...

Buon funzionamento della scuola - IC4

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Buon funzionamento della scuola - IC4
Regole generali per il buon funzionamento della Scuola.
La presente comunicazione costituisce una sorta di “Guida per il personale docente”. Essa raccoglie
un insieme di informazioni relative al servizio e ai rapporti con le varie componenti che è opportuno
conoscere per mantenere relazioni di armonia con tutto l’ambiente scolastico.
Nell’ottica del miglioramento, i docenti sono invitati a segnalare correzioni e integrazioni da portare
al presente vademecum anche per i prossimi anni scolastici.
Buon lavoro a Tutti!
1. CALENDARIO SCOLASTICO 2013-2014
Inizio attività didattica: 16 settembre 2013 (lunedì).
Fine primo quadrimestre: 31 gennaio 2014.
Fine attività didattica: 6 giugno 2014 (venerdì) per la scuola primaria;
7 giugno 2014 (sabato) per la scuola secondaria di primo grado;
30 giugno per la scuola dell’infanzia.
Festività di rilevanza nazionale:
- 1 novembre, festa di Tutti i Santi
- 8 dicembre, Immacolata Concezione
- 25 dicembre, S. Natale
- 26 dicembre, S. Stefano
- 1 gennaio, Capodanno
- 6 gennaio, Epifania
- Lunedì dell’Angelo
- 25 aprile, anniversario della Liberazione
- 1 maggio, festa del Lavoro
- 2 giugno, festa nazionale della Repubblica
- la festa del Santo Patrono
Sospensione delle lezioni:
- 2 novembre, commemorazione dei defunti
- Vacanze natalizie: dal 24 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014
- Vacanze pasquali: dal 17 al 22 aprile 2014
-26 aprile: ponte del 25 aprile
Chiusure prefestive per l’a.s. 2013/2014
CHIUSURE ISTITUTO E PREFESTIVI a.s. 2013/14
Data
Giorno
02/11/13
Sabato
24/12/13
Martedi
28/12/13
Sabato
31/12/13
Martedi
02/01/14
Giovedi
04/01/14
Sabato
18/04/14
Venerdi
19/04/14
Sabato
22/04/14
Martedi
26/04/13
Sabato
05/07/14
Sabato
12/07/14
Sabato
19/07/14
Sabato
26/07/14
Sabato
02/08/14
Sabato
09/08/14
Sabato
11/08/14
Lunedi
1
12/08/14
14/08/14
16/08/14
23/08/14
Martedi
Giovedi
Sabato
Sabato
2. REGISTRO ELETTRONICO
In ogni classe è presente un tablet, notebook o PC che funge da registro elettronico per la classe. Dal
corrente a.s. non saranno più utilizzati i registri cartacei quali Agenda della programmazione e Registro
personale. Solo il Registro di classe per riportare assenze e altro sarà ancora disponibile.
Il registro elettronico deve essere aggiornato in modo continuo dal docente con assenze, giustificazioni,
argomenti svolti, valutazioni, compiti assegnati, comunicazioni, eventi programmati per la classe con le
modalità descritte nell’apposito fascicolo.
Al registro elettronico è possibile accedere da qualunque postazione anche fuori dall’orario di lezione.
Per qualunque chiarimento sull’uso del registro elettronico o per segnalare anomalie di funzionamento
chiedere ai referenti di plesso per le tecnologie ed evitare di rivolgersi direttamente alla segreteria.
Poiché la maggior parte delle comunicazioni, progressivamente, avverranno attraverso la posta elettronica,
si invitano i docenti a comunicare il proprio indirizzo email in segreteria.
3. RAPPORTI CON LA SEGRETERIA
La segreteria riceverà docenti e genitori nei seguenti orari :
dalle 8.00 alle 9.00
dal lunedì al sabato
dalle 12.00 alle 13.00
dal lunedì al sabato
dalle 15.00 alle 17.00
il martedì
Si invitano i docenti a rispettare il più possibile questi orari.
Rivolgersi a:
Ufficio didattica e
protocollo
AA Tonino Tomaiuolo
AA Elvira Guglielmaci
per questioni relative a didattica,
studenti, contatti con le famiglie,
infortuni, scioperi e assemblee, corsi
formazione.
Ufficio Personale e
Contabilità
AA Mirella Garibaldi
AA Antonietta Masulli
per questioni relative alla gestione del
personale, liquidazione competenze
fondamentali e accessorie.
Ufficio Finanza e
Patrimonio
AA Stefania De Lillo
per questioni relative alla gestione dei
progetti, viaggi d’istruzione, acquisti.
Per comunicazioni al Dirigente e al Direttore SGA è preferibile concordare un appuntamento richiedendolo
in portineria oppure utilizzare la posta elettronica:
[email protected]
[email protected]
4. COMUNICAZIONI E REGOLE GENERALI
Le comunicazioni di servizio, dirette per competenza o per conoscenza al personale docente, sono inserite
in un raccoglitore “Registro Circolari” consultabile in sala insegnanti o sul sito dell’Istituto (al momento si
sta provvedendo a implementare il sito con tutte le funzionalità del caso). Deve essere cura e
responsabilità di ognuno tenersi aggiornato sulle direttive interne e firmarle per presa visione.
2
Comunicazioni dirette a singoli docenti, riservate o urgenti, saranno fatte direttamente agli interessati
utilizzando prioritariamente l’indirizzo mail fornito alla segreteria. I docenti sono pregati di controllare
costantemente la loro posta elettronica.
Tutti i docenti sono tenuti a conoscere e rispettare la normativa vigente che regola la propria attività in
classe e i rapporti con l’Amministrazione scolastica, le norme e i regolamenti interni e le decisioni collegiali.
Il regolamento d’istituto è presente sul sito internet alla voce REGOLAMENTI.
Per le riunioni da effettuare presso il plesso Valsalva sono da preferire i giorni di martedì, mercoledì e
giovedì, giorni in cui la scuola resterà aperta fino alle ore 17.30.
5. PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE
Tutti i docenti sono tenuti a partecipare agli incontri stabiliti annualmente per impostare la progettazione
didattica individuale e dipartimentale. Ogni insegnante, entro la data stabilita, dovrà consegnare la
programmazione personale, definita per ciascuna classe, per ciascuna materia e per gli alunni con
programmazione differenziata. Essa dovrà essere impostata nel rispetto delle Nuove indicazioni Nazionali
per il primo ciclo, del Piano dell’Offerta Formativa e dei Curricoli di Istituto, nonché con le decisioni assunte
in sede di coordinamento e in linea con la progettazione di classe proposta dal coordinatore di classe e
approvata nel primo CdC o durante la programmazione (per la scuola primaria e dell’infanzia). Le
progettazioni personali in PDF devono essere consegnate al referente di plesso entro il Collegio docenti
convocato per l’approvazione del Piano dell’Offerta Formativa. Il referente di plesso le consegnerà al
Dirigente Scolastico. Una copia di esse vanno allegate al proprio registro personale/verbali del CdC.
La presenza nella classe di alunni che si trovino in particolari condizioni di difficoltà (stranieri con scarsa
conoscenza della lingua, studenti con certificazione 104/92, con segnalazione DSA e più in generale con
bisogni educativi speciali) richiede l’elaborazione di una specifica progettazione e, conseguentemente, di
appositi criteri di valutazione (PDP). E’ evidente che i riferimenti a questi casi dovranno essere fatti con la
dovuta discrezione e nel rispetto delle norme sulla privacy. I PDP predisposti vanno concordati e sottoscritti
con la famiglia dell’alunno possibilmente entro la data di approvazione del POF. Il documento sarà
conservato a cura dei docenti di classe/coordinatore C.d.C.
Alla fine dell’anno scolastico:
- ogni insegnante della scuola secondaria di primo grado dovrà consegnare in segreteria la relazione
sulla programmazione svolta in ciascuna classe (PDF);
- ogni insegnante di scuola primaria dovrà consegnare in segreteria l’Agenda della programmazione
di classe e del giornale dell’insegnante in PDF.
6. RESPONSABILITÀ DI VIGILANZA
Si ricorda che l’obbligo di sorveglianza attiene alla specificità della funzione docente; pertanto deve essere
svolto con cura, diligenza e puntualità.
Per assicurare l’accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe/nel
plesso qualche minuto prima dell’inizio delle lezioni e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi subito
dopo il suono della campanella. I trasferimenti durante i cambi d’ora devono essere il più possibile veloci.
Non è inoltre consentito espellere dalla classe alunni per ragioni disciplinari a meno di esplicita
autorizzazione del D.S.
I docenti sono tenuti a presenziare - esercitando fattivamente la sorveglianza - a tutte le attività, curricolari
e non curricolari, a cui partecipano gli alunni delle classi affidate e che si svolgono durante il loro orario di
lezione. Gli insegnanti che, nelle proprie ore a disposizione, sostituiscono colleghi assenti a qualunque
titolo, sono tenuti a impiegare il tempo di supplenza in modo costruttivo.
In caso di ritardo del collega che deve dare il cambio, il docente dell’ora precedente non può allontanarsi
dalla classe fino al sopraggiungere del collega in ritardo. Si può ricorrere alla sorveglianza dei collaboratori
scolastici solo in casi eccezionali e comunicandolo in segreteria tempestivamente.
7. COMPORTAMENTO E DISCIPLINA DEGLI ALUNNI
Ai docenti compete la responsabilità di far rispettare agli alunni tutte le norme di comportamento stabilite
3
dal regolamento generale di Istituto, dai vari regolamenti (scaricabili dal sito) e da deliberazioni collegiali.
Ogni docente deve concepire la disciplina dei propri alunni come un riflesso strettamente collegato al
personale stile di insegnamento e come parte inscindibile della propria attività; esso non può essere
delegato ad altri colleghi o a figure esterne all’insegnamento attivo.
Tutti i docenti, e in particolare quelli di materie per le quali sono previste esercitazioni pratiche di
laboratorio o di palestra, devono prendersi cura della sicurezza propria e degli studenti, osservando le
prescrizioni vigenti in materia di prevenzione degli infortuni, utilizzando correttamente le attrezzature e i
dispositivi di protezione nonché indicando agli studenti tutte le precauzioni necessarie e vigilando perché
esse siano costantemente rispettate. Eventuali carenze riscontrate nell’affidabilità degli impianti e delle
attrezzature dovranno essere immediatamente segnalate per iscritto al Responsabile per la sicurezza
d’istituto. Il personale docente è tenuto a partecipare alle eventuali iniziative di formazione in servizio in
tema di sicurezza. Tutti i docenti sono altresì tenuti a collaborare e a partecipare responsabilmente alle
periodiche esercitazioni di evacuazione rapida dell’edificio.
Nei casi di gravi infrazioni alle regole di disciplina (scuola secondaria di primo grado), dovrà essere richiesta
la convocazione di un consiglio di classe straordinario per mettere a punto uno specifico programma di
interventi e per valutare l’opportunità di applicare eventuali sanzioni disciplinari. Tutti i provvedimenti
sanzionatori devono essere proposti e adottati nell’osservanza delle specifiche disposizioni regolamentari.
Pertanto devono essere applicati i principi della gradualità e della personalizzazione delle sanzioni. In ogni
caso il fine non può essere punitivo, ma educativo – formativo.
Si ritiene importante sottolineare inoltre che sanzioni quali le “note” sul registro di classe non devono
essere generiche e riferite a tutta la classe. È sempre opportuno utilizzare questo tipo di sanzione quando si
è certi di poter individuare l’alunno o gli alunni che hanno avuto un comportamento non consono e
rispettoso del Regolamento.
E’ evidente che la prima forma di indirizzo agli studenti è l’esempio del rispetto delle regole da parte degli
insegnanti.
8. ASSENZE E PERMESSI DEGLI ALUNNI
I docenti sono responsabili dell’esatta registrazione delle assenze degli alunni sul registro elettronico e della
giustificazione delle stesse.
I docenti in servizio alla prima ora di lezione sono delegati alla ricezione delle giustificazioni degli alunni, nel
rispetto delle procedure previste.
I docenti hanno il dovere di intervenire nelle forme più efficaci per scoraggiare le assenze degli alunni e
l’abbandono della frequenza. In particolare i coordinatori di classe sono chiamati ad un controllo frequente
della situazione di assenze e ritardi e delle giustificazione degli stessi, segnalando tempestivamente al D.S.
particolari situazioni.
La normativa vigente ed in particolare il comma 7 dell'art.14 del DPR n.122 del 22/06/2009 e la CM n.20 del
4/03/2011, stabilisce che "ai fini della validità dell'anno scolastico per procedere alla valutazione finale di
ciascuno studente, è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale personalizzato". Il
collegio Docenti ha stabilito i seguenti motivi eccezionali che possono rientrare nei casi di deroga al monte
ore annuale di presenza, sempreché tali assenze non pregiudichino la possibilità di procedere alla
valutazione degli alunni interessati:
- gravi motivi di salute adeguatamente motivati;
- terapie e/o cure programmate;
- partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da Federazioni riconosciute dal CONI;
- gravi motivi personali e/o familiari esplicitati o documentati anche in forma riservata e valutati dal
CdC.
9. VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI
4
E’ nota a tutti la natura delicatissima delle operazioni di valutazione, sottoposte inevitabilmente ad una
serie insuperabile di elementi soggettivi che possono costituire causa di incomprensione tra docenti,
famiglie ed alunni. La valutazione degli studenti sia quindi all’insegna della correttezza e della trasparenza.
La valutazione del processo formativo risponde alla finalità di far conoscere:
- all’alunno, in ogni momento, la sua posizione nei confronti degli obiettivi prefissati;
- ai docenti l’efficacia delle strategie adottate per eventualmente adeguare le metodologie di
insegnamento;
- alla famiglia per certificare i livelli conseguiti in funzione di abilità, conoscenze, atteggiamenti.
Quindi la valutazione degli alunni, se da un lato, è il risultato di opportune prove di controllo/verifica
effettuate nell’ambito degli specifici settori di apprendimento ed è strettamente collegata alla
programmazione educativa e didattica fatta per la classe e/o per il singolo alunno. Dall’altro lato, risulta
evidente che la valutazione non può essere semplicemente la “misurazione” dell’acquisizione di
conoscenze e abilità, ma deve essere il frutto di una riflessione sullo sviluppo delle competenze di ciascun
alunno, prendendo atto, per ciascuno, del punto di partenza e degli obiettivi prefissati in relazione ai punti
di forza e di criticità, in in’ottica formativa.
In particolare per quanto riguarda la scuola secondaria di primo grado, è importante sottolineare che i voti
e i giudizi, con le relative motivazioni, assegnati agli elaborati e alle interrogazioni, dovranno essere sempre
comunicati prontamente agli alunni e annotati sul registro elettronico/quaderno. Per ogni quadrimestre
deve essere attuato un adeguato numero di accertamenti scritti, pratici, orali singolarmente classificati e
consegnati, dopo la visione agli studenti, alla segreteria per l’archiviazione.
Gli elaborati scritti devono essere corretti, valutati e ripresentati agli studenti in tempi brevi, possibilmente
non oltre i 10 giorni.
Agli alunni deve essere sempre data possibilità di ottenere informazioni sugli errori compiuti e di conoscere
lo svolgimento esatto del compito assegnato. Agli alunni deve essere fatta acquistare la consapevolezza del
loro reale stato di apprendimento nelle varie discipline, non solo in forma globale, ma il più possibile riferito
ai singoli aspetti in cui si può scomporre la conoscenza di un argomento, e ciò al fine di renderli attivamente
partecipi al processo didattico, secondo i principi della “valutazione formativa“.
Al termine di ogni quadrimestre, con alcuni giorni di anticipo sullo scrutinio, ogni insegnante dovrà inserire
nel programma utilizzato i voti proposti per la valutazione quadrimestrale e finale. Docente e insegnante di
sostegno dovranno concordare valutazioni che tengano conto di tutte le competenze sviluppate e richieste
dal PEI.
E’ importante che il personale docente che si trova nelle condizioni di un rapporto non continuativo con
l’Istituto (incaricati, supplenti…) si attenga scrupolosamente a queste disposizioni.
10. COLLOQUI CON I GENITORI
L’Istituto prevede varie forme di comunicazioni con le famiglie:
 i colloqui individuali;
 le assemblee di classe;
 colloqui concordati ad hoc in base alle esigenze.
I colloqui "generali" con i genitori rappresentano un momento fondamentale per ogni docente,
un'opportunità importante legata non solo alla comunicazione ai genitori dei vari aspetti legati
all'esperienza scolastica dei loro figli, ma anche l'occasione in cui emergono le dinamiche emotive,
psicologiche ed educative che regnano in un contesto così complesso e articolato, qual é la famiglia.
L'obiettivo principale del confronto tra docenti e genitori è quello di stabilire una collaborazione
permanente, capace di sostenere i ragazzi nel loro percorso di crescita personale e culturale.
Per riuscire in questo obiettivo si consiglia di partire sempre dall'evidenziare le cose in positivo, passando
poi ad affrontare le criticità, le cose da migliorare sulla quale scuola e famiglia possono collaborare al fine di
aiutare l'alunno a superare i gradini di difficoltà, ad esempio stimolare il lavoro a casa, l'utilizzo adeguato
dei materiali o aiutare lo studente a gestire i conflitti con i compagni; infine le materie che predilige, che
possono essere un utile spunto per iniziare a comprendere quali sono le inclinazioni personali, i gusti e le
5
passioni, anche in funzione della costruzione di un consiglio orientativo che trovi le sue radici già nella
scuola primaria.
Per quanto riguarda i docenti della scuola secondaria di primo grado, si ricorda che ogni insegnante
indicherà nell’orario definitivo un’ora settimanale dedicata al ricevimento dei genitori. Ogni docente ha la
responsabilità di segnalare eventuali variazioni dell’orario stabilito alla segreteria didattica e direttamente
alle classi, facendole riportare sul libretto personale degli studenti.
Durante l’intero orario di ricevimento dei genitori, i docenti devono rimanere reperibili in sala insegnanti o
segnalare ai collaboratori la loro posizione nell’istituto.
11. ORARIO DI SERVIZIO
Ogni insegnante è tenuto a prestare servizio in attività di insegnamento, in attività connesse con la funzione
docente, secondo le modalità stabilite dal Collegio dei Docenti. Si ricorda che il servizio non può essere
abbandonato se non per urgenti e gravissimi motivi e previa comunicazione in direzione. Si rammenta che
in base all’obbligo di vigilanza che impegna tutti i docenti, non si può lasciare la classe se non prima
dell’arrivo del collega dell’ora successiva. In nessun caso è consentito abbandonare il servizio anche in
presenza di disponibilità di altri docenti a sorvegliare la scolaresca di chi si assenta, in assenza di
autorizzazione della Direzione. Qualora si rendesse necessario abbandonare il servizio per gravi e urgenti
motivi di cui sopra, si garantirà la vigilanza degli alunni suddividendoli fra le altre classi o affidandoli a
colleghi che hanno disponibilità oraria. Al cambio dell’ora, dunque, è richiesta la massima puntualità.
12. ASSENZE PERSONALE DOCENTE
Si rimanda alle indicazioni contenute nel CCNL.
In coincidenza di assenze per malattia, ferie o altro, possono pervenire alla scuola notizie, comunicazioni,
scadenze di notevole interesse per i docenti assenti. E' nel loro interesse segnalare alla scuola, in dette
circostanze, un recapito telefonico o di posta elettronica che consenta di pervenire ad una puntuale
comunicazione. In mancanza di questa segnalazione, le comunicazioni saranno trasmesse al normale
domicilio del docente, non assumendosi la scuola alcuna responsabilità in ordine all'urgenza e scadenza
delle notizie trasmesse dopo averle notificate all'Albo della scuola.
13.DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI SCOLASTICI
La scuola è impegnata a far sì che gli allievi acquisiscano comportamenti e stili di vita maturi e responsabili,
finalizzati al benessere e improntati al rispetto della qualità della vita, dell’educazione alla convivenza civile
e alla legalità.
Pertanto si prefigge di:
- prevenire l’abitudine al fumo;
- incoraggiare i fumatori a smettere di fumare o almeno a ridurre il numero giornaliero delle
sigarette;
garantire un ambiente di lavoro salubre, conformemente alle norme vigenti in materia di sicurezza
sul lavoro;
- proteggere i non fumatori dai danni del fumo passivo;
- promuovere iniziative informative/educative sul tema;
- favorire la collaborazione sinergica con le famiglie e il territorio, condividendo con genitori ed
istituzioni obiettivi, strategie e azioni di informazione e sensibilizzazione;
- fare della scuola un ambiente “sano”, basato sul rispetto della persona e della legalità e che faciliti
negli allievi scelte consapevoli orientate alla salute propria ed altrui
Il Decreto Legge 12 settembre 2013, n. 104, Misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (GU
Serie Generale n.214 del 12-9-2013) entrato in vigore il 12/09/2013 stabilisce testualmente:
Art. 4 (Tutela della salute nelle scuole)
6
1. All'articolo 51 della legge 16 gennaio 2003. n. 3, dopo il comma 1 e' inserito il seguente: "1-bis. Il divieto
di cui al comma 1 (n.d.r. divieto di fumo) e' esteso anche alle aree all'aperto di pertinenza delle istituzioni
scolastiche statali e paritarie".
I successivi commi 2, 3 e 4 introducono il divieto di utilizzare sigarette elettroniche, stabilendo conseguenti
sanzioni nell’ipotesi di violazione del divieto.
È stabilito, dunque, il divieto di fumo in tutti i locali dell’edificio scolastico e nelle aree all’aperto di
pertinenza dell’istituto, anche durante l’intervallo e le riunioni pomeridiane.
Tutti coloro (studenti, docenti, personale Ata, esperti esterni, genitori, chiunque sia occasionalmente
presente nei locali dell’Istituto) che non osservino il divieto di fumo nei locali dove è vietato fumare
saranno sanzionati col pagamento di multe, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Per gli alunni
sorpresi a fumare a scuola, si procederà a notificare immediatamente ai genitori l’infrazione della norma.
I dipendenti della scuola che non osservino il divieto nei locali dove è vietato fumare, in aggiunta alle
sanzioni pecuniarie previste, possono essere sottoposti a procedimento disciplinare.
14. DIVIETO DI UTILIZZO DEL TELEFONO CELLULARE DURANTE L’ORARIO DI SERVIZIO
Si richiama apposita Circolare Ministeriale (15/03/2007) sull’argomento, con l’invito a rispettarne le
indicazioni da parte sia dei docenti, sia dei collaboratori scolastici.
Si invitano inoltre i docenti a far rispettare il divieto di utilizzo del telefono cellulare da parte degli alunni,
applicando, se necessario, le sanzioni previste dal Regolamento di Istituto.
15. SOSTITUZIONE DEI COLLEGHI ASSENTI
La comunicazione ai docenti della necessità di effettuare sostituzioni avviene attraverso l’accordo con i
rispettivi referenti di plesso.
Se l’assenza è programmata per tempo (nel caso di ferie, permessi, impegni per la scuola conosciuti in
anticipo), si cerca di comunicare la supplenza al docente individuato per la sostituzione almeno il giorno
precedente alla stessa per rendere possibile un’adeguata programmazione delle attività da svolgere.
Altrimenti la comunicazione è fatta a ridosso dell’ora di supplenza da svolgere.
Se possibile, i docenti sono invitati a comunicare agli studenti la supplenza programmata invitandoli a
portare con loro il materiale didattico necessario.
Se in orario è prevista la compresenza di due docenti (esempio docente di IRC + docente di Attività
alternativa), il docente presente provvederà alla copertura del collega assente.
Tutti i docenti sono invitati ad utilizzare le ore di supplenza per svolgere attività didattica di recupero o
approfondimento garantendo un’attenta sorveglianza degli alunni.
16. INFORMAZIONE SUL REGOLAMENTO DI ISTITUTO E SUL PATTO DI CORRESPONSABILITA’
Si invitano i docenti a dare lettura agli alunni del Regolamento di Istituto e del Patto di
corresponsabilità(commentandoli in classe e favorendo la riflessione su di essi), per quanto attiene
specificatamente il comportamento richiesto, facendo di questa situazione una valida opportunità di
confronto sul piano educativo.
Per quanto attiene alle sanzioni, si rimanda a quanto previsto dal regolamento di Istituto. I Docenti
della Scuola Secondaria sono sempre tenuti, qualora il comportamento non adeguato degli alunni
richieda una annotazione sul registro di classe, ad informare le famiglie mediante comunicazione sul
diario o sul registro elettronico appena questa funzione sarà attiva.
17. NORMATIVA SULLA SICUREZZA
Le misure di prevenzione e protezione previste dalla normativa sulla sicurezza nella scuola sono finalizzate
al miglioramento delle condizioni di sicurezza e della salute delle persone presenti all’interno dell’edificio
scolastico: docenti, non docenti e studenti. Tutte queste figure devono partecipare attivamente alla
realizzazione di un sistema di sicurezza che garantisca l’incolumità delle persone e un comfort più sicuro e
utile.
7
Le leggi e le normative di sicurezza da applicare nei luoghi di lavoro e negli edifici scolastici sono numerose,
le più importanti sono le seguenti:
- DECRETO 26 AGOSTO 1992: vengono fissati i parametri sia tecnici sia organizzativi per la sicurezza
negli edifici scolastici. Oltre alle indicazioni progettuali, vengono fornite indicazioni in merito alla
gestione della sicurezza stessa: così ad esempio, nelle scuole di qualsiasi ordine e grado, devono
essere effettuate delle PROVE DI EVACUAZIONE almeno due volte l’anno per verificare l’efficacia
dei piani di evacuazione e deve essere messa in atto una GESTIONE DEI CONTROLLI ANTINCENDIO
(estintori, uscite di sicurezza, illuminazione di emergenza, etc.).
- T.U.81/2008: è la legge fondamentale in materia di sicurezza per qualsiasi ambiente di lavoro
(aziende, amministrazioni pubbliche, scuole, etc.). E’ il recepimento di una serie di direttive
comunitarie e detta regole per l’organizzazione e la gestione della sicurezza: in particolare vengono
individuate le figure responsabili all’interno del luogo di lavoro, i loro compiti e realizzazione di un
ambiente più sicuro e salubre. Vengono fissati inoltre gli obblighi, le responsabilità e le eventuali
sanzioni a carico delle figure previste per l’attuazione delle norme di sicurezza: il datore di lavoro, il
responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP), il medico competente (solo nelle
attività dove gli addetti necessitano di una periodica sorveglianza sanitaria), il rappresentante dei
lavoratori per la sicurezza (eletto dai lavoratori), le squadre di emergenza (antincendio e primo
soccorso) e i lavoratori. L’obbligo primo e fondamentale del datore di lavoro è l’elaborazione del
DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, in cui devono essere esaminati tutti i rischi per le
persone, le misure di prevenzione e protezione che si intendono attuare e i tempi di tale
attuazione.
- DM 10 MARZO 1998: Questo decreto è una applicazione approfondita del D.Lgs. 626/94 in materia
di antincendio. Tutte le aziende devono elaborare una VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INCENDIO
tenendo conto delle sostanze combustibili presenti, delle possibili fonti di innesco, e delle persone
esposte al rischio. Da tale valutazione scaturiscono una serie di obblighi e restrizioni finalizzate alla
prevenzione incendi e alla gestione di una possibile emergenza.
17.1 Partecipazione alla sicurezza
In tutte le norme in materia di sicurezza, ed in particolare in quelle più recenti, viene sottolineata
l’importanza della partecipazione di tutte le figure coinvolte alla sicurezza perché tutti, qualsiasi ordine e
mansione svolgano, sono tenuti, nei limiti delle loro possibilità e delle informazioni ricevute, a contribuire
all’attuazione delle norme di sicurezza.
I docenti e i non docenti devono:
- PRENDERE VISIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI presenti in ciascun plesso;
- TRASMETTERE AGLI STUDENTI le informazioni riguardanti la sicurezza sia spiegando direttamente le
norme tecniche e comportamentali più importanti, sia dando l’esempio in prima persona di un
corretto atteggiamento all’interno dell’edificio scolastico;
- partecipare attivamente alle PROVE DI EVACUAZIONE che, dovendo essere fatte a sorpresa,
possono in certi casi anche coincidere con interrogazioni, compiti in classe o altre attività;
- comunicare ai responsabili (dirigente, responsabile della sicurezza, etc.) eventuali INADEGUATEZZE
di cui si viene a conoscenza ruoli e l’importanza della partecipazione di tutti alla (impianti elettrici
non a norma, danneggiamenti ad impianti, etc.);
- METTERSI A DISPOSIZIONE per il coinvolgimento ad attività connesse con l’organizzazione e la
gestione della sicurezza (squadre di emergenza, incontri formativi, etc.);
- NON FUMARE all’interno della scuola e all’esterno.
L'omessa denuncia o rilevazione di evidenti fonti di pericolo rende l'insegnante direttamente responsabile
di eventuali incidenti ai bambini conseguenti alla presenza di dette fonti.
Non è ammessa, dalla Legge, ignoranza delle più comuni nozioni sulle tipologie dei mezzi usati dagli
insegnanti (sussidi elettrici) o sulla presenza di situazioni di pericolo (prese della corrente rotte, vetri
infranti, corpi contundenti, scale pericolanti...).
Si coglie l'occasione per raccomandare la massima cautela nei momenti di gioco; in particolare si prega di
8
evitare le corse all'interno di spazi inidonei, l'uso di attrezzature (anche in cortile), senza la presenza
dell'insegnante e giochi violenti.
Si rammenta inoltre che, qualora l'insegnante fosse costretto ad allontanarsi dalla classe per motivi di
urgente necessità, deve ricorrere all'aiuto del personale ausiliario, il quale, a sua volta, dovrà dare la
precedenza assoluta alle attività di vigilanza degli alunni su ogni altra mansione. Solo nel caso in cui tutto il
personale ausiliario sia già impegnato in attività di vigilanza, si può ricorrere all'aiuto dei colleghi, anche
mediante suddivisione della classe.
Al personale ausiliario spetterà la custodia delle porte e la dovuta vigilanza, per evitare che gli alunni si
allontanino senza permesso e che entrino persone non autorizzate. In ogni caso l'allontanamento di un
alunno chiama in causa principalmente la responsabilità dell'insegnante a cui è affidato.
I genitori non possono accedere alle aule se non per straordinarie esigenze e sempre accompagnati dal
personale scolastico.
Durante le ore di lezione e nel corso dell’intervallo, i docenti sono tenuti a regolamentare l’accesso ai bagni
da parte degli alunni, assicurandosi che esso avvenga sotto la sorveglianza dei collaboratori scolastici.
Per quanto concerne gli infortuni che si dovessero verificare nel corso delle attività didattiche, va fatta
apposita denuncia entro 2 gg. dall’infortunio con la descrizione sintetica dell’accaduto da parte del docente
presente, in base al quale l’ufficio di segreteria darà lo scarico all’Assicurazione. Si consiglia di effettuare la
segnalazione ogni qualvolta l’alunno abbia riportato lesioni anche lievi o abbia subito danni coperti da
polizza assicurativa.
Qualora l’incidente accada durante le attività di pre-scuola e di laboratori integrativi pomeridiani, la
denuncia va effettuata dal personale educativo presente.
Gli studenti , per la loro sicurezza, devono:
- OSSERVARE SEMPRE all’interno della scuola le indicazioni, le regole e i comportamenti richiesti
dalla direzione scolastica, dai docenti e non docenti e comunque riconducibili alla BUONA
EDUCAZIONE, al RISPETTO DI TUTTI e ad una SERIA E MATURA COLLABORAZIONE;
- NON FUMARE all’interno della scuola e all’esterno;
- SEGNALARE ai docenti o ai collaboratori le situazioni di pericolo di cui vengono a conoscenza;
- NON UTILIZZARE ATTREZZATURE E/O IMPIANTI senza specifica autorizzazione e comunque solo in
presenza di docenti e/o tecnici (attrezzature di laboratorio, fotocopiatrici, ecc.);
- IN CASO DI EMERGENZA, cercare di MANTENERE LA CALMA e seguire i PERCORSI PREFISSATI
(segnalati nelle planimetrie ed evidenziati dalla cartellonistica);
- durante il tragitto NON CORRERE e mantenere l’ordine seguendo le indicazioni dell’ insegnante;
- NON TORNARE MAI INDIETRO per alcun motivo;
- non utilizzare LE ATTREZZATURE ANTINCENDIO (estintori, idranti, pulsanti antincendio,ecc.);
- nel LUOGO DI RADUNO (cortile esterno) rimanere tranquilli, attendendo istruzione da parte dei
Responsabili.
Gli studenti che al momento dell’allarme dovessero trovarsi fuori dalla propria aula dovranno:
- se vicini, tornare subito in aula e procedere all’evacuazione con la propria classe;
- se lontani (ad esempio se si è scesi ad un piano inferiore) non risalire mai le scale, seguire la
cartellonistica di emergenza, raggiungere il luogo di raduno e riunirsi alla propria classe.
17.2 Procedure operative del piano di evacuazione
La corretta esecuzione di un Piano di Evacuazione avviene se vengono rispettate delle precise procedure
operative. Il personale scolastico deve rispettare l'esatta osservanza di tutte le disposizioni riguardanti la
sicurezza, ricordando che tutti gli operatori sono al servizio degli studenti per salvaguardarne l'incolumità.
All'interno dell'edificio scolastico tutto il personale docente, non docente e gli studenti dovranno
comportarsi ed operare per garantire a se stessi ed agli altri un sicuro sfollamento in caso di emergenza. Per
raggiungere tale scopo oltre agli incarichi assegnati, ognuno dovrà seguire determinate procedure.
9
17.3 Procedure per i docenti
All'insorgere di un qualsiasi pericolo ovvero appena se ne è venuti a conoscenza chi lo ha rilevato deve
adoperarsi da solo o in collaborazione con altre persone per la sua eliminazione. Nel caso non sia possibile,
bisogna dare immediata informazione al preposto per la Sicurezza (referente di plesso e/o referente per la
sicurezza) o al Dirigente o al suo sostituto, che valutata l'entità del pericolo deciderà di emanare l'ordine di
evacuazione dell'edificio. L'ordine di evacuazione dell'edificio sarà diffuso attraverso un segnale acustico, il
cui suono sarà ripetuto 3 volte.
In caso di emergenza:
- Informare gli studenti della necessità di una disciplinata osservanza delle procedure indicate nel
piano alfine di assicurare la loro incolumità in caso di rischio reale.
- Controllare che gli studenti apri-fila e chiudi-fila eseguano correttamente il loro compito.
- Dopo il segnale di emergenza gli studenti apri-fila guideranno i propri compagni, seguiti dagli
studenti chiudi-fila, nelle rispettive zone di sicurezza.
- Portare con sè, in caso di evacuazione, il registro e il tablet per effettuare un controllo delle
presenze ad evacuazione avvenuta.
- Ad evacuazione compiuta compilare il modulo di evacuazione, presente in ciascuna classe.
18. SOMMINISTRAZIONE FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO – DIETE SPECIALI
Si fa riferimento al Protocollo e alle Direttive dell’ Azienda AUSL, già messo alla firma e presente sul sito
della scuola, in merito alla somministrazione dei farmaci in orario scolastico e a tutti gli altri provvedimenti
da adottare in materia di sanità e igiene. Nel protocollo sono previste le procedure necessarie. Si consiglia
comunque, per casi urgenti, di rivolgersi al Pronto intervento. Qualora l’alunno debba essere
accompagnato al Pronto Soccorso, in caso non sia raggiungibile in tempi brevissimi il genitore che
accompagni il figlio in ambulanza, sarà l’insegnante di classe ad accompagnare il bambino infortunato,
affidando la classe ad un collega o al personale ausiliario ed avvertendo l’ufficio di segreteria.
La richiesta di diete speciali necessarie per motivi di salute deve essere rilasciata dal pediatra o medico di
base, mentre l’eventuale richiesta per motivi religiosi non deve essere certificata dal medico. La richiesta
deve pervenire al più presto all’Ufficio di Segreteria che ne darà comunicazione all’E.L.
19. DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER IL PERSONALE DOCENTE PRESENTE CON CONTRATTO A T.D.
I docenti presenti nell’Istituto in condizioni di rapporto non continuativo (incaricati, supplenti…) oltre ad
attenersi alle disposizioni del successivo punto, avranno cura di mantenersi sempre informati relativamente
alle disposizioni in atto nell’Istituto e alle modalità di accesso alle informazioni di servizi. Agli stessi docenti
è richiesto di fare riferimento, per qualsiasi problema che riguardi la conduzione della classe, la relazione
con le famiglie, ecc. ai colleghi che mantengono un rapporto “stabile” di presenza nell’Istituto, e in
particolare ai referenti di plesso, ai coordinatori dei Consigli o dei team. A tutti questi docenti è pertanto
richiesta un’azione di consulenza-tutoraggio nei confronti di incaricati-supplenti.
20. NORME GENERALI SUL COMPORTAMENTO DOCENTE
I docenti sono tenuti ad osservare, in virtù del CCNL, del Regolamento di Istituto e sulla base dei principi
deontologici cui la funzione docente fa riferimento, comportamenti adeguati al ruolo e alla funzione stessa.
La normativa di riferimento è rintracciabile sul sito della scuola alla voce Codici disciplinari. Si informa
inoltre che recentemente è stato approvato una nuova versione del Codice di comportamento dei pubblici
dipendenti DPR n° 62 del 16 aprile 2013, per il quale seguirà dettagliata circolare.
Si rammenta ai docenti che uno dei criteri fondanti su cui si basa l’azione educativa della scuola è costituito
dalla funzione del “modello educativo” rappresentato per i minori dall’adulto-insegnante.
Si fa presente infine che un comportamento adeguato alla propria funzione (atteggiamenti, lessico,
modalità di relazionarsi…), sia verso gli alunni che verso le famiglie, è condizione base per evitare un
10
clima di tensione e conflitto, sul piano comunicativo, nelle relazioni scuola-famiglia, favorendo, al
contrario, lo sviluppo di relazioni basate sulla fiducia reciproca, sulla collaborazione e sulla condivisione.
21. LEZIONI PRIVATE E INCARICHI EXTRAISTITUZIONALI
I docenti non possono impartire lezioni private agli alunni iscritti nella scuola e non possono svolgere
incarichi extraistituzionali o avere altri contratti per prestazioni occasionali presso soggetti pubblici o
privati, senza una preventiva autorizzazione da parte del D.S.
22. ACQUISTI DI BENI
Qualunque acquisto deve essere concordato con l’Ufficio di Segreteria. I referenti di plesso o i referenti di
aree particolari devono inoltrare richiesta scritta elencando il bene o i beni che si ritiene necessario
acquistare e la relativa motivazione. La richiesta sarà valutata dal DS.
23. FOTOCOPIE
Le fotocopie di materiali didattici possono essere fatte dai collaboratori scolastici consegnando gli originali
con un congruo anticipo (almeno 1 giorno). In casi di assoluta necessità, i docenti possono eseguirle
autonomamente, in orario non coincidente con il proprio servizio. I collaboratori possono farle solo dopo le
operazioni di apertura dei locali scolastici e di sorveglianza dell’ingresso degli alunni. E' importante
considerare che i costi in termini di sostenibilità ambientale ed economica delle fotocopie sono
estremamente elevati e quindi i docenti sono pregati di ridurre al minimo indispensabile il ricorso ad esse,
preferendo, quando possibile, l’uso di file e scansioni da mostrare agli alunni attraverso pen-drive o LIM.
11
Fly UP