.r.l. sottoscritto dal Contraente al momento del
perfezionamento del presente contratto o del suo
ultimo rinnovo, le prestazioni di soccorso stradale del veicolo saranno fornite in automatico dalla
Struttura Organizzativa; sarà infatti quest’ultima
a provvedere al contatto telefonico utilizzando, se
necessario, tutti i numeri di cellulare forniti dal
Contraente (eventuali numeri di rete fissa, saranno utilizzati solo nel caso in cui il Contraente sia
una Società).
Una volta effettuato il contatto ed avuto conferma
della necessità del soccorso stradale, la Struttura
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Organizzativa provvederà per il traino del veicolo inviando sul posto apposito mezzo di soccorso;
nel caso in cui il cliente non dovesse rispondere
alla chiamata o il/i cellulare/i indicati dal Contraente fossero spenti/non raggiungibili o i numeri
dichiarati in contratto fossero errati, la Struttura
Organizzativa provvederà comunque ad attivare
la prestazione di soccorso stradale del veicolo.
Ogni prestazione sarà confermata dall’invio di
apposito sms (qualora il cliente non fosse raggiungibile e/o si verificassero problemi nella localizzazione del veicolo, l’sms riporterà l’indicazione
di contattare la Struttura Organizzativa in caso di
necessità).
L’Assicurato, in qualsiasi momento, potrà comunque attivare le prestazioni pattuite seguendo le
istruzioni di cui al precedente punto A).
Formula estesa più
Oltre a tutto quanto riportato nella “Formula base
più”, sono operanti le seguenti prestazioni:
R.25 AUTODEMOLIZIONE IN ITALIA. – Qualora l’Assicurato, a seguito di sinistro, in ottemperanza alle disposizioni di legge vigenti (D.P.R.
915 del 10.09.82 art. 15; nuovo codice della strada D.lgs. n. 285 del 30.04.92 art. 103; D.lgs. n.
22 del 05.02.1997 art. 46), debba procedere alla
demolizione del veicolo ed alla sua cancellazione al P.R.A., la Struttura Organizzativa entro 15
giorni dalla richiesta dell’Assicurato organizzerà, con costi a carico dell’Impresa:
a) il recupero del veicolo, previo appuntamento
con l’Assicurato;
b) il trasporto del veicolo al Centro di
Demolizione autorizzato;
c) il rilascio all’Assicurato o a terzi incaricati
dallo stesso, all’atto del ritiro, delle idonee
dichiarazioni a norma di legge;
d) l’invio all’Assicurato da parte del centro
di demolizione, a mezzo raccomandata A.R.,
dei certificati di avvenute demolizione e cancellazione al P.R.A.
Qualora il veicolo sia stato assoggettato ad
asportazioni di parti e/o danneggiamenti tali
da richiedere l’intervento di mezzi eccezionali
(quali autogrù, ecc.) per il suo recupero, l’Assicurato, all’atto della richiesta della prestazione,
dovrà darne immediata segnalazione alla Struttura Organizzativa, la relativa maggiorazione
di costo per l’intervento del mezzo eccezionale
resta a carico dell’Assicurato che dovrà provvedere direttamente al pagamento.
41 di 55
Nel caso in cui lo stato del veicolo non sia segnalato tempestivamente e all’atto del suo recupero
si rilevi la necessità dell’utilizzo di un mezzo
eccezionale (quali autogrù, ecc.) il costo della
seconda uscita rimane a totale carico dell’Assicurato che dovrà provvedere direttamente al
pagamento.
L’Assicurato deve produrre, contestualmente
alla consegna del veicolo di cui al precedente
punto a), la seguente documentazione:
a) ricevuta di pagamento degli eventuali costi di deposito del veicolo relativi sia ai giorni
antecedenti la richiesta dell’Assicurato alla
Struttura Organizzativa che ai successivi 15
giorni;
b) libretto di circolazione in originale;
c) foglio complementare o certificato di proprietà in originale;
d) targhe veicolo;
in caso di assenza di uno o più dei suddetti
documenti, di cui ai punti b), c) e/o d), l’Assicurato deve produrre l’originale della denuncia sostitutiva e/o il verbale di ritiro, rilasciati
dalle Autorità competenti e copia dell’estratto cronologico rilasciato dal P.R.A.;
e) codice fiscale (fotocopia);
f) documento di riconoscimento valido dell’intestatario al P.R.A. (fotocopia carta d’identità
o equivalente);
g) documento di riconoscimento valido dell’incaricato alla consegna del veicolo, qualora
questi sia diverso dell’intestatario al P.R.A.
(fotocopia).
R.26 ABBANDONO LEGALE DEL VEICOLO
ALL’ESTERO. – Qualora, il valore commerciale del veicolo, dopo il sinistro, risultasse inferiore all’ammontare delle spese previste per il
suo trasporto in Italia, la Struttura Organizzativa dietro richiesta dell’Assicurato, provvederà,
compatibilmente con le disposizioni locali, al
suo abbandono legale in loco, tenendo l’Impresa a proprio carico i relativi costi, sia amministrativi che organizzativi. Restano a carico
dell’Assicurato i costi per la documentazione
eventualmente necessaria al disbrigo delle pratiche inerenti la perdita di possesso e tutti gli
altri documenti da richiedersi in Italia a cura
dell’Assicurato stesso.
R.27 RICHIESTA DOCUMENTI IN CASO DI
FURTO TOTALE DEL VEICOLO. – Qualora,
a seguito di furto totale del veicolo, l’Assicurato
desideri avvalersi della Struttura Organizzativa
per la richiesta dei seguenti documenti:
– estratto cronologico generale o storico;
– perdita di possesso;
potrà contattare la Struttura Organizzativa stes-
42 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
sa comunicando la targa del veicolo ed inviando
la fotocopia della ricevuta di denuncia rilasciata
all’Assicurato dall’autorità competente.
In seguito la Struttura Organizzativa tramite i
propri incaricati, provvederà a richiedere agli
uffici preposti i citati documenti ed una volta
ottenuti li invierà all’Assicurato.
La Struttura Organizzativa potrà richiedere
all’Assicurato – e lo stesso è tenuto a fornirla
integralmente – eventuale ulteriore documentazione ritenuta necessaria alla conclusione
dell’assistenza quale: fotocopia della carta di
circolazione, certificato di proprietà, codice
fiscale o partita IVA dell’intestatario al P.R.A.
L’Impresa terrà direttamente a proprio carico i
relativi costi.
R.28 AUTO SOSTITUTIVA – (Prestazione operante
solo in Italia). – Qualora, in conseguenza di:
a) incendio totale, furto totale e rapina totale del
veicolo;
b)
guasto, incidente, incendio parziale, furto
tentato o parziale, rapina tentata o parziale il
veicolo resti immobilizzato
la Struttura Organizzativa metterà a disposizione dell’Assicurato, un’autovettura di pari categoria a quella assicurata fino ad un massimo di
2000 cc. (classificazione internazionale delle società di autonoleggio) chilometraggio illimitato,
per:
– un numero di giorni equivalenti ai giorni
lavorativi necessari alle riparazioni per un
massimo di 7 giorni per sinistro, in caso di
immobilizzo dovuto agli eventi indicati al
punto b);
– 30 giorni per sinistro e con percorrenza illimitata, in conseguenza degli eventi indicati
al punto a).
Tale autovettura si troverà presso un servizio di
noleggio convenzionato con la Struttura Organizzativa, secondo le disponibilità, alle condizioni e durante l’orario di apertura del sevizio
stesso.
I costi sono a carico dell’Impresa.
Restano, invece, a carico dell’Assicurato le spese
di carburante, i pedaggi in genere, le franchigie relative alle assicurazioni facoltative nonché
ogni eventuale eccedenza di spesa per il prolungamento del contratto di noleggio. Tali spese
potranno essere oggetto di deposito cauzionale
richiesto dalla società di autonoleggio, e lo stesso dovrà essere versa-to direttamente dall’Assicurato.
La prestazione non è operante per:
– immobilizzo del veicolo dovuto alle esecuzioni dei tagliandi periodici previsti dalla casa
costruttrice;
– operazioni di ordinaria manutenzione, i cui
tempi di riparazione non sono comunque cumulabili con quelli relativi al danno da riparare;
– immobilizzo del rimorchio.
Formula base
Vale tutto quanto riportato nella “Formula base
più”, ad eccezione dell’articolo R.14 che si intende
così modificato:
AUTO SOSTITUTIVA (Prestazione erogata solo in
Italia). – Qualora, in conseguenza di:
a) incendio totale, furto totale e rapina totale del veicolo;
b) guasto, incidente, incendio parziale, furto tentato
o parziale, rapina tentata o parziale il veicolo resti immobilizzato e ciò comporti una riparazione
che richieda oltre 8 ore di manodopera avallate
dai tempari ufficiali della casa costruttrice
la Struttura Organizzativa metterà a disposizione
dell’Assicurato un’autovettura di 1200 cc. di cilindrata, chilometraggio illimitato, per un numero di giorni equivalenti ai giorni lavorativi necessari alle riparazioni, fino ad un massimo di 7 giorni per sinistro.
Tale autovettura si troverà presso un servizio di noleggio convenzionato con la Struttura Organizzativa,
secondo le disponibilità, alle condizioni e durante
l’orario di apertura del servizio stesso.
I costi sono a carico dell’Impresa.
Restano, invece, a carico dell’Assicurato le spese di
carburante, i pedaggi in genere, le franchigie relative alle assicurazioni facoltative nonché ogni eventuale eccedenza di spesa per il prolungamento del
contratto di noleggio. Tali spese potranno essere oggetto di deposito cauzionale richiesto dalla società di
autonoleggio, e lo stesso dovrà essere versato direttamente dall’Assicurato.
La prestazione non è operante per:
– immobilizzo del veicolo dovuto alle esecuzioni
dei tagliandi periodici previsti dalla casa costruttrice;
– operazioni di ordinaria manutenzione, i cui tempi di riparazione non sono comunque cumulabili
con quelli relativi al danno da riparare;
– immobilizzo di rimorchi.
Formula estesa
Vale tutto quanto riportato nella “Formula estesa
più”, ad eccezione dell’articolo R.28 che si intende
così modificato:
AUTO SOSTITUTIVA (Prestazione operante solo in
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
Italia). – Qualora, in conseguenza di:
a) incendio totale, furto totale e rapina totale del veicolo;
b) guasto, incidente, incendio parziale, furto tentato
o parziale, rapina tentata o parziale il veicolo resti immobilizzato e ciò comporti una riparazione
che richieda oltre 8 ore di manodopera avallate
dai tempari ufficiali della casa costruttrice,
la Struttura Organizzativa metterà a disposizione
dell’Assicurato, un’autovettura di pari categoria
a quella assicurata fino ad un massimo di 2000 cc.
(classificazione internazionale delle società di autonoleggio) a chilometraggio illimitato, per:
– un numero di giorni equivalenti ai giorni lavorativi necessari alle riparazioni per un massimo
di 7 giorni per sinistro, in caso di immobilizzo
dovuto agli eventi indicati al punto b);
– 30 giorni per sinistro e con percorrenza illimitata,
in conseguenza degli eventi indicati al punto a).
Tale autovettura si troverà presso un servizio di noleggio convenzionato con la Struttura Organizzativa,
43 di 55
secondo le disponibilità, alle condizioni e durante
l’orario di apertura del sevizio stesso.
I costi sono a carico dell’Impresa.
Restano, invece, a carico dell’Assicurato le spese di
carburante, i pedaggi in genere, le franchigie relative alle assicurazioni facoltative nonché ogni eventuale eccedenza di spesa per il prolungamento del
contratto di noleggio. Tali spese potranno essere oggetto di deposito cauzionale richiesto dalla società di
autonoleggio, e lo stesso dovrà essere versato direttamente dall’Assicurato.
La prestazione non è operante per:
– immobilizzo del veicolo dovuto alle esecuzioni
dei tagliandi periodici previsti dalla casa costruttrice;
– operazioni di ordinaria manutenzione, i cui tempi di riparazione non sono comunque cumulabili
con quelli relativi al danno da riparare;
– immobilizzo del rimorchio.
S. ASSISTENZA FORMULA UNIBOX “STRADA SICURA”
DEFINIZIONI
Restano valide le definizioni previste per la “Formula
base più” ad eccezione di:
– “Guasto”: che si intende abrogata;
– “Sinistro” che si intende così modificata: incidente che colpisca nel corso della durata del contratto
il veicolo e determini la richiesta delle prestazioni
pattuite.
Condizioni generali
Veicoli assicurabili - Autovetture e Autoveicoli
per trasporto promiscuo di cui all’Art. 54 1°
comma lettera a) e c) del C.d.S.
S.1 OGGETTO DELLA GARANZIA. – L’Impresa
si obbliga a mettere ad immediata disposizione
dell’Assicurato, entro i limiti convenuti alle singole prestazioni, un aiuto nel caso in cui questi
venga a trovarsi in difficoltà a seguito del verificarsi di uno degli eventi fortuiti previsti. Tale
aiuto consiste in prestazioni in natura che sono
materialmente erogate per il tramite di “IMA
Italia Assistance S.p.A.” con la quale l’Impresa
ha stipulato apposito contratto.
Le prestazioni sotto riportate sono operanti per
il veicolo sul quale è stato installato il contatore
satellitare UNIBOX (come da clausole 244 o 344)
e per eventi connessi direttamente all’utilizzo
del veicolo.
S.2 ESCLUSIONI - DELIMITAZIONI - RIVALSA. – Resta valido quanto previsto per la “Formula base più” punto R.2.
S.3ESTENSIONE TERRITORIALE. – Paesi per
i quali è valida la polizza. (In caso di sinistro
avvenuto nei seguenti Paesi, non previsti dalla
carta verde:
Cipro (per le parti geografiche che non sono
sotto il controllo del Governo della Repubblica di Cipro), Armenia, Azerbaigian, Georgia,
Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Tagikistan,
Turkmenistan, Uzbekistan, Algeria, Egitto,
Giordania, Libano e Siria, l’Impresa provvederà
successivamente a rimborsare le spese sostenute nei limiti di quanto previsto dalle singole prestazioni).
S.4ECCEDENZE SUI LIMITI DELLE SINGOLE
PRESTAZIONI. – Resta valido quanto previsto
per la “Formula base più”.
PRESTAZIONI
S.5TRAINO E RECUPERO DEL VEICOLO
FUORISTRADA. – Qualora il veicolo abbia
subito un incidente da circolazione tale da renderne impossibile l’utilizzo, la Struttura Organizzativa provvederà per il traino del veicolo
44 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
stesso all’officina più vicina in grado di procedere alle riparazioni o, qualora l’Assicurato lo
richieda, al più vicino punto di assistenza della
casa costruttrice; l’Impresa terrà a proprio carico i relativi costi fino ad un massimo di € 600,00
per sinistro.
Qualora in caso di incidente da circolazione il
veicolo sia fuoriuscito dalla sede stradale e risulti danneggiato in modo tale da non potervi
ritornare autonomamente, la Struttura Organizzativa procurerà direttamente all’Assicurato il mezzo di soccorso per riportare il veicolo
danneggiato nell’ambito della sede stradale;
l’Impresa terrà a proprio carico i relativi costi
fino ad un massimo di € 1.000,00 per sinistro.
L’eventuale eccedenza resta a carico dell’Assicurato, così come il costo dei pezzi di ricambio
utilizzati per effettuare le riparazioni.
Sono a carico dell’Assicurato le spese per il traino nel caso in cui il veicolo abbia subito il sinistro durante la circolazione al di fuori della rete
stradale o di aree ad esse equiparate quali per
esempio: sentieri, mulattiere, tratturi, strade
vicinali, poderali o di bonifica o altri percorsi
fuoristrada.
matics Italia S.r.l. sottoscritto dal Contraente al momento del perfezionamento del presente contratto
o del suo ultimo rinnovo, le prestazioni di soccorso
stradale del veicolo saranno fornite in automatico
dalla Struttura Organizzativa; sarà infatti quest’ultima a provvedere al contatto telefonico utilizzando,
se necessario, tutti i numeri di cellulare forniti dal
Contraente (eventuali numeri di rete fissa, saranno
utilizzati solo nel caso in cui il Contraente sia una
Società).
Una volta effettuato il contatto ed avuto conferma
della necessità del soccorso stradale, la Struttura Organizzativa provvederà per il traino del veicolo
inviando sul posto apposito mezzo di soccorso; nel
caso in cui il cliente non dovesse rispondere alla chiamata o il/i cellulare/i indicati dal Contraente fossero spenti/non raggiungibili o con numeri errati, la
Struttura Organizzativa provvederà comunque ad
attivare la prestazione di soccorso stradale del veicolo.
ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA
DI ASSISTENZA
Ogni prestazione sarà confermata dall’invio di apposito sms (qualora il cliente non fosse raggiungibile
e/o si verificassero problemi nella localizzazione del
veicolo, l’sms riporterà l’indicazione di contattare la
Struttura Organizzativa).
Qualora si verifichino le condizioni necessarie per
l’inoltro automatizzato della segnalazione di allarme, dettagliate all’interno delle Condizioni generali
del contratto di abbonamento ai Servizi Octo Tele-
L’Assicurato, in qualsiasi momento, potrà comunque
attivare le prestazioni pattuite seguendo le indicazioni riportate nel punto A) delle pari istruzioni della
“Formula base più”.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
45 di 55
T. SERVIZI UNIBOX “STRADA SICURA”
UNIBOX in comodato
CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE
valida esclusivamente su autovetture e autoveicoli per trasporto promiscuo di cui all’art.
54, I° comma, lettera a) e c) del nuovo Codice
della Strada ed a condizione che siano richiamate, nel contratto, la clausola n. 244 (Formula FULL) o 244/245 (Formula TOP) ed una delle
seguenti garanzie di assistenza:
- “servizio assistenza Formula base di Strada
Sicura”;
- “servizio assistenza Formula base più di
Strada Sicura”;
- “servizio assistenza Formula estesa di Strada Sicura”;
- “servizio assistenza Formula estesa più di
Strada Sicura”;
- “assistenza Formula Unibox Strada Sicura”.
T.1 Fatto salvo quanto indicato in premessa,
tra le Parti si conviene quanto segue:
FORMULA FULL
a) Il Contraente, per usufruire delle riduzioni di
premio praticate dall’Impresa, si impegna a:
1. fare installare ed attivare Unibox da un installatore convenzionato con Octo Telematics Italia S.r.l. (di seguito denominato “installatore convenzionato”), entro 15 giorni
lavorativi dalla data di pagamento del premio assicurativo o di effetto della polizza se
successiva;
2. avvisare immediatamente il Servizio Clienti
di Octo Telematics Italia S.r.l. o l’installatore convenzionato, qualora fosse impossibile
osservare la data stabilita per le operazioni
di installazione ed attivazione per cause di
forza maggiore, fissando un nuovo appuntamento; non sono ammesse altre e/o ulteriori
proroghe;
3.comunicare immediatamente all’Impresa il cambiamento del proprio domicilio/
residenza e/o recapito telefonico nonché
dei nominativi e recapiti telefonici della/e
persona/e da contattare, per consentirne la
reperibilità ed identificazione ai fini della
corretta erogazione dei servizi;
4. trasferire Unibox, a proprie spese, sul nuovo veicolo in caso di sostituzione del veicolo
assicurato e a fissare autonomamente l’appuntamento con un installatore convenzionato, per le operazioni di reinstallazione/
attivazione, che debbono eseguirsi entro
15 giorni lavorativi dalla data di pagamento/sottoscrizione dei nuovi documenti o di
effetto se successiva, oppure a comunicare
tempestivamente all’Impresa che intende
rinunciare alla reinstallazione e ai servizi
Octo Telematics Italia S.r.l.;
5. fare disinstallare Unibox, a proprie spese, in
caso di cessazione di rischio per eventuale
demolizione del veicolo assicurato o nel caso
di mancata prosecuzione del rapporto assicurativo o annullamento della polizza per
qualunque motivo, fissando autonomamente l’appuntamento con un installatore convenzionato e ad avvertire tempestivamente
l’Impresa, che provvederà a darne comunicazione ad Octo Telematics Italia S.r.l. per
le operazioni di recupero di Unibox presso
l’installatore stesso;
6. recarsi da un installatore convenzionato in
caso di guasto o di mancato funzionamento
PREMESSA
L’Impresa ha stipulato un accordo con la Società Octo
Telematics Italia S.r.l., che fornisce servizi infotelematici per scopi assicurativi tramite il proprio Contatore Satellitare (di seguito denominato “Unibox”).
Presupposti per la validità della presente
clausola e per l’applicazione delle conseguenti
riduzioni di premio sono:
1. l’installazione/attivazione a bordo del veicolo assicurato di Unibox, concesso in comodato da Octo
Telematics Italia S.r.l. al Contraente nel rispetto
di quanto stabilito dagli artt. 1803 e seguenti del
codice civile;
2. la stipulazione del Contratto di Abbonamento ai
Servizi Octo Telematics Italia S.r.l.
Si rinvia al Contratto di Abbonamento di cui al precedente punto 2, sottoscritto dal Contraente contemporaneamente al contratto di assicurazione, per
quanto riguarda:
– INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI
DATI PERSONALI AI SENSI DELL’ART. 13
DEL D.LSG. 196/2003, RECANTE IL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI
PERSONALI;
– DIRITTI DELL’INTERESSATO;
– DEFINIZIONI;
– OGGETTO DEL CONTRATTO;
– NATURA DEL CONTRATTO E SUA DURATA;
– DESCRIZIONE DEI SERVIZI E RELATIVE
MODALITÀ DI EROGAZIONE;
– ESTENSIONE TERRITORIALE;
– CANONE E SUE MODALITÀ DI CALCOLO;
–INSTALLAZIONE,
DISINSTALLAZIONE,
REINSTALLAZIONE DI UNIBOX;
– CESSIONE DEL CONTRATTO.
46 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
di Unibox, segnalato dal Servizio Clienti di
Octo Telematics Italia S.r.l., per la verifica
e manutenzione del sistema entro la data
comunicata dal Servizio Clienti mediante
lettera o con altri mezzi telematici. In caso
di impossibilità ad osservare la data comunicata, il Contraente dovrà avvisare il Servizio Clienti e fissare un nuovo appuntamento
con lo stesso installatore o altro installatore
convenzionato;
7.informare il nuovo Contraente, nel caso di
cessione del contratto di assicurazione con
o senza trasferimento di proprietà del veicolo, dell’installazione di Unibox a bordo del
veicolo e dell’esistenza del Contratto di Abbonamento con Octo Telematics Italia S.r.l.;
se il Contraente cessionario non intende subentrare nel Contratto di Abbona-mento, il
cedente dovrà provvedere a proprie spese
alla disinstallazione di Unibox dal veicolo
assicurato, fissando l’appuntamento con un
installatore convenzionato e a darne comunicazione all’Impresa;
8. contattare immediatamente il Call Center
Sinistri di Gruppo (numero verde 800993388) oppure, negli orari di chiusura dello
stesso, la Sala Operativa di Sicurezza incaricata da Octo Telematics Italia S.r.l. (dall’Italia numero verde 800-749662 - dall’estero
+390862442471 ) dopo il furto o la rapina del
veicolo, allo scopo di fare attivare le operazioni di ricerca qualora lo stesso risulti assicurato con l’Impresa per tali rischi;
9. recarsi da un installatore convenzionato per
verificare il corretto funzionamento di Unibox:
– dopo operazioni di manutenzione e/o riparazione che abbiano interessato le parti installative del veicolo effettuate da installatori
non convenzionati;
– dopo un incidente, un furto/rapina o comunque dopo eventi che possono aver causato malfunzionamenti e danneggiamenti
ad Unibox o alla sua installazione, a seguito
della comunicazione di anomalia del Servizio Clienti Octo Telematics Italia S.r.l. mediante lettera o altri mezzi telematici.
b) Se il Contraente ha rispettato tutte le condizioni di cui alla precedente lettera a), l’Impresa si
impegna a:
1. non applicare eventuali limiti all’indennizzo
pattuiti in polizza (vedi articoli N.1, N.2, N.3),
in caso di mancato ritrovamento del veicolo a
seguito di furto o rapina consumato dopo l’attivazione di Unibox;
2. in caso di sinistro (R.C.A., furto o rapina senza ritrovamento del veicolo) avvenuto prima
dell’attivazione di Unibox o, in caso di vendita/
demolizione del veicolo, nel periodo intercorrente fra la data di smontaggio di Unibox e la
consegna a terzi del veicolo stesso:
– non chiedere il rimborso della parte di danno liquidato proporzionale alla differenza di
premio di cui al punto 1.a della successiva
lettera e);
– non applicare la riduzione del valore del
danno di cui al punto 1.b della successiva
lettera e), fermi restando gli eventuali limiti
all’indennizzo pattuiti in polizza (vedi articoli N.1, N.2, N.3).
c) Qualora la polizza venga sospesa per qualsiasi
motivo (eccetto il caso di furto per il quale la sospensione del rischio non è ammessa), la rilevazione dei dati riferiti alle percorrenze del veicolo
proseguirà sino allo smontaggio di Unibox. L’erogazione del servizio di allarme verso la società
di assistenza e del servizio di ricerca del veicolo
saranno ripristinati solo con la riattivazione della
polizza.
d) In caso di sinistro R.C.A. il Contraente ha il diritto di richiedere direttamente al Servizio Clienti
di Octo Telematics Italia S.r.l. tutti i dati registrati
dall’Unibox.
e) L’inadempimento degli obblighi di cui alla precedente lettera a) comporta:
1. rispetto agli obblighi di cui ai punti 1, 2 e 4:
a)il Contraente dovrà rimborsare al-l’Impresa
la somma pari alla differenza fra il premio
R.C.A. e quello Incendio e Furto applicati
con Unibox e i premi che sarebbero normalmente previsti per il contratto senza Unibox, per l’intero periodo assicurativo;
b)se prima del pagamento della differenza di
premio di cui al precedente punto 1.a, si dovesse verificare il furto o la rapina del veicolo, in deroga a quanto stabilito in polizza,
l’indennizzo dovuto in caso di mancato ritrovamento del veicolo sarà ridotto in misura pari al rapporto tra il premio che sarebbe
stato praticato per la garanzia furto-rapina
senza Unibox e quello applicato dall’Impresa in conseguenza dell’installazione di
Unibox, con il massimo del 50%;
2. rispetto agli obblighi di cui al punto 3: i servizi
infotelematici di cui al Contratto di Abbonamento Octo Telematics Italia S.r.l. non potranno essere correttamente erogati;
3. rispetto agli obblighi di cui ai punti 6 e 7 oltre
che nel caso di:
– rinuncia del Contraente ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l.;
– rinuncia del Contraente cessionario ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l.
al verificarsi della circostanza e comunque
non oltre la prima scadenza di rata, il contratto verrà - a seconda dei casi - annullato oppure
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
sostituito eliminando la presente clausola; il
Contraente dovrà pagare all’Impresa la somma
pari alla differenza fra il premio R.C.A. ed Incendio e Furto applicati con Unibox e il premio
che sarebbe normalmente previsto per il contratto senza Unibox, limitatamente al periodo
successivo al verificarsi della circostanza;
4. rispetto agli obblighi di cui ai punti 8 e 9:
in caso di furto o rapina senza ritrovamento
del veicolo, si applicheranno i limiti all’indennizzo previsti in polizza, fermo restando, relativamente al punto 8, il disposto dell’art. 1915
del codice civile (inadempimento dell’obbligo
di avviso).
La rinuncia del Contraente/Contraente cessionario ai
servizi Octo Telematics Italia S.r.l. come anche l’inadempimento degli obblighi di cui ai punti 1, 2, 4 e 6
della precedente lettera a) comportano la risoluzione
consensuale della presente clausola.
FORMULA TOP
a) Il Contraente, per usufruire delle riduzioni di
premio praticate dall’Impresa, si impegna a:
1. fare installare ed attivare Unibox da un installatore convenzionato con Octo Telematics Italia
S.r.l. (di seguito denominato “installatore convenzionato”), entro 15 giorni lavorativi dalla
data di pagamento del premio assicurativo o di
effetto della polizza se successiva;
2. avvisare immediatamente il Servizio Clienti
di Octo Telematics Italia S.r.l. o l’installatore
convenzionato, qualora fosse impossibile osservare la data stabilita per le operazioni di
installazione ed attivazione per cause di forza
maggiore, fissando un nuovo appuntamento;
non sono ammesse altre e/o ulteriori proroghe;
3. comunicare immediatamente all’Impresa il
cambiamento del proprio domicilio/ residenza
e/o recapito telefonico nonché dei nominativi
e recapiti telefonici della/e persona/e da contattare, per consentirne la reperibilità ed identificazione ai fini della corretta erogazione dei
servizi;
4. trasferire Unibox, a proprie spese, sul nuovo
veicolo in caso di sostituzione del veicolo assicurato e a fissare autonomamente l’appuntamento con un installatore convenzionato, per
le operazioni di reinstallazione/attivazione,
che debbono eseguirsi entro 15 giorni lavorativi dalla data di pagamento/sottoscrizione
dei nuovi documenti o di effetto se successiva,
oppure a comunicare tempestivamente all’Impresa che intende rinunciare alla reinstallazione e ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l.;
5. fare disinstallare Unibox, a proprie spese, in
caso di cessazione di rischio per eventuale
47 di 55
demolizione del veicolo assicurato o nel caso
di mancata prosecuzione del rapporto assicurativo o annullamento della polizza per qualunque motivo, fissando autonomamente l’appuntamento con un installatore convenzionato
e ad avvertire tempestivamente l’Impresa, che
provvederà a darne comunicazione ad Octo
Telematics Italia S.r.l. per le operazioni di recupero di Unibox presso l’installatore stesso;
6. recarsi da un installatore convenzionato in
caso di guasto o di mancato funzionamento di
Unibox, segnalato dal Servizio Clienti di Octo
Telematics Italia S.r.l., per la verifica e manutenzione del sistema entro la data comunicata dal Servizio Clienti mediante lettera o con
altri mezzi telematici. In caso di impossibilità
ad osservare la data comunicata, il Contraente
dovrà avvisare il Servizio Clienti e fissare un
nuovo appuntamento con lo stesso installatore
o altro installatore convenzionato;
7.informare il nuovo Contraente, nel caso di
cessione del contratto di assicurazione con o
senza trasferimento di proprietà del veicolo,
dell’installazione di Unibox a bordo del veicolo
e dell’esistenza del Contratto di Abbonamento
con Octo Telematics Italia S.r.l.; se il Contraente cessionario non intende subentrare nel
Contratto di Abbonamento, il cedente dovrà
provvedere a proprie spese alla disinstallazione di Unibox dal veicolo assicurato, fissando
l’appuntamento con un installatore convenzionato e a darne comunicazione all’Impresa;
8. qualora non abbia ricevuto la prevista segnalazione automatica di allarme furto, contattare immediatamente la Sala Operativa di
Sicurezza incaricata da Octo Telematics Italia
S.r.l. (dall’Italia numero v e r de 800-7 49662
– dall’estero +390862442471) dopo il furto o la
rapina del veicolo, allo scopo di fare attivare le
operazioni di ricerca;
9. recarsi da un installatore convenzionato per
verificare il corretto funzionamento di Unibox:
– dopo operazioni di manutenzione e/o riparazione che abbiano interessato le parti installative del veicolo effettuate da installatori
non convenzionati;
– dopo un incidente, un furto/rapina o comunque dopo eventi che possono aver causato malfunzionamenti e danneggiamenti
ad Unibox o alla sua installazione, a seguito
della comunicazione di anomalia del Servizio Clienti Octo Telematics Italia S.r.l. mediante lettera o altri mezzi telematici;
10. non lasciare i “Transponder” (dispositivi utilizzati da Unibox per la rilevazione automatica
di un eventuale furto) sul veicolo, quando lo
stesso viene lasciato in sosta ed a restituirli nel
48 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
caso di mancato ritrovamento del veicolo a seguito di furto o rapina.
b) Se il Contraente ha rispettato tutte le condizioni
di cui alla precedente lettera a), l’Impresa si impegna a:
1. non applicare eventuali limiti all’indennizzo
pattuiti in polizza (vedi articoli N.1, N.2, N.3),
in caso di mancato ritrovamento del veicolo a
seguito di furto o rapina consumato dopo l’attivazione di Unibox;
2. in caso di sinistro (R.C.A., furto o rapina senza ritrovamento del veicolo) avvenuto prima
dell’attivazione di Unibox o, in caso di vendita/
demolizione del veicolo, nel periodo intercorrente fra la data di smontaggio di Unibox e la
consegna a terzi del veicolo stesso:
– non chiedere il rimborso della parte di danno liquidato proporzionale alla differenza di
premio di cui al punto 1.a della successiva
lettera e);
– non applicare la riduzione del valore del
danno di cui al punto 1.b della successiva
lettera e), fermi restando gli eventuali limiti
all’indennizzo pattuiti in polizza (vedi articoli N.1, N.2, N.3).
c) Qualora la polizza venga sospesa per qualsiasi
motivo (eccetto il caso di furto per il quale la
sospensione del rischio non è ammessa), la rilevazione dei dati riferiti alle percorrenze del
veicolo proseguirà sino allo smontaggio di Unibox. L’erogazione del servizio di allarme verso
la società di assistenza e del servizio di ricerca
del veicolo saranno ripristinati solo con la riattivazione della polizza.
d) In caso di sinistro R.C.A. il Contraente ha il
diritto di richiedere direttamente al Servizio
Clienti di Octo Telematics Italia S.r.l. tutti i dati
registrati dall’Unibox.
e) L’inadempimento degli obblighi di cui alla precedente lettera a) comporta:
1. rispetto agli obblighi di cui ai punti 1, 2 e 4:
a)il Contraente dovrà rimborsare all’Impresa
la somma pari alla differenza fra il premio
R.C.A. e quello Incendio e Furto applicati
con Unibox e i premi che sarebbero normalmente previsti per il contratto senza Unibox, per l’intero periodo assicurativo;
b)se prima del pagamento della differenza di
premio di cui al precedente punto 1.a, si dovesse verificare il furto o la rapina del veicolo, in deroga a quanto stabilito in polizza,
l’indennizzo dovuto in caso di mancato ritrovamento del veicolo sarà ridotto in misura pari al rapporto tra il premio che sarebbe
stato praticato per la garanzia Furto-rapina
senza Unibox e quello applicato dall’Impresa in conseguenza dell’installazione di Unibox, con il massimo del 50%;
2. rispetto agli obblighi di cui al punto 3: i servizi
infotelematici di cui al Contratto di Abbonamento Octo Telematics Italia S.r.l. non potranno essere correttamente erogati;
3. rispetto agli obblighi di cui ai punti 6 e 7 oltre
che nel caso di:
– rinuncia del Contraente ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l.;
– rinuncia del Contraente cessionario ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l. al verificarsi
della circostanza e comunque non oltre la
prima scadenza di rata, il contratto verrà - a
seconda dei casi - annullato oppure sostituito eliminando la presente clausola; il Contraente dovrà pagare all’Impresa la somma
pari alla differenza fra il premio R.C.A. ed
Incendio e Furto applicati con Unibox e il
premio che sarebbe normalmente previsto
per il contratto senza Unibox, limitatamente
al periodo successivo al verificarsi della circostanza;
4. rispetto agli obblighi di cui ai punti 8 e 9: in
caso di furto o rapina senza ritrovamento del
veicolo, si applicheranno i limiti all’indennizzo previsti in polizza, fermo restando, relativamente al punto 8, il disposto dell’art. 1915
del codice civile (inadempimento dell’obbligo
di avviso);
5. rispetto agli obblighi di cui al punto 10: in caso
di mancata attivazione dell’allarme automatico Furto con contemporanea mancata restituzione dei transponder, l’indennizzo dovuto in
caso di mancato ritrovamento del veicolo sarà
ridotto del 10%.
La rinuncia del Contraente/Contraente cessionario ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l. come
anche l’inadempimento degli obblighi di cui ai
punti 1, 2, 4 e 6 della precedente lettera a) comportano la risoluzione consensuale della presente
clausola.
T.2 SPESE PER IMPOSSIBILITÀ DI RECUPERO UNIBOX (condizione particolare 220
sempre operante). – Se l’Assicurato è impossibilitato a restituire UNIBOX a Octo Telematics Italia S.r.l., con sede legale in via Vincenzo Lamaro,
51 - 00173 Roma, perché distrutto, danneggiato o
perduto, l’Impresa si obbliga a tenerlo indenne e
a risarcire direttamente a Octo Telematics Italia
S.r.l. il danno subito nei casi di:
a) demolizione del veicolo e UNIBOX a seguito di
incidente e/o incendio;
b) furto del solo UNIBOX;
c) asportazione di UNIBOX a seguito di furto del
veicolo con ritrovamento dello stesso;
d) danneggiamento totale di UNIBOX per qualsiasi causa intervenuta.
L’Impresa rimborserà inoltre all’Assicurato le
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
eventuali spese sostenute direttamente presso
l’installatore per:
e) riparazioni su UNIBOX a seguito di danneggiamento parziale del sistema a seguito di incidente, furto o incendio del veicolo assicurato o
per qualsiasi causa intervenuta;
f) installazione di un nuovo UNIBOX sul veicolo
assicurato, o su altro veicolo, a seguito di uno
degli avvenimenti di cui ai casi a) - b) - c) - d).
Previa presentazione di idonea documentazione comprovante:
– l’avvenuta demolizione del veicolo, per il
caso a);
– la denuncia di furto per il caso b);
– una dichiarazione dell’installatore per i casi
c) e d);
– le spese sostenute presso l’installatore per i
casi e) ed f);
1. il risarcimento è dovuto fino alla concorrenza degli importi indicati all’art. 7 delle
Condizioni Generali del contratto di abbonamento ai servizi Octo Telematics Italia
S.r.l. sottoscritte dal cliente al momento del
perfezionamento della polizza o del suo ultimo rinnovo per i casi indicati alle lettere a),
b), c), d);
2. la garanzia è prestata fino alla concorrenza
dell’importo indicato sulla ricevuta fiscale o
fattura rilasciata dall’installatore con il limite massimo di € 750,00 per evento per i casi
indicati alle lettere e) ed f).
UNIBOX di proprietà
valida esclusivamente su autovetture e autoveicoli per trasporto promiscuo di cui all’art.
54, I° comma, lettera a) e c) del nuovo Codice
della Strada ed a condizione che siano richiamate, nel contratto, la clausola n. 344 unitamente, qualora non sia già prestata da altri,
ad una delle seguenti garanzie di assistenza:
- “servizio assistenza Formula base di Strada
Sicura”;
- “servizio assistenza Formula base più di
Strada Sicura”;
- “servizio assistenza Formula estesa di Strada Sicura”;
- “servizio assistenza Formula estesa più di
Strada Sicura”;
- “assistenza Formula Unibox Strada Sicura”.
PREMESSA
L’Impresa ha stipulato un accordo con la Società Octo
49 di 55
Telematics Italia S.r.l., che fornisce servizi infotelematici per scopi assicurativi tramite il dispositivo
satellitare denominato “Unibox” o altro analogo dispositivo (entrambi di seguito definiti Contatore satellitare).
Presupposti per la validità della presente
Clausola e per l’applicazione delle conseguenti riduzioni di premio sono:
1. l’installazione/attivazione a bordo del veicolo assicurato del Contatore satellitare di proprietà del
Contraente o dell’intestatario/i del veicolo stesso;
2. la stipulazione del Contratto di Abbonamento ai
Servizi Octo Telematics Italia S.r.l.
Si rinvia al Contratto di Abbonamento di cui al precedente punto 2, sottoscritto dal Contraente contemporaneamente al contratto di assicurazione, per
quanto riguarda:
– INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI
DATI PERSONALI AI SENSI DELL’ART. 13
DEL D.LSG. 196/2003, RECANTE IL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI
PERSONALI;
–DIRITTI DELL’INTERESSATO;
–DEFINIZIONI;
–OGGETTO DEL CONTRATTO;
– NATURA DEL CONTRATTO E SUA DURATA;
–DESCRIZIONE DEI SERVIZI E RELATIVE
MODALITÀ DI EROGAZIONE;
–ESTENSIONE TERRITORIALE;
– CANONE E SUE MODALITA’ DI CALCOLO;
–INSTALLAZIONE,
DISINSTALLAZIONE,
REINSTALLAZIONE DI UNIBOX;
– CESSIONE DEL CONTRATTO.
CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE
T.3 Fatto salvo quanto indicato in premessa,
tra le Parti si conviene quanto segue:
FORMULA FULL
a) Il Contraente, per usufruire delle riduzioni di
premio praticate dall’Impresa, si impegna a:
1. consegnare all’Impresa copia del Contratto
di Abbonamento eventualmente già concluso con la Octo Telematics S.r.l. per il servizio
di ricerca del veicolo e/o di assistenza in caso
di crash;
2. fare attivare, qualora non sia già stato fatto,
il Contatore satellitare da un installatore convenzionato con Octo Telematics Italia S.r.l.
(di seguito denominato “installatore convenzionato”), entro 15 giorni lavorativi dalla
data di pagamento del premio assicurativo
o di effetto della polizza se successiva;
3. comunicare immediatamente all’Impresa il cambiamento del proprio domicilio/
50 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
residenza e/o recapito telefonico nonché
dei nominativi e recapiti telefonici della/e
persona/e da contattare, per consentirne la
reperibilità ed identificazione ai fini della
corretta erogazione dei servizi;
4. trasferire il Contatore satellitare, a proprie
spese, in caso di sostituzione del veicolo e
qualora decida di trasferire detto contatore
sul nuovo veicolo e a fissare autonomamente
l’appuntamento con un installatore convenzionato, per le operazioni di reinstallazione/
attivazione, che debbono eseguirsi entro
15 giorni lavorativi dalla data di pagamento/sottoscrizione dei nuovi documenti o di
effetto se successiva, oppure a comunicare
tempestivamente all’Impresa che intende
rinunciare alla reinstallazione e ai servizi
Octo Telematics Italia S.r.l.;
5. recarsi da un installatore convenzionato in
caso di guasto o di mancato funzionamento
del contatore satellitare, segnalato dal Servizio Clienti di Octo Telematics Italia S.r.l.,
per la verifica e manutenzione del sistema
entro la data comunicata dal Servizio Clienti mediante lettera o con altri mezzi telematici. In caso di impossibilità ad osservare la
data comunicata, il Contraente dovrà avvisare il Servizio Clienti e fissare un nuovo appuntamento con lo stesso installatore o altro
installatore convenzionato;
6. informare il nuovo Contraente, nel caso di
cessione del contratto di assicurazione con
o senza trasferimento di proprietà del veicolo, dell’installazione del contatore satellitare
a bordo del veicolo e dell’esistenza del Contratto di Abbonamento con Octo Telematics
Italia S.r.l.; se il Contraente cessionario non
intende subentrare nel Contratto di Abbonamento, il cedente dovrà darne comunicazione all’Impresa per le conseguenze di cui
al punto 3 della successiva lettera e);
7. contattare immediatamente il Call Center
Sinistri di Gruppo (numero verde 800993388) oppure, negli orari di chiusura dello
stesso, la Sala Operativa di Sicurezza incaricata da Octo Telematics Italia S.r.l. (dall’Italia numero verde 800-749662 - dall’estero
+390862442471) dopo il furto o la rapina del
veicolo, allo scopo di fare attivare le operazioni di ricerca sempreché tale servizio sia
previsto nel Contratto di Abbonamento di
cui al punto 2 della Premessa. Qualora il
servizio di ricerca del veicolo sia prestato in
proprio da Octo Telematics Italia S.r.l., si impegna a contattare la competente struttura
indicata nel contratto di cui al punto a)1;
8. recarsi da un installatore convenzionato
per verificare il corretto funzionamento del
Contatore satellitare:
– dopo operazioni di manutenzione e/o riparazione che abbiano interessato le parti installative del veicolo effettuate da installatori
non convenzionati;
– dopo un incidente, un furto/rapina o comunque dopo eventi che possono aver causato malfunzionamenti e danneggiamenti al
contatore satellitare o alla sua installazione,
a seguito della comunicazione di anomalia
del Servizio Clienti Octo Telematics Italia
S.r.l. mediante lettera o altri mezzi telematici.
b) Se il Contraente ha rispettato tutte le condizioni di cui alla precedente lettera a), l’Impresa si
impegna a:
1. non applicare eventuali limiti all’indennizzo
pattuiti in polizza (vedi articoli N.1, N.2, N.3),
in caso di mancato ritrovamento del veicolo a
seguito di furto o rapina consumato dopo l’attivazione del contatore satellitare;
2. in caso di sinistro (R.C.A., furto o rapina senza ritrovamento del veicolo) avvenuto prima
dell’attivazione del contatore satellitare o, in
caso di vendita/demolizione del veicolo, nel
periodo intercorrente fra la data di smontaggio
del Contatore satellitare e la consegna a terzi
del veicolo stesso:
– non chiedere il rimborso della parte di danno liquidato proporzionale alla differenza di
premio di cui al punto 1.a della successiva
lettera e);
– non applicare la riduzione del valore del
danno di cui al punto 1.b della successiva
lettera e), fermi restando gli eventuali limiti
all’indennizzo pattuiti in polizza (vedi articoli N.1, N.2, N.3).
c) Qualora la polizza venga sospesa per qualsiasi
motivo (eccetto il caso di furto per il quale la sospensione del rischio non è ammessa), la rilevazione dei dati riferiti alle percorrenze del veicolo
proseguirà sino allo smontaggio del Contatore
satellitare. L’erogazione del servizio di allarme
verso la società di assistenza e del servizio di ricerca del veicolo saranno ripristinati solo con la
riattivazione della polizza.
d) In caso di sinistro R.C.A. il Contraente ha il diritto di richiedere direttamente al Servizio Clienti
di Octo Telematics Italia S.r.l. tutti i dati registrati
dal contatore satellitare.
e) L’inadempimento degli obblighi di cui alla precedente lettera a) comporta:
1. rispetto agli obblighi di cui ai punti 2 e 4:
a)il Contraente dovrà rimborsare all’Impresa
la somma pari alla differenza fra il premio
R.C.A. e quello Incendio e Furto applicati con il Contatore satellitare e i premi che
sarebbero normalmente previsti per il con-
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
tratto senza tale dispositivo, per l’intero periodo assicurativo;
b)se prima del pagamento della differenza di
premio di cui al precedente punto 1.a, si dovesse verificare il furto o la rapina del veicolo, in deroga a quanto stabilito in polizza,
l’indennizzo dovuto in caso di mancato ritrovamento del veicolo sarà ridotto in misura pari al rapporto tra il premio che sarebbe
stato praticato per la garanzia Furto e rapina
senza il Contatore satellitare e quello applicato dall’Impresa in conseguenza dell’installazione di tale dispositivo, con il massimo
del 50%;
2. rispetto agli obblighi di cui al punto 3: i servizi
infotelematici di cui al Contratto di Abbonamento Octo Telematics Italia S.r.l. non potranno essere correttamente erogati;
3. rispetto agli obblighi di cui ai punti 5 e 6 oltre
che nel caso di:
– rinuncia del Contraente ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l.;
– rinuncia del Contraente cessionario ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l. al verificarsi
51 di 55
della circostanza e comunque non oltre la
prima scadenza di rata, il contratto verrà - a
seconda dei casi - annullato oppure sostituito eliminando la presente clausola; il Contraente dovrà pagare all’Impresa la somma
pari alla differenza fra il premio R.C.A. ed
Incendio e Furto applicati con il Contatore
satellitare e il premio che sarebbe normalmente previsto per il contratto senza tale
dispositivo, limitatamente al periodo successivo al verificarsi della circostanza;
4. rispetto agli obblighi di cui ai punti 7 e 8: in
caso di furto o rapina senza ritrovamento del
veicolo, si applicheranno i limiti all’indennizzo previsti in polizza, fermo restando, relativamente al punto 7, il disposto dell’art. 1915 del
codice civile (Inadempimento dell’obbligo di
avviso).
La rinuncia del Contraente/Contraente cessionario ai servizi Octo Telematics Italia S.r.l.
come anche l’inadempimento degli obblighi
di cui ai punti 2, 4 e 5 della precedente lettera
a) comportano la risoluzione consensuale della
presente clausola.
52 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
RIFERIMENTI DI LEGGE
ARTICOLI DEL CODICE CIVILE
1341. Condizioni generali di contratto. – Le
condizioni generali di contratto predisposte da uno
dei contraenti sono efficaci nei confronti dell’altro,
se al momento della conclusione del contratto questi
le ha conosciute o avrebbe dovuto conoscerle usando
l’ordinaria diligenza.
In ogni caso non hanno effetto, se non sono specificamente approvate per iscritto, le condizioni che
stabiliscono, a favore di colui che le ha predisposte,
limitazioni di responsabilità, facoltà di recedere dal
contratto o di sospenderne l’esecuzione, ovvero sanciscono a carico dell’altro Contraente decadenze,
limitazioni alla facoltà di opporre eccezioni, restrizioni alla libertà contrattuale nei rapporti coi terzi,
tacita proroga o rinnovazione del contratto, clausole
compromissorie o deroghe alla competenza dell’autorità giudiziaria.
1342. Contratto concluso mediante moduli o
formulari. – Nei contratti conclusi mediante la
sottoscrizione di moduli o formulari, predisposti
per disciplinare in maniera uniforme determinati
rapporti contrattuali, le clausole aggiunte al modulo
o al formulario prevalgono su quelle del modulo o
del formulario qualora siano incompatibili con esse,
anche se queste ultime non sono state cancellate. Si
osserva inoltre la disposizione del secondo comma
dell’articolo precedente.
1803. Nozione. – Il comodato è il contratto col
quale una parte consegna all’altra una cosa mobile
o immobile, affinché se ne serva per un tempo o
per un uso determinato, con l’obbligo di restituire
la stessa cosa ricevuta. Il comodato è essenzialmente
gratuito.
1882. Nozione. – L’assicurazione è il contratto col
quale l’assicuratore, verso pagamento di un premio,
si obbliga a rivalere l’Assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di
un evento attinente alla vita umana.
1891. Assicurazione per conto altrui o per
conto di chi spetta. – Se l’assicurazione è stipulata
per conto altrui o per conto di chi spetta, il Contraente deve adempiere agli obblighi derivanti dal contratto, salvi quelli che per loro natura non possono
essere adempiuti che dall’Assicurato.
I diritti derivanti dal contratto spettano all’Assicurato, e il Contraente, anche se in possesso della polizza,
non può farli valere senza espresso consenso dell’As-
sicurato medesimo.
All’Assicurato sono opponibili le eccezioni che si
possono opporre al Contraente in dipendenza del
contratto.
Per il rimborso dei premi pagati all’assicuratore e
delle spese del contratto, il Contraente ha privilegio
sulle somme dovute all’assicuratore nello stesso grado dei crediti per spese di conservazione.
1892. Dichiarazioni inesatte e reticenze con
dolo o colpa grave. – Le dichiarazioni inesatte e
le reticenze del Contraente, relative a circostanze tali
che l’assicuratore non avrebbe dato il suo consenso
o non lo avrebbe dato alle medesime condizioni se
avesse conosciuto il vero stato delle cose, sono causa
di annullamento del contratto quando il Con-traente
ha agito con dolo o con colpa grave. L’assicurazione
decade dal diritto d’impugnare il contratto se, entro
tre mesi dal giorno in cui ha conosciuto l’inesattezza della dichiarazione o la reticenza, non dichiara al
Contraente di volere esercitare l’impugnazione.
L’assicuratore ha diritto ai premi relativi al periodo
di assicurazione in corso al momento in cui ha domandato l’annullamento e, in ogni caso, al premio
convenuto per il primo anno.
Se il sinistro si verifica prima che sia decorso il termine indicato dal comma precedente, egli non è tenuto a pagare la somma assicurata.
Se l’assicurazione riguarda più persone o più cose,
il contratto è valido per quelle persone o per quelle
cose alle quali non si riferisce la dichiarazione inesatta o la reticenza.
1893. Dichiarazioni inesatte e reticenze senza
dolo o colpa grave. – Se il Contraente ha agito
senza dolo o colpa grave, le dichiarazioni inesatte e
le reticenze non sono causa di annullamento del contratto, ma l’assicuratore può recedere del contratto
stesso, mediante dichiarazione da farsi all’Assicurato
nei tre mesi dal giorno in cui ha conosciuto l’inesattezza della dichiarazione o la reticenza.
Se il sinistro si verifica prima che l’inesattezza della
dichiarazione o la reticenza sia conosciuta dall’assicuratore, o prima che questi abbia dichiarato di recedere dal contratto, la somma dovuta è ridotta in
proporzione della differenza tra il premio convenuto
e quello che sarebbe stato applicato se si fosse conosciuto il vero stato delle cose.
1894. Assicurazione in nome o per conto di
terzi. – Nelle assicurazioni in nome o per conto di
terzi, se questi hanno conoscenza dell’inesattezza
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
delle dichiarazioni o delle reticenze relative al rischio, si applicano a favore dell’assicuratore le disposizioni degli artt. 1892. - 1893. - 1391. - 1932.
1898. Aggravamento del rischio. – Il Contraente ha l’obbligo di dare immediato avviso all’assicuratore dei mutamenti che aggravano il rischio in
modo tale che, se il nuovo stato di cose fosse esistito
e fosse stato conosciuto dall’assicuratore al momento della conclusione del contratto, l’assicuratore
non avrebbe consentito l’assicurazione o l’avrebbe
consentita per un premio più elevato. L’assicuratore può recedere dal contratto, dandone comunicazione per iscritto all’Assicurato entro un mese dal
giorno in cui ha ricevuto l’avviso o ha avuto in altro
modo conoscenza dell’aggravamento del rischio.
Il recesso dell’assicuratore ha effetto immediato se l’aggravamento è tale che l’assicuratore non
avrebbe consentito l’assicurazione; ha effetto dopo
quindici giorni, se l’aggravamento del rischio è tale
che per l’assicurazione sarebbe stato richiesto un
premio maggiore. Spettano all’assicuratore i premi relativi al periodo di assicurazione in corso al
momento in cui è comunicata la dichiarazione di
recesso.
Se il sinistro si verifica prima che siano trascorsi i
termini per la comunicazione e per l’efficacia del
recesso, l’assicuratore non risponde qualora l’aggravamento del rischio sia tale che egli non avrebbe
consentito la assicurazione se il nuovo stato di cose
fosse esistito al momento del contratto; altrimenti,
la somma dovuta è ridotta, tenuto conto del rapporto tra il premio stabilito nel contratto e quello che
sarebbe stato fissato se il maggiore rischio fosse esistito al tempo del contratto stesso.
1901. Mancato pagamento del premio. – Se il
Contraente non paga il premio o la prima rata di
premio stabilita dal contratto, l’assicurazione resta
sospesa fino alle ore ventiquattro del giorno in cui il
Contraente paga quanto è da lui dovuto.
Se alle scadenze convenute il Contraente non paga i
premi successivi, l’assicurazione resta sospesa dalle
ore ventiquattro del quindicesimo giorno dopo quello della scadenza.
Nelle ipotesi previste dai due commi precedenti il
contratto è risoluto di diritto se l’assicuratore, nel termine di sei mesi dal giorno in cui il premio o la rata
sono scaduti, non agisce per la riscossione; l’assicuratore ha diritto soltanto al pagamento del premio
relativo al periodo di assicurazione in corso e al rimborso delle spese. (omissis)
1907. Assicurazione parziale. – Se l’assicurazione
copre solo una parte del valore che la cosa assicurata
aveva nel tempo del sinistro, l’assicuratore risponde dei danni in proporzione della parte suddetta, a
meno che non sia diversamente convenuto.
53 di 55
1913. Avviso all’assicuratore in caso di sinistro. – L’assicurato deve dare avviso del sinistro
all’assicuratore o all’agente autorizzato a concludere
il contratto, entro tre giorni da quello in cui il sinistro si è verificato o l’assicurato ne ha avuto conoscenza. Non è necessario l’avviso, se l’assicuratore
o l’agente autorizzato alla conclusione del contratto
interviene entro il detto termine alle operazioni di
salvataggio o di constatazione del sinistro.
Nelle assicurazioni contro la mortalità del bestiame
l’avviso, salvo patto contrario, deve essere dato entro ventiquattro ore.
1914. Obbligo di salvataggio. – L’Assicurato deve
fare quanto gli è possibile per evitare o diminuire
il danno.
Le spese fatte a questo scopo dall’Assicurato sono a
carico dell’assicuratore, in proporzione del valore assicurato rispetto a quello che la cosa aveva nel tempo
del sinistro, anche se il loro ammontare, unitamente
a quello del danno, supera la somma assicurata, e
anche se non si è raggiunto lo scopo, salvo che l’assicuratore provi che le spese sono state fatte inconsideratamente.
L’assicuratore risponde dei danni materiali direttamente derivati alle cose assicurate dai mezzi adoperati dall’Assicurato per evitare o diminuire i danni
del sinistro, salvo che egli provi che tali mezzi sono
stati adoperati inconsideratamente.
L’intervento dell’assicuratore per il salvataggio delle
cose assicurate e per la loro conservazione non pregiudica i suoi diritti.
L’assicuratore che interviene al salvataggio deve, se
richiesto dall’Assicurato, anticiparne le spese o concorrere in proporzione del valore assicurato.
1915. Inadempimento dell’obbligo di avviso
di salvataggio. – L’Assicurato che dolosamente non
adempie l’obbligo dell’avviso o del salvataggio perde
il diritto all’indennità.
Se l’Assicurato omette colposamente di adempiere
tale obbligo, l’assicuratore ha diritto di ridurre l’indennità in ragione del pregiudizio sofferto.
1916. Diritto di surrogazione dell’assicuratore.
– L’assicuratore che ha pagato l’indennità è surrogato, fino alla concorrenza dell’ammontare di essa, nei
diritti dell’Assicurato verso i terzi responsabili.
Salvo il caso di dolo, la surrogazione non ha luogo
se il danno è causato dai figli, dagli affiliati, dagli
ascendenti, da altri parenti o da affini dell’Assicurato
stabilmente con lui conviventi o da domestici. L’Assicurato è responsabile verso l’assicuratore del pregiudizio arrecato al diritto di surrogazione.
1917. Assicurazione della responsabilità civile
Nell’assicurazione della responsabilità civile l’assicuratore è obbligato a tenere indenne l’Assicurato di
54 di 55
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
quanto questi, in conseguenza del fatto accaduto durante il tempo dell’assicurazione, deve pagare a un
terzo, in dipendenza della responsabilità dedotta nel
contratto. Sono esclusi i danni derivanti da fatti dolosi. L’assicuratore ha facoltà, previa comunicazione
all’Assicurato, di pagare direttamente al terzo danneggiato l’indennità dovuta, ed è obbligato al pagamento diretto se l’Assicurato lo richiede.
Le spese sostenute per resistere all’azione del danneggiato contro l’Assicurato sono a carico dell’assicuratore nei limiti del quarto della somma assicurata.
Tuttavia, nel caso che sia dovuta al danneggiato una
somma superiore al capitale assicurato, le spese giudiziali si ripartiscono tra assicuratore e Assicurato
in proporzione del rispettivo interesse. L’Assicurato,
convenuto dal danneggiato, può chiamare in causa
l’assicuratore.
2048. Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d’arte. – Il padre e la madre, o
il tutore, sono responsabili del danno cagionato dal
fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle
persone soggette alla tutela, che abitano con essi. La
stessa disposizione si applica all’affiliante.
I precettori e coloro che insegnano un mestiere o
un’arte sono responsabili del danno cagionato dal
fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo
in cui sono sotto la loro vigilanza.
Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non
aver potuto impedire il fatto.
2054. Circolazione di veicoli. – Il conducente di
un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il
possibile per evitare il danno.
Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a
prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia
concorso ugualmente a produrre il danno subito dai
singoli veicoli.
Il proprietario del veicolo, o, in sua vece, l’usufruttuario o l’acquirente con patto di riservato dominio,
è responsabile in solido col conducente, se non prova
che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la
sua volontà.
In ogni caso le persone indicate dai commi precedenti sono responsabili dei danni derivati da vizi di
costruzione o da difetto di manutenzione del veicolo.
2952. Prescrizione in materia di assicurazione. – Il diritto al pagamento delle rate di premio
si prescrive in un anno dalle singole scadenze. Gli
altri diritti derivanti dal contratto di assicurazione e
dal contratto di riassicurazione si prescrivono in due
anni dal giorno in cui si è verificato il fatto su cui il
diritto si fonda.
Nell’assicurazione della responsabilità civile, il termine decorre dal giorno in cui il terzo ha richiesto il
risarcimento all’Assicurato o ha promosso contro di
questo l’azione.
La comunicazione all’assicuratore della richiesta del
terzo danneggiato o dell’azione da questo proposta
sospende il corso della prescrizione finché il credito
del danneggiato non sia divenuto liquido ed esigibile oppure il diritto del terzo danneggiato non sia
prescritto.
La disposizione del comma precedente si applica
all’azione del riassicurato verso il riassicuratore per
il pagamento dell’indennità.
ARTICOLI DEL CODICE CIVILE
141. Risarcimento del terzo trasportato.
1. Salva l’ipotesi di sinistro cagionato da caso fortuito, il danno subito dal terzo trasportato è risarcito dall’impresa di assicurazione del veicolo sul
quale era a bordo al momento del sinistro entro
il massimale minimo di legge, fermo restando
quanto previsto all’articolo 140, a prescindere
dall’accertamento della responsabilità dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro, fermo il diritto al risarcimento dell’eventuale maggior danno nei confronti dell’impresa di assicurazione del
responsabile civile, se il veicolo di quest’ultimo
è coperto per un massimale superiore a quello
minimo.
2. Per ottenere il risarcimento il terzo trasportato
promuove nei confronti dell’impresa di assicurazione del veicolo sul quale era a bordo al mo-
mento del sinistro la procedura di risarcimento
prevista dall’articolo 148.
3. L’azione diretta avente ad oggetto il risarcimento
è esercitata nei confronti dell’impresa di assicurazione del veicolo sul quale il danneggiato era
a bordo al momento del sinistro nei termini di
cui all’articolo 145. L’impresa di assicurazione del
responsabile civile può intervenire nel giudizio e
può estromettere l’impresa di assicurazione del
veicolo, riconoscendo la responsabilità del proprio assicurato. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni del capo IV.
4. L’impresa di assicurazione che ha effettuato il
pagamento ha diritto di rivalsa nei confronti
dell’impresa di assicurazione del responsabile
civile nei limiti e alle condizioni previste dall’articolo 150.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
149. Procedura di risarcimento diretto.
1. In caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile
obbligatoria, dal quale siano derivati danni ai
veicoli coinvolti o ai loro conducenti, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento
all’impresa di assicurazione che ha stipulato il
contratto relativo al veicolo utilizzato.
2. La procedura di risarcimento diretto riguarda i
danni al veicolo nonché i danni alle cose trasportate di proprietà dell’Assicurato o del conducente.
Essa si applica anche al danno alla persona subito
dal conducente non responsabile se risulta contenuto nel limite previsto dall’articolo 139. La procedura non si applica ai sinistri che coinvolgono
veicoli immatricolati all’estero ed al risarcimento
del danno subito dal terzo trasportato come disciplinato dall’articolo 141.
3. L’impresa, a seguito della presentazione della
richiesta di risarcimento diretto, è obbligata a
provvedere alla liquidazione dei danni per conto
dell’impresa di assicurazione del veicolo responsabile, ferma la successiva regolazione dei rapporti fra le imprese medesime.
4. Se il danneggiato dichiara di accettare la somma
offerta, l’impresa di assicurazione provvede al
pagamento entro quindici giorni dalla ricezione
della comunicazione e il danneggiato è tenuto a
rilasciare quietanza liberatoria valida anche nei
confronti del responsabile del sinistro e della sua
impresa di assicurazione.
5. L’impresa di assicurazione, entro quindici giorni, corrisponde la somma offerta al danneggiato
che abbia comunicato di non accettare l’offerta o
che non abbia fatto pervenire alcuna risposta. La
somma in tal modo corrisposta è imputata all’eventuale liquidazione definitiva del danno.
6. In caso di comunicazione dei motivi che impediscono il risarcimento diretto ovvero nel caso di
mancata comunicazione di offerta o di diniego di
offerta entro i termini previsti dall’articolo 148 o
di mancato accordo, il danneggiato può proporre
l’azione diretta di cui all’articolo 145, comma 2,
nei soli confronti della propria impresa di assicurazione. L’impresa di assicurazione del veicolo
del responsabile può chiedere di intervenire nel
giudizio e può estromettere l’altra impresa, riconoscendo la responsabilità del proprio assicurato
ferma restando, in ogni caso, la successiva regolazione dei rapporti tra le imprese medesime secondo quanto previsto nell’ambito del sistema di
risarcimento diretto.
Ed. 01/04/2014
55 di 55
150. Disciplina del sistema di risarcimento diretto.
1. Con decreto del Presidente della Repubblica, su
proposta del Ministro delle attività produttive, da
adottarsi entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente codice sono stabiliti:
a)i criteri di determinazione del grado di responsabilità delle parti per la definizione dei
rapporti interni tra le imprese di assicurazione;
b)il contenuto e le modalità di presentazione
della denuncia di sinistro e gli adempimenti
necessari per il risarcimento del danno;
c)le modalità, le condizioni e gli adempimenti
dell’impresa di assicurazione per il risarcimento del danno;
d)i limiti e le condizioni di risarcibilità dei danni
accessori;
e) i principi per la cooperazione tra le imprese di
assicurazione, ivi compresi i benefici derivanti
agli assicurati dal sistema di risarcimento diretto.
2. Le disposizioni relative alla procedura prevista
dall’articolo 149 non si applicano alle imprese di
assicurazione con sede legale in altri Stati membri che operano nel territorio della Repubblica ai
sensi degli articoli 23 e 24, salvo che le medesime
abbiano aderito al sistema di risarcimento diretto.
3. L’ISVAP vigila sul sistema di risarcimento diretto
e sui principi adottati dalle imprese per assicurare la tutela dei danneggiati, il corretto svolgimento delle operazioni di liquidazione e la stabilità
delle imprese.
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
INFORMATIVA PRIVACY
1 di 3
2 di 3
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
INFORMATIVA PRIVACY
Informativa al Cliente sull’uso dei Suoi dati e
sui Suoi diritti
Art. 13 D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali.
Gentile Cliente, per fornirLe i prodotti e/o i servizi
assicurativi richiesti o previsti in Suo favore dobbiamo raccogliere ed utilizzare alcuni dati che La
riguardano.
Quali dati raccogliamo
Si tratta di dati (come, ad esempio, nome, cognome,
residenza, data e luogo di nascita, professione, recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica) che
Lei stesso od altri soggetti(1) ci fornite; tra questi ci
possono essere anche dati di natura sensibile(2) (idonei, ad esempio, a rivelare il Suo stato di salute), indispensabili per fornirLe i citati servizi e/o prodotti
assicurativi.
Il conferimento di questi dati è in genere necessario
per il perfezionamento del contratto assicurativo e
per la sua gestione ed esecuzione; in alcuni casi è
obbligatorio per legge, regolamento, normativa comunitaria od in base alle disposizioni impartite da
soggetti quali l’Autorità Giudiziaria o le Autorità di
vigilanza(3). In assenza di tali dati non saremmo in
grado di fornirLe correttamente le prestazioni richieste; il rilascio facoltativo di alcuni dati ulteriori
relativi a Suoi recapiti può, inoltre, risultare utile per
agevolare l’invio di avvisi e comunicazioni di servizio.
Perché Le chiediamo i dati
I Suoi dati saranno utilizzati dalla nostra Società per
finalità strettamente connesse all’attività assicurativa e ai servizi forniti(4), ai relativi adempimenti normativi, nonché ad attività di analisi dei dati (esclusi quelli di natura sensibile), secondo parametri di
prodotto, caratteristiche di polizza e informazioni
sulla sinistrosità, correlate a valutazioni statistiche
e tariffarie; ove necessario potranno essere acquisiti
ed utilizzati dalle altre società del nostro Gruppo(5)
e saranno inseriti in un archivio clienti di Gruppo.
I Suoi dati potranno essere comunicati solo ai soggetti, pubblici o privati, esterni alla nostra Società
coinvolti nella prestazione dei servizi assicurativi
che La riguardano o in operazioni necessarie per
l’adempimento degli obblighi connessi all’attività
assicurativa(6).
Poiché fra i Suoi dati personali ve ne sono alcuni di
natura sensibile (ad esempio, relativi al Suo stato di
salute) potremo trattarli soltanto dopo aver ottenuto
il Suo esplicito consenso.
Come trattiamo i Suoi dati
I Suoi dati non saranno soggetti a diffusione; saranno trattati con idonee modalità e procedure, anche
informatiche e telematiche, solo dal personale incaricato delle strutture della nostra Società preposte
alla fornitura dei prodotti e servizi assicurativi che
La riguardano e da soggetti esterni di nostra fiducia
a cui affidiamo alcuni compiti di natura tecnica od
organizzativa(7).
Quali sono i Suoi diritti
La normativa sulla privacy (artt. 7-10 D. Lgs.
196/2003) Le garantisce il diritto ad accedere in ogni
momento ai dati che La riguardano, a richiederne
l’aggiornamento, l’integrazione, la rettifica o, nel
caso i dati siano trattati in violazione di legge, la cancellazione.
Titolari del trattamento dei Suoi dati sono UnipolSai Assicurazioni S.p.A. (www.unipolsai.it) e Unipol
Gruppo Finanziario S.p.A. (www.unipol.it), entrambe con sede in Via Stalingrado 45 - 40128 Bologna(8).
Per l’esercizio dei suoi diritti, nonché per informazioni più dettagliate circa i soggetti o le categorie
di soggetti ai quali sono comunicati i dati o che ne
vengono a conoscenza in qualità di responsabili o
incaricati, potrà rivolgersi al “Responsabile per il riscontro agli interessati”, presso UnipolSai Assicurazioni S.p.A., Via Stalingrado, 45, Bologna, [email protected]
unipolsai.it
Inoltre, collegandosi al sito www.unipolsai.it nella
sezione Privacy o presso il suo agente/intermediario
troverà tutte le istruzioni per opporsi, in qualsiasi
momento e senza oneri, all’invio di comunicazioni
di informazione e promozione commerciale sui prodotti o servizi di UnipolSai Assicurazioni S.p.A. e
delle altre società del Gruppo Unipol.
– NOTE –
1) Ad esempio, contraenti di assicurazioni in cui Lei
risulti assicurato o beneficiario, eventuali coobbligati; altri operatori assicurativi (quali intermediari assicurativi, imprese di assicurazione, ecc.);
soggetti ai quali, per soddisfare le sue richieste
(ad es. di rilascio o di rinnovo di una copertura,
di liquidazione di un sinistro, ecc.) richiediamo
informazioni commerciali; organismi associativi
(es. ANIA) e consortili propri del settore assicurativo, altri soggetti pubblici.
2) Sono i dati idonei a rivelare non solo lo stato di salute, ma anche convinzioni religiose, filosofiche
o di altro genere, opinioni politiche, adesioni a
partiti, sindacati, associazioni, od organizzazioni
a carattere religioso, filosofico, politico, o sinda-
Fascicolo Informativo – R.C.A. e A.R.D. Settore I - II Prodotto 9050/1
cale. Sono considerati particolarmente delicati,
seppur non sensibili, anche i c.d. dati giudiziari
relativi a sentenze o indagini penali.
3) Ad esempio: IVASS, CONSOB, COVIP, Banca d’Italia, AGCM, Garante Privacy, oppure per gli adempimenti in materia di accertamenti fiscali con le
relative comunicazioni all’Amministrazione finanziaria, nonché gli obblighi di identificazione,
registrazione ed adeguata verifica della clientela
ai sensi della normativa in materia di antiriciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo (D.Lgs. 231/07), nonché di segnalazione
di eventuali operazioni ritenute sospette all’UIF
presso Banca d’Italia, ecc.
4) Ad esempio, per predisporre o stipulare contratti assicurativi (compresi quelli attuativi di forme
pensionistiche complementari, nonché l’adesione individuale o collettiva a Fondi Pensione istituiti dalla Società), per la raccolta dei premi, la
liquidazione dei sinistri o il pagamento o l’esecuzione di altre prestazioni; per riassicurazione
e coassicurazione; per la prevenzione e l’individuazione, di concerto con le altre compagnie del
Gruppo, delle frodi assicurative e relative azioni
legali; per la costituzione, l’esercizio e la difesa
di diritti dell’assicuratore; per l’adempimento di
altri specifici obblighi di legge o contrattuali;per
l’analisi di nuovi mercati assicurativi; per la gestione ed il controllo interno; per attività statistico-tariffarie.
5) Gruppo Assicurativo Unipol, con capogruppo
Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. cui è affidata la
gestione di alcuni servizi condivisi per conto delle
altre società del Gruppo. Le società facenti parte
del Gruppo Unipol sono visibili sul sito di Unipol
Gruppo Finanziario S.p.A. (www.unipol.it).
USA_Info_Cont_01 - ed. 01/01/2014
3 di 3
6) In particolare, i Suoi dati potranno essere comunicati e trattati, in Italia o anche all’estero (ove
richiesto) verso Paesi dell’Unione Europea o terzi
rispetto ad essa, da soggetti che fanno parte della
c.d. “catena assicurativa” come: altri assicuratori; coassicuratori e riassicuratori; intermediari
di assicurazione e di riassicurazione ed altri canali di acquisizione di contratti di assicurazione;
banche; SIM; Società di gestione del risparmio;
banche depositarie per i Fondi Pensione, medici fiduciari, periti, autofficine, legali; società di
servizi per il quietanzamento; cliniche o strutture sanitarie convenzionate; nonché ad enti ed
organismi, anche propri del settore assicurativo,
aventi natura pubblica o associativa per l’adempimento di obblighi normativi e di vigilanza,
altre banche dati a cui la comunicazione dei dati
è obbligatoria, come ad es. il Casellario Centrale
Infortuni (l’elenco completo è disponibile presso
la nostra sede o il Responsabile per il Riscontro).
7) Ad esempio, società di servizi informatici e telematici o di archiviazione; società di servizi a
cui siano affidati la gestione, la liquidazione ed
il pagamento dei sinistri; società di supporto alle
attività di gestione ivi comprese le società di servizi postali; società di revisione e di consulenza;
società di informazione commerciale per rischi
finanziari; società di servizi per il controllo delle
frodi; società di recupero crediti.
8) Nonché, in base alle garanzie assicurative da Lei
eventualmente acquistate e limitatamente alla gestione e liquidazione dei sinistri, UniSalute S.p.A,
con sede in Bologna, via Larga, 8.
Sede Legale: via Stalingrado, 45 - 40128 Bologna (Italia) - tel. +39 051 5077111 - fax +39 051 375349
Capitale Sociale i.v. Euro 1.977.533.765,65 - Registro delle Imprese di Bologna, C.F. e P.IVA 00818570012 - R.E.A. 511469
Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A.,
iscritta all’Albo Imprese di Assicurazione e riassicurazione Sez. I al n. 1.00006 e facente parte
del Gruppo Assicurativo Unipol iscritto all’Albo dei gruppi assicurativi al n. 046
www.unipolsai.com - www.unipolsai.it
Modello S09050A/1 – Ed. 01.04.2014 - CAL 10.000
UnipolSai Assicurazioni S.p.A.
Fly UP