...

Cap. 2 L`analisi della scelta

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Cap. 2 L`analisi della scelta
Aldo Montesano PRINCIPI DI ANALISI ECONOMICA
PARTE PRIMA: LA SCELTA
Cap. 2 L’ANALISI DELLA SCELTA
Le due ipotesi fondamentali della teoria economica, il cui oggetto di
studio è un insieme di decisori interagenti, richiedono, come già indicato
nell’introduzione, che le loro azioni siano scelte e che siano compatibili.
Nella prima parte del volume vengono analizzate, in diversi contesti, le
implicazioni dell’ipotesi che le azioni siano scelte, considerando perciò
soltanto la prima delle due ipotesi.
La nozione di scelta presuppone che vi sia la possibilità di azioni
alternative, cioè che l’agente in esame non sia obbligato ad agire in un
modo predeterminato, perché così obbligato da forze naturali (come nel
mondo fisico), dagli istinti (nel mondo biologico), da volontà coercitive
(nelle società schiaviste), o per ipotesi. In questo caso la scelta
degenererebbe in una azione obbligata: ossia, l’insieme delle azioni fra cui
l’agente può scegliere sarebbe composto di un solo elemento. Una teoria
della scelta non sarebbe falsa, bensì irrilevante per descrivere/spiegare
l’azione. (Tuttavia, anche queste azioni predeterminate possono avere
rilievo economico, ad esempio, possono generare domanda di beni. Perciò,
la teoria economica include, in generale, anche queste scelte degeneri).
L’ipotesi che le azioni siano scelte presuppone non solo che siano
possibili azioni alternative, ma anche che vi sia un criterio di scelta, ad
esempio il perseguimento di un obiettivo. Senza un criterio di scelta l’azione
è indeterminata, può essere una qualsiasi, presa ad esempio a caso fra le
alternative possibili (peraltro, l’azione casuale può essere in certi casi una
scelta intenzionale). 1 Il criterio di scelta di un agente è associato, nell’analisi
economica, a preferenze sull’insieme delle azioni e sono queste preferenze
che riflettono il fine, o proposito, dell’agente.
1
Nella letteratura sociologica, sulla scia di Max Weber (1864-1920), si introducono
talvolta fini alternativi e mezzi alternativi per il perseguimento di ciascun fine, per cui vi è
la possibilità di un ordinamento sia dei fini, sia, relativamente a questi, dei mezzi. In
economia, questa distinzione tra fini e mezzi generalmente non si pone, vi è un’unica
scelta. In altri termini, nell’analisi economica il fine di ogni agente è normalmente un
“dato”, che fa parte delle condizioni (anche psicologiche) che definiscono un’economia.
1
La teoria della scelta è in economia abbastanza complessa e variegata,
soprattutto in relazione alle azioni alternative fra cui scegliere, per cui
conviene distinguere diversi tipi di scelta per analizzarli separatamente. In
questa Parte Prima del volume viene presentata la scelta individuale, in cui
cioè l’agente è una singola unità di decisione (che può essere una singola
persona o un gruppo di persone rappresentabili con un unico criterio di
scelta). Vengono analizzate separatamente le scelte di consumo, di
produzione, dinamica, in condizioni di incertezza e, nella Parte Quarta,
strategica. Nella Parte Seconda verrà introdotta la scelta sociale. Prima,
però, di analizzare il problema della scelta in questi diversi contesti,
conviene introdurre in termini generali la rappresentazione del criterio di
scelta e il tema delle preferenze dell’agente.
2.1 La rappresentazione del criterio di scelta
La teoria economica assume generalmente come “dato” il criterio di
scelta dell’agente. In questo senso, la teoria economica non si occupa della
sua spiegazione, seguendo il principio “de gustibus non est dispuntandum”.
Tuttavia, non mancano le analisi economiche che discutono della razionalità
del criterio di scelta, sia in relazione a sue specifiche caratteristiche (come,
ad esempio, la transitività delle preferenze, che sarà introdotta tra poco), sia
in termini di relazioni tra sistemi di preferenza (come, ad esempio, nella
scelta in condizioni di incertezza, mediante l’analisi della relazione tra le
preferenze sulle azioni e quelle sulle loro conseguenze), sia studiando le
modificazioni delle preferenze nel tempo, dovute, ad esempio,
all’esperienza dell’agente o a nuove informazioni da questi ricevute.
L’ipotesi che il criterio di scelta sia dato significa, dal punto di vista
dell’analisi, che esso precede logicamente (non dipende da) ciò che la teoria
della scelta si propone di determinare, cioè le azioni dell’agente in esame
(può, però, dipendere, come già indicato nel Paragrafo 1.4, dalle scelte di
altri agenti o dalle scelte dello stesso agente in tempi precedenti o da altre
condizioni che non siano sotto il controllo dell’agente all’atto della scelta).
Inoltre, normalmente, non si introduce un criterio di scelta che
individui necessariamente una sola azione nell’insieme delle azioni
possibili. Si ammette, invece, che il criterio di scelta possa selezionare una
molteplicità di azioni (cioè, l’insieme di scelta può contenere più di una
azione) e che l’azione effettivamente eseguita sia determinata fra queste in
base ad un principio diverso dalla scelta (ad esempio, in modo casuale o
istintivo o per comando). 2
2
Si noti come un principio diverso dalla scelta intervenga solo nella determinazione
di un’azione fra azioni già selezionate in base ad un criterio di scelta. Ad esempio, il
criterio di scelta selezioni due azioni, tra le quali, per la stessa definizione di criterio di
scelta, l’agente non ha ragioni per scegliere l’una o l’altra: il criterio di scelta esclude che
2
Il criterio di scelta, dovendo individuare un insieme di scelta
nell’insieme delle azioni possibili, presuppone un ordinamento che partisca
in due l’insieme delle azioni possibili: l’insieme di scelta, che raccoglie le
azioni scelte dal decisore (una delle quali verrà eseguita), e le altre azioni,
quelle che l’agente non intende eseguire. In altri termini, le azioni incluse
nell’insieme di scelta sono preferite alle azioni escluse.
In base a questa considerazione, sono possibili due approcci, entrambi
seguiti nell’analisi economica (ed entrambi introdotti da Pareto). Secondo il
primo approccio viene associato all’agente un sistema di preferenza sulle
azioni e viene ipotizzato che il criterio di scelta dell’agente discenda da
questo sistema di preferenza, ossia che l’insieme di scelta sia, nell’insieme
delle azioni possibili, il sottoinsieme delle azioni preferite. Quindi, con il
primo approccio, il criterio di scelta viene determinato in base ad un
sistema di preferenza dato. Nel secondo approccio, la nozione primitiva è la
stessa scelta. Assumendo che la scelta soddisfi una condizione di coerenza
(come è l’assioma della preferenza rivelata, che verrà introdotto nel seguito)
si può indurre dalle scelte un sistema di preferenza che le razionalizza.
Perciò, con il secondo approccio, il sistema di preferenza viene determinato
in base ad un criterio di scelta dato.
Entrambi gli approcci, quindi, per ipotesi il primo e per deduzione il
secondo, indicano l’insieme di scelta come il sottoinsieme delle azioni
preferite nell’insieme delle azioni possibili.
2.2 Il sistema di preferenza
L’approccio del sistema di preferenza è fondato sulla relazione di
preferenza, indicata normalmente con il simbolo  . Ossia, a  a′ , con a,
a′∈A (ove A è l’insieme delle azioni, che include tutte le azioni rilevanti
per l’agente), significa che l’azione a è “almeno altrettanto buona che”
l’azione a′ .
Dalla relazione di preferenza  discendono due altre relazioni di
preferenza: la relazione di preferenza stretta  e quella di indifferenza  .
Per ogni coppia a, a′∈A con a  a′ può essere che si abbia anche a′  a
venga eseguita un’azione diversa da queste due. Poiché la realtà mostra l’esecuzione di una
sola azione, la determinazione di quale tra le due azioni prescelte venga eseguita discende
da qualche altro principio, da specificare caso per caso. Applicando quanto detto al famoso
esempio dell’asino di Buridano, ipotizzando che l’azione dell’asino sia scelta, il fatto che
l’asino ritenga indifferenti i due mucchi di fieno non conduce al digiuno, poiché questa è
un’azione inferiore, nelle preferenze dell’asino, rispetto alle altre due possibili (mangiare il
mucchio di fieno A o il mucchio B ). L’asino sceglierà di mangiare l’uno o l’altro
mucchio di fieno, a caso o secondo l’ordine del padrone. Si può fare, volendo,
l’esperimento con un asino reale.
3
oppure no: si ha la relazione di preferenza stretta, per cui a  a′ , cioè
l’azione a “è preferita” all’azione a′ , se a  a′ ma non a′  a ; si ha,
invece, la relazione di indifferenza, per cui a  a′ , cioè l’azione a “è
indifferente” all’azione a′ e viceversa, se a  a′ e a′  a . 3
Analogamente, dalle relazioni di preferenza stretta  e di indifferenza
 discende la relazione di preferenza  (che viene, talvolta, indicata come
preferenza debole): si ha a  a′ se a  a′ o a  a′ .
Ne consegue che il sistema di preferenza 〈A, 〉 può essere
ugualmente rappresentato impiegando la relazione di preferenza  , oppure
le relazioni di preferenza stretta  e di indifferenza  .
Il sistema di preferenza regolare. L’analisi economica spesso
assume che il sistema di preferenza soddisfi alcune proprietà. La proprietà
seguente definisce la regolarità (o razionalità) del sistema di preferenza.
Definizione 2.1 Il sistema di preferenza
razionale) se è completo e transitivo, ossia se
〈A, 〉
è regolare (o
1) a  a′ e/o a′  a per ogni coppia a, a′∈A (completezza);
2) a  a″ per ogni terna a, a′, a″∈A con a  a′ e a′  a″
(transitività).
Queste due condizioni implicano anche la riflessività della relazione
di preferenza, cioè, a  a per ogni a∈A . In termini matematici, il sistema
binario di preferenza 〈A, 〉 così introdotto stabilisce un preordinamento 4
completo sull’insieme delle azioni.
E’ opportuno tenere presente come la completezza e la transitività
siano ipotesi, in molti casi, abbastanza forti, nel senso che attribuiscono
all’agente una capacità di valutazione estesa (la completezza richiede che
l’agente sia in grado di stabilire la relazione di preferenza per tutte le coppie
di azioni in A ) e coerente (la transitività implica l’assenza di relazioni
cicliche, cioè a  a′  a″  a , che potrebbero determinare, se presenti,
comportamenti irrazionali come quelli del tipo money pump 5 ). Sono,
3
Vi sono altri simboli, connessi ai precedenti, che possono essere usati per indicare
una relazione di preferenza e che hanno un significato ovvio. Ad esempio, a′  a è
equivalente a a  a′ , a′  a è equivalente a a  a′ , a ⊁ a′ indica che non è a  a′ , ecc.
4
Un preordinamento (o quasi-ordinamento) è una relazione binaria riflessiva e
transitiva su un insieme. Una relazione è binaria se riguarda le coppie di elementi contenuti
in un dato insieme: per una coppia di elementi dell’insieme la relazione in esame (per noi,
la relazione di preferenza) può intercorrere o no (per la coppia (a, a′), con a, a′∈A ,
intercorre la relazione di preferenza se a  a′ , non intercorre se non è a  a′ ). Il
preordinamento è completo (o totale) se, per ogni a, a′∈A , la relazione intercorre per la
coppia (a, a′) e/o per la coppia (a′, a) .
5
Si ha questo comportamento se, a seguito delle relazioni di preferenza indicate,
l’agente, che si trova nella situazione descritta dall’azione a , è disposto a pagare una certa
somma per passare da a a a″ (essendo a″  a ) e a non chiedere nulla per passare da a″ a
4
tuttavia, ipotesi normalmente accolte nell’analisi economica della scelta
individuale. Divengono, invece, oggetto dell’analisi nel caso della scelta
sociale (cui è dedicato il Capitolo 8), ove l’incompletezza e/o l’intransitività
del sistema di preferenza possono essere il risultato del meccanismo
mediante il quale si perviene alla scelta sociale. Ad esempio, il voto a
maggioranza qualificata può condurre all’incompletezza e quello a
maggioranza semplice all’intransitività del sistema di preferenza sociale. 6
La Definizione 2.1 di regolarità può anche essere introdotta, in modo
del tutto equivalente, usando le relazioni di preferenza forte  e di
indifferenza  . Si ha che il sistema di preferenza 〈A, 〉 è regolare (o
razionale) se
1) sussiste una ed una soltanto delle tre relazioni a  a′ , a′  a , a 
a′ per ogni coppia a, a′∈A (completezza);
2) a  a″ per ogni terna a, a′, a″∈A con a  a′ e a′  a″ ; e a  a″
per ogni terna a, a′, a″∈A con a  a′ , a′  a″ e a  a′ e/o a′  a″
(transitività).
Queste due condizioni implicano anche la riflessività della relazione
di indifferenza, cioè, a  a per ogni a∈A , e la irriflessività della relazione
di stretta preferenza, cioè, a ⊁ a per ogni a∈A .
La funzione di utilità. Il sistema di preferenza 〈A, 〉 è
rappresentabile con una funzione di utilità se è possibile associare ad ogni
azione un numero reale in modo che se un’azione è preferita ad un’altra,
allora corrisponde ad essa un numero più grande che all’altra, se cioè esiste
una u: A →  tale che u(a) ≥ u(a′) se e solo se a  a′ . Ne consegue che
u(a) > u(a′) se e solo se a  a′ e u(a) = u(a′) se e solo se a  a′ .
Si noti che se esiste una funzione di utilità per 〈A, 〉 , allora ne
esistono infinite altre: ogni trasformazione monotona crescente di u è una
a′ (essendo a′  a″ ) e da a′ a a (essendo a  a′ ), finendo così per ritrovarsi con l’azione
a di partenza e con una minore somma di denaro.
6
Sia una società composta da tre soggetti e sia richiesto il voto all’unanimità per
stabilire la preferenza sociale. Allora, per due azioni alternative a e a′ per le quali due
agenti votano a favore di a e un agente a favore di a′ non risulta esistere una relazione di
preferenza sociale: il sistema di preferenza sociale è, perciò, incompleto. Sia richiesto il
voto a maggioranza semplice e vi siano tre azioni alternative a , a′ e a″ . Il primo agente
voti a favore di a quando questa azione è posta in confronto con l’azione a′ , a favore di
a′ quando a′ è posta in confronto con a″ e a favore di a quando a è posta in confronto
con a″ , perciò in accordo con il suo sistema regolare di preferenza a 1 a′ 1 a″ , mentre il
secondo e il terzo agente votino, rispettivamente, in accordo con i loro sistemi regolari di
preferenza a′ 2 a″ 2 a e a″ 3 a 3 a′ . Allora, quando l’azione a è posta in confronto
con l’azione a′ , l’azione a riceve due voti e risulta, perciò, la relazione di preferenza
sociale a  a′ . Quando l’azione a′ è posta in confronto con a″ , l’azione a′ riceve due
voti, per cui a′  a″ . Quando, infine, l’azione a è posta in confronto con a″ , l’azione a″
riceve due voti e si ha a″  a . Conseguentemente, il sistema di preferenza sociale richiede
a  a′  a″  a : è, quindi, intransitivo.
5
funzione di utilità che rappresenta lo stesso sistema di preferenza 〈A, 〉 .
Ossia, se u(a) è una funzione di utilità per 〈A, 〉 e f: → è una
qualsiasi funzione monotona crescente, allora anche v(a) = f(u(a)) è una
funzione di utilità per 〈A, 〉 . Per questa ragione l’utilità è ordinale: conta
soltanto il segno della differenza u(a) − u(a′) e questo ci indica se l’azione
a è preferita oppure no all’azione a′ . Si noti che il segno della differenza
u(a) − u(a′) è invariante rispetto a trasformazioni monotone crescenti di u ,
ossia il segno di u(a) − u(a′) è uguale al segno di v(a) − v(a′) per ogni
coppia a, a′∈A ogniqualvolta v(a) = f(u(a)) con f: → funzione
monotona crescente.
Si ha, invece, bisogno di un’utilità cardinale quando si desidera
rappresentare con essa proprietà che non sono invarianti rispetto a
trasformazioni monotone crescenti della utilità. Ad esempio, se si desidera
rappresentare l’intensità della preferenza e si prende in considerazione a
questo scopo la differenza u(a) − u(a′) per misurare quanto l’azione a è
ritenuta migliore dell’azione a′ dall’agente in esame, allora l’utilità in
considerazione risulta dover essere cardinale, poiché il valore della
differenza u(a) − u(a′) non è invariante rispetto a trasformazioni monotone
crescenti. Con v = f(u) , si ha v(a) − v(a′) = f(u(a)) − f(u(a′)) , perciò con il
valore di v(a) − v(a′) generalmente diverso da quello di u(a) − u(a′) : se è,
ad esempio, v = 2 u , si ha v(a) − v(a′) ≠ u(a) − u(a′) per ogni coppia a,
a′∈A tranne che nel caso banale in cui u(a) = u(a′) .
La scelta come massimizzazione dell’utilità. La funzione di utilità è
una rappresentazione analiticamente molto comoda delle preferenze, poiché
consente di trasformare la scelta fra le azioni possibili in un problema di
massimizzazione: l’insieme di scelta è composto dalle azioni che hanno
utilità massima nell’insieme delle azioni possibili. In altri termini,
l’intenzionalità dell’agente è descritta assegnando all’agente l’obiettivo
della massima utilità possibile. L’introduzione della nozione della utilità in
economia è avvenuta sostanzialmente per questa ragione: Gossen, Jevons,
Menger, Walras e Marshall introdussero come nozione primitiva l’utilità
(cardinale) dei beni di consumo e dedussero dalla sua massimizzazione sotto
il vincolo di bilancio la scelta di consumo, che richiede l’uguaglianza tra il
prezzo del bene e l’utilità marginale (che è una nozione cardinale). (Questa
analisi sarà discussa nel seguito, trattando la scelta di consumo).
Utilità e sistema regolare di preferenza. Vi è uno stretto legame tra
l’utilità (ordinale) e la regolarità del sistema di preferenza. Infatti, vale la
proposizione seguente secondo cui un sistema di preferenza può essere
rappresentato da una funzione di utilità solo se è regolare.
Proposizione 2.1 Esiste una funzione di utilità u: A →  che
rappresenta 〈A, 〉 solo se 〈A, 〉 è regolare (cioè, completo e transitivo) o,
equivalentemente, 〈A, 〉 è regolare se è rappresentabile con una funzione
di utilità su A .
6
Dimostrazione. Da un lato, l’esistenza di u(a) per ogni a∈A
implica la completezza del sistema di preferenza 〈A, 〉 e, dall’altro lato, la
transitività della relazione ≥ , “maggiore o uguale”, sulle coppie di numeri
reali (si ricordi che u(a)∈ ) implica la transitività della relazione di
preferenza  sulle coppie di azioni in A .
La Proposizione 2.1 dice che la regolarità del sistema di preferenza
〈A, 〉 è necessaria perché esista una funzione di utilità. Però, la regolarità
non è, da sola, sufficiente, ossia, perché la funzione di utilità esista occorre
che il sistema di preferenza soddisfi qualche altra condizione oltre la
regolarità. La condizione aggiuntiva per la sufficienza è relativamente
debole. Ad esempio, per l’esistenza di u è sufficiente che 〈A, 〉 sia
regolare e A sia finito (composto, cioè, da un numero finito di azioni)
oppure A ⊆  . Se A non è cosiffatto, come accade nella teoria corrente
della scelta di consumo, allora occorre introdurre qualche altra condizione
su 〈A, 〉 . (Ad esempio, nella scelta di consumo, esaminata nel Capitolo 3,
ogni azione è un paniere di beni di consumo ed è, perciò, rappresentata da
un vettore. Ogni elemento di questo indica la quantità di un bene. Se vi sono
k ≥ 2 beni di consumo, si ha un insieme A ⊆ k , che non è generalmente
finito. Allora, il sistema di preferenza 〈A, 〉 ammette una funzione di
utilità esiste se è, oltre che regolare, anche continuo, ove “continuo”
significa che gli insiemi {a′∈A: a′  a} e {a′∈A: a  a′} sono chiusi per
ogni a∈A ).
2.3 Il criterio di scelta
Con il secondo approccio (introdotto verso la fine del Paragrafo 2.1) il
sistema di preferenza 〈A, 〉 viene dedotto dalle scelte. In altri termini, si
immagina di osservare le scelte e si cerca di indurre da queste un sistema di
preferenza. Ovviamente, perché questo esista e possa essere individuato
occorre che le scelte soddisfino certe condizioni. Tuttavia, prima di cercare
il sistema di preferenza che razionalizza un criterio di scelta, occorre
specificare cosa è un criterio di scelta e introdurre qualche definizione.
Possa l’agente scegliere un’azione entro un certo insieme B di azioni
possibili. E’ logicamente individuabile un sottoinsieme S(B) , denominato
insieme di scelta, di questo insieme B , nel modo seguente. Si immagini di
proporre all’agente un’azione a∈B . Se l’agente accetta questa azione,
allora a è una scelta, cioè, a∈S(B) ; se l’agente non l’accetta, allora
a∉S(B) . La proposta può riguardare una qualsiasi azione a∈B e, quindi,
per ogni a∈B si ha a∈S(B) o a∉S(B) a seconda che l’agente accetti o no
a nel caso gli venga proposta. L’insieme di tutte le azioni a∈S(B) è
l’insieme di scelta S(B) . Si considerino, per lo stesso agente, diverse
7
situazioni, ad ognuna delle quali corrispondono un diverso insieme B di
azioni possibili e, come indicato, un insieme di scelta S(B) . In simboli, si
indichi con B l’insieme delle azioni possibili in una certa situazione e con
 l’insieme di tali insiemi, ottenuto considerando le diverse situazioni.
Quindi, gli elementi di  sono insiemi B di azioni possibili, cioè, B∈ ,
e, in generale,  è composto da diversi elementi. Il criterio di scelta è la
relazione (osservabile, almeno logicamente) che associa un insieme di
scelta S(B) ad ogni insieme B di azioni possibili. Il criterio di scelta è,
allora, una corrispondenza S:  → A , che associa ad ogni elemento di 
(cioè, ad ogni B ) l’insieme di scelta S(B) , con S(B) ⊆ B non vuoto. (I
criteri di scelta che soddisfano quest’ultima condizione, cioè S(B) ≠ ∅ ,
vengono talvolta indicati come criteri di scelta decisivi). Il criterio di scelta
può essere indicato con 〈, S〉 e l’insieme delle azioni A può essere
specificato come l’unione di tutti gli insiemi B appartenenti a  , cioè, A
= B∈ B .
La razionalizzabilità del criterio di scelta. Il criterio di scelta 〈, S〉
è razionalizzato dal sistema di preferenza 〈A, 〉 se ogni azione
appartenente all’insieme di scelta è almeno altrettanto buona, secondo il
sistema di preferenza, di ogni altra azione possibile ed è preferita ad ogni
altra azione possibile non appartenente all’insieme di scelta. Si introduce,
cioè, la definizione seguente.
Definizione 2.2 Un sistema di preferenza 〈A, 〉 razionalizza il
criterio di scelta 〈, S〉 per A = B∈ B se è a  a′ per ogni coppia a, a′
con a∈S(B) e a′∈B ed è a  a′ per ogni coppia a, a′ con a∈S(B) e
a′∉S(B). Un criterio di scelta si dice razionalizzabile se esiste un sistema di
preferenza che lo razionalizza.
Non è vero, in generale, che un criterio di scelta sia razionalizzabile.
Sia, ad esempio,  = {B, B′} , con B = {a, a′} e B′ = {a, a′, a″} . Sia S(B)
= {a} e S(B′) = {a′} . Questo criterio di scelta non è razionalizzabile
perché si dovrebbe avere simultaneamente a  a′ (poiché a∈S(B) e
a′∉S(B) ) e a′  a (poiché a′∈S(B′) e a∉S(B′) ), oltre che a′  a″
(poiché a′∈S(B′) e a″∉S(B′) ).
La preferenza rivelata. Perché un criterio di scelta sia
razionalizzabile con un sistema di preferenza occorre che il criterio di scelta
sia coerente, sia cioè tale da generare insiemi di scelta (negli insiemi delle
azioni possibili) tra loro collegati da una relazione. La coerenza rilevante a
questo proposito è quella nota come assioma debole delle preferenze
rivelate (WARP). Le definizioni seguenti introducono la nozione di
“preferenza rivelata” (secondo cui se l’azione a viene scelta quando anche
l’azione a′ è possibile, allora l’azione a si rivela preferita a a′ ) e
l’assioma debole delle preferenze rivelate.
8
Definizione 2.3 Un’azione a si rivela, secondo il criterio di scelta
〈, S〉 , debolmente preferita all’azione a′ , e si indica questa relazione con
a * a′ , se esiste un B∈ tale che a, a′∈B e a∈S(B) ; l’azione a si
rivela preferita, cioè, a * a′ , se è, inoltre, a′∉S(B) .
Definizione 2.4 Un criterio di scelta 〈, S〉 soddisfa l’assioma debole
delle preferenze rivelate se le condizioni B, B′∈ , a, a′∈B ∩ B′ , a∈S(B)
e a′∈S(B′) implicano a′∈S(B) e a∈S(B′) .
L’assioma debole delle preferenze rivelate implica che se un’azione si
è rivelata debolmente preferita ad un’altra azione in una certa situazione,
allora, in nessuna situazione può la seconda azione rivelarsi preferita alla
prima. In simboli, a * a′ (cioè, esiste un B∈ con a∈S(B) e a′∈B )
implica a′ ⊁* a (cioè, non esiste un B′∈ tale che a′∈S(B′) , a∈B′ e
a∉S(B′) ).
La proposizione seguente dimostra come l’assioma debole delle
preferenze rivelate sia condizione necessaria perché un criterio di scelta sia
razionalizzabile con un sistema di preferenza.
Proposizione 2.2 Un criterio di scelta 〈, S〉 è razionalizzabile solo
se soddisfa l’assioma debole delle preferenze rivelate.
Dimostrazione. Sia 〈, S〉 razionalizzato da 〈A, 〉 , ove A = B∈ B, e siano a, a′,
B, B′ tali che B, B′∈ , a, a′∈B ∩ B′ , a∈S(B) e a′∈S(B′) . Si deve dimostrare che
a′∈S(B) e a∈S(B′) . Poiché 〈A, 〉 razionalizza 〈, S〉 , le relazioni a∈S(B) e a′∈B
implicano a  a′ , con a  a′ se a′∉S(B) , e le relazioni a′∈S(B′) e a∈B′ implicano a′ 
a , con a′  a se a∉S(B′) . Risulta, quindi, a ∼ a′ , a′∈S(B) e a∈S(B′) .
L’assioma debole delle preferenze rivelate non è soltanto condizione
necessaria per la razionalizzabilità del criterio di scelta, è anche condizione
sufficiente. Infatti, se 〈, S〉 soddisfa l’assioma debole delle preferenze rivelate, allora il
criterio di scelta 〈, S〉 può essere razionalizzato con il sistema di preferenza 〈A, *〉 , ove
A = B∈ B e * è la relazione di preferenza rivelata.
Non è, tuttavia, sempre vero che il sistema di preferenza rivelata 〈A,
*〉 sia regolare: può accadere che non sia né completo, né transitivo.
Vengono, qui di seguito, indicati tre esempi: nel primo 〈A, *〉 è transitivo, ma non è
completo; nel secondo è completo, ma non è transitivo; nel terzo non è né completo, né
transitivo.
a) Sia, nel primo esempio,  = {B, B′, B″} , B = {a, a′} con S(B) = {a} , B′ =
{a′, a″} con S(B′) = {a′} , e B″ = {a, a″, a″′} con S(B″) = {a} . Si vede subito che
l’assioma debole delle preferenze rivelate è soddisfatto e che risultano le relazioni a * a′ ,
a′ * a″ , a * a″ e a * a″′ , per cui il sistema di preferenza è transitivo ma incompleto.
b) Il secondo esempio differisce dal primo perché B″ = {a, a″} ed è S(B″) = {a″} :
si ha, allora, A = {a, a′, a″} con a * a′ , a′ * a″ e a″ * a , che è un sistema di
preferenza completo ma non transitivo.
c) Il terzo esempio differisce dal primo solo perché S(B″) = {a″′} : si hanno, allora,
le relazioni a * a′, a′ * a″, a″′ * a e a″′ * a″ , senza perciò che vengano rivelate le
relazioni di preferenza tra a e a″ e tra a′ e a″′ (come avrebbe richiesto la completezza)
9
e senza che a * a″ (come avrebbe richiesto la transitività visto che a * a′ e a′ * a″ ).
(Si noti come in quest’ultimo esempio 〈A, *〉 risulti non transitivo perché incompleto:
esso può essere completato risultando un sistema transitivo. Invece, nel secondo esempio,
〈A, *〉 è intrinsecamente non transitivo).
Però, se il sistema di preferenza 〈A, *〉 è regolare (cioè, completo e transitivo),
allora esso è anche l’unico sistema di preferenza che razionalizza il criterio di scelta, come
indicato dalla proposizione seguente.
Proposizione 2.3 Se al criterio di scelta 〈, S〉 è associato un sistema regolare di
preferenza rivelata 〈A, *〉 , allora 〈A, *〉 è l’unico sistema di preferenza che razionalizza
〈, S〉 .
Dimostrazione: Si dimostra l’asserto equivalente secondo il quale se 〈A, *〉 è
regolare e razionalizza 〈, S〉 e 〈A, ′〉 è diverso da 〈A, *〉 , allora 〈A, ′〉 non
razionalizza 〈, S〉 . Essendo 〈A, *〉 e 〈A, ′〉 diversi tra loro, vi è almeno una coppia di
azioni a, a′∈A per le quali i due sistemi indicano una relazione di preferenza diversa, ad
esempio a * a′ e a′ ′ a , oppure a * a′ e nessuna relazione tra a e a′ in 〈A, ′〉 .
Ma, allora, essendo 〈A, *〉 completo, vi è in  almeno un B con a, a′∈B e con
a∈S(B) (poiché a * a′ ) per cui, secondo la Definizione 2.2, 〈A, ′〉 non razionalizza 〈,
S〉 .
Come dovrebbe essere evidente, il problema più importante è quello non ancora
esaminato: cosa occorra perché al criterio di scelta 〈, S〉 risulti associato un sistema
regolare di preferenza 〈A, 〉 . Si è già visto, con la Proposizione 2.2 che l’assioma debole
delle preferenze rivelate è condizione necessaria, che se 〈, S〉 soddisfa l’assioma debole
delle preferenze rivelata allora il sistema di preferenza 〈A, *〉 razionalizza 〈, S〉 e, con
la Proposizione 2.3, che se 〈A, *〉 è regolare allora è l’unico sistema di preferenza che
razionalizza 〈, S〉 . Si è, però, anche visto (con tre esempi indicati dopo la Proposizione
2.2) che l’assioma debole delle preferenze rivelate non è condizione sufficiente perché 〈A,
*〉 risulti un sistema regolare di preferenza.
La condizione che assicura la razionalizzabilità del criterio di scelta è un
rafforzamento dell’assioma debole della preferenze rivelate. 7 Questo rafforzamento è
7
Vi sono altri possibili rafforzamenti dell’assioma debole delle preferenze rivelate
che implicano la regolarità del sistema di preferenza rivelata. Sono, però, meno rilevanti,
per l’analisi economica, dell’assioma generalizzato delle preferenze rivelate indicato nel
testo. Uno di questi altri rafforzamenti è contenuto nella proposizione seguente (dovuta a
Arrow, 1959), che impone all’insieme  di essere sufficientemente ampio.
Se il criterio di scelta 〈, S〉 soddisfa l’assioma debole delle preferenze rivelate e 
contiene tutti gli insiemi delle azioni possibili B composti di due o tre azioni, allora il
sistema di preferenza rivelata 〈A, *〉 è regolare.
Questa proposizione può essere dimostrata nel modo seguente. Poiché  contiene
tutti gli insiemi B composti di due azioni, allora per ogni coppia di azioni a, a′∈A , ove A
= B∈ B , si ha {a, a′}∈ e il criterio di scelta rivela, con riferimento all’insieme B = {a,
a′} , la preferenza tra le due azioni (cioè, a * a′ se a∈S(B) e a′ * a se a′∈S(B) ), per
cui 〈A, *〉 è completo. Poiché  contiene anche tutti gli insiemi B composti di tre
azioni (oltre quelli composti di due azioni), allora per ogni terna a, a′, a″∈A , con a * a′
e a′ * a″ , si ha a∈S(B) , ove B = {a, a′} , e a′∈S(B′) , ove B′ = {a′, a″} , e vi è in 
l’insieme B″ = {a, a′, a″} . L’assioma debole delle preferenze rivelate richiede che sia
a∈S(B″) . Infatti, almeno una delle tre azioni a, a′, a″ deve appartenere a S(B″) , essendo
S(B″) ≠ ∅ per definizione. Se a′∈S(B″) , allora, per l’assioma debole delle preferenze
rivelate, deve anche essere a∈S(B″) ; se a″∈S(B″) , allora, per l’assioma debole delle
10
l’assioma generalizzato delle preferenze rivelate (GARP), originariamente introdotto da
Ville (1946) e Houthakker (1950), come assioma forte delle preferenze rivelate (SARP), per
il caso in cui il criterio di scelta 〈, S〉 è una funzione S:  → A (associa, cioè, ad ogni
elemento B di  un insieme di scelta S(B) composto da una e una sola azione). Il GARP,
invece, si applica anche al caso più generale, qui trattato, in cui il criterio di scelta 〈, S〉 è
una corrispondenza. Le due definizioni seguenti introducono rispettivamente la preferenza
rivelata indiretta e l’assioma generalizzato delle preferenze rivelate.
Definizione 2.5 Un’azione a1 si rivela, secondo il criterio di scelta 〈, S〉 ,
indirettamente debolmente preferita all’azione an , e si indica questa relazione con a1 **
an , se esiste una successione finita di azioni a1, a2,…, an tale che ai * ai+1 per ogni i =
1,…, n −1 (cioè, l’azione ai si rivela debolmente preferita ad ai+1 secondo la Definizione
2.3); l’azione a1 si rivela indirettamente preferita all’azione an , e si indica questa
relazione con a1 ** an , se è, inoltre, ai * ai+1 per almeno un i = 1,…, n −1.
Si noti che se è a * a′ , allora è anche a ** a′ , mentre la relazione indiretta non
implica quella diretta (ovvero, se è a ** a′ , allora non necessariamente è a * a′ ). Lo
stesso accade per le relazioni * e ** .
Definizione 2.6 Un criterio di scelta 〈, S〉 soddisfa l’assioma generalizzato delle
preferenze rivelate se le condizioni a ** a′ e a, a′∈B, ove B∈ , implicano a∈S(B) .
In altri termini, l’assioma generalizzato delle preferenze rivelate dice che se l’azione
a si è rivelata indirettamente debolmente preferita all’azione a′ , allora in nessuna
situazione l’azione a′ può rivelarsi preferita ad a .
La proposizione seguente, di cui viene omessa la dimostrazione (è dovuta a Richter,
1966, ed è anche di Richter, 1971, una presentazione generale del problema della
razionalizzabilità del criterio di scelta e della sua rappresentazione con una funzione di
utilità), stabilisce la condizione necessaria e sufficiente perché un criterio di scelta sia
razionalizzabile con un sistema di preferenza regolare.
Proposizione 2.4 Un criterio (decisivo) di scelta 〈, S〉 è razionalizzabile con un
sistema regolare di preferenza se e solo se soddisfa l’assioma generalizzato delle preferenze
rivelate.
In particolare, il sistema di preferenza 〈A, **〉 , ove A = B∈ B e ** è la
relazione di preferenza rivelata indirettamente, è riflessivo e transitivo. Allora, se è anche
completo, 〈A, **〉 è l’unico sistema regolare di preferenza che razionalizza il criterio di
scelta 〈, S〉 (è l’unico per ragioni analoghe a quelle indicate nella dimostrazione della
Proposizione 2.3). Se 〈A, **〉 è incompleto, la Proposizione 2.4 afferma che esiste un suo
completamento (ve ne può essere più d’uno) che forma un sistema regolare di preferenza
che razionalizza il criterio di scelta 〈, S〉 .
2.4 L’assioma debole delle preferenze rivelate come relazione empirica
preferenze rivelate, deve anche essere a′∈S(B″) e, quindi, a∈S(B″) . La relazione
a∈S(B″) implica che a * a″ , cioè, che il sistema di preferenza 〈A, *〉 è transitivo.
Purtroppo, l’ipotesi che  contenga tutti gli insiemi delle scelte possibili con due o
tre azioni non sempre è soddisfatta e vi sono casi rilevanti nell’analisi economica, ad
esempio nell’analisi della scelta di consumo, in cui non è soddisfatta.
11
L’assioma debole delle preferenze rivelate introduce una relazione che può essere
oggetto di verifica/falsificazione empirica: con la ricerca empirica si possono trovare
conferme/confutazioni all’ipotesi che gli agenti economici scelgano razionalmente, ossia
che le loro scelte possano essere interpretate per mezzo di un sistema di preferenza. Si può
prendere in esame un agente, osservare la scelta eseguita fra le azioni possibili in una data
situazione, mutare la situazione lasciando che questa includa l’azione scelta nella prima
situazione ed altre azioni allora possibili e osservare se, nella nuova situazione, viene scelta
una di queste escludendo dall’insieme di scelta l’azione scelta nella prima situazione. Se ciò
dovesse accadere, si potrebbe affermare che l’assioma debole delle preferenze rivelate è
stato confutato e che non vi può essere, per la Proposizione 2.2, alcun sistema di preferenza
che razionalizzi le scelte dell’agente in esame? La risposta è affermativa solo a determinate
condizioni.
Le condizioni sono abbastanza ovvie: occorre che l’agente segua il medesimo
criterio di scelta nelle due situazioni (in particolare, la scelta nella prima situazione non
deve produrre informazioni che inducano modificazioni del criterio di scelta) e che le
azioni che falsificano l’assioma siano le stesse nelle due situazioni (vengano, cioè,
percepite come tali dall’agente) 8 . Queste condizioni, tuttavia, non sono facilmente
accertabili, anzi, talvolta, sono escluse dal contesto stesso della scelta.
L’esempio offerto dalla storia seguente può essere utile. “Nella lista di un ristorante
sono offerti il menu Delizioso e il menu Grande Tradizione allo stesso prezzo. Tizio ordina
il menu Delizioso. Qualche tempo dopo Tizio capita nello stesso ristorante e trova la stessa
lista. Il cameriere, che si ricorda di Tizio e della sua scelta, gli chiede se la volta precedente
ha gradito il menu Delizioso e se desidera riordinarlo. Tizio risponde che, pur avendolo
gradito (peraltro, così come si aspettava), non ha alcuna intenzione di riordinarlo e ordina il
menu Grande Tradizione.” Ora, la scelta di Tizio sembra in disaccordo con l’assioma
debole delle preferenze rivelate: indicando con a l’azione “ordino il menu Delizioso”, con
a′ l’azione “ordino il menu Grande Tradizione”, con B l’insieme delle azioni possibili la
prima volta, si ha a, a′∈B e a∈S(B) , e, indicando con B′ l’insieme delle azioni possibili
la seconda volta, sembra che si abbia a, a′∈B′ e a∉S(B′) , in contrasto con l’assioma
debole delle preferenze rivelate. Eppure, la scelta di Tizio è ragionevole anche se
l’esecuzione della scelta eseguita la prima volta e altri fattori non hanno modificato in alcun
modo le sue preferenze. I menu Delizioso e Grande Tradizione, pur essendo uguali a quelli
offerti la prima volta e pur essendo così percepiti da Tizio, non individuano le stesse azioni
la prima e la seconda volta. Tizio la seconda volta si ricorda che la prima volta ha ordinato
il menu Delizioso e sceglie, amando la varietà, l’altro menu. (Né sarebbe stata diversa la
scelta se la prima volta Tizio avesse dovuto indicare anche quale menu avrebbe voluto se
fosse capitato nuovamente in quel ristorante) 9 . Nella descrizione del problema della scelta
8
Tuttavia, si ritiene talvolta in contrasto con la razionalità della scelta quello che è
un errore di percezione dell’agente (dovuto, ad esempio, alla formulazione con cui vengono
presentate le azioni possibili, ossia al framing). Un agente che possa scegliere fra il
bicchiere a mezzo pieno e il bicchiere a′ mezzo vuoto e che scelga il primo rifiutando il
secondo sarebbe irrazionale (nel senso che la sua scelta non può essere razionalizzata con
un sistema di preferenza) se ritenesse il bicchiere a uguale a quello a′ (a parte il nome),
poiché violerebbe la riflessività della relazione di preferenza  . Non però se li percepisce,
a seguito della descrizione fuorviante, come cose diverse. Nella analisi economica della
scelta, due azioni sono diverse se e solo se sono percepite diverse dall’agente in esame.
9
Non è tuttavia necessario che Tizio scelga una successione di azioni perché
dimostri amore per la varietà. Tizio, ad esempio, avrebbe potuto non programmare quella
successione di menu perché escludeva di poter capitare nuovamente in quel ristorante (cioè,
esservi capitato di nuovo è stata una sorpresa). Oppure, potrebbe essere che la prima azione
non sia stata oggetto di scelta, mentre lo è la seconda e la scelta di questa potrebbe
dipendere dall’esistenza della prima. Modificando un po’ la storia raccontata nel testo,
12
di Tizio l’azione “ordino il menu Delizioso avendo ordinato lo stesso menu la prima volta”
è diversa dall’azione “ordino il menu Delizioso” (che era fra le azioni possibili solo la
prima volta), così come l’azione “ordino il menu Grande Tradizione avendo ordinato la
prima volta il menu Delizioso” è diversa dall’azione possibile la prima volta “ordino il
menu Grande Tradizione” Esse, perciò, devono essere indicate con simboli diversi da a e
a′ , ad esempio, con a″ e a″′ . Allora, la seconda volta si ha a″, a″′∈B′ , a″′∈S(B′) e
a″∉S(B′) , senza che nessun contrasto sorga con l’assioma debole delle preferenze rivelate.
Con questa descrizione del problema di scelta, che tiene conto della possibile preferenza
dell’agente per la varietà, la possibilità di una scelta in contrasto con l’assioma debole
delle preferenze rivelate è esclusa a priori (l’azione scelta la prima volta non rientra fra le
azioni possibili la seconda volta e quella scelta la seconda volta non rientra fra le azioni
possibili la prima volta).
In altri termini, l’assioma debole delle preferenze rivelate, così come tutta la teoria
economica della scelta, compara, nella sua logica, scelte alternative invece che successive.
Ossia, confronta la scelta sull’insieme delle azioni possibili B con la scelta sull’insieme B′
(con B′ al posto di B ), ceteris paribus. Invece, in molti casi (ed è necessariamente così se
si osservano scelte effettive anziché potenziali) vengono confrontate scelte successive,
come nell’esempio suesposto, in cui basta l’esecuzione di una azione per impedire che
quella stessa azione possa essere riproposta. Questo, ovviamente, limita la falsificabilità
empirica dell’assioma debole delle preferenze rivelate e, quindi, quella della teoria della
scelta razionale. 10
supponiamo che sia stato offerto a Caio la prima volta il menu Delizioso, senza che Caio
potesse effettuare alcuna scelta, e che la seconda volta Caio scelga Grande Tradizione.
Quindi, in questo caso, la scelta di Caio riguarda un’unica azione. Si può indurre da questa
scelta che Caio preferisca il menu Grande Tradizione al menu Delizioso, però
subordinatamente all’aver ricevuto la prima volta il menu Delizioso. Se gli fosse stato dato
inizialmente il menu Grande Tradizione, avrebbe potuto scegliere il menu Delizioso.
Entrambe le scelte sarebbero razionalizzabili con uno stesso sistema di preferenza (che
riguarda la scelta di una sola azione) se le azioni venissero definite anche in relazione ad
eventi del passato, per cui l’azione “ordino il menu Grande Tradizione avendo ricevuto la
prima volta il menu Delizioso” è diversa dall’azione “ordino il menu Grande Tradizione
avendo ricevuto la prima volta il menu Grande Tradizione”. In altri termini, l’amore per la
varietà può esistere anche nel caso in cui non vi è una scelta intertemporale (cioè, la scelta
di una successione di azioni) e nel caso in cui non vi è una successione di scelte (come è
nella storia di Caio). Se la scelta riguarda un’unica azione, l’amore per la varietà si
manifesta necessariamente con questa scelta, che ha per oggetto azioni la cui descrizione
include, se si è interessati a rilevare l’amore per la varietà, eventi antecedenti.
10
Peraltro, se la successione di azioni eseguite dall’agente viene interpretata come
una scelta intertemporale, allora, essendovi un’unica scelta, la falsificabilità empirica
dell’assioma debole delle preferenze rivelate (che richiede almeno due scelte) è esclusa a
priori.
13
Fly UP