...

bracciano ricorda - Associazione Nazionale Amici della Scuola di

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

bracciano ricorda - Associazione Nazionale Amici della Scuola di
9 settembre 2013
BRACCIANO RICORDA
Il 67° Anniversario dell’ OLOCAUSTO di alcuni militari, qui caduti per la difesa della Patria.
Essi sono:
-
I l Serg.Magg.
L ’ Artigliere
L ' Artigliere
L ’ Artigliere
Udino
Antoni
Enrico
Candid
BOMBIERI,
MERLO,
LATINI,
ELIA,
anni 28,
anni 22,
anni 23,
anni 30,
MOV, Grazzana (VR)
MBV, Valtorina (VI);
Palombara Sabina (RM);
Corfino (AQ).
I nostri militari, nonostante un susseguirsi di ordini e contrordini, quel 9 settembre si immolarono
nell’intento di bloccare l’avanzata della Divisione Corazzata “Göring”, proveniente da Viterbo,
lungo la Direttrice Manziana – Bracciano – Roma, identificabile oggi come “la Braccianese”,
all’altezza dell’attuale campo sportivo, allora uliveto, del Comune di Bracciano.
L’azione di sbarramento fu condotta, di iniziativa, dal Serg. Udino BOMBIERI insieme al suo
equipaggio, in un contesto in cui prevalse il senso del dovere e del prestato giuramento di fedeltà
alla Patria.
MOTIVAZIONE della Medaglia d’Oro al Valor Militare conferita “alla memoria”:
Serg. Magg. cr. Udino BOMBIERI, Grazzana (VR).
Sergente Maggiore, era capo carro e vice comandante di plotone semoventi del 10° Reggimento
Lancieri "Vittorio Emanuele II". Il giorno dopo l'armistizio, Bombieri si trovava a Bracciano
quando il suo reparto fu attaccato dai tedeschi. Resistette valorosamente e, come ricorda la
motivazione della ricompensa al valore, "... ricevuto l'ordine di abbandonare il proprio semovente
ormai inutilizzato da una perforante germanica, già ferito, ordinava al marconista e al pilota di
lasciare il semovente e rimaneva sotto le raffiche nemiche per inutilizzarlo completamente. Colpito
nuovamente da schegge di granata, non abbandonava il carro, fino a che non era sicuro di lasciarlo
completamente fuori uso nelle mani del nemico. Caduto ferito mortalmente, faceva cenno al proprio
comandante di plotone, che cercava di avvicinarglisi e di portargli soccorso, di non curarsi di lui, di
non esporsi, di tornare al suo plotone in combattimento. Continuava il fuoco con il mitra,
accasciato poco lontano dal proprio carro in fiamme, fino a che non veniva colto alle spalle e ucciso
a revolverate da granatieri germanici".
Bracciano, 9 settembre 1943
ODE scritta da D’ARC., nome in codice di Don Alfredo Reverendo Cesolini, in onore di Udino BOMBIERI
Udino BOMBIERI nasce a Grezzana (VR) e cade in combattimento il 9 settembre 1943 a
Bracciano (ROMA). Alla memoria è stato dato il nome ad una via in Bracciano e ad una Piazza a
Grezzana (Frazione Lugo), suo paese natale.
Con Udino ricordiamo Antonio MERLO che, mentre era in atto lo scontro tra il semovente italiano
ed i panzer tedeschi, entra in combattimento a supporto di Udino Bombieri con una mitragliatrice
contraerea e muore riverso sulla sua arma. La sua arma era dislocata in una stradina incassata
nel terreno, l’attuale Via Isonzo, strada che, risalendo dal centro di Bracciano, costeggia la nuova
Caserma dei Carabinieri sino a incrociarsi con Braccianese Claudia.
Il Caporale Antonio MERLO nasce a Valtorina (VI)
MOTIVAZIONE della MEDAGLIA di Bronzo al Valor Militare “alla memoria”:
Caporale, 52° Reggimento Artiglieria da Fortezza
Per impedire che pattuglie nemiche procedessero contro la posizione da lui occupata, raggiungeva una
mitragliatrice in postazione contraerea, violentemente battuta, e la metteva in azione contro i tedeschi.
Colpito a morte cadeva riverso sull’arma nell’adempimento di un compito volontariamente assunto.
Bell’esempio di valore e di attaccamento al dovere.
Bracciano, Cascina dei Popoli, 9 settembre 1943
RICORDIAMO anche gli artiglieri Enrico LATINI e Candido ELIA, vittime della furia tedesca.:
L’artigliere Enrico LATINI, Palombara Sabina (ROMA)
L’Artigliere Candido ELIA, Corfino (AQ).
Fly UP