...

Carriera Operativa - CGIL

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Carriera Operativa - CGIL
Accordo negoziale per il quadriennio 1998-2001 concernente il trattamento
normativo ed economico del personale delle carriere operativa, dei servizi
generali e di sicurezza e operaia della Banca d'Italia
sottoscritto con:
con SIBC-CISAL, FALBI-CONFSAL, UIL-UILCA, CISL-FIBA.
Parte I
Disciplina normativa ed economica del rapporto d'impiego del personale
delle carriere operativa, dei servizi generali e di sicurezza ed operaia
della Banca d'Italia
TITOLO I
CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE - MANSIONI
Art. 1
Ambito di applicazione
1. Il presente accordo, di seguito denominato disciplina, si applica, salvo
quanto previsto al Titolo XIV, riguardante il personale a contratto, al
personale ordinario - assunto per l'espletamento dei normali compiti
connessi all'attività della Banca ed iscritto nei ruoli della stessa appartenente alle carriere operativa, dei servizi generali e di sicurezza
ed operaia.
2. Il rapporto di lavoro del personale assunto all'estero per essere
esclusivamente addetto ad uffici della Banca situati al di fuori del
territorio nazionale non è soggetto
alla presente disciplina ed è
autonomamente regolato dalla Banca tenute presenti le leggi del luogo in
cui si svolge.
Art. 2
Articolazione del personale ordinario
Il personale ordinario è inquadrato nelle seguenti carriere funzionali:
-
operativa;
dei servizi generali e di sicurezza;
operaia.
Art. 3
Ruoli e gradi della carriera operativa
La carriera operativa, sovraordinata a quella dei servizi generali e di sicurezza, comprende i
seguenti ruoli e gradi:
Ruolo unificato
Ruolo tecnico
Coadiutore principale
Coadiutore
Coadiutore pfincipale tecnico
Coadiutore tecnico
Assistente superiore
Assistente
Vice assistente
Assistente superiore tecnico
Assistente tecnico
Vice assistente tecnico
Norma transitoria
Per il personale in servizio alla data del 31 dicembre 2002, che confluirà nel
ruolo unificato, l'ordine gerarchico è determinato, nell'ambito di ciascun
grado, sulla base dei seguenti criteri:
la decorrenza della nomina nel grado;
a parità di tale decorrenza, il punteggio conseguito nella graduatoria che
ha determinato l'inquadramento nel grado ricoperto al 31.12.2002;
in caso di parità di tale punteggio, la decorrenza di nomina nel grado o
nei gradi precedenti;
a parità anche di tali decorrenze, la decorrenza di assunzione;
a parità di tutte le condizioni sopra indicate, si tiene conto dell'età
anagrafica con precedenza per il più anziano di età.
Dichiarazione a verbale
Al completamento delle operazioni di inquadramento nel ruolo unificato, verranno
pubblicati in via eccezionale i ruoli di anzianità all'1. 1.2003.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione si impegna ad approfondire - anche ai fini dell'eventuale
applicazione dell'istituto dei passaggi di ruolo di cui al 1° comma
dell'art. 71 - l'evoluzione del ruolo di cassa in base allo sviluppo del
sistema dei pagamenti, agli effetti sul personale rinvenienti dalla
procedura di automazione dello sportello ed al futuro assetto della scala
dei tagli delle banconote, anche in relazione all'introduzione della
banconota europea. Le conclusioni di tale analisi formeranno oggetto di
esame congiunto con le Organizzazioni Sindacali nel corso della prossima
trattativa quadriennale nel contesto del previsto confronto in tema di
inquadramenti.
L'Amministrazione conferma l'intendimento
di attivare l'istituto dei
passaggi di ruolo di cui al 1° comma dell'art. 71 una volta che sarà
possibile valutare compiutamente i riflessi sul lavoro del personale del
ruolo di cassa dei mutamenti organizzativi, operativi e tecnologici in atto
o già programmati.
Art. 4
Gradi della carriera dei servizi generali e di sicurezza
La carriera dei servizi generali e di sicurezza comprende i seguenti gradi:
-
Primo capo operatore;
Operatore capo;
Primo operatore;
Operatore.
Nota all'art. 4
Il grado di Primo operatore è istituito a decorrere dall'1.1.1996.
Art. 5
Gradi e categorie della carriera operaia
1. Il personale della
categorie:
-
carriera operaia si
suddivide nei seguenti gradi e
Capo officina;
Capo reparto;
Operaio di 1a categoria super;
Operaio di 1a categoria;
Operaio di 2a categoria;
Operaio di 3a categoria.
2. I gradi di Capo officina e Capo reparto sono gerarchicamente ordinati
fra loro e sovraordinati alle predette categorie.
3. Il personale operaio è gerarchicamente subordinato in via funzionale al
personale della camera direttiva.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che - in relazione al disposto dell'art. 5,
ultimo comma - nell'ambito delle Divisioni il personale dei Capi officina è
gerarchicamente subordinato in via funzionale al Titolare della Divisione e
a chi lo sostituisce.
L'Amministrazione
dichiara
inoltre
che
con
comunicazione formale
indirizzata ai responsabili dei Servizi interessati sono individuate le
attribuzioni dei Capi officina.
Art. 6
Passaggi di ruolo
Salvo che al ricorrere di particolari circostanze, non è ammesso, di norma,
il passaggio da uno ad altro ruolo della stessa carriera ovvero di carriere
diverse. In particolare, il passaggio può essere disposto nei casi previsti
dal successivo art. 56, dal Titolo X e dall'art. 104 nonché - anche
d'ufficio e con mantenimento della residenza - nei confronti dei dipendenti
per i quali sia stata
accertata, nei modi previsti dall'art. 38,
l'inidoneità
al disimpegno
delle
mansioni proprie
del
ruolo di
appartenenza, purché i dipendenti medesimi siano utilizzabili nel ruolo di
nuovo inquadramento.
Art. 7
Mansioni del personale della carriera operativa
1. Nell'ambito del ruolo di appartenenza il personale della carriera
operativa svolge - secondo le direttive del Titolare dell'ufficio o della
Divisione ed in collaborazione subordinata con gli altri elementi della
carriera direttiva - le mansioni amministrative, contabili, di elaborazione
automatica dei dati, di cassa e tecniche necessarie per il funzionamento
delle unità operative anche con l'ausilio di macchine ed apparecchiature.
2. In particolare:
- il personale inquadrato nei gradi di Coadiutore principale e di
Coadiutore e gradi rispettivamente corrispondenti assolve mansioni di
qualificato contenuto concettuale; svolge anche individualmente compiti
ispettivi; può essere temporaneamente chiamato a compiti di sostituzione o
di surrogazione del Titolare dell'ufficio; è destinatario delle specifiche
deleghe che possono essergli individualmente conferite in applicazione
delle disposizioni interne; può collaborare ad adempimenti operativi
connessi ad attività di studio e di ricerca; può svolgere compiti di
segreteria di organi collegiali, commissioni o comitati; può altresì
svolgere compiti di raccordo operativo e di primo controllo di singole aree
all'interno delle unità, con assunzione delle relative responsabilità; tali
ultimi compiti sono di norma demandati al Coadiutore principale e gradi
corrispondenti;
- il personale inquadrato nei gradi di Assistente superiore e di Assistente
e gradi rispettivamente corrispondenti svolge - anche sulla base delle
specifiche deleghe attribuibili ai sensi delle disposizioni interne mansioni richiedenti applicazione concettuale ed attende a procedure
operative necessarie per il funzionamento delle unità operative; può essere
adibito a compiti ispettivi in accompagnamento; ai dipendenti inquadrati
nel
grado
di
Assistente superiore
e
gradi
corrispondenti sono
prevalentemente assegnati, compatibilmente con le situazioni operative
delle unità di appartenenza, compiti che richiedono una maggiore esperienza
professionale;
- il Vice assistente e gradi corrispondenti disimpegna in via prevalente
mansioni
esecutive quali
quelle di
classificazione, archiviazione,
protocollo, registrazione, contazione,
confezione e sistemazione dei
valori, copia, dattilografia e stenografia nonché in genere quelle che non
comportano particolari valutazioni di merito; si avvale, nello svolgimento
dei
propri compiti
esecutivi,
anche dell'ausilio
di
macchine o
apparecchiature meccaniche, elettriche ed elettroniche; può essere adibito
allo svolgimento di attività di
sportello, anche sulla base delle
specifiche deleghe attribuibili ai sensi delle disposizioni interne.
3. In mancanza di elementi inquadrati nel grado di Vice assistente e gradi
corrispondenti, le relative mansioni
vengono svolte, sempre in via
prevalente, dagli elementi della carriera operativa presenti nell'ufficio
che occupino posizione meno elevata nell'ordine gerarchico ai sensi del
successivo art. 11.
4. I dipendenti che abbiano conseguito il grado di Vice assistente con
decorrenza a partire dal 2003 in esito alle specifiche selezioni interne
riservate al personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza
espletano, ove lo richiedano esigenze di servizio non fronteggiabili con il
personale della carriera di provenienza secondo le modalità previste dalla
normativa vigente.
Nota all'art. 7
1. Soppresso dall’1.1.2003
2. Tra le mansioni del personale operativo del ruolo amministrativo
rientrano anche quelle di presidio e gestione del Posto di controllo
centralizzato dell'Amministrazione Centrale.
3. Per il personale della carriera operativa in servizio al 30 giugno 2002 le
previsioni di cui al 3° comma dell'art. 7 si applicano esclusivamente con
riferimento alle mansioni di pertinenza di tale carriera alla medesima data del
30 giugno 2002, escludendo quindi l'adibizione in compiti e mansioni del
personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza anche quando siano
oggetto di trascinamento(ai sensi del 4° comma dell’art.7) ovvero siano svolte
da personale operativo di cui all'art. 7 bis.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione precisa che la temporaneità dei compiti di sostituzione o
di surrogazione previsti per il
personale inquadrato nei gradi di
Coadiutore
principale
e
di
Coadiutore
e
gradi
rispettivamente
corrispondenti si riferisce a periodi di assenza del Titolare dell'ufficio
o settore non superiori a due mesi continuativi.
L'Amministrazione dichiara
che le Direzioni
delle Filiali potranno
individuare un elemento, all'uopo designato con formale comunicazione, che,
unitamente agli altri incarichi, svolga attività di supporto alla Direzione
in materia di informatica.
L'Amministrazione dichiara che verranno formalizzati nelle sedi proprie
(rapporto informativo annuale. comunicazioni di servizio, ecc.) i compiti e
gli incarichi particolari svolti dal personale adibito ad attività EAD.
L'Amministrazione promuove interventi addestrativi e formativi finalizzati
ad un ulteriore arricchimento della professionalità del personale di cassa,
unitamente ad iniziative intese a favorire una migliore diffusione fra il
personale medesimo degli strumenti e dei sussidi informativi curati dai
vari Servizi.
L'Amministrazione conferma che
il personale di
cassa potrà essere
utilizzato anche in compiti ispettivi.
Dichiarazione a verbale.
L'Amministrazione dichiara che richiamerà l'attenzione dei responsabili
dei Servizi e delle Filiali sulle finalità del temporaneo utilizzo, volto
a favorire l'accrescimento professionale dei dipendenti interessati.
In tale prospettiva, sarà sottolineato il rilievo del temporaneo utilizzo
per il personale con il grado di Coadiutore principale di cassa e di
Coadiutore di cassa anche in relazione alla possibilità di osmosi
introdotta per tali dipendenti.
Art. 7 bis
Personale operativo del ruolo unificato di nuova nomina
Il personale assunto nei gradi di Vice assistente e Assistente del ruolo
unificato con decorrenza successiva all'1.7.2002 svolge tutte le mansioni
proprie del grado di appartenenza nonché quelle in atto demandate al personale
della carriera dei servizi generali e di sicurezza secondo le modalità previste
dalla normativa vigente.
Art. 8
Mansioni del personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza
1. Il personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza svolge i
propri compiti attenendosi alle direttive del responsabile dell'unità di
Segreteria, cui è gerarchicamente subordinato
in via funzionale per
gli
aspetti concernenti l'organizzazione delle prestazioni lavorative. A
tal fine il responsabile dell'unità
di Segreteria si avvale della
collaborazione dell'elemento di detta carriera chiamato a svolgere i
compiti di coordinamento di cui al comma seguente.
2. Nell'ambito di ciascuna Filiale o Servizio l'attività del personale
della carriera
dei servizi generali
e di
sicurezza è coordinata
dall'elemento di detto personale, avente grado di Primo capo operatore
o di Operatore capo, individuato dall'Amministrazione.
3. Il personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza:
- svolge mansioni di custodia e compiti di sorveglianza e di sicurezza
degli Stabilimenti anche mediante il presidio di posti di controllo e di
ascolto radio presso le Filiali;
- provvede all'imbisacciamento di valori sotto la vigilanza e la diretta
responsabilità del Titolare di cassa o dell'elemento da questo designato e
al trasporto degli stessi. In occasione di trasferimenti di valori
disimpegna compiti sussidiari e assicura anche gli opportuni collegamenti
con le forze dell'ordine e con i mezzi utilizzati nel movimento fondi.
Controlla, in conformità delle disposizioni e direttive emanate in materia,
le operazioni di pulizia effettuate da personale di ditte esterne negli
ambienti destinati alla custodia dei valori;
- è addetto all'informazione, ricezione e smistamento del pubblico anche
attraverso il presidio dei "punti di informazione e smistamento" laddove
esistenti;
- svolge compiti di operatore al centralino telefonico;
- è addetto, avendone i requisiti, alla conduzione di automezzi e di
macchine per trasporti esterni ed interni;
- provvede, insieme ad altro elemento incaricato,
pieghi contenenti valori;
- svolge all'occorrenza compiti di anticamera.
al ritiro
di colli e
4. Il personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza svolge,
inoltre, compiti connessi al funzionamento degli uffici dell'Istituto,
quali:
- disimpegno, in via autonoma, di incarichi connessi
alla spedizione
della corrispondenza, inclusa l'affrancatura, e alla ricezione della
stessa, anche di quella raccomandata e assicurata;
- sistemazione, in
via autonoma, negli
archivi dei documenti già
classificati;
- sistemazione, custodia e consegna di materiali di cancelleria; compiti di
collegamento anche con l'esterno;
- attività di fotocopiatura collegata all'operatività delle casse e/o che
richiede un rilevante impegno quantitativo.
5. I dipendenti cui sono affidate mansioni di custode sono tenuti ad
abitare nell'alloggio di servizio e devono provvedere alla sorveglianza dei
locali e alla sicurezza degli
accessi
anche
in
conformità delle
disposizioni
di servizio
emanate dall'Amministrazione. I custodi sono
tenuti a farsi sostituire da idoneo familiare convivente qualora intendano
allontanarsi dall'alloggio di servizio nelle ore eccedenti il proprio
normale orario di lavoro e non coincidenti con il normale orario di
attività degli uffici, fermo restando, in tal caso, l'obbligo di prestare
la loro opera quando la loro personale presenza è prevista da disposizioni
di servizio o richiesta da esigenze di carattere eccezionale.
6. La sostituzione del custode è effettuata con altro elemento del
personale dei servizi generali e di sicurezza nel giorno destinato a riposo
settimanale nonché nei casi di assenza per qualsiasi causale; tranne che in
tali circostanze - e ad eccezione dell'ipotesi di reperibilità non
domiciliare di cui all'art. 23 - i custodi sono tenuti a non allontanarsi
dall'alloggio di servizio durante le ore notturne e nelle domeniche o
altrimenti a farsi sostituire da idoneo familiare convivente.
7. Il personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza è tenuto
ad indossare l'abito-uniforme fornito dall'Amministrazione quando è adibito
a portinerie, saloni e altri ambienti aperti al pubblico, nelle occasioni
di rappresentanza, durante la prestazione della mansione di autista e per
lo svolgimento di incarichi fuori dei locali della Banca per i quali sia
necessaria una pronta identificazione.
8. Nell'espletamento dei propri compiti il personale della carriera dei
servizi generali
e di
sicurezza si
avvale, all'occorrenza, delle
apparecchiature tecniche e tecnologiche in dotazione.
Nota all'art. 8
In considerazione delle speciali esigenze di sicurezza, la pulizia della
sacristia della Cassa Centrale, ove sono custodite le riserve auree,
continua ad essere effettuata dal personale della carriera dei servizi
generali e di sicurezza.
Dichiarazioni a verbale
Presso le Filiali nelle quali
sono installati sistemi T.V.C.C. di
particolare complessità e presso le cui "salette banche" si registri
mediamente un elevato numero di operazioni le Direzioni, compatibilmente
con le dotazioni di organico, potranno adibire al posto di controllo un
secondo elemento nelle fattispecie e sulla base dei criteri previsti dalla
normativa in materia di sicurezza.
Il personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza provvede a
mantenere l'ordine dei locali ove manchi il previsto personale delle ditte
esterne a ciò addetto. Tra tali incombenze non rientrano i compiti di
pulizia di competenza del personale delle richiamate ditte esterne.
Quando ne ricorrano le esigenze operative, può essere chiamato, alle stesse
condizioni di cui al comma 3°, all'approntamento dei "ballettoni", purché
le ballette siano confezionate in modo idoneo e sicuro e comunque tale che
risulti
esclusa
la
possibilità
di
manomissione
senza
arrecare
danneggiamento alle medesime.
Le parti si danno atto che tra i compiti demandati al personale adibito
alla guida di autoveicoli rientrano le incombenze connesse alla piccola
manutenzione dei mezzi affidati di cui al 2° comma dell'art. 1 della Legge
5 febbraio 1992, n. 122.
L'Amministrazione dichiara che entro il biennio 1996-1997 promuoverà a
livello decentrato (circoscrizionale) corsi
di addestramento per il
personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza in tema di
gestione dei posti di controllo e di piani di evacuazione.
L 'Amministrazione dichiara l'intendimento:
- di attivare, nei confronti dei dipendenti della carriera dei servizi
generali e di sicurezza cui sono affidati compiti di coordinamento,
iniziative formative finalizzate allo sviluppo delle capacità necessarie
per lo svolgimento di tali compiti;
- di promuovere apposite iniziative addestrative in favore dei dipendenti
della carriera dei servizi generali e di sicurezza adibiti in via esclusiva
alle mansioni di autista qualora cessino di svolgere detti compiti e
vengano adibiti ad altre mansioni proprie della camera.
L'Amministrazione dichiara che i dipendenti della carriera dei servizi
generali e di sicurezza compresi tra il personale designato per la lotta e
la prevenzione antincendio saranno destinatari di specifiche iniziative
addestrative promosse a tal fine.
Il personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza, il cui
lavoro sia interessato da innovazioni tecnologiche, sarà destinatario di
interventi addestrativi volti a favorire la familiarizzazione con le nuove
dotazioni secondo tempi e modalità compatibili con la complessità delle
dotazioni stesse.
L'Amministrazione dichiara che i dipendenti della carriera dei servizi
generali e di sicurezza non sono tenuti ad indossare l'abito-uniforme
quando siano chiamati a svolgere per fasce orarie significative (almeno due
ore consecutive) i seguenti compiti: sistemazione di documenti in archivio;
compiti connessi al funzionamento
interno degli uffici; compiti di
operatore al centralino telefonico; sorveglianza del personale delle ditte
esterne; effettuazione del servizio di recapito interno (staffetta) tra
uffici dell'Amministrazione Centrale da parte degli addetti al Servizio
Segretariato. Stante l'importanza
che l'abito-uniforme riveste nelle
occasioni di contatto con il pubblico, le sopra indicate esenzioni
dall'obbligo di indossare l'abito-uniforme possono trovare applicazione
sempreché in dette situazioni di lavoro - sia per l'ubicazione dei luoghi
che per le caratteristiche di continuità e durata dei compiti - il
personale interessato non debba anche svolgere attività che comportino
interlocuzione con l'utenza e/o con soggetti esterni all'Istituto.
L'Amministrazione dichiara che il presidio delle portinerie da parte del
personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza riguarderà almeno i
seguenti edifici dell'Amministrazione Centrale: Via Nazionale n. 91, Via dei
Serpenti n. 51 e n. 55, quello ove si colloca la sede centrale degli uffici di
Vigilanza, Via Tuscolana n. 417 (portinerie inteme), Centro Donato Menichella
(inclusa la portineria interna dei Servizio E.S.I.), Largo Bastia n. 35.
Il presidio delle altre portinerie degli stabili in Roma non affidato al
personale della carriera se.ge.si. e dei garage potrà essere attribuito a
società specializzate.
L'Amministrazione dichiara che saranno altresì assegnati gradualmente a società
specializzate:
il servizio di ricezione e spedizione della corrispondenza per le Unità della
Banca;
il servizio di autista presso le Filiali.
L'Amministrazione dichiara che sono aboliti i compiti di anticamera, ad
eccezione di quelli per gli ambienti di pertinenza del Direttorio e di
Funzionari Generali.
Le parti si danno atto che con l'istituzione del profilo sicurezza sarà abolito
l'obbligo per i dipendenti ivi inquadrati di indossare l'abito uniforme e
saranno contestualmente definite le caratteristiche dell'abbigliamento dei
dipendenti
incaricati
in
Filiale
della
sorveglianza
degli
accessi
e
dell'informazione e smistamento del pubblico.
Per il personale inquadrato nel grado di Vice assistente a seguito delle
selezioni straordinarie viene meno l'obbligo di indossare l'abito uniforme anche
nei casi in cui svolga mansioni di pertinenza della carriera se.ge.si..
Permane in ogni caso - anche dopo l'istituzione del profilo "sicurezza"
l'obbligo di indossare l'abito uniforme per lo svolgimento dei seguenti compiti:
- presidio delle portinerie dell'Amministrazione Centrale, ove previsto;
- autista nei casi previsti;
- anticamera nei casi previsti."
Art. 9
Mansioni del personale della carriera operaia
1. Il personale della carriera operaia svolge le mansioni di seguito
indicate:
- i Capi officina sovraintendono alle lavorazioni di un gruppo di reparti
coordinandone l'attività; sovraintendono all'appropriato impiego delle
attrezzature e del materiale; curano il ritiro e la distribuzione del
materiale ai Capi reparto o a coloro che ne fanno le veci salvo che, per
esigenze produttive, tali operazioni non siano direttamente demandate a
questi ultimi; in conformità degli indirizzi e delle istruzioni ricevuti,
collaborano all'organizzazione del lavoro dei reparti nel rispetto delle
proprie competenze e responsabilità; possono essere destinatari di deleghe
riguardanti i settori lavorativi di specifica competenza;
- i Capi reparto, che operano in stretto coordinamento e collaborazione con
i Capi officina, sono preposti ai singoli reparti con l'incarico di
coordinare e integrare il lavoro degli operai addetti ai reparti stessi;
sono responsabili dell'esecuzione del lavoro degli operai che da essi
dipendono direttamente nonché dei materiali assegnati in lavorazione al
loro reparto;
- gli Operai di 1a categoria super e gli Operai di 1a categoria,
specializzati, sono addetti a mansioni per le quali è richiesto il più
elevato grado di perfezionamento professionale di mestiere;
- gli Operai di 2a categoria, qualificati, sono addetti a mansioni che
richiedono una specifica capacità professionale di mestiere;
- gli Operai di 3a categoria sono addetti a mansioni che richiedono una
normale capacità professionale di mestiere, compiono lavori di trasporto di
materiali o di pulizia nonché altre incombenze di carattere materiale
connesse all'attività dei reparti.
2. Il personale della carriera operaia svolge le mansioni di rispettiva
competenza anche con l'utilizzo di apparecchiature elettroniche.
3. Gli operai che abbiano conseguito il passaggio alla 2a cat. continuano
ad espletare, all'occorrenza, le mansioni proprie della categoria di
provenienza.
4. Il personale della carriera operaia è tenuto ad eseguire i lavori
affidatigli attenendosi alle buone regole dell'arte e alle istruzioni
ricevute; deve curare la conservazione e l'appropriato impiego delle
macchine, degli utensili, degli attrezzi di lavoro e di quanto altro
ricevuto in consegna; è tenuto ad indossare gli indumenti di lavoro
prescritti dall'Amministrazione e da questa forniti, nonché a mantenere
pulito e in ordine il posto di lavoro; deve consentire la ricognizione
degli oggetti ricevuti in consegna; è responsabile delle alterazioni o
perdite e dei danni ad esso imputabili. Gli incidenti che si verifichino
durante il lavoro nonché le mancanze, le esuberanze, le dispersioni e i
deterioramenti del materiale in dotazione agli operai vanno denunciati al
Capo reparto che ne informa, immediatamente, il Capo officina e questi il
Capo del Servizio o della Filiale o chi ne fa le veci.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che un elemento della carriera operaia sarà
chiamato a far parte della Commissione tecnica incaricata dell'esame dei
biglietti danneggiati, falsi, falsificati e sospetti di falsità.
Art. 10
Personale della carriera
grado superiore
operaia: assegnazione
temporanea a
mansioni di
1. L'Amministrazione può, in relazione a particolari esigenze di servizio o
delle lavorazioni, assegnare temporaneamente all'Operaio di 1a categoria
super o all'Operaio di 1a categoria mansioni di Capo reparto, ovvero al
Capo reparto mansioni di Capo officina.
2. Dette assegnazioni sono conferite
dal Direttore Generale e non
costituiscono titolo per il conseguimento della promozione; il positivo
espletamento di tali
incarichi è peraltro
elemento concorrente di
valutazione in sede di scrutinio per l'avanzamento.
3. Gli operai incaricati di mansioni di Capo reparto o Capo officina
assumono, durante il periodo in cui le esercitano, con i relativi obblighi,
la posizione gerarchica di detti gradi.
Art. 11
Ordine gerarchico - Anzianità
1. L'ordine gerarchico del
personale è determinato dalla carriera;
nell'ambito di ciascuna carriera dal grado o dalla categoria; nello stesso
grado o categoria dall'anzianità.
2. Per il computo dell'anzianità di cui al 1° comma - avuta presente in
ogni caso l'ultima delle classificazioni ottenute negli esami di concorso,
negli scrutini per merito distinto, per valutazione comparativa, nelle
promozioni per anzianità congiunta al merito e nelle selezioni di merito e
per titoli - si tiene conto nell'ordine:
a) della decorrenza della nomina nel grado o nella categoria rivestiti;
b) a parità di tale decorrenza, di quella di nomina nel grado o nei gradi
precedenti della stessa carriera ovvero nella carriera o nelle categorie
precedenti;
c) a parità di tale decorrenza, dell'eventuale decorrenza di assunzione in
carriera o categoria differenti.
3. A parità di tutte le condizioni sopra indicate per il computo
dell'anzianità si tiene conto dell'età.
4. In deroga ai criteri di cui ai commi precedenti in tema di gerarchia del
personale appartenente allo stesso grado:
- per gli elementi inquadrati, con decorrenza 2.1.1980, secondo i criteri
indicati dalla precedente regolamentazione nei gradi di Assistente e gradi
corrispondenti, l'ordine gerarchico è quello risultante dalle operazioni di
inquadramento così come indicato nei ruoli organici del personale al
2.1.1980;
- per i dipendenti inquadrati nei gradi della carriera dei servizi generali
e di sicurezza l'ordine gerarchico è quello risultante dalle operazioni di
inquadramento nella carriera ausiliaria al 1°.3.1983 secondo i criteri
stabiliti dalla relativa normativa regolamentare.
5. Indipendentemente dall'ordine gerarchico, a chi, per disposizione
dell'Amministrazione, sia, anche temporaneamente, preposto ad un ufficio o
ad un reparto spetta la preminenza sul personale ivi addetto.
Art. 12
Ruoli di anzianità
1. Nel secondo semestre di
ogni anno l'Amministrazione provvede a
pubblicare i ruoli di anzianità del personale in servizio secondo la
situazione al 1° luglio dello stesso anno, dandone comunicazione a mezzo di
apposita disposizione interna.
2. La posizione del personale è riportata nell'ambito della carriera e
dell'eventuale ruolo di appartenenza secondo il grado o la categoria e
l'ordine di anzianità determinato a norma del precedente art. 11.
3. Entro 30 giorni dalla pubblicazione dei ruoli di anzianità i dipendenti
possono proporre ricorso per via gerarchica scritto e motivato al Direttore
Generale per chiedere la rettifica della loro posizione.
TITOLO II
ASSUNZIONI - REQUISITI - PERIODO DI ESPERIMENTO
Art. 13
Assunzioni
1. Le assunzioni del personale ordinario nelle carriere operativa, dei
servizi generali e di sicurezza ed operaia sono effettuate mediante
pubblici concorsi. Per il reclutamento nei gradi di Coadiutore o di
Coadiutore di cassa i bandi di concorso prevedono l'assegnazione di borse
di studio e l'assunzione di coloro che abbiano frequentato con profitto,
idoneamente accertato, i relativi corsi di qualificazione.
2. Ai corsi di qualificazione per l'assunzione nel grado di Coadiutore di
cui al precedente comma possono essere ammessi anche, previo superamento di
una specifica prova d'esame, gli elementi selezionati nei concorsi indetti
dalla Banca per l'assegnazione di borse di studio di perfezionamento.
3. Le assunzioni sono disposte:
1) per la carriera operativa, nei gradi di Coadiutore, Assistente e Vice
assistente e nei gradi rispettivamente corrispondenti;
2) per la carriera dei servizi generali e di sicurezza, nel grado iniziale;
3) per la carriera operaia, nella 1a, 2a e 3a delle categorie previste
dall'art. 5.
4. I titoli prescritti per l'assunzione sono:
A) per la carriera operativa:
1.
per il grado di Coadiutore e gradi corrispondenti: possesso di uno dei
diplomi di laurea di volta in volta indicati nei bandi di concorso;
2.
per il grado di Assistente e gradi corrispondenti: possesso di uno dei
diplomi di scuola secondaria di secondo grado di volta in volta indicati
nei bandi di concorso;
3.
per il grado di Vice assistente e gradi corrispondenti: licenza di
scuola secondaria di primo grado;
B) per la carriera dei servizi generali e di sicurezza: licenza di scuola
secondaria di primo grado;
C) per la carriera operaia: licenza di scuola secondaria di primo grado e,
eventualmente, possesso degli ulteriori titoli di studio o di istruzione
professionale che siano richiesti in relazione a speciali qualificazioni di
mestiere.
5. Ad integrazione dei titoli di studio, possono essere richiesti, nei
pubblici concorsi, ulteriori particolari requisiti.
6. Il dipendente decade dalla nomina ove rinunci espressamente alla stessa
ovvero non raggiunga, in mancanza di giustificati motivi, la residenza
assegnata entro il termine stabilito.
7. La definitività della nomina nel grado o nella categoria è subordinata
al compimento, con esito favorevole, dell'esperimento previsto dall'art.
16.
8. Le determinazioni di indire i concorsi di cui al 1° comma e i
provvedimenti di nomina in
esperimento sono adottati dal Consiglio
Superiore, su proposta del Governatore.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara la propria
disponibilità ad indire - in
relazione ad eventuali particolari esigenze - concorsi pubblici per aree
geografiche, con vincolo temporale di permanenza (quinquennale per i
Coadiutori, triennale per gli altri gradi).
Art. 14
Requisiti generali
1. Possono essere assunti tra il personale ordinario coloro che non abbiano
tenuto
comportamenti
incompatibili con
le
funzioni
da espletare
nell'Istituto e che siano in possesso dei seguenti requisiti generali:
a) cittadinanza di uno degli stati membri dell'Unione Europea, secondo le
condizioni e i limiti stabiliti dalla legge;
b) godimento dei diritti politici;
c) incondizionata idoneità fisica all'impiego, da accertarsi da parte di
enti pubblici o di pubbliche istituzioni sanitarie;
d) età non inferiore agli anni 18 e, per le assunzione nel grado di Coadiutore
e gradi corrispondenti, età non superiore agli anni 40.
2.
-
Il limite massimo di età per le assunzioni nel grado di Coadiutore e gradi
corrispondenti:
è elevato di 1 anno per i coniugati e di 1 anno per ogni figlio fino a un
massimo di 2 anni;
è elevato a 45 anni per i vedovi e le vedove di dipendenti della Banca
deceduti in attività di servizio;
non è operante per i dipendenti che, forniti degli altri requisiti, chiedano
di partecipare ai relativi pubblici concorsi per il conseguimento della
nomina di un grado diverso da grado o categoria di appartenenza.
3. I requisiti di cui al presente articolo devono essere posseduti all'atto
dell'assunzione, ad eccezione del requisito dell'età che deve essere
posseduto alla data di scadenza stabilita dal bando per la presentazione
delle domande.
Art. 15
Assunzioni obbligatorie, riserva di posti, precedenza e preferenza
1.
Le assunzioni obbligatone, previste da disposizioni di legge vincolanti
per la Banca, sono effettuate per mezzo di pubbliche selezioni.
2. Una riserva del 5% dei posti previsti in ciascun concorso, con un minimo
di una unità per concorsi con almeno 10 posti, viene stabilita in favore
degli elementi, che abbiano superato le prove di concorso, appartenenti,
nell'ordine e con precedenza, alle seguenti categorie:
- orfani, vedovi o vedove di dipendenti della Banca deceduti per causa di
servizio;
- orfani, vedovi o vedove di dipendenti della Banca deceduti in servizio;
- orfani o figli di ex dipendenti cessati dal servizio per infortunio o
malattia dipendenti da causa di servizio ovvero a domanda per inabilità.
3. Nelle graduatorie per l'assunzione dei vincitori di pubblici concorsi salve in ogni caso le precedenze e le preferenze stabilite da disposizioni
di legge vincolanti per la Banca - costituiscono titolo di preferenza la
qualità, nell'ordine e a parità di merito, di dipendente o ex dipendente
della Banca con riguardo ai periodi di servizio prestato; di orfano, vedovo
o vedova di dipendente della Banca deceduto per causa di servizio; di
orfano, vedovo o vedova di dipendente deceduto in servizio; di orfano di
pensionato della Banca; di figlio di pensionato o di dipendente. A parità o
in assenza dei cennati titoli di preferenza, è preferito il candidato più
giovane di età.
Art. 16
Periodo di esperimento
1. Gli elementi che conseguano la nomina sulla base dei precedenti articoli
del presente Titolo prestano servizio in esperimento per la durata di 6
mesi.
2. Nell'ipotesi di esito sfavorevole, l'esperimento è prorogato per altri
sei mesi. In tale periodo il dipendente presta la propria attività
lavorativa presso altro Servizio o Filiale o eventualmente presso altro
settore di lavoro per i dipendenti assegnati ai Servizi tecnici. Al termine
di detto secondo periodo, ove l'esito sia ancora sfavorevole, se trattasi
di elementi di prima assunzione, è dichiarata, con la procedura di cui
all'ultimo comma dell'art. 13, la risoluzione del rapporto d'impiego. In
tal caso il dipendente ha
titolo ad un'indennità di liquidazione,
ragguagliata a 1/12 degli emolumenti retributivi annui indicati dal
Regolamento per il Trattamento di Quiescenza. Se trattasi di elementi già
in servizio, essi sono restituiti, sempre con la procedura di cui
all'ultimo comma dell'art. 13, al grado o alla categoria di provenienza,
computandosi a tutti gli effetti, come servizio prestato in questa
posizione, il periodo di esperimento.
3. Gli elementi che abbiano favorevolmente superato l'esperimento sono
confermati nel grado o nella categoria loro conferiti ed il servizio
prestato è utile a tutti gli effetti per il computo dell'anzianità.
4. L'esperimento deve ritenersi favorevolmente compiuto ove non pervenga al
dipendente diversa comunicazione entro tre mesi decorrenti dalla fine del
mese in cui ha termine l'esperimento stesso.
5. L'esperimento decorre dal giorno di effettivo inizio del servizio ed è
prolungato per un periodo di tempo uguale a quello in cui il dipendente sia
stato a qualunque titolo assente dal servizio stesso.
TITOLO III
OBBLIGHI - DIVIETI - INCOMPATIBILITA' - RESPONSABILITA' CIVILE
Art. 17
Obblighi
1. Il dipendente è tenuto a prestare la propria attività con diligenza,
correttezza e spirito di collaborazione in conformità delle leggi e delle
disposizioni interne, ad osservare l'orario di lavoro e ad assolvere
tempestivamente i compiti attribuitigli attenendosi alle direttive di
organizzazione e di indirizzo impartitegli. È tenuto altresì a mantenere in
ogni circostanza un comportamento conforme alla dignità delle proprie
funzioni.
2. Il dipendente è tenuto ad osservare il segreto d'ufficio nei termini di
cui all'art. 62 dello Statuto della Banca.
3. Nell'assolvimento dei propri compiti, il dipendente è tenuto ad
osservare le misure disposte dall'Amministrazione in materia di igiene e
sicurezza del lavoro di cui è destinatario; il personale preposto, anche
temporaneamente, alla gestione di uffici o reparti è tenuto a vigilare
sulla corretta applicazione delle misure anzidette da parte del personale
subordinato.
4. Il dipendente deve inoltre:
a) coadiuvare e supplire altri dipendenti quando ne ricorra l'esigenza e
svolgere temporaneamente, senza diritto a speciali compensi, mansioni
diverse, anche di maggiore importanza di quelle normali;
b) comunicare ogni mutamento di residenza e domicilio, nonché il recapito,
ove possano essergli, ad ogni effetto, indirizzate comunicazioni d'ufficio;
c) dare notizia all'Amministrazione di giudizi ed azioni che intenda
eventualmente promuovere nei confronti di terzi, o che siano promossi da
parte di terzi nei suoi confronti, in correlazione a fatti attinenti al
servizio;
d) dare comunicazione all'Istituto degli interessi - economico-finanziari e
non, propri, del coniuge, di conviventi, di parenti entro il 3° grado o
affini entro il 2° - comunque coinvolti nell'attività o nelle decisioni
inerenti all'ufficio,
allorquando siano
suscettibili di determinare
situazioni di conflitto anche solo apparente. Inoltre, con riferimento alle
medesime situazioni, nello svolgimento delle proprie funzioni il dipendente
si astiene dall'assumere o dal concorrere ad assumere decisioni nonché dal
compiere atti al riguardo;
e) sottoporsi alle visite personali di controllo all'uscita dai settori ove
si svolgono attività concorrenti o connesse alla produzione di carte
valori, secondo le modalità definite con le Organizzazioni Sindacali.
5. I dipendenti temporaneamente preposti ad uffici o settori hanno
l'obbligo di comunicare per le vie gerarchiche le mancanze disciplinari, le
irregolarità e ogni situazione incompatibile con le disposizioni statutarie
e regolamentart.
6. Il personale di cassa è tenuto, a presentazione della situazione
giornaliera, a denunciare le differenze verificatesi nel maneggio dei
valori.
7. I dipendenti che abbiano la responsabilità dell'apertura e della
chiusura delle casse nelle quali sono custoditi i valori devono porre in
grado i propri diretti superiori di reperirli qualora essi abbiano ad
assentarsi dalla residenza ove ha sede l'ufficio.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione si impegna
a definire in
via preventiva con le
Organizzazioni Sindacali gli effetti connessi all'eventuale esplicitazione
delle modalità applicative della norma di cui al 7° comma del presente
articolo.
Art. 18
Divieti
Al personale è vietato:
a) di trarre vantaggio, in qualsiasi forma, dalla trattazione o dalla
conoscenza di affari della Banca;
b) di svolgere attività comunque contraria agli interessi della Banca o
comunque incompatibile con i doveri d'ufficio;
c) di avvalersi comunque di mezzi o strumenti di lavoro al di fuori delle
esigenze di servizio;
d) di allontanarsi dal posto di lavoro senza autorizzazione;
e) di svolgere comunque attività lavorativa subordinata od autonoma, anche
al di fuori delle ipotesi previste dall'art. 59 dello Statuto, sia pure
occasionalmente ovvero in periodi nei quali non presti effettivo servizio.
E tuttavia consentita, nei limiti di cui al citato art. 59, l'assunzione di
cariche di amministratore o di sindaco presso società di mutuo soccorso o
enti di assistenza costituiti tra i dipendenti della Banca nonché presso la
Cassa di Sovvenzioni e Risparmio fra il personale della Banca d'Italia;
f) di accettare cariche o incarichi di carattere continuativo - fatti salvi
quelli per i quali si prescinde per legge dall'assenso del datore di lavoro
- e di iniziare attività inerenti ad occupazioni diverse da quelle di cui
all'art. 59 dello Statuto e alla precedente lettera e), sia pure a titolo
gratuito, senza darne preventiva segnalazione all'Amministrazione;
g) di compiere operazioni di Borsa che non siano per contanti;
h) di presentare istanze o reclami se non per il tramite dei Capi dei
Servizi o delle Filiali. È ammesso l'invio di plichi chiusi al Governatore,
esclusivamente per questioni di particolare gravità e delicatezza attinenti
al proprio rapporto d'impiego.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione
precisa
che nell'ambito
di
applicazione
della
previsione di cui alla lettera f) del presente articolo rientrano le
cariche, gli incarichi e le attività a carattere continuativo che il
dipendente svolge a titolo personale per il perseguimento di fini sociali,
culturali, ricreativi, assistenziali. Rientrano quindi, fra l'altro, nella
cennata
previsione
e
vanno
pertanto
preventivamente
segnalati
all'Amministrazione gli incarichi di insegnamento presso Università o
Istituti
equiparati,
l'attività
continuativa
presso
Associazioni,
Fondazioni o Enti, la collaborazione continuativa a riviste e quotidiani.
A
seguito
della prevista segnalazione
da parte
dell'interessato,
l'Amministrazione compie una valutazione di compatibilità con il rapporto
di pubblico impiego in essere con la Banca, al fine di verificare, in
particolare, che l'attività extra-Banca:
- non incida, per l'impegno richiesto, sulle prestazioni lavorative; non
persegua fini di lucro;
- sia compatibile con la dignità ed il decoro delle funzioni;
- non faccia sorgere contrasti d'interesse o fondate ragioni di perplessità
sul piano dell'opportunità, soprattutto in relazione al grado rivestito e/o
alle funzioni espletate.
L'Amministrazione si riserva di far conoscere le proprie determinazioni nei
30 giorni successivi al ricevimento della predetta segnalazione. In assenza
di formali comunicazioni l'incarico segnalato dal dipendente si intende
consentito.
Art. 19
Incompatibilità per vincoli familiari
Non possono essere addetti alla stessa Divisione, ufficio o reparto i
dipendenti legati da vincolo di matrimonio o di parentela fino al terzo
grado o di affinità di primo grado.
Art. 20
Responsabilità civile
1. Il dipendente è responsabile dei danni arrecati alla Banca per fatti
derivanti da inosservanza dei propri doveri, ovvero per negligenza o per
errore non scusabile nell'adempimento dei propri compiti.
2. Indipendentemente dall'applicazione del comma precedente, chi ha la
gestione dei servizi di cassa risponde, entro i limiti della cauzione di
cui al Titolo IV, dei fatti che abbiano a verificarsi per opera non dolosa
dei dipendenti, infruttuosamente escussi per il recupero del loro addebito;
dei fatti verificatisi per opera dolosa dei dipendenti risponde solo se
essi siano stati posti in essere per mancanza di sorveglianza o di
osservanza delle disposizioni relative alla gestione dei servizi di cassa.
L'eventuale esclusione di tale responsabilità può essere determinata solo
in relazione a circostanze eccezionali.
3. L'Amministrazione può in via cautelare assoggettare a ritenuta la
retribuzione del dipendente ovvero tutto quanto possa a lui competere in
caso di cessazione dal servizio qualora la responsabilità del dipendente
medesimo e il danno della Banca
siano stati da lui ammessi: ciò
indipendentemente da ogni altra azione che l'Amministrazione ritenesse di
sperimentare per la tutela del proprio credito.
4. Sempre in via cautelare l'Amministrazione può sospendere in tutto o in
parte la restituzione delle cauzioni quando abbia ragioni da far valere
verso il dipendente, come pure può trattenere l'importo degli interessi
annuali fino a definizione di eventuali addebiti.
5. Ogniqualvolta la responsabilità sia stata ammessa dal dipendente
titolare di cauzione o accertata giudizialmente e l'interessato non abbia
provveduto, nel termine prefissogli, a versare la somma dovuta, la Banca
può
procedere previa
deliberazione del
Consiglio
Superiore all'incameramento del deposito in contanti costituente la cauzione, salvo
l'eventuale esperimento di ogni ulteriore azione per l'integrale recupero.
TITOLO IV
CAUZIONI
Art. 21
Obbligo di prestare cauzione - Misura e costituzione delle cauzioni
1. Sono tenuti a prestare cauzione i dipendenti della carriera operativa
adibiti in via continuativa ai servizi di cassa.
2. Le cauzioni devono essere costituite mediante versamento in contanti
presso la Banca dei previsti importi, da costituirsi in deposito fruttifero
vincolato a favore della Banca stessa.
3. La misura delle cauzioni ed il tasso di interesse annuo sulle somme
versate sono fissati dal Consiglio Superiore.
4. La cauzione deve essere prestata prima che coloro che vi siano tenuti
assumano l'ufficio. I dipendenti promossi, per i quali occorra una cauzione
di importo maggiore, debbono versare il supplemento nel termine loro
prefisso.
5. La non ottemperanza agli obblighi sanciti nel comma precedente costituisce
causa di dispensa dal servizio ai sensi dell'art. 103 se trattasi di dipendente
di prima nomina, ovvero determina la restituzione del dipendente medesimo alla
posizione precedente se trattasi di promozione.
6. Nell'ipotesi di incameramento del deposito in contanti, a norma
dell'art. 20, il dipendente è tenuto all'integrazione o alla ricostituzione
del deposito entro il termine fissato dall'Amministrazione; tale termine
non può essere superiore a due mesi. Ove a ciò non provveda, si applicano
le disposizioni di cui all'art. 103, lett. c).
7. Le somme date in cauzione si intendono costituite a
funzioni svolte e rimangono vincolate
fino a quando
autorizzato lo svincolo a norma dell'art. 22.
garanzia delle
non ne venga
Dichiarazione a verbale
Le parti si danno atto che in ipotesi di abrogazione delle norme dello
Statuto della Banca in tema di cauzioni del personale si intenderanno
automaticamente abrogate le disposizioni regolamentari in argomento. In tal
caso il gestore dei servizi di cassa risponderà dei fatti verificatisi per
opera non dolosa dei
dipendenti infruttuosamente escussi per il recupero
del loro addebito nei limiti previsti, in relazione alla carriera di
appartenenza e al grado rivestito, dalla Circolare n. 41 del 10 novembre
1988.
Art. 22
Svincolo delle cauzioni
1. Lo svincolo delle cauzioni è deliberato dal Consiglio Superiore dopo
almeno sei mesi dalla cessazione dal servizio o dalle funzioni per le quali
la cauzione fu costituita e quando non vi siano ragioni da far valere verso
i cauzionanti.
2. Per le cauzioni dei dipendenti che abbiano avuto la responsabilità
diretta delle casse occorre altresì che siano trascorsi sei mesi dalla data
del verbale di consegna al successore.
3. Lo svincolo e la restituzione della cauzione non liberano il dipendente
da eventuali responsabilità per fatti che, successivamente, risultassero
imputabili alla sua gestione; pertanto, egli ed eventualmente i suoi eredi
sono tenuti a rilasciare dichiarazione scritta in tal senso.
TITOLO V
ORARIO DI LAVORO - LAVORO STRAORDINARIO
Art. 23
Orario settimanale di lavoro
1. L'orario settimanale di lavoro è fissato in 37 ore e 30 minuti primi, è
ripartito su cinque giorni e decorre di norma dal lunedì al venerdì.
2. In relazione alle esigenze di custodia degli Stabilimenti, l'orario
settimanale di lavoro può essere distribuito su cinque giorni tra il lunedì
ed il sabato, anche in misura variabile nei diversi giorni lavorativi con
un limite massimo di orario normale, per turno, di 10 ore e 30 minuti,
secondo uniformi istruzioni. Per la giornata di domenica e per le ore
eccedenti il proprio normale orario di lavoro e non coincidenti con il
normale orario di attività degli uffici è stabilito per il custode un
obbligo di pronta disponibilità ad intervenire. Nelle giornate domenicali e
in quelle festive infrasettimanali è consentita una reperibilità non
domiciliare della
durata di
12 ore, dalle
ore 8
alle ore 20.
Compatibilmente con le esigenze di servizio, detto periodo di reperibilità
può essere ripartito in non più di due periodi fra il sabato e la domenica.
In relazione all'espletamento delle proprie mansioni, il custode ha titolo
ad un compenso secondo i criteri stabiliti dall'art. 131, lett. b) (Tab.
A.7, lett. b).
3. Per esigenze connesse a talune attività che siano da svolgere in via
continuativa nelle ore antimeridiane, pomeridiane e eventualmente notturne
le prestazioni di lavoro possono essere distribuite secondo particolari
categorie di orario giornaliero stabilite, in relazione ad obiettive
necessità funzionali, con apposite disposizioni di servizio, ferma restando
la durata del normale orario giornaliero di lavoro. Al personale chiamato a
prestare la propria ordinaria attività lavorativa secondo particolari
categorie di orario giornaliero spetta, per ciascun turno, il compenso di
cui all'art. 131, lett. n) (Tab. A.7, lett. n). Qualora il turno ricada in
tutto o in parte nelle ore notturne, tale compenso si cumula con la
maggiorazione di cui all'art. 130, 1° comma.
4. Quando le esigenze di servizio lo richiedano, il dipendente è tenuto nei limiti previsti dall'art. 25 - a prestare la propria opera anche oltre
l'orario normale di lavoro. Sono esentati dal suddetto obbligo i dipendenti
portatori di handicap che si trovino nelle condizioni previste dall'art. 3,
3° comma. ovvero dall'art. 21, 1° comma, della legge 104/1992 nonché i
dipendenti con figli portatori di grave handicap ai sensi di detta legge.
4bis. La durata media dell’orario settimanale di lavoro (dal lunedì alla
domenica) non può in ogni caso superare le 48 ore, comprese le ore di lavoro
straordinario. A far tempo dal 1° gennaio 2004, ai fini del calcolo della durata
media, è assunto come riferimento un periodo di 12 mesi.
5. La disciplina delle prestazioni di lavoro a tempo parziale è contenuta
nell'allegato A.
Nota all'art. 23
1. Nell'ambito delle previsioni di cui al 3° comma sono istituiti:
a) turni - della durata di 7 ore e 30 minuti, con intervallo mensa della
durata di 40 minuti, salvo quanto più avanti previsto per i Servizi E.S.I.,
I.S.C. e Segretariato - articolati su 5 giorni lavorativi dal lunedì al
venerdì; detti turni sono stabiliti, in relazione ad effettive esigenze di
servizio, all'interno di un arco temporale massimo 6.00-22.00 (ad eccezione
delle aree di lavoro più avanti indicate per le quali è previsto un diverso
arco temporale);
b) turni della durata di 7 ore e 30 minuti - con intervallo della durata di
30 minuti per la fruizione del pasto - articolati su 24 ore (salvo quanto
più avanti previsto per la Centrale telefonica dell'A.C.) per 7 giorni alla
settimana con spostamento del giorno di riposo settimanale e della giornata
feriale non lavorativa.
2. Il regime sub a) può trovare applicazione per il personale delle
seguenti aree di lavoro:
- Servizio Segretariato:
I. personale addetto alla gestione del telex e alle autorimesse;
II. personale della Divisione Trattamento e Gestione della Documentazione:
- addetto allo "sportello" per la ricezione della corrispondenza (arco
temporale: 7.00-19.30);
- addetto alla gestione della procedura automatica della corrispondenza
(turni di 7 ore e trenta minuti più mezz'ora per la fruizione del pasto);
- Servizio Rapporti con l'Estero: personale addetto alla gestione del telex
e del sistema SWIFT;
- personale
dei Servizi dell'Amministrazione
Centrale addetto alla
conduzione degli automezzi;
- personale addetto al presidio delle portinerie degli stabili ove sono
ubicati i Servizi dell'Amministrazione Centrale (arco temporale 6.00-20.00,
fatta eccezione per le portinerie del Servizio E.S.I. e di via dei
Serpenti, 55 cui si applica, rispettivamente, l'arco temporale 6.00-24.00 e
6.00-22.00);
- personale addetto alla sorveglianza delle ditte esterne presso l'A.C.
(arco temporale 6.00-20.00);
- personale addetto al Centro Sportivo;
- personale addetto alla gestione dei centri elaborativi "dipartimentali"
(VAX) ed alla gestione remota delle procedure elaborative;
- Servizio Segreteria Particolare: personale strettamente necessario allo
svolgimento dei compiti connessi o di supporto all'attività del Direttorio;
- Servizio Attività Immobiliari(arco temporale 6.00-20.00): personale operaio
addetto alle centrali termiche ed elettriche e al reparto “magazzino e pronto
intervento” della divisione assistenza tecnica e manutenzione;
- Servizio E.S.I.: personale addetto ad interventi su impianti telefonici
(arco temporale 6.00-20.00);
- Servizi E.S.I. e I.S.C. (turni di 7 ore e trenta minuti più mezz'ora per
la fruizione del pasto): personale addetto alle seguenti unità: CED 1,
Divisione Supporto allo Sviluppo Applicativo. Settore Gestione Telex ed
Acquisizione Dati e, nell'arco temporale 6.00-24.00, personale operaio
incaricato della manutenzione e sorveglianza degli impianti. Il personale
delle suddette aree di lavoro può fruire della pausa per il pasto
all'interno del turno quando
debba prolungare l'attività lavorativa
effettuando prestazioni eccedenti il normale orario di lavoro. Per il
personale addetto al CED1 e
alla Divisione Supporto allo Sviluppo
Applicativo adibito alla gestione degli elaboratori, i turni, articolati in
tre fasce continuative, si svolgono, tenuto conto delle esigenze di
servizio, in un arco temporale 6.30-3.00; per il personale della Divisione
Supporto allo Sviluppo Applicativo adibito al servizio di assistenza allo
sviluppo delle applicazioni i turni si svolgono in un arco temporale
6.00-24.00;
- Servizio
Fabbricazione Carte Valori
(arco temporale 7.00-20.00),
personale addetto alle seguenti unità: Divisione Manutenzione (Manutenzione
O.C.V., Manutenzione Cassa Speciale, Officina Meccanica, Carpenteria,
Attrezzeria,
Servizi
Generali),
Divisione
Impianti
(Ascensoristi,
Elettricisti, Depurazione Acque, Manutenzione Impianti e Servizi, Servizi
ausiliari), Divisione Segreteria e Affari Generali (Affari Generali);
- Filiali presso le quali è attivato l'istituto della reperibilità: per la
sostituzione diurna del custode secondo le modalità previste dalla nota
all'art. 26.
a far tempo dall'1.9.98, personale distaccato presso il C.A.S.C.-B.I.
per le esigenze connesse al funzionamento della sede sociale di via S.
Vitale;
a far tempo dall'1.1.99 sono istituiti - in connessione all'avvio del
sistema TARGET e all'operatività della Banca Centrale Europea - turni,
della durata di 7 ore e 30 minuti, distribuiti su 5 giorni lavorativi dal
lunedì al venerdì per le seguenti aree di lavoro:
·
·
Servizio Rapporti con l'Estero (arco temporale massimo 6.30-19.30).
Servizio Mercati Monetario e Finanziario (arco temporale massimo
7.00-19.30).
·
Servizio Anticipazioni, Sconti e Compensazioni (arco temporale
massimo 6.30-19.30).
·
Servizio Elaborazioni e Sistemi Informativi (arco temporale massimo
7.00-19.00 - in aggiunta ai turni già previsti dal presente comma - per le
seguenti unità del S.E.S.I.: Divisioni Supporto Sistemistico, Sviluppo
Applicazioni, Telecomunicazioni, Sicurezza Informatica, Nucleo Automazione
Sportello).
·
Servizio Ragioneria (arco temporale massimo 6.30-20.00).
·
Sede
di Milano (unità di Segreteria e di Riscontro, turno
pomeridiano, durata massima fino alle 19.30).
·
Presidio della portineria degli stabili di via Pastrengo (arco
temporale massimo 6.00-20.10);
- turni della durata di 7 ore e 30 minuti, distribuiti su 5 giorni lavorativi
dal lunedì al venerdì, per le attività collegate al sistema TARGET e
all'operatività della Banca Centrale Europea nelle seguenti aree di lavoro:
. Servizio Politica Monetaria e del Cambio (arco temporale massimo 6.30-19.30)
. Servizio Sistema dei Pagamenti (arco temporale massimo 6.30-19.30)
. Servizio Elaborazioni e Sistemi Informativi (arco temporale massimo 7.00-19.00
-in aggiunta ai turni già previsti dal presente comma -per le seguenti unità del
S.E.S.I.: Divisioni Supporto Sistemistico, Sviluppo Applicazioni Istituzionali,
Telecomunicazioni, Sicurezza Informatica, Nucleo Automazione Sportello)
. Servizio Ragioneria (arco temporale massimo 6.30-20.00)
. Sede di Milano (unità di Segreteria e di Riscontro, turno pomeridiano, durata
massima fino alle 19.00)
. presidio della portineria degli stabili di Via Pastrengo (arco temporale
massimo 6.00-20.10).
I turni avranno di norma un intervallo di mensa, interno al turno, di 40 minuti.
Per il turno 12.30-20.00 è consentita la fruizione del pasto presso la mensa
aziendale nella mezz'ora precedente il turno stesso.
I turni che iniziano entro le ore 7.30 o che terminano dalle ore'19.00 possono
essere senza intervallo.
3. Il regime sub b) può trovare applicazione per il personale delle
seguenti aree di lavoro:
- Servizio
Segretariato: personale
addetto al
Posto di Controllo
Centralizzato (inclusi il Posto Ascolto Radio e il servizio di centralino
telefonico) e alla Centrale telefonica dell'A.C., per la quale è fissato, a
titolo sperimentale, l'arco temporale 7.00-21.30.
- Servizi E.S.I. e Fabbricazione Carte Valori: personale operaio addetto
alle centrali idrotermiche ed elettriche.
4.
In tutti i casi in cui sono previsti turni di 7 ore e 30 munuti senza
intervallo, questi sono sostituiti da turni della durata di 8 ore comprensiva di
un intervallo di 30 minuti, fissato in relazione alle esigenze organizzative
così come soddisfatte dall’attuale sistema.
5. Per il personale operante su turni, è attivabile una flessibilità in
entrata di 10 minuti – 15 minuti per il personale addetto al Centro Donato
Menichella – a condizione che sia comunque assicurata la continuità del
servizio.
6. Soppresso
7. In presenza di sopravvenute esigenze operative possono essere introdotte
ulteriori particolari categorie di orario previo confronto negoziale tra
l'Amministrazione e le Segreterie Nazionali delle Organizzazioni Sindacali.
8. I limiti all'obbligo di effettuare prestazioni straordinarie richiamati
al 4° comma
del presente articolo entrano
in vigore a decorrere
dall'1.1.1997
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che nell'assegnazione del personale alle diverse
categorie di orario si terrà conto anche delle esigenze personali e
familiari manifestate dagli interessati.
L'Amministrazione ridurrà a 5 le tipologie di turni attualmente previste
per il personale se.ge.si. addetto al Servizio Fabbricazione Carte Valori.
Un'ulteriore riduzione a 4 delle suddette tipologie di turni potrà essere
effettuata entro la primavera del 1997.
L'Amministrazione ridurrà
le posizioni
su "turni
leggeri" (n. 15
posizioni), con correlativa riallocazione degli elementi interessati in
regime di continuità delle lavorazioni, secondo la fascia di competenza e
il regime di continuità, nei seguenti reparti della Divisione Manutenzione
del Servizio Fabbricazione Carte Valori:
- Manutenzione Officine Carte Valori;
- Manutenzione Cassa Speciale;
- Officina Meccanica;
- Carpenteria;
- Servizi Generali.
L'Amministrazione precisa che le esigenze di servizio non integralmente
fronteggiabili con i turni e gli sfalsamenti saranno assicurate con
prestazioni straordinarie che, pertanto, non devono ritenersi incompatibili
con le cennate categorie di orario.
L'orario di lavoro del personale dei servizi generali e di sicurezza
ricomprende, nella sua articolazione giornaliera, due periodi di cinque
minuti ciascuno per indossare e togliere il prescritto abito-uniforme
all'inizio e alla fine di ciascun turno lavorativo.
Dichiarazioni a verbale
L' Amministrazione, nel fare presente che le attività collegate al sistema
TARGET e all'operatività della Banca Centrale Europea sono prevalentemente
organizzate su turni, dichiara, con specifico riferimento a tali turni, che:
.l'orario di lavoro giornaliero è articolato per ciascun comparto su due turni,
salvo il ricorrere di particolari situazioni operative.
.Il personale che opera su turni non è vincolato al rispetto degli orari di
intervallo previsti per la fruizione del servizio di mensa per i Servizi dell'
Amministrazione Centrale.
.Il personale che opera su turni che iniziano entro le ore 7.30 o che terminano
dalle ore 19.00, per i quali è consentita una prestazione lavorativa senza
intervallo, ha titolo, in luogo della mensa, a forme di ristorazione alternative
( c.d. "cestino"), da fruire prima dell'inizio o dopo il termine del turno. La
preferenza tra la mensa o la fruizione del "cestino" sarà espressa dal
dipendente in occasione dell'assegnazione settimanale ai turni.
.Presso i Servizi interessati, le prestazioni di lavoro sono distribuite su
turni, con apposite comunicazioni di servizio da parte delle Direzioni locali,
nelle quali verranno indicati il numero ed i nominativi dei dipendenti
potenzialmente interessati dalle particolari categorie di orario e le tipologie
dei turni che saranno adottate su base settimanale.
.L' assegnazione dei dipendenti ai turni -che verrà definita sulla base di una
programmazione plurisettimanale -sarà effettuata, secondo criteri di rotazione,
tenendo conto, per quanto possibile, delle esigenze personali e familiari
manifestate dagli interessati (ad esempio: lavoratrici con figli in età
prescolare o portatori di handicap bisognosi di assistenza e lavoratori con
analoga situazione familiare in relazione alla condizione del coniuge).
.I turni settimanali programmati sono modificabili previo tempestivo preavviso
agli interessati (di regola con un anticipo di almeno 48 ore ovvero due giornate
lavorative).
.Il personale che abbia svolto una prestazione lavorativa in turno e che, per
effetto di prestazioni straordinarie, termini l'attività lavorativa oltre le ore
21.00 ha titolo, a far tempo dal 1° maggio 1999, al rimborso delle spese di taxi
per rientrare nella propria abitazione, dietro presentazione della relativa
documentazione di spesa.
A tal fme, l' Amministrazione valuterà la possibilità di stipulare una
convenzione con una società di servizio taxi.
Le parti dichiarano che il vigente regime normativo ed economico dei turni
verrà riesaminato nell' ambito del negoziato per il rinnovo degli accordi per il
quadriennio 1998-2001.
L' Amministrazione -tenuto conto che, allo stato, si registra una contenuta
disponibilità di posti auto presso l'autorimessa di Via Pastrengo e considerata
altresì l'ubicazione logistica di tale autorimessa, attualmente al di fuori
della "zona a traffico limitato" -dichiara che, in via provvisoria, saranno ivi
riservati posti auto in favore del personale addetto al primo ed all'ultimo
turno di lavoro della giornata per le attività collegate al sistema TARGET ed
all'operatività della Banca Centrale Europea, ivi compresi gli elementi della
carriera se.ge.si. addetti al presidio della portineria dello stabile di Via
Pastrengo.
Le parti convengono che, ove ne emerga l' esigenza sulla base dell'arco orario
effettivamente interessato dall'operatività di TARGET, si procederà ad una
congiunta verifica in ordine all'eventuale prolungamento del termine finale
dell'articolazione dei turni previsto per i Servizi Sistema dei Pagamenti,
Ragioneria e le relative portinerie.
Art. 24
Distribuzione giornaliera dell'orario di lavoro
1. La durata dell'orario giornaliero di lavoro è fissata in 7 ore e 30
minuti, salvo quanto previsto dall'art. 23.
2. Per le Filiali l'orario giornaliero di lavoro - normalmente distribuito
in 5 ore e 40 minuti la mattina ed in un'ora e 50 minuti il pomeriggio - ha
inizio tra le ore 8.00 e le ore 8.30 e termine tra le ore 16.20 e le ore
16.50, con un intervallo pomeridiano di 50 minuti. Per le Filiali non
dotate di mensa interna l'intervallo pomeridiano è di 60 minuti e l'orario
giornaliero di lavoro ha termine tra le ore 16.30 e le ore 17.00.
Presso la Filiale di Roma Tuscolano l’intervallo pomeridiano è di 40 minuti e
l’orario giornaliero di lavoro ha termine tra le 16.10 e le 16.40.
3. Non può avvalersi della flessibilità dell'orario di lavoro giornaliero
di cui al precedente comma il personale delle Filiali addetto a comparti di
lavoro per i quali ricorrano particolari esigenze tecnico-operative.
4. L'orario di funzionamento degli sportelli al pubblico ha inizio alle ore
8.15 e termine alle ore 13.30. Il servizio di sportello prosegue, per il
pubblico presente in sala, fino ad un massimo di 15 minuti successivi al
suddetto termine di chiusura dello sportello.
5. Per l'Amministrazione Centrale, l'orario giornaliero di lavoro ha inizio
tra le ore 8.00 e le ore 9.00 e termine tra le ore 16.20 e le ore 17.20 con
un
intervallo pomeridiano
di
50 minuti.
Presso l'Amministrazione
Centrale-insediamenti di Vermicino, l'orario giornaliero di lavoro ha
inizio tra le ore 7.30 e le ore 9.00 e termine tra le ore 15.40 e le ore
17.10 con un intervallo pomeridiano di 40 minuti.
6. Non può avvalersi della flessibilità dell'orario di lavoro giornaliero
di
cui
al
precedente
comma
il
personale
addetto
a
settori
dell'Amministrazione Centrale per i quali ricorrano particolari esigenze
tecnico-operative.
7. Presso la Cassa Centrale l'orario di funzionamento degli sportelli al
pubblico ha inizio alle ore 8.15 e termine alle ore 12.30.
8. Per il personale del Servizio Fabbricazione Carte Valorie per quello in
servizio presso la Divisione Cassa Speciale del Servizio Cassa Generale,
l'orario di lavoro giornaliero ha inizio alle ore 8.00 e termine alle ore
16.10 con un
intervallo pomeridiano di 40 minuti. Ad eccezione degli addetti ai
comprensori, il predetto personale può avvalersi di una flessibilità di 30
minuti del termine iniziale e finale dell'orario giornaliero, sempre che non
ricorrano particolari esigenze tecnico-operative. Il personale del Servizio
Fabbricazione Carte Valorie e del Servizio Cassa Generale addetto
ai
comprensori non può uscire, salvo apposita autorizzazione, se prima non sono
completate le operazioni di verifica e di ricognizione,secondo le prescritte
modalità, di quanto viene custodito nei locali di sicurezza. Qualora
presso i predetti comprensori durante le suddette operazioni si riscontrino
differenze o mancanze, l'uscita resta sospesa fino a che siano
compiuti
i
conseguenti
accertamenti
ed
è', comunque, subordinata all'autorizzazione
della competente Direzione.
9. Ove si consenta, nei limiti della flessibilità dell'orario di lavoro
giornaliero di cui ai precedenti commi 2°, 5°e 8°, una prestazione
giornaliera inferiore a 7 ore e 30 minuti, il minor tempo lavorato deve
essere compensato
da prestazioni
aggiuntive rese
in altri giorni
lavorativi.
10. L'inizio e il termine dell'orario di lavoro giornaliero possono essere
anticipati o posticipati di un'ora, di 30 minuti ovvero di 15 minuti per il
personale strettamente necessario per l'espletamento del lavoro inerente a
specifiche esigenze di determinate strutture. Il termine di riferimento per
l'applicazione di tali sfalsamenti è quello delle ore 8.00. In tali casi a
detto personale è riconosciuto il compenso di cui all'art. 131, lett. m)
(Tab. A.7, lett. m).
Nota all'art. 24
1. Qualora la prestazione lavorativa giornaliera ecceda le sei ore e non sia
previsto un intervallo a qualsivoglia titolo attribuito, al dipendente spetta
una pausa non retribuita di 10 minuti.
2. Soppresso.
3. In caso di prolungamento dell'orario di sportello ai sensi del 4° comma
la distribuzione ordinaria della prestazione giornaliera di lavoro tra il
mattino ed il pomeriggio subirà variazioni al fine di consentire al
personale la piena fruizione dell'intervallo pomeridiano.
4. Le Direzioni dei Servizi dell'Amministrazione Centrale possono disporre
- a richiesta dell'interessato e purché ciò sia compatibile con le esigenze
di organizzazione del servizio - lo spostamento in avanti del termine
iniziale e finale dell'attività lavorativa fino ad un massimo di 2 ore e 30
minuti (dalle ore 10.30 alle ore 19.00). In tal caso l'interessato non può
avvalersi del regime di flessibilità.
5. Presso il Servizio Fabbricazione Carte Valori può essere disposta, con
formale comunicazione della Direzione del Servizio, l'attivazione di un
regime continuativo di lavoro finalizzato ad assicurare il funzionamento
ininterrotto delle macchine e degli impianti, nonché la prosecuzione delle
attività a lavorazione
individuale, mediante la
fruizione a turno
dell'intervallo pomeridiano da parte degli addetti ad una stessa unità
operativa.
6. Gli sfalsamenti previsti dal 10° comma possono trovare applicazione con
riferimento al personale ed alle unità di seguito indicati:
- nella misura di un'ora, per il personale del Servizio Fabbricazione Carte
Valori addetto alla Stamperia (squadra di manovra), alla Cassa officina,
alla Cassa speciale (personale del ruolo di cassa e personale operaio) e
quello che svolge funzioni di Fiduciario presso le Officine Carte Valori o
presso
la Cassa
speciale. Detto
sfalsamento può
essere disposto
limitatamente alle quote di personale necessario per le operazioni di
estrazione e/o immissione nelle sacristie di materiale, semilavorati e
valori;
- nella misura di un'ora, per i Capi reparto addetti ad unità che operano
su turni;
- nella misura di un'ora ovvero di 30 minuti, per il personale dei servizi
generali e di sicurezza delle Filiali addetto alla sorveglianza di ditte
esterne;
- nella misura di 15 ovvero di 30 minuti, a fronte di specifiche esigenze
di servizio, per il personale dei servizi generali e di sicurezza addetto
alla Cassa Centrale ed alla Succursale di Roma;
- nella misura di 15 minuti in anticipo (dalle 8 alle 7.45) per il
personale delle Filiali adetto all'apparato LSX (misura sperimentale).
7. Soppresso.
8. A far tempo dal 1° ottobre 2002 può avvalersi della flessibilità oraria in
ingresso, secondo criteri di rotazione, il personale delle Filiali addetto alle
strutture che svolgono attività di cassa con organico effettivo pari o superiore
alle sei unità e nel limite dei 30% delle risorse in concreto disponibili.
9. Della flessibilità oraria in ingresso può altresì avvalersi, sempre a far
tempo dal 1° ottobre 2002, il personale della carriera operaia addetto alle
unità di cassa delle Filiali di Roma Tuscolano e di Piacenza, ove avanzi
specifica richiesta in tal senso e sempre che non ostino esigenze di servizio.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che nel primo trimestre 1997 sarà avviato in
tutte le Filiali un sistema di rilevazione automatica delle presenze.
L'Amministrazione precisa che tra le esigenze tecnico-operative di cui al
6° comma del presente articolo
rientrano anche quelle connesse al
funzionamento delle casse presso l'Amministrazione Centrale.
L'Amministrazione si riserva di valutare, al termine del periodo di prima
applicazione della procedura per l'automazione dello sportello (nel secondo
semestre del 1996), la possibilità di introdurre in via sperimentale la
flessibilità di trenta minuti dell'orario di inizio e termine della
prestazione giornaliera per il
personale di cassa secondo modalità
compatibili con le concrete esigenze tecnico-operative.
L'Amministrazione dichiara l'intendimento di favorire presso le Filiali una
più ampia applicazione della flessibilità in ingresso del personale
se.ge.si., da
realizzarsi secondo
necessari criteri
di rotazione,
avvalendosi delle previsioni della vigente normativa in materia.
L'Amministrazione dichiara che, ai fini dell'applicazione della normativa
concernente le assenze del personale, verrà considerato assente dal
servizio il dipendente che, nel giorno, abbia fornito una prestazione
inferiore a 2 ore e 30 minuti.
L'Amministrazione dichiara che la prestazione minima necessaria ai fini del
conteggio automatico delle prestazioni straordinarie è pari a 15 minuti.
L'Amministrazione conferma che il personale con funzioni di custode può
fruire del pasto presso le mense aziendali.
L'Amministrazione fa presente che il regime di continuità delle lavorazioni
presso il Servizio Fabbricazione Carte Valori trova la sua esclusiva fonte
normativa primaria nella disciplina regolamentare in materia.
L' Amministrazione dichiara che, pur costituendo il regime di continuità
delle lavorazioni presso il Servizio Fabbricazione Carte Valori il normale
modello organizzativo per
detta Unità, la
Banca potrà sospenderne
l'applicazione presso quei settori per i quali i risultati delle attività
lavorative - fatti salvi i casi di forza maggiore - si rivelassero non
conformi ai livelli produttivi previsti.
Le parti dichiarano che il regime di continuità delle lavorazioni ed i
relativi criteri di attuazione saranno riesaminati nell'ambito della
prossima trattativa alla luce della prevedibile evoluzione del contesto
esterno di riferimento (ad es., monetazione delle banconote di L.1.000 e di
L.2.000, emissione del nuovo biglietto di L. 500.000, introduzione della
banconota europea) e del conseguente impatto della stessa evoluzione
sull'attività del Servizio Fabbricazione Carte Valori.
Art. 25
Lavoro straordinario - Riposi compensativi
1. A decorrere dall' 1.1.1997, per le prestazioni oltre il normale orario
di lavoro - da rendere con le modalità stabilite dal preposto all'ufficio,
Divisione o reparto secondo le direttive impartite dalla Direzione - sono
stabiliti i seguenti limiti annuali, raggiunti i quali viene meno l'obbligo
di effettuare le prestazioni medesime:
- limite generale di 400 ore;
- limite di 600 ore, per il personale adibito a particolari aree operative.
2. Ai fini del raggiungimento dei limiti annuali indicati al comma
precedente, non si computano le prestazioni straordinarie fornite nel mese
di maggio dai dipendenti impegnati nella predisposizione della Relazione
annuale della Banca, entro il limite massimo di 100 ore, nonché le
prestazioni straordinarie rese dal personale della Segreteria Particolare
adibito a compiti connessi o di supporto all'attività del Direttorio.
3. Le prestazioni rese dai dipendenti nei cui confronti trova applicazione
il limite generale di 400 ore sono sottoposte al seguente regime:
- per le prestazioni effettuate fino al raggiungimento di 140 ore è
corrisposto il compenso per lavoro straordinario di cui all'art. 120, salvo
quanto previsto in tema di “banca delle ore”;
- per le prestazioni effettuate oltre 140 ore e fino al limite di 400 ore
il dipendente può optare tra compenso per lavoro straordinario e riposi
compensativi - salvo il ricorrere di inderogabili esigenze di servizio - da
fruire per giornate intere nel mese stesso in cui le prestazioni eccedenti
il limite sono state effettuate. In ogni caso di mancata fruizione dei
riposi in detto mese è corrisposto il compenso per lavoro straordinario;
- per le prestazioni che, in via eccezionale, il dipendente effettui, pur
non ricorrendone l'obbligo, oltre il limite di 400 ore, il dipendente
stesso ha titolo esclusivamente a fruire di riposi compensativi per
giornate intere.
4.
Per i dipendenti che pur sottoposti al limite generale di 400 ore siano
addetti a particolari aree operative, trova applicazione il seguente
regime:
- per le prestazioni effettuate fino al raggiungimento del limite di 400
ore al dipendente è corrisposto il compenso per lavoro straordinario,salvo
quanto previsto in tema di “banca delle ore”;
- per le prestazioni che, in via eccezionale, il dipendente effettui, pur
non l'obbligo, oltre il limite di 400 ore:
• fino a 90 ore eccedenti tale limite il dipendente può optare tra compenso
per lavoro straordinario e riposi compensativi - salvo il ricorrere di
inderogabili esigenze di servizio - da fruire per giornate intere nel mese
stesso in cui le prestazioni eccedenti il limite sono state effettuate. In
ogni caso di mancata fruizione dei riposi in detto mese è corrisposto il
compenso per lavoro straordinario;
• oltre le 490 ore complessive il dipendente ha titolo esclusivamente a
fruire di riposi compensativi per giornate intere.
5. Le prestazioni rese dai dipendenti nei cui confronti trova applicazione
il limite di 600 ore sono sottoposte al seguente regime:
- per le prestazioni effettuate fino al raggiungimento del limite di 600
ore è corrisposto il compenso per lavoro straordinario, salvo quanto previsto
in tema di “banca delle ore”;
- per le prestazioni che, in via eccezionale, il dipendente effettui, pur
non ricorrendone l'obbligo, oltre il limite di 600 ore:
• fino a 90 ore eccedenti tale limite il dipendente può optare tra compenso
per lavoro straordinario e riposi compensativi - salvo il ricorrere di
inderogabili esigenze di servizio - da fruire per giornate intere nel mese
stesso in cui le prestazioni eccedenti il limite sono state effettuate. In
ogni caso di mancata fruizione dei riposi in detto mese è corrisposto il
compenso per lavoro straordinario;
• oltre le 690 ore complessive il dipendente ha titolo esclusivamente a
fruire di riposi compensativi per giornate intere.
6. I dipendenti possono prendere visione periodicamente del numero delle
ore straordinarie dagli stessi prestate.
7. Alle rappresentanze sindacali
locali formalmente costituite sono
comunicati - con frequenza trimestrale ed evidenza cumulativa - i dati
concernenti il numero delle ore straordinarie complessivamente prestate
fino al mese di riferimento presso ciascuna Divisione, ufficio e reparto e
la distribuzione quantitativa, per scaglioni di ore, dei dipendenti che
abbiano reso prestazioni straordinarie.
8. Il personale che fornisca prestazioni eccedenti il normale orario
giornaliero di lavoro nell'arco di tempo compreso tra le ore 0.00 e le ore
6.00 di una giornata lavorativa ha titolo ad un riposo di pari durata, da
fruire di norma all'inizio della prestazione lavorativa di detta giornata.
Nota all'art. 25
1. Soppresso
2. Il limite annuale alle prestazioni straordinarie è fissato in 600 ore
per le seguenti aree operative:
- movimento fondi;
- autorimesse, conduzione autovetture, portinerie e telex; sorveglianza
ditte esterne;
- centrali termiche, elettriche e interventi su time-lock (Servizio
Attività Immobiliari);
- centrale telefonica dell'Amministrazione Centrale;
- Stanza di
Compensazione di Milano,
limitatamente al periodo di
liquidazione titoli; interventi su impianti telefonici (S.E.S.I.);
- protocollo e spedizione della corrispondenza (Divisione Trattamento e
Gestione Documentazione del Servizio Segretariato).
3. La previsione di cui al 2° comma trova applicazione nei confronti del
personale della Segreteria Particolare addetto alle seguenti aree di
lavoro: Stampa Italiana, Segreteria dei membri del Direttorio, personale
dei servizi generali e di sicurezza.
4. In presenza di sopravvenute ed indilazionabili esigenze operative i
limiti annuali di cui al 1° comma possono essere elevati, d'intesa fra
l'Amministrazione e le Segreterie Nazionali delle Organizzazioni Sindacali,
nei confronti del personale addetto alle unità operative presso le quali si
sono manifestate le anzidette esigenze.
5. Le particolari aree operative di cui al 4° comma sono le seguenti:
- Servizio E.S.I.: Divisioni CEDI, Divisione Supporto allo Sviluppo
Applicativo, Impianti
Tecnologici e Sistemi
di Sicurezza, Sviluppo
Applicazioni, Supporto Utenti, Supporto Sistemistico, Telecomunicazioni,
addetti ad impianti analoghi a quelli del Posto di Controllo Centralizzato:
- Servizio I.S.C.: Divisione Sviluppo Applicazioni;
- Servizi E.S.I. e I.S.C.: personale della carriera se.ge.si. addetto al
presidio del passaggio tra gli ambienti del Servizio E.S.I. ed il Servizio
I.S.C.;
- Servizio Segretariato: addetti al posto di controllo dell'Amministrazione
Centrale;
- Servizio Studi: personale della Divisione Sviluppo Applicazioni ed
Elaborazioni Economiche che si occupa della gestione del Centro Elaborativo
Dipartimentale e dell'assistenza di primo livello agli utenti; personale
delle carriere se.ge.si. ed operaia addetto alla Biblioteca.
6. A far tempo dal l° gennaio 2004 è istituita la "banca delle ore" alimentata
con le prime 30 ore di lavoro straordinario diurno effettuato nelle giornate
feriali lavorative, salvo che il dipendente ad inizio anno opti per la loro
monetizzazione. Le ore versate nella "banca" sono utilizzate sotto forma di
giornate di congedo o di permessi orari di durata compresa tra una e cinque ore
giornaliere (tre ore in occasione di semifestività) da fruire obbligatoriamente
entro i 18 mesi successivi al termine dell'anno di maturazione.
7. Le ore versate nella "banca delle ore" possono essere anche utilizzate, a
domanda del dipendente, per compensare eventuali deficit di prestazione
risultanti a fine mese che diano luogo a trattenuta retributiva.
8. Alla scadenza dei 18 mesi, per le ore eccezionalmente non fruite è
riconosciuto il compenso per lavoro straordinario.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che nella richiesta di prestazioni straordinarie
si terrà conto delle esigenze delle lavoratrici con figli in età prescolare
o portatori di handicap bisognosi di assistenza nonché dei lavoratori con
analoga situazione familiare in relazione alla condizione del coniuge.
L'Amministrazione dichiara che provvederà ad integrare il mod. 138 Sip
(concernente la segnalazione alle rappresentanze sindacali locali delle
prestazioni straordinarie per scaglioni di ore) con l'introduzione, previe
le opportune modifiche alle attuali procedure elaborative, di ulteriori
scaglioni.
Le Organizzazioni
Sindacali firmatarie dichiarano
che il complesso
dell'accordo sulle prestazioni straordinarie è finalizzato a determinare le
condizioni utili a consentire un più congruo numero di assunzioni.
L'Amministrazione dichiara che il regime transitorio è volto a consentire
l'adozione di misure organizzative, tecniche e procedurali idonee a
favorire il passaggio alla nuova disciplina di cui saranno anche valutati
gli eventuali impatti sugli organici.
Art. 26
Reperibilità
1. Il personale per il quale sia stabilito con formale comunicazione della
Direzione del Servizio o della Filiale di appartenenza un obbligo di pronta
reperibilità è tenuto a fornire in via preventiva ogni indicazione utile
per essere immediatamente rintracciabile mediante comunicazione telefonica
o altro mezzo, nonché a raggiungere tempestivamente, in caso di chiamata,
il luogo dell'intervento.
2.
Salvo diversa
determinazione
della Direzione
che
dispone la
reperibilità, il turno di reperibilità in giorno lavorativo è compreso tra
il termine del normale orario di lavoro e le ore 8.00 del giorno
successivo; il turno di reperibilità in giorno festivo, feriale non
lavorativo e di riposo settimanale è compreso tra le ore 8.00 del giorno
medesimo e le ore 8.00 del
giorno successivo. Per ogni turno di
reperibilità spetta il compenso di cui all'art. 131, lett. o) (Tab. A.7,
lett. o).
3. In caso di effettuazione di interventi sul posto di lavoro durante il
turno di reperibilità
il dipendente ha
titolo per le prestazioni
effettivamente rese:
- al compenso per lavoro straordinario di cui all'art. 120, in caso di
interventi in giorni lavorativi, feriali non lavorativi, ore notturne
ovvero festività infrasettimanali;
- alla maggiorazione dello stipendio di cui all'art. 130, 2° comma e allo
specifico regime di cui all'art. 27, in caso di interventi nel giorno di
riposo settimanale.
4. Nelle ipotesi che precedono gli emolumenti di cui agli artt. 120 e 130,
2° comma spettano nella misura minima di un'ora anche per le prestazioni di
durata inferiore.
5. In caso di effettuazione di interventi sul posto di lavoro il dipendente
ha altresì titolo al rimborso delle spese di spostamento (spese documentate
di taxi ovvero, in caso
di utilizzo del mezzo proprio, indennità
chilometrica secondo i criteri stabiliti dall'art. 140).
6. Qualora gli interventi abbiano luogo nell'arco di tempo compreso tra le
ore 0.00 e le ore 6.00 di una giornata lavorativa, il dipendente ha altresì
titolo ad un riposo, da fruire di norma all'inizio della prestazione
lavorativa di detta giornata, di durata pari a quella degli interventi
effettuati e dei necessari connessi spostamenti.
Nota all'art. 26
1. L'istituto della reperibilità trova applicazione nei seguenti settori:
- Servizio Attività Immobiliari: personale tecnico della Divisione
Assistenza tecnica e manutezione e personale operario della stessa Divisione
addetto ai reparti “elettricisti” e “porte corazzate e casse forti”
- Servizio E.S.I.: personale delle carriere operaia e dei servizi generali
e di sicurezza addetto alle portinerie;
- personale addetto alla gestione dei VAX "dipartimentali";
- personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza incaricato
della sostituzione del custode.
2. Il dipendente obbligato alla pronta reperibilità è tenuto a mantenersi
entro l'ambito di copertura dello strumento di collegamento adottato e,
comunque, entro una distanza tale da consentire un intervento tempestivo in
caso di chiamata.
3. Il ricorso all'istituto della reperibilità del sostituto custode è
obbligatorio ad eccezione dei casi in cui, in presenza di particolari
condizioni, si renda necessario ricorrere al regime di sostituzione
notturna in Filiale. In tale ultimo caso i dipendenti della carriera dei
servizi generali e di sicurezza incaricati a turno, in sostituzione del
custode, di permanere nei locali della Filiale nelle ore notturne hanno
titolo, per ogni notte, al compenso di cui all'art. 131, lett. c) (Tab.
A.7, lett. C). Nella giornata in cui ha termine tale sostituzione sempreché detta giornata sia lavorativa
detti dipendenti iniziano la
prestazione lavorativa alle ore 6.00 e la terminano alle ore 10.30 (9 in
caso di semifestività). Per la parte residua della giornata lavorativa gli
stessi fruiscono, a titolo di
riposo compensativo, di un permesso
retribuito. Quando la sostituzione abbia inizio in giorno antecedente ad
una giornata festiva, semifestiva o feriale non lavorativa, il dipendente
ha titolo ad una maggiorazione del 100% del compenso di cui all'art. 131,
lett. c).
4. Presso le Filiali in cui è attivato l'istituto della reperibilità, la
sostituzione diurna del custode nei giorni dal lunedì al venerdì ha luogo
con il ricorso alle particolari categorie di orario di cui al 3° comma
dell'art. 23 secondo le seguenti modalità:
- per ciascuna giornata prestano servizio due elementi dei servizi generali
e di sicurezza, il primo a partire dall'ora di "riconsegna" mattutina della
Filiale da parte dell Arma dei Carabinieri, il secondo fino all'ora
prevista per la "consegna" serale all'Arma medesima;
- i predetti elementi osservano il normale orario di lavoro con fruizione
anticipata o posticipata dell'intervallo pomeridiano e del servizio di
mensa;
- agli stessi è riconosciuto il compenso di cui all'art. 131, lettera n)
(Tab. A.7, lett.n).
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che sono in corso di realizzazione interventi
migliorativi sugli impianti di sicurezza che dovrebbero, in prospettiva,
favorire una revisione delle modalità di svolgimento del servizio di
custodia.
L'Amministrazione dichiara che stipulerà una convenzione con una società di
servizio taxi per agevolare il raggiungimento del posto di lavoro ed il
ritorno all'abitazione da parte del personale dei Servizi E.S.I. ed I.S.C.
in reperibilità ai fini dell'effettuazione dell'intervento.
Art. 27
Riposo settimanale
1. Il personale ha diritto ad un giorno di riposo settimanale che, di
regola, coincide con la domenica.
2. È fissato in un giorno feriale il riposo settimanale dei dipendenti che,
nell'ambito di turni articolati su 24 ore per 7 giorni alla settimana ai
sensi dell'art. 23, 3° comma, debbano prestare servizio anche la domenica e
di quelli che, per esigenze connesse alla custodia degli Stabilimenti, sono
tenuti in tale giorno all'obbligo di pronta disponibilità ad intervenire di
cui all'art. 23, 2° comma.
3. Il personale, ove in via eccezionale sia chiamato a fornire prestazioni
eccedenti le quattro ore nel corso della giornata destinata al proprio
riposo settimanale, ha titolo ad usufruire del riposo non goduto in una
delle giornate lavorative immediatamente successive.
4. Prestazioni della specie di durata pari o inferiore alle quattro ore
danno titolo ad un permesso orario di corrispondente durata da fruire
all'inizio dell'orario di
lavoro di una
delle giornate lavorative
immediatamente successive.
5. Per le prestazioni di cui ai precedenti commi 3° e 4°, rese entro la
durata del normale orario giornaliero di lavoro trova applicazione la
maggiorazione dello stipendio di cui al 2° comma dell'art. 130; per le
prestazioni rese in eccedenza alla durata del normale orario giornaliero di
lavoro è corrisposto, in luogo della predetta maggiorazione, il compenso
per lavoro straordinario festivo di cui all'art. 120, 2° comma, lett. c).
Art. 28
Festività, semifestività e giornate feriali non lavorative
1. Sono considerati giorni festivi quelli previsti dalle disposizioni di
legge. Al dipendente che svolga attività lavorativa in tali giornate spetta
il compenso previsto dall'art. 120, 2° comma, lett. c). Qualora il giorno
festivo coincida con il giorno di riposo settimanale, trova applicazione il
regime relativo alle prestazioni rese nel giorno di riposo settimanale di
cui all'art. 27.
2. Sono considerati semifestivi il 14 agosto, il 24 dicembre, il 31
dicembre e il giorno del Santo Patrono della località in cui il dipendente
presta la sua opera. In tali giorni - fermi restando i termini di inizio
dell'orario di lavoro - la durata del normale orario di lavoro giornaliero
è ridotta a 5 ore e l'orario di sportello ha termine alle ore 11.15. Al
personale che in dette giornate svolga attività lavorativa oltre le 5 ore
spetta il compenso previsto dall'art. 120, 3° comma.
3. Sono considerate giornate feriali non lavorative le giornate in cui il
personale non è normalmente tenuto a prestare servizio in dipendenza della
concentrazione dell'orario settimanale in cinque giorni ai sensi dell'art. 23,
1° comma (per il personale il cui orario di lavoro settimanale è distribuito su
cinque giorni dal lunedì al venerdì, la giornata feriale non lavorativa coincide
con il sabato). Al personale che svolga attività lavorativa in tali giornate è
riconosciuto il trattamento economico previsto dall'art. 120,2° comma, lett. a).
Qualora dette giornate feriali non lavorative coincidano con festività previste
dalle disposizioni di legge, il personale che svolga attività lavorativa avrà
titolo al compenso previsto dall'art. 120, 2° comma, lett. c); qualora, invece,
dette giornate coincidano con i giorni semifestivi, di cui al 2° comma, il
personale che svolga attività lavorativa avrà titolo al compenso previsto
dall'art. 120, 2° comma, lett. a), per le prestazioni rese fino a 5 ore, ed al
compenso previsto dall'art. 120, 2° comma, lett. c), per le prestazioni rese
oltre le 5 ore.
4. Per il. personale con mansioni di custode -tenuto all'obbligo di pronta
disponibilità ad intervenire di cui all'art. 23,2° comma -le domeniche sono
equiparate, ai fini economici, alle giornate feriali non lavorative. Qualora
detto personale presti attività lavorativa nelle giornate in questione, ha
titolo per la durata dell'effettiva prestazione al compenso previsto dall'art.
120, 2° comma, lett. a). Sono invece considerate festive la domenica di Pasqua e
le domeniche coincidenti con le festività previste dalle disposizioni di legge:
in tali casi per la durata delle prestazioni effettivamente rese spetta il
compenso di cui all'art. 120, 2° comma, lett. c). Ove poi la domenica coincida
con uno dei giorni semifestivi di cui al 2° comma, il personale che svolga
attività lavorativa avrà titolo al compenso previsto dall'art. 120,2° comma,
lett. a), per le prestazioni rese fino a 5 ore, ed al compenso previsto
dall'art. 120,2° comma, lett. c), per le prestazioni rese oltre le 5 ore.
5. Il personale tenuto a prestare servizio nell'ambito dei turni articolati
su 24 ore per 7 giorni alla settimana, ai sensi dell'art. 23, 3° comma, con
spostamento del giorno di riposo settimanale e della giornata feriale non
lavorativa ha titolo al compenso di cui all'art. 131, lett. n) (Tab. A.7,
lett. n) nonché, ove le prestazioni siano rese nelle festività di cui al 1°
comma del presente articolo, nelle semifestività (oltre le 5 ore) o nella
domenica di Pasqua, al compenso previsto dall'art. 120, 2° comma, lett. c).
Nota all'art. 28
1. Il personale adibito a turni articolati su 24 ore per 7 giorni alla
settimana con spostamento del giorno di riposo settimanale e della giornata
feriale non lavorativa ha titolo ad un numero di giorni di congedo
straordinario
pari
al numero
delle
festività
infrasettimanali intendendosi per tali quelle cadenti in un giorno compreso tra il lunedì ed
il venerdì - che, nel corso dell'anno precedente, siano coincise con la
giornata di riposo settimanale prevista per ciascun turno.
2. A tali congedi si applica la disciplina prevista per il congedo
straordinario di cui all'art. 32, ad eccezione della frazionabilità in
permessi retribuiti.
3. Per le prestazioni lavorative di almeno 7 ore e 30 minuti rese, per le
esigenze connesse al funzionamento del sistema TARGET ed all'operatività della
Banca Centrale Europea, nelle festività infrasettimanali -intendendosi per tali
quelle cadenti in un giorno compreso tra il lunedì ed il venerdì -il dipendente
può optare tra compenso per lavoro straordinario e un congedo straordinario a
titolo compensativo; in tale ultimo caso resta fermo il riconoscimento della
maggiorazione prevista dall'art. 120.
Il congedo straordinario andrà richiesto entro il mese in cui sono state
effettuate le prestazioni e dovrà essere fruito entro il 31 dicembre dell'anno
di riferimento
Dichiarazione a verbale.
L' Amministrazione dichiara che al personale che nelle giornate festive (escluse
le giornate di Natale e di Capodanno) presta attività lavorativa per le esigenze
connesse al funzionamento del sistema TARGET e all'operatività della Banca
Centrale Europea spetta il "ticket-restaurant" per la fruizione del pasto
qualora effettui una prestazione di almeno 7 ore e 30 minuti interrotta da una
pausa di durata pari ad almeno 40 minuti, risultante da apposita timbratura, e
purchè la predetta festività cada in una giornata compresa tra il lunedì ed il
venerdì.
L' Amministrazione dichiara che, in sede europea, si sta valutando, sulla base
di una verifica delle effettive necessità di funzionamento del sistema TARGET,
la riduzione del numero delle festività infrasettimanali soggette al regime di
necessaria operatività del sistema stesso.
TITOLO VI
CONGEDI - ASPETTATIVE
Art. 29
Congedo ordinario
1. Nel corso di ogni anno solare i dipendenti hanno titolo ad un periodo di
congedo nelle misure seguenti:
- durante l'anno solare in cui è avvenuta l'assunzione 2 giorni lavorativi
per ogni mese intercorrente tra la data di ammissione in servizio ed il 31
dicembre fino ad un massimale annuo di 23 giorni;
- per gli anni successivi:
a) 23 giorni lavorativi, per anzianità di servizio fino a 4 anni:
b) 26 giorni lavorativi, per anzianità di servizio oltre i 4 anni e fino a
12 anni;
c) 30 giorni lavorativi, per anzianità di servizio oltre i 12 anni.
2. Ai fini del computo dell'anzianità di servizio si fa riferimento alla
data di assunzione, escludendo dal computo stesso i periodi di aspettativa
per motivi particolari e di sospensione dal servizio e dalla retribuzione
nonché ogni anzianità convenzionale anche se utile per il trattamento di
quiescenza.
3. I dipendenti acquisiscono titolo al congedo di 26 o di 30 giorni a
partire dall'anno nel corso del quale maturano la relativa anzianità di
servizio.
4. Ai fini del computo del congedo ordinario non si tiene conto delle
festività previste dall'art. 28, delle giornate di riposo settimanale di
cui all'art. 27 e di quelle non lavorative in relazione all'articolazione
dell'orario di lavoro settimanale.
5. L'infermità che colpisca il dipendente durante il periodo di congedo
sospende il congedo medesimo, sempre che essa sia denunziata immediatamente
e resa accertabile. Resta fermo in tal caso il diritto del dipendente di
completare il godimento delle ferie al termine della malattia.
6.
Le ferie sono di norma fruite nel corso dell’anno nel quale sono maturate.
Per eccezionali esigenze di servizio l'Amministrazione può rinviare o
anche interrompere il congedo, fermo il diritto da parte del dipendente di
fruire del congedo medesimo o di completarne il godimento nello stesso anno
cui si riferiscono le ferie e di ottenere il rimborso delle eventuali
spese che egli dimostri di aver sostenuto nella circostanza, nonché la
corresponsione del contributo di viaggio previsto dall'art. 139. Qualora le
ferie non siano state ancora fruite entro il mese di giugno del secondo anno
successivo a quello al quale le stesse si riferiscono, al dipendente è
corrisposta un’indennità commisurata ai giorni di ferie spettanti e non goduti.
Ai fini del calcolo di tale indennità vengono presi in considerazione gli
importi annui delle voci di cui all’art.112, la posizione organico-retributiva
ed il regime di orario (tempo pieno o tempo parziale) dell’interessato al mese
di giugno in questione.
7. In caso di assenza dal servizio per aspettativa, per collocamento in
disponibilità o a disposizione ovvero per adempimenti amministrativi, per
astensione facoltativa per puerperio, adozione o affidamento pre-adottivo,
per malattia del bambino di età inferiore a tre anni, per congedo
straordinario non retribuito ai sensi degli artt. 34, 6° comma, e 36, 1°
comma, ovvero per sospensione, il congedo spettante per l'anno sul quale
incidono i detti provvedimenti è ridotto di tanti dodicesimi per quanti
sono i mesi di assenza. Analoga riduzione è applicata nei confronti degli
elementi che cessano nel corso dell'anno.
8.
Ai dipendenti che cessino dal servizio a qualunque titolo senza aver
potuto usufruire del congedo spettante al momento della cessazione è
corrisposta, per i giorni di ferie maturati e non goduti, l’indennità prevista
dal 6° comma del presente articolo.
9.
Ai fini del calcolo di cui al 1°, 7° e 8° comma del presente articolo
le frazioni di mese superiori a 15 giorni sono considerate mese intero.
Nota all'art. 29
In connessione con la fruizione di periodi di ferie, il personale adibito a
compiti di custodia è esentato dall'obbligo di pronta disponibilità ad
intervenire e di reperibilità non domiciliare per non più di sei domeniche
all'anno per i dipendenti con anzianità di servizio fino a 12 anni e per
non più di sette domeniche all'anno per i dipendenti con anzianità di
servizio superiore a 12 anni.
Norma transitoria
La nuova disciplina trova applicazione con riferimento alle ferie maturate
dall’anno 2000. Relativamente alle ferie riguardante gli anni antecedente al
2000, che non siano state ancora fruite alla data del 30 giugno 2001, la Banca
procederà a liquidare a ciascun dipendente l’indennità sopra disciplinata, che
sarà corrisposta con le competenze del mese di luglio 2001.
Dichiarazione a verbale
L’Amministrazione dichiara che continuerà a svolgere un’azione di indirizzo e di
verifica in ordine alla fruizione da parte di tutti i dipendenti del congedo
ordinario nei termini normativamente previsti.
Entro il mese di settembre di ogni anno verrà fornita alle Organizzazioni
Sindacali
firmatarie
un’informaqtiva
sul
numero
complessivo
di
ferie
eventualmente monetizzate ai sensi del comma 6 e dei dipendenti interessati.
Art. 30
Congedo ordinario del personale in servizio all'estero
1. Per i dipendenti in servizio all'estero la durata del congedo ordinario
non comprende, per coloro che si rechino in Italia, i giorni di viaggio.
2. Ai predetti dipendenti può essere consentito il cumulo del congedo non
goduto nell'anno precedente con quello spettante nell'anno in corso.
Art. 31
Congedo straordinario retribuito - Permessi
1. Indipendentemente dal godimento del congedo ordinario annuale, al
personale sono riconosciuti i seguenti periodi di congedo straordinario
retribuito:
a) fino a 10 giorni di calendario complessivi nell'arco di un anno solare
per giustificati motivi personali o familiari;
b) 15 giorni continuativi di calendario in occasione di matrimonio;
c) i giorni di calendario per cure secondo quanto stabilito dalle
disposizioni di legge e di servizio;
d) i giorni strettamente occorrenti per comparire in giudizio come
testimone, per rispondere a chiamate delle pubbliche autorità e per
l'esercizio del diritto di voto nelle elezioni politiche, amministrative,
per il Parlamento Europeo e nei referendum popolari di cui alla Legge 25
maggio 1970, n. 352, per osservare periodi contumaciali in relazione a
malattie infettive di familiari, per partecipare a concorsi banditi dalla
Banca, per donazione di sangue, nonché per tutti quegli altri casi per i
quali siano emanate dall'Amministrazione speciali disposizioni.
2. Ove il soddisfacimento delle esigenze rappresentate non richieda
un'assenza dal servizio per l'intera giornata, il dipendente può fruire di
permessi orari retribuiti - di durata compresa tra una e cinque ore
giornaliere (tre ore in occasione di semifestività) - entro il limite annuo
di due giornate (15 ore) a valere sul congedo straordinario di cui al punto
a) del presente articolo. Nel caso di documentate malattie di lunga durata
o con decorso cronico che richiedano trattamenti terapeutici continuativi o
periodici presso strutture sanitarie, il dipendente può fruire, sempre a
valere sul congedo straordinario di cui al punto a) del presente articolo,
fino ad un massimo di cinque giornate (37 ore e 30 minuti) all'anno di
congedo straordinario retribuito frazionabili in permessi orari di durata
compresa tra
una e cinque
ore giornaliere (tre
in occasione di
semifestività). In ogni caso i permessi orari a valere sul congedo
straordinario di cui alla lettera a) del presente articolo non potranno
eccedere, quale che sia la causale di concessione, le cinque giornate
all'anno.
3. Per motivate esigenze personali o familiari possono essere altresì
accordati permessi da recuperare - di norma nel limite di due ore nell'ambito della stessa settimana lavorativa o, al massimo, entro il
termine utile previsto dalla rilevazione automatica delle presenze per il
personale interessato da detta rilevazione.
Nota art. 31
In aggiunta ai congedi straordinari retribuiti di cui al 1° comma, al personale
addetto al Comprensorio Officina Carte Valori del Servizio Fabbricazione Carte
Valori è riconosciuto, fino al 31 .12.2001, un giorno per ciascun anno solare,
fruibile anche frazionatamente mediante l’utilizzo di permessi orari di durata
compresa tra una e cinque ore giornaliere (tre ore in occasione di
semifestività).
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che le causali di concessione del congedo di cui
alla lett. a) del presente articolo sono le seguenti:
1) nascita di un figlio;
2) morte di uno stretto congiunto:
3) ricovero o grave malattia di un familiare;
4) visite specialistiche, cure riabilitative e terapie ambulatoriali presso
strutture pubbliche ovvero convenzionate, qualora l'utilizzo di queste
ultime sia stato autorizzato dalla competente Unità Sanitaria Locale;
5) accertamenti diagnostici, anche presso strutture private;
6) necessità di espletare
improrogabili incombenze connesse con il
trasferimento d'ufficio.
Nelle ipotesi di cui ai punti 4) e 5) il congedo può essere concesso anche
qualora l'esigenza
si riferisca
ad uno
stretto congiunto
e sia
indispensabile la presenza del dipendente.
Il congedo può essere altresì concesso per altri eventi di pari rilevanza,
che richiedano comunque il personale intervento del dipendente interessato.
Le
Organizzazioni
Sindacali firmatarie
prospettano
l'esigenza che
l'Amministrazione, nella gestione del congedo straordinario retribuito di
cui alla lettera a), tenga conto delle particolari limitazioni cui sono
assoggettati i dipendenti addetti ai comprensori del Servizio Fabbricazione
Carte Valori.
L'Amministrazione prende atto di tale dichiarazione e adotterà le opportune
soluzioni sul piano gestionale.
In relazione al congedo di cui alla lettera c) del presente articolo
l'Amministrazione dichiara che adeguerà alla disciplina di legge per i
pubblici dipendenti l'attuale normativa interna in materia di congedo per
cure termali.
In relazione al congedo di cui alla lettera d) l'Amministrazione dichiara
che saranno apportate modifiche all'attuale disciplina interna in materia
di assenze a tutela dei casi di donazione di midollo osseo. In tale ambito
al donatore verranno riconosciuti:
- permessi orari retribuiti fino ad un massimo di 10 ore complessive per i
prelievi precedenti la donazione;
- giornate di congedo straordinario retribuito fino ad un massimo di 4 per
effettuare la donazione.
L'Amministrazione dichiara che, nella concessione al personale addetto al
cantiere di Vermicino dei permessi orari previsti dalla normativa vigente,
si tiene conto dello stato attuale dei collegamenti pubblici.
Dichiarazione a verbale
Le parti richiamano l’attenzione in ordine alle dichiarazioni a verbale in calce
all’art. 31 in tema di fruizione di congedi straordinari retribuiti per il
personale addetto al Comprensorio Officina Carte Valori del Servizio
Fabbricazione Carte Valori.
Art. 32
Congedo straordinario per festività
di lavoro - Permessi retribuiti
soppresse e per riduzione dell'orario
1. Il dipendente che presti servizio per l'intero anno ha titolo a sei
giorni annuali di congedo straordinario retribuito fruibili anche in
aggiunta a periodi di congedo ordinario. In caso di inizio o di cessazione
del rapporto di impiego nel corso dell'anno, il dipendente ha titolo ad un
numero di giorni di congedo straordinario retribuito proporzionale al
periodo di servizio prestato nell'anno.
2. I giorni di congedo di cui al precedente comma sono ridotti in
proporzione ai giorni di calendario relativi ad assenze dal servizio senza
diritto
all'integrale trattamento
economico verificatesi
nel corso
dell'anno.
3. A valere sui congedi innanzi indicati, il dipendente ha titolo a
permessi orari retribuiti di durata compresa tra una e cinque ore
giornaliere (tre ore in occasione di semifestività).
Art. 33
Autorizzazione a fruire dei congedi e dei permessi
1. L'autorizzazione a fruire dei congedi ordinari e straordinari è data,
tenuto conto delle esigenze di servizio, dai Titolari dei Servizi e delle
Filiali.
2. I permessi orari di cui agli artt. 31 e 32 sono concessi dai Titolari
dei Servizi e delle Filiali o dai loro delegati.
3. Di norma gli operai addetti al Servizio Fabbricazione Carte Valori
fruiscono del congedo ordinario durante il periodo di interruzione estiva
della produzione.
Art. 34
Agevolazioni per motivi di studio
1. I dipendenti che attendano a regolari corsi di studio presso scuole,
istituti o università statali, pareggiati o legalmente riconosciuti o
comunque abilitati al rilascio di titoli legali, sono esentati dall'obbligo
di prestare lavoro straordinario e, ove la loro attività sia articolata su
turni continuativi di lavoro, l'assegnazione agli stessi dovrà essere tale
da agevolare la frequenza ai corsi e la preparazione agli esami.
2. I lavoratori-studenti, compresi quelli universitari, hanno titolo a
fruire di congedo straordinario retribuito - oltre che per le giornate in
cui devono sostenere prove di esame - anche per il tempo di viaggio
occorrente per raggiungere la località sede di esami e rientrare alla sede
di lavoro qualora - per mancanza di scuola od università del tipo prescelto
nel luogo di residenza, intendendosi per tale la sede di lavoro frequentino corsi di studio in località diversa.
3. Ai dipendenti iscritti a corsi di laurea è accordato - una sola volta
per ciascun esame previsto dal piano di studi approvato dalla facoltà - un
ulteriore giorno di congedo straordinario retribuito, da fruire nella
giornata lavorativa precedente quella in cui è prevista la prova di esame.
4. Ai lavoratori-studenti che sostengano esami per il conseguimento della
licenza di scuola secondaria di 1° e di 2° grado presso scuole statali,
pareggiate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di
titoli di studio legali, ovvero che sostengano l'esame per il conseguimento
del diploma di laurea, è accordato, in aggiunta ai congedi di cui ai
precedenti 2° e 3° comma e per una sola volta per ciascun corso di studi,
un congedo straordinario retribuito di 4 giorni lavorativi. Ove i suddetti
titoli di studio siano tra quelli previsti per l'assunzione in Banca dal
Regolamento del Personale entrato in vigore il 1°.3.1983, il congedo
straordinario spettante è pari a 8 giorni lavorativi.
5. Ai dipendenti che attendano a regolari corsi di studio presso scuole,
istituti od università statali, pareggiati o legalmente riconosciuti o
comunque abilitati al rilascio di titoli legali, è accordata la facoltà di
anticipare di un'ora l'orario di uscita. Siffatta facoltà può essere
esercitata, a richiesta, non più di venti volte per ciascun anno scolastico
o accademico e per il numero di anni - più due - di corso legale degli
studi previsto dai rispettivi ordinamenti per le scuole di istruzione
secondaria e per ciascuna facoltà universitaria.
6. I dipendenti dì cui al precedente 5° comma hanno titolo - una sola volta
per ciascun ciclo di studi (scuola di istruzione secondaria di 1° grado,
scuola di istruzione secondaria di 2° grado, università) e, quindi, al
massimo per tre volte - ad un congedo straordinario non retribuito sino a
30 giorni di calendario, fruibile in non più di due periodi.
7. Il congedo di cui al precedente comma può essere fruito soltanto durante
il normale periodo scolastico o accademico. In caso di contemporaneità di
richieste da parte di più lavoratori studenti volte ad ottenere il congedo
in questione ovvero il congedo per la formazione previsto dall’art. 5 della
legge 53/2000, la concessione dei congedi è comunque subordinata a limiti
numerici complessivi per ciascun Servizio, Ufficio autonomo o Filiale di non più
di un dipendente per devisione, ufficio, reparto con organico fino a 15
elementi e comunque con il massimale di:
- due dipendenti per Servizio, Ufficio autonomo o Filiale con organico fino
a 50 elementi stabilmente addetti;
- tre dipendenti per Servizio, Ufficio automomo o Filiale con organico fino
a 100 elementi stabilmente addetti:
- cinque dipendenti per Servizio, Ufficio autonomo o Filiale con organico
superiore.
8. In
caso di
pluralità di
richieste, la
precedenza spetta ai
lavoratori-studenti non universitari che devono sostenere esami e, in
subordine, ai dipendenti con maggiore anzianità di servizio, determinata ai
sensi della normativa vigente.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che:
a)
il congedo straordinario spettante per le giornate in cui si devono
sostenere prove di esame nonché per i connessi tempi di viaggio è concesso
anche
qualora
l'esame
venga
rinviato
per
motivi
imputabili
inequivocabilmente alla scuola, istituto o università;
b)
il beneficio di cui al 2° comma è riconosciuto anche quando - pur
essendo presenti nella residenza di lavoro la scuola o la facoltà prescelte
- il corso di
studi sia stato avviato
in altra residenza prima
dell'assegnazione o del trasferimento del dipendente alla nuova sede;
c)
il congedo straordinario retribuito di cui al 4° comma può essere
fruito, anche frazionatamente, in non più di due periodi, in tempi prossimi
all'esame.
Le parti convengono che i congedi formazione previsti dall’art. 5 della legge 8
marzo 2000, n. 53 sono autorizzati dall’Amministrazione Centrale.
Detti congedi:
- sono richiesti con un preavviso di almeno 30 giorni,
- sono calcolati in giorni di calendario;
- sono frazionabili nella misura minima di 15 giorni.
Il congedo di cui al 6° comma dell’art. 34 è riconosciuto esclusivamente nei
confronti del personale per il quale non sussiste il requisito di 5 anni di
anzianità di servizio in banca previsto dall’art. 5, comma 1 della L.53/2000.
Trovano applicazione le altre disposizioni previste per il congedo di formazione
dal richiamato art. 5.
Art. 35
Congedo per malattia del personale ordinario
1. Il dipendente di ruolo che per accertate ragioni di salute sia
nell'impossibilità di prestare servizio è posto in congedo per malattia con
diritto all'intera retribuzione per un periodo che non può superare 90
giorni di calendario nel corso di dodici mesi. Detto periodo di 90 giorni è
ridotto di altrettanti giorni per quanti il dipendente sia stato assente
per ragioni di malattia o abbia fruito di aspettativa per motivi di salute
nei dodici mesi antecedenti l'inizio della nuova assenza per malattia.
2. Il periodo di congedo di cui al precedente comma può essere prolungato
fino ad un anno se trattasi di malattia riconosciuta dipendente da causa di
servizio.
3. I dipendenti sono tenuti a riversare alla Banca quanto venga loro
eventualmente corrisposto dall'INAIL a titolo di indennità giornaliera per
inabilità temporanea.
Art. 36
Assenze per malattia del personale in esperimento
1. In caso di assenza per malattia durante il periodo di esperimento il
dipendente di nuova assunzione continua a godere dell'intera retribuzione
per i primi 30 giorni di assenza e di quella ridotta alla metà per i
successivi 60 giorni; trascorso tale periodo, e perdurando l'assenza, il
dipendente
medesimo
è collocato
in
congedo
straordinario, senza
retribuzione, per altri 90 giorni.
2. Qualora la malattia sia riconosciuta dipendente da causa di servizio la
retribuzione nella misura integrale è attribuita per il periodo di un anno
con l'obbligo di riversare alla Banca quanto eventualmente corrisposto
dall'INAIL a titolo di indennità giornaliera per inabilità temporanea.
3. Qualora il dipendente non sia in grado di riprendere servizio dopo il
periodo di cui al 1° o al 2° comma il rapporto d'impiego è risolto
attribuendosi al dipendente medesimo il trattamento previsto dall'art. 16
in misura proporzionalmente corrispondente alla durata del rapporto stesso.
Art. 37
Aspettativa per motivi di salute
1. Esaurito il periodo di congedo per malattia di cui all'art. 35 il
dipendente di ruolo che non sia in condizioni di prestare servizio è
collocato in aspettativa.
2. Ai fini del computo dei 90 giorni si sommano tutti i periodi di assenza
per malattia e di aspettativa per motivi di salute intervenuti nel corso di
dodici mesi, ai sensi del 1° comma dell'art. 35.
3. L'aspettativa - che ha inizio dal giorno successivo a quello di
maturazione dei detti 90 giorni di assenza - ha termine col cessare della
causa per la quale fu disposta e, comunque, non può protrarsi per un
periodo superiore a due anni.
4. Durante l'aspettativa per motivi di salute il dipendente ha titolo alla
retribuzione nella misura integrale:
- per i primi 12 mesi se ha anzianità fino a 15 anni;
- per i primi 15 mesi se ha anzianità superiore a 15 anni e fino a 20;
- per i primi 18 mesi se ha anzianità superiore a 20 anni.
5. Ai fini del computo di cui sopra sono da comprendere le anzianità
convenzionali riconosciute e i periodi di servizio riscattati per il
trattamento di quiescenza, ad eccezione dell'anzianità di laurea.
6. Il prolungamento del periodo di conservazione della retribuzione nella
misura integrale compete anche al dipendente che maturi l'anzianità
occorrente mentre si trova nello stato di aspettativa.
7. Se la malattia è riconosciuta dipendente da causa di servizio la
retribuzione nella misura integrale è attribuita per l'intera durata del
periodo di aspettativa.
8. Agli effetti della determinazione della durata massima del periodo di
aspettativa e del conseguente trattamento economico, due o più periodi di
aspettativa per motivi di salute si sommano nel giro di un quinquennio
quando tra essi intercorra un periodo di servizio attivo inferiore a 90
giorni.
Art. 38
Accertamenti sanitari
1. Fermo restando l'obbligo di sottoporsi agli accertamenti previsti dalla
legislazione vigente sulla tutela dell'igiene e della sicurezza del lavoro,
il dipendente è
tenuto a sottoporsi
agli accertamenti medici che
l'Amministrazione disponga, a mezzo di enti pubblici o di pubbliche
istituzioni sanitarie, per accertare la
di lui idoneità fisica al
disimpegno delle mansioni di sua competenza ovvero delle altre che possono
essergli demandate.
2. Il dipendente che per ragioni di salute sia nell'impossibilità di
prestare servizio deve senza ritardo segnalare tale circostanza alla
Filiale o al Servizio cui è addetto, fornendo tutte le indicazioni utili a
consentire l'effettuazione di eventuali visite mediche domiciliart.
3. Le visite di controllo delle assenze per infermità del dipendente sono
disposte dall'Amministrazione a mezzo dei servizi sanitari previsti dalla
legislazione vigente in materia.
4. Ai sensi e per gli effetti delle disposizioni di legge vigenti in
materia, durante le fasce orarie di reperibilità, fissate dalle ore 10 alle
ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19 di tutti i giorni compresi i domenicali e
i festivi, il dipendente deve tenersi a disposizione per consentire
l'effettuazione delle visite di controllo di cui al precedente 2° comma.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che è necessaria la trasmissione della diagnosi,
ferma restando l'esigenza di garantirne la riservatezza, nei soli casi di
aspettativa per motivi di salute o di adozione di provvedimenti relativi a
documentate istanze presentate dai dipendenti interessati.
L'Amministrazione dichiara che l'obbligo di presentare certificazione
medica giustificativa dell'assenza per malattia è previsto per assenze
superiori a due giorni.
Art. 39
Rimborsi
servizio
e indennizzi
per malattie
od infortuni
dipendenti da
causa di
1. Il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio dell'infortunio
subito
o della
malattia
contratta dal
dipendente
è determinato
dall'Amministrazione
su documentata
domanda che
l'interessato deve
presentare, a pena d'inammissibilità, entro sei mesi dalla data in cui si è
verificato l'evento dannoso o da quella in cui ha avuto conoscenza
dell'infermità, indicando specificamente la natura dell'infermità stessa,
le circostanze in cui si produsse, le cause che la determinarono, nonché
ogni altro utile elemento di valutazione.
2. La riconducibilità di successive infermità a infortuni o malattie già
riconosciuti
dipendenti
da
causa
di
servizio
è
determinata
dall'Amministrazione nei termini e secondo le modalità indicati al comma
precedente.
3. Ove l'infortunio o la malattia siano riconosciuti derivanti da causa di
servizio, l'Amministrazione rimborsa le spese di cura sostenute dal
dipendente qualora le stesse afferiscano a prestazioni sanitarie a carico
del Servizio Sanitario Nazionale
o dell'INAIL e limitatamente alla
differenza con quanto il dipendente ha ottenuto - o avrebbe comunque avuto
titolo ad ottenere - a carico del Servizio Sanitario stesso, dell'INAIL o
di altri enti o istituti assistenziali, previdenziali o assicurativi in
conseguenza del rapporto di lavoro o comunque per effetto di eventuali
assicurazioni non obbligatorie che coprano la responsabilità della Banca.
4. I rimborsi di cui al comma precedente sono liquidati dalla Banca previo accertamento da parte
di propri organi tecnico-sanitari del
carattere di necessarietà e idoneità delle cure effettuate dal dipendente su esibizione della relativa documentazione, in regola con le norme di
legge, e nella misura giudicata congrua dagli organi stessi.
5. Ove dagli infortuni medesimi o dalle malattie derivi una invalidità
permanente di grado non inferiore al 6% secondo la classificazione
dell'INAIL, il dipendente ha titolo, per una sola volta, ad un equo
indennizzo da richiedere entro il termine di sei mesi dal giorno della
comunicazione del provvedimento di riconoscimento di cui ai precedenti
commi. L'equo indennizzo è calcolato seguendo le disposizioni per la
determinazione delle prestazioni di invalidità
corrisposte dal predetto
Istituto, assumendo peraltro, come retribuzione utile per il calcolo, la media
tra la retribuzione effettiva annua spettante all’interessato e il massimale
retributivo applicato dall’Istituto assicuratore. Qualora il massimale INAIL
risulti superiore alla retribuzione effettiva, viene considerata, per il
calcolo dell’equo indennizzo, esclusivamente quest’ultima. Dall’equo indennizzo
è detratto quanto il dipendente riceva per legge dall’INAIL – sotto forma sia
di erogazione in capitale sia di rendita, previa capitalizzazione della stessa
secondo
i
criteri
dell'’NAIL
-–in
quanto
soggetto
all’assicurazione
obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro. Nel caso in cui l’invalidità sia
imputabile a responsabilità civile della Banca, dall’ammontare dell’equo
indennizzo viene altresì detratto quanto il dipendente percepisca dalla società
assicuratrice della Banca a titolo di risarcimento del danno.
6. L'Amministrazione si riserva la facoltà di sottoporre i dipendenti che
abbiano avanzato istanza
a termini dei
precedenti commi a visita
medico-specialistica con le modalità indicate nell'art. 38, 1° comma.
7. L'equo indennizzo è ridotto della metà se il dipendente consegue, per la
stessa causa, la pensione di cui all'art. 18, 2° comma, del Regolamento per
il Trattamento di Quiescenza. Nel caso in cui l'equo indennizzo sia già
stato liquidato, la metà dell'ammontare dell'indennizzo stesso è recuperata
mediante trattenute mensili sulla pensione di importo pari ad un decimo
dell'ammontare di questa.
8. Le previsioni di cui al 5° comma si applicano agli infortuni in servizio ed
alle malattie per i quali, a partire dalla data dell'1.7.2002, sia stata
presentata alla Banca istanza volta ad ottenere il riconoscimento della
dipendenza da causa di servizio. Restano regolate dalla previgente normativa
le istanze presentate anteriormente all'1.7.2002, anche se non ancora definite
a tale data.
Art. 40
Assenze per servizio militare
1. Il dipendente di ruolo o in esperimento, chiamato alle armi per
adempiere gli obblighi di leva ovvero richiamato in tempo di pace per
servizio di istruzione obbligatoria o per altre esigenze di carattere
temporaneo, è collocato in congedo per un periodo non superiore a 60 giorni
con diritto all'intera retribuzione.
2. Per il successivo periodo di assenza il dipendente è collocato in
aspettativa senza competenze se trattasi di servizio di leva e con diritto
alla differenza tra l'eventuale maggiore trattamento economico goduto in
Banca, come quantificato nell'art. 112, e quello militare ove trattisi di
richiamo.
3. Al dipendente che cessa dal prestare servizio militare incombe l'obbligo
di porsi a disposizione della Banca per riprendere servizio entro il
termine fissato dalle leggi vigenti in materia.
Art. 41
Assenze per adempimenti amministrativi
1. Il dipendente assente dal servizio per essere sottoposto ad accertamenti
sanitari disposti dall'Amministrazione ai sensi dell'art. 38, 1° comma, ha
titolo al trattamento retributivo a lui spettante, salvo che l'assenza, a
seguito di
detti accertamenti,
sia da
considerarsi imputabile ad
aspettativa senza competenze per motivi di salute.
2. Ha altresì titolo al trattamento economico il dipendente che, ai sensi
dell'art.
40,
ultimo
comma,
si
sia
posto
a
disposizione
dell'Amministrazione per riprendere servizio.
Art. 42
Tutela delle lavoratrici madri
Durante i periodi di astensione obbligatoria
retribuzione è comsposta nella misura integrale.
ai
sensi
di
legge, la
Art. 43
Aspettativa per assunzione di impieghi all'estero
1. Con deliberazione del Consiglio Superiore i dipendenti iscritti a ruolo
possono essere autorizzati ad assumere all'estero un impiego presso enti od
organismi internazionali quando ciò sia riconosciuto di interesse per la
Banca.
2. Il dipendente che assume il suddetto impiego è collocato in aspettativa
senza diritto a retribuzione.
3. Il collocamento in aspettativa è disposto per un tempo determinato e può
essere prorogato alla scadenza. L'autorizzazione o la revoca della stessa
può essere disposta, nei casi di urgenza, anche con provvedimento del
Governatore, salvo ratifica del Consiglio Superiore.
4. Ai dipendente collocato in aspettativa ai sensi del presente articolo si
applicano, in quanto compatibili, le norme statutarie, regolamentari e di
servizio emanate dalla Banca.
5. Il provvedimento autorizzativo, il quale è comunicato nel testo
integrale al dipendente, stabilisce ogni altra condizione e modalità per
l'assunzione degli irnpieghi suddetti.
Art. 44
Aspettativa per la frequenza di corsi di studio
1. Il dipendente che intenda frequentare corsi di studio in Italia o
all'estero per i quali si riconosca anche un interesse dell'Istituto può, a
domanda e sempre che non ostino ragioni di servizio, essere collocato in
aspettativa fino ad un massimo di un anno.
2. Durante l'aspettativa il dipendente non ha titolo a retribuzione.
Art. 45
Aspettativa per motivi particolari
1. Per giustificati motivi di famiglia o personali il dipendente può, a
domanda, essere collocato in aspettativa fino ad un massimo di un anno.
2. L'Amministrazione provvede sulla domanda entro trenta giorni ed ha
facoltà, per ragioni di servizio da enunciarsi nel provvedimento, di
respingere la domanda stessa, di rinviarne l'accoglimento o di ridurre la
durata dell'aspettativa richiesta.
3. L'aspettativa può, con provvedimento motivato, essere revocata in
qualunque momento per ragioni di servizio.
4. Durante l'aspettativa il dipendente non ha titolo a retribuzione.
Nota all’art. 45
Per il congedo straordi straordinario non retribuito di cui all’art. 4, comma 2,
della legge 8 marzo 2000, n.53 le parti convengono che:
- l’Amministrazione provvede sulla domanda del dipendente entro 10 giorni;
congedo
può
essere
negato,
concesso
parzialmente
o
differito
- il
dall’Amministrazione valutate le esigenze di servizio. In tale caso nel
provvedimento si darà conto delle ragioni organizzative e produttive che non
consentono l’assenza
sarà riesaminata nei
Le parti si danno atto
comma 2, della legge 23
del dipendente. Su richiesta del dipendente l’istanza
successivi venti giorni.
che trovano applicazione le disposizioni dell’art. 80,
dicembre 2000, n. 388.
Dichiarazione a verbale
L’Amministrazione dichiara che provvederà ad emanare una comunicazione, da
consegnare a tutto il personale, recante l’indicazione di tutte le disposizioni
interne applicative delle previsioni di legge a sostegno della maternità,
paternità e delle esigenze di cura.
Art. 46
Validità dei periodi di congedo e di aspettativa
1. I periodi di congedo in genere e quelli di aspettativa per motivi di
salute o per servizio militare o per la frequenza di corsi di studio sono
computati per intero ai fini dell'anzianità, della promozione o del
passaggio di categoria, della determinazione dell'assegno individuale di
grado e dell'assegno individuale di
servizio e del trattamento di
quiescenza.
2. Il periodo di aspettativa per assunzione di impieghi all'estero è
computato per intero ai fini dell'anzianità, delle promozioni, della
determinazione dell'assegno individuale di grado e dell'assegno individuale
di servizio ed è ricongiungibile al servizio utile agli effetti del
trattamento di quiescenza, subordinatamente alle condizioni previste nel
relativo Regolamento.
3. Non sono computabili ai fini indicati al 1° comma i periodi di
aspettativa per motivi particolari: in tali casi il dipendente riammesso in
servizio prende nel ruolo il posto di anzianità che gli spetta, dedotto il
tempo trascorso nella posizione di aspettativa.
TITOLO VII
ADDESTRAMENTO E FORMAZIONE PROFESSIONALE
Art. 47
Corsi e seminari di formazione e qualificazione professionale
1. Ad integrazione del fondamentale addestramento di base da acquisire sul
posto di lavoro, l'Amministrazione promuove ed organizza corsi e seminari
di inserimento, formazione e qualificazione professionale al fine di
consentire la acquisizione della preparazione necessaria al migliore
adempimento dei compiti
e delle mansioni
a ciascuno attribuiti o
attribuibili ai sensi della presente normativa.
2. L'Amministrazione
organizza altresì corsi
per la qualificazione
professionale degli elementi risultati assegnatari delle borse di studio di
cui all'art. 13.
Dichiarazioni a verbale
In un'ottica di sviluppo del processo di addestramento e formazione delle
risorse professionali, anche in relazione alla crescente diffusione delle
innovazioni tecnologiche, l'Amministrazione, nella riaffermata esigenza del
mantenimento di una funzione di pianificazione e coordinamento delle
iniziative in parola, conferma l'intendimento di potenziare le attività di
addestramento decentrato per la carriera operativa.
L'Amministrazione dichiara il proprio impegno a:
- prevedere che i responsabili delle unità operative presso le quali si
siano verificate significative innovazioni organizzative e procedurali
adottino iniziative sul piano addestrativo per un pronto reinserimento dei
dipendenti che rientrino in servizio dopo lunghi periodi di assenza;
- proseguire le iniziative di formazione in favore dei centralinisti non
vedenti.
L'Amministrazione conferma altresì l'impegno ad adottare idonee modalità
per agevolare la partecipazione del personale non vedente alle attività
addestrative e di formazione, anche
per quanto attiene ai profili
istituzionali.
L'Amministrazione
conferma l'impegno
a favorire
l'integrazione del
personale portatore di handicap anche per quanto concerne le iniziative di
addestramento e formazione adottando
misure idonee a permettere al
personale in questione una proficua fruizione dei corsi.
L'Amministrazione dichiara
che in
tale ottica
sono in
corso di
realizzazione corsi specifici per il personale non vedente volti ad
integrare le conoscenze professionali del personale stesso.
L'Amministrazione conferma inoltre la propria disponibilità a:
- mantenere l'omogeneizzazione degli interventi formativi per i Vice
assistenti e gli Assistenti dei ruoli amministrativo e di cassa (es., corsi
di inserimento);
- effettuare interventi gestionali volti a favorire la rotazione volontaria
tra gli uffici a fini addestrativi, compatibilmente con le esigenze di
servizio.
L'Amministrazione
conferma
altresì
l'intendimento
di
perseguire
l'obiettivo della formazione per gli addetti a funzioni E.A.D. anche
attraverso l'individuazione di specifici itinerari formativi, in relazione
all'intenso processo di innovazione tecnologica che interessa il settore.
L'Amministrazione conferma infine che nella progettazione delle iniziative
formative verrà attribuito adeguato rilievo alle esigenze connesse al
processo di integrazione europea.
Art. 48
Addestramento del personale nell'ambito delle unità operative
1. Al fine di favorire l'addestramento, la formazione e l'informazione
professionale dei dipendenti, nonché lo sviluppo di rapporti di lavoro
improntati ad una responsabile e fattiva collaborazione, avendo presente la
generale attività di formazione professionale promossa dall'Amministrazione
Centrale, a livello di Servizio e di Filiale:
a) vengono indette riunioni periodiche del personale, opportunamente diviso
in gruppi, per approfondire lo studio e la migliore conoscenza dei compiti
della Banca, delle disposizioni di servizio e del loro significato nonché
dei riflessi applicativi delle disposizioni stesse sulle questioni di
lavoro;
b) viene promosso l'utilizzo del lavoro di gruppo per lo studio dei
problemi di lavoro a livello sia di uffici o di Divisioni sia di Filiale o
di Servizio;
c)
viene
disposto,
subordinatamente
alle
necessità
operative,
l'avvicendamento del personale tra i vari uffici o Divisioni del Servizio o
della Filiale, tenuto anche conto, eventualmente, delle risultanze delle
riunioni quadrimestrali dei Capi degli uffici e delle Divisioni in materia
di addestramento.
2. Allo stesso fine di cui al 1° comma, a livello di ufficio, di Divisione
e di reparto:
1) viene curato l'addestramento del personale addetto, anche mediante
opportuni avvicendamenti, nell'intento di assicurare a ciascun impiegato la
conoscenza
effettiva
del quadro
completo
dell'attività lavorativa
dell'unità operativa, compatibilmente con il buon andamento dell'unità
stessa.
2) vengono indette, a cadenza quadrimestrale, riunioni tra il personale
addetto
per approfondire
- con
eventuali riferimenti
ai compiti
dell'Istituto e a mutamenti intervenuti nella realtà tecnico-operativa
della Banca - la conoscenza degli aspetti tecnico-pratici della attività
istituzionale della unità operativa di appartenenza.
3. L'avvicendamento del personale della carriera operaia nell'ambito dei
Servizi, delle Filiali e dei reparti è attuato compatibilmente con le
esigenze organizzative
della produzione e
con la specializzazione,
qualificazione e mestiere da ciascuno posseduti.
4. I Capi officina ed i Capi reparto, quando vengano trattate materie
attinenti alla loro sfera di competenza, sono chiamati a partecipare alle
riunioni quadrimestrali dei Capi degli uffici e delle Divisioni in materia
di addestramento indette dalla Direzione del Servizio.
TITOLO VIII
VALUTAZIONE
Art. 49
Rapporto valutativo annuale sulle prestazioni
1. Con riferimento ad ogni anno valutativo è redatto per ciascun dipendente
un rapporto valutativo sulle prestazioni fornite dal dipendente stesso.
2. Il
rapporto valutativo è compilato dal Capo del Servizio o della
Filiale previa consultazione con l'elemento di grado superiore che lo
sostituisce in caso di assenza o impedimento, nonché con i Titolari delle
Direzioni intermedie, ove costituite, per gli appartenenti alle Direzioni
medesime. Il rapporto valutativo è compilato dopo aver raccolto le
indicazioni fornite, circa il
livello delle prestazioni di ciascun
dipendente, dal Titolare della Divisione o dell'ufficio, il quale provvede
in via preliminare alla descrizione
dei compiti svolti da ciascun
dipendente, che viene portata a conoscenza dello stesso ed è da questo
sottoscritta. Il dipendente, qualora reputi che la parte descrittiva del
rapporto valutativo avrebbe dovuto includere ulteriori e diverse mansioni
che il Titolare non abbia ritenuto di riportare, ha facoltà di indicarle
per iscritto; in tal caso il Titolare dell'unità operativa esplicita i
motivi del mancato inserimento di tali informazioni. Per quanto riguarda,
in particolare, il personale della carriera operaia il rapporto valutativo
è compilato anche sulla base delle indicazioni fornite dal Capo officina o in assenza di quest'ultimo dal Capo reparto - il quale provvede altresì
alla descrizione dei compiti svolti dal suddetto personale.
3. Nella compilazione del rapporto valutativo si tiene altresì conto dei
riferimenti che nel corso dello stesso anno valutativo siano stati forniti
in via straordinaria per periodi di osservazione di almeno quattro mesi
ovvero in occasione dell'espletamento di incarichi particolart.
4. Le valutazioni contenute nel rapporto annuale sono portate a conoscenza
dei singoli dipendenti nel corso di specifici colloqui cui prendono parte
anche i Titolari delle Divisioni o degli uffici cui sono addetti i
dipendenti e, ove previsto, il Capo officina o, in assenza di quest'ultimo,
il Capo reparto. In tale occasione viene consegnata all'interessato copia
del rapporto valutativo.
5. Per i dipendenti che nel corso dell'anno valutativo siano stati assenti
dal servizio a qualsiasi titolo per un periodo superiore a otto mesi, il
rapporto valutativo viene ugualmente compilato, confermando i riferimenti
forniti per l'anno precedente, a meno che casi eccezionali non richiedano
una modifica dei riferimenti medesimi. Qualora detto periodo di assenza sia
interamente dipeso da aspettativa per motivi particolari e/o da sospensione
dal servizio e dalla retribuzione, il rapporto valutativo non viene
redatto.
6. Nei confronti del personale che abbia conseguito un nuovo grado o
categoria nell'anno valutativo di riferimento, il rapporto valutativo viene
redatto solo in relazione alla nuova posizione, sempreché il periodo di
osservazione nella posizione medesima sia almeno pari a quattro mesi;
qualora detto periodo
sia inferiore. viene
effettuata comunque la
descrizione dei compiti svolti nell'intero anno valutativo.
7. Ove il dipendente sia deferito alla Commissione di disciplina ovvero nei
suoi confronti sia in corso procedimento di dispensa dal servizio, ovvero
sia stata adottata la sospensione cautelare, la compilazione del rapporto
valutativo
resta
sospesa fino
alla
definizione
del procedimento
disciplinare o di dispensa, alla revoca o rimozione del provvedimento
cautelare, fermo restando in ogni caso il disposto del 5° comma del
presente articolo.
Nota all'art.49
1. Nei confronti dei dipendenti rimasti assenti dal servizio nell'anno 1996
per un periodo superiore a otto mesi - il cui rapporto valutativo è stato
confermato per gli anni 1993, 1994 e 1995 ai sensi del 5° comma del
presente articolo - la valutazione delle prestazioni per l'anno 1996 è
effettuata d'ufficio, con attribuzione di giudizi che tengono conto degli
elementi comunque disponibili con riferimento all'anno valutativo medesimo.
2. Il dipendente audioleso o non vedente può farsi assistere durante il
colloquio - previa comunicazione alla Direzione - da un interprete dallo
stesso indicato o da un idoneo familiare.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione conferma che:
- al termine del colloquio nel corso del quale vengono fornite al Capo del
Servizio o della Filiale le indicazioni sul livello delle prestazioni di
ciascun dipendente, il Titolare dell'unità operativa redigerà un documento
dal quale risulti, anche per fasce, l'ordine di merito relativo alle
prestazioni del personale addetto all'unità medesima;
- il quadro riepilogativo delle valutazioni relative ai dipendenti addetti
a ciascuna unità di base verrà firmato anche dal sostituto del Capo del
Servizio o della Filiale e dal Titolare della stessa unità di base,
rispettivamente, per avvenuta consultazione e per presa visione dei giudizi
riportati nel documento in parola.
L'Amministrazione dichiara che
a partire dalla sessione valutativa
1995-1996 sono aboliti i sintetici commenti previsti per le valutazioni che
risultino attestate, per tutti i fattori, al livello minimo di giudizio
favorevole ovvero risultino superiori a:
- 12 per il personale della carriera operativa;
- 9 per il personale delle carriere se.ge.si. ed operaia.
L'Amministrazione
conferma che
per
l'attribuzione dei
giudizi di
valutazione non sussistono predeterminazioni di punteggio di alcun genere.
L'Amministrazione
conferma
il
proprio
intendimento
di proseguire
nell'attività di formazione e informazione nei confronti dei valutatori, di
continuare a valutare il personale portatore di handicap in relazione alle
mansioni concretamente svolte, di favorire - ove possibile - un diverso
utilizzo dei dipendenti che abbiano riportato valutazioni non del tutto
soddisfacenti.
L'Amministrazione dichiara altresì che l'effettuazione di prestazioni
straordinarie non costituisce di per sè oggetto di valutazione.
L'Amministrazione conferma che copia dei Modd. 1O ISP redatti al termine
delle ispezioni sono trasmessi, per il tramite delle Direzioni locali, ai
dipendenti interessati.
Per il personale dei Coadiutori è confermata la scheda di orientamento
professionale con carattere informativo, finalizzata ad evidenziare le
inclinazioni professionali dei dipendenti.
Art. 50
Giudizio di insufficiente
1. Nei confronti dei dipendenti che nel corso dell'anno valutativo abbiano
fornito una prestazione del tutto insoddisfacente, viene redatta, in luogo
del rapporto valutativo, una circostanziata relazione sulla prestazione
medesima con le stesse modalità 2° comma dell'art. 49.
2. Sulla base di tale relazione l'Amministrazione attribuisce il giudizio
motivato di "insufficiente", che viene portato a conoscenza del dipendente.
3. L'attribuzione del giudizio di insufficiente comporta le conseguenze di
cui all'art.114, 10° comma.
Art. 51
Ricorso avverso il rapporto valutativo annuale
1. Entro 20 giorni dalla comunicazione della valutazione il dipendente può
proporre ricorso scritto e motivato al Direttore Generale, per il tramite
del Capo del Servizio o della Filiale, avverso il rapporto valutativo
annuale ovvero il giudizio di insufficiente.
2. Il ricorrente può presentare motivi aggiunti di ricorso entro 10 giorni
dalla comunicazione allo stesso delle osservazioni scritte del Capo del
Servizio o della Filiale, del Titolare dell'unità operativa di appartenenza
e, per il personale della carriera operaia, del Capo officina o, in assenza
di quest'ultimo, del Capo reparto.
3. Il Direttore Generale dopo aver acquisito anche le suddette
osservazioni scritte e gli eventuali motivi aggiunti di ricorso - decide in
merito
con
provvedimento
motivato
e
definitivo,
da comunicarsi
all'interessato.
Norma transitoria
I ricorsi gerarchici avverso il rapporto valutativo annuale ovvero il
giudizio di insufficiente attribuiti per l'anno valutativo 1994-1995
possono essere avanzati
entro 30 giorni
dalla comunicazione della
valutazione e secondo quanto previsto dalla normativa vigente al 31.8.1995.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che la decisione sul ricorso verrà assunta entro
il termine di 120 giorni dalla presentazione del ricorso stesso.
Art. 52
Valutazione del personale in esperimento
Al termine del periodo di esperimento il Capo del Servizio o della Filiale,
previa consultazione con l'elemento di grado superiore che lo sostituisce
in caso di assenza o impedimento e con i Titolari delle Direzioni
intermedie ove
costituite, sentito
il Titolare
della Divisione o
dell'ufficio ove il dipendente è addetto e, per il personale della carriera
operaia, il Capo officina o, in assenza di quest'ultimo, il Capo reparto,
rassegna all'Amministrazione riferimenti sulla prestazione fornita dal
dipendente formulando nel contempo la proposta per la conferma o meno della
nomina nel grado.
Art. 53
Valutazione del personale operante presso altri enti
Per i dipendenti distaccati ai sensi dell'art. 76, 7° e 8° comma, o che si
trovino in aspettativa ai sensi dell'art. 43 il rapporto valutativo è
compilato, sulla base degli elementi disponibili, dal Capo del Servizio
Personale-Gestione Risorse.
TITOLO IX
PROMOZIONI - PASSAGGI DI CATEGORIA - COMMISSIONI DI AVANZAMENTO
Art. 54
Criteri generali di promozione del personale delle carriere operativa e dei
servizi generali e di sicurezza
1. Le promozioni ai gradi di Coadiutore e gradi corrispondenti, nonché a
Primo capo operatore, hanno luogo mediante scrutinio per valutazione
comparativa
per
il
numero
di
posti
annualmente
determinato
dall'Amministrazione avuto riguardo alle esigenze di organico ed alla
composizione delle singole carriere.
2. Le promozioni ai gradi di Coadiutore principale, di Assistente superiore
e di Assistente e gradi rispettivamente corrispondenti nell'ambito di
ciascun ruolo, nonché ai gradi di Operatore capo e di Primo operatore,
hanno luogo mediante selezione di merito e per titoli per il numero
di posti annualmente determinato dall'Amministrazione.
3. Le promozioni al grado di Assistente e gradi corrispondenti nell'ambito
di ciascun ruolo, nonché al grado di Primo operatore, vengono disposte,
oltreché mediante selezione di merito e per titoli, anche per anzianità
congiunta al merito.
4. Per ciascuna sessione di promozioni, ai fini degli avanzamenti di cui al
1° e al 2° comma del presente articolo viene esaminata la posizione di
tutti coloro che hanno maturato i minimi di anzianità previsti dalla
presente normativa entro il 31 dicembre dell'anno precedente, non hanno
riportato il giudizio di insufficiente nell'ultimo riferimento valutativo
annuale e per i quali ricorrono le altre condizioni di promuovibilità.
5. Le promozioni attribuite con i criteri di cui al 1° e al 2° comma sono
conferite, ai fini normativi ed economici, con decorrenza 1° gennaio di
ciascun anno; le graduatorie formate ai fini delle promozioni di cui al 1°
comma restano valide
fino al 31
dicembre e, a
valere su esse,
l'Amministrazione può disporre nel corso dell'anno - in relazione a
sopravvenute esigenze di organico - ulteriori promozioni con diversa
decorrenza.
6. Ai fini delle promozioni per valutazione comparativa le Giunte di
scrutinio di cui ai successivi artt. 66 e 67 determinano preliminarmente i
criteri di valutazione.
7. Le graduatorie di mento formate dalle Giunte di scrutinio, secondo il
punteggio complessivo di scrutinio, e i criteri adottati dalle Giunte
medesime sono portati a conoscenza dei singoli scrutinati una volta che il
Direttore Generale abbia approvato le operazioni di scrutinio e conferito
le promozioni in conformità delle graduatorie relative agli avanzamenti a
ciascun grado. Le graduatone formate nell'ambito delle selezioni di merito
e per titoli di cui al precedente 2° comma, secondo il punteggio
complessivo di selezione, sono portate a conoscenza dei singoli interessati
una volta che le graduatorie medesime siano state approvate dal Direttore
Generale.
Nota all'art. 54
1. Per i Vice assistenti e Vice assistenti di cassa in servizio alla data
del 31.12.1995 le promozioni ai rispettivi gradi di Assistente e di
Assistente di cassa vengono disposte per anzianità congiunta al merito.
2. I dipendenti in servizio nelle carriere dei servizi generali e di
sicurezza ed operaia alla data del 31.12.1995, se vincitori di concorsi
interni per i gradi di Vice assistente e Vice assistente di cassa,
mantengono titolo a conseguire la promozione per anzianità congiunta al
merito ai rispettivi gradi di Assistente e Assistente di cassa dopo 4 anni
di anzianità nel grado iniziale della carriera operativa.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che le Giunte di scrutinio per le promozioni per
valutazione comparativa delle carriere operativa e se.ge.si. motiveranno i
punteggi attitudinali che superino quello minimo di idoneità di almeno il
60% della differenza fra il punteggio massimo e quello minimo.
L'Amministrazione dichiara che le graduatorie di cui al presente articolo
verranno portate
a conoscenza
delle Organizzazioni
Sindacali dopo
l'approvazione del Direttore Generale.
Art. 55
Criteri generali per l'avanzamento del personale della carriera operaia
1. Le promozioni ai gradi di Capo officina e Capo reparto e il passaggio
alla
1a categoria
hanno luogo mediante
scrutinio per valutazione
comparativa
per
il
numero
di
posti
annualmente
determinato
dall'Amministrazione avuto riguardo alle esigenze di organico. I passaggi
alla 1a categoria super e alla 2a categoria hanno luogo mediante selezione
di merito e per titoli per il numero di posti annualmente determinato
dall'Amministrazione. I passaggi alla 2a categoria vengono disposti,
oltreché mediante selezione di merito e per titoli, anche per anzianità
congiunta al merito.
2. Per ciascuna sessione di promozioni ai fini degli avanzamenti per
valutazione comparativa e per selezione di merito e per titoli è esaminata
la posizione di tutti coloro che hanno maturato i minimi di anzianità
previsti dalla
presente normativa
entro il
31 dicembre dell'anno
precedente, che
non hanno
riportato il
giudizio di insufficiente
nell'ultimo riferimento valutativo annuale e per i quali ricorrono le altre
condizioni di promuovibilità.
3. Le promozioni ed i passaggi di categoria, ad eccezione di quelli
attribuiti per anzianità congiunta al merito, sono conferiti, ai fini
normativi ed economici, con decorrenza 1° gennaio di ciascun anno. Le
graduatorie relative agli avanzamenti conferiti per valutazione comparativa
restano valide fino al 31 dicembre e, a valere su esse, l'Amministrazione
può disporre nel corso dell'anno - in relazione a sopravvenute esigenze di
organico - ulteriori promozioni o passaggi di categoria con diversa
decorrenza.
4. Ai fini delle promozioni e dei passaggi di categoria per valutazione
comparativa, la Giunta di scrutinio di cui al successivo art. 68 determina
preliminarmente i criteri di valutazione.
5. Le graduatorie di merito formate dalla Giunta di scrutinio, secondo il
punteggio complessivo di scrutinio, e i criteri adottati dalla Giunta
medesima sono portati a conoscenza dei singoli scrutinati una volta che il
Direttore Generale abbia approvato le operazioni di scrutinio e conferito
le promozioni ed i passaggi di categoria in conformità delle graduatorie
relative agli avanzamenti a ciascun grado o categoria. Le graduatorie
formate nell'ambito delle selezioni di merito e per titoli di cui al 1°
comma, secondo il punteggio complessivo di selezione, sono portate a
conoscenza dei singoli interessati, una volta che le graduatorie medesime
siano state approvate dal Direttore Generale.
Nota all'art. 55
Per gli Operai di 3a categoria in servizio alla data del 31.12.1995 il
passaggio alla 2a categoria avviene per anzianità congiunta al merito dopo
4 anni di anzianità nella categoria.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che la Giunta di scrutinio per le promozioni per
valutazione comparativa
della carriera operaia
motiverà i punteggi
attitudinali che superino quello minimo di idoneità di almeno il 50% della
differenza fra il punteggio massimo e quello minimo.
L'Amministrazione dichiara che le graduatorie di cui al presente articolo
verranno portate
a conoscenza
delle Organizzazioni
Sindacali dopo
l'approvazione del Direttore Generale.
Art. 56
Promozioni del personale della carriera operativa
1. La promozione al grado di Coadiutore principale e gradi corrispondenti è
conferita mediante selezione di merito e per titoli dei dipendenti che
abbiano un'anzianità nel grado di Coadiutore e gradi corrispondenti di
almeno 8 anni i quali, per la medesima sessione di avanzamenti, non abbiano
partecipato al concorso interno a Funzionario di 2a e gradi corrispondenti.
2. La promozione al grado di Coadiutore e gradi corrispondenti è conferita
mediante scrutinio per valutazione comparativa dei dipendenti inquadrati
nei gradi di Assistente superiore e gradi corrispondenti nonché dei
dipendenti che abbiano un'anzianità di almeno 6 anni nel grado di
Assistente e gradi corrispondenti.
3. Allo scrutinio sono ammessi i dipendenti che abbiano superato una prova
orale sostenibile a domanda, conseguendo un punteggio minimo pari al 60%
del punteggio massimo attribuibile alla prova stessa. Gli Assistenti
superiori e gli Assistenti dei ruoli amministrativo e di cassa sono ammessi
allo scrutinio per Coadiutore o, alternativamente, per Coadiutore di cassa,
a prescindere dal ruolo di appartenenza, in relazione al tipo di prova cui
prendono parte.
4. La prova orale, distinta per ciascun ruolo, è intesa ad accertare il
possesso delle cognizioni e dei requisiti necessari all'espletamento dei
compiti propri del grado da conferire e ha per oggetto: l'illustrazione del
lavoro svolto anche nei suoi aspetti giuridici, economici e tecnici, i
collegamenti del lavoro stesso con le altre attività della Banca, l'esame
dei principali aspetti concernenti le funzioni e l'organizzazione della
Banca.
5. La prova e lo scrutinio per Coadiutore tecnico avvengono con graduatorie
separate per settore (elaborazione automatica dei dati, impiantistico,
edile, procedimenti per la fabbricazione dei biglietti).
6. Gli Assistenti superiori, nonché gli Assistenti con almeno 6 anni di
anzianità nel grado, che operino nel campo dell'elaborazione automatica dei
dati possono optare per la prova e lo scrutinio per Coadiutore tecnico
(settore E.A.D.) in luogo di quelli per Coadiutore, purché in possesso di
documentata esperienza nell'anzidetto campo per un periodo di almeno 4
anni.
7. Il risultato della prova è comunicato al dipendente e rimane valido per
l'ammissione allo scrutinio per valutazione comparativa per le sessioni di
promozioni relative a tre anni consecutivi, compreso l'anno cui si
riferisce la prova, salva la facoltà per il dipendente di sostenere
nuovamente la prova stessa con il limite di non più di tre volte nell'arco
di un quinquennio, nel qual caso è preso in considerazione l'ultimo
risultato conseguito.
8. La promozione al grado di Assistente superiore e gradi corrispondenti è
conferita, mediante selezione di merito e per titoli, ai dipendenti che
abbiano un'anzianità nel grado di Assistente e gradi corrispondenti di
almeno 8 anni.
9. La promozione al grado di Assistente e gradi corrispondenti è conferita
nell'ambito di ciascun ruolo mediante selezione di merito e per titoli ai
dipendenti che abbiano un'anzianità nel grado di Vice assistente e gradi
corrispondenti di almeno 6 anni ed inferiore ad 8 anni. La promozione al
grado di Assistente, di Assistente di cassa e di Assistente tecnico è
altresì conferita, con provvedimento del Direttore Generale, per anzianità
congiunta al merito ai dipendenti che abbiano un'anzianità di 8 anni nei
rispettivi gradi di Vice assistente, Vice assistente di cassa e Vice
assistente tecnico e non abbiano riportato il giudizio di insufficiente
nell'ultimo riferimento valutativo annuale.
Nota all'art. 56
Per i Vice assistenti e gradi corrispondenti in servizio alla data del
31.12.1995 la promozione al grado di Assistente e gradi corrispondenti è
conferita nell'ambito di ciascun ruolo per anzianità congiunta al merito,
con provvedimento del Direttore Generale, ai dipendenti che abbiano
un'anzianità di 4 anni nel grado e non abbiano riportato il giudizio di
insufficiente nell'ultimo riferimento valutativo annuale.
Dichiarazione a verbale
L’Amministrazione dichiara che, a partire dalla sessione dell’anno 2002,
verranno effettuati, successivamente alla nomina dei vincitori, due scorrimenti
della graduatoria per l’avanzamento a coadiutore.
Art. 57
Promozioni del personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza
1. La promozione al grado di Primo capo operatore è conferita mediante
scrutinio per valutazione comparativa ai dipendenti che abbiano almeno 10
anni di anzianità nel grado di Operatore capo.
2. La promozione al grado di Primo operatore
è conferita mediante
selezione di merito e per titoli ai dipendenti che abbiano un'anzianità nel
grado di Operatore di almeno 6 anni ed inferiore ad 8 anni.
3. La promozione al grado di Primo operatore è altresì conferita, con
provvedimento del Direttore Generale, per anzianità congiunta al merito ai
dipendenti che abbiano un'anzianità di 8 anni nel grado di Operatore e non
abbiano riportato il giudizio di insufficiente nell'ultimo riferimento
valutativo annuale.
Nota all'art. 57
Per gli Operatori in servizio alla data del 31.12.1995 le promozioni
nell'ambito della carriera dei servizi generali e di sicurezza sono
conferite secondo le seguenti modalità:
- a partire dalla sessione 1996
- al grado di Operatore capo, mediante selezione di merito e per titoli ai
dipendenti che abbiano almeno 13 anni di anzianità di servizio nella
carriera;
- al grado di Primo operatore, mediante selezione di merito e per titoli ai
dipendenti che abbiano un'anzianità nel grado di almeno 5 anni;
- a partire dalla sessione di avanzamenti 1998
- al grado di Primo operatore, oltre che per selezione di merito e per
titoli, anche per anzianità congiunta al merito, con provvedimento del
Direttore Generale, ai dipendenti che abbiano un'anzianità di almeno 7 anni
nel grado e non abbiano riportato il giudizio di insufficiente nell'ultimo
riferimento valutativo annuale.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che, nel triennio 1996-1998, le promozioni a
Primo operatore mediante selezione di merito e per titoli saranno disposte
sulla base di una percentuale annua di avanzamento degli scrutinabili pari
al 45% per il 1996, al 30% per il 1997 ed al 30% per il 1998. In detto
triennio le promozioni a Primo operatore, secondo le stime effettuate sulla
base dei dati disponibili, dovrebbero complessivamente ragguagliarsi, in
relazione al combinato operare dei due sistemi di avanzamento (selezione di
mento e per titoli e, a partire dal 1998, avanzamento per anzianità
congiunta al merito), a circa 265.
L'Amministrazione dichiara che per l'anno 1996 gli avanzamenti ai gradi
sotto indicati saranno pari a:
Primo capo operatore
16
Operatore capo
35
L'Amministrazione dichiara che per il 1997 - ove non varino le condizioni
di riferimento per l'assetto e la determinazione quali-quantitativa degli
organici - sottoporrà alle decisioni del Consiglio Superiore flussi di
avanzamenti analoghi a quelli stabiliti per il 1996.
Art. 58
Promozioni ai gradì di Capo officina e Capo reparto
1. Le promozioni ai gradi di Capo officina e di Capo reparto sono
attribuite mediante scrutinio per valutazione comparativa. Allo scrutinio
sono ammessi i dipendenti che abbiano superato la prova integrativa di cui
al 1° comma dell'art. 63, sostenibile a domanda, conseguendo almeno i 6/10
del punteggio massimo previsto per la prova stessa.
2. Alla prova integrativa per il conferimento del grado di Capo officina
sono ammessi i Capi reparto aventi anzianità di almeno 3 anni nel grado.
3. Alla prova integrativa per il conferimento del grado di Capo reparto
sono ammessi gli Operai di 1a categoria super nonché gli Operai di 1a
categoria aventi, questi ultimi, anzianità di almeno 8 anni nella categoria
medesima.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che
sotto indicati saranno pari a:
Capo officina
Capo reparto
per l'anno
1996 gli
avanzamenti ai gradi
1
3
Art. 59
Passaggi di categoria
1. Il passaggio ad Operaio di la categoria super è effettuato mediante
selezione di merito e per titoli, alla quale sono ammessi gli Operai di 1a
con almeno 9 anni di anzianità nella categoria che non abbiano partecipato,
per la medesima sessione di avanzamenti, alla prova integrativa per la
promozione al grado di Capo reparto.
2. Il passaggio ad Operaio di la categoria è attribuito mediante scrutinio
per valutazione comparativa al quale sono ammessi gli Operai di 2a, con
almeno 3 anni di anzianità nella categoria, che abbiano superato la prova
di mestiere, sostenibile a domanda, conseguendo almeno i 6/10 del punteggio
massimo previsto per la prova stessa.
3. Il passaggio alla 2a categoria è conferito mediante selezione di merito
e per titoli ai dipendenti che abbiano un'anzianità nella 3a categoria di
almeno 6 anni ed inferiore ad 8 anni. Il passaggio alla 2a categoria è
altresì conferito, con provvedimento del Direttore Generale, per anzianità
congiunta al merito ai dipendenti che abbiano un'anzianità di 8 anni nella
3a categoria e che non abbiano riportato il giudizio di insufficiente
nell'ultimo riferimento valutativo annuale.
Nota all'art. 59
Per gli Operai di 3a categoria in servizio alla data del 31.12.1995 il
passaggio alla 2a categoria ha luogo per anzianità congiunta al merito, con
provvedimento
del
Direttore Generale,
ai
dipendenti
che abbiano
un'anzianità di 4 anni nella categoria e non abbiano riportato il giudizio
di insufficiente nell'ultimo riferimento valutativo annuale.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione, con riferimento alla carriera operaia, dichiara che per
l'anno 1996 gli avanzamenti ai gradi sotto indicati saranno pari a:
Operaio di 1a categoria super
24
Operaio di 1a categoria
10
L'Amministrazione, con riferimento alla carriera operaia, dichiara che per
il 1997 - ove non varino le condizioni di riferimento per l'assetto e la
determinazione
quali-quantitativa degli
organici sottoporrà alle
decisioni del Consiglio Superiore flussi di avanzamenti analoghi a quelli
stabiliti per il 1996.
Art. 60
Norme sulle procedure di avanzamento del personale della carriera operativa
1. I titoli o le categorie di titoli presi in considerazione nello
scrutinio per valutazione comparativa ai fini dell'avanzamento a Coadiutore
e gradi corrispondenti sono:
- qualità del servizio prestato (fino a 26 punti);
- preparazione professionale (fino a 11 punti);
- anzianità nella carriera (fino a 5 punti);
- possesso di uno dei diplomi di laurea richiesti per l'assunzione (1
punto);
- prova integrativa di cui all'art. 56, 3° comma (fino a 35 punti);
- requisiti attitudinali (fino a 22 punti);
il punteggio massimo dello scrutinio è pari a 100 punti.
2. Nella valutazione dei titoli e delle categorie di titoli considerati per
lo scrutinio i punteggi relativi alla qualità del servizio prestato nonché
alla preparazione professionale sono attribuiti con riguardo agli ultimi
due riferimenti valutativi annuali sulle prestazioni.
3. In sede di attribuzione del punteggio attitudinale si tiene anche conto
degli incarichi di sostituzione o di surrogazione o di carattere ispettivo
svolti, nonché delle deleghe esercitate ai sensi dell'art. 7.
4. Il punteggio complessivo viene ridotto di 0,50 punti qualora il
dipendente sia decaduto dalla
nomina nell'anno precedente ai sensi
dell'art. 76, 6° comma. Tale penalizzazione non è considerata ai fini del
giudizio di idoneità di cui al comma successivo.
5. Il punteggio complessivo minimo per l'idoneità alla promozione non può
essere fissato
in misura inferiore
al 50%
del punteggio massimo
complessivo. Non sono considerati idonei i dipendenti che, a prescindere
dal punteggio complessivo ottenuto, non abbiano conseguito almeno la metà
dei punteggi massimi nella valutazione della qualità del servizio prestato
e nell'attitudine al grado da conferire.
6. Qualora non venga assegnato al dipendente il punteggio minimo di
idoneità per l'attitudine al grado da conferire, nonostante che egli abbia
conseguito tale punteggio per la qualità del servizio prestato, il giudizio
deve essere motivato.
7. I titoli e le categorie di titoli sui quali si basa la valutazione del
dipendente ai fini
dello scrutinio devono
risultare dal fascicolo
personale; se taluno di essi viene escluso dalla valutazione, devono
esserne indicati i motivi.
8. Per le categorie di titoli qualità del servizio prestato e preparazione
professionale, i gradi di classificazione in ciascun fattore di valutazione
sono ponderati sulla base dei coefficienti indicati nell'Allegato B.
9. Ai fini delle promozioni per selezione di merito e per titoli ai gradi
di Coadiutore principale e di Assistente superiore e di Assistente (a far
tempo dalla sessione 2003) e gradi rispettivamente corrispondenti, sono presi
in considerazione, con l'attribuzione dei punteggi indicati nell'Allegato B,
i seguenti fattori:
- merito: (fino a 25 punti) sulla base degli ultimi cinque riferimenti
valutativi annui;
- titoli:
• anzianità nel grado: con riferimento all'anzianità maturata, oltre il
minimo previsto per l'avanzamento, a partire dalla decorrenza per la
scrutinabilità;
• titoli di studio: (1 punto) per la selezione a Coadiutore principale, in
relazione al possesso di uno o più diplomi di laurea; (fino a 3 punti) per
la selezione ad Assistente superiore e ad Assistente, in relazione al
possesso di uno o più diplomi di scuola media superiore o di uno o più
diplomi di laurea;
• assiduità: (fino a 2 punti) con riferimento alle presenze in servizio
nell'ultimo quadriennio;
• deontologia professionale: (fino a 3 punti) in relazione all'assenza o
meno di provvedimenti disciplinari e/o di note di richiamo da parte
dell'Amministrazione Centrale nel biennio antecedente alla decorrenza
giuridica del grado da conferire.
10. Ai fini delle promozioni di cui al presente articolo l'anzianità,
secondo i criteri di cui all'art.11, costituisce titolo di preferenza a
parità di merito.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che, a far tempo dalla sessione del 1996, dopo
l'indizione
delle prove
per
l'avanzamento a
Coadiutore
e gradi
corrispondenti e, con riferimento a ciascun ruolo, almeno 15 giorni prima
dell'effettuazione delle stesse saranno rese note al personale tutte le
residenze di lavoro in quel momento disponibili per detto avanzamento. Le
altre residenze, fino a concorrenza del numero dei posti messi a concorso,
saranno comunicate in una fase successiva e comunque prima dell'inizio dei
lavori della Giunta di scrutinio, sulla base delle ulteriori esigenze nel
frattempo determinatesi anche a seguito dell'espletamento del concorso
interno a Funzionario di 2a e gradi corrispondenti.
Dichiarazione a verbale
L’Amministrazione dichiara che per l’anno 2003 gli avanzamnti a grado di
Assistente del ruolo unificato mediante selezione di merito e per titoli saranno
11.
Art. 61
Norme sulle procedure di avanzamento
servizi generali e di sicurezza
del personale
della
carriera dei
1. I titoli o le categorie di titoli presi in considerazione nello
scrutinio per valutazione comparativa ai fini dell'avanzamento a Primo capo
operatore sono:
-
impegno realizzativo (fino a 32 punti);
qualità del servizio (fino a 16 punti);
preparazione professionale (fino a 16 punti);
anzianità di servizio nella carriera (fino a 6 punti);
requisiti attitudinali (fino a 30 punti);
il punteggio massimo dello scrutinio è pari a 100 punti.
2. Nella valutazione dei titoli e delle categorie di titoli considerati per
lo scrutinio di cui sopra i punteggi relativi all'impegno realizzativo,
alla qualità del servizio e alla preparazione professionale sono attribuiti
con riguardo agli
ultimi due riferimenti
valutativi annuali sulle
prestazioni.
3. Il punteggio complessivo minimo per l'idoneità alla promozione non può
essere fissato
in misura inferiore
al 50%
del punteggio massimo
complessivo. Non sono considerati idonei i dipendenti che, a prescindere
dal punteggio complessivo ottenuto, non abbiano conseguito almeno la metà
dei punteggi
massimi nella valutazione
dell'impegno realizzativo e
nell'attitudine al grado da conferire.
4. Qualora non venga assegnato al dipendente il punteggio minimo di
idoneità per l'attitudine al grado da conferire, nonostante che egli abbia
conseguito tale punteggio per l'impegno realizzativo, il giudizio deve
essere motivato.
5. I titoli e le categorie di titoli sui quali si basa la valutazione del
dipendente ai fini
dello scrutinio devono
risultare dal fascicolo
personale; se taluno di essi viene escluso dalla valutazione, devono
esserne indicati i motivi.
6. Per le categorie di titoli impegno realizzativo, qualità del servizio e
preparazione professionale, i gradi di classificazione in ciascun fattore
di valutazione sono ponderati
sulla base dei coefficienti indicati
nell'Allegato B.
7. Ai fini delle promozioni per selezione di merito e per titoli al grado
di Operatore capo sono presi in considerazione, con l'attribuzione dei
punteggi indicati nell'Allegato B, i seguenti fattori:
- merito: (fino a 20
valutativi annuali;
- titoli:
punti) sulla
base degli
ultimi cinque riferimenti
- anzianità nel grado: con riferimento all'anzianità maturata a partire
dalla decorrenza per la scrutinabilità;
- assiduità: (fino a 2 punti) con riferimento alle presenze in servizio
nell'ultimo quadriennio;
- deontologia professionale: (fino a 3 punti) in relazione all'assenza o
meno di provvedimenti disciplinari e/o di note di richiamo da parte
dell'Amministrazione Centrale nel biennio antecedente alla decorrenza
giuridica del grado da conferire;
- titolo di studio: 1 punto in relazione al possesso di uno o più diplomi
di scuola media superiore.
8. Ai fini delle promozioni per selezione di merito e per titoli al grado
di Primo operatore sono presi in considerazione, con l'attribuzione dei
punteggi indicati nell'Allegato B, i seguenti fattori:
- merito: (fino a 20 punti) sulla base degli ultimi quattro riferimenti
valutativi annuali;
- titoli:
- anzianità nel grado: con riferimento all'anzianità maturata a partire
dalla decorrenza per la scrutinabilità;
- assiduità: (fino a 2 punti) con riferimento alle presenze in servizio
nell'ultimo quadriennio;
- deontologia professionale: (fino a 3 punti) in relazione all'assenza o
meno di provvedimenti disciplinari e/o di note di richiamo da parte
dell'Amministrazione Centrale nel biennio antecedente alla decorrenza
giuridica del grado da conferire.
9. Ai fini delle promozioni di cui al presente articolo l'anzianità,
secondo i criteri di cui all'art. 11, costituisce titolo di preferenza a
parità di merito.
Art. 62
Norme sulle promozioni e sui passaggi di categoria riguardanti il personale
della carriera operaia
1. I titoli o le categorie di titoli presi in considerazione negli scrutini
per valutazione comparativa ai fini degli avanzamenti a Capo officina sono:
- qualità del servizio prestato (fino a 25 punti);
- preparazione professionale (fino a 25 punti);
- risultato della prova integrativa di cui al successivo art. 63 (fino a 30
punti);
- anzianità nel grado di appartenenza e anzianità di servizio (fino a 5
punti);
- requisiti attitudinali (fino a 15 punti);
il
punteggio massimo dello scrutinio è pari a 100 punti.
2. I titoli o le categorie di titoli presi in considerazione negli scrutini
per valutazione comparativa ai fini degli avanzamenti a Capo reparto e a
Operaio di la categoria sono:
- impegno realizzativo (fino a 25 punti);
- qualità del prodotto (fino a 13 punti);
- preparazione professionale (fino a 12 punti);
- risultato della prova integrativa o di mestiere di cui al successivo art.
63 (fino a 30 punti);
- anzianità nella categoria di appartenenza e anzianità di servizio (fino a
5 punti);
- requisiti attitudinali (fino a 15 punti);
il punteggio massimo dello scrutinio è pari a 100 punti.
3. Nella valutazione dei titoli e delle categorie di titoli considerati per
gli scrutini di cui sopra i punteggi relativi alla qualità del servizio
prestato, all'impegno realizzativo, alla qualità del prodotto e alla
preparazione professionale sono attribuiti con riguardo agli ultimi due
riferimenti valutativi annuali sulle prestazioni.
4.
In sede di attribuzione del punteggio attitudinale per gli avanzamenti
a Capo officina e Capo reparto si tiene anche conto degli incarichi
particolari svolti eccedenti le normali mansioni.
5. In sede di attribuzione del punteggio relativo all'anzianità nella
categoria di appartenenza per gli avanzamenti a Capo reparto si tiene conto
dell'anzianità maturata, oltre il minimo previsto per l'avanzamento, a
partire dalla prima decorrenza utile per la scrutinabilità a detto grado.
6. Il punteggio complessivo minimo per l'idoneità alla promozione non può
essere fissato
in misura inferiore
al 50%
del punteggio massimo
complessivo. Non sono considerati idonei i dipendenti che, a prescindere
dal punteggio complessivo ottenuto, non abbiano conseguito almeno la metà
dei punteggi massimi nella valutazione della qualità del servizio prestato,
dell'impegno realizzativo e dell'attitudine al grado da conferire.
7. Qualora non venga assegnato al dipendente il punteggio minimo di
idoneità per l'attitudine al grado da conferire, nonostante che egli abbia
conseguito tale punteggio per la qualità del servizio prestato o per
l'impegno realizzativo, il giudizio deve essere motivato.
8. I titoli e le categorie di titoli sui quali si basa la valutazione del
dipendente ai fini
dello scrutinio devono
risultare dal fascicolo
personale; se taluno di essi viene escluso dalla valutazione, devono
esserne indicati i motivi.
9. Per le categorie di titoli qualità del servizio prestato, impegno
realizzativo, qualità del prodotto e preparazione professionale, i gradi di
classificazione in ciascun fattore di valutazione sono ponderati sulla base
dei coefficienti indicati nell'Allegato B.
10. Ai fini delle promozioni per selezione di merito e per titoli a Operaio
di 1a categoria super sono presi in considerazione, con l'attribuzione dei
punteggi indicati nell'Allegato B, i seguenti fattori:
- merito: (fino a 20
valutativi annuali;
- titoli:
punti) sulla
base degli
ultimi cinque riferimenti
- anzianità nella categoria: con riferimento all'anzianità, maturata oltre
il minimo previsto per l'avanzamento, a partire dalla decorrenza per la
scrutinabilità;
- assiduità: (fino a 2 punti) con riferimento alle presenze in servizio
nell'ultimo quadriennio;
- deontologia professionale: (fino a 3 punti) in relazione all'assenza o
meno di provvedimenti disciplinari e/o di note di richiamo da parte
dell'Amministrazione Centrale nel biennio antecedente alla decorrenza
giuridica del grado da conferire.
11. Ai fini degli avanzamenti di cui
secondo i criteri di cui all'art. li,
parità di merito.
al presente articolo l'anzianità,
costituisce titolo di preferenza a
Art. 63
Prove integrative e prove di mestiere per le promozioni
categoria del personale della carriera operaia
e i passaggi di
1. Le prove integrative previste per le promozioni di cui all'art. 58
tendono ad accertare l'idoneità dei singoli candidati alle specifiche
mansioni cui debbono essere addetti, avendo riguardo al complesso dei
requisiti personali e professionali richiesti per il disimpegno delle
mansioni medesime.
2. Le prove di mestiere per i passaggi di categoria di cui all'art. 59
consistono
nell'esecuzione
di un
lavoro
proprio
della categoria
immediatamente superiore, da valutare sotto il profilo della diligenza,
della precisione, dell'abilità nonché del tempo di esecuzione.
3. Il risultato delle prove integrative e di mestiere - che viene
comunicato al dipendente - rimane
valido per la sola sessione di
avanzamento relativa all'anno in cui la prova è stata sostenuta, ferma
restando la facoltà per gli interessati di ripetere la prova.
Art. 64
Commissione per la prova orale integrativa per
Coadiutore e gradi corrispondenti
l'avanzamento al grado di
1. La Commissione incaricata di sovraintendere alla prova integrativa per
la promozione a Coadiutore e gradi corrispondenti è composta da cinque
membri che, in ordine di grado e di anzianità, ne assumono la presidenza e
da membri supplenti che subentrano a quelli effettivi in caso di loro
assenza o impedimento. I membri effettivi ed i supplenti, tutti aventi
grado non inferiore a quello di Funzionario di 2a e gradi corrispondenti,
sono nominati annualmente dal Governatore.
2. Svolge mansioni di segretario un impiegato di grado non inferiore a
quello di Coadiutore o gradi corrispondenti, coadiuvato o sostituito, ove
occorra, da un vice-segretario.
3. Per i lavori della Commissione è necessaria la presenza di tutti i
membri. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza assoluta.
4. Per l'effettuazione delle prove orali la Commissione può valersi
dell'opera di esperti nominati annualmente dal Governatore, i quali
intervengono in qualità di consulenti.
Art. 65
Commissione per le prove integrative
carriera operaia
e di mestiere per il personale della
1. La Commissione incaricata di sovraintendere alle prove integrative e di
mestiere di cui all'art. 63 è composta da cinque membri - di cui almeno due
appartenenti al ruolo tecnico - che, in ordine di grado e di anzianità, ne
assumono la presidenza e da membri supplenti che subentrano a quelli
effettivi in caso di loro assenza o impedimento. I membri effettivi e i
supplenti sono nominati annualmente dal Governatore. Svolge funzioni di
segretario un impiegato di grado non inferiore a Coadiutore o gradi
corrispondenti il quale, all'occorrenza, è sostituito o coadiuvato da un
vice-segretario.
2. Per i lavori della Commissione è necessaria la presenza di tutti i
membri. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza assoluta.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che i membri effettivi e supplenti della
Commissione di cui all'art. 65 saranno nominati tra gli appartenenti alla
carriera direttiva e, limitatamente ad un membro effettivo e supplente, tra
gli appartenenti alla carriera operaia.
Art. 66
Giunta di
operativa
scrutinio
per
le
promozioni
del
personale
della
carriera
1.
La Giunta procede, secondo i criteri da essa predeterminati, alla
valutazione dei dipendenti
della carriera operativa
ai fini della
promozione mediante scrutinio per valutazione comparativa.
2.
La Giunta, nominata annualmente dal Governatore, è composta da un
Condirettore centrale o grado corrispondente che la presiede e da quattro
impiegati di grado superiore che in ordine di grado e di anzianità
sostituiscono il Presidente in caso di sua assenza o impedimento. Il
Governatore nomina altresì annualmente i membri supplenti - scelti sempre
tra il personale di grado superiore - i quali subentrano ai membri
effettivi in caso di assenza o impedimento. Svolge funzioni di segretario
un impiegato di grado non inferiore a Coadiutore o gradi corrispondenti il
quale, all'occorrenza, è sostituito o coadiuvato da un vice-segretario.
3. Per la validità delle riunioni della Giunta è necessaria la presenza di
tutti i suoi componenti. La Giunta adotta le proprie deliberazioni a
maggioranza assoluta.
4. Per l'esame delle posizioni del personale del ruolo tecnico intervengono
- senza diritto a voto - ai lavori della Giunta due impiegati di grado
superiore dello
stesso ruolo
nominati annualmente
dal Governatore
unitamente a due supplenti.
5. Ai lavori della Giunta possono assistere, in rappresentanza del
personale, elementi designati dalle Organizzazioni Sindacali operanti
nell'Istituto, in ragione di un elemento per ciascuna Organizzazione
Sindacale al fine di verificare il regolare svolgimento delle operazioni di
scrutinio, senza interferire nelle stesse, sulla base della normativa
regolamentare e dei criteri predeterminati dalla Giunta stessa. Può essere
designato un sostituto per ciascun rappresentante per i casi di assenza o
impedimento dello stesso.
6. I rappresentanti del personale, nell'ora successiva al termine di
ciascuna sessione giornaliera di lavoro della Giunta, possono prendere
visione della documentazione esaminata nel corso della sessione medesima.
7. Entro il termine perentorio di 2 giorni dalla formazione della
graduatoria finale da parte della Giunta, i rappresentanti del personale
possono presentare al Direttore
Generale osservazioni scritte sullo
svolgimento delle operazioni di scrutinio. Il Direttore Generale - valutate
le eventuali osservazioni dei rappresentanti del personale e sentita, in
tal caso, la Giunta - approva le operazioni di scrutinio ovvero rinvia gli
atti dello scrutinio stesso alla Giunta perché provveda ad un riesame delle
operazioni di scrutinio.
Nota all'art.66
1. Per l'esercizio delle prerogative di cui al presente articolo ai
rappresentanti
del
personale sono
riconosciuti
permessi sindacali
aggiuntivi.
2. Ai rappresentanti del personale è altresì riconosciuta la possibilità di
fruire del servizio di mensa per i giorni in cui assistono ai lavori della
Giunta nonché, per coloro che risiedono in sedi di servizio non comprese
nell'area romana, il rimborso - nei limiti e alle condizioni di cui
all'art. 140, 4°, 5° e 6° comma - delle documentate spese sostenute per i
viaggi tra Roma e la sede di servizio effettuati per assistere ai lavori
della Giunta, di norma nel limite di un viaggio di andata e ritorno alla
settimana.
Art. 67
Giunta di scrutinio per le promozioni del
servizi generali e di sicurezza
personale della
carriera dei
1. La Giunta procede, secondo i criteri da essa predeterminati, alla
valutazione dei dipendenti della carriera dei servizi generali e di
sicurezza ai fini della promozione mediante scrutinio per valutazione
comparativa.
2. La Giunta, nominata annualmente dal Governatore, è composta da un
Condirettore centrale o grado corrispondente che la presiede e da quattro
impiegati di grado superiore che in ordine di grado e di anzianità
sostituiscono il Presidente in caso di sua assenza o impedimento. Il
Governatore nomina altresì annualmente i membri supplenti - scelti sempre
tra il personale di grado superiore - i quali subentrano ai membri
effettivi in caso di assenza o impedimento. Svolge funzioni di segretario
un impiegato di grado non inferiore a Coadiutore o gradi corrispondenti il
quale, all'occorrenza, è sostituito o coadiuvato da un vice-segretario.
3. Per la validità delle riunioni della Giunta è necessaria la presenza di
tutti i suoi componenti. La Giunta adotta le proprie deliberazioni a
maggioranza assoluta.
4. Ai lavori della Giunta possono assistere, in rappresentanza del
personale, elementi designati dalle Organizzazioni Sindacali operanti
nell'Istituto, in ragione di un elemento per ciascuna Organizzazione
Sindacale al fine di verificare il regolare svolgimento delle operazioni di
scrutinio, senza interferire nelle stesse, sulla base della normativa
regolamentare e dei criteri predeterminati dalla Giunta stessa. Può essere
designato un sostituto per ciascun rappresentante per i casi di assenza o
impedimento dello stesso.
5. I rappresentanti del personale, nell'ora successiva al termine di
ciascuna sessione giornaliera di lavoro della Giunta, possono prendere
visione della documentazione esaminata nel corso della sessione medesima.
6. Entro il termine perentorio di 2 giorni dalla formazione della
graduatoria finale da parte della Giunta, i rappresentanti del personale
possono presentare al Direttore
Generale osservazioni scritte sullo
svolgimento delle operazioni di scrutinio. Il Direttore Generale - valutate
le eventuali osservazioni dei rappresentanti del personale e sentita, in
tal caso, la Giunta - approva le operazioni di scrutinio ovvero rinvia gli
atti dello scrutinio stesso alla Giunta perché provveda ad un riesame delle
operazioni di scrutinio.
Nota all'art. 67
1. Per l'esercizio delle prerogative di cui al presente articolo ai
rappresentanti
del
personale sono
riconosciuti
permessi sindacali
aggiuntivi.
2. Ai rappresentanti del personale è altresì riconosciuta la possibilità di
fruire del servizio di mensa per i giorni in cui assistono ai lavori della
Giunta nonché, per coloro che risiedono in sedi di servizio non comprese
nell'area romana, il rimborso - nei limiti e alle condizioni di cui
all'art. 140, 4°, 5° e 6° comma - delle documentate spese sostenute per i
viaggi tra Roma e la sede di servizio effettuati per assistere ai lavori
della Giunta, di norma nel limite di un viaggio di andata e ritorno alla
settimana.
Art. 68
Giunta di scrutinio per le promozioni
personale della carriera operaia
e i
passaggi
di
categoria del
1.
La Giunta
di scrutinio
procede, secondo
i criteri
da essa
predeterminati, alla valutazione dei dipendenti della carriera operaia ai
fini della promozione mediante scrutinio per valutazione comparativa.
2. La Giunta, nominata annualmente dal Governatore, è composta da un
Condirettore centrale o grado corrispondente che la presiede e da quattro
impiegati di grado superiore che in ordine di grado e di anzianità
sostituiscono il Presidente in caso di sua assenza o impedimento. Il
Governatore nomina altresì annualmente i membri supplenti - scelti sempre
tra il personale di grado superiore - i quali subentrano ai membri
effettivi in caso di assenza o impedimento. Svolge funzioni di segretario
un impiegato avente grado non inferiore a Coadiutore o gradi corrispondenti
il quale, all'occorrenza, è sostituito o coadiuvato da un vice-segretario.
3. Per la validità delle riunioni della Giunta è necessaria la presenza di
tutti i suoi componenti. La Giunta adotta le proprie deliberazioni a
maggioranza assoluta.
4. Ai lavori della Giunta possono assistere, in rappresentanza del
personale, elementi designati dalle Organizzazioni Sindacali operanti
nell'Istituto, in ragione di un elemento per ciascuna Organizzazione
Sindacale al fine di verificare il regolare svolgimento delle operazioni di
scrutinio, senza interferire nelle stesse, sulla base della normativa
regolamentare e dei criteri predeterminati dalla Giunta stessa. Può essere
designato un sostituto per ciascun rappresentante per i casi di assenza o
impedimento dello stesso.
5. I rappresentanti del personale, nell'ora successiva al termine di
ciascuna sessione giornaliera di lavoro della Giunta, possono prendere
visione della documentazione esaminata nel corso della sessione medesima.
6. Entro il termine perentorio di 2 giorni dalla formazione della
graduatoria finale da parte della Giunta, i rappresentanti del personale
possono presentare al Direttore
Generale osservazioni scritte sullo
svolgimento delle operazioni di scrutinio. Il Direttore Generale - valutate
le eventuali osservazioni dei rappresentanti del personale e sentita, in
tal caso, la Giunta - approva le operazioni di scrutinio ovvero rinvia gli
atti dello scrutinio stesso alla Giunta perché provveda ad un riesame delle
operazioni di scrutinio.
Nota all'art. 68
1. Per l'esercizio delle prerogative di cui al presente articolo ai
rappresentanti
del
personale sono
riconosciuti
permessi sindacali
aggiuntivi.
2. Ai rappresentanti del personale è altresì riconosciuta la possibilità di
fruire del servizio di mensa per i giorni in cui assistono ai lavori della
Giunta nonché, per coloro che risiedono in sedi di servizio non comprese
nell'area romana, il rimborso - nei limiti e alle condizioni di cui
all'art. 140, 4°, 5° e 6° comma - delle documentate spese sostenute per i
viaggi tra Roma e la sede di servizio effettuati per assistere ai lavori
della Giunta, di norma nel limite di un viaggio di andata e ritorno alla
settimana.
Art. 69
Inquadramento nel nuovo grado del personale delle
servizi generali e di sicurezza
camere operativa e dei
1. L'iscrizione nel ruolo di anzianità del nuovo grado a seguito di
promozione ha luogo, a parità di decorrenza, secondo la graduatoria di
avanzamento. In presenza di graduatorie distinte, a parità di collocazione,
si applicano i criteri di cui all'art.11.
2. A parità di decorrenza della nomina, il personale promosso, per
anzianità congiunta al merito secondo le previsioni di cui al 3° comma
dell'art. 54, ai gradi di Assistente e gradi corrispondenti e al grado di
Primo operatore è collocato nei rispettivi ruoli di anzianità secondo i
criteri di cui all'art.11 e prende posto dopo coloro che hanno conseguito
l'avanzamento mediante selezione di merito e per titoli.
Nota all'art. 69
Fermi restando i criteri di inquadramento di cui al presente articolo,
nella sessione di avanzamenti 1998 gli Operatori in servizio alla data del
31.12.1995 che alla data del 31.12.1997 hanno un'anzianità nel grado pari o
superiore a 7 anni e conseguono la promozione al grado di Primo operatore
per anzianità congiunta al merito vengono inquadrati nel suddetto grado di
Primo operatore con decorrenza 1.1.1998.
Art. 70
Inquadramento nel nuovo grado o
carriera operaia
nella nuova categoria del personale della
1. L'iscrizione nel ruolo di anzianità del nuovo grado o della nuova
categoria a seguito di promozione o di passaggio di categoria ha luogo, a
parità di decorrenza, secondo la graduatoria di avanzamento. In presenza di
graduatorie distinte, a parità di collocazione si applicano i criteri di
cui all'art. 11.
2. A parità di decorrenza della nomina, gli operai passati di categoria per
anzianità congiunta al merito sono collocati nel ruolo di anzianità della
nuova categoria secondo i criteri di cui all'art. 11 e prendono posto dopo
coloro che hanno conseguito l'avanzamento mediante selezione di merito e
per titoli.
Nota all'art.70
Fermi restando i criteri di inquadramento di cui al 2° comma del presente
articolo, nella sessione di avanzamenti 1996 gli Operai di 33 categoria in
servizio alla data del 31.12.1995 che alla medesima data hanno un'anzianità
nella categoria pari o superiore a 4 anni e conseguono il passaggio alla 2a
categoria per anzianità congiunta al merito vengono inquadrati nella
suddetta 2a categoria con decorrenza 1.1.1996.
TITOLO X
PASSAGGI DI RUOLO E CONCORSI INTERNI
Art. 71
Passaggi di ruolo nella carriera operativa
Soppresso dall’1.1.2003
Art. 72
Concorso interno per titoli ed esami per l'accesso alla carriera direttiva
1. I posti disponibili per l'alimentazione dall'interno nei gradi di
Funzionario di 2a e di Funzionario di cassa di 2a sono annualmente messi a
concorso, prescindendo dal ruolo
di appartenenza, tra il personale
inquadrato nel grado di Coadiutore principale e gradi corrispondenti,
ovvero con almeno 5 anni di anzianità nel grado di Coadiutore e gradi
corrispondenti, che non abbia riportato il giudizio di insufficiente
nell'ultimo riferimento valutativo annuale.
2. I concorsi interni di cui al comma precedente, sostenibili non più di
tre volte nell'arco di un quinquennio, si articolano nella valutazione del
servizio prestato nonché di un esame, consistente in una prova scritta ed
in una orale, inteso ad accertare il possesso delle cognizioni e dei
requisiti tecnico-professionali necessari all'espletamento delle funzioni
proprie del grado da conferire, e riguardante i seguenti argomenti: le
funzioni svolte dalla Banca d'Italia nel quadro interno ed internazionale
anche
con
riferimento
all'evoluzione
della
situazione economica;
l'organizzazione dell'Istituto; il sistema bancario italiano; l'attività
svolta dal dipendente durante la carriera anche con riferimento ai profili
giuridico, economico e tecnico dell'attività stessa.
3. Il punteggio complessivo massimo del concorso, pari a 100 punti, si
ripartisce in 30
punti per il
servizio prestato desumibile dalla
valutazione annuale delle prestazioni e in 70 punti per l'esame, dei quali
35 punti sono attribuibili per la prova scritta e 35 per la prova orale.
Per l'ammissione alla prova orale è richiesto nella prova scritta un
punteggio non inferiore al 50% di quello massimo ad essa riservato.
4. Per il conseguimento dell'idoneità nel concorso occorre aver riportato
una valutazione di almeno il 60% nella prova orale e nel punteggio
complessivo dell'esame.
5. Il personale inquadrato nei gradi di Coadiutore principale e di
Coadiutore può altresì partecipare - sempre senza distinzione di ruolo ed
alle stesse condizioni di cui al 1° comma
ai concorsi interni per titoli
ed esami che l'Amministrazione dovesse bandire, per il numero dei posti e
secondo le modalità di volta in volta determinati, per l'accesso al grado
di Funzionario tecnico di 2a.
6. I concorsi interni previsti dal comma precedente, sostenibili non più di
tre volte nell'arco di un quinquennio, si articolano anch'essi nella
valutazione sia del servizio prestato sia di un esame, consistente in una
prova scritta ed in una orale, inteso ad accertare il possesso delle
cognizioni e dei requisiti tecnico-professionali necessari all'espletamento
delle funzioni proprie del grado da conferire e riguardante l'assetto
organizzativo ed istituzionale della Banca, i principi tecnico-giuridici e
gli aspetti applicativi dei settori di specializzazione - elaborazione
automatica
dei
dati,
impiantistico,
edile,
procedimenti
per la
fabbricazione dei biglietti di banca - per i quali sono messi a concorso i
posti. La ripartizione del punteggio complessivo del concorso, il requisito
di ammissione alla prova orale e le condizioni di idoneità sono quelli
previsti ai commi 3° e 4° del presente articolo.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che nel bando di concorso interno, per titoli ed
esami, per l'accesso alla carriera direttiva sarà indicata la ripartizione
percentuale di assegnazione, tra Amministrazione Centrale e Filiali, di
coloro che risulteranno vincitori del concorso stesso.
L'Amministrazione dichiara che per l'anno 1996 i posti a concorso per i
gradi di Funzionario di 2a e gradi corrispondenti sono pari a:
Ruolo amministrativo
75
Ruolo di cassa
8
Ruolo tecnico
15
Art. 73
Concorsi interni a Coadiutore tecnico e ad Assistente tecnico riservati al
personale della carriera operaia
1. Il personale della carriera operaia avente almeno 4 anni di anzianità
nella 1a - categoria e che non abbia riportato il giudizio di insufficiente
nell'ultimo riferimento valutativo annuale può partecipare ai concorsi
interni per esame che l'Amministrazione dovesse bandire, per il numero di
posti di volta in volta determinato, per l'accesso al grado di Coadiutore
tecnico.
2. Il concorso, sostenibile non più di tre volte nel corso di un
quinquennio, si articola in una prova scritta ed in una orale, riguardanti
gli
aspetti
tecnico-applicativi
dei
settori
di
specializzazione
(elaborazione automatica dei dati, impiantistico, edile, procedimenti per
la fabbricazione dei biglietti) per i quali sono messi a concorso i posti.
La prova scritta e quella orale hanno eguale peso; per l'ammissione alla
prova orale è necessario aver riportato nella prova scritta almeno la metà
del punteggio ad essa riservato.
3. Gli Operai di 2a categoria con almeno due anni di anzianità nella
categoria e gli Operai di 1a categoria che non abbiano conseguito il
giudizio di insufficiente
nell'ultimo riferimento valutativo annuale
possono partecipare ai concorsi interni per esami che l'Amministrazione
dovesse bandire, per il numero di posti di volta in volta determinato, per
l'accesso al grado di Assistente tecnico.
4. Il concorso, sostenibile non più di tre volte nel corso di un
quinquennio, si articola in una prova scritta ed in una orale, riguardanti
gli aspetti operativi dei
settori di specializzazione (elaborazione
automatica
dei
dati,
impiantistico,
edile,
procedimenti
per la
fabbricazione dei biglietti) per i quali sono messi a concorso i posti. La
prova scritta e quella orale hanno eguale peso; per l'ammissione alla prova
orale è necessario aver riportato nella prova scritta almeno la metà del
punteggio ad essa riservato.
5. Nella medesima sessione di avanzamenti non è ammessa la partecipazione
ad entrambi i concorsi.
Art. 74
Concorso
cassa
interno per i
gradi di
Vice assistente e
di Vice assistente di
Soppresso
Art. 75
Inquadramento nella nuova posizione
I vincitori dei concorsi interni di cui al presente Titolo si collocano nel
ruolo di anzianità del nuovo grado in posizione immediatamente successiva a
quella degli elementi promossi al medesimo grado e con pari decorrenza ai
sensi delle disposizioni del
precedente Titolo IX e immediatamente
precedente a quella degli elementi assunti direttamente dall'esterno.
TITOLO XI
ASSEGNAZIONI - TRASFERIMENTI - MISSIONI
DISPOSIZIONE E IN DISPONIBILITA'
-
DISTACCHI
-
COLLOCAMENTO A
Art. 76
Assegnazioni, trasferimenti e missioni - Distacchi
1. I
dipendenti
prestano
la
loro
opera
presso
i
Servizi
dell'Amministrazione Centrale, le Filiali dell'Istituto, le Delegazioni
della Banca all'estero, nonché in qualsiasi altra struttura o residenza
essi siano assegnati o destinati in temporanea missione, in relazione alle
esigenze della Banca stessa.
2. Le assegnazioni, i trasferimenti e le missioni del personale sono
disposti dal Direttore Generale.
3. Lo spostamento di dipendenti da Roma agli insediamenti di Vermicino e
viceversa non costituisce a nessun fine, ai sensi della normativa in
materia, trasferimento ad altra residenza di servizio, ma configura un
diverso utilizzo nell'ambito della medesima residenza di lavoro.
4. L'Amministrazione provvede, di norma, a porre termine alla missione che
si protragga oltre 20 giorni lavorativi continuativi qualora il dipendente
abbia manifestato difficoltà in ordine alla prosecuzione della missione non
riguardante 1 'assolvimento di compiti ispettivi.
5. Il dipendente da trasferire o trasferito in conseguenza di nomina in
altro ruolo, grado o categoria decade dalla nomina stessa qualora non
raggiunga o dichiari di non poter raggiungere entro i termini prefissati
dall'Amministrazione la residenza di destinazione.
6. Il dipendente da trasferire in conseguenza della nomina nel grado di
Coadiutore, qualora non intenda raggiungere nessuna delle residenze di
destinazione a lui comunicate, è tenuto a rendere una formale dichiarazione
di indisponibilità, cui consegue la decadenza dalla nomina. Il mancato
raggiungimento della residenza di destinazione senza aver presentato la
suddetta dichiarazione di indisponibilità comporta, oltre alla decadenza
dalla nomina, la penalizzazione prevista dall'art. 60, 4° comma.
7. Nell'interesse della Banca e con delibera del Consiglio Superiore i
dipendenti possono essere distaccati presso enti in Italia o all'estero o,
comunque, destinati a mansioni particolari senza aver diritto a pretendere
remunerazioni speciali, sia pure derivanti da tariffe professionali.
L'autorizzazione o la revoca del distacco possono essere disposte, nei casi
di urgenza, anche con provvedimento del Governatore, salvo ratifica del
Consiglio Superiore. Per tutto il periodo trascorso in tale posizione i
dipendenti sono considerati in servizio ad ogni effetto.
8. Con delibera del Consiglio Superiore, può essere disposto, con l'assenso
degli interessati, il distacco di dipendenti presso Amministrazioni dello
Stato o enti pubblici che ne abbiano avanzato richiesta in forza di
specifiche disposizioni di legge. Nei casi di urgenza, il provvedimento può
essere adottato o revocato dal Governatore, con riserva di successiva
ratifica da parte del Consiglio Superiore. Per il periodo trascorso in tale
posizione, il dipendente non ha titolo, salvo contraria espressa previsione
di legge, al trattamento economico a carico della Banca. In ogni caso, allo
stesso non competono il premio di presenza, il premio individuale di
produttività nonché i compensi e le indennità collegati a specifiche
mansioni o prestazioni.
9. I periodi di distacco presso altri enti ai sensi del precedente comma
sono computati per intero ai fini dell'anzianità, degli avanzamenti, della
determinazione dell'assegno individuale di grado e dell'assegno individuale
di servizio e del trattamento di quiescenza.
10. Il provvedimento, che è comunicato al dipendente, stabilisce ogni altra
condizione e modalità di attuazione del distacco stesso.
11. L'Amministrazione può disporre il temporaneo utilizzo di un dipendente
della carriera operativa, per la durata massima di 6 mesi, presso Filiali
ubicate nell'ambito della circoscrizione di appartenenza (ovvero limitrofe
alla stessa), per finalità di sviluppo professionale.
12. L'individuazione dei dipendenti da utilizzare temporaneamente presso altra
Filiale viene effettuata dall'Amministrazione sulla base della disponibilità
manifestata dai singoli tenendo conto delle esigenze di servizio, delle
esperienze da maturare ad integrazione di quelle già acquisite, dei compiti da
svolgere e del complessivo profilo professionale degli interessati.
13. Al personale interessato è riconosciuto, oltre al rimborso delle spese di
viaggio documentate per i viaggi di inizio e termine dell'utilizzo, ai sensi
dell'art. 140, un contributo forfettario per le spese di soggiorno
ragguagliato al 55% dell'importo della diaria di cui alla Tab. B.1. per la
durata dell'utilizzo temporaneo.
Nota all'art. 76
L'Amministrazione, al ricorrere di documentate gravissime condizioni di
salute di uno stretto congiunto, si riserva di valutare la possibilità di
inviare in una diversa sede di lavoro il dipendente che ne faccia formale
richiesta, per la durata massima di 6 settimane - frazionabili in due
periodi - e senza diritto ad alcun trattamento economico aggiuntivo.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione precisa che:
- per i Coadiutori provenienti dall'interno, l'eventuale assegnazione ad
una diversa sede di lavoro sarà disposta, in presenza di esigenze di
servizio, all'atto del conseguimento di tale nuova posizione e per le sole
residenze di lavoro preventivamente rese note dall'Amministrazione;
- procederà alla copertura delle esigenze di organico connesse alla
distribuzione territoriale dei
Coadiutori mediante l'attivazione dei
seguenti provvedimenti: utilizzo degli elenchi di priorità, trasferimento
d'ufficio o assegnazione del personale assunto dall'esterno, assegnazione
del personale proveniente dall'interno in connessione con l'avanzamento a
Coadiutore; a fronte di particolari esigenze e per un numero di casi
rientranti in un ambito limitato - determinato dall'Amministrazione - la
stessa potrà derogare all'ordine sopra indicato;
- il conseguimento del grado di Coadiutore principale non sarà collegato a
mobilità d'ufficio;
- al di fuori dei casi indicati nei precedenti alinea il personale delle
carriere operativa, dei servizi generali e di sicurezza ed operaia può
essere trasferito d'ufficio solo
per particolari esigenze tecniche,
organizzative e produttive.
L'Amministrazione dichiara l'orientamento gestionale di utilizzare presso
gli insediamenti di Vermicino il personale ivi assegnato per un periodo di
norma non inferiore a 3 anni.
Art. 77
Trasferimenti a domanda. Trasferimenti con dichiarazione di disponibilità.
Trasferimenti a tempo determinato con opzione di rientro.
1. I trasferimenti a domanda sono disposti dall'Amministrazione sulla base
degli elenchi di priorità compilati in conformità della normativa di cui
all'Allegato C.
2. Gli elenchi di priorità concernenti i trasferimenti a domanda sono
portati a conoscenza dei dipendenti
che hanno avanzato domanda di
trasferimento e delle Organizzazioni Sindacali.
3. L'Amministrazione può disporre il trasferimento con il trattamento di
cui alla Sezione III del Titolo XV - con vincolo triennale di permanenza presso le Filiali, preventivamente rese note e per le quali non siano
pendenti domande di trasferimento, del personale della carriera operativa
con grado di Coadiutore principale e Coadiutore nonché di Assistente
superiore, Assistente e gradi rispettivamente corrispondenti del ruolo di
cassa nonché della
carriera dei servizi
generali e di sicurezza,
dichiaratosi disponibile ed avente anzianità di servizio non superiore a
30 anni e che non abbia maturato diritto a pensione né maturi tale diritto nei
tre anni successivi all’anno di emanazione del bando.
4. L'Amministrazione può disporre, per il personale dichiaratosi disponibile, il
trasferimento ad altra residenza di lavoro per un periodo di due anni, con
rientro, alla scadenza del periodo, nella residenza di lavoro di provenienza. Al
termine del biennio ove il dipendente opti per la permanenza nella località di
destinazione il dipendente stesso non può presentare domanda di trasferimento
per altra residenza per l'ulteriore periodo di tre anni.
5. Al personale trasferito in base al comma precedente compete il trattamento
indicato nella nota all'art. 150.
Dichiarazione a verbale.
L'Amministrazione precisa che i trasferimenti con dichiarazione di disponibilità
di cui al 31 comma:
possono essere disposti in qualsiasi momento nel corso del normale ciclo
gestionale;
possono essere disposti unicamente nei confronti del personale non escluso
dagli elenchi di priorità per i trasferimenti a domanda.
Per ì trasferimenti a tempo determinato di cui al 4° comma l'Amministrazione
precisa che:
sono disposti una volta ultimata l'assegnazione del personale sulla base
dei trasferimenti con dichiarazione di disponibilità;
l'Amministrazione provvede a rendere preventivamente note, per ciascun
ruolo, grado e carriera, le residenze disponibili, individuate, sulla base delle
esigenze organizzative e produttive, tra quelle per le quali non siano pendenti
domande di trasferimento; la relativa comunicazione indica anche i termini e le
modalità con cui gli interessati potranno manifestare la propria disponibilità
nonché le aree geografiche nelle quali le aspirazioni hanno maggiori possibilità
di essere assecondate;
- con l'obiettivo prioritario di favorire il riequilibrio nella distribuzione
territoriale delle risorse, l'Anuninistrazìone ai fini dell'individuazione
dei dipendenti da trasferire tiene conto, anche in modo comparato:
• della
composizione
della
compagine
dei
personale
quale
verrebbe
a
determinarsi presso le residenze di appartenenza degli interessati, in caso
di accoglimento delle istanze;
• delle caratteristiche professionali di ciascun aspirante, quali risultano dal
fascicolo personale, anche in relazione alla posizione da ricoprire nella
sede di lavororichiesta;
- non sono comunque prese in considerazione domande avanzate dal personale in
esperimento o da dipendenti ai quali sia stato riconosciuto, nel biennio
precedente, il trattamento economico previsto per il trasferimento dufficio,
anche se a seguito di nomina in altro ruolo, grado o carriera.''
Art. 78
Collocamento a disposizione
1. Ove occorra provvedere ad un diverso collocamento od utilizzo del
dipendente, questi, nell'attesa delle determinazioni dell'Amministrazione,
può essere collocato a disposizione, conservando il proprio grado o
categoria e la relativa retribuzione.
2. Il collocamento a disposizione è determinato dal Direttore Generale e
non può protrarsi per un periodo di tempo superiore ad un anno.
3. Tale periodo è computato per intero ai fini dell'anzianità, della
progressione di carriera, della determinazione dell'assegno individuale di
grado e dell'assegno individuale di
servizio e del trattamento di
quiescenza.
Art. 79
Collocamento in disponibilità
1. Nel caso di riforma di uffici o di reparti ovvero di soppressione di
posti
che comportino
riduzione
di personale,
il
dipendente che
l'Amministrazione non ritenga di poter utilizzare altrimenti è posto in
disponibilità con diritto all'intera retribuzione.
2. Trascorsi due anni e mezzo senza che, a giudizio della Banca, si sia
verificata la possibilità del richiamo in servizio, il dipendente è
dispensato a norma dell'art. 103, salvo il caso in cui possa farsi luogo
all'applicazione dei provvedimenti di cui all'art. 104.
3. I provvedimenti di collocamento in disponibilità e di richiamo in
servizio sono adottati, previa determinazione dei relativi criteri di
massima, dal Consiglio Superiore.
4. Il periodo durante il quale il dipendente si trova nello stato di
disponibilità è computato per intero ai fini di cui al 3° comma del
precedente art. 78.
TITOLO XII
MANCANZE E SANZIONI DISCIPLINARI - PROCEDIMENTO RELATIVO
Art. 80
Sanzioni disciplinari
1. Per violazione dei
sanzioni disciplinari:
1)
2)
3)
4)
5)
la
la
la
la
la
suoi doveri il
dipendente è soggetto alle seguenti
censura;
riduzione della retribuzione;
sospensione dal servizio e dalla retribuzione fino a sei mesi;
sospensione dal servizio e dalla retribuzione da sei mesi ad un anno;
destituzione.
2. Al dipendente che per la prima volta nel corso di un biennio si astenga
dal lavoro in violazione delle previsioni della L.146/1990 e successive
modifiche e della disciplina di attuazione
definita congiuntamente alle
Organizzazioni Sindacali è inflitta la sanzione disciplinare della multa; tale
sanzione è pari:
- a quattro ore di retribuzione, per adesione ad uno sciopero proclamato
senza regolare preavviso o senza indicazione della durata o delle modalità di
attuazione o delle motivazioni;
- all'intero trattamento economico giornaliero, in tutti gli altri casi.
3. Per le successive violazioni delle previsioni di cui al 2° comma
commesse nel corso del biennio trova applicazione il sistema di sanzioni di
cui al 1° comma, ad eccezione della destituzione.
4. L'irrogazione della multa di cui al 2° comma non produce gli effetti
normativi collegati alle altre sanzioni disciplinari e non assume rilievo
ai fini dell'istituto della recidiva di cui al successivo art. 87.
5. Non costituiscono sanzione disciplinare le note di invito o di richiamo
all'osservanza di disposizioni statutarie, regolamentari e di servizio.
6.
Le formali note di richiamo adottate dall'Amministrazione Centrale
producono gli effetti di cui agli artt. 60, 61 e 62.
7.
In caso di irrogazione della sanzione della sospensione dal servizio e
dalla retribuzione, ai fini del calcolo dell'assegno individuale di grado e
dell'assegno individuale di servizio ciascun mese e ciascun anno di
sospensione si intendono convenzionalmente pari, rispettivamente, a 30 e
365 giorni.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione inserirà
nelle disposizioni
attuative dell'accordo
stipulato ai sensi della legge 12.6.1990, n. 146 la previsione che
l'individuazione dei dipendenti, addetti
alle strutture della Banca
indicate al punto 4 di detto accordo, chiamati a prestare attività
lavorativa nelle "giornate di operatività garantita" sarà effettuata con un
preavviso minimo di 24 ore rispetto all'inizio della prestazione richiesta
e con
una formale
comunicazione idoneamente
portata a conoscenza
dell'interessato nello stesso termine.
Art. 81
Censura
La censura, consistente in una dichiarazione di biasimo scritta e motivata,
viene inflitta al dipendente per lievi trasgressioni ai suoi doveri.
Art. 82
Riduzione della retribuzione
1. La riduzione della retribuzione è inflitta:
1) per violazione dei doveri di cui al 1° comma dell'articolo 17;
2) per tolleranza di irregolarità in servizio, atti di indisciplina,
contegno scorretto o abusi da parte del personale dipendente;
3) per violazione del segreto d'ufficio anche se non ne sia derivato danno
alla Banca o a terzi;
4) per non aver adempiuto con regolarità alle obbligazioni assunte;
5) per inosservanza di divieti o per violazioni di obblighi sanciti dal
Regolamento per i quali non siano previste specifiche sanzioni disciplinari
o che, in relazione al grado di gravità, non siano passibili di diversa
sanzione a norma dei successivi articoli del presente Titolo.
2. La riduzione della retribuzione è inflitta, in misura non superiore ad
1/5 del trattamento economico, per un periodo massimo di sei mesi.
3. La riduzione della retribuzione comporta che la rideterminazione, ai
sensi dell'art. 114, dell'assegno individuale di grado ed eventualmente
dell'assegno individuale di servizio viene ritardata al 1° luglio dell'anno
successivo a quello di irrogazione della sanzione. Tale ritardo non
influisce sulle successive rideterminazioni dei suddetti assegni.
4. Qualora tale sanzione venga irrogata nei confronti di dipendenti già
sospesi
cautelarmente
dal
servizio
e
dalla
retribuzione,
la
rideterminazione di cui al comma precedente viene ritardata al 1° luglio
dell'anno successivo a quello del provvedimento di sospensione cautelare.
Dichiarazione a verbale
Su richiesta delle Organizzazioni Sindacali, l'Amministrazione dichiara
che, nell'esame sul piano disciplinare di casi di mancato adempimento delle
obbligazioni assunte dai dipendenti, terrà conto delle concrete situazioni
che sottostanno all'assunzione delle obbligazioni stesse.
Art. 83
Sospensione dal servizio e dalla retribuzione fino a sei mesi
1. La sospensione
inflitta:
dal servizio
e dalla
retribuzione fino
a sei
mesi è
1) per maggiore gravità dei fatti punibili con la sanzione della riduzione
della retribuzione;
2) per abuso di autorità o di fiducia;
3) per atti di insubordinazione;
4) per denigrazione dell'Amministrazione o dei dipendenti;
5)
per omessa
segnalazione
all'Amministrazione di
fatti illeciti
concernenti la Banca e di cui il dipendente venga a conoscenza in relazione
alle mansioni espletate;
6) per inosservanza di divieti o per violazione dei doveri che abbiano
arrecato danno alla Banca o ne abbiano compromesso gli interessi, anche non
patrimoniali.
2. Il periodo di sospensione è dedotto dal computo dell'anzianità ad ogni
effetto nonché, ai sensi dell'art. 114, dal computo dei giorni di servizio
presi in considerazione ai fini del calcolo dell'assegno individuale di
grado e dell'assegno individuale di servizio.
3. La sospensione dal servizio e dalla retribuzione inferiore o pari a tre
mesi comporta che la rideterminazione, ai sensi dell'art.114, dell'assegno
individuale di grado ed eventualmente dell'assegno individuale di servizio
viene ritardata di un anno solare con effetto dal 1° gennaio dell'anno
successivo a quello di irrogazione della sanzione.
4. La sospensione dal servizio e dalla retribuzione superiore ai tre mesi
comporta che la rideterminazione, ai sensi dell'art.114, dell'assegno
individuale di grado ed eventualmente dell'assegno individuale di servizio
viene ritardata di due anni solari con effetto dal 1° gennaio dell'anno
successivo a quello di irrogazione della sanzione.
5. Qualora tali sanzioni vengano irrogate nei confronti di dipendenti già
sospesi cautelarmente dal servizio e dalla retribuzione, i ritardi di cui
ai precedenti commi 3° e 4° decorrono dal 1° gennaio dell'anno successivo a
quello del provvedimento di sospensione cautelare.
6. I ritardi previsti nei tre commi precedenti non influiscono sulle
successive
rideterminazioni
dell'assegno
individuale
di
grado
e
dell'assegno individuale di servizio.
7. Il dipendente al quale è stata inflitta la suddetta sanzione non può
essere preso in esame per promozioni, passaggi di carriera, di categoria o
di ruolo se non siano trascorsi due anni dalla data dell'irrogazione della
sanzione.
Art. 84
Sospensione dal servizio e dalla retribuzione da sei mesi ad un anno
1. La sospensione dal servizio e dalla retribuzione da sei mesi ad un anno
è inflitta per maggiore gravità dei fatti punibili con la sospensione dal
servizio e dalla retribuzione fino a sei mesi, indicati ai punti da 1) a 6)
dell'art.83.
2. La sospensione dal servizio e dalla retribuzione da sei mesi ad un anno,
oltre alle conseguenze previste dal precedente art. 83 per la sospensione
dal servizio e dalla retribuzione per un periodo superiore a tre mesi, può
comportare l'assegnazione ad altra unità operativa, anche fuori residenza.
In caso di comprovata necessità e su richiesta del dipendente può essere
riconosciuto un contributo alle spese di trasporto delle masserizie. Il
dipendente che non raggiunga, entro il termine fissato, malgrado diffida,
la residenza assegnata dall'Amministrazione è dichiarato dimissionario
d'ufficio ai sensi dell'art.105, lett. b).
Art. 85
Assegno alimentare
1. Al dipendente sospeso dal servizio e dalla retribuzione è concesso un
assegno alimentare in misura non inferiore a un quarto e non superiore alla
metà del trattamento economico, esclusi i compensi e le indennità che
presuppongono l'effettiva prestazione del servizio o il disimpegno di
particolari funzioni o mansioni. Per il personale deceduto l'assegno
alimentare viene attribuito per l'intero mese in cui è avvenuto il decesso.
2. Le somme non corrisposte al dipendente colpito dalle sanzioni della
riduzione della retribuzione, della sospensione dal servizio e dalla
retribuzione, ovvero sospeso ai termini dell'art.97, sono devolute al fondo
di cui al Titolo IV del Regolamento per il Trattamento di Quiescenza,
dedotto l'importo del suddetto assegno alimentare.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione conferma
che, per la
determinazione della misura
dell'assegno alimentare - attesa la finalità essenzialmente assistenziale viene
valutata
la
complessiva
situazione
economico-finanziaria
dell'interessato, quale risulta alla Banca all'atto dell'assunzione del
provvedimento di sospensione, avendo anche presente la sussistenza di
eventuali carichi familiari.
Art. 86
Destituzione
La destituzione è inflitta:
1) per particolare gravità dei fatti punibili con la riduzione della
retribuzione o la sospensione dal servizio e dalla retribuzione;
2) per atti che rivelino mancanza dell'onore e del senso morale;
3) per violazione del segreto d'ufficio o dei segreti delle lavorazioni che
abbia portato grave pregiudizio alla Banca;
4) per gravi casi di distrazione o di arbitrario uso, a fini di lucro o di
vantaggio proprio o altrui, di somme, valori o cose di proprietà della
Banca o da questa detenuti o ad essa destinati, ovvero per connivente
tolleranza di tali abusi commessi da dipendenti;
5) per richiesta o accettazione di compensi o benefici in relazione a
lavori eseguiti o da eseguire o ad affari trattati per ragioni di ufficio,
o nei quali il dipendente abbia potuto intromettersi valendosi della
propria condizione, ovvero per procacciamento o promessa di indebiti
benefici a terzi in relazione ad affari della Banca;
6) per grave abuso di autorità o fiducia;
7) per gravi atti di insubordinazione accompagnati da violenza o commessi
pubblicamente ovvero per incitamento all'insubordinazione;
8) per condanna penale passata in giudicato e subita per reati commessi
anche
precedentemente
all'assunzione che
rendano
incompatibile la
permanenza del dipendente in servizio;
9) per mancata ottemperanza, entro
il termine di 15 giorni, alla
diffida dell'Amministrazione a far cessare la situazione di incompatibilità
di cui all'art. 18, lett. f).
Art. 87
Recidiva
Al dipendente che incorre in un'infrazione disciplinare dopo essere stato
punito, nel biennio precedente, per un'infrazione della stessa specie può
essere inflitta la sanzione immediatamente più grave di quella prevista per
l'infrazione stessa.
Art. 88
Applicazione di sanzione meno grave
1. Il Consiglio Superiore, eventualmente in considerazione di quanto
prospettato dalla Commissione di disciplina, può infliggere la sanzione
immediatamente meno grave di quella applicabile, ai sensi del presente
Titolo, per la mancanza di cui il dipendente sia stato riconosciuto
colpevole a seguito di procedimento disciplinare.
2. Ove la sanzione immediatamente meno grave sia costituita dalla riduzione
della retribuzione
ovvero dalla
sospensione dal
servizio e dalla
retribuzione, la sanzione medesima deve essere inflitta nella misura
massima prevista, rispettivamente, dagli artt. 82, 83 e 84.
Art. 89
Procedimento
dipendente
disciplinare -
Contestazione degli
addebiti e deduzioni del
1. Le mancanze che possono dar luogo a provvedimenti disciplinari debbono
essere contestate al dipendente.
2. La comunicazione delle contestazioni è effettuata mediante consegna
dell'originale delle stesse all'interessato, il quale ne rilascia ricevuta
sulla copia. L'eventuale rifiuto deve risultare da attestazione del Capo
del Servizio o della Filiale incaricato della consegna.
3. Qualora la consegna personale non sia possibile, la comunicazione si
ritiene validamente effettuata, senza ulteriori formalità, trascorsi dieci
giorni dall'invio di lettera raccomandata, con avviso di ricevimento,
indirizzata al recapito reso noto dall'interessato a norma dell'art. 17,
lett. b).
4. Il dipendente
può presentare deduzioni
scritte in merito alle
contestazioni entro il termine di venti giorni dalla comunicazione. Tale
termine può essere prorogato, su richiesta motivata del dipendente, per non
più di cinque giorni.
5. Nei confronti del dipendente deferito alla Commissione di disciplina è
sospesa la compilazione del rapporto valutativo annuale; il dipendente
medesimo è sospeso, fino alla definizione del procedimento disciplinare,
dall'esame ai fini dell'avanzamento di grado o di categoria, dai passaggi
di carriera o di ruolo e dalla rideterminazione dell'assegno individuale di
grado ed eventualmente dell'assegno individuale di servizio.
6. Nei confronti del dipendente sospeso ai sensi dell'art.94, 1° comma, la
contestazione degli addebiti deve intervenire tempestivamente e comunque
entro tre mesi dalla sospensione cautelare. Intervenute le contestazioni, e
sempreché
il procedimento
disciplinare non
sia sospeso
ai sensi
dell'art.90, 1° comma,
il dipendente sospeso
può chiedere che il
procedimento sia definito entro cinque mesi decorrenti dalla data di
notifica della richiesta. Il
provvedimento di diniego, motivato, è
comunicato al dipendente.
Art. 90
Definizione del procedimento disciplinare
1. Conclusa l'istruttoria, quando non sia stata iniziata nei confronti del
dipendente azione penale per i medesimi fatti oggetto di contestazione nel qual caso il procedimento disciplinare è sospeso fino all'esito di
quello penale - e ove si ritenga che i fatti concretino mancanze punibili
con la sanzione della censura, si addiviene all'adozione del relativo
provvedimento.
2. Ove invece si ritenga che i fatti concretino mancanze punibili con
sanzioni di maggiore gravità, l'Amministrazione convoca la Commissione di
disciplina, dandone notizia al dipendente almeno quindici giorni prima, al
fine di consentirgli di prendere visione e, qualora lo richieda, di trarre
copia degli atti del procedimento. Nella stessa circostanza il dipendente è
invitato a comunicare per iscritto - almeno 5 giorni prima della seduta se intenda esporre personalmente alla Commissione le proprie difese ovvero
designare - indicandone contestualmente il nominativo - un rappresentante
dell'associazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato dal quale
l'interessato voglia farsi assistere.
3. Almeno cinque giorni prima della seduta, l'interessato può comunque
produrre eventuali scritti o memorie difensive.
4. L'interessato ovvero il rappresentante dell'associazione sindacale da
cui lo stesso si fa assistere possono presentare al termine dell'audizione
di cui al 2° comma innanzi alla Commissione di disciplina un documento di
sintesi delle argomentazioni svolte nel corso dell'audizione medesima.
5. In caso di proscioglimento, viene data notizia del provvedimento al
dipendente interessato e trova applicazione l'art.95, 1° comma.
Art. 91
Estinzione del procedimento disciplinare
1.
Il procedimento disciplinare - ove non sia intervenuta sospensione a
seguito di azione penale - si estingue trascorso un anno dalla data della
comunicazione delle ultime contestazioni.
2.
L'estinzione
comporta la
revoca
della
sospensione cautelare
eventualmente disposta
e dell'esclusione dagli
avanzamenti e dalla
rideterminazione dell'assegno
individuale di
grado e/o dell'assegno
individuale di servizio.
3.
All'atto della cessazione del rapporto di impiego si estingue il
procedimento
disciplinare e
vengono meno
ai soli
fini della
determinazione
del trattamento
di quiescenza
- i
ritardi dovuti
all'irrogazione di sanzioni disciplinari.
Art. 92
Organi competenti ad infliggere le sanzioni disciplinari
1.
Le sanzioni disciplinari sono inflitte, su proposta del Governatore e
sentito il parere della Commissione di disciplina, dal Consiglio Superiore,
ad eccezione della censura e della multa che sono irrogate dal Direttore
Generale.
2. Il Consiglio Superiore è competente ad irrogare anche la sanzione della
censura nei casi in cui ritenga, a modifica del parere espresso dalla
Commissione di disciplina o ai sensi del precedente art. 88, di irrogare la
sanzione stessa.
3. I provvedimenti di sanzione sono comunicati, nel loro testo integrale e
con le modalità di cui al precedente art. 89, al dipendente; l'esito del
procedimento è altresì comunicato al rappresentante dell'Associazione
sindacale da cui lo stesso si sia fatto assistere.
Art. 93
Commissione di disciplina
1.
La Commissione di disciplina, nominata dal Governatore, è composta da
un Vice Direttore Generale, che la presiede, dal Capo del Servizio
Personale-Gestione Risorse e da tre membri appartenenti al personale di
grado superiore.
2.
Svolge mansioni di segretario un dipendente di grado superiore,
sostituito o coadiuvato, ove occorra, da un vice segretario.
3. La Commissione di disciplina ha competenza sul personale della Banca, a
prescindere dalla carriera di appartenenza. I membri della Commissione
devono avere in ogni caso posizione gerarchica superiore a quella del
dipendente sottoposto a procedimento disciplinare.
4.
In caso di assenza o impedimento, il Presidente è sostituito in ordine
di grado e di anzianità da uno dei membri effettivi, il Capo del Servizio
Personale-Gestione Risorse è sostituito da chi ne fa le veci, gli altri
membri effettivi sono sostituiti da membri supplenti.
5.
Alle riunioni della Commissione interviene l'Avvocato capo o chi ne fa
le veci, in qualità di consulente e senza diritto a voto.
6.
Non possono essere nominati membri della Commissione dipendenti che
siano o siano stati tra loro coniugi ovvero siano tra loro parenti o affini
di primo e secondo grado.
7. Non possono partecipare alle sedute della Commissione i componenti che:
a) si trovino, con il dipendente sottoposto a procedimento, nei rapporti di
cui al comma precedente;
b) siano creditori o debitori del dipendente sottoposto a procedimento
ovvero del coniuge o dei suoi figli;
c) siano essi o i loro congiunti di cui al comma precedente gli offesi
dall'infrazione disciplinare;
d) siano addetti al medesimo Servizio o Filiale di appartenenza del
dipendente sottoposto a procedimento disciplinare.
8.
L'essere sottoposto
a procedimento
disciplinare costituisce causa di
decadenza dalla carica di membro effettivo o supplente della Commissione.
9.
La Commissione è validamente costituita con la presenza di tutti i
componenti; essa delibera a maggioranza assoluta, col voto di tutti i
componenti, e secondo le modalità procedurali stabilite dal Presidente.
10.
Nei casi
in cui,
per due
volte consecutive,
si verifichi
l'impossibilità di valida costituzione della Commissione a termini del
comma precedente, per la sostituzione dei membri mancanti si procede al
rinnovo della Commissione stessa.
Art. 94
Sospensione cautelare dal servizio e dalla retribuzione
1. Il dipendente può, per gravi motivi, essere sospeso dal servizio e dalla
retribuzione durante il procedimento disciplinare o anche prima che esso
abbia avuto inizio.
2. La sospensione dal servizio e dalla retribuzione può essere parimenti
adottata a carico del dipendente sottoposto ad azione penale quando la
natura dell'imputazione sia particolarmente grave.
3. In tale caso la sospensione dura fino all'esito del procedimento penale,
rimanendo peraltro
in facoltà
dell'Amministrazione di
decidere la
riammissione in servizio del dipendente anche nel corso del procedimento
stesso sulla base della prima
o delle successive sentenze che lo
riguardano.
4. L'eventuale revoca del provvedimento di sospensione cautelare non
esclude la possibilità di iniziare il procedimento disciplinare e non
implica apprezzamento favorevole ai fini dell'esito del procedimento
stesso, né comporta gli effetti di cui ai successivi articoli 95, 1° comma,
e 98, 1° comma.
5. Il dipendente sottoposto ad arresto, fermo, custodia cautelare, arresti
domiciliari, alla misura cautelare della sospensione dall'esercizio di un
pubblico ufficio o servizio o ad altre misure cautelari previste dalla
legge, che rendano impossibile il normale svolgimento della prestazione, è
sospeso dal servizio e dalla retribuzione per tutta la durata delle
predette misure.
6. Al dipendente sospeso ai sensi del presente articolo è concesso
l'assegno alimentare previsto dall'art. 85. Il dipendente medesimo è
altresì sospeso dall'esame ai fini di qualsiasi promozione, passaggio di
carriera,
di categoria
o di
ruolo nonché
dalla rideterminazione
dell'assegno individuale di grado ed eventualmente dell'assegno individuale
di servizio.
Art. 95
Effetti del provvedimento penale di assoluzione sulla sospensione cautelare
1.
Quando nei confronti del dipendente sospeso cautelarmente dal servizio
e dalla retribuzione ai sensi dell'art.94, 2° e 5° comma, sia intervenuta
sentenza, passata in giudicato, di assoluzione, pronunciata in seguito a
dibattimento, perché il fatto non sussiste o perché il dipendente non lo ha
commesso, la sospensione è rimossa
e il dipendente ha diritto al
trattamento economico non percepito, esclusi i compensi e le indennità che
presuppongono l'effettiva prestazione del servizio o il disimpegno di
particolari funzioni o mansioni e dedotte le somme corrisposte a titolo di
assegno alimentare.
Il dipendente,
ai fini
della rideterminazione
dell'assegno individuale di grado e/o dell'assegno individuale di servizio,
ha inoltre titolo al riconoscimento dei giorni di servizio non considerati.
2.
In tutti gli altri casi di sentenze, passate in giudicato, di
assoluzione per motivi diversi da quelli di cui al 1° comma, di non doversi
procedere
o di non luogo a procedere ovvero in caso di decreto di
archiviazione, la sospensione può essere mantenuta. Detta sospensione è
peraltro rimossa - con gli effetti di cui al precedente comma - qualora
non venga iniziato a carico del dipendente procedimento disciplinare entro
tre mesi dalla data in cui il dipendente interessato abbia notificato alla
Banca, nel testo integrale, la sentenza o il decreto di archiviazione,
ovvero questi siano venuti a conoscenza della Banca stessa.
Art. 96
Computo del periodo di sospensione
procedimento disciplinare
cautelare in
relazione all'esito del
1. Se a conclusione del procedimento disciplinare è inflitta al dipendente
la sospensione dal servizio e dalla retribuzione, il periodo di sospensione
cautelare è computato nella sanzione.
2. Se la sospensione dal servizio e dalla retribuzione è inflitta per
durata inferiore alla sospensione cautelare già subita, o se è inflitta una
sanzione minore oppure se il procedimento disciplinare si conclude col
proscioglimento del dipendente, cessano gli effetti della sospensione ed il
dipendente ha diritto al trattamento economico - esclusi i compensi e le
indennità che presuppongono l'effettiva prestazione del servizio o il
disimpegno di particolari funzioni o mansioni e dedotte le somme erogate a
titolo di assegno alimentare - non corrisposto per il tempo eccedente la
durata
della sanzione
inflitta o
per effetto
della sospensione.
Analogamente si procede ai
fini della rideterminazione dell'assegno
individuale di grado e/o dell'assegno individuale di servizio, salvi i
ritardi previsti agli artt.82 e 83.
Art. 97
Sospensione dal servizio e dalla retribuzione a seguito di provvedimento
penale. Reintegrazione del dipendente prosciolto
1. La condanna penale a pena detentiva, passata in giudicato, ovvero la
misura di prevenzione applicata in via definitiva che renda impossibile il
normale svolgimento della prestazione comportano, qualora il dipendente non
cessi dal servizio a norma dell'art.106 la sospensione dal servizio e dalla
retribuzione per tutta la durata di attuazione del provvedimento adottato
dall'autorità giudiziaria. Al dipendente
si applica la disposizione
dell'ultimo comma dell'art.94.
2. In ogni caso resta salva la facoltà della Banca di sottoporre il
dipendente a procedimento disciplinare in relazione a quanto sia emerso in
sede penale.
3. Il periodo di sospensione a norma del presente articolo è dedotto dal
computo delle anzianità ad ogni effetto e quindi anche dal computo dei
giorni di servizio presi in considerazione, ai sensi dell'art.114, ai fini
del calcolo dell'assegno individuale di grado e dell'assegno individuale di
servizio.
4.Se, a seguito di giudizio penale di revisione, il dipendente già
condannato è assolto ai sensi dell'art. 637 cod. proc. pen., la sospensione
inflitta a norma del presente articolo o la destituzione disposta ai sensi
dell'art. 86, punto 8), ovvero la cessazione dal servizio ai sensi
dell'art. 106 è dichiarata nulla e si applicano le disposizioni dell'art.
95, 1° comma, e dell'art. 98, 1° e 2° comma.
Art. 98
Esaminabilità ai fini dell'avanzamento dei dipendenti sospesi cautelarmente
1. Il dipendente escluso dall'esame ai fini della promozione o del per
effetto di sospensione cautelare, qualora sia prosciolto dagli addebiti
dedotti
nel procedimento
disciplinare
o questo
si
concluda con
l'irrogazione della censura, è esaminato ai fini dell'avanzamento o del
passaggio di
categoria nella
successiva sessione
sia riconosciuto
maggiormente meritevole almeno dell'ultimo dei promossi o degli elementi
avanzati di categoria nella precedente sessione, consegue l'avanzamento
medesimo inserendosi nell'ordine di graduatoria al posto che avrebbe
occupato.
2. Se durante il periodo di sospensione cautelare abbiano avuto luogo più
sessioni di avanzamento il dipendente viene valutato per ciascuna di dette
sessioni al fine di stabilire la data di decorrenza dell'eventuale
promozione o passaggio di categoria.
3.
Le medesime
disposizioni
si applicano
al
dipendente sospeso
cautelarmente perché sottoposto ad azione penale nei casi previsti dal 1°
comma dell'art. 95 nonché nell'ipotesi in cui alla conclusione del
procedimento penale non segua la instaurazione di procedimento disciplinare
e sempreché non debba farsi luogo alla sospensione di cui all'art.97.
TITOLO XIII
CESSAZIONE DEL RAPPORTO D'IMPIEGO
Art. 99
Cause estintive del rapporto d'impiego
Il
rapporto d'impiego dei dipendenti della Banca, oltre che per le cause
indicate nei Titoli precedenti, si estingue per:
a)
b)
c)
d)
e)
f)
collocamento a riposo d'ufficio;
dimissioni volontarie;
inabilità riconosciuta a domanda;
dispensa dal servizio;
dimissioni d'ufficio;
interdizione perpetua dai pubblici uffici.
Art. 100
Collocamento a riposo d'ufficio
1.
Il dipendente che abbia compiuto 60 anni di età è collocato a riposo
d'ufficio.
2.
Per l'impiegato che al compimento del 60° anno di età non abbia
maturato 40 anni di servizio utile continuativo il collocamento a riposo
d'ufficio è differito fino al compimento di detti 40 anni, nel limite del
raggiungimento del 65° anno di età.
3. Il servizio utile continuativo è computato dalla data di costituzione
del rapporto
d'impiego disciplinato
dalla presente
normativa, con
detrazione dei periodi che - ai sensi della normativa stessa - non siano da
considerarsi utili ai fini dell'anzianità.
4. I provvedimenti concernenti il collocamento a riposo d'ufficio sono
adottati dal Consiglio Superiore.
5. I provvedimenti di collocamento a riposo hanno effetto dal primo giorno
del secondo mese successivo al raggiungimento del limite di età o di
servizio o comunque, e salvo contraria richiesta del dipendente, non oltre
la fine dei sei mesi successivi al raggiungimento di tale limite.
6.
In caso d'urgenza i provvedimenti di cui al presente articolo sono
adottati dal Governatore con riserva di successiva ratifica da parte del
Consiglio Superiore.
Art. 101
Dimissioni volontarie
1. Le dimissioni volontarie debbono essere rassegnate per iscritto al Capo
del Servizio o della Filiale ed il dipendente è tenuto a rimanere in
servizio sino a quando non gli sia comunicata l'accettazione delle
dimissioni stesse; ove a ciò non ottemperi egli è dichiarato dimissionario
d'ufficio. Sulla domanda di dimissioni l'Amministrazione provvede, di
norma, nei 30 giorni antecedenti la decorrenza della cessazione.
2. L'accettazione delle dimissioni è deliberata dal Consiglio Superiore su
proposta del Governatore; in caso di urgenza il provvedimento può essere
adottato dal Governatore, con riserva di successiva ratifica da parte del
Consiglio Superiore.
3. L'accettazione delle dimissioni può essere ritardata per motivi di
servizio o anche rifiutata in presenza di sospensione cautelare dal
servizio e dalla retribuzione, ovvero quando sia in corso procedimento
disciplinare.
Se alla
data di
presentazione delle
dimissioni il
procedimento disciplinare non ha avuto ancora inizio occorre, per il
rifiuto, che entro il termine di trenta giorni siano mosse le contestazioni
ai sensi dell'art. 89.
Art. 102
Cessazione a domanda per inabilità
1.
Il dipendente il quale per infermità, difetti fisici o altri motivi di
salute non sia più in grado di adempiere ai propri compiti può chiedere di
cessare dal servizio per inabilità.
2.
L'accertamento delle condizioni di salute è fatto nei modi previsti
dall'art.38 e la cessazione è disposta dal Consiglio Superiore, su proposta
del Governatore.
Art. 103
Dispensa dal servizio
1.
È dispensato dal servizio il dipendente che:
a) trascorso il termine massimo di cui al 3° comma dell'art.37 riguardante
l'aspettativa per motivi di salute,
non sia riconosciuto idoneo a
riprendere servizio sulla base degli accertamenti sanitari disposti ai
sensi dell'art. 38;
b) al termine del periodo massimo previsto dall'art. 79 relativo allo stato
di
disponibilità
non
possa
essere
nuovamente
utilizzato
dall'Amministrazione;
c) sia rimasto privo dei valori depositati e vincolati a titolo di
cauzione, a norma dello Statuto o della presente disciplina e non abbia
provveduto, nei termini di cui all'art. 21, 6° comma, alla integrazione od
alla ricostituzione del deposito medesimo;
d) abbia riportato
il giudizio di
insufficiente negli ultimi tre
riferimenti valutativi annuali.
2.
Nelle ipotesi di cui alle lettere b) e c) è dato al dipendente un
termine per presentare le proprie osservazioni scritte.
3. La dispensa dal servizio è disposta dal Consiglio Superiore su proposta
del Governatore.
Art. 104
Provvedimenti sostitutivi della dispensa dal servizio
1. Nei casi previsti ai punti b) e c) del precedente art. 103, il Consiglio
Superiore può disporre, in luogo della dispensa dal servizio, il passaggio
a grado o categoria non superiori a quelli ricoperti, anche in ruolo o
carriera diversi da quelli di appartenenza. In tal caso il dipendente è
inquadrato nel nuovo grado o categoria con l'anzianità maturata nella
posizione precedente anche ai fini della determinazione dell'assegno
individuale di grado e dell'assegno individuale di servizio.
2. Il dipendente nei cui confronti sia stato adottato il provvedimento
previsto al comma precedente può dichiarare per iscritto di rinunciarvi nel
termine di trenta giorni dalla comunicazione. La dichiarazione di rinuncia
è sottoposta al Consiglio Superiore che, a modifica del precedente
provvedimento e con la medesima decorrenza, pronuncia la dispensa del
dipendente dal servizio.
Art. 105
Dimissioni d'ufficio
1. E' dichiarato dimissionario d'ufficio il dipendente che:
a) perda il requisito della cittadinanza previsto per l'assunzione;
b) senza giustificati motivi non riassuma servizio entro il termine
stabilito malgrado diffida ovvero rimanga arbitrariamente assente dal
servizio per un periodo non inferiore a sette giorni;
c) abbia contravvenuto ai divieti posti dall'art. 59 dello Statuto e
dall'art. 18, lettera e) della presente disciplina e, benché invitato
dall'Amministrazione a far cessare la situazione di incompatibilità, non
abbia ottemperato a ciò entro il termine di 15 giorni;
d) abbia conseguito l'impiego mediante la produzione di documenti falsi o
viziati da invalidità non sanabile;
e) lasci il servizio prima che la domanda di collocamento a riposo o le
dimissioni siano state accettate nei termini dell'art. 101.
2. I provvedimenti di cui al presente articolo sono adottati dal Consiglio
Superiore su proposta del Governatore; in caso di urgenza, il provvedimento
può essere adottato dal Governatore, con riserva di successiva ratifica da
parte del Consiglio Superiore.
3. Nelle ipotesi previste ai punti b), c) ed e) e fino a quando non siano
stati assunti i provvedimenti di cui al precedente comma, resta ferma la
facoltà dell'Amministrazione
di instaurare
procedimento disciplinare
qualora nel comportamento del dipendente siano riscontrabili fatti o
circostanze che concretino mancanze punibili a norma del precedente Titolo
XII.
Art. 106
Interdizione perpetua dai pubblici uffici
Qualora il dipendente abbia riportato condanna, passata in giudicato, che
comporti l'interdizione perpetua dai pubblici uffici, la cessazione dal
servizio è dichiarata d'ufficio con effetto dalla data della sentenza,
ovvero, per il dipendente sospeso cautelarmente, dalla decorrenza del
provvedimento di sospensione.
Art. 107
Trattamento di quiescenza
Il "Regolamento per il Trattamento di Quiescenza del Personale della Banca
d'Italia" stabilisce il trattamento di quiescenza (pensione, indennità una
tantum, indennità di anzianità) in quanto spettante al personale ordinario
che lascia il servizio nei casi configurati dalla presente disciplina.
TITOLO XIV
PERSONALE A CONTRATTO
Art. 108
Personale a contratto
In relazione a particolari esigenze l'Amministrazione può avvalersi di
personale a contratto, con rapporto anche a tempo indeterminato, assunto
mediante idonee forme di selezione.
Art. 109
Disciplina del personale a contratto
Il trattamento economico del personale a contratto è determinato all'atto
della
costituzione dei
singoli
rapporti. Possono
altresì trovare
applicazione nei confronti dei dipendenti a contratto le disposizioni
previste dalla presente normativa per il personale ordinario, in quanto
espressamente richiamate nei singoli contratti.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che le Direzioni dei Servizi presso i quali sono
utilizzati dipendenti a contratto effettueranno annualmente con ciascuno di
essi un colloquio sul livello delle prestazioni svolte nel corso dell'anno.
L'Amministrazione,
nell'esercizio della
propria
autonomia, dichiara
l'intendimento di rivedere, con decorrenza 1.9.1996, la struttura del
trattamento economico del personale a contratto secondo i seguenti criteri:
- previsione di scatti biennali di stipendio, salvo demerito;
- previsione - a fronte della verificata crescita professionale acquisita
nel corso del rapporto
di lavoro con la
Banca - di un assegno
professionale, determinato in misura percentuale dello stipendio e degli
scatti biennali maturati, articolato su un massimo di 6 livelli. Nei
confronti dei dipendenti a contratto in servizio si procederà ad una prima
attribuzione
di detto
assegno
a titolo
di
riconoscimento della
professionalità già maturata;
- istituzione, nell'ambito dell'indennità integrativa in atto prevista, di
una nuova componente in cifra fissa.
L'Amministrazione dichiara infine che, una volta definita puntualmente tale
revisione, provvederà ad informare le Organizzazioni Sindacali firmatarie.
TITOLO XV
TRATTAMENTO ECONOMICO
Sezione I
Art. 110
Trattamento economico
1.
Il trattamento
economico del
personale delle
carriere operativa, dei
servizi
voci:
generali e
di sicurezza
ed operaia
è costituito
dalle seguenti
- stipendio (artt. 113 e 114 - Tabb. A.1, A.2, A.3);
- indennità di residenza (art. 116 - Tab. A.4);
- premio di presenza (art. 117);
- premio individuale di produttività (art. 122);
- assegno per il nucleo familiare (art. 118);
- assegno per l'esercizio delle mansioni di Capo officina o Capo reparto
(art. 121);
- assegno di sede in valuta (art. 127);
- indennità (art. 123 - art. 124 e Tab. A.5 - art. 125 e Tab. A.9 - art. 126
e Tab. A.6);
- speciali compensi (art. 131 - Tab. A.7);
- compenso di cui all'art. 120;
- premio di laurea (art. 132 -Tab. A.8);
- maggiorazioni di cui all'art. 130.
2. Ove non diversamente specificato gli emolumenti sopra indicati sono
stabiliti in misura annua e corrisposti posticipatamente.
3. Le voci del trattamento economico indicate al 1° comma, salvo quanto
diversamente previsto nelle successive disposizioni regolamentari, sono
corrisposte in misura proporzionale in caso di assenza o aspettativa non
retribuite o parzialmente retribuite ovvero in caso di provvedimento di
riduzione della retribuzione.
4. Il Regolamento per il Trattamento di Quiescenza stabilisce quali siano
gli emolumenti utili ai fini della determinazione del trattamento stesso.
Nota all’art. 110
A decorrere dal 1° gennaio 2003 l’indennità di rischio di cui all’art. 124 (e
relativa Tab. A.5) è abolita e l’alinea del presente articolo riguardante le
indennità è conseguentemente così riformulato:
- indennità (art. 123, relativa Norma transitoria e Tab.A.5 bis – art. 125 e
Tab. A.9 – art. 126 e Tab. A.6).
Art. 111
Modalità di erogazione delle competenze
1. Con decorrenza 1.1.99, a valere sulle competenze annue vengono
erogati al personale acconti mensili calcolati in ragione di 1/13 dello
stipendio e dell'eventuale assegno per l'esercizio delle mansioni di Capo
officina o di Capo reparto (nel mese di dicembre l'acconto è in misura
doppia) e di 1/12 dell'indennità di residenza, dell'assegno di sede in
valuta e delle indennità di cui all'art. 123.
2.
Concorrono, inoltre, alla formazione degli acconti in parola:
il premio di presenza, erogato nel mese di aprile;
il premio individuale di produttività, erogato nel mese di novembre;
l'assegno per il nucleo familiare, erogato per ciascuno dei dodici acconti
mensili;
il compenso di cui all'art. 120, le maggiorazioni di cui all'art. 130
e gli speciali compensi di cui all'art. 131, erogati normalmente nel mese
successivo a quello di riferimento.
3. Gli emolumenti collegati
determinati, salvo specifiche
alla posizione organico-retributiva sono
previsioni, sulla base della posizione in
essere alla fine del mese di riferimento.
4. Alla liquidazione degli emolumenti spettanti per l'anno si provvede
entro il mese di dicembre, procedendosi al conguaglio degli acconti
erogati.
5. In caso di cessazione dal servizio la liquidazione di quanto dovuto a
titolo di conguaglio fra gli acconti percepiti nell'anno e le spettanze
fino alla data di cessazione dal servizio viene di norma effettuata nel
bimestre successivo a quello della cessazione medesima; in tale sede viene
effettuata anche la liquidazione di quanto dovuto a titolo di indennità di
cui all'8° comma dell'art. 29, di assegno per mancata fruizione del congedo
di cui all'art. 32, nonché di premio di presenza e di premio di laurea
compresi i ratei relativi all'anno di cessazione; nella medesima occasione
il premio individuale di produttività è corrisposto in proporzione al
servizio prestato.
6. La corresponsione degli emolumenti è fatta previa deduzione delle
ritenute fiscali e contributive di legge.
Dichiarazione a verbale.
La decorrenza 1.1.99 deve intendersi riferita al premio di presenza
liquidare nell'anno 1999 con riferimento alle presenze dell'anno 1998.
da
Nota.
1.
Le modifiche apportate alle modalità di erogazione delle voci
economiche stipendio, assegno per l'esercizio delle mansioni di Capo
officina o Capo reparto e indennità di contingenza trovano applicazione,
con la medesima decorrenza dell'1.1.99, anche per la corresponsione del
trattamenti di pensione liquidati ai sensi della vigente disciplina del
trattamento di quiescenza del personale della Banca d'Italia.
2.
Sempre relativamente ai trattamenti di pensione, il premio di
presenza, a partire da quello che sarà corrisposto nell'anno 1999, è
anticipato al mese di aprile.
Art. 112
Trattamento economico giornaliero
Ferme restando le modalità di liquidazione delle competenze di cui all'art.
111, nei casi in cui ha rilievo la determinazione del trattamento economico
giornaliero, quest'ultimo viene quantificato nella misura di 1/360 degli
importi annui lordi relativi alle seguenti voci: stipendio, indennità di
residenza parte percentuale, assegno per l'esercizio delle mansioni di Capo
officina o di Capo reparto, indennità previste all'art. 123 e relativa norma
transitoria.
Art. 113
Stipendio
1. Con
decorrenza 1°
gennaio 1996
lo stipendio,
anche ai fini
dell'applicazione degli istituti nei quali si fa riferimento a detta voce,
è costituito dalle seguenti componenti:
- livello stipendiale annuo, fissato per ogni grado e categoria negli
importi indicati nella Tabella A. 1;
- assegno individuale di grado, computato, sulla base degli importi e
secondo quanto previsto nella Tabella A.2, in relazione al periodo di
servizio nel grado o categoria rivestiti;
- assegno individuale di servizio, computato, sulla base degli importi e
secondo quanto previsto nella Tabella A.3, in relazione all'intero periodo
di
servizio
intercorrente
tra la
data
di
decorrenza giuridica
dell'assunzione e il giorno antecedente alla data di decorrenza giuridica
del grado o categoria rivestiti.
2. Lo stipendio è altresì costituito dall'eventuale assegno ad personam di
cui all'art. 114, 5° comma.
Nota all'art. 113
Le Tabelle A. 1, A.2 e A.3 relative all'anno 1996 verranno adeguate con
decorrenza 1.1.1997 in misura pari al tasso di inflazione programmato per
detto anno.
Norma transitoria
L'applicazione nei confronti di ciascun dipendente delle Tabelle A. 1, A.2
e A.3 per l'anno 1996 e per il periodo 1.1.1997/30.9.1997 ha luogo nei
limiti e secondo i criteri stabiliti nell'Appendice n. 1 "Attuazione della
riforma stipendiale", che costituisce parte integrante della presente
disciplina.
Dichiarazioni a verbale
Le parti si danno atto che le Tabelle A.1, A.2 e A.3 relative all'anno 1996
- di riferimento per l'applicazione del Coefficiente Individuale di
Riduzione, calcolato per la realizzazione in due fasi della riforma
stipendiale - sono state determinate applicando alle "Tabelle di calcolo
per il 1995" un incremento dell'1% a titolo di recupero del differenziale
tra inflazione programmata e inflazione reale per il biennio 1994-1995 e,
sulla base così determinata, un incremento del 3,5% corrispondente al tasso
di inflazione programmato per il 1996.
Le Organizzazioni Sindacali firmatarie FABI, SIBC-CISAL e SNALBICONFSAL,
nel sottolineare l'autonoma specificità dell'accordo aziendale del 30 marzo
1994, che qui si richiama, esprimono riserve sull'incremento dell'1% delle
retribuzioni previsto, con decorrenza 1.1.1996, a titolo di recupero del
differenziale tra il tasso di inflazione reale ed il tasso di inflazione
programmato nel biennio 1994-1995; avuto peraltro presente l'accoglimento
delle richieste sindacali in tema di riconoscimento del tasso di inflazione
programmato, le Organizzazioni Sindacali si riservano di valutare la
congruità della misura dell'1%, che accettano in via provvisoria, alla luce
dell'evoluzione che si registrerà sulla materia negli altri comparti
contrattuali.
L'Amministrazione dichiara
la propria
disponibilità a riconsiderare
l'entità del recupero del differenziale inflazionistico per il biennio
1994-1995 alla luce dell'evoluzione che si registrerà sulla materia negli
altri comparti contrattuali.
La FABI, nel prendere atto che l'Amministrazione, pur riconfermando la
propria
disponibilità
a riconsiderare
l'entità
del
recupero del
differenziale inflazionistico per il biennio 1994-1995, non ha ritenuto che
l'evoluzione sin qui registrata
sulla materia negli altri comparti
contrattuali fosse ancora tale da consentire una definizione del recupero,
auspica che l'incontro negoziale per la definizione del suddetto recupero
sia previsto entro il primo semestre del 1996.
Il SIBC-CISAL, nel prendere atto che l'Amministrazione, pur riconfermando
la propria disponibilità a
riconsiderare l'entità del recupero del
differenziale inflazionistico per il biennio 1994-1995, non ha ritenuto che
l'evoluzione sin qui registrata
sulla materia negli altri comparti
contrattuali fosse ancora tale da consentire una definizione del recupero,
auspica che l'incontro negoziale per la definizione del suddetto recupero
sia previsto entro il primo semestre del 1996.
Lo
SNALBI-CONFSAL,
nel prendere
atto
che
l'Amministrazione, pur
riconfermando la propria disponibilità
a riconsiderare l'entità del
recupero del differenziale inflazionistico per il biennio 1994-1995, non ha
ritenuto che l'evoluzione sin qui registrata sulla materia negli altri
comparti contrattuali fosse ancora tale da consentire una definizione del
recupero, auspica che l'incontro negoziale per la definizione del suddetto
recupero sia previsto entro il primo semestre del 1996.
Art. 114
Stipendio - Norme di inquadramento
1. All'atto dell'assunzione, al dipendente è riconosciuto il livello
stipendiale del grado o categoria di nomina.
2. Al 1° gennaio dell'anno successivo a quello della decorrenza giuridica
dell'assunzione
viene riconosciuto
l'assegno individuale
di grado,
calcolato moltiplicando 1/365 degli importi annui della Tabella A.2 per il
numero dei giorni di servizio intercorrenti tra la data di decorrenza
giuridica del grado o categoria e il 31 dicembre dell'anno di assunzione.
3. Il 1° gennaio di ogni anno l'assegno individuale di grado viene
rideterminato, con riferimento all'intero periodo di permanenza nel grado o
categoria, sulla base della Tabella A.2 in relazione al numero di giorni di
servizio intercorrenti tra la data di decorrenza giuridica del grado o
categoria e il 31 dicembre dell'anno precedente.
4. All'atto della promozione al dipendente viene riconosciuto, con la
stessa decorrenza giuridica della promozione ed in luogo dello stipendio
precedentemente goduto:
a) il livello stipendiale previsto per il nuovo grado o categoria;
b) l'assegno individuale di servizio, determinato moltiplicando 1/365
dell'importo di cui alla Tabella A.3 previsto per il nuovo grado o
categoria per il numero di giorni di servizio intercorrenti tra la data di
decorrenza giuridica dell'assunzione e il 31 dicembre dell'anno precedente
alla data di decorrenza giuridica della promozione al nuovo grado o
categoria.
5. Qualora al termine delle operazioni di inquadramento per promozione
l'importo dello stipendio nel nuovo grado o categoria determinato ai sensi
del 4° comma risulti inferiore a quello precedentemente percepito, viene
attribuito, con la stessa decorrenza giuridica del nuovo grado o categoria,
un assegno ad personam pari alla differenza tra i due importi.
6. Tale assegno ad personam è soggetto ad adeguamenti nella stessa misura
del livello stipendiale ed è riassorbibile all'atto dei successivi passaggi
di grado o categoria.
7. Il 1° gennaio dell'anno successivo a quello della decorrenza giuridica
della promozione viene riconosciuto
l'assegno individuale di grado,
determinato moltiplicando 1/365 dell'importo di cui alla Tabella A.2
relativo al nuovo grado o categoria per il numero di giorni di servizio
intercorrenti tra la data di decorrenza giuridica della promozione e il 31
dicembre dell'anno della promozione stessa. Qualora la decorrenza della
promozione sia
diversa dal
1° gennaio,
si procede
inoltre alla
rideterminazione dell'assegno individuale di servizio considerando anche il
periodo intercorrente tra il 1° gennaio dell'anno di promozione e il giorno
antecedente alla data di decorrenza giuridica della promozione stessa.
8. I dipendenti che, a seguito di concorso esterno, siano nominati a grado,
anche di altro ruolo, o categoria già rivestiti, conservano il precedente
inquadramento operato nei termini di cui al presente articolo.
9. I giorni di servizio (365 o 366 se l'anno è bisestile) presi in
considerazione ai fini del calcolo dell'assegno individuale di grado e
dell'assegno individuale di servizio - ivi inclusi il primo e l'ultimo
giorno del periodo di riferimento - non comprendono i giorni di calendario
di interruzione del servizio per i seguenti motivi:
- aspettativa per motivi particolari (art. 45);
- sospensione dal servizio e dalla retribuzione (artt. 83, 84 e 97):
- sospensione cautelare dal servizio e dalla retribuzione (art. 94), salvo
gli effetti dell'eventuale revoca (art. 95);
- assenza ingiustificata;
- aspettativa ai sensi della legge 162/1990:
- aspettativa ai sensi dell'art. 31 della legge 300/1970.
10. In caso di attribuzione del giudizio di insufficiente ai sensi
dell'art. 50, il numero dei giorni di servizio è ridotto di un anno a far
tempo dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello in cui ha termine il
relativo anno valutativo, in misura pari al numero dei giorni dell'anno
solare (365 o 366 se bisestile) in cui ha termine l'anno valutativo
medesimo.
11. Ai fini dell'attribuzione annuale dell'assegno individuale di grado e/o
dell'assegno individuale di servizio si tiene conto dei ritardi conseguenti
all'adozione di provvedimenti disciplinari ai sensi degli artt. 82, 83, 84
e 89.
12. Il numero dei giorni di servizio è aumentato in relazione alle
anzianità convenzionali riconosciute ai
sensi delle leggi 565/1955,
336/1970, art. 1, e 958/1986, secondo i criteri di cui all'art. 161.
13. Qualora, in base alle norme di cui al presente articolo, risulti al 1°
gennaio un numero di giorni di servizio inferiore a quello già riconosciuto
al
1° gennaio
dell'anno precedente
ai fini
della determinazione
dell'assegno individuale di servizio e/o dell'assegno individuale di grado,
la differenza negativa in termini di giorni viene presa in considerazione
al 1° gennaio dell'anno o degli anni successivi ovvero in data anteriore in
occasione di eventuali operazioni di rideterminazione di dette componenti.
14. All'atto della cessazione dal servizio - ai soli fini del trattamento
di quiescenza - l'assegno individuale di grado e l'assegno individuale di
servizio vengono ricalcolati considerando anche i giorni di servizio
intercorrenti tra il 1° gennaio dell'anno di cessazione e la data di
cessazione medesima. L'attribuzione dei benefici di cui all'art. 2 della
legge 336/1970 viene effettuata - sempre ai soli fini del trattamento di
quiescenza - secondo i criteri di cui all'art. 161, 10° comma.
Art. 115
Indennità di contingenza
Soppresso
Art. 116
Indennità di residenza
1. L'indennità di residenza si compone, a far tempo dall'1.1.1996, di:
a) parte percentuale, calcolata sullo stipendio annuo lordo nella misura
indicata nella Tabella A.4. L'acconto mensile di tale componente è
determinato con riferimento alla posizione organico-retributiva rivestita
dal dipendente alla fine del mese di liquidazione delle competenze;
b) "parte fissa - conviventi", spettante in base al numero di figli
conviventi
di età
non superiore
ai 21
anni o
assolutamente e
permanentemente inabili, secondo misure diversificate in relazione al
numero di abitanti del Comune della residenza di lavoro del dipendente.
Tale parte fissa è maggiorata nell'ipotesi in cui il dipendente abbia il
coniuge convivente e a carico.Il passaggio dall'una all'altra misura della
parte fissa dell'indennità di residenza, così come la maggiorazione per il
coniuge convivente e a carico, decorrono dal mese successivo a quello in
cui si verificano mutamenti nei relativi presupposti di fatto.
In caso di
considerati
coniugi entrambi dipendenti di Banca i figli conviventi sono
con riferimento soltanto a uno dei due dipendenti, sulla base
di specifica indicazione dei dipendenti medesimi.
Gli importi della "parte fissa - conviventi", compresi quelli delle
maggiorazioni per il coniuge convivente e a carico, sono indicati nella
Tabella A.4.
Norma transitoria
Ai dipendenti che, alla data del 30.6.2002, percepivano l'indennità di
contingenza o l'indennità di residenza - componente fissa in misura diversa da
quella relativa al grado di appartenenza, a decorrere dall'1.7.2002 viene
attribuito un assegno ad personam (ovvero si incrementa quello eventualmente già
corrisposto) che costituisce parte integrante dello stipendio il cui importo
annuo lordo è determinato in modo tale che la somma delle nuove voci "stipendio"
ed "indennitá di residenza - parte percentuale" rimanga uguale alla somma delle
voci "stipendio", "indennità di contingenza", "indennità di residenza componente fissa" ed "indennità di residenza - parte percentuale" dagli stessi
effettivamente percepite alla medesima data del 30.6.2002.
Art. 117
Premio di presenza
1. Nell'aprile di ogni anno - in relazione alle presenze in servizio fatte
registrare nel corso dell'anno precedente - viene corrisposto al personale un
premio di presenza secondo le seguenti misure percentuali calcolate sugli
importi annui lordi dello stipendio e dell'eventuale assegno per l'esercizio
delle mansioni di Capo officina o di Capo reparto riferibili alla posizione
organico-retributiva del mese di pagamento:
-
0,028% per ogni giorno lavorativo da 1 a 226;
0,045% per ogni giorno lavorativo da 227 a 241;
0,100% per ogni giorno lavorativo da 242 in poi.
2. Ai fini della liquidazione del premio di presenza, a far tempo da quella
del giugno 1996, non si tiene conto delle assenze per: congedo ordinario;
permessi per motivi sindacali; collocamento a disposizione; donazione di
sangue; donazione di midollo osseo; infortunio o malattia riconosciuti
dipendenti da causa di servizio; astensione obbligatoria per le lavoratrici
madri prevista dall'art. 4 della legge 1204/1971; congedo straordinario per
festività soppresse e per riduzione dell'orario di lavoro ai sensi
dell'art. 32; adempimenti amministrativi ai sensi dell'art. 41; riposi
compensativi; svolgimento di funzioni presso gli uffici elettorali in
occasione di referendum popolari di cui alla legge 352/1970, elezioni
politiche o amministrative o per il Parlamento Europeo; espletamento delle
funzioni di giudice popolare; attività di volontariato effettuata nel
rispetto delle condizioni e dei limiti previsti dalla legge 162/1992 e dal
D.P.R. 613/1994; partecipazione, da parte dei componenti del Consiglio di
Amministrazione della C.S.R., del Consiglio Direttivo del C.A.S.C. e dei
collegi sindacali dei due enti, alle sedute dei rispettivi organismi;
assenze, nei 'imiti previsti, della Presidenza della C.S.R. e del C.A.S.C.
per l'espletamento del proprio mandato; permessi, ai sensi dell'art. 33, 3°
comma, della legge 104/1992, fruiti dai dipendenti portatori di handicap di
cui all'art. 33, 6° comma, della legge stessa; svolgimento delle funzioni
di rappresentante per la sicurezza di cui al decreto legislativo 626/1994.
3. Il premio non spetta
ai dipendenti che nell'ultimo riferimento
valutativo annuale abbiano riportato il giudizio di insufficiente ovvero
che, durante l'anno precedente a quello di erogazione, siano incorsi in
sanzioni disciplinari più gravi della riduzione della retribuzione.
4. Ove sia irrogata la riduzione della retribuzione la quota del premio di
presenza relativa al periodo per il quale è stata irrogata la riduzione
stessa viene ridotta di una percentuale pari a quella prevista dalla
sanzione.
Nota all'art. 117
La nuova disciplina del premio di presenza trova applicazione a partire dal
premio da corrispondere nel mese di aprile 2003 con riferimento alle presenze
fatte registrare nell'anno 2002.
Tale disciplina trova applicazione anche in favore dei dipendenti in servizio
alla data dell'1.7.2002 e successivamente cessati in corso d'anno.
Art. 118
Assegno per il nucleo familiare
Ai dipendenti viene corrisposto l'assegno per il nucleo familiare alle
condizioni e nelle misure mensili previste dalle norme di legge e dalle
disposizioni applicative in materia.
Art. 119
Riconoscimenti a carico
1. A fini diversi da quelli relativi alla corresponsione dell'assegno per
il nucleo familiare di cui all'art. 118, i congiunti appresso indicati,
trovandosi nelle condizioni di seguito specificate, vengono riconosciuti a
carico del dipendente:
a) coniuge;
b) figli;
c) genitori, fratelli e sorelle, figli di età superiore ai 25 anni.
2. Il riconoscimento viene effettuato su richiesta del dipendente corredata
della documentazione atta a comprovare la sussistenza delle condizioni
prescritte e
sempreché sul
dipendente medesimo
gravi l'onere del
mantenimento dei congiunti di cui chiede il riconoscimento a carico.
3. L'Amministrazione ha facoltà di disporre accertamenti clinici in ordine
alla sussistenza delle condizioni che consentono il riconoscimento a carico
e di richiedere la presentazione dei documenti che a tal fine ritenga
necessari.
I - Coniuge
4. E' necessario che il coniuge non fruisca di reddito di lavoro o, quanto
5,16 lordi mensili. Per reddito di
meno, che questo non sia superiore a
lavoro si intendono i proventi di una attività lavorativa esercitata in
proprio (libera professione, attività commerciale, industriale o agricola)
o alle dipendenze di terzi.
5. A tal fine non vanno considerati:
- i redditi derivanti da pensioni;
- "l'indennità" che ai sensi dell'art. 15 della legge 1204/1971 viene
versata
alle lavoratrici
madri durante
il periodo
di astensione
obbligatoria o facoltativa dal lavoro per gravidanza o puerperio;
- le somme percepite a titolo di borsa di studio, o provvidenze analoghe;
- le prestazioni di disoccupazione e le indennità di mobilità corrisposte
ai sensi di legge;
- i compensi percepiti in qualità di apprendisti.
6. Può essere riconosciuto a
carico, alle medesime condizioni, il
convivente more uxorio, il quale abbia instaurato con il dipendente o il
pensionato un vincolo stabile ed esclusivo, con o senza prole, tale da
realizzare una situazione familiare di fatto e, comunque, a condizione che:
- sia costituita con il dipendente o pensionato una famiglia anagrafica ai
sensi dell'art. 4 del D.P.R. 223/1989 perdurante da almeno 3 anni al
momento della presentazione dell'istanza di riconoscimento a carico;
- lo stato di convivenza more uxorio sia espressamente dichiarato dal
dipendente o pensionato;
- sia
esclusa l'esistenza
di obblighi
di mantenimento
a carico
dell'eventuale coniuge o ex coniuge del convivente more uxorio, ovvero di
analoghi obblighi a carico del dipendente o pensionato nei confronti
dell'eventuale proprio coniuge o ex coniuge.
7. Non viene riconosciuto a carico il coniuge legalmente separato;
peraltro, qualora dal provvedimento giudiziale o dall'atto consensuale di
separazione omologato dal Tribunale risulti che il dipendente è obbligato
alla corresponsione di un assegno alimentare per il coniuge stesso,
quest'ultimo, sempreché ne ricorrano le condizioni, è riconosciuto a
carico.
8. Non può essere riconosciuto a carico il coniuge nel caso di annullamento
o di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio.
II - Figli
9. Possono essere riconosciuti a carico del dipendente i figli legittimi,
legittimati, adottivi, gli
affidati e i
figli naturali legalmente
riconosciuti.
10. Possono essere riconosciuti a carico i figli del solo coniuge del
dipendente interessato in contemporanea presenza delle seguenti condizioni:
- si tratti di figli di persona rimasta vedova da precedente matrimonio o
comunque, in caso di annullamento o scioglimento o cessazione degli effetti
civili di quest'ultimo, affidataria dei figli medesimi;
- l'altro genitore, ove esistente, non sia tenuto legalmente in tutto o in
parte al mantenimento dei figli stessi.
11. Non possono essere riconosciuti a carico i figli che risultino:
5,16 lordi mensili,
- provvisti di redditi di lavoro superiori a
secondo i criteri stabiliti riguardo al riconoscimento a carico del
coniuge;
- coniugati (anche se separati legalmente) o vedovi ovvero divorziati o il
cui matrimonio sia stato annullato, anche se conviventi e di fatto
mantenuti dai genitori;
- in servizio militare;
- ospitati gratuitamente presso Istituti di Istruzione o di Educazione,
anche quando il beneficio consista soltanto nell'abbuono della retta per il
vitto e l'alloggio ed i genitori debbano provvedere al vestiario; la
sussistenza del carico viene invece riconosciuta nel caso particolare di
ricovero a retta semigratuita, gravando sui familiari del convittore almeno
la metà della retta stessa.
12. I figli - salvo i casi previsti dal successivo punto III - cessano
comunque dall'essere considerati a carico con il compimento del 25° anno di
età; quest'ultimo
limite non
si applica
nell'ipotesi di studenti
universitari in regola con il corso legale di studi, i quali restano a
carico fino al compimento di detto corso ma comunque non oltre il 26° anno
di età.
III - Genitori, fratelli, sorelle e figli di età superiore ai 25 anni
13.
Sono riconosciuti a carico i genitori, i fratelli e le sorelle (purché
non coniugati, vedovi o divorziati) e
quando:
i figli di età superiore a 25 anni,
- risultino assolutamente e permanentemente inabili al lavoro (per i
fratelli e le sorelle fino a 21 anni tale condizione non è richiesta)
ovvero abbiano compiuto il 65° anno di età;
- siano sprovvisti di reddito e, nel caso di richiesta di riconoscimento di
fratelli o sorelle, ne siano sprovvisti anche i genitori;
- al loro mantenimento provveda esclusivamente o prevalentemente il
dipendente.
14. A tal fine sono prese in considerazione tutte le forme di reddito - con
esclusione delle pensioni di guerra dirette o indirette e degli altri
trattamenti ad esse dalla legge equiparati nonché della maggiorazione della
pensione I.N.P.S. liquidata al genitore, pensionato della Banca indiretto o
di reversibilità, per il figlio inabile - il cui importo, al netto di una
franchigia pari al trattamento mensile minimo di pensione I.N.P.S., sia
5,68 lordi mensili.
superiore alle
15. Per il riconoscimento a carico di entrambi i genitori o di uno solo di
essi, è necessario che il coacervo dei redditi di entrambi non sia
superiore all'importo di
10,85 lordi mensili, al netto di una franchigia
pari, per ciascun genitore, al trattamento mensile minimo di pensione
I.N.P.S.. Per il riconoscimento a carico dell'unico genitore superstite si
applica il limite reddituale generale di cui al precedente comma.
16. Per il riconoscimento a carico di fratelli e sorelle, è anche
necessario che i genitori siano inabili al lavoro o ultrasessantacinquenni
e non abbiano redditi che - al netto della suddetta franchigia - superino
le
5,16 lordi mensili per ciascuno dei fratelli e sorelle di cui si
chiede il riconoscimento a carico.
17. I genitori adottivi o naturali possono essere riconosciuti a carico a
condizione che il riconoscimento non sia già contemporaneamente operante
nei confronti dei genitori legittimi.
IV -
Limiti ed effetti del riconoscimento
18. In ogni caso, un medesimo congiunto non può essere riconosciuto a
carico contemporaneamente di più di un dipendente e/o pensionato della
Banca. Parimenti non può essere riconosciuto a carico un congiunto che sia
già riconosciuto a carico da parte di soggetto diverso dal dipendente o
pensionato della Banca.
19. Il riconoscimento a carico ha effetto, per coniuge e figli, dal primo
giorno del mese in cui se ne verificano tutte le condizioni e, per gli
altri congiunti e per conviventi more uxorio, dal primo giorno del mese in
cui viene avanzata la richiesta. Gli effetti stessi cessano il primo giorno
del mese successivo a quello in cui viene meno anche solo una delle
condizioni che hanno consentito il riconoscimento.
20. Le norme sopra enunciate, limitatamente alla parte di esse riguardante
il coniuge e i figli, valgono anche per il personale in pensione, sempreché
non svolga attività lavorativa subordinata.
21. Nel caso di coniugi entrambi titolari di pensione a carico della Banca,
il riconoscimento può intervenire a favore di uno soltanto di essi.
Art. 120
Compenso per lavoro straordinario
1. Per le prestazioni fornite in giorno lavorativo oltre il normale orario
di lavoro il personale ha titolo ad un compenso ragguagliato ad ora, che è
calcolato sulla base delle seguenti voci annue lorde: stipendio, indennità di
residenza parte percentuale e assegno per l'esercizio delle mansioni di Capo
officina o di Capo reparto. L'importo totale così
maggiorato del 25% e diviso per 1928.
2. Il compenso in parola viene maggiorato:
determinato
viene
a) del 4% per le prestazioni fornite nelle giornate feriali non lavorative;
b) del 50% per le prestazioni fornite durante le ore notturne (dalle 22.00
alle 6.00);
c) del 60% per le prestazioni fornite nelle giornate di festività
infrasettimanale di cui all'art. 28 nonché per le prestazioni eccedenti la
durata del normale orario giornaliero di lavoro fornite nella giornata di
riposo settimanale di cui all'ultimo comma dell'art.27.
3. Al personale che nei giorni semifestivi sia chiamato a prestare la
propria opera oltre l'orario previsto dall'art. 28, 2° comma spetta il
compenso per lavoro straordinario nella misura prevista per le prestazioni
rese nelle giornate di festività infrasettimanale.
4. I dipendenti ai quali siano affidate mansioni di custode hanno titolo al
compenso per lavoro straordinario per le prestazioni lavorative attive rese
in eccedenza al normale orario di lavoro.
Art. 121
Assegno per l'esercizio delle mansioni di Capo officina o Capo reparto
1. Ai dipendente cui sia affidato, ai sensi dell'art. 10, l'esercizio delle
mansioni di Capo officina o di Capo reparto è corrisposto con effetto
dall'1.1.1996 un assegno pari al 75% della differenza tra lo stipendio
percepito nel grado o categoria di appartenenza e quello che il dipendente
percepirebbe
se avesse
acquisito,
con la
stessa
decorrenza del
provvedimento di temporanea assegnazione delle predette mansioni, il grado
superiore.
2. Ai fini dell'erogazione dell'assegno per l'esercizio delle mansioni di
Capo reparto, il grado superiore di riferimento è sempre quello di Capo
reparto.
Art. 122
Premio individuale di produttività
1. A tutto il personale che nel corso dell'anno non abbia riportato il
giudizio di insufficiente e non sia incorso in sanzioni disciplinari più
gravi della riduzione della retribuzione viene corrisposto un premio
individuale di produttività nella misura del 50% di 1/15 dello stipendio
annuo lordo.
2.
Il
premio
viene
erogato
con
riferimento
alla
posizione
organico-retributiva del mese di novembre di ciascun anno; nei confronti
dei dipendenti assunti o cessati dal servizio nel corso dell'anno di
erogazione il premio viene corrisposto in misura proporzionale al servizio
prestato.
Art. 123
Indennità
1. Per l'espletamento di particolari mansioni o in relazione a particolari
situazioni di lavoro sono previste le seguenti indennità:
a) indennità di bilinguismo (Art. 125 – Tab. A.9);
b) indennità di autista (Art. 126 - Tab. A.6).
2.
Le anzidette
indennità -
fermo restando
quanto disposto
al 3° comma
dell'art. 110 - non competono durante i periodi di aspettativa retribuita.
3. In caso di promozione con effetto retroattivo ad un grado per il quale
non è prevista l'indennità in precedenza percepita, gli importi erogati a
tale titolo nel periodo interessato dalla retroattività della nomina
vengono mantenuti.
Norma transitoria
A)Indennità di esperto dell’E.A.D.
1.
L'Amministrazione
dopo
una
riunione
della
Commissione
tecnico-consultiva per l'E.A.D. prevista dalla previgente disciplina procederà ad un'ultima sessione in materia di indennità E.A.D. e di
compenso per attività di complemento, di inserimento e/o di ausilio
nell'E.A.D. (prima attribuzione dell'indennità o del compenso, passaggio
tra livelli di indennità o di compenso, passaggio da compenso a indennità)
con riferimento alla data del 31.12.1995 sulla base dei criteri stabiliti
dalla normativa vigente alla predetta data.
2. A far tempo dall' 1.1.1996 è abolita l'indennità di esperto dell'E.A.D..
3. Ai percettori dell'indennità E.A.D. alla data del 31.12.1995 continua ad
essere corrisposta, secondo i criteri di cui al 2° comma dell'art. 123, a
titolo di assegno ad personam, una somma mensile, in relazione al livello
di indennità goduto a detta data, pari a:
304,20 lordi
- per il I livello
- per il II livello
253,59 lordi
- per il III livello
189,54 lorde.
4. Gli importi percepiti a titolo di indennità E.A.D. o di compenso per
attività di complemento, di inserimento e/o di ausilio nell'E.A.D. nel
periodo tra l'1.1.1996 e la data di entrata in vigore della presente
disciplina transitoria sono compensati con quanto spettante ai sensi del
precedente 3° comma.
5. Una volta effettuata la sessione di cui al 1° comma, verrà meno la
Commissione tecnico-consultiva per l'E.A.D..
B) Indennità di rischio
1. L'indennità di rischio continua ad essere corrisposta agli appartenenti al
ruolo di cassa alla data del 31 dicembre 2002 fino a quando essi sono adibiti ad
attività di cassa ovvero utilizzati in attività di riscontro.
2. La corresponsione dell'indennità avviene secondo i criteri e le modalità
previsti dalla disciplina vigente alla data del 31 dicembre 2002. La misura
dell'indennità è quella fissata nella Tabella A.5 bis.
3. Qualora il dipendente, percettore dell'indennità di rischio, venga assegnato
ad attività diverse da quelle di cassa e di riscontro, l'importo percepito viene
mantenuto a titolo di assegno “ad personam”, non riassorbibile e non
suscettibile di variazioni e/o adeguamenti per effetto della dinamica
retributiva ovvero di avanzamenti di grado. Nei confronti di tale assegno
continuano a valere le regole di corresponsione e di riduzione previste per
l'indennità in questione dagli artt. 110 e 123.
4. Il dipendente titolare dell'assegno "ad personam” acquisisce nuovamente
titolo a percepire l'indennità di rischio, in luogo dell'assegno stesso, qualora
venga riassegnato per un periodo continuativo pari o superiore ad un mese ad
attività di cassa o a compiti di riscontro.
5. L'indennità di rischio ovvero il relativo assegno "ad personam" non sono in
alcun caso cumulabili con il compenso per attività di cassa.
Nota
Qualora l'adibizione ai sensi del 4° comma abbia durata inferiore ad un mese
continuativo il dipendente ha titolo a una somma una tantum commisurata, per
ciascun giorno di adibizione ad attività di cassa o di riscontro, alla
differenza tra 1/360 dell'indennità di rischio a quel momento in vigore e 1/360
dell'assegno "ad personam" percepito.
Art. 124
Indennità di rischio
Soppresso
Art. 125
Indennità di bilinguismo
1. L'indennità di bilinguismo di cui alla legge 454/1980 viene attribuita nelle
misure periodicamente fissate
nella Tabella A.9 - al
personale in
servizio presso
la Filiale di Bolzano che sia in possesso di attestato
comprovante il superamento dell'esame per l'accertamento della conoscenza delle
lingue italiana e tedesca. La misura spettante a ciascun dipendente è
determinata in funzione del livello dell’attestato conseguito. Tuttaviam qualora
tale attestato sia di livello superiore a quello corrispondente al titolo di
studio richiesto per l'accesso dall’esterno al grado ricoperto dal singolo
interessato – secondo le corrispondenze riportate nella medesima Tabella A.9 –
l’indennità è corrisposta nella misura prevista per l’attestato relativo a tale
titolo di studio.
2. La corresponsione dell'indennità viene effettuata con decorrenza dalla
data di superamento dell'esame ovvero dalla data della presa di servizio
dell'interessato presso la Filiale di Bolzano se successiva.
3. Soppresso.
4. Soppresso.
5. La predetta indennità è altresì riconosciuta, secondo gli stessi criteri
e modalità sopra indicati, in quanto compatibili, anche ai dipendenti in
servizio presso la Filiale di Aosta, con riferimento al grado di conoscenza
della lingua francese, opportunamente accertato dall'Amministrazione.
Art. 126
Indennità di autista
1. L'indennità è riconosciuta ai dipendenti della carriera dei servizi
generali e di sicurezza cui sono attribuite in via continuativa mansioni di
autista. L'indennità stessa può essere riconosciuta ai dipendenti della
carriera operaia, che siano tenuti alla conduzione di automezzi per
l'effettuazione di interventi
specifici rientranti nell'ambito delle
mansioni di propria pertinenza.
2. Tale indennità è corrisposta in misura maggiorata agli elementi della
carriera dei servizi generali e di sicurezza con mansioni di autista, che
siano adibiti alla conduzione di motoscafi presso la Sede di Venezia.
3. In ipotesi di sopravvenuta impossibilità allo svolgimento delle mansioni
di autista a seguito di infortunio o malattia riconosciuti dipendenti da
causa di servizio da cui sia derivata una invalidità permanente di grado
inferiore all'11%, al dipendente è riconosciuta una somma una tantum pari a
9/12 dell'indennità percepita.
4. Le misure della predetta indennità sono indicate in Tabella A.6.
Art. 127
Assegno di sede in valuta
Ai dipendenti assegnati alle Delegazioni della Banca, ovvero distaccati
presso il Ministero degli Affari Esteri nelle Rappresentanze diplomatiche
viene riconosciuto un assegno di sede in valuta, secondo i criteri
stabiliti dall'Amministrazione e nella misura fissata annualmente dalla
stessa.
Art. 127 bis - Erogazione straordinaria 'una tantum'.
1.
In relazione all'effettiva attribuzione di un "dono ricordo" in
occasione del "Trentennale di lavoro", al personale interessato viene
riconosciuta anche un'erogazione straordinaria 'una tantum' in denaro, non
pensionabile,
nelle
misure e secondo i tempi
stabiliti
dalla
Amministrazione.
Speciale emolumento per il personale della carriera dei servizi generali e
di sicurezza con mansioni di custode.
1.
In relazione all'obbligo previsto dall'art. 8, comma 5, ai dipendenti
della carriera dei servizi generali e di sicurezza cui sono affidate
mansioni di custode e che abitano nell'alloggio di servizio è riconosciuto
uno speciale emolumento non rivalutabile e non pensionabile, da liquidare
in 12 ratei mensili.
2.
L'importo dello speciale emolumento è quello risultante dalla Tabella
allegata.
3.
L'emolumento è riconosciuto soltanto per il periodo di effettiva
occupazione dell'alloggio di servizio.
Nota.
La liquidazione degli arretrati relativi allo speciale emolumento
effettuata entro il mese di ottobre 1998.
verrà
Art. 128
Assegno al personale in aspettativa per assunzione di impieghi all'estero
1. Al dipendente collocato in aspettativa per assunzione di un impiego
all'estero presso enti od organismi internazionali può essere riconosciuto
dal Consiglio Superiore, in casi particolari, uno speciale assegno a titolo
di concorso alle spese di sistemazione all'estero, nella misura stabilita
di volta in volta dal Consiglio stesso.
2. Al dipendente che al termine di tale aspettativa documenti di avere
fruito presso l'ente od
organismo internazionale di un trattamento
economico complessivamente inferiore a quello che gli sarebbe spettato se
avesse continuato a prestare servizio presso la Banca in Italia viene
corrisposto un contributo integrativo di volta in volta fissato dal
Consiglio Superiore tenuto anche conto
della differenza tra i due
trattamenti.
3. Per la determinazione del trattamento economico che sarebbe spettato
all'interessato se avesse continuato a prestare servizio presso la Banca in
Italia vengono prese in considerazione le voci retributive elencate
all'art. 110 ove spettanti e fatta eccezione per gli speciali compensi di
cui all'art. 131.
Art. 129
Assegno per mancata fruizione del congedo straordinario di cui all'art. 32
1. Per ogni giornata di congedo straordinario retribuito di cui all'art. 32
comunque non fruita nel corso dell'anno, il dipendente ha titolo - sulla
base della
posizione organico-retributiva rivestita
al 31 dicembre
dell'anno di riferimento e delle tabelle economiche vigenti a detta data ad un assegno giornaliero calcolato secondo i criteri di cui all'art. 112.
Per le eventuali frazioni di giornata sono riconosciute quote del predetto
assegno in misura proporzionale.
2. L'assegno è corrisposto nel mese di aprile dell'anno successivo a quello
di riferimento.
Art. 130
Maggiorazioni
settimanale
per prestazioni
nell'arco notturno
e nel
giorno di riposo
1. Ai dipendenti che, ai sensi dell'art. 23, 3° comma, siano chiamati a
prestare la loro ordinaria attività lavorativa in ore comprese nell'arco
notturno (dalle 22.00 alle 6.00)
è riconosciuta, per ogni ora di
prestazione, una maggiorazione pari al 6% dello stipendio annuo lordo
diviso 360. Per le eventuali frazioni di ora detto compenso è corrisposto
in misura proporzionale.
2. Ai dipendenti che siano eccezionalmente chiamati a prestare la loro
attività lavorativa nel corso della giornata destinata al proprio riposo
settimanale ai sensi dell'art. 27 è riconosciuta, per ogni ora di
prestazione, una maggiorazione pari allo stipendio annuo lordo diviso 1928
e moltiplicato per 1,44. Per le eventuali frazioni di ora detto compenso è
corrisposto in misura proporzionale.
Art. 131
Speciali compensi
1. Per l'espletamento di specifici compiti o in relazione a particolari
situazioni di lavoro sono riconosciuti - per ogni giornata di effettiva
presenza in servizio, salvo quanto diversamente previsto - i seguenti
speciali compensi, le cui misure sono specificate nella Tabella A.7.
a)
Compenso per la sostituzione del Titolare dell'ufficio.
Spetta ai dipendenti della carriera operativa con il grado di Assistente
superiore, di Assistente e gradi rispettivamente corrispondenti, cui siano
stati formalmente assegnati dalle Direzioni dei Servizi e delle Filiali
compiti
di
provvisoria
sostituzione
dei
Titolari
degli
uffici
temporaneamente impediti o assenti.
Tale compenso è cumulabile con il compenso per lavoro straordinario di cui
all'art.120.
b)
Compenso per mansioni di custode.
Spetta al personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza che
svolge mansioni di custode.
Ai fini dell'erogazione del compenso, la giornata di effettiva presenza in
servizio comprende sia la prestazione lavorativa diurna sia la personale
continuativa disponibilità nell'alloggio di
servizio durante le ore
notturne.
Il compenso spetta altresì, in
misure maggiorate, per le giornate
domenicali e per quelle festive infrasettimanali durante le quali il
custode è tenuto all'obbligo di pronta disponibilità e/o reperibilità ai
sensi dell'art. 23, 2° comma.
c)
Compenso per la sostituzione notturna del custode.
Spetta
ai dipendenti
della carriera
dei servizi
generali e di sicurezza
incaricati a turno, in sostituzione del custode,
della Filiale nelle ore notturne.
d)
di permanere nei locali
Compenso per gli addetti al Servizio Segreteria Particolare.
Spetta ai dipendenti addetti al Servizio Segreteria Particolare.
e)
Compenso per prestazioni in caveau o in sacristia.
Spetta al personale addetto alle cassette di sicurezza, agli archivi o ad
uffici o luoghi di lavoro che abbiano sede normale in locali posti al di
sotto del piano stradale, in caso di permanenza nei locali anzidetti per
almeno 3 ore lavorative. Tale compenso spetta nelle misure maggiorate in
caso di permanenza, rispettivamente, per almeno 3 ore o per oltre 6 ore,
nelle sacristie della Banca, ubicate sia al di sopra che al di sotto del
piano stradale.
f) Compenso per bozzettisti ed incisori addetti al Servizio Fabbricazione
Carte Valori. Spetta ai Coadiutori principali tecnici ed ai Coadiutori
tecnici addetti al Servizio Fabbricazione Carte Valori aventi mansioni di
bozzettista o incisore,
in relazione all'attività
di creazione ed
elaborazione di bozzetti originali per la realizzazione di biglietti di
banca e all'attività di incisione a mano degli elementi figurativi dei
biglietti stessi.
Il compenso spetta nella misura ridotta ai Coadiutori principali tecnici ed
ai Coadiutori tecnici addetti alla conduzione della guilloche meccanica.
g) Compenso per gli addetti ai comprensori del Servizio Fabbricazione Carte
Valori.
Spetta al personale addetto ai comprensori del Servizio Fabbricazione Carte
Valori che permanga all'interno del perimetro dei predetti comprensori per
almeno 5 ore continuative, includenti l'intervallo pomeridiano durante il
quale il personale non può abbandonare i comprensori medesimi, fatte salve
le uscite autorizzate dalla Direzione per esigenze di servizio.
h) Compenso per maggiore produzione presso il Servizio Fabbricazione Carte
Valori.
Spetta per ciascuna giornata di effettiva prestazione del servizio per
almeno 6 ore continuative - fatte salve le interruzioni per l'intervallo
pomeridiano o per motivi di servizio - ai dipendenti adibiti alle
sottoindicate unità o attività del Servizio Fabbricazione Carte Valori raggruppate in relazione alla fascia di compenso attribuita - nei confronti
dei quali, ai sensi di quanto previsto nella Nota all'art. 24, venga
disposto il regime continuativo di lavoro. Tale compenso non è cumulabile
con i compensi di cui alle successive lettere m) e n) del presente
articolo.
Servizio Fabbricazione Carte Valori
I fascia
- Divisione Stamperia (Taglio e Allestimento, Reparti di Stampa, Contazione,
Inchiostri e Rulli);
- Divisione Impianti (Depurazione Acque);
II fascia
- Divisione Stamperia (Verifica, Squadra di Manovra);
- Divisione Manutenzione (Manutenzione Officine Carte Valori,Officina
Meccanica, Attrezzeria, Carpenteria, Falegnameria, Servizi Generali);
- Divisione Impianti (Distruzione Banconote Logore, Manutenzione Mezzi di
Sollevamento e
Trasporto, Manutenzione Impianti
e Servizi, Servizi
Ausiliari, Centrale Elettrica);
- Ufficio Cassa Officina (impiegati e operai);
- Personale Addetto all’attività di controlle e di vigilanza;
- Divisione Progettazione e Controllo Tecnico (Preparazione Originali,
Preparazione Lastre, Preparazione Montaggi e Ritocchi);
III fascia
- Divisione Stamperia (Area Assistenza Tecnica);
- Divisione Manutenzione (Area Assistenza Tecnica);
- Divisione Impianti (Area Assistenza Tecnica);
e
- Divisione Progettazione e Controllo Tecnico (Controllo Tecnico, Studi
Strumentazioni);
- Divisione Segreteria e Affari Generali (Affari Generali, Segreteria);
- Divisione Approvvigionamenti e Gestione Scorte (Magazzino e Gestione
Scorte);
- Ufficio Servizi alla Produzione e Igiene Ambientale.
Servizio Cassa Generale
II fascia
- Divisione Cassa Speciale (Verifica biglietti ricevuti da F.C.V., Verifica
Annullati Brandt e operai);
- Personale addetto all’attività di controllo e vigilanza;
III fascia
- Divisione Cassa Speciale (Verifica Manuale Annullati).
I Capi officina e i Capi reparto preposti a reparti operanti in regime di
continuità delle lavorazioni hanno comunque titolo alla misura prevista per
la I fascia.
Norma transitoria
Al personale di cassa del Servizio Fabbricazione Carte Valori-Cassa
Speciale utilizzato nel 1995 nella conduzione delle macchine cut-pack e
che, a partire dal 1° gennaio 1997, non verrà più adibito a tale compito
sarà riconosciuta, in via del tutto eccezionale, una somma una tantum
individuale non pensionabile pari a L. 526.000 lorde. Tale somma sarà
corrisposta nel 1997 in due rate semestrali anticipate.
i) Compenso per l'addetto al sottosistema periferico.
Spetta al dipendente addetto al sottosistema periferico che apre il
collegamento con
l'elaboratore centrale
all'inizio delle operazioni
giornaliere e il cui nominativo figura sui "fogli di fondo" in possesso di
ciascuno Stabilimento. Qualora più elementi abbiano operato al sottosistema
periferico nel corso della giornata, il compenso spetta al dipendente che
vi abbia operato per più tempo ovvero, in caso di adibizione per un
medesimo tempo, al dipendente che abbia firmato il "foglio di fondo".
Al dipendente che, nella stessa giornata, operi a più sottosistemi
periferici il compenso spetta una sola volta.
Tale compenso spetta altresì al dipendente dell'unità di gestione presso
i Servizi dell'Amministrazione Centrale (2 dipendenti per il Servizio
Segretariato) che sia stato addetto in via prevalente a tali funzioni
nel corso della giornata.
l) Compenso per gli addetti alla Stanza di Compensazione.
Spetta al personale addetto in via permanente o distaccato presso Divisioni
o settori
"Stanza di compensazione"
- o aree
costituite per le
"liquidazioni titoli" - per ogni giornata di effettiva partecipazione ai
lavori della "Stanza".
m) Compenso per sfalsamento dell'orario di lavoro.
Spetta al personale che anticipi o posticipi l'inizio e il termine
dell'orario di lavoro giornaliero ai sensi dell'art. 24, 10° comma.
n) Compenso per turno.
Spetta, per ciascun turno
interamente ed effettivamente svolto, al
personale che, ai sensi dell'art. 23, 3° comma, presti la propria attività
lavorativa sulla base di turni articolati su 5 giorni lavorativi dal lunedì
al venerdì ovvero articolati su 24 ore per 7 giorni alla settimana con
spostamento del giorno di riposo settimanale e della giornata feriale non
lavorativa. Ai fini dell'attribuzione di tale compenso, il turno si intende
interamente ed effettivamente svolto anche in caso di fruizione di
permesso, purché di durata non superiore ad un'ora e non collocato in testa
o in coda al turno stesso.
o) Compenso per reperibilità.
Spetta, per ciascun turno, al personale per il quale sia stato stabilito,
ai sensi dell'art. 26, un obbligo di pronta reperibilità.
p) Compenso per il turno notturno
S.E.S.I. ("sala macchine").
per la
gestione degli elaboratori del
Spetta, per ciascun turno
interamente ed effettivamente svolto, al
personale che - nell'ambito delle particolari categorie orarie previste
dall'art. 23, 3° comma - svolga il turno notturno per la gestione degli
elaboratori del S.E.S.I..
Tale compenso si cumula con il compenso di cui alla precedente lett. n) e
con la maggiorazione di cui all'art. 130, 1° comma.
q) Compenso per gli addetti al cantiere di Vermicino.
Spetta ai dipendenti del CO.N.I.F. che prestano la loro opera presso il
cantiere di Vermicino, nonché ai dipendenti di altri Servizi che siano
stabilmente assegnati al cantiere e lavorino in uffici provvisori ubicati
nel cantiere medesimo.
Il predetto compenso
è attribuito fino al
trasferimento degli uffici provvisoriamente ubicati nel cantiere nelle
nuove costruzioni dell'insediamento di Vermicino.
r)
Compenso per i centralinisti telefonici ciechi.
Spetta, ai sensi dell'art. 4 della legge 397/1971, a tutti i centralinisti
ciechi occupati in forza delle leggi sul loro collocamento obbligatorio e
viene erogato
mensilmente nelle
misure giornaliere
previste dalla
disciplina legislativa in materia.
Detto compenso non spetta durante i giorni di assenza dal servizio per
qualsiasi causa, esclusi - sempreché coincidenti con giornate lavorative quelli per: congedo ordinario, congedo per infortunio in servizio ovvero
per infortunio o malattia professionale dipendente da causa di servizio,
aspettativa per infortunio o malattia professionale dipendente da causa di
servizio, cure necessarie agli invalidi di guerra a seguito delle ferite o
infermità contratte in guerra, permessi per motivi sindacali, donazione di
sangue. Il compenso spetta altresì nei casi di frequenza di corsi
professionali tenuti dalla Banca e di convocazione per esigenze di servizio
da parte della Banca.
Il ripetuto compenso è corrisposto nella misura ridotta del 50% qualora la
prestazione di servizio sia inferiore alla metà dell'orario di lavoro
giornaliero.
s) Compenso per attività di cassa
A decorrere dal 1° gennaio 2003, spetta per ogni giornata di effettiva presenza
in servizio ai dipendenti adibiti a compiti di cassa, con conseguente maneggio
dei valori, ovvero che abbiano responsabilità nella gestione e custodia degli
stessi.
2. Gli importi erogati a titolo di speciale compenso ai sensi del 1° comma
del presente articolo fino all'attuazione del provvedimento di promozione
restano attribuiti in caso di promozione con effetto retroattivo ad un
grado per il quale non è previsto lo speciale compenso in precedenza
percepito.
Norma transitoria
A decorrere dall'1.7.2002 e in presenza di strutture distinte di riscontro e di
cassa, ai dipendenti con il grado di Coadiutore principale o di Coadiutore, e
corrispondenti gradi del ruolo di cassa, che siano chiamati, sulla base di
formale provvedimento della Direzione, a sostituire il Titolare assente della
Divisione, è corrisposto un compenso giornaliero, da attribuire per ogni
giornata di effettiva sostituzione del Titolare stesso.
Importo giornaliero lordo
Decorrenza 1.1.2004
Coadiutore principale, Coadiutore
13,64568
Dichiarazione a verbale
L’Amministrazione dichiara che l’attribuzione dei compiti di momentanea
sostituzione del titolare della divisione da parte del personale con il grado
di coadiutore principale o di coadiutore sarà limitata a periodi non superiori a
due mesi non continuativi nell’arco del semestre.
Art. 132
Premio di laurea
1. A tutti i dipendenti in possesso di uno dei diplomi di laurea previsti
dal Regolamento del Personale entrato in vigore il 1°.3.1983 ai fini
dell'assunzione nel grado di Coadiutore e gradi corrispondenti viene
corrisposto, nel marzo di ogni anno, con riferimento all'anno precedente,
uno speciale premio nella misura indicata nella Tabella A.8.
2. Ai dipendenti che siano assunti sulla base della presente normativa e
per i quali sia richiesto dal bando di concorso ai fini dell'assunzione un
diploma di laurea diverso da quelli previsti dal Regolamento del Personale
entrato in vigore il 1°.3.1983 il premio è corrisposto nella stessa misura.
3. Il premio è corrisposto in misura proporzionale al servizio prestato nei
confronti del personale assunto o cessato dal servizio nel corso dell'anno
cui il premio si riferisce.
4. Il premio è altresì corrisposto in misura proporzionale al personale che
consegua il diploma di laurea nel corso dell'anno di riferimento.
Art. 133
Trattenute in occasione di astensioni dal lavoro
Le voci del trattamento economico sulle quali si operano le previste
trattenute per astensioni dal lavoro sono quelle indicate all'art. 112.
Art. 134
Personale di nuova assunzione
1. Il trattamento economico del personale assunto nel corso dell'anno
decorre dal giorno di effettivo inizio delle prestazioni.
2. La corresponsione a detto personale dell'acconto relativo al mese di
inizio delle prestazioni viene effettuata nello stesso mese o in quello
successivo.
Art. 135
Personale cessato
Il personale che cessa dal servizio ha titolo alle competenze fino all'ultimo
giorno di servizio prestato. Per il personale deceduto ovvero cessato per
inabilità con titolo a pensione integrativa vengono attribuite, per l'intero
mese in cui è avvenuta la cessazione dal servizio, le seguenti voci del
trattamento
economico:
stipendio,
indennità
di
residenza,
assegno
per
l'esercizio delle mansioni di Capo officina o di Capo reparto, assegno per il
nucleo familiare, premio individuale di produttività, indennità di rischio,
premio di laurea, assegno di sede in valuta.
Art. 136
Compensi e rimborsi corrisposti da terzi
I compensi
soggetti ai
incarico o
alla Banca
particolari
e rimborsi di spesa corrisposti dallo Stato o da altri enti o
dipendenti della Banca per prestazioni rese in tale qualità, su
su autorizzazione dell'Amministrazione, devono essere riversati
stessa o incarnerati direttamente da questa, salvo fattispecie
valutate dal Consiglio Superiore.
Sezione II
Trattamento spettante al personale inviato in missione
Art. 137
Trattamento di missione
1. Al personale inviato in missione in località distanti non meno di 25
chilometri e al di fuori della propria residenza di servizio, intendendosi
per tale il Comune sede di lavoro, competono, nella misura e secondo i
criteri di
cui ai
successivi articoli
e alle
Tabelle riportate
nell'Allegato B alla presente sezione:
a) con riferimento all'attività lavorativa fuori sede:
- la diaria per i giorni di espletamento dell'incarico (art. 138 - Tabelle
B.1 e B.2);
- il rimborso delle spese di alloggio (art. 141 - Tabella B.6);
- il rimborso delle spese postali, telegrafiche e telefoniche sostenute per
ragioni di servizio;
b) con riferimento ai viaggi di trasferimento:
- il contributo di viaggio (art. 139 - Tabelle B.3 e B.4);
- il rimborso delle spese di viaggio (art. 140 - Tabella B.5);
- il rimborso delle spese di alloggio sostenute in concomitanza
viaggi (art. 141 - Tabella B.6).
con i
2. La limitazione di 25 chilometri di cui al precedente comma non trova
applicazione in ipotesi di missioni disposte per accertamenti ispettivi di
vigilanza o valutari espletati fuori dalla propria residenza di servizio.
3. Quando non diversamente specificato, le disposizioni che seguono si
applicano sia alle missioni compiute in territorio nazionale sia, in quanto
compatibili, alle missioni all'estero.
4. Per le missioni nell'ambito di 50 chilometri non è consentito il
pernottamento, salvo che lo stesso non venga specificamente autorizzato.
5. Per le missioni in località distanti da 51 a 100 chilometri, il
dipendente può optare tra il rientro giornaliero in residenza e il
pernottamento nel luogo di missione.
In caso di pernottamento, la
permanenza nel luogo di missione nei giorni di fine settimana o in
occasione di giornate festive è subordinata ad un'autorizzazione dell'unità
di appartenenza rilasciata
- all'inizio della
missione su domanda
dell'interessato - in relazione al ricorrere di particolari condizioni,
quali difficoltà di collegamento, che rendano disagevole il rientro in
residenza; il dipendente autorizzato a permanere nel luogo di missione può
rientrare in residenza in caso di oggettive circostanze sopravvenute di
particolare
gravità, dandone
tempestiva comunicazione
all'unità di
appartenenza. Nel caso in cui oggettive circostanze sopravvenute di
particolare gravità non consentano - nei giorni di fine settimana o in
occasione di giornate festive - il rientro in residenza del dipendente non
autorizzato in precedenza a permanere nel luogo di missione in dette
giornate, l'interessato può essere autorizzato dall'unità di appartenenza a
pemanere nel luogo di missione.
6. Il personale inviato in missione per assolvere incarichi ispettivi o di
rappresentanza, ovvero per svolgere, su chiamata dell'Autorità Giudiziaria,
perizie o altri adempimenti di giustizia, ha titolo al trattamento di
missione previsto per il grado di Funzionario di 1a, sempreché svolga la
missione con elemento avente almeno detto grado.
7. A valere su quanto spettante ai sensi della presente Sezione è
autorizzata la corresponsione di acconti nella misura indicata nella
Tabella B.8.
Art. 138
Diarie
1. La diaria - i cui importi giornalieri lordi sono riportati nella Tabella
B.1 (missioni in territorio nazionale) e nella Tabella B.2 (missioni
all'estero) - compete, per ciascuno dei giorni impegnati in attività
lavorativa fuori dalla residenza di servizio:
a)
nella misura
pernottamento;
intera
per ogni
giorno
di permanenza
fuori
sede con
b) nella misura di 2/3:
- per ogni giorno di permanenza fuori sede senza pernottamento quando
l'assenza dalla residenza di servizio sia superiore alle 5 ore;
- per missioni con fruizione da parte del dipendente del vitto ovvero
dell'alloggio;
c)
nella misura di 1/3:
- per missioni che comportino un'assenza dalla residenza di servizio non
superiore alle 5 ore;
- per missioni con titolo da parte del dipendente sia al vitto che
all'alloggio, ivi comprese le missioni svolte per l'accompagnamento di
gruppi di dipendenti in viaggi di istruzione, di addestramento e simili,
organizzati dalla Banca.
2. La diaria, nelle misure sopra indicate, compete anche per i giorni
festivi e non lavorativi compresi in un unico periodo di missione qualora
la missione stessa comporti il pernottamento ai sensi dell'art. 137 ed il
dipendente
in tali
giornate
permanga nella
sede
di svolgimento
dell'incarico.
3. Per i dipendenti incaricati di ispezioni di Banca, di vigilanza, di
controllo valutano, per gli elementi chiamati dall'Autorità Giudiziaria per
perizie ovvero per altri adempimenti di giustizia connessi con tali
materie, nonché per il personale del ruolo tecnico inviato in missione per
l'effettuazione di compiti di supervisione e controllo di cantieri e
relative contabilità, ciascuna diaria è maggiorata dell'importo indicato
nella Tabella B.1.
4. Gli importi giornalieri lordi della diaria in territorio nazionale,
incluso quello relativo alla maggiorazione di cui al precedente 3° comma,
vengono rivalutati, con decorrenza 1° gennaio di ciascun anno, applicando
l'incremento (rispetto ai dodici mesi precedenti) dell'indice medio ISTAT
dei prezzi degli alberghi e pubblici esercizi registrato in Italia nei
dodici mesi (da ottobre a settembre) antecedenti l'anno di adeguamento.
5. Gli importi giornalieri lordi della diaria all'estero vengono rivalutati,
con decorrenza 1° gennaio di ciascun anno, in relazione all'andamento dei costi
alberghieri (registrato da ottobre a settembre rispetto ai dodici mesi
precedenti) o, in mancanza dell'indice, del costo della vita nei Paesi di
riferimento.
Dichiarazione a verbale
Con riferimento alla previsione di cui al 2° comma del presente articolo,
l'Amministrazione dichiara che, nei casi di non rientro nella residenza di
servizio durante le festività infrasettimanali, la dichiarazione da parte
dell'interessato di permanenza nella sede di missione sarà sostituita con
una "dichiarazione di non interruzione della missione".
Art. 139
Contributo di viaggio
1. In relazione ai viaggi di andata e ritorno per missioni svolte in
territorio nazionale in località distanti dalla residenza di servizio oltre
50 chilometri, compete, salvo quanto appresso indicato, un unico contributo
di viaggio la cui misura-base è indicata nella Tabella B.3. Per le missioni
all'estero il contributo di viaggio compete nella misura prevista per il
Paese o la città di destinazione, secondo le misure-base indicate nella
Tabella B.4.
2. Il contributo compete in misura doppia quando la località di missione è
distante oltre 300 chilometri e l'incarico è espletato in più di una
giornata lavorativa.
3. Il contributo compete m misura tripla quando l'incarico è espletato in
paesi extraeuropei ed il collegamento aereo è previsto dagli orari
ufficiali in un tempo superiore alle 3 ore di volo effettivo.
4. Nelle missioni in località distanti da 51 a 100 chilometri il contributo
non compete:
- se l'incarico comporta l'impegno di una sola giornata lavorativa;
- quando, indipendentemente dalla durata della missione, viene esercitata
l'opzione per il rientro giornaliero ai sensi dell'art. 137, 5° comma.
5. Nel caso di missioni itineranti (missioni nel corso delle quali vengono
toccate più località) il contributo di viaggio viene determinato con
riferimento alla località di missione più distante dalla residenza di
servizio.
6. Gli importi giornalieri lordi del contributo di viaggio in territorio
nazionale e del contributo di viaggio all'estero vengono annualmente
rivalutati secondo i criteri indicati, rispettivamente, ai commi 4° e 5°
dell'art. 138.
Art. 140
Rimborso delle spese di viaggio
1. Sono ammesse a rimborso, su presentazione della relativa documentazione
e nei termini di seguito indicati, le spese sostenute per i viaggi:
a) per iniziare o terminare l'incarico fuori residenza;
b)
verso località diverse da quella di missione, resisi necessari
nell'espletamento dell'incarico stesso;
c)
per e dal luogo ove è svolto l'incarico, nel caso di missioni
continuative senza pernottamento;
d) per i rientri settimanali;
e) per le interruzioni di missione per motivi di servizio.
2. Nelle ipotesi di cui ai punti a), d) ed e), al dipendente che non
richieda, o al quale non sia attribuibile, ai sensi del successivo comma,
il rimborso delle spese di viaggio compete una somma pari al 25% della
misura-base del contributo di viaggio. L'importo è ridotto al 15% nel caso
di rimborsi di parte delle spese di viaggio.
3. I viaggi in parola devono compiersi di norma per la via più breve;
itinerari diversi sono, in particolare, ammessi ove comportino un minor
tempo di percorrenza o consentano una migliore correlazione tra gli orari
di partenza e/o di arrivo e quelli di lavoro.
4. Viaggi per ferrovia, via mare o con altri mezzi pubblici di linea. Sono
ammessi a rimborso:
- ogni spesa di viaggio documentata;
- il costo del supplemento per carrozza-letto o cuccetta, purché il
percorso da compiersi di notte sia non inferiore ai 450 Km. di linea o
comunque comporti un viaggio di durata non inferiore alle 5 ore.
5.Viaggi con voli aerei di linea. Sono ammessi a rimborso:
- il costo del biglietto, secondo i seguenti criteri
a) classe turistica nella generalità dei casi;
b)
classe affari o, su specifica autorizzazione, 1a classe al personale
viaggiante in accompagnamento a dipendenti che abbiano titolo al relativo
rimborso;
- le spese documentate per prenotazione dei posti, tasse aeroportuali
d'imbarco, diritti di agenzia e simili.
5.1. Per i viaggi con mezzi aerei di linea i dipendenti sono assicurati
dalla Banca contro gli infortuni.
6. Il trattamento di cui ai precedenti 4° e 5° comma, con esclusione dei
viaggi via mare, è riconosciuto anche per il rientro in Italia del
personale in servizio all'estero, nelle ipotesi di cui all'art. 147, 2° e
3° comma. Per i viaggi in aereo effettuati nell'ipotesi di cui all'art.
147, 2° comma, spetta in ogni caso il rimborso del biglietto di classe
turistica.
7. Viaggi con il mezzo proprio. I
proprio nei seguenti casi:
dipendenti possono avvalersi del mezzo
- incarichi in ambito circoscrizionale;
- partecipazione ad attività
di addestramento rientranti nei piani
regionali;
- assolvimento di funzioni ispettive o di rappresentanza;
- svolgimento di perizie giudiziarie o di altri adempimenti di giustizia;
- sopralluoghi su immobili svolti
da dipendenti del ruolo tecnico
appartenenti ai settori edile ed impiantistico;
- missioni itineranti (nel corso delle quali vengono toccate più località).
7.1. L'uso del mezzo proprio può inoltre essere consentito, a richiesta e
su autorizzazione dell'Amministrazione, in altri casi particolari.
7.2. I dipendenti addetti alle Filiali situate in Sicilia e in Sardegna
possono utilizzare il
mezzo proprio senza
necessità di preventiva
autorizzazione per il collegamento con gli aeroporti che servono la
residenza di servizio.
7.3. I dipendenti abilitati o che richiedano l'autorizzazione all'utilizzo
del mezzo proprio devono rilasciare una preventiva dichiarazione che
solleva l'Arnministrazione da qualsiasi responsabilità circa l'uso del
mezzo stesso.
7.4. In caso di utilizzo del mezzo proprio vengono riconosciuti:
- l'indennità per chilometro, spettante nella misura indicata nella Tabella
B.5 e attribuita - sulla base di una dichiarazione resa dal dipendente con riferimento alle distanze tra le località interessate;
- il rimborso delle eventuali spese sostenute per:
a) pedaggi autostradali;
b) rimessaggio del mezzo proprio, se effettuato presso una autorimessa
aperta al pubblico ovvero presso l'autorimessa dell'albergo di soggiorno.
Per i dipendenti che utilizzano il mezzo proprio ai sensi del precedente
comma 7.2, il rimessaggio dello stesso è rimborsato entro il massimale
indicato nella Tabella B.5;
c) il trasporto al seguito (via mare), qualora si tratti di viaggi da o per
le isole e si renda necessario l'utilizzo del mezzo proprio nella località
di missione. Tale rimborso compete per il solo viaggio di andata e ritorno
quale che sia la durata dell'incarico ed indipendentemente da eventuali
interruzioni.
8. Viaggi con servizi pubblici di autorimessa. Per i percorsi non serviti
da ferrovia o da altri mezzi pubblici di linea, sono ammesse a rimborso le
spese sostenute per l'uso di servizi pubblici di autorimessa (taxi o
noleggio con autista).
Tali spese sono
altresì rimborsate per il
collegamento con aeroporti, stazioni ferroviarie e stazioni marittime per
percorsi non superiori a 65 Km. per ciascuna corsa. Detto limite è elevato
a 100 Km. per i componenti di un unico gruppo ispettivo viaggianti insieme,
nonché - previa specifica autorizzazione rilasciata per l'intera durata
dell'incarico - per i singoli componenti di un gruppo ispettivo viaggianti
separatamente, per i dipendenti incaricati di funzioni ispettive o chiamati
dall'Autorità Giudiziaria a svolgere perizie o altri adempimenti di
giustizia. Al ricorrere delle medesime fattispecie, in caso di percorsi
superiori a 100 Km., il costo relativo al chilometraggio eccedente detto
limite è posto a carico degli interessati.
9. L'eventuale utilizzo di mezzi di trasporto presso il luogo di missione o
per gli spostamenti tra il luogo di lavoro ed il luogo in cui è stato
fissato l'alloggio non comporta specifici rimborsi.
10. Nel caso in cui il dipendente venga autorizzato a soggiornare in
località viciniore
a quella di
missione, a causa
di mancanza o
inadeguatezza delle strutture alberghiere o per altri particolari motivi
connessi all'incarico, sono ammesse a rimborso le spese di viaggio
sostenute per i collegamenti tra dette località, limitatamente ai due
percorsi giornalieri di andata e di ritorno. Nell'ipotesi in cui le
località stesse non siano collegate con mezzi pubblici di linea, ovvero gli
orari di questi ultimi non siano compatibili con quelli di lavoro, è
consentito, su specifica autorizzazione, l'utilizzo di mezzi pubblici di
autorimessa. L'utilizzo del mezzo proprio per tali spostamenti è consentito
qualora sia già autorizzato con riferimento all'incarico espletato.
11. Tutte le spese di cui si chiede il rimborso devono essere assistite da
specifica documentazione; per l'indennità chilometrica di cui al precedente
comma 7.4 il dipendente deve rilasciare apposita dichiarazione contenente
tutte le indicazioni del viaggio compiuto.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che saranno ammesse a rimborso le eventuali
penalità pagate dal dipendente per l'effettuazione di prenotazioni relative
al mezzo di trasporto prescelto, non utilizzato per motivi di forza
maggiore.
L'Amministrazione dichiara altresì che al dipendente inviato in missione
che effettui percorsi diversi dai collegamenti diretti residenza di
servizio4ocalità di missione sarà corrisposto - su presentazione della
relativa documentazione - un rimborso nel limite massimo del prezzo del
biglietto aereo per il collegamento tra la residenza di servizio e la
località di missione indipendentemente dalla distanza tra tali località,
purché le stesse siano effettivamente servite da collegamenti aerei
diretti.
L'Amministrazione dichiara inoltre che, in caso di rientro di fine
settimana in località diverse dalla residenza di servizio, al dipendente
verrà riconosciuto il rimborso delle spese di viaggio nella misura del
minor costo tra quello del percorso diretto località di missione/residenza
di servizio e quello effettivamente sostenuto con qualunque mezzo anche nel
caso in cui la località di rientro non sia situata sulla tratta del
percorso diretto residenza di servizio/località di missione. Resta ferma la
necessità, per l'utilizzo del mezzo aereo, dell'esistenza di collegamenti
aerei diretti tra località di missione e residenza di servizio.
Per collegamenti aerei diretti si intendono quelli tra l'aeroporto che
serve la località di missione e l'aeroporto che serve la residenza di
servizio.
Art. 141
Rimborso delle spese di alloggio
1.Nei casi in cui la permanenza fuori sede comporti anche il pernottamento,
al personale è data facoltà di chiedere il rimborso delle spese di
alloggio, alle condizioni indicate nel presente articolo e nei limiti
giornalieri stabiliti nella Tabella B.6, dietro presentazione di regolare
documentazione di spesa.
2. In tal caso, per i giorni di spettanza della diaria, questa compete
nella misura di 2/3.
3. Il rimborso documentato delle spese di alloggio sostenute presso
esercizi alberghieri, anche di tipo residence, è consentito al personale
avente titolo al pernottamento sul luogo di missione per i giorni di
espletamento dell'incarico nonché per i giorni festivi e non lavorativi
compresi in un unico periodo di missione qualora il dipendente permanga
nella sede di svolgimento dell'incarico. Nel caso di opzione per tale
trattamento la diaria relativa al giorno in cui termina il pernottamento,
ove spetti, compete nella misura di 2/3.
4. Al personale che espleta incarichi ispettivi o che svolge, su chiamata
dell'Autorità Giudiziaria, perizie o altri adempimenti di giustizia, è
consentito inoltre, per un massimo di tre giorni per volta, nei casi di cui
all'art. 143, il rimborso delle spese di alloggio eventualmente sostenute
nella località di missione per i giorni relativi al rientro in residenza.
Analogo trattamento può essere riconosciuto, su specifica autorizzazione,
in relazione ad incarichi diversi di durata non inferiore a 15 giorni.
5. In caso di ricorso a sistemazioni in esercizi con tariffa fissata in
canone mensile, il limite giornaliero di spesa rimborsabile è determinato
con riferimento a 1/30 del canone stesso.
6. Il rimborso di spese di alloggio compete altresì, alle condizioni e con
i limiti sopra indicati, allorquando il dipendente abbia soggiornato in
strutture alberghiere nei giorni immediatamente precedenti o seguenti il
periodo di missione per esigenze connesse all'espletamento dell'incarico.
7. L'importo del massimale per le missioni in territorio nazionale viene
annualmente rivalutato secondo i criteri indicati al comma 4° dell'art.
138.
Art. 142
Rimborsi a piè di lista
1. Il personale inviato in
missione fuori residenza, in Italia o
all'estero, può
essere autorizzato, in
ragione della particolarità
dell'incarico, a fruire, in alternativa al trattamento di cui ai precedenti
articoli della presente Sezione, del rimborso delle spese incontrate nel
corso della missione e per motivi dipendenti dalla stessa.
2. Il rimborso a piè di lista di tutte le spese effettivamente sostenute
nel corso della missione è subordinato alla produzione della relativa
documentazione, regolare anche agli effetti fiscali. Le minute spese non
facilmente documentabili possono essere rimborsate, eccezionalmente, sulla
base di apposita dichiarazione esplicativa a firma del dipendente.
Art. 143
Rientri in residenza in corso di missione
1. Al personale che, compatibilmente con le esigenze di servizio, rientri
in residenza nei giorni di fine settimana o in occasione di due o più
giornate festive consecutive, vengono riconosciuti:
- il contributo di viaggio di cui all'art. 139, nella
maggiorata del 20%;
- il rimborso delle spese di viaggio, ai sensi dell'art. 140.
misura-base
2. Detto trattamento compete anche qualora, nei giorni immediatamente
precedenti o successivi alle giornate di sabato e di domenica o alle due o
più giornate festive consecutive, il dipendente non presti servizio per
giustificati motivi.
3. Il ripetuto trattamento compete inoltre, nei limiti di una volta ogni
quattro settimane, al personale inviato in missione all'estero in Paesi
europei; lo stesso non è estensibile alle missioni da e per altri Paesi
esteri.
Art. 144
Interruzioni di missione
1. Nel caso di interruzioni per cause di servizio della missione in Italia
o all'estero che comportino il rientro nella propria residenza di lavoro
compete il contributo di viaggio, il rimborso delle spese di viaggio
nonché, eventualmente, fino ad un massimo di 3 pernottamenti, il rimborso
delle spese di alloggio nella località di missione anche per i giorni
relativi al rientro in residenza.
2. In caso di interruzioni, per motivi diversi da quelli di cui al 1°
comma, che comportino assenze di durata giornaliera, non spetta il
trattamento di missione.
3. Per le interruzioni di missione dovute ad una delle seguenti cause
compete il trattamento di cui al precedente art. 143.
- partecipazione ad elezioni politiche, amministrative, per il Parlamento
Europeo, referendum popolari, su produzione di copia del certificato
elettorale recante il timbro del seggio;
- malattia, sempre che l'interessato non sia impossibilitato, a causa della
malattia medesima, a lasciare la località in cui espleta l'incarico nel
qual caso continua a competergli il trattamento di missione;
- altre circostanze particolari riconosciute dall'Amministrazione, su
motivata richiesta del dipendente.
Art. 145
Missioni all'estero
1. Al personale inviato m missione all'estero competono, oltre al rimborso
delle spese di viaggio, la diaria in valuta e il contributo di viaggio,
nelle misure indicate, rispettivamente, nelle Tabelle B.2 e B.4.
2. La diaria in valuta compete:
- nella misura intera per i primi tre mesi di permanenza nel luogo di
missione, salvo quanto previsto dall'art. 138, lettere b) e c), e dall'art.
141;
- nella misura dei 2/3 dal quarto mese in poi; nei casi previsti dall'art.
138, lettere b) e c) e dall'art. 141 la diaria spetta nella misura di 1/3.
3. Agli addetti alle Delegazioni cui viene corrisposto l'assegno di sede in
valuta di cui all'art. 127, il trattamento previsto dalla presente Sezione,
per le missioni svolte nell'ambito del Paese o dei Paesi di competenza
della Delegazione, è riconosciuto, su autorizzazione di volta in volta
rilasciata dall'Amministrazione, nei seguenti casi:
1) missioni per lo svolgimento di compiti attribuiti alla competenza delle
Delegazioni (quali partecipazione a negoziati o a riunioni monetarie e
finanziarie internazionali);
2) partecipazione a manifestazioni quali convegni o cerimonie, allorché la
missione
sia
effettuata
in
sostituzione
di
un
esponente
dell'Amministrazione Centrale.
Art. 146
Personale inviato
professionale
all'estero
per
motivi
di
studio
o
di
formazione
Al personale inviato all'estero per motivi di studio o di formazione
professionale per periodi pari o superiori ad un mese è riconosciuto, oltre
al rimborso delle spese di viaggio documentate, un contributo forfettario
per le spese di soggiorno nella misura di volta in volta determinata
dall'Amministrazione.
Art. 147
Personale in servizio all'estero
1.Al personale in servizio all'estero, ai sensi dell'art. 76, che viene
chiamato a svolgere un incarico in territorio nazionale compete:
- il contributo di viaggio (Tabella B.4);
- il rimborso delle spese di viaggio;
- il trattamento spettante per missioni in
periodo di permanenza in quest'ambito.
territorio nazionale
per il
2. Al personale in servizio all'estero che rientra in Italia per godere del
congedo competono, una volta per ogni anno, per sé, per il coniuge non
legalmente separato e per gli altri conviventi riconosciuti a carico dalla
Banca, il contributo di viaggio nonché il rimborso delle spese di viaggio
relative al trasferimento dal Paese estero al territorio nazionale e
ritorno.
3. Al personale in servizio
all'estero che rientra in Italia per
partecipare ad elezioni politiche, amministrative, per il Parlamento
Europeo, referendum popolari, compete il contributo di viaggio nonché il
rimborso delle spese di viaggio, di andata e ritorno, per sé e per i
congiunti di cui al 2° comma, purché votanti.
4. Tale trattamento è subordinato alla esibizione di copia dei certificati
elettorali recanti il timbro del seggio.
Art. 148
Trattamento di missione in casi particolari
1. Al dipendente che, per motivi comunque inerenti alle sue prestazioni di
lavoro, sia citato come testimone ovvero sia chiamato ad assumere incarichi
di perizia o di consulenza tecnica compete - ove debba recarsi fuori
residenza - il trattamento di missione.
2. Al dipendente che deve recarsi fuori dalla residenza di servizio per
sottoporsi ad accertamenti medico-diagnostici (check-up) organizzati dalla
Banca presso centri sanitari convenzionati spetta, oltre al rimborso delle
spese di viaggio, una diaria nella misura dei 2/3 per ciascuno dei giorni
previsti nella convenzione ed effettivamente impiegati negli esami clinici.
Nell'ipotesi in cui sia necessario raggiungere la località ove ha sede il
centro convenzionato la sera precedente la giornata prevista per gli
accertamenti, è riconosciuto per il relativo pernottamento il solo rimborso
delle spese di alloggio secondo quanto previsto alla Tabella B.6.
Art. 149
Trattamento economico per movimento fondi
1. Al personale incaricato di scortare valori in località distanti non meno
di 25 Km. e al di fuori del Comune di residenza di servizio compete
esclusivamente:
per
ogni
giorno
di
incarico,
nelle
misure
indicate,
a)
la diaria
rispettivamente, nella Tabella B1, per gli incarichi che si svolgono interamente
in territorio nazionale, e nella Tabella B.2, per quelli che comportano la
consegna od il ritiro di valori all'estero. In tale seconda ipotesi, la diaria
estera è corrisposta limitatamente ai giorni di svolgimento dell'incarico al di
fuori del territorio nazionale;
b) la maggiorazione per movimento fondi, nelle misure indicate nella Tabella
B.7;
c) il rimborso delle spese di viaggio, nei limiti e secondo le modalità di cui
all'art. 140.
2. La diaria di missione e la relativa maggiorazione per movimento fondi
competono nella misura del 50%:
a) per il giorno di partenza se questa ha luogo dopo le ore 18.00;
b) per il giorno di rientro in sede, se il viaggio ha termine prima delle ore
12.00.
3. A tali fini deve farsi riferimento al momento in cui ha inizio o termine
il servizio di scorta dei valori all'esterno dei locali della Banca,
ancorché, per esigenze di lavoro inerenti al movimento, il personale resti
impegnato negli uffici prima o dopo tale momento.
4. Quando il viaggio di andata o quello di ritorno venga effettuato senza
valori, l'inizio o il termine della missione sono dati, rispettivamente,
dall'orario di partenza o di arrivo del mezzo pubblico (treno o aereo)
ovvero dell'automezzo della Banca.
5. Qualora l'incarico di movimento fondi si prolunghi per cause di servizio
non strettamente connesse con la scorta dei valori, al dipendente compete,
per il periodo del prolungamento, la diara senza maggiorazione.
6. Qualora l'incarico comporti la scorta di valori tanto nel viaggio di
andata quanto in quello di ritorno fino al rientro in residenza, al
personale incaricato compete, in aggiunta al trattamento di cui al
precedente 1° ovvro al 10° comma, un compenso speciale commisurato
all'importo di una diaria nazionale od estera e della relativa maggiorazione
per movimento fondi. Tale compenso non spetta qualora la scorta abbia durata
inferiore alle 24 ore. Qualora il movimento fondi interessi più località, tale
compenso si ragguaglia ad una diaria nazionale od estera di più elevato importo
fra quelle percepite nel corso dell’incarico, oltre alla relativa maggiorazione
per movimento fondi.
7. Al personale con mansioni di autista, incaricato di trasferire fuori
residenza l'automezzo da utilizzare per il trasporto di valori, compete la
sola diaria nazionale o estera, quando per la stessa giornata non spetti anche
la maggiorazione per movimento fondi.
8.
La diaria e la relativa maggiorazione per movimento fondi compete anche ai
dipendenti con mansioni di autista, provvisti di porto d'armi, incaricati
della conduzione di automezzi in occasione di viaggi superiori ai 200 Km.
effettuati da membri del Direttorio della Banca.
9.
Soppresso.
10. In alternativa alla diaria nazionale od estera in misura intera, il
personale cui
è attribuito l'incarico di
movimento fondi può optare per il
rimborso delle spese di alloggio - secondo i criteri ed i limiti di cui all'art.
141 ed alla Tabella B.6 - ed il riconoscimento della diaria nella misura
ridotta dei 2/3. Resta ferma la corresponsione, in presenza dei relativi
presupposti, della maggiorazione per movimento fondi e del rimborso delle spese
di viaggio.
Nota all'art. 149
Il trattamento previsto per i movimenti fondi internazionali ai sensi del
presente articolo trova applicazione anche per quelli effettuati nel corso del
primo semestre 2002, dedotto il trattamento provvisorio già riconosciuto al
medesimo titolo.
SEZIONE III
Trattamento spettante al personale trasferito
Art. 150
Indennità e rimborsi di spese
1.
Al personale trasferito
1) a titolo di indennità:
a) la diaria (art. 138) e il contributo di viaggio (art. 151)
viaggio di trasferimento;
b) il contributo di trasferimento (art. 152);
c) l'indennità di prima sistemazione (art. 154 - Tabella C.3);
d) il contributo sul canone di affitto (art. 155 - Tabella C.4);
per il
2) a titolo di rimborso:
a) le spese di viaggio (art. 156);
b) le spese per il trasporto delle masserizie (art. 157);
c) le spese per il canone di locazione pagato a vuoto e per la
registrazione del contratto di locazione nella nuova residenza (art. 158);
d) le spese per il trasporto del bagaglio (art. 159 - Tabella C.1);
e) le spese sostenute per un congiunto nella fase di prima sistemazione
nella nuova sede di servizio (art. 153 - Tabella C.2).
2.
Le disposizioni che seguono, quando non diversamente specificato, si
applicano ai trasferimenti attuati
sia in territorio nazionale che
all'estero.
3. Il trattamento di cui al presente articolo non è dovuto:
- quando il trasferimento sia disposto a domanda del dipendente;
- quando il trasferimento sia disposto in occasione di richiamo in servizio
dallo stato di aspettativa per motivi particolari di cui all'art. 45 o
dallo stato di sospensione ai sensi dell'art. 97, ovvero sia disposto per
ripetizione del periodo di esperimento di cui all'art. 16.
ad altra residenza di servizio competono:
4.
Ai fini dell'attribuzione dei trattamenti di cui al presente articolo
si fa riferimento alle Tabelle di cui all'Allegato A alla Sezione I del
Titolo XV ed alla posizione organico-retributiva del dipendente in essere
alla data di presa di servizio nella nuova residenza.
5. Qualora nella determinazione dell'ammontare di detti trattamenti assuma
rilevanza l'esistenza di congiunti devono intendersi per tali:
- il coniuge, purché non legalmente separato;
- altri conviventi, purché riconosciuti a carico dalla Banca.
6.
Agli elementi neo-assunti compete il rimborso del prezzo del biglietto
pagato per il viaggio con qualunque mezzo pubblico di linea per il
raggiungimento della residenza di assegnazione dall'attuale residenza
anagrafica o dall'ultima residenza anagrafica italiana in caso di attuale
residenza all'estero.
7.
A valere su quanto di spettanza per indennità e rimborsi di spese, è
autorizzata la corresponsione di acconti nelle misure previste dalla
Tabella C.5.
Nota all'art. 150
1. Il trattamento previsto dalla presente Sezione spetta anche ai dipendenti
assegnati ad altra residenza in quanto vincitori di concorso esterno per un
grado o un ruolo diversi da quelli rivestiti.
2. Al personale trasferito a tempo determinato compete il seguente trattamento
di trasferimento:
a) diaria e contributo di viaggio [l° comma, punto 1), lett. a)]:
- sono attribuiti nella misura intera;
b) rimborsi spese [l° comma, punto 2)]:
- sono attribuiti nella misura intera;
c) contributo di trasferimento [l° comma, punto 1), lett. b)]:
- il numero di giorni di attribuzione della diaria è ridotto al 50%, ferma
restando l'applicazione, in quanto compatibili, dei criteri e delle
condizioni indicate dall'art. 152;
d) indennità di prima sistemazione [1° comma, punto 1), lett. c)]:
- è attribuita nella misura del 50% degli importi previsti, ferma restando
l'applicazione, in quanto compatibili, dei criteri e delle condizioni indicate
dallo stesso art. 154. La maggiorazione della seconda quota di detta indennità è
corrisposta ove entro un anno dalla data di attuazione del trasferimento abbia
luogo un'effettiva e permanente sistemazione dei congiunti nella nuova
residenza;
e) contributo sul canone di affitto [l° comma, punto 1), lett. d)]:
- è attribuito nella misura intera per l'intero periodo di permanenza nella
nuova residenza, ferma restando l'applicazione, in quanto compatibili, dei
criteri e delle condizioni indicate dall'art. 155.
3. Qualora, al termine dei due anni, l'interessato confermi la permanenza nella
località di destinazione, allo stesso verrà corrisposta la restante parte del
trattamento di trasferimento, ai sensi di quanto previsto dalla presente
Sezione. Qualora invece egli faccia rientro nella località di provenienza, allo
stesso sarà riconosciuto il solo rimborso delle spese di trasloco delle
masserizie.
Art. 151
Contributo di viaggio
1.
Per il viaggio di trasferimento compete al dipendente il contributo di
viaggio di cui all'art. 139 nella misura-base.
2.
Il contributo per il viaggio di trasferimento compete altresì, nella
misura-base, per il coniuge e per ciascuno dei congiunti che segua il
dipendente nella nuova residenza.
Art. 152
Contributo di trasferimento
1. Nel periodo di prima sistemazione e a fronte di un corrispondente numero
di giorni di permanenza in servizio nella nuova residenza, al personale
trasferito è riconosciuto, secondo i criteri di seguito indicati, un
contributo massimo pari a:
a) 200 diarie di cui all'art. 138, ai dipendenti con congiunti;
b) 140 diarie di cui all'art. 138, negli altri casi.
2. In
caso
di
soggiorno
in
strutture
alberghiere
conseguente
all'indisponibilità di alloggio, il dipendente può chiedere il trattamento
di cui agli artt. 137 o 141 per un periodo massimo di 120 giorni o di 60
giorni, rispettivamente per le fattispecie di cui ai predetti punti a) e
b). In tal caso il contributo di trasferimento è ridotto di un importo
corrispondente ad altrettante diarie.
3. Ai fini dell'attribuzione del contributo si assume come data di
decorrenza la data di inizio del servizio nella nuova residenza.
4. Il contributo è riconosciuto nella misura intera, a prescindere dai
giorni di permanenza in servizio nella nuova residenza, in caso di decesso
del dipendente o di cessazione per inabilità.
Art. 153
Rimborso delle spese per un congiunto
1.
Sono ammesse a rimborso - su presentazione di specifica, regolare
documentazione - le spese sostenute per un congiunto nella fase di prima
sistemazione nella nuova residenza, per un periodo massimo di 30 giorni,
anche non consecutivi. Tale rimborso riguarda:
a) le spese di alloggio presso esercizi alberghieri;
b) le spese di vitto presso esercizi di ristorazione;
c) le spese per i viaggi tra la precedente e la nuova residenza, con un
massimo di 4 percorsi di andata e ritorno, secondo i criteri indicati
nell'art. 140, 4° comma.
2.
Le spese di cui ai punti a) e b) del precedente comma sono rimborsate
entro i limiti indicati, rispettivamente, nella Tabella B.6 e nella Tabella
C.2.
Art. 154
Indennità di prima sistemazione
1.Al personale trasferito compete l'indennità di prima sistemazione alle
condizioni di seguito indicate e secondo le misure stabilite nella Tabella
C.3.
2.
Al di fuori dei casi di trasferimento l'indennità compete - nei limiti
specificatamente indicati nella cennata Tabella C.3 - al personale dei
servizi generali e di sicurezza cui siano affidate o revocate mansioni di
custode e che debba, di conseguenza, occupare o lasciare l'alloggio di
servizio, nonché nel caso di cambio dell'alloggio stesso che abbia
carattere definitivo disposto dall'Amministrazione.
3. L'indennità di prima sistemazione è attribuita in tre quote:
- la prima a seguito dell'attuazione del provvedimento di trasferimento:
- la seconda a seguito del trasloco delle masserizie;
- la terza trascorsi 15 mesi di servizio effettivo nella nuova residenza.
Nel caso di nuovo trasferimento d'ufficio nel corso dei cennati 15 mesi, il
dipendente ha titolo ad una parte di tale quota proporzionale al periodo
trascorso nella residenza.
4. Soppresso.
5. Ai fini della determinazione dell'indennità si tiene conto della
posizione organico-retributiva rivestita dal dipendente al momento del
verificarsi delle circostanze indicate al precedente 3° comma ovvero, per i
casi indicati al precedente 2° comma, alla data dell'occupazione, del
rilascio o del cambio dell'alloggio di servizio.
Nota all'art. 154
La disciplina di cui al presente
disposti dall'l.l.1996.
articolo
si applica
ai trasferimenti
Art. 155
Contributo sul canone di affitto
1.
Al dipendente trasferito, che non occupi nella nuova residenza un
alloggio di servizio o un alloggio di proprietà, compete - nelle misure
indicate nella Tabella C.4 - un contributo sul canone di affitto del nuovo
alloggio.
2. Il contributo compete al dipendente che ne faccia richiesta entro un
anno dalla data della presa di servizio nella nuova residenza, per i primi
cinque anni di locazione a partire dalla decorrenza contrattuale della
locazione. In ogni caso il contributo non può essere superiore al canone di
locazione effettivamente pagato dal dipendente.
3.
Qualora la richiesta, per qualsiasi motivo, sia presentata oltre il
termine di cui al precedente 2° comma, il contributo compete per il periodo
residuale del quinquennio decorrente dalla data di presa di servizio.
4.
Per l'erogazione del contributo è necessario che il periodo di
locazione e l'ammontare del canone siano idoneamente documentati.
5.
Il contributo viene erogato, in via anticipata, per ciascun anno, su
domanda dell'interessato.
Art. 156
Rimborsi spese di viaggio
1.Al dipendente trasferito compete il rimborso delle spese sostenute per il
viaggio, per sé e per i congiunti che lo seguano nella nuova residenza,
secondo i criteri stabiliti nell'art. 140, 4° comma.
2.Al
personale trasferito
nell'ambito
del territorio
nazionale è
riconosciuto, per il periodo di indisponibilità dell'alloggio nella nuova
sede e nei limiti di un rientro al mese, il rimborso delle spese di viaggio
sostenute nel fine settimana per il ricongiungimento con il nucleo
familiare nella precedente residenza di servizio, secondo i criteri
stabiliti nell'art. 143.
3. A fronte dei viaggi compiuti dal dipendente trasferito, o da un suo
congiunto, per presenziare al trasloco delle masserizie, compete il
rimborso delle relative spese di viaggio documentate.
Art. 157
Spese di trasporto delle masserizie
1.
Al personale trasferito compete:
- il rimborso delle spese documentate (comprensive
sostenute per il trasporto delle masserizie;
- un contributo per spese non documentate pari al
rimborso stesso.
degli oneri fiscali)
30% della misura del
2. Il trattamento di cui al precedente comma non può comunque eccedere i
massimali che vengono periodicamente determinati dall'Amministrazione con
riferimento alla distanza tra vecchia e nuova sede di lavoro e alla
composizione del nucleo familiare.
3.
Ove eccezionalmente l'onere del trasloco dovesse essere previsto in
eccedenza a detti massimali può essere consentito, in alternativa al
trattamento
di
cui
al1°
comma
e
su
preventiva autorizzazione
dell'Amministrazione, il
rimborso di tutte
le spese effettivamente
sostenute in occasione del trasloco, purché regolarmente documentate.
4. Al personale trasferito al quale sia stato consentito di occupare nella
nuova residenza un alloggio
provvisorio ovvero di immagazzinare le
masserizie, in relazione alla temporanea indisponibilità dell'alloggio di
servizio, vengono rimborsate:
- le
spese sostenute
per trasportare
le masserizie nell'alloggio
provvisorio o nel magazzino entro i massimali di cui al 2° comma del
presente articolo;
- gli
eventuali oneri
di immagazzinamento
nei limiti autorizzati
dall'Amministrazione;
- le spese effettivamente sostenute per traslocare le masserizie stesse
nell'alloggio di servizio, allorché questo si sia reso disponibile, entro i
limiti autorizzati dall'Amministrazione.
5.
Nell'ipotesi di cui al
precedente comma, l'indennità di prima
sistemazione di cui all'art. 154 compete una sola volta e non compete il
rimborso del canone di locazione
eventualmente pagato a vuoto per
l'alloggio provvisorio, dal momento in cui si rende disponibile l'alloggio
di servizio.
6. Al di fuori dei casi di provvedimenti di trasferimento, il rimborso
delle spese di trasporto delle masserizie compete al personale dei servizi
generali
e
di
sicurezza
cui
vengano
affidate,
anche all'atto
dell'assunzione, o revocate mansioni di custode:
- per il trasporto dall'alloggio privato a quello di servizio o viceversa;
- quando, per indisponibilità dell'alloggio di servizio, venga autorizzato
il cambio con altro alloggio di servizio;
- quando,
per
indisponibilità
dell'alloggio
di
servizio,
venga
autorizzato l'immagazzinamento delle masserizie: in tal caso compete
altresì
il
rimborso
delle
spese
di
immagazzinamento
e
successivamente,
nei
limiti
autorizzati dall'Amministrazione, di
quelle per il trasloco nell'alloggio
allorché
questo si sia reso
disponibile.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione, nel confermare che i massimali previsti per il rimborso
delle spese di trasporto masserizie sono riferiti alle spese al netto
dell'I.V.A., dichiara che gli stessi saranno adeguati nelle seguenti
misure:.
Distanze chilometriche
Posizione del dipendente
fra Comune e Comune
senza congiunti
con congiunti
fino a 50 Km
da 51 a 200km
da 201 a 600km
da 601 a 900km
oltre 900 km o
per l'estero
4.570.000
5.700.000
8.000.000
9.100.000
8.000.000
9.100.000
11.400.000
12.550.000
10.300.000
14.850.000
Per il 1997 i massimali sopra riportati saranno adeguati in misura pari al
tasso di inflazione programmato per detto anno.
Art. 158
Rimborso del canone di locazione pagato a vuoto e spese di registrazione
del contratto di locazione nella nuova residenza
1.
Al dipendente che, a seguito del trasferimento, sia tenuto a pagare a
vuoto il canone di locazione per l'alloggio nella precedente residenza, è
riconosciuto, in via risarcitoria, il rimborso del canone stesso dal giorno
in cui detto alloggio è stato lasciato libero da persone e cose.
2. Tale rimborso compete:
- per un periodo non superiore a un mese se si tratti di locazione di
camera ammobiliata;
- per un periodo non superiore a sei mesi, nei casi in cui non si sia
potuto stipulare il contratto di affitto con la clausola di risoluzione in
caso di trasferimento.
3.
Al dipendente che, pur avendo reperito in locazione un alloggio nella
nuova residenza, non possa stabilirvisi perché trattenuto nella precedente
per esigenze di servizio compete un trattamento analogo con riferimento
all'alloggio nella nuova residenza.
4.
Il rimborso delle spese di registrazione del contratto di locazione
nella nuova residenza è consentito limitatamente al primo anno della
locazione.
Art. 159
Trasporto del bagaglio
1. Sono rimborsabili le spese effettive per la presa e consegna a domicilio
e per il trasporto dei colli spediti come bagaglio, oppure a collettame,
entro il limite di peso di Kg. 200.
2. Non sono rimborsabili le tasse di sosta o di deposito del bagaglio in
stazione.
3. E' ammesso il rimborso delle spese per l'eventuale assicurazione del
bagaglio, entro i limiti indicati nella Tabella C. 1, e per la spedizione
dello stesso.
Art. 160
Rimborso spese di trasferimento all'atto della cessazione dal servizio
1. Il dipendente che cessi dal servizio ai sensi degli artt. 100, 102, 103
lettere a) e b), che entro sei mesi dalla data di cessazione dichiari
l'intendimento di trasferirsi dall'ultima residenza di lavoro ad altra
località del territorio nazionale sita fuori provincia e ne dia attuazione
entro un anno dalla stessa data, ha titolo al rimborso delle spese per il
viaggio in ferrovia, per sé e per i congiunti, nonché delle spese
occorrenti per il trasporto delle masserizie, nei limiti autorizzati
dall'Amministrazione.
2. Al dipendente che occupa l'alloggio di servizio compete, in ogni caso,
all'atto della cessazione, il rimborso delle spese di trasloco delle
masserizie, anche se il trasloco stesso avviene nell'ambito del Comune di
residenza, nonché il rimborso delle eventuali spese di viaggio in ferrovia,
per sé e per i congiunti, secondo i criteri stabiliti per il personale in
servizio, sempre che il dipendente rilasci l'alloggio di servizio nel
termine fissato dall'Amministrazione.
3. I benefici di cui ai precedenti commi competono, alle stesse condizioni,
anche ai congiunti superstiti dei dipendenti deceduti in attività di
servizio.
TITOLO XVI
DISPOSIZIONI VARIE E FINALI
Art. 161
Anzianità convenzionali
1. Le anzianità convenzionali disciplinate dai commi da 2 a 7 del presente
articolo sono quelle previste dalla legge 565/1955.
2. Il tempo trascorso nei reparti combattenti è computato quale anzianità
convenzionale ai fini della determinazione dell'assegno individuale di
grado o dell'assegno individuale di servizio.
3. Per i mutilati ed invalidi delle prime sei categorie previste dalle
vigenti disposizioni di legge è computato come servizio prestato in reparti
combattenti il tempo decorso dalla data della mutilazione o invalidità fino
alla data dell'armistizio.
4. Il tempo trascorso lontano dai reparti combattenti per ferite o malattie
contratte a causa di servizio o per prigionia è considerato anch'esso quale
anzianità convenzionale.
5. In aggiunta a tali benefici è riconosciuto quale anzianità convenzionale
un ulteriore periodo di due anni ai decorati al valore o mutilati ed
invalidi delle prime sei categorie e di un anno ai decorati di croce di
guerra al merito ed ai feriti o mutilati ed in-validi delle restanti
categorie. I benefici derivanti dalle anzianità convenzionali anzidette non
sono cumulabili.
6. Le anzianità convenzionali di cui ai precedenti commi sono attribuibili
anche agli elementi che hanno partecipato ad eventi bellici prima di
prendere servizio in Banca.
7. Gli effetti del riconoscimento dei benefici di cui alla legge 565/1955
decorrono dalla data stabilita nel relativo provvedimento della Banca.
8. Gli effetti del riconoscimento dei benefici di cui all'art. 1 della
legge 336/1970
retroagiscono di
due anni
rispetto alla
data di
presentazione della domanda 0vvero alla data di decorrenza giuridica
dell'assunzione se intervenuta nel corso dei due anni.
9. Per i dipendenti che, successivamente al 1° gennaio 1973, si sono
avvalsi o si avvalgano dei benefici previsti dalla legge 336/1970 e
successive modificazioni, a favore degli ex combattenti ed assimilati,
ciascuno degli aumenti periodici attribuiti in forza degli artt. 1 e 2
della citata legge è convenzionalmente riferito a 2 anni, i quali sono
presi in considerazione secondo i criteri di cui all'art. 114 ed ai commi
8°, 13° e 14° del presente articolo ai fini dell'attribuzione dell'assegno
individuale di grado o dell'assegno individuale di servizio di cui alle
Tabelle A.2 e A.3.
10. Ai fini dell'attribuzione dei benefici di cui all'art. 2 della legge
336/1970 - utili ai soli fini del trattamento di quiescenza - il
trattamento più favorevole per il dipendente viene individuato mettendo a
confronto i seguenti livelli di stipendio:
- quello ottenuto sommando all'assegno individuale di grado spettante
all'atto della cessazione ai sensi dell'art. 114, 14° comma, l'importo
relativo al periodo di anzianità convenzionale di cui all'art. 2, legge
336/1970, come sopra determinato;
- quello spettante sulla base dell'inquadramento nel grado superiore (ove
esistente) a quello rivestito all'atto della cessazione dal servizio,
ottenuto applicando le regole di inquadramento di cui all'art. 114 per il
numero di giorni di servizio intercorrenti tra la data di assunzione e il
giorno antecedente a quello della cessazione dal servizio. Ai fini del
suddetto raffronto, allo stipendio così determinato si aggiunge l'eventuale
assegno ad personam maturato nella posizione di provenienza.
11. Il periodo di servizio militare di leva prestato prima dell'assunzione
in Banca e riconosciuto ai sensi della legge 958/1986 è computato quale
anzianità convenzionale.
12. I benefici di cui alla legge 958/1986 decorrono dalla data di
decorrenza giuridica dell'assunzione.
13. Ai fini del riconoscimento delle anzianità convenzionali previste dal
presente articolo, ciascun mese e
ciascun anno si intendono pari,
rispettivamente, a 30 e 365 giorni.
14. Il numero di giorni relativi alle anzianità convenzionali riconosciute
con decorrenza antecedente a quella giuridica del grado rivestito all'atto
del riconoscimento sono computati nell'ambito dei giorni relativi al
servizio prestato prima del conseguimento del grado stesso. I giorni
relativi alle anzianità convenzionali riconosciute con decorrenza pari o
successiva
a quella
giuridica
del grado
rivestito
all'atto del
riconoscimento sono computati in aggiunta ai giorni relativi al servizio
prestato nel grado stesso e concorrono al raggiungimento del numero di
giorni da prendere in considerazione ai fini dell'applicazione della
Tabella A.2.
Art. 162
Designazione dei rappresentanti sindacali nella "Commissione alloggi"
La nomina dei rappresentanti del personale in seno alla Commissione per
l'assegnazione degli alloggi di proprietà della Banca - composta da Otto
membri in rappresentanza dell'Amministrazione
e da sette membri in
rappresentanza del personale - è disposta dal Governatore sulla base delle
designazioni
effettuate
dalle
Organizzazioni
Sindacali
presenti
nell'Istituto e rappresentative ai sensi di legge.
Art. 163
Definitività dei provvedimenti
I provvedimenti previsti dal presente testo normativo, ad
quelli di cui agli artt. 12 e 51, hanno carattere definitivo.
eccezione di
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che al dipendente che lo richieda potrà essere
consegnata, previo rilascio di ricevuta, copia dei provvedimenti che lo
riguardano.
L'Amministrazione dichiara che tra i documenti dei quali è consentito
all'interessato
prendere visione
nell'ambito del
proprio fascicolo
personale sono ricompresi i moduli 10 Isp. redatti nell'ambito degli
accertamenti ispettivi avviati successivamente al1° gennaio 1989.
Art. 164
Entrata in vigore
1. La presente disciplina entra in vigore il giorno 15 del mese successivo
a quello di approvazione da parte del Consiglio Superiore.
2. Restano in ogni caso ferme le diverse decorrenze previste da singole
norme e dagli allegati alle norme stesse.
TITOLO XVII
NORME TRANSITORIE
Art. 165
Personale della carriera operativa. Promozioni
Per i dipendenti inquadrati nel grado di Coadiutore e gradi corrispondenti
con decorrenza giuridica anteriore al 1° agosto 1986 è fissata in 6 anni
l'anzianità minima nel grado ai fini della promozione mediante selezione di
merito e
per titoli
al grado
di Coadiutore
principale e gradi
corrispondenti.
Art. 166
Personale inquadrato al
2.1.1980 nei gradi
di Assistente
corrispondenti e nei gradi di Commesso capo e di Commesso
e
gradi
1. Per il personale inquadrato al 2.1.1980 nei gradi di Assistente e gradi
corrispondenti l'anzianità utile ai fini degli avanzamenti ai gradi di
Assistente superiore, Coadiutore e gradi rispettivamente corrispondenti
decorre dalla data di nomina nei preesistenti gradi di Applicato di 1a
categoria, Ragioniere, Aiuto contabile, Assistente di la categoria e gradi
rispettivamente corrispondenti.
2. Per il personale inquadrato con decorrenza dal 2.1.1980 nel grado di
Commesso capo l'anzianità utile ai fini dell'avanzamento al grado di Primo
capo operatore decorre dalla data di nomina nei preesistenti gradi di
Commesso capo e Sorvegliante capo.
3. Per il personale inquadrato con decorrenza dal 2.1.1980 nel grado di
Commesso l'anzianità utile ai fini dell'avanzamento ai gradi di Primo
operatore e di Operatore capo decorre dalla data di nomina nei preesistenti
gradi di Usciere e Allievo sorvegliante.
Art. 167
Criteri generali di promozione
I dipendenti assunti con decorrenza giuridica antecedente al 1° aprile
1989, ai fini del primo avanzamento da conseguire successivamente a tale
data, conservano titolo a maturare i minimi di anzianità entro il 31 marzo
di ciascun anno.
Art. 168
Aspettativa per motivi particolari. Effetti sulla posizione in ruolo
I dipendenti inquadrati con decorrenza 2.1.1980 in uno dei gradi di cui
all'art. 11, 4° comma, ove fruiscano durante il periodo di permanenza nel
grado di inquadramento di un periodo di aspettativa per motivi particolari,
sono collocati in ruolo - dedotto il periodo di aspettativa - in una
posizione determinata sulla base di quella rivestita dai dipendenti stessi
al 10.1.1980.
Art. 169
Collocamento a riposo d'ufficio
1. Per i dipendenti in servizio al 31 dicembre 1961 il computo del servizio
ai fini del collocamento a riposo d'ufficio è fatto secondo i criteri e le
disposizioni in vigore alla data
predetta per quanto attiene alle
interruzioni o alle cessazioni dal servizio per adempiere agli obblighi
militari di leva.
2. Agli effetti dell'applicazione del 1° comma i periodi di servizio
prestato in Banca dai dipendenti non di ruolo prima della loro cessazione e
da essi riscattati ai lini del trattamento di pensione sono considerati
utili a tutti gli effetti, ad eccezione del computo dell'anzianità per il
collocamento a riposo d'ufficio e per il conseguimento dei minimi di
anzianità statuiti per gli avanzamenti.
Art. 170
Infrazioni e procedimento disciplinare
Alle mancanze disciplinari commesse in tutto o in parte anteriormente alla
data di entrata in vigore della presente normativa, ancorché rilevate in
epoca successiva, si applicano le sanzioni previste dalla precedente
regolamentazione se più favorevoli.
Art. 171
Riconoscimenti a carico
Per gli elementi in servizio o in pensione alla data del 31 dicembre 1966 i
limiti di cui al 12° comma dell'art. 119 riguardano solo i figli maschi.
Art. 172
Prestazioni straordinarie
Per
l'anno 1996
le prestazioni
oltre
il normale
orario di
lavoro sono
disciplinate come segue.
1. E' stabilito un limite di 140 ore all'anno per prestazioni oltre
l'orario normale da rendere con le modalità stabilite dal preposto
all'ufficio, Divisione o reparto secondo le direttive impartite dalla
Direzione.
2. Non si computano ai fini del raggiungimento del tetto annuale indicato
al comma precedente le prestazioni straordinarie fornite nel mese di maggio
dai dipendenti impegnati nella predisposizione della Relazione annuale
della Banca, entro il limite massimo di 100 ore, nonché le prestazioni
straordinarie rese dal personale della Segreteria Particolare adibito a
compiti connessi o di supporto all'attività del Direttorio.
3. Per il personale adibito a particolari aree operative sono fissati
limiti annui per prestazioni oltre l'orario normale pari a 400 e 600 ore.
4. I dipendenti possono prendere visione periodicamente del numero delle
ore straordinarie dagli stessi prestate.
5. Alle rappresentanze sindacali
locali formalmente costituite sono
comunicati - con frequenza trimestrale ed evidenza cumulativa - i dati
concernenti il numero delle ore straordinarie complessivamente prestate
fino al mese di riferimento presso ciascun ufficio, Divisione o reparto e
la distribuzione quantitativa, per scaglioni di ore, dei dipendenti che
abbiano reso prestazioni straordinarie.
6. Ove il dipendente sia eccezionalmente chiamato a svolgere attività
lavorativa oltre i limiti di cui ai precedenti commi 1° e 3° allo stesso è
riconosciuto, salvo il ricorrere di inderogabili esigenze di servizio, un
riposo compensativo di pari durata da fruire, per giornate intere, nel mese
in cui le prestazioni straordinarie sono state effettuate. In ogni caso di
mancata fruizione del riposo in detto mese è corrisposto il compenso per
lavoro straordinario di cui all'art. 120.
7. Il personale che fornisca prestazioni eccedenti il normale orario
giornaliero di lavoro nell'arco di tempo compreso tra le ore 0.00 e le ore
6.00 di una giornata lavorativa ha titolo ad un riposo di pari durata, da
fruire di norma all'inizio della prestazione lavorativa di detta giornata.
Nota
1. Il limite annuale alle prestazioni straordinarie è fissato in 400 ore
per le seguenti aree di lavoro:
1) Servizio E.S.I.: Divisioni CED1, Supporto allo Sviluppo Applicativo,
Impianti Tecnologici e Sistemi
di Sicurezza, Sviluppo Applicazioni,
Supporto Utenti, Supporto Sistemistico, Telecomunicazioni, addetti ad
impianti analoghi a quelli del Posto di Controllo Centralizzato;
2) Servizio I.S.C.: Divisione Sviluppo Applicazioni;
3) Servizi E.S.I. e I.S.C.: personale della carriera se.ge.si. addetto al
posto di presidio del passaggio tra gli ambienti del Servizio E.S.I. e del
Servizio I.S.C.;
4)
Servizio
Segretariato:
addetti
al
posto
di
controllo
dell'Amministrazione Centrale;
5) Servizio Studi: personale della Divisione Sviluppo Applicazioni ed
Elaborazioni Economiche che si occupa della gestione del Centro Elaborativo
Dipartimentale e dell'assistenza di primo livello agli utenti: personale
della carriera se.ge.si. ed operaia addetto alla Biblioteca.
2. La previsione di cui al 2° comma trova applicazione nei confronti del
personale della Segreteria Particolare addetto alle seguenti aree di
lavoro: Stampa Italiana, Segreteria dei membri del Direttorio, personale
dei servizi generali e di sicurezza.
3. Il limite annuale alle prestazioni straordinarie è fissato in 600 ore
per le seguenti aree di lavoro:
- movimento fondi;
- autorimesse, conduzione autovetture, portinerie e telex;
- sorveglianza ditte esterne;
- centrali termiche, elettriche e interventi su time-lock (Servizio
Attività Immobiliari); centrale telefonica dell'Amministrazione Centrale;
- Stanza di
Compensazione di Milano,
limitatamente al periodo di
liquidazione titoli; interventi su impianti telefonici (S.E.S.I.);
- protocollo e spedizione della corrispondenza (Divisione Trattamento e
Gestione Documentazione del Servizio Segretariato).
4. In presenza di sopravvenute ed indilazionabili esigenze operative i
limiti annuali di cui al 1° ed al 3° comma possono essere elevati, d'intesa
fra l'Amministrazione e le Organizzazioni Sindacali, nei confronti del
personale addetto alle unità operative presso le quali si sono manifestate
le anzidette esigenze.
5. In favore delle lavoratrici - e, in caso di documentata condizione di
impossibilità del coniuge, dei lavoratori - con figli in età prescolare è
introdotto,
in
via
sperimentale,
l'istituto
del
recupero dello
straordinario effettuato, nel limite di 30 ore annue, mediante permessi di
1 o 2 ore (1 ora in caso di semifestività) da fruire, compatibilmente con
le esigenze di servizio, al termine della prestazione lavorativa.
ALLEGATO ALLA SEZIONE I DEL TITOLO XV
A
- TRATTAMENTO ECONOMICO
A. 1 - Tabella 2003
Livello stipendiale (L.S.) (ai sensi dell'art. 113)
CARRIERA OPERATIVA
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo annuo lordo
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------.35.274,30
Coadiutore principale e gradi corrisp.
Coadiutore
"
.31.336,39
Assistente superiore
"
.30.376,47
Assistente
"
.25.516,64
.23.316,68
Vice assistente
"
-------------------------------------------------------------------------CARRIERA SE.GE.SI.
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo annuo lordo
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------Primo capo operatore
.27.406,33
Operatore capo
.25.034,56
Primo operatore
.22.970,83
Operatore
.22.544,83
-------------------------------------------------------------------------CARRIERA OPERAIA
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo annuo lordo
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------Capo officina
Capo reparto
Operaio di 1a
Operaio di la
Operaio di 2a
Operaio di 3a
cat. super
cat.
cat.
cat.
.34.614,80
.31.042,35
.29.758,84
.26.844,70
.25.402,79
.23.338,06
-------------------------------------------------------------------------A.2 Tabella 2003
Assegno individuale di grado (A.I.G.) - Importi utili per la determinazione
dell'assegno medesimo (1) (ai sensi degli artt. 113 e 114)
CARRIERA OPERATIVA
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo lordo per anno (2)
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------. 890,56 (per 10 anni)
Coadiutore principale e gradi corrisp.
. 619,21 (oltre il 10° anno)
Coadiutore
"
. 890,56 (per 10 anni)
. 619,21 (oltre il 10° anno)
. 872,26 (per 12 anni)
Assistente superiore
"
. 605,37 (oltre il 12° anno)
Assistente
"
. 872,26 (per 14 anni)
. 381,63 (oltre il l4°anno)
Vice assistente
"
. 381,63
-------------------------------------------------------------------------CARRIERA SE.GE.SI.
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo lordo per anno (2)
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------Primo capo operatore
. 653,39 (per 10 anni)
. 471,52 (oltre il 10° anno)
. 576,09 (per 12 anni)
Operatore capo
. 471,52 (oltre il 12° anno)
Primo operatore
. 471,52 (per 10 anni)
. 443,47 (oltre il 10° anno)
. 381,63
Operatore
-------------------------------------------------------------------------CARRIERA OPERAIA
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo lordo per anno (2)
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------Capo officina
.
824,25 (per 10 anni)
.
619,21 (oltre il 10° anno)
Capo reparto
.
666,60 (per 10 anni)
.
605,37 (oltre il 10° anno)
Operaio di 1a cat. super
.
653,39 (per 12 anni)
.
514,85 (oltre il 12° anno)
Operaio di 1a cat.
.
653,39 (per 10 anni)
.
514,85 (oltre il 10° anno)
.
443,47 (per 10 anni)
Operaio di 2a cat.
.
381,63 (oltre il 10°anno)
Operaio di 3a cat.
.
381,63
-------------------------------------------------------------------------(1) L'assegno individuale di grado di ciascun dipendente viene calcolato
secondo i criteri definiti negli artt. 113 e 114.
(2) Per ogni giorno di servizio così come definito nell'art. 114 spetta
1/365 dell'importo lordo per anno.
A.3 Tabella 2003
Assegno individuale
di servizio (A.I.S.)
- Importi
utili per la
determinazione dell'assegno medesimo (1) (ai sensi degli artt. 113 e 114)
CARRIERA OPERATIVA
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo lordo per anno (2)
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------Coadiutore principale e gradi corrisp.
. 619,21
Coadiutore
. 619,21
Assistente superiore
. 605,37
Assistente
. 381,63
Vice assistente
. 381,63
-------------------------------------------------------------------------CARRIERA SE.GE.SI.
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo lordo per anno (2)
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------Primo capo operatore
. 471,52
Operatore capo
. 471,52
Primo operatore
. 443,47
Operatore
. 381,63
-------------------------------------------------------------------------CARRIERA OPERAIA
-------------------------------------------------------------------------GRADO
Importo lordo per anno (2)
- dec. 1/1/2004 -------------------------------------------------------------------------. 619,21
Capo officina
Capo reparto
. 605,37
Operaio di 1a cat. super
. 514,85
. 514,85
Operaio di 1a cat.
Operaio di 2a cat.
. 381,63
Operaio di 3a cat.
. 381,63
-------------------------------------------------------------------------(1) L'assegno individuale di servizio di ciascun dipendente viene calcolato
secondo i criteri definiti negli artt. 113 e 114.
(2) Per ogni giorno di servizio così come definito nell'art. 114 spetta
1/365 dell'importo lordo per anno.
Tabella A.4 - Indennità di residenza (ai sensi dell'art. 116 – decorrenza
1.1.2004)
Indennità di
percentuale):
residenza
di
cui
alla
lett.
a)
dell'art.
116
(parte
è pari al 6,4% dello stipendio annuo lordo.
Indennità di residenza di cui
conviventi"):
alla lett. b) dell'art. 116 ("parte fissa -
spetta nelle misure di seguito indicate:
-------------------------------------------------------------------------residenza di lavoro
residenza di lavoro
in Comuni fino a
in Comuni con oltre
300.000 abitanti
300.000 abitanti
-------------------------------------------------------------------------dipendenti con oltre 3
figli conviventi di età
non superiore a 21 anni
o assolutamente e
1.478,04
1.539,12
permanentemente inabili
dipendenti con 3 figli
conviventi di età non
superiore a 21 anni o
assolutamente e
permanentemente inabili
1.106,04
1.153,08
dipendenti con 2 figli
conviventi di età non
superiore a 21 anni o
assolutamente e
permanentemente inabili
732,24
762,72
dipendenti con 1 figlio
convivente di età non
superiore a 21 anni o
assolutamente e
ermanentemente inabile
362,52
376,92
-------------------------------------------------------------------------La maggiorazione della "parte fissa - conviventi" per l'ipotesi in cui il
dipendente abbia il coniuge convivente e a carico è pari a:
406,80
annui lordi
per residenze di lavoro
abitanti;
in Comuni fino a 300.000
422,28
annui lordi
per residenze di lavoro in Comuni con oltre 300.000
abitanti.
Tabella A.5 – Soppressa.
Tabella A.5 bis – Indennità di rischio da corrispondere agli appartenenti al
ruolo di cassa alla data del 31 dicembre 2002 (ai sensi della norma transitoria
in calce all’art. 123)
- dec. 1/1/2004 –
importo annuo lordo
Coadiutore principale, coadiutore,
Assistente superiore, Assistente,
Vice Assistente
2.396,88
Tabella A.6 - Indennità di autista (ai sensi dell'art. 126 – importi annui
lordi -)
- dec. 1/1/2004 –
misura normale
misura maggiorata
548,52
709,56
Tabella A.7 - Speciali compensi (ai sensi dell'art. 131)
- dec. 1/1/2004 –
a) Compenso per la sostituzione del Titolare dell'ufficio
(imp. giorn. lordo)
8,66027
b) Compenso per mansioni di custode. (imp. giorn. lordo)
misura normale
misura per la domenica
misura festiva
8,87204
12,07087
37,53886
c) Compenso per la sostituzione notturna del custode.
(imp. giorn. lordo)
20,04007
d) Compenso per gli addetti al Servizio Segreteria Particolare.
(imp. giorn. lordo)
e)
Coadiutore principale, Coadiutore,
Assistente Superiore e Assistente
3,89547
Restante personale
2,74746
Compenso per prestazioni in caveau o in sacristia.
(imp. giorn. lordo)
Misura normale
Misura maggiorata (sacristia - almeno 3 ore)
Misura maggiorata (sacristia - oltre 6 ore)
f)
Compenso per bozzettisti
(imp. giorn. lordo)
ed incisori addetti al Servizio F.C.V.
Misura normale (decorrenza 1.1.1996)
Misura ridotta (guilloche meccanica)
g)
h)
2,32948
3,22672
3,77844
Compenso per gli addetti ai comprensori del Servizio F.C.V.
(imp. giorn. lordo)
14,32231
4,96546
6,15247
Compenso per maggiore produzione presso il Servizio F.C.V.
(imp. giorn. lordo)
Capo officina e Capo reparto
I Fascia
II Fascia
III Fascia
18,33478
14,80157
7,40638
Coadiutore principale,
Coadiutore, Assistente superiore,
Assistente e gradi rispettivamente
corrispondenti, Operaio di 1a cat. super,
Operaio di 1a cat. e Operaio di 2a cat.
16,83567
13,63127
6,82679
I Fascia
II Fascia
III Fascia
Vice assistente e gradi corrispondenti
e Operaio di 3a cat.
I Fascia
Il Fascia
III Fascia
i)
13,16314
10,63864
5,32213
Compenso per l'addetto al sottosistema periferico.
(imp. giorn. lordo)
5,33327
l) Compenso per gli addetti alla Stanza di Compensazione.
(imp. giorn. lordo)
I livello
- Responsabile del settore
"Stanza di compensazione"
nell'ambito della Divisione di cassa
- Responsabile del settore "Cassa"
nell'ambito della Divisione
amministrativa "Stanza di Compensazione"
II livello
- Eventuale delegato alla gestione
dei titoli nell'ambito della
Divisione di Cassa
8,19214
3,70042
III livello
-Coadiutore principale, Coadiutore,
Assistente superiore, Assistente e
gradi rispettivamente corrispondenti
addetti alle "Stanze"
2,94807
IV livello
Restante personale della carriera
operativa addetto alle "Stanze"
2,74746
m) Compenso per sfalsamento dell'orario di lavoro.
Importo giornaliero lordo
- decorrenza 1.7.2002 Sfalsamento di un'ora
Dalle 8.00 alle 9.00
Dalle 8.00 alle 7.00
18%
di 1/360 dello stipendio annuo lordo
29,7% di 1/360 dello stipendio annuo lordo
Sfalsamento di 1/2 ora
Dalle 8.00 alle 8.30
Dalle 8.00 alle 7.30
9%
15%
Sfalsamento di 1/4 ora
Dalle 8.00 alle 8.15
Dalle 8.00 alle 7.45
di 1/360 dello stipendio annuo lordo
di 1/360 dello stipendio annuo lordo
4,5%
7,5%
di 1/360 dello stipendio annuo lordo
di 1/360 dello stipendio annuo lordo
n) Compenso per turno.
Importo giornaliero lordo
Decorrenza 1.7.2002
Turni articolati su 5 giorni
lavorativi
dal lunedì al venerdì
36% di 1/360 dello stipendio annuo lordo
Turni articolati su 24 ore per 7 giorni
per 7 giorni alla settimana:
alla settimana:
1)
2)
3)
4)
dal lunedì al venerdì
sabato
domenica e semifestività
festività infrasettimanali
49,5%
54%
58,5%
85,5%
di
di
di
di
1/360
1/360
1/360
1/360
dello
dello
dello
dello
stipendio
stipendio
stipendio
stipendio
annuo
annuo
annuo
annuo
lordo
lordo
lordo
lordo
Le misure di cui ai punti 2), 3) e 4) spettano per le prestazioni relative
a turni interamente o prevalentemente cadenti nelle giornate di rispettivo
riferimento.
o) Compenso per reperibilità.
Importo giornaliero lordo
Decorrenza 1.7.2002
Giorni lavorativi
Giorni feriali non lavorativi
Giorni di riposo settimanale
e festivi
p) Compenso per il turno notturno
S.E.S.I.. (imp. giorn. lordo)
36%
63%
di 1/360 dello stipendio annuo lordo
di 1/360 dello stipendio annuo lordo
76,5% di 1/360 dello stipendio annuo lordo
per la
gestione degli elaboratori del
23,99121
q) Compenso per gli addetti al cantiere di Vermicino.
Soppresso.
r) Compenso per attività di cassa. (imp. giorn. lordo)
Tabella A.8 - Premio di laurea (ai sensi dell'art. 132).
Importo annuo lordo
Decorrenza 1.1.2002
279,71
9,97185
Tabella A.9 Indennità di bilinguismo (ai sensi dell'art. 125) - decorrenza 1. 1.2002
Importi annui lordi in euro
Coadiutore principale, Coadiutore e gradi corrispondenti
Attestato di conoscenza delle lingue riferito al diploma di laurea
2.520,00
Assistente superiore, Assistente gradi corrispondenti
Attestato di conoscenza delle lingue
riferito almeno al diploma di istituto di
istruzione secondaria di secondo grado
2.100,00
Vice Assistente e gradi corrispondenti; personale appartenente
alla carriera dei servizì generali e di sicurezza
Attestato di conoscenza delle lingue riferito
almeno al diploma di istituto di istruzione
secondaria di primo grado
1.680,00
Per i dipendenti in possesso dell'attestato di conoscenza delle lingue riferito alla licenza di scuola
elementare, l'importo annuo lordo - con decorrenza 1. 1.2002 - è pari a euro 1.512,00.
ALLEGATO ALLA SEZIONE II DEL TITOLO XV
B - TRATTAMENTO SPETTANTE AL PERSONALE INVIATO IN MISSIONE
Tabella B.1 - Diarie in territorio nazionale (ai sensi dell'art. 138)
--------------------------------------------------------------------------GRADI
Importi lordi
decorrenza 1.1.2004
(Comuni fino a 200.000 ab.)
--------------------------------------------------------------------------In
In
In
misura
misura
misura
intera
di 2/3
di 1/3
--------------------------------------------------------------------------Coadiutore principale,
Coadiutore, Assistente
superiore, Assistente
e gradi rispettivamente
corrispondenti, Primo capo
operatore, Operatore capo,
Capo officina, Caporeparto,
Operaio di la cat. super,
Operaio di la cat.
167,04
111,36
55,68
Restante personale delle
carriere operativa, servizi
generali e di sicurezza ed
132,18
88,12
44,06
operaia
--------------------------------------------------------------------------GRADI
Importi lordi
decorrenza 1.1.2004
(Comuni con oltre 200.000 ab.)
--------------------------------------------------------------------------In
In
In
misura
misura
misura
intera
di 2/3
di 1/3
-------------------------------------------------------------------------Coadiutore principale,
Coadiutore, Assistente
superiore, Assistente
e gradi rispettivamente
corrispondenti, Primo capo
operatore, Operatore capo,
Capo officina, Caporeparto,
Operaio di la cat. super,
Operaio di la cat.
177,79
118,53
59,27
Restante personale delle
carriere operativa, servizi
generali e di sicurezza ed
140,60
93,74
46,87
operaia
--------------------------------------------------------------------------
Per i dipendenti di cui al 3° comma dell'art.
maggiorata di
11,00 (decorrenza 1.1.2004).
138, ciascuna
diaria è
Tabella B.2 - Diarie all'estero (ai sensi dell'art. 138)
-------------------------------------------------------------------------PAESI
Valuta (1)
Importi netti per
valuta per gruppi
di gradi (2)
decorrenza 1.1.2004
-------------------------------------------------------------------------I
II
1. New York, OPEC del M.O.
Doll. USA
322
294
2. Svizzera, Liechtenstein
Fr. Sv.
337
307
3. Germania
Euro
198,79
180,53
4. Giappone
Yen
37.111
33.832
5. Austria
Euro
171,39
156,32
6. Belgio, Lussemburgo
Euro
173,79
158,46
7. Olanda
Euro
154,35
140,32
8. Francia
Euro
226,64
205,84
9. Regno Unito
Sterline
151
138
10. Irlanda
Euro
189,08
174,55
11. Portogallo
Euro
253,55
223,32
12. Spagna
Euro
171,38
156,26
13. USA, Resto Europa,
Centro-Sud America, Asia,
Africa, Australia, Nuova
Doll. USA
285
262
Zelanda
14. Canada
Doll. can.
266
241
-------------------------------------------------------------------------(1)
Per esigenze tecnico-operative
la corresponsione degli acconti
relativi
alle valute
sotto elencate
dovrà essere
effettuata con
arrotondamento per difetto al taglio indicato a fianco di ciascuna valuta:
-------------------------------------------------------------------------- Dollari USA
taglio da
5
- Dollari canadesi, Sterline
e Franchi svizzeri
" "
10
- Marchi
" "
20
- Scellini, Fiorini olandesi
e Franchi francesi
" "
50
- Escudos, Pesetas e
Franchi belgi
" "
100
- Yen
" "
1.000
-------------------------------------------------------------------------(2)1 gruppi di gradi sono quelli di seguito indicati:
I - Coadiutore principale, Coadiutore, Assistente superiore, Assistente e
gradi rispettivamente corrispondenti, Primo capo operatore, Operatore capo,
Capo officina, Capo reparto, Operaio di la cat. super, Operaio di 1a cat..
II - Restante personale delle carriere operativa, dei servizi generali e di
sicurezza ed operaia.
Tabella B.3 - Contributo di viaggio in territorio nazionale (ai sensi
dell'art. 139)
-------------------------------------------------------------------------GRADI
Importi lordi
in misura intera
dec. 1.1.2004
Coadiutore principale, Coadiutore,
Assistente superiore, Assistente
e gradi rispettivamente corrispondenti,
Primo capo operatore, Operatore capo,
apo officina, Capo reparto, Operaio
194,34
di 1a cat. super, Operaio di la cat.
Restante personale delle carriere
operativa, servizi generali e di
sicurezza ed operaia
152,22
Tabella B.4 - Contributo di viaggio all'estero (ai sensi dell'art. 139)
-------------------------------------------------------------------------PAESI
Valuta (1)
Importi netti per
valuta per gruppi
di gradi (2)
decorrenza 1.1.2003
-------------------------------------------------------------------------I
II
1. New York, OPEC del M.O.
2. Svizzera, Liechtenstein
3. Germania
4. Giappone
5. Austria
6. Belgio, Lussemburgo
7. Olanda
8. Francia
9. Regno Unito
10. Irlanda
11. Portogallo
12. Spagna
13. USA, Resto Europa,
Centro-Sud America, Asia,
Africa, Australia, Nuova
Zelanda
14. Canada
Doll. USA
Fr. Sv.
Euro
Yen
Euro
Euro
Euro
Euro
Sterline
Euro
Euro
Euro
322
337
198,79
37.111
171,39
173,79
154,35
226,64
151
189,08
253,55
171,38
294
307
180,53
33.832
156,32
158,46
140,32
205,84
138
174,55
223,32
156,26
Doll. USA
285
262
Doll. can.
266
241
-------------------------------------------------------------------------(1) Per esigenze tecnico-operative la corresponsione degli acconti relativi
alle valute sotto elencate dovrà essere effettuata con arrotondamento per
difetto al taglio indicato a fianco di ciascuna valuta:
-------------------------------------------------------------------------- Dollari USA
taglio da
5
- Dollari canadesi, Sterline
e Franchi svizzeri
" "
10
- Marchi
" "
20
- Scellini, Fiorini olandesi
e Franchi francesi
" "
50
- Escudos, Pesetas e
Franchi belgi
" "
100
- Yen
" "
1.000
-------------------------------------------------------------------------(2) I gruppi di gradi sono quelli di seguito indicati:
I - Coadiutore principale, Coadiutore, Assistente superiore, Assistente e
gradi rispettivamente corrispondenti, Primo capo operatore, Operatore capo,
Capo officina, Capo reparto, Operaio di 1a cat. super, Operaio di 1a cat..
II - Restante personale delle carriere operativa, dei servizi generali e di
sicurezza ed operaia.
Tabella B.5 - Rimborso delle spese di viaggio (ai sensi dell'art. 140)
L'indennità per chilometro spettante è annualmente determinata in un
importo convenzionale pari a 1/4 del prezzo della benzina super praticato
al 1° gennaio di ciascun anno.
Il massimale per il rimborso delle spese di rimessaggio del mezzo proprio
7,75
nei casi di cui al punto b) del comma 7.4 dell'art. 140 è pari a
giornaliere.
Tabella B.6 - Rimborso delle spese di alloggio (ai sensi dell'art. 141)
I limiti giornalieri al rimborso delle spese di alloggio sono i seguenti.
I - Missioni in territorio nazionale (decorrenza 1.1.2004):
119,69
(I.V.A. inclusa). Tale massimale è maggiorato del 15% per le missioni
presso le città di Milano, Napoli, Roma, Torino e Venezia.
II - missioni all'estero:
tasse incluse.
100% della
diaria estera netta corrispondente,
Tabella B.7 - Diaria per movimento fondi (ai sensi dell'art. 149)
--------------------------------------------------------------------------GRADI
Importi giornalieri lordi in euro
decorrenza 1.7.2002
--------------------------------------------------------------------------misura
misura
intera
del 50%
--------------------------------------------------------------------------Capo scorta:
35,00
17,50
Componenti la scorta (1):
25,00
12,50
--------------------------------------------------------------------------(1) Per gli autisti alla guida di autoarticolati e autocarri a tre assi
l'indennità è maggiorata di euro 7 giornalieri lordi.
Tabella B.8 - Acconti
Il personale inviato in missione può chiedere l'anticipo di un importo non
superiore:
a)
al presumibile ammontare delle spese di viaggio e/o dell'indennità
chilometrica di cui all'art. 140 e alla Tabella B.5;
b)
al 65% degli importi delle diarie prevedibilmente spettanti per le
missioni in territorio nazionale ovvero al 100% delle diarie in valuta di
cui alla Tabella B.2 per le missioni all'estero;
c) al 60% dell'importo spettante a titolo di contributo di viaggio.
Fermo restando quanto sopra, il personale che abbia optato per il sistema
di cui all'art. 141 può chiedere l'anticipo di un importo pari al 75% dei
massimali di rimborso delle spese di alloggio indicati nella Tabella B.6.
ALLEGATO ALLA SEZIONE III DEL TITOLO XV
C - TRATTAMENTO SPETTANTE AL PERSONALE TRASFERITO
Tabella C.1 - Trasporto del bagagliaio (ai sensi dell'art. 159)
Il rimborso delle spese per l'eventuale assicurazione del
516,46 di valore dichiarato.
ammessa fino alla concorrenza di
Tabella
153)
C.2 -
Rimborso delle spese
per un
bagaglio è
congiunto (ai sensi dell'art.
Il limite giornaliero per il rimborso delle spese di vitto presso esercizi
di ristorazione è pari a
51,65 giornaliere (I.V.A. inclusa).
Tabella C.3 - Indennità di prima sistemazione (ai sensi dell'art. 154)decorrenza 1.7.2002
Prima quota: 9% dello stipendio annuo lordo
congiunti) più una somma di euro 1.032,91.
(12% ai dipendenti con
Seconda quota: 6% dello stipendio annuo lordo (12% in caso di effettivo
trasferimento
dei congiunti
nella
nuova residenza
con definitiva
sistemazione abitativa).
Terza quota: 12% dello stipendio annuo lordo (18% se il trasferimento è
stato disposto per la Sicilia o la Sardegna ovvero ha comportato uno
spostamento superiore agli 800 Km.).
Importo spettante in caso di cambio, occupazione o rilascio dell'alloggio
di servizio:
12% dello stipendio annuo lordo (15% per i dipendenti con congiunti)
più una somma di euro 1.032,91.
Tabella C.4 - Contributo sul canone di affitto (ai sensi dell'art. 155)
Importo mensile lordo
Misura base
Decorrenza 1.1.1996
Alloggi di proprietà di terzi
309,87
Alloggi di proprietà della Banca
o di società immobiliare da essa
controllata
237,57
Le predette misure sono aumentate del 20% per gli alloggi ubicati nelle
seguenti città: Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma,
Torino, Venezia.
A far tempo dall' 1.1.1996 il contributo sul canone d'affitto - sia nella
misura base che nella misura aumentata del 20% - è maggiorato del 10% nei
casi in cui il nucleo familiare a carico (coniuge, figli ed altri
familiari) del dipendente
sia composto almeno
di 4 persone oltre
l'interessato.
Le nuove
misure del contributo
spettano, fino
al compimento del
quinquennio, anche al personale per il quale sia in corso il pagamento o
risulti acquisito il diritto al contributo alla predetta data dell'
1.1.1996.
Tabella C.5 - Acconti
Il personale
superiore:
trasferito
può
chiedere
l'anticipo
di
un
importo
non
a) all'ammontare delle spese di viaggio;
b)
al 50% dei massimali
fissati dall'Amministrazione ai fini del
riconoscimento del rimborso delle spese di trasloco delle masserizie, salvo
un ulteriore acconto fino a concorrenza degli importi fatturati;
c)
al 60% degli importi presumibilmente spettanti a titolo di diaria e di
contributo di trasferimento;
d) all'importo della somma in cifra fissa prevista nell'ambito della prima
quota dell'indennità di prima sistemazione:
e) al 75% dei massimali di rimborso delle spese alberghiere indicati nella
Tabella B.6, nell'ipotesi di opzione di cui all'art. 141;
f) all'ammontare delle spese sostenute ai sensi dell'art. 153;
g) al 60% dell'importo spettante a titolo di contributo di viaggio.
Allegato A
Disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale
A] PART - TIME ORIZZONTALE (ORARIO DI LAVORO RIDOTTO DAL LUNEDI' AL
VENERDI')
1) Ambito territoriale di applicazione
1. Il part-time orizzontale - di seguito part-time - trova applicazione presso
l'Amministrazione Centrale e le Filiali per le posizioni di lavoro individuate
dall'Amministrazione sulla base di una valutazione di compatibilità con le
esigenze organizzative, produttive e tecniche.
2) Ambito soggettivo di applicazione
1. Può richiedere il part - time il personale delle carriere operativa, dei
servizi generali e di sicurezza ed operaia che abbia almeno un anno di servizio
effettivo, con le seguenti esclusioni:
- attività di sportello;
- attività da svolgere su turni o in regime di continuità delle lavorazioni;
- servizio di sorveglianza e custodia.
3) Limiti numerici
1. Il numero massimo di posizioni annualmente ammesse al part-time è pari:
a) per l'Amministrazione Centrale, al 7% del numero complessivo degli elementi
ivi addetti;
b) per le Filiali, ad una unità fino a 40 addetti con incremento di una
posizione ogni 20 addetti (o frazione pari ad almeno 10) oltre i primi 40.
2. I limiti numerici sopra indicati sono calcolati includendo nella base di
computo anche il personale della carriera direttiva.
3. Presso ciascuna Filiale, le posizioni part-time non coperte sono assegnate,
compatibilmente con le esigenze di servizio, a elementi che ne facciano
richiesta, indipendentemente dal grado, dal ruolo e dalla carriera di
appartenenza.
4. In presenza di motivate situazioni personali o familiari e valutate le
condizioni di organico, l'Amministrazione si riserva di derogare ai limiti
numerici previsti per ciascuna Filiale nella misura di un'ulteriore posizione,
nelle unità fino a 60 addetti, e di due posizioni, in quelle con oltre 60
addetti.
4) Procedura e condizioni per I' accoglimento delle richieste
l. L'Amministrazione comunica annualmente al personale ed alle Organizzazioni
Sindacali i posti disponibili a part-time, suddivisi per singola Filiale e per
raggruppamenti di Servizi, secondo un criterio che considera anche l'omogeneità
nella dislocazione logistica degli stessi, precisando per ciascuna posizione di
lavoro gli orari previsti nonché eventuali ulteriori elementi identificativi.
2. L'Amministrazione si riserva di accogliere le domande di passaggio in
part-time presentate dai dipendenti riconosciuti idonei ad un proficuo utilizzo
nella nuova posizione, nell'ambito della medesima residenza di lavoro.
3. Ai fini della compilazione della graduatoria dei dipendenti riconoscìuti
idonei:
- è data priorità alle domande del personale portatore di handicap che si trovi
nelle condizionì previste dall'art. 3, 3° comma, ovvero dall'art. 21, 1° comma,
della L. 104/92 e, in via subordinata, alle domande del personale già addetto
alle aree di lavoro interessate dal part-time; in presenza di pluralità di
domande con il medesimo titolo di priorità trovano applicazione i criteri di
preferenza appresso specificati;
- per le altre domande costituisce titolo di preferenza, nell'ordine:
a) l'esistenza di figli portatori di handicap;
b) l'esistenza di figli in età prescolare;
c) l'esistenza di familiari conviventi bisognosi di assistenza;
d) l'esistenza di figli che frequentino la scuola primaria;
e) l'appartenenza del dipendente alle categorie contemplate dalla legge n. 68
del 1999;
f) la frequenza di regolari corsi di studio da parte del dipendente.
4. In caso di pluralità di domande con il medesimo titolo di preferenza, viene
data precedenza, nell'ambito delle fattispecie di cui alle lettere da a) a d),
ai dipendenti con maggior numero di familiari nelle condizioni previste.
5.
A
parità
delle
altre
condizioni,
trova
applicazione
il
criterio
dell'anzianità di servizio.
6. Fino al 31.12.2002 i dipendenti del ruolo di cassa addetti alle unità presso
le quali sono individuate posizioni part-time nel ruolo amministrativo possono
presentare domanda di passaggio per tali posizioni, fermo restando che le
domande stesse saranno prese in considerazione per le posizioni non coperte dal
personale del ruolo amministrativo e sulla base di una valutazione di
compatibilità con le esigenze di servizio. Per il periodo trascorso in part-time
il dipendente conserva il diritto a percepire l'indennità di rischio.
7. Conclusa la procedura di assegnazione, l'Amministrazione comunica alle
Organizzazioni Sindacali il numero dei posti coperti e quello delle domande che
non hanno potuto trovare accoglimento.
8. La decorrenza dei provvedimenti di passaggio dall'orario a tempo pieno
all'orario a part-time è fissata al mese di settembre di ciascun anno.
9. Il suddetto passaggio ed il relativo rientro hanno luogo inderogabilmente il
primo giorno del mese.
5) Durata dei rapporto part-time
1. La durata del rapporto part-time è fissata, a scelta del dipendente, in uno, due o tre anni.
2. Il dipendente può chiedere di rinnovare il periodo di part-time solo per anni interi. In tal caso
trovano comunque applicazione le disposizioni previste dal precedente punto 4.
3. Il rientro anticipato a tempo pieno, su richiesta del dipendente, può avvenire non prima di un
anno di permanenza in regime di part-time; compatibilmente con le esigenze di servizio, il rientro a
tempo pieno può aver luogo, sempre su richiesta del dìpendente, anche prima di un anno.
4. La cessazione della prestazione a part-time si determina automaticamente nel caso di passaggio
ad una posizione non compatibile con l'istituto in questione.
5. Il dipendente a part-time trasferito a domanda può continuare a conservare tale posizione solo nel
caso in cui nell'unità di destinazione esistano posizioni a part-time scoperte.
6. Il rientro a tempo pieno può determinare l'utilizzo del dipendente in altra unità produttiva
nell'ambito della residenza di lavoro.
7. In nessun caso è consentito il passaggio diretto dal regime di part-time orizzontale a quello
verticale e viceversa.
6) Istituti normativi
I - Orario di lavoro
1. L'orario settimanale di lavoro del personale in part-time è di 24 ore ovvero
di 28 ore antimeridiane o pomeridiane ed è distribuito su 5 giorni - di norma
dal
lunedì
al
venerdì
secondo
modalità
stabilite
dalla
Banca.
L'Amministrazione si riserva di valutare, in base alle esigenze di servizio,
eventuali richieste per un orario settimanale di 20 ore.
2. La prestazione giornaliera consiste in un turno continuativo di lavoro - con
una flessibilità di 10 minuti dell'orario di ingresso - non superiore alle 5 ore
e 40 minuti nell'arco 7.00-20.00. Nelle Filiali detto turno è di norma
antimeridíano, con inizio tra le ore 8.00 e le ore 8.20; la flessibilità
dell'orario di ingresso si applica ai dipendenti addetti a comparti di lavoro
per i quali è prevista la flessibilità stessa, secondo le condizioni
normativamente previste. Per il personale, in part-time addetto alle unità
ubicate presso il Centro Donato Menichella la flessibilità in ingresso è di 30
minuti.
3.
Nelle
giornate
semifestive
l'orario
part-time
viene
ridotto
proporzionalmente.
II - Prestazioni supplementari
1. Sono supplementari le prestazioni lavorative svolte oltre l'orario
giornaliero di lavoro a tempo parziale ed entro il limite dell'orario
giornaliero a tempo pieno.
2. L'Amministrazione può chiedere lo svolgimento di prestazioni supplementari
esclusivamente in relazione alle seguenti causali:
a. rispetto di scadenze operative inderogabili;
b. collaborazione a gruppi di studio e di lavoro;
c. addestramento e formazione.
3. Lo svolgimento di prestazioni supplementari richiede in ogni caso il consenso
dei dipendente interessato.
4. Lo svolgimento di prestazioni supplementari avviene nel rispetto dei seguenti
limiti:
a) giornaliero: fino al compimento del normale orario a tempo pieno (7 ore e 30
minuti);
b) annuo (con riferimento all'anno del part-time): 90 ore.
5. Per le prestazioni supplementari rese nell'ambito dei suindicati limiti annui
e giornalieri è riconosciuta la normale retribuzione oraria con riferimento alla
posizione organico - retributiva dell'interessato.
6. L'Amministrazione, solo in casi eccezionali, può chiedere al dipendente in
part-time prestazioni lavorative supplementari oltre il limite annuo di cui al
4° comma. Per tali prestazioni supplementari è riconosciuta la normale
retribuzione oraria maggiorata del 50% con riferimento alla posizione organico retributiva dell'interessato.
7. Per le prestazioni rese in via del tutto eccezionale - e fermo restando il
consenso del dipendente - in un giorno lavorativo oltre la durata dell'orario di
lavoro a tempo pieno (7 ore e 30 minuti), nelle giornate di sabato e in quelle
festive infrasettimanalì, viene corrisposto il compenso per lavoro straordinario
nella stessa misura prevista per il personale a tempo pieno. Lo svolgimento di
tali prestazioni non concorre alla formazione del limite annuo di cui al
precedente comma 4, lett. b) (90 ore).
III - Riposi settimanali, festività, congedi e permessi
1. Trovano applicazione, in quanto compatibili, le vigenti previsioni
regolamentari per il personale in servizio a tempo pieno, avendo presente che:
ai fini della determinazione del massimale annuo di congedo ordinario
ovvero del periodo di aspettativa per motivi di salute a retribuzione intera, il
periodo di servizio in part-time è computato per intero;
il congedo straordinario per giustificati motivi personali o familiari
trova eccezionalmente applicazione nei confronti dei dipendenti in part-time
solo quando circostanze obiettive non consentano ai dipendenti di utilizzare la
restante parte della giornata;
la fruizione dei permessi previsti dalla vigente disciplina regolamentare
è consentita nel limite massimo del 60% della durata della prestazione
giornaliera, fermo restando che deve comunque essere assicurata una presenza
minima giomaliera di 2 ore;
i dipendenti in part-time che frequentano corsi di studio hanno titolo al ricorrere delle condizioni stabilìte dalla normativa regolamentare vigente soltanto ai congedi straordinari previsti per le giornate in cui devono
sostenere prove d'esame e per il tempo di viaggio.
IV - Validità dei periodi part-time
l. Salvo il disposto di specifiche previsioni, i periodi dì servizio in
part-time si computano applicando agli stessi il coefficiente di riduzione dato
dal rapporto tra la durata dell'orario settimanale di lavoro a tempo parziale e
la durata dell'orario settimanale di lavoro a tempo pieno.
2. I periodi di servizio in part-time sono equiparati al rapporto di lavoro a
tempo pieno per la determinazione del numero di giorni rilevanti ai fini
dell'assegno individuale di grado e dell'assegno individuale di servizio.
V - Addestramento e formazione, valutazione, promozioni - Passaggi di
ruolo e concorsi interni
1. Nei confronti del personale a part-time trovano applicazione, in quanto
compatibili, le previsioni vigenti in tema di addestramento e formazione,
valutazione, procedure di promozione e concorsi interni.
2. Ai fini dell'ammissione alle procedure di avanzamento, i periodi di servizio
in part-time si calcolano come periodi di servizio a tempo pieno; ai fini
dell'attribuzione del punteggio correlato all'anzianità, il servizio in
part-time è computato proporzionalmente, applicando ai periodi in part-time il
coefficiente di riduzione di cui al precedente paragrafo IV.
VI - Altri istituti normativi
1. Trovano applicazione le norme vigenti per il personale a tempo pieno in
tema di:
-
obblighi, divieti, incompatibilità e responsabilità civile;
utilizzo;
trasferimenti;
collocamento a disposizione e in disponibilità;
mancanze e sanzioni disciplinari e relativo procedimento;
cessazione del rapporto d'impiego.
7) Trattamento economico
l. Gli importi annui delle voci del trattamento economico indicate nell'art.
112, l'indennità di residenza parte fissa - conviventi e il premio individuale
di produttività sono corrisposti applicando per il periodo prestato a part-time
il coefficiente dì riduzione di cui al precedente paragrafo IV.
2. Qualora nell'anno di riferimento per la determinazione del premio di presenza
il dipendente abbia reso prestazioni in regime di part-time, il premio stesso
viene determinato applicando il coefficiente di riduzione di cui al precedente
paragrafo IV in relazione al numero di giorni prestati in regime di part-time
nel medesimo anno di riferimento, ferma restando l'applicazione di tutti gli
altri criteri di cui all'art. 117.
3. L'assegno per il nucleo familiare, nel casi previsti dalle disposizioni di
legge, è corrisposto in misura intera.
4. Le indennità e i compensi collegati a situazioni lavorative specifiche
possono essere corrisposti solo in quanto siano compatibili con il tipo della
prestazione ad orario ridotto e tenuto conto della sua durata.
8) Disposizioni integrative della disciplina del Trattamento di Quiescenza per il personale assunto
prima del 28 aprile 1993
1. Ai fini dell'acquisizione del diritto alla pensione prevista dal Regolamento
per il Trattamento di Quiescenza gli anni di servizio in part-time sono da
considerarsi utili per intero.
2. Ai fini della determinazione dei trattamenti di pensione e di fine rapporto
gli anni di servizio in part-time sono ricondotti ad anni interi applicando ai
periodi part-time il coefficiente di riduzione di cui al precedente paragrafo
IV.
3. Per la base di calcolo dei trattamenti di pensione e di fine rapporto si
assume, nei confronti dei dipendenti che, all'atto della cessazione dal
servizio, si trovino in part-time, il trattamento previsto per la corrispondente
posizione organico retributiva a tempo pieno.
4. Ai fini del riconoscimento del trattamento di cui all'art. 20 del Regolamento
per il Trattamento di Quiescenza (esodo volontario del personale) trovano
applicazione i criteri indicati ai punti precedenti.
5. Nell'ipotesi di acquisizione del diritto a pensione secondo quanto previsto
al comma 1 con un'anzianità, calcolata secondo i criteri di cui al comma 2,
inferiore ai 20 ami, per la determinazione del trattamento di pensione si
applicano le seguenti misure percentuali:
Pensione indiretta
Anni
di anzianità
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
Pensione
diretta
22
24
26
28
30
32
34
36
38
40
1 superstite
18.7
20.4
22.1
23.8
25.5
27.2
28.9
30.6
32.3
34
o
2 superstiti
20.9
22.8
24.7
26.6
28.5
30.4
32.3
34.2
36.1
38
di
riversibilità
3 o più superstiti
22
24
26
28
30
32
34
36
38
40
9) Previdenza complementare
l. Ai fini dell'acquisizione dei diritti derivanti dall'iscrizione al Fondo
pensione complementare, gli anni di servizio in part-time sono considerati utili
per intero.
10) Decorrenze
Le disposizioni sopra riportate - che sostituiscono integralmente quelle di cui
alla previgente disciplina - entrano in vigore dal 1° settembre 2002, ferma
restando l'applicazione immediata delle disposizioni di cui ai commi 3 e 7 del
paragrafo H.
B] PART-TIME VERTICALE (ORARIO DI COMPLETO DISTRIBUITO SU QUATTRO
GIORNI COMPRESI TRA IL LUNEDI' E IL VENERDI')
1) Ambito territoriale e soggettivo di applicazione
1. A partire dal 1° gennaio 2003, il part-time verticale (di seguito parttime)
trova applicazione, in via sperimentale, per le posizioni di lavoro individuate
dall'Amministrazione sulla base di una valutazione di compatibilità con le
esigenze organizzative, produttive e tecniche.
2. Il regime sperimentale ha attuazione presso le piazze di Roma, di Torino, di
Milano e di Napoli, per il personale appartenente alle carriere operativa, dei
servizi generali e di sicurezza ed operaia, con almeno un anno di servizio
effettivo, con le seguenti esclusioni:
- attività da svolgere su turni o in regime di continuità delle lavorazioni;
- servizio di sorveglianza e custodia.
2) Limiti numerici
l. Il numero di posizioni annualmente ammesse in part-time è pari almeno a:
a) 20 per le unità ubicate presso il Centro Donato Menichella (inclusa la
Filiale di Roma Tuscolano);
b)
c)
d)
e)
10 per le restanti unità dell'area romana;
1 per la piazza di Milano;
1 per la Sede di Torino;
3 per la piazza di Napoli.
3) Procedura e condizioni per l'accoglimento delle richieste
l. Trovano applicazione le disposizioni di cui ai commi 1, 2, 7 e 9 del punto 4)
della disciplina per il part-time orizzontale.
2. Ai fini della compilazione della graduatoria dei dipendenti riconosciuti
idonei:
è data priorità alle domande del personale portatore di handicap che si
trovi nelle condizioni previste dall'art. 3, 3° comma, ovvero dall'art. 21, 1°
comma, della L. 104/92 e, in via subordinata, alle domande del personale già
addetto alle aree di lavoro interessate dal part-time; in presenza di pluralità
di domande con il medesimo titolo di priorità trovano applicazione i criteri di
preferenza appresso specificati;
per le altre domande costituisce titolo di preferenza, nell'ordine:
a) esistenza di figli portatori di handicap;
b) esistenza di familiari conviventi bisognosi di assistenza;
c) frequenza di regolari corsi di studio da parte del dipendente;
d) anzianità di servizio superiore ai 20 anni;
e) appartenenza del dipendente alle categorie contemplate dalla legge n. 68 del
1999;
f) residenza in comune diverso da quello della sede di lavoro;
g) esistenza di figli in età prescolare;
h) esistenza di figli che frequentino la scuola primaria.
3. In caso di pluralità di domande con il medesimo titolo di preferenza, viene
data precedenza, nell'ambito delle fattispecie di cui alle lettere a), b), g) ed
h), ai dipendenti con maggior numero di familiari nelle condizioni previste.
4.
A
parità
delle
altre
condizioni,
trova
applicazione
il
criterio
dell'anzianità di servizio.
5. La decorrenza dei provvedimenti di passaggio a part-time verticale è fissata
al 1° gennaio di ciascun anno.
4) Durata del rapporto part-time verticale
1. Trovano applicazione le disposizioni previste dal punto 5) della disciplina
per il part-time orizzontale.
2. In nessun caso è consentito il passaggio diretto dal regime di part-time
verticale a quello orizzontale e viceversa, né il rientro anticipato dal
part-time verticale in corso d'anno.
5) Istituti normativi
I - Orario di lavoro
1. L'orario settimanale di lavoro del dipendente in part-time verticale è pari a
30 ore ripartite su 4 giorni, compresi tra il lunedì ed il venerdì, con
prestazione lavorativa giornaliera pari a 7 ore e 30 minuti.
2. Trovano applicazione in quanto compatibili le norme previste in tema di
distribuzione giornaliera dell'orario dì lavoro (flessibilità, sfalsamento).
II - Prestazioni straordinarie
1. Con riferimento al regime in part-time verticale per prestazioni
straordinarie si intendono le prestazioni rese oltre il normale orario
giornaliero.
2. Le prestazioni straordinarie sono ammesse esclusivamente per le giornate di
normale attività lavorativa del dipendente interessato e remunerate nella stessa
misura prevista per il dipendente a tempo pieno collocato in una corrispondente
posizione organico-retributiva.
3. I limiti annuali allo straordinario previsti dall'art. 25 per il personale a
tempo pieno sono riproporzionati nella misura di 4/5, in ragione della ridotta
prestazione oraria settimanale.
III - Riposi settimanali, festività, congedi e permessi
l. Il numero delle giornate riconosciute a titolo di congedo ordinario, di
congedo straordinario per festività soppresse e di congedo straordinario per
giustificati motivi personali o familiari è riproporzionato nella misura di 4/5.
La fruizione di quest'ultimo nei giorni lavorativi è consentita solo in presenza
di particolari circostanze obiettive che non consentono al dipendente di far
ricorso alla giornata non lavorativa.
2. Il dipendente in part-time verticale non ha titolo a fruire, in altra
giomata, dell'assenza o del permesso non goduto, né a percepire alcun
trattamento economico sostitutivo, qualora la festività infrasettimanale o il
giorno semifestivo ovvero uno degli eventi per i quali è previsto il
riconoscimento del congedo straordinario coincida con una giornata per lui non
lavorativa.
3. Per quanto non espressamente indicato in materia trovano applicazione, in
quanto compatibili, le previsioni vigenti per il personale in servizio a tempo
pieno.
IV - Validità dei periodi part-time verticale
l. Trovano applicazione le disposizioni previste dal punto 6), paragrafo IV,
della disciplina per il part-time orizzontale.
V - Addestramento e formazione, valutazione, promozioni - Passaggi di
ruolo e concorsi interni
1. Trovano applicazione le disposizioni previste dal punto 6), paragrafo V,
della disciplina per il part-time orizzontale.
6) Trattamento economico
1. Gli importi annui delle voci del trattamento economico indicate nell'art.
112, l'indennità di residenza parte fissa - conviventi e il premio individuale
di produttività sono corrisposti applicando per il periodo prestato a part-time
il coefficiente di riduzione di cui al punto 6), paragrafo IV, della disciplina
per il part-time orizzontale.
2. Ferma restando l'applicazione di tutti gli altri criteri di cui all'art. 117,
ai fini del calcolo del premio di presenza, il numero di giornate di presenza è
moltiplicato per 5/4.
3. L'assegno per il nucleo familiare, nei casi previsti dalle disposizioni di
legge, è corrisposto in misura intera.
7) Altri istituti normativi. Trattamento di quiescenza. Previdenza complementare
1. Trovano applicazione in quanto compatibili le norme previste per il part-time
orizzontale.
Nota
A partire dal 1996, la decorrenza dei provvedimenti di trasformazione del
rapporto di impiego da tempo pieno a tempo parziale è fissata al mese di
settembre di ciascun anno. I rapporti a tempo parziale che vengano a
scadere nel mese di marzo degli anni 1996, 1997 e 1998 sono prorogati al
mese di settembre degli stessi anni, salvo espressa rinuncia da parte
dell'interessato. Limitatamente al 1998, i nuovi
provvedimenti
di
trasformazione del rapporto di impiego da tempo pieno a tempo parziale
decorrono dal mese di ottobre 1998 e hanno termine alla fine del mese
agosto 1999. I rapporti a tempo parziale che vengano a scadere nel mese
agosto del 1998 sono prorogati fino alla fine del successivo mese
settembre, salvo espressa rinuncia da parte dell'interessato
A far tempo dalla sessione di ottobre 1998, i limiti numerici di cui
punto 3) sono calcolati includendo nella base di computo anche
personale della carriera direttiva.
Il passaggio da full-time a part-time e il relativo rientro sono
al primo giorno del mese.
di
di
di
al
il
fissati
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che:
- in considerazione dell'orario praticato, i dipendenti a part-time non
possono fruire del servizio di mensa;
- i dipendenti ad orario ridotto possono chiedere, per i propri figli,
l'utilizzo dei servizi scolastici di asilo nido e scuola materna. Le
richieste vengono prese in
considerazione subordinatamente a quelle
presentate dal personale a tempo pieno;
- le agevolazioni previste per l'acquisto della casa trovano applicazione
anche nei confronti dei dipendenti ad orario ridotto (con riferimento alla
retribuzione effettivamente percepita).
Ai fini dell'applicazione della normativa interna che assume come parametro
di riferimento la consistenza organica delle unità operative, le posizioni
a part-time vengono computate secondo criteri di proporzionalità.
Allegato B
PROMOZIONI - PASSAGGI DI CATEGORIA
A) SCRUTINIO PER VALUTAZIONE COMPARATIVA
B) SELEZIONE DI MERITO E PER TITOLI
A) SCRUTINIO PER VALUTAZIONE COMPARATIVA
Tabelle di ponderazione dei gradi di classificazione dei fattori di
valutazione relativi agli ultimi due rapporti valutativi annuali:
A.1) AVANZAMENTO A COADIUTORE E GRADI CORRISPONDENTI:
I)
Qualità del servizio prestato (26 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Rendimento sotto il
profilo quantitativo
0
2,8
3,4
4
Rendimento sotto il
profilo qualitativo
Integrazione del
proprio lavoro con
0
3,5
4,25
5
quello degli altri
0
2,8
3,4
4
---------------------------------------------------------------------13
punti
II) Preparazione professionale (11 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Conoscenze professionali
0
1,75
2,13
2,5
Disposizione all'apprendimento
0
2,1
2,55
3
---------------------------------------------------------------------5,5 punti
A.2) AVANZAMENTO A PRIMO CAPO OPERATORE
I)
Impegno realizzativo (32 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Rendimento sotto il
profilo quantitativo
0
5,6
6,8
8
Integrazione del proprio
lavoro con quello
degli altri
0
5,6
6,8
8
---------------------------------------------------------------------16 punti
II)
Qualità del servizio (16 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Rendimento sotto il
profilo qualitativo
0
5,6
6,8
8
---------------------------------------------------------------------8 punti
III)
Preparazione professionale (16 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Conoscenza del lavoro
0
5,6
6,8
8
---------------------------------------------------------------------8 punti
A.3 AVANZAMENTO A CAPO OFFICINA
I)
Qualità del servizio prestato (25 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Apporto individuale
0
4,2
5,1
6
Gestione delle
risorse umane
0
4,55
5,53
6,5
---------------------------------------------------------------------12,5 punti
II)
Preparazione professionale (25 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Conoscenze professionali
0
4,2
5,1
6
Risultati raggiunti nel
coordinamento del
lavoro operaio
0
4,55
5,53
6,5
---------------------------------------------------------------------12,5 punti
A.4) AVANZAMENTO A CAPO REPARTO E OPERAIO DI 1a
I)
Impegno realizzativo (25 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Rendimento sotto
il profilo quantativo
0
4,2
5,1
6
Integrazione del
proprio lavoro con
quello degli altri
0
4,55
5,53
6,5
---------------------------------------------------------------------12,5 punti
II)
Qualità del prodotto (13 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Rendimento sotto
il profilo qualitativo
0
4,55
5,53
6,5
---------------------------------------------------------------------6,5 punti
III)
Preparazione professionale (12 punti)
---------------------------------------------------------------------Rapporto valutativo sulle prestazioni (Mod. 184 B Dir)
---------------------------------------------------------------------FATTORI
GRADI
DI CLASSIFICAZIONE
---------------------------------------------------------------------insuff.
1°
2°
3°
---------------------------------------------------------------------Conoscenza del lavoro
0
4,2
5,1
6
---------------------------------------------------------------------6 punti
B) SELEZIONE DI MERITO E PER TITOLI
B.1) AVANZAMENTO A COADIUTORE PRINCIPALE E GRADI CORRISPONDENTI
Ai fini della selezione vengono
con riferimento a:
attribuiti i punteggi di seguito indicati
MERITO
Schede valutative anteriori al 1989
- punti 5 per ciascuna scheda valutativa annuale, con riduzione di:
-
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione intermedio;
punti 1.00 per ciascun grado di classificazione minimo.
Rapporti valutativi redatti per gli anni 1989 - 1990 - 1991(6 voci)
- punti 5 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.20 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.40 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
Rapporti valutativi redatti per gli anni dal 1992 e successivi (5 voci)
- punti 5 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.25 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
TITOLI
Anzianità nel grado
- punti 0.50 per ogni anno di permanenza nel grado di Coadiutore e gradi
corrispondenti, oltre il minimo richiesto per l'ammissione alla selezione
Assiduità
- punti 2
anno, del
in cui il
criteri di
con riferimento all'ultimo quadriennio; attribuzione, per ogni
seguente punteggio in relazione al numero dei giorni lavorativi
dipendente sia stato presente in servizio, calcolati secondo i
cui all'art. 117, comma 2°:
Numero dei giorni di presenza
in servizio
da
da
da
da
da
0 a
206
216
226
241
205 gg.
a 215 gg.
a 225 gg.
a 240 gg.
gg. in poi
Deontologia professionale
Punti
presenze
dal 1996
0
0,10
0,20
0,30
0,50
presenze
anni precedenti
0
0
0
0
0,50
- punti 3 in caso di assenza di provvedimenti disciplinari e di note di
richiamo
daparte
dell'Amministrazione nel
biennio
precedente alla
decorrenza giuridica del grado da conferire, con riduzione di:
- punti 0.35 per ogni nota formale di richiamo;
- punti 1.50 per ogni sanzione disciplinare inferiore alla sospensione dal
servizio e dalla retribuzione, con esclusione della multa secondo quanto
previsto dal 4° comma dell'art. 80.
Il punteggio relativo al suddetto titolo non viene attribuito in presenza
di una o più sospensioni dal servizio e dalla retribuzione.
Titolo di studio
- punti 1.00 in caso di possesso di 1 o più diplomi di laurea.
B.2) AVANZAMENTO AD ASSISTENTE SUPERIORE E GRADI CORRISPONDENTI
Ai fini della selezione vengono
con riferimento a:
attribuiti i punteggi di seguito indicati
MERITO
Schede valutative anteriori al 1989
- punti 5 per ciascuna scheda valutativa annuale, con riduzione di:
-
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione intermedio;
punti 1.00 per ciascun grado di classificazione minimo.
Rapporti valutativi redatti per gli anni 1989 - 1990 - 1991 (6 voci)
- punti 5 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.20 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.40 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
Rapporti valutativi redatti per gli anni dal 1992 e successivi (5 voci)
- punti 5 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.25 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
TITOLI
Anzianità nel grado
Per ogni anno di permanenza nel grado di Assistente e gradi corrispondenti,
calcolata dalla decorrenza per la scrutinabilità:
- punti 0,50 dal 9° al 12° anno
- punti 1,50 dal 13° anno in poi
Assiduità
- punti 2
anno, del
in cui il
criteri di
con riferimento all'ultimo quadriennio; attribuzione, per ogni
seguente punteggio in relazione al numero dei giorni lavorativi
dipendente sia stato presente in servizio, calcolati secondo i
cui all'art.117, comma 2°:
Numero dei giorni di presenza
in servizio
da
da
da
da
da
0 a
206
216
226
241
205 gg.
a 215 gg.
a 225 gg.
a 240 gg.
gg. in poi
Punti
presenze
dal 1996
0
0,10
0,20
0,30
0,50
presenze
anni precedenti
0
0
0
0
0,50
Deontologia professionale
- punti 3 in caso di assenza di provvedimenti disciplinari e di note di
richiamo da
parte dell'Amministrazione nel
biennio precedente alla
decorrenza giuridica del grado da conferire, con riduzione di:
- punti 0.35 per ogni nota formale di richiamo;
- punti 1.50 per ogni sanzione disciplinare inferiore alla sospensione dal
servizio e dalla retribuzione, con esclusione della multa secondo quanto
previsto dal 4° comma dell'art.80.
Il punteggio relativo al suddetto titolo non viene attribuito in presenza
di una o più sospensioni dal servizio e dalla retribuzione.
Titolo di studio
- punti 1.50 in caso di possesso di 1 o più diplomi di scuola media
superiore;
- punti 3.00 in caso di possesso di 1 o più diplomi di laurea.
(B.2 BIS) AVVANZAMENTO AD ASSISTENTE E GRADO CORRISPONDENTE(a far tempo dalla
sessione 2003)
Ai fini della selezione vengono
con riferimento a:
-
attribuiti i punteggi di seguito indicati
Merito: sulla base degli ultimi 5 riferimenti valutativi annuali così
determinati
punti 5 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
•
punti 0.25 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
• punti 0.50 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
• punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
- Anzianità nel grado:
•
•
0 punti per il primo anno di scrutinabilità;
1 punto per il secondo anno di scrutinabilità.
- Assiduità: punti 2 con riferimento all'ultimo quadriennio; attribuzione,
per ogni anno, del seguente punteggio in relazione al numero dei giorni
lavorativi in cui il dipendente sia stato presente in servizio, calcolati
secondo i criteri di cui all'art.117, comma 2°:
Numero dei giorni di presenza
in servizio
da
da
da
da
da
0 a
206
216
226
241
Punti
205 gg.
a 215 gg.
a 225 gg.
a 240 gg.
gg. in poi
0
0,10
0,20
0,30
0,50
- Deontologia professionale:punti 3 in caso di assenza di provvedimenti
disciplinari e di note di richiamo da
parte dell'Amministrazione nel
biennio precedente alla decorrenza giuridica del grado da conferire, con
riduzione di:
•
•
punti 0.35 per ogni nota formale di richiamo;
punti 1.50 per ogni sanzione disciplinare inferiore alla sospensione dal
servizio e dalla retribuzione, con esclusione della multa secondo quanto
previsto dal 4° comma dell'art.80.
Il punteggio relativo al suddetto titolo non viene attribuito in presenza
di una o più sospensioni dal servizio e dalla retribuzione.
- Titolo di studio:
•
punti 1.50 in caso di possesso di 1 o più diplomi di scuola media
superiore;
• punti 3.00 in caso di possesso di 1 o più diplomi di laurea.
B.3) AVANZAMENTO A OPERATORE CAPO (di cui alla nota all'art. 57)
Ai fini della selezione vengono
con riferimento a:
attribuiti i punteggi di seguito indicati
MERITO
Schede valutative anteriori al 1989
- punti 4 per ciascuna scheda valutativa annuale, con riduzione di:
-
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione intermedio;
punti 1.00 per ciascun grado di classificazione minimo.
Rapporti valutativi redatti per gli anni 1989 - 1990 - 1991 (6 voci)
- punti 4 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.20 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.40 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
Rapporti valutativi redatti per gli anni dal 1992 e successivi (4 voci)
- punti 4 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.25 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
TITOLI
Anzianità nel grado
Per ogni anno di permanenza nella carriera
decorrenza per la scrutinabilità:
se.ge.si.,
calcolata dalla
- punti 0.50 dal 14° al 19° anno
- punti 1,50 dal 20° anno in poi
Assiduità
- punti 2
anno, del
in cui il
criteri di
con riferimento all'ultimo quadriennio; attribuzione, per ogni
seguente punteggio in relazione al numero dei giorni lavorativi
dipendente sia stato presente in servizio, calcolati secondo i
cui all'art.117, comma 2°:
Numero dei giorni di presenza
in servizio
da
da
da
da
da
0 a
206
216
226
241
205 gg.
a 215 gg.
a 225 gg.
a 240 gg.
gg. in poi
Punti
presenze
dal 1996
0
0,10
0,20
0,30
0,50
presenze
anni precedenti
0
0
0
0
0,50
Deontologia professionale
- punti 3 in caso di assenza di provvedimenti disciplinari e di note di
richiamo da
parte dell'Amministrazione nel
biennio precedente alla
decorrenza giuridica del grado da conferire, con riduzione di:
- punti 0.35 per ogni nota formale di richiamo;
- punti 1.50 per ogni sanzione disciplinare inferiore alla sospensione dal
servizio e dalla retribuzione, con esclusione
previsto dal 4° comma dell'art.80.
della multa secondo quanto
Il punteggio relativo al suddetto titolo non viene attribuito in presenza
di una o più sospensioni dal servizio e dalla retribuzione.
Titolo di studio
- punti 1.00
superiore.
in caso
di
possesso di
1 o
più
diplomi di
scuola media
B.4) AVANZAMENTO A PRIMO OPERATORE
Ai fini della selezione vengono
con riferimento a:
attribuiti i punteggi di seguito indicati
MERITO
Rapporti valutativi anteriori al 1992 (5 voci)
- punti 5 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.25 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione di 3° livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
Rapporti valutativi redatti a partire dal 1992 (4 voci)
- punti 5 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.30 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.60 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.25 per ciascuna valutazione di insufficienza.
TITOLI
Anzianità nel grado
Per ogni anno di permanenza nella
decorrenza per la scrutinabilità:
grado
di Operatore,
calcolata dalla
- punti 1,25 dal 6° al 13° anno
- punti 0,75 dal 14° anno in poi
Assiduità
- punti 2
anno, del
in cui il
criteri di
con riferimento all'ultimo quadriennio; attribuzione, per ogni
seguente punteggio in relazione al numero dei giorni lavorativi
dipendente sia stato presente in servizio, calcolati secondo i
cui all'art.117, comma 2°:
Numero dei giorni di presenza
in servizio
da
da
da
da
da
0 a
206
216
226
241
Punti
presenze
dal 1996
0
0,10
0,20
0,30
0,50
205 gg.
a 215 gg.
a 225 gg.
a 240 gg.
gg. in poi
presenze
anni precedenti
0
0
0
0
0,50
Deontologia professionale
- punti 3 in caso di assenza di provvedimenti disciplinari e di note di
richiamo da
parte dell'Amministrazione nel
biennio precedente alla
decorrenza giuridica del grado da conferire, con riduzione di:
- punti 0.35 per ogni nota formale di richiamo;
- punti 1.50 per ogni sanzione disciplinare inferiore alla sospensione dal
servizio e dalla retribuzione, con esclusione della multa secondo quanto
previsto dal 4° comma dell'art.80.
Il punteggio relativo al suddetto titolo non viene attribuito in presenza
di una o più sospensioni dal servizio e dalla retribuzione.
B.5) AVANZAMENTO A OPERAIO DI 1a CATEGORIA SUPER
Ai fini della selezione vengono
con riferimento a:
attribuiti i punteggi di seguito indicati
MERITO
Schede valutative anteriori al 1989
- punti 4 per ciascuna scheda valutativa annuale, con riduzione di:
-
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione intermedio;
punti 1.00 per ciascun grado di classificazione minimo.
Rapporti valutativi redatti per gli anni 1989 - 1990 - 1991 (5 voci)
- punti 4 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.20 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.40 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
Rapporti valutativi redatti per gli anni dal 1992 e successivi (4 voci)
- punti 4 per ciascun rapporto valutativo annuale, con riduzione di:
punti 0.25 per ciascun grado di classificazione di secondo livello
rispetto a quello massimo;
punti 0.50 per ciascun grado di classificazione di terzo livello;
punti 1.00 per ciascuna valutazione di insufficienza.
TITOLI
Anzianità nel grado
Per ogni anno di permanenza nella 1a categoria, calcolata dalla decorrenza
per la scrutinabilità:
- punti 0.50 per ogni anno di permanenza nella
minimo previsto per l'ammissione alla selezione
1a categoria,
oltre il
Assiduità
- punti 2
anno, del
in cui il
criteri di
con riferimento all'ultimo quadriennio; attribuzione, per ogni
seguente punteggio in relazione al numero dei giorni lavorativi
dipendente sia stato presente in servizio, calcolati secondo i
cui all'art.117, comma 2°:
Numero dei giorni di presenza
in servizio
da
da
da
da
da
0 a
206
216
226
241
205 gg.
a 215 gg.
a 225 gg.
a 240 gg.
gg. in poi
Punti
presenze
dal 1996
0
0,10
0,20
0,30
0,50
presenze
anni precedenti
0
0
0
0
0,50
Deontologia professionale
- punti 3 in caso di assenza di provvedimenti disciplinari e di note di
richiamo da
parte dell'Amministrazione nel
biennio precedente alla
decorrenza giuridica del grado da conferire, con riduzione di:
- punti 0.35 per ogni nota formale di richiamo;
- punti 1.50 per ogni sanzione disciplinare inferiore alla sospensione dal
servizio e dalla retribuzione, con esclusione della multa secondo quanto
previsto dal 4° comma dell'art.80.
Il punteggio relativo al suddetto titolo non viene attribuito in presenza
di una o più sospensioni dal servizio e dalla retribuzione.
Allegato C
Trasferimenti
A)
Trasferimenti a domanda e relative graduatorie
Le graduatorie dei trasferimenti a domanda, che hanno validità annuale,
sono compilate dall'Amministrazione al 1° gennaio di ciascun anno secondo
le seguenti condizioni e modalità:
1.
Criteri e punteggi
a) Data di presentazione della domanda: punti 12.5 al mese per ogni mese o
frazione superiore ai 15 giorni.
Nei confronti dei dipendenti che abbiano conseguito l'avanzamento al grado
di Coadiutore e gradi corrispondenti o che siano risultati vincitori di
concorsi interni o di osmosi è annullata d'ufficio l'eventuale richiesta di
trasferimento in essere.
Il personale assunto con decorrenza giuridica 1.1.1996 o successiva nel
grado di Coadiutore e gradi corrispondenti è escluso dagli elenchi di
priorità per i trasferimenti a domanda per i primi 5 anni dalla data di
effettiva presa di servizio nel grado. Il personale assunto nel grado di
Coadiutore e gradi corrispondenti con decorrenza giuridica anteriore
all'1.1.1996 nonché quello avanzato ai predetti gradi a seguito di
promozione o di concorso interno è escluso dagli elenchi di priorità per i
trasferimenti a domanda per i primi tre anni dalla data di effettiva presa
di servizio nel grado.
Ai fini della determinazione del punteggio previsto per la data di
presentazione della domanda si detraggono eventuali periodi di aspettativa
per motivi particolari e di sospensione dal servizio e dalla retribuzione.
b) Situazione familiare:
- dipendente con tre o più figli
affiliati)
- dipendente con uno o due figli
affiliati)
- dipendente coniugato senza prole
a carico
a carico
(inclusi i figli adottivi o
punti 100
(inclusi i figli adottivi o
punti 90
punti 45
Nel caso di due dipendenti coniugati tra loro e con prole, i punti di cui
sopra spettano, indipendentemente dal numero dei figli, ad uno solo di
essi; qualora il dipendente che ne abbia beneficiato venga trasferito,
l'eventuale traslazione del carico della prole all'altro coniuge non vale
ai
fini dell'attribuzione
di detto
punteggio, fermo
restando il
riconoscimento dei 45 punti previsti per il dipendente coniugato senza
prole.
La situazione familiare da prendere in considerazione è quella risultante
alla data di compilazione delle graduatorie.
c)
Anzianità di servizio:
fino ad 1 anno
da 1 a 2 anni
da 2 a 3 anni
da 3 a 4 anni
da 4 a 5 anni
da 5 a 6 anni
da 6 a 7 anni
da 7 a 8 anni
da 8 a 9 anni
da 9 a 10 anni
oltre 10 anni
0
9
18
27
36
45
54
63
72
81
90
punti
punti
punti
punti
punti
punti
punti
punti
punti
punti
punti
Ai soli fini degli elenchi di priorità l'anzianità di servizio viene
calcolata dalla data di effettivo inizio delle prestazioni lavorative in
Banca anche per il personale assunto con vincolo di residenza. Nel calcolo
dell'anzianità di servizio dei dipendenti provenienti dalla carriera dei
servizi generali e di sicurezza e dalla carriera operaia nominati nei gradi
di Vice assistente o di Vice assistente di cassa con decorrenza giuridica
1.1.1996 o successiva si tiene conto soltanto dell'anzianità maturata nella
carriera di nuovo inquadramento.
Il punteggio risultante dal computo sopra indicato viene ridotto dei
periodi di aspettativa per motivi particolari e di quelli di sospensione
dal servizio e dalla retribuzione.
Il punteggio riusultante dal computo dell’anzianità di servizio viene ridotto
dei periodi di aspettativa per motivi particolari, di quelli di sospensione dal
servizio e dalla retribuzione nonché dei periodi di assenza per i quali la legge
prevede la non computabilità ai fini dell’anzianità di servizio.
d)
Distanza chilometrica dalla Filiale richiesta:
da
da
da
da
da
da
da
da
da
da
da
da
1
a
51
a
101
a
301
a
501
a
701
a
901
a
1101 a
1301 a
1501 a
1701 a
e per la
50 Km.
100 Km.
300 Km.
500 Km.
700 Km.
900 Km.
1100 Km.
1300 Km.
1500 Km.
1700 Km.
1900 Km.
Sardegna
0
punti
6
punti
12 punti
24 punti
36 punti
48 punti
60 punti
72 punti
84 punti
96 punti
108 punti
120 punti
La Filiale presa in considerazione per il computo è quella alla quale il
dipendente risulta addetto alla data di compilazione delle graduatorie.
2. Fattori di riduzione
- Per effetto di provvedimenti disciplinari:
a) riduzione della retribuzione
b) sospensione dal servizio e dalla retribuzione
fino a 6 mesi
c) sospensione dal servizio e dalla retribuzione
da oltre 6 mesi a 1 anno
Non si tiene conto delle
dalla loro applicazione.
- Per attribuzione del
riferimento
valutativo
graduatorie
citate sanzioni
punti
125
punti
200
punti
250
disciplinari trascorsi
2 anni
giudizio di insufficiente riportato nell'ultimo
annuale precedente
alla
compilazione delle
punti 125
3. Revoca dei trasferimenti disposti
Qualora il dipendente
ottenga, per fondati
motivi, la revoca del
trasferimento a domanda già
disposto, l'istanza di trasferimento è
annullata anche per eventuali altre residenze richieste e l'interessato non
può presentare una nuova istanza di trasferimento prima che sia trascorso
un anno dalla data del provvedimento di revoca.
4.
Altre previsioni
All'atto della presentazione della domanda i dipendenti non possono
indicare più di 3 residenze. In caso di trasferimento in una delle 3
residenze indicate, viene annullata d'ufficio la domanda di trasferimento
in essere per le altre due residenze.
Non sono inseriti
negli elenchi di
priorità i dipendenti sospesi
cautelarmente dal servizio e dalla retribuzione.
A parità di punteggio, la posizione in graduatoria è determinata secondo
l'iscrizione nei ruoli di anzianità del personale.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che nei 6 mesi antecedenti la formazione delle
graduatorie non verranno operate assegnazioni di neo-assunti nelle sedi di
lavoro per le quali abbiano fallo formale richiesta di trasferimento i
dipendenti in servizio il cui vincolo di residenza sia già scaduto o venga
a scadenza entro i predetti 6 mesi (per tali ultimi dipendenti la domanda
produrrà i suoi effetti solo dalla scadenza del vincolo).
B) Trasferimenti in deroga alle graduatorie
Vengono disposti in deroga alle graduatorie di cui al punto A) i
trasferimenti dei dipendenti che si trovino nelle condizioni previste
dall'art. 21, 1a comma, della L.104/92.
Al di fuori dei casi di cui al comma precedente, qualora il dipendente
comprovi con idonea documentazione la sussistenza di gravissime circostanze
giustificative, l'Amministrazione
può disporre
il trasferimento del
dipendente stesso nella residenza richiesta con provvedimento motivato e in
deroga alle graduatorie di cui al punto A).
I trasferimenti di cui ai commi precedenti sono in ogni caso subordinati
alla esistenza, nella residenza richiesta, di una carenza di organico.
Dell'adozione di tali provvedimenti di trasferimento è data tempestiva
comunicazione alle
Organizzazioni Sindacali,
alle quali
è altresì
annualmente reso noto il numero delle richieste presentate e di quelle
accolte.
Nota
L'Amministrazione precisa che le domande di
graduatorie possono essere avanzate anche
vincolo di residenza.
trasferimento in deroga alle
da dipendenti sottoposti a
PARTE II
ALTRE INTESE
Ad integrazione di quanto previsto
parti convengono quanto segue:
nella parte I del presente accordo, le
Le parti convengono
che nell'ambito della
prossima trattativa sia
prioritariamente affrontato il tema degli inquadramenti in tutti i suoi
aspetti: alimentazione, articolazione delle carriere, ruoli, mansioni,
problematiche di flessibilità mansionistica connesse all'articolazione
della carriera operaia, tempi e modalità di avanzamento, inclusi i criteri
per l'avanzamento al grado immediatamente superiore (minimo 6 anni per
selezione di merito e per titoli-massimo 8 anni per anzianità congiunta al
merito) per il personale nominato nei gradi iniziali delle carriere
operativa (Vice assistente), se.ge.si. (Operatore) ed operaia (Operaio di
3A cat.) con decorrenza giuridica 1.1.1996 o successiva.
Le parti si danno atto che nella stessa sede procederanno ad una congiunta
riflessione sul sistema dei compensi e delle indennità previsti per lo
svolgimento di particolari compiti o in relazione a specifiche situazioni
di lavoro.
OBBLIGHI, DIVIETI ED INCOMPATIBILITA'
Il tema dello svolgimento di "mansioni diverse" da quelle proprie della
posizione di inquadramento verrà affrontato nell'ambito della prossima
trattativa.
INTERVENTI IN FAVORE DEL PERSONALE
Mutui Italfondiario
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione,
nell'esercizio della
propria
autonomia, dichiara
l'intendimento di interessare l'Istituto Italiano di Credito Fondiario
affinché i
vigenti massimali
del mutuo
ipotecario per l'acquisto
dell'abitazione concesso da detto Istituto in favore del personale della
Banca siano incrementati, per le fasce di gradi in atto previste, del 20%,
fermo restando il limite individuale delle tre annualità.
Con riferimento a detti nuovi massimali sarà aumentata dal 25% al 30% la
maggiorazione per gli immobili ubicati nelle città con più elevata tensione
abitativa (Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino,
Venezia), sempre nel rispetto del limite individuale delle tre annualità.
L'anzianità di servizio minima per ottenere il mutuo è diminuita da 5 a 2
anni.
Per i mutui stipulati dopo la revisione della normativa in materia, qualora
il dipendente cessi dal servizio
per cause diverse dalla morte o
dall'inabilità prima di aver maturato 15 anni di anzianità di servizio, al
contratto di mutuo, per la parte residua, verranno applicate le condizioni
ordinarie al momento praticate dall'Italfondiario, ferma restando la durata
originaria del contratto stesso. In relazione a ciò, per i mutui stipulati
dopo la revisione della normativa in materia, in caso di successiva vendita
dell'immobile, l'Italfondiario, ferma restando la possibilità di trasferire
la garanzia ipotecaria alle condizioni previste dalla Banca, non consentirà
l'accollo del mutuo da parte del terzo acquirente prima che il dipendente
abbia maturato 15 anni di anzianità di servizio.
L'Amministrazione dichiara che, in
aggiunta alle vigenti previsioni
normative in materia di trasferibilità della garanzia ipotecaria, verrà
consentito di trasferire detta garanzia, dopo 5 anni dalla data di
erogazione del mutuo, nel Comune di nascita del dipendente ovvero in quello
di residenza all'atto dell'assunzione in Banca o in uno dei capoluoghi ove
il dipendente con almeno 20 anni di servizio effettivo abbia svolto la
propria attività lavorativa negli ultimi 10 anni quale addetto ad unità
della Banca.
L'Amministrazione dichiara che il termine dalla data di collocamento a
riposo entro cui i pensionati aventi titolo possono avanzare domanda per la
concessione del mutuo per immobili ubicati nell'intero territorio nazionale
passa da 6 mesi a 1 anno. Entro tale termine di 1 anno dalla cessazione dal
servizio, al pensionato che abbia già stipulato il mutuo durante l'attività
di servizio viene riconosciuta la facoltà di chiedere il trasferimento
della garanzia ipotecaria sull'immobile sito nel Comune ove trasferisce la
propria residenza.
L'Amministrazione
approfondirà
l'esame
delle
problematiche
tecnicogiuridiche connesse
all'eventuale concessione
al personale a
contratto del mutuo Italfondiario.
Le Organizzazioni Sindacali FABI, SIBC-CISAL e SNALBI-CONFSAL esprimono
l'avviso che idonei interventi al medesimo titolo possono essere realizzati
attraverso la Cassa di Sovvenzioni e Risparmio tra i dipendenti della Banca
d'Italia.
Asilo nido e scuola materna
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione valuterà la praticabilità della stipula di convenzioni di
durata pluriennale per il servizio di asilo nido e di scuola materna.
Assicurazione contro i rischi di morte e di invalidità permanente totale
Le parti concordano sul rinnovo dell'assicurazione in epigrafe, che prevede
la sostituzione delle singole polizze individuali a suo tempo stipulate
dalla Banca con una polizza collettiva.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara di aver concordato con l'I.N.A. quanto segue:
- riapertura dei termini per l'iscrizione alla polizza vita, con decorrenza
1.1.1997, per i dipendenti che non hanno a suo tempo aderito;
- possibilità per ciascun dipendente di aumentare o diminuire, sempre con
decorrenza 1.1.1997, il numero delle annualità di retribuzione a suo tempo
assicurate, fermo restando l'attuale limite massimo di tre annualità;
- facoltà per il personale a contratto di aderire alla polizza vita, con
decorrenza 1.1.1996;
- possibilità per i soggetti iscritti che cessano dal servizio di
proseguire, su base individuale e volontaria e a proprio integrale carico,
nell'assicurazione - per il solo rischio di morte e fino all'età di 75 anni
- a tariffe ridotte (circa il 25%) rispetto a quelle applicate dall'I.N.A..
I dipendenti che a suo tempo non aderirono alla polizza e che ora si
avvarranno della possibilità di aderirvi nonché quelli che chiederanno
l'aumento
delle
annualità
assicurate
dovranno
produrre
idonea
documentazione richiesta dall'I.N.A. e sottoporsi, nell'eventualità che
l'I.N.A. stesso lo
richieda, a visita medica
con onere a carico
dell'interessato.
BANCA CENTRALE EUROPEA
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che entro il primo trimestre del 1997 informerà
le Organizzazioni Sindacali aziendali sul processo evolutivo in atto
preordinato alla creazione della futura Banca Centrale Europea.
PORTATORI DI HANDICAP - TOSSICODIPENDENZE
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara la propria disponibilità ad ampliare la gamma
delle disposizioni tradotte in braille o incise su audiocassetta. Saranno
inoltre promossi i necessari approfondimenti al fine di individuare, anche
sulla base dei progressi tecnologici in materia, più avanzati strumenti in
grado di accrescere l'integrazione del personale non vedente e audioleso
nella realtà di lavoro.
L'Amministrazione
conferma
che
i
dipendenti
aventi
familiari
tossicodipendenti che partecipino ad iniziative riabilitative saranno
ammessi a fruire del periodo
1990, n. 309.
di aspettativa previsto dal D.P.R. 9 ottobre
FABBRICAZIONE CARTE VALORI
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione - in vista dell'evoluzione del sistema dei pagamenti,
della revisione della scala dei tagli delle banconote e dell'introduzione
della banconota europea - è impegnata nel perseguimento di più elevati
livelli di efficienza operativa nella produzione dei biglietti di banca. In
tale quadro, l'Amministrazione dichiara che la produzione dei biglietti
continua a costituire funzione istituzionale della Banca e che non sono
allo studio ipotesi di "esternalizzazione" di detta produzione.
L'Amministrazione dichiara l'intendimento di potenziare l'attività di
verifica a macchina dei biglietti annullati e che, in tale ottica,
provvederà all'acquisto di nuove macchine Brandt.
L'Amministrazione dichiara che a partire dal 1° gennaio 1997 il personale
della carriera operaia svolgerà le seguenti mansioni nell'ambito del
processo di fabbricazione dei biglietti di banca:
- contazione dei fogli di esemplari numerati di serie ordinaria e di serie
speciale, o di esemplari già tagliati di serie speciale;
- taglio dei fogli e allestimento delle confezioni di esemplari numerati,
mediante la
- conduzione delle macchine cut-pack.
L'Amministrazione dichiara che a partire dal 1° gennaio 1997 la conduzione
di ogni macchina cut-pack sarà affidata a 6 elementi della carriera
operaia, a 1 operaio con compiti di manutenzione, coordinati da 1 Capo
reparto.
L Amministrazione dichiara che in favore del personale del ruolo di cassa
del Servizio Fabbricazione Carte Valori nel corso del 1996 promuoverà
iniziative addestrative in materia di automazione dello sportello e a
partire dal 1997 avvierà ulteriori interventi formativi in un'ottica di
diversificazione delle esperienze professionali.
Inoltre, l'Amministrazione,
oltre a
disporre missioni addestrative,
favorirà il temporaneo utilizzo dei cassieri della Cassa Speciale del
Servizio Fabbricazione Carte Valori in compiti amministrativi presso unità
romane o periferiche e l'assegnazione del personale stesso, a domanda,
presso unità romane. Per quanto riguarda la piazza di Roma, le carenze oggi
esistenti presso altre unità di
cassa della piazza stessa saranno
prioritariamente coperte accogliendo le
domande di diverso utilizzo
avanzate dal personale di cassa del Servizio Fabbricazione Carte Valori.
L'Amministrazione dichiara che in caso di verificato esubero del personale
di cassa del Servizio Fabbricazione Carte Valori potrà essere altresì
attivato l'istituto dei passaggi di ruolo di cui al 1° comma dell'art.71
L'Amministrazione dichiara che
in linea di
principio non esistono
impedimenti all'invio in missione sull'intero territorio nazionale degli
elementi della carriera dei servizi generali e di sicurezza addetti al
Servizio Fabbricazione Carte Valori.
L'Amministrazione conferma che saranno effettuate, con cadenza biennale,
visite mediche oculistiche nei confronti del personale addetto alla
verifica biglietti presso il Servizio Fabbricazione Carte Valori. Nei
confronti dei dipendenti affetti da individuate patologie della vista
opportunamente certificate verranno previsti, a domanda, accertamenti
medici mirati.
La FABI, il SIBC-CISAL e lo SNALBI-CONFSAL invitano la Banca a verificare,
nell'ambito della propria autonomia organizzativa, l'esigenza di eventuali
interventi, anche di carattere strutturale, sugli assetti organizzativi del
Servizio Fabbricazione Carte Valori con particolare riferimento alla Cassa
Officina.
S.E.S.I.-S.I.S.C.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione
dichiara che
sottoporrà
a verifica
gli assetti
organizzativi dei
Servizi E.S.I.
e I.S.C.
al fine
di valutarne
l'adeguatezza e di promuovere gli eventuali interventi anche di carattere
strutturale.
TICKET-RESTAURANT
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara che il valore del ticket restaurant sarà
aumentato a L.15.000.
L'Amministrazione dichiara altresì che il personale chiamato ad operare
sulla piazza di Roma nella giornata dei Ss. Pietro e Paolo (29 giugno) avrà
titolo al ticket restaurant per la fruizione del pasto qualora effettui una
prestazione di almeno 7 ore e 30 minuti interrotte da una pausa di durata
pari
all'ordinario
intervallo pomeridiano,
risultante
da apposita
timbratura, e purché la predetta festività cada in una giornata compresa
tra il lunedì ed il venerdì.
DISPOSIZIONI
ROMANA
COLLEGATE CON
IL RIASSETTO
LOGISTICO DELLE UNITA' DELL'AREA
In relazione al programmato spostamento nel nuovo insediamento di Vermicino
delle unità individuate nelle comunicazioni alle Organizzazioni Sindacali e
al personale del 4.2.1994 è stabilita la seguente disciplina fermo restando
che:
- lo spostamento di dipendenti da Roma a Vermicino e viceversa non
costituisce a nessun fine, ai sensi della normativa regolamentare e di
servizio in materia, trasferimento ad altra residenza di servizio, ma
configura un diverso utilizzo nell'ambito della medesima residenza di
lavoro;
- l'utilizzo del personale non direttivo presso il nuovo insediamento è
previsto - salvo diverse esigenze di servizio - per un periodo di almeno 3
anni.
1) Locazione di alloggi di proprietà della Banca
1.1) Bandi riservati
Dichiarazioni a verbale
Le parti dichiarano che per l'assegnazione di nuovi alloggi di proprietà
della Banca sarà inserita nel relativo Regolamento una disposizione,
temporalmente delimitata, volta a prevedere bandi riservati esclusivamente
ai dipendenti per i quali sia disposto l'utilizzo a Vermicino.
L'Amministrazione dichiara che:
- del primo lotto di assegnazione con bando riservato ai dipendenti per i
quali sia disposto l'utilizzo a Vermicino faranno parte gli appartamenti
acquistati nella zona di "Casal Morena";
- sta estendendo la ricerca di alloggi in locazione da riservare al
personale addetto a Vermicino in zone limitrofe al Comune di Frascati.
1.2) Cambi di alloggio
Nell'ambito dei cambi fuori gara, la Commissione per l'assegnazione degli
alloggi di proprietà della Banca esamina in via prioritaria le domande
presentate dai dipendenti in
relazione all'utilizzo degli stessi a
Vermicino. Tali richieste di cambi potranno riguardare - senza fare
riferimento a specifiche unità immobiliari - gli alloggi, in quel momento
dichiarati disponibili a
tal fine, situati
nei seguenti complessi
immobiliari:
-
via
via
via
via
via
via
via
via
Otricoli, 57;
Lugnano in Teverina, 32;
Nocera Umbra, 88; via Saredo, 6;
Leonardi, 18;
Rizzieri, 247;
Eurialo, 20;
Peltechian, 42;
Campo Romano, 13.
Le domande di cambio di cui sopra possono essere prese in considerazione
solo ove l'alloggio già condotto in locazione non appartenga ad uno dei
predetti complessi e
il cambio richiesto
concretizzi un effettivo
avvicinamento a Vermicino.
2) Acquisto di alloggi da parte del personale (misure riguardanti il
personale in servizio alla data di attivazione dell'insediamento e per cui
sia disposto l'utilizzo a Vermicino).
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che:
- i Comuni di Frascati, Grottaferrata e Monteporzio Catone saranno inclusi
nel novero delle residenze per le quali è applicabile la maggiorazione dei
massimali di mutuo previsti per le diverse fasce di gradi;
- sarà possibile chiedere un incremento fino al 15% dell'importo massimo
concedibile a livello individuale (calcolato sulla base delle tre annualità
lorde di retribuzione) fino a concorrenza del massimale previsto per il
grado di appartenenza, senza considerare la maggiorazione di cui al punto
precedente; sarà consentito il trasferimento senza limiti di tempo della
garanzia ipotecaria relativa ad un precedente mutuo Italfondiario per
l'acquisto di un alloggio ubicato nei Comuni di Frascati, Grottaferrata e
Monteporzio Catone.
3) Collegamenti
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara in via preliminare di essere impegnata, in
collaborazione con gli enti territorialmente competenti, ad incentivare
l'utilizzo del mezzo pubblico di trasporto. In particolare fa presente sulla base dei contatti intervenuti con gli organi competenti - che sono
allo studio delle aziende di trasporto pubblico le seguenti iniziative:
- realizzazione di una nuova stazione ferroviaria al Km 20 della linea per
Cassino, in zona limitrofa all'ingresso dell'insediamento di Vermicino;
- attivazione di adeguati collegamenti (linea dedicata di autobus) per il
tragitto Ahagnina (stazione della linea A della metropolitana)-Vermicino.
Dei risultati dei contatti in corso a tal fine con l'ATAC-COTRAL saranno
informate le Organizzazioni Sindacali firmatarie anche al fine di valutare
congiuntamente l'attivazione di misure alternative (servizio di navetta);
- passaggio della linea COTRAL "Borghesiana-Frascati" in zona limitrofa
all'ingresso del comprensorio di Vermicino in modo da poter raggiungere in
breve tempo la stazione ferroviaria di Frascati.
L'Amministrazione fa altresì presente che è prevista la costruzione a cura
della II Università di Roma di una nuova strada - alle cui spese di
realizzazione la Banca concorrerà
con un proprio contributo contro
l'acquisizione di un diritto di
passaggio - destinata a collegare
direttamente il raccordo anulare con il nuovo insediamento.
4) Mezzi di trasporto
In
considerazione del
maggior
disagio connesso
al raggiungimento
dell'insediamento di Vermicino è introdotto in via temporanea fino al
31.12.1999 un contributo annuo lordo pari a L.650.000 a favore dei
dipendenti il cui utilizzo a Vermicino sia disposto in connessione con lo
spostamento dell'unità di appartenenza nonché dei dipendenti in forza ad
altre unità dell'Amministrazione Centrale o delle Filiali di Roma alla data
di attivazione dell'insediamento e successivamente inviati a Vermicino. In
alternativa a tale contributo e con opzione da esercitare con riferimento
all'intero anno,
i dipendenti
di cui
sopra possono
ottenere la
corresponsione, in caso di effettivo e verificato uso dell'auto privata per
raggiungere dalla loro abitazione (residenza anagrafica) la sede di lavoro
a Vermicino, di un contributo giornaliero forfettario, calcolato in
relazione alla
distanza dell'abitazione
stessa dall'insediamento di
Vermicino. Tale distanza è - per ciascuna delle aree territoriali di
insediamento (individuate per C.A.P.) in cui è stato suddiviso il Comune di
Roma (allegato 1) - calcolata forfettariamente (tabella sub allegato 2).
Dalle distanze riportate nella predetta tabella 2 vanno detratti 20 Km per
ciascun percorso di andata e ritorno.
Per le aree situate al di fuori del Comune di Roma, le distanze dal
complesso di Vermicino sono riconosciute ai fini in questione comunque
entro il limite della massima distanza indicata nella tabella 2.
Il contributo unitario per chilometro è pari a 1/4 del prezzo di 1 litro di
benzina super al 1° gennaio di ciascun anno maggiorato sulla base dei
seguenti coefficienti:
Coadiutore principale, Assistente superiore
1,894
Primo capo operatore, Operatore capo
1,894
Capo officina, Operaio di 1a cat
1,894
Personale inquadrato nei restanti gradi
1,693
Il contributo è introdotto in via temporanea fino al 31.12.1999 e il suo
eventuale mantenimento alla scadenza di tale data sarà sottoposto a
congiunta verifica alla luce dello sviluppo nel frattempo registratosi nei
collegamenti pubblici.
5) Asilo nido e scuola materna
In alternativa alle esistenti strutture del Tuscolano, il personale il cui
utilizzo a Vermicino sia disposto in connessione con lo spostamento
dell'unità di appartenenza nonché i dipendenti in forza ad altra unità
dell'Amministrazione Centrale o delle Filiali di Roma alla data di
attivazione dell'insediamento
e successivamente
inviati a Vermicino
potranno per il tempo di adibizione al nuovo insediamento:
- avvalersi dell'asilo nido adiacente l'insediamento di Vermicino, gestito
dal Comune di Frascati, nei limiti di una riserva di posti da definire in
favore del personale della Banca (subordinatamente alla conclusione di una
intesa in tal senso con le autorità competenti);
- percepire - in via provvisoria e cioè fino alla data del 31.12.1999 - un
contributo fissato nella misura di L.2.200.000 annue lorde (massimo
L.200.000 lorde mensili) qualora siano residenti nel Comune di Roma escluse le zone rientranti nelle aree territoriali 8 e 10 della tabella
allegata sub 1 - ovvero in Comuni diversi da quelli di Frascati,
Grottaferrata e Monteporzio Catone, quando documentino di aver fatto
ricorso ad altri asili nido o scuole materne ovunque ubicati e sempreché
non fruiscano al medesimo titolo di altri eventuali contributi.
Dichiarazione a verbale
Alla scadenza l'Amministrazione si riserva di valutare l'attivazione di
eventuali soluzioni alternative alla corresponsione del contributo.
6) Pronto soccorso
Presso l'insediamento sarà garantito un punto di primo soccorso con il
presidio di personale medico e paramedico. Verranno altresì stabiliti i
necessari rapporti con le vicine strutture ospedaliere.
7) Contributo straordinario. Trasloco masserizie (in favore del personale
il cui utilizzo a Vermicino sia disposto in connessione con lo spostamento
dell'unità di appartenenza nonché dei dipendenti in forza ad altra unità
dell'Amministrazione Centrale o delle Filiali di Roma alla data di
attivazione dell'insediamento e successivamente inviati a Vermicino).
E' istituito un contributo straordinario che sarà corrisposto per tre anni
- ogni anno in misura pari al 75% di
1/15 dello stipendio lordo - per i
predetti dipendenti inviati nei primi due anni di funzionamento del nuovo
insediamento; non si farà più luogo all'erogazione del contributo qualora
il dipendente cessi dal servizio, venga trasferito fuori Roma o utilizzato
presso unità ubicate in altro polo dell'area romana.
Nei confronti dei medesimi dipendenti sarà in via eccezionale riconosciuto
il rimborso per trasloco masserizie secondo le misure stabilite dalla
normativa vigente, qualora essi trasferiscano la propria residenza (nel
caso sia di acquisto che di locazione) in una zona rientrante nelle aree
territoriali 8 e 10 della tabella 1 ovvero nei Comuni di Frascati,
Grottaferrata e Monteporzio Catone, sempre che non risiedano già in una di
dette zone o Comuni.
8) Addetti al cantiere di Vermicino
Al personale stabilmente assegnato al cantiere dei nuovi insediamenti ed
operante
in uffici
provvison ubicati
nel cantiere
medesimo sono
riconosciuti con decorrenza 1.7.1996 e per la durata di tre anni:
- il contributo annuo di L 650.000 lorde; allorquando verranno realizzate
le necessarie infrastrutture tecniche per il controllo degli accessi delle
auto agli insediamenti, sarà consentita la possibilità di optare per il
contributo unitario chilometrico collegato all'uso dell'auto privata con
contestuale recupero, in proporzione, del contributo annuo L.650.000 lorde;
- il contributo mensile per le spese di asilo nido e scuola materna, nella
misura e alle condizioni indicate al punto 5);
- il contributo straordinario di primo insediamento di cui al punto 7)
nelle misure e alle condizioni ivi indicate.
9) Censimento delle aspirazioni del personale. Profili gestionali.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione
dichiara
che
entro
il
mese
di
aprile
avvierà
un
censimento delle preferenze dei dipendenti dell'area romana in tema di
ubicazione del posto di lavoro. Il censimento sarà effettuato mediante la
distribuzione di un questionario informativo ai dipendenti di detta area.
I risultati
della rilevazione
saranno portati
a conoscenza delle
Organizzazioni Sindacali firmatarie prima del riassetto logistico delle
unità dell'area romana.
L'Amministrazione dichiara che, compatibilmente con le esigenze operative,
terrà conto delle aspirazioni manifestate in termini di sede di lavoro, con
riferimento al nuovo insediamento di Vermicino, dal personale in servizio
sulla piazza di Roma.
In ogni caso la Banca dichiara l'intendimento di alimentare le strutture
che verranno insediate a Vermicino anche con dipendenti che verranno
trasferiti a domanda su Roma nonché mediante il flusso di nuove assunzioni.
10) Incontri informativi
In prossimità (autunno 1996) della ridislocazione dei nuovi insediamenti si
svolgerà un confronto informativo, avente ad oggetto le eventuali ulteriori
problematiche connesse alla ridislocazione stessa, tra la Delegazione della
Banca e quelle delle Organizzazioni Sindacali che siano firmatarie sia
degli accordi per la disciplina del trattamento normativo ed economico del
personale dell'Istituto per il quadriennio 1994-1997 sia degli accordi per
l'attuazione della L.146/1990.
In sede locale saranno effettuati, con le rappresentanze delle cennate
Organizzazioni Sindacali, due ulteriori momenti di confronto informativo da
tenersi rispettivamente dopo 3 e 9 mesi dall'avvenuta ridislocazione.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che alle Organizzazioni Sindacali che siano
firmatarie sia degli accordi per la disciplina del trattamento normativo ed
economico del personale dell'Istituto per il quadriennio 1994-1997 sia
degli accordi per l'attuazione della legge 146/1990 saranno fornite, non
appena disponibili, indicazioni circa la destinazione degli stabili della
piazza di Roma.
Le parti convengono che le
ricadute sul personale derivanti dallo
spostamento di ulteriori unità della Banca saranno oggetto di preventivo
confronto negoziale tra le parti.
SUDDIVISIONE DEL IERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA IN SETTORI ED ELENCAZIONE
DEI C.A.P. RICADENTI IN CIASCUN SETTORE
----------------------------------------------------------------------SETTORI
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
----------------------------------------------------------------------C.
00153 00196 00161 00137 00131 00176 00155 00010 00179 00040(1)
00184 00197 00162 00138 00156 00177 00171 00030 00181 00043
00185 00198
00139 00157
00172 00132 00182 00173
00186 00199
00141 00158
00133 00183 00174
00187
00159
00169
00175
A.
P.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------11
12
13
14
15
16
17
18
19
-------------------------------------------------------------------------00142 00040(2) 00040(3) 00050(4) 00050(5) 00192 00050(7) 00060(8) 00060(11)
00145 00127
00119
00146
00057(6) 00193 00165
00061(9) 00064
00147 00128
00121
00148
00151
00195 00166
00123(10) 00123(12)
00154 00134
00122
00149
00152
00167
00135
00188
00143
00124
00163
00136
00189
00144
00125
00164
00168
00191
00126
00194
-------------------------------------------------------------------------NOTE
(1) = Zona "Morena"
(2) = Zona "Via Ardeatina"
(3) = Zona "Castei Porziano"
(4) = Zona "Ponte Galeria"
(5) = Zona "Malagrotta"
(6) = Zona a confine con il Comune di Fiumicino
(7) = Zona "Castel di Guido"
(8) = Zona "Santa Maria di Galeria"
(9) = Zona "Lago di Martignano"
(10) = Zona "Casale di S. Nicola"
(11) = Zona "Cesano di Roma"
(12) = Zona "Isola Farnese"
Allegato 2
DISTANZE DEI SETTORI DAI N.I.F.
(espresse in Km)
----------------------SETTORI
DISTANZE
----------------------1
22,000
2
31,000
3
19,000
4
24,000
5
19,000
6
16,000
7
16,000
8
4,000
9
15,000
10
10,000
11
22,000
12
21,000
13
37,000
14
26,000
15
29,000
16
22,000
17
37,000
18
39,000
19
25,000
---------------------N.B.
Ai fini del riconoscimento del previsto contributo per l'utilizzo del mezzo
proprio, le distanze di cui alla presente tabella, relative al solo viaggio
di andata, vanno decurtate della franchigia prevista dall'accordo.
COMMISSIONE DI CONTROLLO MENSA
Le parti convengono che presso ogni unità operativa della Banca dotata di
servizio di mensa venga istituita una "Commissione di controllo mensa" il
cui funzionamento è regolato dalle seguenti disposizioni, integralmente
sostitutive della previgente disciplina in materia.
1.Composizione.
La
Commissione
è
composta
da
3
membri,
di
cui
i nominato
dall'Amministrazione e 2 eletti dal personale con l'indicazione di una sola
preferenza.
2. Membro nominato dall'Amministrazione.
E' nominato dalla Direzione del Servizio o della Filiale competente.
3. Membri eletti dal personale.
Ogni triennio sono eletti due membri effettivi e due supplenti. Il
"supplente" subentra nell'incarico nel caso di assenza o impedimento
motivato del membro effettivo.
La procedura per le elezioni viene curata congiuntamente da parte di tutte
le rappresentanze sindacali presenti nell'unità operativa. Ove ciò non sia
possibile per il rifiuto o l'indisponibilità di una o più rappresentanze,
le elezioni sono indette a cura delle rappresentanze locali disponibili.
4. Durata.
La Commissione dura in carica tre anni.
5. Poteri della Commissione.
Ferma restando l'azione di controllo spettante alla Banca per il rispetto
dei termini della Convenzione, la Commissione, che dispone dei dati
necessari del capitolato stipulato con la ditta appaltatrice, può:
- effettuare controlli sulla qualità e quantità dei cibi e sull'igiene
degli ambienti;
- promuovere l'analisi di campioni di vivande;
- informare la Direzione delle carenze eventualmente riscontrate in ordine
al funzionamento del servizio di mensa ed alla igienicità degli ambienti. A
fronte di esposti o reclami presentati per iscritto dalla Commissione, la
Direzione fornisce riscontro alla Commissione stessa nella medesima forma
scritta.
6. Analisi.
Le analisi vengono di norma affidate per il tramite della Direzione ad
organismi pubblici o, in caso di assoluta necessità o d'urgenza, ad altro
ente o laboratorio unanimemente prescelto dai membri della Commissione di
controllo.
La Direzione, non appena in possesso dei risultati delle analisi promosse
dalla Commissione, li comunica alla Commissione stessa.
7. Formazione.
I membri delle Commissioni operanti presso le unità produttive la cui mensa
registri una media giornaliera di fruitori non inferiore a 300 unità
partecipano
a brevi
corsi
di formazione,
da
tenersi all'inizio
dell'incarico, sui temi dell'igiene alimentare.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione si riserva di valutare, alla luce dei risultati dei corsi
in parola, l'estensione degli stessi ai membri di altre Commissioni.
8. Funzionamento.
Per la valida costituzione della Commissione è necessaria la presenza della
maggioranza dei componenti.
I membri della Commissione sono tenuti ad osservare le norme e gli
adempimenti previsti per il personale addetto ai locali-mensa per l'accesso
ai locali stessi.
9. Ore-permesso.
I componenti la Commissione possono usufruire di permessi retribuiti
commisurati
al
tempo
strettamente
necessario
per
l'assolvimento
dell'incarico nella misura massima di 4 ore settimanali (8 ore per i
componenti
la
Commissione
operante
presso
l'unità
produttiva
"Amministrazione Centrale").
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che la definizione delle tabelle dietetiche,
nell'ambito del capitolato da stipularsi con la ditta appaltatrice del
servizio di mensa, sarà effettuata ricorrendo ad esperti in scienza
dell'alimentazione.
PARTE III
RELAZIONI SINDACALI
Fermo restando quanto concordato in tema di contrattualizzazione del
rapporto di impiego del personale dell'Istituto, le parti, nel confermare
che le intese sui diritti di informazione delle Organizzazioni Sindacali
seguono, come periodo di validità, la vigenza degli accordi per la
disciplina
del
trattamento normativo
del
personale dell'Istituto,
convengono che la materia delle Relazioni Sindacali sarà disciplinata dalle
seguenti disposizioni, integralmente sostitutive del previgente accordo in
materia.
Art. 1
Ambito di applicazione
Gli istituti previsti dalla presente disciplina in materia di Relazioni
Sindacali, ad eccezione di quanto stabilito al successivo art. 10, trovano
applicazione nei soli confronti delle Organizzazioni Sindacali che siano
firmatarie sia degli accordi per la disciplina del trattamento normativo ed
economico del personale dell'Istituto per il quadriennio 1994-1997 sia
degli accordi per l'attuazione in Banca della L. 146/1990 sull'esercizio
del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali.
Art. 2
Conferenza quadriennale
1. Nel secondo semestre dell'anno di scadenza degli accordi negoziali
concernenti il
trattamento normativo
del personale
si svolge tra
l'Amministrazione e le Organizzazioni Sindacali di cui all'art. 1 una
Conferenza nel corso della quale vengono illustrate le linee strategiche di
intervento elaborate dall'Amministrazione sugli assetti organizzativi e
tecnologici anche in relazione all'evoluzione delle attività istituzionali
della Banca nel successivo quadriennio
e le relative ricadute sul
personale.
2.
La Conferenza si incentra sui seguenti argomenti:
- modifiche
organizzative, territoriali
e innovazioni
organici del personale;
- programmi di addestramento e formazione del personale;
- aspetti di prevenzione e sicurezza sul lavoro.
tecnologiche;
3.
Venti giorni prima della Conferenza l'Amministrazione trasmette alle
predette Organizzazioni Sindacali un documento illustrativo delle materie
oggetto della Conferenza stessa, corredato dei dati sugli organici del
personale e sull'attività di addestramento e formazione nei termini
specificati in Appendice. In materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro,
il documento illustrativo contiene riferimenti su:
- indagini ambientali di portata generale e misure che si intendono
adottare in relazione alle risultanze delle indagini stesse;
- iniziative assunte per promuovere - in occasione dell'introduzione di
modifiche tecnologiche - la diffusione tra il personale delle necessarie
informazioni concernenti il posto di lavoro, le attrezzature e i materiali
utilizzati;
- problematiche di carattere generale in materia di igiene e sicurezza sul
lavoro.
4.
Il predetto documento illustrativo contiene altresì riferimenti sulle
iniziative assunte e sulle realizzazioni effettuate in favore del personale
portatore di handicap, in particolare con riferimento all'eliminazione
delle barriere architettoniche e all'acquisizione di strumenti tecnologici
di supporto.
5.
Nel corso dell'incontro, da tenersi presso l'Amministrazione Centrale,
le parti si scambiano le reciproche considerazioni sui temi trattati.
6.
Nei dieci giorni successivi, le Organizzazioni Sindacali
partecipato all'incontro
possono, ove
lo ritengano,
far
formalmente le proprie osservazioni sui temi trattati. In
l'Amministrazione fornisce formale riscontro nei successivi dieci
che hanno
conoscere
tal caso,
giorni.
7. In ordine alle modifiche organizzative e territoriali, alle innovazioni
tecnologiche ed agli organici del personale si tiene, nel secondo semestre
del secondo anno successivo a quello in cui si svolge la Conferenza
quadriennale, un
incontro di aggiornamento
e di
verifica con le
Organizzazioni Sindacali di cui all'art. 1.
8.
Negli anni per i quali non è previsto né l'incontro quadriennale della
Conferenza
né
quello
biennale di
aggiornamento
e
di verifica,
l'Amministrazione, nel secondo semestre dell'anno di riferimento, fornisce
alle Organizzazioni Sindacali di cui all'art.1 l'aggiornamento dei dati
sugli organici del personale.
9.
Entro il mese di maggio dell'anno in cui si tiene la Conferenza o
l'incontro di aggiornamento e di verifica, le predette Organizzazioni
Sindacali possono rappresentare per
iscritto alla Banca le proprie
considerazioni in ordine alla situazione organizzativa e tecnologica
dell'Istituto.
10.
Ove dalle modifiche organizzative o dalle innovazioni tecnologiche
dovessero discendere modifiche degli istituti regolamentari concernenti il
rapporto d'impiego del personale - ivi compreso l'orario di lavoro troveranno applicazione le previsioni in tema di contrattualizzazione del
rapporto d'impiego.
11.
Qualora non ne sia già stata data notizia nelle predette sedi, verrà
fornita alle Organizzazioni Sindacali di cui all'art. 1 un'informativa
preventiva in ordine agli interventi di ristrutturazione di Aree funzionali
ovvero di Servizi e Filiali allorquando questi si concretizzino in una
complessiva riconfigurazione di tali strutture, coinvolgendo l'insieme
delle unità operative di base (in particolare, nel caso di passaggio dal
modulo per uffici a quello divisionale ovvero nel caso di generale
redistribuzione delle competenze all'interno del Servizio o della Filiale).
12.
Entro sette giorni da detta informati va, le ripetute Organizzazioni
Sindacali possono far tenere all'Amministrazione le proprie considerazioni
al riguardo. In tal caso, l'Amministrazione fornisce formale riscontro nei
successivi sette giorni.
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara che entro il primo semestre del 1996 si terrà,
con
le
Organizzazioni
Sindacali
firmatarie
FABI,
SIBC-CISAL
e
SNALBI-CONFSAL, un incontro di aggiornamento sull'evoluzione tecnologica ed
organizzativa dell'Istituto.
Art. 3
Sede informativa preliminare alle riunioni del Consiglio Superiore
Nel corso di un incontro informativo - da tenersi, su convocazione della
Banca, in una delle giornate antecedenti a quella fissata per la seduta del
Consiglio Superiore dell'Istituto - l'Amministrazione rende noto a tutte le
Organizzazioni Sindacali di cui all'art.1 - un rappresentante sindacale
aziendale per ciascuna Organizzazione - il contenuto dei riferimenti da
sottoporre all'approvazione del Consiglio medesimo direttamente concernenti
la gestione del personale.
Art. 4
Informativa annuale in materia di valutazione
Nel primo trimestre di
Organizzazioni Sindacali
relativi alla precedente
sesso.
ciascun anno l'Amministrazione fornisce alle
di cui all'art.1 dati, a livello di sistema,
sessione di valutazione, disaggregati anche per
Art. 5
Informativa preventiva all'attuazione degli accordi negoziali
1. L'Amministrazione effettua nei confronti delle Organizzazioni Sindacali
di cui all'art.1 un'informativa
preventiva sul contenuto delle più
rilevanti circolari da emanare in attuazione degli accordi negoziali.
2. Nei due giorni successivi a detta informativa, le cennate Organizzazioni
Sindacali possono rappresentare per iscritto eventuali osservazioni; in tal
caso l'Amministrazione, nei successivi due giorni, dà formale riscontro a
dette osservazioni.
Art. 6
Incontri informativi semestrali a livello locale
1. Con cadenza semestrale, le Direzioni dei Servizi e delle Filiali e i
rappresentanti locali delle Organizzazioni Sindacali di cui all'art.1 hanno
incontri informativi sulle seguenti materie:
- condizioni ambientali dei luoghi di lavoro;
- piani di addestramento e
connesse rotazioni a fini addestrativi
programmati dalle predette Direzioni;
- oggetto e livelli di partecipazione alle riunioni addestrative effettuate
nelle unità di base.
2. A tali incontri - da tenersi con i rappresentanti locali delle cennate
Organizzazioni Sindacali
entro 20 giorni
successivi alla richiesta
contenente una specificazione degli argomenti - potranno partecipare non
più di due rappresentanti per Organizzazione Sindacale dipendenti anche da
altra unità operativa della Banca, purché dirigenti nazionali e/o regionali
delle predette Organizzazioni.
3.
Nel corso degli incontri i rappresentanti sindacali prospetteranno il
proprio punto di vista sui problemi relativi alle materie innanzi precisate
e le Direzioni informeranno i predetti rappresentanti sui provvedimenti da
adottare o da attuare in ordine alle stesse materie.
4.
A conclusione degli incontri e ove i predetti rappresentanti sindacali
ne facciano richiesta,
le Direzioni comunicheranno
per iscritto i
provvedimenti ritenuti idonei che le stesse Direzioni intendano adottare.
Dichiarazioni a verbale
L'Amministrazione dichiara
che saranno
portati a
conoscenza delle
rappresentanze sindacali locali interessate i risultati delle indagini
ambientali promosse dalla Banca.
L'Amministrazione dichiara che nell'ambito degli incontri informativi
semestrali
a livello
locale
potranno essere
affrontate eventuali
problematiche ambientali del posto di controllo nonché in ordine agli
aspetti ergonomici e di igiene del lavoro connessi all'utilizzo dei
videoterminali.
Art. 7
Incontri informativi presso il Servizio Fabbricazione Carte Valori e presso
i Servizi Elaborazioni e Sistemi Informativi e Informazioni Sistema
Creditizio
1. Con cadenza almeno annuale, la Direzione del Servizio Fabbricazione
Carte Valori effettua
un incontro informativo
nei confronti delle
Organizzazioni Sindacali di cui all'art. i sulle linee evolutive della
produzione delle banconote anche alla
programmi del Servizio stesso.
luce degli
sviluppi europei e sui
2.
Con cadenza annuale, le Direzioni dei Servizi Elaborazioni e Sistemi
Informativi e Informazioni Sistema Creditizio effettuano congiuntamente un
incontro informativo nei confronti delle Organizzazioni Sindacali di cui
all'art. i sugli indirizzi generali dell'EAD,
una volta definiti dal
Comitato tecnico per l'EAD e contemporaneamente alla loro divulgazione.
Art. 8
Procedura di prevenzione del conflitto
1. E' istituita una procedura di confronto tra l'Amministrazione e le
Organizzazioni Sindacali di cui all'art. i volta a prevenire l'insorgere di
conflitti sulla portata applicativa di previsioni pattizie degli accordi
negoziali.
2.
Nell'ambito di
detta procedura
le Segreterie
Nazionali delle
Organizzazioni Sindacali di cui all'art.1 - le quali, singolarmente o
congiuntamente, rappresentino almeno il 10% del personale cui si riferisce
ciascun
accordo
negoziale
possono
proporre all'Amministrazione
esclusivamente problemi interpretativi di carattere generale direttamente
riferibili a dette previsioni.
3.
La questione è esaminata nel corso di un incontro da tenersi nei 30
giorni successivi alla presentazione di formale richiesta illustrativa
della problematica da esaminare.
4. Dell'attivazione della procedura di cui al presente articolo - che
comunque non comporta sospensioni
o ritardi nell'applicazione delle
previsioni
controverse
viene
data
comunicazione,
a
cura
dell'Amministrazione, alle altre Organizzazioni Sindacali di cui all'art.
1, che hanno facoltà di partecipare all'incontro.
5. I risultati del confronto sono verbalizzati a cura dell'Amministrazione,
la quale provvede a trasmettere copia del verbale a tutte le Organizzazioni
Sindacali partecipanti.
Art. 9
Commissione per le pari opportunità
1.
E'
costituita
una
Commissione
paritetica
Amministrazione-Organizzazioni Sindacali di cui all'art.1 con funzioni di
studio, ricerca, raccomandazione e proposta sulle problematiche della
condizione femminile in Banca.
2. In particolare, la Commissione:
- studia l'evoluzione della normativa nazionale e comunitaria in tema di
parità; svolge indagini conoscitive sulle iniziative adottate in materia
presso altre realtà lavorative;
- formula
raccomandazioni e
definisce proposte
di intervento con
riferimento alla realtà dell'Istituto, anche in vista dell'adozione da
parte della Banca di piani di azioni positive.
3. Sulle raccomandazioni formulate dalla Commissione l'Amministrazione
fornisce formale riscontro nel termine di 60 giorni dal ricevimento delle
stesse.
4. Ad iniziativa dell'Amministrazione o delle Organizzazioni Sindacali, le
proposte di intervento definite dalla Commissione possono formare oggetto
di confronto in sede negoziale, nell'ambito della trattativa quadriennale
concernente
il
trattamento normativo
ed
economico
del personale
dell'Istituto.
5. Sui lavori svolti la Commissione invia alla Banca e alle Organizzazioni
Sindacali di cui all'art. 1 una relazione, che viene esaminata nell'ambito
dei lavori della Conferenza quadriennale di cui all'art. 2.
6.
La Commissione, le cui regole di funzionamento
definite, si riunisce almeno tre volte l'anno.
sono
dalla stessa
Dichiarazione a verbale
L'Amministrazione dichiara l'intendimento di inserire il tema delle pari
opportunità nell'ambito dei corsi di inserimento per il personale di nuova
assunzione.
Art. 10
Spazi per conversazioni sindacali
1. Ciascuna Organizzazione Sindacale ha titolo a tenere conversazioni in
materia sindacale e del lavoro ai dipendenti neoassunti che intendano
parteciparvi, in occasione del primo corso di addestramento per gli stessi
previsto.
2. Tali conversazioni potranno aver luogo, ad iniziativa singola o
congiunta delle predette Organizzazioni, previa richiesta scritta, da far
pervenire all'Amministrazione prima dell'inizio del corso di addestramento,
contenente
anche
l'indicazione
dei
nominativi
prescelti
dalle
Organizzazioni Sindacali.
3. Per tali conversazioni - da tenersi secondo l'ordine cronologico di
presentazione delle relative richieste - sarà riconosciuto a ciascuna
Organizzazione Sindacale - non più di tre rappresentanti aziendali per
ciascun Sindacato - il tempo massimo di mezz'ora, cumulabile in caso di
iniziative congiunte.
APPENDICE
I dati forniti a corredo del documento illustrativo delle materie oggetto
della Conferenza di cui all'art. 2 riguardano:
A)
ORGANICI:
1) - organici programmati;
- consistenze del personale (dati distinti anche per sesso);
- flussi di alimentazione (dall'interno e dall'esterno) per la copertura
delle carenze risultanti dalla differenza tra organici programmati e
consistenze.
Tali dati sono disaggregati per:
- ruolo;
- seguenti gruppi di gradi: personale di grado superiore; Primi funzionari
e Funzionari di la; Funzionari di 2a; Coadiutori principali e Coadiutori;
restante personale della carriera operativa; personale dei servizi generali
e di sicurezza; Capi officina e Capi reparto; restante personale della
carriera operaia;
- ambito regionale (per le Filiali); Aree funzionali (per l'Amministrazione
Centrale);
2) con riferimento a cinque fasce dimensionali di Filiali mediamente
rappresentative della realtà operativa periferica (fino a 38 elementi, da
39 a 51, da 52 a 80, da 81 a 120, oltre 120): dimensione complessiva degli
organici programmati e delle consistenze e relativi limiti minimi e
massimi,
nell'ambito
di ciascuna
fascia,
riferiti
alle medesime
aggregazioni di gradi di cui sopra, senza distinzione di ruolo;
3)
con riferimento alle aree regionali e funzionali: reggenze di uffici e
sostituzioni dei Titolari degli uffici da parte di elementi della carriera
operativa (dati distinti anche per sesso), queste ultime limitatamente a
periodi di 60 giorni lavorativi continuativi ovvero a periodi di 90 giorni
lavorativi cumulativi nell'arco dell'anno;
4) - evoluzione degli organici teorici nel quinquennio precedente con le
seguenti aggregazioni: gradi superiori, Primi funzionari e Funzionari di
la, Funzionari di 2a, Coadiutori principali e Coadiutori, altri operativi,
personale della carriera dei servizi generali e di sicurezza, personale
della carriera operaia, con ripartizione tra Amministrazione Centrale e
Filiali, evoluzione delle consistenze, con le medesime ripartizioni di cui
sopra nonché per sesso;
- flussi di alimentazione esterna ed interna, numero degli elementi
scrutinabili e percentuali di avanzamento: dati distinti per ruolo, grado e
sesso, riferiti all'ultimo quinquennio;
- anzianità media nel grado e anzianità degli elementi promossi al grado
successivo: dati distinti per ruolo, grado e sesso, riferiti all1ultimo
quinquennio; evoluzione delle caratteristiche strutturali della compagine
del personale per gruppi di gradi e per sesso nel quinquennio precedente:
- rapporto di composizione;
- età media;
- anzianità effettiva di servizio media;
- anzianità effettiva media alla cessazione: dati distinti per ruolo, grado
e sesso, riferiti all'ultimo quinquennio;
- distribuzione del personale in base alla data di collocamento a riposo
d'ufficio: dati per ruolo, per gruppi di gradi e per sesso, riferiti al
decennio successivo;
5)
dislocazione
territoriale (Filiali
e
Servizi)
degli elementi
appartenenti alle diverse categorie protette di cui alla L.482/68.
B)
ATTIVITA' DI FORMAZIONE:
1) dati sulla partecipazione alle seguenti attività formative:
-
manageriale;
specialistica;
di inserimento;
per vincitori di concorsi esterni;
attività esterna;
attività decentrata;
corsi per coordinatori e di metodologia didattica.
Detti
dati sono
disaggregati per:
- carriera di appartenenza, con separata evidenza del personale di grado
superiore, Primi funzionari e Funzionari
di 1a, Funzionari di 2a,
Coadiutori principali
e Coadiutori, altro
personale della carriera
operativa;
- Aree funzionali (per l'Amministrazione Centrale) e Regioni (per le
Filiali) di appartenenza dei partecipanti;
settore
di
lavoro di
appartenenza
dei partecipanti (limitatamente
all'addestramento regionale);
- sesso.
2) dati sull'addestramento di base ripartiti per:
-
Servizi;
Sedi;
Filiali del Nord;
Filiali del Centro;
Filiali del Sud.
Detti dati sono
sesso.
disaggregati per
unità operative
di appartenenza
e per
Fly UP