...

Scusate il DISTURBO!!!

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Scusate il DISTURBO!!!
Lorenzo Recanatini
Scusate il
DISTURBO!!!
una versione umoristica dei
disturbi di personalità
Prefazione di Piero Petrini
© Copyright Alpes Italia srl
Via Cipro, 77 – 00136 Roma
tel./fax 06-39738315
I Edizione, 2008
Lorenzo Recanatini
Psicologo e psicoterapeuta, lavora in un Servizio per l’Età Evolutiva
della Zona territoriale 7, ASUR Ancona.
In copertina ed all’interno: vignette di Lorenzo Recanatini.
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Tutti i diritti letterari ed artistici sono riservati.
È vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale, di quest’opera.
Qualsiasi copia o riproduzione effettuata con qualsiasi procedimento
(fotocopia, fotografia, microfilm, nastro magnetico, disco o altro)
costituisce una contraffazione passibile delle pene previste
dalla Legge 22 aprile 1941 n. 633
e successive modifiche sulla tutela dei diritti d’autore
Indice generale
Presentazione di Anna Maria Sorrentino . . . . .
V
Prefazione di Piero Petrini . . . . . . . . . . . . . . .
IX
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
XV
I tre cluster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1
Criteri diagnostici generali
per i Disturbi di Personalità (DSM-IV) . . . . . . .
5
CLUSTER ANSIOSO . . . . . . . . .
Disturbo Dipendente . . . . . . .
Disturbo Evitante . . . . . . . . .
Disturbo Passivo-Aggressivo . .
Disturbo Ossessivo-Compulsivo
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
CLUSTER DRAMMATICO
Disturbo Istrionico . . .
Disturbo Borderline . .
Disturbo Narcisista . .
Disturbo Antisociale . .
7
7
28
47
65
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
85
.
85
. 105
. 131
. 152
CLUSTER BIZZARRO . . . .
Disturbo Paranoide . . . .
Disturbo Schizoide . . . . .
Disturbo Schizotipico . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
173
173
194
212
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
IV
Scusate il DISTURBO!!!
A proposito dell’Autore:
Lorenzo Recanatini:
È nato a Camerano (AN) nel 1960.
Psicologo e psicoterapeuta, lavora da 19 anni in un Servizio per l’Età
Evolutiva della Zona Territoriale 7, Ancona, ASUR Marche.
È coautore del libro “Cicogna in arrivo!” Informazioni ed umorismo
sulla gravidanza, il parto ed il diventare genitori, pubblicato dalle
Edizioni Scientifiche MaGi di Roma (prima edizione 1997, seconda
edizione 2000).
È autore del libro “Adolescemenze!” Informazioni ed umorismo sull’adolescenza, pubblicato dalle Edizioni Scientifiche MaGi di Roma
(2001).
È autore delle vignette umoristiche.
www.lorenzorecanatini.it
Presentazione
Ho incontrato Lorenzo Recanatini durante alcuni
momenti di formazione presso l’ASL di Ancona. Uomo
schivo, silenzioso osservatore, non si è fatto notare fino
a quando è uscito dal suo guscio per mostrarmi una sua
pubblicazione istruttivo-umoristica sui corsi di preparazione al parto e sui vissuti della gravidanza e della
maternità (Polsonetti, Recanatini, 1997).
Lo scritto era corredato da vignette umoristiche,
sparse nel testo, che mi accorsi coglievano, facendo sorridere, messaggi essenziali dove i vissuti dei personaggi
erano messi a nudo benevolmente.
Quando noi scriviamo di psicologia e di psicoterapia
usiamo il racconto dei casi clinici come supporto delle
nostre riflessioni e come affreschi figurativi che colmino
la pochezza delle nostre parole con la complessità drammatica della vicenda umana, così come la conosciamo
nei racconti dai nostri pazienti. Sono racconti intricati,
dolenti, complessi, mai lievi. Così come il nostro lavoro
che ci impegna ad essere, o a sembrare, pacati e solidi
baluardi contro i quali si riversa il tempestoso dolore dei
nostri simili per essere accolto, riordinato, digerito.
Questa drammaticità, che pure non viene negata
nelle vignette di Recanatini, mostra in esse la possibilità
di un approccio più contenuto e lieve, su cui è possibile
sorridere e, sorridendo, intuire la strada per uscire dai
drammi delle nostre insicurezze.
Il potere istruttivo di queste “gestalt” umoristiche mi
è parso chiaro, infine, al convegno della Scuola Mara
Selvini di Salice Terme 2004, al quale Lorenzo è stato
invitato a presentare questo suo lavoro sui Disturbi di
VI
Scusate il DISTURBO!!!
Personalità. Gli allievi ed ex allievi, entusiasti, si affannavano ridendo a prendere appunti per cercare di fissare mentalmente gli spunti “da ridere” che noi avevamo
cercato di “ficcare loro in testa” con ben altro, poco
intuitivo linguaggio.
Il lettore si potrebbe interrogare sul fatto che una
scuola di Terapia Familiare come la nostra, modello in
passato di strenua lotta ai processi di etichettamento
legati alle diagnosi nosografiche, si interessi ora di insegnare ai suoi allievi il tema dei Disturbi di Personalità,
tema squisitamente individuale e classificatorio, dall’apparenza riduttiva.
Come già pubblicato in un mio articolo sulla rivista
Connessioni (Sorrentino, 2002) continua a non interessarci la natura di etichetta o di classificazione legata alle
diagnosi, ma siamo stati colpiti, proprio nel nostro
decennale ruolo docente, dalle possibilità di guida esplicative per gli allievi di modelli quali quelli estrapolabili
dai tratti della personalità che nei casi estremi si esprimono in forme pervasive e cioè nei Disturbi di cui
Lorenzo ci parla.
Possibilità esplicative sia per poter comprendere il
paziente che ci troviamo davanti, con le sue peculiari
modalità difensive, che per guidare l’indagine ad una
ricostruzione della sua storia di allevamento, inferendo
come fa Lorna Benjamin nel suo libro prezioso, ipotesi
circa il processo relazionale che ha portato a quella
peculiarità difensiva, onde mobilizzare la famiglia ad
offrire empatia e contenimento riparativo alla sofferenza
del figlio.
Le peculiarità degli assetti difensivi del paziente possono essere inoltre un utile guida per il terapeuta familiare, quando coinvolto in una richiesta di terapia indivi-
Scusate il DISTURBO!!!
VII
duale da parte di un soggetto, per decidere su una possibile procedura di presa in carico terapeutica aspettandosi, per esempio, dal soggetto dipendente una facile
affiliazione, premessa per guidarlo verso uno svincolo
dalle figure di riferimento da cui dipende, guardandosi
però dal rischio di sostituirle, avviandosi ad una terapia
“interminabile”.
Il soggetto evitante poi, se identificato, non irriterà il
terapeuta, consapevole dei suoi problemi e delle sue
resistenze, a causa delle sue chiusure e diffidenze.
Guiderà l’operatore alla pacata benevola pazienza che
darà il tempo alla sua struttura difensiva di aprirsi a
godere della relazione intima di cui ha bisogno.
I medesimi orientamenti saranno utili nei percorsi
paralleli, nei processi terapeutici familiari, o nelle eventuali opportunità di allargamento a persone significative
nella vita del paziente, nel corso di una terapia individuale.
Mi è sembrato molto creativo vedere che un materiale, per solito piuttosto ostico da trasmettere, e tuttavia
così utile per un terapeuta, potesse essere presentato in
una forma un po’ ludica che ci guidi ad una riflessione
meno “passionale”, anche se non meno empatica, dei
problemi di relazione interpersonale.
Anna Maria Sorrentino
Prefazione
A causa della difficoltà di individuare visivamente, di
memorizzare e di tradurre nella pratica quelli che sono
gli elementi essenziali per una corretta interpretazione
clinica, non è facile fare diagnosi dei Disturbi della
Personalità e comprederli in maniera chiara.
Tale difficoltà è diffusa sia tra i Medici, sia tra gli specialisti in Psichiatria, più adusi a fare diagnosi sull’asse
1, che tra gli Psicologi, più portati a descrivere un funzionamento e ad evitare una definizione diagnostica.
Qualsiasi tentativo di dipanare la matassa di questo
labirinto di fili e di stili di comportamento è da incoraggiare, da lodare ed estremamente gradito. Ciò serve a
definire e rendere accessibili alla diagnosi queste
“modalità pervasive, messe in atto dal soggetto, di
difendersi dal disagio psichico di fronte ad una pressione interna od esterna”, definendo così una struttura
prestabilita, “stabile nella sua instabilità”, accessibile
ad una diagnosi definita ed ordinata.
Se poi si mette in pratica l’uso di strumenti presi in
prestito da altri contesti, per superare il nichilismo e la
difficoltà di rendere chiare queste patologie, per esempio, attraverso l’uso dei “baloons”, dei fumetti, l’approccio da interessante diviene bello ed innovativo, quasi
“godereccio”.
Il termine “fumetto”, infatti, si riferisce alle “nuvolette”, simili a sbuffi di fumo, utilizzate per riportare il dialogo tra i personaggi (detti in inglese “baloons”).
Il fumetto è, infatti, come si accennava, un linguaggio, un’arte, un tipo di “letteratura disegnata”, costituito
X
Scusate il DISTURBO!!!
da più codici, tra i quali si distinguono principalmente
quelli d’immagine (illustrazione, colore, prospettiva,
montaggio) e di temporalità (armonia, ritmo, narrazione...).
Il disegnatore di fumetti deve avere un tratto di
penna molto sintetizzato, dove la capacità di esprimere,
con un gesto o un simbolo, un universo di nozioni ed
emozioni deve essere racchiuso nell’immagine.
L’illustratore di fumetti, invece, deve avere la capacità di
mostrare un caldo contorno del tratto, che ci permette di
definire l’umore delle scene. Tutto questo (e “SCUSATE
IL DISTURBO”) lo ritroviamo nella diagnosi dei Disturbi
di Personalità proposta in questo libro, dove l’essenza
della patologia deve essere interpretata e definita clinicamente
dallo
“Psic”
(Psichiatra,
Psicologo,
Psicoterapeuta) proprio interpretando quei tratti e quei
vissuti colorati che il paziente regala al proprio curante.
L’autore del libro riesce a fare questa sintesi e a “farci
vedere e sentire” attraverso i ballons gli elementi diagnostici essenziali dei vari disturbi.
Il Fumetto compare nel 1895 per la prima volta sul
supplemento domenicale del New York World, attraverso
l’immagine di un buffo ragazzino calvo, con le orecchie
a sventola, che indossa una camicia da notte gialla: il
suo nome è Yellow Kid ed è considerato dalla maggior
parte degli storici come l’antenato del fumetto. Il colore
giallo, nato per caso, è dovuto alle ridotte capacità grafiche dell’epoca.
Di recente però questa tesi è stata confutata da
Alfredo Castelli, creatore di Martin Mystère, che è entrato in possesso di un albo a fumetti, intitolato Obadiah
Oldbuck, pubblicato negli Stati Uniti nel 1842 e che anticipa così la data di nascita del fumetto di oltre 50 anni.
Scusate il DISTURBO!!!
XI
Il fumetto può essere
utilizzato anche a scopi
non narrativi: ad esempio, per una ricetta di
cucina, o per realizzare il
libretto di istruzioni di un
apparecchio.
L’autore di questo
libro, non alla sua prima
opera a fumetti, compie
degli sforzi ben precisi
per farci vivere l’incontro
tra scienza medica e nona
arte (dopo Architettura, Musica, Pittura, Scultura,
Poesia, Danza, Cinematografo, Radio-Televisione,
Claude Beylie propone il Fumetto). Non è il primo ad
avere messo in fumetti la scienza medica.
Uno dei più grandi autori italiani, Jacovitti, ha scritto
un libro fatto con i suoi disegni di salumi e formaggi, che
lo contraddistinguevano, dal titolo Elogio della Medicina.
Un vero capolavoro.
Tempo medico, una delle riviste di medicina più conosciute, aveva le copertine disegnate da Guido Crepax, il
“papà” di Valentina. Nel 1958, infatti, l’allora giovane
Crepax viene chiamato a collaborare
con il primo news magazine rivolto al
medico italiano, Tempo Medico; realizza così la copertina del numero zero
(15 novembre), che modifica per il
numero 1 (marzo 1959), e disegna
poi tutte le copertine fino alla seconda metà degli anni Ottanta. Per la
XII
Scusate il DISTURBO!!!
stessa testata, leader del
settore, illustra anche 356
“clinicommedie”, casi clinici
sceneggiati e presentati in
forma di quiz medici, fino al
caso de “La fioraia dal profumo di pesce” (Tempo Medico
n. 447, 1 dicembre 1993).
Le Clinicommedie scritte
dal giovane e poi maturo
Crepax, ricordate molto da
noi ex giovani medici degli
anni 80, potrebbero avere
influenzato la proposizione
del titolo “Adolescemenze”,
un libro di Recanatini? Chissà!
E Poi “Chiron”, una serie di fumetti che si rifà al personaggio mitologico di Chirone, saggio centauro inventore della dottrina medica e maestro di colui che sarebbe
diventato il nume della medicina: Esculapio. “Mali
Estremi” è il titolo dell’episodio pilota, dove un insolito
team di medici specializzati è costretto ad occuparsi di
individui con superpoteri. Il tutto collocato in un cosmo
fittizio dove agiscono numerose controfigure di personaggi iconici del pantheon supereroistico. Per qualcuno,
costoro sono il domani della scienza.
Per altri sono dei mad doctors, personaggi inquietanti quanto ambiziosi, e ci sono molte probabilità che alcuni di loro nascondano uno scheletro nell’armadio.
Le tavole (e questo farà storcere il naso a molti che
hanno il cult del fumetto) nascono direttamente al computer. Si eseguono a mano i primi schizzi e l’illustrazione
Scusate il DISTURBO!!!
XIII
viene ultimata in formato elettronico, al contrario del
nostro Autore.
Ma il rapporto fumetto psichiatria è stato ben interpretato da Ned Bajalica, uno svizzero, strettissimo collaboratore di Jacovitti. Nel 2005 scrive una lettera a
Paolo Crepet e con lo psichiatra, che si avvicina alla
prima esperienza nel mondo del fumetto, disegna Ci
vediamo Domani; Crepet si affida completamente a Ned
Bajalica.
Anche la patologia più grave e la cronaca legata a
fatti di psichiatria approda nel fumetto e nel numero di
Alan Ford 392, i fatti di Omar ed Erika vengono trasferiti su “strip”, nella serie di Max Bunker.
O il celebre test che regala il nome ad un super eroe:
Rorschach è infatti uno dei protagonisti del fumetto
Watchmen di Alan Moore. È un supereroe violento e solitario, quasi autistico, introverso e ripiegato su se stesso,
che si copre il volto con una maschera raffigurante le
celebri macchie del test da cui prende il nome.
Quindi non ci sono state solo le tavole del dott.
Kildare, apparse per la prima volta nelle strisce giornaliere il 15 ottobre 1962 con testi di Elliot Caplin e disegni di Ken Bald, nel connubio medicina e fumetto.
Ci sarebbe molto da dire ancora.
Ma vorrei tornare e finire con il libro di Recanatini,
negli sforzi compiuti dall’autore a “dare stile al caos”
delle patologie fino a colmare la notevole mancanza contenuta nel DSM di non riuscire a dare la componente
emotivo-affettiva delle patologie stesse.
Con l’uso del fumetto l’autore riescie a rendere, a
pag. 11, il sentimento del disturbo dipendente di personalità altrimenti difficile da mostrare a parole; a pag. 37
ci mostra il disturbo evitante di personalità, e la tavola
XIV
Scusate il DISTURBO!!!
più bella per me, a pag. 126, mette bene in evidenza le
modalità relazionali-affettive del Borderline. E così tante
altre.
Questo libro, per concludere, offre un approccio
unico, semplice, necessario e chiaro per la diagnosi ed il
riconoscimento delle patologie di personalità. Piacevole
anche per i non addetti ai lavori.
Mostra con fumetti a colori situazioni emblematiche
chiare e rende più intensa la fissazione visiva del personaggio per richiamare alla mente istantaneamente la
patologia descritta, con una serie di ballons, così da
avere una immagine unitaria attraverso la quale risulta
impossibile non identificare una ben definita patologia di
personalità.
Piero Petrini
Introduzione
Il presente lavoro consiste nella personale lettura, in
chiave umoristica, dei Disturbi di Personalità.
L’umorismo, ha detto ad un seminario Anna Maria
Sorrentino, è un mettere a fuoco le cose da una posizione di distanza. Mi piace molto questa definizione e la
condivido.
Penso che l’umorismo sia un importante strumento
conoscitivo, intuitivo e sintetico, un modo divertente e
stimolante di osservare le situazioni, guardandole da un
punto di vista “diverso”, profondamente creativo, che ci
aiuta a ricordare ciò che impariamo.
Essendo una rielaborazione umoristica di cose prevalentemente lette, mi sembra prioritario partire citando
chi ha scritto le cose da me utilizzate.
I “Criteri diagnostici generali per i Disturbi di
Personalità” e quelli specifici di ognuno dei disturbi da
me considerati sono tratti dal “DSM-IV, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali”, dell’American
Psychiartic Association, edito da Masson nel 1999.
Le “Ipotesi patogene”, le “Caratteristiche interpersonali” e i “Criteri necessari e di esclusione”, propri di ciascun disturbo, sono tratte dal bel libro di Lorna Smith
Benjamin “Diagnosi interpersonale e trattamento dei
disturbi di peronalità”, edito da LAS-Roma nel 1999.
Le considerazioni inerenti i tre cluster derivano da
appunti da me presi durante un seminario tenuto ad
Ancona, nel giugno del 2002, dalla dr.ssa Anna Maria
Sorrentino.
Ad Anna Maria Sorrentino vanno i miei più sentiti ringraziamenti per aver creduto in questo mio progetto,
XVI
Scusate il DISTURBO!!!
avermi incoraggiato nelle difficoltà e soprattutto aiutato
nella scelta delle vignette più rappresentative dei vari
disturbi da inserire nel libro.
A lei, a Stefano Cirillo e a Matteo Selvini un grazie di
cuore per avermi invitato a presentare, in anteprima, il
mio lavoro al Convegno della Scuola di Psicoterapia della
Famiglia “Mara Selvini Palazzoli”, svoltosi a Salice Terme
nel novembre 2004. È stata per me una bellissima esperienza, ricca di piacevoli emozioni e grandi soddisfazioni.
CLUSTER ANSIOSO
DISTURBO DIPENDENTE
Scusate il DISTURBO!!!
13
22
Scusate il DISTURBO!!!
28
Scusate il DISTURBO!!!
DISTURBO EVITANTE
CLUSTER DRAMMATICO
DISTURBO ISTRIONICO
94
Scusate il DISTURBO!!!
98
Scusate il DISTURBO!!!
Scusate il DISTURBO!!!
DISTURBO BORDERLINE
105
124
Scusate il DISTURBO!!!
Scusate il DISTURBO!!!
DISTURBO NARCISISTA
131
152
Scusate il DISTURBO!!!
DISTURBO ANTISOCIALE
CLUSTER BIZZARRO
DISTURBO PARANOIDE
194
Scusate il DISTURBO!!!
DISTURBO SCHIZOIDE
212
Scusate il DISTURBO!!!
DISTURBO SCHIZOTIPICO
Fly UP