...

Zucca Cappello da prete

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Zucca Cappello da prete
ZUCCA
Genere: Cucurbita
Specie: Cucurbita maxima Duch.
Famiglia: Cucurbitaceae
Nome comune: Zucca Cappello da Prete
Sinonimi accertati: Beretta del prete, Berettina
Sinonimie errate: Zucca turbante turco
Denominazioni dialettali locali (indicare la località): Capel da pret, zòca da la brètta (Reggio Emilia)
Rischio di erosione: Medio
Data inserimento nel repertorio:
Ultimo aggiornamento scheda: 27/10/2013
Accessioni valutate per la realizzazione della scheda
1) Azienda Istituto Tecnico Agrario A. Zanelli di Reggio Emilia
2)
3)
Luoghi di conservazione ex situ: Banca del Germoplasma Università di Pavia
Vivaista incaricato della moltiplicazione: Istituto Tecnico Agrario A. Zanelli di Reggio Emilia
accessione 1
accessione 2
accessione 1
accessione 2
Pianta
Foglia
accessione 1
accessione 1
accessione 2
accessione 2
Frutto
Semi
CENNI STORICI, ORIGINE, DIFFUSIONE
Il nome cappello da prete, usato anche a Parma e a Mantova, deriva dalla forma della zucca a due falde,
quella superiore più larga e l’inferiore più ristretta, che nella fantasia popolare ricordava il tipico cappello
del parroco fino agli anni ‘50.
Non si hanno notizie precise sull’origine storica della zucca cappello da prete. Questa varietà nella sua
forma “a turbante” una somiglianza con una delle più note zucche tradizionali d’Italia, la Marina di
Chioggia, che però presenta un colore verde scuro, la parte inferiore striata e la superficie costoluta e
molto verrucosa. Zucche costolute e verrucose, compaiono già in dipinti tra ‘500 e ‘600, ma non è mai
presente in modo evidente la forma a turbante (o cappello), tipica anche della marina di Chioggia. L’unico
e più antico riferimento scritto rinvenuto su un’edizione a diffusione nazionale e che ha un possibile legame
con questa forma caratteristica, appare su di una manuale del 1892 (Farneti R. Frutti freschi e secchi –
ortaggi. Fratelli Dumolard editori, Milano): “Zucca turbante - La forma … la fa rassomigliare ad un
turbante. La varietà grossa comune ha da 40 a 60 cm di diametro trasversale. La polpa è di un bel color
giallo, fina, molto stimata”.
ZONA TIPICA DI PRODUZIONE
Le fonti orali riferiscono della zucca Cappello da Prete come la più antica cultivar presente sul territorio
reggiano.
La coltivazione della zucca nella nostra provincia, a livello di famiglia contadina, si estendeva dall’alta
pianura fino alle rive del Po in terreni vocati alle cucurbitaceee ricchi di sostanza organica.
Per le famiglie contadine della Pianura Padana, in passato in bilico tra modesto benessere e sussistenza, le
zucche sono sempre state coltivate negli orti domestici, apprezzate per la loro produttività e serbevolezza.
Si trattava prevalentemente di una coltivazione a livello familiare, che non è mai evoluta in una vera e
propria coltura specializzata nella nostra provincia.
Attualmente la cappello da prete viene coltivata su superfici limitate, da coltivatori di anguria e melone,
prevalentemente per il mercato locale.
Questa zucca veniva conservate per mesi, fino alla primavera, ed era protagonista di un piatto tipico
reggiano, il tortello di zucca, per cui ha le caratteristiche ideali: polpa soda e poco acquosa, dolcezza,
aroma neutro, quindi con assenza di note particolari, come invece quelli tipici della specie Cucurbita
moschata.
BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO
Va premesso che i riferimenti bibliografici storici relativi alla zucca cappello da prete, come del resto per
altre cultivar e in genere per le cucurbitacee, sono molti limitati o quasi assenti e bisogna far ricorso
prevalentemente a fonti orali. La zucca, considerata un prodotto agrario minore, raramente è presa in
considerazione da chi in passato scriveva di agricoltura. Nei trattati di agronomia ed orticoltura, dal ‘700 ad
oggi, lo spazio riservato alle zucche è sempre molto limitato, a testimonianza del fatto che questa fosse
ritenuta una coltura minore, riservata all’ambito domestico. Sono spesso citate cultivar straniere,
soprattutto francesi, e le varietà italiane sono definite, genericamente, come “nostrali”.
Localmente bisogna ricorrere alla pubblicazione del Casali (C. Casali, I nomi delle piante nel dialetto
reggiano, Atti del Consorzio Agrario di Reggio Emilia, Reggio Emilia. 1915), per trovare nomi di zucche: ad
esempio zucca Collo Torto (probabilmente l’attuale trombetta di Albenga), zucca a Fiasco (genere
Lagenaria), zócca barócca (zucca Barucca, nome veneto della marina di Chioggia); venendo alla cappello
da prete il Casali cita una zócca da la brètta che potrebbe coincidere con il nome più in uso all’epoca per la
cappello da prete. In italiano si riporta come “traduzione” zucca a turbante.
NOTE
Le accessioni, rintracciate nel corso degli anni dall’Istituto Zanelli, si riferiscono a diversi luoghi della nostra
provincia: da Gattatico, a Poviglio, a Cadelbosco sotto, fino a Guastalla ed all’Oltrepò mantovano. L’Istituto
Zanelli ha scelto di mettere in conservazione due accessioni, ritenute più tipiche, meno ibridate e con
caratteristiche abbastanza stabili nel tempo.
La prima accessione (accessione 1 - proveniente dall’Oltrepò mantovano) ha frutti grandi del peso di 3–5
kg, di colore grigio-verde chiaro, con superficie liscia, costolatura a volte presente ma non molto incisa,
presenza di bugnosità e verruche molto limitata o spesso del tutto assente (questo carattere si deve
ritenere un indicatore di vicinanza con la cultivar Marina di Chioggia). I semi sono grandi (25x15 mm) e di
colore beige (marrone chiaro), con bordo in rilievo e più chiaro. La falda inferiore può essere più o meno
pronunciata, a volte è molto ridotta (si stima in un 30% dei casi). La selezione effettuata presso l’Istituto
Zanelli ha mirato a conservare la falda inferiore, che le conferisce la tipica forma. A tal proposito, la zucca
Berettina piacentina, cultivar ben nota e venduta da diverse ditte sementiere, è ragionevole pensare che,
causa il nome, in origine fosse simile alla cappello da prete, ma si suppone sia stata selezionata per
eliminare la forma a turbante che dà meno resa in cucina e rappresenta un punto debole dal punto di vista
fitopatologico. Le due zucche sono tuttora simili, se si esclude appunto la forma e una costolatura più
marcata nella berettina piacentina.
Nella seconda accessione (accessione 2 -proveniente da Az. Agricola Bedogna, Tagliate di Guastalla), i
frutti sono molto regolari come dimensione e forma, più piccoli (1-2,5 kg), di colore grigio-verde e
superficie liscia, costolatura e bugnosità del tutto assenti. La falda inferiore è sempre presente e ben
pronunciata. I semi sono più piccoli (20x10 mm) e di colore bianco. Esemplari di questa accessione sono
stati utilizzati per una studio sul DNA dal Laboratorio di analisi varietale dell’E.N.S.E. di Tavazzano
(Caratterizzazione varietale di una popolazione di zucca “beretta del prete”), che ha dimostrato una
notevole uniformità genetica e di conseguenza una costanza dei caratteri fenotipici.
Per entrambe le accessioni considerate, la polpa è densa e asciutta, con elevato contenuto di solidi (amido
e zuccheri), povera di fibra, con colore giallo-arancio chiaro.
Fly UP