...

Analisi tafonomica dei resti paleontologici dell`US 14 della grotta

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Analisi tafonomica dei resti paleontologici dell`US 14 della grotta
Instituto Politécnico de Tomar – Universidade de Trás-os-Montes
Montes e Alto Douro
(Departamento de Geologia da UTAD – Departamento de Território, Arqueologia e Património do IPT)
MESTRADO EM ARQUEOLOGIA PRÉ-HISTÓRICA
PRÉ HISTÓRICA E ARTE RUPESTRE
MASTER ERASMUS MUNDUS EM QUATERNARIO E PRÉ-HISTÓRIA
PRÉ
Analisi tafonomica dei resti paleontologici
dell’US 14 della grotta della Ciota Ciara
(Paleolitico Medio) Borgosesia, VC, Italia
Fabio Buccheri
Orientadores:
Dott.ssa Marta Arzarello,
Dott.ssa Isabel Cáceres,
C
Dott. Davide Bertè
Ano académico 2013/2014
Settembre / 2014
Todo va a salir bien ....
STM
2
RIASSUNTO
Analisi tafonomica dei resti paleontologici dell’US 14 della grotta della Ciota Ciara
(Paleolitico Medio) Borgosesia, VC, Italia.
Fabio Buccheri
La grotta della Ciota Ciara si trova nel sistema carsico del monte Fenera (Borgosesia,
Vercelli) a 670 mt. s.l.m. ed è una delle poche evidenze di occupazione preistorica del
Piemonte da parte di Homo neanderthalensis. Dal 2009, gli interventi sistematici di scavo
con approccio multidisciplinare sono ripresi da parte dell’Università degli Studi di Ferrara in
collaborazione con la Soprintendenza Archeologica per i Beni Archeologici del Piemonte e
del Museo di Antichità Egizie. Le ricerche si sono concentrate nell’atrio della grotta dove
sono state esposte 4 unità stratigrafiche: 13; 103; 14 e 15. L’associazione dei
micromammiferi ha fornito informazioni circa l’ambiente che circondava il sito e ha
permesso di attribuirlo ad un periodo temperato-umido del MIS 5 (80-70 ka). L’insieme
litico è composto da differenti materie prime rappresentate in proporzioni diverse: quarzo
(pegmatitico microcristallino e macrocristallino, ialino), spongolite, arenaria, milonite e
opale; tutte le materie prime sono reperibili in un raggio di 5 km dal sito. L’insieme litico è
composto da schegge, strumenti ritoccati, nuclei e debris; la percussione diretta è l’unica
tecnica impiegata mentre, i metodi attestati in Ciota Ciara sono S.S.D.A., discoide,
Levallois e Kombewa sensu latu. L’insieme dei resti faunistici studiati fin’ora ha dimostrato
una predominanza di Ursus spelaeus in tutte le unità, mentre un aumento della
componente di erbivori è attestata dal tetto verso la base del giacimento.
L’ambiente era caratterizzato da boschi di latifoglie e, probabilmente, alla base del
monte si estendevano radure. L’intersezione tra i diversi habitat, la presenza di materie
prime litiche e le fonti d’acqua sono stati i principali fattori che hanno favorito l’occupazione
umana durante il Pleistocene superiore.
Nell’ambito di questo lavoro, è stato eseguito uno studio tafonomico preliminare su
1.144 resti provenienti dall’US 14 che hanno evidenziato un forte intervento da parte dei
carnivori, differenti processi diagenetici e segni di macellazione su Ursus spelaeus, le cui
evidenze possono essere correlate allo scuoiamento e al consumo delle masse muscolari.
Ulteriori studi tafonomici sui resti faunistici della Ciota Ciara potranno aiutare a chiarire le
interazioni tra Homo neanderthalensis e Ursus spelaeus.
3
ABSTRACT
Taphonomic analysis of paleontological remains of the S.U. 14 in the Ciota Ciara
cave (Middle Paleolithic) Borgosesia, VC, Italia.
Fabio Buccheri
The Ciota Ciara cave is situated Monte Fenera’s karst (Borgosesia, Vercelli) at 670 mt
a.s.l. and it is the only evidence of a prehistoric occupation by Homo neanderthalensis in
Piedmont. In 2009, the University of Ferrara in collaboration with the Soprintendenza per i
Beni Archeologici del Piemonte e del Museo di Antichità Egizie restarted
systematic
archaeological excavations at the Ciota Ciara cave using a multidisciplinary approach. The
researches were focused in
the atrium of the cave where 4 stratigraphic units were
investigated : 13; 103; 14 and 15. The faunal remains
gave informations about the
environment around the site identifying the chronology of the site in a mild -humid period of
OIS 5 (80-70 ka).
Several lithologies such as quartz (microcrystalline pegmatic quartz, macrocrystalline
pegmatic quartz and hyaline
quartz), spongolite, sandstone, milonite and opal are
represented in different proportion. All these types of raw materials have been found in
the proximity of the archaeological site, within 5 km range.. The lithic assemblage is made
of flakes, retouched tools, cores and debris, The raw materials exploitation was achieved
through the direct percussion technique with various methods: S.S.D.A., discoid, Levallois
and Kombewa s.l. . The faunal remains analysed until now showed a predominance of
Ursus spelaeus in all units, while an increase of skeletal herbivorous component was
detected from the top to the base of the site.
The environment was characterized by deciduous woodland and by glades at the base
of the mountain. The intersection between different habitats, the presence of lithic raw
materials and water sources are the main factors that encouraged the human occupation
during the Upper Pleistocene.
In this study, the preliminary taphonomic data obtained from 1.144 remains of the S.U.
14 revealed a strong participation of carnivorous, several diagenetic processes and
butchery sign on Ursus spelaeus. These evidences could be correlated to the fur removal
and the use of muscular masses. Further analysis on the faunal remains of the Ciota Ciara
cave would be necessary to help and clarify the interaction between Homo
neanderthalensis and Ursus spelaeus.
4
RESUMO
Análise tafonômica de restos paleontológicos da US 14 da Cruta de Ciota Ciara
(Paleolítico Médio) Borgosesia, VC, Itália.
Fabio Buccheri
A Gruta de Ciota Ciara está localizada no sistema cársico do Monte Fenera
(Borgosesia, Vercelli) a 670 mt. s.l.m. sendo uma das poucas evidências de ocupação
pré-histórica do Piemonte pelo Homo Neanderthalensis. Desde dos anos de 2009, as
intervenções sistemáticas de escavação com uma abordagem multidisciplinar são levadas
a cabo pela Universidade de Ferrara, em colaboração com a Superintendência
Arqueológica do Piemonte e do Museu de Antiguidades Egípcias. A investigação
concentrou-se no átrio da gruta onde foram expostas quatro unidades estratigráficas: 13;
103; 14 e 15. Neste contexto a associação de pequenos mamíferos forneceu informações
sobre o ambiente que circundava o sítio e possibilitou a atribuição para um período de
clima temperado-húmido de MIS 5 (80-70 ka). Foram encontradas diferentes matériasprimas representadas em diversas proporções: quartzo (pegmatitico microcristalina,
microcristalina pegmatitico, hialina), spongolite, arenito, milonito e opala; sendo todas as
matérias-primas disponíveis em um raio de 5 km do local.
O complexo lítico é composto de lascas, instrumento retocados, núcleos e debris; a
percussão direta é a única técnica empregada, no entanto, os métodos empregados em
Ciota Ciara são SSDA, o discóide, o Levallois e kombewa.
O conjunto de restos faunísticos estudados até agora mostraram uma predominância
de Ursus spelaeus em todas as unidades, enquanto que um aumento na componente
esquelético de herbívoros é atestado do teto à base da jazida.
O ambiente foi caracterizado por florestas estacionais deciduais e, provavelmente, na
base das montanhas clareiras alongadas. A interseção entre os diferentes habitats, a
presença de matérias-primas líticas e fontes de água foram os principais fatores que
favoreceram a ocupação humana durante o Pleistoceno Superior.
No âmbito deste trabalho foi realizado um estudo preliminar tafonômico de 1144
restos proveniente da US 14 que há evidenciado uma forte intervenção de carnívoros,
diferentes processos de diagêneses e sinais de bate de Ursus spelaeus, cuja evidência
pode estar relacionada tratamento da pele e consumo de massa muscular. Os dados de
5
futuros estudos tafonômicos de Ciota Ciara podem ajudar a esclarecer as interações
entre o Homo neanderthaliensis e Ursus spelaeus.
6
INDICE
INTRODUZIONE
9
1. LA GROTTA DELLA CIOTA CIARA
10
1.1 Localizzazione
10
1.2 Il sistema carsico del Monte Fenera
14
1.3 Storia degli studi
17
1.4 la sequenza stratigrafica
21
1.5 I macromammiferi
22
1.6 I micromammiferi e il paleo ambiente
24
1.7 L’insieme litico
24
2. MATERIALI E METODI
27
2.1 Tafonomia
27
2.2 Materiali
30
2.3 Metodi
31
2.3.1 Interventi antropici (cut-marks)
32
2.3.2 Interventi dei carnivori
36
2.3.3 Calpestio
42
2.3.4 Fessurazione
43
2.3.5 Abrasione idrica
46
2.3.6 Concrezioni
49
2.3.7 Deposizione dell’ossido di manganese
50
2.3.8 Alterazioni date dalle radici
54
3. ANATOMIA, TASSONOMIA ED ALTERAZIONI TAFONOMICHE
57
3.1 Composizione anatomica e tassonomica
57
3.2 Alterazioni tafonomiche
62
3.2.1 Interventi antropici (cut-marks)
63
3.2.2 Interventi dei carnivori
67
3.2.3 Calpestio
79
3.2.4 Fessurazione
79
3.2.5 Abrasione idrica
80
7
3.2.6 Concrezioni
81
3.2.7 Deposizione dell’ossido di manganese
82
3.2.8 Alterazioni date dalle radici
89
4. DISCUSSIONE E CONCLUSIONI GENERALI
84
5. RINGRAZIAMENTI
88
6. BIBLIOGRAFIA
89
8
INTRODUZIONE
Lo studio tafonomico preliminare dell’ US 14 della grotta della Ciota Ciara si inserisce
nell’ambito di uno studio multidisciplinare mirato alla comprensione del comportamento e
del sostentamento di Homo neanderthalensis. Il presente studio ha lo scopo di analizzare i
processi postdeposizionali avvenuti nel sito in esame. Gli agenti di intervento di accumulo
e di formazione del giacimento fossilifero sono risultati principalmente di tre tipi: carnivori,
uomo trasporto idrico. Le alterazioni diagenetiche identificate hanno fornito informazioni
relative ai fenomeni accaduti nella grotta facendo ipotizzare un lento seppellimento del
record archeologico.
9
CAPITOLO 1
LA GROTTA DELLA CIOTA CIARA
1.1 Localizzazione
Il Monte Fenera è ubicato tra l’area alpina e la Pianura Padana (Strobino, 1981)
(Fig.1); il limite Nord è dato dal fiume Strona che separa il Monte Fenera dagli altri rilievi
della Valsesia e del Cusio; a Ovest la confluenza tra i fiumi Sesia e Sessera isola il Monte
dalle Prealpi biellesi; a Est e a Sud invece, il Fenera scema rispettivamente verso la
pianura di Novara e Vercelli e la zona dei laghi d’Orta, Iseo, Como, Lugano e Maggiore
(Strobino, 1981; Fedele, 1984) (Fig.2). Tale posizione geografica rende il Fenera uno dei
principali massicci della Valsesia, dalla cui sommità è possibile osservare il Monte Rosa,
numerosi altri monti delle Alpi e delle Prealpi nonché le ultime propaggini pedemontane e
la grande Val Padana. L’area del Fenera, isolata dal comprensorio Alpino, si dimostra
priva di depositi morenici. Tale osservazione suggerisce che il Monte Fenera non sia stato
interessato da fenomeni glaciali; le condizioni ambientali favorevoli hanno permesso la
frequentazione animale e umana dello stesso durante il Pleistocene .
Fig. 1: Cartina del Piemonte con indicata la posizione del Monte Fenera (Fantoni et al., 2005a).
10
Fig. 2: Localizzazione del monte Fenera (Berto, 2012).
Il Monte Fenera è il rappresentante stratigrafico più significativo della copertura
sedimentaria mesozoica delle Alpi Meridionali. L’importanza del Monte Fenera è data dalla
conservazione dei lembi sedimentari relazionati alle linee di faglia, le quali, hanno potuto
preservare tali lembi grazie alla dislocazione di una porzione di copertura sedimentaria
che ha potuto proteggerla dall’erosione (Fantoni et al., 2005b). Quest’aspetto fu colto dai
geologi sin dalla fine dell’800 ma le ricerche e gli studi monografici non furono approfonditi
se non a partire dagli anni ’80 (Fantoni and Fantoni, 1991; Fantoni et al., 2005a). La
particolare formazione geologica del Fenera ha pertanto favorito l’insediamento umano
come confermato da importanti evidenze archeologiche le cui attestazioni temporali si
possono ricondurre sin dal Paleolitico medio (Gambari, 2005). Tali insediamenti umani
hanno potuto conservarsi grazie alle grotte di origine carsica originatesi nell’Oligocene –
Miocene superiore all’interno delle rocce carbonatiche di cui il Fenera è in parte costituito
(Bini and Zuccoli, 2005).
La serie stratigrafica del monte (Fantoni and Fantoni, 1991; Fantoni et al., 2005a)
(Fig.3) procedendo dal basso verso l’alto comprende:
Scisti dei Laghi: rocce metamorfiche appartenenti alla sottounità della Serie dei Laghi che
affiorano alla base del lato orientale del monte e lungo la Valle Strona di Valduggia;
11
Complesso
vulcanico
permiano:
unità
vulcaniche
e
vulcanoclastiche
che
presentano alla base effusioni laviche di colore rossastro, bruno o grigiastro coperte
da tufi di colore rosso violaceo;
Arenarie grigie di Fenera Annunziata: microconglomerati ed arenarie a cemento
dolomitico di colore grigio e verde con intercalazioni argillose e siltose affioranti
lungo le strade che salgono alle frazioni presenti sul lato occidentale del Monte
Fenera;
Dolomia di S. Salvatore: potente serie carbonatica che occupa tutta la parte
centrale del Monte Fenera e che affiora presso Valduggia;
Brecce del Monte Fenera: depositi liassici costituiti da brecce e clasti
prevalentemente dolomitici con cemento dolomitico rossastro, presenti solo sul
versante occidentale del monte;
Arenarie di San Quirico: serie costituita da alternanze di arenarie grossolane
rossastre, arenarie fini brune e arenarie grigie e verdi;
Calcari spongolitici: nella parte inferiore prevalgono calcari selciosi grigiastri
alternati ad arenarie e a calcari arenacei bruni; nella parte superiore i calcari
diventano marnosi, di colore nerastro;
Depositi pliocenici: presenti solo sulle colline sul lato settentrionale della Val Strona
e sulle colline a nord di Grignasco, questi depositi si articolano in una porzione
inferiore costituita da una lente discontinua di conglomerati poligenici e di arenarie
grigie che, verso l’alto, fa da transizione ad argille grigio-azzurre contenenti una
ricca fauna a molluschi e rari echinodermi, e in una parte superiore costituita da
arenarie giallastre.
Per quanto concerne l’assetto strutturale dell’area si può affermare che la stessa sia
attraversata da due lineamenti tettonici principali detti “Linea della colma” e “Linea della
Cremosina” associati rispettivamente al ciclo estensionale mesozoico e al ciclo
compressionale alpino.
La “Linea della colma” fa parte dei lembi sedimentari compresi tra il Lago Maggiore e
Canavese, tale linea delimita il lembo sedimentario orientale del Monte Fenera (Fantoni et
al., 2005a). La “Linea della Cremosina” invece costituisce una faglia subverticale di
importanza regionale che localmente segue l’asse della Val Strona con una direzione
media di 60° N; l’assetto regionale ai lati di sudd etta linea dimostra una dislocazione
legata al ciclo compressionale alpino senza però una dettagliata collocazione temporale.
12
Fig. 3: Successione giurassica del Monte Fenera (Fantoni et al., 2005b).
13
1.2 . Il sistema carsico del Monte Fenera
Il sistema carsico del Monte Fenera si è formato in contesti geomorfologici e climatici
diversi dall’attuale che garantivano un bacino di alimentazione più ampio e precipitazioni
più elevate. lo sviluppo di queste cavità ipogee perciò è riferibile a climi caldi subtropicali di
età miocenica, che giustificherebbe pertanto il carsismo in rocce non particolarmente
solubili come le dolomie nelle quali si aprono le grotte del Monte Fenera (Strobino, 1981;
Fantoni and Fantoni, 1991; Fantoni et al., 2005b). La formazione del sistema carsico deve
essere stata anteriore al Pliocene visto che alcuni depositi presenti nelle grotte sono datati
a questo periodo ed anche al Miocene superiore. I cosiddetti “ciottoli esotici” molto
arrotondati e di forma oblunga presenti all’interno dei depositi (Strobino, 1981; Fantoni et
al., 2005a) derivanti da trasporto idrico oppure originatisi in ambiente assoggettato a moto
ondoso, non possono essere successivi a questo periodo (Bini and Zuccoli, 2005).
All’interno del sistema carsico si sono realizzate alternanze di periodi a basso regime
idrico e condizioni di forti apporti idrici indicati dall’erosione con elevato trasporto solido
attestato nelle litologie basali (Fantoni and Fantoni, 1991; Bini and Zuccoli, 2005).
Molti studiosi ipotizzano che il massimo sviluppo del sistema carsico sia avvenuto
durante la crisi climatica del Messiniano, ciononostante non è da escludere che
l’ampliamento delle cavità carsiche possa essere avvenuto durante l’alternanza dei periodi
glaciali ed interglaciali.
Dal Pliocene superiore al Pleistocene i mutamenti climatici hanno alterato la
morfologia erodendo le valli fluviali. Successivamente a questi cambiamenti fisiografici si
verificarono importanti crolli di versante con relativo trasporto detritico a valle in seguito ai
quali le litologie carbonatiche, rimasero esposte, dando maggiore sviluppo al sistema
carsico (Fantoni and Fantoni, 1991; Bini and Zuccoli, 2005).
Il sistema carsico del Monte Fenera è associato a due sistemi di fratture dirette ENE –
WSW e NNW – SSE e sub parallele alla Linea della Cremosina e alla Linea della Colma
(Fantoni et al., 2005a) (Fig.4). La presenza di suddette faglie e la marcata fratturazione
delle unità carbonatiche del Monte, in associazione alla sua relativa porosità secondaria,
hanno permesso l’aumento della circolazione idrica all’interno del monte e una
intensificazione dei fenomeni di dissoluzione responsabili del carsismo (Fantoni and
Fantoni, 1991; Fantoni et al., 2005a; Bona et al., 2007).
14
Fig. 4: Lembi sedimentari a ovest del Lago Maggiore con indicate la Linea della Cremosina e la Linea della
Colma (Fantoni et al., 2005b; Daffara, 2011).
Il carsismo è l’insieme di tutti quei processi naturali che provocano la corrosione ed
erosione della roccia di un massiccio carbonatico. Sul Monte Fenera tali fenomeni
avvengono prevalentemente in ambiente ipogeo. Non essendo un monte elevato, la sua
vegetazione
occulta quasi in toto la corrosione superficiale (carso semi-coperto)
normalmente visibile negli altopiani carsici (Fantoni et al., 2005a).
Ciò nonostante, in certe zone sono visibili alcuni di questi fenomeni, specificamente
forme carsiche di dissoluzione superficiale in corrispondenza degli affioramenti delle rocce
carbonatiche.
Esempi di carsismo superficiale si hanno in corrispondenza della parete retrostante la
chiesa di S. Antonio abate della frazione Colma (versante NE), la zona sopra S. Giulio e
le grotte di Ara, che si presentano con differenti attestazioni quali creste, torrioni, solchi,
marmitte, archi naturali (Fantoni et al., 2005a).
Per quanto concerne l’aspetto carsico ipogeo, sul Monte Fenera sono state scoperte
ed accatastate 72 cavità. Le grotte sul Monte Fenera hanno una temperatura interna
costante di 9°C e un tasso d’umidità del 96-97% (Fa ntoni et al., 2005a). Tutte le grotte si
aprono sul lato occidentale del Monte Fenera, nella parte centrale e nel versante
meridionale presso Ara, all’interno dell’unità della Dolomia di S. Salvatore. Unica
eccezione è rappresentata dell’imbocco della grotta delle Arenarie che si apre nelle
15
arenarie di S. Quirico e si sviluppa nella Dolomia di S. Salvatore (Fantoni and Fantoni,
1991; Fantoni et al., 2005a).
Fig. 5: Carta geologica d’insieme della Valsesia con l’indicazione delle maggiori faglie della zona
(Fantoni et al., 2005b).
1.3 Storia degli studi
I primi scritti relativi le grotte del Monte Fenera vennero redatti da autori novaresi e
valsesiani, tra questi G.P.F. Fassola che nel 1672 si riferì alle cavità come se esse fossero
di origine artificiale; tale credenza perpetuò fino al pieno Ottocento (Fedele, 1966).
16
Nel Settecento il Sig. Nicolao Sottile descrisse le grotte avanzando la timida ipotesi
che esse potessero essere d’origine naturale ma tale idea venne ritenuta poco probabile
(Fedele, 1966). Nella prima metà dell’Ottocento, contemporaneamente a quando venne
redatta la prima carta geologica generale del Piemonte, iniziarono le prime ricognizioni
scientifiche dell’area del Fenera con mire di carattere geologico e naturalistico (Fedele,
1966; Busa et al., 2005).
Solo nel 1880 però, con Corrado Parona, si poté ottenere una esauriente e vera
relazione scientifica sulle grotte con annessa esposizione di osservazioni e ritrovamenti
naturalistici avvenuti durante una traversata della Colma, borgo sul versante Est del monte
oggetto di questa tesi, sino alla zona delle grotte e all’area del fondovalle del fiume Sesia.
Nei medesimi anni, in alcune grotte iniziarono scavi che restituirono reperti paleontologici
che, purtroppo, in gran parte vennero dispersi. Di codesti scavi, alcuni esempi furono quelli
condotti nel 1877 dal Francioni nelle brecce ossifere della Grotta della Magiagia presso
Ara (Conti, 1931; Fedele, 1966; Strobino and Giacobini, 1979; Strobino, 1992; Busa et al.,
2005) e quelli dell’abate A. Carestia nella Grotta del Ciutarun, promossi dal CAI di Varallo
ma in seguito abbandonati per mancanza di fondi (Fedele, 1966). Dagli inizi del ‘900
iniziarono a diffondersi notizie sulla presenza di resti antropici sul Monte Fenera sull’onda
sia dei ritrovamenti del 1884 di sepolture di inumati rannicchiati presso la cascina
Lanfranchi (Conti, 1931; Busa et al., 2005; Gambari, 2005) che per gli scritti riferenti le
grotte, la cui fama attirò speleologi e cercatori di fossili (Fedele, 1966). Nella decade del
1930 il Conti iniziò ad interessarsi ai sopracitati depositi coronando tale interesse con la
pubblicazione di un opuscolo monografico (Conti, 1931), in seguito nel 1936 Carlo Felice
Capello, ricercatore sulla tematica del carsismo Piemontese, diede un accenno riferente
gli scavi “praticati qua e la” di Ciota Ciara che restituì denti di Ursus spelaeus e frammenti
ceramici ma tali ricerche vennero interrotte dall’avvento della Seconda Guerra Mondiale
(Fedele, 1966).
A guerra terminata, grazie alla costituzione del GASB (Gruppo Archeo – Speleologico
Borgosesiano) e alla personalità di C. Conti, gli studi sul Monte Fenera ripresero con gran
vigore culminando, nell’agosto 1953 con l’ottenimento, da parte dell’allora Soprintendenza
alle Antichità del Piemonte, delle autorizzazioni ufficiali per effettuare scavi nella Grotta
Ciùtarun. Nel Settembre del medesimo anno venne svolto il primo saggio di scavo alla
Grotta Ciota Ciara da parte del Sig. C. Soncin rappresentante dell’Istituto di Geologia
dell’Università di Torino che, su esplicita richiesta da parte del GASB, rinvenne molti
reperti faunistici e, probabilmente anche materiale archeologico (Fedele, 1966).
17
Per quanto riguarda la Grotta Ciùtarun, supervisionata sotto le direttive del Conti,
l’approccio metodologico fu sommario, fu infatti eseguito lo scavo di un pozzo verticale
dalla profondità di circa 8 m. con il fine di sondare il deposito (Conti, 1960), ma la poca
rigorosità metodologica risultò la causa della perdita di molti dati e materiale (Fedele,
1974, 1984).
A questo fatto seguì l’intervento da parte dell’ispettore della Soprintendenza alle
Antichità F.G. Lo Porto il quale, nel 1957 e nel 1960 pubblicò i suoi studi inerenti l’industria
litica attribuendola al “Musteriano Alpino”, definizione oggi non più in auge e che a suo
tempo si componeva di industrie musteriane di rozza manifattura (Battaglia, 1953; Lo
Porto, 1957, 1960).
Fino a metà degli anni ’60 il GASB effettuò esplorazioni e raccolte di materiale tra cui
alcuni manufatti preistorici di fattura paleolitica.
Il 1964 fu l’anno in cui nella Ciota Ciara vennero rinvenute alcune ossa craniche,
presumibilmente umane e alcuni manufatti litici presso l’imboccatura della grotta; vennero
così di seguito contattati il genovese Isetti Giuseppe e il Professor Chiarelli Bruno direttore
dell’Istituto di Antropologia dell’Università di Torino.
Nel Febbraio del medesimo anno venne eseguito un sopralluogo cui, oltre a Isetti e
Chiarelli, parteciparono anche il dr. Federico Strobino e Francesco Fedele; data l’urgenza i
quattro convennero nell’eseguire nel successivo Aprile un saggio preliminare diretto dall’
Isetti che a sua volta accertò la presenza di industria litica musteriana in Ciota Ciara
(Fedele, 1966, 1984; Strobino, 1992).
Il saggio venne ubicato nell’area vestibolare della grotta nei pressi del presunto
rinvenimento umano; la trincea di 1 x 2 m e con una profondità di 1 m restituì una serie
stratigrafica che venne suddivisa in due blocchi maggiori, quello superiore che si
dimostrava con una colorazione giallo-rossiccio sterile sia in fauna che in litica, ed una
inferiore dalla colorazione arancione - grigiastra che restituì manufatti litici e fauna. Nello
specifico la litica rinvenuta si componeva di 68 pezzi di cui la maggior parte di
composizione a quarzo, la fauna invece consisteva in un totale di 345 reperti di cui il 95%
appartenente a Ursus spelaeus. L’ ipotesi che venne tratta dalla sopracitata trincea da
parte del Fedele si riferì ad un’occupazione della grotta discontinua legata probabilmente
alla stagionalità, intervallata da fasi di colluvio e dalla presenza di carnivori nonché
caratterizzata dalla produzione in situ delle industrie litiche rinvenute (Fedele, 1966; Busa
et al., 2005).
18
L’anno successivo la morte di Isetti, avvenuta nel 1965, venne eseguita finalmente
una campagna di scavo propriamente detta sotto la direzione del Fedele che comandò
l’apertura di due aree di scavo all’interno della Ciota Ciara (distanti 20 e 35 m dall’ingresso
principale) rilevando conseguentemente il vero palinsesto stratigrafico all’interno dei
depositi quaternari del Monte Fenera. Dalla scavo “minore” dalle dimensioni pari a 1.20 m
x 1.40 m posto a 20 m di distanza dall’entrata della grotta i resti archeologici e
paleontologici furono scarsi e quasi tutti appartenenti a Ursus spelaeus, negli strati
superiori invece vennero rinvenuti resti ceramici associati a un focolare di chiara matrice
tardo antica (Fedele, 1966).
Nello scavo “principale” invece, posto a 35 m dall’ingresso, sono stati riconosciuti in
successione:
crosta concrezionale carbonatica o crosta stalagmitica
complesso giallo, formato da sedimenti sabbiosi
complesso arancione, formato da sedimenti fini sabbioso – limosi a letti di detrito
piccolo arenaceo e siliceo
In totale furono individuati 10 strati ulteriormente suddivisi in unità (Fedele, 1966, 1972).
I resti faunistici rinvenuti appartenevano quasi esclusivamente a Ursus spelaeus e, in virtù
dell’assenza di setacciature in acqua risultò una grave mancanza l’assenza di ricerca
mirata ai micro mammiferi. La massiva attestazione di Ursus spelaeus indusse pertanto a
includere Ciota Ciara nel grande complesso delle “grotte a orso” europee distribuite in
area alpina e subalpina. Dal medesimo scavo vennero restituiti anche manufatti litici in
quarzo e in spongolite che vennero definiti di industria musteriana le cui caratteristiche,
descritte dal Fedele risultano lacunose.
Fedele perpetuò il suo lavoro di ricerca sul Monte Fenera anche tra il 1967 e il 1969
esplorando il riparo sottoroccia del Belvedere rinvenendo abbondanti reperti riferibili non
solo al Musteriano ma anche al Paleolitico superiore (Fedele, 1974; Busa et al., 2005), al
Neolitico (Cultura dei Vasi a Bocca Quadrata – VBQ), e al periodo tardo – romano e alto –
medievale (Fedele, 1984).
Il GASB, tra la fine degli anni ’60 e la fine degli anni ’70, esplorò la Grotta del Laghetto che
restituì materiale ceramico, macrofauna e microfauna oloceniche, e la tana della Volpe
che attestò resti ceramici dell’età dei metalli e del periodo tardo imperiale, crani
frammentati di gatto e volpe e gusci di gasteropodi (Strobino, 1981; Manini Calderini,
1992; Busa et al., 2005; Gambari, 2005).
19
Nell’anno 1976, in seguito al dislocamento di un masso all’esterno di Ciota Ciara,
specificamente nell’area corrispondente e detta della “finestra”, venne esposto un livello
archeologico che divenne soggetto di indagine ad opera del GASB sotto la direzione di A.
Freschi. Un saggio di scavo permise altresì di individuare nella medesima area laterizi
romani appartenenti ad una struttura interpretata, in seguito all’ampliamento dello scavo
voluto dalla Soprintendenza Archeologica del Piemonte, come fucina annessa ad un’area
d’abitazione (Brecciaroli Taborelli, 1995; Busa et al., 2005; Gambari, 2005).
Nel 1989 P. Gallo e F. Strobino nel detrito trasportato fuori dalle acque reflue di Ciota
Ciara rinvennero due denti umani e un dente di Ursus spelaeus. Per quanto concerne i
resti umani i relativi studi vennero affidati a G. Giacobini che li classificò come
neandertaliani (Villa and Giacobini, 1998, 2005; Busa et al., 2005) .
Gli scavi e le campagne di scavo sistematiche in Ciota Ciara ripresero sotto la direzione di
G. Giacobini dell’Università di Torino e F.M. Gambari della Soprintendenza Archeologica
del Piemonte (Busa et al., 2005).
I dati estrapolati dalle ricerche oltre che a fornire elementi per la definizione del contesto
paleo climatico e del deposito archeologico della grotta, hanno continuato a restituire
materiale paleontologico pleistocenico, strumenti litici musteriani in quarzo e hanno
confermato e precisato la frequentazione tardo antica già precedentemente confermata
dal Fedele (Brecciaroli Taborelli, 1995; Busa et al., 2005).
Nuove ricerche sistematiche interessano l’area dal 2009 nella zona atriale della Ciota
Ciara presso l’ingresso principale ad opera dell’Università degli Studi di Ferrara sotto la
direzione della dott.ssa Arzarello Marta (in convenzione con la Soprintendenza per i Beni
Archeologici del Piemonte, prima, e in concessione poi) e con la gentile collaborazione del
GASB (Arzarello et al., 2009, 2010; M Arzarello and Berruti, 2011).
Per quanto concerne lo Scavo al Riparo Belvedere le ricerche archeologiche giunsero fino
al livello della roccia madre ma, nel complesso, il deposito ha comprovato una generale
sterilità restituendo una decina di resti ossei, una piccola quantità di microfauna e solo tre
elementi di industria litica di cui un nucleo Levallois in quarzo. I materiali rinvenuti nelle
campagne di scavo eseguite sono stati oggetto di studi multidisciplinari da parte di
ricercatori, dottorandi, tesisti e studenti dell’Università di Ferrara (M Arzarello and Berruti,
2011); le ricerche condotte dai dottori D. Bertè e C. Berto, rispettivamente mirate alla
macro ed alla microfauna hanno reso possibile la contestualizzazione paleoambientale e
biocronologica del sito (M Arzarello et al., 2012; Arzarello et al., 2013b, 2014). Sono state
altresì condotte dalla dott.ssa M. Obradovic analisi geofisiche delle aree d’indagine
20
mentre, per ciò che riguarda gli studi di provenienza della materie prime, gli studi sono
stati condotti dalla dott.ssa G. Berrutto ed i suoi risultati hanno permesso di focalizzare le
strategie d’approvvigionamento del materiale litico adottate dei gruppi neandertaliani
(Berruto, 2011). Le analisi tecno – economiche delle industrie litiche sono invece state
svolte dalla dott.ssa S. Daffara mentre le indagini inerenti le tracce d’uso sono state
condotte dal dott. G. Berrutti.
1.4 La sequenza stratigrafica
Gli scavi sistematici di Ciota Ciara da parte dell’Università di Ferrara hanno permesso
di mettere in luce una sequenza stratigrafica composta da 4 unità, nella fattispecie US 13,
US 103, US 14 ed US 14F con uno sviluppo complessivo su un’area di 8 m2 (9 a partire
dallo scavo 2014) . Nell’anno 2010, a seguito dei lavori eseguiti nella campagna di scavo
del 2009 mirati prevalentemente alla comprensione degli studi condotti dai diversi enti e
ricercatori del passato, gli interventi archeologici dell’Università di Ferrara iniziarono con lo
scavo della US 13 nella zona atriale della grotta. Il sedimento indagato, di generale
matrice argillosa e dal colore bruno – rossastro al suo interno conteneva raro pietrisco
centimetrico a spigoli vivi (Arzarello et al., 2010). US 13 ha restituito sin dall’inizio materiali
archeologici quali strumenti litici in quarzo e selce e resti faunistici. Entrambe le
attestazioni sono state rinvenute in giacitura sub – orizzontale a orientazione casuale
(Arzarello et al., 2010). Durante l’asporto di US 13 è stata identificata nei punti cardinali
S/W del quadrato F3, una zona con sedimento di matrice argillosa con una importante
componente sabbiosa dal colore giallo – bruno che dimostrava al suo interno ciottoli
centimetrici con spigoli smussati; a tale superficie, che restituì materiale litico e faunistico
di valenza simile a quello proveniente da US 13, venne attribuito il nome di US 103
(Arzarello et al., 2010). La preservazione della paleo superficie dell’US 13 si è stata molto
buona tanto che, nel quadrato F4, sono state rinvenute due buche di terrier (Arzarello et
al., 2010). La rimozione delle UUSS 13 e 103 proseguì in parte anche nella campagna di
scavo successiva del 2011 (M. Arzarello and Berruti, 2011) che divenne anche il momento
in cui iniziò l’asporto della US 14 culla del materiale studiato in quest’elaborato. US 14
dimostrò una componente sabbiosa più importante rispetto alla sovrastante US 13, si
presentò di color rosso – bruno con frequenti ciottoli calcarei di dimensioni variabili tra i
centimetri e i decimetri, completamente alterati e in elevata fase di sgretolamento (M.
Arzarello and Berruti, 2011). Tale unità stratigrafica ha restituito nel 2011 tramite il vaglio
21
le prime ossa bruciate e calcinate che di riflesso rappresentano la prima prova evidente
della presenza di combustione all’interno della grotta (M. Arzarello and Berruti, 2011).
Importanti attestazioni antropiche quali schegge e nuclei in quarzo e spongolite (M.
Arzarello et al., 2012) e resti faunistici in buono stato di conservazione come ad esempio
un’emimandibola di Ursus spelaeus e denti di erbivori riconosciuti ai taxa Rupicapra
rupicapra, Bos vel bison e Cervus elaphus vennero alla luce durante la campagna di
scavo del 2012; codesti denti sono tutt’ora in fase di studio per datazione radiometrica per
mezzo della tecnica ESR-U/ Th combinato (M. Arzarello et al., 2012). La prosecuzione
sistematica delle ricerche nel 2013 ha potuto attestare sia la continuativa presenza di
materiale archeologico sia la presenza di un focolare localizzato nel quadrato F2 dalla
forma triangolare e da una profondità con una potenza pari a 10 cm al cui interno sono
stati rinvenuti carboni, ossa bruciate, terra rubefatta e una concentrazione di piccoli
frammenti calcarei a spigoli vivi frutto probabilmente di una fatturazione termica (Arzarello
et al., 2013a); tale attestazione antropica è stata definita col nome di US 14F. Le ricerche,
ad oggi sono giunte alla base di US 14 e a un primo saggio della US 15 sottostante; i dati
riferiti a quest’ultima unità stratigrafica sono in fase di elaborazione da parte dei ricercatori.
1.5 I macromammiferi
Il sito di Ciota Ciara ha mostrato, tramite le unità stratigrafiche fin’ora studiate ed in
riferimento ai mumeri minimi di individui calcolati, un insieme faunistico composto
prevalentemente da carnivori e da un più basso numero di erbivori. I carnivori sono
rappresentati delle specie: Ursus spelaeus, Ursus arctos, Panthera leo, Panthera pardus,
Canis lupus, Lynx lynx, Vulpes vulpes, Martes martes e Meles meles; per quanto concerne
l’insieme faunistico degli erbivori le specie sono: Cervus elaphus, Sthephanorinus, Bos vel
bison, Erinaceus europeus, Artiodattila sp., Rupicapra rupicapra, cf. Dama, Marmota
marmota. Nell’insieme sono presenti anche Hystrix cf., Pisces e Aves. Il numero minimo di
individui delle specie riconosciute paleontologicamente dal dottor Davide Bertè (Tab. 1),
ha permesso di estrapolare e notare alcune informazioni: come la specie più rilevante sia
quella dell’ Ursus spelaeus e che dal tetto verso la base della successione stratigrafica
precedentemente descritta le specie erbivore tendano ad aumentare (Arzarello et al.,
2014).
I resti ossei provenienti dalle differenti UUSS è risultato parecchio frammentato, nello
specifico in US 13 sono stati studiati complessivamente 838 reperti di cui 569 determinabili
22
(67.90%) e 269 (32.10%) indeterminati; per la US 103 le ossa analizzate sono state 120
delle quali 79 (65.80%) sono state utili alla determinazione mentre per 41 resti (34.20%)
non è stata possibile la determinazione (Arzarello et al., 2013b); per US 14 invece, il
numero dei resti scheletrici è ancora in fase di studio, mancano i dati della campagna di
scavo 2014, comunque per il riconoscimento degli individui e il calcolo di NMI sono stati
analizzati complessivamente 1675 resti ossei provenienti dalle campagne di scavo 2011,
2012 e 2013.
Specie
NMI 13
NMI103
NMI 14
9
5
18
Ursus cf. spelaeus
1
1
2
Ursus arctos
2
1
2
Ursus cf. arctos
2
1
1
1
2
Ursus spelaeus
Ursus spelaeus giovane
71
Panthera leo
Panthera pardus
1
Canis lupus
1
2
Lynx lynx
1
1
Vulpes vulpes
2
1
Martes martes
1
Meles meles
1
1
Carnivora taglia grande
2
Carnivora taglia piccola
1
Cervus elaphus
2
5
Stephanorinus
2
Bos primigenius
1
Bos sp.
1
Bos vel bison
1
1
Erinaceus europeus
1
Artiodattilo
1
Rupicapra rupicapra
2
1
2
Dama cf.
1
Marmota marmota
3
Ungulato taglia grande
1
Ungulato taglia piccola
2
Hystrix cf.
1
1
Pisces
1
Aves
1
Tab. 1: NMI delle UUSS 13, 103, 14.
23
1.6 I micromammiferi e il paleo ambiente
Gli studi sui micromammiferi svolti del dottor Claudio Berto sono stati condotti sulle
UUSS 13 e 103 mentre sull’ US 14, come per lo studio dei macromammiferi di cui sopra,
le analisi devono ancora essere completate con i dati provenienti dall’ultima campagna di
scavo 2014. I dati fin’ora raccolti e pubblicati hanno mostrato per US 103 la presenza di
solo due individui mentre per UUSS 13 e 14 gli individui confermati sono rispettivamente
49 e 240 numero sufficiente per un’interpretazione ambientale e paleo climatica (Berto,
2012). Myodes glareolus è dominante su Microtus arvalis e Microtus (Terricola) gr.
multiplex–subterraneus. Sono presenti, in minor quantità, Apodemus (Sylvaemus), Glis
glis, Sciurus vulgaris, Arvicola amphibius e Talpa caeca. In US 14 sono inoltre presenti
Eliomys quercinus, Crocidura sp., Erinaceus europaeus, Microtus cf. gregalis e
Chionomys nivalis (Berto, 2012). L’associazione faunistica delle UUSS di Ciota Ciara
indica pertanto un ambiente di tipo forestale grazie alla presenza di numerose specie che
vivono in ambienti boschivi o di sottobosco come l’arvicola Pliomys coronensis. Berto
(Berto, 2012; M Arzarello et al., 2012) ha affermato che le aree aperte erano più estese
durante la deposizione di US 14 mentre la diminuzione delle specie che vivono in ambienti
prativi come Microtus arvalis e Microtus (Terricola) gr. multiplex–subterraneus e la
scomparsa di Chionomys nivalis indicano una relativa chiusura degli ambienti a favore di
zone boschive nell’US 13. L’attestazione fossile di Pliomys coronensis in tutte le UUSS
consente di inquadrare cronologicamente il sito; questo animale è presente in Italia dal
Pleistocene medio all’inizio del Pleistocene superiore, pertanto, Pliomys coronensis unito
ad un’associazione faunistica di tipo temperato-umido e dalla presenza di Hystrix sp.
Permettono di inserire il giacimento all’interno di un periodo temperato dell’OIS 5
(probabilmente 5a) (Berto, 2012).
1.7 L’insieme litico
Per quanto concerne l’aspetto dell’industria litica, le ricerche condotte hanno attestato
l’utilizzo di materia prima quale selce, spongolite e quarzo. Dallo studio delle catene
operative si è accertato che le stesse sono corte e complete in relazione alla mediocre
qualità della materia prima, ciononostante tutte si dimostrano con le canoniche
caratteristiche di un insieme musteriano (Arzarello et al., 2014). Le ricerche hanno potuto
dimostrare che la scheggiatura è stata eseguita in situ ed il fine ultimo di questo
24
comportamento era mirato alla produzione di strumenti ritoccati o meno per uso domestico
(Arzarello et al., 2013b). Dal non ancora concluso studio dei resti litici sull’ US 14, si è già
potuto osservare ed altresì confermare come l’occupazione dell’area atriale della grotta
della Ciota Ciara sia più intensa rispetto le UUSS sovrastanti (Arzarello et al., 2013b). Nell’
US 14 è stata diagnosticata una più alta variabilità di materie prime rispetto a quelle
superiori e sono stati confermati i metodi di scheggiatura tipici del Paleolitico medio quali:
opportunista, Levallois, discoide e su scheggia (Arzarello et al., 2013b). L’US 14 dimostra
anche una maggior diversificazione degli strumenti litici ritoccati che sono essenzialmente
raschiatoi semplici o convergenti, denticolati ed incavi (Arzarello et al., 2013b).
indicativamente l’80% dei resti litici rinvenuti si compone di schegge e nuclei la cui
modalità di sfruttamento è associabile al metodo S.S.D.A. che dimostra più piani di
percussione ortogonali tra loro che venivano sfruttati con modalità unipolare per ottenere
schegge corte (2 – 5). Il restante 20% dell’insieme litico è costituito da schegge e nuclei
sfruttati come enunciato precedentemente, vale a dire coi metodi discoide e Levallois
(Arzarello et al., 2014). Seppure la selce ed il quarzo abbiano attitudini alla scheggiatura
diverse non sembrano siano state fatte scelte differenziali per lo sfruttamento dei due
litotipi. I ricercatori hanno potuto così avanzare l’ipotesi che le catene operative corte siano
da relazionarsi alla materia prima e non ad un comportamento tecnico povero come
descritto nel 1953 dal Battaglia e poi nel 1957 ribadito da Lo Porto (Arzarello et al., 2014).
Le UUSS indagate fin’ora hanno dimostrato complessivamente l’uso di quarzo
(83.18%), spongolite (15.89%), sandstone (0.56%), milonite (0.19%) e opale (0.19%) (M
Arzarello et al., 2012). Il tipo di quarzo rinvenuto si riferisce sia alla tipologia
microcristallina pegmatitica che a quello ialino la cui provenienza è stata indicata ai piedi
del monte in corrispondenza della zona dove si può incontrare la roccia vulcanica
permiana e la roccia ercinica metamorfica; la spongolite invece, che si documenta con
caratteristiche più o meno silicizzate e più o meno porose si può incontrare nella parte
sommitale della montagna dove affiora il calcare spongolitico.
L’insieme litico dell’ US 13 è composto da 502 manufatti dei quali 26 nuclei, 297
schegge e 179 débris, è stata diagnosticata la predominanza del metodo S.S.D.A. Così è
stata altresì condotta l’analisi funzionale su 130 campioni appositamente selezionati dal
Dottor Berruti che hanno dimostrato tracce d’uso su 13 reperti (M Arzarello et al., 2012).
L’US 103, nonostante la contenuta area di sviluppo ha restituito a sua volta 17
schegge S.S.D.A. non ritoccate ; per quanto riguarda US 14 fin’ora sono stati indagati 778
artefatti di cui 21 nuclei, 264 débris e 493 schegge ma il numero è destinato a mutare in
25
quanto l’analisi dell’ultima campagna di scavo non è ancora stata completata (M Arzarello
et al., 2012).
26
CAPITOLO 2
MATERIALI E METODI
2.1 Tafonomia
Sin dall’antica Grecia si è potuta documentare ed attestare una certa attrazione per la
natura dei fossili (Cadée, 1991), però, solo dalla fine del XIX secolo, codesta attrazione
diede l’avvio alla definizione dei principi basici
definiti e relazionati con i processi di
fossilizzazione.
Ricercatori come Buckland, Lyell e Lartet (anni delle pubblicazioni) osservarono e
tentarono di spiegare il perché della frammentazione dei resti osteologici e il motivo della
presenza di segni superficiali sugli stessi in contesti preistorici attraverso numerosi studi
che si susseguirono e moltiplicarono fino all’inizio del XX secolo (Lyman, 1994). Iniziò
pertanto il processo di definizione di questa scienza che si occupa di interpretare e capire
queste evidenze superficiali sulle ossa fossilizzate cercando inoltre di rispondere e
spiegare l’origine delle accumulazioni che, a loro volta, danno origine ai giacimenti.
In questo modo Weigelt propose il termine Biostratinomia nel 1927 per definire la
disciplina che studia i differenti fattori ambientali che alterano i resti organici, ma, non
riuscì a stabilire delle leggi generali capaci di delimitare questa nuova disciplina e le sue
relative applicazioni.
Il paleontologo russo Ivan A. Efremov (1940) invece, si rese conto del vuoto esistente
tra la paleontologia e la geologia, raccolse così le irrequietezze già manifestate nel
passato da Darwin e altri ricercatori nei riguardi delle incertezze e incomprensioni tra il
registro fossile e il registro geologico coniando il termine tafonomia proveniente dall’unione
dei due vocaboli greci “taphos” (seppellimento) e “nomos” (leggi) che significa appunto
“leggi di seppellimento”.
La tafonomia è la disciplina che permette di conoscere i processi di seppellimento e
fossilizzazione e, di riflesso, i processi di formazione dei giacimenti divenendo così il ponte
principale tra la Paleontologia e la Geologia.
Le leggi che la tafonomia studia e che condizionano i seppellimenti, ci aiutano a capire
in primo luogo i processi esistenti tra la morte degli animali fino al loro seppellimento e,
successivamente, i processi di alterazione fisica e chimica una volta che i resti sono
interrati. Si può quindi affermare che la tafonomia si occupi di tutti quei processi biologici
che avvengono dalla biosfera alla litosfera.
27
Gli studi tafonomici si moltiplicarono a partire dalla seconda metà del XX secolo,
Müller (1963) per esempio propose il termine fossildiagenesi per definire la scienza che si
occupa di spiegare gli eventi che affettano i resti organici mentre sono interrati. Lawrence
riordinò i termini proposti nel 1971 proponendo la tafonomia come la scienza che si
occupa del transito dei resti organici dalla biosfera alla litosfera, suddividendola a sua volta
in biostratinomia (processi ante interramento) e la fossildiagenesi (studio di alterazioni post
seppellimento).
Il russo Efremov (1950) stabilì anche gli standard di studio che tutt’oggi sono vigenti;
per questo ricercatore, il processo chiave di fossilizzazione stava nell’interramento, egli
riteneva che la conservazione dei resti era direttamente relazionata alla rapidità di
seppellimento degli stessi; quanto più i resti rimangono esposti agli agenti atmosferici
meno possibilità hanno gli stessi di fossilizzare.
La maggior parte delle ricerche tafonomiche svolte dagli anni 80, specialmente quelle
a carattere sperimentale e quelle legate a studi archeologici, si relazionarono con i
processi di alterazione che affettano i registri fossili con anteriorità al seppellimento.
All’interno della tematica archeologica, gran parte delle ricerche tafonomiche (teoriche e
sperimentali) si riferiscono alle alterazioni prodotte per interventi antropici. Le relazioni dei
segni di macellazione con l’approvvigionamento di carne e le cause di fratture e di
cremazione ad esempio, hanno apportato importante conoscimento delle strategie di
sussistenza e comportamento degli ominidi in relazione al loro ambiente e in generale al
resto dei vertebrati.
All’interno della tradizione paleontologica, la tafonomia convoglia le proprie mire nella
ricerca di risposte con il fine di ricostruire l’aspetto paleoecologico e paleoambientale
dando di riflesso più enfasi ai processi biostratinomici e fossildiagenetici non
esclusivamente relazionati con la condotta antropica, considerata a sua volta come un
agente tafonomico aggiuntivo.
In relazione alla geologia invece, la tafonomia permette di sovrapporre le informazioni
geologiche con la formazione del giacimento permettendo di chiarire le dinamiche dei
processi di sedimentazione e genesi dei materiali; aiuta altresì la comprensione delle
organizzazioni degli strati e contemporaneamente permette di indagare le relazioni tra i
resti fossili e il contesto che li circonda.
Come in molte le discipline, esiste una larga tradizione sperimentale che ha permesso
nel tempo di avallare o bocciare tesi ed ipotesi nei confronti dei fenomeni che producono
le diverse alterazioni osservabili macro e microscopicamente. La maggior parte di codeste
28
indagini partirono dal concetto geologico di uniformitarismo proposto da J. Hutton (1785)
ma, tale concetto fu conosciuto e divulgato solo attraverso le ricerche di Lyell agli inizi del
XIX secolo.
L’uniformitarismo metodologico, in molti casi denominato attualismo ed in antitesi ai
concetti del catastrofismo, si basa nell’ammettere e nel confermare che le leggi naturali e
fisiche sono costanti nello spazio e nel tempo (Simpson, 1970). In questo modo,
osservando o riproducendo sperimentalmente i processi tafonomici nel presente si
possono stabilire analogie con i processi avvenuti nel passato (Simpson, 1970; Shipman,
1981; Gifford-Gonzalez, 1991).
La tafonomia nasce anche con l’intento di chiarire e rispondere alla questione della
parzialità in cui si conserva spesso il registro fossile ed anche per quale motivo la
fossilizzazione è concepita come processo distruttivo al quale sopravvivono solo pochi
resti dell’insieme biologico rappresentati appunto dai fossili. Per molti anni, gli interventi
attuati da un agente tafonomico vennero considerati come se fossero una irrecuperabile
perdita di informazione biologica.
L’uso dei fondamenti teorici per spiegare il processo di fossilizzazione, nel tempo
apportarono un cambio graduale di pensiero andando, poco a poco, verso una visione
evolutiva nella quale, la perdita di informazione biologica anziché essere interpretata come
mancanza di dato venne intesa come una portatrice di informazione tassonomica. Negli
anni ‘80 la visione negativa di cui Hanson fu portavoce, data dall’assenza di dati sulla
fossilizzazione, coesistette con la visione positiva, capeggiata da Fernàndez-Lopez.
Mentre Hanson (Hanson, 1980) affermava che la conoscenza del passato fosse
condizionata dalla conservazione selettiva del registro fossile, Fernàndez-Lopez
considerava il processo di fossilizzazione come un processo equivalente a quello
dell’evoluzione, dando la stessa importanza all’ambiente esterno sia prima come dopo il
seppellimento.
Fernàndez-Lopez (1984) afferma che la perdita biologica esista ma che tale
mancanza viene però sostituita da informazione tafonomica; il processo di fossilizzazione,
secondo il medesimo autore, è pertanto un processo non biologico. I resti fossili,
considerati come entità registrate, cambiano il loro stato e visto che non conservano ne la
loro natura, ne le proprietà e ne le loro relative funzioni non devono considerarsi come
entità biologiche proprio in virtù del fatto che cambiano il loro stato.
Secondo la teoria di Fernàndez-Lopez, l’informazione che viene fornita dal registro
fossile in quanto a naturalezza e ai processi che si sono succeduti nel tempo è un apporto
29
dell’informazione tafonomica unica e riferita al passato che non può essere ottenuta in
altra maniera.
Il processo con il quale si generano resti o segnali di entità biologiche si denomina
come “produzione” (Fernández López, 1981); tutto ciò che viene prodotto nella litosfera si
può intendere come entità, intendendo per entità ogni entità biologica prodotta.
Quando sussistono differenti entità che condividono alcune caratteristiche comuni
esse possono denominarsi come associazioni registrate.
In questo modo, l’insieme formato da una associazione registrata e il suo intorno
prende il nome di Tafosistema.
Fernàndez Lopez definì pertanto tre stati meccanici di conservazione tafonomica dove
si incontrano gli elementi registrati. In questa maniera un elemento registrato può essere
accomulato, risedimentato o rielaborato.
L’accumulazione tafonomica consiste nell’incorporazione alla litosfera di elementi
tafonomici biogenicamente prodotti come ad esempio l’accumulo di scheletri in ambiente
dove vivono o gli accumuli di pesci nei fondi di laghi eutrofici.
La risedimentazione tafonomica consiste nel dislocamento delle entità registrate
previamente accumulate con anteriorità al loro interramento (ad esempio il caso di
carcasse mosse per agenti metereologici), mentre la rielaborazione consiste nel
dissotterrare e nel disperdere resti precedentemente accumulati e/o risedimentati (López,
2000).
La durata invece è il grado di conservabilità che ha un elemento di perdurare in
ambiente o in insieme di ambienti che cambiano nel tempo.
2.2 Materiali
Per lo sviluppo di questo studio tafonomico preliminare del sito neandertaliano della
Grotta della
Ciota Ciara, sono stati studiati 1144 resti ossei provenienti dall’US14,
corrispondenti alla totalità dei reperti ossei coordinati durante la campagna di scavo 2013.
La raccolta di codesti resti faunistici è stata condotta su una superficie di 8 m2(QQ.
F2,F3,F4, E3,E4, D2,D3, D4) (Tab. 2). Per l’orientazione generale di indagine ma anche
per la collocazione utilizzata per la definizione delle pendenze ed orientazioni dei reperti è
stato utilizzato un nord convenzionale ubicato al fondo della grotta.
30
Quadro
F2
F3
F4
NR
231
222
146
TOT
599
E3
E4
73
97
170
D2
D3
D4
118
74
183
375
1144
Tab. 2: NR ossei complessivi provenienti dai QQ. Indagati.
Complessivamente la potenza dello spessore del sedimento che conteneva i reperti è
stata pari a 67,3 cm; l’inizio dei lavori di scavo della campagna si trovava alla quota di
4,346 metri negativi rispetto lo zero convenzionato dello scavo mentre a fine campagna la
quota dell’ultimo rinvenimento osseo è stata di 5,019 metri negativi.
2.3 Metodi
Per lo studio sui resti faunistici indagati si è utilizzato un database suddiviso in sezioni
riferite a:
-
georeferenza del fossile: anno, US, quadrato, numero di catalogazione;
-
aspetto dimensionale e collocazione spaziale: lunghezza, larghezza, spessore,
coordinate cartesiane inerenti al quadrato di rinvenimento (x, y, z), orientazione e
pendenza;
-
riconoscimento e dettagli paleontologici: parte osteologica (se riconosciuta), taxa,
taglia (grande, media, piccola), specie, porzione ossea, età (adulto o giovane),
eventuali osservazioni macroscopiche aggiuntive;
-
aspetto relativo all’ossido di manganese: tipologia di copertura (arborescente,
massiva, tinzione), organizzazione della copertura, numero di superfici intaccate dal
fenomeno, eventuali osservazioni macroscopiche aggiuntive;
-
modificazioni da parte dei fattori biostratinomici: presenza di crepe e grado
d’intensità delle stesse, calpestio, arrotondamento, levigatura della superficie,
31
radici,
concrezioni,
attacco
chimico,
pressione
del
sedimento,
eventuali
osservazioni aggiuntive;
-
numero e tipo di fratture : quest’aspetto in accordo con i relatori della tesi è stato
tenuto presente solo su ossa maggiori di 4.5 cm e su porzioni riconosciute
paleontologicamente ad eccezione di costole e vertebre;
-
tipologia d’intervento da parte dei carnivori: depressioni ( localizzazione e relative
misure), solchi (localizzazione e relative misure), impronte dei denti (localizzazione
e relative misure), digestione, presenza di cilindri diafisari, tacche isolate sui bordi
dei resti, pitting, bordi ondulati dovuti dal consumo, eventuali osservazioni
aggiuntive;
-
interventi antropici: percussione, peeling, cut-marks (tipologia, numero dei tagli,
orientazione, organizzazione, dimensione, localizzazione, finalità, sovrapposizione).
Gli studi sono stati condotti mediante l’uso di più stereomicroscopi ottici a luce riflessa
quali :Carl Zeiss (10x / 20); Leica MZ8; Leica EZ4D e Leica S6D dotata di fotocamera.
Di seguito le principali alterazioni studiate ed evidenziate dal record archeologico con,
in alcuni casi, specifiche utilizzate ad hoc per il sito della grotta della Ciota Ciara con il fine
di comprendere al meglio i risultati ottenuti ed osservabili nei capitoli successivi.
2.3.1 Interventi antropici (cut-marks)
La presenza di tagli sulla superficie delle ossa è stata, dalla fine del XIX secolo, una
chiara evidenza per molti ricercatori riguardo l’approvvigionamento della carne degli
animali da parte dell’uomo. I segni dei tagli devono essere intesi come la causa prodotta
durante l’estrazione dei tessuti molli contenuti nelle carcasse degli animali nel momento in
cui il filo dello strumento litico entra in contatto con la superficie ossea; le evidenze di
macellazione che si incontrano in un resto non corrispondono né al numero originale dei
movimenti eseguiti per la macellazione né alla quantità di tagli effettuati per il
deprezzamento. “Si ricordi che non tutte le incisioni originali sull’osso riescono a
conservarsi, alcune sono molto superficiali e scompaiono quando il periostio si deteriora”
(Cáceres, 2002). Negli ultimi anni le ricerche riguardanti le attestazioni di macellazione
hanno dato luogo a molti articoli e hanno permesso di avanzare con la comprensione di
questa alterazione tafonomica (Bunn, 1981; Shipman et al., 1984; Andrews and Cook,
1985; Bunn and Kroll, 1986; Bromage and Bermúdez de Castro, J. M. Fernández Jalvo,
1991); tutti gli autori convengono sulla difficoltà nell’identificare questa alterazione come
32
prodotto dell’attività umana e anche per questo motivo le ricerche sono state mirate a
cercare dei criteri che permettano di discriminarle dalle altre alterazioni tafonomiche non di
origine antropica. I segni di macellazione o cut-marks nella letteratura inglese, sono
incisioni allungate, abbastanza lineari, con una lunghezza e larghezza variabili e
caratterizzate da un solco la cui sezione trasversale è a forma di “V”. Tale solco al suo
interno attesta microstrie parallele e, longitudinalmente all’asse principale dell’incisione, si
producono piccole irregolarità date dal filo dello strumento. Esistono evidenze
caratteristiche dovute alla direzionalità e all’inclinazione dello strumento litico come le
attestazioni simili a “scalini” che si incontrano sul bordo della stria di macellazione, in
letteratura sono detti coni erziani (Bromage and Boyde, 1984). I coni erziani consistono in
piccoli sollevamenti laterali all’incisione principale con una morfologia triangolare. Alcuni
ricercatori hanno anche analizzato le strie corte, parallele ed intermittenti lungo il solco di
incisione principale, tali incisioni sono causate dell’effetto shoulder e questo si manifesta
quando lo strumento litico striscia con la superficie dell’osso in virtù dell’inclinazione
variabile indotta dalla mano di chi macella (Shipman and Rose, 1983a). “Tutto l’insieme di
queste caratteristiche permette di discriminare i cut-marks dalle evidenze prodotte da altri
agenti, specialmente dal calpestio. Un elemento fondamentale che permette di distinguere
il trampling dalle evidenze indotte dalla macellazione è l’ubicazione dell’alterazione che,
nel caso delle incisioni antropiche si localizzano principalmente nelle aree di articolazione
e inserzioni muscolari mentre il calpestio appare con una distribuzione aleatoria nelle
diafisi” (Cáceres, 2002). Oltre a queste generiche caratteristiche esistono anche fattori
esterni che influenzano la morfologia di quest’alterazione di superficie; il tipo di taglio, la
forza esercitata durante l’azione di incisione, il filo dello strumento litico, l’età e la taglia
dell’animale possono generare solchi molto diversi tra loro.
Le incisioni si dividono in quattro tipi: (incisioni (cuts); raschiature (scrapes); tagli brevi
(sawing) fossette (slashes) in funzione del movimento e dell’azione realizzata, producendo
di riflesso una morfologia diversificata. Alcune di queste differenze morfologiche possono
essere dovute anche alla diversa forza esercitata durante il taglio (in relazione
dell’elemento anatomico su cui si agisce), sulla quantità di muscolo, sulla presenza o
meno di inserzioni etc.
-
Incisioni: strie fini con lunghezza, larghezza e profondità variabile che si producono
quando il filo dell’utensile entra in contatto con la superficie ossea, il filo è altresì
orientato nel senso del taglio (Fig. 6). Possono attestarsi isolate o in gruppo e la
33
loro disposizione può essere obliqua, trasversale o longitudinale rispetto l’asse
principale dell’osso.
-
Raschiature: impronte con una larghezza maggiore delle incisioni, presentano
microstrie interne nonostante il solco sia poco profondo (Fig. 7). Si producono
quando il filo dello strumento si utilizza in direzione trasversale al movimento di
taglio. Sono generalmente associate all’estrazione del periostio e del grasso
accumulato sulla superficie ossea. Alcuni autori (Binford, 1981; Potts and Shipman,
1981; Shipman and Rose, 1983a) segnalano che questo tipo di impronta si
relaziona con la preparazione dell’osso per una posteriore fratturazione giacché
l’assenza di periostio produce una zona idonea alla percussione.
-
Tagli brevi: tagli generalmente corti, profondi e larghi con sezione marcatamente a
“V”. si producono colpendo l’osso col filo tagliente dello strumento litico formando
un angolo perpendicolare con l’elemento osseo. Nonostante non siano frequenti,
possono presentare microstrie interne. Si producono nel tagliare tessuti fortemente
uniti all’osso quali legamenti, tendini e si relaziona anche con la disarticolazione, è
infatti comune trovare questi segni in aree prossime alle articolazioni.
-
Fossette: incisioni corte e profonde che si incontrano concentrate e sovrapposte. Si
dispongono normalmente trasversalmente all’asse principale dell’osso e sono il
risultato di una stessa azione ripetuta, dove lo strumento litico non viene alzato
dalla superficie ossea.
La morfologia dei segni di macellazione può variare in relazione alla materia prima
usata (granulometria e durezza) e dalla configurazione del filo dello strumento. I tagli più
sottili si producono con selce e quarzo. L’uso della quarzite può produrre strie con un
fondo più irregolare, mentre quelle prodotte con la pietra calcarea producono strie
morfologicamente simili alle attestazioni da calpestio (Fernández-Jalvo and Cáceres,
2010) ma più profonde e con una localizzazione coerente alle zone atte all’estrazione della
carne. Altre variabili nella morfologia dei tagli possono derivare dall’età degli individui
processati; i tagli su individui giovani presentano un caratteristico rialzo dei bordi in quanto
la corticale dell’osso non è completamente compatta. Anche la grandezza delle prede e
l’anatomia possono condizionare la quantità e la presenza o meno di segni di taglio; CruzUribe e Klein (1994) affermarono che gli animali di taglia grande tendono a presentare più
evidenze relazionate alla disarticolazione piuttosto che animali medi o piccoli in quanto le
articolazioni degli animali grandi sono più forti e tale azione risulterà difficile da eseguire.
34
Queste caratteristiche unite al tipo di segno di taglio, disposizione, orientazione e
localizzazione sull’osso permettono di identificare i processi eseguiti per la macellazione.
Le principali attività sono:
-
Scuoiatura: sono solchi corti, paralleli che si localizzano in zone con poco contenuto
di carne dove il contatto tra la pelle e l’osso è quasi diretto. Le zone più comuni
sono il cranio (basi dei palchi o corna, mascellari, mandibole), i metapodi e le
falangi (Binford, 1981).
-
Smembramento: si esegue su animali di taglia grande e media con il fine di dividere
il corpo in unità più piccole (quarti) di più facile utilizzo e trasporto. I segni che si
incontrano sono tagli brevi o incisioni e si localizzano in aree prossime le
articolazioni.
-
Disarticolazione e riduzione: consiste nel separare i diversi elementi che
compongono i quarti e i differenti elementi scheletrici di ogni membro. Le strie, per
questa pratica, appaiono generalmente nelle epifisi delle ossa e nelle metafisi in
correlazione alle inserzione dei legamenti. I tipi di impronte generate durante
quest’azione sono profonde, corte e organizzate.
-
Eviscerazione: quest’azione implica l’estrazione di viscere contenute sia nella cassa
toracica che nel cervello. Quest’attività produce scarse attestazioni, quando
compaiono si incontrano nella faccia ventrale delle coste e delle vertebre dorsali e
lombari.
-
Scarnificazione: si realizza durante l’estrazione di carne dalle ossa; le strie si
situano in zone di inserzione muscolare o nelle diafisi delle ossa lunghe.
Solitamente sono incisioni che possono apparire in maniera isolata, dispersa o
formando gruppi. Di frequente hanno orientazione obliqua ma si attestano anche
trasversali e longitudinali rispetto l’asse maggiore dell’osso.
L’estrazione del grasso e del periostio, infine, si produce grattando o rigando la
superficie ossea per conseguire una zona idonea alla percussione con un oggetto
contundente. Si presentano in gruppi multipli con strie fini e parallele, molto concentrate e
disposte lungo l’asse longitudinale dell’osso (Binford, 1981; Potts and Shipman, 1981;
Shipman and Rose, 1983a).
35
Fig. 6: Esempio di incisione (costa di Ursus spelaeus).
Fig. 7: Esempio di raschiatura (vertebra toracica di Ursus spelaeus).
2.3.2 Interventi dei carnivori
In riferimento agli interventi prodotti da parte dei carnivori è necessario fare una serie
di puntualizzazioni di tipo comportamentale e di conseguenza proprie di ogni gruppo.
“Esistono carnivori di grande e media dimensione che intervengono sugli animali in
maniera molto differente; allo stesso modo non tutti i carnivori della medesima grandezza
hanno gli stessi comportamenti etologici e nemmeno incidono con lo stesso grado
d’intervento sui cadaveri degli animali” (Cáceres, 2002). Alla luce delle precedenti
considerazioni, da molti anni si è cercato di approfondire lo studio etologico dei carnivori al
fine di comprendere al meglio la tipologia di sfruttamento delle prede (Binford, 1978, 1981;
Hill, 1989a, 1989b, 1979; Haynes, 1982, 1983a, 1983b; Selvaggio, 1994; Domínguez36
Rodrigo, 1994, 2001; Capaldo, 1997, 1998). Questi studi correlati all’attualismo e ai dati
apportati dai lavori etologici permettono di stabilire le differenze significative nel
trattamento delle prede che realizzano i carnivori (Binford, 1978, 1981; Gifford-Gonzalez,
1989a,
1989b).
“I
carnivori
possono
essere
fondamentalmente
cacciatori
e
sporadicamente avere accesso secondario sulle carcasse oppure utilizzare entrambe le
strategie di captazione indistintamente” (Cáceres, 2002). Il comportamento dei grandi
carnivori di fronte alle prede è condizionato da una serie di fattori che si possono
riassumere in due punti: da un lato, l’area in cui vivono, che genererà una maggior
disponibilità di risorse alimentari in funzione dall’area geografica, dalla stagione dell’anno e
dalla presenza di altri competitori; in secondo luogo, le caratteristiche gregarie o solitarie
delle specie (Domínguez-Rodrigo, 1994) che influenzeranno il comportamento del singolo
individuo. “Partendo da questi fattori, i carnivori possono così produrre dispersioni o
accumuli di resti a seconda del tipo di approvvigionamento che attuano, vale a dire, se il
consumo è in situ o se esiste un trasporto delle prede nei luoghi da loro abitati” (Cáceres,
2002). Nell’insieme fossilifero della grotta della Ciota Ciara sono stati riconosciuti numerosi
carnivori di grande e media taglia: il leone, il leopardo, l’orso,il lupo e la volpe.
Il leone (Panthera leo) è un grande felino cacciatore che è solito consumare le prede
in situ. Questo fatto lo si deve alla sua posizione che, come carnivoro dominante, limita
l’azione degli altri predatori (Domínguez-Rodrigo, 1994). Normalmente consumano le
grandi quantità di muscoli posti nelle estremità ma non ne fratturano l’osso per
consumarne il midollo (Schaller, 1972). Spesso abbandonano la preda, se di grandi
dimensioni, con ancora il 50 % di carcassa da sfruttare, e nonostante non tendano a
fratturare le ossa spesso lasciano le impronte dei loro morsi sulle loro prede
(Blumenschine, 1986a; Capaldo, 1997). Solitamente tendono a portare i cuccioli sul luogo
di caccia per consumare in situ la preda ma qual’ora sussistesse la problematica di non
poter portare la prole sul luogo d’abbattimento, i leoni sono in grado di trasportare le prede
per più di 400 metri (Domínguez-Rodrigo, 1994).
I leopardi (Panthera pardus) sono animali che tendono ad avere gli stessi usi
comportamentali dei leoni. Cacciano con frequenza, ma a volte approfittano della caccia di
altri predatori per accedere al cibo. Dei felini gli unici che si cibano esclusivamente della
propria caccia sono i ghepardi, gli altri, leoni e leopardi compresi, alle volte praticano
carognage. Panthera pardus è solito trasportare le prede sugli alberi evitando così la
competizione con gli altri carnivori; tale pratica induce pertanto un accumulo di ossa alla
base degli alberi che usano come luogo di consumo (Domínguez-Rodrigo, 1994). Se non
37
sussiste elevata competizione con altri carnivori, possono trasportare le prede in luoghi
sicuri come le grotte che usano durante lo svezzamento dei cuccioli (Brain, 1981). I
leopardi lasciano multipli morsi sulle prede e una loro caratteristica è quella di rompere la
scatola cranica per accedere al cervello e alla porzione post-dorsale della cavità oculare
(Brain, 1981).
Gli ursidi sono abitanti delle grotte durante il periodo dell’ibernazione. Questi animali,
essendo onnivori hanno una dieta diversificata. Gli orsi possono cibarsi di carogne di
erbivori come un completamento della loro dieta, tale apporto è maggiore durante i mesi
estivi e decresce durante l’inverno (Clevenger, 1991). Gli ursidi non sono soliti raccogliere
le carcasse e creare accumuli di ossa (Clevenger and Purroy, 1991), lasciano morsi sulle
superfici ossee ma non in maniera profusa (Haynes, 1983b). Una caratteristica importante
per questo animale è la pratica di cannibalismo più marcata che in altri carnivori: un
esempio di questa pratica si può osservare a Sima de los Huessos, Atapuerca (Burgos),
(Andrews and Fernández Jalvo, 1997).
Il lupo (Canis lupus) è un carnivoro che usa strategie di caccia caratterizzate dalla
cooperazione del gruppo e rapidità d’azione. Sono animali che tendono a ripartire la preda
tra i partecipanti della cattura e spesso trasportano le carcasse nelle tane o in rifugi dove
si stabulano i cuccioli; in questi casi sono soliti trasportare elementi scheletrici
dell’apparato appendicolare che spesso mostrano multiple fratture e consumo totale delle
epifisi (Haynes, 1980; Binford, 1981). I lupi trasportano anche pezzi di carne per i cuccioli
o rigurgitano nelle tane o ripari (Esteban-Nadal et al., 2010).
La volpe (Vulpes vulpes) può sia cacciare che attuare la pratica del carognage. In
questa maniera ha accesso primario aprede di piccole dimensioni, come i lagomorfi, ma
possono anche accedere secondariamente a carcasse abbandonate da grandi carnivori,
trasportando e producendo importanti accumuli di ossa (Stiner, 1994; Cáceres, 2002). Il
carattere opportunista di quest’animale provoca un’importante variabilità specifica e
scheletrica nelle loro concentrazioni di ossa nonostante non vi sia una chiara selezione
della parte scheletrica dato che tale caratteristica dipenderà dalla grandezza della preda e
dallo stato di consumo della stessa al momento della raccolta (Stiner, 1994; Cáceres,
2002). Il carattere opportunista di quest’animale provoca un’importante variabilità specifica
e scheletrica nelle loro concentrazioni di ossa nonostante non vi sia una chiara selezione
della parte scheletrica dato che tale caratteristica dipenderà dalla grandezza della preda
sciacallata e dallo stato di consumo della stessa al momento della raccolta (Andrews and
Ghaleb, 1999). In studi sui micromammiferi, si è osservato che i resti derivanti dalla
38
defecazione delle volpi presentano un numero più elevato di elementi post-craniali.
Andrew e Armour-Chelu (1998) hanno constatato che le volpi possono realizzare trasporto
selettivo degli elementi (Cáceres, 2002).
Le differenti caratteristiche etologiche dei distinti carnivori danno luogo a insiemi di
resti che in certe occasioni presentano caratteristiche del tutto diverse. Comunque va
anche tenuto da conto che gli accumuli formati da carnivori non sempre si devono ad un
unico predatore se non che, in molte occasioni, sono più animali ad essere intervenuti su
una stessa carcassa, disperdendolo e/o accumulandolo in luoghi concreti (Cáceres, 2002).
Un buon esempio di intervento multiplo si incontra nelle prede di leone o più generalmente
dei felini che, contemporaneamente sono fonte alimentare anche per altri carnivori di più
piccole dimensioni, ominidi inclusi (Blumenschine, 1986b; Cavallo and Blumenschine,
1989).
Le difficoltà per riconoscere quale carnivoro possa aver agito sui resti osteologici si
deve al fatto che esistono diversi fattori che possono creare variabilità etologica
intraspecifica nello sfruttamento delle prede (Cáceres, 2002). I grandi depositi di ossa
prodotti da carnivori devono essere pertanto intesi come un’azione reiterativa che si
produce in uno spazio temporale biologicamente ampio (Binford, 1981).
I carnivori producono morsi sulle ossa con distinta morfologia con l’intento di prelevare
i tessuti molli delle carcasse animali ma anche con l’intenzione di fratturarli per accedere al
midollo. Diversi ricercatori hanno identificato distinti tipi di morsi (Haynes, 1980, 1983b;
Binford, 1981; Bunn, 1981; Potts and Shipman, 1981; Blumenschine and Selvaggio,
1988). Ogni tipo di segno ha una diversa morfologia relazionata anche dal numero di
attestazioni e alla localizzazione. Nella bibliografia anglosassone esistono molti termini per
la classificazione delle tracce di carnivori sull’osso (Lyman, 1994); in quest’elaborato si è
considerata la presenza di depressioni, solchi, impronte e morsi su bordi di frattura.
Depressioni: si originano attraverso la pressione esercitata dalle cuspidi dei molari che
fanno collassare la superficie ossea (Fig. 8). Possono essere circolari o avere una
morfologia più ovale. Questo tipo di morso corrisponde ai termini inglesi puncture,
punctate o perforations.
Solchi: si producono per frizione dei molari nello strappare la muscolatura (Fig. 9).
Corrisponde ai termini inglesi scoring, tooth scratches. Sono strie di lunghezza, larghezza
e profondità variabili che presentano un fondo rugoso e irregolare. Tendenzialmente si
dispongono in forma trasversale rispetto l’asse longitudinale dell’osso.
39
Le impronte: corrispondono ai segni lasciati da più di una cuspide di uno stesso molare o
da una serie dentaria. A partire da questa traccia è possibile risalire alla morfologia
dentale e capire se si tratta di un dente superiore o inferiore e così risalire al carnivoro che
l’ha prodotta. Sono facilmente misurabili e potendo estrapolare la distanza delle cuspidi si
può identificare il carnivoro che l’ha prodotto. In letteratura inglese il termine è tooths
marks.
Morsi sui bordi di frattura: corrispondono ad attestazioni su bordi di frammenti ossei, sono
generalmente parziali, ovvero non sono facilmente misurabili e possono essere singoli o
associarsi in serie tanto da creare un bordo ondulato (Fig. 10).
Differenti morsi prodotti da distinti carnivori possono essere similari (Haynes, 1983b)
giacché tutti i carnivori realizzano, con misure più o meno ampie, tutte le attestazioni
precedentemente descritte; per comprendere che carnivoro possa essere intervenuto in
un giacimento archeologico è bene, durante la fase di studio, prestare attenzione alle
dimensioni dei morsi, alla rappresentazione scheletrica delle prede, agli elementi che
hanno subito l’intervenuto, alle zone morse e alla grandezza delle prede etc. (DominguezRodrigo and Piqueras, 2003; Delaney-Rivera et al., 2009). Per quest’elaborato si è
sviluppato un criterio derivato e modificato in funzione degli studi condotti da Andrews e
Fernàndez – alvo (1997) (Tab. 3).
RANGE DIMENSIONALI
(mm)
0,1 - 0,5
0,6 - 1,0
1,1 - 1,5
1,6 - 2,0
2,1 - 2,5
TIPOLOGIA DEL MORSO
DEPRESSIONI = A
SOLCHI = B
IMPRONTE = C
MORSI SU BORDO DI
FRATTURA = D
2,6 - 3,0
3,1 - 3,5
3,6 - 4,0
4,1 – 4,5
4,6 – 5,0
5,1 – 5,5
5,6 – 6,0
6,1 – 6,5
6,6 – 7,0
>7,0
N.M.
Tab.3: Tipologia e range dimensionali delle d’interveto dei carnivori; N.M. = non misurabile.
40
Fig. 8: Esempio di morso a depressione.
Fig. 9: Esempio di morso di tipologia solco.
Fig. 10: Esempio di morso su bordo di frattura.
41
2.3.3 Calpestio
Il calpestio è un termine generale che si impiega come traduzione dell’inglese
trampling. Questo processo meccanico si relaziona con il transito di animali e uomini per le
aree dove si localizzano i resti faunistici. Gli effetti del calpestio sono fondamentalmente la
produzione di incisioni sulla superficie ossea, la frammentazione e il dislocamento
(dispersione o raggruppamento) dei resti (Cáceres, 2002). Molte ricerche sperimentali
hanno contribuito a una maggior comprensione di questa alterazione tafonomica (Andrews
and Cook, 1985; Gifford-Gonzalez, D. P. Damrosch et al., 1985; Behrensmeyer, A. K.
Kathleen and Yanagi, 1986; Bunn and Kroll, 1986; Olsen and Shipman, 1988; Agenbroad,
1989; Irving et al., 1989; Oliver, 1989; Behrensmeyer et al., 1989; Fiorillo, 1989; GiffordGonzalez, 1989a, 1989b; Haynes, 1991). L’interesse principale di questa modificazione
radica nella similitudine esistente tra le strie risultanti dalla frizione con il substrato e quelle
che vengono prodotte con artefatti litici (Oliver, 1989). Le somiglianze tra i due tipi di strie
si devono al processo che le origina che è alquanto simile. Quando si producono incisioni
di origine antropica, il resto osseo diviene il soggetto passivo mentre l’utensile litico
l’agente attivo, quando invece si originano incisioni prodotte dal calpestio, il resto osseo
diventa soggetto attivo mentre il sedimento o la roccia del substrato costituisce l’oggetto
passivo; le strie che saranno prodotte pertanto produrranno un bordo più o meno affilato,
indipendentemente che la funzione ricoperta del resto osseo sia attiva o passiva
(Fernández-Jalvo, Y. & Andrews, 1992).
Le strie prodotte da calpestio sono superficiali, isolate o aggruppate, e presentano una
direzione rettilinea con lunghezza e larghezza variabile (Fig. 11). Gli estremi di queste strie
possono interrompersi bruscamente e non vi sono caratteristiche che indichino la loro
direzionalità (Cáceres, 2002). Il fondo delle incisioni non è molto marcato e possono
essere più o meno profonde con una sezione ad “U” o addirittura piana. “ È strano che
possano apparire strie secondarie associate alle incisioni principali (effetto shoulder)
nonostante possano attestarsi microstrie interiori e bordi laterali rialzati (coni erziani) come
nei segni di macellazione” (Cáceres, 2002). A differenza dei cut-marks che si attestano
con ordine e localizzazione correlata a zone concrete dell’osso, il calpestio non presenta
apparente relazione con la struttura anatomica del fossile, pertanto la sua distribuzione
sulla superficie dell’osso sarà aleatoria (Blasco et al., 2008; Domínguez-Rodrigo et al.,
2009; Pineda et al., 2014).
42
Fig. 1: Esempio di alterazione data dal calpestio.
2.3.4 Fessurazione
Da quando gli scheletri degli animali restano esposti sulla superficie fino al loro
interramento può trascorrere un periodo di tempo molto lungo. Durante questo periodo, le
ossa sono soggette a diversi agenti di modificazione e processi tafonomici biostratinomici.
Uno di questi agenti è la meteorizzazione che può modificare la superficie dei resti
compromettendo
talvolta
l’integrità
del
fossile
fino
alla
sua
distruzione.
La
meteorizzazione, traduzione del termine anglosassone weathering, deve essere
considerata come uno dei processi biostratinomici più importanti che possono intaccare gli
scheletri degli animali.
I cambiamenti che subisce un resto esposto agli agenti atmosferici (cambio d’umidità,
temperatura ed esposizione ai raggi UV) sono già stati oggetto di studio in molte ricerche;
uno dei primi lavori sperimentali inerenti questo processo tafonomico fu quello sviluppato
della dottoressa Behrensmeyer nel 1978 (Cáceres, 2002). I risultati ottenuti dalla
ricercatrice dopo l’esposizione di molti resti agli agenti atmosferici (fino a 15 anni in alcuni
casi), la indussero a creare una successione di 6 stadi nei quali classificare i resti ossei in
relazione dell’intensità d’azione che un agente atmosferico aveva sviluppato (grado 0
assenza d’alterazione, grado 5 meteorizzazione avanzata) (Cáceres, 2002).
“Questo tipo d’alterazione si caratterizza per la presenza di crepe o fessure di
differente grado d’intensità e direzione (longitudinalmete per le porzioni diafisarie, a
mosaico per le superfici articolari)” (Cáceres, 2002).
Behrensmeyer (1978) considerava che i cambi di temperatura e d’umidità fossero le
cause delle modificazioni che avevano intaccato i resti ossei. Successivamente si pensò
che i raggi ultravioletti potessero influire in maniera più significativa rispetto ai cambi
43
d’umidità e temperatura sulla struttura macroscopica delle ossa (Cáceres, 2002); l’azione
delle radiazioni solari provoca la rottura delle fibre del collagene del tessuto osseo dando
luogo alla fessurazione ed esfoliazione della superficie dei resti (Bromage, 1985; Tuross et
al., 1989; Fernández-Jalvo, 1992).
La meteorizzazione non agisce in ugual maniera su tutti gli elementi di uno stesso
individuo così di conseguenza non è possibile raggruppare i fossili a seconda del grado di
alterazione ed assegnarli automaticamente allo stesso individuo (Hesse and Wapnish,
1985a); “la struttura e le caratteristiche dei distinti individui di uno scheletro di un animale
rispondono in maniera distinta allo stesso agente ma, anche l’esistenza di accidentali
protezioni (tessuto, rocce, sedimento, etc.) impedisce una risposta omogenea dello stesso
elemento anatomico colpito da uno stesso agente” (Cáceres, 2002).
“Non si può considerare pertanto lo stadio della meteorizzazione come un valido
criterio per differenziare successive tappe durante la formazione di un giacimento”
(Cáceres, 2002). Un aspetto che chiaramente influenza la capacità modificatrice della
meteorizzazione e la maggior o minor velocità di alterazione è quella che si riferisce alle
caratteristiche ambientali (presenza o assenza di vegetazione, temperatura, umidità,
caratteristiche del suolo in cui si depositano i resti, etc.). Gli stadi di meteorizzazione
inoltre non sono uguali all’interno o all’esterno di una grotta o riparo, dato che le condizioni
ambientali sono differenti (Lyman, 1989; Lam, 1992).
Per il caso di studio della Ciota Ciara si è sviluppato un criterio basato sull’utilizzo del
microscopio mirato ad individuare 4 distinti gradi di fessurazione dell’osso:
C0: fessurazione minima visibile solo al microscopio (Fig. 12);
C1: ossa con una fessurazione lieve, i bordi delle crepe tendono a salire verso l’alto
(fatto constatabile al microscopio (Fig. 13);
C2: ossa con un grado di fessurazione moderato con bordi rivolti verso l’alto (Fig. 13);
C3: alto grado di fessurazione, visibile anche macroscopicamente, con i bordi delle
fessure rivolti verso l’alto (Fig. 14).
44
Fig. 12: Fessurazione di grado C0.
Fig. 13: Fessurazione di grado C1 (verde); fessurazione di grado C2 (rosso).
45
Fig. 14: Fessurazione di grado C3.
2.3.5 Abrasione idrica
L’abrasione è il risultato dell’erosione della superficie ossea mediante l’applicazione di
una forza esterna (Bromage, 1984) come il trasporto idrico, eolico, il calpestio etc. La
maggior parte degli autori concorda sul fatto che questa erosione venga prodotta per
frizione tra la superficie dell’osso e le particole sedimentarie contenute nell’acqua, nel
vento o in quelle prodotte dal trampling. L’abrasione si caratterizza inoltre per la presenza
di superfici arrotondate e levigate e per la presenza di microstrie (Shipman and Rose,
1988; Behrensmeyer et al., 1989; Gifford-Gonzalez, 1989a; Lyman, 1994); riuscire a
decifrare quale agente sia la causa dell’abrasione certe volte può risultare difficile. È idea
comune che la modificazione prodotta per trasporto idrico tenda a modificare tutta la
superficie del frammento, mentre l’abrasione eolica alteri unicamente la parte dell’osso
esposto al vento (Shipman and Rose, 1983b). Le ricercatrici Shipman e Rose realizzarono
un esperimento dove introdussero delle ossa in un cilindro contenente acqua e sedimento,
a termine del quale conclusero che l’abrasione idrica necessita molto tempo perché si
produca e che le strie risultanti dalla frizione tra dell’osso con il sedimento sono
microscopiche e che non si possono confondere con quelle di origine antropica (Shipman
46
and Rose, 1983b). Le alterazioni per calpestio invece producono strie molto più profonde
di quelle risultanti dalle attività idrica ed eolica.
L’abrasione prodotta dall’acqua ha suscitato molto interesse anche perché il suo
studio è stato relazionato ai fenomeni della dispersione e a quello dell’accumulo prodotto
dal trasporto fluviale. Per l’esecuzione di uno studio inerente l’abrasione sono pertanto da
considerare la capacità che ha avuto l’azione idrica nel modificare la superficie dell’osso e
i segnali che ha generato. In base all’energia dell’acqua, al tipo di sedimento che trasporta
e alle caratteristiche topografiche, il grado di alterazione sarà diverso, pertanto è
necessario tener da conto le dinamiche sedimentarie esistenti nel giacimento di studio.
Molti ricercatori hanno realizzato esperimenti e/o studi d’osservazione riguardo l’abrasione
idrica (Korth, 1979; Shipman and Rose, 1983b; Fernández-Jalvo, 1992) e a termine dei
quali tutti convennero che il grado d’alterazione dipende dal tipo e grandezza delle
particelle sedimentarie, dalla presenza o meno di resti di tessuti molli sull’osso, lo stato
dell’osso (fresco, secco, meteorizzato, rotto, intero etc.) e la durata del processo
d’alterazione (Fernández-jalvo and Andrews, 2003).
L’esperimento di Fernàndez Jalvo e Andrews (2003) simile a quello di Shipman e
Rose (1983) consistette nell’introdurre all’interno di un cilindro ossa di diverso tipocon
acqua e sedimento di differente granulometria per un tempo di 360 ore associato a un
moto costante pari a 20cm/sec. A esperimento finito si evinse che i sedimenti che più
alterarono le ossa furono la ghiaia e la sabbia grossa che dimostrarono più propensione a
levigare
ed
arrotondare;
limo
e
argilla
invece
evidenziarono
gran
capacità
d’arrotondamento ma esigua attitudine a levigare. Le ossa che risultarono più alterate
furono quelle che presentavano una marcata meteorizzazione, seguite da quelle secche,
quelle recenti e dagli elementi dentari. L’unico vero limite dell’esperimento fu dato dalle
condizioni imposte che erano costanti e di conseguenza la frizione tra osso e sedimento fu
continuativa, caratteristica che non avviene in natura (Shipman and Rose, 1983b).
Il giacimento di Ciota Ciara per le caratteristiche geologiche e l’ubicazione geografica,
presenta una marcata attività idrica e pertanto sono state diagnosticate parecchie
attestazioni di abrasione idrica. Questo tipo d’erosione è stato constatato per la presenza
di arrotondamento e levigatura nei bordi e in tutta la superficie di alcuni fossili. Questa
alterazione non si è presentata omogenea né in riferimento al grado di modificazione né in
riferimento alla distribuzione spaziale dei resti. I fossili hanno anche dimostrato gradi di
arrotondamento e pulizia superficiale diversi tra loro. Per l’esecuzione di questo studio
preliminare nella grotta della Ciota Ciara si sono utilizzati i gradi di modificazione stabiliti
47
dalla dottoressa Càceres (Cáceres et al., 2012) (Tab. 4).. L’arrotondamento e la pulizia in
questo sito si sono sempre
mpre presentati associati (Fig. 15, 16, 17, 18).
ARROTONDAMENTO
GRADO
A0
A1
A2
A3
MODIFICAZIONE
Bordi angolosi con lieve inizio di arrotondamento
Arrotondamento su bordi anatomici e di frattura, visibile al microscopio
Arrotondamento su determinate zone dell'osso, visibile macroscopicamente
Arrotondamento su tutta la superficie
LISCIATURA
GRADO
L0
L1
L2
L3
MODIFICAZIONE
Frammenti che presentano superficie opaca
Levigatura osservabile a livello microscopico, ristretta ai soli bordi di frattura
Levigatura osservabile macroscopicamente, i bordi e la superficie si presentano brillanti
Osso completamente levigato e totalità della superficie brillante
Tab. 4: Gradi di arrotondamento e levigatura prodotti dall’abrasione idrica (Cáceres Cuello de Oro, 1995).
1995)
Fig. 15: Arrotondamento di grado A0 (aree rosse); Lisciatura di grado L0 (aree gialle).
Fig. 16: Arrotondamento di grado A1 (aree rosse); lisciatura
isciatura di grado L1 (aree gialle).
48
Fig. 17: Arrotondamento di grado A2 (aree rosse); lisciatura
isciatura di grado L2 (aree gialle).
Fig. 18: Arrotondamento di grado A3 (aree rosse).
2.3.6 Concrezioni
“Per concrezione si intende l’addizione di nuovi minerali negli interstizi e nei pori
esistenti tra le particelle che riempiono o inglobano gli elementi conservati, suddetti
suddett
minerali danno luogo alla cementazione parziale o totale dell’elemento” (Cáceres, 2002)
(Fig. 19).. La formazione delle concrezioni calcaree può essere piuttosto rapida su resti
che sono in fase di biodegradazione e che si trovano in spazi
spazi più o meno ristretti. Le
sostanze azotate e gli acidi grassi liberati durante la decomposizione della materia
organica modificano le condizioni chimico – fisiche degli ambienti in questione che, al
diminuire del potenziale di ossidazione/riduzione
oss
e all’aumentare dell’alcalinità delle acque
interstiziali, provocano la precipitazione dei carbonati (López, 2000).. Devono però anche
considerarsi i cambi che si producono nelle condizioni di umidità del substrato che danno
luogo a dilatazione - compattazione del sedimento e all’umidificazione - disseccamento
dello stesso (Courty et al.,, 1989).
1989). Durante questi processi i resti rimangono totalmente o
parzialmente coperti dalle concrezioni causando nei cilindri diafisari il riempimento di
sedimento. La presenza di concrezioni può impossibilitare l’analisi superficiale delle ossa.
49
Fig. 19: Esempio di concrezione calcarea (in bianco) associata alla deposizione di manganese (pigmentazione
nera).
2.3.7 Deposizione dell’ossido di manganese
“La pigmentazione da ossido di manganese è quell’alterazione che, in molti studi
tafonomici, probabilmente genera i maggiori dubbi. La precipitazione di manganese
genera una colorazione nera che può essere omogenea o presentarsi come macchie
isolate o concentrate” (Cáceres, 2002). Gli studi riguardo l’ossido di manganese sulla
patina che si genera nel deserto e sui noduli dei fondali oceanici dimostrano che suddetto
ossido deriva dalla produzione batterica (Bauman, 1976; Dorn and Oberlander, 1981;
Shahack-Gross et al., 1997). Le condizioni ottime per lo sviluppo dei batteri sono gli
ambienti umidi aerobici con un pH relativamente neutro. I minerali contenuti nelle argille
sono di grande importanza dato che i batteri si fissano a questi per adsorbimento e gli
utilizzano come nutrienti. Codesti batteri concentrano i metalli dell’ambiente, in particolar
maniera quelli che provengono e che si incontrano in acqua; la precipitazione dell’ossido
di manganese è anche tipica di ambienti caratterizzati da cicli di ossidazione e riduzione
(Cáceres, 2002). Così ad esempio, si è interpretata la presenza di pigmentazione nera
sulle ossa fossili provenienti dal giacimento di Hayonim (Israele); nonostante nella maggior
parte dei casi tale colorazione corrisponda a quella propria dell’osso bruciato si sono
anche osservate macchie prodotte da parte dell’ossido di manganese (Shahack-Gross et
al., 1997). “Nel 1997 Shahack-Gross, Bar-Yosef e Weiner presentarono un metodo che
permette la differenziazione delle ossa bruciate dalle ossa che sono pigmentate con
manganese
ed
ossa
contemporaneamente
cremate
che
presentano
anche
la
pigmentazione. Tale metodo si basa sulla spettrometria infrarossa adottando la
metodologia di Stiner et al 1995. Questi autori utilizzano un criterio macroscopico che può
50
essere utilizzato per differenziare le ossa combuste da quelle che si presentano
unicamente pigmentate, questo metodo deve però essere utilizzato con prudenza”
(Cáceres, 2002). Questa metodologia si basa sul criterio per il quale la cremazione tende
ad essere un processo progressivo che influenza in gradazione decrescente la totalità
dell’osso e anche tutta la profondità della superficie corticale, la pigmentazione invece è
più intensa sulla superficie, ciononostante può infiltrarsi nella profondità dello stesso; tale
pigmentazione sarà comunque omogenea e mostrerà una gradazione nella colorazione
(Cáceres, 2002). Nel momento in cui si assegni un tipo di colorazione a un agente o a un
processo tafonomico concreto sarà sempre necessario tener conto dell’insieme dei fossili
e non si dovranno usare criteri qualitativi decontestualizzati come per i criteri diagnostici
(Cáceres, 2002).
Per quest’elaborato riferente il sito di Ciota Ciara si è sviluppato un criterio derivato e
modificato in funzione degli studi condotti da Fernando Lòpez – Gonzàlez (LópezGonzalez et al., 2006) (Tab.5) (Fig. 20, 21, 22, 23, 24, 25).
Tipologia d'intensità della copertura
MASSIVO = deposizione dell'ossido di Mn sulla superficie corticale dell'osso, colorazione nera
TINZIONE = penetrazione del deposizione del Mn al di sotto della superficie corticale, colorazione
grigia
MASSIVO + TINZIONE = deposizione dell'ossido di Mn sia sulla superficie corticale (nero) che al
di sotto della stessa (grigia)
Grado di estensione dell'area
ISOLATO = piccola area affetta da deposito <10% della superficie
CONCENTRATO = area affetta da deposito compresa tra il 10 e il 50% della superficie
GENERALIZZATO = area affetta da deposito compresa tra il 75 e il 100% della superficie
DISPERSO = piccole aree affette da deposito che compaiono su tutta la superficie
Tab. 5:Tipologia e grado d’intensità della deposizione di ossido di Mn.
51
Fig. 20: Esempio di deposizione dell’ossido di manganese, tipologia: massivo.
Fig. 21:Esempio di deposizione dell’ossido di manganese, tipologia: tinzione.
52
Fig. 22: Esempio di deposizione dell’ossido di manganese, tipologia: massivo + tinzione.
Fig. 23: Esempio di deposizione dell’ossido di manganese, grado di estensione: isolato.
53
Fig. 24: Esempi di deposizione dell’ossido di manganese, grado di estensione: concentrato (sinistra);
generalizzato (destra).
Fig. 25: esempio di deposizione dell’ossido di manganese, grado di estensione: disperso.
2.3.8 Alterazioni date dalle radici
Le radici delle piante sono un agente biologico il cui meccanismo di alterazione è di
natura chimica. Le attestazioni degli apparati radicali sono solite manifestarsi in molte
associazioni fossili anche se tendono ad essere meno abbondanti in depositi di grotta
dove le condizioni necessarie per lo sviluppo della vegetazione sono meno favorevoli.
Questa modificazione diagenetica è stata studiata da molti ricercatori in numerosi e
importanti studi (Behrensmeyer, 1978; Andrews and Cook, 1985; Hesse and Wapnish,
1985a; Andrews, 1990); l’alterazione che scaturisce da un intervento radicale produce
modificazioni più o meno marcate sulla superficie dell’osso (Fig. 26) che tende a
mascherare e a sovrapporsi ad altri interventi come quelli prodotti da fenomeni biologici
(ominidi e carnivori). L’ alterazione che ne scaturisce può essere un impedimento nel
momento di interpretare gli interventi diagenetici sull’insieme fossilifero. I segnali prodotti
dalle radici si caratterizzano per l’incisione di solchi ramificati di lunghezza, larghezza e
54
profondità variabile. Tali solchi presentano un fondo più o meno arrotondato con sezione a
“U” non totalmente nitido e con irregolarità. Le modificazioni da radici possono attestarsi
su tutta la superficie dell’osso o isolate; questa caratteristica può indurre a volte una
sbagliata interpretazione, considerandole come il prodotto di un’azione intenzionale
(Binford, 1981; Hesse and Wapnish, 1985b).
A causa della natura chimica di questa alterazione è conveniente poterla distinguere
da quelle che derivano da cause sedimentarie o da ingestione e digestione del resto
osseo da parte dei predatori. Andrews (1990), evidenzia il fatto che la corrosione prodotta
dal suolo o dagli acidi gastrici possa realizzare anche perforazioni, ma altresì nessuno di
essi produce un solco. Il meccanismo di modificazione di quest’agente tafonomico
consiste nella dissoluzione della superficie ossea che è in contatto diretto con la radice
attraverso degli acidi prodotti durante l’assorbimento dei nutrienti che permettono la
crescita della pianta (Behrensmeyer, 1978; Johnson, 1985).
Alcuni autori (Morlan, 1980; Grayson, 1988) concordano sul fatto che la produzione di
queste impronte si debba agli acidi che secernono i funghi, i quali si associano al
metabolismo delle radici e alle dinamiche di decomposizione della pianta.
In alcune occasioni i solchi sono sottili e possono apparire circondati da una leggera
colorazione scura dovuta alla secrezione di acidi (Morlan, 1980).
Le impronte di radici possono considerarsi modificazioni fossildiagenetiche visto che in
generale hanno luogo quando i resti sono interrati; va però precisato che, anche il
muschio, le alghe e i licheni possono intaccare la superficie ossea e le loro modificazioni
hanno luogo quando i resti si trovano in superficie. L’informazione che apporta la presenza
e la quantificazione di questa modificazione è l’esistenza, nel luogo di deposizione dei resti
ossei, di una condizione paleo ambientale ottima per lo sviluppo di una copertura vegetale,
per cui deve essere tenuto presente nel momento dell’interpretazione in riferimento
all’assenza o presenza di meteorizzazione e gli stadi in cui essa si manifesta
(Behrensmeyer, 1978).
La distribuzione dei fossili con segni di radici in un insieme studiato può apportare
informazioni riguardanti il microambiente, come per esempio nel caso di differenziare tra
entrata o interno della grotta. La presenza di radici può essere utilizzata per facilitare
l’ottenimento della sequenza di intervento degli agenti tafonomici che hanno contribuito
alla formazione del deposito. Così White (1992) indica che se questa alterazione si
localizza su un piano di frattura o nella faccia midollare dei resti fratturati, è possibile
55
considerare che suddetta frattura sia anteriore all’azione delle radici e pertanto
possibilmente anteriore la sua deposizione.
“In ricerche anteriori riguardanti l’Abric Romani (Capellades) si è stabilito che la
presenza di abrasione idrica nei fossili che previamente sono stati alterati da radici,
sarebbe potuta essere una caratteristica diagnostica di rielaborazione tafonomica
(Cáceres Cuello de Oro, 1996) giacché sarebbe stato necessario uno sterro dei resti
affinché i solchi prodotti dalle radici siano potuti apparire erosi per azione della corrente
idrica” (Cáceres, 2002).
Fig. 26: Esempio di alterazione data dalle radici.
56
CAPITOLO 3
ANATOMIA, TASSONOMIA ED ALTERAZIONI TAFONOMICHE
3.1 Composizione anatomica e tassonomica
L’unità stratigrafica 14 scavata nel 2013 della grotta della Ciota Ciara ed oggetto di
questo elaborato ha restituito complessivamente 1587 resti faunistici dei quali 1144
(72,08%) resti ossei e 443 (27,91%) resti dentari. Il riconoscimento e lo studio
paleontologico condotto ha potuto attestare un insieme di individui dominato da carnivori
(Tab. 6).
Carnivori
Ursus spelaeus
Ursus spelaeus
giovane
Ursus arctos
Panthera leo
Canis lupus
NMI SCAVO
2013
14
71
1
1
2
Lynx lynx
Vulpes vulpes
1
1
Martes martes
Carnivora taglia
grande
Carnivora taglia
piccola
1
totale
Erbivori
Cervus elaphus
Stephanorinus
Bos primigenius
Sus scrofa
Artiodactila
Rupicapra
rupicapra
Dama cf.
Marmota marmota
NMI SCAVO
2013
5
1
1
1
1
2
1
3
Ungula taglia
grande
Ungulata taglia
piccola
2
1
95
1
2
18
Tab. 6: NMI US 14 anno scavo 2013.
Dai dati pervenuti dallo studio macroscopico e da quello microscopico (presenza o
meno della saldatura delle epifisi) si sono potuti suddividere gli individui in adulti e in
giovani che sono stati collocati in tre gruppi dimensionali: grande, media e piccola.
I carnivori del nostro insieme faunistico sono stati così suddivisi:
taglia grande: Ursus spelaeus adulto, Ursus arctos adulto e Panthera leo adulto;
57
taglia media: Ursus spelaeus giovane, Canis lupus adulto, Lynx lynx adulta, Vulpes
vulpes adulta;
taglia piccola: Martes martes.
Gli erbivori sono invece stati suddivisi nella seguente maniera:
taglia grande: Cervus elaphus adulto, Stephanorinus sp. adulto, Bos primigenius
adulto;
taglia media: Sus scrofa adulto, Artiodactyla indet., Rupicapra rupicapra adulto, Dama
cf. adulto;
taglia piccola: Rupicapra rupicapra giovane, Marmota marmota, Aves.
Lo studio dei soli resti ossei (1144) ha permesso di ottenere dei dati che hanno
confermato le ipotesi delle campagne di scavo precedenti, vale a dire che la grotta della
Ciota Ciara fosse principalmente occupata della famiglia degli ursidi. È stato inoltre
possibile attestare un importante numero di resti non identificabili indotto da un’alta
frammentarietà generale dell’insieme faunistico (Tab. 7).
Ursus spelaeus
Ursus arctos
Canis lupus
Panthera leo
Lynx lynx
Martes martes
Mustelidae
Carnivora
Cervus elaphus
Bos primigenius
Rupicapra rupicapra
Cervidae
cf. Dama
Marmota marmota
Aves
INDET
TOTALE
NR
257
2
7
1
2
1
1
1
14
1
11
3
1
40
1
801
1144
Tab. 7: NR ossei campagna di scavo 2013.
58
%
22,47
0,17
0,61
0,09
0,17
0,09
0,09
0,09
1,22
0,09
0,96
0,26
0,09
3,50
0,09
70,02
100,00
Si è potuto evincere, sia dai dati relativi i NMI (Tab.6) sia dal numero degli elementi
(Fig. 27), che nell’insieme paleontologico in questione la taglia più rappresentata è quella
grande con 229 elementi, mentre le taglie media e piccola presentano rispettivamente 85
e 54 elementi. A causa dell’elevato grado di frammentarietà per 530 reperti non è stato
possibile diagnosticare né l’elemento scheletrico né la specie di pertinenza, dei restanti
388 resti si è potuto dare il completo riconoscimento anatomico e di specie a 184 ossa,
alle rimanenti 204 invece si è data la sola collocazione anatomica. Della categoria dei resti
indeterminabili tassonomicamente, gli elementi che spiccano per importanza numerologica
elevata sono (Fig. 27): frammenti cranici (46), vertebre (77) e coste (48) per la parte
scheletrica assiale; sesamoidi (24) ed ossa lunghe (11) per l’apparato scheletrico
appendicolare.
Complessivamente i frammenti ossei più rappresentati sono: vertebre (94), coste (67),
crani (62), I falange (61), II falange (40), III falange (33) e metapodiali (26).
L’alto grado di frammentazione dell’insieme faunistico ha indotto l’utilizzo di una
suddivisione degli stessi secondo categorie dimensionali legate principalmente alla
lunghezza di ciascun reperto (Tab.8). Per i 530 resti indeterminati è stata evidenziata
un’alta percentuale di reperti collocabili nella categoria C che comprende i frammenti
contenuti tra 3 e 4 cm. Dei 388 reperti a cui si è dato il riconoscimento anatomico, si è
anche potuto suddividere quelli con riconoscimento di specie in classi di taglia (Fig. 28).
Sono stati attestati cosi 139 (12,15%) frammenti riferibili alla taglia grande, 22 (1,92 %)
alla taglia media e 23 (2,01 %) alla taglia piccola. Nel totale si è potuto osservare che i
frammenti ossei di individui a taglia grande hanno, nelle differenti categorie, la percentuale
più elevata in riferimento alla categoria B (2 – 3 cm) con il 2,19 % ; per la taglia media e
piccola non v’è alcuna categoria che spicca sulle altre in riferimento al grado di
frammentazione. È anche da sottolineare come la classe di reperti riferenti la taglia media
presenti la totale assenza di frammenti per la categoria H, I ed M; per i resti degli individui
di piccola taglia, le categorie D, E, G, H, I, L ed M non sono attestate.
59
100%
INDET
LUNGO
PIANO
III FALANGE
II FALANGE
I FALANGE
FALANGE
METAPODIALE
CARPO TARSO
IV METATARSALE
III METATARSALE
II METATARSALE
I METATARSO
TARSO
TARSALE
SESAMOIDE
III CUNEIFORME
II CUNEIFORME
90%
80%
70%
60%
50%
40%
30%
20%
10%
0%
TG
TM
TP
INDET
Fig. 27: NE (numero elementi) suddiviso secondo le classi di taglia: TG = taglia grande; TM = taglia media; TP =
taglia piccola; INDET. = indeterminati.
100%
INDET
90%
LUNGO
80%
PIANO
70%
III FALANGE
60%
II FALANGE
I FALANGE
50%
FALANGE
40%
METAPODIALE
30%
CARPO TARSO
IV METATARSALE
20%
III METATARSALE
10%
II METATARSALE
I METATARSO
0%
TARSO
TARSALE
Fig. 28: Rappresentazione % degli elementi ossei per ciascuna specie.
60
% TG
% TM
NR TP
% TP
% TAXA INDET
TOT NR DET
% NR DET
TOT RESTI PER CAT..
% TOT RESTI PER CAT.
1,22
3
0,26
15
1,31
5
0,44
37
3,23
37
3,23
B (2 - 3 cm)
116
10,14 25
2,19
2
0,17
3
0,26
57
4,98
87
7,60
203
17,74
C (3 - 4 cm)
207
18,09 19
1,66
6
0,52
4
0,35
65
5,68
94
8,22
301
26,31
D (4 - 5 cm)
110
9,62
16
1,40
3
0,26
0
0,00
30
2,62
49
4,28
159
13,90
E (5 - 6 cm)
49
4,28
18
1,57
3
0,26
0
0,00
15
1,31
36
3,15
85
7,43
F (6 - 7 cm)
14
1,22
15
1,31
2
0,17
1
0,09
7
0,61
25
2,19
39
3,41
G (7 - 8 cm)
14
1,22
8
0,70
1
0,09
0
0,00
10
0,87
19
1,66
33
2,88
H (8 - 9 cm)
4
0,35
7
0,61
0
0,00
0
0,00
6
0,52
13
1,14
17
1,49
I (9 - 10 cm)
5
0,44
1
0,09
0
0,00
0
0,00
1
0,09
2
0,17
7
0,61
NR TAXA INDET
NR TG
14
NR TM
% INDET
0,00
NR INDET
0
CATEGORIA
A (0,5 - 2 CM)
L (10 - 15 cm)
4
0,35
13
1,14
1
0,09
0
0,00
7
0,61
21
1,84
25
2,19
M (15 - 20 CM)
0
0,00
1
0,09
0
0,00
0
0,00
0
0,00
1
0,09
1
0,09
NON MISURABILI 7
0,61
2
0,17
1
0,09
0
0,00
1
0,09
4
0,35
11
0,96
TOTALE
46,33 139
1,92
23
2,01
204
17,83 388
530
12,15 22
33,92 918
80,24
Tab. 8: Categorie e percentuali di frammentazione dell’insieme osseo campagna di scavo 2013. TG = taglia
grande; TM = taglia media; TP = taglia piccola; INDET. = indeterminati.
Nell’insieme faunistico studiato si può notare come gli individui di taglia grande
mostrino la più vasta rappresentazione scheletrica (Fig. 29) che conferma ulteriormente i
dati ricavati dalle precedenti tabelle. Si noti inoltre come le porzioni osteologiche più
compatte, nella fattispecie le falangi, i frammenti cranici e le coste, per tutte le differenti
tipologie di taglie si conservino e preservino meglio ai processi diagenetici avvenuti nel sito
di studio.
61
III METATARSALE
TIBIOTARSO
SACRO
VII VERTEBRA CERVICALE
III VERTEBRA CERVICALE
PALCO
TIBIA
CUBONARVICOLARE
EPISTROFEO
GRAN CUNEIFORME
FIBULA
METACARPALE
CAPITATOTRAPEZOIDE
CARPO TARSO
I METATARSO
TARSALE
ROTULA
PATELLA
PISIFORME
V METACARPALE
GRAN OSSO
BACULUM
STERNEBRA
VERTEBRA TORACICA
VERTEBRA CERVICALE
IOIDE
ATLANTE
BACINO
MANDIBOLA
FALANGE
IV METATARSALE
VERTEBRA DORSALE
II CUNEIFORME
II METACARPALE
CALCAGNO
I METACARPALE
II METATARSALE
IV METACARPALE
UNCINATO
SCAPOLA
CUBOIDE
III METACARPALE
SCAFOLUNARE
VERTEBRA LOMBARE
SCAFOIDE
ULNA
III CUNEIFORME
I CUNEIFORME
TRAPEZIO
RADIO
OMERO
ASTRAGALO
FEMORE
VERTEBRA
METAPODIALE
COSTA
CRANIO
II FALANGE
I FALANGE
III FALANGE
TG
TM
TP
0
10
20
30
40
50
60
70
Fig. 29: Rappresentazione degli elementi secondo le taglie.
3.2 Alterazioni tafonomiche
Lo studio dei 1144 reperti ha permesso di evidenziare nove tipi di alterazioni tafonomiche
(Tab. 9). In alcuni casi lo studio per ciascuna alterazione ha necessitato una
comparazione della stessa con le altre modificazioni diagenetiche al fine di poter
comprendere meglio gli eventi e la successione dell’intervento dei differenti agenti
tafonomoci.
62
ALTERAZIONE TAFONOMICA
DEPOSITO OSSIDO Mn
RADICI
INTERVENTI E MODIFICAZIONI DI
CARNIVORI
FESSURAZIONE
CALPESTIO
ABRASIONE - ARROTONDAMENTO
ABRASIONE - PULIZIA
CONCREZIONI
INTERVENTI ANTROPICI (cut-marks)
NR
1142
730
%
99,83
63,81
627
578
365
326
326
259
34
54,81
50,52
31,90
28,49
28,49
22,64
2,97
Tab. 9: Alterazioni tafonomiche individuate in US 14 della grotta della Ciota Ciara durante la campagna di scavo
2013 ordinate in maniera decrescente in base alla % di alterazione attestata.
3.2.1 Interventi antropici (cut-marks)
Dei 1144 fossili analizzati quelli che evidenziano l’intervento antropico sono stati 34
(2,97% ), la taglia che concentra il maggior numero di resti è quella grande (10) ma,
essendo un’analisi parziale, questo dato è da ritenersi preliminare (Tab. 10). Sono state
identificate solo 2 specie con evidenze di macellazione, Canis lupus (1) e Ursus spelaeus
(11), i restanti reperti alterati si riferiscono a resti non identificati (22). Dallo studio è anche
emerso che gli unici interventi antropici di macellazione sono stati quello dell’incisione (53)
e delle raschiature (8) (Fig. 30) le cui attestazioni sono risultate più evidenti sulla taglia
grande (20), dato congruo anche in virtù del fatto che presenta più resti rispetto alle altre
taglie; le incisioni sono le uniche evidenze ad essere presenti in tutte le taglie.
Per quanto concerne la disposizione dei cut-marks, si è riscontrato che quelle oblique
prevalgono nella categoria delle incisioni (28) (Fig. 31) mentre per le raschiature spicca la
disposizione trasversale (11) delle quali quasi tutte sono riferenti alla taglia media (10)
(Fig. 32). Dallo studio inerente l’organizzazione dei cut-marks si nota che, in riferimento
alle incisioni, queste sono preferenzialmente concentrate (Fig. 33); per le raschiature
invece non si può dire se vi sia un’organizzazione predominante dato l’esiguo numero di
evidenze (Fig. 34).
La maggior parte degli elementi scheletrici con i segni di macellazione si concentra
sulle coste (24) e sugli omeri (12) (Fig. 35); in riferimento alle coste, in 3 casi pertinenti al
gruppo degli indeterminati si è anche evinta la pratica del peeling. L’analisi dei tagli ha
potuto permettere di identificare 3 attività relazionate al tipo di accesso al fabbisogno di
carne:
scarnificazione,
eviscerazione
ed
63
estrazione
della
pelle
(Tab.
11).
La
scarnificazione è l’attività più attestata (70,59%), questa marcata evidenza è sensata dato
che generalmente la scarnificazione si certifica su molti elementi scheletrici, questa
caratteristica non vale però anche per le altre attività i cui cut-marks tendono a collocarsi
su specifici elementi scheletrici.
Un altro dato interessante si riferisce a una vertebra toracica di Ursus spelaeus
giovane che è uno degli unici 2 elementi diagnosticati con l’attività dell’eviscerazione. La
vertebra presenta una raschiatura sul corpo vertebrale (11.70 mm.) (Fig. 7), questo segno
di taglio si attesta nel momento in cui lo strumento litico incide sulla faccia interna della
vertebra quando si eviscera la cassa toracica di un animale (Altuna and Mariezkurrena,
1985; Cáceres, 2002). Quest’evidenza pertanto, unita agli altri cut-marks, induce a
pensare che in Ciota Ciara vi fosse un ricorso all’orso da parte dell’uomo non solo per
accedere alla pelliccia ma anche per un consumo alimentare. Il NMI di Ursus spelaeus con
presenza di cut-marks è di due adulti e due giovani.
TAGLIA
GRANDE
MEDIA
PICCOLA
INDET
TOTALE
NRM
10
6
1
17
34
%ST
29,41
17,65
2,94
50,00
100,00
%TOT
0,87
0,52
0,09
1,49
2,97
Tab. 10: NRM= numero di resti con segni di macellazione secondo le differenti taglie ; % ST = percentuale dei
reperti con segni di taglio ; % TOT = percentuale dei reperti con segni di taglio rispetto il totale di reperti studiati.
25
20
15
INCISIONI
10
RASCHIATURE
5
0
GRANDE MEDIA PICCOLA
INDET
Fig. 30: Tipi di segni di taglio secondo le diverse categorie di taglia.
64
14
12
10
8
TRASVERSALE
6
OBLIQUA
4
LONGITUDINALE
2
0
INC. TG INC. TM
INC. TP
INC.
INDET.
Fig. 31: Delineazione delle sole incisioni (INC.) secondo le categorie di taglia.
12
10
8
TRASVERSALE
6
OBLIQUA
4
LONGITUDINALE
2
0
RASCH. RASC. TM RASC. TP
TG
RASC.
INDET.
Fig. 32: Delineazione delle sole raschiature (RASC.) secondo le categorie di taglia.
16
14
12
10
8
ISOLATE
6
CONCENTRATE
4
2
0
INC.TG
INC.TM
INC.TP
INC.INDET.
Fig. 33: Organizzazione delle sole incisioni (INC.) secondo le categorie di taglia.
65
3,5
3
2,5
2
ISOLATE
1,5
CONCENTRATE
1
0,5
0
RASC.TG
RASC.TM
RASC.TP
RASC.INDET.
Fig. 34: Organizzazione delle sole raschiature (RASC.) secondo le classi di taglia.
30
25
20
15
10
5
0
INDET
TP
TM
TG
NR
Fig. 35: Elementi scheletrici con segni di macellazione suddivisi nelle classi di taglia.
SCARNIFICAZIONE
EVISCERAZIONE
ESTRAZIONE DELLA PELLE
ATTIVITA’
NR
%
NR
%
NR
%
TOTALE
TAGLIA GRANDE
5
14,71
1
2,94
4
11,76
10
TAGLIA MEDIA
4
11,76
1
2,94
1
2,94
6
TAGLIA PICCOLA
1
2,94
0
0,00
0
0,00
1
INDET.
14
41,18
0
0,00
3
8,82
17
TOTALE
24
70,59
2
5,88
8
23,53
34
Tab. 11: Attività antropiche identificate ed osservate nell’insieme fossilifero studiato. % = percentuale rispetto i
fossili con evidenze antropiche.
66
3.2.2 Interventi dei carnivori
Dall’insieme faunistico studiato, si è potuta evincere un’intensa attività dei carnivori;
tale evidenza consiste essenzialmente nella presenza di morsi classificati come
depressioni (A), solchi (B), impronte (C) e morsi sui bordi di frattura (D).
In
riferimento
all’insieme
complessivo
dei
reperti
studiati,
riconosciuti
paleontologicamente e suddivisi in taglia grande, media e piccola (Tab. 12) l’intervento dei
carnivori si è attestato rispettivamente sul 16,75 % , 2,07 % e sul 1,44 %. Considerando
invece i soli reperti su cui è avvenuta l’azione dei carnivori (625), la percentuale
d’alterazione più alta è stata riscontrata sugli individui di taglia grande (44,68 %) seguiti da
quelli di taglia piccola (15.79 %) e infine da quelli di taglia media (14,77 %).
Dalla suddivisione scheletrica i resti con il maggior intervento di carnivori sono stati il
cranio (41), le vertebre (59) e le coste (44), i femori (11) e le scapole (9).
Dei complessivi 773 reperti privi di identificazione di specie, l’alterazione in esame è
stata riscontrata su 498 elementi; la porzione più rappresentata è quella assiale, di questa
le vertebre (49) e le coste (33) sono le ossa maggiormente alterate.
TG
NRC
%C
TM
Ursus spelaeus
85
13,56
Canis lupus
NRC % C
4
0,64
Marmota marmota
TP
NRC % C
6
0,96
Ursus arctos
1
0,16
Cervidae
1
0,16
indet
3
0,48
Panthera leo
1
0,16
cf. Dama
1
0,16
TOT
9
1,44
Cervus elaphus
5
0,80
Rupicapra rupicapra
6
0,96
taxa indet
13
2,07
taxa indet
1
0,16
TOT
105
16,75
TOT
13 2,07
Tab. 12: Resti taglie con l’intervento dei carnivori; TG = taglia grande, TM = taglia media, TP = taglia piccola;
NRC = numero resti con intervento dei carnivori; % C = percentuale di intervento dei carnivori.
Considerando le porzioni scheletriche (Tab. 13) si evince che l’intervento dei carnivori
si è concentrato sugli elementi riferibili alle porzioni assiali (118 resti) e appendicolari (91
resti). Dalla singola analisi relativa alle taglie si può notare che per quella grande c’è una
prevalenza di intervento dei carnivori nella porzione appendicolare (62); per la taglia media
e piccola non si è constatata nessuna netta prevalenza di porzione scheletrica. Tra gli
elementi indeterminati l’azione dei carnivori si è evidenziata in maniera più marcata sugli
elementi pertinenti la porzione assiale (85) ed in maniera più irrisoria su quelli craniali (33)
e appendicolari (19).
67
Tra le diverse specie delle tre categorie di taglia (Tab. 12) sull’ Ursus spelaeus (85
resti) si è evidenziata una più massiccia azione dei carnivori.
PORZIONE
SCHELETRICA
CRANIALE
ASSIALE
APPENDICOLARE
LUNGO
PIANO
INDET
TOTALE
TG C
15
25
62
2
0
1
105
TM C
1
7
5
0
0
0
13
TPC
0
1
5
0
0
3
9
INDET
C
33
85
19
1
3
357
498
TOT
49
118
91
3
3
361
625
Tab. 13: Numero di resti su cui sono intervenuti i carnivori suddivisi secondo le porzioni scheletriche e le taglie.
-
Tipologie di alterazioni dei carnivori
Dall’analisi sulle sole specie di taglia grande (Fig. 36, 37, 38, 39, 40 ; Tab. 14, 15, 16)
gli interventi dei carnivori sono stati riscontrati 148 volte, la categoria dei morsi a
depressione (A) con 111 evidenze è stata la più diagnosticata. Ursus spelaeus è la specie
con più attestazioni (113) delle quali cranio (10), vertebre (20), omero (10) e femore (14)
sono gli elementi scheletrici più alterati; questo dato parziale che riferisce solo della
campagna di scavo 2013 e non di tutta l’unità stratigrafica, se relazionato al numero
minimo di individui generale induce a pensare che gli interventi dei carnivori sull’orso siano
probabilmente destinati ad aumentare proprio perché questa specie era quella che
predominava nell’area del Monte Fenera e pertanto, di riflesso era anche la risorsa
alimentare più evidente.
Sulle specie di taglia media (Fig. 41, 42, 43, 44, 45 ; Tab. 17, 18, 19) e piccola (Fig.
46, 47 ; Tab. 20, 21) l’alterazione dei carnivori è stata esigua (TM = 21; TP = 9),
nonostante questo le evidenze dei morsi di tipologia a depressione (A) sono i più attestati,
rispettivamente con 11 e 9 evidenze. Le specie più rappresentate sono state per la taglia
media Rupicapra rupicapra, mentre sulla taglia piccola l’unica specie riconosciuta è la
Marmota marmota.
Per le taglie media e piccola gli interventi dei carnivori evidenziati sono stati piuttosto
irrisori, caratteristica che non permette di trarre conclusioni articolate ma che induce a
proseguire gli studi su tutta l’unità stratigrafica. Ciononostante per la specie Rupicapra
rupicapra la maggior parte delle alterazioni si sono attestate sul bacino e sulla regione
scheletrica appendicolare, questa selezione induce a pensare a una ripartizione e ad un
68
trasporto della carcassa; dall’etologia dei carnivori di Ciota Ciara si può pertanto supporre
ad un intervento da parte della famiglia dei canidi (Haynes, 1980; Binford, 1981).
L’analisi sulle 498 ossa prive di identificazione di specie ha riscontrato 702 alterazioni;
in riferimento al totale complessivo di resti indeterminati (801), quest’alterazione si è
attestata sul 64,17 % dei fossili di questa categoria. I morsi classificati come depressioni
(A, 413) e sui bordi di frattura (D, 230) sono quelli più rappresentati dell’insieme (Fig. 48,
49); degli elementi scheletrici riconosciuti, le vertebre (49), le coste (33) e i crani (31) sono
quelli con più frammenti alterati. Questi dati sono importanti, molti dei resti di Ciota Ciara
hanno evidenziano morsi su bordi di frattura che inducono a pensare a interventi
secondari da parte dei carnivori. A confermare tale ipotesi in alcuni casi si è riscontrata
l’assenza delle epifisi nelle ossa lunghe, la presenza di un tubo diafisario e un’ampia
associazione di questi frammenti alterati dai carnivori con il calpestio fanno ipotizzare un
consumo non solo primario associato al prelievo delle sole masse muscolari ma anche ad
un consumo intensivo e completo delle carcasse apportate o abbattute nella grotta anche
da parte di medio – piccoli carnivori.
40
35
30
25
20
15
10
NR Ursus sp.
5
NRC
CRANIO
ATLANTE
VERTEBRA CERVICALE
VERTEBRA TORACICA
VERTEBRA
STERNEBRA
BACULUM
OMERO
ULNA
SCAFOLUNARE
TRAPEZIO
I METACARPALE
III METACARPALE
V METACARPALE
FEMORE
TIBIA
CALCAGNO
CUBOIDE
II CUNEIFORME
SESAMOIDE
I METATARSO
IV METATARSALE
METAPODIALE
I FALANGE
III FALANGE
0
Fig. 36: NR Ursus spelaeus (TG); NRC = numero resti Ursus spelaeus con intervento dei carnivori.
69
16
14
12
10
8
D
C
6
B
A
4
2
CRANIO
MANDIBOLA
VERTEBRA CERVICALE
VERTEBRA TORACICA
VERTEBRA LOMBARE
VERTEBRA
COSTA
SCAPOLA
OMERO
RADIO
ULNA
SCAFOIDE
SCAFOLUNARE
UNCINATO
I METACARPALE
II METACARPALE
FEMORE
TIBIA
CALCAGNO
ASTRAGALO
I CUNEIFORME
II CUNEIFORME
SESAMOIDE
II METATARSALE
METAPODIALE
FALANGE
I FALANGE
II FALANGE
III FALANGE
LUNGO
0
Fig. 37: NR Ursus spelaeus (TG) relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi
sul bordo di frattura.
ELEMENTO NR Ursus arctos NRC % INT. CARNIVORI
OMERO
1
1
50
ROTULA
1
0
0
TOTALE
2
1
50
A
3
0
3
B
0
0
0
C
0
0
0
D TOT ALTERAZIONI C.
1
4
0
0
1
4
Tab. 14: NR = numero resti Ursus arctos (TG) ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Ursus
arctos (TG) ; % INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Ursus arctos; tipologie di morsi:
A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura.
ELEMENTO NR Panthera leo NRC % INT. CARNIVORI A B C D TOT ALTERAZIONI C.
CUBOIDE
1
1
100
0 1 0 0
1
TOTALE
1
1
100
0 1 0 0
1
Tab. 15: NR = numero resti Panthera leo (TG) ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Panthera
leo (TG) ; % INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Panthera leo; tipologie di morsi: A =
depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura.
70
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5
0
NRC
III FALANGE
II FALANGE
I FALANGE
METAPODIALE
GRAN…
CUBONARVICOLA…
CALCAGNO
SCAFOIDE
CAPITATOTRAPEZ…
CRANIO
PALCO
NR Cervus elaphus
Fig. 38: NR Cervus elaphus (TG) ; NRC = numero resti Cervus elaphus con intervento dei carnivori.
7
6
5
4
METAPODIALE
3
CRANIO
2
PALCO
1
0
A
D
.
Fig. 39: NR del Cervus elaphus (TG) relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D =
morsi sul bordo di frattura.
ELEMENTO
NRC INDET.
A
B
C
D
TOT ALTERAZIONI C.
CRANIO
1
1
0
0
1
2
COSTA
8
7
0
0
4
11
VERTEBRA
1
0
0
0
1
1
LUNGO
2
1
3
0
0
4
INDET.
1
3
0
0
1
4
TOT
13
12
3
0
7
22
Tab. 16: NRC INDET. = numero reperti indeterminati con intervento dei carnivori su elementi di Taglia grande ;
tipologia di morsi evidenziati sui resti in esame: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo
di frattura.
71
120
100
80
D
60
C
40
B
20
A
0
Ursus
spelaeus
Ursus
arctos
Panthera Cervus
leo
elaphus
Indet.
Fig. 40: Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C, D) riferiti alle specie di taglia grande.
2,5
2
1,5
1
0,5
NR Canis lupus
0
NRC
Fig. 41: NR numero resti Canis lupus POICHÉ ; NRC = numero resti di Canis lupus con intervento dei carnivori.
4,5
4
3,5
3
ULNA
2,5
SACRO
2
1,5
EPISTROFEO
1
0,5
0
A
D
Fig. 42: NR Canis lupus relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul
bordo di frattura.
72
3,5
3
2,5
2
1,5
1
NR Rupicapra rupicapra
0,5
NRC
0
Fig. 43: NR numero resti Rpuicapra rupicapra POICHÉ ; NRC = numero resti Rupicapra rupicapra con intervento
dei carnivori.
7
6
5
4
D
3
B
2
A
1
0
Fig. 44: NR Rupicapra rupicapra relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D =
morsi sul bordo di frattura.
ELEMENTO
NR Cervidae
NRC
% INT. CARNIVORI
A
B
C
D
TOT ALTERAZIONI C.
PALCO
3
1
33,33
0
1
0
0
1
TOTALE
3
1
33,33
0
1
0
0
1
Tab. 17: NR = numero resti Cervidae POICHÉ ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Cervidae
POICHÉ; % INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Cervidae ; tipologie di morsi: A =
depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura.
ELEMENTO
NR Dama
NRC
% INT. CARNIVORI
A
B
C
D
UNCINATO
1
1
TOTALE
1
1
TOT ALTERAZIONI C.
100
2
0
0
0
2
100
2
0
0
0
2
Tab.18: NR = numero resti Dama POICHÉ ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Dama POICHÉ ;
% INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Dama ; tipologie di morsi: A = depressioni; B
= solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura.
73
ELEMENTO
NRC. INDET
A
B
C
D
TOT ALTERAZIONI C.
COSTA
1
1
0
0
1
2
TOTALE
1
1
0
0
1
2
Tab. 19: NRC = numero reperti indeterminati con intervento dei carnivori su elementi di Taglia media ; tipologia
di morsi evidenziati sui resti in esame: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura.
10
8
6
4
D
2
B
0
A
Fig. 45: Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C,D) riferiti alle specie di taglia media.
25
20
15
10
NR Marmota marmota
5
NRC
II FALANGE
I FALANGE
METAPODIALE
III METATARSO
CALCAGNO
TIBIA
FEMORE
V METACARPALE
II METACARPALE
OMERO
VERTEBRA
0
Fig. 46: NR numero resti Marmota marmota (TP) ; NRC = numero resti di Marmota marmota con intervento dei
carnivori.
74
3,5
3
2,5
2
1,5
D
1
A
0,5
0
Fig. 47: NR Marmota marmota relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi
sul bordo di frattura.
ELEMENTO
NRC INDET.
A
B
C
D
TOT ALTERAZIONI C.
VERTEBRA
2
1
0
0
1
2
III FALANGE
1
1
0
0
0
1
TOTALE
3
2
0
0
1
3
Tab.20: NRC = numero reperti indeterminati con intervento dei carnivori su elementi di Taglia piccola ; tipologia
di morsi evidenziati sui resti in esame: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura.
SPECIE TP
A
B
C
D
TOTALE
Marmota marmota
5
0
0
1
6
INDET
2
0
0
1
3
TOTALE
7
0
0
2
9
Tab. 21: Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C,D) riferiti alle specie di taglia piccola.
75
90
80
70
60
50
40
NR Indet
30
NRC
20
10
0
Fig. 48: NR = numero reperti con intervento dei carnivori su taxa indeterminati (ad eccezione di tutti gli elementi
indeterminati); NRC = reperti con intervento di carnivori.
80
70
60
50
40
D
30
20
C
10
B
0
A
Fig. 49: Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C,D) riferiti agli elementi dei taxa indeterminati (ad
eccezzione degli elementi indeterminati.
Sulle 880 evidenze di morsi di carnivori non è stata possibile la misurazione su 599
resti in quanto parziali; sulle rimanenti 221 invece è stata possibile la misurazione e la
relativa suddivisione in range dimensionali e tipologia d’intervento. Quest’analisi ha
76
evidenziato una preponderanza di morsi di tipo “A” (542) e di tipo “D” (258) (Fig. 50). Si è
constatata inoltre una preponderanza del range dimensionale superiore a 7 mm (74) (Fig.
51) che viene riscontrata nei resti riferiti agli individui grandi e negli elementi indeterminati;
la dimensione di intervento più piccola invece è riferita a quella compresa tra 0,6 mm e 1
mm.
Per quanto concerne la taglia media e piccola le evidenze dei predatori sono scarse e
la maggior parte dei morsi diagnosticati non sono misurabili pertanto, alla sola luce di
quest’analisi preliminare, non si possono avanzare ipotesi.
Negli individui di taglia grande si è potuto confermare l’intervento da parte di grandi e
medi predatori; è interessante notare come nel caso dei femori e delle vertebre vi siano
evidenze di morsi superiori a 7mm e di altri pertinenti a range più piccoli compresi tra i 2 e
i 3,5 mm.
Per quanto riguarda le tracce riferibili ai carnivori sulle ossa, in alcuni reperti di Ursus
spelaeus quali un frammento di cranio (nr.157; q. F4), di mandibola (nr.268; q. F3), una
porzione di femore (nr. 300; q. E3) e un resto di ulna (nr. 573; q. F2) hanno evidenziato
morsi di differente dimensione e tipologia con range superiori o pressoché vicini ai 7 mm.
e altri di dimensione variabile marcatamente più piccoli. Queste evidenze, irrisorie per
quantità, inducono a proseguire le ricerche per poter capire se si possa avanzare l’ipotesi
che in Ciota Ciara sussistessero più interventi (primari e secondari) da parte di più
predatori su una stessa preda.
Degli 85 resti di Ursus spelaeus 20 sono pertinenti a individui giovani, tra questi resti
non v’è ripetizione dell’elemento scheletrico ed è stato interessante notare l’esistenza di
alcuni elementi ossei interi che altresì presentano evidenze di morsi di tipo depressioni (A)
e solchi (B) maggiori di 7 mm che inducono a pensare ad una cattura da parte di grandi
felini. Non va scartata nemmeno l’ipotesi inerente il cannibalismo tra gli orsi, pratica da
loro usata come completamento alimentare della dieta o attuata nel momento finale dal
letargo dove gli stessi sono più che famelici (Clevenger, 1991; Andrews and Fernández
Jalvo, 1997; Saladié et al., 2013).
77
100%
90%
80%
70%
60%
INDET.
50%
TAGLIA PICCOLA
40%
TAGLIAMEDIA
30%
TAGLIA GRANDE
20%
10%
0%
A
B
C
D
Fig. 50: Quantificazione % di intervento dei carnivori secondo le categorie di morsi stabiliti: ; A = depressioni; B
= solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura.
100%
90%
80%
70%
60%
INDET.
50%
TP
40%
TM
30%
TG
20%
10%
0%
0,1 - 0,6 - 1,1 - 1,60 2,10 2,60 3,10 3,60 4,10 4,60 5,10 5,60 6,10 6,60 > N.M.
0,5 1,00 1,50 - 7,00
2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 5,50 6,00 6,50 7,00
Fig. 51: Range dimensionali complessivi di intervento dei carnivori su TG = taglia grande; TM = taglia media; TP
= taglia piccola; INDET. = indeterminati.
78
3.2.3 Calpestio
Il calpestio è stato riscontrato su 365 reperti (30,90 %). I fossili che presentano questa
alterazione appartengono principalmente a individui di taglia determinata (254 – 69,58 %);
in riferimento ai resti a cui si è data un’attribuzione della taglia è risultato che il calpestio è
presente in 83 reperti della taglia maggiore, 13 per quella media e 14 per la piccola. Per
quanto concerne l’aspetto relativo la classificazione dei reperti secondo il riconoscimento
dei taxa è risultato che la specie con il numero più elevato di trampling è l’Ursus spelaeus
(64 evidenze); tale attestazione è sensata visto che i resti di Ursus sono quelli che
spiccano per il più alto numero di frammenti.
Gli elementi scheletrici con questa modificazione appartengono a tutti i segmenti
anatomici; le coste, pertinenti lo scheletro assiale, hanno evidenziato 43 unità ovvero il
maggior numero di reperti per questa alterazione.
La dimensione dei resti su cui si è attestato il calpestio è pressoché eterogenea non
facendo prevalere nessuna classe dimensionale.
Nel 61,91 % dei resti con trampling (226 reperti) si è attestato l’intervento di carnivori,
sul 7,12 % (26 resti) invece l’intervento antropico con cut-marks; queste informazioni
pertanto suggeriscono che all’interno della cavità il calpestio possa anche essere dovuto al
transito sia di animali che per quello dell’uomo. Sul 36,43% (133 resti) si è constatata
l’associazione anche con l’intervento di trasporto idrico.
3.2.4 Fessurazione
In questa porzione di fossili studiata proveniente dall’US 14 della grotta della Ciota
Ciara, su 578 resti ( 50,52%) è stata attestata la presenza della fessurazione. La
fessurazione si dispone sempre in maniera longitudinale rispetto l’asse maggiore del
reperto osteologico seguendo la linea del collagene, quando invece si evidenzia sulle
superfici articolari la fessurazione appare a “mosaico”. La fessurazione è stata osservata
su tutti gli elementi scheletrici con una leggera preponderanza sulle porzioni assiali (coste
46; vertebre 43). Gli elementi scheletrici riferibili ad animali di taglia grande sono quelli che
presentano un maggiore grado di fessurazione con 156 elementi intaccati, di questi 137
appartengono all’Ursus spelaeus. La taglia media e piccola invece presentano
maggiormente il fenomeno della fessurazione rispettivamente su 14 e 21 elementi; per
quanto concerne la categoria degli indeterminati, è stata rilevata su 387 resti. I gradi di
79
alterazione dove si è attestata la fessurazione più massiccia sono stati C0 (289 reperti) e
C1 (230 reperti); nei gradi C2 e C3 invece sono stati riscontrati rispettivamente su 54 e 5
elementi. Il 50% dei reperti coinvolti da questa alterazione (C1, C2, C3) presenta i bordi
delle fessure rialzati, tale caratteristica permette di relazionare questo tipo di fessurazione
con cambi d’umidità e temperatura all’interno della cavità piuttosto che con l’esposizione
diretta dei fossili ai raggi solari.
3.2.5 Abrasione idrica
La grotta della Ciota Ciara a causa dei fenomeni carsici tutt’ora attivi sul Monte Fenera
è soggetta al passaggio di flussi idrici. L’abrasione idrica è stata riconosciuta grazie alla
presenza di arrotondamento e levigatura sul 28,49 % delle ossa studiate. Arrotondamento
e levigatura sono state riscontrate sulle medesime ossa ma con gradi di intervento diversi.
La maggioranza di queste due modificazioni idriche sui reperti si riscontrano nei gradi 0 e
1, di queste l’arrotondamento di grado 0 predomina leggermente con un’attestazione del
55,21%. Per i gradi superiori le evidenze sono pressoché scarse o addirittura nulle come
nel caso della levigatura di grado 3 (Tab. 22). In riferimento a queste modificazioni
combinate è emerso che arrotondamento e levigatura di grado 0 e di grado 1 prevalgono
nettamente sulle altre combinazioni con rispettivamente 120 e 90 attestazioni (Tab. 23).
L’abrasione idrica ha intaccato indiscriminatamente tutti gli elementi scheletrici e le
differenti taglie marcandosi prevalentemente nei resti di taglia grande (TG =NR 94; TM =
NR 17; TP = NR 4; INDET. = NR 211); i fossili alterati hanno altresì evidenziato una
dimensione eterogenea su cui prevale l’abrasione, vale a dire nei frammenti compresi tra 1
e 4 cm. Il 26,99 % (88) dei fossili abrasi evidenzia anche un alto grado di fossilizzazione,
questo dato è molto importante in quanto su questi reperti si sono attestati i gradi di
arrotondamento e levigatura più alti inducendo a pensare a una più antichità dei reperti
stessi sia in virtù del grado di fossilizzazione sia perché le evidenze dell’abrasione si
effettuano in ampi archi temporali.
La presenza di gradi di alterazione iniziale più evidente e l’eterogeneità delle
dimensioni dei reperti indica che la corrente idrica in Ciota Ciara è stata a bassa energia
ma continuativa; le probabili indagini che seguiranno mirate all’organizzazione ed
orientazione spaziale complessiva dei reperti chiarificheranno se vi è stata o meno una
riorganizzazione dell’insieme fossilifero da parte di quest’agente.
80
ABRASIONE IDRICA
ARROTONDAMENTO
NR
% A.I.
% TOT
LEVIGATURA
NR
% A.I.
% TOT
A0
180
55,21
15,73
L0
146
44,79
12,76
A1
125
38,34
10,93
L1
154
47,24
13,46
A2
20
6,13
1,75
L2
26
7,98
2,27
A3
1
0,31
0,09
L3
0
0,00
0,00
TOTALE
326
100
28,4965
TOTALE
326
100
28,4965
Tab. 22: NR = numero di resti con arrotondamento / levigatura ; % A.I. = % rispetto i resti con alterazione idrica ;
% TOT = % rispetto il totale dei resti recuperati.
ABRASIONE IDRICA
L0
L1
L2
L3
NR
%
NR
%
NR
%
NR
%
A0
120
10,49
60
5,24
0
0,00
0
0
A1
25
2,19
90
7,87
10
0,87
0
0
A2
1
0,09
3
0,26
16
1,40
0
0
A3
0
0,00
1
0,09
0
0,00
0
0
Tab. 23: Associazione tra arrotondamento e levigatura sui resti pertinenti la campagna di scavo 2014, US 14,
grotta della Ciota Ciara.
3.2.6 Concrezioni
Il totale dei fossili presenta 259 (22,64%) alterazioni riferite alle concrezioni.
Quest’alterazione intacca indiscriminatamente tutti gli elementi scheletrici e tutte le taglie
(TG = 76; TM = 12; TP = 25; INDET. = 145). Il 72,97 % dei resti alterati sono collocabili in
una dimensione compresa tra 1 e 4 cm. Le concrezioni possono coprire i resti in maniera
isolata, generalizzata o concentrata, in quest’insieme dominano quelle isolate che tendono
a depositarsi sulla superficie dell’osso o nei bordi di frattura. La totalità dei resti con
concrezioni attestano anche una pigmentazione di manganese, poiché le condizioni
ambientali dove si sviluppa la precipitazione di questo minerale sono strettamente
correlate con quelle che provocano le concrezioni.
Sulla base di quanto osservato, è possibile ipotizzare che le condizioni ambientali in
cui si sono conservati i materiali dell’ US 14 devono essere state umide ed intermittenti
associate ad un ambiente aerobico che ha permesso la formazione delle concrezioni e lo
sviluppo massiccio dell’attività batterica.
81
3.2.7 Deposizione dell’ossido di manganese
Lo studio dell’insieme fossilifero dell’ US 14 della grotta della Ciota Ciara della
campagna di scavo 2014 composto da 1144 ossa ha evidenziato che il 99,83% dei resti
presentano la superficie pigmentata con colorazione variabile dal nero a tonalità di grigio.
La pigmentazione dovuta all’ossido di manganese si può presentare in maniera
generalizzata, dispersa o massiva (Tab. 24). L’alterazione da manganese si è osservata in
maniera indiscriminata in tutti gli elementi scheletrici e in tutte le taglie. Non esiste
nessuna relazione tra la lunghezza dei frammenti e la presenza di manganese. Si sono
evidenziate alcune differenze in riferimento al grado di copertura che inducono a proporre
investigazioni future accurate mediante l’utilizzo di metodi d’analisi chimico-fisici così da
aiutare la comprensione della posizione ed eventuale provenienza del fossile nel substrato
Si ricorda che la precipitazione dell’ossido di manganese necessita di un ambiente umido
e aerobico con un pH pressoché neutro dove si possano sviluppare i batteri che causano
la deposizione del minerale. Durante il processo di formazione dell’US 14 le condizioni
ambientali furono ottime. Inoltre l’elevato NMI dei macromammiferi (129) ha sicuramente
prodotto un’abbondante quantità di biomassa animale che, probabilmente, favorì lo
sviluppo dell’attività batterica: questo spiegherebbe l’elevato numero di resti che mostrano
la tipica colorazione nera dell’ossido di manganese. (Cáceres, 2002).
TIPOLOGIA
GRADO DI COPERTURA
TOTALE
ISOLATO
CONCENTRATO
DISPERSO
GENERALIZZATO
MASSIVO
38
357
202
72
TINZIONE
669
5
41
65
7
118
MASSIVO + TINZIONE 2
71
258
24
355
TOTALE
469
525
103
1142
45
Tab. 24: Tipologia e grado di copertura del deposito di Mn sui resti studiati.
82
3.2.8 Alterazioni date dalle radici
Dei 1144 resti ossei studiati si è attestata la modificazione chimica prodotta dalle radici
su 730 resti, equivalenti al 63,81% dell’insieme faunistico esaminato.
Questa alterazione è stata anche messa in rapporto con i resti che hanno attestato
trasposto idrico: su 231 fossili trasportati dei complessivi 363 è visibile l’attacco chimico
radicale.
Non è stata constatata nessuna preferenza d’attacco né su elementi scheletrici, né su
regioni scheletriche, né tantomeno sulle categorie dimensionali specifiche degli stessi.
L’alterazione è stata diagnosticata sia su elementi interi che su ossa fratturate, per
quest’ultime i segni delle radici si sono evidenziati senza preferenza di localizzazione,
l’attacco è avvenuto sulle superfici corticali, sulle superfici di frattura e su quelle interne
dell’osso. Codesta alterazione non ha mai intaccato le ossa con solchi profondi e non si è
evidenziata alcuna perforazione; l’attestazione è evidenziata con massiccia colorazione
bianca vermiculata.
Probabilmente gli agenti d’attacco chimico, viste le caratteristiche sopra individuate,
sono stati elementi vegetativi colonizzatori quali muschi e licheni; il seppellimento del
record archeologico nell’area atriale della grotta della Ciota Ciara deve essere stato
pertanto lento anche in virtù del fatto di essere assoggettato a periodici fenomeni di
trasposto idrico con materiale proveniente dall’interno della grotta. I segni delle radici su
superfici ossee interne e di frattura indicano inoltre che l’alterazione chimica delle radici è
stata posteriore alla fatturazione. Le evidenze sulle ossa che hanno subito trasporto idrico
induce a credere che tale trasporto, nella successione tafonomica, sia stato antecedente
all’attacco radicale.
83
CAPITOLO 4
DISCUSSIONE E CONCLUSIONI GENERALI
Gli agenti di accumulo che hanno influito nella formazione del deposito fossilifero della
grotta della Ciota Ciara sono stati principalmente di tre tipi: predatori; trasporto idrico e
antropici.
Il trasporto delle carcasse animali, o di loro porzioni, all’interno della Ciota Ciara è
probabilmente da imputarsi ai carnivori di taglia grande e media. L’ipotesi è supportata dal
fatto che sui resti sono presenti modificazioni dovute all’azione di carnivori. L’analisi dei
morsi di carnivori, osservati sul bordo di numerosi frammenti (599), non ha permesso di
distinguere gli interventi primari o secondari dei predatori in quanto non sono state
osservate sovrapposizioni e quindi una consequenzialità degli interventi. Nonostante ciò,
in alcuni casi, sullo stesso frammento è stato possibile registrare la presenza di morsi sia
di grandi che di piccole dimensioni. Una parte dell’accumulo si deve, senza dubbio, anche
all’intervento antropico. Il trasporto idrico ha rappresentato un importante fenomeno che
ha contribuito alla formazione dell’accumulo. Differenti gradi di abrasione e politura hanno
permesso di ipotizzare un trasporto insistente a bassa energia, come attestato anche da
una mancanza di isorientamento dei reperti. Fanno eccezione alcuni reperti che mostrano
un grado di fossilizzazione più marcato e che probabilmente sono stati trasportati nell’atrio
dalla parte interna della grotta. Molti di questi frammenti sono stati attribuiti all’orso e sono
probabilmente da mettere in relazione ad una morte naturale di questi individui durante la
fase di letargo (Stiner, 1999).
Nel complesso anche altri agenti hanno influito alla determinazione delle
caratteristiche dell’insieme fossilifero.
Il manganese si è depositato sulla maggior parte dei resti con diversi gradi di
importanza. La distribuzione del manganese sulle ossa, presente su tutta la superficie e in
alcuni casi con una penetrazione profonda, permette di ipotizzare che il seppellimento sia
avvenuto in più fasi o comunque lentamente. Poiché la fissazione del manganese è il
risultato dell’azione di batteri decompositori, è altresì possibile ipotizzare che le ossa
fossero arrivate nel sito in parte ancora ricoperte da tessuti molli.
Il seppellimento di natura lenta è attestato anche dalle alterazioni chimiche superficiali
dovute all’attacco degli apparati radicali delle piante, probabilmente muschi e licheni in
quanto assente la verimiculazione profonda (Morlan, 1980; Grayson, 1988), essendo
vegetali colonizzatori non necessitano il seppellimento. La presenza di alterazioni
84
chimiche superficiali su superfici ossee interne e sui bordi di frattura indica che tale
alterazione è stata perlopiù posteriore la loro fratturazione. Il luogo di attacco di questi
agenti è da considerarsi l’atrio della grotta poiché muschi e licheni non potrebbero
svilupparsi nell’ambiente buio e profondo dell’interno.
Sono state osservate anche delle concrezioni carbonatiche probabilmente frutto della
formazione del manganese. Le sostanze azotate e gli acidi grassi liberati durante la
decomposizione della materia organica, infatti,
tendono a modificare le condizioni
chimiche e fisiche degli ambienti che, al diminuire del potenziale di ossidazione/riduzione e
all’aumentare dell’alcalinità delle acque interstiziali, provocano la precipitazione dei
carbonati. La deposizione dei carbonati in alcuni casi è da considerarsi antecedente a
quella di almeno una fase di deposizione manganese in quanto a questo sottostante.
Le crepe a sollevamento sono presenti nell’insieme con differenti gradi di alterazione,
ad indicare condizioni di umidità non stabili. Il dato si integra perfettamente all’ambiente di
grotta in cui il tasso di umidità è generalmente marcato.
Il lento tasso di seppellimento, come evidenziato dai fenomeni tafonomici
precedentemente descritti, è attestato anche dal ritrovamento di tracce di calpestio
(probabilmente umano e animale). Molti frammenti, infatti, sono caratterizzati dalla
presenza, sulla parte convessa, di piccole striature associate, poco profonde e a forma di
“U”.
Da un punto di vista generale, si può affermare che il principale agente accumulatore
siano stati i carnivori e l’uomo che hanno trasportato le prede all’interno della grotta.
L’accumulo così formato ha successivamente subito delle alterazioni tafonomiche che in
parte attestano una permanenza delle ossa sulla superficie oggi scavata e, in parte,
attestano il trasporto di alcuni materiali dall’interno della grotta:
- la deposizione del manganese, le concrezioni, e le azioni chimiche
superficiali delle radici indicano che le ossa già presenti all’esterno della grotta
hanno subito un lento processo di seppellimento in loco;
- la presenza di taforegistri diversi (ossa ad alto grado di fossilizzazione e
abrasione), invece, lasciano supporre che alcuni elementi siano stati trasportati
nell’atrio, ad opera dell’acqua, a partire dalla zona interna della grotta.
Il trattamento delle carcasse animali da parte di Homo neanderthalensis è stato per la
prima volta osservato alla grotta della Ciota Ciara grazie al rinvenimento di 34 strie di
85
macellazione. Il dato singolare è che il trattamento delle carcasse animali è stato
riconosciuto esclusivamente su Ursus spelaeus e su Canis lupus. Il dato ha, però, un
valore parziale in quanto alcuni frammenti riportanti strie di macellazione non hanno
permesso una determinazione tassonomica dell’animale.
Sulla base della localizzazione e della morfologia delle strie rinvenute, è possibile
affermare che:
- sia per Ursus spelaeus che, quasi certamente, per Canis lupus è attestata
un’azione di recupero della pelliccia (Auguste, 1995; Munzel and Conard, 2004;
Armand, 2006); il dato è stato desunto dalla presenza di “tagli” su un epistrofeo di
Canis lupus adulto e su un atlante e scafolunare di Ursus spelaeus adulto;
- per l’Ursus spelaeus sono altresì presenti tracce da relazionare al recupero
delle masse carnee (Munzel and Conard, 2004); sono stati infatti rinvenuti delle
raschiature sulla parte interna di una vertebra toracica (corpo vertebrale) di un
individuo giovane, segni di scarnificazione su elementi (tibie e omeri) di inserzione
delle masse muscolari (due individui giovani e due individui adulti).
I dati emersi dallo studio tafonomico e archeozoologico dei resti provenienti dall’US 14
della Grotta della Ciota Ciara sono in accordo con le evidenze archeologiche già
pubblicate (M Arzarello et al., 2012; Arzarello et al., 2013b, 2014). L’US è caratterizzata da
un insieme litico, su materie prime locali, che ha visto la produzione di strumenti
probabilmente da mettere in relazione al trattamento delle carcasse animali e alla
lavorazione del legno. L’occupazione è stata definita come “più intensa”, rispetto all’US
sovrastante, sia in base all’aumento degli erbivori che in base alla differenziazione
tecnologica dell’insieme litico, anche in termini di approvvigionamento di materie prime di
migliore qualità.
Le evidenze di macellazione e del trattamento dell’orso nel Paleolitico sono attestate
in alcuni siti musteriani europei (Madonna dell’Arma, Taubach, Biache-Saint-Vaast,
Scladina) ma le tipologie e la stagionalità di caccia non sono ben documentate se non con
dei parallelismi ottenuti per mezzo dell’etnoarcheologia (Munzel and Conard, 2004).
Questi raffronti, sviluppati a partire dal 17° seco lo, hanno permesso di evidenziare una
preferenza di caccia di quest’animale durante il periodo invernale. Alcuni autori (Stiner et
86
al., 1996) affermano, inoltre, che il prelievo della pelliccia dovesse essere attuato in un
breve lasso di tempo dal decorso della morte dell’animale.
In riferimento all’estrazione di carne e di midollo, invece, il termine per il consumo non
è fisso in quanto dipende dalle preferenze di gusto e tolleranza alimentare dei
consumatori, condizioni sfortunatamente non desumibili dal record archeologico (Armand,
2006).
Il prelievo della pelliccia è ben documentato nei siti aurignaziani Font-De-Guame
(Francia) (Armand et al., 2004), Castanet (Francia) (Armand, 2006), Arcy (Francia) (David
and Poulain, 1998), e anche in quelli musteriani quali Biache-Saint-Vaast (Francia)
(Auguste, 1995), Madonna dell’arma (Italia) (Cauche, 2007), Taurach (Germania)
(Bratlund, 1999) e anche il sito d’esame di Ciota Ciara.
Per quanto riguarda il consumo di carne, la macellazione dell’orso è attestata in pochi
altri siti musteriani: il sito di Biache-saint-Vaast (Francia) (Auguste, 1995) e Taubach
(Germania) (Bratlund, 1999). In Belgio nel sito di Scladina cave, nel livello 5, i cut-marks
sono stati evidenziati (Abrams et al., 2013) su alcuni frammenti di ossa lunghe, ma sono
stati associati ad una catena operativa di preparazione dell’osso per la sua successiva
scheggiatura (Abrams et al., 2013).
Per la Ciota Ciara non si può ancora avanzare nessuna ipotesi specifica poiché le
evidenze studiate al momento non sono numericamente sufficienti; nonostante il consumo
della carne e il prelievo della pelliccia d’orso sia certo, le future ricerche archeozoologiche
dovranno anche essere mirate a capire se Homo neanderthalensis sfruttasse l’ambiente
circostante il sito in maniera intensiva o in maniera stagionale e chiarire le dinamiche di
interazione tra uomo e orso.
87
RINGRAZIAMENTI
Su tutti un sincero e doveroso grazie alla dottoressa Marta Arzarello per il tempo, gli
insegnamenti, la pazienza, i consigli a me dati durante il percorso del Master, in maniera
particolare in quest’ultimo periodo segnato dalla preparazione di questa tesi.
Più che gracias alla dottoressa Isabel Cáceres, disponibile, attenta e professionale. Senza
il suo supporto sarebbe stato tutto molto più difficile.
Grazie anche al dottor Davide Bertè per il sostegno, le “dritte”, le informazioni , le
correzzioni a me date, grazie anche per questi piacevoli mesi di collaborazione e stesura
di questo scritto.
Obrigado ai Signori Oosterbeek e Rosina, grandi esempi e grandi Professori.
Grazie Mação per avermi fatto sentire bene e a casa, grazie ITM e a tutti coloro che ci
lavorano e che hanno studiato con me. Grazie o grande Picci pilastro indiscusso nelle mie
nuove amicizie. Grazie davvero Portogallo!
Salamat po Filippine e UP Diliman, ho lasciato un pezzo del mio cuore laggiù. È stata una
tra le mie più grandi esperienze. Grazie infinite …
Asante sana Tanzania … esperienza di scavo e di vita immensa. Grazie al team di ricerca
di Olduvai dei Professori Dominguez e Mabulla per avermi trasmesso la passione della
tafonomia.
Gracias dottor Carlos Lorenzo e all’IPHES per essere stati sempre puntuali, presenti ed
avermi dato gli strumenti necessari per la mia formazione professionale.
Grazie Ferrara e grazie al dipartimento rappresentato dal Professor Peretto.
Un grazie a cascata ai dottori: Julie, Claudio, Peppino, Brunella, Domenico, Her doctor
Juanma, Elisa, Gabbro, Sara, Marta Modolo … senza di voi la mia vita sarebbe normale!!
Grazie alla società segreta (che non lo è mai stata) di pirati fondata a Mação per le
grandi scorribande e bevute : Picci, Gil (ox), Guilherme, Fabio, Ibra supremacy e Daniele
… chissà dove siete!
Grazie agli amici di sempre, di fantacalcio, di barche varie, di escursioni e di basket ,siete
dei grandi … Stefy, Compare Nico, Pizze, Comu, Jerry, Ernst, Defenzò, Chicco, Leone,
Ciccio, Tony, Pelle, Max, Tigre, Sgagu, Alessia, Anna, Angela , Giulia, e Eleonora.
I would like to extend a special thanks to Ibrahim Mabulla as is a dear friend, honest
confidant, polite and smart! Finally, he is the best flatmate ever! Nr. 1!
88
Ringrazio anche (per gli incoraggiamenti morali e anche economici) le nonne Ida e Dina,
papà nonno Berto e anche nonno Vittorio a cui rivolgo sempre il mio pensiero quando le
situazioni si fanno toste. Grazie anche a zii/e, cugini e parenti vari per farmi sentire
diciamo “speciale”!
Grazie ai compagni di Master con i quali ho condiviso grandi momenti … Irene, Lucia,
Tena, Claudia, Mikel, Matteo … ;)
Grazie anche alla musica intramontabile e rassicurante del grande Bob Marley che mi ha
accompagnato in ogni esperienza e in molte avventure …
Non ultimo di importanza, un enorme Grazie a Mamma, Papi e Francy! Spero di rendervi
sempre orgogliosi, a voi dedico questa tesi. Vi amo.
Grazie anche a quel lontano 17 Maggio 2007 giorno in cui decisi che il lavoro a tempo
indeterminato non faceva per me …
89
BIBLIOGRAFIA
Abrams, G., Bello, S.M., Di Modica, K., Pirson, S., Bonjean, D., 2013. When Neanderthals
used cave bear (Ursus spelaeus) remains: Bone retouchers from unit 5 of Scladina
Cave (Belgium). Quaternary International. 1.
Agenbroad, L.D., 1989. Spiral Fractured mammoth Bone from Nonhuman Taphonomic
Processes at Hot Spings Mammoth Site. In: Americans, U. of M.C. for the S. of the F.
(Ed.), Bone Modification. Orono, pp. 139–148.
Altuna, J., Mariezkurrena, K., 1985. Bases de subsistencia de los pobladores de Erralla:
Macromamíferos. Munibe. 37, 87 –117.
Andrews, P., 1990. Owl, caves and Fossils. London.
Andrews, P., Cook, J., 1985. Natural Modifications to Bones in a Temperate Setting. Man.
20, 675 – 691.
Andrews, P., Fernández Jalvo, Y., 1997. Surface modifications of the Sima de los Huesos
fossils humans. Journal of Human Evolution. 33, 191–217.
Andrews, P., Ghaleb, B., 1999. Taphonomy of the Westbury Cave bone assemblages. In:
Westbury Cave: The Natural History Museum Excavations. Bristol, CHERUB, pp. 87 –
126.
Armand, D., 2006. Abri Castanet (Dordogne, France): An aurignacian site with bear
procurement. Bear explotation in Paleolithic time. In: (AUTH), U. of T. (Ed.), Scientific
Annals, School of Geology Aristotle. University of Thessaloniki (AUTH), pp. 263–268.
Armand, D., Plassard, F., Prat, F., 2004. L’ ours de Font-de-Faume III et le problème de l’
exploitation de l’ours des cavernes. Cahiers scientifiques. hors serie, 103–110.
Arzarello, M., Arnaud, J., Berruti, G., Berté, D., Berto, C., Casini, A. i., Daffara, S., 2013a.
DIARIO DI SCAVO GROTTA DELLA CIOTA CIARA CAMPAGNA 2013.
Arzarello, M., Berruti, G., 2011. Diario di scavo. Ciota Ciara. Campagna di scavo 2011 (13
giugno – 10 luglio).
Arzarello, M., Berruti, G., 2011. DIARIO DI SCAVO GROTTA DELLA CIOTA CIARA
CAMPAGNA 2011.
Arzarello, M., Berruti, G., Daffara, S., Casini, A. i., 2012. DIARIO DI SCAVO GROTTA
DELLA CIOTA CIARA CAMPAGNA 2012.
Arzarello, M., Berruti, G., di Maio, P., Viola, S., 2009. Diario di scavo. Ciota Ciara & Riparo
Belvedere. Campagna di indagine 2009 (7 - 30 Agosto 2009).
Arzarello, M., Berruti, G., Viola, S., 2010. Diario di scavo. Ciota Ciara & Riparo Belvedere.
Campagna di scavo 2010 (15 giugno - 17 luglio 2010).
90
Arzarello, M., Daffara, S., Berruti, G., Berruto, G., Berté, D., Bert, C., Gambari, F.M.,
Peretto, C., 2012. The Mousterian Settlement in the Ciota Ciara Cave: The Oldest
Evidence of Homo Neanderthalensis in Piedmont (Northern Italy). Journal of biological
research. LXXXV, 71 – 75.
Arzarello, M., Daffara, S., Berruti, G., Berruto, G., Berté, D., Berto, C., Peretto, C., 2013b.
Borgosesia, Monte Fenera. Grotta della Ciota Ciara. Nuovi dati sull’occupazione
musteriana e aspetti divulgativi. Quaderni Della Soprintendenza Archeologica Del
Piemonte. 298–300.
Arzarello, M., J., A., Berruti, G., Berruto, G., Berté, D., Berto, C., Buccheri, F., Casini, A. i.,
Daffara, S., Luzi, E., Peretto, C., 2014. Borgosesia, Monte Fenera. Nuovi dati
sull’occupazione musteriana della grotta della Ciota Ciara. Accepted manuscript.
Auguste, P., 1995. Chasse et charognage au Paléolithique moyen : l’apport du gisement
de Biache-Saint-Vaast (Pas-de-Calais). Bulletin de la Société préhistorique française.
92, 155–168.
Battaglia, R., 1953. Le ossa lavorate della caverna Pocala nella Venezia Giulia e il
problema del <<Musteriano alpino>>. Bullettino di Paletnologia italiana. 63, 5–51.
Bauman, A.J., 1976. Desert Varnish and Marine Ferromanganese Oxide Nodules:
Congeneric Phenomena. Nature. 259, 387 – 388.
Behrensmeyer, A.K., 1978. Taphonomic and Ecologic Information from Bone Weathering.
Paleobiology. 4, 150 – 162.
Behrensmeyer, A.K., Gordon, K.D., Yanagi, G.T., 1989. Nonhuman Bone Modification in
Miocene Fossils from Pakistan. In: Americans, U. of M.C. for the S. of the F. (Ed.),
Bone Modification. Orono, pp. 99–120.
Behrensmeyer, A. K. Kathleen, D.G., Yanagi, G.T., 1986. Trampling as a cause of bone
surface damage and pseudocutmarks. Nature. 319, 768–71.
Berruto, G., 2011. Comportamento economico dei neandertaliani della grotta della Ciota
Ciara (Borgosesia, VC): analisi della provenienza delle materie prime. Università degli
studi di Ferrara.
Berto, C., 2012. Distribuzione ed evoluzione delle associazioni a piccoli mammiferi nella
penisola italiana durante il Pleistocene superiore. Universita degli Studi di Ferrara.
Binford, L.R., 1978. Nunamiut Ethnoarchaeology. New York.
Binford, L.R., 1981. Bones. Ancient Men and Modern Myths. New York.
Bini, A., Zuccoli, L., 2005. Evoluzione del carsismo nelle Alpi. In: Zeisciu (Ed.), D’acqua E
Di Pietra. Il Monte Fenera E Le Sue Collezioni Museali. Magenta, pp. 143–152.
Blasco, R.J., Rosell, J., Fernandez Peris, I., Caceres, I., Verges, J.M., 2008. A new
element of trampling: an experimental application on the Level XII faunal record of
Bolomor Cave (Valencia, Spain). Journal of Archaeological Science. 35, 1605 – 1618.
91
Blumenschine, R.J., 1986a. Carcass Consumption Sequences and the Archaeological
Distinction of Scavenging and Hunting. Journal of human evolution. 15, 639–659.
Blumenschine, R.J., 1986b. Early Hominid Scavenging Opportunities: Implications of
Carcass Availability in the Serengetti and Ngorongoro Ecosystems. Oxford.
Blumenschine, R.J., Selvaggio, M.M., 1988. Percussion marks on bone surfaces as a new
diagnostic of hominid behaviour. Nature. 333, 763–5.
Bona, A., Peresani, M., Tintori, A., 2007. Indices de fréquentation humaine dans les
grottes à ours au Paléolithique moyen final. L’exemple de la Caverna Generosa dans
les Préalpes lombardes, Italie. L’Anthropologie. 111, 290–320.
Brain, C.K., 1981. The Hunters or the Hunted?. An Introduction to African Cave
Taphonomy. Chicago.
Bratlund, B., 1999. Anthropogenic factors in the thanatocoenose of the last interglacial
travertines at Taubach.- In: The role of early humans in the accumulation of european
lower and middle palaeolithic bone assemblages.
Brecciaroli Taborelli, L., 1995. Un insediamento temporaneo della Tarda antichità nella
Grotta della “Ciota Ciara”(Monfenera, Valsesia). Quaderni della Soprintendenza
Archeologica del Piemonte. 13, 73–109.
Bromage, T.G., 1984. Interpretation of Scanning Electron Microscope Images of Abraded
Forming Bone Surfaces. American Journal of Physical Anthropology. 64, 161–78.
Bromage, T.G., 1985. Systematic inquiry in tests of negative/positive replica combinations
for SEM. Journal of Microscopy. 64, 209–216.
Bromage, T.G., Bermúdez de Castro, J. M. Fernández Jalvo, Y., 1991. The Sem in
Taphonomic Research and its Application to Studies of Cutmarks Generally and the
Determination of Handedness Specifically. Anthropologie. XXIX, 163–169.
Bromage, T.G., Boyde, A., 1984. Microscopic Criteria for the Determination of
Directionality of Cutmarks on Bone. American Journal of Physical Anthropology. 65,
339–366.
Bunn, H.T., 1981. Archaeological Evidence for meat-eating by Plio-Pleistocene hominids
from Koobi Fora and Olduvai Gorge. Nature. 291, 574–576.
Bunn, H.T., Kroll, E.M., 1986. Systematic Butchery by Plio/Pleistocene Hominids at
Olduvai Gorge, Tanzania. Current Anthropology. 27, 431–452.
Busa, F., Gallo, L.M., Dellarole, E., 2005. L’attività di ricerca nelle grotte del Monte Fenera.
In: Zeisciu (Ed.), D’acqua E Di Pietra. Il Monte Fenera E Le Sue Collezioni Museali.
Magenta, pp. 218–223.
Cáceres Cuello de Oro, I., 1995. Estudio Tafonómico de los Procesos de Formación del
Nivel I del Abric Romaní (Capellades, Barcelona): La influencia de la actividad
antrópica. Universita Rovira i Virgili.
92
Cáceres Cuello de Oro, I., 1996. Secuencia de los procesos y mecanismos de alteración
de la asociación fósil de macromamíferos del nivel I del Abric Romaní (Capellades,
Barcelona). In: Institución Fernando el Católico (Ed.), II Reunión de Tafonomía Y
Fosilización. Zaragoza, pp. 73 – 78.
Cáceres, I., 2002. Tafonomia de yacimentos antròpicos en karst. Complejo galerìa (sierra
de Atapuerca, Burgos),Vanguard cave (Gibraltar) y Abric Romanì
(Capellades,Barcelona). Universitat Rovira Y Virgili.
Cáceres, I., Bennàsar, M., Huguet, R., Rosell, J., Saladié, P., Allué, E., Solé, A., Blasco,
R., Campeny, G., Esteban-Nadal, M., Fernández-Laso, C., Gabucio, M.J., Ibáñez, N.,
Martín, P., Muñoz, L., Rodríguez-Hidalgo, A., 2012. High Resolution Archaeology and
Neanderthal Behavior. Time and Space in Level J of Abric romaní (Capellades,
Spain), E. Carbonell i Roura, Vertebrate Paleobioloby and Paleoanthropology Series.
Cadée, G.C., 1991. The Processes of Fossilization. In: Press, B. (Ed.), The History of
Taphonomy. Columbia, New York, pp. 3 – 21.
Capaldo, S.D., 1997. Experimental Determinations of Carcass Processing by PlioPleistocene Hominids and Carnivores at FLK 22 (Zinjanthropus), Olduvai Gorge,
Tanzania. Journal of Human Evolution. 33, 555–597.
Capaldo, S.D., 1998. Methods, Marks, and Models for Inferring Hominids and Carnivore
Behavior. Journal of Human Evolution. 35, 323–326.
Cauche, D., 2007. Les cultures mouste´riennes en Ligurie italienne : analyse du mate´riel
lithique de trois sites en grotte The Mousterian cultures in italian Liguria: Analysis of
lithic material of three sites in cave. L’anthropologie. 111, 254–289.
Cavallo, J.A., Blumenschine, R.J., 1989. Tree-stored leopard kills: expanding the hominid
scavenging niche. J. of Human Evol. 18, 393–399.
Clevenger, A., 1991. The Phantom Bear of the Spain Sierras. Wildlife Conserv. 94, 34–45.
Clevenger, A.P., Purroy, F.J., 1991. Ecologia del Oso Pardo en España. Madrid.
Conti, C., 1931. Valsesia Archeologica. Note per una sua storia dalle origini alla caduta
dell’Impero Romano. Bollettino della Società Storica Sudalpina. 1–61.
Conti, C., 1960. Esplorazione della Grotta del “Ciutarun” del Monfenera (Borgosesia).
Terzo Congresso Piemontese di Antichità e Arte, Varallo Sesia, Società Piemontese
di Archeologia e Belle Arti. 199–205.
Courty, M.A., Goldberg, P., MacPhail, R., 1989. Soils and micromorphology in
archaeology. In: Cambridge, C.U.P. (Ed.), Cambridge Manuals in Archaeology.
Cambridge.
Daffara, S., 2011. Contributo allo studio delle strategie produttive di Homo
neanderthalensis: i livelli musteriani della Ciota Ciara (Borgosesia – VC). Università
degli Studi di Ferrara.
93
David, F., Poulain, T., 1998. La faune de grands mammifères des niveaux XI et XC de la
grotte du renne à Arcy-sur-Cure (Yonne). In: Paléolithique Moyen Récent et
Paléolithique Supérieur En Europe, Colloque International de Nemours. pp. 319 –
323.
Delaney-Rivera, C., Plummer, T.W., Hodgson, J. a., Forrest, F., Hertel, F., Oliver, J.S.,
2009. Pits and pitfalls: taxonomic variability and patterning in tooth mark dimensions.
Journal of Archaeological Science. 36, 2597–2608.
Domínguez-Rodrigo, M., 1994. Las razones adaptativas del comportamiento subsistencial
de los animales carnívoros y sus estrategias iniciales de consumo de presas:
relevancia en el proceder tafonómico. Quad. Preh. Cast. 16, 9–17.
Domínguez-Rodrigo, M., 2001. A Study of Carnivore Competition in Riparian and Open
Habitats of Modern Savannas and Its Implications for Hominids Behavioral Modelling.
Journal of Human Evolution. 40, 77–98.
Dominguez-Rodrigo, M., Piqueras, A., 2003. The use of tooth pits to identify carnivore taxa
in tooth-marked archaeofaunas and their relevance to reconstruct hominid carcass
processing behaviours. Journal of Archaeological Science. 30, 1385 – 1391.
Domínguez-Rodrigo, M., S. de Juana, A., Galàn, B., Rodriguez, M., 2009. A new protocol
to differentiate trampling marks from butchery cut marks. Journal of Archaeological
Science. 36, 2643 – 2654.
Dorn, R.I., Oberlander, T.M., 1981. Microbial Origin of Desert Varnish. Science. 213,
1245–1247.
Esteban-Nadal, M., Cáceres, I., Fosse, P., 2010. Characterization of a current coprogenic
sample originated by Canis lupus as a tool for identifying a taphonomic agent. Journal
of Archaeological Science. 37, 2959–2970.
Fantoni, E., Fantoni, R., 1991. Geologia del monte Fenera: ipotesi sulla genesi del sistema
carsico. De Valle Sicida. n. 1, 11–22.
Fantoni, R., Barbieri, C., Bini, A., Bistacchi, A., Ceriani, A., Cossutta, F., Decarlis, A., Di
Giulio, A., Ghielmi, M., Mancin, N., Rogledi, S., Zattin, M., 2005a. Tra Alpi e Pianura
Padana: l’evoluzione recente del margine alpino-padano in bassa Valsesia. In: Zeisciu
(Ed.), D’acqua E Di Pietra. Il Monte Fenera E Le Sue Collezioni Museali. Magenta, pp.
130–142.
Fantoni, R., Decarlis, A., Fantoni, E., 2005b. Geologia del Monte Fenera. In: D’acqua E Di
Pietra. Il Monte Fenera E Le Sue Collezioni Museali. Zeisciu, Magenta, pp. 86–91.
Fedele, F., 1966. La stazione paleolitica del Monfenera in Valsesia. Rivista di studi liguri.
n. 1-2, 5–105.
Fedele, F., 1972. Aperçu des recherces dans le gisements du Monfenera (Valsesia, Alpes
Pennines). Bulletin d’études prehistoriques alpines. IV, 5–68.
94
Fedele, F., 1974. La serie stratigrafica della Grotta Ciutarun (Monfenera, Bassa Valsesia).
Atti del XI Congresso Nazionale di Speleologia. Genova.
Fedele, F., 1984. Il Paleolitico in Piemonte: Le Alpi Occidentali. Ad Quintum. Archeologia
del Nord-Ovest. Bollettino del Gruppo Archeologico “Ad Quinum” di Collegno (Torino).
7, 23–44.
Fernández López, S., 1981. La Evolución Tafonómica (un Planteamiento Neodarwinista).
Bol. R. Soc. Española Hist. Nat. (Geol.). 79, 243–254.
Fernández-Jalvo, Y., 1992. Tafonomía de Microvertebrados del Complejo Kárstico de
Atapuerca (Burgos). Universidad Complutense de Madrid.
Fernández-jalvo, Y., Andrews, P., 2003. Experimental Effects of Water Abrasion on Bone
Fragments. journal of Taphonomy. 1, 147–164.
Fernández-Jalvo, Y., Cáceres, I., 2010. Tafonomía e Industria Lítica: marcas de corte y
materias primas. Cuaternario y Arqueología: Homenaje a Francisco Giles Pacheco.
Cádiz. 277 – 290.
Fernández-Jalvo, Y. & Andrews, P., 1992. Small Mammal Taphonomy of Gran Dolina,
Atapuerca (Burgos), Spain. Journal of Archaeological Science. 19, 407–428.
Fiorillo, A.R., 1989. An Experimental Study of Trampling: Implications for the Fossil
Record. In: Americans, U. of M.C. for the S. of the F. (Ed.), Bone Modification. Orono,
pp. 61–71.
Gambari, F.M., 2005. Archeologia del Monte Fenera. In: Zeisciu (Ed.), D’acqua E Di
Pietra. Il Monte Fenera E Le Sue Collezioni Museali. Magenta, pp. 230–233.
Gifford-Gonzalez, D., 1989a. Ethnographic Analogues for Interpreting Modified Bones:
Some Cases from East Africa. In: Americans, U. of M.C. for the S. of the F. (Ed.),
Bone Modification. Orono, pp. 179–246.
Gifford-Gonzalez, D., 1989b. Overview-Modern Analogues: Developing an Interpretative
Framework. In: Americans, U. of M.C. for the S. of the F. (Ed.), Bone Modification.
Orono, pp. 43–52.
Gifford-Gonzalez, D., 1991. Bones are not enough: analogues, knowledge, and
interpretative strategies in zooarchaeology. Journal of Anthropological Archaeology.
10, 215 – 254.
Gifford-Gonzalez, D. P. Damrosch, D.B., Damrosch, D.R., Pryor, J., Thunen, R.L., 1985.
The Third Dimension in Site Structure: An Experiment in Trampling and Vertical
dispersal. American Antiquity. 50, 803–818.
Grayson, D.K., 1988. Danger Cave, Last Supper Cave, and Hanging Rock Shelter: the
Faunas. American Museum of Natural History Anthropological Papers. 66, 1 – 130.
95
Hanson, C.B., 1980. Fossils in the Making: Vertebrate Taphonomy and Paleoecology. In:
Press, U. of C. (Ed.), Fluvial Taphonomic Processes: Models and Experiments.
Chicago, pp. 156–181.
Haynes, G., 1980. Prey bones and predators: potential ecologic information from analysis
of bone sites. Ossa. 7, 75–97.
Haynes, G., 1982. Utilization and skeletal disturbances of North American prey Carcasses.
Artic. 35, 266–281.
Haynes, G., 1983a. Frequencies of spiral and green-bone fractures on ungulate limb
bones in modern surface assemblages. American Antiquity. 48, 102–14.
Haynes, G., 1983b. A guide for differentiating mammalian carnivore taxa responsible for
gnaw damage to herbivore limb bones. Paleobiology. 9, 164–72.
Haynes, G., 1991. Mammoths, Mastodonts, and Elephants: Biology, Behavior, and the
Fossil Record. Cambridge.
Hesse, B., Wapnish, P., 1985a. Manuals on archaeology. No5. Washington.
Hesse, B., Wapnish, P., 1985b. Animal Bone Archaeology: From Objectives to Analysis.
In: Washington, T. (Ed.), Manuals on Archaeology. No5. Washington.
Hill, A.P., 1979. Butchery and Natural Disarticulation: An Investigatory Technique.
American Antiquity. 48, 102–14.
Hill, A.P., 1989a. Bone Modification by Modern Spotted Hyenas. In: Americans, U. of M.C.
for the S. of the F. (Ed.), Bone Modification. Orono, pp. 169– 178.
Hill, A.P., 1989b. Problems and Prospects of Interpreting Modified Bones from the
Archaeological Record. In: Americans, U. of M.C. for the S. of the F. (Ed.), Bone
Modification. Orono, pp. 285 –289.
Irving, W.N., Jopling, A. V., Kritsch-Amstrong, I., 1989. Studies of Bone Technology and
Taphonomy, Old Crow Basin, Yukon Territory. In: Americans, U. of M.C. for the S. of
the F. (Ed.), Bone Modification. Orono, pp. 347 –379.
Johnson, E., 1985. Advances in Archaeological Method and Theory, In Schiffe. ed. New
York.
Korth, 1979. Taphonomy of Microvertebrate Fossil Assemblages. Ann. Carnegie, Mus. 48,
235–285.
Lam, Y.M., 1992. Variability in the behaviour of spotted hyaenas as taphonomic agents. J.
of Archaeol. Sc. 19, 389–406.
Lo Porto, F.G., 1957. Tracce del “Musteriano Alpino” in una grotta del Monfenera, presso
Borgosesia. Rivista di studi liguri. a-XXIII, 286 – 293.
96
Lo Porto, F.G., 1960. Il “Musteriano Alpino” in Valsesia. In: Terzo Congresso Piemontese
Di Antichità E Arte. Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti, Varallo Sesia, pp.
207 – 212.
López, F., 2000. Temas de Tafonomía.
López-Gonzalez, F., Grandal-d’Anglade, A., Vidal-Romani, J.R., 2006. Deciphering bone
depositional sequences in caves through the study of manganese coatings. Journal of
Archaeological Science. 33, 707 – 717.
Lyman, R.L., 1989. Taphonomy of Cervids Killed by the May 18, 1980, Volcanic eruption
of mount St. Helens, Washington, U.S.A. In Bonnichsen, R. and Sorg, M. H. (ed.). In:
Bone Modification. Orono, pp. 149 – 167.
Lyman, R.L., 1994. Vertebrate Taphonomy. Cambridge.
Manini Calderini, O., 1992. Ricettacolo votivo? Ipotesi sulla frequentazione della “Tana
della volpe” sul Monte Fenera. de Valle Sicida. a. III, 15–17.
Morlan, R.E., 1980. Taphonomy and archaeology in the Upper Pleistocene of the northern
Yukon Territory: a glimpse of the peopling of the New World. Ottawa.
Munzel, S.C., Conard, N.J., 2004. Cave bear hunting in Höhle Fels Cave in the Ach Valley
of the Swabian Jura. Revue de Paléobiologie. 23, 877–885.
Oliver, J.S., 1989. Analogues and Site Context: Bone Damages from Shield Trap Cave (24
CB91), Carbon County, Montana, U.S.A. In: Americans, U. of M.C. for the S. of the F.
(Ed.), Bone Modification. Orono, pp. 73 –98.
Olsen, S.L., Shipman, P., 1988. Surface Modification on Bone: Trampling versus Butchery.
Journal of Archaeological Science. 15, 535–53.
Pineda, A., Saladié, P., Vergès, J.M., Huguet, R., Cáceres, I., Vallverdú, J., 2014.
Trampling versus cut marks on chemically altered surfaces: an experimental approach
and archaeological application at the Barranc de la Boella site (la Canonja,
Tarragona, Spain). Journal of Archaeological Science. 50, 84 – 93.
Potts, R.B., Shipman, P., 1981. Cutmarks Made by Stone Tools on Bones from Olduvai
Gorge, Tanzania. Nature. 291, 577–80.
Saladié, P., Huguet, R., Díez, C., Rodríguez-Hidalgo, a., Carbonell, E., 2013. Taphonomic
modifications produced by modern brown bears ( Ursus arctos ). International Journal
of Osteoarchaeology. 23, 13–33.
Schaller, G.B., 1972. The Serengeti Lion. Chicago.
Selvaggio, M.M., 1994. Carnivore tooth marks and stone tool buthcery marks on
scavengerd bones: archaeological implications. Journal of Human Evolution. 27, 215–
228.
97
Shahack-Gross, R., Bar-Yosef, O., Weiner, S., 1997. Black-Coloured Bones in Hayonim
Cave, Israel: Differentiating Between Burning and Oxide Staining. Journal of
Archaeological Science. 24, 439 – 446.
Shipman, P., 1981. Life History of a Fossil. An Introduction to Taphonomy and
Paleoecology. Massachusetts.
Shipman, P., Fisher, D.C., Rose, J.J., 1984. Mastodon butchery: microscopy evidence of
carcass processing and bone tool use. Paleobiology. 10, 358–65.
Shipman, P., Rose, J., 1983a. Early Hominid Hunting, Butchering, and CarcassProcessing Behaviors: Approaches to the Fossil Record. Journal of Anthropological
Archaeology. 2, 57 –98.
Shipman, P., Rose, J., 1983b. Bone Tools: An Experimental Approach. In: In Stanford, D.
(ed. . (Ed.), The Dutton and Selby Sites. Smithosian Institute, Washington, D.C., p. 2.
Shipman, P., Rose, J.J., 1988. Bone Tools: An Experimental Approach. Scanning Electron
Microscopy to Archaeology. 452, 303–35.
Simpson, G.G., 1970. Essays in evolution and Genetics. In: Uniformitarianism. An Inquiry
into Principle, Theory, and Method in Geohistory and Biohistory. Appleton-Century
Croft, New York, pp. 43 – 96.
Stiner, M., 1999. CAVEB EAR ECOLOGY AN INTERACTION WITH PLEISTOCENE
HUMANS. Tucson.
Stiner, M.C., 1994. Honor among Thieves. A Zooarchaeological Study of Neanderthal
Ecology.
Stiner, M.C., Arsebuk, G., HowellOWELL, F.C., 1996. Cave Bears and Paleolithic artifacts
in Yarimburgaz Cave, Turkey: dissecting a palimpsest. Geoarchaeology. 11, 279–327.
Strobino, F., 1981. Preistoria in Valsesia, studi sul Monte Fenera. editrice Zanfa.
Strobino, F., 1992. Nota sulla cronistoria delle ricerche sul Monte Fenera dalle origini agli
anni Sessanta, prospettive per le future indagini. de Valle Sicida. n. 1, 7–14.
Strobino, F., Giacobini, G., 1979. La breccia ossifera di Ara. Bullettin d’études
prehistoriques et archeologiques alpines. 11, 61–66.
Tuross, N., Behrensmeyer, A., Eanes, E.D., Fisher, L.W., Hare, P.E., 1989. Molecular
preservation and crystallographic alterations in a weathering sequence of wildebeest
bones. Applied Geochemistry. 4, 261 –270.
Villa, G., Giacobini, G., 1998. Dente neandertaliano dal Ciutarun. Quaderni della
Soprintendenza Archeologica del Piemonte. 15, 257.
Villa, G., Giacobini, G., 2005. I resti umani neandertaliani del Monte Fenera. In: Zeisciu
(Ed.), D’acqua E Di Pietra. Il Monte Fenera E Le Sue Collezioni Museali. Magenta, pp.
234–238.
98
INDICE DELLE FIGURE
1 Cartina del Piemonte con indicata la posizione del Monte Fenera (Fantoni et al., 2005a)
2 Localizzazione del Monte Fenera (Berto, 2012)
3 Successione giurassica del Monte Fenera (Fantoni et al., 2005b)
4 Lembi sedimentari a ovest del Lago Maggiore con indicata la Linea della cremosina e la Linea della
Colma (Fantoni et al., 2005b; Daffara, 2011)
5 Cartina geologica d’insieme della Valsesia con l’indicazione delle maggiori faglie della zona (Fantoni
et al., 2005b)
6 Esempio di incisione (costa di Ursus spelaeus)
7 Esempio di raschiatura (vertebra toracica di Ursus spelaeus)
8 Esempio di morso a depressione
9 Esempio di morso di tipologia solco
10 Esempio di morso su bordo di frattura
11 Esempio di alterazione data da calpestio
12 Fessurazione di grado C0
13 Fessurazione di grado C1 (verde); fessurazione di grado C2 (rosso)
14 Fessurazione di grado C3
15 Arrotondamento di grado A0 (aree rosse); Lisciatura di grado L0 (aree gialle)
16 Arrotondamento di grado A1 (aree rosse); Lisciatura di grado L1 (aree gialle)
17 Arrotondamento di grado A2 (aree rosse); Lisciatura di grado L2 (aree gialle)
18 Arrotondamento di grado A3 (aree rosse)
19 Esempio di concrezione calcarea (in bianco) associata alla deposizione di manganese
(pigmentazione nera)
20 Esempio di deposizione dell’ossido di manganese , tipologia: massivo
21 Esempio di deposizione dell’ossido di manganese , tipologia: tinzione
22 Esempio di deposizione dell’ossido di manganese , tipologia: massivo + tinzione
23 Esempio di deposizione dell’ossido di manganese , grado di estensione: isolato
24 Esempi di deposizione dell’ossido di manganese, grado di estensione: concentrato (sinistra),
generalizzato (destra)
25 Esempio di deposizione dell’ossido di manganese , grado di estensione: disperso
26 esempio di alterazione data dalle radici
27 NE (numero elementi) suddiviso secondo le classi di taglia: TG = taglia grande; TM = taglia media;
TP = taglia piccola; INDET. = indeterminati
28 Rappresentazione % degli elementi ossei per ciascuna specie
29 Rappresentazione degli elementi secondo le taglie
30 Tipi di segni di taglio secondo le diverse categorie di taglia
31 Delineazione delle sole incisioni (INC.) secondo le categorie di taglia
32 Delineazione delle sole raschiature (RASC.) secondo le categorie di taglia
33 Organizzazione delle sole incisioni (INC.) secondo le categorie di taglia
34 Organizzazione delle sole raschiature (RASC.) secondo le classi di taglia
35 Elementi scheletrici con segni di macellazione suddivisi nelle classi di taglia
36 NR Ursus spelaeus (TG); NRC = numero resti Ursus spelaeus con intervento dei carnivori
37 NR Ursus spelaeus (TG) relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D =
morsi sul bordo di frattura
38 NR Cervus elaphus (TG) ; NRC = numero resti Cervus elaphus con intervento dei carnivori
39 NR del Cervus elaphus (TG) relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D
= morsi sul bordo di frattura
40 Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C, D) riferiti alle specie di taglia grande
41 NR numero resti Canis lupus (TM) ; NRC = numero resti di Canis lupus con intervento dei carnivori
42 NR Canis lupus (TM) relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi
sul bordo di frattura
43 NR numero resti Ruicapra rupicapra (TM) ; NRC = numero resti Rupicapra rupicapra con intervento
dei carnivori
44 NR Rupicapra rupicapra relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D =
morsi sul bordo di frattura
45 Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C,D) riferiti alle specie di taglia media
46 NR numero resti Marmota marmota (TP) ; NRC = numero resti di Marmota marmota con intervento
dei carnivori
47 NR Marmota marmota relazionati ai tipi di morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D =
morsi sul bordo di frattura
48 NR = numero reperti con intervento dei carnivori su taxa indeterminati (ad eccezione di tutti gli
elementi indeterminati); NRC = reperti con intervento di carnivori
49 Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C,D) riferiti agli elementi dei taxa indeterminati (ad
eccezione degli elementi indeterminati
50 Quantificazione % di intervento dei carnivori secondo le categorie di morsi stabiliti: ; A =
depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura
99
10
11
13
15
16
36
36
41
41
41
43
45
45
46
48
48
49
49
50
52
52
53
53
54
54
56
60
60
62
64
65
65
65
66
66
69
70
71
71
72
72
72
73
73
74
74
75
76
76
78
51 Range dimensionali complessivi di intervento dei carnivori su TG = taglia grande; TM = taglia
media; TP = taglia piccola; INDET. = indeterminati
78
INDICE DELLE TABELLE
1 NMI delle UUSS 13, 103, 14
2 NR ossei complessivi provenienti dai QQ. Indagati
3 Tipologia e range dimensionali delle d’interveto dei carnivori; N.M. = non misurabile
4 Gradi di arrotondamento e levigatura prodotti dall’abrasione idrica (Cáceres Cuello de Oro, 1995)
5 Tipologia e grado d’intensità della deposizione di ossido di Mn
6 NMI US 14 anno scavo 2013
7 NR ossei campagna di scavo 2013
8 Categorie e percentuali di frammentazione dell’insieme osseo campagna di scavo 2013. TG = taglia
grande; TM = taglia media; TP = taglia piccola; INDET. = indeterminati
9 Alterazioni tafonomiche individuate in US 14 della grotta della Ciota Ciara durante la campagna di scavo
2013 ordinate in maniera decrescente in base alla % di alterazione attestata
10 NRM= numero di resti con segni di macellazione secondo le differenti taglie ; % ST = percentuale dei
reperti con segni di taglio ; % TOT = percentuale dei reperti con segni di taglio rispetto il totale di reperti
studiati
11 Attività antropiche identificate ed osservate nell’insieme fossilifero studiato. % = percentuale rispetto i
fossili con evidenze antropiche
12 Resti taglie con l’intervento dei carnivori; TG = taglia grande, TM = taglia media, TP = taglia piccola;
NRC = numero resti con intervento dei carnivori; % C = percentuale di intervento dei carnivori
13 Numero di resti su cui sono intervenuti i carnivori suddivisi secondo le porzioni scheletriche e le taglie
14 NR = numero resti Ursus arctos (TG) ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Ursus
arctos (TG) ; % INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Ursus arctos; tipologie di
morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura
15 NR = numero resti Panthera leo (TG) ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Panthera
leo (TG) ; % INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Panthera leo; tipologie di
morsi: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura
16 NRC INDET. = numero reperti indeterminati con intervento dei carnivori su elementi di Taglia grande ;
tipologia di morsi evidenziati sui resti in esame: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul
bordo di frattura
17 NR = numero resti Cervidae (TM) ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Cervidae (TM);
% INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Cervidae ; tipologie di morsi: A =
depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura
18 NR = numero resti Dama (TM) ; NRC = numero reperti con intervento dei carnivori su Dama (TM) ; %
INT. CARNIVORI = % di intervento dei carnivori riferita al NR di Dama ; tipologie di morsi: A = depressioni;
B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di frattura
19 NRC = numero reperti indeterminati con intervento dei carnivori su elementi di Taglia media ; tipologia
di morsi evidenziati sui resti in esame: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di
frattura
20 NRC = numero reperti indeterminati con intervento dei carnivori su elementi di Taglia piccola ; tipologia
di morsi evidenziati sui resti in esame: A = depressioni; B = solchi; C = impronte; D = morsi sul bordo di
frattura
21 Catalogazione complessiva dei morsi (A, B, C,D) riferiti alle specie di taglia piccola
22 NR = numero di resti con arrotondamento / levigatura ; % A.I. = % rispetto i resti con alterazione idrica ;
% TOT = % rispetto il totale dei resti recuperati
23 Associazione tra arrotondamento e levigatura sui resti pertinenti la campagna di scavo 2014, US 14,
grotta della Ciota Ciara
24 Tipologia e grado di copertura del deposito di Mn sui resti studiati
100
23
31
40
48
51
57
58
61
63
64
66
67
68
70
70
71
73
73
74
75
75
81
81
82
Fly UP