...

Ecco l`Albino-Cene, scusate il ritardo

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Ecco l`Albino-Cene, scusate il ritardo
L’ECO DI BERGAMO
VENERDÌ 1 GIUGNO 2007
17
Provincia
Bonate Sopra-Terno, entro luglio
pronto l’asse interurbano
BONATE SOPRA Tra la fine di giugno e la prima metà di luglio aprirà
al traffico un’altra opera alla quale
l’Anas sta lavorando da tempo: il
tratto dell’asse interurbano tra Bonate Sopra (rotonda nei pressi della galleria San Roberto) e la provinciale 166, in territorio di Terno d’Isola con innesto in rotatoria.
Un’opera che per il territorio e i
centri abitati di comuni come Bonate Sopra o Presezzo sarà molto
importante per tenere lontano il
traffico, soprattutto quello che da
Bergamo si sposta in direzione di
Bonate Sopra per poi proseguire
verso il Nord dell’Isola o verso la futura Carvico-Villa d’Adda. Ma dopo
l’inaugurazione dell’asse tra Trevio-
lo e Bonate Sopra (luglio 2005, con
due anni e mezzo di ritardo) e dopo
le voci che volevano il secondo tratto fino a Terno aperto addirittura a
settembre 2006, e in seconda battuta entro il 31 maggio 2007, oggi
l’ufficializzazione della nuova apertura non c’è ancora. «Non abbiamo
date precise» dicono i sindaci. «So
per certo – aggiunge il primo cittadino di Presezzo, Guido Bonacina,
presidente della Comunità dell’Isola bergamasca – che è stato collaudato positivamente il sovrappasso
dell’asse alla ferrovia (sulla linea tra
Ponte e Terno). Verosimilmente l’apertura dovrebbe slittare a dopo il
20 giugno. Attendiamo comunicazioni dall’Anas».
VALLE SERIANA Alle 17 taglio del nastro in località Cupola. L’impresa ha accumulato quasi due milioni di euro di penale sui lavori
Ecco l’Albino-Cene, scusate il ritardo
Oggi il ministro Di Pietro vara il tratto di superstrada che secondo i piani si sarebbe dovuta inaugurare dieci anni fa
le tappe
1992
Il lotto unico della superstrada Seriate-Nembro-Cene (variante all’ex statale 671) viene
appaltato dall’Anas alla ditta Rozzi di Ascoli
Piceno. Obiettivo: chiudere tutto nel 1997.
1996
La Rozzi è in gravi difficoltà economiche e i lavori veri e propri partono solo a quattro anni
dall’appalto. La società
abbandona i cantieri
nella primavera 1998.
1998
L’opera viene smembrata: il primo lotto relativo al tratto tra Torre de’
Roveri e Nembro attraverso la galleria di Montenegrone viene appaltato alla Locatelli di
Grumello del Monte. La
Carena-Mambrini di Genova si aggiudica il secondo e il terzo lotto –
o lotto unico – da Nembro a Cene.
2001
La Locatelli termina a
giugno i lavori in galleria. A cantieri chiusi,
però, la tragedia del
Monte Bianco ha già
comportato una modifica delle norme di sicurezza per le gallerie,
che blocca il progetto
di Montenegrone. Carenze di fondi e interferenze sul territorio rendono lenti i lavori della Carena Mambrini.
2004
21 giugno: Anas bandisce la gara per la realizzazione della centrale
di ventilazione e degli
impianti tecnologici della galleria Montenegrone (luce e sistemi antincendio da adeguare alle nuove norme). Appalto da 15 milioni 568
mila e 504, da concludere entro 540 giorni.
Il 17 dicembre: Giacomo Stucchi, deputato
della Lega Nord, viene
nominato dal governo
Berlusconi commissario ordinario per la superstrada Seriate-Nembro-Cene. Negli stessi
giorni viene fondato a
Pradalunga il Comitato
per la superstrada.
2005
A gennaio l’associazione temporanea di imprese Elef-Gecomar si
aggiudica i lavori per la
sistemazione della galleria di Montenegrone.
All’appalto segue il
puntuale ricorso dei
perdenti, che provocherà ritardi fino al settembre successivo. A
maggio scattano le proteste del Comitato: serpentoni d’auto rendono
nota l’esasperazione di
migliaia di pendolari.
VALLE SERIANA Era il lontano 1992, l’anno delle bufere giudiziarie sulla politica italiana. L’anno che consegnava alla Bergamasca un appalto importante, per
un progetto del quale si parlava già da due decenni: la
strada Seriate-Nembro-Cene, attraverso la collina di Celinate con la galleria di Montenegrone. Obiettivo? Chiudere l’opera entro il 1997. Oggi, primo giugno 2007, sarà
inaugurato il tratto tra Albino e Cene, seconda parte del
lotto unico che inizia a Nembro. A novembre si farà luce, se tutto andrà secondo i piani, nella galleria di Montenegrone. L’obiettivo è slittato di 10 anni pesanti, per i
pendolari e per l’industria seriana: dieci anni in cui la
motorizzazione bergamasca (ovvero il rapporto tra veicoli e abitanti) è cresciuta di circa il 2 per cento l’anno
e in cui nell’area urbana si è arrivati all’immatricolazione di quasi 7 veicoli ogni dieci abitanti. In cui proprio
il traffico della Valle Seriana viaggia a suon di record rispetto al resto della provincia: circa 40 mila auto al giorno calcolate a Torre Boldone da e per la valle. Dieci anni durante i quali le imprese del tessile hanno dovuto
affrontare le sfide della Cina, dove le nuove autostrade e le moderne tecnologie anche al servizio della viabilità sembrano essere diventate quotidianità.
Nel governo Amato del 1992, il ministro dei Lavori
pubblici era Francesco Merloni: già, quello dell’omonima legge di due anni dopo sugli appalti pubblici conseguente alla bufera di Tangentopoli, con la quale si
cercò a fine anni 90 di mettere qualche toppa ai già ampi ritardi della superstrada seriana.
Oggi alle 17, allo svincolo della Cupola di Albino, il ministro delle Infrastrutture che taglierà il nastro sarà invece l’ex magistrato di Tangentopoli Antonio Di Pietro.
Lui aprirà una «superstrada» ad una corsia per senso di
marcia, che di «super» non ha più nulla: meglio che niente e tanto basta per la cerimonia, cui parteciperanno
il vescovo Roberto Amadei, il presidente della Provincia
Valerio Bettoni, l’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente Marco Pagnoncelli, il presidente dell’Anas
Pietro Ciucci e il capo compartimento Lombardia Eutimio Mucilli.
In tanti anni nessuno ha mai detto, dalle parti di Scanzorosciate, Pradalunga, Nembro o Albino: «È vero, i ritardi sono colpa nostra». Eppure tra la fine dei lavori per
la galleria di Montenegrone, pronta a giugno del 2001,
e l’approvazione del nuovo contratto per l’adeguamento della galleria alle norme di sicurezza dopo la tragedia
del Monte Bianco (contratto a marzo 2006) sono passati cinque anni. Colpa di nessuno? Un calcolo più complessivo è altrettanto spietato: tralasciando il primo appalto del 1992, e considerando che di fatto l’assetto dei
cantieri fu ridefinito nel 1998, si arriva alla conclusione che per un’opera di circa 12 chilometri (3 in galleria Montenegrone e altri 9 in valle) ci sono voluti nove
anni di lavori: Anas, aziende appaltatrici e burocrazie
governative hanno viaggiato ad una velocità di realizzazione di un chilometro e 300 metri di strada all’anno.
Colpa, indirettamente, anche di un territorio denso e
fortemente urbanizzato, che ha comportato interferenze di non poco conto nell’ambito dei cantieri: già nel 2000
l’Anas aveva dovuto predisporre una perizia di variante per il lotto unico tra Nembro e Cene, a causa di interferenze dovute a tralicci, condotte fognarie, condotte di
acqua potabile come la Nossana e case lungo il tracciato. Si è proseguito così, tra mille ostacoli forse non preventivati e affrontati di volta in volta dall’azienda Carena-Mambrini di Genova, appaltatrice della NembroCene nel 1998. L’azienda, non essendo riuscita a chiudere l’opera entro il 30 aprile 2006, sta pagando fin dal
primo maggio dell’anno scorso una penale di 5 mila euro al giorno, per un ammontare di quasi due milioni
di euro.
Oggi si libererà di un incubo, consegnando il tratto
Albino-Cene, caratterizzato da sette viadotti e due gallerie, dopo avere già archiviato la pratica della NembroAlbino a gennaio. Lungo tutta la tratta seriana dell’infrastruttura il costo complessivo per i lavori ha raggiunto i 35 milioni di euro, ai quali vanno sommati circa
13 milioni per espropri e risoluzioni delle interferenze,
oltre ai 12 milioni per lavori complementari. Vale a dire
che rispetto ad una base d’appalto di 35 milioni, l’erario ha finito per sborsare tramite Anas 60 milioni complessivi: extracosti che sfiorano il 100 per cento.
Questi i numeri di una storia infinita, passata attraverso 11 governi, che ai sindaci ha fatto urlare «siete scandalosi» ai dirigenti dell’Anas sempre impassibili. Il tutto per ottenere un risultato concreto, che comunque c’è: evitare i cinque semafori tra Nembro e Albino.
Buongiorno Valle Seriana.
le tappe
2005
Ultimi ritocchi prima dell’inaugurazione ufficiale di oggi della Albino-Cene: i lavori arrivano in porto con 10 anni di ritardo rispetto alle previsioni (foto Quaranta)
.LE REAZIONI.
I sindaci: c’è poco da festeggiare
Non si placano i malumori per i tempi dell’opera. «E aspettiamo l’ultima parte»
VALLE SERIANA «Aprite la strada, senza inaugurazione». Sono più che
d’accordo Piergiacomo Rizzi ed Eugenio Cavagnis, sindaci di Albino (Lega Nord)
e di Nembro (centrosinistra). E non è la prima volta che la superstrada Seriate-Nembro-Cene suscita malumori bipartisan. «Io
ritengo che tutta l’opera
sia stata progettata male
e realizzata peggio – afferma Rizzi –. Mi riferisco soprattutto all’innesto tra la
superstrada e la provinciale 35 tra Nembro e Cene,
che sarà un rischio sia in
entrata, sia in uscita. Ricordo inoltre che venerdì
scorso la valle è rimasta
paralizzata in direzione
Bergamo. Perché? Perché
i signori dell’Anas stavano
riasfaltando le rampe dello svincolo alla Cupola e il
traffico non poteva accedere alla superstrada. Faccio notare che le stesse
rampe erano state completamente rifatte l’anno scorso. Non so, quindi, cosa ci
sia da inaugurare, anche
perché manca ancora il
tratto della galleria di Montenegrone». «Quella strada
Armando Di Landro va aperta e non inaugura-
ta», taglia corto Cavagnis.
Nelle parole dei due sindaci si riassumono anni di
disagi e sulla stessa linea
si pone il primo cittadino
di Scanzorosciate Massimiliano Alborghetti: «Il problema di questi anni è stato
l’assenza di una figura
pubblica dell’Anas che si
assumesse ogni responsabilità sui lavori e i ritardi.
Quindi mi associo ad una
richiesta di apertura senza inaugurazione. Intanto
ricordo che aspettiamo ancora l’apertura della galleria». «Siamo contenti che
la superstrada apra, sebbene sia ancora incompiuta e sebbene l’Anas avesse parlato di inaugurazione il 28 maggio – aggiunge la referente del Comitato superstrada Anna Bonomi –. Detto questo vogliamo ringraziare i residenti
della Valle Seriana per la
grande pazienza dimostrata».
Assente all’inaugurazione, per un viaggio istituzionale, il deputato della
Lega Nord Giacomo
Stucchi, che dal dicembre
2004 al giugno 2006 è stato commissario ordinario
per la superstrada, svol-
Il presidente Bettoni:
un altro tratto
importante
di superstrada viene
aperto. Il prefetto:
un fatto positivo
per tutta la valle
gendo un ruolo di mediazione tra l’Anas e i Comuni. Stucchi esprime «la
massima soddisfazione
per il risultato ottenuto,
anche se in ritardo. Ritengo anche doveroso ringraziare coloro che hanno
contribuito e creduto nella possibilità di poter terminare l’opera, che alcuni
ritenevano un’impresa impossibile. Ora, però, continuerò a prestare la massima attenzione ai lavori
per la galleria di Montenegrone».
«Finalmente la superstrada apre al traffico – dicono i parlamentari dell’Ulivo Giovanni Sanga e Antonio Misiani –. L’impegno
del governo su quell’infrastruttura è stato immediato e concreto: entro pochi
mesi entrerà in funzione
anche la galleria di Montenegrone. L’esperienza ha
però dimostrato, ancora
una volta, che il nostro resta il Paese delle procedure lunghe e indescrivibili:
il sistema deve cambiare».
Mentre la collega Silvana
Mura, dell’Italia dei Valori,
aggiunge che «il governo
ha mantenuto ogni promessa sulla superstrada e
su altre infrastrutture.
Quindi brindiamo».
«Le ultime date indicate
da Anas alla fine sono state mantenute e provo una
moderata soddisfazione –
dice il presidente della Comunità montana di Albino
Bernardo Mignani –. Senza
scusare i ritardi, tra l’altro, bisogna riconoscere
che si è operato su un territorio pieno di interferenze, che non ha reso la vita
facile a nessun cantiere.
Ora aspettiamo la galleria
di Montenegrone e impariamo la lezione: visti i
tempi per le opere pubbliche nessuno può più sottrarsi ad una programmazione amministrativa fortemente lungimirante».
«Sono lieto che la superstrada apra alla circolazione, sarà comunque un fat-
to positivo per tutta la Valle Seriana – spiega il prefetto Cono Federico –. Abbiamo contribuito a stringere i tempi e a rimuovere
diverse interferenze nella
zona: di tutto questo lavoro sono soddisfatto e credo abbia reso possibile l’apertura di oggi».
«Tutti abbiamo auspicato tempi più rapidi, ma
questo è un aspetto che
andrebbe considerato nell’ambito della legislazione
che disciplina le opere
pubbliche – conclude il
presidente della Provincia
Valerio Bettoni –. Prendiamo comunque atto con
soddisfazione che un altro
tratto importante di superstrada viene aperto: sarà
parte di quel sistema tangenziale che interessa la
Valle Seriana e consentirà
di raggiungere anche il casello di Seriate e quindi la
tangenziale Sud sino al casello di Dalmine, per poi risalire verso la Valle Brembana. Più a monte il rondò
di Vertova e la variante di
Clusone consentiranno di
raggiungere l’alta valle dall’A4 in un’ora, senza più
semafori».
A. D. L.
Il 19 luglio, in occasione della visita del ministro Pietro Lunardi, gli
imprenditori della Valle, con una pagina su
L’Eco di Bergamo, lanciano un appello. Il 21
settembre Anas ed ElefGecomar firmano il contratto per l’adeguamento della galleria. I lavori dovrebbero partire a
gennaio 2006. Costo
9,5 milioni di euro, da
ultimare in 480 giorni,
quindi a maggio 2007.
Il 29 settembre, per accelerare i tempi sul lotto unico Nembro-Cene,
Anas fissa ulteriori 10
milioni di euro per Carena-Mambrini. L’obiettivo è chiudere i lavori
entro il 30 aprile 2006,
con la scadenza del 31
gennaio 2006 per il
tratto Nembro-Albino
Cupola. Il 24 ottobre
Anas e Carena-Mambrini valutano gli extracosti sopravvenuti sulla
Nembro-Cene: l’azienda li stima in 29 milioni, quasi il 100% in più.
Anas ne concede 13 e
l’azienda accetta. Ma
ad aprile 2006 bisognerà chiudere i cantieri, in caso di ritardi la
Carena pagherà 5 mila
euro di multa al giorno.
2006
Rispetto alle previsioni
che parlavano di gennaio il tratto NembroAlbino Cupola inizia a
slittare a febbraio. Il
tratto Cupola-Cene passa a giugno. I continui
rinvii porteranno al
2007 per entrambi i
tratti. 16 marzo: Anas
approva il progetto esecutivo per l’adeguamento della galleria di Montenegrone. 20 luglio: il
ministero sblocca 11
milioni di euro che consentono l’apertura del
cantiere per l’adeguamento della galleria. Il
23 novembre l’Anas,
dopo continui slittamenti, ridefinisce le
aperture: primo tratto
Nembro-Cupola di Albino a metà gennaio
2007 (scadenza rispettata), secondo tratto a
marzo 2007 (slittata),
galleria a novembre
2007. È il viadotto tra
Nembro e la Cupola a
far parlare: la magistratura apre un’inchiesta
per frode in pubblica
fornitura. Il sospetto è
che vi sia poco ferro nei
pilastri. L’inchiesta viene archiviata.
2007
Il 12 gennaio apre il
tratto tra Nembro e la
Cupola. 31 marzo: slitta a fine maggio (e ora
al primo giugno) l’apertura tra Albino e Cene.
Fly UP